VERSO UNA BADANTE VIRTUALE : STUDIO E SVILUPPO DEL LIVELLO COMUNICATIVO TRAMITE TECNOLOGIA VOICEXML

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "VERSO UNA BADANTE VIRTUALE : STUDIO E SVILUPPO DEL LIVELLO COMUNICATIVO TRAMITE TECNOLOGIA VOICEXML"

Transcript

1 UNIVERSITA POLITECNICA DELLE MARCHE FACOLTA DI INGEGNERIA Corso di Laurea in Ingegneria Informatica e dell Automazione VERSO UNA BADANTE VIRTUALE : STUDIO E SVILUPPO DEL LIVELLO COMUNICATIVO TRAMITE TECNOLOGIA VOICEXML Relatore: Prof. Aldo Franco Dragoni Tesi di laurea di: Valerio Leo Anno Accademico 2010/2011

2 Ai miei genitori

3 Indice generale Introduzione Applicazioni vocali Riconoscimento del parlato Ambiti d uso Applicazioni command and control Applicazioni dictation Approccio della pattern recognition Prospettive Grammatiche di Chomsky e analisi del linguaggio naturale Modelli linguistici Sintesi del parlato Sintesi emozionale Tipi di unità del parlato Vantaggi Piattaforme vocali Sistemi IVR Voice portal Architettura di una piattaforma vocale VoiceXML gateway Interprete VoiceXML VoiceXML Storia del linguaggio Tag Prompt Form e menu Altri tag Grammatiche Built-in grammar Inline grammar External grammar Grammatiche DTFM Ambito di una grammatica III

4 3.4.Recupero delle risorse Principi di progettazione SSML & CCXML Strumenti di lavoro Prophecy Voxeo VoIP come evoluzione della rete PSTN Protocollo SIP User Agent phpMyAdmin Il Progetto BodyGateway Creazione database Diagramma di flusso Funzionamento Informazioni Storico Posizione Registrazione Simulazione chiamata Conclusioni Appendice A A.1 Index.vxml A.2 Info.vxml A.3 Action.vxml A.4 History.vxml A.5 Record.vxml A.6 Action.php A.7 Info.php A.8 History.php Bibliografia IV

5 Indice delle figure Fig. 1.1 Applicazione vocale nel contesto delle piattaforme vocali... 8 Fig. 1.2 Modalità di interpretazione del segnale acustico Fig. 1.3 Schema a blocchi del riconoscitore Fig. 1.4 Modalità di sintesi del parlato Fig. 1.5 Modello delle fasi di preparazione del motore di sintesi vocale Fig. 2.1 Esempio di applicazione vocale con IVR Fig. 2.2 Canali di comunicazione con l esterno dei sistemi IVR Fig. 2.3 Architettura di una piattaforma vocale Fig. 2.4 Algoritmi dell interprete VoiceXML Fig. 4.1 Architettura di un applicazione basata su Voxeo Prophecy Fig. 4.2 Log Viewer di Prophecy Fig. 4.3 Voxeo UA Fig. 5.1 Comunicazione BodyGateway Fig. 5.2 Diagramma E-R Fig. 5.3 Diagramma di flusso Fig. 5.4 Root Document V

6 Introduzione Con applicazione vocale ci si riferisce al codice che, se eseguito da una piattaforma vocale, produce un servizio automatico in voce, concepito principalmente per il canale telefonico. Le motivazioni che giustificano lo sviluppo delle applicazioni vocali nascono dalla considerazione che la tecnologia debba agevolare e semplificare le interazioni computeruomo, infatti sono ampiamente utilizzate in supporto a sistemi industriali e aziendali, come ad esempio per i servizi di Customer Relationship Management - CRM (call center, help desk, operatori telefonici automatici) o in altri settori, come il marketing e le vendite (telemarketing, teleselling e indagini di mercato), nella lettura vocale di posta elettronica o altre informazioni, nella logistica, nella gestione di ordini, negli impieghi finanziari e informativi (quotazioni, brokeraggio e home banking) e infine nei servizi pubblici come il televoto o il pagamento elettronico. Il linguaggio VoiceXML si è dimostrato uno strumento vincente all interno di questo panorama, nel quale si andava incontro alla nascita di numerose tecniche proprietarie per la gestione di interfacce vocali. I punti di forza di questo linguaggio sono molteplici ma, quello più importante, è l assoluta indipendenza dai motori di sintesi e di riconoscimento i quali possono essere sviluppati indipendentemente dalle varie società attive nel campo delle tecnologie vocali. Questa caratteristica fa si che lo sviluppatore di applicazioni VoiceXML si possa concentrare solo sul progetto dell interfaccia senza curarsi di dettagli tecnici inerenti i problemi di sintesi e di riconoscimento vocale. E risultato interessante dunque,lo sviluppo di un sistema per comprendere meglio le potenzialità di questo linguaggio. L applicazione da realizzare fa parte di un progetto di interazione uomo-macchina, volto allo sviluppo di un sistema software (badante virtuale), per la fornitura di servizi e la promozione della tutela della salute delle persone anziane. In particolare, l obiettivo preposto riguarda la progettazione e lo sviluppo di un applicazione vocale in grado di fornire informazioni riguardanti la persona anziana, presupponendo che il sistema complessivo per la rilevazione e conseguente acquisizione dei dati fosse già implementato. 6

7 La prima parte di questa tesi è inerente allo studio delle applicazioni vocali e degli strumenti necessari alla sua realizzazione; la seconda parte riguarda più da vicino l implementazione dell applicazione. La stesura di questa tesi è stata articolata in diversi capitoli, nel primo capitolo sarà introdotto il concetto di applicazione vocale e dei suoi elementi costituenti quali il riconoscimento del parlato e la sintesi vocale, nel secondo capitolo si fa una breve trattazione delle piattaforme vocali il cui studio è stato fondamentale per capire e sviluppare il lavoro, nel terzo capitolo si è cercato di dare una linea guida generale sul linguaggio VoiceXML necessario per l implementazione del sistema, nel quarto capitolo saranno introdotti i software e i protocolli utilizzati per lo sviluppo e il testing dell applicazione e infine il quinto capitolo è stato dedicato al sistema sviluppato, in cui sarà descritta la sua architettura e le sue componenti, sia a livello progettuale che funzionale. 7

8 Applicazioni vocali Capitolo 1 1. Applicazioni vocali Sono indicate come applicazioni vocali tutte quelle soluzioni che in qualche misura utilizzano una o entrambe le tecnologie di Automatic Speech Recognition (ASR) e di Text To Speech (TTS), rispettivamente riconoscimento e sintesi del parlato. Tutte le piattaforme vocali, in qualche forma, contengono e implementano entrambe le tecnologie di ASR e TTS. La parte di codice che definisce l applicazione vocale deve essere scritta, naturalmente, nel linguaggio utilizzato dalla piattaforma. Figura 1.1-Applicazione vocale nel contesto delle piattaforme vocali 8

9 1.1. Riconoscimento del parlato Applicazioni vocali I sistemi di riconoscimento vocale (in inglese Speech Recognition) costituiscono una delle modalità più innovative per gestire l'interazione tra attori umani e sistemi informativi. Si definisce sistema di speech recognition ogni sistema in grado di convertire un input vocale in una stringa digitale di parole corrispondenti. Visto da un'altra prospettiva, un sistema di questo genere consente di fornire un input a una macchina con il semplice uso della voce, anziché con una periferica quale potrebbe essere una tastiera, un mouse, una penna ottica o altro. Per realizzare un processo di riconoscimento vocale è necessario un software chiamato Speech recognition engine, vale a dire un motore di riconoscimento vocale. La funzione primaria dell engine è tradurre gli input vocali in formati testuali o in altri formati comprensibili alla macchina. Il meccanismo che permette di effettuare la traduzione prevede in forma estremamente schematica, tre passaggi: la scomposizione dell'input vocale in sequenze rilevanti; l'attivazione di un modello di linguaggio (contenente tutte le parole e combinazioni di parole riconosciute dal sistema) e infine il matching, cioè il confronto fra i risultati. Durante questo processo il motore si avvale di una (o più) grammatiche di supporto. Con il termine grammatica si intendono tutte le parole e sequenze di parole riconosciute come valide dal sistema. La grammatica prevede una sintassi, che costituisce in un certo senso il contesto dell'interazione con lo strumento di speech recognition. La grammatica può essere rigida (predefinita quindi e non modificabile) o, nella maggior parte dei casi, ampliabile sulla base delle scelte dell'utente. 9

