AZIONI A SOSTEGNO DELLE ASSOCIAZIONI PROFESSIONALI DEGLI OPERATORI DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE E FORMATIVE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "AZIONI A SOSTEGNO DELLE ASSOCIAZIONI PROFESSIONALI DEGLI OPERATORI DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE E FORMATIVE"

Transcript

1 Allegato parte integrante ALLEGATO A) AZIONI A SOSTEGNO DELLE ASSOCIAZIONI PROFESSIONALI DEGLI OPERATORI DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE E FORMATIVE (articolo 12 della legge provinciale 7 agosto 2006, n. 5) 1. NORMATIVA DI RIFERIMENTO La legge provinciale 7 agosto 2006, n. 5, all articolo 12, prevede che la Provincia favorisca la formazione di associazioni professionali degli operatori delle istituzioni scolastiche e formative quale luogo di confronto sulle materie e sugli argomenti pedagogico-didattici della scuola. A tal fine la Provincia sostiene azioni positive a supporto: a) di attività promozionali per l associazionismo; b) della realizzazione di eventi formativi o seminariali nonché di convegni o scambi; c) dell effettuazione di studi e ricerche, pubblicazione di libri o riviste e realizzazione di strumenti multimediali. 2. BENEFICIARI DEL SOSTEGNO ECONOMICO L articolo 12 della legge provinciale 7 agosto 2006, n.5, prevede che i soggetti destinatari del sostegno provinciale siano costituiti in forma di associazione. Si rinvia pertanto alle disposizioni dettate dalla legislazione civilistica, che, come è noto, distingue tra associazioni riconosciute e non riconosciute. Possono accedere al sostegno le associazioni con sede in provincia di Trento. In tale contesto rientrano, anche le articolazioni provinciali di associazioni nazionali purché dotate di autonomia operativa e gestionale. Le associazioni non devono avere fini di lucro e devono essere rette da organi istituzionali che assicurino le funzioni di partecipazione, governo e controllo, dispongano di sede stabile, adeguata e pubblicamente accessibile. Le associazioni devono essere formate, attraverso il tesseramento annuale, unicamente da operatori della scuola e della formazione. Non sono considerate le associazioni con meno di 30 iscritti nell esercizio sociale di riferimento. Per operatori si devono intendere le persone che a titolo esclusivo o almeno prevalente prestino la propria attività professionale nell ambito della scuola e della formazione e rientrino nelle tipologie previste dall articolo 10 della legge provinciale n. 5 del Non possono essere considerate, ai fini in questione, le associazioni che abbiano finalità prevalente di tutela sindacale degli operatori della scuola e della formazione professionale. Sotto il profilo finalistico le associazioni professionali devono promuovere la qualificazione dei propri aderenti. Tale requisito è desunto dalle previsioni dell atto costitutivo ovvero dello statuto. Pag. 1 di 5 All. 001 RIFERIMENTO: 2012-S

2 3. OGGETTO DEL SOSTEGNO Al fine di raggiungere gli obiettivi previsti dalla normativa sopra richiamata, la Provincia eroga contributi sia per la gestione dell associazione sia per la realizzazione delle singole attività previste dalla normativa, tali contributi possono essere erogati anche congiuntamente. Oggetto del sostegno sono la gestione e le attività realizzate o da realizzare nell esercizio sociale dell associazione. Per esercizio sociale si intende il periodo di gestione della associazione, che può coincidere con l anno scolastico o con l anno solare. Il contributo per l attività è concesso unicamente per le attività che si esauriscono nell ambito dell esercizio sociale di riferimento; eventuali attività che si esplicano su base pluriennale dovranno essere oggetto di distinta richiesta di contributo avuto riguardo ai distinti esercizi sociali e con separata evidenza della relativa spesa. A) Contributo per la gestione. Il contributo per la gestione è determinato in base al numero degli iscritti all associazione e si fonda sull applicazione dei seguenti criteri: - contributo pro-capite fino ad un massimo di 10,00 euro per ogni operatore aderente all associazione; - il contributo pro-capite non potrà comunque essere superiore al 70% della quota associativa versata nell esercizio sociale di riferimento. Nel caso di associazioni che siano articolazioni provinciali di associazioni nazionali la percentuale è calcolata sulla quota associativa versata per la gestione della sede situata in provincia di Trento; - il contributo per la gestione, concesso ad ogni associazione, non potrà essere superiore ad euro 500,00 per esercizio sociale. B) Contributo per l attività. Il contributo per l attività è volto a sostenere la realizzazione delle attività di seguito indicate e previste dall articolo 12 della legge provinciale 7 agosto 2006, n. 5, in particolare: - eventi formativi e seminariali - convegni - scambi culturali con altre associazioni professionali di operatori del mondo della scuola e della formazione - studi e ricerche - pubblicazioni di libri e riviste - strumenti multimediali (che non siano l esito delle attività sopra elencate e per le quali si è richiesto il contributo) Tali attività devono avere la finalità principale di qualificare gli operatori delle istituzioni scolastiche e formative. Sono ammissibili al contributo per l attività le seguenti spese: - pagamento di esperti esterni e collaboratori - noleggio di attrezzature - locazione di spazi e locali - servizi residenziali Pag. 2 di 5 All. 001 RIFERIMENTO: 2012-S

3 - spese per servizi (in particolare spese di stampa dei materiali e spese per l utilizzo di applicativi informatici necessari per la realizzazione dell attività). Non sono ammesse spese di rappresentanza. Non sono ammesse le spese non direttamente riconducibili al progetto (quali ad esempio spese generali che andrebbero imputate pro-quota, spese fiscali, oneri finanziari). Il contributo per l attività è concesso nel rispetto dei seguenti criteri: - il contributo può essere richiesto per un massimo di 4 attività; - ogni attività può avere un contributo massimo di 500,00 euro e quindi l importo del contributo complessivo non potrà essere superiore ad euro 2.000,00 per ciascun esercizio sociale; - l importo massimo del contributo non può comunque superare il 70% della spesa ammissibile per ogni singola attività; Il contributo non può essere richiesto qualora l associazione abbia chiesto o ottenuto agevolazioni da parte di altri enti pubblici per lo svolgimento di tali attività. 4. MODALITA E TERMINI PER LA PRESENTAZIONE DELLE DOMANDE DI CONTRIBUTO La domanda è presentata dalle associazioni interessate alla struttura provinciale competente in materia di istruzione, avvalendosi di apposito modulo predisposto dalla medesima struttura e reperibile sul sito La domanda deve contenere la dichiarazione sostitutiva di atto di notorietà circa il possesso dei requisiti richiesti e alla medesima deve essere allegata copia dell atto costitutivo e dello statuto; se tali documenti sono già in possesso dell amministrazione provinciale o depositati presso altra pubblica amministrazione, nella domanda è indicata l autorità presso la quale tale documentazione può essere acquisita d ufficio. Con un unica domanda può essere chiesto il contributo sia per la gestione che per l attività. Le domande possono essere presentate con una delle seguenti modalità: - direttamente presso il Servizio Istruzione Ufficio Istruzione Scolastica Via Gilli, n. 3, Trento; - tramite servizio postale con raccomandata con ricevuta di ritorno; - a mezzo fax o per via telematica (in tal caso la domanda va trasmessa dalla casella di posta elettronica certificata dell associazione alla casella Le domande devono essere presentate nei termini fissati annualmente dalla Giunta provinciale. Pag. 3 di 5 All. 001 RIFERIMENTO: 2012-S

