Bologna, 22 Ottobre 2007 LABORATORI DI LOGISTICA PER LA COMPETITIVITÀ D IMPRESA. Projects part-financed by the EU within the Interreg III initiative

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Bologna, 22 Ottobre 2007 LABORATORI DI LOGISTICA PER LA COMPETITIVITÀ D IMPRESA. Projects part-financed by the EU within the Interreg III initiative"

Transcript

1 Presentazione dei risultati della ricerca sui fabbisogni formativi delle imprese e sui profili professionali nei trasporti e nella logistica in Emilia-Romagna Bologna, 22 Ottobre 2007 LABORATORI DI LOGISTICA PER LA COMPETITIVITÀ D IMPRESA Projects part-financed by the EU within the Interreg III initiative

2 AGENDA Gli obiettivi del progetto e le modalità di analisi I profili logistici in Emilia-Romagna Le principali criticità riscontrate L offerta formativa I fabbisogni formativi e le ipotesi di intervento

3 L AMBITO E GLI OBIETTIVI DEL PROGETTO L AMBITO DEL PROGETTO Il progetto sulla formazione nasce nell ambito del partenariato ENLoCC (European Network of Logistics Competence Centres - iniziativa comunitaria INTERREG IIIC) che ha l obiettivo di fondare e mettere in rete CENTRI DI COMPETENZA dedicati alla logistica sviluppando innovazione e formazione in questo campo. GLI OBIETTIVI PROGETTUALI A livello regionale A livello europeo Definire lo scenario evolutivo di breve e medio periodo in termini di fabbisogni formativi prioritari (esistenti ed emergenti) nei settori della logistica e del trasporto merci, sulla base della comprensione dei profili attualmente esistenti e dei reali fabbisogni formativi delle imprese di trasporto/logistica e di produzione. Fornire un possibile contributo di integrazione ai progetti europei Novalog/Innotrans. Essere un punto di riferimento a livello europei in materia di formazione logistica.

4 IL PROGETTO SI È ARTICOLATO IN 5 STEP LOGICI, CON UNA FORTE FOCALIZZAZIONE NELLA RICERCA DI RISCONTRI PRATICI E OPERATIVI FASE 1: IMPOSTAZIONE FASE 2: REALIZZAZIONE Fasi PRE - ANALISI COSTRUZIONE DEI PROFILI SURVEY INDIVIDUAZIONE FABBISOGNI FORMATIVI PROGETTAZIONE DI CORSI Dalla catena del valore alle competenze passando attraverso le attività Campi di attività tecniche Compiti e attività Aree di competenze Fornitura Produzione Distribuzione e Trasporto Clienti Campi di attività trasversali

5 GLI OBIETTIVI DEL PROGETTO SONO STATI VERIFICATI SU UN PANEL DI 47 AZIENDE EMILIANO-ROMAGNOLE (NON CON FINALITÀ STATISTICA MA DI RAPPRESENTATIVITÀ E CARATTERIZZAZIONE) Legenda N Numero d imprese Piacenza Parma Reggio Emilia Ferrara Imprese di trasporto e logistica Imprese di beni di largo consumo 1 1 Modena Bologna Ravenna 5 3 Imprese di meccanica e beni durevoli Aziende USL e Aziende Ospedaliere Forlì-Cesena Rimini

6 IL PANEL DELLE AZIENDE SI PROPONE DI ANALIZZARE QUATTRO COMPARTI DI PARTICOLARE INTERESSE PER IL TERRITORIO, A LORO VOLTA ARTICOLATI IN CLUSTER SETTORI CLUSTER Trasporto e logistica Produzione beni di largo consumo e GDO Servizi di trasporto Servizi di logistica integrata Servizi di logistica e trasporto intermodale). Grande Distribuzione Organizzata Piccole imprese di produzione Medio-grandi imprese di produzione Nella GDO, crescente integrazione supply-chain Produzione meccanica e di beni durevoli Piccole imprese di produzione Medio-grandi imprese di produzione Sanità Aziende sanitarie locali e aziende ospedaliere In atto processi di integrazione territoriale

7 AGENDA Gli obiettivi del progetto e le modalità di analisi I profili logistici in Emilia-Romagna Le principali criticità riscontrate L offerta formativa I fabbisogni formativi e le ipotesi di intervento

8 I PROGETTI EUROPEI NOVALOG E INNOTRANS HANNO INDIVIDUATO 24 PROFILI ASSOCIATI A 5 PROCESSI PROCESSO NOMENCLATURA NOVALOG / INNOTRANS PROCESSO NOMENCLATURA NOVALOG / INNOTRANS Definizione delle strategie Supply chain Manager Logistic Manager Analista logistico Ingegnere logistico Controller della logistica Esperto IT per la logistica Pianificazione e controllo della produz. Gestione del magazzino Planner e controller della produzione Manager del magazzino Respons. del magazzino Impiegato del processo degli ordini Supervisore logistico Operatore di magazzino Gestione approvvigionamenti Manager dei materiali Manager degli imballaggi Manager degli acquisti Mulettista Prelevatore di ordini Respons. della manutenzione Funzionario degli acquisti Operatore manutenzione Impiegato degli acquisti Controller stock e inventario Trasporto Commercial Traffic planner

9 DEFINIZIONE DELLE STRATEGIE : I PROFILI IN EMILIA-ROM. Supply chain manager Logistic manager Ingegnere logistico Analista logistico Controller della logistica Esperto IT per la logistica Superv. Logistica Coordin. della rete logistica* Trasporto Logistica Trasporto intermodale Largo consumo Piccole Largo consumo Medio-grandi Distribuzione Meccanica Piccole Meccanica Medio-grandi Sanità Nel processo di definizione delle strategie il panel evidenzia una presenza di ruoli semplificata rispetto all articolazione prevista da Novalog. Ciò è legato principalmente al carattere dimensionale delle aziende del panel che difficilmente giustifica un articolazione estremamente strutturata e complessa di ruoli. In alcuni casi estremi, nelle aziende di dimensioni minori, i ruoli legati alla definizione delle strategie sono assenti e il processo viene presidiato da ruoli non logistici (Direzione Generale, Direzione di Produzione, Direzione Commerciale).

10 GESTIONE DEGLI APPROVVIGIONAMENTI : I PROFILI IN E.-R. Manager dei materiali Manager degli imballaggi Manager degli acquisti Funzion. degli acquisti Impiegato acquisti Controller stock e inventario Trasporto Logistica Trasporto intermodale Largo consumo Piccole Largo consumo Medio-grandi Distribuzione Meccanica Piccole Meccanica Medio-grandi Sanità Come per il processo di definizione delle strategie, dal panel appare una semplificazione nell articolazione di ruoli proposta da Novalog. La motivazione appare legata alle dimensioni delle aziende del panel, che non richiedono una struttura estremamente articolata di responsabilità. A differenza che nel processo di definizione delle strategie, è sempre prevista la presenza di almeno un ruolo che presidi il processo (la gestione degli approvvigionamenti non è cioè delegata ad altri profili).

11 GESTIONE DEL MAGAZZINO : I PROFILI IN EMILIA-ROMAGNA Manager del magazzino Responsab. Magazzino Impiegato del processo degli ordini Operatore di magazzino- Mulettista Prelevatore di ordini Respons. manutenz. Operatore Manutenz. Trasporto Logistica Trasporto intermodale Largo consumo Piccole Largo consumo Medio-grandi Distribuzione Meccanica Piccole Meccanica Medio-grandi Sanità In questo processo il panel evidenzia una struttura e un contenuto dei profili abbastanza vicini a quanto descritto da Novalog. I ruoli di Operatore di magazzino e di Mulettista sono però fra loro sovrapponibili: appare difficile individuare profili destinati solo alla movimentazione meccanizzata e altri solo ad attività manuali, ma entrambe le attività sono in capo allo stesso profilo. Da notare anche che non sempre sono presenti profili operativi, questo perché in alcuni casi le attività corrispondenti sono esternalizzate (perfino alcune aziende di logistica integrata fanno ricorso all outsourcing per la gestione di attività di movimentazione e facchinaggio).

