Panoramica dei più diffusi NoSQL Database

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Panoramica dei più diffusi NoSQL Database"

Transcript

1 Scuola Politecnica e delle Scienze di Base Corso di Laurea in Ingegneria Informatica Elaborato finale in Basi di Dati Panoramica dei più diffusi NoSQL Database Anno Accademico 2013/2014 Candidato: Buonocore Salvatore matr. N

2

3 Indice Indice... III Introduzione... 4 Capitolo 1: Sistemi NoSQL Il Teorema CAP Classificazione dei Database NoSQL Key-Value stores Document-Oriented stores Graph stores Column-oriented stores Capitolo 2: MongoDB Caratteristiche e strumenti Interrogazione Persistenza e velocità La Shell di MongoDB Inserimento Lettura Cancellazione Aggiornamento di un documento Capitolo 3: CouchDB Modello dei dati JSON Replicazione Le API di CouchDB Server API Database API Document API Replication API Confronto con MongoDB Capitolo 4: Neo4j Caratteristiche e strumenti Proprietà Creazione di un grafo Neo4j Query in Neo4j Traversal Conclusioni Bibliografia... 27

4 Introduzione Negli ultimi anni tecniche e strumenti per la persistenza e la ricerca dei dati hanno avuto una forte crescita. In particolare nel 1998 l'italiano Carlo Strozzi conia il termine NoSQL, acronimo di Not only SQL, usato per identificare tutti quei database che non fanno uso di un modello di dati relazionale. In questi, concetti come tabella, indici e chiavi non è detto che siano presenti. Solo a partire dal 2009 però questo movimento ha mostrato una rapida crescita, sono infatti già molte le aziende che decidono di passare a questo tipo di database. Tra i pionieri troviamo Google con il suo BigTable e Amazon che ha dato vita a DynamoDB. Entrambi i DB hanno dimostrato la necessità di uscire dai classici schemi relazionali per permettere un'efficiente scalabilità dei loro servizi. Da questi esperimenti sono nati i primi database NoSql, ognuno caratterizzato da strutture dati diverse e altamente ottimizzate, ma che comunque presentano caratteristiche in comune quali: - Schema free. - Gestione di un'enorme quantità di dati garantendone un rapido accesso. - Facilità di replicazione. - Utilizzo di api per l'interfacciamento con i più noti linguaggi di sviluppo. 4

5 Capitolo 1: Sistemi NoSQL La necessità di sviluppare nuove applicazioni che non possono essere affrontate con il tradizionale approccio relazionale, ha portato a ricercare una soluzione alternativa ai database relazionali che può essere spiegata da due principali esigenze: La continua crescita del volume di dati da memorizzare. La necessità di elaborare grandi quantità di dati in poco tempo. Queste nuove necessità sono dovute all aumento esponenziale del numero di utenti della rete, alla diffusione sempre maggiore dell OpenID, allo sviluppo di sinergie tra le varie community e i fornitori di servizi, ma anche alla crescente disponibilità di dispositivi con accesso ad Internet. Per far fronte alla necessità di gestire quantità di dati sempre maggiori e a velocità sempre più elevate, i nuovi sistemi di memorizzazione si sono evoluti per essere più flessibili, utilizzando modelli di dati meno complessi per aumentare le prestazioni nella gestione e nell interrogazione dei dati. Inoltre, questi sistemi mostrano peculiarità che possono tornare molto utili: Abbracciano totalmente la filosofia open-source, a differenza dei database relazionali che invece spesso non lo sono. I dati sono altamente portabili su sistemi differenti. 5

6 Non si definisce uno schema rigido per cui non esistono limiti o restrizioni ai dati memorizzati. Velocità di esecuzione, interrogazione di grosse quantità di dati e possibilità di distribuirli su più sistemi, con un meccanismo totalmente trasparente all utilizzatore. Si focalizzano su una scalabilità orizzontale e non verticale come quelli relazionali. 1.1 Il Teorema CAP Nel 2000 Eric Brewer alla conferenza Principle of Distributed Computing presentò il Teorema del CAP, dove ogni lettera dell'acronimo è una caratteristica del sistema distribuito su cui si sta lavorando: Consistency (Coerenza): dopo una modifica tutti i nodi del sistema distribuito riflettono la modifica. Availability (Disponibilità): ad una richiesta, il sistema è sempre in grado di dare una risposta. Partition Tollerance (Tolleranza al Partizionamento): se le comunicazioni si interrompono tra due punti del sistema, il sistema non fallisce ma continua ad essere disponibile. Secondo il teorema, avere tutte e tre queste caratteristiche in un sistema distribuito in un determinato momento è impossibile, ma si può scegliere quale delle due avere a discapito della terza. Amazon, ad esempio, per garantire una migliore esperienza all utente, e avendo a che fare con la tolleranza al partizionamento, scelse di privilegiare le caratteristiche AP del CAP, rinunciando ad avere un sistema sempre consistente. 1.2 Classificazione dei Database NoSQL I Criteri fondamentali in base ai quali possiamo confrontare i diversi Database NoSQL sono: Scalabilità: Capacità di un sistema di accrescere o decrescere le proprie prestazioni a seconda delle necessità. 6

7 Prestazione: Solitamente viene stimata tramite un applicazione di benchmark che verifica i vantaggi su certi tipi di operazioni. Consistenza: Capacità di eseguire una transizione dall inizio alla fine senza l interferenza di altre transizioni., cioè portare la base di dati da uno stato consistente ad un altro. Sulla base di questi criteri distinguiamo principalmente 4 grandi gruppi di basi di dati NoSQL: 1. Key/Value: Definiti da un semplice dizionario/mappa che permette all'utente di recuperare e aggiornare il valore memorizzato conoscendo la sua chiave. 2. Document-oriented: Memorizza le informazioni come collezioni di documenti. Un documento ha un formato riconosciuto (JSON, XML, etc.) che permette poi al server di eseguire delle query sui dati. 3. Graph: Rappresentano perfettamente una realtà composta da una fitta rete di connessioni e la modellano sotto forma di nodi e rami di un grafo. Ai nodi, come ai singoli rami, vengono associate le informazioni attraverso Key-Value store. 4. Column-oriented: Sistemi che utilizzano ancora le tabelle ma che non fanno alcun tipo di join. Le informazioni non sono memorizzate per riga bensì per colonna. 7

8 Altre importanti categorie sono: 5. Multi-Model: sono in grado di memorizzare diversi tipi di modelli di dati, agendo come un Key/Value store o anche come un document store e fornendo meccanismi di query per tutti i modelli di dati. Oltre alla struttura "multi-livello" questi DB possono non avere nient'altro in comune. 6. Object-oriented: Modello nel quale l informazione è rappresentata sotto forma di oggetti, così come nei linguaggi di programmazione ad oggetti quali java e c++. Attualmente la più grande base di dati del mondo, allo Stanford Linear Accelerator Centre, utilizza questa tipologia di DBMS; contenendo oltre 1000 TB di dati e con un tasso di assorbimento record, per un DB commerciale, di 1 TB per ora. 7. Multidimensional: DB strutturati per ottimizzare l elaborazione analitica online (OLAP online analytical processing) e il data warehouse. I dati vengono presentati agli utenti come un ipercubo, ovvero un array multidimensionale dove ogni singolo dato è contenuto in celle accessibili attraverso diversi indici. 8. Multivalue: hanno un metodo di archiviazione dei dati più flessibile della tabella bidimensionale dei DB relazionali, consentendo di memorizzare più campi all interno di un unico campo. In questi sistemi, il DB viene chiamato ACCOUNT, la tabella FILE e la colonna è un ATTRIBUTO composto da un ATTRIBUTO MULTIVALUE e un ATTRIBUTO SUBVALUE, per poter memorizzare valori multipli nello stesso attributo Key-Value stores Basati sul concetto di Associative array, ossia una semplice struttura in grado di contenere le coppie chiave/valore. Generalmente la chiave, come nei database relazionali, è un identificativo univoco grazie al quale è possibile ricercare ed identificare i dati presenti nel database. Solitamente gli Associative array sono implementati attraverso Hash Table e consentono le seguenti operazioni: ADD: Per aggiungere un elemento all array. 8