4 5. ISTRUTTORIA E CONCESSIONE DEI CONTRIBUTI La struttura competente in materia di istruzione verifica la regolarità delle domande presentate e quantifica, per ogni associazione professionale, entrambe le tipologie di contributo. L importo del contributo per la gestione è determinato applicando i criteri individuati al punto 3A al numero degli iscritti dichiarati nella domanda. L importo del contributo per l attività è fissato nel limite massimo di euro 2.000,00 ottenuto moltiplicando il numero delle attività per le quali è richiesto il contributo (massimo 4 attività) per l importo unitario massimo del contributo (massimo euro 500,00). I contributi sono concessi nel limite delle risorse finanziarie disponibili e tenuto conto delle seguenti disposizioni: - qualora l ammontare complessivo dei contributi ammissibili sia superiore alle risorse finanziarie disponibili, si procederà alla concessione in via prioritaria dei contributi per la gestione; - qualora l ammontare complessivo dei contributi per la gestione sia superiore alle risorse finanziarie disponibili si procederà ad una riduzione proporzionale di tutti i contributi unitari per la gestione fino alla concorrenza delle risorse finanziarie disponibili; - qualora le risorse finanziarie disponibili siano sufficienti a finanziare tutti i contributi per la gestione ammissibili ma insufficienti per finanziare l ammontare complessivo dei contributi per le attività, si procederà ad una riduzione proporzionale di tutti i contributi per l attività fino alla concorrenza delle risorse disponibili. Quantificati entrambi i contributi, il dirigente della struttura competente in materia di istruzione provvede ad adottare il provvedimento di concessione dei contributi entro 60 giorni dal giorno successivo alla scadenza del termine di presentazione della domanda. 6. RENDICONTAZIONE E LIQUIDAZIONE DEI CONTRIBUTI Il contributo per la gestione è liquidato in un unica soluzione ad avvenuta esecutività del provvedimento dirigenziale di concessione del contributo. Il contributo per l attività, assegnato con il provvedimento dirigenziale di concessione dei contributi, è liquidato a seguito della presentazione della documentazione prevista per la rendicontazione dal D.P.G.P. 5 giugno 2000, n. 9-27/leg. e successive modifiche, ed in particolare: rendiconto delle spese sostenute e delle entrate conseguite relativamente all attività oggetto di agevolazione; Pag. 4 di 5 All. 001 RIFERIMENTO: 2012-S

5 relazione illustrativa sottoscritta dal legale rappresentante contenente: o la descrizione dell attività agevolata dalla Provincia con indicazione della data di conclusione della medesima o l imputabilità delle entrate conseguite e delle spese effettivamente sostenute all esercizio finanziario nel corso del quale è stata concessa l agevolazione ovvero all attività oggetto di agevolazione o la coerenza delle spese sostenute con i criteri di ammissibilità dell agevolazione o dichiarazione che non sono stati imputate spese generali all attività agevolata; dichiarazione sostitutiva dell atto di notorietà con la quale il legale rappresentante dichiara, relativamente all attività oggetto di agevolazione provinciale, le entrate conseguite e le spese sostenute e dichiara che per tale attività non ha fruito di altra agevolazione da parte di altri enti pubblici. La documentazione prevista per la rendicontazione deve essere redatta in conformità alla modulistica predisposta dalla struttura provinciale competente e disponibile sul sito Internet della Provincia Il rendiconto della spesa sostenuta, formulato nel rispetto di quanto rappresentato in sede di domanda, deve essere presentato al completamento di tutte le attività previste in sede di domanda e comunque entro il 31 marzo dell anno successivo a quello in cui è stato concesso il contributo. Qualora entro tale termine non sia pervenuta tutta la documentazione di rendicontazione, il dirigente della struttura competente in materia di istruzione dispone la decadenza del contributo. La struttura competente in materia di istruzione procede alla verifica della documentazione prevista per la rendicontazione delle attività e ridetermina l effettivo ammontare del contributo per l attività sulla base della spesa effettivamente sostenuta per la realizzazione degli interventi previsti nella domanda e rendicontati, e sulla base dei criteri stabiliti al precedente punto 3B. Successivamente a tali operazioni di verifica è disposta la liquidazione dell effettivo contributo in un unica soluzione. Pag. 5 di 5 All. 001 RIFERIMENTO: 2012-S

Vista la legge regionale 9 marzo 1988, n. 10 (Riordinamento istituzionale della Regione e riconoscimento e devoluzione di funzioni agli Enti locali)

Vista la legge regionale 9 marzo 1988, n. 10 (Riordinamento istituzionale della Regione e riconoscimento e devoluzione di funzioni agli Enti locali) Vista la legge regionale 9 marzo 1988, n. 10 (Riordinamento istituzionale della Regione e riconoscimento e devoluzione di funzioni agli Enti locali) e sue successive modifiche ed integrazioni; Visto in

Dettagli

Capo I disposizioni generali. Capo II contributi per il rimborso delle spese assicurative. Capo III contributi per l acquisto di attrezzature tecniche

Capo I disposizioni generali. Capo II contributi per il rimborso delle spese assicurative. Capo III contributi per l acquisto di attrezzature tecniche Regolamento per la concessione dei contributi a favore delle organizzazioni di volontariato, di cui agli articoli 9, 10 e 28 della legge regionale 9 novembre 2012, n. 23 (Disciplina organica sul volontariato

Dettagli

5. Il soggetto promotore, se costituito dai Comuni, deve prevedere la partecipazione degli enti privati.

5. Il soggetto promotore, se costituito dai Comuni, deve prevedere la partecipazione degli enti privati. Regolamento concernente la concessione di finanziamenti a favore delle Amministrazioni comunali del Friuli Venezia Giulia, dei Centri di assistenza tecnica alle imprese commerciali (CAT) autorizzati e

Dettagli

DECRETO 18 dicembre 2014, n. 6583 certificato il 15-01-2015

DECRETO 18 dicembre 2014, n. 6583 certificato il 15-01-2015 REGIONE TOSCANA Direzione Generale Diritto alla Salute e Politiche di Solidarietà Area di Coordinamento Politiche di Solidarietà Sociale e Integrazione Socio-Sanitaria DECRETO 18 dicembre 2014, n. 6583

Dettagli

DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 14 novembre 2011, n. 0267/Pres.

DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 14 novembre 2011, n. 0267/Pres. L.R. 11/1996, art. 5 B.U.R. 23/11/2011, n. 47 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 14 novembre 2011, n. 0267/Pres. Regolamento recante criteri e le modalità di concessione del finanziamento, nonché le

Dettagli

Criteri per la concessione di contributi ad iniziative programmate dalla Giunta Provinciale

Criteri per la concessione di contributi ad iniziative programmate dalla Giunta Provinciale Allegato parte integrante Allegato A Criteri per la concessione di contributi ad iniziative programmate dalla Giunta Provinciale La Provincia autonoma di Trento ai sensi della Legge Provinciale n. 10/1988

Dettagli

Art. 1 Soggetti beneficiari del contributo

Art. 1 Soggetti beneficiari del contributo Allegato parte integrante Criteri Criteri e modalità per la concessione di contributi a soggetti organizzatori di manifestazioni fieristiche ai sensi dell articolo 67 della legge provinciale sul commercio

Dettagli

BANDO PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE ASSOCIAZIONI DI VOLONTARIATO DELLA PROTEZIONE CIVILE DI BRESCIA

BANDO PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE ASSOCIAZIONI DI VOLONTARIATO DELLA PROTEZIONE CIVILE DI BRESCIA COMUNE DI BRESCIA SETTORE SICUREZZA URBANA E PROTEZIONE CIVILE BANDO PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE ASSOCIAZIONI DI VOLONTARIATO DELLA PROTEZIONE CIVILE DI BRESCIA TERMINE DI PRESENTAZIONE DELLE DOMANDE:

Dettagli

CRITERI E MODALITA PER IL FINANZIAMENTO DI ATTIVITA COMPRESE IN PROGETTI INNOVATIVI O SPERIMENTALI. Articolo 1 Finalità

CRITERI E MODALITA PER IL FINANZIAMENTO DI ATTIVITA COMPRESE IN PROGETTI INNOVATIVI O SPERIMENTALI. Articolo 1 Finalità Allegato parte integrante ALLEGATO A CRITERI E MODALITA PER IL FINANZIAMENTO DI ATTIVITA COMPRESE IN PROGETTI INNOVATIVI O SPERIMENTALI Articolo 1 Finalità L articolo 38 della legge provinciale 27 luglio

Dettagli

Allegato parte integrante "CRITERI PER L'EROGAZIONE DEGLI INTERVENTI A FAVORE DEL VOLONTARIATO DI CUI ALLA LEGGE PROVINCIALE 13 FEBBRAIO 1992, N.

