PIANO ESECUTIVO DI GESTIONE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PIANO ESECUTIVO DI GESTIONE"

Transcript

1 Data elaborazione 06/05/2011 Parametri selezionati: Vista PEG_2011 Peg 2011 Centro di Responsabilità 09 SIST.INFORM.VO INFORM.CO

2 PROGRAMMA Centro di Responsabilità Responsabile 2011_03 SIST.INFORM.VO INFORM.CO CHIODINI CARLA SISTEMA INFORMATIVO ED INFORMATICO PROGRAMMA SISTEMA INFORMATIVO ED INFORMATICO CENTRO DI RESPONSABILITA' SIST.INFORM.VO INFORM.CO RESPONSABILE CHIODINI CARLA

3 PROGRAMMA Centro di Responsabilità Responsabile 2011_03 SIST.INFORM.VO INFORM.CO CHIODINI CARLA SISTEMA INFORMATIVO ED INFORMATICO Tipo di Obiettivo Programma INFORMAZIONI GENERALI PROGRAMMA n.3 "SISTEMA INFORMATIVO ED INFORMATICO" Dirigente Responsabile: Carla Chiodini Area: Pianificazione Territoriale e Difesa del Suolo Servizio: Risorse Informatiche e Sit Centro di costo: 40 INDIRIZZI PROGRAMMATICI Il Programma "Sistema Informativo e Informatico" della Provincia è diretto a supportare mediante l'impiego coerente delle nuove tecnologie i processi di innovazione messi in atto dall'ente al fine di realizzare un'amministrazione pubblica orientata al conseguimento dell'efficienza, efficacia ed economicità nell'ambito della propria azione amministrativa. L'adozione delle nuove tecnologie al servizio delle attività amministrative permette, infatti, di migliorare la qualità dei dati trattati ed incrementare l'efficienza della loro circolazione e condivisione nell'ambito delle comunicazioni all'interno ed all'esterno dell'ente, ed in particolare a: - garantire la trasparenza degli atti; - favorire la diffusione delle informazioni possedute dall'amministrazione; - acquisire le informazioni necessarie per una più efficace gestione del territorio; - accelerare il processo di semplificazione amministrativa; - rendere più efficiente l'interazione e l'interscambio dei dati sia all'interno dell'ente sia con l'esterno ed in particolar modo con tutti i soggetti del territorio. In tale ambito programmatico, prosegue l'attività di collaborazione sinergica con tutti i livelli istituzionali in ambito locale e regionale per l'attuazione di politiche in materia di innovazione tecnologica e contenimento del digital divide sul territorio. In tale contesto, il Servizio fornirà supporto a sostegno delle progettualità individuate, con particolare riferimento all'utilizzo delle nuove tecnologie informatiche per l'attuazione dei processi di innovazione organizzativa e di razionalizzazione delle procedure di trattamento dei flussi informativi, sia a valenza interna che esterna e per la trasmissione elettronica di flussi informativi con soggetti terzi nell'ottica di un uso più efficace, efficiente ed integrato dei dati trattati e dell'interoperabilità dei processi informatici. Fondamentale strumento di conoscenza delle risorse essenziali, di pianificazione, di valutazione degli effetti e di monitoraggio, il Sistema Informativo Territoriale Provinciale, costituito nel 2003, ha visto un significativo sviluppo, grazie anche ai progetti ed ai finanziamenti FESR ed ITERGEO, nell arco degli anni successivi: in termini di dotazione strumentale e tecnologica, in termini di risorse umane e crescita di professionalità, in termini di patrimonio informativo e di banche dati, in termini di know-how e di sperimentazione, in termini di trasparenza amministrativa e di servizi on-line, tramite il Sito Internet del S.I.T. e la pubblicazione del suo patrimonio informativo, in termini di diffusione di buone pratiche, tramite l Accordo Quadro tra il Programma delle Nazioni Unite per gli Insediamenti Umani (UN-HABITAT) in Serbia e la Provincia di Prato, siglato il 25 gennaio 2007 e positivamente concluso nel 2008.

4 PROGRAMMA Centro di Responsabilità Responsabile 2011_03 SIST.INFORM.VO INFORM.CO CHIODINI CARLA SISTEMA INFORMATIVO ED INFORMATICO Il 2010 ha visto il S.I.T. impegnato nella redazione di un progetto di infrastruttura dati territoriali provinciale, per esaltare le potenzialità WEB Service del G.I.S. e per allineare la politica provinciale sulla diffusione del patrimonio informativo alla Direttiva Comunitaria INSPIRE. Tale progetto è stato condotto, attraverso la promozione di un protocollo d intesa, su scala metropolitana con il coinvolgimento delle Province di Pistoia e Firenze, di Comuni ed Enti pubblici e Privati. Allo scopo si è aderito al progetto di aggiornamento della Carta Tecnica Regionale numerica. Parallelamente il S.I.T. ha proseguito nella costruzione di nuove banche dati con la prosecuzione del Progetto Mappe dei Cittadini, con la partecipazione al Progetto Regionale sulla rete escursionistica toscana (RET) e ippovia. Il 2011 vedrà il S.I.T. integrato con il Sistema Informativo ed Informatico (Programma 3) in un unica struttura: Sistema Informativo. Le attività del S.I.T., compresi gli Indirizzi Generali, saranno quindi contenute in quel Programma, mentre le attività di supporto ai progetti troveranno spazio negli Indirizzi Generali dei singoli Programmi interessati. Di particolare evidenza sarà: la prosecuzione del Progetto C.E.R.C.O. che vedrà terminare la fase di sperimentazione a settembre 2011 e la firma di un aggiornamento del Protocollo d Intesa per la prosecuzione dei lavori; la definizione del progetto di Ippovia provinciale e RET; la prosecuzione del Progetto mappe dei Cittadini. Il Servizio Governo del Territorio assumerà come obiettivo trasversale quello del potenziamento, sia in termini qualitativi che quantitativi, della comunicazione, dell interazione e della partecipazione verso i cittadini, anche attraverso l utilizzo di tecnologie informatiche in ambito WEB. La recente riorganizzazione ha portato all'unificazione in un'unica struttura del Sistema Informativo ed Informatico e del Sistema Informativo Territoriale, che ha forti contiguità e supporti nell'ambito dei Servizi Governo del Territorio, Aree Protette e Tutela della Biodiversità ed in generale compiti di supporto trasversale ai Servizi dell'area e delle altre aree dell'ente, quando la natura cartografica delle azioni relative ne consiglia l'interessamento.

5 2011_03_00_99 SIST.INFORM.VO INFORM.CO CHIODINI CARLA Piano degli interventi di semplificazione e miglioramento anno 2011 Trasversale Trasversale Tipo di Obiettivo Strategico Collegato a PROGRAMMA: 2011_03 SIST. INFORMATIVO INFORMATICO RISULTATO ATTESO DA RAGGIUNGERE Attuazione del "Piano degli interventi di semplificazione e miglioramento anno 2011" approvato con direttiva della Giunta Provinciale n. 40 del 19 aprile 2011 mediante gruppi di lavoro trasversali costituiti per ogni progetto di semplificazione sotto il coordinamento della Direzione Generale. AZIONI, ATTIVITÀ Sviluppo dei progetti di semplificazione sotto indicati da parte di gruppi di lavoro interarea, con il coordinamento della Direzione Generale: 1) Visto/Parere di regolarità contabile: procedura di controllo 2) Procedure utenti Ufficio Personale 3) Informatizzazione procedure Ente 4) Predisposizione modelli di atto 5) Rilevazione e monitoraggio spese fisse 6) Contributi e benefici economici 7) Flussi informativi interni: definizione di contenuti e strumenti 8) Servizio Funzioni ausiliarie e centralino 9) Procedure di gara 10) Conferenza di servizi 11) Ufficio Economato 12) Creazione di una sezione sulla intranet per segnalazione criticità e processi complessi 13) Sistema degli Indicatori 14) Riscossione coattiva partite pregresse 15) Gruppo Europa 16) Bilancio di Genere Nuove e sopravvenute esigenze potranno comportare l'implementazione dei progetti proposti.

