Piano Casa Regione Lazio

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Piano Casa Regione Lazio"

Transcript

1 Legge Regionale 11 agosto 2009, n. 21 Piano Casa Regione Lazio Misure straordinarie per il settore edilizio ed interventi per l edilizia residenziale sociale 1

2 PRINCIPALI CONTENUTI: Interventi di ampliamento degli edifici residenziali e non residenziali; Interventi di sostituzione edilizia con demolizione e ricostruzione degli edifici; Programmi integrati per il ripristino ambientale; Programmi integrati per il riordino urbano e delle periferie. 2

3 Ricadute economiche per il Lazio (previsioni CRESME per ampliamenti e demolizioni/ricostruzioni) Settore residenziale: 7 milioni di mc per 2,8 miliardi di euro di Investimenti Settore non residenziale: mq per 42 milioni di euro di Investimenti 3

4 Entrata in vigore della Legge Tempistica 5 settembre 2009 Presentazione delle domande A partire dal 4 dicembre

5 I Comuni, entro 90 giorni dalla entrata in vigore della Legge possono individuare ambiti del proprio strumento urbanistico nei quali limitare o escludere gli interventi (il termine è il 4 dicembre 2009). Via Ostiense, 131/L-tel.(06) fax (06) Roma 5

6 DIA e domande di concessione del permesso di costruire devono essere presentate entro il termine di 24 mesi dal 4 dicembre

7 Aree escluse dall applicazione della legge I centri storici comunali; Le aree naturali protette; Le zone a rischio di esondazione; Le zone sottoposte a vincolo di inedificabilità assoluta; Le fasce di rispetto dei territori costieri, dei fiumi e dei laghi. 7

8 Edifici ammessi Edifici per cui è stata presentata la dichiarazione di fine lavori o che risultino ultimati al 5 settembre 2009; Edifici per cui è stato rilasciato il titolo edilizio abilitativo in sanatoria entro il 4 dicembre 2011; 8

9 INTERVENTI DI AMPLIAMENTO DEGLI EDIFICI RESIDENZIALI E NON RESIDENZIALI (art. 3) Sono ammessi gli edifici a destinazione residenziale, uni-plurifamiliari: Di volumetria non superiore a mc; Sono ammessi gli edifici a destinazione non residenziale: Di volumetria non superiore a mq; 9

10 Limiti dimensionali dell ampliamento: Nel caso di edifici residenziali, in deroga alle previsioni degli strumenti urbanistici ed edilizi comunali vigenti, sono consentiti interventi di ampliamento nei limiti massimi del 20% della volumetria esistente o della superficie utile. Incremento complessivo massimo, per l intero edificio: 200 mc ovvero 62,5 mq 10

11 Non Residenziale Nel caso di edifici non residenziali, in deroga alle previsioni degli strumenti urbanistici ed edilizi comunali vigenti, sono consentiti interventi di ampliamento nei limiti massimi del 10% della volumetria esistente o della superficie utile. Sono ammessi gli edifici a destinazione non residenziale per l artigianato, la piccola industria e gli esercizi di vicinato (superficie di vendita max 150 mq nei comuni fino a abitanti e max 250 mq negli altri comuni). 11

12 Gli ampliamenti sono consentiti soltanto: In adiacenza al corpo di fabbrica dell edificio, con esclusione della sopraelevazione; Nel rispetto delle distanze e delle altezze previste dalla norma vigente; In edifici dotati di classificazione antisismica, nei casi di zone classificate a rischio sismico 1 e 2 (in caso di edifici realizzati successivamente a tale classificazione). 12

13 13

14 Gli ampliamenti sono consentiti a condizione che: L intero edificio sia adeguato alla normativa antisismica; Siano realizzati nel rispetto della normativa statale e regionale in materia di sostenibilità energetico-ambientale e bioedilizia; Sia predisposto il fascicolo del fabbricato; NON PIU VALIDO! Non siano realizzati su edifici abusivi. 14

15 Opere di urbanizzazione primaria e secondaria: La realizzazione degli ampliamenti è subordinata: All esistenza delle opere di urbanizzazione primaria e secondaria, ovvero al loro adeguamento, in relazione al maggior carico urbanistico, nonché dei parcheggi pertinenziali; Per le opere di urbanizzazione secondaria, qualora venga comprovata l impossibilità del loro adeguamento, i titoli edilizi abilitativi sono subordinati al pagamento, oltre che degli oneri concessori, di un contributo straordinario proporzionale al valore delle opere stesse, pari al 50% del valore degli oneri corrispondenti, secondo quanto stabilito con apposita deliberazione del Comune. 15

16 NOTE per il caso di edifici non residenziali: L intervento è subordinato all installazione e al miglioramento dei sistemi di abbattimento degli inquinanti, al monitoraggio delle emissioni, al risparmio energetico e allo studio di materiali e procedure innovative che possano ridurre l impatto ambientale. 16

17 NOTA: I premi di cubatura sono aumentati nelle zone a più alto rischio sismico (1 e 2), per favorire gli interventi di messa a norma: Ampliamenti estesi fino al 35% per il residenziale; Ampliamenti estesi fino al 20% per il non residenziale. 17

18 ADEMPIMENTI DEI COMUNI: In caso di impossibilità di adeguamento delle opere di urbanizzazione secondaria, determinazione di un contributo straordinario pari al 50% dell importo degli oneri concessori; Individuazione di nuove aree per l adeguamento degli standard urbanistici (prevalentemente contermini alle zone dove ricadono gli interventi); Facoltà di ridurre fino al 30% gli oneri derivanti dal costo di costruzione; PRIMA CASA: facoltà di riduzione fino al 30% del contributo degli oneri di urbanizzazione primaria e secondaria. 18

19 SOTTOTETTI: E esclusa la possibilità di sopraelevazione, con due eccezioni: Interventi previsti dall art. 3, comma 1, lettera f, l.r. 13/2009 sul recupero a fini abitativi dei sottotetti esistenti, la quale consente modificazioni delle altezze di colmo e di gronda, nonché delle linee di pendenza delle falde, unicamente al fine di assicurare i parametri fissati dalla stessa legge. Realizzazione del tetto con pendenza massima delle falde pari al 35%, con contestuale utilizzo del relativo sottotetto. 19

20 INTERVENTI DI SOSTITUZIONE EDILIZIA CON DEMOLIZIONE E RICOSTRUZIONE (art.4) In deroga agli strumenti urbanistici ed edilizi comunali vigenti sono consentiti interventi di sostituzione edilizia con demolizione e ricostruzione degli edifici a destinazione residenziale per almeno Il 75%. L ampliamento è consentito entro il limite del 35% della volumetria o della superficie utile esistente; 20

21 NOTA: Se la demolizione sarà realizzata tramite un concorso di progettazione il premio di cubatura sale al 40%, a patto che l intervento sia realizzato sulla base Del progetto vincitore del concorso. 21

22 La realizzazione degli interventi di demolizione/ricostruzione è subordinata: All esistenza delle opere di urbanizzazione primaria e secondaria ovvero al loro adeguamento in relazione al maggior carico urbanistico, e dei parcheggi pertinenziali; Alla realizzazione di interventi di piantumazione di essenze arboree e vegetazionali che interessino almeno il 25% dell area di pertinenza dell intervento; Alla predisposizione del fascicolo del fabbricato. NON PIU! 22

23 Condizione per gli interventi di demolizione e ricostruzione degli edifici L altezza degli edifici non può superare l altezza massima degli edifici contermini; Deve essere mantenuto il rispetto delle distanze previste dalla normativa vigente; Gli edifici devono essere ricostruiti in conformità alla normativa antisismica; Rispetto della normativa statale e regionale in materia di sostenibilità energetico-ambientale e di bioedilizia. 23

24 ADEMPIMENTI DEI COMUNI: PRIMA CASA: facoltà di riduzione fino al 30% del contributo degli oneri di urbanizzazione primaria e secondaria. 24

