CARTA, EDITORIA, STAMPA e TRASFORMAZIONE: analisi della filiera

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CARTA, EDITORIA, STAMPA e TRASFORMAZIONE: analisi della filiera"

Transcript

1 CARTA, EDITORIA, STAMPA e TRASFORMAZIONE: analisi della filiera Incontro con i media e gli operatori del settore, per la presentazione della prima indagine economica Milano, martedì 6 febbraio 2007 ore 11:00 Palazzo Visconti Via Cino del Duca, 8 (San Babila) 1

2 La La filiera della carta, editoria, stampa e trasformazione: i i comparti e gli gli attori La presente analisi prende in considerazione la filiera complessiva del settore della editoria e della carta stampata. La filiera è composta dai seguenti comparti che si connettono tra loro in senso verticale: Macchine per la grafica e la cartotecnica (ACIMGA e ARGI) Produzione di carta e cartone (ASSOCARTA) Editoria (AIE, ANES, FIEG) Stampa di giornali quotidiani (ASIG) Stampa, cartotecnica e trasformazione (ASSOGRAFICI) 2

3 La La struttura della filiera Stampa editoriale Stampa pubblicitaria e commerciale Editoria (libraria, quotidiana, periodica, periodica special.) Carta e cartone Fatturato* Fatturato* Miliardi Miliardi di di Euro Euro Macchine (per grafica e cartotecnica) Cartotecnica e trasformazione * Fatturato aggregato

4 1,5% Un Un problema rilevante: la la deindustrializzazione del del sistema italiano. (medie ) 2005) Germany 1,0% Variazione reale nella produzione industriale 0,5% France Spain 0,0% 0,0% 0,5% 1,0% 1,5% 2,0% 2,5% 3,0% 3,5% -0,5% United Kingdom -1,0% Italy -1,5% -2,0% Fonte: OCSE Variazione reale nel P.I.L. 4

5 La La dinamica storica delle macrovariabili della filiera (Dati (Dati in in Mln Mln di di Euro) Euro) VALORI ** Fatturato* Vendite interne Export Import Consumo apparente Saldo bilancia commerciale Export/fatturato 18% 19% 19% 19% 19% 20% 20% Import penetration 15% 15% 15% 14% 14% 14% 14% Addetti VARIAZIONI ** Fatturato - 1,5% -2,0% 0,5% 2,5% 0,4% 1,5% Vendite interne - 0,9% -2,4% 0,8% 2,0% -0,2% 1,4% Export - 4,2% -0,3% -1,0% 4,5% 3,2% 2,1% Import - 1,6% -2,6% -9,7% 2,9% 3,0% 2,1% Consumo apparente - 1,0% -2,4% -0,8% 2,1% 0,2% 1,5% Addetti - -1,1% -0,4% -0,6% -0,6% -0,7% -0,4% * Valori aggregati; ** Stime Fonte: Uffici Studi Associazioni di filiera 5

6 La La Dinamica delle macrovariabili settoriali (Mln (Mln di di Euro) Euro) Fatturato Vendite interne Export Import Consumo apparente * Stime * 6

7 6% La La rappresentatività della filiera nel nel sistema economico italiano 5,2% 5,2% 5,1% 5,1% 5,1% 5,2% 5,2% 5% 4% 3% 2,8% 2,8% 2,8% 2,9% 2,8% 2,7% 2,6% 2% 2,3% 2,3% 2,2% 2,0% 1,9% 1,8% 1,6% 1% 0% * Stime Occupazione/occupazione totale Export/Export totale Import/import totale * 7

8 Il Il fatturato * della filiera per comparti (Dati (Dati in in Mln Mln di di Euro) Euro) ** Produzione di macchine per la grafica e la cartotecnica (ACIMGA) Importazione di macchine per la grafica e la stampa (ARGI) Produzione di carta e cartone (ASSOCARTA) Editoria libraria (AIE) Editoria quotidiana (FIEG/ASIG) Editoria periodica non specializzata (FIEG) *** Editoria periodica specializzata (ANES) *** Industria della stampa, cartotecnica e trasformazione (ASSOGRAFICI) Totale * Valori aggregati; ** Stime; *** Dati comprensivi dei ricavi da pubblicità Fonte: Uffici Studi Associazioni di filiera 8

9 10% 9% 8% 7% La La crescita del del fatturato rispetto all industria italiana Fatturato filiera Fatturato Industria 6% 5% 4% 3% 2% 1% 0% -1% * -2% -3% * Stime 9

10 Il Il consumo interno* della filiera per comparti (Dati (Dati in in Mln Mln di di Euro) Euro) ** Produzione di macchine per la grafica e la cartotecnica (ACIMGA) Importazione di macchine per la grafica e la stampa (ARGI) Produzione di carta e cartone (ASSOCARTA) Editoria libraria (AIE) Editoria quotidiana (FIEG/ASIG) Editoria periodica non specializzata (FIEG) *** Editoria periodica specializzata (ANES) *** Industria della stampa, cartotecnica e trasformazione (ASSOGRAFICI) Totale * Consumo interno = Fatturato + Importazioni - Esportazioni ** Stime; *** Dati comprensivi dei ricavi da pubblicità Fonte: Uffici Studi Associazioni di filiera 10

11 22% Export su su fatturato e import penetration 20% 19% 19% 19% 19% 20% 20% 18% 18% 16% 15% 15% 15% 14% 14% 14% 14% 14% 12% Export/fatturato Import penetration 10% * Stime * 11

12 La La dinamica delle variabili di di commercio estero (Mln( di di Euro) Export Import Saldo bilancia commerciale * Stime * 12

13 Il Il Saldo della bilancia commerciale comparato al al saldo della bilancia commerciale italiana Filiera carta Italia * Stime * 13

14 Il Il Saldo della bilancia commerciale comparato al al saldo della bilancia commerciale italiana (escluso settore energetico) ,0% ,0% 10,0% ,3% 8,2% 9,0% 7,7% 7,6% 8,0% ,6% 4,4% 5,2% Filiera carta Italia escluso settore energetico saldo filiera/saldo Italia 7,0% 6,0% 5,0% * Stime * 4,0% 3,0% 14

15 Gli Gli addetti della filiera Produzione di macchine per la grafica e la cartotecnica (ACIMGA) Importazione e commercializzazione di macchine per la grafica e la stampa (ARGI) Produzione di carta e cartone (ASSOCARTA) Editoria libraria (AIE) Editoria quotidiana (FIEG/ASIG) Editoria periodica non specializzata (FIEG) * Editoria periodica specializzata (ANES) * Industria della stampa, cartotecnica e trasformazione (ASSOGRAFICI) Totale * Solo giornalisti; i grafici sono compresi nel dato di Assografici. Fonte: Uffici Studi Associazioni di filiera 15