6 2011_03_00_99 SIST.INFORM.VO INFORM.CO CHIODINI CARLA Piano degli interventi di semplificazione e miglioramento anno 2011 GANTT INDICATORI Descrizione Tipo Valore Atteso Note N. di progetti avviati ATTIVITA 15,00 N. di progetti conclusi con elaborazione di proposte di semplificazione e miglioramento cantierabili ATTIVITA 15,00 N. progetti conclusi/n. progetti avviati EFFICACIA 15/15 N. interventi di semplificazione realizzati/n. progetti conclusi EFFICACIA 0,00 Dato rilevabile a consuntivo N. progetti realizzati ATTIVITA 0,00 Dato rilevabile a consuntivo Misura del risparmio di costi o dell'incremento di entrate a fronte della realizzazione dei progetti ATTIVITA 0,00 Dato rilevabile a consuntivo

7 PROGETTO Centro di Responsabilità Responsabile 2011_03_01 SIST.INFORM.VO INFORM.CO CHIODINI CARLA SIT Tipo di Obiettivo Progetto Collegato a PROGRAMMA: 2011_03 SIST. INFORMATIVO INFORMATICO

8 2011_03_01_01 SIST.INFORM.VO INFORM.CO CHIODINI CARLA SIT Supporto Intersettoriale Tipo di Obiettivo Ordinario Collegato a PROGRAMMA: 2011_03 SIST. INFORMATIVO INFORMATICO PROGETTO: 2011_03_01 SIT RISULTATO ATTESO DA RAGGIUNGERE Supporto alla pianificazione di Settore e alle attività progettuali e operative di altri Servizi. AZIONI, ATTIVITÀ 1.Il SIT sarà riferimento per tutti gli uffici che avranno bisogno di creare ed elaborare dati geografici nell'individuare le metodologia di analisi più opportune e nel redigere le specifiche di acquisizione dati, affinché si crei un'omogeneità con le banche dati già in possesso del SIT. 2.Un'attività specifica verrà svolta con l'ufficio difesa del suolo per quanto riguarda lo svolgimento della fasi 3 dell'obiettivo inerente il "Progetto per l'implementazione del quadro conoscitivo delle principali risorse idriche del territorio provinciale di Prato", legato al Piano regionale di azione ambientale (macrobiettivo D3 - obiettivo specifico "implementazione dei quadri conoscitivi in riferimento allo stato quali-quantitativo della risorsa") e per quanto riguarda l'aggiornamento del quadro conoscitivo del Piano Territoriale di Coordinamento nell'ambito dei fenomeni geomorfologici ob A seguito degli eventi franosi che si sono succeduti sul territorio provinciale, soprattutto negli ultimi anni, si è reso opportuno aggiornare ed integrare il quadro conoscitivo del Piano Territoriale di Coordinamento, anche alla luce delle disposizioni di cui all'art.28 del NTA, con il censimento dei fenomeni geomorfologico verificatisi. A tal fine il Servizio Difesa del Suolo si occuperà di raccogliere gli studi effettuati sugli eventi verificatisi ed avvierà collaborazioni con gli altri soggetti istituzionalmente coinvolti, quali Regione Toscana, Autorità di Bacino e Comuni, nonchè altri soggetti portatori di interessi diffusi. Nell'ambito di questo Progetto l'ufficio SIT si farà carico dell'aggiornamento del PTC ed eventuali elaborazioni GIS.

9 2011_03_01_01 SIST.INFORM.VO INFORM.CO CHIODINI CARLA SIT Supporto Intersettoriale GANTT Soggetti coinvolti Nominativo Relazione Impegno Data Inizio Data Fine Note QUIRINO DANIELA Responsabile della procedura 0,00% 01/05/ /12/2011 INDICATORI Descrizione Tipo Valore Atteso Note Attività di supporto (Stampe, reportistica, elaborazioni dati, etc.) EFFICIENZA 0,00 servizio a richiesta

10 2011_03_01_02 SIST.INFORM.VO INFORM.CO CHIODINI CARLA SIT Supporto Enti e Cittadini Tipo di Obiettivo Ordinario Collegato a PROGRAMMA: 2011_03 SIST. INFORMATIVO INFORMATICO PROGETTO: 2011_03_01 SIT RISULTATO ATTESO DA RAGGIUNGERE Supporto alle esigenze di elaborazioni dati di natura cartografica da parte di enti esterni e singoli cittadini che ne facciano richiesta. AZIONI, ATTIVITÀ In un'ottica di collaborazione con tutti gli Enti operanti sul territorio pratese, l'ufficio SIT mette a disposizione il proprio know-how e le banche dati conoscitive del territorio e si rende disponibile per elaborazioni di dati ed eventuali creazioni di nuove banche dati, al fine di costruire quadri conoscitivi di supporto alla pianificazione comunale. Servizio di reportistica, stampe ed elaborazioni dati sono a disposizione anche di cittadini e professionisti che operano sul territorio previa richiesta. GANTT Soggetti coinvolti Nominativo Relazione Impegno Data Inizio Data Fine Note CIPRIANI LORENZO Responsabile della procedura 0,00% 01/01/ /12/2011

11 2011_03_01_02 SIST.INFORM.VO INFORM.CO CHIODINI CARLA SIT Supporto Enti e Cittadini INDICATORI Descrizione Tipo Valore Atteso Note numero elaborazioni e servizi erogati ad enti esterni e cittadini ATTIVITA 15,00

12 2011_03_01_03 SIST.INFORM.VO INFORM.CO CHIODINI CARLA SIT Aggiornamento Archivi G.I.S. e C.T.R Tipo di Obiettivo Ordinario Collegato a PROGRAMMA: 2011_03 SIST. INFORMATIVO INFORMATICO PROGETTO: 2011_03_01 SIT RISULTATO ATTESO DA RAGGIUNGERE Facendo seguito alle attività già avviate nell'anno precedente ed in tema di collaborazione con la regione Toscana si procederà con gli adempimenti per il cofinanziamento del DB topografico in scala 1: Verrà dato seguito al progetto avviato con la Regione Toscana per la creazione di nuove banche dati, implementando il DB topografico relativo alla sentieristica regionale: Grande Escursione Appenninica - Ippovia. Considerato che alla base di una buona governabilità del territorio vi è la conoscenza dello stesso, si valuterà l'opportunità di acquisire nuovi aggiornamenti per le banche dati più obsolete a disposizione del SIT e l'acquisizione di nuove banche dati con l'ausilio degli altri Servizi dell'ente. AZIONI, ATTIVITÀ 1) A seguito dell'approvazione del Bilancio e del PEG sarà firmata la convenzione con la Regione Toscana e si provvederà al trasferimento degli importi economici stanziati per l'anno 2010 e ) Sarà ultimato il DB topografico sulla sentieristica: ippovia e GEA, così come da specifiche tecniche predisposte dalla Regione Toscana. 3) Verrà effettuata una ricognizione all'interno dell'ente per poter prendere visione della disponibilità di ulteriori dati che potrebbero essere elementi interessanti di conoscenza del territorio. 4) Lì dove si dovessero rendere disponibili nuovi dati verranno integrati negli archivi SIT. VALUTAZIONI ECONOMICO-PATRIMONIALI Si procederà con gli adempimenti previsti dalla D.G.P. n. 278 del 21/12/2010 con cui si approvano gli schemi di convenzione tra Regione Toscana ed Enti Locali cofinanziatori per la realizzazione della Base Informativa Geografica Regionale e dell'infrastruttura Geografica - Progetto Aggiornamento DB Topografico 1:2.000, trasferendo le somme già impegnate ai sensi dell'art. 183 c. del D.lgs.vo 267/2000 e quelle che si provvederà ad impegnare in favore della R.T.

13 2011_03_01_03 SIST.INFORM.VO INFORM.CO CHIODINI CARLA SIT Aggiornamento Archivi G.I.S. e C.T.R GANTT Soggetti coinvolti Nominativo Relazione Impegno Data Inizio Data Fine Note QUIRINO DANIELA Responsabile della procedura 0,00% 01/01/ /12/2011 INDICATORI Descrizione Tipo Valore Atteso Note Banca dati sulla sentieristica EFFICIENZA 1,00 firma convenzione con la Regione Toscana per il DB Topografico ATTIVITA 30/06/2011 RISORSE FINANZIARIE ENTRATE Esercizio Altre Somme Titolo Categoria Capitolo Articolo Competenza/Residuo Descrizione Note Importo Totale Entrate

14 2011_03_01_03 SIST.INFORM.VO INFORM.CO CHIODINI CARLA SIT Aggiornamento Archivi G.I.S. e C.T.R SPESE Esercizio Altre Somme Titolo Intervento Capitolo Articolo /00 CP /00 CP Competenza/Residuo Descrizione Note Importo TRASFERIMENTI ALLA REGIONE TOS CANA PER AGGIORMANENTO 1:2000 NUMERICO C.T.R.TERRITORIO PROV INCIALE (cod. minist ) TRASFERIMENTI ALLA REGIONE TOS CANA PER AGGIORMANENTO 1:2000 NUMERICO C.T.R.TERRITORIO PROV INCIALE (cod. minist ) , ,00 Totale Spese ,00 Saldo ,00

