LA GESTIONE DEL PERSONALE ALL ESTERO: TIPOLOGIE E MODALITÀ DI ASSEGNAZIONE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "LA GESTIONE DEL PERSONALE ALL ESTERO: TIPOLOGIE E MODALITÀ DI ASSEGNAZIONE"

Transcript

1 LA GESTIONE DEL PERSONALE ALL ESTERO: TIPOLOGIE E MODALITÀ DI ASSEGNAZIONE 1

2 LA GESTIONE DEL PERSONALE ALL ESTERO: TIPOLOGIE E MODALITÀ DI ASSEGNAZIONE TIPOLOGIE DI ASSEGNAZIONE ALL ESTERO: LA TRASFERTA 2

3 TIPOLOGIE DI ASSEGNAZIONE ALL ESTERO: LA TRASFERTA Trasferta: MUTAMENTO TEMPORANEO DEL LUOGO DELLA PRESTAZIONE LAVORATIVA CON PREVISIONE CERTA DI RIENTRO nella sede di lavoro originaria ESIGENZE di servizio TRANSITORIE E CONTINGENTI ELEMENTI CARATTERISTICI della TRASFERTA: temporaneità; disposizione unilaterale del datore di lavoro; svolgimento dell'attività lavorativa sotto la direzione del datore di lavoro; indennità di trasferta. 3

4 TIPOLOGIE DI ASSEGNAZIONE ALL ESTERO: LA TRASFERTA TEMPORANEITÀ della PERMANENZA nessuna indicazione legislativa; NON DEVE ESSERE DEFINITIVA; deve PERMANERE IL LEGAME FUNZIONALE CON IL NORMALE LUOGO DI LAVORO; la durata può anche non essere preventivamente definita. 4

5 TIPOLOGIE DI ASSEGNAZIONE ALL ESTERO: LA TRASFERTA DISPOSIZIONE UNILATERALE DEL DATORE DI LAVORO La trasferta è eseguita NELL'INTERESSE E SU DISPOSIZIONE UNILATERALE DEL DATORE DI LAVORO È IRRILEVANTE: Il CONSENSO del lavoratore La DISPONIBILITÀ del lavoratore L IDENTITÀ O DIFFORMITÀ delle MANSIONI MERA DISCREZIONALITÀ AZIENDALE nel rispetto di: contratti collettivi di riferimento, dignità del lavoratore (art. 41 Cost.), divieto di atti illeciti o discriminatori(art c.c. e art. 15 Stat. Lav.). FUNZIONALE alle ESIGENZE TECNICHE, ORGANIZZATIVE E PRODUTTIVE dell azienda(art c.c.- principio generale del comportamento secondo correttezza ) 5

6 TIPOLOGIE DI ASSEGNAZIONE ALL ESTERO: LA TRASFERTA DIREZIONE DEL DATORE DI LAVORO lavoratore è soggetto alle DIRETTIVE DEL PROPRIO DATORE DI LAVORO ; nessun rapporto tra il lavoratore e il soggetto presso il quale la prestazione viene resa; POTERE DIRETTIVO INTERAMENTE NELLE MANI DEL DATORE DI LAVORO; INDENNITÀ di TRASFERTA una somma aggiuntiva che va ad affiancare la normale retribuzione ammontare stabilito dal CCNL; COMPONENTE RISARCITORIA + RESIDUALE RETRIBUTIVA. 6

7 TIPOLOGIE DI ASSEGNAZIONE ALL ESTERO: LA TRASFERTA SPESE DOCUMENTABILI di vitto, alloggio, viaggio e trasporto SEMPRE ESENTI TRASFERTE NELL AMBITO COMUNALE l indennità CONCORRE A FORMARE REDDITO TRASFERTE FUORI DALL AMBITO COMUNALE: a)indennità FORFETARIA ESENTE fino a: 46,48 al giorno in ITALIA 77,47 al giorno all ESTERO b) RIMBORSO SPESE ALLOGGIO O VITTO, INDENNITÀ ESENTE fino a: 30,99 al giorno in ITALIA 51,65 al giorno all ESTERO REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO dell INDENNITÀ DI TRASFERTA, art. 51, c. 5, TUIR c) RIMBORSO SPESE ALLOGGIO E VITTO, INDENNITÀ ESENTE fino a: 15,49 al giorno in ITALIA 25,82 al giorno all ESTERO d) NESSUNA INDENNITÀ, ma RIMBORSO SPESE: SPESE DOCUMENTATE totalmente ESENTI ALTRE SPESE NON DOCUMENTABILI ESENTI fino a: 15,49 al giorno in ITALIA 25,82 al giorno all ESTERO 7

8 TIPOLOGIE DI ASSEGNAZIONE ALL ESTERO: LA TRASFERTA TRASFERTISTA lavoratore che si obbliga, espressamente per contratto, nei confronti del datore di lavoro a prestare la propria attività lavorativa in sedi di lavoro sempre diverse INDENNITÀ DI TRASFERTISMO maggiorazione della retribuzione in misura fissa art. 51, co. 6, TUIR le indennità e le maggiorazioni di retribuzione spettanti ai lavoratori tenuti per contratto all espletamento delle attività lavorative in luoghi sempre variabili e diversi SONO ESENTI NELLA MISURA DEL 50%. 8

9 LA GESTIONE DEL PERSONALE ALL ESTERO: TIPOLOGIE E MODALITÀ DI ASSEGNAZIONE TIPOLOGIE DI ASSEGNAZIONE ALL ESTERO: IL TRASFERIMENTO 9

10 TIPOLOGIE DI ASSEGNAZIONE ALL ESTERO: IL TRASFERIMENTO TRASFERIMENTO MUTAMENTO DEFINITIVO DEL LUOGO GEOGRAFICO DELLA PRESTAZIONE LAVORATIVA PRESSO UNA SEDE DIFFERENTE RISPETTO AL LUOGO NORMALE DI LAVORO disposto solitamente nell interesse del datore di lavoro ipotesi di TRASFERIMENTO CONSENSUALE o TRASFERIMENTO SU DOMANDA DEL DIPENDENTE lecito patto di inamovibilità FORMA e CONTENUTO DEL PROVVEDIMENTO DI TRASFERIMENTO forma libera 10

11 TIPOLOGIE DI ASSEGNAZIONE ALL ESTERO: IL TRASFERIMENTO ELEMENTI del TRASFERIMENTO: 1. l'individuazione dell'unità PRODUTTIVA; 2. le GIUSTIFICAZIONI alla base del trasferimento; 3. la NULLITÀ del trasferimento e l IMPUGNAZIONE da parte del lavoratore; 4. PROFILI FISCALI dell INDENNITÀ DI TRASFERIMENTO UNITÀ PRODUTTIVA ogni ARTICOLAZIONE AUTONOMA dell'impresa, IDONEA ad espletare, in tutto o in parte, L'ATTIVITÀ DI PRODUZIONE di beni o di servizi costituente l'oggetto sociale aziendale GIUSTIFICAZIONI alla BASE del TRASFERIMENTO art c.c. -RAGIONI TECNICHE, ORGANIZZATIVE E PRODUTTIVE, SUSSISTENTI al momento in cui viene disposto il trasferimento. - ogni patto contrario è nullo (disciplina 2103 cc inderogabile) -onere della prova incombe sul datore di lavoro 11

12 TIPOLOGIE DI ASSEGNAZIONE ALL ESTERO: IL TRASFERIMENTO NULLITÀ DEL TRASFERIMENTO 1. mancanza di adeguata prova delle ragioni tecniche, organizzative e produttive; 2. durante periodo di mandato per i lavoratori che ricoprano cariche di consiglieri comunali o provinciali (art. 27, L. 816/1985); 3. genitore o familiare lavoratore che assista con continuità un parente o un affine entro il terzo grado disabile (art. 33, co. 5 e 6, L. 104/1992); 4. lavoratrice madre, ovvero, padre, fino al 1 anno di età del bambino(art.56,co.1e2,d.lgs.151/2001); 5. dirigenti sindacali aziendali sino all'anno successivo alla cessazione della carica (art. 22, co. 1, Stat. Lav.); 6. per le specifiche indicazioni della contrattazione collettiva di riferimento. Verificare la presenza di CONTRATTI DI PROSSIMITÀ, in deroga alle disposizione di leggeodelccnl 12

13 TIPOLOGIE DI ASSEGNAZIONE ALL ESTERO: IL TRASFERIMENTO IMPUGNAZIONE del TRASFERIMENTO NULLO 1. CONTESTAZIONE STRAGIUDIZIALE entro 60 GIORNI dalla data di ricezione della comunicazione di trasferimento; 2. Entro i successivi 180 giorni procedere: I) deposito del ricorso nella cancelleria del Tribunale; oppure II) tentativo di conciliazione o arbitrato; Se la conciliazione o l arbitrato vengono rifiutati o non viene raggiunto nessun accordo, decorrono altri 60 giorni in cui è possibile procedere al deposito del ricorso. 13

14 TIPOLOGIE DI ASSEGNAZIONE ALL ESTERO: IL TRASFERIMENTO INDENNITÀ DI TRASFERIMENTO titolo risarcitorio Esenzione del 50% fino a: REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO (art. 51, co. 7, TUIR) 1.549,37 /anno, trasferimenti in ITALIA 4.648,11 /anno, trasferimenti all ESTERO indennità corrisposte per medesimo trasferimento in più annualità, la non concorrenza al reddito vale solo per quelle corrisposte nel primo anno spese per familiari a carico, trasporto di cose, oneri relativi all'eventuale recesso dal contratto di locazione a seguito del trasferimento, se rimborsate e analiticamente documentate, non concorrono a formare il reddito 14

15 LA GESTIONE DEL PERSONALE ALL ESTERO: TIPOLOGIE E MODALITÀ DI ASSEGNAZIONE TIPOLOGIE DI ASSEGNAZIONE ALL ESTERO: IL DISTACCO 15

