IL DECRETO LEGISLATIVO 61/2010: LE NUOVE NORME PER I VINI DI QUALITA

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "IL DECRETO LEGISLATIVO 61/2010: LE NUOVE NORME PER I VINI DI QUALITA"

Transcript

1 1

2 UNIONE NAZIONALE CONSUMATORI COMITATO REGIONALE DELLA LOMBARDIA IL DECRETO LEGISLATIVO 61/2010: LE NUOVE NORME PER I VINI DI QUALITA SOMMARIO Premessa Quadro normativo europeo Quadro normativo nazionale e regionale per la Lombardia Il Decreto Legislativo 61/2010 L etichettatura: le indicazioni obbligatorie I Decreti Ministeriali Giurisprudenza Elenco dei vini DOP della Lombardia Elenco dei vini IGP della Lombardia pag. 2 pag. 3 pag. 5 pag. 6 pag. 14 pag. 16 pag. 20 pag. 21 pag. 22 1

3 PREMESSA L avvio della riforma della normativa nel settore vitivinicolo avviene con il regolamento CE 479/2008 che modifica l organizzazione Comune del mercato vitivinicolo (OCM). La nuova OCM che è entrata in vigore il primo agosto del 2008, introduce novità di assoluto interesse per i consumatori riguardo alla classificazione dei vini e all etichettatura. Il Decreto Legislativo 61/2010, che ha sostituito la Legge 164/1992 che per anni ha regolato il settore, nasce dalla necessità di adeguare la legislazione italiana a quella europea. 2

4 QUADRO NORMATIVO EUROPEO La riforma del settore vitivinicolo in ambito europeo viene inserita in un quadro più ampio di riforme da parte della Commissione Europea che si concretizza con il Reg. CE 1234/2007 del (regolamento unico OCM) dove è stato, poi, inserito anche il Reg. CE 479/2008 del settore vitivinicolo sopra richiamato. Ed infatti il Reg. CE 479/2008 (che abroga e sostituisce il precedente Reg. Ce 1493/1999) viene poi sostituito dal Reg. CE 491/2009 che ha stabilito di inglobare l OCM vino nel regolamento unico OCM. Il quadro legislativo comunitario viene completato da altri regolamenti attuativi: - Reg. CE 555/2008 recante modalità di applicazione del regolamento Ce n. 479/2008 del Consiglio relativo all organizzazione comune del mercato vitivinicolo, in ordine ai programmi di sostegno, agli scambi con paesi terzi, al potenziale produttivo e ai controlli nel settore vitivinicolo - Reg. CE 436/2009 recante modalità di applicazione del regolamento CE 479/2008 del Consiglio in ordine allo schedario viticolo, alle dichiarazioni obbligatorie ed alle informazioni per il controllo del mercato, ai documenti che scortano il trasporto dei prodotti e alla tenuta dei registri nel settore vitivinicolo - Reg. CE 606/2009 recante alcune modalità di applicazione del regolamento CE 479/2008 del Consiglio per quanto riguarda le categorie di prodotti vitivinicoli, le pratiche enologiche e le relative restrizioni - Reg. CE 607/2009 Recante modalità di applicazione del regolamento CE n. 479/2008 del Consiglio per quanto riguarda le denominazioni di origine protette e le indicazioni geografiche protette, le menzioni tradizionali, l etichettatura e la presentazione di determinati prodotti vitivinicoli 3

5 Le novità di maggior interesse per il consumatore sono relative alla etichettatura. Ai vini di qualità dell Unione Europea vengono attribuiti gli stessi marchi già utilizzati per gli alimenti: DOP e IGP. In particolare in Italia i vini DOCG e DOC rientrano nella categoria dei vini DOP, mentre i vini IGT rientrano nella categoria dei vini IGP. Non esiste più la menzione vino da tavola : i vini senza DOP o IGP vengono ora denominati vini generici (o comunitari) ovvero varietali se viene rivendicato l utilizzo di specifici vitigni. Questa, pertanto, è la nuova piramide della qualità dei vini italiani: VINO DOCG/DOP VINO DOC/DOP VINO IGT / IGP VINI VARIETALI, GENERICI 4

6 QUADRO NORMATIVO NAZIONALE E REGIONALE PER LA LOMBARDIA A seguito dell intervento del Legislatore europeo il Legislatore italiano ha adeguato la propria normativa con il D.lvo 61/2010. Detto Decreto ha abrogato il DPR 930 del 1963 e la Legge 164/1992 che per anni hanno disciplinato in Italia il settore vitivinicolo. Il D.lvo 61/2010 ha anche abrogato il DPR 348/1994 che disciplinava il procedimento per il riconoscimento delle denominazioni d origine e l approvazione dei disciplinari di produzione, e l art. 14 comma 8 della Legge 82 del 2006 relativo ai laboratori di analisi. Legge 82 del 20 febbraio 2006 Disposizioni di attuazione della normativa comunitaria concernente l organizzazione comune di mercato del vino Legge 88 del 7 luglio 2009 Legge Delega al Governo per l adeguamento della normativa nazionale al regolamento CE 479/2008 relativo all organizzazione del mercato vitivinicolo D.lvo 61 del 8 aprile 2010 Tutela delle denominazioni di origine e delle indicazioni geografiche dei vini in attuazione della L. 7 luglio 2009 n. 88 Completano il quadro normativo i Decreti ministeriali attuativi del D.lvo 61/2010 e dell OCM vino e, a livello regionale, il Decreto OPR 397 del di Regione Lombardia (BURL 4 serie ordinaria del ) che ha adottato il Manuale delle procedure e dei controlli per l aggiornamento e la gestione dello schedario viticolo regionale. 5

7 IL DECRETO LEGISLATIVO 61/2010 Il Decreto Legislativo 61/2010 è composto da 33 articoli divisi in 10 capi. Esaminiamo le disposizioni di maggior interesse - Capo I Il Capo I (artt. 1/6) è dedicato alle norme generali ed alla classificazione delle denominazioni. L art. 1 recepisce le indicazioni europee in relazione alle nuove denominazioni DOP/IGP per i vini di qualità. Viene indicato che per DOP (denominazione d origine protetta) dei vini si intende il nome geografico di una zona viticola particolarmente vocata utilizzato per designare un prodotto di qualità e rinomato, le cui caratteristiche sono connesse essenzialmente o esclusivamente all ambiente naturale ed ai fattori umani, mentre per IGP (Indicazione geografica protetta) dei vini si intende il nome geografico di una zona utilizzato per designare il prodotto che ne deriva e che possieda qualità, notorietà e caratteristiche specifiche attribuibili a tale zona. L art. 2 è di particolare importanza per la tutela del consumatore. Infatti sancisce espressamente che il nome della denominazione d origine o dell indicazione geografica e le altre menzioni tradizionali riservate non possono essere impiegati per designare prodotti similari o alternativi a quelli definiti all art. 1, né comunque possono essere impiegati in modo tale da ingenerare nei consumatori confusione nell individuazione dei prodotti. L art. 3 precisa che la denominazione DOP riguarda i vini italiani DOCG e DOC, mentre la denominazione IGP riguarda i vini italiani IGT. Con una nota del il Ministero delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali ha precisato, per quanto riguarda l indicazione in etichetta, che gli operatori interessati, conformemente a quanto previsto al paragrafo 3 art. 118 sexvicies del Reg. CE 1234/2007, possono omettere o meno l espressione comunitaria denominazione di origine protetta o indicazione geografica protetta e, pertanto, le stesse menzioni tradizionali italiane possono essere indicate da sole o congiuntamente alla corrispondente espressione europea. Inoltre il D. lvo 61/2010 non prevede l obbligo di indicare in etichetta le citate menzioni tradizionali italiane e conseguentemente, qualora i produttori lo ritengano, possono indicare la sola espressione europea denominazione di origine protetta o indicazione geografica protetta, conformemente alla richiamata normativa di etichettatura comunitaria (v. all. 1). 6

8 L art. 6 introduce una importante novità in relazione all annata di produzione. Viene introdotto per i vini DOCG e DOC l obbligo di indicare in etichetta l annata di produzione delle uve (con esclusione dei vini liquorosi, spumanti e frizzanti). Prima tale obbligo riguardava solo i vini DOCG. L art. 6 disciplina anche specificazioni e menzioni secondo il seguente schema: CLASSICO per DOC e DOCG non spumanti e STORICO per DOC e DOCG spumanti è riservata ai vini della zona di origine più antica, ai quali può essere attribuita una regolamentazione autonoma anche nell ambito della stessa denominazione RISERVA viene attribuito a DOC e DOCG che siano stati sottoposti ad un periodo di invecchiamento (compreso l eventuale affinamento) non inferiore a: - due anni per i vini rossi - un anno per i vini bianchi - un anno per i vini spumanti con metodo di fermentazione in autoclave metodo martinotti/charmat - tre anni per i vini spumanti ottenuti con rifermentazione naturale in bottiglia SUPERIORE è attribuita ai vini DOC e DOCG con caratteristiche qualitative più elevate derivanti da una regolamentazione più restrittiva NOVELLO riguarda i vini a Denominazione di Origine e ad Indicazione Geografica tranquilli e frizzanti, prodotti conformemente alla normativa nazionale e comunitaria vigente PASSITO o VINO PASSITO per i vini DOCG, DOC e IGT tranquilli e VINO PASSITO LIQUOROSO per i vini IGT ottenuti dalla fermentazione di uve sottoposte ad appassimento naturale o in ambiente condizionato. VIGNA o suoi sinonimi, seguita dal relativo toponimo o nome tradizionale, può essere utilizzata soltanto nella presentazione e designazione dei vini DOP ottenuti dalla superficie vitata che corrisponde al toponimo o nome tradizionale, purché sia rivendicata nella denuncia annuale di produzione prevista dalla Legge ed a condizione che la vinificazione delle uve avvenga separatamente e che sia previsto un apposito elenco positivo a livello regionale entro l inizio della campagna vendemmiale Nell allegato 7 del D.M si possono trovare ulteriori precisazioni in relazione alla menzione novello. 7

