PIANO ESECUTIVO DI GESTIONE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PIANO ESECUTIVO DI GESTIONE"

Transcript

1 Data elaborazione 06/05/2011 Parametri selezionati: Vista PEG_2011 Peg 2011 Centro di Responsabilità 09 SIST.INFORM.VO INFORM.CO

2 PROGRAMMA Centro di Responsabilità Responsabile 2011_03 SIST.INFORM.VO INFORM.CO CHIODINI CARLA SISTEMA INFORMATIVO ED INFORMATICO PROGRAMMA SISTEMA INFORMATIVO ED INFORMATICO CENTRO DI RESPONSABILITA' SIST.INFORM.VO INFORM.CO RESPONSABILE CHIODINI CARLA

3 PROGRAMMA Centro di Responsabilità Responsabile 2011_03 SIST.INFORM.VO INFORM.CO CHIODINI CARLA SISTEMA INFORMATIVO ED INFORMATICO Tipo di Obiettivo Programma INFORMAZIONI GENERALI PROGRAMMA n.3 "SISTEMA INFORMATIVO ED INFORMATICO" Dirigente Responsabile: Carla Chiodini Area: Pianificazione Territoriale e Difesa del Suolo Servizio: Risorse Informatiche e Sit Centro di costo: 40 INDIRIZZI PROGRAMMATICI Il Programma "Sistema Informativo e Informatico" della Provincia è diretto a supportare mediante l'impiego coerente delle nuove tecnologie i processi di innovazione messi in atto dall'ente al fine di realizzare un'amministrazione pubblica orientata al conseguimento dell'efficienza, efficacia ed economicità nell'ambito della propria azione amministrativa. L'adozione delle nuove tecnologie al servizio delle attività amministrative permette, infatti, di migliorare la qualità dei dati trattati ed incrementare l'efficienza della loro circolazione e condivisione nell'ambito delle comunicazioni all'interno ed all'esterno dell'ente, ed in particolare a: - garantire la trasparenza degli atti; - favorire la diffusione delle informazioni possedute dall'amministrazione; - acquisire le informazioni necessarie per una più efficace gestione del territorio; - accelerare il processo di semplificazione amministrativa; - rendere più efficiente l'interazione e l'interscambio dei dati sia all'interno dell'ente sia con l'esterno ed in particolar modo con tutti i soggetti del territorio. In tale ambito programmatico, prosegue l'attività di collaborazione sinergica con tutti i livelli istituzionali in ambito locale e regionale per l'attuazione di politiche in materia di innovazione tecnologica e contenimento del digital divide sul territorio. In tale contesto, il Servizio fornirà supporto a sostegno delle progettualità individuate, con particolare riferimento all'utilizzo delle nuove tecnologie informatiche per l'attuazione dei processi di innovazione organizzativa e di razionalizzazione delle procedure di trattamento dei flussi informativi, sia a valenza interna che esterna e per la trasmissione elettronica di flussi informativi con soggetti terzi nell'ottica di un uso più efficace, efficiente ed integrato dei dati trattati e dell'interoperabilità dei processi informatici. Fondamentale strumento di conoscenza delle risorse essenziali, di pianificazione, di valutazione degli effetti e di monitoraggio, il Sistema Informativo Territoriale Provinciale, costituito nel 2003, ha visto un significativo sviluppo, grazie anche ai progetti ed ai finanziamenti FESR ed ITERGEO, nell arco degli anni successivi: in termini di dotazione strumentale e tecnologica, in termini di risorse umane e crescita di professionalità, in termini di patrimonio informativo e di banche dati, in termini di know-how e di sperimentazione, in termini di trasparenza amministrativa e di servizi on-line, tramite il Sito Internet del S.I.T. e la pubblicazione del suo patrimonio informativo, in termini di diffusione di buone pratiche, tramite l Accordo Quadro tra il Programma delle Nazioni Unite per gli Insediamenti Umani (UN-HABITAT) in Serbia e la Provincia di Prato, siglato il 25 gennaio 2007 e positivamente concluso nel 2008.

4 PROGRAMMA Centro di Responsabilità Responsabile 2011_03 SIST.INFORM.VO INFORM.CO CHIODINI CARLA SISTEMA INFORMATIVO ED INFORMATICO Il 2010 ha visto il S.I.T. impegnato nella redazione di un progetto di infrastruttura dati territoriali provinciale, per esaltare le potenzialità WEB Service del G.I.S. e per allineare la politica provinciale sulla diffusione del patrimonio informativo alla Direttiva Comunitaria INSPIRE. Tale progetto è stato condotto, attraverso la promozione di un protocollo d intesa, su scala metropolitana con il coinvolgimento delle Province di Pistoia e Firenze, di Comuni ed Enti pubblici e Privati. Allo scopo si è aderito al progetto di aggiornamento della Carta Tecnica Regionale numerica. Parallelamente il S.I.T. ha proseguito nella costruzione di nuove banche dati con la prosecuzione del Progetto Mappe dei Cittadini, con la partecipazione al Progetto Regionale sulla rete escursionistica toscana (RET) e ippovia. Il 2011 vedrà il S.I.T. integrato con il Sistema Informativo ed Informatico (Programma 3) in un unica struttura: Sistema Informativo. Le attività del S.I.T., compresi gli Indirizzi Generali, saranno quindi contenute in quel Programma, mentre le attività di supporto ai progetti troveranno spazio negli Indirizzi Generali dei singoli Programmi interessati. Di particolare evidenza sarà: la prosecuzione del Progetto C.E.R.C.O. che vedrà terminare la fase di sperimentazione a settembre 2011 e la firma di un aggiornamento del Protocollo d Intesa per la prosecuzione dei lavori; la definizione del progetto di Ippovia provinciale e RET; la prosecuzione del Progetto mappe dei Cittadini. Il Servizio Governo del Territorio assumerà come obiettivo trasversale quello del potenziamento, sia in termini qualitativi che quantitativi, della comunicazione, dell interazione e della partecipazione verso i cittadini, anche attraverso l utilizzo di tecnologie informatiche in ambito WEB. La recente riorganizzazione ha portato all'unificazione in un'unica struttura del Sistema Informativo ed Informatico e del Sistema Informativo Territoriale, che ha forti contiguità e supporti nell'ambito dei Servizi Governo del Territorio, Aree Protette e Tutela della Biodiversità ed in generale compiti di supporto trasversale ai Servizi dell'area e delle altre aree dell'ente, quando la natura cartografica delle azioni relative ne consiglia l'interessamento.

5 2011_03_00_99 SIST.INFORM.VO INFORM.CO CHIODINI CARLA Piano degli interventi di semplificazione e miglioramento anno 2011 Trasversale Trasversale Tipo di Obiettivo Strategico Collegato a PROGRAMMA: 2011_03 SIST. INFORMATIVO INFORMATICO RISULTATO ATTESO DA RAGGIUNGERE Attuazione del "Piano degli interventi di semplificazione e miglioramento anno 2011" approvato con direttiva della Giunta Provinciale n. 40 del 19 aprile 2011 mediante gruppi di lavoro trasversali costituiti per ogni progetto di semplificazione sotto il coordinamento della Direzione Generale. AZIONI, ATTIVITÀ Sviluppo dei progetti di semplificazione sotto indicati da parte di gruppi di lavoro interarea, con il coordinamento della Direzione Generale: 1) Visto/Parere di regolarità contabile: procedura di controllo 2) Procedure utenti Ufficio Personale 3) Informatizzazione procedure Ente 4) Predisposizione modelli di atto 5) Rilevazione e monitoraggio spese fisse 6) Contributi e benefici economici 7) Flussi informativi interni: definizione di contenuti e strumenti 8) Servizio Funzioni ausiliarie e centralino 9) Procedure di gara 10) Conferenza di servizi 11) Ufficio Economato 12) Creazione di una sezione sulla intranet per segnalazione criticità e processi complessi 13) Sistema degli Indicatori 14) Riscossione coattiva partite pregresse 15) Gruppo Europa 16) Bilancio di Genere Nuove e sopravvenute esigenze potranno comportare l'implementazione dei progetti proposti.

6 2011_03_00_99 SIST.INFORM.VO INFORM.CO CHIODINI CARLA Piano degli interventi di semplificazione e miglioramento anno 2011 GANTT INDICATORI Descrizione Tipo Valore Atteso Note N. di progetti avviati ATTIVITA 15,00 N. di progetti conclusi con elaborazione di proposte di semplificazione e miglioramento cantierabili ATTIVITA 15,00 N. progetti conclusi/n. progetti avviati EFFICACIA 15/15 N. interventi di semplificazione realizzati/n. progetti conclusi EFFICACIA 0,00 Dato rilevabile a consuntivo N. progetti realizzati ATTIVITA 0,00 Dato rilevabile a consuntivo Misura del risparmio di costi o dell'incremento di entrate a fronte della realizzazione dei progetti ATTIVITA 0,00 Dato rilevabile a consuntivo

7 PROGETTO Centro di Responsabilità Responsabile 2011_03_01 SIST.INFORM.VO INFORM.CO CHIODINI CARLA SIT Tipo di Obiettivo Progetto Collegato a PROGRAMMA: 2011_03 SIST. INFORMATIVO INFORMATICO

8 2011_03_01_01 SIST.INFORM.VO INFORM.CO CHIODINI CARLA SIT Supporto Intersettoriale Tipo di Obiettivo Ordinario Collegato a PROGRAMMA: 2011_03 SIST. INFORMATIVO INFORMATICO PROGETTO: 2011_03_01 SIT RISULTATO ATTESO DA RAGGIUNGERE Supporto alla pianificazione di Settore e alle attività progettuali e operative di altri Servizi. AZIONI, ATTIVITÀ 1.Il SIT sarà riferimento per tutti gli uffici che avranno bisogno di creare ed elaborare dati geografici nell'individuare le metodologia di analisi più opportune e nel redigere le specifiche di acquisizione dati, affinché si crei un'omogeneità con le banche dati già in possesso del SIT. 2.Un'attività specifica verrà svolta con l'ufficio difesa del suolo per quanto riguarda lo svolgimento della fasi 3 dell'obiettivo inerente il "Progetto per l'implementazione del quadro conoscitivo delle principali risorse idriche del territorio provinciale di Prato", legato al Piano regionale di azione ambientale (macrobiettivo D3 - obiettivo specifico "implementazione dei quadri conoscitivi in riferimento allo stato quali-quantitativo della risorsa") e per quanto riguarda l'aggiornamento del quadro conoscitivo del Piano Territoriale di Coordinamento nell'ambito dei fenomeni geomorfologici ob A seguito degli eventi franosi che si sono succeduti sul territorio provinciale, soprattutto negli ultimi anni, si è reso opportuno aggiornare ed integrare il quadro conoscitivo del Piano Territoriale di Coordinamento, anche alla luce delle disposizioni di cui all'art.28 del NTA, con il censimento dei fenomeni geomorfologico verificatisi. A tal fine il Servizio Difesa del Suolo si occuperà di raccogliere gli studi effettuati sugli eventi verificatisi ed avvierà collaborazioni con gli altri soggetti istituzionalmente coinvolti, quali Regione Toscana, Autorità di Bacino e Comuni, nonchè altri soggetti portatori di interessi diffusi. Nell'ambito di questo Progetto l'ufficio SIT si farà carico dell'aggiornamento del PTC ed eventuali elaborazioni GIS.

