MORIE E SPOPOLAMENTI DEGLI ALVEARI: COMPORTAMENTI ISPETTIVI E GESTIONE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "MORIE E SPOPOLAMENTI DEGLI ALVEARI: COMPORTAMENTI ISPETTIVI E GESTIONE"

Transcript

1 Dr. Filippo Bosi - Veterinario Dipendente (AUSL Ravenna) - - MORIE E SPOPOLAMENTI DEGLI ALVEARI: COMPORTAMENTI ISPETTIVI E GESTIONE Nottola di Montepulciano,

2 Legge n 313 Disciplina dell apicoltura Art. 1: riconosce L APICOLTURA COME ATTIVITA DI INTERESSE NAZIONALE utile per la conservazione dell ambiente naturale, dell ecosistema e dell agricoltura in generale ed è finalizzata a garantire l impollinazione naturale e la biodiversità di specie apistiche. L apicoltura è una attività zootecnica minore, ma le sue ricadute sul sistema produttivo e sull ecosistema, sono ingenti; prima ancora della sola produzione del miele, la sua importanza è appunto legata all effetto pronubo; l'84% delle specie di piante e il 76% della produzione alimentare in Europa dipendono in larga misura dalle api, per cui il valore economico dell'impollinazione risulta tra 7 e 10 volte maggiore del valore del miele prodotto, (da Risoluzione del Parlamento UE sulla situazione nel settore dell Apicoltura, 2010) 2

3 OBBLIGO DI DENUNCIA DI MALATTIE O MORTE DI ANIMALI T.U.LL.SS. N del 1934, art. 264 (Delle misure contro la diffusione delle malattie infettive degli animali) I veterinari, i proprietari o detentori di animali domestici, debbono denunziare immediatamente al podestà del luogo, qualunque caso di malattia infettiva diffusiva del bestiame, accertata o sospetta, o qualunque caso di morte improvvisa di animale, non riferibile a malattia comune già accertata. 3

4 NORMATIVA SANITARIA DPR 320/1954 Regolamento di Polizia Veterinaria Art.1- le malattie soggette a denuncia, relativamente alle api sono: Peste Europea, Peste Americana, Nosemiasi*, Acariasi poi successivamente sono state aggiunte Varroasi (O.M O.M ) Aethina tumida e acaro Tropilaelaps, (O.M ) * La nota del Ministero Salute del , con oggetto RPV - misure per nosemiasi, chiarisce che per Nosemiasi si deve intendere solamente la forma clinica da Nosema apis 4

5 DPR 320/1954 Regolamento di Polizia Veterinaria Art. 2: obbligo di denuncia al Servizio Veterinario AUSL, di tutte queste malattie, anche per il solo sospetto, indipendentemente dalle variabili del caso inoltre qualunque nuovo caso di malattia o morte improvvisa che si verifica entro 8 giorni da un caso precedente non riferibile a malattia comune già accertata. 5

6 Art. 2: obbligo di denuncia, in relazione al settore apistico: Sono tenuti alla denuncia: veterinari, sia dipendenti pubblici che libero-professionisti, proprietari e detentori di animali, presidi delle facoltà di medicina veterinaria direttori di istituti e/o laboratori ove si accertino le malattie, forze dell ordine, agenti al servizio delle province e comuni., guardie dell ente per la protezione degli animali)... I Veterinari devono sempre fare la denuncia per iscritto. 6

7 Obbligo di denuncia: Per quanto il DPR320/1954 non nomini gli Esperti Apistici, questi sono ugualmente tenuti alla denuncia, ai sensi del RDL 2079/1925 (Provvedimenti per la difesa della Apicoltura) e successivi decreti attuativi Analogamente, non possono sottrarsi a questo obbligo, le persone che a vario titolo svolgono servizi per conto di Istituzioni, Enti di Ricerca o altri organismi Pubblici ; se non procedono essi stessi alla denuncia, devono darne comunicazione ai loro Responsabili, i quali sono tenuti all obbligo di denuncia significativa è la nota del Ministero della Salute, del , con oggetto Denuncia di malattia infettiva ai sensi del RPV DPR 320/1954, che richiama agli obblighi di legge. 7

8 DPR 320/1954 Regolamento di Polizia Veterinaria Seguono poi le indicazioni da seguire in caso di malattia degli animali: modalità per fare la denuncia, misure cautelari da adottare da parte dei proprietari/detentori, accertamento della diagnosi, inchiesta epidemiologica, istruzioni circa la gestione del focolaio e adozione di apposita ordinanza da parte del Sindaco - autorità competente-, revoca delle misure adottate Per la lotta contro le malattie degli animali, i veterinari pubblici si avvalgono degli Istituti Zooprofilattici Sperimentali, occorrendo dei laboratori provinciali di igiene e profilassi; possono richiedere la consulenza delle Facoltà di Medicina Veterinaria. Per la lotta contro le malattie delle api si avvalgono anche degli Istituti specializzati in apicoltura (art. 67). 8

9 RPV - Art 154: malattie delle api Nei casi di malattie delle api, il sindaco ricevuta la denuncia, dispone i seguenti provvedimenti. - mediante apposita ordinanza da notificarsi per iscritto ai detentori degli animali - l Autorità Sanitaria cui spetteranno questi compiti, in futuro potrebbe essere individuata all interno della AUSL (con possibilità di accelerare i tempi di applicazione); in alcune Regioni è già così. 9

10 RPV - Art 154: malattie delle api: provvedimenti a carico del detentore/apicoltore 1) Divieto di: a) lasciare a portata delle api il miele, i favi e qualsiasi materiale possibile veicolo di contagio; b) rimuovere, vendere o comunque alienare o occultare le api, le arnie, gli attrezzi ed il materiale in genere degli apiari infetti o sospetti; c) asportare il miele e la cera se non sottoposti ad appropriata sterilizzazione; d) rinnovare o di immettere nuove famiglie nell apiario infetto prima che i relativi impianti siano stati disinfettati 2) Obbligo di chiusura delle arnie vuote 10

11 RPV - Art 154: malattie delle api Sono da considerare sospetti tutti gli apiari situati nel raggio di volo delle api, calcolato in almeno 3 Km dall apiario infetto. Commento Per le malattie delle api, non sono comunque previste Zone infette o di Protezione/Sorveglianza. difficoltà ad assicurare il controllo del territorio (superficie di un cerchio di 3 km di raggio = 28 KmQ!!!) specialmente se in aree ad elevata densità di allevamenti; per agevolare tale operazione, è molto utile la georeferenziazione degli apiari, all atto del censimento. 11

12 RPV - Art.155: provvedimenti particolari per peste europea peste americana Aethina tumida (piccolo scarabeo dell alveare) acaro Tropilaelaps A completamento dei provvedimenti precedenti (art. 154) può essere ordinata la distruzione delle famiglie delle arnie infette*. * Arnie infette : applicare questo criterio alla lettera, in caso di Peste Americana, può portare a distruggere tutte le famiglie, in quanto spore di Paenibacillus larvae, sono facilmente rinvenibili con analisi laboratorio, tanto sulle api, che nel materiale, ma non necessariamente danno malattia. 12

13 RPV-Art.155: provvedimenti particolari Le api così uccise nonché i favi ed i bugni villici che hanno contenuto covate o resti di larve devono essere bruciati, i favi privi di covata fusi, le arnie e gli attrezzi disinfettati. Il terreno circostante deve essere vangato o disinfettato. Se la malattia è allo stato iniziale, possono essere consentiti opportuni trattamenti curativi. L apiario trattato deve essere tenuto in osservazione e sottoposto ad esami di controllo sino a risanamento accertato. 13

14 Art 156: idem per Nosemiasi e Acariasi Le norme stabilite per le pesti apiarie valgono, in quanto applicabili, per la nosemiasi e per l acariasi. Gli apiari infetti o sospetti possono essere sottoposti ad opportuni trattamenti curativi. Art.157: In casi particolari possibilità di autorizzare il trasferimento di alveari sani, da località infette, previo accertamento sanitario. Art. 158: Dei provvedimenti sanitari adottati e della loro revoca deve essere data comunicazione all Ispettorato provinciale dell agricoltura e, dove esiste, al Consorzio Apistico Provinciale. 14

15 Norme per la profilassi della varroasi O.M Ordinanza Min. Sanità Art. 1: nei casi di varroasi, il Sindaco ricevuta la denuncia dispone: a) divieto di rimuovere o vendere alveari o api vive e di introdurre nell apiario infestato nuove famiglie prima che i relativi impianti siano stati disinfestati b) esecuzione di opportuni trattamenti disinfestanti o distruzione nei casi di infestazione incontrollabile Art.2: esecuzione di interventi diagnostici/disinfestanti agli apiari circostanti per un raggio di almeno 5 Km Art. 3: revoca i provvedimenti dopo l accertamento ufficiale degli interventi effettuati (o dopo la distruzione) Art. 4: abroga l art. 3 dell O.M

16 In apicoltura, le denunce di malattie e mortalità sono rare e quindi la fotografia della situazione reale, non la si può desumere dalle stime ufficiali, né per le malattie soggette a denuncia, né per qualunque nuovo caso di malattia o morte improvvisa che si sia verificato entro 8 giorni da un caso precedente non riferibile a malattia comune già accertata. Anche la mancanza di un sistema di Anagrafe unico, non aiuta a quantificare l incidenza delle malattie; siamo in attesa dell attivazione dell Anagrafe Apistica Nazionale. 16

