COSOLETO DELIANUOVA SCIDO S.CRISTINA D ASPROMONTE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "COSOLETO DELIANUOVA SCIDO S.CRISTINA D ASPROMONTE"

Transcript

1 REALIZZAZIONE DI UN SISTEMA DI VIDEOSORVEGLIANZA PER IL CONTROLLO ED IL MONITORAGGIO TERRITORIALE DEI COMUNI DI: COSOLETO DELIANUOVA SCIDO S.CRISTINA D ASPROMONTE Ing. Beniamino Azzarà 1 Prot. N.187 del

2 1. PREMESSA Nel triennio nella zona dei comuni di SCIDO, COSOLETO, DELIANUOVA e S.CRISTINA sono aumentati considerevolmente i reati riguardanti: furti, rapine, danneggiamenti ed incendi. Nonostante il lavoro svolto dalle forze dell ordine, la vastità e complessità del territorio ne rendono difficile il controllo da parte della polizia locale. E sorta quindi l esigenza di fornire alle forze di pubblica sicurezza strumenti adeguati che possano essere di aiuto e supporto nelle attività di prevenzione e repressione del crimine, per questo motivo in queste pagine viene presentato un progetto per la realizzazione di un sistema tecnologicamente avanzato di videosorveglianza. 2 Prot. N.187 del

3 2. OBIETTIVI DEL PROGETTO Lo scopo principale del progetto è potenziare la sicurezza urbana e la tutela dell ordine pubblico, migliorando e rafforzando la qualità della vita delle persone che vivono e lavorano in questo territorio. In sintesi gli obiettivi del progetto sono: A. Prevenzione di eventi criminosi ed atti di vandalismo. B. Garantire una maggiore sicurezza alla cittadinanza. C. Proteggere e tutelare il patrimonio pubblico e privato. Questi obiettivi dovranno essere raggiunti attraverso: I. Controllo esteso sul territorio in ambito urbano ed extraurbano. Il sistema di telecamere dovrà permettere di monitorare, in modalità h24, un insieme di punti sensibili disposti lungo strade provinciali e comunali, in special modo negli incroci dove dovranno essere tenute sotto controllo tutte le direzioni di marcia. II. Tracciamento delle rotte di veicoli in fuga a seguito di evento criminoso. Il sistema dovrà consentire l individuazione di un veicolo sospetto a seguito di evento criminoso, attraverso una segnalazione in tempo reale o utilizzando la registrazione delle immagini. III. Tracciamento delle targhe sospette in ingresso e in uscita dal territorio. Dalle analisi svolte dalle forze dell ordine è emersa una diretta correlazione tra la presenza di autoveicoli rubati in uno specifico territorio e l accadimento di eventi criminali a breve distanza entro un determinato arco temporale. Per cercare di prevenire eventi criminosi si posizioneranno in alcuni punti nevralgici del territorio dei sistemi di lettura targhe. Questi consentiranno il tracciamento e la registrazione di targhe appartenenti a vetture sospette e/o rubate, permettendo così alle forze dell ordine di essere avvisate quando un veicolo con targa sospetta entra all interno di un determinata zona. Il sistema infine gestirà anche l eventuale integrazione con telecamere pre-esistenti (se necessario), l interazione con sistemi d allarme e dovrà avere un architettura scalabile e modulare, in modo da poter garantire in futuro la modifica e/o l ampliamento del progetto. Le aree dei comuni interessate al progetto sono le seguenti: SICUREZZA PUBBLICA E VIABILITA Sarà prevista la videosorveglianza delle zone con maggiori problematiche dal punto di vista della sicurezza pubblica e della circolazione stradale. PATRIMONIO PUBBLICO La videosorveglianza interesserà le strutture pubbliche e le piazze più importanti, ovvero quelle che per le loro caratteristiche sono spesso, oggetto di atti 3 Prot. N.187 del

4 vandalici o comunque di atti che ne compromettono le caratteristiche artistiche ed estetiche, quali monumenti, parti di arredo urbano, parchi e giardini pubblici. PATRIMONIO PRIVATO Potranno essere interessati dalla videosorveglianza, gli edifici dei privati cittadini, le chiese, le banche, le farmacie, le attività commerciali, le aziende, etc. con le quali l Amministrazione comunale potrà stipulare accordi per l installazione di telecamere collegate all impianto comunale, etc. 3. PROGETTO Territorio dei comuni di Cosoleto, Delianuova, Scido e S.Cristina d Aspromonte. Lo scopo principale è quello di monitorare tutto il traffico che percorre le due arterie principali del territorio e cioè la SP2 e la SS112. Nella zona che va da ACQUARO di COSOLETO fino A CRISTINA D ASPROMONTE in entrambi i sensi di marcia. L integrazione dei sistemi consentirà di controllare ogni veicolo che entri all interno di questa zona. 4 Prot. N.187 del

5 Comune di COSOLETO Nella zona del comune di Cosoleto il progetto prevede l installazione di telecamere sia nel centro abitato ma anche nelle frazioni di ACQUARO e SITIZANO. Il progetto prevede il monitoraggio perimetrale del paesino, con i sistemi di per il controllo delle targhe lungo le vie che rappresentano l ingresso e l uscita dal paese. Con il simbolo sono evidenziati i sistemi di Lettura Targhe. Con il simbolo sono evidenziate i punti di installazione delle telecamere. C1. Via Nazionale incrocio Via Roma N.3 Gruppi di lettura targhe e N.3 Telecamere C2. Sp2 Bis Incrocio C/Da Mundo N.1 Telecamera 5 Prot. N.187 del

6 C3. Via Roma incrocio SP Cosoleto/Duverso N.1 Telecamera FRAZIONE DI ACQUARO Nella frazione di ACQUARO si dovranno installare un sistema di lettore targhe ed una telecamera nell unica piazza del paesino punto obbligatorio per il passaggio delle macchine in ingresso ed in uscita dalla frazione. C4. Piazza S.Rocco N.1 Gruppo di lettura targhe N.1 telecamera 6 Prot. N.187 del

7 FRAZIONE DI SITIZANO Anche per questa frazione la filosofia del progetto prevede l installazione di N.3 Gruppi di Rilevazione targhe affiancati da N.3 Telecamere nei punti che consentono l ingresso e l uscita dalla frazione. C5. SP2 BIS Bivio SITIZANO N.3 Gruppi di lettura targhe e n.3 Telecamere. C6. Piazza Taccone N.2 Telecamere 7 Prot. N.187 del

8 RIEPILOGO Per il comune di COSOLETO con le frazioni di ACQUARO e SITIZANO sono previsti: N. 7 Gruppi di Lettura Targhe N. 11 Telecamere Fisse da esterno con ZOOM OTTICO I sistemi di registrazione e visualizzazione delle immagini verranno posizionati nei locali della caserma dei Carabinieri di COSOLETO. Il collegamento con le telecamere verrà effettuato con Fibra Ottica (preferibile) o con ponti radio a seconda della distanza e della posizione della telecamera. Nella piantina che segue viene riportata la cartografia relativa al comune con evidenziate le zone che verranno messe sotto controllo dalle telecamere. 8 Prot. N.187 del

9 Comune di DELIANUOVA. Il comune di DELIANUOVA è quello che, nella zona, presenta il territorio più ampio ed articolato con diversi punti di ingresso ed uscita dal paese. Il progetto prevede il controllo di questi punti ed il monitoraggio delle principali piazze (Vittorio Emanuele, Marconi, Regina Elena, De Nava) e delle principali arterie (Via Umberto I, Via Roma, Via Carmelia). Infine nella zona di Carmelia sono previsti ulteriori due telecamere e due sistemi di lettura targhe a controllo del Parco sito in quella zona. Con il simbolo sono evidenziati i sistemi di Lettura Targhe. Con il simbolo sono evidenziate i punti di installazione delle telecamere. D1. Via Roma (A) e Via Trento (B) N.2 Gruppi di lettura targhe e due telecamere. A B Sia in Via Roma che in Via Trento sono previsti due gruppi di lettura targhe e due telecamere in grado di monitorare e memorizzare le autovetture in ingresso al paese. D2. Via Umberto I N.1 Gruppo di lettura targhe N.1 telecamera 9 Prot. N.187 del

10 L ingresso al paese da una delle arterie principali (Via Umberto I) dovrà essere monitorato con un Gruppo di Ripresa Targhe ed una Telecamera. D3. Via Carmelia (A) e Via Guardiola (B) N.2 Gruppi di lettura targhe e N.2 telecamere B A L altro ingresso al paese dovrà essere controllato con un gruppo di lettura targhe ed una telecamera posizionati sia in Via Carmelia e sia in Via Guardiola. D4. Quadrivio Via Umberto Dir SUD e Nord, Via Roma e Via Carmelia N.4 Telecamere Nodo nevralgico di Delianuova è il quadrivio composta da Via Umberto che va da Sud a Nord, Via Roma e Via Carmelia. In questo punto dovranno essere posizionate 4 telecamere con visuale rivolta dal quadrivio verso le vie principali. I successivi punti da D5 a D10 riguardano l installazione di telecamere nelle piazze principali del paese ed in alcune vie particolarmente sensibili. In ogni punto sono evidenziati il posizionamento delle telecamere e la direzione di visualizzazione. 10 Prot. N.187 del

11 D5. Via Borgo vs Via Umberto I (A) e Via Umberto vs Via Borgo (B) N.2 telecamere B A D6. Piazza Regina con Visuale su Via Umberto I N.1 telecamera D7. Telecamera con visuale P.zza Vittorio Emanuele (A) e da P.zza De Nava dir Via Umberto I (B) N.2 telecamere 11 Prot. N.187 del