9 - Capo II Il Capo II (artt. 7/9) è dedicato alla protezione comunitaria, alla procedura di riconoscimento ed ai requisiti fondamentali e gestione delle DOP e IGP In particolare l art. 8 stabilisce che il riconoscimento DOCG è riservato a vini che siano ritenuti di particolare pregio che hanno già ottenuto il riconoscimento DOC da almeno 10 anni e che siano stati rivendicati, nell ultimo biennio da almeno il 51% da soggetti che conducono vigneti dichiarati allo schedario viticolo indicato al successivo art. 12 e che rappresentino almeno il 51% della superficie totale dichiarata alo schedario viticolo idonea alla rivendicazione della relativa denominazione. In precedenza ad un vino DOC bastavano cinque anni per diventare DOCG. L articolo prevede anche espressamente che il riconoscimento di una DOCG deve prevedere una disciplina viticola ed enologica più restrittiva rispetto a quella della DOC di provenienza. Il riconoscimento DOC viene, invece riservato ai vini già riconosciuti IGT da almeno 5 anni e che siano stati rivendicati nell ultimo biennio da almeno il 35% dei viticoltori interessati e che rappresentino almeno il 35% della produzione dell area interessata. Il riconoscimento di una DOC deve prevedere una disciplina viticola ed enologica più restrittiva rispetto a quella della IGT rivendicata. Il riconoscimento IGT è riservato ai vini provenienti dalla rispettiva zona viticola a condizione che la relativa richiesta sia rappresentativa di almeno il 20%dei viticoltori interessati e del 20% della superficie totale dei vigneti oggetto di dichiarazione produttiva nell ultimo biennio. - Capo III Il Capo III (artt.. 10/12) è dedicato ai disciplinari di produzione ed alla gestione delle superfici vitate. In particolare all art. 10 vengono indicati i seguenti contenuti obbligatori dei disciplinari di produzione: a) la denominazione di origine o indicazione geografica; b) la delimitazione della zona di produzione; c) la descrizione delle caratteristiche fisico-chimiche ed organolettiche del vino o dei vini, ed in particolare il titolo alcolometrico volumico minimo richiesto al consumo e 8

10 il titolo alcolometrico volumico minimo naturale potenziale delle uve alla vendemmia; le regioni possono consentire un titolo alcolometrico volumico minimo naturale inferiore di mezzo grado a quello stabilito dal disciplinare; limitatamente ai vini IGT la valutazione o indicazione delle caratteristiche organolettiche; d) la resa massima di uva e di vino ad ettaro, sulla base dei risultati quantitativi e qualitativi del quinquennio precedente. Per i vini frizzanti e spumanti si fa riferimento alla partita di vino base destinato all elaborazione Le Regioni, sentiti i consorzi e le organizzazioni professionali di categoria, in annate climaticamente sfavorevoli, riducono le rese massime di uva e di vino consentite sino al limite reale dell'annata; e) l'indicazione della o delle varieta' di uve da cui il vino e' ottenuto con eventuale riferimento alle relative percentuali, fatta salva la tolleranza nella misura massima dell'1 per cento da calcolarsi su ogni singolo vitigno impiegato e se collocato in maniera casuale all'interno del vigneto; f) le forme di allevamento, i sistemi di potatura, il divieto di pratiche di forzatura. Per i nuovi impianti relativi alla produzione di vini DOCG e' obbligatorio prevedere la densita' minima di ceppi per ettaro, calcolata sul sesto d'impianto. Nei disciplinari in cui sia indicata la densita' d'impianto, eventuali fallanze, entro il limite del 10 per cento, non incidono sulla determinazione della capacita' produttiva; oltre tale limite la resa di uva ad ettaro e' ridotta proporzionalmente all'incidenza percentuale delle fallanze; g) le condizioni di produzione ed in particolare le caratteristiche naturali dell'ambiente, quali il clima, il terreno, la giacitura, l'altitudine, l'esposizione; h) gli elementi che evidenziano il legame con il territorio, ai sensi dell'articolo 118- quater, paragrafo 2, lettera g), del regolamento (CE) n. 1234/2007. L art. 12 disciplina lo schedario viticolo dove devono essere iscritti i vigneti destinati a produrre vini DOP e IGP e che viene gestito dalle Regioni e dalle Province autonome. Il Ministero delle Politiche Agricole e Forestali con Decreto del ha approvato le disposizioni applicative del Decreto L.vo 61/2010 relativo alla tutela delle denominazioni di origine e delle indicazioni geografiche dei vini, per quanto concerne la disciplina dello schedario viticolo e della rivendicazione annuale delle produzioni. La Regione Lombardia ha recepito detto Decreto e con proprio Decreto OPR 397 del (BURL 4 serie ordinaria del ) ha adottato il Manuale 9

11 delle procedure e dei controlli per l aggiornamento e la gestione dello schedario viticolo regionale in cui sono contenute tutte le procedure del settore. - Capo IV Il capo IV (artt. 13/15) è dedicato al controllo delle DOP e IGP In particolare l art. 13 attribuisce al Ministero delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali il coordinamento dell attività di controllo delle DOP e IGP ed il potere di vigilanze sulle strutture pubbliche designate o private che esercitano tale attività. Le strutture private devono essere autorizzate dal Ministero e sono soggette anche alla vigilanza di Regioni e Province autonome. - Capo V Il capo V è composto dal solo art. 16 dedicato al Comitato nazionale dei vini DOP e IGP, che è organo del Ministero delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali che ha competenza consultiva e propositiva in materia di tutela e valorizzazione qualitativa e commerciale dei vini DOP e IGP. E anche responsabile della procedura preliminare nazionale in merito ai disciplinari delle DOP e IGP dei vini da presentare alla Commissione UE per l approvazione. Il comitato e' composto dal Presidente e dai seguenti membri, nominati dal Ministro delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali: a) tre funzionari del Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali; b) tre membri esperti, particolarmente competenti in materie tecnico/scientifico/legislative attinenti al settore della viticoltura ed enologia; c) due membri designati dalla Conferenza permanente per i rapporti tra lo Stato, le regioni e le province autonome di Trento e di Bolzano di cui all'articolo 12 della legge 23 agosto 1988, n. 400, in rappresentanza ed in qualita' di coordinatori delle regioni e delle province autonome; d) un membro designato dall'unione nazionale delle camere di commercio, industria, artigianato e agricoltura, in rappresentanza delle camere stesse; e) un membro designato dall'associazione enologi enotecnici italiani; f) un membro designato dalla Federazione nazionale dei consorzi volontari di cui all'articolo 17, in rappresentanza dei consorzi stessi; g) tre membri designati dalle organizzazioni sindacali degli agricoltori maggiormente rappresentative; 10

12 h) due membri designati dalle organizzazioni di rappresentanza e tutela delle cantine sociali e cooperative agricole; i) un membro designato dalle organizzazioni sindacali degli industriali vinicoli; l) un membro designato dalle organizzazioni sindacali dei commercianti grossisti vinicoli. Con D.M. n del il Ministero delle Politiche Agricole e Forestali ha effettuato la nomina per il triennio del nuovo Comitato Nazionale dei vini DOP e IGP. Secondo le disposizioni dell art. 16 il numero dei membri complessivo è passato a 18 rispetto ai 40 precedentemente previsti. I membri del Comitato non ricevono alcun compenso o gettone presenza. - Capo VI Il capo VI è composto dal solo art. 17 dedicato ai Consorzi di tutela. Il Ministero delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali può riconoscere consorzi di tutela per i vini DOP e IGP. Al consorzio di tutela che non adempie alle prescrizioni o obblighi cui è tenuto viene applicata una sanzione da a euro (v. art. 27). Ecco l elenco dei consorzi di tutela incaricati per la Lombardia ai sensi dell art. 17: - Consorzio per la tutela del Franciacorta Via Verdi 53, Erbusco (BS) D.M (G.U. 97 del ) - Consorzio di tutela vini San Colombano o San Colombano al Lambro Via Ricetto, San Colombano al Lambro (MI) D.M (G.U. 214 del ) - Consorzio tutela vini della Valtellina Via G. Piazzi 23, Sondrio D.M (G.U. 269 del ) - Consorzio tutela vini Oltrepo Pavese Via Mentana 27, Pavia c/o Camera di Commercio D.M (G.U. 270 del ) 11

13 - Consorzio Vini DOP Valcalepio Via Bergamo 10, San Paolo d Aragon (BG) D.M (G.U. 285 del ) - Consorzio Botticino V.le della Bornata 110, Brescia D.M (G.U. 114 del ) - Consorzio Montenetto (DOC Capriano del Colle) V.le della Bornata 110, Brescia D.M (G.U. 114 del ) - Capo VII Il Capo VII (artt. 18/20) disciplina la designazione, presentazione e protezione dei vini a denominazione di origine e ad indicazione geografica. L art. 18 stabilisce che per la designazione, presentazione e protezione delle denominazioni di origine e delle indicazioni geografiche dei prodotti vitivinicoli sono direttamente applicabili le specifiche disposizioni stabilite dalla normativa comunitaria, nonché le disposizioni nazionali attuative. L argomento è di massima importanza in quanto riguarda anche l etichettatura e, pertanto, verrà approfondito nella successiva sezione appositamente dedicata alle indicazioni obbligatorie e facoltative per le etichette. L art. 19 disciplina i recipienti ed il contrassegno per i vini DOP unitamente al Decreto Ministeriale del 19 aprile 2011 emanato in attuazione dello stesso articolo. - Capo VIII Il Capo VII è composto dal solo art. 21 relativo ai concorsi enologici per i vini DOP, IGP che possono essere organizzati da enti definiti organismi ufficialmente autorizzati al rilascio di distinzioni dal Ministero delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali. Il relativo elenco autorizzato dal Ministero per il 2013 viene allegato alla presente (v. all. 2). E prevista una sanzione di euro per chi organizza concorsi enologici senza l autorizzazione ministeriale (v. art. 28). 12

14 - Capo IX Il Capo IX comprende gli articoli da 22 a 30 ed è dedicato alle disposizioni sanzionatorie. Oltre ai già richiamati artt. 27 e 28, in particolare l art. 22 prevede che la produzione e vendita di vino DOP senza i requisiti previsti dai relativi disciplinari comporta una sanzione fino a euro che raddoppia se il quantitativo è superiore a 100 ettolitri. In tal caso il trasgressore dovrà anche pubblicare a proprie spese il provvedimento sanzionatorio su due giornali tra i più diffusi nella Regione, dei quali uno quotidiano e uno tecnico. - Capo X Gli ultimi tre articoli da 31 a 33 formano il Capo X che è dedicato alle disposizioni transitorie ed alla abrogazione delle norme preesistenti. In particolare le disposizioni transitorie sono disciplinate dall art. 31 mentre l art. 32 abroga espressamente le seguenti norme: - DPR N. 930 concernente le norme per la tutela delle denominazioni di origine dei mosti e dei vini - L. 164/1992 recante la nuova disciplina delle denominazioni di origine dei vini - L art. 1 comma 1 lettera a), e l art. 14 comma 8 della Legge 82/2006 recante disposizioni di attuazione della normativa comunitaria concernente l OCM del vino. 13

