MODULO DI ACCOMPAGNAMENTO CAMPIONI LATTE CRUDO DESTINATI AL LABORATORIO DI ANALISI (Legge 169/89 e D.M. 185 del 1991) VERBALE N

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "MODULO DI ACCOMPAGNAMENTO CAMPIONI LATTE CRUDO DESTINATI AL LABORATORIO DI ANALISI (Legge 169/89 e D.M. 185 del 1991) VERBALE N"

Transcript

1 Modulo accompagnamento campioni di latte crudo destinato al laboratorio di analisi MODULO DI ACCOMPAGNAMENTO CAMPIONI LATTE CRUDO DESTINATI AL LABORATORIO DI ANALISI (Legge 169/89 e D.M. 185 del 1991) VERBALE N ================================================================================ PARTE RISERVATA AL RILEVATORE ANALISI RICHIESTE PRELIEVO N. ROUTINE LATTOSIO GRASSO PROTEINE RESIDUO MAGRO CRIOSCOPIA EXTRA ROUTINE CARICA BATTERICA CELLULE SOMATICHE RESIDUI CHEMIO ANT. ACIDO LATTICO PESO SPECIFICO Modulo accompagnamento campioni di latte crudo destinato al laboratorio di analisi 15/07/

2 AZIENDA AGRICOLA COD. COMUNE VIA DESTINAZIONE LATTE: LATTERIE VICENTINE [ ] [ ] PRELIEVO DATA ORA T LATTE Manuale DA COMPLESSIVI LITRI PRODOTTI IN N 2 MUNGITURE FIRMA DELL ALLEVATORE FIRMA DEL PRELEVATORE ================================================================================ PARTE RISERVATA AL LABORATORIO VETTORE DATA ARRIVO ORA TEMPERATURA DEL LATTE ALL ARRIVO ( C) CAMPIONE NON IDONEO PERVENUTO: CONGELATO COAGULATO CONTENITORE ROVESCIATO NON IDENTIFICABILE T ELEVATA FIRMA DELL ACCETTAZIONE DOCUMENTAZIONE Requisiti chimico-fisici non conformi Requisiti igienico-sanitari non conformi Comunicazione di conformità del latte dopo i cinque primi campioni Trasmissione esiti Segnalazione non conformità indice crioscopico Riconferma non conformità indice crioscopico Sospensione per non conformità indice crioscopico Non conformità requisiti chimico-fisici Non conformità requisiti igienico-sanitari: assegnazione un mese di tempo Non conformità requisiti igienico-sanitari: sospensione Ridestinazione latte ad Alta Qualità Verbale di prelevamento campioni ricerca farmaci e contaminanti Verbale di sequestro cautelativo e affidamento in custodia Verbale di farmacovigilanza (specifica J1-4) Comunicazione di dissequestro in caso di negatività

3 REQUISITI CHIMICO-FISICI DEL LATTE CRUDO NON CONFORMI TENORE DI MATERIA GRASSA, TENORE DI MATERIA PROTEICA, LATTOSIO, ACIDO LATTICO, TENORE DI MATERIA SECCA SGRASSATA. NON CONFORMITA Ad esito sfavorevole Ad esito sfavorevole dopo due mesi Al rientro nei valori PROVVEDIMENTI Comunicazione all allevatore ed alla ditta che il latte non può essere destinato alla produzione di latte ad alta qualità fino a quando non verrà riscontrato il rientro nei valori. Continuano i prelievi per altri 2 mesi Comunicazione che non si effettueranno ulteriori prelievi fino a quando non verrà comunicato il raggiungimento dei requisiti riscontrato con analisi eseguite presso altri enti/laboratori Comunicazione riammissione conferimento latte alta qualità

4 PUNTO DI CONGELAMENTO (INDICE CRIOSCOPICO) NON CONFORMITA Ad esito sfavorevole Al 2 esito sfavorevole Al 3 esito sfavorevole Al rientro nei valori PROVVEDIMENTI Comunicazione allontanamento acqua di lavaggio Controllo impianto di mungitura con tecnici e medici veterinari del Servizio Veterinario Divieto di destinare il latte alla produzione di latte alta qualità Comunicazione riammissione conferimento latte alta qualità REQUISITI IGIENICO-SANITARI DEL LATTE CRUDO NON CONFORMI TENORE DI GERMI, TENORE DI CELLULE SOMATICHE NON CONFORMITA Ad esito sfavorevole delle analisi Al 3 esito sfavorevole PROVVEDIMENTI Comunicazione che viene assegnato un mese per il rientro nei parametri. Continuano i prelievi Divieto di destinare il latte alla produzione di latte alta qualità. Continuano i prelievi per altri 2 mesi Ad esito sfavorevole dopo 2 mesi Sospendere i campionamenti per almeno un mese e ricominciare quando viene comunicato il raggiungimento dei requisiti riscontrato con analisi effettuate presso altri enti/laboratori Al rientro nei valori Ricominciare il campionamento e dopo 5 esiti favorevoli comunicare che il latte può essere utilizzato per la produzione di latte alta qualità

5 PRESENZA RESIDUI CHEMIO-ANTIBIOTICI (INIBENTI) Nel caso le analisi evidenzino la presenza di residui chemio-antibiotici la procedura da seguire è la seguente: Sequestro del latte in azienda Indagine epidemiologica Campionamento e analisi ufficiali all Istituto Lattiero Caseario: Esito favorevole: Dissequestro Esito sfavorevole: Si mantiene il sequestro. Ulteriore campionamento ufficiale all Istituto Zooprofilattico di Padova. Si continuano i prelievi fino a esito negativo. Thiene, Via Rasa n THIENE - Tel Fax Oggetto: Latte fresco pastorizzato di alta Qualità. L.169/89 D.M. 185/91. Spett. Azienda Agricola S'invia in allegato il prospetto riepilogativo degli esiti dei campioni latte a partire dalla data. Dopo i cinque prelievi previsti, alla data della presente il latte prodotto nella Vs Azienda risulta essere CONFORME ai parametri previsti della normativa in oggetto, pertanto il latte può essere destinato alla produzione di latte fresco pastorizzato di alta qualità.

6 IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO SANITA' ANIMALE Allegati: Riepilogo dati e grafico requisiti igienico-sanitari Thiene, Via Rasa n THIENE - Tel Fax Oggetto: Latte fresco pastorizzato di alta qualità D.M. 185/91. Trasmissione esiti S'invia in allegato il prospetto riepilogativo degli esiti dei campioni latte a partire dalla data. Alla data della presente il latte da Voi prodotto risulta essere CONFORME ai parametri previsti dalla normativa in oggetto. IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO SANITA' ANIMALE

7 Allegati: Riepilogo dati requisiti igienico - sanitari. Thiene, Via Rasa n THIENE - Tel Fax Oggetto: Segnalazione non conformità indice crioscopico. Latte fresco pastorizzato alta qualità Si comunica che l'analisi eseguita sul campione di latte crudo, prelievo presso la Vs. azienda agricola in data ha evidenziato l'innalzamento dell'indice crioscopico di qualche punto millesimale che può essere determinato da modeste quantità d'acqua. E' necessario pertanto una maggiore attenzione nell'allontanamento delle acque di lavaggio dell'impianto di mungitura e delle attrezzature. Questo Servizio è a disposizione per fornire ogni chiarimento e per collaborare alla soluzione del problema evidenziato. IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO SANITA' ANIMALE