12 D8. Piazza Marconi N.2 Telecamere D9. Via Carmelia con visuale via Gramsci N.1 Telecamera D10. Via Gramsci trv. I e Via Frisina N.1 Telecamera 12 Prot. N.187 del

13 D11. Porta del Parco sita in località Carmelia nel Comune di Delianuova (R.C.) In questa zona sono previsti due sistemi di lettura targhe a controllo della strada provinciale e due telecamere per il controllo del parco RIEPILOGO Per il comune di DELIANUOVA sono previsti: N. 7 Gruppi di Lettura Targhe N. 20 Telecamere Fisse da esterno con ZOOM OTTICO I sistemi di registrazione e visualizzazione delle immagini verranno posizionati nei locali della caserma dei Carabinieri. Il collegamento con le telecamera verrà effettuato con Fibra Ottica (preferibile) o con ponti radio a seconda della distanza e della posizione della telecamera. Nella piantina che segue viene riportata la cartografia relativa al comune con evidenziate le zone che verranno messe sotto controllo dalle telecamere. 13 Prot. N.187 del

14 Comune di SCIDO Il progetto per il comune di Scido prevede l installazione di sistemi per la lettura delle targhe nei tre punti di ingresso/uscita dal paese ed il posizionamento di telecamere lungo le vie esterne al paesino ed il centro del paese (Via Marconi, Via Nazionale, Piazza XXIV Maggio e Via XXIV Maggio). Con il simbolo sono evidenziati i punti di installazione dei Gruppi di Lettura Targhe. Con il simbolo sono evidenziate i punti di installazione delle telecamere. S1. Via Nazionale angolo con Via Vittorio Emanuele - N.2 Sistemi di lettura I gruppi di lettura targhe in questo punto dovranno memorizzare e controllare il flusso di autovetture che giungono dalla SS112 e da Via Cantore. S2. Via Stretto di Pinna angolo Via Nazionale dir. Delianuova - N.3 sistemi di lettura In questo delicato incrocio lo scopo è quello di controllare il traffico di macchine proveniente dalle tre principali arterie (la SS112, Via PINNA e Via GERMANO ). La disposizione delle telecamere permetterà di verificare l arrivo di un veicolo e la direzione che prenderà. 14 Prot. N.187 del

15 S3. Via Stretto di Pinna angolo Via Caduti di Nassirya - N.2 sistemi di lettura In questa zona i due gruppi di lettura targhe servono a memorizzare le autovetture in arrivo da Via Vittorio Emanuele e dalla stradina che procede verso sud dall incrocio con Via Pinna. S4. Piazza XXIV Maggio - N.2 Telecamere fisse ed N.1 Speed dome In Piazza XXIV Maggio è prevista l installazione di due telecamere fisse per il controllo delle strade di accesso alla piazza ed una telecamera SPEED DOME con visuale di 360 e ZOOM OTTICO per consentire il monitoraggio della piazza. 15 Prot. N.187 del

16 S5. Via XXIV Maggio - N.3 Telecamere Altro snodo delicato è la via XXIV Maggio, in questo punto sono previste tre telecamere fisse in grado di monitorare, in ogni senso di marcia, il flusso delle autovetture. S6. Via Nazionale Angolo Via P.Romei - N. 2 Telecamere In questa zona le telecamere dovranno monitorare il traffico in arrivo da Via Nazionale e da Via Pasquale Romei S7. Via Marconi - N. 2 Telecamere Le due telecamere in Via Marconi serviranno per monitorare il traffico nei due sensi di marcia. 16 Prot. N.187 del

17 S8. Via Provinciale S.P. 54 (ex Nazionale) Frazione S.Giorgia del Comune di Scido N. 2 Telecamere Lungo la frazione di S. Giorgia sono previste due telecamere lungo la via nazionale per controllare gli autoveicoli che passano in entrambi i sensi di marcia. S9. Campo Sportivo N.2 TELECAMERE Nella zona del campo sportivo sono previste due telecamere con una focale piuttosto ampia e dotato di zoom ottico in modo da monitorare al meglio l intera area. 17 Prot. N.187 del

18 S10. Villa Comunale N. 1 Telecamera SPEDD DOME Una telecamera speed dome in grado di ruotare e visualizzare le immagini su 360 dovrà controllare la zona della villa comunale S11. Casa per Anziani N.1 Telecamera Una telecamera fissa con zoom ottico invece dovrà essere installata in prossimità della casa per anziani nei pressi di Viale Aldo Moro. c Infine due ulteriori telecamere controlleranno le vie Regina Margherita e Via Germano rispettivamente lungo i sensi di marcia degli autoveicoli. 18 Prot. N.187 del

19 S12. Via Regina Margherita N.1 Telecamera S13. Via A. Germanò N.1 Telecamera 19 Prot. N.187 del

20 RIEPILOGO Per il comune di Scido sono previsti: N. 7 Gruppi di Lettura Targhe N. 16 Telecamere Fisse da esterno con ZOOM OTTICO N. 2 Telecamera SPEED DOME con ZOOM OTTICO I sistemi di registrazione e visualizzazione delle immagini verranno posizionati nei locali della caserma dei Carabinieri. Il collegamento con le telecamera verrà effettuato con Fibra Ottica (preferibile) o con ponti radio a seconda della distanza e della posizione della telecamera. Nella piantina che segue viene riportata la cartografia relativa al comune con evidenziate le zone che verranno messe sotto controllo dalle telecamere. 20 Prot. N.187 del

21 Comune di S.CRISTINA D ASPROMONTE La zona del comune di S.Cristina D Aspromonte comprende oltre al centro abitato principale anche la frazione di Lubrichi, con il Bivio Calabretto, che praticamente rappresentano la via di accesso al paese per le autovetture che giungono da nord. Come per gli altri comuni anche qui lo scopo è il monitoraggio di strade, bivi ed incroci da cui si può accedere al paese ed il controllo delle arterie principali. Con il simbolo sono evidenziati i sistemi di Lettura Targhe. Con il simbolo sono evidenziate i punti di installazione delle telecamere. SC1. Zona Industriale N.3 Gruppi di lettura targhe, N.3 Telecamera SC2. Bivio Oppido Mamertina/Zervò N.1 Gruppo di Lettura targhe N.2 Telecamere 21 Prot. N.187 del

22 SC3. Piazza Monteleone - N.2 Telecamere ZONA DI LUBRICHI Nella zona di Lubrichi il progetto prevede l installazione di tre gruppi di lettura targhe affiancati da tre telecamere nei due principali bivi della zona. Ciò consentirà di avere il controllo di tutte le autovetture in transito. SC4. Via Circonvallazione N. 3 sistemi lettura targhe e N.3Telecamere 5. Bivio Calabretto - N.3 sistemi di lettura targhe e N.3 Telecamere 22 Prot. N.187 del

23 RIEPILOGO Per il comune di S.CRISTINA D ASPROMONTE sono previsti: N. 10 Sistemi di Lettura Targhe N. 13 Telecamere Fisse da esterno con ZOOM OTTICO I sistemi di registrazione e visualizzazione delle immagini verranno posizionati nei locali della caserma dei Carabinieri. Il collegamento con le telecamera verrà effettuato con Fibra Ottica (preferibile) o con ponti radio a seconda della distanza e della posizione della telecamera. Nella piantina che segue viene riportata la cartografia relativa al comune con evidenziate le zone che verranno messe sotto controllo dalle telecamere. 23 Prot. N.187 del

24 RIEPILOGO GENERALE DELLE TELECAMERE, SUDDIVISE PER TIPOLOGIE, DA INSTALLARE NELLE ZONE DEI 4 COMUNI COMUNE TELECAMERE TELECAMERE LETTURA TARGHE TOTALE FISSE DOME COSOLETO DELIANUOVA SCIDO S.CRISTINA D ASROMONTE TOTALE Prot. N.187 del

25 4. ARCHITETTURA DEL SISTEMA L Architettura del sistema dovrà rispondere ai seguenti macro-requisiti: Affidabilità e scalabilità di tutto il sistema. Massima flessibilità. Il sistema dovrà essere studiato per il funzionamento stand-alone, in cascata o con connessione in rete, fornendo la massima flessibilità di espansione del sistema di videosorveglianza in ogni momento. Registrazioni autenticate. Il sistema, attraverso il metodo di autenticazione dell immagine, dovrà fornire la prova che le immagini video registrate non sono state alterate. Le registrazioni importanti dovranno essere protette per garantire che non vengano cancellate o sovrascritte. Tempo di registrazione prolungato. Il sistema dovrà essere dotato di uno o più dischi rigido, ad elevata capacità, permettendo la memorizzazione di lunghi periodi di registrazione. L aggiunta di unità di archiviazione esterne dovrà offrire periodi di registrazione più lunghi Compatibilità con il Web. Il sistema dovrà essere preferibilmente strutturato su piattaforma Web compatibile con i maggiori web browser presenti sul mercato (Internet Explorer, Firefox, Mozilla etc..). Adattamento automatico a qualsiasi larghezza di banda. Il sistema deve essere in grado di ottimizzare la riproduzione di stream video. Espansione dei canali. Il sistema dovrà essere utilizzabile fino ad almeno un centinaio di canali video. Tipologia di registrazione. Il sistema dovrà consentire la registrazione simultanea di immagini su allarme o su impostazione, a differente numero di immagini al secondo. In questo modo le immagini potranno essere più dettagliate e di qualità superiore. Modularità. Il sistema dovrà consentire differenti possibilità di combinare registrazione centralizzata e distribuita. Acquisizione immagini: Mpeg, Mpeg-2 ed Mpeg-4. Il sistema dovrà avere la compatibilità con tutti i componenti di un sistema video a circuito chiuso esistente, ciò garantisce una capitalizzazione degli investimenti precedentemente fatti. Il progetto prevede la definizione di 3 fasi principali A. REALIZZAZIONE DELLE POSTAZIONI DI VIDEO SORVEGLIANZA LOCALI (P.V.L.) B. INSTALLAZIONE E COLLEGAMENTO TELECAMERE CON LE P.V.L. C. COLLEGAMENTO CON IL CENTRO DI GESTIONE REMOTA Analizziamo nel dettaglio questi 3 punti. 25 Prot. N.187 del

