LA GESTIONE DEL PERSONALE ALL ESTERO: TIPOLOGIE E MODALITÀ DI ASSEGNAZIONE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "LA GESTIONE DEL PERSONALE ALL ESTERO: TIPOLOGIE E MODALITÀ DI ASSEGNAZIONE"

Transcript

1 LA GESTIONE DEL PERSONALE ALL ESTERO: TIPOLOGIE E MODALITÀ DI ASSEGNAZIONE 1

2 LA GESTIONE DEL PERSONALE ALL ESTERO: TIPOLOGIE E MODALITÀ DI ASSEGNAZIONE TIPOLOGIE DI ASSEGNAZIONE ALL ESTERO: LA TRASFERTA 2

3 TIPOLOGIE DI ASSEGNAZIONE ALL ESTERO: LA TRASFERTA Trasferta: MUTAMENTO TEMPORANEO DEL LUOGO DELLA PRESTAZIONE LAVORATIVA CON PREVISIONE CERTA DI RIENTRO nella sede di lavoro originaria ESIGENZE di servizio TRANSITORIE E CONTINGENTI ELEMENTI CARATTERISTICI della TRASFERTA: temporaneità; disposizione unilaterale del datore di lavoro; svolgimento dell'attività lavorativa sotto la direzione del datore di lavoro; indennità di trasferta. 3

4 TIPOLOGIE DI ASSEGNAZIONE ALL ESTERO: LA TRASFERTA TEMPORANEITÀ della PERMANENZA nessuna indicazione legislativa; NON DEVE ESSERE DEFINITIVA; deve PERMANERE IL LEGAME FUNZIONALE CON IL NORMALE LUOGO DI LAVORO; la durata può anche non essere preventivamente definita. 4

5 TIPOLOGIE DI ASSEGNAZIONE ALL ESTERO: LA TRASFERTA DISPOSIZIONE UNILATERALE DEL DATORE DI LAVORO La trasferta è eseguita NELL'INTERESSE E SU DISPOSIZIONE UNILATERALE DEL DATORE DI LAVORO È IRRILEVANTE: Il CONSENSO del lavoratore La DISPONIBILITÀ del lavoratore L IDENTITÀ O DIFFORMITÀ delle MANSIONI MERA DISCREZIONALITÀ AZIENDALE nel rispetto di: contratti collettivi di riferimento, dignità del lavoratore (art. 41 Cost.), divieto di atti illeciti o discriminatori(art c.c. e art. 15 Stat. Lav.). FUNZIONALE alle ESIGENZE TECNICHE, ORGANIZZATIVE E PRODUTTIVE dell azienda(art c.c.- principio generale del comportamento secondo correttezza ) 5

6 TIPOLOGIE DI ASSEGNAZIONE ALL ESTERO: LA TRASFERTA DIREZIONE DEL DATORE DI LAVORO lavoratore è soggetto alle DIRETTIVE DEL PROPRIO DATORE DI LAVORO ; nessun rapporto tra il lavoratore e il soggetto presso il quale la prestazione viene resa; POTERE DIRETTIVO INTERAMENTE NELLE MANI DEL DATORE DI LAVORO; INDENNITÀ di TRASFERTA una somma aggiuntiva che va ad affiancare la normale retribuzione ammontare stabilito dal CCNL; COMPONENTE RISARCITORIA + RESIDUALE RETRIBUTIVA. 6

7 TIPOLOGIE DI ASSEGNAZIONE ALL ESTERO: LA TRASFERTA SPESE DOCUMENTABILI di vitto, alloggio, viaggio e trasporto SEMPRE ESENTI TRASFERTE NELL AMBITO COMUNALE l indennità CONCORRE A FORMARE REDDITO TRASFERTE FUORI DALL AMBITO COMUNALE: a)indennità FORFETARIA ESENTE fino a: 46,48 al giorno in ITALIA 77,47 al giorno all ESTERO b) RIMBORSO SPESE ALLOGGIO O VITTO, INDENNITÀ ESENTE fino a: 30,99 al giorno in ITALIA 51,65 al giorno all ESTERO REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO dell INDENNITÀ DI TRASFERTA, art. 51, c. 5, TUIR c) RIMBORSO SPESE ALLOGGIO E VITTO, INDENNITÀ ESENTE fino a: 15,49 al giorno in ITALIA 25,82 al giorno all ESTERO d) NESSUNA INDENNITÀ, ma RIMBORSO SPESE: SPESE DOCUMENTATE totalmente ESENTI ALTRE SPESE NON DOCUMENTABILI ESENTI fino a: 15,49 al giorno in ITALIA 25,82 al giorno all ESTERO 7

8 TIPOLOGIE DI ASSEGNAZIONE ALL ESTERO: LA TRASFERTA TRASFERTISTA lavoratore che si obbliga, espressamente per contratto, nei confronti del datore di lavoro a prestare la propria attività lavorativa in sedi di lavoro sempre diverse INDENNITÀ DI TRASFERTISMO maggiorazione della retribuzione in misura fissa art. 51, co. 6, TUIR le indennità e le maggiorazioni di retribuzione spettanti ai lavoratori tenuti per contratto all espletamento delle attività lavorative in luoghi sempre variabili e diversi SONO ESENTI NELLA MISURA DEL 50%. 8

9 LA GESTIONE DEL PERSONALE ALL ESTERO: TIPOLOGIE E MODALITÀ DI ASSEGNAZIONE TIPOLOGIE DI ASSEGNAZIONE ALL ESTERO: IL TRASFERIMENTO 9

10 TIPOLOGIE DI ASSEGNAZIONE ALL ESTERO: IL TRASFERIMENTO TRASFERIMENTO MUTAMENTO DEFINITIVO DEL LUOGO GEOGRAFICO DELLA PRESTAZIONE LAVORATIVA PRESSO UNA SEDE DIFFERENTE RISPETTO AL LUOGO NORMALE DI LAVORO disposto solitamente nell interesse del datore di lavoro ipotesi di TRASFERIMENTO CONSENSUALE o TRASFERIMENTO SU DOMANDA DEL DIPENDENTE lecito patto di inamovibilità FORMA e CONTENUTO DEL PROVVEDIMENTO DI TRASFERIMENTO forma libera 10

11 TIPOLOGIE DI ASSEGNAZIONE ALL ESTERO: IL TRASFERIMENTO ELEMENTI del TRASFERIMENTO: 1. l'individuazione dell'unità PRODUTTIVA; 2. le GIUSTIFICAZIONI alla base del trasferimento; 3. la NULLITÀ del trasferimento e l IMPUGNAZIONE da parte del lavoratore; 4. PROFILI FISCALI dell INDENNITÀ DI TRASFERIMENTO UNITÀ PRODUTTIVA ogni ARTICOLAZIONE AUTONOMA dell'impresa, IDONEA ad espletare, in tutto o in parte, L'ATTIVITÀ DI PRODUZIONE di beni o di servizi costituente l'oggetto sociale aziendale GIUSTIFICAZIONI alla BASE del TRASFERIMENTO art c.c. -RAGIONI TECNICHE, ORGANIZZATIVE E PRODUTTIVE, SUSSISTENTI al momento in cui viene disposto il trasferimento. - ogni patto contrario è nullo (disciplina 2103 cc inderogabile) -onere della prova incombe sul datore di lavoro 11

12 TIPOLOGIE DI ASSEGNAZIONE ALL ESTERO: IL TRASFERIMENTO NULLITÀ DEL TRASFERIMENTO 1. mancanza di adeguata prova delle ragioni tecniche, organizzative e produttive; 2. durante periodo di mandato per i lavoratori che ricoprano cariche di consiglieri comunali o provinciali (art. 27, L. 816/1985); 3. genitore o familiare lavoratore che assista con continuità un parente o un affine entro il terzo grado disabile (art. 33, co. 5 e 6, L. 104/1992); 4. lavoratrice madre, ovvero, padre, fino al 1 anno di età del bambino(art.56,co.1e2,d.lgs.151/2001); 5. dirigenti sindacali aziendali sino all'anno successivo alla cessazione della carica (art. 22, co. 1, Stat. Lav.); 6. per le specifiche indicazioni della contrattazione collettiva di riferimento. Verificare la presenza di CONTRATTI DI PROSSIMITÀ, in deroga alle disposizione di leggeodelccnl 12

13 TIPOLOGIE DI ASSEGNAZIONE ALL ESTERO: IL TRASFERIMENTO IMPUGNAZIONE del TRASFERIMENTO NULLO 1. CONTESTAZIONE STRAGIUDIZIALE entro 60 GIORNI dalla data di ricezione della comunicazione di trasferimento; 2. Entro i successivi 180 giorni procedere: I) deposito del ricorso nella cancelleria del Tribunale; oppure II) tentativo di conciliazione o arbitrato; Se la conciliazione o l arbitrato vengono rifiutati o non viene raggiunto nessun accordo, decorrono altri 60 giorni in cui è possibile procedere al deposito del ricorso. 13

14 TIPOLOGIE DI ASSEGNAZIONE ALL ESTERO: IL TRASFERIMENTO INDENNITÀ DI TRASFERIMENTO titolo risarcitorio Esenzione del 50% fino a: REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO (art. 51, co. 7, TUIR) 1.549,37 /anno, trasferimenti in ITALIA 4.648,11 /anno, trasferimenti all ESTERO indennità corrisposte per medesimo trasferimento in più annualità, la non concorrenza al reddito vale solo per quelle corrisposte nel primo anno spese per familiari a carico, trasporto di cose, oneri relativi all'eventuale recesso dal contratto di locazione a seguito del trasferimento, se rimborsate e analiticamente documentate, non concorrono a formare il reddito 14

15 LA GESTIONE DEL PERSONALE ALL ESTERO: TIPOLOGIE E MODALITÀ DI ASSEGNAZIONE TIPOLOGIE DI ASSEGNAZIONE ALL ESTERO: IL DISTACCO 15

16 TIPOLOGIE DI ASSEGNAZIONE ALL ESTERO: IL DISTACCO Art. 30, d.lgs. 276/03: 1. L'ipotesi del distacco si configura quando un datore di lavoro, per SODDISFARE UN PROPRIO INTERESSE, pone TEMPORANEAMENTE uno o più lavoratori A DISPOSIZIONE di altro soggetto per l'esecuzione di una determinata attività lavorativa. 2. In caso di distacco IL DATORE DI LAVORO RIMANE RESPONSABILE DEL TRATTAMENTO ECONOMICO E NORMATIVO a favore del lavoratore. 3. Il distacco che comporti un mutamento di mansioni deve avvenire con il consenso del lavoratore interessato. Quando comporti un trasferimento a una unità produttiva sita a più di 50 km da quella in cui il lavoratore è adibito, il distacco può avvenire soltanto per comprovate ragioni tecniche, organizzative, produttive o sostitutive. 16

