L Istituto Tecnico Industriale Ercolino Scalfaro Racconta la sua storia

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "L Istituto Tecnico Industriale Ercolino Scalfaro Racconta la sua storia"

Transcript

1 L Istituto Tecnico Industriale Ercolino Scalfaro Racconta la sua storia

2

3 Introduzione Conoscere la storia e le radici della propria scuola è indispensabile per proiettarsi in scenari identitari da apprezzare e costruire, nei quali vivere e declinare la realizzazione del proprio Sé, come è accaduto alle generazioni del passato. È questo un processo di crescita sociale e cittadina che avviene in un epoca storica e culturale in cui la visione del futuro non è sempre così definita, anzi è rappresentata come densa di difficoltà e appare compromessa dalla crisi globale degli ideali, delle risorse e delle attese. Tentare di rivitalizzare il presente attraverso il ritorno ai valori della storia dei propri avi e della propria scuola in un appropriata situazione sociale e relazionale è buona regola per impostare un progetto di vita responsabile e partecipata. Così è l esperienza pratica vissuta, in modalità di alternanza scuola-lavoro, da questo gruppo di giovani studenti seguiti da una valida equipe di docenti e professionisti in un percorso educativo laboratoriale effettuato nel mondo dell Editoria di grande esperienza che ha permesso loro di potenziare e motivare meglio i propri interessi culturali e le attese di vita. Un metodo, quello dell alternanza scuola-lavoro, che consente, con buoni risultati, di vivere una reale full-immersion nel mondo lavorativo con continue e numerose esercitazioni individuali e di gruppo attraverso il sostegno di tutor competenti. Sono certo che questa esperienza, vissuta a metà tra Scuola e Azienda, oltre al piacere della ricerca e dello studio nel riscoprire la storia della propria scuola, avrà una sicura ricaduta per l arricchimento del curricolo degli studenti partecipanti. Il Direttore Generale Diego Bouchè 3

4

5 Premessa Questa pubblicazione nasce dal desiderio di offrire un informazione sulla storia dell Istituto Industriale Ercolino Scalfaro (ora Istituto Tecnico Settore Tecnologico), ripercorrendo più di un secolo di storia, di fatti e di eventi significativi del nostro passato. L Istituto, infatti, ha rappresentato e rappresenta per la sua tradizione uno dei più attivi Istituti Superiori della città fornendo i quadri dirigenti del nostro sistema produttivo. Ancora oggi è in grado di preparare i giovani con una specializzazione sempre più raffinata e rispondente ai bisogni di una economia orientata verso il Sapere Tecnologico e Scientifico. L Istituto Scalfaro, sorto come Antica Scuola di Arti e Mestieri per l insegnamento delle arti della seta, ceramica, falegnameria e meccanica, nel tempo è diventato un riferimento culturale per i giovani del comprensorio catanzarese, sia perché si trova nel cuore pulsante della città, sia perché il conseguimento di un titolo di studio presso di esso offre agli studenti opportunità di lavoro e sbocchi professionali. Come è noto i nostri diplomati possono svolgere la loro attività alle dipendenze di aziende di settore, oppure come liberi professionisti, dopo l iscrizione all albo professionale dei periti. Possono, altresì, continuare gli studi in ambito universitario. Così è stato per decenni e continua ad essere, nonostante il particolare periodo di crisi occupazionale che l intero paese sta attraversando. L opera è meritevole di considerazione per l accurata ricerca storiografica effettuata dalla Prof.ssa Clara Trovato presso l Archivio Storico Comunale e per la ricca rassegna fotografica curata dalla Prof.ssa Lucia Nocera. Con il loro impegno le docenti hanno messo in evidenza particolari artistici e storici, che inseriscono, a giusta ragione, l Istituto Scalfaro tra le costruzioni cittadine a più alto valore architettonico. È anche il risultato di un esperienza di alternanza scuola/lavoro condotta da alcuni alunni dell Istituto presso la Casa Editrice Rubbettino di Soveria Mannelli. Gli studenti, guidati sapientemente dagli esperti aziendali e dal tutor della scuola Prof. Giovanni Lucia, ne hanno curato l edizione digitale e cartacea, dimostrando come il sistema produttivo locale e le istituzioni scolastiche possano incontrarsi e reciprocamente arricchirsi. A tutti loro e a tutto il personale della scuola: collaboratori, assistenti e docenti, un vivo ringraziamento per il contributo dato nel mantenere vivo il prestigio dell Istituto Scalfaro. La Dirigente Teresa Romano 5

6

7 Nel 1898 il Comune di Catanzaro deliberò l avvio di una Scuola di Arti e Mestieri con specializzazioni per elettrotecnici, ceramisti, meccanici ed ebanisti. L iniziativa dell Amministrazione comunale venne appoggiata dal Consiglio della Provincia ed ottenne inoltre il validissimo aiuto dell on. Gaspare Colosimo, allora Sottosegretario di Stato al Ministero di Agricoltura Industria e Commercio: fu così che con Regio Decreto del 12 marzo 1899 fu fondata la Scuola di Arti e Mestieri di Catanzaro dotata di un assegno annuo di , di cui da parte dello Stato, dalla Provincia, dal Comune e dalla Camera di Commercio. Il Comune, non avendo locali disponibili, ubicò la scuola nel pianterreno e nei sotterranei dell allora orfanotrofio maschile Rossi: sistemazione questa che non poteva certo soddisfare le esigenze di una scuola propriamente detta. Gli orfani di Catanzaro 7

8 In un vecchio Memorandum del Consiglio di Amministrazione della Scuola l ambiente viene così descritto: locali angusti ed in parte umidi ed oscuri, siti in una delle meno frequentate strade della città. Per un certo tempo quindi l istituzione orfanotrofio e la scuola condivisero gli spazi non certo però senza fastidiose interferenze: frequenti furono infatti gli incidenti tra gli impiegati dei due istituti e le divergenze tra le due amministrazioni. Laboratorio di protesi 8

9 Laboratorio di falgnameria 9

10 Laboratorio dei giocattoli 10

11 L unica ragione plausibile per alloggiare la scuola nel fabbricato dell orfanotrofio era quella di avviare alle arti ed ai mestieri gli orfani del pio istituto e ciò era auspicabile sia per dare loro un arte proficua sia per formare un vivaio di alunni alla nascente scuola. Un nobilissimo intento! Tuttavia, come spesso accade, nessuno pensò alla mancanza della scuola elementare che necessariamente doveva costituire la formazione di base per accedere all istruzione successiva. Anzi, l Amministrazione dell Orfanotrofio, con l adesione del Consiglio Comunale, ripristinò la scuola di musica e la sala dei concerti della Banda municipale! La Scuola di Arti e Mestieri così anziché un utile ne ebbe un danno gravissimo dovendo subire, in quasi tutte le ore del giorno, il frastuono degli strumenti musicali. La Banda musicale degli orfanelli 11

12 Regnava davvero una grande confusione nella coesistenza di due realtà, anche sociali, così distanti. L Amministrazione della scuola comprese che, senza cambiare di sede, non si poteva certo sperare in un regolare funzionamento e molto meno in un serio sviluppo dell istituzione. D altra parte il Comune di Catanzaro, pur convinto dell esigenza di costruire un nuovo edificio da destinare alla scuola di Arti e Mestieri, non disponeva di risorse finanziarie sufficienti allo scopo. Fu fatto, nel 1905, un primo modesto progetto di che fu poi elevato a e su di esso fu contratto un prestito con la Cassa Depositi e Prestiti Fortunatamente (sic! si trova riportato nel Memorandum), in seguito al devastante terremoto dell 8 settembre 1905, la benefica legge approvata per la ricostruzione intervenne a sopperire alle scarse economie delle varie amministrazioni locali. Il Comune di Catanzaro mise a disposizione un aera in via Indipendenza e appaltò la costruzione del nuovo edificio all impresa Mancusi. Veduta di via Indipendenza prima della costruzione dell Industriale 12

13 Su queste basi la Scuola di Arti e Mestieri, con R. Decreto del 6 giugno 1907, venne trasformata in Regia Scuola Industriale. Regio Decreto 6 giugno

