ernsthardnesstesters.com

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ernsthardnesstesters.com"

Transcript

1 ernsthardnesstesters.com piccola guida al controllo della durezza

2 2

3 INTRODUZIONE 3 Introduzione Questa piccola guida al controllo della durezza dei metalli non intende essere un trattato completo e approfondito, ma una guida pratica per gli utilizzatori e per tutti coloro che conoscono e trattano i nostri prodotti, ai quali ci riferiamo nell esame dei singoli procedimenti e problemi. Per chi vorrà prendere visione delle norme DIN in materia, diamo indicazione delle principali: Härteprüfung nach Rockwell C, A, B, F T1 Härteprüfung nach Rockwell N und T T2 Härteprüfung nach Vickers Härteprüfung nach Brinell Richtlinien für die Gestaltung und Anwendung von Aufnahmevorrichtungen Umwertungstabellen Härtevergleichsplatten NOTE: I riferimenti (1), (2)... (11) inclusi nel testo, sono riportati in appendice.

4 4 INDICE Indice Introduzione 3 Note generali sul controllo della durezza 5 Procedimento Rockwell 7 Campo di utilizzazione delle varie scale Rockwell 11 Controllo di superfici cilindriche 13 Vantaggi e limitazioni del procedimento Rockwell 14 Variante al procedimento Rockwell 15 Procedimento Brinell 17 Denominazione delle prove Brinell 19 Campo di utilizzazione delle varie prove Brinell 20 Vantaggi e limitazioni del procedimento Brinell 22 Prove con carichi e penetratori Brinell secondo il procedimento Rockwell 23 Procedimento Vickers 24 Campo di utilizzazione dei carichi Vickers 25 Vantaggi e limitazioni del procedimento Vickers 26 Procedimento Shore (metalli) - Procedimento Knoop 27 Uso delle tabelle di comparazione e dei provini di controllo 28 Appendice (v. riferimenti inseriti nel testo) 29 Tabella di comparazione dei durometri Ernst 32

5 NOTE GENERALI SUL CONTROLLO DELLA DUREZZA 5 Note generali sul controllo della durezza Fra i vari tipi di misura che si devono eseguire in officina, quello della durezza è senz altro uno dei più differenziati. Capita di controllare con 3000kgf (29430 N) di carico o con poche centinaia di grammi (tralasciando i laboratori di ricerca dove si misura con il grammo); si deve rilevare la durezza di fusioni pesanti tonnellate, oppure perni per orologeria; si devono controllare dai sinterizzati alle leghe più morbide. Vi sono diversi procedimenti e una quantità di scale, che anche la persona con notevole pratica d officina può rimanere spesso perplessa di fronte ad un problema di controllo di questo genere. L elettronica, in questo come in tanti altri campi di applicazione, ha portato ad un notevole e quasi indispensabile affinamento del controllo della durezza, introducendo una maggior precisione nella lettura, la possibilità di memorizzare ed elaborare i dati ai fini di statistiche, grafici, documentazione, ecc. Sia però ben chiaro, che l elettronica si applica principalmente per la lettura dei risultati e, eventualmente, per il comando dei movimenti, mentre rimangono validi i procedimenti meccanici originari che occorre conoscere. Le brevi note che seguono, intendono essere un aiuto ad inquadrare il problema. Sui procedimenti Rockwell, Brinell, Vickers, le loro definizioni, i vantaggi e le limitazioni, tratteremo più ampiamente in seguito; inizialmente, pensiamo sia utile puntualizzare brevemente gli aspetti che ci sembrano più rilevanti nella caratterizzazione dei differenti strumenti: 1. il carico di prova 2. il campo di durezza 3. la precisione richiesta per la misura 4. l adattabilità dello strumento alla forma e alle dimensioni dei pezzi 5. l aspetto economico. 1. Carico di prova Come regola, il carico deve essere tale da non provocare una penetrazione superiore a 1/10 dello spessore del pezzo da misurare o dello strato indurito, in caso di trattamento superficiale; tenuto conto di questa condizione, è consigliabile, quando possibile, operare con un carico piuttosto alto, poiché permette di ottenere una precisione maggiore, dato che la superficie dei pezzi, normalmente, è soggetta a decarburazione durante il trattamento; con un carico alto, inoltre, la misura è meno sensibile al grado di finitura della superficie. D altra parte, occorre assicurarsi che l impronta troppo forte non danneggi il pezzo e possa, eventualmente, rappresentare un innesco di rottura su pezzi molto sollecitati. Il grado di omogeneità del materiale è un elemento di scelta:

6 6 NOTE GENERALI SUL CONTROLLO DELLA DUREZZA un caso tipico è la ghisa, che, normalmente, è controllata con carico alto, eccetto laddove è trattata superficialmente ad induzione, come ad esempio i bancali per le macchine utensili. 2. Campo di durezza Al di sopra di 50 HRC (acciai di ca. 485 HB30), normalmente, è preferibile utilizzare un penetratore di diamante; al di sotto di questa durezza, si può usare anche un penetratore di acciaio o di metallo duro. La prova Brinell, non prevedendo il penetratore di diamante, non può essere impiegata per gli acciai temprati duri; la prova Rockwell è invece più universale, poiché prevede l impiego sia del penetratore di diamante sia a sfera d acciaio. La prova Vickers, che prevede unicamente l impiego di un penetratore a piramide di diamante, può operare su tutto il campo di durezza, ma si adatta più al laboratorio che all officina. 3. Grado di precisione Questo dipende molto anche dall accuratezza con la quale si opera: superfici ben preparate, costanza nei tempi di misura, frequenti verifiche dello strumento con provini attendibili. In genere, dove possibile, è preferibile l impiego di sistemi statici a quelli dinamici. La precisione della misura diviene particolarmente critica, quando si opera con carichi molto bassi. 4. Adattabilità dello strumento alla forma e alle dimensioni del pezzo Si può portare il pezzo sullo strumento o lo strumento sul pezzo. Nel primo caso, ovviamente, si tratta di strumenti fissi (da banco), che devono possedere una capacità tale da contenere il pezzo e, molto importante, la possibilità di bloccarlo rigidamente anche a sbalzo; gli strumenti da banco sono i più idonei al controllo di pezzi di piccole e medie dimensioni (1). Nel secondo caso, invece, si tratta di strumenti portatili, che possono essere bloccati al pezzo (morsetto, catena, ecc.) o, nel caso di pezzi molto grandi e irregolari, semplicemente appoggiati (2). Di questi ultimi, quelli per alti carichi possono essere solo dinamici (3), mentre per bassi carichi ne esistono anche di statici (4). Vi sono altri casi di controllo su superfici particolarmente difficili, che devono essere valutati di volta in volta. 5. Budget Si compone di vari elementi: prezzo d acquisto dello strumento, grado di universalità d uso, tempo necessario alla misurazione e grado di attenzione richiesto all operatore. I primi due aspetti sono decisivi nel caso in cui il controllo è saltuario e su pezzi di forma e trattamento disparati, come, normalmente, avviene per l artigianato o la piccola industria; al contrario, dove il controllo è eseguito su serie notevoli, la rapidità e la possibilità di impiegare personale non particolarmente qualificato diventano fondamentali.

7 PROCEDIMENTO ROCKWELL 7 Procedimento Rockwell Le varie operazioni del procedimento Rockwell che analizzeremo qui di seguito, saranno, per maggior chiarezza, numerate ed indicate nello schema (fig. A), nel quale figurerà anche il comparatore che, collegato con il penetratore, ne registra gli spostamenti fortemente amplificati FIGURA A - Schema del procedimento Rockwell 1. Si porta la superficie da controllare a contatto con il penetratore e, applicandovi un carico iniziale F0 (precarico), si determina una prima piccola penetrazione, dopodiché si azzera il comparatore. 2. Si applica, gradualmente e senza urti, un carico supplementare F1 che, sommandosi al precarico, viene definito carico di prova (F). Il penetratore, sottoposto a questo carico, penetrerà nel materiale più o meno, in base alla durezza del materiale stesso; si attende in questa posizione fino a penetrazione avvenuta (per i materiali duri è praticamente immediata, mentre per i materiali meno duri occorrerà attendere qualche secondo). La penetrazione è indicata dal movimento della lancetta del comparatore. 3. Si rimuove il carico supplementare F1 e si ritorna alla condizione di precarico; con ciò il penetratore rimane nell impronta fatta sotto carico, ma saranno eliminate tutte le deformazioni elastiche provocate dall applicazione del carico stesso. Il comparatore indicherà, perciò, la differenza di penetrazione tra precarico e carico. I penetratori, i precarichi, i carichi e le unità di misura, sono, nel procedimento Rockwell, standardizzati in due gruppi: Rockwell normale e Rockwell superficiale.

8 8 PROCEDIMENTO ROCKWELL Rockwell normale (5) Il procedimento Rockwell normale prevede un solo penetratore diamante a forma conica di 120, con un arrotondamento in punta di 0,2mm di raggio (fig. B), e vari penetratori a sfera d acciaio duro, il cui diametro, sempre espresso in pollici, può essere di 1/16 1/8 ¼ ½ FIGURA B - Profilo del penetratore Rockwell a cono diamante Il precarico è costante: 10kgf (98.1 N). I carichi di prova (precarico + carico supplementare) sono: kgf (588.4, 980.7, 1471 N). NOTA: Secondo le attuali norme DIN, precarichi e carichi dei vari procedimenti Rockwell, Brinell e Vickers, devono essere espressi unicamente in N (Newton). Tuttavia, per motivi pratici, si ritiene più razionale utilizzare ancora le indicazioni originarie in kgf (kilogramm force). L unità di misura Rockwell normale corrisponde a 0.002mm di penetrazione. Poiché il valore di durezza deve, ovviamente, essere crescente con la durezza, mentre la differenza di penetrazione tra precarico e carico diminuisce con l aumentare della durezza stessa, il numero di durezza Rockwell si ricava sottraendo da 100 (con penetratore diamante), ovvero da 130 (con uno qualsiasi dei penetratori a sfera), la differenza di penetrazione espressa in unità di 0.002mm.

9 PROCEDIMENTO ROCKWELL 9 Esempio Con penetratore diamante e differenza di penetrazione di 0.082mm, si ha: (82:2) = 59 Rockwell. Con la medesima differenza di penetrazione, ma con un penetratore a sfera, si avrebbe invece: (82:2) = 89 Rockwell. Negli strumenti originari con il comparatore, che segnala gli spostamenti del penetratore, generalmente, il quadrante è suddiviso in 100 graduazioni, in modo che il giro completo corrisponda a 0.2mm. I comparatori riportano due serie di numeri: i numeri neri, ai quali riferirsi quando si opera con il penetratore diamante; i numeri rossi per i penetratori a sfera. L azzeramento è sempre fatto sullo 0 nero (130 rosso). Nel caso di lettura digitale, i dati sono direttamente indicati sul display, al termine dell intero ciclo. Con le varie combinazioni di penetratori e carichi, è possibile ottenere una vasta gamma di differenti scale, ognuna delle quali è indicata da una lettera, come risulta dalla tabella 1. Carico kgf scala HR 150 C G K P V 100 D B E M S 60 A F H L R penetratore diamante sfera 1/16 sfera 1/8 sfera 1/4 sfera 1/2 numeri neri rossi TABELLA 1 - Scale Rockwell normali Esempio Se si utilizza il penetratore diamante e un carico di 150kgf, la denominazione sarà HRC, dove H rappresenta la durezza in senso generale, R il procedimento Rockwell e C la scala particolare. Il numero di durezza si antepone alla sigla (esempio: 60 HRC).

