Il profilo identitario

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Il profilo identitario"

Transcript

1

2 CASSA DEPOSITI e PRESTITI E BANCOPOSTA Il profilo identitario Il punto di partenza è dato dalle identità della Cassa Depositi e Prestiti (CDP) e del Bancoposta (BP): è un tema sfidante per la ricostruzione giuridica, ma anche per il dibattito istituzionale e politico. L'identità delle due Istituzioni è però il frutto di un percorso evolutivo: Identità storica: circuito di intermediazione del risparmio Identità attuale: speciale intreccio di funzione pubblica ed attività privata Identità prospettica: sviluppo di funzioni sempre più di sistema

3 CASSA DEPOSITI e PRESTITI E BANCOPOSTA L'identità storica Il sistema Casse di risparmio postali (in epoca moderna Bancoposta) - Cassa Depositi e Prestiti ha alimentato, fin dalle origini, le componenti di un autonomo circuito di raccolta e impiego del risparmio, basato sul rapporto tra collocatore ed emittente. A partire dal 1875 la Cassa (istituita nel 1850) assume la funzione di Cassa Depositi Centrale del Risparmio Postale. E' la premessa per l'avvio dell'intreccio amministrativo tra due sistemi di rete: Gli sportelli postali sul fronte della raccolta del risparmio postale Gli impieghi della Cassa Depositi e Prestiti diretti allo sviluppo infrastrutturale

4 Il BANCOPOSTA L'IDENTITA' ATTUALE Il nuovo ordinamento Bancoposta (I) Il passaggio dall'identità storica a quella attuale prende avvio solo negli anni '90, in ragione di una serie di spinte di sistema, ispiratrici delle normative di riforma. 1993: punto di partenza della trasformazione istituzionale di Poste (da Amministrazione Pubblica ad Ente Pubblico Economico. Diviene SPA nel 1998) : varie disposizioni normative ampliano la gamma di strumenti che l'ente Poste è abilitato a distribuire (tramite Bancoposta). Il Bancoposta consolida progressivamente una sua posizione nel mercato come collocatore di strumenti finanziari di terzi (inizialmente BOT, CCT, BTP, poi anche titoli emessi da SPA partecipate direttamente o indirettamente dallo Stato). Si sviluppa un' attività di raccolta del risparmio distinta dal risparmio postale, ponendo sempre più in luce l'esigenza di integrazione tra sistema postale e bancario.

5 Il BANCOPOSTA L'IDENTITA' ATTUALE Il nuovo ordinamento Bancoposta (II) 2001: emanazione del d.p.r. 144/2001, c.d. Regolamento Bancoposta che elenca e disciplina i servizi bancari e finanziari esercitabili: a) Raccolta del risparmio tra il pubblico, come definita dal T.u.b.; b) Raccolta del risparmio postale; c) Servizi di pagamento, incluse emissione, gestione e vendita carte prepagate e altri mezzi di pagamento; d) Servizio di intermediazione in cambi; e) Promozione e collocamento di finanziamenti concessi da banche e intermediari finanziari abilitati; f) Servizi di investimento e accessori. 2004: Banca d'italia emana apposito capitolo di Istruzioni di Vigilanza sulle attività di Bancoposta, oggetto, per la 1 volta, di specifica normazione dedicata e rientrante nel perimetro della normativa bancaria e finanziaria.

6 Il BANCOPOSTA L'IDENTITA' ATTUALE Il nuovo ordinamento Bancoposta (III) LE FUNZIONI: a) raccolta del risparmio e b) raccolta del risparmio postale a) la raccolta del risparmio è la prima delle funzioni elencate dal Regolamento BP e ad essa si applica il concetto di raccolta del T.u.b. Le risorse dei c/c postali intestati a clientela privata sono impiegate in titoli di Stato dell'area per assicurare rimborsabilità; i fondi rinvenienti da c/c P.A. sono depositati presso la Tesoreria di Stato e remunerati a tasso variabile calcolato su paniere di titoli e fissato da convenzione tra Poste e MEF. b) la raccolta del risparmio postale designa esclusivamente le risorse derivanti da Libretti Postali e Buoni Postali, destinate ad assicurare il funding di CDP. In questo caso, BP svolge una mera funzione di collocamento basata su un rapporto giuridico convenzionale. (Una apposita convenzione Poste/CDP regola la remunerazione per i servizi di collocamento).

7 IL BANCOPOSTA L'IDENTITA' ATTUALE Il nuovo ordinamento Bancoposta (IV) LE FUNZIONI: la spinta verso l'integrazione del c) sistema dei pagamenti Le funzioni di cui al punto c) si riferiscono all'intera area del sistema dei pagamenti, inteso come insieme di strumenti e procedure volti a realizzare la circolazione di moneta tra operatori. In precedenza vi era totale separatezza tra il sistema di pagamenti postale e quello incentrato sulle aziende creditizie > evidenti distorsioni nella fluidità e nel controllo del sistema complessivo. L'obiettivo della piena integrazione dei sistemi di pagamento ha rappresentato una delle spinte sottostanti il processo evolutivo, poi ulteriormente implementato tramite accordi convenzionali Poste/ABI. Risultato del processo di convergenza: infrastruttura postale dei servizi di pagamento è parte integrante della regolazione dell'ordinamento generale (da ultimo, Direttiva 2007/64/CE Payment Services Directive estesa al BP).

8 IL BANCOPOSTA L'IDENTITA' ATTUALE Il nuovo ordinamento Bancoposta (V) LE FUNZIONI: d) e) f) i servizi di collocamento dei prodotti finanziari Anche nell'ampliamento delle funzioni di BP allo svolgimento di servizi di investimento e accessori emerge la spinta dettata da esigenze di riduzione delle asimmetrie con il sistema bancario. In questo senso, estensione a BP di disposizioni del T.u.f. in materia di regolamentazione e controllo dello svolgimento di servizi di investimento; Da ultimo (2010), l'avvio del servizio di Consulenza in materia di investimenti; Ed interventi di revisione dello schema operativo dovuti ad altri adeguamenti alla MiFID

9 IL BANCOPOSTA L'IDENTITA' ATTUALE Il Patrimonio Separato Bancoposta (I) A partire dal Regolamento 2001 il Bancoposta si apre alla vigilanza ed alla applicazione della normativa generale in materia bancaria. Il soggetto BP rimane mera struttura divisionale di Poste Italiane SPA, ma l'attività di BP viene isolata dal punto di vista organizzativo (apposite strutture distinte da quelle destinate ad attività non finanziarie) ed amministrativo (sistema di separazione contabile, dal 1999) significativa svolta normativa: costituzione di un Patrimonio destinato esclusivamente all'esercizio dell'attività di Bancoposta.

10 IL BANCOPOSTA L'IDENTITA' ATTUALE Il Patrimonio Separato Bancoposta (II) Il Patrimonio separato come elemento fondamentale per la principale criticità del fenomeno: la definizione dell'identità soggettiva di Bancoposta Punto di arrivo dell'evoluzione storica Stato dell'arte dell'identità attuale di Bancoposta (attività oggetto di un ordinamento dedicato) Punto di partenza verso l'identità prospettica che pone il tema più ampio dell'aggregato finanziario di cui BP è parte insieme alle altre imprese (assicurative e finanziarie) che lo compongono.

11 L'EVOLUZIONE DEL BANCOPOSTA L'operatività plurale L'inquadramento istituzionale del BP deve tener conto del contestuale processo evolutivo di Poste Italiane S.p.A. che ha dato luogo alla progressiva costituzione di un Gruppo di imprese che operano in affiancamento alla Divisione Bancoposta. Profili di criticità: - il Gruppo non è soggetto alla normativa di vigilanza integrata prevista per i gruppi bancari; - il Bancoposta è una mera Divisione di una Holding operativa anche in ambito non finanziario.

12 LE FUNZIONI FINANZIARIE DI GRUPPO La SGR e PosteVita Tramite la rete distributiva, il Gruppo colloca i fondi gestiti da Bancoposta Fondi SGR SPA, a fronte di commissioni passive rese dalla SGR per i servizi di collocamento. Della rete postale si avvale anche PosteVita SPA (1999) per il collocamento di polizze vita. L'esercizio di un'impresa assicurativa da parte di Poste Italiane ne evidenzia la sostanziale convergenza sulle linee operative della bancassicurazione. Il successo del modello distributivo di prodotti assicurativi propri è reso più che evidente dall'apporto al fatturato di Gruppo dato da PosteVita (superiore da solo alla metà del fatturato complessivo).

13 LE FUNZIONI FINANZIARIE DI GRUPPO Le attività bancarie tramite la società bancaria controllata MCC-BdM 2011: acquisizione totalitaria delle quote di MedioCredito Centrale da parte di Poste. Operazione dettata da scelte di politica economica orientate al sostegno allo sviluppo. Preliminare all'acquisizione è stata l'autorizzazione della Banca d'italia ad acquisire partecipazioni di controllo nel capitale delle banche da parte di Poste. Interesse strategico dell'operazione: le disposizioni del T.u.b. Condizionano la configurazione come Gruppo bancario alla presenza al suo interno di almeno 1 banca.

