OfficeServ V4.6x Guida alle Funzioni

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "OfficeServ V4.6x Guida alle Funzioni"

Transcript

1 OfficeServ V4.6x Guida alle Funzioni This is official SEC document created, registered, and circulated according to the following SEC corporate-wide technical document management regulations DHQ2-0021K.

2

3 Guida ai Nuovi Servizi V4.60 Edizione Nr. Data Autore Dettagli 00 19/09/2011 Songun Na First Edition 01 06/10/2011 Songun Na Some sections are added (R4.2, R5.2, R13.6, R13.8) 02 28/11/2011 Songun Na R5 is modified 03 02/12/2011 Songun Na R Malicious Call Restriction is added 04 19/12/2011 Songun Na R Malicious Call Restriction is modified 05 19/01/2012 Songun Na R9.4, R9.5, and R7.1 are modified 06 03/02/2012 Songun Na R1.4, R and R are modified 07 16/02/2012 Songun Na R6 and R13.2 are modified 08 20/02/2012 Songun Na R13.4 telnet port information is added 09 15/03/2012 Songun Na R1.3, R13.1, R13.2 and R3.5 is modified. R7.4 is added. Chapter 4. Considerations is added 10 03/04/2012 Songun Na R3.8, R4.2, R9.2 e R13.3 are modified 11 08/02/2013 EungzuHyan gnae Park EZ Kim 2.4 DM (V4.64) consideration is added. R3 is modified. (WE VoIP client) R14 & R15 are added. (New features of V4.64) Hyangnae 12 18/03/2013 park EZ Kim 2.4 DM (V4.65) consideration is added R3 is modified. (WE VoIP client) R14&R15 are added. (New features of V4.65) Sistemi OfficeServ serie 7000 pagina I

4 Indice dei Contenuti 1. Introduzione Obiettivo Scopo Considerazioni Compatibilità Aggiornamento Pacchetto principale LP Installation Tool Scheda CNF24 e prompt Device Manager Considerazioni DM (V4.65) Configurazione NAT Licenze Tutorial Descrizione OfficeServ V4.6x OfficeServ V4.6x Novità OfficeServ v4.6x R1. La nuova VM/AA R1.1. Interfaccia IP R1.2. Fax to mail R1.3. Gestione da Web browser R1.4. Crittazione SSL/TLS attivabile per il servizio Gateway R1.5. Upload di messaggi vocali in formato wav R1.6. Espansione capacità di memorizzazione R2. Schede Utenti Analogici Generatore di chiamata sinusoidale integrato Ricevitore DTMF integrato Generatore CID integrato Considerazioni Limitazioni Impostazioni pagina II Sistemi OfficeServ serie 7000

5 4.3 R3. WE VoIP Client Panoramica Configurazione WE VoIP R3.2. La funzione Muovi R3.4. Servizio Selezione Remota R3.4 Collegamento e visualizzazione VM R3.5 Funzione DISA R3.6 Deviazione R3.7. Trasferta Veloce (A Cellulare) R3.8. Instradamento Intelligente R4. Gestione avanzata dei canali MGI R4.1. Servizio RBT (RTG) R4.2. Hybrid Voice Paging R5. Miglioramento PnP (Plug & Play) R5.1. Modalità PnP R5.2 Aggiornamento dei telefoni IP R6. OfficeServ Device Manager Interfaccia WEB Visualizzazione Statistiche di sistema Eseguibile per PC Limiti Impostazioni Funzionalità Modificate R7. Miglioramento della Sicurezza R7.1. TLS per la segnalazione SIP R7.2. Supporto srtp R7.3. Migliorie a vulnerabilità di sicurezza R7.4. Modifica credenziali registrazione dei client SIP R8. Servizi Urbane SIP avanzati R8.1. Supporto alla registrazione di più gestori SIP R8.2. Miglioria al messaggio SIP visualizzato R8.3. Funzionalità VBD (Voice Band Data) R8.4. Opzione Privacy per chiamate uscenti su linee SIP R8.5. VoIP Tandem tra linee SIP R8.6. Scelta del codec per linee SIP R9. Ottimizzazione servizi Mobex R9.1. Funzionalità Call back per le chiamate MOBEX R9.2. Programmazione MOBEX R9.3. MOBEX Occupato R9.4. Selezione tipologia di chiamate per il MOBEX Sistemi OfficeServ Serie 7000 pagina III

6 4.9.5 R9.5. Suoneria CLI per MOBEX R9.6. Aggiornamento visualizzazione funzionalità MOBEX R10. Integrazione con soluzioni di terze parti Requisiti funzionali Limitazioni Impostazioni R11. CNF24 Fase R11.1 Outlook 2010 Interworking R11.2 Procedura Ritenta per l inserimento dell ID e Password Conferenza R11.3 Lingue dei Messaggi Vocali R11.4 Template della Mail R11.5 Fuso Orario R11.6 Opzioni Kick Out R11.7 Ricerca interni quando si prenota una conferenza R11.8 Istruzioni utilizzo conferenza R11.9 Indirizzo di posta elettronica del mittente R11.10 Stato Porte CNF R11.11 Ora Legale R11.12 Prenotazione giornaliera PWP R11.13 Indirizzo posta elettronica utente R12. OfficeServ NMS V1.61 (servizio futuro) R13. Nuove Funzionalità della V4.6x R13.1. Invio messaggio di errore via mail R13.2. Rubrica telefonica/calendario Unificato R13.3. Allarme di Errore Urbana SIP R13.4. Supporto del collegamento Telnet ai log di sistema R13.5. Variazione valori di default R13.6. Supporto Client NTP R13.7. Distinzione Porte Urbane SIP e Porte Peering SIP R13.8. Buffer SMDR (MP10a, MP20S) R13.9. Numero massim0 di chiamate DDI per Ring Plan R Numero Massimo di chiamate in attesa R Restrizione chiamate indesiderate Nuove Funzionalità WE VoIP della V Servizio CID unico per WE VoIP Supporto E164 per WE VoIP Miglioramento Provisioning WE VoIP Nuove Funzionalità Sicurezza della v Accesso altamente protetto IP White List pagina IV Sistemi OfficeServ serie 7000

7 Nuove funzionalità VM/AA Rubrica: Ricerca per nome Unconditional ringing for SIP stations Supporto messaggi SIP su display Campo TOS impostazioni SIP Header SIP Privacy Variazione valori di default SIP call waiting Mappa Sviluppo Funzionalità Sistemi OfficeServ Serie 7000 pagina V

8 Abbreviazioni ed Acronimi AES AP ARIA BRI CLIP CLIR CNF24 DGP DLI ECC IP IP Phone LAN MGI MMC NAT/PAT NMS NTP PRI PSTN RBT RTG SDP SIP SLI SP srtp SSL TLS VoIP WE VoIP Advanced Encryption Standard Access Point Academy, Research Institute, Agency Basic Rate Interface Calling Line Identification Presentation Calling Line Identification Restriction 24 channel Conference Bridge Card DiGital Phone Digital Line Interface Elliptic Curve Cryptography Internet Protocol Internet Protocol Interface Phone Local Area Network Media Gateway Interface Module Multi Media Card Network/Port Address Translation Network Management System Network Time Protocol Primary Rate Interface Public Subscriber Telecommunication Network Ring Back Tone Real-Time Tone Generator Session Description Protocol Session Initiation Protocol Single Line Telephone Interface Signalling Process secure Real Time Protocol Secure Sockets Layer Transport Layer Security Voice over Internet Protocol Wireless Enterprise Voice over Internet Protocol pagina VI Sistemi OfficeServ serie 7000

9 1. Introduzione 1.1 Obiettivo Questo manuale si propone di dare una descrizione dettagliata delle nuove funzionalità relative all aggiornamento firmware v4.65 dei sistemi Samsung OfficeServ Serie Scopo Far conoscere e facilitare l utilizzo dei nuovi servizi OfficeServ Sistemi OfficeServ Serie 7000 pagina 1

10 2. Considerazioni Prima di aggiornare alla versione 4.60 si consiglia di considerare il contenuto di questo documento. 2.1 Compatibilità 1. Compatibilità tra i pacchetti software MP20/MP40 e LCP/LP40 - Le vecchie versioni del firmware MP20/MP40 sono compatibili con l ultima versione LCP/LP40. - Le vecchie versioni di LCP/LP40 sono compatibili con l ultima versione MP20/MP40. - Per il corretto utilizzo delle funzionalità della v4.65 sono necessarie: MP20/MP40 v4.60 o superiore LCP: v4.30 o superiore LP40: v2.00 o superiore 2. Le Nuove Schede - Per il corretto utilizzo delle schede SVMI20i, 16SLI3, 8SLI3 e 8Combo3 sia la MP20/MP40 che la LCP/LP40 dovrebbero essere aggiornate all ultima versione del firmware (MP20/MP40 V4.60, LCP V4.30 e LP40 V2.00). 3. Compatibilità DB - Il database V4.60 non è compatibile con quelli delle versioni precedenti. - Prima di eseguire l aggiornamento a V4.60 è necessario scaricare il database del sistema utilizzando DM. - Dopo l aggiornamento alla V4.60 o superiore, caricare il database precedente utilizzando DM. 4. Compatibilità con Java - DM, con la V4.65, per il corretto funzionamento necessita l installazione di Java6. Se sul PC è già presente una versione Java diversa o LDK, allora questi devono essere disinstallati per poi installare Java6. Il software Java6 è reperibile al seguente link: 2.2 Aggiornamento Pacchetto principale Ci sono alcuni cambiamenti e restrizioni nel processo di aggiornamento del pacchetto MP. 1) Restrizione aggiornamento del MP40/MP20 - Il firmware V4.60 della scheda MP40 e MP20 non può essere installato usando DM o IT se sul sistema è presente un firmware precedente, in quanto il pacchetto V4.60 ha una dimensione di 20 MBytes, dimensione che i firmware precedenti non riescono a gestire. Di conseguenza pagina 2 Sistemi OfficeServ serie 7000

11 l aggiornamento va effettuato caricando direttamente sulla scheda SD il pacchetto firmware V4.60. Consultare p.to 7 per maggiori informazioni. 2) Modifica nella procedura di aggiornamento DM per i sistemi MP20s/MP10a e OS Nel caso dei sistemi MP20s, MP10a e 7030, i file osdm.jar, osdmhelp.jar sono stati aggiunti separatamente al pacchetto software come indicato di seguito. Devono essere copiati manualmente un totale di 9 file sulla scheda SD. <Prima> ap1av460.pkg, cs1av440.pkg, dr1av460.pkg, ms1av460.pkg, rd1av460.pkg, rt1av460.pkg, ws1av460.pkg <Attualmente> ap1av460.pkg, cs1av440.pkg, dr1av460.pkg, ms1av460.pkg, rd1av460.pkg, rt1av460.pkg, ws1av460.pkg, osdm.jar, osdmhelp.jar - Samsung raccomanda vivamente di aggiornare i sistemi OfficeServ alla versione 4.60 tramite DM anche se è possibile aggiornare i sistemi MP20s/MP10a/7030 da firmware precedenti utilizzando IT. - Aggiornando utilizzando IT, non verrà creata la cartella DM. Conseguentemente non si potrà accedere ad OfficeServ utilizzando DM via accesso web. In questo caso è comunque possibile utilizzare DM in modalità stand alone. - Se si desidera utilizzare DM attraverso la connessione web bisogna caricare manualmente i file DM (osdm.jar, osdmhelp.jar), inclusi in ogni pacchetto DM Stand Alone (fornito come file *. Zip). ATTENZIONE: La funzionalità SIP Exclusive nel menu DM con v4.60 è stata migliorata. Questa opzione è stata aggiunta nella v4.42 e si può abilitare o disabilitare. Abilitando la funzione, (rifiuta un messaggio SIP da un IP non autorizzato coi menu MMC833 and MMC837), si può prevenire che delle chiamate SIP non autorizzate passino nel sistema OS via SIP trunk o SIP peering. In V4.60, il nome è cambiato da SIP Exclusive a Comm Exclusive ed un altra opzione è stata aggiunta: no response. In aggiunta, i sistemi OS bloccano gli indirizzi IP per un determinato periodo di tempo se da questi indirizzi provengono ripetuti tentativi di registrazione SIP effettuati con ID o Password errata. È possibile impostare Nessuna/Risponde per OS7200/7200s/7100/7030. Sistemi OfficeServ Serie 7000 pagina 3

12 Nome Funzione Valore È possibile impostare Nessuna/Risponde/NonRisponde per OS7400. V4.42 a V4.60 Azione V4.5x SIP Comm Exclusive Exclusive Disabilitato Sistema OS fa passare tutte le chiamate Nessuna (Default) SIP Il sistema OS non permette che le Risponde (Valore chiamate SIP provenienti da IP non Abilitato di default per autorizzati passino via SIP trunk/peering. MP20/20s/10a/03) Risponde inviando il messaggio di errore 403 forbidden Il sistema OS ignora tutti i messaggi SIP provenienti da IP non autorizzati e blocca questi indirizzi IP. Non Risponde Inoltre, i sistemi OS bloccano gli indirizzi -Solo MP40; IP per un determinato periodo di tempo - -Valore di default ( Common MSG Block T.) se da per MP40 questi indirizzi provengono ripetuti tentativi di registrazione SIP effettuati con ID o Password errata ( Register MSG Block T. Register Retry L.). Controlli per il protocollo SIP: una chiamata entrante fallisce dopo l aggiornamento da una versione precedente a V4.60 Controllo 1) DM (MMC833) - È necessario inserire indirizzo IP entrante ed Informazioni Utente - Il valore di Informazioni Utente deve essere identico a quello presente nel sistema remoto. Controllo 2) DM (MMC603) - Impostare il gruppo di urbane SIP e l opzione ISP Selection a Peering. pagina 4 Sistemi OfficeServ serie 7000

13 2.2.2 LP40 - MP40 dovrebbe essere aggiornata alla V4.60 prima di aggiornare la scheda LP40 a V2.00 perche solo i firmware v4.60 o superiori possono riconoscere il nome dei file LP40. - Il nome del pacchetto LP40 package è cambiato da LP4xxxxx.PGM a SP4xxxxx.PGM. - Il nuovo pacchetto LP40, SP40V200.PGM contiene sia il file di bootrom che il software. L aggiornamento della scheda LP40 alla v2.00 da una versione precedente necessita di un tempo di circa 13 minuti (i primi 7 minuti per l aggiornamento del software di bootrom) Installation Tool - IT è obsoleto e non è stato rilasciato per la v4.60 o superiori. Nonostante questo, è ancora possibile importare/esportare database creati precedentemente Scheda CNF24 e prompt - Aggiornamento CNF24 La scheda conferenze CNF24 si aggiorna facilmente utilizzando DM. 1 Collegarsi al sistema OS tramite DM. 2 Selezionare Strumenti > Aggiornamento Pacchetto 3 Selezionare la scheda CNF24, impostando il flag su Seleziona. 4 Selezionare il percorso del pacchetto di aggiornamento in corrispondenza della voce Update File. 5 Selezionare Invia per iniziare la procedura di aggiornamento con il nuovo firmware. - I prompt CNF24 1 Dal firmware V4.60 il numero di lingue dei prompt è stato portato a 17. È quindi necessario caricare nuovi file di prompt. 2 Con l eccezione dell USA, Corea, Russia, Italia e Spania, per gli altri paesi sono utilizzati i prompt in Inglese UK. 3 Caricare i prompt nel percorso : /mnt/nand0/prompt/ tramite connessione FTP. (ID: admin, PW: samsung) 1. Impostazioni funzionalità della scheda SVMi-20i - Tramite DM si può facilmente configurare e gestire le funzionalità della scheda SVMi-20i. Per fare questo bisogna impostare l indirizzo IP, Gateway e Subnet Mask in DM , Scheda SVMi-20i. - La scheda SVMi-20i si aggiorna facilmente utilizzando DM.: 1 Collegarsi al sistema OS tramite DM. 2 Selezionare Strumenti > Aggiornamento Pacchetto 3 Selezionare la scheda SVMi-20i, impostando il flag su Seleziona. Sistemi OfficeServ Serie 7000 pagina 5

14 4 Selezionare il percorso del pacchetto di aggiornamento in corrispondenza della voce Update File. 5 Selezionare Invia per iniziare la procedura di aggiornamento con il nuovo firmware Per più informazioni riguardanti l aggiornamento della SVMi-20i consultare il manuale Guida Utente alla sezione Aggiornamento Firmware (Pagina 2-10 e 2-11). 2. Backup VM/AA precedenti a V4.60 dell OfficeServ 7100/7030/7200Lite e ripristino - Normalmente non c è bisogno di creare un back-up del VM/AA nel processo di aggiornamento del firmware alla versione 4.60 in quanto il database non viene alterato. - È raccomandato considerare la possibilità di effettuare un backup se si desidera inizializzare il sistema o copiare il DB su un altro sistema. - Usando l interfaccia web management VM/AA, creare un backup dal menu Generale/BackUp and Restore (operazione non supportata in DM). - Per ripristinare un vecchio database o creare un punto di ripristino sulla nuova versione del firmware (V4.60), bisogna selezionare da DM Utilità Operative, Backup e ripristino. 3. File Certificazioni in MP40/MP20 - Bisogna copiare i file di certificazione sulla scheda SD. Questi files sono necessari per i flussi HTTP/HTTPS/TLS usati da DM, Selezione Remota, Click-to-Dial. - Decomprimere i pacchetti MP40 e MP20 sul PC e copiare il contenuto decompresso sulle schede SD relative ai vari sistemi. I pacchetti MP20/MP40 contengono tutti i file e le cartelle necessari, descritti di seguito. - Di seguito viene indicata la procedura di sostituzione dei file di certificazione, se rilasciati separatamente dal pacchetto firmware MP40/MP20. 1 Creare la cartella certification sulla SD. 2 Creare le sottocartelle mvs e single nella cartella certification. 3 Copiare i file cacert.pem, mycert.pem and myprvkey.pem nelle cartelle mvs and single. Assicurarsi di copiare i contenuti nelle cartelle omonime senza mescolare i file, in quanto, pur avendo nomi uguali, i contenuti differiscono. 4 Copiare il contenuto della cartella single nella cartella radice (root). Di seguito si può visualizzare un esempio della struttura di file e cartelle del pacchetto MP40/20 sulla SD. pagina 6 Sistemi OfficeServ serie 7000

15 <Root> <Certification> < Selezione Remota > <SINGLE> - Non è necessario fare quanto descritto sopra per i sistemi 7100, 7200s, Sono già inclusi nei corrispondenti pacchetti di aggiornamento. 2.3 Device Manager 1. Per lanciare DM (in locale) - Decomprimere il file zip "DM(AAMMGG)_V4.60.zip" - Eseguire "osdm.exe" 2. Caricare il pacchetto DM sulla SD (eccezione 7030) con V Decomprimere i pacchetti di aggiornamento sul PC e copiare i file e le cartelle sulla scheda SD. Tutti i file DM sono già presenti nella cartella DM. Di seguito viene indicata la procedura per caricare DM sui sistemi, se rilasciato separatamente dal pacchetto di aggiornamento. - Utilizzando DM in locale: Eseguire "osdm.exe" Selezionare Strumenti -> Quick File Control Inserire indirizzo IP del sistema OS Sistemi OfficeServ Serie 7000 pagina 7

