RELAZIONE TECNICA DI VALUTAZIONE DEL RISCHIO DA SOVRACCARICO BIOMECCANICO

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "RELAZIONE TECNICA DI VALUTAZIONE DEL RISCHIO DA SOVRACCARICO BIOMECCANICO"

Transcript

1 RELAZIONE TECNICA DI VALUTAZIONE DEL RISCHIO DA SOVRACCARICO BIOMECCANICO Ai sensi dell art. 168 del D.lgs. 81/08 e s.m.i. D.S.U. Toscana Sede Legale viale Gramsci n Firenze Attività oggetto dell analisi Mensa Bandini Via Bandini 47 Siena (SI) Documento del 27/07/2012 D.S.U. - Mensa Bandini - Siena Pag 1

2 Indice 1 Premessa Metodologia Struttura del documento Individuazione dei potenziali pericoli di sovraccarico biomeccanico Analisi dei rischi da MMC di materiali con massa superiore ai 3 kg Analisi dei rischi da movimentazione di bassi carichi ad alta frequenza Analisi dei rischi da spinta e traino Conclusioni Allegato Allegato D.S.U. - Mensa Bandini - Siena Pag 2

3 D.S.U. - Mensa Bandini - Siena Pag 3

4 1 Premessa Il presente documento di valutazione del rischio da movimentazione manuale dei carichi è parte integrante del documento di valutazione dei rischi ai sensi dell articolo 17 comma 1 lettera a) e 28 D.lgs. 81/08, viene quindi redatto sulla base agli articoli precedenti e dell allegato III D.lgs. 81/08 relativamente alle attività lavorative svolte all interno della mensa Bandini di Siena, sita in via Bandini 47 nel Comune di Siena, dagli operatori della DSU Toscana. 2 Metodologia La valutazione dei rischi da sovraccarico biomeccancio è svolta sulla base delle metodologie individuate dalle norme della serie UNI ISO rispettivamente per la movimentazione di carichi con peso superiore ai 3 Kg, per la movimentazione di carichi leggeri ad alta frequenza e per le operazioni spinta e traino. Analisi dei rischi da MMC La valutazione del rischio si sviluppa su cinque fasi: 1. Verifica in merito al superamento dei valori di massa di riferimento La massa di riferimento è la massa massima che un operatore può movimentare in condizioni, ideali e varia ovviamente in relazione al genere, all'età ed alla specializzazione secondo quanto riportato in tabella 1 estratta dalla norma UNI ISO In caso la massa movimentata sia superiore alla massa di riferimento, la movimentazione è sicuramente inaccettabile e si rende necessaria l'adozione di misure di prevenzione o protezione. 2. Verifica in merito al superamento dei valori di riferimento per massa e frequenza Se la massa movimentata è inferiore a quella di riferimento è necessario verificare che il suo valore, ponderato con quello della frequenza di movimentazione, rispetti i limiti riportati nel grafico 1. Se la massa e la frequenza rispettano costantemente questi limiti e la movimentazione avviene in assenza di condizioni particolari di rischio legate alla presa del carico, alla postura che è necessario mantenere durante la movimentazione ed alle condizioni ambientali nelle quali la movimentazione è svolta (condizioni ideali), si può concludere che il sollevamento è accettabile. Altrimenti è necessario procedere secondo il punto 3 D.S.U. - Mensa Bandini - Siena Pag 4

5 Tabella 1 Grafico 1 D.S.U. - Mensa Bandini - Siena Pag 5

6 3. Verifica del rispetto dei limiti ponderati rispetto alle condizioni di movimentazione Le condizioni nelle quali sono svolte le operazioni di movimentazione sono analizzate attraverso l'equazione di seguito riportata: tale equazione consente di individuare per ciascuna classe di operatori la massa che è possibile movimentare senza rischi di sovraccarico biomeccanico. Mref hm vm dm α M fm cm dove: mref è la massa di riferimento per il gruppo di popolazione di utilizzatori identificato; hm è il moltiplicatore di distanza orizzontale vm è il moltiplicatore di posizione verticale dm è il moltiplicatore di spostamento verticale M è il moltiplicatore di asimmetria fm è il moltiplicatore per la frequenza cm è il moltiplicatore relativo alla qualità della presa Se la massa effettivamente movimentata risulta superiore a quella così calcolata, la movimentazione è sicuramente inaccettabile e si rende necessaria l'adozione di misure di prevenzione o protezione. Altrimenti si procede secondo il punto Analisi della massa cumulativa Se la massa cumulativa, individuata dal prodotto della massa movimentata per la frequenza di movimentazione è superiore a kg, la movimentazione è sicuramente inaccettabile e si rende necessaria l'adozione di misure di prevenzione o protezione. Altrimenti, se la distanza di trasporto è inferiore ad un metro il sollevamento è accettabile, mentre se risulta superiore ad un metro è necessario procedere secondo quanto previsto al punto Analisi della movimentazione rispetto alla distanza di trasporto Se i valori di massa cumulativa, frequenza di trasporto e distanza, risultano conformi con quelli riportati nella tabella 2 estratta dalla norma UNI ISO , è possibile concludere che il sollevamento è accettabile, altrimenti, la movimentazione è sicuramente inaccettabile e si rende necessaria l'adozione di misure di prevenzione o protezione. D.S.U. - Mensa Bandini - Siena Pag 6

7 Tabella 2 D.S.U. - Mensa Bandini - Siena Pag 7

8 Analisi dei rischi derivanti dalla movimentazione di bassi carichi ad alta frequenza Questo tipo di analisi è suddivisa in due procedimenti: uno semplificato, riservato ad operazioni monocompito, ed uno completo dedicato ad operazioni multicompito, od ad operazioni monocompito per le quali sia stato evidenziato dall'analisi semplificata un rischio non accettabile. In particolare il rischio è suddiviso in tre fasce: una verde di rischio accettabile, una gialla di rischio non trascurabile necessitante di approfondimento o comunque accettabile a determinate condizioni, ed una di rischio rosso non accettabile, necessitante di azioni di prevenzione o protezione. Analisi semplificata È strutturata in cinque fasi dedicate ad altrettanti differenti aspetti come evidenziato nella tabella 3 Fase Descrizione 1 Ripetitività e durata dei movimenti 2 Ripetitività, durata dei movimenti e postura 3 Utilizzo della forza 4 Periodi di recupero 5 Fattori di rischio complementari Tabella 3 Analisi completa mediante metodo OCRA Il metodo OCRA si basa sull'analisi del rapporto tra numero complessivo di azioni tecniche svolte in un turno di lavoro ed il numero di azioni tecniche di riferimento: il processo di analisi si svolge pertanto attraverso i seguenti punti: 1. Individuazione del numero e della frequenza di ATA svolte in ciascun turno Questo processo viene svolto analizzando gli orari di lavoro e le tempistiche per lo svolgimento di ciascuna azione tecnica, individuata secondo quanto previsto dal prospetto C6 della UNI ISO Calcolo del numero di riferimento di azioni tecniche per turno Questo calcolo viene effettuato attraverso l'equazione di seguito riportata: n nrta = [kf(fmj PMj ReMj AMj) ) tj] ] (RcM ( tm) Dove j = 1 n è il numero di compiti ripetitivi eseguiti durante un turno; j è un generico compito ripetitivo; D.S.U. - Mensa Bandini - Siena Pag 8

9 kf è la costante di frequenza delle azioni tecniche per minuto (= 30); FM presenza di azioni con forza frequente o elevata (moltiplicatore per la forza) in ciascun compito ripetitivo,j; PM presenza di posture o movimenti incongrui o disagevoli (moltiplicatore per la postura) in ciascun compito ripetitivo, j; ReM elevata ripetizione degli stessi movimenti (moltiplicatore per la ripetitività) in ciascun compito ripetitivo, j; AM presenza di fattori complementari (moltiplicatore per fattori complementari) in ciascun compito ripetitivo, j; t è la durata netta, in minuti, di ciascun compito ripetitivo, j; RcM è il moltiplicatore del fattore di rischio dovuto alla carenza di periodi di recupero (moltiplicatore per il recupero); tm è il moltiplicatore secondo la durata complessiva di tutti i compiti ripetitivi durante un turno (moltiplicatore per la durata). In caso di turni multicompito il numero di azioni tecniche complessivo viene ottenuto attraverso la somma del numero di azioni tecniche svolte per ciascun compito all'interno di un turno di lavoro. 3. Confronto tra il numero di azioni tecniche effettivamente svolte e quello di riferimento Dividendo il numero di azioni tecniche svolte in ogni turno per il numero di quelle di riferimento si ottiene l'indice OCRA, confrontando lo stesso con i valori della tabella 4 è quindi possibile valutare il rischio legato alla attività ed individuare la necessità di azioni di prevenzione o protezione. Tabella 4 D.S.U. - Mensa Bandini - Siena Pag 9

10 Analisi dei rischi derivanti dalle operazioni di spinta e traino L'analisi di questo tipo di rischio può essere svolta con due modalità di analisi una semplificata ed una completa, ma entrambe baste sulla misura delle forze iniziali e di mantenimento che l'operatore deve applicare al carico per il completamento della movimentazione. In particolare la forza effettivamente applicata deve essere confrontata con dei valori tabellari di riferimento dei quali si riporta a titolo esemplificativo una sezione. D.S.U. - Mensa Bandini - Siena Pag 10

11 3 Struttura del documento Il presente documento si struttura in più sezioni come di seguito descritto: Sezione 1: Dedicata all'individuazione delle operazioni nelle quali è possibile prevedere una esposizione da parte degli operatori a rischio da sovraccarico biomeccanico ed alla loro suddivisione tra azioni di movimentazione manuale dei carichi con peso superiore ai 3 kg, azioni di movimentazione di bassi carichi ad alta frequenza od azioni di spinta e traino Sezione 2: Dedicata all'analisi dei risultati della valutazione dei casi di movimentazione manuale dei carichi con peso superiore ai 3 kg. Sezione 3: Dedicata all'analisi dei risultati della valutazione dei casi di movimentazione manuale di bassi carichi ad alta frequenza. Sezione 4: Dedicata all'analisi dei risultati della valutazione dei casi di spinta o traino. Sezione 5: Contenente le conclusioni e l'individuazione di azioni di prevenzione, protezione o mantenimento che si ritiene debbano essere messe in atto per limitare il più possibile il rischio da sovraccarico biomeccanico da parte degli operatori. Sezione 6 Dedicata agli allegati: in particolare alle schede di valutazione i cui risultati sono riportati ed analizzati nelle sezioni precedenti D.S.U. - Mensa Bandini - Siena Pag 11

12 4 Individuazione dei potenziali pericoli di sovraccarico biomeccanico Questa fase è stata affrontata attraverso l'analisi dell'intero ciclo produttivo andando ad individuare tutte le operazioni che comportando una movimentazione manuale dei carichi potevano esporre gli operatori ad un potenziale rischio da sovraccarico biomeccanico. Ciascuna potenziale fonte di rischio è stata quindi inserita in una o più delle tipologie di movimentazione manuale sopra richiamate, in relazione alla massa del materiale movimentato, alla presenza di più compiti nell'arco del medesimo turno ed allo svolgimento di operazioni di spinta o traino. Nella tabella 5 sono riportati i risultati di tale analisi: Reparto Attività Operazione m Compito spinta o traino < 3 kg > 3 kg Singolo Multiplo Magazzino Magazziniere Stoccaggio in cella materiali Magazzino Magazziniere Stoccaggio a magazzino materiali Magazzino Magazziniere Trasferimento materiali su carrelli Sala Magazziniere Trasporto bevande per distributore Sala Magazziniere Posizionamento bevande su distributore Sala Operatori sala Messa a stoccaggio acqua Sala Operatori sala Trasporto in vendita acqua Cucina Cuoco/a Prelievo da cella Cucina Cuoco/a Taglio verdure, ecc Cucina Cuoco/a Avvicinamento pasta Cucina Cuoco/a Carico pasta Cucina Cuoco/a trasbordo brodo Cucina Cuoco/a Prelievo surgelati D.S.U. - Mensa Bandini - Siena Pag 12

13 Reparto Attività Operazione Cucina Cuoco/a Messa in cottura surgelati Cucina Cuoco/a Prelievo pomodoro Cucina Cuoco/a Messa in cottura pomodoro Cucina Cuoco/a Prelievo latte Cucina Cuoco/a Messa in cottura latte Cucina Cuoco/a Prelievo sale Cucina Cuoco/a Messa in cottura sale Cucina Cuoco/a Trasferimento riso cotto su cella Cucina Cuoco/a Trasferimento riso cotto da cella Cucina Cuoco/a (carne) Prelievo carne da cella Cucina Cuoco/a (carne) Preparazione carne Cucina Cuoco/a (carne) Stoccaggio in cella carne drogata Cucina Cuoco/a (carne) Messa in cottura su griglia carne drogata Cucina Cuoco/a (carne) Messa in cottura su forno carne Cucina Cuoco/a (carne) trasbordo carne cotta Cucina Cuoco/a (carne) trasbordo carne cotta su loculi Sala Operatori sala Trasbordo teglie diretto da cucina Sala Operatori sala Trasbordo teglie da loculi Sala Operatori sala Travaso pane m Compito spinta o traino > 3 kg < 3 kg Singolo Multiplo D.S.U. - Mensa Bandini - Siena Pag 13

14 m Compito Reparto Attività Operazione > 3 kg < 3 kg Singolo Multiplo Sala Operatori sala Servizio spinta o traino Sala Operatori sala Prelievo materiali per cestini Trasbordo materiali per cestini su tavoli Sala Operatori sala lavoro Sala Operatori sala Prelievo ghiaccio Sala Operatori sala Stoccaggio cestini pronti Tabella 5 D.S.U. - Mensa Bandini - Siena Pag 14

