Disciplina sottoprodotti O.A. rev1_as 1

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Disciplina sottoprodotti O.A. rev1_as 1"

Transcript

1 NUOVA DISCIPLINA DELLA RACCOLTA E TRASPORTO DEI SOTTOPRODOTTI NON DESTINATI AL CONSUMO UMANO PROVENIENTI DALLE ATTIVITÀ DI SEZIONAMENTO, RIFILATURA, MONDATURA E LAVORAZIONI VARIE DI CARNI, PRODOTTI DELLA PESCA, FORMAGGI, UOVA ED ALTRI ALIMENTI DI ORIGINE ANIMALE Il Regolamento (CE) N.1068/2009, pubblicato nella Gazzetta ufficiale delle Comunità europee serie L 300 del 14/11/2009, abrogando le precedenti normative di settore, disciplina la raccolta e il trasporto dei sottoprodotti di origine animale non destinati al consumo umano. Pur tuttavia l impianto essenziale della normativa mantiene l impostazione definita dall entrata in vigore del reg 1774/2002. Pertanto ancora oggi, per sottoprodotto di origine animale non destinato al consumo umano si intende ogni materiale di scarto che deriva dalle operazioni di sezionamento, disosso, rifilatura, mondatura e dalle varie lavorazioni di qualsiasi alimento di origine animale (carni fresche, preparati e prodotti di carne, latte e derivati. prodotti ittici ecc.); Gli operatori vengono quindi definiti produttori mentre si indicano come speditori nel momento in cui tale materiale viene allontanato dal proprio esercizio. I sottoprodotti sopra definiti vengono classificati di categoria 3. Dalla nuova normativa vengono mantenuti gli adempimenti a cui i produttori/speditori devono attenersi: I materiali di categoria 3 devono essere conservati in contenitori identificati in base alla tipologia del contenuto, mediante l apposizione di una striscia inamovibile, alta almeno 15 cm., di colore verde. Durante il trasporto i sottoprodotti devono essere scortati da un documento commerciale, firmato dallo speditore e dal trasportatore, specifico per la categoria 3 (come da Allegato 1), fornito in tre esemplari (un originale e due copie), una copia delle quali deve rimanere agli atti dello speditore per almeno due anni. Disciplina sottoprodotti O.A. rev1_as 1

2 E consentito inoltre l utilizzo di un documento commerciale semplificato (Allegato 2), limitatamente alla raccolta dei sottoprodotti di categoria 3, fintanto che perdura il divieto di somministrare proteine trasformate agli animali allevati per la produzione di alimenti. I produttori (speditori) devono tenere un registro delle partite (Allegato 3), inviate allo smaltimento contenenti le seguenti informazioni: 1. data del prelievo del sottoprodotto; 2. categoria del sottoprodotto; 3. specie animale da cui deriva il sottoprodotto; 4. n di identificazione del soggetto (indicato sul documento commerciale di acquisto); 5. quantità del sottoprodotto smaltito; 6. nome e indirizzo del trasportatore; 7. nome, indirizzo e numero di riconoscimento dello stabilimento destinatario, se conosciuto. Il registro, numerato pagina per pagina, contrariamente a quanto avvenuto fin ora per disposizione regionale, NON dovrà PIU essere vidimato da parte di questo Servizio Veterinario ma dovrà rimanere agli atti dello speditore per almeno due anni dalla cessata attività e/o dalla ultimazione dello stesso. La registrazione dovrà essere effettuata entro 10 giorni lavorativi dalla fine del trasporto. In deroga a quanto sopra, sono esonerati dall obbligo del registro, ferma restando la conservazione agli atti dei documenti commerciali, gli speditori che abbiano stipulato con il destinatario (trasformatore o deposito temporaneo) un contratto di fornitura esclusiva, ed a condizione che: i sottoprodotti provengano da negozi per la vendita al minuto; il contratto di fornitura sia redatto in forma scritta; il destinatario detenga il registro; il destinatario si sia impegnato con il produttore, per iscritto, di assumersi l obbligo di fornire per suo conto, su richiesta degli organi di controllo, tutti i dati relativi alle partite di materiale conferite dal produttore, risultanti dal registro. Disciplina sottoprodotti O.A. rev1_as 2

3 Si precisa che le prescrizioni della presente nota non esauriscono gli obblighi in materia di raccolta e trasporto di sottoprodotti, imposti alle macellerie dotate di specifica autorizzazione alla rimozione della colonna vertebrale dalle carni bovine. Tali esercizi infatti, in quanto produttori (speditori) anche di materiale a rischio specifico, costituito appunto dalla colonna vertebrale e classificato come categoria 1, dovranno anche gestire la raccolta ed il trasporto di detto materiale con un distinto contenitore contrassegnato da banda rossa, un distinto registro e specifica documentazione commerciale. Per ogni approfondimento della materia si rinvia al Regolamento (CE) N.1069/2009 e al Reg.CE 142/2011, oggetto della presente nota, e si comunica comunque che il Servizio scrivente rimane a disposizione per ogni eventuali ulteriori chiarimenti in merito. Disciplina sottoprodotti O.A. rev1_as 3

4 Allegato 1 Documento commerciale per sottoprodotti di origine animale o prodotti trasformati da essi derivati di CATEGORIA 3 conforme al Regolamento CE/1774/2002 DDT n del Ora di partenza Targa automezzo e/o n identificativo contenitore TRASPORTATORE trasporto a carico del mittente trasporto a carico del destinatario Nome Via Comune Prov. Origine del materiale (Speditore) Ditta Via Comune Prov N riconoscimento (a) a) solo nel caso l origine del materiale sia un impianto o un deposito riconosciuto ai sensi del Regolamento CE /1774/2002 Metodo di trasformazione(b): Metodo 1 Metodo 2 Metodo 3 Metodo 4 Metodo 5 Metodo 6 Metodo 7 b) solo nel caso l origine del materiale sia un impianto di trasformazione CAUSALE DEL TRASPORTO vendita invio ad inceneritore a norma ambiente come sottoprodotto invio ad inceneritore riconosciuto ai sensi del Regolamento CE/1774/2002 invio ad inceneritore o a coinceneritore a norma ambiente come prodotto trasformato invio in discarica come prodotto trasformato altro IDENTIFICAZIONE E DESCRIZIONE DEI MATERIALI MATERIALI DI CATEGORIA 3 NON DESTINATI AL CONSUMO UMANO PRODOTTI TRASFORMATI DERIVATI DA MATERIALE DI CATEGORIA 3 NON DESTINATI AL CONSUMO UMANO DESTINATI ALLA PRODUZIONE DI PET-FOOD DESTINATI ALL USO ESCLUSIVO COME FERTILIZZANTI TIPO DI MATERIALE KG. TIPO DI MATERIALE KG. Peso complessivo Kg Firma dello speditore o del responsabile dell'impianto di origine Firma del trasportatore LUOGO DI DESTINAZIONE Ditta Via Comune Prov. DDESTINATARIO Ditta Via Comune Prov. n riconoscimento Lavaggio e disinfezione dell automezzo avvenuti il / / alle ore Data e Firma del responsabile dell'impianto di destinazione Disciplina sottoprodotti O.A. rev1_as 4

