Corso di Laura in Ingegneria Edile Architettura Corso di Architettura Tecnica 2 Prof. Enrico Quagliarini Presentazione a cura dell Ing.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Corso di Laura in Ingegneria Edile Architettura Corso di Architettura Tecnica 2 Prof. Enrico Quagliarini Presentazione a cura dell Ing."

Transcript

1

2 I SISTEMI MURARIA DI IN Architrave Tetto inclinato (arco acuto) Arco

3 Chiave Estradosso MURARIA DI IN Concio Intradosso Imposta Freccia o Monta 30 Reni Piedritto Luce o Corda

4 DELLE Tra le volte distinguiamo le volte semplici che sono strutture ottenute mediante la traslazione o la rotazione di archi e le volte composte ottenute tramite l intersezione di volte. MURARIA DI IN Estradosso Freccia Lunetta Intradosso Imposta Luce Piedritto

5 MURARIA DI IN Il sesto Sesto: Rapporto esistente tra la freccia e la semicorda.

6 Gli archi in pietra concia Arco circolare a cunei: è caratterizzato da conci regolari di dimensioni ottimali e identiche. L insieme, amontaggio avvenuto, si autosostenta per contrasto reciproco fra i conci. MURARIA DI IN Bugnato dell arco non si collega a quello dei filari realizzati i con materiali diversi. i Bugnato dell arco non si collega a quello Bugnato dell arco si collega a quello dei dei filarii filarii grazie alla conformazione pentagonale dei conci. Arco a ghiera multipla: utilizzato per grandi archi, quando lo spessore dei conci poteva essere notevole, in questo modo si diminuisce il peso dei conci.

7 MURARIA DI IN Gli archi in piccoli elementi Arco in mattoni cotti: è realizzabile solo per l effetto del legante di malta. Arco in muratura listata: è realizzabile solo per l effetto del legante di malta, si alternano elementi in mattoni e elementi lapidei. Arco in pietre solo sbozzate: è realizzabile solo per l effetto del legante di malta.

8 MURARIA DI IN Gli archi in conglomerato Il conglomerato era usufruibile solo a condizione che si riuscisse a dargli una carenatura, perciò le opere concrezionali venivano eseguite a settori, cioè a strati. Erano costituiti da conci in conglomerato, confinati da involucri di mattoni cotti.

9 MURARIA DI IN LE Tipologie per forma Volte semplici ABOTTE Ha geometria cilindrica, è estrusione di un arco lungo una linea detta direttrice. Volta a botte retta Volta a botte semicircolare A VELA (anche a bacino o a catino) Si ottiene con una direttrice a forma di arco. Voltaavelaquadrata dall estradosso Volta a vela quadrata dall intradosso

10 MURARIA DI IN LE Tipologie per forma Volte composte A CROCIERA È data dall intersezione di due volte a botte (di solito perpendicolari tra loro). Volta a crociera quadrata dall estradosso A PADIGLIONE Volta a crociera quadrata dall intradosso È data dall intersezione di due o più volte a botte. Volta a padiglione quadrata dall estradosso Volta a padiglione quadrata dall intradosso Volta a padiglione rettangolare Volta a crociera rettangolare Volta a botte con testa di padiglione Atre piante

11 LE Tipologie per forma Volte composte MURARIA DI IN Volta a vela lunettata Volta a schifo o a specchio Volta a botte lunettata Volta a schifo lunettata

12 LE Tipologie per forma Le cupole Le cupole sono volte a impianto centrale la cui peculiarità è quella di essere predisposte p per mostrare non solo intradosso. Ma anche l estradosso, per cui vengono dette volte estradossate. MURARIA DI IN Antecedenti Forme elementari Rotonde Rialzate Ovaloidi A fusi e fascioni Ondulate (polilobate) A spicchi Inflesse A doppio involucro

13 MURARIA DI IN LE Apparecchiatura muraria Apparecchio ad assise orizzontali: è quello in cui ogni pezzo ha il letto di posa orizzontale. Apparecchio per volte in conglomerato: la muratura costituisce is la gabbia di contenimento del materiale concretizio e allo stesso tempo la sua ossatura.

14 MURARIA DI IN LE Apparecchiatura muraria Apparecchio per volte in mattoni: i mattoni vengono disposti in filari seguono il profilo della volta secondo una spezzata. A BOTTE che Afilari secondo la diagonale Secondo la direttrice A filari rettilinei

15 MURARIA DI IN LE Apparecchiatura muraria A BOTTE A spina di pesce (Inclinazione i di 45 ) A coda di rondine(inclinazione di 45 )

16 MURARIA DI IN LE Apparecchiatura muraria A PADIGLIONE Filari secondo le generatrici Apparecchio misto A disposizione diagonale (45 )

17 MURARIA DI IN LE Apparecchiatura muraria A CROCIERA Filari secondo le generatrici Apparecchio raccordato Peduccio Disposizione diagonale

18 MURARIA DI IN LE Apparecchiatura muraria A VELA Apparecchio a filari circolari Apparecchio a archetti verticali diagonali

19 MURARIA DI IN LE IN (dette anche in canna e gesso) Sistema costruttivo povero, Centina realizzato con materiali di basso pregio. Intonaco (prevalentemente di gesso) Tamboccio Stuoiato t di canne

20 MURARIA DI IN LE IN (dette anche in canna e gesso) LE CENTINE LIGNEE Compongono l orditura principale; Sono travi di cm; Sono costituite con l accoppiamento chiodato di più tavole di forma irregolare e di altezza diversa; Sono realizzate con legno di scarsa qualità e quindi con basse caratteristiche meccaniche. Centina Direzione principale (D1) Stuoiato di canne Fascio di 4 canne Canne affiancate con andamento sinosoidale Direzione ortogonale Stuoiato di canne

21 MURARIA DI IN LE IN (dette anche in canna e gesso) L ORDITURA SECONDARIA I TAMBOCCI Fungono da collegamento ortogonale tra le centine; Sono chiodati alle centine o messi a contrasto; Aumentano punti di sostegno dello stuoiato; Sono realizzati con legno di scarsa qualità e quindi con basse caratteristiche meccaniche. I PANCONCELLI Servono per spezzare luce dei tambocci; Aumentano punti di sostegno dello stuoiato; Sono chiodati ai tambocci o messi a contrasto; Sono realizzato con legno di scarsa qualità e quindi con basse caratteristiche meccaniche. Panconcelli Tamboccio Centina Direzione principale (D1) Stuoiato di canne Fascio di 4 canne Canne affiancate con andamento sinosoidale Direzione ortogonale Stuoiato di canne

22 MURARIA DI IN LE IN (dette anche in canna e gesso) LE CHIODATURE Centina Chiodi Chiodi Canne Malta Finitura Ribattuti A testa larga Ribattuti a sostenere più canne Centina Tamboccio Chiodi obliqui Obliqui o alla traditora

23 MURARIA DI IN LE IN (dette anche in canna e gesso) LO STUOIATO Canne di grosso diametro (Φ=25-30 mm) spezzate longitudinalmente in due o quattro parti; Canne di piccolo diametro intere (Φ=5 mm circa). Intrecciate a mo di stuoiato Direzione principale (D1) Stuoiato di canne Fascio di 4 canne Canne affiancate con andamento sinosoidale Centina Direzione ortogonale Stuoiato di canne Affiancate Collegamento alla struttura lignea con fil di ferro.

