Giornata studio. La Rete Elettrica di Trasmissione Nazionale e la Sfida delle Energie Rinnovabili

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Giornata studio. La Rete Elettrica di Trasmissione Nazionale e la Sfida delle Energie Rinnovabili"

Transcript

1 Giornata studio La Rete Elettrica di Trasmissione Nazionale e la Sfida delle Energie Rinnovabili Metodologie innovative per la gestione dinamica delle linee di trasmissione Carlini E., Schiano P., Villacci D., Mercogliano P. Napoli, 29 Novembre 2012

2 Outline DSA-Dynamic Security Assessment Funzionalità di una DSA Dynamic Thermal Rating (DTR) Sviluppo di un sistema avanzato per la DTR

3 DSA Dynamic Security Assessment Le crescenti difficoltà nello sviluppare nuove reti elettriche di trasmissione implica la necessità di sfruttare al massimo le infrastrutture esistenti, garantendo nel contempo adeguati livelli di sicurezza. La DSA Dynamic Security Assessment, che si occupa di valutare se un SE è in grado di soddisfare oppure no specifici criteri di affidabilità e sicurezza (sia durante in condizioni transitorie sia in condizione di regime per tutte le contingenze credibili), rappresenta una task essenziale per gli operatori di rete (TSOs).

4 Funzionalità di una DSA L integrazione di un sistema WAMS con i tradizionali sistemi SCADA/EMS offre la possibilità di effettuare una DSA in linea. Le principali funzioni di monitoraggio dinamico implementabili dal sistema nel suo complesso sono: Stabilità d angolo; Stabilità di tensione; Oscillazioni di potenza; Stima dello stato; Monitoraggio termico delle linee Dynamic Thermal Rating (DTR)

5 Monitoraggio termico delle linee - DTR Il DTR si pone l obbiettivo di stimare i reali margini d impiego dei componenti di un SE attraverso una predizione accurata dell'evoluzione della temperatura di hot spot. La stima dei reali margini d impiego di uno o più componenti del SE necessita dello sviluppo di modelli termici dei componenti capaci di predire l'evoluzione della temperatura di hot-spot e la corrispondente curva di caricabilità e sovraccaricabilità, riferite a: Stato termico attuale; Livello di carico del componente; Evoluzione delle condizioni ambientali.

6 Modelli DTR La stima in tempo reale della caricabilità dinamica di una linea di trasmissione è realizzata attraverso l impiego di modelli termici adattativi, capaci di adeguarsi ai fenomeni intrinsecamente tempo-varianti che influenzano le caratteristiche di scambio termico del componente. 1. Modelli white box: modelli che codificano le conoscenze fisiche sui fenomeni di scambio termico in equazioni matematiche. 2. Modelli black-box: modelli di approssimazione lineare o non-lineare i cui parametri non hanno alcun significato fisico e vengono identificati attraverso l impiego di dati sperimentali caratteristici del processo da rappresentare. 3. Modelli grey box: un approccio intermedio che punta a conservare il meglio degli approcci precedenti, integrando le conoscenze provenienti dall'esperienza con l evidenza empirica fornita dalle osservazioni sperimentali.

7 Modelli White Box I modelli white box per una linea elettrica aerea sono descritti dai seguenti standard: IEEE Standard for Calculating the Current Temperature Relationship of Bare Overhead Conductors CIGRE Thermal Behavior of Overhead Conductors Fondamentalmente tali modelli si riducono ad un equazione di bilancio termico che pone a confronto tutti i meccanismi di scambio termico che si instaurano tra il conduttore e l ambiente (in senso termodinamico), descrivendoli attraverso flussi di energia termica per unità di lunghezza.

8 Modelli Black-Box L identificazione di legami non lineari mediante modelli di tipo back box richiede la disponibilità di un insieme di coppie di dati osservati del tipo: {[ y( t), ϕ( t)]; t = 1, N} tipicamente chiamato training set. Il problema della predizione consiste nel predire il valore dell uscita y(n+1) quando il valore dell ingresso è ϕ(n+1). I metodi di apprendimento puntano ad identificare un opportuno funzionale f( ) tale che la variabile in uscita possa essere rappresentata accuratamente da un modello nella forma: y ( t) = f ( ϕ( t)) + v( t) dove ν(t) è solitamente inteso come il termine che include il rumore di processo, l errore e i disturbi. Nell ambito del machine learning, il problema descritto è tipicamente indicato come problema di apprendimento con supervisione (supervised learning problem). Se si assume che ν(t) sia rumore bianco e si assumono le convenzionali ipotesi di causalità, ne consegue che una predizione affidabile dell uscita è data da: ^ y( t) = f ( ϕ( t)) Gli approcci tradizionalmente impiegati nella teoria della identificazione di sistema risolvono il problema di identificazione attraverso la definizione di un idoneo approssimatore non lineare di f( ).

9 Modelli Black-Box La formulazione proposta è applicabile ad un generico sistema di identificazione a tempo discreto NARX (Non lineare autoregressivo ed esogeno), dove il vettore di ingresso assume la forma: ϕ( t ) = [ y( t k),, y( t k n + 1), u( t 1),, u( t m)] T e u(t) denota le variabili esogene d ingresso del sistema dinamico. In questa formulazione il numero n di uscite passate ed m il numero di azioni di controllo passate, sono impostati in modo da descrivere accuratamente la dinamica del sistema. La costante k>=1 definisce l'orizzonte temporale del problema di predizione. Nel caso della stima dinamica della caricabilità di una linea aerea, la variabile d uscita y è rappresentata dalla temperatura di hot spot Θ H, mentre i dati d ingresso esogeni sono l ampacity I L e le condizioni ambientali. Questa è la forma NARX proposta del predittore black box: ^ Θ H ( t) = f ( Θ ( t k), Θ ( t k + 1),, Θ ( t 2k + 1), I ( t 1), I ( t 2),, I ( t k) ) H H H L L L Questo modello punta a predire la temperatura di hot spot al tempo t, quando l'ultima misura disponibile è stata raccolta al tempo t-k. Per compiere la predizione,il modello richiede la conoscenza di una finestra degli ultimi k valori di Θ H ed il profilo di carico I L di fino al tempo t-1.

10 Modelli Grey-Box L approccio modellistico grey-box persegue l'integrazione efficace delle conoscenze fisiche disponibili dal sistema con le informazioni aggiuntive reperibili dalle misure sperimentali. L'idea di base è quella di combinare la previsione restituita da un modello termico white box (Std. IEEE 738) con algoritmi di correzione black-box di tipo adattativo. Si tratta di un architettura affidabile sia in termini di robustezza sia in termini di velocità dal momento che coniuga la semplicità del modello white box con le caratteristiche adattative del modulo di correzione di tipo black box basato su Lazy Learning (LL). Il modulo di correzione va aggiornato sequenzialmente al fine di adattare l intera architettura alle nuove condizioni di funzionamento.

11 Modelli Grey-Box Controllando regolarmente l errore di previsione è possibile capire quando aggiornare il modulo di correzione. L architettura proposta, oltre ad essere caratterizzata da elevate prestazioni nella stima della temperatura di hotspot, è caratterizzata da: 1. La capacità di adattarsi agli intrinseci fenomeni tempo-varianti che influenzano la dinamica termica di una linea aerea. 2. Ridotti oneri computazionali, caratteristica particolarmente gradita nell implementazione hardware. Ciò si deve all effetto congiunto della semplicità del modello white box unito al fatto che il LL non richiede né una pesante identificazione strutturale né un lungo processo di aggiornamento. Il modulo correttivo riceve in input le informazioni del modello fisico e le misure in campo fornendo in output una correzione della previsione del modello fisico stesso.

