PROVINCIA DI PISA FIUME SERCHIO INTERVENTI DI RICALIBRATURA D ALVEO IN LOC. MIGLIARINO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PROVINCIA DI PISA FIUME SERCHIO INTERVENTI DI RICALIBRATURA D ALVEO IN LOC. MIGLIARINO"

Transcript

1

2 L intervento in progetto prevede di eseguire la riprofilatura delle aree di golena situate a valle del ponte della SS1 Aurelia, presso la località di Migliarino Pisano. La riprofilatura, in particolare, interesserà entrambe le sponde del tratto compreso tra il ponte e le località Isola e Chiuso dei Meli. L intervento comporterà la movimentazione di un quantitativo complessivo di circa mc di materiale terroso. L Amministrazione Provinciale di Pisa ha incaricato un laboratorio specializzato di effettuare la caratterizzazione chimico-fisica dei materiali terrosi che saranno movimentati e dei relativi contenuti di eventuali sostanze inquinanti presenti, i cui risultati sono descritti di seguito. Visto l esito delle analisi effettuate, si ritiene che i volumi di materiale che saranno movimentati dalla ricalibratura d alveo del Fiume Serchio possano essere riutilizzati tal quale, per la realizzazione dell arginatura della cassa in derivazione denominata E4 posta in località Molino di Ripassaia nei Comuni di Peccioli e Lajatico, opera idraulica gestita dallo stesso Servizio provinciale che attuerà le opere sul Fiume Serchio, condizione che garantisce la compatibilità temporale dei due interventi. AREA DI SCAVO L area di scavo è costituita dalle golene poste in destra e sinistra idraulica del Fiume Serchio a valle del ponte della S.S. Aurelia. In particolare in destra è previsto l allargamento dell alveo con asportazione di una porzione di golena con lunghezza di circa 1390 m e larghezza massima di 20 m con profondità di circa 5 m per un volume di circa mq. In sinistra è previsto l allargamento dell alveo con asportazione di una porzione di golena con lunghezza di circa 995 m e larghezza massima di 20 m con profondità di circa 5 m per un volume di circa mq. Nella zona di scavo immediatamente adiacente all alveo sono presenti alcune alberature di alto fusto, canneti e vegetazione arbustiva mentre nella zona più interna si trovano terreni a destinazione agricola. Lo scavo interesserà lo strato di terreno superficiale caratterizzato per i primi 3 5 m da presenza di limi e limi sabbiosi cui seguono argille limose sino a 8 m e oltre dal piano di campagna. Il materiale scavato è classificato come A4 CNR UNI

3 Lo scavo avverrà con impiego di mezzi meccanici che caricheranno direttamente sugli autocarri il materiale scavato il quale sarà immediatamente trasportato presso il cantiere per la realizzazione della cassa di espansione E4. Per ciascun viaggio effettuato dagli autocarri impiegati per il trasporto del materiale scavato sarà compilata una scheda, che dovrà essere consegnata alla Direzione dei Lavori, nella quale devono essere indicate le caratteristiche del mezzo (la targa, il tipo, la marca) per l individuazione dell autocarro, la data, l ora di partenza dall area di scavo e l ora di arrivo all area di destinazione. Saranno effettuati, sia da parte della Direzione dei Lavori che della Stazione Appaltante, controlli a campione sia presso il sito di partenza che presso il sito di destinazione per verificare la corretta registrazione dei movimenti di materiale scavato. AREA DI DESTINAZIONE E MODALITA DI GESTIONE E CONTROLLO L area in cui sarà depositato il materiale scavato, è ubicata località Molino di Ripassaia nei Comuni di Peccioli e Lajatico, ed è costituita da un terreno pianeggiante, posto a circa 70 km dall area di scavo, dove sarà realizzata la cassa in derivazione denominata E4. Il materiale trasportato sarà immediatamente collocato in sito a formare l arginatura della cassa. Quando sarà stata utilizzata una quantità di materiale con volumetria massima per ogni cumulo pari a 8.000/ mc, corrispondente al quantitativo di materiale terroso movimentato complessivamente nel corso di due settimane lavorative, verranno effettuati sulla porzione di argine realizzata, da parte dell Amministrazione Provinciale di Pisa, i campionamenti con la tecnica della quartatura. Sui campioni prelevati saranno effettuare le analisi sul tal quale per la definizione del contenuto e relativa concentrazione di eventuali sostanze inquinanti non individuate nella caratterizzazione ambientale precedentemente effettuata sul sito di scavo o che potrebbero essere state accidentalmente apportate al terreno durante le fasi di cantiere (in particolar modo Idrocarburi). Il tratto di arginatura realizzato col materiale che a seguito delle analisi dovesse superare i valori limite di concentrazione indicati nelle tabelle A o B dell allegato 5 del D.Lgs. 152/2006, sarà sottoposto ad ulteriori determinazioni al fine di individuare la presenza di specifiche porzioni inquinate, o se invece l inquinamento riguarda l intera massa. Il materiale che dovesse risultare inquinato dovrà essere rimosso e gestito in maniera conforme alla normativa sui rifiuti. Per queste parti se ne prevede l avvio in discarica controllata o ad impianti di trattamento in grado di consentirne l abbattimento del carico inquinante per un successivo riutilizzo. 2

4 Saranno effettuati anche test di cessione in ragione di uno ogni 5 cumuli per la verifica dell idoneità al riutilizzo del materiale. MODALITA DI TRASPORTO DEL MATERIALE SCAVATO Il materiale scavato durante i lavori di risagomatura in progetto sarà caricato direttamente sugli autocarri i quali transiteranno all interno dell area di cantiere su piste di servizio per poi immettersi sulla viabilità in modo distinto per gli scavi in destra e per quelli in sinistra (v. tav. 2^ int.1). Alla golena in destra si accede dalla Via Aurelia attraverso un sottopassaggio ferroviario posto in corrispondenza dell abitato di Migliarino percorrendo poi in deroga al divieto di transito per gli autocarri un tratto di strada, con lunghezza di circa 150m, fino a raggiungere la rampa asfaltata che scavalca l argine del fiume e immette sulla strada asfaltata parallela al piede arginale sulla golena. Da questa strada si accede alla zona interessata dai lavori percorrendo la pista sterrata la cui realizzazione è prevista in progetto. La soppressione dei passaggi a livello lungo la linea ferroviaria ha interrotto le comunicazioni dirette della viabilità della zona di intervento nella golena in sinistra con la S.S. Aurelia che ora risulta raggiungibile solamente percorrendo la nuova viabilità che si collega alla S.S. Aurelia, attraversando la ferrovia con il nuovo sottopassaggio realizzato in località Puntale. Per non gravare questa unica viabilità di accesso alla S.S. Aurelia è stata inserita nel presente progetto la previsione di realizzazione di una pista provvisoria (v. tav. 7) di collegamento fra l area di cantiere in sinistra e la S.S. Aurelia. La pista sarà ubicata in alveo in aderenza alla sponda sinistra del fiume e attraverserà l arcata sinistra dei ponti della ferrovia e della S.S. Aurelia per risalire al piano golenale a monte della S.S. Aurelia proseguendo fino ad immettersi sulla Via Giordano Bruno in prossimità con l innesto con la S.S. Aurelia. Una volta raggiunta la S.S. Aurelia sia gli autoarticolati provenienti dalla golena destra che quelli provenienti dalla golena sinistra procederanno in direzione Pisa richiedendo deroga al divieto di transito ai mezzi pesanti, per poi immettersi sulla S.G.C. Firenze Pisa Livorno e raggiungere la destinazione in località Molino di Ripassaia in Val d Era. Nel caso in cui la deroga al divieto di transito ai mezzi pesanti non venga concessa gli autoarticolati percorreranno la S.S. Aurelia in direzione Migliarino Pisano fino ad immettersi sulla A12 al casello Pisa Nord percorrendola fino al casello Pisa Sud per poi immettersi sulla S.G.C. Firenze Pisa Livorno e raggiungere la destinazione suddetta. 3