16 TIPOLOGIE DI ASSEGNAZIONE ALL ESTERO: IL DISTACCO Art. 30, d.lgs. 276/03: 1. L'ipotesi del distacco si configura quando un datore di lavoro, per SODDISFARE UN PROPRIO INTERESSE, pone TEMPORANEAMENTE uno o più lavoratori A DISPOSIZIONE di altro soggetto per l'esecuzione di una determinata attività lavorativa. 2. In caso di distacco IL DATORE DI LAVORO RIMANE RESPONSABILE DEL TRATTAMENTO ECONOMICO E NORMATIVO a favore del lavoratore. 3. Il distacco che comporti un mutamento di mansioni deve avvenire con il consenso del lavoratore interessato. Quando comporti un trasferimento a una unità produttiva sita a più di 50 km da quella in cui il lavoratore è adibito, il distacco può avvenire soltanto per comprovate ragioni tecniche, organizzative, produttive o sostitutive. 16

17 TIPOLOGIE DI ASSEGNAZIONE ALL ESTERO: IL DISTACCO RAPPORTO DI LAVORO TRILATERALE Elementi del DISTACCO PROPRIO : LAVORATORE DISTACCATO DATORE DI LAVORO DISTACCANTE DATORE DI LAVORO DISTACCATARIO TEMPORANEITÀ dello spostamento INTERESSE DEL DATORE DISTACCANTE DISSOCIAZIONE TEMPORANEA tra titolare del rapporto di lavoro e soggetto che usufruisce della prestazione TEMPORANEITÀ dell assegnazione - dipende dalla persistenza dell interesse imprenditoriale - l assegnazione del lavoratore non può essere definitiva 17

18 TIPOLOGIE DI ASSEGNAZIONE ALL ESTERO: IL DISTACCO INTERESSE del datore di lavoro al distacco - deve PROTRARSI PER TUTTA LA DURATA DELL'ASSEGNAZIONE - Min. lav., Circ n. 28, l interesse deve essere SPECIFICO, RILEVANTE, CONCRETO e PERSISTENTE - co. 4 ter, art. 30, D.lgs. 276/03, ipotesi ulteriore: Qualora il distacco di personale avvenga tra aziende che abbiano sottoscritto un CONTRATTO DI RETE DI IMPRESA ( ) l'interesse DELLA PARTE DISTACCANTE SORGE AUTOMATICAMENTE IN FORZA DELL'OPERARE DELLA RETE - Al venire meno dell interesse, il lavoratore distaccato deve rientrare in azienda; - conclusione del distacco per interruzione dell interesse del datore di lavoro non legittima il licenziamento; - onere del datore di lavoro provare l'impossibilità di adibire il dipendente in mansioni diverse da quelle svolte in precedenza. 18

19 TIPOLOGIE DI ASSEGNAZIONE ALL ESTERO: IL DISTACCO DISSOCIAZIONE TEMPORANEA titolare del rapporto di lavoro /soggetto che usufruisce della prestazione OBBLIGHI ECONOMICI E NORMATIVI in capo AL DISTACCANTE; Distaccante resta RESPONSABILE DELLA RETRIBUZIONE del lavoratore, con possibilità di riaddebito. POTERE DISCIPLINARE al DISTACCANTE; POTERE DIRETTIVO al DISTACCATARIO NON deve VENIR MENO il LEGAME ORGANICO lavoratore/datore distaccante, caratterizzato da: responsabilità del distaccante per l assunzione; applicabilità del contratto tra le parti originarie; potere di risolvere il contratto del distaccante; potere del distaccante di determinare la natura dell attività svolta dal lavoratore distaccato, il prodotto finale del lavoro o il servizio da fornire; 19

20 TIPOLOGIE DI ASSEGNAZIONE ALL ESTERO: IL DISTACCO IPOTESI PARTICOLARI DI DISTACCO DISTACCO IMPOPRIO: MANCANZA DI DISSOCIAZIONE TRA TITOLARITÀ DEL POTERE DECISIONALE E TITOLARITÀ DEL RAPPORTO DI LAVORO - SEMPLICE MUTAMENTO LUOGO DI LAVORO e MODALITÀ ESECUTIVE DELL'OBBLIGAZIONE lavorativa assunta, DA ADEMPIERSI A FAVORE DI UN CLIENTE DEL DATORE DI LAVORO; DISTACCO PARZIALE: la prestazione lavorativa viene svolta, in parte, presso il distaccatario, e, per la restante parte, presso il datore di lavoro distaccante; DISTACCO INFRAGRUPPO: tra società legate da rapporti di gruppo o di natura commerciale; l'interesse del distaccante non può essere mai presunto; ASSUNZIONE LOCALE o SOSPENSIONE DEL RAPPORTO DI LAVORO: interruzione rapporto di lavoro originario e costituzione di distinto rapporto di lavoro subordinato con società distaccataria. Alternativa: sospensione del rapporto di lavoro originario e assunzione all'estero del lavoratore. 20

21 LA GESTIONE DEL PERSONALE ALL ESTERO: TIPOLOGIE E MODALITÀ DI ASSEGNAZIONE INVIO DI LAVORATORI ALL ESTERO: AUTORIZZAZIONI E PROCEDURE 21

22 INVIO DI LAVORATORI ALL ESTERO: AUTORIZZAZIONI E PROCEDURE ADEMPIMENTI per l INVIO di LAVORATORI all ESTERO 1. CENTRO PER L IMPIEGO comunicazione telematica, MODELLO UNILAV, del temporaneo o definitivo spostamento del lavoratore. 2. LUL: per TUTTA LA DURATA DELL ASSEGNAZIONE all estero il datore di lavoro è tenuto a compilare il LUL e il RUOLO ESTERO, indicando, tra l'altro 1. data inizio e fine attività all'estero, 2. eventuali interruzioni, 3. Stato di assegnazione, 4. estremi accordi integrativi del contratto di lavoro. 3. ISCRIZIONE ALL AIRE, fatta dal lavoratore. OBBLIGATORIA PER COLORO CHE TRASFERISCONO LA LORO RESIDENZA ALL ESTERO PER PIÙ DI 12 MESI, facoltativa negli altri casi. - servizi consolari - certificati - diritto di voto - carta d identità 22

23 INVIO DI LAVORATORI ALL ESTERO: AUTORIZZAZIONI E PROCEDURE AUTORIZZAZIONE ASSUNZIONE O TRASFERIMENTO LAVORATORI a) INVIO IN PAESI COMUNITARI PRINCIPIO DELLA LIBERA CIRCOLAZIONE (art. 45 TFUE)Unione Europea, Spazio Economico Europeo (Islanda, Liechtenstein e Norvegia) e Svizzera DIRITTO DI: - cercare lavoro in un altro paese dell'ue; - Lavorare e vivere in tale paese senza bisogno di permesso di lavoro; - restarvi anche quando l'attività professionale è giunta a termine; - parità di trattamento RESTRIZIONI PER MOTIVI POLITICI E DI SICUREZZA PUBBLICA, SALUTE PUBBLICA e lavoro nel settore pubblico Ad esempio, i cittadini croati, a causa di un regime transitorio dovuto alla recente entrata della Croazia nell Unione Europea, possono essere soggetti a restrizioni temporanee. 23

24 INVIO DI LAVORATORI ALL ESTERO: AUTORIZZAZIONI E PROCEDURE b) INVIO IN PAESI EXTRACOMUNITARI AUTORIZZAZIONE DA PARTE DEL MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI Apposita procedura on line, iscrizione alla LIE LISTA ITALIANI ALL ESTERO (portale sezione Aziende, voce Lavorare all estero.) DOMANDA PER IL RILASCIO DELL AUTORIZZAZIONE inviata, on line, a: - MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI - INISTERO DEGLI AFFARI ESTERI - DIREZIONE REGIONALE DI LAVORO COMPETENTE contenuto: - Lavoratore/i - Località d invio -impegno ad adempiere agli obblighi exl. n. 398/87 24

25 INVIO DI LAVORATORI ALL ESTERO: AUTORIZZAZIONI E PROCEDURE TEMPI e MODALITÀ DI RILASCIO dell AUTORIZZAZIONE 75 GIORNI dalla presentazione della richiesta; 90 GIORNI se richiesta presentata all estero; Se necessaria integrazione documentazione, il Ministero del Lavoro deve farne richiesta entro 60 giorni ed i termini ricominciano a decorrere dalla data di ricevimento dell istanza regolarizzata o completata. PAESI con CONDIZIONI POLITICHE, SOCIALI, SANITARIE ED ECONOMICHE INCERTE necessario PARERE PREVENTIVO del MINISTERO DEGLI AFFARI ESTERI Esito entro 45 giorni dalla presentazione della richiesta NULLA OSTA della DIREZIONE REGIONALE DEL LAVORO INVIO modello UNILAV. SILENZIO - ASSENSO 25

26 LA GESTIONE DEL PERSONALE DISTACCATO ALL ESTERO: ASPETTI CONTRATTUALI E COMPOSIZIONE DEL PACCHETTO RETRIBUTIVO 26

27 LA GESTIONE DEL PERSONALE DISTACCATO ALL ESTERO: ASPETTI CONTRATTUALI E COMPOSIZIONE DEL PACCHETTO RETRIBUTIVO LA LEGISLAZIONE APPLICABILE AL CONTRATTO 27

28 LA LEGISLAZIONE APPLICABILE AL CONTRATTO DISTACCO ALL ESTERO = INTERNAZIONALITÀ del rapporto di lavoro e della prestazione lavorativa Fondamentale capire QUALE LEGISLAZIONE (tra quella dei diversi Stati coinvolti) SIA APPLICABILE AL RAPPORTO DI LAVORO CONTRASTARE IL FORUM SHOPPING Riferimenti normativi: L. 31 MAGGIO 1995, N. 218 (riforma del SISTEMA ITALIANO DI DIRITTO INTERNAZIONALE PRIVATO) CONVENZIONE DI ROMA DEL 19 GIUGNO 1980 sulla legge applicabile alle obbligazioni contrattuali. 28