14 Sopravvenuto il terremoto del 28 dicembre 1908 si dovettero sospendere i lavori ed in seguito le norme antisismiche, disposte con Regio Decreto 18 aprile 1909, resero addirittura impossibile il completamento dell edificio. Fu così presentato un altro progetto redatto dall ing. Domenico De Francesco, che teneva conto della nuova normativa e che però solo per la muratura e copertura del tetto, comportava una spesa ulteriore di Dopo parecchie insistenze la somma necessaria venne stanziata nel bilancio del Ministero di Agricoltura come sovvenzione straordinaria per lavori complementari ai locali della Regia Scuola Industriale di Catanzaro. La continuazione dei lavori fu appaltata all impresa Davide Rossi. Senonché nella richiesta fatta dal Genio Civile di si era tenuto conto solo della muratura e della copertura del fabbricato e non era stato previsto tutto quello che era necessario per completare l opera: sistemazione esterna dei condotti luridi e delle acque piovane, costruzione della strada di accesso all officina meccanica, costruzione della fonderia. Non era stato calcolato neanche il costo di porte, finestre, inferriate che, sebbene eseguite nelle officine della scuola, comportavano parecchie migliaia di lire per l acquisto della materia prima e il pagamento della mano d opera in aiuto agli alunni. La nuova sede della Scuola, inaugurata nel novembre del 1912, era appena nata ma già aveva un debito di lire! Si dovette attendere una nuova legge nel 1913, sotto forma di Testo Unico, che rese possibile avanzare un ulteriore richiesta di fondi. I lavori procedettero, con varie interruzioni, per decenni. 14

15 Un aula dell Istituto Tecnico Industriale del

16 Le superfetazioni che seguirono sono tuttora riconoscibili: ampliamenti, sopraelevazioni, nuovi corpi di fabbrica. Insomma, l edifico si trasformò negli anni sotto gli occhi degli abitanti della città, alimentando le loro speranze e a tratti scoraggiandoli. Foto dell istituto prima della sopraelevazione 16

17 Foto dell istituto prima della costruzione dell ultimo corpo di fabbrica 17

18 Ma tale era la bellezza del nuovo Istituto, che il solo completarlo nella struttura e nelle finiture sembrava essere poca cosa rispetto all impresa e al tempo occorso per la sua realizzazione. La facciata fu progettata dall ing. Antonio Rosati con la collaborazione dei professori Illuminati e Sparaciari della Regia Scuola Industriale di Terni e nel 1948, con l esecuzione della magnifica scalinata interna, la costruzione fu portata finalmente a compimento. 18

19 Il risultato fu un pregevole edificio dalle linee semplici ed eleganti, adorno di splendide decorazioni che, arricchendolo e smorzandone l austerità, ne rafforzarono il pregio e il significato. Nel 1992, l Amministrazione Provinciale ha proceduto ad una radicale,ingegnosa e costosissima ristrutturazione. Gli ingegneri Giovanni e Domenico Angotti, rispettosi dell architettura originale, con il loro progetto hanno reso l Istituto uno dei più belli e moderni edifici della città di Catanzaro. I fregi, gli ornamenti, le decorazioni simboliche che impreziosiscono l edificio danno oggi l opportunità ai docenti, agli allievi e a tutti coloro che ammirano la scuola di soffermarsi sul valore dell impegno come era inteso nel tempo passato per farne tesoro nel loro attuale. 19

20 Descrizione dei fregi, degli ornamenti e delle decorazioni dell edificio 20

21 Sulla facciata principale si possono ammirare partendo dall alto: Lo stemma reale: la scuola infatti nel 1907 ottenne lo status di Regia Scuola. Lo stemma, composto dalla croce sabauda sormontata dalla corona reale e attorniata dal Collare del Supremo Ordine della SS. Annunziata (massima onorificenza di Casa Savoia), si trova al di sopra della intestazione dell Istituto. 21

22 Subito sotto si trova quello che possiamo definire il vero simbolo della scuola: l Ape. 22

23 L Ape ha un valore simbolico ricollegato alla sua operosità. Infatti la capacità dell ape di trasformare il polline in miele si può accomunare al lento lavoro iniziatico. Al frutto del suo lavoro è attribuito un grande valore esoterico, per via del miele che serve alla preparazione dell ambrosia, bevanda sacra presso i Celti, i Germani e i Greci, o della cera, per la composizione dei ceri, oggetti rituali e sacri. Essa è emblema dell eterna rinascita e del rinnovarsi della natura a causa della sua sparizione nei mesi invernali e del ritorno in primavera. Per molto tempo l ape ha avuto una importante funzione economica, oltre che simbolica e magica; il miele è il primo dolcificante conosciuto dall uomo. Inoltre il rapporto uomo-ape è sempre stato un rapporto privilegiato rispetto a qualsiasi altro rapporto uomo-insetto, non è mai stato accompagnato da ribrezzo o paura e, nonostante l ape possegga un potenziale pericoloso, è sempre stata elevata a simbolo di socialità e operosità. 23

24 Ai lati della intestazione si possono ammirare due riquadri apparentemente speculari che raffigurano due quadrighe: 24

25 Le differenze che vi sono tra queste decorazioni possono rimandare a spiegazioni diverse: nel riquadro di sinistra potrebbe essere rappresentato il carro del Sole, il cui auriga nella mitologia era il dio Apollo, il dio della poesia e come tale protettore delle Muse. Era anche il dio della saggezza e della profezia: nel tempio di Delfi a lui dedicato infatti erano incise due famose massime volte a richiamare l uomo alla moderazione e alla consapevolezza dei propri limiti: Nulla di troppo e Conosci te stesso. Nel riquadro di destra invece si può notare un grande scudo che potrebbe far supporre che si tratti della quadriga di Ares, il dio della guerra che personificava tutta la crudeltà, la ferocia e la distruzione della guerra. Ares aveva una quadriga trainata da quattro cavalli immortali dal respiro infuocato, legati al carro con finimenti d oro. Nella mitologia latina è identificato come Marte e fu un dio particolarmente onorato in quanto considerato il padre di Romolo e Remo. 25

26 Questa spiegazione sembra essere confermata dai volti femminili che si trovano al di sotto dei riquadri: sotto il carro di Apollo il volto è sorridente, sotto il carro di Ares è invece deformato da un espressione di terrore. 26

27 Al di sotto si trovano quattro riquadri in cui sono rappresentati gli antichi mestieri I falegnami I forgiai I tornitori I meccanici 27

28 Ai lati del balcone centrale si tovano le aquile. 28

29 L Aquila rappresenta il dominio e la legalità e fu l insegna dell Impero Romano. È il re di tutti gli uccelli ed avendo il dominio assoluto dell aria si può considerare l equivalente celeste del leone. In tutte le tradizioni essa incarna la potenza cosmica. Dalle sue qualità reali o presunte deriva la sua simbologia. Il suo librarsi verso l alto nel cielo, fino ad altezze impossibili per l uomo, lo rende simbolo di qualsiasi movimento ascensionale, dalla terra al cielo, dal mondo materiale al mondo spirituale, dalla morte alla vita. Elevandosi verso l alto, può alimentarsi del fuoco superiore, presente in massima misura nel sole, con un conseguente ringiovanimento. Subito sotto ci sono delle decorazioni, sormontate da api, su cui sono incise due date molto importanti per l Istituto: sulla destra il 1907, anno in cui diventa Regia Scuola sulla sinistra il 1915, anno in cui diventa Regia Scuola Industriale di 2 grado. Subito sotto i riquadri delle date ci sono gli strumenti di lavoro: il maglio che rimanda alla specializzazione dei meccanici, è inserito in una corona di quercia, simbolo di forza, nobiltà, potenza e di vigore sia fisico che morale; la sega e la squadra che richiamano la specializzazione dei falegnami, sono inserite in una corona di pigne, simbolo di illuminazione spirituale. 29

30 Continuando a scendere si trovano gli stemmi delle Amministrazioni locali che hanno contribuito alla costruzione dell edificio: la Provincia e il Comune di Catanzaro 30

31 Lo stemma della Provincia è circondato da una cornice adorna di agrumi: il significato simbolico di questi frutti rimanda all abbondanza, alla fecondità, alla vitalità, all espansione e alla crescita personale. Quello del Comune è inserito in una cornice di melagrane. Il simbolo del melograno si collega a quello più generale dei frutti con molti semi: è un simbolo di fecondità e di discendenza numerosa. Per la mistica cristiana i semi delle melagrane simboleggiano la perfezione divina nei suoi innumerevoli effetti, la rotondità del frutto è ritenuta espressione dell eternità divina e il succo è considerato il godimento dell anima che ama e conosce. Secondo la simbologia cristiana e cattolica il melograno rappresenta dunque l energia vitale, l espressione dell esuberanza della vita, e significa fecondità, abbondanza, amore ardente, carità, umiltà, unione di tutti i figli della Chiesa. 31

