pluriennale 2008/2010, Programma Investimenti 2008/2010 e Programma triennale delle opere pubbliche.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "pluriennale 2008/2010, Programma Investimenti 2008/2010 e Programma triennale delle opere pubbliche."

Transcript

1 IL PRESIDENTE sottopone per l approvazione quanto segue: *** Normativa Decreto Presidente della Repubblica n. 285/1990 Regolamento nazionale di polizia mortuaria. Circolare Ministero Sanità n. 24/1993 esplicativa del Regolamento nazionale. Legge Regione Emilia-Romagna n. 19/2004 Disciplina in materia funeraria e di polizia mortuaria. D.Lgs. n. 267/2000, Testo Unico delle leggi sull ordinamento degli enti locali (TUEL), art. 42 relativo alle attribuzioni del Consiglio Comunale, art. 30 relativo alle convenzioni tra enti locali e art. 113 relativo alla gestione dei servizi pubblici di rilevanza economica. Legge n. 296/2006 (Legge Finanziaria 2007), in particolare l art. 1, commi 587, 725, 726, 729 e 734, relativi a disposizioni in tema di compensi, numero e nomina degli amministratori di società partecipate da enti locali. Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri (DPCM) 26 giugno 2007, recante le norme di attuazione di quanto previsto all art. 1, comma 729 della Legge n. 296/2006. Legge n. 244/2007 (Legge Finanziaria 2008), art. 3, comma 27, relativo alla necessità che le società partecipate dalle amministrazioni pubbliche producano servizi di interesse generale, necessari al perseguimento delle proprie finalità istituzionali. Codice Civile, Libro Quinto, Titolo V, Capo X, Sezz. II e III, relativi alla fusione e scissione di società. Legge n. 428/1990, art. 47 relativo alle procedure di informazione e consultazione delle organizzazioni sindacali del personale che appartiene ai rami d azienda oggetto di scissione Precedenti Atto C.C. n. 3697/240 del Indirizzi per: a) riacquisizione da HERA S.p.A del servizio cimiteriale e definizione della nuova forma di gestione; b) nuova modalità di gestione del servizio onoranze funebri, attualmente gestito da HERA S.p.A; c) ridefinizione degli scopi e della forma societaria di AMF S.p.A. Atto C.C. n. 4725/297 del Acquisizione da parte di AMF S.p.A del ramo d azienda servizi cimiteriali da HERA S.p.A e conseguenti modifiche allo statuto della medesima società ed approvazione del relativo contratto di servizio. Atto G.C. n. 3515/306 del Accordo per la risoluzione consensuale del contratto di servizio fra HERA S.p.A, HERA Imola-Faenza srl e Comune di Faenza per i servizi cimiteriali, ad esclusione dei trasporti ed onoranze funebri. Atto C.C. n. 5266/386 del Modifica agli indirizzi del Consiglio comunale dell atto C.C. n. 3697/240 del sulla gestione delle onoranze funebri, aumento del capitale sociale di AMF S.p.A e partecipazione di AMF S.p.A in ASER SRL. Atto C.C. n. 3308/268 del , "Affidamento ad A.M.F. S.p.A. della gestione del servizio istituzionale di recupero e trasporto salme su chiamata dell'autorità giudiziaria, o per esigenze igienico-sanitarie, con decorrenza dal 1 agosto Approvazione del relativo contratto di servizio" Atto C.C. n. 4682/332 del 15 novembre 2007, Società partecipate Indirizzi per gli adeguamenti statutari ai sensi dell art. 1 comma 729 della Legge 27 dicembre 2006, n. 296 (Finanziaria 2007) ; Atto C.C. n. 1185/72 del 19 marzo 2008, avente per oggetto Bilancio di previsione 2008: approvazione Relazione previsionale e programmatica, Bilancio annuale, Bilancio 1 di 7

2 pluriennale 2008/2010, Programma Investimenti 2008/2010 e Programma triennale delle opere pubbliche. Motivo del provvedimento Premesso che: - AMF S.p.A. è società partecipata esclusivamente dai Comuni di Faenza e Castelbolognese e, attualmente, gestisce a Faenza i servizi cimiteriali, di cremazione e il recupero e trasporto funebre di salme su chiamata dell Autorità giudiziaria, nonchè i servizi cimiteriali di Castelbolognese; - Area Asset S.p.A. è società partecipata dal Comune di Cervia e dal Comune di Ravenna, attraverso Ravenna Holding S.p.A., ed è affidataria in tali territori della gestione, fra gli altri, dei servizi di gestione cimiteriale, manutenzione verde pubblici e disinfestazione (servizi cimiteriali, cremazione salme, camere mortuarie, manutenzione verde pubblico, servizi di igiene ambientale attraverso attività antiparassitarie, fitoiatriche e disinfestazione e disinfezione, gestione di toelette pubbliche, gestione di servizi manutentivi); - Area Asset S.p.A. ed AMF S.p.A. si configurano quali società di gestione dei servizi pubblici locali, ai sensi dell art. 113 comma 5 lett. c) del TUEL (d.lgs 267/2000); - l attività di gestione dei servizi cimiteriali consiste in un servizio pubblico a rilevanza economica, in quanto mirante a garantire la sepoltura nelle condizioni richieste dalla legge e dai regolamenti di polizia mortuaria e a soddisfare anche tradizioni connesse al sentimento religioso e la pietas verso i defunti, consentendo quindi al Comune di realizzare fini sociali e a promuovere lo sviluppo civile delle comunità locali a termine dell art. 112 del D.lgs 267/2000; - le attività di manutenzione verde pubblico e disinfestazione rispondono ad esigenze di gestione del territorio del Comune di Ravenna, di competenza dell Amministrazione comunale, attraverso il cui espletamento è chiamata a soddisfare esigenze della cittadinanza; - i servizi di cui sopra sono qualificabili fra quelli di interesse generale, fra i quali ricadono anche i servizi pubblici di carattere economico secondo la prassi instauratasi in sede comunitaria in quanto perseguono finalità pubbliche legate a promuovere lo sviluppo economico e civile delle comunità locali; - la gestione dei servizi di cui sopra può essere attuata anche tramite il modulo organizzativo della società di capitali, come previsto dall art. 113 comma 5 del Tuel, poiché sussistono le condizioni di legittimità riconducibili a gestione di servizi di interesse generale, così come richiede l art. 3 comma 27 della Legge finanziaria 2008; Considerato che: - nel territorio della Provincia di Ravenna e taluni comuni contermini è sentita l esigenza di una gestione unitaria dei servizi cimiteriali; - in data 29 ottobre 2007 le Amministrazioni comunali di Faenza, di Castelbolognese e Ravenna Holding S.p.A. hanno sottoscritto una lettera di intenti per valutare la possibilità della unificazione della gestione cimiteriale attraverso un percorso condiviso finalizzato a: * proseguire le attuali gestioni attraverso la scissione del ramo di azienda dei servizi cimiteriali ed accessori di Area Asset S.p.A. da conferire in AMF S.p.A. (beneficiaria); * sviluppare il servizio di interesse generale rappresentato dal forno crematorio da potenziare anche attraverso la realizzazione di un nuovo impianto; - inoltre, l aggregazione delle gestioni cimiteriali di Area Asset S.p.A. e AMF S.p.A. consentirà di programmare e realizzare un nuovo forno crematorio, al servizio del territorio e dell utenza gravitante sul capoluogo; tenuto conto che la cremazione delle salme è una prassi sempre più richiesta dai cittadini e che rappresenta anche una alternativa alle tradizionali forme di sepoltura, risolvendo il problema di reperire porzioni sempre maggiori di territorio per l ampliamento dei cimiteri, tale nuovo impianto, nel medio-lungo termine, oltre ad usufruire delle sinergie 2 di 7