12 PRODUZIONE E TRASPORTO : I PROFILI IN EMILIA-ROM. Planner e controller della produzione Commercial Traffic Planner Trasporto Logistica Trasporto intermodale Largo consumo Piccole Largo consumo Medio-grandi Distribuzione Meccanica Piccole Meccanica Medio-grandi Sanità Trasporto Logistica Trasporto intermodale Largo consumo Piccole Largo consumo Medio-grandi Distribuzione Meccanica Piccole Meccanica Medio-grandi Sanità Il panel evidenzia la presenza di Traffic planner anche in aziende non di logistica o di trasporto. Ciò è dovuto al fatto che nelle aziende di produzione o distribuzione il trasporto è un attività generalmente esternalizzata e richiede un presidio interno all azienda che acquista il servizio.

13 AGENDA Gli obiettivi del progetto e le modalità di analisi I profili logistici in Emilia-Romagna Le principali criticità riscontrate L offerta formativa I fabbisogni formativi e le ipotesi di intervento

14 EMERGONO CRITICITÀ DI REPERIMENTO DI PROFILI MEDI E DI COMPETENZE SPECIALICHE O PER I PROFILI OPERATIVI CRITICITÀ ATTUALI NOTE Difficoltà nel reperimento delle competenze specialistiche Non sembra che il sistema formativo consenta di reperire con facilità le competenze specialistiche. Questo implica, come accennato, ad un significativo ricorso al learning by doing per dotarsi di tali competenze Difficoltà nel reperire i profili medi È difficile reperire risorse da inserire nei profili medi: manca nel sistema formativo un percorso specifico in tal senso (una sorta di diploma di tecnico di logistica ) Per ovviare a tale lacuna le aziende scelgono in genere fra due alternative (nessuna delle due ottimali): - promuovere nei ruoli medi risorse inserite in ruoli inferiori e valutate di buon potenziale - inserire neo-laureati inizialmente da affiancare in learning by doing In alcuni casi profili operativi poco adeguati Emergono alcuni punti di debolezza legati ai profili operativi: - le conoscenze di base sono in alcune situazioni poco adeguate; - in alcune aziende si riscontra un alto turn over delle risorse operative, e la perdita delle competenze da loro acquisite; - data la natura delle attività svolte da tali profili, a volte vi possono essere carenze in termini di motivazione e partecipazione.

15 ... E CRITICITÀ LEGATE ALL EVOLUZIONE DEI FATTORI DI CONTESTO LO SCENARIO IN EVOLUZIONE LE IMPLICAZIONI SUI PROFILI LOGISTICI Centralità della funzione logistica Evoluzione dei mercati Sviluppo dell outsourcing Modalità di trasporto e rete infrastrutturale Innovazione e strumenti informatici Nel medio periodo si prevede che la logistica avrà un ruolo ancora più centrale nella definizione delle strategie aziendali e fungerà non più solo da integratrice di attori distribuiti lungo l intera supply chain. Il profilo più coinvolto da tale evoluzione sarà il logistic manager che dovrà sviluppare competenze per integrare soggetti interni ed esterni all azienda La crescente evoluzione dei mercati riguarderà soprattutto i profili del trasporto; bisognerà sviluppare competenze per interfacciarsi con mercati esteri e coordinare attori distribuiti in diversi Paesi Nel medio termine l outsourcing avrà una diffusione più matura, con il riappropriarsi, da parte di alcune aziende, di un insieme attività oggi esternalizzate; le figure più coinvolte dagli sviluppi futuri dell outsourcing saranno quelle legate alla gestione dei magazzini e alla regia della supply chain Nonostante un utilizzo oggi limitato dell intermodalità vi sono alcuni presupposti per una sua crescita nel medio-lungo periodo. L evoluzione delle modalità di trasporto riguarderà in particolare il logistic manager e il traffic planner Occorrerà continuare a intervenire sui processi di connessione e integrazione dei processi per cui sono previsti ulteriori investimenti a breve-medio termine negli strumenti informatici. Le figure dove l impatto di questa tendenza è più forte, sono quelle coinvolte nell implementazione dei sistemi e quelle operative destinate a utilizzarli

16 NE DERIVA QUINDI LA MAPPA DEI PROFILI PROFESSIONALI CHIAVE E DELLE COMPETENZE RITENUTE CRITICHE PROFILI COMPETENZE CRITICHE Logistic manager Analista logistico Manager di magazzino Resp. di magazzino Personale magazzino Traffic planner Come responsabile della strategia aziendale il Logistic manager è chiamato a sviluppare maggiormente la capacità di presidio dei fattori di contesto Le sue carenze sono principalmente riconducibili alla mancanza di esperienza operativa e quindi alla possibilità di poter trasferire i principi teorici alla pratica operativa. È una figura di coordinamento operativo che ricopre una funzione sempre più importante e dovrebbe avere sia competenze logistiche che competenze gestionali Le criticità di questo profilo si riscontrano nell utilizzo degli strumenti informatici, ma anche nelle capacità di gestione delle risorse umane e dei contratti in outsourcing Profilo operativo le cui criticità maggiori si riscontrano nelle competenze informatiche, ma spesso anche nell attenzione al livello di servizio da garantire (mancanza di cura nel maneggiare e trasportare la merce, ecc.) Le carenze riscontrate dalle aziende per questo profilo sono relative principalmente alla capacità di pianificazione e ottimizzazione dei trasporti, ormai variabile critica soprattutto nelle aziende dove il servizio è un fattore di successo

17 AGENDA Gli obiettivi del progetto e le modalità di analisi I profili logistici in Emilia-Romagna Le principali criticità riscontrate L offerta formativa I fabbisogni formativi e le ipotesi di intervento

18 L ANALISI DELL OFFERTA FORMATIVA DI MASTER E CORSI DI LAUREA SI È SVILUPPATA IN AMBITO NAZIONALE TIPOLOGIA OFFERTA FORM. OSSERVAZIONI / EVIDENZE MASTER CORSO DI LAUREA La quasi totalità dei master censiti ha sede nel nord-italia. Con l aumentare del numero di master sulla logistica cominciano a comparire anche master con maggiore focalizzazione Questo vale anche per l Emilia-Romagna, dove i master nella logistica si stanno orientando sempre più verso temi specifici e innovativi; ad esempio: - master in Diritto ed Economia dei Trasporti e della Logistica dell Università di Bologna - Master in Commercializzazione e Logistica Alimentare dell Università di Parma - In Emilia-Romagna i corsi di laurea che affrontano temi logistici sono prevalentemente quelli di ingegneria gestionale In altre regioni cominciano invece a comparire corsi di laurea dedicati maggiormente alla logistica (ad esempio, il corso di laurea di Economia marittima e della produzione dell Università di Genova)

19 L ANALISI DI CORSI PROFESSIONALI E CORSI BREVI SI È INVECE FOCALIZZATA SULL EMILIA-ROMAGNA TIPOLOGIA OFFERTA FORM. OSSERVAZIONI / EVIDENZE CORSI PROFESSIONALI In Emilia-Romagna è abbastanza ricca l offerta di corsi professionali per formare figure specifiche tendenzialmente non specializzate per settore 60% 40% 20% Destinatari corsi professionali in Emilia-Romagna 0% Laureati Diplomati Disoccupati Extracomunitari CORSI BREVI Scarsissima offerta di corsi per lo sviluppo delle competenze manageriali dei profili tecnico operativi In altre Regioni, sono più frequenti corsi brevi organizzati da soggetti più focalizzati sulla logistica Temi trattati nei corsi brevi in Emilia-Romagna Distribuzione e trasporto 15% Gest. Approvv. Outsourcing ICT 11% 4% 2% Supply chain 17% Gest. Magazzino 38% Produzione 13%

20 L ANALISI DELL OFFERTA FORMATIVA IN ITALIA É STATA INOLTRE COMPARATA CON QUELLA DI ALCUNI PAESI EUROPEI ITALIA ESTERO FORMAZIONE SECONDARIA La formazione italiana conferisce delle solide basi teoriche, ma non una focalizzazione verticale sul tema In sostanza, la formazione secondaria, è sicuramente deficitaria per la formazione delle figure tecnico operative specializzate L offerta è in generale maggiormente indirizzata a formare figure specifiche In Francia, ad esempio si creano figure che possono svolgere mestieri precisi più focalizzati sui temi della logistica (Es. Sviluppo dei trasporti e gestione dei sistemi; Agente di scalo commerciale) FORMAZIONE UNIVERSITARIA E POST Prevale una formazione di carattere generale sui temi della logistica, destinata alle figure medio-alte, anche se recentemente si incominciano a delineare Master e corsi di laurea più specifici sui temi della logistica Accanto a corsi di laurea e Master di carattere generale emergono anche corsi più specifici e verticalizzati, ad esempio sui temi dell intermodalità e della logistica internazionale Esistono inoltre centri di formazione specifici dedicati alla logistica con forte orientamento alla ricerca e collegati alle università