24 MURARIA DI IN LE IN (dette anche in canna e gesso) L INTONACO Malta di calce e gesso applicata in più strati fino 2-3 cm di spessore; Primo strato solo gesso per irrigidire lo stuoiato al fine della successiva stesura dell intonaco; Strati successivi in malta di gesso e calce (proporzioni 35-40% gesso e 60-65% calce); Inerti di pezzatura media e fine per facilitare la stesura della malta. Chiodi Centina Chiodi Canne Malta Finitura

25 MURARIA DI IN LE IN (dette anche in canna e gesso) L INTRADOSSO AFFRESCATO

26 MURARIA DI IN LE IN (dette anche in canna e gesso) Volte semicircolari Volte a botte Cupole Lunette Volte a crociera

27 LE IN (dette anche in canna e gesso) MURARIA DI IN Volte a bassa curvatura No resistenza per forma Flessione Necessità sospensioni sio i

28 MURARIA DI IN LE IN (dette anche in canna e gesso) In legno In acciaio

29 MURARIA DI IN LE IN Fenomeni di degrado Infiltrazioni d acqua Causano il degrado delle strutture lignee, la marcescenza dello stuoiato e il rigonfiamento dell intonaco ricco di gesso provocando il danneggiamento delle superfici intradossali di affrescate o stuccate. Distacco tra gli elementi Causato da difetti intrinseci di costruzione o da interventi invasivi o dalla perdita di efficacia dei presidi esistenti (in particolare delle sospensioni). Le principali conseguenze sono gli abbassamenti differenziali tra le centine che provocano la perdita di forma della struttura a causa della rididistribuzione dei pesi. Riscaldamento interno La differenza di temperatura fra intradosso e estradosso provoca la condensazione del vapore acqueo, provocando gli stessi fenomeni dell infiltrazione di acqua. Inoltre il maggiore contenuto d acqua aumenta la capacità soprattutto dello stuoiato di assorbire il particolato atmosferico, per cui sono visibili all intradosso i graticci delle centine.

30 MURARIA DI IN GLI ARCHI E LE La costruzione Si parte dal piano di imposta, procedendo verso la sommità, l ultimo concio è il concio di chiave. Per sostenere la volta durante la costruzione e per conferire la curvatura voluta è necessaria un armatura costituita per lo più da centine in legno.

31 MURARIA DI IN GLI ARCHI E LE La costruzione Si parte dal piano di imposta, procedendo verso la sommità, l ultimo concio è il concio di chiave. Per sostenere la volta durante la costruzione e per conferire la curvatura voluta è necessaria un armatura costituita per lo più da centine in legno.

32 MURARIA DI IN L arco è sottoposto ad azioni verticali di peso (peso proprio p e peso portato) e grazie alla sua conformazione trasmette queste forze ai piedritti verticali con direzioni inclinate, ogni elemento dell arco è sollecitato solo a compressione. Al centro, nel concio di chiave arrivano forze uguali e opposte, per cui l arco è caratterizzato dal mutuo sostegno delle due parti simmetriche L arco non è altro che una fortezza causata da due debolezze imperochè l arco negli edifici è composto di due quarti di circulo, i quali quarti circuli ciascuno debolissimo per sé desidera cadere e oponendosi alla ruina l uno dell altro, le due debolezze si convertono in un unica fortezza (Leonardo da Vinci)

33 Un arco in muratura o in pietra (materiali anelastici che non resistono a trazione) può sopportare solo carichi cha abbiano una funiculare delle forze (e quindi una linea di pressione) interna alle sezioni resistenti, cioè la linea di pressione deve essere contenuta nel terzo medio della sezione. P 5 P 6 5 MURARIA DI IN P 5 R 6 =S P4 P3 P 1 P 2 P 2 P 1 H R 1 R 2 P 3 R 3 P 4 R 4 R 5 R 6 H P 6

34 MURARIA DI IN Dipende dalla conformazione delle volte; valgono in generale i principi degli archi. A BOTTE A CROCIERA A PADIGLIONE A VELA

35 MURARIA DI IN La chiesa della Scopa di Ascoli Piceno

36 MURARIA DI IN Ribaltamento di Ribaltamento di 2 Rotazione dei un piedritto piedritti piedritti

37 MURARIA DI IN Sezione dei piedritti deve essere sufficiente a contrastare la spinta dell arco. Come fare quando la sezione è insufficiente? Eliminazione della spinta (Inserimento di catene) Principio delle resistenze passive (o delle masse inerti) Principio delle resistenze attive (o delle controspinte)

38 MURARIA DI IN Eliminazione della spinta Si pone in opera un tirante che collega le due estremità dell arco o all imposta o all altezza altezza delle reni. Il tirante assorbe la spinta dell arco sui piedritti lavorando così a trazione, per cui è realizzato per lo più in acciaio.

39 MURARIA DI IN Principio di resistenza passiva Opporre alla spinta la resistenza passiva di masse inerti. 1) Aumentare il peso del piedritto: a) Costruirlo con materiale con alto peso specifico; b) Sovrapporre al piedritto masse inerti. 2) Contrafforti o speroni. Pinnacolo Contrafforti S S S P materiale con alto peso specifico materiale con alto peso specifico R 1 R 2 P 2 S P 1 P 2 S materiale con alto peso specifico R 2 è più vicino alla verticale rispetto a R 1. S P 1 S P 2 P 1 P 2 R 2

40 Principio di resistenza passiva - Esempi MURARIA DI IN

41 Principio di resistenza passiva Il caso del Pantheon MURARIA DI IN Il Pantheon è caratterizzato da una grande cupola, la quale si appoggia senza raccordi direttamente a un cilindro in muratura, che ne sopporta le sollecitazioni, in particolare la spinta orizzontale, grazie alla sua imponente massa. Per far si che le spinte fossero il più contenute possibile era necessario alleggerire la struttura; per farlo furono utilizzati due diversi espedienti: 1) La cupola è cassettonata; 2) I materiali utilizzati; salendo verso l alto questi sono sempre più leggeri: si passa dal calcestruzzo con scaglie di mattoni del primo strato, dal calcestruzzo con scaglie di tufo per gli stari intermedi, fino al calcestruzzo miscelato a lava vulcanica dell ultimo strato.

42 Principio di resistenza passiva Il caso di Santa Maria del Fiore di Firenze La Cappella di Santa Maria del Fiore di Firenze è uno dei maggiori esempi di cupola a costoloni caratterizzati da tamburo, profilo rialzato e lanterna di cui MURARIA DI si trovano numerosissimi importanti IN esempi (tra i quali San Pietro a Roma). Il sistema costruttivo è una particolare applicazione del principio delle resistenze passive in alcune zone scelte in fase di progettazione e svuotando il resto della massa muraria. Per incanalare la spinta delle volte in precisi punti scelti a tavolino, le volte vengono apparecchiate con costoloni di sezione maggiore rispetto al resto della cupola.

43 Principio di resistenza attiva Opporre alla spinta un ulteriore spinta in direzione opposta (controspinta). MURARIA DI IN Archi uguali poggianti su piedritti esili Le spinte orizzontali (se gli archi sono uguali e ugualmente caricati) sono uguali e opposte e dunque si contrastano, sul piedritto gravano solo forze verticali.

44 MURARIA DI IN Principio di resistenza attiva Archi rampanti

45 Principio di resistenza attiva - Esempi MURARIA DI IN

46 MURARIA DI IN Principio di resistenza attiva Semicupole laterali Le Semicupole oltre a svolgere il ruolo di catini di copertura, sono elementi capaci di contrastare le strutture spingenti. Le cupole sono realizzate con materiale leggero, le spinte delle semicupole laterali contrastano la spinta della cupola centrale e le riportano ai più spessi muri esterni, ai quali sono addossati anche dei contrafforti. Mausoleo di Santa Sophia - Costantinopoli

47 Bibliografia MURARIA DI Caleca Luigi,, Architettura Tecnica,, Edizioni Flaccovio, 2004; IN Doglioni Francesco e Mazzotti Paola (a cura di), Codice di pratica per gli interventi di miglioramento sismico nel restauro del patrimonio architettonico - Integrazioni alla luce delle esperienze e nel territorio i marchigiano, i Regione e Marche, 2007; Mandolesi Enrico, Edilizia. Le chiusure orizzontali, Edizioni UTET, 1991; Marganig Luigi,, Archi e volte in muratura,, Edizioni Lussografica, 2009; Quagliarini Enrico e D Orazio Marco, Recupero e conservazione di volte in camorcanna. Dalla regola dell arte alle tecniche d intervento, to Edizionii Alinea, 2006.