3 organizzative e gestionali con quello faentino, permetterà di ridurre i disagi ed i ritardi per l utenza, causati dalla intensità di utilizzo del forno di Faenza, attualmente al servizio di un territorio molto ampio (da Imola a Pesaro) e fungerà da incentivo all utilizzo della pratica crematoria, visto che l esperienza evidenzia come nelle città in cui si installano impianti di tale genere, in pochi anni, si riscontrano forti incrementi nelle richieste di cremazione; - quanto indicato al precedente capoverso, relativamente alla futura realizzazione di un impianto crematorio a Ravenna, è coerente con il documento della Provincia di Ravenna sulle valutazioni del fabbisogno crematori e localizzazione nuovi impianti nella provincia di Ravenna, ai sensi della Legge Regionale n. 19/2004, condiviso il 25 giugno 2008 con i Comuni del territorio provinciale in apposita Conferenza di Servizi, convocata ai sensi degli art. 14 e 14 ter della Legge n. 2401/1990, di cui il Consiglio Comunale di Faenza prende atto; - i Consigli di Amministrazione delle società Area Asset S.p.A. e AMF S.p.A., sulla base degli indirizzi ricevuti hanno avviato le indagini e le valutazioni necessarie per la realizzazione della prospettata unificazione, giungendo alla conclusione che vi sono le condizioni per attuare una scissione parziale del ramo di azienda di Area Asset S.p.A. da trasferire nella società AMF S.p.A.; - i Consigli di Amministrazione delle società Area Asset S.p.A. e AMF S.p.A. hanno dunque avviato le procedure necessarie per mettere in condizioni gli azionisti di riferimento per le decisioni del caso e quindi hanno richiesto la nomina dell esperto comune ex art ter cod.civ. che richiama l art sexies del cod.civ per la relazione sulla congruità del rapporto di cambio delle azioni che scaturirà per effetto della prospettata operazione di scissione; - l esperto è stato nominato nella persona del dott. Bandini Gianluca; - i Consigli di Amministrazione di Area Asset S.p.A. e di AMF S.p.A., in data 19/05/2008 e 28/05/2008 (allegato Sub F al presente atto: estratti dei verbali dei Consigli di Amministrazione citati di AMF S.p.A.), hanno redatto ed approvato l identico progetto di scissione ai sensi dell art bis del codice civile, dal quale risulta, fra gli altri, l indicazione gli elementi patrimoniali da assegnare alla beneficiaria ed il rapporto di cambio fra le azioni emesse dalla beneficiaria e quelle che la scissa deve annullare, nonché hanno provveduto al relativo deposito al Registro delle Imprese e l iscrizione è avvenuta in data 6 giugno 2008 (allegato Sub A al presente atto); - il Consiglio di Amministrazione di Area Asset S.p.A. ha depositato presso la sede della società la situazione patrimoniale di riferimento, coincidente con il bilancio di esercizio chiuso al 31/12/2007 (allegato D al progetto di scissione, Sub A del presente atto), unitamente al progetto di scissione e ai bilanci degli ultimi tre esercizi, la situazione patrimoniale della beneficiaria (AMF S.p.A.), coincidente con il bilancio di esercizio chiuso al 31/12/2007, nonché la relazione ex artt sexies e 2506 ter (relazione dell esperto) e artt quinquies e 2506 ter (relazione dell organo amministrativo) del codice civile (allegate queste ultime rispettivamente Sub B e C al presente atto); - tenuto conto di quanto definito al paragrafo 4) del citato progetto di scissione (Allegato Sub A) relativamente al rapporto di cambio delle azioni, anche al fine di dotare il Comune di Faenza di una partecipazione societaria qualificata e coerente con l interesse ed il peso del territorio faentino, la composizione del capitale sociale al termine del processo sarà la seguente: Azionista Numero azioni Valore Nominale aumento CS Totale % Ravenna Holding spa , , ,00 56,649% Comune di Cervia , , ,00 17,021% Comune di Faenza , , ,00 26,067% Comune di Castel Bolognese , , ,00 0,263% Totale , ,00% - per giungere a tale nuova composizione del capitale sociale, tenuto conto dei valori di cambio, si rende necessario procedere, oltre che ad un aumento di capitale gratuito (progetto di scissione, 3 di 7

4 allegato Sub A, paragrafo 5.b), ad un incremento del capitale della società beneficiaria riservato, a pagamento con sovrapprezzo, che sarà sottoscritto e versato dal Comune di Faenza per un importo di Euro ,00, pari ad un valore nominale di Euro ,00 (progetto di scissione, allegato Sub A, paragrafo 5.a); - inoltre, si ritiene opportuno fornire indirizzi al Sindaco di Faenza affinchè proceda, successivamente al completamento del processo di scissione/fusione societaria, con la promozione o partecipazione a valutazioni congiunte con gli altri soci per verificare le condizioni di opportunità e le modalità economico-patrimoniali, affinchè il Comune di Castelbolognese si doti di una partecipazione della società beneficiaria maggiormente qualificata; - la società beneficiaria AMF S.p.A. in esito alla scissione/fusione cambierà denominazione in AZIMUT S.p.A. ; - sono state attivate le procedure di informazione e consultazione delle Organizzazioni sindacali, previste dall art. 47 della legge 29/10/1990 n. 428, relativamente al personale che appartiene al ramo di azienda scindendo; Considerato altresì che: - per effetto della unificazione, si rende necessario meglio definire lo statuto della società beneficiaria AMF S.p.A. per confermare la posizione di società dedicata, nell interesse dei enti soci, alla gestione di servizi pubblici locali, ai sensi dell art. 13 comma 5 lett. c) del Tuel; - viene proposto il testo di statuto modificato, allegato B al progetto di scissione, Sub A del presente atto, dal quale risulta in particolare: a) che il capitale sociale è di Euro ,00, b) che la quota di capitale pubblico non sia mai inferiore al 100% per tutta la durata della Società, c) che la Società è in ogni caso vincolata a realizzare la parte più importante della propria attività con i soci enti pubblici, d) che il potere di decisione dell organo amministrativo è limitato, attraverso il riconoscimento della competenza esclusiva dei soci di numerose tipologie di decisioni e soprattutto quelle più rilevanti per la vita della società, e) che la società avrà sede legale a Ravenna, f) che, per la validità delle deliberazioni dell assemblea straordinaria in prima o in seconda convocazione, si fa riferimento alle disposizioni di legge ad eccezione dei seguenti argomenti: i. mutamento significativo dell oggetto sociale; ii. fusione, scissione, trasformazione; iii. l introduzione o la rimozione di vincoli alla circolazione dei titoli azionari, per i quali la deliberazione dovrà essere assunta con il voto favorevole di almeno il 70% dell intero capitale sociale (art. 14, c. 3), g) * che la Società è amministrata da un Consiglio di Amministrazione composto da un numero di membri non inferiore a 3 e fino al numero massimo di consiglieri previsto dalla normativa vigente tempo per tempo, eletti dall Assemblea, la quale di volta in volta prima di procedere alla elezione degli Amministratori, determina il numero dei componenti il Consiglio nei limiti suddetti; - relativamente a quanto previsto dall art. 14, c. 3 (ved. precedente descrizione, punto f) iii.), dello schema di statuto allegato al progetto di scissione, già depositato al Registro Imprese, si ritiene opportuno, a seguito anche delle intese informali già intercorse tra i soci, formulare indirizzi al Sindaco affinchè, alla prima assemblea straordinaria utile della società AZIMUT S.p.A. dopo l intervenuta efficacia dell atto di scissione, proponga e proceda all approvazione di una modifica statutaria che preveda il voto favorevole di almeno il 75% dell intero capitale sociale per le 4 di 7

5 deliberazioni societarie relative all introduzione o la rimozione di vincoli alla circolazione dei titoli azionari; tale percentuale permetterà di procedere con tali atti solo in presenza dell accordo tra i due soci maggiori; - gli azionisti hanno ritenuto opportuno rafforzare la propria posizione di controllo congiunto, analogo a quello che avrebbero esercitato sui propri servizi, sottoscrivendo un apposita convenzione ex art. 30 del D.Lgs n. 267/2000 (allegato Sub D al presente atto) dalla quale risulta che gli azionisti della società possono esercitare un reale controllo strutturale della società avendo competenza esclusiva, anche attraverso l apposito organo extra assembleare istituito dalla convenzione medesima, sia in termini di approvazione del bilancio (controllo ex post) e dei budget (programmazione ex ante), che per quanto attiene le decisioni di investimento e di indebitamento qualora non previste nel budget medesimo nonché sulle decisioni riguardanti gli indirizzi generali sulle condizioni dei contratti di servizi e delle relative tariffe all utenza; - tale convenzione ex art. 30 del D.Lgs n. 267/200 (allegato Sub D) disciplina, tra l altro, i seguenti accordi tra i soci per la designazione dei componenti della lista per la nomina dei consiglieri di amministrazione e della lista per la nomina dei componenti del collegio sindacale: * nel caso il Consiglio di Amministrazione sia formato da tre membri, a Ravenna Holding S.p.A. spetterà il nominativo che ricoprirà la carica di Presidente, ai Comuni di Faenza e Cervia spetta un nominativo ciascuno, in questo caso, il nominativo designato dal Comune di Faenza ricoprirà la carica di Amministratore Delegato; * nel caso in cui, il Consiglio fosse di cinque membri, se consentito dalle norme di legge, a Ravenna Holding spetteranno due nominativi, di cui uno di essi ricoprirà la carica di Presidente; al Comune di Faenza spetterà un nominativo che ricoprirà la carica di Amministratore Delegato, al Comune Cervia spetterà un nominativo, al Comune di Castelbolognese spetterà un nominativo, in accordo con il Comune di Faenza; * è stabilito, inoltre, un principio di rotazione per la designazione del Presidente e dell Amministratore Delegato in base al quale, alla scadenza del primo consiglio di amministrazione, la designazione del Presidente spetterà al Comune di Faenza e quella dell Amministratore Delegato a Ravenna Holding S.p.A. e cosi via alle successive scadenze. * per quanto riguarda il collegio sindacale, al Comune di Cervia spetterà il nominativo del Presidente; a Ravenna Holding S.p.A. spetterà il nominativo di un sindaco effettivo; al Comune di Faenza spetterà il nominativo di un sindaco effettivo ed il nominativo di un sindaco supplente, al Comune di Castelbolognese spetterà il nominativo di un sindaco supplente; - inoltre, tale convenzione tra gli enti stabilisce, all art. 5, comma 4), lett. b), le maggioranze qualificate per l assunzione di deliberazioni del Coordinamento dei Soci; - si è ritenuto necessario disciplinare fra gli azionisti stessi talune obbligazioni discendenti dall operazione di scissione in un separato atto contrattuale, denominato Contratto per la definizione degli obblighi e degli effetti della scissione del ramo di azienda di Area Asset S.p.A. e trasferimento in AMF S.p.A., che si allega Sub E al presente atto; - si conferma la prosecuzione degli affidamenti in corso, senza soluzione di continuità, attraverso la società beneficiaria; - il reciproco interesse dei comuni soci di AMF S.p.A. ed Area Asset S.p.A. affinché le condizioni operative degli affidamenti delle gestioni cimiteriali siano rese omogenee nel tempo e comunque ai fini della determinazione del Peso Percentuale si è tenuto conto di talune modificazioni alla mera regolazione operativa dei contratti di servizio per la gestione dei servizi cimiteriali nei Comuni di Faenza e Ravenna, come indicate negli allegati 1 e 2 del Contratto per la definizione degli obblighi e degli effetti della scissione del ramo di azienda di Area Asset S.p.A. e trasferimento in AMF S.p.A., Sub E al presente atto; 5 di 7

