Aspettando Rimini...pag 3. Ricordo di Domenico Arnone...pag 4. Pendulum Modificato a cura di Stefano Della Vecchia...pag 8

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Aspettando Rimini...pag 3. Ricordo di Domenico Arnone...pag 4. Pendulum Modificato a cura di Stefano Della Vecchia...pag 8"

Transcript

1

2 Sommario Editoriale OR todonzia TEC nica Direttore responsabile e coordinatore scientifico: Patrizio Evangelistra Redazione: Direttivo Ortec Aspettando Rimini....pag 3 Ortec Special Ricordo di Domenico Arnone...pag 4 Ortec informa Pendulum Modificato a cura di Stefano Della Vecchia...pag 8 Pronti per Rimini... pag 12 Report Percorso formativo in tecnica ortodontica di laboratorio. Ispica ( Rg) 20-21/03/ pag 18 IDS Colonia Germania... pag 26 History Mezzi di stabilizzazione in apparecchi mobili, archi vestibolari e loro costruzione ed azione a cura di Domenico Zanini...pag 32 Save the date Convegno Ortec 18, 19 e 20 Giugno 2015 Rimini...pag 51 Congresso Nazionale Ortec 30/31 Ottobre 2015 Milano... pag 52 Corsi base (Bari)... pag 53 2

3 Editoriale OR todonzia TEC nica Stefano Negrini Aspettando Rimini. Cari Associati, nell attesa di ritrovarvi tutti a Rimini per il nostro XXII Convegno e che la piccola pausa Pasquale vi abbia rigenerato, ci tenevo molto a farvi un breve riepilogo delle attività fatte fino ad ora e di quello che ci aspetta di qui in avanti. Si è appena conclusa l IDS di Colonia con un messaggio ben preciso DIGITALE e non poteva che essere questo visto gli sviluppi del settore in questo anno, ma non solo per la protesica ma molto anche per l ortodonzia con un incremento esponenziale di produttori anche Home made con macchina per la realizzazione di prodotti che vanno dal semplice modello a strutture più complesse e nuovi scanner sempre più performanti. Molte aziende stanno lavorando sui materiali biocompatibilità e questo non farà altro che incrementare l esigenza del 3D nei nostri laboratori. Dal lato medico sempre più scanner intraorali di tutti i prezzi e per tutte le esigenze/prestazioni e anche questo per creare interesse, richiesta e distribuzione. C e un dato interessante da temere in considerazione ed è questo, vista la obsolescenza rapidissima di questi sistemi, i nostri laboratori si troveranno a dover gestire nei prossimi anni un ricambio programmato delle macchine, cosa questa non proprio nel DNA del nostro settore, ma sarà così perché l evoluzione e troppo rapida e l adeguamento è indispensabile. Un altro aspetto interessante dell ultimo periodo è l adeguamento che il nostro legislatore dovrà fare nei confronti della normativa comunitaria sulle Apnee del sonno (Vedi le linee Guida del Ministero della Salute) - LINEE GUIDA NAZIONALI PER LA PREVENZIONE ED IL TRATTAMENTO ODONTOIATRICO DELLA SINDROME DELLE APNEE OSTRUTTIVE NEL SONNO (OSAS) che coinvolgerà tutta la filiera medica, strutture sanitarie pubbliche e private, e non ultimo l odontoiatra il cui ruolo sarà di intercettare questo tipo di pazienti. Alla luce di questo le opportunità legate a questi tipi di dispositivi medici saranno sicuramente in crescita e questo per il nostro settore è un bene prezioso. Concludo il mio editoriale con il Percorso Formativo di base di Ispica, una esperienza bellissima che ci ha coinvolto a 360 con ragazzi entusiasti e pieni di vita, relatori e tutor che hanno dato il massimo per divulgare la cultura ortodontica nel suo ambiente principe quello scolastico, e un consiglio compatto che ha dato il massimo per un altro successo targato Ortec. Ora vi aspetto tutti a Rimini numerosi come sempre per il nostro Convegno annuale ricco di tantissime novità. Stefano Negrini Presidente 3

4 Ortec Special Ricordo di Domenico Arnone Lo scorso 30 aprile è scomparso il Dottor Domenico Arnone. Parlare di Domenico Arnone, per noi Mimmo, e 'difficile, struggente e molto commovente. Mi legano a lui oltre 55 anni di amicizia più che fraterna, di collaborazione intensa. Per oltre un ventennio dal 70 al 90 fu quasi quotidiana, senza mai uno screzio, una discussione ma sempre animati da reciproco entusiasmo per cercare di migliorare e portare avanti quelli che sembravano sogni che poi diventarono realtà. Mimmo fu un vero Pioniere in tanti campi : innanzitutto nella merceologia del settore dei materiali per le apparecchiature in ortodonzia quelle di tipo fisso. Lui iniziò nel 1960 alla Risen di Torino che nel settore ortodontico rappresentava la Rocky Mountain e fu il primo in Italia ad occuparsene. Via via con lo sviluppo la fece conoscere in ogni regione d'italia e divenne poi lui il rapppresentante di una delle migliori industrie dentarie americane del settore la Unitek Corporation e divenne poi un maestro per migliaia di medici che desideravano perfezionarsi nelle tecniche di preparazione con queste attrezzature. Ma lui aveva anche la predisposizione ed il grande piacere di conoscere la Scienza e la Ricerca di questa nuova specialità della medicina: l'ortodonzia. Si abbonò alle principali riviste internazionali, acquistò i migliori libri in inglese, era fra i pochi che allora conosceva bene questa lingua. Fu ancora un vero pioniere per la seconda volta perché intuì e comprese prima di molti altri l'importanza di poter aiutare i medici che cominciavano a occuparsi di ortodonzia ed a perfezionarsi e migliorare in questo campo ma non avevano i mezzi per comperare tutta una serie di apparecchiature costose per preparare bene tutti gli esami per una diagnosi esatta basilare poi per stabilire la terapia corretta. Mimmo e con alcuni pochi fidati amici tra cui i prof Ennio Giannì, Cessre Pini, Damaso Caprioglio, Vito Melica e Fulvio Tonesi fondammo a Milano quel centro "SIRIO" centro di radiologia Odontoiatrica che fu il primo in Italia e che permise proprio di dare la possibilità ai medici di avere a disposizione delle tecnologie di avanguardia molto costose e degli specialisti medici super esperti ai quali rivolgersi. Ma Mimmo capì l'importanza che vicino all'attività clinico-diagnostica doveva esservi anche un centro di aggiornamento scientifico. Erano anni bui a metà degli anni 70 gli anni della contestazione studentesca e delle grandi lotte di classe. Non vi erano conferenze né tantomeno corsi di perfezionamento nel settore medico dell'ortodonzia. In quel momento il centro culturale SIRIO diventò un faro illuminato di Scienza e di innovazione scientifica. Furono invitati tra corsi e conferenze 100 tra i migliori oratori internazionali e per molti di loro era la prima volta che giungevano in Italia. Furono poi così apprezzati che dopo anche società scientifiche ed università a loro volta li invitarono. Insieme al Prof Caprioglio. Preparò almeno 18 volumi curando la traduzione dei testi stranieri dei corsi tenuti dai vari oratori stranieri, e dando la possibilità così ai medici di seguire e di studiare e perfezionarsi per quanto avevano ascoltato e imparato. Oggi questi testi fanno parte della storia dell'ortodonzia italiana. Il Dott. Arnone insieme al Professor Damaso Caprioglio, prepararono agli inizi degli anni 70 l'analisi cefalometrica che 4

