I Registri del settore vitivinicolo: La telematizzazione 24 Giugno 2015 Riccardo Minelli

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "I Registri del settore vitivinicolo: La telematizzazione 24 Giugno 2015 Riccardo Minelli"

Transcript

1 I Registri del settore vitivinicolo: La telematizzazione 24 Giugno 2015 Riccardo Minelli

2 I Registri del settore vitivinicolo Le modalità di tenuta

3 La normativa di riferimento OGGI Modalità cartacea Reg. UE 2238/1993 Reg. UE 436/2009 DM 768/1994 Legge 82/2006 Registri e documenti di accompagnamento dei prodotti vitivinicoli Registri e documenti di accompagnamento art. da 8 a 15 Disposizioni attuazione OCM Vino Art. 10, 14, 19, 28 Prassi applicativa Ministeriale Circolari, risposte a quesiti, ecc.

4 La normativa di riferimento IL FUTURO Reg. UE 436/2009 Art. 38: si prevede espressamente la tenuta dei registri su supporto informatico Modalità telematica Decreto MIPAAF 7490 del 2 luglio 2013 Decreto Legge «Campolibero» (Legge 11 Agosto 2014 nr. 116) Decreto MIPAAF 20 marzo 2015 e relativi Allegati Art. 17: si prevede la telematizzazione di registri e documenti di accompagnamento Dematerializzazione dei registri del settore vitivinicolo Modalità di tenuta di questi registri per aziende che producono meno di 1000 Hl di vino all anno, con uve di produzione prevalentemente aziendale Tenuta dei registri su supporto esclusivamente informatico a partire dal 1 gennaio 2016

5 Dematerializzazione Che cosa si intende per Dematerializzazione? Si intende un processo amministrativo in base al quale sia la formazione che la scritturazione dei registri del settore vitivinicolo su base telematica hanno lo stesso valore legale di quella effettuata su base cartacea

6 Dematerializzazione Per quali prodotti? per i prodotti di cui all Allegato IV del Regolamento UE 479/2008 e cioè vino, vino liquoroso, vino spumante, vino frizzante, mosto di uve ed aceto di vino per ogni vino DOP e per i prodotti destinati ad essere trasformati in tale tipologia di vino per ogni vino IGP e per i prodotti destinati ad essere trasformati in tale tipologia di vino per ogni vino varietale senza DOP e senza IGP e per i prodotti destinati ad essere trasformati in tale tipologia vino

7 Per quali operazioni? In generale Entrata e uscita del prodotto Art. 41 del Reg. 436/2009 Aumento del titolo alcolometrico Trasformazione e manipolazione Acidificazione, disacidificazione e dolcificazione Stoccaggio e imbottigliamento Taglio, imbottigliamento, distillazione Impiego di pratiche enologiche, anche a livello sperimentale

8 Soggetti obbligati alla tenuta dei registri I titolari di Depositi enologici Non possono effettuarsi manipolazioni e/o trasformazioni dei prodotti vitivinicoli Stabilimenti enologici possono effettuare manipolazioni e/o trasformazioni dei prodotti vitivinicoli Che detengono prodotti vitivinicoli per l esercizio di attività imprenditoriale agricola o commerciale compresi i soggetti che operano conto terzi

9 Soggetti esentati dalla tenuta dei registri informatizzati Stabilimenti enologici con capacità inferiore a 50 ettolitri, che non effettuino alcuna delle operazioni di cui all art. 41, para 1, del Reg. UE 436/2009 Commercianti all ingrosso di prodotti vitivinicoli che non effettuano alcuna trasformazione o manipolazione Chi detiene prodotti vitivinicoli per utilizzarli esclusivamente come ingrediente di altri prodotti alimentari Vettori e spedizionieri doganali che detengono prodotti vitivinicoli confezionati Rivenditori al minuti di piccoli quantitativi, definiti secondo le disposizioni di cui all art. 1, comma 2, lettera «I» del Decreto 20 marzo 2015

10 Soggetti esentati dalla tenuta dei registri informatizzati I viticoltori non vinificatori e quelli che vinificano esclusivamente uve di propria produzione e che non acquistano altri prodotti; I soggetti che non dispongono di stabilimenti vinicoli e che detengono presso i propri depositi prodotti confezionati da terzi, per la successiva vendita al minuto o all ingrosso In ogni caso, i soggetti esentati dalla tenuta del registro tengono a disposizione delle autorità di controllo i documenti di accompagnamento con cui hanno ricevuto i prodotti

11 Tenuta del registro telematico Per ogni stabilimento o deposito è tenuto uno specifico registro in cui sono annotate le operazioni di cui all allegato II del decreto La tenuta del registro avviene in ambito SIAN La tenuta e l aggiornamento possono essere effettuati : Dal titolare Da parte di impresa specializzata

12 Registrazione delle operazioni: i termini A) Arricchimento Preventivamente all effettuazione Qualora l operatore abbia inviato comunicazione preventiva che però non contenga data e ora Successivamente all effettuazione Qualora abbia comunicato preventivamente ciascuna operazione con indicazione di ora e data B) Entrate di prodotto Entro il primo giorno lavorativo successivo alla ricezione C) Uscite di prodotto Entro il giorno lavorativo successivo

13 Registrazione delle operazioni: i termini D) Arricchimento Acetificazione / Disacidificazione Dolcificazione Taglio Imbottigliamento Distillazione Impiego di pezzi di legno Ogni altra operazione prevista dall art. 41, comma 1 del Reg. Ue 436/2009 Entro il primo giorno lavorativo successivo a quello di effettuazione E) Le Uscite di prodotto risultante dalle operazioni di cui alla precedente D) Entro il giorno lavorativo successivo

14 Registrazione delle operazioni: i termini F) Registri o conti speciali relativi all impiego di Saccarosio Mosto di uve concentrato e rettificato Alcoli ed acquaviti di vino Prodotti utilizzati per acidificazione o disacidificazione Con periodicità mensile devono essere annotate le spedizioni relative a uno stesso prodotto vitivinicolo confezionato in recipienti fino a 5 litri Uscite di prodotti Devono essere annotate entro il giorno lavorativo successivo L impiego di questi prodotti deve essere annotato il giorno stesso dell utilizzazione

15 Registrazione delle operazioni: i termini Nel caso in cui l azienda disponga di un sistema di contabilità computerizzata Dilazione dei termini per l inscrizione nei registri : 30 giorni

16 Registrazioni : Quali? Quando? Di quali operazioni Sono le operazioni di cui alle precedenti lettere D E F A quali condizioni Purché le operazioni e le giacenze non ancora annotate sul registro telematico ma presenti sul sistema aziendale possano essere controllate in qualsiasi momento dall Autorità sulla base di documenti giustificativi attendibili

17 Deroga Le aziende che producono meno di 1000 ettolitri di vino all anno, prevalentemente con uve di provenienza aziendale, e che dispongano di un sistema di contabilità computerizzata aziendale possono iscrivere nel registro, nel termine di 30 giorni le operazioni di: Avvenuta effettuazione dell arricchimento, con dichiarazione preventiva recante o meno ora e data; Le entrate di prodotto; Le uscite di prodotto; Operazioni di cui all art. 41 del Reg. UE 436/2009 (fatto salvo il primo punto) L impiego di prodotti di cui all art. 43, para 1 del Reg. UE 436/2009 Anche in questo caso, per fruire della deroga Occorre che le giacenze e le operazioni registrate sul sistema informatico aziendale debbano poter essere controllate in qualsiasi momento dall Autorità sulla base di documenti giustificativi attendibili