9 2011_03_01_01 SIST.INFORM.VO INFORM.CO CHIODINI CARLA SIT Supporto Intersettoriale GANTT Soggetti coinvolti Nominativo Relazione Impegno Data Inizio Data Fine Note QUIRINO DANIELA Responsabile della procedura 0,00% 01/05/ /12/2011 INDICATORI Descrizione Tipo Valore Atteso Note Attività di supporto (Stampe, reportistica, elaborazioni dati, etc.) EFFICIENZA 0,00 servizio a richiesta

10 2011_03_01_02 SIST.INFORM.VO INFORM.CO CHIODINI CARLA SIT Supporto Enti e Cittadini Tipo di Obiettivo Ordinario Collegato a PROGRAMMA: 2011_03 SIST. INFORMATIVO INFORMATICO PROGETTO: 2011_03_01 SIT RISULTATO ATTESO DA RAGGIUNGERE Supporto alle esigenze di elaborazioni dati di natura cartografica da parte di enti esterni e singoli cittadini che ne facciano richiesta. AZIONI, ATTIVITÀ In un'ottica di collaborazione con tutti gli Enti operanti sul territorio pratese, l'ufficio SIT mette a disposizione il proprio know-how e le banche dati conoscitive del territorio e si rende disponibile per elaborazioni di dati ed eventuali creazioni di nuove banche dati, al fine di costruire quadri conoscitivi di supporto alla pianificazione comunale. Servizio di reportistica, stampe ed elaborazioni dati sono a disposizione anche di cittadini e professionisti che operano sul territorio previa richiesta. GANTT Soggetti coinvolti Nominativo Relazione Impegno Data Inizio Data Fine Note CIPRIANI LORENZO Responsabile della procedura 0,00% 01/01/ /12/2011

11 2011_03_01_02 SIST.INFORM.VO INFORM.CO CHIODINI CARLA SIT Supporto Enti e Cittadini INDICATORI Descrizione Tipo Valore Atteso Note numero elaborazioni e servizi erogati ad enti esterni e cittadini ATTIVITA 15,00

12 2011_03_01_03 SIST.INFORM.VO INFORM.CO CHIODINI CARLA SIT Aggiornamento Archivi G.I.S. e C.T.R Tipo di Obiettivo Ordinario Collegato a PROGRAMMA: 2011_03 SIST. INFORMATIVO INFORMATICO PROGETTO: 2011_03_01 SIT RISULTATO ATTESO DA RAGGIUNGERE Facendo seguito alle attività già avviate nell'anno precedente ed in tema di collaborazione con la regione Toscana si procederà con gli adempimenti per il cofinanziamento del DB topografico in scala 1: Verrà dato seguito al progetto avviato con la Regione Toscana per la creazione di nuove banche dati, implementando il DB topografico relativo alla sentieristica regionale: Grande Escursione Appenninica - Ippovia. Considerato che alla base di una buona governabilità del territorio vi è la conoscenza dello stesso, si valuterà l'opportunità di acquisire nuovi aggiornamenti per le banche dati più obsolete a disposizione del SIT e l'acquisizione di nuove banche dati con l'ausilio degli altri Servizi dell'ente. AZIONI, ATTIVITÀ 1) A seguito dell'approvazione del Bilancio e del PEG sarà firmata la convenzione con la Regione Toscana e si provvederà al trasferimento degli importi economici stanziati per l'anno 2010 e ) Sarà ultimato il DB topografico sulla sentieristica: ippovia e GEA, così come da specifiche tecniche predisposte dalla Regione Toscana. 3) Verrà effettuata una ricognizione all'interno dell'ente per poter prendere visione della disponibilità di ulteriori dati che potrebbero essere elementi interessanti di conoscenza del territorio. 4) Lì dove si dovessero rendere disponibili nuovi dati verranno integrati negli archivi SIT. VALUTAZIONI ECONOMICO-PATRIMONIALI Si procederà con gli adempimenti previsti dalla D.G.P. n. 278 del 21/12/2010 con cui si approvano gli schemi di convenzione tra Regione Toscana ed Enti Locali cofinanziatori per la realizzazione della Base Informativa Geografica Regionale e dell'infrastruttura Geografica - Progetto Aggiornamento DB Topografico 1:2.000, trasferendo le somme già impegnate ai sensi dell'art. 183 c. del D.lgs.vo 267/2000 e quelle che si provvederà ad impegnare in favore della R.T.

13 2011_03_01_03 SIST.INFORM.VO INFORM.CO CHIODINI CARLA SIT Aggiornamento Archivi G.I.S. e C.T.R GANTT Soggetti coinvolti Nominativo Relazione Impegno Data Inizio Data Fine Note QUIRINO DANIELA Responsabile della procedura 0,00% 01/01/ /12/2011 INDICATORI Descrizione Tipo Valore Atteso Note Banca dati sulla sentieristica EFFICIENZA 1,00 firma convenzione con la Regione Toscana per il DB Topografico ATTIVITA 30/06/2011 RISORSE FINANZIARIE ENTRATE Esercizio Altre Somme Titolo Categoria Capitolo Articolo Competenza/Residuo Descrizione Note Importo Totale Entrate

14 2011_03_01_03 SIST.INFORM.VO INFORM.CO CHIODINI CARLA SIT Aggiornamento Archivi G.I.S. e C.T.R SPESE Esercizio Altre Somme Titolo Intervento Capitolo Articolo /00 CP /00 CP Competenza/Residuo Descrizione Note Importo TRASFERIMENTI ALLA REGIONE TOS CANA PER AGGIORMANENTO 1:2000 NUMERICO C.T.R.TERRITORIO PROV INCIALE (cod. minist ) TRASFERIMENTI ALLA REGIONE TOS CANA PER AGGIORMANENTO 1:2000 NUMERICO C.T.R.TERRITORIO PROV INCIALE (cod. minist ) , ,00 Totale Spese ,00 Saldo ,00

15 2011_03_01_04 SIST.INFORM.VO INFORM.CO CHIODINI CARLA SIT Ippovia Tipo di Obiettivo Strategico Collegato a PROGRAMMA: 2011_03 SIST. INFORMATIVO INFORMATICO PROGETTO: 2011_03_01 SIT RISULTATO ATTESO DA RAGGIUNGERE Progetto Ippovia: In ottemperanza della L.R. 17/98 con cui viene istituita la Rete Escursionistica Toscana (RET), definendo contestualmente le competenze Provinciali in materia di realizzazione e manutenzione della stessa, visto e considerato il progetto della Regione Toscana con cui è stata istituita una prima rete certificata di percorsi a cavallo, denominata Ippovie Toscane ; si porterà a compimento la realizzazione del nuovo percorso a cavallo denominato Ippovia della Provincia di Prato, che si inserisce in un circuito più ampio di ippovie di area metropolitana che attraversano anche i territori di Firenze e Pistoia. Si considera che l attivazione di un Ippovia all interno del territorio provinciale potrà portare alla formulazione di una nuova proposta attrattiva all interno del sistema di offerta turistica ambientale della provincia di Prato, e che tale nuovo itinerario potrà rivelarsi molto interessante e potenzialmente strategico per gli indirizzi di valorizzazione turistica del territorio provinciale, in quanto la promozione ad esso collegato potrà essere inserita all interno dei più ampi itinerari di turismo ambientali proposti dalla Regione Toscana sfruttandone quindi le potenzialità mediatiche. AZIONI, ATTIVITÀ 1) Considerato che il percorso è già stato individuato, sono stati già effettuati tutti i sopralluoghi, effettuato il rilievo GPS e parzialmente elaborata la banca dati, per quest'anno si procederà: - predisposizione di business plan inerente l'intero progetto comprensivo di costi e tempistica, - ultimazione della banca dati, - predisposizione dell'intero piano di posa della cartellonistica, - manutenzione dei tratti che presentano difficoltà per il passaggio dei cavalieri, - condivisione del progetto con le Amministrazioni locali e con le Provincie di Firenze e Pistoia, - predisposizione degli atti gara per la fornitura di cartellonistica, pali e bacheche per l'allestimento del percorso, - posa in opera della cartellonistica, a cui collaborerà anche il C.A.I. in qualità di esperto conoscitore del territorio, nell'ambito della convenzione prevista dall'obiettivo 2011_12_04_05 - progettazione a breve e a lungo termine della promozione con l'ausilio dell'ufficio turismo, - innaugurazione del percorso - costruzione portale web dedicato nell'ambito dell'obiettivo VALUTAZIONI ECONOMICO-PATRIMONIALI Si provvederà all'aggiudicazione definitiva della fornitura della cartellazione per il percorso dell'ippovia provinciale con le risorse stanziate ai capitoli e 27616/1.

