LA PENSIONE DI REVERSIBILITA (O AI SUPERSTITI)

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "LA PENSIONE DI REVERSIBILITA (O AI SUPERSTITI)"

Transcript

1 LA PENSIONE DI REVERSIBILITA (O AI SUPERSTITI) La pensione di reversibilità (introdotta in Italia nel 1939 con il Rdl. n. 636) spetta ai: Superstiti del pensionato per invalidità, vecchiaia o anzianità, Superstiti dell assicurato, che al momento del decesso risulti in possesso dei prescritti requisiti contributivi. In questo caso la pensione è anche definita indiretta. REQUISITI CONTRIBUTIVI Per i superstiti di un pensionato la reversibilità non è subordinata ad alcun requisito contributivo. In caso di decesso di un assicurato non ancora pensionato, invece, è richiesto che il lavoratore abbia maturato almeno 15 anni di contributi oppure risultino versati a suo favore (alla data del decesso) cinque anni di contributi, di cui almeno tre nell ultimo quinquennio. BENEFICIARI Coniuge e figli possono concorrere tra loro al diritto alla pensione di reversibilità e possono averla anche se titolari di pensione diretta. Gli altri familiari possono ottenerla solo quando non ne hanno diritto coniuge o figli, e all ulteriore condizione di non essere titolari di altra pensione. 1. CONIUGE 2. FIGLI O EQUIPARATI MINORI Ai figli minori di 18 anni la pensione spetta anche se non sono a carico del genitore deceduto ed anche se, al momento del decesso del genitore, prestano attività lavorativa autonoma o subordinata STUDENTI - (vedi tab. A) I figli di età superiore ai 18 anni hanno diritto alla reversibilità fino al 21 anno, qualora frequentino una scuola media o professionale e per tutto il corso legale della stessa, ma non oltre il 26 anno di età qualora siano iscritti all università. In questo caso, la pensione spetta a condizione che essi, alla data del decesso del genitore, siano a suo carico. E causa di esclusione dal diritto lo svolgimento di attività lavorativa retribuita, anche se come apprendisti, qualunque sia il reddito ricavato. Tuttavia la Corte costituzionale, con sentenza interpretativa n. 42/99, ha stabilito che non perde la reversibilità chi svolga piccoli lavori da cui ricava un reddito modesto (Euro 103,29 mensili). C.F Registro del Volontariato Regione Lombardia Fg. 515 n. 2055

2 I criteri seguiti attualmente dall'inps per valutare il requisito del carico per i figli ed equiparati maggiorenni studenti, il limite di reddito considerato è pari all'importo del trattamento minimo maggiorato del 30 %; per il 2010 il limite è di 599,26 mensili". Tabella A - REVERSIBILITA : FIGLI BENEFICIARI Categoria Età Frequenza scuola Carico Minori Fino a 18 anni Presunto Studenti Fino a 21 anni Media inferiore o superiore Effettivo Universitari Fino a 26 anni Università (e istituti parificati) Effettivo Inabili Effettivo INABILI Per i figli che alla data del decesso del genitore siano inabili (da intendersi come assoluta e permanente impossibilità di svolgere qualsiasi attività lavorativa) non vi sono limiti di età per il diritto alla pensione di reversibilità. Il diritto sussiste anche nei confronti dei figli minori che siano riconosciuti inabili in data successiva al decesso del genitore, ma prima del compimento del 18 anno. Non è richiesta l inabilità totale, ma solo incapacità, in concreto, di applicarsi ad un lavoro produttivo di adeguato profitto. La Cassazione con le sentenze numeri 9157/2003 e 12765/2004 ha precisato che (secondo la disciplina dell art. 39 Dpr. N. 818/57 e perciò prima dell introduzione del più restrittivo criterio di cui all art. 8 L. 12 giugno 1984 n222) il riconoscimento della pensione di reversibilità ai figli superstiti del pensionato inabili ad un proficuo lavoro per grave infermità psichica o mentale postulava non la totale inabilità, ma ( anche nel mancato raggiungimento di una riduzione del 100% della astratta capacità di lavoro ) la concreta impossibilità, tenuto conto delle condizioni del mercato del lavoro, di dedicarsi ad una attività lavorativa utile ed idonea a soddisfare in modo normale e non usurante le primarie esigenze di vita. L accertamento del requisito dell inabilità presuppone una indagine molto accurata sull usura psicofisica che una eventuale attività lavorativa potrebbe provocare all interessato, tenuto conto che detta attività deve svolgersi senza compromettere la dignità della persona umana. L accertamento del requisito della inabilità (di cui all art. 8 della legge 222 del 1984) richiesto ai fini del riconoscimento del diritto alla pensione di reversibilità ai figli superstiti del lavoratore o del pensionato, deve essere operato secondo un criterio concreto, ossia avendo riguardo al possibile impiego delle eventuali energie lavorative residue in relazione al tipo di infermità e alle generali attitudini del soggetto, in modo da verificare, anche nel caso del mancato raggiungimento di una riduzione del 100% della astratta capacità di lavoro, la permanenza di una capacità dello stesso di svolgere attività idonee nel quadro dell art. 36 cost. e tali da procurare una fonte di guadagno non simbolico. Per i figli inabili non è motivo di preclusione al riconoscimento essere titolari di altra pensione o che essi percepiscano altro reddito nei limiti stabiliti (vedi par. Vivenza a carico ). 2

3 VIVENZA A CARICO Il requisito della vivenza a carico si intende soddisfatto, secondo la legge, quando il lavoratore deceduto provvedeva in maniera continuativa al sostentamento familiare. La Giurisprudenza ha poi chiarito che non è necessario un completo mantenimento, essendo sufficiente che l aiuto economico, per la sua costanza e regolarità, abbia costituito un mezzo normale, sia pure parziale, del mantenimento. Particolare rilevanza nella valutazione della situazione del nucleo familiare, secondo l INPS assumono i seguenti elementi: la convivenza cioè l effettiva comunione di tetto e di mensa. Per il figlio superstite convivente, di norma, si può prescindere dall accertamento della condizione del mantenimento abituale, limitando la verifica alla sola condizione della non autosufficienza economica; la non convivenza. Nel caso di figlio non convivente va verificata sia la condizione della non autosufficienza economica che quella del mantenimento abituale. Per il requisito di mantenimento abituale bisogna accertare, anche attraverso un esame comparativo dei redditi del dante causa e del superstite, se il defunto concorreva effettivamente in maniera rilevante e continuativa, al mantenimento del figlio non convivente. Per i decessi successivi al 31 ottobre 2000 la non autosufficienza, in caso di figli maggiorenni inabili, viene valutata secondo il criterio e i limiti per il diritto a pensione nei confronti degli invalidi civili totali. Quindi si prendono in considerazione solo i redditi assoggettabili all IRPEF. Ai fini della verifica della non autosufficienza economica concorre: L importo del trattamento economico corrisposto dai datori di lavoro ai soggetti destinatari della disposizione relativa all attività svolta ai fini terapeutici; Figlio inabile coniugato (redditi propri e quelli del coniuge soggetti a IRPEF); Nell ipotesi di figlio inabile, titolare di pensione di reversibilità a seguito del decesso di uno dei genitori, che presenti domanda per analoga prestazione a seguito del decesso del genitore superstite, l importo della pensione di cui è già titolare deve essere considerato ai fini della corretta valutazione del requisito della non autosufficienza economica, per conseguire l eventuale diritto ad altra pensione di reversibilità. 3