10 Applicazioni vocali Figura 1.2- Modalità di interpretazione del segnale acustico Le tecnologie di riconoscimento vocale operano in un ambito non semplice. Sulla trasposizione in digitale delle parole umane influiscono diversi fattori, tra i quali i più significativi sono le caratteristiche del parlante (come il sesso, l'età, le caratteristiche di pronuncia, lo stato emotivo e la modalità di eloquio), le caratteristiche dell'ambiente (come la presenza o l'assenza di rumore, riverberi ed eco) e infine le caratteristiche del canale audio (cioè la qualità della trasmissione o della registrazione). I problemi iniziali dovuti alla scarsa potenza di calcolo si possono dire ormai ampiamente superati, anche se a fronte di un transfer rate estremamente modesto come quello richiesto dal parlato (di soli 50 bit/s circa) è comunque necessario un notevole apporto di Cpu e memoria per l'elaborazione dei dati. Si racconta, che il primo successo nella storia del riconoscimento vocale ha avuto luogo in una fabbrica di giocattoli. Radio Rex era un cane di peluche elettromeccanico, capace di rispondere se chiamato con il suo nome. Il funzionamento era elettromagnetico e non ci sono notizie del successo commerciale. Ciò nonostante la sua immagine si è fissata come quella del pioniere di una nuova tecnologia. Alla fine degli anni quaranta il governo statunitense finanziò il settore di ricerca per motivi bellici, con l intento di intercettare messaggi sovietici e costruire un traduttore automatico. Il primo passo di questa complessa sfida fu proprio la costruzione di un motore capace di riconoscere il parlato. I risultati furono fallimentari, ma la ricerca 10

11 Applicazioni vocali continuò con la fondazione del programma Speech Understanding Research (Sur) presso la Carnegie Mellon University (Usa). Il primo sistema di Speech recognition è stato sviluppato nel 1952 dai laboratori Bell: era in grado di riconoscere le cifre da 0 a 9, dettate al telefono, con una accuratezza del 98%, ma si trattava ancora di un sistema analogico. Pochi anni dopo, venne sviluppato un apparato analogo in grado di riconoscere vocali e consonanti. All inizio degli anni Settanta il programma Sur ottenne i primi risultati digitali; Harpy, un sistema complesso che impiegava una potenza di calcolo incredibile per l'epoca fu in grado di riconoscere frasi complete all'interno di un set predeterminato di strutture grammaticali. Giunti a questo punto della ricerca, sono stati essenzialmente tre gli ostacoli per la realizzazione dei primi sistemi commerciali: la potenza di calcolo, la difficoltà di riconoscere il parlato di qualunque persona e non di una voce particolare e la possibilità di riconoscere un discorso tenuto con linguaggio naturale, senza obbligare l interlocutore a una parlata artefatta. Alcune di queste limitazioni rimangono tuttora, nondimeno, i successi raggiunti dalla ricerca hanno stimolato le prime realizzazioni commerciali. Le due società protagoniste della prima commercializzazione di sistemi di riconoscimento vocale sono state Speechworks e Dragon Systems. Il primo risultato ottenuto nelle applicazioni commerciali è stato la costruzione di software capaci di funzionare con la potenza di calcolo disponibile nei normali sistemi informatici. L'evoluzione tecnologica e la legge di Moore hanno favorito gli sviluppi successivi fino a sorpassare, oggi, la potenza necessaria per far funzionare un sistema di riconoscimento vocale. Nel 1996 Chades Schwab, uno dei più noti broker statunitensi, ha implementato il primo sistema di riconoscimento vocale come interfaccia per il suo sistema, Voice Broker. Le innovazioni tecnologiche sono continuate nel 1997, con l'arrivo di Naturally Speaking da parte di Dragon Systems, il primo software di dettatura per parlato continuo. Agli inizi del 2000, TellMe ha presentato un portale globale comandabile con la voce, mentre molte aziende si sono focalizzate sulla ricerca di modalità di accesso a Internet e al Web che richiedono la sola voce. Dal 1997 a oggi, dopo l eliminazione della dettatura 11

12 Applicazioni vocali discreta e dall'obbligo di una procedura di addestramento, non si sono visti grandi salti qualitativi, ma solo miglioramenti negli ambiti dell usabilità e della diminuzione del tasso di errore. In Italia i primi esperimenti sono di Luigi Stringa, dell ELSAG. Mentre le principali attività di ricerca e sviluppo in ambito industriale sono state svolte da: Olivetti (laboratorio di Torino, chiuso nel 1990) per sistemi di dettatura per PC e Sintesi da testo (VoxPC); IRST (laboratorio di Trento, dell Istituto Trentino di Cultura) su sistemi di dettatura e sistemi di dialogo; CSELT, ora TILAB (a Torino, dal 1975 al 2000, poi confluito in Loquendo) su riconoscimento della voce e sintesi da testo Ambiti d uso La tecnologia di riconoscimento vocale fornisce supporto per due tipi di attività: l interpretazione dell input vocale oppure la sua trascrizione. La prima è utilizzata nelle applicazioni Command and control, dove l'utente fornisce un input (del tipo "Apri browser") per istruire la macchina a compiere determinate azioni. La seconda riguarda la semplice trasformazione della voce in testo; le applicazioni che usano quest attività sono chiamate Dictation. Le applicazioni di tipo Command and control presentano potenzialità di sviluppo in moltissimi campi, anche se i sistemi operativi in uso nel mondo del personal computing, tutti basati su un interfaccia costruita con la metafora della scrivania, sono sicuramente poco utilizzabili con un sistema di comando vocale. Da questo punto di vista il freno all espansione di sistemi di Command and control nell uso quotidiano sembrerebbe essere proprio l intrinseca natura del personal computer come oggi lo conosciamo: solo un drastico cambiamento nei sistemi operativi potrebbe dare impulso a nuovi utilizzi della tecnologia. Per questo motivo, le applicazioni Command and control hanno fortuna, come si è detto, soprattutto nell integrazione con sistemi industriali e aziendali più ampi, come 12

13 Applicazioni vocali succede ormai diffusamente per i servizi di CRM (call center, help desk, operatori telefonici automatici) o in altri ambiti, come il marketing e le vendite (per servizi di telemarketing, teleselling e sondaggi di mercato), nella gestione ordini, nella lettura vocale di posta elettronica e allegati, nella logistica, negli impieghi finanziari e informativi (quotazioni, brokeraggio e home banking) e infine negli ambiti di e- government, come il televoto o il pagamento elettronico Applicazioni command and control Date le difficoltà di integrazione del comando vocale in un sistema di personal computing che non è orientato al linguaggio, le applicazioni più tipiche dello Speech recognition in modalità Command and control sono i Voice Portal, servizi telefonici in cui gli utenti usano il telefono per ottenere informazioni di vario genere, come quotazioni, risultati sportivi e previsioni del tempo. I Voice Portal, più veloci e flessibili, stanno lentamente sostituendo la generazione di sistemi precedenti, chiamati IVR (Interactive Voice Response) il cui funzionamento prevedeva voci registrate limitando l interazione all uso dei toni telefonici (ad esempio: digitare 1 per l'assistenza clienti, 2 per le vendite e così via ). Per l utilizzo dei Voice Portal esistono ovvi vantaggi legati alla produttività, primo tra tutti l ampliamento dei servizi di accoglienza e di centralino a tutto l'arco delle ventiquattro ore e dei giorni festivi. Per il futuro, si prevede una grande espansione di servizi costruiti su questo concetto, anche in contesti diversi rispetto al telefono, per esempio sul fronte delle intranet attivabili a voce o dei servizi di notificazione. Altre applicazioni di questo genere, destinate a indubbia fortuna nei contesti più diversi, sono gli Reader, software che consentono di interrogare la propria casella di posta elettronica attraverso la voce o il telefono, per verificare quante e quali nuove comunicazioni sono arrivate e, mediante la sintesi vocale permettono di farsi leggere quelle di proprio interesse, ricevere la notifica di nuove e rispondere o inviare messaggi. 13