14 LA PROSPETTIVA DI IDENTIFICAZIONE NELLA FIGURA DI GRUPPO BANCARIO (I) Il Gruppo bancario sussiste in presenza della rilevanza determinante della componente bancaria-finanziaria: Σ attivi non bancari e finanziari <= 15% del totale consolidato In Poste Italiane le componenti finanziarie e assicurative sfiorano l'80% nel 2012 segnando una forte rilevanza, seppur non determinante ai fini della identificazione di un Gruppo bancario secondo i criteri T.u.b.

15 LA PROSPETTIVA DI IDENTIFICAZIONE NELLA FIGURA DI GRUPPO BANCARIO (II) Le componenti del fatturato complessivo: servizi postali serv. finanziari serv. assicurativi Milioni Euro Serv. postali (23%) 5162 (24%) 4657 (20%) Serv Finanz. (milioni (22%) (23%) (22%) euro) Serv Assicur (51%) (52%) (58%) ativi

16 LA PROSPETTIVA DI IDENTIFICAZIONE NELLA FIGURA DI GRUPPO BANCARIO (III) Al di là del raggiungimento delle soglie indicate, la coesistenza nella Holding di attività finanziarie e industriali, ne impedisce l'identificazione come soggetto giuridico cui imputare la direzione unitaria di Gruppo ai sensi del T.u.b.. La Vigilanza esercitata dalle Autorità sui mercati finanziari nei confronti di Poste Italiane come Capogruppo è dettata solo dalla presenza al suo interno di un ambito vigilato di attività Divisione Bancoposta (articolazione organizzativa).

17 L'ATTUALITA' DELL'INQUADRAMENTO NELLA FIGURA DEL CONGLOMERATO FINANZIARIO (I) Il Conglomerato è una proposta allo studio delle Autorità che consentirebbe di conciliare tre opportunità: I. Salvaguardare l'autonomia imprenditoriale delle varie componenti finanziarie del Gruppo; II. Evitare lo scorporo del Bancoposta rispetto alla componente industriale storica; III. Ricondurre il quadro istituzionale complessivo di attività finanziarie che costituirebbero, come Gruppo bancario, uno dei maggiori gruppi finanziari del Paese (inclusivo della prima compagnia Vita italiana per raccolta annua), ad un sistema di vigilanza regolamentare integrato (tra Consob, Banca d'italia e IVASS). Lo scopo del Conglomerato infatti è quello di favorire la cooperazione tra le diverse Autorità di vigilanza, eliminando le potenziali sovrapposizioni e favorendo parità di trattamento alle imprese operanti nel Gruppo.

18 L'ATTUALITA' DELL'INQUADRAMENTO NELLA FIGURA DEL CONGLOMERATO FINANZIARIO (II) L'integrazione delle attività offre sinergie di gruppo positive, ma anche crescita di rischi e di conflitti di interesse infragruppo Ciò pone l'esigenza di vigilanza integrata tra: Bancoposta Fondi SGR Banca d'italia e Consob MCC-BdM PosteVita S.p.A. Banca d'italia IVASS

19 L'ATTUALITA' DELL'INQUADRAMENTO NELLA FIGURA DEL CONGLOMERATO FINANZIARIO (III) Al fine di eliminare possibili sovrapposizioni delle forme di vigilanza e rispondere alle esigenze derivanti da dinamiche di gruppo, una valida risposta di inquadramento giuridico potrebbe essere data dalla applicazione al Gruppo di imprese di Poste Italiane della figura del CONGLOMERATO FINANZIARIO Costruzione comunitaria che raggruppa società con modelli di business eterogenei, contemplando l'assoggettamento a vigilanza supplementare anche laddove la Capogruppo non sia un'impresa regolamentata, ma svolga principalmente attività nel settore finanziario. La figura del Conglomerato è stata introdotta a livello comunitario per evitare i c.d. rischi di gruppo che possono determinarsi quando il Gruppo opera per il tramite di imprese diverse in diversi settori finanziari.

20 CASSA DEPOSITI e PRESTITI La modernizzazione del ruolo storico (I) Cassa Depositi e Prestiti S.p.A. è oggi il soggetto risultante dalla trasformazione in S.p.A. della CDP-Amministrazione dello Stato operata dal d.l. 269/2003. Al decreto del 2003 si deve un notevole ampliamento dell'operatività di CDP che affianca il profilo tradizionale (supporto EE.LL.) a quello innovativo (attività di intermediazione finanziaria non bancaria rivolta ad una più ampia platea di controparti). NOVITA': suddivisione della gestione in 2 rami Gestione Separata e Gestione Ordinaria INVARIANTI: modalità di raccolta delle risorse destinate alla Gestione Separata e mantenimento dei rapporti convenzionali con Bancoposta

21 CASSA DEPOSITI e PRESTITI La modernizzazione del ruolo storico (II) L'ampliamento della mission e la modernizzazione del ruolo di CDP a partire dal 2003 ha dato luogo al profilarsi di tre profili d'impresa: 1. CDP finanziatore istituzionale di soggetti pubblici 2. CDP investitore di lungo periodo 3. CDP azionista di partecipazioni pubbliche necessarie Il primo insieme di attività costituisce il ramo della Gestione Separata, basata sulla raccolta postale che è qualificata dalla legge come servizio di interesse economico generale e pertanto beneficia della garanzia dello Stato.

22 CASSA DEPOSITI e PRESTITI Gestione Separata e Gestione Ordinaria Le attività della Gestione Separata si pongono in continuità con quelle svolte prima della trasformazione societaria, arricchite di alcune novità: - condizioni degli impieghi: non più determinate dal MEF, ma direttamente da CDP; - condizioni della raccolta: maggiore flessibilità nella definizione delle condizioni e della gamma dei prodotti offerti; -Utilizzo della raccolta postale per il finanziamento di soggetti privati per progetti di interesse pubblico (infrastrutture, opere pubbliche). Nell'ambito della Gestione Ordinaria la Cassa agisce come un intermediario finanziario privato, raccogliendo risorse sul mercato (investitori istituzionali) ed impiegandole attraverso varie forme di intermediazione, sempre a condizioni di mercato. - La priorità strategica dei finanziamenti riguarda infrastrutture e reti di energia, trasporto e telecomunicazioni. - La Cassa può finanziare non oltre il 50% di ciascun progetto, in maniera complementare al sistema bancario.

23 LA CONVENZIONE BANCOPOSTA CASSA DEPOSITI E PRESTITI Il rapporto tra CDP e Poste Italiane rientra tra i profili di continuità ed è basato su un regime convenzionale di durata periodica (1-3 anni). La convenzione definisce i criteri di remunerazione per l'attività di collocamento e per la gestione amministrativo-contabile dei prodotti di risparmio postale, di cui Bancoposta detiene l'esclusiva. La convenzione vigente stabilisce: Per l'attività di collocamento remunerazione parametrata alla raccolta effettuata, nell'ambito di obiettivi prefissati Per la gestione amministrativo-contabile remunerazione commisurata al capitale vigente medio per buoni ed alla giacenza media giornaliera per libretti.

24 L'EVOLUZIONE DI CDP Il ruolo di investitore di lungo termine CDP si autodefinisce come un operatore di lungo termine esterno al perimetro della P.A. Un investitore stabile quindi per operazioni in equity proiettate ad un'attività di sviluppo. Per questa attività CDP si avvale di strumenti propri dei Long Term Investors: Fondi comuni di investimento gestiti da SGR, o veicoli di partecipazioni. Lo strumento di intervento diretto in questo campo è il: FONDO STRATEGICO ITALIANO (FSI) => Holding di partecipazioni volta a sostenere lo sviluppo di imprese strategiche italiane. FSI acquisisce quote di minoranza in imprese di rilevante interesse nazionale in equilibrio economico-finanziario e con adeguate prospettive di sviluppo.

25 L'EVOLUZIONE DI CDP Il ruolo di investitore di lungo termine: altri fondi partecipati Fondo Italiano di Investimento FII (opera attraverso investimenti diretti, in imprese con fatturato tra i 10 e i 250 milioni e indiretti, in altri fondi) Fondo Italiano per le Infrastrutture - F 2i Fondo 2i II (specializzati nel settore infrastrutturale) Fondo Investimenti per l'abitare Il servizio di gestione collettiva del risparmio è svolto da Fondo Italiano di Investimento SGR S.p.A. Il servizio di gestione collettiva del risparmio è svolto per entrambi i fondi da F2i SGR CDP Investimenti SGR (operante nell'edilizia privata sociale) Fondo PPP Italia (specializzato in progetti di partenariato pubblico privato)

26 LA CASSA DEPOSITI E PRESTITI COME AZIONISTA DI PARTECIPAZIONI PUBBLICHE STRATEGICHE La Cassa è una S.p.A. a controllo statale necessario la partecipazione statale è necessariamente maggioritaria, in quanto garantita per legge. Il possesso azionario da parte di altri soggetti (fondazioni di origine bancaria) è consentito solo per la quota di minoranza. La necessarietà della presenza pubblica si spiega alla luce dei tre profili di impresa di CDP e diviene ancor più significativa, se considerata alla luce di una logica complessiva di allocazione delle partecipazioni statali. La normativa recente ha ampliato l operatività della Cassa consentendole di assumere partecipazioni in società di rilevante interesse nazionale, in equilibrio economico finanziario e con adeguate prospettive di redditività.