5 Allegato 2 Documento commerciale per sottoprodotti di origine animale di CATEGORIA 3 conforme al Regolamento CE 1774/2002 DDT N DEL DATA PARTENZA ORIGINE DEL MATERIALE TRASPORTATORE DESTINATARIO (Speditore) DITTA E INDIRIZZO DITTA E INDIRIZZO DITTA E INDIRIZZO N RICONOSCIMENTO (a) Trasporto a carico del mittente Trasporto a carico del destinatario N RICONOSCIMENTO. LUOGO DI DESTINATAZIONE DITTA E INDIRIZZO a) solo nel caso l origine del materiale sia un impianto o un deposito riconosciuto ai sensi del Regolamento CE 1774/2002 N RICONOSCIMENTO. DESTINAZIONE E CAUSALE FISCALE DEL TRASPORTO :.. Invio ad impianto di transito Invio ad impianto di trasformazione altro IDENTIFICAZIONE E DESCRIZIONE DEI MATERIALI MATERIALI DI CATEGORIA 3 NON DESTINATI AL CONSUMO UMANO TIPO DI MATERIALE QUANTITA TIPO DI MATERIALE QUANTITA Firma dello speditore o del responsabile dell impianto d origine Firma del trasportatore Lavaggio e disinfezione dell automezzo avvenuti il / / alle ore Data e Firma del responsabile dell impianto di destinazione Disciplina sottoprodotti O.A. rev1_as 5

6 Allegato 3 (Ragione sociale) (Indirizzo) (Tipologia di attività) Disciplina sottoprodotti O.A. rev1_as 6

7 1. data del prelievo del sottoprodotto; 2. categoria del sottoprodotto (3); 3. specie animale da cui deriva il sottoprodotto; 4. n di identificazione del soggetto (indicato sul documento commerciale di acquisto o numero del documento stesso); 5. quantità del sottoprodotto smaltito; 6. nome e indirizzo del trasportatore; 7. nome, indirizzo e numero di riconoscimento dello stabilimento destinatario, se conosciuto. 1) data 2) categoria 3) specie animale 4) n di identificazione 5) quantità 6) nome e indi rizzo del trasportatore 7) nome, indirizzo e numero di riconoscimento dello stabilimento destinatario Pag. n.. Disciplina sottoprodotti O.A. rev1_as 7

IL DIRIGENTE. VISTO il Decreto legislativo n. 112 del 13 marzo 1998 e successive modificazioni;

IL DIRIGENTE. VISTO il Decreto legislativo n. 112 del 13 marzo 1998 e successive modificazioni; DECRETO N. 22864 DEL 23.12.2003 DIREZIONE GENERALE SANITA N. 2088 Oggetto: Indirizzi per l applicazione del Regolamento CE n.1774/2002 del Parlamento e del Consiglio del 3 ottobre 2002 recante norme sanitarie

Dettagli

SOTTOPRODOTTI DI ORIGINE ANIMALE

SOTTOPRODOTTI DI ORIGINE ANIMALE Dipartimento di Prevenzione Servizio di Igiene degli Allevamenti e delle Produzioni Zootecniche 36100 Vicenza V.le Camisano 61/69 Tel. 0444 202127 Fax. 0444 202111 SOTTOPRODOTTI DI ORIGINE ANIMALE CORRETTA

Dettagli

Corso di formazione Il controllo ufficiale presso Operatori del settore sottoprodotti di origine animale. Silvia Scaioli - AUSL Ferrara UOAV

Corso di formazione Il controllo ufficiale presso Operatori del settore sottoprodotti di origine animale. Silvia Scaioli - AUSL Ferrara UOAV Corso di formazione Il controllo ufficiale presso Operatori del settore sottoprodotti di origine animale Il trasporto dei S.O.A Silvia Scaioli - AUSL Ferrara UOAV NORMATIVA: Reg. (CE) 1069/2009 Reg. (UE)

Dettagli

TRASPORTO SOTTOPRODOTTI DI ORIGINE ANIMALE. Testi e immagini a cura di Maurizio Poli, Francesco Sartori, in parte tratti da ASL 2 Savonese

TRASPORTO SOTTOPRODOTTI DI ORIGINE ANIMALE. Testi e immagini a cura di Maurizio Poli, Francesco Sartori, in parte tratti da ASL 2 Savonese Dipartimento di Prevenzione Servizio di Igiene degli Allevamenti e delle Produzioni Zootecniche 36100 Vicenza V.le Camisano 61/69 Tel. 0444 202127 Fax. 0444 202111 TRASPORTO SOTTOPRODOTTI DI ORIGINE ANIMALE

Dettagli

RELAZIONE TECNICA (Allegato a NOTIFICA ai sensi dell art. 6 del Reg. CE n. 852/2004)

RELAZIONE TECNICA (Allegato a NOTIFICA ai sensi dell art. 6 del Reg. CE n. 852/2004) RELAZIONE TECNICA (Allegato a NOTIFICA ai sensi dell art. 6 del Reg. CE n. 852/2004) Denominazione della Ditta Sede legale Indirizzo dell attività Descrizione dettagliata dell attività svolta: Numero addetti:

Dettagli

ISTRUZIONE OPERATIVA N. 11 COMPILAZIONE REGISTRO CARICO/SCARICO E FORMULARIO

ISTRUZIONE OPERATIVA N. 11 COMPILAZIONE REGISTRO CARICO/SCARICO E FORMULARIO COMPILAZIONE REGISTRO CARICO/SCARICO E FORMULARIO A cura di: Servizio Ambiente e Progettazione per la Sicurezza COMPILAZIONE REGISTRO CARICO/SCARICO Scopo e campo di applicazione La seguente istruzione

Dettagli

Bozen / Bolzano Agli indirizzi elencati sul retro

Bozen / Bolzano Agli indirizzi elencati sul retro Prot. Nr. 31.12/86.32/1406 - CIRCOLARE N. 16 Bozen / Bolzano 20.06.2002 Agli indirizzi elencati sul retro Norme e disposizioni di interesse veterinario riguardanti le TSE - Nota del Ministero della Salute

Dettagli

Allegato A. 1. Provvedimenti autorizzativi in conformità al Regolamento.

Allegato A. 1. Provvedimenti autorizzativi in conformità al Regolamento. Allegato A Direttive per l applicazione del Regolamento CE n. 1774/2002 del Parlamento e del Consiglio dell Unione europea del 3 ottobre 2002, recante norme sanitarie relative ai sottoprodotti di origine

Dettagli

LE LINEE GUIDA NAZIONALI per L APPLICAZIONE del REGOLAMENTO (CE) n 1069/2009

LE LINEE GUIDA NAZIONALI per L APPLICAZIONE del REGOLAMENTO (CE) n 1069/2009 BIRORI (NU) 13 e 14 ottobre 2011 SICUREZZA dei SOTTOPRODOTTI di ORIGINE ANIMALE: SCENARI e NUOVE PROSPETTIVE LE LINEE GUIDA NAZIONALI per L APPLICAZIONE del REGOLAMENTO (CE) n 1069/2009 Ugo Baldi-Regione

Dettagli

Verbale di sopralluogo per il rilascio dell autorizzazione alla rimozione della colonna vertebrale da bovini di età superiore ai 12 mesi

Verbale di sopralluogo per il rilascio dell autorizzazione alla rimozione della colonna vertebrale da bovini di età superiore ai 12 mesi Verbale di sopralluogo per il rilascio dell autorizzazione alla rimozione della colonna vertebrale da bovini di età superiore ai 12 mesi U.L.S.S. n. 4 ALTO VICENTINO DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE SERVIZIO

