R E L A Z I O N E. Il Regolamento è integrato da 10 regolamenti della Commissione europea (atti di esecuzione) 1.

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "R E L A Z I O N E. Il Regolamento è integrato da 10 regolamenti della Commissione europea (atti di esecuzione) 1."

Transcript

1 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA CONCERNENTE REGOLAMENTO RECANTE ATTUAZIONE DEL REGOLAMENTO (CE) N. 842/2006 SU TALUNI GAS FLUORESCENTI AD EFFETTO SERRA. R E L A Z I O N E Il regolamento (CE) n.842/2006 su taluni gas fluorurati ad effetto serra contiene una serie di disposizioni che hanno come obiettivo la riduzione delle emissioni dei tre gruppi di gas fluorurati ad effetto serra contemplati dal protocollo di Kyoto: gli idroflurocarburi (HFC), i perfluorocarburi (PFC) e l esafluoruro di zolfo (SF6) utilizzati in alcune tipologie di apparecchiature e applicazioni industriali. Il Regolamento mira a ridurre le emissioni di tali gas principalmente attraverso: - il contenimento delle perdite e il loro recupero al fine di assicurarne il riciclaggio, la rigenerazione o la distruzione; - la certificazione del personale e delle imprese coinvolte nelle suddette attività; - il controllo dell uso dell esafluoruro di zolfo; - il divieto di immissione sul mercato di taluni prodotti e apparecchiature che contengono tali gas o il cui funzionamento dipende da essi. Il Regolamento è integrato da 10 regolamenti europea (atti di esecuzione) 1. Al fine di dare esecuzione al citato regolamento, si è reso necessario predisporre uno schema di DPR ai sensi dell articolo 17 comma 1, lettera a), della legge 23 agosto 1988 n.400, per la definizione di modalità attuative relativa ai seguenti aspetti: a) l individuazione delle autorità competenti di cui all articolo 3, paragrafo 6, e articolo 6, paragrafo 1, del citato regolamento In base all articolo 3, comma 6, l autorità competente può richiedere ai gestori di specifiche apparecchiature fisse contenenti gas fluorurati la messa a disposizione dei registri dell apparecchiatura e del sistema contenenti in particolare informazioni sulle quantità di tali gas installate, aggiunte e recuperate. In base all articolo 6, comma 1, i soggetti che producono, importano o esportano più di una tonnellata all anno di gas fluorurati ad effetto serra comunicano alla Commissione europea e all autorità competente le informazioni relative alle quantità di tali gas prodotte, importate o esportate nell anno civile precedente. Il DPR individua quale autorità competente ai fini dei suddetti articoli il Ministero dell ambiente e della tutela del territorio e del mare che si avvale dell ISPRA (Istituto superiore per la protezione e la ricerca ambientale). b) l istituzione del sistema di certificazione di cui all articolo 5 del regolamento (CE) n. 842/2006, ed in particolare le procedure per: - la designazione degli organismi di certificazione e valutazione delle persone e delle imprese di cui agli articoli 10 e 11 del regolamento (CE) n.303/2008, agli articoli 10 e 1 I regolamenti (CE) n.303/2008, n.304/2008, n.305/2008, n.306/2008, n.307/2008, n.308/2008, n.1493/2007, n.1494/2007, n.1497/2007, n.1516/2007 sono regolamenti attuativi e definiscono gli aspetti tecnici di alcune disposizioni del regolamento (CE) n.842/2006.

2 11 del regolamento (CE) n.304/2008, agli articoli 5 e 6 del regolamento (CE) n.305/2008 e agli articoli 4 e 5 del regolamento (CE) n.306/2008; - le procedure per la designazione degli organismi di attestazione delle persone di cui all articolo 3 del regolamento (CE) n.307/2008. L articolo 5 del regolamento assegna agli Stati membri il compito di istituire un sistema di certificazione/attestazione per il personale e le imprese coinvolte nelle attività di cui alla Tabella 1 a partire dal 04/07/08. La certificazione è volta a garantire il possesso delle necessarie competenze e conoscenze in materia di prevenzione delle emissioni e di recupero di gas fluorurati ad effetto serra e di manipolazione sicura degli stessi con riferimento alle tipologie di apparecchiature ed impianti indicati nella Tabella 1. Il sistema prevede la designazione da parte dello Stato membro di: - organismi di certificazione che rilasciano un certificato al personale previo superamento di un esame teorico e pratico incentrato sulle competenze e sulle conoscenze minime indicate negli allegati dei rispettivi regolamenti di attuazione della Commissione europea (regolamenti (CE) n. 303/2008, n. 304/2008, n. 305/2008 e n. 306/2008); - organismi di certificazione che rilasciano un certificato alle imprese previa verifica dei seguenti requisiti: che impieghino personale certificato e abbiano a disposizione gli strumenti e le procedure necessarie per svolgere le attività per cui è richiesta la certificazione (regolamenti (CE) n. 303/2008 e n. 304/2008); - organismi di attestazione che rilasciano attestati al personale che ha completato un corso di formazione riguardante il recupero dei gas fluorurati dagli impianti di condizionamento d aria dei veicoli a motore regolamento (CE) n. 307/2008). I certificati e gli attestati sono validi in tutti gli Stati Membri e vi è obbligo di riconoscimento reciproco. Il DPR prevede un sistema di certificazione delle persone e delle imprese basato su organismi di certificazione per la valutazione di conformità di un servizio o di una persona accreditati dall organismo nazionale italiano di accreditamento ACCREDIA. L Organismo di accreditamento accredita gli organismi di valutazione delle competenze per la certificazione delle persone ai sensi della norma UNI CEI EN ISO/IEC e gli organismi di valutazione delle competenze per la certificazione delle imprese ai sensi della norma EN Il possesso di tale accreditamento è condizione necessaria per la designazione da parte del MATTM quali organismi di certificazione e valutazione ai sensi dei Regolamenti 2. Per quel che riguarda gli organismi di attestazione delle persone, il DPR prevede che la certificazione di idoneità all erogazione dei corsi previsti dal regolamento comunitario n.307/08 sia effettuata da organismi di certificazione all uopo accreditati ai sensi della norma EN La Norma UNI CEI EN ISO/IEC stabilisce i requisiti generali per gli organismi che operano nella certificazione delle persone. 3 La Norma UNI CEI EN stabilisce i requisiti generali per gli organismi che gestiscono sistemi di certificazione di prodotti e servizi.

3 Apparecchiature Attività Personale Imprese Personale Certificato Apparecchiature fisse di refrigerazione, condizionamento d'aria e pompe di calore (MAC & HP). Reg. (CE) n.303/2008 Impianti fissi di protezione antincendio ed estintori (FPS). Reg. (CE) n.304/2008 Apparecchi di manovra (commutatori) di alta tensione (HVS). Reg. (CE) n.305/2008 Apparecchiature contenenti solventi a base di gas fluorurati ad effetto serra (SOLV). Reg. (CE) n.306/2008 Impianti di condizionamento d'aria dei veicoli a motore (MAC). Reg. (CE) n.307/2008 certificato certificate qualificato (attestazione) provvisorio Installazione, Manutenzione e/o Riparazione (valido fino al 04/7/2011) Controllo delle perdite di applicazioni (valido fino contenenti 3 kg di gas fluorurati ( 6 kg se al 04/7/2011) ermeticamente sigillate ed etichettate come tali) Recupero di gas fluorurati (valido fino al 04/7/2011) Installazione, Manutenzione e/o Riparazione (valido fino Controllo delle perdite di applicazioni contenenti 3 kg di gas fluorurati ( 6 kg se ermeticamente sigillate ed etichettate come tali) al 04/7/2010) (valido fino al 04/7/2010) Recupero di gas fluorurati (valido fino al 04/7/2010) Recupero di gas fluorurati Recupero di gas fluorurati Recupero di gas fluorurati Tabella 1 c) il rilascio della certificazione provvisoria di cui agli articoli 6 e 9 del regolamento (CE) n.303/2008 e agli articoli 6 e 9 del regolamento (CE) n.304/2008 In base ai suddetti articoli, gli Stati membri possono applicare un sistema di certificazione provvisoria per il personale e le imprese coinvolte nelle attività ivi previste purché tale personale possegga un esperienza professionale di almeno 2 anni nelle pertinenti attività, acquisita prima della data di entrata in vigore del DPR. Il DPR si avvale di tale possibilità e prevede il rilascio dei certificati provvisori, aventi una durata di sei mesi, da parte delle Camere di commercio a fronte della presentazione di un autocertificazione da parte dei soggetti interessati. d) l acquisizione dei dati sulle emissioni di cui all articolo 6, comma 4 del citato regolamento L articolo 6, comma 4 prevede che gli Stati membri istituiscano un sistema di comunicazione al fine di acquisire dati sulle emissioni in atmosfera di gas fluorurati.

