Comune di Catania Comitato Pari Opportunità Via S.Agata,3 Catania

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Comune di Catania Comitato Pari Opportunità Via S.Agata,3 Catania"

Transcript

1 Comune di Catania Comitato Pari Opportunità Via S.Agata,3 Catania Programma di Azioni Positive nell ambito delle Pari Opportunità Programma triennale EVOLUZIONE DELLE POLITICHE DI PARI OPPORTUNITA La legge n. 125/1991 Azioni positive per la realizzazione della parità uomo-donna nel lavoro (art.6) i decreti legislativi 196/2000 (all art. 7 c. 5) e n. 165/2001 ( art. 6, c. 6), il decreto legislativo n. 198/2006 (Codice delle pari opportunità tra uomo e donna) e - da ultimo - la direttiva ministeriale 23 maggio 2007, prevedono che ogni amministrazione pubblica predisponga un Piano triennale di azioni positive (PAP) volto alla rimozione degli ostacoli che, di fatto, impediscono la piena realizzazione di pari opportunità di lavoro e nel lavoro tra uomini e donne, e dunque finalizzato a innestare il principio di pari opportunità nelle politiche di gestione delle risorse umane dell ente Comune di Catania. Favorire una cultura della condivisione fra uomini e donne diventa pertanto fondamentale per una crescita equilibrata del paese e da ciò le politiche di conciliazione divengono uno strumento imprescindibile per lo sviluppo del paese sia per favorire l ingresso delle donne nel mercato del lavoro sia per contrastare, insieme alle altre politiche per la famiglia, la denatalità e il supporto agli anziani non autosufficienti. Altro problema cruciale è quello dei diritti umani e della cittadinanza delle donne alla luce delle migrazioni e delle nuove realtà lavorative; in Italia, infatti, il problema della conciliazione incrocia quello dell integrazione delle donne immigrate, che svolgono gran parte del lavoro di cura nelle nostre famiglie. Secondo il contesto europeo, la strategia quadro comunitaria in materia di parità fra uomini e donne, prevede che tutti i programmi e le iniziative vengono impostate, secondo un approccio complessivo di mainstreaming (il mainstreaming di genere consiste nel considerare, già dalla fase di progettazione, gli effetti delle politiche in termini di effetti possibili sulla situazione sia delle donne che degli uomini). L obiettivo è quello di assicurare che tutti gli interventi tengano conto delle problematiche legate al genere, interessando, al contempo, tutte le politiche dell occupazione, dell economia, dell urbanistica, dell ambiente, della famiglia, delle politiche sociali, scolastiche ed educative, al fine di individuare i problemi prioritari e gli strumenti necessari per superarli e modificarli. Obiettivi del Piano Promuovere processi organizzativi di generazione di una qualità della vita lavorativa fondata sulla soddisfazione del rispetto del ruolo occupato nell organizzazione da tutti i lavoratori, migliorare la qualità della vita nell ambiente di lavoro e valorizzare 1 1

2 pienamente tutte le risorse umane,a prescindere dalle caratteristiche personali di genere, etnia di appartenenza, religione ed ideologia. Partendo da un quadro generale e dalle sollecitazioni e dalle considerazioni che ad ogni livello politico pervengono sull esigenza di definire politiche che non siano più neutre, occorre indirizzare le attività e le risposte della Pubblica Amministrazione ai bisogni reali delle persone, ripensando la città, le regole del lavoro, i ruoli, la partecipazione alla vita pubblica. Il campo di intervento del Comune di Catania sul tema delle Pari opportunità dovrà infatti, partendo dagli indirizzi comunitari, internazionali e nazionali, inquadrare gli ambiti e gli obiettivi da perseguire cercando di coordinare i bisogni comuni riscontrati sul territorio. Sui temi chiave suddetti perciò si dovranno inserire le politiche di parità e pari opportunità e si dovranno finalizzare le azioni positive del prossimo programma triennale. Sono state perciò individuate le macro-aree aventi finalità specifiche e precisamente: a) area conciliazione: incentivare politiche di conciliazione tra lavoro professionale e lavoro familiare; b) area lavoro: rimuovere gli ostacoli che impediscono la realizzazione di pari opportunità nel lavoro per garantire il riequilibrio delle posizioni femminili e l avanzamento di carriera. In particolare, tappe intermedie per la realizzazione di questo obiettivo sono la creazione di occasioni di consolidamento ed ampliamento delle competenze professionali, attraverso attività formative e informative; c)area sociale: promuovere e sostenere una cultura della parità e delle pari opportunità fornendo un sostegno adeguato alle situazioni di disagio; d) area promozionale: favorire una maggiore visibilità e riconoscibilità delle azioni attuate dall Amministrazione in merito alle politiche di pari opportunità; e) area di sviluppo dell Ente come datore di lavoro: attivare misure dell Ente, finalizzate ad assicurare pari opportunità nella carriera, nei ruoli, nei percorsi formativi e nello sviluppo delle competenze personali fra lavoratori e lavoratrici dell Ente, nel rispetto delle normative e delle direttive di settore; Ognuna di tali aree deve ritenersi trasversale al principio di partecipazione alle iniziative europee, mantenendo un aggiornamento costante sull evoluzione delle politiche della Unione Europea in relazione alle pari opportunità avvalendosi dei fondi dalla stessa stanziati a questi scopi. A tal fine sarà necessario attivare forme di collaborazione con altri Enti e organismi di parità per la formulazione di proposte e progetti da presentare alla UE in applicazione alle decisioni del Consiglio Europeo sulla strategia comunitaria in materia di parità tra uomini e donne. Nel periodo di vigenza del Piano saranno raccolti pareri, consigli, osservazioni, suggerimenti da parte del personale dipendente, delle organizzazioni sindacali e dell Amministrazione Comunale in modo da poterlo rendere dinamico ed effettivamente efficace. Obiettivo di ruolo del componente del CPO I componenti del CPO dovranno: - attivare azioni e misure per il perseguimento degli obiettivi condivisi dal CPO; 2 2

3 - monitorare le attività poste in essere; - gestire le pubbliche relazioni con altri CPO; - promuovere la visibilità del CPO; - vigilare sulla corretta applicazione degli istituti giuridici e contrattuali relativi alla materia in oggetto. Il Comitato P.O. si adeguerà alle nuove disposizioni normative (legge n.183 del Comitato unico di garanzia per le opportunità) Obiettivi specifici del Comune di Catania Piano di formazione annuale A tutti i dipendenti è garantita la partecipazione a corsi di formazione qualificati, programmati e coordinati dalla Direzione competente. Ogni dipendente ha facoltà di proporre richieste di corsi di formazione al proprio Dirigente: tutte le richieste convogliano all Ufficio Direzione che elabora il piano di formazione annuale dell Ente. Durante l anno i dipendenti partecipano in orario di lavoro a corsi di formazione sia esterni che residenziali. Tutti gli attestati dei corsi frequentati vengono conservati nel fascicolo individuale di ciascuno presso l Ufficio Personale. Prospettive di sviluppo di un sistema di rendicontazione e di bilancio di genere Il diritto di cittadinanza di entrambi i sessi, donne e uomini, impone la gestione delle diversità, per cui tutte le politiche di un Ente Pubblico devono essere attraversate dalla consapevolezza di genere. Il presupposto di un bilancio di genere si fonda sulla considerazione che le politiche economiche non siano neutrali e che le scelte di chi governa abbiano un'influenza diversa su uomini e donne, in ragione dei diversi carichi di lavoro e familiari. Si può pertanto sostenere che il bilancio, basato anche sui generi, consente una maggiore efficienza delle politiche pubbliche. Il bilancio di genere non è la produzione di un bilancio separato per le donne ma ha l'obiettivo di verificare in che modo e in quale misura, l'insieme delle politiche attuate dall'ente, contribuisca alla promozione della parità tra donne e uomini e al miglioramento della loro vita. Le banche dati sul personale del Comune di Catania già consentono la produzione di statistiche di genere sulla base dei principali indicatori previsti per la gestione delle risorse umane e di tutti gli istituti relativi. Occorre tuttavia dare periodicità regolare all elaborazione di tali dati e studiare l introduzione di nuovi indicatori che consentano un quadro sempre più dettagliato delle dinamiche di utilizzo delle risorse. Prevenzione di qualunque forma di discriminazione -Raccogliere informazioni sulle tipologie di casi affrontati da altri organismi di Pari opportunità,per verificarne gravità e diffusione. 3 3