16 2011_03_01_04 SIST.INFORM.VO INFORM.CO CHIODINI CARLA SIT Ippovia GANTT Soggetti coinvolti Nominativo Relazione Impegno Data Inizio Data Fine Note BIAGIOTTI GIOVANNI categoria C 20,00% 01/01/ /12/2011 PROIETTI MAURIZIO categoria D 0,00% 01/04/ /04/2012 CIPRIANI LORENZO categoria D 0,00% 01/04/ /04/2012 QUIRINO DANIELA Responsabile della procedura 30,00% 01/01/ /12/2011 INDICATORI Descrizione Tipo Valore Atteso Note Realizzazione piano di posa EFFICACIA 15/05/2011 posa in opera cartelli ATTIVITA 30/09/2011

17 2011_03_01_04 SIST.INFORM.VO INFORM.CO CHIODINI CARLA SIT Ippovia RISORSE FINANZIARIE ENTRATE Esercizio Altre Somme Titolo Categoria Capitolo Articolo Competenza/Residuo Descrizione Note Importo Totale Entrate SPESE Esercizio Altre Somme Titolo Intervento Capitolo Articolo /00 CP /01 RS Competenza/Residuo Descrizione Note Importo ACQUISTO ARREDI ED ATTREZZATUR E PER VALORIZZAZIONE AREE PROT ETTE (AV.ECONOMICO) (cod. minist ) ACQUISTO ARREDI ED ATTREZZATUR E PER VALORIZZAZIONE AREE PRO TETTE (AV.LIBERO) (cod. minist ) , ,00 Totale Spese ,00 Saldo ,00

18 2011_03_01_05 SIST.INFORM.VO INFORM.CO CHIODINI CARLA SIT Mappe Cittadini Tipo di Obiettivo Ordinario Collegato a PROGRAMMA: 2011_03 SIST. INFORMATIVO INFORMATICO PROGETTO: 2011_03_01 SIT RISULTATO ATTESO DA RAGGIUNGERE Si darà seguito al Progetto "Mappe dei Cittadini" che vedrà ancora il coinvolgimento, come soggetto capillarmente presente sul territorio e portatore di diffuse conoscenze storico-culturali sul piano locale, l'associazione A.R.C.I. Prato Turismo, profilandosi come attività continuativa che si snoderà in un arco temporale di tre anni, ma soggetta a verifica annuale delle volontà dell'amministrazione nel merito della prosecuzione del Progetto e valutazione della qualità della prestazione. In quest'arco di tempo l'associazione A.R.C.I. Prato Turismo proseguirà gli incontri con i vari circoli ARCI coinvolti nel progetto e relativi al territorio di Prato zona ovest e sud. AZIONI, ATTIVITÀ 1) attivazione di circa 20 circoli sul territorio di Prato zona Sud ed Ovest 2) georiferimento delle risorse storico-identitarie del territorio 3) costruzione delle banca dati sulla base delle specifiche predisposte dall'ufficio S.I.T. provinciale 4) inserimento delle schede all'interno dell' applicativo WEB predisposto appositamente per le Mappe dei Cittadini 5) pubblicazione web a cura dell'ufficio SIT VALUTAZIONI ECONOMICO-PATRIMONIALI La risorse necessarie all'attuazione del progetto, ammontanti ad ,00, sono stanziate sul capitolo di spesa 4985.

19 2011_03_01_05 SIST.INFORM.VO INFORM.CO CHIODINI CARLA SIT Mappe Cittadini GANTT Soggetti coinvolti Nominativo Relazione Impegno Data Inizio Data Fine Note QUIRINO DANIELA Responsabile della procedura 0,00% 01/05/ /12/2011 INDICATORI Descrizione Tipo Valore Atteso Note numero schede inserite del Progetto Mappe dei Cittadini EFFICACIA 300,00 RISORSE FINANZIARIE ENTRATE Esercizio Altre Somme Titolo Categoria Capitolo Articolo Competenza/Residuo Descrizione Note Importo Totale Entrate

20 2011_03_01_05 SIST.INFORM.VO INFORM.CO CHIODINI CARLA SIT Mappe Cittadini SPESE Esercizio Altre Somme Titolo Intervento Capitolo Articolo /00 CP Competenza/Residuo Descrizione Note Importo CONTRIBUTI CORRENTI AD ENTI ED ASSOCIAZIONI PER INTERVENTI DI TUTELA E PROMOZIONE DI TERRITO RIO,HABITAT E SPECIE (cod. minist ) Vedi anche obiettivo 2011_12_04_ ,00 Totale Spese ,00 Saldo ,00

21 2011_03_01_06 SIST.INFORM.VO INFORM.CO CHIODINI CARLA Progetto CERCO Tipo di Obiettivo Strategico Collegato a PROGRAMMA: 2011_03 SIST. INFORMATIVO INFORMATICO PROGETTO: 2011_03_01 SIT RISULTATO ATTESO DA RAGGIUNGERE Analisi progettazione e sviluppo tecnico del Progetto C.E.R.C.O. (infrastruttura dati territoriali d'area metropolitana). Predisposizione, proposta e firma del secondo Protocollo d'intesa. AZIONI, ATTIVITÀ Dopo la firma nel 2010 del Protocollo d'intesa per la costituzione del Tavolo Tecnico, si prevede l'avvio dei lavori per lo sviluppo di una prima sperimentale infrastruttura dati. Con i diversi tecnici facenti parte degli enti firmatari del protocollo, si individuano le seguenti fasi di sviluppo: 1) Scelta delle tecnologie informatiche da utilizzare per il progetto; 2) Omologazione dei dati in possesso; 3) Creazione e sviluppo di una prima struttura dati; 4) Individuazione di eventuali criticità; 5) Valutazione di eventuali incarichi esterni per lo sviluppo del portale e la creazione di banche dati; 6) Termine della sperimentazione, con resoconto dei progressi ottenuti e coinvolgimento di nuovi enti pubblici o privati per la prosecuzione del progetto. 7) Quantificazione del costo complessivo del Progetto 8) Verifica della disponibilità, e delle eventuali modalità, di partecipazione della regione al Progetto 9) Verifica delle disponibilità finanziarie per il progetto da parte delle varie amministrazioni già coinvolte e da coinvolgere 10) Predisposizione, proposizione e firma del secondo protocollo per la conclusione del Progetto. VALUTAZIONI ECONOMICO-PATRIMONIALI i fondi per gli eventuali incarichi esterni per lo sviluppo del portale e la creazione di banche dati trovano la loro copertura nel capitolo 26750/5, legato ai fondi stanziati per questo scopo dalla R.T.

22 2011_03_01_06 SIST.INFORM.VO INFORM.CO CHIODINI CARLA Progetto CERCO GANTT Soggetti coinvolti Nominativo Relazione Impegno Data Inizio Data Fine Note QUIRINO DANIELA categoria D 0,00% 01/01/2011 BAGNOLI MARCO categoria D 0,00% 01/01/ /12/2011 MAZZOTTA DANIELE Posizione Organizzativa 20,00% 01/01/ /12/2011 CIPRIANI LORENZO Responsabile della procedura 30,00% 01/01/2011 INDICATORI Descrizione Tipo Valore Atteso Note Numero banche dati inserite nel progetto ATTIVITA 30,00 Presentazione del Progetto in Regione EFFICACIA 31/03/2011 Predisposizione secondo Protocollo d'intesa EFFICIENZA 30/09/2011

23 2011_03_01_06 SIST.INFORM.VO INFORM.CO CHIODINI CARLA Progetto CERCO RISORSE FINANZIARIE ENTRATE Esercizio Altre Somme Titolo Categoria Capitolo Articolo /02 CP Competenza/Residuo Descrizione Note Importo TRASFERIMENTO PER CREAZIONE AR CHIVI INFORMATICI (V. CAP /5/U ) (cod. minist ) 5.000,00 Totale Entrate 5.000,00 SPESE Esercizio Altre Somme Titolo Intervento Capitolo Articolo /05 CP Competenza/Residuo Descrizione Note Importo INCARICHI PROFESSIONALI PER CR EAZIONE ARCHIVI INFORMATICI (V. CAP. 870/2/E) (cod. minist ) 5.000,00 Totale Spese 5.000,00 Saldo 0,00

24 PROGETTO Centro di Responsabilità Responsabile 2011_03_02 SIST.INFORM.VO INFORM.CO CHIODINI CARLA SISTEMA INFORMATIVO ED INFORMATICO Tipo di Obiettivo Progetto Collegato a PROGRAMMA: 2011_03 SIST. INFORMATIVO INFORMATICO