16 4 MP40/MP20 : Caricare "osdm.jar", "osdmhelp.jar", osdm.jnlp e osdm_public.jnlp MP20s/MP10a/MP11/7030 : Caricare "osdm.jar" e "osdmhelp.jar" - Copiando direttamente i file "osdm.jar", "osdmhelp.jar", osdm.jnlp e osdm_public.jnlp in "/dm" sulla scheda SD. Non è possibile fare quanto descritto sopra per i In questo caso DM è già incluso nel pacchetto di aggiornamento. 3. Scaricare DM tramite il web browser MP20 MP40 MP20s OS7100 OS7070 OS7030 Rete Locale http(s)://system IP/dm/ http(s)://system IP V4.60 Rete Pubblica http(s)://system IP http(s)://system IP/dmp/ http(s)://system IP/dm_public/ 4. Per collegarsi a PWP tramite il browser web - URL : http(s)://+ip+/pwp/ 2.4 Considerazioni DM (V4.65) 1) Compatibilità con Java DM(V4.65) è compatibile soltanto con Java6. Se sul sistema è installata una versione Java7 o JDK deve essere disinstallata prima di installare Java 6. Java6 è scaricabile dal link indicato di seguito. 2) DM richiederà agli utenti il cambio della password di default, 3) Sulla pagina di login DM è stata aggiunta l opzione Encryption. - OfficeServ V4.65 : Disattivare l opzione encryption per accedere al sistema. - OfficeServ V4.65 : Attivare l opzione encryption per accedere al sistema. 4) Le nuove opzioni di sicurezza della v4.65 non permettono più alle versioni DM precedenti di accedere ai sistemi. pagina 8 Sistemi OfficeServ serie 7000

17 2.5 Configurazione NAT È necessario configurare il NAT nelle seguenti situazioni. I telefoni SMT che si vogliono raggiungere si trovano in una rete lan remota. DM viene utilizzato per collegarsi a OfficeServ da remoto, anche in VM. Collegamento remoto Telnet ai sistemi OS7200s/7100/7070/7030. Fare riferimento alla tabella seguente. Module Servizio Protocollo Porta Nota MP MGI16 MGI64 OAS CNF24 SIP UDP/TCP 5060 TCP 5061 H.323 TCP 1720 UDP 1719 SPNET TCP Segnalazione UDP ITP 9000 RTP TCP 5180 Phone book WIP UDP 8000, 8001 Selezione Remota TCP 9012 Config TCP 5090,5091 FTP TCP 21 DM Dati TCP 5090 File Control TCP 5003 IT Tool TCP 5090, 5091 Controllo VM TCP 6001, 6002 Telnet TCP 5030 (*) Telnet TCP 23 (**) MGI UDP 30000~ (2*CanaliAudio -1) MPS UDP 40000~ (2*CanaliAudio -1) RTG UDP ~ (2*CanaliAudio-1) ~ (2*CanaliAudio - Conferenza UDP 1) FTP TCP 21 Porta Aggiornamento TCP Sistemi OfficeServ Serie 7000 pagina 9

18 Module Servizio Protocollo Porta Nota Controllo VM TCP 6001,6002 SVMi- 20i VM UDP ~ (2*CanaliAudio - 1) FTP TCP 21 Porta Aggiornamento TCP (*) OS7200s/7100/7030: Per ricezione log di macchina (**) OS7200s/7100/7030: Per connessione da remoto al processore (attivare NAT con cautela) OS7200/7400: Per ricezione log di macchina e per connessione da remoto al processore (attivare NAT con cautela) 2.6 Licenze Tutorial Con la versione OS V4.60, le licenze tutorial sono state aggiornate come indicate di seguito: - Limiti di tempo Dal momento dell attivazione, la licenza tutorial è disponibile per 60 giorni. I firmware precedenti alla v4.60 includevano una licenza tutorial di 14 giorni. - Disponibilità canali Abilitando la licenza tutorial, sono disponibili un numero variabile di risorse, in funzione del sistema OfficeServ utilizzato. Fare riferimento al documento Capacità Sistemi OfficeServ per avere più informazioni. [MAX] canali VM [MAX] canali MGI [MAX] canali AA [MAX] canali FAX [MAX] utenti MOBEX Executive [MAX] telefoni Softphone [MAX] urbane H.323 [MAX] urbane SIP [MAX] telefoni SIP Samsung [MAX] telefoni SIP terze parti [MAX] Applicazioni SIP Samsung [MAX] telefoni WE VoIP SIP [MAX] telefoni Selezione Remota SIP pagina 10 Sistemi OfficeServ serie 7000

19 [MAX] telefoni IP [MAX] telefoni WiFi [MAX] Call Managers [MAX] canali CNF24 SPNET attivo Sistemi OfficeServ Serie 7000 pagina 11

20 3. Descrizione OfficeServ V4.6x 3.1 OfficeServ V4.6x OfficeServ v4.6x è il software di aggiornamento dei sistemi OfficeServ. Funzionalità principali: Nuova VM, scheda SLI3, Mobile client, miglioramento gestione risorse MGI, PnP per installazione telefoni IP, miglioramento sicurezza (TLS, srtp), miglioramento gestione risorse SIP Trunk, negoziazione H.264 e supporto DTMF per telefoni SIP. 4. Novità OfficeServ v4.6x In questo capitolo sono descritte in dettaglio le nuove funzionalità del sistema. 4.1 R1. La nuova VM/AA R1.1. Interfaccia IP - E stata sviluppata una nuova scheda Voice Mail e Automated-Attendant, conforme alle ultime novità tecnologiche e di servizi. La nuova scheda si chiama SVMi-20i. - La nuova scheda VM/AA è sviluppata su una piattaforma hardware/software simile a quella utilizzata nei sistemi basati su sistema operativo Linux, tipo OS 7030, OS 7100 e OS 7200Lite. - Per ogni connessione IP sono utilizzati 2 canali DSP, questa soluzione garantisce il monitor dei toni/suoni gestiti dall apparato (tono di chiamata Fax, rilevazione tono di risposta fax, rilevazione del silenzio, rilevazione dei toni DTMF in banda) - Contrariamente alla scheda SVMi-20E, la nuova SVMi-20i non utilizza canali MGI per comunicare con i telefoni IP e con le linee IP, con conseguente risparmio in termine di risorse. - Al fine di migliorare l affidabilità, in caso di interruzione del collegamento alla porta LAN della SVMi-20i (per esempio in caso di assenza del collegamento, mancata impostazione dell indirizzo IP, conflitto IP), saranno utilizzate le risorse MGI come già avviene per la SVMi-20E. 2) Limitazioni - La scheda è utilizzabile sui sistemi OS 7200(MP20) e OS 7400(MP40). - E ammessa una sola scheda per sistema. (Stesso limite di SVMi-20E) - SVMi-20i permette fino a 20 canali fonici. L utilizzo del protocollo di crittazione srtp limita le porte disponibili a 16 unità. - In alcune casistiche di traffico (ad esempio VMMOH, VMAME ed OHVA) saranno pagina 12 Sistemi OfficeServ serie 7000

21 comunque utilizzati i canali MGI in quanto funzioni che richiedono il servizio di conferenza. 3) Impostazioni - Impostazione indirizzo IP L indirizzo IP della scheda si imposta con KMMC 873 o DM (Device Manager) Differentemente dalla precedente SVMi-20E, se la scheda SVMi-20i è spostata in un altro sistema, l indirizzo assegnatole cambia conformemente a quanto configurato in KMMC 873 o DM del nuovo sistema. - Opzioni DSP Al fine di interfacciare telefoni o linee IP, sono stati aggiunti i parametri di configurazione DSP, simili a quelli della scheda MGI. Questi parametri sono disponibili via KMMC 835 o DM Sistemi OfficeServ Serie 7000 pagina 13

22 - Opzioni srtp (Protocollo crittazione della trama voce) SVMi-20i supporta l algoritmo AES. L algoritmo ARIA è riservato alla Corea. Quando tutte le porte utilizzano srtp la scheda funziona con massimo 16 canali fonici. srtp si imposta via MMC 835 o DM e, si abilita il tipo di algoritmo supportato in MMC 861 o DM pagina 14 Sistemi OfficeServ serie 7000

23 Sistemi OfficeServ Serie 7000 pagina 15

24 4.1.2 R1.2. Fax to mail 4) Descrizione - La nuova scheda SVMi-20i supporta il servizio Fax Mail/Fax su richiesta nella stessa modalità prevista nella scheda SVMi-20E. - Le porte Fax coesistono con le porte voce, non sono porte dedicate al servizio fax. - L utilizzo delle porte fax è abilitato da una specifica licenza software da inserire nel campo Risorse della DM (MMC 860). 5) Impostazioni - Licenze Le porte fax sono controllate da licenza, al massimo si possono abilitare 4 porte fax per scheda DM (MMC 860).. - Supporto T.38 o Pass-Through (G.711) La modalità T38 si attiva via MMC 835 or DM pagina 16 Sistemi OfficeServ serie 7000

25 - Per supportare questa funzionalità sono implementati i blocchi Document, Lib, Fax. Si tratta degli stessi blocchi di SVMi-20E. - Blocco Document Lib - Blocco Fax Sistemi OfficeServ Serie 7000 pagina 17

26 4.1.3 R1.3. Gestione da Web browser - La gestione della SVMi-20i avviene tramite interfaccia web. - L interfaccia amministratore è veloce nelle risposte e stabile. - L interfaccia di amministrazione della SVMi-20i coincide con l omologa interfaccia dei VM integrati nei sistemi OS Linux based. - Il software Device Manager, basato su tecnologia Java, integra la gestione della MP e della SVMi-20i all interno di un unica interfaccia grafica. 2) Limitazioni - Nessuna. 3) Impostazioni - È necessario impostare l indirizzo IP della SVMi-20i prima di poter accedere come amministrare con Device Manager via MMC 873 DM DM(Device Manager) si collega alla SVMi-20i utilizzando le porte 6001 e 6002 della scheda. Di conseguenza, DM dovrebbe essere sempre in grado di accedere tramite queste porte. È importante assicurarsi che le porte siano accessibili da Internet, eventualmente utilizzando le impostazioni NAT. pagina 18 Sistemi OfficeServ serie 7000

27 4.1.4 R1.4. Crittazione SSL/TLS attivabile per il servizio Gateway - Sempre più numerosi Provider pubblici richiedono la crittazione delle di tipo SSL/TLS. La SVMi-20i supporta questo protocollo di crittazione per l invio delle tramite gateway. In dettaglio, sono gestite la connessione crittata di tipo SSL (la connessione crittata inizia direttamente) e TLS (Invia STARTTLS all inizio della connessione) 2) Limitazioni - Nessuna 3) Impostazioni - Nel blocco MClass all interno della tabella Gateway sono stati inseriti due nuovi campi Sistemi OfficeServ Serie 7000 pagina 19

28 - Nel blocco System Parameters all interno della tabella Gateway sono stati inseriti due nuovi campi R1.5. Upload di messaggi vocali in formato wav - Spesso gli utenti dispongono di file vocali salvati in formato wav. Quando un utente tenta di caricare i propri messaggi salvati in formato wav l applicativo Voice Studio converte il file nel formato utilizzato internamente dalla SVMi-20i ed effettua il caricamento dei messaggi già convertiti. - Questa funzionalità è estesa anche agli altri sistemi VM (OS 7030, OS 7100 e OS 7200 Lite) - Il servizio può non essere compatibile con alcune regole di firewall. Nota: Il file di testo da caricare, che genera la descrizione dello stesso prompt, deve avere l estensione.txt 2) Limitazioni - Il convertitore del Voice Studio supporta il formato wav (8000Hz, Mono, 16bit, 128kbps) e il formato G711 (8000Hz, µlaw, 64kbps) pagina 20 Sistemi OfficeServ serie 7000

29 3) Impostazioni - Voice Studio: da questa pagina, premendo il pulsante Upload, appare la finestra che permette il caricamento dei file vocali. In questo menù prima di procedere all invio del prompt nel sistema occorre selezionare la lingua alla quale inviare il prompt (esempio italiano). Sistemi OfficeServ Serie 7000 pagina 21

30 4.1.6 R1.6. Espansione capacità di memorizzazione - La memoria on-board della SVMi-20i è allo stato solido con la capacità di 8GB, a cui corrisponde la possibilità di memorizzare circa 240 ore di registrazioni foniche. 2) Limitazioni - La capacità di memorizzazione si riduce quando numerose lingue sono presenti quali prompt di sistema. Sono possibili 240 ore di registrazione quando, al più, sono caricati i prompt di 3 differenti lingue. 3) Impostazioni - Nessuna pagina 22 Sistemi OfficeServ serie 7000

31 4.2 R2. Schede Utenti Analogici Il rilascio v4.60 supporta una nuova generazione di schede per attacchi d utente analogici, le nuove schede sono denominate 8SLI3, 16SLI3, 8COMBO3, forniscono rispettivamente 8 utenti analogici, 16 utenti analogici, 8 utenti analogici ed 8 utenti digitali Generatore di chiamata sinusoidale integrato Le nuove schede di tipo SLI3 hanno il generatore di chiamata per la suoneria dei terminali analogici integrato, quindi quello esterno (installato nel backpanel del rack) non è più necessario Ricevitore DTMF integrato Le nuove schede di tipo SLI3 hanno un ricevitore DTMF integrato per ciascuna delle porte. Quindi non sono più necessarie le risorse MFR addizionali fornite dal modulo CRM Generatore CID integrato Le nuove schede di tipo SLI3 hanno un generatore CID incorporato, per ciascuna delle porte. Quindi non sono più necessarie le risorse FSK addizionali fornite dal modulo CRM Considerazioni Il nome del pacchetto LP40 package è cambiato da LP4xxxxx.PGM a SP4xxxxx.PGM. Questo contiene sia il file di bootrom che il software. MP40 dovrebbe essere aggiornata alla V4.60 prima di aggiornare la scheda LP40 a V2.00 perche solo i firmware v4.60 o superiori possono riconoscere il nome dei file LP40. L aggiornamento della scheda LP40 alla v2.00 da una versione precedente necessita di un tempo di circa 13 minuti (i primi 7 minuti per l aggiornamento del software di bootrom) Limitazioni - Le nuove schede di tipo SLI3 supportano l indicatore di messaggio LED intermittente. In Italia e Francia sono supportate sia le modalità a intermittenza sia quella continua. - Si rammenta che la funzionalità HOT SWAP, possibilità di estrarre le schede a macchina accesa, è disponibile solo sul sistema OfficeServ Per il funzionamento delle nuove schede è necessario aggiornare la versione software sia delle schede MP (MP20 e MP40) che delle schede LCP e LP40. Sistemi OfficeServ Serie 7000 pagina 23

32 4.2.6 Impostazioni - In Italia, Francia e Spagna non è necessaria alcuna impostazione. Nel menu DM si possono modificare i parametri della funzionalità Message Waiting. pagina 24 Sistemi OfficeServ serie 7000

33 4.3 R3. WE VoIP Client Samsung WE VoIP è il client mobile SIP pensato per essere compatibile con i sistemi OfficeServ. Con WE VoIP è possibile chiamare o ricevere chiamate utilizzando l interfaccia standard del telefono cellulare. Il client utilizza il protocollo SIP ed è ottimizzato per le funzionalità dei sistemi OfficeServ. Per la registrazione sono necessarie apposite chiavi di licenza. Le funzioni telefoniche avanzate del client WE VoIP sono disponibili solo se sono rispettate le seguenti condizioni. Oggetto OS Spazio installazione Risoluzione Terminali Compatibili Caratteristiche Android 4.0 o superiore 6 MB o superiore (oltre 10 MB raccomandato) o superiore Galaxy S2/S2 LTE, Galaxy S3/S3 LTE Galaxy Note/Note2/Note2 LTE Lista Codici prodotti (aggiornato il 06 Feb 2013) Versione Firmware WE VoIP V Paese Europa Australia Sudafrica Codice Prodotto GT-I9300* GT-I9305 / GT-I9305T / GT-I9300T(Telstra) GT-N7100 America D2 VZW : SCH-I535 D2 AT&T : SAMSUNG-SGH-I747 D2 TMO : SGH-T999 D2 SPR : SPH-L710 D2 USC : SCH-R530U T0 VZW : SCH-I605 T0 AT&T : SAMSUNG-SGH-I317 T0 TMO : SGH-T889 T0 SPR : SPH-L900 T0 USC : SCH-R950 C Spire : SCH-L710, USC : SCH-R530, Cricket : SCH-R530C MetroPCS : SCH-R530M Sistemi OfficeServ Serie 7000 pagina 25

34 Panoramica Terminali Smart Phone come Samsung Galaxy e Samsung Galaxy Tab possono essere utilizzati come SIP Phone installando il Software Mobile Client e collegandosi al sistema OfficeServ. In questo caso, il sistema OfficeServ mette a disposizione sia servizi base delle chiamate SIP che i servizi WE VoIP / Selezione Remota. Per capire meglio le caratteristiche del Mobile Client vengono definiti i seguenti termini: Mobile Phone: Dispositivo Smart Phone Samsung Galaxy o Samsung Galaxy Tab. Mobile Client: è un software Samsung di tipo Client che permette il collegamento tra Mobile Phone e OfficeServ. Mobile user: Utente WE VoIP: Insieme di funzionalità disponibili se l utente si trova sotto la copertura WiFi. Mobile Office ha lo stesso significato di WE VoIP. Selezione Remota: Insieme di funzionalità disponibili se l utente si trova fuori dalla copertura Wi-Fi. Mobile Client e OfficeServ sono stati sviluppati osservando le seguenti specifiche. - Mobile Client si collega tramite protocollo SIP all OfficeServ quando l utente si trova sotto la copertura Wi-Fi. - Se l utente si trova sotto la copertura 3G della rete pubblica, il Mobile Client si collega all OfficeServ usando le urbane SIP o PRI, in modalità Selezione Remota. - Il sistema OfficeServ mette a disposizione il server Selezione Remota basato su protocollo TCP/TLS. - Per l utilizzo dei servizi Mobile Office e Selezione Remota sono necessarie le chiavi di licenza. Di seguito sono elencate alcune restrizioni d uso del Mobile Client. - Solo I Mobile Phone Samsung indicate sono compatibili con il Mobile Client. - Il Mobile Client sarà disponibile anche su alter piattaforme in futuro Configurazione WE VoIP Mobile Client si collega all OfficeServ quando l utente si trova sotto la copertura Wi-Fi. Mette a disposizione i seguenti servizi PABX: Dialer e Log chiamate integrato Attesa/Ripresa Chiamata Trasferta Chiamata pagina 26 Sistemi OfficeServ serie 7000