8 Allegati: Riepilogo dati requisiti igienico sanitari. Oggetto: Segnalazione di non conformità indice crioscopico. Latte fresco pastorizzato alta qualità. via 360 via 360 Si comunica che l'analisi eseguita sul campione di latte crudo, prelevato presso la Vostra Azienda Agricola in data, ha riconfermato l'innalzamento dell'indice crioscopico di qualche punto millesimale che può essere determinato da modeste quantità di acqua. E' necessario, pertanto, un controllo dell'impianto di mungitura da parte di un tecnico in accordo con il Servizio Veterinario. IL RESPONSABILE DELL'AREA SANITA' ANIMALE Allegati: Riepilogo dati requisiti igienico sanitari. 36

9 Oggetto: Segnalazione di non conformità indice crioscopico latte fresco pastorizzato alta qualità. 36 Facendo seguito alla ns nota n del si comunica che i requisiti relativi al parametro Indice Crioscopico sono risultati ancora inferiori al limite stabilito dal D.M. 185/91; pertanto, nei confronti della vs. azienda, è necessario adottare un provvedimento di sospensione temporanea della utilizzazione del latte per la produzione di "Latte ". Verrà, comunque, effettuato al più presto un ulteriore campione per controllare il raggiungimento del limite. Questo Servizio è a disposizione per fornire ogni chiarimento e per collaborare alla soluzione del problema evidenziato. IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO SANITA' ANIMALE Allegati: Riepilogo dati Oggetto: Latte fresco pastorizzato alta qualità. Requisiti chimico-fisici sfavorevoli. 36 Spett.le Latteria 36

10 Si comunica che le analisi effettuate sul campione di latte prelevato il sono risultate sfavorevoli per i seguenti parametri: [ ] TENORE DI MATERIA GRASSA [ ] TENORE DI MATERIA PROTEICA [ ] LATTOSIO [ ] ACIDO LATTICO [ ] PESO SPECIFICO [ ] TENORE DI MATERIA SECCA SGRASSATA A seguito di tale esito il latte non può essere destinato alla produzione di latte fresco pastorizzato di alta qualità fino a quando non verrà riscontrato il raggiungimento dei parametri prescritti. IL RESPONSABILE DELL'AREA SANITA' ANIMALE Allegati: Riepilogo dati Oggetto: Latte fresco pastorizzato alta qualità. Requisiti igienico-sanitari sfavorevoli. 36 Spett.le Latteria 36 Si comunica che le analisi effettuate sul campione di latte prelevato il sono risultate sfavorevoli per i seguenti parametri: [ ] TENORE IN CELLULE SOMATICHE [ ] TENORE IN GERMI

11 Viene pertanto assegnato un mese di tempo per il rientro nei parametri. IL RESPONSABILE DELL'AREA SANITA' ANIMALE Allegati: Riepilogo dati Oggetto: Latte fresco pastorizzato alta qualità. Requisiti igienico-sanitari sfavorevoli. 36 Spett.le Latteria 36 In riferimento alla nota di questo Servizio Veterinario del si comunica che sono risultate sfavorevoli le analisi effettuate sul campione prelevato il per i seguenti parametri: [ ] TENORE IN CELLULE SOMATICHE [ ] TENORE IN GERMI Trattasi del 3 campione le cui analisi hanno evidenziato requisiti non conformi ai parametri previsti. Pertanto il latte non può essere destinato alla produzione di latte fresco pastorizzato di alta qualità.

12 IL RESPONSABILE DELL'AREA SANITA' ANIMALE Allegati: Riepilogo dati Oggetto: Raggiungimento requisiti latte fresco pastorizzato di alta qualità via 36 via 36 In riferimento alla nota del con la quale era stato disposto che il latte prodotto da codesta azienda non poteva essere destinato alla produzione di latte di alta qualità si comunica che sono risultate favorevoli le analisi effettuate sul campione prelevato il. Pertanto il latte può essere ridestinato alla utilizzazione per la produzione di "Latte fresco pastorizzato di Alta Qualità". IL RESPONSABILE DELL'AREA SANITA' ANIMALE

13 Allegati: Riepilogo dati Oggetto: dissequestro latte via 36 via Con la presente si dissequestra il latte sequestrato con Verbale n. da questo Servizio Veterinario in data presso la Ditta in seguito al risultato FAVOREVOLE ottenuto sullo stesso per il contenuto di sostanze inibenti. L esito è stato comunicato a questo ufficio dall Istituto Lattiero Caseario. IL RESPONSABILE DELL'AREA SANITA' ANIMALE

DECRETO DIREZIONE GENERALE SANITA N DEL 21 MARZO 2003

DECRETO DIREZIONE GENERALE SANITA N DEL 21 MARZO 2003 DECRETO DIREZIONE GENERALE SANITA N. 4835 DEL 21 MARZO 2003 Oggetto: Procedure per l attuazione dei controlli sul latte crudo destinato alla produzione di latte fresco pastorizzato di alta qualità ai sensi

Dettagli

VERBALE DI SOPRALLUOGO PER LA AUTORIZZAZIONE SANITARIA DELLE AZIENDE DI PRODUZIONE LATTE (1) (D.P.R N. 54 D.M. 9/5/91 N.

VERBALE DI SOPRALLUOGO PER LA AUTORIZZAZIONE SANITARIA DELLE AZIENDE DI PRODUZIONE LATTE (1) (D.P.R N. 54 D.M. 9/5/91 N. Verbale di sopralluogo per la registrazione delle aziende di produzione latte VERBALE DI SOPRALLUOGO PER LA AUTORIZZAZIONE SANITARIA DELLE AZIENDE DI PRODUZIONE LATTE (1) (D.P.R. 14.01.1997 N. 54 D.M.

Dettagli

Ai Direttori Generali delle ASL della Regione Lombardia LORO SEDI

Ai Direttori Generali delle ASL della Regione Lombardia LORO SEDI Giunta Regionale Direzione Generale Sanità Data: Protocollo: Ai Direttori Generali delle ASL della Regione Lombardia LORO SEDI Circ. 13 /SAN Ai Responsabili dei Dipartimenti di Prevenzione Veterinari delle

Dettagli

ISTRUZIONE OPERATIVA PER PRESENZA DI CARICA E/O CELLULE SOMATICHE NEL LATTE

ISTRUZIONE OPERATIVA PER PRESENZA DI CARICA E/O CELLULE SOMATICHE NEL LATTE Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia Udine, 20.02.2014 ISTRUZIONE OPERATIVA PER PRESENZA DI CARICA E/O CELLULE SOMATICHE NEL LATTE Decreto del Direttore del Servizio sicurezza alimentare, igiene della

Dettagli

PIANO DI SORVEGLIANZA AFLATOSSINA M1 VERBALE DI PRELEVAMENTO DI CAMPIONI DI LATTE DI MASSA IN ALLEVAMENTO. PRELEVATORE: Cognome nome

PIANO DI SORVEGLIANZA AFLATOSSINA M1 VERBALE DI PRELEVAMENTO DI CAMPIONI DI LATTE DI MASSA IN ALLEVAMENTO. PRELEVATORE: Cognome nome Piano di intervento straordinario per il controllo delle aflatossine negli stabilimenti di produzione e lavorazione del latte alimentare.verbali di prelevamento REGIONE VENETO M1 U.L.S.S. n. 4 ALTO VICENTINO

Dettagli

Ai Direttori Generali delle ASL della Regione Lombardia LORO SEDI

Ai Direttori Generali delle ASL della Regione Lombardia LORO SEDI Giunta Regionale Direzione Generale Sanità Data: Protocollo: Ai Direttori Generali delle ASL della Regione Lombardia LORO SEDI Circ. 19/SAN/07 Ai Responsabili dei Dipartimenti di Prevenzione Veterinari

Dettagli

ISTRUZIONE OPERATIVA PER PRESENZA AFLATOSSINE NEL LATTE

ISTRUZIONE OPERATIVA PER PRESENZA AFLATOSSINE NEL LATTE Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia Via Chiusaforte, 2-33100 UDINE Tel. 0432 553940 - fax 0432 553941 Udine, 20.02.2014 ISTRUZIONE OPERATIVA PER PRESENZA AFLATOSSINE NEL LATTE Nota regionale prot. n.