15 L ETICHETTATURA: LE INDICAZIONI OBBLIGATORIE La normativa relativa alla etichettatura è disciplinata a livello europeo dai Regolamenti CE 1234/2007, 479/2008 e 607/2009 nonché dalla normativa nazionale di attuazione: il D.lvo 61/2010 ed il D.M Le indicazioni obbligatorie per i vini DOP e IGP - La denominazione di origine o l indicazione geografica seguita, rispettivamente, dall espressione Denominazione di origine Protetta o DOP, Indicazione geografica protetta o IGP, oppure dalle relative menzioni tradizionali in uso nel Paese - Il titolo alcolometrico effettivo - La provenienza - I riferimenti dell imbottigliatore o per i vini spumanti del produttore o venditore - I riferimenti dell importatore (per i vini di provenienza extra UE) - L indicazione del tenore di zucchero per i vini spumanti - La presenza di allergeni (es. contiene solfiti, derivati dell uovo e del latte) - Il numero di contrassegno e/o lotto - Annata delle uve (solo per i vini DOP) - Indicazione della quantità L indicazione della provenienza è una delle novità introdotte dalla nuova OCM vino. Come prevede l art. 55 del Reg. CE 607/2008 tale indicazione deve essere riportata in etichetta mediante i termini vino di oppure prodotto in... oppure prodotto di Con riferimento alle indicazioni relative all imbottigliatore, come stabilito nel D.M , per i vini DOP e IGP sono stabilite le seguenti espressioni che possono completare il nome e l indirizzo dell imbottigliatore relative all'imbottigliamento nell'azienda del produttore o di un'associazione di produttori: 14

16 "imbottigliato dall azienda agricola, "imbottigliato dal viticoltore, imbottigliato all'origine da, "imbottigliato all'origine dalla cantina sociale, "imbottigliato all'origine dai produttori riuniti, "imbottigliato all'origine dall'associazione dei produttori e altre espressioni similari riferite all imprenditore agricolo di cui all'art del codice civile; le predette espressioni possono essere altresì completate da altri termini riferiti all azienda agricola; Sono, poi, ammesse le seguenti espressioni indicanti l'imbottigliamento nella zona di produzione: - "imbottigliato nella zona di produzione"; - "imbottigliato in seguita dal nome della DOP o IGP, a condizione che l'imbottigliamento sia effettuato nella zona in questione o in stabilimenti situati nelle sue immediate vicinanze, conformemente alle disposizioni del relativo disciplinare di produzione; Tutte le espressioni sopra indicate possono essere completate dalla dicitura integralmente prodotto, a condizione che il vino sia ottenuto da uve raccolte esclusivamente in vigneti di pertinenza dell azienda e vinificate nella stessa. In sostituzione del nome o della ragione sociale e della sede legale dell imbottigliatore o del produttore o dell importatore o del venditore, può essere utilizzato il codice attribuito dall'icqrf (Istituto Centrale Qualità e repressione frodi) completato dalla sigla IT. Le regole relative al numero di identificazione lotto/contrassegno sono stabilite all art. 19 del D.lvo 61/2010. I vini DOCG devono essere muniti di una speciale contrassegno stampato dall Istituto Poligrafico e Zecca dello Stato applicato in modo tale da impedire che il contenuto possa essere estratto senza l inattivazione del contrassegno stesso, che è fornito di una serie e di un numero di identificazione. I vini DOC possono utilizzare detto contrassegno ovvero in alternativa il lotto attribuito alla partita certificata dalla ditta imbottigliatrice e comunicato dalla medesima ditta alla struttura titolare del piano dei controlli. Si ribadisce, poi, la novità in relazione all indicazione dell annata: il D.lvo 61/2010 all art. 6 comma 10 stabilisce l obbligo di indicazione per tutti i vino Dop. In precedenza l obbligo riguardava solo i vini Docg. 15

17 I DECRETI MINISTERIALI I principali Decreti ministeriali attuativi del D.lvo 61/2010 e dell OCM vino sono i seguenti: - D.M. 5 ottobre 2010 (G.U. 249 del ) Modifica dei disciplinari di produzione dei vini DOCCG e DOC relativa all inserimento dell obbligo dell indicazione in etichetta dell annata di produzione delle uve, ad esclusione delle categorie di vini liquorosi, spumanti e frizzanti - D.M. 2 novembre 2010 (G.U. 271 del ) Approvazione dello schema di piano dei controlli, in applicazione dell art. 13 comma 17 D. Lvo 61/2010 recante la tutela delle denominazioni di origine, in attuazione dell art. 15 L. 88/ D.M. 16 dicembre 2010 (G.U. 12 del ) (che sostituisce il precedente D.M ) Procedura a livello nazionale per l esame delle domande di protezione DOP e IGP dei vini e di modifica dei disciplinari, ai sensi del Regolamento (CE) n. 1234/2007 e del D.lvo 61/ D.M. 16 dicembre 2010 (G.U. 16 del ) Disposizioni applicative del D.lvo 61/2010 relativo alla tutela delle denominazioni di origine e delle indicazioni geografiche dei vini, per quanto concerne la disciplina dello schedario viticolo e della rivendicazione annuale delle produzioni. - D.M. 16 dicembre 2010 (G.U. 17 del ) Disposizioni generali in materia di costituzione e riconoscimento dei consorzi di tutela delle denominazioni di origine e delle indicazioni geografiche dei vini - D.M. 16 dicembre 2010 (G.U. 28 del ) Disciplina dei concorsi enologici, in applicazione dell art. 21 comma 3 del D.lvo 61/

18 - D.M. 19 aprile 2011 (G.U. 106 del ) Disposizioni, caratteristiche, diciture, nonché modalità per la fabbricazione, l uso, la distribuzione, il controllo ed il costo dei contrassegno di Stato per i vini DOCG e DOC - D.M. 11 novembre 2011 (G.U. 295 del ) Disciplina degli esami analitici per i vini DOP e IGP, degli esami organolettici e dell attività delle commissioni di degustazione per i vini DOP e del relativo finanziamento - D.M n Approvazione dei disciplinari di produzione dei vini DOP e IGP consolidati con le modifiche introdotte per confermare gli stessi alla previsione degli elementi di cui all art. 118 quater, par. 2, del Reg. CE 1234/2007 e l approvazione dei relativi fascicoli tecnici ai fini dell inoltro alla Commissione UE ai sensi dell art. 118 vicies, par. 2 e 3 del Reg. CE 1234/ D.M n Nomina per il triennio del Comitato nazionale vini DOP e IGP di cui all art. 16 D. lvo 61/ D.M (G.U. 150 del ) Approvazione dello schema del piano di controlli in applicazione dell art. 13 comma 17 D.lvo 61/2010, recante la tutela delle denominazioni di origine e delle indicazioni geografiche dei vini - D.M (G.U. 200 del ) (che sostituisce il precedente D.M ) Disposizioni nazionale applicative del Regolamento CE 1234/2007 del Consiglio, del regolamento applicativo (CE) n. 607/2009 della Commissione e del Decreto Legislativo 61/2010, per quanto concerne le DOP, le IGP, le menzioni tradizionali, l etichettatura e la presentazione di determinati prodotti del settore vitivinicolo - Supplemento ordinario 174 G.U Pubblicati i decreti di autorizzazione degli organismi di controllo per le DOP e le IGP. 17

19 - D.M (G.U. 275 del ) Procedura a livello nazionale per la presentazione e l esame delle domande di protezione delle DOP e IGP dei vini e di modifica dei disciplinari, ai sensi del Regolamento CE 1234/2007 e del D.lvo 61/ D.M Concernente la correzione dei disciplinari di produzione dei vini DOP e IGP e dei relativi fascicoli tecnici inviati alla Commissione UE ai sensi dell art. 118 vicies, paragrafi 2 e 3, del regolamento CE 1234/2007 (con la correzione dei disciplinari di alcuni vini DOP e IGP della Lombardia) Il D.M abroga espressamente i seguenti precedenti Decreti Ministeriali: - D.M. 19 ottobre 1982 n. 299 del Impiego di contenitori in acciaio inox per la confezione dei vini destinati al consumo diretto - D.M. 16 dicembre 1991n. 297 del Autorizzazione al confezionamento e alla commercializzazione del vino conservato in contenitori alternativi al vetro - D.M. 7 luglio 1993 n. 170 del Disposizioni sui recipienti in cui sono confezionati i vini a denominazione di origine - D.M. 26 febbraio 1994 n. 55 del Deroga per l'utilizzo del tappo «a fungo» per vini frizzanti a denominazione di origine - D.M. 15 settembre 1994 n. 230 del Deroga per l'utilizzo del tappo «a fungo» per vini frizzanti a denominazione di origine - D.M. 10 maggio 1995 n. 125 del Disposizioni sulle deroghe per l utilizzo del tappo «a fungo» per il confezionamento dei vini frizzanti DOCG, DOC, IGT - D.M. 12 luglio 1999 n. 213 del Modificazione al decreto ministeriale 7 luglio 1993 recante disposizioni sui recipienti in cui sono confezionati i vini a denominazione di origine 18

20 - D.M. 13 luglio 1999 n. 213 del Nuove disposizioni per la produzione, la commercializzazione e l immissione al consumo dei vini a denominazione di origine e ad indicazione geografica tipica designati con la qualificazione novello - D.M. 3 luglio 2003 n. 174 del Disposizioni nazionali applicative del Regolamento (CE) n. 753/2002 della Commissione del , che fissa talune modalità di applicazione del regolamento (CE) n. 1493/1999 del Consiglio per quanto riguarda la designazione, la denominazione, la presentazione e la protezione di taluni prodotti vitivinicoli - D.M. 4 agosto 2008 n. 190 del Modificazione al decreto ministeriale 7 luglio 1993 recante disposizioni sui recipienti in cui sono confezionati i vini a denominazione di origine - D.M. 23 dicembre 2009 n. 24 del 30 gennaio 2010 Disposizioni nazionali applicative del Regolamento (CE) n. 1234/2007 del Consiglio e del regolamento applicativo (CE) n. 607/2009 della Commissione, per quanto concerne le DOP, le IGP, le menzioni tradizionali, l etichettatura e la presentazione di determinati prodotti del settore vitivinicoli 19