Allegato parte integrante CRITERI PER L'EROGAZIONE DEGLI INTERVENTI A FAVORE DEL VOLONTARIATO DI CUI ALLA LEGGE PROVINCIALE 13 FEBBRAIO 1992, N. Allegato parte integrante "CRITERI PER L'EROGAZIONE DEGLI INTERVENTI A FAVORE DEL VOLONTARIATO DI CUI ALLA LEGGE PROVINCIALE 13 FEBBRAIO 1992, N. 8" Le presenti direttive si applicano in attuazione degli

Dettagli

BANDO PER LA PRESENTAZIONE DELLE DOMANDE DI CONTRIBUTO PER PROGETTI DI PROMOZIONE EDUCATIVA E CULTURALE DI INTERESSE PROVINCIALE PER L ANNO 2014

BANDO PER LA PRESENTAZIONE DELLE DOMANDE DI CONTRIBUTO PER PROGETTI DI PROMOZIONE EDUCATIVA E CULTURALE DI INTERESSE PROVINCIALE PER L ANNO 2014 Allegato alla determinazione dirigenziale n. del Settore Cultura, Beni Culturali, Identità e Tradizioni Corso Matteotti, 3 23900 Lecco, Italia Telefono 0341.295487 Fax 0341.295463 e-mail segreteria.cultura@provincia.lecco.it

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER L ISCRIZIONE ALL ALBO COMUNALE DELLE ASSOCIAZIONI E PER LA CONCESSIONE DI SUSSIDI E CONTRIBUTI ECONOMICI ALLE ASSOCIAZIONI.

REGOLAMENTO COMUNALE PER L ISCRIZIONE ALL ALBO COMUNALE DELLE ASSOCIAZIONI E PER LA CONCESSIONE DI SUSSIDI E CONTRIBUTI ECONOMICI ALLE ASSOCIAZIONI. Comune di Roè Volciano Provincia di Brescia REGOLAMENTO COMUNALE PER L ISCRIZIONE ALL ALBO COMUNALE DELLE ASSOCIAZIONI E PER LA CONCESSIONE DI SUSSIDI E CONTRIBUTI ECONOMICI ALLE ASSOCIAZIONI. Approvato

Dettagli

Articolo 1 (Finalità ed ambito di applicazione)

Articolo 1 (Finalità ed ambito di applicazione) Regolamento relativo alle modalità di finanziamento da parte della Provincia dei programmi di attività elaborati dagli organismi associativi tra apicoltori per promuovere la produzione di prodotti apistici

Dettagli

Bando per il finanziamento dei progetti speciali

Bando per il finanziamento dei progetti speciali Allegato al Decreto n.764 /LAVFOR.ISTR dd. 8 aprile 2015 Art. 1 Finalità Bando per il finanziamento dei progetti speciali 1. Il presente bando viene emanato al fine di promuovere l integrazione tra le

Dettagli

Provincia Autonoma di Trento

Provincia Autonoma di Trento 140 79470 Deliberazioni - Parte 1 - Anno 2012 Provincia Autonoma di Trento DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA PROVINCIALE del 13 aprile 2012, n. 710 Approvazione dei criteri e modalità per il finanziamento dei

Dettagli

PROVINCIA DI POTENZA Ufficio Affari Generali, Cultura e Istruzione

PROVINCIA DI POTENZA Ufficio Affari Generali, Cultura e Istruzione PROVINCIA DI POTENZA Ufficio Affari Generali, Cultura e Istruzione Piano Provinciale Annuale dello Sport 2013 (PPS) per la concessione di finanziamenti per interventi di promozione delle attività fisico-motorie

Dettagli

INTERVENTI PER LA NASCITA E LO SVILUPPO DEL LAVORO AUTONOMO

INTERVENTI PER LA NASCITA E LO SVILUPPO DEL LAVORO AUTONOMO ALLEGATO C INTERVENTI PER LA NASCITA E LO SVILUPPO DEL LAVORO AUTONOMO 1. BENEFICIARI Possono presentare domanda di agevolazione i soggetti, di cui all articolo 29 della l.r. 34/2008 e s.m.i., che abbiano

Dettagli

(approvato con deliberazione del Consiglio Provinciale n. 5 del 31 gennaio 2005)

(approvato con deliberazione del Consiglio Provinciale n. 5 del 31 gennaio 2005) REGOLAMENTO DELLA PROVINCIA DELL AQUILA PER LA CONCESSIONE DI PROVVIDENZE ECONOMICHE E DEL PATROCINIO DELLA PROVINCIA ALLE ATTIVITA CULTURALI, SOCIALI, SPORTIVE E RICREATIVE (approvato con deliberazione

Dettagli

L.R. 2/1985, artt. 1 e 2 B.U.R. 1/12/2010, n. 48. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 19 novembre 2010, n. 0251/Pres.

L.R. 2/1985, artt. 1 e 2 B.U.R. 1/12/2010, n. 48. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 19 novembre 2010, n. 0251/Pres. L.R. 2/1985, artt. 1 e 2 B.U.R. 1/12/2010, n. 48 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 19 novembre 2010, n. 0251/Pres. Regolamento per la concessione dei finanziamenti per interventi straordinari di disinfestazione

Dettagli

CONSORZIO DEI COMUNI DELLA PROVINCIA DI TRENTO COMPRESI NEL BACINO IMBRIFERO MONTANO DEL CHIESE

CONSORZIO DEI COMUNI DELLA PROVINCIA DI TRENTO COMPRESI NEL BACINO IMBRIFERO MONTANO DEL CHIESE CONSORZIO DEI COMUNI DELLA PROVINCIA DI TRENTO COMPRESI NEL BACINO IMBRIFERO MONTANO DEL CHIESE REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI E DEL PATROCINIO CONSORZIALE Art. 1 - Principi generali e finalità...

Dettagli

Art. 1 finalità. Art. 2 definizioni. Allegato n. 2

Art. 1 finalità. Art. 2 definizioni. Allegato n. 2 Allegato n. 2 Bando per la concessione di contributi per la realizzazione di eventi e manifestazioni, anche transnazionali, attinenti ai fatti della Prima guerra mondiale Art. 1 finalità Art. 1 finalità

Dettagli

L.R. 5/2012, artt. 18 e 33 B.U.R. 8/10/2014, n. 41. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 24 settembre 2014, n. 0183/Pres.