Dettagli

Il controllo del latte

Il controllo del latte Il controllo del latte diagnosi di patologie mammarie controlli funzionali controlli tecnologici controlli qualitativi (pagamento qualità) controlli di legge 1 Analisi Inibenti Carica batterica Grasso,

Dettagli

Associazione Italiana Allevatori Laboratorio Standard Latte GRASSO, PROTEINE, CASEINE, LATTOSIO, UREA LATTE VACCINO

Associazione Italiana Allevatori Laboratorio Standard Latte GRASSO, PROTEINE, CASEINE, LATTOSIO, UREA LATTE VACCINO GRASSO, PROTEINE, CASEINE, LATTOSIO, UREA LATTE VACCINO FT 001 (set da 10 campioni) FT 002 (set da 5 campioni) Descrizione del campione: campione da 80 ml di latte crudo, contenuto in provette di plastica

Dettagli

COMUNE DI Prot. n. IL SINDACO

COMUNE DI Prot. n. IL SINDACO Attestazione di idoneità delle stalle per la produzione di latte crudo destinato alla produzione di latte fresco pastorizzato di alta qualità SERVIZIO VETERINARIO COMUNE DI Prot. n. IL SINDACO VISTA la

Dettagli

La consulenza S.A.T.A. (Servizio di Assistenza Tecnica agli Allevamenti )

La consulenza S.A.T.A. (Servizio di Assistenza Tecnica agli Allevamenti ) La consulenza S.A.T.A. (Servizio di Assistenza Tecnica agli Allevamenti ) Protocolli per le corrette norme igieniche e per la rintracciabilità Dott. Marco Pirovano Specialista S.A.T.A. Settore Sistemi

Dettagli

DETERMINAZIONI ANALITICHE EFFETTUATE SUL LATTE. Tabella 17.3 Pagina 1 di 12

DETERMINAZIONI ANALITICHE EFFETTUATE SUL LATTE. Tabella 17.3 Pagina 1 di 12 Bologna (Reparto chimico degli alimenti) Latte di OVINO Sostanze inibenti 168 27 2 0 Pagina 1 di 12 Reparto produzione primaria Latte di ASINO Latte di BUFALO DOMESTICO Latte di CAPRA Latte di OVINO Acidità

Dettagli

Relazione FVO (audit maggio 2010)

Relazione FVO (audit maggio 2010) A che punto siamo Relazione FVO (audit maggio 2010) In Sardegna la qualità del latte crudo di pecora e di capra e il monitoraggio dell Autorità Competente non è conforme con i pertinenti regolamenti comunitari.

Dettagli

ISTITUTO ZOOPROFILATTICO SPERIMENTALE DEL LAZIO E DELLA TOSCANA M. ALEANDRI

ISTITUTO ZOOPROFILATTICO SPERIMENTALE DEL LAZIO E DELLA TOSCANA M. ALEANDRI ISTITUTO ZOOPROFILATTICO SPERIMENTALE DEL LAZIO E DELLA TOSCANA M. ALEANDRI DELIBERAZIONE DEL DIRETTORE GENERALE n. 256 del 17/05/2017 OGGETTO: Protocollo d intesa con la ASL di Viterbo - Servizio Veterinario

Dettagli

Circolare n. 19 del 12 maggio 1993 del Ministero della Sanità.

Circolare n. 19 del 12 maggio 1993 del Ministero della Sanità. Circolare n. 19 del 12 maggio 1993 del Ministero della Sanità. Circolare del Ministero della Sanità (Direzione Generale dei Servizi per l Igiene Pubblica Prot. n. 406/AG.2.6/370) n. 19 del 12 maggio 1993

Dettagli

IL CICLO DI LAVORAZIONE DEL LATTE 26 marzo 2014

IL CICLO DI LAVORAZIONE DEL LATTE 26 marzo 2014 IL CICLO DI LAVORAZIONE DEL LATTE 26 marzo 2014 La composizione del latte Definizione: il latte è il prodotto della mungitura regolare, completa ed ininterrotta di animali in buono stato di salute, di

Dettagli

Ministero della Salute Dipartimento Sanità Pubblica Veterinaria e Sicurezza Alimentare

Ministero della Salute Dipartimento Sanità Pubblica Veterinaria e Sicurezza Alimentare DIREZIONE GENERALE CURA DELLA PERSONA, SALUTE E WELFARE SERVIZIO PREVENZIONE COLLETTIVA E SANITÀ PUBBLICA IL RESPONSABILE ADRIANA GIANNINI TIPO ANNO NUMERO REG. PG 2016 212590 DEL 24/03/2016 Responsabili

Dettagli

DECRETO DIREZIONE GENERALE SANITA' N DEL 21/09/2006 Identificativo Atto n. 901

DECRETO DIREZIONE GENERALE SANITA' N DEL 21/09/2006 Identificativo Atto n. 901 DECRETO DIREZIONE GENERALE SANITA' N. 10351 DEL 21/09/2006 Identificativo Atto n. 901 Oggetto: PROCEDURE PER L'ESECUZIONE DEI CONTROLLI VETERINARI NELLE AZIENDE DI PRODUZIONE E SUL LATTE CRUDO IN APPLICAZIONE

Dettagli

Linee guida in materia di deroghe per la produzione e la trasformazione di latte crudo e di vendita diretta di latte crudo

Linee guida in materia di deroghe per la produzione e la trasformazione di latte crudo e di vendita diretta di latte crudo Allegato A Linee guida in materia di deroghe per la produzione e la trasformazione di latte crudo e di vendita diretta di latte crudo 1. Deroghe per la produzione di formaggi con latte bovino e ovicaprino

Dettagli

Produzione e vendita di latte d asina: requisiti igienico-sanitari

Produzione e vendita di latte d asina: requisiti igienico-sanitari 5 Aprile 2013 Sala AUSER Puntone, Scarlino Produzione e vendita di latte d asina: requisiti igienico-sanitari Giovanni Brajon, Istituto Zooprofilattico Sperim. Lazio e Toscana Giuseppe Abbati, Azienda

Dettagli

Il latte crudo è un prodotto come gli altri? Il latte crudo è un prodotto a rischio?

