NOTA INFORMATIVA PIANI DI CONTROLLO: GESTIONE ATTIVITA ISPETTIVA INF5_V_002_

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "NOTA INFORMATIVA PIANI DI CONTROLLO: GESTIONE ATTIVITA ISPETTIVA INF5_V_002_20150401"

Transcript

1 1. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE La presente nota descrive le modalità operative utilizzate da Valoritalia per la gestione del controllo ispettivo viticoltori, vinificatori, imbottigliatori ed intermediari. 2. DOCUMENTI DI RIFERIMENTO D. Lgs 08/04/2010 n. 61 D.M. 16/12/2010 D.M. 14/06/2012 Disposizioni relative della singola Regione o Provincia autonoma. Disciplinare di Produzione; Schedario Vitivinicolo; Dichiarazione di vendemmia e produzione vino; Piano dei Controlli. 3. CAMPIONE DI AZIENDE OGGETTO DELL ISPEZIONE Le aziende vengono sorteggiate in base a quanto indicato nel piano dei controlli. Il programma gestionale procede al sorteggio che viene effettuato alla presenza dei funzionari ICQRF e della Regione preventivamente informati della data in cui avverrà. VITICOLTORE Il Piano dei Controlli prevede due tipologie di sopralluoghi in vigneto: - la prima riguarda la verifica della persistenza delle condizioni per l iscrizione allo schedario viticolo con la verifica dell osservanza delle disposizioni di tipo agronomico previste dal relativo disciplinare di produzione (sesto d impianto, forma di allevamento, varietà, ecc.) - la seconda consiste nella verifica dell osservanza della resa massima per ettaro. SOPRALLUOGO IN VIGNETO Il controllo ispettivo deve essere svolto alla presenza del responsabile aziendale o di un suo incaricato di cui si annoteranno riferimenti precisi (Documento di riconoscimento). L ispettore pertanto si recherà in azienda solo dopo aver fissato un appuntamento con il responsabile aziendale. Durante il controllo ispettivo il tecnico documentale e situazione reale ed al termine del controllo compilerà l apposito verbale (sottoscritto da ambo L ispettore verifica: ubicazione all interno della zona di produzione; compatibilità della natura del terreno, della giacitura e dell altitudine s.l.m.; compatibilità dell esposizione solare; rispetto della base ampelografia; rispetto del sistema di allevamento e di potatura; rispetto della densità di impianto; assenza di pratiche di forzatura incompatibili; esecuzione delle normali pratiche agronomiche; 1 di 7

2 VINIFICATORE NOTA INFORMATIVA PIANI DI CONTROLLO: Il Piano dei Controlli prevede la verifica di processo presso le aziende trasformatrici delle uve. Tali verifiche sono effettuate annualmente su un campione significativo ed una percentuale di tale campione deve essere comprensiva del controllo sulla sussistenza del titolo alcolometrico minimo previsto per la detenzione in cantina dei prodotti vitivinicoli per i vini a DO e di un controllo analitico per i vini IG. CONTROLLO ISPETTIVO VINIFICATORE La visita ispettiva deve essere svolta alla presenza del responsabile aziendale o di un suo incaricato di cui si annoteranno riferimenti precisi (documento di riconoscimento). L ispettore pertanto si recherà in azienda solo dopo aver fissato un appuntamento con il responsabile aziendale. Durante la visita ispettiva il tecnico documentale e situazione reale ed al termine della visita compilerà l apposito verbale (sottoscritto da ambo Il controllo ispettivo può essere condotto da un singolo ispettore o da una coppia di ispettori. L ispettore, in collaborazione con il vinificatore o un suo rappresentante, esegue il sopralluogo in cantina per: 1. Controllare i registri di cantina necessari all espletamento dell attività, per verificare la correttezza delle annotazioni e delle vidimazioni. Sul registro di vinificazione vengono controllate le annotazioni relative alla vinificazione di uve atte a dare vino a DO e/o IG ed il rispetto delle indicazioni del disciplinare. I dati riportati sul registro devono corrispondere a quelli della scheda Valoritalia. 2. Controllare le movimentazioni di vino relativamente a documenti di accompagnamento di vini acquistati o venduti, dichiarazione di lavorazione di spumanti, dichiarazione di lavorazione di frizzanti, comunicazioni di tagli, declassamenti, riclassificazioni, certificati di idoneità. I dati riportati sul registro devono corrispondere a quelli della scheda Valoritalia. 3. Rilevare la quantità di vino in giacenza. Per ogni tipologia di vino (sfuso e imbottigliato) atto e certificato alla D.O. e per il vino I.G. viene controllata la corrispondenza quantitativa con i recipienti indicati botti, vasche, autoclavi. Viene verificata anche la presenza e la regolarità dei cartelli apposti su ciascun recipiente presente in cantina, secondo quanto previsto dal D.M. 13 agosto 2012 (Art. 17). Prescrizioni previste per i cartelli apposti ai recipienti: devono essere fissati in modo che non sia possibile la rimozione accidentale; devono essere ben visibili e leggibili; devono riportare a caratteri indelebili le indicazioni seguenti: - la denominazione di vendita e, se del caso, a. delle menzioni previste dal disciplinare relative all origine del prodotto dall unità geografica, dalla zona determinata e dalla zona delimitata più piccola della regione determinata; b. del nome dello Stato membro o del Paese terzo di provenienza (nel caso specifico può essere solo Italia); - il colore; 2 di 7

3 - il tipo di prodotto (vino atto, vino certificato con l indicazione degli estremi della certificazione, vino spumante, vino frizzante); - l anno di raccolta; - il nome di una o più varietà di vite; - l indicazione di come è stato ottenuto il prodotto o del metodo di elaborazione; - le menzioni tradizionali complementari; - termini che indicano il tenore di zucchero Le indicazioni obbligatorie e facoltative sopra citate devono corrispondere a quelle utilizzate nei conti distinti, nei documenti giustificativi ufficiali o commerciali, dei prodotti detenuti o introdotti e spediti (registri di cantina). Le indicazioni apposte sui cartelli possono essere sostituite da codici purché corrispondenti a quelli utilizzati nei registri. 4. Prelevare campioni di vino atto a D.O. ed IG rappresentativi E effettuato un prelievo di campioni per la verifica: - del titolo alcolometrico minimo previsto per la detenzione in cantina del prodotto nella relativa fase di produzione per i vini a DO; - rispondenza ai requisiti del disciplinare per i vini IG mediante analisi chimica. La scelta dei vasi vinari contenenti il prodotto da sottoporre a campione deve essere fatto secondo un metodo casuale. Sia per i vini atti a DO che per i vini IG si prelevano 4 bottiglie di cui 1 è affidata al detentore della partita e 3 vengono recapitate a Valoritalia, 2 conservati a cura di Valoritalia per 6 mesi ed 1 consegnata al laboratorio per l analisi del titolo alcolometrico totale per i vini a DO e nel caso dei vini IG per l analisi chimica per il rispetto dei parametri del disciplinare. Modalità di campionamento-prelievo vini D.O. e I.G.: - Si procede al prelievo di un campione quando, al momento dell ispezione, la giacenza di vino atto comprensiva delle varie annate e tipologie risulta uguale o inferiore ad HL Si procede al prelievo di un ulteriore campione quando, al momento dell ispezione, la giacenza di vino atto comprensiva delle varie annate e tipologie risulta essere superiore ad HL I campioni al prelievo verranno posti in un sacchetto di plastica chiuso con spago al quale viene legato un cartellino e sigillo schiacciato con pinza punzonatrice recante il logo di Valoritalia. Sul cartellino vengono riportati i seguenti dati: - il numero di verbale; - la data del prelievo; - denominazione; - la tipologia del prodotto: tranquillo, frizzante o spumante; - il timbro dell azienda; - le firme dell ispettoree dell incaricato dell azienda ad assistere al prelievo. In alternativa i campioni prelevati vengono sigillati con un etichetta posta a cavaliere indicante, nella parte staccabile, il numero del verbale, la data, il nome dell azienda, la quantità oggetto di campionamento, le firme dell ispettore e del responsabile dell azienda. 3 di 7