32 Proprio sotto il balcone è raffigurato il Pellicano 32

33 Presso gli antichi romani, questo uccello era il simbolo dell altruismo e della generosità spinta fino all estremo sacrificio della propria vita. Secondo la leggenda, infatti, la femmina del pellicano in mancanza di cibo si strappa la carne dal petto per sfamare i suoi piccoli. Fin dai primi secoli della sua storia, il Cristianesimo ha fatto propria questa figura per simboleggiare Gesù Cristo che si dà ai suoi fedeli nell Eucarestia (il Suo Corpo e il Suo Sangue) come cibo spirituale. Il pellicano è una figura rappresentativa anche in altre culture, infatti i musulmani considerano lo stesso un uccello sacro poiché, come narra una loro leggenda, allorché i costruttori della Ka ba dovettero interrompere i lavori per mancanza d acqua, stormi di pellicani avrebbero trasportato nelle loro borse naturali l acqua occorrente a consentire il completamento dell importante costruzione sacra. Prima i Rosacroce (nel XVII secolo) e in seguito la Massoneria si sono impadroniti di questo simbolo attribuendogli un significato tutto esoterico: il pellicano rappresenterebbe la setta che ciba i suoi adepti con la dottrina massonica. Il pellicano è dunque simbolo della forza spirituale che alimenta il lavoro finalizzato alla ricerca della perfezione. 33

34 Il cornicione dell edificio poi è impreziosito da fregi che raffigurano l ape, che in verità compare dappertutto in quanto vero simbolo dell Istituto, e fregi che raffigurano pezzi meccanici azionati da mani operose. 34

35 Per entrare nella scuola si passa attraverso un pregevole cancello di ferro, opera degli studenti dell Istituto. 35

36 All ingresso, prima di oltrepassare il portone, si trovano sulla sinistra il leone alato: 36

37 Il Leone alato, rappresentazione simbolica dell evangelista Marco, è solitamente accompagnato da un aureola, una spada e un libro sotto la zampa anteriore destra sulla quale è presente il motto: Pax tibi Marce, evangelista meus (Pace a te, Marco, mio evangelista). La rappresentazione di San Marco in forma di leone alato ha un suo significato nell iconografia cristiana: il leone simboleggia la forza della parola dell evangelista, le ali l elevazione spirituale, mentre l aureola è il simbolo cristiano della santità. Moltissime sono le sue differenti raffigurazioni che possiamo ritrovare negli emblemi ufficiali: il leone rampante : di profilo, ritto sulle zampe posteriori; il leone in moleca : di fronte, seduto, con le ali spiegate a ventaglio, con un aspetto simile a quello di un granchio (in veneziano moeca è il nome dei piccoli granchi in periodo di muta). in soldo o in gazzetta : seduto con le ali spiegate a ventaglio e nimbato; vessillifero : leone rampante che sorregge un vessillo passante : di profilo con la zampa anteriore destra appoggiata sopra al libro. Esistono poi numerose interpretazioni simboliche delle combinazioni di questi elementi: con il solo libro aperto (come nella foto) è ritenuto simbolo della sovranità dello Stato; con il solo libro chiuso è invece ritenuto simbolo della sovranità delegata e quindi delle pubbliche magistrature, con il libro aperto e la spada a terra è ritenuto popolarmente simbolo della condizione di pace mentre con il libro chiuso e la spada impugnata della condizione di guerra, infine con il libro aperto e la spada impugnata sarebbe simbolo della pubblica giustizia. 37

38 Sulla destra è affissa una lastra di marmo su cui sono ricordati i nomi dei giovani catanzaresi che come E.Scalfaro morirono nel corso della prima guerra mondiale. 38

39 Dal 1929 la scuola è intestata ad Ercolino Scalfaro ERCOLINO SCALFARO Capitano di Fanteria 19 Reggimento Fanteria della Brigata Brescia luogo di nascita: Catanzaro (CZ) Data del conferimento: D.L. Alla memoria. Motivo del conferimento: Progettava ed effettuava, con quattro soldati, sotto intenso fuoco, la posa di tubi esplosivi nei reticolati nemici, facendoli brillare ed aprendo così una larga breccia. Successivamente si slanciava, con mirabile ardimento, all attacco del trinceramento avversario e cadeva mortalmente ferito. Nell attesa del suo successore, sollevatosi alquanto, continuò a tenere il comando della compagnia, interessandosi dell azione che si svolgeva più che della ferita riportata, finché una violenta emorragia lo uccise. Dedicò, con invitto valore, alla Patria, gli ultimi istanti della sua nobile esistenza. Sella San Martino, Sdraussina, 16 luglio e 18 luglio

40 Sia all esterno che all interno dell Istituto ci sono inoltre molti stucchi che raffigurano altri elementi simbolici: Il Girasole 40

41 Il Girasole ha da sempre una valenza simbolica. Sin dall epoca del suo arrivo in Europa dal Nuovo Mondo, agli inizi del 500, la sua naturale reattività al moto del sole è stata interpretata come l attrazione esercitata dal divino sull umile frutto della terra. Esso è stato dunque associato all amore dell umanità per Dio ed in particolare per Gesù Cristo, luce del mondo. Ma in quanto simbolo di adorazione, devozione, rispetto, gratitudine e ammirazione, il girasole è stato utilizzato anche per raffigurare diversi generi di amore profano: quello tra suddito e sovrano, tra figlio e genitore, tra amanti e tra amici. Secondo una tradizione inca, i figli del dio Sole partirono alla volta della Terra per salvare gli umani dalla loro condizione selvaggia e brutale portando con sé un cuneo d oro e l immagine del padre raffigurata in un fiore, il girasole. I due fratelli decisero di stabilire la loro dimora là dove il cuneo si fosse piantato senza sforzo nella terra. Accadde in Perù, nella valle chiamata Cuzco, ovvero ombelico, dove i figli del dio Sole si fermarono, piantarono il girasole e regnarono per lungo tempo in modo magnanimo e tollerante. 41

42 La Chiocciola e la Spiga 42

43 La Chiocciola evoca il lento percorso spirituale, infatti il processo di iniziazione esige tempo e pazienza. L iniziato, nel suo cammino deve muoversi con prudenza, con pazienza, economizzando le sue forze: tutte qualità che ritroviamo nella Chiocciola. Il guscio o conchiglia della Chiocciola rappresenta il contenente, il ricettacolo, per analogia la matrice, che esprime la fecondità, la gestazione. La forma a spirale della sua conchiglia esprime l evoluzione ascensione, indicando il moto universale di aspirazione verso l alto. Una credenza popolare vuole che la Chiocciola fosse un indovina e conoscesse il futuro; come tale essa rappresenterebbe l incarnazione della saggezza della precognizione e dell intelligenza intuitiva. La Spiga dorata che al suo interno racchiude i preziosi chicchi di grano è sempre stata, fin dall antichità, il simbolo della fertilità della terra. Ma oltre a questi significati di carattere più pratico, ci sono anche significati di carattere più sottile. La spiga dorata che, nella sua longilinea armonia, si erge verso il cielo, più che una pianta, sembra un gioiello, una materializzazione della luce solare e, in questa ottica, diventa rappresentazione del divino che si manifesta in forma sensibile. 43

44 All interno della scuola oltre agli elementi decorativi già presenti nella facciata, 44

45 troviamo la magnifica scalinata. 45

46 Nella pietra sono scolpiti girasoli, fanciulle che reggono spighe di grano, 46

47 api che suggono il nettare da girasoli, 47

48 puttini che mangiano favi di miele, e infine, al centro del parapetto, un ape inserita in un cuscinetto a sfera. 48

49 49

50 Proprio sopra la porta del Cenacolo, la bella Aula Magna della scuola, è posto un bassorilievo che verosimilmente rappresenta: il Progresso. È raffigurato un uomo possente, dotato di ali e con delle catene spezzate ai polsi ed alle caviglie. Una possibile interpretazione è che si tratti appunto del progresso che l uomo, grazie alla forza del suo ingegno (rappresentata dalle ali che gli consentono di elevarsi), realizza liberandosi dalla schiavitù dell ignoranza (le catene spezzate). 50

51 La sala degli ottagoni Questa splendida sala, oggi adibita a Biblioteca e Sala docenti, è impreziosita da un soffitto a cassettoni ottagonali. A livello spirituale l ottagono rappresenta il tentativo dell uomo di elevarsi ed infatti la forma ottagonale è simbolo della resurrezione e della mediazione tra la Terra e il Cielo. 51

52 Dedicato agli studenti ed ai loro genitori, ai docenti, al personale amministrativo e a tutti coloro che hanno la fortuna di poter operare in un così bell Istituto! Si ringrazia: Il Comune di Catanzaro La Provincia di Catanzaro L Archivio Storico Comunale La Biblioteca comunale De Nobili Lo Studio Angotti

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Commento al Vangelo Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione fra Luca Minuto Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Dal Vangelo secondo Matteo In quel tempo, gli undici discepoli andarono in Galilea, sul monte

Dettagli

MESSAGGIO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI PER LA XLVI GIORNATA MONDIALE DELLE COMUNICAZIONI SOCIALI

MESSAGGIO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI PER LA XLVI GIORNATA MONDIALE DELLE COMUNICAZIONI SOCIALI MESSAGGIO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI PER LA XLVI GIORNATA MONDIALE DELLE COMUNICAZIONI SOCIALI Silenzio e Parola: cammino di evangelizzazione Cari fratelli e sorelle, all avvicinarsi della Giornata

