Presentazione del Sindaco

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Presentazione del Sindaco"

Transcript

1 IL TUO COMUNE RENDE CONTO DEL PROPRIO OPERATO Bilancio Partecipativo di Mandato e presentazione del Progetto SERAVEZZA R E L A Z I O N I I figli hanno da crescere normali nel mondo tra la gente, in comunità, e in comunità l uomo sano deve operare Enrico Pea

2 Presentazione del Sindaco Nell autunno 2008 la Giunta Comunale ha deciso di verificare lo stato di attuazione del Programma Elettorale e delle Linee di Mandato del Sindaco scegliendo, dopo una approfondita verifica interna degli obbiettivi raggiunti e di quelli ancora da perseguire, di confrontarsi pubblicamente con i cittadini, con le categorie, con le associazioni, con i lavoratori e con gli operatori economici per analizzare e valutare il lavoro svolto e per condividere le nuove scelte da prendere e gli obbiettivi da cogliere entro la scadenza del mandato amministrativo. A questa opera di analisi, sintesi e rivisitazione degli obbiettivi raggiunti, e di rilancio ed aggiornamento di quelli da raggiungere in vista del 2011, effettuate sulla base dei documenti programmatici elettorali e delle Linee di Mandato del Sindaco a suo tempo presentate al Consiglio Comunale, sono stati chiamati a lavorare la Giunta Municipale nel suo complesso, il Direttore Generale ed i Funzionari Responsabili dei singoli Settori. Abbiamo valutato che fosse giusto e forse indispensabile fermarsi a riflettere per fare il punto della situazione, per, poi, ripartire con nuovo e maggiore slancio avendo ben chiari e definiti i rinnovati obbiettivi da cogliere. L idea, fin dall inizio, è stata quella di concederci, immediatamente dopo aver analizzato noi il nostro lavoro, un ritorno alla comunità del Comune di Seravezza, da realizzarsi in questa precisa fase della nostra azione di governo del territorio, per confrontare le nostre sensazioni, le nostre elaborazioni ed i nostri obbiettivi con i cittadini. Riteniamo veramente indispensabile ed utile avviare ora un largo confronto pubblico, aperto e trasparente, franco e coraggioso con tutti quelli che avranno voglia di prendere in esame, valutare e giudicare il nostro lavoro. Indispensabile ed utile perché oggi, con la imminente approvazione del Regolamento Urbanistico, abbiamo, sostanzialmente definito il nostro progetto per il futuro del Comune di Seravezza; perché abbiamo realizzato e stiamo realizzando sul territorio una mole consistente di opere pubbliche di primaria importanza; perché in questa fase siamo chiamati a fare scelte fondamentali che incideranno profondamente sul futuro della nostra comunità (Attività estrattive e produttive; gestione di un Polo Culturale di rilievo nazionale; Unione dei Comuni; potenziamento delle strutture e dei servizi socio sanitari; gestione e diffusione delle strutture sportive e sociali ecc.); perché in molti settori abbiamo ottenuto risultati di cui è bene informare la cittadinanza; perché presto inizieranno i lavori del primo lotto dell area industriale; perché sul piano socio-culturale e su quello del comune sentire dei nostri cittadini dobbiamo lavorare ancora molto per costruire una coscienza unitaria della nostra comunità comunale. 2

3 Sentiamo la necessità di essere ancor più vicini ai nostri cittadini perché la crisi internazionale sta mettendo a rischio i bilanci familiari e le famiglie, in primo luogo quelle più deboli e già in difficoltà, stanno pagando il dazio più alto. Per i Comuni la tutela dei cittadini più in difficoltà e la difesa dei servizi esistenti (in termini di quantità e qualità) è, oggi, l obbiettivo primario. Siamo, dunque, convinti che il sistema della partecipazione democratica applicato alle scelte strategiche del Comune (che, per altro, abbiamo largamente già utilizzato in questi primi anni del nostro mandato) risulti il miglior metodo per raccogliere critiche, suggerimenti, osservazioni e stimoli e per migliorare e rafforzare la progettualità e l azione amministrativa. Scopo del Bilancio Partecipativo, che scriveremo al termine di questo lungo percorso di incontri, è, per la nostra Amministrazione, quello di delineare con chiarezza la bontà o meno dei risultati conseguiti in attuazione delle Linee Programmatiche di Mandato approvate dal Consiglio Comunale all indomani dell insediamento, all inizio dell estate Con questo documento dovremo realizzare uno dei nostri principali e fondamentali momenti di verifica rispetto al mandato ricevuto, rendendo conto ai cittadini dei diversi elementi che caratterizzano l andamento dell azione di governo della cosa pubblica. Le relazioni che seguono e che sottoponiamo alla lettura dei cittadini del Comune di Seravezza sono aggiornate al maggio

4 Staff del Sindaco/URP e Staff della Direzione Generale E un po difficoltoso riassumere le attività svolte dai due Uffici di Staff nel periodo che va dal giugno 2006 ad oggi, difficoltà dovute al fatto che molte delle attività di questi Uffici si intrecciano per loro natura con quelle di altri settori. Si cercherà quindi di riassumere quello che si ritiene sia stato veramente incisivo nella vita dell Ente, senza soffermarsi sulla quotidiana attività di supporto amministrativo all azione degli Amministratori, in ogni aspetto ed in stretto legame con gli altri Uffici. Nelle Linee di Mandato si auspicava, innanzitutto, una maggiore trasparenza degli atti e delle determinazioni amministrative. Dalla metà del 2008, con la messa on-line del nuovo sito Internet dell Ente, le delibere della Giunta e del Consiglio Comunale sono automaticamente pubblicate in rete e sono facilmente consultabili e scaricabili. Oltre a questo, vengono pubblicate le ordinanze (sia quelle gestionali che quelle del Sindaco) e le determinazioni dei Responsabili che rivestano interesse generale, così come tutti i Bandi emessi dall Ente, anche se di modesto importo contrattuale. Le sedute del Consiglio vengono rese note attraverso i manifesti distribuiti per l affissione sul territorio, nonché tramite specifici Avvisi sulla stessa rete Internet. Una maggiore diffusione anche on-line dei moduli per l accesso agli atti fa sì che le richieste pervengano immediatamente agli Uffici e trovino pronto accoglimento. Sito Internet: come già accennato e come meglio descritto dal punto di vista tecnico nella sezione del Settore Informatico, nell estate 2008 è stato messo in rete il nuovo sito del Comune, di più facile lettura, con una grafica molto più gradevole e con un continuo aggiornamento da parte dei singoli Settori dell Ente. L URP che è stato incaricato del coordinamento del Sito e della gestione esclusiva e diretta della Home Page. Il nuovo sito è stato creato da una Associazione di volontariato, in convenzione con il Comune, e dunque non ha comportato alcun costo a carico dell Ente. Attraverso tale strumento oltre agli adempimenti di legge (concorsi, bandi, incarichi) si cerca così di portare gli utenti a conoscenza di tutti gli avvenimenti della vita del Comune. Vi è poi la possibilità di dialogare con il Sindaco, su argomenti specifici, attraverso il Blog nonché, come logico, di contattare sia gli Amministratori che i Funzionari, a ciascuno dei quali è stato assegnato un indirizzo di posta elettronica. In questo modo il cittadino utente può assumere il ruolo fondamentale di interlocutoreprotagonista dell azione amministrativa. Il rinnovato sito Internet si collega con un nuovo Ufficio Relazioni con il Pubblico. Rafforzato e meglio strutturato nel corso del 2007, tale ufficio si è rivelato fin da subito un punto di forza fondamentale per la comunicazione con i cittadini; le richieste, a 360, che arrivano all Ufficio vengono prontamente gestite ed evase, spesso in modi e tempi immediati. E con piacere e soddisfazione che si nota come gli strumenti 4

5 telematici, in primis ovviamente la posta elettronica, nel tempo vengano utilizzati con sempre maggiore frequenza e disinvoltura dai cittadini che hanno così la possibilità di far pervenire all Ente nel modo più diretto e sicuro le proprie richieste, osservazioni, reclami, segnalazioni o quant altro. In questo periodo stiamo pensando ad un ulteriore rafforzamento, anche in termini logistici, per offrire agli utenti una sempre maggiore visibilità, accessibilità e fruibilità di tutti i servizi e di tutte le informazioni comunali. Con l URP si sono inoltre creati specifici strumenti per tendere ad una sempre maggiore trasparenza dell azione amministrativa: ad esempio, una maggiore diffusione della modulistica per l accesso agli atti; la pubblicizzazione del nuovo regolamento per la concessione di contributi, ad Enti ed associazioni, tesi a per valorizzare e premiare chi propone attività in linea con le azioni proposte dall amministrazione. A tale proposito, dato che la diffusione dell utilizzo delle nuove tecnologie è uno dei mezzi fondamentali per favorire la crescita di un Amministrazione più vicina al cittadino, ci siamo impegnati per arrivare ad attuare, con il supporto indispensabile della Regione Toscana, un progetto di diffusione della Banda Larga anche in quelle zone del nostro territorio finora svantaggiate (per es. aree rurali o montane); il progetto è in corso di ultimazione e si prevede, salvo rallentamenti per cause fortuite, di giungere a pieno regime entro la fine del Nel corso del 2008 l URP ha curato, tra l altro, la realizzazione di un opuscolo dedicato alla diffusione della conoscenza dei servizi comunali e dei diritti dei cittadini; l opuscolo ( Noi cittadini del Comune di Seravezza ) è stato realizzato a costo zero grazie ad un progetto proposto da una Associazione per la tutela dei diritti di tutti. Nell ottica di una visione del Comune come principale struttura di servizio alla comunità, dall inizio del 2009, l URP si è inoltre fatto carico della gestione del cosiddetto Bonus per l Energia Elettrica previsto dal Governo per alcune categorie svantaggiate di cittadini. Dato che è prevista un analoga estensione del Bonus anche per la fornitura del Gas, si presume che sarà ancora l URP a seguire le relative pratiche, istituendo in tal modo l interfaccia del Comune anche in relazione ai sostegni economici di questo tipo. Da non dimenticare, tra le attività dello Staff del Sindaco, l attenzione continua alle notizie ed alle nuove opportunità in campo Europeo, soprattutto in riferimento alle possibilità di accesso a Finanziamenti Comunitari e/o Regionali. Questo ha permesso di cogliere, ovviamente in strettissima e complementare collaborazione con gli Uffici di volta in volta interessati, alcune importanti occasioni in questo campo, concretizzatesi nella redazione di Progetti ed iniziative per esempio in ambito culturale, ambientale e di gestione e tutela del territorio. Passando invece alla Direzione Generale, tra i procedimenti Amministrativi che si intendono portare a compimento uno ci sta particolarmente a cuore: l esatta individuazione del patrimonio mobiliare e immobiliare del Comune. 5