17 TIPOLOGIE DI ASSEGNAZIONE ALL ESTERO: IL DISTACCO RAPPORTO DI LAVORO TRILATERALE Elementi del DISTACCO PROPRIO : LAVORATORE DISTACCATO DATORE DI LAVORO DISTACCANTE DATORE DI LAVORO DISTACCATARIO TEMPORANEITÀ dello spostamento INTERESSE DEL DATORE DISTACCANTE DISSOCIAZIONE TEMPORANEA tra titolare del rapporto di lavoro e soggetto che usufruisce della prestazione TEMPORANEITÀ dell assegnazione - dipende dalla persistenza dell interesse imprenditoriale - l assegnazione del lavoratore non può essere definitiva 17

18 TIPOLOGIE DI ASSEGNAZIONE ALL ESTERO: IL DISTACCO INTERESSE del datore di lavoro al distacco - deve PROTRARSI PER TUTTA LA DURATA DELL'ASSEGNAZIONE - Min. lav., Circ n. 28, l interesse deve essere SPECIFICO, RILEVANTE, CONCRETO e PERSISTENTE - co. 4 ter, art. 30, D.lgs. 276/03, ipotesi ulteriore: Qualora il distacco di personale avvenga tra aziende che abbiano sottoscritto un CONTRATTO DI RETE DI IMPRESA ( ) l'interesse DELLA PARTE DISTACCANTE SORGE AUTOMATICAMENTE IN FORZA DELL'OPERARE DELLA RETE - Al venire meno dell interesse, il lavoratore distaccato deve rientrare in azienda; - conclusione del distacco per interruzione dell interesse del datore di lavoro non legittima il licenziamento; - onere del datore di lavoro provare l'impossibilità di adibire il dipendente in mansioni diverse da quelle svolte in precedenza. 18

19 TIPOLOGIE DI ASSEGNAZIONE ALL ESTERO: IL DISTACCO DISSOCIAZIONE TEMPORANEA titolare del rapporto di lavoro /soggetto che usufruisce della prestazione OBBLIGHI ECONOMICI E NORMATIVI in capo AL DISTACCANTE; Distaccante resta RESPONSABILE DELLA RETRIBUZIONE del lavoratore, con possibilità di riaddebito. POTERE DISCIPLINARE al DISTACCANTE; POTERE DIRETTIVO al DISTACCATARIO NON deve VENIR MENO il LEGAME ORGANICO lavoratore/datore distaccante, caratterizzato da: responsabilità del distaccante per l assunzione; applicabilità del contratto tra le parti originarie; potere di risolvere il contratto del distaccante; potere del distaccante di determinare la natura dell attività svolta dal lavoratore distaccato, il prodotto finale del lavoro o il servizio da fornire; 19

20 TIPOLOGIE DI ASSEGNAZIONE ALL ESTERO: IL DISTACCO IPOTESI PARTICOLARI DI DISTACCO DISTACCO IMPOPRIO: MANCANZA DI DISSOCIAZIONE TRA TITOLARITÀ DEL POTERE DECISIONALE E TITOLARITÀ DEL RAPPORTO DI LAVORO - SEMPLICE MUTAMENTO LUOGO DI LAVORO e MODALITÀ ESECUTIVE DELL'OBBLIGAZIONE lavorativa assunta, DA ADEMPIERSI A FAVORE DI UN CLIENTE DEL DATORE DI LAVORO; DISTACCO PARZIALE: la prestazione lavorativa viene svolta, in parte, presso il distaccatario, e, per la restante parte, presso il datore di lavoro distaccante; DISTACCO INFRAGRUPPO: tra società legate da rapporti di gruppo o di natura commerciale; l'interesse del distaccante non può essere mai presunto; ASSUNZIONE LOCALE o SOSPENSIONE DEL RAPPORTO DI LAVORO: interruzione rapporto di lavoro originario e costituzione di distinto rapporto di lavoro subordinato con società distaccataria. Alternativa: sospensione del rapporto di lavoro originario e assunzione all'estero del lavoratore. 20

21 LA GESTIONE DEL PERSONALE ALL ESTERO: TIPOLOGIE E MODALITÀ DI ASSEGNAZIONE INVIO DI LAVORATORI ALL ESTERO: AUTORIZZAZIONI E PROCEDURE 21

22 INVIO DI LAVORATORI ALL ESTERO: AUTORIZZAZIONI E PROCEDURE ADEMPIMENTI per l INVIO di LAVORATORI all ESTERO 1. CENTRO PER L IMPIEGO comunicazione telematica, MODELLO UNILAV, del temporaneo o definitivo spostamento del lavoratore. 2. LUL: per TUTTA LA DURATA DELL ASSEGNAZIONE all estero il datore di lavoro è tenuto a compilare il LUL e il RUOLO ESTERO, indicando, tra l'altro 1. data inizio e fine attività all'estero, 2. eventuali interruzioni, 3. Stato di assegnazione, 4. estremi accordi integrativi del contratto di lavoro. 3. ISCRIZIONE ALL AIRE, fatta dal lavoratore. OBBLIGATORIA PER COLORO CHE TRASFERISCONO LA LORO RESIDENZA ALL ESTERO PER PIÙ DI 12 MESI, facoltativa negli altri casi. - servizi consolari - certificati - diritto di voto - carta d identità 22

23 INVIO DI LAVORATORI ALL ESTERO: AUTORIZZAZIONI E PROCEDURE AUTORIZZAZIONE ASSUNZIONE O TRASFERIMENTO LAVORATORI a) INVIO IN PAESI COMUNITARI PRINCIPIO DELLA LIBERA CIRCOLAZIONE (art. 45 TFUE)Unione Europea, Spazio Economico Europeo (Islanda, Liechtenstein e Norvegia) e Svizzera DIRITTO DI: - cercare lavoro in un altro paese dell'ue; - Lavorare e vivere in tale paese senza bisogno di permesso di lavoro; - restarvi anche quando l'attività professionale è giunta a termine; - parità di trattamento RESTRIZIONI PER MOTIVI POLITICI E DI SICUREZZA PUBBLICA, SALUTE PUBBLICA e lavoro nel settore pubblico Ad esempio, i cittadini croati, a causa di un regime transitorio dovuto alla recente entrata della Croazia nell Unione Europea, possono essere soggetti a restrizioni temporanee. 23

24 INVIO DI LAVORATORI ALL ESTERO: AUTORIZZAZIONI E PROCEDURE b) INVIO IN PAESI EXTRACOMUNITARI AUTORIZZAZIONE DA PARTE DEL MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI Apposita procedura on line, iscrizione alla LIE LISTA ITALIANI ALL ESTERO (portale sezione Aziende, voce Lavorare all estero.) DOMANDA PER IL RILASCIO DELL AUTORIZZAZIONE inviata, on line, a: - MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI - INISTERO DEGLI AFFARI ESTERI - DIREZIONE REGIONALE DI LAVORO COMPETENTE contenuto: - Lavoratore/i - Località d invio -impegno ad adempiere agli obblighi exl. n. 398/87 24

25 INVIO DI LAVORATORI ALL ESTERO: AUTORIZZAZIONI E PROCEDURE TEMPI e MODALITÀ DI RILASCIO dell AUTORIZZAZIONE 75 GIORNI dalla presentazione della richiesta; 90 GIORNI se richiesta presentata all estero; Se necessaria integrazione documentazione, il Ministero del Lavoro deve farne richiesta entro 60 giorni ed i termini ricominciano a decorrere dalla data di ricevimento dell istanza regolarizzata o completata. PAESI con CONDIZIONI POLITICHE, SOCIALI, SANITARIE ED ECONOMICHE INCERTE necessario PARERE PREVENTIVO del MINISTERO DEGLI AFFARI ESTERI Esito entro 45 giorni dalla presentazione della richiesta NULLA OSTA della DIREZIONE REGIONALE DEL LAVORO INVIO modello UNILAV. SILENZIO - ASSENSO 25

26 LA GESTIONE DEL PERSONALE DISTACCATO ALL ESTERO: ASPETTI CONTRATTUALI E COMPOSIZIONE DEL PACCHETTO RETRIBUTIVO 26

27 LA GESTIONE DEL PERSONALE DISTACCATO ALL ESTERO: ASPETTI CONTRATTUALI E COMPOSIZIONE DEL PACCHETTO RETRIBUTIVO LA LEGISLAZIONE APPLICABILE AL CONTRATTO 27

28 LA LEGISLAZIONE APPLICABILE AL CONTRATTO DISTACCO ALL ESTERO = INTERNAZIONALITÀ del rapporto di lavoro e della prestazione lavorativa Fondamentale capire QUALE LEGISLAZIONE (tra quella dei diversi Stati coinvolti) SIA APPLICABILE AL RAPPORTO DI LAVORO CONTRASTARE IL FORUM SHOPPING Riferimenti normativi: L. 31 MAGGIO 1995, N. 218 (riforma del SISTEMA ITALIANO DI DIRITTO INTERNAZIONALE PRIVATO) CONVENZIONE DI ROMA DEL 19 GIUGNO 1980 sulla legge applicabile alle obbligazioni contrattuali. 28

29 LA LEGISLAZIONE APPLICABILE AL CONTRATTO PRIMO CRITERIO DI COLLEGAMENTO: LIBERTÀ DI SCELTA DELLE PARTI SCELTA ESPRESSA, o RISULTANTE IN MODO RAGIONEVOLMENTE CERTO DALLE DISPOSIZIONI DEL CONTRATTO, OVVERO DALLE CIRCOSTANZE La LIBERTÀ DI SCEGLIERE non è assoluta. LIMITI: - no pregiudizio alle disposizioni imperative dei paesi coinvolti; - potrà essere data efficacia alle norme imperative di un altro paese con il quale la situazione presenti uno stretto legame; - la convenzione non può impedire l applicazione delle norme in vigore nel paese del giudice; - ordine pubblico del foro. 29

30 LA LEGISLAZIONE APPLICABILE AL CONTRATTO ALTRI CRITERI DI COLLEGAMENTO(art. 57 L 218/1995): laleggedelpaeseincuiillavoratorecompieabitualmenteilsuolavoro; la legge del Paese ove ha SEDE IL DATORE DI LAVORO, se il lavoratore non lavora abitualmente in uno stesso Paese; la legge del Paese con cui il contratto presenti eventualmente un COLLEGAMENTO PIÙ STRETTO, indipendentemente dai criteri di cui sopra. *** Debolezza di una delle parti del contratto = TUTELE SPECIFICHE E ULTERIORI Il lavoratore non può essere privato della protezione assicuratagli dalle norme imperative della legge che, in mancanza di scelta, regolerebbe il contratto. 30