14 Applicazioni vocali Nell'ambito del comando vocale stanno assumendo particolare valore i sistemi di supporto alla navigazione automobilistica. Non mancano le applicazioni per i sistemi di sicurezza: le versioni più evolute dei sistemi di Speech recognition integrano il tracking della voce con la raccolta di dati visivi e sono usati in maniera crescente all interno degli impianti di controllo, nel settore che riguarda le nuove tecniche biometriche Applicazioni dictation Le applicazioni di tipo Dictation sono il secondo grande campo di battaglia del riconoscimento vocale. Esistono in commercio sistemi di dettatura come Ibrn Via-voice e Scansoft Dragon Naturally Speaking, anche ottimizzati per figure professionali specifiche, come i medici e gli avvocati, il cui lavoro presuppone la stesura di lunghi memoriali e cartelle. In generale, l'uso di questi programmi migliora la velocità di scrittura, dove questi software superano una media di 250 battute al minuto anche al primo utilizzo, senza cioè un periodo di training che può migliorare i risultati complessivi. Al momento, il limite principale delle applicazioni Dictation è dato proprio dal parlante, poiché l utilizzo del software prevede una capacità non sempre intrinseca di esprimere linearmente il proprio pensiero. Non mancano i vincoli tecnologici: difficoltà del riconoscimento in ambienti rumorosi o in movimento e la necessità di un addestramento, sia per il software sia per l'utente. I sistemi di digitalizzazione automatica del parlato, possibili in futuro, troverebbero applicazioni pratiche nella produzione televisiva (si pensi a notiziari immediatamente disponibili in forma cartacea) e in ambienti come tribunali, assemblee parlamentari o aule di lezione dove è fondamentale la trascrizione fedele e immediata dei dibattiti in corso Approccio della pattern recognition Il riconoscimento automatico del parlato (ASR) può essere visto come un compito di pattern recognition, applicando le tecniche sviluppate nel settore della robotica (identificazione di immagini) o comunicazioni di dati (conversione di segnali analogici in 14

15 Applicazioni vocali informazione digitale). In pratica, il riconoscimento del parlato richiede una mappatura tra il parlato e il testo, in modo che ogni possibile forma di onda in input è identificata con il suo testo corrispondente. In questo contesto, il termine testo viene usato per identificare le parole, le frasi o altre unità linguistiche che il parlante pensa e verbalizza. Tutti i compiti di pattern recognition, incluso l'asr, utilizzano due fasi: il training e il riconoscimento. La fase di training stabilisce una memoria di referenza o un dizionario di modelli del parlato, che sono assegnati alle etichette del testo. In sistemi indipendenti dal parlante, la fase di training è prodotta durante lo sviluppo del sistema e spesso combina metodi manuali e automatici. I sistemi di riconoscimento commerciali, dipendenti dal parlante, sono forniti dalle case produttrici. La fase di riconoscimento automatico tenta di assegnare un etichetta ai modelli di input sconosciuti. Per comprendere il testo, i software di riconoscimento vocale devono innanzitutto costruire una rappresentazione digitale delle parole pronunciate. La digitalizzazione della voce trasforma una grandezza fisica in un valore numerico. L'onda sonora prodotta mette in moto le molecole nell aria e nello spazio. Il microfono cattura questo movimento e lo converte in segnali elettrici. Questi segnali, che riproducono la voce, vengono sottoposti a due processi: il campionamento (sampling) e la quantizzazione. Il campionamento consiste nella misurazione del segnale a intervalli fissi, per ottenere un certo numero di segmenti che consentono di ricostruire la sua variazione nel tempo. Tanto più piccoli saranno gli intervalli di tempo, tanto più precisa sarà la ricostruzione e minore sarà la quantità di informazione persa. Il numero di intervalli di campionamento viene espresso in numero di rilevazioni per secondo e si definisce frequenza di campionamento, la cui unità di misura è l'hertz (1 Hz = una rilevazione al secondo). Lo standard della voce umana varia tra i 100 e Hz. Una volta campionato il suono, ci si trova di fronte a un secondo problema. Le variazioni possibili del segnale (e quindi i possibili valori dei campioni) sono teoricamente infinite ed è quindi impossibile assegnare a ciascuna un codice numerico. Con la quantizzazione si provvede a semplificare l'onda, eliminando l'intervallo di valori che si ritiene al di sotto della soglia percettiva umana. In questo modo si trasformano gli infiniti valori della grandezza fisica in una misurazione che può avere 15

16 Applicazioni vocali solo un determinato numero. Tanto più alto sarà il numero di intervalli, che si definiscono tecnicamente quanti, tanto più accurata sarà la rappresentazione del segnale e minore sarà l'informazione persa. Digitalizzata la frase, il software provvede a scandirla in modo da suddividere le singole parole. In passato occorreva separare ogni parola con una breve pausa: oggi si è giunti a riconoscere il parlato continuo, grazie a particolari tecniche di analisi che individuano le brevi inflessioni che si pronunciano involontariamente tra una parola e l'altra. Le parole, a loro volta, vengono suddivise in fonemi, cioè nell'unità minima del parlato. La durata di un fonema oscilla tra i 10 e i 40 millisecondi, per cui le parole vengono divise in intervelli minimi di 10 millisecondi l'uno; quest operazione è conosciuta come "modellazione/classificazione". Segue la fase di riconoscimento vero e proprio, chiamata "ricerca": i fonemi vengono confrontati con il modello acustico dell'utente (generato durante la fase di addestramento) e con il modello delle parole presenti nel vocabolario: si ricostruiscono in questo modo le parole. Per migliorare l'accuratezza, queste vengono confrontate con un modello lessicale e con un modello del linguaggio presenti nei dizionari dei programmi, in modo da estrapolare, in base alle regole grammaticali, le parole poco chiare. Il risultato di tutto il processo è la stringa di testo contenente la parola o la frase pronunciata dall'utente Prospettive I progressi presentati dalle ultime generazioni di software di riconoscimento vocale sono positivi: l integrazione con input sensoriali di natura diversa, l'ampliamento e la maggiore flessibilità dei vocabolari di riferimento, l impiego di tecnologie per abbattere i rumori d ambiente, migliorano in modo critico l efficienza dei sistemi. Malgrado ciò, la tecnologia non è prosperata come ci si poteva aspettare a metà degli anni Novanta. La responsabilità di questo ritardo si può trovare in parte nella necessità di alcuni miglioramenti: un'integrazione più stretta con le tecnologie per il riconoscimento del linguaggio naturale, maggiore semplicità nella gestione di parole che non si trovano all'interno del vocabolario e l indifferenza alla pronuncia dei parlanti (la cosiddetta "Speaker's indifference" che è sostanzialmente ancora da acquisire). 16

17 Applicazioni vocali In parte la stessa interfaccia bidimensionale degli attuali sistemi di computing rende la voce una modalità di input valida in determinate circostanze (essenzialmente quando non è possibile o comodo usare le mani) ma non più efficiente della tastiera o di altri sistemi di immissione dati. Le applicazioni di Command and control o Dictation hanno quindi futuro in ambiti ancora limitati e perlopiù legati alla telefonia. Per lo sviluppo di sistemi rivoluzionari di Speech recognition, occorre guardare alla frontiera di nuovi progetti complessivi, come il Web semantico (cioè il tentativo di strutturare le informazioni presenti sul Web per un'interrogazione più semplice e vicina al linguaggio naturale, Infine è necessario ancora un raffinamento del feedback: i sistemi tradizionali, di fronte a una frase o parola incomprensibile, rispondono con l alternativa Ho capito/non ho capito e non consentono di perfezionare la domanda in caso di problemi. Per questa ragione sono allo studio anche le innovazioni dei sistemi di risposta, che prevedono tra l'altro l'evoluzione di una tecnologia parallela: la sintesi vocale Grammatiche di Chomsky e analisi automatica del linguaggio naturale L elaborazione automatica del linguaggio naturale prende le mosse dalla teoria linguistica di Noam Chomsky. Secondo Chomsky la capacità che ogni essere umano ha di capire e produrre frasi e discorsi nella sua lingua è dovuta a un insieme di conoscenze presenti nella sua mente: definiamo questo insieme di conoscenze implicite competenza linguistica. Tale competenza è almeno in parte inconsapevole: infatti, la maggior parte delle persone è in grado di produrre e capire le frasi corrette, così come di individuare immediatamente gli usi scorretti della loro lingua, pur senza sapere il modo in cui questo avviene. Inoltre, essa deve essere innata: non si spiegherebbe altrimenti la velocità con cui un bambino in pochi anni riesca a parlare una lingua in modo sostanzialmente corretto semplicemente imitando chi lo circonda. La competenza linguistica, a sua volta, si suddivide in tre componenti: 17