15 2011_03_01_04 SIST.INFORM.VO INFORM.CO CHIODINI CARLA SIT Ippovia Tipo di Obiettivo Strategico Collegato a PROGRAMMA: 2011_03 SIST. INFORMATIVO INFORMATICO PROGETTO: 2011_03_01 SIT RISULTATO ATTESO DA RAGGIUNGERE Progetto Ippovia: In ottemperanza della L.R. 17/98 con cui viene istituita la Rete Escursionistica Toscana (RET), definendo contestualmente le competenze Provinciali in materia di realizzazione e manutenzione della stessa, visto e considerato il progetto della Regione Toscana con cui è stata istituita una prima rete certificata di percorsi a cavallo, denominata Ippovie Toscane ; si porterà a compimento la realizzazione del nuovo percorso a cavallo denominato Ippovia della Provincia di Prato, che si inserisce in un circuito più ampio di ippovie di area metropolitana che attraversano anche i territori di Firenze e Pistoia. Si considera che l attivazione di un Ippovia all interno del territorio provinciale potrà portare alla formulazione di una nuova proposta attrattiva all interno del sistema di offerta turistica ambientale della provincia di Prato, e che tale nuovo itinerario potrà rivelarsi molto interessante e potenzialmente strategico per gli indirizzi di valorizzazione turistica del territorio provinciale, in quanto la promozione ad esso collegato potrà essere inserita all interno dei più ampi itinerari di turismo ambientali proposti dalla Regione Toscana sfruttandone quindi le potenzialità mediatiche. AZIONI, ATTIVITÀ 1) Considerato che il percorso è già stato individuato, sono stati già effettuati tutti i sopralluoghi, effettuato il rilievo GPS e parzialmente elaborata la banca dati, per quest'anno si procederà: - predisposizione di business plan inerente l'intero progetto comprensivo di costi e tempistica, - ultimazione della banca dati, - predisposizione dell'intero piano di posa della cartellonistica, - manutenzione dei tratti che presentano difficoltà per il passaggio dei cavalieri, - condivisione del progetto con le Amministrazioni locali e con le Provincie di Firenze e Pistoia, - predisposizione degli atti gara per la fornitura di cartellonistica, pali e bacheche per l'allestimento del percorso, - posa in opera della cartellonistica, a cui collaborerà anche il C.A.I. in qualità di esperto conoscitore del territorio, nell'ambito della convenzione prevista dall'obiettivo 2011_12_04_05 - progettazione a breve e a lungo termine della promozione con l'ausilio dell'ufficio turismo, - innaugurazione del percorso - costruzione portale web dedicato nell'ambito dell'obiettivo VALUTAZIONI ECONOMICO-PATRIMONIALI Si provvederà all'aggiudicazione definitiva della fornitura della cartellazione per il percorso dell'ippovia provinciale con le risorse stanziate ai capitoli e 27616/1.

16 2011_03_01_04 SIST.INFORM.VO INFORM.CO CHIODINI CARLA SIT Ippovia GANTT Soggetti coinvolti Nominativo Relazione Impegno Data Inizio Data Fine Note BIAGIOTTI GIOVANNI categoria C 20,00% 01/01/ /12/2011 PROIETTI MAURIZIO categoria D 0,00% 01/04/ /04/2012 CIPRIANI LORENZO categoria D 0,00% 01/04/ /04/2012 QUIRINO DANIELA Responsabile della procedura 30,00% 01/01/ /12/2011 INDICATORI Descrizione Tipo Valore Atteso Note Realizzazione piano di posa EFFICACIA 15/05/2011 posa in opera cartelli ATTIVITA 30/09/2011

17 2011_03_01_04 SIST.INFORM.VO INFORM.CO CHIODINI CARLA SIT Ippovia RISORSE FINANZIARIE ENTRATE Esercizio Altre Somme Titolo Categoria Capitolo Articolo Competenza/Residuo Descrizione Note Importo Totale Entrate SPESE Esercizio Altre Somme Titolo Intervento Capitolo Articolo /00 CP /01 RS Competenza/Residuo Descrizione Note Importo ACQUISTO ARREDI ED ATTREZZATUR E PER VALORIZZAZIONE AREE PROT ETTE (AV.ECONOMICO) (cod. minist ) ACQUISTO ARREDI ED ATTREZZATUR E PER VALORIZZAZIONE AREE PRO TETTE (AV.LIBERO) (cod. minist ) , ,00 Totale Spese ,00 Saldo ,00

18 2011_03_01_05 SIST.INFORM.VO INFORM.CO CHIODINI CARLA SIT Mappe Cittadini Tipo di Obiettivo Ordinario Collegato a PROGRAMMA: 2011_03 SIST. INFORMATIVO INFORMATICO PROGETTO: 2011_03_01 SIT RISULTATO ATTESO DA RAGGIUNGERE Si darà seguito al Progetto "Mappe dei Cittadini" che vedrà ancora il coinvolgimento, come soggetto capillarmente presente sul territorio e portatore di diffuse conoscenze storico-culturali sul piano locale, l'associazione A.R.C.I. Prato Turismo, profilandosi come attività continuativa che si snoderà in un arco temporale di tre anni, ma soggetta a verifica annuale delle volontà dell'amministrazione nel merito della prosecuzione del Progetto e valutazione della qualità della prestazione. In quest'arco di tempo l'associazione A.R.C.I. Prato Turismo proseguirà gli incontri con i vari circoli ARCI coinvolti nel progetto e relativi al territorio di Prato zona ovest e sud. AZIONI, ATTIVITÀ 1) attivazione di circa 20 circoli sul territorio di Prato zona Sud ed Ovest 2) georiferimento delle risorse storico-identitarie del territorio 3) costruzione delle banca dati sulla base delle specifiche predisposte dall'ufficio S.I.T. provinciale 4) inserimento delle schede all'interno dell' applicativo WEB predisposto appositamente per le Mappe dei Cittadini 5) pubblicazione web a cura dell'ufficio SIT VALUTAZIONI ECONOMICO-PATRIMONIALI La risorse necessarie all'attuazione del progetto, ammontanti ad ,00, sono stanziate sul capitolo di spesa 4985.

19 2011_03_01_05 SIST.INFORM.VO INFORM.CO CHIODINI CARLA SIT Mappe Cittadini GANTT Soggetti coinvolti Nominativo Relazione Impegno Data Inizio Data Fine Note QUIRINO DANIELA Responsabile della procedura 0,00% 01/05/ /12/2011 INDICATORI Descrizione Tipo Valore Atteso Note numero schede inserite del Progetto Mappe dei Cittadini EFFICACIA 300,00 RISORSE FINANZIARIE ENTRATE Esercizio Altre Somme Titolo Categoria Capitolo Articolo Competenza/Residuo Descrizione Note Importo Totale Entrate

20 2011_03_01_05 SIST.INFORM.VO INFORM.CO CHIODINI CARLA SIT Mappe Cittadini SPESE Esercizio Altre Somme Titolo Intervento Capitolo Articolo /00 CP Competenza/Residuo Descrizione Note Importo CONTRIBUTI CORRENTI AD ENTI ED ASSOCIAZIONI PER INTERVENTI DI TUTELA E PROMOZIONE DI TERRITO RIO,HABITAT E SPECIE (cod. minist ) Vedi anche obiettivo 2011_12_04_ ,00 Totale Spese ,00 Saldo ,00

21 2011_03_01_06 SIST.INFORM.VO INFORM.CO CHIODINI CARLA Progetto CERCO Tipo di Obiettivo Strategico Collegato a PROGRAMMA: 2011_03 SIST. INFORMATIVO INFORMATICO PROGETTO: 2011_03_01 SIT RISULTATO ATTESO DA RAGGIUNGERE Analisi progettazione e sviluppo tecnico del Progetto C.E.R.C.O. (infrastruttura dati territoriali d'area metropolitana). Predisposizione, proposta e firma del secondo Protocollo d'intesa. AZIONI, ATTIVITÀ Dopo la firma nel 2010 del Protocollo d'intesa per la costituzione del Tavolo Tecnico, si prevede l'avvio dei lavori per lo sviluppo di una prima sperimentale infrastruttura dati. Con i diversi tecnici facenti parte degli enti firmatari del protocollo, si individuano le seguenti fasi di sviluppo: 1) Scelta delle tecnologie informatiche da utilizzare per il progetto; 2) Omologazione dei dati in possesso; 3) Creazione e sviluppo di una prima struttura dati; 4) Individuazione di eventuali criticità; 5) Valutazione di eventuali incarichi esterni per lo sviluppo del portale e la creazione di banche dati; 6) Termine della sperimentazione, con resoconto dei progressi ottenuti e coinvolgimento di nuovi enti pubblici o privati per la prosecuzione del progetto. 7) Quantificazione del costo complessivo del Progetto 8) Verifica della disponibilità, e delle eventuali modalità, di partecipazione della regione al Progetto 9) Verifica delle disponibilità finanziarie per il progetto da parte delle varie amministrazioni già coinvolte e da coinvolgere 10) Predisposizione, proposizione e firma del secondo protocollo per la conclusione del Progetto. VALUTAZIONI ECONOMICO-PATRIMONIALI i fondi per gli eventuali incarichi esterni per lo sviluppo del portale e la creazione di banche dati trovano la loro copertura nel capitolo 26750/5, legato ai fondi stanziati per questo scopo dalla R.T.