6 E infatti dovere di ogni buona Amministrazione conoscere, inventariare, stimare e valorizzare il proprio patrimonio. La reale conoscenza di tutto il patrimonio e la sua corretta gestione porteranno alle seguenti finalità: a) Corretta individuazione di tutti i beni; b) Stima; c) Corretto affidamento a esterni (locazioni, comodato o uso ecc.) d) Conoscenza del patrimonio c.d. infruttifero (es. fustoli di terreno, relitti stradali non più in uso ) e sua dimensione, e) Utilizzo dei proventi delle dismissioni per creare nuovo e più utile patrimonio e/o mantenere in efficienza altri beni. E stata creata una Commissione apposita, che settimanalmente esamina i mappali di proprietà comunale, esegue sopralluoghi per verificare lo stato dei beni e propone caso per caso il mantenimento o l alienazione degli stessi. L economo comunale, a sua volta, inserisce tutti i dati, con le relative stime di valori, in un programma correlato alla legge finanziaria dello Stato. Usi Civici All interno del patrimonio vi è poi il gravoso quanto difficile percorso per il riconoscimento degli USI CIVICI. L uso civico è un istituto del passato. La lettura degli Statuti delle comunità esistenti prima della riforma Amministrativa di Pietro Leopoldo informa sulla articolata presenza in Versilia degli usi civici, ossia di beni di uso collettivo, beni goduti dalle Comunità da tempo immemorabile perché ne disponessero secondo la necessità e le consuetudini. L utilizzo era in origine per fini solitamente legati alla terra (legnatico, pascolo, piccole coltivazioni). Risultano ancora, nel nostro Comune, vasti territori gravati da tale vincolo e su di essi sono sorti contenziosi oramai più che ventennali per il reale riconoscimento della proprietà. Nei primi anni di questo mandato si è cercato di dare un forte impulso perché si potesse giungere ad una definizione dei contenziosi. Le aree interessate al contenzioso sono quasi tutte, attualmente, nella disponibilità dell azienda Henraux: al loro interno si trovano i più importanti e pregiati siti estrattivi di marmo del nostro Comune. Al fine di verificare le possibilità di un accordo tra Comune ed Henraux è stata istituita una Commissione Consiliare Speciale, presieduta da un Consigliere di minoranza, al fine di coinvolgere tutte le forze politiche in questa importante vicenda. Al Tribunale degli Usi Civici, presso il Ministero dell Agricoltura a Roma, si è così riaperta e definita una procedura che potrebbe portare, nel corso del prossimo anno, a concludere questa intricata ed importantissima vicenda. Gestioni Associate Al fine di ottimizzare le potenzialità dei nostri Enti Locali e contenere i costi, sfruttando le opportunità dovute alla L.R. n 40/2001, aggiornata dalla L.R. 35/2007, con i vicini comuni di Pietrasanta, Stazzema, Forte dei Marmi e con la Comunità Montana 6

7 (oggi Unione di Comuni) Alta Versilia, si è avviata la promettente esperienza della Gestione Associata di alcuni servizi: Gestione associata protezione civile (CC116/06) Gestione associata di servizi ed interventi educativi per l adolescenza e i giovani (CC 11/06) Gestione associata del servizio statistico (livello minimo di integrazione) (CC 188/06); Gestione associata del catasto dei boschi percorsi dal fuoco e dei pascoli situati entro 50 metri dai boschi percorsi dal fuoco (CC120/06); Gestione associata delle funzioni di competenza dei Comuni relative alla valutazione di impatto ambientale (VIA) (CC 111/06); Gestione associata vincolo idrogeologico ( CC121/06); Gestione associata ISEE (CC 113/06); Gestione associata relazioni sindacali (CC115/06) Gestione associata del personale: reclutamento e concorsi (CC117/06) Gestione associata del personale: trattamento giuridico (CC114/06) Gestione associata del personale: trattamento economico (CC114/06);. Gestione associata, mediante ufficio unico,per il supporto giuridico alle gestioni associate attivate, il miglioramento della qualità dell integrazione gestionale e delle forme associative, la promozione di ulteriori gestioni associate, la valutazione delle esperienze associative realizzate (cc 119/06) Gestione associata delle funzioni catastali di cui all at.-3 del DPCM opzione di primo livello ( CC 91/07) Gestione associata dei servizi informatici e società dell informazione In questo modo, ogni Comune che partecipa alla Gestione Associata si occupa di una o più materie anche per conto tutti gli altri: si crea, così, una sorta di specializzazione basata sull esperienza e sulla professionalità che può garantire un consistente risparmio di tempo e di risorse finanziarie ed umane. Nel frattempo è sorto, dicevamo, un nuovo Ente sovra-comunale in sostituzione della Comunità Montana Alta Versilia: l Unione di Comuni. Essa, per il momento, è costituita dal nostro Comune, dal Comune di Stazzema e dal Comune di Camaiore; è auspicabile un rapido allargamento della partecipazione anche agli altri quattro Comuni versiliesi. L obiettivo statutario dell Unione è di esercitare congiuntamente una pluralità di funzioni e servizi di competenza dei Comuni aderenti nonché funzioni conferite dalla Provincia, dalla Regione e da altri Enti pubblici. 7

8 Ufficio Contratti L attività contrattuale viene svolta interamente all interno dell Ente. Questo porta ad un risparmio per l amministrazione, che non necessita così di rivolgersi ai notai con conseguente lievitazione della spesa. Anche l attività di visura presso la conservatoria dei registri immobiliari o al catasto viene svolta internamente. Gestione Giuridica del Personale Le normative degli ultimi anni hanno ristretto la possibilità di assunzione del personale. Tuttavia, rispettando i vincoli e le limitazioni imposte del Governo centrale ed anche a fronte di cessazioni dovute a collocamento a riposo o a mobilità sono state possibili, nel periodo preso in esame, le seguenti assunzioni: N. 1 operaio addetto ai LLPP N. 1 collaboratore per ufficio anagrafe N. 1 collaboratore per ufficio affari generali N. 3 agenti di vigilanza N. 1 istruttore comandante polizia municipale N. 1 istruttore vice-comandante polizia municipale N. 1 istruttore bibliotecario N. 1 istruttore amministrativo ufficio servizi sociali N. 1 istruttore assistente sociale 8

9 Settore Informatico Il Servizio Informatico La nascita del Settore Informatico del Comune di Seravezza è successiva all insediamento della presente amministrazione in quanto esso è stato ufficialmente istituito dalla stessa il 1 luglio del Obiettivi di Massima Il Settore (o Sistema) Informatico è un servizio comunale che non ha rapporti diretti con l utenza esterna, in quanto è principalmente rivolto all amministrazione stessa. Il suo principale compito è infatti quello di rendere efficiente e migliorare le attività amministrative, ridurre i costi, garantire la sicurezza delle informazioni digitali. Il Servizio riveste anche l importante ruolo di consulente tecnico per tutte le iniziative di carattere informatico e tecnologico che l amministrazione intende intraprendere sul territorio. 2. Obiettivi Raggiunti nella prima metà di mandato Il Sistema Informatico, nella prima metà di questo mandato, ha raggiunto i seguenti obiettivi: Completamento riorganizzazione Sistema Informatico Nuovo Sito Internet Avvio della Gestione Associata Posta elettronica Certificata Firma Digitale Razionalizzazione linee telefoniche Piena adesione a RTRT Diffusione Punti PAAS Collaborazione con l associazione ACROS Documento Programmatico sulla Sicurezza Completamento riorganizzazione Sistema Informatico Nel Dicembre 2007 è stato portato a compimento il macroprogetto di riorganizzazione del sistema informatico ottimizzando le risorse server e l ambiente in cui esse sono collocate (vedi ultimo punto del paragrafo precedente). Sono così stati predisposti più server, ciascuno dedicato a particolari compiti (firewall, web, mail ecc) e di potenza adeguata alle attuali necessità. Tutti i dispositivi sono ospitati in un locale climatizzato, protetto da accessi indesiderati e dotato di un minimo sistema di alimentazione elettrica di emergenza (UPS). E stato prediletto l utilizzo di soluzioni Open Source per la loro qualità e il grande risparmio (sono infatti completamente gratuite) che esse permettono di realizzare. 9

10 Nuovo Sito Internet E stata realizzato, ed inaugurato nel mese di Agosto 2008, il nuovo sito internet dell amministrazione comunale. Tale sito, basato su Drupal, un moderno CMS (Content Management Sistem) è andato a sostituire il vecchio portale statico, ormai non più adeguato alle moderne necessità. Tra le principali caratteristiche c è la completa autonomia dei settori nella pubblicazione dei contenuti, l organizzazione intelligente delle informazioni, la gestione automatica della grafica, la possibilità di fare ricerche sui dati, l accesso agli atti, il blog del sindaco, la gestione dei bandi, ecc. ecc. Di fondamentale importanza è il fatto che il sito è stato realizzato gratuitamente grazie all uso di strumenti Open source e alla collaborazione con l associazione culturale ACROS con la quale l amministrazione ha stipulato una convenzione. Avvio della Gestione Associata Informatica Da febbraio 2008 è attiva la gestione in forma associata dei sistemi informatici dei comuni di Seravezza, Stazzema e della Comunità Montana Alta Versilia (ora Unione di Comuni), con Capofila il nostro Comune. L obiettivo principale che si intende raggiungere è quello offrire ai tre enti un servizio informatico veloce ed efficiente in grado da un lato di proporre soluzioni innovative e tecnologicamente avanzate alle problematiche lavorative ed organizzative degli enti coinvolti, e dall altro di offrire assistenza e consulenza nelle questioni di carattere informatico che si dovessero porre. Si vuole altresì ottenere un risparmio di gestione rispetto all utilizzo di tre servizi informatici distinti. Posta elettronica Certificata Nel mese di Gennaio 2008 l Ufficio Informatico ha attivato una casella di Posta Certificata ed ha effettuato il collegamento al Protocollo Informatico. Il Comune di Seravezza è quindi in possesso di una casella di posta elettronica Certificata (PEC) di indirizzo che dall Ottobre 2008 viene verificata quotidianamente dall ufficio Protocollo. Il risparmio per il Comune di Seravezza fornito dall uso della PEC, se adeguatamente utilizzata, può superare i annui. Firma Digitale Nel mese di Maggio 2006, grazie ad un finanziamento della Regione Toscana, 17 dipendenti del nostro Comune (in posizioni di responsabilità) hanno ricevuto gratuitamente un kit per la firma digitale. Nel mese di Ottobre 2007 sono state poi acquistate altre firme digitali, in modo tale che ciascun Responsabile di settore o servizio fosse in grado di firmare digitalmente un atto, cosi come prevede il codice dell amministrazione digitale (D. Lgs ). 10

11 Razionalizzazione linee telefoniche A seguito di un attenta analisi di tutte le linee ed i servizi telefonici intestati al Comune di Seravezza, nel mese di Novembre 2007 si è provveduto ad eliminare quelli inutilizzati e per i quali l amministrazione corrispondeva inutilmente un canone; si è così ottenuto un risparmio di oltre annui. Piena adesione a RTRT A seguito dell attivazione di una Connessione dedicata a RTRT (Ottobre 2007) e dell approvazione da parte del Consiglio per il rinnovo dell adesione a RTRT nel Novembre 2008, il Comune di Seravezza è ormai pienamente aderente alla Rete Regionale Telematica Toscana. Questo ci permette di continuare ad usufruire di notevoli contributi da parte della Regione Toscana in materia di Information Tecnology (vedi Firma digitale, rete a banda larga, E-governement, PAAS ecc). Diffusione Punti PAAS Nel maggio 2008, a seguito dell adesione al Progetto PAAS della Regione Toscana, si è provveduto ad istituire un secondo Punto di Accesso Assistito presso il Palazzo Mediceo (il primo è attivo dal 2005 a Querceta), che avvicini i cittadini alla rete e ai suoi servizi, riducendo il Digital Divide che spesso affligge gli abitanti delle zone rurali della nostra regione. Tale intervento è stato quasi totalmente finanziato dalla Regione. Collaborazione con l Associazione ACROS A seguito della stipula di una convezione, nel Gennaio 2007, con l Associazione Culturale ACROS, il nostro Comune, in cambio dell uso di una sala riunioni ubicata presso la sede comunale di Querceta, riceve diversi servizi da tale associazione. Documento Programmatico sulla Sicurezza Il servizio Informatico ha redatto tale documento nel marzo Sono poi in fase di completamento (entro l anno 2009) i seguenti tre obiettivi: E-government: AIDA Video Sorveglianza Territorio Connessione a Banda Larga tra le sedi Comunali E-government: AIDA A seguito dell adesione del Comune di Seravezza al progetto C3 (Aida) appartenente al Catalogo del Riuso della Regione Toscana, l amministrazione avrà tra pochi mesi a disposizione un potente software per gestire le Pratiche dello Sportello Unico delle Attività Produttive. 11