16 Altri servizi Attività ricreative, culturali e sportive Attività di organizzazioni associative Smaltimento rifiuti, fognature e servizi similari Servizi sanitari e sociali Istruzione Pubbica amministrazione e difesa Altre attività professionali imprenditoriali Ricerca e sviluppo (R&S) Informatica e attività connesse Noleggio di macchinari Attività di servizi immobiliari Attività ausiliarie dell'intermediazione monetaria e finanziaria Assicurazione e fondi pensione Intermediazione monetaria e finanziaria Poste e telecomunicazioni Attività ausiliarie dei trasporti, agenzie di viaggio Trasporti aerei Trasporti marittimi Trasporti terrestri Alberghi e ristoranti Commercio al dettaglio Commercio all'ingrosso Commercio e riparazione di autoveicoli e motocicli Costruzioni Raccolta, depurazione e distribuzione di acqua Energia elettrica e gas Recupero e riciclaggio Fabbricazione di mobili Altri mezzi di trasporto Autoveicoli e rimorchi Strumenti medicali, di precisione ed ottici, orologi Apparecchiature radiotelevisive e per le comunicazioni Macchine ed apparecchi elettrici Macchine per ufficio e computer Macchine ed apparecchi meccanici Fabbricazione di prodotti in metallo, escluse macchine Metalli e loro leghe Minerali non metalliferi Prodotti in gomma e materie plastiche Fabbricazione di prodotti chimici e fibre sintetiche Fabbricazione di coke, raffinerie di petrolio Industria del legno e dei prodotti in legno (escl. mobili ) Cuoio, calzature ed articoli in pelle Confezione di articoli del vestiario Industrie tessili Industria del tabacco Industrie alimentari e bevande Altre industrie estrattive Estrazione di minerali metalliferi Estrazione di petrolio e gas naturale Estrazione di carbon fossile e torba Pesca, piscicultura Silvicoltura Agricultura e caccia 0,1% 0,2% 0,0% 0,0% 0,0% 0,2% 0,7% 0,7% 0,9% 0,9% 0,9% 0,9% 0,6% 0,7% 1,1% 1,1% 1,1% 1,0% 0,8% 1,5% 1,5% 1,4% 1,4% 1,4% 1,6% 1,3% 1,7% 1,4% 1,6% 1,4% 2,0% 1,8% 2,0% 1,8% 2,4% 2,2% 2,6% 2,7% 2,5% 2,9% 2,9% 2,9% 2,6% 3,2% 3,8% 3,4% 3,8% 4,4% 4,2% 4,8% 4,8% 5,5% 5,3% 6,6% 8,6% 0% 1% 2% 3% 4% 5% 6% 7% 8% 9% 10% L occupazione generata (o (o indotta) in in altri settori Il Il numero numero complessivo complessivo di di addetti addetti che, che, nei nei settori settori a a valle valle risulta risulta direttamente direttamente influenzato influenzato dalla dalla filiera filiera della della carta, carta, ovvero ovvero che, che, all interno all interno dei dei settori settori industriali industriali utilizza utilizza come come input input prodotti prodotti della della lavorazione lavorazione della della carta carta e dell editoria dell editoria quali quali input input essenziali essenziali per per il il proprio proprio lavoro lavoro risulta risulta pari pari a: a: unità*. * Fonte: Ns. elaborazioni su dati ISTAT (occupazione totale e matrici Input-Output) e Filiera della carta 16

17 Il Il ruolo della filiera nel nel sistema industriale italiano [1] [1] Il sistema rappresentato dalla filiera della carta può essere inquadrato all interno del sistema produttivo italiano sulla base della sua rappresentatività: Un occupazione complessiva intorno ai addetti nel 2006, pari al 5,2% dell occupazione manifatturiera complessiva e stabile nel corso dell ultimo quinquennio; Una occupazione indotta (si veda la definizione alla slide precedente) nei settori a valle che può essere quantificata in circa unità; Una produzione crescente nel quinquennio, pur nel contesto di una dinamica dei consumi interni stabile e con effetti di riduzione nei prezzi in alcuni comparti rappresentativi della filiera (dunque con un fatturato in crescita ma in misura minore rispetto alla produzione); 17

18 Il Il ruolo della filiera nel nel sistema industriale italiano [2] [2] Rapporti di export/fatturato e di import penetration relativamente ridotti in valore (in virtù del modesto grado di apertura internazionale della filiera, soprattutto nei suoi segmenti a valle) ma che indicano chiaramente un forte tenuta della competitività internazionale (in crescita l export su fatturato e in riduzione l import penetration); Un saldo positivo della bilancia commerciale che ha evidenziato una crescita da 1,4 a 2,6 miliardi di Euro nel periodo ottenuto attraverso una riduzione delle importazioni e una crescita dell export di filiera; Un saldo della bilancia commerciale crescente nel tempo rispetto al sistema nazionale. Nel 2004 il saldo complessivo della bilancia commerciale italiana è diventato negativo mentre quello della filiera è positivo e crescente, con un contributo alla componente positiva dell interscambio ancora più determinante; 18

19 Il Il modello di di sviluppo del del fatturato 6% Tasso di crescita delle vendite interne SVILUPPO TRAINATO DAL MERCATO INTERNO * 0% % -2% -1% 0% 1% 2% 3% 4% 5% 6% RIDUZIONE DEL FATTURATO 5% 4% 3% 2% 1% -1% -2% 2002 SVILUPPO SVILUPPO TRAINATO DALL'EXPORT * Stime -3% Tasso di crescita delle esportazioni 19

20 Lo Lo sviluppo della filiera nel nel periodo : 2006: la la crescita del del fatturato Il tipo di sviluppo mostrato dalla filiera della carta nel corso del quinquennio può essere analizzato sulla base delle due slide successive che spiegano, la prima, le determinanti dello sviluppo del fatturato delle imprese, la seconda, lo sviluppo del mercato italiano: IL MODELLO DI SVILUPPO DEL FATTURATO: lo sviluppo del fatturato della filiera nel corso dell ultimo quinquennio è avvenuto prevalentemente sui mercati internazionali. Dopo un biennio ( ) in cui sia le esportazioni che le vendite interne hanno registrato un segno negativo, nel periodo le esportazioni sono tornate a crescere e anche le vendite interne hanno mostrato nel complesso un evoluzione positiva anche se in tono minore. Gli elementi sintetici che emergono dall analisi sono dunque una sostanziale tenuta della domanda interna nonostante i consumi italiani siano cresciuti in misura limitata e una buona capacità di penetrazione dei mercati esteri. 20

21 Il Il modello di di sviluppo del del mercato 4% GUADAGNO DI QUOTE SUL MERCATO INTERNO 2% SVILUPPO DEL MERCATO * % % -8% -6% -4% -2% 0% 2% 4% Tasso di crescita delle vendite interne RIDUZIONE DELLA DOMANDA % -4% -6% -8% PERDITA DI QUOTE SUL MERCATO INTERNO * Stime Tasso di crescita delle importazioni -10% 21

22 Lo Lo sviluppo della filiera nel nel periodo : 2006: lo lo sviluppo del del mercato IL MODELLO DI SVILUPPO DEL MERCATO ITALIANO: la dinamica del mercato interno è stata meno favorevole di quanto accaduto con il fatturato delle imprese. Dopo un 2001 in cui la crescita del mercato (limitata) ha favorito le importazioni, nel 2002 e 2003 la domanda italiana ha mostrato segni negativi che hanno inciso però soprattutto sulla domanda soddisfatta da produttori stranieri. Nel successivo triennio la domanda interna ha invece registrato tassi di crescita positivi, pur se limitati, che hanno visto un sostanziale equilibrio nella crescita del mercato e nella ripartizione tra i produttori nazionali e stranieri. 22

23 Due punti di di forza della filiera I due elementi rilevanti della filiera, specie se analizzati all interno del regime di forte turbolenza che ha caratterizzato il periodo sono sicuramente: La continuità nella crescita: sul lungo periodo ( ) la filiera della carta ha mostrato una crescita produttiva tra le più elevate in assoluto all interno del sistema italiano anche se tale crescita si è ridotta negli ultimi anni soprattutto in ragione dei ridotti consumi interni; La stabilità nella crescita: sempre sul lungo periodo ( ) la filiera della carta è ha mostrato una fortissima stabilità nel processo di crescita, solo il settore alimentare ha infatti evidenziato una varianza inferiore nei tassi di crescita annuali. In sintesi, la filiera della carta è caratterizzata da un tasso di crescita costante e da ridotte discontinuità, elementi che ne fanno un contesto industriale a rischio estremamente ridotto e a forte stabilità. 23

