UNIPEG PER Rispettare, preservare, costruire il futuro. L'AMBIENTE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "UNIPEG PER Rispettare, preservare, costruire il futuro. L'AMBIENTE"

Transcript

1 UNIPEG PER Rispettare, preservare, costruire il futuro. L'AMBIENTE

2 A cura di: Unipeg Soc. Coop. Agricola www assofood1946.it Sedi: Strada Chiaviche, 36/A Pegognaga (MN) Tel Fax Via Due Canali, Reggio Emilia Tel Fax Via della Pace, 6/c Castelnuovo Rangone (MO) Tel Fax Progetto grafico e coordinamento editoriale: La Lumaca Soc. Coop. Per la realizzazione di questa pubblicazione è stata utilizzata carta certificata FSC proveniente da foreste gestite correttamente Finito di stampare nel mese di dicembre 2013

3 «Una storia che affonda le sue radici nel principio cooperativo di responsabilità intergenerazionale» PRIMO CAPITOLO: PREMESSA UNIPEG PER L'AMBIENTE Primo capitolo Premessa 1

4 UNIPEG PER L'AMBIENTE Primo capitolo Premessa SOMMARIO 1 PRIMO CAPITOLO: PREMESSA ISTITUZIONALE 4 Lettera del Presidente UNIPEG PER L'AMBIENTE Secondo capitolo Presentazione dell impresa 6 Guida alla lettura 7 SECONDO CAPITOLO: PRESENTAZIONE DELL IMPRESA 8 La nostra storia, la nostra identità 10 La migliore governance, per migliorare insieme 16 UNA FILIERA CONTROLLATA E SICURA Oltre 800 soci-allevatori Unipeg sono il primo tassello di una fi liera interamente controllata. Sono loro che, con una potenzialità di oltre posti-stalla, allevano i bovini sui rigorosi capitolati di produzione Unipeg, basati su una politica di prevenzione che evita l uso indiscriminato di farmaci e ha il divieto assoluto di utilizzare promotori della crescita. I Disciplinari di Produzione guidano gli allevatori nell alimentazione dei bovini che dev essere esclusivamente vegetale e determinano i requisiti strutturali delle stalle di allevamento. Al centro c è il benessere degli animali e la soddisfazione del consumatore. Un severo piano di controlli con visite ispettive è condotto nei laboratori interni dai tecnici specializzati in collaborazione con il Sistema Sanitario competente. Controlli biologici, chimici e istologici sono effettuati in tutte le fasi del ciclo produttivo: sui mangimi per l alimentazione del bestiame, sull acqua di abbeverata, sulle carni durante la macellazione e la lavorazione. Impianti di macellazione all avanguardia per automazione, linee di disosso e di confezionamento ad alta tecnologia, rigorosi sistemi di controllo della produzione, permettono di raggiungere gli elevati standard qualitativi prefi ssati da Unipeg. 12 Le sedi: vicini a voi, vicini all ambiente 14 I settori e le attività: qualità al primo posto Una filiera controllata e sicura Tracciabilità totale, una certezza «Al passo per il consumatore con la tecnologia: questa la fi losofi 20 Innovare: a che immaginare anima il Unipeg» futuro con nuove idee 21 Una qualità certificata, una passione autentica 23 TERZO CAPITOLO: LA SOSTENIBILITÀ AMBIENTALE 24 La solidarietà intergenerazionale: principio cooperativo per un futuro migliore 26 La filiera Unipeg: dalla parte del pianeta 28 La tutela ambientale come migliore strategia 30 Rifiuti? Preferiamo chiamarli risorse ,3 tonnellate CO 2-19,5 tonnellate CO 2-64,9 tonnellate CO 2 FERRO E ACCIAIO 33 Meno rifiuti, più ambiente ALLUMINIO PLASTICA IMBALLAGGI CARTA E CARTONE 2

5 34 Il progetto Green Energy: tanto si consuma, tanto si produce 46 Per non sprecare nemmeno una goccia 48 Abbassiamo il volume, alziamo l ambiente 49 L abbattimento delle emissioni odorigene 50 Muoversi insieme all ambiente 36 Biogas, investimento sostenibile per il presente e il futuro 38 Avere e dare di più con la cogenerazione 40 Ridurre le emissioni di CO 2 come scelta responsabile 41 Investiamo in un futuro più verde 42 Acqua, un bene prezioso L'ACqUA È Un VALORe di TUTTI 44 I Il trattamento controlli: delle acque ha ciò un'importanza che primaria utilizziamo lo per risolvere il problema del fabbisogno idrico della nostra società. Prima che un'acqua possa essere restituiamo considerata pura ed avere le caratteristiche puro per all ambiente essere rilasciata sui corsi idrici superfi ciali, deve rispondere a rigorosi parametri igienico-sanitari fi sici e chimici, che gli impianti di depurazione Unipeg assicurano. Reggio Emilia DEPURATORI + Pegognaga (MN) = I due depuratori degli stabilimenti di Reggio Emilia e Pegognaga (MN) hanno una portata di m 3 di acqua al giorno e arrivano ad assicurare un trattamento idrico giornaliero di una città di abitanti. I due depuratori di Unipeg assicurano un trattamento idrico giornaliero di una città come Cremona abitanti equivalenti UNIPEG PER L'AMBIENTE Quarto capitolo Obiettivi futuri 58 NON SMETTIAMO MAI 52 Dare più energia al futuro e consumarne DI MIGLIORARE meno In Unipeg è normale voler perfezionare ogni cosa e affi nare le tecniche per ridurre l'impatto ambientale. Ogni giorno è un'occasione per trovare nuove soluzioni e porsi altri obiettivi da raggiungere. È questo il segreto del miglioramento continuo, perché porsi nuovi obiettivi porta a realizzarli. anche i prossimi anni saranno ricchi di innovazione 54 Tanti progetti per proteggere e sviluppo. l'ambiente UnA strada GIà TRACCIATA Un preciso piano di obiettivi e puntuali verifi che del 57 loro raggiungimento QUARTO sono la base per ottenere CAPITOLO: importanti traguardi. È proprio così che si è raggiunta OBIETTIVI FUTURI «Darsi sempre nuovi obiettivi, raggiungerli 58 e ripartire Non smettiamo con nuovi traguardi mai migliorare da conquistare» La storia dei nostri successi, è storia di Cooperazione. 61 QUINTO CAPITOLO: UNIPEG Soc. Coop. Agricola - Sede Legale - via Due Canali, Reggio Emilia, Italy - tel Sede operativa - strada Chiaviche, Pegognaga (MN), Italy - tel l autonomia energetica. Ma non fi nisce qui, perché In Unipeg è chiaro cosa si vuole essere e la direzione verso la quale andare: la riduzione delle emissioni in atmosfera, dei consumi idrici ed energetici, il miglioramento del trattamento dei fanghi, il contenimento del rumore e degli odori e la mobilità sostenibile sono solo alcuni dei prossimi investimenti ambientali per continuare a migliorare. 59 I programmi ambientali dei prossimi anni GLOSSARIO AMBIENTALE A4 Asso.indd 1 29/04/ UNIPEG PER L'AMBIENTE Primo capitolo Premessa 20 mg/l 2 mg/l 1200 mg/l 15 mg/l 0,6 mg/l 0,1 mg/l LIMITI DI LEGGE ambientale 3

6 Lettera del Presidente In Unipeg siamo sempre partiti dall idea di fondo che il successo di un impresa, per essere solido e duraturo, deve necessariamente mettere al centro la persona e, di conseguenza, l ambiente. Scegliere di avere tra le priorità principali lo sviluppo sostenibile significa tutelare il consumatore di oggi e di domani, fare un economia giusta e sana, realizzare prodotti di qualità e valorizzare il lavoro dei nostri soci, ma anche essere un impresa responsabile, in grado di fidelizzare il rapporto con gli stakeholder del territorio, oltre che con i propri clienti. Investire in un economia in equilibrio compatibile con le risorse naturali vuol dire anche creare innovazione, fare sviluppo, promuovere la crescita, tutte sfide che un impresa leader nel settore delle carni bovine come Unipeg non poteva certo mancare. UNIPEG PER L'AMBIENTE Primo capitolo Premessa Tutto ciò ci ha spinto, da sempre, a percorrere la strada della responsabilità sociale partendo dal punto di vista etico oltre che ambientale, perché è questo l unico modo che conosciamo di fare impresa, ed è questa la strada che vogliamo continuare a percorrere insieme. Il Presidente Fabrizio Guidetti 4

7 «Fare scelte innovative, in equilibrio con i ritmi naturali, dove al centro ci sono i nostri soci e il consolidamento del patrimonio aziendale» INTRODUZIONE UNIPEG PER L'AMBIENTE Primo capitolo Premessa 5