5 Special porta il nome "standard"e poi 10 anni dopo la rifecero sul piano elettronico. Furono i primi a introdurre in Italia l'indice di Witts di Jacobson. Mimmo scrisse anche due libri di particolare valore che restano a testimoniare tutto il suo entusiasmo la sua passione la sua dedizione a questa branca della medicina:ortodonzia Pratica. Le quarte Classi che ho avuto la fortuna di redigere la presentazione di entrambi. Proprio all'inizio di uno di questi libri pose la seguente frase: "cercare di semplificare i problemi a patto di riconoscere a fondo le ragioni scientifiche,ed usare il buon senso e umiltà come linee guida." Ecco vi è espressa tutta la filosofia della sua vita! E stato il suo leitmotiv: umiltà e buon senso l'hanno sempre guidato non solo nel lavoro professionale e scientifico ma anche nella sua vita privata. Per lui era importante e fondamentale il rispetto dell'etica professionale e la vita di relazione per cui cercava sempre di condurre gli allievi a seguire i concetti di un serio, profondo e radicato senso della responsabilità professionale e poi via via negli anni saperlo incrementare ed affinare e migliorarlo, cercando sempre di dare qualità ed eccellenza nelle prestazioni ai propri pazienti. Qualità ed eccellenza che Mimmo ha saputo cercare per tutta la sua vita: nel suo lavoro, nei rapporti di amicizia, nel collegamento con tutte le altre società con cui veniva a contatto e soprattutto con la sua famiglia. Chiedeva molte volte ai medici che lo ascoltavano: "Quanta diligenza ed impegno hai posto nella conduzione di questa cura?" Nella prefazione di un suo libro diceva ancora citando una bella frase di Leonardo: "La pratica senza la scienza e ' come un nocchiero che sale su una nave senza timone"!! Nei suoi scritti vicino a tutta l'importanza tecnico scientifica vi era poi un aspetto che secondo me è ancora più importante: l'aspetto psicologico e quindi umano di vedere e soprattutto "ascoltare" il paziente, nell'avere una visione olistica che completa e che deve sempre essere presente in chi prende in cura un paziente si tratti di un piccolo bambino o di uno adulto! Sembra strano che Mimmo che non era laureato in medicina ma conosceva profondamente questa materia fosse così abile da poter aiutare i medici! Ma, come ho sottolineato tante volte parlando di lui, occorre ricordare che vicino al grande medico laureato vi è a volte anche la figura del cultore della materia che è proprio contemplato ed accettato anche dall'accademia Universitaria! E questa era una grande prerogativa di Mimmo. Mi piace però sottolineare ancora come Mimmo ha saputo sempre mantenere la sua semplicità ed umiltà e al tempo stesso ricordare anche il suo humour inglese, la sua ironia particolare: sapeva rompere molte volte la tensione di certe discussioni, rendendo poi più gradevole e simpatico il continuarle e trovando poi la soluzione di reciproca soddisfazione. Si può dire di Lui come dicevano gli antichi: "Vera Scientia est Celare Scientiam". Lui sapeva con la sua umiltà celare la sua maestria, le sue capacità, le sue doti innate di grande maestro, sapendo però insegnare e trasmettere le nozioni agli allievi. L'Arte dell 'insegnare e ' molto difficile: l'etimologia di insegnare viene da "in" che significa "dentro " e "segnare", cioè Segnare Dentro! Chi avuto la fortuna di avere come maestro Mimmo si è certamente sentito toccare all'interno profondamente per il suo modo semplice ma intenso con cui sapeva spiegare le cose e farle penetrare nella persona che lo ascoltava. Infine una sua grande dote era quella del senso della solidarietà e dell'aiutare il prossimo. Ricordo un anno che grazie alla generosità dei due docenti che tenevano un corso di perfezionamento gratuitamente dedicò tutto il ricavo del corso al centro ricerche per i tumori presieduto del professor Veronesi, lo stesso professore ci ringraziò sentitamente. E questa solidarietà continuò ad applicarla per tutta la vita. 5

6 Special Mimmo era anche un uomo di fede e questo lo ha aiutato a superare tanti momenti di difficoltà. Ognuno di noi ha la sua croce e Lui aveva momenti di grande sofferenza non solo fisica ma morale e spirituale e pure da grande credente ripeteva sempre : " Fiat voluntas Tua ", sapendo sopportare con rassegnazione, costanza e coraggio, essendo sempre di stimolo e di esempio ai suoi cari. Caro Mimmo ho visto che avevi tra le tue mani intrecciate, il libro delle preghiere della sera: "Mane Nobiscum Domine Quoniam Adveperascit"" "Resta con noi Signore Si Fa Sera!!" Sono certo che dall'alto del sabato senza tramonto che il Signore ti ha già concesso per tutte le tue opere buone compiute, potrai continuare a proteggere tutti i tuoi cari, la tua famiglia, i tuoi amici donando ancora un momento di armonia e di serenità. Riposa in pace caro Mimmo e grazie per quanto ci hai dato. Il tuo vecchio e addolorato amico Maso Caprioglio Domenico Arnone 6

7 OrthoPiù S.r.l..l. è il nuovo o distributore esclusivo dei prodotti FORESTADENT per l'italia OrthoPiù S.r.l. è il nuovo distributore esclusivo dell'azienda tedesca Forestadent GmbH. Con molti anni di esperienza nel settore ortodontico, OrthoPiù si pone l obiettivo di offrire fr alla clientela la linea di prodotti innovativi Forestadent di alta qualità con un servizio di eccellenza, lenza, grazie alla competenza del proprio staff. f. Con una rete di responsabili vendite altamente qualificati, l'azienda propone una linea completa di prodotti per lo studio e per il laboratorio atorio ortodontico. Gli attacchi vestibolari Mini Mono, Mini Sprint e i 2D linguali sono riconosciuti iuti dai professionisti come prodotti di eccellenza, così come sono molto o apprezzati dai tecnici i i disgiuntori rapidi, insieme a tutta la linea di fili, viti e resine speciali. Inoltre, vogliamo segnalare il nuovissimo bracket self-ligating TruKlear in ceramica, il primo completamente te estetico senza alcun componente in metallo, che va a completare la gamma di attacchi autoleganti attivi e passivi Forestadent BioQuick, BioPassive e QuicKlear. e Nel sito è possibile trovare informazioni sui corsi in programma, sulle le news e sapere chi è il responsabile commerciale della vostra zona, a cui sarà possibile fare riferimento imento per richiedere informazioni sui prodotti di vostro o interesse e sulle promozioni in corso. OrthoPiù è il distributore esclusivo FORESTADENT in Italia EASY LINGUAL L "L approccio cio semplificato per i i trattamenti ttamenti linguali nell adulto" l adulto" FORESTADENT: Affidabilità e Precisione Forestadent GmbH è specializzata nella fabbricazione di prodotti ortodontici ed è una delle aziende leader al mondo. E stata fondata nel del proprio know-how per una produzione di altissima precisione, in L azienda è ancora oggi gestita a livello familiare da ben quattro generazioni. Da oltre 100 anni produce nella propria sede a Pforzheim, completamente rinnovata nel I prodotti sono distribuiti in più di 80 Paesi. ORTHOPIU' S.r.l. Distributore esclusivo FORESTADENT in Italia Viale della Libertà, 14/e Pavia Tel Fax

8 Ortec Informa PENDULUM MODIFICATO Stefano Della Vecchia OR todonzia TEC nica Il Pendulum viene ideato e proposto dal Dr. Hilgers verso la fine degli anni 80. L apparecchio in originale è costituito da una base d'ancoraggio, un bottone in acrilico che funge da supporto per l inserzione dei vari elementi dell apparecchiatura, che sono essenzialmente tre: - I rest, che appoggiano nel solco delle superfici occlusali dei premolari (Fig.1). - Le molle, vera parte attiva nel processo di distalizzazione (Fig.2). - La vite d'espansione, che ha però un utilizzo sporadico. spirale del diametro di 5mm, parallela al piano occlusale e discostata dal palato ci circa 1/1,5mm (Fig.3). Fig. 3 Salendo verso il molare da distalizzare, alla spirale fa seguito un ansa ad u a direzione distale; quest ultima ha la funzione di spegniforza, ed è utilizzata anche come zona di eventuale accomodamento per un'esatta collocazione clinica nello sheat, a sua volta puntato lingualmente alla banda del molare. Fig. 1 L inserimento nello sheat era originariamente costituito da un doppio filo ripiegato su se stesso, perchè avesse maggior controllo e rigidità sul molare nel movimento distalizzante. La vera peculiarità del dispositivo del dr. Hilgers è rappresentata dalle molle che spingono il dente in direzione distale, scaricando sul bottone in acrilico il contromomento della forza sprigionata. Il Pendulum avendo come fulcro la spirale delle molle, produce un movimento che potremmo definire radiale affine al movimento di un pendolo,da cui,appunto, il Dott. Hilgers ha tratto il nome del dispositivo (Fig.4). Fig. 2 I rest sono costruiti in filo d'acciaio dello spessore di 0,9mm e sono modellati allo scopo di inserirli nel bottone acrilico palatale. Quelli diretti ai primi premolari, avranno una direzione mesiale, quelli diretti ai secondi premolari, una direzione distale. I rest sono fissati tramite composito, il quale creerà un rialzo che conferirà al Pendulum la possibilità di far scorrere il molare, senza che questo vada ad impattare con l antagonista. Il dr. Hilgers progetta originariamente le molle nel seguente modo: partendo dal bottone palatale, viene eseguita una Fig. 4 Il filo impiegato per le molle è per eccellenza il TMA di diametro 0,36 inch (0,9mm), esso ha una particolare elasticità, e dopo la modellazione conserva una buona 8

