SEMINARIO 5 e 6: I REGISTRI e DOCUMENTI DI TRASPORTO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "SEMINARIO 5 e 6: I REGISTRI e DOCUMENTI DI TRASPORTO"

Transcript

1 SEMINARIO 5 e 6: I REGISTRI e DOCUMENTI DI TRASPORTO La funzione delle registrazioni consiste: da un lato fornire informazioni sulla consistenza e qualità delle produzioni enologiche, dall altro assicurare la tracciabilità della produzione e dei prodotti addizionati al fine di migliorarne la qualità (tutela della salute pubblica) ed infine raccogliere gli elementi ai fini dell imposizione fiscale. Le persone fisiche e giuridiche e le associazioni di tali persone, che possiedono, per l esercizio della loro attività professionale o a fini commerciali, un prodotto vitivinicolo sono soggette all obbligo di tenere registri indicanti, in particolare, le entrate e le uscite di detto prodotto. Le persone soggette all obbligo di tenere i registri indicano negli stessi le entrate e le uscite, verificatesi nei loro impianti, di ciascuna partita di prodotti in loro possesso. Tali persone devono inoltre essere in grado di presentare, per ciascuna annotazione nei registri relativa all entrata e all uscita, un documento che ha scortato il trasporto corrispondente o un altro documento giustificativo, in particolare un documento commerciale. A titolo di deroga non sono soggetti all obbligo di tenere i registri: a) i rivenditori al minuto; b) i rivenditori di bevande da consumare esclusivamente sul posto. I registri: - possono essere cartacei o informatici; - sono tenuti nei luoghi stessi in cui i prodotti sono detenuti. - possono avere forma diversa, l importante che contengano le informazioni previste dalla normativa - i registri cartacei si acquistano presso rivendite (ad es. rivenditori di prodotti per l enologia) le pagine sono numerate e vidimate presso la Repressione Frodi o il Comune. - non esiste un unico modello. - i registri fondamentali, per la produzione del vino, sono quelli di vinificazione e di commercializzazione. I registri di elaborazione dei vini spumanti e dei vini frizzanti, i registri degli arricchimenti, degli imbottigliamenti, delle dolcificazioni, dei trattamenti enologici, che pure devono essere obbligatoriamente compilati, costituiscono dei registri di annotazioni complementari a quello di vinificazione e commercializzazione. Le registrazioni relative ai prodotti sono effettuate, per le entrate, entro il primo giorno lavorativo successivo a quello della ricezione e, per le uscite, entro il terzo giorno lavorativo successivo a quello della spedizione; Per i prodotti iscritti nei registri sono tenuti conti distinti: a) per ognuna delle categorie elencate nell allegato IV del regolamento (CE) n. 479/2008 e cioè: vino, vino nuovo ancora in fermentazione, vino liquoroso, vino spumante, vino spumante di qualità, vino spumante di qualità di tipo aromatico, vino spumante gassificato, vino frizzante, vino frizzante gassificato, mosto di uve, mosto di uve parzialmente fermentato, mosto di uve, mosto di uve parzialmente fermentato, mosto di uve parzialmente fermentato ottenuto con uve appassite, mosto di uve concentrato, mosto di uve concentrato rettificato, vino ottenuto da uve appassite, vino da uve stramature. b) per ogni vino DOP e i prodotti destinati ad essere trasformati in tale vino; c) per ogni vino IGP e i prodotti destinati ad essere trasformati in tale vino; d) per ogni vino varietale senza DOP e senza IGP e i prodotti destinati ad essere trasformati in un tale vino. Dati da registrare Le registrazioni sono effettuate, per le entrate, entro il primo giorno lavorativo successivo a quello della ricezione e, per le uscite, entro il terzo giorno lavorativo successivo a quello della spedizione - Nei registri sono indicati, per ciascuna entrata o uscita: 1

2 a) il numero di controllo del prodotto, se richiesto dalle disposizioni comunitarie o nazionali. Nei registri tenuti dalle persone diverse dai produttori (ad es. commercianti), dal numero di documento di accompagnamento e dalla data di compilazione del medesimo b) la data dell operazione;. c) il quantitativo effettivamente entrato o uscito; d) il prodotto di cui trattasi, designato conformemente alle vigenti disposizioni comunitarie e nazionali; e) un riferimento al documento che scorta o che ha scortato il trasporto di cui trattasi. - Per le varie categorie di vino (vini, spumanti, frizzanti, liquorosi ecc..) nei registri tenuti dagli operatori sono registrate le indicazioni facoltative che figurano nell etichettatura o di cui sia previsto che vi figureranno. - I recipienti per il magazzinaggio dei vini sono identificati nei registri ed è indicato anche il loro volume nominale. In via derogatoria e temporanea è attualmente consentito non riportare tale informazione che è sostituita da apposite indicazioni apposte sui recipienti superiori A 10 HL. Questi recipienti recano inoltre le indicazioni apposite previste dagli Stati membri, che consentono all organismo incaricato dei controlli di identificarne il contenuto mediante i registri o i documenti che li sostituiscono. Operazioni da registrare Le registrazioni sono effettuate entro il primo giorno lavorativo successivo a quello dell operazione e, per quelle relative all arricchimento, il giorno stesso. Nei registri sono indicate le seguenti operazioni: a) aumento del titolo alcolometrico (arricchimento); b) acidificazione; c) disacidificazione; d) dolcificazione; e) taglio; f) imbottigliamento; g) distillazione; h) elaborazione di vini spumanti di ogni categoria, di vini frizzanti, di vini frizzanti gassificati; i) elaborazione di vini liquorosi; j) elaborazione di mosto di uve concentrato, rettificato o non rettificato; k) trattamento con carbone ad uso enologico; l) trattamento con ferrocianuro di potassio; m) elaborazione di vini alcolizzati; n) altri casi di aggiunta di alcole; o) trasformazione in un prodotto di un altra categoria, in particolare in vino aromatizzato; p) trattamento mediante elettrodialisi o trattamento mediante scambio di cationi per la stabilizzazione tartarica del vino; q) aggiunta di dimetildicarbonato (DMDC) ai vini; r) impiego di pezzi di legno di quercia nell elaborazione dei vini; s) dealcolizzazione parziale dei vini; t) impiego sperimentale di nuove pratiche enologiche, col riferimento all autorizzazione concessa dallo Stato membro; Registri dei vini spumanti e dei vini liquorosi Per quanto riguarda l elaborazione di vini spumanti, i registri devono menzionare, per ciascuna delle partite (cuvée) preparate: a) la data della preparazione; b) la data di imbottigliamento per tutte le categorie di vini spumanti di qualità; c) il volume della partita (cuvée) e l indicazione di ciascuna delle sue componenti, il loro volume, nonché il titolo alcolometrico effettivo e potenziale; 2

3 d) la quantità di sciroppo zuccherino utilizzata; e) la quantità di sciroppo di dosaggio; f) il numero di bottiglie ottenute, precisando, se del caso, il tipo di vino spumante espresso con un termine relativo al suo tenore di zucchero residuo, sempreché tale termine sia riportato sull etichetta. Per quanto riguarda l elaborazione di vini liquorosi, i registri indicano per ciascuna partita di vino liquoroso in preparazione: a) la data in cui è stato aggiunto alcole o mosto concentrato; b) la natura e la quantità del prodotto aggiunto. Registri o conti speciali Le registrazioni sono effettuate, per le entrate e le uscite, entro il primo giorno lavorativo successivo a quello della ricezione o della spedizione e, per le utilizzazioni, il giorno stesso dell utilizzazione. Sono registri nei quali vengono registrati i prodotti utilizzati per le pratiche enologiche. Le persone soggette all obbligo di tenuta dei registri sono altresì soggette all obbligo di tenere registri o conti speciali di entrata e di uscita per i seguenti prodotti che detengono a qualsiasi titolo, incluso l impiego nei propri impianti: a) saccarosio; b) mosto di uve concentrato; c) mosto di uve concentrato rettificato; d) prodotti utilizzati per l acidificazione; e) prodotti utilizzati per la disacidificazione; f) alcoli e acquaviti di vino. Nei registri o conti speciali sono indicati distintamente per ciascun prodotto: a) per quanto riguarda le entrate: i) il nome o la ragione sociale e l indirizzo del fornitore, facendo riferimento, se del caso, al documento che ha scortato il trasporto del prodotto; ii) la quantità del prodotto; iii) la data di entrata; b) per quanto riguarda le uscite: i) la quantità del prodotto; ii) la data di utilizzazione o di uscita; iii) se del caso, il nome o la ragione sociale e l indirizzo del destinatario. Chiusura dei registri I registri delle entrate e delle uscite devono essere chiusi (bilancio annuo) una volta l anno, entro il 31 luglio. In occasione del bilancio annuo è redatto l inventario delle giacenze. Le giacenze esistenti devono essere iscritte come «entrata» nei registri ad una data successiva al bilancio annuo. Se dal bilancio annuo risultano differenze tra giacenze teoriche e giacenze effettive, ciò deve essere indicato nei registri chiusi. Alla data del 31 luglio si devono anche calcolare le giacenze di vino da comunicare entro il 10 settembre all Organismo Pagatore. CENNI SULLA CIRCOLAZIONE NAZIONALE E INTRACOMUNITARIA DEI PRODOTTI VITIVINICOLI Le persone fisiche o giuridiche, od Associazione di tali persone che intendono trasportare o far trasportare da terzi prodotti vitivinicoli all interno di Stato membro o destinati ad esportazione verso altri Stati membri o Paesi Terzi (compresi trasporti di prodotti vitivinicoli non soggetti ad accisa od effettuati da piccolo produttore che ha prodotto in media nelle ultime 3 campagne meno di 1000 hl. di vino/anno) sono tenuti ad emettere un documento che accompagna il trasporto dei prodotti vitivinicoli. 3