4 -Analizzare la situazione lavorativa e logistica delle persone disabili e studiare eventuali percorsi di migliore valorizzazione delle loro risorse professionali. -Predisporre una specifica formazione sulle norme antidiscriminatorie. - Rafforzamento del ruolo del CPO e aggiornamento delle funzioni. Il CPO è un organismo che deve potere e sapere esercitare autorevolezza e capacità di proposta per la rimozione delle disparità e la valorizzazione delle differenze di genere nell organizzazione interna e anche sul territorio. Una maggiore visibilità è fondamentale per migliorarne il ruolo, ad esempio attraverso una gestione più efficace del sito web e possibilità di apertura di uno sportello al pubblico. - Flessibilità di orario, permessi, aspettative e congedi L Ente assicura a ciascun dipendente la possibilità di usufruire di un orario flessibile in entrata. Particolari necessità di tipo familiare o personale vengono valutate e risolte nel rispetto di un equilibrio fra esigenze dell Amministrazione e richieste dei dipendenti. Ferma restando la disciplina dei CCNL e del regolamento comunale sull organizzazione degli uffici, si intendono attivare forme di consultazione con le organizzazioni sindacali al fine di individuare tipologie flessibili dell orario di lavoro che consentano di conciliare l attività lavorativa con gli impegni di carattere familiare. -Indagine conoscitiva sui bisogni del personale E prevista la realizzazione di una indagine conoscitiva sui bisogni del personale, attraverso la somministrazione di apposito questionario che raccoglierà eventuali proposte e suggerimenti. Il Comitato Pari Opportunità provvederà all analisi dei dati. - Formazione e cultura organizzativa La formazione rappresenta nell'ente una leva essenziale, non solo per lo sviluppo delle competenze individuali e dell'organizzazione ma anche per l'affermazione di una cultura organizzativa orientata al rispetto e alla valorizzazione delle diversità e al superamento degli stereotipi. L' Ente si propone di garantire il massimo della partecipazione del proprio personale, adottando il più possibile modalità organizzative che consentano la conciliazione tra vita professionale e vita familiare. - Politiche di conciliazione dei diversi tempi di vita Attivare politiche di conciliazione a favore dei dipendenti: nuovo orario di lavoro e agibilità degli istituti di legge e/o contrattuali specifici (flessibilità, congedi parentali, etc.)implementare e aggiornare le opportunità per i/le dipendenti di conciliare il lavoro con le attività di cura, sostenere maggiormente le situazioni più difficili. Introdurre misure di flessibilità favorevoli all armonizzazione degli orari di lavoro con le responsabilità familiari dei suoi collaboratori. E opportuno in funzione di un maggiore benessere organizzativo incoraggiare la condivisione dei carichi di cura tra madri e padri, e l'opportunità di sviluppo professionale per le donne. Occorre inoltre rinnovare l attenzione sugli istituti attualmente adoperati per garantire la flessibilità e la conciliazione. Riconsiderare lo strumento del telelavoro e del part-time per verificarne l utilizzo in ragione del genere e in rapporto all organizzazione(motivazioni, situazione lavorativa di chi lo ha scelto. ecc.), nonché l articolazione oraria, sperimentando ulteriori forme di flessibilità e/o la banca delle ore. 4 4

5 Va garantito inoltre a chi rientra dai congedi di maternità e parentali, e comunque da lunghi periodi di assenza, il rapido reinserimento attraverso un aggiornamento garantito da un tutor. Forme di contatto e informazione possono essere previste anche durante i periodi di aspettativa. Campagne interne di informazione sui diritti e le opportunità di conciliazione possono essere fatte utilizzando materiali già prodotti sull argomento, senza ulteriori costi. DATI STATISTICI L analisi dell attuale situazione del personale dipendente ( 31 gennaio 2011) in servizio a tempo indeterminato, presenta il seguente quadro di raffronto tra la situazione di uomini e donne lavoratrici : Lavoratori Dirigenti u = 23 d = 9 Cat. D: u = 224 d = 286 Cat. C: u = 790 d = 669 Cat B/3 u = 864 d = 506 Cat. B/1 u = 98 d = 21 Cat. A u =275 d = 56 uomini 2274 donne 1547 Totale 3821 La situazione organica per quanto riguarda i dipendenti nominati Responsabili di Area e Servizio ed ai quali sono state conferite le funzioni e competenze di cui all art. 107 del D. Lgs. 267/2000, è così rappresentata: Lavoratori con funzioni e responsabilità Donne 35 Uomini 27 Si dà atto che non occorre favorire il riequilibrio della presenza femminile, ai sensi dell art.48, comma 1, del D. Lgs. 11/04/2006 n. 198 in quanto non sussiste un divario fra generi inferiore a due terzi. PIANIFICAZIONE AZIONI POSITIVE PER IL TRIENNIO AZIONI PREVISTE Primo anno 1.Comitato Pari Opportunità Il Comitato Pari Opportunità dell'ente è stato costituito nel Il regolamento che ne disciplina le attività è stato approvato con deliberazione C.C. n.57 del e le componenti,a seguito delle evoluzioni contrattuali/normative e ai diversi mandati amministrativi,sono state nominate il Le azioni previste per il rilancio del ruolo del Comitato sono le seguenti: 5 5

6 a.favorire l attiva e concreta partecipazione delle componenti e, sul piano più strettamente operativo, l aggiornamento, laddove necessario, del Regolamento di funzionamento; b.riconfermare e consolidare il ruolo del Comitato Pari Opportunità dell'ente attraverso un coinvolgimento attivo nella definizione del presente Piano e nella attuazione delle azioni dallo stesso previste. c.promuovere e potenziare il CPO per una maggiore visibilità dei compiti e delle attività che svolge,al fine anche di favorire la collaborazione con altri organismi di parità e pari opportunità, e dare una maggiore visibilità dell'amministrazione,anche all' esterno,circa l'attenzione che pone alle politiche di genere,assunte come strategiche per la propria pianificazione. d. Progettare e realizzare un'indagine conoscitiva mediante la Somministrazione di un questionario a tutti i dipendenti. 2. Adozione del Piano di Azioni Positive triennio L'obiettivo a cui tendere riguarda la rimozione degli ostacoli che possano impedire la piena realizzazione delle pari opportunità di lavoro e nel lavoro. Tra le finalità trasversali che il Piano dovrà perseguire, assumerà importanza prioritaria la promozione e la valorizzazione personale e professionale delle donne e degli uomini nei diversi ambiti di attività dell Ente, sviluppandone le opportunità di conciliazione dei diversi tempi di vita e favorendone le prospettive di sviluppo in termini di competenze e del ruolo. 3.Predisposizione normative vigenti. Bilancio di genere, con le modalità e finalità previste dalle Favorire le politiche di conciliazione tra responsabilità familiare,personale e professionale attraverso azioni che prendano in considerazione sistematicamente le differenze,le condizioni e le esigenze di uomini e donne all'interno dell'organizzazione,ponendo al centro dell'attenzione la persona e armonizzando le esigenze dell'ente con quelle delle dipendenti e dei dipendenti. Risultati attesi -Miglioramento della cultura organizzativa in relazione alla disparità di genere. -Capacità da parte delle strutture responsabili di leggere gli effetti dei provvedimenti e delle disposizioni organizzative, della contrattazione, dei meccanismi premiali e di carriera sugli uomini e sulle donne. -Maggiore consapevolezza e controllo sui meccanismi discriminanti -Rafforzamento del ruolo del CPO e degli altri organismi interni di tutela Settori coinvolti: Gabinetto del Sindaco Giunta Municipale Ragioneria generale CPO Direzione risorse umane ed organizzazione Direzione sistemi informativi 6 6