25 2011_03_02_01 SIST.INFORM.VO INFORM.CO CHIODINI CARLA Gestione sistema informatico e sua razionalizzazione Tipo di Obiettivo Ordinario Collegato a PROGRAMMA: 2011_03 SIST. INFORMATIVO INFORMATICO PROGETTO: 2011_03_02 SIST. INFORMATIVO INFORMATICO RISULTATO ATTESO DA RAGGIUNGERE Implementazione di nuovi servizi, attività di manutenzione, aggiornamento e ottimizzazione dei servizi già presenti, gestione delle infrastrutture di comunicazione telematica, supporto tecnico agli uffici ed acquisizione di procedure software. AZIONI, ATTIVITÀ Il conseguimento dell'obiettivo avviene attraverso: - Adeguamento tecnologico dei sistemi, nell'ottica della massimizzazione degli investimenti eseguiti e perseguimento dei più ampi risultati, intervenendo ove possibile solo ad evidente obsolescenza e conseguente inadeguatezza dei sistemi; - Aggiornamento di software e procedure informatiche esistenti a seguito di analisi sui fabbisogni in termini di esigenze e/o di ampliamento funzionale operando in modo coordinato e razionalizzando le azioni sulle varie direttrici (le analisi sono compiute nell'ambito dei rispettivi obiettivi , , , , e ); - Mantenimento dei livelli di servizio e funzionali dei sistemi attivando i necessari contratti per l'individuazione dei soggetti qualificati per la fornitura di servizi connessi (manutenzione sistemi, fornitura materiali di consumo, fornitore di connettività Internet) ricorrendo a convenzioni CONSIP o regionali se disponibili e con procedure pubbliche altrimenti; - Perfezionamento dell'impiego delle risorse al fine di cogliere le opportunità messe a disposizione dalle nuove tecnologie nell'ambito della gestione e trasmissione delle informazioni, nella gestione del salvataggio dei dati e della protezione degli stessi con i sistemi antivirus; - Supporto tecnico alle varie aree per l'elaborazione di progetti sviluppati nell'area info-telematica; - Elaborazione di pareri tecnici per l'acquisto di beni e/o servizi informatici; - Collaudi e verifiche di forniture relativi a procedimenti di acquisto avviate anche da altri uffici; - Esecuzione dell'attività tecnica necessaria per il mantenimento dei sistemi informatici esistenti; - Adeguamento della preparazione professionale del personale da realizzarsi tramite l'acquisto di libri e riviste, partecipazione a convegni, seminari, corsi di formazione su discipline e materie specialistiche. A tal fine si provvederà a comunicare le esigenze ai servizi competenti. Il Servizio Risorse informatiche e SIT collabora con il Servizio Lavori Pubblici, per la realizzazione di nuovi impianti su immobili dell'ente e di nuove soluzioni hardware/software per l'ottimizzazione del lavoro dei vari settori. La collaborazione è volta a dare supporto tecnico alla realizzazione di capitolati ed alla richiesta di pareri tecnici. Nell'ambito della gestione del sistema informatico si renderanno disponibili le apparecchiature normalmente destinate alla rottamazione in quanto non più in grado di essere adeguatamente utilizzate nell'ambito degli Uffici, per essere donate ai sensi dell'articolo 17 commi 20 e 21 della Legge n.127 del 15 maggio 1997 soggetti non aventi fini di lucro che ne facciano richiesta. L'elenco del materiale da dismettere sarà collocato in apposito elenco consultabile dal sito

26 2011_03_02_01 SIST.INFORM.VO INFORM.CO CHIODINI CARLA Gestione sistema informatico e sua razionalizzazione VALUTAZIONI ECONOMICO-PATRIMONIALI L'introduzione di nuovi software open-source per il lavoro quotidiano nell'ente consentirà una drastica riduzione dei costi connessi all'uso di software proprietario grazie all'assenza di licenze da dover acquistare e/o aggiornare continuamente La ricognizione ed il coordinamento degli interventi informatici da attuare nell'ente portano ad una omogeneità d'azione nell'individuazione delle necessità future ed alla programmazione delle conseguenti attività di adeguamento con conseguente economicità dell'acquisto del materiale informatico effettuato da un unico centro competente e responsabile e ad innovazione complessiva dell'ente. L'accrescimento professionale del personale, conseguito attraverso la consultazione di riviste e pubblicazioni specializzate e la partecipazione a seminari e corsi di formazione, permette di svolgere una più efficace azione di controllo e verifica sull'operato dei fornitori, nonché meglio inserirsi nelle dinamiche dei processi di innovazione a livello regionale e nazionale con elementi propositivi. Queste azioni si traducono, pertanto, in interventi con ricadute sull'efficienza complessiva dell'ente Per la valutazione di acquisto di nuova strumentazione informatica (hardware e software) si procederà alla verifica del livello di efficienza e di idoneità della strumentazione esistente, al fine di individuare situazioni di obsolescenza per le quali è richiesta la sostituzione; si procederà all'acquisizione del materiale valutando la procedura di acquisto che garantisca la massima concorrenza tra i fornitori, qualora non siano disponibili modalità di approvvigionamento tramite convenzioni CONSIP, in sinergia con il Servizio Provveditorato e Acquisti. Al fine di garantire la piena funzionalità ed efficienza delle procedure software in dotazione all'ente saranno individuati i soggetti per fornitura del servizio di manutenzione adeguativa e correttiva sulla base del vigente Regolamento generale per l'attività contrattuale dell'ente.

PIANO ESECUTIVO DI GESTIONE

PIANO ESECUTIVO DI GESTIONE PROGRAMMA Centro di Responsabilità Responsabile 2012_03 SIST.INFORM.VO INFORM.CO CHIODINI CARLA SISTEMA INFORMATIVO ED INFORMATICO PROGRAMMA SISTEMA INFORMATIVO ED INFORMATICO CENTRO DI RESPONSABILITA'

Dettagli

Oggetto: PROGETTO DI RETE FREE WIFI. APPROVAZIONE CONVENZIONE CON LA PROVINCIA DI FROSINONE. LA GIUNTA COMUNALE

Oggetto: PROGETTO DI RETE FREE WIFI. APPROVAZIONE CONVENZIONE CON LA PROVINCIA DI FROSINONE. LA GIUNTA COMUNALE Oggetto: PROGETTO DI RETE FREE WIFI. APPROVAZIONE CONVENZIONE CON LA PROVINCIA DI FROSINONE. LA GIUNTA COMUNALE PREMESSO che la Provincia di Frosinone ha avviato un percorso per la realizzazione di un

Dettagli

CONSUNTIVO RESPONSABILE: DOTT. EMANUELE TONELLI

CONSUNTIVO RESPONSABILE: DOTT. EMANUELE TONELLI CONSUNTIVO RESPONSABILE: DOTT. EMANUELE TONELLI Centro di costo: 1. Servizi Informatici Telematici e SIT SETTORE: SISTEMI INFORMATIVI RESPONSABILE: Dott. Tonelli Emanuele Centro di Costo: Servizi Informatici

Dettagli

presenti in Consip e Intercenter prevedono il ritiro dell usato oppure con il conferimento in discarica.

presenti in Consip e Intercenter prevedono il ritiro dell usato oppure con il conferimento in discarica. Allegato A) alla delibera G.P. nn. 145/39710 del 11/05/2010 Piano triennale anni 2010-2012 per l individuazione di misure finalizzate alla razionalizzazione dell utilizzo di beni strumentali Dotazioni

Dettagli

COMUNE di PORTOGRUARO - PIANO ESECUTIVO DI GESTIONE 2011

COMUNE di PORTOGRUARO - PIANO ESECUTIVO DI GESTIONE 2011 SEZIONE A Sistema informativo comunale, rete e sicurezza Nell ambito del sistema informativo, degli applicativi in uso, della rete e del sistema di sicurezza va mantenuta e migliorata l efficienza intervenendo

Dettagli

Comunità della Val di Non. Gestione associata in materia informatica

Comunità della Val di Non. Gestione associata in materia informatica in materia Presentazione in sintesi del servizio in gestione Incontri territoriali Gennaio 2013 1 Finalità dell incontro Con questi incontri d ambito ci poniamo l obiettivo di illustrare ad amministratori

Dettagli

PROVINCIA DI PRATO DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DELL AREA: Servizio Risorse Informatiche e SIT

PROVINCIA DI PRATO DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DELL AREA: Servizio Risorse Informatiche e SIT Registro generale n. 1824 del 16/06/2015 Determina con Impegno di spesa DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DELL AREA: Area Tutela e Valorizzazione dell'ambiente, Pianificazione Territoriale, Trasporto e Infrastrutture

Dettagli

PROVINCIA DI PRATO DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DELL AREA: Area Pianificazione Territoriale e Difesa del Suolo. Servizio Risorse Informatiche e SIT

PROVINCIA DI PRATO DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DELL AREA: Area Pianificazione Territoriale e Difesa del Suolo. Servizio Risorse Informatiche e SIT Registro generale n. 1606 del 2011 Determina con Impegno DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DELL AREA: Area Pianificazione Territoriale e Difesa del Suolo Servizio Risorse Informatiche e SIT Oggetto Servizio

Dettagli

ALLEGATO 2 A DELIBERAZIONE N. 24 DEL 29/04/2011

ALLEGATO 2 A DELIBERAZIONE N. 24 DEL 29/04/2011 ALLEGATO 2 A DELIBERAZIONE N. 24 DEL 29/04/2011 RELAZIONE ANNUALE DEL PIANO DI RAZIONALIZZAZIONE DELL UTILIZZO DELLE DOTAZIONI STRUMENTALI ANCHE INFORMATICHE, DELLE AUTOVETTURE DI SERVIZIO E DEI BENI IMMOBILI

Dettagli

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO Reg.delib.n. 2727 Prot. n. 104/08-112C-S112 VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA PROVINCIALE O G G E T T O: Disposizioni per l'attuazione dell'articolo 8, comma 1, della legge

Dettagli

COMUNE DI TERNI DIREZIONE INNOVAZIONE PA - SERVIZI INFORMATIVI (ICT)

COMUNE DI TERNI DIREZIONE INNOVAZIONE PA - SERVIZI INFORMATIVI (ICT) COMUNE DI TERNI DIREZIONE INNOVAZIONE PA - SERVIZI INFORMATIVI (ICT) DETERMINAZIONE DEL DIRIGENTE Numero 144 del 20/01/2011 OGGETTO: Micro Organizzazione Direzione Innovazione PA - Sistemi Informativi

Dettagli

Città di Bassano del Grappa

Città di Bassano del Grappa PIANO TRIENNALE per l individuazione di misure finalizzate alla razionalizzazione dell utilizzo delle dotazioni strumentali Art 2 comma 594 e segg. L. 244/2007 Indice del documento 1. Premessa... 3 2.

Dettagli

Dotazioni informatiche: dai dati in possesso risulta un livello dotazionale hardware e ALLEGATO

Dotazioni informatiche: dai dati in possesso risulta un livello dotazionale hardware e ALLEGATO ALLEGATO PIANO TRIENNALE 2015-2017 PER L'INDIVIDUAZIONE DI MISURE FINALIZZATE ALLA RAZIONALIZZAZIONE DI ALCUNE SPESE DI FUNZIONAMENTO ART. 2, COMMI 594 E SEGG. LEGGE 244/2007 (Legge Finanziaria 2008).

