UTILIZZO DELLE IMMAGINI MULTIMODALI NELLE TECNICHE DI CONTOURING

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "UTILIZZO DELLE IMMAGINI MULTIMODALI NELLE TECNICHE DI CONTOURING"

Transcript

1 Istituto del Radio O. Alberti Spedali Civili di Brescia Università di Brescia IL TRATTAMENTO DELLE NEOPLASIE DEL TESTA COLLO CON TECNICHE VMAT Auditorium Istituto Tumori Giovanni Paolo II maggio 2013 UTILIZZO DELLE IMMAGINI MULTIMODALI NELLE TECNICHE DI CONTOURING DOTT. SANDRO TONOLI 1

2 Introduzione L alta conformazione nella distribuzione di dose rende critica la definizione dei volumi target Rischio di «geografical missing» Errore sistematico Errore principale nella radioterapia Influenza sulla distribuzione di dose sul tumore e sugli organi a rischio 2

3 Weiss and Hess. The Impact of Gross Tumor Volume (GTV) and Clinical Target Volume (CTV) Definition on the Total Accuracy in Radiotherapy la più ampia variabilità inter-osservatore è stata riportata nella delineazione dei tumori del capocollo come pure l esofago e I tumori polmonari. Le dimensioni del GTV più ampio è risultato anche 8 volte superiore le dimensioni di quello più piccolo. Strahlenntherapie und Onkologie Jan 2003, 179,

4 2006 Candiolo

5 2006 Candiolo

6 Rasch et al. Radiation Oncology 2010 Decreased 3D observer variation with matched CT-MRI, for target delineation in Nasopharynx cancer 6

7 Qualità in radioterapia Peters LJ et al. Critical impact of radiotherapy protocol compliance and quality in the treatment of advanced head and neck cancer: results from TROG Mancanza di aderenza con il protocollo associato a un decremento del 20% nella OS a 2 anni Questi errori anche una definizione scorretta del target La probabilità di mancata aderenza al protocollo è risultata maggiore nei centri che trattano pochi pazienti J Clin Oncol

8 Presupposto TC: necessaria per calcolo di dose Limiti: scarso contrasto con tessuti molli Artefatti da impianti dentari Difficoltà a individuare con precisione alcuni OAR (chiasma, tronco) Modalità di integrazione MRI: TC- FDG PET 8

9 Risonanza magnetica ottimo contrasto con tessuti molli Minori artefatti con protesi dentarie Informazioni biologiche Non fornisce dati sulla densità elettronica: impossibile calcolo della dose Necessaria co-registrazione con TC 9

10 FDG-PET Warburg effect (1930): le cellule tumorali presentano una captazione di glucosio accentuata rispetto agli altri tessuti Falsi positivi Tumore di Warthin Sensibilità % Specificità % La maggior parte delle recidive locoregionali sono nelle aree di elevata captazione 10

11 Problematiche associate all imaging multimodale Ottimizzazione del posizionamento del paziente Accuratezza della co-registrazione di immagini Metodiche di delineazione Utilizzazione di dati funzionali 11

12 Identificazione delle sedi di malattia Tumore primitivo TC o RM sono adeguate nell identificazione del tumore primitivo quando riscontrato clinicamente TC-FDG PET: utile nei casi Tx (identifica la sede primitiva in circa il 25% dei casi) Johansen J et al: Head Neck 2008;30(4): Rusthoven KE et al. Cancer 2004;101(11):

13 Identificazione delle adenopatie metastatiche van den Brekel MW et al, Assessment of radiologic criteria. Radiology 1990: diametro > 1 cm Van den Brekel MW et al, The size of lymph nodes in the neck on sonograms as a radiologic criterion for metastasis: how reliable is it? AJNR Am J Neuroradiol 1998: criterio di 6-7 mm in assiale A minimum axial diameter of 7 mm for level II and 6 mm for the rest of the neck revealed the optimal compromise between sensitivity and specificity in necks without palpable metastases. For all necks together (with and without palpable metastases), the criteria were 1 to 2 mm larger 13

14 van den Brekel MW, Castelijns JA, Snow GB. The size of lymph nodes in the neck on sonograms as a radiologic criterion for metastasis: how reliable is it? AJNR Am J Neuroradiol 1998;19(4):

15 Kim SY et al: Combined TC-FDG PET for detecting contralateral neck metastasis in pts with H&N SCC PET più sensibile di TC+RM N+ omolaterali (77% vs 36%) controlaterali (52% vs 36%) Oral oncol 2011; 47(5):

16 Panayiotis A. Kyzas et al. 18 FDG- PET to Evaluate Cervical Node Metastases in Patients With H&N SCC: A Meta-analysis 32 studi, casi - FDG-PET vs metodiche convenzionali Sensibilità: 79% (72-85%) vs 75% Specificità: 86% (83-89%) vs 79% In conclusion we found no solid evidence to support the routine clinical application of 18 F-FDG PET in the pretreatment evaluation of the lymph node status in patients with HNSCC, including patients with clinically negative neck. Other imaging methods appear to have similarly limited or even worse diagnostic performance in these patients. J Natl Cancer Inst 2008;100:

17 Kubicek GJ et al FDG-PET staging and importance of lymph node SUV in head and neck cancer Studio retrospettivo , 212 PET in paz poi sottoposti a RT Valore predittivo positivo e negativo per identificazione stato linfonodale 94% and 89% rispettivamente N ECE+ : SUV > N ECE- (11.0 vs. 5.0 (p < )). T SUV > 8.0 : sopravvivenza (p < 0.045), N SUV: predittivo per M1 a 1 anno [SUV medio 10.4 per pazienti con M1 vs 7.0 nei pazienti M0 (p < 0.05)]. Il SUV di un linfonodo è predittivo per ECE e per metastasi a distanza Head & Neck Oncology 2010, 2:19 17

18 Il ruolo della PET nello staging linfonodale rimane controverso L utilizzo di un protocollo dedicato HN PET/TC può offrire un ulteriore vantaggio nell identificazione di piccole metastasi linfonodali 18

19 RM e linfonodi metastatici Criteri dimensionali Non più sufficiente Criteri morfologici Il linfonodo metastatico progressivamente da ovale diventa tondeggiante L infiltrazione del grasso perilinfonodale e la conseguente reazione desmoplastica comporta l irregolarità del margine (segno radiologico di estensione extracapsulare) ECE: possibile anche nel 17-48% dei linfonodi con diametro < 10 mm 19

20 Ghadjar P, Schreiber-Facklam H, Grater R, et al. Quantitative analysis of extracapsular extension of metastatic lymph nodes and its significance in radiotherapy planning in head and neck squamous cell carcinoma. Int J Radiat Oncol Biol Phys 2010;76(4):

21 Ghadjar P, Schreiber-Facklam H, Grater R, et al. Quantitative analysis of extracapsular extension of metastatic lymph nodes and its significance in radiotherapy planning in head and neck squamous cell carcinoma. ECE+: > probabilità in LN più grandi ECE+: presente anche in N con diametro < 10 mm Margine GTV-CTV 10 mm consigliato Int J Radiat Oncol Biol Phys 2010;76(4):

22 DW-MRI L aumento della densità cellulare in un linfonodo metastatico riduce il valore del coefficiente di diffusione apparente della (DW)-MRI. Le immagini pesate sulla diffusione sono in grado di differenziare piccoli linfonodi metastatici dagli altri De Bondt et al. (Neuroradiology 2009;51(3)): il coefficiente di diffusione apparente è risultato il migliore fattore predittivo della presenza di metastasi nei piccoli linfonodi 22

23 Dirix et al Diffusion-weighted MRI for nodal staging of head and neck squamous cell carcinoma: impact on radiotherapy planning Methods and Materials: Twenty-two patients with locally advanced H&N SCC underwent contrast-enhanced computed tomography (CT), as well as MRI (with routine and DWsequences) prior to neck dissection Results: A sensitivity of 89% and a specificity of 97% per lymph node were found for DW-MRI. Conclusions:..DW-MRI is superior to conventional imaging for preradiotherapy nodal staging of head and neck SCC Int J Radiat Oncol Biol Phys 2010;76(3):761e766

24 T1 VIBE e DW-RM

25 RM T1-VIBE, T2, e DW

26 Co-registrazione di immagini Definizione Processo di allineamento geometrico di immagini ottenute con diverse metodiche per associare l accuratezza geometrica e la densità elettronica della TC con la definizione dei volumi target con la RM e/o la PET 26

27 Coregistrazione rigida o non deformabile Manuale Automatica (reperi anatomici, distribuzione della densità dei voxel) Può essere limitata ad una regione di interesse 27

28 Esempio di co-registrazione rigida I volumi evidenziati su TC sono evidenziabili sulla RM

29 Esempio di co-registrazione rigida I volumi evidenziati su TC sono evidenziabili sulla RM

30 Coregistrazione rigida o non deformabile 30

31 Fusione Rigida TC-TC associata a PET 31

32 Fusione rigida su aree selezionate 32

33 Coregistrazione deformabile Uno dei due set di immagini viene deformato per adattarsi all altro Ottimale se il paziente è posizionato nella stessa maniera RJD Prestwich et al. Clinical oncology 24 (2012) (Leeds) Improving target definition for HN RTT: a place for MRI and 18FDG PET? 33