Il latte crudo è un prodotto come gli altri? Il latte crudo è un prodotto a rischio? Il latte crudo è un prodotto come gli altri? Il latte crudo è un prodotto a rischio? tutti i prodotti alimentari non sottoposti a trattamento sono più a rischio dei prodotti trattati la qualità igienico

Dettagli

RICHIESTA DI REGISTRAZIONE AZIENDA

RICHIESTA DI REGISTRAZIONE AZIENDA RICHIESTA DI REGISTRAZIONE AZIENDA Il sottoscritto nato a il titolare legale rappresentante C H I E D E che denominata: C.F. P.IVA (se diversa dal C.F.) sede legale sita in Via specie animale allevata

Dettagli

CONTROLLO UFFICIALE PRESSO ALLEVAMENTO BOVINO LISTA DI RISCONTRO/ CHECK LIST LATTE A.T.V. MUNGITURA Alla posta Sala di mungitura

CONTROLLO UFFICIALE PRESSO ALLEVAMENTO BOVINO LISTA DI RISCONTRO/ CHECK LIST LATTE A.T.V. MUNGITURA Alla posta Sala di mungitura Pag. 1 di 8 Protocollo Data RAGIONE SOCIALE (timbro) Codice aziendale RAPPRESENTANTE DELL'AZIENDA PRESENTE AL SOPRALLUOGO: Cognome e nome: Qualifica Proprietario Detentore degli animali Altro Registrazione

Dettagli

SC IGIENE ALLEVAMENTI e PRODUZIONI ZOOTECNICHE ATTIVITA 2011

SC IGIENE ALLEVAMENTI e PRODUZIONI ZOOTECNICHE ATTIVITA 2011 La Struttura complessa Igiene Allevamenti Produzioni Zootecniche svolge attività di controllo ufficiale finalizzate: alla tutela della sicurezza e della salubrità dei prodotti di origine animale a livello

Dettagli

LA CAMPAGNA CEREALICOLA 2015/2016 PRIME VALUTAZIONI QUALITATIVE E COMMERCIALI

LA CAMPAGNA CEREALICOLA 2015/2016 PRIME VALUTAZIONI QUALITATIVE E COMMERCIALI 1 Associazione Granaria di Milano 15 settembre 2015 LA CAMPAGNA CEREALICOLA 2015/2016 PRIME VALUTAZIONI QUALITATIVE E COMMERCIALI Dott. Nicoletta Rizzi Responsabile del laboratorio ARAL 2 ASSOCIAZIONE

Dettagli

Caratteristiche qualitative CNR Centro Studi Latte-Milano. del latte crudo IL LATTE. Roberta Lodi 1

Caratteristiche qualitative CNR Centro Studi Latte-Milano. del latte crudo IL LATTE. Roberta Lodi 1 CNR-ISPA Sede di Vendita diretta di latte crudo: qualità e sicurezza Tradate 11.09.08 Caratteristiche qualitative CNR Centro Studi Latte- del latte crudo Roberta Lodi 1 IL LATTE è una complessa miscela

Dettagli

CNR- ISPA - Sezione di Milano

CNR- ISPA - Sezione di Milano CNR- ISPA - Sezione di Milano Milena Brasca Roberta Lodi CNR Centro Studi Latte-Milano Lodi, 0 Febbraio 2007 Monitoraggio del quadro igienico-sanitario degli allevamenti lombardi e del latte crudo venduto

Dettagli

Le analisi che si effettuano sul latte. Percorso didattico quarta/quinta ITIS Cartesio Indirizzo chimico-biotec. sanitario

Le analisi che si effettuano sul latte. Percorso didattico quarta/quinta ITIS Cartesio Indirizzo chimico-biotec. sanitario Le analisi che si effettuano sul latte Percorso didattico quarta/quinta ITIS Cartesio Indirizzo chimico-biotec. sanitario Per il controllo della qualità del latte vengono rilevati determinati parametri:

Dettagli

Associazione Italiana Allevatori Laboratorio Standard Latte

Associazione Italiana Allevatori Laboratorio Standard Latte Il dell Associazione Italiana Allevatori (AIA) nasce nel 1990, grazie al contributo del MIPAAF, per coordinare i 25 laboratori della rete delle Associazioni Allevatori. Il coordinamento è necessario per

Dettagli

CAMPO DI APPLICAZIONE

CAMPO DI APPLICAZIONE Spett. Aziende agricole con allevamento di animali lattiferi del territorio dell ATS della Brianza oggetto: LINEE GUIDA PER L ESECUZIONE DELL AUTOCONTROLLO TESI A GARANTIRE LA CONFORMITÀ ALLA NORMATIVA

Dettagli

N. Programmi/Attività Componenti del programma Prestazioni D1.4 Sorveglianza sui concentramenti e spostamenti animali

N. Programmi/Attività Componenti del programma Prestazioni D1.4 Sorveglianza sui concentramenti e spostamenti animali PRESTAZIONE D1.4 Attestazione di idoneità delle stalle di sosta N. Programmi/Attività Componenti del programma Prestazioni D1.4 Sorveglianza sui concentramenti e spostamenti animali - Controllo periodico

Dettagli

PROCEDURE OPERATIVE STRAORDINARIE PER LA PREVENZIONE E LA GESTIONE DEL RISCHIO CONTAMINAZIONE DA AFLATOSSINE NELLA FILIERA LATTIERO-CASEARI 2016

PROCEDURE OPERATIVE STRAORDINARIE PER LA PREVENZIONE E LA GESTIONE DEL RISCHIO CONTAMINAZIONE DA AFLATOSSINE NELLA FILIERA LATTIERO-CASEARI 2016 PROCEDURE OPERATIVE STRAORDINARIE PER LA PREVENZIONE E LA GESTIONE DEL RISCHIO CONTAMINAZIONE DA AFLATOSSINE NELLA FILIERA LATTIERO-CASEARI 2016 MILANO 15 MARZO 2016 PIANO SORVEGLIANZA 2015 Complessivamente

Dettagli

da PT0 nella BDN saranno apportate direttamente dal Servizio Veterinario della AUSL.

da PT0 nella BDN saranno apportate direttamente dal Servizio Veterinario della AUSL. ALLEGATO A Indicazioni tecniche e operative in attuazione delle Linee guida per l adozione dei Piani di controllo e per l assegnazione della qualifica sanitaria degli allevamenti nei confronti della Paratubercolosi

Dettagli

Salus Populi Suprema Lex IL CAMPIONAMENTO DI SOSTANZE ALIMENTARI

Salus Populi Suprema Lex IL CAMPIONAMENTO DI SOSTANZE ALIMENTARI IL CAMPIONAMENTO DI SOSTANZE ALIMENTARI Il campione è determinante ai fini di un corretto risultato analitico e la precisione dell analisi può essere vanificata se il prelievo della matrice non è stato

Dettagli

Controllo Ufficiale sui prodotti alimentari di origine Cina

Controllo Ufficiale sui prodotti alimentari di origine Cina MINISTERO DEL LAVORO, DELLA SALUTE E DELLE POLITICHE SOCIALI Dipartimento per la Sanità Pubblica Veterinaria, la Nutrizione e la Sicurezza degli Alimenti Direzione Generale della Sicurezza degli Alimenti

Dettagli

CONTROLLO E CERTIFICAZIONE MORFO-BOTANICA DEI FUNGHI FRESCHI, CONGELATI E CONDIZIONATI IN VINCOLO SANITARIO

CONTROLLO E CERTIFICAZIONE MORFO-BOTANICA DEI FUNGHI FRESCHI, CONGELATI E CONDIZIONATI IN VINCOLO SANITARIO Allegato 5 CONTROLLO E CERTIFICAZIONE MORFO-BOTANICA DEI FUNGHI FRESCHI, CONGELATI E CONDIZIONATI IN VINCOLO SANITARIO 1. ISTRUZIONE OPERATIVA PER I CONTROLLI RICHIESTI DA USMAF Scopo Scopo della presente

Dettagli

ASSOCIAZIONE PROVINCIALE ALLEVATORI MODENA - LABORATORIO ANALISI

ASSOCIAZIONE PROVINCIALE ALLEVATORI MODENA - LABORATORIO ANALISI ASSOCIAZIONE PROVINCIALE ALLEVATORI MODENA - LABORATORIO ANALISI Si comunica che, a far data dal 01/01/2006, il LISTINO PREZZI in vigore è il seguente: Analisi veterinarie Prezzo euro consegna referto

Dettagli

Latte d asina: ruolo dell autorità competente

Latte d asina: ruolo dell autorità competente Direzione Sanità Settore Prevenzione e Veterinaria Latte d asina: ruolo dell autorità competente Sanità e benessere nell allevamento dell asina PREMESSE L esigenza di provvedere all emanazione di linee

Dettagli

Con il presente documento si forniscono le istruzioni operative per l applicazione delle linee guida nel territorio della Regione Piemonte.