22 2011_03_01_06 SIST.INFORM.VO INFORM.CO CHIODINI CARLA Progetto CERCO GANTT Soggetti coinvolti Nominativo Relazione Impegno Data Inizio Data Fine Note QUIRINO DANIELA categoria D 0,00% 01/01/2011 BAGNOLI MARCO categoria D 0,00% 01/01/ /12/2011 MAZZOTTA DANIELE Posizione Organizzativa 20,00% 01/01/ /12/2011 CIPRIANI LORENZO Responsabile della procedura 30,00% 01/01/2011 INDICATORI Descrizione Tipo Valore Atteso Note Numero banche dati inserite nel progetto ATTIVITA 30,00 Presentazione del Progetto in Regione EFFICACIA 31/03/2011 Predisposizione secondo Protocollo d'intesa EFFICIENZA 30/09/2011

23 2011_03_01_06 SIST.INFORM.VO INFORM.CO CHIODINI CARLA Progetto CERCO RISORSE FINANZIARIE ENTRATE Esercizio Altre Somme Titolo Categoria Capitolo Articolo /02 CP Competenza/Residuo Descrizione Note Importo TRASFERIMENTO PER CREAZIONE AR CHIVI INFORMATICI (V. CAP /5/U ) (cod. minist ) 5.000,00 Totale Entrate 5.000,00 SPESE Esercizio Altre Somme Titolo Intervento Capitolo Articolo /05 CP Competenza/Residuo Descrizione Note Importo INCARICHI PROFESSIONALI PER CR EAZIONE ARCHIVI INFORMATICI (V. CAP. 870/2/E) (cod. minist ) 5.000,00 Totale Spese 5.000,00 Saldo 0,00

24 PROGETTO Centro di Responsabilità Responsabile 2011_03_02 SIST.INFORM.VO INFORM.CO CHIODINI CARLA SISTEMA INFORMATIVO ED INFORMATICO Tipo di Obiettivo Progetto Collegato a PROGRAMMA: 2011_03 SIST. INFORMATIVO INFORMATICO

25 2011_03_02_01 SIST.INFORM.VO INFORM.CO CHIODINI CARLA Gestione sistema informatico e sua razionalizzazione Tipo di Obiettivo Ordinario Collegato a PROGRAMMA: 2011_03 SIST. INFORMATIVO INFORMATICO PROGETTO: 2011_03_02 SIST. INFORMATIVO INFORMATICO RISULTATO ATTESO DA RAGGIUNGERE Implementazione di nuovi servizi, attività di manutenzione, aggiornamento e ottimizzazione dei servizi già presenti, gestione delle infrastrutture di comunicazione telematica, supporto tecnico agli uffici ed acquisizione di procedure software. AZIONI, ATTIVITÀ Il conseguimento dell'obiettivo avviene attraverso: - Adeguamento tecnologico dei sistemi, nell'ottica della massimizzazione degli investimenti eseguiti e perseguimento dei più ampi risultati, intervenendo ove possibile solo ad evidente obsolescenza e conseguente inadeguatezza dei sistemi; - Aggiornamento di software e procedure informatiche esistenti a seguito di analisi sui fabbisogni in termini di esigenze e/o di ampliamento funzionale operando in modo coordinato e razionalizzando le azioni sulle varie direttrici (le analisi sono compiute nell'ambito dei rispettivi obiettivi , , , , e ); - Mantenimento dei livelli di servizio e funzionali dei sistemi attivando i necessari contratti per l'individuazione dei soggetti qualificati per la fornitura di servizi connessi (manutenzione sistemi, fornitura materiali di consumo, fornitore di connettività Internet) ricorrendo a convenzioni CONSIP o regionali se disponibili e con procedure pubbliche altrimenti; - Perfezionamento dell'impiego delle risorse al fine di cogliere le opportunità messe a disposizione dalle nuove tecnologie nell'ambito della gestione e trasmissione delle informazioni, nella gestione del salvataggio dei dati e della protezione degli stessi con i sistemi antivirus; - Supporto tecnico alle varie aree per l'elaborazione di progetti sviluppati nell'area info-telematica; - Elaborazione di pareri tecnici per l'acquisto di beni e/o servizi informatici; - Collaudi e verifiche di forniture relativi a procedimenti di acquisto avviate anche da altri uffici; - Esecuzione dell'attività tecnica necessaria per il mantenimento dei sistemi informatici esistenti; - Adeguamento della preparazione professionale del personale da realizzarsi tramite l'acquisto di libri e riviste, partecipazione a convegni, seminari, corsi di formazione su discipline e materie specialistiche. A tal fine si provvederà a comunicare le esigenze ai servizi competenti. Il Servizio Risorse informatiche e SIT collabora con il Servizio Lavori Pubblici, per la realizzazione di nuovi impianti su immobili dell'ente e di nuove soluzioni hardware/software per l'ottimizzazione del lavoro dei vari settori. La collaborazione è volta a dare supporto tecnico alla realizzazione di capitolati ed alla richiesta di pareri tecnici. Nell'ambito della gestione del sistema informatico si renderanno disponibili le apparecchiature normalmente destinate alla rottamazione in quanto non più in grado di essere adeguatamente utilizzate nell'ambito degli Uffici, per essere donate ai sensi dell'articolo 17 commi 20 e 21 della Legge n.127 del 15 maggio 1997 soggetti non aventi fini di lucro che ne facciano richiesta. L'elenco del materiale da dismettere sarà collocato in apposito elenco consultabile dal sito

26 2011_03_02_01 SIST.INFORM.VO INFORM.CO CHIODINI CARLA Gestione sistema informatico e sua razionalizzazione VALUTAZIONI ECONOMICO-PATRIMONIALI L'introduzione di nuovi software open-source per il lavoro quotidiano nell'ente consentirà una drastica riduzione dei costi connessi all'uso di software proprietario grazie all'assenza di licenze da dover acquistare e/o aggiornare continuamente La ricognizione ed il coordinamento degli interventi informatici da attuare nell'ente portano ad una omogeneità d'azione nell'individuazione delle necessità future ed alla programmazione delle conseguenti attività di adeguamento con conseguente economicità dell'acquisto del materiale informatico effettuato da un unico centro competente e responsabile e ad innovazione complessiva dell'ente. L'accrescimento professionale del personale, conseguito attraverso la consultazione di riviste e pubblicazioni specializzate e la partecipazione a seminari e corsi di formazione, permette di svolgere una più efficace azione di controllo e verifica sull'operato dei fornitori, nonché meglio inserirsi nelle dinamiche dei processi di innovazione a livello regionale e nazionale con elementi propositivi. Queste azioni si traducono, pertanto, in interventi con ricadute sull'efficienza complessiva dell'ente Per la valutazione di acquisto di nuova strumentazione informatica (hardware e software) si procederà alla verifica del livello di efficienza e di idoneità della strumentazione esistente, al fine di individuare situazioni di obsolescenza per le quali è richiesta la sostituzione; si procederà all'acquisizione del materiale valutando la procedura di acquisto che garantisca la massima concorrenza tra i fornitori, qualora non siano disponibili modalità di approvvigionamento tramite convenzioni CONSIP, in sinergia con il Servizio Provveditorato e Acquisti. Al fine di garantire la piena funzionalità ed efficienza delle procedure software in dotazione all'ente saranno individuati i soggetti per fornitura del servizio di manutenzione adeguativa e correttiva sulla base del vigente Regolamento generale per l'attività contrattuale dell'ente.

Company Profile 2014

Company Profile 2014 Company Profile 2014 Perché Alest? Quando una nuova azienda entra sul mercato, in particolare un mercato saturo come quello informatico viene da chiedersi: perché? Questo Company Profile vuole indicare

Dettagli

L'anno duemiladieci, addì 30 del mese di aprile con la presente scrittura privata, da valere ad ogni effetto di legge, TRA

L'anno duemiladieci, addì 30 del mese di aprile con la presente scrittura privata, da valere ad ogni effetto di legge, TRA Repertorio Unione Terre di Pianura n. 7 del 30/04/2010 CONVENZIONE TRA I COMUNI DI BARICELLA, BUDRIO, GRANAROLO DELL EMILIA, MINERBIO E L UNIONE DI COMUNI TERRE DI PIANURA PER IL CONFERIMENTO DELLE FUNZIONI

Dettagli

progettiamo e realizziamo architetture informatiche Company Profile

progettiamo e realizziamo architetture informatiche Company Profile Company Profile Chi siamo Kammatech Consulting S.r.l. nasce nel 2000 con l'obiettivo di operare nel settore I.C.T., fornendo servizi di progettazione, realizzazione e manutenzione di reti aziendali. Nel

Dettagli

Carta di servizi per il Protocollo Informatico

Carta di servizi per il Protocollo Informatico Carta di servizi per il Protocollo Informatico Codice progetto: Descrizione: PI-RM3 Implementazione del Protocollo informatico nell'ateneo Roma Tre Indice ARTICOLO 1 - SCOPO DEL CARTA DI SERVIZI...2 ARTICOLO

Dettagli

REGOLAMENTO UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO

REGOLAMENTO UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO 1 ' UFFICIO GENERALE DELLE RISORSE, ORGANIZZAZIONE E BILANCIO Ufficio X ex DGPOB Ufficio relazioni con il pubblico e Centro di documentazione REGOLAMENTO UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO SOMMARIO CAPO

Dettagli

Ministero dell Interno DIPARTIMENTO PER GLI AFFARI INTERNI E TERRITORIALI DIREZIONE CENTRALE DELLA FINANZA LOCALE

Ministero dell Interno DIPARTIMENTO PER GLI AFFARI INTERNI E TERRITORIALI DIREZIONE CENTRALE DELLA FINANZA LOCALE Ministero dell Interno DIPARTIMENTO PER GLI AFFARI INTERNI E TERRITORIALI DIREZIONE CENTRALE DELLA FINANZA LOCALE IL DIRETTORE CENTRALE Visto l articolo 47 comma 1, del decreto legge 24 aprile 2014, n.

