"#$ 0#"2 "2 3 44&2! $"2 0"-2 --# 4 &!& " "2 # #849&'!&' !!!!!!!! " " '*+, 6)*788)(.. "# $ #$$!% " #$!$$!% 1#"2 4 '!2 '! 5'' 554!!!!!

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download ""#$ 0#"2 "2 3 44&2! $"2 0"-2 --# 4 &!& " "2 # #849&'!&' !!!!!!!! " " '*+, 6)*788)(.. "# $ #$$!% " #$!$$!% 1#"2 4 '!2 '! 5'' 554!!!!!"

Transcript

1 &'&' '()*+, -.. /0-/$- (4 '*+, 6)*788)(.. ( ) ) %) ) * # $ #$$% #$ $$% + ( ',,'% $ - % %. /0'0 0$ #$ % 1#2 3 5 % -0$ 4 '2 ' 5'' &2 $2 0-2 ' #$$% #$$% #$$%2 #$$%#3& #$$% --# 12 ( '$ $ #3& ( #2 2 ' 4 & &43 #*' #*' & )#*' & #*' &'% $$%' ( '% ( ' # #849&'&'

2 +()8. )()78);<(**7.()=,., (==)) <. ' %% % 9:&& 3 #7:#7>: 1:7#> &<+74 ;:7<<4 1:#*: #:: +7#4:*4*3;:74 3;3<7>#4&:#37> ><4>;4:#<::+3+7> <7#4;7:#4<4 A2=B -## * % '', #0$$ :2 #*$ 4( ' 2 $$%-' 2. % ;3<74;7:#4<: ' 2 4<7#4;7:#4<4 $%' = ( ' # #84 &:#4><>+4 2? $575= ( #:3&:#>*+&EE;:7> #:3&:#>#:3&:#>* +&EE;:7>C 3 -## /# 002 2% A2=B # 2 && 3 2 >7?'' D #*, 2%%' #* %' 3 % - #$ $$% 2 + $ % $% >78::?( ' $$ '' < C$D $ $ 2 %2 ' 0#2 12 # #849&'&'

3 Aree attrezzate Comuni con una o più aree attrezzate 77 complessivo di aree attrezzate 85 Superficie complessiva impegnata in aree attrezzate (mq) Media degli abitanti serviti da ciascuna area attrezzata Per aree attrezzate, come definite dalla l.r. 26/2003 e del Piano Regionale di Gestione dei rifiuti (dgr 220/2005), si intendono le piattaforme per la raccolta differenziata (autorizzate) e i centri di raccolta. Altri termini informali: isole ecologiche, piazzole o ecocentri ALTRI INDICATORI tonnellate SMALTIMENTO RIFIUTI INDIFFERENZIATI IN DISCARICA Smaltiti nella provincia Smaltiti fuori provincia 0 Smaltiti fuori regione 0 Smaltiti all'estero 0 Sono inclusi anche i flussi in uscita dalle stazioni di trasferenza. Per smaltimenti fuori provincia si intende la sommatoria dei quantitativi smaltiti in altra provincia della Lombardia diversa da quella di produzione La percentuale è stata riferita al totale dei rifiuti prodotti per permettere confronti immediati con gli altri indici. SMALTIMENTO RESIDUALE IN DISCARICA (%) 0,6% -26,6% dato 2011: 0,8% COSTO DELL'INTERA GESTIONE DEI RIFIUTI comuni che hanno comunicato dati validi sui costi La validazione viene fatta in relazione a intervalli di ammissibilità del costo totale per abitante, per tonnellata e sulla base dell'accuratezza (dettaglio) della compilazione da parte dei comuni Fascia relativa al costo per abitante (BASSA < 60 /ab; MEDIA 60 >= /ab > 70; ALTA >= 70 /ab) 189 ALTA Gli indicatori sono calcolati sulla base dei COSTI TOTALI complessivi dichiarati dai comuni, al netto degli eventuali ricavi indicati. L'indicatore euro/abitante è calcolato come media del costo pro-capite dei singoli comuni EURO/ABITANTE 110 1,9% dato 2011: 108 tonnellate RACCOLTA RIFIUTI ELETTRICI ED ELETTRONICI (RAEE) Neon (200121) 6 Con CFC, HCFC, HFC (200123, ) 593 Contenenti sostanze pericolose (200135, , ) 656 Senza sostanze peric. e componenti (200136, , ) 651 L'obiettivo di raccolta differenziata dei RAEE, pari a 4 kg/ab*anno da raggiungersi nel 2008, è definito dall'art. 6, co. 1, del d.lgs. 151 del 25 luglio I codici CER considerati sono quelli riportati a lato comuni che superano l'obiettivo 2008 (4 kg/ab*anno) 56 comuni che non hanno raccolto RAEE 26 RACCOLTA PROCAPITE RAEE (kg/ab*anno) 3,53-14,7% dato 2011: 4,14

4 Superficie territoriale kmq Superficie urbanizzata kmq 159 Densità di popolazione ab/kmq 182 ( 5% ) BASSA Indice di presenza turistica 1,21 ALTA Osservatorio rifiuti Provincia di Pavia PAVIA - VIA TARAMELLI, 2 Tel: Fax: Web: Mail: TARIFFA RIFIUTI I dati riportati di seguito fanno riferimento all'introduzione della tariffa rifiuti nei comuni, ai sensi dell'art. 49 del d.lgs. 22/97 (ora sostituito dall'art. 238 del d.lgs. 152/2006) e del dpr 158/99 comuni a tariffa 7 ( 4% ) di cui capoluoghi Abitanti coinvolti ( 5% ) Utenze domestiche ( 4% ) Utenze non domestiche ( 4% ) N. comuni per classi di popolazione < >= N. comuni per tasso di copertura % 99-95% 94-90% <90% n.d. N. comuni per ripartizione costi ut. dom/ut. non dom Ud>90% Ud 90-70% Ud 70-50% Ud 50-30% Ud<30% n.d. N. comuni per ripartizione costi parte fissa/variabile PF>90% PF 90-70% PF 70-50% PF 50-30% PF <30% n.d. COMPOSTAGGIO DOMESTICO L'introduzione della pratica del compostaggio domestico ha come effetto pratico la riduzione dei quantitativi di rifiuti organici conferiti al servizio pubblico di raccolta: si ha una conseguente diminuzione della produzione totale di rifiuti. Il monitoraggio tende ad evidenziare il grado di diffusione in ambito comunale, in termini di nuclei famigliari, oltre alle relative modalità di promozione comuni in cui viene praticato il compostaggio domestico 55 Nuclei famigliari coinvolti Quantità di rifiuti intercettati (si considera una produzione giornaliera pari a 250 g/ab e 3 persone per ogni nucleo) Modalità di promozione del compostaggio domestico N. comuni che hanno effettuato corsi 5 t 944 N. comuni che hanno distribuito composter 29 gratis 9 comodato 18 contributo 2 vendita 3 N. comuni che hanno concesso agevolazioni 12 riduzione tassa/tariffa 11 altri tipi di agevolazioni 1 IMPIANTI DI TRATTAMENTO RIFIUTI URBANI di di smaltimento e recupero presenti sul territorio reginale/provinciale, per le tipologie indicate. I quantitativi sono relativi ai rifiuti complessivi trattati dagli, che contemplano anche rifiuti non urbani (rifiuti speciali, biomasse, ecc.) e provenienti anche da province diverse da quelli di ubicazione COMPOSTAGGIO DISCARICHE TERMOVALORIZZATORI TRATT. MECCANICO/BIOLOGICO Totale trattato R3 di cui Organico CER di cui Verde CER Compost prodotto Totale smaltito D1 di cui RU di cui Fanghi Cap. residua (mc) Totale trattato D10 - R1 di cui Cer 20* di cui CDR Totale ritirato di cui CER Energia prodotta (GWhe) (GWht)