9 ortec informa memoria. Le modifiche apportate all apparecchio, sono in realtà dei miglioramenti di cui lo stesso autore ha riconosciuto l oggettiva opportunità. Esse sono essenzialmente quattro: - sostituzione degli sheats sulle bande con cannule tonde del diametro interno di 0,34 (Fig.5). - riduzione del diametro del filo delle molle da 0,36 a 0,32 - ansa di compenso mesioversa anziché distoversa - possibilità di rimuovere le molle singolarmente, per ottenere l attivazione al di fuori del cavo orale (Fig.6). l opportunità al clinico, al momento dell attivazione, di sfilarle dal bottone in acrilico ed estrarle dal cavo orale, in modo da eseguire con calma e precisione il movimento che imprime la distalizzazione. Da uno studio eseguito presso l Università di Vienna, dipartimento di ortodonzia, sono emersi diversi dati relativi all azione di queste molle. Il dato più significativo è quello di aver quantificato la forza di spinta sul dente, che è risultata notevolmente meno aggressiva rispetto a tutti gli altri dispositivi distalizzanti. Con un attivazione di circa 45, rispetto alla linea che traccia la molla, dalla spirale all entrata della canula della banda molare, si esprimono non più di 90 gr di forza (Fig.7). Fig. 5 Fig. 7 Questo elemento fa del Pendulum un dispositivo biologicamente appropriato alla traslazione distale del dente in oggetto fino al raggiungimento della posizione richiesta dal piano del trattamento. Interessante risulta la sua modifica con ancoraggio ad un impianto palatale (Fig.8). Fig. 6 La riduzione di spessore del filo della molla in TMA, queste sono da 0,36 a 0,32, rende di gran lunga più leggera la forza applicata, e presenta pertanto minor ripercussione nella zona d'ancoraggio. Per quanto concerne l ansa ad u si è pensato di modificarne la posizione per rendere più semplice la seconda parte della distalizzazione, quella riguardante cioè la radice del molare. Fig. 8 Inoltre, dopo aver posizionato, all inizio del trattamento, il bottone palatale con i suoi bracci, e fissato con del composito i rest nel solco interocclusale dei premolari, è importante adattare la parte esterna della molla che entra nel tubo della banda, facendo attenzione che questa risulti passiva e parallela al tubo della medesima, prima di inserirla ed attivarla in senso radiale. Riguardo la parte attiva del dispositivo, in altre parole le molle in TMA. Sono state rese rimovibili, dando così Stefano Della Vecchia 9

10 ortec informa BIBLIOGRAFIA F.K. Bylott, M. Alì Darendeliler: Distal molar movement using the pendulum appliance. Part. 1. Clinical and radiological evoluation Angle Orthod 1997, 6/: S. Della Vecchia: Modifiche al Pendulum di Hilgers apportate da un tecnico ortodontico. Ortodontia Tecnica Aprile N 1/99; J.J. Hilgers: A palatal expansion appliance for non compliance therapy. - J. Clin Orthod 1991, 25: J.J. Hilgers: The Pendulum appliance for class II non-compliance therapy. - J. Clin Orthod 1992, 26: J.J. Hilgers, K.K. Bennett: The Pendulum appliance. Part 2. Maintaining the gain. Clinical Impression 1994; 3: 6-9,14, 23. G. Scuzzo, N. Cirulli, S. Della Vecchia: Effetti sulla distalizzazione molare e sull ancoraggio anteriore di un Pendulum modificato. - Mondo Ortodontico 2001; 26;

11

12 Ortec Informa Pronti per Rimini XXII Convegno Nazionale Or-tec Approccio Multidisciplinare all Ortodonzia Contemporanea Rimini 18/19/20 Giugno 2015 Savoia Hotel Rimini Lungomare Murri 13 Giovedì 18 Giugno Titolo: Trattamento 4d no-compliance dei problemi mascellari ore: 14:00-18:00 Relatore: Massimo Lupoli Maasimo Lupoli Venerdì 19 Giugno Titolo: Crozat- Estetica e funzione ore: 9:00-10:00 Relatore: Marco Pardini Marco Pardini 12

13 ortec informa Titolo: Problematiche ortodontiche nel trattamento dei pazienti in età di crescita: i disturbi a.t.m. ed i disturbi craniomandibolari. Approccio sinergico, multidisciplinare. ore: 10:00-11:00 Relatore: Antonio Spagnuolo, Danilo Niro Antonio Spagnuolo Danilo Niro Titolo: Scelta indicazioni ed efficacia del bite nel paziente disfunzionale: Aspetti clinici e tecnici. ore: 11:30-13:00 Relatore: Antonio Spagnuolo, Danilo Niro Carlo Di Paolo Titolo: Terapia funzionale asimmetrica, con un nuovo tipo di dispositivo A.H.F.A.: analisi 2d e 3d dei risultati ore: 14:00-14:45 Relatore:? Di Gioia,? Lastilla Eliana Di Gioia Gianluigi Lastilla Titolo: IIa Classe suddivisione, tipo 1: obiettivi terapeutici e strategie di trattamento ore: 14:45-16:00 Relatore: Luca Giuseppe Russo Luca Giuseppe Russo Titolo: I bite per il trattamento delle disfunzioni cranio cervico mandibolo posturali ore: 16:30-17:30 Relatore: Giuseppe Grimaldi Giuseppe Grimaldi 13

14 ortec informa Titolo: Efficienza e compatibilità in ortodonzia di una nuova resina fotopolimerizzabile ore: 17:30-18:00 Relatore: Roberto Grassi Roberto Grassi WORKSHOP ore 18:00 Titolo: Dimostrazione pratica resina fotopolimerizzabile dentaurum Relatore: Roberto Grassi Titolo: Un innovativo dispositivo espansivo: l'esigenza, l'idea, i prototipi, i test, il risultato Relatore: Gabriele Scommegna Titolo: Totem 3d printer: la nuova sala gessi Relatore: Fabrizio Frapiccini Titolo: Costruzione del BJA modificata secondo la scuola di Napoli "Federico Secondo Relatore: Massimo Cicatiello 14

15 ortec informa Sabato 20 Giugno Titolo: Ancoraggio scheletrico: nuove possibilità terapeutiche e metodologie odontotecniche ore: 9:00-10:00 Relatore: Giorgio Iodice Giorgio Iodice Titolo: Herbst Oclusal Hinge: Un approccio al trattamento delle seconde classi, con un indistruttibile Herbst ore: 10:00-13:00 Relatore: Vela Hernandez Vela Hernandez Per iscrizioni rivolgersi alla segreteria OR-TEC inviando un fax al numero o una mail ad La segreteria é attiva tutti i giorni lavorativi dalle 15,00 alle 18,00 allo

16

17 OR todonzia TEC nica Report Gli eventi Ortec del passato

18 Report Ispica (Rg) 20/21 Marzo 2015 Percorso formativo in tecnica ortodontica di laboratorio OR todonzia TEC nica relatori: Dott. Edoardo Zaffuto, Odt Paolo Pietro Chiechi Nei giorni marzo si è svolto presso l istituto Gaetano Curcio di Ispica, l ennesimo appuntamento del nostro percorso formativo di base in tecnica ortodontica di laboratorio, questa volta abbiamo affrontato il tema dei dispositivi Simoes Network, approfonditi nella parte pratica con la costruzione di un S.N.1. Questo evento è stato realizzato da Or-tec grazie all impeccabile collaborazione organizzativa e realizzativa di due nostri soci: Daniele Incardona ( Modica ) e Giovanni Favara ( Agrigento). Le Docenze sono state tenute dal Dott. Edoardo Zaffuto e dal nostro socio Odt. Pietro Chiechi, per la struttura scolastica, la Prof.ssa Giovanna Manenti, il Prof. Giuseppe Sgarioto e il Dirigente Scolastico Prof. Maurizio Franzò. A tutti i citati va un grazie di cuore per la disponibilità l impegno e l entusiasmo, oltre che a loro ai partecipanti, colleghi e ragazzi dell istituto che grazie alla loro ammirevole partecipazione hanno riempito i nostri cuori di una bellissima emozione che conserveremo a lungo. Grazie infine al Dott. Giovanni Vanni ( fondatore e socio onorario Or-tec ), che a sorpresa non ci ha fatto mancare un suo saluto. Or-tec insiste nella divulgazione scientifica a carattere nazionale, integrata con gli istituti di formazione per lo sviluppo dell eccellenza della tecnica ortodontica che da sempre ci contraddistingue. 18

19 19 report

20 20 report

21 21 report

22 22 report

23 23 report

24 24 report

25 report Modica 25

26 Report Colonia Germania Marzo 3/4 Marzo 2015 OR todonzia TEC nica Anche quest anno con la solita cadenza biennale si è tenuto Colonia l International Dental Show, a detta di molti la più grande fiera mondiale del comparto odontoiatrico. Questo evento ha negli anni maturato la caratteristica di rappresentare l indicatore di come si svilupperà nel biennio successivo il mercato odontoiatrico e di conseguenza odontotecnico. Ortec era presente con una delegazione capitanata dal Presidente Stefano Negrini, che tra l altro è stato relatore in un workshop presso una delle aziende ad altissimo livello di innovation technology. Che dire, pensate che tra gli oltre 2500 espositori abbiamo riscontrato la presenza di una sola azienda con banchi da laboratorio, e che l 80% di questi direttamente o indirettamente esponeva articoli inerenti a lavorazioni 3d intra e/o extraorali. Certo analizzando questi numeri per noi tecnici non c è da stare molto allegri, anche se il comparto tecnico-ortodontico probabilmente resisterà un pò più a lungo rispetto al protesico allo tsunami digitale. A nostro modo di vedere invece questa rivoluzione va letta come un opportunità, facendo tesoro infatti del nostro preziosissimo know-how e del nostro elevato livello di conoscenza, potremmo sfruttare tutti i vantaggi tecnologici per sviluppare nuovi modelli di business, nell offerta di servizi e prodotti per la clinica ortodontica, facendo attenzione a non perdere di vista la nostra mission che è e dovrà rimanere la salute ed il benessere dell utente finale, ossia il paziente. 26