10 10 PROCEDIMENTO ROCKWELL Rockwell superficiale (6) Il procedimento Rockwell superficiale (o Super Rockwell) prevede l impiego degli stessi penetratori di quello normale. Il penetratore a cono diamante, però, pur avendo geometricamente il medesimo profilo, richiede una maggior precisione di esecuzione sia sulla parte conica a 120, sia, in particolare, sull arrotondamento di 0.2mm, poiché, in questo procedimento, i carichi bassi causano una penetrazione molto piccola e una lieve imperfezione della punta falserebbe il risultato. Il precarico è costante: 3kgf (29,43 N). I carichi (precarico + carico supplementare) sono: kgf (147.1, 294.2, N). L unità di misura Rockwell superficiale corrisponde a 0.001mm di penetrazione. A differenza della prova Rockwell normale, nella Rockwell Superficiale l azzeramento è sempre fatto sul 100 (0 comparatore), sia si utilizzi il penetratore diamante sia quello a sfera. I comparatori, infatti, prevedono una sola serie di numeri e, essendo i loro quadranti suddivisi in 100 graduazioni, un giro completo della lancetta corrisponde a 0.1mm. Esempio Con penetratore di diamante o a sfera, e una differenza di penetrazione di 0.082mm, si ha: = 18 Rockwell superficiali. Le scale Rockwell superficiali, ottenibili con le varie combinazioni di penetratori e carichi, sono indicate da una lettera preceduta da una cifra (il carico di prova), come risulta dalla tabella 2. Il numero di durezza si antepone alla sigla (esempio: 65 HR30 T). carico kgf scala HR 45 45N 45T 45W 45X 45Y 30 30N 30T 30W 30X 30Y 15 15N 15T 15W 15X 15Y penetratore diamante sfera 1/16 sfera 1/8 sfera 1/4 sfera 1/2 TABELLA 2 - Scale Rockwell superficiali

11 CAMPO DI UTILIZZAZIONE DELLE VARIE SCALE ROCKWELL 11 Campo di utilizzazione delle varie scale Rockwell Come si è visto, l insieme delle scale Rockwell normali e superficiali è notevole: la scelta di una scala dipende dalla durezza del materiale, dallo spessore del pezzo o dello strato indurito (nel caso di trattamenti superficiali come cementazione, nitrurazione, ecc.). La durezza del materiale determina la scelta del penetratore: cono diamante o sfera in acciaio duro. Il cono diamante si utilizza, in pratica, solo per gli acciai temprati, o bonificati, e per il metallo duro; il suo impiego non è consigliabile per gli acciai aventi una resistenza inferiore a 785 N/mm². I penetratori a sfera d acciaio sono invece impiegati per i materiali più teneri: meno duri saranno i materiali, maggiore dovrà essere il diametro delle sfera e minori i carichi. Per esempio, con la scala HRB (sfera 1/16 e carico 100kgf), non è possibile controllare materiali così teneri come con la scala HRL (sfera ¼ e carico 60kgf). Le sfere più grandi sono, generalmente, utilizzate solo per il controllo di materiali plastici o simili. Con particolari accorgimenti, il metodo Rockwell permette di controllare materie plastiche anche sotto carico. Riguardo al controllo di pezzi molto sottili, come lamine, o pezzi induriti superficialmente, occorre considerare che l impronta creata dal penetratore sotto carico influirà sul materiale per una zona piuttosto estesa, attorno all impronta stessa e che, se questo campo di deformazione raggiunge i limiti del pezzo stesso, la misura sarà falsata. Ne consegue che, per il controllo di un pezzo sottile, è necessario utilizzare un carico tale che la deformazione non superi lo spessore del pezzo stesso, manifestandosi sulla parte opposta. Questo vale, generalmente, per tutti i procedimenti di misura della durezza. Esiste, pertanto, uno spessore minimo misurabile, da considerare per ogni tipo di prova. A questo proposito, non esistono, però, regole precise, poiché queste dipendono, in gran parte, dal tipo di materiale. Convenzionalmente, si considera lo spessore minimo misurabile pari ad almeno dieci volte la profondità di penetrazione (tabella 3).

12 12 CAMPO DI UTILIZZAZIONE DELLE VARIE SCALE ROCKWELL F kgf HRC TABELLA 3 - Spessori minimi misurabili per le prove Rockwell con penetratore di diamante Questo vale anche per gli strati superficiali induriti (cementazione, ecc.): per il controllo di pezzi cementati, ad esempio, si è soliti utilizzare la scala HRA (cono diamante-60kgf). Le scale Rockwell che l uso ha reso più comuni sono: HRC (cono diamante 150kgf) E la più tipica delle scale Rockwell, usata per il controllo di pezzi temprati, bonificati o profondamente cementati. Quando si parla di durezza Rockwell, generalmente, si intende la scala HRC; questo può provocare anche una certa confusione, poiché, a volte, è richiesta, impropriamente, una durezza espressa in HRC, anche quando le piccole dimensioni del pezzo rendono impossibile l utilizzo di un carico di 150kgf e si deve, quindi, ricorrere ad altre scale Rockwell o ad altri procedimenti di misura. Rimane, poi, la possibilità di convertire i valori rilevati in HRC per mezzo di tabelle di conversione che, come vedremo in seguito, sono da considerarsi approssimative. HRA (cono diamante 60kgf) E utilizzata principalmente per pezzi cementati e per il metallo duro, dove l elevata durezza dei carburi potrebbe provocare la scheggiatura del diamante e, per questo motivo, è sconsigliato impiegare un carico troppo elevato. HRB (sfera 1/16 100kgf) Usata generalmente in Europa per le leghe di rame (ottone, bronzo, ecc ) e negli USA anche per le leghe ferrose fino a ca. 686 N/mm² ROCKWELL SUPERFICIALE o SUPER ROCKWELL Le scale HR 15N, HR 30N, HR 45N (cono diamante) sono consigliabili per il controllo di parti a cementazione sottile; le scale HR 15T, HR 30T, HR 45T (sfera 1/16 ) per lamiere sottili. Per la scelta dei carichi di prova, rimangono, in ogni caso, valide le considerazioni generali già fatte per tutti i procedimenti.

13 CONTROLLO DI SUPERFICI CILINDRICHE 13 Controllo di superfici cilindriche E evidente, che le condizioni sono differenti se si opera su superfici cilindriche anziché piane. Se sui grandi diametri le differenze non sono sensibili, sui diametri piccoli occorre tenerne conto, aumentando i risultati ottenuti di una determinata quantità, in base al diametro del pezzo e al tipo di durezza (tabella 4). SCALA HR C-D-A SCALA HR 15N-30N-45N Diametro del pezzo TABELLA 4 - Valori di correzione per prove Rockwell su superfici cilindriche con penetratore di diamante (da aggiungere al risultato su display o comparatore)

14 14 VANTAGGI E LIMITAZIONI DEL PROCEDIMENTO ROCKWELL Vantaggi e limitazioni del procedimento Rockwell Tra quelli più conosciuti, il procedimento Rockwell è l unico che permette una lettura diretta del numero di durezza, senza dover ricorrere a misurazioni ottiche, come i metodi Brinell e Vickers. E, quindi, il metodo più rapido e l unico che si presta ad essere completamente automatizzato. Essendo il meno soggetto alla valutazione personale, si può affermare che, tra i vari strumenti per il controllo della durezza, quelli con procedimento Rockwell siano i più diffusi. Anche se, secondo le norme, la superficie da controllare deve essere liscia ed accuratamente levigata, fra i vari procedimenti, questo è quello meno sensibile alla rugosità della superficie. La limitazione principale è costituita dal fatto che, fra il carico massimo (150kgf) ed il carico minimo (15kgf) vi è un rapporto di sole 10 volte, mentre, nel controllo della durezza, tralasciando la ricerca di laboratorio dove si opera con il grammo, in officina o in fonderia sono spesso necessari carichi di prova da 1 a 3000kgf. Per esempio, non esiste una scala Rockwell adatta al controllo della ghisa, né una adatta per un lamierino di acciaio per molle sotto a 0.15mm. Per sopperire alla limitazione nel senso dei bassi carichi, si producono strumenti che, pur seguendo il procedimento Rockwell con precarico e carico, operano con carichi non standardizzati molto più bassi (1), (2). Benché le scale siano numerose, per una gamma di materiali molto importanti, come gli acciai non trattati, non esiste una scala Rockwell normalmente usata e si preferisce, in questi casi, utilizzare lo strumento a procedimento Rockwell con penetratori e carichi Brinell (vedi capitolo a pagina 23)

15 VARIANTE AL PROCEDIMENTO ROCKWELL 15 Variante al procedimento Rockwell Un grave svantaggio dei tradizionali strumenti per misure Rockwell è dovuto al fatto che la precisione della misura dipende notevolmente dal perfetto contatto tra il pezzo da controllare e la superficie d appoggio, chiamata normalmente incudine. Infatti, richiamandoci alle operazioni del procedimento Rockwell al punto 3, cioè quando si toglie il carico supplementare e si ritorna alle condizioni di precarico eliminando così le deformazioni elastiche, l unica deformazione avvertita dal comparatore dovrebbe essere l impronta stessa. Questo, però, succede solo se l appoggio tra pezzo e incudine è perfetto; se, invece, come facilmente accade, vi è anche solo un leggero strato d olio o grasso o qualche corpo estraneo, sotto carico si verifica un cedimento non elastico che, sommandosi alla profondità dell impronta, falsa il risultato diminuendo l indicazione della durezza. Poiché, non sempre gli strumenti possono operare in condizioni ideali, nei reparti di trattamento termico o in officina questo rappresenta un evidente limitazione. Per ovviare a quest inconveniente, quasi tutti gli strumenti di nostra produzione (serie AT, TWIN, BRE-AUT, COMPUTEST SC, DYNATEST SC) agiscono secondo una variante del sistema Rockwell, di cui segnaliamo lo schema in figura C. Il riferimento per la misura della penetrazione è dato da un appoggio proprio sulla superficie da controllare, in modo che eventuali cedimenti del pezzo, della vite di alzo o dello stesso stativo, non influiscano sul risultato. Sotto quest aspetto, si ottiene uno dei vantaggi attribuiti ai procedimenti Brinell e Vickers.

16 16 VARIANTE AL PROCEDIMENTO ROCKWELL FIGURA C - Schema di variante al procedimento Rockwell (riferimento di misura e penetratore) j L insieme scende sul pezzo da misurare e il penetratore arretra, offrendo una resistenza equivalente al valore di precarico. La messa a zero è automatica. k Viene applicato il carico. l Si rimuove il carico e si rileva lo spostamento (penetrazione) di (a) rispetto a (b). In caso di un cedimento del pezzo da misurare, la relazione tra (a) e (b) rimane costante, eliminando la possibilità di errore tipica della misurazione Rockwell originale. Per analogia, lo stesso procedimento è usato per la misura Rockwell superficiale. Nei nostri durometri c è un terzo elemento, che non deve essere confuso con il nottolino (b). Quest elemento, negli strumenti con stativo è denominato pressapezzo e serve, in molti casi, per bloccare con forza il pezzo da misurare, evitando l esecuzione di appoggi speciali; può essere facilmente rimosso, se occorre. Negli strumenti portatili, quest elemento si chiama base, è intercambiabile e serve a creare un perfetto appoggio sul pezzo da controllare.