15 Dall analisi delle condizioni operative effettivamente correlate con ciascuna delle fasi sopra individuate, non risultano presenti condizioni ambientali sfavorevoli; in particolare sono individuabili i seguenti aspetti: Lo spazio libero a disposizione degli operatori è in ogni caso sufficiente: in particolare non sono individuabili casi nei quali gli operatori siano costretti ad operare in ambienti ristretti che li obbligano ad assumere posture incongrue od a compiere ampie torsioni del busto. La mensa è disposta su due livelli, tuttavia non è prevista alcuna movimentazione manuale tra i due piani che sono collegati tramite un apposito montacarichi: i piani sono inoltre disposti su di un unico livello e non è necessario da parte degli operatori affrontare dislivelli di qualsivoglia entità durante le fasi di movimentazione manuale dei carichi. I piani di calpestio sui quali sono svolte le operazioni di movimentazione sono tutti stabili e non è prevedibile alcuno sforzo da parte degli operatori per il mantenimento dell equilibrio durante le fasi di lavoro, tuttavia in alcuni casi possono essere presenti pavimentazioni scivolose a causa della dispersione di liquidi che, nonostante i sistemi di drenaggio presenti, possono temporaneamente rendere bagnate le superfici. Le operazioni sono svolte in condizioni microclimatiche che, in relazione all indice WBGT, analizzato attraverso una specifica campagna di misurazioni, sono da ritenersi non a rischio, pur potendo, in alcuni casi esporre gli operatori a condizioni di scomfort microclimatico. D.S.U. - Mensa Bandini - Siena Pag 15

16 5 Analisi dei rischi da MMC di materiali con massa superiore ai 3 kg In considerazione della variabilità dei materiali movimentati dai vari operatori ed in considerazione del fatto che tutte le mansioni comportano varie operazioni di movimentazione, svolte nel complesso più di due ore al giorno si è cautelativamente deciso di non applicare la prima fase del processo, non andando quindi a verificare il rispetto dei limiti rappresentati nel grafico 1, ma ritenendo che non vi fossero operazioni che potessero essere sicuramente considerate non a rischio senza necessità di procedere ad un ulteriore approfondimento. Si è quindi provveduto all analisi delle singole mansioni, individuando innanzitutto le masse cumulative che sono riassunte nella seguente tabella: Attività Massa totale compl. h/giorno di moviment. Massa per 8 h Magazziniere Cuoco/a Cuoco/a carne Add. sala In particolare da tale tabella emerge il rispetto del valore di massa cumulativa per le otto ore: infatti risulta chiaro che che è la massa movimentata giornalmente in tutte le operazioni svolte dagli operatori addetti alla attività di cuoco, che singolarmente non potranno fisicamente superare i 9193 kg. Un ulteriore riflessione merita la attività di magazziniere per la quale va sottolineato come buona parte della movimentazione sia svolta attraverso l utilizzo di carrelli e transpallet e quindi con operazioni di spinta e traino Le condizioni nelle quali sono svolte le operazioni di movimentazione sono quindi state analizzate attraverso l'equazione riportata al punto 2.3 : individuando per ciascuna classe di operatori la massa che è possibile movimentare senza rischi di sovraccarico biomeccanico. Tali analisi sono state affrontate in apposite schede allegate al presente documento ed i cui risultati sono riportati in tabella 6. D.S.U. - Mensa Bandini - Siena Pag 16

17 Attività Operazione N op Peso limite (kg) Peso eff. (kg) Prelievo da cella < 10 Avvicinamento pasta Carico pasta trasbordo brodo < 20 Prelievo surgelati < 12 Messa in cottura surgelati < 12 Cuoco/a Prelievo pomodoro Messa in cottura pomodoro Prelievo latte Messa in cottura latte Prelievo sale Messa in cottura sale Trasferimento riso cotto su cella 1 18, ,45 < 15 Trasferimento riso cotto da cella < 15 Prelievo carne da cella Preparazione carne Cuoco/a carne Stoccaggio in cella carne drogata <15 Messa in cottura su griglia carne drogata < 15 Messa in cottura carne su forno < 7 D.S.U. - Mensa Bandini - Siena Pag 17

18 Attività Operazione N op Cuoco/a carne Trasbordo carne cotta Trasbordo carne cotta su loculi < 7 < 7 Stoccaggio in cella materiali Vario Magazziniere Stoccaggio a magazzino materiali Trasferimento materiali su carrelli Vario vario Posizionamento bevande su distributore Trasbordo teglie diretto da cucina < 10 Trasbordo teglie da loculi < 10 Travaso pane < 12 Messa a stoccaggio acqua Add. sala Trasporto in vendita Prelievo materiali per cestini < 11 Trasbordo materiali per cestini su tavoli lavoro < 11 Prelievo ghiaccio Stoccaggio cestini pronti < 10 Tabella 6 Va specificato che i fattori sopra individuati sono stati calcolati per un peso di riferimento di 25 kg: limite che, pur essendo effettivamente individuato per la popolazione lavorativa adulta all interno dalla norma 11228_1 all interno del prospetto C1, è differentemente tutelante per la popolazione maschile e per quella femminile: la prima è infatti prevedibilmente protetta nel 95% dei casi, mentre la seconda solo nel 70%. In accordo con i dati del prospetto C1 si è quindi provveduto ad una ulteriore analisi dei valori applicando un peso di riferimento di 23 kg, con il quale la popolazione femminile è prevedibilmente protetta nel 90 % dei D.S.U. - Mensa Bandini - Siena Pag 18

19 casi: da tale analisi è emerso come, oltre a quanto evidenziato nella precedente tabella, siano presenti alcuni casi di potenziale rischio; in particolare sono da segnalare i seguenti casi: Prelievo materiale da cella: in questo caso il peso massimo consigliabile nelle peggiori condizioni: corrispondenti in particolare al prelievo da bancale o comunque dai scaffali più bassi della cella, per una lavoratrice è di 9.38 kg. Questo peso è di norma rispettato tuttavia dovrà essere mantenuto come limite per la movimentazione da parte di una singola lavoratrice. Trasferimento riso cotto da cella: in questo caso il peso massimo consigliabile nelle peggiori condizioni per una lavoratrice è di 14.8 kg, a fronte di un peso indicativo di 15 kg: nonostante lo scarto minimo si ritiene consigliabile lo svolgimento di questa operazione da parte di personale maschile o da due operatrici. Stoccaggio in cella carne drogata: Questa operazione dovrà essere svolta da operatori maschi ogni qualvolta il peso delle teglie dovesse superare il limite di peso di 14,2 kg. D.S.U. - Mensa Bandini - Siena Pag 19

20 6 Analisi dei rischi da movimentazione di bassi carichi ad alta frequenza Le lavorazioni in esame, soprattutto quelle svolte in cucina dagli operatori adibiti alla attività di cuoco o cuoca, possono comportare un elevato numero di movimenti delle mani e delle braccia, tuttavia questi a causa dell artigianalità della lavorazione, non comportano di norma una stereotipia tale da poter esporre ad un effettivo rischio gli operatori. Due attività specifiche invece, svolte per tempo prolungato, e con ripetitività rilevante meritano un approfondimento ai sensi della norma UNI EN ISO e sono in particolare quella di lavorazione manuale delle verdure e della frutta e quella di servizio. Per queste due specifiche lavorazioni si è pertanto proceduto secondo la modalità vista al punto 2, in particolare, potendo entrambe le mansioni essere identificate come monocompito per quanto concerne lo svolgimento di movimenti ripetitivi, si è prima attraverso l analisi semplificata. Questo processo di analisi, i cui dettagli sono riportati all interno delle specifiche schede allegate non hanno consentito per nessuno dei due casi in esame di concludere la valutazione con una identificazione in fascia verde e quindi di valutare come basso il rischio correlato. Alla luce di tali risultati si è provveduto ad un approfondimento del livello di rischio attraverso la fase di analisi OCRA, andando a scomporre in azioni tecniche di base i vari processi ed identificando per ciascuno di questi le caratteristiche fondamentali previste dal metodo. In particolare la fase di preparazione frutta e verdura è stata scomposta in 15 ATA di cui una di prelievo e posizionamento del materiale, una di trasferimento delle parti tagliate e tredici attività di taglio: va specificato che questo numero è stato cautelativamente individuato tra le varie osservazioni effettuate, resta infatti evidente che materiali differenti e preparazioni differenti comportano cicli operativi diversificati. Per quanto riguarda invece l attività di servizio sono state individuate cinque ATA, delle quali due dedicate al prelievo del cibo, due di trasferimento sul piatto ed una quinta di trasferimento del piatto sul bancone. I risultati di tale analisi, raffrontati con il prospetto C5 della norma UNI EN ISO , di seguito riportato, consentono di identificare per le operazioni di taglio verdure e per quella di servizio, rispettivamente un profilo di rischio in fascia gialla ed in fascia verde corrispondenti ad un rischio molto lieve ed all assenza di rischio. D.S.U. - Mensa Bandini - Siena Pag 20

21 LAVORAZIONE DURATA At AZIONE TECNICA DURATA % Fm Fm Pm Rem Am t Rpa ATA OCRA Prelievo materiale , , , , , ,85 Taglio verdure ,85 Taglio 1 3 0, , , , , , ,85 Trasferimento parti ,00 0,94 0,5 0,7 0, ,9 6545,5 3,45 LAVORAZIONE DURATA At AZIONE TECNICA DURATA % Fm Fm Pm Rem Am t Rpa ATA OCRA Servizio 8 5 Presa pezzo ,00 Impiattamento ,00 Presa pezzo ,00 Impiattamento ,00 Trasferimento ,00 Tabella 7 1,00 1,0 0,7 1, , ,79 D.S.U. - Mensa Bandini - Siena Pag 21

22 7 Analisi dei rischi da spinta e traino Come descritto al punto 2 del presente documento, la valutazione del rischio da sovraccarico biomeccanico correlato con le operazioni di spinta e traino è direttamente correlato con la forza richiesta per la movimentazione del carico; tale forza risulterà sostanzialmente individuata da tre fattori: 1. La massa da movimentare: rappresentata dalla somma del carico e del carrello utilizzato. 2. La forza di attrito, che è un fattore dipendente dalla qualità e dallo stato di manutenzione del carrello e dalle condizioni della pavimentazione 3. L inclinazione del piano di trasporto: maggiore sarà l inclinazione del piano e maggiore sarà la forza richiesta per lo spostamento del carrello. Poter calcolare la forza necessaria alla movimentazione è quindi possibile a patto di avere i seguenti dati di input: v Massa da movimentare v Peso del carrello v Coefficiente di attrito v Inclinazione del piano di trasporto v Velocità del carrello Per quanto riguarda il coefficiente di attrito questo è particolarmente complesso da calcolare, in quanto come visto sopra è dipendente da un numero di variabili non misurabili direttamente quali lo stato di manutenzione del carrello: per poter quindi superare questo limite, si è deciso di procedere in via cautelativa applicando un coefficiente del 40%: considerando quindi in via del tutto conservativa una dissipazione in attrito pari al 40% della forza applicata. In particolare quindi la forza calcolata viene considerata come corrispondente al 60 % del totale da applicare al carrello per ottenere l accelerazione richiesta: la forza necessaria può quindi essere calcolata attraverso la seguente equazione: F = 10/6 [( m a ) + (m g sinα)] Dove: F è la forza che è necessario applicare al carrello m è la somma delle masse del carrello e del carico trasportato a è l accelerazione del carrello g è la forza di attrazione gravitazionale α è l angolo d'inclinazione del piano di trasporto Conseguentemente la forza di mantenimento sarà invece calcolata attraverso la seguente equazione: F = [0.4 ( m a )] + (m g sinα) D.S.U. - Mensa Bandini - Siena Pag 22

23 Altezza mani Massa Peso carrello Acc. Distanza Inclinazione del piano F (iniz) F (mant) Fase Spinta Traino cm kg kg m/s2 m a sin a N N Stoccaggio in cella Stoccaggio a magazzino , ,6 15, , ,9 90,5 6,2 21, , ,6 15, , ,9 90,5 6,2 21,7 Avvicinamento pasta , ,8 3,6 Prelievo surgelati , ,1 21,6 Prelievo pomodoro , ,1 21,6 Prelievo sale , ,1 21,6 Stoccaggio in cella carne drogata , ,8 3,1 Messa in cottura carne , ,1 1,2 trasporto teglie in sala , ,1 2,7 Trasporto pane , ,6 7,3 Stoccaggio acqua , ,9 12,4 Trasporto in vendita acqua , , Trasporto bevande per distributore Tabella 8 D.S.U. - Mensa Bandini - Siena Pag 23

24 Fase Freq. atti/min Stoccaggio in cella 1/5 Stoccaggio a magazzino 1/5 Altezza mani Distanza F (iniz) Limite M Limite F F (mant) Limite M Limite F Spinta Traino cm m N , , , , , , , , Avvicinamento pasta 1/ , , Prelievo surgelati 1/ , , Prelievo pomodoro 1/ , , Prelievo sale 1/ , , Stoccaggio in cella carne drogata 1/ , , Messa in cottura carne 1/5 2 5, , trasporto teglie in sala 1/ , , Trasporto pane 1/ , , Stoccaggio acqua 1/5 5 51, , Trasporto in vendita acqua 1/ Trasporto bevande per distributore 1/ D.S.U. - Mensa Bandini - Siena Pag 24

25 Come visto al punto 4 In azienda sono svolte varie operazioni di movimentazione di carichi attraverso l utilizzo di transpallet o carrelli manuali, nella tabella 8, riportata nella precedente pagina, sono riassunti per ciascuna di queste i fattori fondamentali e calcolate le relative forze iniziali e di mantenimento. Per poter individuare quindi potenziali casi di rischio è necessario procedere attraverso un raffronto dei valori di forza individuati con i rispettivi limiti tabellari individuati dalla norma: i risultati di questa ulteriore operazione sono riportati nella seguente tabella 9. Dall analisi di tale tabella emerge come tutte le lavorazioni siano contenute all interno dei limiti tabellari, tuttavia le fasi di trasporto acqua in vendita potranno essere svolte esclusivamente da personale maschile, dovranno inoltre essere mantenute buone condizioni di viabilità soprattutto in corrispondenza dei dislivelli tra la sede stradale e le aree di stoccaggio, cucina e vendita. D.S.U. - Mensa Bandini - Siena Pag 25