Dettagli

INTRODUZIONE AL RAPPORTO TRA PEG E PDO

INTRODUZIONE AL RAPPORTO TRA PEG E PDO INTRODUZIONE AL RAPPORTO TRA PEG E PDO Generalmente il piano dettagliato degli obiettivi (art. 108 e 197 del Tuel) coincide con la c.d. parte descrittiva del Peg, cioè quella parte che individua gli obiettivi

Dettagli

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale Giunta Regionale Direzione Generale delle Politiche Territoriali, Ambientali e per la Mobilità Area di Coordinamento Mobilità e Infrastrutture Settore Pianificazione del Sistema Integrato della Mobilità

Dettagli

PROVINCIA DI PESARO E URBINO

PROVINCIA DI PESARO E URBINO PROVINCIA DI PESARO E URBINO Regolamento interno della Stazione Unica Appaltante Provincia di Pesaro e Urbino SUA Provincia di Pesaro e Urbino Approvato con Deliberazione di Giunta Provinciale n 116 del

Dettagli

AREA STRATEGICA 2 - ORGANIZZAZIONE DELLE ATTIVITA' AMMINISTRATIVE E DI GESTIONE

AREA STRATEGICA 2 - ORGANIZZAZIONE DELLE ATTIVITA' AMMINISTRATIVE E DI GESTIONE OBIETTIVO OPERATIVO DESCRIZIONE ATTIVITA' SOGGETTI RESPONSABILI INDICATORI TARGET 2.1.1 2.1.2 Ottimizzazione della Struttura Organizzativa Adozione di un nuovo Organigramma e Funzionigramma della Direzione

Dettagli

COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD -

COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD - COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD - REGOLAMENTO DI CONTABILITÀ SOMMARIO: Capo I - Le competenze del servizio economico-finanziario Capo II - La programmazione

Dettagli

SCHEDA PROGETTO CLIVIA (CONCILIAZIONE LAVORO VITA ARPA)

SCHEDA PROGETTO CLIVIA (CONCILIAZIONE LAVORO VITA ARPA) SCHEDA PROGETTO CLIVIA (CONCILIAZIONE LAVORO VITA ARPA) SOGGETTO ATTUATORE REFERENTE AZIONE DENOMINAZIONE ARPA PIEMONTE INDIRIZZO Via Pio VII n. 9 CAP - COMUNE 10125 Torino NOMINATIVO Bona Griselli N TELEFONICO

Dettagli

PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33

PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33 Settore Segreteria e Direzione generale Ufficio Trasparenza e Comunicazione PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33 Relazione anno 2014 a cura del Segretario Generale e della

Dettagli

- Altri servizi generali. QUADRO A Elementi specifici. Gestione Associata in Unione di comuni

- Altri servizi generali. QUADRO A Elementi specifici. Gestione Associata in Unione di comuni generali di amministrazione, di gestione e di controllo - Organi istituzionali, partecipazione e decentramento - Segreteria generale, Personale e Organizzazione - Gestione economica, Finanziaria, Programmazione,

Dettagli

Visto l'art. 2, comma 1, lettera mm), della legge 23 ottobre 1992, n. 421;

Visto l'art. 2, comma 1, lettera mm), della legge 23 ottobre 1992, n. 421; Decreto Legislativo 12 febbraio 1993, n. 39 (Gazz. Uff. 20 febbraio 1993, n. 42) Norme in materia di sistemi informativi automatizzati delle amministrazioni pubbliche, a norma dell'art. 2, comma 1, lettera

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALEPER LA TRASPARENZA E INTEGRITÀ 2013 / 2014 / 2015

PROGRAMMA TRIENNALEPER LA TRASPARENZA E INTEGRITÀ 2013 / 2014 / 2015 Istituto Comprensivo Statale Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di I Grado Piazzale della Civiltà Tel. 0828/941197 fax. 0828/941197 84069 ROCCADASPIDE (Salerno) C.M. SAIC8AH00L Email-dirdirocca@tiscali.it

Dettagli

Testo non ufficiale. La sola stampa del bollettino ufficiale ha carattere legale

Testo non ufficiale. La sola stampa del bollettino ufficiale ha carattere legale 1 1 LEGGE REGIONALE 24 giugno 2002, n. 12 #LR-ER-2002-12# INTERVENTI REGIONALI PER LA COOPERAZIONE CON I PAESI IN VIA DI SVILUPPO E I PAESI IN VIA DI TRANSIZIONE, LA SOLIDARIETÀ INTERNAZIONALE E LA PROMOZIONE

Dettagli

PROVINCIA DI BRINDISI ----------ooooo----------

PROVINCIA DI BRINDISI ----------ooooo---------- PROVINCIA DI BRINDISI ----------ooooo---------- ESTRATTO DELLE DELIBERAZIONI DEL COMMISSARIO STRAORDINARIO CON POTERI DELLA GIUNTA Atto con dichiarazione di immediata eseguibilità: art. 134, comma 4, D.Lgs.267/2000

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO

PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO PROTOCOLLO D INTESA Comune di Milano Settore Gabinetto del Sindaco Fondazione Cariplo PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO Milano,.. Giugno 2014 2 Il Comune di Milano, con sede in Milano,

Dettagli

RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO

RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO E AZIENDE-UTENTI L IMPATTO DELLE PROCEDURE INFORMATIZZATE a cura di Germana Di Domenico Elaborazione grafica di ANNA NARDONE Monografie sul Mercato del lavoro e le politiche

Dettagli

Determinazione con parere di ragioneria DIRIGENTE (O U.O.P.C.) DI: SETTORE PIANIFICAZIONE TERRITOR., MOBILITA, ENERGIA - MASTELLA MASSIMO

Determinazione con parere di ragioneria DIRIGENTE (O U.O.P.C.) DI: SETTORE PIANIFICAZIONE TERRITOR., MOBILITA, ENERGIA - MASTELLA MASSIMO Determinazione con parere di ragioneria DIRIGENTE (O U.O.P.C.) DI: SETTORE PIANIFICAZIONE TERRITOR., MOBILITA, ENERGIA - MASTELLA MASSIMO P.G. 58467/2012 Data firma: 13/07/2012 Data esecutività: 20/07/2012

Dettagli

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 SETTORE SEGRETARIO GENERALE SERVIZIO ELABORAZIONE DATI OGGETTO: 97.404,80 I.C. SERVIZIO DI ASSISTENZA TECNICA INTEGRALE E FORNITURA DI MATERIALE CONSUMABILE

Dettagli

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Buone prassi di conservazione del patrimonio. www.fondazionecariplo.it

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Buone prassi di conservazione del patrimonio. www.fondazionecariplo.it Bandi 2015 ARTE E CULTURA Buone prassi di conservazione del patrimonio BENESSERE GIOVANI COMUNITÀ www.fondazionecariplo.it BANDI 2015 1 Bando con scadenza 9 aprile 2015 Buone prassi di conservazione del

Dettagli

DELIBERAZIONE N. 30/7 DEL 29.7.2014

DELIBERAZIONE N. 30/7 DEL 29.7.2014 Oggetto: Assegnazione all Azienda ASL n. 8 di Cagliari dell espletamento della procedura per l affidamento del servizio di realizzazione del sistema informatico per la gestione dell accreditamento dei

Dettagli

Il programma per la razionalizzazione degli acquisti nella P.A.

Il programma per la razionalizzazione degli acquisti nella P.A. Il programma per la razionalizzazione degli acquisti nella P.A. Firenze, 27 novembre 2013 Classificazione Consip Public indice Il Programma per la razionalizzazione degli acquisti Focus: Convenzione per

Dettagli

(Lombardia, BUR 18 novembre 2014, n. 47) LA GIUNTA REGIONALE

(Lombardia, BUR 18 novembre 2014, n. 47) LA GIUNTA REGIONALE Deliberazione Giunta Regionale 14 novembre 2014 n. 10/2637 Determinazioni in ordine a: "Promozione e coordinamento dell'utilizzo del patrimonio mobiliare dismesso dalle strutture sanitarie e sociosanitarie

Dettagli

G.U. 11 luglio 2002, n. 161 IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI

G.U. 11 luglio 2002, n. 161 IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI Direttiva del Presidente del Consiglio dei Ministri 30 maggio 2002 Conoscenza e uso del dominio internet ".gov.it" e l'efficace interazione del portale nazionale "italia.gov.it" con le IL PRESIDENTE DEL

Dettagli

COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera

COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera Cap. 75010 Via Sandro Pertini, 11 Tel. 0835672016 Fax 0835672039 Cod. fiscale 80001220773 REGOLAMENTO COMUNALE RECANTE NORME PER LA RIPARTIZIONE DELL INCENTIVO DI

Dettagli

AVVISO DI SELEZIONE PUBBLICA

AVVISO DI SELEZIONE PUBBLICA Viabilità Via Frà Guittone, 10 52100 Arezzo Telefono +39 0575 3354272 Fax +39 0575 3354289 E-Mail rbuffoni@provincia.arezzo.it Sito web www.provincia.arezzo.it C.F. 80000610511 P.IVA 00850580515 AVVISO