12 Video Sorveglianza Territorio La realizzazione di un sistema di Videosorveglianza del territorio, progetto molto caro all amministrazione e coordinato dal Settore Polizia Municipale, vede il Servizio Informatico coinvolto come referente tecnico per la selezione, l installazione e la gestione dei sistemi informatici coinvolti. Tale progetto è interconnesso, per sinergia sui collegamenti, col progetto di connessione a banda larga tra le sedi. Connessione a banda Larga tra le sedi comunali La realizzazione di una connessione permanente a banda larga, di proprietà comunale e indipendente da terzi, tra le sedi del Comune di Seravezza permette da un lato un risparmio economico e dall altro il miglioramento della connessione in termini di velocità di affidabilità, oltre che di nuovi uffici raggiunti dal servizio. Velocità e tempi di risposta La velocità che si otterrebbe dalla nuova connessione, dipendente sia dalla tecnologia scelta che dai vari prodotti proposti, è da 10 a 50 volte maggiore di quella attuale e soprattutto è garantita. Telefonia VOIP Una struttura di rete di questo tipo permette di collegare gli impianti telefonici delle sedi con tecnologia VOIP realizzando ingenti risparmi e una notevole semplificazione grazie ad un'unica numerazione interna di tutti gli uffici dell Ente. Per il futuro sono da raggiungere i seguenti obiettivi: Connettività a banda larga per i territori della Montagna Telefonia VOIP Riduzione della carta Razionalizzazione stampe Digitalizzazione archivi Sviluppo della Gestione associata Nuovi siti internet (risparmio e funzionalità) Interconnessione delle banche dati delle gestioni associate Video Sorveglianza Edificio Nuovi Gruppi di Continuità Fax Server 12

13 Affari Generali (Suap, Segreteria e Protocollo) Al Settore Affari Generali fanno capo i Servizi Segreteria, Protocollo e Sportello Unico Attività Produttive. L attività dei Servizi di Protocollo e Segreteria è prevalentemente di supporto agli Uffici ed all Amministrazione. Il Servizio Protocollo si è adeguato nei tempi recenti alle numerose innovazioni introdotte dalla normativa statale, e ad oggi opera in modo esclusivamente informatizzato, con attivazione della scansione ottica dei documenti, che dal momento della loro registrazione sono immediatamente a disposizione degli Uffici dell Ente. Dal mese di Gennaio 2008 Il Comune di Seravezza è in possesso di una casella di posta elettronica Certificata (PEC) di indirizzo e da Ottobre 2008 l Ufficio Protocollo la consulta quotidianamente. La PEC, come espressamente indicato nella DL 82 del 7 marzo 2005 e ribadito nella legge finanziaria 2008 (art2 comma 589) è destinata a sostituire in breve tempo la Raccomandata A.R. e gli enti pubblici che non si adegueranno al più presto vedranno tagliate le loro risorse economico destinate alla corrispondenza cartacea. Il risparmio per il Comune di Seravezza, se adeguatamente utilizzata, può superare i 6000 annui. Il Servizio Segreteria si occupa della sistemazione degli atti degli organi collegiali, del Sindaco e degli Uffici. Anche questo servizio è interamente informatizzato. Ciò consente la consultazione sul sito degli atti di Giunta e di Consiglio, visibili dalla data della loro pubblicazione all albo pretorio. Lo Sportello Unico Attività Produttive è stato istituito nel Comune di Seravezza da diversi anni, in esecuzione delle normativa statale, con lo scopo di semplificare e ottimizzare la gestione delle pratiche presentate dalle imprese, attraverso il coordinamento ed il controllo di tutti i procedimenti sia all interno dell amministrazione comunale che all esterno degli enti che risultano coinvolti nei procedimenti di cui al D.P.R. 447/98. L'attività dello Sportello è improntata alle seguenti finalità: sportello unico caratterizzato dall attività informativa e di consulenza alle imprese in merito al quadro normativo economico - territoriale; sportello unico quale promotore orientato alla promozione dell immagine del territorio con iniziative per attrarre investimenti a sostegno dell imprenditoria locale; sportello unico quale coordinatore nei processi di semplificazione amministrativa e nell'azione integrata dei diversi enti pubblici; sportello unico quale consulente al fine di sviluppare una funzione di assistenza tecnica alle imprese in tutte le fasi rilevanti dei procedimenti amministrativi più complessi e significativi. In assenza di regolamento dell attività del servizio, il nostro SUAP, che è essenzialmente struttura amministrativa, gestisce tutte le pratiche che riguardano non 13

14 solo l esercizio di attività produttive, ma anche quelle relative agli insediamenti produttivi nei quali ancora non si svolge attività. Pertanto cura, ovviamente in collaborazione con l Ufficio Edilizia Privata, anche pratiche meramente edilizie. Preliminare all'esercizio delle attività di competenza è lo studio e l'aggiornamento degli strumenti normativi comunali: regolamenti, ordinanze, provvedimenti in genere. Nell'elaborazione degli atti sottoposti all'approvazione degli organi comunali l'ufficio ha considerato, come direttive impartite, le linee di mandato. Nell'ambito delle altre attività produttive si sono realizzati i seguenti obiettivi: l'adozione di un regolamento per noleggio con conducente e di servizio taxi la gestione della procedura dei bandi relativi disciplina degli orari degli acconciatori ed estetisti l aggiornamento dell archivio delle attività produttive, mediante sistemazione dell archivio cartaceo e predisposizione di una banca dati informatica contenente i dati essenziali delle n. 546 ditte censite (ragione sociale, unità locale, attività esercitata, indirizzo, codice fiscale). Industria e artigianato Davanti ad una crisi internazionale, della portata di quella che stiamo vivendo, stiamo cercando di dare il nostro contributo nel dar seguito a quel programma di lungo corso che, a suo tempo, è stato apertamente dichiarato in occasione dell adozione dello strumento urbanistico dell area industriale-artigianale Ciocche-Puntone. Un programma che per i suoi contenuti rivolti alla capacità di partecipare alle nuove dinamiche dei mercati, proprio oggi, può rappresentare una risposta alle difficoltà del momento, nell impostazione dell economia locale su presupposti quali: il risanamento delle aree produttive presenti sul nostro territorio; la riqualificazione e l innovazione dell apparato produttivo, in armonia con l ambiente, a garanzia della sicurezza sui luoghi di lavoro e a recupero di manifeste diseconomie presenti in diverse, troppe, delle strutture azienda presenti nel nostro comune; la diversificazione industriale, in particolare attività moderne di più alto contenuto innovativo e con saggi di crescita più elevati; lo sviluppo di servizi che non siano solo quelli finalizzati ai bisogni fondamentali della popolazione; la valorizzazione delle risorse naturali locali; la valorizzazione delle risorse umane e la formazione di nuovi tecnici e nuove figure professionali. Su questi temi l Amministrazione ha partecipato e continua a partecipare ai tavoli di concertazione del Piano Locale di Sviluppo della Provincia di Lucca, dando il proprio contributo alla definizione delle strategie da mettere in atto per le azioni future; mentre alcune delle suddette problematiche hanno trovato una prima risposta importante nel Regolamento Urbanistico del nuovo Piano Strutturale, adottato di recente dal Consiglio Comunale. Come è noto, inoltre, proprio nell ambito del Piano di Sviluppo Locale l Amministrazione ha mandato a finanziamento, per circa di euro, opere per l infrastrutturazione della zona industriale Ciocche-Puntone che hanno travato positivo riscontro con gli strumenti di sostegno, in materia, previsti dai recenti accordi CIPE Stato Regione. 14

15 Nonostante le pesanti difficoltà attuali, si deve continuare a ritenere che vi sia ancora spazio per un ruolo di primo piano del nostro settore del marmo e il suo indotto. Con questa consapevolezza sta continuando l impegno dell Amministrazione Comunale nel Distretto Lapideo Apuo-Versiliese, al fine dello sviluppo di politiche integrate sul piano organizzativo e produttivo capaci di dare maggior sviluppo alle imprese ed al territorio, attraverso la valorizzazione massima del materiale e l orientamento a recuperare la filiera, attivando e favorendo progetti consortili idonei, in special modo, a promuovere il prodotto, ad individuare nuovi mercati, a dare impulso ad una ricerca che sia anche ricerca di nuovi prodotti. La gestione del settore cave, in particolare, nel periodo di riferimento è stata orientata dalle direttive dell'amministrazione: volte al superamento della logica dell asportazione selvaggia degli inerti dalle cave ed al sostegno alle attività inserite nella logica della filiera produttiva del marmo e del recupero e riuso delle cave di inerti ad altre e meno invasive attività imprenditoriali. Si è operato anche per la modifica degli indirizzi del PRAE e del PRAER. In particolare, nel periodo di riferimento, la gestione del settore cave è stata orientata dalle direttive dell'amministrazione volte al superamento della logica dell asportazione selvaggia degli inerti dalle cave ed al sostegno alle attività inserite nella logica della filiera produttiva del marmo e del recupero e riuso delle cave di inerti, ad altre e meno invasive attività imprenditoriali. Si è operato anche per la modifica degli indirizzi del PRAE e del PRAER. Si sono recentemente ricomposte le vicende amministrative legate alla gestione della cava Cappella gestita dalla IMP CAPPELLA SRL. L'Amministrazione, nell'intento di far cessare l'attività di produzione di materiale lapideo per uso industriale, ha chiesto l'esclusione negli strumenti di pianificazione regionale della cava Cappella dalle aree estrattive; coerentemente, ha consentito il rinnovo dell'autorizzazione estrattiva solo fino al Tra la società titolare ed il Comune è sorto un importante contenzioso tendente a ottenere che l'attività estrattiva potesse proseguire almeno fino al L'Ente ha insistito per la cessazione dell'attività ed ha previsto una diversa destinazione urbanistica dell'area. In tale logica è stato possibile addivenire ad un accordo che prevede la ripresa dell'attività fino a tutto il 2009, con la finalità di mettere in sicurezza l'area stessa e nel contempo realizzare gli interventi necessari a predisporla per la futura destinazione. La società ha, così, rinunciato a tutto il contenzioso e si è impegnata a presentare un progetto di riqualificazione dell'area. Oltre a ciò l'ufficio ha rilasciato le autorizzazioni di: attività estrattiva cava Burrone - Monte Costa Costa Medicea recupero ravaneto cava Vestito - Henraux attività estrattiva cava Cervaiole - variante - Henraux ripristino sorgente La Polla - Henraux attività estrattiva cava Buca - variante- Henraux attività estrattiva cava Cappella - rinnovo fino al IMP asportazione materiale giacente sul sito di cava Cappella IMP 15