Dettagli

Dott.ssa Fiorella Patrassi ANCONA 18 OTTOBRE 2013

Dott.ssa Fiorella Patrassi ANCONA 18 OTTOBRE 2013 Dott.ssa Fiorella Patrassi ANCONA 18 OTTOBRE 2013 Novità.. Ma a che punto eravamo???? Reg 1774/2002 :norme sanitarie relative ai sottoprodotti di origine animale non destinati al consumo umano Reg CE 1069

Dettagli

ALLEGATOA alla Dgr n del 28 agosto 2013 pag. 1/17

ALLEGATOA alla Dgr n del 28 agosto 2013 pag. 1/17 giunta regionale 9^ legislatura ALLEGATOA alla Dgr n. 1530 del 28 agosto 2013 pag. 1/17 Linee guida per l'applicazione del Regolamento (CE)1069/2009 del Parlamento europeo e del Consiglio del 21 ottobre

Dettagli

Dr Franco Santachiara Dr Paolo Gandolfi Unità operativa B Ambito Sanità Pubblica Veterinaria AUSL di Bologna

Dr Franco Santachiara Dr Paolo Gandolfi Unità operativa B Ambito Sanità Pubblica Veterinaria AUSL di Bologna Dr Franco Santachiara Dr Paolo Gandolfi Unità operativa B Ambito Sanità Pubblica Veterinaria AUSL di Bologna 30.3.2017 TUTTO PARTE DALLA CRISI BSE 1994 96 96 e 2000 Intento del legislatore: Assicurare

Dettagli

La D.G.R. n g del 24 dicembre 2014 definisce le linee guida per l applicazione del Regolamento (CE) n. 1069/2009.

La D.G.R. n g del 24 dicembre 2014 definisce le linee guida per l applicazione del Regolamento (CE) n. 1069/2009. SOTTOPRODOTTI DI ORIGINE ANIMALE Descrizione IL Regolamento (CE) n. 1069/2009 e il Regolamento (CE) 142/2011 stabiliscono le norme sanitarie relative ai sottoprodotti di origine animale non destinati al

Dettagli

"Impianti a biomasse in Emilia-Romagna. Aspetti autorizzativi e di controllo 1-2 Ottobre 2013

Impianti a biomasse in Emilia-Romagna. Aspetti autorizzativi e di controllo 1-2 Ottobre 2013 "Impianti a biomasse in Emilia-Romagna Aspetti autorizzativi e di controllo 1-2 Ottobre 2013 Tipologie di Materiali utilizzati negli impianti di Biogas Sottoprodotto: D.Lgs 152/2006 modficato dal D.Lgs

Dettagli

REGIME QUOTE LATTE L. 119/03

REGIME QUOTE LATTE L. 119/03 REGIME QUOTE LATTE L. 119/03 PRINCIPALI ATTIVITA DEI SOGGETTI PRIMI ACQUIRENTI RICONOSCIMENTO DELLA DITTA PRIMO ACQUIRENTE Ditte non ancora riconosciute che intendono richiedere l iscrizione all Albo Acquirenti

Dettagli

RELAZIONE TECNICA SUI REQUISITI IN MATERIA DI IGIENE

RELAZIONE TECNICA SUI REQUISITI IN MATERIA DI IGIENE 1 RELAZIONE TECNICA SUI REQUISITI IN MATERIA DI IGIENE Il sottoscritto nato a il Titolare dell' impresa denominata: Legale rappresentante della Ditta/Società in qualità di operatore del settore alimentare

Dettagli

Produzione primaria per uso domestico. privato. che Preparazione, esegua manipolazione e. destinati al consumo domestico privato e

Produzione primaria per uso domestico. privato. che Preparazione, esegua manipolazione e. destinati al consumo domestico privato e Ogni operatore del settore alimentare notifica Produzione primaria per uso domestico alimenti di privato origine animale che Preparazione, esegua manipolazione e (eccetto miele) conservazione produzione

Dettagli

determinazione n. 464 del 16/5/2013

determinazione n. 464 del 16/5/2013 ALLEGATO 1 determinazione n. 464 del 16/5/2013 Linee guida per l applicazione del regolamento (CE) n. 1069/2009 del Parlamento europeo e del Consiglio del 21 ottobre 2009 recante norme sanitarie relative

Dettagli

ARTICOLO 1 REGISTRAZIONE DEGLI STABILIMENTI

ARTICOLO 1 REGISTRAZIONE DEGLI STABILIMENTI ALLEGATO A Applicazione regionale delle Linee Guida per l applicazione del regolamento (CE) n. 1069/2009 del Parlamento europeo e del consiglio del 21 ottobre 2009 recante norme sanitarie relative ai sottoprodotti

Dettagli

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA Entrata in vigore del provvedimento: 1/4/2005 DECRETO LEGISLATIVO 21 febbraio 2005, n. 36 Disposizioni sanzionatorie in applicazione del regolamento (CE) n. 1774/2002, e successive modificazioni, relativo

Dettagli

Comune di. Luogo di nascita: Comune Provincia Stato

Comune di. Luogo di nascita: Comune Provincia Stato Al Dipartimento di Prevenzione della ZT n dell ASUR Al Comune di DENUNCIA INIZIO ATTIVITA SETTORE ALIMENTARE AI FINI DELLA REGISTRAZIONE (ART. 6 DEL REGOLAMENTO CE N. 852/2004 E DELLA D.G.R. N. 339 DEL

Dettagli

Con sede operativa in Comune di Via n. per svolgimento delle seguenti attività Per la fiera / festival / sagra popolare denominata

Con sede operativa in Comune di Via n. per svolgimento delle seguenti attività Per la fiera / festival / sagra popolare denominata Modello B2 Pag. 1 di 5 Al Sig. Direttore UOC Veterinaria Area B (Igiene degli Alimenti di Origine Animale) Az.ULSS n.12 Dipartimento di Prevenzione P.le San Lorenzo Giustiniani, 11/d 30174 Zelarino Venezia

Dettagli

PRINCIPALI ATTIVITA DEI PRIMI ACQUIRENTI

PRINCIPALI ATTIVITA DEI PRIMI ACQUIRENTI REGIME QUOTE LATTE Legge 30 maggio 2003, n. 119 PRINCIPALI ATTIVITA DEI PRIMI ACQUIRENTI 1. RICONOSCIMENTO DELLA DITTA PRIMO ACQUIRENTE A) Ditte non ancora riconosciute che intendono richiedere l iscrizione

Dettagli

I CASI DI UTILIZZO DEL DOCUMENTO DI TRASPORTO (DDT)

I CASI DI UTILIZZO DEL DOCUMENTO DI TRASPORTO (DDT) I CASI DI UTILIZZO DEL DOCUMENTO DI TRASPORTO (DDT) a cura di Antonino Romano Mediante l emissione del documento di trasporto, il contribuente può sfruttare il maggior termine, offerto dall art. 21 D.P.R.