4 LIMITI DI REDDITO PER IL DIRITTO A PENSIONE A FIGLI MAGGIORENNI INABILI Anno 2003 Euro ,20 Anno 2004 Euro ,78 Anno 2005 Euro ,69 Anno 2006 Euro ,26 Anno 2007 Euro ,75 Anno 2008 Euro ,81 Anno 2009 Euro ,28 Anno 2010 Euro ,24 Per i figli maggiorenni inabili che si trovino nell impossibilità di deambulare senza l aiuto permanente di un accompagnatore o che, non essendo in grado di compiere gli atti quotidiani della vita, necessitino di un assistenza continua, il predetto limite è aumentato dell importo dell assegno di accompagnamento. Per l anno 2010 tale importo è pari ad 1.743,32 mensili ( ,24 diviso 12 mesi più assegno di accompagnamento mensile pari ad 480,47). PERSONE SVANTAGGIATE E ATTIVITA RETRIBUITA L attività retribuita svolta ai sensi dell art. 4, legge n. 381/1991, da invalidi, ex degenti di istituti psichiatrici, soggetti in trattamento psichiatrico, tossicodipendenti, alcolisti, minori in età lavorativa in situazioni di difficoltà familiare, i condannati ammessi alle misure alternative alla detenzione, presso i cosiddetti laboratori protetti, cioè le cooperative sociali che svolgono attività finalizzate all inserimento lavorativo delle predette persone, non costituisce causa ostativa al riconoscimento all erogazione della pensione ai superstiti, considerando che la predetta attività ha funzioni essenzialmente terapeutiche. FIGLI INABILI MAGGIORENNI E ATTIVITA LAVORATIVA (D.L. 30 dicembre 2007 n. 248 convertito in Legge 28 febbraio 2008 n 31) A seguito di tale provvedimento, i figli maggiorenni inabili, beneficiari di pensione di reversibilità o superstiti, hanno la possibilità di svolgere attività lavorativa senza perdere il diritto alla pensione quali superstiti, sempre che mantengano il requisito della non autosufficienza economica. 4

5 In proposito le norme prevedono quanto segue: L attività lavorativa abbia finalità terapeutica. L attività sia svolta presso i laboratori protetti, ovvero cooperative o datori di lavoro che abbiano stipulato convenzioni previste dalla normativa vigente. La durata dell attività lavorativa non sia superiore a 25 ore settimanali. Il trattamento economico non può essere inferiore all importo del trattamento minimo delle pensioni maggiorato del 30 %. L attività svolta dal soggetto inabile deve avere una funzione terapeutica e di inclusione sociale. Tali caratteristiche sono accertate dall Istituto che eroga la prestazione pensionistica attraverso i suoi Centri medico legali. Le norme hanno effetto dal 31 dicembre 2007 per i decessi intervenuti a decorrere dalla predetta data. Per i decessi intervenuti anteriormente alla predetta data del 31 dicembre 2007 la nuova disciplina si rende applicabile a tutte le pensioni ai superstiti liquidate a favore di figli maggiorenni inabili per i lavori avviati dopo il 30 dicembre (Per tali casi rimangono in vigore le istruzioni impartite con circolare n. 137 del 10 luglio Pertanto il diritto alla pensione ai superstiti permane a favore dei figli inabili riconosciuti dall Istituto che svolgano attività lavorativa presso cooperative sociali o laboratori protetti ancorché il rapporto di lavoro abbia durata superiore alle 25 ore settimanali) FIGLI EQUIPARATI Sono equiparati ai figli legittimi o legittimati: i figli adottivi e affidati; i figli naturali riconosciuti o giudizialmente dichiarati; i figli naturali non riconoscibili quando nei loro confronti il genitore era tenuto al mantenimento o agli alimenti in virtù di sentenza, nonché i figli non riconoscibili che hanno ottenuto l assegno vitalizio; i figli nati da precedente matrimonio del coniuge del lavoratore deceduto ADOTTATI Gli adottati con adozione ordinaria, gli affiliati e gli affidati possono ricevere due pensioni di reversibilità o indiretta: dagli adottanti, affilianti e affidatari e dai genitori naturali. Gli adottati con adozione speciale possono invece avere una sola pensione in quanto per loro cessa ogni rapporto verso la famiglia di origine. 5

6 3 - GENITORI Qualora non vi siano né coniuge, né figli superstiti o, pur essendoci, essi non abbiano diritto alla pensione di reversibilità, questa può spettare ai genitori (o equiparati) del lavoratore deceduto. I genitori hanno diritto alla pensione a condizione che, alla data del decesso del figlio, abbiano compiuto il 65 anno di età, che siano a carico del lavoratore deceduto e che non siano titolari di pensione diretta o indiretta. Non costituisce, tuttavia, causa di impedimento la pensione (o l assegno) sociale che, peraltro, vengono conseguentemente revocati, salvo che derivino da invalidità civile al 100% o la fruizione di una pensione di guerra o assistenziale. 4 - FRATELLI E SORELLE I fratelli e le sorelle hanno diritto alla reversibilità solo quando manchino il coniuge, i figli ed i genitori o quando, pur esistendo, essi non ne abbiano titolo. Il diritto è subordinato, poi, alle seguenti condizioni, che devono tutte coesistere alla data del decesso del lavoratore: A) che non siano coniugati. Il requisito è soddisfatto anche se lo erano stati in precedenza e poi sono diventati liberi per divorzio o vedovanza. B) che non siano pensionati. Anche in questo caso non hanno, a questo fine, rilevanza le pensioni sociali, di guerra o assistenziali. C) che siano inabili anche se minori di18 anni. Per i fratelli e le sorelle, la perdita anche di uno solo dei requisiti sopraddetti è motivo di immediata revoca della pensione. MISURA (vedi tab. B) La pensione ai superstiti viene corrisposta agli aventi diritto nelle seguenti aliquote percentuali della pensione spettante al dante causa: 60% al coniuge, o al figlio quando, mancando il coniuge, è l unico avente diritto; 20 % a ciascun figlio, se ha diritto anche il coniuge, ed il 40%, se hanno diritto solo i figli (comunque la pensione non può essere inferiore al 60 % della pensione del dante causa). Quando ne è beneficiario solo un figlio minore, studente, o inabile, l aliquota della pensione di reversibilità con decorrenza successiva al 17 agosto 1995, è elevata al 70% (dal precedente 60 %); 15 % per i genitori, i fratelli e le sorelle. In ogni caso, qualora ricorrano più superstiti, la reversibilità non può essere superiore al 100% della pensione diretta; in tale evenienza le varie aliquote vengono proporzionalmente ridotte (restando, però, fermo il 60% in favore del coniuge). 6

7 TABELLA B REVERSIBILITA INPS Aliquote in vigore dal 1 gennaio 1965 (art. 22 legge 21 luglio 1965 n. 903 e successive modificazioni) MISURA DELLE ALIQUOTE Coniuge solo 60% Coniuge + 1 orfano 80% Coniuge + 2 o più orfani 100% 1 Orfano (Sino al 16 agosto 1995) 60% 1 orfano (dal 17/08/95 L. 335/95) 70% 2 orfani (40% + 40%) 80% 3 o più orfani 100% 1 genitore 15% 2 genitori 30% 1 fratello o sorella 15% 2 fratelli o sorelle 30% CASI PARTICOLARI Il figlio che già fruisce di pensione di reversibilità per la morte di un genitore ha diritto, in caso di decesso dell altro genitore, ad una seconda pensione. Non solo, se il genitore superstite ha contratto nuovo matrimonio, egli acquista anche il diritto, in caso di morte del genitore acquisito, a beneficiare del relativo trattamento di reversibilità (art.2 c. 3 D.lgs.n.39/45) LIMITAZIONI (Legge n. 335/95) In base alla legge di riforma delle pensioni (art. 1 comma 41 Legge n. 335/95) dal 17 agosto 1995 le pensioni ai superstiti sono erogate nelle aliquote previste unicamente ove il beneficiario abbia un reddito inferiore a tre volte la pensione minima INPS. Questi limiti di cumulabilità trovano applicazione nei casi di pensione ai superstiti spettante al solo coniuge o ai genitori ovvero ai fratelli e sorelle; non trovano invece applicazione nei casi in cui siano beneficiari della pensione figli minori, studenti o inabili, da soli o in concorso con il coniuge. 7

8 Negli altri casi, gli importi subiscono una decurtazione, come da tabelle (C1 C2). Queste riduzioni sono state dichiarate legittime dalla Corte costituzionale con sentenza n. 446/2002. TABELLA (C1) CUMULO DELLE PENSIONI AI SUPERSTITI CON I REDDITI DEL BENEFICIARIO Art. 1, comma 41, della legge 8 agosto 1995, n Tabella F LIMITI DI REDDITO Ammontare dei redditi Percentuale di riduzione Reddito superiore a 3 volte il trattamento minimo annuo del Fondo pensioni lavoratori dipendenti, calcolato in misura pari a 13 volte l'importo in vigore al 1 gennaio. 25 per cento dell' importo della pensione Reddito superiore a 4 volte il trattamento minimo annuo del Fondo pensioni lavoratori dipendenti, calcolato in misura pari a 13 volte l'importo in vigore il 1 gennaio. 40 per cento dell'importo della pensione Reddito superiore a 5 volte il trattamento minimo annuo del Fondo pensione lavoratori dipendenti, calcolato in misura pari a 13 volte l'importo in vigore il 1 gennaio 50 per cento dell'importo della pensione 8

