MODALITÀ DI TENUTA DEI LIBRI E DEI REGISTRI CONTABILI

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "MODALITÀ DI TENUTA DEI LIBRI E DEI REGISTRI CONTABILI"

Transcript

1 MODALITÀ DI TENUTA DEI LIBRI E DEI REGISTRI CONTABILI OBBLIGATORI. APPROFONDIMENTI Sommario: 1. Premessa 2. Quadro normativo attuale 3. Numerazione dei libri e dei registri contabili 4. Tassa sulle concessioni governative ed imposta di bollo 5. Sanzioni 6. Prospetto riassuntivo 7. Efficacia probatoria delle scritture contabili. 1. PREMESSA Negli ultimi anni si è avuta una notevole attività di semplificazione per quanto attiene la tenuta dei libri e dei registri contabili obbligatori. Va detto che l iter era già iniziato circa dieci anni fa con il D.L. 10 giugno 1994 n. 357, convertito dalla L. 8 agosto 1994 n. 489, che aveva soppresso l obbligo di vidimazione annuale. E tuttavia con l art. 8 L. 18 ottobre 2001 n. 383 (primi interventi per il rilancio dell economia, meglio conosciuta come Legge dei cento giorni), entrato in vigore a partire dal 25 ottobre 2001, che sono state introdotte le modifiche più importanti in tema di semplificazione, in modo particolare mediante la soppressione dell obbligo di bollatura e vidimazione di alcuni libri contabili obbligatori. Le disposizioni normative oggetto di modifica sono state le seguenti: - l art c.c. (modalità di tenuta delle scritture contabili); - l art. 39 D.P.R. 26 ottobre 1972 n. 633 (tenuta e conservazione dei registri e dei documenti); - l art. 22, comma 1, D.P.R. 29 settembre 1973 n. 600 (tenuta e conservazione delle scritture contabili); - l art. 16 della Tariffa, parte prima, annessa al D.P.R. 26 ottobre 1972 n. 642 (atti e scritti soggetti all imposta di bollo fin dall origine. Libri e registri). La semplificazione è stata particolarmente rilevante ed è stata accolta favorevolmente da tutti gli operatori del settore, anche se, almeno inizialmente, ha destato qualche perplessità. E per questo motivo che, nel corso degli anni, si sono avuti numerosi interventi dell Agenzia delle Entrate per porre chiarezza ai vari dubbi interpretativi manifestatisi dopo la riforma. Si è iniziato con la circ. 22 ottobre 2001 n. 92/E (Soppressione e semplificazione di adempimenti a carico del contribuente), per proseguire con la circ. 11 dicembre 2001 n. 104/E (obbligo di numerazione e vidimazione del registro di carico e scarico dei rifiuti), con la circ. 30 gennaio 2002 n.9/e (Risposte a quesiti), con la risol. 12 marzo 2002 n. 85/E (Numerazione dei libri contabili e modalità di assolvimento dell imposta di bollo), con la circ. 1 agosto 2002 n. 64/E (Numerazione dei registri contabili e modalità di assolvimento dell imposta di bollo), con la risol. 22 gennaio 2003 n. 9/E (Numerazione dei registri contabili). 2. QUADRO NORMATIVO ATTUALE L art. 2215, comma 2, c.c., stabilisce che il libro giornale e il libro degli inventari devono essere numerati progressivamente e non sono soggetti a bollatura né a vidimazione. A conferma, quindi, di quanto accennato in premessa, dopo la soppressione dell obbligo di vidimazione annuale, per il libro giornale e il libro degli inventari, a partire dal 25 ottobre 2001, è stata disposta la soppressione anche dell obbligo di bollatura. Da chiarire che il termine bollatura nulla ha a che fare con l imposta di bollo che rimane dovuta. La bollatura è soltanto il timbro che viene apposto, dai Notai o dagli Uffici, sui libri contabili, prima di essere messi in uso. Pertanto, allo stato attuale, il libro giornale e il libro degli inventari sono: - numerati progressivamente; - soggetti ad imposta di bollo; - a bollatura ed a vidimazione. Nessuna semplificazione, invece, per gli altri libri sociali obbligatori previsti dall art c.c. Si tratta del libro dei soci, del libro delle obbligazioni, del libro delle adunanze e delle deliberazioni delle 1

2 assemblee, del libro delle adunanze e delle deliberazioni del consiglio di amministrazione, del libro delle adunanze e delle deliberazioni del collegio sindacale, del libro delle adunanze e delle deliberazioni del comitato esecutivo, del libro delle adunanze e delle deliberazioni delle assemblee degli obbligazionisti, del libro degli strumenti finanziari. Questi libri sono: - numerati progressivamente; - soggetti ad imposta di bollo; - soggetti a bollatura ed a vidimazione iniziale. Anche la normativa fiscale, al pari di quella civilistica, ha tratto i propri vantaggi dalla semplificazione. A seguito, infatti, delle modifiche apportate all art. 39 D.P.R. n. 633 del 1972, e all art. 22, comma 1 D.P.R. n. 600 del 1973, relativi alla tenuta e conservazione di scritture contabili in materia rispettivamente di IVA e di imposte sui redditi, tutti i registri di seguito elencati non sono più soggetti all obbligo di bollatura. Non essendo inoltre gli stessi soggetti ad imposta di bollo, si deve ritenere che siano regolarmente tenuti soltanto se numerati progressivamente in ogni pagina. Si tratta di: - registro IVA delle fatture emesse; - registro IVA degli onorari; - registro IVA dei corrispettivi; - registro IVA degli acquisti; - registro cronologico delle movimentazioni finanziarie; - registro degli incassi e dei pagamenti dei professionisti; - registro dei beni ammortizzabili; - altri libri e/o registri tenuti ai fini dell IVA o delle imposte sui redditi. Va precisato che continuano ad essere assoggettati alla vidimazione ed alla bollatura, tutti quei libri o registri per i quali tale obbligo è previsto da una norma speciale. Come affermato, infatti, nella circ. 11 dicembre 2001 n. 104/E, il registro di carico e scarico dei rifiuti, previsto dalla speciale disciplina del settore rifiuti, così come ogni altro registro non di tipo contabile per il quale una legge speciale preveda la bollatura a cura del soppresso Ufficio del Registro, non è interessato dalle innovazioni introdotte dall art. 8 della citata L. n. 383 del NUMERAZIONE DEI LIBRI E DEI REGISTRI CONTABILI Una volta eliminato l obbligo di bollatura e vidimazione iniziale, sia per il libro giornale e il libro degli inventari, sia per i registri previsti da norme tributarie, l unica incombenza rimasta è quella della numerazione progressiva. La circ. 22 ottobre 2001 n. 92/E, è intervenuta sull argomento fissando alcuni punti che hanno chiarito i primissimi dubbi post riforma. In particolare: - la numerazione delle pagine viene eseguita direttamente dal soggetto che è obbligato alla tenuta delle scritture contabili, senza più ricorrere al notaio o agli uffici; - il soggetto obbligato alla tenuta delle scritture contabili attribuisce il numero progressivo a ciascuna pagina prima dell utilizzo della stessa, senza più ricorrere alla numerazione preventiva per blocchi di pagine; - per i libri ed i registri contabili per i quali la bollatura rimane obbligatoria, e per quelli per i quali la si sceglie facoltativamente, sono competenti i notai oppure l ufficio del registro delle imprese. Sono quindi definitivamente cessate le competenze degli uffici delle entrate in materia di numerazione e bollatura dei registri contabili. Non è comunque bastata un unica circolare per chiarire definitivamente le problematiche relative alle modalità di numerazione. L Agenzia delle Entrate è intervenuta successivamente con la risol. 12 marzo 2002 n. 85/E, e con la circ. 1 agosto 2002 n. 64/E. E stato stabilito che: - la numerazione deve essere progressiva per anno; - l anno della numerazione è quello cui si riferisce la contabilità e non quello in cui viene eseguita la stampa; - per il libro degli inventari, qualora le annotazioni occupino un numero esiguo di pagine per ciascuna annualità, può essere omessa l indicazione dell anno. Un esempio per meglio chiarire quanto detto. Supponendo di dover stampare, nel corso del 2005, la contabilità relativa all anno 2004, la numerazione delle pagine sarà la seguente: 2004/1, 2004/2, 2