24 La La crescita della produzione nei nei settori manifatturieri e nella filiera 150 Alimentare, bevande e tabacco 140 Tessile e dell'abbigliamento Conciario, prodotti in cuoio, pelle e similari 130 Legno e prodotti in legno 120 Carta e cartone, prodotti di carta; stampa ed editoria 110 Prodotti chimici e fibre sintetiche e artificiali 100 Articoli in gomma e materie plastiche Prodotti della lavorazione di minerali non metalliferi Metallurgia e fabbricazione di prodotti in metallo Macchine ed apparecchi meccanici 70 Macchine elettriche e di apparecchiature elettriche, elettroniche ed ottiche 60 Mezzi di trasporto Altre industrie manifatturiere 24

25 Crescita e stabilità nei nei settori manifatturieri SETTORE Crescita 2006/2000 Crescita 2006/1990 varianza 2006/2000 varianza 2006/1990 Alimentare, bevande e tabacco 7,10% 24,30% 0,03% 0,02% Carta e cartone, prodotti di carta; stampa ed editoria 4,60% 37,70% 0,06% 0,12% Metallurgia e fabbricazione di prodotti in metallo 5,10% 16,10% 0,06% 0,10% Prodotti chimici e fibre sintetiche e artificiali 3,10% 15,10% 0,07% 0,06% Prodotti della lavorazione di minerali non metalliferi -3,00% 5,00% 0,07% 0,13% Altre industrie manifatturiere -11,30% 9,00% 0,08% 0,32% Macchine ed apparecchi meccanici 0,80% 41,50% 0,09% 0,33% Tessile e dell'abbigliamento -19,40% -16,20% 0,10% 0,15% Articoli in gomma e materie plastiche -7,60% 16,50% 0,12% 0,19% Legno e prodotti in legno 5,30% 36,30% 0,19% 0,18% Conciario, prodotti in cuoio, pelle e similari -32,30% -32,00% 0,21% 0,31% Mezzi di trasporto -15,40% -17,70% 0,30% 0,69% Macchine elettriche e di apparecchiature elettriche, elettroniche ed ottiche -24,10% -21,70% 0,31% 0,25% Fonte: Nostre elaborazioni su dati ISTAT 25

26 Crescita e stabilità nei nei settori manifatturieri ( ) 2006) 0,35% Macchine elettriche e di apparecchiature elettriche, elettroniche ed ottiche Mezzi di trasporto 0,30% 0,25% Varianza nella crescita Conciario, prodotti in cuoio, pelle e similari Tessile e dell'abbigliamento Altre industrie manifatturiere Articoli in gomma e materie plastiche 0,20% 0,15% 0,10% Prodotti della lavorazione di minerali non metalliferi 0,05% Legno e prodotti in legno Macchine ed apparecchi meccanici Prodotti chimici e fibre sintetiche e artificiali Metallurgia e fabbricazione di prodotti in metallo Carta e cartone, prodotti di carta; stampa ed editoria Tasso di crescita Alimentare, bevande e tabacco 0,00% -35% -30% -25% -20% -15% -10% -5% 0% 5% 10% 26

CARTA, EDITORIA, STAMPA E TRASFORMAZIONE: I DATI DELLA FILIERA

CARTA, EDITORIA, STAMPA E TRASFORMAZIONE: I DATI DELLA FILIERA CARTA, EDITORIA, STAMPA E TRASFORMAZIONE: 9 Fonte Elaborazioni ANES Monitor su studio Università Bocconi 2 9 La filiera della carta, editoria, stampa e trasformazione: comparti e attori L analisi prende

Dettagli

Carta, Editoria, Stampa e Trasformazione: i dati della filiera

Carta, Editoria, Stampa e Trasformazione: i dati della filiera Carta, Editoria, Stampa e Trasformazione: i dati della filiera Alessandro Nova Università L. Bocconi Roma, 15 febbraio 2012 Filiera della carta 2012 Alessandro Nova 1 La filiera della carta, editoria,

Dettagli

Imprese attive per divisione di attività economica al 31 dicembre 2005 (Fonte: InfoCamere)

Imprese attive per divisione di attività economica al 31 dicembre 2005 (Fonte: InfoCamere) 213 attive per divisione di attività economica al 31 dicembre 2005 ACQUANEGRA CREMONESE Agricoltura, caccia e relativi servizi 18 Industrie alimentari e delle bevande 3 Industrie tessili - Confezione di

Dettagli

Imprese attive per divisione di attività economica al 31 dicembre 2008 (Fonte: InfoCamere) Comune Imprese Addetti ACQUANEGRA CREMONESE Agricoltura,

Imprese attive per divisione di attività economica al 31 dicembre 2008 (Fonte: InfoCamere) Comune Imprese Addetti ACQUANEGRA CREMONESE Agricoltura, 253 ACQUANEGRA CREMONESE Agricoltura, caccia e relativi servizi 15 22 - Industrie alimentari e delle bevande 3 11 Industrie tessili 1 - Confezione di articoli di vestiario; preparazione e tinture di pellicce

Dettagli

Imprese attive per divisione di attività economica al 31 dicembre 2007 (Fonte: InfoCamere)

Imprese attive per divisione di attività economica al 31 dicembre 2007 (Fonte: InfoCamere) attive per divisione di attività economica al 31 dicembre 2007 ACQUANEGRA CREMONESE Agricoltura, caccia e relativi servizi 16 Industrie alimentari e delle bevande 3 Industrie tessili 1 Confezione di articoli

Dettagli

Carta, Editoria, Stampa e Trasformazione: i trend e le proposte per la crescita

Carta, Editoria, Stampa e Trasformazione: i trend e le proposte per la crescita Carta, Editoria, Stampa e Trasformazione: i trend e le proposte per la crescita Alessandro Nova Università L. Bocconi Roma, 18 febbraio 2014 Filiera della carta 2014 - Alessandro Nova 1 La Filiera della

Dettagli

CONTI ECONOMICI DELLE IMPRESE

CONTI ECONOMICI DELLE IMPRESE 19 CONTI ECONOMICI DELLE IMPRESE L'indagine sul Sistema dei Conti delle imprese (SCI) condotta dall'istat, già indagine sul prodotto lordo, fornisce informazioni per settore di attività economica sui principali

Dettagli

G COMMERCIO ALL INGROSSO E AL DETTAGLIO; RIPARAZIONI DI

G COMMERCIO ALL INGROSSO E AL DETTAGLIO; RIPARAZIONI DI Commercio ingrosso e dettaglio Attività artigianali non assimilabili alle precedenti(carrozzerie, riparazione veicoli, lavanderie, parrucchieri, panificatori, pasticceri, ecc.) RISCHIO BASSO G G COMMERCIO

Dettagli

RISCHIO BASSO (6 ore)

RISCHIO BASSO (6 ore) Pagina1 RISCHIO BASSO (6 ore) Commercio ingrosso e dettaglio Attività Artigianali non assimilabili alle precedenti (carrozzerie, riparazione veicoli lavanderie, parrucchieri, panificatori, pasticceri,

Dettagli

CONTI ECONOMICI DELLE IMPRESE

CONTI ECONOMICI DELLE IMPRESE 19 CONTI ECONOMICI DELLE IMPRESE 70,00 60,00 RAPPORTO PERCENTUALE SPESE PER IL PERSONALE FATTURATO - ANNI 1998-2001 50,00 40,00 % 30,00 20,00 10,00 Fonte: ISTAT 0,00 1998 1999 2000 2001 Totale Industria