9 REMOVE: Per eliminare un elemento dall array. MODIFY: Per cambiare il valore associato ad una data chiave. FIND: Per trovare un valore nell array tramite la chiave. Queste appena elencate risultano essere anche le operazioni fornite dai database di tipo Key/Value, operazioni semplici, che garantiscono tempi di esecuzione costanti. Le basi di dati appartenenti a questa famiglia presentano un modello di dati abbastanza semplice, ma per quanto riguarda la scalabilità orizzontale, ossia la capacità di far fronte alla crescita dei dati aggiungendo nodi alla struttura, mostrano aspetti notevolmente più sofisticati Document-Oriented stores Sistemi di questo tipo possono essere implementati come strato sopra un DB relazionale o a oggetti. I dati non sono memorizzati più in tabelle con campi uniformi per ogni record come nei database relazionali, ma ogni record è salvato come documento. Quest ultimo possiede determinate caratteristiche e gli si possono aggiungere un qualsiasi numero di campi con qualsiasi lunghezza. Documento Ogni implementazione di questo sistema differisce nei dettagli della definizione del documento, ma comunque dati o informazioni vengono incapsulati e codificati in base ad uno standard, i più comuni sono XML, YAML, PDF. In figura 1.1, alla pagina successiva, è mostrato un esempio di documento: 9

10 Fig. 1.1 Differentemente dai campi delle basi di dati relazionali, che possono rimanere vuoti, in sistemi Document-oriented non ci sono campi vuoti in nessun documento. I documenti sono indirizzati nella base dati attraverso keys univoche e solitamente il DB mantiene un indice delle chiavi che consente un più veloce recupero del documento. Il recupero può avvenire non solo attraverso la semplice ricerca per chiave, ma anche attraverso API o con un semplice linguaggio di query in base al contenuto, ossia basandosi sul valore di un determinato campo Graph stores Questa tipologia di Base di Dati utilizza nodi e archi per rappresentare e archiviare le informazioni, risultando più veloce nell associazione di insiemi di dati rispetto ai DB strettamente relazionali. Inoltre essi non richiedono le onerose operazioni di join, permettono di scalare più facilmente grandi quantità di dati e sono molto più adeguati nello gestire dati mutevoli con schemi evolutivi. 10

11 Modelli di riferimento Facendo riferimento alla teoria dei grafi, attualmente, i modelli di riferimento per l implementazione di basi di dati con questo schema sono due: il property graph model e il resource description framework graph (RDF). Il secondo è il modello di riferimento del Web semantico e i database che lo utilizzano sono anche noti come Triple Store, Quad Store, o RDF Store Column-oriented stores In questa tipologia di BD i dati, come indica il nome stesso, sono memorizzati assieme per colonna, mantenendo così la classica organizzazione in righe e colonne. Per evitare la presenza di dati null, i database orientati a colonna permettono ad ogni riga di avere un set diverso di colonne, che possono essere aggiunte se necessario o tolte se inutilizzate. Per quanto riguarda la struttura dei dati, in questi sistemi, ogni valore può essere una stringa, o se l implementazione lo permette, qualsiasi altro tipo di dato primitivo. Non avendo uno schema formale, non c è nessuna specifica che indichi gli attributi obbligatori e il loro tipo. I vantaggi offerti da questo tipo di orientamento si vedono soprattutto in lettura: Le query mirano a recuperare valori soltanto da determinate colonne e quindi non da tutta la riga. Essendo composte da tipi di dati uniformi, le colonne risultano essere più facili da comprimere, a vantaggio della velocità di esecuzione. 11

12 Capitolo 2: MongoDB MongoDB possiede un modello di dati orientato ai documenti per poter ottenere elevate prestazioni in lettura e in scrittura e risultare facilmente scalabile. Progettato per essere flessibile e potente, combina le caratteristiche dei Key-Value stores, semplici, veloci e scalabili, con le caratteristiche dei DB relazionali, per il loro potente linguaggio di interrogazione. Per questo motivo, esso è stato adottato anche da importanti aziende come ebay che usa MongoDB per i suggerimenti della ricerca o The New York Times che usa MongoDB nella sua applicazione di caricamento di fotografie. 2.1 Caratteristiche e strumenti Partendo dall alto, MongoDB gestisce più basi di dati, ognuna delle quali contiene un insieme di collezioni, le quali sono composte da più documenti costituiti da un certo numero di campi che sono coppie chiave-valore Interrogazione MongoDB permette interrogazioni dinamiche o ad hoc, ovvero si può evitare di definire in anticipo quali interrogazioni il sistema dovrà accettare, permettendo agli utenti di trovare i 12

13 dati usando qualsiasi condizione. Si può quindi, in base ai valori che si vogliono cercare, scrivere un interrogazione sempre diversa. Una classica interrogazione in MongoDB potrebbe essere: che ritorna tutti i posts taggati come politics che hanno 10 voti o più. Potendo effettuare interrogazioni con qualsiasi condizione, MongoDB raggiunge il suo scopo di mantenere alta la potenza di interrogazione. Per migliorare ulteriormente le prestazioni sulle interrogazioni, il query optimizer di MongoDB utilizza una struttura dati che raccoglie informazioni sui valori dei campi indice nei documenti di una collezione, permettendo così di ordinarli e attraversarli più velocemente. Ogni collezione può avere più di 64 indici utilizzabili anche per i documenti Persistenza e velocità Definiamo la velocità in scrittura come il volume di operazioni di inserimento, aggiornamento o cancellazione che il sistema può elaborare in un determinato periodo di tempo. La persistenza invece, si riferisce alla garanzia che queste operazioni siano effettuate in modo permanente. In MongoDB è possibile scegliere tra diverse semantiche di scrittura, quelle di default sono di tipo fire-and-forget, ossia le operazioni di scrittura sono inviate attraverso un socket TCP senza richiesta di risposta da parte del DB. Se l utente richiede una risposta, si può usare la modalità safe mode. 2.2 La Shell di MongoDB La shell è uno strumento che permette di amministrare e manipolare i dati del DB e in MongoDB è basata sul linguaggio JavaScript. In questi sistemi, database e collezioni vengono creati solo quando viene inserito un documento Inserimento Il metodo insert permette di inserire un documento in una collezione. Un esempio di linea di comando è il seguente: 13

14 Tramite questa operazione si aggiunge al documento una chiave detta _id, che rappresenta l identificatore unico e globale nel sistema. Infatti, in MongoDB ogni documento deve necessariamente avere un _id, che se non presente, verrà creato in automatico. Dopo l inserimento, la struttura dati viene convertita in BSON (formato binario che memorizza qualsiasi documento come stringa di byte) e poi ricevuta dal DB che controlla la validità del campo _id e la dimensione, 4MB massimo Lettura Popolato il DB, è possibile cercare un documento all interno di esso grazie al metodo find, che ritorna tutti i documenti di una collezione. Si può però aggiungere a questo metodo un query selector, ovvero un documento che viene confrontato con tutti quelli presenti nella collezione per trovare quello che si sta cercando. Un esempio può essere: Cancellazione Per eliminare documenti da una collezione si invoca il metodo remove che, chiamato senza alcun parametro, elimina tutti i documenti della collezione, altrimenti è necessario specificare un criterio di rimozione come nella seguente linea di codice: che elimina un documento con il valore mario associato alla chiave username. 2.3 Aggiornamento di un documento MongoDB offre due metodi per aggiornare un documento: Rimpiazzare completamente il documento. Usare combinazioni di operatori di aggiornamento per modificare uno specifico campo del documento (aggiornamento mirato). Per rimpiazzare completamente un documento il DB deve prima ritornarlo. In seguito, il documento viene modificato dal lato client e si emette l aggiornamento con il documento 14

15 modificato. Si può anche modificare uno specifico campo se si è a conoscenza dell _id del documento da modificare. Infine il documento modificato viene passato al metodo update. Con l aggiornamento mirato invece, il metodo update richiede due argomenti, il primo identifica il documento da aggiornare e il secondo come deve essere aggiornato, ad esempio: che aggiorna il campo del documento specificato. Questo secondo approccio consente migliori prestazioni, in quanto elimina il tempo di andata e ritorno del documento dal server. 15