3 2004/3, ecc.; quando si passerà poi a stampare le annotazioni relative all anno 2005, si ricomincerà con la seguente numerazione: 2005/1, 2005/2, 2005/3, ecc. La numerazione, inoltre, potrà essere stampata sulle pagine contestualmente alla stampa delle registrazioni contabili, senza l obbligo di dover predisporre, antecedentemente alla stampa, un blocco di pagine già numerate. Naturalmente nulla vieta la preventiva numerazione di un numero elevato di pagine in una sola volta, tuttavia, va detto, che le pagine non utilizzate nel corso dell anno di riferimento, saranno poi inutilizzabili. Due casi, infine, sottoposti all Agenzia delle Entrate e trattati con la risol. 22 gennaio 2003 n. 9/E. Il primo riguarda le scritture di assestamento e rettifica, ossia quelle annotazioni che servono per elaborare il bilancio di esercizio e che vengono predisposte solitamente nei primi mesi dell anno successivo. Attenendosi alla norma, si contravverrebbe al principio della progressività della numerazione, infatti, tali scritture, sarebbero stampate sul libro giornale, dopo un blocco di pagine precedute dal prefisso del nuovo anno, perché contenenti scritture relative ai primi mesi del nuovo esercizio. L Agenzia delle Entrate è intervenuta stabilendo che le suddette scritture, se annotate a libro giornale nell esercizio successivo a quello di riferimento, prenderanno il numero progressivo dell esercizio in cui sono annotate e la data della loro effettiva rilevazione, avendo cura di specificare, ovviamente, che trattasi di registrazione riferita alla data di chiusura dell esercizio precedente. Il secondo, invece, riguarda le società aventi l esercizio non coincidente con l anno solare, per esempio inizio esercizio il 1 luglio e fine esercizio il 30 giugno dell anno successivo. Per queste società, la suddetta risoluzione ha chiarito che, in fase di stampa, si indicherà nella numerazione soltanto il primo dei due anni coinvolti. Supponendo, per esempio, di dover stampare la contabilità relativa all esercizio 1 luglio giugno 2004, si indicherà nella numerazione il solo anno 2003, anche per le scritture contabili relative al semestre 1 gennaio giugno Naturalmente, anche se non detto esplicitamente, tale soluzione va considerata valida, oltre che per il libro giornale, anche per il libro degli inventari. 4. TASSA SULLE CONCESSIONI GOVERNATIVE ED IMPOSTA DI BOLLO Ai fini della tassa sulle concessioni governative e dell imposta di bollo, sulla base di quanto previsto dall art. 23 della tariffa allegata al D.P.R. 26 ottobre 1972 n. 641, le società di capitali subiscono un trattamento differenziato rispetto agli altri soggetti passivi. Va detto che, per società di capitali, si intendono, in questo caso, soltanto le società per azioni, le società in accomandita per azioni e le società a responsabilità limitata. Vengono pertanto incluse tra gli altri soggetti passivi, oltre alle imprese individuali ed alle società di persone, anche le società cooperative, le società di mutua assicurazione, gli enti non economici, le società consortili a responsabilità limitata. Le società di capitali, sia per il libro giornale e il libro degli inventari, sia per gli altri libri sociali obbligatori di cui all art c.c., versano la tassa sulle concessioni governative in misura forfetaria, indipendentemente dal numero dei libri o registri tenuti e delle relative pagine. L importo ammonta ad euro 309,87 (oppure euro 516,46 se il capitale o il fondo di dotazione supera, al 1 gennaio, l importo di euro ,90) e viene versato entro il 16 marzo di ogni anno. Il versamento può essere effettuato presso le aziende di credito convenzionate, il concessionario della riscossione o gli uffici postali abilitati, mediante il modello F24, compilando la Sezione Erario ed utilizzando il codice tributo 7085 Tassa annuale vidimazione libri sociali. Soltanto per le società di nuova costituzione, il primo versamento deve essere fatto tramite c/c postale numero 6007 intestato a Ufficio del Registro di Roma Tasse Concessioni Governative (c/c postale numero per i versamenti di competenza della Regione Sicilia). Gli altri soggetti passivi sono invece esonerati dal versamento della tassa sulle concessioni governative, ma limitatamente al libro giornale ed al libro degli inventari. Per gli altri libri sociali obbligatori di cui all art c.c., la tassa è invece dovuta soltanto per quelli messi in uso ed è commisurata al numero delle pagine; l importo è pari infatti ad euro 51,65 per ogni 500 pagine o frazione di 500 per ciascun libro, e può essere versato tramite c/c postale numero 6007 intestato a Ufficio del Registro di Roma Tasse Concessioni Governative oppure attraverso l applicazione delle marche di concessione governativa. 3

4 Per quanto riguarda l imposta di bollo, per il libro giornale e il libro degli inventari, le società di capitali corrispondono l importo di euro 14,62, mentre, gli altri soggetti, corrispondono un importo doppio pari ad euro 29,24; detti importi vengono corrisposti ogni 100 pagine o frazione di 100 per ciascun libro. Per gli altri libri sociali obbligatori di cui all art c.c., l importo è lo stesso sia per le società di capitali sia per gli altri soggetti passivi ed è pari ad euro 14,62 per ogni 100 pagine o frazione di 100 per ciascun libro che viene messo in uso. Va precisato che per le cooperative sociali e per le ONLUS, è prevista l esclusione dal pagamento della tassa sulle concessioni governative e dell imposta di bollo, mentre, per le società cooperative edilizie, anch esse escluse dal pagamento dell imposta di bollo, è previsto il versamento della tassa sulle concessioni governative in misura ridotta pari ad un quarto (euro 12,92). Per quanto riguarda le modalità di assolvimento dell imposta di bollo, per il libro giornale e il libro degli inventari, in quanto non più soggetti all obbligo di vidimazione iniziale, è intervenuta la circ. 22 ottobre 2001 n. 92/E, stabilendo che detta imposta va assolta prima che il registro sia posto in uso, ossia prima di effettuare le annotazioni sulla prima pagina. La stessa è assolta mediante marche o bollo a punzone da applicarsi sulla prima pagina numerata ovvero secondo le modalità di cui al D.lgs. 9 luglio 1997 n. 237, vale a dire mediante versamento presso gli sportelli bancari, postali e dei concessionari del servizio di riscossione dei tributi. In quest ultimo caso si utilizza il modello F23, da compilarsi con l indicazione del codice tributo 458T Imposta di bollo su libri e registri; gli estremi del pagamento vanno poi riportati sulla prima pagina di ciascun libro o registro. Successivamente alla suddetta circolare, ci sono stati, comunque, altri interventi dell Agenzia delle Entrate, in particolare attraverso la circ. 30 gennaio 2002 n. 9/E, la risol. 12 marzo 2002, n. 85/E, e la circ. 1 agosto 2002 n. 64/E. Sempre a proposito del libro giornale e del libro degli inventari, è stato chiarito che: - l imposta di bollo va assolta soltanto sulle pagine effettivamente utilizzate, pertanto, soltanto dopo aver utilizzato le prime 100 pagine, si è soggetti di nuovo al tributo in questione, prima dell utilizzo delle successive 100 pagine; - l applicazione delle marche, ogni 100 pagine, viene fatta indipendentemente dall anno cui si riferisce la numerazione progressiva. Pertanto, riportando l esempio contenuto nella citata circ. n. 64/E del 2001, nel caso in cui il libro giornale recante le scritture dell anno 2002 termini alla pagina numero 2002/85, l imposta di bollo, assolta a mezzo marche applicate alla pagina 2002/1, deve ritenersi assolta anche per le prime quindici pagine dell anno 2003; - le marche possono essere apposte sulla prima pagina numerata, non essendo più obbligatoria la vidimazione iniziale con l indicazione, sull ultima pagina, del numero totale delle pagine numerate; - sulla pagina in cui sono applicate le marche non c è obbligo di apporre alcuna annotazione. E il caso infine di ricordare che non sono soggetti alla tassa sulle concessioni governative ed all imposta di bollo, tutti i libri e/o registri contabili tenuti ai fini dell IVA o delle imposte sui redditi. 5. SANZIONI Tra le violazioni consistenti nell irregolare o nell omessa tenuta o conservazione dei registri e delle scritture contabili, rientra anche l omissione della bollatura, che è punita, ai sensi dell art. 9, comma 1, D.lgs. 18 dicembre 1997 n. 471, con la sanzione amministrativa da lire due milioni a lire quindici milioni. Tuttavia, sia per il libro giornale e il libro degli inventari, sia per i registri previsti da norme tributarie, a seguito della citata L. n. 383 del 2001 che ha soppresso l obbligo di bollatura, non è più applicabile detta sanzione, e, come chiarito con la circ. 22 ottobre 2001 n. 92/E, l intervenuta soppressione dell obbligo di bollatura produce effetti sull applicazione delle sanzioni per violazioni commesse anche prima dell entrata in vigore della legge, in attuazione del principio del favor rei. Non essendo stato soppresso, invece, l obbligo della numerazione, restano sanzionate le relative violazioni, sia se commesse prima dell entrata in vigore della legge sia se commesse dopo. Tuttavia, sempre in virtù di quanto scritto nella succitata circolare, ne viene esclusa la punibilità se queste non incidono sulla determinazione della base imponibile o dell imposta e sul versamento del tributo, e se, più in generale, non arrecano pregiudizio all esercizio dell azione di controllo. 4