4 IMBOTTIGLIATORE NOTA INFORMATIVA PIANI DI CONTROLLO: Il Piano dei Controlli prevede la verifica di processo presso le aziende di imbottigliamento e confezionamento. Tali verifiche sono effettuate annualmente su un campione significativo ed una percentuale di tale campione deve essere comprensiva del controllo della rispondenza del prodotto imbottigliato con la certificazione rilasciata per i vini DO e con i requisiti del disciplinare e dall art. 26 del Reg. 607/09 per le IG. CONTROLLO ISPETTIVO IMBOTTIGLIATORE La visita ispettiva deve essere svolta alla presenza del responsabile aziendale o di un suo incaricato di cui si annoteranno riferimenti precisi (documento di riconoscimento). L ispettore pertanto si recherà in azienda solo dopo aver fissato un appuntamento con il responsabile aziendale. Durante la visita ispettiva il tecnico documentale e situazione reale ed al termine della visita compilerà l apposito verbale (sottoscritto da ambo L ispettore, in collaborazione con l imbottigliatore o un suo rappresentante, esegue il sopralluogo in cantina per: 1. Controllare il registro di imbottigliamento, ed i registri di cantina per verificare la correttezza delle annotazioni e delle vidimazioni. 2. Controllare le comunicazioni di imbottigliamento ed eventuali documentazioni necessarie. 3. Controllare la corrispondenza quantitativa del prodotto detenuto con i registri e la documentazione di cantina relativamente al prodotto certificato sfuso (D.O.) e sfuso a I.G.. 4. Viene verificata anche la presenza e la regolarità dei cartelli apposti su ciascun recipiente presente in cantina, secondo quanto previsto dal D.M. 13 agosto 2012 (Art. 17) Prescrizioni previste per i cartelli apposti ai recipienti: devono essere fissati in modo che non sia possibile la rimozione accidentale; devono essere ben visibili e leggibili; devono riportare a caratteri indelebili le indicazioni seguenti: - la denominazione di vendita e, se del caso, a. delle menzioni previste dal disciplinare relative all origine del prodotto dall unità geografica, dalla zona determinata e dalla zona delimitata più piccola della regione determinata; b. del nome dello Stato membro o del Paese terzo di provenienza (nel caso specifico può essere solo Italia); - il colore; - il tipo di prodotto (vino atto, vino certificato con l indicazione degli estremi della certificazione, vino spumante, vino frizzante); - l anno di raccolta; - il nome di una o più varietà di vite; - l indicazione di come è stato ottenuto il prodotto o del metodo di elaborazione; - le menzioni tradizionali complementari; - termini che indicano il tenore di zucchero 4 di 7

5 Le indicazioni obbligatorie e facoltative sopra citate devono corrispondere a quelle utilizzate nei conti distinti, nei documenti giustificativi ufficiali o commerciali, dei prodotti detenuti o introdotti e spediti (registri di cantina). Le indicazioni apposte sui cartelli possono essere sostituite da codici purché corrispondenti a quelli utilizzati nei registri. 5. Verificare il corretto uso della DO e IG nei sistemi di chiusura ed etichettatura, nonché verificare l utilizzo dei recipienti ammessi dal disciplinare di produzione e dalla normativa nazionale e comunitaria. A tal fine l ispettore preleva due bottiglie di capacità compresa tra 0,375 l e 5 l sigillate in sacchetto trasparente. Una bottiglia è lasciata in azienda come testimone, l altra è consegnata alla SOP. 6. Prelevare campioni di vino imbottigliato rappresentativi. Alle aziende sorteggiate per il controllo della scheda 4 Imbottigliatore dei vini D.O si effettua un prelievo da partite certificate imbottigliate da non più tre mesi. Per quei prodotti che necessitano di un periodo di affinamento in bottiglia il momento di partenza da cui calcolare i tre mesi è quello del rilascio della certificazione di idoneità. L ispettore annota nel verbale di prelievo la giacenza del lotto dal quale è effettuato il prelievo. Si prelevano 6 bottiglie/contenitori di capacità compresa tra 0,375 l e 5 l per ciascun campione, 2 sigillate in sacchetto trasparente e 4 sigillate in sacchetto anonimo: 1 sigillata in sacchetto trasparente viene lasciata in deposito all azienda come testimone, 1 sigillata in sacchetto trasparente è utilizzata al fine di consentire la compilazione del verbale Scheda 3 Imbottigliatore assieme a 1 in sacchetto anonimo conservate a cura di Valoritalia per 6 mesi, 1 in sacchetto anonimo consegnata al laboratorio, 2 in sacchetto anonimo consegnate alla commissione di degustazione per l esame organolettico. Alle aziende sorteggiate per il controllo della scheda 3 Imbottigliatore dei vini I.G. si procede a prelevare solo su partite imbottigliate. Per i vini I.G. si prelevano 4 bottiglie 1 sigillata in sacchetto trasparente viene lasciata in deposito all azienda come testimone, 1 sigillata in sacchetto trasparente è utilizzata al fine di consentire la compilazione del verbale Scheda 3 Imbottigliatore assieme a 1 in sacchetto anonimo conservate a cura di Valoritalia per 6 mesi, 1 in sacchetto anonimo consegnata al laboratorio per le analisi previste dall art. 26 del regolamento CE 607/09. Modalità di campionamento-prelievo vini D.O. e I.G.: - Si procede al prelievo di un campione quando il quantitativo di vino imbottigliato comprensivo delle varie annate e tipologie risulta uguale o inferiore ad HL Per la base di calcolo si utilizza la quantità di prodotto imbottigliata nell annata (solare) precedente oggetto di sorteggio. - Si procede al prelievo di un ulteriore campione quando il quantitativo di vino imbottigliato comprensivo delle varie annate e tipologie risulta superiore ad HL Per il controllo etichetta della scheda 3 Imbottigliatore fino alla sopracitata quantità di Hl si preleva un campione, qualora tale quantità sia superiore a Hl si preleverà un secondo campione sempre che siano individuabili più referenze (etichette diverse). I campioni al prelievo, verranno posti in un sacchetto di plastica, come sopra descritto, chiuso con spago al quale viene legato un cartellino e un sigillo metallico schiacciato con pinza punzonatrice recante il logo di Valoritalia. Sul cartellino vengono riportati i seguenti dati: - numero di verbale; - data del prelievo; - denominazione; - tipologia del prodotto: tranquillo, frizzante o spumante; - timbro dell azienda; - lotto o alfanumerico della fascetta; - le firme dell ispettore e dell incaricato dell azienda ad assistere al prelievo. 5 di 7

6 In alternativa i campioni prelevati vengono sigillati con un etichetta posta a cavaliere indicante, nella parte staccabile, il numero del verbale, la data, il nome dell azienda, la quantità oggetto di campionamento, le firme dell ispettore e del responsabile dell azienda. INTERMEDIARIO Il Piano dei Controlli prevede la verifica di processo presso le aziende intermediarie di uva ed intermediarie di vino. Tali verifiche sono effettuate annualmente su un campione significativo. CONTROLLO ISPETTIVO INTERMEDIARIO UVE/INTERMEDIARIO VINO La visita ispettiva deve essere svolta alla presenza del responsabile aziendale o di un suo incaricato di cui si annoteranno riferimenti precisi (documento di riconoscimento). L ispettore pertanto si recherà in azienda solo dopo aver fissato un appuntamento con il responsabile aziendale. Durante la visita ispettiva il tecnico documentale e situazione reale ed al termine della visita compilerà l apposito verbale (sottoscritto da ambo Controllo intermediario Uve L ispettore, in collaborazione con l intermediario o un suo rappresentante, esegue il sopralluogo presso il centro di intermediazione per: 1. Controllare la correttezza della documentazione relativa al carico/scarico delle uve. I dati riportati devono corrispondere con quanto riportato nella documentazione consegnata dall ufficio. 2. Verificare la corrispondenza quantitativa del prodotto detenuto con riscontro ai relativi documenti e registri di cantina. Controllo intermediario Vino L ispettore, in collaborazione con l intermediario o un suo rappresentante, esegue il sopralluogo presso la cantina per: 1. Controllare i registri di cantina e la documentazione necessaria all espletamento dell attività, per verificare la correttezza delle annotazioni e delle vidimazioni. I dati riportati sul registro devono corrispondere a quelli registrati sulla scheda Valoritalia. 2. Controllare le movimentazioni di vino relativamente a documenti di accompagnamento di vini acquistati o venduti 3. Verificare la corrispondenza quantitativa del prodotto detenuto con riscontro ai relativi documenti e registri di cantina. 6 di 7

7 ALTRE DISPOSIZIONI Fatte salve le tempistiche d invio previste dal Piano dei Controlli per le NC, se l Azienda non riceve, da parte dell ufficio competente, alcuna comunicazione entro 60 giorni dalla data di chiusura dell accertamento documentale/verifica ispettiva, l esito dell iter di valutazione è da ritenersi conforme. 7 di 7

IL SISTEMA DI CERTIFICAZIONE E DI CONTROLLO

IL SISTEMA DI CERTIFICAZIONE E DI CONTROLLO IL SISTEMA DI CERTIFICAZIONE E DI CONTROLLO DEI VINI A DENOMINAZIONE DI ORIGINE L ATTIVITÀ DI CONTROLLO ISPETTIVA PRESSO GLI OPERATORI DELLA FILIERA (VITICOLTORI, VINIFICATORI, INTERMEDIARI ED IMBOTTIGLIATORI)

Dettagli

OGGETTO: Nuove disposizioni relative alla certificazione e controllo dei vini DOC/DOCG ed IGT, in vigore dal 1 agosto 2012 (D.M.