18 Applicazioni vocali competenza fonologica: capacità di un parlante di produrre e capire i suoni della lingua parlata; competenza sintattica: capacità produrre o riconoscere frasi grammaticalmente corrette; competenza semantica: capacità di assegnare o di estrarre significato dalle frasi. Tutte queste capacità derivano dalla presenza nella mente di un insieme di regole ben precise, che sono simili alle regole di un sistema formale. Per vari motivi, nella loro teoria della lingua Chomsky e i suoi seguaci hanno assegnato un ruolo prioritario alla competenza sintattica. È grazie ad essa che ogni parlante è in grado di percepire immediatamente che «il gatto mangia il topo» è una frase grammaticalmente corretta, mentre «il gatto topo il mangia» non lo è. Questo riconoscimento è determinato dal fatto che nella formazione di una frase (o nel processo simmetrico di comprensione di una frase) vengono seguite delle regole formali che complessivamente costituiscono la grammatica di una lingua. Tali regole, che si articolano in diversi gruppi (o componenti), vengono applicate (non necessariamente in modo sequenziale) per arrivare alla costruzione di frasi corrette, o alla verifica di frasi pronunciate da altri parlanti. Il gruppo principale di regole (o componenti di base) della teoria chomskiana determina la struttura generale di una frase e dà conto del fatto che ognuno è in grado di raggruppare in modo intuitivo le parole che la compongono in gruppi funzionali detti sintagmi Modelli linguistici Il compito dell'asr è reso complesso quando il vocabolario o le grammatiche da riconoscere sono molto grandi, in particolare se si vuole permettere al parlatore di dire delle frasi, soprattutto se pronunciate in modo spontaneo. La combinatoria di ogni lingua permette milioni di formulazioni analoghe e le grammatiche dovrebbero coprirle. 18

19 Applicazioni vocali In questi casi, l uso di modelli del linguaggio o di grammatiche per restringere le combinazioni delle parole ammissibili può fornire grandi benefici, cioè maggiori limitazioni sulle pronunce possibili corrispondono a maggiori prestazioni di riconoscimento. In particolare, queste limitazioni vanno applicate in tempo reale durante l esecuzione del riconoscimento per ridurre lo spazio di ricerca, l uso a posteriori su reticoli di ipotesi di parole prodotti dal riconoscitore non dà gli stessi benefici. Anche gli umani usano le parole precedenti o successive per determinare quale parola è stata pronunciata. Una delle ragioni per cui i sistemi automatici non raggiungono l accuratezza umana è un inferiore capacità di predizione: l ASR può usare informazioni sintattiche e semantiche ma normalmente dispone di una vista limitata a una o due parole a sinistra e a destra della parola da riconoscere. Nella figura 1.3 è riportato uno schema a blocchi dei due contesti di utilizzo dell'asr. Sulla sinistra la parte Real-time, dove i blocchi illustrano i moduli di processing: partendo da un segnale vocale avviene una prima fase di front-end focalizzata a ridurre il segnale vocale in una sequenza di parametri numerici (detti parametri cepstrali). Figura 1.3-Schema a blocchi del riconoscitore 19

20 Applicazioni vocali Su questi parametri il primo modulo individua quando il parlatore inizia a parlare (Endpoint Detector), il successivo determina l'estrazione delle probabilità di attivazione delle unità acustiche della lingua, seguito dalla decodifica della sequenza di parole in grammatica (SRGS) o modello del linguaggio che soddisfa i vincoli linguistici. Un ultimo modulo cerca di ricavare dai risultati di riconoscimento i concetti associati alle parole riconosciute, utilizzando la parte semantica delle grammatiche (SISR). Il risultato è una sequenza di parole e una struttura semantica in genere a concetti. La parte destra invece descrive le azioni che possono essere effettuate fuori linea ( Off-line ), cioè il training dei modelli acustici ed un eventuale adattamento 1.2. Sintesi del parlato La sintesi del parlato (in inglese Text To Speech) è la generazione automatizzata delle forme d onda che costituiscono una voce. Prima che la ricerca tecnologica mettesse a punto dei "chips" specializzati per la produzione di linguaggio sintetico (nel 1978), il parlato sintetico era generato da computer interfacciati alle volte con un modello analogico del tratto vocale. Oggi, strumenti per la sintesi del parlato, sono disponibili anche come software a basso costo per i Personal Computer. Questa recente diffusione è dovuta, in parte, al progresso tecnologico dei circuiti integrati, ma anche al miglioramento nella metodologia per la produzione del parlato sintetico. La sintesi del parlato realizzata dagli "speech synthesizer" è un processo che converte un testo in ingresso, che consiste di parole o di frasi, in una forma d onda, usando algoritmi specializzati e blocchi di forma d onda vocale, precedentemente preparati. I sintetizzatori del parlato possono essere caratterizzati a seconda delle unità del parlato che essi mettono insieme in uscita (output), oppure a seconda dei metodi utilizzati per la codifica, la catalogazione, e la sintesi del parlato. Utilizzando un buon numero di unità di parlato, come successioni di parole o frasi, si può avere in uscita un parlato sintetico di buona qualità, ma questo processo richiede che il sistema possieda una grande quantità di memoria. 20

UNIVERSITA POLITECNICA DELLE MARCHE FACOLTA DI INGEGNERIA. Corso di Laurea in Ingegneria Informatica e dell Automazione

UNIVERSITA POLITECNICA DELLE MARCHE FACOLTA DI INGEGNERIA. Corso di Laurea in Ingegneria Informatica e dell Automazione UNIVERSITA POLITECNICA DELLE MARCHE FACOLTA DI INGEGNERIA Corso di Laurea in Ingegneria Informatica e dell Automazione Studio del protocollo VoiceXML e sviluppo di un applicazione per accedere a servizi

Dettagli

Access, MSDE 2000, SQLServerExpress2005 e MySQL per soluzioni di media complessità e per soluzioni entry level ;

Access, MSDE 2000, SQLServerExpress2005 e MySQL per soluzioni di media complessità e per soluzioni entry level ; Gruppo SIGLA, attiva da diversi anni nel settore della Computer Telephony Integration, ha realizzato SiTel, un sistema di comunicazione multicanale (telefonia fissa analogica e digitale, telefonia mobile,

Dettagli

Tecnologie del parlato

Tecnologie del parlato Tecnologie del parlato La sintesi del parlato Il riconoscimento del parlato 1 La sintesi del parlato (speech synthesis) Text-to-Speech (TTS) programmi in grado di produrre e pronunziare frasi allo scopo

Dettagli

Linguaggi di programmazione

Linguaggi di programmazione Linguaggi di programmazione Programmazione L attività con cui si predispone l elaboratore ad eseguire un particolare insieme di azioni su particolari dati, allo scopo di risolvere un problema Dati Input

Dettagli

Corso di Informatica

Corso di Informatica Corso di Informatica CL3 - Biotecnologie Orientarsi nel Web Prof. Mauro Giacomini Dott. Josiane Tcheuko Informatica - 2006-2007 1 Obiettivi Internet e WWW Usare ed impostare il browser Navigare in internet

Dettagli

Hardware, software e periferiche. Facoltà di Lettere e Filosofia anno accademico 2008/2009 secondo semestre

Hardware, software e periferiche. Facoltà di Lettere e Filosofia anno accademico 2008/2009 secondo semestre Hardware, software e periferiche Facoltà di Lettere e Filosofia anno accademico 2008/2009 secondo semestre Riepilogo - Concetti di base dell informatica L'informatica è quel settore scientifico disciplinare

Dettagli

COMUNE DI COMACCHIO. Provincia di Ferrara. Settore III Servizio Finanziario e Partecipate. Servizio Informatico Ufficio CED

COMUNE DI COMACCHIO. Provincia di Ferrara. Settore III Servizio Finanziario e Partecipate. Servizio Informatico Ufficio CED COMUNE DI COMACCHIO Provincia di Ferrara Settore III Servizio Finanziario e Partecipate Servizio Informatico Ufficio CED Accessibilità L'accessibilità di un sito web è il frutto di un insieme di tecniche

Dettagli

Introduzione alla Linguistica Computazionale

Introduzione alla Linguistica Computazionale Introduzione alla Linguistica Computazionale Salvatore Sorce Dipartimento di Ingegneria Chimica, Gestionale, Informatica e Meccanica Ludici Adattati da Alessandro Lenci Dipartimento di Linguistica T. Bolelli

Dettagli

Seminario di Sistemi Distribuiti: RPC su SOAP

Seminario di Sistemi Distribuiti: RPC su SOAP Corso di Sistemi Distribuiti Prof. S. Balsamo Seminario di Sistemi Distribuiti: RPC su SOAP [ 777775] 1 INTRODUZIONE 3 2 RPC 3 3 SOAP (SIMPLE OBJECT ACCESS PROTOCOL) 3 4 UTILIZZO DI SOAP COME PROTOCOLLO

Dettagli

INFORMATICA CORSI DELL'INDIRIZZO TECNICO CLASSI PRIME AMMINISTRAZIONE - FINANZA E MARKETING

INFORMATICA CORSI DELL'INDIRIZZO TECNICO CLASSI PRIME AMMINISTRAZIONE - FINANZA E MARKETING INFORMATICA CORSI DELL'INDIRIZZO TECNICO CLASSI PRIME AMMINISTRAZIONE - FINANZA E MARKETING Modulo propedeutico Le lezioni teoriche sono sviluppate sui seguenti argomenti: Struttura dell elaboratore: CPU,

Dettagli

VoiceSurvey. DOTVOCAL S.r.l. Via Greto di Cornigliano 6 R, 16152 Genova. Tel. +39 010 65 63 452, Fax +39 010 65 63 552. sito: http://www.dotvocal.