8 GUIDA ALLA LETTURA Questa è la storia delle scelte ambientali di Unipeg. È un racconto per illustrare le azioni di sostenibilità che hanno portato l impresa a raggiungere l autonomia energetica e a ridurre l impronta ecologica. Ma è solo l inizio. Anche oggi Unipeg continua a scrivere questa storia, giorno dopo giorno, per raggiungere traguardi ambientali sempre più importanti. Necessariamente, i dati qualitativi e quantitativi riportati fanno riferimento al 2012 e sono raccontati nel modo più semplice e chiaro possibile. Il perimetro di rendicontazione di questa pubblicazione comprende i due stabilimenti Unipeg di Reggio Emilia e di Pegognaga (MN). I contenuti tecnici sono ricchi di info-grafiche, rappresentazioni visuali dei dati attraverso l uso di disegni che permettono una lettura facilitata ed immediata delle informazioni. UNIPEG PER L'AMBIENTE Primo capitolo Premessa Si è scelto di usare codici comunicativi accessibili anche da coloro che non hanno una conoscenza approfondita dell impresa e delle sue attività, così come del tema ambientale. Si è anche deciso di dare spazio alle fotografie, alle illustrazioni e alle tabelle, per agevolare la comprensione delle informazioni, arricchire il testo e facilitare la memorizzazione dei contenuti. Anche i diagrammi di flusso, utilizzati per rappresentare i cicli prodottivi o di lavoro, rispondono alla stessa logica. Il risultato è una presentazione chiara ed equilibrata della performance di sostenibilità dell organizzazione che risponde ai principi di chiarezza, trasparenza, responsabilità e completezza delle informazioni nei confronti dei soci e degli stakeholder sia interni che esterni. Leonardo Benatti Responsabile Area Energia Ambiente 6

9 «Amiamo il nostro passato, crediamo nel presente, immaginiamo il futuro. Cooperatori, prima di tutto» SECONDO CAPITOLO: PRESENTAZIONE DELL'IMPRESA UNIPEG PER L'AMBIENTE Secondo capitolo Presentazione dell impresa 7

10 LA NOSTRA STORIA, LA NOSTRA IDENTITÀ Unipeg nasce nel 2004 dall unificazione di Unicarni scrl e MCLC Pegognaga scrl. Dall esperienza più che cinquantennale delle 2 aziende cooperative, Unipeg diventa la prima azienda cooperativa del settore delle carni bovine in Italia, con oltre 800 soci, più di 600 persone occupate e un fatturato di oltre 400 milioni di euro. In continuità con le esperienze professionali e i valori aziendali, nel 2011 acquisisce l azienda Castelcarni, che trasforma in ASSOFOOD nel gennaio 2013, una delle realtà più innovative in Italia nel settore degli elaborati di carne. Oggi, il Gruppo Unipeg distribuisce i propri prodotti su tutto il territorio nazionale con i marchi CarniAsso Allevatori Italiani in Filiera, Fiocco Rosa e Oasi Natura UNIPEG PER L'AMBIENTE Secondo capitolo Presentazione dell impresa Unicarni scrl REGGIO EMILIA NASCE UNIPEG + MCLC PEGOGNAGA scrl 50 ANNI DI ESPERIENZA Da sempre la cooperativa valorizza i propri soci attraverso il consolidamento della base patrimoniale e il posizionamento come azienda leader in Italia. Ogni giorno Unipeg migliora la qualità verso i clienti, apporta valore ai propri associati, sceglie le soluzioni più giuste per creare sviluppo professionale e benessere sociale, perché la storia dei successi Unipeg è storia di cooperazione e di valori come: trasparenza, intergenerazionalità, tutela del territorio, sviluppo delle comunità locali, lavoro e solidarietà. ACQUISIZIONE DI CASTELCARNI + = NASCE ASSOFOOD «Solo chi conosce la propria storia può costruire il proprio futuro» 8

11 Il primo Statuto e l Atto Costitutivo dell Azienda Cooperativa per la Macellazione e Lavorazione Carni (ACM) del 6 agosto 1946: sono i primi passi della storia Unipeg VISION VALORI Unipeg rappresenta l azienda leader italiana del settore delle carni fresche. La cooperativa è cresciuta e vuole continuare a crescere, con e grazie ai soci, clienti, collaboratori, fornitori e territorio in cui opera. MISSION Unipeg, dal 1946, opera quotidianamente per la valorizzazione del prodotto dei soci e del consolidamento del patrimonio sociale aziendale. La corretta gestione ed il massimo controllo dei passaggi della filiera, sono impegni fondamentali per garantire qualità e bontà dei prodotti. Unipeg, con la sua gamma prodotti e organizzazione, rappresenta la soluzione per le esigenze del cliente e del mercato. Partner dei propri soci e dei clienti Essere un punto di riferimento per offrire ascolto costante e supporto. Trasparenza Comunicare con sincerità e chiarezza verso tutti gli interlocutori. Continuità intergenerazionale del patrimonio sociale Essere un impresa costruita per durare nel tempo, che crei valore per i propri soci. Presenza sul territorio e relazioni con le comunità locali Migliorare la società, tutelare l ambiente delle generazioni presenti e future, valorizzare e non sprecare le risorse disponibili. Qualificazione e sviluppo del lavoro Assicurare e creare occupazione, promuovere la crescita professionale dei propri soci e dipendenti. Accrescimento del valore di Unipeg Consolidare le conoscenze per migliorarsi e migliorare costantemente. Solidarietà Assicurare percorsi virtuosi a sostegno dello sviluppo reciproco, promuovere lo sviluppo sociale e la valorizzazione della persona. UNIPEG PER L'AMBIENTE Secondo capitolo Presentazione dell impresa I brand con cui il Gruppo Unipeg distribuisce i propri prodotti 9

12 LA MIGLIORE GOVERNANCE, PER MIGLIORARE INSIEME In questi anni Unipeg è stata protagonista di un percorso di rinnovamento del proprio modello di Governance, in coerenza con i principi fondamentali cooperativi dello scambio mutualistico e della partecipazione del socio al governo dell impresa. Iniziato già dal 2011, il percorso ha valorizzato al meglio il coinvolgimento di tutti i soci agli obiettivi aziendali per migliorare il funzionamento dell impresa. Il Consiglio di Amministrazione interamente composto da soci, la costituzione di specifiche Commissioni tematiche, il rafforzamento dei sistemi di controllo, la collaborazione con l Università di Modena e Reggio Emilia per analizzare, verificare e migliorare costantemente, sono solo alcune tappe verso una Governance più partecipata e trasparente che ha portato a: 1. Rinnovare il Consiglio di Amministrazione. 2. Ridurre i membri del consiglio da 26 a Favorire un ricambio intergenerazionale progressivo e costante. 4. Rinnovare le Commissioni ampliando la partecipazione sociale. 5. Migliorare il sistema di Governance con verifiche e analisi specifiche. In Unipeg, il perfezionamento della Governance è un processo costante, volto al miglioramento continuo, in armonia con i valori della cooperazione. UNIPEG PER L'AMBIENTE Secondo capitolo Presentazione dell impresa «Coinvolgere tutti i soci agli obiettivi aziendali per migliorare il funzionamento dell impresa» IL RUOLO DELLA PROPRIETà Una maggiore partecipazione del socio nella vita dell impresa Soci Assemblea dei soci Elezione CDA Elezione Commissioni Indirizzo e controllo obiettivi aziendali Management aziendale Approfondimento e confronto con la Direzione 10

13 LE SOCIETÀ CONTROLLATE E COLLEGATE Stabilimento Reggio Emilia Stabilimento Pegognaga (MN) Piattaforme Log. N 8 Stab. Castelnuovo Rangone (MO) Una delle Assemblee di Bilancio della cooperativa Unipeg Partecipazioni: Istituzionali, Finanziarie, Culturali, Solidarietà COOPERARE BOOREA FINPRO CCFS PARCO Principali Società Controllate e/o Partecipate AGM ASSOFOOD FARM SERVICE GEPRAL PARADISO DI DANTE QUANTA Stock and Go QUINTOVALORE RAMA CARNI SARDINIA CARNI UNIALLEVA UNISICILIA UNITEA VALTENNA CARNI UNIPEG PER L'AMBIENTE Secondo capitolo Presentazione dell impresa 11

