[ 1 ] LAUREA H.C. AD ALBERTO ONGARO. PERORATIO. Sassari, 23 ottobre 2014

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "[ 1 ] LAUREA H.C. AD ALBERTO ONGARO. PERORATIO. Sassari, 23 ottobre 2014"

Transcript

1 [ 1 ] LAUREA H.C. AD ALBERTO ONGARO. PERORATIO. Sassari, 23 ottobre 2014 Magnifico Rettore, Senato Accademico, Colleghi, Studenti, Illustri Ospiti, qualche giorno fa Salman Rushdie scriveva: «Ho sempre pensato che il lettore completi il libro, che dall intimità fra estranei creata dall atto di leggere emerga il libro per come è per il lettore». Perché la scrittura letteraria è comunicazione e, insieme, evocazione di una realtà ulteriore in cui la vicenda umana ha le sue arcane corrispondenze, la sua meno effimera significanza; e dallo stillicidio dei giorni senza nome, dal soffocamento nella meschinità del quotidiano, scaturisce la pulsione ad entrare in tangenza con la realtà irrivelata delle cose attraverso i segni criptici della sua presenza. I romanzi di Ongaro sono fatti della materia stessa dei sogni, è stato scritto incisivamente; e, come tutti gli scrittori vitalisti, come tutti i maestri dell avventura, sa che il segreto del mondo ha una luce di tenebra e che la scrittura che incanta e che diverte, come Sheherazade, in realtà racconta per non morire: di qui l architettura complessa e raffinatissima dei suoi romanzi, alonati di un mistero metafisico che promana da una materia apparentemente minore ; di qui il gioco metaromanzesco che connota tutta la sua produzione e che fa di essa un esempio canonico di letteratura riflessa, in grado di intraprendere un colloquio virtuoso con il lettore e di condurlo, percorrendo le vie in apparenza lowbrow dell avventura (genere che ha genialmente rigenerato e ricreato, padroneggiando come nessun altro in Italia l arte di creare intrecci appassionanti), verso approdi rivelanti. I suo lontano esordio come narratore era stato quanto mai convenzionale (e non a caso è l unico libro non più ristampato, dopo l esplodere del caso-ongaro, che anni fa lo ha proiettato ai vertici dell attenzione critica e del gradimento dei lettori. Raccontato in terza persona, con focalizzazione interna fissa sul personaggio epicentrico di Mario, Il complice (1965) studia in flussi lenti di analisi introspettiva, talvolta didascalica, la fase cruciale di una crisi di radicamento, il rifiuto disgustato della vischiosità piccolo-borghese per l'instaurarsi di un fragile contatto con il mondo fascinoso del Lido veneziano attraverso il nascere di un flirt casuale con Gloria, «fenomeno miracoloso nella sua vita così vuota di prodigi». Quello di Mario è un esistere tutto ripiegato in un microcosmo nevrotico, continuamente condizionato nei suoi conati volitivi e nelle susseguenti contrazioni regressive dal peso marchiante dell'estrazione sociale («la sua origine era stata riconosciuta e quindi gli si contestava la cittadinanza in quel gruppo»), che si traduce nel profilo macerato di una psicologia ciclotimica, nel vivere prigioniero di una scissione irrisolta. È un'antitesi lancinante tra realtà e sogno, tra ceto di pro-

2 [ 2 ] venienza ed assaporato approdo sociale, polarizzata simbolicamente in due corpi di donna: quello gravido di Luisa, la ragazza della sua stessa classe, colta per frastagliature sommarie nell'indifesa fragilità del suo essere rassegnatamente «uguale a se stessa», ed ora piagata dall'angoscia della sua condizione; e quello aristocraico di Gloria, che si rinchiude con indifferenza dopo il contatto, frustrando con «l'imperturbabilità morale» della sua classe le speranze di radicamento di Mario. Ongaro si accorge subito che l impianto narrativo del suo esordio era epigonico, attardato: «mi sono accorto che il realismo non faceva per me, che preferivo l immaginazione, la fantasia, una tradizione diversa da quella italiana. [ ] dopo questo libro per un po non ho scritto niente, perché facevo l inviato e non avevo tempo. Però dentro di me avevo deciso che volevo scrivere cose che non avevano a che fare con la realtà. [ ] Indubbiamente c è stata una contaminazione con la cultura argentina che ha influenzato probabilmente il mio modo di scrivere. Da lì ho mutuato quella contaminazione col magico, col sognato che è poi presente in molti miei libri». A partire già dal successivo, aperto con una citazione da Melville, «Io amo tutti gli uomini che si immergono», la quale funge da chiave interpretativa di Un romanzo d'avventura (1970), il momento per molti aspetti più autobiografico della narrativa di Ongaro, per il suo intrepido ascendere alle tonalità effuse dell'elegia e della rivolta. La notizia del suicidio di Paco innesca in Hugo Pratt (personaggio reale e, al tempo stesso, in distorsione dal reale) un bisogno tensivo di ripercorrere il loro lungo simbiotico rapporto d'amicizia e di lavoro, in una sorta di interiore veglia funebre che interseca la riesumazione del passato e la fisicità percettiva del presente, lo svariare associativo del monologo ed il turgore mistilingue del repêchage memoriale, l'indurimento denotativo del flusso periodale ed il suo flettersi in struggenti catene polisindetiche. Si ricompone il mosaico di due vite dall'emersione per linee frammentate di tasselli fasciati d'ombra, in un intreccio di raccordi e chiaroscuri intuitivi che hanno la febbrilità allucinata dell'auscultazione notturna: le agnizioni esistenziali scaturiscono dalla rete dei ricordi e dal variegato campionario di un'umanità cosmopolita con la casuale imprevedibilità della vita, che conosce se stessa soltanto quando è bloccata nel tempo immobile della memoria. Mai pervenuti all'acquiescenza della maturità, Paco ed Hugo hanno coltivato la vita come invenzione, in opposizione all'anonimato di massa, preservando il respiro dell'avventura in un mondo che l'ha cancellato. Le comic strip che per tanti anni hanno inventato assieme rivelano ora l'angoscia di una sconfitta, «l'inutilità della loro rivolta solitaria», che osmoticamente trapassa dal personaggio al creatore superstite con la carica dirompente di una rivelazione ultima. Contro il fagocitamento ammorbante «in quella specie di palude che veniva chiamata realtà», Pratt sceglie un codice he-

3 [ 3 ] mingwayano di morte, scandito da un movimento progrediente di identificazioni simboliche con il destino di Paco, «nell'immenso spazio nascosto dietro lo stretto riquadro di ogni vignetta». Sviluppando la compenetrazione tra piani narrazionali e dimensione metanarrativa, Ongaro giunge con perfetta coerenza di sviluppo al romanzo come metaromanzo di La Taverna del Doge Loredan (1980), interrogazione dall'interno sulla entità stessa del genere narrativo, creazione di un universo onnivoro (che risucchia in una struttura centripeta «tutto ciò che accade nella sua area, il lettore che lo legge, i suoi pensieri, i suoi ricordi, la sua storia») ed al tempo stesso autofagico, poiché svela con calcolata progressione l'envers du décor di se stesso, sino allo straniamento ed alla distruzione della finzione romanzesca. Il casuale e canonico ritrovamento in cima ad un armadio polveroso di un libro «molto antico, remoto, appena salito da qualche abissale libreria», ed intervallato da spazi bianchi senza soluzione della continuità narrativa, suscita nell'editore veneziano Schultz un interesse dapprima professionale, che diviene poi fascinazione coinvolgente quando, ad onta della distanza bisecolare, scopre nella passione erotica di Jacob Flint per Nina «un miracolo di carne» posseduta e fuggente, che dà vita ad una spirale di avventure fra picaresche e libertine, dominate dal ritmo trascinante e vitale dell'affabulazione settecentesca un fatale incrocio di destini e di funzioni narrative, un succedersi di stregate e geometriche specularità con la propria esistenza, «congelata» dalla scomparsa di una misteriosa presenza femminile senza nome, trascorsa con l'intensità irripetibile del miracolo. Si crea allora un movimento parallelo di due piani cronarrativi, scandito dal tempo di lettura di Schultz (una notte): all'io narrante di Jacob Flint si alterna marcata dalla diversa marginazione tipografica e dall'uso oggettivante della terza persona il racconto di un viaggio testuale, non più semplice metafora come in Fielding ma reinventato, con ironia e fantasia, sulla scorta delle suggestioni borgesiane e del dibattito teorico degli anni Settanta sullo strutturalismo e sulla semiologia. L'innesto pausante di Schultz sul piano primario del racconto è dapprima dettato da interruzioni di lettura che sono causate da motivi esterni e contingenti; poi, con percorso mimetico del gioco captante del testo, esse scaturiscono da sospensioni di ordine interiore, man mano che Schultz s'infiltra nei risvolti intuitivi della narrazione, per completarla o prefigurarne ipotetici sviluppi, ma soprattutto quando si proietta meditativamente in essa, per l'imporsi delle misteriose congruenze con le proprie vicende, dando vita ad una ricostruzione per emersioni successive, frantumate del proprio passato, in un gioco di rifrazioni speculari che è complicato dall'inserzione di un double, l'interlocutore interno

