Appunti sullo sviluppo urbanistico del Comune di Serravalle Scrivia

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Appunti sullo sviluppo urbanistico del Comune di Serravalle Scrivia"

Transcript

1 Appunti sullo sviluppo urbanistico del Comune di Serravalle Scrivia La Serravalle d inizio secolo è un piccolo paese, sviluppatosi intorno alla Regia Strada, l antica via Postumia romana, l arteria maestra che lo attraversa nella sua interezza, significativamente raccolto tra due piazze, Porta Milano a nord e Porta Genova a sud. Un brulicare di botteghe, negozi, osterie e bettole. Poi la stazione ferroviaria, il Municipio, il carcere mandamentale, la caserma dei carabinieri, l ospedale San Giuliano, la farmacia, le scuole elementari, le chiese, i mercati ed i balli. Negli anni Venti lo sviluppo urbanistico cittadino seguì l asse di via Umberto I (oggi via Berthoud), fino varcare la soglia del nucleo originario ed oltrepassò Porta Milano per insistere sul nuovo viale Duca d Aosta, con le sue lunghe fila di platani. Lungo le strade oramai interamente pavimentate, appaiono le prime automobili, che prendono lentamente ma inesorabilmente il posto delle vetture trainate dagli animali. Proprio in questa parte nuova del paese trovano posto le prime due pompe di benzina. Un primo importante intervento si ebbe nel 1927 quando venne sistemato il tratto stradale che si stendeva oltre lo Scrivia, così nascono via Lastrico e via Forni. Guerra e Dopoguerra I tempi dello sviluppo del trasporto automobilistico erano maturi e di li a poco, il 29 ottobre del 1935, re Vittorio Emanuele III in persona venne in visita a Serravalle per inaugurare la Autocamionale Serravalle-Valle Po, uno dei primi tronchi autostradali italiani, realizzato in soli tre anni di lavori. A camiunole, così la chiameranno generazioni di serravallesi, portò benessere e sviluppo in paese, benefici che però la grave crisi economica del 1929 e le politiche autarchiche di Mussolini, spazzeranno via. Poi venne la guerra, con i bombardamenti, gli oscuramenti, la borsa nera. Nuovi problemi nel 1942, quando una devastante alluvione provocò ingenti danni a strade ed edifici. Finita la guerra, negli anni della ricostruzione, si provvide al ripristino delle strade e dei servizi pubblici essenziali. Il Comune procedette in questi anni ad una radicale revisione della toponomastica cittadina, cancellando le denominazioni di piazze e strade imposte dalla retorica del regime fascista: Via Libarna (la via Umberto I di prima della guerra) diventa via Roberto Berthoud, in ricordo del giovane serravallese, membro della Resistenza, torturato a morte dai nazifascismi a Genova. Viale Guglielmo Marconi, già viale Duca d Aosta, diventa viale Martiri della Benedicta, mentre piazza Porta Genova, diventa piazza 26 aprile 1945 e piazza Collegiata diventa piazza Martiri del Secondo Risorgimento. Piazza del mercato divenne piazza Paolo Bosio, ufficiale medico caduto in guerra. Serravalle celebrerà anche così la memoria dei propri caduti nella lotta antifascista e nella Resistenza. Nel corso della guerra l abitato non aveva subito danni particolarmente rilevanti. Gli aerei alleati sostanzialmente non si curavano di Serravalle, che non venne direttamente bombardato. I principali obiettivi erano il ponte dell autostrada, ma soprattutto quello ferroviario della linea direttissima Genova-Milano e parte dei binari in direzione Arquata. Da inizio secolo sino ai primi anni Cinquanta Serravalle vide il fiorire di numerose ville signorili: sul Lastrico, alla Libarna, in regione Gazzolo, Montei, Porta Milano e Praga. Residenze di proprietà di famiglie nobili e di imprenditori locali e della vicina Genova. Lo sviluppo edilizio ed urbanistico del dopoguerra, a Serravalle, come nel resto d Italia, visse di grandi contraddizioni, lasciato di fatto alla gestione delle singole Amministrazioni comunali. La legge Gorla (nr. 1150/1942) allora vigente, prevedeva che i Comuni provvedessero a redigere un Piano regolatore generale, riferito a tutto il territorio comunale, ed i Piani regolatori particolari, per determinate specifiche aree. In realtà la legge obbligava solo alcuni Comuni a dotarsi di un P.r.g., mentre agli altri, ove non intendessero provvedere a riguardo, era fatto obbligo di predisporre quantomeno un Programma di fabbricazione, ovvero una specie di P.r.g. semplificato. In realtà, la normativa rimase parzialmente inapplicata, poiché si concesse ai Comuni di ricorrere a dispositivi più agili per superare nel più breve tempo possibile la fase di risanamento edilizio e di ripresa economica post-bellici.

2 Gli anni Cinquanta e Sessanta. Gli anni del mattone. Nell arco di dieci anni, dal 1950 al 1960, Serravalle divenne uno dei poli industriali più importanti del basso Piemonte: agli stabilimenti storici, si affiancarono l industria metallurgica, ma anche l artigianato e l edilizia. Gli anni Cinquanta furono gli anni d oro del mattone e, mentre la speculazione edilizia imperversava in gran parte d Italia, Serravalle non fece eccezione. In piazza Paolo Bosio, oggi sede del mercato settimanale, nacque il primo condominio moderno di Serravalle, risalente alla fine degli anni Quaranta e l inizio degli anni Cinquanta. Realizzato da una ditta di Genova è quello che ancora si trova in fondo alla piazza. Serravalle non terminava più in piazza Porta Milano e la direttrice principale del nuovo sviluppo urbanistico, divenne per più di vent anni, viale Martiri della Benedicta. Sempre negli anni Cinquanta, venne costruito anche il palazzo del Bar Lux, realizzato dagli impresari Gualco e Cartassegna. La costruzione di questo edificio venne interrotta per qualche tempo, in quanto durante i lavori di scavo venne rinvenuto uno scheletro umano, cosa non insolita visto e considerato che in tempi risalenti queste arre del paese si trovavano fuori dalle mura della città. Con gli anni Sessanta, Serravalle consolidò il proprio sviluppo industriale, mettendo però in luce le prime contraddizioni dell edilizia speculativa. Si avvertì l esigenza di un uso più razionale del territorio, di una programmazione urbanistica che potesse rispondere alle necessità di sviluppo di stabilimenti, strutture e plessi industriali, che chiedevano di poter realizzare una crescita ordinata e soprattutto efficiente delle proprie strutture. Diverse imprese, anche di grandi dimensioni si diressero verso il basso Piemonte, delocalizzandosi dal congestionato panorama di Genova. Nel 1961 riaprirono anche i cantieri dell autostrada, che fu prolungata da Serravalle a Milano e raddoppiata in carreggiata. In questa fase la camionale consolidò il suo peso commerciale, imponendosi come arteria a più elevato traffico mercantile d Italia, con 2 milioni e 692 mila transiti annui e punte tra i 50 ed 70 mila veicoli al giorno, dei quali il 30% costituito da autocarri (dati anno 1968). Nel 1963, vennero costruite le scuole elementari Marconi, di via Giani, che permisero di trasferire in una nuova struttura, ampia e dotata di palestra, gli alunni più piccoli, prima ospitati nelle aule dell edificio di salita Cappuccini dove, da ben prima della guerra coabitavano con quelli delle medie Martiri della Benedicta, in un ala di un antico convento Cappuccino, convertito ad uso scolastico. Nel decennio , la trama dei palazzi di nuova costruzione continuò ad infittirsi: Un nuovo stabile venne realizzato di fianco ai magazzini F.i.d.a.s.s., mentre davanti a piazza Carducci spunta il Condomino Residenza (dove attualmente si trova la farmacia) realizzato dall impresa Rolandini, per conto della Società immobiliare Carducci. Altri due palazzi fecero capolino in piazza Bosio. A partire da questo periodo sarà soprattutto la F.i.d.a.s.s. ad investire massicciamente nell edilizia, facendo costruire nell arco di quindici anni: il palazzo dell attuale panetteria Rava, il complesso a ridosso dell attuale piazza Coppi (dove all epoca vi era parte dello stabilimento dolciario), il palazzo all incrocio tra viale Martiri e via Gramsci, nonché diversi stabili in via Pascoli e via Vecchia Vignole ed in rione Lastrico, ultimi in ordine di tempo. Tra il 1965 ed il 1970, venne realizzato il così detto Villaggio Delta, un gruppo di stabili costruiti dalla omonima società metallurgica di Stato, per dare alloggio ai propri dipendenti. Immobili rimasti di proprietà sino ad una decina di anni or sono, progressivamente venduti agli inquilini. A metà del decennio, per iniziativa della Parrocchia di Serravalle, si aprono i cantieri per la costruzione, a breve distanza dal grande parco di Villa Caffarena, della casa di riposo che prenderà il nome di Monsignor Luigi Guerra e che in diverse fasi di ampliamento giungerà all attuale dimensione in circa vent anni. Serravalle e la riforma urbanistica. Nel 1967, soffiò il vento della riforma urbanistica e l ora di una nuova legge di settore apparve prossima. La svolta però non arrivò e l unico risultato fu la così detta legge ponte, che avrebbe dovuto gestire l emergenza in attesa di mettere ordine nell attività edilizia ed urbanistica delle città italiane. Il provvedimento limitava le possibilità di edificare in quei Comuni sprovvisti di strumenti urbanistici, ovvero in circa il 90% dei comuni italiani. La disciplina entrò in vigore il 31 agosto