27 27 report

28 28 report

29 1989 L Italvolley vince il primo europeo Target ortodonzia c era

30 Norme Redazionali Per pubblicare articoli sulla rivista gli Autori si devono attenere alle seguenti NORME REDAZIONALI: Gli articoli inviati allo scopo di essere pubblicati devono essere originali, avere carattere scientifico, trattare di tecnica ortodontica, di ortodonzia e di tutto ciò che è correlato alla materia specifica. I lavori devono essere: - Su file in 2 copie nella stesura definitiva; - Inviati alla Segreteria ORTEC - Strada Santa Lucia, 50/A Perugia. La pubblicazione degli articoli deve essere richiesta all'atto della spedizione, con domanda scritta ed autografa, unita alla dichiarazione attestante che il lavoro presentato non è stato pubblicato e non è in visione, o in attesa di pubblicazione, presso altre redazioni. I comitati redazionali scientifico e di lettura sono organi competenti a concedere l'approvazione alla pubblicazione e ad apportare inoltre eventuali necessarie modifiche ai testi, senza peraltro intervenire sul contenuto scientifico del testo. Gli elaborati realizzati nell'ambito di un Istituto, devono essere correlati dell'autorizzazione del Direttore dello stesso Istituto. Gli articoli che comprendono cartelle cliniche e/o iconografica di pazienti che così diventano riconoscibili si accettano solo se congiunti all'attestazione da parte dell'autore/i, che si assume la responsabilità esclusiva alla divulgazione di elementi normalmente coperti da segreto professionale. La stesura degli articoli dovrà rispettare i limiti di 30 righe per pagina, con 60 battute per riga. Preferibilmente, il testo dovrà essere scritto mediante programma di video scrittura e fornito in supporto digitale (indicando il nome del file e il tipo di programma utilizzato). Il testo dei lavori, scritto in lingua italiana, comprenderà: il titolo, il nome e cognome dell'autore/i, la qualifica professionale di ciascuno, il recapito postale, il numero telefonico, indirizzo , una breve prefazione riassuntiva al massimo di 4 righe dattiloscritte, un riassunto conclusivo in italiano e in inglese ed eventuali Key - words. Se il testo è suddiviso in capitoli, sotto - capitoli e sotto - sotto - capitoli, dovrà presentare delle numerazioni indicative in cui la prima cifra indicherà il capitolo, la seconda il sotto capitolo e così via. Es. 1 capitolo, 1.1 sotto - capitolo, sotto sotto - capitolo. I comitati di visione e accettazione degli scritti pubblicabili decideranno, a loro discrezione, per i lavori ampi, la suddivisione in numeri successivi. La documentazione iconografica deve essere fornita in originale in file Jpeg/Png da 300 Dpi, dovrà essere ordinata secondo una numerazione normale progressiva e deve essere correlata di didascalie, anch'esse numerate e richiamate nel testo. I riferimenti bibliografici vanno posti al termine delle trattazioni, con ordine numerico progressivo ed alfabetico nel pieno rispetto delle norme internazionali, con il richiamo del numero d'ordine che compare nel testo. L'autore/i, sottoscrivendo i testi, si assume in proprio la responsabilità in ordine ai contenuti ed alle illustrazioni. L'editore assume la proprietà letteraria degli articoli che potranno, a sua discrezione, essere utilizzati per riproduzioni parziali o totali. 30

31 History OR todonzia TEC nica

32 History XII Congresso O.R.T.E.C Mezzi di stabilizzazione in apparecchi mobili, archi vestibolari e loro costruzione ed azione OR todonzia TEC nica TRIESTE 27/28/29 GIUGNO 1980 a cura di Domenico Zanini che, a seconda dei casi da trattare, vengono forgiati nella forma proposta dai vari autori; o tramite dei supporti in resina che sfruttano i sottosquadri dei denti. Quindi perché una placca sia veramente efficiente, sarà importante attivare bene i ganci quando questi esistono. Prima Parte: Domenico Zanini La scelta di questo tema non è stata per me immediata, ma frutto di un ripensamento, in quanto tra i tre titoli imposti, forse l argomento sulla Terapia Funzionale, trattandosi di ortodonzia biofunzionale, avrebbe suscitato più interesse e favorito maggiore discussione; mentre parlare di stabilizzazione e archi vestibolari, almeno in un primomomento, mi faceva pensare a qualche cosa di semplice e poco interessante. Sappiamo benissimo però che nei dispositivi mobili, la stabilizzazione e gli archi vestibolari sono basilari, anche in considerazione del fatto che in Italia l ortodonzia per circa l 80% viene eseguita con la mobile. Da qui l importanza della conoscenza dei MEZZI DI STABILIZZAZIONE IN APPARECCHI MOBILI, ARCHI VESTIBOLARI E LORO COSTRUZIONE O AZIONE, come da tema. La stabilizzazione delle placche o apparecchi mobili viene eseguita tramite gli agganci sui denti scelti in modo da poter agevolmente resistere alle forze tendenti a dislocare l apparecchio. Solo con una stabilizzazione massima, le forze attive che noi applichiamo si scaricano sui denti da spostare con minime dispersioni. Tanto più forte è la stabilizzazione o ritenzione, tanto maggiore sarà somigliante la modalità d azione della placca a quella dell ortodonzia fissa. La stabilizzazione o ritenzione è forse uno degli elementi più importanti della placca che la caratterizza e la distingue dall altro apparecchio rimovibile che viene comunemente chiamato attivatore o funzionale. Noi possiamo ottenere la stabilizzazione o ritenzione in due modi: con ganci in filo Eseguire frequenti ribasamenti della placca stessa quando la ritenzione e stabilizzazione è ottenuta con docce di resina che abbracciamo più o meno completamente le singole unità dentali. Ganci semplici in filo d acciaio al NIKEL-CROMO temperato, rotondo, di diametro 0.9 mm. visione vestibolare Come si nota questo gancio passa a cavaliere nella parte distale del dente scendendo nella faccia vestibolare assicurando con la parte terminale ritenzione. (fig. 1) Fig. 1 Stessi ganci visione occlusale. (fig. 2) Fig. 2 32

informazioni paziente it Che cos'è un trattamento ortodontico? Informazioni per il paziente che lo inizia

informazioni paziente it Che cos'è un trattamento ortodontico? Informazioni per il paziente che lo inizia informazioni paziente it Che cos'è un trattamento ortodontico? Informazioni per il paziente che lo inizia Buon giorno, prima di affrontare un trattamento ortodontico, desideriamo darle alcune informazioni

Dettagli

Dispensa di ANATOMIA DENTALE a uso delle classi prime di indirizzo odontotecnico CAVITÀ ORALE

Dispensa di ANATOMIA DENTALE a uso delle classi prime di indirizzo odontotecnico CAVITÀ ORALE Dispensa di ANATOMIA DENTALE a uso delle classi prime di indirizzo odontotecnico CAVITÀ ORALE La bocca o cavità orale (Fig. 1) è il primo tratto dell apparato digerente. È un organo cavo, di forma ovoide

Dettagli

Nuovi concetti nelle meccaniche del trattamento ortodontico secondo McLaughlin-Bennet-Trevisi

Nuovi concetti nelle meccaniche del trattamento ortodontico secondo McLaughlin-Bennet-Trevisi In english please En español, por favor Original Article Published on 09-10-98 Nuovi concetti nelle meccaniche del trattamento ortodontico secondo McLaughlin-Bennet-Trevisi Arturo Fortini MD, DDS Massimo

Dettagli

in:joy Qualità eccellente, se la rana è presente. in:joy: il nuovo composito per rivestimento estetico.

in:joy Qualità eccellente, se la rana è presente. in:joy: il nuovo composito per rivestimento estetico. Qualità eccellente, se la rana è presente. in:joy: il nuovo composito per rivestimento estetico. è un nuovo composito fotopolimerizzabile per rivestimenti estetici di alta qualità. E adatto per la polimerizzazione