4 [ 4 ] che ha la funzione di «evitare la monotonia del monologo interiore» e, anche, la censura delle difese rimozionali. È come se gli spazi bianchi che cesurano il libro ritrovato fossero stati concepiti dall'anonimo autore in funzione di una strategia alla Poe, volta a promuovere la suspence ed il potere d'irradiazione del testo, nel senso che Schultz, da lettore, è spinto a immettervi il suo racconto, a penetrare conoscitivamente nel passato attraverso l'ottica interpretativa suscitata dal romanzo settecentesco («Che io abbia vissuto da sempre dentro un libro? Che io sia una serie di segni?»), metamorfizzandosi «da persona a personaggio e coautore» di un volume da stampare «così come è andato componendosi lungo la lettura o forse come è stato fin dall'inizio concepito». Fasciata da un'alonatura metafisica che promana da inserti stravolgenti di metaforicità surreale nella tessitura del verosimile, la bipolarità del ritmo di scrittura (ora tutta affabulata, ora frenata nel monologo interiore), del punto di vista a focalizzazione interna fissa, della voce narrante, dei piani di scorrimento del narrato, confluisce e si salda nell'unità progressivamente accorpante e straniante del gioco metaromanzesco, che svela se stesso dall'interno: «il vuoto che si apre dietro l'ultima pagina» del racconto di Flint viene occupato dalla prosecuzione di esso nella mente di Schultz, «lettore-personaggio» ora divenuto intradiegetico ed inglobato nella finzione narrativa («farò, annuncia, un viaggio dentro il libro»), sfociante nel consumarsi di un annientamento che è nell'ordine non soltanto delle parole ma della verità esistenziale. La predizione sinistra di un agguato celato fra le ombre del futuro apre Il segreto di Caspar Jacobi (1983), con cui Ongaro imprime uno scarto profondo alla sua consueta topografia narrativa ambientandolo nella New York del presente, dove si trasferisce da Venezia un giovane scrittore di romanzi d'intreccio, Cipriano Parodi, ingaggiato come ghost writer nella bottega narrativa del più prolifico scrittore americano di bestseller. Malgrado il contratto preveda la possibilità di scrivere in proprio, il sodalizio si rivela ben presto un'impaniante metodologia di vampirismo creativo da parte di Caspar, che s'impossessa degli elementi narrativamente vitali elaborati da Cipriano, s'infiltra con penetrazione parapsicologica nei suoi disegni segreti per fagocitarlo isterilito e neutralizzato nella sua potenzialità di rivale sotto il proprio totale dominio, secondo un tracciato altre volte percorso in passato, con lucido delirio cesareo. La narrazione assume così la tipica struttura ongariana a due piani intersecantisi tra loro: la rispondenza scacchistica delle mosse e delle contromosse nella partita che si è instaurata fra i duellanti; e il piacere quasi sensuale della combinazione geometrica degli incastri e della costruzione progrediente dell'intreccio per il nuovo libro di Cipriano, nel quale egli condensa le proprie superstiti capacità di resistenza alla morsura che lo asse-

5 [ 5 ] dia. In un alternarsi nervoso di registri stilistici e linguistici, che aprono trasalimenti metafisici e faglie conoscitive nell'incalzare veloce della scrittura, si accampa progressivamente in funzione centripeta la linea metanarrativa, con la conversione continua del reale in materiale romanzesco, con la trasposizione chiastica delle figure umane in personaggi dei rispettivi work in progress (prima Cipriano per Caspar, poi Caspar per Cipriano), con la suscitazione insistita dei riflessi speculari ed il ribaltamento ad effetto delle situazioni e dei sentimenti. Indagata con pressante tecnica poliziesca, la verità del contingente sfugge, si ottunde nella prismaticità degli indizi e delle ipotesi, così come l'incrociarsi di tempi diversi provocano l'insorgere in Cipriano di una crisi spaurente d'identità e di prefigurazione («Il suo passato sono io e lui è il mio futuro? Siamo la stessa persona?»); ma neppure la magia della finzione romanzesca può giungere ad accorpare in un disegno organico gli elementi sconnessi di una realtà inafferrabile, a rimuovere nel tratteggio di «geometrie coinvolgenti» la coscienza dello scacco metafisico e gnoseologico. La novità palmare di La partita (1986) è proprio la rinunzia alla prosecuzione del gioco rifrangente della dimensione metanarrativa: il ripercorrimento mimetico del romanzo anglosassone d'avventura si compie, al contrario di quanto accadeva in La Taverna del Doge Loredan, nell'ambito di una struttura lineare sino alla semplificazione, ma sempre racchiusa in un circuito metafisico che proietta in un'orbita autre il delizioso manierismo settecentesco dell'affoltarsi di materiali e moduli topici di quella narrativa (intrighi, fughe a precipizio, duelli, taverne, fiere, mercanti, cameriere compiacenti, libertini incontri di corpi) e il divertissement di una scrittura fluida e vetrina, tutta tradotta in linea affabulante. Il «lucore di specchio» della laguna veneziana coperta di ghiaccio, il gabbiano che con «un urlo di strega» precipita per fame sulla tolda della nave, mentre «sparuti» altri vi si aggirano sopra febbrilmente, «rosi da un oscuro contagio», inducono una sensazione miasmatica di maleficio in Francesco Sacredo che torna da un lungo esilio a Corfù, subito confermata dalla notizia che il padre ha perso quasi tutti i loro averi in una partita perdurante da più mesi con la contessa von Wallenstein, la quale, colta da eccitazione sensuale alla vista del giovane, non esita a proporgli di giocare tutto quello che ha vinto sino ad ora contro la piena libertà di disporre eroticamente di lui. Sacredo perde, ma rifiuta di asservirsi ai patti e dà inizio ad una fuga senza fine, in un risucchio di sequenze picaresche, di colpi di scena, di paesaggi e figure trascorrenti, che sembra guidato dalla fantasia sfrenata del romanzesco ed è retto, invece, dal fronteggiarsi studiato di due logiche quelle di Sacredo e dei suoi due persecutori, inviati dalla terribile contessa che dilatano la durata della partita, possedute da una pulsione al gioco che le incardina in un destino specula-

6 [ 6 ] re, vietando l'estinzione del duello, la pacificazione dell'esito conclusivo («se fossi sparito senza lasciar tracce [...] mi sarei sentito svuotato ed esposto», impoverito). La previsione e l'elusione delle mosse contrapposte sulla scacchiera, la «freddezza attenta» e consequenziaria delle scelte comportamentali veicolano, per un processo interno di lievitazione e di rifrazione, cariche intense di simbolicità metafisica, inarcata sino al dubbio ontologico sulla consistenza del reale e dei suoi segni: la fuga di Sacredo è una condanna, ma anche un modo di defilarsi dall'insignificanza, di esorcizzare l'orrore annichilente della morte, della prigionia vitale e della paura, trasformandolo alchemicamente in impulso resistenziale ad esistere. Dopo quest esito il più conosciuto anche perché oggetto di una fortunata versione cinematografica con Faye Dunaway la narrativa di Ongaro ha continuato di volta in volta a giocare con il mistero che si cela dietro fatti ed eventi della vita quotidiana: la scommessa, l azzardo da parte dei personaggi epicentrici, quasi sempre io narranti, sarà quello di ricostruire una storia nascosta dietro una foto (è il caso di L ombra abitata, del 1988: l immagine di Rose risuscita la nostalgia di un incontro e di un segreto, di una fuga inspiegabile, di un enigma da reinterrogare attraverso il ricordo di un amore e di un dolore). L indagine parte sempre da dati scoraggianti nella loro frammentarietà ed insignificanza, che sembrerebbe impossibile collegare razionalmente in un sistema, colmandone i vuoti e gli spazi insondati, sconfiggendo il sipario d ombra che fascia le immote figure del tempo. In questo gioco «ogni mossa doveva produrre un passo avanti, se non altro perché ogni mossa sbagliata, ogni fallimento finivano per mettere in dubbio la stessa opportunità di giocare»; e più spesso la partita col mistero, la ricostruzione dell enigma divengono un modo per giungere alla consapevolezza di una colpa commessa, che attende il personaggio in fondo alla coscienza e che con ferrea geometria della casualità scatta contro di lui conducendolo ad una morta espiativa (Interno argentino, 1991: Nico ritorna a Buenos Aires, dove ha amato Sidney; ed i personaggi raccontano ciò che è stato, o sarebbe potuto essere, in un gioco di specchi che compone un quadro reale e immaginario, fra flash-back e flash-forward). Invece in Passaggio segreto (1993) la narrazione percorre sette storie, apparentemente slegate, che attraverso due personaggi minori congiungono i destini di quelli maggiori con un filo invisibile, evocando piuttosto che narrando, per mostrarli intrappolati nelle propri labirintiche congetture, vittime di un architettura esistenziale che li soffoca: un umanità marchiata dall «indelebile imprnta della vita», che si estenua nel vano tentativo di dare una svolta ad una realtà «dove tutto era già accaduto o doveva accadere». Sempre muovendosi con coerenza lungo la linea vettoriale del pervenire alla verità partendo da segni indistinti, Ongaro è tornato a riproiettare la sua lente