9 TABELLA (C2) IMPORTI DEI LIMITI DI REDDITO REVERSIBILITA'/REDDITO (L. n. 335/95 art.1 comma 41) ANNO R I D U Z I O N E 25 % da 40% da 50 % da , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,06 ASSEGNO PER IL NUCLEO FAMILIARE Sulla reversibilità sono corrisposti gli assegni familiari per tutti quei titolari per i quali gli assegni sarebbero spettati sulla pensione diretta. L assegno per il nucleo familiare su pensione ai superstiti può essere erogato anche quando il nucleo è costituito da una sola persona ove si tratti di orfano minore ed equiparati o unicamente dal coniuge superstite se minore o maggiorenne inabile. Con parere N /94 l INPS ha precisato che, ai fini dell assegno per il nucleo familiare, nel caso di pensioni ai superstiti (liquidate nelle gestioni assicurative dei lavoratori dipendenti), i soggetti che concorrono alla formazione del nucleo familiare sono: il coniuge superstite contitolare della pensione; i figli ed equiparati maggiorenni inabili a proficuo lavoro, titolari o contitolari della pensione. La determinazione del nucleo dei superstiti deve essere effettuata con riferimento alla situazione familiare esistente alla morte del dante causa, risultando irrilevanti gli incrementi del nucleo successivamente intervenuti, costituiti, ad esempio, da: figli maggiorenni divenuti inabili dopo la morte del genitore, figli naturali del coniuge superstite sopravvenuti, minori affidati al coniuge superstite, ecc.. Ne 9

10 consegue - conclude l INPS che i figli ed equiparati maggiorenni inabili a proficuo lavoro, non contitolari della pensione, possono essere compresi nel nucleo familiare del dante causa solo quando il mancato conseguimento della pensione sia derivato dal fatto che gli stessi non erano a carico (secondo la normativa che regola specificatamente le pensioni ai superstiti) del genitore deceduto. Pertanto, sulla pensione di reversibilità sono corrisposti gli assegni familiari per tutti quei titolari per i quali sarebbero spettati sulla pensione diretta. Il nucleo familiare può essere costituito da una sola persona ove si tratti di orfano minore ed equiparati o unicamente dal coniuge superstite se minore emancipato o maggiorenne inabile. SEPARAZIONE E DIVORZIO (vedi tab. D) Anche in caso di decesso dell ex coniuge si può aver diritto alla pensione ai superstiti. TABELLA (D) DIVORZIO E SEPARAZIONE Quando spetta la reversibilità Condizione personale Diritto alla pensione A quale condizioni Separato consensualmente o SI Senza condizioni per colpa dell'altro coniuge Separato per propria colpa SI A condizione che sussista il diritto agli alimenti Divorziato SI A condizione che sussista il diritto all'assegno di divorzio Divorziato, in concorrenza SI A condizione che sussista con il coniuge del defunto (in quota parte) il diritto all'assegno di divorzio Divorziato, in caso di nuovo NO Doppia annualità (alla ces- Matrimonio sazione della reversibilità - liquidabile d'ufficio e soggetta a prescrizione decennale 10

11 SEPARAZIONE LEGALE Nei casi di separazione legale senza addebito a carico del coniuge superstite, non vi sono ostacoli per il riconoscimento alla pensione di reversibilità. La Corte costituzionale, (sentenze nn. 286/87, 450/89 e 284/97), ha sancito il diritto alla reversibilità anche in favore del coniuge separato per colpa ma soltanto in quanto avesse diritto agli alimenti a carico del coniuge deceduto. L INPS (circ. n. 234/95) ha recepito l indirizzo della Corte costituzionale. DIVORZIO La legge n. 74/87 regolamenta il diritto in caso di divorzio, stabilendo che, in assenza del coniuge superstite avente i requisiti per la pensione di reversibilità, il coniuge rispetto al quale è stata pronunciata sentenza di scioglimento o di cessazione agli effetti civili del matrimonio, ha diritto alla pensione ai superstiti, alle seguenti condizioni: il coniuge superstite sia titolare di assegno di divorzio e non si sia nuovamente coniugato; il coniuge dante causa sia deceduto dopo il 12/3/87, per la non retroattività della legge 74/87 (sent. N. 5939/91, Cass. Sez. un.); la contribuzione da cui trae origine la reversibilità sia anteriore alla sentenza di scioglimento del matrimonio. Le diverse fattispecie sono esaminate dall ente previdenziale caso per caso. Se vi sono figli minori, contitolari alla pensione con il genitore, essi hanno diritto ad un aumento della loro quota (da far valere con una domanda di ricostituzione all INPS) in relazione alla perdita del diritto alla pensione da parte del genitore, passato a nuove nozze. CONCORSO DI PIU CONIUGI DIVORZIATI CON IL CONIUGE SUPERSTITE In caso di concorso di più coniugi divorziati con il coniuge superstite, il tribunale provvede alla ripartizione della pensione di reversibilità; in caso di cessazione del diritto per uno di questi, provvede ad una nuova determinazione delle quote ripartendo tra i restanti la quota del coniuge cessato. CESSAZIONE DEL DIRITTO E DOPPIA ANNUALITA Il coniuge divorziato perde il diritto alla reversibilità in caso di nuovo matrimonio. Gli spetta in tal caso la doppia annualità liquidabile d ufficio e soggetta alla prescrizione decennale. Si può verificare che il coniuge rimasto vedovo al quale è stata riconosciuta la pensione contragga nuovo matrimonio. In questo caso, al coniuge superstite viene revocata la pensione di reversibilità e viene liquidata la doppia annualità pari a 26 mesi (ivi compresa, quindi, la tredicesima) dell importo della pensione risultante all atto delle nuove nozze. 11

12 Per ottenere la doppia annualità occorre presentare all INPS una domanda, corredata dal certificato di matrimonio. Nella domanda, con la quale vanno restituiti il libretto e il certificato di pensione (mod. o bis M), vanno indicati i dati anagrafici, il numero della pensione e la data del matrimonio. A cura della Commissione Tutori e Commissione Legale di Oltre noi la vita onlus Giugno

LA PENSIONE DI REVERSIBILITA

LA PENSIONE DI REVERSIBILITA LA PENSIONE DI REVERSIBILITA La pensione di reversibilità (introdotta in Italia nel 1939 con il Rdl.n. 636) spetta a: Superstiti del pensionato per invalidità, vecchiaia o anzianità Superstiti dell assicurato

Dettagli

Pensione di reversibilità. ENPAM INPS ( ex-inpdap)

Pensione di reversibilità. ENPAM INPS ( ex-inpdap) Pensione di reversibilità ENPAM INPS ( ex-inpdap) La pensione di reversibilità, anche conosciuta come pensione ai superstiti, è una prestazione economica erogata, a domanda, in favore dei superstiti La

Dettagli

La pensione ai superstiti

La pensione ai superstiti Istituto Nazionale della Previdenza Sociale Pensioni La pensione ai superstiti Aggiornato al Febbraio 2006 E' la pensione che, alla morte del lavoratore assicurato o pensionato, spetta ai componenti del

Dettagli

LA PENSIONE AI SUPERSTITI

LA PENSIONE AI SUPERSTITI LA PENSIONE AI SUPERSTITI CHE COS'È È la pensione che, alla morte del lavoratore assicurato o pensionato, spetta ai componenti del suo nucleo familiare. Questa pensione può essere: di reversibilità: se

Dettagli

Pensione di reversibilità ENPAM-INPS ( EX-INPDAP)

Pensione di reversibilità ENPAM-INPS ( EX-INPDAP) Pensione di reversibilità ENPAM-INPS ( EX-INPDAP) INDICE Definizione- Differenti regole in ENPAM ed in INPS Slide 3 ENPAM - Pensione indiretta e pensione di reversibilità ai superstiti-superstiti Slide

Dettagli

Direzione Centrale Pensioni. Roma, 14/06/2012

Direzione Centrale Pensioni. Roma, 14/06/2012 Direzione Centrale Pensioni Roma, 14/06/2012 Circolare n. 84 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Responsabili delle Agenzie Ai Coordinatori generali, centrali e periferici dei Rami professionali Al Coordinatore

Dettagli

LA PENSIONE AI SUPERSTITI. La Pensione ai superstiti può essere:

LA PENSIONE AI SUPERSTITI. La Pensione ai superstiti può essere: LA PENSIONE AI SUPERSTITI La Pensione ai superstiti può essere: - di reversibilità: nel caso in cui il defunto fosse già titolare di pensione (di vecchiaia, di anzianità, di inabilità) prima del decesso.