4 L acquisizione di dati dettagliati sulle emissioni di gas fluorurati causate dalle perdite che si verificano nel corso della vita di apparecchiature ed impianti di climatizzazione e antincendio sono essenziali anche per migliorare la qualità degli inventari delle emissioni di gas-serra redatti annualmente da ISPRA. Il DPR prevede quindi che gli operatori delle applicazioni fisse di refrigerazione, condizionamento d aria, pompe di calore, nonché dei sistemi di protezione antincendio contenenti 3 chilogrammi o più di gas fluorurati ad effetto serra presentino al Ministero dell ambiente e della tutela del territorio e del mare per il tramite dell Istituto superiore per la protezione e la ricerca ambientale (ISPRA) una dichiarazione contenente informazioni riguardanti la quantità di emissioni in atmosfera di gas fluorurati relativi all anno precedente. e) i registri di cui all articolo 10, comma 3, del regolamento (CE) n.303/2008, all articolo 10, paragrafo 3, del regolamento (CE) n.304/2008, all articolo 5, paragrafo 3, del regolamento (CE) n.305/2008 e all articolo 4, paragrafo 3, del regolamento (CE) n.306/2008 I citati regolamenti di esecuzione del reg. n.842/2006 prevedono, per la gestione del sistema, l istituzione di un registro delle persone e delle imprese che effettuano le attività contemplate dalla tabella 1. Lo schema di DPR prevede l istituzione di un Registro nazionale delle persone e delle imprese certificate che consenta di avere un quadro generale e aggiornato in tempo reale delle certificazioni e delle attestazioni rilasciate e il loro riconoscimento reciproco a livello europeo. Il Registro è istituito presso il MATTM e la gestione è affidata alle Camere di commercio in analogia con altri registri di imprese previsti dalla normativa ambientale. Le Camere di commercio rilasciano anche copia delle certificazioni e delle attestazioni nonché certificazioni provvisorie, ove applicabili, su richiesta degli interessati. f) l etichettatura delle apparecchiature di cui all articolo 7 del citato regolamento L articolo 7 del regolamento prevede che i prodotti e le apparecchiature contenenti gas fluorurati ad effetto serra vengano immesse in commercio solo se le denominazioni chimiche di tali gas siano identificate mediante un etichetta che indichi chiaramente che tali prodotti e apparecchiature contengono gas fluorurati ad effetto serra e le relative quantità. Inoltre, l articolo 2, paragrafo 4, del regolamento (CE) n.1494/2007 europea prevede che gli Stati membri possano subordinare la loro immissione in commercio sul territorio nazionale all utilizzo della propria lingua ufficiale su tale etichetta. Il DPR si avvale di tale possibilità e prevede che le informazioni presenti sulle etichette dei prodotti e delle apparecchiature contenenti gas fluorurati ad effetto serra siano riportate anche in lingua italiana. Si illustrano di seguito gli articoli del presente D.P.R. In particolare il decreto: - all articolo 1 indica le finalità che si propone, ovvero l individuazione delle autorità competenti, le procedure per la designazione degli organismi di certificazione delle persone e delle imprese e degli organismi di attestazione delle persone, il registro delle persone e delle imprese certificate, l acquisizione dei dati sulle emissioni dei gas fluorurati, l etichettatura delle apparecchiature contenenti gas fluorurati, il rilascio della certificazione provvisoria alle persone e alle imprese;

5 - all articolo 2 integra le definizioni di cui al regolamento (CE) n.842/2006 e ai regolamenti europea n.303/2008, n.304/2008, n.305/2008, n.1493/2007 con alcune definizione relative al sistema di accreditamento/certificazione; - all articolo 3 individua le autorità competenti, in particolare: al comma 1, individua il MATTM quale autorità che controlla i registri impianto e di apparecchiatura di cui all articolo 3, paragrafo, 6 del regolamento (CE) n. 842/2006 e specifica che per tale competenza il Ministero si avvale dell Istituto superiore per la protezione e la ricerca ambientale (ISPRA); al comma 2, individua il MATTM quale autorità alla quale trasmettere le relazioni contenenti le informazioni di cui all articolo 6, paragrafo 1, del regolamento (CE) n. 842/2006 e specifica che per tale competenza il Ministero si avvale dell Istituto superiore per la protezione e la ricerca ambientale (ISPRA); al comma 3, individua le Camere di commercio territorialmente competenti quali autorità per il rilascio dei certificati provvisori alle persone e alle imprese previsti dai regolamenti (CE) n.303/2008 e n.304/2008; - all articolo 4, stabilisce che le modalità per lo svolgimento delle attività di accreditamento verranno definite mediante un protocollo d intesa fra il Ministero dell ambiente e della tutela del territorio e del mare e l organismo nazionale italiano di accreditamento ACCREDIA come previsto dal decreto del Ministero dello sviluppo economico in data 22 dicembre 2009 recante prescrizioni relative all organizzazione ed al funzionamento dell unico organismo nazionale italiano autorizzato a svolgere attività di accreditamento in conformità al regolamento (CE) n. 765/2008; - all articolo 5, stabilisce le procedure per la designazione degli organismi di certificazione di cui agli articoli 10 e 11 del regolamento (CE) n.303/2008, agli articoli 10 e 11 del regolamento (CE) n.304/2008, agli articoli 5 e 6 del Regolamento (CE) n.305/2008 e agli articoli 4 e 5 del regolamento (CE) n. 306/2008, da parte del MATTM. La designazione avviene su domanda dei soggetti interessati in possesso di specifico accreditamento rilasciato dall organismo nazionale italiano di accreditamento ACCREDIA, previa approvazione da parte del MATTM del tariffario presentato dagli stessi. Inoltre prevede per detti organismi di certificazione: l obbligo di iscrizione al registro di cui all articolo 13, l inserimento delle informazioni relative ai certificati rilasciati e la predisposizione di relazioni annuali sulle attività svolte; - all articolo 6 individua le tipologie di certificati di accreditamento che vengono rilasciati da parte dell organismo nazionale italiano di accreditamento ACCREDIA, agli organismi di valutazione delle competenze interessati a venire designati quali organismi di certificazione, previa approvazione da parte del MATTM dei pertinenti schemi di accreditamento. - all articolo 7 definisce i criteri per la certificazione degli organismi di attestazione; - all articolo 8 specifica l obbligo di iscrizione al registro di cui all articolo 13 delle persone e delle imprese che svolgono, o che intendono svolgere le attività lavorative contemplate dal regolamento (CE) n.842/2006 come riportate nella Tabella 1; - all articolo 9 specifica l obbligo per le persone e le imprese che svolgono le attività di cui all articolo 8 di essere in possesso di un certificato rilasciato da un organismo di

6 certificazione in base alla tipologia di attività svolte e l obbligo per le persone addette al recupero di gas fluorurati ad effetto serra dagli impianti di condizionamento d aria dei veicoli a motore di essere in possesso di attestato rilasciato da un organismo di attestazione; - all articolo 10 prevede la possibilità per le persone e le imprese che svolgono le attività di cui ai regolamenti (CE) n.303/2008 e n.304/2008 di avvalersi della certificazione provvisoria. Le certificazioni provvisorie vengono rilasciate dalle Camere di commercio; - agli articoli 11 e 12 individua rispettivamente le deroghe transitorie e le esenzioni relative all obbligo di certificazione delle persone; - all articolo 13 affida alle Camere di Commercio la gestione del registro telematico nazionale delle persone e delle imprese certificate. Tale registro è istituito presso il MATTM; - all articolo 14 prevede che, ai fini del loro riconoscimento in Italia, i certificati e gli attestati rilasciati in un altro Stato membro, ai sensi dell articolo 5, comma 2 del regolamento n.842/2006, siano trasmessi alle Camere di commercio tradotti anche in lingua italiana; - all articolo 15 stabilisce l obbligo per gli operatori delle applicazioni fisse di refrigerazione, condizionamento d aria e pompe di calore nonché dei sistemi fissi di protezione antincendio contenenti 3 kg o più di gas fluorurati ad effetto serra, di custodire presso l apparecchiatura o impianto e mantenere aggiornato il registro d impianto in cui si riportano le informazioni previste dall articolo 3, paragrafo 6 del regolamento n.842/2006; - all articolo 16 pone un obbligo agli operatori delle applicazioni di cui all articolo 15 di comunicare annualmente al MATTM per il tramite dell ISPRA una dichiarazione contenente informazioni riguardanti la quantità di emissioni in atmosfera di gas fluorurati relativi all anno precedente sulla base dei dati contenuti nel relativo registro di impianto. Prevede inoltre, ai sensi dell articolo 6 del regolamento n.842/2006, che i soggetti che producono, importano o esportano più di una tonnellata all anno di gas fluorurati ad effetto serra comunichino per via telematica le informazioni relative all anno civile precedente alla Commissione europea e all ISPRA; - all articolo 17 stabilisce che le informazioni riportate sulle etichette dei prodotti e delle apparecchiature contenenti gas fluorurati ad effetto serra siano riportate anche in lingua italiana; - all articolo 18 stabilisce che il MATTM notifichi alla Commissione europea le informazioni previste dall articolo 5 del regolamento e dai regolamenti di attuazione ; - all articolo 19 introduce una clausola di invarianza finanziaria volta a specificare che dall esecuzione del D.P.R. non deriveranno nuovi o maggiori oneri a carico della finanza pubblica; - all articolo 20 reca le disposizioni finali; - agli allegati A, B e C individua i requisiti rispettivamente degli organismi di certificazione delle persone, degli organismi di certificazione delle imprese e degli organismi di attestazione.