18 Cosa si intende per «documenti giustificativi attendibili»? I documenti di accompagnamento e i documenti commerciali ufficialmente riconosciuti Le comunicazioni preventive di lavorazione I cartelli apposti sui prodotti imbottigliati e sui recipienti di cantina Le comunicazioni relative al ritiro sotto controllo dei sottoprodotti Le bollette di introduzione delle uve emesse dalle cooperative e relative ai conferimenti dei soci I dati presenti nello schedario viticolo I documenti di registrazione provvisoria approvati dall Organismo competente a Imprese Specializzate Questi documenti devono essere conservati presso lo stabilimento o il deposito per l eventuale verifica dell Autorità

19 In presenza di operazioni correlate la sequenza delle registrazioni deve essere congruente con la cronologia delle operazioni. Quando i termini di due o più operazioni correlate sono diversi si applica il termine più breve a tutte la operazioni ATTENZIONE

20 Tempistiche A partire dal 20 marzo 2015 e fino al 31 dicembre 2015 il Registro Telematico è presente sul portale SIAN A decorrere dal 1 agosto 2015 gli operatori possono facoltativamente tenere in via esclusiva il registro telematico A partire dal 1 gennaio 2016 gli operatori dovranno tenere esclusivamente il registro telematico

21 Allegato I: Art. 1 comma 2 lettera o) Specifiche tecniche per la designazione dei prodotti Indicazioni Facoltative Obbligatorie Per uve da tavola e da vino e per i prodotti da esse ottenuti Per i prodotti vitivinicoli da porre in commercio Prodotti DOP e IGP o varietali e/o d annata Prodotti biologici

22 Allegato II: Art. 3 comma 2 Registrazioni relative alle operazioni di : Entrata e Uscita dei Prodotti Vinificazione Imbottigliamento Riclassificazione e Declassamento Produzione bevande spiritose e prodotti vitivinicoli aromatizzati Trattamento con ferrocianuro di potassio Elaborazione vini Spumanti e Frizzanti Registrazioni relative all aceto di vino

23

Il registro telematico per il settore vitivinicolo

Il registro telematico per il settore vitivinicolo La norma Il Decreto Ministeriale n. 293 del 20 marzo 2015 stabilisce, in conformità con la normativa europea, le modalità di tenuta dei registri in forma telematica nel settore vitivinicolo e delle relative

Dettagli

SEMINARIO 5 e 6: I REGISTRI e DOCUMENTI DI TRASPORTO

SEMINARIO 5 e 6: I REGISTRI e DOCUMENTI DI TRASPORTO SEMINARIO 5 e 6: I REGISTRI e DOCUMENTI DI TRASPORTO La funzione delle registrazioni consiste: da un lato fornire informazioni sulla consistenza e qualità delle produzioni enologiche, dall altro assicurare

Dettagli

DOCUMENTI e REGISTRI VITIVINICOLI Reg. 436/09

DOCUMENTI e REGISTRI VITIVINICOLI Reg. 436/09 DOCUMENTI e REGISTRI VITIVINICOLI Reg. 436/09 Forli, 13 Marzo 2013 Reg 1234/2007 Reg CE 555/08 Misure di sostegno Reg 491/2009 Regolamento(CE) 479/2008 (abrogato) Reg 436/09 Reg 606/09 Reg 607/09 Documenti

Dettagli

Vidimazione dei registri dei prodotti vitivinicoli in applicazione delle norme di cui agli articoli 12 e 17 del regolamento CEE n. 2238/93 (2) (3).

Vidimazione dei registri dei prodotti vitivinicoli in applicazione delle norme di cui agli articoli 12 e 17 del regolamento CEE n. 2238/93 (2) (3). Seite 1 von 8 Leggi d'italia Ministero delle politiche agricole e forestali D.M. 22-11-1999 Vidimazione dei registri dei prodotti vitivinicoli in applicazione delle norme di cui agli articoli 12 e 17 del

Dettagli

NOTA INFORMATIVA PIANI DI CONTROLLO: GESTIONE ATTIVITA ISPETTIVA INF5_V_002_20150401

NOTA INFORMATIVA PIANI DI CONTROLLO: GESTIONE ATTIVITA ISPETTIVA INF5_V_002_20150401 1. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE La presente nota descrive le modalità operative utilizzate da Valoritalia per la gestione del controllo ispettivo viticoltori, vinificatori, imbottigliatori ed intermediari.

Dettagli

Campagna vitivinicola 2015-2016. "Vademecum

Campagna vitivinicola 2015-2016. Vademecum Campagna vitivinicola 2015-2016 "Vademecum INDICE DEGLI ARGOMENTI 1 DOCUMENTI DI ACCOMPAGNAMENTO E REGISTRI... 2 1.1 Trasporto delle uve da tavola destinate alla trasformazione ed i prodotti da esse ottenuti.

Dettagli

XXII SEMINARIO DI AGGIORNAMENTO NORMATIVO DI DIRITTO VITIVINICOLO Vinitaly, 22 marzo 2015. Presentazione Testo Unico del vino

XXII SEMINARIO DI AGGIORNAMENTO NORMATIVO DI DIRITTO VITIVINICOLO Vinitaly, 22 marzo 2015. Presentazione Testo Unico del vino XXII SEMINARIO DI AGGIORNAMENTO NORMATIVO DI DIRITTO VITIVINICOLO Vinitaly, 22 marzo 2015 Presentazione Testo Unico del vino DISPOSIZIONI GENERALI E DI SEMPLIFICAZIONE IN MATERIA DI VINO E PRODOTTI VITIVINICOLI

Dettagli

MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI

MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI 3. Requisiti organizzativi a. La presenza di uno o più farmacisti, abilitati all esercizio della professione e iscritti al relativo ordine, deve essere garantita per tutto l orario di apertura dell esercizio

Dettagli

1) Soggetti obbligati alla compilazione e presentazione della dichiarazione di giacenza.

1) Soggetti obbligati alla compilazione e presentazione della dichiarazione di giacenza. NOTE ESPLICATIVE PER LA COMPILAZIONE DELLE DICHIARAZIONI DI GIACENZA DEI VINI E/O MOSTI. AVVERTENZE GENERALI Nella dichiarazione di giacenza sono indicati i volumi di vini e/o mosti detenuti dal dichiarante

Dettagli

FEASR Fondo europeo agricolo per lo sviluppo rurale: L Europa investe nelle zone rurali N. 16 NOTA INFORMATIVA VINICOLA

FEASR Fondo europeo agricolo per lo sviluppo rurale: L Europa investe nelle zone rurali N. 16 NOTA INFORMATIVA VINICOLA 1 FEASR Fondo europeo agricolo per lo sviluppo rurale: L Europa investe nelle zone rurali Programma di Sviluppo Rurale 2007-2013 Misura 111.1 Sottoazione B) Informazione nel settore agricolo Torino, 14/11/2014

Dettagli

OGGETTO: Nuove disposizioni relative alla certificazione e controllo dei vini DOC/DOCG ed IGT, in vigore dal 1 agosto 2012 (D.M.