31 LA LEGISLAZIONE APPLICABILE AL CONTRATTO 1. disposizioni limitative dei LICENZIAMENTI AMBITI DI INDEROGABILITÀ: 4. RETRIBUZIONE MINIMA 5. TUTELA PREVIDENZIALE MINIMA 2. diritto al TFR 3. SANZIONI DISCIPLINARI 7. TUTELA SANITARIA 6. ASSICURAZIONE INFORTUNI AMBITI DI APPLICAZIONE NECESSARIA DELLA LEGGE DEL PAESE DI SVOLGIMENTO DELLA PRESTAZIONE LAVORATIVA I. orario di lavoro; I. ferie, festività, permessi; II. igiene e sicurezza sul lavoro; I. congedi. 31

32 LA LEGISLAZIONE APPLICABILE AL CONTRATTO NORME VINCOLANTI di PROTEZIONE MINIMA DA GARANTIRE NEL PAESE ESTERO 1. PERIODI MASSIMI DI LAVORO E PERIODI MINIMI DI RIPOSO; 2. durata minima delle FERIE annuali retribuite; 3. TARIFFE MINIME SALARIALI; 4. CONDIZIONI DI CESSIONE TEMPORANEA DEI LAVORATORI; 5. SICUREZZA, SALUTE E IGIENE SUL LAVORO; 6. Tutela GESTANTI O PUERPERE, BAMBINI E GIOVANI; 7. PARITÀ DI TRATTAMENTO FRA UOMO E DONNA, NON DISCRIMINAZIONE. DIRETTIVA CE 16 DICEMBRE 1996, N. 71 CLAUSOLA DELL ORDINE PUBBLICO valori fondamentali dell ordinamento 32

33 LA GESTIONE DEL PERSONALE DISTACCATO ALL ESTERO: ASPETTI CONTRATTUALI E COMPOSIZIONE DEL PACCHETTO RETRIBUTIVO GLI ASPETTI CONTRATTUALI DEL DISTACCO ALL ESTERO 33

34 GLI ASPETTI CONTRATTUALI DEL DISTACCO ALL ESTERO Responsabilità del TRATTAMENTO ECONOMICO E NORMATIVO datore di lavoro DISTACCANTE Titolarità del POTERE DIRETTIVO datore di lavoro DISTACCATARIO Titolarità del POTERE DISCIPLINARE datore di lavoro DISTACCANTE CESSAZIONE ANTICIPATA DEL DISTACCO: a)venir meno dell interesse b)conseguenza disciplinare PROBLEMA: REINSERIMENTO al lavoro del lavoratore 34

35 GLI ASPETTI CONTRATTUALI DEL DISTACCO ALL ESTERO GESTIONE DEL RAPPORTO DI LAVORO ORARIO DI LAVORO - il lavoratore distaccato potrà essere tenuto a rispettare l articolazione dell orario di lavoro applicata dal datore di lavoro distaccatario; FERIE - gestione economica a cura del datore di lavoro distaccante - gestione organizzativa (modalità di richiesta, periodi di chiusura, ferie collettive) datore di lavoro distaccatario; SEDE DI LAVORO indicata nella lettera di distacco; SICUREZZA DEL LAVORO - il datore di lavoro distaccante sarà tenuto ad informare e formare il lavoratore sui rischi per la sicurezza connessi allo svolgimento dell attività presso il datore di lavoro distaccatario. 35

36 GLI ASPETTI CONTRATTUALI DEL DISTACCO ALL ESTERO GESTIONE AMMINISTRATIVA DELL ESPATRIO adempimenti richiesti dalla normativa applicabile (ad esempio, la domanda di autorizzazione all invio in caso di distacco extracomunitario, o la richiesta dei formulari in materia di sicurezza sociale); predisposizione degli ACCORDI DI ASSEGNAZIONE; verificare regime di sicurezza sociale applicabile; verificare regime fiscale applicabile; comunicazioni obbligatorie di inizio assegnazione agli enti competenti; predisporre e aggiornare i libri obbligatori del personale; eventuale iscrizione all AIRE del lavoratore; verifiche sulla residenza fiscale 36

37 GLI ASPETTI CONTRATTUALI DEL DISTACCO ALL ESTERO ACCORDI DI ASSEGNAZIONE = PATTI INTERCORSI TRA I SOGGETTI DEL DISTACCO VOLTI A REGOLARE I LORO RAPPORTI a) ACCORDO DI DISTACCO o intercompany agreement b) LETTERA DI DISTACCO o letter of understanding ACCORDO DI DISTACCO stipulato tra datore di lavoro distaccante e datore di lavoro distaccatario 1. INTERESSE nel distacco 2. COMPETENZE lavoratore 3. MODALITÀ esecuzione PRESTAZIONE 4. DURATA distacco 5. MODALITÀ DI COMUNICAZIONE TRA DATORI 37

38 GLI ASPETTI CONTRATTUALI DEL DISTACCO ALL ESTERO ACCORDO DI DISTACCO (segue) 6. ACCORDI ECONOMICI tra le due società. Assunzione, da parte della società distaccataria dell impegno: a) all erogazione dei fringe benefits ovvero b) a contribuire a talune spese ovvero, ancora, c) a sostenere il costo di determinati emolumenti quali commissioni o bonus; descrizione della composizione COSTO RIADDEBITATO; descrizione delle modalità di determinazione del costo riaddebitato; eventuale cost-sharing agreement. IL RIMBORSO AL DISTACCANTE DEGLI ONERI CONNESSI CON IL TRATTAMENTO ECONOMICO DEL LAVORATORE DISTACCATO NON DEVE SUPERARE QUANTO EFFETTIVAMENTE CORRISPOSTO AL LAVORATORE 38

39 LA GESTIONE DEL PERSONALE DISTACCATO ALL ESTERO: ASPETTI CONTRATTUALI E COMPOSIZIONE DEL PACCHETTO RETRIBUTIVO FOCUS SU: LA LETTERA DI DISTACCO 39

40 FOCUS SU: LA LETTERA DI DISTACCO ESPATRIO = DISAGI per il lavoratore Necessari INCENTIVI ALL ESPATRIO AUMENTI RETRIBUTIVI E BENEFIT ART. 36 COST. il lavoratore ha diritto a una retribuzione proporzionata alla quantità e qualità del suo lavoro e in ogni caso sufficiente ad assicurare a sé e alla famiglia un esistenza libera e dignitosa. Retribuzione: risposta alle esigenze di vita del lavoratore e della sua famiglia; garanzia per dignitoso tenore di vita e il libero e pieno sviluppo della personalità. 40

41 FOCUS SU: LA LETTERA DI DISTACCO DEFINIZIONE EMOLUMENTI ADDIZIONALI LIBERA CONTRATTAZIONE AZIENDA LAVORATORE LETTERA DI DISTACCO Soggetti sono DISTACCANTE e LAVORATORE finalità INTEGRATIVA del contratto di lavoro ELEMENTI CHE GIUSTIFICANO IL DISTACCO DATI DI NATURA ECONOMICA E CONTRATTUALE Solitamente redatta in doppia lingua, italiano e generalmente inglese o altra lingua conosciuta da tutti e tre i soggetti del distacco 41

42 FOCUS SU: LA LETTERA DI DISTACCO CONTENUTO della LETTERA DI DISTACCO: 1. Dati società distaccataria; 2. Durata distacco; 3. Referenti per il distacco in Italia e all estero; 4. Mansioni e qualifica lavoratore distaccato; 5. Normativa applicabile alla prestazione lavorativa; 6. Condizioni per il rimpatrio conservazione del posto ricollocazione del lavoratore 7. ACCORDI ECONOMICI, incentivi all espatrio 42

43 LA GESTIONE DEL PERSONALE DISTACCATO ALL ESTERO: ASPETTI CONTRATTUALI E COMPOSIZIONE DEL PACCHETTO RETRIBUTIVO LA COMPOSIZIONE DEL PACCHETTO RETRIBUTIVO 43

44 LA COMPOSIZIONE DEL PACCHETTO RETRIBUTIVO RETRIBUZIONE DEL LAVORATORE DISTACCATO ALL ESTERO paga base italiana; eventuale indennità giornaliera/indennità ESTERO; eventuale bonus a fine distacco; rimborsi spese; emolumenti aggiuntivi per i rientri periodici da considerarsi come retribuzione se non gestiti a titolo di rimborso spese; fringe benefits; premi, superminimi, ad personam. 44

45 LA COMPOSIZIONE DEL PACCHETTO RETRIBUTIVO INDENNITÀ ESTERO specifico emolumento aggiuntivo non strettamente connesso all esecuzione della prestazione lavorativa ma ricomprendente il disagio conseguente al trasferimento L indennità estero COSTITUISCE A TUTTI GLI EFFETTI RETRIBUZIONE, ed è perciò utile ai fini del calcolo del TFR; somma strettamente legata alla permanenza all estero; art c.c.- IRRIDUCIBILITÀ DELLA RETIBUZIONE Ratio: quanto percepito dal lavoratore è il corrispettivo delle qualità professionali intrinseche alle mansioni svolte. terminata la missione all estero, il lavoratore non avrà più diritto alle voci retributive aggiuntive riconosciutegli dal datore di lavoro a scopo di ristoro o risarcimento 45

46 LA COMPOSIZIONE DEL PACCHETTO RETRIBUTIVO art. 51 comma 8-bis del TUIR SI DETERMINA SULLA BASE DELLE RETRIBUZIONI CONVENZIONALI IL REDDITO CHE: deriva da ATTIVITÀ PRESTATA ALL ESTERO, in via continuativa e come oggetto esclusivo del rapporto di lavoro; è prodotto da dipendenti che SOGGIORNANO ALL ESTERO PER PIÙ DI 183 GIORNI NELL ARCO DI 12 MESI. OGNI RETRIBUZIONE AGGIUNTIVA a quella ordinaria è ASSORBITA nella determinazione forfetaria delle RETRIBUZIONI CONVENZIONALI, contribuendo ad ALZARE LA BASE DI RIFERIMENTO PER LA DETERMINAZIONE DELLA RETRIBUZIONE CONVENZIONALE (Circ. Agenzia delle Entrate n. 11/E del 30 aprile 2013). 46

