I REGIONE UMBRIA. Regione Umbria. Redatto Data Firma. Approvato Comitato Guida Progetto RIUMBRIA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "I REGIONE UMBRIA. Regione Umbria. Redatto Data Firma. Approvato Comitato Guida Progetto RIUMBRIA"

Transcript

1 . Regione Umbria RIUMBRIA Approvato Comitato Guida Progetto Servizio Sistema Informativo Redatto Data Firma PROGETTO ESECUTIVO RIUMBRIA Direzione Regionale Risorse Finanziarie, Umane e Strumentali I REGIONE UMBRIA Pag. I di46j. Servizio Sistema Informativo

2 2. RESPONSABILE 7 1. ANAGRAFICA PROGETTO 3 INDICE Regone Umbria. Servizio Sistema Informativo Pag.2di46 7. ATTIVITÀ ALLEGATI ENTI PARTECIPANTI 8 4. SOLUZIONE RIUSATA lo 5. INFRASTRUTTURE MILESTONE PIANO DI RILASCIO DEI PRODOTTI/SERVIZI 45 1 Direzione Regionale Risorse Finanziarie, Umane e Strumentali REGIONE UMBRIA

3 RIUMBRIA 1.1. Codice CUP 1.2. Acronimo del progetto in corso a livello nazionale (il cosiddetto Piano Casa da un lato e il nuovo Regolamento E-umbria, la cui creazione è stata ispirata dalle stesse finalità istituzionali e dalle l identità federata) su cui la Regione e il sistema degli EELL si sono impegnati, negli ultimi l impianto di massima del progetto, gli obiettivi fondamentali e i principali servizi che Non si può neppure prescindere da una serie di importanti riforme normative e procedurali completate e messe in esercizio. le logiche non invasive delle soluzioni PEOPLE, per l accesso da web ad alcuni servizi servizi demografici senso sostituire (come FED, la soluzione per l identità federata), pur dovendo essere autorizzazioni e concessioni tributi nello sviluppo di alcune componenti di e-umbria che, allo stato attuale, non avrebbe più medesime esigenze di natura tecnica che hanno dato vita a PEOPLE, rappresenta la Partner fondamentale della Regione per questa iniziativa come per tutte le altre che anni, con l obiettivo comune di rendere quanto più omogeneo l accesso ai servizi della PA piattaforma di convergenza di una serie di realizzazioni di carattere trasversale (come fuori dalla nostra regione e, in particolare, con la soluzione PEOPLE del di confronto con altre prassi, soluzioni metodologiche ed esperienze di riferimento realizzate servizi della PA da parte di cittadini e imprese, dopo averla implementata grazie al diffondere su tutto il territorio regionale la propria infrastruttura e-umbria per l accesso ai L occasione del Riuso è stata colta dalla Regione Umbria per completare, ampliare e Firenze. all ammissione di RIUMBRIA a cofinanziamento, la Regione ha continuato a investire saranno rilasciati. Va tuttavia precisato che, in attesa della decisione del CNIPA in merito indicate, solo dopo aver consolidato la soluzione per l identità federata (FED): gestiti in forma singola o associata dai Comuni umbri, nelle aree funzionali di seguito interfacce omogenee di front office e il collegamento con i back office comunali, secondo Obiettivo fondamentale di RIUMBRIA è realizzare, sulla piattaforma e-umbria, le Servizi Territoriale ai sensi dell iniziativa CST-ALI promossa dal CNIPA. cofinanziamento di progetti di Riuso, intendendo con questo termine tutti i processi di RIUMBRIA è un progetto concepito, nel 2007, in risposta all Avviso CNIPA per il Progetto di Riuso integrato degli Enti Locali della Regione Umbria trasferimento di soluzioni informatiche realizzate da Amministrazioni pubbliche verso altre per i vari attori territoriali. vedono il coinvolgimento degli EELL - è il SIR, consorzio istituito con Legge Regionale per coordinare i processi di innovazione nelle Autonomie Locali umbre, che è anche Centro A quasi due anni dalla stesura della versione originaria di RIUMBRIA, si confermano PA interessate ad adottarle, 1.3. Nome 1.4. Descrizione 1. Anagrafica Progetto