21 GIURISPRUDENZA - Corte di Giustizia UE, sez. III, Sentenza n. C-544/10 E vietato pubblicizzare un vino come facilmente digeribile (www.altalex.com) - T.A.R. Sardegna Sez. I n. 268 E legittimo il provvedimento che limita l imbottigliamento di un vino DOC alla zona di produzione in quanto conforme ai principi del diritto europeo in materia (www.rivistadirittoalimentare.it, n. 2 apr-giu 2012) - Corte di Giustizia UE Sez. I, Sentenza n. 339/09 L alcol contenuto in un vino liquoroso, derivante dalla fermentazione alcolica o aggiunto, deve provenire esclusivamente dall uva. (L Iva, 2011, 2, 44) - Cass. Pen. Sez. III, n Perché sia figurabile il reato di frode nell esercizio del commercio non è necessario che il prodotto sia pericoloso: è sufficiente che lo stesso sia commercializzato con indicazioni non veritiere. (Nel caso di specie vino da tavola portava l indicazione IGT Toscano) (Riv. Trim. Dir. Pen, Economia, 2011, 1-2, 431) - Cass. Pen, Sez. III, n Detenere nei magazzini dell azienda prodotti di natura diversa da quella dichiarata costituisce tentativo di frode in commercio (Il caso di specie è relativo alla detenzione da parte di un azienda vinicola di Brunello di Montalcino ottenuto in parte da vitigni non conformi al relativo disciplinare) (Riv. Pen. 2009, 6, 688) 20

22 ELENCO DEI VINI DOP DELLA LOMBARDIA: DOCG - FRANCIACORTA DOCG - OLTREPO METODO CLASSICO DOCG - VALTELLINA SUPERIORE DOCG - SFORZATO (o SFURSAT) DI VALTELLINA DOCG - MOSCATO DI SCANZO DOCG DOC - BONARDA DELL OLTREPO PAVESE DOC - BOTTICINO DOC - BUTTAFUOCO DELL OLTREPO PAVESE DOC - CAPRIANO DEL COLLE DOC - CASTEGGIO DOC - CELLATICA DOC - CURTEFRANCA DOC - GARDA CLASSICO DOC - GARDA DOC - GARDA COLLI MANTOVANI DOC - LAMBRUSCO MANTOVANO DOC - LUGANA DOC - OLTREPO PAVESE DOC - OLTREPO PAVESE PINOT GRIGIO DOC - PINOT NERO DELL OLTREPO PAVESE DOC - RIVIERA DEL GARDA BRESCIANO - SAN COLOMBANO DOC - SANGUE DI GIUDA DELL OLTREPO PAVESE DOC - SAN MARTINO DELLA BATTAGLIA DOC - VALCALEPIO DOC - ROSSO DI VALTELLINA DOC - TERRE DEL COLLEONI DOC - VALTENESI DOC 21

23 ELENCO DEI VINI IGP DELLA LOMBARDIA - ALTO MINCIO IGT - BENACO BRESCIANO IGT - BERGAMASCA IGT - COLLINA DEL MILANESE IGT - MONTENETTO DI BRESCIA IGT - PROVINCIA DI MANTOVA IGT - PROVINCIA DI PAVIA IGT - QUISTELLO - RONCHI DI BRESCIA - RONCHI VARESINI - SABBIONETA - SEBINO - TERRAZZE RETICHE DI SONDRIO - TERRE LARIANE - VALCAMONICA Allegati: 1) Nota del Ministero delle Politiche Agricole e Forestali prot del a seguito dell entrata in vigore del D.lvo 61/2010 2) Elenco degli organismi ufficialmente autorizzati all organizzazione dei concorsi enologici ed al rilascio di distinzioni per l anno

24 Allegato 1: Nota del Ministero delle Politiche Agricole e Forestali prot del a seguito dell entrata in vigore del D.lvo 61/

25 24

26 25

27 26

28 27

29 28

30 29

31 Allegato 2: Elenco degli organismi ufficialmente autorizzati all organizzazione dei concorsi enologici ed al rilascio di distinzioni per l anno

32 31

33 UNIONE NAZIONALE CONSUMATORI Comitato regionale della Lombardia Indirizzo: Corso Lodi 8/a Milano Tel:

vino e qualità in Lombardia

vino e qualità in Lombardia vino e qualità in Lombardia L Unione Nazionale Consumatori della Lombardia con il presente opuscolo intende dare informazioni al consumatore sui marchi di qualità dei vini, sui vini di qualità della Lombardia

Dettagli

NUOVA NORMATIVA SULL ETICHETTATURA DEL VINO

NUOVA NORMATIVA SULL ETICHETTATURA DEL VINO NUOVA NORMATIVA SULL ETICHETTATURA DEL VINO L etichetta è certamente la carta d identità di un prodotto che tutela sia il produttore che il consumatore e, accanto ad una generale disciplina applicabile

Dettagli

Disposizioni sulla elaborazione, confezionamento, designazione e presentazione dei vini frizzanti.

Disposizioni sulla elaborazione, confezionamento, designazione e presentazione dei vini frizzanti. D.M. 29 luglio 2004. Disposizioni sulla elaborazione, confezionamento, designazione e presentazione dei vini frizzanti. (pubbl. in Gazz. Uff. n. 238 del 9 ottobre 2004). IL MINISTRO DELLE POLITICHE AGRICOLE

Dettagli

NUOVE REGOLE IN MATERIA DI ETICHETTATURA DEI VINI. DARIO PANELLI UFFICIO VITIVINICOLO PROVINCIALE Febbraio 2011 dario.panelli@coldiretti.

NUOVE REGOLE IN MATERIA DI ETICHETTATURA DEI VINI. DARIO PANELLI UFFICIO VITIVINICOLO PROVINCIALE Febbraio 2011 dario.panelli@coldiretti. NUOVE REGOLE IN MATERIA DI ETICHETTATURA DEI VINI DARIO PANELLI UFFICIO VITIVINICOLO PROVINCIALE Febbraio 2011 dario.panelli@coldiretti.it Dal 1 agosto 2009 è entrata in vigore la nuova classificazione

Dettagli

LE NUOVE REGOLE IN MATERIA DI CLASSIFICAZIONE ED ETICHETTATURA DEI VINI

LE NUOVE REGOLE IN MATERIA DI CLASSIFICAZIONE ED ETICHETTATURA DEI VINI LE NUOVE REGOLE IN MATERIA DI CLASSIFICAZIONE ED ETICHETTATURA DEI VINI REALIZZATO CON LA COLLABORAZIONE TECNICA DI DINTEC OTTOBRE 2009 PREMESSA La normativa in materia di classificazione ed etichettatura

Dettagli

Produzione Titolo alcolometrico volumico Vino uva t/ettaro naturale minimo % vol.

Produzione Titolo alcolometrico volumico Vino uva t/ettaro naturale minimo % vol. Riconoscimento della denominazione di origine controllata dei vini Moscato di Pantelleria, Passito di Pantelleria e Pantelleria - D.P.R. 11 agosto 1971 1,2 Art. 1. Denominazione e vini. La denominazione

Dettagli

Bollettino Ufficiale n. 27/I-II del 03/07/2012 / Amtsblatt Nr. 27/I-II vom 03/07/2012 188

Bollettino Ufficiale n. 27/I-II del 03/07/2012 / Amtsblatt Nr. 27/I-II vom 03/07/2012 188 Bollettino Ufficiale n. 27/I-II del 03/07/2012 / Amtsblatt Nr. 27/I-II vom 03/07/2012 188 79903 Deliberazioni - Parte 1 - Anno 2012 Provincia Autonoma di Trento DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA PROVINCIALE del

Dettagli

Prodotti tipici lombardi

Prodotti tipici lombardi Regione: Lombardia Prodotti tipici lombardi Oltre che nei campi artistico e letterario, influenzati da una storia millenaria che ha generato una terra dal patrimonio inestimabile, anche a tavola la Lombardia

Dettagli

XXII SEMINARIO DI AGGIORNAMENTO NORMATIVO DI DIRITTO VITIVINICOLO Vinitaly, 22 marzo 2015. Presentazione Testo Unico del vino

XXII SEMINARIO DI AGGIORNAMENTO NORMATIVO DI DIRITTO VITIVINICOLO Vinitaly, 22 marzo 2015. Presentazione Testo Unico del vino XXII SEMINARIO DI AGGIORNAMENTO NORMATIVO DI DIRITTO VITIVINICOLO Vinitaly, 22 marzo 2015 Presentazione Testo Unico del vino DISPOSIZIONI GENERALI E DI SEMPLIFICAZIONE IN MATERIA DI VINO E PRODOTTI VITIVINICOLI

Dettagli

IL MINISTRO DELLE POLITICHE AGRICOLE E FORESTALI

IL MINISTRO DELLE POLITICHE AGRICOLE E FORESTALI MINISTERO DELLE POLITICHE AGRICOLE E FORESTALI DECRETO 21 maggio 2004 Modifica del decreto 31 luglio 2003 concernente l'istituzione e la tenuta dell'albo degli imbottigliatori dei vini DOCG, DOC e IGT

Dettagli

Il Ministro delle politiche agricole alimentari e forestali

Il Ministro delle politiche agricole alimentari e forestali Decreto n. 7407 del 4 agosto 2010 Modifiche all articolo 5 del decreto ministeriale 27 novembre 2008, n. 5396, concernente Disposizioni di attuazione dei regolamenti (CE) n. 479/2008 del Consiglio e n.

