SVILUPPO DELLE PARI OPPORTUNITÀ NEL CICLO DI GESTIONE DELLA PERFORMANCE NEL MINISTERO DELLA DIFESA (DELIBERA CIVIT N 22/2011)

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "SVILUPPO DELLE PARI OPPORTUNITÀ NEL CICLO DI GESTIONE DELLA PERFORMANCE NEL MINISTERO DELLA DIFESA (DELIBERA CIVIT N 22/2011)"

Transcript

1 SVILUPPO DELLE PARI OPPORTUNITÀ NEL CICLO DI GESTIONE DELLA PERFORMANCE NEL MINISTERO DELLA DIFESA (DELIBERA CIVIT N 22/2011) Referente per il Ministero della Difesa: Dott.ssa Gabriella MONTEMAGNO 1

2 CONTESTO NORMATIVO NAZIONALE Costituzione della Repubblica Italiana (artt. 3, 37, 51 e 117); Legge n. 903/1977 («Parità di trattamento tra uomini e donne in materia di lavoro»); Legge 10 aprile 1991, n. 125 («Azioni positive per la realizzazione della parità uomo-donna nel lavoro»); Legge n. 215/1992 («Azioni positive per l imprenditoria femminile»); 2

3 D.Lgs , n. 196 («Disciplina dell attività delle Consigliere di parità e disposizioni in materia di azioni positive, a norma dell art. 47 della legge 17 maggio 1999, n. 144»); D.P.C.M del 12 giugno 1984 (istituzione Commissione Nazionaleperlaparitàelep.o.trauomoedonna); D.Lgs.20marzo2001,n.165(artt.7,19e57); D.Lgs.. 150/2009(artt. 1,3,8,9,10,13 e 14); D.Lgs. N. 66/2010 (artt. 639 e 716) [già Legge 20 ottobre 1999, n. 380 (delega al Governo per l istituzione del servizio militare volontario femminile) e D.Lgs. 31 gennaio 2000, n. 24(abrogato dall art. 57 del D.Lgs. N. 198/2006)]. 3

4 DIRETTIVA 23 MAGGIO 2007 SULLE MISURE PER ATTUARE PARITÀ E PARI OPPORTUNITÀ TRA UOMINI E DONNE NELLE AMMINISTRAZIONI PUBBLICHE La direttiva indica le seguenti aree di intervento: eliminazione e prevenzione delle discriminazioni; adozione di piani triennali di azioni positive; organizzazione del lavoro; politiche di reclutamento e gestione del personale; comitati di pari opportunità; formazione e cultura organizzativa. 4

5 D.lgs. 11 aprile 2006, n. 198 «Codice delle pari opportunità tra uomo e donna»: Libro I - Disposizioni per la promozione delle pari opportunità tra uomo e donna; Libro II- Pari opportunità tra uomo e donna nei rapporti etico-sociali; LibroIII-Pariopportunitàtrauomoedonnaneirapportieconomici; Libro IV - Pari opportunità tra uomo e donna nell accesso alle cariche elettive rapporti civili e politici; D.Lgs. 25 gennaio 2010, n. 5 («Attuazione della Direttiva 2006/54/CE relativa al principio delle p.o. e della parità di trattamento fra uomini e donne in materia di occupazione e impiego»); Legge 4 novembre 2010, n. 183 («Collegato Lavoro»), il cui art. 21 istituisce i Comitati unici di garanzia per le pari opportunità, la valorizzazione del benessere di chi lavora e contro le discriminazioni; 5

6 TUTELA DELLA MATERNITA E PATERNITA Legge 22 maggio 1978, n.194 "Norme per la tutela sociale della maternità e sull'interruzione volontaria della gravidanza»; Legge 8 marzo 2000, n. 53 "Disposizioni per il sostegno della maternità e della paternità, per il diritto alla cura e alla formazione e per il coordinamento dei tempi delle città" D.lgs. 26 marzo 2001, n. 151 "Testo unico delle disposizioni legislative in materia di tutela e sostegno della maternità e della paternità, a norma dell'art. 15 della legge 8 marzo 2000, n.53" 6

7 CONTESTO NORMATIVO COMUNITARIO Trattato dell Unione Europea (artt. 2, 3 e 6); Trattato sul funzionamento dell Unione Europea (art. 9); Carta dei diritti fondamentali dell Unione Europea (Nizza 2000) stesso valore dei Trattati ai sensi dell art. 6 TUE (art. 21 non discriminazione; art. 23 parità uomo donna; art. 16 inserimento persone disabili). 7

8 Direttiva 76/207/CEE del Consiglio del (attuazione del principio della parità di trattamento fra gli uomini e le donne quanto all'accesso al lavoro, alla formazione e alla promozione professionali e alle condizioni di lavoro; Direttiva 2000/78/CE del Consiglio del 27 novembre 2000 (delinea un quadro generale per la parità di trattamento in materia di occupazione e di condizioni dilavoro); Direttiva 2002/73/CE del Parlamento europeo e del Consiglio del 23 settembre 2002 (modifica la direttiva 76/207/CEE quanto all'accesso al lavoro, alla formazione e alla promozione professionali e le condizioni di lavoro); Direttiva 2004/113/CE del Consiglio del 13 dicembre 2004 (attua il principio della parità di trattamento tra uomini e donne quanto all'accesso a beni e servizi e la loro fornitura); Direttiva 2006/54/CE del Parlamento europeo e del Consiglio, del 5 luglio 2006 (attuazione del principio delle pari opportunità e della parità di trattamento fra uomini e donne in materia di occupazione e impiego). 8

9 CONTESTO NORMATIVO INTERNAZIONALE Conferenza Mondiale sulle donne (Città del Messico 1975); Conferenza Mondiale delle donne (Copenaghen 1980); Conferenza Mondiale delle donne (Nairobi 1985); Conferenza delle Nazioni Unite (Pechino 1995); Conferenza Mondiale delle donne (New York 2005). 9

10 RISOLUZIONI CONSIGLIO DI SICUREZZA DELLE NAZIONI UNITE Risoluzione 1325/2000 «Donne, pace e sicurezza» (dedicata al tema dell impatto della guerra sulle donne e al contributo delle donne nella risoluzione dei conflitti e nei processi di pacificazione. Invita gli Stati membri ad assicurare una maggiore presenza delle donne a tutti i livelli decisionali, in particolare nei meccanismi di prevenzione, gestione e risoluzione delle crisi. Prevede l adozione da parte degli Stati membri di«piani d Azione Nazionali»); Risoluzioni 1820/2008, 1888 e 1889/2009 (in tema di violenza sessuale nelle situazioni di conflitto armato) 10

11 DELIBERA CIVIT N. 22/2011 (SVILUPPO DELL AMBITO DELLE PARI OPPORTUNITÀ NEL CICLO DI GESTIONE DELLA PERFORMANCE). Art. 8 D.Lgs. n. 150/2009 («Ambiti di misurazione e valutazione della performance organizzativa») e Art. 9 («Ambiti di misurazione e valutazione della performance individuale»). Per la prima volta viene inclusa la questione della parità e delle pari opportunità in una normativa di carattere generale tra i fattori di misurazione e valutazione della performance organizzativa di un Amministrazione e individuale (nella valutazione della performance individuale non vanno considerati i periodi di congedo di maternità, paternità e parentali). 11