16 L'Ufficio ha effettuato i prescritti controlli sui versamenti del contributo attività estrattive procedendo alle richieste di pagamento del maggiore contributo dovuto e non versato ed alla irrogazione delle sanzioni previste. Il Servizio Sportello Unico Attività Produttive utilizza la tecnologia informatica per la gestione delle pratiche di sua competenza. Aggiorna costantemente il sito comunale, per la parte di sua competenza, ed ha messo in rete la modulistica. A seguito dell adesione del Comune di Seravezza al progetto C3 (Aida) appartenente al Catalogo del Riuso della Regione Toscana, l amministrazione avrà tra pochi mesi a disposizione un potente software per gestire le Pratiche dello Sportello Unico delle Attività Produttive. Tale software avrà un costo molto contenuto perché realizzato su tecnologia Open source e perché nato dalla collaborazione di numerosi enti appartenenti a RTRT. Il costo sarà coperto in parte da un finanziamento regionale già erogato ed in parte con risorse proprie, già impegnate. Il Servizio Sportello Unico, in collaborazione con il Servizio Informatico, sta seguendo tale progetto dal Mese di Maggio 2006 partecipando a numerose riunioni e scambi di e- mail. La piattaforma sarà gestita in ambito provinciale con il coordinamento e l aggiornamento della parte informatica del Comune di Lucca. Il personale dell Ufficio seguirà i corsi di formazione predisposti dal partner informatico prescelto. Quando il sistema sarà definitivamente operativo, sarà possibile per gli utenti, che al momento possono scaricare la modulistica e la normativa occorrente, anche compilare e inoltrare gli stampati on-line e consultare lo stato dell istruttoria delle loro pratiche. Commercio Negli anni trascorsi l'ufficio è stato impegnato nell aggiornamento degli strumenti di programmazione in vigore, in particolare nell esecuzione degli adempimenti conseguenti all approvazione del Codice Regionale del Commercio. La L.R. 28/2005 ha profondamente innovato la disciplina di alcuni settori del commercio, prevedendo l abrogazione di 5 leggi e relativi regolamenti di esecuzione e riscrivendone la normativa. In particolare ha curato: la parte amministrativa del piano e del regolamento per il commercio su aree pubbliche e tutti i provvedimenti conseguenti all approvazione degli stessi i criteri provvisori per il rilascio di autorizzazioni di somministrazione di alimenti e bevande, approvati da parte del Consiglio Comunale e la predisposizione dei bandi per l assegnazione dei parametri numerici. la verifica degli strumenti di programmazione comunale alla luce delle innovazioni contenute nel decreto Bersani- Visco le autorizzazioni posteggi provvisori la gestione posteggi fuori mercato la regolamentazione della consumazione sul posto negli esercizi di vicinato l'adozione criteri qualitativi per l attività di somministrazione di alimenti e bevande 16

17 la gestione Regolamento Regionale 40R/2006 e relativa circolare per applicazione Reg. 852 e 853/2004 (procedura di inizio di attività in sostituzione dell'autorizzazione tributaria) l'adozione pianificazione giornali e riviste. La gestione bandi concessioni decennali mercati; l'autorizzazione delle fiere promozionali non comprese nel piano l'adeguamento degli atti e dei regolamenti comunali ai decreti sulla liberalizzazione la nuova disciplina degli orari degli esercizi di somministrazione l'approvazione della regolamentazione amministrativa in materia di commercio in sede fissa l'adozione dei criteri urbanistici in materia commerciale, da recepire nel regolamento urbanistico Dal 21 aprile 2009 è in vigore nella Regione Toscana il regolamento n. 15/R di esecuzione del Codice del Commercio, con conseguente piena operatività di tutte le norme del Codice stesso. I comuni dovranno adeguare i propri strumenti di programmazione e pianificazione alle nuove disposizioni entro 180 giorni dall entrata in vigore, esclusivamente previa concertazione con le Associazioni indicate dalla legge e dal regolamento e con le procedure da quest ultimo previste. L attività dell ufficio sarà dunque rivolta principalmente indirizzata a modificare piani e regolamenti. Grazie alla proficua collaborazione con il CAT Confesercenti Toscana, nel 2006 è stato istituito il Centro Commerciale Naturale si Seravezza e nel 2008 abbiamo formalizzato alla Regione Toscana l istituzione del Centro Commerciale Naturale del centro di Querceta. Quest ultimo, pur con le difficoltà del caso, inizia ora inserirsi nel tessuto sociale ed economico della cittadina, che costituisce, ormai, il vero e proprio motore economico del comune. Intanto si è concluso, di concerto con Confesercenti Viareggio, un progetto di valorizzazione e animazione del Centro Commerciale Naturale di Seravezza che ha dato risultati apprezzabili. D altro canto, va rilevato che la persistente debolezza del tessuto commerciale del capoluogo necessiti di interventi di forte consistenza, individuabili anche nell ambito delle infrastrutturazioni; ed è in questo senso che l Ufficio si è adoperato nella gestione dei bandi regionali per finanziamenti ad infrastrutture dei centri commerciali naturali, cogliendo un risultato di portata storica con le risorse, in arrivo entro fine 2008, che consentiranno importanti lavori di riqualificazione della centrale Piazza Carducci di Seravezza. Nel settore della promozione e del Turismo l'ufficio si è occupato di: gestione attività di somministrazione in agriturismo in aree svantaggiate, conseguente all individuazione delle aree ai sensi dell art. 26 della L.R. 30/2003 gestione dei bandi regionali per finanziamenti infrastrutture e centri commerciali naturali autorizzazione delle manifestazioni promosse dalle Pro Loco, dal Centro Commerciale Naturale, dalle Contrade 17

18 Adozione del regolamento comunale per la disciplina delle manifestazioni all aperto Autorizzazione all'agibilità, prima temporanea per un anno ed infine definitiva, della piscina comunale Autorizzazione all agibilità parziale dello stadio Buon Riposo L Ufficio Turismo, d altra parte, ha impresso all attività di promozione un impulso nuovo nella concreta convinzione che le notevoli potenzialità del territorio di Seravezza siano ancora da conoscere e valorizzare. Nel contempo l organizzazione di interessanti eventi rappresenta un polo di attrazione per il settore commerciale, per le categorie economiche interessate e coinvolte nello sviluppo sociale ed economico del nostro Comune, La promozione del territorio ha puntato al potenziamento e alla valorizzazione di feste, fiere e mercati, mostre di prodotti tipici e tradizionali, manifestazioni folcloristiche che si tengono durante l anno. La prima fiera importante dell anno è quella patronale di San Giuseppe a Querceta, che viene organizzata in collaborazione con l Unione dei Comuni Alta Versilia, la Pro Loco di Querceta, l Associazione Versilia Cavalli ed i commercianti della zona. Mercato di merci varie e prodotti tipici con particolare attenzione a quelli della Versilia, esposizione di macchine e di attrezzature agricole, gare ed esibizioni equine. In appendice spettacoli, mostre e menù di San Giuseppe. Una analoga, forte, azione di valorizzazione è stata messa in atto, in collaborazione con la Pro Loco di Seravezza, anche per la fiera del patrono del Capoluogo San Lorenzo. Il terzo fine settimana di aprile, nella cornice di Palazzo Mediceo, si tiene la kermesse di Enolia, manifestazione ormai al top nel suo genere. Legare l arte all olio è stata una scommessa vincente. Delle ultime edizioni si è scritto e detto diffusamente a tutti i livelli, attraverso i mezzi di comunicazione, per i prodotti esposti, degni rappresentanti dell Italia olivicola e delle produzioni locali, ma anche per le iniziative collaterali presenti presso gli spazi dell Area Medicea e nel centro del capoluogo. Questo Assessorato ha inoltre stabilito un proficuo rapporto di collaborazione con l APT Versilia per la partecipazione ad iniziative di promozione di alto livello: da segnalare la nostra recente partecipazione al Children s Tour di Modena e, per gli ultimi due anni consecutivi, alla BIT di Milano, la cui prima presenza ha permesso di presentare quella che per l Amministrazione è l idea-progetto per eccellenza in termini di valorizzazione del territorio, un idea che ha la capacità di coniugare cultura e tradizione del lavoro con le bellezze dei nostri paesaggi: il recupero, lo sviluppo e la rivalutazione degli itinerari michelangioleschi del marmo. Una proposta, quest ultima, che può rappresentare un importante piano di lavoro per il futuro, ma che delinea anche il presente, considerato l aumento di richieste che già ha provocato circa la possibilità di effettuare visite alle nostre cave, considerato il conseguente impegno, in tal senso, che già si sono assunti alcuni dagli operatori turistici locali. Inoltre, l intelligente sinergia con APT Versilia ha pure consentito: di promuovere al meglio il Palio dei Micci di Querceta e di puntare i riflettori della Televisione Italiana sulla tradizionale Festa della Castagna di Azzano. 18

19 Dal 2001 al 2008 l Ufficio di informazioni turistiche è cresciuto, l apertura è definitivamente annuale. Il servizio ha svolto un lavoro egregio per la promozione delle iniziative turistiche e per l accoglienza dei visitatori che sono aumentati nel tempo. Il servizio è garantito da una cooperazione tra il nostro Comune, l Unione dei Comuni Alta Versilia, il Parco delle Apuane ed il Comune di Stazzema ed ha trovato il significativo sostegno dell APT Versilia. Non ultimo, l impegno dell assessorato per fornire utili indicazioni nella prossima fase di approvazione del Regolamento Urbanistico, sì che tale strumento possa, in futuro, configurarsi come reale volano di sviluppo del settore. Dal 15 aprile 2009, a seguito dell adesione del Comune di Seravezza all Unione di Comuni, il Suap viene gestito in forma associata ed opera presso l Unione con sedi nei Municipi di Seravezza, Stazzema e Camaiore. 19