7 [ 7 ] narrativa sul mondo perverso del gioco d azzardo in Hollywood boulevard (1997), in cui il gioco metanarrativo è applicato a un copione cinematografico, che giunge per posta su un floppy-disk ad un giovane biografo veneziano trapiantato ad Hollywood, Francesco Varvara, da parte di un geniale regista, Stanley Kozinsky, morto improvvisamente dopo averlo spedito. Francesco si rende conto ben presto che il copione cela una verità segreta e che dietro quelle figure abbozzate continua a muoversi un mondo terribilmente reale, sullo sfondo tentacolare della capitale del cinema: tocca a lui, quasi per lascito testamentario, disegnare per intero il destino di quelle figure, scoprire la loro entità celata, in una sorta di gioco adrenalinico su una scacchiera nascosta. Contemperando lo scatto intuitivo e il rigore logico della ricostruzione, egli comprende che Stanley stava indagando su una catena di inspiegabili delitti, tutti avvenuti in diretta sotto l occhio implacabile delle telecamere; e sviluppando con acribia d indagine gli indizi disseminati sul copione (lui stesso ha un ruolo, il ruolo che sta interpretando, nella trama predisposta demoniacamente dal regista), Francesco perviene ad una verità sconvolgente: dietro gli omicidi in diretta, intervallati nel tempo, c è una organizzazione che ha instaurato un criminale gioco d azzardo tra gli aderenti ad un club esclusivo e perverso di soci sparsi per tutta l America, i quali scommettono ingenti somme di denaro sulla modalità d esecuzione del delitto (di cui sono preavvertiti) e sulla sua riuscita e sulla capacità del killer di sfuggire alla cattura, potendo essi vivere in diretta il brivido dell evento e l esito della loro puntata alla roulette del delitto. Nel giovane veneziano l orgoglio della decrittazione è subito annichilito dalla paura, avendo compreso che l organizzazione criminosa è sulle sue piste; ed ha ben ragione di temere, dal momento che finirà ucciso in diretta, nell ambito di quell atroce gioco d azzardo che aveva scoperto: una metafora tragica della società americana, volta a focalizzare la deiezione di un intero sistema sociale, culturale ed economico, che è giunto a concepire e realizzare un meccanismo così perverso di investimento sulla morte, sulla spettacolarizzazione mediatica e sulla scarica adrenalinica del rischio malsano. Più teatralmente la partita con il mistero può condurre uno dei personaggi ad un suicidio covato per decenni, che può compiersi solo quando un altro personaggio, l io narrante, ha vinto la partita impossibile, pervenendo con ricerca rischiosa a trovare nel buio il filo logico che lega i tasselli disperanti del puzzle (è quanto avviene in La strategia del caso, 2003; e in Rumba, dello stesso anno, in cui da indizi criptici si dipana una intricata rete di inganni, come il romanzo precedente in un Brasile tentacolare e vischioso). Ad un ambientazione veneziana, di malinconica ed elegiaca vibrazione pur nel consueto gioco ad enigma (a mio parere, fra gli esiti più felici dell ultimo Ongaro) si torna con Il ponte della solita ora

8 [ 8 ] (2006), quando un interferenza telefonica, captata per caso, apre a Francesco, un musicista che scrive colonne sonore per il cinema, uno spaccato labirintico di altre vite, di indizi svianti, di verità impreviste, nel dedalo reale e simbolico delle calli. L altra linea vettoriale dell opera ongariana torna ad accamparsi metanarrativamente in Il segreto dei Segonzac (2000): un quadro incompiuto, del secondo Settecento, innesca nell io narrante il bisogno tensivo di interrogare il segreto delle storie e dei personaggi che sono dentro e dietro quel quadro. Si profila un segreto nascosto, che scatena una sequenza di agguati; ed il protagonista deve riannodare le trame del proprio destino, che il narratore giunge a saldare quando il ritorno al presente chiude il cerchio cognitivo. Similmente in La versione spagnola (2007) lo scrittore Massimo Senese prende in mano la traduzione in quella lingua di un suo romanzo e si accorge che vi è stato interpolato un personaggio che non esisteva nell originale; e, poi, che vi è stata disseminata tutta una sequenza di interventi arbitrari, che compongono un messaggio in codice da decrittare, nascosto in essi. Una rimodulazione in ambito pittorico del Segreto di Caspar Jacobi appare essere per qualche aspetto La maschera di Anténore (2009), in cui un giovane pittore veneziano in cerca di successo, Stefano Pietra, si reca a Parigi divenendo preda dell ossessione per un antico amore e di un enigmatico ed indecifrabile critico d arte, ronan, che lo involve in un vortice oscuro di angoscia e di gelosia vendicativa. E si giunge da ultimo ad Un uomo alto vestito di bianco (2011): la scomparsa di un giornalista proietta l amico-io narrante a Singapore, al «Raffles Hotel», dove hanno soggiornato Joseph Conrad e Somerset Maugham. La suggestione di queste stanze, impregnate di letterarietà, fa sì che le vite dei suoi ospiti si intreccino come le trame di possibili romanzi; e il percorso per lo scioglimento dell enigma è guidato dalle sottolineature che lo scomparso Alexander Blackmouth ha disseminato oculatamente sui libri da lui più amati: una metafora, ironica ed allusiva, del gioco metanarrativo che costituisce la cifra connettiva della scrittura romanzesca di Ongaro, come riconferma anche il recentissimo e delizioso Athos. Vita, avventure segrete e morte presunta di un personaggio Athos (2014), che rimodula il personaggio dumasiano saldando in una sequenza di incroci l alba e il tramonto di una vita, di ogni vita. Magnifico Rettore, colleghi, per tutto quanto ho esposto, e che attesta lo spessore espressivo e la profondità rizomatica della sua scrittura, chiedo che ad Alberto Ongaro sia conferita da questo Ateneo la laurea magistrale in Filologia, Industria culturale e Comunicazione. ALDO MARIA MORACE

9 [ 9 ] BIOBIBLIOGRAFIA Nato a Venezia nel 1925, inviato speciale e corrispondente dall'estero per conto dell'«europeo», Ongaro ha vissuto per molti anni nell'america del Sud, poi a Londra, ed ora a Venezia, dove risiede con la moglie ed il figlio, dopo avere lungamente viaggiato in tutto il mondo. Le sue opere sono state tradotte negli Stati Uniti, in Inghilterra, in Francia e nell'america latina. OPERE Il complice, Milano, Rizzoli, 1965; Un romanzo d'avventura, Milano, Mondadori, 1970 (2008); La taverna del doge Loredan, Milano, Mondadori, 1980 (1981, 1987, 2004, 2005, 2006, 2007, 2008); Il segreto di Caspar Jacobi, Milano, Mondadori, 1983 (1984, 2005, 2008); La partita, Milano, Longanesi, 1986 (1988, 1989, 1993, 1995, 1998, 2003, 2012); L ombra abitata, Milano, Longanesi, 1988; Interno argentino, Milano, Rizzoli, 1991 (2010); Passaggio segreto, Milano, Rizzoli, 1993; La terra degli stregoni, Venezia, Supernova, 1996; Hollywood boulevard, Venezia, Marsilio, 1997; Il segreto dei Segonzac, Casale Monferrato, Piemme, 2000 (2002, 2007); Rumba, Casale Monferrato, Piemme, 2003; La strategia del caso, Torino, Aragno, 2003; Il ponte della solita ora, Casale Monferrato, Piemme, 2006 (2007, 2008); La versione spagnola, Casale Monferrato, Piemme, 2007; La maschera di Antenore, Milano, Piemme, 2009; Un uomo alto vestito di bianco, Milano, Piemme, Athos. Vita, avventure segrete e morte presunta di un personaggio, Milano, Piemme, R. Sandri, «L'Adige», 17 marzo 1965; G. D. R., «l'italia», 5 maggio 1965; P. Dallamano, «Paese Sera», aprile 1965; An., «Nostro Lavoro», maggio 1965; G. Vergani, «Marie Claire», giugno 1965; U. Ottolenghi, «RAI-Terzo Programma», 14 settembre 1965; M. Ricciardelli, «Books Abroad», aprile 1966; R. Mye, «The Guardian», 11 agosto 1967; E. Berridge, «Daily Telegraph», 12 agosto 1967; M. Burrow, «New Stateman», 18 agosto 1967; An., «Glasgow Herald», 19 agosto 1967; An., «The Times Literary Supplement», 24 august 1967; W. Buchon, «The Spectator», 25 agosto 1967; K. Gray, «Irish Time», 26 agosto 1967; An., «The New Yoek Review», 23 gennaio 1968; An., «Fresno California Bee», 28 aprile 1968; An., «Bookbuyer's Guide», aprile 1968; An., «Publisher's Weekly», maggio