7 Organismi di parità Giunta e Consiglio Comunale Altre direzioni da identificare Secondo anno 1.Studio di fattibilità di soluzioni correttive dei differenziali di trattamento economico qualora verificati. 2 Raccolta della casistica (discriminazioni nella professione, violenze, molestie, mobbing) del Cpo, della Consigliera Provinciale di Parità relativa a dipendenti del Comune di Catania.. 3.Analisi di efficacia del CPO ed elaborazioni dati. Risultati attesi Rafforzamento della cultura equitativa nell organizzazione, individuazione di meccanismi efficaci di tutela e sostegno nei casi di discriminazione. Miglioramento della comunicazione interna ed esterna. Settori coinvolti Gabinetto del Sindaco CPO Direzione risorse umane ed organizzazione Direzione sistemi ed informativi Altre direzioni interessate Terzo anno - Revisione dei meccanismi di identificazione delle postazioni di telelavoro e delle procedure di richiesta e autorizzazione. - Indagine sull uso del part-time e sulle motivazioni della scelta attraverso un questionario alle/agli utilizzatrici/utilizzatori - Verifica ex-post delle compatibilità del nuovo regime degli orari con il rafforzamento delle opportunità di conciliazione ed eventuali correzioni in particolare per eccezionali oneri di cura - Istituzione della figura del Tutor di Settore per la formazione/aggiornamento al rientro e durante i congedi di maternità/paternità e definizione del ruolo - Sperimentazione in un settore/quartiere della Banca delle ore e/o di forme di ulteriore flessibilità oraria -Analisi delle posizioni lavorative dei disabili e definizione di percorsi professionali alternativi Settori coinvolti CPO Direzione risorse umane ed organizzazione Dipendenti Direzione sistemi informativi 7 7

8 Risultati attesi Aumentare le opportunità per le/i dipendenti di rendere compatibili gli impegni lavorativi con quelli familiari, senza diminuire la produttività, nella prospettiva di ridurre le assenze per motivi familiari. Valorizzare la professionalità delle donne e degli uomini con disabilità L'Amministrazione Comunale dovrà, annualmente, deliberare un budget di euro da destinare al Comitato Pari Opportunità, finalizzato a coprire i costi organizzativi del Comitato stesso e di alcune iniziative da esso promosse. Per quanto riguarda gli aspetti di gestione amministrativa e di segreteria del Comitato ed i costi di specifiche iniziative, l amministrazione comunale può attingere da altri capitoli del bilancio comunale. Pertanto le attività sopra elencate possono essere finanziate o dal Comitato Pari Opportunità ( C.P.O, o dal bilancio dell amministrazione comunale. (Bilancio Comunale), o da fonti esterne. L amministrazione non deve sostenere costi aggiuntivi in quanto l attività è svolta da personale dipendente dell amministrazione stessa. 8 8

Comune di Bologna. P.A.P. - Piano di Azioni Positive per il triennio

Comune di Bologna. P.A.P. - Piano di Azioni Positive per il triennio Comune di Bologna P.A.P. - Piano di Azioni Positive per il triennio 2008-2010 La legge n.125/1991, Azioni positive per la realizzazione della parità uomo-donna nel lavoro (art.6) i decreti legislativi

Dettagli

CODICE DELLE PARI OPPORTUNITÀ TRA UOMO E DONNA

CODICE DELLE PARI OPPORTUNITÀ TRA UOMO E DONNA Città di Ozieri Provincia di Sassari PIANO AZIONI POSITIVE TRIENNIO 2013-2015 Ex art. 48 D.Lgs. n. 198/2006 CODICE DELLE PARI OPPORTUNITÀ TRA UOMO E DONNA Allegato alla deliberazione della Giunta Comunale

Dettagli

Piano triennale di Azioni Positive 2009 / 2011

Piano triennale di Azioni Positive 2009 / 2011 PIANO TRIENNALE delle AZIONI POSITIVE 2009 / 2011 0 Premessa La legge n. 125/1991 Azioni positive per la realizzazione della parità uomo donna nel lavoro e i decreti legislativi 196/2000 e 165/2001 nonchè

Dettagli

Comune di Foglizzo. Provincia di Torino. Allegato A) alla deliberazione della Giunta Comunale n. 13 del

Comune di Foglizzo. Provincia di Torino. Allegato A) alla deliberazione della Giunta Comunale n. 13 del Comune di Foglizzo Provincia di Torino Allegato A) alla deliberazione della Giunta Comunale n. 13 del 8.02.2016 PIANO AZIONI POSITIVE TRIENNIO 2016-2018 Premessa: Le azioni positive sono misure temporanee

Dettagli

PIANO AZIONI POSITIVE (P.A.P.)

PIANO AZIONI POSITIVE (P.A.P.) ALLEGATO A) ALLA DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE NR. DEL PIANO AZIONI POSITIVE (P.A.P.) TRIENNIO 2016 2018 PREMESSA Il Decreto Legislativo 11 aprile 2006 n. 198 Codice delle pari opportunità tra uomo

Dettagli

COMUNE DI CASOREZZO PIANO DI AZIONI POSITIVE DEL COMUNE DI CASOREZZO TRIENNIO

COMUNE DI CASOREZZO PIANO DI AZIONI POSITIVE DEL COMUNE DI CASOREZZO TRIENNIO COMUNE DI CASOREZZO Provincia di Milano PIANO DI AZIONI POSITIVE DEL COMUNE DI CASOREZZO TRIENNIO 2015 2017 Approvato con deliberazione G.C. n. 36 del 12/03/2015 PIANO DI AZIONI POSITIVE TRIENNIO 2015-2017

Dettagli

DELIBERAZIONE GIUNTA COMUNALE. N 051 del OGGETTO: PIANO TRIENNALE DI AZIONI POSITIVE IN MATERIA DI PARI OPPORTUNITA.

DELIBERAZIONE GIUNTA COMUNALE. N 051 del OGGETTO: PIANO TRIENNALE DI AZIONI POSITIVE IN MATERIA DI PARI OPPORTUNITA. SETTORE 1 Servizi al Cittadino ed Affari Generali Ufficio Personale Giuridico DELIBERAZIONE GIUNTA COMUNALE N 051 del 18.04.2012 OGGETTO: PIANO TRIENNALE 2012-2014 DI AZIONI POSITIVE IN MATERIA DI PARI

Dettagli

COMUNE DI SALERNO PIANO DI AZIONI POSITIVE ( 2015/2018 )

COMUNE DI SALERNO PIANO DI AZIONI POSITIVE ( 2015/2018 ) COMUNE DI SALERNO PIANO DI AZIONI POSITIVE ( 2015/2018 ) È vietata qualsiasi forma di discriminazione fondata, in particolare, sul sesso, la razza, il colore della pelle o l'origine etnica o sociale, le

Dettagli

COMUNE DI BOLSENA PROVINCIA DI VITERBO PIANO DI AZIONI POSITIVE TRIENNIO (ART. 48, COMMA 1, D. LGS. 11/04/2006 N. 198)

COMUNE DI BOLSENA PROVINCIA DI VITERBO PIANO DI AZIONI POSITIVE TRIENNIO (ART. 48, COMMA 1, D. LGS. 11/04/2006 N. 198) COMUNE DI BOLSENA PROVINCIA DI VITERBO PIANO DI AZIONI POSITIVE TRIENNIO 2015-2017 (ART. 48, COMMA 1, D. LGS. 11/04/2006 N. 198) 1 Quadro normativo di riferimento L art. 48 del decreto legislativo n.198

Dettagli

COMUNE DI CADONEGHE (Provincia di Padova)

COMUNE DI CADONEGHE (Provincia di Padova) COMUNE DI CADONEGHE (Provincia di Padova) Piano triennale 2013-2015 di azioni positive per la realizzazione di pari opportunità di lavoro e nel lavoro tra donne e uomini Approvato con deliberazione di

Dettagli

PIANO TRIENNALE AZIONI POSITIVE

PIANO TRIENNALE AZIONI POSITIVE Premessa a) Il contesto europeo PIANO TRIENNALE AZIONI POSITIVE 2016/2018 Nel giugno 2000, la Commissione Europea con la direttiva 2000/43/CE adotta una innovativa strategia quadro comunitaria in materia

