[ 1 ] LAUREA H.C. AD ALBERTO ONGARO. PERORATIO. Sassari, 23 ottobre 2014

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "[ 1 ] LAUREA H.C. AD ALBERTO ONGARO. PERORATIO. Sassari, 23 ottobre 2014"

Transcript

1 [ 1 ] LAUREA H.C. AD ALBERTO ONGARO. PERORATIO. Sassari, 23 ottobre 2014 Magnifico Rettore, Senato Accademico, Colleghi, Studenti, Illustri Ospiti, qualche giorno fa Salman Rushdie scriveva: «Ho sempre pensato che il lettore completi il libro, che dall intimità fra estranei creata dall atto di leggere emerga il libro per come è per il lettore». Perché la scrittura letteraria è comunicazione e, insieme, evocazione di una realtà ulteriore in cui la vicenda umana ha le sue arcane corrispondenze, la sua meno effimera significanza; e dallo stillicidio dei giorni senza nome, dal soffocamento nella meschinità del quotidiano, scaturisce la pulsione ad entrare in tangenza con la realtà irrivelata delle cose attraverso i segni criptici della sua presenza. I romanzi di Ongaro sono fatti della materia stessa dei sogni, è stato scritto incisivamente; e, come tutti gli scrittori vitalisti, come tutti i maestri dell avventura, sa che il segreto del mondo ha una luce di tenebra e che la scrittura che incanta e che diverte, come Sheherazade, in realtà racconta per non morire: di qui l architettura complessa e raffinatissima dei suoi romanzi, alonati di un mistero metafisico che promana da una materia apparentemente minore ; di qui il gioco metaromanzesco che connota tutta la sua produzione e che fa di essa un esempio canonico di letteratura riflessa, in grado di intraprendere un colloquio virtuoso con il lettore e di condurlo, percorrendo le vie in apparenza lowbrow dell avventura (genere che ha genialmente rigenerato e ricreato, padroneggiando come nessun altro in Italia l arte di creare intrecci appassionanti), verso approdi rivelanti. I suo lontano esordio come narratore era stato quanto mai convenzionale (e non a caso è l unico libro non più ristampato, dopo l esplodere del caso-ongaro, che anni fa lo ha proiettato ai vertici dell attenzione critica e del gradimento dei lettori. Raccontato in terza persona, con focalizzazione interna fissa sul personaggio epicentrico di Mario, Il complice (1965) studia in flussi lenti di analisi introspettiva, talvolta didascalica, la fase cruciale di una crisi di radicamento, il rifiuto disgustato della vischiosità piccolo-borghese per l'instaurarsi di un fragile contatto con il mondo fascinoso del Lido veneziano attraverso il nascere di un flirt casuale con Gloria, «fenomeno miracoloso nella sua vita così vuota di prodigi». Quello di Mario è un esistere tutto ripiegato in un microcosmo nevrotico, continuamente condizionato nei suoi conati volitivi e nelle susseguenti contrazioni regressive dal peso marchiante dell'estrazione sociale («la sua origine era stata riconosciuta e quindi gli si contestava la cittadinanza in quel gruppo»), che si traduce nel profilo macerato di una psicologia ciclotimica, nel vivere prigioniero di una scissione irrisolta. È un'antitesi lancinante tra realtà e sogno, tra ceto di pro-

2 [ 2 ] venienza ed assaporato approdo sociale, polarizzata simbolicamente in due corpi di donna: quello gravido di Luisa, la ragazza della sua stessa classe, colta per frastagliature sommarie nell'indifesa fragilità del suo essere rassegnatamente «uguale a se stessa», ed ora piagata dall'angoscia della sua condizione; e quello aristocraico di Gloria, che si rinchiude con indifferenza dopo il contatto, frustrando con «l'imperturbabilità morale» della sua classe le speranze di radicamento di Mario. Ongaro si accorge subito che l impianto narrativo del suo esordio era epigonico, attardato: «mi sono accorto che il realismo non faceva per me, che preferivo l immaginazione, la fantasia, una tradizione diversa da quella italiana. [ ] dopo questo libro per un po non ho scritto niente, perché facevo l inviato e non avevo tempo. Però dentro di me avevo deciso che volevo scrivere cose che non avevano a che fare con la realtà. [ ] Indubbiamente c è stata una contaminazione con la cultura argentina che ha influenzato probabilmente il mio modo di scrivere. Da lì ho mutuato quella contaminazione col magico, col sognato che è poi presente in molti miei libri». A partire già dal successivo, aperto con una citazione da Melville, «Io amo tutti gli uomini che si immergono», la quale funge da chiave interpretativa di Un romanzo d'avventura (1970), il momento per molti aspetti più autobiografico della narrativa di Ongaro, per il suo intrepido ascendere alle tonalità effuse dell'elegia e della rivolta. La notizia del suicidio di Paco innesca in Hugo Pratt (personaggio reale e, al tempo stesso, in distorsione dal reale) un bisogno tensivo di ripercorrere il loro lungo simbiotico rapporto d'amicizia e di lavoro, in una sorta di interiore veglia funebre che interseca la riesumazione del passato e la fisicità percettiva del presente, lo svariare associativo del monologo ed il turgore mistilingue del repêchage memoriale, l'indurimento denotativo del flusso periodale ed il suo flettersi in struggenti catene polisindetiche. Si ricompone il mosaico di due vite dall'emersione per linee frammentate di tasselli fasciati d'ombra, in un intreccio di raccordi e chiaroscuri intuitivi che hanno la febbrilità allucinata dell'auscultazione notturna: le agnizioni esistenziali scaturiscono dalla rete dei ricordi e dal variegato campionario di un'umanità cosmopolita con la casuale imprevedibilità della vita, che conosce se stessa soltanto quando è bloccata nel tempo immobile della memoria. Mai pervenuti all'acquiescenza della maturità, Paco ed Hugo hanno coltivato la vita come invenzione, in opposizione all'anonimato di massa, preservando il respiro dell'avventura in un mondo che l'ha cancellato. Le comic strip che per tanti anni hanno inventato assieme rivelano ora l'angoscia di una sconfitta, «l'inutilità della loro rivolta solitaria», che osmoticamente trapassa dal personaggio al creatore superstite con la carica dirompente di una rivelazione ultima. Contro il fagocitamento ammorbante «in quella specie di palude che veniva chiamata realtà», Pratt sceglie un codice he-

3 [ 3 ] mingwayano di morte, scandito da un movimento progrediente di identificazioni simboliche con il destino di Paco, «nell'immenso spazio nascosto dietro lo stretto riquadro di ogni vignetta». Sviluppando la compenetrazione tra piani narrazionali e dimensione metanarrativa, Ongaro giunge con perfetta coerenza di sviluppo al romanzo come metaromanzo di La Taverna del Doge Loredan (1980), interrogazione dall'interno sulla entità stessa del genere narrativo, creazione di un universo onnivoro (che risucchia in una struttura centripeta «tutto ciò che accade nella sua area, il lettore che lo legge, i suoi pensieri, i suoi ricordi, la sua storia») ed al tempo stesso autofagico, poiché svela con calcolata progressione l'envers du décor di se stesso, sino allo straniamento ed alla distruzione della finzione romanzesca. Il casuale e canonico ritrovamento in cima ad un armadio polveroso di un libro «molto antico, remoto, appena salito da qualche abissale libreria», ed intervallato da spazi bianchi senza soluzione della continuità narrativa, suscita nell'editore veneziano Schultz un interesse dapprima professionale, che diviene poi fascinazione coinvolgente quando, ad onta della distanza bisecolare, scopre nella passione erotica di Jacob Flint per Nina «un miracolo di carne» posseduta e fuggente, che dà vita ad una spirale di avventure fra picaresche e libertine, dominate dal ritmo trascinante e vitale dell'affabulazione settecentesca un fatale incrocio di destini e di funzioni narrative, un succedersi di stregate e geometriche specularità con la propria esistenza, «congelata» dalla scomparsa di una misteriosa presenza femminile senza nome, trascorsa con l'intensità irripetibile del miracolo. Si crea allora un movimento parallelo di due piani cronarrativi, scandito dal tempo di lettura di Schultz (una notte): all'io narrante di Jacob Flint si alterna marcata dalla diversa marginazione tipografica e dall'uso oggettivante della terza persona il racconto di un viaggio testuale, non più semplice metafora come in Fielding ma reinventato, con ironia e fantasia, sulla scorta delle suggestioni borgesiane e del dibattito teorico degli anni Settanta sullo strutturalismo e sulla semiologia. L'innesto pausante di Schultz sul piano primario del racconto è dapprima dettato da interruzioni di lettura che sono causate da motivi esterni e contingenti; poi, con percorso mimetico del gioco captante del testo, esse scaturiscono da sospensioni di ordine interiore, man mano che Schultz s'infiltra nei risvolti intuitivi della narrazione, per completarla o prefigurarne ipotetici sviluppi, ma soprattutto quando si proietta meditativamente in essa, per l'imporsi delle misteriose congruenze con le proprie vicende, dando vita ad una ricostruzione per emersioni successive, frantumate del proprio passato, in un gioco di rifrazioni speculari che è complicato dall'inserzione di un double, l'interlocutore interno

4 [ 4 ] che ha la funzione di «evitare la monotonia del monologo interiore» e, anche, la censura delle difese rimozionali. È come se gli spazi bianchi che cesurano il libro ritrovato fossero stati concepiti dall'anonimo autore in funzione di una strategia alla Poe, volta a promuovere la suspence ed il potere d'irradiazione del testo, nel senso che Schultz, da lettore, è spinto a immettervi il suo racconto, a penetrare conoscitivamente nel passato attraverso l'ottica interpretativa suscitata dal romanzo settecentesco («Che io abbia vissuto da sempre dentro un libro? Che io sia una serie di segni?»), metamorfizzandosi «da persona a personaggio e coautore» di un volume da stampare «così come è andato componendosi lungo la lettura o forse come è stato fin dall'inizio concepito». Fasciata da un'alonatura metafisica che promana da inserti stravolgenti di metaforicità surreale nella tessitura del verosimile, la bipolarità del ritmo di scrittura (ora tutta affabulata, ora frenata nel monologo interiore), del punto di vista a focalizzazione interna fissa, della voce narrante, dei piani di scorrimento del narrato, confluisce e si salda nell'unità progressivamente accorpante e straniante del gioco metaromanzesco, che svela se stesso dall'interno: «il vuoto che si apre dietro l'ultima pagina» del racconto di Flint viene occupato dalla prosecuzione di esso nella mente di Schultz, «lettore-personaggio» ora divenuto intradiegetico ed inglobato nella finzione narrativa («farò, annuncia, un viaggio dentro il libro»), sfociante nel consumarsi di un annientamento che è nell'ordine non soltanto delle parole ma della verità esistenziale. La predizione sinistra di un agguato celato fra le ombre del futuro apre Il segreto di Caspar Jacobi (1983), con cui Ongaro imprime uno scarto profondo alla sua consueta topografia narrativa ambientandolo nella New York del presente, dove si trasferisce da Venezia un giovane scrittore di romanzi d'intreccio, Cipriano Parodi, ingaggiato come ghost writer nella bottega narrativa del più prolifico scrittore americano di bestseller. Malgrado il contratto preveda la possibilità di scrivere in proprio, il sodalizio si rivela ben presto un'impaniante metodologia di vampirismo creativo da parte di Caspar, che s'impossessa degli elementi narrativamente vitali elaborati da Cipriano, s'infiltra con penetrazione parapsicologica nei suoi disegni segreti per fagocitarlo isterilito e neutralizzato nella sua potenzialità di rivale sotto il proprio totale dominio, secondo un tracciato altre volte percorso in passato, con lucido delirio cesareo. La narrazione assume così la tipica struttura ongariana a due piani intersecantisi tra loro: la rispondenza scacchistica delle mosse e delle contromosse nella partita che si è instaurata fra i duellanti; e il piacere quasi sensuale della combinazione geometrica degli incastri e della costruzione progrediente dell'intreccio per il nuovo libro di Cipriano, nel quale egli condensa le proprie superstiti capacità di resistenza alla morsura che lo asse-