17 PROCEDIMENTO BRINELL 17 Procedimento Brinell Il procedimento Brinell consiste, fondamentalmente, nel premere una sfera di acciaio duro (di vari diametri, espressi sempre in mm, a differenza delle Rockwell espresse sempre in pollici) sulla superficie da controllare, piana e ben levigata, con un carico prestabilito per un tempo definito (di norma 15 ). Dell impronta che ne risulta, avente forma di calotta sferica, si misurerà il diametro con mezzi ottici (microscopio o proiettore); nel caso di impronta non perfettamente circolare, si assumerà il valore medio. Sfera La durezza Brinell (HB) è data dal rapporto tra il carico applicato e la superficie della calotta sferica, secondo la formula: HB= 2F π D(D- D 2 -d 2 ) dove F rappresenta il carico in kgf, D il diametro della sfera in mm e d il diametro dell impronta in mm. FIGURA D - Schema del procedimento Brinell In pratica, ci si avvale di tabelle con le quali, dato il carico, il diametro della sfera e il diametro dell impronta, si ricava direttamente il numero di durezza Brinell. Normalmente, nel procedimento Brinell si utilizzano sfere con diametro 10, 5 e 2.5mm. I carichi di prova sono: 3000, 1000, 750, 500, 250, 187.5, 125, 62.5, 31.25kgf (29420, 9807, 7355, 4903, 2452, 1839, 1226, 612.9, N).

18 18 PROCEDIMENTO BRINELL Nella prova Brinell, occorre considerare i seguenti punti: 1. Condizione richiesta dalle norme, ma non sempre rispettata, è che il diametro dell impronta sia compreso tra 0.24 e 0.6 del diametro della sfera; perché questa condizione sia soddisfatta, è necessario che vi sia un certo rapporto tra il diametro della sfera e il carico adatto al tipo di materiale da controllare. E chiaro che, se, su un materiale morbido, si utilizza una sfera di piccolo diametro piccolo e un carico alto, la sfera penetrerà troppo; al contrario, con una sfera di grande diametro e un carico basso su un pezzo molto duro, si avrà un impronta più piccola di 0.24 del diametro della sfera e perciò illeggibile. 2. Nel procedimento Brinell, esiste un rapporto fondamentale F/D² tra il carico (kgf) e il diametro (mm) della sfera al quadrato, che è caratteristico di ogni singola prova Brinell. I rapporti convenzionalmente usati sono: 30, 10, 5, 2.5 (nel caso di materiali particolarmente morbidi, possono essere usati anche rapporti inferiori). Per esempio, con una sfera di diametro 10mm e un carico di 3000kgf, il rapporto sarà 30: infatti, 3000:10²=30. Con una sfera di diametro 5mm e un carico di 125kgf, il rapporto sarà 5. E chiaro che, più duro è il materiale, più alto sarà il rapporto da usare. 3. Il rapporto F/D² è importante, poiché i risultati saranno differenti proprio in base al rapporto usato. Lo stesso materiale, infatti, controllato con sfera 10mm e carico 1000kgf (rapporto HB10) darà un altra durezza se controllato con sfera 10mm e carico 500kgf (rapporto HB5). Se, invece, lo stesso materiale è controllato con sfera 2.5mm e carico 62.5 (rapporto HB10) si otterrà lo stesso risultato della prima prova, avendo operato, nei due casi, con il medesimo rapporto (presupponendo, che il materiale sia omogeneo e senza stratificazioni di differente durezza).

19 DENOMINAZIONE DELLE PROVE BRINELL 19 Denominazione delle prove Brinell La sigla HB significa durezza Brinell, dove H sta per durezza e B per Brinell. Il numero di durezza Brinell si antepone alla sigla, seguita dall indicazione della sfera in mm, dal carico in kgf (oppure N) e dal tempo di permanenza sotto carico in secondi. Esempio: 305 HB 2.5/187.5/15. Per gli strumenti portatili si usa la sigla HB seguita dal rapporto F/D². Esempio: 305 HB30. Per i differenti rapporti normalizzati consultare la tabella 5. Diametro sfera mm Carico kgf Ratio HB30 HB10 HB5 HB2.5 TABELLA 5 - Prove Brinell e rapporto F/D² Se si utilizza una sfera in metallo duro (Widia), nel caso di prove su acciai semiduri, per maggior precisione si è soliti specificare con la sigla HBW e usare le speciali tabelle

20 20 CAMPO DI UTILIZZAZIONE DELLE VARIE SCALE BRINELL Campo di utilizzazione delle varie prove Brinell La durezza del materiale determina in primo luogo, dovendo rispettare quanto considerato in precedenza, quale dei rapporti può essere usato. Stabilito il rapporto adatto, il carico sarà scelto in funzione di alcuni elementi: 1. Lo spessore del pezzo da controllare, poiché rimangono valide le considerazioni espresse nel capitolo sul procedimento Rockwell e cioè che, convenzionalmente, si considera lo spessore minimo misurabile pari a 10 volte la profondità dell impronta (tabella 6). Sfera mm F kgf HB HB HB HB HB TABELLA 6 - Spessori minimi misurabili per le prove Brinell Il grado di omogeneità del materiale, poiché, per materiali poco omogenei, è preferibile impiegare un carico alto. 3. La facilità di lettura, poiché la rilevazione del diametro dell impronta, sia con il microscopio, sia con il proiettore, è più facile su un impronta grande che su una piccola.

21 CAMPO DI UTILIZZAZIONE DELLE VARIE SCALE BRINELL 21 Segnaliamo, qui di seguito, le prove Brinell utilizzate per i diversi materiali: Acciaio Si usa praticamente sempre la prova HB30. Per gli acciai, la prova Brinell è molto importante, perché esiste un rapporto costante, abbastanza preciso, tra la durezza Brinell e la resistenza a trazione (con un rapporto di 0.36 per gli acciai al carbonio, al cromo e al cromo-manganese; con un rapporto di 0.34 per gli acciai al nichel-cromo). Esempio: 225 HB30x0.36x9.807= N/mm² Questo è l unico metodo non distruttivo, per conoscere la resistenza a trazione di un acciaio. Per gli acciai temprati duri, però, il procedimento Brinell non è utilizzabile, perché, non prevedendo il penetratore di diamante, non è generalmente impiegato per gli acciai bonificati superiori a 1765 N/mm². Per il controllo del ferro dolce, si impiega, normalmente, la prova HB30, nonostante il diametro dell impronta superi lo 0.6 del diametro della sfera. Ghisa Si usa sempre la prova HB30. A causa della scarsa omogeneità, è consigliabile usare il carico più alto compatibile con lo spessore del pezzo; normalmente, si utilizza il carico di 3000kgf. Leghe leggere Si usa normalmente la prova HB10 o HB5 e, per leghe molto morbide, anche la HB 2.5. Essendo diverse le prove possibili, facilmente si crea confusione quando non è ben specificato il tipo di prova da eseguire (a differenza delle leghe ferrose, per le quali si utilizza sempre la prova HB30). Leghe di rame Si usa la prova HB10 per il bronzo (se particolarmente duro anche HB30) e HB5 o HB10 per gli ottoni.

22 22 VANTAGGI E LIMITAZIONI DEL PROCEDIMENTO BRINELL Vantaggi e limitazioni del procedimento Brinell I vantaggi principali del procedimento Brinell, consistono nella possibilità di impiegare carichi particolarmente alti con strumenti concettualmente semplici e strutturalmente robusto. L impronta, inoltre, può essere misurata con l ausilio di un semplice microscopio o persino con un oculare. Si può operare anche in condizioni di posizionamento del pezzo non ideali, poiché, a differenza del metodo Rockwell, eventuali cedimenti non influiscono sul risultato. Moltiplicando il valore Brinell per un coefficiente specifico per ogni tipo di materiale, si ottiene il valore di resistenza alla trazione. Le eventuali deformazioni nell impronta possono rivelare tensioni esistenti nel materiale controllato. Le limitazioni più evidenti consistono nel fatto che, la misurazione del diametro dell impronta avviene otticamente ed è perciò soggetta ad errori di valutazione da parte dell operatore. Nonostante si lavori con carichi alti, resta indispensabile preparare la superficie ben levigata, per consentire una misurazione dell impronta in condizioni ideali e, quindi, sufficientemente precisa. Per questi motivi, la prova Brinell non può essere considerata una prova rapida e non è adatta ad eseguire controlli di serie. Per superare questi inconvenienti, si ricorre spesso all impiego del procedimento Rockwell, utilizzando, però, penetratori e carichi Brinell (v. capitolo seguente) (9). Nel caso di controllo su superfici cilindriche, sarà necessario ricavare un tratto di superficie piana su cui eseguire l impronta (10).

23 PROVE CON CARICHI E PENETRATORI BRINELL SECONDO IL PROCEDIMENTO ROCKWELL 23 Prove con carichi e penetratori Brinell secondo il procedimento Rockwell Come accennato al capitolo precedente, per ovviare ai vari inconvenienti del metodo Brinell, e anche per utilizzare maggiormente gli strumenti Rockwell, si impiegano frequentemente questi strumenti per eseguire prove con penetratori e carichi Brinell. La maggior parte di questi strumenti, infatti, oltre ai carichi Rockwell, prevede anche i carichi normali per le prove Brinell (62.5, 125, 187.5/612.9, 1226, 1839N). La misura dell impronta avviene misurando la differenza di penetrazione tra precarico e carico secondo il procedimento Rockwell, anziché misurare il diametro come nel procedimento Brinell. La lettura avviene direttamente su display o su un quadrante applicato al comparatore, nel caso di strumenti analogici. Se la lettura viene fatta su comparatore, il risultato ottenuto (che non è una durezza Rockwell) dovrà essere convertito nella scala Brinell con le apposite tabelle. Occorre chiarire che questo procedimento non è una vera prova Brinell, poiché questa richiederebbe la rilevazione ottica del diametro dell impronta; i risultati ottenuti dalla conversione, infatti, non sono uguali per tutti i materiali (per esempio, la conversione per l acciaio non è la stessa che per la ghisa). Questo procedimento è, però, molto conveniente, nel caso si debbano eseguire dei controlli in serie o si voglia evitare la lettura ottica dell impronta e, di conseguenza, la preparazione della superficie di prova. Per gli acciai, vi è, inoltre, il vantaggio di utilizzare una scala tarata direttamente in resistenza alla trazione in kgf/mm² o N/mm². Per una maggiore precisione nei controlli in serie, i durometri ERNST offrono la possibilità di impostare una nuova e provvisoria calibrazione della scala, basata su provini Brinell o su un campione precedentemente misurato con il sistema Brinell ottico.

24 24 PROCEDIMENTO VICKERS Procedimento Vickers Il procedimento di prova è analogo al metodo Brinell, ma, in questo caso, è previsto un solo penetratore diamante a forma di piramide a base quadra, avente un angolo tra le facce di 136 Dopo aver eseguito la prova, si misurano le due diagonali dell impronta e, poiché queste raramente saranno uguali, si assumerà il valore medio. FIGURA E - Schema del procedimento Vickers Analogamente al numero Brinell, il numero di durezza Vickers HV è dato dal rapporto tra il carico applicato e la superficie dell impronta, secondo la formula: 2F 136 F HV=. sen = d 2 2 d 2 dove F rappresenta il carico in kgf e d la diagonale (o media delle diagonali) in mm. Ovviamente, anche in questo caso, ci si avvale delle tabelle per determinare direttamente la durezza. I carichi di prova sono molteplici, ma quelli più utilizzati sono: 1, 2, 5, 10, 30kgf (9.81, 19.62, 49.05, 98.10, ); è possibile impiegare carichi anche parecchio inferiori a 1kgf (9.81 N), entrando, così, nel campo delle microdurezze che trovano largo impiego specialmente nei laboratori metallografici.