L.R. 5/2012, artt. 18 e 33 B.U.R. 8/10/2014, n. 41. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 24 settembre 2014, n. 0183/Pres. L.R. 5/2012, artt. 18 e 33 B.U.R. 8/10/2014, n. 41 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 24 settembre 2014, n. 0183/Pres. Regolamento concernente criteri e modalità per la concessione di contributi per

Dettagli

Provincia di Avellino REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI FINANZIAMENTI E BENEFICI ECONOMICI

Provincia di Avellino REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI FINANZIAMENTI E BENEFICI ECONOMICI Provincia di Avellino REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI FINANZIAMENTI E BENEFICI ECONOMICI 1 INDICE Art. 1 Oggetto del regolamento Art. 2 Finalità Art. 3 Tipologia di interventi TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI

Dettagli

Criteri e modalità di attuazione dei piani giovani di zona e d ambito

Criteri e modalità di attuazione dei piani giovani di zona e d ambito Allegato parte integrante Criteri e modalità di attuazione dei piani giovani di zona e d'ambito PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO AGENZIA PER LA FAMIGLIA, LA NATALITA E LE POLITICHE GIOVANILI Criteri e modalità

Dettagli

Provincia di Latina. Settore Politiche Sociali e Cultura Servizio Cultura

Provincia di Latina. Settore Politiche Sociali e Cultura Servizio Cultura Provincia di Latina Settore Politiche Sociali e Cultura Servizio Cultura Bando per gli interventi a sostegno delle attività culturali nella Provincia di Latina per gli anni 2014 e 2015, finanziati ai sensi

Dettagli

Procedura di verifica di sussistenza dei requisiti minimi di accreditamento

Procedura di verifica di sussistenza dei requisiti minimi di accreditamento Allegato 2 Definizione delle procedure operative in materia di accreditamento delle strutture formative della Regione Marche Procedura di verifica di sussistenza dei requisiti minimi di accreditamento

Dettagli

- a voti unanimi espressi in forma di legge; delibera

- a voti unanimi espressi in forma di legge; delibera Bollettino Ufficiale n. 14/I-II del 03/04/2012 / Amtsblatt Nr. 14/I-II vom 03/04/2012 154 79221 Deliberazioni - Parte 1 - Anno 2012 Provincia Autonoma di Trento DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA PROVINCIALE del

Dettagli

Regolamento dell Albo delle Associazioni

Regolamento dell Albo delle Associazioni COMUNE DI SANT ANGELO DI PIOVE Regolamento dell Albo delle Associazioni e della concessione di benefici finanziari e vantaggi economici Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 56 del 20.12.2010

Dettagli

Il Ministro dello Sviluppo Economico

Il Ministro dello Sviluppo Economico VISTO il decreto legge 22 giugno 2012 n. 83, convertito nella Legge 7 agosto 2012, n. 134 concernente Misure urgenti per la crescita del Paese ; VISTO l Allegato 1 al DL 83/2012 che abroga la Legge 1083/54

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI E VANTAGGI ECONOMICI AD ENTI, ASSOCIAZIONI ED ALTRI ORGANISMI OPERANTI SUL TERRITORIO COMUNALE

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI E VANTAGGI ECONOMICI AD ENTI, ASSOCIAZIONI ED ALTRI ORGANISMI OPERANTI SUL TERRITORIO COMUNALE REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI E VANTAGGI ECONOMICI AD ENTI, ASSOCIAZIONI ED ALTRI ORGANISMI OPERANTI SUL TERRITORIO COMUNALE INDICE Articolo 1. - Principi Articolo 2. - Ambiti di intervento

Dettagli

244 21.1.2015 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 3

244 21.1.2015 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 3 244 21.1.2015 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 3 REGIONE TOSCANA Direzione Generale Diritti di Cittadinanza e Coesione Sociale Area di Coordinamento Politiche di Solidarietà Sociale e

Dettagli

SCHEDA DELLE DIRETTIVE DI ATTUAZIONE

SCHEDA DELLE DIRETTIVE DI ATTUAZIONE PARERE n.21 "Approvazione delle Direttive di attuazione per sostenere la creazione e/o il potenziamento delle reti e dei cluster di imprese attraverso lo strumento del Contratto di Investimento ai sensi

Dettagli

Luogo di emissione. Ancona DECRETO DEL DIRIGENTE DELLA P.F. TURISMO, COMMERCIO E TUTELA DEI CONSUMATORI N. 329/CTC DEL 06/08/2015

Luogo di emissione. Ancona DECRETO DEL DIRIGENTE DELLA P.F. TURISMO, COMMERCIO E TUTELA DEI CONSUMATORI N. 329/CTC DEL 06/08/2015 1 DECRETO DEL DIRIGENTE DELLA P.F. TURISMO, COMMERCIO E TUTELA DEI CONSUMATORI N. 329/CTC DEL 06/08/2015 Oggetto: L.R. n. 8/08, art. 6 DGR.n.569/2015-Programma degli interventi per il sostegno e la promozione

Dettagli

BANDO PER IL FINANZIAMENTO DELLE ATTIVITÀ DIDATTICHE DI EDUCAZIONE INTERCULTURALE E DI ACCOGLIENZA DEGLI ALLIEVI STRANIERI (anno scolastico 2006/2007)

BANDO PER IL FINANZIAMENTO DELLE ATTIVITÀ DIDATTICHE DI EDUCAZIONE INTERCULTURALE E DI ACCOGLIENZA DEGLI ALLIEVI STRANIERI (anno scolastico 2006/2007) BANDO PER IL FINANZIAMENTO DELLE ATTIVITÀ DIDATTICHE DI EDUCAZIONE INTERCULTURALE E DI ACCOGLIENZA DEGLI ALLIEVI STRANIERI (anno scolastico 2006/2007) Art. 1 Finalità e oggetto dell intervento 1. Sulla

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI E ALTRI BENEFICI ECONOMICI AD ENTI PUBBLICI, ASSOCIAZIONI OD ORGANISMI PUBBLICI O PRIVATI

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI E ALTRI BENEFICI ECONOMICI AD ENTI PUBBLICI, ASSOCIAZIONI OD ORGANISMI PUBBLICI O PRIVATI COMUNE DI QUARTU SANT ELENA QUARTU SANT ALENI Provincia di Cagliari REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI E ALTRI BENEFICI ECONOMICI AD ENTI PUBBLICI, ASSOCIAZIONI OD ORGANISMI PUBBLICI O PRIVATI

Dettagli

Articolo 3 Investimenti ammessi e non ammessi a contributo Sono ammessi al contributo camerale

Articolo 3 Investimenti ammessi e non ammessi a contributo Sono ammessi al contributo camerale CONTRIBUTI A SOSTEGNO DELLE MICRO E PICCOLE IMPRESE AGRICOLE FINALIZZATI ALL'INNOVAZIONE TECNOLOGICA PER LA PROMOZIONE DEI PROPRI PRODOTTI E ATTIVITÀ (approvato dalla Giunta camerale con deliberazione

Dettagli

1) Obiettivi. 2) Destinatari del contributo. 3) Priorità dei progetti ammessi a finanziamento

1) Obiettivi. 2) Destinatari del contributo. 3) Priorità dei progetti ammessi a finanziamento ALLEGATO B Modalità per la concessione di contributi e indicazioni per la presentazione dei Progetti Sociali- artt. 7 e 8 l.r. 26/93 Interventi a favore della popolazione zingara 1) Obiettivi La Giunta

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI E ALTRI BENEFICI ECONOMICI A ENTI, ASSOCIAZIONI O ALTRI ORGANISMI PRIVATI

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI E ALTRI BENEFICI ECONOMICI A ENTI, ASSOCIAZIONI O ALTRI ORGANISMI PRIVATI Città di Portogruaro Provincia di Venezia REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI E ALTRI BENEFICI ECONOMICI A ENTI, ASSOCIAZIONI O ALTRI ORGANISMI PRIVATI Approvato con deliberazione del Consiglio

Dettagli

Articolo 1 (Finalità e ambito di applicazione)

Articolo 1 (Finalità e ambito di applicazione) Regolamento relativo alle modalità di finanziamento da parte della Provincia dei programmi di attività elaborati dagli organismi associativi tra apicoltori per promuovere la produzione di prodotti apistici