14 LE SEDI: VICINI A VOI, VICINI ALL AMBIENTE Gli stabilimenti Unipeg sono a Reggio Emilia in via Due Canali 13, a pochi chilometri dall'uscita dell autostrada A1 e a Pegognaga in Strada Chiaviche 36/A, vicino all autostrada A22. RAMA CARNI SRL Varese UNIPEG Reggio Emilia UNIPEG PEGOGNAGA Mantova ASSOFOOD Castelnuovo Rangone (MO) VALTENNA CARNI SRL Fermo UNIPEG PER L'AMBIENTE Secondo capitolo Presentazione dell impresa Nello stabilimento di Reggio Emilia una piattaforma logistica è in grado di fornire ai clienti della grande distribuzione un servizio globale per tutti i tipi di carne. A Pegognaga (MN) è stato avviato l innovativo progetto Green Energy con la centrale di biogas e la modernissima centrale di cogenerazione. Dalle proprie sedi Unipeg distribuisce i suoi prodotti direttamente, o attraverso la sua rete capillare di agenti, ad oltre punti vendita distribuiti su tutto il territorio nazionale. Una logistica sicura, rapida e puntuale, che riduce le distanze tra produzione e cliente finale ed è in grado di assicurare la catena del freddo e tanta qualità. SARDINIA CARNI SRL Olbia «Le persone: le vere protagoniste dei nostri successi» I soci e la mutualità: anello prezioso della filiera In Italia Unipeg rappresenta la parte più qualificata della zootecnia bovina da carne ed è leader nella commercializzazione delle carni bovine allevate verso il normal trade e la Grande Distribuzione Organizzata. Proprio per questo, il suo scopo mutualistico consiste nell essere la miglior soluzione per valorizzare il lavoro dei propri soci allevatori. Per assicurare tutto ciò, la cooperativa ricerca costantemente partner interessanti che offrano le migliori condizioni di mercato per il bestiame allevato dai propri soci e che svolgano la loro attività in aree commercialmente strategiche, per ridurre le distanze tra produzione e cliente finale e offrire il servizio più efficiente. Soci 2012 VALTENNA CARNI SRL Salerno Emilia-Romagna Numero soci 272 Ordinari 214 Sovventori 58 Capitale soc. versato ( )* Soci prestatori 63 Prestito da soci ( ) Soci conferenti 153 * dati al netto delle quote da rimborsare ai soci receduti UNISICILIA SRL Catania 12

15 Un personale esperto al vostro servizio La lavorazione delle carni bovine richiede una perfetta conoscenza dell'arte della macelleria, che in Unipeg è più che cinquantennale. Sezionare un capo con perizia, trattarlo e confezionarlo sapientemente, farlo arrivare sulle tavole nella sua forma migliore è il modo giusto per assicurare i massimi standard di settore e la soddisfazione del cliente. Nei 2 stabilimenti di produzione Unipeg di Reggio Emilia e Pegognaga lavorano più di 600 persone altamente qualificate. Sono loro che assicurano ogni giorno quell omogeneità e distintività di prodotto che soddisfa i clienti più evoluti ed esigenti. Numero di addetti e collaboratori Gruppo Unipeg/Assofood Numero di addetti e collaboratori interessati dalle attività di formazione nel 2012 Formazione costante, miglioramento continuo Un programma di formazione continua assicura il costante aggiornamento professionale del personale su temi quali: sicurezza, benessere animale, politiche ambientali, qualità, innovazione e organizzazione aziendale. Le politiche di attenzione alla persona, gli investimenti in sicurezza e formazione sono importanti azioni nel processo di sensibilizzazione del personale, per consolidare la cultura della prevenzione e contrastare gli infortuni sul lavoro. Lombardia Veneto Altre regioni Totale Stabilimento di Reggio Emilia e Pegognaga (MN) Ore di formazione nel 2012 Stabilimento di Reggio Emilia e Pegognaga (MN) La Cooperativa gestisce 2 rapporti mutualistici con i soci: Il conferimento di bestiame bovino per la macellazione L acquisto di baliotti e di bestiame da ristallo ceduti ai soci allevatori per l ingrasso Attività principale Attività marginale UNIPEG PER L'AMBIENTE Secondo capitolo Presentazione dell impresa 13

16 I SETTORI E LE ATTIVITÀ: QUALITÀ AL PRIMO POSTO Fatturato per canale G. D. 33,13% Normal Trade 21,23% D. O. 17,37% Grossisti 16,85% Industria 8,80% Altri 1,33% Estero 1,29% UNIPEG PER L'AMBIENTE Secondo capitolo Presentazione dell impresa 14 Con la garanzia di bestiame proveniente da allevamenti italiani, Unipeg copre tutta la gamma di prodotti richiesta dal mercato delle carni bovine: carni in osso carni disossate in sottovuoto carni porzionate carni biologiche La flessibilità che contraddistingue i conferimenti di bestiame (ad es. diversità delle razze), le lavorazioni, le modalità di confezionamento e distribuzione, garantisce a ciascun cliente una produzione personalizzata e un "servizio globale" su misura. Macellazione e lavorazione delle carni vengono effettuate nei due stabilimenti di Pegognaga (MN) e Reggio Emilia, con una capacità produttiva complessiva di oltre capi macellati all'anno e Kg a settimana di carni disossate. La cooperativa fornisce all'industria alimentare una serie di prodotti altamente qualificati, in particolare: semilavorati omogeneizzati per baby food carni macinate fresche e congelate con tecnologie IQF carni certificate NO OGM fresche e congelate carni fresche di suino, di ovino e di equino «La visione moderna di un mestiere antico» FATTURATO (IN MILIONI DI EURO)

17 Carni Asso : genuina gastronomia italiana Nel 2011 Unipeg ha scelto il nome storico "Carni Asso" come nuovo brand per identificare la linea di carni provenienti dagli allevamenti dei soci che aderiscono al Disciplinare di Produzione e destinate alle macellerie tradizionali e alla piccola distribuzione organizzata. Macellazioni Unipeg nel corso del 2012 ha macellato complessivamente capi. La cooperativa concentra la sua attività su prodotti nobili e ad alta qualità come il vitellone, la scottona e il vitello a carne bianca, che rappresentano circa il 10% del mercato nazionale. Macellazioni (n capi e PERC.) Scottone Vacche Vitelli Vitelloni ,38% 15,2% 29,7% 40,72% totale Rapporti con I fornitori, la miglior garanzia dell'alta qualità Il successo di Unipeg parte dai fornitori, partner sicuri per ottenere il rispetto dei migliori standard qualitativi. La cooperativa seleziona i capi di bovino da una ristretta cerchia di allevamenti in cui sono i soci gli assoluti protagonisti, perché conferiscono circa l 80% del prodotto nobile, come il vitellone, la scottona e il vitello. Anche per loro, già dal 2009, è iniziato il progetto Buone prassi di allevamento per: fornire informazione e formazione agli allevatori soci in materia di ambiente, benessere animale e sicurezza sul lavoro assicurare il miglioramento continuo realizzare visite ispettive e controlli a garanzia del patto di fiducia che Unipeg ha stretto con i suoi clienti Conferimenti 2012 Sulla strada della valorizzazione del territorio sono presenti anche i progetti di filiera del Piano di Sviluppo Rurale. Negli ultimi anni la cooperativa e oltre 50 aziende socie di Veneto, Emilia-Romagna e Lombardia hanno ultimato o stanno ultimando, in collaborazione con le Università di Padova, Parma e Milano, investimenti aziendali per accrescere il valore aggiunto dei prodotti agricoli, sviluppare nuovi prodotti, processi e tecnologie, ammodernare le aziende agricole e promuovere l innovazione. Sono 3 i progetti di filiera che coinvolgono Unipeg e le aziende socie, per un totale di , di cui sono stati investiti in progetti già conclusi positivamente. Allevatori soci Altri allevatori Totale 72% 28% 100% UNIPEG PER L'AMBIENTE Secondo capitolo Presentazione dell impresa 15

18 UNA FILIERA CONTROLLATA E SICURA Oltre 800 soci-allevatori Unipeg sono il primo tassello di una filiera interamente controllata. Sono loro che, con una potenzialità di oltre posti-stalla, allevano i bovini sui rigorosi capitolati di produzione Unipeg, basati su una politica di prevenzione che evita l uso indiscriminato di farmaci e ha il divieto assoluto di utilizzare promotori della crescita. 800 UNIPEG PER L'AMBIENTE Secondo capitolo Presentazione dell impresa I Disciplinari di Produzione guidano gli allevatori nell alimentazione dei bovini che dev essere esclusivamente vegetale e determinano i requisiti strutturali delle stalle di allevamento. Al centro c è il benessere degli animali e la soddisfazione del consumatore. Un severo piano di controlli con visite ispettive è condotto nei laboratori interni dai tecnici specializzati in collaborazione con il Sistema Sanitario competente. Controlli biologici, chimici e istologici sono effettuati in tutte le fasi del ciclo produttivo: sui mangimi per l alimentazione del bestiame, sull acqua di abbeverata, sulle carni durante la macellazione e la lavorazione. Impianti di macellazione all avanguardia per automazione, linee di disosso e di confezionamento ad alta tecnologia, rigorosi sistemi di controllo della produzione, permettono di raggiungere gli elevati standard qualitativi prefissati da Unipeg «Al passo con la tecnologia: questa la filosofia che anima Unipeg» 16