20 Settore C u l t u r a Il triennio di mandato trascorso si sta affermando come periodo del concretizzarsi, con l avvio e l esecuzione dei lavori, di uno degli obiettivi più importanti per l Amministrazione comunale: il recupero dell Area Medicea. Dalla primavera del 2009, Seravezza ha l importante opportunità di utilizzare le Scuderie Granducali con le sue sale polifunzionali, che possono andare dal concerto allo spettacolo, dal convegno alla mostra d arte, dalla fiera del prodotto tipico alla fiera del libro. Ma, evidentemente, intervento ancor più importante è lo spostamento del campo sportivo de I Platani, per il quale è stato ottenuto cospicuo finanziamento sulla misura Docup-cultura della Regione Toscana, che consentirà il completo realizzarsi dell Area Medicea stessa come polo culturale di rilevante importanza in Versilia: con il complesso di Palazzo Mediceo e la Cappella Medicea, anch essi interessati da significativi interventi di restauro e miglioramento. Per ciò che concerne l attività espositiva e convegnistica di Palazzo Mediceo e sue pertinenze, la proposta ormai annoverano, di consueto, il patrocinio e del sostegno del Ministero per i Beni Culturali e Ambientali, della Regione Toscana, della Provincia di Lucca, della Fondazione Cassa di Risparmio di Lucca, della Banca della Lunigiana e della Versilia - Credito Cooperativo. I palinsesti programmati sono stati realizzati, così come preventivato, sulla estensione di un offerta annua continua; le iniziative hanno portato presso le nostre sedi una media ragguardevole di visitatori, oscillante tra i e i l anno. E da segnalare, in particolare: il successo di critica assurto alla rassegna Seravezza Fotografia, ormai una delle maggiori in Italia, con la proposta di artisti di elevatissima qualità internazionale; il successo di pubblico delle esposizioni estive, L oro delle Apuane e Terre d Arno, che hanno caratterizzato Palazzo Mediceo anche come sede di mostre volte a proporre le qualità estetiche, la storia e le tradizioni del territorio, in forza di profili di elevato valore storico-artistico che ne hanno sorretto i rispettivi progetti. Nell ambito dello spettacolo, da ricordare, senz altro: i concerti estivi dedicati alla musica classica, che hanno fatto registrare, nella piazza del capoluogo, la presenza di circa 1000 spettatori; gli eventi di Cava Barghetti, scenario singolare per la sua peculiarità, con rappresentazioni teatrali che hanno offerto anche l esibizione di attori quali Paolo Rossi, Carlo Monni, Paolo Migone. L Ufficio cultura si è inoltre occupato, con competenza, e in collaborazione sempre più stretta e proficua con l ANPI Versilia e la Direzione Didattica del nostro Istituto Comprensivo, delle ricorrenze istituzionali, nel proposito di valorizzare l importante patrimonio morale, etico e culturale che tali ricorrenze rivestono, nell intento di sostenere e favorire lo scambio e il confronto di idee ed opinioni, a tutela del senso più autentico della democrazia: in gennaio, con l organizzazione de La Giornata della Memoria, in febbraio con l organizzazione de Il Giorno del Ricordo, dedicato alla pagina nera delle foibe, in aprile, con le annuali celebrazioni dell anniversario della Liberazione, in giugno, con le iniziative rivolte alla Festa della Repubblica e alla memoria del partigiano Amos Paoli, per finire con la ricorrenza del IV novembre. E da ricordare, in proposito, l iniziativa realizzata in occasione della Festa della Repubblica 2008, culminata con 20

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ PREMESSA Le recenti e numerose modifiche normative nell ambito del vasto progetto di riforma della Pubblica Amministrazione impongono agli Enti Locali

Dettagli

PROGRAMMA triennale per la trasparenza e l integrita

PROGRAMMA triennale per la trasparenza e l integrita istituto d'istruzione superiore liceo classico e scientifico v. julia ACRI (CS) PROGRAMMA triennale per la trasparenza e l integrita Anni 2014-2016 Deliberato dal Consiglio d Istituto in data 04/06/2014

Dettagli

PROGRAMMA triennale per la trasparenza e l integrita

PROGRAMMA triennale per la trasparenza e l integrita ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE SCUOLA DELL INFANZIA, PRIMARIA E SECONDARIA DI I GRADO VIA AMENDOLA, 18 TEL E FAX 0985/81036 CSIC836001@istruzione.it Sito web : www.icdiamantebuonvicino.gov.it 87023 DIAMANTE

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA Triennio 2013 2015 1 Indice Articolo 1. Articolo 2. Articolo 3. Articolo 4. Articolo 5. Articolo 6. Articolo 7. Oggetto e Finalità Organizzazione e

Dettagli

CONSULTA D AMBITO DELL ATO OCCIDENTALE

CONSULTA D AMBITO DELL ATO OCCIDENTALE CONSULTA D AMBITO DELL ATO OCCIDENTALE PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ ANNI 2015 2016 2017 1 allegato a) deliberazione del Consiglio di Amministrazione. n. /2015 PROGRAMMA TRIENNALE

Dettagli

All.A) alla deliberazione della Giunta Esecutiva nr. 134 del 12/12/2011

All.A) alla deliberazione della Giunta Esecutiva nr. 134 del 12/12/2011 All.A) alla deliberazione della Giunta Esecutiva nr. 134 del 12/12/2011 Programma triennale per la legalità e la trasparenza (2011-2013) (redatto ai sensi dell art. 11, comma 2, D. lgs. n. 150/2009 sulla

Dettagli

COMUNE DI ROCCAVIONE Provincia di Cuneo

COMUNE DI ROCCAVIONE Provincia di Cuneo COMUNE DI ROCCAVIONE Provincia di Cuneo PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA TRIENNIO 2012/2014 Premessa Le recenti e numerose modifiche previste nell ambito del vasto progetto di riforma

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E INTEGRITÀ ANNI 2012-13-14

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E INTEGRITÀ ANNI 2012-13-14 PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E INTEGRITÀ ANNI 2012-13-14 Le modifiche normative intervenute, nell ambito dell ampio programma di riforma della Pubblica Amministrazione, impongono agli Enti Locali

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA ANNI 2013-2014-2015

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA ANNI 2013-2014-2015 Via Guido Rossa, 1 40033 Casalecchio di Reno (BO) Tel 051.598364 PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA ANNI 2013-2014-2015 Approvato con determinazione Amministratore Unico n. 20 del 20/12/2013

Dettagli

COMUNE DI CASTELLAR (Provincia di Cuneo) PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA TRIENNIO 2014/2016.

COMUNE DI CASTELLAR (Provincia di Cuneo) PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA TRIENNIO 2014/2016. COMUNE DI CASTELLAR (Provincia di Cuneo) PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA TRIENNIO 2014/2016. Indice: Premessa 1. FONTI NORMATIVE 2. STRUMENTI 3. DATI DA PUBBLICARE 4. INIZIATIVE DI

Dettagli

ACCORDO VOLONTARIO DI AREA PER FAVORIRE LO SVILUPPO DEL DISTRETTO FAMIGLIA NELLA COMUNITA' ROTALIANA KÖNIGSBERG

ACCORDO VOLONTARIO DI AREA PER FAVORIRE LO SVILUPPO DEL DISTRETTO FAMIGLIA NELLA COMUNITA' ROTALIANA KÖNIGSBERG ACCORDO VOLONTARIO DI AREA PER FAVORIRE LO SVILUPPO DEL DISTRETTO FAMIGLIA NELLA ROTALIANA KÖNIGSBERG TRA LA PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO, LA COMUNITA ROTALIANA KÖNIGSBERG, IL COMUNE DI LAVIS, IL COMUNE

Dettagli

NUOVO QUADRO PROGRAMMATICO STATO REGIONI E PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO PER L EDUCAZIONE ALL AMBIENTE E ALLA SOSTENIBILITA

NUOVO QUADRO PROGRAMMATICO STATO REGIONI E PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO PER L EDUCAZIONE ALL AMBIENTE E ALLA SOSTENIBILITA NUOVO QUADRO PROGRAMMATICO STATO REGIONI E PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO PER L EDUCAZIONE ALL AMBIENTE E ALLA SOSTENIBILITA Premessa Nel marzo 2007 è stato approvato dalla Conferenza Stato-Regioni

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE PER IL FUNZIONAMENTO DELL UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO DEL COMUNE DELLA SPEZIA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE PER IL FUNZIONAMENTO DELL UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO DEL COMUNE DELLA SPEZIA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE PER IL FUNZIONAMENTO DELL UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO DEL COMUNE DELLA SPEZIA Deliberato dalla Giunta Comunale con atto n. 177 del 11.05.2001 Modificato ed integrato

Dettagli

E N T E P R O V I N C I A L E P E R I L T U R I S M O B E N E V E N T O D E L I B E R A Z I O N E C O M M I S S A R I O S T R A O R D I N A R I O

E N T E P R O V I N C I A L E P E R I L T U R I S M O B E N E V E N T O D E L I B E R A Z I O N E C O M M I S S A R I O S T R A O R D I N A R I O E N T E P R O V I N C I A L E P E R I L T U R I S M O B E N E V E N T O D E L I B E R A Z I O N E C O M M I S S A R I O S T R A O R D I N A R I O N. 15 DEL REG. DATA: 09/07/2013 OGGETTO: Decreto Lgs.vo

Dettagli

COLOGNO MONZESE INDICE ART. 1 DEFINIZIONE E PRINCIPI GENERALI ART. 2 FINALITA E FUNZIONI DELL UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO

COLOGNO MONZESE INDICE ART. 1 DEFINIZIONE E PRINCIPI GENERALI ART. 2 FINALITA E FUNZIONI DELL UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO CRITERI PER L ORGANIZZAZIONE E IL FUNZIONAMENTO DELL UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO U.R.P. (art. 8 c. 2 della Legge n. 150/2000) Disciplina delle attività di informazione e di comunicazione delle pubbliche

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ Premessa PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ Le recenti e numerose modifiche previste nell ambito del vasto progetto di riforma della P.A. impongono agli Enti Locali il controllo e la

Dettagli

COMUNE DI BUDRIO PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E INTEGRITA (in attuazione del D. Leg.vo 33/2013)

COMUNE DI BUDRIO PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E INTEGRITA (in attuazione del D. Leg.vo 33/2013) All.B) COMUNE DI BUDRIO PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E INTEGRITA (in attuazione del D. Leg.vo 33/2013) PREMESSA Con la redazione dell aggiornamento del Programma Triennale per la trasparenza

Dettagli

ACCORDO VOLONTARIO DI AREA PER FAVORIRE LO SVILUPPO DEL DISTRETTO FAMIGLIA NELLA VALLE DEI LAGHI

ACCORDO VOLONTARIO DI AREA PER FAVORIRE LO SVILUPPO DEL DISTRETTO FAMIGLIA NELLA VALLE DEI LAGHI ACCORDO VOLONTARIO DI AREA PER FAVORIRE LO SVILUPPO DEL DISTRETTO FAMIGLIA NELLA VALLE DEI LAGHI TRA PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO, LA COMUNITA DELLA VALLE DEI LAGHI, IL COMUNE DI VEZZANO, IL COMUNE DI

Dettagli

Ministero per i Beni e le Attività Culturali DIREZIONE GENERALE PER GLI AFFARI GENERALI, IL BILANCIO, LE RISORSE UMANE E LA FORMAZIONE

Ministero per i Beni e le Attività Culturali DIREZIONE GENERALE PER GLI AFFARI GENERALI, IL BILANCIO, LE RISORSE UMANE E LA FORMAZIONE IL DIRETTORE GENERALE VISTO il decreto legislativo 20 ottobre 1998, n. 368, e successive modificazioni; VISTO il decreto legislativo 8 gennaio 2004, n. 3; VISTO il decreto legislativo 22 gennaio 2004,

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA ASSOCIAZIONE INTERCOMUNALE ALTA VAL TAGLIAMENTO (Comuni di: Ampezzo, Forni di Sopra, Forni di Sotto, Preone, Sauris, Socchieve) PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA PROGRAMMA TRIENNALE

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E INTEGRITA 2015-2017

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E INTEGRITA 2015-2017 (allegato Delibera Giunta n. 4 del 02.02.2015) PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E INTEGRITA 2015-2017 (in attuazione del D. Leg.vo 33/2013) PREMESSA Con la redazione del Programma Triennale per la

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA PER LA REALIZZAZIONE DEL PROGETTO MICROKYOTO - IMPRESE

PROTOCOLLO DI INTESA PER LA REALIZZAZIONE DEL PROGETTO MICROKYOTO - IMPRESE Allegato A alla delibera di Giunta n del. PROTOCOLLO DI INTESA PER LA REALIZZAZIONE DEL PROGETTO MICROKYOTO - IMPRESE PREMESSO CHE: Il 10 dicembre 1997, nell ambito della Convenzione Quadro sui Cambiamenti

Dettagli

SCHEMA DI CONVENZIONE PER LA GESTIONE ASSOCIATA DELLO SPORTELLO UNICO PER LE ATTIVITA PRODUTTIVE

SCHEMA DI CONVENZIONE PER LA GESTIONE ASSOCIATA DELLO SPORTELLO UNICO PER LE ATTIVITA PRODUTTIVE SCHEMA DI CONVENZIONE PER LA GESTIONE ASSOCIATA DELLO SPORTELLO UNICO PER LE ATTIVITA PRODUTTIVE. Con atto approvato dal Commissario Straordinario del Comune di Roma n.. del.. e dalla Deliberazione Consiliare

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA COMUNE DI VERTOVA Provincia di Bergamo Via Roma, 12 - Tel. Uffici Amm.vi 035 711562 Ufficio Tecnico 035 712528 Fax 035 720496 P. IVA 00238520167 PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2012

Dettagli

Programma triennale per l trasparenza e l integrità Istituto Comprensivo di S. Vito al T.