12 La delibera CIVIT n. 22/2011 fornisce indicazioni relative allo sviluppo delle pari opportunità (art. 8, comma 1, lett. h D.Lgs. n. 150/2009). È suddivisa in due parti: a) Pari opportunità nel ciclo di gestione della performance (costituisce una guida per le Amministrazioni); b) Approfondimenti (pari opportunità di genere; attuazione della Direttiva 23 maggio 2007 sulle misure per attuare parità e pari opportunità tra uomini e donne nelle amministrazioni pubbliche; stato dell arte degli obiettivi di p.o. nei piani di performance 2011 nelle amministrazioni centrali; esempio di sviluppo dell obiettivo relativo alle pari opportunità). Le pari opportunità sono intese come «qualità di essere uguali in termini di equità e imparzialità». 12

13 Nell ambito del contesto organizzativo vengono individuate 4 principali dimensioni che compongono le pari opportunità: 1. Disabilità; 2. Razza- Etnia; 3. Genere; 4. Gruppo sociale. Le Amministrazioni devono individuare obiettivi e/o indicatori relativi alle pari opportunità, obiettivi che possono essere sviluppati in un ottica di genere e con una prospettiva interna (quando la programmazione degli obiettivi è rivolta al personale) ovvero esterna (la programmazione degli obiettivi ha rilevanza esterna e produce effetti verso gli utenti). Le pp.oo. entrano nel sistema di misurazione e valutazione della performance e nel piano della performance. 13

14 SVILUPPO PARI OPPORTUNITÀ NEL CICLO DI GESTIONE DELLA PERFORMANCE NEL DICASTERO DELLA DIFESA. Viene assegnato dal Segretario generale specifico obiettivo a un dirigente di 2^ fascia del dicastero: «Promuovere e curare lo sviluppo delle pari opportunità nel ciclo di gestione della performance alla luce delle indicazioni fornite dalla CIVIT con delibera n. 22/2011 per il personale del Ministero della Difesa (civile e militare). Monitorare e coordinare le attività delle articolazioni di vertice del Dicastero (Macroaree) al fine di proporre soluzioni alle problematiche afferenti il tema, assicurando un livello di servizio pari almeno ad una relazione conclusiva da inviare all OIV» 14

15 ATTORI COINVOLTI Il responsabile per lo sviluppo delle pari opportunità si interfaccia con le 4 Macroaree: 1. Uffici di diretta collaborazione del ministro (coordinano anche gli Uffici centrali); 2. Stato Maggiore della Difesa (coordina gli Stati Maggiori di Forza Armata e il Comando Generale dell Arma dei Carabinieri); 3. Segretariato Generale (coordina le Direzioni Generali); 4. Consiglio della Magistratura militare (per il personale degli uffici giudiziari militari e con l OIV (che a sua volta si interfaccia con l ANAC), con il CUG. 15

16 ATTORI COINVOLTI O.I.V. REFERENTE P.O. DIFE GABI NETTO MACROAREE C.M.M. S.M.D. S.G.D. 16

17 ATTIVITA Quanto al personale civile, indagine conoscitiva e analisi dei dati disaggregati per genere: presenza personale femminile; utilizzo congedi parentali, part-time e orario flessibile; incarichi dirigenziali e progressioni di carriera; attuazione direttiva 23 maggio 2007; realizzazione asili nido; percorsi formativi in materia di pari opportunità; istituzione CUG, adozione codice di condotta contro le molestie sessuali, nomina Consigliera di fiducia; altre azioni positive. 17

18 Quanto al personale militare, è stata realizzata un indagine conoscitiva con riferimento: arruolamenti, impiego e assegnazione degli incarichi(con riferimento alle varie specializzazioni); presenza del personale femminile nelle singole Forze Armate e nell Arma dei Carabinieri; presenza del personale femminile fuori area; rappresentazione del personale femminile negli organismi internazionali(anche nei ruoli di vertice); partecipazione corsi formativi; applicazione disposizioni normative e istituti in materia di p.o.; azioni positive. 18

19 ÈstatoistituitoilCUG; RISULTATI RAGGIUNTI un rappresentante del CUG partecipa ai tavoli di contrattazione integrativa(dirigenti e aree funzionali); viene data attuazione alla Direttiva 23 maggio 2007, sia quanto al personale civile (PERSOCIV e CUG) che a quello militare (PERSOMIL) partecipando al monitoraggio e fornendo i dati al Dipartimento della Funzione Pubblica; è stato adottato il codice di condotta contro le molestie sessuali ed è stato nominato il consigliere di fiducia; vengono svolti percorsi formativi dedicati alle pari opportunità; sono stati realizzati in ambito dicastero asili nido (di cui usufruisce sia il personale civile che quello militare); viene agevolata la concessione del part-time e dell orario flessibile. 19

20 INIZIALI CRITICITA RISCONTRATE E PROPOSTE Mancanza informazione creazione sito web sezione dedicata Mancanza comunicazione rete informazioni tra gli attori coinvolti Mancanza iniziative comuni corsi, seminari, conferenze informative 20

21 INCARICHI DIRIGENZIALI DI 2^FASCIA DISTINTI PER GENERE incarichi 2^fascia incarichi art. 19, comma Donne Uomini 21

22 INCARICHI DIRIGENZIALI DI 1^ FASCIA 5 4,5 4 3,5 3 2,5 2 1,5 1 0, dirigenti 1^fascia Donne Uomini 3 2 dirigenti 2^fascia con inc. 1^ fascia 22

23 DISTRIBUZIONE PER GENERE E FASCIA RETRIBUTIVA DEI DIRIGENTI CON INCARICO DI LIVELLO NON GENERALE Uomini Donne 5 0 inc. 5^fascia inc. 4^fascia inc. 3^fascia 23

24 PERSONALE AREE FUNZIONALI Uomini 8414 Donne 24

25 PERSONALE AREE FUNZIONALI DISTINTO PER AREA DI APPARTENENZA ^ Area 1171 Uomini Donne ^ e 1^ Area 25

26 PERSONALE IN PART-TIME Part-time inferiore o uguale al 50% part-time superiore al 50% Uomini Donne 26

27 LA RISOLUZIONE ONU 1325/2000 Focalizza tre elementi: le donne ed i fanciulli rappresentano i gruppi più colpiti dai conflitti armati; le donne svolgono un ruolo imprescindibile sia nella prevenzione e risoluzione dei conflitti, sia nelle attività di ricostruzione della pace; gli Stati membri dell'onu sono invitati ad assicurare una più ampia partecipazione delle donne a tutti i livelli decisionali, con particolare riferimento ai meccanismi di prevenzione, gestione e risoluzione del conflitto. In Italia, in particolare, il 2 Piano di Azione Nazionale su "Donne Pace e Sicurezza" è stato adottato il 23 novembre

28 2 PIANO NAZIONALE D AZIONE (ADOTTATO IL 23 NOVEMBRE 2014) Fissa quattro obiettivi: riconoscere il ruolo fondamentale delle donne nella prevenzione e risoluzione dei conflitti; prevedere una maggiore partecipazione nei processi di mantenimento della pace e della sicurezza nazionale; adottare una prospettiva di genere, formare il personale sui diritti delle donne. 28

29 GLI IMPEGNI DEL MINISTERO DELLA DIFESA Valorizzare la presenza delle donne nelle FF.AA. nazionali e negli organi di polizia statale e consolidare l inserimento delle donne nelle missioni di pace e negli organi decisionali delle missioni di pace; garantire la presenza di un proprio rappresentante di sesso femminile nel Nato Committee on Gender Perspective; promuovere l inclusione delle prospettive di genere in tutte le missioni di pace; inserire negli accordi di cooperazione generale nel settore Difesa un riferimento alla Risoluzione 1325/