48 MURARIA DI IN Fonti delle immagini Slide A cura dell autore 4 t it/ / l Slide 3 A cura dell autore Slide 4 A cura dell autore Slide 5 Andil - Sezione produttori laterizi faccia a vista. Architravi, archi e piattabande, volte. Slide html slide i l fi i i h h l Margani Luigi, Archi e volte in muratura, Edizioni Lussografica, Slide Margani Luigi, Archi e volte in muratura, Edizioni Lussografica, Slide 9 A cura dell autore Slide A cura dell autore Margani Luigi, Archi e volte in muratura, Edizioni Lussografica, 2009 Slide Margani Luigi, Archi e volte in muratura, Edizioni Lussografica, 2009 Slide Margani Luigi, Archi e volte in muratura, Edizioni Lussografica, 2009 Slid 13

49 MURARIA DI IN Fonti delle immagini Slide Margani Luigi, Archi e volte in muratura, Edizioni Lussografica, 2009 Slide Margani Luigi, Archi e volte in muratura, Edizioni Lussografica, Slide Margani Luigi, Archi e volte in muratura, Edizioni Lussografica, Slide Margani Luigi, Archi e volte in muratura, Edizioni Lussografica, Slide Margani Luigi, Archi e volte in muratura, Edizioni Lussografica, Slide Margani Luigi, Archi e volte in muratura, Edizioni Lussografica, t t /2009/10/ i t l bb i l Slide Margani Luigi, Archi e volte in muratura, Edizioni Lussografica, 2009 Slide 20 A cura dell autore Slide 21 1 A cura dell autore 2 Quagliarini Enrico e D Orazio Marco, Recupero e conservazione di volte in camorcanna. Dalla regola dell arte alle tecniche d intervento, Edizioni Alinea, Slide 22 A cura dell autore Slide A cura dell autore 3 Quagliarini Enrico e D Orazio Marco, Recupero e conservazione di volte in camorcanna. Dalla regola dell arte alle tecniche d intervento, Edizioni Alinea, 2006.

50 MURARIA DI IN Fonti delle immagini Slide 24 A cura dell autore Slide Quagliarini Enrico e D Orazio Marco, Recupero e conservazione di volte in camorcanna. Dalla regola dell arte alle tecniche d intervento, Edizioni Alinea, A cura dell autore Slide 26 1 A cura dell autore Quagliarini Enrico e D Orazio Marco, Recupero e conservazione di volte in camorcanna. Dalla regola dell arte alle tecniche d intervento, Edizioni Alinea, Slide 27 1 Quagliarini Enrico e D Orazio Marco, Recupero e conservazione di volte in camorcanna. Dalla regola dell arte alle tecniche d intervento, Edizioni Alinea, Slide 28 1 Quagliarini Enrico e D Orazio Marco, Recupero e conservazione di volte in camorcanna. Dalla regola dell arte alle tecniche d intervento, Edizioni Alinea, A cura dell autore Slide Quagliarini Enrico e D Orazio Marco, Recupero e conservazione di volte in camorcanna. Dalla regola dell arte alle tecniche d intervento, t Edizioni i i Alinea, A cura dell autore Slide costruzione_volta.jpg Slide _01_i.jpg centinatura_volta.jpg asp Slide 32 A cura dell autore Slide 33 A cura dell autore

51 MURARIA DI IN Fonti delle immagini Slide 34 A cura dell autore Slide 35 A cura dell autore Slide Doglioni Francesco e Mazzotti Paola (a cura di), Codice di pratica per gli interventi di miglioramento sismico nel restauro del patrimonio architettonico - Integrazioni alla luce delle esperienze nel territorio marchigiano, Regione Marche, eriaedi tor i to egli archi esempio html Slide Mandolesi Enrico, Edilizia. Le chiusure orizzontali, Edizioni UTET, 1991 Slide A cura dell autore 4 Slide 39 A cura dell autore Slide Slide dei.html iht 2 Margani Luigi, Archi e volte in muratura, Edizioni Lussografica, 2009 Slide p p Slide 43 A cura dell autore

52 MURARIA DI IN Fonti delle immagini Slide Slide Slide

ARCHI VOLTE-PIATTABANDE

ARCHI VOLTE-PIATTABANDE ARCHI VOLTE-PIATTABANDE L ARCO, LA VOLTA E LA PIATTABANDA sono stati molto utilizzati nelle opere architettoniche ed edilizie del passato. Oggi è frequente trovarli nelle ristrutturazioni edilizie e nei

Dettagli

EDIFICI A STRUTTURA MURARIA. parte seconda

EDIFICI A STRUTTURA MURARIA. parte seconda parte seconda VOLTA A CROCIERA LE VOLTE abaco LE VOLTE a struttura muraria a botte volta a botte retta volta a botte lunettata a filari longitudinali a filari trasversali geometria, apparecchiature costruttive

Dettagli

Le forme e le soluzioni per le strutture orizzontali...

Le forme e le soluzioni per le strutture orizzontali... LabCos! 4LabCos! Le forme e le soluzioni per le strutture orizzontali... LabCos! LabCos! il problema della spinta, oltre a quello dei carichi verticali! Strutture inflesse! Strutture spingenti! Un arco

Dettagli

S.U.N. Architettura Luigi Vanvitelli. CdL Architettura TECNOLOGIA DELL ARCHITETTURA A 2012_13 prof. S. Rinaldi MU_1

S.U.N. Architettura Luigi Vanvitelli. CdL Architettura TECNOLOGIA DELL ARCHITETTURA A 2012_13 prof. S. Rinaldi MU_1 S.U.N. Architettura Luigi Vanvitelli CdL Architettura TECNOLOGIA DELL ARCHITETTURA A 2012_13 prof. S. Rinaldi S.U.N. Architettura Luigi Vanvitelli CdL Architettura TECNOLOGIA DELL ARCHITETTURA A 2012_13

Dettagli

IL MIGLIORAMENTO SISMICO DEGLI EDIFICI IN

IL MIGLIORAMENTO SISMICO DEGLI EDIFICI IN Università Politecnica delle Marche Dipartimento di Architettura, Costruzioni e Strutture IL MIGLIORAMENTO SISMICO DEGLI EDIFICI IN MURATURA Ing. Elena Seri IL MIGLIORAMENTO SISMICO DEGLI EDIFICI IN MURATURA

Dettagli

classificazione degli archi Il profilo o sesto: è il rapporto tra la freccia e la semicorda dell arco.

classificazione degli archi Il profilo o sesto: è il rapporto tra la freccia e la semicorda dell arco. archi e volte L ARCO L'arco e un elemento costruttivo dal profilo curvilineo in grado di sostenere i carichi sovrastanti che a differenza dell'architrave, trasmette un'azione di spinta lateralmente sui

Dettagli

EDIFICI A STRUTTURA MURARIA. parte prima

EDIFICI A STRUTTURA MURARIA. parte prima parte prima FONDAZIONI FONDAZIONI A POZZO FONDAZIONE A POZZO GETTO FONDAZIONE A PLATEA SCAVO FONDAZIONI SU PALI IN LEGNO STRUTTURE DI SOTTERRANEO MURATURE IN SOTTERRANEO FINESTRE SOTTERRANEI DRENAGGIO

Dettagli

PALAZZO MILLOTTI - PERUGIA

PALAZZO MILLOTTI - PERUGIA Università degli Studi di Roma La Sapienza Corso di Laurea Specialistica Architettura Restauro dell Architettura Architettura A.A. 2006/2007 PALAZZO MILLOTTI - PERUGIA Corso di: Comportamento dei materiali

Dettagli

LEGNO VETRO - RAME ALLUMINIO ACCIAIO

LEGNO VETRO - RAME ALLUMINIO ACCIAIO LIBRO 1 I materiali edili sono quei materiali utilizzati per COSTRUIRE le abitazioni e le opere di edilizia in genere (es. Ponti). Ne conosciamo già alcuni: LEGNO VETRO - RAME ALLUMINIO ACCIAIO Il materiale