26 8 Conclusioni Alla luce dei risultati analizzati nei vari punti appare evidente come in linea generale le misure di prevenzione e protezione messe in atto dall azienda abbiano consentito di evitare casi di grave rischio per la salute e la sicurezza dei lavoratori, sono tuttavia da segnalare i seguenti aspetti, fondamentali per completare il quadro valutativo dell esposizione. Rischio da movimentazione di carichi con peso superiore ai 3 Kg Trasbordo brodo Questa operazione può difficilmente essere svolta da due operatori per cui è necessario limitare il peso del carico trasportato a 18 kg, ad esempio utilizzando contenitori di minor capacità: tuttavia, alla luce dei rischi per la sicurezza correlati con questa operazione ed in particolare con la temperatura del brodo e con il rischio di scivolamento e quindi di ustione, si ritiene utile valutare con attenzione la possibilità di installare una tubazione di trasferimento che consenta di evitare del tutto l operazione. Stoccaggio in cella della carne drogata I quantitativi di carne movimentati non dovranno in questo caso superare i 15 kg: si ritiene che questo accorgimento organizzativo sia sufficiente a garantire adeguate condizioni di lavoro. Stoccaggio in cella e magazzino Di norma i materiali, come evidente anche dall analisi degli altri casi di movimentazione, non superano i 10 kg, tuttavia, alcune tipologie di alimenti non aventi peso standardizzato possono in linea teorica superare i limiti calcolati: in questo caso si ritiene necessario impostare un limite di peso per singolo operatore di 11 kg e di 15 kg per due operatori, informando, anche con apposita cartellonistica gli operatori: anche in questo caso si ritiene che questo accorgimento organizzativo sia sufficiente a garantire adeguate condizioni di lavoro. Travaso pane, messa a stoccaggio e trasporto in vendita acqua. Si ritiene che tutte e tre queste operazioni debbano essere svolte da due operatori. Rischio da movimentazione di carichi con peso inferiore ai 3 Kg ad alta frequenza Taglio verdure Le operazioni manuali di taglio delle verdure, della frutta ecc, possono comportare un rischio, se pur MOLTO LIEVE, soprattutto a carico delle articolazioni del polso del gomito e della spalla: considerando le tempistiche, nonché le modalità di lavoro, non sono tuttavia individuabili interventi organizzativi che possano migliorare in maniera rilevante le condizioni operative. D.S.U. - Mensa Bandini - Siena Pag 26

27 Rischio da operazioni di spinta e traino Come già sopra accennato le fasi di trasporto acqua in vendita potranno essere svolte esclusivamente da personale maschile, dovranno inoltre essere mantenute buone condizioni di viabilità soprattutto in corrispondenza dei dislivelli tra la sede stradale e le aree di stoccaggio, cucina e vendita. D.S.U. - Mensa Bandini - Siena Pag 27

28 Allegato 1 Schede di valutazione semplificata per i rischi da movimentazione di bassi carichi ad alta frequenza. D.S.U. - Mensa Bandini - Siena Pag 28

29 DSU Toscana SCHEDA DI VALUTAZIONE MMC EQUAZIONE A.1 NORMA UNI ISO Unità Reparto Mansione Operazione Mensa Bandini Siena SALA MAGAZZINIERE CARICO BEVANDE SU DISTRIBUTORE (A) ALTEZZA DA TERRA DELLE MANI ALL'INIZIO DEL SOLLEVAMENTO 0,2 m hm 0,84 (B) - DISLOCAZIONE VERTICALE DEL PESO FRA INIZIO E FINE DEL SOLLEVAMENTO 0,8 m dm 0,88 C) - DISTANZA ORIZZONTALE TRA LE MANI E IL PUNTO DI MEZZO DELLE CAVIGLIE 0,25 m hm 1,00 (D) - ANGOLO DI ASIMMETRIA DEL PESO (IN GRADI) 30 c hm 0,90 (E) FREQUENZA DELLA MOVIMENTAZIONE (F) - GIUDIZIO SULLA PRESA DELCARICO fm 0,91 Buona Sufficente Scarsa Cm 1,00 Fattore moltiplicativo complessivo 0,60 N operatori 1 2 Peso massimo sollevabile in Kg da lavoratori adulti 15,05 20,06

30 DSU Toscana SCHEDA DI VALUTAZIONE MMC EQUAZIONE A.1 NORMA UNI ISO Unità Reparto Mansione Operazione Mensa Bandini Siena SALA OPERATORE SALA STOCCAGGIO CESTINI PRONTI (A) ALTEZZA DA TERRA DELLE MANI ALL'INIZIO DEL SOLLEVAMENTO 0,6 m hm 0,96 (B) - DISLOCAZIONE VERTICALE DEL PESO FRA INIZIO E FINE DEL SOLLEVAMENTO 0,5 m dm 0,91 C) - DISTANZA ORIZZONTALE TRA LE MANI E IL PUNTO DI MEZZO DELLE CAVIGLIE 0,3 m hm 0,83 (D) - ANGOLO DI ASIMMETRIA DEL PESO (IN GRADI) 30 c hm 0,90 (E) FREQUENZA DELLA MOVIMENTAZIONE (F) - GIUDIZIO SULLA PRESA DELCARICO fm 0,91 Buona Sufficente Scarsa Cm 0,95 Fattore moltiplicativo complessivo 0,57 N operatori 1 2 Peso massimo sollevabile in Kg da lavoratori adulti 14,15 18,87

31 DSU Toscana SCHEDA DI VALUTAZIONE MMC EQUAZIONE A.1 NORMA UNI ISO Unità Reparto Mansione Operazione Mensa Bandini Siena SALA OPERATORE SALA PRELIEVO GHIACCIO (A) ALTEZZA DA TERRA DELLE MANI ALL'INIZIO DEL SOLLEVAMENTO 0,2 m hm 0,84 (B) - DISLOCAZIONE VERTICALE DEL PESO FRA INIZIO E FINE DEL SOLLEVAMENTO 1,2 m dm 0,86 C) - DISTANZA ORIZZONTALE TRA LE MANI E IL PUNTO DI MEZZO DELLE CAVIGLIE 0,25 m hm 1,00 (D) - ANGOLO DI ASIMMETRIA DEL PESO (IN GRADI) 30 c hm 0,90 (E) FREQUENZA DELLA MOVIMENTAZIONE (F) - GIUDIZIO SULLA PRESA DELCARICO fm 0,94 Buona Sufficente Scarsa Cm 0,90 Fattore moltiplicativo complessivo 0,55 N operatori 1 2 Peso massimo sollevabile in Kg da lavoratori adulti 13,69 18,25

32 DSU Toscana SCHEDA DI VALUTAZIONE MMC EQUAZIONE A.1 NORMA UNI ISO Unità Reparto Mansione Operazione Mensa Bandini Siena SALA OPERATORE SALA TRASBORDO MATERIALI PER CESTINI SU TAVOLO DI LAVORO (A) ALTEZZA DA TERRA DELLE MANI ALL'INIZIO DEL SOLLEVAMENTO 0,2 m hm 0,84 (B) - DISLOCAZIONE VERTICALE DEL PESO FRA INIZIO E FINE DEL SOLLEVAMENTO 0,4 m dm 0,93 C) - DISTANZA ORIZZONTALE TRA LE MANI E IL PUNTO DI MEZZO DELLE CAVIGLIE 0,3 m hm 0,83 (D) - ANGOLO DI ASIMMETRIA DEL PESO (IN GRADI) 30 c hm 0,90 (E) FREQUENZA DELLA MOVIMENTAZIONE (F) - GIUDIZIO SULLA PRESA DELCARICO fm 0,97 Buona Sufficente Scarsa Cm 0,95 Fattore moltiplicativo complessivo 0,54 N operatori 1 2 Peso massimo sollevabile in Kg da lavoratori adulti 13,51 18,02

33 DSU Toscana SCHEDA DI VALUTAZIONE MMC EQUAZIONE A.1 NORMA UNI ISO Unità Reparto Mansione Operazione Mensa Bandini Siena SALA OPERATORE SALA PRELIEVO MATERIALI PER CESTINI (A) ALTEZZA DA TERRA DELLE MANI ALL'INIZIO DEL SOLLEVAMENTO 0,2 m hm 0,84 (B) - DISLOCAZIONE VERTICALE DEL PESO FRA INIZIO E FINE DEL SOLLEVAMENTO 1,6 m dm 0,85 C) - DISTANZA ORIZZONTALE TRA LE MANI E IL PUNTO DI MEZZO DELLE CAVIGLIE 0,3 m hm 0,83 (D) - ANGOLO DI ASIMMETRIA DEL PESO (IN GRADI) 30 c hm 0,90 (E) FREQUENZA DELLA MOVIMENTAZIONE (F) - GIUDIZIO SULLA PRESA DELCARICO fm 0,97 Buona Sufficente Scarsa Cm 1,00 Fattore moltiplicativo complessivo 0,52 N operatori 1 2 Peso massimo sollevabile in Kg da lavoratori adulti 12,94 17,25

34 DSU Toscana SCHEDA DI VALUTAZIONE MMC EQUAZIONE A.1 NORMA UNI ISO Unità Reparto Mansione Operazione Mensa Bandini Siena SALA OPERATORE SALA TRASPORTO IN VENDITA (A) ALTEZZA DA TERRA DELLE MANI ALL'INIZIO DEL SOLLEVAMENTO 1,7 m hm 0,72 (B) - DISLOCAZIONE VERTICALE DEL PESO FRA INIZIO E FINE DEL SOLLEVAMENTO 0,9 m dm 0,87 C) - DISTANZA ORIZZONTALE TRA LE MANI E IL PUNTO DI MEZZO DELLE CAVIGLIE 0,3 m hm 0,83 (D) - ANGOLO DI ASIMMETRIA DEL PESO (IN GRADI) 30 c hm 0,90 (E) FREQUENZA DELLA MOVIMENTAZIONE (F) - GIUDIZIO SULLA PRESA DELCARICO fm 1,00 Buona Sufficente Scarsa Cm 1,00 Fattore moltiplicativo complessivo 0,47 N operatori 1 2 Peso massimo sollevabile in Kg da lavoratori adulti 11,72 15,62

35 DSU Toscana SCHEDA DI VALUTAZIONE MMC EQUAZIONE A.1 NORMA UNI ISO Unità Reparto Mansione Operazione Mensa Bandini Siena SALA OPERATORE SALA MESSA A STOCCAGGIO ACQUA (A) ALTEZZA DA TERRA DELLE MANI ALL'INIZIO DEL SOLLEVAMENTO 0,2 m hm 0,84 (B) - DISLOCAZIONE VERTICALE DEL PESO FRA INIZIO E FINE DEL SOLLEVAMENTO 1,6 m dm 0,85 C) - DISTANZA ORIZZONTALE TRA LE MANI E IL PUNTO DI MEZZO DELLE CAVIGLIE 0,3 m hm 0,83 (D) - ANGOLO DI ASIMMETRIA DEL PESO (IN GRADI) 30 c hm 0,90 (E) FREQUENZA DELLA MOVIMENTAZIONE (F) - GIUDIZIO SULLA PRESA DELCARICO fm 0,88 Buona Sufficente Scarsa Cm 1,00 Fattore moltiplicativo complessivo 0,47 N operatori 1 2 Peso massimo sollevabile in Kg da lavoratori adulti 11,74 15,65

36 DSU Toscana SCHEDA DI VALUTAZIONE MMC EQUAZIONE A.1 NORMA UNI ISO Unità Reparto Mansione Operazione Mensa Bandini Siena SALA OPERATORE SALA TRAVASO PANE (A) ALTEZZA DA TERRA DELLE MANI ALL'INIZIO DEL SOLLEVAMENTO 0,2 m hm 0,84 (B) - DISLOCAZIONE VERTICALE DEL PESO FRA INIZIO E FINE DEL SOLLEVAMENTO 0,4 m dm 0,93 C) - DISTANZA ORIZZONTALE TRA LE MANI E IL PUNTO DI MEZZO DELLE CAVIGLIE 0,4 m hm 0,63 (D) - ANGOLO DI ASIMMETRIA DEL PESO (IN GRADI) 30 c hm 0,90 (E) FREQUENZA DELLA MOVIMENTAZIONE (F) - GIUDIZIO SULLA PRESA DELCARICO fm 1,00 Buona Sufficente Scarsa Cm 0,95 Fattore moltiplicativo complessivo 0,42 N operatori 1 2 Peso massimo sollevabile in Kg da lavoratori adulti 10,45 13,93

37 DSU Toscana SCHEDA DI VALUTAZIONE MMC EQUAZIONE A.1 NORMA UNI ISO Unità Reparto Mansione Operazione Mensa Bandini Siena SALA OPERATORE SALA TRASBORDO TEGLIE DA LOCULI (A) ALTEZZA DA TERRA DELLE MANI ALL'INIZIO DEL SOLLEVAMENTO 0,2 m hm 0,84 (B) - DISLOCAZIONE VERTICALE DEL PESO FRA INIZIO E FINE DEL SOLLEVAMENTO 0,8 m dm 0,88 C) - DISTANZA ORIZZONTALE TRA LE MANI E IL PUNTO DI MEZZO DELLE CAVIGLIE 0,3 m hm 0,83 (D) - ANGOLO DI ASIMMETRIA DEL PESO (IN GRADI) 30 c hm 0,90 (E) FREQUENZA DELLA MOVIMENTAZIONE (F) - GIUDIZIO SULLA PRESA DELCARICO fm 0,84 Buona Sufficente Scarsa Cm 1,00 Fattore moltiplicativo complessivo 0,46 N operatori 1 2 Peso massimo sollevabile in Kg da lavoratori adulti 11,57 15,43

38 DSU Toscana SCHEDA DI VALUTAZIONE MMC EQUAZIONE A.1 NORMA UNI ISO Unità Reparto Mansione Operazione Mensa Bandini Siena SALA OPERATORE SALA TRASBORDO TEGLIE DIRETTO DA CUCINA (A) ALTEZZA DA TERRA DELLE MANI ALL'INIZIO DEL SOLLEVAMENTO 0,7 m hm 0,99 (B) - DISLOCAZIONE VERTICALE DEL PESO FRA INIZIO E FINE DEL SOLLEVAMENTO 0,5 m dm 0,91 C) - DISTANZA ORIZZONTALE TRA LE MANI E IL PUNTO DI MEZZO DELLE CAVIGLIE 0,3 m hm 0,83 (D) - ANGOLO DI ASIMMETRIA DEL PESO (IN GRADI) 30 c hm 0,90 (E) FREQUENZA DELLA MOVIMENTAZIONE (F) - GIUDIZIO SULLA PRESA DELCARICO fm 0,88 Buona Sufficente Scarsa Cm 0,95 Fattore moltiplicativo complessivo 0,56 N operatori 1 2 Peso massimo sollevabile in Kg da lavoratori adulti 14,11 18,82