27 LA CDP COME HOLDING DELLE RETI Le recenti acquisizioni incentrano il rilevante interesse nazionale sul controllo delle grandi reti e delle connesse infrastrutturazioni fisiche SNAM S.p.A., METROWEB S.p.A. (attraverso FSI), TERNA S.p.A. È questa la premessa concettuale su cui si fonda la prospettiva su cui si tornerà dopo dell'acquisizione da parte di CDP della rete di Telecom Italia S.p.A.

28 IL QUADRO DELLE PARTECIPAZIONI DELLA CDP SOCIETA' QUOTATE SOCIETA' NON QUOTATE ENI S.p.A. (25,76%) SACE S.p.A. (100%) Supporto alle esportazioni TERNA S.p.A. (29,9%) Rete elettrica SNAM S.p.A. (30%) Rete Gas SIMEST S.p.A. (76%) Supporto alle esportazioni FINTECNA S.p.A. (100%) Riqualificazione e gestione immobiliare

29 LE PARTECIPAZIONI PUBBLICHE TRA TESORO E CASSA DEPOSITI E PRESTITI Il rilevante interesse nazionale segna quindi un limite concettuale nel virtuale riparto di competenze tra: e Dipartimento del tesoro (MEF) che detiene le partecipazioni non strategiche e pertanto potenzialmente destinate alla vendita; CDP, titolare di partecipazioni di rilevante interesse nazionale, sempre più incentrate sulle reti infrastrutturali, e quindi non soggette a dismissione, almeno nel breve periodo. Da questa virtuale allocazione di partecipazioni deriva il senso della definizione della Cassa come soggetto a controllo pubblico necessario => detentrice delle partecipazioni pubbliche necessarie.

30 LA HOLDING DELLE RETI E L'APPROCCIO DEL LUNGO TERMINE Nella veste di CDP azionista detentore di partecipazioni strategiche si colloca la prospettata possibilità di un suo intervento nell'ambito dell'operazione di scorporo della rete Telecom Italia. Il tema dello scorporo della rete Telecom risale ai tempi dell'avvio del processo di liberalizzazione delle Tlc, con la relativa esigenza di separare la rete dai servizi di telecomunicazione. Ora si pongono ulteriori profili di strategicità ed esigenze di ammodernamento della rete che richiedono investimenti ingenti e prospettive di lungo periodo difficilmente sostenibili attraverso soli capitali privati. Il lungo termine è insito nella mission di CDP così come la strategicità delle reti. Nell'epoca attuale, il concetto di lungo termine si identifica, del resto, con quello di rete, se rapportato agli investimenti (e in parte ai ritorni) di lungo periodo che la rete comporta.

31 I PASSAGGI EVOLUTIVI DEL PROCESSO DI SEPARAZIONE Il processo di separazione della rete infrastrutturale è già avvenuto per altre Public Utilities a livelli differenti, identificativi di tre fondamentali passaggi evolutivi della separazione: 1. La separazione contabile 2. La separazione societaria 3. La separazione proprietaria

32 L'APPLICAZIONE DEI MODELLI DI SEPARAZIONE 1. La separazione contabile: È il caso dell'attuale Telecom Italia e della propria rete 2. La separazione societaria: È il caso di FS, oggi holding di RFI (rete) e TRENITALIA (servizi) 3. La separazione proprietaria: È il caso di ENEL e TERNA e, recentemente, di ENI e SNAM

33 Fase attuale prevista per Telecom del processo di scorporo La separazione tra la rete e i La separazione societaria: servizi Telecom è stata finora solo contabile. Il 30 maggio 2013 il CdA di Telecom Italia, ha deliberato di approvare il progetto di societarizzazione della rete di accesso di Telecom Italia, segnando così il passaggio alla fase successiva: costituzione di una newco in cui confluiranno attività e risorse relative allo sviluppo e alla gestione della rete di accesso sia in rame sia in fibra ottica. Per il momento Telecom manterrebbe il controllo, aprendo l'azionariato al solo ingresso di CDP, investitore istituzionale di lungo termine.

34 POSSIBILE SCENARIO SUCCESSIVO È ipotizzabile, quale scenario successivo alla separazione societaria in atto, una futura separazione proprietaria, in cui Telecom ceda il controllo della società della rete a favore di un azionariato diffuso, attraverso quotazione in borsa. Modelli di riferimento per ipotizzare i possibili sviluppi in termini di assetti proprietari, sono individuabili nelle esperienze della separazione proprietaria da ENEL di Terna e da ENI di SNAM.

35 ESEMPLIFICAZIONI DELLA FASE CONCLUSIVA: (I) L'assetto proprietario di TERNA S.p.A. CDP RETAIL 30% INVESTITORI ISTITUZIONALI 49% 21%

36 (II) L'assetto proprietario di SNAM S.p.A. 30% 2% 1% 9% 8% 50% CDP Banca d'italia Azioni proprie Retail Investitori Istituz. ENI

37 CDP RETI S.p.A. (I) Nell'ambito della ridefinizione dell'assetto proprietario di Telecom Italia il veicolo di partecipazione della CASSA potrebbe essere dato da CDP Reti. CDP RETI è stata costituita nel 2012 come veicolo di investimento, posseduto al 100% da CDP, attraverso cui è stata acquisita da ENI una quota partecipativa in SNAM pari al 30% del capitale. La sua missione è la gestione dell investimento partecipativo in SNAM e il monitoraggio dell adeguato sviluppo/mantenimento delle infrastrutture gestite, sviluppando apposite competenze nei relativi settori al fine di presidiare i propri investimenti.

38 CDP Reti S.p.A. (II) Ad oggi in CDP Reti Spa è presente solo la partecipazione in Snam, ma secondo il progetto allo studio da parte del Governo la società dovrebbe diventare il contenitore di tutti i grandi network: da Terna (rete elettrica scissa da Enel) alla prospettata partecipazione nella rete Telecom. Considerata l'importanza del progetto CDP Reti si renderà necessaria l'apertura a nuovi capitali da parte di soggetti con obiettivi di investimento nelle infrastrutture, asset che garantisce buona stabilità di cassa, ma richiede una prospettiva di lungo termine.

39 BP E CDP: LE NUOVE IDENTITA' Alcune conclusioni Gli scenari presentati sono scenari in evoluzione e pertanto non si prestano a conclusioni di sintesi. Alcune notazioni a margine possono essere date da: Ci si trova di fronte ad un ampliamento del perimetro pubblico attraverso le due Istituzioni, sviluppato però tramite un potenziamento dell'attività privata delle stesse utilizzando operazioni di mercato (es. BdM-MCC per Poste e le acquisizioni di RETI per CDP)

40 BP E CDP: LE NUOVE IDENTITA' Alcune conclusioni (II) Ne consegue: Per Bancoposta, il delinearsi del primo Conglomerato finanziario pubblico in un settore come quello dell'offerta del risparmio tutto privato (banche, assicurazioni, fondi). Per CDP, il delinearsi di una Istituzione strumento della politica economica e finanziaria, attraverso una funzione di intervento diretto nell'economia. Nell'insieme l'unicità dei due soggetti nell'ordinamento nazionale rispetto alla necessarietà della presenza pubblica nel settore finanziario (BP) e nell'intervento diretto nell'economia (CDP).