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI CAGLIARI IL POSIZIONAMENTO DEI BRACKET NELL UTILIZZO DELL APPARECCHIATURA PRE-INFORMATA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI CAGLIARI IL POSIZIONAMENTO DEI BRACKET NELL UTILIZZO DELL APPARECCHIATURA PRE-INFORMATA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI CAGLIARI FACOLTÀ DI MEDICINA E CHIRURGIA SCUOLA DI SPECIALIZZAZIONE IN ORTOGNATODONZIA Direttore: Prof. Vincenzo Piras IL POSIZIONAMENTO DEI BRACKET NELL UTILIZZO DELL APPARECCHIATURA

Dettagli

Oggi l odontoiatra si confronta con pazienti informati

Oggi l odontoiatra si confronta con pazienti informati Protesi removibile ancorata su barra con utilizzo di attacchi calcinabili micro Introduzione Carlo Borromeo Oggi l odontoiatra si confronta con pazienti informati che sempre più spesso arrivano con richieste

Dettagli

Milano 2015. RIPARLIAMO DI IMPLANTOLOGIA.indd 1. Giovedì, Giovedì, RIPARLIAMO DI. Milano 2015

Milano 2015. RIPARLIAMO DI IMPLANTOLOGIA.indd 1. Giovedì, Giovedì, RIPARLIAMO DI. Milano 2015 Giovedì, Giovedì, RIPARLIAMO DI IMPLANTOLOGIA RIPARLIAMO DI IMPLANTOLOGIA 26 marzo - 16 aprile - 7 maggio 18 giugno - 9 luglio - 24 settembre 8 ottobre - 19 novembre Relatori Dr. Alessandro Ceccherini,

Dettagli

La suite Dental Trey che semplifica il tuo mondo.

La suite Dental Trey che semplifica il tuo mondo. La suite Dental Trey che semplifica il tuo mondo. impostazioni di sistema postazione clinica studio privato sterilizzazione magazzino segreteria amministrazione sala di attesa caratteristiche UNO tiene

Dettagli

Tecnica chirurgica. Cappello di chiusura per TEN. Per la stabilizzazione assiale e la protezione contemporanea dei tessuti molli.

Tecnica chirurgica. Cappello di chiusura per TEN. Per la stabilizzazione assiale e la protezione contemporanea dei tessuti molli. Tecnica chirurgica Cappello di chiusura per TEN. Per la stabilizzazione assiale e la protezione contemporanea dei tessuti molli. Sommario Indicazioni e controindicazioni 3 Impianti 4 Strumenti 4 Piano

Dettagli

Natale del Signore: annuncio di unità e di pace su tutta la terra: tempo di buone opere e di intensa carità. Papa Giovanni XXIII (28 dicembre 1958)

Natale del Signore: annuncio di unità e di pace su tutta la terra: tempo di buone opere e di intensa carità. Papa Giovanni XXIII (28 dicembre 1958) NOTIZIARIO PARROCCHIALE Anno XC - N 8 dicembre 2012 - L Angelo in Famiglia Pubbl. mens. - Sped. abb. post. 50% Bergamo Natale del Signore: annuncio di unità e di pace su tutta la terra: tempo di buone

Dettagli

STEP. L ergonomia e la semplicità in ortodonzia fissa

STEP. L ergonomia e la semplicità in ortodonzia fissa STEP system STEP L ergonomia e la semplicità in ortodonzia fissa ami la velocità? Slide low friction system www.leone.it STEP system L ergonomia e la semplicità in ortodonzia Il sistema STEP è molto più

Dettagli

LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE ITALIANA

LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE ITALIANA LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE ITALIANA . LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE ITALIANA Gruppo di esperti costituito presso l Istituto Nazionale di Ricerca per gli Alimenti e la Nutrizione (INRAN)

Dettagli

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento.

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento. DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento Anno 2014 (B) E nato per tutti; è nato per avvolgere il mondo in un abbraccio

Dettagli

Didattica per l Eccellenza. Libertà va cercando, ch è sì cara L esperienza della libertà. Romanae Disputationes

Didattica per l Eccellenza. Libertà va cercando, ch è sì cara L esperienza della libertà. Romanae Disputationes Didattica per l Eccellenza Libertà va cercando, ch è sì cara L esperienza della libertà Romanae Disputationes Concorso Nazionale di Filosofia 2014-2015 OBIETTIVI DEL CONCORSO Il Concorso Romanae Disputationes

Dettagli

La Salute dei denti e della bocca nel paziente oncologico.

La Salute dei denti e della bocca nel paziente oncologico. La Salute dei denti e della bocca nel paziente oncologico. Per migliorare il grado di informazione dei pazienti su alcuni importanti argomenti (quali ad esempio le terapie svolte, l alimentazione da seguire

Dettagli

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica);

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica); DIPARTIMENTO DI LINGUE, LETTERATURE E CULTURE STRANIERE Corso di laurea triennale in LINGUE E CULTURE STRANIERE Classe L 11/Classe dellee lauree in Lingue e culture moderne Guida breve per l orientamento

Dettagli

Corsi p e r O d o n t o i a t r i

Corsi p e r O d o n t o i a t r i corsi accreditati ECM Corsi p e r O d o n t o i a t r i 2015 20 marzo Approccio Razionale alla Terapia Implantare dalla pianificazione del caso alla realizzazione protesica 22 maggio Rialzo del Pavimento

Dettagli

Dott. Mauro Rota Medico Chirurgo Iscritto all Albo dei Medici e Chirurghi

Dott. Mauro Rota Medico Chirurgo Iscritto all Albo dei Medici e Chirurghi Dott. Mauro Rota Medico Chirurgo Iscritto all Albo dei Medici e Chirurghi STUDIO MEDICO DENTISTICO ROTA - Ripa - 20800 - BASIGLIO (MI) Tel: 02 90753222 Fax: 02 90753222 E-mail:maurorota2002@libero.it P.IVA

Dettagli

IL TUO CORPO NON E STUPIDO! Nonostante se ne parli ancora oggi, il concetto di postura corretta e dello stare dritti è ormai superato.!!

IL TUO CORPO NON E STUPIDO! Nonostante se ne parli ancora oggi, il concetto di postura corretta e dello stare dritti è ormai superato.!! IL TUO CORPO NON E STUPIDO Avrai sicuramente sentito parlare di postura corretta e magari spesso ti sei sentito dire di stare più dritto con la schiena o di non tenere le spalle chiuse. Nonostante se ne

Dettagli

Conferenza di servizio presso il Ministero della Pubblica Istruzione Roma 21 giugno

Conferenza di servizio presso il Ministero della Pubblica Istruzione Roma 21 giugno Conferenza di servizio presso il Ministero della Pubblica Istruzione Roma 21 giugno Dialoghi tra scuole d Europa: esperienze e curricola a confronto Scuola media Manzoni Lucarelli di Bari - Carbonara 21

Dettagli

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a Ci situiamo Probabilmente alla tua età inizi ad avere chiaro chi sono i tuoi amici, non sempre è facile da discernere. Però una volta chiaro,

Dettagli

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI (Gv 3, 17b) Ufficio Liturgico Diocesano proposta di Celebrazione Penitenziale comunitaria nel tempo della Quaresima 12 1 2 11 nella lode perenne del tuo nome

Dettagli

Le professioni nello studio medico dentistico

Le professioni nello studio medico dentistico Le professioni nello studio medico dentistico L assistente dentale AFC L assistente di profilassi La segretaria odontoiatrica L igienista dentale SSS L assistente dentale AFC Requisiti Buona formazione

Dettagli

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto.

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Gentili congiunti, Questa piccola guida è stata creata per voi con l obiettivo di aiutarvi

Dettagli

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%.

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%. COMUNE di SASSARI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI PROTOCOLLO D INTESA INTERISTITUZIONALE FINALIZZATO ALLA CONOSCENZA DEL FENOMENO DELLA DISPERSIONE SCOLASTICA E ALLA PRIMA INDIVIDUAZIONE DI MISURE DI

Dettagli

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Per la quarta annualità ho ricoperto il ruolo di Responsabile del Piano dell'offerta Formativa e dell Autovalutazione di

Dettagli

La Dottrina sociale della Chiesa non può essere incatenata

La Dottrina sociale della Chiesa non può essere incatenata Osservatorio internazionale Cardinale Van Thuân La Dottrina sociale della Chiesa non può essere incatenata + Giampaolo Crepaldi Arcivescovo-Vescovo Relazione introduttiva al Convegno del 3 dicembre 2011

Dettagli

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso LIBERI PENSIERI PER LIBERI SENTIMENTI La riflessione circa In viaggio verso l incontro come ci è stato proposto, nasce attorno alla lettura del romanzo : C è nessuno?