25 CAMPO DI UTILIZZAZIONE DEI CARICHI VICKERS 25 Campo di utilizzazione dei carichi Vickers Essendo previsto un solo penetratore e, dato che il numero Vickers rappresenta il carico specifico permm² sulla superficie dell impronta, i valori ottenuti con carichi diversi sono comparabili tra loro. Per esempio, se si esegue la prova sullo stesso materiale con un carico di 30kgf ( N) e di 1kgf (9.81 N) i risultati coincideranno (fermo restando che il materiale sia omogeneo, senza stratificazioni di differenti durezze). Anche nel caso di stratificazioni, la prova Vickers può essere convenientemente impiegata, utilizzando carichi crescenti, per determinare lo spessore dei trattamenti superficiali, come la nitrurazione. Occorre considerare che, quando i carichi di prova sono inferiori a 200 grammi, anche se il materiale è omogeneo, si registrerà un incremento del numero della durezza a causa di fenomeni di tensione superficiale. Anche per la prova Vickers, convenzionalmente, lo spessore minimo misurabile è considerato pari a 10 volte la profondità di penetrazione (tabella 7). F kgf HV TABELLA 7 - Spessori minimi misurabili nelle prove Vickers La denominazione delle prove Vickers è HV (H=durezza, V=Vickers), seguito dal carico di prova. Il numero di durezza si antepone alla sigla, seguita dall indicazione del carico in kgf o N. e, eventualmente, dal tempo di permanenza sotto carico espresso in secondi. Esempio: 715 HV 5/15 La prova Vickers è utilizzabile soprattutto per il controllo di pezzi piccoli, sottili o con trattamenti superficiali, vale a dire dove è necessario operare con carichi bassi; il suo impiego si evita, infatti, sui materiali poco omogenei come le ghise.

26 26 VANTAGGI E LIMITAZIONI DEL PROCEDIMENTO VICKERS Vantaggi e limitazioni del procedimento Vickers Il vantaggio principale del procedimento Vickers consiste nel fatto che prevede una sola scala, che può variare dalle durezze più basse alle più alte e, per questo motivo, è considerato nei laboratori un mezzo fondamentale per la ricerca. Eventuali deformazioni dell impronta possono rivelare caratteristiche strutturali del materiale controllato. Come il metodo Brinell, il procedimento Vickers non risente di eventuali cedimenti del pezzo. Il numero di durezza Vickers, a differenza del valore Rockwell, e più del numero Brinell, ha un significato evidente, perché rappresenta un carico specifico su un impronta avente sempre uguale forma. Le limitazioni del metodo Vickers sono dovute alla sua scarsa rapidità, poiché la misurazione dell impronta deve sempre essere eseguita otticamente (microscopio o proiettore). La superficie destinata all impronta deve essere preparata con molta cura e la perpendicolarità con l asse del penetratore diventa molto importante, poiché una lieve inclinazione provocherebbe un impronta irregolare. Per questi motivi, il metodo Vickers male si adatta ai controlli in serie. Su alcuni materiali, l impronta è difficilmente leggibile anche a causa dell irregolare ripartizione delle sollecitazioni, che avvengono maggiormente sugli spigoli piuttosto che sulle facce dell impronta piramidale. In conclusione, si può sostenere che il metodo Vickers è più adatto all impiego in laboratorio che in officina. Per superare le suddette limitazioni, abbiamo realizzato per i nostri strumenti la possibilità di rilevare la durezza Vickers con procedimenti più rapidi e meno laboriosi (11).

27 PROCEDIMENTO SHORE PER METALLI PROCEDIMENTO KNOOP 27 Procedimento Shore per metalli Si basa sul principio per cui una sfera (o asta con punta a sfera) lasciata cadere sul pezzo da misurare, rimbalza in altezza più o meno, in base alla durezza del pezzo stesso. E un metodo poco utilizzato, perché, pur essendo il principio molto semplice, la precisione dipende dalla massa del pezzo da controllare, come pure dalla perfetta perpendicolarità dell asse di caduta. La misura della durezza è espressa in punti SHORE ed è normalizzata per le misurazioni su grossi cilindri rettificati (calandre). E possibile dotare alcuni dei nostri durometri della scala Shore per una lettura diretta (comparazione) di questa durezza (12). Procedimento Knoop E analogo al procedimento Vickers con penetratore a punta di diamante a forma di piramide romboidale, con diagonali in rapporto 1:7. E usato solamente nei laboratori per le prove con pochi grammi di carico.

28 28 USO DELLE TABELLE DI COMPARAZIONE E DEI PROVINI DI CONTROLLO Uso delle tabelle di comparazione L equivalenza tra le varie scale di durezza è frutto di varie esperienze empiriche, ma non esiste alcuna correlazione matematica fra di loro. Le tabelle provenienti da fonti differenti, infatti, spesso danno comparazioni diverse con differenze anche sensibili. Solitamente, le tabelle di comparazione riportano anche i valori di resistenza alla trazione in kgf/mm² e N/mm² per gli acciai, con rapporti di conversione rispetto alla durezza HB30 di 0.34 o 0.36, oppure la conversione secondo DIN che è compreso tra le due. I valori ricavati dalle tavole di conversione non possono considerati assoluti, ma solo orientativi. Uso dei provini di controllo Generalmente, nel corredo di un durometro si trovano uno o più provini di controllo. Questi provini devono essere di materiale molto omogeneo, opportunamente trattato, e tarati con particolare cura su di una sola faccia. E importante controllare spesso gli strumenti con i provini, per verificarne il regolare funzionamento. Normalmente, si usando due tipi di provini: - Provini per taratura (ufficialmente riconosciuti), ottenibili su tutta la gamma delle durezze, forniti da poche ditte specializzate nel mondo. Materiale: acciaio ed eventualmente ottone e bronzo. - Provini di controllo forniti con il durometro Per ogni scala si fornisce, generalmente, un solo provino, la cui durezza è scelta in modo da ottenere un controllo ottimo (punto medio-alto della scala). Materiale: acciaio, ottone, bronzo e alluminio. Per l alluminio, non potendo ottenere un confronto con provini ufficialmente riconosciuti, che non esistono, utilizziamo per i nostri durometri materiale di alluminio, fornitoci con taratura dal laboratorio di un importante ditta del ramo. Le impronte fatte sui provini non devono avere, di regola, una distanza tra loro inferiore a circa due volte il diametro dell impronta stessa. Sui provini di circa HRC 60 devono distare tra loro non meno di 2mm. Quando la superficie del provino è interamente ricoperta da impronte, è uno sbaglio cercare di recuperarlo tramite rettifica, perché il materiale sottostante avrà sicuramente modificato la propria struttura e darà per questo risultati falsati. Con il tempo, la durezza dei provini può, anche se non di molto, modificarsi. Da esperienze fatte, si è, infatti, riscontrato che la durezza di alcuni provini da HRC 60 dopo circa cinque anni aumenterebbe di -1 punto HRC.

29 APPENDICE - DUROMETRI DA BANCO (VEDI I RIFERIMENTI INDICATI NELLA GUIDA) 29 Per ulteriori informazioni sui nostri prodotti, consultare la documentazione specifica (1) Durometri da banco come: NR3D Versione R Strumento semplice e robusto per prove Rockwell, con precarico e carico normalizzati. Con carichi per prove Brinell. Versione SR Versione Rockwell Superficiale del modello NR3-DR. Con carichi per prove Brinell. AT130 Versione DR Durometro per prove Rockwell con indicazione digitale. Precarichi e carichi normalizzati. Con carichi per prove Brinell. Quattro stativi a scelta. Versione DSR Versione Rockwell Superficiale del modello AT130-DR. Con carichi per prove Brinell. AT250 Versione DR Analogo all AT130, con lettura digitale tramite microprocessore. Maggiore rapidità e possibilità di stampare i dati, ottenere risultati statistici, tolleranze e altro. Otto o più scale selezionabili. Quattro stativi a scelta. Con carichi per prove Brinell. Versione DSR Versione Rockwell Superficiale del modello AT250-DR. Con carichi per prove Brinell. ESATEST MTR X (principio ESATEST DIN 50158) Il modello MTR X è la versione motorizzata da banco della serie ESATEST. La serie ESATEST utilizza un nuovo principio di misura, che permette di raggiungere punti fino ad oggi inaccessibili con i normali procedimenti. Con un unica misura è possibile ottenere immediatamente i valori di durezza, rilevati su un ampia gamma di carichi: ciò è particolarmente utile nel controllo di parti trattate superficialmente, per avere un immediata valutazione della profondità del trattamento. I risultati delle prove sono automaticamente visualizzati su monitor. L impiego dell elettronica offre svariate funzioni supplementari.

30 30 APPENDICE - DUROMETRI AUTOMATICI (VEDI I RIFERIMENTI INDICATI NELLA GUIDA) Durometri automatici come: BRE-AUT (8) Durometro di grandi dimensioni per la misurazione automatica della durezza Brinell con carichi variabili da 500 a 3000kgf. Facilmente inseribile in una linea in caso di progettazione di impianti completi. TWIN X Strumento che consente il controllo della durezza Rockwell e Rockwell superficiale. Lo spostamento della testa, il cambio e l applicazione del carico avvengono in modo automatico. Corsa del penetratore di 45mm. Struttura insensibile a eventuali cedimenti o flessioni del pezzo. E possibile rimuovere il gruppo vite e inserire lo strumento in una linea automatica per il controllo in serie.l impiego dell elettronica offre svariate funzioni supplementari. AT350 versione DRT-M Strumento motorizzato, evoluzione dei modelli AT130 e AT250, studiato per produzioni di grandi volumi (ca pezzi/h). Può essere integrato in linee di produzione per un processo di misura completamente automatizzato. OMNITEST Durometro universale adatto a tutti i procedimenti di misura più comuni e standardizzati, quali: Rockwell, Superficial Rockwell, Brinell, Vickers e Knoop (su richiesta). Omnitest è completo di PC industriale integrato che opera su piattaforma Windows 7, Fotocamera USB ad alta risoluzione (2 mega pixel) con illuminazione LED, software che permette il rilievo completamente automatico di tutte le impronte, con possibilità di operare manualmente. Omnitest misura con carichi da 9,804N a 2451N (1kgf - 250kgf). L immagine dell impronta può essere acquisita e memorizzata con la possibilità di essere richiamata in qualsiasi momento.