5 RACCOLTE DIFFERENZIATE Raccolte differenziate Comuni conferenti N e percentuale Abitanti conferenti Quantità PCA PCT N e percentuale kg/ab*anno kg/ab*anno ACCUMULATORI 2012 PER AUTO 88 46% % 56,6 0,17 0,10 ALTRI METALLI 2012 O LEGHE 21 11% % 0,5 0,02 0,00 CARTA E CARTONE % % ,0 39,81 39,81 CARTUCCE ESAUSTE 2012 DI TONER 74 39% % 23,5 0,06 0,04 LEGNO % % 5.001,5 10,20 9,27 MATERIALI FERROSI % % 1.582,7 3,30 2,93 OLI E GRASSI 2012 VEGETALI ED ANIMAL 57 30% % 41,7 0,13 0,08 OLIO MINERALE 2012 ESAUSTO 25 13% % 9,1 0,04 0,02 ORGANICO % % 8.891,5 23,81 16,48 PLASTICA % % 6.087,7 11,30 11,28 PNEUMATICI % % 116,9 0,50 0,22 RAEE % % 1.906,2 3,68 3,53 STRACCI ED INDUMENTI 2012 SMESSI 69 36% % 688,3 2,10 1,28 VERDE % % ,5 53,59 53,07 VETRO % % ,0 28,25 27,38 RACCOLTA MULTIMATERIALE % % 6.429,7 16,44 11,92 BATTERIE E PILE % % 31,5 0,06 0,06 CONTENITORI 2012 ETICHETTATI T/ F 36 19% % 58,6 0,21 0,11 FARMACI % % 40,0 0,08 0,07 SIRINGHE % % 0,2 0,02 0,00 VARIE % % 6,6 0,06 0,01 RECUPERO DA 2012 INGOMBRANTI % % 2.081,2 4,23 3,86 Totale delle raccolte elencate ,4 tonnellate Quantitativo totale: ,4 tonnellate PCA (Pro-capite sulla popolazione attiva): PCT (Pro-capite totale provinciale): Dato pro-capite calcolato rispetto alla somma della popolazione dei Comuni che hanno svolto una certa raccolta differenziata Dato pro-capite calcolato rispetto all'intera popolazione provinciale

6 GRAFICI Il grafico riporta l'andamento del dato pro-capite di produzione di rifiuti espresso in kg/ab*giorno. Il colore blu si riferisce ai rifiuti indifferenziati, avviati allo smaltimento, il colore bianco ai rifiuti raccolti in maniera differenziata ed il colore giallo ai rifiuti ingombranti avviati a smaltimento 0 0,2 0,4 0,6 0,8 1 1,2 1,4 1,6 Indifferenziato Ingombranti Differenziata Vetro 17% Altre 8% Carta 23% Metalli 2% Organico 9% Il grafico rappresenta la ripartizione delle principali frazioni merceologiche ottenute dalle raccolte differenziate. In Altre: Oli vegetali, Oli minerali, Batterie auto, Rup, Raee, Alluminio, Legno, Stracci, AltreRD Verde 29% Scarto 5% Plastica 7% Carta Vetro Verde Metalli Il grafico rappresenta il trend dei quantitativi pro-capite espressi in kg/ab*anno delle principali frazioni merceologiche ottenute dalle raccolte differenziate Plastica Organico

#$2.#2 #2 #$2 3 44&2" 4 & "&43 3 3 # 0.#$2 #5754854#95:&'"(" '()*+,! !""" '*+,!6) *788)(-!- "# $ #$$"%" 0#12 ! % #$$"%! #$$"%"3"! #$$"%#4& !

#$2.#2 #2 #$2 3 44&2 4 & &43 3 3 # 0.#$2 #5754854#95:&'( '()*+,! ! '*+,!6) *788)(-!- # $ #$$% 0#12 ! % #$$%! #$$%3! #$$%#4& ! '"(" '()*+, -- " "./. (4./ % '*+,6) *788)(-- ' ( ) ( ( ) ( "# $ #$$"% #$"$$"% " *,)"' "- -"'% "$.%" %"/ 01'1 1$ % #$ 0#12 3 5 % $1$.. 5'"3'" 6''665"36 3 442" % #$2.#2 #$$"%" #$$"% #$$"%"3" #$$"%#4 #$$"%"

Dettagli

Abitanti 183.136 Ab. dei Comuni che hanno compilato la scheda 183.136 Ab. dei Comuni che non hanno compilato la scheda 0

Abitanti 183.136 Ab. dei Comuni che hanno compilato la scheda 183.136 Ab. dei Comuni che non hanno compilato la scheda 0 Provincia di Sondrio N dei comuni 78 N delle schede da compilare 75 N delle schede compilate 75 % di copertura 1,% Abitanti 183.136 Ab. dei Comuni che hanno compilato la scheda 183.136 Ab. dei Comuni che

Dettagli

Abitanti 3.166.486 Ab. dei Comuni che hanno compilato la scheda 3.166.486 Ab. dei Comuni che non hanno compilato la scheda 0

Abitanti 3.166.486 Ab. dei Comuni che hanno compilato la scheda 3.166.486 Ab. dei Comuni che non hanno compilato la scheda 0 Provincia di Milano N dei comuni 134 N delle schede da compilare 134 N delle schede compilate 134 % di copertura 100,0% Abitanti 3.166.486 Ab. dei Comuni che hanno compilato la scheda 3.166.486 Ab. dei

Dettagli

Abitanti 3.176.180 Ab. dei Comuni che hanno compilato la scheda 3.176.180 Ab. dei Comuni che non hanno compilato la scheda 0

Abitanti 3.176.180 Ab. dei Comuni che hanno compilato la scheda 3.176.180 Ab. dei Comuni che non hanno compilato la scheda 0 Provincia di Milano N dei comuni 134 N delle schede da compilare 134 N delle schede compilate 134 % di copertura 10 Abitanti 3.176.180 Ab. dei Comuni che hanno compilato la scheda 3.176.180 Ab. dei Comuni

Dettagli

Comune di Positano (SA) % di r.d. calcolata dalla fonte dati disponibile

Comune di Positano (SA) % di r.d. calcolata dalla fonte dati disponibile Raccolta differenziata Dati di produzione e percentuale di raccolta differenziata Anno 2011 % di r.d. calcolata dalla fonte dati disponibile 90% 80% 70% 60% 50% 40% 30% 20% 10% 0% Gen Feb Mar Apr Mag Giu

Dettagli

RIFIUTI. Nome del comune Anno di riferimento 2015 Codice provincia... Codice comune...