34 Co-Registrazione rigida su zone di interesse 34

35 Coregistrazione deformabile: risultati ottenuti 35

36 Integrazione fra metodiche di imaging Lettino concavo con RM, piano con TC Sistemi di immobilizzazione per RTT spesso non compatibili con RM Ampiezza del bore della RM di solito limitato Difficoltà a posizionare le bobine/influenza sulla qualità dell immagine RM 36

37 Aspetti pratici: TC TC/PET Situazione ideale: paziente immobilizzato come per trattamento, allineato con laser Utilizzo di mdc ev: migliore evidenziazione dei vasi In pratica la TC-PET è acquisita in posizioni diverse da quelle di trattamento Tavolo per TC concavo 37

38 Definizione del GTV con PET Margine sfumato per le dimensioni dei voxel della PET (circa 5 mm) modalità di visualizzazione dell immagine possono alterare la delineazione del GTV 38

39 Metodi di delineazione con PET Delineazione manuale: necessari ricostruzioni di immagine standardizzati, setting di visualizzazione e aderenza a protocolli per migliorare la conformità Variabilità inter-osservatore Delineazione automatica: Segmentazione Thresholding: metodo attraverso il quale l immagine PET viene segmentata, separando l immagine in regioni sopra e sotto una certa soglia 39

40 Metodi di segmentazione SUV fisso: es. 2.5 Problematiche: il valore di SUV dipende da molti fattori, incluso il protocollo di acquisizione, la glicemia, le dimensioni del paziente e lo stato di rilassamento SUV percentuale La soglia è una proporzione della massima captazione o della massima captazione meno il fondo 40

41 Quale livello di SUV? 41

42 Ford EC, Kinahan PE, Hanlon L, et al. Tumor delineation using PET in head and neck cancers: threshold contouring and lesion volumes Il valore della soglia impatta sul volume del GTV 5% del cambio nella soglia comporta una modifica del 200% sul volume del GTV Soglia comunemente usata: 40-50% Rischi: eterogeneità del SUV all interno dei tumori. Una soglia fissa può essere sub-ottimale per la definizione accurata del GTV Med Phys 2006;33(11) 42

43 Validazione della metodologia di contornamento Correlazione con immagini anatomiche Kao et al: viene scelta la soglia di SUV che ottimizza la sovrapposizione volumetrica un GTV definito su TC (ad esempio in presenza di una chiara barriera anatomica come osso o aria) Radiat Oncol 2010;5:76. 43

44 Validazione della metodologia di contornamento Validazione patologica Problemi: modifiche volumetriche dei tessuti analizzati fissati Daisne et al (Radiology 2004): 9 pazienti con Ca oro o ipofaringeo o laringeo, studiati (previa immobilizzazione con maschera) con TC, RM e PET Volume definito con PET significativamente più piccolo di quello definito con RM o con TC Tutte le modalità di imaging non sono riuscite a evidenziare parte del tumore macroscopico (circa 10%), soprattutto l estensione superficiale Importanza dell esame clinico 44

45 Caldas-Magalhaes J et al. Validation of imaging with pathology in laryngeal cancer: accuracy of the registration methodology. Int J Radiat Oncol Biol Phys 2012;82 45

46 Caldas-Magalhaes J et al. Validation of imaging with pathology in laryngeal cancer: accuracy of the registration methodology. I volumi delineati con le tre metodiche (CT/MRI/PET = 14.9/18.3/9.8 ml) sovrastimano i volumi patologici (7.2 ml). Il GTV patologico è risultato non completamente coperto da ciascun GTV definito dalle tre metodiche: e 77% per TC, RM e PET rispettivamente Senza validazione patologica, la rilevanza delle aree ipercaptanti FDG oltre i GTV basati su TC è incerta (dd fra tumore o infiammazione) Int J Radiat Oncol Biol Phys 2012;82 46

47 Warning: limiti dell imaging!

48 E.C.C. Trost et al Rad & Onc 96 (2010), , Clinical evidence on PET-CT for radiation therapy planning in head and neck tumors 18 FDG-PET non raccomandata Diagnostica iniziale Staging Eccezione Tx Può migliorare l accuratezza nella definizione del GTV Studi fase I e II Sovraddose focalizzata Dose escalation Altri marcatori Da validare clinicamente Validazione delle soglie da usare e dei sistemi di segmentazione automatica

49 N. Christian et al Rad & Onc 91 (2009) The limitation of PET imaging for biological adaptive-imrt assessed in animal models Confronto Conclusioni Immagini PET su piccoli animali (2.7 mm risoluzione Discrepanze fra immagini PET e immagini Autoradiografie (AR 100 μm) microscopiche Risoluzione PET 49

50 RM e definizione del GTV Sembra ridurre la variabilità interosservatore in molti studi I volumi definiti con RM sembrano più piccoli di quelli definiti su TC secondo alcuni studi, uguali o superiori in altri 50

51 Risultati clinici L integrazione della RM e della PET-TC nel processo di planning potrebbe comportare una ridotta tossicità piuttosto che un migliore controllo di malattia. La maggiore accuratezza nella definizione del GTV può portare a tentativi di dose escalation a volumi piccoli 51

52 Image Guided Radiotherapy :IGRT Nella sua accezione più vasta l IGRT può comprendere anche l utilizzo di metodiche di fusione di immagini multimodali (TC/RM o TC-PET) con conseguente migliore definizione del GTV T/N sul quale poi partire per la delineazione del CTV (radicale e precauzionale). Tuttavia solitamente l IGRT comprende tutte le metodiche di controllo della posizione del target prima di ogni singola frazione con conseguente correzione dell eventuale discrepanza rispetto a quanto definito sulle immagini TC. 52

53 IGRT controlli portali ortogonali periodici primo tentativo di IGRT Limitazione: visualizzazione delle sole strutture ossee di riferimento e non del bersaglio. 53

54 Portal imaging 54

55 compromessi Margine CTV-PTV sinora adottato 5mm 55

56 MV CT in tomoterapia 56

57 Correzioni asse X, Y e Z (tomoterapia) caso con margine CTV T-PTV T 3mm

58 Controllo verso fine trattamento senza correzione 58

59 Con e senza correzione nelle ultime frazioni 59

60 IGRT l IMRT rappresenta una possibilità di ottenere la conformazione tridimensionale complessa della dose, l IGRT permette spesso la riduzione del margine CTV-PTV con conseguente maggior risparmio degli organi critici, migliore garanzia di copertura del target e quindi migliore utilizzo delle metodiche ad intensità modulata. Tuttavia.. Il vantaggio della riduzione della tossicità con IMRT potrebbe andare perso parzialmente se non si considerano le modificazioni dei volumi in corso di trattamento 60

61 JL Barker et al Int J rad onc biol Phys 59, 4, , 2004 Quantification of volumetric and geometric changes occuring during RTT for H&N cancer using an integratet CT/linear accelerator system GTV 1.8%/fr Centro della massa: shift 3.3 mm Parotidi: vol. parotidi: mediana 0.19 cm 3 /die Shift mediale circa 3.1 mm (mediana) Significative variazioni dopo 3-4 settimane di RT Potenziale impatto dosimetrico 61

62 ART: Adaptive Radiotherapy o Image Guided Adaptive Radiotherapy (IGART) Approccio formale con correzione delle variazioni volumetriche in corso di terapia relative alla neoplasia trattata e ai tessuti sani con modifiche online o offline dei volumi target iniziali e del piano di trattamento 62

63 ART: Adaptive Radiotherapy o Image Guided Adaptive Radiotherapy (IGART) Processo di trattamento in cui la progressiva somministrazione della dose può essere modificato utilizzando un feedbak sistematico dell informazione geometrica e dosimetrica dalle frazioni precedenti Registrazione di immagini deformabile Ridefinizione dei volumi (autosegmentazione) Ricostruzione della dose Somma della dose Valutazione del trattamento Riottimizzazione: nuovo piano di trattamento Cai Graum MD Aarhus University Hospital ESTRO Barcelona 2012 Perché adaptive radiotherapy? I gradienti di dose nella IMRT nei casi H&N in vicinanza degli organi critici aumentano il rischio di omissione geografica e di errori di posizionamento Modifiche anatomiche e biologiche in corso di RTT Potenziale migliore copertura del target, risparmio degli organi critici e forse anche focale dose escalation 63

64 Hansen EK e al. IJROBP 2006: 64: (s. Francisco) Repeat CT imaging and replanning during the course of IMRT for H&N cancer Retrospettivo 13 paz localmente avanzati CDDP concomitante. Piano IMRT iniziale su volumi modificati in corso di RTT: Dosi ai volumi target ridotta, dosi agli organi critici aumentata. D95% del PTV-GTV e del PTV-CTV ridotti nel 92% dei pazienti da 0.8 a 6.3 Gy (p 0.02) e da 0.2 a 7.4 Gy (p 0.003), rispettivamente. Dose massima al midollo incrementata in tutti i pazienti (range Gy; p 0.003) 64

65 O Daniel et al. IJROBP 69, 2007 MDACC Parotid gland dose in IMRT for H&N cancer: is what you plan what you get? 11 pazienti, 2 TC settimanali durante la RT Allineamento con reperi radiopachi vs allineamento strutture ossee Dose media parotidi 5-7 Gy in 45% dei casi (reperi) Aumento meno marcato con strutture ossee vertebrali Non influenza sulla copertura del target Inizio RT 27 frazione Rosso 63 Gy Giallo 26 Gy Margine CTV-PTV 3-4 mm adeguato 65