10 [ 10 ] 1968; An., «The Sacramento Bee», maggio 1968; G.O. Carey, «Library Journal», agosto 1968; G. Pampaloni, «Il Mondo», maggio 1970; T.C., «ABC», maggio 1970; G. Bonura, «Avvenire», maggio 1970; L. Baldacci, «Epoca», maggio 1970; V. Jarach, «Hoy», 22 giugno 1970; C. Della Corte, «Il Gazzettino», 27 giugno 1970; An., «Il Mondo», 28 giugno 1970; A. Bevilacqua, «Oggi», giugno 1970; O. Del Buono, «Linus», giugno 1970; An., «Eco delle Valli», giugno 1970; An., «Gazzetta del Popolo», 15 luglio 1970; P. Zanotto, «La Nuova Sardegna», 17 luglio 1970; An., «La Provincia pavese», luglio 1970; An., «The Times Literary Supplement», 25 settembre 1970; M. Bella, «Il Giornale di Sicilia», 24 novembre 1970; C. Taddei, «Letture», ottobre 1970; M. Chierici, «Il Resto del Carlino», 11 marzo 1971; E. Castelli, «La Nacion», 2 maggio 1971; B. P., «Journal Regional de Lyon», 15 aprile 1973; J. De Decker, «Le Soir», aprile 1973; An., «The South China Morning Post», 28 maggio 1973; M. Grisolia, «Magazine Litteraire», settembre 1973; E. Castelli, «La Nacion», 16 maggio 1980; An., «Corriere d'informazione», 19 settembre 1980; M. Cucchi, «Il Giorno», 21 settembre 1980; A. Frasson, «Il Gazzettino», 25 settembre 1980; G. Venè, «Paese Sera», 29 settembre 1980; M. Barenghi, «l'unità», 3 ottobre 1980; E. Serra, «Il Settimanale», 7 ottobre 1980; L. Di Malta, «Grazia», 19 ottobre 1980; An., «Il Giornale d'italia», 26 ottobre 1980; G. Nogara, «Il Tempo», 31 ottobre 1980; G. Lombardi, «l'espresso», 3 novembre 1980; An., «Grazia», 3 novembre 1980; B. Placido, «la Repubblica», 8 novembre 1980; An., «Corriere Adriatico», 9 novembre 1980; G. Foti, «La Notte», 12 novembre 1980; An., «Alba», 28 novembre 1980; G. Pandini, «Oggi e Domani», novembre 1980; An., «Capital», novembre 1980; M. Prisco, «Oggi», 10 dicembre 1980; R. Minore, «Il Messaggero», 17 dicembre 1980; G. Ziani, «Il Piccolo», 27 dicembre 1980; G. Amoroso, «Gazzetta del Sud», 3 febbraio 1981; A.A. Terranova, «La Sicilia», 20 marzo 1981; An., «Il Cristallo», aprile 1981; AN., «Il Circolo», giugno 1981; An., «Libri di ieri e di oggi», 6 agosto 1981; L. Kibler, «World Literature Today», summer 1981; G. Pandini, «La Provincia», 2 maggio 1983; G. De Rienzo, «Corriere della Sera», 11 maggio 1983; L. Comida, «Il Piccolo», 17 maggio 1983; An., «Capital», maggio 1983; R. Crovi, «Il Giorno», 2 giugno 1983; A. Frasson, «Il Gazzettino», 2 giugno 1983; M.T. Giuffrè, «Avanti!», 3 giugno 1983; G. Amoroso, «Gazzetta del Sud», 7 giugno 1983; M. Romano, «Il Giornale», 19 giugno 1983; W. Mauro, «Il Mattino», 28 giugno 1983; An., «Uomini e libri», giugno 1980; G. Nogara, «Il Tempo», 1 luglio 1983; N. Merola, «Il Messaggero», 6 luglio 1983; G. Nogara, «Gazzetta di Parma», 14 luglio 1983; G. Pandini, «Avvenire», 16 luglio 1983; D. Porzio, «Panorama», 18 luglio 1983; G. Locatelli, «Il Sole-24 ore», 24 luglio 1983; C. Sgorlon, «Il Gazzettino», 31 luglio 1983; L. Simonelli, «Domenica del Corriere», 3 settembre 1983; L. Forti, «Il Secolo XIX», 8 settembre 1983; C. Castellacci, «Amica», 13 settembre 1983; G. Amoroso, Narrativa italiana Con vecchie e nuove varianti, Milano, Mursia, 1983; M. Prisco, «Il Tempo», 4 aprile 1986; L. Mondo, «Tuttolibri», 12 aprile 1986; C. Augias, «la Repubblica», 27 aprile 1986; G. Borgese, «Corriere della Sera», 30 aprile 1986; M. Prisco, «Il Tempo», 4 maggio 1986; P.V. Tondelli, «l Espresso», 2 novembre

11 [ 11 ] 1986; A.M. Morace, A.O., in Letteratura Italiana Contemporanea, IV/2, Roma, Lucarini, 1987, ; F. Lazzarini, «La nuova Venezia», 3 febbraio 1988; G. Nascimbeni, «Corriere della Sera», 3 aprile 1988; G. Barberi Squarotti, «Tuttolibri», 23 aprile 1988; G. Brunoro, «Arena di Verona», 28 aprile 1988; G. Pampaloni, «Il Giornale», 1 maggio 1988; A. D Orrico, «l Europeo», maggio 1988; C. De Michelis, «Il Gazzettino», 20 agosto1988; G. Imperatori, Profondo Nord, Padova, Nord- Est, 1988; M. Monicelli, «Millelibri», maggio 1990; M. Romano, «Tuttolibri», marzo 1991; I. Prandin, «Il Gazzettino», aprile 1991; C. Alberti, «La nuova Venezia», maggio 1991; G. Amoroso, «La Gazzetta del Sud», 14 maggio 1991; G. Borgese, «Bella», 29 giugno 1991; G. Nascimbeni, «Corriere della Sera», 30 giugno 1991; B. Mezzalana Baldini, «Arena di Verona», 11 agosto 1991; P. Nenci, «Letture», dicembre 1991; F. Lazzarini, «La nuova Venezia», 5 marzo 1993; G. Nascimbeni, «Corriere della sera», 16 marzo 1993; M. Romano, «Tuttolibri», 20 marzo 1993; G. Amoroso, «Gazzetta del Sud», 23 marzo 1993; G. Pederiali, «Il Giorno», 28 marzo 1993; M. Dell Aquila, «Gazzetta del Mezzogiorno», 31 marzo 1993; L. Di Malta, «Grazia», 31 marzo 1993; B. Mezzaluna Baldini, «Arena di Verona», 8 aprile 1993; C. Augias, «il Venerdì di Repubblica», 30 aprile 1993; M. Dzieduszycki, «L Europeo», 7 maggio 1993; C. Augias, «La Repubblica», 26 maggio 1993: R. Damiani, «Il Gazzettino», 16 febbraio 1997; G. Amoroso, «Gazzetta del Sud», 28 febbraio 1997; G. Marchetti, «Il Giorno», 2 marzo 1997; F. Modica, «Gazzetta di Parma», 12 marzo 1997; M. Romano, «Tuttolibri», 15 maggio 1997; G. Pacchiano, «Corriere della Sera», 24 maggio 1997, 33; G. Pacchiano, «Corriere della Sera», 10 giugno 1997, 32; F. Modica, «Il Giornale», 13 giugno 1997; S. Pent, «L Indice», maggio 1997; R. Damiani, «Il Gazzettino», 15 ottobre 2000; G. Borgese, «Corriere della Sera», 31 ottobre 2000; R. Barbolini, «Panorama», 10 novembre 2000; A. D Orrico, «Sette-Corriere», 16 novembre 2000; L. Comida, «Il Piccolo», 22 novembre 2000; G. Amoroso, «Il Tempo», 26 novembre 2000; S. Ferrero, «La Provincia», 3 dicembre 2000; A. Trivellato, «La nuova Venezia», 13 dicembre 2000; S. Pent, «Tuttolibri», 23 dicembre 2000; G. Bonura, «Avvenire», 3 gennaio 2001; F. Parazzoli, «Famiglia Cristiana», 7 gennaio 2001; P. Zandel, «Gazzetta del Mezzogiorno», 7 gennaio 2001; A. Bevilacqua, «Grazia», 24 gennaio 2001; A. D Orrico, «Sette-Corriere», 11 aprile 2003; G. Amoroso, «Gazzetta del Sud», 22 aprile 2003; G. Nascimbeni, «Corriere della Sera», 30 aprile 2003, 33; F. Lazzarini, «La nuova Venezia», 14 maggio 2003; S. Pent, «Tuttolibri», 14 giugno 2003, 5; G. Bonura, «Avvenire», 1 novembre 2003; M. Romano, «Letture», 1 novembre 2003; L. Mondo, «Tuttolibri», 6 dicembre 2003, 3; G. Amoroso, «La Gazzetta del Sud», 30 dicembre 2003, 16; L. Comida, «Il Piccolo», 8 gennaio 2004, 25; G. Pacchiano, «il Sole-24 ore», 11 gennaio 2004, 32; G. Brunoro, «Il Mattino di Padova», 21 gennaio 2004, 40; G. Ghigi, «il Sole- 24 ore», 6 febbraio 2004; F. Ottaviani, «Il Giornale», 24 febbraio 2004, 29; P.M. Fasanotti, «Panorama», 4 marzo 2004; A. D Orrico, «Corriere-Magazine», 21 ottobre 2004; R. Damiani, «Il Gazzettino», 27 ottobre 2004; M. Melilli, «Corriere del Veneto», 29 ottobre 2004; P. M. Fasanotti, «Panorama», 2004, 10, 176; S.