21 AGENDA Gli obiettivi del progetto e le modalità di analisi I profili logistici in Emilia-Romagna Le principali criticità riscontrate L offerta formativa I fabbisogni formativi e le ipotesi di intervento

22 GLI ELEMENTI RACCOLTI PERMETTONO DI EFFETTUARE ALCUNE IPOTESI DI INTERVENTO I PERCORSI DI ACCESSO E SVILUPPO IN AZIENDA (SINTESI) ALCUNE LINEE GUIDA PER LA FORMAZIONE LOGISTICA Per i profili più alti il sistema formativo superiore (università e master) non sembra ancora sufficientemente specialistico; per il raggiungimento delle posizioni di livello più strategico nelle aziende, rimane necessario un periodo di acquisizione di esperienze sul campo Per la copertura delle posizioni di livello medio-basso mancano specifici profili formati dalla scuola secondaria e occorre fare riferimento a quelli operativi che dimostrano avere maggiori potenzialità di sviluppo L analisi mostra la necessità d intervenire a diversi livelli: - Maggiore specializzazione dei percorsi di laurea e master, - Ampliamento dell offerta di corsi brevi - Maggiore grado di focalizzazione settoriale dell offerta di formazione professionale L aggiornamento delle competenze professionali e il presidio dei fattori di contesto avviene mediante corsi brevi (compresi seminari e convegni)

23 DA DECLINARE IN DUE SCENARI TEMPORALI DI RIFERIMENTO Scenario Breve termine Lungo termine Focus Agire oggi per supportare le aziende nella crescita e nello sviluppo del know how attuale Valutare la possibilità di agire per formare i professionisti del domani Caratteristiche Intervenire direttamente sulle esigenze sentite dalle aziende coinvolte Integrare l offerta attuale di formazione Verificare se le aziende percepiscono come sufficienti i benefici introdotti dalla recente riforma Moratti Intervenire sul sistema istituzionale di formazione

24 NEL BREVE, L OFFERTA A COPERTURA DELLE CRITICITÁ ATTUALI, POTREBBE RAFFORZARE LA SPECIALIZZAZIONE SETTORIALE DEI PERCORSI DI SVILUPPO TIPOLOGIA DI CORSO PROFILI DESTINATARI OBIETTIVO MODALITÀ DI EROGAZIONE PRIORITÀ (1) Master Analista logistico Strutturazione delle competenze di ruolo con particolare focus sulle modalità e sulla gestione dello stage in azienda Intrasettoriale Bassa Traffic Planner Strutturazione delle competenze di ruolo con particolare focus sulle competenze manageriali Intrasettoriale Altissima AREA DI INTERVENTO Corsi professionali Manager di magazzino Strutturazione delle competenze di ruolo con particolare focus sulle competenze manageriali Intrasettoriale Alta Responsabile di magazzino Strutturazione delle competenze di ruolo con particolare focus sulle competenze gestionali Intrasettoriale Alta Il corso potrebbe essere unico per entrambe le figure (1) Esprime l incrocio tra la copertura della tematica nell attuale offerta formativa e le priorità rilevate dal panel delle aziende.

25 E PRESIDIARE LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE MANAGERIALI E GESTIONALI DEI PROFILI TECNICO OPERATIVI TIPOLOGI A CORSO PROFILI DESTINATARI OBIETTIVO MODALITÀ DI EROGAZIONE PRIORITÀ (1) Logistic Manager Adeguamento ed integrazione delle competenze di ruolo Intrasettoriale Bassa Corsi brevi Traffic Planner Traffic Planner Adeguamento ed integrazione delle competenze di pianificazione e ottimizzazione dei trasporti Adeguamento ed integrazione delle competenze manageriali Intrasettoriale Intersettoriale Media Alta Manager di magazzino Adeguamento ed integrazione delle competenze manageriali Intersettoriale Alta Responsabile di magazzino Adeguamento ed integrazione delle competenze manageriali e gestionali Intersettoriale Alta (1) Esprime l incrocio tra la copertura della tematica nell attuale offerta formativa e le priorità rilevate dal panel delle aziende.

26 SI POTREBBE INOLTRE INTEGRARE IL PANORAMA DEI CORSI BREVI ESISTENTI CON LE TEMATICHE RELATIVE ALL EVOLUZIONE DEI FATTORI DI CONTESTO AMBITO PROFILI DESTINATARI MODALITÀ DI EROGAZIONE PRIORITÀ (1) Evoluzione dei mercati Logistic Manager Traffic Planner Intersettoriale Alta Corsi brevi Innovazione modalità di trasporto Logistic Manager Traffic Planner Intersettoriale Alta Le innovazioni nei sistemi informatici e di automazione Logistic Manager Manager e Responsabile di magazzino Traffic Planner Intersettoriale Altissima AREA DI INTERVENTO La centralità della funzione logistica Logistic Manager Intrasettoriale Media Sviluppo e gestione dell outsourcing Logistic Manager Manager di magazzino, Responsabile di magazzino Intersettoriale Media (1) Esprime l incrocio tra la copertura della tematica nell attuale offerta formativa e le priorità rilevate dal panel delle aziende.

CORSO A CATALOGO - 2009 - Corso ID: 6084 - Project management con specializzazione in project financing

CORSO A CATALOGO - 2009 - Corso ID: 6084 - Project management con specializzazione in project financing CORSO A CATALOGO - 2009 - Corso ID: 6084 - Project management con specializzazione in project financing Regione di Presentazione: ID Corso: Organismo di formazione: Tipo organismo: Data invio telematico:

Dettagli

Formazione manageriale in Trentino

Formazione manageriale in Trentino Formazione manageriale in Trentino Linee strategiche Dal 2002 il sistema istituzionale trentino ha avviato una serie di esperienze di alta formazione nel settore turistico che, seppure in mutati assetti

Dettagli

NETWORK MANAGEMENT e COPROGETTAZIONE dei SERVIZI

NETWORK MANAGEMENT e COPROGETTAZIONE dei SERVIZI NETWORK MANAGEMENT e COPROGETTAZIONE dei SERVIZI Master Universitario di II Livello, Anno Accademico 2014/2015 PERCHÉ QUESTO MASTER Le trasformazioni dei sistemi di welfare locale Nel corso degli ultimi

Dettagli

ALBERT. copyright hventiquattro

ALBERT. copyright hventiquattro ALBERT ALBERT MONETIZZARE LE SCORTE Il tuo magazzino: da deposito a risorsa Albert agisce sulle fonti di finanziamento interno. Non tanto in termini di puro taglio dei costi, quanto di recupero di flussi

Dettagli

TECNICO SUPERIORE DELLA LOGISTICA INTEGRATA

TECNICO SUPERIORE DELLA LOGISTICA INTEGRATA ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE SETTORE TRASPORTI TECNICO SUPERIORE DELLA LOGISTICA INTEGRATA STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI TECNICO SUPERIORE DELLA LOGISTICA INTEGRATA

Dettagli

La progettazione comunitaria come fattore di opportunità per lo sviluppo strategico

La progettazione comunitaria come fattore di opportunità per lo sviluppo strategico La progettazione comunitaria come fattore di opportunità per lo sviluppo strategico CONTESTO L importanza crescente della programmazione comunitaria nelle politiche di sviluppo locale, sia in termini di

Dettagli

Corso in Store Management

Corso in Store Management in collaborazione con presenta Corso in Store Management EDIZIONE SICILIA INDICE 1) Premessa 2) Obiettivo 3) Il profilo professionale in uscita: lo Store Manager 4) Organizzazione delle attività 5) Programma

Dettagli

Ricerca scientifica e assistenza tecnica per affrontare con successo i processi di cambiamento

Ricerca scientifica e assistenza tecnica per affrontare con successo i processi di cambiamento Ricerca scientifica e assistenza tecnica per affrontare con successo i processi di cambiamento Edizione 2015 40 anni di analisi e ricerca sulle trasformazioni economiche e sociali in Italia e in Europa:

Dettagli

Agenda. I. Descrizione questionario. II. Risultati ed evidenze. III. Regione Sicilia: focus. Obiettivi della ricerca

Agenda. I. Descrizione questionario. II. Risultati ed evidenze. III. Regione Sicilia: focus. Obiettivi della ricerca Agenda I. Descrizione questionario Obiettivi della ricerca Caratteristiche campione analizzato II. Risultati ed evidenze III. Regione Sicilia: focus 2 Agenda I. Descrizione questionario 3 I. Descrizione

Dettagli

Fabbrica Intelligente & Formazione

Fabbrica Intelligente & Formazione Fabbrica Intelligente & Formazione Lo scenario emergente Ieri: strategia di costo Delocalizzazione competitiva Oggi: strategia di innovazione servizio Caratteri Strategia di localizzazione Strategia di

Dettagli

La manualistica di prodotto come elemento di user centered design

La manualistica di prodotto come elemento di user centered design come elemento di user centered design Fondazione la Fornace di Asolo 21 aprile 2009 Asolo, 21 aprile 2009 1 Treviso Tecnologia: Innovazione come missione Treviso Tecnologia èl Azienda Speciale per l innovazione

Dettagli

Figure professionali «Mobilità sostenibile» LOGISTIC MANAGER. GREEN JOBS Formazione e Orientamento

Figure professionali «Mobilità sostenibile» LOGISTIC MANAGER. GREEN JOBS Formazione e Orientamento Figure professionali «Mobilità sostenibile» LOGISTIC MANAGER GREEN JOBS Formazione e Orientamento LOGISTIC MANAGER Il logistic manager si occupa dell organizzazione e della circolazione delle merci e delle

Dettagli

Come si creano i talenti? Lo stato della Formazione Universitaria in Italia

Come si creano i talenti? Lo stato della Formazione Universitaria in Italia : la professione del futuro Come si creano i talenti? Lo stato della Formazione Universitaria in Italia Prof. Fabrizio Dallari Direttore del Centro di Ricerca sulla Università Carlo Cattaneo LIUC 1 1 I

Dettagli

Europrogettazione e Project Management

Europrogettazione e Project Management Executive Master in Europrogettazione e Project Management Sida Group Alta Formazione dal 1985 Strategia Consulenza Formazione Sedi: Roma Napoli Bologna Parma Chieti Perugia Ancona www.mastersida.com OBIETTIVI

Dettagli

PROGETTO DI FORMAZIONE SUL TEMA

PROGETTO DI FORMAZIONE SUL TEMA FIRENZE 1 PROGETTO DI FORMAZIONE SUL TEMA IL SISTEMA DI PROGRAMMAZIONE E CONTROLLO: RIFERIMENTI CONCETTUALI E NORMATIVI POSTI A CONFRONTO CON LA REALTÀ AZIENDALE FIRENZE 2 INDICE PREMESSA 3 MOTIVAZIONI

Dettagli

ForIndLog. Miglioramento della capacità di ricerca ed innovazione delle risorse umane nell ambito della Logistica e del Trasporto

ForIndLog. Miglioramento della capacità di ricerca ed innovazione delle risorse umane nell ambito della Logistica e del Trasporto ForIndLog Miglioramento della capacità di ricerca ed innovazione delle risorse umane nell ambito della Logistica e del Trasporto Fondo Sociale Europeo Misura D.4 Miglioramento delle risorse umane nel settore

Dettagli

I riflessi sugli assetti gestionali e organizzativi

I riflessi sugli assetti gestionali e organizzativi I riflessi sugli assetti gestionali e organizzativi III 1 La sostenibilità del piano strategico e i riflessi sul finanziamento dell Istituto Come sottolineato nella Premessa, la capacità della Consob di

Dettagli

IL WORK-LIFE BALANCE E LE INIZIATIVE INNOVATIVE DI CONCILIAZIONE

IL WORK-LIFE BALANCE E LE INIZIATIVE INNOVATIVE DI CONCILIAZIONE IL WORK-LIFE BALANCE E LE INIZIATIVE INNOVATIVE DI CONCILIAZIONE Il progetto In Pratica Idee alla pari e alcuni esempi di pratiche realizzate e di esperienze regionali di successo IRS Istituto per la Ricerca

Dettagli

LOGISTIC MANAGER. STRUTTURA DEL PERCORSO: 700 ore di formazione d aula, 300 ore di stage e 3 mesi di Work Experience.

LOGISTIC MANAGER. STRUTTURA DEL PERCORSO: 700 ore di formazione d aula, 300 ore di stage e 3 mesi di Work Experience. LOGISTIC MANAGER. CONTESTO: La figura professionale Logistic Manager trova la sua collocazione in aziende operanti nell ambito del trasporto/logistica, di media/piccola o grande dimensione, in cui v è

Dettagli

Italia: Imprese e Futuro Giugno 2010

Italia: Imprese e Futuro Giugno 2010 Giugno 2010 Premessa L obiettivo dell indagine è stato quello di registrare il sentire delle Aziende Italiane rispetto alla situazione economica attuale e soprattutto quali sono le aspettative per gli

Dettagli

ECCELLERE NELLA LOGISTICA. Generare opportunità con la logistica

ECCELLERE NELLA LOGISTICA. Generare opportunità con la logistica ECCELLERE NELLA LOGISTICA Generare opportunità con la logistica INTRODUZIONE Il settore della logistica rappresenta una risorsa strategica per la competitività delle imprese e del territorio ed è attualmente

Dettagli

INVENTORY MANAGEMENT II

INVENTORY MANAGEMENT II INVENTORY MANAGEMENT II AREA Inventory Management Modulo Avanzato INVENTORY MANAGEMENT - II Il corso ha la finalità di fornire i metodi e gli strumenti necessari per una corretta organizzazione della catena

Dettagli

Fondimpresa Avviso 5/2015. Piano Territoriale Codice Piano POI1444908731677

Fondimpresa Avviso 5/2015. Piano Territoriale Codice Piano POI1444908731677 Fondimpresa Avviso 5/2015 Piano Territoriale Codice Piano POI1444908731677 Sintesi dei Piano Il Piano PointConnecting" coinvolge aziende del territorio campano, accomunate da piani di investimento volti

Dettagli

Competere con la logistica Esperienze innovative nella Supply Chain alimentare

Competere con la logistica Esperienze innovative nella Supply Chain alimentare Competere con la logistica Esperienze innovative nella Supply Chain alimentare M. Bettucci R. Secchi V. Veronesi Unit Produzione e Tecnologia Il libro è frutto del lavoro di ricerca svolto con il Gruppo

Dettagli

I tecnici di Automazione nel mondo del lavoro

I tecnici di Automazione nel mondo del lavoro I tecnici di Automazione nel mondo del lavoro Indagine sulla collocazione del tecnico/ingegnere di automazione nel mondo del lavoro pag. 1 Motivazioni Un osservatorio per l analisi dei bisogni di cultura

Dettagli

ICT in Italia Occupazione e professioni nell ICT

ICT in Italia Occupazione e professioni nell ICT ICT in Italia Occupazione e professioni nell ICT Ercole Colonese RUBIERRE srl Consulenti di Direzione ercole@colonese.it www.colonese.it Roma, 2008 Occupazione e professioni nell ICT Rapporto 2006 L evoluzione

Dettagli

INVENTORY MANAGEMENT. Case studies

INVENTORY MANAGEMENT. Case studies INVENTORY MANAGEMENT INVENTORY MANAGEMENT Il corso ha la finalità di fornire i metodi e gli strumenti necessari per una corretta pianificazione delle scorte nel sistema produttivo e distributivo e per

Dettagli

Identikit startup: giovani, orientate all estero e pronte a investire su lavoro e innovazione

Identikit startup: giovani, orientate all estero e pronte a investire su lavoro e innovazione Identikit startup: giovani, orientate all estero e pronte a investire su lavoro e innovazione - 26 maggio 2015 - Continua a crescere il numero di start-up innovative nel nostro Paese: a fine aprile avevano

Dettagli

Master in Turismo Rurale

Master in Turismo Rurale Master in Turismo Rurale Il Master è inserito nel Catalogo Interregionale di Alta Formazione www.altaformazioneinrete.it GATEWAY TO LEARNING Titolo del corso: Master in Turismo Rurale Tipologia corso:

Dettagli

Creatori di Eccellenza nella Supply Chain

Creatori di Eccellenza nella Supply Chain Creatori di Eccellenza nella Supply Chain Chi siamo Essere innovativi ma concreti, scommettere assieme sui risultati. Fare le cose che servono per creare valore nel miglior modo possibile. Questa è Makeitalia.