12 Modelli Grey-Box Sia Θ H (t) la reale temperatura di hot spot all istante t e Θ M (t) la previsione di Θ H (t) fornita dal modello fisico. Denotiamo con E H = Θ H (t) - Θ M (t) l errore di previsione del modello white box. Quando Θ H (t) e Θ M (t) sono disponibili, E H può essere calcolato ed immagazzinato nel database delle osservazioni. In questo modo un predittore black-box può essere utilizzato per predire il valore di E H (t) dato un insieme di valori di input. Struttura black-box proposta per la previsione a breve termine (short term forecasting [5min-1h]) ^ E H ( t ) = f ( Θ ( t k ), Θ ( t ),I ( t 1) ) H m L Struttura black-box proposta per la previsione a lungo termine (middle term forecasting [alcune h], long tem forecasting [1 giorno], very long term forecasting [2 giorni] ) ^ E H ( t ) = f ( Θ ( t ),I ( t 1) ) m L

13 Sviluppo di un sistema avanzato per la DTR Aspetti tecnologici Architettura di un sistema WAMS-oriented.

14

15 Sviluppo di un sistema avanzato per la DTR Aspetti metodologici Al fine di effettuare una previsione dei valori di caricabilità della rete, è in fase di sperimentazione una metodologia integrata (UNISANNIO+CIRA) in grado di calcolare la reale capacità di trasporto delle singole linee e di stimarne l andamento nel tempo al variare dei valori previsti per le grandezze ambientali, quali la temperatura, la velocità del vento, l irraggiamento solare, ecc.. Si tratta di un sistema integrato per il monitoraggio termico e per la previsione della reale capacità di trasporto di linee elettriche avente un architettura distribuita che implementerà funzioni in grado di: - Acquisire le variabili climatiche locali; - Effettuare il monitoraggio termico dei conduttori (misura dell hot-spot); - Calcolare la reale capacità di trasporto della linea; - Elaborare una stima della capacità di trasporto della rete nel brevissimo/breve/medio periodo.

16 Sviluppo di un sistema avanzato per la DTR Ciò è implementato attraverso l attuazione di tre fasi fondamentali: 1. Definizione di un idonea architettura in grado di elaborare informazioni e dati utili al calcolo della reale caricabilità delle singole linee, ivi inclusa l identificazione dell hot spot; 2. La messa a punto di modelli termici dei conduttori, di tipo adattativo, caratterizzati da elevata accuratezza e in grado di stimare la portata reale della conduttura al variare delle condizioni climatiche; 3. Assunzione di previsioni meteorologiche accurate.

17 Sviluppo di un sistema avanzato per la DTR Primi rilievi sperimentali e preliminari valutazioni analitiche relative all asset Benevento 2 Foiano di Valfortore. Ampacity IEEE738 vs. Ampacity misurata per il bimestre Agosto-Settembre CEI 11/60 zonaa Ampacity dati Terna Ampacity Tc= Ampacity (A) agosto agosto agosto agosto settembre settembre settembre settembre 2012

18 Sviluppi Futuri Validazione dei modelli di DTR su dati in campo - field data. Sviluppo metodologico ed implementazione di nuove funzioni di controllo e protezione. Sviluppo di reti di sensori distribuiti. Caratterizzazione delle metodologie di forecasting applicate alla Dynamic Energy Weather Prediction (DEWP) con field test. Sviluppo e testing di metodologie probabilistiche tese alla ricerca di potenziali correlazioni tra la producibilità dei bacini eolici dell alto Sannio, grandezze meteo e la caricabilità del collegamento Foiano-Benevento II. Definizione di nuovi indici probabilistici che misurino lo sfruttamento del sistema. Analisi di DSA con particolare riferimento alla stabilità d angolo e alla detection di low frequency oscillations.

19 Grazie per l attenzione Dott. Cosimo Pisani 19

20 Giornata di studio La Rete Elettrica di Trasmissione Nazionale e la Sfida delle Energie Rinnovabili L evoluzione del Sistema di Trasmissione in Italia METODOLOGIE PER LA GESTIONE DINAMICA DELLE LINEE DI TRASMISSIONE: La gestione dei parametri meteorologici

21 FONTI ENERGETICHE RINNOVABILI Dal Decreto Legislativo n. 28 del 3 marzo 2011: «energia da fonti rinnovabili»: energia proveniente da fonti rinnovabili non fossili, vale a dire energia eolica, solare, aerotermica, geotermica, idrotermica e oceanica, idraulica, biomassa, gas di discarica, gas residuati dai processi di depurazione e biogas. Nell'ambito della produzione di energia elettrica le fonti rinnovabili vengono inoltre classificate in: fonti programmabili fonti non programmabili a seconda che possano essere programmate in base alla richiesta di energia oppure no. La produzione di energia da fonti non programmabili è strettamente legata alle condizioni meteorologiche in atto e previste Gestione dinamica delle linee di trasmissione Software per lo studio e la produzione di dati Meteo in ambiente GIS

22 CMCC - WeatherAnalyst. Il Software per lo studio e la produzione di dati Meteo in ambiente GIS Necessità Sviluppo di tool per automatizzare le operazioni di indagine dei dati atmosferici ottenuti da diverse piattaforme: modelli numerici (NWP e CM), database osservazioni (inclusi satelliti) Facilitare il confronto tra fonti dati eterogenei Possibilità di usufruire degli strumenti GIS per Analisi / Validazioni delle previsioni meteorologiche e proiezioni climatiche in alcune aree di interesse e/o su infrastrutture/punti di interesse. Rendere veloce e agevole l interscambio dei dati con enti terzi legati ad una molteplicità di standard aperti o proprietari

23 CMCC - WeatherAnalyst. Il Software per lo studio e la produzione di dati Meteo in ambiente GIS La Risposta: Creare un software integrato in un ambiente GIS Desktop consolidato capace quest ultimo di offrire delle primitive di alto livello con cui interfacciarsi. Software dotato di interfaccia utente tipo Plug-in (estensione) ma costruito in maniera indipendente dall ambiente ospite per facilitarne la portabilità Il Rilascio: Weather Analyst intende superare il paradigma Fine Ricerca Messa in produzione Attività di Ricerca Implementazione Algoritmi Vuole fornire elaborati che riflettano in qualità le evidenze che via via si acquisiscono Ricerca e Validazione Fornitura Elaborati

24 CMCC - WeatherAnalyst. Il Software per lo studio e la produzione di dati Meteo in ambiente GIS Interoperabilità e GeoDB Schema delle interfacce Griglie Cosmo LM NetCDF Input Weather Analyst Dati Satellitari Output Catalogo Export IMOD Dati Pluviometrici in situ Esri GeoDB ArcMap / Esri tools.shp /.Kml Web GIS

25 CMCC - WeatherAnalyst. Il Software per lo studio e la produzione di dati Meteo in ambiente GIS: IL MODELLO COSMO LM Input WeatherAnalyst: Dati meteo COSMO LM Dati protezione civile Dati satellitari Il modello COSMO-LM è il modello di riferimento operativo dei servizi meteorologici di molti paesi europei (Grecia, Svizzera, Germania, Polonia, Romania, Italia, Russia). Al consorzio COSMO partecipano università e centri di ricerca. Per l Italia esso rappresenta il modello sviluppato dal nostro servizio meteorologico nazionale ed è quello su cui si basa il sistema previsionale di riferimento per il sistema nazionale dei Centri Funzionali di Protezione Civile. COSMO LM: modello regionale Si tratta di un modello sottoposto costantemente a verifica e a sviluppo. Mappa disponibile grazie alla collaborazione scientifica con il servizio di meteorologia nazionale italiano