26 4.1 REALIZZAZIONE DELLE POSTAZIONI DI VIDEOSORVEGLIANZA LOCALI La Centrale Operativa del sistema di monitoraggio verrà allestita all interno di una control room, presso il locale Comando di Stazione dei Carabinieri di ogni singolo comune. All interno della stanza verrà creata una postazione dotata di: Apparati di networking per consentire il collegamento da postazioni remote al sistema di videosorveglianza. Un registratore digitale (DVR) su cui convergeranno i flussi video provenienti dalle telecamere sfruttando i collegamenti via cavo (rete LAN o fibra ottica) o wireless (ponti radio o reti wi-fi). Gruppo di continuità (UPS) in grado di garantire un'autonomia nell alimentazione di tutti i sistemi in mancanza di corrente elettrica. Tale autonomia non dovrà essere inferiore ai 60 minuti. n. 2 Console operatore: PC dotato di software per la gestione locale dei flussi video n. 4 Schermi di controllo (Monitor LCD) per la loro visualizzazione mediante l utilizzo di matrici virtuali visualizzate su schermi a 24. Esempio di control room Da ogni postazione locale si dovranno eseguire le seguenti operazioni: VISUALIZZAZIONE. Possibilità di visualizzazione in tempo reale fino ad un massimo di quattro flussi video con frame rate a 1 (uno) fps. I flussi video devono essere facilmente selezionabili dagli operatori dei Centri di Controllo e modificabili in qualsiasi momento. MEMORIZZAZIONE. Registrazione locale (su DVR) di flussi video con frame rate variabile da 1 (uno) a 25 (venticinque) fps e risoluzione fino a 720x576. Il dispositivo deve permettere la memorizzazione fino a tre giorni con la massima qualità: frame rate 25 (venticinque) fps e risoluzione 720x Prot. N.187 del

27 RICERCA. Visualizzare le immagini registrate da ogni singola telecamera con la possibilità di acquisire localmente, in parte o in toto, i video memorizzati sugli apparati DVR. GESTIONE TELECAMERE. Possibilità di controllare tutte le telecamere speed dome per poter variare la zona da inquadrare aumentando o diminuendo lo zoom ottico. GESTIONE TARGHE. Accedere al database per memorizzare numeri di targhe e per visualizzare i dati delle autovetture. 27 Prot. N.187 del

28 4.2 COLLEGAMENTO TELECAMERE CON LE POSTAZIONI DI VIDESORVEGLIANZA LOCALI. Il collegamento tra le telecamere dislocate sul territorio di ogni singolo paese dovranno essere collegate con la postazione di videosorveglianza locale attraverso due modalità: Collegamento in Fibra ottica (preferito). Dal punto di installazione della telecamera dovranno essere previsti dei lavori che consentiranno di stendere la fibra ottica fino alla locale stazione dei carabinieri dove è situata la control room. Il segnale video viaggia su fibra è da preferire in quanto immune da rumore, emissioni elettromagnetiche e degradamento, e puo raggiungere distanze fino ai 40km. Il segnale arriva all interno della postazione di videosorveglianza, la control room, e viene collegato al DVR che visualizzerà le immagini provenienti dalle telecamere. Collegamento con Ponti Radio o ibridi. Nei punti in cui non sarà possibile stendere la fibra ottica dovrà essere previsto il collegamento della telecamera attraverso un Ponte radio che colleghi la telecamera fino alla postazione locale di videosorveglianza o, se possibile, alla dorsale in fibra ottica che trasporta il segnale fino al DVR. Verranno utilizzati un trasmettitore, che può essere esterno o incorporato nella telecamera ed un ricevitore che riconverte il segnale radio in un video composito da inviare in control room. La trasmissione senza fili potrebbe offrire il grande vantaggio di non dovere portare alcun collegamento fisico fra telecamere e DVR, evitando i costi di installazione e potrebbe risultare insostituibile in tutti quei casi dove il passaggio del cavo non sia possibile. La scelta sulla tipologia di collegamento verrà fatta in fase di definizione del progetto in base a: 1. distanza tra telecamera e control room 2. caratteristiche del punto di installazione della telecamera 3. possibilità di effettuare scavi per il passaggio della fibra 4. possibilità, per brevi distanze, di effettuare un collegamento via radio. 28 Prot. N.187 del

29 4.3 COLLEGAMENTO CON IL CENTRO DI GESTIONE REMOTA La Centrale Operativa REMOTA verrà allestita all interno di una control room, presso il Comando delle forze dell ordine di PALMI. All interno della stanza verrà creata una postazione dotata di: Apparati di networking per consentire il collegamento dalle postazioni locali nei vari comuni. postazioni remote al sistema di videosorveglianza. Gruppo di continuità (UPS) in grado di garantire un autonomia nell alimentazione di tutti i sistemi in mancanza di corrente elettrica. Tale autonomia non deve essere inferiore ai 60. Console operatore: PC dotato di software per la gestione locale dei flussi video Schermi di controllo (Monitor LCD) per la visualizzazione mediante l utilizzo di matrici virtuali visualizzate su schermi a 24. Da ogni postazione locale si dovranno eseguire le seguenti operazioni: VISUALIZZAZIONE. Possibilità di visualizzazione in tempo reale fino ad un massimo di quattro flussi video con frame rate a 1 (uno) fps. I flussi video devono essere facilmente selezionabili dagli operatori dei Centri di Controllo e modificabili in qualsiasi momento. RICERCA. Visualizzare le immagini registrate da ogni singola telecamera con la possibilità di acquisire localmente, in parte o in toto, i video memorizzati sugli apparati DVR. GESTIONE TELECAMERE. Possibilità di controllare tutte le telecamere speed dome per poter variare la zona da inquadrare aumentando o diminuendo lo zoom ottico. GESTIONE TARGHE. Accedere al database per memorizzare numeri di targhe e per visualizzare i dati delle autovetture. Per la trasmissione dei flussi video dovrà essere fornita una rete di trasmissione dati, organizzata come una Intranet, ottenuta attraverso collegamento in fibra ottica e/o linea ADSL adeguatamente dimensionata. Tale rete darà la possibilità al Centro di Controllo di visionare immagini ad alta definizione direttamente sui siti remoti. RETE DI TRASMISSIONE (INTERNET / INTRANET) fig. 4 - Rete di trasmissione Dati 29 Prot. N.187 del

30 PRINCIPALI CARATTERISTICHE TECNICHE 5.1 Sistema di registrazione digitale (DVR) Il DVR dovrà contenere una serie di requisiti di progetto universalmente validi: Scalabilità: è buona norma che il sistema permetta l aggiunta di estensioni (es. incremento dell area sorvegliata, aggiunta di telecamera sensori, etc). Modularità: un buon sistema deve permettere la sostituzione di elementi (hw e sw) senza necessità di modificare l intero sistema. Standardizzazione: l aderenza a standard internazionali o de-facto nei vari elementi costitutivi di un sistema di videosorveglianza, ma in particolare nelle parti relative ai formati di archiviazione ed ai protocolli di trasmissione, rende il sistema stesso aperto, ovvero più facilmente manutenibile e upgradabile, anche da diversi fornitori. Interoperabilità: il termine raccoglie e riassume alcuni dei concetti sopra esposti. Un sistema interoperabile è un sistema aperto, tipicamente aderente agli standard almeno nelle componenti di interfaccia, e quindi facilmente componibile, estensibile, integrabile con altri sistemi. Il DVR deve consentire di registrare su supporto digitale (tipicamente Hard Disk) le immagini provenienti sia da telecamere analogiche che da telecamere IP e dovrà essere dotato di porte seriali o I/O per l interfacciamento con ulteriori dispositivi. Il sistema si dovrà inoltre interfacciare, di un sistema di analisi dell immagine che possono generare allarmi o eventi. Principali specifiche tecniche. Real time recording, possibilità di collegare 16 telecamere IP espandibili a 32, compressione H264, uscita monitor (VGA, CVBS o Y/C), porte USB, uscita rele, HD 2TB espandibile ad 8TB, Masterizzatore DVD, Porta di rete Ethernet 1 Gbit/s, possibilità di gestione da remoto, possibilità di almeno 3 utenti remoti in simultanea. Registrazione e riproduzione in tempo reale con una risoluzione 4CIF/D1 effettiva. Assegnazione completamente automatica di telecamere IP H.264. Memorizzazione RAID-4 integrata 30 Prot. N.187 del