Dettagli

Creare Valore con il Supply Chain Management

Creare Valore con il Supply Chain Management Idee e strumenti per l impresa manifatturiera del domani Settembre - Novembre 2013 Creare Valore con il Supply Chain Management Bologna 26 settembre Fabbrica Futuro - Il settore Moda Firenze 10 ottobre

Dettagli

Convegno di studio La biometria entra nell e-government. Le attività del CNIPA nel campo della biometria: le Linee guida

Convegno di studio La biometria entra nell e-government. Le attività del CNIPA nel campo della biometria: le Linee guida Convegno di studio La biometria entra nell e-government Le attività del CNIPA nel campo della biometria: le Linee guida Alessandro Alessandroni Cnipa alessandroni@cnipa.it Alessandro Alessandroni è Responsabile

Dettagli

MANAGEMENT DELLA SICUREZZA E GOVERNANCE PUBBLICA - MASGOP

MANAGEMENT DELLA SICUREZZA E GOVERNANCE PUBBLICA - MASGOP MANAGEMENT DELLA SICUREZZA E GOVERNANCE PUBBLICA - MASGOP Master di I Livello - A.A. 2015/2016 Premessa Il tema dell innovazione della Pubblica amministrazione italiana richiede oggi, dopo anni di dibattito

Dettagli

Come passare dal budget tradizionale al piano d azione annuale: il caso GDO

Come passare dal budget tradizionale al piano d azione annuale: il caso GDO Come passare dal budget tradizionale al piano d azione annuale: il caso GDO di Massimo Lazzari e Davide Mondaini (*) L evoluzione rapida e irreversibile dei contesti di riferimento in cui le aziende si

Dettagli

SUPPLY CHAIN MANAGEMENT STRATEGY AND LOGISTIC NETWORK

SUPPLY CHAIN MANAGEMENT STRATEGY AND LOGISTIC NETWORK UNIVERSITÀ POLITECNICA DELLE MARCHE Facoltà di Ingegneria Dipartimento di Ingegneria Informatica, Gestionale e dell Automazione SUPPLY CHAIN MANAGEMENT STRATEGY AND LOGISTIC NETWORK relators: Marcello

Dettagli

CASO APPLICATIVO: PROGRAMMA DI SVILUPPO RISORSE UMANE

CASO APPLICATIVO: PROGRAMMA DI SVILUPPO RISORSE UMANE CASO APPLICATIVO: PROGRAMMA DI SVILUPPO RISORSE UMANE IL PROJECT MANAGEMENT NEL SERVIZIO SANITARIO L esperienza dell APSS di Trento Bolzano, 8 maggio 2008 Auditorio del Palazzo Provinciale 12 Autore: Ettore

Dettagli

1 - CODICE PROGETTO 2 - TIPOLOGIA DI INTERVENTO/AREA FUNZIONALE DEL PPL

1 - CODICE PROGETTO 2 - TIPOLOGIA DI INTERVENTO/AREA FUNZIONALE DEL PPL 1 - CODICE PROGETTO 4.1.1- IL POLO SCIENTIFICO E TECNOLOGICO SPECIALIZZAT O NEI SETTORI DELLE PRODUZIONI VITICOLE, ENOLOGICHE, DELLE GRAPPE E DELLE ACQUAVITI DI CONEGLIANO 2 - TIPOLOGIA DI INTERVENTO/AREA

Dettagli

OSSERVATORIO SULLE PROFESSIONI

OSSERVATORIO SULLE PROFESSIONI OSSERVATORIO SULLE PROFESSIONI 1 a indagine sulla formazione dei neolaureati ed esigenze d impresa Università IULM 16 aprile 2012 Con il patrocinio di: Si ringrazia: 1 a INDAGINE SULLA FORMAZIONE DEI NEOLAUREATI

Dettagli

AZIONE DI SISTEMA FILO. Formazione Imprenditorialità Lavoro Orientamento

AZIONE DI SISTEMA FILO. Formazione Imprenditorialità Lavoro Orientamento AZIONE DI SISTEMA FILO Formazione Imprenditorialità Lavoro Orientamento Azione di sistema: FILO- Formazione, imprenditorialità, lavoro e orientamento Il ruolo delle Camere di Commercio sui temi dello sviluppo

Dettagli

Il progetto MADLER sulle Unioni di comuni e sui comuni capoluogo in Emilia-Romagna. Antonio Gioiellieri e Gian Paolo Artioli, ANCI Emilia Romagna;

Il progetto MADLER sulle Unioni di comuni e sui comuni capoluogo in Emilia-Romagna. Antonio Gioiellieri e Gian Paolo Artioli, ANCI Emilia Romagna; L Agenda Digitale Locale: il piano strategico condiviso per le politiche di innovazione e di progettazione di comunità locali intelligenti e sostenibili: il caso dell Emilia-Romagna Il progetto MADLER

Dettagli

MODELLI E STRUMENTI PER OTTIMIZZARE I FLUSSI LOGISTICI MILANO, 15-16 GIUGNO 2016

MODELLI E STRUMENTI PER OTTIMIZZARE I FLUSSI LOGISTICI MILANO, 15-16 GIUGNO 2016 AREA FORMAZIONE LA SUPPLY CHAIN NELLE AZIENDE SANITARIE: MODELLI E STRUMENTI PER OTTIMIZZARE I FLUSSI LOGISTICI MILANO, 15-16 GIUGNO 2016 Telefono: 02-72.34.39.07 - Fax: 02-72.34.38.28 - E-mail: cerismas@unicatt.it

Dettagli

Il Magazzino Unico: un confronto tra modelli

Il Magazzino Unico: un confronto tra modelli Il Magazzino Unico: un confronto tra modelli Davide Cattane Osservatori Digital Innovation School of Management Politecnico di Milano Convegno MePAIE Cremona - 28 Febbraio 2014 Agenda Il contesto di riferimento

Dettagli

IL CONTROLLO DI GESTIONE DELLA LOGISTICA

IL CONTROLLO DI GESTIONE DELLA LOGISTICA IL CONTROLLO DI GESTIONE DELLA LOGISTICA LA MISURA DELLA PERFORMANCE AREA Core Management Skills Modulo Avanzato IL CONTROLLO DI GESTIONE DELLA LOGISTICA La misura della performance Il corso si focalizza

Dettagli

Bachelor of Science in Ingegneria gestionale

Bachelor of Science in Ingegneria gestionale Scuola universitaria professionale della Svizzera italiana Dipartimento tecnologie innovative Bachelor of Science in Ingegneria gestionale www.supsi.ch/dti Obiettivi e competenze Il corso di laurea in

Dettagli

Parte 1 La strategia di espansione internazionale

Parte 1 La strategia di espansione internazionale Prefazione alla seconda edizione Autori Ringraziamenti dell Editore XIII XVI XVIII Parte 1 La strategia di espansione internazionale Capitolo 1 L internazionalizzazione delle imprese: scenari e tendenze

Dettagli

ISTITUTO TECNICO SUPERIORE PER LA MOBILITÀ SOSTENIBILE E LOGISTICA, MOBILITÀ DELLE PERSONE E DELLE MERCI

ISTITUTO TECNICO SUPERIORE PER LA MOBILITÀ SOSTENIBILE E LOGISTICA, MOBILITÀ DELLE PERSONE E DELLE MERCI CORSO 2011-2013 ISTITUTO TECNICO SUPERIORE PER LA MOBILITÀ SOSTENIBILE E LOGISTICA, MOBILITÀ DELLE PERSONE E DELLE MERCI La tecnica per crescere CON IL PATROCINIO DI PIACENZA L Istituto Tecnico Superiore

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA TRA DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA E CONFINDUSTRIA

PROTOCOLLO D INTESA TRA DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA E CONFINDUSTRIA PROTOCOLLO D INTESA TRA DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA E CONFINDUSTRIA Premesso che il programma di Governo ha previsto una legislatura caratterizzata da profonde riforme istituzionali; che tale