Dettagli

REGOLAMENTO DI ESECUZIONE (UE) N. 1097/2012 DELLA COMMISSIONE

REGOLAMENTO DI ESECUZIONE (UE) N. 1097/2012 DELLA COMMISSIONE 24.11.2012 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 326/3 REGOLAMENTO DI ESECUZIONE (UE) N. 1097/2012 DELLA COMMISSIONE del 23 novembre 2012 che modifica il regolamento (UE) n. 142/2011 recante disposizioni

Dettagli

GUIDA PER LA REDAZIONE DELLA RELAZIONE TECNICA

GUIDA PER LA REDAZIONE DELLA RELAZIONE TECNICA GUIDA PER LA REDAZIONE DELLA RELAZIONE TECNICA per macellerie e laboratori annessi / pescherie e laboratori annessi / depositi all'ingrosso di carni e prodotti della pesca da allegare in caso di notifica

Dettagli

Comune di. Luogo di nascita: Comune Provincia Stato

Comune di. Luogo di nascita: Comune Provincia Stato Al Dipartimento di Prevenzione della ZT n dell ASUR Allegato 2 Al Comune di NOTIFICA INIZIO ATTIVITA SETTORE ALIMENTARE AI FINI DELLA REGISTRAZIONE (ART. 6 DEL REGOLAMENTO CE N. 852/2004 E DELLA D.G.R.

Dettagli

LABORATORIO CHIMICO CAMERA DI COMMERCIO TORINO

LABORATORIO CHIMICO CAMERA DI COMMERCIO TORINO LABORATORIO CHIMICO CAMERA DI COMMERCIO TORINO SICUREZZA ALIMENTARE Il quadro normativo tra regolamenti comunitari e legislazione regionale SICUREZZA ALIMENTARE La garanzia che l alimento non provochi

Dettagli

Certificato sanitario per gli animali vivi trasportati dall azienda al macello

Certificato sanitario per gli animali vivi trasportati dall azienda al macello Certificato sanitario per gli animali vivi trasportati dall azienda al macello Certificato sanitario per gli animali vivi trasportati dall azienda al macello 15/07/2010 7.26.00 U CERTIFICATO SANITARIO

Dettagli

INDICE. Capo 1. Specie animali allevate in azienda ai fini della macellazione. Capo 2. Quantità massime consentite

INDICE. Capo 1. Specie animali allevate in azienda ai fini della macellazione. Capo 2. Quantità massime consentite Allegato A LINEE GUIDA PER LA FORNITURA DI PICCOLI QUANTITATIVI DI CARNI, PROVENIENTI DA POLLAME E LAGOMORFI MACELLATI NELL AZIENDA AGRICOLA, DAL PRODUTTORE AL CONSUMATORE FINALE O AI LABORATORI ANNESSI

Dettagli

Verifiche ispettive e controlli nella gestione dei rifiuti

Verifiche ispettive e controlli nella gestione dei rifiuti LA NUOVA NORMATIVA AMBIENTALE La classificazione dei rifiuti I reati ambientali Verifiche ispettive e controlli nella gestione dei rifiuti Parte 1 Dott. Roberto Mastracci Aspetti tecnici nella gestione

Dettagli

I Nuovi Regolamenti comunitari

I Nuovi Regolamenti comunitari I Nuovi Regolamenti comunitari Conferenza organizzativa del Dipartimento di Prevenzione Lido di Camaiore 30 marzo 2005 1 Obiettivi della legislazione alimentare Assicurare un alto livello di sicurezza

Dettagli

Area B Igiene degli Alimenti di Origine Animale

Area B Igiene degli Alimenti di Origine Animale Area B Igiene degli Alimenti di Origine Animale Vigilanza e controllo sulla produzione, lavorazione, commercializzazione dei prodotti di origine animale Il controllo degli alimenti di origine animale,

Dettagli

Numero Modello 4 ( ) del / / DICHIARAZIONE DI PROVENIENZA E DI DESTINAZIONE DEGLI ANIMALI (Mod. 4) DELLA SPECIE

Numero Modello 4 ( ) del / / DICHIARAZIONE DI PROVENIENZA E DI DESTINAZIONE DEGLI ANIMALI (Mod. 4) DELLA SPECIE A LLEGATO DICHIARAZIONE DI PROVENIENZA E DI DESTINAZIONE DEGLI ANIMALI (Mod. 4) DELLA SPECIE REGIONE ASL A) IDENTIFICAZIONE I capi riportati in allegato provengono dall azienda identificata dal Codice

Dettagli

(CE) 8) / LL.GG.)

(CE) 8) / LL.GG.) Allegato A Modalità applicative sul territorio regionale delle Linee guida per l'applicazione del Regolamento (CE) n. 1069/2009 del Parlamento europeo e del Consiglio del 21 ottobre 2009 recante norme

Dettagli

ASSESSORADU DE S IGIENE E SANIDADE E DE S ASSISTÈNTZIA SOTZIALE ASSESSORATO DELL IGIENE E SANITA E DELL ASSISTENZA SOCIALE

ASSESSORADU DE S IGIENE E SANIDADE E DE S ASSISTÈNTZIA SOTZIALE ASSESSORATO DELL IGIENE E SANITA E DELL ASSISTENZA SOCIALE ISTRUZIONE OPERATIVA PER LA CERTIFICAZIONE DI CARNI SUINE, PREPARATI E PRODOTTI A BASE DI CARNI SUINE E TUTTI GLI ALTRI PRODOTTI COSTITUITI DA O CONTENENTI CARNI SUINE AI SENSI DELLA DECISIONE DI ESECUZIONE

Dettagli

Comunicazione sanitaria ai sensi dell art. 6 del Regolamento (CE) n. 852/2004

Comunicazione sanitaria ai sensi dell art. 6 del Regolamento (CE) n. 852/2004 Da presentarsi in TRE COPIE (una per il Comune, una per l A.S.L., una per l utente) PARTE RISERVATA AL COMUNE/SUAP Ricevuta in data n. protocollo Trasmessa copia al S.I.A.N. S.VETERINARIO dell A.S.L. n.

Dettagli

Al Servizio Dell' AZIENDA U.L.SS. n. di

Al Servizio Dell' AZIENDA U.L.SS. n. di MODULO B2 Al Servizio Dell' AZIENDA U.L.SS. n. di Oggetto: Aggiornamento della registrazione per cambio di ragione sociale, chiusura, modifiche strutturali, impiantistiche, produttive e dismissione o acquisizione

Dettagli

CARNI FRESCHE CARNI FRESCHE PRECONFEZIONATE DI PROVENIENZA ITALIANA. Sull etichetta delle carni italiane macellate in Italia ci deve essere:

CARNI FRESCHE CARNI FRESCHE PRECONFEZIONATE DI PROVENIENZA ITALIANA. Sull etichetta delle carni italiane macellate in Italia ci deve essere: Le carni di tutte le specie avicole, quindi comprese le carni di polli, tacchini, faraone, anatre, oche, quaglie, fagiani e le altre carni di selvaggina da penna cacciata ed allevata, devono recare informazioni

Dettagli

Luogo di nascita: Comune Provincia Stato

Luogo di nascita: Comune Provincia Stato Allegato 2 Allo Sportello Unico per le Attività Produttive del Comune di NOTIFICA INIZIO ATTIVITÀ SETTORE ALIMENTARE AI FINI DELLA REGISTRAZIONE (ART. 6 DEL REGOLAMENTO CE N. 852/2004 E DELLA D.G.R. N.

Dettagli

Dir. DB20.00 Sett. DB20.17 allegato n. 13 di 29 Allegato 7.1

Dir. DB20.00 Sett. DB20.17 allegato n. 13 di 29 Allegato 7.1 Dir. DB20.00 Sett. DB20.17 allegato n. 13 di 29 Allegato 7.1 ORGANIZZAZIONE DELL ATTIVITÀ DI CONTROLLO UFFICIALE SULLA CORRETTA APPLICAZIONE DEI REGOLAMENTI CE/1069/2009 E UE/142/2011. PIANO 2011-2014

Dettagli

Carni avicole. Per le carni di pollame fresche, il termine minimo di conservazione è sostituito dalla data di scadenza.