4 Sono esclusi da tale obbligo: a) il trasporto uve o mosto di uve eseguito da produttore per proprio conto con partenza da vigneto verso impianto di vinificazione proprio (o se socio verso impianto di vinificazione di Associazione), purché a distanza inferiore a 40 Km.; b) il trasporto di uve eseguito da produttore (o per suo conto da un soggetto terzo), partendo da vigneto per essere diretto ad impianto di vinificazione situato nella stessa zona viticola e distanza inferiore a 40 km. (In casi eccezionali fino a 70 km.); c) il trasporto di prodotti contenuti in recipienti inferiori a 5 litri, muniti di dispositivo di chiusura a perdere, purché in quantitativi inferiori a 100 litri (5 litri per mosto di uve concentrato, rettificato o meno), fino a 100 litri di vino in bottiglia; d) il trasporto di aceto di vino; e) il trasporto tra 2 impianti della stessa impresa, se il proprietario del prodotto non cambia, e se il trasporto avviene per motivi di lavorazione, magazzinaggio, imbottigliamento; f) il trasporto di fecce e vinacce verso distilleria verso la distruzione e se scortato da bollette di consegna o sotto la supervisione dell organismo di controllo; g) trasporto privato di vino o mosto di uve parzialmente fermentato destinato a consumo familiare in contenitori di contenuto unitario inferiore a 30 litri e se il privato viene a prenderlo in cantina (per tre contenitori da 25 litri ci vuole il documento di accompagnamento di prodotti vitivinicoli ); h) trasporto di vini o succhi di uva per sedi diplomatiche e consolari nei limiti delle franchigie loro assegnati; i) trasporto di vini e succhi d'uva su aerei, navi, treni... per esservi consumato; j) trasporto di vino e succo di uva a seguito di traslochi privati non destinato alla vendita; k) trasporto prodotti vinici destinati ricerca e sperimentazione se inferiore a 1 hl.; l) trasporto di campioni commerciali; m)trasporto di campioni destinati a laboratorio di analisi In questi casi gli speditori, diversi da rivenditori al minuto (privati che cedono occasionalmente il prodotto ad altri privati) debbono provare esattezza delle annotazioni riportate nei registri La normativa relativa alla circolazione dei prodotti vitivinicoli all interno della Comunità risponde a due tipi di esigenze: quella fiscale finalizzata all accertamento delle varie imposte che derivano dallo scambio dei prodotti (soprattutto l accisa); quella di tutela agricola che vuole assicurare l origine, la qualità, la genuinità dei prodotti scambiati. Numerosi, pertanto, sono gli atti normativi sia comunitari sia nazionali emanati per regolamentare la circolazione dei prodotti vitivinicoli. Di tutta la complessa materia si prenderanno in considerazione solamente le principali disposizioni riguardanti la circolazione dei prodotti vinosi nell ambito del territorio nazionale ed in quello comunitario. L accisa è l imposta di produzione e vendita di prodotti di consumo. E applicata soprattutto a prodotti energetici (benzina e carburanti, energia elettrica, tabacchi, alcolici.). Nella Comunità l entità dell accisa è diversa da Stato a Stato in Italia è pari a zero (cioè non si paga accise sul vino in Italia). 4

5 Per assicurare la libera circolazione dei prodotti vitivinicoli nella Comunità, i trasferimenti di vino o prodotti soggetti ad accisa avviene in un cosiddetto regime di sospensione cioè secondo una modalità che trasferisce, assieme alla merce, anche l obbligo di versare il tributo. I documenti di accompagnamento sono redatti in due esemplari uno per lo speditore ed uno per il destinatario. Per i prodotti oggetto del trasporto, il documento di accompagnamento può essere utilizzato come attestato per la denominazione di origine protetta o la indicazione geografica protetta dei vini. In Italia, a seguito di un lavoro concordato tra Ministero delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali e Min9istero dell Economia, sono stati definiti i diversi documenti di accompagnamento in relazione alla tipologia del materiale trasportato, del produttore e della destinazione. Di seguito si danno informazioni su alcune caratteristiche dei documenti di accompagnamento e delle informazioni che devono esservi riportate in relazione ai prodotti trasportati. LA NORMATIVA NAZIONALE SUL DOCUMENTO DI ACCOMPAGNAMENTO DEI PRODOTTI VITIVINICOLI E IN CORSO DI REVISIONE. A BREVE USCIRANNO NUOVE DISPOSIZIONI PER UN DOCUMENTO DI ACCOMPAGNAMENTO CHE DOVRA ESSERE GESTITO SOLO PER VIA INFORMATICA. LE INFORMAZIONI CONTENUTE DOVREBBERO RESTARE QUELLE PREVISTE PER GLI ATTUALI DOCUMENTI DI ACCOMPAGNAMENTO. In sintesi 5

6 Più comunemente si utilizzano due tipi di documenti di accompagnamento che sono predisposti da ditte autorizzate e devono essere vidimati dal ICQRF. a)per i trasporti di prodotti vitivinicoli confezionati in recipienti di volume inferiore o pari a 60 litri etichettati: Sono scortati da un documento di accompagnamento per prodotti vitivinicoli che è molto simile ad un documento di trasporto di altre merci. b)per i trasporti di prodotti vitivinicoli sfusi per quantitativi superiori a 60 litri e per il trasporto di uve per una distanza superiore a 40 Km. Il documento di accompagnamento è detto DA/IT (DOCO). Detto documento contiene le generalità dello speditore e del destinatario, del mezzo di trasporto, se è vino a DO, o IG o varietale e a quale DO o IG appartiene, il grado alcolico o il tenore in zucchero, la quantità, il numero di colli, la zona viticola di origine e le operazioni effettuate (arricchimento; acidificazione; disacidificazione; dolcificazione; aggiunta di alcole; aggiunta di prodotto originario di zona geografica diversa, o di varietà di vite diversa, o raccolto in anno diverso; impiego di pezzi di legno di quercia; impiego sperimentale di nuove pratiche enologiche; parziale dealcolizzazione; nessuna operazione. Questo per evitare che tali operazioni siano ripetute anche da chi riceve il prodotto). La Legge 82/06 stabilisce la convalida del documento di accompagnamento prima del trasporto (fino a due giorni prima) ed in occasione di ogni trasporto, mediante apposizione di timbro da parte incaricato del Sindaco dove inizia trasporto, oppure mediante apposizione di specifica impronta di timbratrice riconosciuta (Riportare data e numero progressivo) da parte speditore (Impronta depositata presso Ispettorato Controllo Qualità - ICQ). Il documento di trasporto (DOCO) va fatto pervenire alla Repressione frodi e a Valoritalia entro il giorno successivo della spedizione se si tratta di prodotti a DO o IG. 6

7 7

8 8

I Registri del settore vitivinicolo: La telematizzazione 24 Giugno 2015 Riccardo Minelli

I Registri del settore vitivinicolo: La telematizzazione 24 Giugno 2015 Riccardo Minelli I Registri del settore vitivinicolo: La telematizzazione 24 Giugno 2015 Riccardo Minelli I Registri del settore vitivinicolo Le modalità di tenuta La normativa di riferimento OGGI Modalità cartacea Reg.