17 Mortalità: in apicoltura può assumere due significati, cioè si può assistere alla morte della famiglia oppure a mortalità significativa delle singole api, senza che la famiglia venga a morte si tenga presente che: il DPR 320/1954 è un regolamento generale, nel quale l apicoltura e le sue problematiche, sono state appena considerate, senza entrare nel merito dei vari aspetti molto specifici, pertanto assimila le api alle altre specie di interesse zootecnico l alveare è l unità zootecnica (non le singole api), pertanto a fini statistici di interesse per il DPR320/1954 (es. Mod.1), dovendo quantificare il N dei morti, ci si deve riferire ad essi ; Qualora si manifesti mortalità significativa delle singole api (ma senza che la famiglia sia estinta), la stessa è da considerare alla pari di un sintomo di malattia e non va comunque sottovalutata; 17

18 Morie e spopolamenti, in apicoltura: moria è un termine generico, appunto legato a mortalità significative e preoccupanti Con spopolamento ci si riferisce alla drastica riduzione delle api di una famiglia, (che può arrivare fino alla totale scomparsa), in particolare descritta nella CCD (Colony collapse disorder, o sindrome da spopolamento degli alveari) Questi termini, sono stati utilizzati dal progetto Apenet ( , finanziato dal MIPAFF, con lo scopo di migliorare le conoscenze ed il controllo del settore apistico) nel quale era evidenziata l importanza che gli episodi di morie e spopolamenti, fossero resi noti; nel progetto Apenet era stata introdotta la dizione segnalazione, tuttavia almeno nei casi di Malattie denunciabili o mortalità improvvisa, ci si deve riferire al termine denuncia. 18

19 Denunce di malattia & mortalità Da quando si è diffusa la varroa, il settore apistico convive con diffusi fenomeni di mortalità di famiglie, spesso ad andamento ciclico, che hanno anche determinato negli anni, l abbandono dell attività, da parte di molti addetti. Ugualmente, anche i casi di mortalità generica, (ad eziologia non nota e il più delle volte non indagata), o di altre malattie, sono diffusi ampiamente e sono spesso entrati a far parte dello standard di allevamento di molti apicoltori, che in conseguenza hanno aumentato il tasso di rimonta, per rimpiazzare le perdite periodiche; A fronte di mortalità ingenti, si è sviluppato un commercio di famiglie (nuclei, sciami) destinato a sopperire alle perdite, soprattutto per garantire il servizio di impollinazione. 19

20 Malattie: dati ufficiali e stime I dati ufficiali sono infatti ampiamente sottostimati (anche per probabile perdita di dati nei flussi informativi, in quanto operazioni saltuarie e quindi poco rodate ). Al contrario, gli episodi di alcune malattie denunciabili, soprattutto Varroasi, Peste Americana (e in alcuni areali, Peste Europea), con conseguente mortalità ad esse riferibili, sono diffusi su tutto il territorio nazionale; in genere vengono appunto stimati, anche sulla base di dati ottenuti da questionari, richiesti in diversi modi, agli apicoltori. 20

21 Altre Cause di malattia/mortalità o di danni alle famiglie, di diversa natura, (oltre alle malattie già viste, soggette a denuncia): Virosi, in genere associate alla varroasi Amebiasi Spopolamenti da Nosema ceranae Micosi (covata calcificata e covata pietrificata) Intossicazioni da veleni vegetali (mal di maggio??) Insetti (Senotaina tricuspis, tarme della cera, Vespe e calabroni, formiche, coleotteri.) Saccheggi da parte di altre famiglie di api Uccelli (Gruccione, picchio..) Mammiferi (topi, ricci, volpi, orso.) Furti o atti vandalici Danni derivati da calamità naturali, eventi climatici estremi, mutamento del clima 21

22 Altre Cause di malattia/mortalità o di danni alle famiglie di diversa natura : Orfanità della famiglia, da cause varie Stress termici per prolungata clausura (nomadismo, altre cause.) Carenze o squilibri alimentari (anche da colture OGM?) Problemi legati allo svernamento (esaurimento delle scorte, collocazione non adeguata degli alveari.. ) Tecniche apistiche non adeguate Abbandono degli apiari da parte dell apicoltore Apicidio operato dall apicoltore, per il recupero del miele Mortalità conseguente ai trattamenti antivarroa, spesso condotti con spirito empirico, (effetti collaterali negativi, o mancata efficacia, anche di alcuni medicinali veterinari autorizzati) Sindrome da spopolamento delle famiglie (CCD, a probabile eziologia polifattoriale). Avvelenamenti da agrofarmaci/fitofarmaci 22

23 In molte di queste situazioni è corretta la denuncia o segnalazione, al Servizio Veterinario della Ausl, quanto meno per escludere la presenza di malattie denunciabili, o di elementi comunque di interesse ai fini della Sanità Pubblica. In alcune situazioni, il Servizio Veterinario, può essere chiamato ad intervenire (non sempre per motivi strettamente sanitari), su richiesta di una Autorità o di altri Organi di Controllo o per interesse di una parte. Oltre agli obblighi derivanti dal DPR 320/1954, in particolare vanno considerati gli episodi riferibili a segnalazione di sospette reazioni avverse o mancata efficacia dei medicinali veterinari, che rientrano nella Farmacovigilanza (art. 91 DLgs 193/2006) Episodi di mortalità di api, per sospetto avvelenamento degli alveari, sia per uso di fitofarmaci, che per possibili atti dolosi 23

24 I segnali che possiamo trarre dall apicoltura: l apicoltura è una realtà complessa che fa da cerniera tra regno animale e vegetale e le sue sofferenze non vanno sottovalutate, Queste ci possono infatti segnalare problemi degli apiari colpiti, con probabilità rappresentativi dello stato sanitario degli apiari del territorio circostante Ci possono segnalare la presenza di possibili problemi nell ambiente circostante, in particolare pratiche agronomiche non accettabili, con possibili conseguenze non solo sugli alveari, ma anche su altri organismi sensibili e poco visibili, inseriti nell ecosistema 24

25 SOSPETTI AVVELENAMENTI - SPOPOLAMENTI Che fare?? Come per tutte le patologie apistiche, queste segnalazioni sono abbastanza rare, ma hanno incominciato ad esserci. In passato gli avvelenamenti erano legati soprattutto alla frutticoltura, ma negli ultimi anni, molte colture sono diventate a rischio (Mais, girasole, vite, meloni, angurie, zucche, colza, nocciolo frumento, olivo, agrumi.), tanto che alcuni (Barbero, 2011), parlano di Nomadismo da fuga, appunto da queste colture. Particolarmente importanti sono stati gli episodi legati alle semine del mais (anni ), trattato con concianti a base di neonicotinoidi I neonicotinoidi sono insetticidi sistemici molto efficaci e il loro utilizzo è molto diffuso, non solo in campo agricolo, ma anche in ambiente urbano/domestico, o su alcuni animali domestici. 25

26 SOSPETTI AVVELENAMENTI Spesso nelle varie aree agricole ci sono periodi critici ricorrenti, in base alle colture prevalenti e ai calendari dei rispettivi trattamenti fitosanitari; le variabili che possono incidere nel determinare mortalità nelle api, sono molteplici e non è detto che tutti gli anni la situazione si ripeta con uguale intensità o caratteri, tutti gli anni. La sensazione è che quanto appare, sia solo la punta dell iceberg; spesso l apicoltore se ne accorge solamente dopo vari giorni, talvolta preferisce sopportare, per non perdere i buoni rapporti di vicinato o non perdere la postazione. Attualmente il trattamento di concia delle sementi con i neonicotinoidi, è sospeso in via cautelativa, in base al principio di precauzione, fino al (DM ); da quando ne è stato sospeso l utilizzo nel mais, come conciante, le segnalazioni di avvelenamenti in questa coltura, sono diminuite in maniera significativa. 26

27 SOSPETTI AVVELENAMENTI: CHE FARE? Al Veterinario Ausl spetta il compito di verificare la situazione e accertare le possibili cause gli aspetti operativi ed il contesto in cui agire possono essere complessi, trattandosi di problematiche abbastanza nuove, almeno per i Servizi Veterinari. Purtroppo le indicazioni operative destinate ai Servizi, su come muoversi in tali situazioni, sono molto scarse, benché in molti atti sia stata indicata l opportunità di migliorare la conoscenza dei fenomeni. (Regione Emilia Romagna, 2 note del 2004, ma che hanno dimostrato molti limiti operativi) Nota del Min. Salute del , con oggetto Episodi di morie di api, che richiama la necessità di una azione coordinata di monitoraggio del fenomeno - Direttiva 210/21/UE del , che indica disposizioni specifiche relative ai neonicotinoidi ( Gli Stati membri provvedono affinché: - le etichette delle sementi trattate includano l indicazione che le sementi sono state trattate con clothianidin e indichino le misure di attenuazione dei rischi di cui all autorizzazione, - le condizioni per l autorizzazione, in particolare per le applicazioni a spruzzatura, includano, ove necessario, misure di attenuazione dei rischi per la protezione delle api da miele, - siano introdotti programmi di monitoraggio per verificare l esposizione effettiva delle api da miele al clothianidin in aree molto utilizzate da api bottinatrici o da apicultori, ove e come necessario.»; - DM di sospensione dei concianti.. Apenet, beenet Progetti vari 27