Dettagli

CITTÀ di FABRIANO PROVINCIA DI ANCONA

CITTÀ di FABRIANO PROVINCIA DI ANCONA CITTÀ di FABRIANO PROVINCIA DI ANCONA Settore Assetto e Tutela del Territorio Oggetto: Lavori di miglioramento sismico dell ex convento di San Biagio Importo intervento 120.000,00 PROGETTO ESECUTIVO RELAZIONE

Dettagli

Terremoto dell Emilia Romagna Maggio 2012

Terremoto dell Emilia Romagna Maggio 2012 Rete dei Laboratori Universitari di Ingegneria Sismica Terremoto dell Emilia Romagna Maggio 2012 Report preliminare sui danni riscontrati in alcuni edifici pubblici dei comuni di San Pietro in Casale (BO),

Dettagli

MESSA IN SICUREZZA DI SOLAI

MESSA IN SICUREZZA DI SOLAI MESSA IN SICUREZZA DI SOLAI IL PROBLEMA DELLO SFONDELLAMENTO DEI SOLAI Con il termine sfondellame nto dei solai si indica la rottura e il distacco delle cartelle d intradosso delle pignatte (chiamate fondelle)

Dettagli

Modifica dell organismo strutturale con aggiunta di nuovi elementi strutturali Incatenamenti di volte o di strutture spingenti

Modifica dell organismo strutturale con aggiunta di nuovi elementi strutturali Incatenamenti di volte o di strutture spingenti Modifica dell organismo strutturale con aggiunta di nuovi elementi strutturali Incatenamenti di volte o di strutture spingenti Gli interventi sulle strutture ad arco o a volta possono essere realizzati

Dettagli

APERTURE TRADIZIONALI VESUVIANE

APERTURE TRADIZIONALI VESUVIANE APERTURE TRADIZIONALI VESUVIANE Le aperture praticate nelle facciate degli edifici, sin dall inizio dei tempi, hanno avuto sempre una particolarmente attenzione da parte dei costruttori e progettisti,

Dettagli

I TE N R TE V R EN E TI N TI RISPETTOS

I TE N R TE V R EN E TI N TI RISPETTOS INTERVENTI RISPETTOSI PER IL CONSOLIDAMENTO DI ARCHI, VOLTE E CUPOLE IN MURATURA Prof. Ing. POLITECNICO DI MILANO Dipartimento ABC ARCHI E VOLTE IN MURATURA Pseudo ARCO Ugarit, Syria Pont du Gard, Nimes,

Dettagli

GLI APPUNTI DELL ESPERIENZA

GLI APPUNTI DELL ESPERIENZA GLI APPUNTI DELL ESPERIENZA TETTI IN LEGNO E CAPRIATE 14/07/2012 1 I tetti in legno sono costituiti da elementi così raggruppabili: GROSSA ORDITURA (che è quella deputata a sostenere l intera copertura

Dettagli

CHIUSURE ORIZZONTALI DI

CHIUSURE ORIZZONTALI DI CHIUSURE ORIZZONTALI DI COPERTURA INCLINATE Chiusure orizzontali di copertura discontinue - Costituite da piani inclinati (falde) La geometria dipende della pianta dell edificio e della pendenza da conferire

Dettagli

3.5.20 Strutture orizzontali

3.5.20 Strutture orizzontali 3.5.20 Strutture orizzontali Le strutture orizzontali, destinate alla divisione dei piani possono essere piane o ad arco: costituite cioè da solai o da volte. Fra tutte le strutture esse sono le più delicate

Dettagli

11. Criteri di analisi e di verifica

11. Criteri di analisi e di verifica 11. Criteri di analisi e di verifica Il progetto dell edificio esistente riflette naturalmente lo stato delle conoscenze al tempo della costruzione e può contenere difetti di impostazione e di realizzazione,

Dettagli

Meccanismi di collasso per effetto di solai di copertura spingenti V. Bacco

Meccanismi di collasso per effetto di solai di copertura spingenti V. Bacco Meccanismi di collasso per effetto di solai di copertura spingenti V. Bacco L evento sismico che ha colpito la città de L Aquila ha messo in evidenza le debolezze dei diversi sistemi costruttivi, soprattutto

Dettagli

Aggregato strutturale

Aggregato strutturale 1 ALLEGATO 8 CONSISTENZA STATICA - Indicazioni del Dipartimento della Protezione Civile PRINCIPI E DEFINIZIONI Carattere dell esame a vista I dati raccolti attraverso le schede del Fascicolo del Fabbricato

Dettagli

SCALE. Carlo Scarpa, particolari di una scala a Castelvecchio

SCALE. Carlo Scarpa, particolari di una scala a Castelvecchio SCALE / nomenclatura SCALE / segni convenzionali. TIPOLOGIE DI SCALE. Problemi geometrici fra rampe successive. SCALE / RAPPRESENTAZIONE elementi di completamento. SCHEMI STRUTTURALI COMPARATIVI PER SCALE

Dettagli

VALUTAZIONE DI SICUREZZA DELLO STATO DI FATTO

VALUTAZIONE DI SICUREZZA DELLO STATO DI FATTO Dott. Ing. Giacomo Giambrone VALUTAZIONE DI SICUREZZA DELLO STATO DI FATTO Inquadramento dell immobile La scuola elementare Comunale G. D Annunzio è ubicata nel Comune di Traversetolo (F. 24, mapp. 213,51,262)

Dettagli

Strutture murarie. Lezione 2 L02

Strutture murarie. Lezione 2 L02 Strutture murarie Lezione 2 1 Cenni preliminari Nel passato veniva usata praticamente sempre la cosiddetta muratura continua. Dai tempi dei Romani, ad anche prima, si è sempre utilizzata, quindi è stata

Dettagli

Indice. 3.9 L architettura bioecologica, 41 3.9.1 Princìpi fondamentali dell architettura bioecologica,

Indice. 3.9 L architettura bioecologica, 41 3.9.1 Princìpi fondamentali dell architettura bioecologica, Indice Unità 1 Qualità e certificazione, 1 1.1 La valutazione della qualità, 2 1.2 Norme tecniche e prescrizioni di legge, 3 1.3 Il controllo della qualità, 4 1.4 La certificazione, 5 1.4.1 La certificazione

Dettagli

Responsabile del procedimento

Responsabile del procedimento Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo SCHEDA SINOTTICA DELL INTERVENTO Direttiva del Presidente del Consiglio dei Ministri 9 febbraio 2011 recante: Valutazione e riduzione del rischio

Dettagli

Responsabile del procedimento

Responsabile del procedimento Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo SCHEDA SINOTTICA DELL INTERVENTO Direttiva del Presidente del Consiglio dei Ministri 9 febbraio 2011 recante: Valutazione e riduzione del rischio

Dettagli

VERIFICA STRUTTURALE E PROGETTO DI CONSOLIDAMENTO

VERIFICA STRUTTURALE E PROGETTO DI CONSOLIDAMENTO Università degli Studi di Roma La Sapienza Prima Facoltà di Architettura L.Quaroni C.d.L. Specialistica Architettura Restauro dell Architettura A.A. 2006/2007 CORSO DI COMPORTAMENTO DEI MATERIALI MURARI

Dettagli

3.3 STRUTTURE DI COPERTURA INCLINATE IN LEGNO

3.3 STRUTTURE DI COPERTURA INCLINATE IN LEGNO COPERTURE COPERTURE INCLINATE derivanti dall impiego e/o dall assemblaggio a secco o a umido di componenti prefabbricati (spesso travi a sezione variabile, reticolari e non), in genere precompressi (perché

Dettagli

REPERTORIO DEI SISTEMI COSTRUTTIVI DI RIFERIMENTO PER IL PROGETTO

REPERTORIO DEI SISTEMI COSTRUTTIVI DI RIFERIMENTO PER IL PROGETTO SISTEMA COSTRUTTIVO DELLE COPERTURE... 2 SISTEMA COSTRUTTIVO DELLE MURATURE,... 3 SISTEMA COSTRUTTIVO DELLE APERTURE...3...3 SISTEMA COSTRUTTIVO DEI COLLEGAMENTI FRA LE STRUTTURE DI COPERTURA E LE STRUTTURE