RIFIUTI. Nome del comune Anno di riferimento 2015 Codice provincia... Codice comune... RIFIUTI Nome del comune Anno di riferimento 2015 Codice provincia... Codice comune... Prevenzione e riduzione dei rifiuti urbani 1) Nel 2015 sono state attivate le seguenti iniziative orientate alla PREVENZIONE

Dettagli

Roma, 27 maggio 2015. Comune di. Mar-gnacco. Sostenibilità ambientale ed innovazione: L esperienza del. Comune di. Martignacco (Udine)

Roma, 27 maggio 2015. Comune di. Mar-gnacco. Sostenibilità ambientale ed innovazione: L esperienza del. Comune di. Martignacco (Udine) Roma, 27 maggio 2015 Comune di Mar-gnacco Sostenibilità ambientale ed innovazione: L esperienza del Comune di Martignacco (Udine) Comune di Martignacco Ø 7.000 abitanti circa nell hinterland della Città

Dettagli

CAMBIA LA RACCOLTA DEI RIFIUTI IMPARIAMO COME SI FA

CAMBIA LA RACCOLTA DEI RIFIUTI IMPARIAMO COME SI FA CAMBIA LA RACCOLTA DEI RIFIUTI IMPARIAMO COME SI FA Che cos è la raccolta porta a porta dei rifiuti? E un particolare sistema che prevede il periodico ritiro a domicilio dei rifiuti organizzando le raccolte

Dettagli

la raccolta differenziata dei rifiuti

la raccolta differenziata dei rifiuti Pettinengo, comune fiorito, comune pulito e quindi. la raccolta differenziata dei rifiuti Comune di Pettinengo La raccolta differenziata porta a porta è il modo migliore per preservare e mantenere le risorse

Dettagli

Servizio Pianificazione, Sviluppo Sostenibile e Ciclo Integrato dei Rifiuti. Nuovo PPGR Proposta di programma/2015

Servizio Pianificazione, Sviluppo Sostenibile e Ciclo Integrato dei Rifiuti. Nuovo PPGR Proposta di programma/2015 Il trattamento del rifiuto organico: applicazione delle direttive europee nella pianificazione provinciale Roberto Ronco Assessore all Ambiente Open Workshop ISWA Il trattamento della frazione organica

Dettagli

Comune di Viadana NORME DI ACCESSO AL CENTRO DI RACCOLTA DEL COMUNE DI VIADANA

Comune di Viadana NORME DI ACCESSO AL CENTRO DI RACCOLTA DEL COMUNE DI VIADANA Comune di Viadana NORME DI ACCESSO AL CENTRO DI RACCOLTA DEL COMUNE DI VIADANA (ALLEGATO AL REGOLAMENTO COMUNALE DI IGIENE AMBIENTALE) Pagina 1 di 9 ART.1 - DISPOSIZIONI GENERALI...3 ART. 2 - DEFINIZIONI...3

Dettagli

Rifiuto Urbano (t) BD - BM 55.000 29.111 0 0 29.111. 2 TV Spresiano CDR 84.000 72.877 0 0 72.877

Rifiuto Urbano (t) BD - BM 55.000 29.111 0 0 29.111. 2 TV Spresiano CDR 84.000 72.877 0 0 72.877 3.4. Trattamento e smaltimento del rifiuto urbano residuo 3.4.1. Trattamento meccanico biologico Il rifiuto urbano residuo trattato nel 21 rappresenta il 23,7% del totale ed è pari a 57.692 t (Fig. 3.1.1).

Dettagli

INDICE DI GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI Nuovo criterio di valutazione adottato a livello nazionale, in Lombardia, Piemonte e Marche

INDICE DI GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI Nuovo criterio di valutazione adottato a livello nazionale, in Lombardia, Piemonte e Marche DIR CEE 9/56 D.Lgs. 22/97 Riduzione del quantitativo di rifiuti prodotti e della loro pericolosità Recupero di materia ed energia dai rifiuti prodotti Residualità e sicurezza dello smaltimento finale Gestione

Dettagli

% RD METODI DI CALCOLO E NUOVI INDICATORI

% RD METODI DI CALCOLO E NUOVI INDICATORI % RD METODI DI CALCOLO E NUOVI INDICATORI www.arpa.veneto.it Legambiente COMUNI RICICLONI INDICATORE MULTIPARAMETRICO Non solo %RD (rifiuti avviati a recupero, compresi inerti, ingombranti a spazzamento)

Dettagli

L integrazione degli archivi ambientali

L integrazione degli archivi ambientali CORSO DI FORMAZIONE 2007-2008 mercoledì 30 gennaio 2008 - ore 9.15 13.00 Camera di Commercio di Milano MUD 2008: IL MODELLO UNICO DI DICHIARAZIONE AMBIENTALE COME STRUMENTO DI MONITORAGGIO NELLA GESTIONE

Dettagli

Raccolta differenziata: dove, come, quando

Raccolta differenziata: dove, come, quando Raccolta differenziata: dove, come, quando Trend produzione totale e pro capite rifiuti urbani 2000-2007 Composizione del rifiuto NONANTOLA CASTELNUOVO NOVI BASTIGLIA MARANELLO FIORANO CAVEZZO FINALE EMILIA

Dettagli

p_vr.p_vr.registro UFFICIALE.I.0103536.22-10-2014.h.10:27

p_vr.p_vr.registro UFFICIALE.I.0103536.22-10-2014.h.10:27 p_vr.p_vr.registro UFFICIALE.I.0103536.22-10-2014.h.10:27 G e o rice rche S.a.s. Alla Provincia di Verona Settore Ambiente Via delle Franceschine, n. 10 37122 Verona ambiente.provincia.vr@pecveneto.it

Dettagli

LARACCOLTA PORTA A PORTA DEI RIFIUTI URBANI NEL COMUNE DI SANNAZZARO DE BURGONDI INCONTRO PUBBLICO Mercoledì 30 Marzo 2016

LARACCOLTA PORTA A PORTA DEI RIFIUTI URBANI NEL COMUNE DI SANNAZZARO DE BURGONDI INCONTRO PUBBLICO Mercoledì 30 Marzo 2016 Comune di LARACCOLTA PORTA A PORTA DEI RIFIUTI URBANI NEL COMUNE DI SANNAZZARO DE BURGONDI INCONTRO PUBBLICO Mercoledì 30 Marzo 2016 RELATORI Direttore Generale di CLIR S.p.A. Ing. Marco Rivolta Tecnico

Dettagli

Comune Di Solbiate. Provincia di Como. REGOLAMENTO DELLA Area di Raccolta Differenziata

Comune Di Solbiate. Provincia di Como. REGOLAMENTO DELLA Area di Raccolta Differenziata Comune Di Solbiate Provincia di Como REGOLAMENTO DELLA Area di Raccolta Differenziata INDICE. Art. 1 Istituzione dell Area di Raccolta Differenziata... Pag. 3 Art. 2 Oggetto del Regolamento........ Pag.

Dettagli

COMUNE DI SOGLIANO AL RUBICONE. Provincia di Forlì - Cesena REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEI SERVIZI DI RACCOLTA DIFFERENZIATA

COMUNE DI SOGLIANO AL RUBICONE. Provincia di Forlì - Cesena REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEI SERVIZI DI RACCOLTA DIFFERENZIATA COMUNE DI SOGLIANO AL RUBICONE Provincia di Forlì - Cesena REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEI SERVIZI DI RACCOLTA DIFFERENZIATA Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n 3 del 19.01.1998 TITOLO

Dettagli

La gestione dei rifiuti: il il caso del Comune di Roma

La gestione dei rifiuti: il il caso del Comune di Roma La sfida del geologo nel XXI secolo nelle strategie di sviluppo sostenibile La gestione dei rifiuti: il il caso del Comune di Roma Dipartimento Tutela Ambientale e del Verde - Protezione Civile U.O.- Gestione

Dettagli

CAPO I - DISPOSIZIONI GENERALI... 5 CAPO II - GENERALITÀ SULL ORGANIZZAZIONE E SULLE MODALITÀ DI EROGAZIONE DEI SERVIZI... 11

CAPO I - DISPOSIZIONI GENERALI... 5 CAPO II - GENERALITÀ SULL ORGANIZZAZIONE E SULLE MODALITÀ DI EROGAZIONE DEI SERVIZI... 11 /33 CAPO I - DISPOSIZIONI GENERALI... 5 ART. - OGGETTO DEL REGOLAMENTO...5 ART. 2 - AMBITO DI APPLICAZIONE...5 ART. 3 - PRINCIPI E LINEE GUIDA...5 ART. 4 - DEFINIZIONI...6 ART. 5 - CLASSIFICAZIONE DEI