OGGETTO: Nuove disposizioni relative alla certificazione e controllo dei vini DOC/DOCG ed IGT, in vigore dal 1 agosto 2012 (D.M. Alle Aziende interessate Loro Sedi OGGETTO: Nuove disposizioni relative alla certificazione e controllo dei vini /G ed IGT, in vigore dal 1 agosto 2012 (D.M. 14 giugno 2012) G.le Aziende, in riferimento

Dettagli

PRODOTTI CONFEZIONATI PRODOTTI SFUSI. AMBITO DI CIRCOLAZIONE Circolazione con inizio dall Italia e destinazione in altro Stato membro della

PRODOTTI CONFEZIONATI PRODOTTI SFUSI. AMBITO DI CIRCOLAZIONE Circolazione con inizio dall Italia e destinazione in altro Stato membro della ALLEGATO 3 - QUADRO TTICO RIEPILOGATIVO DEI DOCUMENTI DI ACCOMPAGNAMENTO DEI TRASPORTI DI VITIVINICOLI CON INIZIO SUL TERRITORIO NAZIONALE CHE POTRAN ESSERE REDATTI ED UTILIZZATI DAL 1 AGOSTO 2013 PROSPETTO

Dettagli

Disposizioni sulla elaborazione, confezionamento, designazione e presentazione dei vini frizzanti.

Disposizioni sulla elaborazione, confezionamento, designazione e presentazione dei vini frizzanti. D.M. 29 luglio 2004. Disposizioni sulla elaborazione, confezionamento, designazione e presentazione dei vini frizzanti. (pubbl. in Gazz. Uff. n. 238 del 9 ottobre 2004). IL MINISTRO DELLE POLITICHE AGRICOLE

Dettagli

Il Ministro delle politiche agricole alimentari e forestali

Il Ministro delle politiche agricole alimentari e forestali Decreto n. 5389 del 1 agosto 2011 Attuazione dell articolo 17 del regolamento (CE) n. 110/2008 del Parlamento europeo e del Consiglio, del 15 gennaio 2008, concernente la definizione, la designazione,

Dettagli

Aggiornamento normativo Vendemmia 2015

Aggiornamento normativo Vendemmia 2015 Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali Aggiornamento normativo Vendemmia 2015 Treviso 26 agosto 2015 1 . DISCIPLINARI DI PRODUZIONE VINI DOC IN CORSO DI MODIFICA PRESSO IL MIPAAF NEL

Dettagli

VISTO il regolamento (CE) del Consiglio n. 1493/99 del 17 maggio 1999, relativo all'organizzazione comune del mercato vitivinicolo;

VISTO il regolamento (CE) del Consiglio n. 1493/99 del 17 maggio 1999, relativo all'organizzazione comune del mercato vitivinicolo; MINISTERO DELLE POLITICHE AGRICOLE E FORESTALI Decreto 14 settembre 2001 Applicazione Reg. (CE) n. 1623/2000. Modalità per il rispetto dell'obbligo dei produttori vinicoli di consegnare le fecce e le vinacce

Dettagli

Documenti di accompagnamento dei prodotti vitivinicoli. (nuove regole dal 1 agosto 2013)

Documenti di accompagnamento dei prodotti vitivinicoli. (nuove regole dal 1 agosto 2013) Documenti di accompagnamento dei prodotti vitivinicoli (nuove regole dal 1 agosto 2013) 1 Regolamento CE 314/2012 del 12/04/2012 (è una modifica del Reg. CE 436/2009 sui documenti di accompagnamento del

Dettagli

OLIO DI OLIVA TENUTA DEL REGISTRO TELEMATICO DI CARICO E SCARICO istituito dal D.M. n. 16059 del 23 dicembre 2013 con modifiche di cui al D.M.

OLIO DI OLIVA TENUTA DEL REGISTRO TELEMATICO DI CARICO E SCARICO istituito dal D.M. n. 16059 del 23 dicembre 2013 con modifiche di cui al D.M. OLIO DI OLIVA TENUTA DEL REGISTRO TELEMATICO DI CARICO E SCARICO istituito dal D.M. n. 16059 del 23 dicembre 2013 con modifiche di cui al D.M. 4075 del 8 luglio 2015 Prima di effettuare il deposito dell

Dettagli

Provincia Autonoma di Trento

Provincia Autonoma di Trento 263 82279 Deliberazioni - Parte 1 - Anno 2012 Provincia Autonoma di Trento DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA PROVINCIALE del 14 dicembre 2012, n. 2796 Applicazione della misura "investimenti" per la viticoltura

Dettagli

ALLEGATO 3 - QUADRO SINOTTICO RIEPILOGATIVO DEI DOCUMENTI DI ACCOMPAGNAMENTO DEI TRASPORTI DI PRODOTTI VITIVINICOLI CON INIZIO SUL TERRITORIO NAZIONALE CHE POTRANNO ESSERE REDATTI ED UTILIZZATI DAL 1 AGOSTO

Dettagli

NUOVE REGOLE IN MATERIA DI ETICHETTATURA DEI VINI. DARIO PANELLI UFFICIO VITIVINICOLO PROVINCIALE Febbraio 2011 dario.panelli@coldiretti.

NUOVE REGOLE IN MATERIA DI ETICHETTATURA DEI VINI. DARIO PANELLI UFFICIO VITIVINICOLO PROVINCIALE Febbraio 2011 dario.panelli@coldiretti. NUOVE REGOLE IN MATERIA DI ETICHETTATURA DEI VINI DARIO PANELLI UFFICIO VITIVINICOLO PROVINCIALE Febbraio 2011 dario.panelli@coldiretti.it Dal 1 agosto 2009 è entrata in vigore la nuova classificazione

Dettagli

NUOVA NORMATIVA SULL ETICHETTATURA DEL VINO

NUOVA NORMATIVA SULL ETICHETTATURA DEL VINO NUOVA NORMATIVA SULL ETICHETTATURA DEL VINO L etichetta è certamente la carta d identità di un prodotto che tutela sia il produttore che il consumatore e, accanto ad una generale disciplina applicabile

Dettagli

Posizione 12 Codice categoria prodotto Nuovo CODICE. CODIFICA COMUNITARIA (All. VII, parte II, Reg. UE 1308/2013) codifica. presenti in base dati

Posizione 12 Codice categoria prodotto Nuovo CODICE. CODIFICA COMUNITARIA (All. VII, parte II, Reg. UE 1308/2013) codifica. presenti in base dati Posizione 12 Codice categoria prodotto Nuovo CODICE CODIFICA COMUNITARIA (All. VII, parte II, Reg. UE 1308/2013) DESCRIZIONE Vecchia codifica Vecchia Descrizione A (1) Vino A Vino di qualità in regione

Dettagli

Etichettatura. Sezione 3 Etichettatura e presentazione nel settore vitivinicolo

Etichettatura. Sezione 3 Etichettatura e presentazione nel settore vitivinicolo Sezione 3 Etichettatura e presentazione nel settore vitivinicolo Articolo 117 reg. 1308/13 Definizione Ai fini della presente sezione si intende per: a) etichettatura, i termini, le diciture, i marchi

Dettagli

Torino, lì 21 ottobre 2013. Alle imprese interessate. Loro Sedi. Oggetto: O.C.M. Vitivinicolo Misura investimenti Prossima Apertura bando 2013-2014.