Dettagli

Valueconsult. Technical Advisory. Dalla gestione del rischio alla creazione di valore. Analysis and Structural investigations

Valueconsult. Technical Advisory. Dalla gestione del rischio alla creazione di valore. Analysis and Structural investigations Technical Advisory Analysis and Structural investigations Dalla gestione del rischio alla creazione di valore Analysis and Structural investigations Testing, Diagnosi, Analisi Valueconsult svolge un servizio

Dettagli

MANUALE DI MANUTENZIONE

MANUALE DI MANUTENZIONE Comune di Frascati Roma PIANO DI MANUTENZIONE MANUALE DI MANUTENZIONE (Articolo 40 D.P.R. 554/99) OGGETTO: Miglioramento sismico di edificio in muratura COMMITTENTE: Data, IL TECNICO Pagina 1 Manuale di

Dettagli

CARATTERI DEI SISTEMI DI COSTRUZIONE RICORRENTI NELLA PROVINCIA DI NAPOLI

CARATTERI DEI SISTEMI DI COSTRUZIONE RICORRENTI NELLA PROVINCIA DI NAPOLI CARATTERI DEI SISTEMI DI COSTRUZIONE RICORRENTI NELLA PROVINCIA DI NAPOLI Le aree di studio: - area a grande concentrazione urbana (zona di Napoli) 1 - area interna della provincia (zona di Terzigno) -

Dettagli

La massima considerazione della tradizione edilizia, nel rispetto della sostenibilità ambientale e del risparmio energetico, con particolare

La massima considerazione della tradizione edilizia, nel rispetto della sostenibilità ambientale e del risparmio energetico, con particolare La massima considerazione della tradizione edilizia, nel rispetto della sostenibilità ambientale e del risparmio energetico, con particolare attenzione alla ricerca nel campo dell innovazione tecnologica,

Dettagli

STRUTTURA PORTANTE. Le strutture portanti si suddividono in: strutture di fondazione. Strutture di elevazione

STRUTTURA PORTANTE. Le strutture portanti si suddividono in: strutture di fondazione. Strutture di elevazione Materiali e Progettazione di elementi costruttivi Prof. Angela g. Leuzzi STRUTTURA PORTANTE Insieme delle unità tecnologiche e degli elementi tecnici appartenenti al sistema edilizio aventi funzione di

Dettagli

Rinforzo e messa in sicurezza di strutture in muratura mediante materiali compositi.

Rinforzo e messa in sicurezza di strutture in muratura mediante materiali compositi. I materiali compositi nella riqualificazione strutturale ed antisismica. Normative, criteri di calcolo, verifiche strutturali, tecnologie ed interventi. Mantova, 4 Ottobre 2012 Rinforzo e messa in sicurezza

Dettagli

INTERVENTI DI MIGLIORAMENTO SISMICO FASE 2 - DELLA SCUOLA SECONDARIA I "DANTE ALIGHIERI" DI COLOGNA VENETA

INTERVENTI DI MIGLIORAMENTO SISMICO FASE 2 - DELLA SCUOLA SECONDARIA I DANTE ALIGHIERI DI COLOGNA VENETA RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEGLI INTERVENTI Pag. 1 di 8 SOMMARIO 1 DESCRIZIONE DELL EDIFICIO... 2 2 DESCRIZIONE DEGLI INTERVENTI... 7 2.1 INTERVENTI ESEGUITI IN FASE 1... 7 2.2 INTERVENTI PREVISTI IN FASE

Dettagli

Comportamento delle strutture in muratura soggette ad azioni sismiche. Pareti e orizzontamenti

Comportamento delle strutture in muratura soggette ad azioni sismiche. Pareti e orizzontamenti Corso di Riabilitazione Strutturale POTENZA, a.a. 2013 2014 Comportamento delle strutture in muratura soggette ad azioni sismiche. Pareti e orizzontamenti Dott. Marco VONA Scuola di Ingegneria - Università

Dettagli

Regione Campania - Genio Civile

Regione Campania - Genio Civile Regione Campania - Genio Civile Controllo di progetti relativi ad edifici in muratura Le tipologie strutturali degli edifici in muratura esistenti e la loro vulnerabiltà sismica B. Calderoni - D.A.P.S.

Dettagli

Sistema costruttivo ANPELWALL

Sistema costruttivo ANPELWALL Sistema costruttivo ANPELWALL Murature rinforzate in Lecablocco per edifici industriali e del terziario Guida alla progettazione ANPEL WALL Murature Certificate e Calcolate MURATURE IN LECABLOCCO nell

Dettagli

Muratura poligonale. Delfi, basamento in opera poligonale del tempio di Apollo, VI a.c. Palestrina, tempio della fortuna Primigenia, II a.c.

Muratura poligonale. Delfi, basamento in opera poligonale del tempio di Apollo, VI a.c. Palestrina, tempio della fortuna Primigenia, II a.c. Muratura poligonale Delfi, basamento in opera poligonale del tempio di Apollo, VI a.c. Palestrina, tempio della fortuna Primigenia, II a.c. L opera poligonale è una muratura a secco e si distingue da quella

Dettagli

PARTIZIONE INTERNA suddividere lo spazio interno in amb enti post tutt sullo stesso p ano d uso

PARTIZIONE INTERNA suddividere lo spazio interno in amb enti post tutt sullo stesso p ano d uso PARTIZIONI INTERNE PARTIZIONE INTERNA Elemento di fabbrica che ha il compito di suddividere lo spazio interno in ambienti i posti tutti sullo stesso piano d uso, separando visivamente ii ambienti i contigui

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO GIULIO DE PETRA CASOLI (CH) DIR. SCOLASTICO: DOTT.SSA ANNA DI MARINO

ISTITUTO COMPRENSIVO GIULIO DE PETRA CASOLI (CH) DIR. SCOLASTICO: DOTT.SSA ANNA DI MARINO ISTITUTO COMPRENSIVO GIULIO DE PETRA CASOLI (CH) DIR. SCOLASTICO: DOTT.SSA ANNA DI MARINO ANNO SCOLASTICO 2011/2012 SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO - CASOLI CORSO DI TECNOLOGIA INS. MARIO DI PRINZIO INS.

Dettagli

MANUALE TECNICO MURATURA ARMATA

MANUALE TECNICO MURATURA ARMATA MANUALE TECNICO MURATURA ARMATA INTRODUZIONE Il recente D.M. 14.1.2008 (N.T.C.), ha confermato ed ulteriormente migliorato le regole di progettazione per costruire in muratura armata, introdotte a livello

Dettagli

SISTEMA CUCITURE ATTIVE C.A.M.

SISTEMA CUCITURE ATTIVE C.A.M. SISTEMA CUCITURE ATTIVE C.A.M. Il patrimonio storico in Italia è largamente costituito da fabbricati e monumenti in muratura. Le tipologie costruttive e i materiali utilizzati sono i più vari (pietrame

Dettagli

STUDIO D INGEGNERIA Dott.Ing. GIOVANNI BATTISTA SCOLARI 24035 Curno (Bg) - Via R.Ruffilli, 2 Tel. 035463983, Fax. 035460404, e-mail:

STUDIO D INGEGNERIA Dott.Ing. GIOVANNI BATTISTA SCOLARI 24035 Curno (Bg) - Via R.Ruffilli, 2 Tel. 035463983, Fax. 035460404, e-mail: RELAZIONE TECNICO SPECIALISTICA DELL EDIFICIO MUNICIPALE DI AZZANO SANPAOLO BG- Curno, Novembre 2013 Tecnico incaricato Dott. Ing. GIOVANNI BATTISTA SCOLARI Descrizione dello stato di fatto II fabbricato

Dettagli

I SOLAI NEGLI EDIFICI A STRUTTURA MURARIA (2) ing. Francesco Monni

I SOLAI NEGLI EDIFICI A STRUTTURA MURARIA (2) ing. Francesco Monni I SOLAI NEGLI EDIFICI A STRUTTURA MURARIA (2) ing. Francesco Monni 3. LE COPERTURE Il solaio di copertura, comunemente indicato anche con il termine TETTO, assolve principalmente alle seguenti FUNZIONI:

Dettagli

FOTO 2. Particolare della foto 1; la deformazione è dipesa da un assestamento differenziale del terreno tra i due vincoli.