Carni avicole. Per le carni di pollame fresche, il termine minimo di conservazione è sostituito dalla data di scadenza. Carni avicole Il Regolamento (CE) 543/2008, recante le modalità di applicazione del Regolamento (CE) 1234/2007 e s.m.i., ha stabilito le norme di commercializzazione per le carni di pollame (pollo, tacchino,

Dettagli

IL TRASPORTO DEI PROPRI EQUIDI CON I PROPRI MEZZI

IL TRASPORTO DEI PROPRI EQUIDI CON I PROPRI MEZZI IL TRASPORTO DEI PROPRI EQUIDI CON I PROPRI MEZZI DOCUMENTI RICHIESTI Allegato H Modello IV Passaporto per l identificazione Allegato H È un autodichiarazione che viene vidimata dal Servizio Veterinario

Dettagli

Articolo 1. Registrazione degli stabilimenti.

Articolo 1. Registrazione degli stabilimenti. Linee guida per l'applicazione del Regolamento (CE)1069/2009 del Parlamento e del Consiglio dell'unione europea del 21 ottobre 2009 recante norme sanitarie relative ai sottoprodotti di origine animale

Dettagli

IL MINISTRO DELLA SALUTE

IL MINISTRO DELLA SALUTE MINISTERO DELLA SALUTE DECRETO 23 gennaio 2007 Modifica degli allegati I, II, III e V del decreto 13 ottobre 2004, recante: «Disposizioni in materia di funzionamento dell'anagrafe bovina». IL MINISTRO

Dettagli

Analisi delle principali problematiche emerse nel corso dell ispezione

Analisi delle principali problematiche emerse nel corso dell ispezione Analisi delle principali problematiche emerse nel corso dell ispezione premessa Dal 14 al 25 Maggio 2012 il Servizio Federale per il Controllo Veterinario e Fitosanitario (Rosselkhoz-nadzor), ha condotto

Dettagli

Protocollo data. SEDE LEGALE O AMMINISTRATIVA Via C.A.P. Comune Località Telefono Fax. Legale rappresentante Sig. nato a il e residente a Prov.

Protocollo data. SEDE LEGALE O AMMINISTRATIVA Via C.A.P. Comune Località Telefono Fax. Legale rappresentante Sig. nato a il e residente a Prov. Protocollo data RAGIONE SOCIALE (timbro) SEDE LEGALE O AMMINISTRATIVA Via C.A.P. Comune Località Telefono Fax Legale rappresentante Sig. nato a il e residente a Prov. in Via SEDE PRODUTTIVA: Via C.A.P.

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE DEL FORMULARIO

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE DEL FORMULARIO LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE DEL FORMULARIO Le presenti linee guida vogliono essere un supporto a titolo informativo a chi deve compilare il formulario di identificazione rifiuti e ha necessità di un

Dettagli

lo Statuto Speciale per la Sardegna e le relative norme di attuazione;

lo Statuto Speciale per la Sardegna e le relative norme di attuazione; Ord. n. 7 prot. 14362 del 7.08.2017 Oggetto: Ordinanza contingibile e urgente per il conferimento dei sottoprodotti di origine animale, categorie 1 e 3. Artt. 191 del D. Lgs. n. 152/2006 e 32 della legge

Dettagli

REGISTRAZIONE DELLE IMPRESE ALIMENTARI (Regolamento CE 852/2004) Il/La sottoscritto/a (indicare Cognome e Nome) nato a il residente a in via/p.

REGISTRAZIONE DELLE IMPRESE ALIMENTARI (Regolamento CE 852/2004) Il/La sottoscritto/a (indicare Cognome e Nome) nato a il residente a in via/p. REGISTRAZIONE DELLE IMPRESE ALIMENTARI (Regolamento CE 852/2004) S.C.I.A. IMPRESE ALIMENTARI (EX DIA DIFFERITA) All Azienda Provinciale per i Servizi Sanitari Distretto: Il/La sottoscritto/a (indicare

Dettagli

Biosicurezza e uso corretto e razionale degli antibiotici in zootecnia Nota Ministero della Salute prot P

Biosicurezza e uso corretto e razionale degli antibiotici in zootecnia Nota Ministero della Salute prot P Biosicurezza e uso corretto e razionale degli antibiotici in zootecnia Nota Ministero della Salute prot. 0002657-P del 13 FEBBRAIO 2012 Indicazioni pratiche per gli allevatori Premessa Considerare gli

Dettagli

IL SIERO DI LATTE: RIFIUTO, PRECURSORE DI MANGIMI O MATERIA PRIMA PER ALTRI DERIVATI DEL LATTE?

IL SIERO DI LATTE: RIFIUTO, PRECURSORE DI MANGIMI O MATERIA PRIMA PER ALTRI DERIVATI DEL LATTE? VETMARE 2012. DALLA STALLA ALLA STALLA. L ANELLO BIANCO DEL LATTE. IL SIERO DI LATTE: RIFIUTO, PRECURSORE DI MANGIMI O MATERIA PRIMA PER ALTRI DERIVATI DEL LATTE? Prof. Pasquale DE Palo Professore Aggregato

Dettagli

REGIONE MARCHE AGENZIA REGIONALE SANITARIA

REGIONE MARCHE AGENZIA REGIONALE SANITARIA 1 - ALLEGATI - Allegato Allo Sportello Unico per le Attività Produttive del Comune di NOTIFICA INIZIO ATTIVITÀ SETTORE ALIMENTARE AI FINI DELLA REGISTRAZIONE (ART. 6 DEL REGOLAMENTO CE N. 852/2004 E DELLA

Dettagli

Verbale di ispezione delle ditte autorizzate al commercio all ingrosso e/o dettaglio di medicinali veterinari. D. Lgs. 193/2006.

Verbale di ispezione delle ditte autorizzate al commercio all ingrosso e/o dettaglio di medicinali veterinari. D. Lgs. 193/2006. Verbale di ispezione delle ditte autorizzate al commercio all ingrosso e/o dettaglio di medicinali veterinari. D. Lgs. 193/2006. Verbale n. del. In data alle ore il/i sottoscritto/i si sono presentati

Dettagli

(I testi in lingua francese, inglese e neerlandese sono i soli facenti fede) (2008/48/CE) (5) È pertanto opportuno modificare la decisione

(I testi in lingua francese, inglese e neerlandese sono i soli facenti fede) (2008/48/CE) (5) È pertanto opportuno modificare la decisione 15.1.2008 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 11/17 DECISIONE DELLA COMMISSIONE del 20 dicembre 2007 che modifica la decisione 2004/407/CE recante norme sanitarie e di certificazione transitorie a

Dettagli

Il Controllo Ufficiale presso un impianto di incenerimento a bassa capacità. Angela Soriani Ferrara, 28 ottobre 2014

Il Controllo Ufficiale presso un impianto di incenerimento a bassa capacità. Angela Soriani Ferrara, 28 ottobre 2014 Il Controllo Ufficiale presso un impianto di incenerimento a bassa capacità Angela Soriani Ferrara, 28 ottobre 2014 Regolamento (CE) n. 1069/2009 Articoli 12, 13 e 14 Smaltimento e uso di materiali di

Dettagli

Regolamenti comunitari riguardanti la sicurezza alimentare ( 2^ parte ) Relazione della Dott.ssa Candida Fattore