47 LA COMPOSIZIONE DEL PACCHETTO RETRIBUTIVO SPECIFICI RIFERIMENTI NORMATIVI DISTACCO COMUNITARIO - DIRETTIVA n. 96/71/CE, art. 3, par. 7 : le indennità specifiche per il distacco sono considerate parte integrante del salario minimo, purché non siano versate a titolo di rimborso delle spese effettivamente sostenute a causa del distacco, come le spese di viaggio, vitto, alloggio DISTACCO EXTRACOMUNITARIO - D.L. n. 317/1987, art. 2, commi 3 e 4: Il Min. del lavoro ai fini del rilascio dell autorizzazione di cui al comma 1, accerta che:( ) b) il trattamento economico-normativo offerto sia complessivamente non inferiore a quello previsto dai contratti collettivi di lavoro vigenti in Italia;( ) d) sia stata stipulata, a favore dei lavoratori italiani inviati all estero a svolgere attività lavorativa, un assicurazione per ogni viaggio di andata nel luogo di destinazione e di rientro dal luogo stesso, per i casi di morte o di invalidità permanente; e) il contratto stabilisca il tipo di sistemazione logistica; 47

48 LA COMPOSIZIONE DEL PACCHETTO RETRIBUTIVO POSSIBILI VOCI DEL PACCHETTO RETRIBUTIVO ALLOGGIO a) collocazione del lavoratore in strutture alberghiere, b) indennità di alloggio, c) alloggio in uso al lavoratore; ASSISTENZA PER LE PROCEDURE DI IMMIGRAZIONE E ASSISTENZA FISCALE AUTOVETTURA a)ad uso privato, b)uso cd. promiscuo; AZIONI E STOCK OPTION BONUS ESTERO COLLOCAMENTO DEL CONIUGE CORSI DI ISTRUZIONE E DI LINGUA per figli e famigliari 48

49 LA COMPOSIZIONE DEL PACCHETTO RETRIBUTIVO INDENNITÀ COST OF LIVING (COLA) INDENNITÀ DI PRIMA SISTEMAZIONE INDENNITÀ DI RISCHIO CAMBIO INDENNITÀ FORFETARIA ESTERA POLIZZE ASSICURATIVE invii in Paesi extracomunitari obbligo polizza rischi viaggio - capitali assicurati non inferiori a ,40 e ,53 per morte e invalidità permanente. POLIZZE SANITARIE INTEGRATIVE TRASLOCO VIAGGI a) viaggi inizio e fine espatrio, b) viaggi A/R nel corso dell'assegnazione estera, per ritorni periodici in patria, c) viaggi nel Paese estero di futura assegnazione per preparare l'espatrio e per ricerca abitazione. 49

50 LA COMPOSIZIONE DEL PACCHETTO RETRIBUTIVO POLITICHE DI ACCOMPAGNAMENTO FISCALE TAX EQUALIZATION il datore di lavoro distaccante applica al lavoratore la HYPOTHETICAL WITHHOLDINGTAX equivalente alle imposte che il lavoratore avrebbe dovuto versare in Italia. Gli importi così trattenuti saranno utilizzati al momento della liquidazione delle imposte effettivamente dovute dal lavoratore distaccato: EVENTUALI DIFFERENZE, in attivo, o in passivo, RESTANO A CARICO DEL DATORE DI LAVORO. TAX PROTECTION - il lavoratore distaccato versa un imposta comunque non superiore a quella che avrebbe versato in Italia. Eventuali DIFFERENZE IN ECCESSO SONO A CARICO DEL DATORE DI LAVORO: se le imposte estere sono maggiori delle imposte italiane, il datore di lavoro sopporta l onere aggiuntivo. 50

51 LA GESTIONE DEL PERSONALE ALL ESTERO: ASPETTI PREVIDENZIALI 51

52 LA GESTIONE DEL PERSONALE ALL ESTERO: ASPETTI PREVIDENZIALI IL DISTACCO IN AMBITO COMUNITARIO

53 IL DISTACCO IN AMBITO COMUNITARIO DISTACCO COMUNITARIO - art. 45 TFUE, LIBERA CIRCOLAZIONE Direttiva 2004/38/CE e Regolamento n. 492/2011 del 5 aprile Per l invio di lavoratori cittadini comunitari in distacco in paesi comunitari NON sono richieste AUTORIZZAZIONI né nulla osta ASPETTI PREVIDENZIALI: in quale Stato (di provenienza o di distacco) è assicurato il lavoratore? in quale Stato devono essere versati i contributi previdenziali ed assistenziali? a quale Ente o Istituto possano essere richieste le corrispondenti prestazioni?

54 IL DISTACCO IN AMBITO COMUNITARIO PRINCIPIO GENERALE è quello della LEX LOCI LABORIS PRINCIPIO DELLA TERRITORIALITÀ il lavoratore è soggetto alla legislazione dello Stato sul cui territorio svolge la propria prestazione lavorativa = VERSAMENTO DEI CONTRIBUTI NELLO STATO ESTERO DI DISTACCO RISCHIO di DOPPIA IMPOSIZIONE CONTRIBUTIVA se nello Stato di provenienza vige un sistema previdenziale obbligatorio In Italia assicurazioni sociali obbligatorie L. n. 398 del 7 dicembre 1987, di conv. D.L. n. 317/1987

55 IL DISTACCO IN AMBITO COMUNITARIO DISTACCO PREVIDENZIALE regolamento CE 29 aprile 2004, n. 883/2004, e regolamento di attuazione n. 987 del 16 dicembre 2009 Ambito di applicazione: Stati membri U. E., Stati S.E.E. (Islanda, Liechtenstein, Norvegia) e Svizzera. DISTACCO PREVIDENZIALE = deroga al principio di territorialità Lavoratore cittadino U.E., S.E.E. o Svizzera; Massimo 24 mesi; Non in sostituzione di un altro distaccato; Prorogabile fino a massimo 5 anni; Resta SOGGETTO AL REGIME PREVIDENZIALE dello STATO DI APPERTENENZA,versa i contributi solo in uno Stato

56 IL DISTACCO IN AMBITO COMUNITARIO FORMULARI COMUNITARI DOCUMENTI PORTATILI - portable documents PD A1 e PD DA1 Sono la prova che il lavoratore distaccato può mantenere la posizione contributiva italiana Prima del distacco, IL DATORE DI LAVORO DEVE RICHIEDERE: INPS PD A1 valido 24 mesi Archivio Distacchi e Lavoro Contemporaneo nell Unione Europea, utility, download INAIL PD DA1 valido 24 mesi Servizi online, Richieste/Modulo PD DA1. L INAILinoltrerà, tramite PEC, il PD DA1, compilato e firmato dal dirigente, all utente richiedente ed alle AA.SS.LL. competenti.

57 IL DISTACCO IN AMBITO COMUNITARIO 1 maggio sistema europeo EESSI Electronic exchange social security information punti di accesso per la ricezione e l inoltro dei documenti: 1. Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali -materia di cure mediche; 2. INAIL per le prestazioni in materia di infortuni sul lavoro e malattie professionali; 3. INPDAP per le prestazioni previdenziali dei dipendenti pubblici; 4. INPS per le prestazioni pensionistiche e a sostegno del reddito di natura previdenziale ed assistenziale

58 LA GESTIONE DEL PERSONALE ALL ESTERO: ASPETTI PREVIDENZIALI IL DISTACCO IN AMBITO EXTRACOMUNITARIO: PAESI CONVENZIONATI

59 IL DISTACCO IN AMBITO EXTRACOMUNITARIO: PAESI CONVENZIONATI DISTACCO EXTRACOMUNITARIO il DATORE DI LAVORO DEVE RICHIEDERE L AUTORIZZAZIONE PREVENTIVA AL MINISTERO DEL LAVORO, secondo una specifica procedura (art. 1, L. 398/87) REGIME PREVIDENZIALE: principio della TERRITORIALITÀ (lex loci laboris) i contributi previdenziali devono essere versati nel luogo di esecuzione della prestazione lavorativa. per EVITARE LA DOPPIA IMPOSIZIONE CONTRIBUTIVA CONVENZIONI INTERNAZIONALI IN MATERIA DI SICUREZZA SOCIALE

60 IL DISTACCO IN AMBITO EXTRACOMUNITARIO: PAESI CONVENZIONATI Le CONVENZIONI INTERNAZIONALI BILATERALI IN MATERIA DI SICUREZZA SOCIALE prevedono il DISTACCO PREVIDENZIALE - evitano la doppia imposizione contributiva L Italia ha stipulato convenzioni bilaterali in materia di sicurezza sociale con: Argentina, Australia, Brasile, Canada-Québec, Capo Verde, Corea del Sud, Israele, Jersey e Isole del Canale, Serbia, Kosovo, Montenegro, Bosnia Erzegovina, Macedonia, Messico, Principato di Monaco, Repubblica di San Marino, Santa Sede, Stati Uniti d America, Tunisia, Turchia, Uruguay, Venezuela. Le Convenzioni con Australia e Messico non prevedono l istituto del distacco previdenziale.

Speciale. Lavoro all estero. &3 Adempimenti contrattuali. Caso. Pacchetto di assegnazione. Guida alle Paghe 9/2013

Speciale. Lavoro all estero. &3 Adempimenti contrattuali. Caso. Pacchetto di assegnazione. Guida alle Paghe 9/2013 Distacco in Brasile: adempimenti e procedure Maurizio Cicciù - Consulente del lavoro in Roma Andrea Costa - Dottore commercialista e Revisore legale in Roma Caso &3 contrattuali Pacchetto di assegnazione

Dettagli

Le Convenzioni Internazionali. Sede Regionale Piemonte Team Convenzioni Internazionali

Le Convenzioni Internazionali. Sede Regionale Piemonte Team Convenzioni Internazionali Le Convenzioni Internazionali Sede Regionale Piemonte Team Convenzioni Internazionali La normativa internazionale in materia di sicurezza sociale Regolamenti comunitari Accordi e Convenzioni Bilaterali

Dettagli

TRASFERIMENTO E MUTAMENTO DI MANSIONI

TRASFERIMENTO E MUTAMENTO DI MANSIONI TRASFERIMENTO E MUTAMENTO DI MANSIONI SCUOLA FORENSE MILANO, 7 MARZO 2014 Avv. Marcello Giustiniani www.beplex.com Il mutamento del luogo di esecuzione della prestazione lavorativa 1. Il trasferimento

Dettagli

03 PAESI EXTRACEE CONVENZIONATI

03 PAESI EXTRACEE CONVENZIONATI 03 PAESI EXTRACEE CONVENZIONATI 3.1 PAESI CONVENZIONATI Sono i paesi con i quali sono stati stipulati accordi di sicurezza sociale che si richiamano essenzialmente ai principi della reciprocità di trattamento,