Dettagli

Tanti luoghi, tanta storia, tanti volti nella memoria

Tanti luoghi, tanta storia, tanti volti nella memoria Tanti luoghi, tanta storia, tanti volti nella memoria 4 ottobre 2015 Giornata delle famiglie al Museo PROGETTO: Liliana Costamagna Progetto Grafico: Roberta Margaira Questo album ti accompagna a scoprire

Dettagli

Curricolo verticale di Religione Cattolica

Curricolo verticale di Religione Cattolica Curricolo verticale di Religione Cattolica Classe Prima Primaria Indicatori Obiettivi di apprendimento 1. DIO E L UOMO 2. LA BIBBIA E LE ALTRE FONTI 3. IL LINGUAGGIO RELIGIOSO 1.1 Scoprire che la vita,

Dettagli

Carissimi amici. Bellissima Primavera a voi! N 2 Gennaio-Marzo 2012

Carissimi amici. Bellissima Primavera a voi! N 2 Gennaio-Marzo 2012 Newsletter Essena N 2 Gennaio-Marzo 2012 Carissimi amici Bellissima Primavera a voi! Siamo molto felici di ritrovarvi in occasione di questa nuova stagione che sta per fiorire fra qualche tempo e che abbiamo

Dettagli

CENA PASQUALE EBRAICA

CENA PASQUALE EBRAICA PARROCCHIA B.V.M. IMMACOLATA CENA PASQUALE EBRAICA per i ragazzi della Prima Comunione Sabato 4 aprile 2009 - Ore 16,00 CAPPUCCINI ORISTANO 1 momento - La schiavitù del popolo d Israele (I ragazzi sono

Dettagli

ARCHITETTURA E LUCE La luce è l origine di tutto: dal momento in cui colpisce la superficie delle cose ne delinea i profili e producendo le ombre

ARCHITETTURA E LUCE La luce è l origine di tutto: dal momento in cui colpisce la superficie delle cose ne delinea i profili e producendo le ombre ARCHITETTURA E LUCE La luce è l origine di tutto: dal momento in cui colpisce la superficie delle cose ne delinea i profili e producendo le ombre dietro gli oggetti, ne coglie la profondità. La luce, nella

Dettagli

I Quaresima B. Padre, tu che ci doni il tuo Figlio come Vangelo vivente, fa che torniamo a te attraverso un ascolto rinnovato della tua Parola, pr.

I Quaresima B. Padre, tu che ci doni il tuo Figlio come Vangelo vivente, fa che torniamo a te attraverso un ascolto rinnovato della tua Parola, pr. I Quaresima B Padre buono, ti ringraziamo per aver nuovamente condotto la tua Chiesa nel deserto di questa Quaresima: donale di poterla vivere come un tempo privilegiato di conversione e di incontro con

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE RELIGIONE CATTOLICA

CURRICOLO VERTICALE RELIGIONE CATTOLICA Istituti Comprensivi di Udine allegato al Piano dell Offerta Formativa CURRICOLO VERTICALE Redatto sulla base delle Nuove Indicazioni Nazionali 2012 e I.N. 2007, in sintonia con le Raccomandazioni del

Dettagli

CELEBRARE O ESSERE SACRAMENTO DELLE NOZZE? Incontro diocesano dei percorsi di preparazione al matrimonio cristiano. (Marco e Cristina Bazzani)

CELEBRARE O ESSERE SACRAMENTO DELLE NOZZE? Incontro diocesano dei percorsi di preparazione al matrimonio cristiano. (Marco e Cristina Bazzani) CELEBRARE O ESSERE SACRAMENTO DELLE NOZZE? Incontro diocesano dei percorsi di preparazione al matrimonio cristiano. (Marco e Cristina Bazzani) IL SACRAMENTO DELL AMORE EUCARESTIA Nell Eucarestia il segno

Dettagli

8 Febbraio 2013 Festa di S. Giuseppina Bakhita: Incontro di Preghiera per eliminare la Tratta di Esseri Umani

8 Febbraio 2013 Festa di S. Giuseppina Bakhita: Incontro di Preghiera per eliminare la Tratta di Esseri Umani 8 Febbraio 2013 Festa di S. Giuseppina Bakhita: Incontro di Preghiera per eliminare la Tratta di Esseri Umani Introduzione: Oggi, nella festa di Santa Giuseppina Bakhita, ci uniamo in solidarietà con tutte

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE a. s. 2014-2015

PROGRAMMAZIONE ANNUALE a. s. 2014-2015 Scuola Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE FRATELLI CASETTI CREVOLADOSSOLA (VB) WWW.iccasetti.gov.it PROGRAMMAZIONE ANNUALE a. s. 2014-2015 RELIGIONE CATTOLICA COMPETENZE CHIAVE - competenze sociali

Dettagli

Scuola dell Infanzia Sacra Famiglia Via Roma,7 Arese

Scuola dell Infanzia Sacra Famiglia Via Roma,7 Arese Scuola dell Infanzia Sacra Famiglia Via Roma,7 Arese RIFERIMENTI LEGISLATIVI DAGLI ORIENTAMENTI PER IL CONTRIBUTO AI PIANI PERSONALIZZATI DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DI INSEGNAMENTO DI RELIGIONE CATTOLICA

Dettagli

Il Credo Il Cristiano è una persona che crede che Gesù Cristo quel Gesù lì è il suo Creatore, è il suo Dio

Il Credo Il Cristiano è una persona che crede che Gesù Cristo quel Gesù lì è il suo Creatore, è il suo Dio Il Credo Il Credo Il Cristiano è una persona che crede che Gesù Cristo, nato da Maria, nato a Betlemme, vissuto a Nazareth, quel Gesù di cui parlano i vangeli di Matteo, Marco, Luca, Giovanni, quel Gesù

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DI RELIGIONE CATTOLICA. C era una volta un Grande libro...che annunciava.. INSEGNANTE: ZICOMERI LAURA

PROGRAMMAZIONE DI RELIGIONE CATTOLICA. C era una volta un Grande libro...che annunciava.. INSEGNANTE: ZICOMERI LAURA PROGRAMMAZIONE DI RELIGIONE CATTOLICA C era una volta un Grande libro...che annunciava.. INSEGNANTE: ZICOMERI LAURA a.s.2015/2016 PREMESSA Insegnare Religione Cattolica nella scuola dell Infanzia significa

Dettagli

PROFEZIE SU BENEDETTO XVI E SUL PROSSIMO PAPA

PROFEZIE SU BENEDETTO XVI E SUL PROSSIMO PAPA PROFEZIE SU BENEDETTO XVI E SUL PROSSIMO PAPA Cari figli, la strada sarà breve per colui che verrà con il desiderio di fare un lungo cammino. Sappiate, voi tutti, che il fuoco si diffonderà in varie nazioni,

Dettagli

vivo noi tra VERSIONE MISTA strumenti per una didattica inclusiva Scarica gratis il libro digitale con i Contenuti Digitali integrativi

vivo noi tra VERSIONE MISTA strumenti per una didattica inclusiva Scarica gratis il libro digitale con i Contenuti Digitali integrativi Gruppo Scuola Nuova Percorsi facilitati per lo sviluppo e la valutazione della competenza religiosa è vivo tra noi strumenti per una didattica inclusiva Scarica gratis il libro digitale con i Contenuti

Dettagli

Giornata internazionale della Donna

Giornata internazionale della Donna Giornata internazionale della Donna ( venerdì 8 marzo 2013 ) «Tutto ciò che si fa alla Natura, si fa alle donne, e tutto ciò che si fa alla donne, si fa alla Natura. La donna e la Natura sono un tutt uno.»