Dettagli

Disposizioni sulla elaborazione, confezionamento, designazione e presentazione dei vini frizzanti.

Disposizioni sulla elaborazione, confezionamento, designazione e presentazione dei vini frizzanti. D.M. 29 luglio 2004. Disposizioni sulla elaborazione, confezionamento, designazione e presentazione dei vini frizzanti. (pubbl. in Gazz. Uff. n. 238 del 9 ottobre 2004). IL MINISTRO DELLE POLITICHE AGRICOLE

Dettagli

ALLEGATO 3 - QUADRO SINOTTICO RIEPILOGATIVO DEI DOCUMENTI DI ACCOMPAGNAMENTO DEI TRASPORTI DI PRODOTTI VITIVINICOLI CON INIZIO SUL TERRITORIO NAZIONALE CHE POTRANNO ESSERE REDATTI ED UTILIZZATI DAL 1 AGOSTO

Dettagli

PRODOTTI CONFEZIONATI PRODOTTI SFUSI. AMBITO DI CIRCOLAZIONE Circolazione con inizio dall Italia e destinazione in altro Stato membro della

PRODOTTI CONFEZIONATI PRODOTTI SFUSI. AMBITO DI CIRCOLAZIONE Circolazione con inizio dall Italia e destinazione in altro Stato membro della ALLEGATO 3 - QUADRO TTICO RIEPILOGATIVO DEI DOCUMENTI DI ACCOMPAGNAMENTO DEI TRASPORTI DI VITIVINICOLI CON INIZIO SUL TERRITORIO NAZIONALE CHE POTRAN ESSERE REDATTI ED UTILIZZATI DAL 1 AGOSTO 2013 PROSPETTO

Dettagli

DOCUMENTI e REGISTRI VITIVINICOLI Reg. 436/09

DOCUMENTI e REGISTRI VITIVINICOLI Reg. 436/09 DOCUMENTI e REGISTRI VITIVINICOLI Reg. 436/09 Forli, 13 Marzo 2013 Reg 1234/2007 Reg CE 555/08 Misure di sostegno Reg 491/2009 Regolamento(CE) 479/2008 (abrogato) Reg 436/09 Reg 606/09 Reg 607/09 Documenti

Dettagli

Etichettatura. Sezione 3 Etichettatura e presentazione nel settore vitivinicolo

Etichettatura. Sezione 3 Etichettatura e presentazione nel settore vitivinicolo Sezione 3 Etichettatura e presentazione nel settore vitivinicolo Articolo 117 reg. 1308/13 Definizione Ai fini della presente sezione si intende per: a) etichettatura, i termini, le diciture, i marchi

Dettagli

ISTRUZIONE PER LA COMPILAZIONE DEL DOCUMENTO MVV INDICAZIONI DA RIPORTARE SUL DOCUMENTO

ISTRUZIONE PER LA COMPILAZIONE DEL DOCUMENTO MVV INDICAZIONI DA RIPORTARE SUL DOCUMENTO ISTRUZIONE PER LA COMPILAZIONE DEL DOCUMENTO MVV INDICAZIONI DA RIPORTARE SUL DOCUMENTO Ogni indicazione deve essere apposta in modo da risultare leggibile, anche nel documento allegato al messaggio di

Dettagli

Vidimazione dei registri dei prodotti vitivinicoli in applicazione delle norme di cui agli articoli 12 e 17 del regolamento CEE n. 2238/93 (2) (3).

Vidimazione dei registri dei prodotti vitivinicoli in applicazione delle norme di cui agli articoli 12 e 17 del regolamento CEE n. 2238/93 (2) (3). Seite 1 von 8 Leggi d'italia Ministero delle politiche agricole e forestali D.M. 22-11-1999 Vidimazione dei registri dei prodotti vitivinicoli in applicazione delle norme di cui agli articoli 12 e 17 del

Dettagli

Il registro telematico per il settore vitivinicolo

Il registro telematico per il settore vitivinicolo La norma Il Decreto Ministeriale n. 293 del 20 marzo 2015 stabilisce, in conformità con la normativa europea, le modalità di tenuta dei registri in forma telematica nel settore vitivinicolo e delle relative

Dettagli

Documenti di accompagnamento dei prodotti vitivinicoli. (nuove regole dal 1 agosto 2013)

Documenti di accompagnamento dei prodotti vitivinicoli. (nuove regole dal 1 agosto 2013) Documenti di accompagnamento dei prodotti vitivinicoli (nuove regole dal 1 agosto 2013) 1 Regolamento CE 314/2012 del 12/04/2012 (è una modifica del Reg. CE 436/2009 sui documenti di accompagnamento del

Dettagli

Produzione Titolo alcolometrico volumico Vino uva t/ettaro naturale minimo % vol.

Produzione Titolo alcolometrico volumico Vino uva t/ettaro naturale minimo % vol. Riconoscimento della denominazione di origine controllata dei vini Moscato di Pantelleria, Passito di Pantelleria e Pantelleria - D.P.R. 11 agosto 1971 1,2 Art. 1. Denominazione e vini. La denominazione

Dettagli

NOTA INFORMATIVA PIANI DI CONTROLLO: GESTIONE ATTIVITA ISPETTIVA INF5_V_002_20150401

NOTA INFORMATIVA PIANI DI CONTROLLO: GESTIONE ATTIVITA ISPETTIVA INF5_V_002_20150401 1. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE La presente nota descrive le modalità operative utilizzate da Valoritalia per la gestione del controllo ispettivo viticoltori, vinificatori, imbottigliatori ed intermediari.

Dettagli

VISTO il regolamento (CE) del Consiglio n. 1493/99 del 17 maggio 1999, relativo all'organizzazione comune del mercato vitivinicolo;

VISTO il regolamento (CE) del Consiglio n. 1493/99 del 17 maggio 1999, relativo all'organizzazione comune del mercato vitivinicolo; MINISTERO DELLE POLITICHE AGRICOLE E FORESTALI Decreto 14 settembre 2001 Applicazione Reg. (CE) n. 1623/2000. Modalità per il rispetto dell'obbligo dei produttori vinicoli di consegnare le fecce e le vinacce

Dettagli

Vini da dessert: dalla Vigna al Bicchiere di Romano Satolli Oristano, 19 giugno 2007

Vini da dessert: dalla Vigna al Bicchiere di Romano Satolli Oristano, 19 giugno 2007 Vini da dessert: dalla Vigna al Bicchiere di Romano Satolli Oristano, 19 giugno 2007 Il Dessert è una portata, solitamente ma non sempre dolce, che viene tipicamente servita alla fine del pasto. La parola

Dettagli

NUOVA NORMATIVA SULL ETICHETTATURA DEL VINO

NUOVA NORMATIVA SULL ETICHETTATURA DEL VINO NUOVA NORMATIVA SULL ETICHETTATURA DEL VINO L etichetta è certamente la carta d identità di un prodotto che tutela sia il produttore che il consumatore e, accanto ad una generale disciplina applicabile

Dettagli

Prefettura di Avellino

Prefettura di Avellino Prot.n.1881/Serv. Amm.ne Gen.le Avellino 15/7/2005 AI SIGG. SINDACI E COMMISSARI PREFETTIZI DEI COMUNI DELLA PROVINCIA LORO SEDI ALLA COLDIRETTI VIA IANNACCHINI A V E L L I N O e.p.c. AL MINISTERO PER

Dettagli

Etichettatura Indicazione del tenore di zucchero

Etichettatura Indicazione del tenore di zucchero Etichettatura Articolo 58 Indicazione del tenore di zucchero 1. I termini elencati nell allegato XIV, parte A, del presente regolamento, che indicano il tenore di zucchero, figurano sull etichettatura

Dettagli

Gazzetta ufficiale delle Comunità europee REGOLAMENTO (CE) N. 884/2001 DELLA COMMISSIONE. del 24 aprile 2001

Gazzetta ufficiale delle Comunità europee REGOLAMENTO (CE) N. 884/2001 DELLA COMMISSIONE. del 24 aprile 2001 L 128/32 10.5.2001 REGOLAMENTO (CE) N. 884/2001 DELLA COMMISSIONE del 24 aprile 2001 che stabilisce modalità di applicazione relative ai documenti che scortano il trasporto dei prodotti vitivinicoli e

Dettagli

XXII SEMINARIO DI AGGIORNAMENTO NORMATIVO DI DIRITTO VITIVINICOLO Vinitaly, 22 marzo 2015. Presentazione Testo Unico del vino

XXII SEMINARIO DI AGGIORNAMENTO NORMATIVO DI DIRITTO VITIVINICOLO Vinitaly, 22 marzo 2015. Presentazione Testo Unico del vino XXII SEMINARIO DI AGGIORNAMENTO NORMATIVO DI DIRITTO VITIVINICOLO Vinitaly, 22 marzo 2015 Presentazione Testo Unico del vino DISPOSIZIONI GENERALI E DI SEMPLIFICAZIONE IN MATERIA DI VINO E PRODOTTI VITIVINICOLI

Dettagli

1) Soggetti obbligati alla compilazione e presentazione della dichiarazione di giacenza.