16 Capitolo 3: CouchDB Scritto in Erlang e sviluppato da Apache Software Foundation, CouchDB è una base di dati open source che presenta un approccio nuovo rispetto alle basi di dati relazionali. I vantaggi si riscontrano soprattutto nel modo di strutturare, salvare e compiere operazioni di interrogazione, filtraggio e replicazione dei dati. Risulta inoltre essere di facile comprensione perché: La comunicazione con il DB è effettuata grazie al protocollo HTTP, infatti è scelto già da molti sviluppatori che lavorano in ambito Web. Basato sui documenti, esso consente più flessibilità ai dati che evolvono la loro struttura nel tempo Se si verifica un problema, questo rimane isolato nella sua operazione, senza propagarsi nel server. (fault-tolerant) La struttura di CouchDB è basata anche sui Key-value stores consentendo così accessi rapidi ai documenti sia in lettura che in scrittura grazie all utilizzo di una chiave. 16

17 3.1 Modello dei dati Come in MongoDB, essendo orientato ai documenti, anche CouchDB offre un formato per i dati molto flessibile, consentendo di modificare la struttura con semplicità. Scritti in linguaggio JSON i documenti permettono di rappresentare meglio le informazioni reali JSON Basato su un sottoinsieme della sintassi di JavaScript, JSON risulta essere un formato semplice e chiaro, facile da generare e analizzare. JSON viene utilizzato da CouchDB per ogni comunicazione contenente strutture dati. Alcuni dei tipi di dati supportati, come in JavaScript, sono: Numbers: interi positivi e negativi. String: caratteri Unicode. Boolean: valori booleani (true o false). Array: liste di valori. Object: liste di coppie Chiave-Valore Replicazione La replicazione dei dati in CouchDB è un processo unidirezionale, ossia passa da un DB sorgente a uno destinatario ed è incrementale, in modo tale che in caso di interruzione dell operazione si possa riprendere dal punto in cui il processo si era interrotto. CouchDB svolge l operazione di replicazione dei dati in maniera molto efficiente. Esso confronta prima di tutto i due DB per trovare quali documenti sono diversi, per poi trasmettere i soli documenti che hanno una versione più aggiornata, grazie al numero di sequenza. In questi sistemi, in caso di malfunzionamenti della rete, un singolo server può continuare a fornire operazioni in lettura e scrittura, per poi sincronizzare i dati con gli altri server al ripristino del collegamento. CouchDB rispetta solo le proprietà di disponibilità e tolleranza al partizionamento del teorema CAP, ed è così eventualmente coerente. 17

18 3.2 Le API di CouchDB Il DBMS fornisce quattro principali categorie di API per poter interagire con esso: 1. Server 2. Database 3. Documents 4. Replication Per analizzare queste categorie verrà utilizzato curl, strumento per il trasferimento dei dati con sintassi URL, che ovviamente supporta il metodo HTTP Server API Digitando la riga di comando: si ricevono informazioni riguardo l istanza di CouchDB in esecuzione. Nell URL viene specificato l indirizzo IP del server, 5984 è invece la porta di default. La risposta del server è una stringa in formato JSON: Database API Creare un database Usando l opzione curl -X, che consente di usare il metodo PUT, è possibile realizzare un database specificandone il nome nella seconda parte dell URL: In caso di esito positivo dell operazione il server risponde con: Informazioni sul database Il comando che permette di ottenere informazioni su uno specifico DB è invece il GET: La stringa di risposta del server contiene varie informazioni, tra cui: il numero di 18

19 documenti contenuti nel DB in questione, la data della sua creazione e la dimensione dei dati. Eliminare un database Fornendo il percorso, per eliminare un database basta usare il comando DELETE: Document API In CouchDB, come in MongoDB, la struttura dati centrale è il documento, sul quale è possibile compiere diverse operazioni: Inserimento L inserimento può essere effettuato grazie a due metodi: il POST inserisce un nuovo documento senza specificare l identificatore, invece il PUT inserisce l identificatore alla fine dell URL. In entrambi i casi, il documento da inserire nel body della richiesta si indica con il comando d: Lettura Per ottenere un documento è necessario specificare l identificatore nell URL e usare il metodo GET: Così facendo il server restituisce il documento con tutti i suoi campi, l identificatore e il numero di revisione Replication API Per replicare un DB in locale, ad esempio per funzioni di backup, si deve innanzitutto 19

20 creare il database di destinazione: Creato recipes-replica come destinazione si procede alla copia con il metodo POST: Questo processo mantiene aperta la connessione tra i due database per tutta la durata dell operazione e può richiedere molto tempo. 3.3 Confronto con MongoDB CouchDB oltre che ad un affidabilità maggiore ha come punto di forza un interfaccia utente semplice ed intuitiva, non proprio come la shell con interprete javascript di MongoDB. Aggiornamento dati CouchDB offre maggiore libertà di design introducendo però il problema della compattazione. MongoDB invece, mette a disposizione una maggiore velocità in scrittura e offre un notevole risparmio di memoria di archiviazione, non tenendo però memoria delle versioni. Query MongoDB permette query dinamiche offrendo inoltre un valido strumento per ottimizzarle, con la creazione di indici se necessario. CouchDB invece, usa un particolare sistema per generare indici e ottimizzare le query, che però devono essere predefinite necessariamente. 20

21 Capitolo 4: Neo4j Sviluppato completamente in java, Neo4j è un DB a grafo open source totalmente transazionale che emerge rispetto alla concorrenza. Infatti supporta Cypher, Gremline e Traversal, i principali metodi per eseguire query su una base di dati a grafo. Inoltre grazie alle diverse librerie che possiede, è possibile utilizzare questo DB con java, PHP etc. 4.1 Caratteristiche e strumenti Questa base di dati trova utilizzo sia in modalità embedded che server. Nella prima modalità il DB viene incorporato nell applicazione ed eseguito all interno della macchina virtuale java (JVM), ossia nello stesso processo ma accettando thread concorrenti. In modalità server il database è un processo a sé stante, a cui si accede facendo delle query e ricevendo i dati in remoto. Inoltre, il server consente l utilizzo di plugin per filtrare i dati in input e in output e per servizi aggiuntivi come ad esempio le query spaziali. Per l uso comune Neo4j si basa sulle transazioni e solo dopo averne aperta una è possibile creare nodi e assegnarvi delle proprietà. 21

22 4.1.1 Proprietà Differentemente da tutti gli altri database non relazionali Neo4j supporta completamente le proprietà ACID: Atomicità: Le esecuzioni parziali non sono ammesse; ossia una transazione, che può contenere operazioni multiple al suo interno, è indivisibile (se fallisce una delle operazioni allora fallisce l intera transazione). Coerenza: Dopo una scrittura, tutti i client che accederanno al DB leggeranno gli ultimi aggiornamenti. Isolamento: Le operazioni di una specifica transazione sono isolate l una dalle altre, di conseguenza tutte le transazioni saranno eseguite in modo isolato. Durabilità: I dati scritti e memorizzati saranno disponibili anche dopo il riavvio del DB. 4.2 Creazione di un grafo Neo4j Il primo passo per la creazione di un grafo Neo4j, attraverso le API native dello stesso, consiste nell istanziare il database, come mostrato nella seguente linea di codice: Considerando un esempio di un grafo, rappresentante due stanze collegate in entrambe le direzioni da un passaggio, bisogna definire, tramite enum, un tipo di relazione: In questo esempio è stato creato il tipo di relazione PASSAGGIO, che servirà a collegare le due room implementate di seguito: 22

23 Queste stanze rappresentano i nodi del grafo, collegati tra di loro attraverso il metodo createrelationshipto() : Ottenendo una relazione che collega i nodi in entrambe le direzioni. 4.3 Query in Neo4j A differenza dei classici database relazionali Neo4j è in grado di eseguire molto più velocemente le operazioni sui dati connessi. Per comprendere meglio come opera Neo4j prendiamo come esempio il caso di un social network. Nello schema rappresentato in figura 4.1, gli utenti collegati tra loro sono amici. Fig. 4.1 In questo esempio gli utenti rappresentano i nodi, le loro amicizie rappresentano le relationship tra i nodi stessi. Essendo strutturato a grafo, neo4j non presenta né tabelle né comandi come select e join, quindi le query vengono effettuate grazie ad un potente concetto matematico della teoria dei grafi, chiamato graph traversal, che rende il DB 23