12 [ 12 ] Pent, «Tuttolibri», 20 novembre 2004; A. D Orrico, «Corriere-Magazine», 27 ottobre 2005; R. Damiani, «Il Gazzettino», 1 novembre 2005; M. Melilli, «Corriere del Veneto», 16 novembre 2005; C. Paglieri, «Secolo XIX», 24 gennaio 2006; M. Melilli, «Corriere del Veneto», 28 ottobre 2006; A. D Orrico, «Sette-Corriere», 45, 9 novembre 2006, 129; R. Damiani, «Il Gazzettino», 25 ottobre 2006; S. Pent, «Tuttolibri», 25 novembre 2006; A. Zangrando, «Corriere della Sera del Veneto», 26 novembre 2006; M. Melilli, A.O. e il romanzo esotico, in Scritture civili. Conversazioni sul nostro tempo, Verona, Ombre Corte, 2006, 92-8; A.M. Morace, Gioco, avventura, azzardo nella narrativa di Alberto Ongaro, in La vita in gioco. Antropologia, letteratura, filosofia dell azzardo (atti del convegno di Salerno, 30 settembre-2 ottobre 2004), a cura di D. Scafoglio, Cava dei Tirreni, Marlin Ed., 2006, ; A. Mezzena Lona, «Il Piccolo», 8 gennaio 2007; D. Cacopardo, «L Unità», 8 gennaio 2007, 22; M. Laval, «Télérama», 2990, 5 mai 2007; J. Goude, «Le Matricule des Anges», 81, mars 2007; M. Melilli, «Corriere del Veneto», 23 ottobre 2007; R. Damiani, «Il Gazzettino», 23 ottobre 2007; A. D Orrico, «Corriere-Magazine» 6 novembre 2007; S. Pent, «Tuttolibri», 24 novembre 2007; A. D Orrico, «Corriere Magazine», 2007, 49, 151; S. Mola, squilibri2.wordpress.com/2007/12/22/lombra-abitata; C. Cavalleri, «Avvenire», 27 febbraio 2008; M. Romano, «Letture», febbraio 2008; R. Petito, «Il Gazzettino», 75, 28 marzo 2008, 18; P. Zandel, «Gazzetta del Mezzogiorno», 23 aprile 2008; M. Laval, «Télérama», 3048, 14 juin 2008; J. Goude, «Le Matricule des Anges», 94, juin 2008; M. Melilli, «Corriere del Veneto», 28 ottobre 2008; G. Amoroso, «Gazzetta del Sud», 9 novembre 2008; N. Menniti Ippolito, «La nuova Venezia», 13 novembre 2008; R. Damiani, «Il Gazzettino», 8 dicembre 2008; M. Buonadonna, «Panorama», 10 dicembre 2008; R. Alfatti Appetiti, «Il Secolo d Italia», 23 dicembre 2008; A. Mezzena Lona, «Il Piccolo», 23 dicembre 2008; G. Davico Bonino, Novecento italiano, Torino, Einaudi, 2008; MilanoNera incontra A.Ongaro, 19 aprile 2009: S. Pent, «Tuttolibri», 8 agosto 2009, 8; M. Melilli, «Corriere del Veneto», 6 novembre 2009; A. D Orrico, «Sette-CdS», 12 novembre 2009; R. Damiani, «Il Gazzettino», 13 novembre 2009; G. Amoroso, L invisibile quotidiano. Annotazioni sulla narrativa italiana , Napoli, Liguori, 2009; S. Pent, «Tuttolibri», 28 novembre 2009; A. Mezzena Lona, «Il Piccolo, 30 novembre 2009; D. Sapienza, «Tuttolibri», 9 gennaio 2010, 7; D. Bignardi, «Vanity Fair», 13 gennaio 2010; M. Romano, «Il nostro Tempo», 21 febbraio 2010; M. Laval, «Télérama», 3152, 12 juin 2010; M. Melilli, «Corriere del Veneto», 27 ottobre 2011; N. Delbecchi, «Il fatto quotidiano», 4 novembre 2011; S. Pent, «Tuttolibri», 17 novembre 2011; R. Damiani, «Il Gazzettino», 18 novembre 2011; V. Catalano, «Il Riformista», 20 novembre 2011; A. D Orrico, «Sette», 46, 27 novembre 2011, 78; M. Novelli, «Il Venerdì di R.», 1237, dic. 2011, 137; F. Lazzarini, «La nuova Venezia», 30 dicembre 2011; A. Mezzena Lona, «Il Piccolo», 4 gennaio 2012; M. Novelli, «Venerdì di Repubblica», 27 febbraio 2014; R. Damiani, «Il Gazzettino», 28 febbraio 2014; M. Melilli, «Corriere del Veneto», 5 marzo 2014; A. D Orrico,

13 [ 13 ] «Sette-CdS», 10, 7 marzo 2014, 94; N. Menniti Ippolito, «La nuova Venezia», 12 marzo 2014; N. Delbecchi, «Il Fatto quotidiano», 15 marzo 2014; V. Macioce, «il Giornale», 5 maggio Dossier de presse A. Ongaro:

Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro

Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro Il romanzo Tra donne sole è stato scritto da Pavese quindici mesi prima della sua morte, nel 1949. La protagonista, Clelia, è una

Dettagli

Il ciclo di Arcabas LUNGO LA STRADA

Il ciclo di Arcabas LUNGO LA STRADA Il ciclo di Arcabas Arcabas è lo pseudonimo dell artista francese Jean Marie Pirot, nato nel 1926. Nella chiesa della Risurrezione a Torre de Roveri (BG) negli anni 1993-1994 ha realizzato un ciclo di

Dettagli

Cultura, creatività e sviluppo sostenibile

Cultura, creatività e sviluppo sostenibile Cultura, creatività e sviluppo sostenibile Forse sarebbe necessario che iniziassi correggendo il titolo di questa mia breve introduzione: non cultura, creatività e sviluppo sostenibile, ma cultura globalizzata,

Dettagli

23 APRILE 2015 L IDEA

23 APRILE 2015 L IDEA IL PROGETTO 23 APRILE 2015 L IDEA Il 23 aprile è la Giornata mondiale del libro e del diritto d autore, è il giorno di San Giorgio a Barcellona, è il giorno della World Book Night in Inghilterra, è il

Dettagli

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali LA RICERCA DI DIO Gradi della fede in Dio La maggior parte delle persone non sospetta nemmeno la reale esistenza di Dio, e naturalmente non s interessa molto a Dio. Ce ne sono altre che, sotto l influsso

Dettagli

2. Fabula e intreccio

2. Fabula e intreccio 2. Fabula e intreccio Abbiamo detto che un testo narrativo racconta una storia. Ora dobbiamo però precisare, all interno della storia, ciò che viene narrato e il modo in cui viene narrato. Bisogna infatti

Dettagli

(da I Malavoglia, cap. XV)

(da I Malavoglia, cap. XV) 4. GIOVANNI VERGA (ANALISI DEL TESTO) L addio di Ntoni Una sera, tardi, il cane si mise ad abbaiare dietro l uscio del cortile, e lo stesso Alessi, che andò ad aprire, non riconobbe Ntoni il quale tornava

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA FORUM PER LE POLITICHE E GLI STUDI DI GENERE

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA FORUM PER LE POLITICHE E GLI STUDI DI GENERE UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA FORUM Tra differenza e identità. Percorso di formazione sulla storia e la cultura delle donne Costituito con Decreto del Rettore il 22 gennaio 2003, «al fine di avviare

Dettagli

Indice. Giuseppe Galli Presentazione... 1

Indice. Giuseppe Galli Presentazione... 1 Indice Presentazione... 1 Livelli di realtà... 5 1. Realtà fisica e realtà fenomenica... 5 2. Annullamento dell identità numerica tra oggetto fisico e oggetto fenomenico... 8 3. Individualità degli oggetti

Dettagli

El valor de ser padre y de ser madre -----

El valor de ser padre y de ser madre ----- El valor de ser padre y de ser madre ----- San Luis, 27 de Octubre 2012 Vengo da un continente dove esiste una vera crisi della paternità. La figura del padre non è molto precisa, la sua autorità naturale

Dettagli

3) Heidegger: dall esistenza all ontologia

3) Heidegger: dall esistenza all ontologia 3) Heidegger: dall esistenza all ontologia Vita e opere Martin Heidegger (1889-1976) frequentò la facoltà di teologia dell Università di Friburgo. Nel 1919 divenne assistente e in seguito successore di

Dettagli

MODULO 3 LEZIONE 23 FORMAZIONE DEL MOVIMENTO (SECONDA PARTE)

MODULO 3 LEZIONE 23 FORMAZIONE DEL MOVIMENTO (SECONDA PARTE) MODULO 3 LEZIONE 23 FORMAZIONE DEL MOVIMENTO (SECONDA PARTE) Contenuti Michelene Chi Livello ottimale di sviluppo L. S. Vygotskij Jerome Bruner Human Information Processing Teorie della Mente Contrapposizione

Dettagli

33. Dora perdona il suo pessimo padre

33. Dora perdona il suo pessimo padre 33. Dora perdona il suo pessimo padre Central do Brasil (1998) di Walter Salles Il film racconta la storia di una donna cinica e spietata che grazie all affetto di un bambino ritrova la capacità di amare

Dettagli

Mario Polito IARE: Press - ROMA

Mario Polito IARE: Press - ROMA Mario Polito info@mariopolito.it www.mariopolito.it IMPARARE A STUD IARE: LE TECNICHE DI STUDIO Come sottolineare, prendere appunti, creare schemi e mappe, archiviare Pubblicato dagli Editori Riuniti University

Dettagli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli Siamo abituati a pensare al Natale come una festa statica, di pace, tranquillità, davanti

Dettagli

IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO

IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO P. F. Fumagalli, 31.10.2104 Il Dialogo è una componente essenziale dell essere umano nel mondo, in qualsiasi cultura alla quale si voglia fare riferimento: si

Dettagli

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore.