66 Q. Wu et al. IJROBP 75, , 2009 (Beaumont H. e Duke Univ) Adaptive replanning strategies accounting for shrinkage in head and neck IMRT 11 pazienti Margini 0, 3, 5 mm Fusione deformabile Replanning: 1 a metà terapia Ogni 2 settimane (2) Ogni settimana (6) Re-planning Guadagno in termini di dose alle parotidi (3%, 5% e 6%) Sufficiente un replanning/settimana!!!! Dose cumulativa ai target preservata (anche con margine 0 mm). 22% miglioramento nella Dm parotide margine 0 Dose a midollo, tronco e mandibola ~ Dose alle parotidi: significativo (dose media > 10%) 66

67 H. Loo et al. Clinical Oncology 23 (2011) (Cambridge) Tumor shrinkage and contour change during RT increase the dose to OARs but not the target volumes for H&N cancer patients treated on the tomotherapy HiArt System Target: Dose calcolata più elevata di quella pianificata ma poco rilevante ( % media) Parotide omolaterale maggiore riduzione nel volume (30%) rispetto alla controlaterale che però riceve una percentuale maggiore di dose pianificata (24%) Qualità dell immagine? 67

68 U. V. ElstrØm et al, Acta oncologica, 2010; 49: (Aarhus) Daily kv cone-beam CT and deformable image registration as a method for studign dosimetric consequences of anatomic changes in adaptive IMRT of H&N cancer Parotidi: Aumento della dose media di circa 10%. Centro della parotide spostato di 5 mm medialmente. Sottomandibolare: poche variazioni della Dm anche se ridotta del 20% (ma non risparmiata nel piano). Tempo necessario per il processo : 45 minuti (non fattibile on line) 68

69 Risultati e QoL Il risparmio delle parotidi da solo non è sufficiente per prevenire i sintomi di secchezza della bocca Le ghiandole sottomandibolari hanno un ruolo fondamentale nella secrezione di saliva in assenza di stimolazione ricca di mucine (scarse nella saliva parotidea). Pow et al (IJROBP 2006): migliori flussi salivari nel gruppo IMRT modesto miglioramento nei sintomi (anche se statisticamente significativo) Kam et al (J Clin Oncol 2007): IMRT vs 3DCRT flussi salivari significativamente migliori punteggi sulla xerostomia riportati dai pazienti: non differenze 69

70 Estro 2012: raccomandazioni per IGART Le incertezze devono essere considerate nei margini utilizzati Un replanning sicuro ed efficace richiede una definizione della dose accumulata e piani di cura accurati: la registrazione deformabile è una componente critica. La registrazione deformabile è possibile dopo il commissioning e test clinici. Attenzione a considerare i limiti di un ritrattamento 70

71 Biology Image Guided Adaptvive Radiotherapy (BiGART) 71

72 X. Geets et al, Rad & Onc 85 (2007) Adaptive biological image-guided IMRT with anatomic and functional imaging in pharyngo-laryngeal tumors: Impact on target volume delineation and dose distribution 10 pazienti, tomo-cht (SIB) TC, RM T2 (T2 weighted fast spin-echo MRI with or without fat signal suppression) e PET (statica e dinamica) Prima della RT Alle dosi di 14, 25, 35 e 45 Gy Risultati: GTV delineato manualmente su TC e RM, automaticamente con PET GTV RM e CT ~ GTV PET < GTV RM e CT CTV e PTV PET < 15-43% Non impatto su OARs 72

73 I. Madani et al. IJROBP 1, , 2007 (Bruxelles e Ghent) PET guided, focal dose escalation using IMRT for H&N cancer Studio di fase I Dose escalation limitata al sottovolume GTV PET Livelli di dose 2.5/25 Gy livello 1 3/30 Gy livello 2 Seguiti da 2.16/47.52 con IMRT (22 frazioni) 41 pazienti arruolati 23 livello 1 18 livello 2 Tossicità Livello 1: 1 G4 dermite e 1 G4 disfagia Livello 2: 1 decesso LC 1 anno 85 e 87% 4/9 pazienti recidiva nella sede ad alta dose 73

74 L. Olteanu et al IJROBP 83, n , 2012 (Ghent) Evaluation of deformable image coregistration in adaptive dose painting by numbers for H&N cancer 12 pazienti presi da studio di fase I su adaptive 18 FDG PET DPBN 2 piani DPBN per ogni paziente 1 TC-PET iniziale 1 TC-PET dopo 8 frazioni Controllo visivo e correzione per > parte ROIs necessario Processo più efficiente che ricontornamento ex novo Somma di dose con coregistrazione deformabile fattible Incertezze biologiche sulle strategie di somma di dose 74

75 Biology Image Guided Adaptive Radiotherapy (BiGART) La biologia del tumore e il microambiente (microenvironment) sono sistemi dinamici che si modificano prima e dopo l inizio della RTT La risoluzione spaziale è sufficiente per il dose painting? La dose escalation può non essere il miglior approccio per controbattere i meccanismi di resistenza biologica alla RTT Dubbi sulla fattibilità L applicazione della metodica su larga scala nella pratica clinica è improbabile nell immediato futuro ESTRO Barcelona 75

76 APPLICAZIONE NELLA PRATICA CLINICA 76

77 Caso clinico -01/12/2012: In seguito a persistenza di faringodinia accompagnata da emottisi il paziente si reca in PS: esegue esame videolaringoscopico che non mostra evidenza di lesioni a carico della vie aeree e digestive superiori -13/12/2012: esegue TC torace, negativa per lesioni neoplastiche. Persistendo la sintomatologia, effettua ecografia collo (aprile 2013) 77

78 ECOGRAFIA COLLO A destra a livello 2 linfonodo ovalare di aspetto reattivo di 16 mm. A sinistra a livello 2 linfonodo tondeggiante privo di ilo iperecogeno di 17 mm a margini netti. Altro linfonodo di aspetto patologico di 8 mm a livello 3 di sinistra. Richiesta valutazione ORL e agoaspirato 78

79 RM COLLO SENZA E CON MDC lesione espansiva solida sviluppata nella loggia tonsillare, nel solco amigdaloglosso, nella vallecola glossoepiglottica e nella base della lingua sx. La parete laterale sx è assottigliata, vi è il sospetto di infiltrazione a tutto spessore del costrittore all'angolo posterolaterale, in prossimità del decorso del m. stilofaringeo. La base della lingua è infiltrata in profondità per 16mm senza infiltrazione del m.joglosso né superamento della linea mediana. Non segni di invasione del palato. Nel livello IIb sx adenopatia solida omogenea del diametro di 17mm a bordi netti e ben definiti. Nel livello III sx adenopatia del diametro di 8mm con colliquazione centrale, compatibile con localizzazione secondaria. Non si rilevano adenopatie retrofaringee. Nel livello IIa linfonodo omogeneo del diametro minimo 9mm, senza caratteristiche certe per localizzazione secondaria. 79

80 TOMOSCINTIGRAFIA PET total body estesa area di patologica fissazione di radiofarmaco, coincidente con la nota lesione coinvolgente la base lingua sn e il seno piriforme omolaterale. Concomitano intense focali captazioni, di significato adenopatico, in latero cervicale sn al II e III livello. Altro focale iperaccumulo di tracciante è presente ad un linfonodo laterocervicale dx al II livello, reperto di più dubbia interpretazione (adenopatia immuno-reattiva?). 80

81 Caso clinico

82 Caso clinico: TC-PET

83 TC-PET

84 Metastasi linfonodali omolaterali: piccoli linfonodi 84

85 Corrispettivo PET 85

86 Linfonodo al II livello controlaterale come considerarlo? 86

87 Corrispettivo PET 87

88 CTV clinici e dosi corrispondenti descritte

89 CTV definiti e dosi corrispondenti prescritte

90

91

92 Per maggior chiarezza

93 Espansione isotropica per ottenere i corrispettivi PTV (5mm radiale, 6mm CC, passo TC 3 mm)

94 Copertura dei target 94

95 ESTRO 2012 Barcelona Riassumendo IGRT Utilizzata nella pratica clinica Migliore posizionamento Possibile riduzione dei margini IGART Monitoraggio delle modifiche anatomiche e volumetriche Re-planning off/on line Impatto clinico da dimostrare Basi empiriche da stabilire BiGART Problemi Risoluzione dinamiche 95

96 Take home messages! RM e TC-PET ci aiutano ad integrare le informazioni cliniche ottenute dall esame obiettivo per definire il GTV Procuratevi un buon Radiologo/medico nucleare Un buon livello di radioterapia può essere ottenuto anche con metodiche di coregistrazione non sofisticate La registrazione rigida/deformabile prevede in ogni caso l utilizzo del cervello del radioterapista Il CTV è e rimane un concetto clinico Attenzione ai margini CTV-PTV anche in presenza di IGRT: non tutti gli errori sono correggibili 96

PET e Radioterapia. Diana Salvo. Cagliari 21-06-08

PET e Radioterapia. Diana Salvo. Cagliari 21-06-08 PET e Radioterapia Diana Salvo Cagliari 21-06-08 Nuove tecnologie in radioterapia clinica 2D planning 3D conformal IMRT IMRT (Intensity Modulated Radiation Therapy) IMRT è una tecnica di elevata precisione