Dettagli

DISCIPLINA GIUSLAVORISTICA E FISCALE DEI LAVORATORI DIPENDENTI ITALIANI ALL ESTERO

DISCIPLINA GIUSLAVORISTICA E FISCALE DEI LAVORATORI DIPENDENTI ITALIANI ALL ESTERO DISCIPLINA GIUSLAVORISTICA E FISCALE DEI LAVORATORI DIPENDENTI ITALIANI ALL ESTERO Dott. Filippo Campailla S T U D I O C O M M E R C I A L I S T A C A M P A I L L A Studio: Trieste - IT - 34121 Trieste,

Dettagli

Come gestire Espatriati e Personale straniero

Come gestire Espatriati e Personale straniero Come gestire Espatriati e Personale straniero GLI ASPETTI GIURIDICI Milano, 29 gennaio 2014 A cura dell Avvocato Sergio Barozzi KEY ISSUES I principi generali in materia di Legge e Giurisdizione applicabile

Dettagli

MOBILITÀ ALL ESTERO Dott. Mila Nenova-Tsoneva

MOBILITÀ ALL ESTERO Dott. Mila Nenova-Tsoneva MOBILITÀ ALL ESTERO Dott. Mila Nenova-Tsoneva Seminario Confindustria Bulgaria Sofia, 18 marzo 2015 PRINCIPALI TIPI DI MOBILITÀ ALL ESTERO 1. TRASFERTA 2. TRASFERIMENTO 3. DISTACCO 4. ASSUNZIONE LOCALE

Dettagli

DISCIPLINA FISCALE E PREVIDENZIALE DEI LAVORATORI STRANIERI IN ITALIA

DISCIPLINA FISCALE E PREVIDENZIALE DEI LAVORATORI STRANIERI IN ITALIA S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO Strumenti di impiego temporaneo dei lavoratori stranieri negli eventi Expo DISCIPLINA FISCALE E PREVIDENZIALE DEI LAVORATORI STRANIERI IN ITALIA Relatore:

Dettagli

CIRCOLARE N. 11 /E INDICE. Premessa...2. 1. Redditi dell anno 2012...3. 2. Determinazione dell imposta sostitutiva...4

CIRCOLARE N. 11 /E INDICE. Premessa...2. 1. Redditi dell anno 2012...3. 2. Determinazione dell imposta sostitutiva...4 CIRCOLARE N. 11 /E Direzione Centrale Normativa Roma, 30 aprile 2013 OGGETTO: Imposta sostitutiva sulla retribuzione di produttività - Art. 1, comma 481, della legge n. 228/2012 (legge di stabilità 2013)

Dettagli

Profili fiscali dei rapporti di lavoro all estero

Profili fiscali dei rapporti di lavoro all estero Profili fiscali dei rapporti di lavoro all estero Sonia Tripaldi Bologna, 15 maggio 2014 Indice degli argomenti La residenza fiscale dei lavoratori la disciplina prevista dal TUIR Analisi di alcuni documenti

Dettagli

C.C.N.L. LAVORO DOMESTICO

C.C.N.L. LAVORO DOMESTICO Finanze & Lavoro Gruppo Editoriale Esselibri-Simone Appendice di aggiornamento al volume FL 18 C.C.N.L. LAVORO DOMESTICO Edizione Aprile 2003 Questa appendice è scaricabile gratuitamente dal sito internet:

Dettagli

Indennità di disoccupazione Mini-ASpI

Indennità di disoccupazione Mini-ASpI Indennità di disoccupazione Mini-ASpI COSA E E una prestazione economica istituita dal 1 gennaio 2013 e che sostituisce l indennità di disoccupazione ordinaria non agricola con requisiti ridotti. E una

Dettagli

Legge di stabilità 2014 (L. 27.12.2013 n. 147) - Principali novità in materia di lavoro e previdenza

Legge di stabilità 2014 (L. 27.12.2013 n. 147) - Principali novità in materia di lavoro e previdenza Informativa - ONB Legge di stabilità 2014 (L. 27.12.2013 n. 147) - Principali novità in materia di lavoro e previdenza INDICE 1 Premessa... 2 2 Sintesi delle principali novità in materia di lavoro e previdenza...

Dettagli

Fondo di solidarietà Credito

Fondo di solidarietà Credito BANCA POPOLARE DI MILANO Documenti: conoscere per decidere Fondo di solidarietà Credito Il fondo eroga prestazioni a favore dei lavoratori di aziende facenti parte di gruppi creditizi o che applicano i

Dettagli

PROVINCIA DI BENEVENTO Settore Avvocatura-Organizzazione del Personale e Politiche del Lavoro

PROVINCIA DI BENEVENTO Settore Avvocatura-Organizzazione del Personale e Politiche del Lavoro ASPI (Assicurazione Sociale per l Impiego) COSA E E una prestazione economica istituita per gli eventi di disoccupazione che si verificano a partire dal 1 gennaio 2013 e che sostituisce l indennità di

Dettagli

VISITING PROFESSOR E RESEARCHER Anno 2010

VISITING PROFESSOR E RESEARCHER Anno 2010 VISITING PROFESSOR E RESEARCHER Anno 2010 (Compensi erogati a soggetti non residenti) Con questa nota informativa i Visiting Professor e Researcher hanno a disposizione: 1. una guida ai documenti che dovranno

Dettagli

Detrazioni per familiari a carico eoperazionidiconguaglio Angela Fusco - Commercialista, Consulente del lavoro e Revisore legale in Roma

Detrazioni per familiari a carico eoperazionidiconguaglio Angela Fusco - Commercialista, Consulente del lavoro e Revisore legale in Roma Detrazioni per familiari a carico eoperazionidiconguaglio Angela Fusco - Commercialista, Consulente del lavoro e Revisore legale in Roma L art. 12 del Tuir riconosce il diritto a particolari detrazioni

Dettagli

SCHEMA DI SINTESI SULLA NORMATIVA DELLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE *

SCHEMA DI SINTESI SULLA NORMATIVA DELLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE * SCHEMA DI SINTESI SULLA NORMATIVA DELLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE * Chi è interessato dalla Riforma Sono interessati alla riforma della previdenza complementare attuata con il decreto legislativo n. 252/2005

Dettagli

Legge di stabilità 2014 (L. 27.12.2013 n. 147) - Principali novità in materia di lavoro e previdenza

Legge di stabilità 2014 (L. 27.12.2013 n. 147) - Principali novità in materia di lavoro e previdenza CIRCOLARE Febbraio 2014 Legge di stabilità 2014 (L. 27.12.2013 n. 147) - Principali novità in materia di lavoro e previdenza Gentili clienti! Con la presente circolare vorremmo portarla a conoscenza delle

Dettagli

SOMMARIO. Capitolo 1 IL QUADRO DI RIFERIMENTO

SOMMARIO. Capitolo 1 IL QUADRO DI RIFERIMENTO SOMMARIO Capitolo 1 IL QUADRO DI RIFERIMENTO 1. Premessa... 3 2. La riforma del mercato del lavoro... 5 3. Qualificazione dei redditi di lavoro dipendente ed equiparati... 10 4. Quantificazione dei redditi

Dettagli

Risoluzione n. 114/E

Risoluzione n. 114/E Risoluzione n. 114/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 23 maggio 2003 Oggetto: Istanza d interpello Articolo 11, legge 27 luglio 2000, n. 212. Fondo integrativo Sanitario Dirigenti delle

Dettagli

INCARICHI DI LAVORO AUTONOMO A PERSONALE ESTERNO ALL ATENEO. a cura dell'ufficio Attività e Collaborazioni Esterne 1

INCARICHI DI LAVORO AUTONOMO A PERSONALE ESTERNO ALL ATENEO. a cura dell'ufficio Attività e Collaborazioni Esterne 1 INCARICHI DI LAVORO AUTONOMO A PERSONALE ESTERNO ALL ATENEO Collaborazioni Esterne 1 PROCEDURA DI ACCESSO L Università degli Studi di Milano- Bicocca, a seguito di procedura pubblica di selezione, può

Dettagli

INPDAP DIREZIONE CENTRALE PRESTAZIONI PREVIDENZIALI Via C. Colombo, 44-00147 ROMA

INPDAP DIREZIONE CENTRALE PRESTAZIONI PREVIDENZIALI Via C. Colombo, 44-00147 ROMA INPDAP DIREZIONE CENTRALE PRESTAZIONI PREVIDENZIALI Via C. Colombo, 44-00147 ROMA Roma. 17 febbraio 1997 UFFICIO IV Prot. 63486 ALLE SEDI PERIFERICHE I.N.P.D.A.P. A TUTTI GLI ENTI CON PERSONALE ISCRITTO

Dettagli

RIFORMA DELLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE

RIFORMA DELLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE RIFORMA DELLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE DESTINAZIONE DEL TFR MATURANDO A PARTIRE DALL 01.01.2007 IN APPLICAZIONE DELL ART. 8 COMMA 8 DEL DECRETO LEGISLATIVO 5 DICEMBRE 2005 N. 252 Ogni lavoratore del settore

Dettagli

Come leggere la Busta Paga. A cura del Dipartimento Scientifico della Fondazione Studi - Consiglio Nazionale dei Consulenti del Lavoro

Come leggere la Busta Paga. A cura del Dipartimento Scientifico della Fondazione Studi - Consiglio Nazionale dei Consulenti del Lavoro Come leggere la Busta Paga A cura del Dipartimento Scientifico della Fondazione Studi - Consiglio Nazionale dei Consulenti del Lavoro CHE COS È E' un documento obbligatorio che indica la retribuzione,

Dettagli

LA PREVIDENZA COMPLEMENTARE

LA PREVIDENZA COMPLEMENTARE LA PREVIDENZA COMPLEMENTARE INDICE INTRODUZIONE IL TFR LA PREVVIDENZA COMPLEMENTARE IL FINANZIAMENTO DELLE FORME PENSIONISTICHE FORME DI ADESIONE AGEVOLAZIONI FISCALI TASSAZIONE DELLE PRESTAZIONI TRASFERIMENTO

Dettagli

Incontro informativo

Incontro informativo Incontro informativo La pensione dei lavoratori dipendenti Venezia 24 marzo 2012 V E N E Z I A Il sistema pubblico Tutti i lavoratori versano i contributi per la pensione (obbligo) I contributi vengono