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore. Commozione Si commuove il corpo. A sorpresa, prima che l opportunità, la ragionevolezza, la buona educazione, la paura, la fretta, il decoro, la dignità, l egoismo possano alzare il muro. Si commuove a

Dettagli

Il canale protettivo del Kundalini Yoga

Il canale protettivo del Kundalini Yoga Il canale protettivo del Kundalini Yoga PER COMINCIARE E consigliabile avere un ora ed un luogo determinati dedicati allo yoga. Tempo e spazio sono le coordinate della relatività della nostra esistenza

Dettagli

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5 Competenza: partecipare e interagire con gli altri in diverse situazioni comunicative Scuola Infanzia : 3 anni Obiettivi di *Esprime e comunica agli altri emozioni, sentimenti, pensieri attraverso il linguaggio

Dettagli

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA L allievo partecipa a scambi comunicativi (conversazione, discussione di classe o di gruppo) con compagni e insegnanti

Dettagli

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti,

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, si è conclusa con una lezione aperta per i genitori.

Dettagli

Il mondo in cui viviamo

Il mondo in cui viviamo Il mondo in cui viviamo Il modo in cui lo vediamo/ conosciamo Dalle esperienze alle idee Dalle idee alla comunicazione delle idee Quando sono curioso di una cosa, matematica o no, io le faccio delle domande.

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3 IL SE E L ALTRO ANNI 3 Si separa facilmente dalla famiglia. Vive serenamente tutti i momenti della giornata scolastica. E autonomo. Stabilisce una relazione con gli adulti e i compagni. Conosce il nome

Dettagli

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei Allegato A Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché

Dettagli

Chi non ha sofferto, canticchia. Chi ha sofferto, canta!

Chi non ha sofferto, canticchia. Chi ha sofferto, canta! Chi non ha sofferto, canticchia. Chi ha sofferto, canta! Sulla caviglia dello stivale Italia, là dove sta l osso pezzillo, nasce il nostro eroe, Isidoro Sifflotin. Nella casetta di Mattinella, il prodigioso

Dettagli

TEORIA DEL SÉ E CICLO DEL CONTATTO

TEORIA DEL SÉ E CICLO DEL CONTATTO TEORIA DEL SÉ E CICLO DEL CONTATTO di Sergio Mazzei Direttore dell Istituto Gestalt e Body Work TEORIA DEL SÉ Per organismo nella psicoterapia della Gestalt si intende l individuo che è in relazione con

Dettagli

ANDREA FONTANA. Storyselling. Strategie del racconto per vendere se stessi, i propri prodotti, la propria azienda

ANDREA FONTANA. Storyselling. Strategie del racconto per vendere se stessi, i propri prodotti, la propria azienda ANDREA FONTANA Storyselling Strategie del racconto per vendere se stessi, i propri prodotti, la propria azienda Impostazione grafica di Matteo Bologna Design, NY Fotocomposizione e redazione: Studio Norma,

Dettagli

all'italia serve una buona scuola,

all'italia serve una buona scuola, all'italia serve una buona scuola, che sviluppi nei ragazzi la curiosità per il mondo e il pensiero critico. Che stimoli la loro creatività e li incoraggi a fare cose con le proprie mani nell era digitale.

Dettagli

Yoga Nidra Yoga Nidra è una forma di riposo psichico e psicologico più efficace del sonno normale

Yoga Nidra Yoga Nidra è una forma di riposo psichico e psicologico più efficace del sonno normale Quant è difficile rilassarsi veramente e profondamente anche quando siamo sdraiati e apparentemente immobili e distesi, le tensioni mentali, le preoccupazioni della giornata e le impressioni psichiche

Dettagli

Parte Prima: DALL MASCHERA NEUTRA AL NASO ROSSO: L attore alla scoperta del proprio Clown. di Giovanni Fusetti

Parte Prima: DALL MASCHERA NEUTRA AL NASO ROSSO: L attore alla scoperta del proprio Clown. di Giovanni Fusetti Giovanni Fusetti racconta il ruolo del Clown nella sua pedagogia teatrale Articolo apparso sulla rivista del Piccolo Teatro Sperimentale della Versilia Parte Prima: DALL MASCHERA NEUTRA AL NASO ROSSO:

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

" CI SON DUE COCCODRILLI... "

 CI SON DUE COCCODRILLI... PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA ANNO SCOLASTICO 2014-2015 " CI SON DUE COCCODRILLI... " Le attività in ordine all'insegnamento della religione cattolica, per coloro che se ne avvalgono, offrono

Dettagli

Come realizzare una buona presentazione (traduzione libera a cura della redazione di EpiCentro)

Come realizzare una buona presentazione (traduzione libera a cura della redazione di EpiCentro) Come realizzare una buona presentazione (traduzione libera a cura della redazione di EpiCentro) Quando si realizzano dei documenti visivi per illustrare dati e informazioni chiave, bisogna sforzarsi di

Dettagli

Natale del Signore: annuncio di unità e di pace su tutta la terra: tempo di buone opere e di intensa carità. Papa Giovanni XXIII (28 dicembre 1958)

Natale del Signore: annuncio di unità e di pace su tutta la terra: tempo di buone opere e di intensa carità. Papa Giovanni XXIII (28 dicembre 1958) NOTIZIARIO PARROCCHIALE Anno XC - N 8 dicembre 2012 - L Angelo in Famiglia Pubbl. mens. - Sped. abb. post. 50% Bergamo Natale del Signore: annuncio di unità e di pace su tutta la terra: tempo di buone

Dettagli

PICCOLA GUIDA ALLE OPERE DELLA SALA CONSULTAZIONE

PICCOLA GUIDA ALLE OPERE DELLA SALA CONSULTAZIONE PICCOLA GUIDA ALLE OPERE DELLA SALA CONSULTAZIONE La Sala consultazione della Biblioteca Provinciale P. Albino è organizzata secondo il principio dell accesso diretto da parte dell utenza al materiale

Dettagli

Tredici fotografi per un itinerario pasoliniano (e altre storie) a cura di Italo Zannier. Savignano SI FEST 2014. di Marcello Tosi

Tredici fotografi per un itinerario pasoliniano (e altre storie) a cura di Italo Zannier. Savignano SI FEST 2014. di Marcello Tosi Tredici fotografi per un itinerario pasoliniano (e altre storie) Savignano SI FEST 2014 a cura di Italo Zannier di Io sono una forza della natura.. Io sono una forza del Passato. Solo nella tradizione

Dettagli

ILTESTO NARRATIVO LIVELLO DELLA STORIA

ILTESTO NARRATIVO LIVELLO DELLA STORIA ILTESTO NARRATIVO Testi narrativi sono definiti tutti quelli che hanno per oggetto la narrazione di una storia: racconti, romanzi, fiabe ecc. Gli elementi fondamentali del testo narrativo sono: storia,

Dettagli

Ogni riferimento a fatti realmente accaduti e/o a persone realmente esistenti è da ritenersi puramente casuale.

Ogni riferimento a fatti realmente accaduti e/o a persone realmente esistenti è da ritenersi puramente casuale. Vite a mezz aria Ogni riferimento a fatti realmente accaduti e/o a persone realmente esistenti è da ritenersi puramente casuale. Giuseppe Marco VITE A MEZZ ARIA Romanzo www.booksprintedizioni.it Copyright

Dettagli

PRUEBA COMÚN PRUEBA 201

PRUEBA COMÚN PRUEBA 201 PRUEBA DE ACCESO A LA UNIVERSIDAD MAYORES DE 25 Y 45 AÑOS PRUEBA COMÚN PRUEBA 201 PRUEBA 2013ko MAIATZA MAYO 2013 L incontro con Guido Dorso Conobbi Dorso quando ero quasi un ragazzo. Ricordo che un amico

Dettagli

Ci relazioniamo dunque siamo

Ci relazioniamo dunque siamo 7_CECCHI.N 17-03-2008 10:12 Pagina 57 CONNESSIONI Ci relazioniamo dunque siamo Curiosità e trappole dell osservatore... siete voi gli insegnanti, mi insegnate voi, come fate in questa catastrofe, con il

Dettagli

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso LIBERI PENSIERI PER LIBERI SENTIMENTI La riflessione circa In viaggio verso l incontro come ci è stato proposto, nasce attorno alla lettura del romanzo : C è nessuno?

Dettagli

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE?

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? Storia narrata da Teresa Carbé Da oltre 10 anni, con mio marito e i miei figli, abbiamo deciso di aprirci all affidamento familiare, e ciò ci ha permesso di

Dettagli

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione John Dewey Le fonti di una scienza dell educazione educazione 1929 L educazione come scienza indipendente Esiste una scienza dell educazione? Può esistere una scienza dell educazione? Ṫali questioni ineriscono

Dettagli

Erwin Schrödinger Che cos è la vita? La cellula vivente dal punto di vista fisico tr. it. a cura di M. Ageno, Adelphi, Milano 2008, pp.