5 In tema di sanzioni, va ricordato, infine, l omesso o tardivo versamento della tassa annuale sulle concessioni governative relativa alla vidimazione dei libri sociali. Si applica, in tal caso, la sanzione amministrativa dal 100 per cento al 200 per cento della tassa medesima, con la riduzione ad un ottavo del minimo se il versamento viene eseguito entro 30 giorni dalla relativa scadenza. 6. PROSPETTO RIASSUNTIVO Tipologia Bollatura Vidimazione Imposta di bollo Tassa CCGG Art c.c.: - Libro giornale - Libro degli inventari Società di capitali: 14,62 ogni 100 Altri soggetti passivi: 29,24 ogni 100 Società di capitali: misura forfetaria Altri soggetti passivi: Art c.c.: - Libro dei soci - Libro delle obbligazioni - Libro delle assemblee - Libro del consiglio di amministrazione - Libro del collegio sindacale - Libro del comitato esecutivo - Libro degli obbligazionisti - Libro degli strumenti finanziari Art. 39 D.P.R. n. 633 del 1972: - Registri IVA Art. 22 D.P.R. n. 600 del 1973: - Registri imposte dirette soggetti 14,62 ogni 100 Società di capitali: misura forfetaria Altri soggetti passivi: 51,65 ogni EFFICACIA PROBATORIA DELLE SCRITTURE CONTABILI L art. 8 L. n. 383 del 2001, decretando la soppressione dell obbligo di bollatura e vidimazione di alcuni libri e scritture contabili, è intervenuto, come già detto in premessa, sul c.c., sul D.P.R. n. 633 del 1972, sul D.P.R. n. 600 del 1973 e sulla tariffa annessa al D.P.R. n. 642 del 1972, modificando, così, ben quattro norme. Quello che invece non è stato fatto, è il coordinamento, delle nuove disposizioni, con il c.c. ed il c.p.c. in materia di efficacia probatoria delle scritture contabili e di una loro idoneità ad ottenere il rilascio di un decreto ingiuntivo. Infatti, sia nell art c.c. (Efficacia probatoria tra imprenditori), sia nell art. 634 c.p.c. (Prova scritta), si fa ancora riferimento alla bollatura, alla vidimazione ed alla regolare tenuta. 5

6 In particolare, l art c.c., prevede che i libri bollati e vidimati nelle forme di legge, quando sono regolarmente tenuti, possono fare prova tra imprenditori per i rapporti inerenti all esercizio dell impresa. L art. 634 c.p.c., invece, nell individuare i titoli necessari per il rilascio di un decreto ingiuntivo, così dispone: Sono prove scritte idonee a norma del n.1 dell articolo precedente le polizze e promesse unilaterali per scrittura privata e i telegrammi, anche se mancanti dei requisiti previsti dal c.c. Per i crediti relativi a somministrazioni di merci e di danaro nonché per prestazioni di servizi fatte da imprenditori che esercitano un attività commerciale anche a persone che non esercitano tale attività, sono altresì prove scritte idonee gli estratti autentici delle scritture contabili di cui agli artt e seguenti del c.c., purchè bollate e vidimate nelle forme di legge e regolarmente tenute, nonché gli estratti autentici delle scritture contabili prescritte dalle leggi tributarie, quando siano tenute con l osservanza delle norme stabilite per tali scritture. Il Consiglio Nazionale del Notariato, nello studio n. 3804, ha previsto tre possibili interpretazioni delle disposizioni di cui sopra. Secondo la prima, il venir meno dei due requisiti della bollatura e della vidimazione importerrebbe il venir meno anche dell efficacia probatoria dei libri contabili. Al contrario, sulla base della seconda possibile interpretazione, il venire meno dell obbligo della bollatura e della vidimazione non inciderebbe sulla efficacia probatoria dei libri contabili, la quale efficacia, in forza dell intervento normativo, non sarebbe più subordinata ai requisiti della bollatura e della vidimazione, ma solo a quello della regolare tenuta. Infine, la terza interpretazione, intermedia, fa una distinzione tra la regolare tenuta dei libri contabili e la loro efficacia probatoria. Ai fini della regolare tenuta non sarebbero più necessarie la vidimazione e la bollatura del libro giornale e del libro degli inventari, secondo quanto dispone il nuovo testo dell art c.c.; al contrario, per quanto riguarda l efficacia probatoria, sarebbe sempre necessaria, secondo quanto disposto dagli artt c.c. e 634 c.p.c., tanto la bollatura quanto la vidimazione. La soluzione, prospettata infine dal Consiglio Nazionale del Notariato, è stata la seguente. In sintesi, dunque: a) l art. 8 L. n. 383 del 2001 modifica espressamente solo l art c.c., mutandone l ambito di applicazione, giacchè si riferisce alle modalità di tenuta di tutte le scritture contabili e non più solamente al libro giornale ed al libro degli inventari; b) questi ultimi non sono più oggetto di un obbligo di vidimazione e bollatura, ma, al pari degli altri libri contabili, possono essere oggetto di bollatura e vidimazione facoltative (art c.c.); c) di conseguenza l art c.c. vede estendere il proprio ambito applicativo anche al libro giornale ed al libro degli inventari; d) l art. 8 lascia inalterati gli artt c.c. e 634 c.p.c., ai cui effetti bollatura e vidimazione sono ancora richieste. Non v è dubbio che seguendo tale impostazione, la portata innovative e l intento di semplificazione che accompagnano l intervento del legislatore ne vengono fuori ridimensionati; ma ove il legislatore avesse effettivamente voluto incidere in modo più deciso o, comunque, differente sulla presente materia, sarebbe intervenuto non solo sull art c.c., ma anche sugli artt c.c. e 634 c.p.c.. La conseguenza è che il Notaio, prima di rilasciare un estratto autentico del libro giornale o del libro degli inventari che serva ad ottenere la prova scritta di cui all art. 634 c.p.c., sarà ancora tenuto a verificare i requisiti della bollatura, della vidimazione e della regolare tenuta dei libri. La questione dovrebbe essere meno complessa nel caso di richiesta di un estratto autentico di un registro IVA o, più in generale, di un registro previsto dalle disposizioni tributarie. In tale circostanza, infatti, l art. 634 c.p.c. prevede, per questi ultimi, soltanto il requisito dell osservanza delle norme stabilite per tali scritture. Poiché l art. 8 L. n. 383 del 2001, modificando sia l art. 39 D.P.R. n. 633 del 1972, sia l art. 22 D.P.R. n. 600 del 1973, ha eliminato l obbligo di bollatura e vidimazione dei registri previsti da norme tributarie, dovrebbe essere sufficiente soltanto la regolare numerazione di questi ultimi per richiedere un estratto autentico che rappresenti un valido titolo per ottenere un decreto ingiuntivo ai sensi dell art. 634 c.p.c. Tuttavia, tale interpretazione, non trova ancora piena conferma nei diversi Tribunali. Dott. Paolo Pavone commercialista 6

2. SOPPRESSIONE DELL OBBLIGO

2. SOPPRESSIONE DELL OBBLIGO Cattedra di diritto commerciale Prof. Gian Domenico Mosco MATERIALI Circolare Agenzia delle Entrate 22 ottobre 2001, n.92 E - Soppressione e semplificazione di adempimenti a carico del contribuente. (Estratto)

Dettagli

Ai Gentili Clienti Loro sedi

Ai Gentili Clienti Loro sedi Consulenza Tributaria, del lavoro e gestionale Centro elaborazione dati contabili Elaborazione cedolini paga Scheda n. 27 del 20 ottobre 2006 Ai Gentili Clienti Loro sedi LIBRI E REGISTRI CONTABILI: BOLLATURA

Dettagli

LA BOLLATURA DEI LIBRI CONTABILI E SOCIALI

LA BOLLATURA DEI LIBRI CONTABILI E SOCIALI CAMERA DI COMMERCIO DI LIVORNO UFFICIO REGISTRO IMPRESE LA BOLLATURA DEI LIBRI CONTABILI E SOCIALI Luglio 2013 Conservatore R.I.: Dott. Pierluigi Giuntoli REV6 IST/BOLL/1 1. Premessa LA BOLLATURA DEI LIBRI

Dettagli

Come lo scorso anno, con la presente circolare, riepiloghiamo la normativa riferibile alla bollatura/vidimazione dei libri sociali e contabili.

Come lo scorso anno, con la presente circolare, riepiloghiamo la normativa riferibile alla bollatura/vidimazione dei libri sociali e contabili. Spett.le DITTA/ SOCIETÀ CIRCOLARE n. CF 31/2007 Come comunicato con la circolare CC 02/2006, Vi rinnoviamo la segnalazione che nella nuova veste del nostro sito internet www.studiosinergie.it, sono costantemente

Dettagli

Libro giornale NO NO SI artt. 2215, 2216, 2217 c.c. Libro degli inventari NO NO SI artt. 2215, 2216, 2217 c.c.