Dettagli

Riduzione delle pensioni di reversibilità: le disposizioni attuative dell INPS

Riduzione delle pensioni di reversibilità: le disposizioni attuative dell INPS CIRCOLARE A.F. N. 95 del 22 giugno 2012 Ai gentili clienti Loro sedi Riduzione delle pensioni di reversibilità: le disposizioni attuative dell INPS Gentile cliente con la presente intendiamo informarla

Dettagli

LA PENSIONE AI SUPERSTITI (REVERSIBILITA )

LA PENSIONE AI SUPERSTITI (REVERSIBILITA ) LA PENSIONE AI SUPERSTITI (REVERSIBILITA ) DUE TIPI DI PENSIONE La pensione ai superstiti può essere: 1) DI REVERSIBILITA' : se il defunto è già titolare di pensione diretta (vecchiaia, inabilità, anzianità).

Dettagli

TRATTAMENTO DI PENSIONE AI SUPERSTITI Vademecum

TRATTAMENTO DI PENSIONE AI SUPERSTITI Vademecum TRATTAMENTO DI PENSIONE AI SUPERSTITI Vademecum 1 TRATTAMENTO DI PENSIONE AI SUPERSTITI Vademecum 1. Premessa Preliminarmente va sottolineato che la reversibilità ha natura previdenziale e non assistenziale.

Dettagli

n. 7/8 - luglio/agosto 2010

n. 7/8 - luglio/agosto 2010 n. 7/8 - luglio/agosto 2010 A cura di Roberto Battaglia Segretario SPI-CGIL Emilia Romagna Roberta Lorenzoni Dipartimento previdenza SPI-CGIL Emilia Romagna Argomenti Pensione di reversibilità: requisiti

Dettagli

superstiti sono cu-mulabili con i redditi del beneficiario, nei limiti di cui al-la Tabella F allegato 1. Il trattamento derivante dal cumulo dei

superstiti sono cu-mulabili con i redditi del beneficiario, nei limiti di cui al-la Tabella F allegato 1. Il trattamento derivante dal cumulo dei Circolare INPS del 25 agosto 1995 n. 234 Legge 8 agosto 1995, n. 335. Riforma del sistema pensio- nistico obbligatorio e complementare. Pensioni ai superstiti e trattamenti di invalidità. Nuovi limiti

Dettagli

1. Decesso dell assicurato o pensionato in assenza di un coniuge superstite avente i requisiti per la pensione indiretta o di reversibilità.

1. Decesso dell assicurato o pensionato in assenza di un coniuge superstite avente i requisiti per la pensione indiretta o di reversibilità. Circolare INPS del 27 giugno 2001 n. 132 OGGETTO: Articolo 9, comma 3, della legge n. 898/1970, nel testo sostituito dall articolo 13 della legge 6 marzo 1987, n. 74. Attribuzione al coniuge divorziato,

Dettagli

Istituzione dell integrazione al minimo vitale per trattamenti pensionistici calcolati esclusivamente con il sistema contributivo.

Istituzione dell integrazione al minimo vitale per trattamenti pensionistici calcolati esclusivamente con il sistema contributivo. Istituzione dell integrazione al minimo vitale per trattamenti pensionistici calcolati esclusivamente con il sistema contributivo. A) La prestazioni per invalidità nel regime generale obbligatorio La legge

Dettagli

1.Introduzione. Roma, 16/02/200. Ai Dirigenti Generali LORO SEDI. Ai Direttori degli Uffici Centrali e Periferici LORO SEDI

1.Introduzione. Roma, 16/02/200. Ai Dirigenti Generali LORO SEDI. Ai Direttori degli Uffici Centrali e Periferici LORO SEDI Roma, 16/02/200 Ai Dirigenti Generali istituto nazionale di previdenza per i dipendenti dell amministrazione pubblica DIREZIONE CENTRALE PRESTAZIONI PREVIDENZIALI UFF. 1 NORMATIVA AA.GG. LORO SEDI Ai Direttori

Dettagli

La disposizione in esame opera per i decessi intervenuti a decorrere dal 1 dicembre 2011.

La disposizione in esame opera per i decessi intervenuti a decorrere dal 1 dicembre 2011. Pensione ai superstiti ed art. 18 della L. 111/2011 Staiano Rocchina riduzione sulle pensioni ai superstiti Art. 18, comma 5, della L. 111/2011: premessa Il comma 5 dell art. 18 della L. 111/2011 dispone,

Dettagli

Pensione di reversibilità. Circolare INPS

Pensione di reversibilità. Circolare INPS www.handylex.org - 4 marzo 2009 Carlo Giacobini, Responsabile del Centro per la documentazione legislativa, UILDM, Direzione Nazionale Pensione di reversibilità. Circolare INPS Dopo un anno dall approvazione

Dettagli

Limitazioni in materia di trattamenti pensionistici di reversibilità A.C. 1847. reversibilità

Limitazioni in materia di trattamenti pensionistici di reversibilità A.C. 1847. reversibilità Autore: Titolo: Camera dei deputati - XVI Legislatura - Dossier di documentazione (Versione per stampa) Riferimenti: Servizio Studi - Dipartimento lavoro Limitazioni in materia di trattamenti pensionistici

Dettagli

LE PRESTAZIONI INPS IN SINTESI

LE PRESTAZIONI INPS IN SINTESI LE PRESTAZIONI INPS IN SINTESI La pensione di vecchiaia Si accede a tale prestazione al raggiungimento di una determinata età pensionabile e dopo aver maturato il requisito contributivo minimo richiesto

Dettagli

LA PENSIONE LA PENSIONE. INPDAP informa

LA PENSIONE LA PENSIONE. INPDAP informa LA PENSIONE INPDAP informa LA PENSIONE Pensione ordinaria di vecchiaia Pensione ordinaria di anzianità Cumulo tra prestazione pensionistica diretta e redditi da lavoro Pensione di inabilità Altre tipologie

Dettagli

FAQ ASSEGNO NUCLEO FAMILIARE [MEF]

FAQ ASSEGNO NUCLEO FAMILIARE [MEF] FAQ ASSEGNO NUCLEO FAMILIARE [MEF] Da chi è composto il nucleo familiare? Il nucleo familiare è composto ai sensi dell art.2, comma 2, del D.L. 13.3.1988, n.69, convertito nella L. 13.5.1988, n.153 (norma

Dettagli

LA PENSIONE AI SUPERSTITI E LA SUCCESSIONE AGLI EREDI

LA PENSIONE AI SUPERSTITI E LA SUCCESSIONE AGLI EREDI LA PENSIONE AI SUPERSTITI E LA SUCCESSIONE AGLI EREDI A cura di Adelmo Mattioli Direttore regionale Inca-Cgil Emilia Romagna Silverio Ghetti Segretario regionale Spi-Cgil Emilia Romagna Stefania Trombetti

Dettagli

Requisiti Ammontare del contributo

Requisiti Ammontare del contributo 1 Requisiti Rapporto professionale con il Servizio Sanitario Nazionale (o altri Istituti) in qualità di Medici di Medicina Generale, Pediatri di libera scelta ed addetti ai servizi di continuità assistenziale

Dettagli

ASSEGNO AL NUCLEO FAMILIARE

ASSEGNO AL NUCLEO FAMILIARE ASSEGNO AL NUCLEO FAMILIARE L assegno per il nucleo familiare e' una prestazione a sostegno delle famiglie dei lavoratori dipendenti e dei titolari di prestazione a carico dell'assicurazione generale obbligatoria,

Dettagli

CORSO TEORICO E PRATICO PER AMMINISTRATORE DI SOSTEGNO

CORSO TEORICO E PRATICO PER AMMINISTRATORE DI SOSTEGNO CORSO TEORICO E PRATICO PER AMMINISTRATORE DI SOSTEGNO FOCUS SU CASI PARTICOLARI NELLA GESTIONE Gestione pensioni Investimenti Intervengono: Dott.ssa Tiziana Bocus Dott.ssa Giuseppina Castiglione Esperte

Dettagli

È il sistema di calcolo valido per coloro che sono stati assunti dopo il 31 dicembre 1995 ed è legato alla totalità dei contributi versati.