1) Soggetti obbligati alla compilazione e presentazione della dichiarazione di giacenza. NOTE ESPLICATIVE PER LA COMPILAZIONE DELLE DICHIARAZIONI DI GIACENZA DEI VINI E/O MOSTI. AVVERTENZE GENERALI Nella dichiarazione di giacenza sono indicati i volumi di vini e/o mosti detenuti dal dichiarante

Dettagli

FEASR Fondo europeo agricolo per lo sviluppo rurale: L Europa investe nelle zone rurali N. 16 NOTA INFORMATIVA VINICOLA

FEASR Fondo europeo agricolo per lo sviluppo rurale: L Europa investe nelle zone rurali N. 16 NOTA INFORMATIVA VINICOLA 1 FEASR Fondo europeo agricolo per lo sviluppo rurale: L Europa investe nelle zone rurali Programma di Sviluppo Rurale 2007-2013 Misura 111.1 Sottoazione B) Informazione nel settore agricolo Torino, 14/11/2014

Dettagli

OGGETTO: Nuove disposizioni relative alla certificazione e controllo dei vini DOC/DOCG ed IGT, in vigore dal 1 agosto 2012 (D.M.

OGGETTO: Nuove disposizioni relative alla certificazione e controllo dei vini DOC/DOCG ed IGT, in vigore dal 1 agosto 2012 (D.M. Alle Aziende interessate Loro Sedi OGGETTO: Nuove disposizioni relative alla certificazione e controllo dei vini /G ed IGT, in vigore dal 1 agosto 2012 (D.M. 14 giugno 2012) G.le Aziende, in riferimento

Dettagli

CATEGORIE DEI PRODOTTI VITIVINICOLI INFORMAZIONI PRELIMINARI:

CATEGORIE DEI PRODOTTI VITIVINICOLI INFORMAZIONI PRELIMINARI: CATEGORIE DEI PRODOTTI VITIVINICOLI INFORMAZIONI PRELIMINARI: 1) Zone viticole Italiane L allegato IX del Reg. 479/2008 riporta l indicazione delle zone viticole comunitarie. Di seguito si riporta quella

Dettagli

Il Ministro delle politiche agricole alimentari e forestali

Il Ministro delle politiche agricole alimentari e forestali Decreto n. 5389 del 1 agosto 2011 Attuazione dell articolo 17 del regolamento (CE) n. 110/2008 del Parlamento europeo e del Consiglio, del 15 gennaio 2008, concernente la definizione, la designazione,

Dettagli

Settore d imposta del vino. Disciplina della circolazione. Documento di trasporto denominato modello MVV. Linee direttrici.

Settore d imposta del vino. Disciplina della circolazione. Documento di trasporto denominato modello MVV. Linee direttrici. CIRCOLARE N. 3 Roma, 07 aprile 2014 Protocollo: Rif.: Allegati: 36726/RU Alle Direzioni Interregionali e Regionali delle dogane Alla Direzione interprovinciale di Bolzano e Trento Agli Uffici delle Dogane

Dettagli

Posizione 12 Codice categoria prodotto Nuovo CODICE. CODIFICA COMUNITARIA (All. VII, parte II, Reg. UE 1308/2013) codifica. presenti in base dati

Posizione 12 Codice categoria prodotto Nuovo CODICE. CODIFICA COMUNITARIA (All. VII, parte II, Reg. UE 1308/2013) codifica. presenti in base dati Posizione 12 Codice categoria prodotto Nuovo CODICE CODIFICA COMUNITARIA (All. VII, parte II, Reg. UE 1308/2013) DESCRIZIONE Vecchia codifica Vecchia Descrizione A (1) Vino A Vino di qualità in regione

Dettagli

Incontro tecnico Marano 5.09.2012

Incontro tecnico Marano 5.09.2012 Incontro tecnico Marano 5.09.2012 Ministero politiche agricole alimentari e forestali ICQRF - Ufficio Dirigenziale di Conegliano 2 L attività di controllo dell Ispettorato consiste in verifiche ed accertamenti,

Dettagli

Il Ministro delle politiche agricole alimentari e forestali

Il Ministro delle politiche agricole alimentari e forestali Decreto n. 7407 del 4 agosto 2010 Modifiche all articolo 5 del decreto ministeriale 27 novembre 2008, n. 5396, concernente Disposizioni di attuazione dei regolamenti (CE) n. 479/2008 del Consiglio e n.

Dettagli

Ordinanza concernente la viticoltura e l importazione di vino

Ordinanza concernente la viticoltura e l importazione di vino Ordinanza concernente la viticoltura e l importazione di vino (Ordinanza sul vino) Modifica del 23 ottobre 2013 Il Consiglio federale svizzero ordina: I L ordinanza del 14 novembre 2007 1 sul vino è modificata

Dettagli

Enol. Vittorio Portinari. ELEMENTI DI LEGISLAZIONE VITIVINICOLA: LE NORME PER L ETICHETTATURA e LA TRACCIABILITA DEI VINI

Enol. Vittorio Portinari. ELEMENTI DI LEGISLAZIONE VITIVINICOLA: LE NORME PER L ETICHETTATURA e LA TRACCIABILITA DEI VINI Enol. Vittorio Portinari ELEMENTI DI LEGISLAZIONE VITIVINICOLA: LE NORME PER L ETICHETTATURA e LA TRACCIABILITA DEI VINI La nuova classificazione dei vini VINO SENZA DO e IG VINI VINI VARIETALI VINO

Dettagli

MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI

MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI 3. Requisiti organizzativi a. La presenza di uno o più farmacisti, abilitati all esercizio della professione e iscritti al relativo ordine, deve essere garantita per tutto l orario di apertura dell esercizio

Dettagli

NUOVE REGOLE IN MATERIA DI ETICHETTATURA DEI VINI. DARIO PANELLI UFFICIO VITIVINICOLO PROVINCIALE Febbraio 2011 dario.panelli@coldiretti.

NUOVE REGOLE IN MATERIA DI ETICHETTATURA DEI VINI. DARIO PANELLI UFFICIO VITIVINICOLO PROVINCIALE Febbraio 2011 dario.panelli@coldiretti. NUOVE REGOLE IN MATERIA DI ETICHETTATURA DEI VINI DARIO PANELLI UFFICIO VITIVINICOLO PROVINCIALE Febbraio 2011 dario.panelli@coldiretti.it Dal 1 agosto 2009 è entrata in vigore la nuova classificazione

Dettagli

LE NUOVE REGOLE IN MATERIA DI CLASSIFICAZIONE ED ETICHETTATURA DEI VINI

LE NUOVE REGOLE IN MATERIA DI CLASSIFICAZIONE ED ETICHETTATURA DEI VINI LE NUOVE REGOLE IN MATERIA DI CLASSIFICAZIONE ED ETICHETTATURA DEI VINI REALIZZATO CON LA COLLABORAZIONE TECNICA DI DINTEC OTTOBRE 2009 PREMESSA La normativa in materia di classificazione ed etichettatura

Dettagli

Campagna vitivinicola 2015-2016. "Vademecum

Campagna vitivinicola 2015-2016. Vademecum Campagna vitivinicola 2015-2016 "Vademecum INDICE DEGLI ARGOMENTI 1 DOCUMENTI DI ACCOMPAGNAMENTO E REGISTRI... 2 1.1 Trasporto delle uve da tavola destinate alla trasformazione ed i prodotti da esse ottenuti.