Dettagli

Canti per i funerali. Ciclostilato in proprio Parrocchia di Castiglione Torinese

Canti per i funerali. Ciclostilato in proprio Parrocchia di Castiglione Torinese Canti per i funerali Ciclostilato in proprio Parrocchia di Castiglione Torinese SYMBOLUM 77 (84) 1. Tu sei la mia vita, altro io non ho Tu sei la mia strada, la mia verità Nella tua parola io camminerò

Dettagli

EUCARESTIA E SANTA MESSA

EUCARESTIA E SANTA MESSA EUCARESTIA E SANTA MESSA Cari figli, Gesù, così come è nei Cieli, è anche qui sulla Terra, presente nell Eucarestia. Gesù è presente nell Eucarestia per fortificare lo spirito di ognuno di voi. Rendete

Dettagli

OMELIA MESSA DEL GIORNO DI NATALE 2006

OMELIA MESSA DEL GIORNO DI NATALE 2006 OMELIA MESSA DEL GIORNO DI NATALE 2006 I. Vieni Signore Gesù!. Così la chiesa ha ripetuto spesso nella preghiera di Avvento. Così la chiesa, le nostre comunità, ciascuno di noi ha predisposto il cuore

Dettagli

DISCIPLINA: RELIGIONE CATTOLICA OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO TRE ANNI QUATTRO ANNI CINQUE ANNI

DISCIPLINA: RELIGIONE CATTOLICA OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO TRE ANNI QUATTRO ANNI CINQUE ANNI APPENDICE: INSEGNAMENTO DELLA RELIGIONE CATTOLICA SCUOLA DELL INFANZIA DISCIPLINA: RELIGIONE CATTOLICA COMPETENZA CHIAVE EUROPEA RELIGIONE CATTOLICA OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO TRE ANNI QUATTRO ANNI CINQUE

Dettagli

Unità Pastorale Cristo Salvatore. Proposta di itinerari per l iniziazione cristiana dei fanciulli e dei ragazzi

Unità Pastorale Cristo Salvatore. Proposta di itinerari per l iniziazione cristiana dei fanciulli e dei ragazzi Unità Pastorale Cristo Salvatore Proposta di itinerari per l iniziazione cristiana dei fanciulli e dei ragazzi 2 3 Introduzione LE DIMENSIONI DELLA FORMAZIONE CRISTIANA In qualsiasi progetto base di iniziazione

Dettagli

La vecchia chiesa parrocchiale dei Santi Simone e Giuda

La vecchia chiesa parrocchiale dei Santi Simone e Giuda La vecchia chiesa parrocchiale dei Santi Simone e Giuda Nel corso dei secoli, la vecchia parrocchiale di Sovico, subì notevoli trasformazioni. Dalle notizie esistenti, sappiamo che già nel XII secolo,

Dettagli

Le nove opere esposte a Matera sono ispirate all equilibrio che nell essere umano si stabilisce

Le nove opere esposte a Matera sono ispirate all equilibrio che nell essere umano si stabilisce Venerdì 18 luglio 2014 dalle ore 19 alle ore 20 nella sala meeting di Palazzo Gattini a Matera l artista Smerakda Giannini presenta Entità. Una personale di opere che ritraggono il lavoro di una fotografa

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE DI ISTITUTO SCUOLA DELL INFANZIA - PRIMARIA - SECONDARIA RELIGIONE CATTOLICA

CURRICOLO VERTICALE DI ISTITUTO SCUOLA DELL INFANZIA - PRIMARIA - SECONDARIA RELIGIONE CATTOLICA CURRICOLO VERTICALE DI ISTITUTO SCUOLA DELL INFANZIA - PRIMARIA - SECONDARIA RELIGIONE CATTOLICA L I.R.C., come ogni altra materia curricolare, contribuisce allo sviluppo delle competenze per l apprendimento

Dettagli

Sguardi sull invisibile

Sguardi sull invisibile CATERINA PICCINI DA PONTE Sguardi sull invisibile Icone e incisioni presentazione del Patriarca Emerito card. Marco Cè meditazioni sulle icone di Giorgio Maschio fotografie di Francesco Barasciutti Marcianum

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA DISCIPLINA: RELIGIONE CATTOLICA

SCUOLA PRIMARIA DISCIPLINA: RELIGIONE CATTOLICA SCUOLA PRIMARIA DISCIPLINA: RELIGIONE CATTOLICA TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE ALLA FINE DELLA SCUOLA PRIMARIA 1) L alunno riconosce che Dio si è rivelato attraverso Gesù, stabilendo con l

Dettagli

Preghiera per la beatificazione della Venerabile Serva di Dio. ISABELLA de ROSIS Fondatrice delle Suore Riparatrici del S. Cuore

Preghiera per la beatificazione della Venerabile Serva di Dio. ISABELLA de ROSIS Fondatrice delle Suore Riparatrici del S. Cuore Cenni Biografici Madre Isabella de Rosis appartiene a quella schiera di anime elette, che, nel secolo scorso, mentre si diffondevano tante teorie contrarie alla fede, diedero vita a non pochi Istituti

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA I.C. di CRESPELLANO PROGRAMMAZIONE ANNUALE RELIGIONE

SCUOLA PRIMARIA I.C. di CRESPELLANO PROGRAMMAZIONE ANNUALE RELIGIONE SCUOLA PRIMARIA I.C. di CRESPELLANO PROGRAMMAZIONE ANNUALE RELIGIONE ANNO SCOLASTICO 2015/16 INSEGNANTI: Chirico Cecilia Calì Angela Bevilacqua Marianna CLASSE PRIMA Competenze Disciplinari Competenze

Dettagli

IL CREATO DONO DI DIO. Dio Padre ha pensato a me come dono per gli altri

IL CREATO DONO DI DIO. Dio Padre ha pensato a me come dono per gli altri IL CREATO DONO DI DIO I bambini sono abituati a vedere gli elementi del creato come oggetti usuali in quanto facenti parte del loro universo percettivo, per questo è importante che possano scoprire il

Dettagli

II Domenica dell Avvento 5 dicembre 2010

II Domenica dell Avvento 5 dicembre 2010 per l Omelia domenicale a cura del Vescovo Mons. Vincenzo Bertolone II Domenica dell Avvento 5 dicembre 2010 Un cammino di conversione Introduzione In questa II Domenica d Avvento incontriamo due dei più

Dettagli

Religione Cattolica Classe 1 A.S. 2007/2008

Religione Cattolica Classe 1 A.S. 2007/2008 Religione Cattolica Classe A.S. 007/008 O.S.A. U.A. O.F. Contenuti Dio Creatore e Padre di tutti gli uomini Nuova scuola, nuovi compagni, io in crescita insieme agli altri Le bellezze della natura sono

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO SASSUOLO 2 NORD Via Zanella, 7 41049 Sassuolo (Mo) PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA CLASSI 1^ 2^ 3^ 4^ 5^

ISTITUTO COMPRENSIVO SASSUOLO 2 NORD Via Zanella, 7 41049 Sassuolo (Mo) PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA CLASSI 1^ 2^ 3^ 4^ 5^ Via Zanella, 7 41049 Sassuolo (Mo) PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA CLASSI 1^ 2^ 3^ 4^ 5^ ANNO SCOLASTICO 2015/2016 www.ic2sassuolonord.gov.it CURRICOLO IRC 6 11 anni Diocesi di Reggio Emilia

Dettagli

QUANTE EMOZIONI GESU

QUANTE EMOZIONI GESU SCUOLA DELL INFANZIA SACRA FAMIGLIA La Spezia PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA A.S. 2014-2015 QUANTE EMOZIONI GESU Al centro di qualsiasi programmazione nella scuola dell Infanzia ci deve

Dettagli

Orazioni in suffragio

Orazioni in suffragio Orazioni in suffragio delle anime del purgatorio SHALOM Orazioni in suffragio delle anime del purgatorio «Pietà di me, o Dio, secondo la tua misericordia: nel tuo grande amore cancella il mio peccato».

Dettagli

Poesie di Rolando Toro Araneda

Poesie di Rolando Toro Araneda Poesie di Rolando Toro Araneda Tratte da Lo imposible puede suceder Edicion Oasis Oaxaca, Mexico, 1995 TUTTI SIAMO UNO La forza che ci conduce È la stessa che accende il sole Che anima i mari E fa fiorire

Dettagli

CUNEO: A SPASSO PER IL CENTRO STORICO

CUNEO: A SPASSO PER IL CENTRO STORICO Dati percorso / itinerario : Responsabile percorso / itinerario : ISTITUTO GRANDIS Roberto Delprete CUNEO 0171-692623 12100 CUNEO (CN) cnis00300e@istruzione.it Italia http://www.grandiscuneo.it Fondata

Dettagli

La religione degli antichi greci

La religione degli antichi greci Unità di apprendimento semplificata Per alunni con difficoltà di apprendimento, per alunni non italofoni, per il ripasso e il recupero A cura di Emma Mapelli La religione degli antichi 1 Osserva gli schemi.

Dettagli

CHE COS È L INDULGENZA?

CHE COS È L INDULGENZA? CHE COS È L INDULGENZA? La dottrina dell'indulgenza è un aspetto della fede cristiana, affermato dalla Chiesa cattolica, che si riferisce alla possibilità di cancellare una parte ben precisa delle conseguenze

Dettagli

Illustri Autorità, Professori e Alunni,

Illustri Autorità, Professori e Alunni, Roma, 11 novembre 2010 Inaugurazione anno accademico Celebrazione eucaristica Omelia di monsignor Fernando Filoni Sostituto per gli Affari Generali della Segreteria di Stato Vaticano Illustri Autorità,

Dettagli

La chiesa, edificio di ieri e di oggi

La chiesa, edificio di ieri e di oggi La chiesa, edificio di ieri e di oggi Verso il III secolo l Ecclesiae domestica si trasforma in Domus Ecclesiae. L edificio ha la forma di un abitazione romana con il piano superiore destinato agli alloggi

Dettagli

1934: Amerigo Belloni: La nuova sede del liceo ginnasio Giuseppe Parini da Milano - Rivista mensile del Comune, febbraio 1934, pagg.