Dettagli

INCONTR-AIOSS 2015 COMPETENZE E ETICA BEST PRACTICE VS. 15-17 Ottobre 2015 AIOSS. Hotel Serena Majestic Montesilvano Lido (PE)

INCONTR-AIOSS 2015 COMPETENZE E ETICA BEST PRACTICE VS. 15-17 Ottobre 2015 AIOSS. Hotel Serena Majestic Montesilvano Lido (PE) Brochure Montesilvano 2015 30/07/15 12: Pagina 1 Associazione Italiana Operatori Sanitari di Stomaterapia INCONTR- 2015 Certificazione EN ISO 9001:2008 IQ-0905-12 per formazione ed aggiornamento COMPETENZE

Dettagli

OUTCOME COCAINA 19 DICEMBRE 2006 VERONA VERONA CONGRESS OUTCOME

OUTCOME COCAINA 19 DICEMBRE 2006 VERONA VERONA CONGRESS OUTCOME PATROCINI E COLLABORAZIONI MINISTERO DELLA SALUTE MINISTERO DELLA SOLIDARIETA SOCIALE NOP NATIONAL O J E C T OUTCOME P R Assessorato alle Politiche Sociali Assessore Stefano Valdegamberi O sservatorio

Dettagli

Riabilitazione totale mediante protesi fissa mediante impianti inclinati a 35 evitando la zona atrofica postpost foraminale. (Acocella A.

Riabilitazione totale mediante protesi fissa mediante impianti inclinati a 35 evitando la zona atrofica postpost foraminale. (Acocella A. Alessandro Acocella comunque ci sono solo studi con un follow-up follow up non ancora elevato e comunque i casi vanno accuratamente selezionati evitando parafunzioni e ricordando che gli impianti corti

Dettagli

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco Sul far della sera la famiglia si riunisce in casa per la preghiera. Ove fosse possibile si suggerisce di

Dettagli

UPDATE E SECOND OPINION IN CHIRURGIA VASCOLARE

UPDATE E SECOND OPINION IN CHIRURGIA VASCOLARE L EVENTO ASSEGNERÀ CREDITI ECM Sabato 16 giugno 2012 ore 8,30 UPDATE E SECOND OPINION IN CHIRURGIA VASCOLARE SEDE DEL CORSO Via Masaccio, 19 MILANO PER ISCRIZIONI www.chirurgiavascolaremilano.it Il Convegno

Dettagli

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE AzioneCattolicaItaliana ACR dell ArcidiocesidiBologna duegiornidispiritualitàinavvento CONMARIA PREPARIAMOCIADACCOGLIEREILSIGNORE Tutta l Azione Cattolica ha come tema dell anno l accoglienza. Anche la

Dettagli

Sac. Don Giuseppe Pignataro. L oratorio: centro del suo cuore

Sac. Don Giuseppe Pignataro. L oratorio: centro del suo cuore Sac. Don Giuseppe Pignataro L oratorio: centro del suo cuore L'anima del suo apostolato di sacerdote fu l'oratorio: soprattutto negli anni di Resina, a Villa Favorita per circa un decennio, dal 1957 al

Dettagli

all'italia serve una buona scuola,

all'italia serve una buona scuola, all'italia serve una buona scuola, che sviluppi nei ragazzi la curiosità per il mondo e il pensiero critico. Che stimoli la loro creatività e li incoraggi a fare cose con le proprie mani nell era digitale.

Dettagli

MANUALE PER LO STUDENTE

MANUALE PER LO STUDENTE Università di Bologna Domanda di ammissione alla prova finale laurea MANUALE PER LO STUDENTE In caso di problemi informatici durante la compilazione della domanda on line, manda una mail a help.almawelcome@unibo.it

Dettagli

Frisch. unità 1. 1 Leggi il testo

Frisch. unità 1. 1 Leggi il testo unità 1 1 Leggi il testo Frisch Frisch era un abitudinario, come lo sono del resto quasi tutte le persone della sua età. Ogni mattina nei tre giorni che passava alla villa si alzava puntualmente alle sette

Dettagli

Sistemi e attrezzature per la sicurezza

Sistemi e attrezzature per la sicurezza SISTEMI E ATTREZZATURE PER LA SICUREZZA Cavalletti di segnalazione...85 Segnalatore di sicurezza fisso...85 Over-The-Spill System...85 Coni di sicurezza e accessori...86 Barriere mobili...87 Segnalatore

Dettagli

Comincio da tre! I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA LE MIE ESPERIENZE IL MIO PASSATO COSA VOLEVO FARE DA GRANDE LE MIE RELAZIONI

Comincio da tre! I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA LE MIE ESPERIENZE IL MIO PASSATO COSA VOLEVO FARE DA GRANDE LE MIE RELAZIONI I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA IL MIO PASSATO LE MIE ESPERIENZE COSA VOLEVO FARE DA GRANDE COME SONO IO? I MIEI DIFETTI LE MIE RELAZIONI LE MIE PASSIONI I SOGNI NEL CASSETTO IL MIO CANE IL MIO GATTO Comincio

Dettagli

I Convegno di Neuroautoimmunità. Prato, Polo Universitario. 20-21 Febbraio 2015

I Convegno di Neuroautoimmunità. Prato, Polo Universitario. 20-21 Febbraio 2015 I Convegno di Neuroautoimmunità Prato, Polo Universitario 20-21 Febbraio 2015 PATROCINI RICHIESTI Patrocini richiesti Carissimi, Lettera dei Presidenti è con grande piacere che Vi invitiamo il 21 e 22

Dettagli

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO Le seguenti affermazioni descrivono alcune abitudini di studio e modi di imparare. Decidi in quale misura ogni affermazione si applica nel tuo caso: metti una

Dettagli

Scuola fiorentina. Figura 1: Scuola del Cuoio nel 1950. Figura 3: Il corridoio della Scuola del Cuoio nel 1950 ed oggi

Scuola fiorentina. Figura 1: Scuola del Cuoio nel 1950. Figura 3: Il corridoio della Scuola del Cuoio nel 1950 ed oggi La Scuola del Cuoio è stata fondata dopo la Seconda Guerra Mondiale grazie alla collaborazione dei Frati Francescani Minori Conventuali della Basilica di Santa Croce e delle famiglie Gori e Casini, artigiani

Dettagli

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master Il Rettore Decreto Rep. n 1339 Prot. n 13549 Data 29.04.2014 Titolo III Classe V UOR SOFPL VISTO lo Statuto del Politecnico di Milano; VISTO il D.M. 3.11.1999, n.509; VISTO Il D.M. 22.10.2004, n. 270;

Dettagli

I fattori predittivi e prognostici: il nuovo orizzonte della diagnostica anatomo patologica

I fattori predittivi e prognostici: il nuovo orizzonte della diagnostica anatomo patologica I fattori predittivi e prognostici: il nuovo orizzonte della diagnostica anatomo patologica I Edizione 28 Settembre 2012 II Edizione 23 Novembre 2012 Martinengo - Sala Congressi Diapath L evento è stato

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione

Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione Affermazioni incentrate sulla Verità per le dodici categorie del Codice di Guarigione Troverete qui di seguito una

Dettagli

CORSO SULLE STRATEGIE DI COMUNICAZIONE AUMENTATIVA E ALTERNATIVA: DAL GIOCO ALL AUSILIO

CORSO SULLE STRATEGIE DI COMUNICAZIONE AUMENTATIVA E ALTERNATIVA: DAL GIOCO ALL AUSILIO Rif. Organizzatore 8568-10035201 IN COLLABORAZIONE CON ISTITUTO «LEONARDA VACCARI» PER LA RIEDUCAZIONE DEI FANCIULLI MINORATI PSICO - FISICI CORSO ECM CORSO SULLE STRATEGIE DI COMUNICAZIONE AUMENTATIVA

Dettagli

DELF DALF ESAMI 2014-2015 IL FRANCESE UNA LINGUA VICINA PER ARRIVARE LONTANO. www.testecertificazioni.it ITALIA

DELF DALF ESAMI 2014-2015 IL FRANCESE UNA LINGUA VICINA PER ARRIVARE LONTANO. www.testecertificazioni.it ITALIA DELF DALF Le certificazioni ufficii della lingua francese ESAMI 2014-2015 IL FRANCESE UNA LINGUA VICINA PER ARRIVARE LONTANO www.testecertificazioni.it IL FRANCESE UNA LINGUA VICINA PER ARRIVARE LONTANO

Dettagli

A tu per tu con il Mister del Pavia Massimo Morgia: l allenamento di rifinitura del sabato pomeriggio.

A tu per tu con il Mister del Pavia Massimo Morgia: l allenamento di rifinitura del sabato pomeriggio. articolo N.40 MARZO 2007 RIVISTA ELETTRONICA DELLA CASA EDITRICE WWW.ALLENATORE.NET REG. TRIBUNALE DI LUCCA N 785 DEL 15/07/03 DIRETTORE RESPONSABILE: FERRARI FABRIZIO COORDINATORE TECNICO: LUCCHESI MASSIMO

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

Migliorare la gestione del paziente con BPCO in Medicina Generale.