39 DSU Toscana SCHEDA DI VALUTAZIONE MMC EQUAZIONE A.1 NORMA UNI ISO Unità Reparto Mansione Operazione Mensa Bandini Siena CUCINA CUOCO/A (carne) TRASBORDO CARNE COTTA SU LOCULI (A) ALTEZZA DA TERRA DELLE MANI ALL'INIZIO DEL SOLLEVAMENTO 0,3 m hm 0,87 (B) - DISLOCAZIONE VERTICALE DEL PESO FRA INIZIO E FINE DEL SOLLEVAMENTO 0,9 m dm 0,87 C) - DISTANZA ORIZZONTALE TRA LE MANI E IL PUNTO DI MEZZO DELLE CAVIGLIE 0,15 m hm 1,00 (D) - ANGOLO DI ASIMMETRIA DEL PESO (IN GRADI) 30 c hm 0,90 (E) FREQUENZA DELLA MOVIMENTAZIONE (F) - GIUDIZIO SULLA PRESA DELCARICO fm 0,97 Buona Sufficente Scarsa Cm 1,00 Fattore moltiplicativo complessivo 0,66 N operatori 1 2 Peso massimo sollevabile in Kg da lavoratori adulti 16,50 22,00

40 DSU Toscana SCHEDA DI VALUTAZIONE MMC EQUAZIONE A.1 NORMA UNI ISO Unità Reparto Mansione Operazione Mensa Bandini Siena CUCINA CUOCO/A (carne) TRASBORDO CARNE COTTA (A) ALTEZZA DA TERRA DELLE MANI ALL'INIZIO DEL SOLLEVAMENTO 0,3 m hm 0,87 (B) - DISLOCAZIONE VERTICALE DEL PESO FRA INIZIO E FINE DEL SOLLEVAMENTO 0,9 m dm 0,87 C) - DISTANZA ORIZZONTALE TRA LE MANI E IL PUNTO DI MEZZO DELLE CAVIGLIE 0,3 m hm 0,83 (D) - ANGOLO DI ASIMMETRIA DEL PESO (IN GRADI) 30 c hm 0,90 (E) FREQUENZA DELLA MOVIMENTAZIONE (F) - GIUDIZIO SULLA PRESA DELCARICO fm 0,97 Buona Sufficente Scarsa Cm 1,00 Fattore moltiplicativo complessivo 0,55 N operatori 1 2 Peso massimo sollevabile in Kg da lavoratori adulti 13,75 18,33

41 DSU Toscana SCHEDA DI VALUTAZIONE MMC EQUAZIONE A.1 NORMA UNI ISO Unità Reparto Mansione Operazione Mensa Bandini Siena CUCINA CUOCO/A (carne) MESSA IN COTTURA SU FORNO CARNE (A) ALTEZZA DA TERRA DELLE MANI ALL'INIZIO DEL SOLLEVAMENTO 0,3 m hm 0,87 (B) - DISLOCAZIONE VERTICALE DEL PESO FRA INIZIO E FINE DEL SOLLEVAMENTO 0,6 m dm 0,90 C) - DISTANZA ORIZZONTALE TRA LE MANI E IL PUNTO DI MEZZO DELLE CAVIGLIE 0,15 m hm 1,00 (D) - ANGOLO DI ASIMMETRIA DEL PESO (IN GRADI) 30 c hm 0,90 (E) FREQUENZA DELLA MOVIMENTAZIONE (F) - GIUDIZIO SULLA PRESA DELCARICO fm 0,80 Buona Sufficente Scarsa Cm 0,95 Fattore moltiplicativo complessivo 0,53 N operatori 1 2 Peso massimo sollevabile in Kg da lavoratori adulti 13,30 17,73

42 DSU Toscana SCHEDA DI VALUTAZIONE MMC EQUAZIONE A.1 NORMA UNI ISO Unità Reparto Mansione Operazione Mensa Bandini Siena CUCINA CUOCO/A (carne) MESSA IN COTTURA SU GRIGLIA CARNE DROGATA (A) ALTEZZA DA TERRA DELLE MANI ALL'INIZIO DEL SOLLEVAMENTO 0,2 m hm 0,84 (B) - DISLOCAZIONE VERTICALE DEL PESO FRA INIZIO E FINE DEL SOLLEVAMENTO 0,3 m dm 0,97 C) - DISTANZA ORIZZONTALE TRA LE MANI E IL PUNTO DI MEZZO DELLE CAVIGLIE 0,1 m hm 1,00 (D) - ANGOLO DI ASIMMETRIA DEL PESO (IN GRADI) 30 c hm 0,90 (E) FREQUENZA DELLA MOVIMENTAZIONE (F) - GIUDIZIO SULLA PRESA DELCARICO fm 0,94 Buona Sufficente Scarsa Cm 0,95 Fattore moltiplicativo complessivo 0,65 N operatori 1 2 Peso massimo sollevabile in Kg da lavoratori adulti 16,35 21,79

43 DSU Toscana SCHEDA DI VALUTAZIONE MMC EQUAZIONE A.1 NORMA UNI ISO Unità Reparto Mansione Operazione Mensa Bandini Siena CUCINA CUOCO/A (carne) STOCCAGGIO IN CELLA CARNE DROGATA (A) ALTEZZA DA TERRA DELLE MANI ALL'INIZIO DEL SOLLEVAMENTO 0,8 m hm 0,99 (B) - DISLOCAZIONE VERTICALE DEL PESO FRA INIZIO E FINE DEL SOLLEVAMENTO 0,4 m dm 0,93 C) - DISTANZA ORIZZONTALE TRA LE MANI E IL PUNTO DI MEZZO DELLE CAVIGLIE 0,4 m hm 0,63 (D) - ANGOLO DI ASIMMETRIA DEL PESO (IN GRADI) 30 c hm 0,90 (E) FREQUENZA DELLA MOVIMENTAZIONE (F) - GIUDIZIO SULLA PRESA DELCARICO fm 0,94 Buona Sufficente Scarsa Cm 0,95 Fattore moltiplicativo complessivo 0,46 N operatori 1 2 Peso massimo sollevabile in Kg da lavoratori adulti 11,59 15,45

44 DSU Toscana SCHEDA DI VALUTAZIONE MMC EQUAZIONE A.1 NORMA UNI ISO Unità Reparto Mansione Operazione Mensa Bandini Siena CUCINA CUOCO/A (carne) PREPARAZIONE CARNE (A) ALTEZZA DA TERRA DELLE MANI ALL'INIZIO DEL SOLLEVAMENTO 0,2 m hm 0,84 (B) - DISLOCAZIONE VERTICALE DEL PESO FRA INIZIO E FINE DEL SOLLEVAMENTO 0,6 m dm 0,90 C) - DISTANZA ORIZZONTALE TRA LE MANI E IL PUNTO DI MEZZO DELLE CAVIGLIE 0,15 m hm 1,00 (D) - ANGOLO DI ASIMMETRIA DEL PESO (IN GRADI) 30 c hm 0,90 (E) FREQUENZA DELLA MOVIMENTAZIONE (F) - GIUDIZIO SULLA PRESA DELCARICO fm 0,45 Buona Sufficente Scarsa Cm 0,95 Fattore moltiplicativo complessivo 0,29 N operatori 1 2 Peso massimo sollevabile in Kg da lavoratori adulti 7,22 9,63

45 DSU Toscana SCHEDA DI VALUTAZIONE MMC EQUAZIONE A.1 NORMA UNI ISO Unità Reparto Mansione Operazione Mensa Bandini Siena CUCINA CUOCO/A (carne) PRELIEVO CARNE DA CELLA (A) ALTEZZA DA TERRA DELLE MANI ALL'INIZIO DEL SOLLEVAMENTO 0,2 m hm 0,84 (B) - DISLOCAZIONE VERTICALE DEL PESO FRA INIZIO E FINE DEL SOLLEVAMENTO 0,6 m dm 0,90 C) - DISTANZA ORIZZONTALE TRA LE MANI E IL PUNTO DI MEZZO DELLE CAVIGLIE 0,15 m hm 1,00 (D) - ANGOLO DI ASIMMETRIA DEL PESO (IN GRADI) 30 c hm 0,90 (E) FREQUENZA DELLA MOVIMENTAZIONE (F) - GIUDIZIO SULLA PRESA DELCARICO fm 0,45 Buona Sufficente Scarsa Cm 0,95 Fattore moltiplicativo complessivo 0,29 N operatori 1 2 Peso massimo sollevabile in Kg da lavoratori adulti 7,22 9,63

46 DSU Toscana SCHEDA DI VALUTAZIONE MMC EQUAZIONE A.1 NORMA UNI ISO Unità Reparto Mansione Operazione Mensa Bandini Siena CUCINA CUOCO/A TRASFERIMENTO RISO COTTO DA CELLA (A) ALTEZZA DA TERRA DELLE MANI ALL'INIZIO DEL SOLLEVAMENTO 0,3 m hm 0,87 (B) - DISLOCAZIONE VERTICALE DEL PESO FRA INIZIO E FINE DEL SOLLEVAMENTO 0,8 m dm 0,88 C) - DISTANZA ORIZZONTALE TRA LE MANI E IL PUNTO DI MEZZO DELLE CAVIGLIE 0,15 m hm 1,00 (D) - ANGOLO DI ASIMMETRIA DEL PESO (IN GRADI) 30 c hm 0,90 (E) FREQUENZA DELLA MOVIMENTAZIONE (F) - GIUDIZIO SULLA PRESA DELCARICO fm 0,94 Buona Sufficente Scarsa Cm 1,00 Fattore moltiplicativo complessivo 0,64 N operatori 1 2 Peso massimo sollevabile in Kg da lavoratori adulti 16,10 21,47

47 DSU Toscana SCHEDA DI VALUTAZIONE MMC EQUAZIONE A.1 NORMA UNI ISO Unità Reparto Mansione Operazione Mensa Bandini Siena CUCINA CUOCO/A TRASFERIMENTO RISO COTTO SU CELLA (A) ALTEZZA DA TERRA DELLE MANI ALL'INIZIO DEL SOLLEVAMENTO 0,8 m hm 0,99 (B) - DISLOCAZIONE VERTICALE DEL PESO FRA INIZIO E FINE DEL SOLLEVAMENTO 0,8 m dm 0,88 C) - DISTANZA ORIZZONTALE TRA LE MANI E IL PUNTO DI MEZZO DELLE CAVIGLIE 0,15 m hm 1,00 (D) - ANGOLO DI ASIMMETRIA DEL PESO (IN GRADI) 30 c hm 0,90 (E) FREQUENZA DELLA MOVIMENTAZIONE (F) - GIUDIZIO SULLA PRESA DELCARICO fm 0,94 Buona Sufficente Scarsa Cm 1,00 Fattore moltiplicativo complessivo 0,73 N operatori 1 2 Peso massimo sollevabile in Kg da lavoratori adulti 18,34 24,45

48 DSU Toscana SCHEDA DI VALUTAZIONE MMC EQUAZIONE A.1 NORMA UNI ISO Unità Reparto Mansione Operazione Mensa Bandini Siena CUCINA CUOCO/A MESSA IN COTTURA SALE (A) ALTEZZA DA TERRA DELLE MANI ALL'INIZIO DEL SOLLEVAMENTO 0,2 m hm 0,84 (B) - DISLOCAZIONE VERTICALE DEL PESO FRA INIZIO E FINE DEL SOLLEVAMENTO 0,6 m dm 0,90 C) - DISTANZA ORIZZONTALE TRA LE MANI E IL PUNTO DI MEZZO DELLE CAVIGLIE 0,15 m hm 1,00 (D) - ANGOLO DI ASIMMETRIA DEL PESO (IN GRADI) 30 c hm 0,90 (E) FREQUENZA DELLA MOVIMENTAZIONE (F) - GIUDIZIO SULLA PRESA DELCARICO fm 0,80 Buona Sufficente Scarsa Cm 0,95 Fattore moltiplicativo complessivo 0,51 N operatori 1 2 Peso massimo sollevabile in Kg da lavoratori adulti 12,84 17,11

49 DSU Toscana SCHEDA DI VALUTAZIONE MMC EQUAZIONE A.1 NORMA UNI ISO Unità Reparto Mansione Operazione Mensa Bandini Siena CUCINA CUOCO/A PRELIEVO SALE (A) ALTEZZA DA TERRA DELLE MANI ALL'INIZIO DEL SOLLEVAMENTO 0,2 m hm 0,84 (B) - DISLOCAZIONE VERTICALE DEL PESO FRA INIZIO E FINE DEL SOLLEVAMENTO 0,4 m dm 0,93 C) - DISTANZA ORIZZONTALE TRA LE MANI E IL PUNTO DI MEZZO DELLE CAVIGLIE 0,15 m hm 1,00 (D) - ANGOLO DI ASIMMETRIA DEL PESO (IN GRADI) 30 c hm 0,90 (E) FREQUENZA DELLA MOVIMENTAZIONE (F) - GIUDIZIO SULLA PRESA DELCARICO fm 0,80 Buona Sufficente Scarsa Cm 0,95 Fattore moltiplicativo complessivo 0,53 N operatori 1 2 Peso massimo sollevabile in Kg da lavoratori adulti 13,37 17,83

50 DSU Toscana SCHEDA DI VALUTAZIONE MMC EQUAZIONE A.1 NORMA UNI ISO Unità Reparto Mansione Operazione Mensa Bandini Siena CUCINA CUOCO/A MESSA IN COTTURA LATTE (A) ALTEZZA DA TERRA DELLE MANI ALL'INIZIO DEL SOLLEVAMENTO 0,2 m hm 0,84 (B) - DISLOCAZIONE VERTICALE DEL PESO FRA INIZIO E FINE DEL SOLLEVAMENTO 0,6 m dm 0,90 C) - DISTANZA ORIZZONTALE TRA LE MANI E IL PUNTO DI MEZZO DELLE CAVIGLIE 0,15 m hm 1,00 (D) - ANGOLO DI ASIMMETRIA DEL PESO (IN GRADI) 30 c hm 0,90 (E) FREQUENZA DELLA MOVIMENTAZIONE (F) - GIUDIZIO SULLA PRESA DELCARICO fm 0,80 Buona Sufficente Scarsa Cm 0,95 Fattore moltiplicativo complessivo 0,51 N operatori 1 2 Peso massimo sollevabile in Kg da lavoratori adulti 12,84 17,11