Dettagli

PET E RADIOTERAPIA : EVOLUZIONI DELLE METODICHE ESPERIENZA ASMN DI REGGIO EMILIA

PET E RADIOTERAPIA : EVOLUZIONI DELLE METODICHE ESPERIENZA ASMN DI REGGIO EMILIA PET E RADIOTERAPIA : EVOLUZIONI DELLE METODICHE ESPERIENZA ASMN DI REGGIO EMILIA FINALITA DELL IMAGING IN RADIOTERAPIA VISUALIZZAZIONE DELLA NEOPLASIA CORRETTA IDENTIFICAZIONE DEL VOLUME BERSAGLIO VALUTAZIONE

Dettagli

Radiotherapy: from the beginning until today

Radiotherapy: from the beginning until today IL PERCORSO DIAGNOSTICO-TERAPEUTICO-ASSISTENZIALE DI ONCOLOGIA TORACICA DELL AOU DI PARMA NUOVE TECNICHE DI RADIOTERAPIA Dr.ssa N. D Abbiero, Dr.ssa C.Dell Anna U.O.C. Radioterapia Azienda-Ospedaliero

Dettagli

IGRT Radioterapia Guidata dalle Immagini. Mauro Palazzi SC Radioterapia Ospedale Niguarda, Milano

IGRT Radioterapia Guidata dalle Immagini. Mauro Palazzi SC Radioterapia Ospedale Niguarda, Milano IGRT Radioterapia Guidata dalle Immagini Mauro Palazzi SC Radioterapia Ospedale Niguarda, Milano 3 rivoluzioni tecnologiche recenti in Radioterapia 1. inizio anni 90- pianificazione ( RT 3D ) 2. fine

Dettagli

E.Molfese, P.Matteucci, A.Iurato, M. Fiore, L.E. Trodella, L. Poggesi, R.M. D Angelillo, E. Iannacone, L.Trodella!

E.Molfese, P.Matteucci, A.Iurato, M. Fiore, L.E. Trodella, L. Poggesi, R.M. D Angelillo, E. Iannacone, L.Trodella! Il trattamento stereotassico delle lesioni surrenaliche in pazienti oligometastatici affetti da NSCLC: una promettente arma per il controllo locale di malattia?! E.Molfese, P.Matteucci, A.Iurato, M. Fiore,

Dettagli

IL TUMORE DEL POLMONE - LA STADIAZIONE. Roberta Polverosi UOC RADIOLOGIA S. Donà di Piave (VE)

IL TUMORE DEL POLMONE - LA STADIAZIONE. Roberta Polverosi UOC RADIOLOGIA S. Donà di Piave (VE) IL TUMORE DEL POLMONE - LA STADIAZIONE Roberta Polverosi UOC RADIOLOGIA S. Donà di Piave (VE) 1974 2.155 casi da 1 centro 2009 67.725 casi da 46 centri PARAMETRI TNM POLMONE T grandezza del tumore e invasione

Dettagli

Fusione di immagini PET, CT, MR: dalla clinica alle applicazioni avanzate. Dott. Roberto Sghedoni Dott.ssa Federica Fioroni Servizio di Fisica Medica

Fusione di immagini PET, CT, MR: dalla clinica alle applicazioni avanzate. Dott. Roberto Sghedoni Dott.ssa Federica Fioroni Servizio di Fisica Medica Fusione di immagini PET, CT, MR: dalla clinica alle applicazioni avanzate Dott. Roberto Sghedoni Dott.ssa Federica Fioroni Servizio di Fisica Medica L evoluzione tecnologica ha reso disponibili numerose

Dettagli

Possibilità tecnologiche e tecniche di esecuzione nella radioterapia ad intensità modulata: il punto della situazione

Possibilità tecnologiche e tecniche di esecuzione nella radioterapia ad intensità modulata: il punto della situazione Possibilità tecnologiche e tecniche di esecuzione nella radioterapia ad intensità modulata: il punto della situazione Emanuele Pignoli S. C. Fisica Sanitaria Fondazione IRCCS Istituto Nazionale dei Tumori

Dettagli

Problematiche tecniche nel planning del carcinoma polmonare non microcitoma

Problematiche tecniche nel planning del carcinoma polmonare non microcitoma Problematiche tecniche nel planning del carcinoma polmonare non microcitoma I Volumi nella Stereotassi F.Casamassima U.O.Radiobiologia Clinica Università Firenze Taranto Gennaio 2006 L ICRU 50 e ICRU 62

Dettagli

Bari, 7-10 novembre 2013. CARCINOMA MIDOLLARE FAMILIARE CHIRURGIA: tra certezze e controversie Marco Boniardi

Bari, 7-10 novembre 2013. CARCINOMA MIDOLLARE FAMILIARE CHIRURGIA: tra certezze e controversie Marco Boniardi CARCINOMA MIDOLLARE FAMILIARE Marco Boniardi RUOLO CENTRALE DELLA CHIRURGIA Assenza di terapie complementari efficaci ai fini della guarigione Prognosi più severa rispetto ai tumori differenziati tiroidei

Dettagli

Bari, 7-10 novembre 2013 Gestione del Carcinoma Tiroideo in progressione Take Home Messages

Bari, 7-10 novembre 2013 Gestione del Carcinoma Tiroideo in progressione Take Home Messages Gestione del Carcinoma Tiroideo in progressione Take Home Messages Rinaldo Guglielmi UOC Endocrinologia Il problema La maggior parte dei carcinomi tiroidei differenziati guarisce con il trattamento iniziale

Dettagli

Incidentalomi del Surrene. Il Punto di Vista del Radiologo. E. Squillaci

Incidentalomi del Surrene. Il Punto di Vista del Radiologo. E. Squillaci Department of Diagnostic and Molecular Imaging, Interventional Radiology, Nuclear Medicine and Radiotherapy University "Tor Vergata Rome Italy Incidentalomi del Surrene. Il Punto di Vista del Radiologo

Dettagli

IGRT. .. with Tomotherapy Hi-Art. TSRM D. Bertoni U.O. Radioterapia Oncologica ASMN Reggio Emilia. Image Guided RadioTherapy

IGRT. .. with Tomotherapy Hi-Art. TSRM D. Bertoni U.O. Radioterapia Oncologica ASMN Reggio Emilia. Image Guided RadioTherapy TSRM D. Bertoni U.O. Radioterapia Oncologica ASMN Reggio Emilia IGRT Image Guided RadioTherapy.. with Tomotherapy Hi-Art Glossario GLOSSARIO IGRT Ricerca Scientifica Tomotherapy Hi-Art Il concetto IGRT

Dettagli

Innovazioni tecnologiche ed applicazioni nel trattamento radioterapico dei tumori mammari: CASO CLINICO

Innovazioni tecnologiche ed applicazioni nel trattamento radioterapico dei tumori mammari: CASO CLINICO Innovazioni tecnologiche ed applicazioni nel trattamento radioterapico dei tumori mammari: CASO CLINICO O. Lora, F. Gregucci, A. Negri* U.O. di Radioterapia e Medicina Nucleare *U.O. Di Fisica Sanitaria

Dettagli

GRUPPO DI STUDIO TUMORI DEL TESTA-COLLO

GRUPPO DI STUDIO TUMORI DEL TESTA-COLLO ANNO 2012 TUMO GRUPPO DI STUDIO TUMORI DEL TESTA-COLLO TUMORI DELL IPOFARINGE A cura di: Mauro Magnano 1 TUMORE DELL IPOFARINGE Storia Naturale Il carcinoma a cellule squamose dell' ipofaringe è meno frequente

Dettagli

IL PERCORSO DELLE IMMAGINI IN RADIOTERAPIA : RUOLO DEL TECNICO DOSIMETRISTA 18-25 Maggio 2015

IL PERCORSO DELLE IMMAGINI IN RADIOTERAPIA : RUOLO DEL TECNICO DOSIMETRISTA 18-25 Maggio 2015 IL PERCORSO DELLE IMMAGINI IN RADIOTERAPIA : RUOLO DEL TECNICO DOSIMETRISTA 18-25 Maggio 2015 TSRM P. IRGOLINI V. PAPURELLO P. TREVISIOL S.C. RADIOTERAPIA U S.S.C.V.D ALTA TECNOLOGIA IN RADIOTERAPIA Prof.

Dettagli

DIAGNOSTICA PER IMMAGINI

DIAGNOSTICA PER IMMAGINI APPROPIATEZZA DIAGNOSTICO-TERAPEUTICA IN ONCOLOGIA DIAGNOSTICA PER IMMAGINI Alessandro Del Maschio Dipartimento di Radiologia Università Vita-Salute IRCCS San Raffaele Milano 1. NEOPLASIE POLMONARI Prof.