7 Lo schema di DPR è stato approvato, in via preliminare, dal Consiglio dei Ministri del 9 giugno 2011 ed il successivo 16 giugno ha ottenuto il VISTO del Dipartimento della Ragioneria Generale dello Stato. Il Consiglio di Stato, con il parere n.3668/11 del 5 ottobre 2011, si è pronunciato in senso favorevole formulando alcune osservazioni che sono state tutte ritenute accoglibili. In particolare, la raccomandazione di integrare l articolo 9, comma 3, prevedendo, a garanzia degli utenti, un termine per il rilascio dell attestazione della domanda da parte degli interessati, è stata riformulata in modo tale da assicurare il rilascio dell attestazione in cinque giorni lavorativi che decorrono dalla data di completamento del corso di formazione. Inoltre, sono state apportate allo schema di decreto due ulteriori modifiche allo scopo di correggere delle formulazioni erronee che di seguito si descrivono. All articolo 13, recante l istituzione del Registro nazionale delle persone e delle imprese certificate, nel comma 2, che indica i soggetti che accedono al registro, gli organismi di attestazione sono stati sostituiti dagli organismi di valutazione. Tale modificazione deriva dalla necessità di rendere la disposizione coerente con l articolo 7, comma 4, dello schema di regolamento medesimo, il quale prevede che siano gli organismi di valutazione ad inserire per via telematica le informazioni relative agli organismi di attestazione che hanno ottenuto la certificazione e non questi ultimi. Nell Allegato B, punto 2.1, lettera a), è stato eliminato il richiamo all articolo 10, commi 1 e 2 del regolamento perché in contrasto con quanto stabilito dai regolamenti comunitari. Infatti la modifica si è resa necessaria in quanto l articolo 8, comma 1, lett. a) sia del regolamento (CE) n.303/2008 del 2 aprile 2008 (concernente le apparecchiature fisse di refrigerazione, condizionamento d aria e pompe di calore), sia del regolamento (CE) n.304/2008 del 2 aprile 2008 (concernente gli impianti fissi di protezione antincendio o gli estintori), prevede quale requisito necessario per la certificazione delle imprese l impiego di personale già in possesso del certificato (articolo 9, comma 1, dello schema di decreto), ragion per cui il personale in possesso di una certificazione provvisoria (articolo 10, commi 1 e 2 dello schema di decreto) non può essere preso in considerazione ai fini della certificazione. Il provvedimento normativo non comporta nuovi o maggiori oneri né minori entrate per il bilancio dello Stato. In particolare, le disposizioni del DPR non determinano oneri aggiuntivi a carico delle Amministrazioni dello Stato, delle regioni e delle province autonome in quanto: il sistema di certificazione delle persone e delle imprese previsto dal DPR si fonda su organismi di certificazione delle persone e delle imprese accreditati all uopo dall organismo nazionale italiano di accreditamento ACCREDIA. all istituzione del Registro nazionale previsto dall articolo 13 del DPR in oggetto, si provvederà con risorse finanziarie già disponibili in bilancio. La gestione del registro è invece affidata alle Camere di Commercio che opereranno sulla base dei proventi derivanti dalle iscrizioni al suddetto registro; le attività svolte dall ISPRA sono riconducibili all esistente competenza di ISPRA relativa alla realizzazione, gestione e archiviazione dei dati dell Inventario Nazionale dei gas serra e alla raccolta dei dati di base prevista dall articolo 14-bis del decreto legislativo 4 aprile 2006, n. 216, come modificato dal decreto legislativo 7 marzo 2008, n.51. Pertanto le disposizioni del D.P.R. non richiedono risorse umane, finanziarie e strumentali aggiuntive rispetto a quelle disponibili a legislazione vigente.

Ambito di applicazione

Ambito di applicazione DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 27 GENNAIO 2012, n. 43 Regolamento recante attuazione del regolamento CE n. 842/2006 su taluni gas fluorurati ad effetto serra. 1. QUALIFICA DEL PERSONALE E DELLE

Dettagli

SCHEMA DI DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA DI ATTUAZIONE DEL REGOLAMENTO (CE) N.842/2006 SU TALUNI GAS FLUORURATI AD EFFETTO SERRA.

SCHEMA DI DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA DI ATTUAZIONE DEL REGOLAMENTO (CE) N.842/2006 SU TALUNI GAS FLUORURATI AD EFFETTO SERRA. SCHEMA DI DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA DI ATTUAZIONE DEL REGOLAMENTO (CE) N.842/2006 SU TALUNI GAS FLUORURATI AD EFFETTO SERRA. IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA Visto l'articolo 87, quinto comma,

Dettagli

Disciplina sanzionatoria per la violazione delle disposizioni di cui al regolamento (CE) n. 842/2006 su taluni gas fluorurati ad effetto serra.

Disciplina sanzionatoria per la violazione delle disposizioni di cui al regolamento (CE) n. 842/2006 su taluni gas fluorurati ad effetto serra. D.Lgs. 5 marzo 2013, n. 26. Disciplina sanzionatoria per la violazione delle disposizioni di cui al regolamento (CE) n. 842/2006 su taluni gas fluorurati ad effetto serra. (G.U. 28 marzo 2013, n. 74) IL

Dettagli

PATENTINO DEL FRIGORISTA Approvato il Decreto Legislativo sulle sanzioni

PATENTINO DEL FRIGORISTA Approvato il Decreto Legislativo sulle sanzioni PATENTINO DEL FRIGORISTA Approvato il Decreto Legislativo sulle sanzioni Il provvedimento si pone l obiettivo di sanzionare la violazione delle disposizioni previste dal Regolamento CE 842/2006, attualmente

Dettagli

NOTE TECNICHE DI SETTORE

NOTE TECNICHE DI SETTORE NOTE TECNICHE DI SETTORE ESTRATTO D.P.R. 27 gennaio 2012, n. 43 (Decreto Sviluppo) Regolamento recante attuazione del regolamento (CE) n. 842/2006 su taluni gas fluorurati ad effetto serra. G.U. n. 93

Dettagli

Atti Parlamentari XVI Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI ATTO DEL GOVERNO SOTTOPOSTO A PARERE PARLAMENTARE

Atti Parlamentari XVI Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI ATTO DEL GOVERNO SOTTOPOSTO A PARERE PARLAMENTARE Atti Parlamentari XVI Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N.517 ATTO DEL GOVERNO SOTTOPOSTO A PARERE PARLAMENTARE Schema di decreto legislativo recante sanzioni per la violazione delle disposizioni

Dettagli

DEL D.P.R ADEMPIMENTI PER LE IMPRESE:

DEL D.P.R ADEMPIMENTI PER LE IMPRESE: DEL D.P.R. 43-2012 ADEMPIMENTI PER LE IMPRESE: iscriversi al Registro Nazionale delle persone e delle imprese certificate entro il 12 aprile 2013 e contestualmente richiederee alla Camera di Commercio

Dettagli

GAS FLUORURATI Registro telematico nazionale

GAS FLUORURATI Registro telematico nazionale GAS FLUORURATI Registro telematico nazionale I gas fluorurati ad effetto serra Nuove disposizioni e loro applicazione Torino, 2 ottobre 2012 1 Registro Telematico E' istituito, presso il Ministero dell'ambiente

Dettagli

Prot. n. 365 /44A. ALLE AZIENDE ASSOCIATE Gruppo Impianti Gruppo Autoriparazione. Vigevano, 14 maggio 2012 LORO SEDI

Prot. n. 365 /44A. ALLE AZIENDE ASSOCIATE Gruppo Impianti Gruppo Autoriparazione. Vigevano, 14 maggio 2012 LORO SEDI Prot. n. 365 /44A Vigevano, 14 maggio 2012 ALLE AZIENDE ASSOCIATE Gruppo Impianti Gruppo Autoriparazione LORO SEDI Oggetto: pubblicazione in Gazzetta Ufficiale del D.P.R. n. 43 del 27 gennaio 2012 in materia

Dettagli

NOTE TECNICHE DI SETTORE

NOTE TECNICHE DI SETTORE NOTE TECNICHE DI SETTORE ESTRATTO D.P.R. 27 gennaio 2012, n. 43 Regolamento recante attuazione del regolamento (CE) n. 842/2006 su taluni gas fluorurati ad effetto serra. G.U. n. 93 del 20/04/2012 testo

Dettagli

Regolamento recante attuazione del regolamento (CE) n. 842/2006 su taluni gas fluorurati ad effetto serra.