Audizione CDP su strategie nuovi vertici società controllate dallo Stato

Audizione CDP su strategie nuovi vertici società controllate dallo Stato Audizione CDP su strategie nuovi vertici società controllate dallo Stato Pres. Prof. Franco Bassanini - A.D. Dott. Giovanni Gorno Tempini SENATO - COMMISSIONE INDUSTRIA 22 ottobre 2014 Missione CDP in

Dettagli

Cassa depositi e prestiti

Cassa depositi e prestiti Cassa depositi e prestiti Il Gruppo Cassa depositi e prestiti opera a sostegno della crescita del Paese ed impiega le sue risorse, prevalentemente raccolte attraverso il Risparmio Postale (Buoni fruttiferi

Dettagli

L ORGANIZZAZIONE DELLA BANCA: MODELLI E STRUTTURE ORGANIZZATIVE

L ORGANIZZAZIONE DELLA BANCA: MODELLI E STRUTTURE ORGANIZZATIVE L ORGANIZZAZIONE DELLA BANCA: MODELLI E STRUTTURE ORGANIZZATIVE 1 MODELLI ISTITUZIONALI-ORGANIZZATIVI: SI FA RIFERIMENTO A MODELLI DI INTERMEDIAZIONE BANCA UNIVERSALE GRUPPO POLIFUNZIONALE BANCA SPECIALIZZATA

Dettagli

Vigilanza bancaria e finanziaria

Vigilanza bancaria e finanziaria Vigilanza bancaria e finanziaria DISPOSIZIONI DI VIGILANZA IN MATERIA DI POTERI DI DIREZIONE E COORDINAMENTO DELLA CAPOGRUPPO DI UN GRUPPO BANCARIO NEI CONFRONTI DELLE SOCIETÀ DI GESTIONE DEL RISPARMIO

Dettagli

La privatizzazione della Borsa e il nuovo quadro normativo

La privatizzazione della Borsa e il nuovo quadro normativo La Privatizzazione della Borsa e il nuovo Quadro normativo Il processo di riorganizzazione e sviluppo dei mercati finanziari avviato con la legge 1/1991 - relativa alla disciplina dell attività di intermediazione

Dettagli

Dottorato di Ricerca in Diritto degli Affari XXIV Ciclo

Dottorato di Ricerca in Diritto degli Affari XXIV Ciclo Dottorato di Ricerca in Diritto degli Affari XXIV Ciclo BANCOPOSTA E CASSA DEPOSITI E PRESTITI Il circuito storico del risparmio postale e prospettive evolutive SINTESI Relatore Chiar.mo Prof. Francesco

Dettagli

Capitolo 1 Il sistema finanziario e il sistema reale 3. Capitolo 2 I saldi finanziari settoriali e l intermediazione finanziaria 29

Capitolo 1 Il sistema finanziario e il sistema reale 3. Capitolo 2 I saldi finanziari settoriali e l intermediazione finanziaria 29 00.romaneNadotti:Layout 1 25-09-2009 15:15 Pagina vi Gli Autori Prefazione Ringraziamenti dell Editore In questo volume... Il sito xiii xiv xvi xvii xxiii PARTE I Concetti fondamentali Capitolo 1 Il sistema

Dettagli

La consulenza in materia d investimenti : dalle tutele alle opportunità economiche. Alcune considerazioni della vigilanza.

La consulenza in materia d investimenti : dalle tutele alle opportunità economiche. Alcune considerazioni della vigilanza. CONVEGNO ASCOSIM Palazzo delle Stelline 1 FORUM NAZIONALE SULLA CONSULENZA FINANZIARIA La consulenza in materia d investimenti : dalle tutele alle opportunità economiche. Alcune considerazioni della vigilanza.

Dettagli

Cassa depositi e prestiti. Cassa depositi e prestiti A sostegno del Paese

Cassa depositi e prestiti. Cassa depositi e prestiti A sostegno del Paese Cassa depositi e prestiti Cassa depositi e prestiti A sostegno del Paese Cassa depositi e prestiti è l operatore di riferimento per gli Enti pubblici, per lo sviluppo delle opere infrastrutturali, per

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE DEL PRESTITO OBBLIGAZIONARIO CASSA PADANA TASSO VARIABILE

CONDIZIONI DEFINITIVE DEL PRESTITO OBBLIGAZIONARIO CASSA PADANA TASSO VARIABILE A.9 MODELLO DELLE CONDIZIONI DEFINITIVE CASSA PADANA Banca di Credito Cooperativo, Società Cooperativa in qualità di Emittente CONDIZIONI DEFINITIVE DEL PRESTITO OBBLIGAZIONARIO CASSA PADANA TASSO VARIABILE

Dettagli

CASSA PADANA Banca di Credito Cooperativo Società Cooperativa in qualità di Emittente

CASSA PADANA Banca di Credito Cooperativo Società Cooperativa in qualità di Emittente A.9 MODELLO DELLE CONDIZIONI DEFINITIVE CASSA PADANA Banca di Credito Cooperativo Società Cooperativa in qualità di Emittente CONDIZIONI DEFINITIVE DEL PRESTITO OBBLIGAZIONARIO CASSA PADANA TASSO VARIABILE

Dettagli

LE SICAF: UNA NUOVA FORMA DI GESTIONE COLLETTIVA DEL RISPARMIO

LE SICAF: UNA NUOVA FORMA DI GESTIONE COLLETTIVA DEL RISPARMIO regolazione LE SICAF: UNA NUOVA FORMA DI GESTIONE COLLETTIVA DEL RISPARMIO Luigi Rizzi * Le Società di Investimento a Capitale Fisso (SICAF) rappresentano una delle principali novità della direttiva AIFM.

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO APPROVATO DAL CONSIGLIO GENERALE NELL ADUNANZA DEL 28/06/2013 Fondazione Cassa di Risparmio di Pesaro 1 INDICE AMBITO DI APPLICAZIONE p. 3 TITOLO I: PRINCIPI

Dettagli

Cassa depositi e prestiti. Imprese e Infrastrutture. Finanziamenti per le infrastrutture. Fondi equity infrastrutturali

Cassa depositi e prestiti. Imprese e Infrastrutture. Finanziamenti per le infrastrutture. Fondi equity infrastrutturali CDP imprese B_cmyk:CDP imprese 04/01/12 14.13 Pagina 1 Finanziamenti per le infrastrutture CDP finanzia imprese private e interventi strutturati in Partenariato Pubblico Privato (PPP) per la realizzazione

Dettagli

IL SISTEMA BANCARIO ITALIANO. Gli effetti di una profonda trasformazione

IL SISTEMA BANCARIO ITALIANO. Gli effetti di una profonda trasformazione IL SISTEMA BANCARIO ITALIANO Gli effetti di una profonda trasformazione 1 LA TRASFORMAZIONE DEL SISTEMA BANCARIO TENDENZE DI FONDO DELLO SCENARIO MACROECONOMICO LA RISPOSTA DELLE BANCHE Progresso tecnologico

Dettagli

Relazione Annuale - Appendice. Roma, 31 maggio 2007. anno 2006 CENTOTREDICESIMO ESERCIZIO. esercizio CXIII

Relazione Annuale - Appendice. Roma, 31 maggio 2007. anno 2006 CENTOTREDICESIMO ESERCIZIO. esercizio CXIII Relazione Annuale - Roma, 31 maggio 2007 anno 2006 CENTOTREDICESIMO ESERCIZIO esercizio CXIII Relazione Annuale - Presentata all Assemblea Ordinaria dei Partecipanti anno 2006 - centotredicesimo esercizio

Dettagli

E. Marsiglia Vicedirettore generale Gruppo Unipol

E. Marsiglia Vicedirettore generale Gruppo Unipol E. Marsiglia Vicedirettore generale Gruppo Unipol Il pricing dei prodotti assicurativi Convegno ADEIMF, Ancona 18 gennaio 2008 assicurazioni danni: il premio L origine della parola premio è legata al trasporto

Dettagli

Documento sulla politica di gestione dei conflitti di interesse e informativa ai clienti sui conflitti di interesse non eliminabili

Documento sulla politica di gestione dei conflitti di interesse e informativa ai clienti sui conflitti di interesse non eliminabili BANCA POPOLARE DEL LAZIO Soc. Coop. per azioni Sede sociale e Direzione Generale Via Martiri delle Fosse Ardeatine, 9 00049 VELLETRI (Roma) Iscr. Registro Imprese di Roma al n. 04781291002 Iscritta al

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO DELLA FONDAZIONE PESCARABRUZZO

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO DELLA FONDAZIONE PESCARABRUZZO REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO DELLA FONDAZIONE PESCARABRUZZO Approvato dal Comitato di Indirizzo nella seduta del 20 marzo 2015 Sommario TITOLO I - PREMESSE... 3 1. Ambito di applicazione...

Dettagli

PARERE DELLA COMMISSIONE. del 11.2.2013

PARERE DELLA COMMISSIONE. del 11.2.2013 COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 11.2.2013 C(2013) 810 final PARERE DELLA COMMISSIONE del 11.2.2013 a norma dell articolo 3, paragrafo 1, del regolamento (CE) n. 714/2009 e dell articolo 10, paragrafo 6,

Dettagli

ECONOMIA DEGLI INTERMEDIARI FINANZIARI I

ECONOMIA DEGLI INTERMEDIARI FINANZIARI I ECONOMIA DEGLI INTERMEDIARI FINANZIARI I Si propongono nel presente file alcuni esempi di domande estrapolate dagli esami assegnati negli anni accademici precedenti. Lo scopo di tali esemplificazioni non

Dettagli

Gestione Finanziaria delle Imprese. private equity e venture capital

Gestione Finanziaria delle Imprese. private equity e venture capital GESTIONE FINANZIARIA DELLE IMPRESE Private Equity e Venture Capital Il private equity e il venture capital Anni 80 Con venture capital si definiva l apporto di capitale azionario, da parte di operatori