25 INTERVENTI DI RECUPERO DEGLI EDIFICI ESISTENTI (art.5) In deroga agli strumenti urbanistici ed edilizi comunali vigenti sono consentiti: Interventi di recupero per fini residenziali dei volumi accessori degli edifici ammessi, a destinazione residenziale per almeno il 75%, con volumetria non superiore a 1.000mc, limitatamente al 20%, fino a max 200mcovvero 62,5mq; Interventi di recupero di parti accessorie degli edifici ammessi, a destinazione prevalentemente residenziale, ubicati in zone urbanisticamente destinate all agricoltura, a favore del coltivatore diretto e dell imprenditore agricolo e/o loro eredi. 25

26 La realizzazione degli interventi di recupero degli edifici esistenti è subordinata: All esistenza delle opere di urbanizzazione primaria e secondaria ovvero al loro adeguamento in relazione al maggior carico urbanistico; Al rispetto della normativa statale e regionale in materia di sostenibilità energetico-ambientale e bioedilizia. 26

27 SEMPLIFICAZIONE DELLE PROCEDURE (art. 6) Per avviare i lavori è sufficiente una dichiarazione di inizio attività (DIA). Nel caso di interventi straordinari di sostituzione edilizia con demolizione e ricostruzione che interessino un immobile con volume superiore a mc si dovrà richiedere il permesso di costruire. ONERI CONCESSORI: è facoltà dei Comuni ridurre fino al 30% gli oneri derivanti dal costo di costruzione. 27

28 PROGRAMMI INTEGRATI PER IL RIPRISTINO AMBIENTALE (art. 7) FINALITA : riqualificare e recuperare i territori ad elevata valenza naturalistica, ambientale e culturale. STRUMENTO: programmi integrati finalizzati al ripristino ambientale ed all incremento della dotazione di standard urbanistici, mediante la demolizione di porzioni di tessuti edilizi o di singoli edifici legittimamente realizzati in aree sottoposte a vincoli ambientali, paesaggistici e in aree naturali protette. 28

29 SOGGETTI ATTUATORI DEI PROGRAMMI I Comuni, sulla base di iniziative pubbliche o private, anche su proposta di consorzi, imprese e cooperative con documentata capacità tecnico organizzativa ed economica adeguata all importo dei lavori oggetto della proposta. 29

30 Contenuti dei Programmi Integrati (1) Lademolizione, a carico dei proprietari, delle porzioni di tessuti edilizi o dei singoli edifici e la cessione a titolo gratuito al Comune dell area oggetto del ripristino ambientale e della riqualificazione stessa. 30

31 Contenuti dei Programmi Integrati (2) La traslazione, previa localizzazione, delle volumetrie degli edifici demoliti in altre aree esterne, facendo ricorso anche al cambio di destinazione d uso rispetto agli edifici demoliti, alla modifica delle destinazioni urbanistiche vigenti ed all aumento della capacità edificatoria. 31

32 Contenuti dei Programmi Integrati (3) Incremento premiale fino al 50% del volume degli edifici demoliti. NOTA: l incremento premiale è esteso fino al 60% per i soli comuni del litorale marittimo, a condizione che la nuova destinazione sia turistico-ricettiva. 32

33 Contenuti dei Programmi Integrati (4) Gli interventi previsti dal programma integrato devono essere realizzati nel rispetto di quanto previsto dalla normativa statale e regionale in materia di sostenibilità energetico-ambientale e di bioedilizia. 33

34 Contenuti dei Programmi Integrati (5) I Comuni individuano, con deliberazione del Consiglio Comunale, gli ambiti destinati al ripristino ambientale e quelli destinati ad accogliere gli interventi di ricostruzione con riferimento allo strumento urbanistico vigente, con esclusione dei centri storici e delle zone a destinazione agricola. 34

35 PROGRAMMI INTEGRATI PER IL RIORDINO URBANO E DELLE PERIFERIE (art. 8) FINALITA : riqualificare gli ambiti urbani e le periferie con presenza di funzioni eterogenee e di tessuti edilizi disorganici o incompiuti, nonché di edifici isolati a destinazione industriale dismessi, parzialmente inutilizzati o degradati. STRUMENTO: programmi integrati finalizzati all incremento degli standard urbanistici ed al riordino del tessuto urbano. 35

36 Contenuti dei Programmi Integrati (1) Interventi di sostituzione edilizia; Modifiche di destinazione d uso di aree e di immobili; Incremento fino al 40% della volumetria o superficie demolita. 36

37 Contenuti dei Programmi Integrati (2) La ristrutturazione urbanistica deve prevedere: Dotazione straordinaria degli standard urbanistici e delle opere di urbanizzazione primaria; Una quota destinata ad edilizia residenziale sociale. 37

38 NOTA: Gli interventi sugli edifici a destinazione industriale devono essere dimensionati esclusivamente sulla base della superficie esistente demolita. 38

39 Contenuti dei Programmi Integrati (3) Gli interventi previsti dal programma integrato devono essere realizzati nel rispetto di quanto previsto dalla normativa statale e regionale in materia di sostenibilità energetico-ambientale e di bioedilizia. 39

40 Contenuti dei Programmi Integrati (4) I Comuni, con deliberazione del Consiglio Comunale, individuano, con riferimento alle destinazioni dello strumento urbanistico vigente, gli ambiti territoriali nei quali realizzare gli interventi previsti. 40

Nuovo Piano Casa Regionale

Nuovo Piano Casa Regionale Nuovo Piano Casa Regionale Legge 11 agosto 2009 n. 21, come modificata dalle leggi 13 agosto 2011 nn. 10 e 12 Settembre 2011 AMBITO DI APPLICAZIONE (Art. 2) La Legge si applica agli edifici: Legittimamente

Dettagli

Regione Lazio. Leggi Regionali

Regione Lazio. Leggi Regionali 12/08/2014 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LAZIO - N. 64 Pag. 10 di 300 Regione Lazio Leggi Regionali Legge Regionale 8 agosto 2014, n. 8 Modifiche alle leggi regionali 6 luglio 1998, n. 24 (Pianificazione

Dettagli

CAPO I - DISPOSIZIONI GENERALI

CAPO I - DISPOSIZIONI GENERALI REGIONE LAZIO LEGGE REGIONALE 11/08/2009 N. 21 Misure straordinarie per il settore edilizio ed interventi per l'edilizia residenziale sociale. CAPO I - DISPOSIZIONI GENERALI Art. 1 (Modifica all articolo

Dettagli

Legge Regionale n. 13 Azioni straordinarie per lo sviluppo e la qualificazione del patrimonio edilizio urbanistico della Lombardia

Legge Regionale n. 13 Azioni straordinarie per lo sviluppo e la qualificazione del patrimonio edilizio urbanistico della Lombardia Piano Legge Regionale n. 13 Azioni straordinarie per lo sviluppo e la qualificazione del patrimonio edilizio urbanistico della Lombardia Il Comune di Brescia con delibera n. 196 del 12 ottobre 2009 ha

Dettagli

L.R. 11 Agosto 2009, n. 21 Misure straordinarie per il settore edilizio ed interventi per l'edilizia residenziale sociale (1)

L.R. 11 Agosto 2009, n. 21 Misure straordinarie per il settore edilizio ed interventi per l'edilizia residenziale sociale (1) L.R. 11 Agosto 2009, n. 21 Misure straordinarie per il settore edilizio ed interventi per l'edilizia residenziale sociale (1) ELIMINAZIONI INSERIMENTI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Art. 1 (Oggetto e finalità)

Dettagli

PIANO CASA. Città di Termini Imerese 2 Settore Territorio, Ambiente e Attività Produttive. 7 aprile 2010