Con il presente documento si forniscono le istruzioni operative per l applicazione delle linee guida nel territorio della Regione Piemonte. ISTRUZIONI OPERATIVE PER L APPLICAZIONE DELLE LINEE GUIDA MINISTERIALI IN MATERIA DI CONTROLLO E DI CERTIFICAZIONE NEI CONFRONTI DELLA PARATUBERCOLOSI BOVINA PREMESSA La Regione Piemonte con Deliberazione

Dettagli

Capitolo. I AZIENDE BOVINE. Criteri di selezione per il controllo al latte di massa in aziende bovine da Latte o Misto

Capitolo. I AZIENDE BOVINE. Criteri di selezione per il controllo al latte di massa in aziende bovine da Latte o Misto ALLEGATO Monitoraggio sulla presenza dell esaclorocicloesano nelle matrici di origine animale e destinate all alimentazione animale prodotte nella valle del fiume Sacco. Extrapiano regionale per l anno

Dettagli

SSPV di RE CONTROLLO UFFICIALE IN ALLEVAMENTO DI OVINI E CAPRINI LISTA DI RISCONTRO/ CHECK LIST LATTE

SSPV di RE CONTROLLO UFFICIALE IN ALLEVAMENTO DI OVINI E CAPRINI LISTA DI RISCONTRO/ CHECK LIST LATTE Pag.1 8 CONTROLLO UFFICIALE IN ALLEVAMENTO DI OVINI E CAPRINI LISTA DI RISCONTRO/ CHECK LIST LATTE STATO DELLE REVISIONI - SERVIZIO VETERINARIO E IGIENE ALIMENTI REGIONE EMILIA ROMAGNA Rev. N. MOTIVAZIONE

Dettagli

LATTE QUALITÀ:... 1 INTRODUZIONE GIRI DI RACCOLTA: inserimento / modifica PRELIEVO: inserimento PRELIEVO: gestione...

LATTE QUALITÀ:... 1 INTRODUZIONE GIRI DI RACCOLTA: inserimento / modifica PRELIEVO: inserimento PRELIEVO: gestione... Latte Qualità: LATTE QUALITÀ:... 1 INTRODUZIONE... 2 GIRI DI RACCOLTA: inserimento / modifica... 3 PRELIEVO: inserimento... 6 PRELIEVO: gestione... 11 Verifica e controllo della conclusione degli esami.15

Dettagli

Oggetto : Determinazione n. G12150 del Ti agosto 2014 "Macellazione d'urgenza - Aggiornamento Procedure Operative." PRECISAZIONE CAMPIONAMENTO

Oggetto : Determinazione n. G12150 del Ti agosto 2014 Macellazione d'urgenza - Aggiornamento Procedure Operative. PRECISAZIONE CAMPIONAMENTO REGIONE i ^ *&,4 I...... A.rea Sanità Veterinaria Prot.n GR//750U /I I/IO Roma, lì O 9 DIC. 014 Coordinatori Servizio Veterinario Ausi del Lazio Istituto Zooprofìlattico Sperimentale Lazio e Toscana -

Dettagli

Cellule somatiche del latte e resa casearia

Cellule somatiche del latte e resa casearia Cellule somatiche del latte e resa casearia 28 settembre Prodotti lattiero caseari: innovazione e tendenze verso il futuro.. Di cosa parleremo Definiremo le cellule somatiche Gli effetti sulla produzione

Dettagli

Manuale «Metodi di campionamento dei fertilizzanti» Parte III Esperienza aziendale Campionamento dei concimi liquidi

Manuale «Metodi di campionamento dei fertilizzanti» Parte III Esperienza aziendale Campionamento dei concimi liquidi Manuale «Metodi di campionamento dei fertilizzanti» Parte III Esperienza aziendale Campionamento dei concimi liquidi Sergio Tripodi Green Has Italia S.p.A. Laboratorio Chimico Catania 03/12/2015 1 GREEN

Dettagli

NOTE TECNICHE CAMPIONI PER LABORATORI ARAL Revisione marzo 2011

NOTE TECNICHE CAMPIONI PER LABORATORI ARAL Revisione marzo 2011 Raccolta quotidiana di campioni in recapiti organizzati, con possibilità di concordare modalità personalizzate Recapiti delle Associazioni Provinciali Allevatori APA Bergamo - 035670536 APA Brescia - 0302422386

Dettagli

Data n. Azienda. Indirizzo Comune N telefono. N iscrizione CCIAA N fax. Non Conformità rilevate Gravi n Riferimento punto Piano di Controllo:

Data n. Azienda. Indirizzo Comune N telefono. N iscrizione CCIAA N fax. Non Conformità rilevate Gravi n Riferimento punto Piano di Controllo: Ispettore Incaricato Verifica Ispettiva Cod. identificativo Azienda - Oppure INDICARE ISCRIZIONE Data n. Azienda Indirizzo Comune N telefono N iscrizione CCIAA N fax Referente Aziendale Qualifica Non Conformità

Dettagli

Direzione Generale per l Igiene e la Sicurezza degli Alimenti e Nutrizione

Direzione Generale per l Igiene e la Sicurezza degli Alimenti e Nutrizione Direzione Generale per l Igiene e la Sicurezza degli Alimenti e Nutrizione WORKSHOP 2016 LNR latte e prodotti a base di latte Istituto Superiore di Sanità 1 aprile 2016 - Aula Marotta Dott.ssa Maria Felicita

Dettagli

SCOPO DELLA TESI Avendo svolto un esperienza di tirocinio in laboratorio di analisi della qualità del latte nei mesi autunnali appena passati, presso

SCOPO DELLA TESI Avendo svolto un esperienza di tirocinio in laboratorio di analisi della qualità del latte nei mesi autunnali appena passati, presso SCOPO DELLA TESI Avendo svolto un esperienza di tirocinio in laboratorio di analisi della qualità del latte nei mesi autunnali appena passati, presso il quale mi sono occupato personalmente, dopo opportuno

Dettagli

DIRETTORI DIPARTIMENTI DI SANITA' PUBBLICA AZIENDE USL REGIONE EMILIA ROMAGNA

DIRETTORI DIPARTIMENTI DI SANITA' PUBBLICA AZIENDE USL REGIONE EMILIA ROMAGNA DIREZIONE GENERALE SANITÀ E POLITICHE SOCIALI SERVIZIO VETERINARIO E IGIENE DEGLI ALIMENTI IL RESPONSABILE GABRIELE SQUINTANI TIPO ANNO NUMERO REG. PG 2013 136926 DEL 05/06/2013 DIRETTORI DIPARTIMENTI

Dettagli

LISTINO E MODULO DI ABBONAMENTO 2016 (da inviare a mezzo fax o al Laboratorio Standard Latte)

LISTINO E MODULO DI ABBONAMENTO 2016 (da inviare a mezzo fax o  al Laboratorio Standard Latte) LISTINO E MODULO DI ABBONAMENTO 2016 (da inviare a mezzo fax o email al Laboratorio Standard Latte) Ente richiedente Indirizzo di spedizione Indirizzo di fatturazione Telefono Fax C. F. P. IVA Email Persona

Dettagli

OPERATORE DELLE LAVORAZIONI LATTIERO-CASEARIE

OPERATORE DELLE LAVORAZIONI LATTIERO-CASEARIE OPERATORE DELLE LAVORAZIONI LATTIERO-CASEARIE DESCRIZIONE SINTETICA OPERATORE DELLE LAVORAZIONI LATTIERO-CASEARIE L operatore delle lavorazioni lattiero-casearie è in grado di realizzare prodotti caseari