Erwin Schrödinger Che cos è la vita? La cellula vivente dal punto di vista fisico tr. it. a cura di M. Ageno, Adelphi, Milano 2008, pp. RECENSIONI&REPORTS recensione Erwin Schrödinger Che cos è la vita? La cellula vivente dal punto di vista fisico tr. it. a cura di M. Ageno, Adelphi, Milano 2008, pp. 154, 12 «Il vasto e importante e molto

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

Istituto Comprensivo E. De Filippo

Istituto Comprensivo E. De Filippo Istituto Comprensivo E. De Filippo Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di primo grado Via degli Italici, 33 - tel. 0824-956054 fax 0824-957003 Morcone Bn (seconda annualità) Il tempo per leggere,

Dettagli

I nonni di oggi: com è cambiato il loro ruolo?

I nonni di oggi: com è cambiato il loro ruolo? I nonni di oggi: com è cambiato il loro ruolo? In Italia, secondo valutazioni ISTAT, i nonni sono circa undici milioni e cinquecento mila, pari al 33,3% dei cittadini che hanno dai 35 anni in su. Le donne

Dettagli

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a Ci situiamo Probabilmente alla tua età inizi ad avere chiaro chi sono i tuoi amici, non sempre è facile da discernere. Però una volta chiaro,

Dettagli

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa 2007 Scrivere.info Tutti i diritti di riproduzione, con qualsiasi mezzo, sono riservati. In copertina: Yacht

Dettagli

Più facile esser giusti che sbagliati, più facile esser sani che malati

Più facile esser giusti che sbagliati, più facile esser sani che malati Più facile esser giusti che sbagliati, più facile esser sani che malati Tutto mi va storto perché il mondo ce l ha su con me Tutto mi va storto perché io sono sbagliato Se mi guardo intorno, se provo a

Dettagli

Porto di mare senz'acqua

Porto di mare senz'acqua Settembre 2014 Porto di mare senz'acqua Nella comunità di Piquiá passa un onda di ospiti lunga alcuni mesi Qualcuno se ne è già andato. Altri restano a tempo indeterminato D a qualche tempo a questa parte,

Dettagli

Guai a me se non predicassi il Vangelo

Guai a me se non predicassi il Vangelo Guai a me se non predicassi il Vangelo (1 Cor 9,16) Io dunque corro 1 Cor 9,26 La missione del catechista come passione per il Vangelo Viaggio Esperienza L esperienza di Paolo è stata accompagnata da un

Dettagli

DA CHE PARTE STARE. dagli 11 anni ALBERTO MELIS

DA CHE PARTE STARE. dagli 11 anni ALBERTO MELIS PIANO DI LETTURA dagli 11 anni DA CHE PARTE STARE ALBERTO MELIS Illustrazioni di Paolo D Altan Serie Rossa n 78 Pagine: 144 Codice: 566-3117-3 Anno di pubblicazione: 2013 L AUTORE Alberto Melis, insegnante,

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

Dimore di La o. Ville, Castelli, Parchi e Personaggi della sponda piemontese del Lago Maggiore. Scenari S.r.l. - Andrea Lazzarini Editore

Dimore di La o. Ville, Castelli, Parchi e Personaggi della sponda piemontese del Lago Maggiore. Scenari S.r.l. - Andrea Lazzarini Editore g Dimore di La o Ville, Castelli, Parchi e Personaggi della sponda piemontese del Lago Maggiore Scenari S.r.l. - Andrea Lazzarini Editore Dimore di Lago Dimore di Lago, terzo volume storico della Collana

Dettagli

Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione

Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione Affermazioni incentrate sulla Verità per le dodici categorie del Codice di Guarigione Troverete qui di seguito una

Dettagli

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Commento al Vangelo Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione fra Luca Minuto Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Dal Vangelo secondo Matteo In quel tempo, gli undici discepoli andarono in Galilea, sul monte

Dettagli

Libro gratuito di filosofia

Libro gratuito di filosofia Libro gratuito di filosofia La non-mente Introduzione Il libro la non mente è una raccolta di aforismi, che invogliano il lettore a non soffermarsi sul significato superficiale delle frasi, ma a cercare

Dettagli

La Carta di Montecatini

La Carta di Montecatini La Carta di Montecatini Le origini e le ragioni della Carta di Montecatini La Carta di Montecatini è il frutto del lavoro del secondo Campus che si è svolto nella città termale dal 27 al 29 ottobre 2005.

Dettagli

UNA CONFESSIONE E LA PISTA SEGUITA

UNA CONFESSIONE E LA PISTA SEGUITA UNA CONFESSIONE E LA PISTA SEGUITA Confesso tutta la mia difficoltà a presentarvi questo brano che ho pregato tante volte. La paura è quella di essere troppo scontata oppure di dare troppe cose per sapute.

Dettagli

Potrei dire a quell attimo: fermati dunque, sei così bello! Goethe (Faust)

Potrei dire a quell attimo: fermati dunque, sei così bello! Goethe (Faust) IL TEMPO DI MENTINA Potrei dire a quell attimo: fermati dunque, sei così bello! Goethe (Faust) E tempo di occuparci di Mentina, la mia cuginetta che mi somiglia tantissimo; l unica differenza sta nella

Dettagli

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI (Gv 3, 17b) Ufficio Liturgico Diocesano proposta di Celebrazione Penitenziale comunitaria nel tempo della Quaresima 12 1 2 11 nella lode perenne del tuo nome

Dettagli

Viaggiare all estero in emodialisi con noi si può!

Viaggiare all estero in emodialisi con noi si può! Pag. 1/3 Viaggiare all estero in emodialisi con noi si può! (Articolo tratto da ALCER n 153 edizione 2010) Conoscere posti nuovi, nuove culture e relazionarsi con persone di altri paesi, di altre città

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

IL CORPO E LA SUA DANZA Primo percorso di formazione per atelieristi del movimento

IL CORPO E LA SUA DANZA Primo percorso di formazione per atelieristi del movimento Scritture di movimenti Autori bambine e bambini dai 5 ai 6 anni IL CORPO E LA SUA DANZA Primo percorso di formazione per atelieristi del movimento IL CORPO E LA SUA DANZA Incontri di studio per la formazione

Dettagli

Il cinema ovvero provare a esser dio

Il cinema ovvero provare a esser dio Il cinema ovvero provare a esser dio Gualtiero Rosella La realtà è ciò che esiste anche quando smettiamo di crederci. (Philip K. Dick) Forse non siamo ancora in grado di affrontare il dibattito su cinema

Dettagli

alberi PER I GIARDINI DEL FILARETE Atelier Castello

alberi PER I GIARDINI DEL FILARETE Atelier Castello alberi PER I GIARDINI DEL FILARETE novantanove Atelier Castello o- vata- ove alberi ABBIAMO RIDOTTO L AREA PEDONALE DELIMITANDO I BRACCI A FILO DELLE TORRI DEL CASTELLO. IN QUESTO MODO LA PIAZZA CON I

Dettagli

Stadio della socializzazione, identità e immaginazione (3-6 anni) Dott.ssa Maria Cristina Theis

Stadio della socializzazione, identità e immaginazione (3-6 anni) Dott.ssa Maria Cristina Theis Stadio della socializzazione, identità e immaginazione (3-6 anni) Dott.ssa Maria Cristina Theis Obiettivo dell incontro - Descrivere la fase evolutiva del bambino (fase 3-6 anni). - Attivare un confronto

Dettagli

Un differente punto di vista

Un differente punto di vista A Different Point of View Un differente punto di vista by Serge Kahili King Traduzione a cura di Josaya http://www.josaya.com/ Come sappiamo dal primo principio Huna, (IL MONDO E' COME TU PENSI CHE SIA

Dettagli

Inizio della vita di Hyde e prime malefatte-si trasforma in Hyde

Inizio della vita di Hyde e prime malefatte-si trasforma in Hyde 1 STRUTTURA FABULA: Primi esperimenti del Dr Jekyll -Jekyll nasce nel 18.. Jekyll ha divergenze con Lanyon -Poole comincia a lavorare come maggiordomo da Jekyll nel 1860 circa Jekyll scopre la dualità

Dettagli

Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore

Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore Crescere un bambino Indaco o Cristallo è un privilegio speciale in questo momento di turbolenze e cambiamenti. Come genitori, state contribuendo

Dettagli

Sac. Don Giuseppe Pignataro. L oratorio: centro del suo cuore

Sac. Don Giuseppe Pignataro. L oratorio: centro del suo cuore Sac. Don Giuseppe Pignataro L oratorio: centro del suo cuore L'anima del suo apostolato di sacerdote fu l'oratorio: soprattutto negli anni di Resina, a Villa Favorita per circa un decennio, dal 1957 al

Dettagli

Come è fatto un giornale?

Come è fatto un giornale? Come è fatto un giornale? 1. Com'è fatto un giornale? 2. Per iniziare o la testata è il titolo del giornale. o le manchette (manichette) sono dei box pubblicitari che le stanno al lato 3. La prima pagina

Dettagli

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA 2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA Discorso del Prefetto Angelo Tranfaglia Piazza Maggiore Bologna, 2 giugno 2013 Autorità, cittadini tutti di Bologna e della sua provincia, un cordiale saluto a tutti.