Dettagli

COMUNE DI TERNO D ISOLA

COMUNE DI TERNO D ISOLA COMUNE DI TERNO D ISOLA Provincia di BERGAMO Piano triennale di informatizzazione delle procedure per la presentazione di istanze, dichiarazioni e segnalazioni (Art 24 comma 3bis D.L. 90/2014) INDICE 1)

Dettagli

PROVINCIA DI PRATO. Atti della Giunta Provinciale

PROVINCIA DI PRATO. Atti della Giunta Provinciale PROVINCIA DI PRATO Atti della Giunta Provinciale DELIBERAZIONE N. 222 DEL 17.11.2009 OGGETTO: AREA GESTIONE E SVILUPPO RISORSE INTERNE Programma n. 3 Sistema Informativo e Informatico - Piano esecutivo

Dettagli

COMUNE DI CARPEGNA. Montefeltro Provincia di Pesaro e Urbino. Piano di informatizzazione ai sensi del D.L. 90/2014, art. 24 c.

COMUNE DI CARPEGNA. Montefeltro Provincia di Pesaro e Urbino. Piano di informatizzazione ai sensi del D.L. 90/2014, art. 24 c. COMUNE DI CARPEGNA Montefeltro Provincia di Pesaro e Urbino Piano di informatizzazione ai sensi del D.L. 90/2014, art. 24 c. 3bis Approvato con delibera di Giunta Comunale n. 13 del 16/02/2015 Pag. 2 2.

Dettagli

Sistemi informativi a supporto della gestione associata dei Comuni

Sistemi informativi a supporto della gestione associata dei Comuni CONVENZIONE PER LA GESTIONE ASSOCIATA DELLE FUNZIONI DI ORGANIZZAZIONE GENERALE DELL AMMINISTRAZIONE, GESTIONE FINANZIARIA E CONTABILE E CONTROLLO TRA I COMUNI DI ARQUA POL., FRASSINELLE POL., COSTA DI

Dettagli

PIANO DI RAZIONALIZZAZIONE DELLE RISORSE INFORMATICHE E TECNOLOGICHE 2012-2014

PIANO DI RAZIONALIZZAZIONE DELLE RISORSE INFORMATICHE E TECNOLOGICHE 2012-2014 SERVIZIO COMUNALI SERVICE PIANO DI RAZIONALIZZAZIONE DELLE RISORSE INFORMATICHE E TECNOLOGICHE 2012-2014 Approvato con Deliberazione della Giunta Comunale n... del././ 1 SERVIZIO COMUNALI SERVICE INDICE

Dettagli

Comune di Sondrio PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ DEL COMUNE DI SONDRIO 2012-2013-2014

Comune di Sondrio PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ DEL COMUNE DI SONDRIO 2012-2013-2014 Comune di Sondrio PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ DEL COMUNE DI SONDRIO 2012-2013-2014 1. PREMESSA Con la redazione del presente Programma Triennale per la trasparenza e l integrità,

Dettagli

SERVIZIO APPALTI, CONTRATTI ED ACQUISTI U. O. Provveditorato

SERVIZIO APPALTI, CONTRATTI ED ACQUISTI U. O. Provveditorato COMUNE DI RAVENNA Lett. b. SERVIZIO APPALTI, CONTRATTI ED ACQUISTI U. O. Provveditorato Misure finalizzate al contenimento della spesa (Art. 2 commi 594-599 della L. 244/2007 Legge Finanziaria 2008) La

Dettagli

DIREZIONE PROGRAMMAZIONE E CONTROLLO

DIREZIONE PROGRAMMAZIONE E CONTROLLO DIREZIONE PROGRAMMAZIONE E CONTROLLO Sintesi delle funzioni attribuite DIREZIONE UNITA` ORGANIZZATIVA con fondi della Legge Speciale per Venezia, sovrintende all erogazione dei contributi per il recupero

Dettagli

Introduzione. Le infrastrutture di Regione Toscana. http://www.cart.rete.toscana.it. Versione 0.4 1 10/10/2007

Introduzione. Le infrastrutture di Regione Toscana. http://www.cart.rete.toscana.it. Versione 0.4 1 10/10/2007 Introduzione Le infrastrutture di Regione Toscana http://www.cart.rete.toscana.it Versione 0.4 1 10/10/2007 1 L'ultima versione di questo manuale è diponibile al seguente URL 1 Indice generale Introduzione...3

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA

PROTOCOLLO DI INTESA ALLEGATO A PROTOCOLLO DI INTESA TRA Regione Toscana e Unione Nazionale Comuni Comunità Enti Montani UNCEM Toscana Associazione Regionale dei Comuni della Toscana ANCI Toscana Unione Province Toscane UPI

Dettagli

PROTOCOLLO D'INTESA TRA REGIONE TOSCANA UNIONCAMERE TOSCANA AI FINI DELLA COOPERAZIONE NELLA SEMPLIFICAZIONE, SVILUPPO ED INNOVAZIONE

PROTOCOLLO D'INTESA TRA REGIONE TOSCANA UNIONCAMERE TOSCANA AI FINI DELLA COOPERAZIONE NELLA SEMPLIFICAZIONE, SVILUPPO ED INNOVAZIONE ALLEGATO "A" PROTOCOLLO D'INTESA TRA REGIONE TOSCANA E UNIONCAMERE TOSCANA AI FINI DELLA COOPERAZIONE NELLA SEMPLIFICAZIONE, SVILUPPO ED INNOVAZIONE IN TERMINI DI E-COMPETITIVITA' DEI RAPPORTI TRA LA PUBBLICA

Dettagli

Comune di San Donà di Piave

Comune di San Donà di Piave COPIA Comune di San Donà di Piave PROVINCIA DI VENEZIA Verbale di deliberazione della Giunta Comunale Deliberazione n 204 del 09/10/2014 OGGETTO REALIZZAZIONE DI UN PIANO DI SVILUPPO DIGITALE PER LA CITTA'

Dettagli

PROVINCIA DI PISTOIA. Seduta del 10 FEBBRAIO 2011

PROVINCIA DI PISTOIA. Seduta del 10 FEBBRAIO 2011 PROVINCIA DI PISTOIA VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA PROVINCIALE Atto n. 16 Seduta del 10 FEBBRAIO 2011 GGETTO: "PROGETTO FREEITALIA WIFI" - PROVINCIA DI ROMA, REGIONE SARDEGNA, COMUNE DI VENEZIA,

Dettagli

PIANO DI INFORMATIZZAZIONE

PIANO DI INFORMATIZZAZIONE Comune di Rocca San Giovanni PIANO DI INFORMATIZZAZIONE delle procedure per la presentazione e compilazione on-line da parte di cittadini ed imprese delle istanze, dichiarazioni e segnalazioni al comune

Dettagli

Servizi di staff Personale Uffici Personale Competenze esemplificative di procedimento

Servizi di staff Personale Uffici Personale Competenze esemplificative di procedimento Amministrazione trasparente art. 13, comma 1, lett. b) D.Lgs. n. 33/2013 Articolazione degli uffici, competenze e risorse a disposizione di ciascun ufficio La struttura organizzativa degli Uffici dell

Dettagli

UNIVERSITA AGRARIA DI TARQUINIA PROVINCIA DI VITERBO. Piano triennale per la trasparenza e l integrità (art. 10 del D. Lgs. 14 marzo 2013 n.

UNIVERSITA AGRARIA DI TARQUINIA PROVINCIA DI VITERBO. Piano triennale per la trasparenza e l integrità (art. 10 del D. Lgs. 14 marzo 2013 n. UNIVERSITA AGRARIA DI TARQUINIA PROVINCIA DI VITERBO Piano triennale per la trasparenza e l integrità (art. 10 del D. Lgs. 14 marzo 2013 n. 33) PREMESSA Con il presente programma triennale per la trasparenza

Dettagli

COMUNE DI VEDANO AL LAMBRO

COMUNE DI VEDANO AL LAMBRO COMUNE DI VEDANO AL LAMBRO Provincia di Monza e Brianza A LLEGATO ALLA DELIBERAZIONE DI G.C. N. 103 DEL 05.08.2008 PIANO TRIENNALE DI RAZIONALIZZAZIONE DELLE DOTAZIONI STRUMENTALI, DELLE AUTOVETTRE E DEI

Dettagli

COMUNE DI CASNATE CON BERNATE

COMUNE DI CASNATE CON BERNATE COMUNE DI CASNATE CON BERNATE RELAZIONE AGGIORNAMENTO MISURE CONTENIMENTO SPESE DI FUNZIONAMENTO EX ART. 2, COMMI 594 E SEGG., L. 24.12.2007 N. 244 A) Premessa. L art. 2, commi 594 e segg. della legge

Dettagli

L azione organizzativa come leva per raggiungere gli obiettivi della digitalizzazione della PA. Bologna, 01 luglio 2014

L azione organizzativa come leva per raggiungere gli obiettivi della digitalizzazione della PA. Bologna, 01 luglio 2014 L azione organizzativa come leva per raggiungere gli obiettivi della digitalizzazione della PA Il Percorso intrapreso dalla Regione Emilia-Romagna Grazia Cesari Evento organizzato in collaborazione con

Dettagli

COMUNE DI BREMBILLA Provincia di Bergamo

COMUNE DI BREMBILLA Provincia di Bergamo Allegato alla deliberazione C.C. n. 39 del 19/9/2005 COMUNE DI BREMBILLA Provincia di Bergamo REGOLAMENTO PER LA COMUNICAZIONE ART. 1 - PRINCIPI GENERALI... 2 ART. 2 - OGGETTO DEL REGOLAMENTO... 2 ART.