5 La determinazione del traffico giornaliero degli autocarri impiegati per il trasporto della terra è stato effettuato come di seguito riportato. Il progetto prevede l esecuzione di scavi in destra idraulica del Fiume Serchio per un volume di circa mc e in sinistra per un volume di circa mc. Il tempo assegnato per l esecuzione complessiva dei lavori è di un anno prevedendo che il tempo necessario ad effettuare lo scavo sia di 140 giorni effettivi. L incidenza media giornaliera dei viaggi dipende sia dalla quantità del materiale da trasportare che dalla durata delle operazioni di scavo previste su ciascuna sponda (con diversi itinerari di accesso al cantiere), durata che singolarmente potrà variare da un minimo di 70 giorni effettivi, nel caso in cui l Appaltatore proceda all esecuzione degli scavi prima per una sponda e poi per l altra, ad un massimo di 140 giorni effettivi, nel caso in cui l appaltatore proceda contemporaneamente all esecuzione degli scavi per le due sponde. Per ridurre i costi di trasporto, considerata la notevole distanza da percorrere per raggiungere il sito di destinazione e riutilizzo delle terre (circa 70 km), saranno impiegati autoarticolati con portata di tonnellate corrispondente ad un volume scavato di circa 20 mc. La movimentazione di materiale scavato in sinistra, nel caso di massima compressione del tempo di scavo, richiede l esecuzione di circa 2800 viaggi, pari a 70 giorni effettivi, cui corrispondono circa 4 mesi naturali, l incidenza media giornaliera del trasporto del materiale scavato sarà pari a 40 viaggi con una frequenza, considerando giornalmente 8 ore lavorative, di circa un viaggio ogni 12 minuti. Nel caso di massima dilatazione del tempo di scavo, pari a 140 giorni effettivi, cui corrispondono circa 8 mesi naturali, l incidenza media giornaliera del trasporto del materiale scavato sarà pari a 20 viaggi con una frequenza, considerando giornalmente 8 ore lavorative, di circa un viaggio ogni 24 minuti. Riguardo all incidenza dei trasporti in destra idraulica questa potrà analogamente variare tra 28 e 56 viaggi giornalieri. 4

6 Viste le caratteristiche delle strade costituenti i percorsi verso l area di stoccaggio si ritiene che il transito degli autocarri adibiti al trasporto del materiale scavato, nella misura sopra determinata, non possa indurre disagi alla circolazione. CARATTERIZZAZIONE CHIMICO FISICA DEI MATERIALI TERROSI DA MOVIMENTARE Le analisi effettuate per la caratterizzazione chimico-fisica dei materiali terrosi da movimentare per la realizzazione dei lavori in progetto consentono di precisare le caratteristiche generali delle terre presenti nel sito di intervento e del relativo contenuto di sostanze inquinanti. La norma di riferimento nazionale che disciplina la gestione delle terre di scavo è la D.Lgs. 152/2006 e s.m.i., riprende per la definizione dei limiti della concentrazione delle sostanze inquinanti i valori contenuti nelle tabelle delle limite L. 441/1999. A tal riguardo l art. 186 del D.Lgs. modificato dal Decreto Legislativo 16 gennaio 2008, n. 4. prevede che le terre e rocce da scavo possono essere utilizzate per reinterri, riempimenti, rimodellazioni e rilevati purché: siano impiegate direttamente nell'ambito di opere o interventi preventivamente individuati e definiti, siano integralmente utilizzate senza necessità di preventivo trattamento o di trasformazioni preliminari per soddisfare i requisiti merceologici e di qualità ambientale idonei a garantire che il loro impiego non dia luogo ad emissioni e, più in generale, ad impatti ambientali qualitativamente e quantitativamente diversi da quelli ordinariamente consentiti ed autorizzati per il sito dove sono destinate ad essere utilizzate. Inoltre non devono provenire da siti contaminati o sottoposti ad interventi di bonifica ed infine le loro caratteristiche chimico-fisiche devono essere tali che il loro impiego nel sito prescelto non determini rischi per la salute e per la qualità delle matrici ambientali interessate ed avvenga nel rispetto delle norme di tutela delle acque superficiali e sotterranee, della flora, della fauna, degli habitat e delle aree naturali protette. La caratterizzazione dei materiali da movimentare nell ambito del presente progetto è stata prevista l esecuzione di una campagna di sondaggi con prelievo di campioni a profondità prestabilite e fino alla massima profondità di scavo prevista. L area di intervento è stata suddivisa in 10 maglie della superficie di mq ciascuna e della larghezza massima di 39 m. Per ciascuna maglia è stato definito un punto di campionamento posizionato in maniera baricentrica, in modo da rendere i sondaggi il più possibile equidistanti tra loro e 5

7 caratterizzare al meglio, compatibilmente con l accessibilità dei luoghi, le aree in oggetto (Tav. 3 Ubicazione punti di campionamento ambientale). Nel corso di ciascun sondaggio sono stati prelevati campioni di terra alle profondità di -0,50, -3,00, e -6,00 m dal piano campagna. I sondaggi sono stati spinti fino alla profondità di -7,00 m dal piano campagna. Ad ognuna delle 3 profondità di campionamento prestabilite sono stati estratti due campioni, per un totale di 6 per ciascun sondaggio. Tre di essi, uno per ciascuna profondità, saranno conservati separatamente in sacchetti di polietilene sigillati ed avviati al laboratorio per le analisi fisiche e geotecniche, i restanti tre sono stati omogeneizzati in modo da realizzare un campione medio, rappresentativo delle caratteristiche chimico-fisiche medie della cella indagata. Tutti i campioni così prelevati sono stati successivamente partizionati in tre parti da sottoporre rispettivamente ad analisi fisica, analisi chimica e da conservare per eventuali necessità ulteriori o per ripetere la prova in caso di incertezza sulla attendibilità del risultato ottenuto. Si è proceduto a sottoporre ad analisi chimico-fisica 10 campioni medi rappresentativi di ciascuna delle celle d indagine. La caratterizzazione fisica delle terre di scavo, effettuata al fine del loro riutilizzo per la realizzazione di rilevati stradali, è stata effettuata mediante le seguenti analisi: analisi granulometrica; determinazione dei limiti di consistenza; conseguente classificazione secondo quanto riportato nella norma CNR-UNI 10006/63 determinazione del CBR in condizioni sature. Per la caratterizzazione chimica sono stati esaminati i seguenti parametri: idrocarburi leggeri HCC<12 e pesanti HCC>12; idrocarburi policiclici aromatici IPA singoli e totali; pesticidi; policlorobifenili PCB; metalli pesanti: Cr tot, Cd, Ni, Zn, Cu, Pb, Hg. Dall esame delle tabelle di laboratorio riassuntive, allegate alla presente relazione, si ricava che nessuno dei campioni analizzati supera i valori limite indicati nella tabella 1, colonna A, dell allegato 5 del D.Lgs. 152/2006. Il materiale tal quale risulta pertanto completamente 6

8 idoneo al riutilizzo in aree a destinazione residenziale rispettando i limiti di concentrazione indicati nella tabella A. Pertanto in fase di cantierizzazione la relativa movimentazione e lo stoccaggio prima dell utilizzo definitivo potrà avvenire senza particolari precauzioni operative, salvo procedere alla verifica sul cumulo del materiale movimentato prima di effettuarne la relativa sistemazione finale nell area dove ne è previsto il riutilizzo. In fase esecutiva si procederà alla esecuzione di ulteriori analisi per la caratterizzazione in cumulo del materiale movimentato, al fine individuare eventuali sostanze inquinanti che non sono state rilevate nel corso della campagna di caratterizzazione ambientale eseguita o di eventuali punti critici da gestire separatamente dal resto dei volumi movimentati (hot spot). In tal modo si controlleranno eventuali contaminazioni che potrebbero essere apportate accidentalmente al terreno durante le fasi di cantiere dai mezzi d opera (con particolare riguardo agli idrocarburi). Le eventuali porzioni di materiale che risultassero superare i valori limite di concentrazione indicati nelle tabelle A o B dell allegato 5 del D.Lgs. 152/2006 e s.m.i. saranno separate e gestite in maniera conforme alla normativa sui rifiuti, prevedendone l avvio in discarica controllata o ad impianti di trattamento in grado di consentirne l abbattimento degli inquinanti per il successivo recupero. Lucca, 21 ottobre 2009 Dott. Ing. Alessandro Ragghianti ALLEGATI: Tav. 1 Percorso degli autocarri per il trasporto del materiale scavato Tav. 2 Planimetria area di destinazione del materiale scavato Tav. 3 Ubicazione punti di campionamento ambientale N. 10 Certificati delle analisi chimico-fisiche per la caratterizzazione ambientale dei materiali di golena da movimentare. 7