35 Deviazione Chiamata Pickup Diretto Pickup Gruppo Impostazioni Multi-Ring (Station Pair) Indicazioni Chiamata Persa (la chiamata persa non viene indicata quando il client SIP è registrato come membro suoneria gruppo ed un altro membro riceve la chiamata). Provisioning Per la registrazione il dispositivo deve scaricare il Profilo Cellulare e Profilo Login Move Da telefono fisso, al telefono mobile abbinato ad esso. Da telefono mobile, al telefono fisso abbinato. Muovi al cellulare Passaggio manuale dalla rete dati alla rete cellulare. Deviazione su Non Registrato Il chiamante che cerca di raggiungere un client WE VoIP non registrato sarà deviato automaticamente sul numero di cellulare corrispondente. Instradamento Intelligente Se l utente fa una chiamata sulla rete cellulare, il sistema verifica se il numero chiamato ha un interno assegnato. In questo caso la chiamata verrà instradata come locale. Voce HD (per chiamate interne) 2) Limitazioni - Solo le linee urbane SIP e PRI sono compatibili con i servizi WE VoIP in quanto le principali funzionalità, come Move o Muovi a Cellulare, utilizzano la funzione MOBEX. - I sistemi equipaggiati con processore MP40 supportano fino a 224 utenti WE VoIP Impostazioni OfficeServ per WE VoIP 1) Licenze Inserire le licenze WE VoIP nella tabella DM (MMC 860). Le licenze SIP Phone non sono correlate a quelle WE VoIP. 2) Profili Configurazione per creare i profili Cellulare e Login, nelle tabelle DM e Sistemi OfficeServ Serie 7000 pagina 27

36 1 Profilo Cellulare Versione SW: Versione software client WE VoIP. SSID AP SSID della rete Wi-Fi locale. Se la rete Wi-Fi locale ha un SSID diverso da quello quì impostato, OfficeServ la considererà come rete Wi-Fi pubblica e cercherà di registrarsi al sistema con IP pubblico. Se una rete Wi-Fi pubblica avesse lo stesso SSID impostato nel Profilo Cellulare il servizio non funzionerà correttamente. URL aggiornamenti Indirizzo server per l upgrade del software client. Il server aggiornamenti viene gestito separatamente e l utente deve indicare l indirizzo IP ed il percorso per l aggiornamento automatico. Codice Prefisso Auto Mobile Client aggiunge questo prefisso automaticamente quando fa una chiamata. Eccezione Numero Prefisso Auto Indica i numeri ai quali non applicare il prefisso automatico. pagina 28 Sistemi OfficeServ serie 7000

37 Regole Eccezione XXXX 4 cifre XXX 3 cifre 65! 65 + numero *64 numero Profilo del Login Num. Mobile Numero del cellulare. Questo numero sarà utilizzato per creare dei file unici per i profili Login e Cellulare con formato: <sec_mobile_ xml>, <sec_login_ xml>. Roaming Informazioni Roaming (Soglia, Delta, Periodo Scan) Soppressione del Rumore Soppressione del rumore per RX o TX (default: Disabilitato) AECM Disponibili 5 tipi di AECM (default: Altoparlante) (Disattiva cuffia/auricolare/vol. Auricolare/Altoparlante/Vol. Altoparlante) Echo: Funzionalità cancellazione echo (default: Abilitato) Swing Free: Swing Free feature of RX or TX (default: Abilitato) CNG: Comport Noise Generation (default: Abilitato) Tipo DTMF: In Voice / RFC2833 Servizio Zona Pubblica: Permette di fornire i servizi WE VoIP in zone pubbliche. (default: Disabilitato) SCAN solo 5G (default: Enabled) Per ridurre il ritardo di handover può essere reimpostata una tipologia di canale (Auto / Solo 2.4G / Solo 5G) Usa srtp : Abilita o disabilita Multi Frame Sistemi OfficeServ Serie 7000 pagina 29

38 Multicast TOS Jitter Tipologia segnale SIP: UDP / TCP / TLS Descrizione: Descrizione 3 Impostazioni interno MOBEX Alcune funzionalità WE VoIP, come Move, Muovi a Cellulare e Deviazione su Non Registrato, necessitano delle configurazioni dell interno MOBEX perche effettuano chiamate uscenti verso numeri di cellulare. Configurare i canali MOBEX nella tabella DM controllando anche le risorse virtuali allocate. Inserire Numero Telefonico nel menu DM ed il numero SIP adeguato come Interno Principale per gestire correttamente il CLI. Inserire il numero del canale MOBEX impostato precedentemente nella tabella DM 2.7.2, come Deviazione per chiamato irraggiungibile. 4 Impostazioni intervallo scadenza connessione SIP Accertarsi che il valore del parametro Durata SIP della Configurazione Utente SIP nel menu DM non sia superiore a 600 (sec.). L intervallo massimo di scadenza del Mobile Client è di 600 secondi. Se questo valore viene superato, il Mobile Client non cerca più di registrarsi. 5 Codice funzione Muovi Impostare il codice per la funzione Muovi nella tabella DM Questo valore sarà salvato come <Mobile Transfer Code> nel profilo del client WE VOIP e se il valore contenuto non è valido, le funzioni Muovi e Muovi a Cellulare non saranno utilizzabili Configurazione Mobile Phone 1 Impostazioni WiFi Collegarsi alla rete Wi-Fi, inserendo la password della rete Wi-Fi nel menu delle impostazioni del telefono cellulare. pagina 30 Sistemi OfficeServ serie 7000

39 2 Provisioning - Installare il Mobile Client ed il menu di provisioning sarà visualizzato. - Inserire l indirizzo IP del sistema OS in <Provisioning Server IP>. Il numero del cellulare sarà automaticamente aggiunto nel campo <Mobile Number>. Se non è installata nessuna USIM, bisogna inserire manualmente il numero di cellulare indicato nella tabella DM Selezionare il pulsante MENU e <Request Profile> per scaricare il Profilo Cellulare e Profilo del Login dal sistema OfficeServ R3.2. La funzione Muovi A. Da telefono scrivania a WE VoIP Durante la conversazione sul telefono fisso, se l utente seleziona il tasto Muovi il client WE VoIP inizierà a squillare. Se l utente accetta la chiamata sul cellulare, il telefono fisso sarà scollegato. Se invece non risponderà al cellulare trascorso il tempo impostato in Tempo Attesa Mobilità, questo smetterà di squillare e la connessione rimarrà attiva sul telefono fisso. B. Da WE VoIP a telefono scrivania Durante la conversazione WE VoIP sul telefono cellulare, se l utente vuole trasferire la chiamata al telefono fisso, può selezionare il tasto Muovi. La chiamata sul cellulare viene disconnessa quando viene istaurato il collegamento con il telefono fisso. 2) Restrizioni Anche se diverse tipologie di terminali possono essere abbinati a WE VoIP, ci sono le seguenti restrizioni: - Nel caso di telefoni SLI/WIP la funzione Muovi si attiva tramite il codice funzione. - I client e telefoni SIP, ad eccezione di WE VoIP, non supportano la funzione Muovi 3) Impostazioni - Abbinare Desk Phone e Mobile Phone (SIP station) nel menu DM Creare un tasto Muovi sul telefono fisso dal menu DM Impostare l interno MOBEX corrispondente al mobile client nel menu DM quale Deviazione non Registrata dell interno SIP. - Assegnare Tempo Attesa Mobilità nel menu DM (default: 20 sec). Sistemi OfficeServ Serie 7000 pagina 31

40 4.3.3 R3.4. Servizio Selezione Remota Questa funzionalità non è stata rilasciata ufficialmente, quindi l utilizzo da parte del cliente finale è altamente sconsigliato. La versione è destinata all uso in laboratorio e user trial. Mobile Phone può collegarsi con il sistema OfficeServ usando il client WE VoIP quando si trova fuori dalla copertura Wi-Fi, tramite la rete dati del cellulare. In Questo caso OfficeServ offre solo alcune funzionalità: - Le funzioni Selezione Remota sono fornite quando il Mobile Phone si collega al server Selezione Remota incluso nel sistema OfficeServ. - Tutti i sistemi OfficeServ offrono le funzionalità Selezione Remota. Le funzionalità Selezione Remota sono Click-to-Dial, stato DND display/impostazioni e stato VM display/connessione. 2) Impostazioni A. Certificati Selezione Remota Nei sistemi OfficeServ 7400 e 7200 i file Certificato devono essere salvati sulla scheda SD prima di avviare il sistema. Nei sistemi Linux, come il OfficeServ , questi file si trovano nel pacchetto software. I file di Certificato sono salvati sulla scheda SD nella cartella /certification/mvs/. B. Licenza Selezione Remota La licenza Selezione Remota è assegnata all interno MOBEX come licenza MOBEX Executive. In questo caso la licenza Selezione Remota va assegnata all interno MOBEX impostato nel campo Deviazione non registrata del Mobile Phone. La licenza Selezione Remota abilita il MOBEX Executive e permette il collegamento con il server Selezione Remota. Impostazioni DM 2.1.4: Inserire licenza e verificare le risorse Selezione Remota disponibili. DM 2.7.5: assegnare licenze Selezione Remota a tutte gli interni MOBEX. C. Inoltro Porte Selezione Remota Quando il sistema OfficeServ si trova dietro un NAT, l utente deve impostare la gestione delle porte. La porta locale è la 9012 ed è necessario impostare la porta pubblica del router e del sistema (default: 9012). pagina 32 Sistemi OfficeServ serie 7000

41 Impostazioni DM Profilo Cellulare: Porta Pubblica Selezione Remota WE VoIP ottiene la porta pubblica automaticamente, tramite il provisioning. 3) Funzionalità Selezione Remota A. Click-to-Dial Se l utente utilizza Selezione Remota per effettuare una chiamata, il Mobile Client invia una chiamata VoIP al sistema. Nota Bene - La richiesta iniziale è inviata tramite rete dati 3G o Wi-Fi. Per la connessione 3G possono verificarsi addebiti previsti dal proprio piano tariffario. Operatività sul Mobile Phone - Selezionare la modalità chiamata Selezione Remota B. Informazioni ed impostazioni DND Mobile Phone può visualizzare e cambiare lo stato DND. Operatività sul Mobile Phone Sistemi OfficeServ Serie 7000 pagina 33

42 - Per visualizzare o cambiare le impostazioni DND, selezionare l apposito flag nel menu principale R3.4 Collegamento e visualizzazione VM OfficeServ invia le informazioni relative alla VM al Mobile Phone quando richiesto dal utente. Il Mobile Phone richiede periodicamente le informazioni VM. Questo intervallo può essere modificato nelle opzioni MWI. Se un messaggio VM è presente, sarà visualizzata un icona sulla barra di stato. Si possono verificare informazioni come There are x/y VM messages.. In questo caso x rappresenta i messaggi nuovi e y il numero di messaggi VM vecchi. Se non ci sono messaggi nuovi, x non è visualizzato. È possibile ascoltare i messaggi VM facendo click sull icona del menu a discesa che cancellerà anche l icona stessa di nuovo messaggio. Impostazioni Impostare Auto By CLI a ON nel menu DM Impostare AA Goto VM a ON nel menu DM Nel menu DM impostare il numero DID necessario per collegarsi in VMS da remoto. Il Mobile Phone deve ottenere automaticamente il numero DID tramite provisioning. pagina 34 Sistemi OfficeServ serie 7000

43 Impostare il gruppo VMS come destinazione DID in DM R3.5 Funzione DISA Questa funzionalità non è stata rilasciata ufficialmente, quindi l utilizzo da parte del cliente finale è altamente sconsigliato. La versione è destinata all uso in laboratorio e user trial. Il Mobile User che ha licenze Selezione Remota può utilizzare funzionalità MOBEX Executive come il Utente MOBEX Executive. Se la funzionalità Selezione Remota Click-to-Dial fallisce, un nuovo pulsante sarà visualizzato per effettuare la chiamata. Selezionando questo pulsante l utente chiama il sistema e sente il tono di selezione, avendo la possibilità di selezionare il numero desiderato. 2) Impostazioni - Impostare Auth By CLI a ON nel menu DM Nel menu DM inserire il numero DISA necessario per la connessione MOBEX da remoto. Il Mobile Phone deve ottenere automaticamente il numero tramite provisioning. - Impostare il codice MOBEX come destinazione DID nel menu DM Sistemi OfficeServ Serie 7000 pagina 35

44 4.3.6 R3.6 Deviazione A. Deviazione su non registrato Quando il Mobile Client e normalmente scollegato, le chiamate in entrata sono deviate verso la destinazione scelta dall utente nel campo Deviazione per chiamato irraggiungibile menu DM B. Deviazione su nessuna risposta Se il Mobile Client non risponde al messaggio INVITE del sistema entro il limite Tempo Dev. Non Registrato, le chiamate in ingresso sono deviate verso la destinazione scelta dall utente nel campo Deviazione per chiamato irraggiungibile menu DM ) Impostazioni - Impostare MOBEX come <Deviazione non registrata> del Mobile Client in DM Impostare <Tempo Dev. Non Registrato> in DM (default 5s) R3.7. Trasferta Veloce (A Cellulare) Durante una conversazione WE VoIP, selezionando dal cellulare il tasto <A Cellulare> il sistema OS invia una chiamata al numero del cellulare in 3G. Se l utente accetta questa chiamata, senza interrompere la chiamata in corso e senza mettere in attesa il chiamante, si passa dalla modalità WE VoIP a 3G. In questo caso una risorsa MOBEX è usata come Deviazione non registrata e l utente dovrebbe assegnare in codice Muovi. 2) Impostazioni - Nel menu DM Interno Wireless, inserire un numero di urbana e, nel campo nel campo Numero telefonico, il numero di cellulare. - Inserire l interno MOBEX come Deviazione non Registrata per l interno WE VoIP nel menu DM Nel menu DM assegnare un codice alla funzione MOVE R3.8. Instradamento Intelligente Quando si effettua una chiamata utilizzando il pulsante Cellulare, OfficeServ controlla il numero selezionato per verificare se c è un interno abbinato. Se esiste, il sistema instrada la chiamata come interna, per ottimizzare i costi. 2) Impostazioni - Inserire il numero cellulare WE VoIP nel menu DM Inserire Deviazione non Registrata per l interno WE VoIP nel menu DM pagina 36 Sistemi OfficeServ serie 7000

45 4.4 R4. Gestione avanzata dei canali MGI R4.1. Servizio RBT (RTG) Nelle versioni precedenti al rilascio v4.60, in caso di linee VoIP gestite con impiego di canali MPS, i messaggi di risposta del sistema (Rinback tone) o la musica su attesa (MoH tone) erano supportati da canali MGI. Il servizio RTG sostituisce questa funzionalità evitando l utilizzo delle risorse MGI, con risparmio dei canali. Il modulo RTG supporta i codec audio G.711, G.729a e G.722. I servizi di base RTG sono i seguenti: - Supporto servizi Ringback Tone/ Hold Tone - Supporto servizio NAT traversal - Supporto RFC 2833 (rilevamento DTMF per servizio MOBEX) - Supporto RTP/sRTP 2) Limitazioni Il numero massimo di canali RTG è la metà dei canali MPS disponibili nel sistema. Per esempio, saranno supportati 32 canali con la scheda OAS e 8 canali con il sistema OS ) Impostazioni La configurazione delle porte RTG si eseguono in DM Se il sistema si trova in una rete locale con NAT, la porta pubblica dovrà essere configurata opportunamente. Di default le porte locali sono assegnate al servizio RTG. Sistemi OfficeServ Serie 7000 pagina 37

46 E possibile monitorare lo stato delle porte RTG in uso tramite DM Le informazioni riportano l indirizzo IP remoto, le porte RTP remote e il codec impiegato R4.2. Hybrid Voice Paging Il servizio Annuncio su altoparlanti (Page) per i terminali IP Samsung può essere distribuito in modalità unicasting oppure multicasting, tecnicamente chiamato Hybrid Voice Paging (HVP). L impiego del servizio HVP, come conseguenza comporterebbe l uso di canali MGI. In casi normali, i terminali IP Samsung registrati localmente al sistema OfficeServ sono annunciati in multicasting, perciò viene impiegato un solo canale MGI per il servizio. Gli altri tipi di telefono IP sono annunciati in modalità unicasting, perciò richiedono più canali MGI, uno per singolo telefono. 2) Limitazioni Il servizio Annuncio (Hybrid Voice Paging) deve soddisfare le seguenti condizioni: - Sistema : V4.60 o superiore - MGI16/64 : V1.27 o superiore - OAS : V2.03 o superiore - OSPP: SMT-i3100/5210/5220/5230/5243 pagina 38 Sistemi OfficeServ serie 7000

47 3) Impostazioni Il servizio Annuncio (Hybrid Voice Paging) si configura in DM 4.1.3, DM 2.7.1, e DM DM Gruppo Annuncio include i membri del gruppo e l indirizzo di multicast per il servizio HVP e il range di indirizzi multicast dal al In DM 2.7.1, oltre alle informazioni ITP, si possono impostare i parametri Annuncio Multicast. L opzione Auto significa che il sistema determina la modalità unicasting oppure multicasting automaticamente. L opzione ON indica Annuncio in modalità multicast, mentre OFF indica Annuncio in modalità unicasting. Sistemi OfficeServ Serie 7000 pagina 39

48 In DM si definiscono le reti IP nelle quali sono disponibili le zone annuncio multicast. pagina 40 Sistemi OfficeServ serie 7000

49 4.5 R5. Miglioramento PnP (Plug & Play) Per facilitare e velocizzare le procedure di installazione dei telefoni IP sono state implementate le nuove funzionalità PnP R5.1. Modalità PnP - Il rilascio firmware OfficeServ v4.60 fornisce 3 differenti modalità di funzionamento PNP per i telefoni IP a condizione che questi siano inizializzati ai dati di default. Pre-MAC Address Impostando questa modalità il telefono IP impostato a PNP Mode, si registra al sistema quando lo User ID impostato nella DM MMC 840 coincide con il MAC Address del telefono. Sostanzialmente, va inserito l indirizzo MAC del telefono nel campo User ID. Auto PNP Se un telefono cerca di collegarsi in PNP all OfficeServ, il sistema cerca la prima posizione libera della DM (User ID e Password) ed assegna al telefono il numero d interno corrispondente. Impostando questa modalità il telefono IP si collega al sistema automaticamente, non essendo necessarie impostazioni da parte dell utente. NORMAL PnP Quando si registra un telefono IP al sistema in modalità Normal PNP, sul display del telefono comparirà la richiesta di inserimento della User ID e della Password. In questa situazione l utente inserisce i dati di login preventivamente ricevuti dall amministratore per assegnare il numero d interno corrispondente definiti nella DM A titolo informativo, la funzione PNP ha il nome Normal Login in quanto compatibile con il concetto di login, ma non va scambiata con il processo normale di login. - L opzione di Default è Auto PNP - OfficeServ fornisce un server DHCP integrato, utilizzabile per l assegnazione degli indirizzi IP ai telefoni IP mediante il funzionamento PNP facilitato. Tutti i sistemi, eccetto gli OfficeServ basati su MP40 ed MP20, dispongono del server DHCP integrato. In questa situazione non è necessario impostare nessuna opzione DHCP addizionale: è sufficiente impostare l intervallo di indirizzi IP (indirizzo iniziale e indirizzo finale) utilizzabili dal DHCP, in modo da assegnare ai telefoni IP gli indirizzi compresi nell intervallo. Sistemi OfficeServ Serie 7000 pagina 41