PIANO CASA. Città di Termini Imerese 2 Settore Territorio, Ambiente e Attività Produttive. 7 aprile 2010 Prime valutazioni riguardanti la legge n.6 del 23.03.10 comunemente definita: PIANO CASA 7 aprile 2010 Il PIANO CASA IN SICILIA La legge n.6 del 23.03.10, comunemente definita Piano Casa, si propone di

Dettagli

ASSEMBLEA REGIONALE SICILIANA DISEGNO DI LEGGE

ASSEMBLEA REGIONALE SICILIANA DISEGNO DI LEGGE ASSEMBLEA REGIONALE SICILIANA DISEGNO DI LEGGE presentato dai deputati: Mancuso, Leontini, Adamo, Caronia, Caputo, Buzzanca, Beninati, D Asero, Pogliese, Torregrossa, Leanza E., Bosco, Limoli, Campagna,

Dettagli

REGIONE CAMPANIA. Legge regionale n. 19 del 28 dicembre 2009

REGIONE CAMPANIA. Legge regionale n. 19 del 28 dicembre 2009 REGIONE CAMPANIA Legge regionale n. 19 del 28 dicembre 2009 v. anche legge regionale n. 1 del 5 gennaio 2011; DGR n. 145 del 12 aprile 2011 (Linee guida per la valutazione della sostenibilità energetica

Dettagli

NUOVO PIANO CASA REGIONE LAZIO. Legge 11 agosto 2009 n. 21, Modificata da L.R. 10/2011, L.R. 12/2012, L.R. 8/2014, L.R. 10/2014

NUOVO PIANO CASA REGIONE LAZIO. Legge 11 agosto 2009 n. 21, Modificata da L.R. 10/2011, L.R. 12/2012, L.R. 8/2014, L.R. 10/2014 NUOVO PIANO CASA REGIONE LAZIO Legge 11 agosto 2009 n. 21, Modificata da L.R. 10/2011, L.R. 12/2012, L.R. 8/2014, L.R. 10/2014 1 La legge si applica agli edifici per i quali alla data del 31.12.2013 sussistano

Dettagli

L'ATTUAZIONE REGIONALE DEL D.L. 70/2011

L'ATTUAZIONE REGIONALE DEL D.L. 70/2011 L'ATTUAZIONE REGIONALE DEL D.L. 70/2011 Regioni che hanno dato attuazione Regioni che non hanno dato attuazione DOSSIER Aggiornato al 14 ottobre 2011 Direzione Legislazione Mercato Privato Normativa Statale

Dettagli

Pubblicata sul BURL SSO n.11 del 16 marzo 2012

Pubblicata sul BURL SSO n.11 del 16 marzo 2012 Legge Regionale 13 marzo 2012, n. 4 NORME PER LA VALORIZZAZIONE DEL PATRIMONIO EDILIZIO ESISTENTE E ALTRE DISPOSIZIONI IN MATERIA URBANISTICO - EDILIZIA Pubblicata sul BURL SSO n.11 del 16 marzo 2012 Un

Dettagli

Guida al PIANO CASA della Regione LAZIO

Guida al PIANO CASA della Regione LAZIO Guida al PIANO CASA della Regione LAZIO (aggiornata a luglio 2017) Il Piano Casa della Regione Lazio è scaduto il 31 maggio 2017. Al suo posto sono state adottate le misure strutturali e a tempo indeterminato

Dettagli

1 di 20 30/10/2014 10:26 L.R. 11 Agosto 2009, n. 21 Misure straordinarie per il settore edilizio ed interventi per l'edilizia residenziale sociale (1) CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Art. 1 (Oggetto e finalità)

Dettagli

QUADRO SINOTTICO DEGLI INTERVENTI

QUADRO SINOTTICO DEGLI INTERVENTI COMUNE DI BRESCIA SETTORE SPORTELLO UNICO DELL EDILIZIA Legge regionale 13 marzo 2012 - n. 4 Norme per la valorizzazione del patrimonio edilizio esistente e altre disposizioni in materia urbanistico edilizia

Dettagli

Parte I LEGGI, DECRETI E REGOLAMENTI DELLA REGIONE

Parte I LEGGI, DECRETI E REGOLAMENTI DELLA REGIONE Parte I N. 34 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE BASILICATA - 7-8-2009 6543 Parte I LEGGI, DECRETI E REGOLAMENTI DELLA REGIONE Legge Regionale 7 agosto 2009, n. 25 MISURE URGENTI E STRAORDINARIE VOLTE

Dettagli

Parte I LEGGI, DECRETI E REGOLAMENTI DELLA REGIONE

Parte I LEGGI, DECRETI E REGOLAMENTI DELLA REGIONE Parte I N. 34 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE BASILICATA - 7-8-2009 6543 Parte I LEGGI, DECRETI E REGOLAMENTI DELLA REGIONE Legge Regionale 7 agosto 2009, n. 25 MISURE URGENTI E STRAORDINARIE VOLTE

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 25 DEL REGIONE BASILICATA

LEGGE REGIONALE N. 25 DEL REGIONE BASILICATA LEGGE REGIONALE N. 25 DEL 07-08-2009 REGIONE BASILICATA Misure urgenti e straordinarie volte al rilancio dell economia e alla riqualificazione del patrimonio edilizio esistente. Fonte: BOLLETTINO UFFICIALE

Dettagli

Legge Regionale 11 Agosto 2009, n. 21. Misure straordinarie per il settore edilizio ed interventi per l'edilizia residenziale sociale.

Legge Regionale 11 Agosto 2009, n. 21. Misure straordinarie per il settore edilizio ed interventi per l'edilizia residenziale sociale. Legge Regionale 11 Agosto 2009, n. 21. Misure straordinarie per il settore edilizio ed interventi per l'edilizia residenziale sociale. (BUR N. 31 del 21 agosto 2009) CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Art.1

Dettagli

PIANO CASA 2. Schede di sintesi dei testi normativi di:

PIANO CASA 2. Schede di sintesi dei testi normativi di: PIANO CASA 2 Schede di sintesi dei testi normativi di: L.R. Abruzzo L.R.Basilicata L.R. Calabria L.R.Campania L.R Emilia Romagna L.R Friuli Venezia Giulia L.R Lazio L.R Liguria L.R Lombardia L.R Marche

Dettagli

Dott. Ing. MARCELLO MONTEFORTE Cost Engineer Practitioner

Dott. Ing. MARCELLO MONTEFORTE Cost Engineer Practitioner Intervento Recupero edilizio e funzionale di volumetria e superfici edilizie non costituenti SLP in edifici ultimati al 18/7/09 NON ubicati in zone destinate all'agricoltura e alle attività produttive.

Dettagli

CAMPANIA (LR 28 dicembre 2009, n. 19)

CAMPANIA (LR 28 dicembre 2009, n. 19) CAMPANIA (LR 28 dicembre 2009, n. 19) AMPLIAMENTI Residenziale Sono consentiti in deroga agli strumenti urbanistici vigenti ampliamenti su edifici anche in corso di edificazione per uso abitativo con incremento

Dettagli

PIANO CASA 2 CONFRONTO REGIONALE. Direzione Legislazione Mercato Privato

PIANO CASA 2 CONFRONTO REGIONALE. Direzione Legislazione Mercato Privato PIANO CASA 2 CONFRONTO REGIONALE Direzione Legislazione Mercato Privato Basilicata Calabria Piemonte Valle d Aosta Veneto Tutti senza alcuna specificazione: Con limiti: Solo unibifamiliari: AMPLIAMENTI

Dettagli

Il riordino della disciplina urbanistica per il rilancio dell economia regionale

Il riordino della disciplina urbanistica per il rilancio dell economia regionale L.R. 6/2009: GOVERNO E RIQUALIFICAZIONE SOLIDALE DEL TERRITORIO Regione Emilia-Romagna Il riordino della disciplina urbanistica per il rilancio dell economia regionale Dott. Giovanni Santangelo 1 III.