OGGETTO: Nuove disposizioni relative alla certificazione e controllo dei vini DOC/DOCG ed IGT, in vigore dal 1 agosto 2012 (D.M. Alle Aziende interessate Loro Sedi OGGETTO: Nuove disposizioni relative alla certificazione e controllo dei vini /G ed IGT, in vigore dal 1 agosto 2012 (D.M. 14 giugno 2012) G.le Aziende, in riferimento

Dettagli

OGGETTO: Nuove disposizioni relative alla certificazione e controllo dei vini DOC/DOCG ed IGT, in vigore dal 1 agosto 2012 (D.M.

OGGETTO: Nuove disposizioni relative alla certificazione e controllo dei vini DOC/DOCG ed IGT, in vigore dal 1 agosto 2012 (D.M. Alle Aziende interessate Loro Sedi OGGETTO: Nuove disposizioni relative alla certificazione e controllo dei vini DOC/DOCG ed IGT, in vigore dal 1 agosto 2012 (D.M. 14 giugno 2012) G.le Aziende, in riferimento

Dettagli

NOTA INFORMATIVA PIANI DI CONTROLLO: GESTIONE ATTIVITA ISPETTIVA INF5_V_004_

NOTA INFORMATIVA PIANI DI CONTROLLO: GESTIONE ATTIVITA ISPETTIVA INF5_V_004_ 1. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE La presente nota descrive le modalità operative utilizzate da Valoritalia per la gestione del controllo ispettivo viticoltori, vinificatori, imbottigliatori ed intermediari.

Dettagli

NOTA INFORMATIVA PIANI DI CONTROLLO: GESTIONE ATTIVITA ISPETTIVA INF5_V_006_

NOTA INFORMATIVA PIANI DI CONTROLLO: GESTIONE ATTIVITA ISPETTIVA INF5_V_006_ 1. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE La presente nota descrive le modalità operative utilizzate da Valoritalia per la gestione del controllo ispettivo viticoltori, vinificatori, imbottigliatori ed intermediari.

Dettagli

ISTRUZIONI OPERATIVE DENOMINAZIONI

ISTRUZIONI OPERATIVE DENOMINAZIONI ISTRUZIONI OPERATIVE MODALITA' DI GESTIONE DELL ITER CERTIFICATIVO a partire dall inoltro della richiesta di prelievo da parte dell azienda fino al rilascio della conformità all imbottigliamento da parte

Dettagli

MODALITA' DI GESTIONE DELL ITER CERTIFICATIVO

MODALITA' DI GESTIONE DELL ITER CERTIFICATIVO MODALITA' DI GESTIONE DELL ITER CERTIFICATIVO a partire dall inoltro della richiesta di prelievo da parte dell azienda fino al rilascio della conformità all imbottigliamento da parte di Valoritalia PRELIEVO-ANALISI-DEGUSTAZIONE

Dettagli

PG 07 Controllo documentale ed ispettivo

PG 07 Controllo documentale ed ispettivo 07 22/01/2013 1 di 19 Rev. Data emissione Motivo/Modifica 00 30/06/2009 Prima emissione 01 01/08/2009 Aggiornamento Modifiche a seguito di audit Accredia in merito alla 02 01/06/2010 comunicazioni delle

Dettagli

Etichettatura. Sezione 3 Etichettatura e presentazione nel settore vitivinicolo

Etichettatura. Sezione 3 Etichettatura e presentazione nel settore vitivinicolo Sezione 3 Etichettatura e presentazione nel settore vitivinicolo Articolo 117 reg. 1308/13 Definizione Ai fini della presente sezione si intende per: a) etichettatura, i termini, le diciture, i marchi

Dettagli

Colli!Euganei! Denominazione!di!origine!Controllata. Colli!Euganei!Fior!d Arancio Denominazione!di!origine!controllata!e!garantita!

Colli!Euganei! Denominazione!di!origine!Controllata. Colli!Euganei!Fior!d Arancio Denominazione!di!origine!controllata!e!garantita! Colli!Euganei! Denominazione!di!origine!Controllata Colli!Euganei!Fior!d Arancio Denominazione!di!origine!controllata!e!garantita! ETICHETTATURA!E! PRESENTAZIONE Normativa!di!riferimento Regolamento! CE!

Dettagli

SEMINARIO 5 e 6: I REGISTRI e DOCUMENTI DI TRASPORTO

SEMINARIO 5 e 6: I REGISTRI e DOCUMENTI DI TRASPORTO SEMINARIO 5 e 6: I REGISTRI e DOCUMENTI DI TRASPORTO La funzione delle registrazioni consiste: da un lato fornire informazioni sulla consistenza e qualità delle produzioni enologiche, dall altro assicurare

Dettagli

NUOVA NORMATIVA SULL ETICHETTATURA DEL VINO

NUOVA NORMATIVA SULL ETICHETTATURA DEL VINO NUOVA NORMATIVA SULL ETICHETTATURA DEL VINO L etichetta è certamente la carta d identità di un prodotto che tutela sia il produttore che il consumatore e, accanto ad una generale disciplina applicabile

Dettagli

IL MINISTRO DELLE POLITICHE AGRICOLE ALIMENTARI E FORESTALI

IL MINISTRO DELLE POLITICHE AGRICOLE ALIMENTARI E FORESTALI Decreto 14 giugno 2012 Approvazione dello schema di piano dei controlli, in applicazione dell'articolo 13, comma 17, del decreto legislativo 8 aprile 2010, n. 61, recante la tutela delle denominazioni

Dettagli

Il ruolo dell IRVO nella tracciabilità dei vini DOP e IGP Siciliani

Il ruolo dell IRVO nella tracciabilità dei vini DOP e IGP Siciliani Il ruolo dell IRVO nella tracciabilità dei vini DOP e IGP Siciliani L Istituto Regionale del Vino e dell Olio si occupa dei controlli e della tracciabilità dei vini, già a partire dal 2009. Infatti con

Dettagli

I Registri del settore vitivinicolo: La telematizzazione 24 Giugno 2015 Riccardo Minelli

I Registri del settore vitivinicolo: La telematizzazione 24 Giugno 2015 Riccardo Minelli I Registri del settore vitivinicolo: La telematizzazione 24 Giugno 2015 Riccardo Minelli I Registri del settore vitivinicolo Le modalità di tenuta La normativa di riferimento OGGI Modalità cartacea Reg.

Dettagli

XXII SEMINARIO DI AGGIORNAMENTO NORMATIVO DI DIRITTO VITIVINICOLO Vinitaly, 22 marzo 2015. Presentazione Testo Unico del vino

XXII SEMINARIO DI AGGIORNAMENTO NORMATIVO DI DIRITTO VITIVINICOLO Vinitaly, 22 marzo 2015. Presentazione Testo Unico del vino XXII SEMINARIO DI AGGIORNAMENTO NORMATIVO DI DIRITTO VITIVINICOLO Vinitaly, 22 marzo 2015 Presentazione Testo Unico del vino DISPOSIZIONI GENERALI E DI SEMPLIFICAZIONE IN MATERIA DI VINO E PRODOTTI VITIVINICOLI

Dettagli

INDICAZIONI TECNICHE Vendemmia 2015 La denominazione Prosecco in sintesi:

INDICAZIONI TECNICHE Vendemmia 2015 La denominazione Prosecco in sintesi: CONSORZIO DI TUTELA DELLA DENOMINAZIONE DI ORIGINE CONTROLLATA PROSECCO INDICAZIONI TECNICHE Vendemmia 2015 La denominazione Prosecco in sintesi: PREMESSA (PORRE MOLTA ATTENZIONE AL CONCETTO): in riferimento

Dettagli

NUOVE REGOLE IN MATERIA DI ETICHETTATURA DEI VINI. DARIO PANELLI UFFICIO VITIVINICOLO PROVINCIALE Febbraio 2011 dario.panelli@coldiretti.