9 Tav. 1 Percorso degli autocarri per il trasporto del materiale scavato 8

10 Tav. 2 Planimetria area di destinazione del materiale scavato 9

11 Tav. 3 Ubicazione punti di campionamento ambientale 10

12

13 PROGETTO DEFINITIVO PIANO DI GESTIONE DELLE MATERIE SCAVATE

14

15 PROGETTO DEFINITIVO PIANO DI GESTIONE DELLE MATERIE SCAVATE

16

17 PROGETTO DEFINITIVO PIANO DI GESTIONE DELLE MATERIE SCAVATE

18

19 PROGETTO DEFINITIVO PIANO DI GESTIONE DELLE MATERIE SCAVATE

20

21 PROGETTO DEFINITIVO PIANO DI GESTIONE DELLE MATERIE SCAVATE

22

23 PROGETTO DEFINITIVO PIANO DI GESTIONE DELLE MATERIE SCAVATE

24

25 PROGETTO DEFINITIVO PIANO DI GESTIONE DELLE MATERIE SCAVATE

26

27 PROGETTO DEFINITIVO PIANO DI GESTIONE DELLE MATERIE SCAVATE

28

29 PROGETTO DEFINITIVO PIANO DI GESTIONE DELLE MATERIE SCAVATE

30

31 PROGETTO DEFINITIVO PIANO DI GESTIONE DELLE MATERIE SCAVATE

32

33 PROGETTO DEFINITIVO PIANO DI GESTIONE DELLE MATERIE SCAVATE

34

35 PROGETTO DEFINITIVO PIANO DI GESTIONE DELLE MATERIE SCAVATE

36

37 PROGETTO DEFINITIVO PIANO DI GESTIONE DELLE MATERIE SCAVATE

38

39 PROGETTO DEFINITIVO PIANO DI GESTIONE DELLE MATERIE SCAVATE

40

41 PROGETTO DEFINITIVO PIANO DI GESTIONE DELLE MATERIE SCAVATE

42

43 PROGETTO DEFINITIVO PIANO DI GESTIONE DELLE MATERIE SCAVATE

44

45 PROGETTO DEFINITIVO PIANO DI GESTIONE DELLE MATERIE SCAVATE

46

47 PROGETTO DEFINITIVO PIANO DI GESTIONE DELLE MATERIE SCAVATE

48

49 PROGETTO DEFINITIVO PIANO DI GESTIONE DELLE MATERIE SCAVATE

50

51 PROGETTO DEFINITIVO PIANO DI GESTIONE DELLE MATERIE SCAVATE

TERRE E ROCCE DA SCAVO art. 186 del D.lgs. n. 152/2006, così come modificato dall art. 2, comma 23 del D.lgs n. 4/2008 LINEE GUIDA

TERRE E ROCCE DA SCAVO art. 186 del D.lgs. n. 152/2006, così come modificato dall art. 2, comma 23 del D.lgs n. 4/2008 LINEE GUIDA TERRE E ROCCE DA SCAVO art. 186 del D.lgs. n. 152/2006, così come modificato dall art. 2, comma 23 del D.lgs n. 4/2008 LINEE GUIDA Con le modifiche apportate dall art. 2, comma 23 del D.lgs n. 4/2008 al

Dettagli

PROCEDURE OPERATIVE PER LA GESTIONE DELLE TERRE E ROCCE DA SCAVO AI SENSI DELL ART. 186 DEL D. LGS.

PROCEDURE OPERATIVE PER LA GESTIONE DELLE TERRE E ROCCE DA SCAVO AI SENSI DELL ART. 186 DEL D. LGS. giunta regionale 8^ legislatura ALLEGATOA alla Dgr n. 2424 del 08 agosto 2008 pag. 1/18 PROCEDURE OPERATIVE PER LA GESTIONE DELLE TERRE E ROCCE DA SCAVO AI SENSI DELL ART. 186 DEL D. LGS. n. 152/2006 (come

Dettagli

Regione Veneto Provincia di Verona

Regione Veneto Provincia di Verona Regione Veneto Provincia di Verona Comune di Villafranca di Verona CAMPAGNA MOBILE DI RECUPERO RIFIUTI NELL EX CAVA IN LOCALITÀ VALENE VERIFICA DI ASSOGGETTABILITÀ ALLA PROCEDURA DI VALUTAZIONE DI IMPATTO

Dettagli

Allegato: 1 LINEE GUIDA

Allegato: 1 LINEE GUIDA Allegato: 1 LINEE GUIDA Modalità applicative per il riutilizzo delle terre e rocce da scavo previsto dall art. 186 del D.Lgs. n. 152/2006 e successive modifiche ed integrazioni. Art. 1 Ambito di applicazione

Dettagli

Assessorato territorio e ambiente Dipartimento territorio e ambiente

Assessorato territorio e ambiente Dipartimento territorio e ambiente Assessorato territorio e ambiente Dipartimento territorio e ambiente LINEE-GUIDA PER LA GESTIONE DEI MATERIALI/RIFIUTI INERTI DERIVANTI DALLE ATTIVITÀ DI DEMOLIZIONE, COSTRUZIONE E SCAVO, COMPRESE LE COSTRUZIONI

Dettagli

FIAT AVIO. federico.saporiti@comune.torino.it 1

FIAT AVIO. federico.saporiti@comune.torino.it 1 FIAT AVIO federico.saporiti@comune.torino.it 1 FIAT AVIO federico.saporiti@comune.torino.it 2 FIAT AVIO Settembre 2003 La Regione Piemonte avvia le trattative per l acquisizione dell Area ex Fiat Avio

Dettagli

Nota in merito alla gestione delle terre e rocce da scavo

Nota in merito alla gestione delle terre e rocce da scavo Nota in merito alla gestione delle terre e rocce da scavo Indice 1 PREMESSA... 2 2 RIFERIMENTI NORMATIVI... 2 3 BILANCIO DEI MATERIALI IN PROGETTO... 6 4 CONFERIMENTO A IMPIANTI DI TRATTAMENTO... 7 5 CARATTERIZZAZIONE

Dettagli

DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DI ATTO DI NOTORIETÀ (resa ai sensi degli artt. 47 e 38 del D.P.R. 28 dicembre 2000, n.445)

DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DI ATTO DI NOTORIETÀ (resa ai sensi degli artt. 47 e 38 del D.P.R. 28 dicembre 2000, n.445) Spett.le ARPA Lombardia DIPARTIMENTO DI.. Via...... (indirizzare all ARPA territorialmente competente con riferimento al sito di produzione dei materiali da scavo) Dichiarazione relativa al rispetto delle

Dettagli

PROGETTO ESECUTIVO. Opere di competenza del Ministero delle Politiche Agricole e Forestali

PROGETTO ESECUTIVO. Opere di competenza del Ministero delle Politiche Agricole e Forestali PROGETTO SISTEMA IRRIGUO VALLI GIRALDA-GAFFARO-FALCE PROGETTO ESECUTIVO Opere di competenza del Ministero delle Politiche Agricole e Forestali Salvaguardia ambientale e riassetto irriguo del comprensorio

Dettagli

CAPVT LIBERVM. Comune di Capoliveri

CAPVT LIBERVM. Comune di Capoliveri CAPVT LIBERVM Comune di Capoliveri 1.Premessa Questa Società, Caput Liberum s.r.l., in esecuzione della Delibera di C.C. n.60 dello 03/11/2010, deve procedere, in qualità di stazione appaltante, all attribuzione

Dettagli

INTRODUZIONE. 4 RIMOZIONE MASSICCIATA STRADALE. 5 DEMOLIZIONE MANUFATTI EDILI E STRADALI. 5 SCAVO TRADIZIONALE ALL APERTO.

INTRODUZIONE. 4 RIMOZIONE MASSICCIATA STRADALE. 5 DEMOLIZIONE MANUFATTI EDILI E STRADALI. 5 SCAVO TRADIZIONALE ALL APERTO. SOMMARIO 1 INTRODUZIONE... 4 2 RIMOZIONE MASSICCIATA STRADALE... 5 3 DEMOLIZIONE MANUFATTI EDILI E STRADALI... 5 4 SCAVO TRADIZIONALE ALL APERTO... 6 5 TRIVELLAZIONI... 6 6 CARATTERIZZAZIONE CHIMICA...

Dettagli

PREMESSA. Il progetto definitivo della cassa E4 è stato approvato con D.G.P n 181 del 28.12.2007.

PREMESSA. Il progetto definitivo della cassa E4 è stato approvato con D.G.P n 181 del 28.12.2007. PREMESSA L intervento previsto dal progetto consiste nella realizzazione di una cassa in derivazione in loc. Molino di Ripassaia nei comuni di Peccioli e Lajatico e rientra nell ambito di un accordo (Protocollo

Dettagli

paragrafo successivo, in cui sono indicate le modalità di riutilizzo, omettendo la parte anagrafica già compilata nel presente paragrafo.

paragrafo successivo, in cui sono indicate le modalità di riutilizzo, omettendo la parte anagrafica già compilata nel presente paragrafo. Riutilizzo Terre e Rocce da Scavo DECRETO LEGISLATIVO 3 aprile 2006, n 152 - Art. 186, come modificato dal D.lgs. N. 4/08 Il sottoscritto (cognome) (nome) nato a il in qualità di Titolare, Legale Rappresentante,

Dettagli

LE LINEE GUIDA PROVINCIALI

LE LINEE GUIDA PROVINCIALI LE LINEE GUIDA PROVINCIALI 2) INDICAZIONI PER LA CORRETTA COMPILAZIONE DEI MODULI ELABORATO PROGETTUALE (Mod.( A) predisposto dal produttore delle terre e rocce da scavo va presentato all autorità competente

Dettagli

La gestione dei materiali di risulta nei cantieri Evoluzione normativa e casi di studio

La gestione dei materiali di risulta nei cantieri Evoluzione normativa e casi di studio La gestione dei materiali di risulta nei cantieri Evoluzione normativa e casi di studio IL SITO CONTAMINATO DELLA NUOVA STAZIONE AV DI BOLOGNA Gestione dell iter amministrativo e delle interferenze con