28 SOSPETTI AVVELENAMENTI: CHE FARE? E necessario intervenire in tempi brevi, possibilmente entro le 24 ore dall inizio dei sintomi, perché alcuni principi attivi si possono degradare facilmente ; assumere le informazioni dagli apicoltori, circa: - lo stato delle famiglie e le tecniche apistiche adottate negli ultimi tempi, trattamenti, alimentazione.. - gli eventuali problemi analoghi avuti in passato - gli eventuali sospetti su possibili trattamenti insetticidi effettuati nei paraggi, in relazione alle colture presenti; in genere gli apicoltori segnalano trattamenti con fitofarmaci, effettuati a breve distanza dagli apiari. Spesso gli episodi che vengono segnalati, sono nelle immediate vicinanze delle abitazioni degli apicoltori 28

29 SOSPETTI AVVELENAMENTI: CHE FARE? Se possibile, fotografare, sia degli alveari, che l ambiente circostante, in particolare la flora, sia coltivata che spontanea e la presenza di eventuali fiori, sia sulle piante probabilmente trattate, che sottostanti /circostanti possibilmente annotare il tipo di polline che le api stanno immagazzinando, per avere indicazioni circa le specie floreali visitate non tutti gli alveari sono colpiti allo stesso modo (i più forti, spesso subiscono maggiori danni). se le condizioni climatiche ed operative lo consentono, procedere al controllo dei nidi, sia per accertare le condizioni del nido, che per escludere altre patologie intervenendo in tempi rapidi, si troveranno api morte e moribonde, o con difficoltà a volare, intorpidite; le api morte da poco, hanno aspetto lucido e colori accesi, quelle morte da tempo ed esposte agli agenti esterni, si presentano più opache, inscurite 29

30 30

31 31

32 SOSPETTI AVVELENAMENTI è fondamentale il campionamento di api (e/o di altre matrici dell alveare) per la ricerca dei fitofarmaci prelevare almeno api morte/moribonde, raccolte anche in pool davanti agli alveari o sul fondo dell arnia, cercando di evitare contaminazione con erba, terra.; in presenza di molti alveari/molte api morte, eventualmente raccogliere anche più campioni, per facilitare le analisi al laboratorio. la raccolta è resa difficile se c è erba alta. utilizzare uno o più contenitori rigidi, adatti allo scopo, confezionare il campione e allegare verbale di prelievo con tutte le informazioni cliniche ed anamnestiche, Possibilmente fare campione di api anche per analisi classiche (virosi, nosema..), da inviare al laboratorio diagnostico 32

33 SOSPETTI AVVELENAMENTI Per monitorare l andamento della mortalità, e facilitare la raccolta dei campioni, può essere utile porre davanti agli alveari un telo di nylon o altro materiale, che non contaminino però le api; il campione va congelato in breve o consegnato direttamente al laboratorio (IZS); Può essere utile, campionare miele fresco, non opercolato, specialmente se si assiste a spopolamenti, senza apprezzabile mortalità davanti agli alveari, o quando il prelievo è tardivo e le api sono state esposte agli agenti atmosferici. 33

34 Non essendoci indicazioni specifiche, da parte di vari Servizi Veterinari Regionali, circa i comportamenti da tenere, talvolta ci possono essere difficoltà ad inviare i campioni di api, ai laboratori (IZS), per cui non è escluso il rischio che il costo dell analisi venga addebitato all apicoltore o comunque ci siano problemi di percorso. eventualmente contattare il CRA-Api (sul sito compaiono istruzioni specifiche, compreso un Questionario ad hoc) o l IZS di Padova. E consigliabile che i Servizi Veterinari adottino procedure in proposito, anche per facilitare l operato di personale che debba operare in turni di Pronta Disponibilità (giornate festive..), da riverificare (specie per l invio dei campioni), prima di ogni stagione agricola/apistica; 34

35 Un aspetto importante, conseguente a questi episodi, è quello delle informazioni che è opportuno assicurare, sia all interno del proprio Servizio, che all esterno. Oltre che al Servizio Provinciale Agricoltura/ Servizio Fitosanitario, è opportuno darne comunicazione al Dr. Claudio Porrini (Università di Bologna, DiSTA), che nell ambito del progetto APENET /BEENET raccoglie questi dati, che altrimenti non sempre vengono raccolti dai Servizi Veterinari. 35

36 36

37 SOSPETTI AVVELENAMENTI: CAMPIONARE I VEGETALI? Nell ambito delle indagini, qualora sia possibile individuare la probabile causa dell episodio in un trattamento con agrofarmaci, sarebbe ovvio prelevare contestualmente anche vegetali (presumibilmente trattati), o altre matrici (acqua di pozzanghere, acqua prelevata dagli atomizzatori.) per accertare in maniera diretta le responsabilità, Tuttavia, senza procedure operative specifiche, le difficoltà procedurali sono molto grandi: a chi spetta intervenire? chi deve fare il campione (e sostenerne i costi) Chi deve valutare la conformità del trattamento, da parte dell utilizzatore del fitofarmaco e sanzionarlo, in caso di utilizzo non conforme? Veterinario Ausl?* *eventualmente in sopralluogo congiunto Personale del Servizio di Igiene (SIAN SIP Sanità Pubblica e Igiene del Territorio) dell USL?* Servizio Provinciale agricoltura o Servizio Fitosanitario Regionale? o altri Servizi presenti sul territorio (Arpa?, Forestale?); 37

38 Un aspetto importante è quello comunque di intervenire in breve, garantendo la necessaria appropriatezza e tutti gli aspetti formali, compreso il diritto della difesa. Campione in 5 aliquote, di almeno 100 g l una, anche di erbe spontanee sottostanti, se in fioritura. Difficoltà (ancora maggiori rispetto al campione di api), ci potrebbero essere nell invio del materiale vegetale, per cui è raccomandabile attenersi alle procedure (ove presenti) o concordarne in maniera preventiva, tra i vari Servizi- Enti, che potrebbero intervenire. Gli interventi per gli accertamenti della conformità dei trattamenti, dovrebbero essere fatti, anche in base alle indicazioni del Pacchetto Igiene (Reg. CE 852/2004 sull igiene dei prodotti alimentari e Reg. CE 882/2004 relativo ai controlli ufficiali intesi a verificare la conformità alla normativa in materia di mangimi e di alimenti e alle norme sulla salute e sul benessere degli animali). Se il settore apistico è ancora lontano dal raggiungimento degli obiettivi fissati dal Pacchetto Igiene, anche il sistema di controllo ufficiale, si deve riprogrammare, anche ridefinendo le proprie e altrui competenze. 38

39 Legge 313/2004, Disciplina dell Apicoltura - Art. 4 Disciplina dell uso dei fitofarmaci Al fine di salvaguardare l azione pronuba delle api le regioni individuano le limitazioni e i divieti, cui sottoporre i trattamenti antiparassitari.. sulle colture.. durante il periodo di fioritura, stabilendo le relative sanzioni. Le varie Regioni, hanno emanato norme che tutelano le api, dagli avvelenamenti, in genere vietando i trattamenti con prodotti nocivi per le api, in presenza di fioriture sia sulle piante oggetto di trattamento, che sulle piante eventualmente fiorite, sottostanti; queste ultime devono pertanto essere sfalciate, prima di fare il trattamento. Occorre comunque riferirsi alle singole norme regionali. E da considerare anche l Art del C.C. Responsabilità per l esercizio di attività pericolose: chiunque cagiona danno ad altri nello svolgimento di un attività pericolosa.. è tenuto al risarcimento, se non prova di aver adottato tutte le misure per evitare il danno. 39

40 Il rischio chimico da fitofarmaci, per i prodotti dell alveare Negli avvelenamenti da fitofarmaci, fino ad ora il pericolo di trasferimento di residui al miele era stato giudicato minimo, per morte stessa delle api, ma recenti indagini danno meno sicurezze, soprattutto in relazione ai neonicotinoidi (Fedrizzi, 2011); Anche nell ambito del progetto Apenet, le analisi sulle api o su altre matrici dell alveare, indicano la presenza di residui, a volte a concentrazioni abbastanza elevate è un aspetto che merita di essere approfondito, per valutare meglio i possibili pericoli connessi al miele (o agli altri prodotti dell alveare) ed eventualmente poter adottare le misure più adeguate; 40

41 Dal momento che l attuale legislazione sanitaria non è rispondente alle necessità, sarebbe auspicabile un suo corposo aggiornamento, che inoltre la allinei alla legislazione relativa alla sicurezza alimentare (Reg. Ce 178/2002 e Pacchetto Igiene) l evidenza ufficiale delle problematiche che assillano l apicoltura, è il primo passo perché si concretizzino azioni, per affrontare e gestire tali problemi; E pertanto necessario sensibilizzare gli apicoltori e le loro Associazioni, a non sottovalutare essi stessi gli episodi di malattie/morie e a denunciare in forma ufficiale la loro presenza e permettere il controllo del territorio. in ambito locale, può essere utile concordare protocolli operativi, tra le parti in causa, per applicare le misure igienico sanitarie indispensabili, senza penalizzare eccessivamente il nomadismo (o l impollinazione) e il commercio; importanza di abbreviare i tempi di intervento e ove possibile, snellire le pratiche burocratiche 41