Libro giornale NO NO SI artt. 2215, 2216, 2217 c.c. Libro degli inventari NO NO SI artt. 2215, 2216, 2217 c.c. LA SEMPLIFICAZIONE PER SCRITTURE CONTABILI E REGISTRI FISCALI La legge sul rilancio dell economia, entrata in vigore il 25 ottobre scorso, ha soppresso o semplificato alcuni adempimenti considerati onerosi

Dettagli

GUIDA ALLA BOLLATURA DEI REGISTRI E LIBRI SOCIALI

GUIDA ALLA BOLLATURA DEI REGISTRI E LIBRI SOCIALI GUIDA ALLA BOLLATURA DEI REGISTRI E LIBRI SOCIALI REGISTRI E LIBRI DA BOLLARE PRESSO IL REGISTRO IMPRESE Il Codice Civile e il DPR 581/1995 prevedono che la bollatura dei libri contabili venga effettuata

Dettagli

LA BOLLATURA DEI LIBRI CONTABILI

LA BOLLATURA DEI LIBRI CONTABILI UFFICIO REGISTRO IMPRESE LA BOLLATURA DEI LIBRI CONTABILI Aggiornata Aprile 2013 Presso la Camera di Commercio di Grosseto vengono vidimati i libri ed i registri di imprese o soggetti (professionisti,

Dettagli

BOLLATURA E NUMERAZIONE LIBRI SOCIALI OBBLIGATORI E ALTRI LIBRI O REGISTRI PER I QUALI L OBBLIGO DELLA BOLLATURA E PREVISTO DA NORME SPECIALI.

BOLLATURA E NUMERAZIONE LIBRI SOCIALI OBBLIGATORI E ALTRI LIBRI O REGISTRI PER I QUALI L OBBLIGO DELLA BOLLATURA E PREVISTO DA NORME SPECIALI. Avvertenze generali Occorre compilare il modello DISTINTA VIDIMAZIONI indicando le generalità di chi presenta il modello (può essere anche un incaricato dell impresa) e i dati identificativi dell impresa,

Dettagli

BOLLATURA DI REGISTRI E LIBRI SOCIALI

BOLLATURA DI REGISTRI E LIBRI SOCIALI BOLLATURA DI REGISTRI E LIBRI SOCIALI 1. REGISTRI E LIBRI DA BOLLARE PRESSO IL REGISTRO IMPRESE Il Codice Civile e il DPR 581/1995 prevedono che la bollatura dei libri contabili venga effettuata o presso

Dettagli

REGISTRO DELLE IMPRESE DISTINTA DEI LIBRI E DELLE SCRITTURE CONTABILI DA BOLLARE E NUMERARE. Presentata dal Sig.

REGISTRO DELLE IMPRESE DISTINTA DEI LIBRI E DELLE SCRITTURE CONTABILI DA BOLLARE E NUMERARE. Presentata dal Sig. DISTINTA DEI LIBRI E DELLE SCRITTURE CONTABILI DA BOLLARE E NUMERARE Bologna, Numero protocollo Presentata dal Sig. RELATIVA ALLA SEGUENTE IMPRESA: Ditta (ragione o denominazione sociale): con sede in:

Dettagli

O L L A T V I D I M A Z I O N E. Normativa di riferimento. Ufficio competente. Tasse di concessione governativa

O L L A T V I D I M A Z I O N E. Normativa di riferimento. Ufficio competente. Tasse di concessione governativa BOLLATURAB DI LIBRI E REGISTRI O L L A T D.P.R. 26/10/1972, n. 641 art. 23 d.lgs. 18/08/2000, n. 267 U Circ. Min. 03/05/1996, n. 108/E R Risoluzione del Ministero delle Finanze 31/05/1975, n. 402149 A

Dettagli

Studio Luciano Lancellotti

Studio Luciano Lancellotti News per i Clienti dello studio del 3 Marzo 2015 Ai gentili clienti Loro sedi Tassa vidimazione libri sociali: alla cassa entro il prossimo 16.03.2015 Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla

Dettagli

NUMERAZIONE DEI LIBRI CONTABILI E LE MODALITA DI ASSOLVIMENTO DELL IMPOSTA DI BOLLO

NUMERAZIONE DEI LIBRI CONTABILI E LE MODALITA DI ASSOLVIMENTO DELL IMPOSTA DI BOLLO NUMERAZIONE DEI LIBRI CONTABILI E LE MODALITA DI ASSOLVIMENTO DELL IMPOSTA DI BOLLO GLI ULTIMI CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE LA RISOLUZIONE N. 85 DEL 12 MARZO 2002 Circolare n. 10/2002 Documento

Dettagli

BOLLATURA E NUMERAZIONE LIBRI SOCIALI OBBLIGATORI E ALTRI LIBRI O REGISTRI PER I QUALI L OBBLIGO DELLA BOLLATURA E PREVISTO DA NORME SPECIALI.

BOLLATURA E NUMERAZIONE LIBRI SOCIALI OBBLIGATORI E ALTRI LIBRI O REGISTRI PER I QUALI L OBBLIGO DELLA BOLLATURA E PREVISTO DA NORME SPECIALI. Avvertenze generali Occorre compilare il modello DISTINTA VIDIMAZIONI indicando le generalità di chi presenta il modello (può essere anche un incaricato dell impresa) e i dati identificativi dell impresa,

Dettagli

OGGETTO: Stampa registri contabili entro il 30.12.2015

OGGETTO: Stampa registri contabili entro il 30.12.2015 Ai gentili Associati Loro sedi OGGETTO: Stampa registri contabili entro il 30.12.2015 Premessa Entro il 30 dicembre 2015 sarà necessario procedere alla stampa dei registri contabili. ENTRO QUANDO CHI LE

Dettagli

GUIDA ALLA VIDIMAZIONE E BOLLATURA DI LIBRI E REGISTRI

GUIDA ALLA VIDIMAZIONE E BOLLATURA DI LIBRI E REGISTRI GUIDA ALLA VIDIMAZIONE E BOLLATURA DI LIBRI E REGISTRI Sommario 1 Competenza Territoriale del Registro Imprese... 3 2 - Informazioni in materia di bollatura e numerazione dei libri e registri contabili...

Dettagli

OGGETTO:Stampa registri contabili entro il 30.12.2015

OGGETTO:Stampa registri contabili entro il 30.12.2015 Informativa per la clientela di studio del 16.12.2015 Ai gentili Clienti Loro sedi OGGETTO:Stampa registri contabili entro il 30.12.2015 Gentile Cliente, con la stesura del presente documento informativo

Dettagli

Circolare N.31 del 28 Febbraio 2014

Circolare N.31 del 28 Febbraio 2014 Circolare N.31 del 28 Febbraio 2014 Versamento tassa annuale sui libri sociali entro il 17 marzo 2014 Gentile cliente con la presente intendiamo ricordarle che il 17 marzo 2014 (poiché il 16 cade di domenica)

Dettagli

DAMIANO ADRIANI Dottore Commercialista

DAMIANO ADRIANI Dottore Commercialista 1/10 OGGETTO MODALITA DI TENUTA E CONSERVAZIONE DEI REGISTRI CONTABILI E DEI LIBRI CONTABILI E SOCIALI CLASSIFICAZIONE D.I. CODICE CIVILE ART. 2214 30.000.cc2214 RIFERIMENTI NORMATIVI ARTT. 2214 2220 2421-2963

Dettagli

GUIDA ALLA BOLLATURA E VIDIMAZIONE DI LIBRI E REGISTRI

GUIDA ALLA BOLLATURA E VIDIMAZIONE DI LIBRI E REGISTRI GUIDA ALLA BOLLATURA E VIDIMAZIONE DI LIBRI E REGISTRI L'Ufficio Registro Imprese effettua la bollatura dei libri sociali e dei registri previsti da leggi speciali, a meno che la legge stessa non indichi

Dettagli

I termini di stampa dei registri e libri contabili

I termini di stampa dei registri e libri contabili ACERBI & ASSOCIATI CONSULENZA TRIBUTARIA, AZIENDALE, SOCIETARIA E LEGALE NAZIONALE E INTERNAZIONALE CIRCOLARE N. 19 5 DICEMBRE 2015 I termini di stampa dei registri e libri contabili Copyright 2015 Acerbi

Dettagli

I termini di stampa dei registri e libri contabili

I termini di stampa dei registri e libri contabili ACERBI & ASSOCIATI CONSULENZA TRIBUTARIA, AZIENDALE, SOCIETARIA E LEGALE NAZIONALE E INTERNAZIONALE CIRCOLARE N. 19 8 OTTOBRE 2014 I termini di stampa dei registri e libri contabili Copyright 2014 Acerbi

Dettagli

BOLLATURA DEI LIBRI E DEI REGISTRI

BOLLATURA DEI LIBRI E DEI REGISTRI BOLLATURA DEI LIBRI E DEI REGISTRI Alla conclusione di ciascun anno è buona norma per le imprese ed i professionisti verificare il pieno rispetto delle regole di tenuta delle scritture contabili, intese

Dettagli

Circolare N.42 del 7 Marzo 2013. Versamento tassa annuale sui libri sociali entro il 18 marzo 2013

Circolare N.42 del 7 Marzo 2013. Versamento tassa annuale sui libri sociali entro il 18 marzo 2013 Circolare N.42 del 7 Marzo 2013 Versamento tassa annuale sui libri sociali entro il 18 marzo 2013 Versamento tassa annuale sui libri sociali entro il 18 marzo 2013 Gentile cliente con la presente intendiamo