Dettagli

LINEE GUIDA REGIONALI PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI DA ATTIVITA DI COSTRUZIONE E DEMOLIZIONE DGRV 1773, 28 agosto 2012

LINEE GUIDA REGIONALI PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI DA ATTIVITA DI COSTRUZIONE E DEMOLIZIONE DGRV 1773, 28 agosto 2012 LINEE GUIDA REGIONALI PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI DA ATTIVITA DI COSTRUZIONE E DEMOLIZIONE DGRV 1773, 28 agosto 2012 Laura Fornasiero Limena 14 dicembre 2012 SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE OBIETTIVI: indicazioni

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA GESTIONE DELLE TERRE E ROCCE DA SCAVO

LINEE GUIDA PER LA GESTIONE DELLE TERRE E ROCCE DA SCAVO Assessorato Ambiente, Parchi e Aree Protette, Promozione del risparmio energetico Risorse Idriche, Acque Minerali e Termali LINEE GUIDA PER LA GESTIONE DELLE TERRE E ROCCE DA SCAVO PREMESSA Con l emanazione

Dettagli

CORSO DI FORMAZIONE SULLA RIQUALIFICAZIONE FLUVIALE

CORSO DI FORMAZIONE SULLA RIQUALIFICAZIONE FLUVIALE PARCO REGIONALE DELLA VALLE DEL LAMBRO DIPARTIMENTO DI RIQUALIFICAZIONE FLUVIALE CORSO DI FORMAZIONE SULLA RIQUALIFICAZIONE FLUVIALE Monza, 12 aprile 2013 Caso Studio LAMBRO DESCRIZIONE CASO STUDIO Inquadramento

Dettagli

Siti contaminati: rischi ambientali, tecniche e costi di risanamento

Siti contaminati: rischi ambientali, tecniche e costi di risanamento Consulta provinciale dei Geologi di Parma 22 Giugno 2011 Siti contaminati: rischi ambientali, tecniche e costi di risanamento Dott. Geol. Giovanni Dondi (ECOVIVA S.a.s.).) ECOVIVA S.a.s. Via Passo della

Dettagli

MISCELAZIONE MECCANICA DEL TERRENO PER VIA UMIDA

MISCELAZIONE MECCANICA DEL TERRENO PER VIA UMIDA 1 Via Arni, 30 55032 Castelnuovo di Garfagnana (LU) MISCELAZIONE MECCANICA DEL TERRENO PER VIA UMIDA DMW ( Deep Mixing Wall ) - monoelica RELAZIONE TECNICA DESCRITTIVA Emissione : Castelnuovo di Garfagnana,

Dettagli

ALLEGATO 2 CRITERI GENERALI PER LA CARATTERIZZAZIONE DEI SITI CONTAMINATI

ALLEGATO 2 CRITERI GENERALI PER LA CARATTERIZZAZIONE DEI SITI CONTAMINATI ALLEGATO 2 CRITERI GENERALI PER LA CARATTERIZZAZIONE DEI SITI CONTAMINATI PREMESSA La caratterizzazione ambientale di un sito è identificabile con l insieme delle attività che permettono di ricostruire

Dettagli

PROGETTO DI CANTIERIZZAZIONE

PROGETTO DI CANTIERIZZAZIONE 1 EMPOLI PIANO DI RECUPERO EX VETRERIA BETTI PROGETTO DI CANTIERIZZAZIONE Introduzione: L area interessata dal Piano di Recupero, di proprietà della ditta IMMARTIN s.r.l., coincide con l immobile conosciuto

Dettagli

La caratterizzazione analitica delle terre e rocce da scavo: affidabilità dei risultati d analisi.

La caratterizzazione analitica delle terre e rocce da scavo: affidabilità dei risultati d analisi. R&C Lab S.r.l. La caratterizzazione analitica delle terre e rocce da scavo: rintracciabilità come garanzia di affidabilità dei risultati d analisi. Dr. Dino Celadon Responsabile Ricerca & Sviluppo Ambientale

Dettagli

INDICAZIONI PER L UTILIZZO E LA GESTIONE DELLE TERRE E ROCCE DA SCAVO NEI LAVORI PRIVATI SOTTOPOSTI A DIA O A PERMESSO DI COSTRUIRE

INDICAZIONI PER L UTILIZZO E LA GESTIONE DELLE TERRE E ROCCE DA SCAVO NEI LAVORI PRIVATI SOTTOPOSTI A DIA O A PERMESSO DI COSTRUIRE INDICAZIONI PER L UTILIZZO E LA GESTIONE DELLE TERRE E ROCCE DA SCAVO NEI LAVORI PRIVATI SOTTOPOSTI A DIA O A PERMESSO DI COSTRUIRE L art. 186 del d.lgs.152/06 indica le condizioni alle quali è consentito

Dettagli

Cassa di espansione sul T. Baganza Progetto preliminare

Cassa di espansione sul T. Baganza Progetto preliminare Cassa di espansione sul T. Baganza Progetto preliminare ANALISI DELLE CRITICITA IDRAULICHE PORTATE COMPATIBILI NEI DIVERSI TRATTI Il sistema idraulico Parma Baganza è stato oggetto di numerosi studi allo

Dettagli

PROGETTO DEFINITIVO-ESECUTIVO DI MESSA IN SICUREZZA DI EMERGENZA - PRIMO LOTTO - - ex stabilimento METALCHIMICA - RELAZIONE GENERALE

PROGETTO DEFINITIVO-ESECUTIVO DI MESSA IN SICUREZZA DI EMERGENZA - PRIMO LOTTO - - ex stabilimento METALCHIMICA - RELAZIONE GENERALE Regione Piemonte Comune di Caselle T.se PROGETTO DEFINITIVO-ESECUTIVO DI MESSA IN SICUREZZA DI EMERGENZA - PRIMO LOTTO - - ex stabilimento METALCHIMICA - RELAZIONE GENERALE Comune di CASELLE TORINESE Via

Dettagli

MISCELAZIONE MECCANICA DEL TERRENO PER VIA UMIDA

MISCELAZIONE MECCANICA DEL TERRENO PER VIA UMIDA 1 Via Arni, 30 55032 Castelnuovo di Garfagnana (LU) MISCELAZIONE MECCANICA DEL TERRENO PER VIA UMIDA SMW ( Soil Mixing Wall ) - trielica RELAZIONE TECNICA DESCRITTIVA Emissione : Castelnuovo di Garfagnana,

Dettagli

COMUNE DI SAN CALOGERO VIBO VALENTIA

COMUNE DI SAN CALOGERO VIBO VALENTIA COMUNE DI SAN CALOGERO VIBO VALENTIA Oggetto: Progetto per la coltivazione di una cava di calcare nel Comune di. San Calogero loc. San Pietro COMMITTENTE Edil Sibio di Sibio Cosma Damiano Relazione Tecnica

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA GESTIONE DELLE TERRE E ROCCE DA SCAVO

LINEE GUIDA PER LA GESTIONE DELLE TERRE E ROCCE DA SCAVO Assessorato Ambiente, Parchi e Aree Protette, Promozione del risparmio energetico Risorse Idriche, Acque Minerali e Termali LINEE GUIDA PER LA GESTIONE DELLE TERRE E ROCCE DA SCAVO PREMESSA Con l emanazione

Dettagli

Estratto Elaborato A7 PIT. Localizzazione siti oggetto di osservazione COMUNE DI EMPOLI. Servizio Urbanistica

Estratto Elaborato A7 PIT. Localizzazione siti oggetto di osservazione COMUNE DI EMPOLI. Servizio Urbanistica 12 13 11 4 5 Estratto Elaborato A7 PIT 10 6 7 3 2 8 9 1 1) Località Terrafino 2) Località Terrafino 3) Località Castelluccio 4) Località Avane 5) Località S. Maria 6) Empoli centro 7) Empoli centro 8)

Dettagli

FASE: CANTIERE SCHEDA: Ca/A agg

FASE: CANTIERE SCHEDA: Ca/A agg FASE: CANTIERE SCHEDA: Ca/A agg FATTORE DI IMPATTO: Dismissione edifici e pavimentazione esistenti AMBITO: Area commerciale EFFETTI: Produzione di polveri PRECAUZIONI: Procedura di approntamento del cantiere

Dettagli

PIANO DI GESTIONE DELLE TERRE

PIANO DI GESTIONE DELLE TERRE PIANO DI GESTIONE DELLE TERRE PROGETTO.. Richiedente: Tecnico: PREMESSA Il presente Piano di Gestione delle terre è stato redatto nel rispetto e in ottemperanza delle seguenti normative specifiche in materia:

Dettagli

6. INDIVIDUAZIONE DEGLI ASPETTI AMBIENTALI INTERESSATI DAL PROGETTO

6. INDIVIDUAZIONE DEGLI ASPETTI AMBIENTALI INTERESSATI DAL PROGETTO 6. INDIVIDUAZIONE DEGLI ASPETTI AMBIENTALI INTERESSATI DAL PROGETTO L esercizio dell attività estrattiva, svoltasi in passato nell area in oggetto, ha comportato inevitabilmente la variazione dell assetto

Dettagli

RELAZIONE SULLA GESTIONE DELLE MATERIE (ai sensi dell art. 26 comma 1 lett.i del D.P.R. n. 207/2010)

RELAZIONE SULLA GESTIONE DELLE MATERIE (ai sensi dell art. 26 comma 1 lett.i del D.P.R. n. 207/2010) RELAZIONE SULLA GESTIONE DELLE MATERIE (ai sensi dell art. 26 comma 1 lett.i del D.P.R. n. 207/2010) La presente relazione si riferisce alle opere inerenti il progetto delle urbanizzazioni primarie e secondarie

Dettagli

COMPLETAMENTO DEL PIANO DI CARATTERIZZAZIONE AMBIENTALE DEL SITO PRODUTTIVO DISMESSO CENTRALE DEL LATTE DI VICENZA IN VIA MEDICI

COMPLETAMENTO DEL PIANO DI CARATTERIZZAZIONE AMBIENTALE DEL SITO PRODUTTIVO DISMESSO CENTRALE DEL LATTE DI VICENZA IN VIA MEDICI REGIONE VENETO PROVINCIA DI VICENZA COMUNE DI VICENZA COMPLETAMENTO DEL PIANO DI CARATTERIZZAZIONE AMBIENTALE DEL SITO PRODUTTIVO DISMESSO CENTRALE DEL LATTE DI VICENZA IN VIA MEDICI IN COMUNE DI VICENZA.

Dettagli

Compilazione del modulo di dichiarazione per l utilizzo terre e rocce da scavo come sottoprodotto, ai sensi della legge 9 agosto 2013 n.

Compilazione del modulo di dichiarazione per l utilizzo terre e rocce da scavo come sottoprodotto, ai sensi della legge 9 agosto 2013 n. Compilazione del modulo di dichiarazione per l utilizzo terre e rocce da scavo come sottoprodotto, ai sensi della legge 9 agosto 2013 n. 98 A seguito dell entrata in vigore della Legge 09.08.2013 n. 98,

Dettagli

ECOMONDO. Quali indicazioni dall esperienza Lombarda Petroli. Nicola Di Nuzzo

ECOMONDO. Quali indicazioni dall esperienza Lombarda Petroli. Nicola Di Nuzzo ECOMONDO Quali indicazioni dall esperienza Lombarda Petroli Nicola Di Nuzzo Workshop Pronto intervento ambientale: le professionalità per gestire l inaspettato 7 novembre 2013 Emergenza fiume Lambro

Dettagli

CANTIERI TEMPORANEI E MOBILI: GESTIONE RIFIUTI E SOTTOPRODOTTI

CANTIERI TEMPORANEI E MOBILI: GESTIONE RIFIUTI E SOTTOPRODOTTI CANTIERI TEMPORANEI E MOBILI: GESTIONE RIFIUTI E SOTTOPRODOTTI 1. LA GESTIONE DELLE TERRE E ROCCE DA SCAVO COME SOTTOPRODOTTI 2. I SITI CONTAMINATI 3. LA GESTIONE IN IMPIANTO DI RECUPERO DEI RIFIUTI DA

Dettagli

PIAE 2009-2028 1 TIPOLOGIA DI POLO. LITOLOGIA DEL GIACIMENTO Sabbie fini. COMUNI INTERESSATI Ferrara INQUADRAMENTO DELL AREA

PIAE 2009-2028 1 TIPOLOGIA DI POLO. LITOLOGIA DEL GIACIMENTO Sabbie fini. COMUNI INTERESSATI Ferrara INQUADRAMENTO DELL AREA TIPOLOGIA DI POLO LITOLOGIA DEL GIACIMENTO Sabbie fini COMUNI INTERESSATI Ferrara INQUADRAMENTO DELL AREA L area è ubicata a nord degli abitati di Porotto e Cassana, nel Comune di Ferrara, confina a nord

Dettagli

4.5.5 Risultati analisi XRPD

4.5.5 Risultati analisi XRPD 4.5.5 Risultati analisi XRPD CAMPIONE N.11 Campione abbastanza massivo, di colore biancastro-verde pallido, costituito da cristalli da aciculari a fibrosi, tendenzialmente isorientati. - XRPD: diopside

Dettagli

Interventi di messa in sicurezza. 21 dicembre 2009

Interventi di messa in sicurezza. 21 dicembre 2009 Interventi di messa in sicurezza 21 dicembre 2009 La Caratterizzazione di Pian Masino Le risultanze pongono in evidenza: Acque di falda altamente compromesse Criticità elevata per presenza di Cr VI a Pian

Dettagli

DISCIPLINARE ISPRA PER LA DEFINIZIONE DELLE INFORMAZIONI DEGLI STANDARD E DELLE MODALITÀ DI TRASMISSIONE DI CUI ALL ART. 13 DEL DM161/2012.

DISCIPLINARE ISPRA PER LA DEFINIZIONE DELLE INFORMAZIONI DEGLI STANDARD E DELLE MODALITÀ DI TRASMISSIONE DI CUI ALL ART. 13 DEL DM161/2012. DISCIPLINARE ISPRA PER LA DEFINIZIONE DELLE INFORMAZIONI DEGLI STANDARD E DELLE MODALITÀ DI TRASMISSIONE DI CUI ALL ART. 13 DEL DM161/2012. 1. Premessa L art. 13 del DM 161/2012 prevede che al fine di

Dettagli

Allegato 4. Progetto Terre e Rocce da Scavo

Allegato 4. Progetto Terre e Rocce da Scavo Allegato 4 Progetto Terre e Rocce da Scavo Committente: Progetto: Piano di Sviluppo della Rete di Trasmissione Nazionale - Autorizzazione alla costruzione ed all esercizio - ai sensi dell art. 1 sexies

Dettagli

PIANO DI PROTEZIONE CIVILE COMUNALE Comune di Ravenna Compilatore: GEB srl IN SE SR. Piano Emergenza Rischio Idraulico

PIANO DI PROTEZIONE CIVILE COMUNALE Comune di Ravenna Compilatore: GEB srl IN SE SR. Piano Emergenza Rischio Idraulico Aggiornato al: 14.09.2009 SCENARI DI EVENTO pag. 2.1 2 SCENARI DI EVENTO Il primo passo nella redazione di un Piano di Emergenza di Protezione Civile si realizza con la creazione degli Scenari di Evento.

Dettagli

COMUNE DI LACONI. Provincia di Oristano IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO

COMUNE DI LACONI. Provincia di Oristano IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO COMUNE DI LACONI Provincia di Oristano SETTORE : Responsabile: UFFICIO TECNICO COMUNALE Dott. Ing. Massimo Dessanai COPIA DETERMINAZIONE N. 736 DEL 31/12/2013 PROPOSTA DETERMINAZIONE N. 740 DEL 31/12/2013

Dettagli

LA GESTIONE DEI MATERIALI DI RISULTA COME RIFIUTO. Claudio Pilla

LA GESTIONE DEI MATERIALI DI RISULTA COME RIFIUTO. Claudio Pilla LA GESTIONE DEI MATERIALI DI RISULTA COME RIFIUTO Claudio Pilla DEFINIZIONE DI RIFIUTO D.lgs.152/2006 Art. 183 comma 1 lettera a) Si intende per rifiuto qualsiasi sostanza od oggetto di cui il detentore

Dettagli

E STATA PREPARATA APPOSITA MODULISTICA DA PRESENTARE AL COMUNE PER:

E STATA PREPARATA APPOSITA MODULISTICA DA PRESENTARE AL COMUNE PER: Legge Forestale della Toscana n. 39/2/R del 5/9/2001 - Regolamento di La L.R.T. n.1/2003, di modifica ed integrazione della L.R.T.39/2000 Legge forestale della Toscana ha attribuito ai Comuni il rilascio

Dettagli

SETTORE MANUTENZIONI E AMBIENTE SERVIZIO AMBIENTE

SETTORE MANUTENZIONI E AMBIENTE SERVIZIO AMBIENTE Comune di Nuoro SETTORE MANUTENZIONI E AMBIENTE SERVIZIO AMBIENTE REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI INERTI E DELLE TERRE E ROCCE DA SCAVO PROVENIENTI DA ATTIVITA DI COSTRUZIONE E DEMOLIZIONE ART.

Dettagli

Indicazioni per la predisposizione del Piano di Gestione dei Rifiuti di Estrazione PGRE

Indicazioni per la predisposizione del Piano di Gestione dei Rifiuti di Estrazione PGRE Indicazioni per la predisposizione del Piano di Gestione dei Rifiuti di Estrazione PGRE Il Piano di Gestione dei Rifiuti di Estrazione (PGRE), che costituirà l All. n. 5 o successivi, al provvedimento

Dettagli

Provincia di Varese COMUNE DI ALBIZZATE. Studio del reticolo idrico comunale (D.G.R. del 25-01-02 n 7/7868 e s.m.i.)