Dettagli

LEGGE COLLAVINI-PREDA

LEGGE COLLAVINI-PREDA LEGGE COLLAVINI-PREDA Norme nazionali per la produzione e vendita dei vini, bevande, sottoprodotti e aceti LEGGE 20 febbraio 2006, n. 82 Disposizioni di attuazione della normativa comunitaria concernente

Dettagli

IL SISTEMA DI CERTIFICAZIONE E DI CONTROLLO

IL SISTEMA DI CERTIFICAZIONE E DI CONTROLLO IL SISTEMA DI CERTIFICAZIONE E DI CONTROLLO DEI VINI A DENOMINAZIONE DI ORIGINE L ATTIVITÀ DI CONTROLLO ISPETTIVA PRESSO GLI OPERATORI DELLA FILIERA (VITICOLTORI, VINIFICATORI, INTERMEDIARI ED IMBOTTIGLIATORI)

Dettagli

A.R.T..A.Agenzia Regionale Toscana per le Erogazioni in Agricoltura

A.R.T..A.Agenzia Regionale Toscana per le Erogazioni in Agricoltura Allegato A) al Decreto N. 100 del 30/09/2015 A.R.T..A.Agenzia Regionale Toscana per le Erogazioni in Agricoltura Agenzia Regionale Dichiarazione di vendemmia e di produzione di vino e/o mosto Campagna

Dettagli

INDICAZIONI TECNICHE Vendemmia 2015 La denominazione Prosecco in sintesi:

INDICAZIONI TECNICHE Vendemmia 2015 La denominazione Prosecco in sintesi: CONSORZIO DI TUTELA DELLA DENOMINAZIONE DI ORIGINE CONTROLLATA PROSECCO INDICAZIONI TECNICHE Vendemmia 2015 La denominazione Prosecco in sintesi: PREMESSA (PORRE MOLTA ATTENZIONE AL CONCETTO): in riferimento

Dettagli

- ALLE DIREZIONI GENERALI TERRITORIALI DEL DIPARTIMENTO PER I TRASPORTI, LA NAVIGAZIONE

- ALLE DIREZIONI GENERALI TERRITORIALI DEL DIPARTIMENTO PER I TRASPORTI, LA NAVIGAZIONE Prot. 300/A/15634/09/108/44 Prot. 104497 del 3 dicembre 2009 Del 4 dicembre 2009 - ALLE QUESTURE DELLA REPUBBLICA - AI COMPARTIMENTI DELLA POLIZIA STRADALE - ALLE ZONE POLIZIA DI FRONTIERA - AI COMPARTIMENTI

Dettagli

Ministero delle Politiche Agricole e Forestali

Ministero delle Politiche Agricole e Forestali 5 aprile 2006 Ministero delle Politiche Agricole e Forestali 391 L Prot. N... Posiz.... Roma... Agli Uffici periferici Ai Laboratori Alla DGT Alla DGA LORO SEDI SEDE e p.c. All Ufficio I/D SEDE OGGETTO:

Dettagli

SINTESI DELLA PROPOSTA DI RIFORMA DELL OC.M. VINO

SINTESI DELLA PROPOSTA DI RIFORMA DELL OC.M. VINO SINTESI DELLA PROPOSTA DI RIFORMA DELL OC.M. VINO TITOLO I CAMPO DI APPLICAZIONE (Artt. 1 2) La proposta riguarda gli stessi prodotti disciplinati dal Reg (CE) n. 1493/99. In alcuni casi sono cambiati

Dettagli

LA CERTIFICAZIONE VOLONTARIA

LA CERTIFICAZIONE VOLONTARIA LA CERTIFICAZIONE VOLONTARIA PREMESSA La certificazione volontaria di prodotto nasce dalla necessità da parte delle Organizzazioni che operano nel settore agroalimentare (Aziende produttrici, vitivinicole,ecc.)

Dettagli

OGGETTO: Nuove disposizioni relative alla certificazione e controllo dei vini DOC/DOCG ed IGT, in vigore dal 1 agosto 2012 (D.M.

OGGETTO: Nuove disposizioni relative alla certificazione e controllo dei vini DOC/DOCG ed IGT, in vigore dal 1 agosto 2012 (D.M. Alle Aziende interessate Loro Sedi OGGETTO: Nuove disposizioni relative alla certificazione e controllo dei vini DOC/DOCG ed IGT, in vigore dal 1 agosto 2012 (D.M. 14 giugno 2012) G.le Aziende, in riferimento

Dettagli

Aggiornamento normativo Vendemmia 2015

Aggiornamento normativo Vendemmia 2015 Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali Aggiornamento normativo Vendemmia 2015 Treviso 26 agosto 2015 1 . DISCIPLINARI DI PRODUZIONE VINI DOC IN CORSO DI MODIFICA PRESSO IL MIPAAF NEL

Dettagli

Ufficio Monocratico Sede. Organismo pagatore AVEPA Via N. Tommaseo, 63-69 35131 PADOVA. Largo Caduti del Lavoro, 6 40122 BOLOGNA

Ufficio Monocratico Sede. Organismo pagatore AVEPA Via N. Tommaseo, 63-69 35131 PADOVA. Largo Caduti del Lavoro, 6 40122 BOLOGNA DIRETTORE GENERALE Tel. 06.49499.1 Fax 06.49499.770 Prot. N. DGU.2013.786 (CITARE NELLA RISPOSTA) Roma li. 10 ottobre 2013 All All All All All All All All All All Organismo Pagatore AGEA Ufficio Monocratico

Dettagli

Il Ministro delle politiche agricole alimentari e forestali

Il Ministro delle politiche agricole alimentari e forestali Allegato 1 Sezione I - Modalità di tenuta del registro di cui all art. 7. Vidimazione 1. Il registro è tenuto: a) manualmente ed è costituito da non oltre 200 fogli fissi o da schede contabili mobili da

Dettagli

ISTRUZIONI PER L APPLICAZIONE DELL ARTICOLO 3 QUATER DELLA L.R. N. 39/80

ISTRUZIONI PER L APPLICAZIONE DELL ARTICOLO 3 QUATER DELLA L.R. N. 39/80 ISTRUZIONI PER L APPLICAZIONE DELL ARTICOLO 3 QUATER DELLA L.R. N. 39/80 Testo elaborato dal Bozza del: 5 luglio 2006 1 Titolo IX bis Del sistema di controllo di cui all art. 3 quater Articolo 46: definizioni

Dettagli

A.R.T..A.Agenzia Regionale Toscana per le Erogazioni in Agricoltura

A.R.T..A.Agenzia Regionale Toscana per le Erogazioni in Agricoltura Allegato A) al Decreto N. 104 del 22/10/2014 A.R.T..A.Agenzia Regionale Toscana per le Erogazioni in Agricoltura Agenzia Regionale Dichiarazione di vendemmia e di produzione di vino e/o mosto Campagna

Dettagli

PRODOTTI IN "CONTO DEPOSITO" TEMPORANEO PRESSO ALTRI STABILIMENTI.

PRODOTTI IN CONTO DEPOSITO TEMPORANEO PRESSO ALTRI STABILIMENTI. F2 UNICO PER PROVINCIA E' frequente il caso di soci produttori che possiedono terreni vitati in province diverse (limitrofe: ad esempio Verona e Vicenza) e che consegnano la totalità dell'uva raccolta

Dettagli

Colli!Euganei! Denominazione!di!origine!Controllata. Colli!Euganei!Fior!d Arancio Denominazione!di!origine!controllata!e!garantita!

Colli!Euganei! Denominazione!di!origine!Controllata. Colli!Euganei!Fior!d Arancio Denominazione!di!origine!controllata!e!garantita! Colli!Euganei! Denominazione!di!origine!Controllata Colli!Euganei!Fior!d Arancio Denominazione!di!origine!controllata!e!garantita! ETICHETTATURA!E! PRESENTAZIONE Normativa!di!riferimento Regolamento! CE!

Dettagli

Istruzioni in materia di etichettatura e presentazione dei prodotti alimentari.