Dettagli

CONTABILITÀ NAZIONALE - DATI TERRITORIALI

CONTABILITÀ NAZIONALE - DATI TERRITORIALI 8 CONTABILITÀ NAZIONALE - DATI TERRITORIALI Nel 2005, in termini reali, il PIL ha avuto una crescita, a livello nazionale, pari allo zero (rispetto all'anno precedente), La staticità del PIL a livello

Dettagli

Ricerca d analisi sulla zona orientale di Napoli A p p e n d i c e s t a t i s t i c a

Ricerca d analisi sulla zona orientale di Napoli A p p e n d i c e s t a t i s t i c a Ricerca d analisi sulla zona orientale di Napoli A p p e n d i c e s t a t i s t i c a Tabella 1 Popolazione residente nei quartieri di Napoli Est Popolazione residente - TOTALE 25.256 54.097 38.182 25.361

Dettagli

RISCHIO BASSO H I - ATTIVITÀ DEI SERVIZI DI ALLOGGIO E DI RISTORAZIONE 55 - ALLOGGIO 56 - ATTIVITÀ DEI SERVIZI DI RISTORAZIONE

RISCHIO BASSO H I - ATTIVITÀ DEI SERVIZI DI ALLOGGIO E DI RISTORAZIONE 55 - ALLOGGIO 56 - ATTIVITÀ DEI SERVIZI DI RISTORAZIONE RISCHIO BASSO ATECO 2002 ATECO 2007 Commercio ingrosso e dettaglio Attività Artigianali non assimilabili alle precedenti (carrozzerie, riparazione veicoli lavanderie, parrucchieri, panificatori, pasticceri,

Dettagli

Comune di Calenzano- Imprese registrate e attive, unità locali attive per sezione di attività economica, al

Comune di Calenzano- Imprese registrate e attive, unità locali attive per sezione di attività economica, al di Calenzano- e, unità locali per sezione di attività economica, al 31.12.2014 UNITA' LOCALI ATTIVE IMPRESE Registrate Attive AGRICOLTURA INDUSTRIA ALTRE ATTIVITA' NON CLASSIFICATE TOTALE 2301 1930 81

Dettagli

La Toscana oltre la crisi

La Toscana oltre la crisi La Toscana oltre la crisi Stefano Casini Benvenuti Firenze, 3 febbraio 2014 Recessioni a confronto: dall Unità d Italia Durata complessiva Anni di recessione in senso stretto Caduta del PIL (punti percentuali)

Dettagli

LE IMPRESE NELLA REGIONE MARCHE

LE IMPRESE NELLA REGIONE MARCHE LE IMPRESE NELLA REGIONE MARCHE Anno 2016 Regione Marche P.F. Performance e Sistema Statistico La struttura delle imprese La dimensione delle imprese La densità imprenditoriale La dinamica demografica

Dettagli

Tipologia dei Corsi di formazione: Corrispondenza ATECO classi di rischio

Tipologia dei Corsi di formazione: Corrispondenza ATECO classi di rischio Tipologia dei Corsi di formazione: Corrispondenza ATECO classi di rischio La formazione in materia di salute e sicurezza sul lavoro è regolamentata dall Accordo Stato Regioni del 22/12/2011, questo stabilisce

Dettagli

LE IMPRESE NELLA REGIONE MARCHE

LE IMPRESE NELLA REGIONE MARCHE LE IMPRESE NELLA REGIONE MARCHE Dati disponibili a luglio 2016 Regione Marche P.F. Sistema Informativo Statistico La struttura delle imprese La dimensione delle imprese La densità imprenditoriale La dinamica

Dettagli

Analisi sull Industria

Analisi sull Industria Sardegna Analisi sull Industria Alcuni spunti di discussione dai dati ISTAT Il PIL in 6 anni è cresciuto del 6,1% PIL - valori concatenati - anno di riferimento 2000 28.000,0 27.500,0 27.546,8 27.000,0

Dettagli

Gli aspetti classificatori e di definizione. Statistica Aziendale

Gli aspetti classificatori e di definizione. Statistica Aziendale Gli aspetti classificatori e di definizione 1971 1981 1991 Quadro di ragguaglio tre le classificazioni ATECO per gli anni 1971, 1981 e 1991 per la manifatturiera. Fonte: Istat 3 - Industrie manifatturiere

Dettagli

Provincia di Brescia: importazioni e esportazioni dati trimestrali (milioni di euro)

Provincia di Brescia: importazioni e esportazioni dati trimestrali (milioni di euro) 2008 1 2008 2 2008 3 2008 4 2009 1 2009 2 2009 3 2009 4 2010 1 2010 2 2010 3 2010 4 2011 1 2011 2 2011 3 2011 4 2012 1 2012 2 2012 3 2012 4 2013 1 2013 2 2013 3 2013 4 2014 1 2014 2 2014 3 2014 4 2015

Dettagli

Provincia di Brescia: importazioni e esportazioni dati trimestrali (milioni di euro)

Provincia di Brescia: importazioni e esportazioni dati trimestrali (milioni di euro) 2008 1 2008 2 2008 3 2008 4 2009 1 2009 2 2009 3 2009 4 2010 1 2010 2 2010 3 2010 4 2011 1 2011 2 2011 3 2011 4 2012 1 2012 2 2012 3 2012 4 2013 1 2013 2 2013 3 2013 4 2014 1 2014 2 2014 3 2014 4 2015

Dettagli

Capitolo 24. Risultati economici delle imprese

Capitolo 24. Risultati economici delle imprese Capitolo 24 Risultati economici delle imprese 24. Risultati economici delle imprese Per saperne di più... EUROSTAT. http://europa. eu.int/comm/eurostat. IMF. World economic outlook. Washington: 2012.

Dettagli

Guadagni in deroga e la Mobilità in provincia di Varese. Anno 2011

Guadagni in deroga e la Mobilità in provincia di Varese. Anno 2011 La Cassa Integrazione Guadagni in deroga e la Mobilità in provincia di Varese Anno 2011 febbraio 2012 Indice Lavoratori inseriti in lista di MOBILITÀ Per legge di riferimento pag. 1 Per Centro per l Impiego

Dettagli

INDAGINE CONGIUNTURALE SULL'INDUSTRIA MANIFATTURIERA. LAZIO Tavole statistiche

INDAGINE CONGIUNTURALE SULL'INDUSTRIA MANIFATTURIERA. LAZIO Tavole statistiche INDAGINE CONGIUNTURALE SULL'INDUSTRIA MANIFATTURIERA LAZIO Tavole statistiche Risultati del III trimestre 2015 e previsioni per il IV trimestre 2015 REGIONE LAZIO Indice delle tavole Tavola 1 Tavola 2

Dettagli

INDAGINE CONGIUNTURALE DELL'ECONOMIA DELLA SICILIA

INDAGINE CONGIUNTURALE DELL'ECONOMIA DELLA SICILIA INDAGINE CONGIUNTURALE DELL'ECONOMIA DELLA SICILIA Indagine congiunturale REGIONE SICILIA INDUSTRIA MANIFATTURIERA Tavole statistiche Imprese fino a 9 dipendenti Imprese da 10 a 49 dipendenti Imprese oltre

Dettagli

La Cassa Integrazione Guadagni in deroga e la Mobilità in provincia di Varese. Anno 2013

La Cassa Integrazione Guadagni in deroga e la Mobilità in provincia di Varese. Anno 2013 La Cassa Integrazione Guadagni in deroga e la Mobilità in provincia di Varese Anno 2013 febbraio 2014 Indice Lavoratori inseriti in lista di MOBILITÀ Per legge di riferimento pag. 1 Per Centro per l Impiego

Dettagli

Repubblica Dominicana Congiuntura Economica

Repubblica Dominicana Congiuntura Economica Repubblica Dominicana Congiuntura Economica Nel 2011 il prodotto interno lordo della Repubblica Dominicana ha raggiunto i 55,61 miliardi di dollari registrando una crescita del 4.5% rispetto ai valori