5 [ 5 ] dia. In un alternarsi nervoso di registri stilistici e linguistici, che aprono trasalimenti metafisici e faglie conoscitive nell'incalzare veloce della scrittura, si accampa progressivamente in funzione centripeta la linea metanarrativa, con la conversione continua del reale in materiale romanzesco, con la trasposizione chiastica delle figure umane in personaggi dei rispettivi work in progress (prima Cipriano per Caspar, poi Caspar per Cipriano), con la suscitazione insistita dei riflessi speculari ed il ribaltamento ad effetto delle situazioni e dei sentimenti. Indagata con pressante tecnica poliziesca, la verità del contingente sfugge, si ottunde nella prismaticità degli indizi e delle ipotesi, così come l'incrociarsi di tempi diversi provocano l'insorgere in Cipriano di una crisi spaurente d'identità e di prefigurazione («Il suo passato sono io e lui è il mio futuro? Siamo la stessa persona?»); ma neppure la magia della finzione romanzesca può giungere ad accorpare in un disegno organico gli elementi sconnessi di una realtà inafferrabile, a rimuovere nel tratteggio di «geometrie coinvolgenti» la coscienza dello scacco metafisico e gnoseologico. La novità palmare di La partita (1986) è proprio la rinunzia alla prosecuzione del gioco rifrangente della dimensione metanarrativa: il ripercorrimento mimetico del romanzo anglosassone d'avventura si compie, al contrario di quanto accadeva in La Taverna del Doge Loredan, nell'ambito di una struttura lineare sino alla semplificazione, ma sempre racchiusa in un circuito metafisico che proietta in un'orbita autre il delizioso manierismo settecentesco dell'affoltarsi di materiali e moduli topici di quella narrativa (intrighi, fughe a precipizio, duelli, taverne, fiere, mercanti, cameriere compiacenti, libertini incontri di corpi) e il divertissement di una scrittura fluida e vetrina, tutta tradotta in linea affabulante. Il «lucore di specchio» della laguna veneziana coperta di ghiaccio, il gabbiano che con «un urlo di strega» precipita per fame sulla tolda della nave, mentre «sparuti» altri vi si aggirano sopra febbrilmente, «rosi da un oscuro contagio», inducono una sensazione miasmatica di maleficio in Francesco Sacredo che torna da un lungo esilio a Corfù, subito confermata dalla notizia che il padre ha perso quasi tutti i loro averi in una partita perdurante da più mesi con la contessa von Wallenstein, la quale, colta da eccitazione sensuale alla vista del giovane, non esita a proporgli di giocare tutto quello che ha vinto sino ad ora contro la piena libertà di disporre eroticamente di lui. Sacredo perde, ma rifiuta di asservirsi ai patti e dà inizio ad una fuga senza fine, in un risucchio di sequenze picaresche, di colpi di scena, di paesaggi e figure trascorrenti, che sembra guidato dalla fantasia sfrenata del romanzesco ed è retto, invece, dal fronteggiarsi studiato di due logiche quelle di Sacredo e dei suoi due persecutori, inviati dalla terribile contessa che dilatano la durata della partita, possedute da una pulsione al gioco che le incardina in un destino specula-

6 [ 6 ] re, vietando l'estinzione del duello, la pacificazione dell'esito conclusivo («se fossi sparito senza lasciar tracce [...] mi sarei sentito svuotato ed esposto», impoverito). La previsione e l'elusione delle mosse contrapposte sulla scacchiera, la «freddezza attenta» e consequenziaria delle scelte comportamentali veicolano, per un processo interno di lievitazione e di rifrazione, cariche intense di simbolicità metafisica, inarcata sino al dubbio ontologico sulla consistenza del reale e dei suoi segni: la fuga di Sacredo è una condanna, ma anche un modo di defilarsi dall'insignificanza, di esorcizzare l'orrore annichilente della morte, della prigionia vitale e della paura, trasformandolo alchemicamente in impulso resistenziale ad esistere. Dopo quest esito il più conosciuto anche perché oggetto di una fortunata versione cinematografica con Faye Dunaway la narrativa di Ongaro ha continuato di volta in volta a giocare con il mistero che si cela dietro fatti ed eventi della vita quotidiana: la scommessa, l azzardo da parte dei personaggi epicentrici, quasi sempre io narranti, sarà quello di ricostruire una storia nascosta dietro una foto (è il caso di L ombra abitata, del 1988: l immagine di Rose risuscita la nostalgia di un incontro e di un segreto, di una fuga inspiegabile, di un enigma da reinterrogare attraverso il ricordo di un amore e di un dolore). L indagine parte sempre da dati scoraggianti nella loro frammentarietà ed insignificanza, che sembrerebbe impossibile collegare razionalmente in un sistema, colmandone i vuoti e gli spazi insondati, sconfiggendo il sipario d ombra che fascia le immote figure del tempo. In questo gioco «ogni mossa doveva produrre un passo avanti, se non altro perché ogni mossa sbagliata, ogni fallimento finivano per mettere in dubbio la stessa opportunità di giocare»; e più spesso la partita col mistero, la ricostruzione dell enigma divengono un modo per giungere alla consapevolezza di una colpa commessa, che attende il personaggio in fondo alla coscienza e che con ferrea geometria della casualità scatta contro di lui conducendolo ad una morta espiativa (Interno argentino, 1991: Nico ritorna a Buenos Aires, dove ha amato Sidney; ed i personaggi raccontano ciò che è stato, o sarebbe potuto essere, in un gioco di specchi che compone un quadro reale e immaginario, fra flash-back e flash-forward). Invece in Passaggio segreto (1993) la narrazione percorre sette storie, apparentemente slegate, che attraverso due personaggi minori congiungono i destini di quelli maggiori con un filo invisibile, evocando piuttosto che narrando, per mostrarli intrappolati nelle propri labirintiche congetture, vittime di un architettura esistenziale che li soffoca: un umanità marchiata dall «indelebile imprnta della vita», che si estenua nel vano tentativo di dare una svolta ad una realtà «dove tutto era già accaduto o doveva accadere». Sempre muovendosi con coerenza lungo la linea vettoriale del pervenire alla verità partendo da segni indistinti, Ongaro è tornato a riproiettare la sua lente

7 [ 7 ] narrativa sul mondo perverso del gioco d azzardo in Hollywood boulevard (1997), in cui il gioco metanarrativo è applicato a un copione cinematografico, che giunge per posta su un floppy-disk ad un giovane biografo veneziano trapiantato ad Hollywood, Francesco Varvara, da parte di un geniale regista, Stanley Kozinsky, morto improvvisamente dopo averlo spedito. Francesco si rende conto ben presto che il copione cela una verità segreta e che dietro quelle figure abbozzate continua a muoversi un mondo terribilmente reale, sullo sfondo tentacolare della capitale del cinema: tocca a lui, quasi per lascito testamentario, disegnare per intero il destino di quelle figure, scoprire la loro entità celata, in una sorta di gioco adrenalinico su una scacchiera nascosta. Contemperando lo scatto intuitivo e il rigore logico della ricostruzione, egli comprende che Stanley stava indagando su una catena di inspiegabili delitti, tutti avvenuti in diretta sotto l occhio implacabile delle telecamere; e sviluppando con acribia d indagine gli indizi disseminati sul copione (lui stesso ha un ruolo, il ruolo che sta interpretando, nella trama predisposta demoniacamente dal regista), Francesco perviene ad una verità sconvolgente: dietro gli omicidi in diretta, intervallati nel tempo, c è una organizzazione che ha instaurato un criminale gioco d azzardo tra gli aderenti ad un club esclusivo e perverso di soci sparsi per tutta l America, i quali scommettono ingenti somme di denaro sulla modalità d esecuzione del delitto (di cui sono preavvertiti) e sulla sua riuscita e sulla capacità del killer di sfuggire alla cattura, potendo essi vivere in diretta il brivido dell evento e l esito della loro puntata alla roulette del delitto. Nel giovane veneziano l orgoglio della decrittazione è subito annichilito dalla paura, avendo compreso che l organizzazione criminosa è sulle sue piste; ed ha ben ragione di temere, dal momento che finirà ucciso in diretta, nell ambito di quell atroce gioco d azzardo che aveva scoperto: una metafora tragica della società americana, volta a focalizzare la deiezione di un intero sistema sociale, culturale ed economico, che è giunto a concepire e realizzare un meccanismo così perverso di investimento sulla morte, sulla spettacolarizzazione mediatica e sulla scarica adrenalinica del rischio malsano. Più teatralmente la partita con il mistero può condurre uno dei personaggi ad un suicidio covato per decenni, che può compiersi solo quando un altro personaggio, l io narrante, ha vinto la partita impossibile, pervenendo con ricerca rischiosa a trovare nel buio il filo logico che lega i tasselli disperanti del puzzle (è quanto avviene in La strategia del caso, 2003; e in Rumba, dello stesso anno, in cui da indizi criptici si dipana una intricata rete di inganni, come il romanzo precedente in un Brasile tentacolare e vischioso). Ad un ambientazione veneziana, di malinconica ed elegiaca vibrazione pur nel consueto gioco ad enigma (a mio parere, fra gli esiti più felici dell ultimo Ongaro) si torna con Il ponte della solita ora