Dettagli

GUIDA BOLLATURA DEI LIBRI E DEI REGISTRI

GUIDA BOLLATURA DEI LIBRI E DEI REGISTRI UFFICIO REGISTRO DELLE IMPRESE DELLA CAMERA DI COMMERCIO DI LATINA GUIDA ALLA BOLLATURA DEI LIBRI E DEI REGISTRI Aggiornata al 26 luglio 2010 A cura del dott. Luciano Ciccaglione VIDIMAZIONE OBBLIGATORIA

Dettagli

Oggetto: Nuove modalità di versamento dell imposta di bollo su documenti informatici

Oggetto: Nuove modalità di versamento dell imposta di bollo su documenti informatici Dott. Sandro Guarnieri Dott. Marco Guarnieri Dott. Corrado Baldini A tutti i sigg.ri Clienti Loro sedi Dott. Cristian Ficarelli Dott.ssa Elisabetta Macchioni Dott.ssa Sara Saccani Reggio Emilia, lì 9/1/2015

Dettagli

VIDIMAZIONE E BOLLATURA LIBRI SOCIALI - TASSE ANNUALI E BOLLI

VIDIMAZIONE E BOLLATURA LIBRI SOCIALI - TASSE ANNUALI E BOLLI STUDIO NOTARILE GIANLUCA CESARE PLATANIA Via dei Partigiani 5 - Bergamo Tel. 035 235001 - Fax 035 235868 www.notaioplatania.it email: gplatania@notariato.it VIDIMAZIONE E BOLLATURA LIBRI SOCIALI - TASSE

Dettagli

Oggetto: Informativa n. 18 Novità legislative d immediato interesse ed applicazione. Nuova modalità di presentazione dei modelli F24;

Oggetto: Informativa n. 18 Novità legislative d immediato interesse ed applicazione. Nuova modalità di presentazione dei modelli F24; Alle ditte Clienti Loro sedi Parma, 27 ottobre 2014 Oggetto: Informativa n. 18 Novità legislative d immediato interesse ed applicazione. La presente per informarvi in merito a: Obbligo di comunicazione

Dettagli

CIRCOLARE N. 19/E. OGGETTO: Aumento dell aliquota dell imposta sostitutiva sui finanziamenti di cui al decreto legge 12 luglio 2004, n. 168.

CIRCOLARE N. 19/E. OGGETTO: Aumento dell aliquota dell imposta sostitutiva sui finanziamenti di cui al decreto legge 12 luglio 2004, n. 168. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso CIRCOLARE N. 19/E Roma, 09 maggio 2005 OGGETTO: Aumento dell aliquota dell imposta sostitutiva sui finanziamenti di cui al decreto legge 12 luglio 2004, n. 168.

Dettagli

Versamento tassa annuale sui libri sociali entro il 16 marzo 2012

Versamento tassa annuale sui libri sociali entro il 16 marzo 2012 CIRCOLARE A.F. N. 31 del 1 Marzo 2012 Ai gentili clienti Loro sedi Versamento tassa annuale sui libri sociali entro il 16 marzo 2012 Gentile cliente con la presente intendiamo ricordarle che il 16 marzo

Dettagli

GUIDA BOLLATURA DEI LIBRI E DEI REGISTRI

GUIDA BOLLATURA DEI LIBRI E DEI REGISTRI UFFICIO REGISTRO DELLE IMPRESE DELLA CAMERA DI COMMERCIO DI LATINA GUIDA ALLA BOLLATURA DEI LIBRI E DEI REGISTRI Aggiornata al 01/02/2014 Ha curato particolarmente la stesura e l aggiornamento della presente

Dettagli

OGGETTO: Consulenza giuridica Associazione Bancaria Italiana Libro giornale Applicabilità dell imposta di bollo alle scritture contabili ausiliarie

OGGETTO: Consulenza giuridica Associazione Bancaria Italiana Libro giornale Applicabilità dell imposta di bollo alle scritture contabili ausiliarie RISOLUZIONE N. 371/E Roma, Roma, 06 ottobre 2008 Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Prot. n. 2008/137243 OGGETTO: Consulenza giuridica Associazione Bancaria Italiana Libro giornale Applicabilità

Dettagli

REGISTRO DELLE IMPRESE. GUIDA alla BOLLATURA DEI LIBRI E DEI REGISTRI

REGISTRO DELLE IMPRESE. GUIDA alla BOLLATURA DEI LIBRI E DEI REGISTRI REGISTRO DELLE IMPRESE GUIDA alla BOLLATURA DEI LIBRI E DEI REGISTRI Aggiornata al 11/12/2014 INDICE 1. COMPETENZA TERRITORIALE DEL REGISTRO IMPRESE... 3 2. PREPARAZIONE DEI LIBRI DA BOLLARE... 3 3. LIBRO

Dettagli

GUIDA alla BOLLATURA DEI LIBRI E DEI REGISTRI

GUIDA alla BOLLATURA DEI LIBRI E DEI REGISTRI REGISTRO DELLE IMPRESE GUIDA alla BOLLATURA DEI LIBRI E DEI REGISTRI (Aggiornata a dicembre 2013) 1. COMPETENZA TERRITORIALE DEL REGISTRO IMPRESE Competente alla bollatura è la Camera di Commercio nella

Dettagli

GUIDA ALLA BOLLATURA DI REGISTRI E LIBRI SOCIALI

GUIDA ALLA BOLLATURA DI REGISTRI E LIBRI SOCIALI GUIDA ALLA BOLLATURA DI REGISTRI E LIBRI SOCIALI Aggiornamento marzo 2015 La legge 383/01 ha introdotto, con decorrenza 25 ottobre 2001, alcuni importanti novità in materia di bollatura di scritture e

Dettagli

Circolare N.152 del 16 novembre 2011. La stampa dei libri sociali e registri contabili obbligatori

Circolare N.152 del 16 novembre 2011. La stampa dei libri sociali e registri contabili obbligatori Circolare N.152 del 16 novembre 2011 La stampa dei libri sociali e registri contabili obbligatori La stampa dei libri sociali e registri contabili obbligatori Con la presente informativa, per tutti i clienti

Dettagli

LA NUMERAZIONE E LA BOLLATURA DEI LIBRI SOCIALI E DELLE SCRITTURE CONTABILI OBBLIGATORI Sintesi della normativa e degli adempimenti

LA NUMERAZIONE E LA BOLLATURA DEI LIBRI SOCIALI E DELLE SCRITTURE CONTABILI OBBLIGATORI Sintesi della normativa e degli adempimenti LA NUMERAZIONE E LA BOLLATURA DEI LIBRI SOCIALI E DELLE SCRITTURE CONTABILI OBBLIGATORI Sintesi della normativa e degli adempimenti di Claudio Venturi Sommario: - 1. Premessa. 2. Normativa di riferimento.

Dettagli

BOLLATURA E NUMERAZIONE INIZIALE DI LIBRI E REGISTRI

BOLLATURA E NUMERAZIONE INIZIALE DI LIBRI E REGISTRI Pagina 1 di 8 Pagina 2 di 8 Per effetto della Legge 383 del 18/10/01, entrata in vigore il 25/10/01, è venuto meno l obbligo di procedere alla numerazione e alla bollatura presso i notai ed il Registro

Dettagli

LA NUMERAZIONE E LA BOLLATURA DEI LIBRI SOCIALI E DELLE SCRITTURE CONTABILI OBBLIGATORI Sintesi della normativa e degli adempimenti

LA NUMERAZIONE E LA BOLLATURA DEI LIBRI SOCIALI E DELLE SCRITTURE CONTABILI OBBLIGATORI Sintesi della normativa e degli adempimenti LA NUMERAZIONE E LA BOLLATURA DEI LIBRI SOCIALI E DELLE SCRITTURE CONTABILI OBBLIGATORI Sintesi della normativa e degli adempimenti di Claudio Venturi Sommario: - 1. Premessa. 2. Normativa di riferimento.