24 potente per poter trattare dati di grandi volumi. Ma questo non è l unico metodo messo a disposizione da Neo4j, infatti per eseguire query su basi di dati è possibile scegliere tra: Cypher, Gremlin, Traversal Traversal L attraversamento è un operazione (fondamentale per il retrival dei dati) che percorre il grafo muovendosi solo tra nodi collegati con le relationship. Interrogando il DB con questo metodo si portano in conto solo i dati richiesti, mantenendo così, a prescindere dalla quantità dei dati, un rendimento prevedibile. Per poter avviare l attraversamento, si deve prima selezionare il nodo dal quale si desidera partire, dopodichè è possibile effettuare l attraversamento seguendo le relationship e raccogliendo i nodi visitati. L attraversamento continua poi da nodo a nodo, fin quando non finisce il proprio compito e termina. Ritornando al precedente esempio del social network, supponiamo di voler trovare gli amici di un utente X, ossia di voler visitare i nodi di profondità 1 partendo da X. L attraversamento in questo caso indipendentemente dal numero di nodi e relazioni nel grafo, visita solo i nodi collegati direttamente a X. Fig

25 Come si può intuire da questo semplice esempio in figura 4.2, Neo4j è in grado di fornire ottime prestazioni anche con i dati in larga scala. Infatti passando dal caso esaminato a un caso con un milione di utenti, l aumento di più di mille volte del volume dei dati, non influenza le prestazioni di Neo4j. 25

26 Conclusioni In questa tesi dapprima si sono spiegati i motivi che hanno portato alla nascita del movimento NoSQL, come la necessità di dover gestire grosse quantità di informazioni pur mantenendo una struttura flessibile nel tempo, dopodiché si è passati al classificare questi DBMS in diverse famiglie. Le principali di queste, sono state oggetto di analisi, accennando ai concetti strutturali sulle quali si basano, per poi spiegarne il funzionamento. Sono poi stati analizzati nello specifico tre database, i primi due, MongoDB e CouchDB, sono entrambi document-oriented, mentre il terzo Neo4j ha una struttura organizzata a grafo. Di questi, si sono approfonditi i dettagli strutturali, i concetti sui quali si basano e gli obiettivi che si pongono, per poi andare ad analizzare nello specifico importanti funzioni, come le operazioni di inserimento e cancellazione, ma anche il modo di interrogare il database. Vantando ottime prestazioni e capacità di adattamento ad una tecnologia in frequente aggiornamento, i sistemi NoSQL sono subito stati adottati e sviluppati dalle più grandi aziende, ottenendo in alcuni casi un efficienza irraggiungibile dai classici DB relazionali. 26

27 Bibliografia [1] Jonas Partner, Aleksa Vukotic, Nicki Watt, 2013, Neo4j in Action [2] [3] [4] [5] [6] [7] [9] Alessandro Rezzani, Big Data: Architettura, tecnologie e metodi per l utilizzo di grandi basi di dati, Maggioli Editore, 2013 [10] 27

MongoDB. Un database NoSQL Open-Source

MongoDB. Un database NoSQL Open-Source MongoDB Un database NoSQL Open-Source Database Relazionali I dati sono divisi in tabelle. Ogni tabella è composta da diverse colonne fisse. Le tabelle possono avere riferimenti tra loro. A.C.I.D. I database

Dettagli

Linee di evoluzione dei Database

Linee di evoluzione dei Database Linee di evoluzione dei Database DB NoSQL Linked Open Data Semantic Web Esigenze e caratteristiche Presenza di grandi volumi di dati..crescenti Struttura non regolare dei dati da gestire Elementi relativamente

Dettagli

INFORMATICA. Applicazioni WEB a tre livelli con approfondimento della loro manutenzione e memorizzazione dati e del DATABASE.

INFORMATICA. Applicazioni WEB a tre livelli con approfondimento della loro manutenzione e memorizzazione dati e del DATABASE. INFORMATICA Applicazioni WEB a tre livelli con approfondimento della loro manutenzione e memorizzazione dati e del DATABASE. APPLICAZIONI WEB L architettura di riferimento è quella ampiamente diffusa ed

Dettagli

DATABASE IN RETE E PROGRAMMAZIONE LATO SERVER

DATABASE IN RETE E PROGRAMMAZIONE LATO SERVER DATABASE IN RETE E PROGRAMMAZIONE LATO SERVER L architettura CLIENT SERVER è l architettura standard dei sistemi di rete, dove i computer detti SERVER forniscono servizi, e computer detti CLIENT, richiedono

Dettagli

19. LA PROGRAMMAZIONE LATO SERVER

19. LA PROGRAMMAZIONE LATO SERVER 19. LA PROGRAMMAZIONE LATO SERVER Introduciamo uno pseudocodice lato server che chiameremo Pserv che utilizzeremo come al solito per introdurre le problematiche da affrontare, indipendentemente dagli specifici

Dettagli

Corso di Access. Prerequisiti. Modulo L2A (Access) 1.1 Concetti di base. Utilizzo elementare del computer Concetti fondamentali di basi di dati

Corso di Access. Prerequisiti. Modulo L2A (Access) 1.1 Concetti di base. Utilizzo elementare del computer Concetti fondamentali di basi di dati Corso di Access Modulo L2A (Access) 1.1 Concetti di base 1 Prerequisiti Utilizzo elementare del computer Concetti fondamentali di basi di dati 2 1 Introduzione Un ambiente DBMS è un applicazione che consente

Dettagli

Sviluppo Applicazioni Mobile Lezione 12 JDBC. Dr. Paolo Casoto, Ph.D - 2012

Sviluppo Applicazioni Mobile Lezione 12 JDBC. Dr. Paolo Casoto, Ph.D - 2012 + Sviluppo Applicazioni Mobile Lezione 12 JDBC + Cosa vediamo nella lezione di oggi Oggi analizzeremo insieme una specifica tecnologia Java per l accesso e la manipolazione di basi di dati relazionali

Dettagli

Informatica Documentale

Informatica Documentale Informatica Documentale Ivan Scagnetto (scagnett@dimi.uniud.it) Stanza 3, Nodo Sud Dipartimento di Matematica e Informatica Via delle Scienze, n. 206 33100 Udine Tel. 0432 558451 Ricevimento: giovedì,

Dettagli

Al giorno d oggi, i sistemi per la gestione di database

Al giorno d oggi, i sistemi per la gestione di database Introduzione Al giorno d oggi, i sistemi per la gestione di database implementano un linguaggio standard chiamato SQL (Structured Query Language). Fra le altre cose, il linguaggio SQL consente di prelevare,

Dettagli

Introduzione alle basi di dati (prima parte)

Introduzione alle basi di dati (prima parte) Introduzione alle basi di dati (prima parte) Università degli Studi di Salerno Corso di Laurea in Scienze della Comunicazione Informatica generale (matr. Dispari) Docente: Angela Peduto A.A. 2007/2008

Dettagli

SISTEMI OPERATIVI DISTRIBUITI

SISTEMI OPERATIVI DISTRIBUITI SISTEMI OPERATIVI DISTRIBUITI E FILE SYSTEM DISTRIBUITI 12.1 Sistemi Distribuiti Sistemi operativi di rete Sistemi operativi distribuiti Robustezza File system distribuiti Naming e Trasparenza Caching

Dettagli

disponibili nel pacchetto software.

disponibili nel pacchetto software. Modulo syllabus 4 00 000 00 0 000 000 0 Modulo syllabus 4 DATABASE 00 000 00 0 000 000 0 Richiede che il candidato dimostri di possedere la conoscenza relativa ad alcuni concetti fondamentali sui database

Dettagli

Le Basi di dati: generalità. Unità di Apprendimento A1 1

Le Basi di dati: generalità. Unità di Apprendimento A1 1 Le Basi di dati: generalità Unità di Apprendimento A1 1 1 Cosa è una base di dati In ogni modello di organizzazione della vita dell uomo vengono trattate informazioni Una volta individuate e raccolte devono

Dettagli

F.O.A.M. Free Object Access Method. Un introduzione. Documento: Introduzione FOAM.doc Versione: 0.03.2k30131 Autore: Mario Meo Colombo

F.O.A.M. Free Object Access Method. Un introduzione. Documento: Introduzione FOAM.doc Versione: 0.03.2k30131 Autore: Mario Meo Colombo F.O.A.M. Free Object Access Method Un introduzione Documento: Introduzione FOAM.doc Versione: 0.03.2k30131 Autore: Mario Meo Colombo Il protocollo FOAM. FOAM (Free Object Access Method) è un protocollo

Dettagli

Basi di dati. Docente: Andrea Bulgarelli. Università di Modena e Reggio Emilia. andrea.bulgarelli@gmail.com Argomento: presentazione corso (1.