Dettagli

Il Comitato Unico di Garanzia

Il Comitato Unico di Garanzia Il Comitato Unico di Garanzia per le pari opportunità, la valorizzazione del benessere di chi lavora e contro le discriminazioni Sensibilizzazione e prevenzione per il benessere lavorativo: IL PIANO TRIENNALE

Dettagli

PIANO TRIENNALE delle AZIONI POSITIVE 2013 / 2015

PIANO TRIENNALE delle AZIONI POSITIVE 2013 / 2015 PIANO TRIENNALE delle AZIONI POSITIVE 2013 / 2015 1 Piano triennale di Azioni Positive 2013 / 2015 Premessa Le azioni positive sono misure temporanee speciali che, in deroga al principio di uguaglianza

Dettagli

COMUNE DI CUVIO Provincia di Varese

COMUNE DI CUVIO Provincia di Varese COMUNE DI CUVIO Provincia di Varese PIANO delle Azioni Positive Triennio 2015/2017 Approvato con deliberazione della Giunta Comunale n. 43 del 26.06.2015 1 1. PREMESSA Nell ambito delle iniziative promosse

Dettagli

COMUNE DI BUSNAGO. PROVINCIA DI MONZA e DELLA BRIANZA. PIANO TRIENNALE AZIONI POSITIVE periodo

COMUNE DI BUSNAGO. PROVINCIA DI MONZA e DELLA BRIANZA. PIANO TRIENNALE AZIONI POSITIVE periodo PIANO TRIENNALE AZIONI POSITIVE periodo 2013-2015 PREMESSA Il Comune di Busnago, nel rispetto della normativa vigente, intende garantire parità e pari opportunità tra uomini e donne e l assenza di ogni

Dettagli

COMUNE DI TAVULLIA (Provincia di Pesaro e Urbino) PIANO AZIONI POSITIVE 2012-2014

COMUNE DI TAVULLIA (Provincia di Pesaro e Urbino) PIANO AZIONI POSITIVE 2012-2014 COMUNE DI TAVULLIA (Provincia di Pesaro e Urbino) PIANO AZIONI POSITIVE 2012-2014 APPROVATO CON DELIBERA G.C. N. 8 del 24.01.2012 Premesso che: - Ai sensi dell'art. 48 del D.Lgs. 11.04.2006 n. 198 e s.m.i.

Dettagli

Comune di Cavaion Veronese

Comune di Cavaion Veronese Comune di Cavaion Veronese PROVINCIA DI VERONA PIANO TRIENNALE DI AZIONI POSITIVE 2012/2014 (articolo 48 D.Lgs. 11/04/2006 n. 198 e s.m.i.) FONTI NORMATIVE - Legge 10 aprile 1991, n. 125 recante Azioni

Dettagli

La Consigliera di Parità della Provincia di Piacenza Avv. Rosarita Mannina. I Piani triennali di azioni positive

La Consigliera di Parità della Provincia di Piacenza Avv. Rosarita Mannina. I Piani triennali di azioni positive I Piani triennali di azioni positive Fonti normative: Artt. D.Lgs. n. 165/2001, recante Norme generali sull ordinamento del lavoro alle dipendenze delle Pubbliche Amministrazioni, come modificato da ultimo

Dettagli

Ufficio Personale PIANO TRIENNALE AZIONI POSITIVE

Ufficio Personale PIANO TRIENNALE AZIONI POSITIVE COMUNE DI CANTU' PROVINCIA DI COMO AREA RISORSE UMANE E FINANZIARIE Ufficio Personale Relazione introduttiva PIANO TRIENNALE AZIONI POSITIVE 2013-2015 Nell ambito delle finalità espresse dalla Legge 125/1991

Dettagli

Piano Triennale delle Azioni Positive

Piano Triennale delle Azioni Positive CITTA DI GHEDI Provincia di Brescia ASSESSORATO ALLE PARI OPPORTUNITA Piano Triennale delle Azioni Positive 2016 2018 ALLEGATO ALLA DELIBERA n. 57 DEL 5 aprile 2016 PIANO TRIENNALE DELLE AZIONI POSITIVE

Dettagli

provincia di mantova

provincia di mantova Il Cug uno strumento per il cambiamento nella Pubblica Amministrazione Dott.Gianni Petterlini Direttore Generale Provincia di Mantova 06 giugno 2012 Associazione Industriali Sala Convegni 1 Il Cug sostituisce,

Dettagli

P R O P O S T A PIANO TRIENNALE AZIONI POSITIVE

P R O P O S T A PIANO TRIENNALE AZIONI POSITIVE COMITATO UNICO DI GARANZIA PER LA PARI OPPORTUNITA LA VALORIZZAZIONE DEL BENESSERE DI CHI LAVORA E CONTRO LE DISCRIMINAZIONI ******** **** ******** P R O P O S T A PIANO TRIENNALE AZIONI POSITIVE 2016-2018

Dettagli

PIANO DI AZIONI POSITIVE

PIANO DI AZIONI POSITIVE COMUNE DI SANT ARCANGELO (Provincia di Potenza) PIANO DI AZIONI POSITIVE 2014-2016 PREMESSA L articolo 7, comma 5, del decreto legislativo 198/2006 dispone che le Pubbliche Amministrazioni adottino Piani

Dettagli

PIANO DI AZIONI POSITIVE PER IL TRIENNIO 2017/2019

PIANO DI AZIONI POSITIVE PER IL TRIENNIO 2017/2019 COMUNE DI CASTELNUOVO DEL GARDA Provincia di Verona Area Economico Finanziaria www.comune.castelnuovodelgarda.vr.it personale@castelnuovodg.it TEL 045 6459942 FAX 045 6459921 Partita IVA 00667270235 Piazza

Dettagli

Accordo territoriale di genere per la promozione delle politiche concertate sulla cittadinanza di genere

Accordo territoriale di genere per la promozione delle politiche concertate sulla cittadinanza di genere Accordo territoriale di genere per la promozione delle politiche concertate sulla cittadinanza di genere stipulato tra Provincia di Lucca e Consigliera di Parità della Provincia di Lucca Commissione Provinciale

Dettagli

CITTÀ DI CANALE PROVINCIA DI

CITTÀ DI CANALE PROVINCIA DI CITTÀ DI CANALE PROVINCIA DI CUNEO PIANO DI AZIONI POSITIVE TRIENNIO 2012/2014 1 PREMESSA Nell ambito delle iniziative promosse per una coerente applicazione degli obiettivi di uguaglianza di opportunità

Dettagli

PIANO AZIONI POSITIVE

PIANO AZIONI POSITIVE REGIONE PIEMONTE PROVINCIA DI TORINO COMUNE DI BRUSASCO PIANO AZIONI POSITIVE TRIENNIO 2011-2013 RELAZIONE INTRODUTTIVA Nel corso del triennio appena trascorso non è stato possibile per oggettive difficoltà

Dettagli

PIANO TRIENNALE AZIONI POSITIVE

PIANO TRIENNALE AZIONI POSITIVE Città di Vigevano Settore Settore Personale e Risorse Umane Procedure di aggiudicazione lavori, servizi e forniture Ambiente - Trasparenza Servizio Gestione e Sviluppo Risorse Umane Pari Opportunità Ufficio

Dettagli

PIANO DI AZIONI POSITIVE (D. LGS. 198/06 ART. 48)

PIANO DI AZIONI POSITIVE (D. LGS. 198/06 ART. 48) PIANO DI AZIONI POSITIVE (D. LGS. 198/06 ART. 48) DEL COMUNE DI : ABBADIA SAN SALVATORE Le azioni positive sono misure temporanee speciali che, in deroga al principio di uguaglianza formale sono mirate

Dettagli

PIANO DI AZIONI POSITIVE

PIANO DI AZIONI POSITIVE Comune di Piandimeleto Provincia di Pesaro e Urbino C.F. e P.I. 00360560411 Via G. Matteotti, n.15 Tel. 0722/721121 Fax 0722/721835 e-mail comune.piandimeleto@provincia.ps.it PIANO DI AZIONI POSITIVE TRIENNIO