Dettagli

Regolamento contabile per la gestione del Fondo Unico di Ambito

Regolamento contabile per la gestione del Fondo Unico di Ambito Piano di Zona per la Dignità e la Cittadinanza Sociale Distretto Sociale S10 Alto Sele/Tanagro Spett.le Palomonte, Buccino, Castelnuovo di Conza, Colliano, Laviano, Romagnano al Monte, Ricigliano, San

Dettagli

Provincia Autonoma di Trento

Provincia Autonoma di Trento Bollettino Ufficiale n. 16/I-II del 20/04/2010 / Amtsblatt Nr. 16/I-II vom 20/04/2010 102 56951 Deliberazioni - Parte 1 - Anno 2010 Provincia Autonoma di Trento DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA PROVINCIALE del

Dettagli

PROVINCIA DI MATERA REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI E DEL PATROCINIO A SOGGETTI PUBBLICI E PRIVATI

PROVINCIA DI MATERA REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI E DEL PATROCINIO A SOGGETTI PUBBLICI E PRIVATI PROVINCIA DI MATERA REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI E DEL PATROCINIO A SOGGETTI PUBBLICI E PRIVATI Approvato con deliberazione del Consiglio Provinciale n. 2 del 13 gennaio 2012 1 INDICE Art.

Dettagli

Art. 1 finalità. Art. 2 definizioni. Allegato n. 3

Art. 1 finalità. Art. 2 definizioni. Allegato n. 3 Allegato n. 3 Bando per la concessione di contributi per la realizzazione di progetti educativi e didattici finalizzati ad ampliare la conoscenza e a favorire la riflessione sui fatti storici della Prima

Dettagli

Provincia di Parma Assessorato Coordinamento Politiche Sociali e Sanitarie

Provincia di Parma Assessorato Coordinamento Politiche Sociali e Sanitarie Prot. n. 20905 del 07/03/2007 BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI ALLE ASSOCIAZIONI PROMOSSE DA CITTADINI STRANIERI PER LA REALIZZAZIONE DELLA MANIFESTAZIONE LE SETTIMANE DEL MIGRANTE ATTO DI G.P.117

Dettagli

la D.G.R. n. 20-388 del 6/10/2014 ha stabilito, tra l altro, che:

la D.G.R. n. 20-388 del 6/10/2014 ha stabilito, tra l altro, che: REGIONE PIEMONTE BU41S1 09/10/2014 Codice DB1116 D.D. 7 ottobre 2014, n. 848 D.G.R. n. 20-388 del 6/10/2014. Piano verde - Programma regionale per la concessione di contributi negli interessi sui prestiti

Dettagli

COMUNE DI VEZZANO REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI FINANZIAMENTI E L'ATTRIBUZIONE DI BENEFICI ECONOMICI A SOGGETTI PUBBLICI E PRIVATI

COMUNE DI VEZZANO REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI FINANZIAMENTI E L'ATTRIBUZIONE DI BENEFICI ECONOMICI A SOGGETTI PUBBLICI E PRIVATI COMUNE DI VEZZANO REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI FINANZIAMENTI E L'ATTRIBUZIONE DI BENEFICI ECONOMICI A SOGGETTI PUBBLICI E PRIVATI Approvato con deliberazione consiliare n. 11 dd. 24.03.2010 Sommario

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI E ALTRI BENEFICI ECONOMICI A ENTI, ASSOCIAZIONI ED ORGANISMI VARI

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI E ALTRI BENEFICI ECONOMICI A ENTI, ASSOCIAZIONI ED ORGANISMI VARI COMUNE DI ZERO BRANCO PROVINCIA DI TREVISO REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI E ALTRI BENEFICI ECONOMICI A ENTI, ASSOCIAZIONI ED ORGANISMI VARI Approvato con deliberazione consiliare

Dettagli

a) Obiettivi b) Destinatari dei finanziamenti

a) Obiettivi b) Destinatari dei finanziamenti ALLEGATO 1 CONVENZIONE DEL 23/12/2010 TRA IL DIPARTIMENTO PER LE PARI OPPORTUNITA E LA REGIONE PIEMONTE IN ATTUAZIONE DELL INTESA DEL 29 APRILE 2010 RELATIVA AI CRITERI DI RIPARTIZIONE DELLE RISORSE, LE

Dettagli

REGOLAMENTO CONTRIBUTI A FAVORE DELLE IMPRESE UMBRE PER LA PARTECIPAZIONE A FIERE IN ITALIA E ALL'ESTERO

REGOLAMENTO CONTRIBUTI A FAVORE DELLE IMPRESE UMBRE PER LA PARTECIPAZIONE A FIERE IN ITALIA E ALL'ESTERO REGOLAMENTO CONTRIBUTI A FAVORE DELLE IMPRESE UMBRE PER LA PARTECIPAZIONE A FIERE IN ITALIA E ALL'ESTERO ANNO 2015 1 Articolo 1 - Finalità Il Centro Estero Umbria, al fine di agevolare l internazionalizzazione

Dettagli

REGOLAMENTO TECNICO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI E FINANZIAMENTI A SOSTEGNO DELL ECONOMIA LOCALE, AI SENSI DELL ART.

REGOLAMENTO TECNICO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI E FINANZIAMENTI A SOSTEGNO DELL ECONOMIA LOCALE, AI SENSI DELL ART. REGOLAMENTO TECNICO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI E FINANZIAMENTI A SOSTEGNO DELL ECONOMIA LOCALE, AI SENSI DELL ART. 12 DELLA LEGGE N. 241/90 E SUCCESSIVE MODIFICHE E INTEGRAZIONI ART. 1 - SCOPI, FINALITA

Dettagli

ATTIVITA ISTITUZIONALE - DISCIPLINARE PER GLI INTERVENTI EROGATIVI

ATTIVITA ISTITUZIONALE - DISCIPLINARE PER GLI INTERVENTI EROGATIVI ATTIVITA ISTITUZIONALE - DISCIPLINARE PER GLI INTERVENTI EROGATIVI Il presente documento disciplina le procedure per lo svolgimento dell attività istituzionale riferita alla presentazione di progetti da

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE DELLE ASSOCIAZIONI INDICE

REGOLAMENTO COMUNALE DELLE ASSOCIAZIONI INDICE C O M U N E D I B A Z Z A N O REGOLAMENTO COMUNALE DELLE ASSOCIAZIONI Allegato alla delibera di Consiglio Comunale n.104 del28/11/2011 INDICE Art. 1 - Finalità Art. 2- Registro comunale delle associazioni

Dettagli

C.C.I.CA.A.DI VARESE - AGEVOLAZIONI A FAVORE DI PMI

C.C.I.CA.A.DI VARESE - AGEVOLAZIONI A FAVORE DI PMI C.C.I.CA.A.DI VARESE - AGEVOLAZIONI A FAVORE DI PMI INTERVENTI DI CREDITO AGEVOLATO PER I SETTORI ARTIGIANATO, COMMERCIO, INDUSTRIA Anno 2005 (di cui alla deliberazione della Giunta Camerale n. 14 del

Dettagli

BANDO PER LA PRESENTAZIONE DELLE DOMANDE DI CONTRIBUTO PER PROGETTI DI PROMOZIONE EDUCATIVA E CULTURALE DI INTERESSE PROVINCIALE PER L ANNO 2009

BANDO PER LA PRESENTAZIONE DELLE DOMANDE DI CONTRIBUTO PER PROGETTI DI PROMOZIONE EDUCATIVA E CULTURALE DI INTERESSE PROVINCIALE PER L ANNO 2009 Allegato 1 alla determinazione dirigenziale n. 526 del 21/04/2009 Settore Cultura, Servizi alla Persona Servizio Cultura Corso Matteotti, 3 23900 Lecco, Italia Telefono 0341.295487 Fax 0341.295463 E-mail

Dettagli

L.R. 22/2010, art. 9, c. 19 B.U.R. 8/6/2011, n. 23. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 31 maggio 2011, n. 0128/Pres.