Regolamento recante attuazione del regolamento (CE) n. 842/2006 su taluni gas fluorurati ad effetto serra. D.P.R. 27-1-2012 n. 43 Regolamento recante attuazione del regolamento (CE) n. 842/2006 su taluni gas fluorurati ad effetto serra. Pubblicato nella Gazz. Uff. 20 aprile 2012, n. 93. D.P.R. 27 gennaio 2012,

Dettagli

REGOLAMENTO (CE) N. 308/2008 DELLA COMMISSIONE

REGOLAMENTO (CE) N. 308/2008 DELLA COMMISSIONE L 92/28 Gazzetta ufficiale dell Unione europea 3.4.2008 REGOLAMENTO (CE) N. 308/2008 DELLA COMMISSIONE del 2 aprile 2008 che stabilisce, in conformità al regolamento (CE) n. 842/2006 del Parlamento europeo

Dettagli

DPR 43/2012. Qualificare persone e imprese. Regolamento recante attuazione del Regolamento (CE) n. 842/06 su taluni gas fluorurati ad effetto serra.

DPR 43/2012. Qualificare persone e imprese. Regolamento recante attuazione del Regolamento (CE) n. 842/06 su taluni gas fluorurati ad effetto serra. DPR 43/2012 Regolamento recante attuazione del Regolamento (CE) n. 842/06 su taluni gas fluorurati ad effetto serra. Qualificare persone e imprese Bergamo, 13 febbraio 2013 Urbano Strada Direttore Generale

Dettagli

GAS FLUORURATI Registro telematico nazionale

GAS FLUORURATI Registro telematico nazionale 1 GAS FLUORURATI Registro telematico nazionale Protocollo di Kyoto Nel quadro del protocollo di Kyoto l Unione europea si è impegnata a ridurre le proprie emissioni di gas ad effetto serra nel periodo

Dettagli

LEGGI ED ALTRI ATTI NORMATIVI

LEGGI ED ALTRI ATTI NORMATIVI LEGGI ED ALTRI ATTI NORMATIVI DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 27 gennaio 2012, n. 43. Regolamento recante attuazione del regolamento (CE) n. 842/2006 su taluni gas ß uorurati ad effetto serra.

Dettagli

I CONTENUTI DEL LIBRETTO DI IMPIANTO O REGISTRO PER GLI IMPIANTI DI CONDIZIONAMENTO

I CONTENUTI DEL LIBRETTO DI IMPIANTO O REGISTRO PER GLI IMPIANTI DI CONDIZIONAMENTO I CONTENUTI DEL LIBRETTO DI IMPIANTO O REGISTRO PER GLI IMPIANTI DI CONDIZIONAMENTO Lo scopo del presente documento è quello di analizzare, con riferimento alla legislazione vigente, quali informazioni

Dettagli

IT Gazzetta ufficiale dell'unione europea L 301/14 REGOLAMENTO DI ESECUZIONE (UE) 2015/2065 DELLA COMMISSIONE. del 17 novembre 2015

IT Gazzetta ufficiale dell'unione europea L 301/14 REGOLAMENTO DI ESECUZIONE (UE) 2015/2065 DELLA COMMISSIONE. del 17 novembre 2015 Pagina 1 di 7 18.11.2015 IT Gazzetta ufficiale dell'unione europea L 301/14 REGOLAMENTO DI ESECUZIONE (UE) 2015/2065 DELLA COMMISSIONE del 17 novembre 2015 che stabilisce, a norma del regolamento (UE)

Dettagli

DECRETO LEGISLATIVO 5 marzo 2013, n. 26

DECRETO LEGISLATIVO 5 marzo 2013, n. 26 DECRETO LEGISLATIVO 5 marzo 2013, n. 26 Disciplina sanzionatoria per la violazione delle disposizioni di cui al regolamento (CE) n. 842/2006 su taluni gas fluorurati ad effetto serra. [GU n. 74 del 28/03/2013;

Dettagli

Appendice normativa 197

Appendice normativa 197 Appendice normativa 197 DECRETO PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA del 27 gennaio 2012 n. 43 attuativo del Regolamento CE n. 842/2006 su taluni gas ad effetto serra. Pubblicato in Gazzetta Ufficiale n. 93 del

Dettagli

PRESCRIZIONI PARTICOLARI PER LA CERTIFICAZIONE DI PERSONE AI SENSI DEL REGOLAMENTO (CE) N. 303/2008

PRESCRIZIONI PARTICOLARI PER LA CERTIFICAZIONE DI PERSONE AI SENSI DEL REGOLAMENTO (CE) N. 303/2008 PRESCRIZIONI PARTICOLARI PER LA CERTIFICAZIONE DI PERSONE AI SENSI DEL REGOLAMENTO (CE) N. 303/2008 INDICE Data di aggiornamento: Articolo 1 OGGETTO DEL REGOLAMENTO Luglio 2012 Articolo 3 PROCESSO DI CERTIFICAZIONE

Dettagli

PRESCRIZIONI PARTICOLARI PER LA CERTIFICAZIONE DI PERSONE AI SENSI DEL REGOLAMENTO (CE) N. 303/2008

PRESCRIZIONI PARTICOLARI PER LA CERTIFICAZIONE DI PERSONE AI SENSI DEL REGOLAMENTO (CE) N. 303/2008 Titolo Riferimento Revisione e data entrata in vigore Approvato da PRESCRIZIONI PARTICOLARI PER LA CERTIFICAZIONE DI PERSONE AI SENSI DEL REGOLAMENTO (CE) N. 303/2008 PR.PART. PRS/FGAS-303/2008 Rev. 0

Dettagli

Laboratorio analisi, ricerche chimiche e batteriologiche. - Datore di lavoro - Responsabile Ambiente e/o Sicurezza ADEMPIMENTI AMBIENTE

Laboratorio analisi, ricerche chimiche e batteriologiche. - Datore di lavoro - Responsabile Ambiente e/o Sicurezza ADEMPIMENTI AMBIENTE Consulenza e Formazione per ambiente, igiene e sicurezza sul lavoro certificata UNI EN ISO 9001:2008 n 5545/01/S Laboratorio analisi, ricerche chimiche e batteriologiche Incarico Responsabile del Servizio

Dettagli

PRESCRIZIONI PARTICOLARI PER LA CERTIFICAZIONE DI PERSONE AI SENSI DEL REGOLAMENTO (CE) N. 304/2008

PRESCRIZIONI PARTICOLARI PER LA CERTIFICAZIONE DI PERSONE AI SENSI DEL REGOLAMENTO (CE) N. 304/2008 Titolo Riferimento Revisione e data entrata in vigore Approvato da PRESCRIZIONI PARTICOLARI PER LA CERTIFICAZIONE DI PERSONE AI SENSI DEL REGOLAMENTO (CE) N. 304/2008 PR.PART. PRS/FGAS-304/2008 Rev. 0

Dettagli

Titolo. Revisione 01. Data Entrata in vigore. Redazione Approvazione Autorizzazione all emissione. Il Direttore di Dipartimento

Titolo. Revisione 01. Data Entrata in vigore. Redazione Approvazione Autorizzazione all emissione. Il Direttore di Dipartimento Titolo Sigla Prescrizioni per l accreditamento di Organismi operanti le certificazioni dei servizi di: - installazione, manutenzione o riparazione di apparecchiature fisse di refrigerazione, condizionamento

Dettagli

Impossibile visualizzare l'immagine. La memoria del computer potrebbe essere insufficiente per aprire l'immagine oppure l'immagine potrebbe essere