Programma triennale per l trasparenza e l integrità Istituto Comprensivo di S. Vito al T. 2014-16 Programma triennale per l trasparenza e l integrità Istituto Comprensivo di S. Vito al T. la trasparenza nei confronti dei cittadini e dell intera collettività, poiché rappresenta uno strumento

Dettagli

PROVINCIA DI LECCE PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ 2010-2012

PROVINCIA DI LECCE PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ 2010-2012 PROVINCIA DI LECCE SERVIZIO INFORMAZIONE E COMUNICAZIONE PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ 2010-2012 INDICE 1. PREMESSA 2. STRUMENTI 3. INDIVIDUAZIONE DATI DA PUBBLICARE 4. INDIVIDUAZIONE

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA TRA DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA E CONFINDUSTRIA

PROTOCOLLO D INTESA TRA DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA E CONFINDUSTRIA PROTOCOLLO D INTESA TRA DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA E CONFINDUSTRIA Premesso che il programma di Governo ha previsto una legislatura caratterizzata da profonde riforme istituzionali; che tale

Dettagli

REGOLAMENTO SULLE ATTIVITA DI COMUNICAZIONE DEL COMUNE DI BORGO A MOZZANO

REGOLAMENTO SULLE ATTIVITA DI COMUNICAZIONE DEL COMUNE DI BORGO A MOZZANO REGOLAMENTO SULLE ATTIVITA DI COMUNICAZIONE DEL COMUNE DI BORGO A MOZZANO (Approvato con Delibera del C.C. n. 80 del 30/11/2005) 1 REGOLAMENTO SULLE ATTIVITA DI COMUNICAZIONE... 1 DEL COMUNE DI BORGO A

Dettagli

Regolamento di organizzazione e funzionamento del MUSEO ETNOGRAFICO COMUNALE DI SCHILPARIO

Regolamento di organizzazione e funzionamento del MUSEO ETNOGRAFICO COMUNALE DI SCHILPARIO Regolamento di organizzazione e funzionamento del MUSEO ETNOGRAFICO COMUNALE DI SCHILPARIO Premessa Il MUSEO ETNOGRAFICO COMUNALE di Schilpario successivamente indicato solamente come MUSEO ETNOGRAFICO

Dettagli

PROVINCIA DI NOVARA VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL COMMISSARIO STRAORDINARIO IL COMMISSARIO STRAORDINARIO

PROVINCIA DI NOVARA VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL COMMISSARIO STRAORDINARIO IL COMMISSARIO STRAORDINARIO copia Deliberazione N. 079 C I T T À DI T R E C A T E PROVINCIA DI NOVARA VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL COMMISSARIO STRAORDINARIO OGGETTO: PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L'INTEGRITA' DEL COMUNE

Dettagli

Provincia di Ravenna

Provincia di Ravenna Allegato A) Provincia di Ravenna PIANO TRIENNALE 2013-2015 DI RAZIONALIZZAZIONE E RIQUALIFICAZIONE DELLA SPESA, RIORDINO E RISTRUTTURAZIONE AMMINISTRATIVA, DI SEMPLIFICAZIONE E DIGITALIZZAZIONE, DI RIDUZIONE

Dettagli

REGOLAMENTO SULLE ATTIVITA DI COMUNICAZIONE E DI INFORMAZIONE DEL COMUNE DI ANCONA. ART 1 Principi generali: oggetto e finalità

REGOLAMENTO SULLE ATTIVITA DI COMUNICAZIONE E DI INFORMAZIONE DEL COMUNE DI ANCONA. ART 1 Principi generali: oggetto e finalità REGOLAMENTO SULLE ATTIVITA DI COMUNICAZIONE E DI INFORMAZIONE DEL COMUNE DI ANCONA ART 1 Principi generali: oggetto e finalità Il Comune di Ancona, con il presente regolamento, disciplina le attività d

Dettagli

Relazione di accompagnamento allo Studio di Fattibilità Tecnica per la Continuità Operativa ed il Disaster Recovery

Relazione di accompagnamento allo Studio di Fattibilità Tecnica per la Continuità Operativa ed il Disaster Recovery COMUNE DI PALOMONTE Provincia di Salerno Relazione di accompagnamento allo Studio di Fattibilità Tecnica per la Continuità Operativa ed il Disaster Recovery ai sensi della Circolare n.58 di DigitPA del

Dettagli

SISTEMA BIBLIOSAN REGOLAMENTO ORGANIZZATIVO

SISTEMA BIBLIOSAN REGOLAMENTO ORGANIZZATIVO SISTEMA BIBLIOSAN REGOLAMENTO ORGANIZZATIVO Premessa Il Sistema Bibliosan promosso dal Ministero della Salute si avvale della rete delle biblioteche degli Enti di ricerca biomedici italiani. A Bibliosan

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA CONFERENZA CITTADINA DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE AUTONOME STATALI E PARITARIE DELL INFANZIA E DEL PRIMO CICLO DI ISTRUZIONE

REGOLAMENTO DELLA CONFERENZA CITTADINA DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE AUTONOME STATALI E PARITARIE DELL INFANZIA E DEL PRIMO CICLO DI ISTRUZIONE REGOLAMENTO DELLA CONFERENZA CITTADINA DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE AUTONOME STATALI E PARITARIE DELL INFANZIA E DEL PRIMO CICLO DI ISTRUZIONE TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI Articolo 1 Finalità 1.1 Il

Dettagli

PIANO DI INFORMATIZZAZIONE

PIANO DI INFORMATIZZAZIONE Comune di Rocca San Giovanni PIANO DI INFORMATIZZAZIONE delle procedure per la presentazione e compilazione on-line da parte di cittadini ed imprese delle istanze, dichiarazioni e segnalazioni al comune

Dettagli

AGENZIA PER LE EROGAZIONI IN AGRICOLTURA PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2011-2013

AGENZIA PER LE EROGAZIONI IN AGRICOLTURA PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2011-2013 AGENZIA PER LE EROGAZIONI IN AGRICOLTURA PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2011-2013 (Articolo 11 del decreto legislativo n. 150/2009) INDICE 1. Introduzione pag. 3 2. Selezione dei

Dettagli

Programma triennale per la trasparenza e l integrità

Programma triennale per la trasparenza e l integrità Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Istituto Comprensivo Statale G. Falcone e P. Borsellino Via G. Giolitti, 11 20022 Castano Primo (MI) Tel. 0331 880344 fax 0331 877311 C.M. MIIC837002

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA COSTITUZIONE DELL ALBO DELLE ASSOCIAZIONI E DEL VOLONTARIATO

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA COSTITUZIONE DELL ALBO DELLE ASSOCIAZIONI E DEL VOLONTARIATO REGOLAMENTO COMUNALE PER LA COSTITUZIONE DELL ALBO DELLE ASSOCIAZIONI E DEL VOLONTARIATO Approvato con deliberazione del C.C. n dei 00.00.201 CAPO I VALORIZZAZIONE DELLE FORME ASSOCIATIVE Art. 1 Principi

Dettagli

COMUNE DI GANDOSSO PROGRAMMA TRIENNALE TRASPARENZA E INTEGRITA'

COMUNE DI GANDOSSO PROGRAMMA TRIENNALE TRASPARENZA E INTEGRITA' COMUNE DI GANDOSSO PROGRAMMA TRIENNALE TRASPARENZA E INTEGRITA' 2014 2016 PRESENTAZIONE DEL PROGRAMMA Con il presente documento ci si propone di fornire una visione organica dei compiti istituzionali e

Dettagli

A V V I S O. Idee progettuali e manifestazioni di interesse per il Piano Integrato di Sviluppo Urbano Sostenibile (PISUS) del Comune di SPILIMBERGO

A V V I S O. Idee progettuali e manifestazioni di interesse per il Piano Integrato di Sviluppo Urbano Sostenibile (PISUS) del Comune di SPILIMBERGO A V V I S O Idee progettuali e manifestazioni di interesse per il Piano Integrato di Sviluppo Urbano Sostenibile (PISUS) del Comune di SPILIMBERGO Invito a contribuire alla formulazione del PISUS del Comune

Dettagli

GESTIONE DI PROGETTO E ORGANIZZAZIONE DI IMPRESA

GESTIONE DI PROGETTO E ORGANIZZAZIONE DI IMPRESA GESTIONE DI PROGETTO E ORGANIZZAZIONE DI IMPRESA Il project management nella scuola superiore di Antonio e Martina Dell Anna 2 PARTE VII APPENDICE I CASI DI STUDIO Servizi pubblici territoriali online

Dettagli

PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ Anni 2013 2015

PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ Anni 2013 2015 PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ Anni 2013 2015 1 - Finalità del Piano L articolo 11, comma 1, del decreto legislativo n.150 del 2009 definisce la trasparenza come accessibilità totale, anche

Dettagli

IL LAVORO CON IL TERRITORIO PER LO SVILUPPO DEGLI INTERVENTI Adozioni nazionali e internazionali: il modello toscano

IL LAVORO CON IL TERRITORIO PER LO SVILUPPO DEGLI INTERVENTI Adozioni nazionali e internazionali: il modello toscano IL LAVORO CON IL TERRITORIO PER LO SVILUPPO DEGLI INTERVENTI Adozioni nazionali e internazionali: il modello toscano Paolina Pistacchi, Psicologa, Ricercatrice, Istituto degli Innocenti La Regione Toscana

Dettagli

REGOLAMENTO SULL ORGANIZZAZIONE DELL UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO DELLA PROVINCIA DI FORLI -CESENA. Ai sensi della legge 150/2000

REGOLAMENTO SULL ORGANIZZAZIONE DELL UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO DELLA PROVINCIA DI FORLI -CESENA. Ai sensi della legge 150/2000 REGOLAMENTO SULL ORGANIZZAZIONE DELL UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO DELLA PROVINCIA DI FORLI -CESENA Ai sensi della legge 150/2000 Art 1. Principi generali La Provincia di Forlì - Cesena, attraverso

Dettagli

7. I finanziamenti INAIL alle imprese e i modelli organizzativi e gestionali per il miglioramento della sicurezza nei luoghi di lavoro

7. I finanziamenti INAIL alle imprese e i modelli organizzativi e gestionali per il miglioramento della sicurezza nei luoghi di lavoro Ingegneria ed Architettura, ha sviluppato un modulo didattico innovativo che ha previsto non solo lezioni frontali, ma un cospicuo numero di ore dedicato all attività di laboratorio ed all analisi di un