26 CMCC - WeatherAnalyst. Il Software per lo studio e la produzione di dati Meteo in ambiente GIS: IL MODELLO COSMO LM Cosa fa il modello COSMO LM LM simula l'evoluzione delle variabili meteo sul dominio di interesse. Le variabili meteo sono ad esempio vento, temperatura, umidità. L'evoluzione temporale e' dettata da: regole fisiche codificate nel modello eventuali osservazioni passate al modello Condizioni iniziali ed condizioni al contorno dell'area considerata. Risoluzione orizzontale Livelli verticali Time step 7 km s 72h 2.8 km s 18h Range di previsione

27 CMCC - WeatherAnalyst. Il Software per lo studio e la produzione di dati Meteo in ambiente GIS: IL MODELLO COSMO LM I modelli meteo per la produzione e distribuzione di energia Stime che possono essere ottenute a partire dalle previsioni dell andamento delle variabili meteorologiche: Stima della produzione di energia rinnovabili quali ad esempio: idroelettrica, eolica e solare fotovoltaica. Stima dei consumi di energia previsti. Stima della integrità della rete di trasmissione. Stima della sicurezza degli impianti in condizioni meteorologiche avverse

28 CMCC - WeatherAnalyst. Il Software per lo studio e la produzione di dati Meteo in ambiente GIS: IL MODELLO COSMO LM Principali variabili meteorologiche da osservare e prevedere (1) Per la produzione : Eolico : Stima dell andamento dell intensità e direzione del vento e sulla presenza di raffiche, ect.. Solare: Stima della radiazione solare, ect. Idroelettrica : Stima per i bacini della quantità di precipitazione prevista e suddivisione in neve e pioggia, ect.. La previsione consente anche di stimare la redditività delle diverse di tipologie di energia alternativa, permettendo di ottimizzare la produzione.

29 CMCC - WeatherAnalyst. Il Software per lo studio e la produzione di dati Meteo in ambiente GIS: IL MODELLO COSMO LM Principali variabili meteorologiche da osservare e prevedere (2) Per i consumi: Stima della temperatura media, minima e massima Stima dell umidità media giornaliera Stima della copertura nuvolosa Stima dell andamento del vento medio (direzione intensità). Il trend futuro, a causa dei cambiamenti climatici, indica l aumento di temperature estreme e in particolar modo delle ondate di calore. Il crescente uso degli apparati di condizionamento dell aria aumenterà sensibilmente la dipendenza dal fabbisogno elettrico dai fattori meteorologici

30 CMCC - WeatherAnalyst. Il Software per lo studio e la produzione di dati Meteo in ambiente GIS: IL MODELLO COSMO LM Principali variabili meteorologiche da osservare e prevedere (3) Per la sicurezza degli impianti e l integrità della rete di trasmissione: Stima di eventi meteorologici ad alto impatto: quali temporali, grandinate, gelate, trombe d aria, neve e nebbia. Il trend futuro, a causa dei cambiamenti climatici, indica l aumento di eventi estremi sul Mediterraneo (tra cui eventi di venti intensi)

31 CMCC - WeatherAnalyst. Il Software per lo studio e la produzione di dati Meteo in ambiente GIS OUTPUT Elaborazioni ArcGIS/Matlab per una prima valutazione delle prestazioni del modello Downscaling dei dati tramite l utilizzo di differenti tecniche interpolative (deterministiche e probabilistiche) Possibilità di esportazione dati in formato compatibile con modelli geotecnici per la stima delle condizioni di stabilità di versanti RISULTATO: possibilità di import/export ed analisi dei dati provenienti da diverse piattaforme in modo semplice, tramite l utilizzo di un interfaccia grafica user-friendly

32 CMCC - WeatherAnalyst. Il Software per lo studio e la produzione di dati Meteo in ambiente GIS Step Futuri 1. verifica del tool attraverso un utilizzo quasioperativo. 2. Implementazione per l elaborazione di dati climatici oltre che meteorologici. 3. Ampliamento di tecniche di downscaling per divese variabili atmosferiche e utilizzando diversi schemi.

Previsione BT dei prezzi MGP nazionale e zonali: Il progetto PriceCast in collaborazione con l Università di Verona

Previsione BT dei prezzi MGP nazionale e zonali: Il progetto PriceCast in collaborazione con l Università di Verona Previsione BT dei prezzi MGP nazionale e zonali: Il progetto PriceCast in collaborazione con l Università di Verona Fany Nan ifs Italia Università di Verona Mercati energetici e metodi quantitativi: un

Dettagli

METODOLOGIA DI PREVISIONE DELLA DOMANDA ELETTRICA E DELLA

METODOLOGIA DI PREVISIONE DELLA DOMANDA ELETTRICA E DELLA 1 di 5 METODOLOGIA DI PREVISIONE DELLA DOMANDA ELETTRICA E DELLA PREVISIONE DA FONTI RINNOVABILI AI FINI DELLA FASE DI PROGRAMMAZIONE DI MSD Storia delle revisioni Rev.00 25/02/2016 Versione iniziale 2

Dettagli

Meteonorm 7.0. ATH Italia Srl Divisione Software

Meteonorm 7.0. ATH Italia Srl Divisione Software Meteonorm 7.0 Meteonorm è un database di informazioni meteorologiche, che prevede dati sempre aggiornati e procedure di calcolo per le località prive di dati statistici. - - - - - - - - - - - - - - - -

Dettagli

HELP DESK SERVIZIO METEO INVERNALE PER I GESTORI DELLA VIABILITÀ. tel. +39.049.9125902 info@radarmeteo.com www.radarmeteo.com

HELP DESK SERVIZIO METEO INVERNALE PER I GESTORI DELLA VIABILITÀ. tel. +39.049.9125902 info@radarmeteo.com www.radarmeteo.com HELP DESK SERVIZIO METEO INVERNALE PER I GESTORI DELLA VIABILITÀ Radarmeteo srl a socio unico Via Mezzavia, 115/5 35020 Due Carrare (PD) Italia tel. +39.049.9125902 info@radarmeteo.com www.radarmeteo.com

Dettagli

Il valore della previsione meteo per i modelli di stima dei consumi, produzione e distribuzione dell energia

Il valore della previsione meteo per i modelli di stima dei consumi, produzione e distribuzione dell energia Il valore della previsione meteo per i modelli di stima dei consumi, produzione e distribuzione dell energia Dr. Raffaele Salerno Direttore Generale - CSO-COO Centro Epson Meteo Il Centro Epson Meteo:

Dettagli

Liceo Tecnologico. Indirizzo Elettrico Elettronico. Indicazioni nazionali per Piani di Studi Personalizzati

Liceo Tecnologico. Indirizzo Elettrico Elettronico. Indicazioni nazionali per Piani di Studi Personalizzati Indicazioni nazionali per Piani di Studi Personalizzati Obiettivi Specifici d Apprendimento Discipline con attività di laboratorio 3 4 5 Fisica 99 Gestione di progetto 132 99 *Tecnologie informatiche e

Dettagli

LINEA DI RICERCA 2.8: "Analisi e catalogazione degli esperimenti agronomici di lungo termine: produttività e ciclo del carbonio."