Piano Triennale delle azioni positive 2013 2015

Piano Triennale delle azioni positive 2013 2015 Piano Triennale delle azioni positive 2013 2015 (Art. 48 D.Lgs. 11.4.2006 n. 198 Codice delle pari opportunità tra uomo e donna, a norma dell art. 6 della L. 28 novembre 2005, n. 246) Il tema delle pari

Dettagli

Piano triennale 2013-2015 di azioni positive per la realizzazione di pari opportunità di lavoro e nel lavoro tra donne e uomini

Piano triennale 2013-2015 di azioni positive per la realizzazione di pari opportunità di lavoro e nel lavoro tra donne e uomini Piano triennale 2013-2015 di azioni positive per la realizzazione di pari opportunità di lavoro e nel lavoro tra donne e uomini PREMESSA Il presente Piano di Azione Positive per il triennio 2013/2015,

Dettagli

L UFFICIO PARI OPPORTUNITA LA CONSIGLIERA DI PARITA PROVINCIALE IL CUG DELLA PROVINCIA DI PESARO E URBINO PRESENTANO IL

L UFFICIO PARI OPPORTUNITA LA CONSIGLIERA DI PARITA PROVINCIALE IL CUG DELLA PROVINCIA DI PESARO E URBINO PRESENTANO IL L UFFICIO PARI OPPORTUNITA LA CONSIGLIERA DI PARITA PROVINCIALE IL CUG DELLA PROVINCIA DI PESARO E URBINO PRESENTANO IL PIANO TRIENNALE DELLE AZIONI POSITIVE 2015-2017 DELLA PROVINCIA DI PESARO E URBINO

Dettagli

Comitato Unico di Garanzia per le pari opportunità, la valorizzazione del benessere di chi lavora e contro le discriminazioni REGOLAMENTO

Comitato Unico di Garanzia per le pari opportunità, la valorizzazione del benessere di chi lavora e contro le discriminazioni REGOLAMENTO Comitato Unico di Garanzia per le pari opportunità, la valorizzazione del benessere di chi lavora e contro le discriminazioni REGOLAMENTO Art. 1 Costituzione Il Comitato Unico di Garanzia per le pari opportunità,

Dettagli

Stato dell arte a livello nazionale

Stato dell arte a livello nazionale Ogni anno il Dipartimento della Funzione Pubblica e il Dipartimento per le Pari Opportunità redigono un rapporto di sintesi sull attuazione della direttiva Misure per attuare parità e pari opportunità

Dettagli

Piano triennale di azioni positive 2013-2015

Piano triennale di azioni positive 2013-2015 COMITATO UNICO DI GARANZIA (D.LGS. 165/01, ART. 57, C. 01) Piano triennale di azioni positive Gennaio CRA via Nazionale, 82 00184 Roma COMITATO UNICO DI GARANZIA @ cug@entecra.it T +39-06-478361 F +39-06-47836320

Dettagli

COMUNE DI COLOGNO AL SERIO

COMUNE DI COLOGNO AL SERIO COMUNE DI COLOGNO AL SERIO Provincia di Bergamo PIANO TRIENNALE DI AZIONI POSITIVE PER LE PARI OPPORTUNITA TRIENNIO 2015/2017 (Art. 48 del D.Lgs. 198/2006) Approvato con deliberazione della Giunta comunale

Dettagli

Pari Opportunità e performance nella PA

Pari Opportunità e performance nella PA Pari Opportunità e performance nella PA Enrica Castignola Università Cattolica del Sacro Cuore ALTIS (Alta Scuola Impresa e Società) Divisione Public Management Sommario 1. Le pari opportunità nella PA

Dettagli

REGOLAMENTO COMITATO UNICO DI GARANZIA

REGOLAMENTO COMITATO UNICO DI GARANZIA REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL COMITATO UNICO DI GARANZIA PER LE PARI OPPORTUNITA, LA VALORIZZAZIONE DEL BENESSERE DI CHI LAVORA E CONTRO LE DISCRIMINAZIONI Introduzione L art. 21 della L. 04/11/2010

Dettagli

Art. 1 Oggetto del Regolamento

Art. 1 Oggetto del Regolamento REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL COMITATO UNICO DI GARANZIA PER LE PARI OPPORTUNITA, LA VALORIZZAZIONE DEL BENESSERE DI CHI LAVORA E CONTRO LE DISCRIMINAZIONI Art. 1 Oggetto del Regolamento Il presente

Dettagli

Piano di Azioni Positive della Provincia di Matera

Piano di Azioni Positive della Provincia di Matera PROVINCIA DI MATERA COMITATO UNICO DI GARANZIA Piano di Azioni Positive della Provincia di Matera Triennio 2011-2014 1 PIANO DI AZIONI POSITIVE DELLA PROVINCIA DI MATERA (ART. 48 D.LGS. 198/06) PREMESSA

Dettagli

Prof.ssa Loredana Zappalà (Università degli Studi di Catania) Provincia Regionale di Catania, 30 marzo 2012 03/04/2012 1

Prof.ssa Loredana Zappalà (Università degli Studi di Catania) Provincia Regionale di Catania, 30 marzo 2012 03/04/2012 1 Prof.ssa Loredana Zappalà (Università degli Studi di Catania) Provincia Regionale di Catania, 30 marzo 2012 03/04/2012 1 Art. 21 della l. 183/2010 (cd. collegato lavoro) che ha modificato l art. 7, c.

Dettagli

Piano di Azioni Positive 2013-2015 approvato dal Comitato Unico di Garanzia con propria deliberazione n. 2 del 15 maggio 2013

Piano di Azioni Positive 2013-2015 approvato dal Comitato Unico di Garanzia con propria deliberazione n. 2 del 15 maggio 2013 Premessa Il Piano delle Azioni Positive - PAP, è documento programmatico redatto a norma dell'art. 48 del D.Lgs. 198/2006 Codice delle pari opportunità tra uomo e donna, a norma dell art. 6 della legge

Dettagli

Piano triennale delle azioni positive per attuare parità e pari opportunità tra uomini e donne 2011 2013

Piano triennale delle azioni positive per attuare parità e pari opportunità tra uomini e donne 2011 2013 Piano triennale delle azioni positive per attuare parità e pari opportunità tra uomini e donne 2011 2013 - Direzione centrale personale e organizzazione - Sommario 1. Premessa... 3 2. I presupposti del

Dettagli

COMUNE DI MONTALCINO

COMUNE DI MONTALCINO COMUNE DI MONTALCINO ORIGINALE Deliberazione della Giunta Comunale Seduta del 13/03/2015 ore 17:30 Presso il Palazzo Comunale di Montalcino Presiede NAFI ALESSANDRO Vicesindaco Assiste il Dott. DOTTORI

Dettagli

I NUOVI COMITATI UNICI DI GARANZIA A TUTELA DEI DIRITTI COMPITI E ATTIVITA DEI COMITATI UNICI: PROPOSTE E RIFLESSIONI

I NUOVI COMITATI UNICI DI GARANZIA A TUTELA DEI DIRITTI COMPITI E ATTIVITA DEI COMITATI UNICI: PROPOSTE E RIFLESSIONI I NUOVI COMITATI UNICI DI GARANZIA A TUTELA DEI DIRITTI COMPITI E ATTIVITA DEI COMITATI UNICI: PROPOSTE E RIFLESSIONI COMPITI E ATTIVITA DEI COMITATI UNICI: PROPOSTE E RIFLESSIONI Nella amministrazione