Dettagli

LISTINO DEI PREZZI DEI MATERIALI DI RIFERIMENTO E DEI RING TEST - ANNO 2006

LISTINO DEI PREZZI DEI MATERIALI DI RIFERIMENTO E DEI RING TEST - ANNO 2006 LISTINO DEI PREZZI DEI MATERIALI DI RIFERIMENTO E DEI RING TEST - ANNO 2006 MATERIALI DI RIFERIMENTO GRASSO PROTEINE LATTOSIO UREA COD SERIE DA 10 CAMPIONI DI LATTE DI VACCA 100 ml di latte crudo per la

Dettagli

SINVSA Manuale utente per la gestione dei campionamenti ufficiali

SINVSA Manuale utente per la gestione dei campionamenti ufficiali SINVSA Manuale utente per la gestione dei campionamenti ufficiali PIANO PER IL MONITORAGGIO ARMONIZZATO DELLA RESISTENZA ANTIMICROBICA DEI BATTERI ZOONOTICI E COMMENSALI 2016 (PMRA2016) 1 Scopo del documento

Dettagli

MINISTERO DELLA SALUTE. ORDINANZA 21 settembre 2005 Misure di polizia veterinaria per la semina in acque pubbliche di pesci e uova embrionate.

MINISTERO DELLA SALUTE. ORDINANZA 21 settembre 2005 Misure di polizia veterinaria per la semina in acque pubbliche di pesci e uova embrionate. MINISTERO DELLA SALUTE ORDINANZA 21 settembre 2005 Misure di polizia veterinaria per la semina in acque pubbliche di pesci e uova embrionate. IL MINISTRO DELLA SALUTE - Visto il regolamento di polizia

Dettagli

SC IGIENE ALIMENTI ORIGINE ANIMALE ATTIVITA 2011

SC IGIENE ALIMENTI ORIGINE ANIMALE ATTIVITA 2011 La Struttura Complessa di Igiene degli Alimenti di Origine Animale svolge i controlli ufficiali in qualsiasi fase della produzione, della trasformazione e della distribuzione degli alimenti di origine.

Dettagli

Attività per la tutela del settore apistico: Piano Nazionale Residui e Piano Regionale

Attività per la tutela del settore apistico: Piano Nazionale Residui e Piano Regionale Direzione Generale Sanità e Politiche Sociali della Regione Emilia Romagna L'APICOLTURA TRA NUOVE MALATTIE E VECCHI PROBLEMI U16 Attività per la tutela del settore apistico: Piano Nazionale Residui e Piano

Dettagli

Disciplina sottoprodotti O.A. rev1_as 1

Disciplina sottoprodotti O.A. rev1_as 1 NUOVA DISCIPLINA DELLA RACCOLTA E TRASPORTO DEI SOTTOPRODOTTI NON DESTINATI AL CONSUMO UMANO PROVENIENTI DALLE ATTIVITÀ DI SEZIONAMENTO, RIFILATURA, MONDATURA E LAVORAZIONI VARIE DI CARNI, PRODOTTI DELLA

Dettagli

LISTA DI RISCONTRO LATTE CRUDO E LATTE FRESCO

LISTA DI RISCONTRO LATTE CRUDO E LATTE FRESCO Lo DATA N DEL VERBALE: Azienda Agricola (n progressivo) Riportare il nominativo OBIETTIVI DELLA VERIFICA Riportare lo scopo della Verifica FIGURE COINVOLTE NELLA VERIFICA PERSONA FUNZIONE FIRMA GLOSSARIO

Dettagli

SEZIONE IX: LATTE CRUDO, COLOSTRO, PRODOTTI LATTIERO-CASEARI E PRODOTTI OTTENUTI DAL COLOSTRO

SEZIONE IX: LATTE CRUDO, COLOSTRO, PRODOTTI LATTIERO-CASEARI E PRODOTTI OTTENUTI DAL COLOSTRO REGOLAMENTO (CE) N. 853/2004 DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO del 29 aprile 2004 che stabilisce norme specifiche in materia di igiene per gli alimenti di origine animale Omissis.. ALLEGATO III -

Dettagli

L ETICHETTA DEL LATTE

L ETICHETTA DEL LATTE L ETICHETTA DEL LATTE Il latte è un alimento fondamentale per tutte le età e per questo è anche uno dei più consumati. Negli ultimi anni la gamma di prodotti chiamati con questo nome si è notevolmente

Dettagli

LABORATORIO DEL CONSORZIO RICERCA FILIERA LATTIERO-CASEARIA. N Matrice Prova Metodo

LABORATORIO DEL CONSORZIO RICERCA FILIERA LATTIERO-CASEARIA. N Matrice Prova Metodo E-MQ 1-1 ELENCO METODI DI PROVA LABORATORIO Pagina 1 di 9 Campionamento Latte e lattiero caseari Latte e lattiero caseari Alimenti zootecnici Alimenti zootecnici Preparazione campione per l'analisi microbiologica

Dettagli

Uova contaminate da Fipronil anche in Italia. Primi esiti dei controlli dei Carabinieri dei NAS

Uova contaminate da Fipronil anche in Italia. Primi esiti dei controlli dei Carabinieri dei NAS Uova contaminate da Fipronil anche in Italia. Primi esiti dei controlli dei Carabinieri dei NAS ROMA Le attività di controllo svolte dai Carabinieri dei NAS, attualmente in piena fase esecutiva sul territorio

Dettagli

Il progetto BOVILAT: analisi della qualità del latte bovino prodotto in Piemonte

Il progetto BOVILAT: analisi della qualità del latte bovino prodotto in Piemonte Il progetto analisi della qualità del latte bovino prodotto in Piemonte M. Gramaglia, G. Marello Istituto Zooprofilattico Sperimentale Piemonte Liguria e valle d'aosta T. Valperga, P. Bernardi Associazione

Dettagli

Sezione I: obiettivi / competenze oggetto di registrazione nel Logbook

Sezione I: obiettivi / competenze oggetto di registrazione nel Logbook DIPARTIMENTO DI MEDICINA VETERINARIA Corso di laurea in Medicina Veterinaria TIROCINIO PRATICO ISPEZIONE DEGLI ALIMENTI DI ORIGINE ANIMALE Registrazione e verifica del raggiungimento delle competenze Modello

Dettagli

L evoluzione della filiera lattiero casearia in Piemonte: opportunità e limiti

L evoluzione della filiera lattiero casearia in Piemonte: opportunità e limiti L evoluzione della filiera lattiero casearia in Piemonte: opportunità e limiti dott. Simona BERARDO Laboratorio Controllo Qualità - Centrale del Latte di Torino & C.S.p.A Via Filadelfia, 220 - Cap 10137

Dettagli

LISTINO E MODULO DI ABBONAMENTO 2013 (da inviare a mezzo fax o al Laboratorio Standard Latte)

LISTINO E MODULO DI ABBONAMENTO 2013 (da inviare a mezzo fax o  al Laboratorio Standard Latte) LISTINO E MODULO DI ABBONAMENTO 2013 (da inviare a mezzo fax o email al Laboratorio Standard Latte) Ente richiedente Indirizzo di spedizione Indirizzo di fatturazione Telefono Fax C. F. P. IVA Email Persona

Dettagli

Analisi delle principali problematiche emerse nel corso dell ispezione

Analisi delle principali problematiche emerse nel corso dell ispezione Analisi delle principali problematiche emerse nel corso dell ispezione premessa Dal 14 al 25 Maggio 2012 il Servizio Federale per il Controllo Veterinario e Fitosanitario (Rosselkhoz-nadzor), ha condotto