Dettagli

Gli istituti principali del contratto estero il contenzioso

Gli istituti principali del contratto estero il contenzioso Gli istituti principali del contratto estero il contenzioso Presentazione dell avvocato Fabio Petracci, avvocato giuslavorista del Foro di Trieste 1. Fattispecie e definizioni Quali sono gli elementi di

Dettagli

ACCORDO AMMINISTRATIVO per l attuazione dell Accordo di sicurezza sociale tra l Italia ed il Canada, firmato a Toronto il 17 novembre 1977

ACCORDO AMMINISTRATIVO per l attuazione dell Accordo di sicurezza sociale tra l Italia ed il Canada, firmato a Toronto il 17 novembre 1977 ACCORDO AMMINISTRATIVO per l attuazione dell Accordo di sicurezza sociale tra l Italia ed il Canada, firmato a Toronto il 17 novembre 1977 Parte I Disposizioni Generali Art. 1 Per l attuazione dell Accordo

Dettagli

CLUB PREVIDENZA. Il distacco del lavoratore italiano all estero. Paolo Torazza

CLUB PREVIDENZA. Il distacco del lavoratore italiano all estero. Paolo Torazza CLUB PREVIDENZA Il distacco del lavoratore italiano all estero Paolo Torazza Il distacco del lavoratore italiano all estero principi Trasferta:provvisoria assegnazione ad una diversa unità produttiva (business

Dettagli

Codice Fiscale, Partita I.v.a. e iscrizione al Registro delle Imprese di Padova n. 04689260281 Rea di Padova n. 410310

Codice Fiscale, Partita I.v.a. e iscrizione al Registro delle Imprese di Padova n. 04689260281 Rea di Padova n. 410310 CHI È SALVA SOCIETÀ DI MUTUO SOCCORSO Le mutue sono state istituite e sono regolamentate dalla Legge 3818 del 15 aprile 1886 recentemente rivista dall art 23 della Legge 17 Dicembre 2012, n.221, Conversione

Dettagli

SCHEMA DI SINTESI. Requisiti del lavoratore

SCHEMA DI SINTESI. Requisiti del lavoratore SCHEMA DI SINTESI L intervento (articolo 4, commi da 1 a 7-ter, della legge n. 92 del 28 giugno 2012, così come modificata dalla legge n. 221 del 17 dicembre 2012, di conversione del decreto legge n. 179

Dettagli

PROGRAMMA. CORSO IN PAGHE E CONTRIBUTI La Teoria. CAPITOLO I: Il nuovo collocamento e la costruzione del rapporto di lavoro

PROGRAMMA. CORSO IN PAGHE E CONTRIBUTI La Teoria. CAPITOLO I: Il nuovo collocamento e la costruzione del rapporto di lavoro PROGRAMMA CORSO IN PAGHE E CONTRIBUTI La Teoria CAPITOLO I: Il nuovo collocamento e la costruzione del rapporto di lavoro 1. Collocamento ordinario 2. Collocamento obbligatorio 3. Adempimenti collegati

Dettagli

INDENNITA DIS-COLL. Articolo 15, Decreto legislativo 4 marzo 2015, n. 22

INDENNITA DIS-COLL. Articolo 15, Decreto legislativo 4 marzo 2015, n. 22 INDENNITA DIS-COLL Articolo 15, Decreto legislativo 4 marzo 2015, n. 22 1 DESTINATARI Dal 1 gennaio 2015 è stata istituita, in via sperimentale, in relazione agli eventi di cessazione dal lavoro verificatisi

Dettagli

LA BUSTA PAGA. ODPF Istituto Santachiara Centro di Formazione Professionale Stradella

LA BUSTA PAGA. ODPF Istituto Santachiara Centro di Formazione Professionale Stradella ODPF Istituto Santachiara Centro di Formazione Professionale Stradella Corso: 2^ Operatore dei servizi all impresa Materia: Tecnica ed Economia Aziendale LA BUSTA PAGA ANNO FORMATIVO 2012/2013 La busta

Dettagli

SOMMINISTRAZIONE DI LAVORO

SOMMINISTRAZIONE DI LAVORO ARTT. 30 40 D.LGS 81/2015 IL CONTRATTO DI È IL CONTRATTO, A TEMPO INDETERMINATO O DETERMINATO, CON IL QUALE UN AGENZIA DI AUTORIZZATA METTE A DISPOSIZIONE DI UN UTILIZZATORE UNO O PIÙ LAVORATORI SUOI DIPENDENTI,

Dettagli

Documento sul regime fiscale

Documento sul regime fiscale Fondo Scuola Espero FONDO PENSIONE COMPLEMENTARE A CAPITALIZZAZIONE PER I LAVORATORI DELLA SCUOLA iscritto all Albo tenuto dalla Covip con il n. 145 Documento sul regime fiscale (depositato presso la Covip

Dettagli

MOBILITA DEL LAVORATORE DIPENDENTE. Milano, 2 ottobre 2014

MOBILITA DEL LAVORATORE DIPENDENTE. Milano, 2 ottobre 2014 MOBILITA DEL LAVORATORE DIPENDENTE Milano, 2 ottobre 2014 Fiscalità internazionale e doppia imposizione L invio di un dipendente all estero comporta, in molti casi, la soggezione alla potestà impositiva

Dettagli

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Iscritto all Albo dei Fondi Pensione 1^ Sez. Speciale - Fondi Pensione Preesistenti - numero 1146 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE - Documento approvato dal Consiglio di amministrazione del 1 aprile 2015 -

Dettagli

N.B. Il pagamento delle indennità di disoccupazione cessa quando il lavoratore:

N.B. Il pagamento delle indennità di disoccupazione cessa quando il lavoratore: Disoccupazione Una quota dei contributi versati serve per assicurarsi contro la disoccupazione, causata dall estinzione di un rapporto di lavoro per cause non attribuibili alla volontà del lavoratore stesso.

Dettagli

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE 1

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE 1 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE 1 1 Deliberato dal Consiglio di Amministrazione in data 22 luglio 2014 Sommario REGIME FISCALE DEI CONTRIBUTI... 3 Contributi versati fino al 31 dicembre 2006... 3 Contributi

Dettagli

Il contratto di fornitura di lavoro temporaneo

Il contratto di fornitura di lavoro temporaneo Redditi di lavoro dipendente Il contratto di fornitura di lavoro temporaneo Il contratto di fornitura di lavoro temporaneo è il contratto mediante il quale l impresa fornitrice pone uno o più lavoratori,

Dettagli

COMUNICAZIONE DATI CERTIFICAZIONI LAVORO DIPENDENTE, ASSIMILATI ED ASSISTENZA FISCALE

COMUNICAZIONE DATI CERTIFICAZIONI LAVORO DIPENDENTE, ASSIMILATI ED ASSISTENZA FISCALE COMUNICAZIONE DATI CERTIFICAZIONI LAVORO DIPENDENTE, ASSIMILATI ED ASSISTENZA FISCALE la comunicazione richiede tutti i dati già presenti nelle certificazioni rilasciate ai dipendenti. In particolare i

Dettagli

Cognome Nome. Comune di nascita Prov. Residente Prov. C.A.P. Tel. indirizzo e mail RICHIEDE

Cognome Nome. Comune di nascita Prov. Residente Prov. C.A.P. Tel. indirizzo e mail RICHIEDE RICHIESTA DI RISCATTO DELLA POSIZIONE INDIVIDUALE O DI LIQUIDAZIONE DELLA PRESTAZIONE PENSIONISTICA COMPLEMENTARE (a norma degli artt. 10 e 12 dello Statuto) L ISCRITTO (compilazione a cura dell iscritto)

Dettagli

Oggetto: Comunicazione al contribuente degli esiti della liquidazione automatizzata dell imposta dovuta sui redditi soggetti a tassazione separata

Oggetto: Comunicazione al contribuente degli esiti della liquidazione automatizzata dell imposta dovuta sui redditi soggetti a tassazione separata Roma, 06 giugno 2005 Direzione Centrale Gestione Tributi CIRCOLARE N. 30/E Oggetto: Comunicazione al contribuente degli esiti della liquidazione automatizzata dell imposta dovuta sui redditi soggetti a

Dettagli

Dott.ssa Margareth Stefanelli

Dott.ssa Margareth Stefanelli IL RAPPORTO DI LAVOR0 NORME CHE TUTELANO IL DIRITTO DEL LAVORO Leggi del lavoro Norme Costituzionali Codice Civile Leggi Speciali Direttive Comunitarie Tutela della maternità Lavoro minorile Integrità

Dettagli

Direzione generale Direzione centrale rischi Direzione centrale prestazioni economiche. Circolare n. 28. Roma, 6 febbraio 2015.

Direzione generale Direzione centrale rischi Direzione centrale prestazioni economiche. Circolare n. 28. Roma, 6 febbraio 2015. Direzione generale Direzione centrale rischi Direzione centrale prestazioni economiche Circolare n. 28 Roma, 6 febbraio 2015 Al Ai Direttore generale vicario Responsabili di tutte le Strutture centrali

Dettagli

TUTELE PER I LAVORATORI DOMESTICI

TUTELE PER I LAVORATORI DOMESTICI TUTELE PER I LAVORATORI DOMESTICI Sono quei lavoratori che prestano la loro attività esclusivamente per le necessità familiari del datore di lavoro e del suo nucleo familiare. Rientrano in questa categoria:

Dettagli

Decreto Part-time. Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time

Decreto Part-time. Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time Decreto Part-time Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time ARTICOLO 1 Definizioni 1.Nel rapporto di lavoro subordinato l assunzione

Dettagli

Novità del Collegato Lavoro. Dott. Massimo Brisciani

Novità del Collegato Lavoro. Dott. Massimo Brisciani Novità del Collegato Lavoro Dott. Massimo Brisciani Disposizioni varie in materia di previdenza ISCRIZIONE E CANCELLAZIONE DALL ALBO DELLE IMPRESE ARTIGIANE art. 43 A decorrere dal 1 gennaio 2010, ai fini

Dettagli

Qui di seguito in estrema sintesi i punti salienti dell intervento che verranno. L argomento assegnato, funzionale al prossimo rinnovo contrattuale, è

Qui di seguito in estrema sintesi i punti salienti dell intervento che verranno. L argomento assegnato, funzionale al prossimo rinnovo contrattuale, è BREVE SINTESI DELL INTERVENTO PROGRAMMATO PER IL CONVEGNO DEL 16.03.13 Qui di seguito in estrema sintesi i punti salienti dell intervento che verranno in quella sede espressi in modo organico. L argomento

Dettagli

LICENZIAMENTO COLLETTIVO E PROCEDURA DI MOBILITA

LICENZIAMENTO COLLETTIVO E PROCEDURA DI MOBILITA LICENZIAMENTO COLLETTIVO E PROCEDURA DI MOBILITA Uno degli aspetti più problematici connessi alla crisi dell impresa riguarda la gestione dei rapporti di lavoro. L imprenditore in crisi dispone di diversi

Dettagli

Confprofessionilavoro pubblica una tabella con gli incentivi - attualmente in vigore - in materia di assunzione.