3 1968, dopo un anno di moratoria. In quei mesi, l attività degli uffici tecnici comunali e delle Commissioni fu frenetica, sommerse da una pioggia di richieste di licenze edilizie. Nel 1968, una sentenza della Corte costituzionale dichiarò illegittima parte della legge del 1942, mettendo i Comuni davanti ad un fatto compiuto: tutti i proprietari dei suoli urbani furono messi in condizione di richiedere ed ottenere legittimamente, l autorizzazione a costruire. Si vanificò così i primi sforzi degli enti locali di controllo sullo urbano. A colmare il vuoto normativo intervenne la così detta legge tampone, che dispose la durata quinquennale ai vincoli urbanistici precedentemente imposti dai Comuni. In questo quadro convulso e contraddittorio l Amministrazione comunale, guidata dal Sindaco Umberto Piccabelotti, reagì presentando ed approvando, tra il 1968 ed il 1970, il primo Programma di fabbricazione del Comune di Serravalle, un documento assimilabile ad un piano regolatore estremamente semplificato. Sulla fine degli anni Sessanta, anche Serravalle ebbe il suo grattacielo, davanti alla stazione ferroviaria, nasce il Condominio Eur, costruito, sull abbattimento della villetta del bar del Gigi e del suo giardino. Finanziatore dell imponente investimento, l imprenditore Balbi, il proprietario delle fornaci in località Libarna. Con l inizio degli anni Sessanta, lo sviluppo urbanistico del paese compì il secondo grande salto della sua storia, superando il confine ideale rappresentato dal parco di Villa Paraclito e dallo stabilimento F.i.d.a.s.s.. Nascono così in rapida successione i palazzi di viale Martiti della Benedicta, siti dal lato opposto alla ferrovia, costruiti l uno dall impresa del cavaliere Lino Molinari e l altro dalla ditta Canepa di Genova, e poi i due palazzi dell immobiliare F.i.d.a.s.s. di cui si è già detto. Con la fine degli anni Sessanta e l inizio degli anni Settanta, questa fase si completò con nuovi condomini in via Pavese ed in piazza Matteotti, lo spazio pubblico realizzato proprio in quegli anni. Dopo viale Martiri, l urbanistico raggiunse le fasce collinari. Il 1968 segnò infatti il via dello sviluppo residenziale del rione Cà del Sole. Una crescita sviluppatasi in più fasi, partendo da via Rossini, vai Nocione e via Verdi ( ), passata poi a via Romita ( ) ed alle nuove vie Vivaldi, Perosi e via dicendo di più recente costruzione ( ). Sul finire degli anni Ottanta, il Comune valutò, per questa parte del paese, anche la possibilità di realizzare un area di sviluppo artigianale in grado di accogliere le piccole imprese locali. Un disegno mai concretizzato per la dura opposizione dei residenti. Gli anni Settanta: Il Piano regolatore. Con l avvento degli anni Settanta il volto della città è oramai profondamente mutato, le case, le strade, le piazze, le industrie tutto corre, spinto dallo sviluppo economico, ma anche dall immigrazione e dal boom demografico. L edilizia sembra non conoscere sosta e l impresa Molinari costruì alcuni palazzi in via Pavese e su piazza Matteotti. Sempre nel periodo, si procedette lungo via Brodoloni, alla lottizzazione Costaguta, da cui nacquero i quattro palazzi che andranno ad occupare ciò che una volta era il parco ed il viale di Villa Mingotti, residenza signorile d inizio secolo. La bella costruzione sopravvisse a lungo e venne demolita solo sulla fine degli anni Novanta, per lasciare posto ad una moderna palazzina dopo aver ospitato nelle sue stanze l ufficio di collocamento ed altri pubblici uffici. Al 1973, scade il quinquennio di salvaguardia fissato dalla legge del 1968 ed a Serravalle maturarono i tempi per la nascita di un Piano regolatore generale. Il Comune si impegnò in una serie di interventi importati: La realizzazione di una nuova piazza in zona Lastrico, intitolata ai coniugi Guareschi e la costruzione della nuova stazione dei carabinieri, in salita Cappuccini. I militari si trasferirono nei nuovi uffici lasciando la vecchia caserma di piazza Martiri del Secondo Risorgimento, in un ala dell odierno Palazzo Municipale, dove tra l altro nel tempo avevano trovato posto anche le carceri mandamentali. Negli anni Settanta partì anche il primo lotto di costruzione delle nuove scuole medie di via Borgonuovo, che tra gli anni Ottanta si affiancarono sino a sostituirsi completamente alla vecchia struttura di via salita Cappuccini. Il periodo degli anni tra la fine dei Settanta e gli Ottanta, vede anche la costruzione del nuovo asilo nido e del suo successivo ampliamento alla scuola materna comunale, che prima aveva sede a Villa Caffarena. Nel 1975 arrivò il primo Piano regolatore generale, redatto dal professor Giorgio Rigotti, docente della Facoltà di architettura

4 dell Università di Torino e presentato, per la Giunta del sindaco Grosso, dall Assessore all urbanistica, Maurizio Bruni. Il P.r.g. come atto politico rappresentò il concretarsi di una forte volontà di dare al Comune uno strumento efficace e moderno per pianificare lo sviluppo futuro del territorio. Il piano provvide a zonizzare, per la prima volta, tutto il territorio comunale, diversificando le aree edilizie destinate ad abitazione, artigianato-industria, da quelle per servizi, sport e verde pubblico, da quelle ad uso agricolo. Ferme restando la presenza della ferrovia e la morfologia del territorio, lo sviluppo urbanistico e viabilistico, si muove in modo tale da assecondare, non solo la crescita demografica, ma anche la sempre maggior mole di traffico e movimenti commercio. Vennero inoltre regolamentate le volumetrie ammissibili in base all estensione dei lotti, licenze singole e lottizzazioni, così come vennero recepite tutte quelle altre prescrizioni di legge e quelle disposizioni sanitarie (distanze tra gli edifici, dimensioni dei vani e servizi igienici, ecc ). parte integrante del documento furono anche le linee guida relative alla viabilità cittadina, primaria e secondaria, nonché i vincoli per quella extraurbana. Infatti il P.r.g. del 75 stabilì i primi vincoli urbanistici relativi al tracciato della circonvallazione, ipotizzata a monte del concentrico, sulla base di un progetto del Compartimento A.n.a.s. di Genova, allora competente per territorio. Un tracciato che per trent anni divenne oggetto di innumerevoli discussioni, soluzioni alternative ed accese polemiche e sempre arenatosi prima di giungere ad un qualsiasi concreto procedimento amministrativo, per mancanza di fondi, ma anche per la feroce opposizione dei commercianti locali e per convergenze divergenti di natura politica. Almeno fino allo studio fattibilità promosso dalla Provincia di Alessandria, nel 2003 e presentato nel Nel 1977, la drammatica alluvione del 6 e 7 ottobre, fu segnata dalla tragedia del Villino Marco, travolto dalla frana del colle degli Arimanni, disastro costato la vita alla moglie ed al suocero del geometra Demicheli, allora presidente della Provincia, oltre che al custode della casa colonica. Lo smottamento, di notevoli dimensioni, invase la strada statale e raggiunse la ferrovia, bloccando il traffico su gomma e su rotaia, isolando Serravalle la valle Scrivia e la val Lemme. I cantieri per lo sgombero dei detriti e la messa in sicurezza della parete rocciosa durarono per quasi sette mesi, con pesanti ripercussioni sulla viabilità locale. Per garantire la stabilità della collina fu necessaria la costruzione di un lungo ed alto muro di contenimento. Sul finire degli anni Settanta il Comune procedette inoltre alla costruzione del nuovo cimitero di via Gambarato. Anche il Palasport di viale Rimembranza risale alla fine degli anni Settanta, mentre il Campo sportivo, che porta il nome di Luigi Bailo (pioniere dell aviazione militare, pilota della pattuglia erea di Gabriele D Annuznio, caduto nei cieli sloveni nel 1916) dove gioca il Libarna calcio, è una struttura nata ben prima della guerra, andata ampliandosi negli anni sino a raggiungere le odierne dimensioni. Gli anni Settanta furono anche gli anni in cui esplose il problema casa, emergenza nazionale, figlia del vertiginoso lievitare di prezzi ed affitti. Si aprì così la stagione del massiccio intervento dello Stato nell edilizia. A Serravalle la prima iniziativa dell Istituto autonomo case popolari, risaliva agli anni Cinquanta, con la costruzione in via Gramsci, della Casa Fanfani. All inizio degli anni Sessanta sorse un altra palazzina popolare in zona Fabbricone, seguita da tre stabili in via Giani e tre lungo via Montespineto, nel rione Lastrico. Infine arrivò il palazzo di via Abbazia. Con gli anni Ottanta e Novanta altri nuclei di edilizia popolare nacquero in via Romita, accanto a diversi stabili realizzati da alcune cooperative. Ultima iniziativa è quella del recupero abitativo, ancora in corso, dell edificio all angolo tra vico dell Ospedale e via Berthoud (la così detta Casa del Nuno ), eseguito dall Agenzia territoriale per la casa. Gli anni Ottanta ed il declino del centro storico Nel decennio , la crescita urbanistica inglobò organicamente al nucleo di viale Martiri, le vie e le case di Cà del Sole, allargandosi progressivamente anche a zona San Rocco, alle aree attigue di via Borgonuovo ed infine le zone residue del Lastrico ed a ridosso di Stazzano, via Vecchia Vignole. Nei primi anni del periodo, si realizzò la lottizzazione S.I.E.L.P., lungo viale Rimembranza, ad aprire la strada alla nascita del rione San Rocco. Con la lottizzazione SI.SE.S.,