31 5.2 Piattaforma software Il sistema di supervisione dovrà essere in grado di ricevere allarmi ed eventi dal DVR. L elaborazione digitale delle immagini dovrà consentire di mantenere sempre sotto controllo ogni scena migliorando il livello di sicurezza. Il sistema dovrà consentire di eseguire ricerche di eventi differenti rispetto a quelli preminenti durante la visualizzazione live. Ad esempio deve essere possibile riconfigurare il sistema per rilevare un oggetto abbandonato durante la ricerca nei video archiviati, anche se il sistema non era stato impostato in origine per segnalare tale evento. Alcune delle principali funzioni: Funzione Descrizione Attraversamento linee Quando una persona/autovettura entra all interno di un area delimitata il sistema deve attivare un allarme segnalandolo immediatamente all operatore Movimenti sospetti Il sistema deve avvisare l operatore quando qualcuno si sofferma troppo a lungo all interno di una area riservata. Tracking traiettorie Individuare quali veicoli hanno seguito un percorso specifico La visualizzazione grafica dovrà consentire di impostare l'area sensibile, le dimensioni, la velocità, la prospettiva e le proporzioni così come la direzione del movimento ed il colore dell'oggetto che vengono quindi semplicemente sovraimpressi all'immagine. Dovrà essere possibile combinare in una scena diverse attività indipendenti per creare regole di rilevazione sofisticate e definite con parametri specifici. In caso di rilevazione del movimento, sul display dovrà essere visualizzato l'oggetto con un determinato colore ed il movimento tracciato sul monitor. Se l'oggetto ed il relativo movimento corrispondono alle impostazioni definite per uno dei campi di rilevazione, si attiva l'allarme e l'oggetto diventa rosso. 31 Prot. N.187 del

32 5.2 Telecamere TELECAMERE BRANDEGGIABILI AutoDome Day/Night da esterno, zoom ottico 36x digitale 12x, CCD ¼ sensibilità 0.66/0,166 Lux, compressione H.264/MPEG-4/M-JPEG, 25 4CIF in MPEG4, Grado di protezione IP66. Termostata e ventilata in grado resistere ad elevate temperature. Principali funzioni. Motion Detection. Deve essere possibile creare una zona di interesse con all interno una posizione predefinita per la rilevazione dei movimenti. Stabilizzazione delle immagini. Riduzione di eventuali oscillazioni in verticale e orizzontale in modo da offrire immagini di elevata qualità Flusso dati. Capacità di gestire in maniera efficace i requisiti relativi alla larghezza di banda offrendo al contempo una risoluzione ed una qualità delle immagini ottimali Funzione DAY e NIGHT. Garantire riprese ottimali anche in qualsiasi condizioni di luminosità. Autoscaling e d AutoPivot in grado di consentire uno zoom proporzionale ed una rotazione e spostamento automatico della telecamere. Altre caratteristiche tecniche Zoom ottico e digitale elevato; Installazione da esterno con custodia (aletta parasole tipo WV-7176) resistente agli agenti atmosferici e agli atti vandalici; Conformità agli standard internazionali IP66 per resistenza a polvere e umidità; Illuminazione minima 1 lux (0.1 fc) per avere immagini a colori nitide con AGC attivato al massimo delle prestazioni; Illuminazione minima 0.03 lux (0.003 fc) per avere immagini in B/N nitide con AGC attivato al massimo delle prestazioni; Meccanismi di controllo digitale per semplificare la ricerca di oggetti in movimento; Motion Detection; Funzioni (o maschere) programmabili (ad esempio, funzioni di ronda programmabile o funzioni che possono rendere inattiva la telecamera su inquadrature predefinite, impedendo all operatore utilizzi indesiderati o violazioni del diritto alla privacy); Uscite per segnalazione allarmi. TELECAMERE FISSE Autoiris elettronico, ottica varifocale compresa. Obiettivo Day/Night. Risoluzione: 3 Megapixel in modalità Day, 2048x1536, 1 Megapixel in modalità Night, 1280x960, CMOS (IR-sensitive). Sensibilità colori: 1 lux / 0,05 lux, sensibilità B/W: 0,1 lux/ 0,005 lux. 32 Prot. N.187 del

33 Principali funzioni. Motion Detection. Deve essere possibile creare una zona di interesse con all interno una posizione predefinita per la rilevazione dei movimenti. Flusso dati. Capacità di gestire in maniera efficace i requisiti relativi alla larghezza di banda e alla memoria offrendo al contempo una risoluzione ed una qualità delle immagini ottimali Funzione DAY e NIGHT. Garantire riprese ottimali anche in qualsiasi condizioni di luminosità. 5.3 Gruppo di ripresa targhe Il gruppo di ripresa targhe dovrà avere un range di esercizio almeno fino a 30 m (100 piedi). La telecamera dovrà fornire immagini di targhe con contrasto elevato mediante la copertura di uno spettro completo di illuminazione ambientale, dalla totale oscurità alla luce abbagliante diretta proveniente dal sole e dai fari dei veicoli. Un rapido sistema di sincronizzazione ottico rileverà le targhe dei veicoli in movimento fino ad una velocità massima di 120 km/h (100 mph) consentendo una lettura efficace. Il gruppo dovrà essere concepito per funzionare come soluzione stand alone o per essere integrato con le esistenti apparecchiature per il controllo degli accessi, consentendo di configurare dispositivi fisici di sicurezza in modo da abilitare o limitare l'ingresso a qualsiasi veicolo che tenti di entrare in un ambiente protetto. I dati relativi ai numeri di targa dovranno essere caricati su apposito software, consentendo la creazione di una black/white list personalizzata. La telecamera dovrà essere in grado di acquisire le targhe di tutti i veicoli che si avvicinano al punto di controllo degli accessi ed inviare le informazioni alla piattaforma software che elabora i video, analizza i numeri che compongono le targhe e confronta i dati rispetto alla black/white list e successivamente inoltra un messaggio al sistema fisico di sicurezza per abilitare o impedire l'accesso. Riepilogo funzioni principali: Installazione su cancelli o varchi per un sistema completo di controllo degli accessi senza necessità di tastiere, lettori di codici o personale di vigilanza. Installazione e configurazione semplice del sistema. Acquisizione ininterrotta attraverso telecamere per lettura targhe estremamente affidabili, 24 ore su 24. Software fornito in dotazione. Livelli di sicurezza selezionabili, alto/medio/basso, per la massima flessibilità d'installazione. Librerie generiche per il riconoscimento delle targhe. Soluzione stand-alone o con connettività di rete. 33 Prot. N.187 del

Le telecamere Installate verranno connesse ad Unità di elaborazione multiplexer per la gestione e la verifica di gruppi omogenei di 4-8-16-32-48-64

Le telecamere Installate verranno connesse ad Unità di elaborazione multiplexer per la gestione e la verifica di gruppi omogenei di 4-8-16-32-48-64 Le telecamere Installate verranno connesse ad Unità di elaborazione multiplexer per la gestione e la verifica di gruppi omogenei di 4-8-16-32-48-64 telecamere. I sistemi di acquisizione ed archiviazione

Dettagli

Articolo. Dieci buoni motivi per acquistare una telecamere di rete Ovvero, quello che il vostro fornitore di telecamere analogiche non vi dirà mai

Articolo. Dieci buoni motivi per acquistare una telecamere di rete Ovvero, quello che il vostro fornitore di telecamere analogiche non vi dirà mai Articolo Dieci buoni motivi per acquistare una telecamere di rete Ovvero, quello che il vostro fornitore di telecamere analogiche non vi dirà mai INDICE Introduzione 3 Dieci cose che il vostro fornitore

Dettagli

Sempre attenti ad ogni dettaglio Bosch Intelligent Video Analysis

Sempre attenti ad ogni dettaglio Bosch Intelligent Video Analysis Sempre attenti ad ogni dettaglio Bosch Intelligent Video Analysis 2 Intervento immediato con Bosch Intelligent Video Analysis Indipendentemente da quante telecamere il sistema utilizza, la sorveglianza

Dettagli

DOCUMENTO TECNICO Un sistema più intel igente per control are i punti vendita: sorveglianza IP

DOCUMENTO TECNICO Un sistema più intel igente per control are i punti vendita: sorveglianza IP DOCUMENTO TECNICO Un sistema più intelligente per controllare i punti vendita: sorveglianza IP Guida descrittiva dei vantaggi dei sistemi di gestione e di sorveglianza IP per i responsabili dei punti vendita

Dettagli

Guida. Vista Live. Controllo. Riproduzione su 24 ore. Ricerca avanz. Le icone includono: Mod. uscita. Icona. Un sensore di allarme.

Guida. Vista Live. Controllo. Riproduzione su 24 ore. Ricerca avanz. Le icone includono: Mod. uscita. Icona. Un sensore di allarme. Guida operatore del registratore TruVision Vista Live Sull immagine live dello schermo vengono visualizzati laa data e l ora corrente, il nome della telecamera e viene indicato se è in corso la registrazione.

Dettagli

Guida all'installazione ed uso dell'app RXCamLink

Guida all'installazione ed uso dell'app RXCamLink Guida all'installazione ed uso dell'app RXCamLink Questa guida riporta i passi relativi all'installazione ed all'utilizzo dell'app "RxCamLink" per il collegamento remoto in mobilità a sistemi TVCC basati

Dettagli

Bus di sistema. Bus di sistema

Bus di sistema. Bus di sistema Bus di sistema Permette la comunicazione (scambio di dati) tra i diversi dispositivi che costituiscono il calcolatore E costituito da un insieme di fili metallici che danno luogo ad un collegamento aperto

Dettagli

Caratteristiche. Camcorder Full HD 3D/2D compatto con sensori CMOS Exmor R da 1/4" e software di editing Vegas. www.pro.sony.