Dettagli

Enol. Vittorio Portinari. ELEMENTI DI LEGISLAZIONE VITIVINICOLA: LE NORME PER L ETICHETTATURA e LA TRACCIABILITA DEI VINI

Enol. Vittorio Portinari. ELEMENTI DI LEGISLAZIONE VITIVINICOLA: LE NORME PER L ETICHETTATURA e LA TRACCIABILITA DEI VINI Enol. Vittorio Portinari ELEMENTI DI LEGISLAZIONE VITIVINICOLA: LE NORME PER L ETICHETTATURA e LA TRACCIABILITA DEI VINI La nuova classificazione dei vini VINO SENZA DO e IG VINI VINI VARIETALI VINO

Dettagli

IL MINISTRO DELLE POLITICHE AGRICOLE ALIMENTARI E FORESTALI

IL MINISTRO DELLE POLITICHE AGRICOLE ALIMENTARI E FORESTALI DECRETO 13 agosto 2012. Disposizioni nazionali applicative del regolamento (CE) n. 1234/2007 del Consiglio, del regolamento applicativo (CE) n. 607/2009 della commissione e del decreto legislativo n. 61/2010,

Dettagli

VISTO il Regolamento (CE) n.852 del Parlamento europeo e del Consiglio, del 29 aprile 2004, sull'igiene dei prodotti alimentari;

VISTO il Regolamento (CE) n.852 del Parlamento europeo e del Consiglio, del 29 aprile 2004, sull'igiene dei prodotti alimentari; Il Ministro delle politiche agricole alimentari e forestali Decreto 13 agosto 2012 - Disposizioni nazionali applicative del Regolamento (CE) n. 1234/2007 del Consiglio, del regolamento applicativo (CE)

Dettagli

Il Ministro delle politiche agricole alimentari e forestali

Il Ministro delle politiche agricole alimentari e forestali Decreto n. 5389 del 1 agosto 2011 Attuazione dell articolo 17 del regolamento (CE) n. 110/2008 del Parlamento europeo e del Consiglio, del 15 gennaio 2008, concernente la definizione, la designazione,

Dettagli

Etichettatura. Sezione 3 Etichettatura e presentazione nel settore vitivinicolo

Etichettatura. Sezione 3 Etichettatura e presentazione nel settore vitivinicolo Sezione 3 Etichettatura e presentazione nel settore vitivinicolo Articolo 117 reg. 1308/13 Definizione Ai fini della presente sezione si intende per: a) etichettatura, i termini, le diciture, i marchi

Dettagli

NOTA INFORMATIVA PIANI DI CONTROLLO: GESTIONE ATTIVITA ISPETTIVA INF5_V_002_20150401

NOTA INFORMATIVA PIANI DI CONTROLLO: GESTIONE ATTIVITA ISPETTIVA INF5_V_002_20150401 1. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE La presente nota descrive le modalità operative utilizzate da Valoritalia per la gestione del controllo ispettivo viticoltori, vinificatori, imbottigliatori ed intermediari.

Dettagli

Documento di lavoro FVG-TN-VENETO. bozza

Documento di lavoro FVG-TN-VENETO. bozza proposta Denominazione di origine controllata dei vini delle Venezie. disciplinare di produzione Art. 1 Denominazione e vini. La denominazione di origine controllata "delle Venezie" è riservata ai vini

Dettagli

MINISTERO DELLE POLITICHE AGRICOLE E FORESTALI

MINISTERO DELLE POLITICHE AGRICOLE E FORESTALI MINISTERO DELLE POLITICHE AGRICOLE E FORESTALI Decreto Ministeriale 14 ottobre 2010 DISCIPLINARE DI PRODUZIONE DEI VINI A DENOMINAZIONE DI ORIGINE CONTROLLATA E GARANTITA GAVI O CORTESE DI GAVI. (G.U.

Dettagli

Vino (categoria di prodotto)

Vino (categoria di prodotto) DESIGNAZIONE VINI (ex tavola) NON A DOP/IGT SCHEMI DI ETICHETTE Vino (categoria di prodotto) imbottigliato da Bianchi Mario, Casteggio, stabilimento di Voghera Italia o Prodotto d Italia o Vino d Italia

Dettagli

(2) Emanato dal Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali. IL DIRETTORE GENERALE. del controllo della qualità e dei sistemi di qualità

(2) Emanato dal Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali. IL DIRETTORE GENERALE. del controllo della qualità e dei sistemi di qualità D.Dirett. 2 marzo 2009 (1). Conferimento alla Camera di commercio, industria, artigianato, agricoltura di Taranto dell'incarico a svolgere le funzioni di controllo previste dal decreto 29 marzo 2007 per

Dettagli

Aggiornamento normativo Vendemmia 2015

Aggiornamento normativo Vendemmia 2015 Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali Aggiornamento normativo Vendemmia 2015 Treviso 26 agosto 2015 1 . DISCIPLINARI DI PRODUZIONE VINI DOC IN CORSO DI MODIFICA PRESSO IL MIPAAF NEL

Dettagli

VISTO il regolamento (CE) del Consiglio n. 1493/99 del 17 maggio 1999, relativo all'organizzazione comune del mercato vitivinicolo;

VISTO il regolamento (CE) del Consiglio n. 1493/99 del 17 maggio 1999, relativo all'organizzazione comune del mercato vitivinicolo; MINISTERO DELLE POLITICHE AGRICOLE E FORESTALI Decreto 14 settembre 2001 Applicazione Reg. (CE) n. 1623/2000. Modalità per il rispetto dell'obbligo dei produttori vinicoli di consegnare le fecce e le vinacce

Dettagli

Posizione 12 Codice categoria prodotto Nuovo CODICE. CODIFICA COMUNITARIA (All. VII, parte II, Reg. UE 1308/2013) codifica. presenti in base dati

Posizione 12 Codice categoria prodotto Nuovo CODICE. CODIFICA COMUNITARIA (All. VII, parte II, Reg. UE 1308/2013) codifica. presenti in base dati Posizione 12 Codice categoria prodotto Nuovo CODICE CODIFICA COMUNITARIA (All. VII, parte II, Reg. UE 1308/2013) DESCRIZIONE Vecchia codifica Vecchia Descrizione A (1) Vino A Vino di qualità in regione

Dettagli

Prefettura di Avellino

Prefettura di Avellino Prot.n.1881/Serv. Amm.ne Gen.le Avellino 15/7/2005 AI SIGG. SINDACI E COMMISSARI PREFETTIZI DEI COMUNI DELLA PROVINCIA LORO SEDI ALLA COLDIRETTI VIA IANNACCHINI A V E L L I N O e.p.c. AL MINISTERO PER

Dettagli

DELIBERAZIONE N X / 4411 Seduta del 30/11/2015

DELIBERAZIONE N X / 4411 Seduta del 30/11/2015 DELIBERAZIONE N X / 4411 Seduta del 30/11/2015 Presidente ROBERTO MARONI Assessori regionali FABRIZIO SALA Vice Presidente VALENTINA APREA VIVIANA BECCALOSSI SIMONA BORDONALI FRANCESCA BRIANZA CRISTINA

Dettagli

Il Ministro delle politiche agricole alimentari e forestali

Il Ministro delle politiche agricole alimentari e forestali DECRETO N. DEL Disposizioni nazionali di attuazione dei regolamenti (CE) n. 479/08 del Consiglio e (CE) n. 555/08 della Commissione per quanto riguarda l applicazione della misura della riconversione e

Dettagli

Etichettatura Indicazione del tenore di zucchero

Etichettatura Indicazione del tenore di zucchero Etichettatura Articolo 58 Indicazione del tenore di zucchero 1. I termini elencati nell allegato XIV, parte A, del presente regolamento, che indicano il tenore di zucchero, figurano sull etichettatura

Dettagli

IL DIRIGENTE REGIONALE DELLA SEZIONE COMPETITIVITÀ SISTEMI AGROALIMENTARI

IL DIRIGENTE REGIONALE DELLA SEZIONE COMPETITIVITÀ SISTEMI AGROALIMENTARI DECRETO N. 69 DEL 10 settembre 2014 OGGETTO: DOCG Recioto della Valpolicella e DOCG Amarone della Valpolicella. Riduzione dei quantitativi ad ettaro classificabili per la vendemmia 2014. D.Lgs 61/2010

Dettagli

OGGETTO: Nuove disposizioni relative alla certificazione e controllo dei vini DOC/DOCG ed IGT, in vigore dal 1 agosto 2012 (D.M.

OGGETTO: Nuove disposizioni relative alla certificazione e controllo dei vini DOC/DOCG ed IGT, in vigore dal 1 agosto 2012 (D.M. Alle Aziende interessate Loro Sedi OGGETTO: Nuove disposizioni relative alla certificazione e controllo dei vini /G ed IGT, in vigore dal 1 agosto 2012 (D.M. 14 giugno 2012) G.le Aziende, in riferimento

Dettagli

MINISTERO DELLE POLITICHE AGRICOLE, ALIMENTARI E FORESTALI

MINISTERO DELLE POLITICHE AGRICOLE, ALIMENTARI E FORESTALI MINISTERO DELLE POLITICHE AGRICOLE, ALIMENTARI E FORESTALI D.Dirett. 27-6-2008 Modifica del disciplinare di produzione dei vini a indicazione geografica tipica «Veneto». Pubblicato nella Gazz. Uff. 8 luglio

Dettagli

Proposta di Deliberazione della Giunta Regionale

Proposta di Deliberazione della Giunta Regionale R E G I O N E P U G L I A Proposta di Deliberazione della Giunta Regionale AREA POLITICHE PER LO SVILUPPO RURALE SERVIZIO AGRICOLTURA CODICE CIFRA: /DEL/2008/ OGGETTO: Piano Regionale per la ristrutturazione

Dettagli

MINISTERO DELLE POLITICHE AGRICOLE E FORESTALI

MINISTERO DELLE POLITICHE AGRICOLE E FORESTALI MINISTERO DELLE POLITICHE AGRICOLE E FORESTALI D.M. 14-7-2000 Modificazione al disciplinare di produzione dei vini ad indicazione geografica tipica «delle Venezie». Pubblicato nella Gazz. Uff. 29 luglio

Dettagli

Vini da dessert: dalla Vigna al Bicchiere di Romano Satolli Oristano, 19 giugno 2007

Vini da dessert: dalla Vigna al Bicchiere di Romano Satolli Oristano, 19 giugno 2007 Vini da dessert: dalla Vigna al Bicchiere di Romano Satolli Oristano, 19 giugno 2007 Il Dessert è una portata, solitamente ma non sempre dolce, che viene tipicamente servita alla fine del pasto. La parola

Dettagli

MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI

MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI 3. Requisiti organizzativi a. La presenza di uno o più farmacisti, abilitati all esercizio della professione e iscritti al relativo ordine, deve essere garantita per tutto l orario di apertura dell esercizio

Dettagli

I I I I I I I I I I I I I I I I I I I I I I I I I

I I I I I I I I I I I I I I I I I I I I I I I I I Alla Camera di Commercio I. A. A. Corso Vittorio Emanuele, 46 93100 CALTANISSETTA Marca da bollo Euro 14,62 Oggetto: Domanda di iscrizione Albo imbottigliatori vini D.O.C.G. D.O.C. I.G.T. (D.M. 21 maggio

Dettagli

1) Soggetti obbligati alla compilazione e presentazione della dichiarazione di giacenza.