6 Pareri: - visti i pareri favorevoli espressi, a norma dell art. 49 D.Lgs. 267 del 18/08/2000 in ordine alla regolarità tecnica ed alla regolarità contabile; - visto il parere della competente Commissione consiliare 2 a in data Pertanto, IL CONSIGLIO COMUNALE DELIBERA 1) di approvare nel suo complesso l operazione di fusione in AMF S.p.A. del ramo di azienda scisso di Area Asset S.p.A., afferente la gestione di servizi cimiteriali e di cremazione, manutenzione verde pubblici e disinfestazioni, come più dettagliatamente descritti in premessa, secondo quanto previsto dal progetto di scissione/fusione redatto dagli amministratori, allegato Sub A, parte integrante e sostanziale del presente atto; 2) di approvare le modifiche descritte in premessa allo statuto di AMF S.p.A., in quanto statuto della società che risulterà dalla scissione, nel testo allegato B del progetto di scissione, Sub A, parte integrante e sostanziale del presente atto, e che assumerà la nuova denominazione AZIMUT S.p.A., dando atto che tale statuto, anche nella nuova formulazione, tiene conto di quanto previsto dalla recente normativa contenuta nelle Leggi Finanziarie 2007 e 2008, in materia di società partecipate da enti locali un consiglio di amministrazione di cinque componenti, e degli indirizzi formulati dal Consiglio Comunale con il citato atto n. 4682/332 del 15 novembre 2007; 3) di fornire indirizzi al Sindaco affinchè, in sede di assemblea straordinaria di AZIMUT S.p.A. ed in base alle intese intercorse tra i soci, tenuto conto di quanto espresso in premessa, proponga ed approvi la successiva modifica dell art. 14 co. 3, ultime righe, dello Statuto della nuova società, come di seguito riportata: - l introduzione o la rimozione di vincoli alla circolazione dei titoli azionari, per i quali la deliberazione dovrà essere assunta con il voto favorevole di almeno il 75% dell intero capitale ; 4) di approvare lo schema di convenzione, ex art. 30 del D.Lgs. n. 267/2000, allegato Sub D, parte integrante e sostanziale del presenta atto, tra gli azionisti della società AZIMUT S.p.A. per garantire il controllo analogo a quello svolto sui servizi comunali da parte degli enti soci, ai fini degli ffidamenti diretti dei servizi pubblici gestiti dalla società, effettuati in base alla cosiddetta modalità in house providing; 5) di approvare lo schema di Contratto per la definizione degli obblighi e degli effetti della scissione del ramo di azienda di Area Asset S.p.A. e trasferimento in AMF S.p.A., allegato Sub E, parte integrante e sostanziale del presente atto; 6) di confermare che la gestione dei servizi cimiteriali, cremazione e recupero salme su richiesta dell Autorità giudiziaria, già svolti nel territorio faentino da AMF S.p.A., nonchè quelli affidati al ramo d azienda scisso di Area Asset S.p.A. dai Comuni di Ravenna e Cervia, indicati al precedente punto 1), proseguono, senza soluzione di continuità, nella società AZIMUT S.p.A., per effetto della fusione, approvando talune modificazione alla mera regolazione operativa al Contratto di servizio per la gestione dei servizi cimiteriali nel Comune di Faenza, come indicate nell allegato 1 del contratto di cui al precedente punto 4), Sub E, parte integrante del presente atto, preso, altresì, atto delle parallele modifiche che saranno apportate al Contratto di servizio per la gestione dei servizi 6 di 7

7 cimiteriali nel Comune di Ravenna, allegato 2 al medesimo contratto di cui al precedente punto 4); 7) di confermare altresì il mantenimento della partecipazione nella società beneficiaria AZIMUT S.p.A., in quanto ricorrono le condizioni di legge previste dall art. 3 comma 27 della citata Legge Finanziaria 2008; 8) di autorizzare il Sindaco o suo delegato a partecipare all Assemblea degli azionisti di AMF S.p.A. e, per quanto di competenza, ad esprimere voto favorevole in ordine alla approvazione del progetto di scissione/fusione, alle modifiche dello Statuto di AMF S.p.A. di cui alle premesse ed ai precedenti punti della parte deliberativa del presente atto; 9) di autorizzare il Sindaco o suo delegato a sottoscrivere ogni altro atto necessario per il perfezionamento ed esecuzione del progetto di fusione, nonchè a sottoscrivere ogni atto necessario a dare esecuzione al medesimo apportando allo stesso eventuali modifiche, di natura non sostanziale che si dovessero rendere necessarie, tenuto conto degli indirizzi contenuti nella presente deliberazione; 10) di fornire indirizzi al Sindaco affinchè proceda, successivamente al completamento del processo di scissione/fusione societaria, con la promozione o partecipazione a valutazioni congiunte con gli altri soci per verificare le condizioni di opportunità e le modalità economico-patrimoniali, affinchè il Comune di Castelbolognese si doti di una partecipazione della società beneficiaria maggiormente qualificata; 11) di approvare la sottoscrizione ed il versamento dell aumento del capitale della società beneficiaria AMF S.p.A., riservato e a pagamento con sovrapprezzo per un importo di Euro ,00, pari ad un valore nominale di Euro ,00, come descritto in premessa; 12) di finanziare ed impegnare la somma di cui al precedente punto 10), pari ad Euro ,00 a carico del Capitolo del Programma Investimenti 2008/2010, denominato AMF: aumento capitale sociale (finanziato con avanzo vincolato investimenti), al Titolo 2, Funzione 10, Servizio 5, Intervento 1 del Bilancio 2008, imp. n ) dichiarare l immediata esecutività del provvedimento, a termini del 4 comma dell art. 134 del D.Lgs. 267 del 18/08/2000, stante l urgenza di definire con tempestività i rapporti derivanti dal presente provvedimento. A norma dell art. 49 D.Lgs. 267 del 18/08/2000, SI ATTESTA, per l atto in oggetto: a) la regolarità tecnica IL CAPO SERVIZIO AZIENDE E PARTECIPAZIONI COMUNALI (Pier Luigi Fallacara) IL CAPOSETTORE SVILUPPO ECONOMICO (Claudio Facchini) b) la regolarità contabile IL CAPOSETTORE FINANZE E BILANCIO (Dr.ssa Cristina Randi) 7 di 7

8

IL PRESIDENTE sottopone per l approvazione quanto segue: *** Normativa:

IL PRESIDENTE sottopone per l approvazione quanto segue: *** Normativa: IL PRESIDENTE sottopone per l approvazione quanto segue: Normativa: *** - Titolo V del D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 (Testo Unico Enti Locali), relativo alla gestione dei servi pubblici locali, e sue successive

Dettagli

Atto C.C. n. 3697/240 del 28 luglio 2005

Atto C.C. n. 3697/240 del 28 luglio 2005 Atto C.C. n. 3697/240 del 28 luglio 2005 OGGETTO: Indirizzi per: a) riacquisizione da Hera Spa del Servizio cimiteriale e definizione della nuova forma di gestione; b) nuova modalità di gestione del Servizio

Dettagli

REGOLAMENTO SU STRUMENTI E PROCESSI D INDIRIZZO, PROGRAMMAZIONE E CONTROLLO SULLE SOCIETÀ CONTROLLATE A CAPITALE PUBBLICO

REGOLAMENTO SU STRUMENTI E PROCESSI D INDIRIZZO, PROGRAMMAZIONE E CONTROLLO SULLE SOCIETÀ CONTROLLATE A CAPITALE PUBBLICO PROVINCIA DI LIVORNO REGOLAMENTO SU STRUMENTI E PROCESSI D INDIRIZZO, PROGRAMMAZIONE E CONTROLLO SULLE SOCIETÀ CONTROLLATE A CAPITALE PUBBLICO Approvato con deliberazione del Consiglio Provinciale n. 34/29.03.2011

Dettagli

Piaggio & C. S.p.A. Relazione Illustrativa

Piaggio & C. S.p.A. Relazione Illustrativa Piaggio & C. S.p.A. Relazione Illustrativa Autorizzazione all acquisto e disposizione di azioni proprie, ai sensi del combinato disposto degli artt. 2357 e 2357-ter del codice civile, nonché dell art.

Dettagli

Relazione sulla remunerazione ai sensi dell art. 123-ter del D.Lgs. 58/1998; delibere inerenti e conseguenti.