Istruzioni in materia di etichettatura e presentazione dei prodotti alimentari. Circ. 12 marzo 2001, n. 166 (G.U. 20 marzo 2001 n.66) Istruzioni in materia di etichettatura e presentazione dei prodotti alimentari. Con circolare n. 165 del 31 marzo 2000, pubblicata nella Gazzetta Ufficiale

Dettagli

COMMISSIONE EUROPEA DIREZIONE GENERALE FISCALITÀ E UNIONE DOGANALE Politica doganale, legislazione, tariffa doganale Normativa doganale

COMMISSIONE EUROPEA DIREZIONE GENERALE FISCALITÀ E UNIONE DOGANALE Politica doganale, legislazione, tariffa doganale Normativa doganale COMMISSIONE EUROPEA DIREZIONE GENERALE FISCALITÀ E UNIONE DOGANALE Politica doganale, legislazione, tariffa doganale Normativa doganale Bruxelles, 1 febbraio 2012 TAXUD/A3/017/2011 Final IT Ares(2012)

Dettagli

TITOLO I DISPOSIZIONI INTRODUTTIVE CAPO I SALVAGUARDIA DEL VINO E DEI TERRITORI VITICOLI. ART. 1. (Patrimonio culturale nazionale).

TITOLO I DISPOSIZIONI INTRODUTTIVE CAPO I SALVAGUARDIA DEL VINO E DEI TERRITORI VITICOLI. ART. 1. (Patrimonio culturale nazionale). ALLEGATO 3 Disciplina organica della coltivazione della vite e della produzione e del commercio del vino. TESTO UNIFICATO ELABORATO DAL COMITATO RISTRETTO E ADOTTATO COME TESTO BASE TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

A.V.E.P.A Centro Tommaseo Via N. Tommaseo, 67 C-3 p 35131 Padova Fax 049/7708750 ALL. Via Bogino, 23 10123 Torino FAX 011/3025199

A.V.E.P.A Centro Tommaseo Via N. Tommaseo, 67 C-3 p 35131 Padova Fax 049/7708750 ALL. Via Bogino, 23 10123 Torino FAX 011/3025199 DIRETTORE GENERALE Tel. 06.49499.1 Fax 06.49499.770 Prot. N. DGU.2011.147 (CITARE NELLA RISPOSTA) Roma li. 30 settembre 2011 All All All All ALL All All All Organismo Pagatore AGEA Via Palestro, 81 00185

Dettagli

Agli Uffici Periferici. Ufficio II LORO SEDI. Prot n. 21723 pos. 28/4. e p.c. -Sottosegretario On.le Dozzo SEDE -Gabinetto del Ministro SEDE

Agli Uffici Periferici. Ufficio II LORO SEDI. Prot n. 21723 pos. 28/4. e p.c. -Sottosegretario On.le Dozzo SEDE -Gabinetto del Ministro SEDE Roma, 14 maggio 2004 Ufficio II Prot n. 21723 pos. 28/4 OGGETTO: modalità di controllo delle operazioni d elaborazione dei vini spumanti. Agli Uffici Periferici LORO SEDI e p.c. -Sottosegretario On.le

Dettagli

D.M. 1 luglio 1957. (pubbl. in Gazz. Uff. n. 175 del 15 luglio 1957).

D.M. 1 luglio 1957. (pubbl. in Gazz. Uff. n. 175 del 15 luglio 1957). D.M. 1 luglio 1957. Norme per la concessione delle licenze di produzione e imbottigliamento del vermouth e degli altri vini aromatizzati e per la vigilanza sulla preparazione e sul commercio dei detti

Dettagli

Reg (CE) di attuazione del 479/08 (bozza) Additivi e coadiuvanti già ammessi nella trasformazione dei prodotti bio

Reg (CE) di attuazione del 479/08 (bozza) Additivi e coadiuvanti già ammessi nella trasformazione dei prodotti bio Sostanza GRUPPO RISTRETTO Uso Accettabile? si/no, con limitazioni ulteriori? ORWINE ITALIA Uso Accettabile? si/no, con limitazioni ulteriori? Reg (CE) di attuazione del 479/08 (bozza) Additivi e coadiuvanti

Dettagli

Norme concernenti l impiego di resine a scambio ionico per il trattamento dei vini base per vini aromatizzati.

Norme concernenti l impiego di resine a scambio ionico per il trattamento dei vini base per vini aromatizzati. D.M. 22 marzo 1978. Norme concernenti l impiego di resine a scambio ionico per il trattamento dei vini base per vini aromatizzati. (pubbl. in Gazz. Uff. n. 118 del 29 aprile 1978). IL MINISTRO DELL AGRICOLTURA

Dettagli

A.R.T..A.Agenzia Regionale Toscana per le Erogazioni in Agricoltura

A.R.T..A.Agenzia Regionale Toscana per le Erogazioni in Agricoltura Allegato A) al Decreto N. 120 del 24/10/2013 A.R.T..A.Agenzia Regionale Toscana per le Erogazioni in Agricoltura Agenzia Regionale Dichiarazione di vendemmia e di produzione di vino e/o mosto Campagna

Dettagli

RISOLUZIONE OIV-OENO 439-2012

RISOLUZIONE OIV-OENO 439-2012 RISOLUZIONE OIV-OENO 439-2012 PRATICHE ENOLOGICHE SPECIFICHE PER I VINI AROMATIZZATI, LE BEVANDE A BASE DI PRODOTTI VITIVINICOLI E LE BEVANDE A BASE DI VINO L'ASSEMBLEA GENERALE CONSIDERATA la risoluzione

Dettagli

IL MINISTRO DELLE POLITICHE AGRICOLE ALIMENTARI E FORESTALI

IL MINISTRO DELLE POLITICHE AGRICOLE ALIMENTARI E FORESTALI DECRETO 13 agosto 2012. Disposizioni nazionali applicative del regolamento (CE) n. 1234/2007 del Consiglio, del regolamento applicativo (CE) n. 607/2009 della commissione e del decreto legislativo n. 61/2010,

Dettagli

Disciplinare. Marchio di qualità con indicazione di origine. Marchio di qualità Südtirol/Alto Adige. Grappa. per il settore

Disciplinare. Marchio di qualità con indicazione di origine. Marchio di qualità Südtirol/Alto Adige. Grappa. per il settore Marchio di qualità con indicazione di origine Marchio di qualità Südtirol/Alto Adige Disciplinare per il settore Grappa Decreto del Direttore della Ripartizione Economia n. 833 del 26.11.2014 pagine 1

Dettagli

Gazzetta Ufficiale N. 174 del 29 Luglio 2003

Gazzetta Ufficiale N. 174 del 29 Luglio 2003 Gazzetta Ufficiale N. 174 del 29 Luglio 2003 MINISTERO DELLE POLITICHE AGRICOLE E FORESTALI DECRETO 3 luglio 2003 Disposizioni nazionali applicative del regolamento (CE) n. 753/2002 della Commissione del

Dettagli

INDICAZIONI GEOGRAFICHE E. Relazione presentata in occasione del Salone della PROPRIETA INDUSTRIALE 2013 www.senaf.it

INDICAZIONI GEOGRAFICHE E. Relazione presentata in occasione del Salone della PROPRIETA INDUSTRIALE 2013 www.senaf.it INDICAZIONI GEOGRAFICHE E MARCHI COLLETTIVI : AMBITI DI PROTEZIONE E RAPPORTI RECIPROCI Avv. Nicoletta Amadei COS E UN MARCHIO Art. 7. dlgs.30/2005 Oggetto della registrazione 1. Possono costituire oggetto

Dettagli

D I S C I P L I N A R E PROPOSTA DI MODIFICA

D I S C I P L I N A R E PROPOSTA DI MODIFICA Denom. Vini Costa d Amalfi Riconoscimento della denominazione di origine controllata dei vini «Costa d Amalfi». ATTUALE Articolo 1 La denominazione di origine controllata > è riservata

Dettagli

In seguito alle precedenti circolari 17 luglio 2009 e 6 agosto 2009, il Ministero delle

In seguito alle precedenti circolari 17 luglio 2009 e 6 agosto 2009, il Ministero delle Commento l Chiarito l effettivo livello di equipollenza del documento Sulla scheda di trasporto nuovi chiarimenti operativi dal Ministero Infrastrutture In seguito alle precedenti circolari 17 luglio 2009

Dettagli

MINISTERO DELLE POLITICHE AGRICOLE E FORESTALI

MINISTERO DELLE POLITICHE AGRICOLE E FORESTALI MINISTERO DELLE POLITICHE AGRICOLE E FORESTALI Decreto Ministeriale 14 ottobre 2010 DISCIPLINARE DI PRODUZIONE DEI VINI A DENOMINAZIONE DI ORIGINE CONTROLLATA E GARANTITA GAVI O CORTESE DI GAVI. (G.U.