31 APPENDICE - DUROMETRI PORTATILI For (VEDI more I RIFERIMENTI information, please INDICATI ask NELLA us for the GUIDA) leaflets. (2) (4) Durometri portatili come: COMPUTEST SCX (DIN 50157) Strumento a lettura diretta della durezza su display. Sette e più scale selezionabili. Controllo statico su superfici piane e cilindriche e su differenti metali. Carico 5kgf. 31 DYNATEST SCX (DIN 50157) Simile a Computest SCX, ma con carichi di oltre 100kgf. Possibilità di selezionare quattro e più scale. Unico nel suo genere, consente la stessa precisione di un durometro da banco, grazie al suo alto carico di prova. Carico oltre 100kgf. HANDY ESATEST X (principio ESATEST DIN 50158) Versione portatile del modello ESATEST MTR X di soli 1.5 kg di peso. (3) STE Sistema dinamico o statico dinamico a spina tarata. Carico 1580kgf. Risultati in scala Brinell e resistenza alla trazione. Conforme alle norme Brinell HB30. APPENDICE - TRATTAMENTO TERMICO (VEDI I RIFERIMENTI INDICATI NELLA GUIDA) Trattamento Termico: HTD1500 Sistema automatico di determinazione dello spessore del trattamento termico mediante penetratore di metallo duro, basato sul principio di misurazione di profondità in relazione alla superficie del pezzo di prova. Spessore misurabile 0,05mm - 1,3mm. Carico massimo applicabile 1500kgf (14 710N). HTD4000 Sistema automatico di determinazione dello spessore del trattamento termico mediante penetratore di metallo duro, basato sul principio di misurazione di profondità in relazione alla superficie del pezzo di prova. Spessore misurabile 0,5mm - 2,7mm. Carico massimo applicabile 4000kgf (39 227N).

32 32 TABELLA DI COMPARAZIONE DEI DUROMETRI ERNST DUROMETRI PORTATILI DUROMETRI STE COMPUTEST SCX DYNATEST SCX HANDY ESATEST X ESATEST MTR X NR3 MATERIALE ACCIAIO LEGHE LEGGERE GHISA PLASTICA X X X X X X X X X X X X X X X X IRREGOLARE X X X X X X FORMA E DIMENSIONE DEL PEZZO GRANDE PICCOLO SOTTILE INTERNO X X X X X X X X X X X X X X X X X X EVOLVENTI/ INGRANAGGI X X DUREZZA ROCKWELL BRINELL VICKERS X X X X X X X X X X X X X

33 TABELLA DI COMPARAZIONE DEI DUROMETRI ERNST 33 DA BANCO DUROMETRI AUTOMATICI TRATTAMENTO TERMICO AT130 AT250 AT350 TWIN X BRE-AUT OMNITEST HTD1500 HTD4000 X X X X X X X X X X X X X X X X X X X X X X X X X X X X X X X X X X X X X X X X X X X X X X X X X X X X X X X X X X X X X X X X X X X X X X X X X X X X

34 NOTE

35 35

36 C.I.S.A.M. s.a.s. costruzione italo-svizzera apparecchi misura v. Monte Tagliaferro, 6 I Induno Olona (VA) Tel I Fax I IT07 Ci riserviamo il diritto di apportare eventuali modifiche al contenuto

3) forniscono indici di confronto per un giudizio sulla qualità dei materiali; 4)consentono di stabilire il grado di lavorazione alle macchine

3) forniscono indici di confronto per un giudizio sulla qualità dei materiali; 4)consentono di stabilire il grado di lavorazione alle macchine DUREZZA La durezza per quanto riguarda le prove sui materiali è una prova non distruttiva. E la proprietà che hanno i materiali di resistere alla penetrazione di un corpo di materiale duro, in ogni caso

Dettagli

PRINCIPALI PROVE SUI MATERIALI INDICE

PRINCIPALI PROVE SUI MATERIALI INDICE PRINCIPALI PROVE SUI MATERIALI Per disporre di dati reali che consentono di classificare le proprietà di vari materiali, occorre eseguire sui materiali delle prove specifiche in laboratori molto attrezzati.

Dettagli

Classe 3^ - Tecnologie mecc. di proc. e prod. - UdA n 2: Materia e Materiali - Prova di durezza Vickers DUREZZA

Classe 3^ - Tecnologie mecc. di proc. e prod. - UdA n 2: Materia e Materiali - Prova di durezza Vickers DUREZZA DUREZZA La durezza é comunemente intesa come la resistenza di un materiale a lasciarsi penetrare da un corpo più duro. Su tale principio si basano le più importanti prove di durezza: Brinell, Rockwell,

Dettagli

DALLE FUNZIONI AL PRODOTTO

DALLE FUNZIONI AL PRODOTTO DALLE FUNZIONI AL PRODOTTO Funzioni PROGETTAZIONE Specifiche Materie prime / Componenti PRODUZIONE Prodotto DALLE FUNZIONI AL PRODOTTO Progettazione del componente: materiale macro geometria micro geometria

Dettagli

CLASSIFICAZIONE DUREZZA

CLASSIFICAZIONE DUREZZA PROVE DI DUREZZA ING. FABBRETTI FLORIANO 1 INDICE CLASSIFICAZIONE DUREZZA TIPOLOGIE DUREZZE DUREZZA BRINELL DUREZZA VICKERS DUREZZA ROCKWELL MICRODUREZZA VICKERS MICRODUREZZA KNOOP ING. FABBRETTI FLORIANO

Dettagli

www.rodacciai.it PROVA DI TRAZIONE L 0 = 5.65 S 0 PROVE MECCANICHE

www.rodacciai.it PROVA DI TRAZIONE L 0 = 5.65 S 0 PROVE MECCANICHE PROVA DI TRAZIONE La prova, eseguita a temperatura ambiente o più raramente a temperature superiori o inferiori, consiste nel sottoporre una provetta a rottura per mezzo di uno sforzo di trazione generato

Dettagli

PROPRIETA MECCANICHE

PROPRIETA MECCANICHE PROPRIETA MECCANICHE Le proprietà meccaniche di un materiale determinano i limiti di impiegabilità del materiale stesso in applicazioni in cui esso debba sostenere un carico o resistere ad uno sforzo.

Dettagli

= 0,375 cioè ω = 136

= 0,375 cioè ω = 136 Il controllo della durezza Nel settore della meccanica ci si incontra spesso con il concetto di durezza ; ed infatti la durezza è una caratteristica fondamentale per giudicare se un certo materiale è idoneo

Dettagli

PROPRIETÀ DEI MATERIALI

PROPRIETÀ DEI MATERIALI ESERCITAZIONE 1 PROPRIETÀ DEI MATERIALI SONO LE GRANDEZZE IL CUI VALORE DESCRIVE IL COMPORTAMENTO DEL MATERIALE IN PRESENZA DELLE DIVERSE SOLLECITAZIONI E CONDIZIONI DI SERVIZIO COSTITUISCONO L ELEMENTO

Dettagli

Durezza e Prova di durezza

Durezza e Prova di durezza Durezza e Prova di durezza (a) Durometro (b) Sequenza per la misura della durezza con un penetratore conico di diamante; la profondità t è inversamente correlata alla durezza del materiale: quanto minore

Dettagli

--- durezza --- trazione -- resilienza

--- durezza --- trazione -- resilienza Proprietà meccaniche Necessità di conoscere il comportamento meccanico di un certo componente di una certa forma in una certa applicazione prove di laboratorio analisi del comportamento del componente

Dettagli

PROVE DI DUREZZA Laboratorio di Metallurgia AA 2007-2008

PROVE DI DUREZZA Laboratorio di Metallurgia AA 2007-2008 PROVE DI DUREZZA Laboratorio di Metallurgia AA 2007-2008 La durezza H (hardness) può essere definita come: la resistenza alla deformazione elasto-plastica (concetto fisico); la resistenza alla scalfittura

Dettagli

La misura delle proprietà è effettuata mediante prove, condotte nel rispetto di norme precisate dalle unificazioni

La misura delle proprietà è effettuata mediante prove, condotte nel rispetto di norme precisate dalle unificazioni PROVE MECCANICHE Le prove meccaniche si eseguono allo scopo di misurare le proprietà meccaniche dei materiali, ossia quelle che caratterizzano il comportamento di un materiale sotto l azione di forze esterne.

Dettagli

PROVE DI MACRODUREZZA

PROVE DI MACRODUREZZA PROVE DI MACRODUREZZA DEFINIZIONE: il concetto metallurgico di durezza è la resistenza alla penetrazione superficiale. PROVE DI MACRODUREZZA: si definiscono prove di macrodurezza quelle nelle quali si

Dettagli

BLOCCHI DI SICUREZZA DA RIMUOVERE PRIMA DEL PRIMO UTILIZZO

BLOCCHI DI SICUREZZA DA RIMUOVERE PRIMA DEL PRIMO UTILIZZO BLOCCHI DI SICUREZZA DA RIMUOVERE PRIMA DEL PRIMO UTILIZZO Una volta scartata la confezione e prima del primo utilizzo è necesario rimuovere i blocchi di sicurezza che trovate ilustrati qu di seguito.

Dettagli

Classificazione degli acciai da lavorare Scelta della punta in funzione del materiale da lavorare Parametri di taglio

Classificazione degli acciai da lavorare Scelta della punta in funzione del materiale da lavorare Parametri di taglio Materiali delle punte elicoidali Processi produttivi delle punte elicoidali Standard normativi Tipologia di affilatura Rivestimenti superficiali degli utensili Durezze Rockwell e Vickers Classificazione

Dettagli

Durometro universale analogico da banco

Durometro universale analogico da banco Durometro universale analogico da banco DUROMETRO UNIVERSALE ANALOGICO CV-700 Brinell/Vickers/Rockwell Codice 4801700 Il durometro universale CV700 consente la rilevazione delle scale di durezza Brinell,

Dettagli

«PROVE SU MATERIALI ELASTOMERICI E PLASTICI (PIGMENTATI E VERNICIATI)» LABORATORI PLASTLAB

«PROVE SU MATERIALI ELASTOMERICI E PLASTICI (PIGMENTATI E VERNICIATI)» LABORATORI PLASTLAB CONVEGNO «PROVE SU MATERIALI ELASTOMERICI E PLASTICI (PIGMENTATI E VERNICIATI)» MATERIALI ELASTOMERICI: PROVE IRHD E MicroIRHD PER NUOVE OPPORTUNITA PER MIGLIORARE LA QUALITA DEGLI ARTICOLI IN GOMMA STAMPATA

Dettagli

MANUALE DI FUNZIONAMENTO. Modello BHT 10440 Durometro Brinell Portatile

MANUALE DI FUNZIONAMENTO. Modello BHT 10440 Durometro Brinell Portatile MANUALE DI FUNZIONAMENTO Modello BHT 10440 Durometro Brinell Portatile 1. Introduzione Questo è un durometro portatile di tipo Brinell. È progettato in accordo con il metodo dinamico di prova di durezza.