Dettagli

RADIOTERAPIA STEREOTASSICA

RADIOTERAPIA STEREOTASSICA RADIOTERAPIA STEREOTASSICA Dr. MARIO DE LIGUORO Centro Oncologico Fiorentino Sesto Fiorentino 10 marzo 2012 RADIOTERAPIA Trattamento locale Volume di trattamento Dose totale erogata Dose per frazione Numero

Dettagli

Progetto Ex Esposti Amianto Regione Veneto. La diagnostica per immagini del polmone e della pleura

Progetto Ex Esposti Amianto Regione Veneto. La diagnostica per immagini del polmone e della pleura Progetto Ex Esposti Amianto Regione Veneto La diagnostica per immagini del polmone e della pleura PLEURA LE MANIFESTAZIONI - PLACCHE POLMONE RADIOLOGICHE - ISPESSIMENTO DIFFUSO - VERSAMENTO - MESOTELIOMA

Dettagli

Radioterapia Stereotasica: DEFINIZIONE

Radioterapia Stereotasica: DEFINIZIONE Radioterapia Stereotasica: DEFINIZIONE La Radioterapia Stereotassica è una tecnica utilizzata per il trattamento di lesioni individuate attraverso metodi stereotassici accurati che, avvalendosi delle tre

Dettagli

Il ruolo dell imaging integrato: dalla definizione dei volumi di trattamento al set-up

Il ruolo dell imaging integrato: dalla definizione dei volumi di trattamento al set-up Convegno AIRO Lombardia 22 Giugno 2013 Il ruolo dell imaging integrato: dalla definizione dei volumi di trattamento al set-up Delia Ciardo 1 Integrazione delle immagini: Quando? quando come e perché 1)

Dettagli

Diagnostica per Immagini dei tumori del RINOFARINGE

Diagnostica per Immagini dei tumori del RINOFARINGE Diagnostica per Immagini dei tumori del RINOFARINGE Cesare Colosimo Istituto di Radiologia Dipartimento di Scienze Radiologiche Università Cattolica del Sacro Cuore. Roma colosimo@rm.unicatt.it DpI nei

Dettagli

WEBINAR : Il trattamento integrato nel NSCLC

WEBINAR : Il trattamento integrato nel NSCLC WEBINAR : Il trattamento integrato nel NSCLC Olga Martelli Oncologia S Giovanni Addolorata Sara Ramella Radioterapia Campus Biomedico Stefano Treggiari Chirurgia Toracica - S Camillo Forlanini Caratteristiche

Dettagli

Radiochemioterapia nei tumori del retto nel paziente anziano: irradiare i linfonodi pelvici?

Radiochemioterapia nei tumori del retto nel paziente anziano: irradiare i linfonodi pelvici? Radiochemioterapia nei tumori del retto nel paziente anziano: irradiare i linfonodi pelvici? Carlo Greco Radioterapia Oncologica Università Campus Bio-Medico di Roma - Via Álvaro del Portillo, 21-00128

Dettagli

La Risonanza Magnetica della Mammella

La Risonanza Magnetica della Mammella La Risonanza Magnetica della Mammella - in 15 minuti - Dr Renzo Taschini Centro Oncologico Fiorentino RM Mammella : i requisiti 1- TECNOLOGIA Magnete ad elevato campo (1.5T o 3T) Elevata risoluzione spaziale

Dettagli

Ruolo della Medicina Nucleare nella valutazione del nodulo polmonare solitario Prof. Renato Palumbo

Ruolo della Medicina Nucleare nella valutazione del nodulo polmonare solitario Prof. Renato Palumbo Ruolo della Medicina Nucleare nella valutazione del nodulo polmonare solitario Prof. Renato Palumbo Si ringraziano per la collaborazione Dr S. Messina; Dr B. Palumbo; Dr S. Sivolella TRACCIANTI PET IN

Dettagli

Dott. Alessandro Gava

Dott. Alessandro Gava Dott. Alessandro Gava Radioterapia Oncologica Treviso 1 STEP: Accoglienza e identificazione del paziente segreteria. - Omonimie nelle cartelle - Errori di trascrizione - Tessere sanitarie o altri codici

Dettagli

Applicazioni in Italia della realtà Virtuale e della Robotica in Medicina e Chirurgia Applicazioni Diagnostiche della Realtà Virtuale

Applicazioni in Italia della realtà Virtuale e della Robotica in Medicina e Chirurgia Applicazioni Diagnostiche della Realtà Virtuale Department of Diagnostic and Molecular Imaging, Interventional Radiology, Nuclear Medicine and Radiotherapy University "Tor Vergata Rome Italy Applicazioni in Italia della realtà Virtuale e della Robotica

Dettagli

CASO DEL MESE DOTT.SSA MARIA PAOLA FEDELI

CASO DEL MESE DOTT.SSA MARIA PAOLA FEDELI CASO DEL MESE DOTT.SSA MARIA PAOLA FEDELI Università degli Studi di Milano Facoltà di Medicina e Chirurgia Scuola di Specializzazione in Radiodiagnostica IRCCS Policlinico San Donato ANAMNESI/STORIA CLINICA

Dettagli

Fusione delle Immagini in Radioterapia Riccardo Ragona Università di Torino

Fusione delle Immagini in Radioterapia Riccardo Ragona Università di Torino Fusione delle Immagini in Radioterapia Riccardo Ragona Università di Torino Introduzione Transformazioni Algoritmi Visualizzazione Validazione Applicazioni Conclusioni Perche la Fusione delle Immagini?

Dettagli

Radioterapia guidata dalle immagini (IGRT) con megavoltage CT

Radioterapia guidata dalle immagini (IGRT) con megavoltage CT Radioterapia guidata dalle immagini (IGRT) con megavoltage CT L. Longoni IRCCS San Raffaele - Milano Trento, 17 Giugno 2010 Integrazione metodiche di avanguardia basate sulle immagini per definire il tumore

Dettagli

La Simulazione Virtuale: Filosofia e Workflow

La Simulazione Virtuale: Filosofia e Workflow U.O. Radioterapia Rimini Direttore Dr. F.Perini La Simulazione Virtuale: Filosofia e Workflow Francesco Perini Cagliari, 20-21 Giugno 2008 Filosofia Simulazione da SIMŬLARE: Fingere, Imitare in Figura,

Dettagli

AIRO INCONTRA SIRM Diagnostica per Immagini e trattamenti non chirurgici del nodulo polmonare solitario

AIRO INCONTRA SIRM Diagnostica per Immagini e trattamenti non chirurgici del nodulo polmonare solitario AIRO INCONTRA SIRM Diagnostica per Immagini e trattamenti non chirurgici del nodulo polmonare solitario Valutazione della risposta e follow-up: il punto di vista dell oncologo radioterapista e del diagnosta

Dettagli

Le tecnologie: schede tecniche

Le tecnologie: schede tecniche Le tecnologie: schede tecniche Il nuovo reparto di Radioterapia del Polo Oncologico Businco e Microcitemico di Cagliari si configura come un sistema altamente integrato per l implementazione di tecniche

Dettagli

LA REFERTAZIONE DELLA PET-TC ONCOLOGICA con 18F-FDG: istruzioni pratiche per un referto standardizzato e di qualità

LA REFERTAZIONE DELLA PET-TC ONCOLOGICA con 18F-FDG: istruzioni pratiche per un referto standardizzato e di qualità LA REFERTAZIONE DELLA PET-TC ONCOLOGICA con 18F-FDG: istruzioni pratiche per un referto standardizzato e di qualità Maria Lucia Calcagni, Paola Castaldi, Alessandro Giordano Università Cattolica del S.

Dettagli

Tiroide: Diagnostica

Tiroide: Diagnostica Tiroide: Diagnostica In vitro: dosaggio TRH, TSH, FT3, TT3, FT4, TT4, Ab-anti-TMS, Ab-anti-PO, Abanti-Tg,Tg, CT. In vivo: Scintigrafia tiroidea, Captazione tiroidea del Radio-iodio SCINTIGRAFIA DELLA TIROIDE

Dettagli

CRITERI RADIOLOGICI DI VALUTAZIONE DELLA RISPOSTA ALLA TERAPIA ONCOLOGICA Radiologia Ferrara CRITERI RECIST Response Evaluation Criteria In Solid Tumor CRITERI RECIST Sono un gruppo di regole atte ad identificare

Dettagli

Giovanni Silvano S.C. Radioterapia Oncologica Taranto

Giovanni Silvano S.C. Radioterapia Oncologica Taranto La Radioterapia post-mastectomia nel carcinoma della mammella Giovanni Silvano S.C. Radioterapia Oncologica Taranto LA RADIOTERAPIA POST-MASTECTOMIA I QUESITI perchè in quali pazienti sempre dopo chemioterapia

Dettagli

FOLLOW-UP DEL TUMORE POLMONARE

FOLLOW-UP DEL TUMORE POLMONARE Linee Guida ITT Istituto Toscano Tumori ORDINE DEI MEDICI CHIRURGHI e degli ODONTOIATRI della PROVINCIA di AREZZO 3 gennaio 2007 Ivano Archinucci UO di Pneumologia ASL 8 STADI DEL CARCINOMA POMONARE STADIO

Dettagli

Descrizione della metodica di contouring del BTV (Biological Target Volume) impiegata all Ospedale di Rovigo

Descrizione della metodica di contouring del BTV (Biological Target Volume) impiegata all Ospedale di Rovigo Descrizione della metodica di contouring del BTV (Biological Target Volume) impiegata all Ospedale di Rovigo Elena Bellan SOC Fisica Sanitaria, Ospedale S. Maria Misericordia, Rovigo contatto e-mail: bellan.elena@azisanrovigo.it

Dettagli

LAB CONTOURING Mammella

LAB CONTOURING Mammella LAB CONTOURING Mammella CASO CLINICO 69 aa Mammografia-Ecografia: Nel QSI sn si osserva opacità circoscritta a margini irregolari di 2x1 cm con cercine ecografico spesso ed irregolare, Linfonodi densi

Dettagli

Linfonodo sentinella. AJCC (6th edition 2002) Micrometastasi e ITC. Assenza di metastasi linfonodali

Linfonodo sentinella. AJCC (6th edition 2002) Micrometastasi e ITC. Assenza di metastasi linfonodali Dieci anni di linfonodo sentinella: un primo bilancio L. Mazzucchelli Istituto cantonale di patologia, Locarno Seno Forum 2010, Lugano Linfonodo sentinella Le metastasi linfonodali sono il fattore prognostico