Dettagli

COMUNE DI VALEGGIO SUL MINCIO. Verbale di deliberazione della Giunta Comunale

COMUNE DI VALEGGIO SUL MINCIO. Verbale di deliberazione della Giunta Comunale C O P I A Verbale di deliberazione della Giunta Comunale OGGETTO: ECO CENTRO DI SALIONE SITA IN LOC. CASA SAN GIOVANNI. AUTORIZZAZIONE ALL'ESERCIZIO Oggi cinque del mese di Luglio anno 2012; Convocata

Dettagli

PRODUZIONE E RACCOLTA DIFFERENZIATA DEI RIFIUTI URBANI ANNO 2006. Direzione centrale risorse ambientali

PRODUZIONE E RACCOLTA DIFFERENZIATA DEI RIFIUTI URBANI ANNO 2006. Direzione centrale risorse ambientali PRODUZIONE E RACCOLTA DIFFERENZIATA DEI RIFIUTI URBANI ANNO Direzione centrale risorse ambientali SOMMARIO PRESENTAZIONE 3 INTRODUZIONE E ANALISI DEI DATI 5 TABELLE RIEPILOGATIVE E SCHEDE COMUNALI 37 RIEPILOGO

Dettagli

PROVINCIA DI SAVONA COMUNE DI CERIALE. Regolamento per la gestione dei Rifiuti Urbani Approvato con Deliberazione di C.C. n.

PROVINCIA DI SAVONA COMUNE DI CERIALE. Regolamento per la gestione dei Rifiuti Urbani Approvato con Deliberazione di C.C. n. PROVINCIA DI SAVONA COMUNE DI CERIALE Regolamento per la gestione dei Rifiuti Urbani Approvato con Deliberazione di C.C. n. 20 del 13/03/2013 ART. 65 SANZIONI 1. Le violazioni a quanto previsto dal presente

Dettagli

Elenco delle tipologie di rifiuti conferibili presso gli ecocentri comunali, così come definite dalla D.G.R. n. 511 del 5 marzo 2004:

Elenco delle tipologie di rifiuti conferibili presso gli ecocentri comunali, così come definite dalla D.G.R. n. 511 del 5 marzo 2004: Appendice 1 Elenco delle tipologie di rifiuti conferibili presso gli ecocentri comunali, così come definite dalla D.G.R. n. 511 del 5 marzo 2004: TIPO RIFIUTO Frazione Organica dei Rifiuti Urbani (FORSU)

Dettagli

Provincia di Salerno. (Art. 183, comma 1, lettera mm), del D. Lgs. 3 aprile 2006, n. 152 e DM 8 aprile 2008 e ss. mm. e ii.

Provincia di Salerno. (Art. 183, comma 1, lettera mm), del D. Lgs. 3 aprile 2006, n. 152 e DM 8 aprile 2008 e ss. mm. e ii. COMUNE DI CAGGIANO Provincia di Salerno Regolamento sulla gestione del Centro di raccolta Comunale dei rifiuti urbani differenziati per frazioni omogenee (approvato con delibera di C.C. n.02 del 03/04/2012)

Dettagli

LINEE GUIDA DEL SERVIZIO PUBBLICO DI GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI E ASSIMILABILI

LINEE GUIDA DEL SERVIZIO PUBBLICO DI GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI E ASSIMILABILI Comune di Arcola PROVINCIA DELLA SPEZIA RACCOGLI, DIFFERENZIA, RICICLA 1 LINEE GUIDA DEL SERVIZIO PUBBLICO DI GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI E ASSIMILABILI PREMESSA AVVIO DEL SISTEMA DI RACCOLTA PORTA A

Dettagli

I cassonetti da utilizzare sono quelli di colore marrone

I cassonetti da utilizzare sono quelli di colore marrone SI' SCARTI DI CUCINA FREDDI, FONDI DI CAFFE', FILTRI DEL TE' ALIMENTI AVARIATI SENZA CONFEZIONE AVANZI ALIMENTARI, GUSCI D'UOVO SCARTI DI FRUTTA E VERDURA SCARTI DI PIANTE O FIORI D'APPARTAMENTO TOVAGLIOLINI

Dettagli

ALLEGATO TECNICO IMBALLAGGI DI LEGNO (ACCORDO ANCI - RILEGNO)

ALLEGATO TECNICO IMBALLAGGI DI LEGNO (ACCORDO ANCI - RILEGNO) ALLEGATO TECNICO IMBALLAGGI DI LEGNO (ACCORDO ANCI - RILEGNO) 1. OGGETTO DELL'ALLEGATO L allegato si riferisce ai rifiuti di imballaggio di legno di provenienza domestica o comunque conferiti al gestore

Dettagli

COMUNE DI SALTRIO COMUNE DI VIGGIÙ COMUNE DI CLIVIO

COMUNE DI SALTRIO COMUNE DI VIGGIÙ COMUNE DI CLIVIO COMUNE DI SALTRIO COMUNE DI VIGGIÙ COMUNE DI CLIVIO STAZIONE APPALTANTE: COMUNE DI VIGGIÙ (VA) CENTRALE DI COMMITTENZA 21050 Via Roma 10 C.F. e P. I.V.A. 00560200123 Tel.0332.486106 / fax 0332.488861 PEC:

Dettagli

Benchmark delle tariffe degli impianti di trattamento e smaltimento dei rifiuti solidi urbani in Italia. Amedeo Levorato Ente di Bacino Padova 2

Benchmark delle tariffe degli impianti di trattamento e smaltimento dei rifiuti solidi urbani in Italia. Amedeo Levorato Ente di Bacino Padova 2 Benchmark delle tariffe degli impianti di trattamento e smaltimento dei rifiuti solidi urbani in Italia Amedeo Levorato Ente di Bacino Padova 2 SEP 2010 Gestione del ciclo integrato dei rifiuti 23 aprile

Dettagli

SERVIZIO DI IGIENE URBANA. Verso il Rifiuto Zero. FAQ (le domande più frequenti)

SERVIZIO DI IGIENE URBANA. Verso il Rifiuto Zero. FAQ (le domande più frequenti) SERVIZIO DI IGIENE URBANA Verso il Rifiuto Zero FAQ (le domande più frequenti) Cosa si intende per rifiuti organici? I rifiuti organici comprendono tutti gli scarti da cucina di origine biodegradabile,

Dettagli

COMUNE DI BAREGGIO PROVINCIA DI MILANO. Piano finanziario per la componente TARES relativa al servizio di gestione dei rifiuti urbani.

COMUNE DI BAREGGIO PROVINCIA DI MILANO. Piano finanziario per la componente TARES relativa al servizio di gestione dei rifiuti urbani. COMUNE DI BAREGGIO PROVINCIA DI MILANO Piano finanziario per la componente TARES relativa al servizio di gestione dei rifiuti urbani Anno 2013 (redatto ai sensi dell Art. 8 del DPR del 27 aprile 1999,

Dettagli

ELENCO PREZZI UNITARI

ELENCO PREZZI UNITARI Parco ord Milano via Clerici, 150-20099 Sesto San Giovanni - Mi el. 02/241016205 Fax. 02/241016228 e-mail amministrazione@cert.parconord.milano.it Appalto : CUP : SERVIZIO DI RASPORO - RECUPERO - SMALIMEO

Dettagli

Informazioni sulla raccolta differenziata dei rifiuti

Informazioni sulla raccolta differenziata dei rifiuti Piazza Ferrari, 24-24020 ROVETTA Tel. 0346/72004 Fax 0346/74238 email info@comune.rovetta.bg.it Informazioni sulla raccolta differenziata dei rifiuti La raccolta differenziata dei rifiuti è una buona pratica