8 [ 8 ] (2006), quando un interferenza telefonica, captata per caso, apre a Francesco, un musicista che scrive colonne sonore per il cinema, uno spaccato labirintico di altre vite, di indizi svianti, di verità impreviste, nel dedalo reale e simbolico delle calli. L altra linea vettoriale dell opera ongariana torna ad accamparsi metanarrativamente in Il segreto dei Segonzac (2000): un quadro incompiuto, del secondo Settecento, innesca nell io narrante il bisogno tensivo di interrogare il segreto delle storie e dei personaggi che sono dentro e dietro quel quadro. Si profila un segreto nascosto, che scatena una sequenza di agguati; ed il protagonista deve riannodare le trame del proprio destino, che il narratore giunge a saldare quando il ritorno al presente chiude il cerchio cognitivo. Similmente in La versione spagnola (2007) lo scrittore Massimo Senese prende in mano la traduzione in quella lingua di un suo romanzo e si accorge che vi è stato interpolato un personaggio che non esisteva nell originale; e, poi, che vi è stata disseminata tutta una sequenza di interventi arbitrari, che compongono un messaggio in codice da decrittare, nascosto in essi. Una rimodulazione in ambito pittorico del Segreto di Caspar Jacobi appare essere per qualche aspetto La maschera di Anténore (2009), in cui un giovane pittore veneziano in cerca di successo, Stefano Pietra, si reca a Parigi divenendo preda dell ossessione per un antico amore e di un enigmatico ed indecifrabile critico d arte, ronan, che lo involve in un vortice oscuro di angoscia e di gelosia vendicativa. E si giunge da ultimo ad Un uomo alto vestito di bianco (2011): la scomparsa di un giornalista proietta l amico-io narrante a Singapore, al «Raffles Hotel», dove hanno soggiornato Joseph Conrad e Somerset Maugham. La suggestione di queste stanze, impregnate di letterarietà, fa sì che le vite dei suoi ospiti si intreccino come le trame di possibili romanzi; e il percorso per lo scioglimento dell enigma è guidato dalle sottolineature che lo scomparso Alexander Blackmouth ha disseminato oculatamente sui libri da lui più amati: una metafora, ironica ed allusiva, del gioco metanarrativo che costituisce la cifra connettiva della scrittura romanzesca di Ongaro, come riconferma anche il recentissimo e delizioso Athos. Vita, avventure segrete e morte presunta di un personaggio Athos (2014), che rimodula il personaggio dumasiano saldando in una sequenza di incroci l alba e il tramonto di una vita, di ogni vita. Magnifico Rettore, colleghi, per tutto quanto ho esposto, e che attesta lo spessore espressivo e la profondità rizomatica della sua scrittura, chiedo che ad Alberto Ongaro sia conferita da questo Ateneo la laurea magistrale in Filologia, Industria culturale e Comunicazione. ALDO MARIA MORACE

9 [ 9 ] BIOBIBLIOGRAFIA Nato a Venezia nel 1925, inviato speciale e corrispondente dall'estero per conto dell'«europeo», Ongaro ha vissuto per molti anni nell'america del Sud, poi a Londra, ed ora a Venezia, dove risiede con la moglie ed il figlio, dopo avere lungamente viaggiato in tutto il mondo. Le sue opere sono state tradotte negli Stati Uniti, in Inghilterra, in Francia e nell'america latina. OPERE Il complice, Milano, Rizzoli, 1965; Un romanzo d'avventura, Milano, Mondadori, 1970 (2008); La taverna del doge Loredan, Milano, Mondadori, 1980 (1981, 1987, 2004, 2005, 2006, 2007, 2008); Il segreto di Caspar Jacobi, Milano, Mondadori, 1983 (1984, 2005, 2008); La partita, Milano, Longanesi, 1986 (1988, 1989, 1993, 1995, 1998, 2003, 2012); L ombra abitata, Milano, Longanesi, 1988; Interno argentino, Milano, Rizzoli, 1991 (2010); Passaggio segreto, Milano, Rizzoli, 1993; La terra degli stregoni, Venezia, Supernova, 1996; Hollywood boulevard, Venezia, Marsilio, 1997; Il segreto dei Segonzac, Casale Monferrato, Piemme, 2000 (2002, 2007); Rumba, Casale Monferrato, Piemme, 2003; La strategia del caso, Torino, Aragno, 2003; Il ponte della solita ora, Casale Monferrato, Piemme, 2006 (2007, 2008); La versione spagnola, Casale Monferrato, Piemme, 2007; La maschera di Antenore, Milano, Piemme, 2009; Un uomo alto vestito di bianco, Milano, Piemme, Athos. Vita, avventure segrete e morte presunta di un personaggio, Milano, Piemme, R. Sandri, «L'Adige», 17 marzo 1965; G. D. R., «l'italia», 5 maggio 1965; P. Dallamano, «Paese Sera», aprile 1965; An., «Nostro Lavoro», maggio 1965; G. Vergani, «Marie Claire», giugno 1965; U. Ottolenghi, «RAI-Terzo Programma», 14 settembre 1965; M. Ricciardelli, «Books Abroad», aprile 1966; R. Mye, «The Guardian», 11 agosto 1967; E. Berridge, «Daily Telegraph», 12 agosto 1967; M. Burrow, «New Stateman», 18 agosto 1967; An., «Glasgow Herald», 19 agosto 1967; An., «The Times Literary Supplement», 24 august 1967; W. Buchon, «The Spectator», 25 agosto 1967; K. Gray, «Irish Time», 26 agosto 1967; An., «The New Yoek Review», 23 gennaio 1968; An., «Fresno California Bee», 28 aprile 1968; An., «Bookbuyer's Guide», aprile 1968; An., «Publisher's Weekly», maggio

10 [ 10 ] 1968; An., «The Sacramento Bee», maggio 1968; G.O. Carey, «Library Journal», agosto 1968; G. Pampaloni, «Il Mondo», maggio 1970; T.C., «ABC», maggio 1970; G. Bonura, «Avvenire», maggio 1970; L. Baldacci, «Epoca», maggio 1970; V. Jarach, «Hoy», 22 giugno 1970; C. Della Corte, «Il Gazzettino», 27 giugno 1970; An., «Il Mondo», 28 giugno 1970; A. Bevilacqua, «Oggi», giugno 1970; O. Del Buono, «Linus», giugno 1970; An., «Eco delle Valli», giugno 1970; An., «Gazzetta del Popolo», 15 luglio 1970; P. Zanotto, «La Nuova Sardegna», 17 luglio 1970; An., «La Provincia pavese», luglio 1970; An., «The Times Literary Supplement», 25 settembre 1970; M. Bella, «Il Giornale di Sicilia», 24 novembre 1970; C. Taddei, «Letture», ottobre 1970; M. Chierici, «Il Resto del Carlino», 11 marzo 1971; E. Castelli, «La Nacion», 2 maggio 1971; B. P., «Journal Regional de Lyon», 15 aprile 1973; J. De Decker, «Le Soir», aprile 1973; An., «The South China Morning Post», 28 maggio 1973; M. Grisolia, «Magazine Litteraire», settembre 1973; E. Castelli, «La Nacion», 16 maggio 1980; An., «Corriere d'informazione», 19 settembre 1980; M. Cucchi, «Il Giorno», 21 settembre 1980; A. Frasson, «Il Gazzettino», 25 settembre 1980; G. Venè, «Paese Sera», 29 settembre 1980; M. Barenghi, «l'unità», 3 ottobre 1980; E. Serra, «Il Settimanale», 7 ottobre 1980; L. Di Malta, «Grazia», 19 ottobre 1980; An., «Il Giornale d'italia», 26 ottobre 1980; G. Nogara, «Il Tempo», 31 ottobre 1980; G. Lombardi, «l'espresso», 3 novembre 1980; An., «Grazia», 3 novembre 1980; B. Placido, «la Repubblica», 8 novembre 1980; An., «Corriere Adriatico», 9 novembre 1980; G. Foti, «La Notte», 12 novembre 1980; An., «Alba», 28 novembre 1980; G. Pandini, «Oggi e Domani», novembre 1980; An., «Capital», novembre 1980; M. Prisco, «Oggi», 10 dicembre 1980; R. Minore, «Il Messaggero», 17 dicembre 1980; G. Ziani, «Il Piccolo», 27 dicembre 1980; G. Amoroso, «Gazzetta del Sud», 3 febbraio 1981; A.A. Terranova, «La Sicilia», 20 marzo 1981; An., «Il Cristallo», aprile 1981; AN., «Il Circolo», giugno 1981; An., «Libri di ieri e di oggi», 6 agosto 1981; L. Kibler, «World Literature Today», summer 1981; G. Pandini, «La Provincia», 2 maggio 1983; G. De Rienzo, «Corriere della Sera», 11 maggio 1983; L. Comida, «Il Piccolo», 17 maggio 1983; An., «Capital», maggio 1983; R. Crovi, «Il Giorno», 2 giugno 1983; A. Frasson, «Il Gazzettino», 2 giugno 1983; M.T. Giuffrè, «Avanti!», 3 giugno 1983; G. Amoroso, «Gazzetta del Sud», 7 giugno 1983; M. Romano, «Il Giornale», 19 giugno 1983; W. Mauro, «Il Mattino», 28 giugno 1983; An., «Uomini e libri», giugno 1980; G. Nogara, «Il Tempo», 1 luglio 1983; N. Merola, «Il Messaggero», 6 luglio 1983; G. Nogara, «Gazzetta di Parma», 14 luglio 1983; G. Pandini, «Avvenire», 16 luglio 1983; D. Porzio, «Panorama», 18 luglio 1983; G. Locatelli, «Il Sole-24 ore», 24 luglio 1983; C. Sgorlon, «Il Gazzettino», 31 luglio 1983; L. Simonelli, «Domenica del Corriere», 3 settembre 1983; L. Forti, «Il Secolo XIX», 8 settembre 1983; C. Castellacci, «Amica», 13 settembre 1983; G. Amoroso, Narrativa italiana Con vecchie e nuove varianti, Milano, Mursia, 1983; M. Prisco, «Il Tempo», 4 aprile 1986; L. Mondo, «Tuttolibri», 12 aprile 1986; C. Augias, «la Repubblica», 27 aprile 1986; G. Borgese, «Corriere della Sera», 30 aprile 1986; M. Prisco, «Il Tempo», 4 maggio 1986; P.V. Tondelli, «l Espresso», 2 novembre