Dettagli

, n Misure urgenti e straordinarie volte al rilancio dell economia e alla riqualificazione del patrimonio edilizio esistente.

, n Misure urgenti e straordinarie volte al rilancio dell economia e alla riqualificazione del patrimonio edilizio esistente. REGIONE BASILICATA Legge regionale 7 agosto 2009, n. 25 1 MISURE URGENTI E STRAORDINARIE VOLTE AL RILANCIO DELL ECONOMIA E ALLA RIQUALIFICAZIONE DEL PATRIMONIO EDILIZIO ESISTENTE (B.U.R. 7 agosto 2009,

Dettagli

Città di Guidonia Montecelio. Opuscolo informativo sul Piano Casa L.R. 10/2011

Città di Guidonia Montecelio. Opuscolo informativo sul Piano Casa L.R. 10/2011 Provincia di Roma Città di Guidonia Montecelio Regione Lazio Opuscolo informativo sul Piano Casa L.R. 10/2011 Città di Guidonia Montecelio PIANO CASA NOTE ESPLICATIVE RELATIVE AGLI ART. 1-2-3-4-5 A cura

Dettagli

PIANO CASA 2 CONFRONTO REGIONALE. Direzione Legislazione Mercato Privato

PIANO CASA 2 CONFRONTO REGIONALE. Direzione Legislazione Mercato Privato PIANO CASA 2 CONFRONTO REGIONALE Direzione Legislazione Mercato Privato AMPLIAMENTI EDIFICI AMMESSI DESTINAZIONI D'USO Edifici in corso di realizzazione Solo residenziale o a prevalenza residenziale Ammesso

Dettagli

IL PIANO CASA DEL LAZIO E LEGGE. (modifica alla Legge n. 21/2009)

IL PIANO CASA DEL LAZIO E LEGGE. (modifica alla Legge n. 21/2009) 1 IL PIANO CASA DEL LAZIO E LEGGE (modifica alla Legge n. 21/2009) Questo provvedimento introduce elementi innovativi Le parole d ordine sono: Risposta concreta alle aspettative delle famiglie Semplificazione

Dettagli

Studio Legale Spallino

Studio Legale Spallino LEGGE REGIONE LOMBARDIA 11 MARZO 005, N. 1 PER IL GOVERNO DEL TERRITORIO TITOLO IV - ATTIVITÀ EDILIZIE SPECIFICHE CAPO I - RECUPERO AI FINI ABITATIVI DEI SOTTOTETTI ESISTENTI in grassetto le modifiche

Dettagli

Legge Regionale n. 22/2009. Piano Casa. 30 ottobre ore Jesi - Sala Consiliare del Comune

Legge Regionale n. 22/2009. Piano Casa. 30 ottobre ore Jesi - Sala Consiliare del Comune Legge Regionale n. 22/2009 Piano Casa Incontro con i professionisti e con i cittadini 30 ottobre 2009 - ore 16.00 Jesi - Sala Consiliare del Comune Comune di Jesi_Assessorato Urbanistica e Ambiente_Servizio

Dettagli

CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI. Art. 1 (Oggetto e finalità)

CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI. Art. 1 (Oggetto e finalità) Legge Regionale 11 Agosto 2009, n. 21 Misure straordinarie per il settore edilizio ed interventi per l'edilizia residenziale sociale (1) CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Art. 1 (Oggetto e finalità) 1. La presente

Dettagli

ALLEGATO 4 * TABELLA DI SINTESI DELLE OPERE DI INTERESSE PUBBLICO CHE RICHIEDONO IL NULLA OSTA DELLA GIUNTA PROVINCIALE

ALLEGATO 4 * TABELLA DI SINTESI DELLE OPERE DI INTERESSE PUBBLICO CHE RICHIEDONO IL NULLA OSTA DELLA GIUNTA PROVINCIALE ALLEGATO 4 * TABELLA DI SINTESI DELLE OPERE DI INTERESSE PUBBLICO CHE RICHIEDONO IL NULLA OSTA DELLA GIUNTA PROVINCIALE TIPO DI OPERA DI INTERESSE PUBBLICO DI CUI ALL ALLEGATO 1 OPERE CHE RICHIEDONO IL

Dettagli

PIANO DI RILANCIO DELL ATTIVITA EDILIZIA. Tabelle di raffronto

PIANO DI RILANCIO DELL ATTIVITA EDILIZIA. Tabelle di raffronto PIANO DI RILANCIO DELL ATTIVITA EDILIZIA Tabelle di raffronto Regione Abruzzo 20% max 200 mc E consentito un ampliamento di almeno 9 mq per gli edifici di modeste dimensioni 35% La ricostruzione può avvenire

Dettagli

proposta di legge n. 106

proposta di legge n. 106 REGIONE MARCHE 1 ASSEMBLEA LEGISLATIVA proposta di legge n. 106 a iniziativa dei Consiglieri Zaffini, Zinni, Latini presentata in data 9 giugno 2011 NORME IN MATERIA DI RECUPERO DI SOTTOTETTI E DI LOCALI

Dettagli

4.2 Il vetro Caratteristiche tecnico-prestazionali Possibilità di impiego: tecnologie solari passive... 53

4.2 Il vetro Caratteristiche tecnico-prestazionali Possibilità di impiego: tecnologie solari passive... 53 Indice Introduzione... 13 PARTE PRIMA ABITARE I SOTTOTETTI a cura di Paola Frontoni 1. IL SOTTOTETTO 1.1 Definizione... 29 1.2 Tipi di sottotetto... 30 1.3 Quali sottotetti possono essere recuperati...

Dettagli

MODIFICHE ALLA LEGGE REGIONALE 11 Agosto 2009, n. 21 (Misure straordinarie per il settore edilizio ed interventi per l'edilizia residenziale sociale)

MODIFICHE ALLA LEGGE REGIONALE 11 Agosto 2009, n. 21 (Misure straordinarie per il settore edilizio ed interventi per l'edilizia residenziale sociale) MODIFICHE ALLA LEGGE REGIONALE 11 Agosto 2009, n. 21 (Misure straordinarie per il settore edilizio ed interventi per l'edilizia residenziale sociale) CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Art. 1 (Oggetto e finalità)

Dettagli

PIANO DI RILANCIO DELL ATTIVITA EDILIZIA. Tabelle di raffronto

PIANO DI RILANCIO DELL ATTIVITA EDILIZIA. Tabelle di raffronto PIANO DI RILANCIO DELL ATTIVITA EDILIZIA Tabelle di raffronto Regione Abruzzo 20% max 200 mc E consentito un ampliamento di almeno 9 mq per gli edifici di modeste dimensioni 35% La ricostruzione può avvenire

Dettagli

TESTO A FRONTE TRA LA PL 75 E LE LEGGI REGIONALI NN. 21/2009, 38/1999, 36/1987 E 8/2012

TESTO A FRONTE TRA LA PL 75 E LE LEGGI REGIONALI NN. 21/2009, 38/1999, 36/1987 E 8/2012 NOTA BENE: IL TESTO della LEGGE POLVERINI MODIFICATA E QUELLO DELLA PL 75 INVIATO DALLA SEGRETERIA DELLA COMMISSIONE URBANISTICA DEL LAZIO IN OCCASIONE DELL AUDIZIONE DEL 7 NOVEMBRE 2013 Legge regionale

Dettagli

COMUNE DI CAPANNORI SERVIZIO GOVERNO DEL TERRITORIO

COMUNE DI CAPANNORI SERVIZIO GOVERNO DEL TERRITORIO COMUNE DI CAPANNORI SERVIZIO GOVERNO DEL TERRITORIO TABELLE PER APPLICAZIONE DEL CONTRIBUTO INERENTE GLI ONERI DI URBANIZZAZIONE E IL COSTO DI COSTRUZIONE (L.R. 1/0) Approvato con deliberazione di C.C.