Dettagli

Aumento degli squilibri strutturali tra offerta e domanda, dovuta principalmente al permanere dei sostegni previsti dall OCM I consumi nell UE sono

Aumento degli squilibri strutturali tra offerta e domanda, dovuta principalmente al permanere dei sostegni previsti dall OCM I consumi nell UE sono LA NUOVA OCM VINO 1 Base giuridica Regolamento ( CE) n. 479/2008 del Consiglio del 29 aprile 2008 Relativo all organizzazione comune del mercato vitivinicolo, (In GUCE L.148 del 6.6.2008) Modifica i Reg.ti

Dettagli

vino e qualità in Lombardia

vino e qualità in Lombardia vino e qualità in Lombardia L Unione Nazionale Consumatori della Lombardia con il presente opuscolo intende dare informazioni al consumatore sui marchi di qualità dei vini, sui vini di qualità della Lombardia

Dettagli

Proposta di Deliberazione della Giunta Regionale

Proposta di Deliberazione della Giunta Regionale R E G I O N E P U G L I A Proposta di Deliberazione della Giunta Regionale AREA POLITICHE PER LO SVILUPPO RURALE SERVIZIO AGRICOLTURA CODICE CIFRA: /DEL/2008/ OGGETTO: Piano Regionale per la ristrutturazione

Dettagli

Terre di Lambrusco. Concorso Enologico REGOLAMENTO - 6ª EDIZIONE

Terre di Lambrusco. Concorso Enologico REGOLAMENTO - 6ª EDIZIONE Terre di Lambrusco 2015 Concorso Enologico REGOLAMENTO - 6ª EDIZIONE REGOLAMENTO Articolo 1: La Camera di Commercio di Reggio Emilia promuove la sesta edizione del Concorso Enologico Matilde di Canossa

Dettagli

MINISTERO DELLE POLITICHE AGRICOLE ALIMENTARI E FORESTALI PROVVEDIMENTO 8 luglio 2009 IL CAPO DIPARTIMENTO

MINISTERO DELLE POLITICHE AGRICOLE ALIMENTARI E FORESTALI PROVVEDIMENTO 8 luglio 2009 IL CAPO DIPARTIMENTO MINISTERO DELLE POLITICHE AGRICOLE ALIMENTARI E FORESTALI PROVVEDIMENTO 8 luglio 2009 Iscrizione della denominazione «Aceto Balsamico di Modena», nel registro delle denominazioni di origine protette e

Dettagli

DISCIPLINARE DI PRODUZIONE DEI VINI AD INDICAZIONE GEOGRAFICA TIPICA «EMILIA» O «DELL'EMILIA»

DISCIPLINARE DI PRODUZIONE DEI VINI AD INDICAZIONE GEOGRAFICA TIPICA «EMILIA» O «DELL'EMILIA» DISCIPLINARE DI PRODUZIONE DEI VINI AD INDICAZIONE GEOGRAFICA TIPICA «EMILIA» O «DELL'EMILIA» Art. 1. La indicazione geografica tipica «Emilia» o «dell'emilia» accompagnata o meno dalle specificazioni

Dettagli

SCHEMA TIPO DI DISCIPLINARE PER LO SVOLGIMENTO DI MERCATI DEL CONTADINO AUTORIZZATI DAL COMUNE DI JESI RISERVATI ALLA VENDITA DIR

SCHEMA TIPO DI DISCIPLINARE PER LO SVOLGIMENTO DI MERCATI DEL CONTADINO AUTORIZZATI DAL COMUNE DI JESI RISERVATI ALLA VENDITA DIR SCHEMA TIPO DI DISCIPLINARE PER LO SVOLGIMENTO DI MERCATI DEL CONTADINO AUTORIZZATI DAL COMUNE DI JESI RISERVATI ALLA VENDITA DIRETTA DA PARTE DEGLI IMPRENDITORI AGRICOLI ai sensi dell art. 4 comma 3 del

Dettagli

FORMULARIO DI IDENTIFICAZIONE DEL RIFIUTO

FORMULARIO DI IDENTIFICAZIONE DEL RIFIUTO FORMULARIO DI IDENTIFICAZIONE DEL RIFIUTO Il formulario è un documento di tipo formale che garantisce la tracciabilità del flusso dei rifiuti nelle varie fasi del trasporto, dal produttore/detentore al

Dettagli

IL MINISTRO DELLE POLITICHE AGRICOLE E FORESTALI

IL MINISTRO DELLE POLITICHE AGRICOLE E FORESTALI MINISTERO DELLE POLITICHE AGRICOLE E FORESTALI DECRETO 21 maggio 2004 Modifica del decreto 31 luglio 2003 concernente l'istituzione e la tenuta dell'albo degli imbottigliatori dei vini DOCG, DOC e IGT

Dettagli

AGEA - Via Salandra,13-00187 ROMA AL 31 LUGLIO 2014 (1) (5) (6) ( (7) (8) (13) (14 CODICE ISTAT COMUNE PROV. CAP (13) (14

AGEA - Via Salandra,13-00187 ROMA AL 31 LUGLIO 2014 (1) (5) (6) ( (7) (8) (13) (14 CODICE ISTAT COMUNE PROV. CAP (13) (14 AGENZIA PER LE EROGAZIONI IN AGRIOLTURA DIHIARAZIONE GIAENZE VINI E/O MOSTI AGEA - Via Salandra,13-00187 ROMA AL 31 LUGLIO 2014 (1) (5) (6) ( (7) (8) Dichiarazione presentata per il tramite del AA od.aa

Dettagli

REGOLAMENTO (CE) N. 110/2008 DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO. del 15 gennaio 2008

REGOLAMENTO (CE) N. 110/2008 DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO. del 15 gennaio 2008 L 39/16 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea 13.2.2008 REGOLAMENTO (CE) N. 110/2008 DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO del 15 gennaio 2008 relativo alla definizione, alla designazione, alla presentazione,

Dettagli

NOME SESSO DATA DI NASCITA COMUNE DI NASCITA DOMICILIO O SEDE LEGALE 2 CODICE ISTAT COMUNE PROV. C.A.P.

NOME SESSO DATA DI NASCITA COMUNE DI NASCITA DOMICILIO O SEDE LEGALE 2 CODICE ISTAT COMUNE PROV. C.A.P. AGENZIA PER LE EROGAZIONI IN AGRICOLTURA DICHIARAZIONE DI GIACENZA VINO E/O MOSTI AGEA - Via Torino, 45-00184 ROMA AL 31 LUGLIO Domanda presentata per il tramite del C.A.A. Cod. CAA Sigla Prog. Ufficio

Dettagli

Torino, lì 21 ottobre 2013. Alle imprese interessate. Loro Sedi. Oggetto: O.C.M. Vitivinicolo Misura investimenti Prossima Apertura bando 2013-2014.

Torino, lì 21 ottobre 2013. Alle imprese interessate. Loro Sedi. Oggetto: O.C.M. Vitivinicolo Misura investimenti Prossima Apertura bando 2013-2014. Corso Francia 329 10142 Torino Tel. 011 4343026 011 4345493 Fax 011 4349456 Confcooperative Piemonte Fedagri Corso Francia 329 10142 Torino www.piemonte.confcooperative.it/federazioni.htm www.gestcooper.itfederagro@gestcooper.it

Dettagli

SOGGETTI TENUTI ALLA COMPILAZIONE DEL REGISTRO

SOGGETTI TENUTI ALLA COMPILAZIONE DEL REGISTRO IL DIRETTORE GENERALE del Servizio Conservazione della Natura del MINISTERO DELL AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO di concerto con IL DIRETTORE GENERALE della Direzione Generale delle Risorse Forestali,

Dettagli

Documento di lavoro FVG-TN-VENETO. bozza

Documento di lavoro FVG-TN-VENETO. bozza proposta Denominazione di origine controllata dei vini delle Venezie. disciplinare di produzione Art. 1 Denominazione e vini. La denominazione di origine controllata "delle Venezie" è riservata ai vini

Dettagli

Accordo sull esportazione di vini italiani in Svizzera

Accordo sull esportazione di vini italiani in Svizzera Traduzione 1 Accordo sull esportazione di vini italiani in Svizzera 0.946.294.541.4 Conchiuso il 25 aprile 1961 Approvato dal Consiglio federale il 1 agosto 1961 Entrato in vigore il 1 marzo 1962 In applicazione