Torino, lì 21 ottobre 2013. Alle imprese interessate. Loro Sedi. Oggetto: O.C.M. Vitivinicolo Misura investimenti Prossima Apertura bando 2013-2014. Corso Francia 329 10142 Torino Tel. 011 4343026 011 4345493 Fax 011 4349456 Confcooperative Piemonte Fedagri Corso Francia 329 10142 Torino www.piemonte.confcooperative.it/federazioni.htm www.gestcooper.itfederagro@gestcooper.it

Dettagli

Organismo Pagatore AGEA Via Palestro, 81 00185 ROMA. Via N. Tommaseo, 63-69 35131 PADOVA. Largo Caduti del Lavoro, 6 40122 BOLOGNA

Organismo Pagatore AGEA Via Palestro, 81 00185 ROMA. Via N. Tommaseo, 63-69 35131 PADOVA. Largo Caduti del Lavoro, 6 40122 BOLOGNA AREA COORDINAMENTO Tel. 06.49499.1 Fax 06.49499.770 Prot. N. ACIU.2014.491 (CITARE NELLA RISPOSTA) Roma li. 21 luglio 2014 Organismo Pagatore AGEA Via Palestro, 81 00185 ROMA AVEPA Via N. Tommaseo, 63-69

Dettagli

Prefettura di Avellino

Prefettura di Avellino Prot.n.1881/Serv. Amm.ne Gen.le Avellino 15/7/2005 AI SIGG. SINDACI E COMMISSARI PREFETTIZI DEI COMUNI DELLA PROVINCIA LORO SEDI ALLA COLDIRETTI VIA IANNACCHINI A V E L L I N O e.p.c. AL MINISTERO PER

Dettagli

DEMATERIALIZZAZIONE REGISTRI VITIVINICOLI

DEMATERIALIZZAZIONE REGISTRI VITIVINICOLI DEMATERIALIZZAZIONE REGISTRI VITIVINICOLI REGISTRI ONLINE Free land open solutions #CAMPOLIBERO 2 La normativa Il Decreto Ministeriale n. 293 del 20 Marzo 2015 avvia l'iter che porta alla: "dematerializzazione

Dettagli

Il ruolo dell IRVO nella tracciabilità dei vini DOP e IGP Siciliani

Il ruolo dell IRVO nella tracciabilità dei vini DOP e IGP Siciliani Il ruolo dell IRVO nella tracciabilità dei vini DOP e IGP Siciliani L Istituto Regionale del Vino e dell Olio si occupa dei controlli e della tracciabilità dei vini, già a partire dal 2009. Infatti con

Dettagli

Bollettino Ufficiale n. 27/I-II del 03/07/2012 / Amtsblatt Nr. 27/I-II vom 03/07/2012 188

Bollettino Ufficiale n. 27/I-II del 03/07/2012 / Amtsblatt Nr. 27/I-II vom 03/07/2012 188 Bollettino Ufficiale n. 27/I-II del 03/07/2012 / Amtsblatt Nr. 27/I-II vom 03/07/2012 188 79903 Deliberazioni - Parte 1 - Anno 2012 Provincia Autonoma di Trento DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA PROVINCIALE del

Dettagli

INDICAZIONI TECNICHE Vendemmia 2015 La denominazione Prosecco in sintesi:

INDICAZIONI TECNICHE Vendemmia 2015 La denominazione Prosecco in sintesi: CONSORZIO DI TUTELA DELLA DENOMINAZIONE DI ORIGINE CONTROLLATA PROSECCO INDICAZIONI TECNICHE Vendemmia 2015 La denominazione Prosecco in sintesi: PREMESSA (PORRE MOLTA ATTENZIONE AL CONCETTO): in riferimento

Dettagli

GESTIONE DEI VASI VINARI. www.registrionline.it/vasivinari

GESTIONE DEI VASI VINARI. www.registrionline.it/vasivinari GESTIONE DEI VASI VINARI www.registrionline.it/vasivinari 2 Obiettivo L applicazione «Vasi Vinari» ha come obiettivo quello di fornire all operatore di cantina uno strumento: accessibile operativo e di

Dettagli

All. All. All. All. All. All

All. All. All. All. All. All AREA COORDINAMENTO Tel. 06.49499.1 Fax 06.49499.770 Prot. N. ACIU.334.2015 (CITARE NELLA RISPOSTA) Roma li. 21 luglio 2015 Organismo Pagatore AGEA Via Palestro, 81 00185 ROMA AVEPA Via N. Tommaseo, 63-69

Dettagli

A.R.T..A.Agenzia Regionale Toscana per le Erogazioni in Agricoltura

A.R.T..A.Agenzia Regionale Toscana per le Erogazioni in Agricoltura Allegato A) al Decreto N. 100 del 30/09/2015 A.R.T..A.Agenzia Regionale Toscana per le Erogazioni in Agricoltura Agenzia Regionale Dichiarazione di vendemmia e di produzione di vino e/o mosto Campagna

Dettagli

Produzione Titolo alcolometrico volumico Vino uva t/ettaro naturale minimo % vol.

Produzione Titolo alcolometrico volumico Vino uva t/ettaro naturale minimo % vol. Riconoscimento della denominazione di origine controllata dei vini Moscato di Pantelleria, Passito di Pantelleria e Pantelleria - D.P.R. 11 agosto 1971 1,2 Art. 1. Denominazione e vini. La denominazione

Dettagli

Incontro tecnico Marano 5.09.2012

Incontro tecnico Marano 5.09.2012 Incontro tecnico Marano 5.09.2012 Ministero politiche agricole alimentari e forestali ICQRF - Ufficio Dirigenziale di Conegliano 2 L attività di controllo dell Ispettorato consiste in verifiche ed accertamenti,

Dettagli

ISTRUZIONE PER LA COMPILAZIONE DEL DOCUMENTO MVV INDICAZIONI DA RIPORTARE SUL DOCUMENTO

ISTRUZIONE PER LA COMPILAZIONE DEL DOCUMENTO MVV INDICAZIONI DA RIPORTARE SUL DOCUMENTO ISTRUZIONE PER LA COMPILAZIONE DEL DOCUMENTO MVV INDICAZIONI DA RIPORTARE SUL DOCUMENTO Ogni indicazione deve essere apposta in modo da risultare leggibile, anche nel documento allegato al messaggio di

Dettagli

DELIBERAZIONE N X / 4411 Seduta del 30/11/2015

DELIBERAZIONE N X / 4411 Seduta del 30/11/2015 DELIBERAZIONE N X / 4411 Seduta del 30/11/2015 Presidente ROBERTO MARONI Assessori regionali FABRIZIO SALA Vice Presidente VALENTINA APREA VIVIANA BECCALOSSI SIMONA BORDONALI FRANCESCA BRIANZA CRISTINA

Dettagli

LE NUOVE REGOLE IN MATERIA DI CLASSIFICAZIONE ED ETICHETTATURA DEI VINI

LE NUOVE REGOLE IN MATERIA DI CLASSIFICAZIONE ED ETICHETTATURA DEI VINI LE NUOVE REGOLE IN MATERIA DI CLASSIFICAZIONE ED ETICHETTATURA DEI VINI REALIZZATO CON LA COLLABORAZIONE TECNICA DI DINTEC OTTOBRE 2009 PREMESSA La normativa in materia di classificazione ed etichettatura

Dettagli

Etichettatura Indicazione del tenore di zucchero

Etichettatura Indicazione del tenore di zucchero Etichettatura Articolo 58 Indicazione del tenore di zucchero 1. I termini elencati nell allegato XIV, parte A, del presente regolamento, che indicano il tenore di zucchero, figurano sull etichettatura

Dettagli

Enol. Vittorio Portinari. ELEMENTI DI LEGISLAZIONE VITIVINICOLA: LE NORME PER L ETICHETTATURA e LA TRACCIABILITA DEI VINI

Enol. Vittorio Portinari. ELEMENTI DI LEGISLAZIONE VITIVINICOLA: LE NORME PER L ETICHETTATURA e LA TRACCIABILITA DEI VINI Enol. Vittorio Portinari ELEMENTI DI LEGISLAZIONE VITIVINICOLA: LE NORME PER L ETICHETTATURA e LA TRACCIABILITA DEI VINI La nuova classificazione dei vini VINO SENZA DO e IG VINI VINI VARIETALI VINO

Dettagli

TITOLO I DISPOSIZIONI INTRODUTTIVE CAPO I SALVAGUARDIA DEL VINO E DEI TERRITORI VITICOLI. ART. 1. (Patrimonio culturale nazionale).