11 [ 11 ] 1986; A.M. Morace, A.O., in Letteratura Italiana Contemporanea, IV/2, Roma, Lucarini, 1987, ; F. Lazzarini, «La nuova Venezia», 3 febbraio 1988; G. Nascimbeni, «Corriere della Sera», 3 aprile 1988; G. Barberi Squarotti, «Tuttolibri», 23 aprile 1988; G. Brunoro, «Arena di Verona», 28 aprile 1988; G. Pampaloni, «Il Giornale», 1 maggio 1988; A. D Orrico, «l Europeo», maggio 1988; C. De Michelis, «Il Gazzettino», 20 agosto1988; G. Imperatori, Profondo Nord, Padova, Nord- Est, 1988; M. Monicelli, «Millelibri», maggio 1990; M. Romano, «Tuttolibri», marzo 1991; I. Prandin, «Il Gazzettino», aprile 1991; C. Alberti, «La nuova Venezia», maggio 1991; G. Amoroso, «La Gazzetta del Sud», 14 maggio 1991; G. Borgese, «Bella», 29 giugno 1991; G. Nascimbeni, «Corriere della Sera», 30 giugno 1991; B. Mezzalana Baldini, «Arena di Verona», 11 agosto 1991; P. Nenci, «Letture», dicembre 1991; F. Lazzarini, «La nuova Venezia», 5 marzo 1993; G. Nascimbeni, «Corriere della sera», 16 marzo 1993; M. Romano, «Tuttolibri», 20 marzo 1993; G. Amoroso, «Gazzetta del Sud», 23 marzo 1993; G. Pederiali, «Il Giorno», 28 marzo 1993; M. Dell Aquila, «Gazzetta del Mezzogiorno», 31 marzo 1993; L. Di Malta, «Grazia», 31 marzo 1993; B. Mezzaluna Baldini, «Arena di Verona», 8 aprile 1993; C. Augias, «il Venerdì di Repubblica», 30 aprile 1993; M. Dzieduszycki, «L Europeo», 7 maggio 1993; C. Augias, «La Repubblica», 26 maggio 1993: R. Damiani, «Il Gazzettino», 16 febbraio 1997; G. Amoroso, «Gazzetta del Sud», 28 febbraio 1997; G. Marchetti, «Il Giorno», 2 marzo 1997; F. Modica, «Gazzetta di Parma», 12 marzo 1997; M. Romano, «Tuttolibri», 15 maggio 1997; G. Pacchiano, «Corriere della Sera», 24 maggio 1997, 33; G. Pacchiano, «Corriere della Sera», 10 giugno 1997, 32; F. Modica, «Il Giornale», 13 giugno 1997; S. Pent, «L Indice», maggio 1997; R. Damiani, «Il Gazzettino», 15 ottobre 2000; G. Borgese, «Corriere della Sera», 31 ottobre 2000; R. Barbolini, «Panorama», 10 novembre 2000; A. D Orrico, «Sette-Corriere», 16 novembre 2000; L. Comida, «Il Piccolo», 22 novembre 2000; G. Amoroso, «Il Tempo», 26 novembre 2000; S. Ferrero, «La Provincia», 3 dicembre 2000; A. Trivellato, «La nuova Venezia», 13 dicembre 2000; S. Pent, «Tuttolibri», 23 dicembre 2000; G. Bonura, «Avvenire», 3 gennaio 2001; F. Parazzoli, «Famiglia Cristiana», 7 gennaio 2001; P. Zandel, «Gazzetta del Mezzogiorno», 7 gennaio 2001; A. Bevilacqua, «Grazia», 24 gennaio 2001; A. D Orrico, «Sette-Corriere», 11 aprile 2003; G. Amoroso, «Gazzetta del Sud», 22 aprile 2003; G. Nascimbeni, «Corriere della Sera», 30 aprile 2003, 33; F. Lazzarini, «La nuova Venezia», 14 maggio 2003; S. Pent, «Tuttolibri», 14 giugno 2003, 5; G. Bonura, «Avvenire», 1 novembre 2003; M. Romano, «Letture», 1 novembre 2003; L. Mondo, «Tuttolibri», 6 dicembre 2003, 3; G. Amoroso, «La Gazzetta del Sud», 30 dicembre 2003, 16; L. Comida, «Il Piccolo», 8 gennaio 2004, 25; G. Pacchiano, «il Sole-24 ore», 11 gennaio 2004, 32; G. Brunoro, «Il Mattino di Padova», 21 gennaio 2004, 40; G. Ghigi, «il Sole- 24 ore», 6 febbraio 2004; F. Ottaviani, «Il Giornale», 24 febbraio 2004, 29; P.M. Fasanotti, «Panorama», 4 marzo 2004; A. D Orrico, «Corriere-Magazine», 21 ottobre 2004; R. Damiani, «Il Gazzettino», 27 ottobre 2004; M. Melilli, «Corriere del Veneto», 29 ottobre 2004; P. M. Fasanotti, «Panorama», 2004, 10, 176; S.

12 [ 12 ] Pent, «Tuttolibri», 20 novembre 2004; A. D Orrico, «Corriere-Magazine», 27 ottobre 2005; R. Damiani, «Il Gazzettino», 1 novembre 2005; M. Melilli, «Corriere del Veneto», 16 novembre 2005; C. Paglieri, «Secolo XIX», 24 gennaio 2006; M. Melilli, «Corriere del Veneto», 28 ottobre 2006; A. D Orrico, «Sette-Corriere», 45, 9 novembre 2006, 129; R. Damiani, «Il Gazzettino», 25 ottobre 2006; S. Pent, «Tuttolibri», 25 novembre 2006; A. Zangrando, «Corriere della Sera del Veneto», 26 novembre 2006; M. Melilli, A.O. e il romanzo esotico, in Scritture civili. Conversazioni sul nostro tempo, Verona, Ombre Corte, 2006, 92-8; A.M. Morace, Gioco, avventura, azzardo nella narrativa di Alberto Ongaro, in La vita in gioco. Antropologia, letteratura, filosofia dell azzardo (atti del convegno di Salerno, 30 settembre-2 ottobre 2004), a cura di D. Scafoglio, Cava dei Tirreni, Marlin Ed., 2006, ; A. Mezzena Lona, «Il Piccolo», 8 gennaio 2007; D. Cacopardo, «L Unità», 8 gennaio 2007, 22; M. Laval, «Télérama», 2990, 5 mai 2007; J. Goude, «Le Matricule des Anges», 81, mars 2007; M. Melilli, «Corriere del Veneto», 23 ottobre 2007; R. Damiani, «Il Gazzettino», 23 ottobre 2007; A. D Orrico, «Corriere-Magazine» 6 novembre 2007; S. Pent, «Tuttolibri», 24 novembre 2007; A. D Orrico, «Corriere Magazine», 2007, 49, 151; S. Mola, squilibri2.wordpress.com/2007/12/22/lombra-abitata; C. Cavalleri, «Avvenire», 27 febbraio 2008; M. Romano, «Letture», febbraio 2008; R. Petito, «Il Gazzettino», 75, 28 marzo 2008, 18; P. Zandel, «Gazzetta del Mezzogiorno», 23 aprile 2008; M. Laval, «Télérama», 3048, 14 juin 2008; J. Goude, «Le Matricule des Anges», 94, juin 2008; M. Melilli, «Corriere del Veneto», 28 ottobre 2008; G. Amoroso, «Gazzetta del Sud», 9 novembre 2008; N. Menniti Ippolito, «La nuova Venezia», 13 novembre 2008; R. Damiani, «Il Gazzettino», 8 dicembre 2008; M. Buonadonna, «Panorama», 10 dicembre 2008; R. Alfatti Appetiti, «Il Secolo d Italia», 23 dicembre 2008; A. Mezzena Lona, «Il Piccolo», 23 dicembre 2008; G. Davico Bonino, Novecento italiano, Torino, Einaudi, 2008; MilanoNera incontra A.Ongaro, 19 aprile 2009: S. Pent, «Tuttolibri», 8 agosto 2009, 8; M. Melilli, «Corriere del Veneto», 6 novembre 2009; A. D Orrico, «Sette-CdS», 12 novembre 2009; R. Damiani, «Il Gazzettino», 13 novembre 2009; G. Amoroso, L invisibile quotidiano. Annotazioni sulla narrativa italiana , Napoli, Liguori, 2009; S. Pent, «Tuttolibri», 28 novembre 2009; A. Mezzena Lona, «Il Piccolo, 30 novembre 2009; D. Sapienza, «Tuttolibri», 9 gennaio 2010, 7; D. Bignardi, «Vanity Fair», 13 gennaio 2010; M. Romano, «Il nostro Tempo», 21 febbraio 2010; M. Laval, «Télérama», 3152, 12 juin 2010; M. Melilli, «Corriere del Veneto», 27 ottobre 2011; N. Delbecchi, «Il fatto quotidiano», 4 novembre 2011; S. Pent, «Tuttolibri», 17 novembre 2011; R. Damiani, «Il Gazzettino», 18 novembre 2011; V. Catalano, «Il Riformista», 20 novembre 2011; A. D Orrico, «Sette», 46, 27 novembre 2011, 78; M. Novelli, «Il Venerdì di R.», 1237, dic. 2011, 137; F. Lazzarini, «La nuova Venezia», 30 dicembre 2011; A. Mezzena Lona, «Il Piccolo», 4 gennaio 2012; M. Novelli, «Venerdì di Repubblica», 27 febbraio 2014; R. Damiani, «Il Gazzettino», 28 febbraio 2014; M. Melilli, «Corriere del Veneto», 5 marzo 2014; A. D Orrico,

13 [ 13 ] «Sette-CdS», 10, 7 marzo 2014, 94; N. Menniti Ippolito, «La nuova Venezia», 12 marzo 2014; N. Delbecchi, «Il Fatto quotidiano», 15 marzo 2014; V. Macioce, «il Giornale», 5 maggio Dossier de presse A. Ongaro:

E un grande illusionista, Cees Nooteboom, un maestro nella creazione di effetti di rispecchiamento, di eco, di rifrazione. I suoi romanzi sono abili

E un grande illusionista, Cees Nooteboom, un maestro nella creazione di effetti di rispecchiamento, di eco, di rifrazione. I suoi romanzi sono abili POSTFAZIONE 389 390 E un grande illusionista, Cees Nooteboom, un maestro nella creazione di effetti di rispecchiamento, di eco, di rifrazione. I suoi romanzi sono abili costruzioni in cui il lettore viene

Dettagli

Il romanzo è diviso in nove interludi lirici e corrispondenti recitativi (soliloqui o monologhi interiori).