FOTO 2. Particolare della foto 1; la deformazione è dipesa da un assestamento differenziale del terreno tra i due vincoli. La documentazione fotografica è stata inizialmente pensata come parte integrante del libro Lesioni degli edifici, un moderno manuale inerente lo studio dei dissesti statici suddiviso in due parti e dieci

Dettagli

ARCHI, VOLTE E CUPOLE

ARCHI, VOLTE E CUPOLE utture delle stru atura 14 amento d o e mura 6 05 201 consolida cestruzz reviso, 16 Deg grado e c in cal Tr PATOLOGIE E CONSOLIDAMENTO DI ARCHI, VOLTE E CUPOLE Prof. Ing. Lorenzo Jurina Politecnico di

Dettagli

VISTE ESTERNE. Dopo il restauro - Prospetto Ovest. Dopo il restauro - Prospetto Sud Sagrestia

VISTE ESTERNE. Dopo il restauro - Prospetto Ovest. Dopo il restauro - Prospetto Sud Sagrestia VISTE ESTERNE Prima del restauro - Prospetto Ovest Dopo il restauro - Prospetto Ovest Prima del restauro - Prospetto Sud Sagrestia Dopo il restauro - Prospetto Sud Sagrestia Prima del restauro - Ingresso

Dettagli

2 Tetti e strutture di copertura

2 Tetti e strutture di copertura 1.8 Combinazioni di diversi sistemi costruttivi di legno In edilizia, i sistemi costruttivi di legno precedentemente descritti possono essere anche combinati l uno con l altro. Una combinazione utilizzata

Dettagli

TD13C. Betoncino strutturale di consolidamento e collaborazione statica

TD13C. Betoncino strutturale di consolidamento e collaborazione statica pag. 1 di 6 DESCRIZIONE è un betoncino pronto strutturale, reoplastico, antiritiro, ad alta resistenza meccanica, di calce idraulica naturale NHL 5 ed inerti selezionati. è ideale negli interventi di consolidamento,

Dettagli

STRUTTURE DI ELEVAZIONE e SOLAI

STRUTTURE DI ELEVAZIONE e SOLAI STRUTTURE DI ELEVAZIONE e SOLAI DESCRIZIONE Il sistema costruttivo degli edifici che si articolano su due piani si basa generalmente su uno schema di tipo ricorrente: - il piano seminterrato o piano terra,

Dettagli

ARCHITRAVI, ARCHI E PIATTABANDE, VOLTE

ARCHITRAVI, ARCHI E PIATTABANDE, VOLTE ARCHITRAVI, ARCHI E PIATTABANDE, VOLTE I.P. ELADIO DIESTE, SILOS ORIZZONTALE A VERGARA (URUGUAY) Il Mattone a vista: conoscerlo bene per usarlo meglio. Fascicoli di buona pratica estratti ed adattati dal

Dettagli

LE STRUTTURE PORTANTI VERTICALI

LE STRUTTURE PORTANTI VERTICALI LE STRUTTURE PORTANTI VERTICALI Muratura portante: assemblaggio di elementi resistenti, artificiali o naturali, disposti con regolarità e collegati con malta. STRUTTURE PORTANTI VERTICALI Le strutture

Dettagli

versus strutture intelaiate in c.a.

versus strutture intelaiate in c.a. Costruire oggi: muratura portante versus strutture intelaiate in c.a. DI M. Boscolo Bielo Godega di S. Urbano (TV) L analisi dei costi per la realizzazione di un edificio per il terziario a Godega di S.

Dettagli

Rinforzo di Strutture in Muratura tramite Materiali Compositi Fibrorinforzati (FRP) acuradi: ing.ernesto Grande e.grande@unicas.it

Rinforzo di Strutture in Muratura tramite Materiali Compositi Fibrorinforzati (FRP) acuradi: ing.ernesto Grande e.grande@unicas.it Università degli Studi di Cassino Progettazione Sostenibile bl di Strutture tt Rinforzo di Strutture in Muratura tramite Materiali Compositi Fibrorinforzati (FRP) acuradi: ing.ernesto Grande e.grande@unicas.it

Dettagli

INTERVENTI DI MIGLIORAMENTO SISMICO FASE 3 - DELLA SCUOLA SECONDARIA I "DANTE ALIGHIERI"DI COLOGNA VENETA

INTERVENTI DI MIGLIORAMENTO SISMICO FASE 3 - DELLA SCUOLA SECONDARIA I DANTE ALIGHIERIDI COLOGNA VENETA RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEGLI INTERVENTI Pag. 1 di 13 SOMMARIO 1 DESCRIZIONE DELL EDIFICIO... 2 2 DESCRIZIONE DEGLI INTERVENTI... 7 2.1 INTERVENTI ESEGUITI IN FASE 1... 7 2.2 INTERVENTI ESEGUITI IN FASE

Dettagli

Strutture resistenti per forma. Arco Fune Volta

Strutture resistenti per forma. Arco Fune Volta Strutture resistenti per forma Arco Fune Volta Cupola arco La sollecitazione di compressione rappresenta praticamente l unica sollecitazione cui la pietra e la muratura sono in grado di resistere. arco

Dettagli

APPOGGI NEOARM APPOGGI NEOARM B04

APPOGGI NEOARM APPOGGI NEOARM B04 APPOGGI NEOARM APPOGGI NEOARM B04 DESCRIZIONE PRODOTTO La serie Neoarm è una linea di apparecchi d appoggio strutturali in elastomero armato, costituiti cioè da un blocco in elastomero nel quale sono inseriti

Dettagli

C8A.5. CRITERI PER GLI INTERVENTI DI CONSOLIDAMENTO DI EDIFICI IN MURATURA Nel presente allegato si forniscono criteri generali di guida agli

C8A.5. CRITERI PER GLI INTERVENTI DI CONSOLIDAMENTO DI EDIFICI IN MURATURA Nel presente allegato si forniscono criteri generali di guida agli C8A.5. CRITERI PER GLI INTERVENTI DI CONSOLIDAMENTO DI EDIFICI IN MURATURA Nel presente allegato si forniscono criteri generali di guida agli interventi di consolidamento degli edifici in muratura, con

Dettagli

Relazione ed elaborati di progetto per il solaio

Relazione ed elaborati di progetto per il solaio LABORATORIO DI COSTRUZIONE DELL ARCHITETTURA 2A prof. Renato Giannini Relazione ed elaborati di progetto per il solaio (arch. Lorena Sguerri) Relazione di calcolo Predimensionamento e analisi dei carichi

Dettagli

TIPOLOGIA, TECNICHE COSTRUTTIVE E MATERIALI

TIPOLOGIA, TECNICHE COSTRUTTIVE E MATERIALI RELAZIONE TECNICA La presente relazione riguarda la proposta di riparazione dei danni derivanti dal terremoto del 20, 29 maggio 2012 per i fabbricati posti in via Larga n. 43, località Malafitto, a Cento

Dettagli

SCHEDA INTERVENTO Chiesa di Sant Agata del Carmine Comune di Bergamo

SCHEDA INTERVENTO Chiesa di Sant Agata del Carmine Comune di Bergamo SCHEDA INTERVENTO Chiesa di Sant Agata del Carmine Comune di Bergamo Con l obiettivo di restituire all antico edificio le riserve di duttilità e di stabilità che i danni allora subiti le avevano fatto

Dettagli

Recupero e conservazione degli edifici Alessandra Marini alessandra.marini@unibg.it Orario di ricevimento: Mercoledì 14:30-16:30

Recupero e conservazione degli edifici Alessandra Marini alessandra.marini@unibg.it Orario di ricevimento: Mercoledì 14:30-16:30 Recupero e conservazione degli edifici Alessandra Marini alessandra.marini@unibg.it Orario di ricevimento: Mercoledì 14:30-16:30 Francesca Feroldi f.feroldi002@unibs.it Introduzione Premessa: L'Italia