Dettagli

OFFERTA FORMATIVA Anno accademico 2012/13

OFFERTA FORMATIVA Anno accademico 2012/13 OFFERTA FORMATIVA Anno accademico 2012/13 ISTITUTO TECNICO SUPERIORE PEGASUS AREA MOBILITA SOSTENIBILE GESTIONE INFOMOBILITA E INFRASTRUTTURE LOGISTICHE SITO DEL CORSO: ITIS M.M.Milano Polistena Via dello

Dettagli

F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE

F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome MARA BERNARDINI Indirizzo via B. Ramazzini, 15 41121 Modena Telefono 06 67545307 Fax 06 6785408 E-mail m.bernardini@retionline.it Nazionalità

Dettagli

CAMBIARE VITA, APRIRE LA MENTE VOLONTARIATO E CSV IN MOVIMENTO CON L EUROPA

CAMBIARE VITA, APRIRE LA MENTE VOLONTARIATO E CSV IN MOVIMENTO CON L EUROPA CAMBIARE VITA, APRIRE LA MENTE VOLONTARIATO E CSV IN MOVIMENTO CON L EUROPA Bologna, 30 gennaio 2014 Relatore: Laura Borlone ERASMUS! UN NUOVO PROGRAMMA EUROPEO NEL CAMPO DELL ISTRUZIONE DELLA FORMAZIONE

Dettagli

Perché è importante voltare pagina nella gestione delle piccole imprese?

Perché è importante voltare pagina nella gestione delle piccole imprese? Perché è importante voltare pagina nella gestione delle piccole imprese? Torino, 14 aprile 2006 Indice Considerazioni iniziali...p.3 La non crescita...p.5 In concreto, cosa si può fare?...p.6 Considerazioni

Dettagli

Le esperienze vissute in oltre 30 anni, hanno creato la convinzione che quanto fatto sino ad ora possa definirsi solo un punto di partenza sul

Le esperienze vissute in oltre 30 anni, hanno creato la convinzione che quanto fatto sino ad ora possa definirsi solo un punto di partenza sul Moretti Spa nasce nel 1976 sull idea imprenditoriale dei tre fondatori: Fabrizio Fabbrini, Laura e Marco Cellai, e inizia la sua attività come distributrice di articoli sanitari delle più note marche presenti

Dettagli

CITY LOGISTICS. AREA TRANSPORT MANAGEMENT Modulo Base

CITY LOGISTICS. AREA TRANSPORT MANAGEMENT Modulo Base CITY LOGISTICS AREA TRANSPORT MANAGEMENT Modulo Base CITY LOGISTICS Attraverso un inquadramento metodologico generale ed esperienze avvenute, il corso fornisce gli elementi chiave per affrontare la tematica,

Dettagli

CONSORZIO Spinner - Bologna. Selezione di esperti di Tutoraggio per lo sviluppo di progetti di imprenditorialità innovativa

CONSORZIO Spinner - Bologna. Selezione di esperti di Tutoraggio per lo sviluppo di progetti di imprenditorialità innovativa CONSORZIO Spinner - Bologna Selezione di esperti di Tutoraggio per lo sviluppo di progetti di imprenditorialità innovativa PREMESSA La Sovvenzione Globale Interventi per la qualificazione delle risorse

Dettagli

Turnaround. Turnaround e ritorno al valore: la provincia di Bologna ed il caso Alta Tecnologia. di Massimo Lazzari (*)

Turnaround. Turnaround e ritorno al valore: la provincia di Bologna ed il caso Alta Tecnologia. di Massimo Lazzari (*) Tecniche Turnaround Turnaround e ritorno al valore: la provincia di Bologna ed il caso Alta Tecnologia Italiana SpA di Massimo Lazzari (*) Prosegue la serie di 10 contributi dedicati al turnaround come

Dettagli

Le strategie delle banche retail nel mercato del credito al consumo. STEFANO COSMA Università di Modena e Reggio Emilia - CEFIN

Le strategie delle banche retail nel mercato del credito al consumo. STEFANO COSMA Università di Modena e Reggio Emilia - CEFIN Le strategie delle banche retail nel mercato del credito al consumo STEFANO COSMA Università di Modena e Reggio Emilia - CEFIN Agenda 1. Introduzione 2. Il credito al consumo: alcune riflessioni sull evoluzione

Dettagli

METODO_ SOLUZIONI_ DIALOGO_ MANAGEMENT_ COMPETENZE_ ASSISTENZA_ SERVIZI_ MISSION_ TECNOLOGIE_

METODO_ SOLUZIONI_ DIALOGO_ MANAGEMENT_ COMPETENZE_ ASSISTENZA_ SERVIZI_ MISSION_ TECNOLOGIE_ DIALOGO_ METODO_ SOLUZIONI_ COMPETENZE_ MISSION_ TECNOLOGIE_ ASSISTENZA_ MANAGEMENT_ SERVIZI_ GEWIN La combinazione di professionalità e know how tecnologico per la gestione aziendale_ L efficienza per

Dettagli

MASTER SPECIALISTICO IN PROGRAMMAZIONE E CONTROLLO DI GESTIONE

MASTER SPECIALISTICO IN PROGRAMMAZIONE E CONTROLLO DI GESTIONE OFFERTA FORMATIVA Titolo: MASTER SPECIALISTICO IN PROGRAMMAZIONE E CONTROLLO DI GESTIONE Padova, Roma e Bologna. Destinatari: Il Master si rivolge a laureati, preferibilmente in discipline economiche,

Dettagli

L-18 Scienze dell economia e della gestione aziendale L-33 Scienze economiche

L-18 Scienze dell economia e della gestione aziendale L-33 Scienze economiche Facoltà ECONOMIA (Sede di Rimini) Corso ECONOMIA DELL IMPRESA Classe L-18 Scienze dell economia e della gestione aziendale L-33 Scienze economiche Obiettivi formativi specifici del corso e descrizione

Dettagli

LEAN MANUFACTURING AND WAREHOUSING

LEAN MANUFACTURING AND WAREHOUSING LEAN MANUFACTURING AND WAREHOUSING La produzione snella: eliminare gli sprechi aziendali 2010 www.ailog.it LEAN MANUFACTURING AND WAREHOUSING La produzione snella: eliminare gli sprechi aziendali 18 gennaio

Dettagli

rete di enti di formazione per le PMI T.E.A.M. - Training Experiences and Management

rete di enti di formazione per le PMI T.E.A.M. - Training Experiences and Management rete di enti di formazione per le PMI T.E.A.M. - Training Experiences and Management rete di enti di formazione per le PMI Fondazione ISTUD ASF-Associazione Servizi Formativi Università degli Studi di

Dettagli

Il catalogo MANAGEMENT Si rivolge a: Imprenditori con responsabilità diretta. Quadri sulla gestione

Il catalogo MANAGEMENT Si rivolge a: Imprenditori con responsabilità diretta. Quadri sulla gestione 6 Il catalogo MANAGEMENT Si rivolge a: Imprenditori con responsabilità diretta Quadri sulla gestione Impiegati con responsabilità direttive Dirigenti di imprese private e organizzazioni pubbliche, interessati

Dettagli

a.a 2010/2011 I MODULO Gli approvvigionamenti d impresa: strategia e organizzazione Area Aziendale

a.a 2010/2011 I MODULO Gli approvvigionamenti d impresa: strategia e organizzazione Area Aziendale a.a 2010/2011 I MODULO Gli approvvigionamenti d impresa: strategia e organizzazione Area Aziendale Perché formazione sul Procurement? I sistemi di Procurement stanno subendo profonde modificazioni sia

Dettagli

PEOPLE CARE. Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione.