È il sistema di calcolo valido per coloro che sono stati assunti dopo il 31 dicembre 1995 ed è legato alla totalità dei contributi versati. PENSIONI In virtù del principio della territorialità dell obbligo assicurativo, i lavoratori devono essere assicurati ai fini previdenziali ed assistenziali nel Paese in cui svolgono attività lavorativa.

Dettagli

LE PRESTAZIONI PREVIDENZIALI I TIPI DI PENSIONE

LE PRESTAZIONI PREVIDENZIALI I TIPI DI PENSIONE LE PRESTAZIONI PREVIDENZIALI I TIPI DI PENSIONE Le PRESTAZIONI PREVIDENZIALI sono un trasferimento di denaro che sostituisce il reddito da lavoro nel momento in cui si verificano determinati eventi, quali:

Dettagli

REGOLAMENTO DI PREVIDENZA E ASSISTENZA DELLA GESTIONE SEPARATA ENPAPI

REGOLAMENTO DI PREVIDENZA E ASSISTENZA DELLA GESTIONE SEPARATA ENPAPI Approvato dal Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali di concerto con il Ministero dell Economia e delle Finanze in data 29 marzo 2013 REGOLAMENTO DI PREVIDENZA E ASSISTENZA DELLA GESTIONE SEPARATA

Dettagli

Legge 7 febbraio 1979, n. 29 Ricongiunzione dei periodi assicurativi dei lavoratori ai fini previdenziali.

Legge 7 febbraio 1979, n. 29 Ricongiunzione dei periodi assicurativi dei lavoratori ai fini previdenziali. Legge 7 febbraio 1979, n. 29 Ricongiunzione dei periodi assicurativi dei lavoratori ai fini previdenziali. Art. 1. 1. Al lavoratore dipendente, pubblico o privato, che sia o sia stato iscritto a forme

Dettagli

Le prestazioni per gli iscritti alla gestione separata dei lavoratori parasubordinati

Le prestazioni per gli iscritti alla gestione separata dei lavoratori parasubordinati Le prestazioni per gli iscritti alla gestione separata dei lavoratori parasubordinati Pensione di vecchiaia Con almeno 57 anni, sia uomini che donne possono conseguire la pensione di vecchiaia. Si prescinde

Dettagli

15 lezione Le prestazioni previdenziali e assistenziali

15 lezione Le prestazioni previdenziali e assistenziali L'attività dell Inps consiste nella liquidazione e nel pagamento delle prestazioni che possono essere di natura previdenziale assistenziale sono liquidate sulla base di rapporti assicurativi e finanziate

Dettagli

LA PREVIDENZA PER I DIPENDENTI DEL SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE

LA PREVIDENZA PER I DIPENDENTI DEL SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE LA PREVIDENZA PER I DIPENDENTI DEL SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE Premessa Il sistema previdenziale per gli operatori del Servizio Sanitario Nazionale, come quello dei pubblici dipendenti, risulta notevolmente

Dettagli

ISTITUTO NAZIONALE DI PREVIDENZA PER I DIPENDENTI Roma 23.10.2007 DELL'AMMINISTRAZIONE PUBBLICA. Ai Direttori delle Sedi Provinciali e Territoriali

ISTITUTO NAZIONALE DI PREVIDENZA PER I DIPENDENTI Roma 23.10.2007 DELL'AMMINISTRAZIONE PUBBLICA. Ai Direttori delle Sedi Provinciali e Territoriali ISTITUTO NAZIONALE DI PREVIDENZA PER I DIPENDENTI Roma 23.10.2007 DELL'AMMINISTRAZIONE PUBBLICA Direzione Centrale Pensioni Ufficio I Normativa Ai Direttori delle Sedi Provinciali e Territoriali Alle Organizzazioni

Dettagli

Il sistema previdenziale di categoria. Fondi di Previdenza ENPAM

Il sistema previdenziale di categoria. Fondi di Previdenza ENPAM Il sistema previdenziale di categoria Fondi di Previdenza ENPAM Obbligatorietà dei Fondi I Fondi di Previdenza ENPAM sono tutti ad iscrizione obbligatoria ed automatica: 1) FONDO DI PREVIDENZA GENERALE

Dettagli

ipost Edizione 2010 LA MIA PENSIONE DOPO LE RIFORME

ipost Edizione 2010 LA MIA PENSIONE DOPO LE RIFORME ipost Edizione 2010 LA MIA PENSIONE DOPO LE RIFORME a ipost LA MIA PENSIONE DOPO LE RIFORME indice 5 Presentazione 6 Dalla Riforma Amato al Protocollo sul Welfare: evoluzione e cambiamento del sistema

Dettagli

Le pensioni di tutti. by Salvatore Martorelli per Previdenza Flash. Fonte - Giornata nazionale della Previdenza" Milano 4-5 maggio 2011

Le pensioni di tutti. by Salvatore Martorelli per Previdenza Flash. Fonte - Giornata nazionale della Previdenza Milano 4-5 maggio 2011 Le pensioni di tutti Fonte - Giornata nazionale della Previdenza" Milano 4-5 maggio 2011 Rielaborazione di Salvatore Martorelli Aggiornato al 09/05/2011 SOMMARIO SOMMARIO... 2 DIPENDENTI DEL SETTORE PRIVATO...

Dettagli

INDICE. (clicca per andare al documento)

INDICE. (clicca per andare al documento) INDICE (clicca per andare al documento) 1. Proposta di Legge della Fap 2. Relazione 3. Documento tecnico di accompagnamento 4. Presentazione della proposta di legge a cura di Damiano Bettoni Istituzione

Dettagli

Comitato dei Delegati

Comitato dei Delegati Comitato dei Delegati 9 settembre 2013 La necessità di una riforma del sistema previdenziale I provvedimenti adottati 1. Aumento dell'aliquota del soggettivo e del massimale sul reddito; 2. Aumento del

Dettagli

La normativa delle Casse di previdenza dei liberi professionisti

La normativa delle Casse di previdenza dei liberi professionisti La normativa delle Casse di previdenza dei liberi professionisti Analisi degli Enti del decreto 509/1994 LA PENSIONE DELL AVVOCATO CASSA FORENSE Indice Considerazioni di carattere generale La contribuzione

Dettagli

4 INCONTRO NAZIONALE A.I.G. Associazione Italiana GIST Onlus. 26 febbraio 2011 Fondazione IRCCS Istituto Nazionale Tumori Aula Magna

4 INCONTRO NAZIONALE A.I.G. Associazione Italiana GIST Onlus. 26 febbraio 2011 Fondazione IRCCS Istituto Nazionale Tumori Aula Magna 4 INCONTRO NAZIONALE A.I.G. Associazione Italiana GIST Onlus 26 febbraio 2011 Fondazione IRCCS Istituto Nazionale Tumori Aula Magna I diritti del malato oncologico Silvia Bettega Servizio Sociale Adulti

Dettagli

Circolare N.144 del 2 novembre 2011

Circolare N.144 del 2 novembre 2011 Circolare N.144 del 2 novembre 2011 Partite le verifiche Inps delle denunce aziendali sui conguagli per gli assegni familiari e le lettere di interruzione dei termini prescrizionali e di recupero contributivo

Dettagli

La Previdenza del Pediatra di libera scelta

La Previdenza del Pediatra di libera scelta ENTE NAZIONALE PREVIDENZA ED ASSISTENZA ENTE NAZIONALE MEDICI PREVIDENZA ED ODONTOIATRI ED ASSISTENZA DEI MEDICI E DEGLI ODONTOIATRI La Previdenza del Pediatra di libera scelta Pietro Fusilli Responsabile

Dettagli

Pensioni INPS. Prime tabelle

Pensioni INPS. Prime tabelle Pensioni INPS 2012 Prime tabelle Gli importi delle pensioni INPS dal 1 gennaio 2012 e limiti di reddito per alcune prestazioni sociali La perequazione automatica in base all aumento del costo della vita,

Dettagli

Servizio Prestazioni. FONDAZIONE ENASARCO: tutti i diritti riservati

Servizio Prestazioni. FONDAZIONE ENASARCO: tutti i diritti riservati 1 PRESTAZIONI INTEGRATIVE PRESTAZIONI PREVIDENZIALI PENSIONE ai SUPERSTITI Gestione INDENNITÀ di SCIOGLIMENTO del RAPPORTO di AGENZIA PENSIONE di VECCHIAIA PENSIONE di INVALIDITÀ PENSIONE di INABILITÀ