Dettagli

Interventi per il miglioramento sismico di edifici con struttura in cemento armato e/o muratura

Interventi per il miglioramento sismico di edifici con struttura in cemento armato e/o muratura Interventi per il miglioramento sismico di edifici con struttura in cemento armato e/o muratura Ing. Barbara Farinelli, Domus srl, GLIS Il Sistema CAM Cuciture Attive dei Manufatti Il sistema CAM - Materiali

Dettagli

Ordinanza 3274. Progettazione di edifici in zona sismica CONSOLIDAMENTO. Ing. Marco Cauda marco.cauda@niphe.com

Ordinanza 3274. Progettazione di edifici in zona sismica CONSOLIDAMENTO. Ing. Marco Cauda marco.cauda@niphe.com Ordinanza 3274 Progettazione di edifici in zona sismica CONSOLIDAMENTO Ing. Marco Cauda marco.cauda@niphe.com Consolidamento Il consolidamento di strutture esistenti coinvolge problemi interdisciplinari:

Dettagli

LA PROGETTAZIONE DI EDIFICI IN

LA PROGETTAZIONE DI EDIFICI IN LA PROGETTAZIONE DI EDIFICI IN MURATURA PORTANTE ORDINARIA E ARMATA SECONDO LE NTC 2008 Come progettare edifici prestazionali in laterizio Modena - 15 Febbraio 2013 Sommario Brevi cenni sull evoluzione

Dettagli

Esempi di applicazione

Esempi di applicazione 1 I compositi firosi vengono impiegati ogni qualvolta vi sia da assorire uno sforzo di trazione pura o di trazione prodotta dalla flessione o dal taglio. Il rinforzo a flessione viene realizzato mediante

Dettagli

29/10/2013. FUNZIONE degli IMPALCATI ORIZZONTALI (travi e solai):

29/10/2013. FUNZIONE degli IMPALCATI ORIZZONTALI (travi e solai): FUNZIONE degli IMPALCATI ORIZZONTALI (travi e solai): 1) riportare i carichi verticali agenti ai piani agli elementi strutturali verticali che a loro volta li trasmettono alle fondazioni; 2) garantire

Dettagli

5. EDIFICI IN MURATURA. 5.1 Introduzione

5. EDIFICI IN MURATURA. 5.1 Introduzione 5. EDIFICI IN MURATURA 5.1 Introduzione I sistemi costruttivi in muratura ordinaria, noti anche con il nome di costruzioni tradizionali, in virtù della loro utilizzo per molti secoli, e ad oggi non ancora

Dettagli

GLENDA CASERTA IL RILIEVO DEL CASTELLO DI LIMATOLA

GLENDA CASERTA IL RILIEVO DEL CASTELLO DI LIMATOLA GLENDA CASERTA IL RILIEVO DEL CASTELLO DI LIMATOLA 1. Introduzione Ogni indagine storica operata su di un manufatto storico è imprescindibile da un corretto ed accurato rilievo, in particolar modo quando

Dettagli

PARROCCHIA DI FORESTO SPARSO (BG) CHIESA DI SAN MICHELE

PARROCCHIA DI FORESTO SPARSO (BG) CHIESA DI SAN MICHELE PARROCCHIA DI FORESTO SPARSO (BG) CHIESA DI SAN MICHELE Compilatore: CALZANA / RODA Compilazione: 23 01 2014 Aggiornamenti: TABELLA DI SINTESI DEL DEGRADO Umidità di risalita Manto di copertura Fondazioni

Dettagli

APPENDICE 2 SCHEDA PER LA RACCOLTA E LA VISUALIZZAZIONE DEI DATI RILEVATI E DELLE PROVE REALIZZATE IN SITU ED IN LABORATORIO

APPENDICE 2 SCHEDA PER LA RACCOLTA E LA VISUALIZZAZIONE DEI DATI RILEVATI E DELLE PROVE REALIZZATE IN SITU ED IN LABORATORIO APPENDICE 2 SCHEDA PER LA RACCOLTA E LA VISUALIZZAZIONE DEI DATI RILEVATI E DELLE PROVE REALIZZATE IN SITU ED IN LABORATORIO 37 38 SCHEDA PER IL RILIEVO TIPOLOGICO E DEI DANNI SISMICI AGLI EDIFICI SCHEDA

Dettagli

Evoluzione e declinazioni nell uso dell Arco Armato

Evoluzione e declinazioni nell uso dell Arco Armato Evoluzione e declinazioni nell uso dell Arco Armato Prof. Ing. Lorenzo Jurina Politecnico di Milano Dipartimento di Architettura, Ingegneria delle Costruzioni e Ambiente Costruito (ABC) Via G. Ponzio n.31,

Dettagli

Ruredil. Ripristino, consolidamento e deumidificazione murature. murature

Ruredil. Ripristino, consolidamento e deumidificazione murature. murature Ruredil Ripristino, consolidamento e deumidificazione murature murature Ripristino Consolidamento DISSESTO Le strutture in muratura sono organismi complessi, i cui diversi componenti devono essere presi

Dettagli

INTRODUZIONE SCHEDE RACCOLTA DATI PER LA QUALIFICAZIONE SPEDITIVA DEI MATERIALI

INTRODUZIONE SCHEDE RACCOLTA DATI PER LA QUALIFICAZIONE SPEDITIVA DEI MATERIALI INTRODUZIONE SCHEDE RACCOLTA DATI PER LA QUALIFICAZIONE SPEDITIVA DEI MATERIALI Il presente documento contiene due schede (e relativi allegati e istruzioni) predisposte per un "rilievo a vista" dei materiali

Dettagli

Struttura Portante: problematiche funzionali - Strutture di fondazione - Strutture di contenimento verticale e orizzontale

Struttura Portante: problematiche funzionali - Strutture di fondazione - Strutture di contenimento verticale e orizzontale CORSO DI LAUREA QUINQUENNALE a.a. 2012/13 MATERIALI PER L'ARCHITETTURA Prof. Alberto De Capua Struttura Portante: problematiche funzionali - Strutture di fondazione - Strutture di contenimento verticale

Dettagli

Istituto Tecnico Commerciale Statale e per Geometri E. Fermi Pontedera (Pi)

Istituto Tecnico Commerciale Statale e per Geometri E. Fermi Pontedera (Pi) Istituto Tecnico Commerciale Statale e per Geometri E. Fermi Pontedera (Pi) Via Firenze, 51 - Tel. 0587/213400 - Fax 0587/52742 http://www.itcgfermi.it E-mail: mail@itcgfermi.it PIANO DI LAVORO Prof. RICCARDO

Dettagli

CHIUSURE ORIZZONTALI I S OLAI SOLAI

CHIUSURE ORIZZONTALI I S OLAI SOLAI CHIUSURE ORIZZONTALI ISOLAI CHIUSURA ORIZZONTALE Unità tecnologica costituita dall insieme degli elementi tecnici orizzontali e suborizzontali aventi la funzione di individuare e delimitare spazi interni

Dettagli

1.0 NORMATIVE DI RIFERIMENTO 2.0 VALUTAZIONE DELLA SICUREZZA RELAZIONE INTERVENTI STRUTTURALI. 2.1 Interventi di adeguamento.

1.0 NORMATIVE DI RIFERIMENTO 2.0 VALUTAZIONE DELLA SICUREZZA RELAZIONE INTERVENTI STRUTTURALI. 2.1 Interventi di adeguamento. RELAZIONE INTERVENTI STRUTTURALI 1.0 NORMATIVE DI RIFERIMENTO L intervento di adeguamento sismico viene realizzato in conformità alle vigenti Norme tecniche, ed in particolare alle seguenti Leggi e Raccomandazioni:

Dettagli

Verifica sismica degli edifici in muratura attraverso il software di calcolo 3Muri

Verifica sismica degli edifici in muratura attraverso il software di calcolo 3Muri Corso di Laurea Magistrale in Ingegneria civile per la protezione dai rischi naturali D.M. 270 Relazione di fine tirocinio A.A. 2013-2014 Verifica sismica degli edifici in muratura attraverso il software

Dettagli

Analisi e consolidamento di colonne e pilastri in muratura

Analisi e consolidamento di colonne e pilastri in muratura CORSO DI RECUPERO E CONSERVAZIONE DEGLI EDIFICI A.A. 2010-2011 Analisi e consolidamento di colonne e pilastri in muratura Resistenza a compressione (1) I materiali lapidei naturali ed artificiali raggiungono

Dettagli

La seguente relazione tecnica è volta dunque a descrivere il progetto nelle sue fasi.