Dettagli

PIANO TRIENNALE 2014-2016 DELLE AZIONI POSITIVE DEL COMUNE DI JESI

PIANO TRIENNALE 2014-2016 DELLE AZIONI POSITIVE DEL COMUNE DI JESI PIANO TRIENNALE 2014-2016 DELLE AZIONI POSITIVE DEL COMUNE DI JESI Il presente Piano di Azioni Positive si inserisce nell'ambito delle iniziative promosse dal Comune di Jesi per dare attuazione agli obiettivi

Dettagli

PIANO DELLE AZIONI POSITIVE - PARI OPPORTUNITÀ TRA UOMO E DONNA TRIENNIO 2015/2017 (art. 48 del D.Lgs. 11.04.2006 n 198)

PIANO DELLE AZIONI POSITIVE - PARI OPPORTUNITÀ TRA UOMO E DONNA TRIENNIO 2015/2017 (art. 48 del D.Lgs. 11.04.2006 n 198) 813830 COMUNE DI BONASSOLA Provincia della Spezia Via Beverino 1 cap 19011 tel 0187 81381 fax 0187 PIANO DELLE AZIONI POSITIVE - PARI OPPORTUNITÀ TRA UOMO E DONNA TRIENNIO 2015/2017 (art. 48 del D.Lgs.

Dettagli

Ministero della Salute 6. il processo di redazione della relazione sulla performance

Ministero della Salute 6. il processo di redazione della relazione sulla performance 5 PARI OPPORTUNITÀ E BILANCIO DI GENERE La presente Relazione, oltre a contenere informazioni in merito ai risultati organizzativi e individuali raggiunti, rispetto ai singoli obiettivi programmati e alle

Dettagli

COMUNE di LENTATE SUL SEVESO

COMUNE di LENTATE SUL SEVESO COMUNE di LENTATE SUL SEVESO Provincia di Monza e della Brianza PIANO DELLE AZIONI POSITIVE Triennio 2015/2017 Riferimenti normativi: - Decreto Legislativo 11 aprile 2006, n. 198 «Codice delle pari opportunità

Dettagli

I DIRITTI DELLE DONNE DAL 1900 AD OGGI

I DIRITTI DELLE DONNE DAL 1900 AD OGGI I DIRITTI DELLE DONNE DAL 1900 AD OGGI TUTELA DELLA DONNA E DEL FANCIULLO: LEGGE 242/1902 CARCANO Riveste un importanza notevole per aver introdotto il congedo di maternità di un mese dopo il parto, riducibile

Dettagli

COMUNE DI ARCENE (Provincia di Bergamo) PIANO DELLE AZIONI POSITIVE 2013-2015

COMUNE DI ARCENE (Provincia di Bergamo) PIANO DELLE AZIONI POSITIVE 2013-2015 COMUNE DI ARCENE (Provincia di Bergamo) PIANO DELLE AZIONI POSITIVE 2013-2015 Quadro normativo Il Piano delle Azioni Positive si inserisce nell ambito delle iniziative promosse dall Amministrazione per

Dettagli

PIANO TRIENNALE AZIONI POSITIVE

PIANO TRIENNALE AZIONI POSITIVE PROVINCIA REGIONALE DI MESSINA denominata Libero Consorzio Comunale ai sensi della L.R. n. 8/2014 III DIREZIONE GESTIONE DEL PERSONALE E SERVIZI INFORMATICI SERVIZIO GESTIONE GIURIDICA DEL PERSONALE Ufficio

Dettagli

Commissione per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche

Commissione per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Commissione per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Delibera n. 22/2011 Indicazioni sottoposte a consultazione relative allo sviluppo dell ambito delle pari opportunità

Dettagli

DELIBERA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE

DELIBERA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DELIBERA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE N. 20 DEL 25.06.2014 Anno 2014 giorno 25 mese giugno alle ore 8.30 sede di Via dell'artigliere n. 9 a seguito di regolare convocazione si è riunito il C.d.A. dell'esu

Dettagli

Relazione illustrativa

Relazione illustrativa CAMERA DI COMMERCIO DI ANCONA Relazione illustrativa Codice di Comportamento dei dipendenti della Camera di Commercio di Ancona approvato dal Consiglio con delibera n. 54 del 19/12/2013 ed aggiornato dal

Dettagli

Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo

Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo PIANO TRIENNALE DELLE AZIONI POSITIVE ANNO 2015 LINEE DI AZIONE 2015-2017 DEL MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITA CULTURALI E DEL TURISMO QUADRO NORMATIVO DI RIFERIMENTO Il legislatore ha provveduto, nel

Dettagli

COMUNE DI BRISSAGO VALTRAVAGLIA VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE

COMUNE DI BRISSAGO VALTRAVAGLIA VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE CODICE ENTE 022012 COMUNE DI BRISSAGO VALTRAVAGLIA PROVINCIA DI VARESE Via Bernardino Luini n. 6; C.A.P. 21030; TEL.: 0332 575103 -FAX: 0332576443 E-MAIL: ragioneria@comune.brissago-valtravaglia.va.it

Dettagli

Commissione per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche

Commissione per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Commissione per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Delibera n. 22/2011 Indicazioni relative allo sviluppo dell ambito delle pari opportunità nel ciclo di gestione

Dettagli

REGOLAMENTO DI ISTITUZIONE E FUNZIONAMENTO DEL COMITATO UNICO DI GARANZIA (CUG)

REGOLAMENTO DI ISTITUZIONE E FUNZIONAMENTO DEL COMITATO UNICO DI GARANZIA (CUG) REGOLAMENTO DI ISTITUZIONE E FUNZIONAMENTO DEL COMITATO UNICO DI GARANZIA (CUG) PER LE PARI OPPORTUNITÀ, LA VALORIZZAZIONE DEL BENESSERE DI CHI LAVORA E CONTRO LE DISCRIMINAZIONI 1 QUADRO NORMATIVO D.lgs.

Dettagli

Comitati per il contrasto al mobbing) i CUG sono previsti dalla legge(l.183/ 2010 che ha modificato il D.Lgs 165/ 2001art.57)

Comitati per il contrasto al mobbing) i CUG sono previsti dalla legge(l.183/ 2010 che ha modificato il D.Lgs 165/ 2001art.57) Carolina Pellegrini - Sono organism i INTERNI all am m inistrazione di riferim ento - E un obbligo del dirigente al vertice dell amministrazione o del responsabile del personale istituirli - Diversamente

Dettagli

Appunti sull Orario di lavoro/e il Disegno di Legge n. 1167/B. Il tema dell orario di lavoro è un tema molto complesso per le ricadute che ha:

Appunti sull Orario di lavoro/e il Disegno di Legge n. 1167/B. Il tema dell orario di lavoro è un tema molto complesso per le ricadute che ha: Appunti sull Orario di lavoro/e il Disegno di Legge n. 1167/B Premessa Il tema dell orario di lavoro è un tema molto complesso per le ricadute che ha: Sull o.d.l. Sulla qualità della vita Sulla competitività

Dettagli

MANUALE PER LA REDAZIONE DEL PIANO TRIENNALE DELLE AZIONI POSITIVE

MANUALE PER LA REDAZIONE DEL PIANO TRIENNALE DELLE AZIONI POSITIVE MANUALE PER LA REDAZIONE DEL PIANO TRIENNALE DELLE AZIONI POSITIVE a cura della Consigliera di Parità Avv. Maria Francesca Siclari INDICE Perché fare un piano triennale Premesse legislative Linee guida