Il romanzo è diviso in nove interludi lirici e corrispondenti recitativi (soliloqui o monologhi interiori). LE ONDE di V.Woolf Il romanzo è diviso in nove interludi lirici e corrispondenti recitativi (soliloqui o monologhi interiori). INTERLUDI 9 prose liriche atte a interrompere l azione del romanzo - la vita

Dettagli

LABORATORIO TEATRALE PER LA SCUOLA ELEMENTARE E SCUOLA DELL INFANZIA PROGETTO: LA FIABA

LABORATORIO TEATRALE PER LA SCUOLA ELEMENTARE E SCUOLA DELL INFANZIA PROGETTO: LA FIABA LABORATORIO TEATRALE PER LA SCUOLA ELEMENTARE E SCUOLA DELL INFANZIA PROGETTO: LA FIABA L obbiettivo di questo laboratorio è quello di rielaborare ed interpretare un antica fiaba usando i significati profondi

Dettagli

Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro

Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro Il romanzo Tra donne sole è stato scritto da Pavese quindici mesi prima della sua morte, nel 1949. La protagonista, Clelia, è una

Dettagli

Mediterranea INTRODUZIONE

Mediterranea INTRODUZIONE 7 INTRODUZIONE guerrieri Palermo, anno 1076. Dopo che - per più di duecento anni - gli arabi erano stati i padroni della Sicilia, a quel tempo nell isola governavano i normanni, popolo d i guerrieri venuti

Dettagli

Senso della storia e azione politica

Senso della storia e azione politica Francesco Rossolillo Senso della storia e azione politica II. La battaglia per la Federazione europea a cura di Giovanni Vigo Società editrice il Mulino Sull inglese come lingua universale La decisione

Dettagli

Francesca Marzilla Rampulla

Francesca Marzilla Rampulla Con Eufrosina, edito da Dario Flaccovio, Licia Cardillo Di Prima abbandona l ambientazione provinciale dei suoi precedenti racconti per trasferirsi nella Palermo del XVI Secolo, ai tempi della dominazione

Dettagli

Prof. Gozzini - Schede di analisi del testo Niccolò Ammaniti, Io e Te. Nome..Cognome Data

Prof. Gozzini - Schede di analisi del testo Niccolò Ammaniti, Io e Te. Nome..Cognome Data Scheda Prima Capitolo primo 1. A caccia di indizi. Le Epigrafi - Francis Scott Fitzgerald Aimee Mann Il mimetismo secondo Walter Bates 2. Il Prologo. Con quale procedimento narrativo ha inizio il romanzo?

Dettagli

Maria Teresa Serafini COME SI LEGGE (E SCRIVE) UN RACCONTO

Maria Teresa Serafini COME SI LEGGE (E SCRIVE) UN RACCONTO Maria Teresa Serafini COME SI LEGGE (E SCRIVE) UN RACCONTO STRUMENTI BOMPIANI 2009 RCS Libri S.p.A. Via Mecenate 91-20138 Milano I edizione Strumenti Bompiani maggio 2009 ISBN 978-88-452-5929-6 INDICE

Dettagli

I personaggi. Corto Maltese. Cush. Shamaël. Lord. Fala Mariam. Edizioni Edilingua

I personaggi. Corto Maltese. Cush. Shamaël. Lord. Fala Mariam. Edizioni Edilingua I personaggi Corto Maltese Nato a Malta nel 1887, Corto Maltese è un marinaio, un avventuriero, figlio di un navigatore della Cornovaglia e di una gitana di Siviglia, la Niῆa de Gibraltar, modella del

Dettagli

Intervista ad Anke Merzbach

Intervista ad Anke Merzbach Intervista ad Anke Merzbach a cura di Giorgio Tani Seravezza Fotografia, iniziata da alcuni anni, si è affermata, per le proposte che vengono fatte, come una delle più interessanti manifestazioni nazionali.

Dettagli

Maschere a Venezia CAP I

Maschere a Venezia CAP I Maschere a Venezia 7 CAP I In un pomeriggio di fine marzo Altiero Ranelli, un giovane giornalista de Il Gazzettino di Venezia, entra nell ufficio del direttore. - Ho una grande notizia. - grida contento.

Dettagli

Learning News Giugno 2012, anno VI - N. 6

Learning News Giugno 2012, anno VI - N. 6 Learning News Giugno 2012, anno VI - N. 6 A che ruolo giochiamo? Il teatro al servizio della formazione di Francesco Marino Una premessa: di che cosa parliamo quando parliamo di Parleremo di teatro (che

Dettagli

Recensione "Il profumo del tè e dell amore" - Fiona Niell Pubblicato da Elena Bigoni

Recensione Il profumo del tè e dell amore - Fiona Niell Pubblicato da Elena Bigoni DIARIO DI PENSIERI PERSI - LUNEDÌ 17 OTTOBRE 2011 Recensione "Il profumo del tè e dell amore" - Fiona Niell Pubblicato da Elena Bigoni Dopo il successo internazionale del suo romanzo d esordio Mamme sull

Dettagli

La persuasione del mare. Il viaggio nell opera di Claudio Magris

La persuasione del mare. Il viaggio nell opera di Claudio Magris Davide Fantini La persuasione del mare. Il viaggio nell opera di Claudio Magris Il fascino della letteratura di viaggio si presenta a Claudio Magris già dall infanzia: in una recente intervista con Marco

Dettagli

Volume di sintesi LETTORI CARTA e/o REPLICA Indice dei contenuti

Volume di sintesi LETTORI CARTA e/o REPLICA Indice dei contenuti Volume di sintesi LETTORI CARTA e/o REPLICA Indice dei contenuti pag. Analisi della popolazione italiana per Adulti, Uomini, Donne e Responsabili Acquisti, secondo caratteri socio-demografici... 1 Quotidiani:

Dettagli

ΥΠΟΥΡΓΕΙΟ ΠΑΙΔΕΙΑΣ, ΔΙΑ ΒΙΟΥ ΜΑΘΗΣΗΣ ΚΑΙ ΘΡΗΣΚΕΥΜΑΤΩΝ ΙΤΑΛΙΚΗ ΓΛΩΣΣΑ

ΥΠΟΥΡΓΕΙΟ ΠΑΙΔΕΙΑΣ, ΔΙΑ ΒΙΟΥ ΜΑΘΗΣΗΣ ΚΑΙ ΘΡΗΣΚΕΥΜΑΤΩΝ ΙΤΑΛΙΚΗ ΓΛΩΣΣΑ ΑΡΧΗ 1ΗΣ ΣΕΛΙΔΑΣ ΥΠΟΥΡΓΕΙΟ ΠΑΙΔΕΙΑΣ, ΔΙΑ ΒΙΟΥ ΜΑΘΗΣΗΣ ΚΑΙ ΘΡΗΣΚΕΥΜΑΤΩΝ ΠΑΝΕΛΛΗΝΙΕΣ ΕΞΕΤΑΣΕΙΣ ΕΙΣΑΓΩΓΗΣ ΣΤΗΝ ΤΡΙΤΟΒΑΘΜΙΑ ΕΚΠΑΙΔΕΥΣΗ ΕΞΕΤΑΣΗ ΕΙΔΙΚΟΥ ΜΑΘΗΜΑΤΟΣ ΞΕΝΗΣ ΓΛΩΣΣΑΣ ΚΕΙΜΕΝΟ PERCHÉ LEGGERE I CLASSICI

Dettagli

A cura di: Dott.ssa Rita Faso e Dott.ssa Valentina Fiorica Psicologhe-Psicoterapeute

A cura di: Dott.ssa Rita Faso e Dott.ssa Valentina Fiorica Psicologhe-Psicoterapeute A cura di: Dott.ssa Rita Faso e Dott.ssa Valentina Fiorica Psicologhe-Psicoterapeute Questo opuscolo è il frutto del dialogo che il Centro Regionale Trapianti della Sicilia ha avuto negli anni con molti

Dettagli

UN CLARINETTO NEL LAGER ALDO VALERIO CACCO

UN CLARINETTO NEL LAGER ALDO VALERIO CACCO UN INCONTRO CON LA STORIA UN CLARINETTO NEL LAGER ALDO VALERIO CACCO 5 FEBBRAIO 2015 Villafranca Padovana Classe terza A del plesso Dante Alighieri Insegnante: professoressa Barbara Bettini Il valore della

Dettagli

Eventi umani eventi urbani Opere fotografiche

Eventi umani eventi urbani Opere fotografiche CMC CENTRO CULTURALE DI MILANO Inaugurazione mostra Eventi umani eventi urbani Opere fotografiche Intervengono: Giovanni Chiaramonte fotografo Joel Meyerowitz fotografo Milano 10/11/1999 CMC CENTRO CULTURALE

Dettagli

Giochi polisensi fra colore, soggettività e arte.

Giochi polisensi fra colore, soggettività e arte. Giochi polisensi fra colore, soggettività e arte. Piergiorgio Trotto Finalità: Sviluppare le capacità espressive con esercizi attinenti al colore e all immagine. Ricercare la propria identità. Sperimentare

Dettagli

Studiò a Roma e a Bonn (in Germania) dove si laureò; tornò in Italia nel 1892 e si. La casa dove nacque Pirandello

Studiò a Roma e a Bonn (in Germania) dove si laureò; tornò in Italia nel 1892 e si. La casa dove nacque Pirandello Luigi Pirandello è stato uno dei più importanti scrittori e drammaturghi italiani, conosciuto, famoso e apprezzato in tutto il mondo, e fu anche premiato con il Nobel per la letteratura nel 1934. Nacque

Dettagli

Giuseppe Ungaretti. Studiò a Parigi alla Sorbonne e collaborò con gli intellettuali d avanguardia del

Giuseppe Ungaretti. Studiò a Parigi alla Sorbonne e collaborò con gli intellettuali d avanguardia del Giuseppe Ungaretti Giuseppe Ungaretti nacque nel 1888 ad Alessandria d Egitto, dove i suoi genitori, che erano originari di Lucca, si erano trasferiti in quanto il padre lavorava alla realizzazione del

Dettagli

Rilevazione: Quotidiani - 1 ciclo 2014: da gennaio ad aprile 2014 2 ciclo 2014: da aprile a luglio 2014

Rilevazione: Quotidiani - 1 ciclo 2014: da gennaio ad aprile 2014 2 ciclo 2014: da aprile a luglio 2014 sintesi volumi di Indagine sulla lettura dei quotidiani e dei periodici in Italia AUDIPRESS 2014/I-II Testate pubblicate: - quotidiani a pagamento:53 - quotidiani gratuiti:2 - supplementi settimanali a

Dettagli

DESCRIZIONE PERCORSO con il gruppo Medi

DESCRIZIONE PERCORSO con il gruppo Medi PROGETTO L ARTE DEL RACCONTO E DEL SILENZIO DESCRIZIONE PERCORSO con il gruppo Medi Partendo dalla considerazione che il quadro racconta una storia, trasmette emozioni, è traccia di un significato e porta

Dettagli

Il caso Moro (1986) di Giuseppe Ferrara Buongiorno, notte (2003) di Marco Bellocchio

Il caso Moro (1986) di Giuseppe Ferrara Buongiorno, notte (2003) di Marco Bellocchio Il caso Moro (1986) di Giuseppe Ferrara Buongiorno, notte (2003) di Marco Bellocchio Aldo Moro Aldo Moro Fu cinque volte Presidente del Consiglio dei Ministri e presidente del Partito della Democrazia

Dettagli

Letteratura: la classifica dei 10 libri più venduti della settimana - domenica 9 dicembre 2012

Letteratura: la classifica dei 10 libri più venduti della settimana - domenica 9 dicembre 2012 Il Natale è da sempre un momento particolare, capace di suscitare ricordi ed emozioni in ognuno di noi. Pochi resistono al fascino di questa Festa, al di là delle proprie convinzioni religiose, e il mondo

Dettagli

Storia di un palloncino con la testa tra le nuvole, con i piedi per terra

Storia di un palloncino con la testa tra le nuvole, con i piedi per terra 1 Storia di un palloncino con la testa tra le nuvole, con i piedi per terra STILEMA / UNOTEATRO di e con Silvano Antonelli collaborazione drammaturgica Alessandra Guarnero Ogniqualvolta si utilizzino e

Dettagli

INTERVISTA ALLA SCRITTRICE

INTERVISTA ALLA SCRITTRICE Tratto da: M. Cecconi, La morte raccontata ai bambini: il ciclo della vita. Intervista ad Angela Nanetti, Il Pepeverde n. 10, 2001, pp. 10 11. Copyright INTERVISTA ALLA SCRITTRICE ANGELA NANETTI LA MORTE

Dettagli

L innamoramento. L innamoramento che duri un minuto, una notte, una intera vita, trasforma la vita quotidiana in una fiaba.