VoiceSurvey. DOTVOCAL S.r.l. Via Greto di Cornigliano 6 R, 16152 Genova. Tel. +39 010 65 63 452, Fax +39 010 65 63 552. sito: http://www.dotvocal. VoiceSurvey DOTVOCAL S.r.l. Via Greto di Cornigliano 6 R, 16152 Genova Tel. +39 010 65 63 452, Fax +39 010 65 63 552. sito: http://www.dotvocal.com INSTANT S.r.l. Via Sorio 47, 35141 Padova Tel. +39 049

Dettagli

VoiceCMS. DOTVOCAL S.r.l. Via Greto di Cornigliano 6 R, 16152 Genova. Tel. +39 010 65 63 452, Fax +39 010 65 63 552. sito: http://www.dotvocal.

VoiceCMS. DOTVOCAL S.r.l. Via Greto di Cornigliano 6 R, 16152 Genova. Tel. +39 010 65 63 452, Fax +39 010 65 63 552. sito: http://www.dotvocal. VoiceCMS DOTVOCAL S.r.l. Via Greto di Cornigliano 6 R, 16152 Genova Tel. +39 010 65 63 452, Fax +39 010 65 63 552. sito: http://www.dotvocal.com INSTANT S.r.l. Via Sorio 47, 35141 Padova Tel. +39 049 87

Dettagli

La domotica e l'informatica

La domotica e l'informatica Istituto di Scienza e Tecnologie dell'informazione A Faedo (ISTI) Laboratorio di domotica La domotica e l'informatica Dario Russo (dario.russo@isti.cnr.it) Cosa è l'informatica L'informatica è una scienza

Dettagli

REQUISITO DI ACCESSIBILITA

REQUISITO DI ACCESSIBILITA ISTITUTO COMPRENSIVO Pascoli - Crispi Via Gran Priorato, 11-98121 Messina Via Monsignor D'Arrigo, 18-98122 Messina Tel/Fax. 09047030 090360037 e-mail: meic87300t@istruzione.it / meee00800r@istruzione.it

Dettagli

1.2.1.1 DEFINIZIONE DI SOFTWARE

1.2.1.1 DEFINIZIONE DI SOFTWARE Software 1.2 1.2.1.1 DEFINIZIONE DI SOFTWARE Il computer non è in grado di svolgere alcun compito autonomamente Esso può eseguire svariati compiti soltanto se viene opportunamente istruito Ciò avviene

Dettagli

Esercizi del programma (solo su CD-ROM)

Esercizi del programma (solo su CD-ROM) Esercizi Esercizi del programma (solo su CD-ROM) Utilizzo dei comandi Per capire il significato dei termini utilizzati nei video è possibile consultare il glossario.. Passa alla schermata successiva. Ritorna

Dettagli

Introduzione. è uguale a 0, spostamento di dati da una parte della memoria del calcolatore ad un altra.

Introduzione. è uguale a 0, spostamento di dati da una parte della memoria del calcolatore ad un altra. Appunti di Calcolatori Elettronici Modello di macchina multilivello Introduzione... 1 Linguaggi, livelli e macchine virtuali... 3 La struttura a livelli delle macchine odierne... 4 Evoluzione delle macchine

Dettagli

Lista dei Punti di Controllo per l'accessibilità dei contenuti web

Lista dei Punti di Controllo per l'accessibilità dei contenuti web Lista dei Punti di Controllo per l'accessibilità dei contenuti web Questo documento è tratto dal sito del W3C http://www.w3.org/tr/wai-webcontent/full-checklist.html ed è stato tradotto dagli studenti

Dettagli

Progetto e realizzazione di un framework per applicazioni vocali in formato VXML

Progetto e realizzazione di un framework per applicazioni vocali in formato VXML Progetto e realizzazione di un framework per applicazioni vocali in formato VXML Sommario 1 INTRODUZIONE... 3 1.1 IL CONTESTO PROGETTUALE... 3 1.2 OBIETTIVI DEL FRAMEWORK... 4 1.3 ATTIVITÀ E STATO DI AVANZAMENTO...

Dettagli

Contenuti. Applicazioni di rete e protocolli applicativi

Contenuti. Applicazioni di rete e protocolli applicativi Contenuti Architettura di Internet Principi di interconnessione e trasmissione World Wide Web Posta elettronica Motori di ricerca Tecnologie delle reti di calcolatori Servizi Internet (come funzionano

Dettagli

TELEBOX 328 INTERFACCIA TELEFONICA PER SECURBOX 368 MANUALE DI PROGRAMMAZIONE. versione 6.xx

TELEBOX 328 INTERFACCIA TELEFONICA PER SECURBOX 368 MANUALE DI PROGRAMMAZIONE. versione 6.xx TELEBOX 328 INTERFACCIA TELEFONICA PER SECURBOX 368 MANUALE DI PROGRAMMAZIONE versione 6.xx INDICE 1.1 INTRODUZIONE 2.1 STRUTTURA 2.2 CARATTERISTICHE 2.3 INFORMAZIONI PRELIMINARI 3.1 NUMERI TELEFONICI

Dettagli

EIPASS Junior Programma analitico d esame Scuola Primaria

EIPASS Junior Programma analitico d esame Scuola Primaria eipass EIPASS Junior Programma analitico d esame Scuola Primaria Programma analitico d esame EIPASS Junior Scuola Primaria Premessa La nascita, lo sviluppo e il consolidamento delle competenze digitali

Dettagli

Dichiarazione di Accessibilità

Dichiarazione di Accessibilità Dichiarazione di Accessibilità Requisito n. 1 : Realizzare le pagine e gli oggetti al loro interno utilizzando tecnologie definite da grammatiche formali pubblicate nelle versioni più recenti disponibili

Dettagli

Obiettivi di accessibilità per l anno 2014

Obiettivi di accessibilità per l anno 2014 COMUNE DI MONTEVARCHI Obiettivi di accessibilità per l anno 2014 Redatto ai sensi dell articolo 9, comma 7 del decreto legge 18 ottobre 2012, n. 179. Redatto il 27/03/2014 1 SOMMARIO Obiettivi di accessibilità

Dettagli

How to Develop Accessible Linux Applications

How to Develop Accessible Linux Applications How to Develop Accessible Linux Applications Sharon Snider Copyright 2002 IBM Corporation v1.1, 2002-05-03 Diario delle Revisioni Revisione v1.1 2002-05-03 Revisionato da: sds Convertito in DocBook XML

Dettagli

SITI WEB DEL COMUNE DI PESARO, RAPPORTO DI CONFORMITA' AI REQUISITI TECNICI DELLA LEGGE N.4-9 GENNAIO 2004

SITI WEB DEL COMUNE DI PESARO, RAPPORTO DI CONFORMITA' AI REQUISITI TECNICI DELLA LEGGE N.4-9 GENNAIO 2004 SITI WEB DEL COMUNE DI PESARO, RAPPORTO DI CONFORMITA' AI REQUISITI TECNICI DELLA LEGGE N.4-9 GENNAIO 2004 Le pagine del sito istituzionale e dei siti tematici del Comune di Pesaro sono state progettate

Dettagli

CURRICOLO DI ITALIANO FINE CLASSE TERZA SCUOLA PRIMARIA

CURRICOLO DI ITALIANO FINE CLASSE TERZA SCUOLA PRIMARIA CURRICOLO DI ITALIANO FINE CLASSE TERZA SCUOLA PRIMARIA Nucleo tematico Oralità Traguardi per lo sviluppo delle competenze -Partecipa a scambi comunicativi con compagni e docenti -Ascolta e comprende messaggi

Dettagli

Multimodal IVR. Multimodalità e Linguaggio Naturale. Customer Service Automation. 30 maggio2013

Multimodal IVR. Multimodalità e Linguaggio Naturale. Customer Service Automation. 30 maggio2013 Multimodal IVR 30 maggio2013 Multimodalità e Linguaggio Naturale Customer Service Automation IM No distribution allowed Riconoscimento vs semantica Channel Manager Data Preprocessor (ASR) vorrei prenotare

Dettagli

Internet Architettura del www

Internet Architettura del www Internet Architettura del www Internet è una rete di computer. Il World Wide Web è l insieme di servizi che si basa sull architettura di internet. In una rete, ogni nodo (detto host) è connesso a tutti

Dettagli

Video Comunicazione su Rete Internet

Video Comunicazione su Rete Internet Video Comunicazione su Rete Internet 1 Introduzione alla comunicazione video su rete Internet. La rapida evoluzione dell Information Technology negli ultimi anni ha contribuito in maniera preponderante