Dettagli

Norme generali per l esportazione di prodotti alimentari e prodotti alcolici in Germania (Ottobre 2007)

Norme generali per l esportazione di prodotti alimentari e prodotti alcolici in Germania (Ottobre 2007) Norme generali per l esportazione di prodotti alimentari e prodotti alcolici in Germania (Ottobre 2007) 1 Regime d importazione e legislazione Il regime d'importazione in Germania è quello previsto dalla

Dettagli

VISTO il Regolamento (CE) n.852 del Parlamento europeo e del Consiglio, del 29 aprile 2004, sull'igiene dei prodotti alimentari;

VISTO il Regolamento (CE) n.852 del Parlamento europeo e del Consiglio, del 29 aprile 2004, sull'igiene dei prodotti alimentari; Il Ministro delle politiche agricole alimentari e forestali Decreto 13 agosto 2012 - Disposizioni nazionali applicative del Regolamento (CE) n. 1234/2007 del Consiglio, del regolamento applicativo (CE)

Dettagli

VALORITALIA. Torrazza Coste 16/04/2015. Claudio Salaris Christian Magliola

VALORITALIA. Torrazza Coste 16/04/2015. Claudio Salaris Christian Magliola VALORITALIA Società per la Certificazione delle Qualità e delle Produzioni Vitivinicole Italiane S.r.l. Torrazza Coste 16/04/2015 Claudio Salaris Christian Magliola COS È L AGRICOLTURA BIOLOGICA La produzione

Dettagli

Adempimenti del deposito fiscale vino

Adempimenti del deposito fiscale vino UFFICIO DELLE DOGANE DI VERONA Adempimenti del deposito fiscale vino Dott. Ing. Nicola Altamura Direttore dell Ufficio Dott. Ing. Giovanni Fedrighi Referente Informatico Marano di Valpolicella (VR), 5

Dettagli

Oggetto: Circolare n 7/2014 26 agosto 2014

Oggetto: Circolare n 7/2014 26 agosto 2014 ALLE AZIENDE INTERESSATE AI TECNICI DELLE ORGANIZZAZIONI PROFESSIONALI AGRICOLE E CAA AI CONSULENTI Loro sedi Oggetto: Circolare n 7/2014 26 agosto 2014 Con la presente nota vi comunico i seguenti aggiornamenti.

Dettagli

Organismo Pagatore AGEA Via Palestro, 81 00185 ROMA. Via N. Tommaseo, 63-69 35131 PADOVA. Largo Caduti del Lavoro, 6 40122 BOLOGNA

Organismo Pagatore AGEA Via Palestro, 81 00185 ROMA. Via N. Tommaseo, 63-69 35131 PADOVA. Largo Caduti del Lavoro, 6 40122 BOLOGNA AREA COORDINAMENTO Tel. 06.49499.1 Fax 06.49499.770 Prot. N. ACIU.2014.491 (CITARE NELLA RISPOSTA) Roma li. 21 luglio 2014 Organismo Pagatore AGEA Via Palestro, 81 00185 ROMA AVEPA Via N. Tommaseo, 63-69

Dettagli

RISOLUZIONE ECO 3/2004 LIVELLO DI BASE RICHIESTO PER IL CONFERIMENTO DI DIPLOMA AI PROFESSIONISTI COINVOLTI NELLE PRATICHE ENOLOGICHE

RISOLUZIONE ECO 3/2004 LIVELLO DI BASE RICHIESTO PER IL CONFERIMENTO DI DIPLOMA AI PROFESSIONISTI COINVOLTI NELLE PRATICHE ENOLOGICHE LIVELLO DI BASE RICHIESTO PER IL CONFERIMENTO DI DIPLOMA AI PROFESSIONISTI COINVOLTI NELLE PRATICHE ENOLOGICHE L ASSEMBLEA GENERALE, su proposta della Commissione III «Economia», sulla base dei lavori

Dettagli

REGOLAMENTO (CE) N. 606/2009 DELLA COMMISSIONE

REGOLAMENTO (CE) N. 606/2009 DELLA COMMISSIONE 24.7.2009 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 193/1 I (Atti adottati a norma dei trattati CE/Euratom la cui pubblicazione è obbligatoria) REGOLAMENTI REGOLAMENTO (CE) N. 606/2009 DELLA COMMISSIONE

Dettagli

All. All. All. All. All. All

All. All. All. All. All. All AREA COORDINAMENTO Tel. 06.49499.1 Fax 06.49499.770 Prot. N. ACIU.334.2015 (CITARE NELLA RISPOSTA) Roma li. 21 luglio 2015 Organismo Pagatore AGEA Via Palestro, 81 00185 ROMA AVEPA Via N. Tommaseo, 63-69

Dettagli

IL QUADRO NORMATIVO -Normativa Comunitaria: Direttiva 92/12, 92/83, 92/84, 2008/118 -Normativa Nazionale: D.L.s.v. 504/95, D.M. 210/96, D.M.

IL QUADRO NORMATIVO -Normativa Comunitaria: Direttiva 92/12, 92/83, 92/84, 2008/118 -Normativa Nazionale: D.L.s.v. 504/95, D.M. 210/96, D.M. IL QUADRO NORMATIVO -Normativa Comunitaria: Direttiva 92/12, 92/83, 92/84, 2008/118 -Normativa Nazionale: D.L.s.v. 504/95, D.M. 210/96, D.M. 153/2001 PRODOTTI SOGGETTI AL REGIME DELLE ACCISE - Art. 27

Dettagli

REGOLAMENTO (CE) N. 1235/2008 DELLA COMMISSIONE

REGOLAMENTO (CE) N. 1235/2008 DELLA COMMISSIONE 12.12.2008 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 334/25 REGOLAMENTO (CE) N. 1235/2008 DELLA COMMISSIONE dell 8 dicembre 2008 recante modalità di applicazione del regolamento (CE) n. 834/2007 del Consiglio

Dettagli

L accreditamento a garanzia della qualità e della sicurezza dei prodotti alimentari: il ruolo di ACCREDIA.

L accreditamento a garanzia della qualità e della sicurezza dei prodotti alimentari: il ruolo di ACCREDIA. ACCREDIA L ente italiano di accreditamento LE SOLUZIONI TECNOLOGICHE PER LA CARTA DI MILANO LOTTA ALLE CONTRAFFAZIONI, DIAGNOSTICA PER CONTROLLO QUALITÀ, QUALITÀ DELLE PRODUZIONI ALIMENTARI L accreditamento

Dettagli

Etichettatura: partita o lotto

Etichettatura: partita o lotto Etichettatura: partita o lotto Articolo 118 Applicabilità delle regole orizzontali Salvo ove altrimenti disposto dal presente regolamento, all etichettatura e alla presentazione si applicano la direttiva

Dettagli

Titolo I DISPOSIZIONI GENERALI

Titolo I DISPOSIZIONI GENERALI DM MINPOLAF 10_11_09 Pag: 1 DECRETO MINISTERO DELLE POLITICHE AGRICOLE ALIMENTARI E FORESTALI 10 novembre 2009. Disposizioni nazionali relative alle norme di commercializzazione dell olio di oliva. (10A00315).

Dettagli

DOCUMENTAZIONE DI PRASSI. Varie

DOCUMENTAZIONE DI PRASSI. Varie Varie CIRCOLARE MINFINANZE N. 335 PROT. 1570/I DEL 30.12.1992 CIRCOLARE MINFINANZE N. 335, PROT. 1570/I DEL 30 DICEMBRE 1992 RECEPIMENTO DIRETTIVE COMUNITARIE [...] 1. Disposizioni generali [...] Da sottolineare

Dettagli

Iscrizione Concours Mondial de Bruxelles 2013 Modalità pratiche di partecipazione

Iscrizione Concours Mondial de Bruxelles 2013 Modalità pratiche di partecipazione Iscrizione Concours Mondial de Bruxelles 2013 Modalità pratiche di partecipazione 1. Iscrizioni Riempite, in modo leggibile, e per ogni prodotto presentato, un modulo d iscrizione. Oppure consultate il

Dettagli

Presentazione del libro Vini spumanti e frizzanti

Presentazione del libro Vini spumanti e frizzanti Lo stato dell arte sull uso lieviti dei selezionati in enologia Giovedì 28 Marzo 2013 Sala biblioteca c/o sede ASTRA S.r.l. Via Tebano 45 Faenza (RA) Presentazione del libro Vini spumanti e frizzanti Lorena

Dettagli