Provincia di Varese COMUNE DI ALBIZZATE. Studio del reticolo idrico comunale (D.G.R. del 25-01-02 n 7/7868 e s.m.i.) REGIONE LOMBARDIA Provincia di Varese COMUNE DI ALBIZZATE Studio del reticolo idrico comunale (D.G.R. del 25-01-02 n 7/7868 e s.m.i.) Dicembre 2011 INDIVIDUAZIONE DEL RETICOLO IDROGRAFICO MINORE Studio

Dettagli

CASTELNUOVESE INERTI S.R.L. Via S.R. 69 Via Ponte alle Forche, 27 52028 San Giovanni Valdarno (Ar) P.IVA 01923580516

CASTELNUOVESE INERTI S.R.L. Via S.R. 69 Via Ponte alle Forche, 27 52028 San Giovanni Valdarno (Ar) P.IVA 01923580516 Via S.R. 69 Via Ponte alle Forche, 27 52028 San Giovanni Valdarno (Ar) P.IVA 01923580516 CAVA RIMANDOLI 7 COMUNE DI PERGINE VALDARNO (AR) ai sensi del Decreto Legislativo 30 maggio 2008 n 117 Attuazione

Dettagli

(Rev. 1) DISCIPLINARE ISPRA PER LA DEFINIZIONE DELLE INFORMAZIONI DEGLI STANDARD E DELLE MODALITÀ DI TRASMISSIONE DI CUI ALL ART. 13 DEL DM161/2012.

(Rev. 1) DISCIPLINARE ISPRA PER LA DEFINIZIONE DELLE INFORMAZIONI DEGLI STANDARD E DELLE MODALITÀ DI TRASMISSIONE DI CUI ALL ART. 13 DEL DM161/2012. (Rev. 1) DISCIPLINARE ISPRA PER LA DEFINIZIONE DELLE INFORMAZIONI DEGLI STANDARD E DELLE MODALITÀ DI TRASMISSIONE DI CUI ALL ART. 13 DEL DM161/2012. 1. Premessa L art. 13 del DM 161/2012 prevede che al

Dettagli

RIMOZIONE DI RIFIUTI ABBANDONATI PRESSO LA S.P. 340 "VARIANTE DI CASAPESENNA"

RIMOZIONE DI RIFIUTI ABBANDONATI PRESSO LA S.P. 340 VARIANTE DI CASAPESENNA Absract La Gisec S.p.A. è stata individuata quale soggetto attuatore, giusta Delibera di Giunta Provinciale n. 75 del 07/08/2014 ed in seguito a conferenza di servizi indetta per il giorno 13.08.2014 dal

Dettagli

Le Politiche Regionali in tema di BONIFICHE AMBIENTALI

Le Politiche Regionali in tema di BONIFICHE AMBIENTALI Le Politiche Regionali in tema di BONIFICHE AMBIENTALI 13 dicembre 2011 Direzione Ambiente Relatore: Ing. Giorgio Schellino La situazione dei siti contaminati in Piemonte 700 siti contaminati con procedimento

Dettagli

Rete di monitoraggio in Italia per valutare le ricadute al suolo utilizzando muschi e suoli superficiali

Rete di monitoraggio in Italia per valutare le ricadute al suolo utilizzando muschi e suoli superficiali Rete di monitoraggio in Italia per valutare le ricadute al suolo utilizzando muschi e suoli superficiali R. M. Cenci BIOMONITORAGGIO DELL'ARIA: VERSO UNA PROPOSTA NORMATIVA Roma, 3 Marzo 2009 1 Attività

Dettagli

RELAZIONE TECNICA OGGETTO: ANALISI DELLA VIABILITA DI ACCESSO ALL AREA ESTRATTIVA.

RELAZIONE TECNICA OGGETTO: ANALISI DELLA VIABILITA DI ACCESSO ALL AREA ESTRATTIVA. Loc. Ponticino via Nazionale n 212/D 52020 Laterina (AR) Tel/Fax 0575/898447 P.Iva 02046860512 www.edilconsulting.info E-mail: info@edilconsulting.info RELAZIONE TECNICA OGGETTO: ANALISI DELLA VIABILITA

Dettagli

La gestione dei rifiuti nei cantieri edili tra imprese e professionisti EDIL 2008 5 aprile 2008

La gestione dei rifiuti nei cantieri edili tra imprese e professionisti EDIL 2008 5 aprile 2008 La gestione dei rifiuti nei cantieri edili tra imprese e professionisti EDIL 2008 5 aprile 2008 Rifiuti potenzialmente prodotti presso i cantieri i rifiuti delle operazioni di costruzione e demolizione,

Dettagli

RELAZIONE TECNICA. UBICAZIONE E STATO DI FATTO L area interessata è localizzata a Ovest del capoluogo lungo il corso del rio Stanavazzo.

RELAZIONE TECNICA. UBICAZIONE E STATO DI FATTO L area interessata è localizzata a Ovest del capoluogo lungo il corso del rio Stanavazzo. RELAZIONE TECNICA Il Comune di Predosa ha conferito incarico ai sottoscritti ing. Italo BRUNO con recapito in Novi Ligure Via Manzoni n. 14. per la redazione del progetto di Consolidamento ponte e difesa

Dettagli

COMUNE DI CAMPI SALENTINA PROVINCIA DI LECCE

COMUNE DI CAMPI SALENTINA PROVINCIA DI LECCE COMUNE DI CAMPI SALENTINA PROVINCIA DI LECCE LL.NN.179/92-493/93 e 85/94- Localizzazione Interventi di Edilizia Sovvenzionata - Opere di Urbanizzazione primaria - Riutilizzo somme disponibili per Progetto

Dettagli

FRIULANA COSTRUZIONI S.R.L.

FRIULANA COSTRUZIONI S.R.L. REGIONE AUTONOMA FRIULI VENEZIA GIULIA Direzione centrale ambiente e lavori pubblici Servizio tutela da inquinamento atmosferico, acustico e ambientale Via Giulia, 75 34126 TRIESTE (TS) FRIULANA COSTRUZIONI

Dettagli

LE BONIFICHE AMBIENTALI rimedi ai danni generati dalla chimica

LE BONIFICHE AMBIENTALI rimedi ai danni generati dalla chimica Water & Soil Remediation Srl v. Donatori di Sangue, 13 Levata di Curtatone (MN) LE BONIFICHE AMBIENTALI rimedi ai danni generati dalla chimica Water & Soil Remediation Srl Relatore: Dott. Stefano Danini

Dettagli

PROCEDURE PER IL RILASCIO DI CONCESSIONI, LICENZE E NULLA OSTA

PROCEDURE PER IL RILASCIO DI CONCESSIONI, LICENZE E NULLA OSTA PROCEDURE PER IL RILASCIO DI CONCESSIONI, LICENZE E NULLA OSTA Art. 1 : Oggetto delle concessioni e licenze Il presente documento, relativo alle opere pubbliche di bonifica, le opere idrauliche e le opere

Dettagli

INDAGINE AMBIENTALE PROVINCIA DI FERRARA COMUNE DI FERRARA

INDAGINE AMBIENTALE PROVINCIA DI FERRARA COMUNE DI FERRARA PROVINCIA DI FERRARA COMUNE DI FERRARA Committente: Università degli Studi di Ferrara Cantiere: Cona (FE), nuovo Arcispedale S.Anna INDAGINE AMBIENTALE Revisione n 0 Dicembre 2011 Tavole 3 Allegati 4 Sede

Dettagli

a protezione di un ponte sul Crati Ing. M. Ponte Dipartimento di Difesa del Suolo V. Marone

a protezione di un ponte sul Crati Ing. M. Ponte Dipartimento di Difesa del Suolo V. Marone Interventi di sistemazione idraulica a protezione di un ponte sul Crati Ing. M. Ponte Dipartimento di Difesa del Suolo V. Marone Moti di filtrazione nei terreni H 2 1 H 1 2 H Ing. M. Ponte 2 Se il moto

Dettagli

engineering s.r.l. via del Rio, 2 56025 PONTEDERA PI tel. +39.0587.608233 fax +39.0587.606784

engineering s.r.l. via del Rio, 2 56025 PONTEDERA PI tel. +39.0587.608233 fax +39.0587.606784 05 04 03 02 01 08.11.2010 VARIANTE 1 00 14.03.2009 Prima emissione Rev. DATA: Motivo Il Direttore dei Lavori Piano di Lottizzazione UTOE Pontedera Est Comparto 12 OPERE DI URBANIZZAZIONE PONTEDERA PI Loc.tà