Dettagli

Città di Pescara. Medaglia d oro al Merito Civile ALLEGATO A INDIRIZZI OPERATIVI LEGGE REGIONALE N. 16 DEL 19 AGOSTO 2009

Città di Pescara. Medaglia d oro al Merito Civile ALLEGATO A INDIRIZZI OPERATIVI LEGGE REGIONALE N. 16 DEL 19 AGOSTO 2009 Città di Pescara Medaglia d oro al Merito Civile ALLEGATO A INDIRIZZI OPERATIVI LEGGE REGIONALE N. 16 DEL 19 AGOSTO 2009 1 ALLEGATO A INDIRIZZI OPERATIVI - LEGGE REGIONALE N. 16 DEL 19 AGOSTO 2009 Art.

Dettagli

TABELLE ONERI E CONTRIBUTI. aggiornamento Maggio 2010

TABELLE ONERI E CONTRIBUTI. aggiornamento Maggio 2010 Legge Regionale 03 Gennaio 2005 n 1 - Norme per il governo del territorio art. 120 e seguenti TABELLE ONERI E CONTRIBUTI allegate alla deliberazione del C.C. n 25 del 31/03/2005 aggiornamento Maggio 2010

Dettagli

IL PIANO CASA E GLI INCREMENTI VOLUMETRICI DI UN EDIFICIO ESISTENTE:

IL PIANO CASA E GLI INCREMENTI VOLUMETRICI DI UN EDIFICIO ESISTENTE: IL PIANO CASA E GLI INCREMENTI VOLUMETRICI DI UN EDIFICIO ESISTENTE: NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE COMUNALI ED INTERVENTI AMMISSIBILI BARI 22 FEBBRAIO 2013 Arch. Giacomo Losapio Dirigente Ripartizione Tecnica

Dettagli

Sintesi ANIT 15 settembre 2009 PIANO CASA Dall accordo Stato-Regioni alla pubblicazione dei diversi recepimenti regionali del piano casa

Sintesi ANIT 15 settembre 2009 PIANO CASA Dall accordo Stato-Regioni alla pubblicazione dei diversi recepimenti regionali del piano casa Sintesi ANIT 15 settembre 2009 PIANO CASA Dall accordo alla pubblicazione dei diversi recepimenti regionali del piano casa Indice 1. Accordo 2. Elenco leggi regionali 3. Sintesi leggi regionali 1. Accordo

Dettagli

Articolo 1 (Obiettivi e finalità)

Articolo 1 (Obiettivi e finalità) Norme per l attuazione dell articolo 5 del D.L. 13 maggio 2011, n. 70 (Semestre europeo Prime disposizioni urgenti per l economia) convertito, con modificazioni, dalla legge 12 luglio 2011, n. 106 e modifica

Dettagli

L.R. 11 Agosto 2009, n. 21 Misure straordinarie per il settore edilizio ed interventi per l'edilizia residenziale sociale (1)

L.R. 11 Agosto 2009, n. 21 Misure straordinarie per il settore edilizio ed interventi per l'edilizia residenziale sociale (1) L.R. 11 Agosto 2009, n. 21 Misure straordinarie per il settore edilizio ed interventi per l'edilizia residenziale sociale (1) CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Art. 1 (Oggetto e finalità) 1. La presente legge,

Dettagli

PIANO CASA 2: REGIONI A CONFRONTO

PIANO CASA 2: REGIONI A CONFRONTO Abruzzo (almeno il 50%) 20% max 200 mc E consentito un ampliamento di almeno 9 mq per gli edifici di modeste dimensioni E obbligatorio il rispetto della normativa relativa alla stabilità degli edifici.

Dettagli

COMUNE DI MARCELLINA (Prov. di Roma)

COMUNE DI MARCELLINA (Prov. di Roma) COMUNE DI MARCELLINA (Prov. di Roma) Piazza C. Battisti, 14-00010 Marcellina Rm tel. 0774/427037 fax 0774/426075 Cod. Fisc. 86002050580 Partita IVA 02146041005 COSTO DI COSTRUZIONE ONERI CONCESSORI Diritti

Dettagli

NTA - STATO DI FATTO NTA - STATO DI PROGETTO

NTA - STATO DI FATTO NTA - STATO DI PROGETTO NTA - STATO DI FATTO NTA - STATO DI PROGETTO Art. 1.03 DEROGHE ALLE PRESENTI NORME Deroghe alle presenti norme sono ammissibili nei limiti e nella forma stabiliti dall art. 41 quater, L. 17/8/1942 n. 1150,

Dettagli

PIANO DI RILANCIO DELL ATTIVITA EDILIZIA. schede di sintesi dei testi normativi di:

PIANO DI RILANCIO DELL ATTIVITA EDILIZIA. schede di sintesi dei testi normativi di: PIANO DI RILANCIO DELL ATTIVITA EDILIZIA ultimo aggiornamento: 30 luglio 2009 schede di sintesi dei testi normativi di: pdl Abruzzo pdl BASILICATA pdl CAMPANIA L.R. EMILIA ROMAGNA pdl FRIULI VENEZIA GIULIA

Dettagli

oneri di urbanizzazione primaria (residenziale e servizi) 40,00 oneri di urbanizzazione secondaria (residenziale)

oneri di urbanizzazione primaria (residenziale e servizi) 40,00 oneri di urbanizzazione secondaria (residenziale) TABELLA A ONERI DI URBANIZZAZIONE PRIMARIA E SECONDARIA INCIDENZA ECONOMICA ONERI DI URBANIZZAZIONE PER INSEDIAMENTI RESIDENZIALI E PER SERVIZI (art. 38, commi 1 e 3, regolamento regionale 2/2015) IMPORTO

Dettagli

IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO

IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO IL RESPONSAILE DEL SERVIZIO Ai sensi degli articoli 184 e 185 della Legge Regionale N. 65/2014 che prescrive l aggiornamento dei contributi concessori sulla base delle variazioni determinate dall Istituto

Dettagli

AGGIORNAMENTO DEGLI ONERI DI URBANIZZAZIONE PRIMARIA, SECONDARIA E DI SMALTIMENTO DEI RIFIUTI. LA GIUNTA COMUNALE

AGGIORNAMENTO DEGLI ONERI DI URBANIZZAZIONE PRIMARIA, SECONDARIA E DI SMALTIMENTO DEI RIFIUTI. LA GIUNTA COMUNALE Delibera n. 17 del 4 febbraio 2009 OGGETTO: AGGIORNAMENTO DEGLI ONERI DI URBANIZZAZIONE PRIMARIA, SECONDARIA E DI SMALTIMENTO DEI RIFIUTI. LA GIUNTA COMUNALE Premesso e considerato che: i titoli abilitativi

Dettagli

COMUNE DI SURANO PROVINCIA DI LECCE

COMUNE DI SURANO PROVINCIA DI LECCE COMUNE DI SURANO PROVINCIA DI LECCE 2 Settore Area Tecnica REGOLAMENTO PER LA MONETIZZAZIONE DEI PARCHEGGI PRIVATI di PERTINENZA E DELLE AREE DA DESTINARE A STANDARDS Approvato con Deliberazione del Consiglio

Dettagli

RIQUALIFICAZIONE DELLE PERIFERIE. Bando Relitti Urbani

RIQUALIFICAZIONE DELLE PERIFERIE. Bando Relitti Urbani RIQUALIFICAZIONE DELLE PERIFERIE Bando Relitti Urbani Bando per la sostituzione di aree, edifici degradati o dismessi (Relitti Urbani) RIQUALIFICAZIONE DELLE PERIFERIE Il Campidoglio ha assunto numerosi

Dettagli

DEFINIZIONE DELL ILLECITO EDILIZIO

DEFINIZIONE DELL ILLECITO EDILIZIO ESEMPIO N. 1 - Opera realizzata in assenza o in difformità del titolo abilitativo edilizio e non conforme alle norme urbanistiche ed alle prescrizioni degli strumenti urbanistici (tipologia 1) Il sig.