L innamoramento. L innamoramento che duri un minuto, una notte, una intera vita, trasforma la vita quotidiana in una fiaba. L innamoramento L innamoramento si dice che è un sogno quando lo si vive, una magica sintonia che fa palpitare il cuore, fa sentire un attrazione fortissima che dà crampi allo stomaco e scombussola il

Dettagli

E ora inventiamo una vita.

E ora inventiamo una vita. E ora inventiamo una vita. - Venga Cristina, facciamo due chiacchiere. Il ragioniere dell'ufficio personale si accomoda e con un respiro inizia il suo discorso. Lei sa vero che ha maturato l'età per il

Dettagli

MicheleModafferi Essenziale Bellezza

MicheleModafferi Essenziale Bellezza MicheleModafferi Essenziale Bellezza Michele Modafferi Essenziale Bellezza Essenziale Bellezza di Caterina Pellitta Stilizzare, sfoltire, affinare, arrivare all essenza. Questi i principi della ricerca

Dettagli

A cura di Mario Fortunato

A cura di Mario Fortunato MILENA AGUS VINCENZO CONSOLO IVAN COTRONEO ANDREA DE CARLO PAOLO DI PAOLO DACIA MARAINI MARIA PACE OTTIERI SANDRA PETRIGNANI PULSATILLA ELISABETTA RASY L ATTESA A cura di Mario Fortunato 2010 Fondazione

Dettagli

IL FILM DELLA VOSTRA VITA

IL FILM DELLA VOSTRA VITA IL FILM DELLA VOSTRA VITA Possibili sviluppi Istruzioni Obiettivo L esercizio fornisce una visione d insieme della vita del partecipante. La foto diventa viva Versione 1 (Esercizio di gruppo) Immaginate

Dettagli

UDA 1 Presentare, presentarsi, descrivere. FAD: PRESENTAZIONE IN PRIMA E TERZA PERSONA (h 5) IL TESTO, I TESTI

UDA 1 Presentare, presentarsi, descrivere. FAD: PRESENTAZIONE IN PRIMA E TERZA PERSONA (h 5) IL TESTO, I TESTI UDA 1 Presentare, presentarsi, descrivere FAD: PRESENTAZIONE IN PRIMA E TERZA PERSONA (h 5) PER COMINCIARE: IL TESTO, I TESTI Es, Misto (Verbale/Non verbale) Fumetto Verbale Non verbale (Visivo/Acustico)

Dettagli

1 Laboratorio La gabbianella e il gatto che le insegnò a volare

1 Laboratorio La gabbianella e il gatto che le insegnò a volare 1 Laboratorio La gabbianella e il gatto che le insegnò a volare LA GABBIANELLA E IL GATTO Messaggio: -importanza della diversità -diversità come ricchezza -rispetto dell altro -sostegno del gruppo nella

Dettagli

Lo strano re che ha ispirato il culto di True Detective. Cultura MATADOR MATTATÓRE STORIE DA RAGAZZI MARCO PASSARELLO PIER DOMENICO BACCALARIO

Lo strano re che ha ispirato il culto di True Detective. Cultura MATADOR MATTATÓRE STORIE DA RAGAZZI MARCO PASSARELLO PIER DOMENICO BACCALARIO Lo strano re che ha ispirato il culto di True Detective MARCO PASSARELLO La rubrica STORIE DA RAGAZZI PIER DOMENICO BACCALARIO La parola MATADOR MATTATÓRE a cura di ZANICHELLI Lo strano re che ha ispirato

Dettagli

SCUOLA DELL'INFANZIA " MADRE LINDA LUCOTTI" ISTITUTO MARIA AUSILIATRICE R.C. A.S. 2011 \ 2012

SCUOLA DELL'INFANZIA  MADRE LINDA LUCOTTI ISTITUTO MARIA AUSILIATRICE R.C. A.S. 2011 \ 2012 ISTITUTO MARIA AUSILIATRICE PREMESSA L incontro con la fiaba è molto stimolante perché sollecita nei bambini esperienze altamente educative, sul piano cognitivo, affettivo, linguistico e creativo. La fiaba

Dettagli

Giornalismo investigativo strumento di verità

Giornalismo investigativo strumento di verità colophon editore delos store Ordinaria Follia a cura di ARIANNA E SELENA MANNELLA Giornalismo investigativo strumento di verità di ARIANNA E SELENA MANNELLA Oggi il problema non è la mancanza di informazione

Dettagli

La forza del suo messaggio

La forza del suo messaggio 6 Testimone di vita santa Anche quest anno nelle varie sedi de La Nostra Famiglia, nelle Parrocchie ambrosiane e nelle comunità delle Piccole Apostole della Carità si è celebrata la memoria liturgica del

Dettagli

LOCUZIONI AL MONDO. Il mistero di ogni persona (22/4/2013 24/4/2013) Testi tradotti dai messaggi originali pubblicati sul sito Locutions to the World

LOCUZIONI AL MONDO. Il mistero di ogni persona (22/4/2013 24/4/2013) Testi tradotti dai messaggi originali pubblicati sul sito Locutions to the World LOCUZIONI AL MONDO Il mistero di ogni persona (22/4/2013 24/4/2013) Testi tradotti dai messaggi originali pubblicati sul sito Locutions to the World 2 Sommario 1. La decisione della SS. Trinità al tuo

Dettagli

UN LAB-ORATORIO TEATRALE

UN LAB-ORATORIO TEATRALE UN LAB-ORATORIO TEATRALE IL GIALLO DELLA ZIZZANIA Dalla parabola al campo dell oratorio Come trasformare la parabola del buon grano e della zizzania l Icona evangelica di «A TUTTO CAMPO» in una parabola

Dettagli

Teatrando. Scuola dell Infanzia Galciana

Teatrando. Scuola dell Infanzia Galciana Teatrando Scuola dell Infanzia Galciana TEATRANDO (Scheda 1) La nostra scuola è inserita in una realtà ancora paesana, in cui esiste da molto tempo una tradizione di teatro e di spettacolazione di piazza.

Dettagli

Tutto ciò che ricordava faceva parte di una melodia che avviluppava la persona con la sua vicinanza segreta. (Lezama Lima)

Tutto ciò che ricordava faceva parte di una melodia che avviluppava la persona con la sua vicinanza segreta. (Lezama Lima) Tutto ciò che ricordava faceva parte di una melodia che avviluppava la persona con la sua vicinanza segreta. (Lezama Lima) Se questa storia non fosse stata scritta se ne sarebbe scritta un altra. Perché

Dettagli

Racconti di me. Un regalo

Racconti di me. Un regalo 1 Racconti di me di Cetta De Luca Un regalo Io non regalo oggetti. Magari un sogno, un emozione qualcosa che rimanga nella vita di valore. A volte solo un ricordo, a volte me stessa. 2 Apparenza Tu che

Dettagli

l amore criminale 5 uccise vanno solo a ingrossare il numero di una statistica. E a ricordare quelle figlie ammazzate restano solo le madri e i padri.

l amore criminale 5 uccise vanno solo a ingrossare il numero di una statistica. E a ricordare quelle figlie ammazzate restano solo le madri e i padri. «La famiglia ammazza piú della mafia». Tutto è iniziato da qui, dal titolo di un articolo che commentava i dati di una ricerca. Era il 2007 e in Italia la legge sullo stalking non esisteva ancora. Secondo

Dettagli

Mimmo Jodice, perdersi a guardare

Mimmo Jodice, perdersi a guardare Professione Mimmo Jodice, perdersi a guardare Riflessioni sulla fotografia: cos è la fotografia? Cos è la luce? Perché la scelta del bianconero? Cosa cambia con la fotografia digitale? Come avvicinarsi

Dettagli

Testata: Il Mattino Data: 22 Settembre 2013 Pag.: 39-43

Testata: Il Mattino Data: 22 Settembre 2013 Pag.: 39-43 Testata: Il Mattino Data: 22 Settembre 2013 Pag.: 39-43 Testata: Il Mattino Data: 22 Settembre 2013 Pag.: 49 Testata: Corriere dell Irpinia Data: 22 Settembre 2013 Pag.: 12 Testata: Ottopagine Data: 22

Dettagli

Gruppo G.R.E.M. Piemonte e Valle d Aosta. Attività di animazione: LA FAMIGLIA KIT DI ANIMAZIONE

Gruppo G.R.E.M. Piemonte e Valle d Aosta. Attività di animazione: LA FAMIGLIA KIT DI ANIMAZIONE Gruppo G.R.E.M Piemonte e Valle d Aosta Attività di animazione: LA FAMIGLIA KIT DI ANIMAZIONE Il kit, pensato per l animazione di bambini, ragazzi e adulti sul tema famiglia è così composto: - 1 gioco

Dettagli

Lucia Baldini immagini

Lucia Baldini immagini Lucia Baldini immagini www.luciabaldini.it MUSEI FIORENTINI Questo lavoro fotografico ha come soggetto uno sguardo in bianco e nero ai Musei Fiorentini. E stato un lavoro molto coinvolgente e appassionante

Dettagli

IL VIAGGIO DI SCIANTAH di Kamil Kileny

IL VIAGGIO DI SCIANTAH di Kamil Kileny لش حن لطح ح ل ة ر كام ل ك يالني IL VIAGGIO DI SCIANTAH di Kamil Kileny traduzione italiana riga per riga, parola per parola curata da Pier Luigi Farri plfarri@vbscuola.it 1 Due buoni fratelli. Sciantah

Dettagli

LA COSCIENZA DI ZENO

LA COSCIENZA DI ZENO LA COSCIENZA DI ZENO L intermezzo preparatorio 1898-1915 Delusione per l insuccesso dei primi due romanzi (Una vita Senilità) Impegni familiari dopo il matrimonio con Livia Veneziani (1896) Impegni lavorativi