5 vennero invece costruiti nuovi palazzi in via Brodoloni e via De Gasperi. Significativi interventi viabilistici ed urbanistici interessarono anche il centro storico. Tra il 1985 ed il 1986, si procedette all abbassamento e l asfaltatura del piano stradale di via Berthoud. Un intervento assai impegnativo, che si realizzò con due lotti di lavori, da Porta Genova sino a viale Stazione e che previde la rimozione della vecchia e malferma pavimentazione in porfido, con il radicale rifacimento dei marciapiedi e dei sottoservizi (luce, acqua, gas, telefono). Nel 1987, venne demolita anche l edificio della pesa pubblica di piazza Carducci, scompare così un pezzo della storia di Serravalle, con il suo ampio porticato in bello stile architettonico, che compare in molte cartoline d epoca. Nello stesso periodo si procedette all ampliamento della piazza XXVI Aprile, a Porta Genova, con l abbattimento degli ex magazzini S.e.p.o. e di Casa Gatti. Il nuovo spazio pubblico fu per pochi anni sede di un mercato domenicale all aperto. Sul finire del periodo nacquero anche la piazzetta Don Guerra (davanti alla Canonica della chiesa colleggiata) e la piazza di via Tripoli. Merita un inciso la vicenda di Palazzo Ferrari. Verso la fine degli anni Ottanta, lo storico edificio, che si trovava alle porte del centro storico, lungo via Berthoud, poco distante da piazza Vittorio Veneto, venne demolito, per essere ricostruito. Dopo un iter, lungo e contrastato, durato una quindicina di anni, l edificio venne completato, destinato a ricevere gli uffici della Pretura circondariale, che serviva circa venti Comuni della valli Scrivia, Lemme e Borbera. Gli uffici giudiziari, prima ospitati all ultimo piano di Palazzo Municipale, nel corso dei lavori si trasferirono a Villa Caffarena, lasciata libera dalla scuola materna comunale. L odissea di Palazzo Ferrari culminò con la soppressione della Pretura, disposta dal Ministero e la sostituzione con il Giudice di pace, che si insediò nel 1999 a lavori ultimati. Nello stesso edificio ha trovato posto anche il comando di Polizia municipale. Con lo sviluppo urbanistico degli anni Settanta ed Ottanta, i tradizionali casermoni e gli angusti vicoli del centro storico, vennero progressivamente abbandonati per i moderni e confortevoli condomini, per le nuove ed ampie strade e piazze. Ciò premesso, per un certo periodo si costruirono nuovi edifici anche nel perimetro del borgo originario del paese, ma di certo apparve in tutta la sua evidenza la tendenza di attività commerciali, industriali e sociali a spostarsi inesorabilmente fuori le mura. Tutto ciò costituì se non l unico, il principale elemento scatenante di quel processo di desertificazione abitativa ed economica del centro storico cittadino, che esplose negli anni Novanta ed è ancora realtà di oggi. Un simbolo di questa lenta agonia può essere l ospedale San Giuliano. Serravalle ebbe un proprio ospedale, operativo sino agli anni Settanta, ospite di un dell imponete struttura di un monaci soppresso convento Agostiniani, che si affaccia su piazzetta Bianchi. Dopo un sostanzioso ampliamento risalente al periodo , il nosocomio venne progressivamente declassato sino alla chiusura durata a lungo. Negli anni Ottanta e Novanta, erano ancora attivi in una sua ala, alcuni ambulatori ed uffici del Distretto sanitario, poi chiusi anch essi. Ultima ed attuale destinazione del complesso recentemente ristrutturato è quella di residenza per anziani lungodegenti dell A.s.l. 22. In questi anni anche l ufficio postale si trasferì, dai vecchi locali di via Berthoud (già storica sede dello sportello della Cassa di risparmio delle province lombarde), per la nuova ed attuale collocazione di via Brodolini. Nel passato l ufficio era stato nei locali di piazza Collegiata, e poi in alcuni spazi all interno del Palazzo Comunale. Le nuove prospettive degli anni Novanta Tra gli anni Ottanta e Novanta, i quartieri residenziali periferici di Cà del Sole e San Rocco, sebbene per lungo tempo privi di servizi, come i negozi o la farmacia, vivono uno sviluppo rapidissimo. Villette e palazzine signorili, si moltiplicano nel verde, lontane dai rumori della ferrovia e dal traffico convulso del centro cittadino. Una tendenza che ancora oggi non si è ancora esaurita. Accanto alla sviluppo della edilizia residenziale, le Amministrazioni comunali pianificano anche aree destinate a dare fiato a nuove prospettive di sviluppo economico, da una parte il commercio e dall altra la piccola e media impresa. Per un area a spiccato declino industriale come la valle Scrivia, provata da pesanti crolli occupazionali, il percorso fu lungo e tutt altro che agevole. In località Praga si gettarono le basi del futuro sviluppo commerciale, con il progetto

6 urbanistico denominato Spazio 92, adottato con la conversione di terreni ad uso commerciale e turistico-ricettivo, dall Amministrazione del Sindaco Giorgio Gennaro, Assessore all urbanistica Ezio Allegri. Un disegno portato avanti negli anni successivi, Sindaco Antonio Molinari, Assessori Andrea Ciappolino ed in seguito Emanuele Parodi. In materia di lavori pubblici, venne inaugurata la nuova caserma della Polizia stradale, in via Cassano, dove la sottosezione si trasferì dagli angusti locali di via Molino. Nello stesso periodo invece si trasferì a Stazzano, il comando della Forestale, che lasciò lo stabile di via Giovanni XXIII, non riuscendosi ad individuare in Serravalle, un area adatta alle necessità operative del corpo. A metà degli anni Novanta si insediano nuove aziende e si rilocalizzano imprese già operanti sul territorio. A sud come a nord dell abitato i poli di attrazione sono diversi: I capannoni in parte fatiscenti delle ex-fornaci Balbi, in località Libarna, vengono risanati e recuperati ad uso artigianale, mentre nell ex-area Inga di via Gambarato si insediano una serie di imprese, come la Firpo (impianti elettrici), la Industria copertoni Genova, i magazzini della Olio Pagano e la Eugal (prodotti erboristici), alcune di esse ancora oggi in attività. Lungo viale Martiri della Benedicta viene eseguito anche un importante progetto nell ex-area F.i.d.a.s.s., risanata e convertita da uso commerciale ed abitativo. Nel contesto viene realizzata anche una nuova grande piazza, intitolata a Fausto Coppi e l ampliamento dell angusta via Suffrato. Si provvide anche alla risistemazione della vicina via Molino. Nell area dello scalo stazione ferroviario, già acquisito dal Comune nel 1980, nascono un parcheggio ed una nuova strada, via Cesare Pozzo, dedicata alla memoria di un macchinista ferroviere, sindacalista F.s., d inizio secolo, tragicamente scomparso. Nel autunno del 1996, l area del ponte sul torrente Scrivia, fu colpita da un significativo smottamento, provocato dalle abbondanti piogge. La frana provocò il cedimento del costone e la caduta nello Scrivia della storica cappelletta del Santo Giovanni Nepomuceno. Si rese così necessario intervenire con incisivi lavori di consolidamento della zona. Praga ed il 2000 Le grandi novità giunsero però da località Praga, dove nelle aree individuate nel progetto Spazio 92, prende il via, lungo la ss-35 Bis dei Giovi, la realizzazione di un grande polo commerciale, che diverrà il più importante del Nord-Ovest. I due grandi centri commerciali, Outlet ed Iper, portano con sé una rapida espansione del quartiere Cà del sole, uno sviluppo fatto di nuovi edifici ad uso commerciale, ma anche abitativo, il che localizza nella zona anche quei nuovi servizi, da tempo attesi, come la costituenda farmacia comunale ed il realizzando centro sportivo. Ultimo tassello, tra il 2000 ed il 2004, è la zona artigianale di via Cassano, poco distante dallo stabilimento Europa Metalli, dove un ampia area viene occupata da nuove realtà di media industria e soprattutto da diverse aziende artigiane locali, colmando così un vuoto di oltre vent anni. Accanto al fiorire dell edilizia residenziale a Cà del Sole, a vivere un nuovo sviluppo abitativo è ancora la zona di San Rocco, via Borgonuovo e viale Rimembranza che in questi anni si ripropongono come spazio privilegiato per villette unifamiliari, bifamiliari e piccoli condomini signorili. Questi sono anche anni di grande impegno nel recupero del centro storico, con importanti lavori di abbattimento e risanamento, urbanistico e viario ed un progetto ambizioso: fare di via Berthoud, dei suoi vicoli e delle sue piazze, una zona pedonale, un centro commerciale all aperto. Si intende anche trasformare in strada a doppio senso di circolazione via Roma, seguendo un progetto di abbattimenti e sezionamenti di case fatiscenti. A cadere è la Casa dell Americano, acquistata dal Comune ed abbattuta per fare spazio alla nuova piazza di via Tripoli. Nel 2002, seguiranno lungo via Berthoud, le demolizioni dell antico complesso di Casa Cogni e della così detta Cà du Re. La prima attualmente in ricostruzione e la seconda sostituita da una piazzetta. Si avvia anche un importante quanto impegnativo piano di recupero di Villa Caffarena e del suo parco, pregevole residenza signorile risalente al primo decennio del Novecento. Nello stesso anno il ponte sullo Scrivia, che unisce il centro cittadino al rione Lastrico ed a Stazzano, fu oggetto di un importante intervento di consolidamento della struttura, risistemare del piano viario con una nuova asfaltatura, nonché la creazione di una nuova passerella pedonale. Dal punto di vista viabilistico si

7 assiste in pochi anni ad una serie di interventi radicali: Nel 2002 un nuovo svincolo mette in sicurezza il pericoloso incrocio tra viale Martiri e via Monterotondo. Nel gennaio 2003 si aprono i cantieri lungo la ex-ss. 35 bis dei Giovi, in direzione Novi. In poco più di un anno la statale viene interamente ridisegnata: Demoliti i distributori di benzina, viene ampliata la rotonda autostradale, poi si passa al raddoppio delle carreggiate, mentre tre nuove rotatorie smistano il traffico, da e per i centri commerciali, e del quartiere Cà del Sole.