Dettagli

Page 1 of 19 PROVA DI DUREZZA

Page 1 of 19 PROVA DI DUREZZA Page 1 of 19 PROVA DI DUREZZA La durezza H (hardness) e la resistenza che la superficie di un materiale oppone alla sua penetrazione. E' una condizione necessaria affinche' il componente metallico possegga

Dettagli

Prove meccaniche di laboratorio (Distillazione verticale)

Prove meccaniche di laboratorio (Distillazione verticale) OBIETTIVI: 1 Prove meccaniche di laboratorio (Distillazione verticale) sapere descrivere le esecuzioni delle prove; conoscere le caratteristiche dimensionali dei provini unificati; sapere calcolare le

Dettagli

DUROMETRI E DUREZZE (MICRO E MACRO) PENDOLO CHARPY PER RESILIENZA ALTRE PROVE (FATICA, TRIBOLOGIA, ELETTROPULITURA)

DUROMETRI E DUREZZE (MICRO E MACRO) PENDOLO CHARPY PER RESILIENZA ALTRE PROVE (FATICA, TRIBOLOGIA, ELETTROPULITURA) TUTORATO ING. FABBRETTI FLORIANO 1 COSA VEDIAMO OGGI MACCHINA PER TRAZIONE DUROMETRI E DUREZZE (MICRO E MACRO) PENDOLO CHARPY PER RESILIENZA ALTRE PROVE (FATICA, TRIBOLOGIA, ELETTROPULITURA) ING. FABBRETTI

Dettagli

A.S. 2012/13 Materia: Tecnologie meccaniche di prodotto e processo

A.S. 2012/13 Materia: Tecnologie meccaniche di prodotto e processo ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE G. NATTA - G.V. DEAMBROSIS LICEO SCIENTIFICO : OPZIONE SCIENZE APPLICATE ISTITUTO TECNICO Settore Tecnologico: INDIRIZZO ELETTRONICA ED ELETTROTECNICA - INDIRIZZO MECCANICA,

Dettagli

Influenza dell ossidazione intergranularesul comportamento a fatica di acciai cementati per ingranaggeria al Mn-Cr e Ni-Cr-Mo

Influenza dell ossidazione intergranularesul comportamento a fatica di acciai cementati per ingranaggeria al Mn-Cr e Ni-Cr-Mo AIM - 23 CONVEGNO NAZIONALE TRATTAMENTI TERMICI Verona 19-20-21 Ottobre 2011 Testo della memoria Rif. To N 02 Influenza dell ossidazione intergranularesul comportamento a fatica di acciai cementati per

Dettagli

MATERIALI. Introduzione

MATERIALI. Introduzione MATERIALI 398 Introduzione Gli acciai sono leghe metalliche costituite da ferro e carbonio, con tenore di carbonio (in massa) non superiore al 2%. Attenzione: la normazione sugli acciai è in fase di armonizzazione

Dettagli

Politecnico di Torino Dipartimento di Meccanica DAI PROVINI AI COMPONENTI

Politecnico di Torino Dipartimento di Meccanica DAI PROVINI AI COMPONENTI DAI PROVINI AI COMPONENTI Vi sono molti fattori che influenzano la resistenza a fatica; fra i fattori che riguardano il componente hanno particolare importanza: le dimensioni (C S ) la presenza di intagli

Dettagli

MATERIALI METALLICI E ACCIAI

MATERIALI METALLICI E ACCIAI Corso di Formazione MATERIALI METALLICI E ACCIAI OTTOBRE - DICEMBRE 2015 PROPRIETÀ MECCANICHE MATERIALI METALLICI METALLURGIA DEGLI ACCIAI CORROSIONE E PROTEZIONE FAILURE ANALYSIS QUATTRO MODULI FORMATIVI

Dettagli

METALLI FERROSI GHISA ACCIAIO

METALLI FERROSI GHISA ACCIAIO METALLI FERROSI I metalli ferrosi sono i metalli e le leghe metalliche che contengono ferro. Le leghe ferrose più importanti sono l acciaio e la ghisa. ACCIAIO: lega metallica costituita da ferro e carbonio,

Dettagli

OPEN HOUSE 22 23 24 Ottobre

OPEN HOUSE 22 23 24 Ottobre OPEN HOUSE 22 23 24 Ottobre MICROSCOPIO metallografico motorizzato Leica DM 6000 M Microscopio completamente motorizzato in tutte le sue funzioni. Touch screen frontale di gestione del principali funzionalità.

Dettagli

G. M. La Vecchia Dipartimento di Ingegneria Meccanica Università di Brescia

G. M. La Vecchia Dipartimento di Ingegneria Meccanica Università di Brescia G. M. La Vecchia Dipartimento di Ingegneria Meccanica Università di Brescia Solubilizzazione Cementazione Nitrurazione Tempra di soluzione ed invecchiamento Coltre bianca cementato Nitrurazione 550 C x

Dettagli

La disciplina di Tecnologia Meccanica ed Esercitazioni è coinvolta nel progetto di Sperimentazione Meccatronica,

La disciplina di Tecnologia Meccanica ed Esercitazioni è coinvolta nel progetto di Sperimentazione Meccatronica, PROGRAMMA MINIMO COMUNE DI TECNOLOGIA MECCANICA ED ESERCITAZIONI ANNO SCOLASTICO 2010/2011 La disciplina di Tecnologia Meccanica ed Esercitazioni è coinvolta nel progetto di Sperimentazione Meccatronica,

Dettagli

LAVORAZIONI PER ASPORTAZIONE DI TRUCIOLO LA FORMAZIONE DEL TRUCIOLO

LAVORAZIONI PER ASPORTAZIONE DI TRUCIOLO LA FORMAZIONE DEL TRUCIOLO LAVORAZIONI PER ASPORTAZIONE DI TRUCIOLO LA FORMAZIONE DEL TRUCIOLO Perché si abbia la formazione del truciolo deve esserci un moto relativo utensile pezzo Sforzo di compressione dell utensile sul pezzo

Dettagli

ITIS OTHOCA ORISTANO I CUSCINETTI VOLVENTI. Prof. Ignazio Peddis A.S. 2007/08

ITIS OTHOCA ORISTANO I CUSCINETTI VOLVENTI. Prof. Ignazio Peddis A.S. 2007/08 ITIS OTHOCA ORISTANO I CUSCINETTI VOLVENTI Prof. Ignazio Peddis A.S. 2007/08 I cuscinetti volventi Il cuscinetto volvente, detto anche cuscinetto a rotolamento, è un elemento posizionato tra il perno di

Dettagli

1 PREMESSE E SCOPI... 3 2 DESCRIZIONE DEI SUPPORTI SOTTOPOSTI A PROVA... 3 3 PROGRAMMA DELLE PROVE SPERIMENTALI... 5

1 PREMESSE E SCOPI... 3 2 DESCRIZIONE DEI SUPPORTI SOTTOPOSTI A PROVA... 3 3 PROGRAMMA DELLE PROVE SPERIMENTALI... 5 DI UN SISTEMA DI FISSAGGIO PER FACCIATE CONTINUE 2 INDICE 1 PREMESSE E SCOPI... 3 2 DESCRIZIONE DEI SUPPORTI SOTTOPOSTI A PROVA... 3 3 PROGRAMMA DELLE PROVE SPERIMENTALI... 5 3.1 STRUMENTAZIONE UTILIZZATA...

Dettagli

Pensa al rendimento del costo, Pensa HSS SEGATURA

Pensa al rendimento del costo, Pensa HSS SEGATURA Pensa al rendimento del costo, Pensa HSS SEGATURA SOMMARIO SEGA A NASTRO 2 Le basi della sega a nastro 3 HSS e rivestimenti 4 Il concetto bimetallico 5 Affilatura del dente 6 Passo e forme del dente 7

Dettagli

CAPITOLO SECONDO RICHIAMI DI MICROECONOMIA

CAPITOLO SECONDO RICHIAMI DI MICROECONOMIA CAPITOLO SECONDO RICHIAMI DI MICROECONOMIA SOMMARIO: 2.1 La domanda. - 2.2 Costi, economie di scala ed economie di varietà. - 2.2.1 I costi. - 2.2.2 Le economie di scala. - 2.2.3 Le economie di varietà.

Dettagli

Tecnologia Meccanica Proff. Luigi Carrino Antonio Formisano Prove tecnologiche

Tecnologia Meccanica Proff. Luigi Carrino Antonio Formisano Prove tecnologiche Prove tecnologiche PROVE TECNOLOGICHE Le prove tecnologiche vengono eseguite allo scopo di determinare l'attitudine dei materiali a subire determinati processi necessari a realizzare un certo prodotto.

Dettagli

GUIDE DI SCORRIMENTO SPECIALI

GUIDE DI SCORRIMENTO SPECIALI GUIDE DI SCORRIMENTO SPECIALI ZORROTZ / 1 INDEX 01 02 03 04 06 05 07 08 09 10 Presentazione / p 04 Tipi di guide / p 06 02.1 guida piatta di spessore ridotto 02.2 guida piatta con fori di fissaggio 02.3

Dettagli

1037. Elenco dei trattamenti termici e delle lavorazioni ausiliarie.

1037. Elenco dei trattamenti termici e delle lavorazioni ausiliarie. L) TRATTAMENTO TERMICO DEI METALLI 1037. Elenco dei trattamenti termici e delle lavorazioni ausiliarie. Per trattamenti termici si intendono tutti quei cicli termici previsti dalla tabella UNI 3354/70

Dettagli

RADIOSITY TUTORIAL. versione originale su: http://www.mvpny.com/radtutmv/radiositytut1mv.html

RADIOSITY TUTORIAL. versione originale su: http://www.mvpny.com/radtutmv/radiositytut1mv.html RADIOSITY TUTORIAL La "Profondità Diffusione" che si imposta nella finesta Settaggi Radiosity (render- >parametri rendering->radiosity) stabilisce quante volte una fonte di illuminazione andrà a riflettersi

Dettagli

MISURAZIONE DELLE PROPRIETA TECNOLOGICHE I.T.S.T J.F. KENNEDY - PN

MISURAZIONE DELLE PROPRIETA TECNOLOGICHE I.T.S.T J.F. KENNEDY - PN MISURAZIONE DELLE PROPRIETA TECNOLOGICHE I.T.S.T J.F. KENNEDY - PN Le proprietà tecnologiche dei materiali indagano la loro risposta alla lavorabilità ovvero forniscono indicazioni sulla risposta dei materiali

Dettagli

LA DUREZZA: DEFINIZIONE E MISURAZIONE

LA DUREZZA: DEFINIZIONE E MISURAZIONE Anita Calcatelli, Alessandro Germak I.N.RI.M. Contenuto 1. Considerazioni introduttive 2. Le scale di durezza 2.1 Considerazioni generali 2.2 Scala Brinell 2.3 Scala Vickers 2.4 Scala Rockwell 2.5 Scala

Dettagli

Le graniglie sono classificabili, secondo il materiale di cui sono composte, come segue :

Le graniglie sono classificabili, secondo il materiale di cui sono composte, come segue : Cos è la graniglia? L utensile della granigliatrice : la graniglia La graniglia è praticamente l utensile della granigliatrice: si presenta come una polvere costituita da un gran numero di particelle aventi

Dettagli

Acciaio per lavorazioni a caldo

Acciaio per lavorazioni a caldo Acciaio per lavorazioni a caldo Generalità BeyLos 2343 è un acciaio legato al cromo molibdeno, vanadio progettato per la realizzazione di matrici, stampi o punzoni o altri particolari che devono lavorare

Dettagli

Nuovi prodotti. Stampi per tranciatura 2014. Guide modulari. Guide compatte

Nuovi prodotti. Stampi per tranciatura 2014. Guide modulari. Guide compatte Nuovi prodotti Stampi per tranciatura 2014 5.8.3.1 Catalogo CD e lin Catalogo on Con il nuovo ampliamento di prodotti abbiamo voluto dare voce ai vostri desideri e consigli. Come fornitore sistematico

Dettagli

FORM 1000 GFAC_Flyer_FORM 1000.indd 1 23.9.2009 9:57:42

FORM 1000 GFAC_Flyer_FORM 1000.indd 1 23.9.2009 9:57:42 FORM 1000 Gamma d applicazione Micro applicazioni Una parola in più piccola dimensione Che cosa è la tecnologia micro? E utilizzato, in generale, per designare la produzione o l integrazione di componenti