Dettagli

Comune di Siziano dal 1 gennaio 2011

Comune di Siziano dal 1 gennaio 2011 Comune di Siziano I servizi Di raccolta dei rifiuti dal 1 gennaio 2011 Centro di raccolta Piazzola Ecologica Tutti i rifiuti, ad esclusione di quelli urbani e dell organico, la cui raccolta è prevista

Dettagli

COMUNE DI SICULIANA. Provincia di Agrigento

COMUNE DI SICULIANA. Provincia di Agrigento COMUNE DI SICULIANA Provincia di Agrigento REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI INCENTIVI ECONOMICI AGLI UTENTI PER I CONFERIMENTI PRESSO IL CENTRO COMUNALE DI RACCOLTA (CCR) INDICE Art. 1 DEFINIZIONE E FINALITA'

Dettagli

Allegato A. COMUNE DI BULGAROGRASSO Provincia di Como

Allegato A. COMUNE DI BULGAROGRASSO Provincia di Como Allegato A COMUNE DI BULGAROGRASSO Provincia di Como PIANO FINANZIARIO RELATIVO AL SERVIZIO DI GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI ANNO 2014 EX ART. 8 D.P.R. 27 APRILE 1999, N. 158 1 PREMESSA Il presente documento

Dettagli

PROVINCIA DI GENOVA DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE DIREZIONE AMBIENTE, AMBITI NATURALI E TRASPORTI SERVIZIO ACQUA E RIFIUTI

PROVINCIA DI GENOVA DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE DIREZIONE AMBIENTE, AMBITI NATURALI E TRASPORTI SERVIZIO ACQUA E RIFIUTI Determinazione n. 392 del agosto 204 PROVINCIA DI GENOVA DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE DIREZIONE AMBIENTE, AMBITI NATURALI E TRASPORTI SERVIZIO ACQUA E RIFIUTI Prot. Generale N. 0077266 / 204 Atto N. 392

Dettagli

14 febbraio 2005, n. 48-14764 Approvazione schede di acquisizioni dati in merito alle modalita di gestione dei rifiuti urbani e relativi costi

14 febbraio 2005, n. 48-14764 Approvazione schede di acquisizioni dati in merito alle modalita di gestione dei rifiuti urbani e relativi costi DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE 14 febbraio 2005, n. 48-14764 Approvazione schede di acquisizioni dati in merito alle modalita di gestione dei rifiuti urbani e relativi costi (B.U. n. 11 del 17 marzo

Dettagli

COMUNE DI CIVIDATE CAMUNO PROVINCIA DI BRESCIA

COMUNE DI CIVIDATE CAMUNO PROVINCIA DI BRESCIA V COMUNE DI CIVIDATE CAMUNO PROVINCIA DI BRESCIA REGOLAMENTO COMUNALE PER LO SVOLGIMENTO DEL SERVIZIO DI RACCOLTA DIFFERENZIATA DEI RIFIUTI SOLIDI URBANI E DEI RIFIUTI ASSIMILABILI SOMMARIO TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

2. I SISTEMI DI RACCOLTA DEI RIFIUTI URBANI

2. I SISTEMI DI RACCOLTA DEI RIFIUTI URBANI 2. I SISTEMI DI RACCOLTA DEI RIFIUTI URBANI 2.1. La raccolta secco-umido La raccolta separata della frazione organica è effettuata nel 92 dei comuni veneti e rappresenta una realtà oramai consolidata in

Dettagli

Regolamento Comunale di Gestione del Compostaggio Domestico

Regolamento Comunale di Gestione del Compostaggio Domestico Comune di La Maddalena Assessorato all Ambiente Regolamento Comunale di Gestione del Compostaggio Domestico dal compost nascono i fiori Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 78 del 23.12.2013

Dettagli

Approccio metodologico alla raccolta differenziata

Approccio metodologico alla raccolta differenziata Geol. MARCO REDINI COMUNE DI PISA Direzione Ambiente Emas Ing. Oscar Galli Vicepresidente GEOFOR Energy & the Town L integrazione dei sistemi di raccolta dei rifiuti su area vasta Pisana Articolazione

Dettagli

OFFERTA ECONOMICA PROCEDURA APERTA. il, nella sua qualità di Titolare /Legale Rappresentante, con

OFFERTA ECONOMICA PROCEDURA APERTA. il, nella sua qualità di Titolare /Legale Rappresentante, con Corso Repubblica n 12 09038 Serramanna CA Tel. 070 9139917 Fax 070 9139586 www.cisaconsorzio.it E-mail cisa.cisaconsorzio@gmail.com OFFERTA ECONOMICA PROCEDURA APERTA SERVIZIO DI RACCOLTA DIFFERENZIATA

Dettagli

Bollettino Ufficiale. Serie Ordinaria n. 13 - Mercoledì 27 marzo 2013

Bollettino Ufficiale. Serie Ordinaria n. 13 - Mercoledì 27 marzo 2013 15 D.d.s. 19 marzo 2013 - n. 2578 Modifica contenuti allegato A alla d.g.r. IX/2513 del 16 novembre 2011: Modalità, contenuti e tempistiche per la compilazione dell applicativo O.R.SO. (osservatorio rifiuti

Dettagli

Operazioni di recupero di cui all'art. 216 del D.Lgs. 152/06 e s.m.i. Comunicazione di inizio attività Sede operativa: Via Asti 75 - SANTENA

Operazioni di recupero di cui all'art. 216 del D.Lgs. 152/06 e s.m.i. Comunicazione di inizio attività Sede operativa: Via Asti 75 - SANTENA SERVIZIO PIANIFICAZIONE E GESTIONE RIFIUTI, BONIFICHE, SOSTENIBILITÀ AMBIENTALE www.provincia.torino.gov.it Protocollo n. 72845 /LB7/SA/SS Tit. 10 Cl. 5 Posizione n. 021644 Il n. di protocollo e il n.

Dettagli

DECRETO 13 febbraio 2014 Criteri ambientali minimi Affidamento del servizio di gestione dei rifiuti urbani

DECRETO 13 febbraio 2014 Criteri ambientali minimi Affidamento del servizio di gestione dei rifiuti urbani DECRETO 13 febbraio 2014 Criteri ambientali minimi Affidamento del servizio di gestione dei rifiuti urbani Torino, 14 aprile 2014 GIANLUCA CENCIA Direttore Federambiente Piano d azione per la sostenibilità

Dettagli

La raccolta della frazione organica domestica a Milano

La raccolta della frazione organica domestica a Milano La raccolta della frazione organica domestica a Milano Milano, 7 novembre 2013 Ecomondo - Rimini Paola PETRONE Overview Gruppo A2A Portafoglio attività svolte ENERGIA CALORE AMBIENTE RETI Approvvigionamento

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E L USO DELLA PIATTAFORMA PER LA RACCOLTA DIFFERENZIATA DEI RIFIUTI URBANI

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E L USO DELLA PIATTAFORMA PER LA RACCOLTA DIFFERENZIATA DEI RIFIUTI URBANI COMUNE DI MOTTA VISCONTI PROVINCIA DI MILANO Piazza San Rocco 9/a 20186 MOTTA VISCONTI REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E L USO DELLA PIATTAFORMA PER LA RACCOLTA DIFFERENZIATA DEI RIFIUTI URBANI (PIATTAFORMA

Dettagli

Documento scaricato da www.gestione-rifiuti.it

Documento scaricato da www.gestione-rifiuti.it DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE 23 dicembre 2003, n. 48-11386 Modifica della scheda di rilevamento dei dati di produzione dei rifiuti urbani di cui alla D.G.R. 17-2876 del 2 maggio 2001 (B.U. n. 5

Dettagli

CITTA DI AFRAGOLA Provincia di Napoli Settore AA.TT.OO.PP Servizio Ambiente e Igiene Urbana

CITTA DI AFRAGOLA Provincia di Napoli Settore AA.TT.OO.PP Servizio Ambiente e Igiene Urbana 1di6 CITTA DI AFRAGOLA Provincia di Napoli Settore AA.TT.OO.PP Servizio Ambiente e Igiene Urbana OGGETTO : Relazione Tecnica Descrittiva ex art. 279 Lettera a) D.P.R. n. 207/2010 Regolare Esecuzione CCP

Dettagli

RACCOLTA PORTA A PORTA

RACCOLTA PORTA A PORTA Comune di Mirandola RACCOLTA PORTA A PORTA Per le famiglie, in centro storico Le categorie di rifiuti raccolti attraverso la modalità porta a porta sono tre: Rifiuti organici, carta e cartone, rifiuti

Dettagli

Stato e prospettive dei sistemi di raccolta differenziata per raggiungere gli obiettivi previsti dalla direttiva 98/2008.