50 Nel seguito sono descritte le opzioni addizionali da impostare sul DHCP server. Il DHCP server integrato è disponibile nei sistemi OS 7030, OS 7100 e OS 7200Lite. 2) Limiti - I telefoni IP supportati sono SMT-i2200, SMT-i5210, SMT-i5220, SMT-i5230, SMTi5240, SMT-i5243, SMT-i Quando si utilizzano i processori MP40 ed MP20, l utilizzo della modalità PNP richiede la disponibilità di un server DHCP esterno. Fare riferimento alle impostazioni dettagliate del DHCP esterno. 3) Impostazioni A. Impostare la modalità PNP - Selezionare la modalità PNP in DM (Pre-Mac address/auto PNP/Normal login) Se PNP è impostato su Pre-Mac address, l amministratore di sistema dovrebbe inserire l indirizzo mac del sistema come ID in DM Valore di default: PNP Mode (Auto PNP) B. Impostare server DHCP Impostazioni server DHCP integrato - Per l utilizzo del DHCP server integrato va impostata a Enable l opzione presente in DM Se si desidera utilizzare un DHCP server esterno il parametro va impostato a Disable. - La modifica di questo parametro è efficace solamente dopo il riavvio del sistema. - Impostare I valori di Inizio/Fine Indirizzi DHCP nella tabella DM Il DHCP interno è compatibile con i sistemi OS7030, OS7100, OS7200 con MP20s. - Valori di default: Modalità PNP (Auto PNP), DHCP Server (Disabilitato), Inizio/Fine Indirizzi ( ) pagina 42 Sistemi OfficeServ serie 7000

51 Impostazioni server DHCP esterno - Nel caso di utilizzo dei sistemi MP40 ed MP20 (OS7200 e/o OS7400) - L utilizzo della modalità PNP con il server DHCP esterno richiede la programmazione (sul server DHCP) di due parametri DHCP opzionali: TFTP_Server_Name(66) : SEC_ITP (66 è il numero dell opzione DHCP). Questa opzione contraddistingue il DHCP server a servizio dei telefoni IP rispetto ad altri server eventualmente attivi in rete. TFTP_Server_IP(128): indirizzo IP del sistema OfficeServ (128 è il numero dell opzione DHCP). Il telefono IP utilizza questo indirizzo per registrarsi all OfficeServ. Si tralasciano le istruzioni relative alla programmazione dei parametri DHCP richiesti, per i dettagli del caso riferirsi alla guida di configurazione dello specifico DHCP server utilizzato. La figura seguente schematizza il funzionamento del PNP dei telefoni IP di OfficeServ. Sistemi OfficeServ Serie 7000 pagina 43

52 4.5.2 R5.2 Aggiornamento dei telefoni IP - E disponibile uno specifico menu MMC914, idoneo per l aggiornamento contemporaneo di tutti i telefoni IP collegati al sistema. 2) Impostazioni - Preparare il server TFTP/HTTP e caricare il software aggiornato dei telefoni IP. - Inserire l indirizzo del server nel campo Upgrade Server IP Address della tabella DM Tramite MMC914 impostare il tipo di server utilizzato (TFTP, HTTP) in UPGRADE TYPE ed abilitare AUTO UPGRADE. pagina 44 Sistemi OfficeServ serie 7000

53 4.6 R6. OfficeServ Device Manager DM offre un interfaccia grafica intuitiva per la gestione dei sistemi OfficeServ serie Interfaccia WEB Dall interfaccia WEB dei sistemi OfficeServ è possibile scaricare DM, il nuovo strumento di gestione dei sistemi OS. Installation Tool è obsoleto, non più compatibile con OS v4.60 o superiori Visualizzazione Statistiche di sistema Device Manager mette a disposizione statistiche delle chiamate, dell utilizzo della CPU o della memoria Eseguibile per PC Device Manager si installa ed esegue da PC Limiti - DM supporta le lingue Coreano, Italiano, Inglese, Russo, Tedesco e Spagnolo. - DM non è compatibile con Java 7, essendo compatibile con Java v Impostazioni Fare riferimento al manuale OfficeServ DM Guida Utenti.doc Funzionalità Modificate Fare riferimento al manuale DM V4.65 ( ) Release note.doc Sistemi OfficeServ Serie 7000 pagina 45

54 4.7 R7. Miglioramento della Sicurezza R7.1. TLS per la segnalazione SIP Questa funzionalità abilita l utilizzo di un protocollo di trasporto sicuro per i sistemi OfficeServ 2) Limiti Solo OfficeServ7400 e OfficeServ7200(MP20) implementano SIP TLS. 3) Impostazioni Le tre modalità di funzionamento del protocollo SIP TLS sono SIP Carrier, SIP Peering e SIP Station. Di seguito sono elencate le caratteristiche di ciascuna di esse. A. Utilizzo SIP TLS per SIP Carrier - Configurare i parametri SIP TLS nel menu DM Opzioni SIP Carrier. - Porta Outbound Proxy: impostare la porta remota SIP TLS per il SIP Carrier (solitamente 5061). - Tipologia URI : è stata aggiunta la SIPS URI. Necessaria quando il SIP Carrier richiede questa tipologia di URI al IP-PBX. - Segnalazione SIP : aggiunto support TLS. È necessario quando si deve usare SIP TLS per il SIP Carrier. - Riutilizzo connessione SIP (Connection Reuse): Attivo se il Signal Type è impostato a TCP o TLS. Impostato su ABILITATO, SIP INVITE riutilizza la connessione TCP/TLS instaurata in fase di SIP Register. Se è impostato su DISABILITATO, nuove connessioni TCP/TLS saranno instaurate tutte le volte che si chiama il SIP Carrier. Tenendo la funzionalità attiva, si ottimizza il funzionamento del sistema. Il SIP Carrier deve supportare tale funzionalità. - Abilitazione SIP Mutual TLS : solo se la segnalazione è impostata a TLS. Se attiva questa funzionalità, il sistema OfficeServ chiederà la certificazione al SIP Carrier quando questo cerca di instaurare la connessine con TLS. (esempio: chiamata entrante). - SIP valida tutti i certificate TLS: solo se la segnalazione è impostata a TLS. Se questo è impostato si Disabilitato, il sistema OfficeServ interromperà la connessione TLS quando il certificato del SIP Carrier sarà sconosciuto. È necessario impostare il certificato del SIP Carrier sulla SD card del sistema OfficeServ se questo parametro è impostato a Disabilitato. Se, invece, è abilitato, il certificato non viene verificato. pagina 46 Sistemi OfficeServ serie 7000

55 B. Utilizzo SIP TLS per SIP Peering - Configurare i parametri relativi al SIP TLS nella tabella DM SIP VoIP Peering. - Alive Check : questo parametro deve essere impostato su Option se Connection Reuse è impostato su attivo. - User Information : Il valore di questo parametro è obbligatorio e deve coincidere con quello del sistema remoto in peering. Viene utilizzato per la ricerca indice della tabella di peering e l'invio di risposta positiva quando si ricevono da remoto richieste dal sistema di peering. - Remote Port : Questo parametro indica la porta TLS del sistema remoto in peering. È tipicamente SIP Signal Type : In SIP Signal Type è stata aggiunta l opzione SIP TLS per il SIP Peering. - SIP Connection Reuse : Configurazione analoga a quella del SIP Carrier. Il sistema remoto è SIP Peering. - SIP Connection Timeout : rilevante solo se l opzione SIP Connection Reuse è abilitata e rappresenta il tempo di validità della connessione. Se il sistema remoto, in peering, Sistemi OfficeServ Serie 7000 pagina 47

56 non aggiorna il keep-alive prima della scadenza, OfficeServ scollega la connessione. Il valore di questo timer non deve essere inferiore del valore Check Timer del sistema in peering. C. Utilizzo del SIP TLS per interno SIP - Configurare i parametri relativi al SIP TLS in DM SIP Stack/Ext/Trunk Options - TLS Port : Questa è la porta TLS d ascolto del sistema OfficeServ. Tipicamente è SIP Connection Reuse : opzione valida se il protocollo di trasporto con l interno è TCP o TLS. Abilitato, questo parametro permette il riutilizzo di una connessione TCP o TLS già instaurata in fase di SIP REGISTER. Disabilitata l opzione, OfficeServ creerà una nuova connessione TCP o TLS per ciascuna chiamata. Abilitando l opzione si riduce il carico di lavoro della CPU. L interno Sip deve essere compatibile con SIP Connection Reuse. - SIP Mutual TLS Enable : con l opzione abilitata, il sistema OfficeServ permette solo connessioni SIP Peering e con interni SIP certificati. - SIP Validate Any TLS Certificate : Quando l opzione è disabilitata, OfficeServ non accetta connessioni con SIP Carrier o interni SIP non certificati. Quindi è necessario mettere il certificato del SIP Carrier sulla SD card del sistema. Quando l opzione è abilitata, OfficeServ ignora la verifica dei certificati. pagina 48 Sistemi OfficeServ serie 7000

57 4.7.2 R7.2. Supporto srtp Dal rilascio firmware v4.60 i sistemi OfficeServ supportano la crittografia srtp dei pacchetti voce inviati/ricevuti sui collegamenti VoIP del sistema. - Le schede MGI16/64, OAS(MGI, RTG), alcuni telefoni OSPP (telefoni IP proprietari Samsung), alcuni telefoni WiFi, SVMi-20i ed UMS permettono l utilizzo della crittografia srtp. - Le linee SIP ed i telefoni SIP negoziano il metodo srtp e la chiave crittografica srtp scambiata all interno della segnalazione SIP. - Le linee SPNET negoziano il metodo srtp e la chiave srtp tramite la segnalazione SPNET. - Il metodo crittografico utilizzato è AES-CM ed il metodo di autenticazione supportato è HMAC-SHA1. - La lunghezza della chiave principale è di 128 bit. Sistemi OfficeServ Serie 7000 pagina 49

58 2) Limitazioni - Dispositivi che supportano la crittografia. Dispositivo AES-128 Note MGI16/64, Supportato Le vecchie schede MGI non supportano srtp OAS(MGI,RTG) Telefoni IP proprietari Samsung (OSPP IP Phone) Supportato SMT-i220x, SMT-i5210, SMT-i5220, SMT-i5230, SMT-i5240, SMT-i5243, SMT-i310x supportano srtp Telefoni WiFi OSPP Supportato SMT-w5120 supporta srtp SVMi-20i Supportato IP-UMS Supportato Linee e telefoni SIP Supportato Negoziazione SIP SPNET Supportato Negoziazione SPNET 3) Impostazioni - Innanzitutto occorre impostare l opzione srtp in DM 2.1.5, questa operazione abilita tutto il sistema all operatività srtp. - In seguito occorre impostare selettivamente l opzione USE srtp per i dispositivi che si desidera comunichino tramite protocollo crittografico. pagina 50 Sistemi OfficeServ serie 7000

59 - Per utilizzare l srtp con le schede MGI occorre impostare l opzione USE srtp in DM Si ricordi che le schede MGI abilitate all utilizzo di srtp sono MGI16/64 ed OAS(MGI,RTG) - L opzione vale anche per il prodotto IP-UMS. Sistemi OfficeServ Serie 7000 pagina 51

60 - Per utilizzare srtp sulla scheda SVMi-20i occorre impostare l opzione USE srtp in DM SVMi-20i. - I telefoni OSPP che supportano srtp sono: SMT-i3100, SMT-i5210, SMT-i5220, SMTi5230, SMT-i L utilizzo della crittografia srtp per le comunicazioni dei telefoni OSPP richiede l impostazione di USE srtp in tabella DM ITP Information pagina 52 Sistemi OfficeServ serie 7000

61 - L utilizzo della crittografia srtp per le comunicazioni dei telefoni Wi-Fi OSPP richiede l impostazione di USE srtp in tabella DM Informazioni WIP. - Il telefono Wi-Fi OSPP che supporta srtp è: SMT-w L utilizzo di srtp nei collegamenti SPNET s si abilita in tabella DM System Link ID nel campo USE srtp R7.3. Migliorie a vulnerabilità di sicurezza - Sistemi interessati oggetto di miglioria: OS7100(MP10a) / 7200(MP20s) - Per i sistemi indicati, il rilascio v4.60, installa le ultime implementazioni disponibili dei software Apache e PHP 2) Limitazioni ed impostazioni - Nessuna R7.4. Modifica credenziali registrazione dei client SIP Descrizione ed Impostazioni - Impostare Password uguale al ID e Numero Telefono è proibito in DM 2.7.2(MMC 842). Prima: Era possibile inserire la Password uguale a User ID e Numero Telefono. V4.60: È possibile inserire User ID uguale al Numero Telefono. Non è possibile inserire la Password uguale allo User ID. Sistemi OfficeServ Serie 7000 pagina 53

62 4.8 R8. Servizi Urbane SIP avanzati R8.1. Supporto alla registrazione di più gestori SIP - Supporto di registrazioni multiple, sono ammessi fino a 4 gestori (carrier) SIP. - Selezione del gestore dal gruppo di urbane. - Invio dello specifico CLIP a seconda del gestore utilizzato. - Supporto dell instradamento automatico da un gestore ad un altro, in caso di congestione o non disponibilità, realizzabile con la funzione LCR 2) Limitazioni - Nessuna 3) Impostazioni - Dalla V4.60 si possono abilitare tutte e 4 le opzioni SIP Server (DM SIP Carrier Options). - DM Gruppi di urbana. E aggiunta la voce ISP Selection per scegliere tra urbana SIP (ISP 1 ~ 4) o la modalità SIP Peering - Per scegliere tra urbana SIP o SIP Peering, occorre impostare DM Gruppi di urbana - ISP. - In caso di aggiornamento da una versione inferiore a V4.60 è necessario impostare questo parametro altrimenti non sarà possibile utilizzare le linee SIP o il SIP Peering. pagina 54 Sistemi OfficeServ serie 7000

63 - E aggiunto il campo SIP Trunking Max Channel in DM Ogni gruppo SIP può impegnare le linee del gruppo fino al raggiungimento di questa quantità. - E aggiunta l opzione SIP Trunking Use Alias per ogni gruppo SIP in DM SIP Carrier. Voi potete scegliere se inviare SIP Alias o no. Sistemi OfficeServ Serie 7000 pagina 55

64 * Impostazioni d esempio per l uso di più gestori SIP - Chiamate uscenti su linee SIP Come scegliere SIP Peering o ISP 1 ~ 4 In caso d impegno di un membro del gruppo linee SIP - La scelta dipende da ISP Selection del gruppo SIP In caso d utilizzo di codice LCR - La scelta dipende da ISP Selection del gruppo SIP indicato nella tabella d instradamento LCR In caso d impegno di una linea SIP direttamente. - Ricercare il gruppo SIP a cui la linea appartiene - Seguire l indicazione ISP selection del gruppo SIP In caso d accesso ad un gruppo di linee SIP MISTO - Ricercare la porta SIP disponibile - Ricercare il gruppo SIP a cui la linea appartiene - Seguire l indicazione ISP selection del gruppo SIP Utilizzando la tabella Uso urbane per interno e Gruppi di linee misti si possono selezionare ISP o linee Peering differenti digitando lo stesso codice d accesso da telefoni differenti. - Chiamate in ingresso da linee SIP Riferirsi al capitolo R13.7 Assegnazione linee SIP Trunking / SIP Peering * Scenari di chiamata e relative impostazioni del DB - Come impegnare differenti ISP per differenti codici di accesso [scenario d esempio] Società A - Telefono 2001 Chiamate locali/nazionali chiama (0*..) : ISP1 Chiamate internazionali (00*..) : ISP2 Accont a Società B Telefono 3001 Chiamate locali/nazionali chiama (0*..) : ISP3 Chiamate internazionali (00*..) : ISP2 Account b Società A chiamate nazionali : xxxxxxxx -> impegna ISP1 Società A chiamate internazionali : xxxxxxxxxxx -> impegna ISP2 Società B chiamate nazionali : xxxxxxxx -> impegna ISP3 Società B chiamate internazionali : xxxxxxxxxxx -> impegna ISP pagina 56 Sistemi OfficeServ serie 7000

65 DM : ISP1 : SIP SERVER - ENABLE, MAX CH NO. - 4 ISP2 : SIP SERVER - ENABLE, MAX CH NO. - 4 ISP3 : SIP SERVER - ENABLE, MAX CH NO. - 4 ISP4 : SIP SERVER - ENABLE, MAX CH NO. - 4 (Lo stesso gestore di ISP2 ed account differente (Account b)) DM : , 8502, 8503, ISP , 8506, 8507, ISP , 8510, 8511, ISP , 8514, 8515, ISP4 DM : LCR ENABLE DM : LCR : 9 (Codice accesso linee della Società A) E-LCR : 8 (Codice accesso linee della Società B) DM : 0* -> 990* (Aggiunta di 99 per l utilizzo di differenti LCR) DM : 00 - RT 2 01~09 - RT RT ~ RT 3 DM : RT01 : C1 : G 805 C2 : G 806 (per re-routing LCR) RT02 : C1 : G 806 C2 : G 805 (per re-routing LCR) RT03 : C1 : G 807 M 001 C2 : G 808 (per re-routing LCR) M 001 RT04 : C1 : G 808 M 001 C2 : G 807 (per re-routing LCR) M 001 DM : 001 : DEL DGT : 02 (cancella le cifre 99) - Come impegnare differenti ISP con un unico codice d accesso utilizzando la tabella STN-TRK USE [scenario d esempio] Società A - Telefono 2001 Chiamate locali/nazionali chiama (0*..) : ISP1 Chiamate internazionali (00*..) : ISP2 Accont a Società B Telefono 3001 Chiamate locali/nazionali chiama (0*..) : ISP3 Chiamate internazionali (00*..) : ISP2 Account b Sistemi OfficeServ Serie 7000 pagina 57

66 Società A chiamate nazionali : xxxxxxxx -> impegna ISP1 Società A chiamate internazionali : xxxxxxxxxxx -> impegna ISP2 Società B chiamate nazionali : xxxxxxxx -> impegna ISP3 Società B chiamate internazionali : xxxxxxxxxxx -> impegna ISP DM : ISP1 : SIP SERVER - ENABLE, MAX CH NO. - 4 ISP2 : SIP SERVER - ENABLE, MAX CH NO. - 4 ISP3 : SIP SERVER - ENABLE, MAX CH NO. - 4 ISP4 : SIP SERVER - ENABLE, MAX CH NO. - 4 (Lo stesso gestore di ISP2 ed account differente (Account b)) DM 4.1.2: , 8502, 8503, ISP , 8506, 8507, ISP , 8510, 8511, ISP , 8514, 8515, ISP , 8502, 8503, 8504, 8509, 8510, 8511, 8512 Gruppo ibrido , 8506, 8507, 8508, 8513, 8514, 8515, 8516 Gruppo ibrido DM : STN GRP 2001(Società A) : 001 STN GRP 3001(Società B) : 002 TRK GRP 8501~8508 : 301 TRK GRP 8509~8516 : 302 DM : : DIAL : YES : DIAL : NO : DIAL : NO : DIAL : YES DM : LCR ENABLE DM : LCR : 9 DM : 00 - RT 2 01~09 - RT 1 DM : RT01 : C1 : G 809 C2 : G 810 (per re-routing LCR) RT02 : C1 : G 810 C2 : G 809 (per re-routing LCR) pagina 58 Sistemi OfficeServ serie 7000