Dettagli

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA Prot. 2015/25992 Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate

Dettagli

La strategia regionale per l attuazione della politica degli acquisti

La strategia regionale per l attuazione della politica degli acquisti La strategia regionale per l attuazione della politica degli acquisti pubblici ecologici Olbia, 17 maggio 2013 Gli appalti pubblici coprono una quota rilevante del PIL, tra il 15 e il 17%: quindi possono

Dettagli

COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE

COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE Modello 730 precompilato e fatturazione elettronica Roma, 11 marzo 2015 2 PREMESSA Signori

Dettagli

In Consiglio regionale della Toscana i buoni consigli di ITIL Consiglio Regione Toscana

In Consiglio regionale della Toscana i buoni consigli di ITIL Consiglio Regione Toscana In Consiglio regionale della Toscana i buoni consigli di ITIL Consiglio Regione Toscana Equivale a livello regionale al Parlamento nazionale E composto da 65 consiglieri Svolge il compito di valutare /

Dettagli

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ALL. 5 CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ***** Regolamento sul funzionamento dell Organismo Indipendente di valutazione \ Approvato con deliberazione

Dettagli

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA Premessa La struttura dipartimentale rappresenta il modello ordinario di gestione operativa delle

Dettagli

Comune di Grado Provincia di Gorizia

Comune di Grado Provincia di Gorizia Comune di Grado Provincia di Gorizia REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEGLI INCENTIVI PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI LAVORI PUBBLICI, AI SENSI DELL ART.11 DELLA LEGGE REGIONALE 31 MAGGIO 2002,

Dettagli

Allegato 8 MISURE MINIME ED IDONEE

Allegato 8 MISURE MINIME ED IDONEE Allegato 8 MISURE MINIME ED IDONEE SOMMARIO 1 POLITICHE DELLA SICUREZZA INFORMATICA...3 2 ORGANIZZAZIONE PER LA SICUREZZA...3 3 SICUREZZA DEL PERSONALE...3 4 SICUREZZA MATERIALE E AMBIENTALE...4 5 GESTIONE

Dettagli

È nata una nuova specie di avvocati. Liberi.

È nata una nuova specie di avvocati. Liberi. È nata una nuova specie di avvocati. Liberi. LIBERI DI NON PENSARCI Basta preoccupazioni per il back-up e la sicurezza dei tuoi dati. Con la tecnologia Cloud Computing l archiviazione e la protezione dei

Dettagli

SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO

SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO Il disegno di legge 1212 Disposizioni sulle Città metropolitane, sulle Province, sulle unioni e fusioni di Comuni approvato dal Senato ha

Dettagli

Ministero dell Interno Dipartimento per gli Affari Interni e Territoriali Direzione Centrale per i Servizi Demografici

Ministero dell Interno Dipartimento per gli Affari Interni e Territoriali Direzione Centrale per i Servizi Demografici ALLEGATO TECNICO ALLA CIRCOLARE N. 23/05 Ai sensi del presente allegato tecnico si intende: a) per "S.S.C.E. il sistema di sicurezza del circuito di emissione dei documenti di identità elettronica; b)

Dettagli

CANONI PATRIMONIALI RICOGNITORI E NON RICOGNITORI

CANONI PATRIMONIALI RICOGNITORI E NON RICOGNITORI CANONI PATRIMONIALI RICOGNITORI E NON RICOGNITORI Il canone RICOGNITORIO rappresenta esclusivamente la somma dovuta a titolo di riconoscimento del diritto di proprietà del Comune sul bene oggetto della

Dettagli

Asset sotto controllo... in un TAC. Latitudo Total Asset Control

Asset sotto controllo... in un TAC. Latitudo Total Asset Control Asset sotto controllo... in un TAC Latitudo Total Asset Control Le organizzazioni che hanno implementato e sviluppato sistemi e processi di Asset Management hanno dimostrato un significativo risparmio

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DELLO SPORTELLO UNICO PER L'EDILIZIA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DELLO SPORTELLO UNICO PER L'EDILIZIA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DELLO SPORTELLO UNICO PER L'EDILIZIA INDICE Art. 1 (Oggetto) Art. 2 (Definizioni) Art. 3 (Ambito di applicazione) Art. 4 (Istituzione dello Sportello Unico

Dettagli

II - COMPETENZE DELLA REGIONE E DEGLI ENTI LOCALI IN MATERIA DI TUTELA DELL'AMBIENTE DALL'INQUINAMENTO ACUSTICO

II - COMPETENZE DELLA REGIONE E DEGLI ENTI LOCALI IN MATERIA DI TUTELA DELL'AMBIENTE DALL'INQUINAMENTO ACUSTICO Legge Regionale n 12 del 20/03/1998 Disposizioni in materia di inquinamento acustico emanata da: Regione Liguria e pubblicata su: Bollettino. Uff. Regione n 6 del 15/04/1998

Dettagli

AUTOCERTIFICAZIONE DELL AGGIORNAMENTO INFORMALE - ATTIVITA PROFESSIONALE DI CUI ALL ALLEGATO A DEL REGOLAMENTO -

AUTOCERTIFICAZIONE DELL AGGIORNAMENTO INFORMALE - ATTIVITA PROFESSIONALE DI CUI ALL ALLEGATO A DEL REGOLAMENTO - AUTOCERTIFICAZIONE DELL AGGIORNAMENTO INFORMALE - ATTIVITA PROFESSIONALE DI CUI ALL ALLEGATO A DEL REGOLAMENTO - (Art.5 c.1 e All.A del "Regolamento per l aggiornamento della competenza professionale"

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA Provincia di Pordenone. SETTORE CULTURA - ISTRUZIONE - SPORT Istruzione - Cultura - Politiche Familiari

REPUBBLICA ITALIANA Provincia di Pordenone. SETTORE CULTURA - ISTRUZIONE - SPORT Istruzione - Cultura - Politiche Familiari Proposta nr. 113 del 08/07/2011 - OGGETTO: mostra «FOTOGRAFIA E RISORGIMENTO. TESORI DEI GRANDI MUSEI ITALIANI». Spese per fornitura di immagini digitali. Assunzione impegno di spesa. I L F U N Z I O N

Dettagli

OGGETTO:Programma Integrato Urbano PIU Europa PO FESR Campania 2007-2013 Asse 6 Obiettivo Operativo 6.1.

OGGETTO:Programma Integrato Urbano PIU Europa PO FESR Campania 2007-2013 Asse 6 Obiettivo Operativo 6.1. *** *,. * *** La tua Campania cresce in Europa Via De Turris n.16 "Palazzo S. Anna" Te/. 081 3900565 fax 081 3900592 e-mail: urbanistica@comune.castellanunare-di-stabia.napoli.it pec: urbanistica.stabia@asmepec.it

Dettagli

L.R. N. 19/2002: ACCREDITAMENTO ORGANISMI DI FORMAZIONE

L.R. N. 19/2002: ACCREDITAMENTO ORGANISMI DI FORMAZIONE L.R. N. 19/2002: ACCREDITAMENTO ORGANISMI DI FORMAZIONE 1 INDICE Introduzione pag. 5 Domanda (1) Cos è il sistema regionale di accreditamento? pag. 5 Domanda (2) Cosa deve fare un Ente di formazione per

Dettagli

Linee guida per le Scuole 2.0

Linee guida per le Scuole 2.0 Linee guida per le Scuole 2.0 Premesse Il progetto Scuole 2.0 ha fra i suoi obiettivi principali quello di sperimentare e analizzare, in un numero limitato e controllabile di casi, come l introduzione

Dettagli

28.02.2012 08.03.2012 08.07.2014, 25.09.2014, 11.11.2014, 10.12.2014, 22.12.2014, 14.01.2015 10.02.2015) 12.11.2014, 02.12.2014 23.12.

28.02.2012 08.03.2012 08.07.2014, 25.09.2014, 11.11.2014, 10.12.2014, 22.12.2014, 14.01.2015 10.02.2015) 12.11.2014, 02.12.2014 23.12. Disposizioni regolamentari relative agli Organi Ausiliari approvate dal Senato Accademico in data 28.02.2012 e dal Consiglio di Amministrazione in data 08.03.2012 e successivamente modificate dal Senato

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Allegato 1 Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Progetto e Concorso Dalle aule parlamentari alle aule di scuola. Lezioni di Costituzione

Dettagli

V I V E R E L ' E C C E L L E N Z A

V I V E R E L ' E C C E L L E N Z A VIVERE L'ECCELLENZA L'ECCELLENZA PLURIMA Le domande, come le risposte, cambiano. Gli obiettivi restano, quelli dell eccellenza. 1995-2015 Venti anni di successi dal primo contratto sottoscritto con l Istituto

Dettagli

COMUNITA' DELLA VALLE DI CEMBRA

COMUNITA' DELLA VALLE DI CEMBRA COMUNITA' DELLA VALLE DI CEMBRA REGOLAMENTO PER LA EROGAZIONE DI CONTRIBUTI, SOVVENZIONI ED ALTRE AGEVOLAZIONI ART. 1 FINALITA 1. Con il presente Regolamento la Comunità della Valle di Cembra, nell esercizio

Dettagli

Art. 2 (Procedimento di approvazione e variazione) PARTE PRIMA

Art. 2 (Procedimento di approvazione e variazione) PARTE PRIMA 4 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 162 suppl. del 15-10-2009 PARTE PRIMA Corte Costituzionale LEGGE REGIONALE 7 ottobre 2009, n. 20 Norme per la pianificazione paesaggistica. La seguente

Dettagli

L evoluzione del software per l azienda moderna. Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi

L evoluzione del software per l azienda moderna. Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi IL GESTIONALE DEL FUTURO L evoluzione del software per l azienda moderna Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi IL MERCATO ITALIANO L Italia è rappresentata da un numero elevato di piccole e medie aziende che

Dettagli

SPAI di Puclini Carlo

SPAI di Puclini Carlo CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA INDICE 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA Art. 1 Finalità e compiti del Dipartimento ad attività integrata (DAI) di Medicina Interna

Dettagli

UNIONE TERRED ACQUA IL RESPONSABILE P.O.