19 Il disciplinare di etichettatura La missione primaria di Unipeg è dare al cliente un prodotto a "Qualità Totale". Proprio per questo il valore aggiunto della filiera Unipeg è nella capacità di organizzare, coordinare e controllare con perizia tutte le attività produttive, per dare al punto vendita e al consumatore la garanzia della salubrità, genuinità e freschezza totale della carne. Per raggiungere questi obiettivi Unipeg utilizza anche il Disciplinare di Etichettatura. È questo lo strumento previsto dal Reg. CE 1760/00 che autorizza lo stabilimento di macellazione a stampare in etichetta informazioni aggiuntive rispetto a quelle obbligatorie. L applicazione del Disciplinare di Etichettatura, controllato da CSQA Certificazioni Srl, assicura così che ogni soggetto della filiera dimostri, attraverso la registrazione dei dati di identificazione, la rintracciabilità del capo, per garantire al consumatore la veridicità delle informazioni riportate sull'etichetta. Le linee di etichettatura, completamente automatiche, dotate di metal detector, bilance e prezzatrici, sono all avanguardia per rapidità e sicurezza alimentare Alcuni dei prodotti confezionati da Assofood per la linea Oasi Natura Il DISCIPLINARE DI PRODUZIONE impegna l allevatore a rispettare i seguenti parametri: Identificazione e rintracciabilità di ogni capo di bestiame Alimentazione dei bovini esclusivamente di origine vegetale Benessere degli animali Tipologia e requisiti strutturali delle stalle di allevamento Divieto assoluto dell'utilizzo di promotori di crescita Le principali informazioni facoltative del DISCIPLINARE DI ETICHETTATURA Unipeg (codice univoco nazionale IT080ET): Denominazione Unipeg e sedi degli stabilimenti di macellazione e sezionamento Categoria dell animale (esempio: vitellone, scottona, ecc. ) Data di nascita e/o età dell animale Razza o tipo genetico Denominazione e sede dell allevamento di provenienza Data di ingresso dei bovini in allevamento e tipo di alimentazione Data di macellazione Denominazione e sede del punto vendita che espone carne Unipeg UNIPEG PER L'AMBIENTE Secondo capitolo Presentazione dell impresa 17

20 TRACCIABILITÀ TOTALE, UNA CERTEZZA PER IL CONSUMATORE Unipeg garantisce la completa tracciabilità delle proprie carni in ogni fase della lavorazione: dall'allevamento, alla macellazione, alla sezionatura fino al punto vendita. Il sistema di tracciabilità certificato registra e fornisce una quantità di dati relativi all animale ben superiore a quelli previsti per norma di legge. Un tag RFID (Radio Frequency IDentification o Identificazione a radio frequenza) abbinato al capo ad inizio lavorazione, accompagna la carne fino al suo confezionamento e permette così, tramite l etichettatura, la comunicazione di tutti i dati sensibili relativi all animale: età del capo razza o tipo genetico luogo dell allevamento periodo di permanenza nell ultimo allevamento tipo di alimentazione. La filiera controllata e certificata non si ferma qui. Il progetto Green Energy punta al traguardo di un ciclo aziendale energetico chiuso, dove tanto si consuma, tanto si produce, trasformando lo scarto di macellazione in una risorsa per raggiungere l autosufficienza energetica degli stabilimenti produttivi. Presso lo stabilimento di Pegognaga, oltre alle centrali di biogas, è in funzione una modernissima centrale di cogenerazione: qui, l olio derivante dalla colatura del grasso animale, diviene fonte energetica. UNIPEG PER L'AMBIENTE Secondo capitolo Presentazione dell impresa LA FILIERA UNIPEG Ogni capo è identificato dalla nascita da una marca auricolare e un passaporto. Lì sono riportati i dati anagrafici: data di nascita, tipo genetico, sesso, allevamento di provenienza, data ingresso in stalla Alla vendita il consumatore ha la certezza di acquistare un prodotto di qualità, controllato e sicuro. «Abbiamo scelto la sicurezza senza compromessi» 6 Tutti i dati di rintracciabilità, oltre che sull'etichetta, compaiono sulla Carta d'identità e Origine della Carne Bovina, documento che accompagna i prodotti in uscita dallo stabilimento. 18

21 Rispetto e protezione del benessere animale Il benessere degli animali è un principio importante nella filosofia Unipeg, che s impegna ogni giorno nel rispetto e nell implementazione delle buone prassi d allevamento. Per questo Unipeg ha redatto e condiviso con i trasportatori la procedura aziendale di Gestione del trasporto stradale e rispetto del benessere animale. 5 Il benessere degli animali destinati alla produzione alimentare dipende in larga parte dalle azioni umane. Sono numerosi i fattori che possono influire negativamente, ad esempio la densità dei capi, le condizioni di trasporto, i metodi di stordimento e di macellazione. I soci allevatori selezionano e allevano i bovini con i criteri definiti da Unipeg attraverso l'applicazione del Disciplinare di Produzione. 3 Il codice identificativo di prodotto è la marca di macellazione per il prodotto in osso, il numero di lotto per il prodotto in polpa. 4 Un approccio attento e rigoroso al benessere animale è una normale prassi comportamentale di una società civile che Unipeg sostiene, come riportato nel Disciplinare di Produzione. Ogni fase in allevamento è controllata da Unipeg, in particolare l'alimentazione esclusivamente di origine vegetale e il benessere degli animali. In fase di macellazione, a ogni capo/marca auricolare viene associato un numero progressivo che, inserito nel sistema informatico aziendale, sarà il codice che permetterà di risalire in ogni momento ai dati di provenienza dell'animale. UNIPEG PER L'AMBIENTE Secondo capitolo Presentazione dell impresa 19

Valdigrano: quando l ambiente è un valore!

Valdigrano: quando l ambiente è un valore! Valdigrano: quando l ambiente è un valore! Valutazione di impatto ambientale delle linee Valdigrano, Valbio e La Pasta di Franciacorta Programma per la valutazione dell impronta ambientale Progetto co-finanziato

Dettagli

Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile

Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile Come ottenere energia rinnovabile e compost dai rifiuti organici Un percorso di educazione ambientale alla scoperta dell impianto di compostaggio

Dettagli

PROFESSIONALITÀ AFFIDABILITÀ RESPONSABILITÀ

PROFESSIONALITÀ AFFIDABILITÀ RESPONSABILITÀ PROFESSIONALITÀ AFFIDABILITÀ RESPONSABILITÀ LE SOLUZIONI AMBIENTALI INTEGRATE DI UN GRUPPO LEADER SOLYECO GROUP ha reso concreto un obiettivo prezioso: conciliare Sviluppo e Ambiente. Questa è la mission

Dettagli

Cos'è e come funziona una discarica.

Cos'è e come funziona una discarica. Cos'è e come funziona una discarica. La discarica di rifiuti è un luogo dove vengono depositati in modo non differenziato i rifiuti solidi urbani e tutti i rifiuti provenienti dalle attività umane. La

Dettagli

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta isstock Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta 7 PAA Programma generale di azione dell Unione in materia di ambiente fino al 2020 A partire dalla metà degli anni 70 del secolo scorso, la politica

Dettagli

Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati

Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati Roma, 29 maggio 2012 Indice Il Gestore dei Servizi Energetici GSE S.p.A. I nostri servizi Nuove attività 2012-2013 Evoluzione delle attività

Dettagli

Camera di combustione Struttura chiusa dentro cui un combustibile viene bruciato per riscaldare aria o altro.