Dettagli

Presentazione del Comitato Unico di Garanzia (CUG): organizzazione, compiti e finalità

Presentazione del Comitato Unico di Garanzia (CUG): organizzazione, compiti e finalità Presentazione del Comitato Unico di Garanzia (CUG): organizzazione, compiti e finalità Il benessere e la sicurezza delle operatrici e degli operatori e il diritto alla salute dei cittadini Roma, 14 Dicembre

Dettagli

Autorità Idrica Toscana

Autorità Idrica Toscana PIANO TRIENNALE DI AZIONI POSITIVE 2017-2019 Approvato con decreto DG n. del 1 Fonti Normative D.Lgs. n. 165 del 30.03.2001: articolo 7, comma 1 e articolo 57; D.Lgs. n. 198 del 1.04.2006, recante il Codice

Dettagli

IL COMITATO UNICO DI GARANZIA PER LE PARI OPPORTUNITA, LA VALORIZZAZIONE DEL BENESSERE DI CHI LAVORA E CONTRO LE DISCRIMINAZIONI

IL COMITATO UNICO DI GARANZIA PER LE PARI OPPORTUNITA, LA VALORIZZAZIONE DEL BENESSERE DI CHI LAVORA E CONTRO LE DISCRIMINAZIONI IL COMITATO UNICO DI GARANZIA PER LE PARI OPPORTUNITA, LA VALORIZZAZIONE DEL BENESSERE DI CHI LAVORA E CONTRO LE DISCRIMINAZIONI ISTITUZIONE FUNZIONE E COMPITI IN MATERIA DI PARI OPPORTUNITÀ Interventi

Dettagli

PROGETTO DI INDAGINE SULLA CONCILIAZIONE DEI TEMPI DI VITA E DI LAVORO DEL PERSONALE DEL COMUNE DI CERVIA

PROGETTO DI INDAGINE SULLA CONCILIAZIONE DEI TEMPI DI VITA E DI LAVORO DEL PERSONALE DEL COMUNE DI CERVIA Comitato Unico di Garanzia Servizio Risorse Sportello Donna PROGETTO DI INDAGINE SULLA CONCILIAZIONE DEI TEMPI DI VITA E DI LAVORO DEL PERSONALE DEL COMUNE DI CERVIA Novembre 2012 / Maggio 2013 1 PREMESSA

Dettagli

Piano Azioni Positive Triennio

Piano Azioni Positive Triennio COMUNE DI MODENA Assessorato Pari Opportunità Comitato Unico di Garanzia per le pari opportunità, la valorizzazione del benessere di chi lavora e contro le discriminazioni Normativa di riferimento Piano

Dettagli

COMUNE DI GAIRO PIANO DELLE AZIONI POSITIVE (PAP) Redazione ed attuazione del Piano di Azioni Positive nella provincia di Torino

COMUNE DI GAIRO PIANO DELLE AZIONI POSITIVE (PAP) Redazione ed attuazione del Piano di Azioni Positive nella provincia di Torino COMUNE DI GAIRO PIANO DELLE AZIONI POSITIVE (PAP) Redazione ed attuazione del Piano di Azioni Positive nella provincia di Torino PREMESSA AL PIANO DI AZIONI POSITIVE (ART. 48 D. LGS. 198/06) DEL COMUNE

Dettagli

COMITATO UNICO DI GARANZIA PER LE PARI OPPORTUNITA, LA VALORIZZAZIONE DEL BENESSERE DI CHI LAVORA E CONTRO LE DISCRIMINAZIONI

COMITATO UNICO DI GARANZIA PER LE PARI OPPORTUNITA, LA VALORIZZAZIONE DEL BENESSERE DI CHI LAVORA E CONTRO LE DISCRIMINAZIONI MIGLIORIAMO INSIEME Benessere organizzativo iniziative realizzate e prospettive future COMITATO UNICO DI GARANZIA PER LE PARI OPPORTUNITA, LA VALORIZZAZIONE DEL BENESSERE DI CHI LAVORA E CONTRO LE DISCRIMINAZIONI

Dettagli

COMUNE DI LIVORNO. Articolo 1 Principi e Finalità

COMUNE DI LIVORNO. Articolo 1 Principi e Finalità COMUNE DI LIVORNO Articolo 1 Principi e Finalità 1. Il Comitato Unico di Garanzia (CUG) del Comune di Livorno, costituito con atto del Segretario Generale n. 940 del 22/03/2011, promuove azioni positive

Dettagli

COMUNE DI ALTO (PROV. DI CUNEO) PIANO TRIENNALE DI AZIONI POSITIVE

COMUNE DI ALTO (PROV. DI CUNEO) PIANO TRIENNALE DI AZIONI POSITIVE COMUNE DI ALTO (PROV. DI CUNEO) PIANO TRIENNALE DI AZIONI POSITIVE Triennio 2013-2015 1. Premessa Le amministrazioni dello Stato, anche ad ordinamento autonomo, le province, i comuni e gli altri enti pubblici

Dettagli

Conciliazione e flessibilità d'orario. Soluzioni per i genitori e per le imprese: l'art. 9 della l.53/00

Conciliazione e flessibilità d'orario. Soluzioni per i genitori e per le imprese: l'art. 9 della l.53/00 con il cofinanziamento della in collaborazione con Il Comune di Pordenone - Assessorato alle Pari Opportunità Lara La Rete Rosa Delle Pari Opportunita Consigliera di Parità Provincia di Pordenone Conciliazione

Dettagli

Oggetto : Approvazione del Piano Triennale delle Azioni positive 2015-2017

Oggetto : Approvazione del Piano Triennale delle Azioni positive 2015-2017 Estratto del verbale della seduta della Giunta Comunale NUMERO DI REGISTRO SEDUTA DEL 52 18 marzo 2015 Immediatamente Eseguibile Oggetto : Approvazione del Piano Triennale delle Azioni positive 2015-2017

Dettagli

IL COMUNE DI TORINO. Ai sensi. della Legge 10 aprile 1991, n. 125 Azioni positive per la realizzazione della parità uomo donna nel lavoro

IL COMUNE DI TORINO. Ai sensi. della Legge 10 aprile 1991, n. 125 Azioni positive per la realizzazione della parità uomo donna nel lavoro Premessa Il Comitato Unico di Garanzia per le pari opportunità, la valorizzazione del benessere di chi lavora e contro le discriminazioni (C.U.G.), istituito il 25 giugno 2012 con Determinazione del Direttore

Dettagli

PIANO PER L UTILIZZO DEL TELELAVORO Stato di attuazione

PIANO PER L UTILIZZO DEL TELELAVORO Stato di attuazione PIANO PER L UTILIZZO DEL TELELAVORO Stato di attuazione (art.9, comma 7 del D.L. 18 ottobre 2012, n. 179 recante Ulteriori misure urgenti per la crescita del Paese, convertito in Legge 17 dicembre 2012,

Dettagli

PIANO DI AZIONI POSITIVE

PIANO DI AZIONI POSITIVE Allegato delibera G.C. n. 42 del 28.05.2013 IL SEGRETARIO COMUNALE BACCHETTA DOTT. Carmelo Mario COMUNE DI TORRE SAN GIORGIO PIANO DI AZIONI POSITIVE Approvato con D.G.C. n. 42 del 28.05.2013. Triennio

Dettagli

COMUNE DI CIVITA CASTELLANA Provincia di Viterbo

COMUNE DI CIVITA CASTELLANA Provincia di Viterbo COMUNE DI CIVITA CASTELLANA Provincia di Viterbo PIANO TRIENNALE DELLE AZIONI POSITIVE DEL COMUNE DI CIVITA CASTELLANA 2017-2019 (ai sensi dell art. 48, comma 1, del D.Lgs. 11.04.2006 n. 148) per favorire