Cap. 2. L ex- deposito ATAC e il quartiere Della Vittoria. 1. Le prime linee tranviarie elettrificate a Roma e l espansione urbana

Cap. 2. L ex- deposito ATAC e il quartiere Della Vittoria. 1. Le prime linee tranviarie elettrificate a Roma e l espansione urbana Cap. 2. L ex- deposito ATAC e il quartiere Della Vittoria 1. Le prime linee tranviarie elettrificate a Roma e l espansione urbana Fig. 1 Foto aerea del 1924 Il deposito ha avuto un ruolo importante nelle

Dettagli

Le entrate fiscali del comune di Serravalle dal 1999 ad oggi... In attesa del federalismo

Le entrate fiscali del comune di Serravalle dal 1999 ad oggi... In attesa del federalismo Le entrate fiscali del comune di Serravalle dal 1999 ad oggi.. In attesa del federalismo Perché questo serata? A 10 anni dall insediamento del Centro Commerciale in zona Praga ed in previsione della predisposizione

Dettagli

UNIONE EUROPEA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE LIGURIA COMUNE DI GENOVA P.O.R. LIGURIA (2007-2013) ASSE 3 - SVILUPPO URBANO COMUNE PROPONENTE GENOVA

UNIONE EUROPEA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE LIGURIA COMUNE DI GENOVA P.O.R. LIGURIA (2007-2013) ASSE 3 - SVILUPPO URBANO COMUNE PROPONENTE GENOVA UNIONE EUROPEA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE LIGURIA COMUNE DI GENOVA P.O.R. LIGURIA (2007-2013) ASSE 3 - SVILUPPO URBANO COMUNE PROPONENTE GENOVA PROGETTO INTEGRATO SAMPIERDARENA I Progetti Integrati nel

Dettagli

MOVICENTRO DI MONDOVI

MOVICENTRO DI MONDOVI PREMESSA I problemi dell accessibilità sono stati, a Mondovì come altrove, causa principale del declino del centro storico, e l invasività dei veicoli privati ha prodotto modifiche consistenti nel paesaggio

Dettagli

ARGOMENTI PROPOSTI. - Progettazione per lotti e fruibilità progressiva

ARGOMENTI PROPOSTI. - Progettazione per lotti e fruibilità progressiva Municipio 1 Centro Est Caserma Gavoglio, una rigenerazione urbana di interesse del quartiere e della città: esame delle principali tematiche 20 giugno 2015, dalle ore 09:30 alle ore 13:30, Scuola Duca

Dettagli

Cassa depositi e prestiti PENTAGRAMMA PIEMONTE S.P.A.

Cassa depositi e prestiti PENTAGRAMMA PIEMONTE S.P.A. PENTAGRAMMA PIEMONTE S.P.A. Torino, Palazzo del Lavoro Veicolo societario 100% Pentagramma Piemonte S.p.A. (50% CDP Immobiliare S.r.l. - 50% G.E.F.I.M.) Localizzazione L edificio del Palazzo del Lavoro

Dettagli

DECRETO LEGISLATIVO 14 marzo 2013 n. 33 (Art. 30)

DECRETO LEGISLATIVO 14 marzo 2013 n. 33 (Art. 30) DECRETO LEGISLATIVO 14 marzo 2013 n. 33 (Art. 30) Natura del bene aree Denominazione del bene Indirizzo P.lla Sub. terreno in Tipologia Tipologia del terreno Utilizzo del bene immobile Finalità (Fabbricati)

Dettagli

ROMA Capitale d Italiad Città e piani regolatori dal 1870

ROMA Capitale d Italiad Città e piani regolatori dal 1870 Universita degli studi di Roma La Sapienza - Facolta di Architettura L. Quaroni Corso di Laurea Specialistica Quinquennale in Architettura UE Corso di FONDAMENTI DI URBANISTICA a.a. 2008/2009 II semestre

Dettagli

Programmi innovativi in ambito urbano denominati "Contratti di quartiere II" Allegato 1

Programmi innovativi in ambito urbano denominati Contratti di quartiere II Allegato 1 Servizio Qualità urbana e politiche abitative Programmi innovativi in ambito urbano denominati "Contratti di quartiere II" Allegato 1 Aggiornato al 31 dicembre 2009 ELENCO RIASSUNTIVO DEGLI INTERVENTI

Dettagli

SCHEDATURA DEL PERCORSO PARTECIPATO PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI NELLE AREE LIMITROFE AI PLESSI SCOLASTICI

SCHEDATURA DEL PERCORSO PARTECIPATO PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI NELLE AREE LIMITROFE AI PLESSI SCOLASTICI PROVINCIA DI TORINO TAVOLO AGENDA 21 Qualità della vita e mobilità sostenibile intorno ai plessi scolastici SCHEDATURA DEL PERCORSO PARTECIPATO PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI NELLE

Dettagli

UNITÀ ABITATIVA SITA IN Roma, Via Monti Parioli n.62, scala A, piano terra, int. 2

UNITÀ ABITATIVA SITA IN Roma, Via Monti Parioli n.62, scala A, piano terra, int. 2 UNITÀ ABITATIVA SITA IN Roma, Via Monti Parioli n.62, scala A, piano terra, int. 2 E POSTO AUTO SCOPERTO SITO IN Roma, Via Monti Parioli n.62, scala A, piano terra, int.1 2. DESCRIZIONE E IDENTIFICAZIONE

Dettagli

IL SINDACO IL SEGRETARIO GENERALE f.to FRANCESCO VALDUGA f.to GIUSEPPE DI GIORGIO

IL SINDACO IL SEGRETARIO GENERALE f.to FRANCESCO VALDUGA f.to GIUSEPPE DI GIORGIO Allegato B alla deliberazione giuntale n. 19 di data 16.02.2016 Scheda Peg investimenti 2016-2018 per centro gestore IL SINDACO IL SEGRETARIO GENERALE f.to FRANCESCO VALDUGA f.to GIUSEPPE DI GIORGIO 030000

Dettagli

LE INFRASTRUTTURE MOBILI E DEL SISTEMA VIABILISTICO NELL AREA METROPOLITANA

LE INFRASTRUTTURE MOBILI E DEL SISTEMA VIABILISTICO NELL AREA METROPOLITANA Capitolo 1. Il programma delle infrastrutture mobili e del sistema viabilistico nell area metropolitana. Come già detto, nel documento Indirizzi di politica urbanistica, elaborato dall Assessorato all

Dettagli

SCHEDATURA DEL PERCORSO PARTECIPATO PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI NELLE AREE LIMITROFE AI PLESSI SCOLASTICI

SCHEDATURA DEL PERCORSO PARTECIPATO PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI NELLE AREE LIMITROFE AI PLESSI SCOLASTICI PROVINCIA DI TORINO TAVOLO AGENDA 21 Qualità della vita e mobilità sostenibile intorno ai plessi scolastici SCHEDATURA DEL PERCORSO PARTECIPATO PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI NELLE

Dettagli

PGT. 16 PdS CORANA SCHEDE DI VALUTAZIONE DEI SERVIZI ESISTENTI. Fascicolo. Piano dei Servizi

PGT. 16 PdS CORANA SCHEDE DI VALUTAZIONE DEI SERVIZI ESISTENTI. Fascicolo. Piano dei Servizi COMUNE DI CORANA PROVINCIA DI PAVIA PGT Piano di Governo del Territorio ai sensi della Legge Regionale 11 marzo 005, n 1 16 PdS Piano dei Servizi Fascicolo SCHEDE DI VALUTAZIONE DEI SERVIZI ESISTENTI SINDACO

Dettagli

VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE. Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: ... ... ... ... ... ...

VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE. Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: ... ... ... ... ... ... LA CITTÀ VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE 1. Parole per capire Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: città... città industriale... pianta della città...

Dettagli

COMUNE DI PIETRACAMELA NORME TECNICHE

COMUNE DI PIETRACAMELA NORME TECNICHE COMUNE DI PIETRACAMELA Versate teramano del Gran Sasso d Italia PROGRAMMA DI FABBRICAZIONE NORME TECNICHE Pietracamela lì 25.5.1971 Il Progettista Dott. Ing. Mario Dragone Comune di Pietracamela Piano

Dettagli

SCALE MOBILI PER LE CITTÀ

SCALE MOBILI PER LE CITTÀ PER LE CITTÀ L utilizzo di scale mobili e ascensori per facilitare la mobilità delle persone nelle città d arte o in luoghi difficilmente accessibili vede oggi una significativa accelerazione, e dopo il

Dettagli

Alla Giunta Regionale del Veneto, Palazzo Balbi, Dorsoduro 3901 30120 Venezia. OSSERVAZIONI ALLA VARIANTE AL P.T.R.C.