PEOPLE CARE. Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione. La Compagnia Della Rinascita PEOPLE CARE Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione. PEOPLE CARE Un equipe di professionisti che si

Dettagli

Seminario «Imprese, mercati, nuove tecnologie e nuovi settori: come cambia l organizzazione aziendale nello scenario competitivo»

Seminario «Imprese, mercati, nuove tecnologie e nuovi settori: come cambia l organizzazione aziendale nello scenario competitivo» Seminario «Imprese, mercati, nuove tecnologie e nuovi settori: come cambia l organizzazione aziendale nello scenario competitivo» Torino, 28-30 Novembre 2011 Luca Pignatelli Demografia (2010-2011) Popolazione

Dettagli

POLITECNICO DI BARI. I Facoltà di Ingegneria. Laurea specialistica in Ingegneria Gestionale (classe 34/S)

POLITECNICO DI BARI. I Facoltà di Ingegneria. Laurea specialistica in Ingegneria Gestionale (classe 34/S) POLITECNICO DI BARI I Facoltà di Ingegneria Laurea specialistica in Ingegneria Gestionale (classe 34/S) REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA GESTIONALE (SECOND LEVEL DEGREE

Dettagli

COME GESTIRE LA NUOVA IMPRESA: FORNIRE CONOSCENZE, METODI E SISTEMI DI DI LAVORO SULLE AREE DELLA GESTIONE AZIENDALE

COME GESTIRE LA NUOVA IMPRESA: FORNIRE CONOSCENZE, METODI E SISTEMI DI DI LAVORO SULLE AREE DELLA GESTIONE AZIENDALE COME GESTIRE LA NUOVA IMPRESA: FORNIRE CONOSCENZE, METODI E SISTEMI DI DI LAVORO SULLE AREE DELLA GESTIONE AZIENDALE PROF. VALTER CANTINO 1 L AZIENDA Soggetto unitario composto di più elementi diversi

Dettagli

IL PORTALE A SUPPORTO DELLA DIDATTICA E DELLA GESTIONE

IL PORTALE A SUPPORTO DELLA DIDATTICA E DELLA GESTIONE IL PORTALE A SUPPORTO DELLA DIDATTICA E DELLA GESTIONE Di Antonella Della Rovere (luglio 2003) L ambiente accademico sta attraversando un momento di profonda trasformazione: la riforma dei corsi di studio

Dettagli

L integrazione logistica fra porti e sistema ferroviario nel Mediterraneo Nord Occidentale: le politiche e il mercato

L integrazione logistica fra porti e sistema ferroviario nel Mediterraneo Nord Occidentale: le politiche e il mercato SIET 2015 L integrazione logistica fra porti e sistema ferroviario nel Mediterraneo Nord Occidentale: le politiche e il mercato Oliviero Baccelli Direttore CERTET- Centro di Economia Regionale, Trasporti

Dettagli

Danais s.r.l. Profilo Aziendale

Danais s.r.l. Profilo Aziendale Danais s.r.l. Profilo Aziendale Danais s.r.l. Marzo 2013 Indice Caratteri identificativi della società... 3 Gli ambiti di competenza... 3 Edilizia... 3 Mercati di riferimento... 4 Caratteristiche distintive...

Dettagli

IL GLOSSARIO QUALE SUPPORTO METODOLOGICO PER LA COMPRENSIONE E L UTILIZZO DELL E LEARNING

IL GLOSSARIO QUALE SUPPORTO METODOLOGICO PER LA COMPRENSIONE E L UTILIZZO DELL E LEARNING I N T R O D U Z I O N E IL GLOSSARIO QUALE SUPPORTO METODOLOGICO PER LA COMPRENSIONE E L UTILIZZO DELL E LEARNING Il presente Glossario e learning costituisce il risultato di un attività di ricerca condotta

Dettagli

in collaborazione con presenta Corso Store Manager EDIZIONE CAMPANIA

in collaborazione con presenta Corso Store Manager EDIZIONE CAMPANIA in collaborazione con presenta Corso Store Manager EDIZIONE CAMPANIA INDICE 1) Premessa 2) Obiettivo 3) Il profilo professionale in uscita: lo Store Manager 4) Organizzazione delle attività 5) Programma

Dettagli

Master in innovazione di Reti e Servizi nel Settore ICT. Dai il via al tuo futuro

Master in innovazione di Reti e Servizi nel Settore ICT. Dai il via al tuo futuro Master in innovazione di Reti e Servizi nel Settore ICT Dai il via al tuo futuro ACCENDI NUOVE OPPORTUNITÀ Il tuo futuro parte adesso. Perché il mondo delle telecomunicazioni è il futuro. E Telecom Italia

Dettagli

LA FUNZIONE APPROVVIGIONAMENTI E IL RUOLO IN AZIENDA DEGLI APPROVVIGIONATORI

LA FUNZIONE APPROVVIGIONAMENTI E IL RUOLO IN AZIENDA DEGLI APPROVVIGIONATORI Edizione fuori commercio - Vietata la riproduzione anche parziale www.adaci adaci.itit A JOB RIGHT NOW! Anno accademico 2008-2009 2009 LA FUNZIONE APPROVVIGIONAMENTI E IL RUOLO IN AZIENDA DEGLI APPROVVIGIONATORI

Dettagli

PMI italiane fra tradizione e innovazione digitale tendenze e testimonianze dalle eccellenti 2014. Palazzo Mezzanotte Milano, 22 luglio 2014

PMI italiane fra tradizione e innovazione digitale tendenze e testimonianze dalle eccellenti 2014. Palazzo Mezzanotte Milano, 22 luglio 2014 PMI italiane fra tradizione e innovazione digitale tendenze e testimonianze dalle eccellenti 2014 Palazzo Mezzanotte Milano, 22 luglio 2014 Osservatorio PMI 2014 -VI Edizione 1 Obiettivi Individuare le

Dettagli

Esperto in Ingegneria della sicurezza alimentare: dalla norma HACCP alla ISO 22000:05

Esperto in Ingegneria della sicurezza alimentare: dalla norma HACCP alla ISO 22000:05 Dettaglio corso ID: Titolo corso: Tipologia corso: Costo totale del corso a persona (EURO): Organismo di formazione: Caratteristiche del percorso formativo Area tematica: Qualità (livello avanzato) Settore/i:

Dettagli

DEMAND PLANNING. AREA Production Planning. Modulo Avanzato

DEMAND PLANNING. AREA Production Planning. Modulo Avanzato DEMAND PLANNING AREA Production Planning Modulo Avanzato DEMAND PLANNING Il corso Demand Planning ha l obiettivo di fornire un quadro completo degli elementi che concorrono alla definizione di un corretto

Dettagli

INGEGNERIA GESTIONALE

INGEGNERIA GESTIONALE 1 INGEGNERIA GESTIONALE Lo scopo del corso di laurea e' quella di formare degli ingegneri capaci di progettare, gestire e analizzare sistemi industriali complessi, dal punto di vista, oltre che tecnologico

Dettagli

Interventi. Strategie. siamo qui. Fabbisogni. Punti forza/debolezza/opportunità/minacce. Contesto generale

Interventi. Strategie. siamo qui. Fabbisogni. Punti forza/debolezza/opportunità/minacce. Contesto generale Il percorso logico Interventi Strategie siamo qui Fabbisogni Punti forza/debolezza/opportunità/minacce Contesto generale Analisi di contesto Indicatori di contesto (individuati dall UE obbligatori) Valutazione

Dettagli

MANAGEMENT PER LE FUNZIONI DI COORDINAMENTO NELL AREA DELLE PROFESSIONI SANITARIE

MANAGEMENT PER LE FUNZIONI DI COORDINAMENTO NELL AREA DELLE PROFESSIONI SANITARIE Master di I livello Anno Accademico 2009/2010 (1500 ore 60 CFU) MANAGEMENT PER LE FUNZIONI DI COORDINAMENTO NELL AREA DELLE PROFESSIONI SANITARIE Master 84 1 Titolo MANAGEMENT PER LE FUNZIONI DI COORDINAMENTO

Dettagli

SINTESI DEI RAPPORTI NET CONSULTING SULL USO DELL ICT NELLE 4 MACROAREE NAZIONALI

SINTESI DEI RAPPORTI NET CONSULTING SULL USO DELL ICT NELLE 4 MACROAREE NAZIONALI SINTESI DEI RAPPORTI NET CONSULTING SULL USO DELL ICT NELLE 4 MACROAREE NAZIONALI PREMESSA L importanza crescente delle caratteristiche locali nello spiegare l andamento industriale ed economico del Paese

Dettagli

La categoria di lavoro più richiesta in Emilia Romagna: Operai produzione qualità

La categoria di lavoro più richiesta in Emilia Romagna: Operai produzione qualità La categoria di lavoro più richiesta in Emilia Romagna: Operai produzione qualità InfoJobs.it fornisce in anteprima uno spaccato della ricerca di personale in Emilia Romagna, confrontando i dati relativi

Dettagli

Una esperienza di formazione e ricerca nel settore turistico: il progetto "Nuove professionalità per il mercato del lavoro Veneto".