67 4.8.2 R8.2. Miglioria al messaggio SIP visualizzato. [Disponibilità mercato USA] R8.3. Funzionalità VBD (Voice Band Data) Voice Band Data supporta il servizio fax senza il processore non lineare (NLP) ed operatività Jitter Buffer. Questa operatività inizia quando il tono Fax (CNG, CED, ANSam ecc.) è riconosciuto ed è supportato per le chiamate su linee VoIP, in questo caso se il codec previsto è G.729, questo è cambiato in G.711 tramite la negoziazione del codec ed inizia l operatività in banda fonica. 2) Limitazioni La funzionalità VBD funziona correttamente se entrambi i sistemi la supportano. La funzionalità richiede le seguenti versioni - OAS v MGI16/64 v OS7100/OS7030/OS7070 v4.60 3) Impostazioni Nella DM T38 Use Enable è stato sostituito dalla dicitura Fax Option. Fax Option ha tre scelte: - PassThrough Servizio Fax tramite G.711 a-law/µ-law - T.38 Servizio Fax tramite T.38 - VBD. Servizio Fax tramite operatività VBD. Sistemi OfficeServ Serie 7000 pagina 59

68 4.8.4 R8.4. Opzione Privacy per chiamate uscenti su linee SIP La funzionalità permette di mascherare il numero del chiamante, vale per chiamate effettuate su linee SIP. 2) Descrizione Nessuna 3) Impostazioni - Configurare il parametro CID Send dello specifico telefono a No. - Quando il sistema OfficeServ effettua una chiamata uscente su linea SIP per il telefono in oggetto spedisce un messaggio INVITE simile a quello sotto riportato. Il sistema OfficeServ pone anonymous nel campo From dell intestazione e chiama in modalità P-Asserted-Identity. Inoltre l intestazione Privacy contiene id;critical. pagina 60 Sistemi OfficeServ serie 7000

69 - Se si desidera nascondere anche l host name, si imposta il parametro Anonymous Host Name di DM SIP Carrier Options ad ENABLE. - Il messaggio INVITE spedito dal sistema OfficeServ sarà simile a quanto sotto riportato. Sistemi OfficeServ Serie 7000 pagina 61

70 4.8.5 R8.5. VoIP Tandem tra linee SIP - L opzione VoIP Tandem di OfficeServ permette l accoppiata tra linee SIP Peering/H ) Limitazioni - L opzione vale solamente per le linee SIP peering e H.323, non ha effetto su altre linee. 3) Impostazioni - Nella tabella VoIP Peering selezionare la linea per la quale si desidera disabilitare l accoppiata ed impostare a Disable l opzione VoIP Tandem. (default: Enable) R8.6. Scelta del codec per linee SIP - Supporto di 4 codecs per linee SIP. - E possibile scegliere 4 codec differenti per SIP peering e SIP trunking (ogni SIP carrier) 2) Limitazioni - Nessuna 3) Impostazioni - Impostare i codec desiderati nei campi SIP Trunking Codec PR1~ Codec PR4 della tabella DM SIP Carrier Options. pagina 62 Sistemi OfficeServ serie 7000

71 - Opzioni impostabili CODEC PR1 : G.729, G.711A, G.711U, G.723, G722 CODEC PR2~CODEC PR4 : DISABLE, G.729, G.711A, G.711U, G.723, G722 Valori di default: CODEC PR1 (G.729), CODEC PR2 (G.711a), CODEC PR3 (G.711u), CODEC PR4(DISABLE) - Impostare i codec desiderati nei campi SIP Peering Codec PR1~ Codec PR4 della tabella DM SIP Stack/Ext/Trunk Options. - Opzioni selezionabili CODEC PR1 : G.729, G.711A, G.711U, G.723, G722 CODEC PR2~CODEC PR4 : DISABLE, G.729, G.711A, G.711U, G.723, G722 Valori di default: CODEC PR1 (G.729), CODEC PR2 (G.711a), CODEC PR3 (G.711u), CODEC PR4(DISABLE) - In caso di chiamate uscenti su linee SIP il criterio utilizzato per la scelta dei codec disponibili ( messaggio SIP Invite) è il seguente si scelgono i codec indicati nei campi Codec PR1 ~ Codec PR4 delle tabelle DM SIP Carrier Options, DM SIP Stack/Ext/Trunk Options non si considerano le duplicazioni presenti. Si considerano i codec supportati dal dispositivo chiamante Sistemi OfficeServ Serie 7000 pagina 63

72 Se il parametro Outgoing Originator Codec Use è impostato ad Enable, OfficeServ pone all inizio della lista i codec supportati dal dispositivo chiamante (già in uso prima di V4.60). - In caso di chiamate entranti su linee SIP il criterio utilizzato per la scelta dei codec disponibili ( messaggio SIP 200OK) è il seguente Si scelgono i codec supportati dal dispositivo chiamato (come in uso prima di V4.60). Se il parametro Incoming Call Fixed Codec è impostato ad Enable, OfficeServ elenca i codec disponibili secondo quanto indicato nei campi Codec PR1 ~ Codec PR4 delle tabelle DM SIP Carrier Options, DM SIP Stack/Ext/Trunk Options pagina 64 Sistemi OfficeServ serie 7000

73 4.9 R9. Ottimizzazione servizi Mobex R9.1. Funzionalità Call back per le chiamate MOBEX - La funzionalità permette che l utente MOBEX sia richiamato dal sistema, ottimizzando cosi i costi delle conversazioni. - L utente deve chiamare il numero dedicato MOBEX. È necessaria la certificazione MOBEX CLI. Questa chiamata sarà terminate dal sistema. - Trascorso il tempo di richiamata (mobile callback time) (default: 5 secondi), il sistema richiama l utente MOBEX. Rispondendo a questa chiamata, il tonno di selezione sarà possibile la digitazione del numero desiderato. - Nel caso di fallimento della richiamata il sistema tenterà nuovamente la chiamata. Il numero di tentativi può essere variato tramite il Device Manager. 2) Impostazioni - Impostare le licenze MOBEX Executive o Selezione Remota in DM Impostare Autorizzazione con CLI a SI in DM Impostare la funzione di prenotazione Callback a SI in DM Impostare Mobile Callback Retry Count (default: 0) e Mobile Callback Time (default: 5) in DM R9.2. Programmazione MOBEX - OfficeServ ha sempre offerto il servizio di suoneria simultanea tra l interno MOBEX ed il suo interno master. Con l ultimo aggiornamento questo servizio può essere fornito con limiti di orario 2) Impostazioni - Creare gruppo di interni e assegnare l interno MOBEX come membro. - Impostare in DM (MMC129) gli orari. Se non ci sono gruppi di interni contenenti il MOBEX come membro, i menu DM e MMC129 non saranno visualizzati R9.3. MOBEX Occupato - Se l interno MOBEX è occupato anche il master deve risultare occupato. Nel caso degli interni abbinati (station pair in MMC329 DM 4.2.5) l interno risulta occupato quando il mater è occupato; da questa versione se il master fa parte di un gruppo di interni ed è occupato anche l interno associato è occupato. - Con l aggiornamento viene fornita le funzionalità di occupato nel gruppo. Sistemi OfficeServ Serie 7000 pagina 65

74 - In questa configurazione il telefono principale MOBEX e l utente MOBEX devono appartenere entrambi alla suoneria di gruppo DM 4.2.5, in particolare il telefono MOBEX apparire tra i membri di suoneria dell Interno principale MOBEX. 2) Impostazioni - Creare la suoneria di Gruppo. DM (master: interno principale MOBEX, membro: interno MOBEX) - Impostare l opzione MOBEX BUSY. Se l opzione è impostata ad ON, il MOBEX master sarà occupato quando l utente MOBEX è occupato R9.4. Selezione tipologia di chiamate per il MOBEX - Si può impostare il tipo di chiamata che suonerà sul proprio interno MOBEX. 2) Impostazioni - Impostare in DM (MMC128) ad On/Off il tipo di chiamata che si desidera suoni sul proprio interno MOBEX. No Option Description 0 STN->STN Se questa opzione è impostata a OFF ed un utente interno chiama il numero master MOBEX, l interno MOBEX non suonerà. 1 STN->SGP Se questa opzione è impostata a OFF ed un utente interno chiama il gruppo di interni dei quali il master MOBEX è membro, l interno MOBEX non suonerà. 2 TRK->STN Se questa opzione è impostata a OFF ed un utente esterno chiama il numero master MOBEX, l interno MOBEX non suonerà. 3 TRK->SGP Se questa opzione è impostata a OFF ed un utente esterno chiama il gruppo di interni dei quali il master MOBEX è membro, l interno MOBEX non suonerà. 4 NET->STN Se questa opzione è impostata a OFF ed un utente SPNet il numero master MOBEX, l interno MOBEX non suonerà. 5 NET->SGP Se questa opzione è impostata a OFF ed un utente SPNet chiama il gruppo di interni dei quali il master MOBEX è membro, l interno MOBEX non suonerà. pagina 66 Sistemi OfficeServ serie 7000

75 4.9.5 R9.5. Suoneria CLI per MOBEX - L autenticazione Mobex via tabella CLI Ringing è stata implementata, senza dover dedicare un numero entrante al servizio. 2) Impostazioni - Impostare il numero CLI che sarà associato al MobEx per l autorizzazione in DM (MMC759). - Abilitare il codice MOBEX come destinazione in DM R9.6. Aggiornamento visualizzazione funzionalità MOBEX - Componendo il codice della funzionalità MOBEX come definito nella DM cabinet Features, nella versione precedente sullo schermo del telefono viene visualizzata la scritta esegui selezione, come nell immagine sotto. Esegui selezione ON OFF - Da questa versione, il display è stato aggiornato visualizzando la scritta MOBEX e indicando l opzione attualmente in uso. MOBEX ON OFF 2) Impostazioni - In MMC724 DM 2.8.0, impostare il codice Mobex. - Selezionare il codice della funzionalità MOBEX e verificare il display. Sistemi OfficeServ Serie 7000 pagina 67

76 4.10 R10. Integrazione con soluzioni di terze parti Requisiti funzionali 1) R10.1 Supporto del codec H.264 per i videotelefoni 2) R10.2 Invio di DTMF ai telefoni SIP - In caso di chiamata originata da un telefono o da una linea e diretta ad una telefono SIP, il sistema può inviare i toni DTMF verso il telefono/client SIP. 3) R10.3.Interoperabilità protocollo SIP con il SIP server BroadWorks - Si è concluso il processo di validazione con la società BroadSoft - E disponibile il certificate di interoperabilità col prodotto BroadWorks della società BroadSoft Limitazioni 1) R10.2 Invio di DTMF ai telefoni SIP - In caso di utilizzo della risorsa MPS e non utilizzo della risorsa MGI, il sistema non segue l opzione DTMF del telefono SIP ma segue il criterio DTMF previsto per il dispositivo dell interlocutore. 2) Impostazioni 1) R10.1 Supporto al codec H.264 per i videotelefoni - Il sistema OfficeServ può effettuare chiamate video a videotelefoni SIP o ricevere videochiamate da videotelefoni SIP utilizzanti il codec H Il sistema OfficeServ può negoziare il codec video tramite la segnalazione SIP - I dispositivi interessati sono: videotelefoni SIP, videotelefoni proprietari, linee SIP, linee SPNET. 2) R10.2 Invio di DTMF ai telefoni SIP - Il campo DTMF Type della tabella DM SIP Phone Information definisce la modalità di invio DTMF utilizzata dal sistema. pagina 68 Sistemi OfficeServ serie 7000

77 4.11 R11. CNF24 Fase 2 Nella fase 2, le funzionalità preesistenti della scheda CNF24 sono ampliate con funzionalità che permettano di soddisfare richieste personalizzate in base alla localizzazione. 1) Il numero di linguaggi dei prompt è stato aumentato, in modo che OfficeServ soddisfi le richieste dei clienti. 2) Sono state migliorate le procedure di prenotazione e gestione della conferenza Meet-Me. Di seguito saranno elencate e descritte in dettaglio le nuove funzionalità e le relative impostazioni R11.1 Outlook 2010 Interworking - CNF24 allega una prenotazione al momento dell invio della mail d invito alla conferenza Meet-ME. Se l utente aprirà il file allegato, Outlook 2010 visualizzerà automaticamente il contenuto nel proprio formato Calendario. 3) Impostazioni - Non richiede impostazioni. Il format del file allegato è ics R11.2 Procedura Ritenta per l inserimento dell ID e Password Conferenza 2) Descrizione - OfficeServ da la possibilità di ritentare ad inserire le proprie credenziali per l accesso alla conferenza, in caso di errata digitazione. - La procedura viene preceduta dagli annunci: i file di prompt xx14.snd and xx15.snd aggiunti con l ultimo aggiornamento contengono il messaggio dell annuncio. - Ci sono 3 tentativi di inserimento. Se tutti saranno errati, allora l utente sentirà un messaggio e la connessione al sistema CNF sarà terminata. 4) Impostazioni - Non richiede impostazioni R11.3 Lingue dei Messaggi Vocali - CNF24 mette a disposizione prompt vocali in un ampia gamma di lingue, indicate con un codice numerico, dal 3 a 17. I prompt sono disponibili nelle seguenti lingue: Sistemi OfficeServ Serie 7000 pagina 69

78 Inglese (USA), Coreano, Inglese (UK), Inglese (Australia) Tedesco, Greco, Italiano, Russo, Spagnolo, Turco, Finlandese, Francese, Olandese, Danese, Portoghese, Svedese, Norvegese 2) Limitazioni - Anche se esistono le tipologie di linguaggi elencati sopra, la scheda CNF24 con l aggiornamento v4.60 rende disponibili soltanto quelli relativi a USA, UK, Corea, Italia, Russia e Spagna. Per le altre nazionalità viene utilizzato l inglese UK. 3) Impostazioni - Non richiede impostazioni. Il sistema imposta automaticamente la lingua dei prompt in funzione del paese selezionato (Esempio: Se il paese è impostato a Italia, i prompt saranno impostati in italiano automaticamente.) pagina 70 Sistemi OfficeServ serie 7000

79 - È possibile cambiare la lingua dei prompt nel menu DM L utente può verificare la lingua dei prompt nel menu DM Sistemi OfficeServ Serie 7000 pagina 71

80 R11.4 Template della Mail - All invio della mail d invito viene proposto un template nella lingua selezionata precedentemente. 2) Impostazioni - Non richiede impostazioni R11.5 Fuso Orario - La funzionalità Fuso Orario è applicata specificando il paese di appartenenza. Può essere impostata dopo un inizializzazione del sistema o un cambio di paese. 2) Impostazioni - L utente può visualizzare e modificare le impostazioni nel menu DM Come possibile osservare nell immagine sottostante, il fuso orario viene visualizzato nel modulo di prenotazione della conferenza. Può essere visualizzato anche nel template della mail d invito R11.6 Opzioni Kick Out - OfficeServ mette a disposizione le opzioni Kick Out come Keep e Clear. (di default: Keep) - Selezionando Keep, l utente eliminato dalla conferenza non può più partecipare ad essa in quanto le sue informazioni sono registrate nel sistema. - Selezionando Clear, l utente eliminato dalla conferenza, può ricollegarsi in quanto le sue informazioni di accesso sono state cancellate dal sistema. pagina 72 Sistemi OfficeServ serie 7000

81 2) Impostazioni - L utente può cambiare l impostazione nel menu DM R11.7 Ricerca interni quando si prenota una conferenza Quando si assegnano i membri della conferenza, l utente può cercare i numeri degli interni su PWP. 2) Impostazioni - Non richiede impostazioni R11.8 Istruzioni utilizzo conferenza - Prima della V4.60 le istruzioni per la conferenza mostravano la lista degli invitati alla conferenza, adesso è visualizzata anche una descrizione testuale delle istruzioni per lo svolgimento della conferenza. Queste istruzioni, che l amministratore OfficeServ ha preventivamente inserito nel DM, saranno visualizzate nella mail d invito alla conferenza. 2) Impostazioni - L utente può inserire le istruzioni in formato testo nel menu DM R11.9 Indirizzo di posta elettronica del mittente - Nell ultima fase della prenotazione della conferenza l utente può inviare inviti ai membri della conferenza. L indirizzo del mittente può essere liberamente cambiato, il sistema aggiorna automaticamente anche il database PWP. 2) Impostazioni - L utente può modificare l indirizzo di posta elettronica, cambiando il contenuto del campo Indirizzo nella finestra della mail d invito alla conferenza Meet-Me. - L indirizzo introdotto può essere verificato nel menu DM Sistemi OfficeServ Serie 7000 pagina 73

82 R11.10 Stato Porte CNF24 - È possibile verificare lo stato delle porte della scheda CNF24. - Lo stato viene indicato come nell immagine sottostante NONE: ci sono problemi di impostazione della rete. IDLE: la porta è attiva e pronta per l utilizzo. CONF: la porta è utilizzata dalla conferenza in corso. 2) Impostazioni - L utente può verificare lo stato delle porte nel menu DM pagina 74 Sistemi OfficeServ serie 7000

83 R11.11 Ora Legale - L ora legale è necessaria per calcolare correttamente l orario d invio della posta elettronica. Con l ultimo aggiornamento, la CNF24 utilizza l impostazione di ora legale del sistema OfficeServ. ( Gestione semplificata eliminando il menu DM ) 2) Impostazioni - Non richiede impostazioni. Assicurarsi della correttezza dell ora legale sul sistema OfficeServ R11.12 Prenotazione giornaliera PWP - Il servizio di prenotazione automatica giornaliera su PWP, ha il limite massimo fissato a 3 mesi. 2) Impostazioni - Non richiede impostazioni R11.13 Indirizzo posta elettronica utente - Gli utenti possono impostare l indirizzo di posta elettronica di ciascun interno, non solo da DM, ma anche da KMMC. 2) Impostazioni - È possibile modificare le impostazioni nel menu DM o con MMC127 : STN R12. OfficeServ NMS V1.61 (servizio futuro) Sistemi OfficeServ Serie 7000 pagina 75

84 4.13 R13. Nuove Funzionalità della V4.6x R13.1. Invio messaggio di errore via mail - Quando il messaggio di errore viene creato (allarme di sistema, informazioni di errore, ecc), sarà spedito su un apposito account registrato sul sistema. 2) Impostazioni - Questo servizio si imposta ed attiva mediante DM e DM Inserire le informazioni del server Host ID, Host Port, User ID, User Password, e Local Domain in DM Se si desidera ricevere le notifiche via in specifici orari del giorno, impostare il parametro invio giornaliero e impostare l ora e i minuti di invio. Se l invio è Oggi allora si riceverà la notifica una sola volta all ora impostata in Ora Invio e Minuti Invio. Se si inserisce il nome anziché l indirizzo nel campo Dominio Locale, occorrerà compilare anche il parametro DNS Server in DM Si possono inserire gli indirizzi di 4 destinatari per la notifica Allarmi. pagina 76 Sistemi OfficeServ serie 7000