Dettagli

COMUNE DI VERBANIA. PROVINCIA DEL V.C.O. 28900 VERBANIA Tel. 0323/5421 Fax 0323/557197 ****** UNITA' STRATEGICHE (S) SISTEMI INFORMATICI

COMUNE DI VERBANIA. PROVINCIA DEL V.C.O. 28900 VERBANIA Tel. 0323/5421 Fax 0323/557197 ****** UNITA' STRATEGICHE (S) SISTEMI INFORMATICI COMUNE DI VERBANIA PROVINCIA DEL V.C.O. 28900 VERBANIA Tel. 0323/5421 Fax 0323/557197 ****** UNITA' STRATEGICHE (S) SISTEMI INFORMATICI DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 1888 / 2014 OGGETTO: CIG ZCC122887A

Dettagli

PROVINCIA DI PRATO DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DELL AREA: Area Pianificazione Territoriale e Difesa del Suolo. Servizio Risorse Informatiche e SIT

PROVINCIA DI PRATO DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DELL AREA: Area Pianificazione Territoriale e Difesa del Suolo. Servizio Risorse Informatiche e SIT Registro generale n. 4484 del 29/12/2014 Determina con Impegno di spesa DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DELL AREA: Area Pianificazione Territoriale e Difesa del Suolo Servizio Risorse Informatiche e SIT

Dettagli

2) Entro Novembre. 6) Entro Marzo 2004

2) Entro Novembre. 6) Entro Marzo 2004 Documento di programmazione del progetto denominato: Realizzazione della seconda fase di sviluppo di intranet: Dall Intranet istituzionale all Intranet per la gestione e condivisione delle conoscenze.

Dettagli

Voci di costo di un progetto di automazione del protocollo e della gestione dei flussi documentali

Voci di costo di un progetto di automazione del protocollo e della gestione dei flussi documentali Voci di costo di un progetto di automazione del protocollo e della gestione dei flussi documentali Indice 1. PREMESSA... 3 2. COSTI DI SVILUPPO... 3 3. COSTI DI ESERCIZIO... 4 4. CLASSIFICAZIONE DELLE

Dettagli

Concorso Premiamo i risultati DOCUMENTO DI PARTECIPAZIONE

Concorso Premiamo i risultati DOCUMENTO DI PARTECIPAZIONE Ministero per la pubblica amministrazione e l innovazione Concorso Premiamo i risultati DOCUMENTO DI PARTECIPAZIONE - 1 - PREMESSA Il documento di partecipazione ha come oggetto la progettazione esecutiva

Dettagli

Il Comune Lo sviluppo informatico

Il Comune Lo sviluppo informatico Il Comune Lo sviluppo informatico Il SISTEMA INFORMATIVO COMUNALE Situazione di contesto Il sistema informativo del Comune di Fabriano è composto da due parti essenziali. La prima, più visibile è costituita

Dettagli

COMUNE DI CASTELCUCCO

COMUNE DI CASTELCUCCO COMUNE DI CASTELCUCCO Piano di informatizzazione delle procedure per la presentazione delle istanze, dichiarazioni e segnalazioni ai sensi art. 24, comma 3 bis D.L. n. 90/2014 e s.m.i. SOMMARIO 1 CONTESTO

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E INTEGRITÀ ANNI 2012-13-14

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E INTEGRITÀ ANNI 2012-13-14 PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E INTEGRITÀ ANNI 2012-13-14 Le modifiche normative intervenute, nell ambito dell ampio programma di riforma della Pubblica Amministrazione, impongono agli Enti Locali

Dettagli

PROVINCIA DI PRATO DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DELL AREA: Area Pianificazione Territoriale e Difesa del Suolo (DS)

PROVINCIA DI PRATO DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DELL AREA: Area Pianificazione Territoriale e Difesa del Suolo (DS) Registro generale n. 3076 del 2011 Determina con Impegno DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DELL AREA: Area Pianificazione Territoriale e Difesa del Suolo (DS) Servizio Risorse Informatiche e SIT (SI) Oggetto

Dettagli

Nuove regole procedurali relative alla tenuta dei registri informatizzati dell'amministrazione della giustizia. IL MINISTRO DELLA GIUSTIZIA

Nuove regole procedurali relative alla tenuta dei registri informatizzati dell'amministrazione della giustizia. IL MINISTRO DELLA GIUSTIZIA D.M. 27 aprile 2009 Nuove regole procedurali relative alla tenuta dei registri informatizzati dell'amministrazione della giustizia. Pubblicato nella Gazz. Uff. 11 maggio 2009, n. 107. IL MINISTRO DELLA

Dettagli

Piano di Informatizzazione delle Procedure per la presentazione di istanze, dichiarazioni e segnalazioni online

Piano di Informatizzazione delle Procedure per la presentazione di istanze, dichiarazioni e segnalazioni online Allegato 1) Provincia di Como Piano di Informatizzazione delle Procedure per la presentazione di istanze, dichiarazioni e segnalazioni online Approvato con la deliberazione del Presidente della Provincia

Dettagli

CASA COMUNE. Trasparenza TRASPARENZA, PARTECIPAZIONE, EFFICIENZA DEL COMUNE, CONNETTIVITÀ, COMUNICAZIONE ELEZIONI AMMINISTRATIVE 2015 - GELA

CASA COMUNE. Trasparenza TRASPARENZA, PARTECIPAZIONE, EFFICIENZA DEL COMUNE, CONNETTIVITÀ, COMUNICAZIONE ELEZIONI AMMINISTRATIVE 2015 - GELA ELEZIONI AMMINISTRATIVE 2015 - GELA CASA COMUNE TRASPARENZA, PARTECIPAZIONE, EFFICIENZA DEL COMUNE, CONNETTIVITÀ, COMUNICAZIONE Trasparenza In questi anni il distacco dei cittadini dalla politica ha raggiunto

Dettagli

COMUNE DI MAGIONE Piano di informatizzazione ai sensi del D.L. 90/2014, art. 24 coordinato con la legge di Conversione 11 agosto 2014, n.

COMUNE DI MAGIONE Piano di informatizzazione ai sensi del D.L. 90/2014, art. 24 coordinato con la legge di Conversione 11 agosto 2014, n. COMUNE DI MAGIONE Piano di informatizzazione ai sensi del D.L. 90/2014, art. 24 coordinato con la legge di Conversione 11 agosto 2014, n. 114 Rif. int. : Rev. : 0.0 Vers. Prec. : Sommario 1- Revisioni...

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA' anni 2013 2014 2015

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA' anni 2013 2014 2015 PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA' anni 2013 2014 2015 Il presente Piano si articola nelle seguenti sezioni: 1. Premessa; 2. Supporto normativo; 3. Sezione programmatica: attività di

Dettagli

ACCORDO DI PROGRAMMA PER LO SVILUPPO DELLA BANDA LARGA SUL TERRITORIO DELLA REGIONE IL MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO REGIONE

ACCORDO DI PROGRAMMA PER LO SVILUPPO DELLA BANDA LARGA SUL TERRITORIO DELLA REGIONE IL MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO REGIONE FORMAT ACCORDO MINISTERO DELLO REGIONE SVILUPPO ECONOMICO ACCORDO DI PROGRAMMA PER LO SVILUPPO DELLA BANDA LARGA SUL TERRITORIO DELLA REGIONE IL MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO E REGIONE VISTO l articolo

Dettagli

Progetto dematerializzazione

Progetto dematerializzazione Progetto dematerializzazione -1- Contesto di riferimento Il progetto dematerializzazione si inserisce nelle linee di programmazione dell Area Amministrativa e Tecnica tra i progetti trasversali che nel

Dettagli

SOMMARIO 1 CONTESTO ATTUALE E SERVIZI ATTIVI... 2 OBIETTIVI DEL COMUNE...

SOMMARIO 1 CONTESTO ATTUALE E SERVIZI ATTIVI... 2 OBIETTIVI DEL COMUNE... COMUNE DI FONTE Piano di informatizzazione delle procedure per la presentazione delle istanze, dichiarazioni e segnalazioni ai sensi art. 24, comma 3 bis D.L. n. 90/2014 e s.m.i. SOMMARIO 1 CONTESTO ATTUALE

Dettagli

COMUNE DI CASTELVECCHIO DI ROCCA BARBENA PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA ANNO 2014-2016

COMUNE DI CASTELVECCHIO DI ROCCA BARBENA PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA ANNO 2014-2016 COMUNE DI CASTELVECCHIO DI ROCCA BARBENA PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA ANNO 2014-2016 1 2 INDICE 1- PREMESSA 2- NORMATIVA 3- ORGANIZZAZIONE E FUNZIONE DELL ENTE 4- SITO WEB ISTITUZIONALE

Dettagli

CST Area di Taranto. Assemblea dei Sindaci 19.09.2008. Relazione Attività Di Progetto

CST Area di Taranto. Assemblea dei Sindaci 19.09.2008. Relazione Attività Di Progetto CST Area di Taranto Assemblea dei Sindaci 19.09.2008 Relazione Attività Di Progetto Uno degli obiettivi del progetto CST Area di TARANTO è stato quello di garantire la diffusione dei servizi innovativi

Dettagli

AVVISO PER LA PROMOZIONE NELLA PROVINCIA DI PRATO DI UNA INFRASTRUTTURA DI RETE WIFI FEDERATA PROVINCIA DI PRATO

AVVISO PER LA PROMOZIONE NELLA PROVINCIA DI PRATO DI UNA INFRASTRUTTURA DI RETE WIFI FEDERATA PROVINCIA DI PRATO PROVINCIA DI PRATO AREA PIANIFICAZIONE TERRITORIALE E DIFESA DEL SUOLO AVVISO PER LA PROMOZIONE NELLA PROVINCIA DI PRATO DI UNA INFRASTRUTTURA DI Premesso che la Provincia di Prato ha avviato un percorso

Dettagli

REGOLAMENTO DELL UFFICIO COMUNICAZIONE

REGOLAMENTO DELL UFFICIO COMUNICAZIONE COMUNE DI MESSINA REGOLAMENTO DELL UFFICIO COMUNICAZIONE Approvato con deliberazione commissariale n. 335/05 pubblicata all albo pretorio dal 10/4/05 al 26/4/05 Ripubblicato dal 4/5/05 al 19/5/05 CAPO

Dettagli

Determinazione dirigenziale

Determinazione dirigenziale SETTORE SISTEMA INFORMATIVI ASSOCIATI --- SIA Determinazione dirigenziale Registro Generale N. 347 del 29/05/2015 Registro del Settore N. 47 del 25/05/2015 Oggetto: Acquisto del servizio di supporto e

Dettagli

Sottoscritto il protocollo d'intesa per la dematerializzazione dei fascicoli [1]

Sottoscritto il protocollo d'intesa per la dematerializzazione dei fascicoli [1] Sottoscritto il protocollo d'intesa per la dematerializzazione dei fascicoli [1] In un momento di grandi trasformazioni l'amministrazione Comunale ha avviato un processo di cambiamento dell'attuale modus