1934: Amerigo Belloni: La nuova sede del liceo ginnasio Giuseppe Parini da Milano - Rivista mensile del Comune, febbraio 1934, pagg. http://emeroteca.braidense.it/ 1934: Amerigo Belloni: La nuova sede del liceo ginnasio Giuseppe Parini da Milano - Rivista mensile del Comune, febbraio 1934, pagg. 63-66 Elaborazione digitale e trascrizione

Dettagli

ANNO SCOLASTI CO 2010/ 2011

ANNO SCOLASTI CO 2010/ 2011 ANNO SCOLASTI CO 2010/ 2011 ANNO SCOLASTI CO 2010/ 2011 FINALITA OBIETTIVI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO CONTENUTI Acquisire atteggiamenti di stima e sicurezza di se e degli altri Scoprire attraverso i racconti

Dettagli

VISITA DEL ROTARY CLUB PADOVA ALLA BANCA POPOLARE DI VICENZA VICENZA, MERCOLEDI 27 GENNAIO 2010

VISITA DEL ROTARY CLUB PADOVA ALLA BANCA POPOLARE DI VICENZA VICENZA, MERCOLEDI 27 GENNAIO 2010 VISITA DEL ROTARY CLUB PADOVA ALLA BANCA POPOLARE DI VICENZA VICENZA, MERCOLEDI 27 GENNAIO 2010 Mercoledì 27 Gennaio 2010 il Rotary Club Padova, guidato dal suo Presidente Pier Luigi Cereda, ha avuto il

Dettagli

RELIGIONE CATTOLICA Unità di Apprendimento - Anno Scolastico 2014-2015

RELIGIONE CATTOLICA Unità di Apprendimento - Anno Scolastico 2014-2015 Natura e finalità RELIGIONE CATTOLICA Unità di Apprendimento - Anno Scolastico 2014-2015 L insegnamento della religione cattolica si inserisce nel quadro delle finalità della scuola e contribuisce alla

Dettagli

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA Scuole dell Infanzia Gianni Rodari Istituto Comprensivo Crespellano R E L I G I O N E C A T T O L I C A Anno scolastico 2014-2015 Insegnante: Calì Angela PREMESSA Insegnare

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA Scuola dell Infanzia di VESTRENO A.S. 2013/2014

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA Scuola dell Infanzia di VESTRENO A.S. 2013/2014 PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA Scuola dell Infanzia di VESTRENO A.S. 2013/2014 Insegnante: BARINDELLI PAOLA PREMESSA: L insegnamento della Religione Cattolica nella scuola dell Infanzia

Dettagli

Liturgia. Colui che scruta i segreti più intimi, conosce l anelito dello Spirito e lo raccoglie ( Rm 8,27) Fiorenza Pestelli

Liturgia. Colui che scruta i segreti più intimi, conosce l anelito dello Spirito e lo raccoglie ( Rm 8,27) Fiorenza Pestelli Liturgia Colui che scruta i segreti più intimi, conosce l anelito dello Spirito e lo raccoglie ( Rm 8,27) Fiorenza Pestelli C è un piacere nel credere e del credere insieme La fede non è solo un offerta

Dettagli

Profilo storico dell Istituto "Betlem" in Abbiategrasso

Profilo storico dell Istituto Betlem in Abbiategrasso Profilo storico dell Istituto "Betlem" in Abbiategrasso I. Breve storia dell Istituto L istituto Betlem in Abbiategrasso affonda le sue radici nel 1945 quando dal testamento datato 6 giugno 1945 di don

Dettagli

CURRICOLO RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA

CURRICOLO RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA CURRICOLO RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA Traguardi per lo sviluppo delle competenze L alunno riflette su Dio Creatore e Padre significato cristiano del Natale L alunno riflette sui dati fondamentali

Dettagli

La BIBBIA è il libro più diffuso nel mondo.

La BIBBIA è il libro più diffuso nel mondo. La BIBBIA è il libro più diffuso nel mondo. La parola BIBBIA deriva da una parola greca (biblia) che vuol dire I LIBRI. Possiamo dire, infatti che la Bibbia è una BIBLIOTECA perché raccoglie 73 libri.

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE DELLE ATTIVITA DIDATTICO-EDUCATIVE DI RELIGIONE CATTOLICA NELLA SCUOLA DELL INFANZIA

PROGRAMMAZIONE ANNUALE DELLE ATTIVITA DIDATTICO-EDUCATIVE DI RELIGIONE CATTOLICA NELLA SCUOLA DELL INFANZIA PROGRAMMAZIONE ANNUALE DELLE ATTIVITA DIDATTICO-EDUCATIVE DI RELIGIONE CATTOLICA NELLA SCUOLA DELL INFANZIA Anno Scolastico 2014/2015 ISTITUTO COMPRENSIVO DI VOLVERA Insegnante Damiani Elena L INSEGNAMENTO

Dettagli

SCHEDA PER LA VISITA IN PLANETARIO DELLA SCUOLA DELL INFANZIA

SCHEDA PER LA VISITA IN PLANETARIO DELLA SCUOLA DELL INFANZIA SCHEDA PER LA VISITA IN PLANETARIO DELLA SCUOLA DELL INFANZIA Sei in campagna, seduto su un bel prato e guardi il cielo, che cosa vedi?.le STELLE!! Guarda bene: non ti sembra che il cielo assomigli ad

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE RELIGIONE CATTOLICA

PROGRAMMAZIONE ANNUALE RELIGIONE CATTOLICA PROGRAMMAZIONE ANNUALE RELIGIONE CATTOLICA DIREZIONE DIDATTICA II CIRCOLO - MONDOVI Insegnanti: CRAVERO ELENA FIORENTINO STEFANIA SALVAGNO MARIA ANNO SCOLASTICO 20-20 Traguardi per lo sviluppo delle competenze

Dettagli

UNITÀ DI APPRENDIMENTO 1 IL MIO MONDO

UNITÀ DI APPRENDIMENTO 1 IL MIO MONDO UNITÀ DI APPRENDIMENTO 1 IL MIO MONDO L alunno riflette su Dio Padre e si confronta con l esperienza religiosa. Cogliere nel proprio nome un mondo di potenzialità, dono di Dio Padre. Prendere coscienza

Dettagli

Museo del Risorgimento:

Museo del Risorgimento: Museo del Risorgimento: Il giorno 14 gennaio la classe 3C ha visitato il museo del Risorgimento. Il museo, prima di diventare tale,è stato la residenza di casa de Marchi, il quale una volta morto, ha donato

Dettagli

FAMIGLIA ED EDUCAZIONE

FAMIGLIA ED EDUCAZIONE FAMIGLIA ED EDUCAZIONE Card. Carlo Caffarra Cari genitori, ho desiderato profondamente questo incontro con voi, il mio primo incontro con un gruppo di genitori nel mio servizio pastorale a Bologna. Sono

Dettagli

NOVENA DI NATALE le letture antifone maggiori del Magnificat

NOVENA DI NATALE le letture antifone maggiori del Magnificat NOVENA DI NATALE I testi liturgici che preparano alla Solennità del Natale del Signore sono densi di una ricchezza notevole. La tradizionale Novena di Natale sorge proprio per colmare la difficoltà dei

Dettagli

«DIES DOMINI» (IL GIORNO DEL SIGNORE) di Papa Giovanni Paolo II

«DIES DOMINI» (IL GIORNO DEL SIGNORE) di Papa Giovanni Paolo II Tratto da: «DIES DOMINI» (IL GIORNO DEL SIGNORE) di Papa Giovanni Paolo II A CURA DI Don Angelo Viganò Indice Riscopriamo la domenica: il giorno del Signore.............. pag. 3 1. La domenica è il giorno

Dettagli

CENACOLO DELLE MADRI. 13 Dicembre 2012 III INCONTRO DI PREGHIERA Anno liturgico 2012-2013 MARIA, LA VERGINE DELL ASCOLTO

CENACOLO DELLE MADRI. 13 Dicembre 2012 III INCONTRO DI PREGHIERA Anno liturgico 2012-2013 MARIA, LA VERGINE DELL ASCOLTO CENACOLO DELLE MADRI 13 Dicembre 2012 III INCONTRO DI PREGHIERA Anno liturgico 2012-2013 MARIA, LA VERGINE DELL ASCOLTO Dicembre è il mese del compleanno di Gesù: sembra che anche molti cristiani se lo

Dettagli

RELIGIONE CATTOLICA Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria

RELIGIONE CATTOLICA Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria RELIGIONE CATTOLICA Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria L alunno riflette su Dio Creatore e Padre, sugli dati fondamentali della vita di Gesù e sa collegare i contenuti