Relazione sulla remunerazione ai sensi dell art. 123-ter del D.Lgs. 58/1998; delibere inerenti e conseguenti. RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI GRUPPO MUTUIONLINE S.P.A. SULLE PROPOSTE ALL'ORDINE DEL GIORNO DELL ASSEMBLEA ORDINARIA CONVOCATA IN PRIMA CONVOCAZIONE PER IL 23 APRILE 2013

Dettagli

Assemblea Ordinaria 8 e 11 maggio 2015 (I e II conv.)

Assemblea Ordinaria 8 e 11 maggio 2015 (I e II conv.) FINMECCANICA - Società per azioni Sede in Roma, Piazza Monte Grappa n. 4 finmeccanica@pec.finmeccanica.com Capitale sociale euro 2.543.861.738,00 i.v. Registro delle Imprese di Roma e Codice fiscale n.

Dettagli

PIANO DI STOCK OPTION 2015 2020, E CONSEGUENTE MODIFICA DELL ART. 5 DELLO STATUTO SOCIALE. DELIBERAZIONI INERENTI E CONSEGUENTI.

PIANO DI STOCK OPTION 2015 2020, E CONSEGUENTE MODIFICA DELL ART. 5 DELLO STATUTO SOCIALE. DELIBERAZIONI INERENTI E CONSEGUENTI. OVS S.p.A. Sede legale in Venezia Mestre, Via Terraglio, n. 17 - capitale sociale euro 227.000.000,00 i.v. Registro delle Imprese di Venezia, codice fiscale e partita IVA 04240010274 - REA n VE - 378007

Dettagli

Consiglio di Amministrazione

Consiglio di Amministrazione Consiglio di Amministrazione Relazione del Consiglio di Amministrazione sul progetto di scissione parziale di BELVEDERE S.p.A. ai sensi del combinato disposto dell art. 2506-ter, comma 1 cod. civ. e dell

Dettagli

Cerved Information Solutions S.p.A

Cerved Information Solutions S.p.A Cerved Information Solutions S.p.A Sede legale in Milano, Via San Vigilio n. 1 capitale sociale euro 50.450.000,00 i.v. Registro delle Imprese di Milano, codice fiscale e partita IVA: 08587760961 REA MI-2035639

Dettagli

Codice di Corporate Governance

Codice di Corporate Governance Approvato con deliberazione del Consiglio di Amministrazione n. 1 del 3 maggio 200 Indice 1 Introduzione 2 Organizzazione della Società 2.1 Assemblea dei Soci 2.2 Consiglio di Amministrazione 2.3 Presidente

Dettagli

Piaggio & C. S.p.A. Relazione Illustrativa

Piaggio & C. S.p.A. Relazione Illustrativa Piaggio & C. S.p.A. Relazione Illustrativa Autorizzazione all acquisto e disposizione di azioni proprie, ai sensi del combinato disposto degli artt. 2357 e 2357-ter del codice civile, nonché dell art.

Dettagli

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE ALL ASSEMBLEA ORDINARIA DEGLI AZIONISTI

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE ALL ASSEMBLEA ORDINARIA DEGLI AZIONISTI RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE ALL ASSEMBLEA ORDINARIA DEGLI AZIONISTI Redatta ai sensi dell art. 73 del Regolamento adottato dalla Consob con delibera n. 11971 del 14 maggio 1999 e successive

Dettagli

VIANINI LAVORI S.p.A. Sede legale in Roma - Via Montello n. 10. Registro Imprese di Roma e codice fiscale n. 03873930584, R.E.A. n.

VIANINI LAVORI S.p.A. Sede legale in Roma - Via Montello n. 10. Registro Imprese di Roma e codice fiscale n. 03873930584, R.E.A. n. VIANINI LAVORI S.p.A. Sede legale in Roma - Via Montello n. 10 Registro Imprese di Roma e codice fiscale n. 03873930584, R.E.A. n. 461019 Capitale Sociale di Euro 43.797.505 i.v. RELAZIONE ILLUSTRATIVA

Dettagli

1. Motivazioni per le quali è richiesta l autorizzazione all acquisto e alla disposizione di azioni proprie

1. Motivazioni per le quali è richiesta l autorizzazione all acquisto e alla disposizione di azioni proprie Relazione del Consiglio di Amministrazione all Assemblea in sede ordinaria convocata per il giorno 30 aprile 2014, in unica convocazione, in merito al punto 6) dell ordine del giorno, concernente la proposta

Dettagli

IL CONSIGLIO COMUNALE

IL CONSIGLIO COMUNALE IL CONSIGLIO COMUNALE Premesso che: - nell anno 2008 ha avuto luogo un incontro tra le principali aziende di servizi provinciali con lo scopo di esplorare la volontà e possibilità di dar vita, stante le

Dettagli

2) il trasferimento della sede legale con relative modifiche statutarie;

2) il trasferimento della sede legale con relative modifiche statutarie; Relazione dei Liquidatori sul valore di liquidazione delle azioni per l esercizio del diritto di recesso predisposta ai sensi e per gli effetti dell art. 2437 e dell art. 2437-ter del c.c. Signori Azionisti,

Dettagli

Autorizzazione all acquisto di azioni proprie e al compimento di atti di disposizione sulle medesime.

Autorizzazione all acquisto di azioni proprie e al compimento di atti di disposizione sulle medesime. RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI ELICA S.P.A. RELATIVA ALLA PROPOSTA DI AUTORIZZAZIONE ALL ACQUISTO E ALLA DISPOSIZIONE DI AZIONI PROPRIE RELAZIONE DEGLI AMMINISTRATORI REDATTA

Dettagli

1. Motivazioni per le quali è richiesta l autorizzazione al compimento di operazioni su azioni proprie

1. Motivazioni per le quali è richiesta l autorizzazione al compimento di operazioni su azioni proprie 3. Autorizzazione all acquisto e alla disposizione di azioni ordinarie proprie ai sensi del combinato disposto degli artt. 2357 e 2357-ter del codice civile e dell art. 132 del D.Lgs. 58/1998 e relative

Dettagli

Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul secondo punto all ordine del giorno dell Assemblea

Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul secondo punto all ordine del giorno dell Assemblea Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul secondo punto all ordine del giorno dell Assemblea straordinaria, recante: Attribuzione al Consiglio di Amministrazione

Dettagli

ASSEMBLEA ORDINARIA DEGLI AZIONISTI. 22 aprile 2015 - Prima Convocazione ed occorrendo 23 aprile 2015 Seconda Convocazione

ASSEMBLEA ORDINARIA DEGLI AZIONISTI. 22 aprile 2015 - Prima Convocazione ed occorrendo 23 aprile 2015 Seconda Convocazione Servizi Italia S.p.A. Sede legale: Via S. Pietro, 59/b 43019 Castellina di Soragna (PR) Capitale sociale: Euro 28.371.486,00 i.v. Numero Iscrizione Registro Imprese di Parma, C.F. 08531760158, Partita

Dettagli

RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA PROPOSTA DI ACQUISTO AZIONI PROPRIE

RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA PROPOSTA DI ACQUISTO AZIONI PROPRIE PININFARINA S.P.A. Sede legale in Torino, via Bruno Buozzi n.6 Capitale sociale di Euro 9.317.000 i.v. Iscritta al Registro delle Imprese di Torino Numero di Codice Fiscale 00489110015 RELAZIONE ILLUSTRATIVA

Dettagli

Assegnazione Destinatari del Piano Società Controllate Gruppo Piaggio

Assegnazione Destinatari del Piano Società Controllate Gruppo Piaggio Piano di assegnazione di diritti di opzione su azioni proprie riservato al top management del Gruppo Piaggio e autorizzazione all acquisto e alla disposizione di azioni proprie previa revoca delle deliberazioni

Dettagli

Signori Azionisti, * * * 1) PRINCIPALI MOTIVAZIONI PER LE QUALI È RICHIESTA L AUTORIZZAZIONE ALL ACQUISTO E ALLA DISPOSIZIONE DI AZIONI PROPRIE.

Signori Azionisti, * * * 1) PRINCIPALI MOTIVAZIONI PER LE QUALI È RICHIESTA L AUTORIZZAZIONE ALL ACQUISTO E ALLA DISPOSIZIONE DI AZIONI PROPRIE. RELAZIONE ILLUSTRATIVA DELL ORGANO AMMINISTRATIVO ALL ASSEMBLEA ORDINARIA DEGLI AZIONISTI CONVOCATA PER IL GIORNO 29 APRILE 2015 RELATIVA AL SETTIMO PUNTO ALL ORDINE DEL GIORNO RELAZIONE DEGLI AMMINISTRATORI

Dettagli

Assemblea Straordinaria e Ordinaria del 16 luglio 2012 in convocazione unica

Assemblea Straordinaria e Ordinaria del 16 luglio 2012 in convocazione unica Assemblea Straordinaria e Ordinaria del 16 luglio 2012 in convocazione unica Relazione del Consiglio di Amministrazione sulle materie all ordine del giorno 1 - Annullamento delle azioni proprie in portafoglio,

Dettagli

Oggetto: Azienda pubblica di servizi alla persona Umberto I di Pordenone. Approvazione statuto.

Oggetto: Azienda pubblica di servizi alla persona Umberto I di Pordenone. Approvazione statuto. Servizio affari istituzionali e locali, polizia locale e sicurezza Oggetto: Azienda pubblica di servizi alla persona Umberto I di Pordenone. Approvazione statuto. L Assessore regionale alle autonomie locali

Dettagli

Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione

Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE ALL ASSEMBLEA ORDINARIA DEGLI AZIONISTI Redatta ai sensi dell art. 73 del Regolamento adottato dalla Consob con delibera n. 11971 del 14 maggio 1999 e successive

Dettagli

Signori Azionisti, * * * 1) PRINCIPALI MOTIVAZIONI PER LE QUALI È RICHIESTA L AUTORIZZAZIONE ALL ACQUISTO E ALLA DISPOSIZIONE DI AZIONI PROPRIE.