42 anche il personale deputato ai controlli ufficiali (Veterinari e altre professionalità) o impegnato in altre azioni di controllo o sostegno dell allevamento apistico, deve essere pronto a raccogliere le sofferenze dell apicoltura, in quanto appunto possono evidenziare problemi maggiori di quelli inizialmente dimostrati Il controllo ufficiale, in accordo con il Reg. Ce 882/2004, deve quindi considerare tutta la filiera apistica, ad iniziare dalla fase di allevamento e gestione degli alveari, anche in quanto inseriti nel contesto ambientale e in un sistema produttivo, in particolare di tipo agricolo. Il Pacchetto Igiene considera l igiene degli alimenti, abbinata alla sanità & benessere degli animali, la salubrità dell ambiente: le azioni richieste sono unidirezionali e devono vedere impegnati diversi attori. 42

43 Oltre quindi al DPR 320/1954 (e successive modifiche ed integrazioni), chi effettua il controllo degli alveari, deve quindi considerare anche le altre normative che possono avere interesse, per il settore: RDL 2079/1925 e successivi decreti attuativi, per quanto ancora di interesse, se non in contrasto con le norme successive, es. Esperto Apistico Legge 313/2004, Disciplina dell Apicoltura DLgs 158/2006, sul controllo dei residui DLgs 193/2006 sui medicinali veterinari Reg. CE 178/2002 principi generali della legislazione alimentare Reg. CE 852/2004 sull igiene dei prodotti alimentari Reg. CE 882/2004 relativo ai controlli ufficiali intesi a verificare la conformità alla normativa in materia di mangimi e di alimenti e alle norme sulla salute e sul benessere degli animali DLgs 193/2007 che individua l Autorità competente ad esercitare i controlli Norme delle singole Regioni, a tutela dell apicoltura 43

44 La FORMAZIONE La FORMAZIONE di tutti gli APICOLTORI (Biosicurezza & Igiene) e degli AGRICOLTORI (utilizzo agrofarmaci), è un aspetto cruciale per la crescita del settore e dovrà vedere impegnate in primo luogo le Associazioni di categoria. Anche la componente VETERINARIA (nelle sue varie componenti, pubbliche e Lib. Professionale) e le altre figure addette ai controlli, necessitano di formazione, in relazione a questi aspetti, per dare applicazione al Pacchetto Igiene. La sinergia tra le Associazioni di categoria del mondo produttivo, le Autorità di controllo e gli altri Enti preposti, potrà essere un elemento importante, per migliorare le conoscenze degli addetti e far crescere l Apicoltura (attività di interesse nazionale), con maggiori garanzie di igiene. 44

45 La Veterinaria & l Apicoltura La classe veterinaria, salvo eccezioni, ha dimostrato scarso interesse per l apicoltura, anche accettando che funzioni sanitarie di sua competenza, venissero svolte da altri operatori, non sempre adeguatamente titolati/formati. L assenza/carenza, di una formazione apistica di base (a cominciare dal piano formativo universitario, iniziale), è senz altro un motivo della relativa assenza professionale, della professione Veterinaria, nel settore apistico. Da qualche tempo invece, la Veterinaria dimostra interesse per l apicoltura, quasi a voler saldare il debito, che negli anni ha assunto nei suoi confronti (e nei confronti dei consumatori). Questo Corso (ed altri Corsi) ECM, l attività della Fnovi (gruppo Apicoltura ), l Associazione di Patologia Apistica Beepath, l attivazione di un Master specifico, l attivazione di tavoli di confronto (Ministeriali, Regionali ), sono un segno di questo interesse e lasciano ben sperare. 45

Regolamento di polizia veterinaria anagrafe apistica

Regolamento di polizia veterinaria anagrafe apistica GIORNATE DIVULGATIVE SULLA "NORMATIVA APISTICA" Regolamento di polizia veterinaria anagrafe apistica dott. Vanni Floris PROGRAMMA APISTICO REGIONALE Reg. (CE) N. 1234/2008 - AZIONE A4 Argomenti Gli articoli

Dettagli

La legislazione sui controlli relativi alla Varroa ed illustrazione sul sistema di monitoraggio per la morìa delle api

La legislazione sui controlli relativi alla Varroa ed illustrazione sul sistema di monitoraggio per la morìa delle api La legislazione sui controlli relativi alla Varroa ed illustrazione sul sistema di monitoraggio per la morìa delle api Dott Andrea Maroni Ponti Ufficio II Ministero della salute DGASAFV Malattie denunciabili

Dettagli

Corso di formazione Servizio sanitario regionale Regione Emilia romagna

Corso di formazione Servizio sanitario regionale Regione Emilia romagna Corso di formazione Servizio sanitario regionale Regione Emilia romagna AGGIORNAMENTI SUL CONTROLLO IGIENICO-SANITARIO DELL APICOLTURA Brisighella (RA) 13 settembre 2013 Evoluzione del controllo dell apicoltura

Dettagli

LEGISLAZIONE SANITARIA IN APICOLTURA- seconda parte

LEGISLAZIONE SANITARIA IN APICOLTURA- seconda parte Dr. Filippo Bosi AUSL Ravenna, ASPV - f.bosi@ausl.ra.it Filippo.bosi.bri@alice.it LEGISLAZIONE SANITARIA IN APICOLTURA- seconda parte CRAAPI, BOLOGNA 23.03.2012 1 COMBUSTIONE DELLE FAMIGLIE AMMALATE, sotto

Dettagli

CONVEGNO FAI L UNIVERSO APE IN PERICOLO. Resoconto preliminare

CONVEGNO FAI L UNIVERSO APE IN PERICOLO. Resoconto preliminare CONVEGNO FAI L UNIVERSO APE IN PERICOLO ---------------------------- Resoconto preliminare L importanza di una rete di monitoraggio Al fine di avere idee precise sulla natura e sull entità degli spopolamenti

Dettagli

Tecniche apistiche: il controllo della sciamatura

Tecniche apistiche: il controllo della sciamatura Tecniche apistiche: il controllo della sciamatura Obiettivi: - evitare o ridurre il fenomeno della sciamatura - conservare le api nell alveare o nell apiario (sciamatura temporanea) I metodi sono diversi

Dettagli

DOPO UN CASO DI PESTE AMERICANA CHE FARE? Dr.ssa Rosanna Rossi USL7 di Siena Dr.ssa Giuliana Bondi USL7 di Siena

DOPO UN CASO DI PESTE AMERICANA CHE FARE? Dr.ssa Rosanna Rossi USL7 di Siena Dr.ssa Giuliana Bondi USL7 di Siena DOPO UN CASO DI PESTE AMERICANA CHE FARE? Dr.ssa Rosanna Rossi USL7 di Siena Dr.ssa Giuliana Bondi USL7 di Siena TUTTO IL MATERIALE CHE È ENTRATO IN CONTATTO CON LE COLONIE AMMALATE DEVE ESSER DISTRUTTO

Dettagli

Relatore: per.agr. Roberto Nataloni Dlgs 150/2012 Art. 1 Oggetto Il presente decreto definisce le misure per un uso sostenibile dei pesticidi, che sono prodotti fitosanitari come definiti all articolo

Dettagli

DECRETO N. 20 del 09.07.2013

DECRETO N. 20 del 09.07.2013 L Assessore DECRETO N. 20 del 09.07.2013 Oggetto: Modifiche al Decreto attuativo del Piano straordinario di eradicazione della Peste Suina Africana. Anni 2012 e 2013. VISTO lo Statuto Speciale della Regione

Dettagli

Gestione delle avversità in agricoltura biologica

Gestione delle avversità in agricoltura biologica Gestione delle avversità in agricoltura biologica Anna La Torre Consiglio per la ricerca in agricoltura e l analisi dell economia agraria Centro di ricerca per la patologia vegetale «Noi ereditiamo la

Dettagli

Schema di riferimento per la programmazione delle iniziative nel settore apistico

Schema di riferimento per la programmazione delle iniziative nel settore apistico Schema di riferimento per la programmazione delle iniziative nel settore apistico Dicembre 2009 L AGRICOLTURA A BENEFICIO DI TUTTI SCHEMA DI RIFERIMENTO PER LA PROGRAMMAZIONE DELLE INIZIATIVE NEL SETTORE

Dettagli

www.sipcamitalia.it Questo contenuto ti è offerto da: Articolo tratto da: Edizioni L Informatore Agrario

www.sipcamitalia.it Questo contenuto ti è offerto da: Articolo tratto da: Edizioni L Informatore Agrario Questo contenuto ti è offerto da: www.sipcamitalia.it Articolo tratto da: Edizioni L Informatore Agrario Tutti i diritti riservati, a norma della Legge sul Diritto d Autore e le sue successive modificazioni.

Dettagli

FAQ: Condizionalità. Cosa si intende per condizionalità?

FAQ: Condizionalità. Cosa si intende per condizionalità? FAQ: Condizionalità Cosa si intende per condizionalità? La condizionalità è una delle maggiori novità introdotte dalla Politica Agricola Comune (PAC) approvata nel 2003. Rappresenta l insieme delle norme

Dettagli

REGISTRO DEI TRATTAMENTI CON PRODOTTI FITOSANITARI

REGISTRO DEI TRATTAMENTI CON PRODOTTI FITOSANITARI REGIONE VENETO REGISTRO DEI TRATTAMENTI CON PRODOTTI FITOSANITARI (DPR 23 aprile 2001 n 290 art. 42) 24 NOTE GENERALI Il registro completo dei trattamenti, è composto da: - scheda A - Dati anagrafici azienda/ente

Dettagli

ALLEGATO IV SCHEDA DI INDAGINE EPIDEMIOLOGICA PER BLUE TONGUE

ALLEGATO IV SCHEDA DI INDAGINE EPIDEMIOLOGICA PER BLUE TONGUE ALLEGATO IV SCHEDA DI INDAGINE EPIDEMIOLOGICA PER BLUE TONGUE BLUE TONGUE INDAGINE EPIDEMIOLOGICA PARTE 1 DATA DI COMPILAZIONE / / CODICE IDENTIFICATIVO DEL FOCOLAIO NOME E COGNOME DEL VETERINARIO (STAMPATELLO)

Dettagli

ogni giorno in prima linea

ogni giorno in prima linea Servizio itosanitario Emilia-Romagna ogni giorno in prima linea proteggere le coltivazioni, le alberature, i parchi e le aree verdi dell'emilia-romagna da organismi nocivi fornire un supporto specialistico

Dettagli

Controllo della varroa in apicoltura biologica. Formiche e forbicine possono rimuovere gli acari dall inserto.