L.R. 22/2010, art. 9, c. 19 B.U.R. 8/6/2011, n. 23. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 31 maggio 2011, n. 0128/Pres. L.R. 22/2010, art. 9, c. 19 B.U.R. 8/6/2011, n. 23 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 31 maggio 2011, n. 0128/Pres. Regolamento per la determinazione dei criteri di ripartizione e delle modalità di concessione,

Dettagli

AVVISO DI PRESENTAZIONE DELLE DOMANDE DI FINANZIAMENTO

AVVISO DI PRESENTAZIONE DELLE DOMANDE DI FINANZIAMENTO AVVISO DI PRESENTAZIONE DELLE DOMANDE DI FINANZIAMENTO PROGETTI MIRATI ATTI A FAVORIRE LA PROMOZIONE INTERNAZIONALE E L INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PMI E DELLE ASDI Art. 1 - Oggetto e finalità 1. Il presente

Dettagli

C O M U N E D I N O N A N T O L A PROVINCIA DI MODENA

C O M U N E D I N O N A N T O L A PROVINCIA DI MODENA @II@ ALLEGATO ALLA DELIBERQZIONE C.C. N. 43 DEL 01.06.2006 REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI, SUSSIDI E BENEFICI ECONOMICI AD ASSOCIAZIONI. Art. 1 Oggetto TITOLO I DISCIPLINA GENERALE.

Dettagli

136 19.12.2012 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 51

136 19.12.2012 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 51 136 19.12.2012 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 51 REGIONE TOSCANA Direzione Generale Diritti di Cittadinanza e Coesione Sociale Area di Coordinamento Politiche Sociali di Tutela, Legalità,

Dettagli

BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI ALLE PMI PER L ADOZIONE DI INTERVENTI DI RISPARMIO ENERGETICO

BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI ALLE PMI PER L ADOZIONE DI INTERVENTI DI RISPARMIO ENERGETICO BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI ALLE PMI PER L ADOZIONE DI INTERVENTI DI RISPARMIO ENERGETICO Art. 1- DESCRIZIONE E FINALITA DELL INIZIATIVA La Camera di Commercio di Avellino, intende favorire

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI, VANTAGGI ECONOMICI E SPAZI AD ENTI E ASSOCIAZIONI

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI, VANTAGGI ECONOMICI E SPAZI AD ENTI E ASSOCIAZIONI CITTÀ DI IMOLA REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI, VANTAGGI ECONOMICI E SPAZI AD ENTI E ASSOCIAZIONI Approvato con deliberazione C.C. n. 250 del 21/12/2011; Modificato con deliberazione C.C.

Dettagli

LINEE GUIDA DI RENDICONTAZIONE AD USO DEI BENEFICIARI

LINEE GUIDA DI RENDICONTAZIONE AD USO DEI BENEFICIARI Allegato 5 al dds LINEE GUIDA DI RENDICONTAZIONE AD USO DEI BENEFICIARI 1. Premessa Le presenti linee guida sono destinate ai beneficiari dell avviso Generazione Web Lombardia, di seguito denominata GWL,

Dettagli

Allegato 1 alla D.C. n. 15 del 22 dicembre 2008 REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI, SOVVENZIONI, SUSSIDI ED AUSILI FINANZIARI

Allegato 1 alla D.C. n. 15 del 22 dicembre 2008 REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI, SOVVENZIONI, SUSSIDI ED AUSILI FINANZIARI Allegato 1 alla D.C. n. 15 del 22 dicembre 2008 REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI, SOVVENZIONI, SUSSIDI ED AUSILI FINANZIARI TITOLO I CRITERI GENERALI ART. 1 PRINCIPI 1. Il presente regolamento

Dettagli

PROVINCIA DI ROVIGO AREA PERSONALE E LAVORO AVVISO PUBBLICO

PROVINCIA DI ROVIGO AREA PERSONALE E LAVORO AVVISO PUBBLICO PROVINCIA DI ROVIGO AREA PERSONALE E LAVORO AVVISO PUBBLICO Fondo Regionale per l occupazione dei disabili di cui all art. 14 della Legge 12 marzo 1999, n.68 Incentivi all'occupazione ANNO 2014 IL DIRIGENTE

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CONCESSIONE DI PATROCINI, AGEVOLAZIONI ECONOMICHE E CONTRIBUTI FINANZIARI

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CONCESSIONE DI PATROCINI, AGEVOLAZIONI ECONOMICHE E CONTRIBUTI FINANZIARI C I T T A D I F E R M O Via Mazzini, 4 63900 Fermo Tel. 0734.2841 Fax 0734.224170 Codice fiscale e partita iva 00334990447 - Sito web: www.comune.fermo.it REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CONCESSIONE DI PATROCINI,

Dettagli

CRITERI E MODALITÀ PER L APPLICAZIONE DELLA LEGGE

CRITERI E MODALITÀ PER L APPLICAZIONE DELLA LEGGE Legge provinciale 13 dicembre 1999, n. 6 legge provinciale sugli incentivi alle imprese CRITERI E MODALITÀ PER L APPLICAZIONE DELLA LEGGE "AIUTI ALLA NUOVA IMPRENDITORIALITÀ FEMMINILE E GIOVANILE" DELIBERE

Dettagli

Criteri e modalità per la concessione dei contributi per la rimozione con smaltimento di coperture in cemento amianto

Criteri e modalità per la concessione dei contributi per la rimozione con smaltimento di coperture in cemento amianto Allegato parte integrante ALLEGATO 1) Criteri e modalità per la concessione dei contributi per la rimozione con smaltimento di coperture in cemento amianto Articolo 1 Finalità e soggetti beneficiari 1.

Dettagli

REGIONE PIEMONTE Settore Rapporti con le Autonomie locali

REGIONE PIEMONTE Settore Rapporti con le Autonomie locali REGIONE PIEMONTE Settore Rapporti con le Autonomie locali ALLEGAT O Contributi alle Unioni di Comuni, istituite entro il 31/12/2013, alle Comunità montane ed alle Convenzioni plurifunzionali tra Comuni,

Dettagli

CITTA di VENTIMIGLIA REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI ED ALTRI BENEFICI ECONOMICI

CITTA di VENTIMIGLIA REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI ED ALTRI BENEFICI ECONOMICI CITTA di VENTIMIGLIA REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI ED ALTRI BENEFICI ECONOMICI (Deliberazione Consiglio comunale n. 103 del 15/12/2008) TITOLO I - OGGETTO E FINALITA DEL REGOLAMENTO Art.