Stato e prospettive dei sistemi di raccolta differenziata per raggiungere gli obiettivi previsti dalla direttiva 98/2008. Seminario Quali obiettivi e come calcolarli: stato dell arte e prospettive della raccolta differenziata alla luce del prossimo recepimento della direttiva europea 98/2008 Ecomondo 2010 mercoledì Fiera

Dettagli

Comune di Marigliano Provincia di Napoli

Comune di Marigliano Provincia di Napoli Comune di Marigliano Provincia di Napoli REGOLAMENTO GESTIONE RIFIUTI RACCOLTA DIFFERENZIATA Approvato con delibera del Commissario Straordinario n.58 del 25.09.97 Art. 1 Campo di applicazione Il presente

Dettagli

I COMUNI RICICLONI DELL'EMILIA ROMAGNA

I COMUNI RICICLONI DELL'EMILIA ROMAGNA I COMUNI RICICLONI DELL'EMILIA ROMAGNA MONITORAGGIO SULLA CORRETTA GESTIONE DEI RIFIUTI E SULLA RACCOLTA DIFFERENZIATA DESTINATA AL RICICLAGGIO Per poter premiare le situazioni più virtuose nella gestione

Dettagli

COMUNE DI OSTRA ASSESSORATO ALL AMBIENTE

COMUNE DI OSTRA ASSESSORATO ALL AMBIENTE COMUNE DI OSTRA ASSESSORATO ALL AMBIENTE Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 7 del 27/04/2012. INDICE Art. 1 Riferimenti Normativi Art. 2 Principi e finalità Art. 3 Campi di applicazione

Dettagli

LA RACCOLTA DIFFERENZIATA DEI RIFIUTI DI IMBALLAGGI IN PLASTICA. Accordo Quadro Anci-Conai 2009-2013

LA RACCOLTA DIFFERENZIATA DEI RIFIUTI DI IMBALLAGGI IN PLASTICA. Accordo Quadro Anci-Conai 2009-2013 LA RACCOLTA DIFFERENZIATA DEI RIFIUTI DI IMBALLAGGI IN PLASTICA Accordo Quadro Anci-Conai 2009-2013 BENI IN PLASTICA RACCOLTI (K ton) 11 % Incremento 7 6 4 % % % PROCAPITE REGIONALE 2011 (Kg/Ab*Anno) ACCORDO

Dettagli

EVOLUZIONE DELLA RACCOLTA DIFFERENZIATA NEL CENTRO DI PADOVA

EVOLUZIONE DELLA RACCOLTA DIFFERENZIATA NEL CENTRO DI PADOVA ZONA VERDE EVOLUZIONE DELLA RACCOLTA DIFFERENZIATA NEL CENTRO DI PADOVA I cambiamenti di orari e modalità di conferimento per un servizio ancora più puntuale ed efficiente. Per un centro cittadino ancora

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO COMUNALE DI RACCOLTA E DI ELIMINAZIONE DEI RIFIUTI

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO COMUNALE DI RACCOLTA E DI ELIMINAZIONE DEI RIFIUTI 1 REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO COMUNALE DI RACCOLTA E DI ELIMINAZIONE DEI RIFIUTI 1. PRESCRIZIONI GENERALI 1 Base legale * Questo Regolamento ha la sua base legale nella legislazione seguente: - Legge federale

Dettagli

DESCRIZIONE RIFIUTO SUL TOTEM. PUNTI Al Kg

DESCRIZIONE RIFIUTO SUL TOTEM. PUNTI Al Kg TABELLA A Allegato A Prog. TIPOLOGIA RIFIUTO CODICE CER DESCRIZIONE CER Limit. CDR : limitazione della tipologia di rifiuti conferibili al Centro di Raccolta rispetto alla tipologia descritta dal Codice

Dettagli

Rapporto sulla produzione di RIFIUTI SOLIDI URBANI e sull andamento delle RACCOLTE DIFFERENZIATE

Rapporto sulla produzione di RIFIUTI SOLIDI URBANI e sull andamento delle RACCOLTE DIFFERENZIATE Provincia di Bergamo SERVIZIO AMBIENTE - OSSERVATORIO PROVINCIALE RIFIUTI Rapporto sulla produzione di RIFIUTI SOLIDI URBANI e sull andamento delle RACCOLTE DIFFERENZIATE anno 2004 Produzione Rifiuti e

Dettagli

Costo./ton Smaltimento Selezione Ritiro. Corrispettivo./ton DESCRIZIONE

Costo./ton Smaltimento Selezione Ritiro. Corrispettivo./ton DESCRIZIONE Costo 20 RIFIUTI URBANI (RIFIUTI DOMESTICI E ASSIMILABILI PRODOTTI DA ATTIVITÀ COMMERCIALI E INDUSTRIALI NONCHÉ DALLE ISTITUZIONI) INCLUSI I RIFIUTI DELLA RACCOLTA DIFFERENZIATA 20 01 frazioni oggetto

Dettagli

Produzione e gestione dei rifiuti nel Veneto. Rapporto 2008-2009

Produzione e gestione dei rifiuti nel Veneto. Rapporto 2008-2009 Produzione e gestione dei rifiuti nel Veneto. Rapporto 28-29 Osservatorio Regionale Rifiuti ARPAV - Dipartimento provinciale di Treviso Parte prima RIFIUTI URBANI 1. Produzione e raccolta differenziata

Dettagli

COMUNE DI OZZERO PROVINCIA DI MILANO. DELIBERAZIONE N. 28 in data 09.10.2013 Soggetta invio capogruppo VERBALE DI DELIBERAZIONE

COMUNE DI OZZERO PROVINCIA DI MILANO. DELIBERAZIONE N. 28 in data 09.10.2013 Soggetta invio capogruppo VERBALE DI DELIBERAZIONE C O P I A COMUNE DI OZZERO PROVINCIA DI MILANO Codice Ente 10081 Protocollo N. DELIBERAZIONE N. 28 in data 09.10. Soggetta invio capogruppo VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE ADUNANZA STRAORDINARIADI

Dettagli

ELABORATO 3 INTERVENTI NECESSARI, INVESTIMENTI E RISORSE FINAZIARIE

ELABORATO 3 INTERVENTI NECESSARI, INVESTIMENTI E RISORSE FINAZIARIE 2 ELABORATO 3 INTERVENTI NECESSARI, INVESTIMENTI E RISORSE FINAZIARIE Sommario 3.1 PREMESSA... 3 3.2 VEICOLI ATTREZZATI E CONTENITORI... 5 3.3 ADEGUAMENTO IMPIANTO INCENERIMENTO CON RECUPERO ENERGETICO...