Dettagli

SPORTELLO UNICO DELLE ATTIVITA PRODUTTIVE. Rete telematica e servizi di supporto ICT

SPORTELLO UNICO DELLE ATTIVITA PRODUTTIVE. Rete telematica e servizi di supporto ICT SPORTELLO UNICO DELLE ATTIVITA PRODUTTIVE Rete telematica e servizi di supporto ICT La rete telematica regionale LEPIDA ed il SISTEMA a rete degli SUAP come esempi di collaborazione fra Enti della PA per

Dettagli

COMUNITA MONTANA DUE LAGHI CUSIO MOTTARONE E VAL STRONA

COMUNITA MONTANA DUE LAGHI CUSIO MOTTARONE E VAL STRONA COMUNITA MONTANA DUE LAGHI CUSIO MOTTARONE E VAL STRONA PROGRAMMA TRIENNALE 2014 2016 PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA (ai sensi dell art. 11, commi 2 e 8, lettera a) del D.Lgs. n. 150/2009) (come riordinato

Dettagli

Piano triennale di razionalizzazione delle dotazioni strumentali

Piano triennale di razionalizzazione delle dotazioni strumentali COMUNE DI MAGNAGO Piazza Italia, 1-20020 Magnago (MI) SERVIZIO FINANZIARIO Piano triennale di razionalizzazione delle dotazioni strumentali Autovetture, telefonia mobile, fotoriproduttori, fax e strumenti

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2013-2015 (articolo 11, comma 2 del D.lgs. 27/10/2009, n. 150)

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2013-2015 (articolo 11, comma 2 del D.lgs. 27/10/2009, n. 150) COMUNE DI CAROVIGNO ( P r o v. d i B r i n d i s i ) Via Verdi,1-72012 Carovigno (Br) PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2013-2015 (articolo 11, comma 2 del D.lgs. 27/10/2009, n. 150)

Dettagli

Parte III Programma Triennale per la Trasparenza e l Integrità Triennio 20016-2018

Parte III Programma Triennale per la Trasparenza e l Integrità Triennio 20016-2018 Parte III Programma Triennale per la Trasparenza e l Integrità Triennio 20016-2018 1. Introduzione Il presente programma è adottato nel rispetto della vigente normativa in materia di trasparenza (D. Lgs.

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA ANNI 2012-2013-2014

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA ANNI 2012-2013-2014 PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA ANNI 2012-2013-2014 1 PREMESSA Con la redazione del presente Programma Triennale per la trasparenza e l integrità, di seguito denominato Programma,

Dettagli

GARA A PROCEDURA APERTA AI SENSI DEL D.LGS. 163/2006 E S.M.I. PER L AFFIDAMENTO DI SERVIZI DI MANUTENZIONE

GARA A PROCEDURA APERTA AI SENSI DEL D.LGS. 163/2006 E S.M.I. PER L AFFIDAMENTO DI SERVIZI DI MANUTENZIONE ALLEGATO 2 GARA A PROCEDURA APERTA AI SENSI DEL D.LGS. 163/2006 E S.M.I. PER L AFFIDAMENTO DI SERVIZI DI MANUTENZIONE EVOLUTIVA, GESTIONE APPLICATIVA, MANUTENZIONE ADEGUATIVA, ASSISTENZA AGLI UTENTI E

Dettagli

Settore Ordinamento ed Organizzazione Intersettoriale REGOLAMENTO CONTROLLO DI GESTIONE

Settore Ordinamento ed Organizzazione Intersettoriale REGOLAMENTO CONTROLLO DI GESTIONE Settore Ordinamento ed Organizzazione Intersettoriale REGOLAMENTO CONTROLLO DI GESTIONE Sommario Titolo I...3 Disposizioni Generali...3 Ambito di applicazione...3 Oggetto... 3 Organismo esterno preposto

Dettagli

Protocollo d intesa per l implementazione del progetto GIS Montagna Toscana

Protocollo d intesa per l implementazione del progetto GIS Montagna Toscana Protocollo d intesa per l implementazione del progetto GIS Montagna Toscana L anno 2011 nel giorno del mese di 2011, in Firenze, presso la sede di Uncem Toscana posta in via Cavour n 15, sono presenti,

Dettagli

PROGRAMMA ANNUALE - Esercizio Finanziario 2015

PROGRAMMA ANNUALE - Esercizio Finanziario 2015 PROGRAMMA ANNUALE - Esercizio Finanziario 2015 La definizione del Programma Il Programma annuale è elaborato ai sensi del Regolamento concernente le istruzioni generali sulla gestione amministrativo -

Dettagli

Con DGR n. 447 del 14/10/2011 è stato approvato il nuovo Piano Strategico Triennale, atto che definisce gli obiettivi delle attività previste in

Con DGR n. 447 del 14/10/2011 è stato approvato il nuovo Piano Strategico Triennale, atto che definisce gli obiettivi delle attività previste in PROGRAMMA STRATEGICO TRIENNALE 2011-2013 Per La Realizzazione Del Sistema Informativo Regionale Con DGR n. 447 del 14/10/2011 è stato approvato il nuovo Piano Strategico Triennale, atto che definisce gli

Dettagli

TRA IN ATTUAZIONE PREMESSI

TRA IN ATTUAZIONE PREMESSI PROTOCOLLO DI INTESA TRA REGIONE PIEMONTE, UNIONE DELLE PROVINCE PIEMONTESI, ANCI PIEMONTE, UNCEM PIEMONTE, LEGA DELLE AUTONOMIE LOCALI, CONSULTA UNITARIA DEI PICCOLI COMUNI DEL PIEMONTE, PER LA COSTITUZIONE

Dettagli

PIANO TRIENNALE 2013-2015 DI RAZIONALIZZAZIONE E CONTENIMENTO DELLE SPESE DI FINANZIAMENTO

PIANO TRIENNALE 2013-2015 DI RAZIONALIZZAZIONE E CONTENIMENTO DELLE SPESE DI FINANZIAMENTO PIANO TRIENNALE 2013-2015 DI RAZIONALIZZAZIONE E CONTENIMENTO DELLE SPESE DI FINANZIAMENTO Premessa La Legge n. 244 del 24.12.2007 (legge finanziaria 2008)all articolo 2, commi 594 e seguenti, prevede

Dettagli

BILANCIO DI PREVISIONE 2015/2017

BILANCIO DI PREVISIONE 2015/2017 COMUNE DI ROSIGNANO MARITTIMO (Provincia di Livorno) www.comune.rosignano.livorno.it BILANCIO DI PREVISIONE 2015/2017 ALLEGATO N. 15: Piano triennale 2015/2017 per la razionalizzazione dell utilizzo delle

Dettagli

(Testo coordinato con le modifiche e le integrazioni di cui alla L.R. 22 maggio 2002, n. 23) Art. 1 (Oggetto e Finalità)

(Testo coordinato con le modifiche e le integrazioni di cui alla L.R. 22 maggio 2002, n. 23) Art. 1 (Oggetto e Finalità) LEGGE REGIONALE 3 maggio 2001, n. 17 Interventi a sostegno di iniziative infrastrutturali ed imprenditoriali per lo sviluppo della New Economy in Calabria. (BUR n. 42 del 10 maggio 2001) (Legge abrogata

Dettagli

BUONE PRASSI COMUNE DELLA SPEZIA. Ambito: Informatizzazione, reingegnerizzazione di processi e interoperabilità banche dati

BUONE PRASSI COMUNE DELLA SPEZIA. Ambito: Informatizzazione, reingegnerizzazione di processi e interoperabilità banche dati BUONE PRASSI COMUNE DELLA SPEZIA Ambito: Informatizzazione, reingegnerizzazione di processi e interoperabilità banche dati Azione Informatizzazione procedure ente e dematerializzazione progetti Nuovo Protocollo

Dettagli

COMUNE DI RUBIERA Provincia di Reggio Emilia

COMUNE DI RUBIERA Provincia di Reggio Emilia Allegato alla deliberazione di Giunta comunale n. 49 del 30 aprile 2013 OGGETTO: PIANO TRIENNALE 2013-2015 PER L'INDIVIDUAZIONE DI MISURE FINALIZZATE ALLA RAZIONALIZZAZIONE DI ALCUNE SPESE DI FUNZIONAMENTO

Dettagli

Incarico attuale Dirigente Settore Sistemi Informativi e interim Protezione Civile Numero telefonico dell ufficio

Incarico attuale Dirigente Settore Sistemi Informativi e interim Protezione Civile Numero telefonico dell ufficio INFORMAZIONI PERSONALI Nome LAGO ROBERTO Data di nascita 01/05/1956 Qualifica Amministrazione Dirigente Responsabile Incarico attuale Dirigente Settore Sistemi Informativi e interim Protezione Civile Numero

Dettagli

PROGRAMMA DEL SEGRETARIATO GENERALE 2012

PROGRAMMA DEL SEGRETARIATO GENERALE 2012 Obiettivo B.1.2 Produzione di un documento progettuale concernente l armonizzazione del sistema di programmazione degli obiettivi con i centro di costo e l assegnazione delle risorse Allegato A PROGRAMMA

Dettagli

COMUNE DI VILLACIDRO Provincia del Medio Campidano. PIANO DI INFORMATIZZAZIONE (ai sensi dell art. 24, comma 3 bis, del D.L. n.