NUOVE REGOLE IN MATERIA DI ETICHETTATURA DEI VINI. DARIO PANELLI UFFICIO VITIVINICOLO PROVINCIALE Febbraio 2011 dario.panelli@coldiretti. NUOVE REGOLE IN MATERIA DI ETICHETTATURA DEI VINI DARIO PANELLI UFFICIO VITIVINICOLO PROVINCIALE Febbraio 2011 dario.panelli@coldiretti.it Dal 1 agosto 2009 è entrata in vigore la nuova classificazione

Dettagli

Disposizioni sulla elaborazione, confezionamento, designazione e presentazione dei vini frizzanti.

Disposizioni sulla elaborazione, confezionamento, designazione e presentazione dei vini frizzanti. D.M. 29 luglio 2004. Disposizioni sulla elaborazione, confezionamento, designazione e presentazione dei vini frizzanti. (pubbl. in Gazz. Uff. n. 238 del 9 ottobre 2004). IL MINISTRO DELLE POLITICHE AGRICOLE

Dettagli

Pubblicato su G.U. n. 295 del 20 dicembre 2011

Pubblicato su G.U. n. 295 del 20 dicembre 2011 DECRETO 11 Novembre 2011 Disciplina degli esami analitici per i vini DOP e IGT, degli esami organolettici e dell attività delle commissioni di degustazione per i vini DOP e del relativo finanziamento Pubblicato

Dettagli

Produzione Titolo alcolometrico volumico Vino uva t/ettaro naturale minimo % vol.

Produzione Titolo alcolometrico volumico Vino uva t/ettaro naturale minimo % vol. Riconoscimento della denominazione di origine controllata dei vini Moscato di Pantelleria, Passito di Pantelleria e Pantelleria - D.P.R. 11 agosto 1971 1,2 Art. 1. Denominazione e vini. La denominazione

Dettagli

Il Ministro delle politiche agricole alimentari e forestali di concerto con il Ministro dell economia e delle finanze

Il Ministro delle politiche agricole alimentari e forestali di concerto con il Ministro dell economia e delle finanze VISTO il regolamento (CE) n. 1234/2007 del Consiglio del 22 ottobre 2007, recante l organizzazione comune dei mercati agricoli e disposizioni specifiche per taluni prodotti agricoli, regolamento unico

Dettagli

Il sottoscritto nato a il. Responsabile legale dell azienda. C.F/P.IVA sita in comune di Prov. D I C H I A R A

Il sottoscritto nato a il. Responsabile legale dell azienda. C.F/P.IVA sita in comune di Prov. D I C H I A R A DICHIARAZIONE INTEGRATIVA ALLA NOTIFICA RELATIVA ALL IMPEGNO DELL OPERATORE E ALLE MISURE CONCRETE E PRECAUZIONALI PER LE AZIENDE DI PREPARAZIONE secondo l Articolo 63 del Reg CE n.889/2008 (in attuazione

Dettagli

Regolamento di certificazione di prodotti vitivinicoli DOP e IGP e dei vini varietali

Regolamento di certificazione di prodotti vitivinicoli DOP e IGP e dei vini varietali Regolamento di certificazione di prodotti Rev Data emissione Motivo/Modifica 00 20 11 2009 Prima emissione 01 18 02 2010 Integrazione 6.5.2 per comunicazione resa uva/vino minore al massimo consentito

Dettagli

LA CERTIFICAZIONE VOLONTARIA

LA CERTIFICAZIONE VOLONTARIA LA CERTIFICAZIONE VOLONTARIA PREMESSA La certificazione volontaria di prodotto nasce dalla necessità da parte delle Organizzazioni che operano nel settore agroalimentare (Aziende produttrici, vitivinicole,ecc.)

Dettagli

Posizione 12 Codice categoria prodotto Nuovo CODICE. CODIFICA COMUNITARIA (All. VII, parte II, Reg. UE 1308/2013) codifica. presenti in base dati

Posizione 12 Codice categoria prodotto Nuovo CODICE. CODIFICA COMUNITARIA (All. VII, parte II, Reg. UE 1308/2013) codifica. presenti in base dati Posizione 12 Codice categoria prodotto Nuovo CODICE CODIFICA COMUNITARIA (All. VII, parte II, Reg. UE 1308/2013) DESCRIZIONE Vecchia codifica Vecchia Descrizione A (1) Vino A Vino di qualità in regione

Dettagli

MINISTERO DELLE POLITICHE AGRICOLE E FORESTALI

MINISTERO DELLE POLITICHE AGRICOLE E FORESTALI MINISTERO DELLE POLITICHE AGRICOLE E FORESTALI Decreto Ministeriale 14 ottobre 2010 DISCIPLINARE DI PRODUZIONE DEI VINI A DENOMINAZIONE DI ORIGINE CONTROLLATA E GARANTITA GAVI O CORTESE DI GAVI. (G.U.

Dettagli

Aggiornamento normativo Vendemmia 2015

Aggiornamento normativo Vendemmia 2015 Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali Aggiornamento normativo Vendemmia 2015 Treviso 26 agosto 2015 1 . DISCIPLINARI DI PRODUZIONE VINI DOC IN CORSO DI MODIFICA PRESSO IL MIPAAF NEL

Dettagli

PROCEDURA TRACCIABILITA UVE AMARONE/RECIOTO. Aggiornamento vendemmia 2015

PROCEDURA TRACCIABILITA UVE AMARONE/RECIOTO. Aggiornamento vendemmia 2015 PROCEDURA TRACCIABILITA UVE AMARONE/RECIOTO Aggiornamento vendemmia 2015 AVVERTENZA: La procedura si riferisce esclusivamente alle DOCG Amarone della Valpolicella, Recioto della Valpolicella e alla DOC

Dettagli

LE NUOVE REGOLE IN MATERIA DI CLASSIFICAZIONE ED ETICHETTATURA DEI VINI

LE NUOVE REGOLE IN MATERIA DI CLASSIFICAZIONE ED ETICHETTATURA DEI VINI LE NUOVE REGOLE IN MATERIA DI CLASSIFICAZIONE ED ETICHETTATURA DEI VINI REALIZZATO CON LA COLLABORAZIONE TECNICA DI DINTEC OTTOBRE 2009 PREMESSA La normativa in materia di classificazione ed etichettatura

Dettagli

Documenti di accompagnamento dei prodotti vitivinicoli. (nuove regole dal 1 agosto 2013)

Documenti di accompagnamento dei prodotti vitivinicoli. (nuove regole dal 1 agosto 2013) Documenti di accompagnamento dei prodotti vitivinicoli (nuove regole dal 1 agosto 2013) 1 Regolamento CE 314/2012 del 12/04/2012 (è una modifica del Reg. CE 436/2009 sui documenti di accompagnamento del

Dettagli

MANUALE UTENTE. www.vitevino.eu. Regione Siciliana PORTALE DEI SERVIZI CERTIFICAZIONI D.O.