Dettagli

COMUNE DI VENIANO COMUNE DI LURAGO MARINONE REGOLAMENTO CENTRO DI RACCOLTA DIFFERENZIATA DEI RIFIUTI

COMUNE DI VENIANO COMUNE DI LURAGO MARINONE REGOLAMENTO CENTRO DI RACCOLTA DIFFERENZIATA DEI RIFIUTI COMUNE DI VENIANO COMUNE DI LURAGO MARINONE REGOLAMENTO CENTRO DI RACCOLTA DIFFERENZIATA DEI RIFIUTI INDICE Premessa...pag. 2 Finalità...pag. 2 Definizioni...pag. 2 art. 1 - Localizzazione e gestione del

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEI RIFIUTI NELLA PIATTAFORMA SOVRACOMUNALE LOCALITA CAVONA

REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEI RIFIUTI NELLA PIATTAFORMA SOVRACOMUNALE LOCALITA CAVONA REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEI RIFIUTI NELLA PIATTAFORMA SOVRACOMUNALE LOCALITA CAVONA Art.1 Campo di applicazione Il presente regolamento disciplina le modalità di conferimento dei rifiuti presso

Dettagli

Computo metrico estimativo

Computo metrico estimativo Gestione integrata dei rifiuti urbani nei Comuni di Boffalora d Adda, Crespiatica, Corte Palasio e Abbadia Cerreto (Unione di Comuni Lombarda Oltre Adda Lodigiano) Computo metrico estimativo Analisi delle

Dettagli

GUIDA E CALENDARIO DI RACCOLTA DIFFERENZIATA

GUIDA E CALENDARIO DI RACCOLTA DIFFERENZIATA Comune di Montemarciano GUIDA E CALENDARIO DI RACCOLTA DIFFERENZIATA 2015 Valido dal 01.02.2015 al 31.05.2015 LE MODALITÀ DI RACCOLTA LUNEDÌ MARTEDÌ MERCOLEDÌ GIOVEDÌ VENERDÌ SABATO Frazione organica Da

Dettagli

ELENCO PREZZI UNITARI

ELENCO PREZZI UNITARI Appalto servizi di igiene urbana ELENCO PREZZI UNITARI COMUNE DI TRIUGGIO Appendice A al capitolato A) MANO D OPERA Art. 1 Art. 2 Art. 3 Art. 4 Art. 5 Art. 6 Operaio specializzato 4 Liv. Autista Operaio

Dettagli

Ai fini della presente relazione gli Uffici hanno esaminato:

Ai fini della presente relazione gli Uffici hanno esaminato: Relazione esplicativa per la determinazione della tariffa massima di accesso all impianto di selezione meccanica e compostaggio ubicato in Colfelice di proprietà della SAF S.p.A. prevista dall art. 29

Dettagli

Produzione Rifiuti e Raccolta Differenziata Anno 2011 INDICE. Parte I - La situazione a livello provinciale

Produzione Rifiuti e Raccolta Differenziata Anno 2011 INDICE. Parte I - La situazione a livello provinciale Produzione Rifiuti e Raccolta Differenziata 2011 INDICE Glossario dei termini utilizzati Pag. 2 Nota sulla raccolta dei dati Pag. 4 Parte I - La situazione a livello provinciale Sintesi dei dati sulla

Dettagli

Raccolta, Riciclo e Recupero di carta e cartone a Roma. Consorzio Nazionale Recupero e Riciclo degli Imballaggi a base Cellulosica

Raccolta, Riciclo e Recupero di carta e cartone a Roma. Consorzio Nazionale Recupero e Riciclo degli Imballaggi a base Cellulosica Raccolta, Riciclo e Recupero di carta e cartone a Roma Consorzio Nazionale Recupero e Riciclo degli Imballaggi a base Cellulosica Banca Dati Comieco Rapporto Roma 2003 INDICE 1. La raccolta differenziata

Dettagli

PROVINCIA DI SONDRIO COMUNE DI DUBINO REGOLAMENTO CENTRO COMUNALE DI RACCOLTA DIFFERENZIATA

PROVINCIA DI SONDRIO COMUNE DI DUBINO REGOLAMENTO CENTRO COMUNALE DI RACCOLTA DIFFERENZIATA PROVINCIA DI SONDRIO COMUNE DI DUBINO REGOLAMENTO CENTRO COMUNALE DI RACCOLTA DIFFERENZIATA (Norme di utilizzo, modalità di conferimento e criteri per la Raccolta differenziata) Approvato con deliberazione

Dettagli

DIFFERENZIATI insieme a noi!

DIFFERENZIATI insieme a noi! CONSORZIO DEI COMUNI DEI NAVIGLI DIFFERENZIATI insieme a noi! Felici di vivere qui! ZONA calendario raccolta differenziata porta a porta 0 Comune di Albairate Comune di Cassinetta di Lugagnano Comune di

Dettagli

DELIBERAZIONE N. 48/28 DEL 2.12.2014. Atto di indirizzo per lo smaltimento in discarica di secco residuo non trattato.

DELIBERAZIONE N. 48/28 DEL 2.12.2014. Atto di indirizzo per lo smaltimento in discarica di secco residuo non trattato. Oggetto: Atto di indirizzo per lo smaltimento in discarica di secco residuo non trattato. L'Assessore della Difesa dell'ambiente rappresenta che con la Delib.G.R. n. 48/20 del 2.12.2014 recante Atto di

Dettagli

Progetti della Provincia di Torino. pannolini lavabili per bambini. Ciriè 21 gennaio 2010

Progetti della Provincia di Torino. pannolini lavabili per bambini. Ciriè 21 gennaio 2010 Progetti della Provincia di Torino sulla riduzione i dei rifiuti: strategia t generale e promozione dell uso di pannolini lavabili per bambini Ciriè 21 gennaio 2010 Il territorio della provincia di Torino

Dettagli

Descrizione rifiuto Codice CER Deposito max istantaneo (mc.) 070501* 070703* 2 m 3 (deposito) 160506*

Descrizione rifiuto Codice CER Deposito max istantaneo (mc.) 070501* 070703* 2 m 3 (deposito) 160506* Descrizione rifiuto Codice CER Rifiuti liquidi pericolosi soluzioni acquose di lavaggio ed acque madri - Acque 070501* di lavaggio di laboratorio solventi organici alogenati, soluzioni di lavaggio ed 070703*

Dettagli

ALLEGATOA alla Dgr n. 288 del 11 marzo 2014

ALLEGATOA alla Dgr n. 288 del 11 marzo 2014 giunta regionale 9^ legislatura ALLEGATOA alla Dgr n. 288 del 11 marzo 2014 CERTIFICAZIONE DELLA PERCENTUALE DI RACCOLTA DIFFERENZIATA DEI RIFIUTI URBANI AI SENSI DELL ART. 39 DELLA L. R. 3/2000 1. Premessa

Dettagli

BUREAU VERITAS ITALIA SPA Divisione Certificazione

BUREAU VERITAS ITALIA SPA Divisione Certificazione BUREAU VERITAS ITALIA SPA Divisione Certificazione Gianluca CARUSO Segreteria tecnico/commerciale Valutatore qualità e ambiente gianluca.caruso@it.bureauveritas.com Progetto pilota Poggio Renatico: Il

Dettagli

Protocollo n. 11178/LB7/SA/PC Tit. 10 Cl. 5 Posizione n. 011884 Il n. di protocollo e il n. di posizione devono essere citati nella risposta

Protocollo n. 11178/LB7/SA/PC Tit. 10 Cl. 5 Posizione n. 011884 Il n. di protocollo e il n. di posizione devono essere citati nella risposta Protocollo n. 11178/LB7/SA/PC Tit. 10 Cl. 5 Posizione n. 011884 Il n. di protocollo e il n. di posizione devono essere citati nella risposta Torino, 26 Gennaio 2015 Spett.le METALFER Srl Via Pisa 9/11