Dettagli

L ABROGAZIONE DELLA BOLLATURA DELLE SCRITTURE CONTABILI

L ABROGAZIONE DELLA BOLLATURA DELLE SCRITTURE CONTABILI L ABROGAZIONE DELLA BOLLATURA DELLE SCRITTURE CONTABILI Le modalità di numerazione delle pagine del libro giornale e del libro degli inventari Circolare n. 4/2002 Documento n. 6 del 14 febbraio 2002 Via

Dettagli

LA RESPONSABILITA SOLIDALE NEI CONTRATTI DI APPALTO

LA RESPONSABILITA SOLIDALE NEI CONTRATTI DI APPALTO LA RESPONSABILITA SOLIDALE NEI CONTRATTI DI APPALTO In questa Circolare 1. Premessa 2. La responsabilità solidale fiscale 3. La responsabilità solidale retributiva / contributiva 1. PREMESSA Come noto

Dettagli

La fattura elettronica e la conservazione sostitutiva Prospettive per imprese e professionisti

La fattura elettronica e la conservazione sostitutiva Prospettive per imprese e professionisti Cerreto Guidi 27 luglio 2011 La fattura elettronica e la conservazione sostitutiva Prospettive per imprese e professionisti Umberto Zanini Dottore Commercialista e Revisore Contabile www.umbertozanini.it

Dettagli

LA NUMERAZIONE E LA BOLLATURA DEI LIBRI E DELLE SCRITTURE CONTABILI

LA NUMERAZIONE E LA BOLLATURA DEI LIBRI E DELLE SCRITTURE CONTABILI LA NUMERAZIONE E LA BOLLATURA DEI LIBRI E DELLE SCRITTURE CONTABILI TABELLE RIEPILOGATIVE TABELLA A IL LIBRO GIORNALE E IL LIBRO DEGLI INVENTARI Imposta di bollo Libro giornale e libro Imprenditori Commerciali

Dettagli

VIDIMAZIONE DI LIBRI E REGISTRI DELLE IMPRESE

VIDIMAZIONE DI LIBRI E REGISTRI DELLE IMPRESE CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO AGRICOLTURA RAVENNA Circolare n. 9 del 12/09/05 VIDIMAZIONE DI LIBRI E REGISTRI DELLE IMPRESE Ravenna, settembre 2005 a cura di: dott.ssa Francesca Collina 1 VIDIMAZIONE

Dettagli

Adempimenti fiscali nel fallimento

Adempimenti fiscali nel fallimento ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI DI LECCO Adempimenti fiscali nel fallimento A cura della Commissione di studio in materia fallimentare e concorsuale Febbraio 2011 INDICE 1. Apertura

Dettagli

RISOLUZIONE N. 194/E

RISOLUZIONE N. 194/E RISOLUZIONE N. 194/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 16 maggio 2008 OGGETTO: imposta di bollo Art. 1, comma 1-bis, della tariffa allegata al DPR 26 ottobre 1972, n. 642. Allegati agli

Dettagli

f e r d i n a n d o b o c c i a

f e r d i n a n d o b o c c i a NETWORK TRA LIBERI PROFESSIONISTI Dottori Commercialisti ed esperti contabili Ferdinando Boccia Gualtiero Castiglioni Paola Castiglioni Enrico Colombo Bolla Massimo De Marchi Marco Grecchi Roberto Ianni

Dettagli

VADEMECUM PER LA STAMPA E LA CONSERVAZIONE OTTICA DEI REGISTREI CONTABILI

VADEMECUM PER LA STAMPA E LA CONSERVAZIONE OTTICA DEI REGISTREI CONTABILI VADEMECUM PER LA STAMPA E LA CONSERVAZIONE OTTICA DEI REGISTREI CONTABILI Come noto, le imprese / lavoratori autonomi, in relazione ai registri contabili nonché, limitatamente alle imprese in contabilità

Dettagli

OPENKEY S.r.l. - Via Luigi Dari, 14-63100, Ascoli Piceno (AP) - http://www.openkey.it - info@openkey.it RISOLUZIONE N. 43/E

OPENKEY S.r.l. - Via Luigi Dari, 14-63100, Ascoli Piceno (AP) - http://www.openkey.it - info@openkey.it RISOLUZIONE N. 43/E RISOLUZIONE N. 43/E Direzione Centrale Normativa Roma, 28 aprile 2015 OGGETTO: Interpello ordinario - Art. 11, legge 27 luglio 2000, n. 212. Pagamento imposta di bollo su documenti informatici rilevanti

Dettagli

OGGETTO: Acconto IVA. La scadenza del 28.12.2015

OGGETTO: Acconto IVA. La scadenza del 28.12.2015 CIRCOLARE N. 5/2015 UMBERTIDE, 21 Dicembre 2015 Ai gentili Clienti Loro sedi OGGETTO: Acconto IVA. La scadenza del 28.12.2015 Gentile Cliente, con la stesura del presente documento informativo, intendiamo

Dettagli

LIBRI SOCIALI, REGISTRI, SCRITTURE E DOCUMENTI CONTABILI NUMERAZIONE E BOLLATURA TENUTA E CONSERVAZIONE

LIBRI SOCIALI, REGISTRI, SCRITTURE E DOCUMENTI CONTABILI NUMERAZIONE E BOLLATURA TENUTA E CONSERVAZIONE LIBRI SOCIALI, REGISTRI, SCRITTURE E DOCUMENTI CONTABILI NUMERAZIONE E BOLLATURA TENUTA E CONSERVAZIONE Claudio Venturi Libri sociali, registri, scritture e documenti contabili Numerazione, bollatura,

Dettagli

Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 27 marzo 2002

Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 27 marzo 2002 Risoluzione n. 97/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 27 marzo 2002 Oggetto: Interpello./2001 Articolo11, legge 27 luglio 2000, n. 212. Ministero della Difesa Direzione generale del Demanio

Dettagli

Consiglio Provinciale dei Consulenti del Lavoro di Napoli. Dentro la Notizia 94/2013 LUGLIO/4/2013 (*) 5 Luglio 2013

Consiglio Provinciale dei Consulenti del Lavoro di Napoli. Dentro la Notizia 94/2013 LUGLIO/4/2013 (*) 5 Luglio 2013 Consiglio Provinciale dei Consulenti del Lavoro di Napoli A CURA DELLA COMMISSIONE COMUNICAZIONE DEL CPO DI NAPOLI Dentro la Notizia 94/2013 LUGLIO/4/2013 (*) 5 Luglio 2013 DAL 26 GIUGNO 2013 SONO ENTRATE

Dettagli

SOLUZIONE INTERPRETATIVA PROSPETTATA DAL CONTRIBUENTE

SOLUZIONE INTERPRETATIVA PROSPETTATA DAL CONTRIBUENTE RISOLUZIONE N. 123/E Roma, 07 novembre Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Prot. 2006/155146 OGGETTO: Istanza di interpello Art.1 della legge n. 398 del 1991 Superamento nel periodo d imposta del

Dettagli

Oggetto: Il versamento della tassa libri sociali 2015

Oggetto: Il versamento della tassa libri sociali 2015 Legnano, 06 Marzo 2015 Alle imprese assistite Oggetto: Il versamento della tassa libri sociali 2015 Entro il 16.3.2015 le società di capitali (spa, srl e sapa) devono provvedere al versamento della tassa

Dettagli

Registro beni ammortizzabili Libro Giornale Libro inventari

Registro beni ammortizzabili Libro Giornale Libro inventari LA STAMPA DEI LIBRI CONTABILI (art. 1, co. 161, L. n. 244/2007, (Finanziaria 2008) art. 7, c. 4 ter, D.L. 10/06/1994, n. 357) Entro il prossimo 31 dicembre 2010, i contribuenti che tengono la contabilità

Dettagli

ATTUALMENTE SONO 5 I REGIMI CONTABILI VIGENTI, OGNUNO DEI QUALI SI DISTINGUE PER OBBLIGHI CHE NE DERIVANO E PER I SOGGETTI CHE POSSONO ADERIRVI.

ATTUALMENTE SONO 5 I REGIMI CONTABILI VIGENTI, OGNUNO DEI QUALI SI DISTINGUE PER OBBLIGHI CHE NE DERIVANO E PER I SOGGETTI CHE POSSONO ADERIRVI. REGIMI CONTABILI ATTUALMENTE SONO 5 I REGIMI CONTABILI VIGENTI, OGNUNO DEI QUALI SI DISTINGUE PER OBBLIGHI CHE NE DERIVANO E PER I SOGGETTI CHE POSSONO ADERIRVI. 1 REGIME ORDINARIO 2 REGIME SEMPLIFICATO

Dettagli

NORMA DI COMPORTAMENTO N. 185

NORMA DI COMPORTAMENTO N. 185 ASSOCIAZIONE ITALIANA DOTTORI COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI SEZIONE DI MILANO COMMISSIONE NORME DI COMPORTAMENTO E DI COMUNE INTERPRETAZIONE IN MATERIA TRIBUTARIA *** *** *** NORMA DI COMPORTAMENTO

Dettagli

La circolare che guida passo passo al rispetto degli adempimenti

La circolare che guida passo passo al rispetto degli adempimenti Fiscal Adempimento La circolare che guida passo passo al rispetto degli adempimenti N. 49 16.12.2013 Unico: ravvedimento entro il 30.12 Categoria: Intermediari Sottocategoria: Adempimenti A cura di Devis

Dettagli

Semplificazione fiscale La nuova disciplina dei rimborsi tributari

Semplificazione fiscale La nuova disciplina dei rimborsi tributari Semplificazione fiscale La nuova disciplina dei rimborsi tributari Artt. 13, 14 e 15, d.lgs. 21 novembre 2014, n. 175 Semplificazione fiscale e dichiarazione dei redditi precompilata di Leda Rita Corrado

Dettagli

CONSERVAZIONE SOSTITUTIVA DEI DOCUMENTI TRIBUTARI: ANALISI E CONTROLLO

CONSERVAZIONE SOSTITUTIVA DEI DOCUMENTI TRIBUTARI: ANALISI E CONTROLLO CONSERVAZIONE SOSTITUTIVA DEI DOCUMENTI TRIBUTARI: ANALISI E CONTROLLO a cura del Ten.Col. t.st Gaetano Cutarelli Comandante del I Gruppo Tutela Entrate del Nucleo Polizia Tributaria Torino della Guardia

Dettagli

Roma, 23 dicembre 2010. Prot. n.