Dettagli

PIANO DELLE AZIONI POSITIVE TRIENNIO

PIANO DELLE AZIONI POSITIVE TRIENNIO COMUNE DI PERTUSIO PROVINCIA DI TORINO PIANO DELLE AZIONI POSITIVE TRIENNIO 2014 2016 Approvato con deliberazione della Giunta Comunale n. 42 del 17/06/2014 1. Premessa 1 Nell ambito delle iniziative promosse

Dettagli

COMUNE DI SANT EGIDIO DEL MONTE ALBINO Provincia di Salerno DELIBERAZIONE DI GIUNTA COMUNALE. N. 131 del

COMUNE DI SANT EGIDIO DEL MONTE ALBINO Provincia di Salerno DELIBERAZIONE DI GIUNTA COMUNALE. N. 131 del COMUNE DI SANT EGIDIO DEL MONTE ALBINO Provincia di Salerno DELIBERAZIONE DI GIUNTA COMUNALE N. 131 del 30.9.2013 OGGETTO: Approvazione piano triennale 2013/2015 di azioni positive tendenti ad assicurare

Dettagli

Organismi di parità. 1. Le Pari Opportunità nella Regione Marche. 2. Il Bilancio di Genere nella Regione Marche

Organismi di parità. 1. Le Pari Opportunità nella Regione Marche. 2. Il Bilancio di Genere nella Regione Marche Organismi di parità 1. Le Pari Opportunità nella Regione Marche 2. Il Bilancio di Genere nella Regione Marche 3. La conciliazione nella Regione Marche P.F. Pari Opportunità Assessorati alle Pari Opportunità

Dettagli

PIANO DELLE AZIONI POSITIVE

PIANO DELLE AZIONI POSITIVE COMUNE di NIBIONNO (Regione Lombardia - Provincia di Lecco) PIANO DELLE AZIONI POSITIVE Triennio dicembre 2012/novembre 2015 Comune di NIBIONNO LC 1 1. PREMESSA Nell ambito delle iniziative promosse per

Dettagli

COMITATO PARI OPPORTUNITA

COMITATO PARI OPPORTUNITA COMITATO PARI OPPORTUNITA Le leggi riguardanti le Pari Opportunità sono elencate nel Codice delle Pari Opportunità tra uomo e donna, a norma dell Art. 6 della Legge 28 novembre 2005 n 46 e Decreto Legislativo

Dettagli

COMUNE DI MONTECCHIO EMILIA PROVINCIA DI REGGIO EMILIA Comune Capodistretto della Val d Enza

COMUNE DI MONTECCHIO EMILIA PROVINCIA DI REGGIO EMILIA Comune Capodistretto della Val d Enza COMUNE DI MONTECCHIO EMILIA PROVINCIA DI REGGIO EMILIA Comune Capodistretto della Val d Enza Piazza della Repubblica, 1 Tel. 0522.861811 Fax 0522.864709 www.comune.montecchio-emilia.re.it SETTORE I Affari

Dettagli

PIANO DI AZIONI POSITIVE DEL COMUNE DI PIOSSASCO (Articolo 48 D.Lgs. 198/06)

PIANO DI AZIONI POSITIVE DEL COMUNE DI PIOSSASCO (Articolo 48 D.Lgs. 198/06) PIANO DI AZIONI POSITIVE DEL COMUNE DI PIOSSASCO (Articolo 48 D.Lgs. 198/06) INTRODUZIONE Le azioni positive sono misure temporanee speciali che, in deroga al principio di uguaglianza formale sono mirate

Dettagli

PIANO AZIONI POSITIVE COMUNE DI SAN LEONARDO

PIANO AZIONI POSITIVE COMUNE DI SAN LEONARDO PIANO AZIONI POSITIVE COMUNE DI SAN LEONARDO 1. PREMESSA Nell ambito delle iniziative promosse per una coerente applicazione degli obiettivi di uguaglianza di opportunità nelle politiche, il Comune di

Dettagli

A BETTER PLACE TO WORK. Bologna, 08 febbraio 2010

A BETTER PLACE TO WORK. Bologna, 08 febbraio 2010 A BETTER PLACE TO WORK Bologna, 08 febbraio 2010 INTRODUZIONE COMPATIBILITA Ipotesi di lavoro: verificare se in concreto sussistano i presupposti culturali (Dire, Fare, Volare) ed i supporti metodologici

Dettagli

PROVINCIA DI GORIZIA PIANO TRIENNALE AZIONI POSITIVE

PROVINCIA DI GORIZIA PIANO TRIENNALE AZIONI POSITIVE PROVINCIA DI GORIZIA PIANO TRIENNALE AZIONI POSITIVE 2013-2015 1. La Pubblica Amministrazione e le Pari Opportunità Le azioni positive sono misure temporanee speciali che, in deroga al principio di uguaglianza

Dettagli

IMPRESE IN PARI. Premio intitolato a Fiorella Ghilardotti INFORMAZIONI SULL AZIENDA. Località.. Via..

IMPRESE IN PARI. Premio intitolato a Fiorella Ghilardotti INFORMAZIONI SULL AZIENDA. Località.. Via.. IMPRESE IN PARI Premio intitolato a Fiorella Ghilardotti INFORMAZIONI SULL AZIENDA DATI IDENTIFICATIVI DELL AZIENDA Ragione sociale Sede legale Unità produttiva per la quale si compila il questionario.

Dettagli

ALLEGATO 1 COMUNE DI RIMINI. Piano triennale delle Azioni Positive ( )

ALLEGATO 1 COMUNE DI RIMINI. Piano triennale delle Azioni Positive ( ) ALLEGATO 1 COMUNE DI RIMINI Piano triennale delle Azioni Positive (2014-2017) Introduzione Il presente Piano di Azioni Positive si inserisce nell'ambito delle iniziative promosse dal Comune di Rimini per

Dettagli

PIANO TRIENNALE DELLE AZIONI POSITIVE 2013/2015

PIANO TRIENNALE DELLE AZIONI POSITIVE 2013/2015 PIANO TRIENNALE DELLE AZIONI POSITIVE 2013/2015 Premessa La Legge 10 aprile 1991 n. 125 Azioni positive per la realizzazione della parità uomo-donna nel lavoro, ora abrogata dal D.Lgs. 11 aprile 2006,

Dettagli

UNIONE ITALIANA DEL LAVORO

UNIONE ITALIANA DEL LAVORO Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali UFFICIO DELLA CONSIGLIERA DI PARITA Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali Direzione Territoriale del Lavoro di BRESCIA UNIONE ITALIANA DEL LAVORO

Dettagli

provincia di mantova

provincia di mantova Il C.U.G. della Provincia di Mantova: azioni positive in corso Ing. Sandro Bellini Presidente CUG Provincia di Mantova 31 marzo 2014 Palazzo del Plenipotenziario 1 Il CUG sostituisce, unificando le competenze

Dettagli

SINTESI DEL DOCUMENTO

SINTESI DEL DOCUMENTO SINTESI DEL DOCUMENTO 1 Il Comitato di Distretto del Mobile Imbottito, nell attuale scenario di crisi, al fine di contribuire al miglioramento delle condizioni di vita e di lavoro dei dipendenti delle

Dettagli

COMUNE DI SAN CARLO CANAVESE Provincia di Torino

COMUNE DI SAN CARLO CANAVESE Provincia di Torino COPIA ALBO PRETORIO COMUNE DI SAN CARLO CANAVESE Provincia di Torino COPIA DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 55 08/06/2015 OGGETTO: PIANO TRIENNALE DELLE AZIONI POSITIVE. PERIODO 2015/2017. ADOZIONE.