Camera di combustione Struttura chiusa dentro cui un combustibile viene bruciato per riscaldare aria o altro. C Caldaia L'unità centrale scambiatore termico-bruciatore destinata a trasmettere all'acqua il calore prodotto dalla combustione. v. Camera di combustione, Centrali termiche, Efficienza di un impianto

Dettagli

CHI L I HA. lo CHIAMAVANO EDIZIONE. Ciò che differenzi oggi, avrà una nuova vita domani INDAGINE SUL RECUPERO DEI RIFIUTI FREQUENTAVA VETRI ROTTI

CHI L I HA. lo CHIAMAVANO EDIZIONE. Ciò che differenzi oggi, avrà una nuova vita domani INDAGINE SUL RECUPERO DEI RIFIUTI FREQUENTAVA VETRI ROTTI 3 EDIZIONE dati 2012 CHI L I HA Ciò che differenzi oggi, avrà una nuova vita domani INDAGINE SUL RECUPERO DEI RIFIUTI NASCONDE UN IDENTITÀ PLASTICA FREQUENTAVA VETRI ROTTI si spacciava per una lattina

Dettagli

Digestato da rifiuti e da matrici agricole

Digestato da rifiuti e da matrici agricole Ravenna 2012 Workshop I CIC Consorzio Italiano Compostatori Ravenna, 27 settembre 2012 Digestato da rifiuti e da matrici agricole Lorella ROSSI C.R.P.A. - Reggio Emilia, Comitato Tecnico CIC DIGESTIONE

Dettagli

La gestione delle risorse energetiche e naturali del territorio nella programmazione comunitaria 2014-2020

La gestione delle risorse energetiche e naturali del territorio nella programmazione comunitaria 2014-2020 La gestione delle risorse energetiche e naturali del territorio nella programmazione comunitaria 2014-2020 Giuseppe Gargano Rete Rurale Nazionale - INEA Varzi, 18 giugno 2014 Priorità dell'unione in materia

Dettagli

CARNE BOVINA Analisi della filiera

CARNE BOVINA Analisi della filiera CARNE BOVINA Analisi della filiera Gennaio 2006 STRUTTURA DELLA FILIERA CARNE Flussi, attività e nodi critici La zootecnia è un settore chiave per l agricoltura italiana VALORE DELLA PRODUZIONE AGRICOLA

Dettagli

La Raccolta Differenziata Utenze non domestiche

La Raccolta Differenziata Utenze non domestiche La Raccolta Differenziata Utenze non domestiche istruzioni per l uso Raccolta Differenziata Una soluzione alla portata di tutti La produzione di rifiuti è in continuo aumento e deve essere gestita in modo

Dettagli

Tiziano Bettati, Maria Teresa Pacchioli Centro Ricerche Produzioni Animali

Tiziano Bettati, Maria Teresa Pacchioli Centro Ricerche Produzioni Animali Il Divulgatore n.10/2002 Sicurezza alimentare PARTENDO DALLA DOP Tr@ce.pig è un progetto di tracciabilità della filiera del suino pesante utilizzato come materia prima per i Prosciutti di Parma a Denominazione

Dettagli

IL PROGRAMMA NAZIONALE DI PREVENZIONE DEI RIFIUTI

IL PROGRAMMA NAZIONALE DI PREVENZIONE DEI RIFIUTI IL PROGRAMMA NAZIONALE DI PREVENZIONE DEI RIFIUTI Con decreto direttoriale del 7 ottobre 2013, il Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare ha adottato il Programma Nazionale di

Dettagli

Il ruolo delle bio-energie nell'uso sostenibile delle fonti energetiche rinnovabili (FER)

Il ruolo delle bio-energie nell'uso sostenibile delle fonti energetiche rinnovabili (FER) Il ruolo delle bio-energie nell'uso sostenibile delle fonti energetiche rinnovabili (FER) Maurizio Gualtieri ENEA UTTS 0161-483370 Informazioni: eventienea_ispra@enea.it 14 maggio 2014 - ISPRA Sommario

Dettagli

Le opportunità economiche dell efficienza energetica

Le opportunità economiche dell efficienza energetica Le opportunità economiche dell efficienza energetica i problemi non possono essere risolti dallo stesso atteggiamento mentale che li ha creati Albert Einstein 2 SOMMARIO 1. Cosa è una ESCO 2. Esco Italia

Dettagli

CHIUSINO IN MATERIALE COMPOSITO. kio-polieco.com

CHIUSINO IN MATERIALE COMPOSITO. kio-polieco.com CHIUSINO IN MATERIALE COMPOSITO kio-polieco.com Group ha recentemente brevettato un innovativo processo di produzione industriale per l impiego di uno speciale materiale composito. CHIUSINO KIO EN 124

Dettagli

CO.PA.VIT. Consorzio Pataticolo dell Alto Viterbese

CO.PA.VIT. Consorzio Pataticolo dell Alto Viterbese CO.PA.VIT. Consorzio Pataticolo dell Alto Viterbese l unione fa la forza per restituire valore aggiunto alla produzione 1 Il Consorzio Il Consorzio CO.PA.VIT. è nato nel 2008 a partire da un iniziativa

Dettagli

European Energy Manager

European Energy Manager Diventare Energy Manager in Europa oggi EUREM NET V: programma di formazione e specializzazione per European Energy Manager Durata del corso: 110 ore in 14 giorni, di cui 38 ore di workshop ed esame di

Dettagli

AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO

AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO LA NOSTRA VISIONE COMUNE Noi, governi locali europei, sostenitori della Campagna delle Città Europee Sostenibili, riuniti alla conferenza di Aalborg+10, confermiamo la nostra

Dettagli

Ricerca, Qualità, Sicurezza e Salute

Ricerca, Qualità, Sicurezza e Salute Ricerca, Qualità, Sicurezza e Salute Chi Siamo Hygeia Lab S.r.l. nasce nel 2011 dalla passione e dal desiderio di giovani laureati di continuare la crescita e la formazione scientifica. E una Start-Up

Dettagli

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Preambolo La Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale è il documento che definisce i valori e i princìpi condivisi da tutte le organizzazioni

Dettagli

DIRETTIVE COMUNITARIE INTERESSATE DAL REGOLAMENTO

DIRETTIVE COMUNITARIE INTERESSATE DAL REGOLAMENTO DIRETTIVE COMUNITARIE INTERESSATE DAL REGOLAMENTO 1. Direttiva 66/401/CEE: commercializzazione sementi di piante foraggere 2. Direttiva 66/402/CEE: commercializzazione di sementi di cereali 3. Direttiva

Dettagli

Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014. Sede di Torino. Elaborazione e Cura di:

Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014. Sede di Torino. Elaborazione e Cura di: Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014 Sede di Torino RUGGIERI Nicoletta Maria Mobility Manager Elaborazione e Cura di: CAGGIANIELLO Giorgio SAPIO Michele VENTURA Lorella Amministrazione

Dettagli

COMPANY PROFILE. Particolare attenzione viene riservata ai Servizi:

COMPANY PROFILE. Particolare attenzione viene riservata ai Servizi: COMPANY PROFILE L Azienda FAR S.p.A. ha i suoi stabilimenti di produzione in Italia e precisamente a CIMADOLMO in provincia di Treviso a pochi chilometri dalla città di VENEZIA. Nata nel 1991 si è inserita

Dettagli

Gli impianti Schmack Biogas a rifiuti

Gli impianti Schmack Biogas a rifiuti Gli impianti Schmack Biogas a rifiuti Gli impianti biogas a rifiuti 2/3 Gli impianti biogas a rifiuti La tecnologia Schmack Biogas per la digestione anaerobica della FORSU La raccolta differenziata delle

Dettagli

PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE REGIONE VENETO 2007-2013 PROGETTI INTEGRATI DI FILIERA PIF

PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE REGIONE VENETO 2007-2013 PROGETTI INTEGRATI DI FILIERA PIF PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE REGIONE VENETO 2007-2013 PROGETTI INTEGRATI DI FILIERA PIF www.progettoverde.info - pv@ progettover de.i nfo 1 COS E IL PROGETTO INTEGRATO DI FILIERA (PIF) Il progetto integrato

Dettagli

AFFIDABILE, SOSTENIBILE & INNOVATIVA

AFFIDABILE, SOSTENIBILE & INNOVATIVA Axpo Italia AFFIDABILE, SOSTENIBILE & INNOVATIVA UN GRUPPO A DIMENSIONE EUROPEA Axpo opera direttamente in oltre 20 paesi europei L Italia è uno dei mercati principali del gruppo Axpo in Italia Alla presenza

Dettagli

Solo il meglio sotto ogni profilo!

Solo il meglio sotto ogni profilo! Solo il meglio sotto ogni profilo! Perfetto isolamento termico per finestre in alluminio, porte e facciate continue Approfittate degli esperti delle materie plastiche Voi siete specialisti nella produzione

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi. Tra

Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi. Tra Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi Tra Il Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, con sede in Via Cristoforo Colombo, 44, 00187

Dettagli

DALLE FOSSILI ALLE RINNOVABILI

DALLE FOSSILI ALLE RINNOVABILI MANIFESTO PER L ENERGIA SOSTENIBILE DALLE FOSSILI ALLE RINNOVABILI COSTRUISCI CON NOI UN SISTEMA ENERGETICO SOSTENIBILE PER L ITALIA Organizzazione Non Lucrativa di Utilità Sociale. FINALITà Favorire la

Dettagli

C era una bianca un foglio, di sana fibra e bell animo. Forte di valori e ideali puliti, attendeva di nascere in un mondo migliore, un luogo dove

C era una bianca un foglio, di sana fibra e bell animo. Forte di valori e ideali puliti, attendeva di nascere in un mondo migliore, un luogo dove I love Ci C era una bianca un foglio, di sana fibra e bell animo. Forte di valori e ideali puliti, attendeva di nascere in un mondo migliore, un luogo dove poter crescere con gioia e buon senso, contribuendo

Dettagli

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020)