Caratteristiche. Camcorder Full HD 3D/2D compatto con sensori CMOS Exmor R da 1/4 e software di editing Vegas. www.pro.sony. Camcorder Full HD 3D/2D compatto con sensori CMOS Exmor R da 1/4" e software di editing Vegas Pro* Operazioni versatili per registrazioni Full HD 3D e 2D professionali HXR-NX3D1E è un camcorder professionale

Dettagli

www.leasys.com Marketing & Comunicazione Servizio di infomobilità e telediagnosi - 23/01/2014

www.leasys.com Marketing & Comunicazione Servizio di infomobilità e telediagnosi - 23/01/2014 Servizio di Infomobilità e Telediagnosi Indice 3 Leasys I Care: i Vantaggi dell Infomobilità I Servizi Report di Crash Recupero del veicolo rubato Blocco di avviamento del motore Crash management Piattaforma

Dettagli

Architettura di un sistema informatico 1 CONCETTI GENERALI

Architettura di un sistema informatico 1 CONCETTI GENERALI Architettura di un sistema informatico Realizzata dal Dott. Dino Feragalli 1 CONCETTI GENERALI 1.1 Obiettivi Il seguente progetto vuole descrivere l amministrazione dell ITC (Information Tecnology end

Dettagli

MISURARE CON INTELLIGENZA BARRIERA OPTOELETTRONICA DI MISURAZIONE LGM

MISURARE CON INTELLIGENZA BARRIERA OPTOELETTRONICA DI MISURAZIONE LGM MISURARE CON INTELLIGENZA BARRIERA OPTOELETTRONICA DI MISURAZIONE LGM Barriera optoelettronica di misurazione LGM Misurare con intelligenza - nuove dei materiali in tutti i mercati La nuova Serie LGM di

Dettagli

CWS32-H01 Soluzione Software Professionale per Monitoraggio & Telecontrollo Web

CWS32-H01 Soluzione Software Professionale per Monitoraggio & Telecontrollo Web CWS32-H01 Soluzione Software Professionale per Monitoraggio & Telecontrollo Web Attenzione!! Rif. Rev. 2.2 www.cws32.it Questa presentazione non sostituisce il manuale operativo del prodotto, in quanto

Dettagli

MANUALE UTENTE DEL SOFTWARE DI GESTIONE DEGLI ART. SDVR040A/SDVR080A/SDVR160A

MANUALE UTENTE DEL SOFTWARE DI GESTIONE DEGLI ART. SDVR040A/SDVR080A/SDVR160A MANUALE UTENTE DEL SOFTWARE DI GESTIONE DEGLI ART. SDVR040A/SDVR080A/SDVR160A Leggere attentamente questo manuale prima dell utilizzo e conservarlo per consultazioni future Via Don Arrigoni, 5 24020 Rovetta

Dettagli

Internet Internet è universalmente nota come la Rete delle reti: un insieme smisurato di computer collegati tra loro per scambiarsi dati e servizi.

Internet Internet è universalmente nota come la Rete delle reti: un insieme smisurato di computer collegati tra loro per scambiarsi dati e servizi. Internet Internet è universalmente nota come la Rete delle reti: un insieme smisurato di computer collegati tra loro per scambiarsi dati e servizi. Internet: la rete delle reti Alberto Ferrari Connessioni

Dettagli

Allegato 8 MISURE MINIME ED IDONEE

Allegato 8 MISURE MINIME ED IDONEE Allegato 8 MISURE MINIME ED IDONEE SOMMARIO 1 POLITICHE DELLA SICUREZZA INFORMATICA...3 2 ORGANIZZAZIONE PER LA SICUREZZA...3 3 SICUREZZA DEL PERSONALE...3 4 SICUREZZA MATERIALE E AMBIENTALE...4 5 GESTIONE

Dettagli

APPENDICE 3 AL CAPITOLATO TECNICO

APPENDICE 3 AL CAPITOLATO TECNICO CONSIP S.p.A. APPENDICE 3 AL CAPITOLATO TECNICO Manuale d uso del programma Base Informativa di Gestione (BIG), utilizzato per la raccolta delle segnalazioni ed il monitoraggio delle attività di gestione

Dettagli

TELECAMERA SUBACQUEA MINI DV RD31 DIVERS

TELECAMERA SUBACQUEA MINI DV RD31 DIVERS www.gmshopping.it TELECAMERA SUBACQUEA MINI DV RD31 DIVERS MANUALE UTENTE Questo documento è di proprietà di Ciro Fusco ( Cfu 2010 ) e protetto dalle leggi italiane sul diritto d autore (L. 633 del 22/04/1941

Dettagli

Il portafoglio VidyoConferencing. Tutto ciò di cui avete bisogno per realizzare videoconferenze HD di qualità, accessibili e a costi vantaggiosi

Il portafoglio VidyoConferencing. Tutto ciò di cui avete bisogno per realizzare videoconferenze HD di qualità, accessibili e a costi vantaggiosi Il portafoglio VidyoConferencing Tutto ciò di cui avete bisogno per realizzare videoconferenze HD di qualità, accessibili e a costi vantaggiosi La qualità HD di Vidyo mi permette di vedere e ascoltare

Dettagli

Guida alla scansione su FTP

Guida alla scansione su FTP Guida alla scansione su FTP Per ottenere informazioni di base sulla rete e sulle funzionalità di rete avanzate della macchina Brother, consultare la uu Guida dell'utente in rete. Per ottenere informazioni

Dettagli

Oscilloscopi serie WaveAce

Oscilloscopi serie WaveAce Oscilloscopi serie WaveAce 60 MHz 300 MHz Il collaudo facile, intelligente ed efficiente GLI STRUMENTI E LE FUNZIONI PER TUTTE LE TUE ESIGENZE DI COLLAUDO CARATTERISTICHE PRINCIPALI Banda analogica da

Dettagli

Sistema di telecomunicazione per le piccole e medie imprese.

Sistema di telecomunicazione per le piccole e medie imprese. Sistema di telecomunicazione per le piccole e medie imprese. Sistema di telecomunicazione Promelit ipecs MG. Descrizione del Sistema: L azienda di oggi deve saper anche essere estesa : non confinata in

Dettagli

Dispositivi di comunicazione

Dispositivi di comunicazione Dispositivi di comunicazione Dati, messaggi, informazioni su vettori multipli: Telefono, GSM, Rete, Stampante. Le comunicazioni Axitel-X I dispositivi di comunicazione servono alla centrale per inviare

Dettagli

Soluzioni per la comunicazione al pubblico Plena Un approccio flessibile per la gestione audio

Soluzioni per la comunicazione al pubblico Plena Un approccio flessibile per la gestione audio Soluzioni per la comunicazione al pubblico Plena Un approccio flessibile per la gestione audio 2 Soluzioni per la comunicazione al pubblico Plena Il vostro sistema per la comunicazione al pubblico di facile

Dettagli

Caratteristiche raccomandate del Network in un progetto di Home Automation

Caratteristiche raccomandate del Network in un progetto di Home Automation Caratteristiche raccomandate del Network in un progetto di Home Automation Uno degli aspetti progettuali più importanti di un sistema Control4 è la rete. Una rete mal progettata, in molti casi, si tradurrà

Dettagli

Schema Tipologia a Stella

Schema Tipologia a Stella Cos'e' esattamente una rete! Una LAN (Local Area Network) è un insieme di dispositivi informatici collegati fra loro, che utilizzano un linguaggio che consente a ciascuno di essi di scambiare informazioni.

Dettagli

Firewall. Generalità. Un firewall può essere sia un apparato hardware sia un programma software.

Firewall. Generalità. Un firewall può essere sia un apparato hardware sia un programma software. Generalità Definizione Un firewall è un sistema che protegge i computer connessi in rete da attacchi intenzionali mirati a compromettere il funzionamento del sistema, alterare i dati ivi memorizzati, accedere

Dettagli

Questo dispositivo, inoltre, è modulare; è quindi possibile scegliere i moduli e personalizzare la configurazione più adatta per le proprie esigenze.

Questo dispositivo, inoltre, è modulare; è quindi possibile scegliere i moduli e personalizzare la configurazione più adatta per le proprie esigenze. MONITOR DEFIBRILLATORE LIFEPAK 12 Il Monitor Defibrillatore LIFEPAK 12 è un dispositivo medicale che nasce per l emergenza e resiste ad urti, vibrazioni, cadute, polvere, pioggia e a tutte quelle naturali

Dettagli

Guida tecnica alla tecnologia video di rete.

Guida tecnica alla tecnologia video di rete. Guida tecnica alla tecnologia video di rete. Tecnologie e fattori da valutare per sviluppare con successo applicazioni di sorveglianza E di monitoraggio remoto basate su IP. 2 Guida tecnica di Axis alla

Dettagli

FAS-420-TM rivelatori di fumo ad aspirazione LSN improved version

FAS-420-TM rivelatori di fumo ad aspirazione LSN improved version Sistemi di Rivelazione Incendio FAS-420-TM rivelatori di fumo ad FAS-420-TM rivelatori di fumo ad Per il collegamento alle centrali di rivelazione incendio FPA 5000 ed FPA 1200 con tecnologia LSN improved

Dettagli

Asset sotto controllo... in un TAC. Latitudo Total Asset Control

Asset sotto controllo... in un TAC. Latitudo Total Asset Control Asset sotto controllo... in un TAC Latitudo Total Asset Control Le organizzazioni che hanno implementato e sviluppato sistemi e processi di Asset Management hanno dimostrato un significativo risparmio

Dettagli

Aggiornamento del firmware per iphone con connettore Lightning compatibile con AppRadio Mode

Aggiornamento del firmware per iphone con connettore Lightning compatibile con AppRadio Mode Aggiornamento del firmware per iphone con connettore Lightning compatibile con AppRadio Mode Istruzioni sull aggiornamento per i modelli di navigazione: AVIC-F40BT, AVIC-F940BT, AVIC-F840BT e AVIC-F8430BT

Dettagli

Stazione Meteorologica PCE-FWS 20

Stazione Meteorologica PCE-FWS 20 www.pce-italia.it Istruzioni d uso Stazione Meteorologica PCE-FWS 20 1 Istruzioni d uso www.pce-italia.it Indice dei contenuti Titolo 1. Visione generale... 3 2. Contenuto della spedizione... 3 3. Informazione

Dettagli

FileMaker Server 12. Guida introduttiva

FileMaker Server 12. Guida introduttiva FileMaker Server 12 Guida introduttiva 2007 2012 FileMaker, Inc. Tutti i diritti riservati. FileMaker, Inc. 5201 Patrick Henry Drive Santa Clara, California 95054 FileMaker e Bento sono marchi di FileMaker,

Dettagli

SAI QUANTO TEMPO IMPIEGHI A RINTRACCIARE UN DOCUMENTO, UN NUMERO DI TELEFONO O UNA E-MAIL?