MANUALE UTENTE. www.vitevino.eu. Regione Siciliana PORTALE DEI SERVIZI CERTIFICAZIONI D.O. REPUBBLICA ITALIANA Regione Siciliana Codice Fiscale 00261280828 ISTITUTO REGIONALE VINI E OLI DI SICILIA Partita I.V.A. 00261280820 Via Libertà, 66-90143 PALERMO TEL. 091 6278000 FAX 091 307219 irvv@pec.istitutoregionalevitevinosicilia.it

Dettagli

Documento di lavoro FVG-TN-VENETO. bozza

Documento di lavoro FVG-TN-VENETO. bozza proposta Denominazione di origine controllata dei vini delle Venezie. disciplinare di produzione Art. 1 Denominazione e vini. La denominazione di origine controllata "delle Venezie" è riservata ai vini

Dettagli

Etichettatura Indicazione del tenore di zucchero

Etichettatura Indicazione del tenore di zucchero Etichettatura Articolo 58 Indicazione del tenore di zucchero 1. I termini elencati nell allegato XIV, parte A, del presente regolamento, che indicano il tenore di zucchero, figurano sull etichettatura

Dettagli

DISCIPLINARE DI PRODUZIONE DEL VINO A DENOMINAZIONE DI ORIGINE CONTROLLATA «STREVI»

DISCIPLINARE DI PRODUZIONE DEL VINO A DENOMINAZIONE DI ORIGINE CONTROLLATA «STREVI» DISCIPLINARE DI PRODUZIONE DEL VINO A DENOMINAZIONE DI ORIGINE CONTROLLATA «STREVI» Approvato con DM 06.07.2005 GU 163-15.07.2005 Modificato con DM 30.11.2011 GU 295-20.12.2011 Pubblicato sul sito ufficiale

Dettagli

ISTRUZIONE PER LA COMPILAZIONE DEL DOCUMENTO MVV INDICAZIONI DA RIPORTARE SUL DOCUMENTO

ISTRUZIONE PER LA COMPILAZIONE DEL DOCUMENTO MVV INDICAZIONI DA RIPORTARE SUL DOCUMENTO ISTRUZIONE PER LA COMPILAZIONE DEL DOCUMENTO MVV INDICAZIONI DA RIPORTARE SUL DOCUMENTO Ogni indicazione deve essere apposta in modo da risultare leggibile, anche nel documento allegato al messaggio di

Dettagli

ISTRUZIONI PER L APPLICAZIONE DELL ARTICOLO 3 QUATER DELLA L.R. N. 39/80

ISTRUZIONI PER L APPLICAZIONE DELL ARTICOLO 3 QUATER DELLA L.R. N. 39/80 ISTRUZIONI PER L APPLICAZIONE DELL ARTICOLO 3 QUATER DELLA L.R. N. 39/80 Testo elaborato dal Bozza del: 5 luglio 2006 1 Titolo IX bis Del sistema di controllo di cui all art. 3 quater Articolo 46: definizioni

Dettagli

IL MINISTRO DELLE POLITICHE AGRICOLE ALIMENTARI E FORESTALI

IL MINISTRO DELLE POLITICHE AGRICOLE ALIMENTARI E FORESTALI DECRETO 14 giugno 2012: Approvazione dello schema di piano dei controlli, in applicazione dell'articolo 13, comma 17, del decreto legislativo 8 aprile 2010, n. 61, recante la tutela delle denominazioni

Dettagli

PIANO DELLE VERIFICHE E DEI CONTROLLI. della Denominazione di Origine Controllata. DOC Cortona

PIANO DELLE VERIFICHE E DEI CONTROLLI. della Denominazione di Origine Controllata. DOC Cortona PIANO DELLE VERIFICHE E DEI CONTROLLI la Denminazine di Origine Cntrllata DOC Crtna INTRODUZIONE Il Pian è realizzat sulla base l schema apprvat dal Minister le Plitiche Agricle Alimentari e Frestali cn

Dettagli

Bollettino ECEPA. In questo numero 1 VERIFICA ISPETTIVA DI CAMPIONAMENTO 2 ETICHETTATURA DEI PRODOTTI DOP. 3 DIRITTI E LIMITAZIONI NELL USO DEL

Bollettino ECEPA. In questo numero 1 VERIFICA ISPETTIVA DI CAMPIONAMENTO 2 ETICHETTATURA DEI PRODOTTI DOP. 3 DIRITTI E LIMITAZIONI NELL USO DEL Bollettino ECEPA In questo numero N 6 1 VERIFICA ISPETTIVA DI CAMPIONAMENTO ED ANALISI DEI PRODOTTI DOP 2 ETICHETTATURA DEI PRODOTTI DOP. 2.1. Marchi di conformità ECEPA 2.2. Marchio Comunitario DOP 2.3.

Dettagli

D I S C I P L I N A R E PROPOSTA DI MODIFICA

D I S C I P L I N A R E PROPOSTA DI MODIFICA Denom. Vini Costa d Amalfi Riconoscimento della denominazione di origine controllata dei vini «Costa d Amalfi». ATTUALE Articolo 1 La denominazione di origine controllata > è riservata

Dettagli

Olio extra vergine di oliva Denominazione di Origine Protetta APRUTINO PESCARESE

Olio extra vergine di oliva Denominazione di Origine Protetta APRUTINO PESCARESE Manuale e piano di per la certificazione dell olio extra vergine di oliva rispondente ai requisiti per l ottenimento della Denominazione di Origine Protetta ai sensi del Reg. CEE 2081/92 Olio extra vergine

Dettagli

Autorità pubblica di controllo designata per i vini a D.O e I.G.

Autorità pubblica di controllo designata per i vini a D.O e I.G. Allegato alla Determinazione del Segretario Generale n. 173 del 14/07/2015 Avviso di selezione per titoli e colloquio per la costituzione di un elenco di soggetti da cui attingere per il conferimento di

Dettagli

1. FINALITÀ DELLA CARTA 3. FUNZIONI

1. FINALITÀ DELLA CARTA 3. FUNZIONI INDICE CARTA DEI SERVIZI DEL CENTRO DI ASSISTENZA AGRICOLA COLDIRETTI SRL 1. Finalità della Carta 2. Chi siamo 3. Funzioni 4. I nostri servizi 5. Qualità dei servizi 6. Presenza sul territorio 7. Risorse

Dettagli

Terre di Lambrusco. Concorso Enologico REGOLAMENTO - 6ª EDIZIONE

Terre di Lambrusco. Concorso Enologico REGOLAMENTO - 6ª EDIZIONE Terre di Lambrusco 2015 Concorso Enologico REGOLAMENTO - 6ª EDIZIONE REGOLAMENTO Articolo 1: La Camera di Commercio di Reggio Emilia promuove la sesta edizione del Concorso Enologico Matilde di Canossa

Dettagli

Checklist Bio Suisse 2013 Gestione cantina / vinificazione

Checklist Bio Suisse 2013 Gestione cantina / vinificazione Checklist Bio Suisse 2013 Gestione cantina / vinificazione La presente lista di controllo va compilata oltre alla lista di controllo produzione (vinificatori in proprio) risp. trasformazione commercio

Dettagli

DALL UVA BIOLOGICA AL VINO BIOLOGICO: qualità, sicurezza e autenticità

DALL UVA BIOLOGICA AL VINO BIOLOGICO: qualità, sicurezza e autenticità DALL UVA BIOLOGICA AL VINO BIOLOGICO: qualità, sicurezza e autenticità L importanza della certificazione del vino biologico la garanzia di qualità, sicurezza e autenticità () Alessandro Barbieri - Antonio

Dettagli

CONCORSO ENOLOGICO REGIONALE REGOLAMENTO. Wine & Sardinia II Edizione

CONCORSO ENOLOGICO REGIONALE REGOLAMENTO. Wine & Sardinia II Edizione CONCORSO ENOLOGICO REGIONALE Wine & Sardinia II Edizione REGOLAMENTO Articolo 1 Nell'ambito dei festeggiamenti per Sa innenna 2015 ( La vendemmia ), l'associazione ProLoco Sorgono, quale organismo ufficialmente

Dettagli

Torino, lì 21 ottobre 2013. Alle imprese interessate. Loro Sedi. Oggetto: O.C.M. Vitivinicolo Misura investimenti Prossima Apertura bando 2013-2014.