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Enzo De Sanctis Società Italiana di Fisica - Bologna Con questo titolo, all inizio del 2008, la Società Italiana di Fisica (SIF) ha pubblicato un libro

Dettagli

Panoramica su Holcim. Holcim (Svizzera) SA

Panoramica su Holcim. Holcim (Svizzera) SA Strength. Strength. Performance. Performance. Passion. Passion. Panoramica su Holcim Holcim (Svizzera) SA Un Gruppo globale con radici svizzere Innovativi verso il secondo secolo Innovazione, sostenibilità

Dettagli

NUOVO! Sempre più semplice da utilizzare

NUOVO! Sempre più semplice da utilizzare NUOVO! NUOVO AF/ARMAFLEX MIGLIORE EFFICIENZA DELL ISOLAMENTO Sempre più semplice da utilizzare L flessibile professionale Nuove prestazioni certificate. Risparmio energetico: miglioramento di oltre il

Dettagli

Raffineria Metalli Capra: innovazione nel settore METAL

Raffineria Metalli Capra: innovazione nel settore METAL SAP Customer Success Story Prodotti Industriali Raffineria Metalli Capra Raffineria Metalli Capra. Utilizzata con concessione dell autore. Raffineria Metalli Capra: innovazione nel settore METAL Partner

Dettagli

Il trattamento dell acqua per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici

Il trattamento dell acqua per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici Il trattamento dell acqua per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici 12 Giugno 2014 Stefano Bonfanti Product Manager - Cillichemie Italiana S.r.l. L azienda n.2 Sedi n.47 Agenti

Dettagli

Prodotti di cui ti puoi fidare

Prodotti di cui ti puoi fidare Prodotti di cui ti puoi fidare Vogliamo offrirti alimenti di buona qualità a prezzi bassi, prodotti in modo responsabile. Stiamo lavorando in tutte le parti della catena alimentare, dalla fattoria al negozio

Dettagli

I Leader nella Tecnologia dell'agitazione. Agitatori ad Entrata Laterale

I Leader nella Tecnologia dell'agitazione. Agitatori ad Entrata Laterale I Leader nella Tecnologia dell'agitazione Agitatori ad Entrata Laterale Soluzione completa per Agitatori Laterali Lightnin e' leader mondiale nel campo dell'agitazione. Plenty e' il leader di mercato per

Dettagli

t.fabrica wanna be smarter? smart, simple, cost effectiveness solutions for manufactoring operational excellence.

t.fabrica wanna be smarter? smart, simple, cost effectiveness solutions for manufactoring operational excellence. t.fabrica wanna be smarter? smart, simple, cost effectiveness solutions for manufactoring operational excellence. Per le aziende manifatturiere, oggi e sempre più nel futuro individuare ed eliminare gli

Dettagli

L AUDIT ENERGETICO DEGLI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERGETICO

L AUDIT ENERGETICO DEGLI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERGETICO COMUNE DI CANZO COMUNE DI CASTELMARTE COMUNE DI EUPILIO COMUNE DI LONONE AL SERINO COMUNE DI PROSERPIO COMUNE DI PUSIANO L AUDIT ENERETICO DELI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERETICO Una politica energetica

Dettagli

Progettare e gestire un sistema di rintracciabilità di filiera nelle aziende agricole ed agroalimentari

Progettare e gestire un sistema di rintracciabilità di filiera nelle aziende agricole ed agroalimentari Progettare e gestire un sistema di rintracciabilità di filiera nelle aziende agricole ed agroalimentari Benito Campana Itinerario Cosa comunicare al consumatore Lunghezza della filiera e le responsabilità

Dettagli

I testi sono così divisi: HOME. PRODUZIONE DI ENERGIA VERDE o Energia eolica o Energia fotovoltaica o Energia a biomassa

I testi sono così divisi: HOME. PRODUZIONE DI ENERGIA VERDE o Energia eolica o Energia fotovoltaica o Energia a biomassa Testi informativi sugli interventi e gli incentivi statali in materia di eco-efficienza industriale per la pubblicazione sul sito web di Unioncamere Campania. I testi sono così divisi: HOME EFFICIENTAMENTO

Dettagli

Criteri Ambientali Minimi (CAM) Gestione del verde pubblico

Criteri Ambientali Minimi (CAM) Gestione del verde pubblico Criteri Ambientali Minimi (CAM) Gestione del verde pubblico Marco Glisoni Maria Lisa Procopio Incontro formativo Progetto APE settembre 2014 Il Piano d Azione Nazionale per il GPP Piano d azione per la

Dettagli

Federesco. Le Energy Service Company. La situazione a livello nazionale e opportunità per le imprese

Federesco. Le Energy Service Company. La situazione a livello nazionale e opportunità per le imprese Federesco Le Energy Service Company La situazione a livello nazionale e opportunità per le imprese Seminario Strumenti, opportunità e potenzialità dell efficienza energetica a supporto del sistema locale

Dettagli

ENERGIA. Massimo Telesca ARPA FVG Indirizzo tecnicoscientifico. e coordinamento dei Dipartimenti provinciali

ENERGIA. Massimo Telesca ARPA FVG Indirizzo tecnicoscientifico. e coordinamento dei Dipartimenti provinciali ENERGIA 269 ENERGIA Il ricorso all utilizzo di fonti rinnovabili sovvenzionate comporta dei potenziali impatti ambientali. Fra questi, vi sono l alterazione dei corsi d acqua a causa delle derivazioni

Dettagli

VADECUM PER IL CORSISTA

VADECUM PER IL CORSISTA VADECUM PER IL CORSISTA L organismo Formativo Dante Alighieri, con sede in Fasano alla Via F.lli Trisciuzzi, C.da Sant Angelo s.n. - Zona Industriale Sud, nel quadro del P.O. Puglia 2007-2013 AVVISO PR.BR

Dettagli

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15 Istituto «San Giuseppe» Scuole Primaria e dell Infanzia Paritarie 71121 Foggia, via C. Marchesi, 48-tel. 0881/743467 fax 744842 pec: istitutosangiuseppefg@pec.it e-mail:g.vignozzi@virgilio.it sito web:

Dettagli

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna Cos è e come si costituisce una cooperativa Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna 1 Che cos è una cooperativa un'associazione autonoma di persone che si uniscono volontariamente per soddisfare i propri

Dettagli

Solare Pannelli solari termici

Solare Pannelli solari termici Solare Pannelli solari termici Il Sole: fonte inesauribile... e gratuita Il sole, fonte energetica primaria e origine di tutti gli elementi naturali, fonte indiscussa dell energia pulita, libera, eterna,

Dettagli

Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA)

Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA) Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA) Ai progetti sottoposti alla procedura di impatto ambientale ai sensi degli articoli 52 e seguenti, è allegato uno studio di impatto ambientale, redatto

Dettagli

GE.NE Srl - MERCATOPESCA Srl - GEM Srl

GE.NE Srl - MERCATOPESCA Srl - GEM Srl 1 Ge.Ne S.r.l è un'azienda che opera con successo da 20 anni nel commercio di prodotti ittici freschi e congelati, carne fresca confezionata di alta qualità, verdure e primi piatti surgelati. I moderni

Dettagli

IL TRATTAMENTO DELL ACQUA per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici. Cillichemie Italiana Srl Stefano Bonfanti

IL TRATTAMENTO DELL ACQUA per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici. Cillichemie Italiana Srl Stefano Bonfanti IL TRATTAMENTO DELL ACQUA per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici Cillichemie Italiana Srl Stefano Bonfanti gli utilizzi tecnici dell acqua in un edificio ACQUA FREDDA SANITARIA

Dettagli

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola IC n 5 L.Coletti Progetto GREEN SCHOOL Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola GREEN SCHOOL Principio fondante del Progetto GREEN SCHOOL..Coniugare conoscenza, ambiente, comportamenti nell

Dettagli

SVILUPPO SOSTENIBILE L ETICHETTA ENERGETICA

SVILUPPO SOSTENIBILE L ETICHETTA ENERGETICA SVILUPPO SOSTENIBILE L ETICHETTA ENERGETICA 24 2 Sommario Perché questo opuscolo 3 Il benessere sostenibile e i consumi delle famiglie italiane 4 Le etichette energetiche 5 La scheda di prodotto 9 L etichetta

Dettagli

REGOLAMENTO E POLITICHE AZIENDALI ALLEGATO (J) DOCUMENTO SULLE POLITICHE DI SICUREZZA E TUTELA DELLA SALUTE SUL LAVORO EX D.LGS. N.