Dettagli

Le applicazioni vocali

Le applicazioni vocali Le applicazioni vocali semplice e naturale: usa la tua voce DOTVOCAL S.r.l. Piazza Pinelli 1/7 16124 Genova Tel. +39 010 275411 Fax +39 010 27541216 www.dotvocal.com www.portavoce.org Cosa sono le applicazioni

Dettagli

Università degli studi di Messina

Università degli studi di Messina Università degli studi di Messina Facoltà di Ingegneria Corso di laurea in Ingegneria Elettronica Tesina di Sistemi di Telecomunicazione Prenotazione Esami con CSLU Speech - toolkit Docente: Prof. Salvatore

Dettagli

FONDAMENTI di INFORMATICA Prof. Lorenzo Mezzalira

FONDAMENTI di INFORMATICA Prof. Lorenzo Mezzalira FONDAMENTI di INFORMATICA Prof. Lorenzo Mezzalira Appunti del corso 1 Introduzione all informatica: algoritmi, linguaggi e programmi Indice 1. Introduzione 2. Risoluzione automatica di problemi - Algoritmi

Dettagli

Struttura logica di un programma

Struttura logica di un programma Struttura logica di un programma Tutti i programmi per computer prevedono tre operazioni principali: l input di dati (cioè l inserimento delle informazioni da elaborare) il calcolo dei risultati cercati

Dettagli

Dal numero di settembre 2013 di Customer Management Insights (www.cmimagazine.it)

Dal numero di settembre 2013 di Customer Management Insights (www.cmimagazine.it) Dal numero di settembre 2013 di Customer Management Insights (www.cmimagazine.it) Nuove interfacce per il canale telefonico di un contact center Nella storia dei call center l'esigenza di utilizzare messaggi

Dettagli

Autovalutazione dello status del Sito e Obiettivi di accessibilità per l anno 2015

Autovalutazione dello status del Sito e Obiettivi di accessibilità per l anno 2015 Autovalutazione dello status del Sito e Obiettivi di accessibilità per l anno 2015 in relazione alle Linee guida per l accessibilità dei siti Web WCAG 2.0 Principio 1: Percepibile - Le informazioni e i

Dettagli

Laboratorio Matematico Informatico 2

Laboratorio Matematico Informatico 2 Laboratorio Matematico Informatico 2 (Matematica specialistica) A.A. 2006/07 Pierluigi Amodio Dipartimento di Matematica Università di Bari Laboratorio Matematico Informatico 2 p. 1/1 Informazioni Orario

Dettagli

IPBX Office IPBX Office

IPBX Office IPBX Office IPBX Office IPBX Office include, oltre a tutte le funzioni di un centralino tradizionale, funzionalità avanzate quali ad esempio: voice mail con caselle vocali illimitate e personalizzate, risponditore

Dettagli

Le principali novità di Windows XP

Le principali novità di Windows XP Le principali novità di Windows XP di Gemma Francone supporto tecnico di Mario Rinina La nuova versione di Windows XP presenta diverse nuove funzioni, mentre altre costituiscono un evoluzione di quelle

Dettagli

Il software: natura e qualità

Il software: natura e qualità Sommario Il software: natura e qualità Leggere Cap. 2 Ghezzi et al. Natura e peculiarità del software Classificazione delle qualità del software Qualità del prodotto e del processo Qualità interne ed esterne

Dettagli

Innovazione e accessibilità: applicazioni vocali e mobile accessibility. Presentazione del software Active Reader

Innovazione e accessibilità: applicazioni vocali e mobile accessibility. Presentazione del software Active Reader Innovazione e accessibilità: applicazioni vocali e mobile accessibility Presentazione del software Active Reader Active Reader L Active Reader è un applicazione multimodale che consente all utente la fruizione

Dettagli

Università della Svizzera italiana

Università della Svizzera italiana Università della Svizzera italiana Il sito dell Università della Svizzera italiana e l accessibilità Vs.1.0 11 / 12 / 2007 TEC-LAB WEB-SERVICE 1. INTRODUZIONE Avere accesso al web, per un utente disabile,

Dettagli

Istituto Comprensivo statale Girolamo Fracastoro Cavaion Veronese. SCUOLA PRIMARIA CURRICOLO DI italiano

Istituto Comprensivo statale Girolamo Fracastoro Cavaion Veronese. SCUOLA PRIMARIA CURRICOLO DI italiano Istituto Comprensivo statale Girolamo Fracastoro Cavaion Veronese SCUOLA PRIMARIA CURRICOLO DI italiano Competenze chiave Comunicazione nella madre lingua competenza digitale imparare a imparare competenze

Dettagli

PROGRAMMAZIONE INFORMATICA PRIMO BIENNIO. Opzione Scienze Applicate

PROGRAMMAZIONE INFORMATICA PRIMO BIENNIO. Opzione Scienze Applicate PROGRAMMAZIONE INFORMATICA PRIMO BIENNIO Opzione Scienze Applicate Anno scolastico 2015-2016 Programmazione di Informatica pag. 2 / 8 INFORMATICA - PRIMO BIENNIO OBIETTIVI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO DELL

Dettagli

CONTENT MANAGMENT SYSTEMS

CONTENT MANAGMENT SYSTEMS CONTENT MANAGMENT SYSTEMS ESTRATTO DA: Ileana D'Incecco, Progettare la comunicazione web per organizzazioni non-profit con strumenti open source: ideazione e realizzazione del sito web della Casa delle

Dettagli

Introduzione al corso

Introduzione al corso Corso di Fondamenti di Informatica Corso di Laurea in Ingegneria Meccanica (A-K) Ing. Agnese Pinto 1 di 21 Informazioni utili Ing. Agnese Pinto: Contatti: Laboratorio di Sistemi Informativi (SisInfLab)

Dettagli

Analisi applicazione vocale

Analisi applicazione vocale Analisi applicazione vocale semplice e naturale: usa la tua voce DOTVOCAL S.r.l. Piazza Pinelli 1,7 16124 Genova Tel. +39 010 275411 Fax +39 010 27541216 www.dotvocal.com www.portavoce.org OVERVIEW...

Dettagli

Verifica di Accessibilità del sito www.aots.sanita.fvg.it

Verifica di Accessibilità del sito www.aots.sanita.fvg.it Verifica di Accessibilità del sito www.aots.sanita.fvg.it NOTE: Verifica effettuata in base ai requisiti descritti nell allegato A del Decreto Ministeriale 8 luglio 2005, ai sensi della legge n.4 del 9

Dettagli

Appendice D. D. Web Services

Appendice D. D. Web Services D. D.1 : cosa sono I cosiddetti sono diventati uno degli argomenti più attuali nel panorama dello sviluppo in ambiente Internet. Posti al centro delle più recenti strategie di aziende del calibro di IBM,

Dettagli

Tecnologie Informatiche. voice. Telefonia IP e VoIP

Tecnologie Informatiche. voice. Telefonia IP e VoIP Tecnologie Informatiche Telefonia IP e VoIP Neth Voice è un nuovo sistema telefonico aperto e integrato con la informatica dell azienda che, sfruttando le potenzialità delle tecnologie Internet (IP), è

Dettagli

Ausili per disabilità sensoriali

Ausili per disabilità sensoriali Ausili per disabilità sensoriali Sommario 1. Introduzione 2. Ausili informatici 3. Ausili per disabilità visive 4. Ausili per disabilità uditive Studio di Consulenza Stefano Persichino Consulenza, valutazione,

Dettagli

Le tecnologie assistive: superare le difficoltà causate dalla disabilità grazie agli ausili

Le tecnologie assistive: superare le difficoltà causate dalla disabilità grazie agli ausili 1 Erika Firpo Le tecnologie assistive: superare le difficoltà causate dalla disabilità grazie agli ausili INTRODUZIONE Le tecnologie assistive si inseriscono a pieno diritto tra le innovazioni che, recentemente,

Dettagli

LINGUAGGI - COMPILATORI - INTERPRETI

LINGUAGGI - COMPILATORI - INTERPRETI LINGUAGGI - COMPILATORI - INTERPRETI Per poter risolvere un dato problema utilizzando un computer è necessario che questo venga guidato da una serie di istruzioni che specificano, passo dopo passo, la

Dettagli

Modulo Vocale. Modello RP128EV00ITA. Istruzioni per l Uso e la Programmazione

Modulo Vocale. Modello RP128EV00ITA. Istruzioni per l Uso e la Programmazione Modulo Vocale Modello RP128EV00ITA Istruzioni per l Uso e la Programmazione Compatibile con le centrali Serie ProSYS RP116MC00ITA, RP140MC00ITA, RP128MC00ITA II LIVELLO Avvertenza Questo manuale è soggetto