29 LA LEGISLAZIONE APPLICABILE AL CONTRATTO PRIMO CRITERIO DI COLLEGAMENTO: LIBERTÀ DI SCELTA DELLE PARTI SCELTA ESPRESSA, o RISULTANTE IN MODO RAGIONEVOLMENTE CERTO DALLE DISPOSIZIONI DEL CONTRATTO, OVVERO DALLE CIRCOSTANZE La LIBERTÀ DI SCEGLIERE non è assoluta. LIMITI: - no pregiudizio alle disposizioni imperative dei paesi coinvolti; - potrà essere data efficacia alle norme imperative di un altro paese con il quale la situazione presenti uno stretto legame; - la convenzione non può impedire l applicazione delle norme in vigore nel paese del giudice; - ordine pubblico del foro. 29

30 LA LEGISLAZIONE APPLICABILE AL CONTRATTO ALTRI CRITERI DI COLLEGAMENTO(art. 57 L 218/1995): laleggedelpaeseincuiillavoratorecompieabitualmenteilsuolavoro; la legge del Paese ove ha SEDE IL DATORE DI LAVORO, se il lavoratore non lavora abitualmente in uno stesso Paese; la legge del Paese con cui il contratto presenti eventualmente un COLLEGAMENTO PIÙ STRETTO, indipendentemente dai criteri di cui sopra. *** Debolezza di una delle parti del contratto = TUTELE SPECIFICHE E ULTERIORI Il lavoratore non può essere privato della protezione assicuratagli dalle norme imperative della legge che, in mancanza di scelta, regolerebbe il contratto. 30

31 LA LEGISLAZIONE APPLICABILE AL CONTRATTO 1. disposizioni limitative dei LICENZIAMENTI AMBITI DI INDEROGABILITÀ: 4. RETRIBUZIONE MINIMA 5. TUTELA PREVIDENZIALE MINIMA 2. diritto al TFR 3. SANZIONI DISCIPLINARI 7. TUTELA SANITARIA 6. ASSICURAZIONE INFORTUNI AMBITI DI APPLICAZIONE NECESSARIA DELLA LEGGE DEL PAESE DI SVOLGIMENTO DELLA PRESTAZIONE LAVORATIVA I. orario di lavoro; I. ferie, festività, permessi; II. igiene e sicurezza sul lavoro; I. congedi. 31

32 LA LEGISLAZIONE APPLICABILE AL CONTRATTO NORME VINCOLANTI di PROTEZIONE MINIMA DA GARANTIRE NEL PAESE ESTERO 1. PERIODI MASSIMI DI LAVORO E PERIODI MINIMI DI RIPOSO; 2. durata minima delle FERIE annuali retribuite; 3. TARIFFE MINIME SALARIALI; 4. CONDIZIONI DI CESSIONE TEMPORANEA DEI LAVORATORI; 5. SICUREZZA, SALUTE E IGIENE SUL LAVORO; 6. Tutela GESTANTI O PUERPERE, BAMBINI E GIOVANI; 7. PARITÀ DI TRATTAMENTO FRA UOMO E DONNA, NON DISCRIMINAZIONE. DIRETTIVA CE 16 DICEMBRE 1996, N. 71 CLAUSOLA DELL ORDINE PUBBLICO valori fondamentali dell ordinamento 32

33 LA GESTIONE DEL PERSONALE DISTACCATO ALL ESTERO: ASPETTI CONTRATTUALI E COMPOSIZIONE DEL PACCHETTO RETRIBUTIVO GLI ASPETTI CONTRATTUALI DEL DISTACCO ALL ESTERO 33

34 GLI ASPETTI CONTRATTUALI DEL DISTACCO ALL ESTERO Responsabilità del TRATTAMENTO ECONOMICO E NORMATIVO datore di lavoro DISTACCANTE Titolarità del POTERE DIRETTIVO datore di lavoro DISTACCATARIO Titolarità del POTERE DISCIPLINARE datore di lavoro DISTACCANTE CESSAZIONE ANTICIPATA DEL DISTACCO: a)venir meno dell interesse b)conseguenza disciplinare PROBLEMA: REINSERIMENTO al lavoro del lavoratore 34

35 GLI ASPETTI CONTRATTUALI DEL DISTACCO ALL ESTERO GESTIONE DEL RAPPORTO DI LAVORO ORARIO DI LAVORO - il lavoratore distaccato potrà essere tenuto a rispettare l articolazione dell orario di lavoro applicata dal datore di lavoro distaccatario; FERIE - gestione economica a cura del datore di lavoro distaccante - gestione organizzativa (modalità di richiesta, periodi di chiusura, ferie collettive) datore di lavoro distaccatario; SEDE DI LAVORO indicata nella lettera di distacco; SICUREZZA DEL LAVORO - il datore di lavoro distaccante sarà tenuto ad informare e formare il lavoratore sui rischi per la sicurezza connessi allo svolgimento dell attività presso il datore di lavoro distaccatario. 35

36 GLI ASPETTI CONTRATTUALI DEL DISTACCO ALL ESTERO GESTIONE AMMINISTRATIVA DELL ESPATRIO adempimenti richiesti dalla normativa applicabile (ad esempio, la domanda di autorizzazione all invio in caso di distacco extracomunitario, o la richiesta dei formulari in materia di sicurezza sociale); predisposizione degli ACCORDI DI ASSEGNAZIONE; verificare regime di sicurezza sociale applicabile; verificare regime fiscale applicabile; comunicazioni obbligatorie di inizio assegnazione agli enti competenti; predisporre e aggiornare i libri obbligatori del personale; eventuale iscrizione all AIRE del lavoratore; verifiche sulla residenza fiscale 36

37 GLI ASPETTI CONTRATTUALI DEL DISTACCO ALL ESTERO ACCORDI DI ASSEGNAZIONE = PATTI INTERCORSI TRA I SOGGETTI DEL DISTACCO VOLTI A REGOLARE I LORO RAPPORTI a) ACCORDO DI DISTACCO o intercompany agreement b) LETTERA DI DISTACCO o letter of understanding ACCORDO DI DISTACCO stipulato tra datore di lavoro distaccante e datore di lavoro distaccatario 1. INTERESSE nel distacco 2. COMPETENZE lavoratore 3. MODALITÀ esecuzione PRESTAZIONE 4. DURATA distacco 5. MODALITÀ DI COMUNICAZIONE TRA DATORI 37

38 GLI ASPETTI CONTRATTUALI DEL DISTACCO ALL ESTERO ACCORDO DI DISTACCO (segue) 6. ACCORDI ECONOMICI tra le due società. Assunzione, da parte della società distaccataria dell impegno: a) all erogazione dei fringe benefits ovvero b) a contribuire a talune spese ovvero, ancora, c) a sostenere il costo di determinati emolumenti quali commissioni o bonus; descrizione della composizione COSTO RIADDEBITATO; descrizione delle modalità di determinazione del costo riaddebitato; eventuale cost-sharing agreement. IL RIMBORSO AL DISTACCANTE DEGLI ONERI CONNESSI CON IL TRATTAMENTO ECONOMICO DEL LAVORATORE DISTACCATO NON DEVE SUPERARE QUANTO EFFETTIVAMENTE CORRISPOSTO AL LAVORATORE 38

39 LA GESTIONE DEL PERSONALE DISTACCATO ALL ESTERO: ASPETTI CONTRATTUALI E COMPOSIZIONE DEL PACCHETTO RETRIBUTIVO FOCUS SU: LA LETTERA DI DISTACCO 39

40 FOCUS SU: LA LETTERA DI DISTACCO ESPATRIO = DISAGI per il lavoratore Necessari INCENTIVI ALL ESPATRIO AUMENTI RETRIBUTIVI E BENEFIT ART. 36 COST. il lavoratore ha diritto a una retribuzione proporzionata alla quantità e qualità del suo lavoro e in ogni caso sufficiente ad assicurare a sé e alla famiglia un esistenza libera e dignitosa. Retribuzione: risposta alle esigenze di vita del lavoratore e della sua famiglia; garanzia per dignitoso tenore di vita e il libero e pieno sviluppo della personalità. 40

41 FOCUS SU: LA LETTERA DI DISTACCO DEFINIZIONE EMOLUMENTI ADDIZIONALI LIBERA CONTRATTAZIONE AZIENDA LAVORATORE LETTERA DI DISTACCO Soggetti sono DISTACCANTE e LAVORATORE finalità INTEGRATIVA del contratto di lavoro ELEMENTI CHE GIUSTIFICANO IL DISTACCO DATI DI NATURA ECONOMICA E CONTRATTUALE Solitamente redatta in doppia lingua, italiano e generalmente inglese o altra lingua conosciuta da tutti e tre i soggetti del distacco 41

42 FOCUS SU: LA LETTERA DI DISTACCO CONTENUTO della LETTERA DI DISTACCO: 1. Dati società distaccataria; 2. Durata distacco; 3. Referenti per il distacco in Italia e all estero; 4. Mansioni e qualifica lavoratore distaccato; 5. Normativa applicabile alla prestazione lavorativa; 6. Condizioni per il rimpatrio conservazione del posto ricollocazione del lavoratore 7. ACCORDI ECONOMICI, incentivi all espatrio 42

43 LA GESTIONE DEL PERSONALE DISTACCATO ALL ESTERO: ASPETTI CONTRATTUALI E COMPOSIZIONE DEL PACCHETTO RETRIBUTIVO LA COMPOSIZIONE DEL PACCHETTO RETRIBUTIVO 43

44 LA COMPOSIZIONE DEL PACCHETTO RETRIBUTIVO RETRIBUZIONE DEL LAVORATORE DISTACCATO ALL ESTERO paga base italiana; eventuale indennità giornaliera/indennità ESTERO; eventuale bonus a fine distacco; rimborsi spese; emolumenti aggiuntivi per i rientri periodici da considerarsi come retribuzione se non gestiti a titolo di rimborso spese; fringe benefits; premi, superminimi, ad personam. 44