51 DSU Toscana SCHEDA DI VALUTAZIONE MMC EQUAZIONE A.1 NORMA UNI ISO Unità Reparto Mansione Operazione Mensa Bandini Siena CUCINA CUOCO/A PRELIEVO LATTE (A) ALTEZZA DA TERRA DELLE MANI ALL'INIZIO DEL SOLLEVAMENTO 0,2 m hm 0,84 (B) - DISLOCAZIONE VERTICALE DEL PESO FRA INIZIO E FINE DEL SOLLEVAMENTO 0,5 m dm 0,91 C) - DISTANZA ORIZZONTALE TRA LE MANI E IL PUNTO DI MEZZO DELLE CAVIGLIE 0,15 m hm 1,00 (D) - ANGOLO DI ASIMMETRIA DEL PESO (IN GRADI) 30 c hm 0,90 (E) FREQUENZA DELLA MOVIMENTAZIONE (F) - GIUDIZIO SULLA PRESA DELCARICO fm 0,80 Buona Sufficente Scarsa Cm 0,95 Fattore moltiplicativo complessivo 0,52 N operatori 1 2 Peso massimo sollevabile in Kg da lavoratori adulti 13,05 17,40

52 DSU Toscana SCHEDA DI VALUTAZIONE MMC EQUAZIONE A.1 NORMA UNI ISO Unità Reparto Mansione Operazione Mensa Bandini Siena CUCINA CUOCO/A MESSA IN COTTURA POMODORO (A) ALTEZZA DA TERRA DELLE MANI ALL'INIZIO DEL SOLLEVAMENTO 0,2 m hm 0,84 (B) - DISLOCAZIONE VERTICALE DEL PESO FRA INIZIO E FINE DEL SOLLEVAMENTO 0,6 m dm 0,90 C) - DISTANZA ORIZZONTALE TRA LE MANI E IL PUNTO DI MEZZO DELLE CAVIGLIE 0,15 m hm 1,00 (D) - ANGOLO DI ASIMMETRIA DEL PESO (IN GRADI) 30 c hm 0,90 (E) FREQUENZA DELLA MOVIMENTAZIONE (F) - GIUDIZIO SULLA PRESA DELCARICO fm 0,80 Buona Sufficente Scarsa Cm 0,95 Fattore moltiplicativo complessivo 0,51 N operatori 1 2 Peso massimo sollevabile in Kg da lavoratori adulti 12,84 17,11

53 DSU Toscana SCHEDA DI VALUTAZIONE MMC EQUAZIONE A.1 NORMA UNI ISO Unità Reparto Mansione Operazione Mensa Bandini Siena CUCINA CUOCO/A PRELIEVO POMODORO (A) ALTEZZA DA TERRA DELLE MANI ALL'INIZIO DEL SOLLEVAMENTO 0,2 m hm 0,84 (B) - DISLOCAZIONE VERTICALE DEL PESO FRA INIZIO E FINE DEL SOLLEVAMENTO 0,4 m dm 0,93 C) - DISTANZA ORIZZONTALE TRA LE MANI E IL PUNTO DI MEZZO DELLE CAVIGLIE 0,15 m hm 1,00 (D) - ANGOLO DI ASIMMETRIA DEL PESO (IN GRADI) 30 c hm 0,90 (E) FREQUENZA DELLA MOVIMENTAZIONE (F) - GIUDIZIO SULLA PRESA DELCARICO fm 0,80 Buona Sufficente Scarsa Cm 0,95 Fattore moltiplicativo complessivo 0,53 N operatori 1 2 Peso massimo sollevabile in Kg da lavoratori adulti 13,37 17,83

54 DSU Toscana SCHEDA DI VALUTAZIONE MMC EQUAZIONE A.1 NORMA UNI ISO Unità Reparto Mansione Operazione Mensa Bandini Siena CUCINA CUOCO/A MESSA IN COTTURA SURGELATI (A) ALTEZZA DA TERRA DELLE MANI ALL'INIZIO DEL SOLLEVAMENTO 0,2 m hm 0,84 (B) - DISLOCAZIONE VERTICALE DEL PESO FRA INIZIO E FINE DEL SOLLEVAMENTO 0,6 m dm 0,90 C) - DISTANZA ORIZZONTALE TRA LE MANI E IL PUNTO DI MEZZO DELLE CAVIGLIE 0,15 m hm 1,00 (D) - ANGOLO DI ASIMMETRIA DEL PESO (IN GRADI) 30 c hm 0,90 (E) FREQUENZA DELLA MOVIMENTAZIONE (F) - GIUDIZIO SULLA PRESA DELCARICO fm 0,80 Buona Sufficente Scarsa Cm 0,95 Fattore moltiplicativo complessivo 0,51 N operatori 1 2 Peso massimo sollevabile in Kg da lavoratori adulti 12,84 17,11

55 DSU Toscana SCHEDA DI VALUTAZIONE MMC EQUAZIONE A.1 NORMA UNI ISO Unità Reparto Mansione Operazione Mensa Bandini Siena CUCINA CUOCO/A PRELIEVO SURGELATI (A) ALTEZZA DA TERRA DELLE MANI ALL'INIZIO DEL SOLLEVAMENTO 0,2 m hm 0,84 (B) - DISLOCAZIONE VERTICALE DEL PESO FRA INIZIO E FINE DEL SOLLEVAMENTO 0,3 m dm 0,97 C) - DISTANZA ORIZZONTALE TRA LE MANI E IL PUNTO DI MEZZO DELLE CAVIGLIE 0,15 m hm 1,00 (D) - ANGOLO DI ASIMMETRIA DEL PESO (IN GRADI) 30 c hm 0,90 (E) FREQUENZA DELLA MOVIMENTAZIONE (F) - GIUDIZIO SULLA PRESA DELCARICO fm 0,80 Buona Sufficente Scarsa Cm 0,95 Fattore moltiplicativo complessivo 0,56 N operatori 1 2 Peso massimo sollevabile in Kg da lavoratori adulti 13,91 18,55

RELAZIONE TECNICA DI VALUTAZIONE DEL RISCHIO DA SOVRACCARICO BIOMECCANICO

RELAZIONE TECNICA DI VALUTAZIONE DEL RISCHIO DA SOVRACCARICO BIOMECCANICO RELAZIONE TECNICA DI VALUTAZIONE DEL RISCHIO DA SOVRACCARICO BIOMECCANICO Ai sensi dell art. 168 del D.lgs. 81/08 e s.m.i. D.S.U. Toscana Sede Legale viale Gramsci n 36 50132 Firenze Attività oggetto dell

Dettagli

RELAZIONE TECNICA DI VALUTAZIONE DEL RISCHIO DA SOVRACCARICO BIOMECCANICO

RELAZIONE TECNICA DI VALUTAZIONE DEL RISCHIO DA SOVRACCARICO BIOMECCANICO RELAZIONE TECNICA DI VALUTAZIONE DEL RISCHIO DA SOVRACCARICO BIOMECCANICO Ai sensi dell art. 168 del D.lgs. 81/08 e s.m.i. D.S.U. Toscana Sede Legale viale Gramsci n 36 50132 Firenze Attività oggetto dell

Dettagli

Nuove possibilità per la valutazione del rischio biomeccanico

Nuove possibilità per la valutazione del rischio biomeccanico Azienda Sanitaria Firenze Nuove possibilità per la valutazione del rischio biomeccanico Andrea Belli, Tecnico della Prevenzione San Casciano in Val di Pesa, 20 novembre 2013 Movimentazione manuale carichi

Dettagli

VALUTAZIONE DEL RISCHIO DA MOVIMENTAZIONE MANUALE DEI CARICHI

VALUTAZIONE DEL RISCHIO DA MOVIMENTAZIONE MANUALE DEI CARICHI VALUTAZIONE DEL RISCHIO DA MOVIMENTAZIONE MANUALE DEI CARICHI Le affezioni cronico-degenerative della colonna vertebrale sono di assai frequente riscontro presso collettività lavorative dell industria.

Dettagli

- SALTUARIASALTUARIA-OCCASIONALE

- SALTUARIASALTUARIA-OCCASIONALE LA MOVIMENTAZIONE MANUALE DEI CARICHI IN EDILIZIA LA VALUTAZIONE DEI RISCHI L art. 168 definisce per il DDL una sequenza di azioni PARTENDO DAL POSTO DI LAVORO: 1) Individuazione e valutazione ATTIVA ai

Dettagli

Intervenire sull organizzazione del lavoro

Intervenire sull organizzazione del lavoro Intervenire sull organizzazione del lavoro Sistema Ambiente ha un modulo per l esame delle condizioni più specificatamente ergonomiche. Il metodo consente la definizione di parametri oggettivi di misurazione

Dettagli

MODELLI DI VALUTAZIONE DEI RISCHI

MODELLI DI VALUTAZIONE DEI RISCHI I PRODOTTI DI Modelli per la valutazione dei rischi, Kit, Linee guida, Modello di valutazione movimentazione manuale dei carichi (cod. 300.23) DIMOSTRATIVO MODELLI DI VALUTAZIONE DEI RISCHI Modello di

Dettagli

Il rischio da movimenti ripetitivi: alcuni casi studio e analisi delle criticità

Il rischio da movimenti ripetitivi: alcuni casi studio e analisi delle criticità Trieste settembre Il rischio da movimenti ripetitivi: alcuni casi studio e analisi delle criticità Maria Angela Gogliettino INAIL F.V.G. - CONTARP (Consulenza Tecnica Accert. Rischi e Prevenzione) Autori:

Dettagli

VALUTAZIONE DEL RISCHIO DA MOVIMENTI RIPETITIVI DEGLI ARTI SUPERIORI

VALUTAZIONE DEL RISCHIO DA MOVIMENTI RIPETITIVI DEGLI ARTI SUPERIORI VALUTAZIONE DEL DA MOVIMENTI RIPETITIVI DEGLI ARTI SUPERIORI In fase di sopralluogo vengono utilizzate check-list, riprese cinematografiche, interviste ai lavoratori e colloqui con i responsabili per la

Dettagli

LA CORRETTA MOVIMENTAZIONE DEI PAZIENTI E DEI CARICHI

LA CORRETTA MOVIMENTAZIONE DEI PAZIENTI E DEI CARICHI LA CORRETTA MOVIMENTAZIONE DEI PAZIENTI E DEI CARICHI MOVIMENTAZIONE MANUALE DEI CARICHI operazioni di trasporto o di sostegno di un carico ad opera di uno o piu lavoratori, comprese le azioni del sollevare,

Dettagli

Aggiornamenti sul metodo del NIOSH per compiti di sollevamento variabili (VLI) ENRICO OCCHIPINTI

Aggiornamenti sul metodo del NIOSH per compiti di sollevamento variabili (VLI) ENRICO OCCHIPINTI Aggiornamenti sul metodo del NIOSH per compiti di sollevamento variabili (VLI) ENRICO OCCHIPINTI MULTITASK ANALYSIS THE BOOK (GUIDE) : READY IN JULY 2012 ISO 12295 APPLICATION DOCUMENT ANNEX A LIFTING/CARRYING

Dettagli

PRINCIPALI LAVORAZIONI A RISCHIO DA MOVIMENTI E SFORZI RIPETUTI DEGLI ARTI SUPERIORI attività > 4 ore per turno

PRINCIPALI LAVORAZIONI A RISCHIO DA MOVIMENTI E SFORZI RIPETUTI DEGLI ARTI SUPERIORI attività > 4 ore per turno PRINCIPALI LAVORAZIONI A RISCHIO DA MOVIMENTI E SFORZI RIPETUTI DEGLI ARTI SUPERIORI attività > 4 ore per turno MONTAGGIO, ASSEMBLAGGIO, CABLAGGIO (materie plastiche, metalli preziosi, bigiotteria, metalmeccanica,

Dettagli

Gruppo Tecnico Movimentazione Manuale Carichi nei Caseifici del Parmigiano-Reggiano / giugno 2004

Gruppo Tecnico Movimentazione Manuale Carichi nei Caseifici del Parmigiano-Reggiano / giugno 2004 Scheda 4 - D) MATURAZIONE SALATOIO CAMERA CALDA PROBLEMA 1) TRAINO/SPINTA DEGLI SPERSOLI SU RUOTE O DEL CARRELLO DELLE FORME COMMENTO: la modalità, ormai, maggiormente in uso è quella degli spersoli su

Dettagli

MOVIMENTAZIONE MANUALE DEI CARICHI

MOVIMENTAZIONE MANUALE DEI CARICHI CORSO DI FORMAZIONE 9 maggio 2013 Maria Teresa Riccio medico SPISAL MOVIMENTAZIONE MANUALE DEI CARICHI PROCEDURE STANDARDIZZATE PER LA VALUTAZIONE DEI RISCHI AI SENSI DELL ART. 29 d.lgs. N 81 Decreto Interministeriale

Dettagli

RILEVAZIONE DEL RISCHIO DA SOLLEVAMENTO CARICHI METODO NIOSH

RILEVAZIONE DEL RISCHIO DA SOLLEVAMENTO CARICHI METODO NIOSH RILEVAZIONE DEL RISCHIO DA SOLLEVAMENTO CARICHI METODO NIOSH SPIEGAZIONI PER LA RILEVAZIONE DEGLI ELEMENTI COSTITUTIVI I FATTORI DI RISCHIO E PER IL CALCOLO DEGLI INDICI ESPOSITIVI NIOSH E MAPO La rilevazione

Dettagli

SOMMARIO: Emissione: 08/11/1996 Aggiornamento: 24/09/2001 Motivo revisione Prima emissione Sistema Gestione Qualità Distribuzione Controllata