Alla Giunta Regionale del Veneto, Palazzo Balbi, Dorsoduro 3901 30120 Venezia. OSSERVAZIONI ALLA VARIANTE AL P.T.R.C. Alla Giunta Regionale del Veneto, Palazzo Balbi, Dorsoduro 3901 30120 Venezia. OSSERVAZIONI ALLA VARIANTE AL P.T.R.C. adottata dalla Giunta Regionale con Dgr. n 427 del 10.04.2013 Sono trascorsi quattro

Dettagli

Premessa percorso municipale, Conferenza Urbanistica Cittadina, Carta dei valori municipali parte generale schede progetto

Premessa percorso municipale, Conferenza Urbanistica Cittadina,  Carta dei valori municipali parte generale  schede progetto Premessa Il percorso municipale, che porterà alla Conferenza Urbanistica Cittadina, prevede la raccolta dei materiali progettuali, riguardanti tutta l area municipale, da acquisire nel corso delle riunioni

Dettagli

SCHEDA TUTELA DALL INQUINAMENTO DA RUMORE

SCHEDA TUTELA DALL INQUINAMENTO DA RUMORE SCHEDA TUTELA DALL INQUINAMENTO DA RUMORE 1. POTERI COMUNALI IN MATERIA DI TUTELA CONTRO IL RUMORE... 2 1.1. Poteri di prevenzione... 2 1.2. Poteri di controllo/repressione... 3 2. GLI ATTI DEL COMUNE

Dettagli

UNITÀ ABITATIVA SITA IN Roma, Via Monti Parioli n.62, scala B, piano terra, int.1

UNITÀ ABITATIVA SITA IN Roma, Via Monti Parioli n.62, scala B, piano terra, int.1 UNITÀ ABITATIVA SITA IN Roma, Via Monti Parioli n.62, scala B, piano terra, int.1 E BOX AUTO SITO IN Roma, Via Monti Parioli n.62, scala B, piano terra, n.2 2. DESCRIZIONE E IDENTIFICAZIONE DELLE UNITÀ

Dettagli

3. Un abaco dei mutamenti strutturali: la rilevanza del fenomeno delle coree nello sviluppo urbano di Limbiate

3. Un abaco dei mutamenti strutturali: la rilevanza del fenomeno delle coree nello sviluppo urbano di Limbiate 339 3. Un abaco dei mutamenti strutturali: la rilevanza del fenomeno delle coree nello sviluppo urbano di Limbiate Osservando lo sviluppo strutturale di Limbiate dal punto di vista storico, urbano e sociale

Dettagli

Tabella 1 - Elenco e quantificazione degli spazi e delle attrezzature pubbliche e di interesse pubblico presenti sul territorio - Dicembre 2008

Tabella 1 - Elenco e quantificazione degli spazi e delle attrezzature pubbliche e di interesse pubblico presenti sul territorio - Dicembre 2008 Tabella 1 - Elenco e quantificazione degli spazi e delle attrezzature pubbliche e di interesse pubblico presenti sul territorio - Dicembre 2008 Tipologia del servizio livello territoriale Indirizzo Proprietà

Dettagli

Elenco per priorità generale

Elenco per priorità generale Comune di Isola Delle Femmine Elenco per priorità generale Triennio di riferimento 2009-2011 Reti distribuzione energia elettrica e gas Interventi volti all'autoproduzione energetica per i seguenti edifici

Dettagli

Il Piano urbanistico esecutivo

Il Piano urbanistico esecutivo Venezia, 10-20 novembre 2004 Catalogo della Mostra Comune di Firenze Il Piano urbanistico esecutivo Le scelte effettuate all interno del Piano urbanistico esecutivo (Pue), si focalizzano intorno alla rivitalizzazione

Dettagli

COMUNE DI CAMPI BISENZIO PROVINCIA DI FIRENZE

COMUNE DI CAMPI BISENZIO PROVINCIA DI FIRENZE COMUNE DI CAMPI BISENZIO PROVINCIA DI FIRENZE PIANO INVESTIMENTI OPERE PUBBLICHE 2008-2009-2010 Approvato con delibera del Consiglio Comunale n. 20 del 27.3.2008 e successiva proposta di variazione della

Dettagli

INTERVENTO DI RIPARAZIONE PALAZZO DEL GOVERNATORE CENTO (FE) RELAZIONE STORICO CRITICA

INTERVENTO DI RIPARAZIONE PALAZZO DEL GOVERNATORE CENTO (FE) RELAZIONE STORICO CRITICA INDICE 1. GENERALITA... 2 1.1. Premessa... 2 2. RELAZIONE STORICA... 2 1 1. GENERALITA 1.1. Premessa La presente relazione illustra l evoluzione storica dell edificio denominato Palazzo del Governatore,

Dettagli

Verona nasce sulle rive dell Adige. Prima dei romani era adagiata sotto Colle San Pietro, poi nell ansa del fiume.

Verona nasce sulle rive dell Adige. Prima dei romani era adagiata sotto Colle San Pietro, poi nell ansa del fiume. LA CITTA COME LUOGO DI VITA. Anticamente le città sorgevano dove la natura permetteva la vita: presenza di acqua; terreni fertili; zone riparate. Poi divennero città dei luoghi scelti come snodi commerciali;

Dettagli

COMUNE DI EMPOLI. Programma pluriennale degli investimenti 2011-2013

COMUNE DI EMPOLI. Programma pluriennale degli investimenti 2011-2013 COMUNE DI EMPOLI Programma pluriennale degli investimenti 2011-2013 I N D I C E Programma 1 - SERVIZI GENERALI (titolo II uscita)........................... pag. 3 Programma 2 - SERVIZI ALLA PERSONA (titolo

Dettagli

Verifiche di impatto sulla viabilità

Verifiche di impatto sulla viabilità Verifiche di impatto sulla viabilità (ai sensi della D.C.R. n 563-13414 e s.m.i.) Relazione allegata al P.E.C. del Comparto S25 per la realizzazione di nuovo insediamento commerciale-residenziale Premessa

Dettagli

GESTIONE DEL CANTIERE E SICUREZZA

GESTIONE DEL CANTIERE E SICUREZZA GESTIONE DEL CANTIERE E SICUREZZA a.s. 2014-2015 L.1 Prof. Vincenzo Ninni 1 FINALITA DEL CORSO IL CORSO DI GESTIONE DEL CANTIERE E SICUREZZA DELL AMBIENTE DI LAVORO HA IL COMPITO DI FORNIRE TUTTE LE INDICAZIONI

Dettagli

Roma - Viale Angelico, 84c - scala A - piano primo - int. 1

Roma - Viale Angelico, 84c - scala A - piano primo - int. 1 Roma - Viale Angelico, 84c - scala A - piano primo - int. 1 2. DESCRIZIONE E IDENTIFICAZIONE DELL UNITÀ IMMOBILIARE 2.1 Caratteristiche estrinseche dell edificio in cui è ubicata l unità immobiliare L

Dettagli

Comune di Recanati. Piano Particolareggiato del Centro Storico del Rione Castelnuovo. Legge Regionale 5 agosto 1992, n. 34

Comune di Recanati. Piano Particolareggiato del Centro Storico del Rione Castelnuovo. Legge Regionale 5 agosto 1992, n. 34 1 Comune di Recanati Recanati li 21.11.2007 Piano Particolareggiato del Centro Storico del Rione Castelnuovo Legge Regionale 5 agosto 1992, n. 34 Sottotitolo P.P. 1 Castelnuovo PREMESSA In attuazione degli

Dettagli

INDICE pag. 01. 1.1.) Le infrastrutture pag. 02. 1.2.) Le previsioni del P.R.G. pag. 03

INDICE pag. 01. 1.1.) Le infrastrutture pag. 02. 1.2.) Le previsioni del P.R.G. pag. 03 INDICE pag. 01 1.) Le infrastrutture e le previsioni del P.R.G. pag. 02 1.1.) Le infrastrutture pag. 02 1.2.) Le previsioni del P.R.G. pag. 03 2.) Gli effetti delle previsioni della Variante al P.R.G.

Dettagli

Storia dalla città e dell urbanistica Sviluppo dell urbanistica in Italia: dalla legge 2359 alla legge 1150/1942

Storia dalla città e dell urbanistica Sviluppo dell urbanistica in Italia: dalla legge 2359 alla legge 1150/1942 Università di Pisa Facoltà di Ingegneria AA 2014/2015 CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA EDILE-ARCHITETTURA Luisa Santini TECNICA URBANISTICA I Storia dalla città e dell urbanistica Sviluppo dell urbanistica

Dettagli

ASOLA IMPEGNO COMUNE PROGRAMMA PER LE ELEZIONI AMMINISTRATIVE 2014

ASOLA IMPEGNO COMUNE PROGRAMMA PER LE ELEZIONI AMMINISTRATIVE 2014 ASOLA IMPEGNO COMUNE PROGRAMMA PER LE ELEZIONI AMMINISTRATIVE 2014 La situazione economico e sociale dalla quale partiamo per la elaborazione del nostro programma elettorale è completamente variata rispetto

Dettagli

Provincia Autonoma di Trento

Provincia Autonoma di Trento Provincia Autonoma di Trento COMUNE di: REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DEL CONTRIBUTO DI CONCESSIONE Legge provinciale 5 settembre 1991 n. 22 e s.m. 1 INDICE Art. 1 - Ambito di applicazione pag. 3 Art.