Roma, 23 dicembre 2010. Prot. n. CIRCOLARE N. 59/E Roma, 23 dicembre 2010 Direzione Centrale Normativa Settore Imposte Indirette Ufficio Iva Prot. n. OGGETTO: Applicabilità del meccanismo dell inversione contabile o reverse charge alle

Dettagli

LA STAMPA DEI REGISTRI CONTABILI PER L' ANNO 2014

LA STAMPA DEI REGISTRI CONTABILI PER L' ANNO 2014 LA STAMPA DEI REGISTRI CONTABILI PER L' ANNO 2014 a cura di Celeste Vivenzi Entro il 31 Dicembre 2015 i contribuenti che tengono la contabilità con sistemi meccanografici devono procedere alla stampa dei

Dettagli

LA REVISIONE LEGALE DEI CONTI Libri sociali

LA REVISIONE LEGALE DEI CONTI Libri sociali LA REVISIONE LEGALE DEI CONTI Libri sociali Novembre 2013 Indice 1. Analisi dei verbali degli organi sociali 2. Obiettivi della verifica dei libri sociali 3. Elenco dei libri sociali 2 1 Analisi dei verbali

Dettagli

CONSERVAZIONE SOSTITUTIVA DEI DOCUMENTI TRIBUTARI: NOVITÀ

CONSERVAZIONE SOSTITUTIVA DEI DOCUMENTI TRIBUTARI: NOVITÀ CONSERVAZIONE SOSTITUTIVA DEI DOCUMENTI TRIBUTARI: NOVITÀ a cura del Col. t.st Danilo PETRUCELLI Comandante del Nucleo PT Torino Guardia di Finanza Politecnico di Torino, 25 novembre 2011 Sviluppo tecnologico

Dettagli

1.a. Aspetti gestionali

1.a. Aspetti gestionali 1.a. Aspetti gestionali Per le Associazioni sportive l attività istituzionale è quella svolta in conformità alle finalità statutarie e rivolta agli associati. Il decreto legislativo del 4 dicembre 1997,

Dettagli

LIBRI SOCIALI, REGISTRI, SCRITTURE E DOCUMENTI CONTABILI NUMERAZIONE E BOLLATURA TENUTA E CONSERVAZIONE

LIBRI SOCIALI, REGISTRI, SCRITTURE E DOCUMENTI CONTABILI NUMERAZIONE E BOLLATURA TENUTA E CONSERVAZIONE LIBRI SOCIALI, REGISTRI, SCRITTURE E DOCUMENTI CONTABILI NUMERAZIONE E BOLLATURA TENUTA E CONSERVAZIONE Claudio Venturi Libri sociali, registri, scritture e documenti contabili Numerazione, bollatura,

Dettagli

TRIBUTI LOCALI: IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITÀ E LE ESENZIONI PER LE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE

TRIBUTI LOCALI: IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITÀ E LE ESENZIONI PER LE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE TRIBUTI LOCALI: IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITÀ E LE ESENZIONI PER LE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE - a cura Federico Gavioli - Prima di inoltrarsi nell analisi relativa alle esenzioni dal pagamento

Dettagli

Adempimenti e problematiche di Diritto Societario di Viviana Grippo

Adempimenti e problematiche di Diritto Societario di Viviana Grippo Adempimenti e problematiche di Diritto Societario di Viviana Grippo Bollo virtuale: in scadenza il 2013 Il prossimo 31 gennaio 2013 scadono sia il versamento dell imposta di bollo virtuale dovuta sui libri

Dettagli

RISOLUZIONE N. 119 /E

RISOLUZIONE N. 119 /E RISOLUZIONE N. 119 /E Direzione Centrale Normativa Roma, 31 dicembre 2014 OGGETTO: Interpello ordinario, art. 11, legge 27 luglio 2000, n. 212. Tassazione decreto ingiuntivo con enunciazione di fideiussione

Dettagli

Questioni interpretative prospettate dal Coordinamento Nazionale dei Centri di Assistenza Fiscale

Questioni interpretative prospettate dal Coordinamento Nazionale dei Centri di Assistenza Fiscale CIRCOLARE N. 34 /E Direzione Centrale Normativa Roma, 22/10/2015 OGGETTO: Questioni interpretative prospettate dal Coordinamento Nazionale dei Centri di Assistenza Fiscale 2 INDICE 1. PREMESSA 3 2. SANZIONE

Dettagli

RISOLUZIONE N. 54/E. Roma, 16 marzo 2007. Oggetto: Istanza di interpello DPR 26 ottobre 1972, n. 633 l ALFA S.r.l.

RISOLUZIONE N. 54/E. Roma, 16 marzo 2007. Oggetto: Istanza di interpello DPR 26 ottobre 1972, n. 633 l ALFA S.r.l. RISOLUZIONE N. 54/E Roma, 16 marzo 2007 Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Oggetto: Istanza di interpello DPR 26 ottobre 1972, n. 633 l ALFA S.r.l. La Direzione Regionale ha trasmesso un istanza

Dettagli

LA TENUTA DEI LIBRI REGOLAMENTARI

LA TENUTA DEI LIBRI REGOLAMENTARI DIREZIONE REGIONALE LOMBARDIA LA TENUTA DEI LIBRI REGOLAMENTARI Convegno con i Consulenti del Lavoro Brescia, 14 giugno 2007 1 I libri regolamentari da istituire, tenere e conservare obbligatoriamente

Dettagli

Conservazione delle fatture su supporto informatico: le regole da seguire

Conservazione delle fatture su supporto informatico: le regole da seguire Fattura elettronica Conservazione delle fatture su supporto informatico: le regole da seguire di Francesco Scopacasa Codice civile Normativa tributaria Validità fiscale La possibilità di conservare su

Dettagli

Contabilità ordinaria, semplificata e altri regimi contabili

Contabilità ordinaria, semplificata e altri regimi contabili Contabilità ordinaria, semplificata e altri regimi contabili Obiettivi del corso Iniziamo, con questa prima lezione, il nostro corso dal titolo addetto alla contabilità. Si tratta di un corso base che

Dettagli

ADEMPIMENTI PER LA BOLLATURA DI LIBRI E REGISTRI

ADEMPIMENTI PER LA BOLLATURA DI LIBRI E REGISTRI UFFICIO REGISTRO DELLE IMPRESE ADEMPIMENTI PER LA BOLLATURA DI LIBRI E REGISTRI Versione 6 marzo 2014 (inserite precisazioni sulla tassa di concessione governativa) 1 Indice generale 1. DISPOSIZIONI GENERALI...3

Dettagli

CITTÀ DI BORGARO TORINESE PROVINCIA di TORINO C.A.P. 10071

CITTÀ DI BORGARO TORINESE PROVINCIA di TORINO C.A.P. 10071 CITTÀ DI BORGARO TORINESE PROVINCIA di TORINO C.A.P. 10071 www.comune.borgaro-torinese.to.it REGOLAMENTO GENERALE PER LA DISCIPLINA DELLE ENTRATE COMUNALI INDICE Articolo D E S C R I Z I O N E 1 2 3 4

Dettagli

4. La Società di Mutuo Soccorso 4.5 I libri sociali e contabili. Loro tenuta e conservazione 4.5.3 Il libro giornale e il libro degli inventari

4. La Società di Mutuo Soccorso 4.5 I libri sociali e contabili. Loro tenuta e conservazione 4.5.3 Il libro giornale e il libro degli inventari 74 4. La Società di Mutuo Soccorso 4.5 I libri sociali e contabili. Loro tenuta e conservazione 4.5.3 Il libro giornale e il libro degli inventari Ancorchè alle società di mutuo soccorso non si applichi

Dettagli

CIRCOLARE N. 17/E. Roma, 06 maggio 2011

CIRCOLARE N. 17/E. Roma, 06 maggio 2011 CIRCOLARE N. 17/E Direzione Centrale Normativa Roma, 06 maggio 2011 OGGETTO: IVA Rimborsi Procedura ordinaria e semplificata Omessa prestazione delle garanzie Sospensione dei termini di decadenza dell

Dettagli

Oggetto: Imposta di registro Cessione dei contratti di locazione e di affitto di beni immobili.