85 R13.2. Rubrica telefonica/calendario Unificato - Il sistema OfficeServ mette a disposizione un unica rubrica telefonica e calendario per tutti i sistemi. - Se l utente crea una rubrica sul sistema, questa sarà disponibile per tutti i telefoni SMT. - Inoltre, è possibile avere una rubrica personale sul telefono. 2) Impostazioni - La rubrica di sistema si può configurare nel menu DM o MMC Dopo aver impostato la rubrica di sistema, scegliendo Aggiorna a SI, i telefoni SMT funzionanti la riceveranno istantaneamente, mentre quelli spenti all avvio. - I telefoni IP che supportano la rubrica di cercano di collegarsi usando la porta 80 del sistema OfficeServ. Di conseguenza, è importante che I telefoni IP abbiano accesso alla porta costantemente. Verificare che la porta sia accessibile nel vostro ambiente. - Se il sistema OfficeServ si trova su una rete con NAT, sarà necessario impostare l opzione Porta Pubblica Download in DM (MMC 768) e aggiornare il portforwarding in modo che colleghi la Porta Pubblica Download alla porta 80 nella configurazione NAT sul Router. Sistemi OfficeServ Serie 7000 pagina 77

86 - Il valore di default Porta Pubblica Download è Impostazioni nel menu DM MMC Opzione Descrizione 768 Rubrica Aziendale Numero Telefono Nome Telefono Nome Gruppo Download Public Port Campo riservato per l inserimento del numero di telefono. Campo nome del contatto della rubrica Campo indicativo per i Gruppo della rubrica. Se questa opzione è impostata a Yes allora il messaggio di notifica aggiornamento Update Notify sarà spedita anche ai telefoni SMT R13.3. Allarme di Errore Urbana SIP - Registrazione/De-registrazione del server SIP sarà salvato in Alarm Log. - Gli errori di allocazione memoria e altre risorse saranno salvate in Alarm Log. - È possibile consultare l Alarm Log in DM e MMC. 2) Impostazioni - L Alarm Log si trova nel menu DM e MMC R13.4. Supporto del collegamento Telnet ai log di sistema. - È possibile catturare i log Telnet della MP per i sistemi OfficeServ 7200s / 7100 / Temporaneamente, nella v4.65, non ci sono ID e Password per la connessione Telnet. 2) Impostazioni - La porta Telnet è 5030 pagina 78 Sistemi OfficeServ serie 7000

87 nel caso dei sistemi OS7200s/7100/7030, la porta TCP 23 è già utilizzata per l interfaccia bash shell per cui, per la traccia dei log Telnet, si usa la porta R13.5. Variazione valori di default - La password predefinita di accesso ai sistemi OfficeServ tramite Device Manager è stata modificata: #PBX1357sec.com - Alcuni valori di default hanno subito variazioni: Valore COS(Class Of Service) della porta VMS : 1 30 in MMC301 nel menù DM DB NAME OPZIONE Prima Dopo SLCB_DB STATION COS R13.6. Supporto Client NTP - Da questa versione. v4.60 è supporto il protocollo NTP (Network Time Protocol). - Se collegato a Internet, il sistema aggiornerà automaticamente l orario tramite il server NTP. 2) Impostazioni - Impostare indirizzo IP Address o Nome Dominio nel menu DM2.1.3 / MMC841 - NTP SERVER - Impostare in DM2.1.3 / MMC861, SYS TIME ZONE - Impostare nel menu DM5.6.1/ MMC840 i valori del DNS SERVER1, DNS SERVER2 se è necessario risolvere il nome del server NTP inserito in DM R13.7. Distinzione Porte Urbane SIP e Porte Peering SIP. Funzionalità Sistemi OfficeServ Serie 7000 pagina 79

88 - È possibile utilizzare le linee urbane SIP e le linee Peering Sip nello stesso gruppo DM Riformulando, è possibile creare un gruppo contenente linee SIP Peering e SIP Trunk. - Si possono creare gruppi separati di linee Peering o urbane SIP. - Si possono utilizzare le porte ISP 1 e ISP 2 separatamente 2) Limitazioni Le licenze di linea SIP inserite in DM non distinguono tra le linee SIP e ed i collegamenti SIP Peering (la medesima impostazione precedente a V4.60) 3) Impostazioni - I menu interessati sono: DM , Opzioni SIP Carrier e SIP Trunk Max Channel, DM SIP Stack/Ext/Trunk Options - SIP Trunk Configuration e SIP Trunk Max Channel per separare SIP Trunking e SIP Peering pagina 80 Sistemi OfficeServ serie 7000

89 - Per effettuare una chiamata SIP uscente È possibile effettuare chiamate uscenti su urbana SIP o Peering SIP, finche il numero di connessioni non superano il numero massimo di canali disponibili. Esempio) Gruppo Urbane 805: 8501, 8502, 8503, 8504, 8505, 8506, 8507, Impostazione ISP: ISP Gruppo Urbane: 8501, 8502, 8503, 8504, 8505, 8506, 8507, Impostazione ISP: ISP 2 ISP 1 urbana SIP mass. canali: 4 ISP 2 urbana SIP mass. canali: 4 ISP1 e ISP2 possono usare le porte da 8501 a 8508 insieme fino al raggiungimento del parametro SIP Trunking Max Channel, che indica il numero massimo di linee urbane SIP. L utilizzo delle linee è ammesso fino al raggiungimento del numero Massimo di linee SIP programmato (SIP Trunking Max Channel). È possibile separare le linee urbane SIP e le linee SIP Peering come pure è possibile separare le linee di ogni gestore SIP. Esempio 805 Gruppo Urbane: 8501, 8502, 8503, 8504 Impostazione ISP: ISP Gruppo Urbane: 8505, 8506, 8507, 8508 Impostazione ISP: ISP 2 ISP 1 urbana SIP mass. canali: 4 Sistemi OfficeServ Serie 7000 pagina 81

90 ISP 2 urbana SIP mass. canali: 4 Separazione ISP1 e ISP2 - Per prendere una chiamata SIP entrante È possibile prendere chiamate entranti su urbana SIP o Peering SIP, finche il numero di connessioni non superano il numero massimo di canali disponibili. Esempio 805 Gruppo Urbane: 8501, 8502, 8503, 8504, 8505, 8506, 8507, 8508 Impostazione ISP: ISP Gruppo Urbane: 8501, 8502, 8503, 8504, 8505, 8506, 8507, 8508 Impostazione ISP: ISP Gruppo Urbane: 8509, 8510 Impostazione ISP: ISP 1 ISP 1 urbana SIP mass. canali: 4 ISP 2 urbana SIP mass. canali: 4 In questo caso, una chiamata entrante su ISP 1 prende le linee SIP impostate su ISP 1. Nel esempio, sarà selezionato il gruppo di urbane 805. Sarà selezionata la porta urbana partendo dall ultima, nell esempio precedente la porta 8508 essendo selezionata. Se non viene trovato nessun gruppo di urbane corrispondente all ISP, OfficeServ cercherà di prendere una linea urbana a partire dall ultima utilizzata, a prescindere dal gruppo. È possibile separare le linee urbane SIP da quelle di peering, su ISP distinti. Esempio 805 Gruppo Urbane: 8501, 8502, 8503, 8504 Impostazione ISP: ISP Gruppo Urbane: 8505, 8506, 8507, 8508 Impostazione ISP: ISP 2 ISP 1 urbana SIP mass. canali: 4 ISP 2 urbana SIP mass. canali: 4 Nel caso di una chiamata entrante su ISP 2, OfficeServ seleziona il gruppo corrispondente. Nell esempio, sarà selezionato il gruppo di urbane 806. pagina 82 Sistemi OfficeServ serie 7000

91 Sarà selezionata la porta urbana partendo dall ultima, nell esempio precedente la porta 8508 essendo selezionata R13.8. Buffer SMDR (MP10a, MP20S) - I dati SMDR sono inviati ad un server esterno di gestione addebiti. Se il server, per qualsiasi motivo, non è in linea, i dati SMDR si perdono. - Con l ultimo aggiornamento, anche se il server di gestione addebiti non è in linea, i dati SMDR non vengono persi, bensì salvati in un apposito spazio di memoria al quale si può accedere per recuperarli. - Capacità massima di memorizzazione : 10,000 righe 2) Impostazioni - Non richiede impostazioni R13.9. Numero massim0 di chiamate DDI per Ring Plan - È possibile impostare il numero massimo di chiamate in ricezione DDI, considerando il Ring Plan. 2) Impostazioni Opzione MMC Descrizione MAX CALL COUNT DM (MMC714 DID DIGIT) Si può impostare per Ring Plan. Imposta il numero massimo di chiamate entranti R Numero Massimo di chiamate in attesa. - Limitazione del numero massimo di chiamate in attesa verso il gruppo UCD. 2) Impostazioni - Impostare Max Call Count, parametro che indica il numero massimo di chiamate in attesa per il gruppo UCD, in MMC 607, nel menu DM Impostare Set Max Call Destination in MMC 607, menu DM Una chiamata in entrata che supera il numero massimo di chiamate in attesa, sarà trasferita alla destinazione impostata in questo campo. Opzione MMC Descrizione MAX CALL COUNT DM (MMC607 UCD OPTIONS) Numero chiamate entranti MAX CALL DESTINATION DM Destinazione chiamate quando si supera il (MMC607 UCD OPTIONS) limite massimo di chiamate in attesa. Sistemi OfficeServ Serie 7000 pagina 83

92 R Restrizione chiamate indesiderate Questa opzione protegge contro l uso fraudolento delle chiamate SIP. Abilitando quest opzione, le chiamate SIP non autorizzate non potranno attraversare il sistema OfficeServ utilizzando le linee urbane SIP o peering SIP. Nel caso di una registrazione ripetutamente fallita di un utente SIP, OfficeServ blocca l indirizzo ip per un periodo di tempo definito, proteggendo il sistema da azioni potenzialmente dannose. Di seguito, l elenco delle liste degli indirizzi IP autorizzati: Indirizzi IP degli interni SIP registrati (DM 6.2.3) Indirizzi IP relativi al Voip peering (DM ) Indirizzi IP dei Carriers (DM ) 2) Opzioni disponibili - È possibile impostare le opzioni Response / No Response per tutti i sistemi OfficeServ. 3) Impostazioni - Menu DM SIP Stack/Ext/Trunk Options SIP Trunk Configuration Comm Exclusive: Response: il sistema OfficeServ non accetterà le chiamate SIP da indirizzi IP non autorizzati via SIP trunk/peering, rispondendo con il messaggio di errore 403 forbidden. No Response: il sistema OfficeServ ignorerà tutti i messaggi SIP da indirizzi IP non autorizzati bloccando gli IP rilevati. Saranno bloccati per un periodo limitato anche gli indirizzi IP dai quali provengono più tentativi falliti di registrazione. Common MSG Block Timer: Questo tempo di permanenza del messaggio SIP è applicato in tutti i casi, tranne che al REGISTER. (1 ~ secondi) Register MSG Block Timer: è il timer applicato al messaggio SIP REGISTER. (1 ~ secondi) Register Retry Limit: è il numero massimo di tentativi di registrazione di un utente SIP (fallito per ID o PASSWORD errata), oltre il quale il sistema bloccherà il suo indirizzo IP. pagina 84 Sistemi OfficeServ serie 7000

93 4.14 Nuove Funzionalità WE VoIP della V Servizio CID unico per WE VoIP - Quest opzione permette al client WE VoIP di avere lo stesso numero del telefono fisso abbinato. - Questa funzionalità è limitata alle chiamate interne. Per una chiamata esterna si crea Numero CID Unico impostando l opzione Invio Numero CLI nella tabella DM Il Numero CID Unico non è stampato nel log SMDR. 2) Impostazioni - Nel menu DM Abbinamento interni è stato aggiunto il campo Numero CID Unico - Fare riferimento all immagine seguente (a) Gli interni 2001 e 2002 sono abbinati tra di loro. (b) Numero CID Unico è abilitato per l interno 2001, come nome e numero primario. (c) In questo caso non è permesso abilitare Numero CID Unico per l interno Supporto E164 per WE VoIP - Questa funzione abilita l utilizzo corretto della codifica E.164 (compreso prefisso + ) - Nella V4.65 è stata aggiunto uno schema di configurazione per E.164 2) Impostazioni (con riferimento all Italia) - Caso 1: Chiamata uscente su linea urbana ISDN (a) Codice paese +39 (b) Numero chiamato WE VoIP (c) Il codice d impegno del gruppo di urbane ISDN è 0 (d) Nel menu DM WE VoIP Modifica delle cifre uscenti configurare come indicato nell immagine sotto. (e) OfficeServ selezionerà tramite una linea urbana ISDN. Sistemi OfficeServ Serie 7000 pagina 85

94 - Caso 2: Chiamata entrante su linea urbana ISDN (a) Numero chiamante: (b) Prefisso locale 02 (c) Nel menu DM WE VoIP Modifica CID chiamante compilare i campi come nell immagine successiva. (d) Il sistema OfficeServ elaborerà il numero del chiamante per fornire al client WE VoIP il CID ) Eccezione - Se il numero selezionato è presente nella tabella in DM E.164 Non Autorizzati, il sistema non lo converte nel formato E Miglioramento Provisioning WE VoIP 1. Profilo Cellulare - Menu DM <Profilo Cellulare> a) Codec Priority b) SLIK Codec c) AMR WB d) Auto 3G Number 1571 Il numero di 4 cifre indicato 080! 080 ed ogni altra sequenza di cifre 077XXXXXXXX 077 ed altre 8 cifre pagina 86 Sistemi OfficeServ serie 7000

95 2. Profilo del login - Menu DM <Profilo del Login> a) Multi Frame, Multicast, TOS, Jitter, Tipo Segnalazione SIP, Descrizione 3. WE VoIP parametri del cellulare - Menu DM <WE VOIP Parametri del cellulare> contiene ora alcune informazioni presenti precedentemente nel menu DM a) Roaming Trigger, Roaming Delta, Roaming Scan Period. 4. WE VoIP Opzioni comuni - Nel menu DM WE VoIP Opzioni comuni, impostare le informazioni dei canali di roaming e per la modalità Scansione Roaming - Se si seleziona <Solo 5G> in DM Scan solo 5G, i canali Scansione Roaming 5G sono salvati nel Profilo Login - Se si seleziona <Solo 2.4G> in DM Scan solo 5G, i canali Scansione Roaming 2.4G sono salvati nel Profilo Login - Se si seleziona <AUTO> in Scan solo 5G, tutti i canali sono salvati nel Profilo Login 5. Raccomandazioni Codec Si raccomanda di impostare i codec IPP/SIP/WIP/SIP TRK/SPNET a G.711 se si utilizza WE VoIP, perche questo non supporta g Nuove Funzionalità Sicurezza della v Accesso altamente protetto 1. Password Crittata Le password indicate sotto sono crittate per avere un livello di sicurezza più elevato. Le stesse sono visualizzate in alcuni menu come una serie di caratteri * e non possono essere visualizzate all interno dei file di backup. DM Admin Password Sistemi OfficeServ Serie 7000 pagina 87

96 DM SIP Phone Password DM Auth Password DM Community Server L utente deve accedere ai sistemi OS v4.65 utilizzando il software DM corrispondente. Le versioni DM antecedenti non possono accedere al OS v4.65 non supportando la password criptata. Al contrario, l ultima versione DM è retro compatibile, l utente avendo la possibilità di disabilitare la password criptata. 2. Accesso sicuro a DM - L accesso fallito ripetutamente a DM in un breve lasso di tempo porta in uno dei seguenti casi: a) DM Login Retry Limit / DM Login Prevent Duration b) È consigliato cambiare la password di default. 3. Accesso sicuro telefoni SIP Non ci sono ID e password di default per i terminali SIP. L amministratore di sistema deve impostare tale valori dopo l aggiornamento del firmware. La password impostata deve avere almeno 6 caratteri. 4. Sicurezza VM/AA La SVMi chiederà agli utenti di cambiare la password al primo utilizzo. Per ulteriori informazioni, consultare il capitolo Nuove funzionalità della scheda SVMi-20i IP White List 1. Lista IP con accesso a DM - Possono accedere al sistema OfficeServ v4.65 tramite DM solo gli utenti con l indirizzo IP presente nel menu DM Se tale lista è vuota il sistema accetta tutte le connessioni da Device Manager. (*) dopo l aggiornamento il sistema non ha nessun IP configurato, quindi è vulnerabile agli attacchi. - Se l accesso non è concesso, viene visualizzato il seguente messaggio: Questo PC non è autorizazto ad accedere al DB. Si prega di utilizzare un pagina 88 Sistemi OfficeServ serie 7000

97 altro PC e controllare la Lista IP per accesso a DM nel menu Lista IP accesso telefoni - Possono registrarsi al OfficeServ v4.65 solo i terminali con indirizzo IP inserito nel menu DM Gli IP delle applicazioni CTI e dei servizi in DM <LAN Printer> devono presenti in questa tabella. - Dopo l aggiornamento alla versione v4.65, la Lista telefoni IP autorizzati non conterrà nessun indirizzo IP, quindi nessun telefono IP/SIP/WIP e servizi CTI potranno registrarsi al sistema. - Assicurarsi che l amministratore di sistema imposti la lista in DM Eccezione: Se l opzione Usa Lista telefoni IP autorizzati nel menu 2.7.1/2.7.2 è disabilitata in corrispondenza del terminale telefonico, allora questo si potrà registrare anche se il suo indirizzo non è inserito nella tabella indicata sopra. 3. Lista IP per accesso gestione - Gli indirizzi IP inseriti nel menu DM sono gli unici ammessi per l accesso Telnet/FTP/SMDR al sistema OfficeServ. - Gli indirizzi IP relativi ai servizi CTI e relativi alle funzionalità del menu DM devono essere indicati nella tabella Lista IP per accesso gestione - Nel caso del sistema OfficeServ 7030 Master-Slave, l indirizzo IP del master sarà salvato automaticamente nella tabella dello Slave e vice versa. - Dopo l aggiornamento alla versione v4.65, la Lista IP per accesso gestione non conterrà nessun indirizzo IP, quindi non sarà permesso l accesso Telnet/FTP/SMDR a nessun dispositivo. 4. Regole impostazione subnet IP Ci sono due metodi per impostare gli indirizzi IP nelle tabelle di accesso a DM, telefoni o gestione sistema. Uno dei metodi e impostare ciascun indirizzo manualmente e l altro e di impostare delle subnet. Sistemi OfficeServ Serie 7000 pagina 89

ATA MEDIATRIX 2102 GUIDA ALL INSTALLAZIONE

ATA MEDIATRIX 2102 GUIDA ALL INSTALLAZIONE ATA MEDIATRIX 2102 GUIDA ALL INSTALLAZIONE Mediatrix 2102 ATA Guida all installazione EUTELIAVOIP Rev1-0 pag.2 INDICE SERVIZIO EUTELIAVOIP...3 COMPONENTI PRESENTI NELLA SCATOLA DEL MEDIATRIX 2102...3 COLLEGAMENTO

Dettagli

Guida al nuovo sistema di posta. CloudMail UCSC. (rev.doc. 1.4)

Guida al nuovo sistema di posta. CloudMail UCSC. (rev.doc. 1.4) Guida al nuovo sistema di posta CloudMail UCSC (rev.doc. 1.4) L Università per poter migliorare l utilizzo del sistema di posta adeguandolo agli standard funzionali più diffusi ha previsto la migrazione

Dettagli

Guida ai Servizi Voce per l Utente. Guida ai ai Servizi Voce per l Utente

Guida ai Servizi Voce per l Utente. Guida ai ai Servizi Voce per l Utente Guida ai Servizi Voce per l Utente Guida ai ai Servizi Voce per l Utente 1 Indice Introduzione... 3 1 Servizi Voce Base... 4 1.1 Gestione delle chiamate... 4 1.2 Gestione del Numero Fisso sul cellulare...