SOMMARIO: Emissione: 08/11/1996 Aggiornamento: 24/09/2001 Motivo revisione Prima emissione Sistema Gestione Qualità Distribuzione Controllata Pag. 1 di 9 SOMMARIO: 1. Oggetto e scopo 2. Campo di applicazione 3. Responsabilità 4. Definizioni e abbreviazioni 5. Documenti di Riferimento 6. Moduli e documenti di registrazione 7. Modalità operative

Dettagli

LE NORME ISO E LA VDR DI SOVRACCARICO BIOMECCANICO DA MMC L APPROCCIO ERGONOMICO DELLA NORMA ISO 11228-1: L APPROCCIO ERGONOMICO NEI SISTEMI DI LAVORO

LE NORME ISO E LA VDR DI SOVRACCARICO BIOMECCANICO DA MMC L APPROCCIO ERGONOMICO DELLA NORMA ISO 11228-1: L APPROCCIO ERGONOMICO NEI SISTEMI DI LAVORO Corso di aggiornamento LE NORME ISO E LA VDR DI SOVRACCARICO BIOMECCANICO DA MMC L APPROCCIO ERGONOMICO DELLA NORMA ISO 11228-1: Giorgio Zecchi SPSAL Reggio Emilia L APPROCCIO ERGONOMICO NEI SISTEMI DI

Dettagli

ing. Domenico Mannelli movimentazione manuale dei carichi nei cantieri e nelle attività estrattive

ing. Domenico Mannelli movimentazione manuale dei carichi nei cantieri e nelle attività estrattive ing. Domenico Mannelli movimentazione manuale dei carichi nei patologie professionali alla schiena Le condizioni di rischio da prendere in considerazione ai fini del riconoscimento dell origine professionale

Dettagli

CORRETTA POSTAZIONE DI LAVORO

CORRETTA POSTAZIONE DI LAVORO CORRETTA POSTAZIONE DI LAVORO Nelle pause di lavoro (ufficiali e non) evitare di rimanere seduti e di impegnare la vista (es. leggendo il giornale o navigando su Internet) Art.175 D.Lgs.81 - Pause stabilite

Dettagli

MOVIMENTAZIONE MANUALE DEI CARICHI

MOVIMENTAZIONE MANUALE DEI CARICHI MOVIMENTAZIONE MANUALE DEI CARICHI Dott. Sergio Biagini Tecnico della Prevenzione Limite di peso da sollevare da soli Maschi adulti 25 Kg femmine adulte 20 Kg maschi adolescenti 20 Kg femmine adolescenti

Dettagli

Dr.ssa Vincenza Giurlando Dr.ssa Nora Vitelli Dr.ssa Enrica D Agostino Servizio Prevenzione e Sicurezza Ambienti di Lavoro

Dr.ssa Vincenza Giurlando Dr.ssa Nora Vitelli Dr.ssa Enrica D Agostino Servizio Prevenzione e Sicurezza Ambienti di Lavoro Rischio da sovraccarico biomeccanico del rachide e degli arti superiori nella grande distribuzione alimentare: l analisi l della valutazione e gestione del rischio da parte dell ASL di Milano Dr.ssa Vincenza

Dettagli

FAC SIMILE DI PROPOSTA CHECK LIST

FAC SIMILE DI PROPOSTA CHECK LIST ALLEGATO N. 1.6 al Capitolato Speciale d oneri Azienda pubblica di Servizi alla Persona Cordenonese Arcobaleno FAC SIMILE DI PROPOSTA CHECK LIST VERIFICA EFFETTUATA IL GIORNO / / DALLE ORE ALLE ORE TUTTI

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BRESCIA SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BRESCIA SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE MOVIMENTAZIONE MANUALE DEI CARICHI (Titolo VI del D. Lgs. 81/2008 s.m.i.) INDICE 1. SOLLEVARE E TRASPORTARE 3 1.1. LA RMATIVA 3 2. EFFETTI SULLA SALUTE 4 3. PRINCIPI DI PREVENZIONE 4 3.1. MOVIMENTI 4 3.2.

Dettagli

VALUTAZIONE ERGONOMICA DI ATTIVITÀ CARATTERISTICHE DEL SETTORE EDILE

VALUTAZIONE ERGONOMICA DI ATTIVITÀ CARATTERISTICHE DEL SETTORE EDILE Progetto Studio VALUTAZIONE ERGONOMICA DI ATTIVITÀ CARATTERISTICHE DEL SETTORE EDILE Promosso da: ARS di Bergamo CPT di Bergamo INAIL di Bergamo Realizzato da: U.S.C. Medicina del Lavoro ErgoDesign In

Dettagli

Esempi di di misure di di prevenzione

Esempi di di misure di di prevenzione Esempi di di misure di di prevenzione (tecniche organizzative e procedurali) proposte nelle Linee operative GDO Giorgio Zecchi SPSAL AUSL di RE Nel sopralluogo di vigilanza sulle misure di tutela occorre

Dettagli

I rischi riferibili alla Organizzazione del Lavoro - Ergonomia MOVIMENTAZIONE MANUALE DI CARICHI E MOVIMENTI RIPETITIVI

I rischi riferibili alla Organizzazione del Lavoro - Ergonomia MOVIMENTAZIONE MANUALE DI CARICHI E MOVIMENTI RIPETITIVI I rischi riferibili alla Organizzazione del Lavoro - Ergonomia MOVIMENTAZIONE MANUALE DI CARICHI E MOVIMENTI RIPETITIVI Normativa antecedente il D.Lgs. 81/08 L 635/34: L 977/67: L 1204/71: peso massimo

Dettagli

AMBIENTE ECOLOGIA SICUREZZA & MEDICINA DEL LAVORO GRUPPO DI FALCO SRL. VIA LAMBRO 5 20090 Opera (Mi) (TITOLO VI D. LGS. 81/08 e s.m.i.

AMBIENTE ECOLOGIA SICUREZZA & MEDICINA DEL LAVORO GRUPPO DI FALCO SRL. VIA LAMBRO 5 20090 Opera (Mi) (TITOLO VI D. LGS. 81/08 e s.m.i. GRUPPO DI FALCO SRL VIA LAMBRO 5 20090 Opera (Mi) VALUTAZIONE RISCHIO MOVIMENTAZIONE MANUALE DEI CARICHI E MOVIMENTI RIPETITIVI (TITOLO VI D. LGS. 81/08 e s.m.i.) Revisione 3.3 del 20.07.2012 Il presente

Dettagli

SUPPORTO ALLA VALUTAZIONE DEI RISCHI e alla redazione del documento programmatico di competenza dei datori di lavoro

SUPPORTO ALLA VALUTAZIONE DEI RISCHI e alla redazione del documento programmatico di competenza dei datori di lavoro SUPPORTO ALLA VALUTAZIONE DEI RISCHI e alla redazione del documento programmatico di competenza dei datori di lavoro Finalità Destinatari Adeguare la struttura e gli impianti aziendali alla normativa sulla

Dettagli

La valutazione del rischio di sovraccarico biomeccanico del rachide e degli arti superiori nella mensa aziendale di un ospedale.

La valutazione del rischio di sovraccarico biomeccanico del rachide e degli arti superiori nella mensa aziendale di un ospedale. La valutazione del rischio di sovraccarico biomeccanico del rachide e degli arti superiori nella mensa aziendale di un ospedale. Dr. Alberto Baratti Dr. Angela Merogno Servizio Medicina del Lavoro, A.S.L.

Dettagli

Valutazione. Rischio. Movimentazione Manuale. Carichi

Valutazione. Rischio. Movimentazione Manuale. Carichi Scuola Media Liceo ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE STATALE DES AMBROIS S P - Oulx - Servizio di Prevenzione e Protezione Istituto Professionale Valutazione M del Rischio da Movimentazione Manuale M Dei

Dettagli

DVR. Esempio di Stampa

DVR. Esempio di Stampa DVR MOVIMENTAZIONE MANUALE DEI CARICHI VALUTAZIONE AZIONI DI SPINTA, TRAINO E TRASPORTO MANUALE IN PIANO (Titolo VI D. Lgs. 9 aprile 2008, n. 81 come modificato da D. Lgs. 106/09) Azienda: Azienda SPA

Dettagli

Esercitazione 5 Dinamica del punto materiale

Esercitazione 5 Dinamica del punto materiale Problema 1 Un corpo puntiforme di massa m = 1.0 kg viene lanciato lungo la superficie di un cuneo avente un inclinazione θ = 40 rispetto all orizzontale e altezza h = 80 cm. Il corpo viene lanciato dal

Dettagli

SCHEMA ANALISI ERGONOMICA

SCHEMA ANALISI ERGONOMICA SCHEMA ANALISI ERGONOMICA CODICE DELLA POSTAZIONE DI LAVORO N DI MAPPA AZIENDALE COGNOME E NOME SESSO..M F... DATA DI NASCITA.DATA DI ASSUNZIONE MANSIONE. ATTIVITA' SVOLTA REPARTO. ORE DI LAVORO AL GIORNO.ORE

Dettagli

DVR. MOVIMENTAZIONE MANUALE DEI CARICHI VALUTAZIONE SOLLEVAMENTO SEMPLICE (Titolo VI D. Lgs. 9 aprile 2008, n. 81) Azienda: Azienda SPA

DVR. MOVIMENTAZIONE MANUALE DEI CARICHI VALUTAZIONE SOLLEVAMENTO SEMPLICE (Titolo VI D. Lgs. 9 aprile 2008, n. 81) Azienda: Azienda SPA DVR MOVIMENTAZIONE MANUALE DEI CARICHI VALUTAZIONE SOLLEVAMENTO SEMPLICE (Titolo VI D. Lgs. 9 aprile 2008, n. 81) Azienda: Azienda SPA Indirizzo: via sede legale, 9 Città: Milano 1. PREMESSA Il D. Lgs.

Dettagli

Compiti e obblighi del Medico Competente

Compiti e obblighi del Medico Competente DIPARTIMENTO DI SANITA PUBBLICA AREA DIPARTIMENTALE MONTAGNA U.O.C. Prevenzione e Sicurezza negli Ambienti di Lavoro Il ruolo degli RLS nella prevenzione dei rischi di natura ergonomica e da sovraccarico

Dettagli

Verifica sperimentale del principio di conservazione dell'energia meccanica totale

Verifica sperimentale del principio di conservazione dell'energia meccanica totale Scopo: Verifica sperimentale del principio di conservazione dell'energia meccanica totale Materiale: treppiede con morsa asta millimetrata treppiede senza morsa con due masse da 5 kg pallina carta carbone

Dettagli

rischi di natura infortunistica e correlati all igiene del lavoro per il personale di cucina

rischi di natura infortunistica e correlati all igiene del lavoro per il personale di cucina rischi di natura infortunistica e correlati all igiene del lavoro per il personale di cucina Corso CUOCO Centro Studi La Base Via dei Pucci, 11 -Firenze Relatore: Geom. Enrico Clarelli www.geoclarelli.it

Dettagli

LA GESTIONE DEL RISCHIO DA SOVRACCARICO BIOMECCANICO IN UNA AZIENDA SANITARIA. Ing. Emiliano Bazzan Responsabile Servizio Prevenzione e Protezione

LA GESTIONE DEL RISCHIO DA SOVRACCARICO BIOMECCANICO IN UNA AZIENDA SANITARIA. Ing. Emiliano Bazzan Responsabile Servizio Prevenzione e Protezione LA GESTIONE DEL RISCHIO DA SOVRACCARICO BIOMECCANICO IN UNA AZIENDA SANITARIA Ing. Emiliano Bazzan Responsabile Servizio Prevenzione e Protezione PREMESSA LA PROBLEMATICA IN DISCUSSIONE NELL INCONTRO E

Dettagli

PROCEDURA DI SICUREZZA 1. MOVIEMENTAZIONE MANUALE DEI CARICHI: RISCHI E MISURE DI PREVENZIONE

PROCEDURA DI SICUREZZA 1. MOVIEMENTAZIONE MANUALE DEI CARICHI: RISCHI E MISURE DI PREVENZIONE SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE DAI RISCHI Pagina 1 di 6 PROCEDURA DI SICUREZZA 1. MOVIEMENTAZIONE MANUALE DEI CARICHI: RISCHI E MISURE DI PREVENZIONE 2. Revisione numero Data emissione e/o ultima

Dettagli

Movimentazione Manuale dei Carichi. Normativa e documenti di riferimento. Definizioni

Movimentazione Manuale dei Carichi. Normativa e documenti di riferimento. Definizioni Rev. 0 del 22/10/2010 Ravenna/Lugo/Faenza Aprile/Maggio 2015 Normativa e documenti di riferimento D.Lgs. 81/08: Attuazione dell'articolo 1 della legge 3 agosto 2007, n. 123, in materia di tutela della

Dettagli

ORIENTAMENTI PER LA ADEGUATA PROGETTAZIONE E SISTEMAZIONE DEI POSTI DI LAVORO AL FINE DI CONTENERE IL RISCHIO DI POSTURE INCONGRUE

ORIENTAMENTI PER LA ADEGUATA PROGETTAZIONE E SISTEMAZIONE DEI POSTI DI LAVORO AL FINE DI CONTENERE IL RISCHIO DI POSTURE INCONGRUE ALLEGATO 1/g ORIENTAMENTI PER LA ADEGUATA PROGETTAZIONE E SISTEMAZIONE DEI POSTI DI LAVORO AL FINE DI CONTENERE IL RISCHIO DI POSTURE INCONGRUE Al fine di lavorare in posizioni corrette (degli arti superiori

Dettagli

Mozzarelle ADDETTO ALLA GESTIONE DELLA MACCHINA IMPASTATRICE ADDETTO ALLA GESTIONE DELLA MACCHINA IMPASTATRICE

Mozzarelle ADDETTO ALLA GESTIONE DELLA MACCHINA IMPASTATRICE ADDETTO ALLA GESTIONE DELLA MACCHINA IMPASTATRICE Matteo Martini Storia dell azienda L azienda nasce nel 1920 e nel corso degli anni ha aumentato la gamma dei prodotti: alla produzione di crescenze e stracchini (anni '60) si è aggiunta quella di robiole

Dettagli

Il rischio da sovraccarico biomeccanico in agricoltura: dalla valutazione del rischio alle misure di prevenzione e buone prassi ergonomiche