Dettagli

Unità Operativa di Medicina Nucleare

Unità Operativa di Medicina Nucleare Parte Seconda (per il Medico di Famiglia) INDICAZIONI "APPROPRIATE" Nonostante la documentata efficacia diagnostica, la diffusione dei tomografi PET/CT sul territorio nazionale e regionale è ancora limitata

Dettagli

Valutazioni radiografiche del complesso cranio-mandibolo-cervicale con TAC CONE BEAM. www.ap.pr.it anpelosi@tin.it

Valutazioni radiografiche del complesso cranio-mandibolo-cervicale con TAC CONE BEAM. www.ap.pr.it anpelosi@tin.it Valutazioni radiografiche del complesso cranio-mandibolo-cervicale con TAC CONE BEAM www.ap.pr.it anpelosi@tin.it 2 3 4 Situazione di equilibrio 5 Piano di Francoforte Parallelo al suolo in stazione eretta

Dettagli

Work-up diagnostico delle linfoadenopatie e delle splenomegalie: focus sulle procedure d imaging

Work-up diagnostico delle linfoadenopatie e delle splenomegalie: focus sulle procedure d imaging Work-up diagnostico delle linfoadenopatie e delle splenomegalie: focus sulle procedure d imaging Il punto di vista dell ematologo Dr Marco Picardi Area Funzionale di Ematologia AOU-Federico II Napoli Direttore

Dettagli

Si manifestano nel 30% dei pazienti oncologici. metodiche di diagnostica per immagini più sensibili e accurate

Si manifestano nel 30% dei pazienti oncologici. metodiche di diagnostica per immagini più sensibili e accurate METASTASI CEREBRALI Si manifestano nel 30% dei pazienti oncologici L incidenza è in aumento per: metodiche di diagnostica per immagini più sensibili e accurate migliorata sopravvivenza malattia metastatica

Dettagli

Requisiti minimi e standard di refertazione per carcinoma della mammella

Requisiti minimi e standard di refertazione per carcinoma della mammella SIAPEC PIEMONTE Concordanza e uniformità di refertazione diagnostica nelle anatomie patologiche della Regione Piemonte Requisiti minimi e standard di refertazione per carcinoma della mammella Statement

Dettagli

Neoplasie della mammella - 1

Neoplasie della mammella - 1 Neoplasie della mammella - 1 Patologia mammaria FIBROADENOMA CISTI ASCESSO ALTERAZIONI FIBROCISTICHE NEOPLASIA NEOPLASIA RETRAZIONE CUTANEA Carcinoma mammario Incidenza per 100.000 donne Western Europe

Dettagli

APPROCCIO RADIOTERAPICO

APPROCCIO RADIOTERAPICO Unità operativa di Radioterapia Azienda Ospedaliera di Parma APPROCCIO RADIOTERAPICO Dott.ssa Dell Anna Cristina TUMORI PRIMITIVI DELLA PARETE TORACICA Sono tumori eterogenei che possono prendere origine

Dettagli

L ELABORAZIONE DEL TREATMENT PLANNING NELLA RADIOTERAPIA CONFORMAZIONALE, NELL IMRT E NELL IGRT

L ELABORAZIONE DEL TREATMENT PLANNING NELLA RADIOTERAPIA CONFORMAZIONALE, NELL IMRT E NELL IGRT L ELABORAZIONE DEL TREATMENT PLANNING NELLA RADIOTERAPIA CONFORMAZIONALE, NELL IMRT E NELL IGRT Michele Stasi, Barbara Baiotto S.C. Fisica Sanitaria A.O. Ordine Mauriziano & IRCC Candiolo -Torino Workshop

Dettagli

SISTEMI RIS/PACS: AGGIORNAMENTI SUL TEMA

SISTEMI RIS/PACS: AGGIORNAMENTI SUL TEMA SISTEMI RIS/PACS: AGGIORNAMENTI SUL TEMA Verso l integrazione delle immagini e i CAD Giovanna Rizzo IBFM-CNR, Milano Milano, 18 gennaio 2007 WORKSTATION DI REFERTAZIONE EVOLUZIONI Elaborazione Integrazione

Dettagli

Monitoring distribution of 90Y-DOTATATE with PET-CT following Peptide Receptor Radionuclide Therapy

Monitoring distribution of 90Y-DOTATATE with PET-CT following Peptide Receptor Radionuclide Therapy Monitoring distribution of 90Y-DOTATATE with PET-CT following Peptide Receptor Radionuclide Therapy L.D'Ambrosio1,2, M.Aurilio1, A.Morisco3, M.Malinconico3, P.Chiaramida4, L.Aloj1, S.Lastoria1 1SC Medicina

Dettagli

CASO CLINICO 3 Paziente con carcinoma del retto distale

CASO CLINICO 3 Paziente con carcinoma del retto distale 4 Incontro STRATEGIE TERAPEUTICHE NEL CARCINOMA DEL COLON- RETTO CASO CLINICO 3 Paziente con carcinoma del retto distale VALENTINA SEGA E.B. 80 anni ANAMNESI Nulla di rilevante all anamnesi patologica

Dettagli

30/05/2011. Carcinoma esofageo. Anatomia. scaricato da www.sunhope.it 1

30/05/2011. Carcinoma esofageo. Anatomia. scaricato da www.sunhope.it 1 Carcinoma esofageo 1 Anatomia 2 scaricato da www.sunhope.it 1 3 Epidemiologia ed Eziologia 4 scaricato da www.sunhope.it 2 Epidemiologia ed Eziologia Costituisce il 50% di tutta la patologia d organo 7%

Dettagli

Risultati della chirurgia per cancro gastrico

Risultati della chirurgia per cancro gastrico Azienda Ospedaliera di Rilievo Nazionale e di Alta Specializzazione San Giuseppe Moscati Avellino - Italy Struttura Complessa di Chirurgia Generale Dir. prof. F. Caracciolo Risultati della chirurgia per

Dettagli

Le malattie della tiroide (dalla diagnosi alla terapia ) Focus sui percorsi aziendali A cura del Gruppo tiroide ASLAL Coordinatore: Dr.

Le malattie della tiroide (dalla diagnosi alla terapia ) Focus sui percorsi aziendali A cura del Gruppo tiroide ASLAL Coordinatore: Dr. Le malattie della tiroide (dalla diagnosi alla terapia ) Focus sui percorsi aziendali A cura del Gruppo tiroide ASLAL Coordinatore: Dr. Singarelli Il follow-up del paziente operato Piero Iacovoni Acqui

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MILANO TC RACHIDE

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MILANO TC RACHIDE UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MILANO TC RACHIDE INTRODUZIONE TC La TC è una metodica radiologica che sfruttando la rotazione del tubo radiogeno intorno ad un oggetto fornisce immagini tomografiche pressochè

Dettagli

Radioterapia PET-guidata nel trattamento dei tumori del distretto testa-collo: sviluppo di un piano di cura

Radioterapia PET-guidata nel trattamento dei tumori del distretto testa-collo: sviluppo di un piano di cura Radioterapia PET-guidata nel trattamento dei tumori del distretto testa-collo: sviluppo di un piano di cura Bizzocchi Nicola Lambertini Daniele Servizio di Fisica Medica in Radioterapia Arcispedale S.

Dettagli

PROTOCOLLO PET/TC ONCOLOGICA

PROTOCOLLO PET/TC ONCOLOGICA Regione del Veneto - AZIENDA U.L.SS. N. 8 ASOLO ospedale di Castelfranco Veneto e Montebelluna dipartimento diagnostica per immagini sede di Castelfranco Veneto unità operativa medicina nucleare - direttore:

Dettagli

U.O.C. Radioterapia Oncologica Direttore Prof. R. Maurizi Enrici

U.O.C. Radioterapia Oncologica Direttore Prof. R. Maurizi Enrici U.O.C. Radioterapia Oncologica Direttore Prof. R. Maurizi Enrici LA STADIAZIONE LOCALE DEL CARCINOMA PROSTATICO: IL RUOLO DELLA RISONANZA MAGNETICA CON TECNICHE DI DIFFUSIONE E PERFUSIONE E VANTAGGI DEL

Dettagli

Trattamento radioterapico in paziente affetto da carcinoma della giunzione Esofago- gastrica: confronto tra piano VMAT e IMRT step and shoot.