Dettagli

INFORMATIVA SUI PRESTITI OBBLIGAZIONARI RICONDUCIBILI ALLA TIPOLOGIA TITOLI A TASSO VARIABILE BANCA C.R.ASTI

INFORMATIVA SUI PRESTITI OBBLIGAZIONARI RICONDUCIBILI ALLA TIPOLOGIA TITOLI A TASSO VARIABILE BANCA C.R.ASTI Sede Legale e Direzione Generale in Asti, Piazza Libertà n. 23 Iscritta all Albo delle Banche autorizzate al n. 5142 Capogruppo del Gruppo Bancario Cassa di Risparmio di Asti S.p.A. Iscritto all Albo dei

Dettagli

Pillole Informative. I minibond La novità normativa

Pillole Informative. I minibond La novità normativa Pillole Informative I minibond La novità normativa I minibond. La novità normativa Il decreto Destinazione Italia, completa il percorso del Decreto Sviluppo sul tema degli strumenti finanziari a favore

Dettagli

REVISIONE DELLA DISCIPLINA SECONDARIA IN MATERIA DI GESTIONE COLLETTIVA DEL RISPARMIO

REVISIONE DELLA DISCIPLINA SECONDARIA IN MATERIA DI GESTIONE COLLETTIVA DEL RISPARMIO Vigilanza bancaria e finanziaria REVISIONE DELLA DISCIPLINA SECONDARIA IN MATERIA DI GESTIONE COLLETTIVA DEL RISPARMIO MODIFICHE AL REGOLAMENTO SULLA GESTIONE COLLETTIVA DEL RISPARMIO IN MATERIA DI APPROVAZIONE

Dettagli

Banca di Credito Cooperativo di Alba, Langhe e Roero società cooperativa in qualità di Emittente

Banca di Credito Cooperativo di Alba, Langhe e Roero società cooperativa in qualità di Emittente Banca di Credito Cooperativo di Alba, Langhe e Roero società cooperativa in qualità di Emittente CONDIZIONI DEFINITIVE ALLA NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA BANCA D ALBA CREDITO COOPERATIVO TASSO VARIABILE

Dettagli

IL FONDO DI CREDITO DIRETTO. Convegno di studi dell Università di Macerata Laboratorio Fausto Vicarelli per lo studio dei rapporti tra banca e impresa

IL FONDO DI CREDITO DIRETTO. Convegno di studi dell Università di Macerata Laboratorio Fausto Vicarelli per lo studio dei rapporti tra banca e impresa IL FONDO DI CREDITO DIRETTO prof. Maurizio Sciuto - Università di Macerata Convegno di studi dell Università di Macerata Laboratorio Fausto Vicarelli per lo studio dei rapporti tra banca e impresa Il finanziamento

Dettagli

ACQUE DEL BASSO LIVENZA PATRIMONIO SPA. Relazione sulla gestione del bilancio al 31/12/2014

ACQUE DEL BASSO LIVENZA PATRIMONIO SPA. Relazione sulla gestione del bilancio al 31/12/2014 ACQUE DEL BASSO LIVENZA PATRIMONIO SPA Sede in VIALE TRIESTE 11-30020 ANNONE VENETO (VE) Capitale sociale Euro 7.993.843,00 i.v. Codice fiscale: 04046770279 Iscritta al Registro delle Imprese di Venezia

Dettagli

Le banche LA STRUTTURA DEL SISTEMA FINANZIARIO ITALIANO LA STRUTTURA DEL SISTEMA FINANZIARIO

Le banche LA STRUTTURA DEL SISTEMA FINANZIARIO ITALIANO LA STRUTTURA DEL SISTEMA FINANZIARIO LA STRUTTURA DEL SISTEMA FINANZIARIO ITALIANO Banche Intermediari creditizi non bancari Intermediari della securities industry Assicurazioni LA STRUTTURA DEL SISTEMA FINANZIARIO Fonte Banca d Italia, Relazione

Dettagli

BTP ITALIA: Emissione Aprile 2014

BTP ITALIA: Emissione Aprile 2014 BTP ITALIA: Emissione Aprile 2014 Nota tecnica per gli intermediari, gli operatori di mercato e tutti i soggetti preposti allo svolgimento delle fasi di distribuzione BTP Italia: Emissione Aprile 2014

Dettagli

Presentazione del progetto PROCESSO DI DISTRIBUZIONE INTEGRATA

Presentazione del progetto PROCESSO DI DISTRIBUZIONE INTEGRATA PROCESSO DI DISTRIBUZIONE INTEGRATA Il mercato 1. IL PROGETTO DI PARTNERSHIP Il Progetto nasce da una forte visione condivisa sul mercato di riferimento (le Imprese) e dalle modifiche in tema di mediazione

Dettagli

Piano Industriale Gruppo CDP 2020

Piano Industriale Gruppo CDP 2020 RISERVATO E CONFIDENZIALE Piano Industriale Gruppo CDP 2020 Linee guida strategiche Conferenza stampa Roma, 17 Dicembre 2015 CDP: 165 anni di storia 18 Novembre 1850: nasce la Cassa Depositi e Prestiti

Dettagli

Politica di valutazione e pricing di prodotti finanziari emessi dalla Banca del Crotonese Credito Cooperativo.

Politica di valutazione e pricing di prodotti finanziari emessi dalla Banca del Crotonese Credito Cooperativo. Politica di valutazione e pricing di prodotti finanziari emessi dalla Banca del Crotonese Credito Cooperativo. (adottata ai sensi delle Linee Guida interassociative per l applicazione delle misure CONSOB

Dettagli

Presentazione della Società

Presentazione della Società Presentazione della Società Chi siamo PEP&CFC appartiene al Gruppo Dafisa Holdings Capital Finance Group Limited, ed è stata istituita quale società specializzata nella consulenza in materia finanziaria

Dettagli

Il Gruppo Banca Popolare di Vicenza

Il Gruppo Banca Popolare di Vicenza Il Gruppo Banca Popolare di Vicenza a sostegno delle PMI Costante Turco Responsabile Direzione Regionale Centro Sud Italia di Banca Popolare di Vicenza Prato, 9 maggio 2013 La Storia e le caratteristiche

Dettagli

Prof. Carlo Salvatori 1. UNA VISIONE D ASSIEME 5. BANCA VERSUS MERCATO. UniversitàdegliStudidiParma

Prof. Carlo Salvatori 1. UNA VISIONE D ASSIEME 5. BANCA VERSUS MERCATO. UniversitàdegliStudidiParma UniversitàdegliStudidiParma Banca e Finanza in Europa Prof. 1 5. BANCA VERSUS MERCATO 1. Una visione d assieme 2. I mercati: le tipologie 3. I mercati creditizi: gli intermediari 4. Gli intermediari in

Dettagli

ESTRATTO DELLA POLITICA PER LA GESTIONE DELLE SITUAZIONI DI CONFLITTO DI INTERESSE GENERALI Investments Europe S.p.A. SGR

ESTRATTO DELLA POLITICA PER LA GESTIONE DELLE SITUAZIONI DI CONFLITTO DI INTERESSE GENERALI Investments Europe S.p.A. SGR ESTRATTO DELLA POLITICA PER LA GESTIONE DELLE SITUAZIONI DI CONFLITTO DI INTERESSE GENERALI Investments Europe S.p.A. SGR Politica per la gestione dei conflitti d interesse di GENERALI INVESTMENTS EUROPE

Dettagli

Rendimento del capitale investito e costo delle risorse finanziarie. Cenni funzionali sui principi legislativi e ragionieristici del bilancio

Rendimento del capitale investito e costo delle risorse finanziarie. Cenni funzionali sui principi legislativi e ragionieristici del bilancio Le Novità del Credito: corso di aggiornamento Obiettivi Fornire una visione sistematica e completa dell'operatività creditizia, aggiornata alle piu recenti novita (I.A.S., riforma societaria, riforma diritto

Dettagli

Attuazione della direttiva MiFID (2004/39/CE)

Attuazione della direttiva MiFID (2004/39/CE) Attuazione della direttiva MiFID (2004/39/CE) Aspetti essenziali La MiFID è una direttiva di armonizzazione massima che disciplina gli intermediari e i mercati finanziari Intermediari Si introduce un nuovo

Dettagli

E possibile migliorare il controllo e la governance delle imprese pubbliche? L esperienza del Comune di Roma

E possibile migliorare il controllo e la governance delle imprese pubbliche? L esperienza del Comune di Roma E possibile migliorare il controllo e la governance delle imprese pubbliche? L esperienza del Comune di Roma Marco Causi Facoltà di Economia Federico Caffè Università degli Studi Roma Tre L argomento della

Dettagli

CONSOB Delibera n. 18754 del 23 dicembre 2013 (1)

CONSOB Delibera n. 18754 del 23 dicembre 2013 (1) CONSOB Delibera n. 18754 del 23 dicembre 2013 (1) Determinazione della misura della contribuzione dovuta, ai sensi dell'art. 40 della legge n. 724/1994, per l'esercizio 2014 LA COMMISSIONE NAZIONALE PER

Dettagli

INFORMATIVA SUI PRESTITI OBBLIGAZIONARI RICONDUCIBILI ALLA TIPOLOGIA TITOLI A TASSO VARIABILE BANCA C.R.ASTI

INFORMATIVA SUI PRESTITI OBBLIGAZIONARI RICONDUCIBILI ALLA TIPOLOGIA TITOLI A TASSO VARIABILE BANCA C.R.ASTI Sede Legale e Direzione Generale in Asti, Piazza Libertà n. 23 Iscritta all Albo delle Banche autorizzate al n. 5142 Capogruppo del Gruppo Bancario Cassa di Risparmio di Asti S.p.A. Iscritto all Albo dei

Dettagli

Policy di Classificazione della Clientela. Banca di Credito Cooperativo BERGAMASCA e OROBICA s.c.