TITOLO I DISPOSIZIONI INTRODUTTIVE CAPO I SALVAGUARDIA DEL VINO E DEI TERRITORI VITICOLI. ART. 1. (Patrimonio culturale nazionale). ALLEGATO 3 Disciplina organica della coltivazione della vite e della produzione e del commercio del vino. TESTO UNIFICATO ELABORATO DAL COMITATO RISTRETTO E ADOTTATO COME TESTO BASE TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

OGGETTO: Nuove disposizioni relative alla certificazione e controllo dei vini DOC/DOCG ed IGT, in vigore dal 1 agosto 2012 (D.M.

OGGETTO: Nuove disposizioni relative alla certificazione e controllo dei vini DOC/DOCG ed IGT, in vigore dal 1 agosto 2012 (D.M. Alle Aziende interessate Loro Sedi OGGETTO: Nuove disposizioni relative alla certificazione e controllo dei vini DOC/DOCG ed IGT, in vigore dal 1 agosto 2012 (D.M. 14 giugno 2012) G.le Aziende, in riferimento

Dettagli

ORGANISMO PAGATORE REGIONE LOMBARDIA

ORGANISMO PAGATORE REGIONE LOMBARDIA Allegato 1 al decreto n. ORGANISMO PAGATORE REGIONE LOMBARDIA Modalità e condizioni per la presentazione della domanda di contributo per le assicurazioni nel settore OCM Vitivinicolo Campagna 2010 1 Sommario

Dettagli

Basilicata - ARBEA Via della Chimica 85100 POTENZA

Basilicata - ARBEA Via della Chimica 85100 POTENZA Area Coordinamento Via Torino, 45 00184 Roma Prot. N. ACIU.2006.738 Roma lì, 31 ottobre 2006 Al All All All All Alla Alla Alla Alla Alla Al Ministero delle Politiche Agricole e Forestali - Direzione Generale

Dettagli

IL MINISTRO DELLE POLITICHE AGRICOLE ALIMENTARI E FORESTALI

IL MINISTRO DELLE POLITICHE AGRICOLE ALIMENTARI E FORESTALI Decreto 14 giugno 2012 Approvazione dello schema di piano dei controlli, in applicazione dell'articolo 13, comma 17, del decreto legislativo 8 aprile 2010, n. 61, recante la tutela delle denominazioni

Dettagli

SINTESI DELLA PROPOSTA DI RIFORMA DELL OC.M. VINO

SINTESI DELLA PROPOSTA DI RIFORMA DELL OC.M. VINO SINTESI DELLA PROPOSTA DI RIFORMA DELL OC.M. VINO TITOLO I CAMPO DI APPLICAZIONE (Artt. 1 2) La proposta riguarda gli stessi prodotti disciplinati dal Reg (CE) n. 1493/99. In alcuni casi sono cambiati

Dettagli

Organismo Pagatore ARPEA via Bogino, 23 10123 Torino. Organismo Pagatore della P.A. di Bolzano OPPAB 39100 Bolzano

Organismo Pagatore ARPEA via Bogino, 23 10123 Torino. Organismo Pagatore della P.A. di Bolzano OPPAB 39100 Bolzano AREA COORDINAMENTO Tel. 06.49499.1 Fax 06.49499.770 Prot. N. ACIU.2012.314 (CITARE NELLA RISPOSTA) Roma li. 17 luglio 2012 la Organismo Pagatore AGEA Ufficio Monocratico Sede Organismo pagatore AVEPA Via

Dettagli

Ordinanza concernente la viticoltura e l importazione di vino

Ordinanza concernente la viticoltura e l importazione di vino Ordinanza concernente la viticoltura e l importazione di vino (Ordinanza sul vino) Modifica del 23 ottobre 2013 Il Consiglio federale svizzero ordina: I L ordinanza del 14 novembre 2007 1 sul vino è modificata

Dettagli

Allegato 1 Disposizioni regionali attuative della misura investimenti inserita nel programma nazionale di sostegno, relativa all OCM vitivinicolo. Premessa Le presenti disposizioni attuative si riferiscono

Dettagli

SISTEMA INFORMATIVO INTEGRATO PER LA GESTIONE COMPLETA DEL SETTORE VITIVINICOLO

SISTEMA INFORMATIVO INTEGRATO PER LA GESTIONE COMPLETA DEL SETTORE VITIVINICOLO SISTEMA INFORMATIVO INTEGRATO PER LA GESTIONE COMPLETA DEL SETTORE VITIVINICOLO Gestione contabile e commerciale Anagrafici di base: - anagrafici clienti e fornitori; - anagrafico agenti; - anagrafico

Dettagli

IL SISTEMA DI CERTIFICAZIONE E DI CONTROLLO

IL SISTEMA DI CERTIFICAZIONE E DI CONTROLLO IL SISTEMA DI CERTIFICAZIONE E DI CONTROLLO DEI VINI A DENOMINAZIONE DI ORIGINE L ATTIVITÀ DI CONTROLLO ISPETTIVA PRESSO GLI OPERATORI DELLA FILIERA (VITICOLTORI, VINIFICATORI, INTERMEDIARI ED IMBOTTIGLIATORI)

Dettagli

A.V.E.P.A Centro Tommaseo Via N. Tommaseo, 67 C-3 p 35131 Padova Fax 049/7708750 ALL. Via Bogino, 23 10123 Torino FAX 011/3025199

A.V.E.P.A Centro Tommaseo Via N. Tommaseo, 67 C-3 p 35131 Padova Fax 049/7708750 ALL. Via Bogino, 23 10123 Torino FAX 011/3025199 DIRETTORE GENERALE Tel. 06.49499.1 Fax 06.49499.770 Prot. N. DGU.2011.147 (CITARE NELLA RISPOSTA) Roma li. 30 settembre 2011 All All All All ALL All All All Organismo Pagatore AGEA Via Palestro, 81 00185

Dettagli

Adempimenti del deposito fiscale vino

Adempimenti del deposito fiscale vino UFFICIO DELLE DOGANE DI VERONA Adempimenti del deposito fiscale vino Dott. Ing. Nicola Altamura Direttore dell Ufficio Dott. Ing. Giovanni Fedrighi Referente Informatico Marano di Valpolicella (VR), 5

Dettagli

Agli Uffici Periferici. Ufficio II LORO SEDI. Prot n. 21723 pos. 28/4. e p.c. -Sottosegretario On.le Dozzo SEDE -Gabinetto del Ministro SEDE

Agli Uffici Periferici. Ufficio II LORO SEDI. Prot n. 21723 pos. 28/4. e p.c. -Sottosegretario On.le Dozzo SEDE -Gabinetto del Ministro SEDE Roma, 14 maggio 2004 Ufficio II Prot n. 21723 pos. 28/4 OGGETTO: modalità di controllo delle operazioni d elaborazione dei vini spumanti. Agli Uffici Periferici LORO SEDI e p.c. -Sottosegretario On.le

Dettagli

MANUALE UTENTE. www.vitevino.eu. Regione Siciliana PORTALE DEI SERVIZI CERTIFICAZIONI D.O.