Trattamento radioterapico in paziente affetto da carcinoma della giunzione Esofago- gastrica: confronto tra piano VMAT e IMRT step and shoot. Trattamento radioterapico in paziente affetto da carcinoma della giunzione Esofago- gastrica: confronto tra piano VMAT e IMRT step and shoot. S. Terrevazzi, C. Gumina, E. Mariani, G. Montanari, A. Podhradska,

Dettagli

18F-Colina PET/TC riscontri incidentali in 691 Pazienti con AdCa della prostata M. Rensi, F. Giacomuzzi, L. Bastianutti, O. Geatti

18F-Colina PET/TC riscontri incidentali in 691 Pazienti con AdCa della prostata M. Rensi, F. Giacomuzzi, L. Bastianutti, O. Geatti 18F-Colina PET/TC riscontri incidentali in 691 Pazienti con AdCa della prostata M. Rensi, F. Giacomuzzi, L. Bastianutti, O. Geatti SOC di Medicina Nucleare, Azienda Ospedaliera Universitaria, Udine FLOGOSI

Dettagli

1 CONVEGNO AME EMILIA-ROMAGNA Bologna, 15 maggio 2010. Paola Franceschetti

1 CONVEGNO AME EMILIA-ROMAGNA Bologna, 15 maggio 2010. Paola Franceschetti 1 CONVEGNO AME EMILIA-ROMAGNA Bologna, 15 maggio 2010 I Sessione La PET in Endocrinologia Oncologica Caso clinico Paola Franceschetti SEZIONE DI ENDOCRINOLOGIA Dipartimento di Scienze Biomediche e Terapie

Dettagli

CASO CLINICO carcinoma mammario ErbB2+ con M+ SNC

CASO CLINICO carcinoma mammario ErbB2+ con M+ SNC CASO CLINICO carcinoma mammario ErbB2+ con M+ SNC METASTASI CEREBRALI DA CA MAMMELLA 10-30% delle pazienti con tumore mammario in fase avanzata Insorgono tardivamente nella storia naturale della malattia

Dettagli

LA CHEMIOTERAPIA ORALE IN ASSOCIAZIONE ALLA RADIOTERAPIA

LA CHEMIOTERAPIA ORALE IN ASSOCIAZIONE ALLA RADIOTERAPIA LA CHEMIOTERAPIA ORALE IN ASSOCIAZIONE ALLA RADIOTERAPIA G.Lazzari, G. Silvano S. C. Radioterapia Oncologica ASL TA/ 1 - Taranto Taranto, 21 gennaio 2005 BACKGROUND Le formulazioni orali di chemioterapia

Dettagli

NSCLC - stadio iiib/iv

NSCLC - stadio iiib/iv I TUMORI POLMONARI linee guida per la pratica clinica NSCLC - stadio iiib/iv quale trattamento per i pazienti anziani con malattia avanzata? Il carcinoma polmonare è un tumore frequente nell età avanzata.

Dettagli

Una rivoluzione nella diagnosi e nel trattamento del cancro: la PET

Una rivoluzione nella diagnosi e nel trattamento del cancro: la PET Una rivoluzione nella diagnosi e nel trattamento del cancro: la PET Introdotta circa tre decadi fa da Phelps e Hoffman la Tomografia ad Emissione di Positroni (PET) solo recentemente è divenuta lo strumento

Dettagli

TRATTAMENTI RADIOTERAPICI AD INTENSITA MODULATA

TRATTAMENTI RADIOTERAPICI AD INTENSITA MODULATA Alma Mater Studiorum-Università di Bologna DOTTORATO DI RICERCA IN ONCOLOGIA E PATOLOGIA SPERIMENTALE Ciclo XXII Settore scientifico-disciplinare di afferenza: MED/36 TRATTAMENTI RADIOTERAPICI AD INTENSITA

Dettagli

APPUNTAMENTI A FISICA CICLO DI INCONTRI DI FISICA MEDICA SECONDO INCONTRO 2012 IL POLMONE: PATOLOGIA, CLINICA E FISICA UN CASO CLINICO

APPUNTAMENTI A FISICA CICLO DI INCONTRI DI FISICA MEDICA SECONDO INCONTRO 2012 IL POLMONE: PATOLOGIA, CLINICA E FISICA UN CASO CLINICO APPUNTAMENTI A FISICA CICLO DI INCONTRI DI FISICA MEDICA SECONDO INCONTRO 2012 IL POLMONE: PATOLOGIA, CLINICA E FISICA UN CASO CLINICO Veronica Rossetti S.C. di Fisica Sanitaria, AO Città della Salute

Dettagli

PERCORSO UNITA PROSTATA. POLICLINICO UMBERTO I v.le Regina Elena, 324 Roma

PERCORSO UNITA PROSTATA. POLICLINICO UMBERTO I v.le Regina Elena, 324 Roma PERCORSO UNITA PROSTATA POLICLINICO UMBERTO I v.le Regina Elena, 324 Roma COORDINAMENTO DIAGNOSTICO: Dott.ssa Valeria Panebianco, UOC Radiologia Centrale (Dir.Prof.C.Catalano) Dipartimento di Scienze Radiologiche,

Dettagli

STADIAZIONE E TRATTAMENTO CHIRURGICO

STADIAZIONE E TRATTAMENTO CHIRURGICO PROTOCOLLI OPERATIVI IN PNEUMOLOGIA INTERVENTISTICA: NODULO POLMONARE PERIFERICO STADIAZIONE E TRATTAMENTO CHIRURGICO PROF. FEDERICO REA CATTEDRA DI CHIRURGIA TORACICA UNIVERSITA DI PADOVA Firenze 18 Marzo

Dettagli

SPONDILODISCITI SUPPORTO DIAGNOSTICO DELLA NEURORADIOLOGIA

SPONDILODISCITI SUPPORTO DIAGNOSTICO DELLA NEURORADIOLOGIA SPONDILODISCITI SUPPORTO DIAGNOSTICO DELLA NEURORADIOLOGIA Enrico Cagliari U.O.C. di Neuroradiologia Mestre INFEZIONI SPINALI Spondiliti Disciti Spondilodisciti Ascessi epidurali SPONDILITE (osteomielite

Dettagli

Laura Catena Istituto di Oncologia Policlinico di Monza

Laura Catena Istituto di Oncologia Policlinico di Monza Oncologia epato-bilio-pancreatica Metastasi da tumore a sede primitiva ignota Monza, 06 Maggio 2011 Laura Catena Istituto di Oncologia Policlinico di Monza Epidemiologia Rappresentano meno del 5% di tutte

Dettagli

www.fisiokinesiterapia.biz

www.fisiokinesiterapia.biz www.fisiokinesiterapia.biz LA NEOPLASIA Una competizione costante di aggiornamento contro la storia naturale di una patologia inesorabile Fattore tempo Latenza clinica: da 8 a 16 anni a seconda del tipo

Dettagli

L imaging integrato PET/TC nello Studio dei Tumori Testa/Collo

L imaging integrato PET/TC nello Studio dei Tumori Testa/Collo ATTUALITA nella TERAPIA INTEGRATA LOCOREGIONALE delle NEOPLASIE delle VIE AEREO-DIGESTIVE SUPERIORI L imaging integrato PET/TC nello Studio dei Tumori Testa/Collo Dr. Filippo Lauriero S.C. di Medicina

Dettagli

Ecografia, risonanza magnetica nello screening mammografico: luoghi dove è meglio non avventurarsi? Stefano Ciatto

Ecografia, risonanza magnetica nello screening mammografico: luoghi dove è meglio non avventurarsi? Stefano Ciatto Ecografia, risonanza magnetica nello screening mammografico: luoghi dove è meglio non avventurarsi? Stefano Ciatto anni 35 - sintomatica EO: nodulo in regione infero-centrale Mammografia: quadro negativo

Dettagli

G. Mariscotti, M. Durando, G. Gandini. Torino 8 Marzo 2011

G. Mariscotti, M. Durando, G. Gandini. Torino 8 Marzo 2011 UNIVERSITA DEGLI STUDI DI TORINO FACOLTA DI MEDICINA E CHIRURGIA ASOU SAN GIOVANNI BATTISTA TORINO ISTITUTO DI RADIOLOGIA DIAGNOSTICA ED INTERVENTISTICA DIRETTORE: PROF. GIOVANNI GANDINI La radiologia

Dettagli

Linee guida per il planning nel carcinoma del polmone. Radiotherapy and Oncology 71 (2004)

Linee guida per il planning nel carcinoma del polmone. Radiotherapy and Oncology 71 (2004) Linee guida per il planning nel carcinoma del polmone Radiotherapy and Oncology 71 (2004) 139-146 Linee guida per il planning nel carcinoma del polmone Posizionamento del paziente Acquisizione delle immagini

Dettagli

IL RUOLO DELLA RADIOTERAPIA NEL DOLORE ONCOLOGICO. S.C. Radioterapia ASL TO4 Ivrea Maria Rosa La Porta

IL RUOLO DELLA RADIOTERAPIA NEL DOLORE ONCOLOGICO. S.C. Radioterapia ASL TO4 Ivrea Maria Rosa La Porta IL RUOLO DELLA RADIOTERAPIA NEL DOLORE ONCOLOGICO S.C. Radioterapia ASL TO4 Ivrea Maria Rosa La Porta LA RADIOTERAPIA E un metodo di cura conosciuto da più di 100 anni che prevede l utilizzo di radiazioni

Dettagli

SISTEMA PER TRATTAMENTI RADIOTERAPICI DI PRECISIONE (SRT SRS) COMPLETO DI TECNICHE DI IMAGE GUIDED RADIOTERAPHY (IGRT - IMRT) E SISTEMA DI CALCOLO

SISTEMA PER TRATTAMENTI RADIOTERAPICI DI PRECISIONE (SRT SRS) COMPLETO DI TECNICHE DI IMAGE GUIDED RADIOTERAPHY (IGRT - IMRT) E SISTEMA DI CALCOLO SISTEMA PER TRATTAMENTI RADIOTERAPICI DI PRECISIONE (SRT SRS) COMPLETO DI TECNICHE DI IMAGE GUIDED RADIOTERAPHY (IGRT - IMRT) E SISTEMA DI CALCOLO IL SISTEMA DOVRÀ COMPRENDERE: UNITÀ RADIANTE NUMERO 1

Dettagli

INTERESSAMENTO NEOPLASTICO DEI LINFONODI DEL COLLO Il ruolo dell imaging nel percorso diagnostico