Policy di Classificazione della Clientela. Banca di Credito Cooperativo BERGAMASCA e OROBICA s.c. Policy di Classificazione della Clientela Banca di Credito Cooperativo BERGAMASCA e OROBICA s.c. Deliberata dal C.d.A. del 9 settembre 2015 BCC Bergamasca e Orobica s.c. Policy classificazione clientela

Dettagli

Relazione al progetto di legge. Legge istitutiva dell Ente Poste della Repubblica di San Marino

Relazione al progetto di legge. Legge istitutiva dell Ente Poste della Repubblica di San Marino Relazione al progetto di legge Legge istitutiva dell Ente Poste della Repubblica di San Marino Eccellenze, Signori Consiglieri, l allegato progetto di legge mira all istituzione dell Ente Poste e a definirne

Dettagli

GRUPPO BANCO DESIO. al 30 settembre 2006 RELAZIONE TRIMESTRALE CONSOLIDATA

GRUPPO BANCO DESIO. al 30 settembre 2006 RELAZIONE TRIMESTRALE CONSOLIDATA GRUPPO BANCO DESIO RELAZIONE TRIMESTRALE CONSOLIDATA AL 30 SETTEMBRE 2006 1 INDICE Prospetti contabili pag. 03 Note di commento ed osservazioni degli Amministratori pag. 04 Nota informativa pag. 04 La

Dettagli

Policy di valutazione e pricing dei prestiti obbligazionari di propria emissione

Policy di valutazione e pricing dei prestiti obbligazionari di propria emissione Policy di valutazione e pricing dei prestiti obbligazionari di propria emissione Tipo: Regolamento Redazione: Ufficio Organizzazione Approvazione: CdA Data rilascio: 27/04/2015 Revisione Data 1 2 3 27/04/2015

Dettagli

Progetto Multicanalità Integrata. Contact Unit. Milano, 17 luglio 2014

Progetto Multicanalità Integrata. Contact Unit. Milano, 17 luglio 2014 Progetto Multicanalità Integrata Contact Unit Milano, 17 luglio 2014 La nostra formula per il successo Piano d Impresa 2014-2017 1 Solida e sostenibile creazione e distribuzione di valore Aumento della

Dettagli

Art. 1. Misura del contributo

Art. 1. Misura del contributo CONSOB - Delibera 23 dicembre 2014, n. 19087 Determinazione della misura della contribuzione dovuta, ai sensi dell'art. 40 della legge n. 724/1994, per l'esercizio 2015 (Provvedimento pubblicato nella

Dettagli

INFORMATIVA SUI PRESTITI OBBLIGAZIONARI RICONDUCIBILI ALLA TIPOLOGIA TITOLI A TASSO VARIABILE SUBORDINATO UPPER TIER II BANCA C.R.

INFORMATIVA SUI PRESTITI OBBLIGAZIONARI RICONDUCIBILI ALLA TIPOLOGIA TITOLI A TASSO VARIABILE SUBORDINATO UPPER TIER II BANCA C.R. Sede Legale e Direzione Generale in Asti, Piazza Libertà n. 23 Iscritta all Albo delle Banche autorizzate al n. 5142 Capogruppo del Gruppo Bancario Cassa di Risparmio di Asti S.p.A. Iscritto all Albo dei

Dettagli

Iniziativa Comunitaria Equal II Fase IT G2 CAM - 017 Futuro Remoto. Prodotti Finanziari a medio - lungo termine CCT: Certificati di Credito del Tesoro

Iniziativa Comunitaria Equal II Fase IT G2 CAM - 017 Futuro Remoto. Prodotti Finanziari a medio - lungo termine CCT: Certificati di Credito del Tesoro AREA FINANZA DISPENSE FINANZA Iniziativa Comunitaria Equal II Fase IT G2 CAM - 017 Futuro Remoto Prodotti Finanziari a medio - lungo termine CCT: Certificati di Credito del Tesoro ORGANISMO BILATERALE

Dettagli

Audizione dell IVASS. Commissioni Riunite 10 a Commissione permanente (Industria, commercio, turismo)

Audizione dell IVASS. Commissioni Riunite 10 a Commissione permanente (Industria, commercio, turismo) Conversione in legge del decreto-legge 24 giugno 2014, n. 91, recante disposizioni urgenti per il settore agricolo, la tutela ambientale e l'efficientamento energetico dell'edilizia scolastica e universitaria,

Dettagli

INDICE-SOMMARIO II. L OFFERTA DI MERCATO. I FINANCIAL PRODUCTS E L APPELLO AL PUBBLICO RISPARMIO. MODI E FINALITÀ DELLA PUBBLICA VIGILANZA

INDICE-SOMMARIO II. L OFFERTA DI MERCATO. I FINANCIAL PRODUCTS E L APPELLO AL PUBBLICO RISPARMIO. MODI E FINALITÀ DELLA PUBBLICA VIGILANZA I. L INVESTIMENTO FINANZIARIO. LA MATERIA E LE SUE REGOLE. IL DIRITTO DEI MERCATI MOBILIARI 1. Lo scenario di insieme e l oggetto di studio. Un primo passo da orientare nella giusta direzione... 1 2. Che

Dettagli

Cassa depositi e prestiti

Cassa depositi e prestiti Cassa depositi e prestiti Cassa depositi e prestiti A sostegno del Paese Cassa depositi e prestiti è l operatore di riferimento per gli Enti pubblici, per lo sviluppo delle opere infrastrutturali, per

Dettagli

[Via p.e.c.] DIVISIONE INTERMEDIARI Ufficio Vigilanza Imprese di Investimento

[Via p.e.c.] DIVISIONE INTERMEDIARI Ufficio Vigilanza Imprese di Investimento [Via p.e.c.] DIVISIONE INTERMEDIARI Ufficio Vigilanza Imprese di Investimento Procedimento: 6109/13 Destinatario: 427932 Spett.le SERVIZI EMITTENTI QUOTATI S.R.L. Via Privata Maria Teresa, 11 20123 MILANO

Dettagli

Determinazione della misura della contribuzione dovuta, ai sensi dell art. 40 della legge n. 724/1994, per l esercizio 2016

Determinazione della misura della contribuzione dovuta, ai sensi dell art. 40 della legge n. 724/1994, per l esercizio 2016 Delibera n. 19461 1 Determinazione della misura della contribuzione dovuta, ai sensi dell art. 40 della legge n. 724/1994, per l esercizio 2016 LA COMMISSIONE NAZIONALE PER LE SOCIETÀ E LA BORSA VISTA

Dettagli

POLICY SINTETICA ADOTTATA DA BANCA LEONARDO S.P.A

POLICY SINTETICA ADOTTATA DA BANCA LEONARDO S.P.A POLICY SINTETICA ADOTTATA DA BANCA LEONARDO S.P.A. PER L INDIVIDUAZIONE E LA GESTIONE DEI CONFLITTI DI INTERESSE NELLA PRESTAZIONE DEI SERVIZI E DELLE ATTIVITA DI INVESTIMENTO E DEI SERVIZI ACCESSORI 1.

Dettagli

Cassa depositi e prestiti. Sostegno al sistema produttivo

Cassa depositi e prestiti. Sostegno al sistema produttivo Cassa depositi e prestiti Sostegno al sistema produttivo CDP a sostegno del sistema produttivo e dello sviluppo delle infrastrutture Cassa depositi e prestiti è un operatore chiave a sostegno del sistema

Dettagli

POSTE ITALIANE: IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE APPROVA I RISULTATI AL 30 SETTEMBRE 2015 RICAVI E RISULTATO OPERATIVO IN CRESCITA

POSTE ITALIANE: IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE APPROVA I RISULTATI AL 30 SETTEMBRE 2015 RICAVI E RISULTATO OPERATIVO IN CRESCITA POSTE ITALIANE: IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE APPROVA I RISULTATI AL 30 SETTEMBRE 2015 RICAVI E RISULTATO OPERATIVO IN CRESCITA Ricavi totali: 23,9 miliardi, +6,0% ( 22,6 miliardi al 30.09.2014) Risultato

Dettagli

INFORMATIVA SINTETICA SULLA POLITICA SEGUITA DALLA BANCA IN MATERIA DI CONFLITTI DI INTERESSE

INFORMATIVA SINTETICA SULLA POLITICA SEGUITA DALLA BANCA IN MATERIA DI CONFLITTI DI INTERESSE INFORMATIVA SINTETICA SULLA POLITICA SEGUITA DALLA BANCA IN MATERIA DI CONFLITTI DI INTERESSE 1. PREMESSA Il presente documento ha lo scopo di descrivere sinteticamente la politica che il Gruppo bancario