45 LA COMPOSIZIONE DEL PACCHETTO RETRIBUTIVO INDENNITÀ ESTERO specifico emolumento aggiuntivo non strettamente connesso all esecuzione della prestazione lavorativa ma ricomprendente il disagio conseguente al trasferimento L indennità estero COSTITUISCE A TUTTI GLI EFFETTI RETRIBUZIONE, ed è perciò utile ai fini del calcolo del TFR; somma strettamente legata alla permanenza all estero; art c.c.- IRRIDUCIBILITÀ DELLA RETIBUZIONE Ratio: quanto percepito dal lavoratore è il corrispettivo delle qualità professionali intrinseche alle mansioni svolte. terminata la missione all estero, il lavoratore non avrà più diritto alle voci retributive aggiuntive riconosciutegli dal datore di lavoro a scopo di ristoro o risarcimento 45

46 LA COMPOSIZIONE DEL PACCHETTO RETRIBUTIVO art. 51 comma 8-bis del TUIR SI DETERMINA SULLA BASE DELLE RETRIBUZIONI CONVENZIONALI IL REDDITO CHE: deriva da ATTIVITÀ PRESTATA ALL ESTERO, in via continuativa e come oggetto esclusivo del rapporto di lavoro; è prodotto da dipendenti che SOGGIORNANO ALL ESTERO PER PIÙ DI 183 GIORNI NELL ARCO DI 12 MESI. OGNI RETRIBUZIONE AGGIUNTIVA a quella ordinaria è ASSORBITA nella determinazione forfetaria delle RETRIBUZIONI CONVENZIONALI, contribuendo ad ALZARE LA BASE DI RIFERIMENTO PER LA DETERMINAZIONE DELLA RETRIBUZIONE CONVENZIONALE (Circ. Agenzia delle Entrate n. 11/E del 30 aprile 2013). 46

47 LA COMPOSIZIONE DEL PACCHETTO RETRIBUTIVO SPECIFICI RIFERIMENTI NORMATIVI DISTACCO COMUNITARIO - DIRETTIVA n. 96/71/CE, art. 3, par. 7 : le indennità specifiche per il distacco sono considerate parte integrante del salario minimo, purché non siano versate a titolo di rimborso delle spese effettivamente sostenute a causa del distacco, come le spese di viaggio, vitto, alloggio DISTACCO EXTRACOMUNITARIO - D.L. n. 317/1987, art. 2, commi 3 e 4: Il Min. del lavoro ai fini del rilascio dell autorizzazione di cui al comma 1, accerta che:( ) b) il trattamento economico-normativo offerto sia complessivamente non inferiore a quello previsto dai contratti collettivi di lavoro vigenti in Italia;( ) d) sia stata stipulata, a favore dei lavoratori italiani inviati all estero a svolgere attività lavorativa, un assicurazione per ogni viaggio di andata nel luogo di destinazione e di rientro dal luogo stesso, per i casi di morte o di invalidità permanente; e) il contratto stabilisca il tipo di sistemazione logistica; 47

48 LA COMPOSIZIONE DEL PACCHETTO RETRIBUTIVO POSSIBILI VOCI DEL PACCHETTO RETRIBUTIVO ALLOGGIO a) collocazione del lavoratore in strutture alberghiere, b) indennità di alloggio, c) alloggio in uso al lavoratore; ASSISTENZA PER LE PROCEDURE DI IMMIGRAZIONE E ASSISTENZA FISCALE AUTOVETTURA a)ad uso privato, b)uso cd. promiscuo; AZIONI E STOCK OPTION BONUS ESTERO COLLOCAMENTO DEL CONIUGE CORSI DI ISTRUZIONE E DI LINGUA per figli e famigliari 48

49 LA COMPOSIZIONE DEL PACCHETTO RETRIBUTIVO INDENNITÀ COST OF LIVING (COLA) INDENNITÀ DI PRIMA SISTEMAZIONE INDENNITÀ DI RISCHIO CAMBIO INDENNITÀ FORFETARIA ESTERA POLIZZE ASSICURATIVE invii in Paesi extracomunitari obbligo polizza rischi viaggio - capitali assicurati non inferiori a ,40 e ,53 per morte e invalidità permanente. POLIZZE SANITARIE INTEGRATIVE TRASLOCO VIAGGI a) viaggi inizio e fine espatrio, b) viaggi A/R nel corso dell'assegnazione estera, per ritorni periodici in patria, c) viaggi nel Paese estero di futura assegnazione per preparare l'espatrio e per ricerca abitazione. 49

50 LA COMPOSIZIONE DEL PACCHETTO RETRIBUTIVO POLITICHE DI ACCOMPAGNAMENTO FISCALE TAX EQUALIZATION il datore di lavoro distaccante applica al lavoratore la HYPOTHETICAL WITHHOLDINGTAX equivalente alle imposte che il lavoratore avrebbe dovuto versare in Italia. Gli importi così trattenuti saranno utilizzati al momento della liquidazione delle imposte effettivamente dovute dal lavoratore distaccato: EVENTUALI DIFFERENZE, in attivo, o in passivo, RESTANO A CARICO DEL DATORE DI LAVORO. TAX PROTECTION - il lavoratore distaccato versa un imposta comunque non superiore a quella che avrebbe versato in Italia. Eventuali DIFFERENZE IN ECCESSO SONO A CARICO DEL DATORE DI LAVORO: se le imposte estere sono maggiori delle imposte italiane, il datore di lavoro sopporta l onere aggiuntivo. 50

51 LA GESTIONE DEL PERSONALE ALL ESTERO: ASPETTI PREVIDENZIALI 51

52 LA GESTIONE DEL PERSONALE ALL ESTERO: ASPETTI PREVIDENZIALI IL DISTACCO IN AMBITO COMUNITARIO

53 IL DISTACCO IN AMBITO COMUNITARIO DISTACCO COMUNITARIO - art. 45 TFUE, LIBERA CIRCOLAZIONE Direttiva 2004/38/CE e Regolamento n. 492/2011 del 5 aprile Per l invio di lavoratori cittadini comunitari in distacco in paesi comunitari NON sono richieste AUTORIZZAZIONI né nulla osta ASPETTI PREVIDENZIALI: in quale Stato (di provenienza o di distacco) è assicurato il lavoratore? in quale Stato devono essere versati i contributi previdenziali ed assistenziali? a quale Ente o Istituto possano essere richieste le corrispondenti prestazioni?

54 IL DISTACCO IN AMBITO COMUNITARIO PRINCIPIO GENERALE è quello della LEX LOCI LABORIS PRINCIPIO DELLA TERRITORIALITÀ il lavoratore è soggetto alla legislazione dello Stato sul cui territorio svolge la propria prestazione lavorativa = VERSAMENTO DEI CONTRIBUTI NELLO STATO ESTERO DI DISTACCO RISCHIO di DOPPIA IMPOSIZIONE CONTRIBUTIVA se nello Stato di provenienza vige un sistema previdenziale obbligatorio In Italia assicurazioni sociali obbligatorie L. n. 398 del 7 dicembre 1987, di conv. D.L. n. 317/1987

55 IL DISTACCO IN AMBITO COMUNITARIO DISTACCO PREVIDENZIALE regolamento CE 29 aprile 2004, n. 883/2004, e regolamento di attuazione n. 987 del 16 dicembre 2009 Ambito di applicazione: Stati membri U. E., Stati S.E.E. (Islanda, Liechtenstein, Norvegia) e Svizzera. DISTACCO PREVIDENZIALE = deroga al principio di territorialità Lavoratore cittadino U.E., S.E.E. o Svizzera; Massimo 24 mesi; Non in sostituzione di un altro distaccato; Prorogabile fino a massimo 5 anni; Resta SOGGETTO AL REGIME PREVIDENZIALE dello STATO DI APPERTENENZA,versa i contributi solo in uno Stato

56 IL DISTACCO IN AMBITO COMUNITARIO FORMULARI COMUNITARI DOCUMENTI PORTATILI - portable documents PD A1 e PD DA1 Sono la prova che il lavoratore distaccato può mantenere la posizione contributiva italiana Prima del distacco, IL DATORE DI LAVORO DEVE RICHIEDERE: INPS PD A1 valido 24 mesi Archivio Distacchi e Lavoro Contemporaneo nell Unione Europea, utility, download INAIL PD DA1 valido 24 mesi Servizi online, Richieste/Modulo PD DA1. L INAILinoltrerà, tramite PEC, il PD DA1, compilato e firmato dal dirigente, all utente richiedente ed alle AA.SS.LL. competenti.

57 IL DISTACCO IN AMBITO COMUNITARIO 1 maggio sistema europeo EESSI Electronic exchange social security information punti di accesso per la ricezione e l inoltro dei documenti: 1. Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali -materia di cure mediche; 2. INAIL per le prestazioni in materia di infortuni sul lavoro e malattie professionali; 3. INPDAP per le prestazioni previdenziali dei dipendenti pubblici; 4. INPS per le prestazioni pensionistiche e a sostegno del reddito di natura previdenziale ed assistenziale

58 LA GESTIONE DEL PERSONALE ALL ESTERO: ASPETTI PREVIDENZIALI IL DISTACCO IN AMBITO EXTRACOMUNITARIO: PAESI CONVENZIONATI

59 IL DISTACCO IN AMBITO EXTRACOMUNITARIO: PAESI CONVENZIONATI DISTACCO EXTRACOMUNITARIO il DATORE DI LAVORO DEVE RICHIEDERE L AUTORIZZAZIONE PREVENTIVA AL MINISTERO DEL LAVORO, secondo una specifica procedura (art. 1, L. 398/87) REGIME PREVIDENZIALE: principio della TERRITORIALITÀ (lex loci laboris) i contributi previdenziali devono essere versati nel luogo di esecuzione della prestazione lavorativa. per EVITARE LA DOPPIA IMPOSIZIONE CONTRIBUTIVA CONVENZIONI INTERNAZIONALI IN MATERIA DI SICUREZZA SOCIALE

60 IL DISTACCO IN AMBITO EXTRACOMUNITARIO: PAESI CONVENZIONATI Le CONVENZIONI INTERNAZIONALI BILATERALI IN MATERIA DI SICUREZZA SOCIALE prevedono il DISTACCO PREVIDENZIALE - evitano la doppia imposizione contributiva L Italia ha stipulato convenzioni bilaterali in materia di sicurezza sociale con: Argentina, Australia, Brasile, Canada-Québec, Capo Verde, Corea del Sud, Israele, Jersey e Isole del Canale, Serbia, Kosovo, Montenegro, Bosnia Erzegovina, Macedonia, Messico, Principato di Monaco, Repubblica di San Marino, Santa Sede, Stati Uniti d America, Tunisia, Turchia, Uruguay, Venezuela. Le Convenzioni con Australia e Messico non prevedono l istituto del distacco previdenziale.