LINEA DI RICERCA 2.8: Analisi e catalogazione degli esperimenti agronomici di lungo termine: produttività e ciclo del carbonio. Relazione II anno Climagri - Cambiamenti Climatici e Agricoltura sottoprogetto 2: Agricoltura Italiana e Cambiamenti Climatici LINEA DI RICERCA 2.8: "Analisi e catalogazione degli esperimenti agronomici

Dettagli

(B) Finanziamento richiesto dal Cesi (migliaia di euro)

(B) Finanziamento richiesto dal Cesi (migliaia di euro) Tabella n. 1 (A) Denominazione del progetto (B) Finanziamento richiesto dal Cesi (migliaia di euro) (C) Finanziamento ammesso a carico del Fondo (migliaia di euro) SCENARI (1) 16058 11291 GEN 21 (2) 57610

Dettagli

Smart tdistrict, i t modellistica energetica per distretti territoriali

Smart tdistrict, i t modellistica energetica per distretti territoriali Smart tdistrict, i t modellistica energetica per distretti territoriali ing. Stefano Capelli Responsabile Progetto Nuovi Business Workshop Nazionale Simulazione del Sistema Energetico 25 26 marzo 2015

Dettagli

Potenza eolica in EU15 a fine 2009

Potenza eolica in EU15 a fine 2009 La previsione delle immissioni di energia elettrica da fonti rinnovabili quale meccanismo di integrazione nelle reti di distribuzione, l esperienza del GSE www.gse.it Catania 9 Novembre 2010 AEIT Giornata

Dettagli

STRUMENTO PER LA LOCALIZZAZIONE DI CAMPI EOLICI. Eolo-CISMA

STRUMENTO PER LA LOCALIZZAZIONE DI CAMPI EOLICI. Eolo-CISMA STRUMENTO PER LA LOCALIZZAZIONE DI CAMPI EOLICI Eolo-CISMA è un sistema di previsioni meteorologiche messo a punto da CISMA srl che ci permette di disporre di previsioni del potenziale eolico di un sito

Dettagli

Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca. Liceo Tecnologico. Indirizzo Elettrico Elettronico

Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca. Liceo Tecnologico. Indirizzo Elettrico Elettronico Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Liceo Tecnologico Indicazioni nazionali per i Piani di Studio Personalizzati Obiettivi Specifici di Apprendimento Allegato_C8-LT-02-Elettrico

Dettagli

Automazione Industriale (scheduling+mms) scheduling+mms. adacher@dia.uniroma3.it

Automazione Industriale (scheduling+mms) scheduling+mms. adacher@dia.uniroma3.it Automazione Industriale (scheduling+mms) scheduling+mms adacher@dia.uniroma3.it Introduzione Sistemi e Modelli Lo studio e l analisi di sistemi tramite una rappresentazione astratta o una sua formalizzazione

Dettagli

Le tecnologie geospaziali a supporto della pianificazione e della operatività dei sistemi eolici

Le tecnologie geospaziali a supporto della pianificazione e della operatività dei sistemi eolici ENERGY SOLUTIONS La forza del vento Le tecnologie geospaziali a supporto della pianificazione e della operatività dei sistemi eolici L energia è diventata una priorità nella politica europea. Fino ad oggi

Dettagli

3 ANNO. COMPETENZE ABILITA CONOSCENZE Progettare strutture ed organi meccanici

3 ANNO. COMPETENZE ABILITA CONOSCENZE Progettare strutture ed organi meccanici PECUP SECONDO BIENNIO (3 E 4 ANNO) Meccanica, Meccatronica ed Energia Articolazione: Meccanica e Meccatronica Disciplina: Meccanica, Macchine ed Energia 3 ANNO Macro-competenze A Progettare strutture,

Dettagli

Modelli meteorologici

Modelli meteorologici Fondamenti di meteorologia e climatologia Cenni storici Vilhelm Bjerknes (1904): L evoluzione degli stati atmosferici é controllata da leggi fisiche, quindi condizioni necessarie e sufficienti per risolvere

Dettagli

Weather Analyst Un tool GIS per lo studio degli impatti al suolo dei cambiamenti climatici

Weather Analyst Un tool GIS per lo studio degli impatti al suolo dei cambiamenti climatici Weather Analyst Un tool GIS per lo studio degli impatti al suolo dei cambiamenti climatici Autori: Francesco Cotroneo, Divisione impatti al suolo e sulle coste, Centro Euro Mediterraneo sui cambiamenti

Dettagli

Edifici a consumo quasi zero: fattibilità per il nuovo e l esistente

Edifici a consumo quasi zero: fattibilità per il nuovo e l esistente Convegno Bentornata efficienza energetica Nuovi impegni degli stakeholder e nuove linee d intervento nell edilizia Università Bocconi, 13 dicembre 2010 Edifici a consumo quasi zero: fattibilità per il

Dettagli

CONSIDERAZIONI E PROPOSTE RELATIVE AL

CONSIDERAZIONI E PROPOSTE RELATIVE AL AUDIZIONE PRESSO LE COMMISSIONI 6 a E 10 a DEL SENATO 18 GIUGNO 2013 CONSIDERAZIONI E PROPOSTE RELATIVE AL DDL CONVERSIONE DECRETO LEGGE N. 63/2013 RECANTE RECEPIMENTO DELLA DIRETTIVA 2010/31/UE DEL PARLAMENTO

Dettagli

INDICE. Premesse. La REANALISI. I servizi a supporto dello sviluppo di progetti Eolici. Analisi dei vantaggi offerti da servizi Meteocenter

INDICE. Premesse. La REANALISI. I servizi a supporto dello sviluppo di progetti Eolici. Analisi dei vantaggi offerti da servizi Meteocenter powered by INDICE Premesse La REANALISI I servizi a supporto dello sviluppo di progetti Eolici Analisi dei vantaggi offerti da servizi Meteocenter 2 PREMESSE MERCATO EOLICO Ricerca tramite modellistica

Dettagli

BOZZA DEL 06/09/2011

BOZZA DEL 06/09/2011 ARTICOLAZIONE: INFORMATICA Disciplina: COMPLEMENTI DI MATEMATICA (C4) Il docente di Complementi di matematica concorre a far conseguire allo studente, al termine del percorso quinquennale, i seguenti risultati

Dettagli

TECNICO SUPERIORE PER I RILEVAMENTI TERRITORIALI INFORMATIZZATI

TECNICO SUPERIORE PER I RILEVAMENTI TERRITORIALI INFORMATIZZATI ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE SETTORE EDILIZIA TECNICO SUPERIORE PER I RILEVAMENTI TERRITORIALI INFORMATIZZATI STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI TECNICO SUPERIORE PER I

Dettagli

ARTICOLO TECNICO Smart-MED-Parks: il Software

ARTICOLO TECNICO Smart-MED-Parks: il Software ARTICOLO TECNICO Smart-MED-Parks: il Software Introduzione Da Febbraio 2013, data di lancio del progetto Smart-MED-Parks, sono state realizzate un insieme di azioni al fine di: - Aumentare il livello di

Dettagli

Università degli Studi di Perugia Facoltà di Ingegneria Corso di laurea specialistica in Ingegneria Meccanica

Università degli Studi di Perugia Facoltà di Ingegneria Corso di laurea specialistica in Ingegneria Meccanica Università degli Studi di Perugia Facoltà di Ingegneria Corso di laurea specialistica in Ingegneria Meccanica Corso di Impatto ambientale Modulo Pianificazione Energetica a.a. 2012/13 Prof. Ing. Francesco

Dettagli

L integrazione degli impianti alimentati da fonti rinnovabili non programmabili nelle reti elettriche

L integrazione degli impianti alimentati da fonti rinnovabili non programmabili nelle reti elettriche FEDERPERN Italia Convegno nazionale L energia idroelettrica in Italia L integrazione degli impianti alimentati da fonti rinnovabili non programmabili nelle reti elettriche Ing. Alessandro Arena Direzione

Dettagli

Consumi Energetici nelle aziende: Conoscenza Razionalizzazione Interventi di Efficientamento Monitoraggio Continuo

Consumi Energetici nelle aziende: Conoscenza Razionalizzazione Interventi di Efficientamento Monitoraggio Continuo Consumi Energetici nelle aziende: Conoscenza Razionalizzazione Interventi di Efficientamento Monitoraggio Continuo GREEN ENERGY PLUS S.R.L. Via della Ricerca Scientifica snc c/o Parco Scientifico Romano

Dettagli

Fattori di incertezza nella certificazione energetica

Fattori di incertezza nella certificazione energetica Incrementare il valore degli edifici civili e industriali Il valore dell affidabilità delle misure, prove e certificazioni nella Diagnosi Energetica 18 Aprile 2012 Fattori di incertezza nella certificazione

Dettagli

Validazione del modello di circolazione Marina dello Stretto di Messina mediante dati acquisiti in situ

Validazione del modello di circolazione Marina dello Stretto di Messina mediante dati acquisiti in situ Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l energia e lo sviluppo economico sostenibile MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO Validazione del modello di circolazione Marina dello Stretto di Messina mediante

Dettagli

RELATORE: Prof. Ing. Placido Munafò. TESI DI LAUREA DI: Emanuela Sbriccoli. CORRELATORI: Dott. Ing. Costanzo Di Perna. Dott. Ing.