Regolamenti comunitari riguardanti la sicurezza alimentare ( 2^ parte ) Relazione della Dott.ssa Candida Fattore Regolamenti comunitari riguardanti la sicurezza alimentare ( 2^ parte ) Relazione della Dott.ssa Candida Fattore I regolamenti contenuti nel pacchetto igiene rivedono un po tutte le regole della sicurezza

Dettagli

DIREZIONE MARITTIMA PESCARA CONTROLLO DELLA COMMERCIALIZZAZIONE DEI PRODOTTI ITTICI

DIREZIONE MARITTIMA PESCARA CONTROLLO DELLA COMMERCIALIZZAZIONE DEI PRODOTTI ITTICI DIREZIONE MARITTIMA PESCARA CONTROLLO DELLA COMMERCIALIZZAZIONE DEI PRODOTTI ITTICI C 1^Cl. Np Pasquale Fuggetta Ispettore Pesca Nazionale U.E. ICCAT 1 Obblighi in capo agli operatori commerciali nella

Dettagli

A.R.T..A. Regolamento (CE) n.1257/1999 del 17 maggio 1999 PIANO DI SVILUPPO RURALE DELLA REGIONE TOSCANA

A.R.T..A. Regolamento (CE) n.1257/1999 del 17 maggio 1999 PIANO DI SVILUPPO RURALE DELLA REGIONE TOSCANA D.P.R. 10 dicembre 1997 n 495 Regolamento recante norme di attuazione della direttiva 92/116/CEE che modifica la direttiva 71/118/CEE relativa a problemi sanitari in materia di produzione e immissione

Dettagli

ALLEGATO A FRONTESPIZIO DEL BOLLETTARIO O DELLA PRIMA PAGINA DEL MODULO CONTINUO. Ditta. Residenza o domicilio Comune Via n.

ALLEGATO A FRONTESPIZIO DEL BOLLETTARIO O DELLA PRIMA PAGINA DEL MODULO CONTINUO. Ditta. Residenza o domicilio Comune Via n. Decreto Ministeriale 1 aprile 1998, n. 145 Regolamento recante la definizione del modello e dei contenuti del formulario di accompagnamento dei rifiuti ai sensi degli articoli 15, 18, comma 2, lettera

Dettagli

Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali

Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali DIPARTIMENTO DELL ISPETTORATO CENTRALE DELLA TUTELA DELLA QUALITÀ E REPRESSIONE FRODI DEI PRODOTTI AGRO-ALIMENTARI DIREZIONE GENERALE DELLA PREVENZIONE

Dettagli

NULLA OSTA SANITARIO. Allegato B. 1.0 Spese di accesso. fuori raccordo. Lit

NULLA OSTA SANITARIO. Allegato B. 1.0 Spese di accesso. fuori raccordo. Lit Allegato B NULLA OSTA SANITARIO ARTIGIANATO Sale giochi Autorimessa ATTIVITA SERVIZI ASL ( 1 ) TARIFFARIO Artigianato autorizzato presso abitazioni (es. sartorie, orologiai,...) Parrucchieri, estetisti,

Dettagli

Data n. Azienda. Indirizzo Comune N telefono. N iscrizione CCIAA N fax. Non Conformità rilevate Gravi n Riferimento punto Piano di Controllo:

Data n. Azienda. Indirizzo Comune N telefono. N iscrizione CCIAA N fax. Non Conformità rilevate Gravi n Riferimento punto Piano di Controllo: Ispettore Incaricato Verifica Ispettiva Cod. identificativo Azienda - Oppure INDICARE ISCRIZIONE Data n. Azienda Indirizzo Comune N telefono N iscrizione CCIAA N fax Referente Aziendale Qualifica Non Conformità

Dettagli

Legge regionale 29 maggio 2017, n. 11: Disposizioni in materia di macellazione aziendale.

Legge regionale 29 maggio 2017, n. 11: Disposizioni in materia di macellazione aziendale. 908 Legge regionale 29 maggio 2017, n. 11: Disposizioni in materia di macellazione aziendale. 909 Articolo 1 Oggetto e ambito di applicazione 1. La presente legge si applica solo agli imprenditori agricoli

Dettagli

Circolare n. 054/10 Trieste, 30 aprile Farmacie delle province di Gorizia Pordenone Trieste Udine

Circolare n. 054/10 Trieste, 30 aprile Farmacie delle province di Gorizia Pordenone Trieste Udine FEDERFARMA FRIULI VENEZIA GIULIA UNIONE REGIONALE TITOLARI DI FARMACIA DEL FRIULI VENEZIA GIULIA Circolare n. 054/10 Trieste, 30 aprile 2010 Alle Farmacie delle province di Gorizia Pordenone Trieste Udine

Dettagli

Luogo di nascita: Comune Provincia Stato

Luogo di nascita: Comune Provincia Stato Al Dipartimento di Prevenzione della ZT n 6 dell ASUR Al Comune di FABRIANO DENUNCIA INIZIO ATTIVITA SETTORE ALIMENTARE AI FINI DELLA REGISTRAZIONE (ART. 6 DEL REGOLAMENTO CE N. 852/2004 E DELLA D.G.R.

Dettagli

ALLEGATO _C2_ Dgr n. del pag. 1/5

ALLEGATO _C2_ Dgr n. del pag. 1/5 giunta regionale 9^ legislatura ALLEGATO _C2_ Dgr n. del pag. 1/5 Notifica ai fini della registrazione per il progetto sperimentale sulle PPL (Piccole Produzioni Locali) DATI OPERATORE Il/La sottoscritto/a:

Dettagli

Scheda Percorsi SUAP (Sportello Unico per le Attività produttive)

Scheda Percorsi SUAP (Sportello Unico per le Attività produttive) Scheda Percorsi SUAP (Sportello Unico per le Attività produttive) Il SUAP è definito come "l'unico punto di accesso per il richiedente in relazione a tutte le vicende amministrative riguardanti la sua

Dettagli

DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE AREA DI SANITA PUBBLICA VETERINARIA

DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE AREA DI SANITA PUBBLICA VETERINARIA Audit DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE AREA DI SANITA PUBBLICA VETERINARIA Obblighi di pubblicazione concernenti i sulle imprese (art. 25 D.lgs n.33/2013) effettuati dal Servizio Igiene degli Allevamenti e

Dettagli

I SOTTOPRODOTTI DI ORIGINE ANIMALE (SOA)

I SOTTOPRODOTTI DI ORIGINE ANIMALE (SOA) Corso di Esperto ambientale AISA Impianti 14/03/2016 I SOTTOPRODOTTI DI ORIGINE ANIMALE (SOA) Regolamento (CE) 1069/2009 norme sanitarie relative ai sottoprodotti di origine animale e ai prodotti derivati

Dettagli

DIPARTIMENTO PER LA SANITA PUBBLICA VETERINARIA, LA NUTRIZIONE E LA SICUREZZA DEGLI ALIMENTI

DIPARTIMENTO PER LA SANITA PUBBLICA VETERINARIA, LA NUTRIZIONE E LA SICUREZZA DEGLI ALIMENTI Ministero della Salute DIPARTIMENTO PER LA SANITA PUBBLICA VETERINARIA, LA NUTRIZIONE E LA SICUREZZA DEGLI ALIMENTI DIREZIONE GENERALE DELLA SICUREZZA DEGLI ALIMENTI E DELLA NUTRIZIONE (ex D.G.S.V.A. -