SINTESI DEL CONTRATTO DI LAVORO DOMESTICO. C.C.N.L. con validità dal 01/07/2013 al 31/12/2016

SINTESI DEL CONTRATTO DI LAVORO DOMESTICO. C.C.N.L. con validità dal 01/07/2013 al 31/12/2016 SINTESI DEL CONTRATTO DI LAVORO DOMESTICO C.C.N.L. con validità dal 01/07/2013 al 31/12/2016 MINIMI RETRIBUTIVI FISSATI DALLA COMMISSIONE NAZIONALE DECORRENZA 1 GENNAIO 2014 CONVIVENTI DI CUI ART. 15-2

Dettagli

IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO

IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO Patrizia Clementi IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO La legge Biagi 1 ha disciplinato sotto il profilo civilistico le collaborazioni coordinate e continuative, già presenti nel nostro

Dettagli

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Nozione Finalità Ambito soggettivo di applicazione Legenda Contenuto Precisazioni Riferimenti normativi Ambito oggettivo di applicazione Forma Durata Trattamento economico

Dettagli

I RAPPORTI DI LAVORO IN AMBITO SPORTIVO DILETTANTISTICO

I RAPPORTI DI LAVORO IN AMBITO SPORTIVO DILETTANTISTICO SERVIZIO DECENTRAMENTO E ASSISTENZA AMMINISTRATIVA AI PICCOLI COMUNI SERVIZIO PROGRAMMAZIONE E GESTIONE ATTIVITA TURISTICHE E SPORTIVE www.provincia.torino.gov.it FORUM IN MATERIA DI ENTI SPORTIVI DILETTANTISTICI

Dettagli

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Lavoro Modena, 02 agosto 2014 JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Legge n. 78 del 16 maggio 2014 di conversione, con modificazioni, del DL n. 34/2014 Ministero del Lavoro, Circolare n. 18

Dettagli

Differenze tra il trattamento di mobilità in deroga annualità 2012 e annualità 2013

Differenze tra il trattamento di mobilità in deroga annualità 2012 e annualità 2013 Vademecum per la gestione del trattamento di mobilità in deroga Annualità 2013 Istruzioni per la compilazione della domanda di mobilità in deroga e informazioni generali sul trattamento. Differenze tra

Dettagli

HELP 03 RIMBORSI SPESE

HELP 03 RIMBORSI SPESE a cura di Flavio Chistè RIMBORSI SPESE RIMBORSI SPESE Nella gestione ordinaria degli enti non commerciali accade spesso che vengano erogate delle somme ai collaboratori, ai professionisti e ai dipendenti

Dettagli

l agenzia in f orma IL FISCO PER IL LAVORATORE DIPENDENTE E LE AGEVOLAZIONI SUGLI STRAORDINARI

l agenzia in f orma IL FISCO PER IL LAVORATORE DIPENDENTE E LE AGEVOLAZIONI SUGLI STRAORDINARI 5 2008 l agenzia in f orma IL FISCO PER IL LAVORATORE DIPENDENTE E LE AGEVOLAZIONI SUGLI STRAORDINARI INDICE 1. IL REDDITO DA LAVORO DIPENDENTE 2 La definizione 2 I redditi assimilati al lavoro dipendente

Dettagli

Decreto Part-time. Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time

Decreto Part-time. Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time Decreto Part-time Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time ARTICOLO 1 Definizioni 1.Nel rapporto di lavoro subordinato l assunzione

Dettagli

Fringe benefits e rimborsi spese ai lavoratori: trattamento fiscale

Fringe benefits e rimborsi spese ai lavoratori: trattamento fiscale Fringe benefits e rimborsi spese ai lavoratori: trattamento fiscale Mauro Porcelli 1 I fringe benefits sono emolumenti aggiuntivi della retribuzione costituiscono vantaggi accessori servono a motivare

Dettagli

BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI

BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI Si esamina il trattamento dei benefici concessi a dipendenti, collaboratori e amministratori - collaboratori. I fringe benefits costituiscono la parte della

Dettagli

COLF E BADANTI. Via Abruzzi, 3-00187 Roma tel. 06/8440761 - fax 06/42085830 caaf.nazionale@cisl.it www.caafcisl.it

COLF E BADANTI. Via Abruzzi, 3-00187 Roma tel. 06/8440761 - fax 06/42085830 caaf.nazionale@cisl.it www.caafcisl.it COLF E BADANTI Lo sportello Colf e Badanti del Caf Cisl nasce per fornire alle famiglie tutta l assistenza necessaria per la gestione del rapporto di lavoro di colf, assistenti familiari, baby sitter,

Dettagli

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La sezione relativa all esposizione sintetica e analitica dei dati relativi al Tfr, alle indennità equipollenti e alle altre indennità e somme,

Dettagli

Il lavoro subordinato

Il lavoro subordinato Il lavoro subordinato Aggiornato a luglio 2012 1 CHE COS È? Il contratto di lavoro subordinato è un contratto con il quale un lavoratore si impegna a svolgere una determinata attività lavorativa alle dipendenze

Dettagli

Quando il tempo non è galantuomo. A cura di S. Martorelli & P. Zani Corso aggiornamento Agenti sociali FNP CISL Milano Aggiornato al giugno 2014

Quando il tempo non è galantuomo. A cura di S. Martorelli & P. Zani Corso aggiornamento Agenti sociali FNP CISL Milano Aggiornato al giugno 2014 Prescrizione e decadenza in materia di contributi e prestazioni INPS Quando il tempo non è galantuomo. A cura di S. Martorelli & P. Zani Corso aggiornamento Agenti sociali FNP CISL Milano Aggiornato al

Dettagli

Paghe. Lavoro part-time: il minimale ai fini contributivi Fabio Licari - Consulente del lavoro

Paghe. Lavoro part-time: il minimale ai fini contributivi Fabio Licari - Consulente del lavoro Lavoro part-time: il minimale ai fini contributivi Fabio Licari - Consulente del lavoro Obblighi contributivi Calcolo dei contributi Con l instaurazione del rapporto di lavoro, sorge anche l obbligazione

Dettagli

TITOLO X Tempo parziale (Part Time) Premessa

TITOLO X Tempo parziale (Part Time) Premessa TITOLO X Tempo parziale (Part Time) Premessa Le parti, nel ritenere che il rapporto di lavoro a tempo parziale possa essere mezzo idoneo ad agevolare l incontro fra domanda e offerta di lavoro, ne confermano

Dettagli

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF)

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF) I TRIBUTI 89 APPROFONDIMENTI IL CODICE TRIBUTO Ogni pagamento effettuato con i modelli F23 o F24 deve essere identificato in modo preciso, abbinando a ogni versamento un codice di tributo. Nella tabella

Dettagli

CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE

CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE La Santa Sede ed il Governo della Repubblica Italiana, qui di seguito denominati anche Parti contraenti; tenuto conto

Dettagli

CORSO DI DIRITTO SPORTIVO I RAPPORTI DI LAVORO ALL INTERNO DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE AVV. MARIA ELENA PORQUEDDU

CORSO DI DIRITTO SPORTIVO I RAPPORTI DI LAVORO ALL INTERNO DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE AVV. MARIA ELENA PORQUEDDU CORSO DI DIRITTO SPORTIVO I RAPPORTI DI LAVORO ALL INTERNO DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE AVV. MARIA ELENA PORQUEDDU INTRODUZIONE ALLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE IN QUALSIASI FORMA COSTITUITE

Dettagli

Le ferie del lavoratore, normativa e giurisprudenza

Le ferie del lavoratore, normativa e giurisprudenza Le ferie del lavoratore, normativa e giurisprudenza di Pietro Gremigni Consulente aziendale in Milano in breve Argomento Il mese di agosto è considerato di solito il periodo classico di utilizzazione delle

Dettagli

Gestione separata INPS: gli aumenti dal 1 gennaio 2015

Gestione separata INPS: gli aumenti dal 1 gennaio 2015 Ai gentili clienti Loro sedi Gestione separata INPS: gli aumenti dal 1 gennaio 2015 Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che, in assenza di provvedimenti sul punto da parte della L.