Dettagli

PIANO DELLE AZIONI POSITIVE

PIANO DELLE AZIONI POSITIVE Provincia di Forlì-Cesena Comitato unico di garanzia per le pari opportunità, la valorizzazione del benessere di chi lavora e contro le discriminazioni PIANO DELLE AZIONI POSITIVE 2013-2015 1 PREMESSA

Dettagli

*Perché parliamo di. genere e salute. augusta.angelucci@alice.it

*Perché parliamo di. genere e salute. augusta.angelucci@alice.it *Perché parliamo di genere e salute augusta.angelucci@alice.it La conferenza di PechIno 1995 ha a introdotto i principi di : EMPOWERMENT E GENDER MAINSTREAMING 28/10/15 La Conferenza ha adottato la Piattaforma

Dettagli

PIANO AZIONI POSITIVE (P.A.P) TRIENNIO 2015/2017 DEFINITIVO

PIANO AZIONI POSITIVE (P.A.P) TRIENNIO 2015/2017 DEFINITIVO Allegato A) delibera G.C. n. 62 del 16/09/2015 Il Segretario Comunale F.to dott.ssa Maria Teresa Vella PIANO AZIONI POSITIVE (P.A.P) TRIENNIO 2015/2017 DEFINITIVO ai sensi dell art. 48 del D. Lgs. n. 198/2006

Dettagli

PIANO DI AZIONI POSITIVE

PIANO DI AZIONI POSITIVE UNIVERSITÀ PER STRANIERI DI PERUGIA Comitato Unico di Garanzia per le Pari Opportunità, la Valorizzazione del benessere di chi lavora e contro le discriminazioni PIANO DI AZIONI POSITIVE 2015-2017 INDICE

Dettagli

Piano di azioni positive per il triennio 2013/2015

Piano di azioni positive per il triennio 2013/2015 COMUNE DI VANZAGHELLO PROVINCIA DI MILANO Piano di azioni positive per il triennio 2013/2015 Il Decreto Legislativo 11 aprile 2006 n. 198 Codice delle pari opportunità tra uomo e donna, a norma dell art.

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL COMITATO UNICO DI GARANZIA DELL AMMINISTRAZIONE COMUNALE DI RACCONIGI

REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL COMITATO UNICO DI GARANZIA DELL AMMINISTRAZIONE COMUNALE DI RACCONIGI REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL COMITATO UNICO DI GARANZIA DELL AMMINISTRAZIONE COMUNALE DI RACCONIGI Art. 1 Oggetto del Regolamento Il presente regolamento disciplina l attività del Comitato Unico

Dettagli

PIANO TRIENNALE DELLE AZIONI POSITIVE DEL COMUNE DI RAVENNA 2014-2016

PIANO TRIENNALE DELLE AZIONI POSITIVE DEL COMUNE DI RAVENNA 2014-2016 COMUNE DI RAVENNA Comitato Unico di Garanzia per le pari opportunità, la valorizzazione del benessere di chi lavora e contro le discriminazioni PIANO TRIENNALE DELLE AZIONI POSITIVE DEL COMUNE DI RAVENNA

Dettagli

PIANO TRIENNALE DI AZIONI POSITIVE IN MATERIA DI PARI OPPORTUNITA ANNI 2013-2015

PIANO TRIENNALE DI AZIONI POSITIVE IN MATERIA DI PARI OPPORTUNITA ANNI 2013-2015 COMUNE DI FIUMEFREDDO DI SICILIA Provincia di Catania PIANO TRIENNALE DI AZIONI POSITIVE IN MATERIA DI PARI OPPORTUNITA ANNI 2013-2015 Approvato con Delibera di G.M. nr. 178 del 20.12.2013 1 FONTI: Legge

Dettagli

Ministero della Difesa

Ministero della Difesa Ministero della Difesa Piano della performance 2013-2015 e Direttiva generale per l attività amministrativa e la gestione per l anno 2013 Tomo I Roma gennaio 2013 Il Ministro della Difesa M_D/GOIV/2013/CONT/A9-3/0000106

Dettagli

Schema degli obiettivi triennio 2014-2016

Schema degli obiettivi triennio 2014-2016 PTTI 2014 2016 ALLEGATO 3) Schema degli obiettivi triennio 2014-2016 TIPOLOGIA DATI Sottosezione livello 1 Disposizioni Generali Organizzazione Consulenti e Collaboratori OBIETTIVI DI TRASPARENZA Sottosezione

Dettagli

Piano triennale. delle azioni positive. in materia di. pari opportunità 2010-2012. Dicembre 2010. Pag. 1 di 19

Piano triennale. delle azioni positive. in materia di. pari opportunità 2010-2012. Dicembre 2010. Pag. 1 di 19 Piano triennale delle azioni positive in materia di pari opportunità 2010-2012 Dicembre 2010 Pag. 1 di 19 Arpa Emilia-Romagna Piano triennale delle azioni positive in materia di pari opportunità 2010-2012

Dettagli

Belgio Francia Italia

Belgio Francia Italia Cronologie comparate: Evoluzione del diritto comunitario e delle legislazioni in Belgio, Francia e Italia Data 1791 1804 Diritto internazionale e comunitario Belgio Francia Italia Le donne ottengono il

Dettagli

Analisi dati del Personale

Analisi dati del Personale Allegato A Analisi dati del Personale L analisi dell attuale situazione del personale dipendente in servizio, presenta il seguente quadro di raffronto tra la situazione di uomini e donne lavoratori: FOTOGRAFIA

Dettagli

Direzione Generale Armamenti Aeronautici

Direzione Generale Armamenti Aeronautici Direzione Generale Armamenti Aeronautici 1 Scopo Illustrare le procedure utilizzate in ambito Difesa per le analisi di costo delle offerte Ditta per contratti a Procedura Negoziata 2 Sommario Compiti primari

Dettagli

Pari opportunità: legislazione nazionale

Pari opportunità: legislazione nazionale Pari opportunità: legislazione nazionale Costituzione della Repubblica italiana L Articolo 3 sancisce la pari dignità sociale dei cittadini, eguali davanti alla legge, senza distinzione di sesso, di razza,

Dettagli

La violenza nei confronti delle donne

La violenza nei confronti delle donne Palmanova, 07 aprile 2015 Le molteplici forme della violenza: disparità e discriminazioni in ambito lavorativo Intervento di Chiara Cristini Referente per la pari opportunità La violenza nei confronti

Dettagli

C.F. e P. I.V.A.: 05841760829 Sede legale: Via G. Cusmano, 24 90141 PALERMO

C.F. e P. I.V.A.: 05841760829 Sede legale: Via G. Cusmano, 24 90141 PALERMO C.F. e P. I.V.A.: 05841760829 Sede legale: Via G. Cusmano, 24 90141 PALERMO Regolamento di funzionamento del Comitato Unico di Garanzia per le Pari Opportunità, la valorizzazione del benessere di chi lavora

Dettagli

Tabella per la pubblicazione dei dati previsti dall All. 1 della Delibera A.N.AC. 50/2013

Tabella per la pubblicazione dei dati previsti dall All. 1 della Delibera A.N.AC. 50/2013 Organizzazione - Organi di indirizzo politico-amministrativo - Organi di indirizzo politico-amministrativo Nome / Cognome Curricula (art. 14, c. 1, lett. b), D. Lgs. n. Compensi di qualsiasi natura connessi

Dettagli

PROPOSTA DI LEGGE. Diritti di rappresentanza e associazione per il personale delle Forze armate e delle forze di polizia a ordinamento militare