Dettagli

Programma per migliorare lavoro/conciliazione in Veneto

Programma per migliorare lavoro/conciliazione in Veneto Programma per migliorare lavoro/conciliazione in Veneto Un nuovo patto per il Lavoro, la Famiglia, la Società Consigliera di Parità del Veneto Sandra Miotto 31 Maggio 2013 Normativa nazionale Legge 215/2012:

Dettagli

COMUNE DI CREAZZO PROVINCIA DI VICENZA REGOLAMENTO PER L'ISTITUZIONE ED IL FUNZIONAMENTO DELLA COMMISSIONE COMUNALE PER LE PARI OPPORTUNITA'

COMUNE DI CREAZZO PROVINCIA DI VICENZA REGOLAMENTO PER L'ISTITUZIONE ED IL FUNZIONAMENTO DELLA COMMISSIONE COMUNALE PER LE PARI OPPORTUNITA' COMUNE DI CREAZZO PROVINCIA DI VICENZA REGOLAMENTO PER L'ISTITUZIONE ED IL FUNZIONAMENTO DELLA COMMISSIONE COMUNALE PER LE PARI OPPORTUNITA' Regolamento approvato con deliberazione del Consiglio Comunale

Dettagli

COLLEGIO DEI DOCENTI, CONSIGLIO DI ISTITUTO, COMITATO DI VALUTAZIONE, DIRIGENTE SCOLASTICO, RSU DOPO LA LEGGE 107/15

COLLEGIO DEI DOCENTI, CONSIGLIO DI ISTITUTO, COMITATO DI VALUTAZIONE, DIRIGENTE SCOLASTICO, RSU DOPO LA LEGGE 107/15 COLLEGIO DEI DOCENTI, CONSIGLIO DI ISTITUTO, COMITATO DI VALUTAZIONE, DIRIGENTE SCOLASTICO, RSU DOPO LA LEGGE 107/15 ARGOMENTO AZIONE LEGGE DI RIFERIMENTO ORGANO COMPETENTE Prerogativa didattica Impiego

Dettagli

Comune di San Michele Salentino Provincia di Brindisi

Comune di San Michele Salentino Provincia di Brindisi Comune di San Michele Salentino Provincia di Brindisi PIANO TRIENNALE DELLE AZIONI POSITIVE (P.A.P.) TRIENNIO 2016-2018 ai sensi dell art. 48 del D. lgs. n. 198/2006 Codice delle pari opportunità tra uomo

Dettagli

Allegato A) al decreto n.

Allegato A) al decreto n. Modalità di presentazione le istanze finalizzate alla sottoscrizione di accordi di collaborazione tra Comuni e Regione Lombardia (art. 6, l.r. n. 28/ 2004) PREMESSA La Regione Lombardia con la legge regionale

Dettagli

SCHEMA PROTOCOLLO DI INTESA

SCHEMA PROTOCOLLO DI INTESA ALLEGATO A SCHEMA PROTOCOLLO DI INTESA TRA Regione Puglia (di seguito denominata la Regione), con sede in Lungomare Nazario Sauro, 33 BARI, rappresentata dall Assessore al Welfare, dott.ssa Elena Gentile

Dettagli

Dalla Legge 328/2000 ai Piani di Zona: impegno e ruolo del Sindacato

Dalla Legge 328/2000 ai Piani di Zona: impegno e ruolo del Sindacato XXII ed. corso di formazione per quadri UILP e volontari A.D.A. «Diritti di cittadinanza e giustizia sociale per un Sindacato più forte» UILP PUGLIA ADA BARI Montesilvano (PE) 08/09/2016 Silvana Roseto

Dettagli

COMUNE DI TERRALBA PROVINCIA DI ORISTANO

COMUNE DI TERRALBA PROVINCIA DI ORISTANO COMUNE DI TERRALBA Piano triennale azioni positive 2010/2012 - pag. 1 di 11 COMUNE DI TERRALBA PROVINCIA DI ORISTANO Tel. 078385301 Fax 078383341 E-MAIL comune.terralba@tiscali.it Allegato alla deliberazione

Dettagli

(ART. 48 D.LGS. 198/06)

(ART. 48 D.LGS. 198/06) Area: Gestione Risorse Settore: Personale PIANO DI AZIONI POSITIVE DEL COMUNE DI DESIO TRIENNIO 2016/2018 (ART. 48 D.LGS. 198/06) Piazza Giovanni Paolo II - 20832 Desio (Mb) - Tel. 0362392271 - Fax 0362392220

Dettagli

Una questione complicata

Una questione complicata Una questione complicata mettere in ordine Documenti MIUR MIUR.AOODPIT.REGISTRO UFFICIALE(U).0000035.07-01-2016 OGGETTO: Indicazioni e orientamenti per la definizione del piano triennale per la formazione

Dettagli

salute e sicurezza sul lavoro : il progetto Benessere organizzativo e management

salute e sicurezza sul lavoro : il progetto Benessere organizzativo e management TRIESTE 5 marzo salute e sicurezza sul lavoro : il progetto Benessere organizzativo e management 2012 Avv. Consigliera di Fiducia INFN L art. 28 del D.Lgs. 81/2008 La valutazione dei rischi deve riguardare

Dettagli

COMUNE DI TORINO DI SANGRO

COMUNE DI TORINO DI SANGRO COMUNE DI TORINO DI SANGRO C.A.P. 66020 PROVINCIA DI CHIETI REGOLAMENTO COMUNALE PER IL FUNZIONAMENTO DEL COMITATO UNICO DI GARANZIA (Approvato con deliberazione di C.C. n. 36 del 12.11.2013) 1 INDICE

Dettagli

COMUNE DI OSTUNI. Provincia di Brindisi DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE

COMUNE DI OSTUNI. Provincia di Brindisi DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE copia COMUNE DI OSTUNI Provincia di Brindisi DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE IMMEDIATAMENTE ESECUTIVA n. 301 data: 30.11.2012 Oggetto: Approvazione Piano Azioni Positive per il triennio 2012/2014 L

Dettagli

POLITICA AZIENDALE DESTRI S.R.L.

POLITICA AZIENDALE DESTRI S.R.L. Pag. 1 di 5 DESTRI S.R.L. Destri S.r.l., consapevole dell importanza della Qualità del servizio reso ai propri clienti, del miglioramento della Sicurezza dei propri lavoratori e della protezione dell ambiente,

Dettagli

PIANO PERFORMANCE

PIANO PERFORMANCE PIANO PERFORMANCE 2013-2015 PIANO DEGLI OBIETTIVI DEL COMITATO UNICO DI GARANZIA (CUG) ALLEGATO E Marzo 2013 INDICE Premessa... 3 1. Obiettivi operativi ed azioni 2013... 4 1.3 Equa rappresentatività e

Dettagli

Approvazione del Piano triennale delle Azioni Positive di Roma Capitale ai sensi dell'art. 48 del D.Lgs. n. 198/2006.

Approvazione del Piano triennale delle Azioni Positive di Roma Capitale ai sensi dell'art. 48 del D.Lgs. n. 198/2006. Protocollo RC n. 22158/13 ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA CAPITOLINA (SEDUTA DEL 20 DICEMBRE 2013) L anno duemilatredici, il giorno di venerdì venti del mese di dicembre, alle ore

Dettagli

MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE ORGANIZZATIVA E INDIVIDUALE

MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE ORGANIZZATIVA E INDIVIDUALE MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE ORGANIZZATIVA E INDIVIDUALE CAPITOLO 1 _ FINALITÀ E DEFINIZIONI 1) Finalità La performance è misurata e valutata con riferimento all Azienda nel suo complesso,

Dettagli

La Consigliera di Parità della Provincia di Napoli dott.ssa Luisa Festa

La Consigliera di Parità della Provincia di Napoli dott.ssa Luisa Festa Ministero del Lavoro, della Consigliera di Parità della La Consigliera di Parità della Provincia di Napoli dott.ssa Luisa Festa Azioni positive per la realizzazione della Parità fra Uomo e Donna 1 Formulazione

Dettagli

IL COMUNE DI TRIESTE

IL COMUNE DI TRIESTE IL COMUNE DI TRIESTE Primo giorno Visite: sala del Consiglio comunale, salotto Azzurro, sala Riunioni, sala della Giunta comunale e locali della Stamperia municipale. Visita al Salotto Azzurro del Sindaco

Dettagli

COMUNE DI URI PROVINCIA DI SASSARI

COMUNE DI URI PROVINCIA DI SASSARI COMUNE DI URI PROVINCIA DI SASSARI PIANO AZIONI POSITIVE TRIENNIO 2016/2018 Allegato alla delibera di G.C. n.26 del 30.03.2016 1 FONTI NORMATIVE Legge n. 125 del 10.04.1991, Azioni per la realizzazione