REGOLAMENTO E POLITICHE AZIENDALI ALLEGATO (J) DOCUMENTO SULLE POLITICHE DI SICUREZZA E TUTELA DELLA SALUTE SUL LAVORO EX D.LGS. N. REGOLAMENTO E POLITICHE AZIENDALI ALLEGATO (J) DOCUMENTO SULLE POLITICHE DI SICUREZZA E TUTELA DELLA SALUTE SUL LAVORO EX D.LGS. N. 81/2008 Il Consiglio di Amministrazione della Società ha approvato le

Dettagli

UNIVERSITA DI PALERMO

UNIVERSITA DI PALERMO PILLAR OBIETTIVO SPECIFICO MASTER CALL CALL INDUSTRIAL LEADERSHIP LEADERSHIP IN ENABLING AND INDUSTRIAL TECHNOLOGIES (LEIT) H2020-SPIRE-2014-2015 - CALL FOR SPIRE - SUSTAINABLE PROCESS INDUSTRIES H2020-SPIRE-2014

Dettagli

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI SCENARI ENERGETICI AL 24 SINTESI Leggi la versione integrale degli Scenari Energetici o scaricane una copia: exxonmobil.com/energyoutlook Scenari Energetici al 24 Gli Scenari Energetici offrono una visione

Dettagli

Asset sotto controllo... in un TAC. Latitudo Total Asset Control

Asset sotto controllo... in un TAC. Latitudo Total Asset Control Asset sotto controllo... in un TAC Latitudo Total Asset Control Le organizzazioni che hanno implementato e sviluppato sistemi e processi di Asset Management hanno dimostrato un significativo risparmio

Dettagli

explora consulting s.r.l. Via Case Rosse, 35-84131 SALERNO - tel 089 848073 fax 089 384582 www.exploraconsulting.it info@exploraconsulting.

explora consulting s.r.l. Via Case Rosse, 35-84131 SALERNO - tel 089 848073 fax 089 384582 www.exploraconsulting.it info@exploraconsulting. explora consulting s.r.l. Via Case Rosse, 35-84131 SALERNO - tel 089 848073 fax 089 384582 www.exploraconsulting.it info@exploraconsulting.it Procedura di gestione per Laboratori di Analisi Cliniche Pag.

Dettagli

Progetto di Filiera Dalla DOP Liquirizia di Calabria Fare squadra verso un obiettivo comune

Progetto di Filiera Dalla DOP Liquirizia di Calabria Fare squadra verso un obiettivo comune Progetto di Filiera Dalla DOP Liquirizia di Calabria Fare squadra verso un obiettivo comune 1 Il Progetto di Filiera Dalla liquirizia di Calabria DOP Il Progetto di Filiera Dalla liquirizia di Calabria

Dettagli

Misure per la tutela dell ambiente e degli ecosistemi

Misure per la tutela dell ambiente e degli ecosistemi Misure per la tutela dell ambiente e degli ecosistemi Carlo Zaghi Dirigente Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Direzione Generale per le Valutazioni e le Autorizzazioni Ambientali

Dettagli

VERDE COMPRA DALL IMPRESA SI TOTALE KG CO2-2.600. Kg CO2-200 -300-200 -800-1.100

VERDE COMPRA DALL IMPRESA SI TOTALE KG CO2-2.600. Kg CO2-200 -300-200 -800-1.100 UNIONE EUROPEA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE AUTÒNOMA DE SARDIGNA REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA Province di: Cagliari Carbonia Iglesias Medio Campidano Nuoro Ogliastra Olbia Tempio Oristano Sassari ACQUA

Dettagli

European Energy Manager

European Energy Manager Diventare Energy Manager in Europa oggi EUREM V e VI: programma di formazione e specializzazione per European Energy Manager Durata del corso: 110 ore in 14 giorni, di cui 38 ore di workshop ed esame di

Dettagli

Dipartimento di Sanità Pubblica: i dati di attività del 2014

Dipartimento di Sanità Pubblica: i dati di attività del 2014 Conferenza Stampa Dipartimento di Sanità Pubblica: i dati di attività del 2014 Lunedì 6/07/2015 ore 11.00 Sala Riunioni - Direzione Generale AUSL Strada del Quartiere 2/A - Parma Alla Conferenza Stampa

Dettagli

Dieci anni di lavoro, progetti, sviluppo. in Valle d Aosta e in Italia CVA. VALORE ENERGIA

Dieci anni di lavoro, progetti, sviluppo. in Valle d Aosta e in Italia CVA. VALORE ENERGIA Dieci anni di lavoro, progetti, sviluppo in Valle d Aosta e in Italia CVA. VALORE ENERGIA C V A M O S T R E Mostre in Centrale 2010 Doppio appuntamento a Maën A Valtournenche, in occasione dei dieci anni

Dettagli

Dairy Comp SATA: La gestione avanzata della mandria da latte

Dairy Comp SATA: La gestione avanzata della mandria da latte 69^ FIERA INTERNAZIONALE DEL BOVINO D LATTE Dairy Comp SATA: La gestione avanzata della mandria da latte Dott.ssa Paola Amodeo Specialista SATA Sistemi Alimentari e Qualità degli Alimenti ARAL - Ass Reg

Dettagli

Soluzioni complete e innovative per l Habitat del futuro

Soluzioni complete e innovative per l Habitat del futuro Soluzioni complete e innovative per l Habitat del futuro Saint-Gobain, attraverso i suoi marchi, sviluppa e produce nuove generazioni di materiali con un approccio moderno e completo al mercato delle costruzioni:

Dettagli

FARE COOPERATIVA La cooperativa in 10 domande

FARE COOPERATIVA La cooperativa in 10 domande FARE COOPERATIVA La cooperativa in 10 domande 1. Quali sono le caratteristiche distintive dell impresa cooperativa? L impresa cooperativa è un impresa costituita da almeno 3 soci e può avere la forma della

Dettagli

Scheda 8 «La gestione integrata dei rifiuti» LA GERARCHIA PER UNA CORRETTA GESTIONE DEI RIFIUTI. GREEN JOBS Formazione e Orientamento

Scheda 8 «La gestione integrata dei rifiuti» LA GERARCHIA PER UNA CORRETTA GESTIONE DEI RIFIUTI. GREEN JOBS Formazione e Orientamento Scheda 8 «La gestione integrata dei rifiuti» LA GERARCHIA PER UNA CORRETTA GREEN JOBS Formazione e Orientamento LA GERARCHIA PER UNA CORRETTA La Direttiva 2008/98/CE introduce una importante distinzione

Dettagli

La strategia regionale per l attuazione della politica degli acquisti

La strategia regionale per l attuazione della politica degli acquisti La strategia regionale per l attuazione della politica degli acquisti pubblici ecologici Olbia, 17 maggio 2013 Gli appalti pubblici coprono una quota rilevante del PIL, tra il 15 e il 17%: quindi possono

Dettagli

QUELLO CHE SAREMO DOMANI NASCE DALL ENERGIA DI OGGI.

QUELLO CHE SAREMO DOMANI NASCE DALL ENERGIA DI OGGI. QUELLO CHE SAREMO DOMANI NASCE DALL ENERGIA DI OGGI. I NUMERI DELLA NOSTRA SOLIDITÀ PRESENTE IN 22 PAESI DI 4 CONTINENTI 76 MILA PERSONE DI 12 CULTURE OLTRE 1.000 CENTRALI NEL MONDO + 78% DI PRODUZIONE

Dettagli

Il gelato artigianale proprio come lo vuoi tu. E tanto altro ancora...

Il gelato artigianale proprio come lo vuoi tu. E tanto altro ancora... Impianti Carpigiani per Artigianale a Norme HACCP Tutte le macchine Carpigiani sono progettate e realizzate per rispettare appieno le norme internazionali di sicurezza ed igiene. Il Gelatiere professionista

Dettagli

REGOLAMENTI REGOLAMENTO (CE) N. 834/2007 DEL CONSIGLIO. del 28 giugno 2007

REGOLAMENTI REGOLAMENTO (CE) N. 834/2007 DEL CONSIGLIO. del 28 giugno 2007 20.7.2007 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 189/1 I (Atti adottati a norma dei trattati CE/Euratom la cui pubblicazione è obbligatoria) REGOLAMENTI REGOLAMENTO (CE) N. 834/2007 DEL CONSIGLIO

Dettagli

REGOLAMENTO REGIONALE 14 luglio 2008, n. 12. Regolamento per la realizzazione degli impianti di produzione di energia alimentata a biomasse.