Dettagli

CRISI E RISTRUTTURAZIONE DELL ECONOMIA TOSCANA

CRISI E RISTRUTTURAZIONE DELL ECONOMIA TOSCANA CONFERENZA DI FINE ANNO CRISI E RISTRUTTURAZIONE DELL ECONOMIA TOSCANA Stefano Casini Benvenuti IRPET Lunedì 14 dicembre - ore 10,00 Sala Verde - Palazzo dei Congressi La parola crisi domina nelle pagine

Dettagli

Dati strutturali. Aspetti strutturali dell industria nelle province di Lucca, Pistoia e Prato

Dati strutturali. Aspetti strutturali dell industria nelle province di Lucca, Pistoia e Prato Dati strutturali Aspetti strutturali dell industria n. 14 Giugno 2017 Confindustria Toscana Nord Pistoia (sede legale), piazza Garibaldi 5 cap 51100 tel. 0573 99171 Lucca, piazza Bernardini 41 cap 55100

Dettagli

Gli investimenti delle imprese italiane per la protezione dell ambiente Anno 2006

Gli investimenti delle imprese italiane per la protezione dell ambiente Anno 2006 28 gennaio 2009 Gli investimenti delle imprese italiane per la protezione dell ambiente Anno 2006 Direzione centrale per la comunicazione e la programmazione editoriale Tel. +39 06.4673.2243-2244 Centro

Dettagli

Tabelle regionali con cadenza mensile. Provincia autonoma di Trento. Analisi della numerosità degli infortuni

Tabelle regionali con cadenza mensile. Provincia autonoma di Trento. Analisi della numerosità degli infortuni Tabelle regionali con cadenza mensile Provincia autonoma di Trento Analisi della numerosità degli infortuni Dati rilevati al 31 dicembre 2016 Nota metodologica Nelle tabelle mensili le totalizzazioni delle

Dettagli

CENSIMENTO DELL INDUSTRIA E DEI SERVIZI (2011)

CENSIMENTO DELL INDUSTRIA E DEI SERVIZI (2011) SETTORE SUPPORTO ISTITUZIONALE E COMUNICAZIONE CENSIMENTO DELL INDUSTRIA E DEI SERVIZI (2011) ANALISI DATI ISTAT RELATIVI AL NUMERO DI IMPRESE CON SEDE NEL TERRITORIO COMUNALE rilevazione al 31/12/2011

Dettagli

Tabelle regionali con cadenza mensile. Regione Basilicata. Analisi della numerosità degli infortuni

Tabelle regionali con cadenza mensile. Regione Basilicata. Analisi della numerosità degli infortuni Tabelle regionali con cadenza mensile Regione Basilicata Analisi della numerosità degli infortuni Dati rilevati al 31 gennaio 2015 Nota metodologica Nelle tabelle mensili le totalizzazioni delle denunce

Dettagli

terre di Toscana come sta e dove va il Chianti Stefano Casini Benvenuti San Casciano in Val di Pesa, 21 settembre 2016

terre di Toscana come sta e dove va il Chianti Stefano Casini Benvenuti San Casciano in Val di Pesa, 21 settembre 2016 terre di Toscana come sta e dove va il Chianti Stefano Casini Benvenuti San Casciano in Val di Pesa, 21 settembre 2016 Qualche cenno sulla fase attuale 1. La gravità della crisi 1867-72 1930-36 2008-14

Dettagli

Area MACRODATI ECONOMICI

Area MACRODATI ECONOMICI 8 Carta, Editoria, Stampa e Trasformazione: i dati della filiera 2014 Fonte Elaborazioni ANES Monitor su studio Università Bocconi 2 8 La filiera della carta, editoria, stampa e trasformazione: comparti

Dettagli

Tabelle regionali con cadenza mensile. Regione Liguria. Analisi della numerosità degli infortuni

Tabelle regionali con cadenza mensile. Regione Liguria. Analisi della numerosità degli infortuni Tabelle regionali con cadenza mensile Regione Liguria Analisi della numerosità degli infortuni Dati rilevati al 31 dicembre 2016 Nota metodologica Nelle tabelle mensili le totalizzazioni delle denunce

Dettagli

Tabelle regionali con cadenza mensile. Regione Liguria. Analisi della numerosità degli infortuni

Tabelle regionali con cadenza mensile. Regione Liguria. Analisi della numerosità degli infortuni Tabelle regionali con cadenza mensile Regione Liguria Analisi della numerosità degli infortuni Dati rilevati al 31 gennaio 2017 Nota metodologica Nelle tabelle mensili le totalizzazioni delle denunce di

Dettagli

Tabelle regionali con cadenza mensile. Regione Abruzzo. Analisi della numerosità degli infortuni

Tabelle regionali con cadenza mensile. Regione Abruzzo. Analisi della numerosità degli infortuni Tabelle regionali con cadenza mensile Regione Abruzzo Analisi della numerosità degli infortuni Dati rilevati al 31 luglio 2017 Nota metodologica Nelle tabelle mensili le totalizzazioni delle denunce di

Dettagli

4. ATTIVITA' ECONOMICHE

4. ATTIVITA' ECONOMICHE 4. ATTIVITA' ECONOMICHE Tav. 4.1 - Localizzazioni di imprese attive per settore di attività economica al 31.12.2007 ed al 31.12.2008 ATTIVITA' Agricoltura, caccia e relativi servizi, silvicoltura e utilizzazione

Dettagli

L impegno dell ISFOL in materia di analisi delle professioni e dei fabbisogni Le ultime novità

L impegno dell ISFOL in materia di analisi delle professioni e dei fabbisogni Le ultime novità L impegno dell ISFOL in materia di analisi delle professioni e dei fabbisogni Le ultime novità nuova versione del sito professionioccupazione.isfol.it prima edizione Audit sui fabbisogni professionali

Dettagli

Tabelle regionali con cadenza mensile. Regione Sardegna. Analisi della numerosità degli infortuni

Tabelle regionali con cadenza mensile. Regione Sardegna. Analisi della numerosità degli infortuni Tabelle regionali con cadenza mensile Regione Sardegna Analisi della numerosità degli infortuni Dati rilevati al 30 giugno 2017 Nota metodologica Nelle tabelle mensili le totalizzazioni delle denunce di

Dettagli

Tavola 16.1 - Interscambio commerciale della Puglia - Anni 1994-2004 (dati in migliaia di euro - eurolire fino al 1998)

Tavola 16.1 - Interscambio commerciale della Puglia - Anni 1994-2004 (dati in migliaia di euro - eurolire fino al 1998) Tavola 16.1 - Interscambio commerciale della Puglia - Anni 1994-2004 (dati in migliaia di euro - eurolire fino al 1998) ANNI Interscambio commerciale Esportazioni Var. % Importazioni Var. % Saldi 1994

Dettagli

ATTIVITÀ VALUTATIVE DEL PIANO DELLE VALUTAZIONI DELLA POLITICA REGIONALE UNITARIA Ministero dello Sviluppo Economico DGIAI

ATTIVITÀ VALUTATIVE DEL PIANO DELLE VALUTAZIONI DELLA POLITICA REGIONALE UNITARIA Ministero dello Sviluppo Economico DGIAI ATTIVITÀ VALUTATIVE DEL PIANO DELLE VALUTAZIONI DELLA POLITICA REGIONALE UNITARIA 2007-2013 Ministero dello Sviluppo Economico DGIAI MAPPATURA DELLE IMPRESE INNOVATIVE (sulla base dell indagine CIS-ISTAT):