Dettagli

dal 1980 Residenza Sporting Moderne e confortevoli abitazioni a due passi dal lago di Como.

dal 1980 Residenza Sporting Moderne e confortevoli abitazioni a due passi dal lago di Como. dal 1980 Residenza Sporting Moderne e confortevoli abitazioni a due passi dal lago di Como. butticostruzioni.com Residenza Sporting Vivere nel verde con le comodità della città A ridosso dei primi rilievi

Dettagli

SCHEDATURA DEL PERCORSO PARTECIPATO PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI NELLE AREE LIMITROFE AI PLESSI SCOLASTICI

SCHEDATURA DEL PERCORSO PARTECIPATO PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI NELLE AREE LIMITROFE AI PLESSI SCOLASTICI PROVINCIA DI TORINO TAVOLO AGENDA 21 Qualità della vita e mobilità sostenibile intorno ai plessi scolastici SCHEDATURA DEL PERCORSO PARTECIPATO PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI NELLE

Dettagli

1 Premessa. 1.1 Incarico. 1.2 Oggetto della variante

1 Premessa. 1.1 Incarico. 1.2 Oggetto della variante 1 Premessa 1.1 Incarico Con Deliberazione della Giunta Comunale del Comune di San Vito di Leguzzano N. Reg. 75 del 30/07/2012 si è deliberato di avviare la procedura per una variante al Piano Particolareggiato

Dettagli

POLITICA URBANISTICA - LINEE GUIDA DEL NUOVO PIANO URBANISTICO COMUNALE (PUC) VIABILITA

POLITICA URBANISTICA - LINEE GUIDA DEL NUOVO PIANO URBANISTICO COMUNALE (PUC) VIABILITA 11 POLITICA URBANISTICA - LINEE GUIDA DEL NUOVO PIANO URBANISTICO COMUNALE (PUC) VIABILITA LE STRADE - Anello Viario Via Bixio-Zampillo-Via Roma-Chiesa Russa: Dopo la realizzazione del parcheggio sotto

Dettagli

AGORA' 6 Completamento e riqualificazione del comparto orientale del Centro Direzionale di Napoli Nell area orientale della città di Napoli è partita una grande iniziativa di sviluppo. Con la firma della

Dettagli

VIAGGIO NEL TEMPO. STRATIFICAZIONE. PERCEZIONE DI EPOCHE STORICHE DIVERSE.

VIAGGIO NEL TEMPO. STRATIFICAZIONE. PERCEZIONE DI EPOCHE STORICHE DIVERSE. CA BRUTA Primo edificio di Giovanni Muzio, nasce come edificio residenziale.mantiene ancora oggi la stessa destinazione d uso. MILANO STORICA VIAGGIO NEL TEMPO. STRATIFICAZIONE. PERCEZIONE DI EPOCHE STORICHE

Dettagli

Città di Novi Ligure. ORDINANZA DIRIGENZIALE N. 74 del 06/05/2015

Città di Novi Ligure. ORDINANZA DIRIGENZIALE N. 74 del 06/05/2015 Sett. 7 - Polizia Municipale Ufficio proponente: Viabilità Proposta n. 72 del 30/04/2015 Città di Novi Ligure ORDINANZA DIRIGENZIALE N. 74 del 06/05/2015 Oggetto: CENTRO STORICO: DISCIPLINA VIABILE DI

Dettagli

PIANO AREE PEDONALI E Z.T.L.

PIANO AREE PEDONALI E Z.T.L. COMUNE DI TERMOLI Provincia di Campobasso REGIONE MOLISE SERVIZIO DI PROTEZIONE CIVILE PIANO AREE PEDONALI E Z.T.L. VIABILITA CENTRO CITTADINO SISTEMAZIONE PARCHEGGI RELAZIONE DATA MARZO 2007 REDAZIONE

Dettagli

P.I.I. VIA FRIGIA, 19 E VIA RUCELLAI, 34

P.I.I. VIA FRIGIA, 19 E VIA RUCELLAI, 34 P.I.I. VIA FRIGIA, 19 E VIA RUCELLAI, 34 Ricostruzione dell'isolato di via Frigia - via Capelli attraverso la realizzazione di nuova residenza, attività commerciali e un parcheggio pubblico; creazione

Dettagli

3. Il rapporto tra il Piano triennale delle opere pubbliche e il Piano dei servizi. 3.1. Qualche considerazione di carattere normativo e programmatico

3. Il rapporto tra il Piano triennale delle opere pubbliche e il Piano dei servizi. 3.1. Qualche considerazione di carattere normativo e programmatico 3. Il rapporto tra il Piano triennale delle opere pubbliche e il Piano dei servizi 3.1. Qualche considerazione di carattere normativo e programmatico La Lr. 12/2005 per il governo del territorio individua

Dettagli

SCHEDATURA DEL PERCORSO PARTECIPATO PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI NELLE AREE LIMITROFE AI PLESSI SCOLASTICI

SCHEDATURA DEL PERCORSO PARTECIPATO PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI NELLE AREE LIMITROFE AI PLESSI SCOLASTICI PROVINCIA DI TORINO TAVOLO AGENDA 21 Qualità della vita e mobilità sostenibile intorno ai plessi scolastici SCHEDATURA DEL PERCORSO PARTECIPATO PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI NELLE

Dettagli

La mappa di Ludovico Ughi è del 1729. Il collegamento ferroviario fu inaugurato l 11 gen 1846 era all epoca il ponte più lungo del mondo

La mappa di Ludovico Ughi è del 1729. Il collegamento ferroviario fu inaugurato l 11 gen 1846 era all epoca il ponte più lungo del mondo pag 1 Presentazione dell area del progetto La leggenda ha a lungo preteso che Venezia fosse stata fondata dai profughi di Aquileia in fuga di fronte alla calata degli Unni del V Secolo; in realtà è dimostrato

Dettagli

PGT. 16 PdS. Piano dei Servizi. Fascicolo SCHEDE DI VALUTAZIONE DEI SERVIZI ESISTENTI COMUNE DI GERENZAGO PROVINCIA DI PAVIA

PGT. 16 PdS. Piano dei Servizi. Fascicolo SCHEDE DI VALUTAZIONE DEI SERVIZI ESISTENTI COMUNE DI GERENZAGO PROVINCIA DI PAVIA COMUNE DI GERENZAGO PROVINCIA DI PAVIA PGT Piano di Governo del Territorio ai sensi della Legge Regionale 11 marzo 2005, n 12 16 PdS Piano dei Servizi Fascicolo SCHEDE DI VALUTAZIONE DEI SERVIZI ESISTENTI

Dettagli

ATTO DI INDIRIZZO ARTICOLO 2 DEFINIZIONI

ATTO DI INDIRIZZO ARTICOLO 2 DEFINIZIONI ATTO DI INDIRIZZO PER I PROCEDIMENTI DI COMPETENZA COMUNALE DEFINITI DAGLI ARTICOLI 4, 5, 6 bis, 7, 8, 9 E 11 bis DELLA LEGGE REGIONALE 28 DICEMBRE 2009 N. 19 Misure urgenti per il rilancio economico,

Dettagli

Curriculum Vitae Arch. Francesco Tranchida

Curriculum Vitae Arch. Francesco Tranchida Curriculum Vitae Arch. Francesco Tranchida Nato a Trapani il 29/10/1956 Residente in Erice Strada 434 n. 12 c/da Rigaletta-Pegno Telefono: 0923-502228 Posta elettronica: francesco.tranchida@comune.erice.tp.it

Dettagli

Reti viarie, stradali, porti, aeroporti ed eliporti

Reti viarie, stradali, porti, aeroporti ed eliporti Reti viarie, stradali, porti, aeroporti ed eliporti Le analisi poste alla base della carta della rete viaria, ferroviaria, porti, aeroporti ed eliporti 5, rappresentano nel Piano di Emergenza un importanza

Dettagli

Facoltà di Architettura - Corso di Laurea quinquennale UE Corso di Fondamenti di Urbanistica - C TERMINOLOGIA. Lessico di base

Facoltà di Architettura - Corso di Laurea quinquennale UE Corso di Fondamenti di Urbanistica - C TERMINOLOGIA. Lessico di base Facoltà di Architettura - Corso di Laurea quinquennale UE Corso di Fondamenti di Urbanistica - C TERMINOLOGIA Lessico di base Lezione n. 6/10 1 CARTOGRAFIA DI BASE: rappresentazione plano-altimetrica o

Dettagli

COMUNE DI PONSACCO PROVINCIA DI PISA REGOLAMENTO URBANISTICO ADOZIONE

COMUNE DI PONSACCO PROVINCIA DI PISA REGOLAMENTO URBANISTICO ADOZIONE COMUNE DI PONSACCO PROVINCIA DI PISA REGOLAMENTO URBANISTICO ADOZIONE Programma di intervento per l'abbattimento delle Barriere Architettoniche ed Urbanistiche (P.A.B.A.) (L.R. 1/2006 art.55 comma 4, lettera

Dettagli

Programma abbattimento barriere architettoniche

Programma abbattimento barriere architettoniche COMUNE DI QUARRATA PROVINCIA DI PISTOIA REGOLAMENTO URBANISTICO Progettisti: Indagini geologiche: Arch. Riccardo Bartoloni Arch. Riccardo L. Breschi Dott. Geol. Ferruccio Capecchi Dott. Geol. Gaddo Mannori