UNIONE TERRED ACQUA IL RESPONSABILE P.O. SERVIZIO PERSONALE SCADENZA 13/08/2015 AVVISO DI MOBILITA PER EVENTUALE ASSUNZIONE A TEMPO INDETERMINATO E TEMPO PIENO, DI N. 1 POSTO DI ISTRUTTORE DIRETTIVO AMMINISTRATIVO CAT. GIUR. D1, DEL COMUNE DI

Dettagli

Titolo I - PRINCIPI GENERALI DELLA PIANIFICAZIONE

Titolo I - PRINCIPI GENERALI DELLA PIANIFICAZIONE 1 1 LEGGE REGIONALE 24 marzo 2000, n. 20#LR-ER-2000-20# DISCIPLINA GENERALE SULLA TUTELA E L'USO DEL TERRITORIO Testo coordinato con le modifiche apportate da: L.R. 16 novembre 2000 n. 34 L.R. 21 dicembre

Dettagli

Circolare n 47. Ai Direttori Generai i degli Uffici Scolastici Regionali LORO SEDI

Circolare n 47. Ai Direttori Generai i degli Uffici Scolastici Regionali LORO SEDI MIUR - Ministero dell'istruzione dell'università e della Rice,::]ca AOODGOSV - D.G. per gli Ordinamenti scolastici e la Valutazione del S.N.I. REGISTRO UFFICIALE _. Prot. n. 0006257-21Il 0/20 14 - USCITA

Dettagli

Accademia Beauty and Hair

Accademia Beauty and Hair INDICE CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

REGIONE BASILICATA (ART. 125 DEL D.LGS. N. 163/06) ALLEGATO N. 1 CARATTERISTICHE TECNICHE DEL SERVIZIO

REGIONE BASILICATA (ART. 125 DEL D.LGS. N. 163/06) ALLEGATO N. 1 CARATTERISTICHE TECNICHE DEL SERVIZIO REGIONE BASILICATA PROCEDURA NEGOZIATA PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PROGETTAZIONE, REALIZZAZIONE E GESTIONE DEL SISTEMA INTEGRATO SERB ECM DELLA REGIONE BASILICATA (ART. 125 DEL D.LGS. N. 163/06)

Dettagli

REGOLAMENTO INTERNO DELL UFFICIO SEGRETERIA

REGOLAMENTO INTERNO DELL UFFICIO SEGRETERIA REGOLAMENTO INTERNO DELL UFFICIO SEGRETERIA PREMESSA Le attività dell Ordine dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri di Ravenna sono regolate dal DLCPS 233/1946, dal DPR 221/1950 e dalla legge 409/1985

Dettagli

Circolare n. 64 del 15 gennaio 2014

Circolare n. 64 del 15 gennaio 2014 Circolare n. 64 del 15 gennaio 2014 Ordinativo informatico locale - Revisione e normalizzazione del protocollo sulle regole tecniche ed obbligatorietà dell utilizzo nei servizi di tesoreria PREMESSA L

Dettagli

Facility management. per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni

Facility management. per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni Ope Facility management per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni Ingegneria dell efficienza aziendale Società per i Servizi Integrati

Dettagli

DigitPA. Dominio.gov.it Procedura per la gestione dei sottodomini di terzo livello

DigitPA. Dominio.gov.it Procedura per la gestione dei sottodomini di terzo livello DigitPA Dominio.gov.it Procedura per la gestione dei sottodomini di terzo livello Versione 3.0 Dicembre 2010 Il presente documento fornisce le indicazioni e la modulistica necessarie alla registrazione,

Dettagli

CITTA' DI TRAPANI PROVINCIA REGIONALE DI TRAPANI

CITTA' DI TRAPANI PROVINCIA REGIONALE DI TRAPANI CITTA' DI TRAPANI PROVINCIA REGIONALE DI TRAPANI 6 Settore: Tutela Ambientale Servizio Proponente:Servizi per l'ambiente Responsabile del Procedimento:G.Laudicina Responsabile del Settore: R.Quatrosi DETERMINAZIONE

Dettagli

Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione

Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione Gruppo di Lavoro ITACA Regioni/Presidenza del Consiglio dei Ministri Aggiornamento 14 novembre 2011 Dipartimento

Dettagli

CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO

CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO 1. Il presente Codice di Comportamento integrativo definisce, in applicazione dell'art. 54 del DLgs. n. 165/2001 come riformulato dall'art.1, comma

Dettagli

INFORMATIVA SUI COOKIE

INFORMATIVA SUI COOKIE INFORMATIVA SUI COOKIE I Cookie sono costituiti da porzioni di codice installate all'interno del browser che assistono il Titolare nell erogazione del servizio in base alle finalità descritte. Alcune delle

Dettagli

COMUNE DI ABBIATEGRASSO

COMUNE DI ABBIATEGRASSO Delibera N. 35 del 14/02/2013 COMUNE DI ABBIATEGRASSO Verbale di Deliberazione della Giunta Comunale Oggetto: PROMOZIONE APPROFONDIMENTI SULL'EDILIZIA SOCIALE AI FINI DELL' AGGIORNAMENTO DEL P.G.T.. L'anno

Dettagli

2. Infrastruttura e sicurezza (Equivalente al Pillar 2-3 e 4 della Ade)

2. Infrastruttura e sicurezza (Equivalente al Pillar 2-3 e 4 della Ade) AGENDA DIGITALE ITALIANA 1. Struttura dell Agenda Italia, confronto con quella Europea La cabina di regia parte con il piede sbagliato poiché ridisegna l Agenda Europea modificandone l organizzazione e

Dettagli

Questionario di valutazione: la preparazione di un istituzione

Questionario di valutazione: la preparazione di un istituzione Questionario di valutazione: la preparazione di un istituzione Abbiamo creato questo questionario per aiutarti a prepararti per il workshop e per farti pensare ai diversi aspetti delle collezioni digitali

Dettagli

PROCEDURE DEL MODELLO ORGANIZZATIVO 231 PROCEDURE DI CONTROLLO INTERNO (PCI)

PROCEDURE DEL MODELLO ORGANIZZATIVO 231 PROCEDURE DI CONTROLLO INTERNO (PCI) Pag. 1 di 16 PROCEDURE DEL MODELLO Pag. 2 di 16 Indice PROCEDURE DEL MODELLO... 1 PCI 01 - VENDITA DI SERVIZI... 3 PCI 02 PROCEDIMENTI GIUDIZIALI ED ARBITRALI... 5 PCI 03 AUTORIZZAZIONI E RAPPORTI CON

Dettagli

DIRETTORE UOC SIA (Sistema Informativo Aziendale) Numero telefonico dell ufficio 07346252922 Fax dell Ufficio 07346252811 E-mail istituzionale

DIRETTORE UOC SIA (Sistema Informativo Aziendale) Numero telefonico dell ufficio 07346252922 Fax dell Ufficio 07346252811 E-mail istituzionale INFORMAZIONI PERSONALI Cognome Nome INTORBIDA STEFANO Data di Nascita 15/01/1962 Qualifica Dirigente Ingegnere Amministrazione ASUR - AREA VASTA N. 4 Incarico attuale DIRETTORE UOC SIA (Sistema Informativo

Dettagli

DAT@GON. Gestione Gare e Offerte

DAT@GON. Gestione Gare e Offerte DAT@GON Gestione Gare e Offerte DAT@GON partecipare e vincere nel settore pubblico La soluzione sviluppata da Revorg per il settore farmaceutico, diagnostico e di strumentazione medicale, copre l intero

Dettagli

COMUNE DI ALBIATE SOMMARIO. Provincia di Monza e della Brianza. 1. Oggetto del regolamento. 2. Ambito oggettivo di applicazione

COMUNE DI ALBIATE SOMMARIO. Provincia di Monza e della Brianza. 1. Oggetto del regolamento. 2. Ambito oggettivo di applicazione COMUNE DI ALBIATE Provincia di Monza e della Brianza REGOLAMENTO COMUNALE PER LA RIPARTIZIONE TRA IL RESPONSABILE DEL PROCEDIMENTO E GLI INCARICATI DELLA REDAZIONE DEL PROGETTO, DEL COORDINAMENTO PER LA

Dettagli

MINISTERO DELLA SALUTE

MINISTERO DELLA SALUTE b) unica prova orale su due materie, il cui svolgimento è subordinato al superamento della prova scritta: una prova su deontologia e ordinamento professionale; una prova su una tra le seguenti materie

Dettagli

** * ** Acquisito il parere delle competenti commissioni parlamentari previsto dal citato articolo 24;

** * ** Acquisito il parere delle competenti commissioni parlamentari previsto dal citato articolo 24; D.Lgs. 6-9-1989 n. 322 1 Norme sul Sistema statistico nazionale e sulla riorganizzazione dell'istituto nazionale di statistica, ai sensi dell'art. 24 della L. 23 agosto 1988, n. 400. Pubblicato nella Gazz.