Dettagli

1 Studio tecnico arch. Marielena Sgroi

1 Studio tecnico arch. Marielena Sgroi DOCUMENTO DI PIANO 1 P. d. C n 10 VIA ALLA PISCINA c a b 144 a b c 145 P. d. C n 10 VIA ALLA PISCINA Descrizione dell area L ambito interessa un comparto ubicato tra la piscina di interesse sovraccomunale

Dettagli

Comune di Brienza. Piano Casa L.R. n. 25/ Premesse - Agevolazioni - Divieti e limitazioni - Intervento dei Comuni - Titolo edilizio

Comune di Brienza. Piano Casa L.R. n. 25/ Premesse - Agevolazioni - Divieti e limitazioni - Intervento dei Comuni - Titolo edilizio Comune di Brienza Provincia di Potenza Ufficio Tecnico Piano Casa L.R. n. 25/2009 Giuseppe Michele Palladino FASI 1. Premesse la Regione Basilicata, con i suoi undici articoli della L.R. n. 25/2009, ha

Dettagli

ONERI CONCESSORI DA APPLICARE NELL ANNO DELIBERA DI C.C. N. 77 DEL 06/12/2012

ONERI CONCESSORI DA APPLICARE NELL ANNO DELIBERA DI C.C. N. 77 DEL 06/12/2012 ONERI CONCESSORI DA APPLICARE NELL ANNO 2012-12-11 DELIBERA DI C.C. N. 77 DEL 06/12/2012 QUADRO RIASSUNTIVO PER LA DETERMINAZIONE DEL CONTRIBUTO SUL COSTO DI COSTRUZIONE A) Edifici residenziali e scolastici

Dettagli

COMUNE DI SASSETTA Provincia di Livorno

COMUNE DI SASSETTA Provincia di Livorno AREA 1 - UFFICIO TECNICO TABELLE RELATIVE AL CALCOLO DEGLI ONERI DI URBANIZZAZIONE E DEL COSTO DI COSTRUZIONE (Titolo VII - Capo I - Legge regionale n.65/2014) Regolamentazione approvata con delibera Consiglio

Dettagli

COMUNE DI COLTURANO. Provincia di Milano. Allegato 1. DETERMINAZIONE DEGLI ONERI DI URBANIZZAZIONE Art. 44 comma 1 L.R. 11/03/2005 n.

COMUNE DI COLTURANO. Provincia di Milano. Allegato 1. DETERMINAZIONE DEGLI ONERI DI URBANIZZAZIONE Art. 44 comma 1 L.R. 11/03/2005 n. COMUNE DI COLTURANO Provincia di Milano Allegato 1 DETERMINAZIONE DEGLI ONERI DI URBANIZZAZIONE Art. 44 comma 1 L.R. 11/03/2005 n. 12 - Tabella degli oneri di urbanizzazione in vigore dal 15.05.2012 IL

Dettagli

LA PROPOSTA DI LEGGE REGIONALE N. 75 DEL 24 SETTEMBRE 2013

LA PROPOSTA DI LEGGE REGIONALE N. 75 DEL 24 SETTEMBRE 2013 LA PROPOSTA DI LEGGE REGIONALE N. 75 DEL 24 SETTEMBRE 2013 La Proposta di legge regionale n. 75 del 24 settembre 2013, cioè la versione del Piano casa : Zingaretti/Civita approvata con Delibera di Giunta

Dettagli

IL SECONDO PIANO CASA

IL SECONDO PIANO CASA COMUNE DI MARTELLAGO L.R. n. 14 del 08.07.2009 come integrata dalla L.R. n. 13 dell 8.7.2011 IL SECONDO PIANO CASA Seminario tecnico del 20.10.2011 Settore Assetto del Territorio Settore Edilizia Privata

Dettagli

[DISPOSIZIONI OPERATIVE E LIMITI APPLICATIVI DELLA LEGGE REGIONALE N

[DISPOSIZIONI OPERATIVE E LIMITI APPLICATIVI DELLA LEGGE REGIONALE N 2014 COMUNE DI CASAGIOVE AREA TECNICA URBANISTICA Pasquale Russo [DISPOSIZIONI OPERATIVE E LIMITI APPLICATIVI DELLA LEGGE REGIONALE N. 19 DEL 28/12/2009 E SUCCESSIVE MODIFICAZIONI ED INTEGRAZIONI PIANO

Dettagli

IL NUOVO PIANO CASA. LEGGE REGIONALE N. 13 del 08 luglio Treviso, 28 luglio 2011

IL NUOVO PIANO CASA. LEGGE REGIONALE N. 13 del 08 luglio Treviso, 28 luglio 2011 IL NUOVO PIANO CASA LEGGE REGIONALE N. 13 del 08 luglio 2011 Treviso, 28 luglio 2011 IL PIANO CASA La legge sul nuovo piano casa è una legge che non prevede nuovo consumo di territorio perché norma l edificato

Dettagli

DPR 380/01 E SUE SUCCESSIVE MODIFICHE ED NTEGRAZIONI

DPR 380/01 E SUE SUCCESSIVE MODIFICHE ED NTEGRAZIONI TESTO UNICO PER L EDILIZIA DPR 380/01 E SUE SUCCESSIVE MODIFICHE ED NTEGRAZIONI PARTE I Attività edilizia TITOLO I - Disposizioni generali Capo I - Attività edilizia Art. 1 (L) - Ambito di applicazione

Dettagli

Consiglio regionale della Toscana

Consiglio regionale della Toscana Consiglio regionale della Toscana LEGGE REGIONALE N. 8/2010 (Atti del Consiglio) Norme per il recupero abitativo dei sottotetti. *************** Approvata dal Consiglio regionale nella seduta del 27 gennaio

Dettagli

Nuovo Piano Casa Regione Lazio. Legge 11 agosto 2009 n. 21, come modificata dalle leggi 13 agosto 2011 nn. 10 e 12

Nuovo Piano Casa Regione Lazio. Legge 11 agosto 2009 n. 21, come modificata dalle leggi 13 agosto 2011 nn. 10 e 12 Nuovo Piano Casa Regione Lazio Legge 11 agosto 2009 n. 21, come modificata dalle leggi 13 agosto 2011 nn. 10 e 12 AMBITO DI APPLICAZIONE (Art. 2) La Legge si applica agli edifici: Legittimamente realizzati

Dettagli

OGGETTO: AGGIORNAMENTO DIRITTI DI SEGRETERIA RELATIVI ALL ATTIVITA DEL SERVIZIO U.E.A. LA GIUNTA COMUNALE

OGGETTO: AGGIORNAMENTO DIRITTI DI SEGRETERIA RELATIVI ALL ATTIVITA DEL SERVIZIO U.E.A. LA GIUNTA COMUNALE Comune di Fiorano Modenese Provincia di Modena 26/04/2012 N.46 OGGETTO: AGGIORNAMENTO DIRITTI DI SEGRETERIA RELATIVI ALL ATTIVITA DEL SERVIZIO U.E.A. LA GIUNTA COMUNALE - VISTA la Delibera di C.C. n. 41/1997

Dettagli

Comune di Diano Marina

Comune di Diano Marina Comune di Diano Marina Provincia di Imperia Riviera dei Fiori Settore 7 Edilizia Privata - Urbanistica VARIANTE ART. 7 LEGGE REGIONALE N. 24/2001 COME MODIFICATA CON LEGGE REGIONALE N. 30/2014 RELAZIONE

Dettagli

RIDOTTI DEL 20% (Da applicare nella zona A) 2 Oneri Urbanizzazione Primaria. 4 Totale 34,55. 3 Oneri Urbanizzazione Secondaria.