Impossibile visualizzare l'immagine. La memoria del computer potrebbe essere insufficiente per aprire l'immagine oppure l'immagine potrebbe essere Fatti salienti:.dopo circa 1 anno di vigore del DPR 43/2012 questi sono i dati in nostro possesso CERTIFICAZIONE DELLE PERSONE REGOLAMENTO 303/2008 AMBITO TERRITORIALE NUMERO CERTIFICATI PROVVISORI NUMERO

Dettagli

REGISTRO APPARECCHIATURA. Apparecchi contenenti Gas Fluorurati in quantità superiore uguale alle 5 ton CO2 eq

REGISTRO APPARECCHIATURA. Apparecchi contenenti Gas Fluorurati in quantità superiore uguale alle 5 ton CO2 eq REGISTRO APPARECCHIATURA Apparecchi contenenti Gas Fluorurati in quantità superiore uguale alle 5 ton CO2 eq REGOLAMENTO (UE) N. 517/2014 DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO del 16 aprile 2014 sui gas

Dettagli

Introduzione al corso. Certificazione Frigoristi Regolamento CE n.842/2006 Regolamento CE 303/2008

Introduzione al corso. Certificazione Frigoristi Regolamento CE n.842/2006 Regolamento CE 303/2008 Introduzione al corso Certificazione Frigoristi Regolamento CE n.842/2006 Regolamento CE 303/2008 Una prima domanda PERCHE SERVE L ABILITAZIONE da FRIGORISTA? 23/04/2013 2 Da dove arriva l obbligo di abilitazione

Dettagli

Redazione Approvazione Autorizzazione all emissione Entrata in vigore

Redazione Approvazione Autorizzazione all emissione Entrata in vigore Titolo Sigla Prescrizioni per l accreditamento di Organismi operanti le certificazioni del servizio di erogazione di corsi di formazione per personale addetto al recupero di determinati gas fluorurati

Dettagli

La certificazione del piano della qualità per gli impiantisti del freddo (frigoristi)

La certificazione del piano della qualità per gli impiantisti del freddo (frigoristi) La certificazione del piano della qualità per gli impiantisti del freddo (frigoristi) Cosa dice la legge Il D.P.R. n. 43/2012 (entrato in vigore il 5 maggio 2012) ha recepito anche in Italia il Regolamento

Dettagli

REGISTRO APPARECCHIATURA

REGISTRO APPARECCHIATURA Geos Brescia Cella 1 S.N. 4852015 REGISTRO APPARECCHIATURA Apparecchi contenenti Gas Fluorurati in quantità superiori ai 3 Kg REGOLAMENTO (CE) n. 842/2006 DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO del 17

Dettagli

MINISTERO DELLE POLITICHE AGRICOLE ALIMENTARI E FORESTALI

MINISTERO DELLE POLITICHE AGRICOLE ALIMENTARI E FORESTALI MINISTERO DELLE POLITICHE AGRICOLE ALIMENTARI E FORESTALI DECRETO 12 marzo 2014. Disposizioni per la designazione dei laboratori che possono eseguire l analisi dei campioni prelevati durante i controlli

Dettagli

NUOVO REGOLAMENTO DEL PARLAMENTO E DEL CONSIGLIO EUROPEO SUI GAS FLUORURATI

NUOVO REGOLAMENTO DEL PARLAMENTO E DEL CONSIGLIO EUROPEO SUI GAS FLUORURATI NUOVO REGOLAMENTO DEL PARLAMENTO E DEL CONSIGLIO EUROPEO SUI GAS FLUORURATI Il «vecchio» regolamento. DPR 43/2012: come è andata? Regolamento 303/2008 PERSONE IMPRESE ISCRITTE 63328 42640 CERTIFICATE 34682

Dettagli

GAS FLUORURATI Registro telematico nazionale. Le informazioni contenute in questa presentazione sono aggiornate al 11 febbraio 2013

GAS FLUORURATI Registro telematico nazionale. Le informazioni contenute in questa presentazione sono aggiornate al 11 febbraio 2013 GAS FLUORURATI Registro telematico nazionale Le informazioni contenute in questa presentazione sono aggiornate al 11 febbraio 2013 Protocollo di Kyoto Nel quadro del protocollo di Kyoto l Unione europea

Dettagli

Il Ministro delle politiche agricole alimentari e forestali

Il Ministro delle politiche agricole alimentari e forestali Decreto n. 5195 del 13 maggio 2010 Disposizioni di attuazione del regolamento (CE) n. 110/2008 del Parlamento Europeo e del Consiglio, del 15 gennaio 2008, concernente la definizione, la designazione,

Dettagli

REGOLAMENTO (UE) N. 517/2014 DEL 16 APRILE Milano, 10 novembre 2014

REGOLAMENTO (UE) N. 517/2014 DEL 16 APRILE Milano, 10 novembre 2014 Rivoira Refrigerants S.r.l. Società soggetta all attività di direzione e coordinamento di Rivoira S.p.A. Cap. Soc. 5.319.000 i.v. R.I. di Milano / Cod. Fisc./P.IVA 08418360965 Rea di Milano n. 2024606

Dettagli

«Decreto sugli enti di certificazione»

«Decreto sugli enti di certificazione» «Decreto sugli enti di certificazione» Regolamento recante disciplina delle caratteristiche e dei requisiti richiesti per l espletamento dei compiti di certificazione indipendente della qualità e della

Dettagli

Proposta di Regolamento del parlamento e del Consiglio europeo sui gas fluorurati a effetto serra - COM(2012) 643 final

Proposta di Regolamento del parlamento e del Consiglio europeo sui gas fluorurati a effetto serra - COM(2012) 643 final Proposta di Regolamento del parlamento e del Consiglio europeo sui gas fluorurati a effetto serra - COM(2012) 643 final Nel contesto della tabella di marcia verso un economia a basse emissioni di carbonio,

Dettagli

Il Direttore del Servizio Territoriale del Sassarese. VISTA la L.R. 8 agosto 2006, n. 13 Riforma degli enti agricoli e riordino delle funzioni in

Il Direttore del Servizio Territoriale del Sassarese. VISTA la L.R. 8 agosto 2006, n. 13 Riforma degli enti agricoli e riordino delle funzioni in Oggetto: manutenzione straordinaria impianto di climatizzazione sede uffici Agenzia ARGEA Sardegna di Sassari. Affidamento diretto ex art. 125 D.Lgs. n. 163/2006 servizio di controllo perdite F-gas pompa

Dettagli

DECRETO LEGISLATIVO 5 marzo 2013, n. 26

DECRETO LEGISLATIVO 5 marzo 2013, n. 26 DECRETO LEGISLATIVO 5 marzo 2013, n. 26 Disciplina sanzionatoria per la violazione delle disposizioni di cui al regolamento (CE) n. 842/2006 su taluni gas fluorurati ad effetto serra. (13G00065) (GU n.74

Dettagli

Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali

Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali Prot. 18096 del 26 settembre 2014 Individuazione dei tempi e delle modalità di gestione dei provvedimenti adottati dagli Organismi di controllo nei confronti degli operatori del settore della produzione

Dettagli

F.A.Q. GAS FLUORURATI AD EFFETTO SERRA

F.A.Q. GAS FLUORURATI AD EFFETTO SERRA F.A.Q. GAS FLUORURATI AD EFFETTO SERRA 1 Come si stabilisce se un impresa si deve iscrivere al Registro (e deve iscrivere i suoi lavoratori)? Se l impresa opera con i gas fluorurati serra è sempre tenuta

Dettagli

Gas Fluorurati. contribuiscono al cd. «effetto serra»

Gas Fluorurati. contribuiscono al cd. «effetto serra» Samantha Sapienza Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Direzione Generale per lo Sviluppo Sostenibile, il Clima e l Energia www.minambiente.it Gas Fluorurati impatto zero sullo

Dettagli

Gazzetta ufficiale dell'unione europea. (Atti non legislativi) REGOLAMENTI

Gazzetta ufficiale dell'unione europea. (Atti non legislativi) REGOLAMENTI L 146/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO DI ESECUZIONE (UE) 2016/879 DELLA COMMISSIONE del 2 giugno 2016 che stabilisce, ai sensi del regolamento (UE) n. 517/2014 del Parlamento europeo

Dettagli

(Testo rilevante ai fini del SEE)

(Testo rilevante ai fini del SEE) L 301/22 18.11.2015 REGOLAMENO DI ESECUZIONE (UE) 2015/2066 DELLA COMMISSIONE del 17 novembre 2015 che stabilisce, a norma del regolamento (UE) n. 517/2014 del arlamento europeo e del Consiglio, i requisiti