Dettagli

Tabelle regionali con cadenza mensile. Regione Sicilia. Analisi della numerosità degli infortuni

Tabelle regionali con cadenza mensile. Regione Sicilia. Analisi della numerosità degli infortuni Tabelle regionali con cadenza mensile Regione Sicilia Analisi della numerosità degli infortuni Dati rilevati al 30 giugno 2017 Nota metodologica Nelle tabelle mensili le totalizzazioni delle denunce di

Dettagli

NOTE DEL SERVIZIO ANALISI E FINANZA. La cassa integrazione nel Lazio nel mese di aprile 2011

NOTE DEL SERVIZIO ANALISI E FINANZA. La cassa integrazione nel Lazio nel mese di aprile 2011 NOTE DEL SERVIZIO ANALISI E FINANZA La cassa integrazione nel Lazio nel mese di aprile 2011 A cura di Giaime Gabrielli Giugno 2011 o Analisi e Finanza di Sviluppo Lazio 2 Si riduce nel periodo gennaio-aprile

Dettagli

Tabelle regionali con cadenza mensile. Regione Toscana. Analisi della numerosità degli infortuni

Tabelle regionali con cadenza mensile. Regione Toscana. Analisi della numerosità degli infortuni Tabelle regionali con cadenza mensile Regione Toscana Analisi della numerosità degli infortuni Dati rilevati al 31 ottobre 2016 Nota metodologica Nelle tabelle mensili le totalizzazioni delle denunce di

Dettagli

REGIONE BASILICATA - ANNO 2005 RIEPILOGO PER SETTORE ECONOMICO DELLE IMPRESE ARTIGIANE: "REGISTRATE, ATTIVE, ISCRITTE, CESSATE"

REGIONE BASILICATA - ANNO 2005 RIEPILOGO PER SETTORE ECONOMICO DELLE IMPRESE ARTIGIANE: REGISTRATE, ATTIVE, ISCRITTE, CESSATE REGIONE BASILICATA - ANNO 25 RIEPILOGO PER SETTORE ECONOMICO DELLE IMPRESE ARTIGIANE: "REGISTRATE, ATTIVE, ISCRITTE, CESSATE" Tavola 2.1 : Distribuzion dll Sdi Artigian BASILICATA, Anno 25 DITTE ARTIGIANATO

Dettagli

Tabelle regionali con cadenza mensile. Regione Lombardia. Analisi della numerosità degli infortuni

Tabelle regionali con cadenza mensile. Regione Lombardia. Analisi della numerosità degli infortuni Tabelle regionali con cadenza mensile Regione Lombardia Analisi della numerosità degli infortuni Dati rilevati al 31 maggio 2016 Nota metodologica Nelle tabelle mensili le totalizzazioni delle denunce

Dettagli

DATI STRUTTURALI. Aspetti strutturali dell industria nelle province di Lucca, Pistoia e Prato

DATI STRUTTURALI. Aspetti strutturali dell industria nelle province di Lucca, Pistoia e Prato DATI STRUTTURALI Aspetti strutturali dell industria nelle province n. 6 Ottobre 2016 Confindustria Toscana Nord Pistoia (sede legale), piazza Garibaldi 5 cap 51100 tel. 0573 99171 Lucca, piazza Bernardini

Dettagli

Tabelle regionali con cadenza mensile. Regione Emilia-Romagna. Analisi della numerosità degli infortuni

Tabelle regionali con cadenza mensile. Regione Emilia-Romagna. Analisi della numerosità degli infortuni Tabelle regionali con cadenza mensile Regione Emilia-Romagna Analisi della numerosità degli infortuni Dati rilevati al 30 novembre 2016 Inail - Istituto Nazionale per l'assicurazione contro gli Infortuni

Dettagli

FATTURATO E ORDINATIVI DELL INDUSTRIA

FATTURATO E ORDINATIVI DELL INDUSTRIA 22 maggio 2015 Marzo 2015 FATTURATO E ORDINATIVI DELL INDUSTRIA A marzo il fatturato dell industria, al netto della stagionalità, registra un aumento dell 1,3% rispetto a febbraio, con incrementi sia sul

Dettagli

Avviamenti e cessazioni in provincia di Varese. I trimestre

Avviamenti e cessazioni in provincia di Varese. I trimestre Avviamenti e cessazioni in provincia di Varese Anno 2011 I trimestre aprile 2011 Indice AVVIAMENTI Per tipologia di contratto pag. 1 Per tipologia di contratto e modalità di lavoro pag. 2 Per Centri Impiego

Dettagli

Indice dei prezzi alla produzione dei prodotti industriali

Indice dei prezzi alla produzione dei prodotti industriali 29 maggio 2009 Indice dei prezzi alla produzione dei prodotti industriali Aprile 2009 Nel mese di aprile 2009, sulla base degli elementi finora disponibili, l indice generale dei prezzi alla produzione

Dettagli

Avviamenti e cessazioni in provincia di Varese. III trimestre

Avviamenti e cessazioni in provincia di Varese. III trimestre Avviamenti e cessazioni in provincia di Varese Anno 2011 III trimestre novembre 2011 Indice AVVIAMENTI Per tipologia di contratto pag. 1 Per tipologia di contratto e modalità di lavoro pag. 2 Per Centri

Dettagli

FATTURATO E ORDINATIVI DELL INDUSTRIA

FATTURATO E ORDINATIVI DELL INDUSTRIA 20 febbraio 2013 Dicembre 2012 FATTURATO E ORDINATIVI DELL INDUSTRIA A dicembre il fatturato dell industria, al netto della stagionalità, aumenta dello 0,8% rispetto a novembre, con una crescita dello

Dettagli

Codici Attività. 1. Agricoltura, Foreste, Caccia e Pesca

Codici Attività. 1. Agricoltura, Foreste, Caccia e Pesca Codici Attività 1. Agricoltura, Foreste, Caccia e Pesca 1010 Agricoltura 1020 Zootecnica 1030 Foreste 1040 Caccia e Cattura di animali 105A- Pesca e allevamenti in acque dolci 105B Pesca e allevamenti

Dettagli

CONDIZIONE PROFESSIONALE PREVALENTE ATTUALE (*)

CONDIZIONE PROFESSIONALE PREVALENTE ATTUALE (*) CONDIZIONE PROFESSIONALE PREVALENTE ATTUALE (*) Il presente questionario serve a raccogliere alcune informazioni sulla sua condizione professionale, al momento della compilazione. Tali informazioni saranno

Dettagli

LA PROVINCIA DI REGGIO EMILIA IN CIFRE A cura dell Ufficio Studi

LA PROVINCIA DI REGGIO EMILIA IN CIFRE A cura dell Ufficio Studi LA PROVINCIA DI REGGIO EMILIA IN CIFRE 2010 Popolazione residente per sesso nella provincia di Reggio Emilia, in Emilia Romagna e in Italia 01.01.2010 Maschi Femmine Totale v.a % v.a. % v.a. Reggio Emilia

Dettagli

Indice dei prezzi alla produzione dei prodotti industriali

Indice dei prezzi alla produzione dei prodotti industriali 29 novembre 2010 Indice dei prezzi alla produzione dei prodotti industriali Ottobre 2010 Nel mese di ottobre 2010, sulla base degli elementi finora disponibili, l indice totale dei prezzi alla produzione

Dettagli

I vantaggi del libero scambio

I vantaggi del libero scambio I vantaggi del libero scambio La legge dei vantaggi comparati specializzazione come fondamento del commercio vantaggio assoluto vantaggio comparato I benefici del commercio dovuti al vantaggio comparato