SAI QUANTO TEMPO IMPIEGHI A RINTRACCIARE UN DOCUMENTO, UN NUMERO DI TELEFONO O UNA E-MAIL? archiviazione ottica, conservazione e il protocollo dei SAI QUANTO TEMPO IMPIEGHI A RINTRACCIARE UN DOCUMENTO, UN NUMERO DI TELEFONO O UNA E-MAIL? Il software Facile! BUSINESS Organizza l informazione

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO ALL AREA PEDONALE DEL COMUNE DI COURMAYEUR

REGOLAMENTO PER L ACCESSO ALL AREA PEDONALE DEL COMUNE DI COURMAYEUR REGOLAMENTO PER L ACCESSO ALL AREA PEDONALE DEL COMUNE DI COURMAYEUR Indice degli articoli Art. 1 Definizioni...2 Art. 2 Oggetto ed ambito di applicazione...2 Art. 3 Deroghe al divieto di circolazione

Dettagli

V I V E R E L ' E C C E L L E N Z A

V I V E R E L ' E C C E L L E N Z A VIVERE L'ECCELLENZA L'ECCELLENZA PLURIMA Le domande, come le risposte, cambiano. Gli obiettivi restano, quelli dell eccellenza. 1995-2015 Venti anni di successi dal primo contratto sottoscritto con l Istituto

Dettagli

Tutorial Sky Go su Samsung v.1.1

Tutorial Sky Go su Samsung v.1.1 Tutorial Sky Go su Samsung v.1.1 1.1 Presentazione...2 2.2 Download e installazione...2 2.2 Login...3 2.2.1 Limitazioni all'accesso...4 2.3 Profili di visione...6 2.4 Reti...7 2.5 Diritti...7 3.0 Fruizione

Dettagli

Guida ai Servizi Internet per il Referente Aziendale

Guida ai Servizi Internet per il Referente Aziendale Guida ai Servizi Internet per il Referente Aziendale Indice Indice Introduzione...3 Guida al primo accesso...3 Accessi successivi...5 Amministrazione dei servizi avanzati (VAS)...6 Attivazione dei VAS...7

Dettagli

Energy Studio Manager Manuale Utente USO DEL SOFTWARE

Energy Studio Manager Manuale Utente USO DEL SOFTWARE Energy Studio Manager Manuale Utente USO DEL SOFTWARE 1 ANALYSIS.EXE IL PROGRAMMA: Una volta aperto il programma e visualizzato uno strumento il programma apparirà come nell esempio seguente: Il programma

Dettagli

Guida Dell di base all'acquisto dei server

Guida Dell di base all'acquisto dei server Guida Dell di base all'acquisto dei server Per le piccole aziende che dispongono di più computer è opportuno investire in un server che aiuti a garantire la sicurezza e l'organizzazione dei dati, consentendo

Dettagli

Soluzioni multifunzionali, ideali per gestire ogni flusso di lavoro

Soluzioni multifunzionali, ideali per gestire ogni flusso di lavoro Soluzioni multifunzionali, ideali per gestire ogni flusso di lavoro Sistemi digitali per l ufficio sempre più efficienti e facili da usare Ottenere massima efficienza ed elevata professionalità, pur mantenendo

Dettagli

DVR Icatch serie X11 e X11Z iwatchdvr applicazione per iphone /ipad

DVR Icatch serie X11 e X11Z iwatchdvr applicazione per iphone /ipad DVR Icatch serie X11 e X11Z iwatchdvr applicazione per iphone /ipad Attraverso questo applicativo è possibile visualizzare tutti gli ingressi del DVR attraverso il cellulare. Per poter visionare le immagini

Dettagli

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale Giunta Regionale Direzione Generale delle Politiche Territoriali, Ambientali e per la Mobilità Area di Coordinamento Mobilità e Infrastrutture Settore Pianificazione del Sistema Integrato della Mobilità

Dettagli

IDom. Omnicon SRL Via Petrarca 14 20843 Verano Brianza (MB) info@omnicon.it

IDom. Omnicon SRL Via Petrarca 14 20843 Verano Brianza (MB) info@omnicon.it IDom MANUALE UTENTE Omnicon SRL Via Petrarca 14 20843 Verano Brianza (MB) info@omnicon.it 2 COPYRIGHT Tutti i nomi ed i marchi citati nel documento appartengono ai rispettivi proprietari. Le informazioni

Dettagli

SKY on DEMAND. Guida all attivazione e navigazione

SKY on DEMAND. Guida all attivazione e navigazione SKY on DEMAND Guida all attivazione e navigazione . Il Nuovo Sky On Demand: dettagli 1/2 Che cosa è il nuovo Sky On Demand Il nuovo Sky On Demand è il Servizio che consente di accedere ad un intera videoteca

Dettagli

idee per essere migliori SISTEMA ANTINTRUSIONE

idee per essere migliori SISTEMA ANTINTRUSIONE idee per essere migliori SISTEMA ANTINTRUSIONE UN SISTEMA INTEGRATO COMUNICAZIONE VERSO L ESTERNO Istituti di vigilanza Invio allarmi con protocollo CONTACT ID Comunicatore PSTN Espansione GSM Telefono

Dettagli

Cos è un protocollo? Ciao. Ciao 2:00. tempo. Un protocollo umano e un protocollo di reti di computer:

Cos è un protocollo? Ciao. Ciao 2:00. <file> tempo. Un protocollo umano e un protocollo di reti di computer: Cos è un protocollo? Un protocollo umano e un protocollo di reti di computer: Ciao Ciao Hai l ora? 2:00 tempo TCP connection request TCP connection reply. Get http://www.di.unito.it/index.htm Domanda:

Dettagli

Manuale d Uso. Ref: 04061

Manuale d Uso. Ref: 04061 Manuale d Uso Ref: 04061 1 Grazie per aver acquistato il lettore digitale ENERGY SISTEM INNGENIO 2000. Questo manuale fornisce istruzioni operative dettagliate e spiegazioni delle funzioni per godere al

Dettagli

LINEE GUIDA PER L UTILIZZO DEL SITAR RS - SISTEMA INFORMATIVO TELEMATICO DEGLI APPALTI REGIONALI. della Regione Siciliana -

LINEE GUIDA PER L UTILIZZO DEL SITAR RS - SISTEMA INFORMATIVO TELEMATICO DEGLI APPALTI REGIONALI. della Regione Siciliana - Assessorato Regionale delle Infrastrutture e della Mobilità OSSERVATORIO REGIONALE DEI CONTRATTI PUBBLICI DI LAVORI, SERVIZI E FORNITURE Via Camillo Camilliani, 87 90145 PALERMO LINEE GUIDA PER L UTILIZZO

Dettagli

Ministero dell Interno Dipartimento per gli Affari Interni e Territoriali Direzione Centrale per i Servizi Demografici

Ministero dell Interno Dipartimento per gli Affari Interni e Territoriali Direzione Centrale per i Servizi Demografici ALLEGATO TECNICO ALLA CIRCOLARE N. 23/05 Ai sensi del presente allegato tecnico si intende: a) per "S.S.C.E. il sistema di sicurezza del circuito di emissione dei documenti di identità elettronica; b)

Dettagli

DEFENDER HYBRID. Sistema antintrusione ibrido wireless e filare. fracarro.com

DEFENDER HYBRID. Sistema antintrusione ibrido wireless e filare. fracarro.com DEFENDER HYBRID Sistema antintrusione ibrido wireless e filare Il sistema Un sistema completamente nuovo e flessibile Impianto filare o wireless? Da oggi Defender Hybrid Defender Hybrid rivoluziona il modo

Dettagli

Speedy procedura per spedizionieri internazionali e doganali

Speedy procedura per spedizionieri internazionali e doganali Speedy procedura per spedizionieri internazionali e doganali La procedura è multi aziendale. L'accesso al software avviene tramite password e livello di accesso definibili per utente. L'interfaccia di

Dettagli

AUL22: FactoryTalk View SE Scoprite i vantaggi chiave di una soluzione SCADA integrata

AUL22: FactoryTalk View SE Scoprite i vantaggi chiave di una soluzione SCADA integrata AUL22: FactoryTalk View SE Scoprite i vantaggi chiave di una soluzione SCADA integrata Giampiero Carboni Davide Travaglia David Board Rev 5058-CO900C Interfaccia operatore a livello di sito FactoryTalk

Dettagli

Assessorato regionale dell'agricoltura, dello sviluppo rurale e della pesca mediterranea Dipartimento della pesca mediterranea

Assessorato regionale dell'agricoltura, dello sviluppo rurale e della pesca mediterranea Dipartimento della pesca mediterranea Assessorato regionale dell'agricoltura, dello sviluppo rurale e della pesca mediterranea Dipartimento della pesca mediterranea Ufficio del Responsabile Unico della Regione Sicilia per il Cluster Bio-Mediterraneo

Dettagli

MODULO TERMOSTATO A PANNELLO VM148

MODULO TERMOSTATO A PANNELLO VM148 MODULO TERMOSTATO A PANNELLO VM148 Modulo termostato a pannello 4 COLLEGAMENTO 9-12V DC/ 500mA L1 L2 ~ Riscaldatore/Aria condizionata Max. 3A Max. 2m Sensore di temperatura Per prolungare il sensore, utilizzare

Dettagli

SISTEMA DI CONTROLLO ACCESSI FUNZIONANTE SU RETE LonWorks (ANSI/EIA 709, EN 14908) E CONFORME ALLE DIRETTIVE LonMark DI INTEROPERABILITA.