Dettagli

L ATTO CREATIVO DELLA SCRITTURA

L ATTO CREATIVO DELLA SCRITTURA L ATTO CREATIVO DELLA SCRITTURA QUADRI D AUTORE Gianna Campigli, Anna Castellacci, Seminario nazionale, Cidi Firenze, 8 maggio 2011 Dal percorso per la terza classe L autobiografia Il percorso sull autobiografia

Dettagli

Riccardo Dossena UN ALTRA SPERANZA

Riccardo Dossena UN ALTRA SPERANZA Un altra speranza Riccardo Dossena UN ALTRA SPERANZA Autobiografia www.booksprintedizioni.it Copyright 2014 Riccardo Dossena Tutti i diritti riservati Progetto scrivere di Riccardo Dossena. Con il mio

Dettagli

MALEVIČ PER LA SCUOLA

MALEVIČ PER LA SCUOLA MALEVIČ PER LA SCUOLA KazimirMalevič nasce a Kiev nel 1878, e nel 1915 il suo Quadrato nero su fondo bianco che vede quest anno il centenario - è stato identificato come l icona del nostro tempo dal suo

Dettagli

Proprietà letteraria riservata 2006 RCS Libri S.p.A., Milano ISBN 88-17-01185-1. Prima edizione: giugno 2006

Proprietà letteraria riservata 2006 RCS Libri S.p.A., Milano ISBN 88-17-01185-1. Prima edizione: giugno 2006 Proprietà letteraria riservata 2006 RCS Libri S.p.A., Milano ISBN 88-17-01185-1 Prima edizione: giugno 2006 Indice A chi è destinato questo libro? 13 1. La via tantrica: un viaggio verso l ignoto A cosa

Dettagli

TEATRO STABILE DI INNOVAZIONE PER LE NUOVE GENERAZIONI 2014:2015. Le nostre proposte

TEATRO STABILE DI INNOVAZIONE PER LE NUOVE GENERAZIONI 2014:2015. Le nostre proposte TEATRO STABILE DI INNOVAZIONE PER LE NUOVE GENERAZIONI Le nostre proposte Perché il teatro? Nella nostra società così schiacciata dall individualismo, dove la socializzazione è delegata ai mezzi virtuali,

Dettagli

Bevagna inverno 2013 / primavera 2014 prima edizione

Bevagna inverno 2013 / primavera 2014 prima edizione Bevagna inverno 2013 / primavera 2014 prima edizione è un progetto Nel cuore medievale di una città come Bevagna, frammento della bellezza italiana e luogo simbolo del talento artigiano di chi nei secoli

Dettagli

Alcune tipologie di film

Alcune tipologie di film Mattia, IIIE Alcune tipologie di film Nonostante oggi ci siano molti altri apparecchi elettronici che rubano tanto tempo alla gente, i film continuano ad essere ancora visti perché hanno una certa caratteristica:

Dettagli

ADOZIONE: DIVENIRE FAMIGLIA I BAMBINI ADOTTIVI, I GENITORI ADOTTIVI E LA NUOVA FAMIGLIA*

ADOZIONE: DIVENIRE FAMIGLIA I BAMBINI ADOTTIVI, I GENITORI ADOTTIVI E LA NUOVA FAMIGLIA* ADOZIONE: DIVENIRE FAMIGLIA I BAMBINI ADOTTIVI, I GENITORI ADOTTIVI E LA NUOVA FAMIGLIA* *Lavoro presentato il 23 aprile 2010, presso la Biblioteca di Melegnano nell ambito di un ciclo di incontri patrocinati

Dettagli

V INCONTRO. L atto di FEDE

V INCONTRO. L atto di FEDE V INCONTRO L atto di FEDE Siamo al quinto incontro. Come per tutte le altre volte vogliamo fare un riassunto delle puntate precedenti. Per questo lavoro chiediamo l aiuto di un personaggio conosciuto a

Dettagli

MALEVIČ PER LA SCUOLA

MALEVIČ PER LA SCUOLA MALEVIČ PER LA SCUOLA Kazimir Malevič nasce a Kiev nel 1878, e nel 1915 il suo Quadrato nero su fondo bianco che vede quest anno il centenario - è stato identificato come l icona del nostro tempo dal suo

Dettagli

LEZIONE 2. SECONDA UNITA DIDATTICA LEZIONE 2 (Lezione tratta da Scrivere Fabbri Editore) INTRODUZIONE ALLA SCRITTURA CREATIVA

LEZIONE 2. SECONDA UNITA DIDATTICA LEZIONE 2 (Lezione tratta da Scrivere Fabbri Editore) INTRODUZIONE ALLA SCRITTURA CREATIVA LEZIONE 2 SECONDA UNITA DIDATTICA LEZIONE 2 (Lezione tratta da Scrivere Fabbri Editore) INTRODUZIONE ALLA SCRITTURA CREATIVA Immaginate la scrittura creativa come un cerchio dai tanti raggi o come una

Dettagli

TERZO CLASSIFICATO SEZIONE PROGETTO DIDATTICO

TERZO CLASSIFICATO SEZIONE PROGETTO DIDATTICO TERZO CLASSIFICATO SEZIONE PROGETTO DIDATTICO SI VA IN SCENA CON MANZONI E CON ALTRI SCRITTORI della Prof.ssa Marisa Miranda del Istituto Professionale per i servizi Commerciali e turistici Sassetti Peruzzi

Dettagli

Il racconto poliziesco o Giallo

Il racconto poliziesco o Giallo Il racconto poliziesco o Giallo deve il suo nome, almeno in Italia, a una famosa collana dell editore Arnoldo Mondadori. Nel lontano 1929, infatti, Mondadori diede vita a una collana con la copertina gialla,

Dettagli

UN ALBO, ALCUNI INDIZI, TANTE INTERPRETAZIONI: ma un interpretazione può essere più corretta delle altre? di Roberta Casali (agosto 2015)

UN ALBO, ALCUNI INDIZI, TANTE INTERPRETAZIONI: ma un interpretazione può essere più corretta delle altre? di Roberta Casali (agosto 2015) UN ALBO, ALCUNI INDIZI, TANTE INTERPRETAZIONI: ma un interpretazione può essere più corretta delle altre? di Roberta Casali (agosto 2015) Da circa otto mesi sto svolgendo un percorso di letture ad alta

Dettagli

mico di cui, come scrittore, adotterà il nome, Abdolah è costretto a fuggire. Nel 1988, dopo tre anni di permanenza in Turchia, gli viene offerto

mico di cui, come scrittore, adotterà il nome, Abdolah è costretto a fuggire. Nel 1988, dopo tre anni di permanenza in Turchia, gli viene offerto POSTFAZIONE Kader Abdolah, pseudonimo di Hossein Sadjadi Ghaemmaghami Farahani, nasce ad Arak, nel cuore dell Iran, il 12 novembre 1954. Figlio di un tessitore di tappeti, di cui nei racconti e nei romanzi

Dettagli

Perché gli Angeli sono tornati? E un dato di fatto gli Angeli siano oggi tornati nel mondo, dopo almeno 500 anni di latitanza.

Perché gli Angeli sono tornati? E un dato di fatto gli Angeli siano oggi tornati nel mondo, dopo almeno 500 anni di latitanza. Perché gli Angeli sono tornati? E un dato di fatto gli Angeli siano oggi tornati nel mondo, dopo almeno 500 anni di latitanza Statistiche alla mano, si può affermare che il 60% della popolazione mondiale

Dettagli

Briciola e la pulce: recensioni V B scuola Quasimodo

Briciola e la pulce: recensioni V B scuola Quasimodo Briciola e la pulce: recensioni V B scuola Quasimodo Apro gli occhi e mi accorgo si essere sdraiata su un letto. [ ] La prima cosa che mi viene in mente di chiedere è come mi chiamo e quanti anni ho. È

Dettagli

Le traduzioni italiane di letteratura danese, una breve storia

Le traduzioni italiane di letteratura danese, una breve storia Le traduzioni italiane di letteratura danese, una breve storia Prima di affrontare questa storia molto concisa delle traduzioni italiane di letteratura danese va fatta una precisazione: per letteratura

Dettagli

COMPITI PER LE VACANZE ESTIVE (ITALIANO) classe 1^B

COMPITI PER LE VACANZE ESTIVE (ITALIANO) classe 1^B 08/06/2015 COMPITI PER LE VACANZE ESTIVE (ITALIANO) classe 1^B - Grammatica: svolgi tutti gli esercizi da p. 3 a p. 19 (tranne l es. 6 p. 19) + leggi p. 24-25 (ripasso del verbo) e svolgi gli es. da 1

Dettagli

Tre donne, tre storie di rinascita, coraggio e speranza

Tre donne, tre storie di rinascita, coraggio e speranza 30/11/2013 Tre donne, tre storie di rinascita, coraggio e speranza L assessorato alla Cultura e la Biblioteca Comunale di Inveruno propongono anche quest' autunno un ciclo di incontri letterari realizzati

Dettagli

Abitare. le metropoli ", le foto e il libro di Basilico. AlMaxxi " ritratto da Toni Thorimbert. Basilico MAXXI. L ' anticipazione a pag.

Abitare. le metropoli , le foto e il libro di Basilico. AlMaxxi  ritratto da Toni Thorimbert. Basilico MAXXI. L ' anticipazione a pag. Diffusione : 189861 Pagina 1: AlMaxxi " Abitare le metropoli " le foto e il libro di Basilico L anticipazione a pag. 21 LUIGI MORETTI Due scatti della mostra che ha inaugurato il museo nel maggio 2010

Dettagli

FACELESS VOICEOVER (Manu Luksch & Mukul Patel 2007) (Un Nuovo Tempo la Nuova Macchina tra cui continua un sogno singolare.)