Dettagli

Nuovo tipo di utensile per brocciatura

Nuovo tipo di utensile per brocciatura Nuovo tipo di utensile per brocciatura Nella costruzione di parti meccaniche, anche molto semplici, a volte bisogna affrontare dei problemi di una certa difficoltà che richiedono, per la loro risoluzione,

Dettagli

Rapidamente al grado esatto Tarature di temperatura con strumenti portatili: una soluzione ideale per il risparmio dei costi

Rapidamente al grado esatto Tarature di temperatura con strumenti portatili: una soluzione ideale per il risparmio dei costi Rapidamente al grado esatto Tarature di temperatura con strumenti portatili: una soluzione ideale per il risparmio dei costi Gli strumenti per la misura di temperatura negli impianti industriali sono soggetti

Dettagli

Capacità di assorbire una deformazione plastica senza rompersi: alta=duttile (es. oro) bassa=fragile (es. vetro)

Capacità di assorbire una deformazione plastica senza rompersi: alta=duttile (es. oro) bassa=fragile (es. vetro) Capacità di assorbire una deformazione plastica senza rompersi: alta=duttile (es. oro) bassa=fragile (es. vetro) E dipendente dalla temperatura:capacità di riposizionamento di difetti ed atomi (diffusione

Dettagli

Guida alla fresatura Spianatura 1/24

Guida alla fresatura Spianatura 1/24 SPIANATURA Guida alla fresatura Spianatura 1/24 SCELTA INSERTO/FRESA Una fresa con un angolo di registrazione inferiore a 90 agevola il deflusso dei trucioli aumentando la resistenza del tagliente. Gli

Dettagli

1. Prove sui materiali

1. Prove sui materiali 1.1 Prova di trazione 1. Prove sui materiali La più comune prova sui materiali è quella di trazione. Un provino, di forma e diminsioni unificate (ma talvolta si deroga alle dimensioni, ferma restando la

Dettagli

Lavorazione delle lamiere

Lavorazione delle lamiere Lavorazione delle lamiere Lamiere Utilizzate nella produzione di carrozzerie automobilistiche, elettrodomestici, mobili metallici, organi per la meccanica fine. Le lamiere presentano una notevole versatilità

Dettagli

Acciaio per lavorazioni a caldo

Acciaio per lavorazioni a caldo Acciaio per lavorazioni a caldo Generalità BeyLos 2329 è un acciaio legato progettato per la realizzazione di matrici, stampi o punzoni o altri particolari che devono lavorare a temperature elevate. I

Dettagli

AUTOLIVELLI (orizzontalità ottenuta in maniera automatica); LIVELLI DIGITALI (orizzontalità e lettura alla stadia ottenute in maniera automatica).

AUTOLIVELLI (orizzontalità ottenuta in maniera automatica); LIVELLI DIGITALI (orizzontalità e lettura alla stadia ottenute in maniera automatica). 3.4. I LIVELLI I livelli sono strumenti a cannocchiale orizzontale, con i quali si realizza una linea di mira orizzontale. Vengono utilizzati per misurare dislivelli con la tecnica di livellazione geometrica

Dettagli

Operating Manual: Pull-Off DRT100. Manuale Operativo PULL - OUT DRG-100

Operating Manual: Pull-Off DRT100. Manuale Operativo PULL - OUT DRG-100 Manuale Operativo PULL - OUT DRG-100 1. Avvertenze Generali Questo manuale d uso contiene norme di sicurezza nonché le istruzioni necessarie per l utilizzo del Pull-Out DRG 100. Per trarre il massimo vantaggio

Dettagli

Corso di Tecnologia Meccanica

Corso di Tecnologia Meccanica Corso di Tecnologia Meccanica Modulo 3.8 Deformazione plastica LIUC - Ingegneria Gestionale 1 Lavorazione a freddo della lamiera LIUC - Ingegneria Gestionale 2 Lavorazione a freddo delle lamiere È il processo

Dettagli

Cuscinetti a strisciamento e a rotolamento

Cuscinetti a strisciamento e a rotolamento Cuscinetti a strisciamento e a rotolamento La funzione dei cuscinetti a strisciamento e a rotolamento è quella di interporsi tra organi di macchina in rotazione reciproca. Questi elementi possono essere

Dettagli

Misure di deformazione

Misure di deformazione Dipartimento di Ingegneria Aerospaziale Tecnica e Sperimentazione Aerospaziale 3 anno, N.O. AA 005-006 Docente: Gian Luca Ghiringhelli Misure di deformazione Autori: Fogante Andrea 67393... Gobbi Lorenzo

Dettagli

La caratterizzazione dei materiali PROPRIETA

La caratterizzazione dei materiali PROPRIETA Le Prove Meccaniche La caratterizzazione dei materiali PROPRIETA Il comportamento meccanico dei materiali I componenti strutturali presentano un comportamento diverso in funzione del tipo di materiale

Dettagli

TENSIONE INTERNA E DEFORMAZIONE PROVA DI TRAZIONE E NOMATIVA DIAGRAMMA SFORZO-DEFORMAZIONE DEFORMAZIONI REALI, ELASTICITA, TENACITA

TENSIONE INTERNA E DEFORMAZIONE PROVA DI TRAZIONE E NOMATIVA DIAGRAMMA SFORZO-DEFORMAZIONE DEFORMAZIONI REALI, ELASTICITA, TENACITA PROVA DI TRAZIONE (UNI EN ISO 6892-1) 1 INDICE TENSIONE INTERNA E DEFORMAZIONE PROVA DI TRAZIONE E NOMATIVA DIAGRAMMA SFORZO-DEFORMAZIONE RISULTATI DELLA PROVA DEFORMAZIONI REALI, ELASTICITA, TENACITA

Dettagli

Le unioni. modulo D L acciaio. Unioni con chiodi

Le unioni. modulo D L acciaio. Unioni con chiodi 1 Le unioni Le unioni hanno la funzione di collegare i vari elementi strutturali per formare la struttura, oppure, se questa è di grandi dimensioni, di realizzare in officina i componenti principali che

Dettagli

THINKING3D. GUIDA AL DESIGN PER LA STAMPA IN FDM Fused deposition modeling

THINKING3D. GUIDA AL DESIGN PER LA STAMPA IN FDM Fused deposition modeling GUIDA AL DESIGN PER LA STAMPA IN FDM Fused deposition modeling GUIDA AL DESIGN PER LA STAMPA IN FDM Le nostre stampanti FDM utilizzano principalmente filamenti in PLA. Il PLA (acido polilattico) è un polimero

Dettagli

BIKO: Made in Italy, Qualità, Stile ed Attenzione al Cliente. Biko BENDING ROLLS

BIKO: Made in Italy, Qualità, Stile ed Attenzione al Cliente. Biko BENDING ROLLS SHAPING THE FUTURE Da oltre 20 anni BIKO è sinonimo di qualità. Già subito dopo il suo lancio, la linea di calandre BIKO è diventata la marca preferita di centinaia di produttori di serbatoi, scambiatori

Dettagli

Materiali: proprietà e prove Ferro e sue leghe

Materiali: proprietà e prove Ferro e sue leghe TCNGA e DSGN Modulo C Unità 2 Materiali: proprietà e prove Ferro e sue leghe 1 Modulo C Unità 2 RRTÀ CARATTRSTC D MATRA 2 a tecnologia è la scienza che studia i materiali, la composizione, le caratteristiche,

Dettagli

3 PROVE MECCANICHE DEI MATERIALI METALLICI

3 PROVE MECCANICHE DEI MATERIALI METALLICI 3 PROVE MECCANICHE DEI MATERIALI METALLICI 3.1 Prova di trazione 3.1.3 Estensimetri La precisione e la sensibilità dello strumento variano a seconda dello scopo cui esso è destinato. Nella prova di trazione

Dettagli

La prove dinamiche sugli edifici II parte strumentazione e analisi dei segnali

La prove dinamiche sugli edifici II parte strumentazione e analisi dei segnali La prove dinamiche sugli edifici II parte strumentazione e analisi dei segnali Luca Facchini e-mail: luca.facchini@unifi.it Introduzione Quali strumenti vengono utilizzati? Le grandezze di interesse nelle

Dettagli

società specializzata nei trattamenti termici degli acciai

società specializzata nei trattamenti termici degli acciai società specializzata nei trattamenti termici degli acciai >>con i nostri clienti come nel nostro lavoro ci piace andare fino in fondo, al cuore delle cose. PARTNERSHIP SUL PROGETTO DA100ANNI EVOLUZIONE

Dettagli

Strutture in acciaio. Unioni

Strutture in acciaio. Unioni Strutture in acciaio Unioni Tipologie di unioni Chiodi o bulloni Sono puntuali Indeboliscono le sezioni Ripristinano solo parzialmente la continuità Si eseguono in opera con relativa facilità Saldatura

Dettagli

COMPOUND SERIE G. P r o d o t t i S e m i l a v o r a t i i n P T F E. rel. 3

COMPOUND SERIE G. P r o d o t t i S e m i l a v o r a t i i n P T F E. rel. 3 COMPOUND SERIE G P r o d o t t i S e m i l a v o r a t i i n P T F E 1 GUIDA ALLA SCELTA DEL COMPOUND G PIÙ IDONEO 1.1 GUIDA ALLA SCELTA DEL COMPOUND G PIÙ IDONEO GUARNIFLON, oltre al PTFE vergine, dispone

Dettagli

LA CORRETTA SCELTA DI UN IMPIANTO PER LA TEMPRA AD INDUZIONE Come calcolare la potenza necessaria

LA CORRETTA SCELTA DI UN IMPIANTO PER LA TEMPRA AD INDUZIONE Come calcolare la potenza necessaria LA CORRETTA SCELTA DI UN IMPIANTO PER LA TEMPRA AD INDUZIONE Come calcolare la potenza necessaria Quale frequenza di lavoro scegliere Geometria del pezzo da trattare e sue caratteristiche elettromagnetiche

Dettagli

Una quarta dimensione per la costruzione di componenti in metallo

Una quarta dimensione per la costruzione di componenti in metallo Una quarta dimensione per la costruzione di componenti in metallo piccolo quantità > 100² complesso La tecnologia MIM è un procedimento di ottenimento di forme complesse da una polvere metallica. La prerogativa

Dettagli

www.otticasanmarco.it

www.otticasanmarco.it Guida alla collimazione con oculare Cheshire 1 Introduzione Di seguito, prima della descrizione della procedura con la collimazione tramite il cheshire avanzato, verranno illustrate le procedure per l

Dettagli

APPUNTI DI ESTENSIMETRIA. F. Cosmi M. Hoglievina

APPUNTI DI ESTENSIMETRIA. F. Cosmi M. Hoglievina APPUNTI DI ESTENSIMETRIA F. Cosmi M. Hoglievina ESTENSIMETRIA ESTENSIMETRI A RESISTENZA ELETTRICA Gli estensimetri a resistenza elettrica (in inglese strain gages ) sono sensori meccanici utilizzati per

Dettagli

Strumenti di controllo degli organi meccanici

Strumenti di controllo degli organi meccanici Strumenti di controllo degli organi meccanici Il controllo dello spessore dei denti di un ingranaggio, può essere effettuato mediante il calibro a doppio nonio o mediante un micrometro a piattelli. Calibro

Dettagli

PLASTIC TESTING SCHEDA TECNICA. Visualizzazione dei risultati. Programmi disponibili. Dati ottenibili. Controllo. Posizionamento preliminare