Una esperienza di formazione e ricerca nel settore turistico: il progetto Nuove professionalità per il mercato del lavoro Veneto. Una esperienza di formazione e ricerca nel settore turistico: il progetto "Nuove professionalità per il mercato del lavoro Veneto". M. Fontana*, C. Felicioni** *Cultore della materia, Dip. di Psicologia

Dettagli

Le esigenze di innovazione ICT delle imprese italiane: un opportunità per i Vendor

Le esigenze di innovazione ICT delle imprese italiane: un opportunità per i Vendor Le esigenze di innovazione ICT delle imprese italiane: un opportunità per i Vendor Stefano Mainetti mainetti@fondazionepolitecnico.it Tavola rotonda di Zerouno Milano, 12 giugno 2008 Agenda Ecosistema

Dettagli

COMITATO TECNICO SCUOLA E UNIVERSITA

COMITATO TECNICO SCUOLA E UNIVERSITA Emilia Gangemi COMITATO TECNICO SCUOLA E UNIVERSITA Linee di indirizzo 12 dicembre 2012 Il quadro disegnato dai dati più recenti, tra cui le indagini ISTAT, in merito al mercato del lavoro nel Lazio non

Dettagli

MANAGEMENT PER LE FUNZIONI DI COORDINAMENTO NELL AREA DELLE PROFESSIONI SANITARIE

MANAGEMENT PER LE FUNZIONI DI COORDINAMENTO NELL AREA DELLE PROFESSIONI SANITARIE Master di I livello MANAGEMENT PER LE FUNZIONI DI COORDINAMENTO NELL AREA DELLE PROFESSIONI SANITARIE (MA 106) 1500 ore 60 CFU A.A. 2011/2012 TITOLO MANAGEMENT PER LE FUNZIONI DI COORDINAMENTO NELL AREA

Dettagli

Speciale: I casi. Introduzione dell'area tematica IL CASO FEDERAZIONE DELLE BCC DELL'EMILIA- ROMAGNA

Speciale: I casi. Introduzione dell'area tematica IL CASO FEDERAZIONE DELLE BCC DELL'EMILIA- ROMAGNA Estratto dell'agenda dell'innovazione e del Trade Bologna 2011 Speciale: I casi Introduzione dell'area tematica IL CASO FEDERAZIONE DELLE BCC DELL'EMILIA- ROMAGNA Innovare e competere con le ICT: casi

Dettagli

Ruolo della formazione nella sicurezza degli alimenti Alessandro Mangia

Ruolo della formazione nella sicurezza degli alimenti Alessandro Mangia Università degli Studi di Parma Ruolo della formazione nella sicurezza degli alimenti Alessandro Mangia La Sicurezza degli alimenti tema prioritario per l opinione pubblica e nell agenda dei governi mondiali

Dettagli

Progetto Atipico. Partners

Progetto Atipico. Partners Progetto Atipico Partners Imprese Arancia-ICT Arancia-ICT è una giovane società che nasce nel 2007 grazie ad un gruppo di professionisti che ha voluto capitalizzare le competenze multidisciplinari acquisite

Dettagli

DGR 784 del 14 Maggio 2015 Aziende in rete nella formazione continua Strumenti per la competitività delle imprese venete

DGR 784 del 14 Maggio 2015 Aziende in rete nella formazione continua Strumenti per la competitività delle imprese venete FONDO SOCIALE EUROPEO IN SINERGIA CON IL FONDO EUROPEO DI SVILUPPO REGIONALE POR 2014 2020 Ob. Investimenti a favore della crescita e dell'occupazione DGR 784 del 14 Maggio 2015 Aziende in rete nella formazione

Dettagli

Management innovativo delle organizzazioni sanitarie In Sigla (MIOS 4)

Management innovativo delle organizzazioni sanitarie In Sigla (MIOS 4) Master di primo livello Management innovativo delle organizzazioni sanitarie In Sigla (MIOS 4) IV Edizione Anno accademico 2007/2008 Finalità Il master universitario, di durata annuale, ha lo scopo di

Dettagli

NOTE AL DOCUMENTO PRIMI ELEMENTI PER IL NUOVO PIANO NAZIONALE DELLA LOGISTICA. Il contributo di Unione Interporti Riuniti Settembre 2010

NOTE AL DOCUMENTO PRIMI ELEMENTI PER IL NUOVO PIANO NAZIONALE DELLA LOGISTICA. Il contributo di Unione Interporti Riuniti Settembre 2010 NOTE AL DOCUMENTO PRIMI ELEMENTI PER IL NUOVO PIANO NAZIONALE DELLA LOGISTICA 1 Il contributo di Unione Interporti Riuniti Settembre 2010 1.Considerazioni di carattere generale sul documento L analisi

Dettagli

PROGRAMMA OPERATIVO REGIONE CALABRIA

PROGRAMMA OPERATIVO REGIONE CALABRIA UNIONE EUROPEA REGIONE CALABRIA REPUBBLICA ITALIANA PROGRAMMA OPERATIVO REGIONE CALABRIA FESR 2007-2013 CCI N 2007 IT 161 PO 008 (Aprile 2013) 1/373 Sperimentale secondo le modalità previste dalla Comunicazione

Dettagli

La ricerca No Profit 2013

La ricerca No Profit 2013 Dicembre 2014, anno VIII N. 12 La ricerca No Profit 2013 1^ edizione del Premio Persona e Comunità di Roberta Ottaviani 1, Ernesto Vidotto 2 Il Centro Studi Cultura e Società ha presentato, il 2 ottobre

Dettagli

ALLEGATO A TRA. la Regione Liguria UNIVERSITÀ DI GENOVA ASSOCIAZIONI SINDACALI ASSOCIAZIONI DATORIALI. di seguito denominate Parti.

ALLEGATO A TRA. la Regione Liguria UNIVERSITÀ DI GENOVA ASSOCIAZIONI SINDACALI ASSOCIAZIONI DATORIALI. di seguito denominate Parti. ALLEGATO A Apprendistato 2013 2015 PERCORSI DI ALTA FORMAZIONE (art. 5 D. Lgs. 14 settembre 2011, n. 167 ) (art. 41 della Legge regionale 11 maggio 2009 n. 18) PROTOCOLLO DI INTESA TRA la Regione Liguria

Dettagli

COMMERCIO ESTERO E QUOTE DI MERCATO LA COMPETITIVITÀ DELLA PROVINCIA DI BOLOGNA

COMMERCIO ESTERO E QUOTE DI MERCATO LA COMPETITIVITÀ DELLA PROVINCIA DI BOLOGNA COMMERCIO ESTERO E QUOTE DI MERCATO LA COMPETITIVITÀ DELLA PROVINCIA DI BOLOGNA COMMERCIO ESTERO E QUOTE DI MERCATO - la competitività della provincia di Bologna Indice 1. Esportazioni e competitività:

Dettagli

Rapporto 2014 sulla domanda di competenze delle imprese

Rapporto 2014 sulla domanda di competenze delle imprese Rapporto 2014 sulla domanda di competenze delle imprese Le competenze professionali più richieste per i diplomati meccanici, elettronici, informatici e amministrativi Roma, 19 gennaio 2015 A cura di Isabella

Dettagli

Il Magazzino Unico: un confronto tra modelli

Il Magazzino Unico: un confronto tra modelli Il Magazzino Unico: un confronto tra modelli Davide Cattane Osservatori Digital Innovation School of Management Politecnico di Milano Convegno MePAIE Cremona - 28 Febbraio 2014 Agenda Il contesto di riferimento

Dettagli

ACCELERARE LO SVILUPPO

ACCELERARE LO SVILUPPO ACCELERARE LO SVILUPPO Metodi e strumenti operativi per il sostegno e lo sviluppo d impresa Novembre - Dicembre 2012 Il percorso si pone l obiettivo di fornire una formazione tecnica di alto livello, di

Dettagli

Istituto Tecnico Superiore Sistema Meccanica Lanciano (Ch) - 6 Febbraio 2014

Istituto Tecnico Superiore Sistema Meccanica Lanciano (Ch) - 6 Febbraio 2014 Istituto Tecnico Superiore Sistema Meccanica Lanciano (Ch) - 6 Febbraio 2014 Fondazione di Partecipazione Istituto Tecnico Superiore Nuove Tecnologie per il Made in Italy Sistema Meccanica c/o Consorzio

Dettagli