Dettagli

OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti

OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti CIRCOLARE 11/E Roma, 23 marzo 2015 OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti 2 INDICE 1 DESTINATARI DELLA DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA... 5

Dettagli

Paghe. La retribuzione delle ore di viaggio Fabio Pappalardo - Consulente del lavoro

Paghe. La retribuzione delle ore di viaggio Fabio Pappalardo - Consulente del lavoro La retribuzione delle ore di viaggio Fabio Pappalardo - Consulente del lavoro Il luogo della prestazione lavorativa è un elemento fondamentale del contratto di lavoro subordinato. Per quanto nella maggior

Dettagli

TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO, ALTRE INDENNITA E SOMME SOGGETTE A TASSAZIONE SEPARATA

TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO, ALTRE INDENNITA E SOMME SOGGETTE A TASSAZIONE SEPARATA TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO, ALTRE INDENNITA E SOMME SOGGETTE A TASSAZIONE SEPARATA punto 94: ammontare corrisposto nel 2007: - al netto di quanto corrisposto in anni precedenti casella 95; - ridotto

Dettagli

CIRCOLARE N.3/E. Roma, 28 febbraio 2012

CIRCOLARE N.3/E. Roma, 28 febbraio 2012 CIRCOLARE N.3/E Direzione Centrale Normativa Roma, 28 febbraio 2012 OGGETTO: Articolo 24, comma 31, del decreto-legge 6 dicembre 2011 n. 201, convertito, con modificazioni, dalla legge 22 dicembre 2011,

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME ART. 1 Oggetto Il presente regolamento disciplina le procedure per la trasformazione dei rapporti di lavoro da tempo pieno a tempo parziale dei dipendenti

Dettagli

La deduzione IRAP. DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012

La deduzione IRAP. DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012 DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012 LE DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 La quota forfetaria deducibile per ogni singolo lavoratore subordinato

Dettagli

Certificazione dei redditi - 1/6

Certificazione dei redditi - 1/6 PR O TOC OL L O Mod. RED - COD. AP15 Certificazione dei redditi - 1/6 ALL UFFICIO INPS DI COGNOME NOME CODICE FISCALE NATO/A IL GG/MM/AAAA A PROV. STATO RESIDENTE IN PROV. STATO INDIRIZZO CAP TELEFONO

Dettagli

REGIME FORFETARIO 2015

REGIME FORFETARIO 2015 OGGETTO: Circolare 4.2015 Seregno, 19 gennaio 2015 REGIME FORFETARIO 2015 La Legge di Stabilità 2015, L. 190/2014 articolo 1 commi da 54 a 89, ha introdotto a partire dal 2015 un nuovo regime forfetario

Dettagli

OPUSCOLO 21-11-2007 15:35 Pagina 1 CARTA DEI SERVIZI

OPUSCOLO 21-11-2007 15:35 Pagina 1 CARTA DEI SERVIZI OPUSCOLO 21-11-2007 15:35 Pagina 1 CARTA DEI SERVIZI OPUSCOLO 21-11-2007 15:35 Pagina 19 OPUSCOLO 21-11-2007 15:35 Pagina 2 Prefazione IL CAMMINO DELLA QUALITÀ Inps, come le altre pubbliche Amministrazioni

Dettagli

Modulo BPS : Art. 23 Lavoro subordinato: assunzione di lavoratori inseriti nei progetti speciali. Informazioni generali

Modulo BPS : Art. 23 Lavoro subordinato: assunzione di lavoratori inseriti nei progetti speciali. Informazioni generali Modulo BPS : Art. 23 Lavoro subordinato: assunzione di lavoratori inseriti nei progetti speciali Informazioni generali Il Ministero dell'interno, Dipartimento per le Libertà Civili e l Immigrazione, ha

Dettagli

COLLABORATORI DOMESTICI STRANIERI

COLLABORATORI DOMESTICI STRANIERI Istituto Nazionale Previdenza Sociale COLLABORATORI DOMESTICI STRANIERI Regolazione del rapporto di lavoro A cura di Coordinamento e Supporto alle attività connesse al Fenomeno Migratorio Marzo 2007 INDICE

Dettagli

5 Contributo Autonoma Sistemazione

5 Contributo Autonoma Sistemazione 5 Contributo Autonoma Sistemazione CAS A valere sulle risorse finanziarie di cui all articolo 3 dell Ordinanza del Capo del Dipartimento della protezione civile (OCDPC) n. 232 del 30 marzo 2015 viene stimata

Dettagli

Legge 15 luglio 1966 n. 604 Norme sui licenziamenti individuali. pubblicata nella G.U. n. 195 del 6 agosto 1966. con le modifiche della

Legge 15 luglio 1966 n. 604 Norme sui licenziamenti individuali. pubblicata nella G.U. n. 195 del 6 agosto 1966. con le modifiche della Legge 15 luglio 1966 n. 604 Norme sui licenziamenti individuali pubblicata nella G.U. n. 195 del 6 agosto 1966 con le modifiche della legge 4 novembre 2010, n. 183 (c.d. Collegato Lavoro) Legge 28 giugno

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEI RIMBORSI DELLE SPESE SOSTENUTE DAL PERSONALE DIPENDENTE INVIATO IN MISSIONE

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEI RIMBORSI DELLE SPESE SOSTENUTE DAL PERSONALE DIPENDENTE INVIATO IN MISSIONE I REGOLAMENTI PROVINCIALI: N. 59 PROVINCIA DI PADOVA REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEI RIMBORSI DELLE SPESE SOSTENUTE DAL PERSONALE DIPENDENTE INVIATO IN MISSIONE Approvato con D.G.P. in data 19.4.2012

Dettagli

LA BUSTA PAGA FISAC CGIL

LA BUSTA PAGA FISAC CGIL La tua Busta Paga INDICE Ad Personam 8 Ad Personam Ex Art. 66 8 Ad Personam Inquadramento Superiore 8 Anzianità: Assegno Mensile 6 Anzianità: Premio 14 Apprendisti 21 Arretrati 14 Assistenza Sanitaria:

Dettagli

ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME

ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME Gli Orari Visite Fiscali 2014 2015 INPS lavoratori assenti per malattia dipendenti pubblici, insegnanti, privati,

Dettagli

Allegato Mod. Q Sportello Unico per l Immigrazione di (1) Il sottoscritto datore di lavoro comunica la stipula del seguente

Allegato Mod. Q Sportello Unico per l Immigrazione di (1) Il sottoscritto datore di lavoro comunica la stipula del seguente Allegato Mod. Q Sportello Unico per l Immigrazione di (1) Il sottoscritto datore di lavoro comunica la stipula del seguente CONTRATTO DI SOGGIORNO (Art. 5 bis del D.lvo n. 286/98 e successive modifiche)

Dettagli

L INFORTUNIO SUL LAVORO, IN ITINERE, LA MALATTIA PROFESSIONALE E L ASSISTENZA

L INFORTUNIO SUL LAVORO, IN ITINERE, LA MALATTIA PROFESSIONALE E L ASSISTENZA L INFORTUNIO SUL LAVORO, IN ITINERE, LA MALATTIA PROFESSIONALE E L ASSISTENZA L INAIL, IL DATORE DI LAVORO, IL LAVORATORE, COSA DEVONO FARE COSA DEVE SAPERE IL LAVORATORE QUANDO SUBISCE UN INFORTUNIO O

Dettagli

Circolare n. 1 del 20/01/2015

Circolare n. 1 del 20/01/2015 Circolare n. 1 del 20/01/2015 Inviato da adminweb il 19 Gennaio 2015 SERVIZIO ENTRATE CONTRIBUTIVE Circolare n. 1 del 20/01/2015 e p.c. A TUTTE LE AZIENDE E LE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI ISCRITTE Loro Sedi

Dettagli

Adempimenti fiscali nel fallimento

Adempimenti fiscali nel fallimento ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI DI LECCO Adempimenti fiscali nel fallimento A cura della Commissione di studio in materia fallimentare e concorsuale Febbraio 2011 INDICE 1. Apertura

Dettagli

Procedure del personale. Disciplina fiscale delle auto assegnate. ai dipendenti; Svolgimento del rapporto. Stefano Liali - Consulente del lavoro

Procedure del personale. Disciplina fiscale delle auto assegnate. ai dipendenti; Svolgimento del rapporto. Stefano Liali - Consulente del lavoro Disciplina fiscale delle auto assegnate ai dipendenti Stefano Liali - Consulente del lavoro In quale misura è prevista la deducibilità dei costi auto per i veicoli concessi in uso promiscuo ai dipendenti?

Dettagli

L ASSEGNO PER IL NUCLEO FAMILIARE - ANF E L ASSEGNO FAMILIARE - AF

L ASSEGNO PER IL NUCLEO FAMILIARE - ANF E L ASSEGNO FAMILIARE - AF L ASSEGNO PER IL NUCLEO FAMILIARE - ANF E L ASSEGNO FAMILIARE - AF A cura di Adelmo Mattioli Direttore regionale Inca-Cgil Emilia Romagna Silverio Ghetti Segretario regionale Spi-Cgil Romagna L ASSEGNO

Dettagli

Circolare Informativa n 57/2013

Circolare Informativa n 57/2013 Circolare Informativa n 57/2013 TRATTAMENTO FISCALE E CONTRIBUTIVO DELLE SOMME EROGATE A SEGUITO DI TRANSAZIONE Pagina 1 di 9 INDICE Premessa pag.3 1) La transazione: aspetti giuridici pag. 3 2) Forme

Dettagli

(invio telematico accessibile a partire dal 15 giugno 2015) NOVITA

(invio telematico accessibile a partire dal 15 giugno 2015) NOVITA NOTE ILLUSTRATIVE PER LA DETERMINAZIONE DEI CONTRIBUTI DOVUTI IN AUTOLIQUIDAZIONE - MOD. 5/2015 (Comunicazione obbligatoria ex artt. 17 e 18 della Legge n. 576/1980, artt. 9 e 10 della legge n. 141/1992

Dettagli

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE. Documento aggiornato il 28 maggio 2015

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE. Documento aggiornato il 28 maggio 2015 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Documento aggiornato il 28 maggio 2015 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Decreto Legislativo 5 dicembre 2005, n. 252 Documento aggiornato 28 maggio 2015 Via Savoia, 82-00198 Roma,

Dettagli

2. 1. Il datore di lavoro, imprenditore o non imprenditore, deve comunicare per iscritto il licenziamento al prestatore di lavoro.

2. 1. Il datore di lavoro, imprenditore o non imprenditore, deve comunicare per iscritto il licenziamento al prestatore di lavoro. L. 15 luglio 1966, n. 604 (1). Norme sui licenziamenti individuali (2). (1) Pubblicata nella Gazz. Uff. 6 agosto 1966, n. 195. (2) Il comma 1 dell art. 1, D.Lgs. 1 dicembre 2009, n. 179, in combinato 1.