Signori Azionisti, * * * 1) PRINCIPALI MOTIVAZIONI PER LE QUALI È RICHIESTA L AUTORIZZAZIONE ALL ACQUISTO E ALLA DISPOSIZIONE DI AZIONI PROPRIE. RELAZIONE ILLUSTRATIVA DELL ORGANO AMMINISTRATIVO ALL ASSEMBLEA ORDINARIA DEGLI AZIONISTI CONVOCATA PER IL GIORNO 29 APRILE 2014 RELATIVA AL PUNTO TRE ALL ORDINE DEL GIORNO RELAZIONE DEGLI AMMINISTRATORI

Dettagli

DELIBERAZIONE N. 152 DEL 09/07/2014

DELIBERAZIONE N. 152 DEL 09/07/2014 DELIBERAZIONE N. 152 DEL 09/07/2014 Il Direttore Generale, nella sede dell Azienda Unità Sanitaria Locale di Bologna Via Castiglione, 29 nella data sopra indicata, alla presenza del Direttore Amministrativo

Dettagli

Relazioni illustrative degli Amministratori

Relazioni illustrative degli Amministratori Relazioni illustrative degli Amministratori Parte ordinaria punto 4 all ordine del giorno Relazione illustrativa degli Amministratori Autorizzazione all acquisto e disposizione di azioni proprie, ai sensi

Dettagli

Estratto del patto parasociale ai sensi dell art. 122 del d.lgs. 24 febbraio 1998, n. 58 MONCLER S.P.A.

Estratto del patto parasociale ai sensi dell art. 122 del d.lgs. 24 febbraio 1998, n. 58 MONCLER S.P.A. Estratto del patto parasociale ai sensi dell art. 122 del d.lgs. 24 febbraio 1998, n. 58 MONCLER S.P.A. Premesse In data 16 dicembre 2013, Ruffini Partecipazioni S.r.l.( Ruffini Partecipazioni ), ECIP

Dettagli

LA GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA ROMAGNA

LA GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA ROMAGNA Giunta Regione Emilia-Romagna - atto n. 156 del 07/02/2005 Prot. N. (PRC/05/2194) ------------------------------------------------------------ LA GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA ROMAGNA Vista la legge regionale

Dettagli

Si precisa che nessuna delle modifiche rientra tra le ipotesi che attribuiscono ai soci il diritto di recesso.

Si precisa che nessuna delle modifiche rientra tra le ipotesi che attribuiscono ai soci il diritto di recesso. RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLE MODIFICHE DEGLI ARTICOLI 15, 17, 27 E 28 DELLO STATUTO SOCIALE, E SULL INTRODUZIONE DELL ART. 28 BIS. La presente Relazione ha lo scopo di illustrare in

Dettagli

Con riguardo alla predetta assemblea, [ società A ] ha promosso una sollecitazione di deleghe di voto nei confronti dei propri azionisti.

Con riguardo alla predetta assemblea, [ società A ] ha promosso una sollecitazione di deleghe di voto nei confronti dei propri azionisti. Comunicazione n. DCG/12002448 del 12-1-2012 Inviata alla società... Oggetto: Richiesta di parere in merito all applicabilità dell esenzione da obbligo di offerta pubblica di acquisto di cui agli artt.

Dettagli

4 Punto. Assemblea ordinaria e straordinaria degli Azionisti Unica convocazione: 11 giugno 2014 ore 11,00. Parte ordinaria

4 Punto. Assemblea ordinaria e straordinaria degli Azionisti Unica convocazione: 11 giugno 2014 ore 11,00. Parte ordinaria Assemblea ordinaria e straordinaria degli Azionisti Unica convocazione: 11 giugno 2014 ore 11,00 Parte ordinaria 4 Punto Autorizzazione all acquisto e disposizione di azioni proprie, ai sensi del combinato

Dettagli

Oggetto: Regolamento Urbanistico ed Edilizio di Faenza (RUE). INDIRIZZI PER L ADOZIONE

Oggetto: Regolamento Urbanistico ed Edilizio di Faenza (RUE). INDIRIZZI PER L ADOZIONE Oggetto: Regolamento Urbanistico ed Edilizio di Faenza (RUE). INDIRIZZI PER L ADOZIONE Il Presidente sottopone per l approvazione quanto segue: Normativa di riferimento: - Legge regionale n. 47 del 07.12.1978

Dettagli

Assemblea ordinaria: 29 aprile 2014

Assemblea ordinaria: 29 aprile 2014 Assemblea ordinaria: 29 aprile 2014 Relazione degli Amministratori sul terzo punto all ordine del giorno Relazione degli Amministratori redatta ai sensi dell art. 73 del Regolamento Emittenti, adottato

Dettagli

ORDINE DEL GIORNO PARTE ORDINARIA

ORDINE DEL GIORNO PARTE ORDINARIA Assemblea Ordinaria e Straordinaria degli Azionisti 17 aprile 2014 Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione sui punti all Ordine del Giorno ai sensi dell articolo 125-ter del D.Lgs. n. 58/98

Dettagli

Il presente documento informativo è redatto ai sensi dell articolo 84 bis del Regolamento

Il presente documento informativo è redatto ai sensi dell articolo 84 bis del Regolamento PUNTO 6 DELIBERA PIANO DI ATTRIBUZIONE DI AZIONI RIVOLTO AI DIPENDENTI E AI PROMOTORI FINANZIARI NELL AMBITO DEL PREMIO AZIENDALE 2012 DOCUMENTO INFORMATIVO Ex art. 84-bis del Regolamento CONSOB n. 11971/99

Dettagli

IL CONSIGLIO COMUNALE

IL CONSIGLIO COMUNALE OGGETTO: Aumento capitale sociale della Società Co.Se.A. Ambiente SPA per ingresso nuovo socio e modifiche allo Statuto societario. IL CONSIGLIO COMUNALE DATO ATTO che codesto Comune è socio della società

Dettagli

DISCIPLINA DELL ASSETTO ISTITUZIONALE, ORGANIZZATIVO E GESTIONALE DEGLI IRCCS BURLO GAROFOLO DI TRIESTE E C.R.O. DI AVIANO

DISCIPLINA DELL ASSETTO ISTITUZIONALE, ORGANIZZATIVO E GESTIONALE DEGLI IRCCS BURLO GAROFOLO DI TRIESTE E C.R.O. DI AVIANO DISCIPLINA DELL ASSETTO ISTITUZIONALE, ORGANIZZATIVO E GESTIONALE DEGLI IRCCS BURLO GAROFOLO DI TRIESTE E C.R.O. DI AVIANO TITOLO I - DISPOSIZIONI GENERALI Art.1 (Oggetto) 1. La presente legge riordina

Dettagli

COMUNE DI LEDRO Provincia di Trento SETTORE TECNICO. DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DEL SETTORE TECNICO n. 374 di data 20 agosto 2015

COMUNE DI LEDRO Provincia di Trento SETTORE TECNICO. DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DEL SETTORE TECNICO n. 374 di data 20 agosto 2015 COMUNE DI LEDRO Provincia di Trento SETTORE TECNICO DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DEL SETTORE TECNICO n. 374 di data 20 agosto 2015 OGGETTO: Trattativa privata ai sensi dell art. 21, commi 2 lettera

Dettagli

VISTO l articolo 38 della legge regionale 18/2005;

VISTO l articolo 38 della legge regionale 18/2005; Oggetto: LEGGE 12.03.1999 N. 68 - APPROVAZIONE CONVENZIONE PROGRAMMATICA PER L ASSUNZIONE DI 1 UNITÀ DI PERSONALE APPARTENENTE ALLE LISTE EX ART. 8 L. 68/1999. ASSICURAZIONI GENERALI SPA. VISTA la legge

Dettagli

Cerved Information Solutions S.p.A.