Torino, lì 21 ottobre 2013. Alle imprese interessate. Loro Sedi. Oggetto: O.C.M. Vitivinicolo Misura investimenti Prossima Apertura bando 2013-2014. Corso Francia 329 10142 Torino Tel. 011 4343026 011 4345493 Fax 011 4349456 Confcooperative Piemonte Fedagri Corso Francia 329 10142 Torino www.piemonte.confcooperative.it/federazioni.htm www.gestcooper.itfederagro@gestcooper.it

Dettagli

Incontro tecnico Marano 5.09.2012

Incontro tecnico Marano 5.09.2012 Incontro tecnico Marano 5.09.2012 Ministero politiche agricole alimentari e forestali ICQRF - Ufficio Dirigenziale di Conegliano 2 L attività di controllo dell Ispettorato consiste in verifiche ed accertamenti,

Dettagli

IL DIRIGENTE REGIONALE DELLA SEZIONE COMPETITIVITÀ SISTEMI AGROALIMENTARI

IL DIRIGENTE REGIONALE DELLA SEZIONE COMPETITIVITÀ SISTEMI AGROALIMENTARI DECRETO N. 69 DEL 10 settembre 2014 OGGETTO: DOCG Recioto della Valpolicella e DOCG Amarone della Valpolicella. Riduzione dei quantitativi ad ettaro classificabili per la vendemmia 2014. D.Lgs 61/2010

Dettagli

Prefettura di Avellino

Prefettura di Avellino Prot.n.1881/Serv. Amm.ne Gen.le Avellino 15/7/2005 AI SIGG. SINDACI E COMMISSARI PREFETTIZI DEI COMUNI DELLA PROVINCIA LORO SEDI ALLA COLDIRETTI VIA IANNACCHINI A V E L L I N O e.p.c. AL MINISTERO PER

Dettagli

ELENCO DEI CONTROLLI ALLE IMPRESE EFFETTUATI DALL UFFICIO METRICO

ELENCO DEI CONTROLLI ALLE IMPRESE EFFETTUATI DALL UFFICIO METRICO ELENCO DEI CONTROLLI ALLE IMPRESE EFFETTUATI DALL UFFICIO METRICO Al fine di ottemperare agli obblighi di trasparenza imposti con l articolo 25 del D.Lgs. 14 marzo 2013, n. 33, si riportano sinteticamente

Dettagli

Agli Uffici Periferici. Ufficio II LORO SEDI. Prot n. 21723 pos. 28/4. e p.c. -Sottosegretario On.le Dozzo SEDE -Gabinetto del Ministro SEDE

Agli Uffici Periferici. Ufficio II LORO SEDI. Prot n. 21723 pos. 28/4. e p.c. -Sottosegretario On.le Dozzo SEDE -Gabinetto del Ministro SEDE Roma, 14 maggio 2004 Ufficio II Prot n. 21723 pos. 28/4 OGGETTO: modalità di controllo delle operazioni d elaborazione dei vini spumanti. Agli Uffici Periferici LORO SEDI e p.c. -Sottosegretario On.le

Dettagli

DOCUMENTI e REGISTRI VITIVINICOLI Reg. 436/09

DOCUMENTI e REGISTRI VITIVINICOLI Reg. 436/09 DOCUMENTI e REGISTRI VITIVINICOLI Reg. 436/09 Forli, 13 Marzo 2013 Reg 1234/2007 Reg CE 555/08 Misure di sostegno Reg 491/2009 Regolamento(CE) 479/2008 (abrogato) Reg 436/09 Reg 606/09 Reg 607/09 Documenti

Dettagli

A.R.T..A. Agenzia Regionale Toscana per le Erogazioni in Agricoltura

A.R.T..A. Agenzia Regionale Toscana per le Erogazioni in Agricoltura A.R.T..A. Agenzia Regionale Toscana per le Erogazioni in Agricoltura Organizzazione Comune del Mercato Vitivinicolo Reg. 1493/99 Disposizioni Tecniche per i controlli a campione Piano Ristrutturazione

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CERTIFICAZIONE DI EMISSIONE ACUSTICA AMBIENTALE DELLE MACCHINE ED ATTREZZATURE DESTINATE A FUNZIONARE ALL APERTO APRILE 2012

REGOLAMENTO PER LA CERTIFICAZIONE DI EMISSIONE ACUSTICA AMBIENTALE DELLE MACCHINE ED ATTREZZATURE DESTINATE A FUNZIONARE ALL APERTO APRILE 2012 DIRETTIVA 2000/14/CE REGOLAMENTO PER LA CERTIFICAZIONE DI EMISSIONE ACUSTICA AMBIENTALE DELLE MACCHINE ED ATTREZZATURE DESTINATE A FUNZIONARE ALL APERTO APRILE 2012 INDICE 1 - Generalità...2 2 - Applicabilità...2

Dettagli

MANUALE di GESTIONE per la QUALITA

MANUALE di GESTIONE per la QUALITA Pagina 1 di 5 1. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE Scopo della presente sezione del MQ è definire le modalità e i criteri adottati dalla No Problem Parking spa per pianificare ed attuare i processi di misurazione

Dettagli

Sono elencate alcune competenze camerali che comportano controlli presso le imprese, con i criteri e le modalità di svolgimento dei sopralluoghi.

Sono elencate alcune competenze camerali che comportano controlli presso le imprese, con i criteri e le modalità di svolgimento dei sopralluoghi. Lista dei controlli alle imprese effettuati dalla Camera di commercio di Torino Area Tutela del Mercato e della Fede Pubblica (art. 14, comma 2, D.L. 9 febbraio 2012, n. 5, convertito dalla L. 4 aprile

Dettagli

Ministero della Pubblica Istruzione Dipartimento per l Istruzione Direzione Generale per gli Ordinamenti Scolastici

Ministero della Pubblica Istruzione Dipartimento per l Istruzione Direzione Generale per gli Ordinamenti Scolastici Ministero della Pubblica Istruzione Dipartimento per l Istruzione Direzione Generale per gli Ordinamenti Scolastici Art. 1 Facendo seguito alla convenzione tra il Dipartimento per lo Sviluppo dell Istruzione

Dettagli

DISCIPLINARE DI PRODUZIONE PER IL VINO A VELLETRI

DISCIPLINARE DI PRODUZIONE PER IL VINO A VELLETRI DISCIPLINARE DI PRODUZIONE PER IL VINO A DENOMINAZIONE DI ORIGINE CONTROLLATA VELLETRI Progetto Agricoltura Qualità ARSIAL 1 Art. 1. La denominazione di origine controllata «Velletri» è riservata ai vini

Dettagli

Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali

Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali DIPARTIMENTO DELLE POLITICHE COMPETITIVE, DELLA QUALITÀ AGROALIMENTARE, IPPICHE E DELLA PESCA DIREZIONE GENERALE PER LA PROMOZIONE DELLA QUALITÀ

Dettagli

Premessa. Art. 1 Oggetto dell incarico

Premessa. Art. 1 Oggetto dell incarico AVVISO DI SELEZIONE PER LA FORMAZIONE DI UN ELENCO DI CANDIDATI IDONEI PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI ISPETTORE PER L ATTUAZIONE DEI PIANI DELLE VERIFICHE E DEI CONTROLLI DEI VINI A D.O. E I.G. DELLA

Dettagli

PIANO DEI CONTROLLI OLIO EXTRA VERGINE D OLIVA SEGGIANO DENOMINAZIONE DI ORIGINE PROTETTA

PIANO DEI CONTROLLI OLIO EXTRA VERGINE D OLIVA SEGGIANO DENOMINAZIONE DI ORIGINE PROTETTA Pag. 1 di 24 PIANO DEI CONTROLLI OLIO SEGGIANO Denominazione di Origine Protetta Redatto il: 2015-06-18 Verificato il: 2015-06-22 Approvato ed autorizzato all emissione il 2015-06-24 Valido dal Da: Responsabile

Dettagli

A.R.T..A.Agenzia Regionale Toscana per le Erogazioni in Agricoltura

A.R.T..A.Agenzia Regionale Toscana per le Erogazioni in Agricoltura Allegato A) al Decreto N. 100 del 30/09/2015 A.R.T..A.Agenzia Regionale Toscana per le Erogazioni in Agricoltura Agenzia Regionale Dichiarazione di vendemmia e di produzione di vino e/o mosto Campagna

Dettagli

LISTA DEI CONTROLLI ALLE IMPRESE EFFETTUATI DALLA CAMERA DI COMMERCIO DI BOLOGNA (art. 25 D. Lgs. 14 marzo 2013, n. 33)

LISTA DEI CONTROLLI ALLE IMPRESE EFFETTUATI DALLA CAMERA DI COMMERCIO DI BOLOGNA (art. 25 D. Lgs. 14 marzo 2013, n. 33) LISTA DEI CONTROLLI ALLE IMPRESE EFFETTUATI DALLA CAMERA DI COMMERCIO DI BOLOGNA (art. 25 D. Lgs. 14 marzo 2013, n. 33) Sono di seguito elencate le competenze camerali che comportano controlli presso imprese,

Dettagli

CERTIFICAZIONE DI PRODOTTO - LABORATORIO CHIMICO MERCEOLOGICO

CERTIFICAZIONE DI PRODOTTO - LABORATORIO CHIMICO MERCEOLOGICO CERTIFICAZIONE DI PRODOTTO - LABORATORIO CHIMICO MERCEOLOGICO CERTIFICAZIONE DI PRODOTTO 02 Certificazione vini DOC 02 Certificazione olio DOP Sabina e olio DOP Soratte 03 Certificazione formaggio Caciofiore