MANUALE UTENTE. www.vitevino.eu. Regione Siciliana PORTALE DEI SERVIZI CERTIFICAZIONI D.O. REPUBBLICA ITALIANA Regione Siciliana Codice Fiscale 00261280828 ISTITUTO REGIONALE VINI E OLI DI SICILIA Partita I.V.A. 00261280820 Via Libertà, 66-90143 PALERMO TEL. 091 6278000 FAX 091 307219 irvv@pec.istitutoregionalevitevinosicilia.it

Dettagli

BUONI-ACQUISTO STUPEFACENTI

BUONI-ACQUISTO STUPEFACENTI GUIDA PRATICA PER IL FARMACISTA BUONI-ACQUISTO STUPEFACENTI La vendita o cessione, a qualsiasi titolo, anche gratuito, delle sostanze e dei medicinali compresi nelle tabelle I e II, sezioni A, B e C, è

Dettagli

Giunta Regionale della Campania. Decreto

Giunta Regionale della Campania. Decreto Giunta Regionale della Campania Decreto Dipartimento: Dipartimento della Salute e delle Risorse Naturali N 40 Del Dipart. Direzione G. Unità O.D. 13/02/2015 52 6 11 Oggetto: Campagna vitivinicola 2014/2015

Dettagli

LEGGE COLLAVINI-PREDA

LEGGE COLLAVINI-PREDA LEGGE COLLAVINI-PREDA Norme nazionali per la produzione e vendita dei vini, bevande, sottoprodotti e aceti LEGGE 20 febbraio 2006, n. 82 Disposizioni di attuazione della normativa comunitaria concernente

Dettagli

IL MINISTRO DELLE POLITICHE AGRICOLE ALIMENTARI E FORESTALI

IL MINISTRO DELLE POLITICHE AGRICOLE ALIMENTARI E FORESTALI DECRETO 13 agosto 2012. Disposizioni nazionali applicative del regolamento (CE) n. 1234/2007 del Consiglio, del regolamento applicativo (CE) n. 607/2009 della commissione e del decreto legislativo n. 61/2010,

Dettagli

Carni bovine Regolamento CE 1760/2000 identificazione e registrazione dei bovini etichettatura delle carni bovine disposizioni comuni

Carni bovine Regolamento CE 1760/2000 identificazione e registrazione dei bovini etichettatura delle carni bovine disposizioni comuni Carni bovine Le carni bovine, a seconda della modalità con cui vengono vendute, possono essere sottoposte sia alle norme di carattere generale sull etichettatura dei prodotti alimentari sia a quelle specifiche

Dettagli

Vini da dessert: dalla Vigna al Bicchiere di Romano Satolli Oristano, 19 giugno 2007

Vini da dessert: dalla Vigna al Bicchiere di Romano Satolli Oristano, 19 giugno 2007 Vini da dessert: dalla Vigna al Bicchiere di Romano Satolli Oristano, 19 giugno 2007 Il Dessert è una portata, solitamente ma non sempre dolce, che viene tipicamente servita alla fine del pasto. La parola

Dettagli

IL DECRETO LEGISLATIVO 61/2010: LE NUOVE NORME PER I VINI DI QUALITA

IL DECRETO LEGISLATIVO 61/2010: LE NUOVE NORME PER I VINI DI QUALITA 1 UNIONE NAZIONALE CONSUMATORI COMITATO REGIONALE DELLA LOMBARDIA IL DECRETO LEGISLATIVO 61/2010: LE NUOVE NORME PER I VINI DI QUALITA SOMMARIO Premessa Quadro normativo europeo Quadro normativo nazionale

Dettagli

Il Ministro delle politiche agricole alimentari e forestali

Il Ministro delle politiche agricole alimentari e forestali Decreto n. 7407 del 4 agosto 2010 Modifiche all articolo 5 del decreto ministeriale 27 novembre 2008, n. 5396, concernente Disposizioni di attuazione dei regolamenti (CE) n. 479/2008 del Consiglio e n.

Dettagli

Torino, lì 20 dicembre 2013. Alle imprese interessate. Loro Sedi

Torino, lì 20 dicembre 2013. Alle imprese interessate. Loro Sedi Corso Francia 329 10142 Torino Tel. 011 4343026 011 4345493 Fax 011 4349456 Confcooperative Piemonte Fedagri Corso Francia 329 10142 Torino www.piemonte.confcooperative.it/federazioni.htm www.gestcooper.it

Dettagli

Il Ministro delle politiche agricole alimentari e forestali

Il Ministro delle politiche agricole alimentari e forestali Allegato 1 Sezione I - Modalità di tenuta del registro di cui all art. 7. Vidimazione 1. Il registro è tenuto: a) manualmente ed è costituito da non oltre 200 fogli fissi o da schede contabili mobili da

Dettagli

MOSCATO - ACCORDO DI FILIERA PER LE VENDEMMIE 2014 E 2015 PER ASTI D.O.C.G.

MOSCATO - ACCORDO DI FILIERA PER LE VENDEMMIE 2014 E 2015 PER ASTI D.O.C.G. MOSCATO - ACCORDO DI FILIERA PER LE VENDEMMIE 2014 E 2015 PER ASTI D.O.C.G. La Commissione Interprofessionale per l Accordo Moscato, riunita il giorno 5 settembre 2014 presso la sede dell Assessorato all'agricoltura,

Dettagli

Istruzioni in materia di etichettatura e presentazione dei prodotti alimentari.

Istruzioni in materia di etichettatura e presentazione dei prodotti alimentari. Circ. 12 marzo 2001, n. 166 (G.U. 20 marzo 2001 n.66) Istruzioni in materia di etichettatura e presentazione dei prodotti alimentari. Con circolare n. 165 del 31 marzo 2000, pubblicata nella Gazzetta Ufficiale

Dettagli

Ufficio Monocratico Sede. Organismo pagatore AVEPA Via N. Tommaseo, 63-69 35131 PADOVA. Largo Caduti del Lavoro, 6 40122 BOLOGNA

Ufficio Monocratico Sede. Organismo pagatore AVEPA Via N. Tommaseo, 63-69 35131 PADOVA. Largo Caduti del Lavoro, 6 40122 BOLOGNA DIRETTORE GENERALE Tel. 06.49499.1 Fax 06.49499.770 Prot. N. DGU.2013.786 (CITARE NELLA RISPOSTA) Roma li. 10 ottobre 2013 All All All All All All All All All All Organismo Pagatore AGEA Ufficio Monocratico

Dettagli

Ministero delle Politiche Agricole e Forestali

Ministero delle Politiche Agricole e Forestali 5 aprile 2006 Ministero delle Politiche Agricole e Forestali 391 L Prot. N... Posiz.... Roma... Agli Uffici periferici Ai Laboratori Alla DGT Alla DGA LORO SEDI SEDE e p.c. All Ufficio I/D SEDE OGGETTO:

Dettagli

16 Bollettino Ufficiale

16 Bollettino Ufficiale 16 Bollettino Ufficiale D.d.u.o. 24 aprile 2012 - n. 3605 Direzione centrale Programmazione integrata - Organismo pagatore regionale - OCM vitivinicolo - Reg. (CE) 1234/2007 - Approvazione del manuale

Dettagli

Basilicata - ARBEA Via della Chimica 85100 POTENZA

Basilicata - ARBEA Via della Chimica 85100 POTENZA Area Coordinamento Via Torino, 45 00184 Roma Prot. N. ACIU.2005.668 (CITARE NELLA RISPOSTA) Roma li. 3 novembre 2005 Al Ministero delle Politiche Agricole e Forestali - Direzione Generale delle Politiche

Dettagli

MINISTERO DELLE POLITICHE AGRICOLE E FORESTALI

MINISTERO DELLE POLITICHE AGRICOLE E FORESTALI MINISTERO DELLE POLITICHE AGRICOLE E FORESTALI Decreto Ministeriale 14 ottobre 2010 DISCIPLINARE DI PRODUZIONE DEI VINI A DENOMINAZIONE DI ORIGINE CONTROLLATA E GARANTITA GAVI O CORTESE DI GAVI. (G.U.

Dettagli

NOTE. REGIONE OPERAZIONE Presente nel

NOTE. REGIONE OPERAZIONE Presente nel REGIONE OPERAZIONE Presente nel PSR PIEMONTE 1. Punti vendita aziendali purché non ubicati all interno delle unità produttive, comprensivi di sale di degustazione 1 a ) Investimenti materiali per l esposizione

Dettagli

M I N U T A IL DIRETTORE

M I N U T A IL DIRETTORE M I N U T A Prot. 140839 / R.U. IL DIRETTORE Visto il testo unico delle disposizioni legislative concernenti le imposte sulla produzione e sui consumi e relative sanzioni penali e amministrative approvato

Dettagli

Pacchetto verticale vitivinicolo

Pacchetto verticale vitivinicolo Pacchetto verticale vitivinicolo Descrizione della soluzione Pag. 1 La Cooperativa Seled ha realizzato una completa copertura delle procedure informatiche per Cooperative Vitivinicole in ambiente Windows,

Dettagli

SCHEMA TIPO DI DISCIPLINARE PER LO SVOLGIMENTO DI MERCATI DEL CONTADINO AUTORIZZATI DAL COMUNE DI JESI RISERVATI ALLA VENDITA DIR

SCHEMA TIPO DI DISCIPLINARE PER LO SVOLGIMENTO DI MERCATI DEL CONTADINO AUTORIZZATI DAL COMUNE DI JESI RISERVATI ALLA VENDITA DIR SCHEMA TIPO DI DISCIPLINARE PER LO SVOLGIMENTO DI MERCATI DEL CONTADINO AUTORIZZATI DAL COMUNE DI JESI RISERVATI ALLA VENDITA DIRETTA DA PARTE DEGLI IMPRENDITORI AGRICOLI ai sensi dell art. 4 comma 3 del

Dettagli

2 - SERVIZIO PER LO SVILUPPO E LA DIVERSIFICAZIONE DELLE ATTIVITA AZIENDALI

2 - SERVIZIO PER LO SVILUPPO E LA DIVERSIFICAZIONE DELLE ATTIVITA AZIENDALI 2 - SERVIZIO PER LO SVILUPPO E LA DIVERSIFICAZIONE DELLE ATTIVITA AZIENDALI Responsabile: Dott. Giuseppe Bursi Tel.: 0917076096 E-mail: agri1.serviziosviluppo@regione.sicilia.it Assegnazione corrispondenza

Dettagli

GUIDA RAPIDA AL SERVIZIO

GUIDA RAPIDA AL SERVIZIO COMMERCIALIZZAZIONE DELL OLIO D OLIVA - PROCEDURA DI SUPPORTO AI CENTRI DI ASSISTENZA AGRICOLA (CAA) PER LA GESTIONE DEL REGISTRO DI CARICO E SCARICO DELEGATO GUIDA RAPIDA AL SERVIZIO VERSIONE 2.0 DEL

Dettagli

Allegato 1 SCHEDE BILANCI MINISTERI

Allegato 1 SCHEDE BILANCI MINISTERI Allegato 1 SCHEDE BILANCI MINISTERI SCHEDA BILANCIO MINISTERO DELL INTERNO SCHEDA BILANCIO MINISTERO DELLE POLITICHE AGRICOLE ALIMENTARI E FORESTALI Ministero delle politiche agricole

Dettagli

ART A. Agenzia Regionale Toscana Erogazioni Agricoltura (L.R. 19 novembre 1999, n. 60) Settore Sostegno allo Sviluppo Rurale e Interventi Strutturali

ART A. Agenzia Regionale Toscana Erogazioni Agricoltura (L.R. 19 novembre 1999, n. 60) Settore Sostegno allo Sviluppo Rurale e Interventi Strutturali ART A Agenzia Regionale Toscana Erogazioni Agricoltura (L.R. 19 novembre 1999, n. 60) Settore Sostegno allo Sviluppo Rurale e Interventi Strutturali Decreto n. 33 del 01/04/2015 Oggetto: Reg. CE n. 1308/2013

Dettagli

A.R.T..A.Agenzia Regionale Toscana per le Erogazioni in Agricoltura

A.R.T..A.Agenzia Regionale Toscana per le Erogazioni in Agricoltura Allegato A) al Decreto N. 104 del 22/10/2014 A.R.T..A.Agenzia Regionale Toscana per le Erogazioni in Agricoltura Agenzia Regionale Dichiarazione di vendemmia e di produzione di vino e/o mosto Campagna

Dettagli

RISOLUZIONE OIV-OENO 439-2012

RISOLUZIONE OIV-OENO 439-2012 RISOLUZIONE OIV-OENO 439-2012 PRATICHE ENOLOGICHE SPECIFICHE PER I VINI AROMATIZZATI, LE BEVANDE A BASE DI PRODOTTI VITIVINICOLI E LE BEVANDE A BASE DI VINO L'ASSEMBLEA GENERALE CONSIDERATA la risoluzione

Dettagli

Gazzetta ufficiale delle Comunità europee REGOLAMENTO (CE) N. 884/2001 DELLA COMMISSIONE. del 24 aprile 2001

Gazzetta ufficiale delle Comunità europee REGOLAMENTO (CE) N. 884/2001 DELLA COMMISSIONE. del 24 aprile 2001 L 128/32 10.5.2001 REGOLAMENTO (CE) N. 884/2001 DELLA COMMISSIONE del 24 aprile 2001 che stabilisce modalità di applicazione relative ai documenti che scortano il trasporto dei prodotti vitivinicoli e

Dettagli

AIUTI PER L ARRICCHIMENTO VINI E MOSTI

AIUTI PER L ARRICCHIMENTO VINI E MOSTI AIUTI PER L ARRICCHIMENTO VINI E MOSTI Campagna 2011/2012 PROCEDURE GENERALI PER LA PRESENTAZIONE DELLE DOMANDE DI AIUTO (art. 103 sexvicies reg. CE 1234/2007 e artt. 32-34 reg. CE 555/2008) Approvato

Dettagli

CATEGORIE DEI PRODOTTI VITIVINICOLI INFORMAZIONI PRELIMINARI:

CATEGORIE DEI PRODOTTI VITIVINICOLI INFORMAZIONI PRELIMINARI: CATEGORIE DEI PRODOTTI VITIVINICOLI INFORMAZIONI PRELIMINARI: 1) Zone viticole Italiane L allegato IX del Reg. 479/2008 riporta l indicazione delle zone viticole comunitarie. Di seguito si riporta quella

Dettagli

Prot. n. 35 Reg. n. 35 DETERMINAZIONE DEL DIRETTORE

Prot. n. 35 Reg. n. 35 DETERMINAZIONE DEL DIRETTORE Prot. n. 35 Reg. n. 35 Strembo, 16 marzo 2015 DETERMINAZIONE DEL DIRETTORE Oggetto: Affidamento alla Società PC-Copy S.r.l. di Tione di Trento relativo all incarico di erogazione del servizio di Gestione

Dettagli

Forspedg.NET MIPAAF.NET Forspedg.NET MIPAAF.NET

Forspedg.NET MIPAAF.NET Forspedg.NET MIPAAF.NET Forspedg.NET pag. 1 di 9 1. Introduzione Il MIPAAF (Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali) ha emanato in data 08/01/2015, con Protocollo n. 11, le disposizioni relative alla dematerializzazione

Dettagli

Il sottoscritto nato a il. Responsabile legale dell azienda. C.F/P.IVA sita in comune di Prov. D I C H I A R A

Il sottoscritto nato a il. Responsabile legale dell azienda. C.F/P.IVA sita in comune di Prov. D I C H I A R A DICHIARAZIONE INTEGRATIVA ALLA NOTIFICA RELATIVA ALL IMPEGNO DELL OPERATORE E ALLE MISURE CONCRETE E PRECAUZIONALI PER LE AZIENDE DI PREPARAZIONE secondo l Articolo 63 del Reg CE n.889/2008 (in attuazione

Dettagli

Risposte alle domande più frequenti sul registro Provvisorio e l accesso al SIAN 28/02/2014. Pagina 1 di 45

Risposte alle domande più frequenti sul registro Provvisorio e l accesso al SIAN 28/02/2014. Pagina 1 di 45 Argomento Domanda Risposta 1 Oli a DOP/IGP Registro provvisorio Registro telematico Con l'entrata in applicazione del Reg. (UE) 299/2013 a far data 1 gennaio 2014, si chiede un chiarimento circa la corretta

Dettagli

REGIONE LIGURIA - Giunta Regionale Dipartimento Agricoltura, Sport, Turismo e Cultura Politiche Agricole e della Pesca - Settore

REGIONE LIGURIA - Giunta Regionale Dipartimento Agricoltura, Sport, Turismo e Cultura Politiche Agricole e della Pesca - Settore Disposizioni regionali attuative della MISURA INVESTIMENTI del Programma Nazionale di Sostegno (PNS) dell OCM vitivinicola per la annualità 2014. Premessa. L Organizzazione Comune del Mercato vitivinicolo

Dettagli

SOTTOMISURA 9.1. Costituzione di associazioni e organizzazioni di produttori nei settori agricolo e forestale.

SOTTOMISURA 9.1. Costituzione di associazioni e organizzazioni di produttori nei settori agricolo e forestale. SOTTOMISURA 9.1 Costituzione di associazioni e organizzazioni di produttori nei settori agricolo e forestale. La Sottomisura intende favorire la costituzione di Associazioni e Organizzazioni di Produttori

Dettagli

Regimi I.V.A. in Agricoltura Slides Corso di Economia Agraria Corso di Laurea in Scienze e Tecnologie Agrarie

Regimi I.V.A. in Agricoltura Slides Corso di Economia Agraria Corso di Laurea in Scienze e Tecnologie Agrarie Regimi I.V.A. in Agricoltura Slides Corso di Economia Agraria Corso di Laurea in Scienze e Tecnologie Agrarie 1 REGIMI I.V.A. AGRICOLTURA REGIME SPECIALE REGIME DI ESONERO REGIME ORDINARIO 2 REGIMI SPECIALI

Dettagli

D.M. 1 luglio 1957. (pubbl. in Gazz. Uff. n. 175 del 15 luglio 1957).

D.M. 1 luglio 1957. (pubbl. in Gazz. Uff. n. 175 del 15 luglio 1957). D.M. 1 luglio 1957. Norme per la concessione delle licenze di produzione e imbottigliamento del vermouth e degli altri vini aromatizzati e per la vigilanza sulla preparazione e sul commercio dei detti

Dettagli

RISOLUZIONE N. 81/E. Direzione Centrale Normativa Roma, 25 settembre 2015

RISOLUZIONE N. 81/E. Direzione Centrale Normativa Roma, 25 settembre 2015 RISOLUZIONE N. 81/E Direzione Centrale Normativa Roma, 25 settembre 2015 OGGETTO: Interpello - ART. 11, legge 27 luglio 2000, n. 212 Comunicazione del luogo di conservazione in modalità elettronica dei

Dettagli

MODALITÀ DI TENUTA DEL REGISTRO DEMATERIALIZZATO

MODALITÀ DI TENUTA DEL REGISTRO DEMATERIALIZZATO ALLEGATO 2 (art. 3, comma 3) MODALITÀ DI TENUTA DEL REGISTRO DEMATERIALIZZATO Sommario 1. DISPOSIZIONI GENERALI... 2 2. MODALITA DI TRASMISSIONE DEI DATI... 3 2.1. IL SISTEMA ON-LINE... 3 2.2. IL SISTEMA

Dettagli

SISTRI quesiti ricorrenti Aggiornato al 9 ottobre 2013

SISTRI quesiti ricorrenti Aggiornato al 9 ottobre 2013 SISTRI quesiti ricorrenti Aggiornato al 9 ottobre 2013 Quesito Primo avvio di SISTRI 1 Come devono essere gestiti i rifiuti in giacenza presso l impianto (di produzione o di trattamento) al momento di

Dettagli

ISTRUZIONI PER L APPLICAZIONE DELL ARTICOLO 3 QUATER DELLA L.R. N. 39/80

ISTRUZIONI PER L APPLICAZIONE DELL ARTICOLO 3 QUATER DELLA L.R. N. 39/80 ISTRUZIONI PER L APPLICAZIONE DELL ARTICOLO 3 QUATER DELLA L.R. N. 39/80 Testo elaborato dal Bozza del: 5 luglio 2006 1 Titolo IX bis Del sistema di controllo di cui all art. 3 quater Articolo 46: definizioni

Dettagli

AIUTI PER L ARRICCHIMENTO VINI E MOSTI

AIUTI PER L ARRICCHIMENTO VINI E MOSTI AIUTI PER L ARRICCHIMENTO VINI E MOSTI Campagna 2010/2011 MANUALE DELLE ISTRUZIONI PER LA PRESENTAZIONE DELLE DOMANDE DI AIUTO (art. 103 sexvicies reg. CE 1234/2007 e artt. 32-34 reg. CE 555/2008) Approvato

Dettagli

Ministero della Pubblica Istruzione Dipartimento per l Istruzione Direzione Generale per gli Ordinamenti Scolastici

Ministero della Pubblica Istruzione Dipartimento per l Istruzione Direzione Generale per gli Ordinamenti Scolastici Ministero della Pubblica Istruzione Dipartimento per l Istruzione Direzione Generale per gli Ordinamenti Scolastici Art. 1 Facendo seguito alla convenzione tra il Dipartimento per lo Sviluppo dell Istruzione

Dettagli