RELATORE: Prof. Ing. Placido Munafò. TESI DI LAUREA DI: Emanuela Sbriccoli. CORRELATORI: Dott. Ing. Costanzo Di Perna. Dott. Ing. UNIVERSITA POLITECNICA DELLE MARCHE - FACOLTA DI INGEGNERIA CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA EDILE - ARCHITETTURA ANALISI DELL EFFICACIA DELLE SCHERMATURE SOLARI: CONFRONTO FRA UN MODELLO IDEALE E UN CASO

Dettagli

SIMULAZIONE E ANALISI SOFTWARE PER MACCHINE UTENSILI

SIMULAZIONE E ANALISI SOFTWARE PER MACCHINE UTENSILI SIMULAZIONE E ANALISI SOFTWARE PER MACCHINE UTENSILI Antonio Scippa u macchine utensili u Ottimizzare i parametri per una lavorazione di fresatura su macchina a controllo numerico significa sfruttare in

Dettagli

IL FOTOVOLTAICO E L ARCHITETTURA

IL FOTOVOLTAICO E L ARCHITETTURA IL FOTOVOLTAICO E L ARCHITETTURA Prof. Paolo ZAZZINI Ing. Nicola SIMIONATO LA QUESTIONE ENERGETICA Riduzione dei consumi energetici Adozione di strategie e tecnologie più efficienti di produzione, distribuzione

Dettagli

Applicazione di tecnologie innovative nella determinazione della temperatura superficiale delle acque marine

Applicazione di tecnologie innovative nella determinazione della temperatura superficiale delle acque marine Dr. Geol. Gaetano La Bella Applicazione di tecnologie innovative nella determinazione della temperatura superficiale delle acque marine MoGeIFaCo Elaborazione di un modello di gestione integrata della

Dettagli

UTILIZZO DEL CALORE SOLARE E AMBIENTALE PER LA CLIMATIZZAZIONE

UTILIZZO DEL CALORE SOLARE E AMBIENTALE PER LA CLIMATIZZAZIONE UTILIZZO DEL CALORE SOLARE E AMBIENTALE PER LA CLIMATIZZAZIONE Il workshop ha lo scopo di illustrare i risultati conseguiti sul tema della climatizzazione sostenibile in ambito Ricerca di Sistema Elettrico

Dettagli

CROMoS Continuous Remote Odour Monitoring System

CROMoS Continuous Remote Odour Monitoring System CROMoS Continuous Remote Odour Monitoring System NOWCASTING & FORECASTING MANAGEMENT SYSTEM Progetto I3P EVOLVEA E GRUPPO FILIPPETTI EVOLVEA fornisce servizi di controllo, verifica per la Qualità, Salute,

Dettagli

L IDENTIFICAZIONE STRUTTURALE

L IDENTIFICAZIONE STRUTTURALE e L IDENTIFICAZIONE STRUTTURALE I problemi legati alla manutenzione e all adeguamento del patrimonio edilizio d interesse storico ed artistico sono da alcuni anni oggetto di crescente interesse e studio.

Dettagli

Energia da fonti rinnovabili in Italia Dati preliminari 2015

Energia da fonti rinnovabili in Italia Dati preliminari 2015 Energia da fonti rinnovabili in Italia Dati preliminari 2015 29 febbraio 2016 1. Premessa In un quadro di continua evoluzione normativa, tecnologica e di mercato, la disponibilità di dati aggiornati e

Dettagli

Obie%vo Realizza-vo 4 Realizzazione servizi condivisi

Obie%vo Realizza-vo 4 Realizzazione servizi condivisi Obie%vo Realizza-vo 4 Realizzazione servizi condivisi Partner responsabile Giovanni Cinque Direttore Generale HIMET S.r.l. I Workshop Proge-o RoMA Giovedi 20 marzo 2014 ROMA Principali Obie%vi di OR4 (1)

Dettagli

Green Communities nelle Regioni Obiettivo Convergenza

Green Communities nelle Regioni Obiettivo Convergenza Programma Operativo Interregionale Energie rinnovabili e risparmio energetico 2007 2013 Green Communities nelle Regioni Obiettivo Convergenza Metodologia/procedura attività Linea 2 Premessa Secondo quanto

Dettagli

Capitolo 2. Un introduzione all analisi dinamica dei sistemi

Capitolo 2. Un introduzione all analisi dinamica dei sistemi Capitolo 2 Un introduzione all analisi dinamica dei sistemi Obiettivo: presentare una modellistica di applicazione generale per l analisi delle caratteristiche dinamiche di sistemi, nota come system dynamics,

Dettagli

DTI SUPSI. Corso: Produrre energia con il vento - DACD SUPSI. Maurizio Barbato ; Davide Montorfano - DTI SUPSI

DTI SUPSI. Corso: Produrre energia con il vento - DACD SUPSI. Maurizio Barbato ; Davide Montorfano - DTI SUPSI DTI / ICIMSI / PRODURRE ENERGIA CON IL VENTO PROGETTO DTI SUPSI 1 Progetto Generatore Eolico DTI SUPSI Corso: Produrre energia con il vento - DACD SUPSI Maurizio Barbato ; Davide Montorfano - DTI SUPSI

Dettagli

Progettare con il vetro. L involucro trasparente è efficiente per il comfort termico e visivo.

Progettare con il vetro. L involucro trasparente è efficiente per il comfort termico e visivo. Progettare con il vetro. L involucro trasparente è efficiente per il comfort termico e visivo. Estratto dal libro: Involucro trasparente ed efficienza energetica Tecnologie, prestazioni e controllo ambientale

Dettagli

Qualificazione dell installatore, gestore e manutentore di sistemi di climatizzazione invernale ed estiva a pompe di calore: Livello 4

Qualificazione dell installatore, gestore e manutentore di sistemi di climatizzazione invernale ed estiva a pompe di calore: Livello 4 Qualificazione dell installatore, gestore e manutentore di sistemi di climatizzazione invernale ed estiva a pompe di calore: Livello 4 REQUISITI MINIMI DI ACCESSO E CORSI E LEARNING/VIDEO LEZIONI DISPONIBILI

Dettagli

PROCEDURA PER LA SELEZIONE DELLE RISORSE PER LA FASE DI

PROCEDURA PER LA SELEZIONE DELLE RISORSE PER LA FASE DI 1 di 22 PROCEDURA PER LA SELEZIONE DELLE RISORSE PER LA FASE DI PROGRAMMAZIONE DEL Storia delle revisioni Rev.01 15/10/2009 Introduzione nuove modalità di offerta sul Rev.02 15/05/2010 Adeguamento alla

Dettagli

Energia e diritto. Cenni giuridici sul panorama delle energie rinnovabili

Energia e diritto. Cenni giuridici sul panorama delle energie rinnovabili 8 aprile 2011 - Camera di Commercio di Milano Finanza e gestione per le imprese lombarde degli anni 10 Consorzio camerale per il credito e la finanza Energia e diritto Cenni giuridici sul panorama delle