1) Soggetti obbligati alla compilazione e presentazione della dichiarazione di giacenza. NOTE ESPLICATIVE PER LA COMPILAZIONE DELLE DICHIARAZIONI DI GIACENZA DEI VINI E/O MOSTI. AVVERTENZE GENERALI Nella dichiarazione di giacenza sono indicati i volumi di vini e/o mosti detenuti dal dichiarante

Dettagli

D I S C I P L I N A R E PROPOSTA DI MODIFICA

D I S C I P L I N A R E PROPOSTA DI MODIFICA Denom. Vini Costa d Amalfi Riconoscimento della denominazione di origine controllata dei vini «Costa d Amalfi». ATTUALE Articolo 1 La denominazione di origine controllata > è riservata

Dettagli

DISCIPLINARE DI PRODUZIONE DEL VINO A DENOMINAZIONE DI ORIGINE CONTROLLATA «STREVI»

DISCIPLINARE DI PRODUZIONE DEL VINO A DENOMINAZIONE DI ORIGINE CONTROLLATA «STREVI» DISCIPLINARE DI PRODUZIONE DEL VINO A DENOMINAZIONE DI ORIGINE CONTROLLATA «STREVI» Approvato con DM 06.07.2005 GU 163-15.07.2005 Modificato con DM 30.11.2011 GU 295-20.12.2011 Pubblicato sul sito ufficiale

Dettagli

PROPOSTA DI DISCIPLINARE DI PRODUZIONE DEI VINI DELLA DENOMINAZIONE DI ORIGINE CONTROLLATA "SAN COLOMBANO AL LAMBRO" O "SAN COLOMBANO" Art. 1.

PROPOSTA DI DISCIPLINARE DI PRODUZIONE DEI VINI DELLA DENOMINAZIONE DI ORIGINE CONTROLLATA SAN COLOMBANO AL LAMBRO O SAN COLOMBANO Art. 1. MINISTERO DELLE POLITICHE AGRICOLE E FORESTALI COMUNICATO Parere del Comitato nazionale per la tutela e la valorizzazione delle denominazioni di origine e delle indicazioni geografiche tipiche dei vini

Dettagli

9.3.2011 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 10 DELIBERAZIONE 28 febbraio 2011, n. 104

9.3.2011 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 10 DELIBERAZIONE 28 febbraio 2011, n. 104 9.3.2011 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 10 DELIBERAZIONE 28 febbraio 2011, n. 104 Indirizzi per l attività di gestione degli elenchi regionali degli operatori biologici e dei concessionari

Dettagli

ART A. Agenzia Regionale Toscana Erogazioni Agricoltura (L.R. 19 novembre 1999, n. 60) Settore Sostegno allo Sviluppo Rurale e Interventi Strutturali

ART A. Agenzia Regionale Toscana Erogazioni Agricoltura (L.R. 19 novembre 1999, n. 60) Settore Sostegno allo Sviluppo Rurale e Interventi Strutturali ART A Agenzia Regionale Toscana Erogazioni Agricoltura (L.R. 19 novembre 1999, n. 60) Settore Sostegno allo Sviluppo Rurale e Interventi Strutturali Decreto n. 45 del 15/04/2014 Oggetto: Reg. CE n. 1234/07

Dettagli

Colli!Euganei! Denominazione!di!origine!Controllata. Colli!Euganei!Fior!d Arancio Denominazione!di!origine!controllata!e!garantita!

Colli!Euganei! Denominazione!di!origine!Controllata. Colli!Euganei!Fior!d Arancio Denominazione!di!origine!controllata!e!garantita! Colli!Euganei! Denominazione!di!origine!Controllata Colli!Euganei!Fior!d Arancio Denominazione!di!origine!controllata!e!garantita! ETICHETTATURA!E! PRESENTAZIONE Normativa!di!riferimento Regolamento! CE!

Dettagli

Gazzetta Ufficiale N. 174 del 29 Luglio 2003

Gazzetta Ufficiale N. 174 del 29 Luglio 2003 Gazzetta Ufficiale N. 174 del 29 Luglio 2003 MINISTERO DELLE POLITICHE AGRICOLE E FORESTALI DECRETO 3 luglio 2003 Disposizioni nazionali applicative del regolamento (CE) n. 753/2002 della Commissione del

Dettagli

ORGANISMO PAGATORE REGIONE LOMBARDIA

ORGANISMO PAGATORE REGIONE LOMBARDIA Allegato 1 al decreto n. ORGANISMO PAGATORE REGIONE LOMBARDIA Modalità e condizioni per la presentazione della domanda di contributo per le assicurazioni nel settore OCM Vitivinicolo Campagna 2010 1 Sommario

Dettagli

A.R.T..A.Agenzia Regionale Toscana per le Erogazioni in Agricoltura

A.R.T..A.Agenzia Regionale Toscana per le Erogazioni in Agricoltura Allegato A) al Decreto N. 100 del 30/09/2015 A.R.T..A.Agenzia Regionale Toscana per le Erogazioni in Agricoltura Agenzia Regionale Dichiarazione di vendemmia e di produzione di vino e/o mosto Campagna

Dettagli

DISCIPLINARE DI PRODUZIONE DEI VINI AD INDICAZIONE GEOGRAFICA TIPICA «COSTA VIOLA»

DISCIPLINARE DI PRODUZIONE DEI VINI AD INDICAZIONE GEOGRAFICA TIPICA «COSTA VIOLA» DISCIPLINARE DI PRODUZIONE DEI VINI AD INDICAZIONE GEOGRAFICA TIPICA «COSTA VIOLA» Approvato con DM 27.10.1995 G.U. 266-14.11.1995 Modificato con DM 24.07.2009 G.U. 184-10.08.2009 Modificato con DM 30.11.2011

Dettagli

Giunta Regionale della Campania. Decreto

Giunta Regionale della Campania. Decreto Giunta Regionale della Campania Decreto Dipartimento: Dipartimento della Salute e delle Risorse Naturali N 40 Del Dipart. Direzione G. Unità O.D. 13/02/2015 52 6 11 Oggetto: Campagna vitivinicola 2014/2015

Dettagli

Il Ministro delle politiche agricole alimentari e forestali

Il Ministro delle politiche agricole alimentari e forestali Prot. n 5442 Decreto Ministeriale recante la procedura a livello nazionale per la registrazione delle DOP e IGP ai sensi del Regolamento (CE) n. 510/2006. Visto il regolamento (CE) n. 510/2006 del Consiglio

Dettagli

16 Bollettino Ufficiale

16 Bollettino Ufficiale 16 Bollettino Ufficiale D.d.u.o. 24 aprile 2012 - n. 3605 Direzione centrale Programmazione integrata - Organismo pagatore regionale - OCM vitivinicolo - Reg. (CE) 1234/2007 - Approvazione del manuale

Dettagli

Ordinanza concernente la viticoltura e l importazione di vino

Ordinanza concernente la viticoltura e l importazione di vino Ordinanza concernente la viticoltura e l importazione di vino (Ordinanza sul vino) Modifica del 23 ottobre 2013 Il Consiglio federale svizzero ordina: I L ordinanza del 14 novembre 2007 1 sul vino è modificata

Dettagli

Torino, lì 21 ottobre 2013. Alle imprese interessate. Loro Sedi. Oggetto: O.C.M. Vitivinicolo Misura investimenti Prossima Apertura bando 2013-2014.

Torino, lì 21 ottobre 2013. Alle imprese interessate. Loro Sedi. Oggetto: O.C.M. Vitivinicolo Misura investimenti Prossima Apertura bando 2013-2014. Corso Francia 329 10142 Torino Tel. 011 4343026 011 4345493 Fax 011 4349456 Confcooperative Piemonte Fedagri Corso Francia 329 10142 Torino www.piemonte.confcooperative.it/federazioni.htm www.gestcooper.itfederagro@gestcooper.it

Dettagli

Determinazione n. G07243 del 16 giugno 2015

Determinazione n. G07243 del 16 giugno 2015 Determinazione n. G07243 del 16 giugno 2015 Oggetto: Regolamento (UE) n. 1308/2013 e Reg. (CE) n. 555/2008 e ss. mm. ii. Programma Nazionale di Sostegno (PNS) Settore Vitivinicolo. DM del MIPAAF n. 15938

Dettagli

Vista la legge 29 dicembre 2000, n. 422, legge comunitaria per l'anno 2000, ed in particolare l'articolo 3 e l'allegato C;

Vista la legge 29 dicembre 2000, n. 422, legge comunitaria per l'anno 2000, ed in particolare l'articolo 3 e l'allegato C; D.P.R. 17 febbraio 2003, n. 84 Regolamento di attuazione della direttiva 1999/94/CE concernente la disponibilità di informazioni sul risparmio di carburante e sulle emissioni di CO 2 da fornire ai consumatori

Dettagli

Allegato 1 Disposizioni regionali attuative della misura investimenti inserita nel programma nazionale di sostegno, relativa all OCM vitivinicolo. Premessa Le presenti disposizioni attuative si riferiscono

Dettagli

DISCIPLINARE DI PRODUZIONE DEI VINI AD INDICAZIONE GEOGRAFICA TIPICA «EMILIA» O «DELL'EMILIA»

DISCIPLINARE DI PRODUZIONE DEI VINI AD INDICAZIONE GEOGRAFICA TIPICA «EMILIA» O «DELL'EMILIA» DISCIPLINARE DI PRODUZIONE DEI VINI AD INDICAZIONE GEOGRAFICA TIPICA «EMILIA» O «DELL'EMILIA» Art. 1. La indicazione geografica tipica «Emilia» o «dell'emilia» accompagnata o meno dalle specificazioni

Dettagli

IL MINISTRO DELLE POLITICHE AGRICOLE E FORESTALI

IL MINISTRO DELLE POLITICHE AGRICOLE E FORESTALI MINISTERO DELLE POLITICHE AGRICOLE E FORESTALI DECRETO 9 agosto 2000 Recepimento delle direttive della Commissione n. 99/66/CE, n. 99/67/CE, n. 99/68/CE e n. 99/69/CE del 28 giugno 1999, relative alle

Dettagli

Provincia Autonoma di Trento

Provincia Autonoma di Trento 263 82279 Deliberazioni - Parte 1 - Anno 2012 Provincia Autonoma di Trento DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA PROVINCIALE del 14 dicembre 2012, n. 2796 Applicazione della misura "investimenti" per la viticoltura

Dettagli

Vidimazione dei registri dei prodotti vitivinicoli in applicazione delle norme di cui agli articoli 12 e 17 del regolamento CEE n. 2238/93 (2) (3).