Controllo della varroa in apicoltura biologica. Formiche e forbicine possono rimuovere gli acari dall inserto. PROMEMORIA Controllo della varroa in apicoltura biologica In breve Mantenere la varroa sotto controllo continua a essere la principale sfida degli apicoltori. Il promemoria presenta due metodi diversi

Dettagli

/#( 0-1( (2 (2-./-#-#

/#( 0-1( (2 (2-./-#-# !!" #$ %&$%' (,,,##( # -(./-##( # (&%)*)+#$ Protocollo M1.2015.0007586 del 15/01/2015 Firmato digitalmente da FIORELLA FERRARIO /#( 0-1( (2 -./-#-# 011( (23./-#-1# 0!1( (2!./-#!# 01( (2--/.(( (# 41( (2-41(./-#

Dettagli

DIRETTIVE COMUNITARIE INTERESSATE DAL REGOLAMENTO

DIRETTIVE COMUNITARIE INTERESSATE DAL REGOLAMENTO DIRETTIVE COMUNITARIE INTERESSATE DAL REGOLAMENTO 1. Direttiva 66/401/CEE: commercializzazione sementi di piante foraggere 2. Direttiva 66/402/CEE: commercializzazione di sementi di cereali 3. Direttiva

Dettagli

COS E LA PRODUZIONE INTEGRATA?

COS E LA PRODUZIONE INTEGRATA? Cos è la Produzione Integrata (PI). Con questo scritto desidero fare una cronistoria sulla produzione integrata, un sistema di lotta iniziato negli anni 80, dove un ticinese nella persona del Dott. Mario

Dettagli

REGOLAMENTI REGOLAMENTO (CE) N. 834/2007 DEL CONSIGLIO. del 28 giugno 2007

REGOLAMENTI REGOLAMENTO (CE) N. 834/2007 DEL CONSIGLIO. del 28 giugno 2007 20.7.2007 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 189/1 I (Atti adottati a norma dei trattati CE/Euratom la cui pubblicazione è obbligatoria) REGOLAMENTI REGOLAMENTO (CE) N. 834/2007 DEL CONSIGLIO

Dettagli

Etichettatura del miele e dei prodotti dell alveare per il consumo diretto

Etichettatura del miele e dei prodotti dell alveare per il consumo diretto Etichettatura del miele e dei prodotti dell alveare per il consumo diretto Reg. CE 1234/07 Assessorato Agricoltura Centro Agrochimico Regionale G.L. Marcazzan CRA-API di Bologna M. Stefàno A.S.S.A.M. Regione

Dettagli

Dipartimento di Sanità Pubblica: i dati di attività del 2014

Dipartimento di Sanità Pubblica: i dati di attività del 2014 Conferenza Stampa Dipartimento di Sanità Pubblica: i dati di attività del 2014 Lunedì 6/07/2015 ore 11.00 Sala Riunioni - Direzione Generale AUSL Strada del Quartiere 2/A - Parma Alla Conferenza Stampa

Dettagli

MANUALE DI CORRETTA PRASSI OPERATIVA PER LA RINTRACCIABILITA E L IGIENE DEI PRODOTTI ALIMENTARI E DEI MANGIMI

MANUALE DI CORRETTA PRASSI OPERATIVA PER LA RINTRACCIABILITA E L IGIENE DEI PRODOTTI ALIMENTARI E DEI MANGIMI CONFEDERAZIONE NAZIONALE COLDIRETTI MANUALE DI CORRETTA PRASSI OPERATIVA MANUALE DI CORRETTA PRASSI OPERATIVA PER LA RINTRACCIABILITA E L IGIENE DEI PRODOTTI ALIMENTARI E DEI MANGIMI REGOLAMENTI CE N.

Dettagli

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta isstock Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta 7 PAA Programma generale di azione dell Unione in materia di ambiente fino al 2020 A partire dalla metà degli anni 70 del secolo scorso, la politica

Dettagli

PROGRAMMA DI SILUPPO RURALE 2007-2013

PROGRAMMA DI SILUPPO RURALE 2007-2013 ASSESSORADU DE S AGRICULTURA E REFORMA AGROPASTORALE PROGRAMMA DI SILUPPO RURALE 2007-2013 REG. (CE) N. 1698/2005 MISURA 214 - PAGAMENTI AGROAMBIENTALI AZIONE 3 - TUTELA DEGLI HABITAT NATURALI E SEMINATURALI

Dettagli

Attuazione di buone prassi nel quadro della direttiva sull utilizzo sostenibile dei prodotti fitosanitari: il punto di vista degli agricoltori

Attuazione di buone prassi nel quadro della direttiva sull utilizzo sostenibile dei prodotti fitosanitari: il punto di vista degli agricoltori Marzo 2011 Attuazione di buone prassi nel quadro della direttiva sull utilizzo sostenibile dei prodotti fitosanitari: il punto di vista degli agricoltori Attuazione di buone prassi nel quadro della direttiva

Dettagli

Proposta di un set di indicatori per valutare i risultati del PAN

Proposta di un set di indicatori per valutare i risultati del PAN Proposta di un set di indicatori per valutare i risultati del PAN Alessandra Galosi - Stefano Lucci Luca Segazzi ISPRA Istituto Superiore per la Protezione e Ricerca Ambientale 1.Premessa 2. L attività

Dettagli

Ministero della Salute Agenzia Italiana del Farmaco

Ministero della Salute Agenzia Italiana del Farmaco Ministero della Salute Agenzia Italiana del Farmaco Linee guida per la classificazione e conduzione degli studi osservazionali sui farmaci IL DIRETTORE GENERALE VISTO il Decreto del Ministero della Salute

Dettagli

COMUNE DI TERRALBA. (Provincia di Oristano) Via Baccelli n 1 09098 Terralba Tel. 078385301 Fax 078383341 P.IVA 00063150957

COMUNE DI TERRALBA. (Provincia di Oristano) Via Baccelli n 1 09098 Terralba Tel. 078385301 Fax 078383341 P.IVA 00063150957 COMUNE DI TERRALBA (Provincia di Oristano) Via Baccelli n 1 09098 Terralba Tel. 078385301 Fax 078383341 P.IVA 00063150957 Ordinanza Sindacale n. 41/2012 Prot. n. 12292 ORDINANZA SINDACALE (Adozione misure

Dettagli

STUDIO DI SETTORE TM43U ATTIVITÀ 52.46.4 COMMERCIO AL DETTAGLIO DI MACCHINE, ATTREZZATURE E PRODOTTI PER L AGRICOLTURA E IL GIARDINAGGIO

STUDIO DI SETTORE TM43U ATTIVITÀ 52.46.4 COMMERCIO AL DETTAGLIO DI MACCHINE, ATTREZZATURE E PRODOTTI PER L AGRICOLTURA E IL GIARDINAGGIO STUDIO DI SETTORE TM43U ATTIVITÀ 52.46.4 COMMERCIO AL DETTAGLIO DI MACCHINE, ATTREZZATURE E PRODOTTI PER L AGRICOLTURA E IL GIARDINAGGIO Ottobre 2006 PREMESSA L evoluzione dello Studio di Settore SM43U

Dettagli

GLERA E PINOT GRIGIO: NUOVE PREOCCUPAZIONI SANITARIE?

GLERA E PINOT GRIGIO: NUOVE PREOCCUPAZIONI SANITARIE? GLERA E PINOT GRIGIO: NUOVE PREOCCUPAZIONI SANITARIE? Elisa Angelini elisa.angelini@entecra.it C.R.A. Centro di Ricerca per la Viticoltura Conegliano (TV) Foto P. Marcuzzo Foto G. Rama UN PO DI

Dettagli

API, VESPE, CALABRONI ED IMENOTTERI PUNGENTI

API, VESPE, CALABRONI ED IMENOTTERI PUNGENTI (vers. 1 del 03/05/2005) API, VESPE, CALABRONI ED IMENOTTERI PUNGENTI Dio fece le api, il diavolo le vespe (Proverbio nordico) 1. GENERALITÀ Occorre premettere che è da ritenere del tutto naturale l occasionale

Dettagli

Misure per la tutela dell ambiente e degli ecosistemi

Misure per la tutela dell ambiente e degli ecosistemi Misure per la tutela dell ambiente e degli ecosistemi Carlo Zaghi Dirigente Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Direzione Generale per le Valutazioni e le Autorizzazioni Ambientali

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE TECNICO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI DERATIZZAZIONE E DISINFESTAZIONE SULLE AREE PUBBLICHE COMUNALI

CAPITOLATO SPECIALE TECNICO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI DERATIZZAZIONE E DISINFESTAZIONE SULLE AREE PUBBLICHE COMUNALI Provincia di Salerno Area Tecnica Assetto ed Utilizzazione del Territorio CAPITOLATO SPECIALE TECNICO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI DERATIZZAZIONE E DISINFESTAZIONE SULLE AREE PUBBLICHE COMUNALI ART.1

Dettagli

OGGETTO: Indicazionj operative riguardanti l'applicazione della OM 17 febbraio 1995 recante norme per Ia profilassi della varroasi.