COMUNE DI VILLACIDRO Provincia del Medio Campidano. PIANO DI INFORMATIZZAZIONE (ai sensi dell art. 24, comma 3 bis, del D.L. n. COMUNE DI VILLACIDRO Provincia del Medio Campidano PIANO DI INFORMATIZZAZIONE (ai sensi dell art. 24, comma 3 bis, del D.L. n. 90/2014) Approvato con Deliberazione della Giunta Comunale n. 08 del 17.02.2015

Dettagli

PROVINCIA DI PRATO DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DELL AREA: Servizio Risorse Informatiche e SIT

PROVINCIA DI PRATO DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DELL AREA: Servizio Risorse Informatiche e SIT Registro generale n. 673 del 06/03/2015 Determina con Impegno di spesa DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DELL AREA: Area Tutela e Valorizzazione dell'ambiente, Pianificazione Territoriale, Trasporto e Infrastrutture

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute 6. IL PROCESSO SEGUITO E LE AZIONI DI MIGLIORAMENTO DEL CICLO DI GESTIONE DELLA PERFORMANCE 6.1 Fasi, soggetti e tempi del processo di redazione del Piano Analogamente a quanto avvenuto per il 2012, il

Dettagli

Città di Vico Equense Provincia di Napoli

Città di Vico Equense Provincia di Napoli DECRETO N. 20 DEL 08/04/2014 OGGETTO: INCARICO DI AMMINISTRATORE DI RETE DEL SISTEMA INFORMATICO DELL'ENTE E REFERENTE ICT TERRITORIALE PER L ATTUAZIONE DEL CAD CODICE AMMINISTRAZIONE DIGITALE" IL SINDACO

Dettagli

Determinazione dirigenziale

Determinazione dirigenziale SETTORE SISTEMA INFORMATIVI ASSOCIATI --- SIA Determinazione dirigenziale Registro Generale N. 314 del 13/05/2015 Registro del Settore N. 46 del 07/05/2015 Oggetto: Acquisto del servizio annuale di assistenza

Dettagli

Infrastrutture spaziali ed Open Source: nuove sfide per la Pubblica Amministrazione. Maurizio Trevisani

Infrastrutture spaziali ed Open Source: nuove sfide per la Pubblica Amministrazione. Maurizio Trevisani Infrastrutture spaziali ed Open Source: nuove sfide per la Pubblica Amministrazione Maurizio Trevisani Gli obiettivi della Pubblica Amministrazione Programmare, pianificare, gestire: nel modo migliore,sulla

Dettagli

RAPPORTO INDIVIDUALE SULL AVVIO DEL CICLO DI GESTIONE DELLA PERFORMANCE PER L ANNUALITÀ 2013

RAPPORTO INDIVIDUALE SULL AVVIO DEL CICLO DI GESTIONE DELLA PERFORMANCE PER L ANNUALITÀ 2013 Giugno 2013 RAPPORTO INDIVIDUALE SULL AVVIO DEL CICLO DI GESTIONE DELLA PERFORMANCE PER L ANNUALITÀ 2013 MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI Il presente documento fornisce informazioni di dettaglio

Dettagli

Decreto Dirigenziale

Decreto Dirigenziale Area Tutela e Valorizzazione Ambientale Decreto Dirigenziale Raccolta Generale n.8622/2015 del 02/10/2015 Prot. n.250473/2015 del 02/10/2015 Fasc.9.2 / 2015 / 8 Oggetto: Approvazione dello schema di avviso

Dettagli

a) dotazioni strumentali apparecchiature di telefonia mobile

a) dotazioni strumentali apparecchiature di telefonia mobile 1 Misure finalizzate al contenimento della spesa (art. 2 Commi 594-599 della Legge 244/2007 - Legge Finanziaria 2008) a) dotazioni strumentali apparecchiature di telefonia mobile La flotta aziendale di

Dettagli

Agenda Digitale. Le azioni messe in campo dalla Regione Basilicata per lo sviluppo delle Infrastrutture telematiche e l erogazione dei servizi on-line

Agenda Digitale. Le azioni messe in campo dalla Regione Basilicata per lo sviluppo delle Infrastrutture telematiche e l erogazione dei servizi on-line Agenda Digitale Le azioni messe in campo dalla Regione Basilicata per lo sviluppo delle Infrastrutture telematiche e l erogazione dei servizi on-line Dott. Nicola A. Coluzzi Ufficio Società dell'informazione

Dettagli

COMUNE DI MONTEBELLO JONICO Provincia di Reggio Calabria

COMUNE DI MONTEBELLO JONICO Provincia di Reggio Calabria COMUNE DI MONTEBELLO JONICO Provincia di Reggio Calabria Piazza Municipio, 89064 Montebello Jonico; tel. 0965 779005-06; fax 0965 786040 partita I.v.a. 00710360801 PIANO CONTENIMENTO DELLE SPESE DI FUNZIONAMENTO

Dettagli

Le fasi di costituzione ed attivazione dell Unione dei Comuni. Criticità e soluzioni

Le fasi di costituzione ed attivazione dell Unione dei Comuni. Criticità e soluzioni Le fasi di costituzione ed attivazione dell Unione dei Comuni. Criticità e soluzioni Abstract: La costituzione dell Unione dei Comuni per la gestione associata delle funzioni fondamentali dei comuni è

Dettagli

Piano triennale per la Trasparenza e Integrità 2014/2015/2016

Piano triennale per la Trasparenza e Integrità 2014/2015/2016 Ministero dell Istruzione Università e Ricerca ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE CUGLIERI Viale delle Rimembranze 09073 Cuglieri Tel. 078539603 fax 078539091 mail: oric80500q@istruzione.it, pec: oric80500q.pec@istruzione.it

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E INTEGRITA

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E INTEGRITA PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E INTEGRITA ANNI 2015 2016 2017 1 Il Programma Triennale della Trasparenza e Integrità è strutturato in sezioni relative a: 1) Premessa; 2) Supporto normativo; 3)

Dettagli

PROTOCOLLO D 'INTESA tra

PROTOCOLLO D 'INTESA tra PROTOCOLLO D 'INTESA tra Comune di Firenze, con sede legale in Firenze, P.zza della Signoria, rappresentato da.., nato a il, domiciliato per la carica presso lo stesso Comune di Firenze e Azienda Ospedaliera

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ ANNI 2014-2015-2016

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ ANNI 2014-2015-2016 PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ ANNI 2014-2015-2016 1. PREMESSA L'art. 10 del Decreto legislativo 14.3.2013, n. 33, pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 80 del 5.4.2013, prescrive

Dettagli

Relazione introduttiva Febbraio 2006

Relazione introduttiva Febbraio 2006 Amministrazione Provincia di Rieti Febbraio 2006 1 Progetto Sistema Informativo Territoriale Amministrazione Provincia di Rieti Premessa L aumento della qualità e quantità dei servizi che ha caratterizzato

Dettagli

PROGRAMMA N. 2: PER L INNOVAZIONE E IL LAVORO

PROGRAMMA N. 2: PER L INNOVAZIONE E IL LAVORO PROGRAMMA N. 2: PER L INNOVAZIONE E IL LAVORO 15 16 PROGETTO 2.1: TRASPARENZA E PARTECIPAZIONE ATTIVA OBIETTIVI PER IL TRIENNIO 2014-2016 Titolo obiettivo 1: Ascolto attivo e citizen satisfaction indicatori

Dettagli

PRSE 2012-2015 Progetto speciale di interesse regionale Toscana Turistica Sostenibile e Competitiva Fase 2

PRSE 2012-2015 Progetto speciale di interesse regionale Toscana Turistica Sostenibile e Competitiva Fase 2 PRSE 2012-2015 Progetto speciale di interesse regionale Toscana Turistica Sostenibile e Competitiva Fase 2 ALL. A Accordo per l adesione alla fase applicativa degli Osservatori Turistici di Destinazione

Dettagli

Relazione di accompagnamento allo Studio di Fattibilità Tecnica per la Continuità Operativa ed il Disaster Recovery

Relazione di accompagnamento allo Studio di Fattibilità Tecnica per la Continuità Operativa ed il Disaster Recovery COMUNE DI PALOMONTE Provincia di Salerno Relazione di accompagnamento allo Studio di Fattibilità Tecnica per la Continuità Operativa ed il Disaster Recovery ai sensi della Circolare n.58 di DigitPA del

Dettagli

AREA: Settore Amministrativo - Area 2 Servizio Segreteria DETERMINAZIONE n.239/2015 del 22.10.2015. In data 22 ottobre 2015 nella Residenza Municipale

AREA: Settore Amministrativo - Area 2 Servizio Segreteria DETERMINAZIONE n.239/2015 del 22.10.2015. In data 22 ottobre 2015 nella Residenza Municipale PUBBLICAZIONE La presente determinazione è stata pubblicata all'albo Pretorio del Comune il 26/10/2015 e vi rimarrà fino al 05/11/2015. Comune di Mottola Provincia di Taranto Lì 26/10/2015 IL RESPONSABILE

Dettagli

Per la GESTIONE ASSOCIATA delle FUNZIONI COMUNALI

Per la GESTIONE ASSOCIATA delle FUNZIONI COMUNALI SCHEMA ATTO CONVENZIONALE Per la GESTIONE ASSOCIATA delle FUNZIONI COMUNALI Oggetto: Convenzione art. 30 TUEL n.267/2000 per la Pianificazione Urbanistica ed Edilizia di Ambito Comunale nonché la Partecipazione

Dettagli

COMUNE DI MAROSTICA PIANO ESECUTIVO DELLA GESTIONE PIANO DELLE RISORSE E DEGLI OBIETTIVI ANNO 2012 PIANI OPERATIVI DELLA PERFORMANCE

COMUNE DI MAROSTICA PIANO ESECUTIVO DELLA GESTIONE PIANO DELLE RISORSE E DEGLI OBIETTIVI ANNO 2012 PIANI OPERATIVI DELLA PERFORMANCE COMUNE DI MAROSTICA PIANO ESECUTIVO DELLA GESTIONE PIANO DELLE RISORSE E DEGLI OBIETTIVI ANNO 2012 PIANI OPERATIVI DELLA PERFORMANCE TRIENNIO 2012-2014 PIANI OPERATIVI PER IL RAGGIUNGIMENTO DI OBIETTIVI

Dettagli

LA GIUNTA MUNICIPALE. VISTO il D.Lgs. 267/2000;

LA GIUNTA MUNICIPALE. VISTO il D.Lgs. 267/2000; GIUNTA MUNICIPALE L'anno 2015 addì 28 del mese di aprile, alle ore 18,00, nella sala delle adunanze, posta nella Sede Comunale, appositamente convocata, si è riunita la Giunta Municipale nelle persone

Dettagli