Dettagli

Domanda di congedo straordinario per assistere il coniuge disabile in situazione di gravità

Domanda di congedo straordinario per assistere il coniuge disabile in situazione di gravità Hand 6 - COD.SR64 coniuge disabile in situazione di gravità (art. 42 comma 5 T.U. sulla maternità e paternità - decreto legislativo n. 151/2001, come modificato dalla legge n. 350/2003) Per ottenere i

Dettagli

DICHIARAZIONE ANNUALE PER IL DIRITTO ALLE DETRAZIONI D IMPOSTA

DICHIARAZIONE ANNUALE PER IL DIRITTO ALLE DETRAZIONI D IMPOSTA Istituto Nazionale Previdenza Sociale ALLE DETRAZIONI D IMPOSTA (articolo 23 del D.P.R. 29 settembre 1973, n. 600 e successive modifiche e integrazioni) In base all art. 7, D.L. n. 70/2011 non è più obbligatorio

Dettagli

Scadenza 26/05/2015 Domanda n

Scadenza 26/05/2015 Domanda n Scadenza 26/05/2015 Domanda n Spazio riservato al Protocollo AL COMUNE DI PESCARA Settore Manutenzioni Servizio Politiche della Casa Il/La sottoscritto/a (Cognome) (Nome) nato/a a prov. il / / cittadinanza

Dettagli

JOBS ACT: DISPOSIZIONI LEGGE N. 78 DEL 16/05/2014 DI CONVERSIONE DEL D.L. N. 34 DEL 20/03/2014

JOBS ACT: DISPOSIZIONI LEGGE N. 78 DEL 16/05/2014 DI CONVERSIONE DEL D.L. N. 34 DEL 20/03/2014 Tipologia: LAVORO Protocollo: 2006614 Data: 26 maggio 2014 Oggetto: Jobs Act: disposizioni Legge n. 78 del 16/05/2014 di conversione del D.L. n. 34 del 20/03/2014 Allegati: No JOBS ACT: DISPOSIZIONI LEGGE

Dettagli

Richiesta nominativa di nulla osta per ricongiungimento familiare (art. 29,D.Lgs.286/98) (art.6 DPR.n.394/99 e succ.mod.)

Richiesta nominativa di nulla osta per ricongiungimento familiare (art. 29,D.Lgs.286/98) (art.6 DPR.n.394/99 e succ.mod.) Richiesta nominativa di nulla osta per ricongiungimento familiare (art. 29,D.Lgs.286/98) (art.6 DPR.n.394/99 e succ.mod.) Familiari per i quali può essere richiesto il ricongiungimento: 1. Coniuge non

Dettagli

Sportello Unico per l Immigrazione di (1) Il sottoscritto datore di lavoro comunica la stipula del seguente

Sportello Unico per l Immigrazione di (1) Il sottoscritto datore di lavoro comunica la stipula del seguente Sportello Unico per l Immigrazione di (1) Il sottoscritto datore di lavoro comunica la stipula del seguente Allegato Mod. R CONTRATTO DI SOGGIORNO (Art. 5 bis del D.lvo n. 286/98 e successive modifiche)

Dettagli

GUIDE Il lavoro part time

GUIDE Il lavoro part time Collana Le Guide Direttore: Raffaello Marchi Coordinatore: Annalisa Guidotti Testi: Iride Di Palma, Adolfo De Maltia Reporting: Gianni Boccia Progetto grafico: Peliti Associati Illustrazioni: Paolo Cardoni

Dettagli

32. LICENZIAMENTO ED ALTRE CAUSE DI ESTINZIONE DEFINIZIONE DEL RAPPORTO DI LAVORO

32. LICENZIAMENTO ED ALTRE CAUSE DI ESTINZIONE DEFINIZIONE DEL RAPPORTO DI LAVORO DEFINIZIONE 32. LICENZIAMENTO ED ALTRE CAUSE DI ESTINZIONE DEFINIZIONE DEL RAPPORTO DI LAVORO LICENZIAMENTO INDIVIDUALE DEFINIZIONE Il licenziamento è la risoluzione del rapporto di lavoro subordinato

Dettagli

l inabilità temporanea, l invalidità permanente

l inabilità temporanea, l invalidità permanente Inabilità temporanea e invalidità permanente Quali sono le tutele che intervengono in questi casi? Ecco il primo articolo di approfondimento sul tema degli eventi da esorcizzare Con questo primo articolo

Dettagli

,OQXRYRSDUWWLPH 7LSRORJLHFRQWUDWWXDOLDPPHVVH

,OQXRYRSDUWWLPH 7LSRORJLHFRQWUDWWXDOLDPPHVVH ,OQXRYRSDUWWLPH $PELWRGLDSSOLFD]LRQH La circolare ministeriale n. 9 del 18 marzo 2004 ha integrato ed in alcuni casi ampliato, la revisione all istituto del part- time attuata con il D.lgs. n. 276/2003

Dettagli

Richiamoallearmi. Fonti normative. Conservazione del posto. Periodo di prova. Indennità economica

Richiamoallearmi. Fonti normative. Conservazione del posto. Periodo di prova. Indennità economica Richiamoallearmi Fonti normative Conservazione del posto Periodo di prova Indennità economica Il richiamo alle armi era regolato, per i dipendenti dallo Stato, dalla legge 3.5.1955, n. 370, recante norme

Dettagli

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA Approvato il 3 agosto 2011 Indice Disposizioni generali Art. 1 Oggetto del Regolamento Art. 2 Requisiti, obbligatorietà e modalità di iscrizione Art. 3 Casi particolari di prosecuzione

Dettagli

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015 CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti Roma, 26 marzo 2015 OGGETTO: Articolo 1, comma 154, legge 23 dicembre 2014, n. 190 (Legge stabilità 2015) Contributo del cinque per mille dell

Dettagli

CERTIFICAZIONE DI CUI ALL'ART. 4, COMMI 6-ter e 6-quater DEL D.P.R. 22 LUGLIO 1998, N. 322 RELATIVA ALL'ANNO 2012

CERTIFICAZIONE DI CUI ALL'ART. 4, COMMI 6-ter e 6-quater DEL D.P.R. 22 LUGLIO 1998, N. 322 RELATIVA ALL'ANNO 2012 CERTIFICAZIONE DI CUI ALL'ART. 4, COMMI 6-ter e 6-quater DEL D.P.R. LUGLIO 998, N. 3 RELATIVA ALL'ANNO 0 Pagina AL DATORE DI LAVORO, ENTE PENSIONISTICO O ALTRO SOSTITUTO D'IMPOSTA Codice fiscale Cognome

Dettagli

Il Part-Time in Poste Italiane

Il Part-Time in Poste Italiane Il Part-Time in Poste Italiane Vademecum Che cos è? Il contratto a tempo parziale è un contratto di lavoro subordinato che prevede una prestazione di lavoro di durata inferiore rispetto alle 36 ore settimanali

Dettagli

La perequazione automatica delle pensioni dal 1 gennaio 2015

La perequazione automatica delle pensioni dal 1 gennaio 2015 La perequazione automatica delle pensioni dal 1 gennaio 2015 All'interno: Importo pensioni base; Bonus di 154,94; Quattordicesima sulle pensioni basse; Integrazione al trattamento minimo e integrazione

Dettagli

Testo Unico dell apprendistato

Testo Unico dell apprendistato Testo Unico dell apprendistato Art. 1 Definizione 1. L apprendistato è un contratto di lavoro a tempo indeterminato finalizzato alla formazione e alla occupazione dei giovani. 2. Il contratto di apprendistato

Dettagli

Regolamento per il riscatto degli anni di laurea ex art. 22 Regolamento dell Ente

Regolamento per il riscatto degli anni di laurea ex art. 22 Regolamento dell Ente E.P.A.P. Ente di Previdenza ed Assistenza Pluricategoriale Via Vicenza, 7-00185 Roma Tel: 06 69.64.51 - Fax: 06 69.64.555 E-mail: info@epap.it - Sito web: www.epap.it Codice fiscale: 97149120582 Regolamento

Dettagli

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto)

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) REGOLAMENTO DI ISTITUZIONE DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE Art. 1 - Area delle posizione organizzative 1. Nel rispetto dei criteri generali contenuti nelle disposizioni

Dettagli

La legge Fornero e la tutela dei lavoratori sospesi o cessati dal rapporto di lavoro. Antonino Sgroi Andrea Rossi

La legge Fornero e la tutela dei lavoratori sospesi o cessati dal rapporto di lavoro. Antonino Sgroi Andrea Rossi La legge Fornero e la tutela dei lavoratori sospesi o cessati dal rapporto di lavoro. Antonino Sgroi Andrea Rossi La legge n. 92 del 2012 è intervenuta nella materia previdenziale laddove la stessa appresta

Dettagli

La guida del pensionato

La guida del pensionato La guida del pensionato Vuole sapere in che giorno del mese le viene pagata la pensione? Se ci sono aumenti periodici? Se le viene inviato un avviso di pagamento mensile? Cosa deve fare se ha persone a

Dettagli

TESTO AGGIORNATO DEL DECRETO-LEGGE 20 marzo 2014, n. 34

TESTO AGGIORNATO DEL DECRETO-LEGGE 20 marzo 2014, n. 34 Pagina 1 di 7 TESTO AGGIORNATO DEL DECRETO-LEGGE 20 marzo 2014, n. 34 Testo del decreto-legge 20 marzo 2014, n. 34 (in Gazzetta Ufficiale - serie generale - n. 66 del 20 marzo 2014), coordinato con la

Dettagli

CONTRATTO DI COLLABORAZIONE A PROGETTO

CONTRATTO DI COLLABORAZIONE A PROGETTO CONTRATTO DI COLLABORAZIONE A PROGETTO AVVERTENZE PER LA REDAZIONE 1. La bozza di contratto proposta è da utilizzare come linea guida, potrà essere integrata e/o ridotta in funzione alle specifiche necessità.