Basi di dati. Docente: Andrea Bulgarelli. Università di Modena e Reggio Emilia. andrea.bulgarelli@gmail.com Argomento: presentazione corso (1. Università di Modena e Reggio Emilia Basi di dati Docente: andrea.bulgarelli@gmail.com Argomento: presentazione corso (1.0) - Basi di Dati 1 Materiale didattico Web site: www.andrea.bulgarelli.name/corso

Dettagli

Facoltà di Ingegneria Corso di Studi in Ingegneria Informatica Basi di Dati Graph Database MARCO DE MASI matr. N46000365

Facoltà di Ingegneria Corso di Studi in Ingegneria Informatica  Basi di Dati Graph Database MARCO DE MASI matr. N46000365 Facoltà di Ingegneria Corso di Studi in Ingegneria Informatica Elaborato finale in Basi di Dati Graph Database Anno Accademico 2012/2013 Candidato: MARCO DE MASI matr. N46000365 Indice Introduzione 4

Dettagli

Messaggi volatili. Matteo Zignani. 10 gennaio 2015

Messaggi volatili. Matteo Zignani. 10 gennaio 2015 UNIVESITÁ DEGLI STUDI DI MILANO LAUREA TRIENNALE IN COMUNICAZIONE DIGITALE PROGETTO LABORATORIO DI RETI DI CALCOLATORI Messaggi volatili Matteo Zignani 10 gennaio 2015 1 PRESENTAZIONE DEL PROBLEMA Lo studente

Dettagli

Alla scoperta dei Graph Database

Alla scoperta dei Graph Database Alla scoperta dei Graph Database Matteo Pani 24 ottobre 2015 One size doesn t fit all Modellare le relazioni I Graph Database Il Labeled Property Graph Model I Graph-DBMS Neo4j Neo4j Internals Cypher Interagire

Dettagli

Telerilevamento e GIS Prof. Ing. Giuseppe Mussumeci

Telerilevamento e GIS Prof. Ing. Giuseppe Mussumeci Corso di Laurea Magistrale in Ingegneria per l Ambiente e il Territorio A.A. 2014-2015 Telerilevamento e GIS Prof. Ing. Giuseppe Mussumeci Strutture di dati: DB e DBMS DATO E INFORMAZIONE Dato: insieme

Dettagli

Access. P a r t e p r i m a

Access. P a r t e p r i m a Access P a r t e p r i m a 1 Esempio di gestione di database con MS Access 2 Cosa è Access? Access e un DBMS che permette di progettare e utilizzare DB relazionali Un DB Access e basato sui concetti di

Dettagli

LABORATORIO di INFORMATICA

LABORATORIO di INFORMATICA Università degli Studi di Cagliari Corso di Laurea Magistrale in Ingegneria per l Ambiente ed il Territorio LABORATORIO di INFORMATICA A.A. 2010/2011 Prof. Giorgio Giacinto INTRODUZIONE AI SISTEMI DI BASI

Dettagli

Base Dati Introduzione

Base Dati Introduzione Università di Cassino Facoltà di Ingegneria Modulo di Alfabetizzazione Informatica Base Dati Introduzione Si ringrazia l ing. Francesco Colace dell Università di Salerno Gli archivi costituiscono una memoria

Dettagli

Il DBMS Oracle. Express Edition. Donatella Gubiani e Angelo Montanari

Il DBMS Oracle. Express Edition. Donatella Gubiani e Angelo Montanari Gubiani & Montanari Il DBMS Oracle 1 Il DBMS Oracle Express Edition Donatella Gubiani e Angelo Montanari Il DBMS Oracle Il DBMS Oracle Oracle 10g Express Edition Il DBMS Oracle (nelle sue versioni più

Dettagli

Corso di Informatica

Corso di Informatica Corso di Informatica Modulo T2 A2 Introduzione ai database 1 Prerequisiti Concetto di sistema File system Archivi File e record 2 1 Introduzione Nella gestione di una attività, ad esempio un azienda, la

Dettagli

LABORATORIO. 2 Lezioni su Basi di Dati Contatti:

LABORATORIO. 2 Lezioni su Basi di Dati Contatti: PRINCIPI DI INFORMATICA CORSO DI LAUREA IN SCIENZE BIOLOGICHE Gennaro Cordasco e Rosario De Chiara {cordasco,dechiara}@dia.unisa.it Dipartimento di Informatica ed Applicazioni R.M. Capocelli Laboratorio

Dettagli

Introduzione ad OLAP (On-Line Analytical Processing)

Introduzione ad OLAP (On-Line Analytical Processing) Introduzione ad OLAP (On-Line Analytical Processing) Metodi e Modelli per il Supporto alle Decisioni 2002 Dipartimento di Informatica Sistemistica e Telematica (Dist) Il termine OLAP e l acronimo di On-Line

Dettagli

TEORIA sulle BASI DI DATI

TEORIA sulle BASI DI DATI TEORIA sulle BASI DI DATI A cura del Prof. Enea Ferri Cos è un DATA BASE E un insieme di archivi legati tra loro da relazioni. Vengono memorizzati su memorie di massa come un unico insieme, e possono essere

Dettagli

Indice. 1.13 Configurazione di PHP 26 1.14 Test dell ambiente di sviluppo 28

Indice. 1.13 Configurazione di PHP 26 1.14 Test dell ambiente di sviluppo 28 Indice 25 184 Introduzione XI Capitolo 1 Impostazione dell ambiente di sviluppo 2 1.1 Introduzione ai siti Web dinamici 2 1.2 Impostazione dell ambiente di sviluppo 4 1.3 Scaricamento di Apache 6 1.4 Installazione

Dettagli

Master Quiz. Matteo Zignani. 18 agosto 2014

Master Quiz. Matteo Zignani. 18 agosto 2014 UNIVESITÁ DEGLI STUDI DI MILANO LAUREA TRIENNALE IN COMUNICAZIONE DIGITALE PROGETTO LABORATORIO DI RETI DI CALCOLATORI Master Quiz Matteo Zignani 18 agosto 2014 1 PRESENTAZIONE DEL PROBLEMA Lo studente

Dettagli

Introduzione all elaborazione di database nel Web

Introduzione all elaborazione di database nel Web Introduzione all elaborazione di database nel Web Prof.ssa M. Cesa 1 Concetti base del Web Il Web è formato da computer nella rete Internet connessi fra loro in una modalità particolare che consente un

Dettagli

Facoltà di Farmacia - Corso di Informatica

Facoltà di Farmacia - Corso di Informatica Basi di dati Riferimenti: Curtin cap. 8 Versione: 13/03/2007 1 Basi di dati (Database, DB) Una delle applicazioni informatiche più utilizzate, ma meno conosciute dai non informatici Avete già interagito

Dettagli

Sistemi di gestione delle basi di dati. T. Catarci, M. Scannapieco, Corso di Basi di Dati, A.A. 2008/2009, Sapienza Università di Roma

Sistemi di gestione delle basi di dati. T. Catarci, M. Scannapieco, Corso di Basi di Dati, A.A. 2008/2009, Sapienza Università di Roma Sistemi di gestione delle basi di dati 1 Cos è un DBMS? Una collezione integrata molto grande di dati Modella organizzazioni del mondo reale Entità (ad esempio studenti, corsi) Relazioni (ad esempio, Madonna

Dettagli

Archivi e database. Lezione n. 7

Archivi e database. Lezione n. 7 Archivi e database Lezione n. 7 Dagli archivi ai database (1) I dati non sempre sono stati considerati dall informatica oggetto separato di studio e di analisi Nei primi tempi i dati erano parte integrante

Dettagli

Progetto di Applicazioni Software

Progetto di Applicazioni Software Progetto di Applicazioni Software Antonella Poggi Dipartimento di Informatica e Sistemistica Antonio Ruberti SAPIENZA Università di Roma Anno Accademico 2010/2011 Questi lucidi sono stati prodotti sulla

Dettagli

SDD System design document

SDD System design document UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PALERMO FACOLTA DI INGEGNERIA CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA INFORMATICA TESINA DI INGEGNERIA DEL SOFTWARE Progetto DocS (Documents Sharing) http://www.magsoft.it/progettodocs

Dettagli

Corso di Informatica. Prerequisiti. Modulo T3 B3 Programmazione lato server. Architettura client/server Conoscenze generali sui database

Corso di Informatica. Prerequisiti. Modulo T3 B3 Programmazione lato server. Architettura client/server Conoscenze generali sui database Corso di Informatica Modulo T3 B3 Programmazione lato server 1 Prerequisiti Architettura client/server Conoscenze generali sui database 2 1 Introduzione Lo scopo di questa Unità è descrivere gli strumenti

Dettagli

NoSQL http://nosql. nosql-database.org/ Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Informatica. Corso di Linguaggi e Tecnologie Web A. A.