SISTEMA DI CONTROLLO ACCESSI FUNZIONANTE SU RETE LonWorks (ANSI/EIA 709, EN 14908) E CONFORME ALLE DIRETTIVE LonMark DI INTEROPERABILITA. APICE s.r.l. SISTEMA DI CONTROLLO ACCESSI FUNZIONANTE SU RETE LonWorks (ANSI/EIA 709, EN 14908) E CONFORME ALLE DIRETTIVE LonMark DI INTEROPERABILITA. Descrizione del sistema Luglio 2006 SISTEMA DI CONTROLLO

Dettagli

COPERTURA WI-FI (aree chiamate HOT SPOT)

COPERTURA WI-FI (aree chiamate HOT SPOT) Wi-Fi Amantea Il Comune di Amantea offre a cittadini e turisti la connessione gratuita tramite tecnologia wi-fi. Il progetto inserisce Amantea nella rete wi-fi Guglielmo ( www.guglielmo.biz), già attivo

Dettagli

Guida alle impostazioni generali

Guida alle impostazioni generali Istruzioni per l uso Guida alle impostazioni generali 1 2 3 4 5 6 7 8 9 Collegamento della macchina Impostazioni di sistema Impostazioni Copiatrice/Document server Impostazioni fax Impostazioni Stampante

Dettagli

Manuale tecnico Stazione Meteo Eolo Davis

Manuale tecnico Stazione Meteo Eolo Davis Descrizione Generale Manuale tecnico Stazione Meteo Eolo Davis EOLO DAVIS rappresenta una soluzione wireless di stazione meteorologica, basata su sensoristica Davis Instruments, con possibilità di mettere

Dettagli

TeamViewer 7 Manuale Controllo remoto

TeamViewer 7 Manuale Controllo remoto TeamViewer 7 Manuale Controllo remoto TeamViewer GmbH Kuhnbergstraße 16 D-73037 Göppingen teamviewer.com Indice 1 Informazioni su TeamViewer... 5 1.1 Informazioni sul software... 5 1.2 Informazioni sul

Dettagli

Manuale d uso. Congratulazioni per aver scelto e-tab. Ti ringraziamo per la Tua fiducia e la decisione di comprare il nostro prodotto!

Manuale d uso. Congratulazioni per aver scelto e-tab. Ti ringraziamo per la Tua fiducia e la decisione di comprare il nostro prodotto! Manuale d uso Congratulazioni per aver scelto e-tab. Ti ringraziamo per la Tua fiducia e la decisione di comprare il nostro prodotto! Giacchè noi costantemente aggiorniamo e miglioriamo il Tuo e-tab, potrebbero

Dettagli

Software per la gestione di palestre, centri benessere e sportivi

Software per la gestione di palestre, centri benessere e sportivi Software per la gestione di palestre, centri benessere e sportivi Applicazione gestionale progettata per gestire tutti gli aspetti di palestre, centri sportivi e centri benessere Sicuro Personalizzabile

Dettagli

Il manuale dell utente può essere scaricato dal sito gopro.com/support GUIDA DI RIFERIMENTO RAPIDO

Il manuale dell utente può essere scaricato dal sito gopro.com/support GUIDA DI RIFERIMENTO RAPIDO Il manuale dell utente può essere scaricato dal sito gopro.com/support GUIDA DI RIFERIMENTO RAPIDO / Benvenuto Quando si utilizza la videocamera GoPro nell ambito delle normali attività quotidiane, prestare

Dettagli

12.5 UDP (User Datagram Protocol)

12.5 UDP (User Datagram Protocol) CAPITOLO 12. SUITE DI PROTOCOLLI TCP/IP 88 12.5 UDP (User Datagram Protocol) L UDP (User Datagram Protocol) é uno dei due protocolli del livello di trasporto. Come l IP, é un protocollo inaffidabile, che

Dettagli

La suite Dental Trey che semplifica il tuo mondo.

La suite Dental Trey che semplifica il tuo mondo. La suite Dental Trey che semplifica il tuo mondo. impostazioni di sistema postazione clinica studio privato sterilizzazione magazzino segreteria amministrazione sala di attesa caratteristiche UNO tiene

Dettagli

ivms-4200 Client Software Manuale Utente Hangzhou Hikvision Digital Technology Co., Ltd.

ivms-4200 Client Software Manuale Utente Hangzhou Hikvision Digital Technology Co., Ltd. ivms-4200 Client Software Manuale Utente Hangzhou Hikvision Digital Technology Co., Ltd. Manuale utente del Client software ivms-4200 Informazioni Le informazioni contenute in questo documento sono soggette

Dettagli

Autenticazione con CNS (Carta Nazionale dei Servizi) Configurazione e utilizzo con il portale GisMasterWeb (v1.02 del 09/07/2014)

Autenticazione con CNS (Carta Nazionale dei Servizi) Configurazione e utilizzo con il portale GisMasterWeb (v1.02 del 09/07/2014) Autenticazione con CNS (Carta Nazionale dei Servizi) Configurazione e utilizzo con il portale GisMasterWeb (v1.02 del 09/07/2014) La Carta Nazionale dei Servizi (CNS) è lo strumento attraverso il quale

Dettagli

Esperienze e soluzioni realizzate nell ambito del Progetto S.I.MO.NE

Esperienze e soluzioni realizzate nell ambito del Progetto S.I.MO.NE Programma Enti Locali Innovazione di Sistema Esperienze e soluzioni realizzate nell ambito del Progetto S.I.MO.NE 1 Premessa Il presente documento ha lo scopo di facilitare la disseminazione e il riuso

Dettagli

CHE COS È DOCFLY FATTURAZIONE PA... 3 1.1 IL GESTIONALE WEB... 3 1.2 ACCESSO ALL INTERFACCIA WEB... 4 1.3 FUNZIONALITÀ DELL INTERFACCIA WEB...

CHE COS È DOCFLY FATTURAZIONE PA... 3 1.1 IL GESTIONALE WEB... 3 1.2 ACCESSO ALL INTERFACCIA WEB... 4 1.3 FUNZIONALITÀ DELL INTERFACCIA WEB... 1. CHE COS È DOCFLY FATTURAZIONE PA... 3 1.1 IL GESTIONALE WEB... 3 1.2 ACCESSO ALL INTERFACCIA WEB... 4 1.3 FUNZIONALITÀ DELL INTERFACCIA WEB... 5 1.3.1 CREAZIONE GUIDATA DELLA FATTURA IN FORMATO XML

Dettagli

UPPLEVA. 5 anni di GARANZIA. Soluzioni integrate di mobili, smart TV e sistema audio. Tutto in uno.

UPPLEVA. 5 anni di GARANZIA. Soluzioni integrate di mobili, smart TV e sistema audio. Tutto in uno. UPPLEVA Soluzioni integrate di mobili, smart TV e sistema audio. Tutto in uno. 5 anni di GARANZIA INCLUSA NEL PREZZO I televisori, i sistemi audio e gli occhiali 3D UPPLEVA sono garantiti 5 anni. Per saperne

Dettagli

PANDORA Sistema di Telecontrollo per Ascensori PANDORA is powered by

PANDORA Sistema di Telecontrollo per Ascensori PANDORA is powered by PANDORA Sistema di Telecontrollo per Ascensori l'espressione v a s o d i P a n d o r a viene usata metaforicamente per alludere all'improvvisa scoperta di un problema o una serie di problemi che per molto

Dettagli

FCS-320_TM rivelatori di fumo ad aspirazione convenzionali

FCS-320_TM rivelatori di fumo ad aspirazione convenzionali Sistemi di Rivelazione Incendio FCS-320_TM rivelatori di fumo ad aspirazione convenzionali FCS-320_TM rivelatori di fumo ad aspirazione convenzionali Per il collegamento a centrali di rivelazione incendio

Dettagli

Energy Data Management System (EDMS): la soluzione software per una gestione efficiente dell energia secondo lo standard ISO 50001

Energy Data Management System (EDMS): la soluzione software per una gestione efficiente dell energia secondo lo standard ISO 50001 Energy Data Management System (EDMS): la soluzione software per una gestione efficiente dell energia secondo lo standard ISO 50001 Oggi più che mai, le aziende italiane sentono la necessità di raccogliere,

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Villanova d Asti (AT) Scuola dell Infanzia, Primaria, Secondaria di 1

Istituto Comprensivo Statale Villanova d Asti (AT) Scuola dell Infanzia, Primaria, Secondaria di 1 Pagina 1 di 8 REGOLAMENTO SULL USO DI INTERNET E DELLA POSTA ELETTRONICA MESSO A DISPOSIZONE DEI DIPENDENTI PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI D UFFICIO () Approvato con deliberazione del Consiglio di Istituto

Dettagli

Deutsche Bank. db Corporate Banking Web Guida al servizio

Deutsche Bank. db Corporate Banking Web Guida al servizio Deutsche Bank db Corporate Banking Web Guida al servizio INDICE 1. INTRODUZIONE... 3 2. SPECIFICHE DI SISTEMA... 4 3 MODALITÀ DI ATTIVAZIONE E DI PRIMO COLLEGAMENTO... 4 3. SICUREZZA... 5 4. AUTORIZZAZIONE

Dettagli

Agilent OpenLAB Chromatography Data System (CDS)