PLASTIC TESTING SCHEDA TECNICA. Visualizzazione dei risultati. Programmi disponibili. Dati ottenibili. Controllo. Posizionamento preliminare DINAMOMETRI ELETTRONICI SERIE TCS SCHEDA TECNICA Strumenti da banco completamente governati da Personal Computer per prove di trazione, compressione, flessione su una vasta gamma di materiali: tessili,

Dettagli

Viale dell Industria, 50 Padova www.minitoolscoating.com

Viale dell Industria, 50 Padova www.minitoolscoating.com Presentazione Localizzazione Viale dell Industria, 50 Padova www.minitoolscoating.com minitoolscoating opera in tre settori Costruzione utensili per ingranaggi conici Servizio di affilatura di utensili

Dettagli

COGLI L'AFFARE! Dal 1 novembre al 19 dicembre 2014 STRUMENTI DI MISURA DI ALTA QUALITÀ

COGLI L'AFFARE! Dal 1 novembre al 19 dicembre 2014 STRUMENTI DI MISURA DI ALTA QUALITÀ Promozione valida dal 1 novembre al 19 dicembre 2014. Ci riserviamo il diritto di apportare modifiche e sviluppi tecnici; i prezzi indicati si applicano solo ai clienti business; tutti i prezzi si intendono

Dettagli

Strumenti meccanici di misura della pressione nell industria di processo. Redazionale tecnico

Strumenti meccanici di misura della pressione nell industria di processo. Redazionale tecnico Convenienza e sicurezza allo stesso tempo Strumenti meccanici di misura della pressione nell industria di processo Al lavoro o a casa, la nostra vita è o diventerà sempre più digitale. Ciò nonostante,

Dettagli

Le problematiche del serraggio

Le problematiche del serraggio Le problematiche del serraggio La giusta scelta degli elementi di fissaggio e dei parametri di serraggio permettono di evitare il rilassamento e l'autoallentamento dei collegamenti fiiettati. II fissaggio

Dettagli

TECNOLOGIE DI FABBRICAZIONE

TECNOLOGIE DI FABBRICAZIONE CAP 6 INDUTTORI TECNOLOGIE DI FABBRICAZIONE Induttori con nucleo isolante o in aria Induttori con nucleo ferromagnetico TECNOLOGIE DI FABBRICAZIONE Gli induttori vengono realizzati avvolgendo un filo conduttore

Dettagli

APF. ARBURG freeforming di materie plastiche. www.arburg.com

APF. ARBURG freeforming di materie plastiche. www.arburg.com APF ARBURG freeforming di materie plastiche www.arburg.com APF: produzione additiva industriale Per un costruttore di presse, la produzione additiva a livello industriale è sinonimo di applicazioni pratiche,

Dettagli

Istituto Tecnico per Geometri Corso di Costruzioni Edili

Istituto Tecnico per Geometri Corso di Costruzioni Edili Istituto Tecnico per Geometri Corso di Costruzioni Edili Prof. Giacomo Sacco LEZIONI SUL CEMENTO ARMATO Sforzo normale, Flessione e taglio CONCETTI FONDAMENTALI Il calcestruzzo ha una bassa resistenza

Dettagli

Apparecchi per la misurazione di strati

Apparecchi per la misurazione di strati Minitest 720/730/740 Apparecchio portatile per la misurazione non distruttiva di riporti non ferrosi come cromo, zinco, vernici, smalti, plastiche, ecc. su materiali ferrosi o non ferrosi (metalli magnetici

Dettagli

iglidur V400: Resistenza chimica e alle alte temperature

iglidur V400: Resistenza chimica e alle alte temperature iglidur : Resistenza chimica e alle alte temperature Produzione standard a magazzino Eccellente resistenza all usura anche con alberi teneri e temperature fino a +200 C Ottima resistenza agli agenti chimici

Dettagli

MISURE SU SINGOLI FOGLI DI LAMIERINI MAGNETICI.

MISURE SU SINGOLI FOGLI DI LAMIERINI MAGNETICI. MISURE SU SINGOLI FOGLI DI LAMIERINI MAGNETICI. Autore: Ing. Milanesi Fabio Resp. Progettazione e Sviluppo SAMAR S.r.l. Riassunto: Si presenta un apparecchio per la misura rapida delle perdite su lamierini

Dettagli

1.1 DESCRIZIONE DELLA METODOLOGIA DI PROVA CON CARICHI CONCENTRATI

1.1 DESCRIZIONE DELLA METODOLOGIA DI PROVA CON CARICHI CONCENTRATI 1 PROVE DI CARICO 1.1 DESCRIZIONE DELLA METODOLOGIA DI PROVA CON CARICHI CONCENTRATI 1.1.1 L attrezzatura Le prove di carico sono eseguite utilizzando l apparecchiatura denominata Collaudatore GS progettata

Dettagli

FRACOM CARATTERISTICHE COSTRUTTIVE

FRACOM CARATTERISTICHE COSTRUTTIVE FH 270/320/350 CARATTERISTICHE COSTRUTTIVE L'esperienza che da parecchi anni abbiamo acquisito nella costruzione di macchine utensili ci ha permesso di realizzare con grande successo una macchina dotata

Dettagli

Forze, leggi della dinamica, diagramma del. 28 febbraio 2009 (PIACENTINO - PREITE) Fisica per Scienze Motorie

Forze, leggi della dinamica, diagramma del. 28 febbraio 2009 (PIACENTINO - PREITE) Fisica per Scienze Motorie Forze, leggi della dinamica, diagramma del corpo libero 1 FORZE Grandezza fisica definibile come l' agente in grado di modificare lo stato di quiete o di moto di un corpo. Ci troviamo di fronte ad una

Dettagli

Esperienze del primo semestre del Laboratorio di Fisica I

Esperienze del primo semestre del Laboratorio di Fisica I Esperienze del primo semestre del Laboratorio di Fisica I 25 settembre 2003 Meccanica Pendolo semplice Il pendolo semplice, che trovate montato a fianco del tavolo, è costituito da una piccola massa (intercambiabile)

Dettagli

FRESATRICI CLASSIFICAZIONE DELLE FRESATRICI

FRESATRICI CLASSIFICAZIONE DELLE FRESATRICI FRESATRC CLASSFCAZONE DELLE FRESATRC Le fresatrici si distinguono principalmente per la disposizione dell albero portafresa e per le possibilità di movimento della tavola portapezzo. Si classificano in

Dettagli

_ CELLE DI CARICO PER TIRANTI. MANUALE d USO. Celle di carico per tiranti_it_00_13

_ CELLE DI CARICO PER TIRANTI. MANUALE d USO. Celle di carico per tiranti_it_00_13 _ CELLE DI CARICO PER TIRANTI MANUALE d USO INDICE Introduzione Descrizione Pag. 4 Pag. 4 Controlli preliminari Installazione Esecuzione delle misure Elaborazione delle misure Troubleshooting Servizio

Dettagli

Elenco delle parti Il forno è costituito dalle seguenti parti: settore cupola con apertura bocca sinistro. settore cupola con apertura bocca destro

Elenco delle parti Il forno è costituito dalle seguenti parti: settore cupola con apertura bocca sinistro. settore cupola con apertura bocca destro Quote prefabbricato Premessa Con il presente manuale si intende dare delle indicazioni soprattutto a chi non ha mai montato un forno per pizza prima d'ora. Ciò nonostante, specie le indicazioni sulla prima

Dettagli

BOCCOLE BRONZO SINTERIZZATO

BOCCOLE BRONZO SINTERIZZATO BOCCOLE BRONZO SINTERIZZATO Via Torino 77/1-10040 Druento (TO) Tel. 011-19775.115 Fax 011-9942666 e-mail : info@sidarma.it - uff.commerciale@sidarma.it www.sidarma.it LA SINTERIZZAZIONE Che cos'è? La sinterizzazione

Dettagli

TRATTAMENTI TERMICI IMPORTANZA DI ESEGUIRE IL TRATTAMENTO TERMICO NEL MOMENTO OPPORTUNO DEL PROCESSO DI REALIZZAZIONE DEL PEZZO

TRATTAMENTI TERMICI IMPORTANZA DI ESEGUIRE IL TRATTAMENTO TERMICO NEL MOMENTO OPPORTUNO DEL PROCESSO DI REALIZZAZIONE DEL PEZZO TRATTAMENTI TERMICI IL TRATTAMENTO TERMICO CONSISTE IN UN CICLO TERMICO CHE SERVE A MODIFICARE LA STRUTTURA DEL MATERIALE PER LA VARIAZIONE DELLE SUE CARATTERISTICHE MECCANICHE: RESISTENZA DEFORMABILITA

Dettagli

IN BIANCO E NERO con Capture NX. a cura di Mauro Minetti

IN BIANCO E NERO con Capture NX. a cura di Mauro Minetti UNA SEMPLICE CONVERSIONE IN BIANCO E NERO con Capture NX a cura di Mauro Minetti GIUGNO 2007 INDICE PREMESSA IMPOSTAZIONI SOFTWARE EFFETTI FOTO LUMINOSITA CONTRASTO - alte luci (bianco) CONTRASTO - basse

Dettagli

Codici Numerici. Modifica dell'informazione. Rappresentazione dei numeri.

Codici Numerici. Modifica dell'informazione. Rappresentazione dei numeri. Codici Numerici. Modifica dell'informazione. Rappresentazione dei numeri. A partire da questa lezione, ci occuperemo di come si riescono a codificare con sequenze binarie, quindi con sequenze di 0 e 1,

Dettagli

SISTEMA DI PESATURA PER MACROPAK TM2000/2 (LAUMAS W60.000)

SISTEMA DI PESATURA PER MACROPAK TM2000/2 (LAUMAS W60.000) SISTEMA DI PESATURA PER MACROPAK TM2000/2 (LAUMAS W60.000) Il sistema di pesatura della riempitrice TM200 è composto dalla seguente componentistica: N 8 celle di carico da 1.000 kg cadauna tipo CB1.000

Dettagli

ARH-2 GUIDA D'INSTALLAZIONE RAPIDA Versione 1.4, 21 febbraio 2001

ARH-2 GUIDA D'INSTALLAZIONE RAPIDA Versione 1.4, 21 febbraio 2001 ARH-2 GUIDA D'INSTALLAZIONE RAPIDA Versione 1.4, 21 febbraio 2001 AVVERTENZA: QUESTA GUIDA SINTETICA D'INSTALLAZIONE È DESTINATA AI TECNICI ESPERTI. A COLORO CHE NON HANNO ESPERIENZA A RIGUARDO, SI RACCOMANDA

Dettagli

Nello specifico esiste la norma specifica UNI ISO 9927-1. 4

Nello specifico esiste la norma specifica UNI ISO 9927-1. 4 Oggetto: D.Lgs 81/08 Verifiche ed ispezione approfondita sugli apparecchi di sollevamento- interpretazione del Decreto e delle Norme attinenti. Competenze esclusive dell Ingegnere. In riferimento al Decreto

Dettagli

MANUALE D ISTRUZIONI. Bilancia elettronica. Modello SC600

MANUALE D ISTRUZIONI. Bilancia elettronica. Modello SC600 MANUALE D ISTRUZIONI Bilancia elettronica Modello SC600 Introduzione Congratulazioni per aver scelto la Bilancia elettronica modello SC600 di Extech Instruments. L SC600 è controllato da un microprocessore

Dettagli