Dettagli

BREVE VADEMECUM IN MATERIA DI - PREVIDENZA FORENSE -

BREVE VADEMECUM IN MATERIA DI - PREVIDENZA FORENSE - BREVE VADEMECUM IN MATERIA DI - PREVIDENZA FORENSE - Premessa La Previdenza Forense è materia complessa, che riguarda tutti gli Avvocati. Oggi è argomento di dibattito, spesso anche acceso, date le novità

Dettagli

SEMINARIO. Partite IVA, lavoratori a progetto e aspetti previdenziali 15 NOVEMBRE 2012

SEMINARIO. Partite IVA, lavoratori a progetto e aspetti previdenziali 15 NOVEMBRE 2012 SEMINARIO I LAVORATORI ATIPICI NELLE PROFESSIONI Partite IVA, lavoratori a progetto e aspetti previdenziali 15 NOVEMBRE 2012 Dr. Gianbattista Guzzetti (Unione Confcommercio Imprese per l Italia-Milano-Lodi-Monza

Dettagli

REGOLAMENTO PER LE PRESTAZIONI PREVIDENZIALI. Art. 1 PRESTAZIONI

REGOLAMENTO PER LE PRESTAZIONI PREVIDENZIALI. Art. 1 PRESTAZIONI REGOLAMENTO PER LE PRESTAZIONI PREVIDENZIALI Art. 1 PRESTAZIONI 1. La Cassa corrisponde le seguenti prestazioni previdenziali: a) Pensione di vecchiaia; b) Pensione di anzianità; c) Pensione di invalidità;

Dettagli

Pensione di inabilità assoluta e permanente ENPAM - INPS( ex-inpdap)

Pensione di inabilità assoluta e permanente ENPAM - INPS( ex-inpdap) Pensione di inabilità assoluta e permanente ENPAM - INPS( ex-inpdap) ENPAM La pensione di inabilità assoluta e permanente è una prestazione economica che viene erogata da ENPAM ai medici e odontoiatri

Dettagli

Comitato dei Delegati

Comitato dei Delegati Comitato dei Delegati 9 settembre 2013 La necessità di una riforma del sistema previdenziale I provvedimenti adottati 1. Aumento dell'aliquota del soggettivo e del massimale sul reddito; 2. Aumento del

Dettagli

LE PENSIONI Il sistema pensionistico italiano è quotidianamente oggetto di dibattito perché se da un lato la c.d. "Riforma Fornero" pone l'italia fra

LE PENSIONI Il sistema pensionistico italiano è quotidianamente oggetto di dibattito perché se da un lato la c.d. Riforma Fornero pone l'italia fra LE PENSIONI Il sistema pensionistico italiano è quotidianamente oggetto di dibattito perché se da un lato la c.d. "Riforma Fornero" pone l'italia fra i Paesi più avanzati sotto il profilo della sostenibilità

Dettagli

L ASSEGNO PER IL NUCLEO FAMILIARE - ANF E L ASSEGNO FAMILIARE - AF

L ASSEGNO PER IL NUCLEO FAMILIARE - ANF E L ASSEGNO FAMILIARE - AF L ASSEGNO PER IL NUCLEO FAMILIARE - ANF E L ASSEGNO FAMILIARE - AF A cura di Adelmo Mattioli Direttore regionale Inca-Cgil Emilia Romagna Silverio Ghetti Segretario regionale Spi-Cgil Romagna L ASSEGNO

Dettagli

Istituto Nazionale della Previdenza Sociale

Istituto Nazionale della Previdenza Sociale INPS COMUNICA L'ISTITUTO CONCORSI E GARE UFFICIO STAMPA MODULISTICA BANCHE DATI CONTATTI SOFTWARE OPEN DATA MAPPA Informazioni Servizi Online HOME > RISULTATI RICERCA Versione Testuale Istituto Nazionale

Dettagli

ANF per il lavoro dipendente

ANF per il lavoro dipendente ANF per il lavoro dipendente ISTRUZIONI PER L USO BERGAMO ENZO MOLOGNI LAVORO DIPENDENTE D.P.R. 30 MAGGIO 1955, N 797 (Assegni familiari) LEGGE 13 MAGGIO 1988, N 153 (Assegni al nucleo familiare) RIFERIMENTI

Dettagli

Coordinamento Nazionale FLP-Interno INPS: FINALMENTE LE LINEE GUIDA PER RENDERE UNIFORMI I TRATTAMENTI DI PENSIONE AI SUPERSTITI!

Coordinamento Nazionale FLP-Interno INPS: FINALMENTE LE LINEE GUIDA PER RENDERE UNIFORMI I TRATTAMENTI DI PENSIONE AI SUPERSTITI! Coordinamento Nazionale FLP-Interno Ministero dell'interno - Palazzo Viminale - Palazzina F, 1 piano, stanza n. 50-00184 Roma Tel. 06.46547989 fax 06.46547954 flp_interno@icloud.com www.flp-interno.it

Dettagli

Possono esercitare la facoltà prevista e totalizzare i periodi assicurativi, per ottenere un unica pensione, i lavoratori iscritti:

Possono esercitare la facoltà prevista e totalizzare i periodi assicurativi, per ottenere un unica pensione, i lavoratori iscritti: Totalizzazione dei contributi È stata prevista da recenti disposizioni legislative per consentire l acquisizione del diritto ad un unica pensione di vecchiaia, di anzianità o ai superstiti a quei lavoratori

Dettagli

CIRCOLARE N.12 OGGETTO: CORRESPONSIONE ASSEGNO NUCLEO FAMILIARE PER IL PERIODO 01.07.2012/30.06.2013

CIRCOLARE N.12 OGGETTO: CORRESPONSIONE ASSEGNO NUCLEO FAMILIARE PER IL PERIODO 01.07.2012/30.06.2013 Direzione Generale Servizio Personale U.O. Trattamento Economico PROT.GEN.N.44751 CIRCOLARE N.12 OGGETTO: CORRESPONSIONE ASSEGNO NUCLEO FAMILIARE PER IL PERIODO 01.07.2012/30.06.2013 In esecuzione del

Dettagli

Domanda Assegno per il nucleo familiare dal 01.07.2015 al 30.06.2016 Variazione situazione nucleo familiare dal

Domanda Assegno per il nucleo familiare dal 01.07.2015 al 30.06.2016 Variazione situazione nucleo familiare dal RESIDENTE ALL ESTERO Agenzia Regionale per la Protezione dell Ambiente della Calabria All Area Gestione e Sviluppo Risorse Umane Domanda Assegno per il nucleo familiare dal 01.07.2015 al 30.06.2016 Variazione

Dettagli

PREMESSA. Studio e Ricerca per lo Sviluppo delle attività delle Convenzioni Internazionali. Direzione Centrale delle Prestazioni

PREMESSA. Studio e Ricerca per lo Sviluppo delle attività delle Convenzioni Internazionali. Direzione Centrale delle Prestazioni Studio e Ricerca per lo Sviluppo delle attività delle Convenzioni Internazionali Direzione Centrale delle Prestazioni Direzione Centrale Prestazioni a Sostegno del Reddito Roma, 28 Ottobre 2002 Circolare

Dettagli

REGOLAMENTO PER LE PRESTAZIONI PREVIDENZIALI

REGOLAMENTO PER LE PRESTAZIONI PREVIDENZIALI REGOLAMENTO PER LE PRESTAZIONI PREVIDENZIALI (Testo approvato dal Comitato dei Delegati nella seduta del 5 settembre 2012) ART. 1 PRESTAZIONI 1. La Cassa corrisponde le seguenti prestazioni previdenziali:

Dettagli

NORMATIVA PENSIONISTICA PERSONALE APPARTENENTE ALLA POLIZIA DI STATO

NORMATIVA PENSIONISTICA PERSONALE APPARTENENTE ALLA POLIZIA DI STATO NORMATIVA PENSIONISTICA PERSONALE APPARTENENTE ALLA POLIZIA DI STATO Facciamo il punto sulla normativa pensionistica di cui sono destinatari i lavoratori delle forze di polizia attualmente vigente, a seguito

Dettagli

ASSEGNO AL NUCLEO FAMILIARE. Istruzioni e appunti per l uso

ASSEGNO AL NUCLEO FAMILIARE. Istruzioni e appunti per l uso ASSEGNO AL NUCLEO FAMILIARE Istruzioni e appunti per l uso L ASSEGNO AL NUCLEO FAMILIARE : ANF L assegno al nucleo familiare è una prestazione a sostegno del reddito istituita per sostenere le famiglie