Dettagli

12 - ex scuola in viale Parioli 202, 204

12 - ex scuola in viale Parioli 202, 204 12 - ex scuola in viale Parioli 202, 204 MATRICOLA EDIFICIO 3025, 3026, 3027, 3028, 3029 MUNICIPIO II ARCHIVIO CONSERVATORIA posizione 2140, 2221 CATASTO foglio 530, part. 86, 87, 88, 89, 102 DENOMINAZIONE

Dettagli

1. Attrezzature scolastiche DATI GENERALI PLANIMETRIA FOTOGRAFIE DATI URBANISTICI DATI UTENZA E ATTREZZATURE ATTREZZATURE E SICUREZZA VINCOLI

1. Attrezzature scolastiche DATI GENERALI PLANIMETRIA FOTOGRAFIE DATI URBANISTICI DATI UTENZA E ATTREZZATURE ATTREZZATURE E SICUREZZA VINCOLI 1. Attrezzature scolastiche N SCHEDA 84 DATI GENERALI TIPOLOGIA 1.1 asilo nido PROPRIETA' pubblica SPECIFICA PROP comunale LOCALITA' PONTECCHIO GESTIONE mista INDIRIZZO via Porrettana 197 DENOMINAZIONE

Dettagli

Il Convitto Nazionale Paolo Diacono

Il Convitto Nazionale Paolo Diacono Il Convitto Nazionale Paolo Diacono La storia Il Convitto Nazionale Paolo Diacono ha sede in un importante complesso monumentale, un monastero che nella sua forma attuale risale al 1600-1700, ma il sito

Dettagli

POLITECNICO DI TORINO FACOLTA' DI ARCHITETTURA 2 Corso di Laurea in Architettura Tesi meritevoli di pubblicazione

POLITECNICO DI TORINO FACOLTA' DI ARCHITETTURA 2 Corso di Laurea in Architettura Tesi meritevoli di pubblicazione POLITECNICO DI TORINO FACOLTA' DI ARCHITETTURA 2 Corso di Laurea in Architettura Tesi meritevoli di pubblicazione Le cinte daziarie di Torino di Alessandro Ravina Relatore: Giovanni Maria Lupo L istituzione

Dettagli

Norme Tecniche di Attuazione

Norme Tecniche di Attuazione COMUNE DI CASTELFRANCO VENETO SETTORE SVILUPPO DEL TERRITORIO SERVIZIO URBANISTICA SERVIZIO AMBIENTE PIANO DI CLASSIFICAZIONE ACUSTICA DEL TERRITORIO Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale

Dettagli

Il potenziamento del nodo ferroviario di Torino e l abbassamento del piano del ferro

Il potenziamento del nodo ferroviario di Torino e l abbassamento del piano del ferro Il potenziamento del nodo ferroviario di Torino e l abbassamento del piano del ferro Principali obbiettivi: - creare nell area metropolitana un sistema di trasporto pubblico integrato; - migliorare la

Dettagli

2.1 INTERVENTI URBANISTICI DI INIZIATIVA PRIVATA STIMA COSTI OPERE DI URBANIZZAZIONE

2.1 INTERVENTI URBANISTICI DI INIZIATIVA PRIVATA STIMA COSTI OPERE DI URBANIZZAZIONE 2.1 INTERVENTI URBANISTICI DI INIZIATIVA PRIVATA STIMA COSTI INTERVENTO RISTRUTTURAZIO NE SUPERFICIE SUPERFICIE PROGETTO FONTE FINANZIAMENTO 1 nuova edificazione a Zinola ( loc. Bricchetti) 4.500 573.570

Dettagli

SICUREZZA... riflessioni sul tema...

SICUREZZA... riflessioni sul tema... SICUREZZA... riflessioni sul tema... SICUREZZA VUOLE DIRE ANCHE... Si fa presto a parlare di sicurezza per il cittadino... la tematica della sicurezza riveste aspetti poliedrici della nostra vita; il Comune,

Dettagli

STATO DI ATTUAZIONE al 15 SETTEMBRE 2011 BILANCIO DI PREVISIONE INVESTIMENTI ANNO 2011

STATO DI ATTUAZIONE al 15 SETTEMBRE 2011 BILANCIO DI PREVISIONE INVESTIMENTI ANNO 2011 STATO DI ATTUAZIONE al 15 SETTEMBRE 2011 BILANCIO DI PREVISIONE INVESTIMENTI ANNO 2011 (Approvato dal Consiglio comunale con delibera n. 108 del 27 maggio 2011) Anno 2011 Protezione e valorizzazione dell

Dettagli

Numero speciale: l Axa vista dagli studenti di Architettura

Numero speciale: l Axa vista dagli studenti di Architettura Numero speciale: l Axa vista dagli studenti di Architettura Aminah Ricks UN PO DI STORIA Il quartiere Axa sorge su un terreno paludoso bonificato verso fine ottocento da ravennati e romagnoli che si occuparono

Dettagli

Web Content Manager Short Travel redazione@short-travel.it

Web Content Manager Short Travel redazione@short-travel.it 1 Il progetto Short Travel è in continuo e costante miglioramento. I contenuti di questo documento sono ricavati da informazioni di pubblico dominio e in quanto tali possono contenere inesattezze o non

Dettagli

MERCATO IMMOBILIARE NAPOLI II SEM 2012

MERCATO IMMOBILIARE NAPOLI II SEM 2012 MERCATO IMMOBILIARE NAPOLI II SEM 2012 Nel 2012 le quotazioni delle abitazioni a Napoli hanno segnato una diminuzione del 12,7%. 2007 2008 2009 2010 2011 2012-1,6% -6,8% -6,1% -3,0% -5,5% -12,7% I valori

Dettagli

Comune di Agropoli Provincia di Salerno. Piano del Colore

Comune di Agropoli Provincia di Salerno. Piano del Colore Provincia di Salerno Piano del Colore Mappa cromatica di uno spazio urbano Redazione del Piano del Colore in attuazione della Legge Regionale 18 Ottobre 2002, n. 26 Norme ed incentivi per la valorizzazione

Dettagli

Fondazione Carlo Perini

Fondazione Carlo Perini Fondazione Carlo Perini EXPO 2015 Proposta di riqualificazione delle periferie Il Cavallo di Leonardo in Piazzale Accursio/Portello a Milano Aprile 2014 Milano, aprile 2014 Dare visibilità al Cavallo di

Dettagli

0. Premessa..pag. 2. 1. Situazione attuale e di progetto della viabilità all interno del territorio comunale.pag. 4. 2. Il quadro delle azioni..pag.

0. Premessa..pag. 2. 1. Situazione attuale e di progetto della viabilità all interno del territorio comunale.pag. 4. 2. Il quadro delle azioni..pag. 1 Indice dati generali: 0. Premessa..pag. 2 1. Situazione attuale e di progetto della viabilità all interno del territorio comunale.pag. 4 2. Il quadro delle azioni..pag. 9 3. Verifiche percorrenze e generazione

Dettagli

- la difesa della vita, dal concepimento alla morte naturale;

- la difesa della vita, dal concepimento alla morte naturale; PER UN VERO CAMBIAMENTO Anche a Campi i veri valori non sono in vendita Un programma elettorale non può nascere soltanto da una pragmatica e attenta disamina della realtà sociale ed economica: ciò consente

Dettagli

COMUNICA. 1. Ex convento di Sant Orsola ex Manifattura tabacchi (Via di Sant Orsola/Via Guelfa 23/ via Panicate e via Taddea).

COMUNICA. 1. Ex convento di Sant Orsola ex Manifattura tabacchi (Via di Sant Orsola/Via Guelfa 23/ via Panicate e via Taddea). VARIANTE URBANISTICA AL PRG VIGENTE RELATIVA A CINQUE IMMOBILI DI PROPRIETA DEL COMUNE DI FIRENZE, DELLA REGIONE TOSCANA, DELLA PROVINCIA DI FIRENZE E DEL DEMANIO DELLO STATO A SEGUITO DELPROTOCOLLO D

Dettagli

TAGLI AGLI ENTI LOCALI QUINQUENNIO 2010/2015 (valori in milioni di euro)

TAGLI AGLI ENTI LOCALI QUINQUENNIO 2010/2015 (valori in milioni di euro) 1 TAGLI AGLI ENTI LOCALI QUINQUENNIO 2010/2015 (valori in milioni di euro) 2010-2014 2015 2010/15 Tagli alla «politica» 118 D.L. 78/2010 2500 D.L. 201/2011 1450 D.L. 95/2012 2500 100 D.L. 66/2014 376 188

Dettagli

Valorizzazione-conservazione di Lucardo e del suo territorio 1. Valorizzazione di Poggio Pagano: Parco urbano archeologico L'idea del parco, promossa dall associazione Italia Nostra, è stata da tempo discussa

Dettagli

IL DE/REGOLAMENTO EDILIZIO DI FIRENZE: LE REGOLE PER ABUSARE?