Dettagli

FATTURATO E ORDINATIVI DELL INDUSTRIA

FATTURATO E ORDINATIVI DELL INDUSTRIA 22 gennaio 2015 Novembre 2014 FATTURATO E ORDINATIVI DELL INDUSTRIA A novembre il fatturato dell industria, al netto della stagionalità, registra una flessione dello 0,6% rispetto a ottobre, dovuta ad

Dettagli

Guadagni in deroga e la Mobilità in provincia di Varese

Guadagni in deroga e la Mobilità in provincia di Varese La Cassa Integrazione Guadagni in deroga e la Mobilità in provincia di Varese Anno 2009 Indice Lavoratori inseriti in lista di MOBILITÀ per legge di riferimento pag. 1 CASSA INTEGRAZIONE IN DEROGA Le aziende

Dettagli

FATTURATO E ORDINATIVI DELL INDUSTRIA

FATTURATO E ORDINATIVI DELL INDUSTRIA 20 maggio 2013 Marzo 2013 FATTURATO E ORDINATIVI DELL INDUSTRIA A marzo il fatturato dell industria, al netto della stagionalità, registra una riduzione dello 0,9% rispetto a febbraio, con una diminuzione

Dettagli

Rapporto annuale regionale

Rapporto annuale regionale Rapporto annuale regionale 2014 - Sicilia Appendice statistica Dati rilevati al 31 ottobre 2015 Sommario Tabelle regionali con cadenza semestrale relative agli infortuni 1 Tabelle regionali con cadenza

Dettagli

E OCCUPAZIONE IN PROVINCIA DI VARESE

E OCCUPAZIONE IN PROVINCIA DI VARESE SMAIL Sistema di Monitoraggio Annuale delle Imprese e del Lavoro IMPRESE E OCCUPAZIONE IN PROVINCIA DI VARESE Imprese attive in provincia con ADDETTI Aggiornamento a marzo 2013 2013 Sistema informativo

Dettagli

Capitolo 4. Struttura produttiva

Capitolo 4. Struttura produttiva Capitolo 4 Struttura produttiva Variabili e indicatori utilizzati: Numero di per settori di attività economica Numero di alle per sezioni di attività economica Quoziente di zzazione delle Dimensione media

Dettagli

Indice dei prezzi alla produzione dei prodotti industriali

Indice dei prezzi alla produzione dei prodotti industriali 31 marzo 2010 Indice dei prezzi alla produzione dei prodotti industriali Febbraio 2010 Nel mese di febbraio 2010, sulla base degli elementi finora disponibili, l indice totale dei prezzi alla produzione

Dettagli

ANNUARIO STATISTICO REGIONALE - ASR

ANNUARIO STATISTICO REGIONALE - ASR NEWSLETTER ASR Anno 4 Numero 4 aprile 2006 Direttore editoriale Antonio Lentini Redazione Eleonora Bartoloni Iris Eforti Paolo Longoni Nicolina Marino Antonietta Scala ANNUARIO STATISTICO REGIONALE - ASR

Dettagli

INDAGINE CONGIUNTURALE SULL'INDUSTRIA MANIFATTURIERA. LAZIO Tavole statistiche

INDAGINE CONGIUNTURALE SULL'INDUSTRIA MANIFATTURIERA. LAZIO Tavole statistiche INDAGINE CONGIUNTURALE SULL'INDUSTRIA MANIFATTURIERA LAZIO Tavole statistiche Risultati del IV trimestre 2015 e previsioni per il I trimestre 2016 REGIONE LAZIO Indice delle tavole Tavola 1 Tavola 2 Tavola

Dettagli

Lavoro e retribuzioni nelle grandi imprese

Lavoro e retribuzioni nelle grandi imprese 30 Gennaio 2009 Lavoro e retribuzioni nelle grandi imprese Novembre 2008 L Istituto nazionale di statistica comunica i risultati della rilevazione sull occupazione, gli orari di lavoro e le retribuzioni

Dettagli

Indice dei prezzi alla produzione dei prodotti industriali

Indice dei prezzi alla produzione dei prodotti industriali 28 agosto 2009 Indice dei prezzi alla produzione dei prodotti industriali Luglio 2009 Nel mese di luglio 2009, sulla base degli elementi finora disponibili, l indice totale dei prezzi alla produzione dei

Dettagli

Indice dei prezzi alla produzione dei prodotti industriali

Indice dei prezzi alla produzione dei prodotti industriali 31 gennaio 2011 Indice dei prezzi alla produzione dei prodotti industriali Dicembre 2010 Nel mese di dicembre 2010, sulla base degli elementi finora disponibili, l indice totale dei prezzi alla produzione

Dettagli

Bollettino Mezzogiorno Abruzzo

Bollettino Mezzogiorno Abruzzo Bollettino Mezzogiorno 02 2014 Abruzzo INDICE IL QUADRO MACROECONOMICO 1.1 1.2 Struttura economica ed andamento del Pil in Abruzzo Occupazione e disoccupazione in Abruzzo LE IMPRESE 2.1 Struttura e dinamica

Dettagli

I dati Namea regionali

I dati Namea regionali Workshop Conti Namea regionali delle emissioni atmosferiche Istat, Conti economici nazionali integrati con conti ambientali vetrella@istat.it Roma, 13 ottobre 2009, Istat Finalità principale della Namea

Dettagli

Le dichiarazioni di immediata disponibilità al lavoro in provincia di Varese

Le dichiarazioni di immediata disponibilità al lavoro in provincia di Varese Le dichiarazioni di immediata disponibilità al lavoro in provincia di Varese Anno 2016 IV trimestre febbraio 2017 Indice AVVIAMENTI Per tipologia di contratto pag. 1 Per tipologia di contratto e modalità

Dettagli

Osservatorio PMI Innovative. 1 Report luglio 2017

Osservatorio PMI Innovative. 1 Report luglio 2017 Osservatorio PMI Innovative 1 Report luglio 2017 Analisi delle PMI Innovative iscritte al registro delle imprese 30.06.2017 Premessa L analisi è relativa all elenco di PMI innovative pubblicato dal Ministero

Dettagli

PROVINCIA DI VERONA. POPOLAZIONE RESIDENTE Var % /06

PROVINCIA DI VERONA. POPOLAZIONE RESIDENTE Var % /06 PROVINCIA DI VERONA TERRITORIO SUPERFICIE TERRITORIALE...Kmq 3.121 ZONE ALTIMETRICHE Montagna......Kmq 589 Collina.... Kmq 715 Pianura...... Kmq 1.818 Fonte: Istat Pianura 58,2% Montagna 18,9% Collina

Dettagli

Settore Formazione, Lavoro, Sviluppo Economico e Turistico Servizio Crisi Aziendali

Settore Formazione, Lavoro, Sviluppo Economico e Turistico Servizio Crisi Aziendali Settore Formazione, Lavoro, Sviluppo Economico e Turistico Servizio Crisi Aziendali Sintesi Statistica 1 Semestre 2013 In questa sintesi vengono riportati i dati afferenti le procedure di Cassa Integrazione

Dettagli

RIEPILOGO INDICATORI MARCHE: LE ESPORTAZIONI

RIEPILOGO INDICATORI MARCHE: LE ESPORTAZIONI RIEPILOGO INDICATORI MARCHE: LE ESPORTAZIONI Dicembre 2015 Esportazioni delle regioni italiane gennaio- settembre (valori assoluti, composizione e variazioni %) Ripartizioni e regioni 2014 2015 2014/2015

Dettagli

Bollettino Mezzogiorno Sardegna

Bollettino Mezzogiorno Sardegna Bollettino Mezzogiorno 02 2014 Sardegna INDICE IL QUADRO MACROECONOMICO 1.1 1.2 Struttura economica ed andamento del Pil in Sardegna Occupazione e disoccupazione in Sardegna LE IMPRESE 2.1 2.2 Struttura