OGGETTO: Indicazionj operative riguardanti l'applicazione della OM 17 febbraio 1995 recante norme per Ia profilassi della varroasi. Ministe~o della_s_a_l_u_t_e - -~-I 0013975-P-12/07/2013 DGSAF I.1.a.e/2013/18 J -' -l -' i l DIPARTIMENTO DELLA SANIT A' PUBBLICA YETERINARIA, DELLA SICUREZZA ALIMENT ARE E DEGLI ORGAN! COLLEGIALI PER

Dettagli

I TRATTAMENTI ANTIVARROA

I TRATTAMENTI ANTIVARROA I TRATTAMENTI ANTIVARROA In pratica DR.SSA GIULIANA BONDI Aggiornato 2013 Circolare MdS 06 Febbraio 2006

Dettagli

VÉÇá zä É exz ÉÇtÄx wxäät câzä t

VÉÇá zä É exz ÉÇtÄx wxäät câzä t LEGGE REGIONALE 20 MAGGIO 2014, N. 26 Disposizioni per favorire l accesso dei giovani all agricoltura e contrastare l abbandono e il consumo dei suoli agricoli 2 LEGGE REGIONALE Disposizioni per favorire

Dettagli

Prevenzione dell allergia ad inalanti

Prevenzione dell allergia ad inalanti Prevenzione dell allergia ad inalanti La patologia allergica respiratoria è molto frequente nella popolazione generale: la sua prevalenza si aggira in media intorno al 10-15%. Inoltre, negli ultimi 20

Dettagli

RELAZIONE SUL SISTEMA DI ALLERTA EUROPEO M.G.

RELAZIONE SUL SISTEMA DI ALLERTA EUROPEO M.G. Ministero della Salute RELAZIONE SUL SISTEMA DI ALLERTA EUROPEO M.G. ANNO 2014 2 Il presente rapporto è stato realizzato dalla Direzione Generale per l Igiene e la Sicurezza degli Alimenti e la Nutrizione

Dettagli

Fitopro s.r.l. - Milano. Servizio Fitosanitario Regionaledel Veneto - Bovolino di Buttapietra (VR)

Fitopro s.r.l. - Milano. Servizio Fitosanitario Regionaledel Veneto - Bovolino di Buttapietra (VR) LOTTA ANTIPERONOSPORICA SU VITE IN REGIME DI AGRICOLTURA BIOLOGICA: CONFRONTO TRA STRATEGIA A PROTEZIONE CONTINUA E STRATEGIA SUPPORTATA DAL MODELLO EPI. VENETO, BIENNIO 2007/2008 M. Buccini 1, G. Rho

Dettagli

CARCERI UIL : Sollicciano infestata dalle zecche dei piccioni

CARCERI UIL : Sollicciano infestata dalle zecche dei piccioni COMUNICATO STAMPA 7 ottobre 2011 CARCERI UIL : Sollicciano infestata dalle zecche dei piccioni Speriamo vivamente che le competenti autorità del Provveditorato e del Dipartimento, nonché le autorità sanitarie

Dettagli

Giugno 2009. L etichettatura nel confezionamento del miele

Giugno 2009. L etichettatura nel confezionamento del miele Giugno 2009 L etichettatura nel confezionamento del miele Il Decreto Legislativo n. 181 del 23 giugno 2003: Attuazione della direttiva 2000/13/CE concernente l'etichettatura e la presentazione dei prodotti

Dettagli

15067 NOVI LIGURE AL. Tel.: 0143 744516 - Fax: 0143 321556 e-mail: srtspa@srtspa.it

15067 NOVI LIGURE AL. Tel.: 0143 744516 - Fax: 0143 321556 e-mail: srtspa@srtspa.it Allegato 4) Regolamento... li... ALLA SRT - SOCIETA PUBBLICA PER IL RECUPERO ED IL TRATTAMENTO DEI RIFIUTI S.p.A. Strada Vecchia per Boscomarengo s.n. 15067 NOVI LIGURE AL Tel.: 0143 744516 - Fax: 0143

Dettagli

FONDO MUTUALISTICO ALTRI SEMINATIVI

FONDO MUTUALISTICO ALTRI SEMINATIVI PREMESSA Si assiste sempre più spesso ad andamenti meteorologici imprevedibili e come tali differenti dall ordinario: periodi particolarmente asciutti alternati ad altri particolarmente piovosi. Allo stesso

Dettagli

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Ferrara, giovedì 27 Settembre 2012 Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Giacomo Zanni (Dipartimento di Ingegneria ENDIF, Università di Ferrara) giacomo.zanni@unife.it SOMMARIO

Dettagli

Obblighi dei medici nei casi di infortunio e malattia professionale

Obblighi dei medici nei casi di infortunio e malattia professionale Obblighi dei medici nei casi di infortunio e malattia professionale A cura di: - Inail Direzione Regionale Lombardia - Regione Lombardia - Direzione Generale Sanità Documento realizzato nell ambito della

Dettagli

Valori Rimborsi Animali Riferimenti Normativi DECRETO 20 LUGLIO 1989, N. 298

Valori Rimborsi Animali Riferimenti Normativi DECRETO 20 LUGLIO 1989, N. 298 Valori Rimborsi Animali Riferimenti Normativi MINISTERO DELLA SANITÀ DECRETO 20 LUGLIO 1989, N. 298 Regolamento per la determinazione dei criteri per il calcolo del valore di mercato degli animali abbattuti

Dettagli

Introduzione alla Relazione del convegno

Introduzione alla Relazione del convegno PIANO D AZIONE NAZIONALE PER L USO SOSTENIBIL E DEI PRODOTTI FITOSANIT ARI E PROPOSTE DI STRUMENT I APPLICAT IV I 19 novembre 2012 Environmental Park Centro Congressi Sala Kyoto Via Livorno, 60 Torino

Dettagli

Archivio storico comunale di Putignano (1950-1970). Inventario 4. SANITA E IGIENE. 4.1.1 Ufficio sanitario, personale, sindacati (cl.

Archivio storico comunale di Putignano (1950-1970). Inventario 4. SANITA E IGIENE. 4.1.1 Ufficio sanitario, personale, sindacati (cl. 4. SANITA E IGIENE Busta 6 (1960 1961), fascc. 2 4.1 1960, s.fascc. 5 4.1.1 Ufficio sanitario, personale, sindacati (cl. 1) 1. Comunicazioni del sindaco relative alle prescrizioni di medicinali e cure

Dettagli

malattie del bestiame. Informazione&Zootecnia

malattie del bestiame. Informazione&Zootecnia UMBRIA INFORMAZIONE&ZOOTECNIA Corretta prassi e biosicurezza nell allevamento bovino A.R.A. Associazione Regionale Allevatori dell SEDE LEGALE ED OPERATIVA di Perugia: Via O.P. Baldeschi, 59 06073 Taverne

Dettagli

Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore

Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore Testo aggiornato al 29 novembre 2011 Legge 15 marzo 2010, n. 38 Gazzetta Ufficiale 19 marzo 2010, n. 65 Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore La Camera dei

Dettagli

Agripoint s.a.s. Abbiategrasso. Gli impollinatori: l ape e i suoi amici. in collaborazione con Syngenta Crop Protection S.p.A.

Agripoint s.a.s. Abbiategrasso. Gli impollinatori: l ape e i suoi amici. in collaborazione con Syngenta Crop Protection S.p.A. Agripoint s.a.s. Abbiategrasso Gli impollinatori: l ape e i suoi amici in collaborazione con Syngenta Crop Protection S.p.A. Si ringraziano per la collaborazione In particolare Elena Brioschi, Fabio Berta,

Dettagli

Periodo: 1.3.2011 28.2.2014

Periodo: 1.3.2011 28.2.2014 PROCEDURA IN ECONOMIA ex art. 125 del D. Lgs. n. 63/2006 per l affidamento del servizio di CONTROLLO INTEGRATO DELLE INFESTAZIONI ENTOMATICHE E MURINE PRESSO LE STRUTTURE UNIVERSITARIE Periodo: 1.3.2011

Dettagli

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano Rapporto annuale ISMEA Rapporto annuale 2012 5. La catena del valore IN SINTESI La catena del valore elaborata dall Ismea ha il fine di quantificare la suddivisione del valore dei beni prodotti dal settore

Dettagli

DELIBERAZIONE N X / 2525 Seduta del 17/10/2014

DELIBERAZIONE N X / 2525 Seduta del 17/10/2014 DELIBERAZIONE N X / 2525 Seduta del 17/10/2014 Presidente ROBERTO MARONI Assessori regionali MARIO MANTOVANI Vice Presidente VALENTINA APREA VIVIANA BECCALOSSI SIMONA BORDONALI PAOLA BULBARELLI MARIA CRISTINA

Dettagli

Società Agricola: Emon Agri

Società Agricola: Emon Agri Società Agricola: Emon Agri INTERVISTA AD UN AGRICOLTORE DELLA SOCIETA' AGRICOLA: Sul vostro logo c'è scritto che attuate una coltivazione virtuosa, ci può dire cosa si intende? Ci spiega: Per coltivazione

Dettagli

Testo Consolidato del Decreto n 30125 del 22 dicembre 2009 (come modificato dal DM 10346 del 13 maggio 2011)

Testo Consolidato del Decreto n 30125 del 22 dicembre 2009 (come modificato dal DM 10346 del 13 maggio 2011) Testo Consolidato del Decreto n 30125 del 22 dicembre 2009 (come modificato dal DM 10346 del 13 maggio 2011) L AGRICOLTURA A BENEFICIO DI TUTTI Documento prodotto nell ambito della Rete Rurale Nazionale

Dettagli

Attività di sorveglianza e controllo delle infezioni ospedaliere a livello aziendale: risultati di un indagine conoscitiva.