Dettagli

PROGETTO - Ingegneria del Software. Università degli Studi di Milano Polo di Crema. Corso di laurea in Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali

PROGETTO - Ingegneria del Software. Università degli Studi di Milano Polo di Crema. Corso di laurea in Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali Università degli Studi di Milano Polo di Crema Corso di laurea in Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali INFORMATICA Corso di Ingegneria del Software progetto IL SISTEMA CALENDAR Presentato al dott. Paolo

Dettagli

Servizio di emergenza Domande Frequenti (FAQ)

Servizio di emergenza Domande Frequenti (FAQ) FAQ: Di seguito vengono riportate le domande poste con maggiore frequenza riguardo il Servizio di emergenza. Le domande si basano sull'esperienza degli operatori nella gestione di chiamate reali e sul

Dettagli

Contatti profittevoli

Contatti profittevoli Contatti profittevoli paolo.vitali@yourvoice.com Milano, 25 gennaio 2002 CONTATTARE significa: Informare Proporre nuovi servizi / prodotti Suscitare nuove esigenze Cliente Utente Socio Collega Partner

Dettagli

Linguaggi e Paradigmi di Programmazione

Linguaggi e Paradigmi di Programmazione Linguaggi e Paradigmi di Programmazione Cos è un linguaggio Definizione 1 Un linguaggio è un insieme di parole e di metodi di combinazione delle parole usati e compresi da una comunità di persone. È una

Dettagli

Introduzione alle Applicazioni Web

Introduzione alle Applicazioni Web Introduzione alle Applicazioni Web di Mary Ercolini Con il termine Applicazione Web si intende un applicazione risiedente in un Server Web alla quale si accede tramite un browser Internet o un altro programma

Dettagli

INTERFACCIA UTENTE----------------------------------------------------------------------------------------------------

INTERFACCIA UTENTE---------------------------------------------------------------------------------------------------- IL FILE SYSTEM PROF. ANTONIO TUFANO Indice 1 FILE SYSTEM ------------------------------------------------------------------------------------------------------------------ 3 1.1. CARATTERISTICHE E STORIA

Dettagli

il Mac e lo studio legale: primi passi in EasyLex

il Mac e lo studio legale: primi passi in EasyLex _tutorial Come approcciare il software per la gestione degli studi legali che accompagna gli utenti della Mela dai lontani tempi di Mac OS Francesco Pignatelli il Mac e lo studio legale: primi passi in

Dettagli

Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale del Veneto

Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale del Veneto Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale del Veneto Istituto Comprensivo di Bosco Chiesanuova Piazzetta Alpini 5 37021 Bosco Chiesanuova Tel 045 6780 521-

Dettagli

Lezione 1. Introduzione e Modellazione Concettuale

Lezione 1. Introduzione e Modellazione Concettuale Lezione 1 Introduzione e Modellazione Concettuale 1 Tipi di Database ed Applicazioni Database Numerici e Testuali Database Multimediali Geographic Information Systems (GIS) Data Warehouses Real-time and

Dettagli

Alcatel-Lucent Office Communication Soluzioni per le piccole e medie imprese. Comunicazione semplificata per aziende in movimento

Alcatel-Lucent Office Communication Soluzioni per le piccole e medie imprese. Comunicazione semplificata per aziende in movimento Alcatel-Lucent Office Communication Soluzioni per le piccole e medie imprese Comunicazione semplificata per aziende in movimento Il successo di una piccola o media impresa (PMI) dipende sostanzialmente

Dettagli

ISTITUTO SCOLASTICO COMPRENSIVO DI ROBBIO - SCUOLA PRIMARIA CLASSE: PRIMA A.S

ISTITUTO SCOLASTICO COMPRENSIVO DI ROBBIO - SCUOLA PRIMARIA CLASSE: PRIMA A.S ISTITUTO SCOLASTICO COMPRENSIVO DI ROBBIO - SCUOLA PRIMARIA DISCIPLINA: ITALIANO partecipa a scambi linguistici con compagni ed insegnanti, attraverso messaggi semplici, chiari e pertinenti. Si esprime

Dettagli

voice Centralino VoIP e CTI

voice Centralino VoIP e CTI voice Centralino VoIP e CTI Il telefono come sistema informativo NethVoice è una nuova soluzione telefonica aperta ed integrata con l intero sistema informativo aziendale, in grado di fornire tutti i servizi

Dettagli

Obiettivi di accessibilità per l anno 2015

Obiettivi di accessibilità per l anno 2015 MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI Direzione Generale dei sistemi Informativi, dell innovazione tecnologica e della comunicazione Obiettivi di accessibilità per l anno 2015 Redatto ai sensi

Dettagli

Fondamenti di Informatica

Fondamenti di Informatica Fondamenti di Informatica Il software Dipartimento di Ingegneria dell Informazione Universitàdegli Studi di Parma SOFTWARE I componenti fisici del calcolatore (unità centrale e periferiche) costituiscono

Dettagli

a cura di Maria Finazzi

a cura di Maria Finazzi Esercitazioni di XML a cura di Maria Finazzi (11-19 gennaio 2007) e-mail: maria.finazzi@unipv.it pagine web: Il trattamento dell'informazione Testo a stampa: Come

Dettagli

Modulo 8. Strumenti di produzione Strumenti. Gli strumenti più utilizzati per produrre pagine Web sono essenzialmente due:

Modulo 8. Strumenti di produzione Strumenti. Gli strumenti più utilizzati per produrre pagine Web sono essenzialmente due: Pagina 1 di 6 Strumenti di produzione Strumenti Gli strumenti più utilizzati per produrre pagine Web sono essenzialmente due: 1. Netscape Composer, gratuito e scaricabile da netscape.org assieme al browser

Dettagli

COMUNE DI ROSSANO VENETO

COMUNE DI ROSSANO VENETO COMUNE DI ROSSANO VENETO Obiettivi di accessibilità per l anno 2014 Redatto ai sensi dell articolo 9, comma 7 del decreto legge 18 ottobre 2012, n. 179. Redatto il 25.03.2014 1 SOMMARIO Obiettivi di accessibilità

Dettagli

Fondamenti di Informatica 7. Linguaggi di programmazione

Fondamenti di Informatica 7. Linguaggi di programmazione I linguaggi di alto livello Fondamenti di Informatica 7. Linguaggi di programmazione Introduzione alla programmazione Caratteristiche dei linguaggi di programmazione I linguaggi di programmazione di alto

Dettagli

PROGRAMMARE AI TEMPI DEL DIRITTO

PROGRAMMARE AI TEMPI DEL DIRITTO ANDREA ANTONIAZZA PROGRAMMARE AI TEMPI DEL DIRITTO LA TUTELA GIURIDICA DEI PROGRAMMI PER ELABORATORE IN EUROPA E NEGLI STATI UNITI D AMERICA Andrea Antoniazza, Programmare ai tempi del diritto Copyright

Dettagli

L espressione fonico-acustica IL PARLATO E I SISTEMI TO-SPEECH. Struttura dell apparato fonatorio. Rachele Sprugnoli

L espressione fonico-acustica IL PARLATO E I SISTEMI TO-SPEECH. Struttura dell apparato fonatorio. Rachele Sprugnoli IL PARLATO E I SISTEMI TEXT-TO TO-SPEECH L espressione fonico-acustica Risultato di una complessa storia evolutiva. Circa 250.000 anni fa: discesa della laringe verso il basso; sistema a due canne. Rachele

Dettagli

I nostri clienti possono utilizzare servizi come: Connettività Internet xdsl Connettività Internet Wireless Linee telefoniche su rete dati

I nostri clienti possono utilizzare servizi come: Connettività Internet xdsl Connettività Internet Wireless Linee telefoniche su rete dati SSERV IIZ II E SSOLUZ IION II D II CONNETT IIV IITA VOCE E DAT II Le soluzioni di Internet Comunication del gruppo S.T. permettono al cliente la realizzazione di infrastrutture voce-dati adeguate alle

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA CLASSE I

SCUOLA PRIMARIA CLASSE I SCUOLA PRIMARIA CLASSE I ITALIANO INDICATORI OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO STANDARD PER LA VALUTAZIONE DELLE COMPETENZE Ascoltare e comprendere Leggere e comprendere Comunicare oralmente Mantenere l attenzione

Dettagli

L'INDUSTRIA ITALIANA DELLA VOCE

L'INDUSTRIA ITALIANA DELLA VOCE L'INDUSTRIA ITALIANA DELLA VOCE ROBERTO BILLI, Loquendo S.p.A. Il settore delle tecnologie vocali è caratterizzato da una forte trasversalità e tocca uno degli aspetti più importanti e strategici per il