Dettagli

GAS FLUORURATI Registro telematico nazionale. Le informazioni contenute in questa presentazione sono aggiornate al 11 febbraio 2013

GAS FLUORURATI Registro telematico nazionale. Le informazioni contenute in questa presentazione sono aggiornate al 11 febbraio 2013 GAS FLUORURATI Registro telematico nazionale Le informazioni contenute in questa presentazione sono aggiornate al 11 febbraio 2013 Protocollo di Kyoto Nel quadro del protocollo di Kyoto l Unione europea

Dettagli

Dichiarazione ISPRA entro il 31 maggio 2016

Dichiarazione ISPRA entro il 31 maggio 2016 Dichiarazione ISPRA entro il 31 maggio 2016 Con la presente Vi ricordiamo che entro il 31 maggio 2016 è necessario compilare la dichiarazione ISPRA ai sensi dell'art.16, comma 1, del DPR 43/2012 riferita

Dettagli

IT Gazzetta ufficiale dell'unione europea L 301/22 REGOLAMENTO DI ESECUZIONE (UE) 2015/2066 DELLA COMMISSIONE. del 17 novembre 2015

IT Gazzetta ufficiale dell'unione europea L 301/22 REGOLAMENTO DI ESECUZIONE (UE) 2015/2066 DELLA COMMISSIONE. del 17 novembre 2015 L_2015301I.01002201.xml http://eur-lex.europa.eu/legal-content/i/x/hml/?uri=celex:32015r2066&fro... agina 1 di 5 18.11.2015 I Gazzetta ufficiale dell'unione europea L 301/22 REGOLAMENO DI ESECUZIONE (UE)

Dettagli

Il Ministro dell Economia e delle Finanze

Il Ministro dell Economia e delle Finanze Il Ministro dell Economia e delle Finanze Visto il decreto legislativo 21 novembre 2014, n. 175, concernente la semplificazione fiscale e la dichiarazione dei redditi precompilata; Visto, in particolare,

Dettagli

OGGETTO L'obiettivo del regolamento è proteggere l'ambiente riducendo le emissioni di gas fluorurati a effetto serra.

OGGETTO L'obiettivo del regolamento è proteggere l'ambiente riducendo le emissioni di gas fluorurati a effetto serra. OGGETTO L'obiettivo del regolamento è proteggere l'ambiente riducendo le emissioni di gas fluorurati a effetto serra. Pertanto il regolamento stabilisce: a) disposizioni in tema di contenimento, uso,recupero

Dettagli

PROCEDURA PER LA CERTIFICAZIONE DEI SERVIZI DELLE IMPRESE OPERANTI EX REGOLAMENTI CE 303/2008 e 304/2008, DPR 43/12 e RT 29 DI ACCREDIA

PROCEDURA PER LA CERTIFICAZIONE DEI SERVIZI DELLE IMPRESE OPERANTI EX REGOLAMENTI CE 303/2008 e 304/2008, DPR 43/12 e RT 29 DI ACCREDIA Pag. 1 di 10 S P 4 4 PROCEDURA PER LA CERTIFICAZIONE DEI SERVIZI DELLE, DPR 43/12 e RT 29 DI ACCREDIA 0 07.12.2016 Revisione generale Presidente Comitato di Schema Amministratore Delegato 5 28.09.2016

Dettagli

Comitato nazionale per la gestione della direttiva 2003/87/CE e per il supporto nella gestione delle attività di progetto del protocollo di Kyoto

Comitato nazionale per la gestione della direttiva 2003/87/CE e per il supporto nella gestione delle attività di progetto del protocollo di Kyoto Deliberazione n 21/2013 APPROVAZIONE DEL MODELLO PER LA COMUNICAZIONE DEI DATI SULL INCENERIMENTO DEI RIFIUTI AI FINI DELL APPLICAZIONE DELL ARTICOLO 2 DEL DECRETO LEGISLATIVO 13 MARZO 2013 N. 30. VISTO

Dettagli

Articolo 6 - Certificati di Accreditamento degli organismi di valutazione delle conformità

Articolo 6 - Certificati di Accreditamento degli organismi di valutazione delle conformità DECRETO PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA del 27 gennaio 2012 n. 43 attuativo del Regolamento CE n. 842/2006 su taluni gas ad effetto serra. Pubblicato in Gazzetta Ufficiale n. 93 del 20 aprile 2012 e in vigore

Dettagli

Registro dell Impianto e delle Apparecchiature Generato con MarioDOC

Registro dell Impianto e delle Apparecchiature Generato con MarioDOC Scheda A - 1 Numero di riferimento dell'impianto Registro dell Impianto e delle Apparecchiature In base ai Regolamenti: CE 842/2006 su taluni gas fluorurati ad effetto serra UE 517/2014 sui gas fluorurati

Dettagli

concernente l attuazione del Regolamento CE 842/2006 su taluni gas fluorurati ad effetto serra

concernente l attuazione del Regolamento CE 842/2006 su taluni gas fluorurati ad effetto serra concernente l attuazione del Regolamento CE 842/2006 su taluni gas fluorurati ad effetto serra Slides 1 di 30 FINALITÀ DEL DPR 43/2012 Disciplina le Modalità di Attuazione del Regolamento CE 842/06 in

Dettagli

Certificazione del Personale e dell Azienda SITUAZIONE!!!!! 25/09/2012 1

Certificazione del Personale e dell Azienda SITUAZIONE!!!!! 25/09/2012 1 Certificazione del Personale e dell Azienda SITUAZIONE!!!!! 25/09/2012 1 Regolamento CE 303/2008 2aprile 2008 Si ricorda che deve essere certificato la persona fisica che svolge le seguenti attività: a)

Dettagli

CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI. ART. 1 (Disposizioni di principio e ambito di applicazione)

CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI. ART. 1 (Disposizioni di principio e ambito di applicazione) CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI ART. 1 (Disposizioni di principio e ambito di applicazione) 1. Il presente decreto attua nell'ordinamento interno le disposizioni della decisione quadro 2009/315/GAI del Consiglio,

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER IL MERCATO, LA CONCORRENZA, IL CONSUMATORE, LA VIGILANZA E LA NORMATIVA TECNICA IL DIRETTORE GENERALE VISTA la Direttiva 95/16/CE del Parlamento

Dettagli

DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 27 gennaio 2012, n. 43

DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 27 gennaio 2012, n. 43 Installazione Impianti DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 27 gennaio 2012, n. 43 Regolamento recante attuazione del regolamento (CE) n.842/2006 su taluni gas fluorurati ad effetto serra Le prescrizioni

Dettagli

Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali

Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali Prot. 12745 del 26/06/2015 Designazione della Camera di Commercio Industria Artigianato Agricoltura di La Spezia quale autorità pubblica di controllo ai sensi dell art. 13 del decreto legislativo 8 aprile

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, Dispone

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, Dispone Prot. n. 125650 Disposizioni attuative del decreto del Ministro dell economia e delle finanze del 28 dicembre 2015 di attuazione della legge 18 giugno 2015, n. 95 e della direttiva 2014/107/UE del Consiglio,

Dettagli

La gestione dei Gas fluorurati ad effetto serra: la nuova normativa

La gestione dei Gas fluorurati ad effetto serra: la nuova normativa La gestione dei Gas fluorurati ad effetto serra: la nuova normativa Impostazione della normativa Finalità Ambito di applicazione e obblighi degli operatori Il Registro nazionale delle persone e delle imprese

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER IL MERCATO, LA CONCORRENZA, IL CONSUMATORE, LA VIGILANZA E LA NORMATIVA TECNICA IL DIRETTORE GENERALE VISTA la Direttiva 97/23/CE del Parlamento

Dettagli

REGOLAMENTO (UE) N. 517/2014 DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO del 16 aprile 2014 CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI

REGOLAMENTO (UE) N. 517/2014 DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO del 16 aprile 2014 CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI REGOLAMENTO (UE) N. 517/2014 DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO del 16 aprile 2014 CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Articolo 1 Oggetto L obiettivo del presente regolamento è quello di proteggere l ambiente

Dettagli

DECRETO LEGISLATIVO RECANTE DISCIPLINA SANZIONATORIA PER LE VIOLAZIONI DELLE DISPOSIZIONI DI CUI AL REGOLAMENTO (CE) N

DECRETO LEGISLATIVO RECANTE DISCIPLINA SANZIONATORIA PER LE VIOLAZIONI DELLE DISPOSIZIONI DI CUI AL REGOLAMENTO (CE) N DECRETO LEGISLATIVO RECANTE DISCIPLINA SANZIONATORIA PER LE VIOLAZIONI DELLE DISPOSIZIONI DI CUI AL REGOLAMENTO (CE) N. 767/2009 DEL 13 LUGLIO 2009 SULL IMMISSIONE SUL MERCATO E SULL USO DEI MANGIMI RELAZIONE

Dettagli

Testo coordinato con le integrazioni e modifiche apportate dalla deliberazione 339/2012/R/eel

Testo coordinato con le integrazioni e modifiche apportate dalla deliberazione 339/2012/R/eel Testo coordinato con le integrazioni e modifiche apportate dalla deliberazione 339/2012/R/eel Deliberazione 11 aprile 2007, n. 88/07 Disposizioni in materia di misura dell energia elettrica prodotta da

Dettagli

L esame dovrà essere fatto entro 24 mesi dalla data di rilascio di attestazione del corso.