INTERESSAMENTO NEOPLASTICO DEI LINFONODI DEL COLLO Il ruolo dell imaging nel percorso diagnostico GRUPPO DI STUDIO TUMORI TESTA COLLO INTERESSAMENTO NEOPLASTICO DEI LINFONODI DEL COLLO Il ruolo dell imaging nel percorso diagnostico A cura di: Salvatore Singarelli Caterina Chiara Bianchi Mauro Magnano

Dettagli

Imaging funzionale con 18FCH-PET/TC nella definizione del BTV nei pazienti con recidiva biochimica postprostatectomia: fattibilità in 60 pazienti

Imaging funzionale con 18FCH-PET/TC nella definizione del BTV nei pazienti con recidiva biochimica postprostatectomia: fattibilità in 60 pazienti Imaging funzionale con 18FCH-PET/TC nella definizione del BTV nei pazienti con recidiva biochimica postprostatectomia: studio di L.E. Trodella Radioterapia Oncologica Università Campus Bio-Medico, Roma

Dettagli

ECOMIOGRAFIA FUNZIONALE DEL MUSCOLO DENERVATO: RISULTATI PRELIMINARI

ECOMIOGRAFIA FUNZIONALE DEL MUSCOLO DENERVATO: RISULTATI PRELIMINARI Dipartimento di Scienze Medico Diagnostiche e Terapie Speciali Istituto di Radiologia Università di Padova ECOMIOGRAFIA FUNZIONALE DEL MUSCOLO DENERVATO: RISULTATI PRELIMINARI Riccardo Zanato Roberto Stramare

Dettagli

Un test di espressione genica per predire l aggressività del carcinoma prostatico. Il test Prolaris può orientare le decisioni mediche e chirurgiche

Un test di espressione genica per predire l aggressività del carcinoma prostatico. Il test Prolaris può orientare le decisioni mediche e chirurgiche Un test di espressione genica per predire l aggressività del carcinoma prostatico Il test Prolaris può orientare le decisioni mediche e chirurgiche Che cos è Prolaris? Una misura molecolare diretta della

Dettagli

Nuove tecniche radioterapiche in oncologia polmonare

Nuove tecniche radioterapiche in oncologia polmonare Serie - Collaborazione multidisciplinare in oncologia toracica a cura di Silvia Novello Nuove tecniche radioterapiche in oncologia polmonare Innovative radiation technologies in thoracic oncology Riassunto

Dettagli

La diagnostica medico nucleare nella patologia tiroidea. 13-11-2010 otestori@ospedale.al.it 1

La diagnostica medico nucleare nella patologia tiroidea. 13-11-2010 otestori@ospedale.al.it 1 La diagnostica medico nucleare nella patologia tiroidea 13-11-2010 otestori@ospedale.al.it 1 INTRODUZIONE L ecografia e la scintigrafia rivestono un ruolo fondamentale nella diagnostica tiroidea L esame

Dettagli

micro: un software per il calcolo della dose equivalente in radioterapia

micro: un software per il calcolo della dose equivalente in radioterapia CRO AVIANO Michele Avanzo micro: un software per il calcolo della dose equivalente in radioterapia SOC Fisica Medica, Centro di Riferimento Oncologico, Aviano, PN Venezia, 19/11/2010 Game of life - J.H.

Dettagli

IMAGE GUIDED RADIATION THERAPY-IGRT DEL TUMORE DELLA PROSTATA CON IPOFRAZIONAMENTO DELLA DOSE

IMAGE GUIDED RADIATION THERAPY-IGRT DEL TUMORE DELLA PROSTATA CON IPOFRAZIONAMENTO DELLA DOSE Versione 2 15.01.13 PROTOCOLLO DI STUDIO IMAGE GUIDED RADIATION THERAPY-IGRT DEL TUMORE DELLA PROSTATA CON IPOFRAZIONAMENTO DELLA DOSE COORDINATORE PROGETTO DI RICERCA REGIONE-UNIVERSITA REGIONE EMILIA

Dettagli

La PET-CT nello studio del tumore del pancreas: radiofarmaci,, tecniche e metodiche. Alfredo Palmieri Medicina Nucleare ASMN Reggio Emilia

La PET-CT nello studio del tumore del pancreas: radiofarmaci,, tecniche e metodiche. Alfredo Palmieri Medicina Nucleare ASMN Reggio Emilia La PET-CT nello studio del tumore del pancreas: radiofarmaci,, tecniche e metodiche Alfredo Palmieri Medicina Nucleare ASMN Reggio Emilia Introduzione La PET (Tomografia ad Emissione di Positroni) è una

Dettagli

Dalla Teoria alla pratica: L impatto dell evoluzione tecnologica nell esperienza dei TSRM lombardi

Dalla Teoria alla pratica: L impatto dell evoluzione tecnologica nell esperienza dei TSRM lombardi Dalla Teoria alla pratica: L impatto dell evoluzione tecnologica nell esperienza dei TSRM lombardi Viviana Manazzale Incontro AIRO AIFM Lombardia 21 Maggio 2011 Il tecnico 0. Relazione con il paziente

Dettagli

Carcinoma del rinofaringe: Organi A Rischio

Carcinoma del rinofaringe: Organi A Rischio Dipartimento di Scienze Radiologiche Oncologiche e Anatomo-Patologiche Cattedra di Radioterapia Direttore prof. V. Tombolini Carcinoma del rinofaringe: Organi A Rischio Roma, 27 maggio 2013 dott.ssa D.

Dettagli

Il ruolo della PET in oncologia

Il ruolo della PET in oncologia Il ruolo della PET in oncologia Dott. Vincenzo Arena, centro PET Irmet, Torino Centro radiologico Varrengie, SALERNO, 19 novembre 2010 TESTA-COLLO FDG-PET in ONCOLOGIA Cambiamento dell atteggiamento terapeutico

Dettagli

Il carcinoma polmonare

Il carcinoma polmonare Il carcinoma polmonare 1 Statistiche Nuovi casi stimati e morti da carcinoma polmonare negli Stati Uniti nel 2009 Nuovi casi 219.440 Morti: 159.390 Periodo 1995-2001 Probabilità di sopravvivenza a 5 anni

Dettagli

ECOENDOSCOPIA ESOFAGO E MEDIASTINO

ECOENDOSCOPIA ESOFAGO E MEDIASTINO ECOENDOSCOPIA ESOFAGO E MEDIASTINO Marianna Di Maso Servizio di Endoscopia Digestiva Ospedale di San Severo - ASL Foggia Learning Corner AIGO XX Congresso Nazionale delle Malattie Digestive Napoli 19-22

Dettagli

-UP NEI PAZIENTI CON NEOPLASIA CERVICO FACCIALE

-UP NEI PAZIENTI CON NEOPLASIA CERVICO FACCIALE L ERRORE DI SET-UP NEI PAZIENTI CON NEOPLASIA CERVICO-FACCIALE TRATTATI CON TECNICA IMRT Studio Osservazionale Descrittivo Relatori: Massimiliano Contesini 1, Emilio Abbati 2. 1 Coordinatore Attività Formative

Dettagli

Ospedale S.S. Antonio e Margherita di Tortona Servizio Radiologia Primario: Dott. Bruno Carrea. Dott.ssa T. Dallocchio

Ospedale S.S. Antonio e Margherita di Tortona Servizio Radiologia Primario: Dott. Bruno Carrea. Dott.ssa T. Dallocchio Ospedale S.S. Antonio e Margherita di Tortona Servizio Radiologia Primario: Dott. Bruno Carrea Dott.ssa T. Dallocchio forma a farfalla Circondata da muscoli Lateralmente a.carotide comune e vena giugulare

Dettagli

Osservatorio Statistico Permanente SARCOMI. Premessa

Osservatorio Statistico Permanente SARCOMI. Premessa Osservatorio Statistico Permanente SARCOMI I Sarcomi sono tumori con una bassa incidenza (abbastanza rari) ma che, a causa delle diverse sedi di possibile localizzazione, e del grado istologico, possono

Dettagli

La radioterapia. Come assicurare la qualità: Azienda Ospedaliera Universitaria Maggiore della Carità - Novara S.C. Radioterapia

La radioterapia. Come assicurare la qualità: Azienda Ospedaliera Universitaria Maggiore della Carità - Novara S.C. Radioterapia Azienda Ospedaliera Universitaria Maggiore della Carità - Novara S.C. Radioterapia Direttore Prof.M.Krengli Come assicurare la qualità: La radioterapia G ius eppina G ambaro S S R adioterapia AOU Novara

Dettagli

F.Trippa, M.Muti, L.Draghini, R.Rossi, M.Principi,

F.Trippa, M.Muti, L.Draghini, R.Rossi, M.Principi, La teragnostica applicata alla radioterapia del glioblastoma multiforme: monitoraggio della cellularità tumorale mediante risonanza magnetica pesata in diffusione (DW-MRI) F.Trippa, M.Muti, L.Draghini,

Dettagli

Consensus Meeting 18F-FDG PET/TC nella valutazione della risposta terapeutica nei tumori solidi. Analisi delle immagini PET/TC.

Consensus Meeting 18F-FDG PET/TC nella valutazione della risposta terapeutica nei tumori solidi. Analisi delle immagini PET/TC. Consensus Meeting 18F-FDG PET/TC nella valutazione della risposta terapeutica nei tumori solidi Analisi delle immagini PET/TC Luca Guerra Medicina Nucleare PET, Ospedale San Gerardo, Monza Università degli

Dettagli