Oggetto: Imposta di registro Cessione dei contratti di locazione e di affitto di beni immobili. CIRCOLARE N. 36/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma,9 luglio 2003 Oggetto: Imposta di registro Cessione dei contratti di locazione e di affitto di beni immobili. Scopo della presente circolare

Dettagli

RISOLUZIONE N. 5/E. Roma, 19 gennaio 2015

RISOLUZIONE N. 5/E. Roma, 19 gennaio 2015 RISOLUZIONE N. 5/E Direzione Centrale Normativa Roma, 19 gennaio 2015 OGGETTO: Consulenza giuridica IRAP Determinazione della base imponibile ed aliquota applicabile ai CONFIDI (Art. 6 del D.Lgs. 15 dicembre

Dettagli

SOMMARIO. Premessa...3

SOMMARIO. Premessa...3 CIRCOLARE N. 47/E Roma, 20 dicembre 2012 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Questioni interpretative in merito all applicazione dell articolo 3 del decreto legislativo 14 marzo 2011, n. 23, (c.d. cedolare

Dettagli

D.Lgs. 16 gennaio 2008, n. 4: la vidimazione del registro di carico e scarico tra altalene normative e rompicapo documentali

D.Lgs. 16 gennaio 2008, n. 4: la vidimazione del registro di carico e scarico tra altalene normative e rompicapo documentali D.Lgs. 16 gennaio 2008, n. 4: la vidimazione del registro di carico e scarico tra altalene normative e rompicapo documentali A cura della Dott.ssa Stefania Pallotta In data 29 gennaio 2008 è stato pubblicato

Dettagli

I regimi contabili: obblighi, opzioni e revoche a cura di Daniele Fezzardi

I regimi contabili: obblighi, opzioni e revoche a cura di Daniele Fezzardi Il Punto sull Iva I regimi contabili: obblighi, opzioni e revoche a cura di Daniele Fezzardi I regimi Iva previsti dalla normativa Il sistema giuridico italiano ha previsto, per le imprese e professionisti,

Dettagli

RISOLUZIONE N.80/E QUESITO

RISOLUZIONE N.80/E QUESITO RISOLUZIONE N.80/E Direzione Centrale Normativa Roma, 24 luglio 2012 OGGETTO: Interpello - Art. 11, legge 27 luglio 2000, n. 212. Fatture di importo inferiore a 300,00 euro - Annotazione cumulativa anche

Dettagli

Checklist per la preparazione alla revisione cooperativa ex art. 27 L.R. 9 luglio 2008, n. 5

Checklist per la preparazione alla revisione cooperativa ex art. 27 L.R. 9 luglio 2008, n. 5 Checklist per la preparazione alla revisione cooperativa ex art. 27 L.R. 9 luglio 2008, n. 5 La checklist fornisce utili indicazioni per agevolare il lavoro del revisore cooperativo, nell'ottica di una

Dettagli

Circolare N.167 del 14 dicembre 2011. Obbligo di conservazione delle e-mail a contenuto giuridico-commerciale

Circolare N.167 del 14 dicembre 2011. Obbligo di conservazione delle e-mail a contenuto giuridico-commerciale Circolare N.167 del 14 dicembre 2011 Obbligo di conservazione delle e-mail a contenuto giuridico-commerciale Obbligo di conservazione delle e-mail a contenuto giuridico-commerciale Gentile cliente con

Dettagli

LA REDAZIONE DEL LIBRO DEGLI INVENTARI

LA REDAZIONE DEL LIBRO DEGLI INVENTARI LA REDAZIONE DEL LIBRO DEGLI INVENTARI a cura di CELESTE VIVENZI PREMESSA NORMATIVA ll libro inventari è un adempimento posto a carico dell imprenditore che esercita un attività commerciale, disciplinato

Dettagli

LA REGOLARE TENUTA E LA STAMPA DEI REGISTRI CONTABILI PER L'ANNO 2012

LA REGOLARE TENUTA E LA STAMPA DEI REGISTRI CONTABILI PER L'ANNO 2012 LA REGOLARE TENUTA E LA STAMPA DEI REGISTRI CONTABILI PER L'ANNO 2012 A cura di Celeste Vivenzi Entro il 31 Dicembre 2013 i contribuenti che tengono la contabilità con sistemi meccanografici devono procedere

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA RISCOSSIONE DIRETTA DEI TRIBUTI COMUNALI: ICI E TARSU

REGOLAMENTO PER LA RISCOSSIONE DIRETTA DEI TRIBUTI COMUNALI: ICI E TARSU COMUNE DI CHIOMONTE Provincia di Torino SERVIZIO TRIBUTI REGOLAMENTO PER LA RISCOSSIONE DIRETTA DEI TRIBUTI COMUNALI: ICI E TARSU Approvato dal C.C. nella seduta del 20 Dicembre 20008 con atto n 40/08

Dettagli

R21 - QUADRO RZ - DICHIARAZIONE DEI SOSTITUTI D IMPOSTA RELATIVA A INTERESSI, ALTRI REDDITI DI CAPITALE E REDDITI DIVERSI

R21 - QUADRO RZ - DICHIARAZIONE DEI SOSTITUTI D IMPOSTA RELATIVA A INTERESSI, ALTRI REDDITI DI CAPITALE E REDDITI DIVERSI R21 - QUADRO RZ - DICHIARAZIONE DEI SOSTITUTI D IMPOSTA RELATIVA A INTERESSI, ALTRI REDDITI DI CAPITALE E REDDITI DIVERSI 21.1 Generalità Il quadro RZ deve essere compilato dai soggetti che hanno corrisposto

Dettagli

INDICE CAPITOLO PRIMO IL RAVVEDIMENTO OPEROSO. 1. Gli aspetti generali e la prima interpretazione dell Amministrazione finanziaria... pag.

INDICE CAPITOLO PRIMO IL RAVVEDIMENTO OPEROSO. 1. Gli aspetti generali e la prima interpretazione dell Amministrazione finanziaria... pag. INDICE CAPITOLO PRIMO IL RAVVEDIMENTO OPEROSO 1. Gli aspetti generali e la prima interpretazione dell Amministrazione finanziaria... pag. 9 CAPITOLO SECONDO LE SINGOLE TIPOLOGIE DI VIOLAZIONI 1. Gli omessi

Dettagli

Diritto tributario, fisco e leggi finanziarie

Diritto tributario, fisco e leggi finanziarie Diritto tributario fisco e leggi finanziarie Decreto legislativo 31 ottobre 1990 n. 347 Approvazione del testo unico delle disposizioni concernenti le imposte ipotecaria e catastale. (in Gazz. Uff. 27

Dettagli

Roma, Alla Direzione regionale Roma, 21 aprile 2009 QUESITO

Roma, Alla Direzione regionale Roma, 21 aprile 2009 QUESITO RISOLUZIONE N. 105/E Roma, Alla Direzione regionale Roma, 21 aprile 2009 Direzione Centrale Normativa e Contenzioso OGGETTO: Istanza di interpello - ART. 11, legge 27 luglio 2000, n.212. Art. 19 bis 1,

Dettagli

Il Ministro dell economia e delle finanze

Il Ministro dell economia e delle finanze Il Ministro dell economia e delle finanze Visto il decreto del Presidente della Repubblica 26 ottobre 1972, n. 642, e successive modificazioni ed integrazioni recante la disciplina dell imposta di bollo;

Dettagli

Archiviazione dei documenti. Conservazione Sostitutiva e Fatturazione Elettronica. Aspetti normativi

Archiviazione dei documenti. Conservazione Sostitutiva e Fatturazione Elettronica. Aspetti normativi Archiviazione dei documenti Conservazione Sostitutiva e Fatturazione Elettronica Aspetti normativi L evoluzione del quadro normativo Italiano Volontà del legislatore Italiano di spingere il Sistema Paese

Dettagli

La tenuta e la conservazione delle scritture contabili con modalità informatiche: regole e novità

La tenuta e la conservazione delle scritture contabili con modalità informatiche: regole e novità Focus di pratica professionale di Luca Signorini La tenuta e la conservazione delle scritture contabili con modalità informatiche: regole e novità Introduzione Da tempo l informatica costituisce parte

Dettagli

CIRCOLARE N. 11/E. Roma, 12 marzo 2010

CIRCOLARE N. 11/E. Roma, 12 marzo 2010 CIRCOLARE N. 11/E Direzione Centrale Normativa Roma, 12 marzo OGGETTO: Regolarizzazione delle omissioni relative al monitoraggio degli investimenti esteri e delle attività estere di natura finanziaria.

Dettagli

Federazione Lavoratori Pubblici e Funzioni Pubbliche

Federazione Lavoratori Pubblici e Funzioni Pubbliche Federazione Lavoratori Pubblici e Funzioni Pubbliche Centro Studi e Documentazione 00187 ROMA Via Piave 61 sito internet: www.flp.it Email: flp@flp.it tel. 06/42000358 06/42010899 fax. 06/42010628 Prot.

Dettagli

Risoluzione n.125/e. Con l interpello specificato in oggetto, concernente l interpretazione del D.P.R. n. 131 del 1986, è stato esposto il seguente

Risoluzione n.125/e. Con l interpello specificato in oggetto, concernente l interpretazione del D.P.R. n. 131 del 1986, è stato esposto il seguente Risoluzione n.125/e Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 03 aprile 2008 OGGETTO: Istanza di interpello - riacquisto di prima casa a titolo gratuito Decadenza dai benefici di cui alla nota II-bis

Dettagli