Dettagli

News per i Clienti dello studio

News per i Clienti dello studio News per i Clienti dello studio Ai gentili clienti Loro sedi Il nuovo regime forfettario previsto dalla legge di stabilità per il 2015 Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che con la

Dettagli

INFORTUNIO SUL LAVORO E MALATTIA PROFESSIONALE

INFORTUNIO SUL LAVORO E MALATTIA PROFESSIONALE AREA LAVORO E PREVIDENZA INFORTUNIO SUL LAVORO E MALATTIA PROFESSIONALE (a cura di Ernesto Murolo) Indice QUANDO SI MANIFESTA UN INFORTUNIO SUL LAVORO...5 1. Se l infortunio ha prognosi fino a 3 giorni...5

Dettagli

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del genzia ntrate BENI CONCESSI IN GODIMENTO A SOCI O FAMILIARI E FINANZIAMENTI, CAPITALIZZAZIONI E APPORTI EFFETTUATI DAI SOCI O FAMILIARI DELL'IMPRENDITORE NEI CONFRONTI DELL'IMPRESA (ai sensi dell articolo,

Dettagli

Il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato

Il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato Il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato Fonti normative Il principale testo normativo che disciplina il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato è il decreto legislativo 1 aprile

Dettagli

GUIDA AI CONGEDI PARENTALI

GUIDA AI CONGEDI PARENTALI L anticipazione del congedo di maternità si applica anche alle LAVORATRICI A DO- MICILIO E ALLE LAVORATRICI ADDETTE AI SERVIZI DOMESTICI E FAMILIARI (COLF). Prolungamento del congedo di maternità Il congedo

Dettagli

I VERSAMENTI VOLONTARI

I VERSAMENTI VOLONTARI I VERSAMENTI VOLONTARI Le Guide Inps Direttore Annalisa Guidotti Capo Redattore Iride di Palma Testi Daniela Cerrocchi Fulvio Maiella Antonio Silvestri Progetto grafico Peliti Associati Impaginazione Aldo

Dettagli

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE E DELLE INCOMPATIBILITA

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE E DELLE INCOMPATIBILITA Città di Medicina Via Libertà 103 40059 Medicina (BO) Partita I.V.A. 00508891207 Cod. Fisc.00421580374 Tel 0516979111 Fax 0516979222 personale@comune.medicina.bo.it DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO

Dettagli

Congedo parentale Domanda per i lavoratori dipendenti

Congedo parentale Domanda per i lavoratori dipendenti Domanda per i lavoratori dipendenti Per ottenere il congedo parentale, oltre a possedere i requisiti di legge, è necessario compilare il modulo in tutte le sue parti e consegnarlo sia al datore di lavoro

Dettagli

2009: il cumulo pensioni + altri redditi

2009: il cumulo pensioni + altri redditi Febbraio 2009 2009: il cumulo pensioni + altri redditi A cura di G. Marcante PREMESSA L art. 19 del decreto-legge 25 giugno 2008, n. 112 convertito, con modificazioni, nella legge 6 agosto 2008, n. 133,

Dettagli

5. La forma ed il contenuto del contratto di lavoro part-time. Le sanzioni per il difetto di forma o di contenuto del contratto

5. La forma ed il contenuto del contratto di lavoro part-time. Le sanzioni per il difetto di forma o di contenuto del contratto 412 Successivamente, il CCNL del terziario, stipulato il 3 novembre 1994, accorpava il CCNL dei viaggiatori e piazzisti prevedendo espressamente l applicabilità della disciplina del part-time anche agli

Dettagli

Bologna, 29 maggio 2013 Lucio Agrimano (*) Direzione Regionale dell'emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi

Bologna, 29 maggio 2013 Lucio Agrimano (*) Direzione Regionale dell'emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi Le principali novità in materia di tassazione dei redditi fondiari Bologna, 29 maggio 2013 Lucio Agrimano (*) Direzione Regionale dell'emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi

Dettagli

Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna

Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna PREVIDENZA COMPLEMENTARE E TFR Guida al Lavoro Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna 14 Confronto di convenienza, anche fiscale,

Dettagli

I Trattamenti di Fine Servizio nel pubblico impiego (TFS-TFR): TEMPI LIQUIDAZIONE

I Trattamenti di Fine Servizio nel pubblico impiego (TFS-TFR): TEMPI LIQUIDAZIONE Giugno 2014 I Trattamenti di Fine Servizio nel pubblico impiego (TFS-TFR): TEMPI LIQUIDAZIONE a cura di G. Marcante Da 24 a 48 mesi di attesa! come è possibile? Premessa L art. 1, commi 484 e 485 della

Dettagli

I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013

I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013 I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013 INDICE Presupposti... 2 Modalità di fruizione... 4 Particolari tipologie di rapporto di

Dettagli

Disciplina delrapportodilavoro deilavoratoridisabili

Disciplina delrapportodilavoro deilavoratoridisabili Disciplina delrapportodilavoro deilavoratoridisabili Assunzione Tipologie contrattuali Ai lavoratori avviati mediante il cd. collocamento obbligatorio vanno applicate le norme valide per la generalità

Dettagli

Associazione in partecipazione

Associazione in partecipazione Guida_2_2013_Guida_2_2013.qxd 25/03/2014 11:17 Pagina I Associazione in partecipazione a cura di Patrizia Clementi Elisabetta Mapelli 2/2013 Guida_2_2013_Guida_2_2013.qxd 25/03/2014 11:17 Pagina II Guida_2_2013_Guida_2_2013.qxd

Dettagli

http://www.gazzettaufficiale.it/atto/stampa/serie_generale/originario

http://www.gazzettaufficiale.it/atto/stampa/serie_generale/originario Pagina 1 di 6 DECRETO LEGISLATIVO 4 marzo 2015, n. 23 Disposizioni in materia di contratto di lavoro a tempo indeterminato a tutele crescenti, in attuazione della legge 10 dicembre 2014, n. 183. (15G00037)

Dettagli

AVVISO PUBBLICO BANDO 2014

AVVISO PUBBLICO BANDO 2014 ALLEGATO "A" Dipartimento politiche Abitative Direzione Interventi Alloggiativi AVVISO PUBBLICO Concessione del contributo integrativo di cui all art. 11 della legge 9 dicembre 1998, n. 431 e successive

Dettagli

Gestionedellamaternità ealtriistituti delrapportodilavoro

Gestionedellamaternità ealtriistituti delrapportodilavoro Gestionedellamaternità ealtriistituti delrapportodilavoro RAPPORTO DELLA MALATTIA CON GLI ALTRI ISTITUTI L insorgere dell evento maternità influenza anche le modalità di gestione collegate ad altri istituti

Dettagli

INDICAZIONI SULLA COMPILAZIONE DEI QUADRI DEL MOD. 730/2015 IN BASE ALLA CERTIFICAZIONE UNICA 2015

INDICAZIONI SULLA COMPILAZIONE DEI QUADRI DEL MOD. 730/2015 IN BASE ALLA CERTIFICAZIONE UNICA 2015 INDICAZIONI SULLA COMPILAZIONE DEI QUADRI DEL MOD. 730/2015 IN BASE ALLA CERTIFICAZIONE UNICA 2015 Di seguito, riepiloghiamo i principali campi della Certificazione Unica (CU) che DEVONO essere inseriti

Dettagli

Oggetto: il mod. 730 precompilato e i chiarimenti dell Agenzia delle Entrate

Oggetto: il mod. 730 precompilato e i chiarimenti dell Agenzia delle Entrate Legnano, 21/04/2015 Alle imprese assistite Oggetto: il mod. 730 precompilato e i chiarimenti dell Agenzia delle Entrate Come noto, ai sensi dell art. 1, D.Lgs. n. 175/2014, Decreto c.d. Semplificazioni,

Dettagli

10. LICENZIAMENTI INDIVIDUALI di Mauro Soldera

10. LICENZIAMENTI INDIVIDUALI di Mauro Soldera 10. di Mauro Soldera La Legge n. 92/2012 (Riforma Fornero) interviene in maniera significativa sulla disciplina dei licenziamenti individuali regolamentati dall art. 18 della Legge n. 300/1970 (Statuto

Dettagli

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. VISTI gli articoli 76, 87, quinto comma, e 117, terzo comma, della Costituzione;

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. VISTI gli articoli 76, 87, quinto comma, e 117, terzo comma, della Costituzione; SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE DISPOSIZIONI PER IL RIORDINO DELLA NORMATIVA IN MATERIA DI AMMORTIZZATORI SOCIALI IN CASO DI DISOCCUPAZIONE INVOLONTARIA E DI RICOLLOCAZIONE DEI LAVORATORI DISOCCUPATI,

Dettagli

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE Comune di Castel San Pietro Terme Provincia di Bologna SERVIZIO RISORSE UMANE DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE APPROVATO CON DELIBERAZIONE GC. N. 159 IN DATA 4/11/2008 ART. 1 Oggetto Dipendenti

Dettagli

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il presente documento ha finalità meramente illustrative della tassazione degli interessi e degli altri redditi

Dettagli

CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO

CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO Si può apporre un termine al contratto di lavoro solo in presenza di casi particolari, per cui son necessari alcuni requisiti fondamentali come la forma del contratto e la

Dettagli

4.04 Prestazioni dell AI Rendite d invalidità dell AI

4.04 Prestazioni dell AI Rendite d invalidità dell AI 4.04 Prestazioni dell AI Rendite d invalidità dell AI Stato al 1 gennaio 2015 1 In breve Hanno diritto a prestazioni dell assicurazione invalidità (AI) gli assicurati cui un danno alla salute di lunga

Dettagli

NOTA ESPLICATIVA A CURA DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI UIL SULLA RIDUZIONE DELLA TASSAZIONE DEL TFR

NOTA ESPLICATIVA A CURA DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI UIL SULLA RIDUZIONE DELLA TASSAZIONE DEL TFR NOTA ESPLICATIVA A CURA DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI UIL SULLA RIDUZIONE DELLA TASSAZIONE DEL TFR Nell'ambito degli interventi sul prelievo fiscale, la finanziaria 2008 (legge 24 dicembre 2007, n. 244),

Dettagli

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi terzi il cui soggiorno è irregolare Adozione con delibera

Dettagli