Dettagli

COMUNE DI COSTABISSARA PROVINCIA DI VICENZA

COMUNE DI COSTABISSARA PROVINCIA DI VICENZA COMUNE DI COSTABISSARA PROVINCIA DI VICENZA COSTRUZIONE DI UNA PISTA CICLOPEDONALE LUNGO VIA MARTIRI DELLA LIBERTA' PROGETTO DEFINITIVO - I STRALCIO TRATTO IN CORRISPONDENZA DEL MAPPALE 87 PIANO PARTICELLARE

Dettagli

AGENZIA INTERREGIONALE PER IL FIUME PO

AGENZIA INTERREGIONALE PER IL FIUME PO AGENZIA INTERREGIONALE PER IL FIUME PO ENTE DI GESTIONE DEL SISTEMA DELLA AREE PROTETTE DELLA FASCIA FLUVIALE DEL PO - TRATTO VERCELLESE E ALESSANDRINO CONVENZIONE PER UTILIZZAZIONE DELLE SOMMITÀ DELLE

Dettagli

La nuova gestione delle TERRE E ROCCE DA SCAVO / CARBONIA IGLESIAS 30 MAGGIO 2014 Dott. Geol. Massimo Ranieri

La nuova gestione delle TERRE E ROCCE DA SCAVO / CARBONIA IGLESIAS 30 MAGGIO 2014 Dott. Geol. Massimo Ranieri Geologia e progettazione ambientale Dott. geol. Massimo Ranieri Via Pollidoro di Mastro Renzo, 1b - 66034 Lanciano CH Tel/Fax 0872.45413 3385846651 georanieri @alice.it / ranieri@negrisud.it MATERIALE

Dettagli

REGOLAMENTO D USO DELLA DISCARICA COMUNALE PER RIFIUTI INERTI

REGOLAMENTO D USO DELLA DISCARICA COMUNALE PER RIFIUTI INERTI REGOLAMENTO D USO DELLA DISCARICA COMUNALE PER RIFIUTI INERTI Art. 1 Definizione, finalità e localizzazione Ai sensi del Piano di adeguamento di cui al D.Lgs. 13.01.2003 n. 36, registrato in atti Provinciali

Dettagli

Helios srl Processing and Recycling waste

Helios srl Processing and Recycling waste Helios srl Processing and Recycling waste Attività dell impianto Le attività di recupero e trattamento dei rifiuti previste presso l impianto possono essere essenzialmente ricondotte alle seguenti tipologie:

Dettagli

ALLEGATO I Flussi documentali

ALLEGATO I Flussi documentali ALLEGATI 1 ALLEGATO I Flussi documentali INTERVENTI SOGGETTI A PERMESSO A COSTRUIRE e DICHIARAZIONE DI VINCOLO IDROGEOLOGICO La Richiesta di Permesso a costruire all Edilizia Privata munita di ricevuta

Dettagli

ALLEGATO 7 ANALISI DEL REGIME VEICOLARE

ALLEGATO 7 ANALISI DEL REGIME VEICOLARE ALLEGATO 7 ANALISI DEL REGIME VEICOLARE Il sistema viario esistente e i livelli di traffico La Provincia di Vicenza, come buona parte del Nordest, si caratterizza per l accentuato policentrismo in prossimità

Dettagli

Itinerario ciclopedonale lungo il fiume Brenta

Itinerario ciclopedonale lungo il fiume Brenta PREMESSA L itinerario lungo il corso del fiume Brenta è motivato dalla presenza di un area di notevole interesse ambientale che merita una sua specifica valorizzazione anche a livello di turismo minore

Dettagli

STUDIO RELATIVO ALLA REALIZZAZIONE DI UN NUOVO INNESTO CON IMPIANTO DI ILLUMINAZIONE SULLA S.S.12

STUDIO RELATIVO ALLA REALIZZAZIONE DI UN NUOVO INNESTO CON IMPIANTO DI ILLUMINAZIONE SULLA S.S.12 Comune di Pavullo nel Frignano Piano Urbanistico Attuativo di Iniziativa Privata Ambito ASP 2.7 di rilievo sovracomunale sito in località Casa Zanaroli Cà del Lupo e denominato: POLO ARTIGIANALE INDUSTRIALE

Dettagli

Dichiarazione di inizio lavori ai fini del vincolo idrogeologico L.R. n.39/2000-art. 84 Reg. Attuazione D.P.G.R. n 48/R del 08.08.

Dichiarazione di inizio lavori ai fini del vincolo idrogeologico L.R. n.39/2000-art. 84 Reg. Attuazione D.P.G.R. n 48/R del 08.08. MARCA DA BOLLO Comune di Capannori (Prov. di Lucca) Al Sindaco del Comune di Capannori Piazza Aldo Moro, 1 55012 Capannori (LU) Dichiarazione di inizio lavori ai fini del vincolo idrogeologico L.R. n.39/2000-art.

Dettagli

Interporto della Toscana Centrale Piano di Ampliamento

Interporto della Toscana Centrale Piano di Ampliamento Interporto della Toscana Centrale Piano di Ampliamento Information Memorandum Strettamente privato & confidenziale Novembre 2012 Con la consulenza fornita da: Indice & Disclaimer 1. Finalità della presentazione

Dettagli

0 SOMMARIO... 2. 2 PROGETTO DELLA SOLUZIONE SELEZIONATA... 4 2.1 Descrizione della soluzione selezionata... 4 2.2 Fattibilità dell'intervento...

0 SOMMARIO... 2. 2 PROGETTO DELLA SOLUZIONE SELEZIONATA... 4 2.1 Descrizione della soluzione selezionata... 4 2.2 Fattibilità dell'intervento... INDICE 0 SOMMARIO... 2 FINALITÀ DELL'INTERVENTO E SCELTA DELLE ALTERNATIVE PROGETTUALI:... 3. Descrizione delle motivazioni giustificative della necessità dell'intervento e delle finalità che si prefigge

Dettagli

TECNICO SUPERIORE PER I SISTEMI DI RACCOLTA E SMALTIMENTO DEI RIFIUTI

TECNICO SUPERIORE PER I SISTEMI DI RACCOLTA E SMALTIMENTO DEI RIFIUTI SETTORE AMBIENTE TECNICO SUPERIORE PER I SISTEMI DI RACCOLTA E SMALTIMENTO DEI RIFIUTI STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI TECNICO SUPERIORE PER I SISTEMI DI RACCOLTA E SMALTIMENTO DEI

Dettagli

Agenzia Regionale per la Protezione dell Ambiente Ligure

Agenzia Regionale per la Protezione dell Ambiente Ligure Validazione della Caratterizzazione Ambientale dei Cantieri Navali Michelini s.r.l. V.le S. Bartolomeo S.I.N. Pitelli La Spezia 1 Indice INDICE...2 1 PREMESSA...3 2 RISULTATI DELLA CARATTERIZZAZIONE...5

Dettagli

IMPIANTO DI DEPOSITO E TRATTAMENTO RIFIUTI SPECIALI LIQUIDI FASI DI COSTRUZIONE ED AVVIAMENTO IMPIANTO INDICAZIONI SUI RIFIUTI PRODOTTI

IMPIANTO DI DEPOSITO E TRATTAMENTO RIFIUTI SPECIALI LIQUIDI FASI DI COSTRUZIONE ED AVVIAMENTO IMPIANTO INDICAZIONI SUI RIFIUTI PRODOTTI Comune di COLLESALVETTI Provincia di LIVORNO IMPIANTO DI DEPOSITO E TRATTAMENTO RIFIUTI SPECIALI LIQUIDI ex SS 67 bis dell Arnaccio km17,300 fraz. Ponte Biscottino FASI DI COSTRUZIONE ED AVVIAMENTO IMPIANTO

Dettagli

RELAZIONE NON TECNICA DIVULGATIVA

RELAZIONE NON TECNICA DIVULGATIVA RELAZIONE NON TECNICA DIVULGATIVA II SEMESTRE 2006 DISCARICA PER RIFIUTI NON PERICOLOSI IN LOCALITA CA VECCHIA Ditta PROGECO AMBIENTE Spa Verona, 26 febbraio 2007 Responsabile PSC Dott. Davide Sorze SOMMARIO

Dettagli

Lavori di realizzazione Nuovi percorsi pedonali e ciclabili dall incrocio di via Sardegna / via Cagliari alla fermata metropolitana Assemini

Lavori di realizzazione Nuovi percorsi pedonali e ciclabili dall incrocio di via Sardegna / via Cagliari alla fermata metropolitana Assemini RELAZIONE GENERALE DESCRIZIONE DEL PROGETTO Nonostante nel Comune di Assemini siano presenti tre fermate della linea metropolitana, la zona più densamente popolata è anche quella meno servita dal collegamento

Dettagli

CLASSIFICAZIONE RIFIUTI

CLASSIFICAZIONE RIFIUTI CLASSIFICAZIONE RIFIUTI Decreto legislativo n. 152/2006 parte IV gestione dei rifiuti la Parte quarta del d. lgs. n. 152/2006 è una sorta di rivisitazione del d.lgs. n. 22/1997 che, senza nemmeno alterarne