Dettagli

PIANO DI OCCUPAZIONE

PIANO DI OCCUPAZIONE PIANO DI OCCUPAZIONE 2013 2015 Le Camere di commercio, come tutte le amministrazioni pubbliche, sono tenute alla programmazione triennale del fabbisogno di personale; si tratta di un obbligo stabilito

Dettagli

SVILUPPO DELLE PARI OPPORTUNITÀ NEL CICLO DI GESTIONE DELLA PERFORMANCE NEL MINISTERO DELLA DIFESA (DELIBERA CIVIT N 22/2011)

SVILUPPO DELLE PARI OPPORTUNITÀ NEL CICLO DI GESTIONE DELLA PERFORMANCE NEL MINISTERO DELLA DIFESA (DELIBERA CIVIT N 22/2011) SVILUPPO DELLE PARI OPPORTUNITÀ NEL CICLO DI GESTIONE DELLA PERFORMANCE NEL MINISTERO DELLA DIFESA (DELIBERA CIVIT N 22/2011) Referente per il Ministero della Difesa: Dott.ssa Gabriella MONTEMAGNO 1 CONTESTO

Dettagli

Il Piano Strategico di Sviluppo del Turismo in Italia

Il Piano Strategico di Sviluppo del Turismo in Italia Il Piano Strategico di Sviluppo del Turismo in Italia Primi Orientamenti Comitato permanente di promozione del turismo in Italia Riunione del 13 gennaio 2016, Roma Il Piano Strategico di Sviluppo del Turismo

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA FRA LA REGIONE PUGLIA IL MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA

PROTOCOLLO D INTESA FRA LA REGIONE PUGLIA IL MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA PROTOCOLLO D INTESA FRA LA REGIONE PUGLIA IL MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA IL MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI Per la realizzazione dall anno scolastico 2003/2004

Dettagli

Protocollo di Intesa tra Regione Toscana e Province Toscane. Il giorno dell anno. presso la Regione Toscana, con sede...

Protocollo di Intesa tra Regione Toscana e Province Toscane. Il giorno dell anno. presso la Regione Toscana, con sede... Protocollo di Intesa tra Regione Toscana e Province Toscane Il giorno dell anno. presso la Regione Toscana, con sede..., sono presenti, per la Regione Toscana. per la Provincia di Arezzo per la Provincia

Dettagli

I Prossimi passi. Coordinatore dello Staff: Prof. Roberto Martini

I Prossimi passi. Coordinatore dello Staff: Prof. Roberto Martini I Prossimi passi Coordinatore dello Staff: Prof. Roberto Martini Si è costituito lo Staff Regionale di Supporto presso l USR Toscana che ha: elaborato un vademecum «Note sul Piano di formazione del personale»

Dettagli

IL TUO LAVORO IN COMUNE 3. Da quanti anni sei inquadrato nella tua categoria contrattuale (B,C,D)?

IL TUO LAVORO IN COMUNE 3. Da quanti anni sei inquadrato nella tua categoria contrattuale (B,C,D)? QUESTIONARIO DEL COMITATO UNICO DI GARANZIA E PER LE PARI OPPORTUNITA, LA VALORIZZAZIONE DEL BENESSERE DI CHI LAVORA E CONTRO LE DISCRIMINAZIONI DEL COMUNE DI POMARANCE A tutti i colleghi e le colleghe

Dettagli

Consiglio regionale Friuli Venezia Giulia XI Legislatura - Atti consiliari TESTO PROPOSTO DALLA COMMISSIONE TESTO PRESENTATO DAI PROPONENTI

Consiglio regionale Friuli Venezia Giulia XI Legislatura - Atti consiliari TESTO PROPOSTO DALLA COMMISSIONE TESTO PRESENTATO DAI PROPONENTI Consiglio regionale Friuli Venezia Giulia - 1 - XI Legislatura - Atti consiliari TESTO PRESENTATO DAI PROPONENTI Art. 1 (Finalità e

Dettagli

RAPPORTO ANNUALE 2006 CONSIGLIERA DI PARITA PROVINCIA DI PIACENZA

RAPPORTO ANNUALE 2006 CONSIGLIERA DI PARITA PROVINCIA DI PIACENZA UFFICIO DELLE CONSIGLIERE PROVINCIALI DI PARITA P I A C E N Z A RAPPORTO ANNUALE 2006 CONSIGLIERA DI PARITA PROVINCIA DI PIACENZA (AI SENSI DELL ART.3 - COMMA 5 - DEL DECRETO LEGISLATIVO 23.05.2000, N.196)

Dettagli

Piano Annuale dell attività di Aggiornamento e Formazione Personale Docente

Piano Annuale dell attività di Aggiornamento e Formazione Personale Docente ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE "ANTONIO GRAMSCI" Albano/Pavona Piano Annuale dell attività di Aggiornamento e Formazione Personale Docente Anno Scolastico 2015/2016 PREMESSA La formazione in servizio, che

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA FRA LA REGIONE CALABRIA, IL MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA

PROTOCOLLO D INTESA FRA LA REGIONE CALABRIA, IL MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA PROTOCOLLO D INTESA FRA LA REGIONE CALABRIA, IL MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA IL MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI Per la realizzazione dall anno scolastico 2003/2004

Dettagli

Programma di Interventi per l Accordo Territoriale di Genere CONCILIARE PER CRESCERE INSIEME

Programma di Interventi per l Accordo Territoriale di Genere CONCILIARE PER CRESCERE INSIEME PIANO DI LAVORO TERRITORIALE PER LA CONCILIAZIONE DEI TEMPI DI VITA E DI LAVORO NELLA PROVINCIA DI NAPOLI POR CAMPANIA FSE 2007-2013 Programma di Interventi per l Accordo Territoriale di Genere CONCILIARE

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL COMITATO UNICO DI GARANZIA DELL'ISTITUTO ONCOLOGICO VENETO DI PADOVA I.R.C.C.S.

REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL COMITATO UNICO DI GARANZIA DELL'ISTITUTO ONCOLOGICO VENETO DI PADOVA I.R.C.C.S. REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL COMITATO UNICO DI GARANZIA DELL'ISTITUTO ONCOLOGICO VENETO DI PADOVA I.R.C.C.S. ( cosi come previsto al punto 5. dalla Delibera del Direttore Generale n 157 del 30

Dettagli

Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Direttiva n. 75 Roma, lì 15 settembre 2008 VISTA la legge 28 marzo 2003 n. 53 ed in particolare l'articolo 3 che prevede la valutazione del sistema educativo di istruzione e di formazione ed il riordino

Dettagli

PIANO TRIENNALE AZIONI POSITIVE 2016/2018

PIANO TRIENNALE AZIONI POSITIVE 2016/2018 PIANO TRIENNALE AZIONI POSITIVE 2016/2018 Quadro normativo Il piano triennale delle azioni positive è previsto dall art. 48 del Dlgs 198/2006 Codice delle pari opportunità, con la finalità di assicurare

Dettagli

etica, economia e lavoro

etica, economia e lavoro etica, economia e lavoro Marina Brollo Prof. ordinario di diritto del lavoro Dipartimento di Scienze Giuridiche A.A. 2007-2008 ambiti di azione Valorizzazione del capitale umano Gestione delle risorse

Dettagli

ISTITUTO di ISTRUZIONE SUPERIORE

ISTITUTO di ISTRUZIONE SUPERIORE Il Dirigente Scolastico Domenica DI SORBO TITOLO del PROGETTO VALeS Valutazione e Sviluppo Scuola Programmazione dei Fondi Strutturali Europei 2007-2013 Programma Operativo Nazionale Competenze per lo

Dettagli

COMUNE DI PONTE NIZZA DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE

COMUNE DI PONTE NIZZA DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE COMUNE DI PONTE NIZZA PROVINCIA DI PAVIA DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 30 Reg. Del. N. 136 Reg. Pubb. OGGETTO: APPROVAZIONE PIANO TRIENNALE DELLE AZIONI POSITIVE 2015/2017 AI SENSI DELL'ART. 48

Dettagli