RIDOTTI DEL 20% (Da applicare nella zona A) 2 Oneri Urbanizzazione Primaria. 4 Totale 34,55. 3 Oneri Urbanizzazione Secondaria. Tabella C/A - ONERI DI URBANIZZAZIONE - RESIDENZIALE (per ogni metro cubo di volume) COSTI MEDI COMUNALI PER URBANIZZAZIONE PRIMARIA E SECONDARIA AGGIORNATI LUGLIO 00 RIDOTTI DEL 0% (Da applicare nella

Dettagli

IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE. Promulga TITOLO I INTERVENTI STRAORDINARI SUL PATRIMONIO EDILIZIO ESISTENTE

IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE. Promulga TITOLO I INTERVENTI STRAORDINARI SUL PATRIMONIO EDILIZIO ESISTENTE IL CONSIGLIO REGIONALE ha approvato; la seguente legge: IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE Promulga Art. 1 Finalità 1. La Regione Abruzzo promuove misure per il rilancio dell economia e per il sostegno

Dettagli

Allegato A) alla Deliberazione del Consiglio Comunale n._20 del _ _ PIANO CASA

Allegato A) alla Deliberazione del Consiglio Comunale n._20 del _ _ PIANO CASA Allegato A) alla Deliberazione del Consiglio Comunale n._20 del _29.07.2010_ PIANO CASA MODALITÀ OPERATIVE PER L ATTUAZIONE DELLA L.R. 19 AGOSTO 2009,N. 16. 1. Ambito di applicazione Gli interventi di

Dettagli

COMUNE DI PELAGO. (Provincia di Firenze) Oneri di Urbanizzazione e oneri verdi

COMUNE DI PELAGO. (Provincia di Firenze) Oneri di Urbanizzazione e oneri verdi COMUNE DI PELAGO (Provincia di Firenze) Oneri di Urbanizzazione e oneri verdi 11 Aggiornamento ISTAT (0,0%) dopo l'entrata in vigore della L.R. 1/05 ai sensi dell'art. 250 della L.R. 65/14 ANNO 2016 Servizio

Dettagli

Tabella riepilogativa oneri di urbanizzazione anno 2017

Tabella riepilogativa oneri di urbanizzazione anno 2017 Tabella riepilogativa oneri di urbanizzazione anno Residenza Industria artigianato agricolo non residenziale Industria artigianato categorie speciali 3 Commercio turismo direzionale servizi /mc /mq /mq

Dettagli

COMUNE DI QUINTO DI TREVISO

COMUNE DI QUINTO DI TREVISO . MODALITA PER L APPLICAZIONE DELLA LEGGE REGIONALE 8 LUGLIO 2009, N. 14 (BUR n. 56/2009)INTERVENTO REGIONALE A SOSTEGNO DEL SETTORE EDILIZIO E PER FAVORIRE L UTILIZZO DELL EDILIZIA SOSTENIBILE E MODIFICHE

Dettagli

CONDONO EDILIZIO: LEGGI REGIONALI

CONDONO EDILIZIO: LEGGI REGIONALI CONDONO EDILIZIO: LEGGI REGIONALI Opere sanabili Emilia Romagna Per ampliamenti e sopraelevazioni (conformi alla normativa urbanistica ma che contrastino con le prescrizioni degli strumenti urbanistici)

Dettagli

IL CONSIGLIO COMUNALE

IL CONSIGLIO COMUNALE OGGETTO: DETERMINAZIONE AI SENSI DELLA LEGGE REGIONALE 16/07/2009 N. 13 - "AZIONI STRAORDINARIE PER LO SVILUPPO E LA RIQUALIFICAZIONE DEL PATRIMONIO EDILIZIO ED URBANISTICO DELLA LOMBARDIA". IL CONSIGLIO

Dettagli

Piano casa: cosa è possibile fare

Piano casa: cosa è possibile fare Piano casa: cosa è possibile fare Recupero edilizio e funzionale degli edifici esistenti Ampliamento della volumetria o sostituzione degli edifici esistenti Lo scorso 15 ottobre il Consiglio Comunale di

Dettagli

Pescara, 19 marzo Regione Abruzzo

Pescara, 19 marzo Regione Abruzzo Pescara, 19 marzo 2014 Regione Abruzzo Direzione Affari della Presidenza, Politiche Legislative e Comunitarie, Programmazione, Parchi, Territorio, Ambiente, Energia Servizio Politica Energetica, Qualità

Dettagli

PIANO CASA 2: la mappa degli interventi

PIANO CASA 2: la mappa degli interventi Abruzzo (almeno il 50%) 20% max 200 mc E consentito un ampliamento di almeno 9 mq per gli edifici di modeste dimensioni E obbligatorio il rispetto della normativa relativa alla stabilità degli edifici.

Dettagli

L.R. LAZIO 11 Agosto 2009, n. 21 Misure straordinarie per il settore edilizio ed interventi per l'edilizia residenziale sociale

L.R. LAZIO 11 Agosto 2009, n. 21 Misure straordinarie per il settore edilizio ed interventi per l'edilizia residenziale sociale L.R. LAZIO 11 Agosto 2009, n. 21 Misure straordinarie per il settore edilizio ed interventi per l'edilizia residenziale sociale (BURL del 21 agosto 2009, n. 31, s.o. n. 142) AGGIORNAMENTO NOV. 2014 CAPO

Dettagli

PROGETTO DI LEGGE N di iniziativa dei Consiglieri regionali: Fermi, Dotti, D.Maroni. Recupero dei piani seminterrati esistenti.

PROGETTO DI LEGGE N di iniziativa dei Consiglieri regionali: Fermi, Dotti, D.Maroni. Recupero dei piani seminterrati esistenti. REGIONE LOMBARDIA X LEGISLATURA CONSIGLIO REGIONALE ATTI 9323 PROGETTO DI LEGGE N. 0258 di iniziativa dei Consiglieri regionali: Fermi, Dotti, D.Maroni Recupero dei piani seminterrati esistenti. PRESENTATO

Dettagli

SANATORIA DEGLI ILLECITI EDILIZI LEGGE DELLA REGIONE LOMBARDIA

SANATORIA DEGLI ILLECITI EDILIZI LEGGE DELLA REGIONE LOMBARDIA SANATORIA DEGLI ILLECITI EDILIZI LEGGE DELLA REGIONE LOMBARDIA CASI DI ESCLUSIONE DALLA SANATORIA: 1) Opere abusive relative a nuove costruzioni, residenziali e non, realizzate in assenza del titolo abilitativo

Dettagli

DATO ATTO che le tabelle di cui sopra sono determinate applicando la variazione ISTAT degli indici dei prezzi al consumo Dicembre 2004/2007 ;

DATO ATTO che le tabelle di cui sopra sono determinate applicando la variazione ISTAT degli indici dei prezzi al consumo Dicembre 2004/2007 ; RICHIAMATA la Deliberazione di G.C. n 19/07.03.2008 con la quale venivano approvate le TABELLE DEI DIRITTI DI SEGRETERIA da versare a favore del Comune per atti di natura edilizia ed urbanistica, disponendo

Dettagli

Relazione Tecnica di valutazione

Relazione Tecnica di valutazione Comune di CASALEONE Ufficio Tecnico Comunale Relazione Tecnica di valutazione L.R. 8 luglio 2009 n. 14, articolo 9, comma 5. (modificata dalla L.R. 8 luglio 2011 n.13) Intervento regionale a sostegno del

Dettagli

ESTRATTI CARTOGRAFICI E ESTRATTO NORME TECNICHE E TABELLE TECNICHE PARAMETRICHE TAVOLA 02

ESTRATTI CARTOGRAFICI E ESTRATTO NORME TECNICHE E TABELLE TECNICHE PARAMETRICHE TAVOLA 02 Progettista via dell'autostrada n. 9 51019 Ponte Buggianese (PT) COMUNE DI ALTOPASCIO Provincia di Lucca VARIANTE PUNTUALE AL REGOLAMENTO URBANISTICO ai sensi dell'art.8 del DPR n.160/2010 e dell'art.