Dettagli

Progetto di recupero ambientale e funzionale del "Fontanile Riberto"

Progetto di recupero ambientale e funzionale del Fontanile Riberto CONSORZIO DI BONIFICA DELLA MEDIA PIANURA BERGAMASCA via A. Gritti 21/25-24125 Bergamo PSR 2007-2013 / MISURA 126 Investimenti non produttivi Progetto di recupero ambientale e funzionale del "Fontanile

Dettagli

L importanza della gestione dei sedimenti nell ambito del progetto di escavo del Canale Contorta S. Angelo

L importanza della gestione dei sedimenti nell ambito del progetto di escavo del Canale Contorta S. Angelo L importanza della gestione dei sedimenti nell ambito del progetto di escavo del Canale Contorta S. Angelo Andrea Barbanti, Francesca Garaventa, Roberto Zonta, Daniele Cassin, Vanessa Moschino CNR-ISMAR

Dettagli

PIANO DELLE ATTIVITA DI BONIFICA 2015

PIANO DELLE ATTIVITA DI BONIFICA 2015 SEDE LEGALE: Via degli Speziali 17 Loc. Venturina Terme 57021 CAMPIGLIA MARITTIMA (LI) Telefono: +39 0565 85761 Fax: +39 0565 857690 Posta Certificata: cbaltamaremma@pcert.it - consorzio@pec.collinelivornesi.it

Dettagli

INDICATORI E MONITORAGGIO

INDICATORI E MONITORAGGIO COMUNI DI AZZIO, BEDERO VALCUVIA, BRINZIO, CASALZUIGNO, CASSANO VALCUVIA, DUNO, FERRERA DI VARESE, MASCIAGO PRIMO, ORINO, RANCIO VALCUVIA Provincia di Varese INDICATORI E MONITORAGGIO VALUTAZIONE AMBIENTALE

Dettagli

La produzione di aggregati riciclati di qualità. La gestione ottimale di un impianto di riciclaggio di rifiuti da C&D

La produzione di aggregati riciclati di qualità. La gestione ottimale di un impianto di riciclaggio di rifiuti da C&D La produzione di aggregati riciclati di qualità. La gestione ottimale di un impianto di riciclaggio di rifiuti da C&D Ing. Stefano Cicerani Convegno sul tema: La qualità degli aggregati riciclati: i controlli

Dettagli

INTERVENTI DI BONIFICA DI SITI CONTAMINATI: L ESPERIENZA DELL AMMINISTRAZIONE COMUNALE DI MILANO

INTERVENTI DI BONIFICA DI SITI CONTAMINATI: L ESPERIENZA DELL AMMINISTRAZIONE COMUNALE DI MILANO INTERVENTI DI BONIFICA DI SITI CONTAMINATI: L ESPERIENZA DELL AMMINISTRAZIONE COMUNALE DI MILANO RELATORE: Ing. De Salvia Servizio Piani di Bonifica Settore Piani e Programmi Esecutivi per l Edilizia -

Dettagli

Progetto Torino Lione ATTIVITA DI ARPA. Direttore Generale Arpa Piemonte Angelo Robotto

Progetto Torino Lione ATTIVITA DI ARPA. Direttore Generale Arpa Piemonte Angelo Robotto Progetto Torino Lione Cunicolo Geognostico La Maddalena - Chiomonte ATTIVITA DI ARPA Direttore Generale Arpa Piemonte Angelo Robotto 1. Attività di controllo ARPA 2. Sintesi delle risultanze monitoraggio

Dettagli

COMUNE DI LENDINARA Provincia di Rovigo REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DIFESA DELL ASSETTO IDRAULICO DEL TERRITORIO

COMUNE DI LENDINARA Provincia di Rovigo REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DIFESA DELL ASSETTO IDRAULICO DEL TERRITORIO COMUNE DI LENDINARA Provincia di Rovigo REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DIFESA DELL ASSETTO IDRAULICO DEL TERRITORIO Approvato con Delibera di Consiglio Comunale n 74 del 30.11.2009 ESECUTIVO DAL 28.12.2009

Dettagli

ACQUE METEORICHE DI DILAVAMENTO E DI PRIMA PIOGGIA: NORME E SPECIFICHE TECNICHE. Normativa, procedure e modulistica

ACQUE METEORICHE DI DILAVAMENTO E DI PRIMA PIOGGIA: NORME E SPECIFICHE TECNICHE. Normativa, procedure e modulistica ACQUE METEORICHE DI DILAVAMENTO E DI PRIMA PIOGGIA: NORME E SPECIFICHE TECNICHE Normativa, procedure e modulistica 1 ART. 39 D.Lgs 11 maggio 1999 n. 152 ART. 113 D.Lgs 3 aprile 2006 n. 152 Art.113 prevede

Dettagli

LAVORI OPERE SOGGETTE A RIBASSO LAVORI PREPARATORI

LAVORI OPERE SOGGETTE A RIBASSO LAVORI PREPARATORI Computo metrico estimativo pag. 1 di 5 LAVORI OPERE SOGGETTE A RIBASSO LAVORI PREPARATORI 1 47 Sfalcio meccanico di vegetazione spontanea eterogenea costituita in prevalenza da canne e cespugli pulizia

Dettagli

INDICAZIONI RELATIVE ALLE AZIONI DI CANTIERE

INDICAZIONI RELATIVE ALLE AZIONI DI CANTIERE INDICAZIONI RELATIVE ALLE AZIONI DI CANTIERE 30_relazione-cantiere-FNM-galliate-prgodef_TIMES.doc 1 di 32 COMMITTENTE REALIZZAZIONE NORD_ING s.r.l. Centro Studi PIM (coordinamento) GRUPPO DI LAVORO dott.

Dettagli

Controllo dei cantieri in corso d opera. Francesco Perotti

Controllo dei cantieri in corso d opera. Francesco Perotti Controllo dei cantieri in corso d opera Francesco Perotti Controllo Ambientale Cantieri Riferimenti progettuali ed obblighi contrattuali per la gestione ambientale dei cantieri Riferimenti per la gestione

Dettagli

«LA GESTIONE DEI RIFIUTI DA CANTIERE: ASPETTI OPERATIVI»

«LA GESTIONE DEI RIFIUTI DA CANTIERE: ASPETTI OPERATIVI» CANTIERI TEMPORANEI E MOBILI: GESTIONE RIFIUTI E SOTTOPRODOTTI Fare i Conti con l ambiente rifiuti-acqua-energia workshop H RAVENNA 27/09/2012 «LA GESTIONE DEI RIFIUTI DA CANTIERE: ASPETTI OPERATIVI» DOTT.

Dettagli

Finalità delle indagini e del progetto

Finalità delle indagini e del progetto Caffaro e Brescia I nuovi dati Finalità delle indagini e del progetto Maria Luisa Pastore Brescia, 20 Ottobre 2015 Stato delle conoscenze prima del progetto 2002 2005 2003 2006 Le indagini condotte da

Dettagli

PROGETTO DI COLTIVAZIONE DELLA CAVA DI INERTE DENOMINATA ISCHIELLO IN COMUNE DI ZAMBANA OGGETTO

PROGETTO DI COLTIVAZIONE DELLA CAVA DI INERTE DENOMINATA ISCHIELLO IN COMUNE DI ZAMBANA OGGETTO COMUNE DI ZAMBANA PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO PROGETTO DI COLTIVAZIONE DELLA CAVA DI INERTE DENOMINATA ISCHIELLO IN COMUNE DI ZAMBANA OGGETTO STUDIO DI IMPATTO AMBIENTALE SU PROGETTO DEFINITIVO - RIASSUNTO

Dettagli

DISPENSE IN MATERIA DI: GESTIONE RIFIUTI DAL DECRETO RONCHI DEL 1997 AL CODICE AMBIENTALE DEL 2006. Claudio Boldori

DISPENSE IN MATERIA DI: GESTIONE RIFIUTI DAL DECRETO RONCHI DEL 1997 AL CODICE AMBIENTALE DEL 2006. Claudio Boldori DISPENSE IN MATERIA DI: GESTIONE RIFIUTI DAL DECRETO RONCHI DEL 1997 AL CODICE AMBIENTALE DEL 2006 Claudio Boldori CON LA PUBBLICAZIONE DEL RONCHI TER, SEMBRA CONCLUSA LA PRIMA E DOVEROSA FASE DI COMPLETAMENTO

Dettagli

Valutazione di Incidenza di Piani e Progetti su i Siti Natura 2000.

Valutazione di Incidenza di Piani e Progetti su i Siti Natura 2000. Valutazione di Incidenza di Piani e Progetti su i Siti Natura 2000. COSÉ LA VALUTAZIONE DI INCIDENZA La valutazione di incidenza è un provvedimento indispensabile per valutare gli effetti che le pianificazioni

Dettagli