PROPOSTA DI LEGGE. Diritti di rappresentanza e associazione per il personale delle Forze armate e delle forze di polizia a ordinamento militare PROPOSTA DI LEGGE Diritti di rappresentanza e associazione per il personale delle Forze armate e delle forze di polizia a ordinamento militare Art. 1 1. La tutela dei diritti individuali e collettivi degli

Dettagli

Le conferenze mondiali delle donne

Le conferenze mondiali delle donne Le conferenze mondiali delle donne Cronologia minima Città del Messico, 1975. Le Nazioni Unite convocano la Prima Conferenza mondiale sulle donne e proclamano aperto il Decennio della Donna.. Alla Tribuna

Dettagli

2.2) COMUNICAZIONE: COMITATO PARI OPPORTUNITÁ DELL UNIVERSITÁ DI ROMA TOR VERGATA - PIANO DI AZIONI POSITIVE 2008-2011

2.2) COMUNICAZIONE: COMITATO PARI OPPORTUNITÁ DELL UNIVERSITÁ DI ROMA TOR VERGATA - PIANO DI AZIONI POSITIVE 2008-2011 2.2) COMUNICAZIONE: COMITATO PARI OPPORTUNITÁ DELL UNIVERSITÁ DI ROMA TOR VERGATA - PIANO DI AZIONI POSITIVE 2008-2011 In conformità con il principio di uguaglianza e di pari opportunità tra uomini e donne

Dettagli

Consiglio regionale Regione Autonoma Friuli-Venezia Giulia

Consiglio regionale Regione Autonoma Friuli-Venezia Giulia Consiglio regionale Regione Autonoma Friuli-Venezia Giulia VIII LEGISLATURA - ATTI CONSILIARI - PROGETTI DI LEGGE E RELAZIONI PROPOSTA DI LEGGE N. 23 Presentata dai consiglieri Zorzini, Fontanelli, Petris

Dettagli

Inail cosa fa / Contrasto delle discriminazioni e benessere lavorativo. Salute e sicurezza sul lavoro: una questione anche di genere

Inail cosa fa / Contrasto delle discriminazioni e benessere lavorativo. Salute e sicurezza sul lavoro: una questione anche di genere Piano triennale delle azioni positive 2011/2013 Il Piano triennale di azioni positive nasce dal lavoro svolto dal Comitato per le pari opportunità e è stato in seguito ratificato dal Comitato unico di

Dettagli

Alle Amministrazioni di cui all'art. 1, comma 2 del decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165

Alle Amministrazioni di cui all'art. 1, comma 2 del decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165 Direttiva Linee guida sulle modalità di funzionamento dei "Comitati Unici di Garanzia per le pari opportunità, la valorizzazione del benessere di chi lavora e contro le discriminazioni" (art. 21, legge

Dettagli

POLITICA DELLA CONSULENZA GIURIDICA

POLITICA DELLA CONSULENZA GIURIDICA POLITICA DELLA CONSULENZA GIURIDICA 1. Che cos è la consulenza giuridica La consulenza giuridica dell Aeronautica Militare si esplica come attività di supporto all azione di comando, volta ad assistere

Dettagli

PIANO DELLE AZIONI POSITIVE PER LE PARI OPPORTUNITA PER IL TRIENNIO 2015/2017

PIANO DELLE AZIONI POSITIVE PER LE PARI OPPORTUNITA PER IL TRIENNIO 2015/2017 PIANO DELLE AZIONI POSITIVE PER LE PARI OPPORTUNITA PER IL TRIENNIO 2015/2017 Il presente Piano ha durata triennale e si sviluppa in obiettivi suddivisi a loro volta in azioni positive. PREMESSE Il Decreto

Dettagli

RELAZIONE ANNUALE SULLA SITUAZIONE DEL PERSONALE RIFERITA ALL ANNO 2012

RELAZIONE ANNUALE SULLA SITUAZIONE DEL PERSONALE RIFERITA ALL ANNO 2012 RELAZIONE ANNUALE SULLA SITUAZIONE DEL PERSONALE RIFERITA ALL ANNO 2012 Premessa La presente relazione è redatta in attuazione della direttiva del Ministro per la pubblica amministrazione e innovazione

Dettagli

COMUNE DI CENTO Provincia di Ferrara PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2015/2017

COMUNE DI CENTO Provincia di Ferrara PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2015/2017 COMUNE DI CENTO Provincia di Ferrara PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2015/2017 Predisposto dal responsabile per la Trasparenza Segretario Generale Dott.ssa Margherita Clemente Adottato

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute Sistema di valutazione delle prestazioni del personale MANUALE OPERATIVO Allegato al Decreto ministeriale del 28 aprile 2015 Indice Ministero della Salute 1 Finalità del sistema e ambiti di misurazione

Dettagli

Allegato A COMUNE DI ALANO DI PIAVE Provincia di Belluno PIANO TRIENNALE DI AZIONI POSITIVE PER LE PARI OPPORTUNITÀ 2015-2017 (ART. 48, COMMA 1, D.LGS. 11/04/2006 N. 198) Il Decreto Legislativo 11 aprile

Dettagli

C I T T À D I A R O N A PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ 2014/2016. Più la scrittura è trasparente e più la poesia è visibile.

C I T T À D I A R O N A PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ 2014/2016. Più la scrittura è trasparente e più la poesia è visibile. C I T T À D I A R O N A PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ 2014/2016 1. Introduzione 1.1. L amministrazione trasparente La nozione di trasparenza, già introdotta nell ordinamento dall

Dettagli

Città di Fabriano GIUNTA COMUNALE ORIGINALE DI DELIBERAZIONE

Città di Fabriano GIUNTA COMUNALE ORIGINALE DI DELIBERAZIONE ORIGINALE DI DELIBERAZIONE Seduta del 23/01/2015 Delibera n. 4 L'anno duemilaquindici addì ventitre del mese di gennaio alle ore 09:00 in Fabriano si è riunita la Giunta Comunale nel prescritto numero

Dettagli

Comune di Fabriano GIUNTA COMUNALE

Comune di Fabriano GIUNTA COMUNALE L anno duemiladodici addì diciannove del mese di marzo alle ore 12.00 in Fabriano si è riunita la Giunta Comunale nel prescritto numero legale con l intervento dei Signori: Risultano PRESENTI: SORCI ROBERTO

Dettagli

LE PARI OPPORTUNITÁ IN EUROPA

LE PARI OPPORTUNITÁ IN EUROPA LE PARI OPPORTUNITÁ IN EUROPA Il principio della parità fra donne e uomini è sempre stato uno dei cardini della costruzione dell Europa unita. I suoi aspetti essenziali sono infatti espressi già nel Trattato

Dettagli

L Art. 21 della legge 4 novembre 2011 n. 183 : Il Comitato unico di garanzia ed il benessere del lavoratore nel settore pubblico.

L Art. 21 della legge 4 novembre 2011 n. 183 : Il Comitato unico di garanzia ed il benessere del lavoratore nel settore pubblico. 1 Oriana CALABRESI Incontro di studio Corte dei conti 1 2 dicembre 2011 L Art. 21 della legge 4 novembre 2011 n. 183 : Il Comitato unico di garanzia ed il benessere del lavoratore nel settore pubblico.