Dettagli

Guida ai Servizi Voce per il Referente. Guida ai Servizi Voce per il Referente

Guida ai Servizi Voce per il Referente. Guida ai Servizi Voce per il Referente Guida ai Servizi Voce per il Referente Guida ai Servizi Voce per il Referente 1 Sommario 1 Introduzione... 3 1.1 Accesso al Self Care Web di Rete Unica... 4 2 Servizi Aziendali... 6 2.1 Centralino - Numero

Dettagli

Mod. 4: L architettura TCP/ IP Classe 5 I ITIS G. Ferraris a.s. 2011 / 2012 Marcianise (CE) Prof. M. Simone

Mod. 4: L architettura TCP/ IP Classe 5 I ITIS G. Ferraris a.s. 2011 / 2012 Marcianise (CE) Prof. M. Simone Paragrafo 1 Prerequisiti Definizione di applicazione server Essa è un servizio che è in esecuzione su un server 1 al fine di essere disponibile per tutti gli host che lo richiedono. Esempi sono: il servizio

Dettagli

CARATTERISTICHE DELLE CRYPTO BOX

CARATTERISTICHE DELLE CRYPTO BOX Secure Stream PANORAMICA Il sistema Secure Stream è costituito da due appliance (Crypto BOX) in grado di stabilire tra loro un collegamento sicuro. Le Crypto BOX sono dei veri e propri router in grado

Dettagli

Funzioni nuove e modificate

Funzioni nuove e modificate Gigaset S675 IP, S685 IP, C470 IP, C475 IP: Funzioni nuove e modificate Questo documento integra il manuale di istruzioni dei telefoni VoIP Gigaset: Gigaset C470 IP, Gigaset C475 IP, Gigaset S675 IP e

Dettagli

Interfaccia Web per customizzare l interfaccia dei terminali e

Interfaccia Web per customizzare l interfaccia dei terminali e SIP - Session Initiation Protocol Il protocollo SIP (RFC 2543) è un protocollo di segnalazione e controllo in architettura peer-to-peer che opera al livello delle applicazioni e quindi sviluppato per stabilire

Dettagli

Manuale tecnico Stazione Meteo Eolo Davis

Manuale tecnico Stazione Meteo Eolo Davis Descrizione Generale Manuale tecnico Stazione Meteo Eolo Davis EOLO DAVIS rappresenta una soluzione wireless di stazione meteorologica, basata su sensoristica Davis Instruments, con possibilità di mettere

Dettagli

Cisco SPA 122 ATA con router

Cisco SPA 122 ATA con router Data Sheet Cisco SPA 122 ATA con router Servizio VoIP (Voice over IP) conveniente e ricco di funzionalità Caratteristiche Qualità vocale e funzionalità telefoniche e fax associate al servizio VoIP (Voice

Dettagli

Adattatore telefonico Cisco SPA 112 a due porte

Adattatore telefonico Cisco SPA 112 a due porte Data Sheet Adattatore telefonico Cisco SPA 112 a due porte VoIP (Voice over IP) conveniente e ricco di funzionalità Caratteristiche Qualità vocale e funzionalità telefoniche e fax associate al servizio

Dettagli

Cos è un protocollo? Ciao. Ciao 2:00. tempo. Un protocollo umano e un protocollo di reti di computer:

Cos è un protocollo? Ciao. Ciao 2:00. <file> tempo. Un protocollo umano e un protocollo di reti di computer: Cos è un protocollo? Un protocollo umano e un protocollo di reti di computer: Ciao Ciao Hai l ora? 2:00 tempo TCP connection request TCP connection reply. Get http://www.di.unito.it/index.htm Domanda:

Dettagli

FileMaker Server 12. Guida introduttiva

FileMaker Server 12. Guida introduttiva FileMaker Server 12 Guida introduttiva 2007 2012 FileMaker, Inc. Tutti i diritti riservati. FileMaker, Inc. 5201 Patrick Henry Drive Santa Clara, California 95054 FileMaker e Bento sono marchi di FileMaker,

Dettagli

Firewall. Generalità. Un firewall può essere sia un apparato hardware sia un programma software.

Firewall. Generalità. Un firewall può essere sia un apparato hardware sia un programma software. Generalità Definizione Un firewall è un sistema che protegge i computer connessi in rete da attacchi intenzionali mirati a compromettere il funzionamento del sistema, alterare i dati ivi memorizzati, accedere

Dettagli

12.5 UDP (User Datagram Protocol)

12.5 UDP (User Datagram Protocol) CAPITOLO 12. SUITE DI PROTOCOLLI TCP/IP 88 12.5 UDP (User Datagram Protocol) L UDP (User Datagram Protocol) é uno dei due protocolli del livello di trasporto. Come l IP, é un protocollo inaffidabile, che

Dettagli

Guida all'installazione ed uso dell'app RXCamLink

Guida all'installazione ed uso dell'app RXCamLink Guida all'installazione ed uso dell'app RXCamLink Questa guida riporta i passi relativi all'installazione ed all'utilizzo dell'app "RxCamLink" per il collegamento remoto in mobilità a sistemi TVCC basati

Dettagli

Elementi di Informatica e Programmazione

Elementi di Informatica e Programmazione Elementi di Informatica e Programmazione Le Reti di Calcolatori (parte 2) Corsi di Laurea in: Ingegneria Civile Ingegneria per l Ambiente e il Territorio Università degli Studi di Brescia Docente: Daniela

Dettagli

Risoluzione Problemi Chiavetta Internet Veloce MOMODESIGN MD-@

Risoluzione Problemi Chiavetta Internet Veloce MOMODESIGN MD-@ Risoluzione Problemi Chiavetta Internet Veloce MOMODESIGN MD-@ Installazione Modem USB Momo Gestione segnale di rete Connessione Internet Messaggi di errore "Impossibile visualizzare la pagina" o "Pagina

Dettagli

SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO

SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO CLSMS SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO Sommario e introduzione CLSMS SOMMARIO INSTALLAZIONE E CONFIGURAZIONE... 3 Parametri di configurazione... 4 Attivazione Software...

Dettagli

Web Conferencing and Collaboration tool

Web Conferencing and Collaboration tool Web Conferencing and Collaboration tool La piattaforma Meetecho Piattaforma di Web Conferencing e Collaborazione on line in tempo reale Caratteristiche generali Soluzione client-server progettata per essere

Dettagli

Manuale del fax. Istruzioni per l uso

Manuale del fax. Istruzioni per l uso Istruzioni per l uso Manuale del fax 1 2 3 4 5 6 Trasmissione Impostazioni di invio Ricezione Modifica/Conferma di informazioni di comunicazione Fax via computer Appendice Prima di utilizzare il prodotto

Dettagli

V11. Release 1. New Devices. New Features. More Flexibility.

V11. Release 1. New Devices. New Features. More Flexibility. V11 Release 1 New Devices. New Features. Highlights dell innovaphone PBX Versione 11 Release 1 (11r1) Con il software Versione 11 dell innovaphone PBX la soluzione di telefonia IP e Unified Communications

Dettagli

Guida ai Servizi Internet per il Referente Aziendale

Guida ai Servizi Internet per il Referente Aziendale Guida ai Servizi Internet per il Referente Aziendale Indice Indice Introduzione...3 Guida al primo accesso...3 Accessi successivi...5 Amministrazione dei servizi avanzati (VAS)...6 Attivazione dei VAS...7

Dettagli

Sistema di telecomunicazione per le piccole e medie imprese.

Sistema di telecomunicazione per le piccole e medie imprese. Sistema di telecomunicazione per le piccole e medie imprese. Sistema di telecomunicazione Promelit ipecs MG. Descrizione del Sistema: L azienda di oggi deve saper anche essere estesa : non confinata in

Dettagli

FIRESHOP.NET. Gestione Utility & Configurazioni. Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it

FIRESHOP.NET. Gestione Utility & Configurazioni. Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it FIRESHOP.NET Gestione Utility & Configurazioni Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it Sommario SOMMARIO Introduzione... 4 Impostare i dati della propria azienda... 5 Aggiornare il programma... 6 Controllare l integrità

Dettagli

Progettare network AirPort con Utility AirPort. Mac OS X v10.5 + Windows

Progettare network AirPort con Utility AirPort. Mac OS X v10.5 + Windows Progettare network AirPort con Utility AirPort Mac OS X v10.5 + Windows 1 Indice Capitolo 1 3 Introduzione a AirPort 5 Configurare un dispositivo wireless Apple per l accesso a Internet tramite Utility

Dettagli

Web conferencing e collaborazione in tempo reale su Internet: la piattaforma Meetecho

Web conferencing e collaborazione in tempo reale su Internet: la piattaforma Meetecho Web conferencing e collaborazione in tempo reale su Internet: la piattaforma Meetecho Tobia Castaldi Alessandro Amirante Lorenzo Miniero Simon Pietro Romano Giorgio Ventre 02/10/2009 GARR 2009 "Network

Dettagli

Introduzione ai protocolli di rete Il protocollo NetBEUI Il protocollo AppleTalk Il protocollo DLC Il protocollo NWLink Il protocollo TCP/IP

Introduzione ai protocolli di rete Il protocollo NetBEUI Il protocollo AppleTalk Il protocollo DLC Il protocollo NWLink Il protocollo TCP/IP Protocolli di rete Sommario Introduzione ai protocolli di rete Il protocollo NetBEUI Il protocollo AppleTalk Il protocollo DLC Il protocollo NWLink Il protocollo TCP/IP Configurazione statica e dinamica

Dettagli

Guida alla scansione su FTP

Guida alla scansione su FTP Guida alla scansione su FTP Per ottenere informazioni di base sulla rete e sulle funzionalità di rete avanzate della macchina Brother, consultare la uu Guida dell'utente in rete. Per ottenere informazioni

Dettagli

TeamViewer 7 Manuale Controllo remoto

TeamViewer 7 Manuale Controllo remoto TeamViewer 7 Manuale Controllo remoto TeamViewer GmbH Kuhnbergstraße 16 D-73037 Göppingen teamviewer.com Indice 1 Informazioni su TeamViewer... 5 1.1 Informazioni sul software... 5 1.2 Informazioni sul

Dettagli

ATLAS 2.X IL MANAGER NON SI AVVIA

ATLAS 2.X IL MANAGER NON SI AVVIA ATLAS 2.X IL MANAGER NON SI AVVIA Avvio di Atlas 2.x sul server CONTESTO La macchina deve rispecchiare le seguenti caratteristiche MINIME di sistema: Valori MINIMI per Server di TC con 10 postazioni d'esame

Dettagli

CHIAVETTA INTERNET ONDA MT503HSA

CHIAVETTA INTERNET ONDA MT503HSA CHIAVETTA INTERNET ONDA MT503HSA Manuale Utente Linux Debian, Fedora, Ubuntu www.ondacommunication.com Chiavet ta Internet MT503HSA Guida rapida sistema operativo LINUX V 1.1 33080, Roveredo in Piano (PN)

Dettagli

SERVER VIDEO 1-PORTA H.264

SERVER VIDEO 1-PORTA H.264 SERVER VIDEO 1-PORTA H.264 MANUALE UTENTE DN-16100 SALVAGUARDIA IMPORTANTE Tutti i prodotti senza piombo offerti dall'azienda sono a norma con i requisiti della legge Europea sulla restrizione per l'uso

Dettagli

INFORMAZIONI GENERALI...2 INSTALLAZIONE...5 CONFIGURAZIONE...6 ACQUISTO E REGISTRAZIONE...11 DOMANDE FREQUENTI:...13 CONTATTI:...

INFORMAZIONI GENERALI...2 INSTALLAZIONE...5 CONFIGURAZIONE...6 ACQUISTO E REGISTRAZIONE...11 DOMANDE FREQUENTI:...13 CONTATTI:... INFORMAZIONI GENERALI...2 INSTALLAZIONE...5 CONFIGURAZIONE...6 ACQUISTO E REGISTRAZIONE...11 DOMANDE FREQUENTI:...13 CONTATTI:...14 Ultimo Aggiornamento del Documento: 23 / Marzo / 2012 1 INFORMAZIONI

Dettagli

WAN 80.80.80.80 / 24. L obiettivo è quello di mappare due server web interni (porta 80) associandoli agli indirizzi IP Pubblici forniti dall ISP.

WAN 80.80.80.80 / 24. L obiettivo è quello di mappare due server web interni (porta 80) associandoli agli indirizzi IP Pubblici forniti dall ISP. Configurazione di indirizzi IP statici multipli Per mappare gli indirizzi IP pubblici, associandoli a Server interni, è possibile sfruttare due differenti metodi: 1. uso della funzione di Address Translation

Dettagli

Telefono Sirio lassico

Telefono Sirio lassico GUIDA USO Telefono Sirio lassico 46755H Aprile 2013 3 Indice INTRODUZIONE...1 CARATTERISTICHE TECNICHE E FUNZIONALI...1 CONTENUTO DELLA CONFEZIONE...1 INSTALLAZIONE...2 DESCRIZIONE DELL APPARECCHIO...3

Dettagli

Manuale di Remote Desktop Connection. Brad Hards Urs Wolfer Traduzione: Luciano Montanaro Traduzione: Daniele Micci

Manuale di Remote Desktop Connection. Brad Hards Urs Wolfer Traduzione: Luciano Montanaro Traduzione: Daniele Micci Manuale di Remote Desktop Connection Brad Hards Urs Wolfer Traduzione: Luciano Montanaro Traduzione: Daniele Micci 2 Indice 1 Introduzione 5 2 Il protocollo Remote Frame Buffer 6 3 Uso di Remote Desktop

Dettagli

minor costo delle chiamate, su nazionali e internazionali

minor costo delle chiamate, su nazionali e internazionali Il Voice Over IP è una tecnologia che permette di effettuare una conversazione telefonica sfruttando la connessione ad internet piuttosto che la rete telefonica tradizionale. Con le soluzioni VOIP potete

Dettagli

Conferencing Services. Web Meeting. Quick Start Guide V4_IT

Conferencing Services. Web Meeting. Quick Start Guide V4_IT Web Meeting Quick Start Guide V4_IT Indice 1 INFORMAZIONI SUL PRODOTTO... 3 1.1 CONSIDERAZIONI GENERALI... 3 1.2 SISTEMI OPERATIVI SUPPORTATI E LINGUE... 3 1.3 CARATTERISTICHE... 3 2 PRENOTARE UNA CONFERENZA...

Dettagli

Le Reti Informatiche

Le Reti Informatiche Le Reti Informatiche modulo 10 Prof. Salvatore Rosta www.byteman.it s.rosta@byteman.it 1 Nomenclatura: 1 La rappresentazione di uno schema richiede una serie di abbreviazioni per i vari componenti. Seguiremo

Dettagli

Guida alla configurazione dell'e-mail di altri provider sul cellulare Galaxy S.

Guida alla configurazione dell'e-mail di altri provider sul cellulare Galaxy S. Guida alla configurazione dell'e-mail di altri provider sul cellulare Galaxy S. All accensione del Tab e dopo l eventuale inserimento del codice PIN sarà visibile la schermata iniziale. Per configurare

Dettagli

Come configurare un programma di posta con l account PEC di GLOBALCERT.IT

Come configurare un programma di posta con l account PEC di GLOBALCERT.IT Come configurare un programma di posta con l account PEC di GLOBALCERT.IT Il Titolare di una nuova casella PEC può accedere al sistema sia tramite Web (Webmail i ), sia configurando il proprio account

Dettagli

Manuale di configurazione per iphone

Manuale di configurazione per iphone Manuale di configurazione per iphone Notariato.it e.net (Iphone 2G e 3G) 2 PREMESSA Il presente manuale ha lo scopo di fornire le indicazioni per la configurazione del terminale IPhone 2G e 3G per ricevere

Dettagli

Alb@conference GO e Web Tools

Alb@conference GO e Web Tools Alb@conference GO e Web Tools Crea riunioni virtuali sempre più efficaci Strumenti Web di Alb@conference GO Guida Utente Avanzata Alb@conference GO Per partecipare ad un audioconferenza online con Alb@conference

Dettagli

Routing (instradamento) in Internet. Internet globalmente consiste di Sistemi Autonomi (AS) interconnessi:

Routing (instradamento) in Internet. Internet globalmente consiste di Sistemi Autonomi (AS) interconnessi: Routing (instradamento) in Internet Internet globalmente consiste di Sistemi Autonomi (AS) interconnessi: Stub AS: istituzione piccola Multihomed AS: grande istituzione (nessun ( transito Transit AS: provider

Dettagli

Windows Mail Outlook Express 6 Microsoft Outlook 2003 Microsoft Outlook 2007 Thunderbird Opera Mail Mac Mail

Windows Mail Outlook Express 6 Microsoft Outlook 2003 Microsoft Outlook 2007 Thunderbird Opera Mail Mac Mail Configurare un programma di posta con l account PEC di Il Titolare di una nuova casella PEC può accedere al sistema sia tramite Web (Webmail i ), sia configurando il proprio account ii nel programma di

Dettagli

Istruzioni per l uso Guida software

Istruzioni per l uso Guida software Istruzioni per l uso Guida software Leggere subito Manuali per questa stampante...8 Preparazione per la stampa Installazione rapida...9 Conferma del metodo di connessione...11 Connessione di rete...11

Dettagli

SOHO IP-PBX - ETERNITY NE La nuova generazione di IP-PBX per le piccole imprese

SOHO IP-PBX - ETERNITY NE La nuova generazione di IP-PBX per le piccole imprese SOHO IP-PBX - NE 1 NE Oggi, per competere, anche le piccole imprese devono dotarsi di sistemi di telecomunicazione evoluti, che riducano i costi telefonici, accrescano produttività e qualità del servizio.

Dettagli

La configurazione degli indirizzi IP. Configurazione statica, con DHCP, e stateless

La configurazione degli indirizzi IP. Configurazione statica, con DHCP, e stateless La configurazione degli indirizzi IP Configurazione statica, con DHCP, e stateless 1 Parametri essenziali per una stazione IP Parametri obbligatori Indirizzo IP Netmask Parametri formalmente non obbligatori,

Dettagli

SOHO IP-PBX - ETERNITY GE IP-PBX per mobilità senza confini e connettività universale

SOHO IP-PBX - ETERNITY GE IP-PBX per mobilità senza confini e connettività universale SOHO IP-PBX - ETERNITY GE 1 ETERNITY GE è un sistema di comunicazione avanzato e flessibile, che offre servizi e funzionalità utili alle grandi imprese, in linea con le loro richieste. La sua affidabile

Dettagli

Wi-Fi Personal Bridge 150 AP Router Portatile Wireless

Wi-Fi Personal Bridge 150 AP Router Portatile Wireless AP Router Portatile Wireless HNW150APBR www.hamletcom.com Indice del contenuto 1 Introduzione 8 Caratteristiche... 8 Requisiti dell apparato... 8 Utilizzo del presente documento... 9 Convenzioni di notazione...

Dettagli

Telecom Italia Dicembre 2013

Telecom Italia Dicembre 2013 RICARICABILE BUSINESS TIM : PROPOSIZIONE ESCLUSIVA PER MEPA Telecom Italia Dicembre 2013 Ricaricabile Business TIM La piattaforma ricaricabile business di Telecom Italia prevede un basket per singola linea.