Dettagli

Regolamento per la concessione di contributi a enti e associazioni

Regolamento per la concessione di contributi a enti e associazioni Regolamento per la concessione di contributi a enti e associazioni approvato con atto consiliare n. 50 del 27/06/2002 REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI A ENTI E ASSOCIAZIONI Capo I - DISCIPLINA

Dettagli

Progetto di riuso unitario Comunas

Progetto di riuso unitario Comunas Progetto di riuso unitario Comunas La Regione Autonoma della Sardegna, con l occasione della pubblicazione dell Avviso per la realizzazione di progetti di riuso del CNIPA, si fa promotrice di un progetto

Dettagli

COMUNE DI MONTICHIARI Provincia di Brescia

COMUNE DI MONTICHIARI Provincia di Brescia COMUNE DI MONTICHIARI Provincia di Brescia Programma triennale per la trasparenza e l integrità (Decreto Legislativo n. 33 del 14 marzo 2013) Approvato con deliberazione di Giunta Comunale n. del PREMESSA

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2013-2015 (art. 10 del D.Lgs 14 marzo 2013 n. 33) Finalità del Piano Con il presente programma triennale per la trasparenza e l integrità, l ATC di

Dettagli

PROPOSTA ORGANIZZATIVA E INDICAZIONE DELLE COMPETENZE

PROPOSTA ORGANIZZATIVA E INDICAZIONE DELLE COMPETENZE Circolo 25 Aprile del Partito Democratico di Bareggio INDICE PROPOSTA ORGANIZZATIVA E INDICAZIONE DELLE COMPETENZE (approvato nella seduta del coordinamento del Giorno 14-11.2013) 1. Oggetto 2. Funzioni

Dettagli

CONSUNTIVO RESPONSABILE: DOTT. EMANUELE TONELLI

CONSUNTIVO RESPONSABILE: DOTT. EMANUELE TONELLI CONSUNTIVO RESPONSABILE: DOTT. EMANUELE TONELLI Centro di costo: 1. Servizi Informatici Telematici e SIT SETTORE: SISTEMI INFORMATIVI RESPONSABILE: Dott. Tonelli Emanuele Centro di Costo: Servizi Informatici

Dettagli

CANTIERE2020 COSTRUIAMO INSIEME IL NUOVO PROGRAMMA DI SVILUPPO DEL GAL AVVISO PUBBLICO PER L INDIVIDUAZIONE DEI PROGETTI CHIAVE

CANTIERE2020 COSTRUIAMO INSIEME IL NUOVO PROGRAMMA DI SVILUPPO DEL GAL AVVISO PUBBLICO PER L INDIVIDUAZIONE DEI PROGETTI CHIAVE CANTIERE2020 COSTRUIAMO INSIEME IL NUOVO PROGRAMMA DI SVILUPPO DEL GAL AVVISO PUBBLICO PER L INDIVIDUAZIONE DEI PROGETTI CHIAVE Dopo la positiva esperienza della prima fase di vita (2008 luglio 2014, portati

Dettagli

Attuazione Asse VI SVILUPPO URBANO SOSTENIBILE avviso seconda fase Incontri tecnici Catania, 15 marzo 2010 Palermo, 16 marzo 2010

Attuazione Asse VI SVILUPPO URBANO SOSTENIBILE avviso seconda fase Incontri tecnici Catania, 15 marzo 2010 Palermo, 16 marzo 2010 Attuazione Asse VI SVILUPPO URBANO SOSTENIBILE avviso seconda fase Incontri tecnici Catania, 15 marzo 2010 Palermo, 16 marzo 2010 Assessorato Beni Culturali e Identità Siciliana Dipartimento Beni Culturali

Dettagli

CARLO. Govone ... ... ...

CARLO. Govone ... ... ... PIA CASAA SAN CARLO Govone............................ Pia Casa San Carlo I.P.A.B. Via Boetti 1 12040 GOVONE - CN Tel. e Fax. 017358148 P.I.00992290049 C.F.81000950048 1 PREMESSA Il presente Programma

Dettagli

Indice. Introduzione: organizzazione e funzioni della Società... 3. 1. Le principali novità... 5

Indice. Introduzione: organizzazione e funzioni della Società... 3. 1. Le principali novità... 5 Indice Introduzione: organizzazione e funzioni della Società... 3 1. Le principali novità... 5 2. Procedimento di elaborazione e adozione del Programma... 5 3. Iniziative di comunicazione della trasparenza...

Dettagli

L autonomia scolastica

L autonomia scolastica L autonomia scolastica di Giacomo D Alterio La Legge 7 agosto 1990 n. 241, che detta le nuove norme in materia di procedimento amministrativo e di diritto d accesso ai documenti amministrativi, meglio

Dettagli

Statuto del Museo d'arte contemporanea Zavattarello (Pv) approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n,30 del 10/08/2009

Statuto del Museo d'arte contemporanea Zavattarello (Pv) approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n,30 del 10/08/2009 Statuto del Zavattarello (Pv) approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n,30 del 10/08/2009 1 Art. 1 Denominazione e sede del museo Per iniziativa del Comune di Zavattarello è costituito il del

Dettagli

Regolamento sull ordinamento e l organizzazione dell Ufficio Relazioni con il Pubblico della Provincia di Lecce

Regolamento sull ordinamento e l organizzazione dell Ufficio Relazioni con il Pubblico della Provincia di Lecce Regolamento sull ordinamento e l organizzazione dell Ufficio Relazioni con il Pubblico della Provincia di Lecce (ai sensi dell art. 8 della legge 150/2000) Approvato con Delibera di Giunta n. 273 del 6

Dettagli

Disposizioni per lo sviluppo economico, la semplificazione, la competitività nonché in materia di processo civile

Disposizioni per lo sviluppo economico, la semplificazione, la competitività nonché in materia di processo civile L. 18 giugno 2009, n. 69 1 e 2 Disposizioni per lo sviluppo economico, la semplificazione, la competitività nonché in materia di processo civile (Estratto relativo all Amministrazione digitale) Art. 24

Dettagli

bando per progetti sperimentali di innovazione didattica 2014-2016

bando per progetti sperimentali di innovazione didattica 2014-2016 bando per progetti sperimentali di innovazione didattica 2014-2016 rivolto a soggetti istituzionali rappresentativi del sistema delle scuole dell infanzia della provincia di Trento budget disponibile:

Dettagli

Programma Triennale per la Trasparenza e l Integrità (2015 2017)

Programma Triennale per la Trasparenza e l Integrità (2015 2017) Programma Triennale per la Trasparenza e l Integrità (2015 2017) Premessa Il Programma Triennale per la Trasparenza e l integrità 2015-2017 integra e aggiorna il precedente Programma Triennale 2014-2016

Dettagli

COMUNE DI GONNOSNO Provincia di Oristano PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA

COMUNE DI GONNOSNO Provincia di Oristano PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA COMUNE DI GONNOSNO Provincia di Oristano PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA (Art. 11 c. 2, del ) Indice generale 1. PREMESSA 2. I DATI DA PUBBLICARE SUL SITO ISTITUZIONALE DEL COMUNE

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ 1. PREMESSA

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ 1. PREMESSA PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ ANNI 2013-2015 1. PREMESSA Il principio della trasparenza, inteso come accessibilità totale a tutti gli aspetti dell organizzazione, è un elemento essenziale

Dettagli

RELAZIONE SULLA PERFORMANCE 2014

RELAZIONE SULLA PERFORMANCE 2014 COMUNE DI CIVIDATE AL PIANO (Provincia di Bergamo) RELAZIONE SULLA PERFORMANCE 2014 Il Segretario Comunale - Dott. Ivano Rinaldi Nell ambito del processo di riforma della Pubblica Amministrazione, con

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA 2015-2017

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA 2015-2017 PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA 2015-2017 (deliberato dal C. di A. nella seduta del 19 giugno 2015) 1 1 - Introduzione e normativa di riferimento Il Programma triennale per la trasparenza e l integrità

Dettagli

IL CAF DELLA CISL. Il posto giusto

IL CAF DELLA CISL. Il posto giusto Carta dei Servizi IL CAF DELLA CISL Il Caf Cisl opera per fornire ad iscritti, lavoratori e pensionati assistenza e consulenza completa e qualificata nel campo fiscale e delle agevolazioni sociali. Nato

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO. SETTORE e Area di Intervento: Patrimonio artistico e culturale (D)- cura e conservazione biblioteche (01)

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO. SETTORE e Area di Intervento: Patrimonio artistico e culturale (D)- cura e conservazione biblioteche (01) TITOLO DEL PROGETTO: Storiche biblioteche crescono ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO SETT e Area di Intervento: Patrimonio artistico e culturale (D)- cura e conservazione biblioteche (01) OBIETTIVI DEL

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA COSTITUZIONE DELL ALBO DELLE ASSOCIAZIONI E DEL VOLONTARIATO

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA COSTITUZIONE DELL ALBO DELLE ASSOCIAZIONI E DEL VOLONTARIATO COMUNE DI COLOGNO AL SERIO Provincia di Bergamo Allegato alla deliberazione del C.C. N. 17 in data 03.04.2007 REGOLAMENTO COMUNALE PER LA COSTITUZIONE DELL ALBO DELLE ASSOCIAZIONI E DEL VOLONTARIATO CAPO

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE. Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 279. Istituzione della rete dei musei nazionali di scienza e tecnica (REMUNAST)

DISEGNO DI LEGGE. Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 279. Istituzione della rete dei musei nazionali di scienza e tecnica (REMUNAST) Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 279 DISEGNO DI LEGGE d iniziativa delle senatrici CARLONI e CHIAROMONTE COMUNICATO ALLA PRESIDENZA IL 29 APRILE 2008 Istituzione della rete dei musei nazionali

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE COMUNE DI MONTECCHIO MAGGIORE Provincia di Vicenza REGOLAMENTO DEL SERVIZIO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE COMITATO VOLONTARIO PROTEZIONE CIVILE MONTECCHIO MAGGIORE Via del Vigo 336075 Montecchio Maggiore

Dettagli

COMUNE DI TICINETO. (Provincia di Alessandria) PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ. PERIODO 2014-2016

COMUNE DI TICINETO. (Provincia di Alessandria) PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ. PERIODO 2014-2016 COMUNE DI TICINETO (Provincia di Alessandria) PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ. PERIODO 2014-2016 Approvato con D.G.C. n. 10 del 31/01/2014 1. PREMESSA Il Decreto legislativo 14 marzo

Dettagli

IL DIRETTORIO DELLA BANCA D ITALIA

IL DIRETTORIO DELLA BANCA D ITALIA REGOLAMENTO DEL 18 LUGLIO 2014 Regolamento per l organizzazione e il funzionamento della Unità di Informazione Finanziaria per l Italia (UIF), ai sensi dell art. 6, comma 2, del d.lgs. 21 novembre 2007,

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI DI COMUNICAZIONE E RELAZIONE CON I CITTADINI

CARTA DEI SERVIZI DI COMUNICAZIONE E RELAZIONE CON I CITTADINI CARTA DEI SERVIZI DI COMUNICAZIONE E RELAZIONE CON I CITTADINI Comune di Modena Settore Sistemi Informativi Comunicazione e Servizi Demografici Servizio Comunicazione e Relazione con i Cittadini Allegato

Dettagli

CST Area di Taranto. Assemblea dei Sindaci 19.09.2008. Relazione Attività Di Progetto