Dettagli

MODALITÀ ORGANIZZATIVE E PIANIFICAZIONE DELLE VERIFICHE SUGLI IMPIANTI

MODALITÀ ORGANIZZATIVE E PIANIFICAZIONE DELLE VERIFICHE SUGLI IMPIANTI Pagina:1 di 6 MODALITÀ ORGANIZZATIVE E PIANIFICAZIONE DELLE VERIFICHE SUGLI IMPIANTI INDICE 1. INTRODUZIONE...1 2. ATTIVITÀ PRELIMINARI ALL INIZIO DELLE VERIFICHE...2 3. PIANO OPERATIVO DELLE ATTIVITÀ...2

Dettagli

LISTA DEI CONTROLLI SULLE IMPRESE EFFETTUATI DALLA CAMERA DI COMMERCIO DI VERONA

LISTA DEI CONTROLLI SULLE IMPRESE EFFETTUATI DALLA CAMERA DI COMMERCIO DI VERONA Ai sensi dell art. 14 comma 2 D.L. 9.2.2012 n. 5, convertito dalla L. 4.4.2012 n. 35, è pubblicata la seguente lista dei controlli a cui sono assoggettate le imprese operanti nella circoscrizione territoriale

Dettagli

Il Ministro delle politiche agricole alimentari e forestali

Il Ministro delle politiche agricole alimentari e forestali Allegato 1 Sezione I - Modalità di tenuta del registro di cui all art. 7. Vidimazione 1. Il registro è tenuto: a) manualmente ed è costituito da non oltre 200 fogli fissi o da schede contabili mobili da

Dettagli

Norme concernenti l impiego di resine a scambio ionico per il trattamento dei vini base per vini aromatizzati.

Norme concernenti l impiego di resine a scambio ionico per il trattamento dei vini base per vini aromatizzati. D.M. 22 marzo 1978. Norme concernenti l impiego di resine a scambio ionico per il trattamento dei vini base per vini aromatizzati. (pubbl. in Gazz. Uff. n. 118 del 29 aprile 1978). IL MINISTRO DELL AGRICOLTURA

Dettagli

IL SISTEMA DI CONTROLLO DELLA BIOS

IL SISTEMA DI CONTROLLO DELLA BIOS IL SISTEMA DI CONTROLLO DELLA BIOS Il sistema di controllo Bios si compone essenzialmente di 4 fasi: 1. FASE ISTRUTTORIA 2. FASE ISPETTIVA 3. FASE CERTIFICATIVA 4. FASE DI RILASCIO DOCUMENTAZIONE La fase

Dettagli

(2) Emanato dal Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali. IL DIRETTORE GENERALE. del controllo della qualità e dei sistemi di qualità

(2) Emanato dal Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali. IL DIRETTORE GENERALE. del controllo della qualità e dei sistemi di qualità D.Dirett. 2 marzo 2009 (1). Conferimento alla Camera di commercio, industria, artigianato, agricoltura di Taranto dell'incarico a svolgere le funzioni di controllo previste dal decreto 29 marzo 2007 per

Dettagli

REGOLAMENTO ORISTANO 2015

REGOLAMENTO ORISTANO 2015 REGOLAMENTO Art. 1 Le Camere di Commercio, Industria, Artigianato ed Agricoltura di Oristano e Nuoro (di seguito denominate Camere di Commercio), d'intesa con le Agenzie regionali LAORE e AGRIS, l'o.n.a.v.

Dettagli

Vini da dessert: dalla Vigna al Bicchiere di Romano Satolli Oristano, 19 giugno 2007

Vini da dessert: dalla Vigna al Bicchiere di Romano Satolli Oristano, 19 giugno 2007 Vini da dessert: dalla Vigna al Bicchiere di Romano Satolli Oristano, 19 giugno 2007 Il Dessert è una portata, solitamente ma non sempre dolce, che viene tipicamente servita alla fine del pasto. La parola

Dettagli

UFFICIO VIGILANZA SULLA SICUREZZA E CONFORMITA' DEI PRODOTTI - ATTIVITA ISPETTIVE:

UFFICIO VIGILANZA SULLA SICUREZZA E CONFORMITA' DEI PRODOTTI - ATTIVITA ISPETTIVE: LISTA DEI CONTROLLI ALLE IMPRESE EFFETTUATI DALLA CAMERA DI PARMA (art. 14, comma 2, D.L. 9 febbraio 2012, n. 5, convertito dalla L. 4 aprile 2012, n. 35) Sono di seguito elencate le competenze camerali

Dettagli

MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI

MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI 3. Requisiti organizzativi a. La presenza di uno o più farmacisti, abilitati all esercizio della professione e iscritti al relativo ordine, deve essere garantita per tutto l orario di apertura dell esercizio

Dettagli

DISCIPLINARE DI PRODUZIONE DELLA DENOMINAZIONE DI ORIGINE CONTROLLATA DEL VINO ROSSO DI MONTALCINO

DISCIPLINARE DI PRODUZIONE DELLA DENOMINAZIONE DI ORIGINE CONTROLLATA DEL VINO ROSSO DI MONTALCINO DISCIPLINARE DI PRODUZIONE DELLA DENOMINAZIONE DI ORIGINE CONTROLLATA DEL VINO ROSSO DI MONTALCINO Approvato con DPR 25.11.83 G.U. 158-09.06.84 Modificato con DPCM 04.11.91 G.U. 82-07.04.92 Modificato

Dettagli

Sintesi delle fasi operative del processo di certificazione

Sintesi delle fasi operative del processo di certificazione Sintesi delle fasi operative del processo di certificazione Sintesi delle fasi operative, nel processo di Certificazione secondo la norma ISO 25639:2008 ed il PROTOCOLLO PROPRIETARIO PER ACCREDIA 12/116/CR13c/C11

Dettagli

D.M. 1 luglio 1957. (pubbl. in Gazz. Uff. n. 175 del 15 luglio 1957).

D.M. 1 luglio 1957. (pubbl. in Gazz. Uff. n. 175 del 15 luglio 1957). D.M. 1 luglio 1957. Norme per la concessione delle licenze di produzione e imbottigliamento del vermouth e degli altri vini aromatizzati e per la vigilanza sulla preparazione e sul commercio dei detti

Dettagli

Enol. Vittorio Portinari. ELEMENTI DI LEGISLAZIONE VITIVINICOLA: LE NORME PER L ETICHETTATURA e LA TRACCIABILITA DEI VINI

Enol. Vittorio Portinari. ELEMENTI DI LEGISLAZIONE VITIVINICOLA: LE NORME PER L ETICHETTATURA e LA TRACCIABILITA DEI VINI Enol. Vittorio Portinari ELEMENTI DI LEGISLAZIONE VITIVINICOLA: LE NORME PER L ETICHETTATURA e LA TRACCIABILITA DEI VINI La nuova classificazione dei vini VINO SENZA DO e IG VINI VINI VARIETALI VINO

Dettagli

PIANO DEI CONTROLLI DI CONFORMITÀ AL DISCIPLINARE GRANO DELLA MAREMMA GROSSETANA

PIANO DEI CONTROLLI DI CONFORMITÀ AL DISCIPLINARE GRANO DELLA MAREMMA GROSSETANA PIANO DEI CONTROLLI DI CONFORMITÀ AL DISCIPLINARE GRANO DELLA MAREMMA GROSSETANA INDICE GENERALE 1. 2. PREMESSA... 3 GENERALITÀ... 3 2.1 SCOPO DELLE VERIFICHE DI AGROQUALITÀ... 3 2.2 RIFERIMENTI... 4 2.3

Dettagli

A.R.T..A.Agenzia Regionale Toscana per le Erogazioni in Agricoltura

A.R.T..A.Agenzia Regionale Toscana per le Erogazioni in Agricoltura Allegato A) al Decreto N. 120 del 24/10/2013 A.R.T..A.Agenzia Regionale Toscana per le Erogazioni in Agricoltura Agenzia Regionale Dichiarazione di vendemmia e di produzione di vino e/o mosto Campagna

Dettagli

Il Ministro delle politiche agricole alimentari e forestali

Il Ministro delle politiche agricole alimentari e forestali Decreto n. 5389 del 1 agosto 2011 Attuazione dell articolo 17 del regolamento (CE) n. 110/2008 del Parlamento europeo e del Consiglio, del 15 gennaio 2008, concernente la definizione, la designazione,

Dettagli

DISCIPLINARE DI PRODUZIONE DELLA DENOMINAZIONE DI ORIGINE CONTROLLATA E GARANTITA DEI VINI AGLIANICO DEL TABURNO. Articolo 1 Denominazione e vini

DISCIPLINARE DI PRODUZIONE DELLA DENOMINAZIONE DI ORIGINE CONTROLLATA E GARANTITA DEI VINI AGLIANICO DEL TABURNO. Articolo 1 Denominazione e vini DISCIPLINARE DI PRODUZIONE DELLA DENOMINAZIONE DI ORIGINE CONTROLLATA E GARANTITA DEI VINI AGLIANICO DEL TABURNO ANNESSO Articolo 1 Denominazione e vini La denominazione di origine controllata e garantita

Dettagli

1) Soggetti obbligati alla compilazione e presentazione della dichiarazione di giacenza.