Dettagli

Il Centro di referenza nazionale per la qualità del latte e dei prodotti derivati degli ovini e dei caprini

Il Centro di referenza nazionale per la qualità del latte e dei prodotti derivati degli ovini e dei caprini Workshop 2016 LNR latte e prodotti a base di latte Il Centro di referenza nazionale per la qualità del latte e dei prodotti derivati degli ovini e dei caprini Simonetta Amatiste 1 aprile 2016 - ISS Aula

Dettagli

ISTRUZIONE OPERATIVA PER SOSPETTA PRESENZA DI INIBENTI E DI ALTRI RESIDUI DI CONTAMINANTI NEL LATTE

ISTRUZIONE OPERATIVA PER SOSPETTA PRESENZA DI INIBENTI E DI ALTRI RESIDUI DI CONTAMINANTI NEL LATTE Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia AZIENDA PER I SERVIZI SANITARI n. 4 MEDIO FRIULI Dipartimento di Prevenzione SERVIZI VETERINARI Via Chiusaforte, 2-3300 UDINE Tel. 0432 553940 - fax 0432 55394 Udine,

Dettagli

MANUALE PER IL CONTROLLO UFFICIALE PRESSO OPERATORE DEL SETTORE ALIMENTARE ALLEVAMENTO OVINO E CAPRINO

MANUALE PER IL CONTROLLO UFFICIALE PRESSO OPERATORE DEL SETTORE ALIMENTARE ALLEVAMENTO OVINO E CAPRINO DIPARTIMENTO DI SANITÀ PUBBLICA UNITÀ OPERATIVA ATTIVITÀ VETERINARIE DIRETTORE: DOTT.A CHIARA BERARDELLI MANUALE PER IL CONTROLLO UFFICIALE PRESSO OPERATORE DEL SETTORE ALIMENTARE ALLEVAMENTO OVINO E CAPRINO

Dettagli

PROG.SANITARIA. POL. PREVENZIONE. SICUREZZA LAVORO DETERMINAZIONE

PROG.SANITARIA. POL. PREVENZIONE. SICUREZZA LAVORO DETERMINAZIONE , -" REGIONE Dipartimento LAZIO DIPARTIMENTO SOCIALE Direzione Regionale PROG.SANITARIA. POL. PREVENZIONE. SICUREZZA LAVORO Area SANIT A' VETERINARIA DETERMINAZIONE N.b4J;~Q del 2 2 no~.'loo7 Proposta

Dettagli

Centro di Referenza Nazionale per le Salmonellosi Istituto Zooprofilattico Sperimentale delle Venezie

Centro di Referenza Nazionale per le Salmonellosi Istituto Zooprofilattico Sperimentale delle Venezie Centro di Referenza Nazionale per le Salmonellosi Istituto Zooprofilattico Sperimentale delle Venezie Centro Regionale di Epidemiologia Veterinaria - Regione Veneto SCHEDA INDAGINE EPIDEMIOLOGICA POSITIVITA

Dettagli

Interfaccia dati per il ritiro dei risultati d analisi del controllo del latte (CL)

Interfaccia dati per il ritiro dei risultati d analisi del controllo del latte (CL) TSM Treuhand s.r.l. Weststrasse 10 3000 Berna 6 Tel. 031 359 59 51 Fax. 031 359 59 61 www.dbmilch.ch info@dbmilch.ch Suisselab SA Zollikofen Schützenstrasse 10 3052 Zollikofen Tel. 031 919 33 66 Fax: 031

Dettagli

SCHEDA DI PRELIEVO CAMPIONI IN ALLEVAMENTO

SCHEDA DI PRELIEVO CAMPIONI IN ALLEVAMENTO SCHEDA DI PRELIEVO CAMPIONI IN ALLEVAMENTO 1) AUSL Nome e Cognome Prelevatore Recapito telefonico Fax 2) Ragione sociale allev. Ditta Soccidante 3) Comune Via 4) Codice allevamento: 5) Categoria animali:

Dettagli

Il conferimento campioni in Pronta Disponibilità

Il conferimento campioni in Pronta Disponibilità Pronta disponibilità in ARPA Nuove modalità di gestione Il conferimento campioni in Pronta Disponibilità Michele Baldrocco Rimini, 30 aprile 2015 Normativa di riferimento La Procedura di riferimento dello

Dettagli

Controllo ufficiale dei residui di fitofarmaci in matrici alimentari: metodi di campionamento

Controllo ufficiale dei residui di fitofarmaci in matrici alimentari: metodi di campionamento Controllo ufficiale dei residui di fitofarmaci in matrici alimentari: metodi di campionamento Danilo Attard Barbini Istituto Superiore di Sanità Dipartimento di Ambiente e Connessa Prevenzione Primaria

Dettagli

ERUCON - ERUditio et CONsultum IGIENE ALIMENTI

ERUCON - ERUditio et CONsultum IGIENE ALIMENTI IGIENE ALIMENTI QUALIFICA FORNITORI Devono essere accettate esclusivamente materie prime che: Siano fornite da Aziende registrate e/o riconosciute che attuino un adeguato sistema di autocontrollo Siano

Dettagli

Gestione sanitaria e produzione del latte negli ovini

Gestione sanitaria e produzione del latte negli ovini Gestione sanitaria e produzione del latte negli ovini Seminario di Agris Il prezzo del latte ovino e il suo costo di produzione in Sardegna Aldo Marongiu Agnese Cannas Istituto Zooprofilattico Sperimentale

Dettagli

Per il tramite del Servizio Veterinario Az. ULSS n... Il sottoscritto. Nato il a Prov. Codice fiscale. Residente nel Comune di Prov. Via/Fraz.

Per il tramite del Servizio Veterinario Az. ULSS n... Il sottoscritto. Nato il a Prov. Codice fiscale. Residente nel Comune di Prov. Via/Fraz. DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE AL COMMERCIO ALL INGROSSO, O DI DEPOSITO DI MEDICINALI VETERINARI ai sensi degli artt. 66, 67 e 73 del D. Lgs. 6 aprile 2006, n. 193. Marca da bollo 14.62 Spett.le Regione Veneto

Dettagli

Azioni per il controllo della carica batterica del latte alla stalla Il progetto LATTESAN

Azioni per il controllo della carica batterica del latte alla stalla Il progetto LATTESAN Anna Sandrucci Dipartimento di Scienze Animali Azioni per il controllo della carica batterica del latte alla stalla Il progetto LATTESAN Ricerca finanziata dalla Regione Lombardia - Progetto n. 1242 Principali

Dettagli

Misure di polizia veterinaria per la semina in acque pubbliche di pesci e uova embrionat

Misure di polizia veterinaria per la semina in acque pubbliche di pesci e uova embrionat ORDINANZA 11 ottobre 2001 Misure di polizia veterinaria per la semina in acque pubbliche di pesci e uova embrionat e. IL MINISTRO DELLA SALUTE Visto il regolamento di polizia veterinaria, approvato con

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute Verona, 16.02.2016 Ministero della Salute DIPARTIMENTO DELLA SANITÀ PUBBLICA VETERINARIA, DELLA SICUREZZA ALIMENTARE E DEGLI ORGANI COLLEGIALI PER LA TUTELA DELLA SALUTE DIREZIONE GENERALE DELLA SANITÀ

Dettagli

DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE DI FROSINONE IGIENE DEGLI ALLEVAMENTI E DELLE PRODUZIONI ANIMALI AREA C

DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE DI FROSINONE IGIENE DEGLI ALLEVAMENTI E DELLE PRODUZIONI ANIMALI AREA C DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE DI FROSINONE IGIENE DEGLI ALLEVAMENTI E DELLE PRODUZIONI ANIMALI AREA C Direttore S.C. Dott. Luigi CONTI PROCEDURE ATTIVITA DI VIGILANZA NEGLI ALLEVAMENTI DA LATTE L estensore

Dettagli

Disciplinare per il settore latte e latticini

Disciplinare per il settore latte e latticini MARCHIO DI QUALITÀ ALTO ADIGE/SÜDTIROL L.P. 12/2005 Disciplinare per il settore latte e latticini DECRETO N. 9706 DD. 11.07.2016 CONTENUTI» I. Preambolo» II. Disposizioni relative alla qualità e all origine»

Dettagli

PACCHETTI DI ASSISTENZA TECNICA E PRESTAZIONI DI LABORATORIO PER GLI ALLEVAMENTI OVINI DA LATTE

PACCHETTI DI ASSISTENZA TECNICA E PRESTAZIONI DI LABORATORIO PER GLI ALLEVAMENTI OVINI DA LATTE PACCHETTI DI ASSISTENZA TECNICA E PRESTAZIONI DI LABORATORIO PER GLI ALLEVAMENTI OVINI DA LATTE Prestazioni: PACCHETTO (A) 2 campioni di latte di massa al mese per la determinazione di CBT 93,00 1 controllo

Dettagli

ISTRUZIONE OPERATIVA CAMPIONAMENTO ACQUA

ISTRUZIONE OPERATIVA CAMPIONAMENTO ACQUA Pagina 1 di 5 ISTRUZIONE OPERATIVA REVISIONE NUMERO DATA REDATTA DA DIR VERIFICATA DA RAQ APPROVATA DA AMM PARAGRAFO REVISIONATO NUMERO MOTIVO 00 15-01-09 Prima emissione 01 22-04-13 4.1.2 01 22-04-13

Dettagli

Cellule differenziali : un nuovo sistema diagnostico?

Cellule differenziali : un nuovo sistema diagnostico? Associazione Regionale Allevatori della Lombardia Cellule differenziali : un nuovo sistema diagnostico? RELATORE : Diego Vairani Responsabile settore latte Laboratorio A.R.A.L. Via Kennedy, 30 Crema CR

Dettagli

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE NUMERO 958 DEL 18/09/2017

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE NUMERO 958 DEL 18/09/2017 Piazza Broletto, 1-26900 Lodi Sito Istituzionale: www.comune.lodi.it - PEC: comunedilodi@legalmail.it Centralino 0371.4091 C.F. 84507570152 - P.I. 03116800156 SETTORE 6 - LAVORI PUBBLICI, GESTIONE TERRITORIO,

Dettagli

SC IGIENE ALIMENTI ORIGINE ANIMALE ATTIVITA 2012

SC IGIENE ALIMENTI ORIGINE ANIMALE ATTIVITA 2012 La Struttura Complessa di Igiene degli Alimenti di Origine Animale svolge i controlli ufficiali in qualsiasi fase della produzione, della trasformazione e della distribuzione degli alimenti di origine.

Dettagli

SC IGIENE ALIMENTI ORIGINE ANIMALE ATTIVITA 2010

SC IGIENE ALIMENTI ORIGINE ANIMALE ATTIVITA 2010 La Struttura Complessa di Igiene degli Alimenti di Origine Animale svolge i controlli ufficiali in qualsiasi fase della produzione, della trasformazione e della distribuzione degli alimenti di origine.

Dettagli

Verbale di sopralluogo per il rilascio dell autorizzazione alla rimozione della colonna vertebrale da bovini di età superiore ai 12 mesi

Verbale di sopralluogo per il rilascio dell autorizzazione alla rimozione della colonna vertebrale da bovini di età superiore ai 12 mesi Verbale di sopralluogo per il rilascio dell autorizzazione alla rimozione della colonna vertebrale da bovini di età superiore ai 12 mesi U.L.S.S. n. 4 ALTO VICENTINO DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE SERVIZIO

Dettagli

La qualità del latte nella filiera ovi-caprina

La qualità del latte nella filiera ovi-caprina Convegno LA FILIERA DEL LATTE: CHI BEN COMINCIA Torino 2 marzo 2012 La qualità del latte nella filiera ovi-caprina Simonetta Amatiste ISTITUTO ZOOPROFILATTICO SPERIMENTALE DELLE REGIONI LAZIO E TOSCANA

Dettagli

Il sottoscritto. Nato il a Prov. Codice fiscale. Residente nel Comune di Prov. Via/Fraz.

Il sottoscritto. Nato il a Prov. Codice fiscale. Residente nel Comune di Prov. Via/Fraz. DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE ALLA VENDITA DIRETTA DI MEDICINALI VETERINARI DA PARTE DI TITOLARI DI COMMERCIO ALL INGROSSO ai sensi dell art. 70 del D. Lgs. 6 aprile 2006, n. 193. Marca da bollo 14.62 Spett.le

Dettagli

DETERMINAZIONE N /410 del 20/7/2017

DETERMINAZIONE N /410 del 20/7/2017 Direzione generale ASSESSORADU DE S AGRICULTURA E REFORMA AGRO-PASTORALE DETERMINAZIONE N. 14356/410 20/7/2017 Oggetto: Regolamento (UE) N. 1308/2013 artt. 152 e seguenti D.M. 387 2.3.2016 Disposizioni

Dettagli

CENTRO ITTICO VALDASTICO Veneto Agricoltura Forme Cerati n. 1 Valdastico (VI)

CENTRO ITTICO VALDASTICO Veneto Agricoltura Forme Cerati n. 1 Valdastico (VI) Riconoscimento azienda di acquacoltura indenne da VHS e IHN CENTRO ITTICO VALDASTICO Veneto Agricoltura Forme Cerati n. 1 Valdastico (VI) Caratteristiche strutturali essenziali dell Azienda (Allegato C

Dettagli

C. PIANO REGIONALE CONTROLLI SETTORE LATTIERO CASEARIO

C. PIANO REGIONALE CONTROLLI SETTORE LATTIERO CASEARIO DIR. A14000 - SETT. A1401A ALLEGATO 7.3 C. PIANO REGIONALE CONTROLLI SETTORE LATTIERO CASEARIO Controlli latte alla stalla. Obiettivo annuale In continuità con la precedente programmazione, si rende necessario

Dettagli

DELIBERAZIONE N. 18/16 DEL

DELIBERAZIONE N. 18/16 DEL Oggetto: Piano regionale di controllo e di sorveglianza della Tubercolosi, Brucellosi e Leucosi bovina e della Brucellosi ovi-caprina, anno 2015. L Assessore dell Igiene e Sanità e dell Assistenza Sociale

Dettagli

U.O. Igiene degli allevamenti e delle produzioni zootecniche

U.O. Igiene degli allevamenti e delle produzioni zootecniche U.O. Igiene degli allevamenti e delle produzioni zootecniche Premessa: L unità Organizzativa complessa Igiene degli allevamenti e delle produzioni zootecniche svolge principalmente attività di vigilanza

Dettagli

Ruolo dell Associazione Allevatori del Piemonte nel progetto BOVILAT

Ruolo dell Associazione Allevatori del Piemonte nel progetto BOVILAT Ruolo dell Associazione Allevatori del Piemonte nel progetto BOVILAT Dr. Andrea Revello Chion Progetto cofinanziato dalla Regione Piemonte Assessorato Agricoltura Enti partecipanti: Associazione Regionale

Dettagli