L esame dovrà essere fatto entro 24 mesi dalla data di rilascio di attestazione del corso. DESCRIZIONE FIGURA ROFESSIONALE ersonale che opera nel: controllo delle perdite di applicazioni contenenti almeno 3kg di gas fluorurati ad effetto serra e di applicazioni contenenti almeno 6 kg di gas

Dettagli

SCHEDA CERTIFICAZIONE FIGURA PROFESSIONALE SCP FGAS305 DESCRIZIONE FIGURA PROFESSIONALE INFORMAZIONI SUL CANDIDATO

SCHEDA CERTIFICAZIONE FIGURA PROFESSIONALE SCP FGAS305 DESCRIZIONE FIGURA PROFESSIONALE INFORMAZIONI SUL CANDIDATO DESCRIZIONE FIGURA PROFESSIONALE Personale che opera nel recupero di taluni gas fluorurati ad effetto serra dai commutatori ad alta tensione (dispositivi di commutazione e apparecchiature di controllo,

Dettagli

Comitato nazionale per la gestione della direttiva 2003/87/CE e per il supporto nella gestione delle attività di progetto del Protocollo di Kyoto

Comitato nazionale per la gestione della direttiva 2003/87/CE e per il supporto nella gestione delle attività di progetto del Protocollo di Kyoto Comitato nazionale per la gestione della direttiva 2003/87/CE e per il supporto nella gestione delle attività di progetto del Protocollo di Kyoto Deliberazione n. 08/2014 RILASCIO DELL AUTORIZZAZIONE AD

Dettagli

Comitato nazionale per la gestione della direttiva 2003/87/CE e per il supporto nella gestione delle attività di progetto del Protocollo di Kyoto

Comitato nazionale per la gestione della direttiva 2003/87/CE e per il supporto nella gestione delle attività di progetto del Protocollo di Kyoto Comitato nazionale per la gestione della direttiva 2003/87/CE e per il supporto nella gestione delle attività di progetto del Protocollo di Kyoto Deliberazione n. 46/2012 APPROVAZIONE DEI PIANI DI MONITORAGGIO

Dettagli

S E R I E G E N E R A L E

S E R I E G E N E R A L E S E R I E G E N E R A L E Spediz. abb. post. - art. 45% 1, - comma art. 2, 1 comma 20/b Legge 27-02-2004, 23-12-1996, n. n. 46662 - Filiale - Filiale di Roma di Roma GAZZETTA Anno 154 - Numero 74 UFFICIALE

Dettagli

SCHEDA CERTIFICAZIONE FIGURA PROFESSIONALE SCP FGAS304 DESCRIZIONE FIGURA PROFESSIONALE INFORMAZIONI SUL CANDIDATO

SCHEDA CERTIFICAZIONE FIGURA PROFESSIONALE SCP FGAS304 DESCRIZIONE FIGURA PROFESSIONALE INFORMAZIONI SUL CANDIDATO DESCRIZIONE FIGURA PROFESSIONALE Personale che opera nel: a. controllo delle perdite delle applicazioni contenenti almeno 3 kg di gas fluorurati ad effetto serra; b. recupero, anche per quanto riguarda

Dettagli

DPR n 147 del 15 febbraio 2006

DPR n 147 del 15 febbraio 2006 DPR n 147 del 15 febbraio 2006 Regolamento concernente modalità per il controllo ed il recupero delle fughe di sostanze lesive della fascia di ozono stratosferico da apparecchiature di refrigerazione e

Dettagli

DELIBERAZIONE N. DEL. Direzione Regionale: SALUTE E INTEGRAZIONE SOCIOSANITARIA Area: SAN. PUBBL., PROM. SALUTE, SIC. ALIM.

DELIBERAZIONE N. DEL. Direzione Regionale: SALUTE E INTEGRAZIONE SOCIOSANITARIA Area: SAN. PUBBL., PROM. SALUTE, SIC. ALIM. REGIONE LAZIO DELIBERAZIONE N. DEL 703 09/12/2015 GIUNTA REGIONALE PROPOSTA N. 18479 DEL 24/11/2015 STRUTTURA PROPONENTE Direzione Regionale: SALUTE E INTEGRAZIONE SOCIOSANITARIA Area: SAN. PUBBL., PROM.

Dettagli

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA IL GAS E IL SISTEMA IDRICO

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA IL GAS E IL SISTEMA IDRICO DELIBERAZIONE 4 NOVEMBRE 2016 632/2016/R/EEL SERVIZIO DI SALVAGUARDIA DELL ENERGIA ELETTRICA: APPROVAZIONE DEL REGOLAMENTO PER LE PROCEDURE CONCORSUALI PER L ASSEGNAZIONE DEL SERVIZIO, PER IL BIENNIO 2017-2018

Dettagli

DECRETO LEGISLATIVO 17 febbraio 2017, n. 41

DECRETO LEGISLATIVO 17 febbraio 2017, n. 41 DECRETO LEGISLATIVO 17 febbraio 2017, n. 41 Disposizioni per l'armonizzazione della normativa nazionale in materia di inquinamento acustico con la direttiva 2000/14/CE e con il regolamento (CE) n. 765/2008,

Dettagli

Requisiti dei laboratori non annessi alle industrie alimentari e requisiti di un certificato di analisi, interpretazione del risultato.

Requisiti dei laboratori non annessi alle industrie alimentari e requisiti di un certificato di analisi, interpretazione del risultato. Requisiti dei laboratori non annessi alle industrie alimentari e requisiti di un certificato di analisi, interpretazione del risultato. 1 Accordo tra il Ministro della salute, le Regioni e le Province

Dettagli

IL DIRIGENTE GENERALE DEL DIPARTIMENTO REGIONALE DELL ENERGIA

IL DIRIGENTE GENERALE DEL DIPARTIMENTO REGIONALE DELL ENERGIA Assessorato dell Energia e dei Servizi di Pubblica Utilità DECRETO 3 marzo 2011 (G.U.R.S. n. 13 del 25 marzo 2011) Disposizioni in materia di certificazione energetica degli edifici nel territorio della

Dettagli

Il Ministro delle politiche agricole alimentari e forestali

Il Ministro delle politiche agricole alimentari e forestali Disposizioni per l attuazione del Regolamento di Esecuzione (UE) n. 203/2012 della Commissione che modifica il regolamento (CE) n. 889/2008 recante modalità di applicazione del regolamento (CE) n. 834/2007

Dettagli

Il Ministro delle politiche agricole alimentari e forestali

Il Ministro delle politiche agricole alimentari e forestali Disposizioni per l attuazione del Regolamento di Esecuzione (UE) n. 203/2012 della Commissione che modifica il regolamento (CE) n. 889/2008 recante modalità di applicazione del regolamento (CE) n. 834/2007

Dettagli

Prot. n. (VET/07/51059)

Prot. n. (VET/07/51059) Prot. n. (VET/07/51059) LA GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA Premesso che la normativa comunitaria e nazionale vigente in materia di igiene e sicurezza alimentare prevede che le industrie operanti nel

Dettagli

Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali

Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali DG VICO - Segreteria VICO - Prot. Interno N.0012812 del 17/08/2017 Autorizzazione a Triveneta certificazioni S.r.l. a svolgere le attività di controllo ai sensi dell art. 64 della Legge 12 dicembre 2016,

Dettagli

Page 1 of 5 DECRETO LEGISLATIVO 17 febbraio 2017, n. 41 Disposizioni per l'armonizzazione della normativa nazionale in materia di inquinamento acustico con la direttiva 2000/14/CE e con il regolamento

Dettagli

REGIONE TOSCANA GIUNTA REGIONALE PIANO REGIONALE PER LA QUALITÀ DELL'ARIA AMBIENTE PRQA MIGLIORIAMO L'ARIA CHE RESPIRIAMO