Migliorare la gestione del paziente con BPCO in Medicina Generale. Progetto di audit clinico. Migliorare la gestione del paziente con BPCO in. Razionale. Numerose esperienze hanno dimostrato che la gestione del paziente con BPCO è subottimale. La diagnosi spesso non è

Dettagli

Il vantaggio della velocità. SpeedPulse, SpeedArc, SpeedUp. Saldare è ora chiaramente più veloce, offrendoti maggior produttività.

Il vantaggio della velocità. SpeedPulse, SpeedArc, SpeedUp. Saldare è ora chiaramente più veloce, offrendoti maggior produttività. Il vantaggio della velocità SpeedPulse, SpeedArc,. Saldare è ora chiaramente più veloce, offrendoti maggior produttività. Perche velocità = Produttività Fin da quando esiste l'umanità, le persone si sforzano

Dettagli

PRONOMI DIRETTI (oggetto)

PRONOMI DIRETTI (oggetto) PRONOMI DIRETTI (oggetto) - mi - ti - lo - la - La - ci - vi - li - le La è la forma di cortesia. Io li incontro spesso. (gli amici). Non ti sopporta più. (te) Lo legge tutti i giorni. (il giornale). La

Dettagli

Il paracadute di Leonardo

Il paracadute di Leonardo Davide Russo Il paracadute di Leonardo Il sogno del volo dell'uomo si perde nella notte dei tempi. La storia è piena di miti e leggende di uomini che hanno sognato di librarsi nel cielo imitando il volo

Dettagli

Giro, ghirotondo e altre storie ortografiche

Giro, ghirotondo e altre storie ortografiche Giro, ghirotondo e altre storie ortografiche Strumenti per la didattica, l educazione, la riabilitazione, il recupero e il sostegno Collana diretta da Dario Ianes Rossana Colli e Cosetta Zanotti Giro,

Dettagli

Identikit del drogato da lavoro

Identikit del drogato da lavoro INTERVISTA Identikit del drogato da lavoro Chi sono i cosiddetti workaholic? quanto è diffusa questa patologia? Abbiamo cercato di scoprirlo facendo qualche domanda al dottor Cesare Guerreschi, fondatore

Dettagli

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di Sc. Materna Elementare e Media LENTINI 85045 LAURIA (PZ) Cod. Scuola: PZIC848008 Codice Fisc.: 91002150760 Via Roma, 102 - e FAX: 0973823292 I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO

Dettagli

17/04/2015 IL RETTORE

17/04/2015 IL RETTORE Protocollo 7882 VII/1 Data 26/03/2015 Rep. D.R n. 377-2015 Area Didattica Servizi agli Studenti e Alta Formazione Responsabile Dott. Antonio Formato Settore Alta Formazione Responsabile Dott. Tommaso Vasco

Dettagli

Dalla lettura di una poesia del libro di testo. Un ponte tra i cuori

Dalla lettura di una poesia del libro di testo. Un ponte tra i cuori 1 Dalla lettura di una poesia del libro di testo Un ponte tra i cuori Manca un ponte tra i cuori, fra i cuori degli uomini lontani, fra i cuori vicini, fra i cuori delle genti, che vivono sui monti e sui

Dettagli

MASTER DI II LIVELLO IN DIREZIONE E MANAGEMENT DELLE AZIENDE SANITARIE (DIMAS) - II EDIZIONE -

MASTER DI II LIVELLO IN DIREZIONE E MANAGEMENT DELLE AZIENDE SANITARIE (DIMAS) - II EDIZIONE - UNIVERSITÀ TELEMATICA LEONARDO DA VINCI A.A 2012/2013 MASTER DI II LIVELLO IN DIREZIONE E MANAGEMENT DELLE AZIENDE SANITARIE (DIMAS) - II EDIZIONE - Direttore Prof. Massimo Sargiacomo Università G. d Annunzio

Dettagli

Amare e far AMARE GESÙ. Borrelli. Truffelli. Approfondimento su Incontriamo Gesù. Orientamenti per l annuncio e la catechesi in Italia ANNA TERESA

Amare e far AMARE GESÙ. Borrelli. Truffelli. Approfondimento su Incontriamo Gesù. Orientamenti per l annuncio e la catechesi in Italia ANNA TERESA EDUCARE OGGI/9 A CURA DI ANNA TERESA Borrelli PREFAZIONE DI MATTEO Truffelli Amare e far AMARE GESÙ CONTRIBUTI DI: Marco Ghiazza Luca Marcelli Paolo e Rita Seghedoni Marcello Semeraro Lucio Soravito De

Dettagli

Progetto Baseball per tutti Crescere insieme in modo sano

Progetto Baseball per tutti Crescere insieme in modo sano Progetto Baseball per tutti Crescere insieme in modo sano Il baseball, uno sport. Il baseball, uno sport di squadra. Il baseball, uno sport che non ha età. Il baseball, molto di più di uno sport, un MODO

Dettagli

18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza italiana

18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza italiana 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza italiana Edizione giugno 2014 IndICe prefazione 3 Buon compleanno!! 5 chi è cittadino italiano per la legge? 6 perchè diventare cittadini italiani?

Dettagli

Curriculum Vitae. Titoli di Studio e Professionali ed Esperienze Lavorative

Curriculum Vitae. Titoli di Studio e Professionali ed Esperienze Lavorative Curriculum Vitae Nome Da Campo Gianluigi Data di nascita 07.12.1958 Qualifica Dirigente di 1 livello Amministrazione Azienda 12 Veneziana Incarico attuale Responsabile di struttura semplice in chirurgia

Dettagli

Un offerta di materiali e una gamma di applicazioni di prim ordine. Straumann CARES CADCAM

Un offerta di materiali e una gamma di applicazioni di prim ordine. Straumann CARES CADCAM Un offerta di materiali e una gamma di applicazioni di prim ordine Straumann CARES CADCAM INDICE Offerta di materiali di prim ordine 2 Panoramica applicazioni 6 Caratteristiche e vantaggi Resina nanoceramica

Dettagli

MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE. HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno

MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE. HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno Indice 01. 02. 03. I tipi di house organ Dall idea al progetto I contenuti A

Dettagli

Pensieri per un genitore che non c è

Pensieri per un genitore che non c è Campus AIPD - Formia 16-22 giugno 2013 Pensieri per un genitore che non c è In questo Campus mi sembra di essere fuori dal mondo, perché qui la normalità è avere un figlio con la sdd... sono i fratelli

Dettagli

Che cosa fai di solito?

Che cosa fai di solito? Che cosa fai di solito? 2 1 Ascolta la canzone La mia giornata, ritaglia e incolla al posto giusto le immagini di pagina 125. 10 dieci Edizioni Edilingua unità 1 2 Leggi. lindylindy@forte.it ciao Cara

Dettagli

Protocollo Adotta una Scuola per l EXPO 2015 VADEMECUM

Protocollo Adotta una Scuola per l EXPO 2015 VADEMECUM Protocollo Adotta una Scuola per l EXPO 2015 VADEMECUM INDICE Premessa Adotta una Scuola per l EXPO 2015: obiettivi Tipologie di scuole La procedura di selezione delle scuole Le modalità per adottare la

Dettagli

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1 Università per Stranieri di Siena Centro CILS Sessione: Dicembre 2012 Test di ascolto Numero delle prove 2 Ascolto - Prova n. 1 Ascolta i testi: sono brevi dialoghi e annunci. Poi completa le frasi.

Dettagli

IL SENSO DELLA CARITATIVA

IL SENSO DELLA CARITATIVA IL SENSO DELLA CARITATIVA SCOPO I Innanzitutto la natura nostra ci dà l'esigenza di interessarci degli altri. Quando c'è qualcosa di bello in noi, noi ci sentiamo spinti a comunicarlo agli altri. Quando

Dettagli

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini Associazione ALE G. dalla parte dei bambini Comune di OSNAGO AI BAMBINI E ALLE BAMBINE Il 20 novembre 1989 è entrata in vigore

Dettagli

TIP-ON inside. TIP-ON per AVENTOS HK. Il supporto per l'apertura meccanico per ante a ribalta standard senza maniglia. www.blum.