Dettagli

Contributi CCIAA di Prato per realizzazione check up energetici. Prato, 21 gennaio 2014 20/01/2014 1

Contributi CCIAA di Prato per realizzazione check up energetici. Prato, 21 gennaio 2014 20/01/2014 1 Contributi CCIAA di Prato per realizzazione check up energetici Prato, 21 gennaio 2014 20/01/2014 1 Bando per la concessione di contributi alle imprese per la realizzazione di check up energetici anno

Dettagli

CRITERI E MODALITA PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI, ATTRIBUZIONE DI VANTAGGI ECONOMICI A FAVORE DI SOGGETTI PUBBLICI E PRIVATI, AI SENSI DELL ART

CRITERI E MODALITA PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI, ATTRIBUZIONE DI VANTAGGI ECONOMICI A FAVORE DI SOGGETTI PUBBLICI E PRIVATI, AI SENSI DELL ART CRITERI E MODALITA PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI, ATTRIBUZIONE DI VANTAGGI ECONOMICI A FAVORE DI SOGGETTI PUBBLICI E PRIVATI, AI SENSI DELL ART. 12 DELLA LEGGE 241/90, NELL AMBITO DELLE ATTIVITA CULTURALI

Dettagli

DIREZIONE CULTURA, TURISMO E SPORT SETTORE SPORT PIANO ANNUALE DEGLI INTERVENTI DI PROMOZIONE SPORTIVA PER L ANNO 2012

DIREZIONE CULTURA, TURISMO E SPORT SETTORE SPORT PIANO ANNUALE DEGLI INTERVENTI DI PROMOZIONE SPORTIVA PER L ANNO 2012 DIREZIONE CULTURA, TURISMO E SPORT SETTORE SPORT PIANO ANNUALE DEGLI INTERVENTI DI PROMOZIONE SPORTIVA PER L ANNO 2012 Obiettivi, priorità e criteri generali di utilizzo e di assegnazione delle risorse

Dettagli

BANDO PROGETTI DI FORMAZIONE

BANDO PROGETTI DI FORMAZIONE BANDO PROGETTI DI FORMAZIONE 1 MOTIVAZIONI E FINALITÀ Il Centro di Servizio al Volontariato San Nicola (d ora in poi denominato CSVSN) nell ambito delle proprie attività intende completare il proprio piano

Dettagli

Articolo 1 (Finalità ed ambito di applicazione)

Articolo 1 (Finalità ed ambito di applicazione) Regolamento contenente criteri e modalità per la concessione di contributi a favore degli apicoltori, singoli o associati che risiedono sul territorio della Provincia e ivi esercitano l'attività apistica,

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CONCESSIONE DEI FINANZIAMENTI E DEI BENEFICI ECONOMICI A ENTI PUBBLICI E SOGGETTI PRIVATI

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CONCESSIONE DEI FINANZIAMENTI E DEI BENEFICI ECONOMICI A ENTI PUBBLICI E SOGGETTI PRIVATI COMUNE DI TORRI DEL BENACO PROVINCIA DI VERONA REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CONCESSIONE DEI FINANZIAMENTI E DEI BENEFICI ECONOMICI A ENTI PUBBLICI E SOGGETTI PRIVATI Delibera di Consiglio Comunale n. 6

Dettagli

Bollettino Ufficiale. Serie Ordinaria n. 22 - Mercoledì 30 maggio 2012

Bollettino Ufficiale. Serie Ordinaria n. 22 - Mercoledì 30 maggio 2012 15 D.G. Sport e giovani D.d.u.o. 24 maggio 2012 - n. 4490 Approvazione del bando Voucher sperimentale Leva Civica Regionale - percorsi di cittadinanza attiva per il potenziamento delle opportunita dei

Dettagli

- FONDI A DISPOSIZIONE PER L EROGAZIONE DELLE RISORSE.

- FONDI A DISPOSIZIONE PER L EROGAZIONE DELLE RISORSE. Allegato 1 alla Det. Dir. n 387/2015 BANDO Potenziamento della raccolta differenziata e prevenzione e riutilizzo dei rifiuti urbani D.G.R. Lazio 406/2012 risorse anno 2013 e D.G.R. Lazio 547/2014 risorse

Dettagli

CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI

CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Regolamento recante disposizioni per l insegnamento della lingua friulana nel territorio della Regione Friuli Venezia Giulia in attuazione di quanto previsto dal Capo III (Interventi nel settore dell istruzione)

Dettagli

2. SOGGETTI BENEFICIARI

2. SOGGETTI BENEFICIARI ALLEGATO A CRITERI E MODALITÀ PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI A SOGGETTI PUBBLICI E PRIVATI, PER PROGETTI INERENTI LE TEMATICHE DEFINITE DAL PIANO REGIONALE ANNUALE DEL DIRITTO ALLO STUDIO 1. CRITERI

Dettagli

BANDO PER L ACCESSO AL COFINANZIAMENTO DEL COMUNE DI FIRENZE PER PROGETTI DI PROMOZIONE E VALORIZZAZIONE DEL TESSUTO ECONOMICO FIORENTINO.

BANDO PER L ACCESSO AL COFINANZIAMENTO DEL COMUNE DI FIRENZE PER PROGETTI DI PROMOZIONE E VALORIZZAZIONE DEL TESSUTO ECONOMICO FIORENTINO. BANDO PER L ACCESSO AL COFINANZIAMENTO DEL COMUNE DI FIRENZE PER PROGETTI DI PROMOZIONE E VALORIZZAZIONE DEL TESSUTO ECONOMICO FIORENTINO Anno 15 Articolo 1 Finalità 1. Il Comune di Firenze, nell ambito

Dettagli

Fondo Paritetico Interprofessionale Nazionale per la formazione continua. Manuale per le attività di Vigilanza e Controllo

Fondo Paritetico Interprofessionale Nazionale per la formazione continua. Manuale per le attività di Vigilanza e Controllo Fondo Paritetico Interprofessionale Nazionale per la formazione continua Manuale per le attività di Vigilanza e Controllo 1 Sommario 1. Vigilanza e Controllo... 3 2. Modalità e procedure di esercizio delle

Dettagli

BANDO Progetti di Ricerca Applicata per l Innovazione. Criteri di ammissibilità dei costi e modalità di rendicontazione

BANDO Progetti di Ricerca Applicata per l Innovazione. Criteri di ammissibilità dei costi e modalità di rendicontazione BANDO Progetti di Ricerca Applicata per l Innovazione Criteri di ammissibilità dei costi e modalità di rendicontazione Premessa Il presente documento regola le modalità di rendicontazione, ai fini dell

Dettagli

Cooperativa Artigiana di Garanzia della Provincia di Trento Società cooperativa CONFIDI

Cooperativa Artigiana di Garanzia della Provincia di Trento Società cooperativa CONFIDI Cooperativa Artigiana di Garanzia della Provincia di Trento Società cooperativa CONFIDI Trento via Pietrastretta, 1 Telefono: 0461-431800 Fax: 0461-431810 e-mail: coop.garanzia@artigiani.tn.it REGOLAMENTO

Dettagli

CITTÀ DI IMOLA SERVIZIO SEGRETERIA GENERALE

CITTÀ DI IMOLA SERVIZIO SEGRETERIA GENERALE CITTÀ DI IMOLA SERVIZIO SEGRETERIA GENERALE AVVISO PUBBLICO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI E VANTAGGI ECONOMICI A SOSTEGNO DI INIZIATIVE/ATTIVITA REALIZZATE DA ENTI O ASSOCIAZIONI PERIODO 1.05.2014/30.04.2015

Dettagli

ART. 1 OGGETTO ART. 2 DEFINIZIONE E TIPOLOGIA

ART. 1 OGGETTO ART. 2 DEFINIZIONE E TIPOLOGIA Regolamento per la concessione di contributi a sostegno dei Centri vacanza per minori ai sensi del Regolamento Regionale approvato con DPReg n. 0190/PRES del 22.05.2001 e dei Centri socio-educativi per

Dettagli

SCHEMA DI CONVENZIONE PER LA GESTIONE ASSOCIATA DEGLI INTERVENTI STRAORDINARI ED INTEGRATIVI DEL PROGRAMMA

SCHEMA DI CONVENZIONE PER LA GESTIONE ASSOCIATA DEGLI INTERVENTI STRAORDINARI ED INTEGRATIVI DEL PROGRAMMA Allegato 2 SCHEMA DI CONVENZIONE PER LA GESTIONE ASSOCIATA DEGLI INTERVENTI STRAORDINARI ED INTEGRATIVI DEL PROGRAMMA DI EDILIZIA RESIDENZIALE PUBBLICA DI CUI ALLA DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO REGIONALE