Dettagli

Boot Camp Guida all installazione e alla configurazione

Boot Camp Guida all installazione e alla configurazione Boot Camp Guida all installazione e alla configurazione Indice 4 Introduzione 5 Cosa ti occorre 6 Panoramica dell installazione 6 Passo 1: verifica la presenza di aggiornamenti. 6 Passo 2: apri Assistente

Dettagli

TeamPortal. Servizi integrati con ambienti Gestionali

TeamPortal. Servizi integrati con ambienti Gestionali TeamPortal Servizi integrati con ambienti Gestionali 12/2013 Modulo di Amministrazione Il modulo include tutte le principali funzioni di amministrazione e consente di gestire aspetti di configurazione

Dettagli

IDom. Omnicon SRL Via Petrarca 14 20843 Verano Brianza (MB) info@omnicon.it

IDom. Omnicon SRL Via Petrarca 14 20843 Verano Brianza (MB) info@omnicon.it IDom MANUALE UTENTE Omnicon SRL Via Petrarca 14 20843 Verano Brianza (MB) info@omnicon.it 2 COPYRIGHT Tutti i nomi ed i marchi citati nel documento appartengono ai rispettivi proprietari. Le informazioni

Dettagli

Elementi di rete che permettono lo scambio dei messaggi di segnalazione

Elementi di rete che permettono lo scambio dei messaggi di segnalazione SEGNALAZIONE Segnalazione e sistemi di segnalazione Segnalazione Messaggi tra elementi di una rete a commutazione di circuito (apparecchi di utente e centrali o fra le varie centrali) che permettono la

Dettagli

Sicurezza delle reti wireless. Alberto Gianoli alberto.gianoli@fe.infn.it

Sicurezza delle reti wireless. Alberto Gianoli alberto.gianoli@fe.infn.it Sicurezza delle reti wireless Alberto Gianoli alberto.gianoli@fe.infn.it Concetti di base IEEE 802.11: famiglia di standard tra cui: 802.11a, b, g: physical e max data rate spec. 802.11e: QoS (traffic

Dettagli

ETERNITY NE IP-PBX di Nuova Generazione per Piccole Aziende

ETERNITY NE IP-PBX di Nuova Generazione per Piccole Aziende ETERNITY NE IP-PBX di Nuova Generazione per Piccole Aziende Ottimizzare le risorse, aumentare l'efficienza e portare al massimo la produttività è inevitabile per qualsiasi azienda per sopravvivere e rimanere

Dettagli

Architettura di un sistema informatico 1 CONCETTI GENERALI

Architettura di un sistema informatico 1 CONCETTI GENERALI Architettura di un sistema informatico Realizzata dal Dott. Dino Feragalli 1 CONCETTI GENERALI 1.1 Obiettivi Il seguente progetto vuole descrivere l amministrazione dell ITC (Information Tecnology end

Dettagli

TeamViewer 8 Manuale Controllo remoto

TeamViewer 8 Manuale Controllo remoto TeamViewer 8 Manuale Controllo remoto Rev 8.0-12/2012 TeamViewer GmbH Kuhnbergstraße 16 D-73037 Göppingen www.teamviewer.com Indice 1 Informazioni su TeamViewer... 6 1.1 Informazioni sul software... 6

Dettagli

Tutorial Sky Go su Samsung v.1.1

Tutorial Sky Go su Samsung v.1.1 Tutorial Sky Go su Samsung v.1.1 1.1 Presentazione...2 2.2 Download e installazione...2 2.2 Login...3 2.2.1 Limitazioni all'accesso...4 2.3 Profili di visione...6 2.4 Reti...7 2.5 Diritti...7 3.0 Fruizione

Dettagli

Esiste la versione per Linux di GeCo? Allo stato attuale non è prevista la distribuzione di una versione di GeCo per Linux.

Esiste la versione per Linux di GeCo? Allo stato attuale non è prevista la distribuzione di una versione di GeCo per Linux. FAQ su GeCo Qual è la differenza tra la versione di GeCo con installer e quella portabile?... 2 Esiste la versione per Linux di GeCo?... 2 Quali sono le credenziali di accesso a GeCo?... 2 Ho smarrito

Dettagli

Configurazioni Mobile Connect

Configurazioni Mobile Connect Mailconnect Mail.2 L EVOLUZIONE DELLA POSTA ELETTRONICA Configurazioni Mobile Connect iphone MOBILE CONNECT CONFIGURAZIONE MOBILE CONNECT PER IPHONE CONFIGURAZIONE IMAP PER IPHONE RUBRICA CONTATTI E IPHONE

Dettagli

Guida alle impostazioni generali

Guida alle impostazioni generali Istruzioni per l uso Guida alle impostazioni generali 1 2 3 4 5 6 7 8 9 Collegamento della macchina Impostazioni di sistema Impostazioni Copiatrice/Document server Impostazioni fax Impostazioni Stampante

Dettagli

Servizi DNS - SMTP FTP - TELNET. Programmi. Outlook Express Internet Explorer

Servizi DNS - SMTP FTP - TELNET. Programmi. Outlook Express Internet Explorer Servizi DNS - SMTP FTP - TELNET Programmi Outlook Express Internet Explorer 72 DNS Poiché riferirsi a una risorsa (sia essa un host oppure l'indirizzo di posta elettronica di un utente) utilizzando un

Dettagli

Posta Elettronica Certificata

Posta Elettronica Certificata Posta Elettronica Certificata Manuale di utilizzo del servizio Webmail di Telecom Italia Trust Technologies Documento ad uso pubblico Pag. 1 di 33 Indice degli argomenti 1 INTRODUZIONE... 3 1.1 Obiettivi...

Dettagli

Manuale d uso Apache OpenMeetings (Manuale Utente + Manuale Amministratore)

Manuale d uso Apache OpenMeetings (Manuale Utente + Manuale Amministratore) Manuale d uso Apache OpenMeetings (Manuale Utente + Manuale Amministratore) Autore: Matteo Veroni Email: matver87@gmail.com Sito web: matteoveroni@altervista.org Fonti consultate: http://openmeetings.apache.org/

Dettagli

Talento LAB 4.1 - UTILIZZARE FTP (FILE TRANSFER PROTOCOL) L'UTILIZZO DI ALTRI SERVIZI INTERNET. In questa lezione imparerete a:

Talento LAB 4.1 - UTILIZZARE FTP (FILE TRANSFER PROTOCOL) L'UTILIZZO DI ALTRI SERVIZI INTERNET. In questa lezione imparerete a: Lab 4.1 Utilizzare FTP (File Tranfer Protocol) LAB 4.1 - UTILIZZARE FTP (FILE TRANSFER PROTOCOL) In questa lezione imparerete a: Utilizzare altri servizi Internet, Collegarsi al servizio Telnet, Accedere

Dettagli

Client di Posta Elettronica PECMailer

Client di Posta Elettronica PECMailer Client di Posta Elettronica PECMailer PECMailer è un semplice ma completo client di posta elettronica, ovvero un programma che consente di gestire la composizione, la trasmissione, la ricezione e l'organizzazione

Dettagli

PRESENTAZIONE DI UN SMS AL GATEWAY

PRESENTAZIONE DI UN SMS AL GATEWAY Interfaccia Full Ascii Con questa interfaccia è possibile inviare i dati al Server utilizzando solo caratteri Ascii rappresentabili e solo i valori che cambiano tra un sms e l altro, mantenendo la connessione

Dettagli

Configuration Managment Configurare EC2 su AWS. Tutorial. Configuration Managment. Configurare il servizio EC2 su AWS. Pagina 1

Configuration Managment Configurare EC2 su AWS. Tutorial. Configuration Managment. Configurare il servizio EC2 su AWS. Pagina 1 Tutorial Configuration Managment Configurare il servizio EC2 su AWS Pagina 1 Sommario 1. INTRODUZIONE... 3 2. PROGRAMMI NECESSARI... 4 3. PANNELLO DI CONTROLLO... 5 4. CONFIGURARE E LANCIARE UN ISTANZA...

Dettagli

I nomi dei prodotti menzionati in questo documento possono essere marchi di fabbrica e/o marchi depositati delle rispettive aziende.

I nomi dei prodotti menzionati in questo documento possono essere marchi di fabbrica e/o marchi depositati delle rispettive aziende. Ed. 01 COPYRIGHT Il presente manuale è esclusivo della SAMSUNG Electronics Italia S.p.A. ed è protetto da copyright. Nessuna delle informazione presenti in questo manuale può essere copiata, tradotta,

Dettagli

ATLAS : Aula - COME ESEGUIRE UNA SESSIONE DEMO

ATLAS : Aula - COME ESEGUIRE UNA SESSIONE DEMO ATLAS : Aula - COME ESEGUIRE UNA SESSIONE DEMO Come eseguire una sessione DEMO CONTENUTO Il documento contiene le informazioni necessarie allo svolgimento di una sessione di prova, atta a verificare la

Dettagli

Manuale d uso. Servizio Segreteria Telefonica Memotel. per Clienti con linea Fibra

Manuale d uso. Servizio Segreteria Telefonica Memotel. per Clienti con linea Fibra Manuale d uso Servizio Segreteria Telefonica Memotel per Clienti con linea Fibra 1 INDICE 1. GUIDA AL PRIMO UTILIZZO 2. CONFIGURAZIONE SEGRETERIA 3. CONSULTAZIONE SEGRETERIA 4. NOTIFICHE MESSAGGI 5. ASCOLTO

Dettagli

Introduzione alle applicazioni di rete

Introduzione alle applicazioni di rete Introduzione alle applicazioni di rete Definizioni base Modelli client-server e peer-to-peer Socket API Scelta del tipo di servizio Indirizzamento dei processi Identificazione di un servizio Concorrenza

Dettagli

MailStore Proxy è disponibile gratuitamente per tutti i clienti di MailStore Server all indirizzo http://www.mailstore.com/en/downloads.

MailStore Proxy è disponibile gratuitamente per tutti i clienti di MailStore Server all indirizzo http://www.mailstore.com/en/downloads. MailStore Proxy Con MailStore Proxy, il server proxy di MailStore, è possibile archiviare i messaggi in modo automatico al momento dell invio/ricezione. I pro e i contro di questa procedura vengono esaminati

Dettagli

TeamViewer 8 Manuale Meeting

TeamViewer 8 Manuale Meeting TeamViewer 8 Manuale Meeting Rev 8.0-12/2012 TeamViewer GmbH Kuhnbergstraße 16 D-73037 Göppingen www.teamviewer.com Indice 1 Informazioni su TeamViewer... 5 1.1 Informazioni sul software... 5 1.2 Informazioni

Dettagli

Meetecho s.r.l. Web Conferencing and Collaboration tools. Guida all installazione e all uso di Meetecho beta

Meetecho s.r.l. Web Conferencing and Collaboration tools. Guida all installazione e all uso di Meetecho beta Web Conferencing and Collaboration tools Passo 1: registrazione presso il sito Accedere al sito www.meetecho.com e registrarsi tramite l apposito form presente nella sezione Reserved Area. In fase di registrazione

Dettagli

Profilo Commerciale OFFERTA SPECIAL EDITION TIM Senza Problemi Super (ricaricabile)

Profilo Commerciale OFFERTA SPECIAL EDITION TIM Senza Problemi Super (ricaricabile) SPECIAL EDITION TIM Senza Problemi Super (di seguito l Offerta) è un offerta rivolta alle Aziende e/o persone fisiche intestatarie di Partita IVA, già titolari o contestualmente sottoscrittori di un Contratto

Dettagli

Voice Over IP NAT Traversal

Voice Over IP NAT Traversal Voice Over IP Traversal Giorgio Zoppi zoppi@cli.di.unipi.it Tecnologie di Convergenza su IP a.a.2005/2006 VoIP Traversal 1 57 Tecnologie di Convergenza su IP Che cosa è il (Network Address Translation?

Dettagli

Come installare e configurare il software FileZilla

Come installare e configurare il software FileZilla Come utilizzare FileZilla per accedere ad un server FTP Con questo tutorial verrà mostrato come installare, configurare il software e accedere ad un server FTP, come ad esempio quello dedicato ai siti

Dettagli

MATRICE DELLE FUNZIONI DI DRAGON NATURALLYSPEAKING 12 CONFRONTO TRA EDIZIONI DEL PRODOTTO

MATRICE DELLE FUNZIONI DI DRAGON NATURALLYSPEAKING 12 CONFRONTO TRA EDIZIONI DEL PRODOTTO MATRICE DELLE FUNZIONI DI DRAGON NATURALLYSPEAKING 12 CONFRONTO TRA EDIZIONI DEL PRODOTTO Precisione del riconoscimento Velocità di riconoscimento Configurazione del sistema Correzione Regolazione della

Dettagli

VIRTUALIZE IT. www.digibyte.it - digibyte@digibyte.it

VIRTUALIZE IT. www.digibyte.it - digibyte@digibyte.it il server? virtualizzalo!! Se ti stai domandando: ma cosa stanno dicendo? ancora non sai che la virtualizzazione è una tecnologia software, oggi ormai consolidata, che sta progressivamente modificando

Dettagli

Altre opzioni Optralmage

Altre opzioni Optralmage di Personalizzazione delle impostazioni............ 2 Impostazione manuale delle informazioni sul fax......... 5 Creazione di destinazioni fax permanenti................ 7 Modifica delle impostazioni di

Dettagli

Guida all'installazione del WiFi Booster WN1000RP per dispositivi mobili

Guida all'installazione del WiFi Booster WN1000RP per dispositivi mobili Guida all'installazione del WiFi Booster WN1000RP per dispositivi mobili Sommario Per iniziare............................................ 3 Il WiFi Booster......................................... 4 Pannello

Dettagli

Informatica per la comunicazione" - lezione 9 -

Informatica per la comunicazione - lezione 9 - Informatica per la comunicazione" - lezione 9 - Protocolli di livello intermedio:" TCP/IP" IP: Internet Protocol" E il protocollo che viene seguito per trasmettere un pacchetto da un host a un altro, in

Dettagli

MANUALE DI INSTALLAZIONE GESTIONE FLOTTE /REMIND

MANUALE DI INSTALLAZIONE GESTIONE FLOTTE /REMIND Progettisti dentro e oltre l impresa MANUALE DI INSTALLAZIONE GESTIONE FLOTTE /REMIND Pag 1 di 31 INTRODUZIONE Questo documento ha lo scopo di illustrare le modalità di installazione e configurazione dell

Dettagli

ascom Ascotel Office 25 Istruzioni per l'uso con norme di sicurezza www.ascom.com/ec/documents 20321611it_ba_b0

ascom Ascotel Office 25 Istruzioni per l'uso con norme di sicurezza www.ascom.com/ec/documents 20321611it_ba_b0 ascom Ascotel Office 25 Istruzioni per l'uso con norme di sicurezza www.ascom.com/ec/documents 20321611it_ba_b0 1 2 3 4 Elementi di comando e visualizzazione Elementi di comando e visualizzazione 11 12

Dettagli

Standard di Sicurezza sui Dati previsti dai Circuiti Internazionali. Payment Card Industry Data Security Standard

Standard di Sicurezza sui Dati previsti dai Circuiti Internazionali. Payment Card Industry Data Security Standard Standard di Sicurezza sui Dati previsti dai Circuiti Internazionali Payment Card Industry Data Security Standard STANDARD DI SICUREZZA SUI DATI PREVISTI DAI CIRCUITI INTERNAZIONALI (Payment Card Industry

Dettagli

Soluzioni multifunzionali, ideali per gestire ogni flusso di lavoro

Soluzioni multifunzionali, ideali per gestire ogni flusso di lavoro Soluzioni multifunzionali, ideali per gestire ogni flusso di lavoro Sistemi digitali per l ufficio sempre più efficienti e facili da usare Ottenere massima efficienza ed elevata professionalità, pur mantenendo

Dettagli

Modello OSI e architettura TCP/IP

Modello OSI e architettura TCP/IP Modello OSI e architettura TCP/IP Differenza tra modello e architettura - Modello: è puramente teorico, definisce relazioni e caratteristiche dei livelli ma non i protocolli effettivi - Architettura: è

Dettagli

explorer 2 Manuale dell Installatore e Technical Reference Ver. 2.2.6 del 14 Dicembre 2012

explorer 2 Manuale dell Installatore e Technical Reference Ver. 2.2.6 del 14 Dicembre 2012 explorer 2 Manuale dell Installatore e Technical Reference Ver. 2.2.6 del 14 Dicembre 2012 1 Indice 1. Descrizione del sistema e Requisiti hardware e software per l installazione... 4 1.1 Descrizione del

Dettagli

Web Conferencing Open Source

Web Conferencing Open Source Web Conferencing Open Source A cura di Giuseppe Maugeri g.maugeri@bembughi.org 1 Cos è BigBlueButton? Sistema di Web Conferencing Open Source Basato su più di quattordici componenti Open-Source. Fornisce

Dettagli

ipod shuffle Manuale Utente

ipod shuffle Manuale Utente ipod shuffle Manuale Utente 1 Indice Capitolo 1 3 Informazioni su ipod shuffle Capitolo 2 5 Nozioni di base di ipod shuffle 5 Panoramica su ipod shuffle 6 Utilizzare i controlli di ipod shuffle 7 Collegare

Dettagli

Guida all'installazione di WiFi Booster WN1000RP per dispositivi mobili

Guida all'installazione di WiFi Booster WN1000RP per dispositivi mobili Guida all'installazione di WiFi Booster WN1000RP per dispositivi mobili 2012 NETGEAR, Inc. Tutti i diritti riservati. Nessuna parte della presente pubblicazione può essere riprodotta, trasmessa, trascritta,

Dettagli

Dispositivi di comunicazione

Dispositivi di comunicazione Dispositivi di comunicazione Dati, messaggi, informazioni su vettori multipli: Telefono, GSM, Rete, Stampante. Le comunicazioni Axitel-X I dispositivi di comunicazione servono alla centrale per inviare

Dettagli

Internet Internet è universalmente nota come la Rete delle reti: un insieme smisurato di computer collegati tra loro per scambiarsi dati e servizi.

Internet Internet è universalmente nota come la Rete delle reti: un insieme smisurato di computer collegati tra loro per scambiarsi dati e servizi. Internet Internet è universalmente nota come la Rete delle reti: un insieme smisurato di computer collegati tra loro per scambiarsi dati e servizi. Internet: la rete delle reti Alberto Ferrari Connessioni

Dettagli

Procedura per il ripristino dei certificati del dispositivo USB

Procedura per il ripristino dei certificati del dispositivo USB Procedura per il ripristino dei certificati del dispositivo USB 30/04/2013 Sommario - Limitazioni di responsabilità e uso del manuale... 3 1 Glossario... 3 2 Presentazione... 4 3 Quando procedere al ripristino

Dettagli

Installazione ed attivazione della "SUITE OFFIS" versione SERVER

Installazione ed attivazione della SUITE OFFIS versione SERVER Installazione ed attivazione della "SUITE OFFIS" versione SERVER Premessa La versione server di OFFIS può essere installata e utilizzata indifferentemente da PC/Win o Mac/Osx e consente l'accesso contemporaneo

Dettagli