TIP-ON inside. TIP-ON per AVENTOS HK. Il supporto per l'apertura meccanico per ante a ribalta standard senza maniglia. www.blum. TIP-ON inside TIP-ON per AVENTOS HK Il supporto per l'apertura meccanico per ante a ribalta standard senza maniglia www.blum.com Facilità di apertura con un semplice tocco 2 Comfort di apertura per le

Dettagli

DIRITTO ALLO STUDIO. Università degli Studi del Sannio. Costruiamo insieme il tuo FUTURO

DIRITTO ALLO STUDIO. Università degli Studi del Sannio. Costruiamo insieme il tuo FUTURO DIRITTO ALLO STUDIO I capaci e i meritevoli, anche se privi di mezzi, hanno diritto di raggiungere i gradi più alti degli studi. art. 34 Costituzione della Repubblica Italiana Diritto allo studio universitario

Dettagli

3. Passate la superficie con carta vetrata per facilitare la presa della colla.

3. Passate la superficie con carta vetrata per facilitare la presa della colla. Il lavoro di posa dei rivestimenti murali, è oggi, estremamente semplificato ed è una soluzione di ricambio interessante, in quanto applicare carta da parati non è più difficile che verniciare. Le spiegazioni

Dettagli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli Siamo abituati a pensare al Natale come una festa statica, di pace, tranquillità, davanti

Dettagli

Regole per un buon Animatore

Regole per un buon Animatore Regole per un buon Animatore ORATORIO - GROSOTTO Libretto Animatori Oratorio - Grosotto Pag. 1 1. Convinzione personale: fare l animatore è una scelta di generoso servizio ai ragazzi per aiutarli a crescere.

Dettagli

CONCORSO LETTERARIO NAZIONALE PER SCRITTORI EMERGENTI IL RACCONTO NEL CASSETTO - PREMIO CITTA DI VILLARICCA XII EDIZIONE ANNO 2014/15 REGOLAMENTO

CONCORSO LETTERARIO NAZIONALE PER SCRITTORI EMERGENTI IL RACCONTO NEL CASSETTO - PREMIO CITTA DI VILLARICCA XII EDIZIONE ANNO 2014/15 REGOLAMENTO CONCORSO LETTERARIO NAZIONALE PER SCRITTORI EMERGENTI IL RACCONTO NEL CASSETTO - PREMIO CITTA DI VILLARICCA XII EDIZIONE ANNO 2014/15 REGOLAMENTO Art. 1 - L, con sede sociale in Villaricca (Napoli), alla

Dettagli

SENZA ALCUN LIMITE!!!

SENZA ALCUN LIMITE!!! Il Report Operativo di Pier Paolo Soldaini riscuote sempre più successo! Dalla scorsa settimana XTraderNet ha uno spazio anche sul network Class CNBC nella trasmissione Trading Room. Merito soprattutto

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Ufficio di Segreteria: Viale Liguria Rozzano (MI) Tel. 02 57501074 Fax. 028255740 e-mail: segreteria@medialuinifalcone.it sito: www.icsliguriarozzano.gov.it Recapiti

Dettagli

5ª tappa L annuncio ai Giudei

5ª tappa L annuncio ai Giudei Centro Missionario Diocesano Como 5 incontro di formazione per commissioni, gruppi e associazioni missionarie 3 anno Febbraio 09 Paolo: la Parola di Dio non è incatenata 5ª tappa L annuncio ai Giudei Pagina

Dettagli

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INTRODUZIONE L Ordine degli Psicologi del Friuli Venezia Giulia e l Ufficio Scolastico Regionale, firmatari di un Protocollo d Intesa stipulato

Dettagli

Guide Guide su rotelle, guide su sfera Quadro, e sistema di estrazione portatastiere

Guide Guide su rotelle, guide su sfera Quadro, e sistema di estrazione portatastiere Guide Guide su rotelle, guide su sfera Quadro, e sistema di estrazione portatastiere Sommario Kit di assemblaggio InnoTech 2-3 Guida Quadro 6-7 Guide su sfere 8-11 Guide su rotelle 12-13 Portatastiere

Dettagli

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio Croce Rossa Italiana Campagna Soci Ordinari CAMPAGNA SOCI ORDINARI Pagina 1 di 12 SOMMARIO 1. Premessa... 3 2. Quali sono gli obiettivi della Campagna Soci Ordinari... 4 3. Cosa vuol dire essere Soci Ordinari

Dettagli

"UN VERO EROE NON SI DIMOSTRA DALLA FORZA CHE

UN VERO EROE NON SI DIMOSTRA DALLA FORZA CHE GREST 2015 L estate ormai si avvicina e l Unità Pastorale Madre Teresa di Calcutta, organizza e propone il GrEst (Oratorio estivo), rivolto ai ragazzi delle classi elementari e medie delle nostre parrocchie.

Dettagli

Titolo evento formativo: Accuratezza del dato glicemico e management del DMT2: fin da SUBITO oltre l HbA1c.

Titolo evento formativo: Accuratezza del dato glicemico e management del DMT2: fin da SUBITO oltre l HbA1c. Titolo evento formativo: Accuratezza del dato glicemico e management del DMT2: fin da SUBITO oltre l HbA1c. Data e Sede: 1-2 dicembre 2010 - Roma Evento ECM N N. rif. ECM 10033589 crediti 9 Programma e

Dettagli

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5 Competenza: partecipare e interagire con gli altri in diverse situazioni comunicative Scuola Infanzia : 3 anni Obiettivi di *Esprime e comunica agli altri emozioni, sentimenti, pensieri attraverso il linguaggio

Dettagli

Molle in serie e in parallelo

Molle in serie e in parallelo Note di laboratorio Giulio Giambrone ITIS Cartesio, Cinisello Balsamo (MI) Molle in serie e in parallelo (Pervenuto il 21.3.2011, approvato il 13.1.2012) ABSTRACT Hooke s Law applied to a number of springs

Dettagli

IndICe. 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza ItalIana

IndICe. 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza ItalIana IndICe prefazione 3 Buon compleanno!! 5 chi è cittadino italiano per la legge? 6 cosa significa diventare cittadino italiano? 7 come muoverti? 8 senza cittadinanza 9 devi sapere 11 Prefazione Cari ragazzi,

Dettagli

CORSO PER SOMMELIER. Diventare. Sommelier

CORSO PER SOMMELIER. Diventare. Sommelier Sommelier, nella prestigiosa realtà della Sommellerie di Roma e del Lazio, significa Professionismo nel vino. Chiediamo agli appassionati di essere professionisti del buon bere in maniera concreta, nella

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO MARKETING E ORGANIZZAZIONE DEGLI EVENTI

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO MARKETING E ORGANIZZAZIONE DEGLI EVENTI MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO Anno Accademico 2014 2015 X Edizione MARKETING E ORGANIZZAZIONE DEGLI EVENTI In collaborazione con Federazione Relazioni Pubbliche Italiana DIRETTORE: Prof. Gennaro Iasevoli

Dettagli

C era una bianca un foglio, di sana fibra e bell animo. Forte di valori e ideali puliti, attendeva di nascere in un mondo migliore, un luogo dove

C era una bianca un foglio, di sana fibra e bell animo. Forte di valori e ideali puliti, attendeva di nascere in un mondo migliore, un luogo dove I love Ci C era una bianca un foglio, di sana fibra e bell animo. Forte di valori e ideali puliti, attendeva di nascere in un mondo migliore, un luogo dove poter crescere con gioia e buon senso, contribuendo

Dettagli

la Guida completa per aumentare il numero di Mi piace su Facebook

la Guida completa per aumentare il numero di Mi piace su Facebook wishpond EBOOK la Guida completa per aumentare il numero di Mi piace su Facebook wishpond.it indice Capitolo 1 Metodo #1 per aumentare i Mi piace su Facebook: Concorsi 5 Capitolo 5 Metodo #5 per aumentare

Dettagli

PIANO A.S. 2015/2016

PIANO A.S. 2015/2016 Direzione Didattica Statale 1 Circolo De Amicis Acquaviva delle Fonti (BA) BAEE03600L@ISTRUZIONE.IT - BAEE03600L@PEC.ISTRUZIONE.IT www.deamicis.gov.it PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA A.S. 2015/2016 Prendete

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering ( MODIFICATO IL 29 giugno 2009) Classe 31/S Politecnico di Bari I A Facoltà

Dettagli

7ª tappa È il Signore che apre i cuori

7ª tappa È il Signore che apre i cuori Centro Missionario Diocesano Como 7 incontro di formazione per commissioni, gruppi e associazioni missionarie 3 anno Aprile 2009 Paolo: la Parola di Dio non è incatenata 7ª tappa È il Signore che apre

Dettagli

- MZ GROUP - Standard di prodotto e servizio fornito

- MZ GROUP - Standard di prodotto e servizio fornito Pagina 1 di 13 - MZ GROUP - Standard di prodotto e servizio fornito SOMMARIO MZ GROUP pag. 3 MZ CONGRESSI S.RL. pag. 4 PIANIFICAZIONE 1. Scelta della sede congressuale pag. 5 2. Gestione pratica ECM (Educazione

Dettagli

CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI

CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI La mia casa ideale è vicino al mare. Ha un salotto grande e luminoso con molte poltrone comode e un divano grande e comodo.

Dettagli

Ci relazioniamo dunque siamo

Ci relazioniamo dunque siamo 7_CECCHI.N 17-03-2008 10:12 Pagina 57 CONNESSIONI Ci relazioniamo dunque siamo Curiosità e trappole dell osservatore... siete voi gli insegnanti, mi insegnate voi, come fate in questa catastrofe, con il

Dettagli