Dettagli

LEGGE N. 190/2012 DISPOSIZIONI PER LA PREVENZIONE E LA REPRESSIONE DELLA CORRUZIONE E DELL ILLEGALITA NELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE

LEGGE N. 190/2012 DISPOSIZIONI PER LA PREVENZIONE E LA REPRESSIONE DELLA CORRUZIONE E DELL ILLEGALITA NELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE LEGGE N. 190/2012 DISPOSIZIONI PER LA PREVENZIONE E LA REPRESSIONE DELLA CORRUZIONE E DELL ILLEGALITA NELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE Torino, 10 Aprile 2013 La legge 190/2012 introduce degli strumenti per

Dettagli

PIANO AZIONI POSITIVE TRIENNIO 2013-2015

PIANO AZIONI POSITIVE TRIENNIO 2013-2015 COMITATO UNICO DI GARANZIA Per le pari opportunità, la valorizzazione del benessere di chi lavora e contro le discriminazioni PIANO AZIONI POSITIVE TRIENNIO 2013-2015 RELAZIONE INTRODUTTIVA La legge n.

Dettagli

L A G I U N T A P R O V I N C I A L E

L A G I U N T A P R O V I N C I A L E L A G I U N T A P R O V I N C I A L E L Anno duemilasette il giorno ventuno del mese di novembre si è riunita la Giunta Provinciale convocata per le ore 15,00 e presieduta da GIUSEPPA ROZZO in qualità

Dettagli

XIII Comunità Montana dei Monti Lepini Ausoni

XIII Comunità Montana dei Monti Lepini Ausoni XIII Comunità Montana dei Monti Lepini Ausoni C.F. PIVA 80004930592 Piazza L.Tacconi, snc - 04015 PRIVERNO (Latina) Tel. 0773-91 13 58 / 90 20 73 Fax 0773-90 35 83 e-mail: presid_com_montana@libero.it

Dettagli

COMUNE DI BITONTO. (Provincia di Bari) PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ DEL COMUNE DI BITONTO 2013-2014-2015

COMUNE DI BITONTO. (Provincia di Bari) PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ DEL COMUNE DI BITONTO 2013-2014-2015 ALL/A COMUNE DI BITONTO (Provincia di Bari) PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ DEL COMUNE DI BITONTO 2013-2014-2015 Elaborato il 10.06.2013 dal Funzionario Amministrativo 1 Settore-Servizi

Dettagli

NORMATIVA IN MATERIA DI

NORMATIVA IN MATERIA DI NORMATIVA IN MATERIA DI PARI OPPORTUNITÀ E DIRITTI DELLE DONNE Dichiarazione Universale dei Diritti umani del 1948, che proclama l uguaglianza di tutti gli essere umani, indipendentemente dalla razza,

Dettagli

Decreto del Ministro degli affari esteri 30 dicembre 1978, n.4668 bis, Regolamento per il rilascio dei passaporti diplomatici e di servizio.

Decreto del Ministro degli affari esteri 30 dicembre 1978, n.4668 bis, Regolamento per il rilascio dei passaporti diplomatici e di servizio. Decreto del Ministro degli affari esteri 30 dicembre 1978, n.4668 bis, Regolamento per il rilascio dei passaporti diplomatici e di servizio. 1. I passaporti diplomatici e di servizio, di cui all'articolo

Dettagli

CONTRATTO INTEGRATIVO RIGUARDANTE IL PIANO DI AZIONI POSITIVE TRIENNALE (Triennio 2007-2009) Sottoscritto in data 13.5.2008

CONTRATTO INTEGRATIVO RIGUARDANTE IL PIANO DI AZIONI POSITIVE TRIENNALE (Triennio 2007-2009) Sottoscritto in data 13.5.2008 CONTRATTO INTEGRATIVO RIGUARDANTE IL PIANO DI AZIONI POSITIVE TRIENNALE (Triennio 2007-2009) Sottoscritto in data 13.5.2008 Il giorno 13 del mese di Maggio dell anno 2008, alle ore 12, presso una sala

Dettagli

Centro di formazione della Difesa

Centro di formazione della Difesa Con Determinazione ministeriale del 22 marzo 1963 è stata istituita la Scuola di aggiornamento e di perfezionamento per gli impiegati civili della Difesa (CIVILSCUOLADIFE) con sede in Via Mattia Battistini

Dettagli

COMUNE DI GONNOSNO PROVINCIA DI ORISTANO PIANO TRIENNALE DELLE AZIONI POSITIVE 2013/2015

COMUNE DI GONNOSNO PROVINCIA DI ORISTANO PIANO TRIENNALE DELLE AZIONI POSITIVE 2013/2015 COMUNE DI GONNOSNO PROVINCIA DI ORISTANO PIANO TRIENNALE DELLE AZIONI POSITIVE 2013/2015 Approvato con Deliberazione di Giunta Comunale n. 64 del 18/10/2013 Fonti Normative: La parità tra donne e uomini

Dettagli

PIANO DI AZIONI POSITIVE PER IL TRIENNIO 2012 2014. Premessa

PIANO DI AZIONI POSITIVE PER IL TRIENNIO 2012 2014. Premessa PIANO DI AZIONI POSITIVE PER IL TRIENNIO 2012 2014 Premessa Nell ambito delle finalità espresse dalla L. 125/1991 e successive modificazioni ed integrazioni, ossia favorire l occupazione femminile e realizzare

Dettagli

COMUNE DI ROBASSOMERO PROVINCIA DI TORINO tel. 011 9234400 - Fax 011 9234422 E-mail: comune@comune.robassomero.to.it - www.comune.robassomero.to.

COMUNE DI ROBASSOMERO PROVINCIA DI TORINO tel. 011 9234400 - Fax 011 9234422 E-mail: comune@comune.robassomero.to.it - www.comune.robassomero.to. COMUNE DI ROBASSOMERO PROVINCIA DI TORINO tel. 011 9234400 - Fax 011 9234422 E-mail: comune@comune.robassomero.to.it - www.comune.robassomero.to.it Approvato con deliberazione G.C. n. 103/29.12.2010 INDICE

Dettagli

SEZIONE AMMINISTRAZIONE TRASPARENTE - ELENCO DEGLI OBBLIGHI DI PUBBLICAZIONE

SEZIONE AMMINISTRAZIONE TRASPARENTE - ELENCO DEGLI OBBLIGHI DI PUBBLICAZIONE sottosezione del singolo obbligo Contenuti dell'obbligo Aggiornamento Disposizioni generali Attestazioni OIV o struttura analoga Art. 14, c. 4, lett. g), 150/2009 Attestazioni OIV o struttura analoga Attestazione

Dettagli

Relazione sulla situazione del personale riguardante l attuazione dei principi di parità, pari opportunità, benessere organizzativo e di contrasto

Relazione sulla situazione del personale riguardante l attuazione dei principi di parità, pari opportunità, benessere organizzativo e di contrasto 1 Relazione sulla situazione del personale riguardante l attuazione dei principi di parità, pari opportunità, benessere organizzativo e di contrasto alle discriminazioni e alle violenze morali e psicologiche

Dettagli

COMITATO UNICO DI GARANZIA - CUG

COMITATO UNICO DI GARANZIA - CUG COMITATO UNICO DI GARANZIA - CUG Azienda USL di Reggio Emilia Manuela Predieri, Reggio Emilia 27 marzo 2013 Agenda CUG: di cosa si tratta Composizione Modalità di funzionamento Obiettivi Il percorso intrapreso

Dettagli

Riteniamo che questa indagine possa fornire un utile contributo per il raggiungimento di tale obiettivo. Modalità per l invio

Riteniamo che questa indagine possa fornire un utile contributo per il raggiungimento di tale obiettivo. Modalità per l invio vembre 2013 QUESTIONARIO di rilevazione dei bisogni di conciliazione lavoro/famiglia a cura del Comitato Unico di Garanzia e del Servizio Pari Opportunità del Comune di Chioggia. Il Comitato Unico di Garanzia