Dettagli

Per alcune categorie di lavoratori autonomi (coltivatori diretti, coloni e mezzadri,

Per alcune categorie di lavoratori autonomi (coltivatori diretti, coloni e mezzadri, I trattamenti di famiglia Assegni familiari Assegno al nucleo familiare STAMPA Assegni familiari Per alcune categorie di lavoratori autonomi (coltivatori diretti, coloni e mezzadri, caratisti imbarcati)

Dettagli

SCHEMA DI REGOLAMENTO DELLE PENSIONI DEI DEPUTATI

SCHEMA DI REGOLAMENTO DELLE PENSIONI DEI DEPUTATI SCHEMA DI REGOLAMENTO DELLE PENSIONI DEI DEPUTATI ART. 1 (Ambito di applicazione) l. Il presente Regolamento disciplina il sistema previdenziale dei deputati in carica alla data del l gennaio 2012 ovvero

Dettagli

Contributi figurativi per il prepensionamento, le indicazioni INPS, le indicazioni INPDAP

Contributi figurativi per il prepensionamento, le indicazioni INPS, le indicazioni INPDAP PENSIONI Il Decreto Legislativo 30 dicembre 1992, n. 503 (articolo 1, comma 8) prevede la possibilità per i lavoratori con invalidità non inferiore all 80%, di anticipare l età pensionabile (pensione di

Dettagli

Quali sono le misure a sostegno del reddito dei lavoratori:

Quali sono le misure a sostegno del reddito dei lavoratori: Gli ammortizzatori sociali in pillole Quali sono le misure a sostegno del reddito dei lavoratori: Assegno per il nucleo familiare A cura di Monica Lattanzi (Coordinatrice Uffici Vertenze USR Emilia Romagna)

Dettagli

FONDO PENSIONE AGENTI PROFESSIONISTI DI ASSICURAZIONE www.fonage.it. Sede: 00187 ROMA - Via del Tritone, 46 - Tel. 06697643.

FONDO PENSIONE AGENTI PROFESSIONISTI DI ASSICURAZIONE www.fonage.it. Sede: 00187 ROMA - Via del Tritone, 46 - Tel. 06697643. FONDO PENSIONE AGENTI PROFESSIONISTI DI ASSICURAZIONE www.fonage.it Sede: 00187 ROMA - Via del Tritone, 46 - Tel. 06697643.1 - Fax 0669941107 DOMANDA DI PENSIONE AI SUPERSTITI A norma degli artt. 11 bis

Dettagli

MODULO RICHIESTA PENSIONE DI REVERSIBILITA. L Sottoscritt_. (Prov. ) il / / in Via/P.zza n. Tel. / Fax e-mail C H I E D E

MODULO RICHIESTA PENSIONE DI REVERSIBILITA. L Sottoscritt_. (Prov. ) il / / in Via/P.zza n. Tel. / Fax e-mail C H I E D E MODULO RICHIESTA PENSIONE DI REVERSIBILITA Regione Siciliana FONDO PENSIONI SICILIA Fondo per il pagamento del trattamento di quiescenza e dell indennità di buonuscita del personale regionale Viale Regione

Dettagli

dell assegno per il nucleo familiare. _ l _ stess_ dichiara di essere:

dell assegno per il nucleo familiare. _ l _ stess_ dichiara di essere: Al Dipartimento Provinciale del Ministero Dell Economia e delle finanze - Direzione Provinciale dei servizi vari Di Al Dirigente Scolastico dell Istituzione Scolastica di OGGETTO: RICHIESTA CORRESPONSIONE

Dettagli

dell assegno per il nucleo familiare. _ l _ stess_ dichiara di essere:

dell assegno per il nucleo familiare. _ l _ stess_ dichiara di essere: Al Dipartimento Provinciale del Ministero Dell Economia e delle finanze - Direzione Provinciale dei servizi vari Di Al Dirigente Scolastico dell Istituzione Scolastica di OGGETTO: RICHIESTA CORRESPONSIONE

Dettagli

I diritti previdenziali dei lavoratori stranieri: mutua, malattia, congedi parentali, maternità, ecc..

I diritti previdenziali dei lavoratori stranieri: mutua, malattia, congedi parentali, maternità, ecc.. I diritti previdenziali dei lavoratori stranieri: mutua, malattia, congedi parentali, maternità, ecc.. A cura di Simonetta Zini Servizio Previdenza Che cos è? L assicurazione obbligatoria è la forma con

Dettagli

OGGETTO : RICHIESTA PENSIONE REVERSIBILITA

OGGETTO : RICHIESTA PENSIONE REVERSIBILITA Alla CASSA ITALIANA PREVIDENZA GEOMETRI Area Servizi Istituzionali Servizio Erogazione Trattamenti ed Iscrizione Ufficio Istruttoria invalidità, inabilità, superstiti e supplementi Lungotevere Arnaldo

Dettagli

I lavoratori autonomi in agricoltura

I lavoratori autonomi in agricoltura L I Premessa Chi sono Da alcuni anni è stata riconosciuta una più ampia tutela previdenziale a coloro che svolgono l attività autonoma in agricoltura. In questa guida sono contenute tutte le informazioni

Dettagli

DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DI CERTIFICAZIONE E DI ATTO DI NOTORIETA'

DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DI CERTIFICAZIONE E DI ATTO DI NOTORIETA' DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DI CERTIFICAZIONE E DI ATTO DI NOTORIETA' AI SENSI DEGLI ARTT. 46 E 47 DEL T.U. DOCUMENTAZIONE AMMINISTRATIVA - D.P.R. 28.12.2000, N.445 OGGETTO: Dichiarazione reddituale del

Dettagli

Domanda Assegno per il Nucleo Familiare (ANF 2015) dall Angolo del Dipendente (opzione operativa da luglio 2015)

Domanda Assegno per il Nucleo Familiare (ANF 2015) dall Angolo del Dipendente (opzione operativa da luglio 2015) Domanda Assegno per il Nucleo Familiare (ANF 2015) dall Angolo del Dipendente (opzione operativa da luglio 2015) Effettuare l accesso all Angolo del Dipendente con le credenziali in possesso (Istruzioni

Dettagli

OGGETTO: Legge 24/12/2007, n. 244 (FINANZIARIA 2008) e decreto-legge 31/12/2007, n. 248.

OGGETTO: Legge 24/12/2007, n. 244 (FINANZIARIA 2008) e decreto-legge 31/12/2007, n. 248. istituto nazionale di previdenza per i dipendenti dell'amministrazione pubblica Direzione Centrale Pensioni Ufficio I Normativa Tel. 0651017626 Fax. 0651017625 e-mail: dctrattpensuff1@inpdap.it Direzione

Dettagli

Legge 12 giugno 1984, n. 222. Revisione della disciplina dell'invalidità pensionabile

Legge 12 giugno 1984, n. 222. Revisione della disciplina dell'invalidità pensionabile Legge 12 giugno 1984, n. 222 Revisione della disciplina dell'invalidità pensionabile Assegno ordinario di invalidità Art. 1 1. Si considera invalido, ai fini del conseguimento del diritto ad assegno nell'assicurazione

Dettagli

L'assegno per il nucleo familiare non concorre a formare la base imponibile delle contribuzioni previdenziali ed assistenziali.

L'assegno per il nucleo familiare non concorre a formare la base imponibile delle contribuzioni previdenziali ed assistenziali. Norme per la disciplina della concessione dell'assegno per il nucleo familiare Il testo delle «Norme per la disciplina della concessione dell'assegno per il nucleo familiare», approvate dal Santo Padre

Dettagli

Previdenza obbligatoria e complementare ENPAPI. di Fabio Fioretto

Previdenza obbligatoria e complementare ENPAPI. di Fabio Fioretto Previdenza obbligatoria e complementare ENPAPI di Fabio Fioretto PREMESSA Il diritto ad ottenere trattamenti pensionistici al raggiungimento dei requisiti stabiliti dalla normativa trae diretto fondamento

Dettagli

Legge 12 giugno 1984, n. 222 Revisione della disciplina della invalidità pensionabile.