Confprofessionilavoro pubblica una tabella con gli incentivi - attualmente in vigore - in materia di assunzione. Confprofessionilavoro pubblica una tabella con gli incentivi - attualmente in vigore - in materia di assunzione. INCENTIVO DESTINATARI Giovani (l.99/2013) L incentivo è pari: -ad 1/3 della retribuzione

Dettagli

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE. Documento aggiornato il 28 maggio 2015

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE. Documento aggiornato il 28 maggio 2015 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Documento aggiornato il 28 maggio 2015 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Decreto Legislativo 5 dicembre 2005, n. 252 Documento aggiornato 28 maggio 2015 Via Savoia, 82-00198 Roma,

Dettagli

Documento sul regime fiscale. Approvato dal Consiglio di Amministrazione nella seduta del 26 marzo 2015

Documento sul regime fiscale. Approvato dal Consiglio di Amministrazione nella seduta del 26 marzo 2015 Documento sul regime fiscale Approvato dal Consiglio di Amministrazione nella seduta del 26 marzo 2015 aggiornato il 24 settembre 2015 Sommario 1 Regime fiscale dei contributi... 3 2 Regime fiscale della

Dettagli

Paghe. La retribuzione delle ore di viaggio Fabio Pappalardo - Consulente del lavoro

Paghe. La retribuzione delle ore di viaggio Fabio Pappalardo - Consulente del lavoro La retribuzione delle ore di viaggio Fabio Pappalardo - Consulente del lavoro Il luogo della prestazione lavorativa è un elemento fondamentale del contratto di lavoro subordinato. Per quanto nella maggior

Dettagli

Il lavoro subordinato

Il lavoro subordinato Il lavoro subordinato Aggiornato a luglio 2012 1 CHE COS È? Il contratto di lavoro subordinato è un contratto con il quale un lavoratore si impegna a svolgere una determinata attività lavorativa alle dipendenze

Dettagli

2) Per quanto riguarda la Repubblica federativa del Brasile, alle legislazioni concernenti il regime di previdenza sociale dell I.N.P.S.

2) Per quanto riguarda la Repubblica federativa del Brasile, alle legislazioni concernenti il regime di previdenza sociale dell I.N.P.S. BRASILE PROTOCOLLO AGGIUNTIVO ALL ACCORDO DI EMIGRAZIONE FRA L ITALIA ED IL BRASILE DEL 9/12/1960 Firma: Brasilia, 30 gennaio 1974 Ratifica: legge 6 aprile 1977, n. 236 G.U. del 1 giugno 1977, n. 147 Entrata

Dettagli

Anno 2013 N. RF148. La Nuova Redazione Fiscale ASSICURAZIONI VITA - PRESTAZIONI COME CAPITALE O RENDITA IN UNICO

Anno 2013 N. RF148. La Nuova Redazione Fiscale ASSICURAZIONI VITA - PRESTAZIONI COME CAPITALE O RENDITA IN UNICO Anno 2013 N. RF148 ODCEC VASTO La Nuova Redazione Fiscale www.redazionefiscale.it Pag. 1 / 7 OGGETTO ASSICURAZIONI VITA - PRESTAZIONI COME CAPITALE O RENDITA IN UNICO RIFERIMENTI D.LGS. 47/2000; D.LGS.

Dettagli

Il distacco dei lavoratori Profili generali

Il distacco dei lavoratori Profili generali S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO Il distacco dei lavoratori Profili generali Prof. avv. Vincenzo Ferrante Ordinario di Diritto del lavoro nell Università Cattolica di Milano Partner dello

Dettagli

Prot. n. 004/01/E.20/E.20.1

Prot. n. 004/01/E.20/E.20.1 Roma, 16 gennaio 2001 Alle Aziende Associate Prot. n. 004/01/E.20/E.20.1 Circolare n. 16465 L o r o S e d i OGGETTO: Ccnl 23 maggio 2000 per i dirigenti di aziende industriali. Art. 12. Facciamo seguito

Dettagli

Jersey (Isole del Canale) Principato di Monaco Repubbliche dell'ex Jugoslavia. Paesi non convenzionati

Jersey (Isole del Canale) Principato di Monaco Repubbliche dell'ex Jugoslavia. Paesi non convenzionati PAESI IN CONVENZIONE INTERNAZIONALE CON L ITALIA Argentina Australia Brasile Canada Capoverde Croazia Jersey (Isole del Canale) Principato di Monaco Repubbliche dell'ex Jugoslavia Repubblica di San Marino

Dettagli

SOMMARIO. Nota sull Autore... Introduzione...

SOMMARIO. Nota sull Autore... Introduzione... SOMMARIO Nota sull Autore... Introduzione... XIII XV Capitolo 1 Il rapporto di lavoro domestico 1.1 Fonti normative... 3 1.2 Nozione e caratteristiche... 5 1.3 Ambito della prestazione lavorativa... 7

Dettagli

Cosa cambia per i redditi da lavoro

Cosa cambia per i redditi da lavoro Le novità della Legge di Stabilità per il 2016 Cosa cambia per i redditi da lavoro Slide a cura di Viviana Bertoldi 1 Sommario Atleti professionisti Borse di studio Premi Produttività Welfare aziendale

Dettagli

SPAZIO RISERVATO ALL ENTE NOME

SPAZIO RISERVATO ALL ENTE NOME ENTE DI PREVIDENZA SPAZIO RISERVATO ALL ENTE Comunicazione obbligatoria ai sensi del Decreto Legislativo 103/96 da inviare all Ente entro e non oltre il 15.9.2014 EPPI 03/2013 COGNOME NOME CODICE FISCALE

Dettagli

La previdenza complementare. I lavoratori interessati. La scelta della destinazione del trattamento di fine rapporto (Tfr o liquidazione)

La previdenza complementare. I lavoratori interessati. La scelta della destinazione del trattamento di fine rapporto (Tfr o liquidazione) La previdenza complementare La previdenza complementare ha lo scopo di pagare pensioni che si aggiungono a quelle del sistema obbligatorio, in modo da assicurare migliori condizioni di vita ai pensionati.

Dettagli

Come leggere la Busta Paga A cura del Dipartimento Scientifico della Fondazione Studi - Consiglio Nazionale dei Consulenti del Lavoro

Come leggere la Busta Paga A cura del Dipartimento Scientifico della Fondazione Studi - Consiglio Nazionale dei Consulenti del Lavoro Come leggere la Busta Paga A cura del Dipartimento Scientifico della Fondazione Studi - Consiglio Nazionale dei Consulenti del Lavoro * aggiornato al 19.05.2011 CHE COS È è un documento obbligatorio che

Dettagli

Scheda approfondita LAVORO INTERMITTENTE

Scheda approfondita LAVORO INTERMITTENTE Scheda approfondita LAVORO INTERMITTENTE Nozione Finalità Ambito soggettivo di applicazione Legenda Contenuto Precisazioni Riferimenti normativi Ambito oggettivo di applicazione Forma Durata Trattamento

Dettagli

Circolare N. 103 del 14 Luglio 2011. Indennizzo per chi chiude bottega entro il 31.12.2011

Circolare N. 103 del 14 Luglio 2011. Indennizzo per chi chiude bottega entro il 31.12.2011 Circolare N. 103 del 14 Luglio 2011 Indennizzo per chi chiude bottega entro il 31.12.2011 Indennizzo per chi chiude bottega entro il 31.12.2011 Gentile cliente, con la presente desideriamo ricordarle che

Dettagli

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE (A) Regime fiscale applicabile agli iscritti a partire dal 1 gennaio 2007ed ai contributi versati dal 1 gennaio 2007dai lavoratori già iscritti 1. I Contributi 1.1 Il regime

Dettagli

Ufficio Legislativo. Direzione Centrale Entrate. Direzione Centrale Organizzazione. Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici

Ufficio Legislativo. Direzione Centrale Entrate. Direzione Centrale Organizzazione. Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici Ufficio Legislativo Entrate Organizzazione Sistemi Informativi e Tecnologici Bilanci e Servizi fiscali Roma, 24 Marzo 2009 Circolare n. 44 Allegati 3 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Direttori delle

Dettagli

RIMBORSI E TRASFERTE

RIMBORSI E TRASFERTE Studio Associato Diana di Mauro Sottili e Angelo Pizzocri Consulenza del lavoro Crema, Giugno 2008 RIMBORSI E TRASFERTE DIPENDENTI - COLLABORATORI - AMMINISTRATORI Caratteristiche rimborsi e trasferte

Dettagli

LA FATICA NELLE MANI LAVORO, FAMIGLIA e FUTURO. Come leggere la Busta Paga

LA FATICA NELLE MANI LAVORO, FAMIGLIA e FUTURO. Come leggere la Busta Paga LA FATICA NELLE MANI LAVORO, FAMIGLIA e FUTURO Come leggere la Busta Paga ANNO 2016 Le GUIDE della Fondazione Studi A cura del Dipartimento Scientifico della Fondazione Studi - Consiglio Nazionale dei

Dettagli

- CAPITOLATO SPECIALE PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI SOMMINISTRAZIONE DI LAVORO A TEMPO DETERMINATO MEDIANTE PROCEDURA SEMPLIFICATA.

- CAPITOLATO SPECIALE PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI SOMMINISTRAZIONE DI LAVORO A TEMPO DETERMINATO MEDIANTE PROCEDURA SEMPLIFICATA. Azienda Ospedaliera Ospedale San Carlo Borromeo Via Pio II 20153 Milano - CAPITOLATO SPECIALE PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI SOMMINISTRAZIONE DI LAVORO A TEMPO DETERMINATO MEDIANTE PROCEDURA SEMPLIFICATA.

Dettagli

CIRCOLARE L.114 ISTRUZIONI OPERATIVE DELLA NUOVA NASPI.