Dettagli

INDIRIZZO Informatica e Telecomunicazioni

INDIRIZZO Informatica e Telecomunicazioni ISTRUZIONE TECNICA INDIRIZZO Informatica e Telecomunicazioni L indirizzo Informatica e Telecomunicazioni ha lo scopo di far acquisire allo studente, al termine del percorso quinquennale, specifiche competenze

Dettagli

Progetto Kyoto ADOZIONE E APPLICAZIONE DI MARKAL-TIMES PER LA COSTRUZIONE DI UN PIANO DI MITIGAZIONE PER LA REGIONE

Progetto Kyoto ADOZIONE E APPLICAZIONE DI MARKAL-TIMES PER LA COSTRUZIONE DI UN PIANO DI MITIGAZIONE PER LA REGIONE Progetto Kyoto ADOZIONE E APPLICAZIONE DI MARKAL-TIMES PER LA COSTRUZIONE DI UN PIANO DI MITIGAZIONE PER LA REGIONE Riassunto non tecnico U.O. FEEM 2 anno Responsabile di Linea: Prof. Marzio Galeotti,

Dettagli

35272&2//2',0,685$'(,&$03,(/(775,&2(0$*1(7,&2$+]$,),1,

35272&2//2',0,685$'(,&$03,(/(775,&2(0$*1(7,&2$+]$,),1, 35272&2//2',0,685$'(,&$03,(/(775,&2(0$*1(7,&2$+]$,),1, '(// $33/,&$=,21('(//$'*51 3RVL]LRQLGLPLVXUD - Il sensore deve essere posizionato ad un altezza di 1,5 m dal suolo - La misura deve essere eseguita

Dettagli

Introduzione al Calcolo Scientifico

Introduzione al Calcolo Scientifico Introduzione al Calcolo Scientifico Corso di Calcolo Numerico, a.a. 2010/2011 Francesca Mazzia Dipartimento di Matematica Università di Bari Francesca Mazzia (Univ. Bari) Introduzione al Calcolo Scientifico

Dettagli

Massimo Rundo Politecnico di Torino Dipartimento Energia Fluid Power Research Laboratory

Massimo Rundo Politecnico di Torino Dipartimento Energia Fluid Power Research Laboratory La simulazione delle pompe oleodinamiche Massimo Rundo Politecnico di Torino Dipartimento Energia Fluid Power Research Laboratory Politecnico di Torino Dipartimento Energia Macchine a fluido Laboratorio

Dettagli

CBA-SD uno strumento per la valutazione economica dei benefici del Cloud Computing

CBA-SD uno strumento per la valutazione economica dei benefici del Cloud Computing CBA-SD uno strumento per la valutazione economica dei benefici del Cloud Computing Indice 1 Il Cloud Benefit Accelerator - Strecof Dynamics - CBA-SD 3 2 Aspetti matematici, economici e statistici del CBA-SD

Dettagli

Il radar meteorologico

Il radar meteorologico Il radar meteorologico Il radar meteorologico è uno strumento che sfrutta impulsi di onde elettromagnetiche per rilevare la presenza in atmosfera di idrometeore (goccioline d acqua, cristalli di neve o

Dettagli

GREEN JOBS. Energy Modeling. Ing. Fabio Minchio, Ph.D. in energetica 3F-Engineering. Roma, 23 marzo 2013

GREEN JOBS. Energy Modeling. Ing. Fabio Minchio, Ph.D. in energetica 3F-Engineering. Roma, 23 marzo 2013 GREEN JOBS Energy Modeling Ing. Fabio Minchio, Ph.D. in energetica 3F-Engineering Roma, 23 marzo 2013 1 Energy Modeling? Modelizzazione dinamica attraverso codici di calcolo (software validati) del comportamento

Dettagli

Scuola di Dottorato in Scienze dell Ingegneria

Scuola di Dottorato in Scienze dell Ingegneria Università degli studi di Trieste Scuola di Dottorato in Scienze dell Ingegneria Indirizzo in Ingegneria Meccanica, Navale, dell Energia e della Produzione XXVII ciclo Report sull attività svolta nel corso

Dettagli

Workshop Italiano sull ecobuilding

Workshop Italiano sull ecobuilding Workshop Italiano sull ecobuilding I modelli di simulazione ENEA: la piattaforma ODESSE (Optimal DESign for Smart Energy) 29 Ottobre 2008 C.R. ENEA Bologna Aula Magna, Via Martiri Monte Sole 4, Bologna

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO DI II LIVELLO

MASTER UNIVERSITARIO DI II LIVELLO In convenzione con Partner Tecnologico MASTER UNIVERSITARIO DI II LIVELLO Geoinformazione e Sistemi di Informazione Geografica a supporto dei processi di Gestione Sostenibile del Territorio e della Sicurezza

Dettagli

Introduzione al monitoraggio degli edifici

Introduzione al monitoraggio degli edifici Introduzione al monitoraggio degli edifici ing. Lorenzo Balsamelli Onleco s.r.l. balsamelli@onleco.com _Profilo ONLECO nasce nel 2001 per iniziativa di giovani ricercatori e dottorandi in Energetica e

Dettagli

AnAlisi della Rete idrografica consortile

AnAlisi della Rete idrografica consortile Widespread introduction of constructed wetlands for a wastewater treatment of Agro Pontino life+08 env/it/000406 consorzio di BonificA dell AgRo Pontino AZione 7.2 AnAlisi della Rete idrografica consortile

Dettagli

Specializzazione Elettronica ed Elettrotecnica Articolazione Elettrotecnica. Elettronica ed Elettrotecnica - Classe 3^

Specializzazione Elettronica ed Elettrotecnica Articolazione Elettrotecnica. Elettronica ed Elettrotecnica - Classe 3^ Specializzazione Elettronica ed Elettrotecnica Articolazione Elettrotecnica Elettronica ed Elettrotecnica - Classe 3^ 1- Reti elettriche in corrente continua Grandezze elettriche fondamentali e loro legami,

Dettagli

Il vento nei modelli di clima

Il vento nei modelli di clima Il vento nei modelli di clima Alessandro Dell Aquila Sandro Calmanti ENEA UTMEA-CLIM Unità Tecnica Modellistica Energetica Ambientale Laboratorio Modellistica Climatica ed Impatti CNMCA Giovedì 29 Aprile

Dettagli

Introduzione al Calcolo Scientifico

Introduzione al Calcolo Scientifico Introduzione al Calcolo Scientifico Corso di Calcolo Numerico, a.a. 2008/2009 Francesca Mazzia Dipartimento di Matematica Università di Bari Francesca Mazzia (Univ. Bari) Introduzione al Calcolo Scientifico

Dettagli

Sensori e trasduttori. Dispense del corso ELETTRONICA L Luca De Marchi

Sensori e trasduttori. Dispense del corso ELETTRONICA L Luca De Marchi Sensori e trasduttori Dispense del corso ELETTRONICA L Luca De Marchi Gli Obiettivi Struttura generale di sistemi di controllo e misura Sensori, trasduttori, attuatori Prima classificazione dei sistemi-sensori

Dettagli

IL PIANO ENERGETICO-AMBIENTALE PER LA PROVINCIA DI GROSSETO

IL PIANO ENERGETICO-AMBIENTALE PER LA PROVINCIA DI GROSSETO IL PIANO ENERGETICO-AMBIENTALE PER LA PROVINCIA DI GROSSETO Allegato A2.11 ANALISI DELLE POTENZIALITA DI SVILUPPO DI PRODUZIONE EOLICA Riferimento al capitolo 3.3 della Relazione di sintesi PEAP GR A cura