Dettagli

RELIGIONE SCUOLA PRIMARIA

RELIGIONE SCUOLA PRIMARIA RELIGIONE CLASSE PRIMA SCUOLA PRIMARIA 1 - IO NELLA CLASSE 1. Presentarsi nella propria particolarità 2. Capire che ognuno ha un posto 3. Comprendere che in classe non si è soli Presentazione degli insegnanti

Dettagli

Da Sua Santità Papa Tawadros Secondo Messaggio Natalizio 2013

Da Sua Santità Papa Tawadros Secondo Messaggio Natalizio 2013 Da Sua Santità Papa Tawadros Secondo Messaggio Natalizio 2013 Amati figli, mi congratulo con voi per la Festa della gloriosa Natività... Siano con voi le benedizioni del Nascituro della mangiatoia santa,

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE. Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 1151

DISEGNO DI LEGGE. Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 1151 Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 1151 DISEGNO DI LEGGE d iniziativa del senatore IZZO COMUNICATO ALLA PRESIDENZA IL 23 OTTOBRE 2008 Istituzione del Giorno delle radici in ricordo della storia,

Dettagli

CORPUS DOMINI - 26 GIUGNO 2011

CORPUS DOMINI - 26 GIUGNO 2011 CORPUS DOMINI - 26 GIUGNO 2011 Nicolas Poussin L istituzione dell Eucaristia, 1640, Musée du Louvre, Paris Nella Sinagoga di Cafarnao, Gesù parlò dell Eucarestia LECTIO SUL VANGELO DELLA SOLENNITÀ DEL

Dettagli

INDICAZIONI DIDATTICHE PER L INSEGNAMENTO DELLA RELIGIONE CATTOLICA NEL SECONDO CICLO DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE

INDICAZIONI DIDATTICHE PER L INSEGNAMENTO DELLA RELIGIONE CATTOLICA NEL SECONDO CICLO DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE INDICAZIONI DIDATTICHE PER L INSEGNAMENTO DELLA RELIGIONE CATTOLICA NEL SECONDO CICLO DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE N. 1 INDICAZIONI PER L INSEGNAMENTO DELLA RELIGIONE CATTOLICA NEI LICEI (in riferimento

Dettagli

la chiesa come edificio: ieri e oggi

la chiesa come edificio: ieri e oggi m o d u lo 3 la chiesa come edificio: ieri e oggi twitter È necessario costruire nuove chiese quando c'è chi muore di fame? I preti dovrebbero mettersi per strada invece che stare tra quattro mura. Non

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA

PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA ISTITUTO COMPRENSIVO MAFFI PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA Ins. Marina Striolo Marianna Chieppa Cinzia Di Folco ANNO SCOLASTICO 2015/2016 L IRC, come le altre discipline scolastiche della

Dettagli

RELIGIONE CATTOLICA INDICATORE (CATEGORIA) DIO E L UOMO

RELIGIONE CATTOLICA INDICATORE (CATEGORIA) DIO E L UOMO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE Il bambino osserva con meraviglia ed esplora con curiosità il mondo, come dono di Dio Creatore. RELIGIONE CATTOLICA INDICATORE (CATEGORIA) DIO E L UOMO PRIMARIA

Dettagli

Concerto di Natale 2014

Concerto di Natale 2014 La serata in musica, prima delle festività natalizie, è diventata ormai un appuntamento immancabile per tutti noi, studenti, genitori e insegnanti delle Scuola Secondaria di Primo grado dell Istituto di.

Dettagli

PIANO DI LAVORO ANNUALE IRC SCUOLA DELL INFANZIA

PIANO DI LAVORO ANNUALE IRC SCUOLA DELL INFANZIA PIANO DI LAVORO ANNUALE IRC SCUOLA DELL INFANZIA 1 ANNO SCOLASTICO 2009/2010 L educazione religiosa nella scuola dell infanzia concorre alla formazione integrale del bambino, promovendo la maturazione

Dettagli

Andrea Carlo Ferrari.

Andrea Carlo Ferrari. Per questo ammirabile esercizio di carità tutti vedevano in Lui il santo e lo dichiaravano apertamente.. Il Servo di Dio praticava le opere di misericordia sia spirituali che corporali.. Andrea Carlo Ferrari.

Dettagli

Classe prima,seconda,terza,quarta, quinta.

Classe prima,seconda,terza,quarta, quinta. DIREZIONE DIDATTICA 1 CIRCOLO MARSCIANO Piazza della Vittoria,1 06055- MARSCIANO (PG)- C.F.800005660545 Centralino/Fax 0758742353 Dirigente Scolastico 0758742251 E.mail:pgee41007@istruzione.it Sito Web:

Dettagli

UN SOLO SIGNORE, UNA SOLA FEDE, UN SOLO BATTESIMO Il cammino dell'ami cap. 1-3-8-16. Paternità di Dio. Provvidenza

UN SOLO SIGNORE, UNA SOLA FEDE, UN SOLO BATTESIMO Il cammino dell'ami cap. 1-3-8-16. Paternità di Dio. Provvidenza UN SOLO SIGNORE, UNA SOLA FEDE, UN SOLO BATTESIMO Il cammino dell'ami cap. 1-3-8-16 Paternità di Dio Provvidenza San Giovanni Calabria, prendendo alla lettera il vangelo, ha vissuto e ci ha trasmesso uno

Dettagli

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA-DISCIPLINARE Anno Scolastico 2013/2014. Scuola Primaria Classe 1^ - sez. B

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA-DISCIPLINARE Anno Scolastico 2013/2014. Scuola Primaria Classe 1^ - sez. B PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA-DISCIPLINARE Anno Scolastico 2013/2014 Scuola Primaria Classe 1^ - sez. A Disciplina Religione Cattolica Ins. STRIKA LUCIANA Presentazione della classe Livello cognitivo

Dettagli

Liceo Marco Foscarini - Piano dell Offerta Formativa (P.O.F.) A.S. 2014-2015 RELIGIONE CATTOLICA

Liceo Marco Foscarini - Piano dell Offerta Formativa (P.O.F.) A.S. 2014-2015 RELIGIONE CATTOLICA RELIGIONE CATTOLICA L insegnamento della religione cattolica (Irc) risponde all esigenza di riconoscere nei percorsi scolastici il valore della cultura religiosa e il contributo che i principi del cattolicesimo

Dettagli

Programmazione annuale

Programmazione annuale Istituto Comprensivo Bassa Anaunia Denno AREA RELIGIONE CATTOLICA SCUOLA PRIMARIA Programmazione annuale Anno scolastico 2012/13 Docenti: SP BORGHESI PATRIZIA GRANDI MARISA LEONARDI VIOLA ZUECH GIUDITTA

Dettagli

La forza del suo messaggio

La forza del suo messaggio 6 Testimone di vita santa Anche quest anno nelle varie sedi de La Nostra Famiglia, nelle Parrocchie ambrosiane e nelle comunità delle Piccole Apostole della Carità si è celebrata la memoria liturgica del

Dettagli

Riconosce nella bellezza del mondo e della vita umana un dono gratuito di Dio Padre. Ascoltare alcuni brani del testo biblico.

Riconosce nella bellezza del mondo e della vita umana un dono gratuito di Dio Padre. Ascoltare alcuni brani del testo biblico. Classe prima L alunno riflette su Dio Creatore e Padre e sa collegare i contenuti principali del suo insegnamento alle tradizioni dell ambiente in cui vive. Riconosce nella bellezza del mondo e della vita

Dettagli

INDICAZIONI NAZIONALI PER IL CURRICOLO 2010

INDICAZIONI NAZIONALI PER IL CURRICOLO 2010 ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE G.Galilei www.istitutocomprensivosgt.it CURRICOLO D ISTITUTO a. s. 2012 / 2013 CLASSE : 5 anni SCUOLA INFANZIA Consapevolezza ed espressione culturale / imparare a imparare.

Dettagli

Percorso didattico Cittadinanza e Costituzione Rosa Sergi

Percorso didattico Cittadinanza e Costituzione Rosa Sergi A SCUOLA DI COSTITUZIONE COLORA IL TITOLO BIANCO, ROSSO E VERDE. PER VIVERE BENE IN CLASSE ABBIAMO BISOGNO DELLE DIRITTI REGOLE DOVE VI SONO DEI DIRITTI E DEI DOVERI SENZA LEGGI e REGOLE DA RISPETTARE

Dettagli

28 FEBBRAIO B. ANTONIA DA FIRENZE, Clarissa Festa

28 FEBBRAIO B. ANTONIA DA FIRENZE, Clarissa Festa 28 FEBBRAIO B. ANTONIA DA FIRENZE, Clarissa Festa Nata a Firenze nel 1401, fu sposa in età giovanissima e madre di un figlio divenuto successivamente anch esso frate e santo: il beato Giovanni Battista.