CST Area di Taranto. Assemblea dei Sindaci 19.09.2008. Relazione Attività Di Progetto CST Area di Taranto Assemblea dei Sindaci 19.09.2008 Relazione Attività Di Progetto Uno degli obiettivi del progetto CST Area di TARANTO è stato quello di garantire la diffusione dei servizi innovativi

Dettagli

Analisi del Primo Rapporto ASSINFORM sull ICT nella Pubblica Amministrazione Locale in Italia:

Analisi del Primo Rapporto ASSINFORM sull ICT nella Pubblica Amministrazione Locale in Italia: Analisi del Primo Rapporto ASSINFORM sull ICT nella Pubblica Amministrazione Locale in Italia: Le Province all avanguardia nell innovazione tecnologica! Premesse Lunedì 15 Novembre è stato presentato a

Dettagli

Comune di Nogarole Vicentino

Comune di Nogarole Vicentino Comune di Nogarole Vicentino (Provincia di Vicenza) SETTORE 1 Amministrativo Economico-finanziario Programma triennale per la trasparenza e l integrità 2014-2016 Introduzione: organizzazione e funzioni

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DELLA BIBLIOTECA COMUNALE

REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DELLA BIBLIOTECA COMUNALE COMUNE DI RANZANICO PROVINCIA DI BERGAMO SEDE: PIAZZA DEI CADUTI, 1 - C.A.P. 24060 - CODICE FISCALE E PARTITA I.V.A. 00579520164 TEL. (035) 829022 - FAX (035) 829268 - E-MAIL: info@comune.ranzanico.bg.it

Dettagli

Artigiancassa: : Progetto Key Woman. Roma, 08 aprile 2014

Artigiancassa: : Progetto Key Woman. Roma, 08 aprile 2014 Artigiancassa: : Progetto Key Woman Roma, 08 aprile 2014 La costante crescita di donne che scelgono di intraprendere l attività imprenditoriale è un fenomeno in continuo aumento e può costituire per il

Dettagli

COMUNE DI BREMBILLA Provincia di Bergamo

COMUNE DI BREMBILLA Provincia di Bergamo Allegato alla deliberazione C.C. n. 39 del 19/9/2005 COMUNE DI BREMBILLA Provincia di Bergamo REGOLAMENTO PER LA COMUNICAZIONE ART. 1 - PRINCIPI GENERALI... 2 ART. 2 - OGGETTO DEL REGOLAMENTO... 2 ART.

Dettagli

(PROVINCIA DI CATANIA)

(PROVINCIA DI CATANIA) (PROVINCIA DI CATANIA) PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA ANNI 2012 2014 1. OGGETTO E OBIETTIVI La trasparenza consiste nella accessibilità delle informazioni sulla organizzazione, degli

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2012-2014

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2012-2014 COMUNE DI VILLANOVA DEL GHEBBO P R O V I N C I A D I R O V I G O C.F. 82000570299 P.I. 00194640298 - Via Roma, 75 - CAP 45020 - Tel. 0425 669030 / 669337 / 648085 Fax 0425650315 info-comunevillanova@legalmail.it

Dettagli

I seguenti Enti, Istituzioni e Organizzazioni Economiche del territorio piacentino:........................

I seguenti Enti, Istituzioni e Organizzazioni Economiche del territorio piacentino:........................ PROTOCOLLO D INTESA per la promozione, ideazione, progettazione e realizzazione di iniziative del Sistema istituzionale, economico e sociale della provincia di Piacenza in vista della Esposizione Universale

Dettagli

Direzione cultura, turismo e sport Settore biblioteche, archivi e istituti culturali

Direzione cultura, turismo e sport Settore biblioteche, archivi e istituti culturali Direzione cultura, turismo e sport Settore biblioteche, archivi e istituti culturali Bando l assegnazione di contributi da destinare ad interventi di digitalizzazione e valorizzazione delle testate giornalistiche

Dettagli

MIUR.AOODGOSV.REGISTRO UFFICIALE(U).0003746.30-04-2015

MIUR.AOODGOSV.REGISTRO UFFICIALE(U).0003746.30-04-2015 MIUR.AOODGOSV.REGISTRO UFFICIALE(U).0003746.30-04-2015 Ai Direttori degli Uffici Scolastici Regionali LORO SEDI Ai Dirigenti scolastici delle Istituzioni scolastiche statali e paritarie di ogni ordine

Dettagli

Comune di Colbordolo Provincia di Pesaro Urbino

Comune di Colbordolo Provincia di Pesaro Urbino Comune di Colbordolo Provincia di Pesaro Urbino PIANO TRIENNALE PER L INDIVIDUAZIONE DI MISURE FINALIZZATE ALLA RAZIONALIZZAZIONE DELL UTILIZZO DELLE DOTAZIONI STRUMENTALI ANCHE INFORMATICHE, DELLE AUTOVETTURE

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA TRIENNIO 2012/2014

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA TRIENNIO 2012/2014 COMUNE DI BORORE Provincia di Nuoro PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA TRIENNIO 2012/2014 (Art. 11, comma 2, del D. Lgs. 27.10.2009, n. 150) Allegato alla Deliberazione Giunta Comunale

Dettagli

Programma Triennale per la Trasparenza e l Integrità (2016 2018)

Programma Triennale per la Trasparenza e l Integrità (2016 2018) Programma Triennale per la Trasparenza e l Integrità (2016 2018) Premessa Il Programma Triennale per la Trasparenza e l integrità 2016-2018 è redatto in ottemperanza alle seguenti fonti normative: D.Lgs

Dettagli

Città Metropolitana di Torino COMUNE DI FOGLIZZO DETERMINAZIONE : UFFICIO RAGIONERIA REGISTRO GENERALE N. : 276

Città Metropolitana di Torino COMUNE DI FOGLIZZO DETERMINAZIONE : UFFICIO RAGIONERIA REGISTRO GENERALE N. : 276 ESTRATTO Città Metropolitana di Torino COMUNE DI FOGLIZZO DETERMINAZIONE : UFFICIO RAGIONERIA REGISTRO GENERALE N. : 276 Responsabile del Servizio : DOTT.SSA CLELIA PAOLA VIGORITO N. 168 OGGETTO : AFFIDAMENTO

Dettagli

SPORTELLO UNICO DELLE ATTIVITA PRODUTTIVE. Rete telematica e servizi di supporto ICT

SPORTELLO UNICO DELLE ATTIVITA PRODUTTIVE. Rete telematica e servizi di supporto ICT SPORTELLO UNICO DELLE ATTIVITA PRODUTTIVE Rete telematica e servizi di supporto ICT La rete telematica regionale LEPIDA ed il SISTEMA a rete degli SUAP come esempi di collaborazione fra Enti della PA per

Dettagli

DELIBERAZIONE N. 48/54 DEL 1.12.2011

DELIBERAZIONE N. 48/54 DEL 1.12.2011 Oggetto: Progetto integrato per la tutela attiva dei locali storici del commercio: censimento dei negozi storici in Sardegna. L Assessore del Turismo, Artigianato e Commercio evidenzia che l'attuale crisi

Dettagli

INTRODUZIONE. I cittadini infatti possono recarsi alla Direzione Urbanistica per:

INTRODUZIONE. I cittadini infatti possono recarsi alla Direzione Urbanistica per: CARTA DEI SERVIZI DELLO SPORTELLO AL PUBBLICO DELLA DIREZIONE URBANISTICA a cura di: Servizio supporto giuridico amministrativo P.O. Archivio e protocollo: d.ssa Isabella Anna Leonesi Rev. 1 del 30 dicembre

Dettagli

DIVENTARE ED ESSERE UN DIRIGENTE SPORTIVO A MODENA

DIVENTARE ED ESSERE UN DIRIGENTE SPORTIVO A MODENA DIVENTARE ED ESSERE UN DIRIGENTE SPORTIVO A MODENA Un percorso di professionalizzazione dei Dirigenti sportivi Modenesi Bando di Indizione Programma Scheda di iscrizione Il Contesto di riferimento Il movimento

Dettagli

ASSOCIAZIONE PICCOLE E MEDIE INDUSTRIE DELLA PROVINCIA DI LECCO. Un partner per crescere

ASSOCIAZIONE PICCOLE E MEDIE INDUSTRIE DELLA PROVINCIA DI LECCO. Un partner per crescere ASSOCIAZIONE PICCOLE E MEDIE INDUSTRIE DELLA PROVINCIA DI LECCO Un partner per crescere API LECCO Dal 1949 l Associazione Piccole e Medie Industrie della Provincia di Lecco è stata voluta dagli imprenditori

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA IL MINISTRO PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE E L INNOVAZIONE E IL MINISTRO PER I BENI E LE ATTIVITÀ CULTURALI

PROTOCOLLO DI INTESA IL MINISTRO PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE E L INNOVAZIONE E IL MINISTRO PER I BENI E LE ATTIVITÀ CULTURALI PROTOCOLLO DI INTESA TRA IL MINISTRO PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE E L INNOVAZIONE E IL MINISTRO PER I BENI E LE ATTIVITÀ CULTURALI per la realizzazione di un programma di innovazione per il patrimonio

Dettagli

BILANCIO PREVENTIVO 2015. Linee programmatiche

BILANCIO PREVENTIVO 2015. Linee programmatiche BILANCIO PREVENTIVO 2015 Linee programmatiche Il 2014 ha rappresentato, così come nelle intenzioni del Consiglio, un anno di forte rilancio delle attività della Fondazione e conseguentemente di ampliata

Dettagli

COMUNE DI CARUGATE Provincia di Milano REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL REGISTRO DELLE ASSOCIAZIONI

COMUNE DI CARUGATE Provincia di Milano REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL REGISTRO DELLE ASSOCIAZIONI COMUNE DI CARUGATE Provincia di Milano REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL REGISTRO DELLE ASSOCIAZIONI Approvato con deliberazione di C.C. n. 12 del 19/04/2001 ART. 1 FINALITA 1. Il Comune di Carugate riconosce

Dettagli

MINISTERO DEGLI AFFARI ESTERI DIREZIONE GENERALE PER LA COOPERAZIONE ALLO SVILUPPO

MINISTERO DEGLI AFFARI ESTERI DIREZIONE GENERALE PER LA COOPERAZIONE ALLO SVILUPPO MINISTERO DEGLI AFFARI ESTERI DIREZIONE GENERALE PER LA COOPERAZIONE ALLO SVILUPPO LINEE DI INDIRIZZO DEL CICS PER LO SVOLGIMENTO DI ATTIVITA DI COOPERAZIONE ALLO SVILUPPO DA PARTE DELLE REGIONI, DELLE

Dettagli

EXPLODING YOUR IDEA! DESTINATION EXPO MILANO 2015

EXPLODING YOUR IDEA! DESTINATION EXPO MILANO 2015 EXPLODING YOUR IDEA! DESTINATION EXPO MILANO 2015 1 CALL INTERNAZIONALE DI IDEE PER LO SVILUPPO DEL PROGRAMMA CULTURALE DEL SPAZIO ESPOSITIVO DELLA SOCIETA CIVILE IN EXPO MILANO 2015 1. PREMESSA L'assegnazione

Dettagli

PROGRAMMA ANNUALE - Esercizio Finanziario 2015

PROGRAMMA ANNUALE - Esercizio Finanziario 2015 PROGRAMMA ANNUALE - Esercizio Finanziario 2015 La definizione del Programma Il Programma annuale è elaborato ai sensi del Regolamento concernente le istruzioni generali sulla gestione amministrativo -

Dettagli