IL DE/REGOLAMENTO EDILIZIO DI FIRENZE: LE REGOLE PER ABUSARE? Comitati dei Cittadini Firenze - comitatideicittadini@email.it Comitato Ex Panificio Militare coexpami@libero.it www.coexpami.it IL DE/REGOLAMENTO EDILIZIO DI FIRENZE: LE REGOLE PER ABUSARE? Firenze, 28

Dettagli

Figura 1 - Inquadramento lotto d'intervento

Figura 1 - Inquadramento lotto d'intervento Indice 1. Inquadramento...2 2. Consistenza degli edifici esistenti...4 3. Regole urbanistiche e ambientali...4 4. Assetto planivolumetrico...6 5. Ubicazione e descrizione dell'area...6 6. Opere di urbanizzazione

Dettagli

Archeologia industriale. Archeologia. industriale aa Piacenza. Piacenza. caricatoremilitare. Mercatoortofrutticolo

Archeologia industriale. Archeologia. industriale aa Piacenza. Piacenza. caricatoremilitare. Mercatoortofrutticolo Archeologia Archeologia industriale industriale complesso complessodi diedifici edificiarea areaex ExSift Sift aa Piacenza Piacenza ex exmagazzini Magazzinigenerali generalicomunali comunali Piano Pianocaricatore

Dettagli

CARROZZO. Studio Tecnico

CARROZZO. Studio Tecnico CARROZZO Studio Tecnico SICUREZZA CANTIERI SERVIZI PER L EDILIZIA PROGETTAZIONE Il sottoscritto Carrozzo Luciano nato a Latina il 10/11/1955, residente e domiciliato a San Giorgio di Piano (BO) in Via

Dettagli

Via Vi a dei Mi M l i l l e l, ie i ri ri e ogg og i g FOTO ROBERTO AMORI

Via Vi a dei Mi M l i l l e l, ie i ri ri e ogg og i g FOTO ROBERTO AMORI Via dei Mille, ieri e oggi FOTO ROBERTO AMORI L assetto attuale di via dei Mille nacque dall attuazione del previsto Piano Regolatore del 1889. Dagli sventramenti conseguenti presero quindi forma anche

Dettagli

ALLA SCOPERTA DELLA COMPANY TOWN DI DALMINE

ALLA SCOPERTA DELLA COMPANY TOWN DI DALMINE ALLA SCOPERTA DELLA COMPANY TOWN DI DALMINE Proposta di itinerario della 4^ A TURISTICO dell ISIS Einaudi di Dalmine A.S. 2011-2012 Da quando i fratelli Mannesmann nel 1908 decisero di insediare la loro

Dettagli

, 40 , 80 , 90. RISSOs.r.l. dal. anni. anni. anni. anni pag. 26. anni

, 40 , 80 , 90. RISSOs.r.l. dal. anni. anni. anni. anni pag. 26. anni RISSOs.r.l. 1 , 40 anni,, 5060 anni pag. 4 La Risso srl è un azienda che abbina all esperienza del settore delle costruzioni l entusiasmo e la voglia di progredire aggiornandosi costantemente alle esigenze

Dettagli

REGOLAMENTO ACUSTICO

REGOLAMENTO ACUSTICO COMUNE DI VICOFORTE PROVINCIA DI CUNEO REGOLAMENTO ACUSTICO ai sensi del quinto comma dell articolo 5 della Legge Regionale 20/10/ 2000 n. 52 1 CAPITOLO 1: COMPETENZE DEI COMUNI IN MATERIA DI TUTELA DALL

Dettagli

Speciale Grandi Città

Speciale Grandi Città INDICATORI MERCATO IMMOBILIARE - ITALIA (sintesi con i punti salienti del mercato immobiliare nazionale) PREZZI: -3,0% nei primi sei mesi del 2014-6,3% -4,2% -1,1% -4,7% -10,5% -8,9% -3,0% Variazione percentuale

Dettagli

La Legge Regionale 16/2002 L incongruo in Emilia-Romagna Una legge per eliminarlo SINTESI DI UN ESPERIENZA

La Legge Regionale 16/2002 L incongruo in Emilia-Romagna Una legge per eliminarlo SINTESI DI UN ESPERIENZA La Legge Regionale 16/2002 L incongruo in Emilia-Romagna Una legge per eliminarlo SINTESI DI UN ESPERIENZA 1 La Legge Regionale 16/2002 L incongruo in Emilia-Romagna Una legge per eliminarlo La Regione

Dettagli

Sintesi degli incontri di ascolto di. Zona 4. Il quartiere Molise-Calvairate ha fatto emergere la necessità di uno

Sintesi degli incontri di ascolto di. Zona 4. Il quartiere Molise-Calvairate ha fatto emergere la necessità di uno Sintesi degli incontri di ascolto di Zona 4 Molise Calvairate, Ortomercato Il quartiere Molise-Calvairate ha fatto emergere la necessità di uno spazio di aggregazione, di promozione culturale e di documentazione,

Dettagli

Premessa. Il presente documento si pone come allegato al Documento di Piano e al Piano dei servizi al fine

Premessa. Il presente documento si pone come allegato al Documento di Piano e al Piano dei servizi al fine Allegato Traffico - PGT di Ospedaletto Lodigiano Premessa Il presente documento si pone come allegato al Documento di Piano e al Piano dei servizi al fine di evidenziare ed approfondire la tematica del

Dettagli

Città di Novi Ligure. ORDINANZA DIRIGENZIALE N. 104 del 15/10/2010

Città di Novi Ligure. ORDINANZA DIRIGENZIALE N. 104 del 15/10/2010 Sett. 7 - Polizia Municipale Ufficio proponente: Viabilità Proposta n. 153 del 15/10/2010 Città di Novi Ligure ORDINANZA DIRIGENZIALE N. 104 del 15/10/2010 Oggetto: CENTRO STORICO NORME VIABILI SPERIMENTALI

Dettagli

CORSICO POPOLAZIONE. Città di Corsico. pag. 1

CORSICO POPOLAZIONE. Città di Corsico. pag. 1 CORSICO Il territorio del Comune di (Mi) è situato nell area Sud di Milano e si estende su una superficie pari a 5,42 Kmq. La consistenza della popolazione al 31.12.2010 è di 34.505 abitanti. Posizionato

Dettagli

In buona parte distrutta al termine della II guerra mondiale dopo essere stata una dei centri più importanti per

In buona parte distrutta al termine della II guerra mondiale dopo essere stata una dei centri più importanti per Michele Stavagna STADTUMBAU BERLIN Rigenerazione urbana tra riqualificazione edilizia e memoria identitaria In buona parte distrutta al termine della II guerra mondiale dopo essere stata una dei centri

Dettagli

Bureau d études TSE3 Gruppo di progetto TSE3 BG-AMBERG LOMBARDI-ARCADIS-TECNIMONT-STUDIO QUARANTA-SEA CONSULTING-ITALFERR-INEXIA-SYSTRA

Bureau d études TSE3 Gruppo di progetto TSE3 BG-AMBERG LOMBARDI-ARCADIS-TECNIMONT-STUDIO QUARANTA-SEA CONSULTING-ITALFERR-INEXIA-SYSTRA 1 INTRODUZIONE La realizzazione delle opere della nuova linea ad alta velocità Torino-Lione (N.L.T.L.) interessa a cielo aperto la piana delle Chiuse tra la pk 83+003, imbocco Ovest del Tunnel dell Orsiera

Dettagli

Presentazione Programma Amministrativo. Valle Talloria 23 marzo 2010 Ricca 25 marzo 2010 Diano Capoluogo 26 marzo 2010

Presentazione Programma Amministrativo. Valle Talloria 23 marzo 2010 Ricca 25 marzo 2010 Diano Capoluogo 26 marzo 2010 Presentazione Programma Amministrativo Valle Talloria 23 marzo 2010 Ricca 25 marzo 2010 Diano Capoluogo 26 marzo 2010 FILOSOFIA E PRINCIPI ISPIRATORI DELLA LISTA N.1 INSIEME PER DIANO - al servizio della

Dettagli

Città di Bra Corpo Polizia Municipale

Città di Bra Corpo Polizia Municipale San Sebastiano 2013 Conferenza Stampa Attività Operativa POLIZIA MUNICIPALE Anno 2012 Bra, 17 gennaio 2013 . Controllo del territorio 1.315 servizi di pattugliamento diurno per un totale di 8.056 ore;

Dettagli

Comune di Fano - Piano Triennale delle spese in c/capitale 2014-2016

Comune di Fano - Piano Triennale delle spese in c/capitale 2014-2016 01) Funzioni generali di amministrazione, di gestione e di controllo 05) S e r v i z i o Gestione dei beni demaniali e patrimoniali 01) INTERVENTO Acquisizione di beni immobili 20105101 MANUTENZIONE STRAORDINARIA

Dettagli

LA METROPOLITANA DI ORLY

LA METROPOLITANA DI ORLY LA METROPOLITANA DI ORLY Il secondo scalo della capitale francese si presenta come un esempio di aeroporto collegato al centro urbano mediante una linea metropolitana, anche se con i limiti di un percorso

Dettagli

SCHEDATURA DEL PERCORSO PARTECIPATO PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI NELLE AREE LIMITROFE AI PLESSI SCOLASTICI

SCHEDATURA DEL PERCORSO PARTECIPATO PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI NELLE AREE LIMITROFE AI PLESSI SCOLASTICI PROVINCIA DI TORINO TAVOLO AGENDA 21 Qualità della vita e mobilità sostenibile intorno ai plessi scolastici SCHEDATURA DEL PERCORSO PARTECIPATO PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI NELLE

Dettagli

Regolamento per l applicazione del Contributo di Concessione

Regolamento per l applicazione del Contributo di Concessione COMUNE DI ALA Provincia di Trento Ufficio Tecnico Urbanistico Regolamento per l applicazione del Contributo di Concessione Art. 107 L.P. 5 settembre 1991, n. 22 e s.m.i. Approvato con delibera del Consiglio

Dettagli