Dettagli

DOMENICA 2 NOVEMBRE 2014 COMMEMORAZIONE DEI FEDELI DEFUNTI. Beato Angelico, Giudizio universale, 1431 circa, Museo nazionale di San Marco, Firenze.

DOMENICA 2 NOVEMBRE 2014 COMMEMORAZIONE DEI FEDELI DEFUNTI. Beato Angelico, Giudizio universale, 1431 circa, Museo nazionale di San Marco, Firenze. DOMENICA 2 NOVEMBRE 2014 COMMEMORAZIONE DEI FEDELI DEFUNTI Beato Angelico, Giudizio universale, 1431 circa, Museo nazionale di San Marco, Firenze. La liturgia di oggi, con la commemorazione di tutti i

Dettagli

PREGHIERE A SAN FILIPPO SMALDONE SACERDOTE DIOCESANO FONDATORE DELLE SUORE SALESIANE DEI SACRI CUORI E APOSTOLO DEI SORDI

PREGHIERE A SAN FILIPPO SMALDONE SACERDOTE DIOCESANO FONDATORE DELLE SUORE SALESIANE DEI SACRI CUORI E APOSTOLO DEI SORDI PREGHIERE A SAN FILIPPO SMALDONE SACERDOTE DIOCESANO FONDATORE DELLE SUORE SALESIANE DEI SACRI CUORI E APOSTOLO DEI SORDI INTRODUZIONE La preghiera non è solo elevazione dell anima a Dio ma è anche relazione

Dettagli

Istituto Comprensivo n. 15 Bologna Scuola primaria statale Casaralta e Succursale Casaralta. Programmazione annuale IRC a.s.

Istituto Comprensivo n. 15 Bologna Scuola primaria statale Casaralta e Succursale Casaralta. Programmazione annuale IRC a.s. Classi 1^B-1^C- 2^A-2^B- 3^A-3^B- 4^A-4^B-4^C-5^A-5^B Insegnante Londino Irene Natura e finalità dell insegnamento della religione cattolica L insegnamento della religione cattolica si inserisce nel quadro

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA Anno Scolastico 2014/2015 OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO AL TERMINE DELLA CLASSE TERZA DELLA SCUOLA PRIMARIA

SCUOLA PRIMARIA Anno Scolastico 2014/2015 OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO AL TERMINE DELLA CLASSE TERZA DELLA SCUOLA PRIMARIA Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Istituto Comprensivo Statale di Calolziocorte Via F. Nullo,6 23801 CALOLZIOCORTE (LC) e.mail: lcic823002@istruzione.it - Tel: 0341/642405/630636

Dettagli

F IRENZE CAPOLAVORO RINASCIMENTALE RIPORTATO A NUOVA VITA UN CAPOLAVORO RINASCIMENTALE

F IRENZE CAPOLAVORO RINASCIMENTALE RIPORTATO A NUOVA VITA UN CAPOLAVORO RINASCIMENTALE UN CAPOLAVORO RINASCIMENTALE RIPORTATO A NUOVA VITA UN CAPOLAVORO RINASCIMENTALE RIPORTATO A NUOVA VITA UN RIPORTATO A NUOVA VITA UN CAPOLAVORO RINASCIMENTALE RIPORTATO A NUOVA VITA F IRENZE CAPOLAVORO

Dettagli

I. Celebrazione del battesimo

I. Celebrazione del battesimo I. Celebrazione del battesimo Obiettivi Siamo al momento culminante della prima fase della pastorale pre e post battesimale. Dopo il cammino che ha coinvolto i genitori e ha interessato la comunità cristiana,

Dettagli

http://www.veronicaetony.com/download/accordivet.pdf http://www.veronicaetony.com/download/ascoltamp3.zip

http://www.veronicaetony.com/download/accordivet.pdf http://www.veronicaetony.com/download/ascoltamp3.zip Scarica questo libretto Ascolta le canzoni in MP3 http://www.veronicaetony.com/download/accordivet.pdf http://www.veronicaetony.com/download/ascoltamp3.zip Canti con accordi 1 Lo spirito e la sposa z do

Dettagli

A R A L D I CA STEMMI DIPINTI SU SCUDI IN FERR0 1 FIGURE RELIGIOSE

A R A L D I CA STEMMI DIPINTI SU SCUDI IN FERR0 1 FIGURE RELIGIOSE A R A L D I CA STEMMI DIPINTI SU SCUDI IN FERR0 1 FIGURE RELIGIOSE 1.1 A VERGINE MARIA 1.2 A CHERUBINO Coronata, stante su una luna crescente d oro con Gesù Testa di puttino (bambino) d oro posta in Bambino

Dettagli

qwertyuiopasdfghjklzxcvbnmqwertyuiopasdf ghjklzxcvbnmqwertyuiopasdfghjklzxcvbnmq wertyuiopasdfghjklzxcvbnmqwertyuiopasdfg

qwertyuiopasdfghjklzxcvbnmqwertyuiopasdf ghjklzxcvbnmqwertyuiopasdfghjklzxcvbnmq wertyuiopasdfghjklzxcvbnmqwertyuiopasdfg qwertyuiopasdfghjklzxcvbnmqwertyuiopasdf ghjklzxcvbnmqwertyuiopasdfghjklzxcvbnmq wertyuiopasdfghjklzxcvbnmqwertyuiopasdfg CURRICOLO DI RELIGIONE hjklzxcvbnmqwertyuiopasdfghjklzxcvbnmqw CATTOLICA ertyuiopasdfghjklzxcvbnmqwertyuiopasdfghj

Dettagli

Il libro vuole invitare i giovani che ancora cercano il loro cammino ad una conoscenza più intima e approfondita della vita di padre Mario Borzaga,

Il libro vuole invitare i giovani che ancora cercano il loro cammino ad una conoscenza più intima e approfondita della vita di padre Mario Borzaga, Saggistica Aracne Il libro vuole invitare i giovani che ancora cercano il loro cammino ad una conoscenza più intima e approfondita della vita di padre Mario Borzaga, missionario Oblato di Maria Immacolata.

Dettagli

NOTE. ARTE E CONTEMPLAZIONE 1 di Santino Cavaciuti

NOTE. ARTE E CONTEMPLAZIONE 1 di Santino Cavaciuti ARTE E CONTEMPLAZIONE 1 di Santino Cavaciuti Uno dei caratteri fondamentali dell arte è quello di essere contemplativa, distinguendosi, in tal modo, da ciò che è attivo, nel senso, quest ultimo, di prendere

Dettagli

Una nuova sede, bella,

Una nuova sede, bella, Una nuova sede, bella, funzionale, prestigiosa. Una sede per una società che crede di esistere, di avere una sua importante presenza nella categoria. Una sede capace di dimostrare che se un impresa vuole

Dettagli

============================================ II DOMENICA DOPO NATALE (ANNO C) ======================================================================

============================================ II DOMENICA DOPO NATALE (ANNO C) ====================================================================== -------------------------------------------------- LA LITURGIA DEL GIORNO 03.01.2016 Grado della Celebrazione: DOMENICA Colore liturgico: Bianco ============================================ II DOMENICA

Dettagli

PIANO ANNUALE I.R.C.

PIANO ANNUALE I.R.C. ISTITUTO COMPRENSIVO DI LOGRATO (BS) SCUOLA DELL INFANZIA ZIROTTI DI MACLODIO (BS) PIANO ANNUALE I.R.C. ( INSEGNAMENTO RELIGIONE CATTOLICA) A.A. 2015/2016 INSEGNANTE: Cutrupi Alessia 1. U.d.A. IL DONO

Dettagli

MAURICIO SILVA DAL CIELO CI GUARDA SORRIDENTE

MAURICIO SILVA DAL CIELO CI GUARDA SORRIDENTE MAURICIO SILVA DAL CIELO CI GUARDA SORRIDENTE Dalle lunghe meditazioni solitarie di fratel Carlo de Foucauld, ora beatificato dalla Chiesa, era nata l idea della Fraternità. Gesù si era fatto chiamare

Dettagli

Ci hanno impressionato le grandi fosse rotondeggianti dove i romani facevano la calce: le calcare.

Ci hanno impressionato le grandi fosse rotondeggianti dove i romani facevano la calce: le calcare. Secondo noi le cose significative della zona archeologica di Villa Clelia sono molte: innanzitutto la cappella di San Cassiano, di cui oggi restano solo le fondamenta in sassi arrotondati, di forma quadrata.

Dettagli

Primo Rinascimento: gli artisti Piero della Francesca. Prof. Antonio Fosca Docente di Arte e Immagine

Primo Rinascimento: gli artisti Piero della Francesca. Prof. Antonio Fosca Docente di Arte e Immagine Primo Rinascimento: gli artisti Piero della Francesca Prof. Antonio Fosca Docente di Arte e Immagine La vita e le opere Per capire bene alcuni aspetti dell arte del primo Rinascimento, proviamo ad analizzare

Dettagli