Dettagli

1. Programmi di intervento locali per la promozione e lʹattivazione di ʺCentri commerciali naturaliʺ

1. Programmi di intervento locali per la promozione e lʹattivazione di ʺCentri commerciali naturaliʺ INDIRIZZI E MODALITAʹ DI COORDINAMENTO DELLE FUNZIONI DELEGATE ALLE PROVINCE IN MATERIA DI CONCESSIONE DEI CONTRIBUTI NEL SETTORE DEL COMMERCIO PER LʹANNO 2009. 1. Programmi di intervento locali per la

Dettagli

Comune di Torre del Greco (Provincia di Napoli) REGOLAMENTO COMUNALE. Albo delle Associazioni. Rapporti con le Associazioni

Comune di Torre del Greco (Provincia di Napoli) REGOLAMENTO COMUNALE. Albo delle Associazioni. Rapporti con le Associazioni Comune di Torre del Greco (Provincia di Napoli) Settore Servizi Sociali e Cultura REGOLAMENTO COMUNALE PER l ISTITUZIONE DELL Albo delle Associazioni E PER I Rapporti con le Associazioni Approvato con

Dettagli

art. 3 Beneficiari del contributo art. 4 Oggetto degli interventi art. 5 Interventi e spese ammissibili pag 2/7 e per i sordi.

art. 3 Beneficiari del contributo art. 4 Oggetto degli interventi art. 5 Interventi e spese ammissibili pag 2/7 e per i sordi. Regolamento sulle modalità e i criteri per la concessione dei contributi previsti dall articolo 16 della legge regionale 25 settembre 1996, n. 41 per il superamento e l eliminazione delle barriere architettoniche

Dettagli

L.R. 41/1996, art. 16 B.U.R. 7/11/2012, n. 45. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 23 ottobre 2012, n. 0217/Pres.

L.R. 41/1996, art. 16 B.U.R. 7/11/2012, n. 45. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 23 ottobre 2012, n. 0217/Pres. L.R. 41/1996, art. 16 B.U.R. 7/11/2012, n. 45 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 23 ottobre 2012, n. 0217/Pres. Regolamento sulle modalità e i criteri per la concessione dei contributi previsti dall

Dettagli

BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI A SUPPORTO DELLO START-UP E DELLO SVILUPPO DI NUOVE IMPRESE

BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI A SUPPORTO DELLO START-UP E DELLO SVILUPPO DI NUOVE IMPRESE BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI A SUPPORTO DELLO START-UP E DELLO SVILUPPO DI NUOVE IMPRESE Art. 1- DESCRIZIONE E FINALITA DELL INIZIATIVA La Camera di Commercio

Dettagli

L.R. 12/2006, art. 6, commi da 82 a 89 B.U.R. 3/1/2007, n. 1. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 12 dicembre 2006, n. 0381/Pres.

L.R. 12/2006, art. 6, commi da 82 a 89 B.U.R. 3/1/2007, n. 1. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 12 dicembre 2006, n. 0381/Pres. L.R. 12/2006, art. 6, commi da 82 a 89 B.U.R. 3/1/2007, n. 1 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 12 dicembre 2006, n. 0381/Pres. LR 12/2006, articolo 6, commi da 82 a 89. Regolamento concernente i criteri

Dettagli

ANNO 2011. Legge regionale n. 12 del 23 maggio 2008 Art. 20 Cooperazione sanitaria internazionale

ANNO 2011. Legge regionale n. 12 del 23 maggio 2008 Art. 20 Cooperazione sanitaria internazionale Gabinetto della Presidenza della Giunta regionale Settore Affari Internazionali e Comunitari Direzione Sanità Settore Programmazione Sanitaria BANDO Per il personale sanitario dipendente delle strutture

Dettagli

Regolamento CAPO I ARTICOLAZIONE DEL PROCEDIMENTO CONTRIBUTIVO. Articolo 1 (Finalità, ambito di applicazione e regime di incentivazione)

Regolamento CAPO I ARTICOLAZIONE DEL PROCEDIMENTO CONTRIBUTIVO. Articolo 1 (Finalità, ambito di applicazione e regime di incentivazione) Regolamento-APPROVATO Regolamento recante requisiti, criteri e modalità in materia di concessione di contributi assegnati dalle Province per sostenere le spese di attività organizzate e svolte nelle fattorie

Dettagli

REGIONE SICILIANA P.O.R. 2000-2006

REGIONE SICILIANA P.O.R. 2000-2006 REGIONE SICILIANA ASSESSORATO REGIONALE DELLA COOPERAZIONE, DEL COMMERCIO, DELL'ARTIGIANATO E DELLA PESCA DIPARTIMENTO COOPERAZIONE COMMERCIO ARTIGIANATO P.O.R. 2000-2006 ASSE 4 - SISTEMI LOCALI DI SVILUPPO

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI E BENEFICI ECONOMICI A SOGGETTI PUBBLICI E PRIVATI

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI E BENEFICI ECONOMICI A SOGGETTI PUBBLICI E PRIVATI REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI E BENEFICI ECONOMICI A SOGGETTI PUBBLICI E PRIVATI (Art. 12, legge 7 Agosto 1990, n. 241 e s.m.) Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale

Dettagli

Direzione Regionale Politiche Sociali, Autonomie, Sicurezza e Sport Area Interventi per lo Sport

Direzione Regionale Politiche Sociali, Autonomie, Sicurezza e Sport Area Interventi per lo Sport Allegato A Direzione Regionale Politiche Sociali, Autonomie, Sicurezza e Sport Area Interventi per lo Sport Avviso Pubblico ai sensi della Legge Regionale n. 15/02 e s.m.i., articolo 33 comma 1 Contributi

Dettagli

STRUMENTI FINANZIARI A SOSTEGNO DELLE NUOVE IMPRESE NATE DAI SERVIZI FORNITI DAGLI SPORTELLI PROVINCIALI PER LA CREAZIONE D IMPRESA

STRUMENTI FINANZIARI A SOSTEGNO DELLE NUOVE IMPRESE NATE DAI SERVIZI FORNITI DAGLI SPORTELLI PROVINCIALI PER LA CREAZIONE D IMPRESA ALLEGATO A STRUMENTI FINANZIARI A SOSTEGNO DELLE NUOVE IMPRESE NATE DAI SERVIZI FORNITI DAGLI SPORTELLI PROVINCIALI PER LA CREAZIONE D IMPRESA 1. BENEFICIARI Possono presentare domanda per le agevolazioni

Dettagli

COMUNE DI CAGLIARI ASSESSORATO AL TURISMO AVVISO PUBBLICO

COMUNE DI CAGLIARI ASSESSORATO AL TURISMO AVVISO PUBBLICO COMUNE DI CAGLIARI ASSESSORATO AL TURISMO AVVISO PUBBLICO IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO TURISMO RENDE NOTO CHE l Assessorato al Turismo del Comune di Cagliari accoglie progetti per l organizzazione degli

Dettagli

COMUNE DI MOLA DI BARI

COMUNE DI MOLA DI BARI COMUNE DI MOLA DI BARI Regolamento per la concessione di contributi, patrocini e uso di spazi comunali e istituzione dell Albo comunale delle Associazioni e degli Enti no profit 1 INDICE TITOLO I Principi

Dettagli

BANDO PER PROGETTI DI INNOVAZIONE, SOSTEGNO SERVIZI E FORMAZIONE

BANDO PER PROGETTI DI INNOVAZIONE, SOSTEGNO SERVIZI E FORMAZIONE BANDO PER PROGETTI DI INNOVAZIONE, SOSTEGNO SERVIZI E FORMAZIONE 1. MOTIVAZIONI E FINALITÀ A) Innovazione sociale Il bando privilegia attività innovative e di sperimentazione nel territorio. Si chiede

Dettagli