1) Soggetti obbligati alla compilazione e presentazione della dichiarazione di giacenza. NOTE ESPLICATIVE PER LA COMPILAZIONE DELLE DICHIARAZIONI DI GIACENZA DEI VINI E/O MOSTI. AVVERTENZE GENERALI Nella dichiarazione di giacenza sono indicati i volumi di vini e/o mosti detenuti dal dichiarante

Dettagli

REGOLAMENTO PER LE ISPEZIONI DI SORVEGLIANZA PERIODICA

REGOLAMENTO PER LE ISPEZIONI DI SORVEGLIANZA PERIODICA REGOLAMENTO PER LE ISPEZIONI DI SORVEGLIANZA PERIODICA (Art. 13 D.P.R. 162/99) INDICE 1. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE 2. RIFERIMENTI LEGISLATIVI 3. NORME TECNICHE 4. GENERALITÀ 5. PERSONALE IMPIEGATO

Dettagli

PROPOSTA DI DISCIPLINARE DI PRODUZIONE DEI VINI DELLA DENOMINAZIONE DI ORIGINE CONTROLLATA "SAN COLOMBANO AL LAMBRO" O "SAN COLOMBANO" Art. 1.

PROPOSTA DI DISCIPLINARE DI PRODUZIONE DEI VINI DELLA DENOMINAZIONE DI ORIGINE CONTROLLATA SAN COLOMBANO AL LAMBRO O SAN COLOMBANO Art. 1. MINISTERO DELLE POLITICHE AGRICOLE E FORESTALI COMUNICATO Parere del Comitato nazionale per la tutela e la valorizzazione delle denominazioni di origine e delle indicazioni geografiche tipiche dei vini

Dettagli

SISTEMA INFORMATIVO INTEGRATO PER LA GESTIONE COMPLETA DEL SETTORE VITIVINICOLO

SISTEMA INFORMATIVO INTEGRATO PER LA GESTIONE COMPLETA DEL SETTORE VITIVINICOLO SISTEMA INFORMATIVO INTEGRATO PER LA GESTIONE COMPLETA DEL SETTORE VITIVINICOLO Gestione contabile e commerciale Anagrafici di base: - anagrafici clienti e fornitori; - anagrafico agenti; - anagrafico

Dettagli

L attività dell ICQRF nel comparto dei fertilizzanti

L attività dell ICQRF nel comparto dei fertilizzanti Salone Internazionale della Ricerca, Innovazione e Sicurezza Alimentare Tavola Rotonda Sicurezza alimentare: il controllo su frodi e qualità dei fertilizzanti Società Umanitaria, Milano L attività dell

Dettagli

DISCIPLINARE DI PRODUZIONE DEI VINI AD INDICAZIONE GEOGRAFICA TIPICA «COSTA VIOLA»

DISCIPLINARE DI PRODUZIONE DEI VINI AD INDICAZIONE GEOGRAFICA TIPICA «COSTA VIOLA» DISCIPLINARE DI PRODUZIONE DEI VINI AD INDICAZIONE GEOGRAFICA TIPICA «COSTA VIOLA» Approvato con DM 27.10.1995 G.U. 266-14.11.1995 Modificato con DM 24.07.2009 G.U. 184-10.08.2009 Modificato con DM 30.11.2011

Dettagli

Disciplinare. Marchio di qualità con indicazione di origine. Marchio di qualità Südtirol/Alto Adige. Grappa. per il settore

Disciplinare. Marchio di qualità con indicazione di origine. Marchio di qualità Südtirol/Alto Adige. Grappa. per il settore Marchio di qualità con indicazione di origine Marchio di qualità Südtirol/Alto Adige Disciplinare per il settore Grappa Decreto del Direttore della Ripartizione Economia n. 833 del 26.11.2014 pagine 1

Dettagli

VINO. La soluzione creata per le AZIENDE VITIVINICOLE integrata con l ERP SIGLA Ultimate.

VINO. La soluzione creata per le AZIENDE VITIVINICOLE integrata con l ERP SIGLA Ultimate. VINO La soluzione creata per le AZIENDE VITIVINICOLE integrata con l ERP SIGLA Ultimate. Prendendo i dati dai documenti di trasporto del vino, quali DDT, DOCO, DAA ecc., dai movimenti di magazzino, e dagli

Dettagli

Campagna vitivinicola 2015-2016. "Vademecum

Campagna vitivinicola 2015-2016. Vademecum Campagna vitivinicola 2015-2016 "Vademecum INDICE DEGLI ARGOMENTI 1 DOCUMENTI DI ACCOMPAGNAMENTO E REGISTRI... 2 1.1 Trasporto delle uve da tavola destinate alla trasformazione ed i prodotti da esse ottenuti.

Dettagli

31/05/2013. Relatore: Volani Antonio Campagna finanziata con il contributo della Comunità Europea e dell Italia REG.

31/05/2013. Relatore: Volani Antonio Campagna finanziata con il contributo della Comunità Europea e dell Italia REG. LA NORMATIVA DI RIFERIMENTO Associazione Interregionale Produttori Olivicoli Viale Del Lavoro, 52-37135 Verona Norme per la corretta etichettatura dell'olio extra di oliva Relatore Volani Antonio Campagna

Dettagli

VALORITALIA. Torrazza Coste 16/04/2015. Claudio Salaris Christian Magliola

VALORITALIA. Torrazza Coste 16/04/2015. Claudio Salaris Christian Magliola VALORITALIA Società per la Certificazione delle Qualità e delle Produzioni Vitivinicole Italiane S.r.l. Torrazza Coste 16/04/2015 Claudio Salaris Christian Magliola COS È L AGRICOLTURA BIOLOGICA La produzione

Dettagli

UniCeSV. Sistema progettato e sviluppato in collaborazione con il

UniCeSV. Sistema progettato e sviluppato in collaborazione con il Sistema progettato e sviluppato in collaborazione con il Centro Universitario di ricerca e formazione per lo sviluppo competitivo delle imprese del settore vitivinicolo italiano del dipartimento di Agraria

Dettagli

Istruzione Operativa. Comunicazione agli interessati per campioni non regolamentari

Istruzione Operativa. Comunicazione agli interessati per campioni non regolamentari Pagina 1 di 17 Istruzione Operativa Comunicazione agli interessati per Il presente documento in formato cartaceo privo del timbro di colore blu COPIA CONTROLLATA n è da ritenersi non valido come documento

Dettagli

Il Software che rende semplice ed efficiente il lavoro dell azienda dalla vite alla vendita.

Il Software che rende semplice ed efficiente il lavoro dell azienda dalla vite alla vendita. Il Software che rende semplice ed efficiente il lavoro dell azienda dalla vite alla vendita. Amministrazione e Contabilità. Una suite integrata per la gestione completa delle aziende vitivinicole. Nasce

Dettagli

Sistema di gestione. Criteri di acquisto e di controllo dell acciaio per opere. in carpenteria metallica pagina 1 di 7

Sistema di gestione. Criteri di acquisto e di controllo dell acciaio per opere. in carpenteria metallica pagina 1 di 7 in carpenteria metallica pagina 1 di 7 0 2014-07-07 Aggiornamenti secondo Reg. Eu. 305-2011 Servizio QSA Luca Bosi REV DATA DESCRIZIONE DELLE MODIFICHE PREPARATO VERIFICATO E APPROVATO 1.0 SCOPO Si stabiliscono

Dettagli