Dettagli

C O M U N E DI M O L I T E R N O

C O M U N E DI M O L I T E R N O C O M U N E DI M O L I T E R N O (Provincia di Potenza) REGOLAMENTO SUI CONTROLLI INTERNI Approvato con delibera consiliare n.05 del 6/02/2013 modificato con delibera consiliare n. 54 del 30/11/2013 Indice

Dettagli

REGOLAMENTO SUL PROCEDIMENTO AMMINISTRATIVO E SUL DIRITTO D'ACCESSO AGLI ATTI

REGOLAMENTO SUL PROCEDIMENTO AMMINISTRATIVO E SUL DIRITTO D'ACCESSO AGLI ATTI COMUNE DI TREMEZZINA REGOLAMENTO SUL PROCEDIMENTO AMMINISTRATIVO E SUL DIRITTO D'ACCESSO AGLI ATTI Approvato con deliberazione del Commissario prefettizio assunta con i poteri di Consiglio n. 19 del 02/04/2014

Dettagli

CURRICULUM VITAE ET STUDIORUM. Cavarretta Giuseppe Alfredo Via R. Sanzio 48/A 0984 33768

CURRICULUM VITAE ET STUDIORUM. Cavarretta Giuseppe Alfredo Via R. Sanzio 48/A 0984 33768 CURRICULUM VITAE ET STUDIORUM Cavarretta Giuseppe Alfredo Via R. Sanzio 48/A 0984 33768 DATI ANAGRAFICI Cavarretta Giuseppe Alfredo Nato a CROTONE (KR) il 16/02/1954 Residente a 87036 RENDE (CS) Via R.

Dettagli

Data Tipo Codice bilancio Capitolo-Articolo Note Previsione 2011- Accer. Impegnato al 08-08-2011 E 1011060 E 75-0

Data Tipo Codice bilancio Capitolo-Articolo Note Previsione 2011- Accer. Impegnato al 08-08-2011 E 1011060 E 75-0 Numer o Data Tipo Codice bilancio Capitolo-Articolo Note Previsione 2011- Accer. Impegnato al 08-08-2011 Previsione 2012 Previsione 2013 1 16/08/2011 E 1011060 E 75-0 1011060: ADDIZIONALE COMUNALE ALL'IRPEF

Dettagli

IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI

IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI dalla G.U. n. 59 del 12 marzo 2014 (s.o. n. 20) DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 3 dicembre 2013 Regole tecniche in materia di sistema di conservazione ai sensi degli articoli 20, commi

Dettagli

Tale comma 6-bis dell art. 92 del codice è stato abrogato in sede di conversione (cfr. infra). www.linobellagamba.it

Tale comma 6-bis dell art. 92 del codice è stato abrogato in sede di conversione (cfr. infra). www.linobellagamba.it Il nuovo incentivo per la progettazione Aggiornamento e tavolo aperto di discussione Lino BELLAGAMBA Prima stesura 4 ottobre 2014 Cfr. D.L. 24 giugno 2014, n. 90, art. 13, comma 1, nella formulazione anteriore

Dettagli

LA FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO 1

LA FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO 1 LA FORMAZIONE PER LA PA FINANZIATA DAL FSE PARTE II - CAPITOLO 2 LA FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO 1 LA PROGRAMMAZIONE DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME

Dettagli

F.A.Q. SUL SISTEMA DI ACCREDITAMENTO PER I SERVIZI AL LAVORO REGIONE PIEMONTE

F.A.Q. SUL SISTEMA DI ACCREDITAMENTO PER I SERVIZI AL LAVORO REGIONE PIEMONTE F.A.Q. SUL SISTEMA DI ACCREDITAMENTO PER I SERVIZI AL LAVORO REGIONE PIEMONTE PRESENTAZIONE DELLA DOMANDA 1. Quale è l indirizzo web per la presentazione della domanda di accreditamento? L indirizzo della

Dettagli

Il Business Process Management nella PA: migliorare la relazione con i cittadini ed ottimizzare i processi interni. A cura di Bernardo Puccetti

Il Business Process Management nella PA: migliorare la relazione con i cittadini ed ottimizzare i processi interni. A cura di Bernardo Puccetti Il Business Process Management nella PA: migliorare la relazione con i cittadini ed ottimizzare i processi interni A cura di Bernardo Puccetti Il Business Process Management nella PA Presentazione SOFTLAB

Dettagli

LO SPORTELLO UNICO PER LE ATTIVITÀ PRODUTTIVE

LO SPORTELLO UNICO PER LE ATTIVITÀ PRODUTTIVE LO SPORTELLO UNICO PER LE ATTIVITÀ PRODUTTIVE I problemi del sistema vigente Lo Sportello Unico per le attività Produttive (SUAP) non ha avuto diffusione su tutto il territorio nazionale e non ha sostituito

Dettagli

COMUNE DI BRIGNANO GERA D ADDA (Provincia di Bergamo) Regolamento recante la disciplina dei Controlli interni

COMUNE DI BRIGNANO GERA D ADDA (Provincia di Bergamo) Regolamento recante la disciplina dei Controlli interni COMUNE DI BRIGNANO GERA D'ADDA (c_b178) - Codice AOO: AOOBRIGNANOADDA - Reg. nr.0001628/2013 del 18/02/2013 ALLEGATO A alla deliberazione del Consiglio comunale n. 2 del 04.02.2013 COMUNE DI BRIGNANO GERA

Dettagli

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE Art. 1 - ISTITUZIONE E istituito presso il Comune di Golfo Aranci, un Centro di Aggregazione

Dettagli

la gestione dei processi comunicazione. i marketing manager si incontrano in Officina- Strategia

la gestione dei processi comunicazione. i marketing manager si incontrano in Officina- Strategia i marketing manager si incontrano in Officina- Strategia la gestione dei processi di comunicazione in quale scenario deve identificarsi un progetto di miglioramento, nella gestione dei beni digitali per

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006)

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) Articolo 1 - Ente gestore, denominazione, natura e sede della scuola 1. L Ente Ispettoria Salesiana Lombardo Emiliana, Ente Ecclesiastico

Dettagli

top Le funzioni di stampa prevedono elenchi, etichette, statistiche e molto altro.

top Le funzioni di stampa prevedono elenchi, etichette, statistiche e molto altro. La collana TOP è una famiglia di applicazioni appositamente studiata per il Terzo Settore. Essa è stata infatti realizzata in continua e fattiva collaborazione con i clienti. I programmi di questa collana

Dettagli

La Pubblica Amministrazione Digitale in Sardegna

La Pubblica Amministrazione Digitale in Sardegna Direzione generale degli affari generali e riforma La Pubblica Amministrazione Digitale in Sardegna Dematerializzazione dei document i dell Amministrazione Regionale Conferenza stampa dell Assessore Massimo

Dettagli

Art. 11 Studio di Impatto Ambientale (S.I.A.) Art. 12 Definizione dei contenuti del S.I.A. (scoping)

Art. 11 Studio di Impatto Ambientale (S.I.A.) Art. 12 Definizione dei contenuti del S.I.A. (scoping) LEGGE REGIONALE 18 maggio 1999, n. 9 DISCIPLINA DELLA PROCEDURA DI VALUTAZIONE DELL'IMPATTO AMBIENTALE Testo coordinato con le modifiche apportate da: L.R. 16 novembre 2000 n. 35 Titolo III PROCEDURA DI

Dettagli

PESATURA CUMULATIVA in fase previsionale OBIETTIVI di PEG 2014

PESATURA CUMULATIVA in fase previsionale OBIETTIVI di PEG 2014 PESATURA CUMULATIVA in fase previsionale di PEG 2014 AI SENSI DEL SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE APPROVATO CON DGP N. 25 DEL 1/02/2011 DIRIGENTE BALOCCO PAOLO Contribuire a migliorare

Dettagli

PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente

PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente Articolo 1 (Principi generali) 1. Ogni persona ha diritto all apprendimento permanente. 2. Per apprendimento permanente si

Dettagli

Attività relative al primo anno

Attività relative al primo anno PIANO OPERATIVO L obiettivo delle attività oggetto di convenzione è il perfezionamento dei sistemi software, l allineamento dei dati pregressi e il costante aggiornamento dei report delle partecipazioni

Dettagli