CIRCOLARE L.114 ISTRUZIONI OPERATIVE DELLA NUOVA NASPI. CIRCOLARE L.114 ISTRUZIONI OPERATIVE DELLA NUOVA NASPI. Con la Circolare 94/2015, pubblicata lo scorso 12 Maggio 2015, l INPS, dopo una lunga attesa ha reso note le istruzioni definitive per la presentazione

Dettagli

TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI. Art. 1

TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI. Art. 1 VENEZUELA ACCORDO AMMINISTRATIVO PER L APPLICAZIONE DELLA CONVENZIONE DI SICUREZZA SOCIALE TRA LA REPUBBLICIA ITALIANA E LA REPUBBLICA DEL VENEZUELA (Firmata a Roma il 7 giugno 1988) Per l applicazione

Dettagli

ASpI Assicurazione Sociale per l Impiego

ASpI Assicurazione Sociale per l Impiego 11. ASSICURAZIONE SOCIALE PER L IMPIEGO di Barbara Buzzi Dal 1 gennaio 2013 è istituita una nuova prestazione di sostegno al reddito (Assicurazione Sociale per l Impiego ASpI) che sostituisce le attuali

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI STRAORDINARI A NUCLEI FAMILIARI IN DIFFICOLTÀ ECONOMICHE CONSEGUENTI A PROBLEMATICHE LAVORATIVE

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI STRAORDINARI A NUCLEI FAMILIARI IN DIFFICOLTÀ ECONOMICHE CONSEGUENTI A PROBLEMATICHE LAVORATIVE REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI STRAORDINARI A NUCLEI FAMILIARI IN DIFFICOLTÀ ECONOMICHE CONSEGUENTI A PROBLEMATICHE LAVORATIVE Approvato con delibera di Consiglio Comunale n. 39

Dettagli

SE VUOI ASSUMERE UNA ASSISTENTE FAMILIARE PER TE O PER UN FAMILIARE.

SE VUOI ASSUMERE UNA ASSISTENTE FAMILIARE PER TE O PER UN FAMILIARE. IMPEGNATIVA DEL NUOVO DATORE DI LAVORO SE VUOI ASSUMERE UNA ASSISTENTE FAMILIARE PER TE O PER UN FAMILIARE. per mancato perfezionamento procedura di regolarizzazione Il Commissariato del governo per la

Dettagli

Presente e futuro del sistema previdenziale italiano nel tempo dell incertezza

Presente e futuro del sistema previdenziale italiano nel tempo dell incertezza Presente e futuro del sistema previdenziale italiano nel tempo dell incertezza Pollenzo 20 Aprile 2012 Luca Valdameri Riferimenti normativi Riforma Amato (decreto legislativo 503/1992 e decreto legislativo

Dettagli

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE 1

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE 1 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE 1 1 Approvato dal Consiglio di Amministrazione il 27 marzo 2015 Sommario REGIME FISCALE DEI CONTRIBUTI... 3 Contributi versati fino al 31 dicembre 2006... 3 Contributi versati

Dettagli

In ordine alla durata, si prendono in considerazione le due ipotesi previste dall art. 62, lett. a) del d. lgs. n. 276/2003.

In ordine alla durata, si prendono in considerazione le due ipotesi previste dall art. 62, lett. a) del d. lgs. n. 276/2003. Nota esplicativa dello schema di contratto a progetto Lo schema di contratto di collaborazione coordinata e continuativa a progetto prevede, nell ambito delle singole clausole, alcune soluzioni alternative

Dettagli

Mod. 730/2015 quadro C: bonus IRPEF e Certificazione Unica Saverio Cinieri - Dottore commercialista e pubblicista

Mod. 730/2015 quadro C: bonus IRPEF e Certificazione Unica Saverio Cinieri - Dottore commercialista e pubblicista Mod. 730/2015 quadro C: bonus IRPEF e Certificazione Unica Saverio Cinieri - Dottore commercialista e pubblicista ADEMPIMENTO " NOVITA " FISCO I contribuenti che possiedono redditi di lavoro dipendente,

Dettagli

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE FONDO DI PREVIDENZA MARIO NEGRI FONDO PENSIONE COMPLEMENTARE A CAPITALIZZAZIONE PER I DIRIGENTI DI AZIENDE DEL TERZIARIO, DI SPEDIZIONE E TRASPORTO DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE 1. Regime fiscale della

Dettagli

LA CERTIFICAZIONE UNICA 2016

LA CERTIFICAZIONE UNICA 2016 LA CERTIFICAZIONE UNICA 2016 L Agenzia delle entrate, con provvedimento del 15 gennaio 2016, ha reso disponibile la versione definitiva della Certificazione Unica 2016, meglio nota come CU, da utilizzare

Dettagli

Fiscal Flash N. 41. Entro fine mese la consegna della certificazione unica (CUD) La notizia in breve 20.02.2014. Premessa

Fiscal Flash N. 41. Entro fine mese la consegna della certificazione unica (CUD) La notizia in breve 20.02.2014. Premessa Fiscal Flash La notizia in breve N. 41 20.02.2014 Entro fine mese la consegna della certificazione unica (CUD) Categoria: Dichiarazione Sottocategoria: CUD La certificazione unica dei redditi di lavoro

Dettagli

Documento sul Regime Fiscale

Documento sul Regime Fiscale FONDO PENSIONE DEI DIPENDENTI DELLA HEWLETT- PACKARD ITALIANA S.r.l. E DI ALTRE SOCIETA DEL GRUPPO HEWLETT-PACKARD Iscritto all Albo tenuto dalla Covip con il n. 1538 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE (aggiornato

Dettagli

PROGRAMMA: AUTUNNO 2005. Dott. Roberto Chiumiento esperto tributario inquadramento normativo e profili fiscali

PROGRAMMA: AUTUNNO 2005. Dott. Roberto Chiumiento esperto tributario inquadramento normativo e profili fiscali : AUTUNNO 2005 TEMI: Elementi della retribuzione e trattamento dei fringe benefits Bologna 21 settembre 2005 (14:30 18:00) La gestione degli expatriates Bologna 17 ottobre 2005 (9:30 18:00) I redditi assimilati

Dettagli

La Certificazione CUD/2014 : le principali novità in sintesi

La Certificazione CUD/2014 : le principali novità in sintesi La Certificazione CUD/2014 : le principali novità in sintesi a cura di Celeste Vivenzi Premessa generale È stato approvato con provvedimento dell Agenzia delle Entrate del 15 gennaio 2014 Prot.5131-2014

Dettagli

ELEMENTI DI PAGHE E CONTRIBUTI Formazione continua individuale

ELEMENTI DI PAGHE E CONTRIBUTI Formazione continua individuale ELEMENTI DI PAGHE E CONTRIBUTI Formazione continua individuale Durata: 60 ore Inizio corso: da definire Sede: Corso Raffaello 17/D - Torino Docente: dottore consulente del lavoro con esperienza consolidata

Dettagli

Modernised EU Social Security Coordination

Modernised EU Social Security Coordination Modernised EU Social Security Coordination La nuova regolamentazione comunitaria PARTE GENERALE DISPOSIZIONI COMUNI 1 Campo di applicazione soggettivo o ratione personae I nuovi regolamenti si applicano

Dettagli

Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali

Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali INTERPELLO N. 24/2010 Roma, 9 giugno 2010 Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali DIREZIONE GENERALE PER L ATTIVITÀ ISPETTIVA Alla CONFAPI Via della Colonna Antonina n. 52 00186 Roma Prot. 25/I/0010267

Dettagli

TRATTAMENTO FISCALE DI MISSIONI E RIMBORSI SPESE

TRATTAMENTO FISCALE DI MISSIONI E RIMBORSI SPESE TRATTAMENTO FISCALE DI MISSIONI E RIMBORSI SPESE Si riporta di seguito una sintesi delle principali disposizioni normative riguardanti il trattamento di missione e i rimborsi spese. Per maggiori dettagli

Dettagli

Circolare n. 41/E. Roma, 21 luglio 2003

Circolare n. 41/E. Roma, 21 luglio 2003 Circolare n. 41/E Roma, 21 luglio 2003 Direzione Centrale Normativa e Contenzioso OGGETTO: Convenzioni internazionali in materia di doppia imposizione- Tassazione delle pensioni pagate ai sensi della legislazione

Dettagli

3. CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO di Andrea Morzenti

3. CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO di Andrea Morzenti 3. CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO di Andrea Morzenti La normativa sul contratto di lavoro a tempo determinato è contenuta nel Decreto Legislativo n. 368 del 2001, decreto attuativo della Direttiva Comunitaria

Dettagli

TITOLO X Tempo parziale (Part Time) Premessa

TITOLO X Tempo parziale (Part Time) Premessa TITOLO X Tempo parziale (Part Time) Premessa Le parti, nel ritenere che il rapporto di lavoro a tempo parziale possa essere mezzo idoneo ad agevolare l incontro fra domanda e offerta di lavoro, ne confermano

Dettagli

OPPORTUNITÀFISCALI NELLE SCELTE DI BENESSERE

OPPORTUNITÀFISCALI NELLE SCELTE DI BENESSERE OPPORTUNITÀFISCALI NELLE SCELTE DI BENESSERE Stefano Lania Confindustria Bergamo Servizio Fiscale e Societario 5 dicembre 2012 2 Reddito di lavoro dipendente Articolo 51, c.1 del DPR 917/86 (TUIR): Il

Dettagli

CIRCOLARE N. 62 /E. Roma, 31 dicembre 2003. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso

CIRCOLARE N. 62 /E. Roma, 31 dicembre 2003. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso CIRCOLARE N. 62 /E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 31 dicembre 2003 Oggetto: Modificazioni delle disposizioni tributarie riguardanti i contratti assicurativi stipulati con imprese non

Dettagli

MODULO DI RICHIESTA DETRAZIONI PER LAVORO DIPENDENTE E FAMILIARI A CARICO (artt. 12 e 13, TUIR 917/86 e successive modificazioni)

MODULO DI RICHIESTA DETRAZIONI PER LAVORO DIPENDENTE E FAMILIARI A CARICO (artt. 12 e 13, TUIR 917/86 e successive modificazioni) MODULO DI RICHIESTA DETRAZIONI PER LAVORO DIPENDENTE E FAMILIARI A CARICO (artt. 12 e 13, TUIR 917/86 e successive modificazioni) La Legge n. 244/07 (Finanziaria 2008) sancisce l obbligo per i lavoratori

Dettagli

I PIANI SANITARI UNISALUTE: Le opportunità, i vantaggi e la convenienza Gli aspetti normativi e fiscali

I PIANI SANITARI UNISALUTE: Le opportunità, i vantaggi e la convenienza Gli aspetti normativi e fiscali I PIANI SANITARI UNISALUTE: Le opportunità, i vantaggi e la convenienza Gli aspetti normativi e fiscali UniSalute per l Azienda: un know-how all avanguardia Soluzioni flessibili e innovative in linea con

Dettagli