Il rischio da sovraccarico biomeccanico in agricoltura: dalla valutazione del rischio alle misure di prevenzione e buone prassi ergonomiche AZIENDA ULSS 20 - VERONA Il rischio da sovraccarico biomeccanico in agricoltura: dalla valutazione del rischio alle misure di prevenzione e buone prassi ergonomiche A cura di: Manuela Peruzzi, Mario Gobbi,

Dettagli

CONSERVAZIONE DELL ENERGIA MECCANICA

CONSERVAZIONE DELL ENERGIA MECCANICA CONSERVAZIONE DELL ENERGIA MECCANICA L introduzione dell energia potenziale e dell energia cinetica ci permette di formulare un principio potente e universale applicabile alla soluzione dei problemi che

Dettagli

SCHEDA TECNICA N 16 AZOTO LIQUIDO

SCHEDA TECNICA N 16 AZOTO LIQUIDO SCHEDA TECNICA N 16 AZOTO LIQUIDO SERVIZIO PREVENZIONE E PROTEZIONE AZIENDALE V I A A L B E R T O N I, 1 5-4 0 1 3 8 B O L O G N A 0 5 1. 6 3. 6 1. 1 3 7 - FA X 0 5 1. 6 3. 6 1. 1 4 5 E-mail: spp@aosp.bo.it

Dettagli

Gara per la fornitura del Servizio di Ristorazione Collettiva ALLEGATO 4 (AL CAPITOLATO DI GESTIONE)

Gara per la fornitura del Servizio di Ristorazione Collettiva ALLEGATO 4 (AL CAPITOLATO DI GESTIONE) ALLEGATO 4 (AL CAPITOLATO DI GESTIONE) SPECIFICHE TECNICHE RELATIVE ALLE MODALITA' OPERATIVE PER L'EFFETTUAZIONE DEL SERVIZIO Allegato 4 al Capitolato di gestione Capitolato di gestione Pagina 1 di 7 SOMMARIO

Dettagli

Tecniche di approvvigionamento

Tecniche di approvvigionamento Tecniche di approvvigionamento Scelta del fornitore È certamente opportuno non avere un unica fonte di approvvigionamento, ma più aziende fornitrici (due o tre al massimo) a cui rivolgersi in base all

Dettagli

L ambiente come elemento di rischio

L ambiente come elemento di rischio 13 marzo 2013 L ambiente come elemento di rischio Giorgio Zecchi Servizio PSAL Azienda USL di Reggio Emilia L ambiente come elemento di rischio - postazioni di lavoro non ergonomiche - spazi liberi di

Dettagli

S.I.A.N. Servizi di Igiene Alimenti e Nutrizione delle Aziende U.L.S.S. del Veneto Ottobre 2013

S.I.A.N. Servizi di Igiene Alimenti e Nutrizione delle Aziende U.L.S.S. del Veneto Ottobre 2013 S.I.A.N. Servizi di Igiene Alimenti e Nutrizione delle Aziende U.L.S.S. del Veneto Ottobre 2013 Gli obiettivi Fornire uno strumento per definire, migliorare, ed uniformare i sistemi di ristorazione dedicati

Dettagli

CONSERVAZIONE DELL'ENERGIA MECCANICA esercizi risolti Classi terze L.S.

CONSERVAZIONE DELL'ENERGIA MECCANICA esercizi risolti Classi terze L.S. CONSERVAZIONE DELL'ENERGIA MECCANICA esercizi risolti Classi terze L.S. In questa dispensa verrà riportato lo svolgimento di alcuni esercizi inerenti il principio di conservazione dell'energia meccanica,

Dettagli

SICUREZZA GUIDA PRATICA SULLE VERIFICHE PERIODICHE DELLE ATTREZZATURE DI SOLLEVAMENTO

SICUREZZA GUIDA PRATICA SULLE VERIFICHE PERIODICHE DELLE ATTREZZATURE DI SOLLEVAMENTO SICUREZZA GUIDA PRATICA SULLE VERIFICHE PERIODICHE DELLE ATTREZZATURE DI SOLLEVAMENTO Il datore di lavoro deve provvedere affinché le attrezzature di lavoro la cui sicurezza dipende dalle condizioni di

Dettagli

Mezzo utilizzato: autogrù

Mezzo utilizzato: autogrù Procedure per la movimentazione delle billette nelle fasi di scarico dai mezzi di trasporto e per l alimentazione delle linee di forgiatura/stampaggio. La lavorazione riferita alla movimentazione dei fasci

Dettagli

a cura di ENRICO OCCHIPINTI

a cura di ENRICO OCCHIPINTI INTRODUZIONE AL SEMINARIO Idoneità per i lavoratori esposti a sovraccarico biomeccanico del rachide : il punto di vista dell'epm a cura di ENRICO OCCHIPINTI Unità di ricerca epm Ergonomia della Postura

Dettagli

MOVIMENTI RIPETUTI DEL SEGMENTO MANO-BRACCIO E SINDROME DEL TUNNEL CARPALE: ANALISI DI DUE CASI AZIENDALI

MOVIMENTI RIPETUTI DEL SEGMENTO MANO-BRACCIO E SINDROME DEL TUNNEL CARPALE: ANALISI DI DUE CASI AZIENDALI MOVIMENTI RIPETUTI DEL SEGMENTO MANO-BRACCIO E SINDROME DEL TUNNEL CARPALE: ANALISI DI DUE CASI AZIENDALI RELATORE : PROF. DOTT. LUCA MARIA NERI STUDIO TECNICO PROF. NERI s.r.l. Via Borghi Mamo N. 15-40137

Dettagli

ISTRUZIONE PER L ESECUZIONE IN SICUREZZA DI SPOSTAMENTI PARTICOLARI CON CARROPONTE (GROSSE LAMIERE)

ISTRUZIONE PER L ESECUZIONE IN SICUREZZA DI SPOSTAMENTI PARTICOLARI CON CARROPONTE (GROSSE LAMIERE) RISCHI SPECIFICI DELLA LAVORAZIONE Talvolta è necessario spostare GROSSE LAMIERE con il carroponte. I principali rischi durante queste operazioni sono: Possibile caduta dei carichi pesanti (lamiere) durante

Dettagli

Progettazione di posto di lavoro con impiego di INDEVA - Intelligent DEVice for handling. Read more on www.indevagroup.com

Progettazione di posto di lavoro con impiego di INDEVA - Intelligent DEVice for handling. Read more on www.indevagroup.com Progettazione di posto di lavoro con impiego di INDEVA - Intelligent DEVice for handling Read more on www.indevagroup.com Movimentazione manuale dei carichi Le attività di movimentazione manuale dei carichi

Dettagli

La movimentazione manuale dei carichi

La movimentazione manuale dei carichi ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE "EINSTEIN" Torino (TO) La movimentazione manuale dei carichi Note informative per la sicurezza e la salute sul lavoro Decreto Legislativo n. 9 aprile 2008 n. 81 Procedura

Dettagli

LA VALUTAZIONE DEI RISCHI nelle industrie estrattive

LA VALUTAZIONE DEI RISCHI nelle industrie estrattive IL NUOVO TESTO UNICO sulla SICUREZZA del LAVORO LA VALUTAZIONE DEI RISCHI nelle industrie estrattive G. Luzzana - S. Piazzolla E. Arsuffi A. Angeretti SERVIZIO PREVENZIONE E SICUREZZA NEGLI AMBIENTI DI

Dettagli

Forze come grandezze vettoriali

Forze come grandezze vettoriali Forze come grandezze vettoriali L. Paolucci 23 novembre 2010 Sommario Esercizi e problemi risolti. Per la classe prima. Anno Scolastico 2010/11 Parte 1 / versione 2 Si ricordi che la risultante di due

Dettagli

Impianti a disco con spaccalegna integrato

Impianti a disco con spaccalegna integrato 89, Envie (CN) 077 - Fax +39 0175 278421 - info@pezzolato.it www.pezzolato.it Impianti a disco con spaccalegna integrato Macchine professionali per la produzione di legna da ardere REDLINE TLC 1000 1100

Dettagli

INDICE 1. SCOPO 3 2. CAMPO DI APPLICAZIONE 3 3. DEFINIZIONI 3 4. MODALITÀ OPERATIVE 3 5. SICUREZZA MAGAZZINO 6 6. RESPONSABILITÀ 7 7.

INDICE 1. SCOPO 3 2. CAMPO DI APPLICAZIONE 3 3. DEFINIZIONI 3 4. MODALITÀ OPERATIVE 3 5. SICUREZZA MAGAZZINO 6 6. RESPONSABILITÀ 7 7. Foglio 2 di 8 INDICE 1. SCOPO 3 2. CAMPO DI APPLICAZIONE 3 3. DEFINIZIONI 3 3.1. Abbreviazioni 3 4. MODALITÀ OPERATIVE 3 4.1. Controlli in ingresso 3 4.2. Gestione del magazzino e delle aree di stoccaggio

Dettagli

IL METODO OCRA Per la valutazione dei rischi da movimenti ripetitivi per gli arti superiori

IL METODO OCRA Per la valutazione dei rischi da movimenti ripetitivi per gli arti superiori 2008 IL METODO OCRA Per la valutazione dei rischi da movimenti ripetitivi per gli arti superiori Manuale teorico pratico professionale sul più diffuso metodo di analisi per la valutazione del rischio CTD

Dettagli

Corso di formazione valido come Aggiornamento Per RSPP/ASPP e DdL-RSPP di tutti i macrosettori ATECO RLS CORSI DI ERGONOMIA:

Corso di formazione valido come Aggiornamento Per RSPP/ASPP e DdL-RSPP di tutti i macrosettori ATECO RLS CORSI DI ERGONOMIA: Corso di formazione valido come Aggiornamento Per RSPP/ASPP e DdL-RSPP di tutti i macrosettori ATECO RLS CORSI DI ERGONOMIA: TRAINO E SPINTA METODO NIOSH METODO OCRA 24 CREDITI (8 crediti ogni modulo)

Dettagli

SCHEDA TECNICA MODULO H40 CASSAFORMA IN POLIPROPILENE RIGENERATO PER LA REALIZZAZIONE DI VESPAI VENTILATI

SCHEDA TECNICA MODULO H40 CASSAFORMA IN POLIPROPILENE RIGENERATO PER LA REALIZZAZIONE DI VESPAI VENTILATI SCHEDA TECNICA MODULO H40 CASSAFORMA IN POLIPROPILENE RIGENERATO PER LA REALIZZAZIONE DI VESPAI VENTILATI 3 2 - Consumo di Cls a raso sommità modulo m 0,056 x m - Passaggio tubazioni n 1 max 29 cm - Passaggio

Dettagli

NOTA INFORMATIVA SUI RISCHI RELATIVA ALLA STAZIONE DI TRASFERIMENTO DI SASSUOLO

NOTA INFORMATIVA SUI RISCHI RELATIVA ALLA STAZIONE DI TRASFERIMENTO DI SASSUOLO PAG. 1 DI 5 NOTA INFORMATIVA SUI RISCHI RELATIVA ALLA STAZIONE DI TRASFERIMENTO DI SASSUOLO APPENDICE A1 RISCHI PRESENTI NELLE AREE DELL IMPIANTO DI TRASFERIMENTO RIFIUTI INDICE 1 RISCHI LEGATI ALL AMBIENTE

Dettagli

La movimentazione manuale dei carichi

La movimentazione manuale dei carichi CORSO DI FORMAZIONE La valutazione dei rischi secondo le procedure standardizzate La movimentazione manuale dei carichi (Titolo VI e allegato XXXIII DLgs 81/2008) Rovigo. 19 aprile 2013 Dott.ssa Valeria

Dettagli

CONOSCERE LA CELIACHIA

CONOSCERE LA CELIACHIA CONOSCERE LA CELIACHIA Igiene e sicurezza alimentare in cucina: procedure e punti chiave per produrre pasti senza glutine Servizio Igiene degli Alimenti e della Nutrizione DSP - Azienda USL di Modena 24

Dettagli

ATTREZZATURE PER IL SOLLEVAMENTO (SC) COSE E PERSONE (SP)

ATTREZZATURE PER IL SOLLEVAMENTO (SC) COSE E PERSONE (SP) ATTREZZATURE PER IL SOLLEVAMENTO (SC) COSE E PERSONE (SP) Si classificano in : Gruppo SC - Apparecchi di sollevamento materiali non azionati a mano ed idroestrattori a forza centrifuga a) Apparecchi mobili

Dettagli

News 03 - TU SICUREZZA DLGS 81/08

News 03 - TU SICUREZZA DLGS 81/08 News 03 - TU SICUREZZA DLGS 81/08 Le pagine seguenti sono un sintetico commento al Decreto Legislativo 9 aprile 2008, n, 81 (S.O. 108 alla G.U. 101 del 30 aprile 2008), noto come "Testo Unico in materia

Dettagli

Forze, leggi della dinamica, diagramma del. 28 febbraio 2009 (PIACENTINO - PREITE) Fisica per Scienze Motorie

Forze, leggi della dinamica, diagramma del. 28 febbraio 2009 (PIACENTINO - PREITE) Fisica per Scienze Motorie Forze, leggi della dinamica, diagramma del corpo libero 1 FORZE Grandezza fisica definibile come l' agente in grado di modificare lo stato di quiete o di moto di un corpo. Ci troviamo di fronte ad una

Dettagli

Percezione e valutazione del rischio da sollevamento, trasporto, traino e spinta

Percezione e valutazione del rischio da sollevamento, trasporto, traino e spinta Trieste, 28 settembre 2011 Percezione e valutazione del rischio da sollevamento, trasporto, traino e spinta INAIL F.V.G. CONTARP Maria Angela Gogliettino D. Lgs.. 81/2008 (mod. 106/2009) Art. 15, c. 1

Dettagli

COMMERCIO AL MINUTO, ALL INGROSSO, AL DETTAGLIO DI CARNI FRESCHE E PRODOTTI ITTICI (MOD. A1 A1 BIS DISTRIBUTORI - A1 TER)

COMMERCIO AL MINUTO, ALL INGROSSO, AL DETTAGLIO DI CARNI FRESCHE E PRODOTTI ITTICI (MOD. A1 A1 BIS DISTRIBUTORI - A1 TER) RELAZIONE TECNICA da allegare a NOTIFICA/COMUNICAZIONE con modelli A1 A1 BIS DISTRIBUTORI A1 TER Denominazione della Ditta Sede legale Indirizzo dell attività Descrizione dettagliata dell attività svolta:

Dettagli

GESTIONE DI ALCUNI SERVIZI DELLA BIBLIOTECA COMUNALE Durata: 2 anni dalla data di sottoscrizione del contratto

GESTIONE DI ALCUNI SERVIZI DELLA BIBLIOTECA COMUNALE Durata: 2 anni dalla data di sottoscrizione del contratto Allegato 3 COMUNE DI BORGO SAN LORENZO DOCUMENTO UNICO DELLA VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZE Decreto Legislativo 9 aprile 2008 n. 81, art. 26 GESTIONE DI ALCUNI SERVIZI DELLA BIBLIOTECA COMUNALE

Dettagli

LE VERIFICHE PERIODICHE DELLE ATTREZZATURE DI LAVORO

LE VERIFICHE PERIODICHE DELLE ATTREZZATURE DI LAVORO LE VERIFICHE PERIODICHE DELLE ATTREZZATURE DI LAVORO Lo scopo di questa nota, di tipo strettamente informativo, assolve all'esigenza propria dell'ente pubblico, di portare a conoscenza il Datore di Lavoro

Dettagli

Esempio di redazione DVR in uno studio professionale legale

Esempio di redazione DVR in uno studio professionale legale Esempio di redazione DVR in uno studio professionale legale Contesto di riferimento ipotizzato: studio professionale legale del Dott. X con due lavoratori dipendenti (Sig. A e Sig.ra B) e due praticanti

Dettagli

Manuale HACCP Per la Ditta UPEA

Manuale HACCP Per la Ditta UPEA Manuale HACCP Per la Ditta UPEA Capo D Orlando Novembre 2003 Edizione I/ Rev. 0 Indice 1. Premessa pag. 2 2. Presentazione ditta e descrizione locali 4 3. Schema 1 - Documentazione tecnica 6 4. Formazione

Dettagli

PER SE SIETE IN POSSESSO DI ATTREZZATURE SOGGETTE A VERIFICHE PERIODICHE, CONSULTATE L ALLEGATO VII DEL D.LGS. 81/08 E S.M.I. vedi link Allegato VII

PER SE SIETE IN POSSESSO DI ATTREZZATURE SOGGETTE A VERIFICHE PERIODICHE, CONSULTATE L ALLEGATO VII DEL D.LGS. 81/08 E S.M.I. vedi link Allegato VII Spett.le AZIENDA CLIENTE OGGETTO: informativa sicurezza n. 05/12 Data: 31/01/2012 Ulteriore proroga sulla disciplina delle modalità di esecuzione delle verifiche periodiche delle attrezzature di lavoro,

Dettagli

LA MOVIMENTAZIONE E LO STOCCAGGIO DEI MATERIALI

LA MOVIMENTAZIONE E LO STOCCAGGIO DEI MATERIALI LA MOVIMENTAZIONE E LO STOCCAGGIO DEI MATERIALI a cura di Marialuisa Diodato SERVIZIO PREVENZIONE E PROTEZIONE V IA A LBERTONI, 15-40138 BOLOGNA! 051.63.61.371-FAX 051.63.61.358 E-mail: spp@aosp.bo.it

Dettagli

CANDIDATO: Alessandro Franchini RELATORE: Paolo Trosani

CANDIDATO: Alessandro Franchini RELATORE: Paolo Trosani CANDIDATO: Alessandro Franchini RELATORE: Paolo Trosani I disturbi al rachide costituiscono in tutto il mondo la principale causa di assenze dal lavoro, ripercuotendosi in elevatissimi costi sociali. Il

Dettagli

TABELLE DIETETICHE PER LA REFEZIONE SCOLASTICA

TABELLE DIETETICHE PER LA REFEZIONE SCOLASTICA Lotto n. 1 Allegato B TABELLE DIETETICHE PER LA REFEZIONE SCOLASTICA Fasce d età considerate Scuola dell infanzia ANNI 2,5-5,5 Scuola elementare 5,5-10,5 Scuola media * 10,5-14,5 * Nella fascia di età

Dettagli

AGGIORNAMENTO DOCUMENTO VALUTAZIONE DEI RISCHI U.O.I.A.N. DIPARTIMENTO SANITA PUBBLICA

AGGIORNAMENTO DOCUMENTO VALUTAZIONE DEI RISCHI U.O.I.A.N. DIPARTIMENTO SANITA PUBBLICA AGGIORNAMENTO DOCUMENTO VALUTAZIONE DEI RISCHI U.O.I.A.N. DIPARTIMENTO SANITA PUBBLICA Il Servizio Igiene degli Alimenti si prefigge la sicurezza igienico-sanitaria degli alimenti, delle bevende e dell'acqua

Dettagli

COMUNE DI RUDA Provincia di Udine * * *

COMUNE DI RUDA Provincia di Udine * * * COMUNE DI RUDA Provincia di Udine * * * Allegato 9 Documento unico di valutazione dei rischi derivanti da attività affidate ad imprese appaltatrici o a lavoratori autonomi, ai sensi del D.Lgs. 81/2008

Dettagli

Argomento Evacuatori Fumo e Calore Norma UNI 9494-2: 2012 SEFFC

Argomento Evacuatori Fumo e Calore Norma UNI 9494-2: 2012 SEFFC Dipartimento di Ingegneria Civile e Industriale «Scienza e Tecnica della Prevenzione Incendi» A.A. 2014-2015 Argomento Evacuatori Fumo e Calore Norma UNI 9494-2: 2012 SEFFC Docente NICOLA MAROTTA nicola.marotta@dic.unipi.it

Dettagli

Galileo Assistenza & Post Vendita

Galileo Assistenza & Post Vendita Galileo Assistenza & Post Vendita SOMMARIO PRESENTAZIONE... 2 AREE DI INTERESSE... 2 PUNTI DI FORZA... 2 Caratteristiche... 3 Funzioni Svolte... 4 ESEMPI.7-1 - PRESENTAZIONE Sempre più spesso ci si riferisce

Dettagli

Nuova edificazione in prossimità di un elettrodotto esistente

Nuova edificazione in prossimità di un elettrodotto esistente tel. 055.32061 - fax 055.5305615 PEC: arpat.protocollo@postacert.toscana.it p.iva 04686190481 Nuova edificazione in prossimità di un elettrodotto esistente Guida pratica per le informazioni sulle fasce

Dettagli

Nello specifico esiste la norma specifica UNI ISO 9927-1. 4

Nello specifico esiste la norma specifica UNI ISO 9927-1. 4 Oggetto: D.Lgs 81/08 Verifiche ed ispezione approfondita sugli apparecchi di sollevamento- interpretazione del Decreto e delle Norme attinenti. Competenze esclusive dell Ingegnere. In riferimento al Decreto

Dettagli

GLI ASPETTI SANITARI DEL RISCHIO CHIMICO E BIOLOGICO BENEVENTO 30 NOVEMBRE 2010 DOTT. FRANCO PALLOTTA

GLI ASPETTI SANITARI DEL RISCHIO CHIMICO E BIOLOGICO BENEVENTO 30 NOVEMBRE 2010 DOTT. FRANCO PALLOTTA GLI ASPETTI SANITARI DEL RISCHIO CHIMICO E BIOLOGICO BENEVENTO 30 NOVEMBRE 2010 DOTT. FRANCO PALLOTTA Titolo IX Sostanze Pericolose Capo I Protezione da Agenti Chimici Il rischio infortuni è da ricondurre

Dettagli

Gara per la fornitura del servizio di ristorazione per le mense obbligatorie di servizio per il personale della Polizia Penitenziaria

Gara per la fornitura del servizio di ristorazione per le mense obbligatorie di servizio per il personale della Polizia Penitenziaria ALLEGATO 4 AL CAPITOLATO SPECIFICHE TECNICHE RELATIVE ALLE MODALITA OPERATIVE PER L EFFETTUAZIONE DEL SERVIZIO SOMMARIO 1 - Stoccaggio delle derrate 2 - Tecnologie di manipolazione e di cottura 3 - Operazioni

Dettagli

1 PREMESSA pag. 2. 2 CALCOLO IDRAULICO pag. 2. 3 CALCOLO DELLA PORTATA DEGLI SCARICHI REFLUI URBANI.. pag. 2

1 PREMESSA pag. 2. 2 CALCOLO IDRAULICO pag. 2. 3 CALCOLO DELLA PORTATA DEGLI SCARICHI REFLUI URBANI.. pag. 2 1 PREMESSA pag. 2 2 CALCOLO IDRAULICO pag. 2 3 CALCOLO DELLA PORTATA DEGLI SCARICHI REFLUI URBANI.. pag. 2 4 ANALISI DEL MOVIMENTO DELLE ACQUE METEORICHE pag. 3 5 CALCOLO STATICO pag. 4 6 VERIFICA IDRAULICA

Dettagli

D.Lgs. 81/08 Titolo III Capo III

D.Lgs. 81/08 Titolo III Capo III D.Lgs. 81/08 Titolo III Capo III Gli Impianti e le Apparecchiature Elettriche RELATORI: Dr. Nicola CARRIERO Dr. Carmineraffaele ROSELLI Art. 80 comma 1 IL Datore di Lavoro provvede affinchè i materiali

Dettagli

DIPARTIMENTO FORMAZIONE SICUREZZA INTEGRATA

DIPARTIMENTO FORMAZIONE SICUREZZA INTEGRATA ESTRATTO DAL DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI PIANO OPERATIVO DI SICUREZZA DEL CORSO DI FORMAZIONE PER ADDETTI ALLA CONDUZIONE DI GRU A TORRE 1. OGGETTO DELL INTERVENTO 1.1. DESCRIZIONE DELL INTERVENTO

Dettagli

Servizio Sala Bar Ai Piani

Servizio Sala Bar Ai Piani Servizio Sala Bar Ai Piani 1. COMPARTO: ALBERGHIERO 2. FASE DI LAVORAZIONE: SERVIZIO AI PIANI BAR - SALA 3. COD.INAIL: 4. FATTORE DI RISCHIO: STRUTTURE MACCHINE IMPIANTI ELETTRICI 5. CODICE DI RISCHIO

Dettagli

ESEMPIO DI STAMPA DVR. VALUTAZIONE RISCHIO DA MOVIMENTI RIPETUTI DEGLI ARTI SUPERIORI (Titolo VI D. Lgs. 9 aprile 2008, n. 81 e s.m.i.

ESEMPIO DI STAMPA DVR. VALUTAZIONE RISCHIO DA MOVIMENTI RIPETUTI DEGLI ARTI SUPERIORI (Titolo VI D. Lgs. 9 aprile 2008, n. 81 e s.m.i. DVR VALUTAZIONE RISCHIO DA MOVIMENTI RIPETUTI DEGLI ARTI SUPERIORI (Titolo VI D. Lgs. 9 aprile 008, n. 81 e s.m.i.) VALUTAZIONE CON CHECKLIST OCRA Azienda: Azienda SPA Indirizzo: Via Roma, 1 Città: Milano

Dettagli

GUIDA APPLICATIVA BS OHSAS 18001:2007

GUIDA APPLICATIVA BS OHSAS 18001:2007 5 Febbraio 2009 Sicurezza e Salute sul Lavoro nel mondo delle costruzioni. Le responsabilità derivanti dal nuovo Testo Unico e i vantaggi di un sistema di gestione certificato secondo la norma OHSAS 18001:2007

Dettagli

Lavaggio interoperazionale e di finitura pre e post nitrurazione: l esperienza di Brevini

Lavaggio interoperazionale e di finitura pre e post nitrurazione: l esperienza di Brevini L opinione dell utilizzatore Lavaggio interoperazionale e di finitura pre e post nitrurazione: l esperienza di Brevini Adello Negrini Tra i primi nel mondo Il gruppo Brevini Power Transmission, composto

Dettagli

ALCUNE CONSIDERAZIONE PRATICHE ED OPERATIVE PER LA TUTELA DELLA SALUTE E SICUREZZA NELLE PALESTRE E NELLE PISCINE

ALCUNE CONSIDERAZIONE PRATICHE ED OPERATIVE PER LA TUTELA DELLA SALUTE E SICUREZZA NELLE PALESTRE E NELLE PISCINE ALCUNE CONSIDERAZIONE PRATICHE ED OPERATIVE PER LA TUTELA DELLA SALUTE E SICUREZZA NELLE PALESTRE E NELLE PISCINE Pag. 1 di 15 D.Lgs. 81/08 aggiornato con il D.Lgs. 106/09 TIT II LUOGHI DI LAVORO PALESTRE

Dettagli

106 13.1.2010 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 2. Allegato A

106 13.1.2010 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 2. Allegato A 106 13.1.2010 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 2 Allegato A LINEE DI INDIRIZZO PER IL CONTROLLO UFFICIALE DELLE IMPRESE ALIMENTARI SOGGETTE A REGISTRAZIONE AI SENSI DEL REGOLAMENTO EMANATO

Dettagli

Il corretto posizionamento in sella (oltre alle misure.) di Giuseppe De Servi

Il corretto posizionamento in sella (oltre alle misure.) di Giuseppe De Servi Il corretto posizionamento in sella (oltre alle misure.) di Come già accennato in precedenza per avere un buon rendimento a livello di prestazione atletica e di comodità in sella è necessario assumere

Dettagli

CORSO BASE SULLA SALUTE E SICUREZZA SUI LUOGHI DI LAVORO

CORSO BASE SULLA SALUTE E SICUREZZA SUI LUOGHI DI LAVORO LICEO SCIENTIFICO BERTRAND RUSSELL CLES (Tn) CORSO BASE SULLA SALUTE E SICUREZZA SUI LUOGHI DI LAVORO Modulo 4: Lavoro al Video Terminale secondo il D.Lgs. 81/2008 s.m. e l Accordo della Conferenza Stato-Regioni

Dettagli

Stress - Panorama legislativo

Stress - Panorama legislativo Lo Stress lavoro-correlato La valutazione del rischio stress lavoro correlato Stress - Panorama legislativo Accordo- quadro Europeo 8 ottobre 2004 Art. 28 del D.Lgs. n.81/2008 Valutazione del rischio stress

Dettagli