Dettagli

PIANO CASA 2: la mappa degli interventi

PIANO CASA 2: la mappa degli interventi Abruzzo (almeno il 50%) 20% max 200 mc E consentito un ampliamento di almeno 9 mq per gli edifici di modeste dimensioni E obbligatorio il rispetto della normativa relativa alla stabilità degli edifici.

Dettagli

Norme in materia di sanatoria edilizia straordinaria.

Norme in materia di sanatoria edilizia straordinaria. Norme in materia di sanatoria edilizia straordinaria. Legge regionale 20 ottobre 2004, n. 53 Pubblicata sul Bollettino ufficiale della Regione Toscana n. 40 del 27 ottobre 2004 Approvata dal Consiglio

Dettagli

Piano Attuativo di Iniziativa Privata

Piano Attuativo di Iniziativa Privata Comune di Pisa Piano Attuativo di Iniziativa Privata Variante al Regolamento Urbanistico- Scheda Norma n. 06.1 Cisanello - area filtro verde - area agricola S. Michele - comparto 3 N o r m e T e c n i

Dettagli

Legge provinciale per il governo del territorio 2015 novellata. Regolamento urbanistico- edilizio provinciale II PARTE

Legge provinciale per il governo del territorio 2015 novellata. Regolamento urbanistico- edilizio provinciale II PARTE Legge provinciale per il governo del territorio 2015 novellata Regolamento urbanistico- edilizio provinciale II PARTE dott.ssa Lucia Frenguelli dott. Corrado Braito Trento, 27 giugno 2017 4 luglio 2017

Dettagli

Legge provinciale per il governo del territorio 2015 novellata. Regolamento urbanistico edilizio provinciale II PARTE

Legge provinciale per il governo del territorio 2015 novellata. Regolamento urbanistico edilizio provinciale II PARTE Legge provinciale per il governo del territorio 2015 novellata Regolamento urbanistico edilizio provinciale II PARTE dott.ssa Lucia Frenguelli dott. Corrado Braito Trento, 6 ottobre 2017 1 FOCUS STANDARD

Dettagli

COMUNE DI MAGIONE. PROVINCIA DI PERUGIA AREA URBANISTICA ed ASSETTO DEL TERRITORIO

COMUNE DI MAGIONE. PROVINCIA DI PERUGIA AREA URBANISTICA ed ASSETTO DEL TERRITORIO COMUNE DI MAGIONE PROVINCIA DI PERUGIA AREA URBANISTICA ed ASSETTO DEL TERRITORIO REGOLAMENTO PER IL PAGAMENTO DEI DIRITTI DI SEGRETERIA DI SPETTANZA TOTALE DELL'ENTE (Aggiornato con delibera C.C. n 16

Dettagli

NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE

NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE SETTORE TERRITORIO Servizio Urbanistica VARIANTE AL PRG VIGENTE RELATIVA ALLA DISCIPLINA URBANISTICA DEGLI ALBERGHI AI SENSI DELLA L.R. 07 FEBBRAIO 2008 N. 1 NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE Sanremo, 21/04/2011

Dettagli

TAVOLA DI CORRISPONDENZA DEI RIFERIMENTI NORMATIVI DEL TESTO UNICO DELLE DISPOSIZIONI LEGISLATIVE E REGOLAMENTARI IN MATERIA DI EDILIZIA

TAVOLA DI CORRISPONDENZA DEI RIFERIMENTI NORMATIVI DEL TESTO UNICO DELLE DISPOSIZIONI LEGISLATIVE E REGOLAMENTARI IN MATERIA DI EDILIZIA D.P.R. 6 giugno 2001, n. 380 Testo unico delle disposizioni legislative e regolamentari in materia edilizia ALLEGATO (G.U. n. 245 del 20 ottobre 2001, s.o. n. 239) (ripubblicazione sul S.o. n. 246 alla

Dettagli

P ROPOSTA DI LEGGE di iniziativa dei Consiglieri MODENA, SEBASTIAA?I E LAFFRANCO

P ROPOSTA DI LEGGE di iniziativa dei Consiglieri MODENA, SEBASTIAA?I E LAFFRANCO R.EGIONE A tti Consiliari VII LEGISLATURA ATTO N. 1206 P ROPOSTA DI LEGGE di iniziativa dei Consiglieri MODENA, SEBASTIAA?I E LAFFRANCO Norme per il recupero ajini abitativi e turistico-ricettivi dei sottotdti

Dettagli

Titoli Abilitativi Vincoli di applicabilità per gli interventi edilizi

Titoli Abilitativi Vincoli di applicabilità per gli interventi edilizi IL PIANO CASA La Legge Regionale n. 6 del 23 marzo 2010, Norme per il sostegno dell attività edilizia e la riqualificazione del patrimonio edilizio è stata pubblicata sul Bollettino Ufficiale n. 14 del

Dettagli

IL NUOVO CONDONO EDILIZIO: NORMATIVA STATALE E NORMATIVA REGIONALE A CONFRONTO

IL NUOVO CONDONO EDILIZIO: NORMATIVA STATALE E NORMATIVA REGIONALE A CONFRONTO IL NUOVO CONDONO EDILIZIO: NORMATIVA STATALE E NORMATIVA REGIONALE A CONFRONTO ENTRATA IN VIGORE DELL ART. 32 DEL D.L 269/03 CONVERTITO IN LEGGE 326/03: GAZZETTA UFFICIALE 25.11.2003 Recante: misure per

Dettagli

PIANO CASA 2: la mappa degli interventi

PIANO CASA 2: la mappa degli interventi Abruzzo (almeno il 50%) 20% max 200 mc E consentito un ampliamento di almeno 9 mq per gli edifici di modeste dimensioni E obbligatorio il rispetto della normativa relativa alla stabilità degli edifici.

Dettagli

FAQ PIANO CASA 1. Quali sono gli interventi promossi dalla Regione Veneto con il Piano casa. per il sostegno del settore edilizio?

FAQ PIANO CASA 1. Quali sono gli interventi promossi dalla Regione Veneto con il Piano casa. per il sostegno del settore edilizio? FAQ PIANO CASA 1. Quali sono gli interventi promossi dalla Regione Veneto con il Piano casa. per il sostegno del settore edilizio? Il Piano casa ammette i seguenti interventi di ampliamento: - Ampliamento

Dettagli

Norme Tecniche Operative Variante adeguata alla D.C.C. n. 12 del 02/05/2013

Norme Tecniche Operative Variante adeguata alla D.C.C. n. 12 del 02/05/2013 Norme Tecniche Operative Variante adeguata alla D.C.C. n. 12 del 02/05/2013 1 Maggio 2013 I N D I C E (in rosso gli articoli e gli allegati variati o aggiunti) ART. 1 - DEFINIZIONE ED AMBITO DI APPLICAZIONE

Dettagli

PGT del Comune di Verrua Po AMBITI DEL TESSUTO URBANO CONSOLIDATO RESIDENZIALE E PARTE I. RIEPILOGO SCHEDE DEL TESSUTO URBANO CONSOLIDATO:...

PGT del Comune di Verrua Po AMBITI DEL TESSUTO URBANO CONSOLIDATO RESIDENZIALE E PARTE I. RIEPILOGO SCHEDE DEL TESSUTO URBANO CONSOLIDATO:... 1 SCHEDA AU_03_18175.pdf COMUNE DI VERRUA PO PROVINCIA DI PAVIA PGT TESSUTO URBANO CONSOLIDATO AMBITI DEL TESSUTO URBANO CONSOLIDATO RESIDENZIALE INDICE PARTE I. RIEPILOGO SCHEDE DEL TESSUTO URBANO CONSOLIDATO:...

Dettagli