Dettagli

LISTA DI RISCONTRO SUINO LODIGIANO TERRA BUONA N DEL VERBALE: ALLEVAMENTO. Riportare il nominativo dell Allevamento OBIETTIVI DELLA VERIFICA

LISTA DI RISCONTRO SUINO LODIGIANO TERRA BUONA N DEL VERBALE: ALLEVAMENTO. Riportare il nominativo dell Allevamento OBIETTIVI DELLA VERIFICA DATA N DEL VERBALE: ALLEVAMENTO (n progressivo) Riportare il nominativo dell Allevamento OBIETTIVI DELLA VERIFICA Riportare lo scopo della Verifica FIGURE COINVOLTE NELLA VERIFICA PERSONA FUNZIONE FIRMA

Dettagli

NUOVE REGOLE IN VIGORE A PARTIRE DAL 1 GIUGNO 2015 PER UTENZE CON PARTITA IVA PRONTUARIO

NUOVE REGOLE IN VIGORE A PARTIRE DAL 1 GIUGNO 2015 PER UTENZE CON PARTITA IVA PRONTUARIO CEM TRASPORTO E CONFERIMENTO DEI RIFIUTI ASSIMILATI AGLI URBANI PRESSO LA PIATTAFORMA ECOLOGICA COMUNALE NUOVE REGOLE IN VIGORE A PARTIRE DAL 1 GIUGNO 2015 PER UTENZE CON PARTITA IVA PRONTUARIO NUMERO

Dettagli

SORVEGLIANZA SU SOTTOPRODOTTI DI ORIGINE ANIMALE NON DESTINATI AL CONSUMO UMANO

SORVEGLIANZA SU SOTTOPRODOTTI DI ORIGINE ANIMALE NON DESTINATI AL CONSUMO UMANO DIR. A14000 - SETT. A1409A ALLEGATO 14.1 PRISA 2017 REG. 1069 SOTTOPRODOTTI SORVEGLIANZA SU SOTTOPRODOTTI DI ORIGINE ANIMALE NON DESTINATI AL CONSUMO UMANO (Livello Prevenzione Collettiva e Sanità Pubblica

Dettagli

Regolamento Regionale Disciplina sulle modalità di macellazione aziendale inerenti animali della specie ovina, caprina, bovina e suina.

Regolamento Regionale Disciplina sulle modalità di macellazione aziendale inerenti animali della specie ovina, caprina, bovina e suina. ALLEGATO Regolamento Regionale Disciplina sulle modalità di macellazione aziendale inerenti animali della specie ovina, caprina, bovina e suina. Ambito di applicazione Art. 1 1) Il presente regolamento

Dettagli

LISTA DI RISCONTRO PREPARATI PER BRODO

LISTA DI RISCONTRO PREPARATI PER BRODO Lo DATA N DEL VERBALE: Azienda (n progressivo) Riportare il nominativo OBIETTIVI DELLA VERIFICA Riportare lo scopo della Verifica FIGURE COINVOLTE NELLA VERIFICA PERSONA FUNZIONE FIRMA GLOSSARIO Conforme:

Dettagli

TIPOLOGIE DI MODELLI DI RICETTA

TIPOLOGIE DI MODELLI DI RICETTA La ricetta veterinaria Ricetta Veterinaria La prima normativa che regola la materia è del 1992 e prevede la suddivisione degli animali in due categorie: Animali da reddito (DPA) Animali da compagnia (non

Dettagli

RECAPITI DEL RESPONSABILE DEL INFORMAZIONI PER PROCEDIMENTI AD ISTANZA DI PARTE PROCEDIMENTO. 0342555871 m.marchetti@asl.s ondrio.

RECAPITI DEL RESPONSABILE DEL INFORMAZIONI PER PROCEDIMENTI AD ISTANZA DI PARTE PROCEDIMENTO. 0342555871 m.marchetti@asl.s ondrio. Accesso agli atti formati o detenuti dal Dipartimento di Prevenzione Veterinario - legge 241/1990 e s.m.i. L'ATTO NOTA PROTOCOLLATA DIPARTIMENTO PREVENZIONE m.marchetti@asl.s o INFORMAZIONI asl.so COPIA

Dettagli

Disposizioni comunitarie in materia di commercializzazione delle Uova.

Disposizioni comunitarie in materia di commercializzazione delle Uova. Disposizioni comunitarie in materia di commercializzazione delle Uova. La commercializzazione delle uova è ritenuto il segmento produttivo più importante del settore. Sulla commercializzazione la normativa

Dettagli

- Al Dipartimento di Prevenzione della ASUR ZT n Al Comune di Porto San Giorgio

- Al Dipartimento di Prevenzione della ASUR ZT n Al Comune di Porto San Giorgio - Al Dipartimento di Prevenzione della ASUR ZT n.11 - Al Comune di Porto San Giorgio Sportello unico attività Produttive NOTIFICA INIZIO ATTIVITA SETTORE ALIMENTARE AI FINI DELLA REGISTRAZIONE (ART. 6

Dettagli

la produzione/commercializzazione al dettaglio o prevalente al dettaglio o (produzione/commercializzazione annua al dettaglio superiore al 50%)

la produzione/commercializzazione al dettaglio o prevalente al dettaglio o (produzione/commercializzazione annua al dettaglio superiore al 50%) Servizio Igiene degli Alimenti e della Nutrizione - Dipartimento di Prevenzione - Via Circumvallazione 77, 83100 Avellino - Tel. 0825292621-07-06-11 Fax 0825292606 uoc.sian@pec.aslavellino.it D. Lgs. 194/08

Dettagli

Parte 1 N BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE BASILICATA - 01/06/2017. Regione Basilicata. Legge Regionale 29/05/2017, n.11

Parte 1 N BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE BASILICATA - 01/06/2017. Regione Basilicata. Legge Regionale 29/05/2017, n.11 18 Regione Basilicata Legge Regionale 29/05/2017, n.11 19 Legge regionale 29 maggio 2017 N. 11 Disposizioni in materia di macellazione aziendale. 20 Articolo 1 Oggetto e ambito di applicazione 1. La presente

Dettagli

SERVIZIO SECO DI RECUPERO DEL METALLO DURO USURATO

SERVIZIO SECO DI RECUPERO DEL METALLO DURO USURATO SERVIZIO SECO DI RECUPERO DEL METALLO DURO USURATO Perché scegliere Seco Italia: Il partner per il ciclo completo, dalla polvere alla polvere Perché scegliere Seco Italia: Siamo certificati ISO 14001:2004,

Dettagli

Luogo di nascita: Comune Provincia Stato

Luogo di nascita: Comune Provincia Stato Allo Sportello Unico per le Attività Produttive del Comune di PESARO U.O. ATTIVITA ECONOMICHE NOTIFICA INIZIO ATTIVITÀ SETTORE ALIMENTARE AI FINI DELLA REGISTRAZIONE (ART. 6 DEL REGOLAMENTO CE N. 852/2004

Dettagli

Wolters Kluwer Italia Professionale S.p.A. - FulShow - Azienda U.S.L. Modena

Wolters Kluwer Italia Professionale S.p.A. - FulShow - Azienda U.S.L. Modena Pagina 1 di 5 D.M. 10-10-1994 Norme per lo scambio intracomunitario e per l'importazione dai Paesi terzi di equidi vivi. Pubblicato nella Gazz. Uff. 23 dicembre 1994, n. 299, S.O. D.M. 10 ottobre 1994