Legge 12 giugno 1984, n. 222 Revisione della disciplina della invalidità pensionabile. Legge 12 giugno 1984, n. 222 Revisione della disciplina della invalidità pensionabile. Pubblicata nella Gazz. Uff. 16 giugno 1984, n. 165. Articolo 1 Assegno ordinario di invalidità. 1. Si considera invalido,

Dettagli

Direzione Centrale Pensioni Direzione Centrale Previdenza (Gestione Dipendenti Pubblici) Coordinamento Generale Medico Legale.

Direzione Centrale Pensioni Direzione Centrale Previdenza (Gestione Dipendenti Pubblici) Coordinamento Generale Medico Legale. Direzione Centrale Pensioni Direzione Centrale Previdenza (Gestione Dipendenti Pubblici) Coordinamento Generale Medico Legale Roma, 03/10/2013 Circolare n. 140 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Responsabili

Dettagli

DIRITTI SOCIALI IN CARCERE

DIRITTI SOCIALI IN CARCERE DIRITTI SOCIALI IN CARCERE Guida pratica per l accesso alle misure a sostegno del reddito A cura dei volontari dell associazione l altro diritto Realizzata nell ambito del progetto diritti in azione, rete

Dettagli

Nella medesima circolare erano stati forniti gli elementi per il calcolo della prestazione in esame.

Nella medesima circolare erano stati forniti gli elementi per il calcolo della prestazione in esame. Direzione Centrale Pensioni Roma, 07-08-2009 Messaggio n. 18124 OGGETTO: Legge 3 agosto 2004, n. 206 e successive modificazioni. Articolo 5, comma 4: doppia annualità a favore di vittime del terrorismo

Dettagli

Come sono cambiate le regole sulle pensioni

Come sono cambiate le regole sulle pensioni Foglio Informativo Anno 2012 - Numero 1 9 febbraio 2012 Newsletter per i soci Associazione Nazionale Seniores Enel Viale Regina Margherita, 125 00198 Roma - Tel. 0683057422 Fax 0683057440 http://www.anse-enel.it

Dettagli

BONUS STRAORDINARIO PER FAMIGLIE, LAVORATORI PENSIONATI E NON AUTOSUFFICIENZA DL 29.11.2008 n. 185 convertito in legge n. 2 del 27 gennaio 2009 art.

BONUS STRAORDINARIO PER FAMIGLIE, LAVORATORI PENSIONATI E NON AUTOSUFFICIENZA DL 29.11.2008 n. 185 convertito in legge n. 2 del 27 gennaio 2009 art. BONUS STRAORDINARIO PER FAMIGLIE, LAVORATORI PENSIONATI E NON AUTOSUFFICIENZA DL 29.11.2008 n. 185 convertito in legge n. 2 del 27 gennaio 2009 art. 1 IN CHE COSA CONSISTE IL BONUS Il così detto Bonus

Dettagli

Istituto Nazionale della Previdenza Sociale

Istituto Nazionale della Previdenza Sociale Istituto Nazionale della Previdenza Sociale Circolare numero 122 del 24-10-2007.htm Legge 3 agosto 2004, n.206 e successive modificazioni e integrazioni recante nuove norme in materia di vittime del terrorismo

Dettagli

Roma, 17 gennaio 2014. Circolare n. 6/SDI-MC-CMon/pt. Oggetto: Legge di stabilità per l anno 2014

Roma, 17 gennaio 2014. Circolare n. 6/SDI-MC-CMon/pt. Oggetto: Legge di stabilità per l anno 2014 Dipartimento Politiche Previdenziali, Rapporti con gli Enti e i CIV Alle FNP-CISL Regionali Alle FNP-CISL Territoriali Al Coordinamento Donne FNP-CISL Ai RR.TT. Reg.li e Terr.li FNP-CISL All Ufficio Legale

Dettagli

OGGETTO : RICHIESTA PENSIONE REVERSIBILITA

OGGETTO : RICHIESTA PENSIONE REVERSIBILITA Alla CASSA ITALIANA PREVIDENZA GEOMETRI Area Servizi Istituzionali Servizio Erogazione Trattamenti ed Iscrizione Ufficio Istruttoria invalidità, inabilità, superstiti e supplementi Lungotevere Arnaldo

Dettagli

DISCIPLINA PER L APPLICAZIONE DEL MODELLO DI DICHIARAZIONE ICEF

DISCIPLINA PER L APPLICAZIONE DEL MODELLO DI DICHIARAZIONE ICEF Allegato A) alla deliberazione del Comitato Esecutivo n. *** dd. **.11.2015 DISCIPLINA PER L APPLICAZIONE DEL MODELLO DI DICHIARAZIONE ICEF INDIVIDUAZIONE DEGLI ELEMENTI VARIABILI DA CONSIDERARE NELLA

Dettagli

2182 Capitolo X 452-833

2182 Capitolo X 452-833 2182 Capitolo X 452-833 670. - Circ. 26 luglio 1997 n. 168. Titolarità di più pensioni integrate o integrabili al trattamento minimo al 30 settembre 1983. Sentenza della corte costituzionale n. 240 dell

Dettagli

NOVITA PREVIDENZIALI 2011

NOVITA PREVIDENZIALI 2011 Il sistema pensionistico attuale e le novità del 2011 Roberto Perazzoli 1 CALCOLO PENSIONE - DEFINIZIONI SISTEMA RETRIBUTIVO: è applicato a coloro che alla data del 31.12.1995 avevano un anzianità contributiva

Dettagli

ANF : nuovi livelli di reddito

ANF : nuovi livelli di reddito FIOM INFORMA ANF : nuovi livelli di reddito luglio 2013-giugno 2014 NPS, con circolare 84/2013 pubblica le nuove tabelle utili per le richieste di ANF (assegno al nucleo familiare) per il periodo Luglio

Dettagli

1. NUOVE MODALITA DI ACCERTAMENTO DEI PERIODI DI SOGGIORNO IN SEDE DEI FAMILIARI A CARICO DEL PERSONALE IN SERVIZIO ALL ESTERO

1. NUOVE MODALITA DI ACCERTAMENTO DEI PERIODI DI SOGGIORNO IN SEDE DEI FAMILIARI A CARICO DEL PERSONALE IN SERVIZIO ALL ESTERO C/X/63 DIREZIONE GENERALE PER GLI AFFARI AMMINISTRATIVI, DI BILANCIO E IL PATRIMONIO UFFICIO IV Roma, 27 dicembre 2004 Circolare n. 8 ================================ OGGETTO Maggiorazione per situazione

Dettagli

TuttoInps. Le prestazioni a sostegno del reddito. L'assegno per il nucleo familiare. Sommario

TuttoInps. Le prestazioni a sostegno del reddito. L'assegno per il nucleo familiare. Sommario TuttoInps Le prestazioni a sostegno del reddito L'assegno per il nucleo familiare Sommario A CHI SPETTA... 2 L'ASSEGNO AL CONIUGE... 2 I REQUISITI... 3 PER QUALI PERSONE SPETTA... 3 LA DOMANDA... 4 CHI

Dettagli

Previdenza e Assistenza nel Pubblico impiego

Previdenza e Assistenza nel Pubblico impiego Previdenza e Assistenza nel Pubblico impiego Le schede di approfondimento della Federazione Confsal-Unsa A cura dell Avv. Pasquale Lattari n. 5 LA PENSIONE DI INVALIDITÀ ED INABILITÀ. LE PENSIONI INDIRETTE.

Dettagli

Prestazioni L'assegno per il nucleo familiare Sommario A CHI SPETTA...2 L'ASSEGNO AL CONIUGE...2 I REQUISITI...3 PER QUALI PERSONE SPETTA...

Prestazioni L'assegno per il nucleo familiare Sommario A CHI SPETTA...2 L'ASSEGNO AL CONIUGE...2 I REQUISITI...3 PER QUALI PERSONE SPETTA... Prestazioni L'assegno per il nucleo familiare Sommario A CHI SPETTA...2 L'ASSEGNO AL CONIUGE...2 I REQUISITI...3 PER QUALI PERSONE SPETTA...3 LA DOMANDA...4 CHI PAGA L'ASSEGNO...4 IL RICORSO...5 ASSEGNO

Dettagli

ASSICURAZIONE SOCIALE PER L IMPIEGO (ASPI)

ASSICURAZIONE SOCIALE PER L IMPIEGO (ASPI) ASSICURAZIONE SOCIALE PER L IMPIEGO (ASPI) L Assicurazione Sociale per l Impiego (ASPI) costituisce il nuovo trattamento contro la disoccupazione ed entrerà in vigore il 1 gennaio 2013, sostituendo quindi:

Dettagli