Attività di sorveglianza e controllo delle infezioni ospedaliere a livello aziendale: risultati di un indagine conoscitiva. Attività di sorveglianza e controllo delle infezioni ospedaliere a livello aziendale: risultati di un indagine conoscitiva. Mario Saia CIO: Normativa Italiana Circolare Ministeriale 52/1985 Lotta contro

Dettagli

AVVISO PUBBLICO P R O G R A M M A D I S V I L U P P O R U R A L E D E L L A R E G I O N E C A L A B R I A 2 0 0 7-2 0 1 3

AVVISO PUBBLICO P R O G R A M M A D I S V I L U P P O R U R A L E D E L L A R E G I O N E C A L A B R I A 2 0 0 7-2 0 1 3 AVVISO PUBBLICO P R O G R A M M A D I S V I L U P P O R U R A L E D E L L A R E G I O N E C A L A B R I A 2 0 0 7-2 0 1 3 A S S E 2 : M I G L I O R A M E N T O D E L L A M B I E N T E E D E L L O S P A

Dettagli

L agricoltura nell Europa industrializzata

L agricoltura nell Europa industrializzata L agricoltura nell Europa industrializzata L agricoltura delle società industrializzate europee si differenzia da quella dell età moderna per gli attrezzi, le fonti di energia, i macchinari utilizzati

Dettagli

ENERGIA. Massimo Telesca ARPA FVG Indirizzo tecnicoscientifico. e coordinamento dei Dipartimenti provinciali

ENERGIA. Massimo Telesca ARPA FVG Indirizzo tecnicoscientifico. e coordinamento dei Dipartimenti provinciali ENERGIA 269 ENERGIA Il ricorso all utilizzo di fonti rinnovabili sovvenzionate comporta dei potenziali impatti ambientali. Fra questi, vi sono l alterazione dei corsi d acqua a causa delle derivazioni

Dettagli

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF)

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF) I TRIBUTI 89 APPROFONDIMENTI IL CODICE TRIBUTO Ogni pagamento effettuato con i modelli F23 o F24 deve essere identificato in modo preciso, abbinando a ogni versamento un codice di tributo. Nella tabella

Dettagli

Digestato da rifiuti e da matrici agricole

Digestato da rifiuti e da matrici agricole Ravenna 2012 Workshop I CIC Consorzio Italiano Compostatori Ravenna, 27 settembre 2012 Digestato da rifiuti e da matrici agricole Lorella ROSSI C.R.P.A. - Reggio Emilia, Comitato Tecnico CIC DIGESTIONE

Dettagli

I METALLI PESANTI NEL LATTE

I METALLI PESANTI NEL LATTE I METALLI PESANTI NEL LATTE di Serraino Andrea Dipartimento di Sanità Pubblica Veterinaria e Patologia Animale - Facoltà Medicina Veterinaria - Università di Bologna - Alma Mater Studiorum. I metalli sono

Dettagli

PIANO DI CONTROLLO DI CONFORMITÀ DELLA D.O.P. OLIO EXTRAVERGINE DI OLIVA TERRE TARENTINE

PIANO DI CONTROLLO DI CONFORMITÀ DELLA D.O.P. OLIO EXTRAVERGINE DI OLIVA TERRE TARENTINE PIANO DI CONTROLLO DI CONFORMITÀ DELLA D.O.P. OLIO EXTRAVERGINE DI OLIVA TERRE TARENTINE REV. DATA REDATTO Il Responsabile Tecnico VERIFICATO Responsabile di Certificazioni di prodotti Agroalimentari 00

Dettagli

Criteri Ambientali Minimi (CAM) Gestione del verde pubblico

Criteri Ambientali Minimi (CAM) Gestione del verde pubblico Criteri Ambientali Minimi (CAM) Gestione del verde pubblico Marco Glisoni Maria Lisa Procopio Incontro formativo Progetto APE settembre 2014 Il Piano d Azione Nazionale per il GPP Piano d azione per la

Dettagli

Nel procedimento per la sospensione dell esecuzione del provvedimento impugnato (art. 5, L. 742/1969).

Nel procedimento per la sospensione dell esecuzione del provvedimento impugnato (art. 5, L. 742/1969). Il commento 1. Premessa La sospensione feriale dei termini è prevista dall art. 1, co. 1, della L. 07/10/1969, n. 742 1, il quale dispone che: Il decorso dei termini processuali relativi alle giurisdizioni

Dettagli

STUDIO DI SETTORE SM43U

STUDIO DI SETTORE SM43U ALLEGATO 3 NOTA TECNICA E METODOLOGICA STUDIO DI SETTORE SM43U NOTA TECNICA E METODOLOGICA CRITERI PER LA COSTRUZIONE DELLO STUDIO DI SETTORE Di seguito vengono esposti i criteri seguiti per la costruzione

Dettagli

Dipartimento di Prevenzione U.O.C. HACCP- RSO

Dipartimento di Prevenzione U.O.C. HACCP- RSO La presente istruzione operativa dettaglia una specifica attività/fase di un processo descritto dalla procedura Piano Interno di Intervento Emergenza Migranti. La sanificazione ambientale viene intesa

Dettagli

REGOLAMENTO (CE) N. 834/2007 DEL CONSIGLIO

REGOLAMENTO (CE) N. 834/2007 DEL CONSIGLIO REGOLAMENTO (CE) N. 834/2007 DEL CONSIGLIO del 28 giugno 2007 RELATIVO ALLA PRODUZIONE BIOLOGICA E ALL ETICHETTATURA DEI PRODOTTI BIOLOGICI E CHE ABROGA IL REGOLAMENTO (CEE) N. 2092/91 TESTO COORDINATO

Dettagli

2. L iscrizione nel Registro delle Imprese

2. L iscrizione nel Registro delle Imprese 2. L iscrizione nel Registro delle Imprese 2.1 Gli effetti dell iscrizione nel Registro delle Imprese L art. 2 del d.lgs. 18 maggio 2001, n. 228 (in materia di orientamento e modernizzazione del settore

Dettagli

PROGRAMMAZIONE. Anno Scolastico 2009-10 IGIENE ED EDUCAZIONE SANITARIA

PROGRAMMAZIONE. Anno Scolastico 2009-10 IGIENE ED EDUCAZIONE SANITARIA PROGRAMMAZIONE Anno Scolastico 2009-10 IGIENE ED EDUCAZIONE SANITARIA Classe: 4^ LTS/A - SALUTE Insegnante: Claudio Furioso Ore preventivo: 132 SCANSIONE MODULI N TITOLO MODULO set ott nov dic gen feb

Dettagli

Strategia per la pianificazione generale della capacità di intervento

Strategia per la pianificazione generale della capacità di intervento COMMISSIONE EUROPEA DIREZIONE GENERALE PER LA SALUTE E I CONSUMATORI Salute pubblica e valutazione dei rischi Minacce per la salute Strategia per la pianificazione generale della capacità di intervento

Dettagli

Lotta biologica per la difesa fitosanitaria del castagneto

Lotta biologica per la difesa fitosanitaria del castagneto GAL L ALTRA ROMAGNA S. CONS. A R.L. Via Roma, 24 47027 Sarsina (FC) Tel. 0547.698301 Fax 0547.698345 altrarom@tin.it COD. FISC. e P. IVA 02223700408 www.altraromagna.it PSR ASSE 4 Leader MISURA 412 Azione

Dettagli

- PARTE SPECIALE G- I REATI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO

- PARTE SPECIALE G- I REATI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO - PARTE SPECIALE G- I REATI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO G.1. I reati di cui all art. 25 septies del D.Lgs. n. 231/2001 La Legge 3 agosto 2007, n. 123, ha introdotto l art. 25 septies del

Dettagli

DOP&IGP_Guida. Il documento informativo necessario per conoscere e proteggere la qualità dei prodotti a livello comunitario INDICE INTERATTIVO

DOP&IGP_Guida. Il documento informativo necessario per conoscere e proteggere la qualità dei prodotti a livello comunitario INDICE INTERATTIVO +39.06.97602592 DOP&IGP_Guida Il documento informativo necessario per conoscere e proteggere la qualità dei prodotti a livello comunitario INDICE INTERATTIVO Pag. 2 Intro e Fonti Pag. 3 DOP o IGP? Differenze

Dettagli

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro.

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. N. LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi

Dettagli

PARTE SECONDA TITOLI E CRITERI DI VALUTAZIONE PER LA FORMAZIONE DELLE GRADUATORIE DI CUI ALL'ART. 21 DELL'ACCORDO.