NoSQL http://nosql. nosql-database.org/ Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Informatica. Corso di Linguaggi e Tecnologie Web A. A. Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Informatica Corso di Linguaggi e Tecnologie Web A. A. 2011-2012 NoSQL http://nosql nosql-database.org/ Eufemia TINELLI Cosa è NoSQL? 1998 il termine NoSQL è

Dettagli

PTDR Disaster Recovery for oracle database

PTDR Disaster Recovery for oracle database PTDR Disaster Recovery for oracle database INTRODUZIONE... 3 INTRODUZIONE... 3 I MECCANISMI BASE DI ORACLE DATA GUARD... 3 COSA SONO I REDO LOG?... 4 IMPATTO SULL'ARCHITETTURA COMPLESSIVA... 4 CONCLUSIONI...

Dettagli

5.6.1 REPORT, ESPORTAZIONE DI DATI

5.6.1 REPORT, ESPORTAZIONE DI DATI 5.6 STAMPA In alcune circostanze può essere necessario riprodurre su carta i dati di tabelle o il risultato di ricerche; altre volte, invece, occorre esportare il risultato di una ricerca, o i dati memorizzati

Dettagli

Analisi dei Requisiti

Analisi dei Requisiti Analisi dei Requisiti Pagina 1 di 16 Analisi dei Requisiti Indice 1 - INTRODUZIONE... 4 1.1 - OBIETTIVO DEL DOCUMENTO...4 1.2 - STRUTTURA DEL DOCUMENTO...4 1.3 - RIFERIMENTI...4 1.4 - STORIA DEL DOCUMENTO...4

Dettagli

Il Sistema Operativo. C. Marrocco. Università degli Studi di Cassino

Il Sistema Operativo. C. Marrocco. Università degli Studi di Cassino Il Sistema Operativo Il Sistema Operativo è uno strato software che: opera direttamente sull hardware; isola dai dettagli dell architettura hardware; fornisce un insieme di funzionalità di alto livello.

Dettagli

Zoo di sistemi operativi: studio e realizzazione del supporto di macchine virtuali con accesso via Web

Zoo di sistemi operativi: studio e realizzazione del supporto di macchine virtuali con accesso via Web Zoo di sistemi operativi: studio e realizzazione del supporto di macchine virtuali con accesso via Web Mattia Gentilini Relatore: Renzo Davoli Laurea Specialistica in Informatica I Sessione A.A. 2005/2006

Dettagli

Progetto Febbraio 2013 - Appello 1: Diffusione di tweets sul grafo di Twitter

Progetto Febbraio 2013 - Appello 1: Diffusione di tweets sul grafo di Twitter UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO, DIPARTIMENTO DI INFORMATICA LAUREA TRIENNALE IN COMUNICAZIONE DIGITALE CORSO DI RETI DI CALCOLATORI ANNO ACCADEMICO 2011/2012 Progetto Febbraio 2013 - Appello 1: Diffusione

Dettagli

Reti di Telecomunicazione Lezione 6

Reti di Telecomunicazione Lezione 6 Reti di Telecomunicazione Lezione 6 Marco Benini Corso di Laurea in Informatica marco.benini@uninsubria.it Lo strato di applicazione protocolli Programma della lezione Applicazioni di rete client - server

Dettagli

Big Data. Davide Giarolo

Big Data. Davide Giarolo Big Data Davide Giarolo Definizione da Wikipedia Big data è il termine usato per descrivere una raccolta di dati così estesa in termini di volume, velocità e varietà da richiedere tecnologie e metodi analitici

Dettagli

Diego GUENZI Rodolfo BORASO

Diego GUENZI Rodolfo BORASO Diego GUENZI Rodolfo BORASO NOSQL Movimento che promuove una classe non ben definita di strumenti di archiviazione di dati Un nuovo modo di vedere la persistenza Si differenziano dai RDBMS: Non utilizzano

Dettagli

Database e reti. Piero Gallo Pasquale Sirsi

Database e reti. Piero Gallo Pasquale Sirsi Database e reti Piero Gallo Pasquale Sirsi Approcci per l interfacciamento Il nostro obiettivo è, ora, quello di individuare i possibili approcci per integrare una base di dati gestita da un in un ambiente

Dettagli

Componenti Web: client-side e server-side

Componenti Web: client-side e server-side Componenti Web: client-side e server-side side Attività di applicazioni web Applicazioni web: un insieme di componenti che interagiscono attraverso una rete (geografica) Sono applicazioni distribuite logicamente

Dettagli

Esercitazione 8. Basi di dati e web

Esercitazione 8. Basi di dati e web Esercitazione 8 Basi di dati e web Rev. 1 Basi di dati - prof. Silvio Salza - a.a. 2014-2015 E8-1 Basi di dati e web Una modalità tipica di accesso alle basi di dati è tramite interfacce web Esiste una

Dettagli

Introduzione alle basi di dati. Gestione delle informazioni. Gestione delle informazioni. Sistema informatico

Introduzione alle basi di dati. Gestione delle informazioni. Gestione delle informazioni. Sistema informatico Introduzione alle basi di dati Introduzione alle basi di dati Gestione delle informazioni Base di dati Modello dei dati Indipendenza dei dati Accesso ai dati Vantaggi e svantaggi dei DBMS Gestione delle

Dettagli

Progetto Gennaio 2013: Social Chat Internazionale

Progetto Gennaio 2013: Social Chat Internazionale UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO, DIPARTIMENTO DI INFORMATICA LAUREA TRIENNALE IN COMUNICAZIONE DIGITALE CORSO DI RETI DI CALCOLATORI ANNO ACCADEMICO 2011/2012 Progetto Gennaio 2013: Social Chat Internazionale

Dettagli

Navigare verso il cambiamento. La St r a d a. p i ù semplice verso il ca m b i a m e n t o

Navigare verso il cambiamento. La St r a d a. p i ù semplice verso il ca m b i a m e n t o Navigare verso il cambiamento La St r a d a p i ù semplice verso il ca m b i a m e n t o Le caratteristiche tecniche del software La Tecnologia utilizzata EASY è una applicazione Open Source basata sul

Dettagli

CORSO I.F.T.S TECNICHE PER LA PROGETTAZIONE E LA GESTIONE DI DATABASE

CORSO I.F.T.S TECNICHE PER LA PROGETTAZIONE E LA GESTIONE DI DATABASE CORSO I.F.T.S TECNICHE PER LA PROGETTAZIONE E LA GESTIONE DI DATABASE Ing. Mariano Di Claudio Lezione del 20/10/2014 1 Indice 1. HBase e Hrider Caratteristiche chiave Modello dati Architettura Installazione

Dettagli

Laurea Specialistica in Informatica, Tecnologie Informatiche Anno Accademico 2008/2009 Reti Applicazioni e Servizi

Laurea Specialistica in Informatica, Tecnologie Informatiche Anno Accademico 2008/2009 Reti Applicazioni e Servizi Laurea Specialistica in Informatica, Tecnologie Informatiche Anno Accademico 2008/2009 Reti Applicazioni e Servizi Implementazione di una MIDlet che realizza un sistema di voto Christian Tiralosi Sviluppatori:

Dettagli

Analisi e sviluppo di un componente per un ESB open source

Analisi e sviluppo di un componente per un ESB open source tesi di laurea Anno Accademico 2010/2011 relatore Ch.mo prof. Porfirio Tramontana correlatore Ing. Ciro Romano candidato Rosario Celotto Matr. 534/1459 Introduzione L attività svolta è stata l analisi

Dettagli

Elementi di Informatica e Programmazione

Elementi di Informatica e Programmazione Elementi di Informatica e Programmazione Le Reti di Calcolatori (parte 2) Corsi di Laurea in: Ingegneria Civile Ingegneria per l Ambiente e il Territorio Università degli Studi di Brescia Docente: Daniela

Dettagli

HBase Data Model. in più : le colonne sono raccolte in gruppi di colonne detti Column Family; Cosa cambia dunque?