Cerved Information Solutions S.p.A. Cerved Information Solutions S.p.A. Relazione del Consiglio di Amministrazione all Assemblea degli Azionisti Unica convocazione: 27 aprile 2015 CONVOCAZIONE DI ASSEMBLEA ORDINARIA Gli aventi diritto di

Dettagli

RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA PROPOSTA

RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA PROPOSTA RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA PROPOSTA RELATIVA ALL AUTORIZZAZIONE, AI SENSI DEGLI ARTICOLI 2357 E 2357-TER COD. CIV., POSTA ALL ORDINE DEL GIORNO DELL ASSEMBLEA DEGLI AZIONISTI

Dettagli

A relazione del Presidente Cota: Richiamate:

A relazione del Presidente Cota: Richiamate: REGIONE PIEMONTE BU33 14/08/2013 Deliberazione della Giunta Regionale 2 agosto 2013, n. 2-6205 Contratto di Prestito con la Banca Europea per gli Investimenti (BEI) - "Prestito - Regione Piemonte Loan

Dettagli

AVVISO DI CONVOCAZIONE

AVVISO DI CONVOCAZIONE AVVISO DI CONVOCAZIONE SOCIETÀ CATTOLICA DI ASSICURAZIONE Società Cooperativa Sede sociale in Verona, Lungadige Cangrande n. 16 Codice fiscale e numero di iscrizione al Registro delle Imprese di Verona

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL CONTROLLO ANALOGO DELLE SOCIETA CONTROLLATE O PARTECIPATE

REGOLAMENTO PER IL CONTROLLO ANALOGO DELLE SOCIETA CONTROLLATE O PARTECIPATE Approvato con delibera assembleare nr. 10 del 11.02.2014 REGOLAMENTO PER IL CONTROLLO ANALOGO DELLE SOCIETA CONTROLLATE O PARTECIPATE Art. 1 - Ambito di applicazione e modalità di controllo Le disposizioni

Dettagli

1. Motivazioni per le quali è richiesta l autorizzazione per l acquisto e la disposizione di azioni proprie

1. Motivazioni per le quali è richiesta l autorizzazione per l acquisto e la disposizione di azioni proprie Assemblea ordinaria 8 maggio 2012 Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione Punto 8 all ordine del giorno Autorizzazione all acquisto e alla disposizione di azioni proprie; delibere inerenti

Dettagli

Istituto Galileo. CRFF (Centro di Ricerca e Formazione Frosinone) STATUTO

Istituto Galileo. CRFF (Centro di Ricerca e Formazione Frosinone) STATUTO Istituto Galileo CRFF (Centro di Ricerca e Formazione Frosinone) STATUTO Approvato con delibera del Consiglio Comunale di Frosinone n. 6 del 2.3.2011 Art. 1 Costituzione e sede. Il Comune di Frosinone

Dettagli

ASSEMBLEA ORDINARIA DEGLI AZIONISTI IFI S.p.A.

ASSEMBLEA ORDINARIA DEGLI AZIONISTI IFI S.p.A. ASSEMBLEA ORDINARIA DEGLI AZIONISTI IFI S.p.A. Relazioni illustrative sulle proposte concernenti le materie all ordine del giorno dell Assemblea Ordinaria degli Azionisti 1 ASSEMBLEA ORDINARIA DEGLI AZIONISTI

Dettagli

Statuto dell Organizzazione di Volontariato Associazione

Statuto dell Organizzazione di Volontariato Associazione ALLEGATO 2 (SCHEMA TIPO) Statuto dell Organizzazione di Volontariato Associazione Art. 1 Costituzione e Sede E costituita ai sensi dell art. 36 e seguenti del C.C., l Organizzazione di Volontariato denominata,

Dettagli

ASTALDI SOCIETÀ PER AZIONI RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE PARTE STRAORDINARIA AI SENSI DELL ART. 125-TER DEL D.LGS.

ASTALDI SOCIETÀ PER AZIONI RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE PARTE STRAORDINARIA AI SENSI DELL ART. 125-TER DEL D.LGS. ASTALDI SOCIETÀ PER AZIONI RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE AI SENSI DELL ART. 125-TER DEL D.LGS. 58/1998 PARTE STRAORDINARIA Signori Azionisti, il Consiglio di Amministrazione di Astaldi S.p.A.

Dettagli

Assemblea degli Azionisti del 23 aprile 2015 (I Convocazione) e del 24 aprile 2015 (II Convocazione)

Assemblea degli Azionisti del 23 aprile 2015 (I Convocazione) e del 24 aprile 2015 (II Convocazione) Assemblea degli Azionisti del 23 aprile 2015 (I Convocazione) e del 24 aprile 2015 (II Convocazione) Relazioni Illustrative degli Amministratori Assemblea degli Azionisti del 23 aprile 2015 (I Convocazione)

Dettagli

REGOLAMENTO PER L AFFIDAMENTO DEGLI INCARICHI PROFESSIONALI DI IMPORTO INFERIORE AD EURO 100.000,00 ATTINENTI I SERVIZI DI ARCHITETTURA ED INGEGNERIA

REGOLAMENTO PER L AFFIDAMENTO DEGLI INCARICHI PROFESSIONALI DI IMPORTO INFERIORE AD EURO 100.000,00 ATTINENTI I SERVIZI DI ARCHITETTURA ED INGEGNERIA REGOLAMENTO PER L AFFIDAMENTO DEGLI INCARICHI PROFESSIONALI DI IMPORTO INFERIORE AD EURO 100.000,00 ATTINENTI I SERVIZI DI ARCHITETTURA ED INGEGNERIA IN MATERIA DI LAVORI PUBBLICI E I SERVIZI IN MATERIA

Dettagli

ASSEMBLEA ORDINARIA 22 APRILE 2009 23 APRILE 2009 AVVISO DI CONVOCAZIONE. all ordine del giorno

ASSEMBLEA ORDINARIA 22 APRILE 2009 23 APRILE 2009 AVVISO DI CONVOCAZIONE. all ordine del giorno ASSEMBLEA ORDINARIA 22 APRILE 2009 23 APRILE 2009 AVVISO DI CONVOCAZIONE Relazioni degli Amministratori sulle proposte all ordine del giorno AMPLIFON S.p.A. Capitale sociale: Euro 3.968.400,00.= Sede Sociale

Dettagli

PROGETTO DI FUSIONE (art. 2501-ter C.C.)

PROGETTO DI FUSIONE (art. 2501-ter C.C.) PROGETTO DI FUSIONE (art. 2501-ter C.C.) Il Consiglio di amministrazione della Banca di Credito di Impruneta società cooperativa, con sede in Impruneta (FI) e il Consiglio di amministrazione del Credito

Dettagli

Saipem ORDINE DEL GIORNO

Saipem ORDINE DEL GIORNO Società per Azioni Sede Legale in San Donato Milanese Via Martiri di Cefalonia 67 Capitale Sociale Euro 441.177.500 i.v. Registro delle Imprese di Milano, Codice Fiscale 00825790157 Partita IVA: 00825790157

Dettagli

Richiesta di autorizzazione all acquisto ed alla disposizione di azioni proprie: deliberazioni inerenti e

Richiesta di autorizzazione all acquisto ed alla disposizione di azioni proprie: deliberazioni inerenti e Richiesta di autorizzazione all acquisto ed alla disposizione di azioni proprie: deliberazioni inerenti e conseguenti. Con l approvazione del bilancio al 31 dicembre 2014, giungerà a scadenza l autorizzazione

Dettagli

RELAZIONE DEGLI AMMINISTRATORI DI DE LONGHI S.P.A. AI SENSI DELL ART. 125-TER D. LGS. 24 FEBBRAIO 1998 N. 58

RELAZIONE DEGLI AMMINISTRATORI DI DE LONGHI S.P.A. AI SENSI DELL ART. 125-TER D. LGS. 24 FEBBRAIO 1998 N. 58 CAPITALE SOCIALE EURO 224.250.000,00 I.V. SEDE LEGALE IN TREVISO VIA LODOVICO SEITZ N. 47 CODICE FISCALE E NUMERO DI ISCRIZIONE NEL REGISTRO DELLE IMPRESE DI TREVISO 11570840154 RELAZIONE DEGLI AMMINISTRATORI

Dettagli

Roma 00195 Piazza G. Mazzini, 27 T: 0698266000 F: 0698266124

Roma 00195 Piazza G. Mazzini, 27 T: 0698266000 F: 0698266124 RELAZIO E ILLUSTRATIVA DEL CO SIGLIO DI AMMI ISTRAZIO E RELATIVA ALLA PROPOSTA DI DELEGA AD AUME TARE IL CAPITALE SOCIALE DI CUI ALL ORDI E DEL GIOR O DELL ASSEMBLEA DEGLI AZIO ISTI I SEDE STRAORDI ARIA

Dettagli

COMUNE DI BRUSASCO REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ALBO E DELLA CONSULTA DELLE ASSOCIAZIONI

COMUNE DI BRUSASCO REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ALBO E DELLA CONSULTA DELLE ASSOCIAZIONI REGIONE PIEMONTE PROVINCIA DI TORINO COMUNE DI BRUSASCO P. zza San Pietro, 1 10020 Brusasco (TO) Tel. (011) 91.51.101 Fax (011) 91.56.150 REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ALBO E DELLA CONSULTA DELLE ASSOCIAZIONI

Dettagli

GO INTERNET S.P.A. **.***.** **.***.**

GO INTERNET S.P.A. **.***.** **.***.** GO INTERNET S.P.A. **.***.** PARERE DEL COLLEGIO SINDACALE EMESSO AI SENSI DELL ART. 2441, COMMA 6, C.C., IN ORDINE ALLA CONGRUITÀ DEL PREZZO DI EMISSIONE DELLE AZIONI DI COMPENDIO RELATIVAMENTE ALL OPERAZIONE

Dettagli

SAVE S.p.A. (www.veniceairport.it)

SAVE S.p.A. (www.veniceairport.it) SAVE S.p.A. (www.veniceairport.it) RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI SAVE S.P.A. ( SAVE ) AI SENSI DELL ART. 73 DEL REGOLAMENTO CONSOB N. 11971/99 E SUCCESSIVE MODIFICHE ASSEMBLEA ORDINARIA

Dettagli

Gruppo Editoriale L'Espresso S.p.A. Documento informativo relativo al Piano di Stock Option 2010

Gruppo Editoriale L'Espresso S.p.A. Documento informativo relativo al Piano di Stock Option 2010 Gruppo Editoriale L'Espresso S.p.A. Documento informativo relativo al Piano di Stock Option 2010 Questo documento (il Documento Informativo ) è stato redatto in conformità a quanto previsto dall art. 84-bis

Dettagli

Lezione 10. Il conferimento: definizione, tipologie, iter procedurale

Lezione 10. Il conferimento: definizione, tipologie, iter procedurale Lezione 10 Il conferimento: definizione, tipologie, iter procedurale Conferimento È un operazione mediante la quale un soggetto (denominato conferente) trasferisce un azienda oppure un ramo aziendale (vicolo

Dettagli

CASSA DI RISPARMIO DI CENTO S.P.A.