Dettagli

PROTOTIPAZIONE DI UN TRADUTTORE DA SORGENTE PLC AD ASSEMBLY DI UNA MACCHINA VIRTUALE

PROTOTIPAZIONE DI UN TRADUTTORE DA SORGENTE PLC AD ASSEMBLY DI UNA MACCHINA VIRTUALE PROTOTIPAZIONE DI UN TRADUTTORE DA SORGENTE PLC AD ASSEMBLY DI UNA MACCHINA VIRTUALE Relatore: prof. Michele Moro Laureando: Marco Beggio Corso di laurea in Ingegneria Informatica Anno Accademico 2006-2007

Dettagli

Tecnologie Informatiche. voice. Telefonia IP e VoIP

Tecnologie Informatiche. voice. Telefonia IP e VoIP Tecnologie Informatiche Telefonia IP e VoIP Tecnologie Informatiche Neth Voice è un nuovo sistema telefonico aperto e integrato con la rete informatica dell azienda che, sfruttando le potenzialità delle

Dettagli

EVALITA 2011. NXT Speech. Utilizzo di comandi vocali nell'interazione con robot Lego Mindstorm NXT CANGIANO GENNARO

EVALITA 2011. NXT Speech. Utilizzo di comandi vocali nell'interazione con robot Lego Mindstorm NXT CANGIANO GENNARO EVALITA 2011 NXT Speech Utilizzo di comandi vocali nell'interazione con robot Lego Mindstorm NXT CANGIANO GENNARO Università degli Studi di Napoli Federico II Indice generale 1.Introduzione...3 2.Hardware...3

Dettagli

Definizione e struttura della comunicazione

Definizione e struttura della comunicazione Definizione e struttura della comunicazione Sono state date molteplici definizioni della comunicazione; la più semplice e comprensiva è forse questa: passaggio di un'informazione da un emittente ad un

Dettagli

Fondamenti di Informatica Laurea in Ingegneria Civile e Ingegneria per l Ambiente e il Territorio

Fondamenti di Informatica Laurea in Ingegneria Civile e Ingegneria per l Ambiente e il Territorio Dipartimento di Ingegneria dell Informazione Università degli Studi di Parma Fondamenti di Informatica Laurea in Ingegneria Civile e Ingegneria per l Ambiente e il Territorio Rappresentazione dell Informazione

Dettagli

Architetture Web. parte 1. Programmazione in Ambienti Distribuiti A.A. 2003-04

Architetture Web. parte 1. Programmazione in Ambienti Distribuiti A.A. 2003-04 Architetture Web parte 1 Programmazione in Ambienti Distribuiti A.A. 2003-04 Architetture Web (1) Modello a tre livelli in cui le interazioni tra livello presentazione e livello applicazione sono mediate

Dettagli

CREARE PRESENTAZIONI CON POWERPOINT

CREARE PRESENTAZIONI CON POWERPOINT CREARE PRESENTAZIONI CON POWERPOINT Una presentazione è un documento multimediale, cioè in grado di integrare immagini, testi, video e audio, che si sviluppa attraverso una serie di pagine chiamate diapositive,

Dettagli

Contenuti. Visione macroscopica Hardware Software. 1 Introduzione. 2 Rappresentazione dell informazione. 3 Architettura del calcolatore

Contenuti. Visione macroscopica Hardware Software. 1 Introduzione. 2 Rappresentazione dell informazione. 3 Architettura del calcolatore Contenuti Introduzione 1 Introduzione 2 3 4 5 71/104 Il Calcolatore Introduzione Un computer...... è una macchina in grado di 1 acquisire informazioni (input) dall esterno 2 manipolare tali informazioni

Dettagli

Esercitazione 8. Basi di dati e web

Esercitazione 8. Basi di dati e web Esercitazione 8 Basi di dati e web Rev. 1 Basi di dati - prof. Silvio Salza - a.a. 2014-2015 E8-1 Basi di dati e web Una modalità tipica di accesso alle basi di dati è tramite interfacce web Esiste una

Dettagli

Come utilizzare i corsi Let s Do Business

Come utilizzare i corsi Let s Do Business Come utilizzare i corsi Let s Do Business Livello linguistico richiesto Importante: Gli studenti devono possedere un livello di comprensione basico della lingua inglese per usufruire del corso. Ulteriore

Dettagli

VoiceManager. Guida all uso

VoiceManager. Guida all uso VoiceManager Guida all uso Terza edizione ottobre 2014 Voice Manager Sommario Sommario... 3 Voice Manager... 4 1 Introduzione... 4 2 Uso del sistema di riconoscimento vocale... 5 3 Funzionamento del riconoscitore

Dettagli

Accessibilità del sito web del Comune di Triggiano

Accessibilità del sito web del Comune di Triggiano Accessibilità del sito web del Comune di Triggiano Il Comune di Triggiano, già attento nella precedente versione del suo sito web al tema dell'accessibilità delle informazioni, ha riprogrammato tutte le

Dettagli

Fondamenti di Informatica Laurea in Ingegneria Civile e Ingegneria per l ambiente e il territorio

Fondamenti di Informatica Laurea in Ingegneria Civile e Ingegneria per l ambiente e il territorio Dipartimento di Ingegneria dell Informazione Università degli Studi di Parma Fondamenti di Informatica Laurea in Ingegneria Civile e Ingegneria per l ambiente e il territorio Il software di base Software

Dettagli

Informatica Documentale

Informatica Documentale Informatica Documentale Ivan Scagnetto (scagnett@dimi.uniud.it) Stanza 3, Nodo Sud Dipartimento di Matematica e Informatica Via delle Scienze, n. 206 33100 Udine Tel. 0432 558451 Ricevimento: giovedì,

Dettagli

LICEO STATALE C. TENCA MILANO Dipartimento di Lingue PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE DI LINGUE E CULTURE STRANIERE

LICEO STATALE C. TENCA MILANO Dipartimento di Lingue PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE DI LINGUE E CULTURE STRANIERE MILANO PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE DI LINGUE E CULTURE STRANIERE STRUTTURA DELLA DISCIPLINA 2 Riflessione sulla lingua Dimensione comunicativa-funzionale Dimensione letteraria 3 Articolazione della disciplina

Dettagli

Conformità: Conforme; tutte le pagine sono realizzate con linguaggio XHTML 1.0 Strict.

Conformità: Conforme; tutte le pagine sono realizzate con linguaggio XHTML 1.0 Strict. Tasti di accesso rapido Al fine di migliorare l'accessibilità del sito sono stati definiti i seguenti tasti di accesso rapido, per attivare le principali funzionalità offerte: [H] = Homepage [R] = Ricerca

Dettagli

Decreto Ministeriale 8 luglio 2005 Requisiti tecnici e i diversi livelli per l'accessibilità agli strumenti informatici

Decreto Ministeriale 8 luglio 2005 Requisiti tecnici e i diversi livelli per l'accessibilità agli strumenti informatici Decreto Ministeriale 8 luglio 2005 Requisiti tecnici e i diversi livelli per l'accessibilità agli strumenti informatici IL MINISTRO PER L'INNOVAZIONE E LE TECNOLOGIE - Vista la legge 9 gennaio 2004, n.

Dettagli

DRAGON DICTATE PER MAC 3 MATRICE DELLE FUNZIONI CONFRONTO PER PRODOTTO

DRAGON DICTATE PER MAC 3 MATRICE DELLE FUNZIONI CONFRONTO PER PRODOTTO DICTATE PER MAC 3 Riconoscimento vocale Convertite la voce in testo Precisione fino al 99% Velocità Le parole appaiono sullo schermo ad una velocità tre volte superiore a quella di battitura Elaborazione

Dettagli

Sintesi della Lingua Italiana dei Segni mediante l utilizzo del Motion Capture e dei metodi procedurali

Sintesi della Lingua Italiana dei Segni mediante l utilizzo del Motion Capture e dei metodi procedurali Sintesi della Lingua Italiana dei Segni mediante l utilizzo del Motion Capture e dei metodi procedurali Andreea Barticel Introduzione Le lingue dei segni rappresentano il mezzo principale di comunicazione

Dettagli

Manuale Utente Portale utente, codici di accesso & Casella vocale per il centralino 3CX Versione 7.0

Manuale Utente Portale utente, codici di accesso & Casella vocale per il centralino 3CX Versione 7.0 Manuale Utente Portale utente, codici di accesso & Casella vocale per il centralino 3CX Versione 7.0 Copyright 2006-2008, 3CX ltd. http:// E-mail: info@3cx.com Le Informazioni in questo documento sono

Dettagli