Dettagli

Bollettino Mezzogiorno Calabria

Bollettino Mezzogiorno Calabria Bollettino Mezzogiorno 01 2017 Calabria INDICE IL QUADRO MACROECONOMICO 1.1 Struttura economica ed andamento del Pil in Calabria 1.2 Occupazione e disoccupazione in Calabria LE IMPRESE 2.1 Struttura e

Dettagli

Carta, Editoria, Stampa e Trasformazione: i dati della filiera

Carta, Editoria, Stampa e Trasformazione: i dati della filiera Carta, Editoria, Stampa e Trasformazione: i dati della filiera Alessandro Nova Università itàl. Bocconi Roma, 15 febbraio 2012 Filiera della carta 2012 Alessandro Nova 1 La filiera della carta, editoria,

Dettagli

FATTURATO E ORDINATIVI DELL INDUSTRIA

FATTURATO E ORDINATIVI DELL INDUSTRIA 19 luglio 2013 Maggio 2013 FATTURATO E ORDINATIVI DELL INDUSTRIA A maggio il fatturato dell industria, al netto della stagionalità, registra un incremento dello 0,1% rispetto ad aprile, con una variazione

Dettagli

C e n t. r o. t u d i RIEPILOGO INDICATORI MARCHE LE ESPORTAZIONI

C e n t. r o. t u d i RIEPILOGO INDICATORI MARCHE LE ESPORTAZIONI C e n t RIEPILOGO INDICATORI MARCHE LE ESPORTAZIONI r o S Settembre 2017 t u d i Esportazioni delle regioni italiane gennaio-giugno (valori assoluti, composizione e variazioni %) Ripartizioni e regioni

Dettagli

Il Fondo di garanzia per le PMI. (Legge 662/1996, art. 2 comma 100, lett. a)

Il Fondo di garanzia per le PMI. (Legge 662/1996, art. 2 comma 100, lett. a) Il Fondo di garanzia per le PMI (Legge 662/1996, art. 2 comma 1, lett. a) Report mensile I risultati al 31 dicembre 214 1 19 Indice 1. Le domande presentate... 3 1.1 Le domande presentate nel periodo 1

Dettagli

Bollettino Mezzogiorno Campania

Bollettino Mezzogiorno Campania Bollettino Mezzogiorno 01 2017 Campania INDICE IL QUADRO MACROECONOMICO 1.1 Struttura economica ed andamento del Pil in Campania 1.2 Occupazione e disoccupazione in Campania LE IMPRESE 2.1 Struttura e

Dettagli

Bollettino Mezzogiorno Abruzzo

Bollettino Mezzogiorno Abruzzo Bollettino Mezzogiorno 01 2017 Abruzzo INDICE IL QUADRO MACROECONOMICO 1.1 Struttura economica ed andamento del Pil in Abruzzo 1.2 Occupazione e disoccupazione in Abruzzo LE IMPRESE 2.1 Struttura e dinamica

Dettagli

Internazionalizzazione delle imprese

Internazionalizzazione delle imprese Internazionalizzazione delle imprese italiane: contesto ed opportunità 24 Febbraio 2015 Business Analysis Pio De Gregorio, Responsabile Anna Tugnolo, Senior Analyst Dopo un 2013 difficile, le esportazioni

Dettagli

Avviamenti e cessazioni in provincia di Varese

Avviamenti e cessazioni in provincia di Varese Avviamenti e cessazioni in provincia di Varese Anno 2014 II trimestre agosto 2014 Indice AVVIAMENTI Per tipologia di contratto pag. 1 Per tipologia di contratto e modalità di lavoro pag. 2 Per Centri Impiego

Dettagli

Bollettino Mezzogiorno Basilicata

Bollettino Mezzogiorno Basilicata Bollettino Mezzogiorno 02 2017 Basilicata INDICE IL QUADRO MACROECONOMICO 1.1 Struttura economica ed andamento del PIL 1.2 Occupazione e disoccupazione LE IMPRESE 2.1 Struttura e dinamica imprenditoriale

Dettagli

Bollettino Mezzogiorno Basilicata

Bollettino Mezzogiorno Basilicata Bollettino Mezzogiorno 02 2014 Basilicata INDICE IL QUADRO MACROECONOMICO 1.1 1.2 Struttura economica ed andamento del Pil in Basilicata Occupazione e disoccupazione in Basilicata LE IMPRESE 2.1 Struttura

Dettagli

Imprese importatrici ed esportatrici in Emilia-Romagna. Anno 2013

Imprese importatrici ed esportatrici in Emilia-Romagna. Anno 2013 Direzione generale centrale Organizzazione, Personale, Sistemi Informativi e Telematica Servizio statistica e informazione geografica Imprese importatrici ed esportatrici in Emilia-Romagna. Anno 20 Bologna,

Dettagli

Numero Imprese del Ramo INDUSTRIE MANIFATTURIERE per Sezione e Divisione di attività

Numero Imprese del Ramo INDUSTRIE MANIFATTURIERE per Sezione e Divisione di attività Industrie alimentari e delle bevande Produzione, lavorazione e conservazione di carne e di prodotti a base di carne 1 Lavorazione e conservazione di frutta e ortaggi 2 Produzione di oli e grassi vegetali

Dettagli

Bollettino Mezzogiorno Basilicata

Bollettino Mezzogiorno Basilicata Bollettino Mezzogiorno 01 2016 Basilicata INDICE IL QUADRO MACROECONOMICO 1.1 Struttura economica ed andamento del Pil 1.2 Occupazione e disoccupazione LE IMPRESE 2.1 Struttura e dinamica imprenditoriale

Dettagli

Cassa Integrazione in Deroga

Cassa Integrazione in Deroga Cassa Integrazione in Deroga (Analisi dati al 3 Novembre 2016) Dal 4 maggio 2009 al 3 Novembre 2016 sono pervenute c/o il Settore lavoro della Regione Toscana 81.381 richieste di autorizzazione alla CIG

Dettagli

COMMERCIO CON L ESTERO

COMMERCIO CON L ESTERO 16 aprile 2012 Febbraio 2012 COMMERCIO CON L ESTERO A febbraio si rileva un aumento dello 0,1% rispetto al mese precedente per le esportazioni, determinato da una crescita dello 0,5% delle vendite verso

Dettagli

Occupati - Totale economia livello, migliaia

Occupati - Totale economia livello, migliaia VALLE D AOSTA Le previsioni al 215: impiego di lavoro Nel corso del periodo 28-215 1, la Valle d Aosta sperimenterà una dinamica occupazionale positiva. L incremento medio annuo sarà dello.9 per cento,

Dettagli

Avviamenti e cessazioni. in provincia di Varese. Anno effettuati da aziende con sede. IV trimestre

Avviamenti e cessazioni. in provincia di Varese. Anno effettuati da aziende con sede. IV trimestre Avviamenti e cessazioni effettuati da aziende con sede in provincia di Varese Anno 2015 IV trimestre marzo 2016 Indice AVVIAMENTI Per tipologia di contratto pag. 1 Per tipologia di contratto e modalità

Dettagli

SMAIL. Sistema di Monitoraggio Annuale delle Imprese e del Lavoro IMPRESE E OCCUPAZIONE IN BASILICATA

SMAIL. Sistema di Monitoraggio Annuale delle Imprese e del Lavoro IMPRESE E OCCUPAZIONE IN BASILICATA SMAIL Sistema di Monitoraggio Annuale delle Imprese e del Lavoro IMPRESE E OCCUPAZIONE IN BASILICATA Maggio 2012 AVVERTENZE Il presente report contiene una selezione dei principali risultati dell'attività

Dettagli