Vidimazione dei registri dei prodotti vitivinicoli in applicazione delle norme di cui agli articoli 12 e 17 del regolamento CEE n. 2238/93 (2) (3). Seite 1 von 8 Leggi d'italia Ministero delle politiche agricole e forestali D.M. 22-11-1999 Vidimazione dei registri dei prodotti vitivinicoli in applicazione delle norme di cui agli articoli 12 e 17 del

Dettagli

Il ruolo dell IRVO nella tracciabilità dei vini DOP e IGP Siciliani

Il ruolo dell IRVO nella tracciabilità dei vini DOP e IGP Siciliani Il ruolo dell IRVO nella tracciabilità dei vini DOP e IGP Siciliani L Istituto Regionale del Vino e dell Olio si occupa dei controlli e della tracciabilità dei vini, già a partire dal 2009. Infatti con

Dettagli

MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO

MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO DECRETO 2 dicembre 2009. Aggiornamento ed istituzione dei diritti di delle camere di commercio e relativa approvazione delle tabelle A e B. IL DIRETTORE GENERALE PER

Dettagli

I Registri del settore vitivinicolo: La telematizzazione 24 Giugno 2015 Riccardo Minelli

I Registri del settore vitivinicolo: La telematizzazione 24 Giugno 2015 Riccardo Minelli I Registri del settore vitivinicolo: La telematizzazione 24 Giugno 2015 Riccardo Minelli I Registri del settore vitivinicolo Le modalità di tenuta La normativa di riferimento OGGI Modalità cartacea Reg.

Dettagli

DISCIPLINARE DI PRODUZIONE PER IL VINO A VELLETRI

DISCIPLINARE DI PRODUZIONE PER IL VINO A VELLETRI DISCIPLINARE DI PRODUZIONE PER IL VINO A DENOMINAZIONE DI ORIGINE CONTROLLATA VELLETRI Progetto Agricoltura Qualità ARSIAL 1 Art. 1. La denominazione di origine controllata «Velletri» è riservata ai vini

Dettagli

CONCORSO ENOLOGICO REGIONALE REGOLAMENTO. Wine & Sardinia II Edizione

CONCORSO ENOLOGICO REGIONALE REGOLAMENTO. Wine & Sardinia II Edizione CONCORSO ENOLOGICO REGIONALE Wine & Sardinia II Edizione REGOLAMENTO Articolo 1 Nell'ambito dei festeggiamenti per Sa innenna 2015 ( La vendemmia ), l'associazione ProLoco Sorgono, quale organismo ufficialmente

Dettagli

Bollettino Ufficiale della Regione Puglia n. 22 del 12 02 2015. DETERMINAZIONE DEL DIRIGENTE SERVIZIO AGRICOLTURA 2 febbraio 2015, n.

Bollettino Ufficiale della Regione Puglia n. 22 del 12 02 2015. DETERMINAZIONE DEL DIRIGENTE SERVIZIO AGRICOLTURA 2 febbraio 2015, n. 5094 DETERMINAZIONE DEL DIRIGENTE SERVIZIO AGRICOLTURA 2 febbraio 2015, n. 5 Misura Investimenti Campagna 2014 2015. Piano Nazionale di Sostegno Vitivinicolo Reg. (CE) n. 1308/2013 D.M. n. 1831 del 4 Marzo

Dettagli

Le Politiche della Regione nell ambito dei consumi e alimentazione a KM 0

Le Politiche della Regione nell ambito dei consumi e alimentazione a KM 0 Le Politiche della Regione nell ambito dei consumi e alimentazione a Valorizzazione produzioni agro alimentari di qualità Premessa Cosa si intende per consumo a KM 0? prodotti provenienti da areali di

Dettagli

Terre di Lambrusco. Concorso Enologico REGOLAMENTO - 6ª EDIZIONE

Terre di Lambrusco. Concorso Enologico REGOLAMENTO - 6ª EDIZIONE Terre di Lambrusco 2015 Concorso Enologico REGOLAMENTO - 6ª EDIZIONE REGOLAMENTO Articolo 1: La Camera di Commercio di Reggio Emilia promuove la sesta edizione del Concorso Enologico Matilde di Canossa

Dettagli

Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali

Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali DIPARTIMENTO DELLE POLITICHE COMPETITIVE, DELLA QUALITÀ AGROALIMENTARE, IPPICHE E DELLA PESCA DIREZIONE GENERALE PER LA PROMOZIONE DELLA QUALITÀ

Dettagli

SCHEMA TIPO DI DISCIPLINARE PER LO SVOLGIMENTO DI MERCATI DEL CONTADINO AUTORIZZATI DAL COMUNE DI JESI RISERVATI ALLA VENDITA DIR

SCHEMA TIPO DI DISCIPLINARE PER LO SVOLGIMENTO DI MERCATI DEL CONTADINO AUTORIZZATI DAL COMUNE DI JESI RISERVATI ALLA VENDITA DIR SCHEMA TIPO DI DISCIPLINARE PER LO SVOLGIMENTO DI MERCATI DEL CONTADINO AUTORIZZATI DAL COMUNE DI JESI RISERVATI ALLA VENDITA DIRETTA DA PARTE DEGLI IMPRENDITORI AGRICOLI ai sensi dell art. 4 comma 3 del

Dettagli

Il Ministro delle politiche agricole alimentari e forestali

Il Ministro delle politiche agricole alimentari e forestali Misure urgenti per il miglioramento del sistema di controllo come disciplinato agli artt. 27 e seguenti del Reg. (CE) n. 834/2007 e relativi regolamenti di applicazione. VISTO il Reg. (CE) n. 834/2007

Dettagli

Vantaggi e percorso dei prodotti di qualità a denominazione

Vantaggi e percorso dei prodotti di qualità a denominazione Vantaggi e percorso dei prodotti di qualità a denominazione Legnago, 04/12/2015 dr.ssa Alessandra Scudeller Sezione Competitività Sistemi Agroalimentari 1 La POLITICA EUROPEA dei PRODOTTI DI QUALITÀ, fa

Dettagli

IL MINISTRO DELLE POLITICHE AGRICOLE ALIMENTARI E FORESTALI

IL MINISTRO DELLE POLITICHE AGRICOLE ALIMENTARI E FORESTALI Decreto 14 giugno 2012 Approvazione dello schema di piano dei controlli, in applicazione dell'articolo 13, comma 17, del decreto legislativo 8 aprile 2010, n. 61, recante la tutela delle denominazioni

Dettagli

Impresa Agricola news

Impresa Agricola news Notiziario della Confederazione italiana agricoltori della Lombardia Impresa Agricola news w w w. c i a l o m b a r d i a. o r g Anno IV n. 11 15 marzo 2012 Sommario Psr: proroga al 17 settembre per gli

Dettagli

INDICAZIONI TECNICHE Vendemmia 2015 La denominazione Prosecco in sintesi:

INDICAZIONI TECNICHE Vendemmia 2015 La denominazione Prosecco in sintesi: CONSORZIO DI TUTELA DELLA DENOMINAZIONE DI ORIGINE CONTROLLATA PROSECCO INDICAZIONI TECNICHE Vendemmia 2015 La denominazione Prosecco in sintesi: PREMESSA (PORRE MOLTA ATTENZIONE AL CONCETTO): in riferimento

Dettagli

A.R.T..A.Agenzia Regionale Toscana per le Erogazioni in Agricoltura

A.R.T..A.Agenzia Regionale Toscana per le Erogazioni in Agricoltura Allegato A) al Decreto N. 104 del 22/10/2014 A.R.T..A.Agenzia Regionale Toscana per le Erogazioni in Agricoltura Agenzia Regionale Dichiarazione di vendemmia e di produzione di vino e/o mosto Campagna

Dettagli

Presentazione del libro Vini spumanti e frizzanti

Presentazione del libro Vini spumanti e frizzanti Lo stato dell arte sull uso lieviti dei selezionati in enologia Giovedì 28 Marzo 2013 Sala biblioteca c/o sede ASTRA S.r.l. Via Tebano 45 Faenza (RA) Presentazione del libro Vini spumanti e frizzanti Lorena

Dettagli

8.2.1.2 Descrizione della Misura, inclusa la logica di intervento ed il contributo alle FA ed agli obiettivi trasversali

8.2.1.2 Descrizione della Misura, inclusa la logica di intervento ed il contributo alle FA ed agli obiettivi trasversali 8.2 Descrizione della Misura 8.2.1 Codice e titolo della Misura Regimi di qualità dei prodotti agricoli e alimentari. Cod. Misura 3. 8.2.1.1 Basi giuridiche Base giuridica della Misura 3 è l Art. 16 del

Dettagli

MINISTERO DELLE POLITICHE AGRICOLE ALIMENTARI E FORESTALI

MINISTERO DELLE POLITICHE AGRICOLE ALIMENTARI E FORESTALI MINISTERO DELLE POLITICHE AGRICOLE ALIMENTARI E FORESTALI DECRETO 28 gennaio 2008 Lotta obbligatoria contro il marciume anulare della patata (Clavibacter michiganensis ssp. Sepedonicus). Recepimento della