Dettagli

Prefazione alla II edizione

Prefazione alla II edizione Prefazione alla II edizione La seconda edizione di questo testo mantiene tutte le caratteristiche della prima edizione, progettata in modo specifico per i corsi semestrali della Laurea Magistrale in Fisica:

Dettagli

VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI. Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM

VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI. Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM XXVIII TEMPO ORDINARIO 11 ottobre 2009 VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM Mc 10, 17-30 [In quel tempo], mentre Gesù andava per la strada, un tale gli corse incontro

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

IDEE DI RESISTENZA. Il progetto, nato per ricordare il 70 anno dalla Liberazione, parte da due considerazioni propedeutiche:

IDEE DI RESISTENZA. Il progetto, nato per ricordare il 70 anno dalla Liberazione, parte da due considerazioni propedeutiche: PREMESSA Insignita della Medaglia d Argento al Valor Militare della Resistenza, Pistoia, al pari di altre città toscane, è stata teatro di avvenimenti tragici, la maggior parte dei quali intercorsi tra

Dettagli

Tu non ricordi la casa dei doganieri

Tu non ricordi la casa dei doganieri Percorso L autore Eugenio Montale 4. Le occasioni, La bufera e altro, Satura e l ultima produzione testi 13 13 Eugenio Montale Le occasioni La casa dei doganieri in Tutte le poesie, Mondadori, Milano,

Dettagli

ISERNIA. Il ponte ferroviario

ISERNIA. Il ponte ferroviario ISERNIA Caparbia, questo sembra Isernia: quanta determinazione dev essere costato far arrivare il treno nella parte alta della città, quanta opera di convincimento per ottenere un viadotto così grandioso

Dettagli

Come si fa un giornale

Come si fa un giornale Come si fa un giornale COME SI FA UN GIORNALE dall idea alla distribuzione Un giornale è una struttura complessa composta da un gruppo di persone che lavorano insieme che chiameremo LA REDAZIONE Al vertice

Dettagli

5ª tappa L annuncio ai Giudei

5ª tappa L annuncio ai Giudei Centro Missionario Diocesano Como 5 incontro di formazione per commissioni, gruppi e associazioni missionarie 3 anno Febbraio 09 Paolo: la Parola di Dio non è incatenata 5ª tappa L annuncio ai Giudei Pagina

Dettagli

CONCORSO LETTERARIO NAZIONALE PER SCRITTORI EMERGENTI IL RACCONTO NEL CASSETTO - PREMIO CITTA DI VILLARICCA XII EDIZIONE ANNO 2014/15 REGOLAMENTO

CONCORSO LETTERARIO NAZIONALE PER SCRITTORI EMERGENTI IL RACCONTO NEL CASSETTO - PREMIO CITTA DI VILLARICCA XII EDIZIONE ANNO 2014/15 REGOLAMENTO CONCORSO LETTERARIO NAZIONALE PER SCRITTORI EMERGENTI IL RACCONTO NEL CASSETTO - PREMIO CITTA DI VILLARICCA XII EDIZIONE ANNO 2014/15 REGOLAMENTO Art. 1 - L, con sede sociale in Villaricca (Napoli), alla

Dettagli

Insieme con gli altri nella città degli uomini. La lezione di Bruno Schettini. di Rocco Pititto

Insieme con gli altri nella città degli uomini. La lezione di Bruno Schettini. di Rocco Pititto Insieme con gli altri nella città degli uomini La lezione di Bruno Schettini di Rocco Pititto Brevi vivens tempore, explevit tempora multa Sap 4,13 1. Tra biografia e storia: il profilo umano di uno studioso

Dettagli

MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia

MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia Master of Arts MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia 1. Descrizione generale del programma Il conseguimento del titolo di «Master of Arts in Lingue

Dettagli

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE AzioneCattolicaItaliana ACR dell ArcidiocesidiBologna duegiornidispiritualitàinavvento CONMARIA PREPARIAMOCIADACCOGLIEREILSIGNORE Tutta l Azione Cattolica ha come tema dell anno l accoglienza. Anche la

Dettagli

ITALIA / ITALIE e tra. a cura di Gabriele Dadati

ITALIA / ITALIE e tra. a cura di Gabriele Dadati ITALIA / ITALIE e tra a cura di Gabriele Dadati direzione editoriale: Calogero Garlisi redazione: Eugenio Nastri comunicazione: Gabriele Dadati commerciale: Marco Bianchi realizzazione editoriale: Veronica

Dettagli

LUPI DIETRO GLI ALBERI

LUPI DIETRO GLI ALBERI dai 7 anni LUPI DIETRO GLI ALBERI Roberta Grazzani Illustrazioni di Franca Trabacchi Serie Azzurra n 133 Pagine: 176 Codice: 978-88-566-2952-1 Anno di pubblicazione: 2014 L Autrice Scrittrice milanese

Dettagli

C era una bianca un foglio, di sana fibra e bell animo. Forte di valori e ideali puliti, attendeva di nascere in un mondo migliore, un luogo dove

C era una bianca un foglio, di sana fibra e bell animo. Forte di valori e ideali puliti, attendeva di nascere in un mondo migliore, un luogo dove I love Ci C era una bianca un foglio, di sana fibra e bell animo. Forte di valori e ideali puliti, attendeva di nascere in un mondo migliore, un luogo dove poter crescere con gioia e buon senso, contribuendo

Dettagli

Classe V A a.s. 2012/2013 Liceo Classico Vitruvio Pollione

Classe V A a.s. 2012/2013 Liceo Classico Vitruvio Pollione Classe V A a.s. 2012/2013 Liceo Classico Vitruvio Pollione Algebra Geometria Il triangolo è una figura piana chiusa, delimitata da tre rette che si incontrano in tre vertici. I triangoli possono essere

Dettagli

INDAGINE LAST CMR (COMMUNITY MEDIA RESEARCH) PER LA STAMPA

INDAGINE LAST CMR (COMMUNITY MEDIA RESEARCH) PER LA STAMPA INDAGINE LAST CMR (COMMUNITY MEDIA RESEARCH) PER LA STAMPA L epoca in cui viviamo, caratterizzata dalla velocità e dall informazione, vede limitate le nostre capacità previsionali. Non siamo più in grado

Dettagli

MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE. HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno

MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE. HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno Indice 01. 02. 03. I tipi di house organ Dall idea al progetto I contenuti A

Dettagli

Gli ebrei nel medioevo. L istituzione di uno dei primi capri espiatori della Storia

Gli ebrei nel medioevo. L istituzione di uno dei primi capri espiatori della Storia Gli ebrei nel medioevo L istituzione di uno dei primi capri espiatori della Storia I rapporti tra ebrei e cristiani Gli ebrei entrarono nel turbine della storia, dopo la dissoluzione del loro stato, con

Dettagli

I numeri che si ottengono successivamente sono 98-2 = 96 4 = 92 8 = 84 16 = 68 32 = 36 e ci si ferma perché non possibile togliere 64

I numeri che si ottengono successivamente sono 98-2 = 96 4 = 92 8 = 84 16 = 68 32 = 36 e ci si ferma perché non possibile togliere 64 Problemini e indovinelli 2 Le palline da tennis In uno scatolone ci sono dei tubi che contengono ciascuno 4 palline da tennis.approfittando di una offerta speciale puoi acquistare 4 tubi spendendo 20.

Dettagli

Poco tempo dopo la sua costituzione, promossa dalle Generali nel 1890, l Anonima

Poco tempo dopo la sua costituzione, promossa dalle Generali nel 1890, l Anonima Boccasile e altri 110 L ANONImA GrANDINE NEGLI ANNI trenta Nella pagina a fronte, dall alto in senso orario: manifesto con disegno di Ballerio (1935); calendario murale e manifesto con illustrazione di

Dettagli

E come può un corpo avere un anima? Wittgenstein e il gioco linguistico del mind-body problem

E come può un corpo avere un anima? Wittgenstein e il gioco linguistico del mind-body problem Comunicazione E come può un corpo avere un anima? Wittgenstein e il gioco linguistico del mind-body problem Lucia Bacci * lucia.bacci@unifi.it Come sostiene Rosaria Egidi in Wittgenstein e il problema

Dettagli

Amare e far AMARE GESÙ. Borrelli. Truffelli. Approfondimento su Incontriamo Gesù. Orientamenti per l annuncio e la catechesi in Italia ANNA TERESA

Amare e far AMARE GESÙ. Borrelli. Truffelli. Approfondimento su Incontriamo Gesù. Orientamenti per l annuncio e la catechesi in Italia ANNA TERESA EDUCARE OGGI/9 A CURA DI ANNA TERESA Borrelli PREFAZIONE DI MATTEO Truffelli Amare e far AMARE GESÙ CONTRIBUTI DI: Marco Ghiazza Luca Marcelli Paolo e Rita Seghedoni Marcello Semeraro Lucio Soravito De

Dettagli

Un allegro pomeriggio con Giulio Coniglio

Un allegro pomeriggio con Giulio Coniglio Scuola aperta 2015 Un allegro pomeriggio con Giulio Coniglio alla scoperta dell Asilo di Follina... l Asilo di Follina: LINEE PEDAGOGICO EDUCATIVE IL PROGETTO EDUCATIVO DIDATTICO. Il curricolo della scuola

Dettagli

MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica

MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica Master of Arts MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica 1. Descrizione generale del programma Il conseguimento del titolo di «Master of Arts in Lingue e Letterature:

Dettagli

I PROMESSI SPOSI cap. XVII

I PROMESSI SPOSI cap. XVII A L E S S ANDRO M ANZONI I PROMESSI SPOSI cap. XVII ANALISI DEL TESTO I.I.S. «G. Cantoni» - Treviglio (Bg) 4 A 4 E a.s. 2012/2013 Il brano preso in considerazione per l analisi testuale è una parte del

Dettagli