Dettagli

Strumenti di pianificazione e. teleriscaldamento urbano

Strumenti di pianificazione e. teleriscaldamento urbano Strumenti di pianificazione e gestione ottima delle reti di teleriscaldamento urbano Daniele Vigo Università di Bologna Dip. di Elettronica, Informatica e Sistemistica daniele.vigo@unibo.it Sommario Introduzione

Dettagli

Antonio De Blasiis Il rilievo del degrado ambientale. Metodi ingegneristici

Antonio De Blasiis Il rilievo del degrado ambientale. Metodi ingegneristici A09 162 Antonio De Blasiis Il rilievo del degrado ambientale Metodi ingegneristici Copyright MMXII ARACNE editrice S.r.l. www.aracneeditrice.it info@aracneeditrice.it via Raffaele Garofalo, 133/A B 00173

Dettagli

Ing. Giovandomenico Caridi

Ing. Giovandomenico Caridi PRODUZIONE COGENERATIVA DI ENERGIA ELETTRICA E CALORE DA FONTI RINNOVABILI: OTTIMIZZAZIONE DI RETI ELETTRICHE E DI CALORE SULLA BASE DELLO SVILUPPO DELLE RINNOVABILI Ing. Giovandomenico Caridi CONFERENZA

Dettagli

Green economy Le attività della Ricerca ENEL Sauro Pasini Ricerca ENEL Ingegneria e Innovazione

Green economy Le attività della Ricerca ENEL Sauro Pasini Ricerca ENEL Ingegneria e Innovazione Green economy Le attività della Ricerca ENEL Sauro Pasini Ricerca ENEL Ingegneria e Innovazione Green City Energy Pisa, 18 Dicembre 2009 La sfida climatica Le energie verdi rappresentano un'occasione da

Dettagli

Rapporto Statistico UE 27 Settore elettrico

Rapporto Statistico UE 27 Settore elettrico Rapporto Statistico UE 27 Settore elettrico Indice Introduzione... 2 Definizioni... 3 Evoluzione della produzione e della potenza per fonte nell UE 27... 5 Produzione e Potenza nel 2010 nell UE27... 6

Dettagli

Risultati della Ricerca

Risultati della Ricerca Risultati della Ricerca Titolo Mappe di conducibilità elettrica Descrizione estesa del risultato Le mappe ottenute con il cokriging per le variabili di induzione elettromagnetica (EMI) sembrano rivelare

Dettagli

Centri di Smistamento

Centri di Smistamento 1 Centri di Smistamento Progettazione e criteri di dimensionamento Agenda 2 Centri di Smistamento Il Dimensionamento Premessa Campo di applicazione I segmenti di processo Punti di attenzione Linee guida

Dettagli

Metodologia di monitoraggio Impianti fotovoltaici

Metodologia di monitoraggio Impianti fotovoltaici Metodologia di monitoraggio Impianti fotovoltaici Per effettuare il monitoraggio degli impianti fotovoltaici è stato scelto il metodo di acquisizione dati proposto dal Dott. Ing. F. Spertino, Dott. Ing.

Dettagli

AZIONE DI SISTEMA G. Partner responsabile Università de Corse

AZIONE DI SISTEMA G. Partner responsabile Università de Corse N componente 5 N azione 3.2 Titolo prodotto : prototipi software di simulazione del comportamento idrologico del bacino versante del sud est della Corsica tenendo conto le ottimizzazioni AZIONE DI SISTEMA

Dettagli

www.radiomontagna.org

www.radiomontagna.org Radiosondaggi Introduzione I radiosondaggi costituiscono una grandissima e per certi aspetti, l unica fonte di informazioni per la meteorologia, le informazioni raccolte tramite questa tecnica vengono

Dettagli

Modellistica e simulazione ad agente dei mercati liberi dell'energia elettrica

Modellistica e simulazione ad agente dei mercati liberi dell'energia elettrica Università degli Studi di Genova Facoltà di Ingegneria Corso di Laurea in Ingegneria Elettronica Modellistica e simulazione ad agente dei mercati liberi dell'energia elettrica Candidato: Luigi Mauro Benvenuto

Dettagli

Studio, sviluppo e validazione di metodi e strumenti innovativi per la gestione di reti di distribuzione attive con generazione da fonte rinnovabile

Studio, sviluppo e validazione di metodi e strumenti innovativi per la gestione di reti di distribuzione attive con generazione da fonte rinnovabile Studio, sviluppo e validazione di metodi e strumenti innovativi per la gestione di reti di distribuzione attive con generazione da fonte rinnovabile Presentazione del progetto www.smartgen.it Scopo: Contesto:

Dettagli

Comitato di pilotaggio Genova, 04 03 2011

Comitato di pilotaggio Genova, 04 03 2011 Programma di cooperazione transfrontaliera Italia /Francia Marittimo Programma cofinanziato con il Fondo Europeo di Sviluppo Regionale 2009-2013 Università degli Studi di Genova DICAT Comitato di pilotaggio

Dettagli

Università degli Studi di Perugia. Ing. Andrea Nicolini La situazione energetica italiana

Università degli Studi di Perugia. Ing. Andrea Nicolini La situazione energetica italiana Università degli Studi di Perugia Ing. Andrea Nicolini La situazione energetica italiana 2 La situazione energetica italiana Domanda e offerta di energia Consumi di energia Fonti Energetiche Rinnovabili

Dettagli

L'idea. Negli edifici del terziario oltre il 30% dell intero costo di costruzione è rappresentato dal costo degli impianti tecnologici.

L'idea. Negli edifici del terziario oltre il 30% dell intero costo di costruzione è rappresentato dal costo degli impianti tecnologici. L'idea Negli edifici del terziario oltre il 30% dell intero costo di costruzione è rappresentato dal costo degli impianti tecnologici. Gli impianti tecnologici contribuiscono in modo molto rilevante ai

Dettagli

IL CONCETTO DI FENOMENO ALEATORIO

IL CONCETTO DI FENOMENO ALEATORIO IL CONCETTO DI FENOMENO ALEATORIO Osservazione di Fenomeni Naturali (fisici, chimici,...) Sociali (economici, finanziari, psicologici,...) sui quali è difficile fare una previsione a causa di meccanismi

Dettagli

SISTEMI INNOVATIVI PER REALIZZARE L AUDIT ENERGETICO DEGLI EDIFICI. Walter GRASSI Gaetano FASANO Daniele TESTI

SISTEMI INNOVATIVI PER REALIZZARE L AUDIT ENERGETICO DEGLI EDIFICI. Walter GRASSI Gaetano FASANO Daniele TESTI SISTEMI INNOVATIVI PER REALIZZARE L AUDIT ENERGETICO DEGLI EDIFICI Walter GRASSI Gaetano FASANO Daniele TESTI Accordo di Programma per la Ricerca di Sistema Elettrico, Ministero dello Sviluppo Economico

Dettagli

Id I r d o r g o e g no n o & Fo F t o ov o o v l o t l aic i o Pi P e i ra r ng n e g lo l o T e T rr r e r ni n Idrogeno 20 11 09 1

Id I r d o r g o e g no n o & Fo F t o ov o o v l o t l aic i o Pi P e i ra r ng n e g lo l o T e T rr r e r ni n Idrogeno 20 11 09 1 Idrogeno & Fotovoltaico Pierangelo Terreni Idrogeno 20 11 09 1 SFIDE DI INIZIO TERZO MILLENNIO ENERGIA Totale dipendenza da combustibili fossili Energie rinnovabili AMBIENTE Inquinamento atmosferico Riduzione

Dettagli

A.4. Progetto Settore: Green Economy : Ambiente, Edilizia sostenibile, Energia rinnovabile schede iniziative

A.4. Progetto Settore: Green Economy : Ambiente, Edilizia sostenibile, Energia rinnovabile schede iniziative Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 31 del 26-02-2013 7453 A.4. Progetto Settore: Green Economy : Ambiente, Edilizia sostenibile, Energia rinnovabile schede iniziative Scheda Iniziativa n.16

Dettagli

SCHEDA PER L ATTRIBUZIONE DEI PUNTEGGI TECNICI (massimo 70 punti).