Dettagli

INVESTIMENTI E SVILUPPO S.p.A. DOCUMENTO INFORMATIVO

INVESTIMENTI E SVILUPPO S.p.A. DOCUMENTO INFORMATIVO INVESTIMENTI E SVILUPPO S.p.A. Sede in Milano, Corso Monforte n. 20 Capitale sociale sottoscritto e versato Euro 18.313.552,79 Registro delle Imprese di Milano n. 00723010153 DOCUMENTO INFORMATIVO relativo

Dettagli

Nuovi strumenti di finanziamento per le imprese. Le novità del Decreto Sviluppo

Nuovi strumenti di finanziamento per le imprese. Le novità del Decreto Sviluppo S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO Nuovi strumenti di finanziamento per le imprese Le novità del Decreto Sviluppo Marco Capra 7 dicembre 2012 Confindustria Alto Milanese Legnano Le novità del

Dettagli

Dicembre 2013. Ampliamento delle fonti di finanziamento per le PMI e Minibond nel Piano Destinazione Italia

Dicembre 2013. Ampliamento delle fonti di finanziamento per le PMI e Minibond nel Piano Destinazione Italia Dicembre 2013 Ampliamento delle fonti di finanziamento per le PMI e Minibond nel Piano Destinazione Italia Cristiano Tommasi, Annalisa Dentoni-Litta e Francesco Bonichi, Allen & Overy Nell ambito del documento

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO

DOCUMENTO INFORMATIVO DOCUMENTO INFORMATIVO redatto ai sensi dell articolo 71-bis del regolamento di attuazione del D. Lgs. n. 58/1998 concernente la disciplina degli emittenti, adottato dalla CONSOB con delibera n. 11971 del

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA GESTIONE SEPARATA Crédit Agricole Vita

REGOLAMENTO DELLA GESTIONE SEPARATA Crédit Agricole Vita REGOLAMENTO DELLA GESTIONE SEPARATA Crédit Agricole Vita 1. Denominazione Viene attuata una speciale forma di gestione degli investimenti, distinta dagli altri attivi detenuti dall impresa di assicurazione,

Dettagli

Indice. Presentazione, di Roberto Ruozi. pag. xiii

Indice. Presentazione, di Roberto Ruozi. pag. xiii Presentazione, di Roberto Ruozi 1 L attività bancaria 1.1 Una definizione di banca 1.2 Le origini del sistema bancario moderno 1.3 L evoluzione del sistema creditizio nel quadro europeo: concorrenza e

Dettagli

MINI BOND Un nuovo strumento per finanziare la crescita delle Aziende

MINI BOND Un nuovo strumento per finanziare la crescita delle Aziende MINI BOND Un nuovo strumento per finanziare la crescita delle Aziende LO SCENARIO MINI BOND Il Decreto Sviluppo ed il Decreto Sviluppo bis del 2012, hanno introdotto importanti novità a favore delle società

Dettagli

POLICY CONFLITTI D INTERESSE

POLICY CONFLITTI D INTERESSE POLICY CONFLITTI D INTERESSE Documento per la clientela 13/01/2014 INDICE 1. PREMESSA 3 1.1 Definizioni 4 2. OBIETTIVI 5 3. ANALISI E VALUTAZIONI: IDENTIFICAZIONE DELLE SITUAZIONI DI POTENZIALE CONFLITTO

Dettagli

Il retail funding da parte delle banche Lineamenti normativi di Luigi Rizzi

Il retail funding da parte delle banche Lineamenti normativi di Luigi Rizzi Il retail funding da parte delle banche Lineamenti normativi di Luigi Rizzi Le ragioni della regolamentazione Nell'ambito del retail funding, le obbligazioni bancarie costituiscono lo strumento di raccolta

Dettagli

COMUNICATO STAMPA CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI IW BANK S.P.A.: APPROVATA LA RELAZIONE SEMESTRALE AL 30 GIUGNO 2007

COMUNICATO STAMPA CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI IW BANK S.P.A.: APPROVATA LA RELAZIONE SEMESTRALE AL 30 GIUGNO 2007 COMUNICATO STAMPA CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI IW BANK S.P.A.: APPROVATA LA RELAZIONE SEMESTRALE AL 30 GIUGNO 2007 Utile netto a 5,0 milioni di euro (2,5 milioni di euro al 30 giugno 2006, +100%) Margine

Dettagli

Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri

Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri Criteri, condizioni e modalità cui si conforma la società SNAM S.p.A. per adottare il modello di separazione proprietaria della gestione della rete nazionale

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO FONDAZIONE CASSA DI RISPARMIO DI FANO

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO FONDAZIONE CASSA DI RISPARMIO DI FANO REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO FONDAZIONE CASSA DI RISPARMIO DI FANO 1 INDICE AMBITO DI APPLICAZIONE p. 3 TITOLO I: PRINCIPI GENERALI Art. 1 Finalità del processo di gestione del patrimonio

Dettagli

Risparmio gestito in Italia: trend ed evoluzione dei modelli di business

Risparmio gestito in Italia: trend ed evoluzione dei modelli di business Risparmio gestito in Italia: trend ed evoluzione dei modelli di business I risultati della survey Workshop Milano,12 giugno 2012 Il campione 30 SGR aderenti, rappresentative di circa il 75% del patrimonio

Dettagli

Cassa depositi e prestiti. Sostegno al sistema produttivo

Cassa depositi e prestiti. Sostegno al sistema produttivo Cassa depositi e prestiti Sostegno al sistema produttivo CDP per l economia reale: sostegno alle imprese e sviluppo infrastrutturale Cassa depositi e prestiti è un operatore chiave a sostegno del sistema

Dettagli

Comunicazione DIN/0019719 del 13-3-2014. inviata alla società

Comunicazione DIN/0019719 del 13-3-2014. inviata alla società Comunicazione DIN/0019719 del 13-3-2014 inviata alla società OGGETTO: Richiesta di chiarimenti in merito alle attività esercitabili da parte di una SIM autorizzata a svolgere esclusivamente il servizio

Dettagli

I Fondi pensione preesistenti

I Fondi pensione preesistenti I Fondi pensione preesistenti I scheda Fondi pensione preesistenti sono forme pensionistiche complementari che, come suggerisce il termine preesistenti, operavano antecedentemente all emanazione della

Dettagli

SIMEST: Partner d impresa per la competizione globale. Seminario di preparazione alla Missione Imprenditoriale in Iran

SIMEST: Partner d impresa per la competizione globale. Seminario di preparazione alla Missione Imprenditoriale in Iran SIMEST: Partner d impresa per la competizione globale Seminario di preparazione alla Missione Imprenditoriale in Iran Marco Rosati Responsabile Funzione Desk Italia CONFINDUSTRIA - Roma, 8 ottobre 2015

Dettagli

prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked Tariffa RUUA

prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked Tariffa RUUA BNL VITA S.p.A. appartenente ad Unipol Gruppo Finanziario S.p.A. Mod. 3T884 - Ed. 06/09 Offerta pubblica di sottoscrizione di Polizza BNL Revolution Crescita prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit

Dettagli

SOLVENCY II: PUBBLICATO NELLA GAZZETTA UFFICIALE DELL UNIONE EUROPEA IL REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. 2015/35

SOLVENCY II: PUBBLICATO NELLA GAZZETTA UFFICIALE DELL UNIONE EUROPEA IL REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. 2015/35 1 SOLVENCY II: PUBBLICATO NELLA GAZZETTA UFFICIALE DELL UNIONE EUROPEA IL REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. 2015/35 2 BRRD: PUBBLICATO NELLA GAZZETTA UFFICIALE DELL UNIONE EUROPEA IL REGOLAMENTO (UE) N. 2015/63

Dettagli

Capitolo 15 Concorrenza e tutela del consumatore di servizi finanziari

Capitolo 15 Concorrenza e tutela del consumatore di servizi finanziari Capitolo 15 Concorrenza e tutela del consumatore di servizi finanziari Esercizi di riepilogo 1) Volendo rappresentare il settore dei servizi finanziari fate riferimento: a) ai tre tipi di intermediazione

Dettagli

BANCA CREMASCA. Credito Cooperativo Soc. Coop.