HBase Data Model. in più : le colonne sono raccolte in gruppi di colonne detti Column Family; Cosa cambia dunque? NOSQL Data Model HBase si ispira a BigTable di Google e perciò rientra nella categoria dei column store; tuttavia da un punto di vista logico i dati sono ancora organizzati in forma di tabelle, in cui

Dettagli

Informatica (Basi di Dati)

Informatica (Basi di Dati) Corso di Laurea in Biotecnologie Informatica (Basi di Dati) Introduzione alle Basi di Dati Anno Accademico 2009/2010 Da: Atzeni, Ceri, Paraboschi, Torlone - Basi di Dati Lucidi del Corso di Basi di Dati

Dettagli

I MODULI Q.A.T. PANORAMICA. La soluzione modulare di gestione del Sistema Qualità Aziendale

I MODULI Q.A.T. PANORAMICA. La soluzione modulare di gestione del Sistema Qualità Aziendale La soluzione modulare di gestione del Sistema Qualità Aziendale I MODULI Q.A.T. - Gestione clienti / fornitori - Gestione strumenti di misura - Gestione verifiche ispettive - Gestione documentazione del

Dettagli

Architetture Applicative

Architetture Applicative Alessandro Martinelli alessandro.martinelli@unipv.it 6 Marzo 2012 Architetture Architetture Applicative Introduzione Alcuni esempi di Architetture Applicative Architetture con più Applicazioni Architetture

Dettagli

Concetti fondamentali dei database database Cos'è un database Principali database

Concetti fondamentali dei database database Cos'è un database Principali database Concetti fondamentali dei database Nella vita di tutti i giorni si ha la necessità di gestire e manipolare dati. Le operazioni possono essere molteplici: ricerca, aggregazione con altri e riorganizzazione

Dettagli

SVILUPPO ONTOLOGIE PER LA GESTIONE DOCUMENTALE E LORO INTEGRAZIONE ALL INTERNO DI UNA PIATTAFORMA WEB

SVILUPPO ONTOLOGIE PER LA GESTIONE DOCUMENTALE E LORO INTEGRAZIONE ALL INTERNO DI UNA PIATTAFORMA WEB Facoltà di Ingegneria Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Informatica SVILUPPO ONTOLOGIE PER LA GESTIONE DOCUMENTALE E LORO INTEGRAZIONE ALL INTERNO DI UNA PIATTAFORMA WEB Relatore Chiarissimo

Dettagli

Elementi di Informatica e Programmazione

Elementi di Informatica e Programmazione Elementi di Informatica e Programmazione Le Reti di Calcolatori (parte 2) Corsi di Laurea in: Ingegneria Civile Ingegneria per l Ambiente e il Territorio Università degli Studi di Brescia Docente: Daniela

Dettagli

Introduzione alla Progettazione per Componenti

Introduzione alla Progettazione per Componenti Introduzione alla Progettazione per Componenti Alessandro Martinelli 6 ottobre 2014 Obiettivo del Corso Il Progetto Software Reale Il Componente Software La Programmazione Ad Oggetti Fondamenti di Informatica

Dettagli

Indice. Introduzione PARTE PRIMA PHP: I FONDAMENTI

Indice. Introduzione PARTE PRIMA PHP: I FONDAMENTI 00som_PHP_4320_2 12-03-2003 20:59 Pagina V Indice Introduzione XV PARTE PRIMA PHP: I FONDAMENTI Capitolo 1 Perché PHP? 3 1.1 Cos è PHP? 3 1.2 La storia di PHP 4 1.3 Le ragioni per amare PHP 5 1.4 Sommario

Dettagli

Indice. Introduzione. PARTE PRIMA PHP: i fondamenti 1

Indice. Introduzione. PARTE PRIMA PHP: i fondamenti 1 Indice Introduzione XV PARTE PRIMA PHP: i fondamenti 1 Capitolo 1 Perché PHP e MySQL? 3 1.1 Cos è PHP? 3 1.2 Cos è MySQL? 4 1.3 La storia di PHP 5 1.4 La storia di MySQL 6 1.5 Le ragioni per amare PHP

Dettagli

Tibet4DExt. Manuale Utente. Un Plug-in 4 th Dimension per accedere agli archivi di Tibet in linea. (Versione 1.7.x)

Tibet4DExt. Manuale Utente. Un Plug-in 4 th Dimension per accedere agli archivi di Tibet in linea. (Versione 1.7.x) Tibet4DExt Un Plug-in 4 th Dimension per accedere agli archivi di Tibet in linea (Versione 1.7.x) Manuale Utente Capitolo 1, Informazioni Generali Informazioni generali su Tibet4DExt Il plug-in Tibet4DExt

Dettagli

Lezione 8. Motori di Ricerca

Lezione 8. Motori di Ricerca Lezione 8 Motori di Ricerca Basi di dati Un campo prevalente dell applicazione informatica è quello costituito dall archiviazione e dalla gestione dei dati (basi di dati). Sistema Informativo. Un sistema

Dettagli

Indice PARTE PRIMA L INIZIO 1

Indice PARTE PRIMA L INIZIO 1 Indice Introduzione XIII PARTE PRIMA L INIZIO 1 Capitolo 1 Esplorare il World Wide Web 3 1.1 Come funziona il World Wide Web 3 1.2 Browser Web 10 1.3 Server Web 14 1.4 Uniform Resource Locators 15 1.5

Dettagli

Basi di Dati prof. A. Longheu. 5 Progettazione fisica

Basi di Dati prof. A. Longheu. 5 Progettazione fisica Basi di Dati prof. A. Longheu 5 Progettazione fisica Progettazione Fisica Per effettuare la progettazione fisica, ossia l implementazione reale del modello logico creato nella fase della progettazione

Dettagli

Tecnologia di un Database Server (centralizzato) Introduzione generale

Tecnologia di un Database Server (centralizzato) Introduzione generale Introduzione Basi di Dati / Complementi di Basi di Dati 1 Tecnologia di un Database Server (centralizzato) Introduzione generale Angelo Montanari Dipartimento di Matematica e Informatica Università di

Dettagli

Sistemi Informativi e Basi di Dati

Sistemi Informativi e Basi di Dati Sistemi Informativi e Basi di Dati Laurea Specialistica in Tecnologie di Analisi degli Impatti Ecotossicologici Docente: Francesco Geri Dipartimento di Scienze Ambientali G. Sarfatti Via P.A. Mattioli

Dettagli

BARRA LATERALE AD APERTURA AUTOMATICA...

BARRA LATERALE AD APERTURA AUTOMATICA... INDICE 1) SOMMARIO... 1 2) PRIMO AVVIO... 1 3) BARRA LATERALE AD APERTURA AUTOMATICA... 2 4) DATI AZIENDALI... 3 5) CONFIGURAZIONE DEL PROGRAMMA... 4 6) ARCHIVIO CLIENTI E FORNITORI... 5 7) CREAZIONE PREVENTIVO...

Dettagli

Introduzione alle Basi di Dati

Introduzione alle Basi di Dati CORSO DI AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE IN DATA BASE TOPOGRAFICI rockini@tele2.it Istituto Geografico Militare A.A. 2007-2008 Sommario Vediamo brevemente alcuni aspetti che riguardano i database, con particolare

Dettagli

INDICE. Indice. Introduzione

INDICE. Indice. Introduzione V Indice Introduzione XIII Capitolo 1 La programmazione multithread 1 1.1 Cosa sono i thread 2 Utilizzare i thread per dare una possibilità ad altri task 9 Avvio ed esecuzione dei thread 10 Esecuzione

Dettagli

JDBC versione base. Le classi/interfacce principali di JDBC

JDBC versione base. Le classi/interfacce principali di JDBC JDBC versione base Java Database Connectivity è il package Java per l accesso a database relazionali il package contiene interfacce e classi astratte uno dei pregi è la completa indipendenza del codice

Dettagli

Organizzazione delle informazioni: Database

Organizzazione delle informazioni: Database Organizzazione delle informazioni: Database Laboratorio Informatico di base A.A. 2013/2014 Dipartimento di Scienze Aziendali e Giuridiche Università della Calabria Dott. Pierluigi Muoio (pierluigi.muoio@unical.it)