CASSA DI RISPARMIO DI CENTO S.P.A. CASSA DI RISPARMIO DI CENTO S.P.A. Iscritta all albo delle Banche: 5099 Sede legale e Direzione generale: Via Matteotti 8/b - 44042 CENTO (Fe) Capitale Sociale: Euro 67.498.955,88 Codice Fiscale, Partita

Dettagli

Deliberazione Giunta Esecutiva n. 42 del 3 dicembre 2010

Deliberazione Giunta Esecutiva n. 42 del 3 dicembre 2010 Deliberazione Giunta Esecutiva n. 42 del 3 dicembre 2010 Oggetto: Approvazione Protocollo di Intesa tra Centro Affidi Comune di Firenze e Forum Toscano delle Associazioni per i diritti della Famiglia -

Dettagli

In caso di adesioni all OPSC per quantitativi di azioni superiori alle azioni oggetto dell Offerta, si farà luogo al riparto secondo il metodo

In caso di adesioni all OPSC per quantitativi di azioni superiori alle azioni oggetto dell Offerta, si farà luogo al riparto secondo il metodo Proposta di autorizzazione all acquisto di azioni ordinarie proprie, ai sensi dell art. 2357 del codice civile, dell art. 132 del D.Lgs. 58/1998 e relative disposizioni di attuazione, con la modalità di

Dettagli

Approvato con delibera A.G. n. 9 del 28/10/2013

Approvato con delibera A.G. n. 9 del 28/10/2013 MODIFICA REGOLAMENTO SULLE MODALITA DI ESERCIZIO DEL CONTROLLO ANALOGO SULLA SOCIETA IN HOUSE PROVIDING. Approvato con delibera A.G. n. 9 del 28/10/2013 Sommario Sommario... 2 Art. 1 - Istituzione del

Dettagli

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI D IPARTIMENTO PER GLI AFFARI REGIONALI, LE AUTONOMIE E LO SPORT

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI D IPARTIMENTO PER GLI AFFARI REGIONALI, LE AUTONOMIE E LO SPORT Ritenuto che risulta dimostrato l interesse pubblico concreto ed attuale alla revoca del provvedimento in esame; Decreta: Art. 1. Il decreto dirigenziale n. 3/CC/2013 regione Calabria del 30 gennaio 2013

Dettagli

Comune di Parma DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N DD-2014-422 DEL 28/03/2014

Comune di Parma DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N DD-2014-422 DEL 28/03/2014 Comune di Parma DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N DD-2014-422 DEL 28/03/2014 Inserita nel fascicolo: 2014.VII/12/3.3/3 Centro di Responsabilità: 65 4 2 0 - SETTORE WELFARE - SERVIZIO SERVIZI PER IL WELFARE

Dettagli

i.:iso ltak:ementl ASSEMBLEA 17 aprile 2015 - Parte straordinaria - Relazione delega aumento capitale sociale

i.:iso ltak:ementl ASSEMBLEA 17 aprile 2015 - Parte straordinaria - Relazione delega aumento capitale sociale i.:iso ltak:ementl ASSEMBLEA 17 aprile 2015 - Parte straordinaria - Relazione delega aumento capitale sociale Relazione del Consiglio di amministrazione Proposta di rinnovo della delega agli Amministratori,

Dettagli

MOTIVAZIONI PER LE QUALI È RICHIESTA L AUTORIZZAZIONE ALL ACQUISTO E ALLA DISPOSIZIONE DI AZIONI PROPRIE

MOTIVAZIONI PER LE QUALI È RICHIESTA L AUTORIZZAZIONE ALL ACQUISTO E ALLA DISPOSIZIONE DI AZIONI PROPRIE Relazione Illustrativa del Consiglio di Amministrazione della TerniEnergia S.p.A. sulla proposta di autorizzazione all acquisto e alla disposizione di azioni proprie redatta ai sensi dell'art. 73 del Regolamento

Dettagli

LOTTOMATICA S.p.A. Viale del Campo Boario, 56/d - 00154 Roma. Capitale sociale Euro 151.991.896,00 i.v.

LOTTOMATICA S.p.A. Viale del Campo Boario, 56/d - 00154 Roma. Capitale sociale Euro 151.991.896,00 i.v. LOTTOMATICA S.p.A. Viale del Campo Boario, 56/d - 00154 Roma Capitale sociale Euro 151.991.896,00 i.v. Partita IVA, codice fiscale ed iscrizione presso il registro delle imprese di Roma n. 08028081001

Dettagli

ASCOPIAVE S.p.A. Signori azionisti,

ASCOPIAVE S.p.A. Signori azionisti, ASCOPIAVE S.p.A. Via Verizzo, 1030 Pieve di Soligo (TV) Capitale Sociale Euro 234.411.575,00 i.v. Codice Fiscale, Partita IVA e Registro delle Imprese di Treviso n. 03916270261 RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL

Dettagli

COMUNE DI PIMENTEL PROVINCIA DI CAGLIARI

COMUNE DI PIMENTEL PROVINCIA DI CAGLIARI COMUNE DI PIMENTEL COPIA PROVINCIA DI CAGLIARI VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N 59 Del 25/08/2015 Oggetto: PERSONALE NON DIRIGENTE. FONDO RISORSE DECENTRATE PER L'ANNO 2015. AUTORIZZAZIONE

Dettagli

RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE AGLI AZIONISTI AI SENSI DELL ARTICOLO 73 DEL REGOLAMENTO CONSOB N.

RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE AGLI AZIONISTI AI SENSI DELL ARTICOLO 73 DEL REGOLAMENTO CONSOB N. RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE AGLI AZIONISTI AI SENSI DELL ARTICOLO 73 DEL REGOLAMENTO CONSOB N. 11971 DEL 14 MAGGIO 1999 RECANTE NORME DI ATTUAZIONE DEL DECRETO LEGISLATIVO N.

Dettagli

COMUNE DI FAENZA Provincia di Ravenna ***** SETTORE RISORSE INTERNE E DEMOGRAFIA SERVIZIO INFORMATICA

COMUNE DI FAENZA Provincia di Ravenna ***** SETTORE RISORSE INTERNE E DEMOGRAFIA SERVIZIO INFORMATICA COMUNE DI FAENZA Provincia di Ravenna ***** SETTORE RISORSE INTERNE E DEMOGRAFIA SERVIZIO INFORMATICA DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE n. 763 / 2014 OGGETTO: APPROVAZIONE DEL CONTRATTO PER LA MANUTENZIONE E

Dettagli

Autorizzazione all acquisto e alla disposizione di azioni proprie

Autorizzazione all acquisto e alla disposizione di azioni proprie Altre deliberazioni Autorizzazione all acquisto e alla disposizione di azioni proprie Signori Azionisti, l Assemblea ordinaria del 28 aprile 2008 aveva rinnovato alla Società l autorizzazione all acquisto

Dettagli

Assemblea degli Azionisti 23 ottobre 2015(prima convocazione) ore 9.00 26 ottobre 2015 (seconda convocazione) ore 9.00

Assemblea degli Azionisti 23 ottobre 2015(prima convocazione) ore 9.00 26 ottobre 2015 (seconda convocazione) ore 9.00 Assemblea degli Azionisti 23 ottobre 2015(prima convocazione) ore 9.00 26 ottobre 2015 (seconda convocazione) ore 9.00 Relazioni degli Amministratori sui punti all Ordine del Giorno dell Assemblea Ordinaria

Dettagli

Assemblea degli Azionisti. 28 aprile 2015 (prima convocazione) 30 aprile 2015 (seconda convocazione)

Assemblea degli Azionisti. 28 aprile 2015 (prima convocazione) 30 aprile 2015 (seconda convocazione) Esprinet S.p.A. Sede sociale in Vimercate (MB), Via Energy Park n. 20 Capitale Sociale euro 7.860.651,00 i.v. Iscritta al Registro Imprese di Monza e Brianza n. 05091320159 Codice Fiscale n. 05091320159

Dettagli

CITTÀ di AVIGLIANA Provincia di TORINO

CITTÀ di AVIGLIANA Provincia di TORINO Estratto DETERMINAZIONE N. 115 del 15/04/2013 Proposta n. 115 Oggetto: CONTRATTO D'APPALTO PER LA GESTIONE DEI SERVIZI CIMITERIALI DEL CIMITERO DI SANTA MARIA SUBENTRO GESIT PIEMONTE SNC (Z0B091A936) Area

Dettagli

N. 097 DEL 11.07.2006 GESTIONE FARMACIA COMUNALE COSTITUZIONE SOCIETÀ A RESPONSABILITA LIMITATA. IL CONSIGLIO COMUNALE (in seduta pubblica)

N. 097 DEL 11.07.2006 GESTIONE FARMACIA COMUNALE COSTITUZIONE SOCIETÀ A RESPONSABILITA LIMITATA. IL CONSIGLIO COMUNALE (in seduta pubblica) N. 097 DEL 11.07.2006 GESTIONE FARMACIA COMUNALE COSTITUZIONE SOCIETÀ A RESPONSABILITA LIMITATA IL CONSIGLIO COMUNALE (in seduta pubblica) Premesso: - che, ai sensi della Pianta Organica delle farmacie,

Dettagli

REGOLAMENTO DEI CONTROLLI INTERNI I REGOLAMENTI PROVINCIALI: N. 85 PROVINCIA DI PADOVA

REGOLAMENTO DEI CONTROLLI INTERNI I REGOLAMENTI PROVINCIALI: N. 85 PROVINCIA DI PADOVA I REGOLAMENTI PROVINCIALI: N. 85 PROVINCIA DI PADOVA REGOLAMENTO DEI CONTROLLI INTERNI Approvato con D.C.P. del 14.3.2013 n. 6 reg. e modificato con D.C.P. del 28.4.2014 n. 22 reg. INDICE Art. 1 Art. 2

Dettagli

GTECH S.p.A. Viale del Campo Boario, 56/d - 00154 Roma. Capitale sociale Euro 174.033.339,00 i.v.