FACELESS VOICEOVER (Manu Luksch & Mukul Patel 2007) (Un Nuovo Tempo la Nuova Macchina tra cui continua un sogno singolare.) FACELESS VOICEOVER (Manu Luksch & Mukul Patel 2007) (Un Nuovo Tempo la Nuova Macchina tra cui continua un sogno singolare.) Questa è la storia di una donna perseguitata da un eco di una memoria, un sogno

Dettagli

sa donare ciò che ha ricevuto e il suo talento non diviene proprietà, ma regalo per gli altri.

sa donare ciò che ha ricevuto e il suo talento non diviene proprietà, ma regalo per gli altri. Presentazione Questa estate ci siamo regalati un corso di Esercizi spirituali al Mericianum di Desenzano tenuti dall Autore che ha l età di uno dei nostri figli. Ora ci arriva un suo libro. È un libro

Dettagli

Dopo il Silenzio. Di Pietro Grasso. Presentazione di regia. Di Alessio Pizzech

Dopo il Silenzio. Di Pietro Grasso. Presentazione di regia. Di Alessio Pizzech Dopo il Silenzio Di Pietro Grasso Presentazione di regia Di Alessio Pizzech Dopo la significativa esperienza di Per non Morire di mafia, tratto dall omonimo libro, che dopo il fortunato battesimo Spoletino

Dettagli

Cinema, La bugia bianca : il dramma dello stupro etnico raccontato da un siciliano

Cinema, La bugia bianca : il dramma dello stupro etnico raccontato da un siciliano Cinema, La bugia bianca : il dramma dello stupro etnico raccontato da un siciliano di Redazione Sicilia Journal - 25, ott, 2015 http://www.siciliajournal.it/cinema-la-bugia-bianca-il-dramma-dello-stupro-etnico-raccontato-da-unsiciliano/

Dettagli

Sommario Rassegna Stampa

Sommario Rassegna Stampa Sommario Rassegna Stampa Testata Titolo Pag. Rubrica 80/82 OGGI 01/10/2014 IL DESTINO? NON MI HA MAI TRAVOLTO (A.Greco) 2 71 DONNA MODERNA 30/09/2014 LE CONSEGUENZE DELL'AMORE (A.Appiano) 5 22 il Gazzettino

Dettagli

PROMUOVERE LA LETTURA. UN DIVERSO APPROCCIO PER CREARE LETTORI AUTENTICI A scuola e non solo

PROMUOVERE LA LETTURA. UN DIVERSO APPROCCIO PER CREARE LETTORI AUTENTICI A scuola e non solo PROMUOVERE LA LETTURA. UN DIVERSO APPROCCIO PER CREARE LETTORI AUTENTICI A scuola e non solo di Silvia Blezza Picherle (15 dicembre 2014) Di seguito vengono indicati alcuni principi teorici che costituiscono

Dettagli

le #piccolecose che amo di te

le #piccolecose che amo di te Cleo Toms le #piccolecose che amo di te Romanzo Proprietà letteraria riservata 2016 RCS Libri S.p.A., Milano ISBN 978-88-17-08605-9 Prima edizione: febbraio 2016 Illustrazioni: Damiano Groppi Questo libro

Dettagli

L ARTE DELLA CREAZIONE CONSAPEVOLE

L ARTE DELLA CREAZIONE CONSAPEVOLE L ARTE DELLA CREAZIONE CONSAPEVOLE GUIDA PRATICA IN 5 PASSI Sabrina Quattrini www.seichicrei.it Attenzione! Questo manuale contiene materiale protetto dalle leggi sul Copyright nazionale ed internazionale.

Dettagli

Il libro vuole invitare i giovani che ancora cercano il loro cammino ad una conoscenza più intima e approfondita della vita di padre Mario Borzaga,

Il libro vuole invitare i giovani che ancora cercano il loro cammino ad una conoscenza più intima e approfondita della vita di padre Mario Borzaga, Saggistica Aracne Il libro vuole invitare i giovani che ancora cercano il loro cammino ad una conoscenza più intima e approfondita della vita di padre Mario Borzaga, missionario Oblato di Maria Immacolata.

Dettagli

MESSAGGIO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI PER LA XLVI GIORNATA MONDIALE DELLE COMUNICAZIONI SOCIALI

MESSAGGIO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI PER LA XLVI GIORNATA MONDIALE DELLE COMUNICAZIONI SOCIALI MESSAGGIO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI PER LA XLVI GIORNATA MONDIALE DELLE COMUNICAZIONI SOCIALI Silenzio e Parola: cammino di evangelizzazione Cari fratelli e sorelle, all avvicinarsi della Giornata

Dettagli

LA CITTÀ DEI SEGNI E I SEGNI DELLA CITTÀ

LA CITTÀ DEI SEGNI E I SEGNI DELLA CITTÀ LA CITTÀ DEI SEGNI E I SEGNI DELLA CITTÀ Per un artista dedito alla ricerca e alla meditazione, abituato a parlare tramite i suoi quadri, è difficile comunicare la sensazione di piacere che si prova in

Dettagli

Simone Martinetto I fili del tempo

Simone Martinetto I fili del tempo Simone Martinetto I fili del tempo COMUNICATO STAMPA Autopresentazione TITOLO:I fili del tempo ARTISTA:SIMONE MARTINETTO LUOGO:CLAUDIO BOTTELLO CONTEMPORARY, via bogino 17h torino 10123 INAUGURAZIONE:5

Dettagli

Il viaggio: metafora di una visione interdisciplinare

Il viaggio: metafora di una visione interdisciplinare Il viaggio: metafora di una visione interdisciplinare Davide Papotti Università degli Studi di Parma Dipartimento ALEF - Antichistica Lingue Educazione Filosofia Quattro domande Il viaggio e la sua narrazione

Dettagli

Paolo DÊAmbrosio. La finestra sul mare. una storia del Sud

Paolo DÊAmbrosio. La finestra sul mare. una storia del Sud Paolo DÊAmbrosio La finestra sul mare una storia del Sud Paolo D Ambrosio La finestra sul mare Proprietà letteraria riservata 2011 Paolo D Ambrosio Kion Editrice, Terni Prima edizione luglio 2011 ISBN

Dettagli

Inchiostro in libertà

Inchiostro in libertà Autopubblicati Inchiostro in libertà di Roberto Monti Ci sono parole nascoste in noi, elementi celati negli angoli invisibili dell anima. Fondamenta per la logica umana Abbiamo tutti il diritto ai nostri

Dettagli

RELAZIONE INIZIALE (a cura del docente responsabile Prof.ssa Marina d Errico)

RELAZIONE INIZIALE (a cura del docente responsabile Prof.ssa Marina d Errico) Codice meccanografico: F G P S 0 4 0 0 0 4 Anno scolastico 2012 / 2013 Liceo Scientifico Statale G.Marconi Via Danimarca, 25-71122 FOGGIA PROGETTI INTEGRATIVI DI ISTITUTO (Definizione breve dell intervento):

Dettagli

Compagnia delle Ombre. www.compagniadelleombre.it

Compagnia delle Ombre. www.compagniadelleombre.it Compagnia delle Ombre CHI SIAMO La Compagnia delle Ombre nasce dal fortunato incontro di professionisti con diversi ruoli e competenze: registi, attori, sceneggiatori, formatori aziendali, esperti di comunicazione

Dettagli

Stelio Mattioni Lo scrittore perduto

Stelio Mattioni Lo scrittore perduto Stelio Mattioni Lo scrittore perduto Intervista a Maria Mattioni Oblique Studio 2010 Stelio Mattioni. Lo scrittore perduto. Intervista a Maria Mattioni di Annalisa Bizzarri Oblique Studio 2010 La signora

Dettagli

Dello stesso autore presso Rizzoli e BUR. Aprite la mente al vostro cuore. Siate forti nella tenerezza. Lo sguardo semplice e profondo dell amore

Dello stesso autore presso Rizzoli e BUR. Aprite la mente al vostro cuore. Siate forti nella tenerezza. Lo sguardo semplice e profondo dell amore JORGE MARIO BERGOGLIO (Buenos Aires, 1936), laureato in flosofa, è stato ordinato sacerdote nel 1969, vescovo di Auca nel 1992, arcivescovo di Buenos Aires nel 1998, creato cardinale nel 2001 ed eletto

Dettagli

Il Battello Ebbro 2 IMPULSO, DRAMMA, SCENA. PROGETTO PER 2 LABORATORI TEATRALI di GIUSEPPE PERNICE

Il Battello Ebbro 2 IMPULSO, DRAMMA, SCENA. PROGETTO PER 2 LABORATORI TEATRALI di GIUSEPPE PERNICE Il Battello Ebbro 2 IMPULSO, DRAMMA, SCENA PROGETTO PER 2 LABORATORI TEATRALI di GIUSEPPE PERNICE LABORATORIO TEATRALE LABORATORIO TEATRALE LABORATORIO TEATRALE Il Battello Ebbro 2...Io so i cieli che

Dettagli

ACCADEMIA DI BELLE ARTI DELL AQUILA

ACCADEMIA DI BELLE ARTI DELL AQUILA ACCADEMIA DI BELLE ARTI DELL AQUILA DIPARTIMENTO DI PROGETTAZIONE ED ARTI APPLICATE SCUOLA DI SCENOGRAFIA corso di scenografia prof. Alessandro Zicoschi egr. Direttore prof.ssa Giovanna Cassese a seguito

Dettagli

SCRITTURA CREATIVA. lezione uno. Bisogna prendere speciali precauzioni contro la malattia dello scrivere, perché è un male pericoloso e contagioso.

SCRITTURA CREATIVA. lezione uno. Bisogna prendere speciali precauzioni contro la malattia dello scrivere, perché è un male pericoloso e contagioso. lezione uno SCRITTURA CREATIVA Bisogna prendere speciali precauzioni contro la malattia dello scrivere, perché è un male pericoloso e contagioso. Perché scrivere? Per chi scrivere? Che cos è la scrittura

Dettagli

Giorgio De Chirico 1888-1978

Giorgio De Chirico 1888-1978 Giorgio De Chirico 1888-1978 De Chirico e la Metafisica La Metafisica è quella verità nuova che si cela in ogni oggetto se solo si riesce a vederlo o immaginarlo al di fuori del suo solito contesto La

Dettagli

I ragazzi della Parrocchia di San Giovanni Battista. Musical

I ragazzi della Parrocchia di San Giovanni Battista. Musical Rimini, Centro Tarkosvkij - 31 ottobre e 1 novembre 2007 I ragazzi della Parrocchia di San Giovanni Battista presentano Musical Regia di Christine Joan in collaborazione con Don Alessandro Zavattini e

Dettagli

INDICE. Introduzione... 7. 1. Una bussola per capire il fenomeno moda: la psicologia sociale. 11

INDICE. Introduzione... 7. 1. Una bussola per capire il fenomeno moda: la psicologia sociale. 11 INDICE Introduzione... 7 1. Una bussola per capire il fenomeno moda: la psicologia sociale. 11 1.1 Premessa metodologica: la moda come fenomeno sociale... 11 1.2 Il campo di analisi: la moda tra sogni,

Dettagli

CAPITOLO TRE IL MIO MODO DI GIOCARE E LE ESCHE CHE MI ATTIRANO

CAPITOLO TRE IL MIO MODO DI GIOCARE E LE ESCHE CHE MI ATTIRANO CAPITOLO TRE IL MIO MODO DI GIOCARE E LE ESCHE CHE MI ATTIRANO Sommario Nel primo capitolo di questo quaderno lei ha ritenuto che il gioco d azzardo sta causando problemi nella sua vita. Si è posto obiettivi

Dettagli

Capitolo 6. Il montaggio: la grammatica del cinema

Capitolo 6. Il montaggio: la grammatica del cinema Capitolo 6 Il montaggio: la grammatica del cinema Frammentazione dello spazio DÉCOUPAGE LA GRAMMATICA DEL CINEMA IL MONTAGGIO Operazione che consiste nell unire la fine di una inquadratura con l inizio

Dettagli