Dettagli

farmaco-sorveglianza negli allevamenti zootecnici

farmaco-sorveglianza negli allevamenti zootecnici ASSOCIAZIONE PROVINCIALE ALLEVATORI POTENZA REGIONE BASILICATA AZIENDA SANITARIA UNITA SANITARIA LOCALE N. 2 - POTENZA Dipartimento di Prevenzione farmaco-sorveglianza negli allevamenti zootecnici Vademecum:

Dettagli

del 18 novembre 2015 (Stato 27 agosto 2016)

del 18 novembre 2015 (Stato 27 agosto 2016) Ordinanza del DFI concernente l importazione, il transito e l esportazione di animali e prodotti animali nel traffico con Stati membri dell UE, Islanda e Norvegia (OITE-UE-DFI) del 18 novembre 2015 (Stato

Dettagli

del 18 novembre 2015 (Stato 1 gennaio 2016)

del 18 novembre 2015 (Stato 1 gennaio 2016) Ordinanza del DFI concernente l importazione, il transito e l esportazione di animali e prodotti animali nel traffico con Stati membri dell UE, Islanda e Norvegia (OITE-UE-DFI) del 18 novembre 2015 (Stato

Dettagli

Allegato 1 ALLEGATO ALLA DENUNCIA INIZIO ATTIVITA (D.I.A.) AI FINI DELLA REGISTRAZIONE DELLE INPRESE ALIMENTARI (REGOLAMENTO CE N.

Allegato 1 ALLEGATO ALLA DENUNCIA INIZIO ATTIVITA (D.I.A.) AI FINI DELLA REGISTRAZIONE DELLE INPRESE ALIMENTARI (REGOLAMENTO CE N. Scheda 1M Allegato 1 ALLEGATO ALLA DENUNCIA INIZIO ATTIVITA (D.I.A.) AI FINI DELLA REGISTRAZIONE DELLE INPRESE ALIMENTARI (REGOLAMENTO CE N. 852/2004) Allo Sportello Unico delle Attività Produttive del

Dettagli

con sede legale nel comune di... Provincia... Via/Piazza... N... Cap... Codice Fiscale

con sede legale nel comune di... Provincia... Via/Piazza... N... Cap... Codice Fiscale Allegato 7 alla DD n. 673 del 30.10.2017 BOLLO Alla Regione Piemonte - Direzione Sanità Settore Prevenzione e Veterinaria Corso Regina Margherita 153 bis 10122 Torino Per il tramite del Servizio/S.C. Igiene

Dettagli

PRINCIPALI ATTIVITA DEI PRIMI ACQUIRENTI ADEMPIMENTI A REGIME (Documento aggiornato al )

PRINCIPALI ATTIVITA DEI PRIMI ACQUIRENTI ADEMPIMENTI A REGIME (Documento aggiornato al ) PRINCIPALI ATTIVITA DEI PRIMI ACQUIRENTI ADEMPIMENTI A REGIME (Documento aggiornato al 6.10.2003) A. RICONOSCIMENTO DELLA DITTA PRIMO ACQUIRENTE 1) Ditte non ancora riconosciute che intendono richiedere

Dettagli

TARIFFARIO DELLE PRESTAZIONI (D.G.R. 1608/2006) ANNO Codice Descrizione attività Importo

TARIFFARIO DELLE PRESTAZIONI (D.G.R. 1608/2006) ANNO Codice Descrizione attività Importo Servizio Sanitario Nazionale - Regione Liguria Azienda Sanitaria Locale n. 5 Spezzino LA SPEZIA Dipartimento di Prevenzione Struttura Complessa Sicurezza Alimentare Via Fiume, 137-19122 LA SPEZIA Tel:

Dettagli

SEZIONE 2 - LISTA DI RISCONTRO - CONTROLLO UFFICIALE SVOLTO IN FASE OPERATIVA. SI NO NA non conformità/varie DOCUMENTAZIONE DISPONIBLE

SEZIONE 2 - LISTA DI RISCONTRO - CONTROLLO UFFICIALE SVOLTO IN FASE OPERATIVA. SI NO NA non conformità/varie DOCUMENTAZIONE DISPONIBLE SEZIONE 2 - LISTA DI RISCONTRO - CONTROLLO UFFICIALE SVOLTO IN FASE OPERATIVA DOCUMENTAZIONE DISPONIBLE SI NO NA non conformità/varie Autorizzazioni sanitarie (PROVVEDIMENTO DI RICONOSCIMENTO) PLANIMENTRIA

Dettagli

Area Territoriale Veterinaria di Verbale di Ispezione Operatore del Settore dei Mangimi/Laboratorio In data...alle ore... il/i sottoscritto/i : Nome

Area Territoriale Veterinaria di Verbale di Ispezione Operatore del Settore dei Mangimi/Laboratorio In data...alle ore... il/i sottoscritto/i : Nome Verbale di Ispezione Operatore del Settore dei Mangimi/Laboratorio In data...alle ore... il/i sottoscritto/i : Nome. Pag. 1 di 6 n del.. Qualifica/Ente di appartenenza............. Ha/Hanno effettuato

Dettagli

Non basta far sapere: occorre comunicare

Non basta far sapere: occorre comunicare Non basta far sapere: occorre comunicare COSA si può comunicare Quadro normativo di riferimento Maria Chiara Ferrarese Milano - 29 novembre 2017 Settore animale CARNI BOVINE CARNI AVICOLE CARNI DIVERSE

Dettagli

B) INFORMAZIONI SUI TRATTAMENTI E SULLA CATENA ALIMENTARE (I.C.A.), di cui al Reg.853 del 2004

B) INFORMAZIONI SUI TRATTAMENTI E SULLA CATENA ALIMENTARE (I.C.A.), di cui al Reg.853 del 2004 DICHIARAZIONE DI PROVENIENZA E DI DESTINAZIONE DEGLI ANIMALI (Mod. 4) DELLA SPECIE AVICOLA REGIONE ASL A) IDENTIFICAZIONE I n. riportati in allegato, provengono dall'allevamento identificato dal Codice

Dettagli

PRODUZIONE DEI MATERIALI DI RISULTA 5

PRODUZIONE DEI MATERIALI DI RISULTA 5 PRODUZIONE DEI MATERIALI DI RISULTA 5 Indicare nella Tabella 1 e nella Tabella 2 i quantitativi, rispettivamente, di materiali prodotti destinati al recupero e destinati allo smaltimento che si ha stimato

Dettagli

CHECK LIST PER SOPRALLUOGHI - SETTORE UOVA E OVOPRODOTTI - ( compilata al fine di elaborare la relazione ufficiale)

CHECK LIST PER SOPRALLUOGHI - SETTORE UOVA E OVOPRODOTTI - ( compilata al fine di elaborare la relazione ufficiale) CHECK LIST PER SOPRALLUOGHI - SETTORE UOVA E OVOPRODOTTI - ( compilata al fine di elaborare la relazione ufficiale) DATA DEL SOPRALLUOGO: SONO PRESENTI AL SOPRALLUOGO NOME E COGNOME ISPETTORI MINISTERIALI

Dettagli

Scheda informativa del modulo E1

Scheda informativa del modulo E1 IN QUALI CASI PUOI UTILIZZARE QUESTO MODULO? Il modulo si può utilizzare per gli operatori del settore alimentare, i quali, secondo le disposizioni di cui all'art. 6, comma 2 del Regolamento Comunitario

Dettagli