Agilent OpenLAB Chromatography Data System (CDS) Agilent OpenLAB Chromatography Data System (CDS) EZChrom Edition e ChemStation Edition Requisiti hardware e software Agilent Technologies Informazioni legali Agilent Technologies, Inc. 2013 Nessuna parte

Dettagli

Manuale di Remote Desktop Connection. Brad Hards Urs Wolfer Traduzione: Luciano Montanaro Traduzione: Daniele Micci

Manuale di Remote Desktop Connection. Brad Hards Urs Wolfer Traduzione: Luciano Montanaro Traduzione: Daniele Micci Manuale di Remote Desktop Connection Brad Hards Urs Wolfer Traduzione: Luciano Montanaro Traduzione: Daniele Micci 2 Indice 1 Introduzione 5 2 Il protocollo Remote Frame Buffer 6 3 Uso di Remote Desktop

Dettagli

Configurazioni Mobile Connect

Configurazioni Mobile Connect Mailconnect Mail.2 L EVOLUZIONE DELLA POSTA ELETTRONICA Configurazioni Mobile Connect iphone MOBILE CONNECT CONFIGURAZIONE MOBILE CONNECT PER IPHONE CONFIGURAZIONE IMAP PER IPHONE RUBRICA CONTATTI E IPHONE

Dettagli

Profilo Commerciale Collabor@

Profilo Commerciale Collabor@ Profilo Commerciale Collabor@ 1. DESCRIZIONE DEL SERVIZIO E REQUISITI Collabor@ è un servizio di web conferenza basato sulla piattaforma Cisco WebEx, che consente di organizzare e svolgere riunioni web,

Dettagli

Garmin Dash Cam 10/20 Manuale Utente

Garmin Dash Cam 10/20 Manuale Utente Garmin Dash Cam 10/20 Manuale Utente Dicembre 2013 190-01711-31_0A Stampato a Taiwan Tutti i diritti riservati. Ai sensi delle norme sul copyright, non è consentito copiare integralmente o parzialmente

Dettagli

CATTURARE LO SCHERMO INTERO O LA FINESTRA ATTIVA

CATTURARE LO SCHERMO INTERO O LA FINESTRA ATTIVA CATTURARE LO SCHERMO INTERO O LA FINESTRA ATTIVA Supponiamo di voler eseguire una istantanea del nostro desktop, quella che in gergo si chiama Screenshot (da screen, schermo, e shot, scatto fotografico).

Dettagli

ACCENDIAMO IL RISPARMIO

ACCENDIAMO IL RISPARMIO ACCENDIAMO IL RISPARMIO PUBBLICA ILLUMINAZIONE PER LA SMART CITY Ing. Paolo Di Lecce Tesoriere AIDI Amministratore Delegato Reverberi Enetec srl LA MISSION DI REVERBERI Reverberi Enetec è una trentennale

Dettagli

Web Conferencing and Collaboration tool

Web Conferencing and Collaboration tool Web Conferencing and Collaboration tool La piattaforma Meetecho Piattaforma di Web Conferencing e Collaborazione on line in tempo reale Caratteristiche generali Soluzione client-server progettata per essere

Dettagli

MATRICE DELLE FUNZIONI DI DRAGON NATURALLYSPEAKING 12 CONFRONTO TRA EDIZIONI DEL PRODOTTO

MATRICE DELLE FUNZIONI DI DRAGON NATURALLYSPEAKING 12 CONFRONTO TRA EDIZIONI DEL PRODOTTO MATRICE DELLE FUNZIONI DI DRAGON NATURALLYSPEAKING 12 CONFRONTO TRA EDIZIONI DEL PRODOTTO Precisione del riconoscimento Velocità di riconoscimento Configurazione del sistema Correzione Regolazione della

Dettagli

EQUIPAGGIAMENTI E PREZZI VOLT

EQUIPAGGIAMENTI E PREZZI VOLT EQUIPAGGIAMENTI E PREZZI LUGLIO 2012 LISTINO PREZZI Volt CHIAVI IN MANO CON IVA MESSA SU STRADA PREZZO DI LISTINO CON IVA PREZZO LISTINO (IVA ESCLUSA) 44.350 ALLESTIMENTI 1.400,00 42.950,00 35.495,87 SPECIFICHE

Dettagli

E-VISION Tempo. Timer luci a microprocessore. Manuale d uso e installazione

E-VISION Tempo. Timer luci a microprocessore. Manuale d uso e installazione E-VISION Tempo Timer luci a microprocessore Manuale d uso e installazione ELOS E-VISION - Tempo Controllo Luci Acquario a Microprocessore. 1. Semplice da programmare 2. Gestisce sia lampade a led sia lampade

Dettagli

Gestione Email Gruppo RAS Carrozzerie Convenzionate

Gestione Email Gruppo RAS Carrozzerie Convenzionate Email Ras - CARROZZIERI Pag. 1 di 17 Gestione Email Gruppo RAS Carrozzerie Convenzionate Notizie Generali Email Ras - CARROZZIERI Pag. 2 di 17 1.1 Protocollo Gruppo RAS Questo opuscolo e riferito al Protocollo

Dettagli

Caratteristiche principali

Caratteristiche principali Il regolatore semaforico Hydra nasce nel 1998 per iniziativa di CTS Engineering. Ottenute le necessarie certificazioni, già dalla prima installazione Hydra mostra sicurezza ed affidabilità, dando avvio

Dettagli

Progetto Didattico di Informatica Multimediale

Progetto Didattico di Informatica Multimediale Progetto Didattico di Informatica Multimediale VRAI - Vision, Robotics and Artificial Intelligence 20 aprile 2015 Rev. 18+ Introduzione Le videocamere di riconoscimento sono strumenti sempre più utilizzati

Dettagli

END-TO-END SERVICE QUALITY. LA CULTURA DELLA QUALITÀ DAL CONTROLLO DELLE RISORSE ALLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE

END-TO-END SERVICE QUALITY. LA CULTURA DELLA QUALITÀ DAL CONTROLLO DELLE RISORSE ALLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE END-TO-END SERVICE QUALITY. LA CULTURA DELLA QUALITÀ DAL CONTROLLO DELLE RISORSE ALLA SODDISFAZIONE In un mercato delle Telecomunicazioni sempre più orientato alla riduzione delle tariffe e dei costi di

Dettagli

***** Il software IBM e semplice *****

***** Il software IBM e semplice ***** Il IBM e semplice ***** ***** Tutto quello che hai sempre voluto sapere sui prodotti IBM per qualificare i potenziali clienti, sensibilizzarli sulle nostre offerte e riuscire a convincerli. WebSphere IL

Dettagli

VIRTUALIZE IT. www.digibyte.it - digibyte@digibyte.it

VIRTUALIZE IT. www.digibyte.it - digibyte@digibyte.it il server? virtualizzalo!! Se ti stai domandando: ma cosa stanno dicendo? ancora non sai che la virtualizzazione è una tecnologia software, oggi ormai consolidata, che sta progressivamente modificando

Dettagli

CENTRALINA ELETTRONICA FAR Art. 9600-9612 - 9613

CENTRALINA ELETTRONICA FAR Art. 9600-9612 - 9613 CENTRALINA ELETTRONICA FAR Art. 9600-9612 - 9613 MANUALE D ISTRUZIONE SEMPLIFICATO La centralina elettronica FAR art. 9600-9612-9613 è adatta all utilizzo su impianti di riscaldamento dotati di valvola

Dettagli

INFORMATIVA PRIVACY AI VISITATORI DEL SITO www.wdc-international.com

INFORMATIVA PRIVACY AI VISITATORI DEL SITO www.wdc-international.com INFORMATIVA PRIVACY AI VISITATORI DEL SITO www.wdc-international.com La presente Informativa è resa, anche ai sensi del ai sensi del Data Protection Act 1998, ai visitatori (i Visitatori ) del sito Internet

Dettagli

Sistema AirLINE per il pilotaggio ed il Controllo Remoto del Processo WAGO INGRESSI/USCITE remoti e Fieldbus

Sistema AirLINE per il pilotaggio ed il Controllo Remoto del Processo WAGO INGRESSI/USCITE remoti e Fieldbus Sistema AirLINE per il pilotaggio ed il Controllo Remoto del Processo 86-W Sistema integrato compatto di valvole con I/O elettronici Sistemi personalizzati premontati e collaudati per il pilotaggio del

Dettagli

Introduzione alla VPN del progetto Sa.Sol Desk Formazione VPN

Introduzione alla VPN del progetto Sa.Sol Desk Formazione VPN Introduzione alla VPN del progetto Sa.Sol Desk Sommario Premessa Definizione di VPN Rete Privata Virtuale VPN nel progetto Sa.Sol Desk Configurazione Esempi guidati Scenari futuri Premessa Tante Associazioni

Dettagli

Simplex Gestione Hotel

Simplex Gestione Hotel Simplex Gestione Hotel Revisione documento 01-2012 Questo documento contiene le istruzioni per l'utilizzo del software Simplex Gestione Hotel. E' consentita la riproduzione e la distribuzione da parte

Dettagli

Dal punto di vista organizzativo sono possibili due soluzioni per il sistema di rete.

Dal punto di vista organizzativo sono possibili due soluzioni per il sistema di rete. Premessa. La traccia di questo anno integra richieste che possono essere ricondotte a due tipi di prove, informatica sistemi, senza lasciare spazio ad opzioni facoltative. Alcuni quesiti vanno oltre le

Dettagli

SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO

SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO CLSMS SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO Sommario e introduzione CLSMS SOMMARIO INSTALLAZIONE E CONFIGURAZIONE... 3 Parametri di configurazione... 4 Attivazione Software...

Dettagli