REGOLAMENTO REGIONALE 14 luglio 2008, n. 12. Regolamento per la realizzazione degli impianti di produzione di energia alimentata a biomasse. 13464 PARTE PRIMA Leggi e regolamenti regionali REGOLAMENTO REGIONALE 14 luglio 2008, n. 12 Regolamento per la realizzazione degli impianti di produzione di energia alimentata a biomasse. IL PRESIDENTE

Dettagli

LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA. Silva Marzetti

LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA. Silva Marzetti L EUROPA E LE RISORSE AMBIENTALI, ENERGETICHE E ALIMENTARI BOLOGNA, 16 MARZO 2015 LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA Silva Marzetti Scuola di Economia, Management e Statistica Università

Dettagli

La digestione anaerobica dei rifiuti organici e di altre biomasse

La digestione anaerobica dei rifiuti organici e di altre biomasse La digestione anaerobica dei rifiuti organici e di altre biomasse Nel corso degli ultimi dieci anni la digestione anaerobica si è diffusa in molti paesi europei, tra cui anche l Italia. Questi impianti

Dettagli

La movimentazione dei materiali (material handling)

La movimentazione dei materiali (material handling) La movimentazione dei materiali (material handling) Movimentazione e stoccaggio 1 Obiettivo generale La movimentazione e stoccaggio dei materiali (material handling MH) ha lo scopo di rendere disponibile,

Dettagli

V I V E R E L ' E C C E L L E N Z A

V I V E R E L ' E C C E L L E N Z A VIVERE L'ECCELLENZA L'ECCELLENZA PLURIMA Le domande, come le risposte, cambiano. Gli obiettivi restano, quelli dell eccellenza. 1995-2015 Venti anni di successi dal primo contratto sottoscritto con l Istituto

Dettagli

La filosofia di Idecom è idee e comunicazione con contenuti, che sviluppa nei seguenti diversi ambiti di attività:

La filosofia di Idecom è idee e comunicazione con contenuti, che sviluppa nei seguenti diversi ambiti di attività: Idecom è una società nata dal gruppo Ladurner che da anni è specializzato nella progettazione, costruzione e gestione di impianti nel campo dell ecologia e dell ambiente, in particolare in impianti di

Dettagli

www.ipaper.com/europe Questa brochure è stata stampata su carta IP Pro-Design, certificata PEFC

www.ipaper.com/europe Questa brochure è stata stampata su carta IP Pro-Design, certificata PEFC www.ipaper.com/europe Questa brochure è stata stampata su carta IP Pro-Design, certificata PEFC Gestione forestale sostenibile Tutto quello che bisogna sapere Sommario 1. Che cosa si intende per gestione

Dettagli

ogni giorno in prima linea

ogni giorno in prima linea Servizio itosanitario Emilia-Romagna ogni giorno in prima linea proteggere le coltivazioni, le alberature, i parchi e le aree verdi dell'emilia-romagna da organismi nocivi fornire un supporto specialistico

Dettagli

ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI

ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI Risorse energetiche e struttura del mercato L Italia produce piccoli volumi di gas naturale

Dettagli

4. Processo di elaborazione: Descrivi brevemente il processo di elaborazione/creazione del vostro progetto/pratica

4. Processo di elaborazione: Descrivi brevemente il processo di elaborazione/creazione del vostro progetto/pratica Descrizione della pratica 1. Identificazione Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica ISIS A. GRAMSCI-J.M. KEYNES Nome della pratica/progetto Consumare meno per consumare tutti Persona referente

Dettagli

Incentivazione dell energia elettrica da altre fonti rinnovabili

Incentivazione dell energia elettrica da altre fonti rinnovabili Incentivazione dell energia elettrica da altre fonti rinnovabili Beneficiari Riferimenti normativi Finalità dello strumento Regime transitorio Impianti, alimentati da fonti rinnovabili diverse da quella

Dettagli

Impianti fotovoltaici

Impianti fotovoltaici saeg Impianti fotovoltaici che manda calore e luce che giungono ai nostri sensi e ne risplendono le terre - Inno al SOLE FONTE DI TUTTA L ENERGIA SULLA TERRA calor lumenque profusum perveniunt nostros

Dettagli

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Ferrara, giovedì 27 Settembre 2012 Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Giacomo Zanni (Dipartimento di Ingegneria ENDIF, Università di Ferrara) giacomo.zanni@unife.it SOMMARIO

Dettagli

1.3 IMPORTAZIONE/ESPORTAZIONE DEI RIFIUTI SPECIALI

1.3 IMPORTAZIONE/ESPORTAZIONE DEI RIFIUTI SPECIALI 1.3 IMPORTAZIONE/ESPORTAZIONE DEI RIFIUTI SPECIALI L analisi dettagliata del rapporto tra importazione ed esportazione di rifiuti speciali in Veneto è utile per comprendere quali tipologie di rifiuti non

Dettagli

2 Qual è il termine ultimo per passare alla misurazione netta? 3 Quali obblighi ha il produttore in relazione al passaggio alla misurazione netta?

2 Qual è il termine ultimo per passare alla misurazione netta? 3 Quali obblighi ha il produttore in relazione al passaggio alla misurazione netta? Pagina 1 di 7 FAQ passaggio dalla misurazione lorda a quella netta Con la revisione dell Ordinanza sull energia (OEn) e la sua entrata in vigore con effetto al 1 gennaio 2010 è stata introdotta, nell ambito

Dettagli

"IMPARIAMO A RICICLARE"

IMPARIAMO A RICICLARE COLLEGIO ARCIVESCOVILE Castelli PROGETTO DI EDUCAZIONE AMBIENTALE "IMPARIAMO A RICICLARE" (progetto di durata annuale) Anno scolastico 2008/2009 Classi terze e quarte - Scuola primaria FINALITA' Il Progetto

Dettagli

PAVANELLOMAGAZINE. l intervista. Pavanello Serramenti e il mondo Web. Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre 2012

PAVANELLOMAGAZINE. l intervista. Pavanello Serramenti e il mondo Web. Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre 2012 anno 2 - numero 3 - marzo/aprile 2012 MADE IN ITALY PAVANELLOMAGAZINE l intervista Certificazione energetica obbligatoria Finestra Qualità CasaClima Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre

Dettagli

La MKT (Mean Kinetic Temperature) come criterio di accettabilità sui controlli della temperatura

La MKT (Mean Kinetic Temperature) come criterio di accettabilità sui controlli della temperatura La (Mean Kinetic Temperature) come criterio di accettabilità sui controlli della temperatura Come funzionano i criteri di valutazione sulla temperatura Vi sono 5 parametri usati per la valutazione del

Dettagli

REGIONE ABRUZZO ARAEN ENERGIOCHI

REGIONE ABRUZZO ARAEN ENERGIOCHI REGIONE ABRUZZO ARAEN ENERGIOCHI Presentazione per le scuole primarie A cura di Enrico Forcucci, Paola Di Giacomo e Alessandra Santini ni Promuovere la conoscenza e la diffusione delle energie provenienti

Dettagli

dai vita alla tua casa

dai vita alla tua casa dai vita alla tua casa SEMPLICE MENTE ENERGIA bioedilizia Una STRUTTURA INNOVATIVA PARETE MEGA PLUS N 10 01 struttura in legno 60/60 mm - 60/40 mm 02 tubazione impianto elettrico ø 21 mm 03 struttura portante

Dettagli

Il ruolo delle fonti energetiche rinnovabili nel soddisfacimento dei fabbisogni energetici: situazione attuale e possibili scenari Elisa Tomasinsig

Il ruolo delle fonti energetiche rinnovabili nel soddisfacimento dei fabbisogni energetici: situazione attuale e possibili scenari Elisa Tomasinsig Nuovi obiettivi di pianificazione energetica Il ruolo delle fonti energetiche rinnovabili nel soddisfacimento dei fabbisogni energetici: situazione attuale e possibili scenari Elisa Tomasinsig Fonti rinnovabili

Dettagli

CIRCOLAZIONE NATURALE. NATURAL SOL Pacchetti solari a circolazione naturale

CIRCOLAZIONE NATURALE. NATURAL SOL Pacchetti solari a circolazione naturale CIRCOLAZIONE NATURALE NATURAL SOL Pacchetti solari a circolazione naturale 1964 2014 Immergas. Una lunga storia alle spalle, insegna a guardare in avanti. Il 5 febbraio del 1964, Immergas nasceva dal

Dettagli

Scegli il Totem. La forza di Tòco sta nella continuità.

Scegli il Totem. La forza di Tòco sta nella continuità. Studio Le tue aspettative, il nostro Totem. Nella tradizione indigena il tucano rappresenta la guida per la comunicazione tra la realtà ed il mondo dei sogni. Per Tòco è il simbolo della comunicazione

Dettagli

Progetto Infea: 2006, energia dallo spazio

Progetto Infea: 2006, energia dallo spazio Progetto Infea: 2006, energia dallo spazio 1 lezione: risorse energetiche e consumi Rubiera novembre 2006 1.1 LE FONTI FOSSILI Oltre l'80 per cento dell'energia totale consumata oggi nel mondo è costituita

Dettagli

Senato della Repubblica

Senato della Repubblica Senato della Repubblica Commissioni riunite 10 a (Industria, commercio, turismo) e 13 a (Territorio, ambiente, beni ambientali) Audizione nell'ambito dell'esame congiunto degli Atti comunitari nn. 60,

Dettagli