Dettagli

COMUNE DI S. STINO DI LIVENZA

COMUNE DI S. STINO DI LIVENZA COMUNE DI S. STINO DI LIVENZA Allegato A) alla deliberazione di C.C. n.11 del 25.05.2015 REGOLAMENTO PER LA CONDUZIONE DEL CENTRO DI RACCOLTA COMUNALE DEL CAPOLUOGO ART. 1 FINALITA Il Comune di Santo Stino

Dettagli

OBIETTIVO 65% DI RACCOLTA DIFFERENZIATA GUIDA PRATICA AI SERVIZI UTENZE DOMESTICHE

OBIETTIVO 65% DI RACCOLTA DIFFERENZIATA GUIDA PRATICA AI SERVIZI UTENZE DOMESTICHE OBIETTIVO 65% DI RACCOLTA DIFFERENZIATA GUIDA PRATICA AI SERVIZI DI RACCOLTA DIFFERENZIATA UTENZE DOMESTICHE Il perchè del cambiamento I Comuni di Cicagna, Coreglia Ligure e Orero, stanno lavorando da

Dettagli

La Raccolta Differenziata nel comune di Firenze

La Raccolta Differenziata nel comune di Firenze Incontro Tecnico La Raccolta Differenziata nel comune di Firenze Firenze, 28 Novembre 2008 Ing. Domenico Scamardella Quadrifoglio SpA Direzione Pianificazione e Gestione Servizi 1 Il viaggio dei rifiuti

Dettagli

Produzione di rifiuti

Produzione di rifiuti Dove lo metto? Produzione di rifiuti Europa 550 kg/abitante/anno RSU Italia 533 kg/abitante/anno RSU 2004 Aumento fino al 90 poi riduzione Produzione attuale: 1,5 kg/persona/giorno (537 kg/abitante/ anno)

Dettagli

ELENCO CODICI RIFIUTI AUTORIZZATI

ELENCO CODICI RIFIUTI AUTORIZZATI C.E.R. DESCRIZIONE RIFIUTO ELENCO CODICI RIFIUTI AUTORIZZATI 02 01 08* rifiuti agrochimici contenenti sostanze pericolose 02 01 09 rifiuti agrochimici diversi da quelli della voce 02 01 08 02 02 04 fanghi

Dettagli

CHIVASSO 20 febbraio 2014

CHIVASSO 20 febbraio 2014 CHIVASSO 20 febbraio 2014 1 Il metodo SMC vuole realizzare il sogno rifiuti zero con il progetto WastEnd, l officina del futuro. Pensare un parco del riciclo significa valutare soluzioni, fare analisi

Dettagli

Raccolta differenziata (RD) per materiale

Raccolta differenziata (RD) per materiale Raccolta differenziata (RD) per materiale I servizi di raccolta differenziata sono effettuati con il sistema porta a porta con: - frequenza di raccolta settimanale di carta, cartone; - frequenza di raccolta

Dettagli

La Raccolta Differenziata in Italia. Rosanna Laraia

La Raccolta Differenziata in Italia. Rosanna Laraia La Raccolta Differenziata in Italia Rosanna Laraia Andamento della produzione RU, anni 2001-2013 34.000 32.000 29.408,9 29.594,7 29.863,7 30.03,8 29.93,5 31.150,0 31.386,2 31.63,0 32.510,5 32.541,8 32.467,2

Dettagli

Acque cabine Sospensioni acquose conetnenti pitture e vernici, diverse da verniciatura quelle di cui alla voce 080119

Acque cabine Sospensioni acquose conetnenti pitture e vernici, diverse da verniciatura quelle di cui alla voce 080119 CER Nome comune Nome ufficiale 120109* Acqua e olio Emulsioni e soluzioni per macchinari non contenenti alogeni 80120 Acque cabine Sospensioni acquose conetnenti pitture e vernici, diverse da verniciatura

Dettagli

REGOLAMENTO Ecocentro Comune di Marcon INDICE

REGOLAMENTO Ecocentro Comune di Marcon INDICE Re Regolamento Ecocentro Marcon Via Praello INDICE 1 Premessa 3 2 Scopo 3 3 Campo di Applicazione 3 4 Responsabilità 3 5 Rifiuti conferibili da utenze domestiche 4 6 Orario di apertura 8 7 Accesso all

Dettagli

COMUNE DI SUSA REGOLAMENTO COMUNALE DI GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI

COMUNE DI SUSA REGOLAMENTO COMUNALE DI GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI COMUNE DI SUSA REGOLAMENTO COMUNALE DI GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI SOMMARIO CAPO 1 DISPOSIZIONI GENERALI... 4 ART. 1 OGGETTO DEL REGOLAMENTO... 4 ART. 2 FINALITÀ... 4 ART. 3 NORME DI RINVIO... 5 ART. 4

Dettagli

Raccolta differenziata Porta a Porta. Istruzioni per l uso. INFO POINT CORSO GARIBALDI, 53 Aperto dal lunedì a Venerdì dalle ore 9:00 alle 0re 12:00

Raccolta differenziata Porta a Porta. Istruzioni per l uso. INFO POINT CORSO GARIBALDI, 53 Aperto dal lunedì a Venerdì dalle ore 9:00 alle 0re 12:00 INFO POINT CORSO GARIBALDI, 53 Aperto dal lunedì a Venerdì dalle ore 9:00 alle 0re 12:00 Telefono: 098138488 Raccolta differenziata Porta a Porta Sito Internet: www.comune.castrovillari.cs.it E-mail: ambiente@comune.castrovillari.cs.it

Dettagli

FACCIAMO LA DIFFERENZA

FACCIAMO LA DIFFERENZA COMUNE DI STELLA FACCIAMO LA DIFFERENZA Per tutte le informazioni inerenti il nuovo servizio di raccolta differenziata contattare il NUMERO VERDE 800.23.71.22 (da Lunedì a Venerdì 8.30-12.30) o scrivere

Dettagli

PIANO FINANZIARIO 2008 - PASSIRANO

PIANO FINANZIARIO 2008 - PASSIRANO Allegato alla delibera di GC n. 18 del 30.01.2008 PIANO FINANZIARIO 2008 - PASSIRANO L elaborazione del Piano Finanziario 2008 è stata eseguita prendendo a base i seguenti elementi: Dati quantitativi dei

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEI CONFERIMENTI AL CENTRO DI RACCOLTA COMUNALE DEI RIFIUTI

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEI CONFERIMENTI AL CENTRO DI RACCOLTA COMUNALE DEI RIFIUTI REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEI CONFERIMENTI AL CENTRO DI RACCOLTA COMUNALE DEI RIFIUTI Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 22 del 28/11/2011 INDICE DEL REGOLAMENTO Titolo 1 -

Dettagli

Pratiche e progetti sostenibili nella gestione degli scarti dell industria alimentare

Pratiche e progetti sostenibili nella gestione degli scarti dell industria alimentare Pratiche e progetti sostenibili nella gestione degli scarti dell industria alimentare Sostenibilità, tradizione e innovazione nel futuro della nutrizione Autogrill.10 17 Settembre 2015 INDICE Pratiche

Dettagli

CAPITOLO 1 CONTESTO EUROPEO CAPITOLO 2 PRODUZIONE E RACCOLTA DIFFERENZIATA DEI RIFIUTI URBANI

CAPITOLO 1 CONTESTO EUROPEO CAPITOLO 2 PRODUZIONE E RACCOLTA DIFFERENZIATA DEI RIFIUTI URBANI Il presente Rapporto è stato elaborato dal Servizio Rifiuti, dell Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale (ISPRA). Il Rapporto conferma l impegno dell ISPRA affinché le informazioni

Dettagli