Dettagli

MINISTERO DELLE POLITICHE AGRICOLE ALIMENTARI E FORESTALI PROVVEDIMENTO 8 luglio 2009 IL CAPO DIPARTIMENTO

MINISTERO DELLE POLITICHE AGRICOLE ALIMENTARI E FORESTALI PROVVEDIMENTO 8 luglio 2009 IL CAPO DIPARTIMENTO MINISTERO DELLE POLITICHE AGRICOLE ALIMENTARI E FORESTALI PROVVEDIMENTO 8 luglio 2009 Iscrizione della denominazione «Aceto Balsamico di Modena», nel registro delle denominazioni di origine protette e

Dettagli

REGIONE EMILIA-ROMAGNA Atti amministrativi

REGIONE EMILIA-ROMAGNA Atti amministrativi REGIONE EMILIA-ROMAGNA Atti amministrativi AGREA Atto del Dirigente a firma unica: DETERMINAZIONE n 194 del 23/03/2011 Proposta: DAG/2011/196 del 21/03/2011 Struttura proponente: Oggetto: Autorità emanante:

Dettagli

Accordo del 21 giugno 1999 tra la Confederazione Svizzera e la Comunità europea sul commercio di prodotti agricoli

Accordo del 21 giugno 1999 tra la Confederazione Svizzera e la Comunità europea sul commercio di prodotti agricoli Traduzione 1 Accordo del 21 giugno 1999 tra la Confederazione Svizzera e la Comunità europea sul commercio di prodotti agricoli Decisione n. 1/2012 del Comitato misto per l agricoltura in merito alla modifica

Dettagli

ART A. Agenzia Regionale Toscana Erogazioni Agricoltura (L.R. 19 novembre 1999, n. 60) Settore Sostegno allo Sviluppo Rurale e Interventi Strutturali

ART A. Agenzia Regionale Toscana Erogazioni Agricoltura (L.R. 19 novembre 1999, n. 60) Settore Sostegno allo Sviluppo Rurale e Interventi Strutturali ART A Agenzia Regionale Toscana Erogazioni Agricoltura (L.R. 19 novembre 1999, n. 60) Settore Sostegno allo Sviluppo Rurale e Interventi Strutturali Decreto n. 33 del 01/04/2015 Oggetto: Reg. CE n. 1308/2013

Dettagli

DIREZIONE GENERALE ISTRUZIONE, FORMAZIONE E LAVORO

DIREZIONE GENERALE ISTRUZIONE, FORMAZIONE E LAVORO 10043 06/10/2009 Identificativo Atto n. 1155 DIREZIONE GENERALE ISTRUZIONE, FORMAZIONE E LAVORO ATTIVAZIONE DEL PERCORSO FORMATIVO ABILITANTE PER L ESERCIZIO DELL ARTE AUSILIARIA DI MASSAGGIATORE E DI

Dettagli

LEGGI ED ALTRI ATTI NORMATIVI MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO

LEGGI ED ALTRI ATTI NORMATIVI MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO Sommario G.U. n.4 del 7/01/2011 Mar 8, 2013 LEGGE 30 dicembre 2010, n. 233 LEGGI ED ALTRI ATTI NORMATIVI Disposizioni in materia di concorsi notarili. (11G0001) DECRETO 11 novembre 2010, n. 234 MINISTERO

Dettagli

LEGISLAZIONE VITIVINICOLA (18699)

LEGISLAZIONE VITIVINICOLA (18699) Università degli studi di Bologna Facoltà di Agraria-Polo di Cesena Legislazione Vitivinicola Gabriele Testa LEGISLAZIONE VITIVINICOLA (18699) Gabriele Testa Crediti formativi: 3 Anno accademico 2011/12

Dettagli

Riflessi del Libro Verde sugli aspetti legislativi inerenti l etichettatura e messa in commercio di prodotti

Riflessi del Libro Verde sugli aspetti legislativi inerenti l etichettatura e messa in commercio di prodotti Riflessi del Libro Verde sugli aspetti legislativi inerenti l etichettatura e messa in commercio di prodotti Avv. Chiara Marinuzzi G a e t a n o F o r t e Studio Legale Seminario Legacoop - Bologna, 3

Dettagli

Accordo sull esportazione di vini italiani in Svizzera

Accordo sull esportazione di vini italiani in Svizzera Traduzione 1 Accordo sull esportazione di vini italiani in Svizzera 0.946.294.541.4 Conchiuso il 25 aprile 1961 Approvato dal Consiglio federale il 1 agosto 1961 Entrato in vigore il 1 marzo 1962 In applicazione

Dettagli

Art. 1 Finalità. Art. 2 Costituzione dell'enoteca/elaioteca regionale.

Art. 1 Finalità. Art. 2 Costituzione dell'enoteca/elaioteca regionale. Regione Puglia L.R. 29 luglio 2008, n. 20 (1). Costituzione dell'enoteca/elaioteca regionale. (1) Pubblicata nel B.U. Puglia 1 agosto 2008, n. 124. Art. 1 Finalità. 1. La Regione Puglia promuove la costituzione

Dettagli

SEMINARIO 5 e 6: I REGISTRI e DOCUMENTI DI TRASPORTO

SEMINARIO 5 e 6: I REGISTRI e DOCUMENTI DI TRASPORTO SEMINARIO 5 e 6: I REGISTRI e DOCUMENTI DI TRASPORTO La funzione delle registrazioni consiste: da un lato fornire informazioni sulla consistenza e qualità delle produzioni enologiche, dall altro assicurare

Dettagli

IL DIRETTORE GENERALE. per la qualità dei prodotti agroalimentari. e la tutela del consumatore

IL DIRETTORE GENERALE. per la qualità dei prodotti agroalimentari. e la tutela del consumatore D.Dirett. 13 ottobre 2004. Modifica al disciplinare di produzione dei vini a denominazione di origine controllata dei vini «Casteller». Pubblicato nella Gazz. Uff. 28 ottobre 2004 n. 254. IL DIRETTORE

Dettagli

Documento dell ABI, in risposta al documento di consultazione del MEF su

Documento dell ABI, in risposta al documento di consultazione del MEF su Documento dell ABI, in risposta al documento di consultazione del MEF su Consultazione pubblica relativa allo schema recante recepimento della direttiva 2009/110/CE e, concernente l avvio, l esercizio

Dettagli

Nomina RLS Rappresentante dei lavoratori per la sicurezza

Nomina RLS Rappresentante dei lavoratori per la sicurezza Corso di formazione per RLS Corso di aggiornamento per RLS Nomina RLS Rappresentante dei lavoratori per la sicurezza Circolare INAIL n. 43 del 25 agosto 2009 Comunicazione nominativo Rappresentanti dei

Dettagli

ANALISI TECNICO-NORMATIVA

ANALISI TECNICO-NORMATIVA ANALISI TECNICO-NORMATIVA Amministrazione proponente: Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali. Titolo del provvedimento: Schema di decreto legislativo recante disposizioni sanzionatorie

Dettagli

I NORME GENERALI - CLASSIFICAZIONE DELLE DENOMINAZIONI DI ORIGINE, DELLE INDICAZIONI GEOGRAFICHE TIPICHE E AMBITO DI APPLICAZIONE

I NORME GENERALI - CLASSIFICAZIONE DELLE DENOMINAZIONI DI ORIGINE, DELLE INDICAZIONI GEOGRAFICHE TIPICHE E AMBITO DI APPLICAZIONE Legge n. 164 del 10 febbraio 1992 G.U. n. 164 del 23 giugno 1998 Oggetto: Nuova disciplina delle denominazioni d'origine dei vini Capo I NORME GENERALI - CLASSIFICAZIONE DELLE DENOMINAZIONI DI ORIGINE,

Dettagli

FEDERAZIONE AUTONOMA BANCARI ITALIANI

FEDERAZIONE AUTONOMA BANCARI ITALIANI SEGRETERIA NAZIONALE 00198 ROMA VIA TEVERE, 46 TEL. 06.84.15.751/2/3/4 FAX 06.85.59.220 06.85.52.275 SITO INTERNET: www.fabi.it E-MAIL: federazione@fabi.it FEDERAZIONE AUTONOMA BANCARI ITALIANI Ai Sindacati

Dettagli

REGOLAMENTO ENOTECA LOCALE DELLA STRADA DEL VINO DELL ETNA

REGOLAMENTO ENOTECA LOCALE DELLA STRADA DEL VINO DELL ETNA REGOLAMENTO ENOTECA LOCALE DELLA STRADA DEL VINO DELL ETNA Comune di Ragalna Approvato con deliberazione consiliare n. 13 del 28.03.2012. Pagina 1 Art. 1 1. È istituita l Enoteca locale della Strada del

Dettagli

La disciplina dei MOCA (Materiali ed Oggetti a Contatto con gli Alimenti): profili generali

La disciplina dei MOCA (Materiali ed Oggetti a Contatto con gli Alimenti): profili generali CSI 9 febbraio 2012 La disciplina dei MOCA (Materiali ed Oggetti a Contatto con gli Alimenti): profili generali M R Milana Istituto Superiore di Sanità- Roma MOCA : Quali materiali e oggetti? Tutti i materiali

Dettagli

(Atti adottati a norma dei trattati CE/Euratom la cui pubblicazione è obbligatoria) REGOLAMENTI

(Atti adottati a norma dei trattati CE/Euratom la cui pubblicazione è obbligatoria) REGOLAMENTI 5.1.2008 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 3/1 I (Atti adottati a norma dei trattati CE/Euratom la cui pubblicazione è obbligatoria) REGOLAMENTI REGOLAMENTO (CE) N. 3/2008 DEL CONSIGLIO del 17 dicembre

Dettagli

ETICHETTATURA DEGLI ALIMENTI DA AGRICOLTURA BIOLOGICA

ETICHETTATURA DEGLI ALIMENTI DA AGRICOLTURA BIOLOGICA ETICHETTATURA DEGLI ALIMENTI DA AGRICOLTURA BIOLOGICA REALIZZATO CON LA COLLABORAZIONE TECNICA DI DINTEC DICEMBRE 2009 PREMESSA L agricoltura biologica è un particolare metodo di gestione della produzione

Dettagli

DISCIPLINARE. Uova di gallina ovaiola con accesso all'aperto

DISCIPLINARE. Uova di gallina ovaiola con accesso all'aperto Qualità con indicazione di origine "Marchio di qualità Südtirol/Alto Adige" DISCIPLINARE per il settore Uova di gallina ovaiola con accesso all'aperto Decreto Presidente della Provincia n. 55 del 04.02.2014

Dettagli