BANCA CREMASCA. Credito Cooperativo Soc. Coop. BANCA CREMASCA Credito Cooperativo Soc. Coop. POLICY DI PRICING E REGOLE INTERNE PER LA NEGOZIAZIONE/EMISSIONE DEI PRESTITI OBBLIGAZIONARI DELLA BANCA (Adottata ai sensi delle Linee guida interassociative

Dettagli

Fondo Zenit Minibond. Fondo Minibond. La finanza italiana al servizio dell economia italiana

Fondo Zenit Minibond. Fondo Minibond. La finanza italiana al servizio dell economia italiana Fondo Minibond Fondo Zenit Minibond Fondo obbligazionario per investire nello sviluppo delle PMI italiane La finanza italiana al servizio dell economia italiana -Zenit SGR, i nostri valori INDIPENDENTI

Dettagli

Il Factoring come soluzione alternativa alle garanzie internazionali. Bergamo, 22/ 23 Novembre 2010

Il Factoring come soluzione alternativa alle garanzie internazionali. Bergamo, 22/ 23 Novembre 2010 Il Factoring come soluzione alternativa alle garanzie internazionali Bergamo, 22/ 23 Novembre 2010 UBI Factor, da trent anni il protagonista del Factoring in Italia e in Europa Offriamo servizi di Factoring

Dettagli

Mini bond: alternativa alla crisi. Blasio & Partners Avvocati

Mini bond: alternativa alla crisi. Blasio & Partners Avvocati Mini bond: alternativa alla crisi delle PMI Il mercato italiano La dipendenza del tessuto produttivo italiano dal sistema bancario è significativamente più alta rispetto agli altri paesi europei, tanto

Dettagli

DESCRIZIONE SINTETICA DELLA POLITICA DI GESTIONE DEI CONFLITTI DI INTERESSE DESTINATA ALLA CLIENTELA

DESCRIZIONE SINTETICA DELLA POLITICA DI GESTIONE DEI CONFLITTI DI INTERESSE DESTINATA ALLA CLIENTELA DESCRIZIONE SINTETICA DELLA POLITICA DI GESTIONE DEI CONFLITTI DI INTERESSE DESTINATA ALLA CLIENTELA Come ogni grande istituzione finanziaria, BNP Paribas Investment Partners SGR (di seguito anche la SGR

Dettagli

BCC BARLASSINA. Policy di Valutazione e Pricing delle obbligazioni emesse da

BCC BARLASSINA. Policy di Valutazione e Pricing delle obbligazioni emesse da Policy di Valutazione e Pricing delle obbligazioni emesse da BCC BARLASSINA (ai sensi delle Linee-Guida interassociative ABI-Assosim-Federcasse per l applicazione delle misure di attuazione della Direttiva

Dettagli

Un impegno comune per la crescita

Un impegno comune per la crescita Un impegno comune per la crescita Intesa Sanpaolo e Confindustria Piccola Industria proseguono la collaborazione avviata con l Accordo del luglio 2009, rinnovata nel 2010, e condividono una linea d azione

Dettagli

SINTESI DELLA POLITICA IN MATERIA DI CONFLITTI DI INTERESSE. Iccrea Banca S.p.A. E DOCUMENTO INFORMATIVO SUGLI INCENTIVI

SINTESI DELLA POLITICA IN MATERIA DI CONFLITTI DI INTERESSE. Iccrea Banca S.p.A. E DOCUMENTO INFORMATIVO SUGLI INCENTIVI SINTESI DELLA POLITICA IN MATERIA DI CONFLITTI DI INTERESSE E DOCUMENTO INFORMATIVO SUGLI INCENTIVI Iccrea Banca S.p.A. SINTESI DELLA POLITICA IN MATERIA DI CONFLITTI DI INTERESSE 1 PREMESSA Iccrea Banca

Dettagli

IL RISPARMIO DEGLI ITALIANI È AL

IL RISPARMIO DEGLI ITALIANI È AL IL RISPARMIO DEGLI ITALIANI È AL SOSTEGNO DELLA CRESCITA? S I R I N G R A Z I A P E R L A C O L L A B O R A Z I O N E 2 7 G E N N A I O 2 0 1 4 C O R S O C O N C O R D I A 1 M I L A N O Programma Apertura

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA LINEE GUIDA AI PRODOTTI CDP PER L INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE IMPRESE E LE ESPORTAZIONI

PROTOCOLLO D INTESA LINEE GUIDA AI PRODOTTI CDP PER L INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE IMPRESE E LE ESPORTAZIONI PROTOCOLLO D INTESA LINEE GUIDA AI PRODOTTI CDP PER L INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE IMPRESE E LE ESPORTAZIONI Associazione Bancaria Italiana, con sede legale in Roma, Piazza del Gesù 49, Codice Fiscale

Dettagli

Le novità in materia di imposta di bollo e gli orientamenti dell Agenzia delle entrate

Le novità in materia di imposta di bollo e gli orientamenti dell Agenzia delle entrate S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO PRODOTTI E SERVIZI FINANZIARI: RECENTI NOVITA IN MATERIA DI IMPOSTE INDIRETTE Le novità in materia di imposta di bollo e gli orientamenti dell Agenzia delle

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO DELLA FONDAZIONE CASSA DI RISPARMIO IN BOLOGNA

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO DELLA FONDAZIONE CASSA DI RISPARMIO IN BOLOGNA REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO DELLA FONDAZIONE CASSA DI RISPARMIO IN BOLOGNA Approvato dal Collegio di Indirizzo In data 21 dicembre 2015 AMBITO DI APPLICAZIONE TITOLO I PRINCIPI GENERALI

Dettagli

MODI DI FINANZIAMENTO DELL ECONOMIA

MODI DI FINANZIAMENTO DELL ECONOMIA MODI DI FINANZIAMENTO DELL ECONOMIA 1 OPERATORI FINANZIARI ATTIVI E PASSIVI Gli operatori finanziari possono essere divisi in quattro gruppi: Le famiglie; Le imprese; La pubblica amministrazione; il resto

Dettagli

GLI ASPETTI FISCALI DEI MINI BOND E DELLE CAMBIALI FINANZIARIE

GLI ASPETTI FISCALI DEI MINI BOND E DELLE CAMBIALI FINANZIARIE Bologna, 19 giugno 2014 GLI ASPETTI FISCALI DEI MINI BOND E DELLE CAMBIALI FINANZIARIE a cura di R. Bigi Principali riferimenti normativi e di prassi Art. 32 del Decreto-legge 22 giugno 2012, n. 83 (c.d.

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA XVI LEGISLATURA

SENATO DELLA REPUBBLICA XVI LEGISLATURA SENATO DELLA REPUBBLICA XVI LEGISLATURA Doc. XVIII n. 57 RISOLUZIONE DELLA 6ª COMMISSIONE PERMANENTE (Finanze e tesoro) (Estensore FERRARA) approvata nella seduta del 20 ottobre 2010 SULLA PROPOSTA DI

Dettagli

IL PROCESSO DI QUOTAZIONE DI BORSA: UN PERCORSO AD OSTACOLI MERCATI, ATTORI, TEMPISTICA, COMUNICAZIONE di Giovanni Pelonghini

IL PROCESSO DI QUOTAZIONE DI BORSA: UN PERCORSO AD OSTACOLI MERCATI, ATTORI, TEMPISTICA, COMUNICAZIONE di Giovanni Pelonghini IL PROCESSO DI QUOTAZIONE DI BORSA: UN PERCORSO AD OSTACOLI MERCATI, ATTORI, TEMPISTICA, COMUNICAZIONE di Giovanni Pelonghini 1 DECIDERE DI QUOTARSI LA DECISIONE DI QUOTARSI RAPPRESENTA UNA SCELTTA STRATEGICA

Dettagli

Il Gruppo Consultinvest

Il Gruppo Consultinvest Il Gruppo Consultinvest viene fondato nel 1988 per iniziativa di operatori qualificati del settore finanziario e di imprenditori modenesi attualmente presenti attivamente nella compagine sociale. Nel 2001

Dettagli

Fiduciarie italiane: cosa cambia con la vigilanza della Banca d Italia

Fiduciarie italiane: cosa cambia con la vigilanza della Banca d Italia sfef7_volait@0091-0096#3b_layout 1 13/03/12 09.04 Pagina 91 91 Fiduciarie italiane: cosa cambia con la vigilanza della Banca d Italia di FABRIZIO VEDANA Il provvedimento con il quale la Banca d Italia,

Dettagli

La nuova disciplina delle cambiali finanziarie e il ruolo dello sponsor

La nuova disciplina delle cambiali finanziarie e il ruolo dello sponsor La nuova disciplina delle cambiali finanziarie e il ruolo dello sponsor PARADIGMA Srl Nuovi strumenti di finanziamento per le società non quotate Milano,10 e 11 ottobre 2012 Indice L iter parlamentare

Dettagli

EVOLUZIONI DELLA LEGISLAZIONE BANCARIA

EVOLUZIONI DELLA LEGISLAZIONE BANCARIA INDICE SOMMARIO Capitolo I EVOLUZIONI DELLA LEGISLAZIONE BANCARIA I.1. Le origini: dalle suggestioni filo-germaniche alla legislazione del 1926......................... 1 I.2. Le crisi bancarie degli anni

Dettagli

La fusione per incorporazione del Credito Bergamasco

La fusione per incorporazione del Credito Bergamasco Il Banco Popolare semplifica e razionalizza ulteriormente la struttura societaria del Gruppo: approvato il progetto di fusione per incorporazione del Credito Bergamasco e di Banca Italease Verona, 26 novembre

Dettagli