Dettagli

Scheda 15 Accedere ai DataBase con JDBC

Scheda 15 Accedere ai DataBase con JDBC Scheda 15 Accedere ai DataBase con JDBC G IOVANNI PULITI Panoramica: che cosa è JDBC La API JDBC, introdotta per la prima volta con il JDK 1.0, è una API che permette di accedere a database relazionali

Dettagli

Capitolo 3: Strutture dei sistemi operativi

Capitolo 3: Strutture dei sistemi operativi Capitolo 3: Strutture dei sistemi operativi Componenti del sistema Servizi di un sistema operativo Chiamate del sistema Programmi di sistema Struttura del sistema Macchine virtuali Progettazione e realizzazione

Dettagli

Progetto di Applicazioni Software

Progetto di Applicazioni Software Progetto di Applicazioni Software Antonella Poggi Dipartimento di Informatica e Sistemistica Antonio Ruberti SAPIENZA Università di Roma Anno Accademico 2008/2009 Questi lucidi sono stati prodotti sulla

Dettagli

Tecnologia di un Database Server (centralizzato) Gestione del buffer

Tecnologia di un Database Server (centralizzato) Gestione del buffer Buffer Basi di Dati / Complementi di Basi di Dati 1 Tecnologia di un Database Server (centralizzato) Gestione del buffer Angelo Montanari Dipartimento di Matematica e Informatica Università di Udine Buffer

Dettagli

8088 + log. controllo

8088 + log. controllo CORSO DI ARCHITETTURA DEGLI ELABORATORI PROGRAMMAZIONE ASSEMBLY: PROGETTO 26 LUGLIO 2007 CONSEGNA Sabato 15 settembre 2007 Lo studente programmi nel linguaggio Assembly 8088 presentato a lezione un micro

Dettagli

Sistemi di Elaborazione delle Informazioni (C.I. 15) Access

Sistemi di Elaborazione delle Informazioni (C.I. 15) Access Università degli Studi di Palermo Dipartimento di Ingegneria Informatica Sistemi di Elaborazione delle Informazioni (C.I. 15) Anno Accademico 2009/2010 Docente: ing. Salvatore Sorce Access C.d.L. in Igiene

Dettagli

Sistemi centralizzati e distribuiti

Sistemi centralizzati e distribuiti Sistemi centralizzati e distribuiti In relazione al luogo dove è posta fisicamente la base di dati I sistemi informativi, sulla base del luogo dove il DB è realmente dislocato, si possono suddividere in:

Dettagli

InfoTecna ITCube Web

InfoTecna ITCube Web InfoTecna ITCubeWeb ITCubeWeb è un software avanzato per la consultazione tramite interfaccia Web di dati analitici organizzati in forma multidimensionale. L analisi multidimensionale è il sistema più

Dettagli

BASE DI DATI: introduzione. Informatica 5BSA Febbraio 2015

BASE DI DATI: introduzione. Informatica 5BSA Febbraio 2015 BASE DI DATI: introduzione Informatica 5BSA Febbraio 2015 Di cosa parleremo? Base di dati relazionali, modelli e linguaggi: verranno presentate le caratteristiche fondamentali della basi di dati. In particolare

Dettagli

Ministero della Pubblica Istruzione Ufficio Scolastico Regionale per la Sicilia Direzione Generale

Ministero della Pubblica Istruzione Ufficio Scolastico Regionale per la Sicilia Direzione Generale Unione Europea Regione Sicilia Ministero della Pubblica Istruzione Ufficio Scolastico Regionale per la Sicilia Direzione Generale ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE STATALE G. MARCONI EDILIZIA ELETTRONICA e

Dettagli

Progettazione di Basi di Dati

Progettazione di Basi di Dati Progettazione di Basi di Dati Prof. Nicoletta D Alpaos & Prof. Andrea Borghesan Entità-Relazione Progettazione Logica 2 E il modo attraverso il quale i dati sono rappresentati : fa riferimento al modello

Dettagli

Introduzione Ai Data Bases. Prof. Francesco Accarino IIS Altiero Spinelli Via Leopardi 132 Sesto San giovanni

Introduzione Ai Data Bases. Prof. Francesco Accarino IIS Altiero Spinelli Via Leopardi 132 Sesto San giovanni Introduzione Ai Data Bases Prof. Francesco Accarino IIS Altiero Spinelli Via Leopardi 132 Sesto San giovanni I Limiti Degli Archivi E Il Loro Superamento Le tecniche di gestione delle basi di dati nascono

Dettagli

Appunti di Sistemi Distribuiti

Appunti di Sistemi Distribuiti Appunti di Sistemi Distribuiti Matteo Gianello 27 settembre 2013 1 Indice 1 Introduzione 3 1.1 Definizione di sistema distribuito........................... 3 1.2 Obiettivi.........................................

Dettagli

L architettura di un DBMS

L architettura di un DBMS L architettura di un DBMS sources: Lucidi del corso di Lucidi del corso di Laboratorio di Basi di dati e sistemi informativi, Montesi, Magnani, Corso di laurea in Informatica per il management, Scienze

Dettagli

ARCHIVI E LORO ORGANIZZAZIONI

ARCHIVI E LORO ORGANIZZAZIONI ARCHIVI E LORO ORGANIZZAZIONI Archivio: - insieme di registrazioni (record), ciascuna costituita da un insieme prefissato di informazioni elementari dette attributi (campi) - insieme di informazioni relative

Dettagli

Aspetti applicativi e tecnologia

Aspetti applicativi e tecnologia Aspetti applicativi e tecnologia Premessa Architetture usate per i database Le prime applicazioni erano definite monolitiche, cioè un unico computer (mainframe) gestiva sia le applicazioni che i dati,

Dettagli

Vincoli di Integrità Approccio dichiarativo alla loro implementazione

Vincoli di Integrità Approccio dichiarativo alla loro implementazione Vincoli di Integrità Approccio dichiarativo alla loro implementazione Antonella Poggi Dipartimento di informatica e Sistemistica SAPIENZA Università di Roma Progetto di Applicazioni Software Anno accademico

Dettagli

Obiettivi d esame PHP Developer Fundamentals on MySQL Environment

Obiettivi d esame PHP Developer Fundamentals on MySQL Environment Obiettivi d esame PHP Developer Fundamentals on MySQL Environment 1.0 Ambiente di sviluppo 1.1 Web server e database MySQL Comprendere la definizione dei processi che si occupano di fornire i servizi web

Dettagli

Web Intelligence. Argomenti 10/5/2010. abaroni@yahoo.com

Web Intelligence. Argomenti 10/5/2010. abaroni@yahoo.com Web Intelligence Argomenti Cap.4 Utilizzo dei Prompt gerarchici Cap.5 Formattazioni Cap.6 i Template Cap.7 le Tabelle e le Cross Table Cap.8 Modalità di Visualizzazione (Html,Pdf,altro) Cap.9 Creare Formule

Dettagli

Basi di dati (3) Ing. Integrazione di Impresa A.A. 2007/08

Basi di dati (3) Ing. Integrazione di Impresa A.A. 2007/08 Università di Modena e Reggio Emilia Panoramica Basi di dati (3) Ing. Integrazione di Impresa A.A. 2007/08 Docente: andrea.bulgarelli@gmail.com Argomento: struttura SQL Server (1.0)! Componenti! Edizioni!

Dettagli

Sistemi avanzati di gestione dei Sistemi Informativi

Sistemi avanzati di gestione dei Sistemi Informativi Esperti nella gestione dei sistemi informativi e tecnologie informatiche Sistemi avanzati di gestione dei Sistemi Informativi Docente: Email: Sito: Eduard Roccatello eduard@roccatello.it http://www.roccatello.it/teaching/gsi/

Dettagli

Basi di Dati Distribuite

Basi di Dati Distribuite Basi di Dati Distribuite P. Atzeni, S. Ceri, S. Paraboschi, R. Torlone (McGraw-Hill Italia) Basi di dati: architetture linee di evoluzione - seconda edizione Capitolo 3 Appunti dalle lezioni SQL come DDL

Dettagli

Corso di Informatica

Corso di Informatica Corso di Informatica CL3 - Biotecnologie Orientarsi nel Web Prof. Mauro Giacomini Dott. Josiane Tcheuko Informatica - 2006-2007 1 Obiettivi Internet e WWW Usare ed impostare il browser Navigare in internet

Dettagli