SCHEDA PER L ATTRIBUZIONE DEI PUNTEGGI TECNICI (massimo 70 punti). 1 Allegato 1-bis Procedura aperta indetta ai sensi degli articoli 3, commi 9 e 37, 14, comma 2, lettera a), 54, comma 2, 55, comma 5, 83 e 124 del Decreto Legislativo del 12 aprile 2006, n. 163, e successive

Dettagli

Normativa di riferimento

Normativa di riferimento Normativa di riferimento La normativa in materia di energie alternative da fonti rinnovabili è presente a diverse scale territoriali: da indirizzi a livello globale ed europeo sino ad una trattazione a

Dettagli

Nell ambito dei vari corsi caratterizzanti l indirizzo saranno promosse attività di gruppo e seminariali.

Nell ambito dei vari corsi caratterizzanti l indirizzo saranno promosse attività di gruppo e seminariali. Indirizzi Laurea Magistrale in Matematica INDIRIZZO di LOGICA MATEMATICA L indirizzo logico si propone un duplice obiettivo: 1) la formazione di un laureato in grado di affrontare problemi di natura combinatoriale,

Dettagli

Efficienza energetica negli edifici

Efficienza energetica negli edifici Efficienza energetica negli edifici Marco Filippi Dipartimento di Energetica, Politecnico di Torino data conferenza In Italia si contano circa 13 milioni di edifici, di cui l 85% sono a destinazione residenziale,

Dettagli

La viticoltura di precisione

La viticoltura di precisione Capitolo I La viticoltura di precisione L. Genesio *, T. De Filippis *, F. Di Gennaro *, E. Fiorillo *, A. Matese *, J. Primicerio *, L. Rocchi *, F.P. Vaccari * 1. La viticoltura di precisione nel Consorzio

Dettagli

Minieolico 1/2 VALUTAZIONE DEL POTENZIALE ENERGETICO DI UN SITO

Minieolico 1/2 VALUTAZIONE DEL POTENZIALE ENERGETICO DI UN SITO Piano Energetico regionale 2011-13 Seminario Tematico su Energia & Ricerca Bologna 29 novembre 2010 Minieolico 1/2 VALUTAZIONE DEL POTENZIALE ENERGETICO DI UN SITO Ing. Claudio Rossi Dip. Ingegneria Elettrica-

Dettagli

Strumenti avanzati di progettazione delle macchine e degli impianti dell industria alimentare

Strumenti avanzati di progettazione delle macchine e degli impianti dell industria alimentare Strumenti avanzati di progettazione delle macchine e degli impianti dell industria alimentare Agenda A. La simulazione a supporto dell innovazione industriale Case studies di successo 1. Processo di stagionatura

Dettagli

2. Dati climatici. 4 rapporto sull energia

2. Dati climatici. 4 rapporto sull energia 2. Dati climatici 1 . Clima ed energia La descrizione delle grandezze meteorologiche che hanno caratterizzato il clima della Provincia di Torino ha una duplice funzione: valutazione della loro entità come

Dettagli

Energy Trasmission & Distribution Services - Italy

Energy Trasmission & Distribution Services - Italy Energy Trasmission & Distribution Services - Italy Monitoring, diagnostics and cable services Analyze the past, monitor the present, predict the future. Answers for energy. l evoluzione della manutenzione

Dettagli

SECONDO BIENNIO ISTITUTO TECNICO

SECONDO BIENNIO ISTITUTO TECNICO SETTORE DOCUMENTI PER LA DISCUSSIONE ISTITUTO TECNICO INDIRIZZO ARTICOLAZIONE ELETTROTECNICA TECNOLOGICO ELETTRONICA ED ELETTROTECNICA ESITI DI APPRENDIMENTO (competenze, abilità, conoscenze) Regolamento,

Dettagli

S i s t e m i p e r l a P r o d u z i o n e

S i s t e m i p e r l a P r o d u z i o n e Edea SA Via Pasquale Lucchini 4 CH-6900 Lugano Tel +41 (0)91 921 47 80 +41 (0)91 921 47 81 info@edea.ch S i s t e m i p e r l a P r o d u z i o n e C o m b i n a t a d i E n e r g i a T e r m i c a e d

Dettagli

Incentivazione dell energia elettrica da altre fonti rinnovabili

Incentivazione dell energia elettrica da altre fonti rinnovabili Incentivazione dell energia elettrica da altre fonti rinnovabili Beneficiari Riferimenti normativi Finalità dello strumento Regime transitorio Impianti, alimentati da fonti rinnovabili diverse da quella

Dettagli

Politiche energetiche ed ambientali. Previsioni sull energia prodotta da rinnovabili

Politiche energetiche ed ambientali. Previsioni sull energia prodotta da rinnovabili Generazione Diffusa: Impatto sulla Rete Elettrica di Trasmissione Nazionale Sviluppo della generazione diffusa in Italia MILANO, 30 APRILE 2009 Pianificazione e Sviluppo Rete / Pianificazione Rete 1 La

Dettagli

Cuba: un grande potenziale di fonti energetiche rinnovabili. Giugno 2010

Cuba: un grande potenziale di fonti energetiche rinnovabili. Giugno 2010 Cuba: un grande potenziale di fonti energetiche rinnovabili Giugno 2010 Parte I La sua geografia e lo sviluppo L'arcipelago é formato da oltre 4000 isole, isolotti e atolli. È la più grande isola dei Caraibi.

Dettagli

CORSO DI FORMAZIONE LA CERTIFICAZIONE DELLA PRESTAZIONE ENERGETICA DEGLI EDIFICI

CORSO DI FORMAZIONE LA CERTIFICAZIONE DELLA PRESTAZIONE ENERGETICA DEGLI EDIFICI CORSO DI FORMAZIONE LA CERTIFICAZIONE DELLA PRESTAZIONE ENERGETICA DEGLI EDIFICI Durata 80 ore + 2 ore di ulteriore esercitazione (project work) Conforme al D.P.R. 16 aprile 2013 n. 75 MODULO I 6 ore LA

Dettagli

Application note. CalBatt NomoStor per i sistemi di accumulo di energia

Application note. CalBatt NomoStor per i sistemi di accumulo di energia 1. Panoramica Application note CalBatt NomoStor per i sistemi di accumulo di energia Gli Energy Management Systems () sono dispositivi atti al controllo dei flussi di energia dalle sorgenti di produzione

Dettagli

Il modello di analisi dei mercati GME. Ottobre 2012

Il modello di analisi dei mercati GME. Ottobre 2012 Il modello di analisi dei mercati GME Ottobre 2012 AGENDA La sinergia fra REF-E e MBI L approccio del modello emi 2 Le caratteristiche di emi 2 Esempi di utilizzo di emi 2 Sviluppi e servizi 2 AGENDA La

Dettagli

MECSPE FIERE DI PARMA 26 marzo 2010

MECSPE FIERE DI PARMA 26 marzo 2010 MECSPE FIERE DI PARMA 26 marzo 2010 PNEUMATICA L efficienza negli impianti e nei sistemi pneumatici Guido Belforte, Gabriella Eula Politecnico di Torino Dipartimento di Meccanica CONDIZIONI DI RIFERIMENTO

Dettagli

I Modelli della Ricerca Operativa

I Modelli della Ricerca Operativa Capitolo 1 I Modelli della Ricerca Operativa 1.1 L approccio modellistico Il termine modello è di solito usato per indicare una costruzione artificiale realizzata per evidenziare proprietà specifiche di

Dettagli