La seguente relazione tecnica è volta dunque a descrivere il progetto nelle sue fasi. STAGE 2014 ANTONIO SALLEMI ITS 2 Il presente documento descriverà nel dettaglio l esperienza di stage effettuata nei mesi di Aprile, Maggio e Giugno 2014 tramite una precisa analisi tecnico-relazionale

Dettagli

COMPUTO METRICO ESTIMATIVO

COMPUTO METRICO ESTIMATIVO ENAV S.p.A. ROMA ACC CIAMPINO pag. 1 COMPUTO METRICO ESTIMATIVO OGGETTO: Ristrutturazione Uffici, Piastra, Hall, Centro servizi, Foresteria e Sala Convegni - PROGETTO DEFINITIVO OPERE STRUTTURALI - STECCA

Dettagli

IL RISANAMENTO DELLA MURATURA UMIDA

IL RISANAMENTO DELLA MURATURA UMIDA www.colorificiopaulin.com info@colorificiopaulin.com LE PRINCIPALI CAUSE DI DEGRADO DEI MATERIALI DI COSTRUZIONE La penetrazione dell acqua all interno delle opere murarie rappresenta per l edilizia una

Dettagli

09/10/2014 MURATURE IN PIETRA

09/10/2014 MURATURE IN PIETRA MURATURE IN PIETRA 11 PREMESSA Le principali qualità della pietra, come il peso elevato, la durezza, la resistenza al fuoco, hanno permesso di ottenere costruzioni solide e durevoli. Di conseguenza, questo

Dettagli

DESCRIZIONE TECNICA DEL PROGETTO:

DESCRIZIONE TECNICA DEL PROGETTO: DESCRIZIONE TECNICA DEL PROGETTO: Il lavoro consiste nella realizzazione di due cupole geodetiche. Ogni cupola presenta 5 assi principali che la delimitano in altrettanti settori uguali. Le travi principali

Dettagli

Pali di fondazione. Portata dei pali. Scelta del tipo di palo. 8 Le fondazioni 8.3 Fondazioni continue

Pali di fondazione. Portata dei pali. Scelta del tipo di palo. 8 Le fondazioni 8.3 Fondazioni continue 1 Pali di fondazione Si possono avere: a) pali in legno: oggi quasi totalmente abbandonati e impiegati solo per modeste costruzioni che trasmettono carichi limitati, per lo più in zone con abbondante legname,

Dettagli

MANUALE D'USO. Strutture in fondazione. Strutture secondarie. Travi di fondazione. Solai in latero-cemento SOMMARIO

MANUALE D'USO. Strutture in fondazione. Strutture secondarie. Travi di fondazione. Solai in latero-cemento SOMMARIO SOMMARIO MANUALE D'USO... 2 Strutture in fondazione... 2... 2... 2... 2 MANUALE DI MANUTENZIONE... 3 Strutture in fondazione... 3... 3... 4... 4 PROGRAMMA DI MANUTENZIONE... 6 Strutture in fondazione...

Dettagli

Sistemi di Fondazione

Sistemi di Fondazione Sistemi di Fondazione Fondazione: struttura di base a contatto col terreno che ripartisce opportunamente il peso della costruzione per garantirne la definitiva stabilità; viene disposta secondo un determinato

Dettagli

[LESIONISTRUTTURALINEGLI EDIFICICONTEMPORANEI]

[LESIONISTRUTTURALINEGLI EDIFICICONTEMPORANEI] 2014 PROGETTARE BIOEDILE Giovanni Tona [LESIONISTRUTTURALINEGLI EDIFICICONTEMPORANEI] Analisi delle cause delle più frequenti lesioni presenti negli edifici con struttura in cemento armato, e metodi di

Dettagli

INTERVENTI SULLE STRUTTURE IN MURATURA

INTERVENTI SULLE STRUTTURE IN MURATURA 1 - Intervento di adeguamento. 2 - Intervento di miglioramento. 3 - Riparazione o intervento locale. 8.4.1. Intervento di adeguamento. È fatto obbligo di procedere alla valutazione della sicurezza e, qualora

Dettagli

Indice generale. Ing. Davide Pompei mail: pompei.ingegneria@gmail.com pec: davide.pompei@ingte.it tel: 320.7733383 1. STRUTTURE PRESENTI...

Indice generale. Ing. Davide Pompei mail: pompei.ingegneria@gmail.com pec: davide.pompei@ingte.it tel: 320.7733383 1. STRUTTURE PRESENTI... Indice generale 1. STRUTTURE PRESENTI... 2 2. PAVIMENTO INDUSTRIALE... 3 PIANO DI MANUTENZIONE 1. Strutture presenti Strutture presenti Fondazioni Plinti di fondazione con bicchiere in opera senza bicchiere

Dettagli

EDIFICI ESISTENTI IN MURATURA parte 5

EDIFICI ESISTENTI IN MURATURA parte 5 CORSO DI AGGIORNAMENTO SULLA NORMATIVA SISMICA DI CUI ALL ORDINANZA 3274 DEL 20 03 2003 EDIFICI ESISTENTI IN MURATURA parte 5 1 Interventi di riabilitazione di edifici esistenti in muratura in zona sismica.

Dettagli

Il recupero energetico e sismico degli edifici

Il recupero energetico e sismico degli edifici Il recupero energetico e sismico degli edifici Interventi di adeguamento e miglioramento sismico delle murature Ing. Francesca da Porto Università di Padova Reggio Emilia, 14 gennaio 2014 Sommario GLI

Dettagli

Viero: guida alla risoluzione del problema delle fessurazioni in facciata

Viero: guida alla risoluzione del problema delle fessurazioni in facciata Viero: guida alla risoluzione del problema delle fessurazioni in facciata Le fessurazioni vengono spesso considerate un problema estetico, poco ricorrente e di facile risoluzione, in realtà ne sono colpite

Dettagli

10 I SOLAI. 10.1 Gli elementi costitutivi di un solaio

10 I SOLAI. 10.1 Gli elementi costitutivi di un solaio 10 I SOLAI 10.1 Gli elementi costitutivi di un solaio I solai sono strutture piane aventi la funzione di portare i carichi presenti sulle costruzioni e di trasferirli alle strutture su cui si appoggiano.

Dettagli

( computo metrico) N N.E.P. D E S C R I Z I O N E Quantita' Prezzo Unitario Importo RIPORTO Dismissioni - Rimozioni

( computo metrico) N N.E.P. D E S C R I Z I O N E Quantita' Prezzo Unitario Importo RIPORTO Dismissioni - Rimozioni Oggetto: LAVORI DI ADEGUAMENTO SISMICO DELLA SCUOLA PRIMARIA G. A. RANERI NELLA FRAZIONE BORGO Pag. 1 DEL COMUNE DI ITALA.- ( computo metrico) RIPORTO Dismissioni - Rimozioni 1 1 21.1.21 Scomposizione

Dettagli

SISTEMA TRALICCIO LPR PER IL RINFORZO DEI SOLAI DI LEGNO.

SISTEMA TRALICCIO LPR PER IL RINFORZO DEI SOLAI DI LEGNO. SISTEMA TRALICCIO LPR PER IL RINFORZO DEI SOLAI DI LEGNO. I dati esposti sono dati indicativi relativi alla produzione attuale e possono essere cambiati ed aggiornati dalla Peter Cox in qualsiasi momento

Dettagli