REGIONE TOSCANA GIUNTA REGIONALE PIANO REGIONALE PER LA QUALITÀ DELL'ARIA AMBIENTE PRQA MIGLIORIAMO L'ARIA CHE RESPIRIAMO REGIONE TOSCANA GIUNTA REGIONALE PIANO REGIONALE PER LA QUALITÀ DELL'ARIA AMBIENTE PRQA MIGLIORIAMO L'ARIA CHE RESPIRIAMO Allegato 3 Elementi tecnici per la certificazione ambientale dei generatori di

Dettagli

QUALIFICAZIONE INSTALLATORI FER. Guido Pesaro Responsabile Nazionale CNA Installazione Impianti

QUALIFICAZIONE INSTALLATORI FER. Guido Pesaro Responsabile Nazionale CNA Installazione Impianti QUALIFICAZIONE INSTALLATORI FER Guido Pesaro Responsabile Nazionale CNA Installazione Impianti D.Lgs 28/2011 Articolo 15 «La qualifica professionale per l'attivita' di installazione e di manutenzione straordinaria

Dettagli

PROCEDURA PER LA CERTIFICAZIONE DI ORGANISMI DI ATTESTAZIONE IN ACCORDO AL REGOLAMENTO CE 307/2008. Presidente Comitato di Schema

PROCEDURA PER LA CERTIFICAZIONE DI ORGANISMI DI ATTESTAZIONE IN ACCORDO AL REGOLAMENTO CE 307/2008. Presidente Comitato di Schema sigla: PG52 Pag. 1 di 9 SP 45 PROCEDURA PER LA CERTIFICAZIONE DI ORGANISMI DI ATTESTAZIONE IN ACCORDO AL REGOLAMENTO CE 307/2008 0 07.12.2016 Revisione generale Presidente Comitato di Schema Amministratore

Dettagli

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA gli articoli 76, 87, quinto comma, e 117, secondo comma, lettera h), della Costituzione;

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA gli articoli 76, 87, quinto comma, e 117, secondo comma, lettera h), della Costituzione; Schema di decreto legislativo contenente disposizioni integrative e correttive al decreto legislativo 6 settembre 2011, n. 159, recante Codice delle leggi antimafia e delle misure di prevenzione, nonché

Dettagli

Delibera n. 90/07 L AUTORITA' PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS. Nella riunione dell 11 aprile Visti:

Delibera n. 90/07 L AUTORITA' PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS. Nella riunione dell 11 aprile Visti: Delibera n. 90/07 ATTUAZIONE DEL DECRETO DEL MINISTRO DELLO SVILUPPO ECONOMICO, DI CONCERTO CON IL MINISTRO DELL AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE 19 FEBBRAIO 2007, AI FINI DELL INCENTIVAZIONE

Dettagli

Roma, 4 luglio 2014 Prot. N. 850/FM A TUTTE LE ORGANIZZAZIONI CONFEDERATE LORO SEDI

Roma, 4 luglio 2014 Prot. N. 850/FM A TUTTE LE ORGANIZZAZIONI CONFEDERATE LORO SEDI Roma, 4 luglio 2014 Prot. N. 850/FM DIREZIONE RELAZIONI SINDACALI SETTORE AMBIENTE E SICUREZZA Emanazione del Regolamento UE n. 517/2014 sui gas fluorurati ad effetto serra È stato recentemente pubblicato

Dettagli

PSC 05ES - SERVIZIO DI VALUTAZIONE DELLA CONFORMITÀ CERTIFICAZIONE REGOLAMENTI (CE) 303/ / REQUISITI ESSENZIALI -

PSC 05ES - SERVIZIO DI VALUTAZIONE DELLA CONFORMITÀ CERTIFICAZIONE REGOLAMENTI (CE) 303/ / REQUISITI ESSENZIALI - INDICE 1. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE 2. REQUISITI ESSENZIALI RISPETTO AI QUALI È RICHIESTA LA CERTIFICAZIONE 3. REQUISITI ESSENZIALI RELATIVI AL PROCESSO DI CERTIFICAZIONE 4. SOSPENSIONE, REVOCA O RIDUZIONE

Dettagli

GESTIONE AMBIENTALE DELLE APPARECCHIATURE CONTENENTI GAS FLUORURATI AD EFFETTO SERRA (HFC PFC SF 6 )

GESTIONE AMBIENTALE DELLE APPARECCHIATURE CONTENENTI GAS FLUORURATI AD EFFETTO SERRA (HFC PFC SF 6 ) Applicazione: IREN ENERGIA S.p.A. IRIDE SERVIZI S.p.A. AEM TORINO DISTRIBUZIONE S.p.A. GESTIONE AMBIENTALE DELLE APPARECCHIATURE CONTENENTI GAS FLUORURATI AD EFFETTO SERRA (HFC PFC SF 6 ) RESPONSABILE

Dettagli

Medicina del Lavoro, Sicurezza Aziendale e Formazione MILANO BERGAMO - BRESCIA VERONA -

Medicina del Lavoro, Sicurezza Aziendale e Formazione MILANO BERGAMO - BRESCIA VERONA  - Questo documento è fornito da. Medicina del Lavoro, Sicurezza Aziendale e Formazione MILANO BERGAMO - BRESCIA VERONA www.progettoservizi.it - info@progettoservizi.it Richiedi un preventivo gratuito Formazione

Dettagli

Il Ministro delle politiche agricole alimentari e forestali

Il Ministro delle politiche agricole alimentari e forestali DECRETO 8 agosto 2008 n. 2551 Modalita applicative dei regolamenti (CE) n. 1234/2007 del Consiglio, e n. 566/2008 della Commissione, recante l organizzazione comune dei mercati agricoli e disposizioni

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. Dispone

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. Dispone Prot. n. 17731/2017 Modifiche al provvedimento del 29 luglio 2016 in materia di modalità tecniche di utilizzo dei dati delle spese sanitarie ai fini della elaborazione della dichiarazione dei redditi precompilata

Dettagli

Regolamento per la certificazione di imprese che svolgono le attività di cui ai Regolamenti CE:

Regolamento per la certificazione di imprese che svolgono le attività di cui ai Regolamenti CE: Regolamento per la certificazione di imprese che svolgono le attività di cui ai Regolamenti CE: Nr. 303/2008, Nr. 304/2008. In vigore dal 02 Febbraio 2015 03 02 02.02.2015 01 Revisione 3.4.1, 3.5, 4.2.

Dettagli

IL DIRETTORE GENERALE DEL CONTROLLO DELLA QUALITÀ E DEI SISTEMI DI QUALITÀ

IL DIRETTORE GENERALE DEL CONTROLLO DELLA QUALITÀ E DEI SISTEMI DI QUALITÀ DECRETO 21 luglio 2009. Conferimento a «Valoritalia società per la certificazione delle qualità e delle produzioni vitivinicole italiane S.r.l.», dell incarico a svolgere le funzioni di controllo previste

Dettagli

IL DIRETTORE GENERALE DEL CONTROLLO DELLA QUALITÀ E DEI SISTEMI DI QUALITÀ

IL DIRETTORE GENERALE DEL CONTROLLO DELLA QUALITÀ E DEI SISTEMI DI QUALITÀ DECRETO 21 luglio 2009. Conferimento a «Toscana CertiÞ cazione Agroalimentare S.r.l.», in breve «TCA S.r.l.», dell incarico a svolgere le funzioni di controllo previste dall articolo 48 del Regolamento

Dettagli

Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni

Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni DELIBERA N. 235/16/CONS INCLUSIONE DEGLI IMPIANTI DI RADIODIFFUSIONE SONORA ANALOGICA OPERANTI IN BANDA FM (87,5 108 MHz) ALL INTERNO DELLA SEZIONE SPECIALE DEL REGISTRO DEGLI OPERATORI DI COMUNICAZIONE

Dettagli

Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali

Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali Prot. 12731 del 26/06/2015 Autorizzazione a 3A PTA Parco Tecnologico Agroalimentare dell Umbria Soc. Cons. a r.l. a svolgere le attività di controllo di cui all art. 13 del decreto legislativo 8 aprile

Dettagli

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE DISCIPLINA SANZIONATORIA PER LE VIOLAZIONI DELLE DISPOSIZIONI DI CUI AL REGOLAMENTO (CE) N. 767/2009 DEL 13 LUGLIO 2009 SULL IMMISSIONE SUL MERCATO E SULL USO DEI

Dettagli

MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI. DECRETO 6 settembre 2011

MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI. DECRETO 6 settembre 2011 MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI DECRETO 6 settembre 2011 Istituzione di abilitazioni di coperta su unita' adibite a navigazione costiera nonche' per il settore di macchina per unita' con

Dettagli