PARTE SECONDA TITOLI E CRITERI DI VALUTAZIONE PER LA FORMAZIONE DELLE GRADUATORIE DI CUI ALL'ART. 21 DELL'ACCORDO. ALLEGATO A PARTE SECONDA TITOLI E CRITERI DI VALUTAZIONE PER LA FORMAZIONE DELLE GRADUATORIE DI CUI ALL'ART. 21 DELL'ACCORDO. TITOLI ACCADEMICI VOTO DI LAUREA Medici Specialisti ambulatoriali, Odontoiatri,

Dettagli

Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi. Tra

Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi. Tra Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi Tra Il Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, con sede in Via Cristoforo Colombo, 44, 00187

Dettagli

Strutture sanitarie e Socio-assistenziali Autorizzazione e vigilanza

Strutture sanitarie e Socio-assistenziali Autorizzazione e vigilanza Dipartimento di Sanità Pubblica S a l u t e è S a p e r e Azioni di Prevenzione n. 2 28 Strutture sanitarie e Socio-assistenziali Indice Presentazione Strutture Sanitarie Introduzione Contesto Risultati

Dettagli

OLIO EXTRA VERGINE DI OLIVA BRISIGHELLA

OLIO EXTRA VERGINE DI OLIVA BRISIGHELLA OLIO EXTRA VERGINE DI OLIVA BRISIGHELLA DISCIPLINARE DI PRODUZIONE Pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 228 del 29/9/95 (Pag.38) Articolo 1 Denominazione La denominazione di origine controllata olio

Dettagli

MINISTERO DELLA SALUTE

MINISTERO DELLA SALUTE b) unica prova orale su due materie, il cui svolgimento è subordinato al superamento della prova scritta: una prova su deontologia e ordinamento professionale; una prova su una tra le seguenti materie

Dettagli

STUDIO DI SETTORE SM43U ATTIVITÀ 52.46.6 COMMERCIO AL DETTAGLIO DI MACCHINE, ATTREZZATURE E PRODOTTI PER L AGRICOLTURA E IL GIARDINAGGIO

STUDIO DI SETTORE SM43U ATTIVITÀ 52.46.6 COMMERCIO AL DETTAGLIO DI MACCHINE, ATTREZZATURE E PRODOTTI PER L AGRICOLTURA E IL GIARDINAGGIO STUDIO DI SETTORE SM43U ATTIVITÀ 52.46.6 COMMERCIO AL DETTAGLIO DI MACCHINE, ATTREZZATURE E PRODOTTI PER L AGRICOLTURA E IL GIARDINAGGIO Settembre 2002 1 STUDIO DI SETTORE SM43U Numero % sugli invii Invii

Dettagli

Settori. Personale qualificato. Chi siamo

Settori. Personale qualificato. Chi siamo Settori Pubblico Pulizia di edifici di Pubbliche amministrazioni seguendo le richieste indicate nei capitolati d oneri, controllate inoltre delle specifiche norme UNI EN ISO 9001 e SA8000. Privato personalizzati

Dettagli

Istituto Tecnico Agrario Giuseppe Vivarelli Azienda Agraria Didattica VALUTAZIONE TECNICO AGRONOMICA DELLA SEMINA SU SODO DI GRANO DURO

Istituto Tecnico Agrario Giuseppe Vivarelli Azienda Agraria Didattica VALUTAZIONE TECNICO AGRONOMICA DELLA SEMINA SU SODO DI GRANO DURO Istituto Tecnico Agrario Giuseppe Vivarelli Azienda Agraria Didattica VALUTAZIONE TECNICO AGRONOMICA DELLA SEMINA SU SODO DI GRANO DURO FABRIANO 06 MAGGIO 2014 1 Fig 1 Intervento di semina su sodo con

Dettagli

Partenariato transatlantico su commercio e investimenti. Parte normativa

Partenariato transatlantico su commercio e investimenti. Parte normativa Partenariato transatlantico su commercio e investimenti Parte normativa settembre 2013 2 I presidenti Barroso, Van Rompuy e Obama hanno chiarito che la riduzione delle barriere normative al commercio costituisce

Dettagli

IL DIRETTORE DEI LAVORI RUOLO E RESPONSABILITA (Alcune note del Consiglio dell Ordine)

IL DIRETTORE DEI LAVORI RUOLO E RESPONSABILITA (Alcune note del Consiglio dell Ordine) IL DIRETTORE DEI LAVORI RUOLO E RESPONSABILITA (Alcune note del Consiglio dell Ordine) La figura giuridica del Direttore dei Lavori compare per la prima volta nel R.D. del 25.05.1895 riguardante il Regolamento

Dettagli

Cosa succede in un laboratorio di genetica?

Cosa succede in un laboratorio di genetica? 12 laboratori potrebbero utilizzare campioni anonimi di DNA per lo sviluppo di nuovi test, o condividerli con altri in quanto parte dei programmi di Controllo di Qualità, a meno che si chieda specificatamente

Dettagli

- Riproduzione riservata - 1

- Riproduzione riservata - 1 Principali malattie parassitarie del cane; Le malattie parassitarie che maggiormente interessano e colpiscono il cane sono molte ed alcune di queste possono colpire e provocare conseguenze anche per l

Dettagli

COMUNE DI LENDINARA Provincia di Rovigo REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DIFESA DELL ASSETTO IDRAULICO DEL TERRITORIO

COMUNE DI LENDINARA Provincia di Rovigo REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DIFESA DELL ASSETTO IDRAULICO DEL TERRITORIO COMUNE DI LENDINARA Provincia di Rovigo REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DIFESA DELL ASSETTO IDRAULICO DEL TERRITORIO Approvato con Delibera di Consiglio Comunale n 74 del 30.11.2009 ESECUTIVO DAL 28.12.2009

Dettagli

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza Con la vaccinazione l influenza si allontana La prevenzione dell influenza La vaccinazione antinfluenzale è il mezzo più efficace di protezione dalla malattia e di riduzione delle sue complicanze per le

Dettagli

La ricerca non sperimentale

La ricerca non sperimentale La ricerca non sperimentale Definizione Ricerca osservazionale: : 1. naturalistica Ricerca osservazionale: : 2. osservatori partecipanti Ricerca d archiviod Casi singoli Sviluppo di teorie e verifica empirica

Dettagli

Divieto di commercializzazione dei sacchetti non biodegradabili e compostabili

Divieto di commercializzazione dei sacchetti non biodegradabili e compostabili Divieto di commercializzazione dei sacchetti non biodegradabili e compostabili Vademecum operativo Con la pubblicazione in Gazzetta ufficiale della legge 11 agosto 2014, n. 116 che converte il Dl 91/2014,

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Villanova d Asti (AT) Scuola dell Infanzia, Primaria, Secondaria di 1

Istituto Comprensivo Statale Villanova d Asti (AT) Scuola dell Infanzia, Primaria, Secondaria di 1 Pagina 1 di 8 REGOLAMENTO SULL USO DI INTERNET E DELLA POSTA ELETTRONICA MESSO A DISPOSIZONE DEI DIPENDENTI PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI D UFFICIO () Approvato con deliberazione del Consiglio di Istituto

Dettagli

PRODOTTO UVA DA VINO E PER TUTTI GLI ALTRI PRODOTTI,

PRODOTTO UVA DA VINO E PER TUTTI GLI ALTRI PRODOTTI, Strada dei mercati, 17 43126 Parma Tel.0521984996 Fax 0521950084 info@codiparma.it www.codiparma.it Oggetto: Campagna assicurativa 2015 Spett.le Socio, da quest anno le risorse finanziare sono reperite

Dettagli

L INFORTUNIO SUL LAVORO, IN ITINERE, LA MALATTIA PROFESSIONALE E L ASSISTENZA

L INFORTUNIO SUL LAVORO, IN ITINERE, LA MALATTIA PROFESSIONALE E L ASSISTENZA L INFORTUNIO SUL LAVORO, IN ITINERE, LA MALATTIA PROFESSIONALE E L ASSISTENZA L INAIL, IL DATORE DI LAVORO, IL LAVORATORE, COSA DEVONO FARE COSA DEVE SAPERE IL LAVORATORE QUANDO SUBISCE UN INFORTUNIO O

Dettagli

Scheda 2.4 Imprese di pulizia, disinfezione, disinfestazione, derattizzazione e sanificazione

Scheda 2.4 Imprese di pulizia, disinfezione, disinfestazione, derattizzazione e sanificazione Scheda 2.4 Imprese di, disinfezione, disinfestazione, derattizzazione e sanificazione SOGGETTI RICHIEDENTI/AMBITO DI APPLICAZIONE La presente scheda riguarda unicamente soggetti ricadenti nella qualifica

Dettagli

La Conferenza permanente per i rapporti tra lo Stato, le Regioni e le Province autonome di Trento e Bolzano

La Conferenza permanente per i rapporti tra lo Stato, le Regioni e le Province autonome di Trento e Bolzano La Conferenza permanente per i rapporti tra lo Stato, le Regioni e le Province autonome di Trento e Bolzano VISTO gli articoli 2, comma 2, lett. b) e 4, comma 1 del decreto legislativo 28 agosto 1997,

Dettagli

Corretto utilizzo delle soluzioni concentrate di Potassio cloruro. ed altre soluzioni contenenti Potassio

Corretto utilizzo delle soluzioni concentrate di Potassio cloruro. ed altre soluzioni contenenti Potassio cloruro cloruro Data Revisione Redazione Approvazione Autorizzazione N archiviazione 00/00/2010 e Risk management Produzione Qualità e Risk management Direttore Sanitario 1 cloruro INDICE: 1. Premessa

Dettagli