Dettagli

Livello di. Indice. 1. Premessa ... 6. Pag. 1 a 8

Livello di. Indice. 1. Premessa ... 6. Pag. 1 a 8 Livello di benessere organizzativo, grado di condivisione del sistema di valutazionee e valutazione del superiore gerarchico g Sintesii dei risultati dell indagine 2013 svolta sul s personale ASI ai sensi

Dettagli

LA DIFESA CIVILE ERA SOLO IL SISTEMA PAESE

LA DIFESA CIVILE ERA SOLO IL SISTEMA PAESE La Difesa Civile LA DIFESA CIVILE ERA SOLO IL SISTEMA PAESE che si organizzava per contribuire alla difesa nazionale in stretto raccordo con la difesa militare. Dopo la II guerra mondiale, la guerra fredda

Dettagli

KIT DI GENERE NORMATIVA DI PARITA ORGANISMI ISTITUZIONALI DI PARITÀ INTERNAZIONALI, EUROPEI E NAZIONALI ITALIANI.

KIT DI GENERE NORMATIVA DI PARITA ORGANISMI ISTITUZIONALI DI PARITÀ INTERNAZIONALI, EUROPEI E NAZIONALI ITALIANI. KIT DI GENERE NORMATIVA DI PARITA ORGANISMI ISTITUZIONALI DI PARITÀ INTERNAZIONALI, EUROPEI E NAZIONALI ITALIANI. Gli organismi di parità sono strumenti di osservazione, discussione e promozione di politiche

Dettagli

ASL CN2 Tabella - Sezione "Amministrazione trasparente" e relativi contenuti Allegato 3

ASL CN2 Tabella - Sezione Amministrazione trasparente e relativi contenuti Allegato 3 ASL CN2 Tabella - Sezione " trasparente" e relativi contenuti Allegato 3 Programma per la e l'integrità Adozione, aggiornamento, monitoraggio e pubblicazione sul sito dell'ente del Programma triennale

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA ANNI 2015 2016 2017. (allegato al piano triennale anticorruzione)

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA ANNI 2015 2016 2017. (allegato al piano triennale anticorruzione) COMUNE DI CELLAMARE (Prov. di Bari) PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA ANNI 2015 2016 2017 (allegato al piano triennale anticorruzione) Approvato con deliberazione di G.C. n. 3 del 29/01/2015

Dettagli

Comitato Unico di Garanzia per le pari opportunità la valorizzazione del benessere di chi lavora e contro le discriminazioni (CUG)

Comitato Unico di Garanzia per le pari opportunità la valorizzazione del benessere di chi lavora e contro le discriminazioni (CUG) AUSLRE Protocollo n 2014/0051361 del 05/06/2014 (Allegato) Pag. 1/9 Comitato Unico di Garanzia per le pari opportunità la valorizzazione del benessere di chi lavora e contro le discriminazioni (CUG) Relazione

Dettagli

STRUMENTI LEGISLATIVI ITALIANI

STRUMENTI LEGISLATIVI ITALIANI STRUMENTI LEGISLATIVI ITALIANI Chi commette violenza, sta commettendo un reato! Spesso si minimizza la gravità di un atto violento ma, per la legge, ogni atto violento va sanzionato e punito. In Italia,

Dettagli

Fondo Sociale Europeo: Asse E una linea di finanziamento per le Pari Opportunità nel mondo del lavoro

Fondo Sociale Europeo: Asse E una linea di finanziamento per le Pari Opportunità nel mondo del lavoro Fondo Sociale Europeo: Asse E una linea di finanziamento per le Pari Opportunità nel mondo del lavoro Linea 3 - possibilità alle aziende che vogliano sperimentare formule di conciliazione dei tempi La

Dettagli

BOZZA PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ 2015/2017

BOZZA PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ 2015/2017 Comune di Villasor Allegato alla deliberazione GC n. 3 del 13/01/2015 BOZZA PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ 2015/2017 IL SINDACO Walter Marongiu IL SEGRETARIO COMUNALE Dott.ssa Areddu

Dettagli

LINEE GUIDA in materia di discriminazioni sul lavoro

LINEE GUIDA in materia di discriminazioni sul lavoro LINEE GUIDA in materia di discriminazioni sul lavoro (adottate dall Ente in data 10/06/2014) La Provincia di Cuneo intende promuovere un ambiente di lavoro scevro da qualsiasi tipologia di discriminazione.

Dettagli

COMUNE DI MONTEPULCIANO

COMUNE DI MONTEPULCIANO ALLEGATI N. COPIA COMUNE DI MONTEPULCIANO PROVINCIA DI SIENA Verbale di deliberazione della GIUNTA COMUNALE N. 232 Adunanza del giorno 30-09-2013 OGGETTO: PROGRAMMAZIONE PIANO AZIONI POSITIVE (P.A.P.)

Dettagli

INTERVENTI MODULARI DI FORMAZIONE LA QUALITÁ NELLA GESTIONE DELLE RISORSE UMANE

INTERVENTI MODULARI DI FORMAZIONE LA QUALITÁ NELLA GESTIONE DELLE RISORSE UMANE INTERVENTI MODULARI DI FORMAZIONE LA QUALITÁ NELLA GESTIONE DELLE RISORSE UMANE INDICE Premessa 3 Obiettivi e strumenti metodologici dell intervento di formazione 4 Moduli e contenuti dell intervento di

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA PER LA PROMOZIONE DI STRATEGIE CONDIVISE FINALIZZATE ALLA PREVENZIONE ED AL CONTRASTO DEL FENOMENO DELLA VIOLENZA DI GENERE TRA

PROTOCOLLO D INTESA PER LA PROMOZIONE DI STRATEGIE CONDIVISE FINALIZZATE ALLA PREVENZIONE ED AL CONTRASTO DEL FENOMENO DELLA VIOLENZA DI GENERE TRA PROTOCOLLO D INTESA PER LA PROMOZIONE DI STRATEGIE CONDIVISE FINALIZZATE ALLA PREVENZIONE ED AL CONTRASTO DEL FENOMENO DELLA VIOLENZA DI GENERE TRA Provincia di Lucca Prefettura di Lucca Procura della

Dettagli

COMUNE DI RIO SALICETO PIANO TRIENNALE DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE 2015 2017

COMUNE DI RIO SALICETO PIANO TRIENNALE DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE 2015 2017 COMUNE DI RIO SALICETO PIANO TRIENNALE DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE 2015 2017 Indice Premessa Art. 1 La strategia nazionale di prevenzione della corruzione Art. 2 Il Piano triennale di prevenzione della

Dettagli

Azienda provinciale foreste e demanio

Azienda provinciale foreste e demanio Landesbetrieb für Forst- und Domänenverwaltung Azienda provinciale foreste e demanio Azienda provinciale foreste e demanio Piano triennale di prevenzione della corruzione 2013 2015 (ai sensi della legge

Dettagli

LA NORMATIVA. 17 Marzo 2010 Chiara Manfrini. Commissione Peri Opportunità di Berra

LA NORMATIVA. 17 Marzo 2010 Chiara Manfrini. Commissione Peri Opportunità di Berra LA NORMATIVA 17 Marzo 2010 Chiara Manfrini Commissione Peri Opportunità di Berra Cosa sono le pari opportunità? Le politiche di pari opportunità fra uomini e donne sono un insieme di interventi delle istituzioni,

Dettagli