GTECH S.p.A. Viale del Campo Boario, 56/d - 00154 Roma. Capitale sociale Euro 174.033.339,00 i.v. GTECH S.p.A. Viale del Campo Boario, 56/d - 00154 Roma Capitale sociale Euro 174.033.339,00 i.v. Partita IVA, codice fiscale ed iscrizione presso il registro delle imprese di Roma n. 08028081001 Soggetta

Dettagli

PARTE TERZA MISURAZIONE VALUTAZIONE E TRASPARENZA DELLE PERFORMANCE INVIDUALI E COLLETTIVE. VALUTAZIONE AREE POSIZIONI ORGANIZZATIVE

PARTE TERZA MISURAZIONE VALUTAZIONE E TRASPARENZA DELLE PERFORMANCE INVIDUALI E COLLETTIVE. VALUTAZIONE AREE POSIZIONI ORGANIZZATIVE ALLEGATO A PARTE TERZA MISURAZIONE VALUTAZIONE E TRASPARENZA DELLE PERFORMANCE INVIDUALI E COLLETTIVE. VALUTAZIONE AREE POSIZIONI ORGANIZZATIVE CAPO I NUCLEO DI VALUTAZIONE ART. 92 - NUCLEO DI VALUTAZIONE

Dettagli

BANCA CARIGE Società per Azioni - Via Cassa di Risparmio,15-16123 Genova 1

BANCA CARIGE Società per Azioni - Via Cassa di Risparmio,15-16123 Genova 1 Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione al punto secondo dell ordine del giorno dell Assemblea Straordinaria dei Soci convocata per il giorno 23 aprile 2015 in unica convocazione, in merito

Dettagli

OGGETTO: Approvazione contratto e affidamento servizio a Trentino Riscossioni S.p.A.. IL CONSIGLIO COMUNALE

OGGETTO: Approvazione contratto e affidamento servizio a Trentino Riscossioni S.p.A.. IL CONSIGLIO COMUNALE Deliberazione del Consiglio Comunale n. 08 dd. 18.03.2015 OGGETTO: Approvazione contratto e affidamento servizio a Trentino Riscossioni S.p.A.. IL CONSIGLIO COMUNALE Premesso che: - gli artt. 33 e 34 della

Dettagli

RELAZIONI SULLE MATERIE ALL'ORDINE DEL GIORNO EX ART. 125 TER TUF E RELATIVE PROPOSTE DI DELIBERAZIONE

RELAZIONI SULLE MATERIE ALL'ORDINE DEL GIORNO EX ART. 125 TER TUF E RELATIVE PROPOSTE DI DELIBERAZIONE RELAZIONI SULLE MATERIE ALL'ORDINE DEL GIORNO EX ART. 125 TER TUF E RELATIVE PROPOSTE DI ZIONE RELAZIONE AL PUNTO N. 1 ALL ODG DELL ASSEMBLEA ORDINARIA: Bilancio individuale e consolidato chiuso al 31

Dettagli

Testo vigente. Testo proposto Articolo 5 Capitale sociale. Articolo 5

Testo vigente. Testo proposto Articolo 5 Capitale sociale. Articolo 5 1. Proposta di eliminazione del valore nominale espresso delle azioni ordinarie e di risparmio in circolazione. Conseguenti modifiche dello statuto sociale. Deliberazioni inerenti e conseguenti. Signori

Dettagli

Relazione illustrativa

Relazione illustrativa Relazione illustrativa Relazione illustrativa degli Amministratori sulla proposta di autorizzazione all Acquisto ed alla Disposizione di Azioni proprie da sottoporre all Assemblea Ordinaria degli Azionisti

Dettagli

COMUNE DI FAENZA Provincia di Ravenna ***** SETTORE RISORSE INTERNE E DEMOGRAFIA SERVIZIO INFORMATICA

COMUNE DI FAENZA Provincia di Ravenna ***** SETTORE RISORSE INTERNE E DEMOGRAFIA SERVIZIO INFORMATICA COMUNE DI FAENZA Provincia di Ravenna ***** SETTORE RISORSE INTERNE E DEMOGRAFIA SERVIZIO INFORMATICA DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE n. 760 / 2014 OGGETTO: IMPEGNO DELLA SPESA DI EURO 1.462,78 PER IL RINNOVO

Dettagli

INFORMATIVA AL PUBBLICO IN MATERIA DI GOVERNO SOCIETARIO

INFORMATIVA AL PUBBLICO IN MATERIA DI GOVERNO SOCIETARIO INFORMATIVA AL PUBBLICO IN MATERIA DI GOVERNO SOCIETARIO DI BANCA SELLA HOLDING S.P.A. 22 giugno 2015 Circolare Banca d Italia n. 285 del 17.12.2013, Parte Prima, Titolo IV, Capitolo I, Sezione VII 1 Aggiornamento

Dettagli

AVVISO AGLI AZIONISTI DI NAVALE ASSICURAZIONI S.p.A.

AVVISO AGLI AZIONISTI DI NAVALE ASSICURAZIONI S.p.A. AVVISO AGLI AZIONISTI DI NAVALE ASSICURAZIONI S.p.A. Modalità e termini di esercizio del diritto di recesso ai sensi dell art. 2437 e seguenti del codice civile e di esercizio del diritto di vendita ai

Dettagli

CITTA METROPOLITANA DI NAPOLI. DELIBERAZIONE del SINDACO METROPOLITANO

CITTA METROPOLITANA DI NAPOLI. DELIBERAZIONE del SINDACO METROPOLITANO CITTA METROPOLITANA DI NAPOLI DELIBERAZIONE del SINDACO METROPOLITANO OGGETTO: Variazione di bilancio con applicazione all esercizio 2016 dell avanzo vincolato per complessivi euro 37.960,86, al fine di

Dettagli

Avviso di posticipazione dell assemblea ordinaria e straordinaria

Avviso di posticipazione dell assemblea ordinaria e straordinaria DMAIL GROUP S.p.A. Sede legale e amministrativa: Via San Vittore n. 40 20123 MILANO (MI) - Capitale Sociale: 15.300.000,00 euro C.F. P.IVA e Registro delle Imprese: 12925460151 Sito internet: www.dmailgroup.it

Dettagli

Sede in Milano, Viale Piero e Alberto Pirelli n. 25 Registro delle Imprese di Milano n. 02473170153. www.prelios.com

Sede in Milano, Viale Piero e Alberto Pirelli n. 25 Registro delle Imprese di Milano n. 02473170153. www.prelios.com PRELIOS S.P.A. Sede in Milano, Viale Piero e Alberto Pirelli n. 25 Registro delle Imprese di Milano n. 02473170153 www.prelios.com Relazione illustrativa degli Amministratori ai sensi dell art. 125-ter

Dettagli

FRENDY ENERGY S.P.A.

FRENDY ENERGY S.P.A. FRENDY ENERGY S.P.A. Sede legale in Firenze, Via Fiume n. 11 Capitale sociale Euro 4.225.000,00 i.v. Codice fiscale ed iscrizione nel Registro delle Imprese di Firenze n. 05415440964 RELAZIONE ILLUSTRATIVA

Dettagli

ASTALDI Società per Azioni. Sede Sociale in Roma - Via Giulio Vincenzo Bona n. 65. Capitale Sociale Euro 196.849.800,00 - int. vers.

ASTALDI Società per Azioni. Sede Sociale in Roma - Via Giulio Vincenzo Bona n. 65. Capitale Sociale Euro 196.849.800,00 - int. vers. ASTALDI Società per Azioni Sede Sociale in Roma - Via Giulio Vincenzo Bona n. 65 Capitale Sociale Euro 196.849.800,00 - int. vers. Iscritta nel Registro delle Imprese di Roma al numero di Codice Fiscale

Dettagli

RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI ATLANTIA S.P.A.

RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI ATLANTIA S.P.A. RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI ATLANTIA S.P.A. SULL ARGOMENTO RELATIVO AL PUNTO 3. DELL ORDINE DEL GIORNO DELL ASSEMBLEA ORDINARIA CONVOCATA PER I GIORNI 23 APRILE 2015 IN PRIMA

Dettagli