4 Cosa si realizza componenti applicative. architetturali e metodologiche, alle analisi tecniche e funzionali, piuttosto che alle riusare ex novo. In molti casi il processo di riuso di PEOPLE sarà rivolto alle soluzioni Con riferimento a queste premesse, nelle pagine seguenti si descriverà più nel dettaglio quali componenti, la cui realizzazione è in corso, si intenderanno completare e quali demografici o dei tributi. presso tutte le Amministrazioni partecipanti al progetto. sottoinsieme di Amministrazioni comunali; dunque anticipate da un accurata analisi dello stato dell arte sui pagamenti on-line territorio regionale; dei progetti di e-government prima fase. Le attività di riuso della soluzione saranno assegnare a cittadini e imprese un identità digitale federata, che consenta loro di cui il sistema istituzionale dell Umbria ha già investito e iniziato a lavorare nell ambito Tale soluzione, dovrà essere armonizzata con altre soluzioni inerenti i pagamenti, sui produttivo umbro, che saranno poi gestiti attraverso la piattaforma di back office VBG. fornitore prevalente tra i Comuni dell Umbria e si lavorerà in primis con questo inerenti le attività produttive, l edilizia e il commercio; in questo senso va realizzato il cioè con e-umbria. Per questo motivo, per minimizzare i costi, si individuerà il l anagrafe adegui il suo software per l interscambio dei dati con il livello di front office, e di servizi è necessario che, per, il fornitore del gestionale per per la comunicazione con i back office comunali. Per procedere con questa categoria attraverso il riuso di soluzioni applicative e/o metodologiche che PEOPLE ha realizzato Occorrerà implementare il sistema di gestione delle procure e delle deleghe per front office per i procedimenti più ricorrenti relativamente alle specificità del tessuto l operatività degli intermediari delle imprese (commercialisti, tecnici, etc.); in modalità telematica i procedimenti connessi al rilascio di autorizzazioni e concessioni l accesso ai servizi alle imprese erogati dagli Sportelli Unici per awiare e gestire completare e rendere operativo FED, il sistema unico regionale per in via prioritaria, rendere disponibile su e-umbria il front office per rendere disponibile su e-umbria il front office per alcuni servizi rendere disponibile su e-umbria il front office per alcuni servizi tributari condividere tra tutti gli Enti interessati, una piattaforma per il pagamento evidenziate nel punto precedente; (visure, istanze e pagamenti 1Cl sulla seconda casa) secondo le medesime logiche In breve, con RIUMBRIA si intende raggiungere i risultati di seguito elencati: accedere ai servizi telematici della PA in modo standardizzato e uniforme su tutto il demografici (visure anagrafiche, autocertificazione, cambio di domicilio, immigrazione) online delle spettanze delle Amministrazioni locali per tributi, diritti, servizi. urgente e necessaria, anche ai fini del completamento, rispetto al front office dei servtzi piattaforma condivisa per la gestione di autorizzazioni e concessioni diventa senz altro più sul funzionamento del SUAP dall altro) che ridisegnano di fatto le priorità del progett la

5 1 settembre mesi 1.7. Durata 16. Data inizio cittadini e imprese, oltre ai servizi infrastrutturali, che partono dal riuso dell esperienza In questo contesto con il progetto RIUMBRIA si intende popolare e-umbria di servizi a minori costi di esercizio. garantiscano maggiore uniformità delle piattaforme, scalabilità e facilità di dispiegamento, source (scelta dettata dalla L.R. n. 11/2006) e verso soluzioni, che in ogni caso Si sta ora operando, e proprio in questo contesto si inseriranno le iniziative RIUMBRIA e b) completamento ed evoluzione delle stesse infrastrutture verso piattaforme operi al fine di costituire una massa critica che ne renda sostenibile l esercizio: a) dispiegamento delle infrastrutture completate presso tutti gli EELL del territorio, CST, lungo le seguenti due direttrici: Al momento attuale tutte le infrastrutture sono in via di completamento entro l anno 2009 (tranne AIR-Umbria, per la quale i tempi sono più lunghi). Il quadro attuale delle infrastrutture digitali realizzate, o in corso di realizzazione, si può lnfrastrutture per l Amministrazione Digitale a disposizione sia dell Amministrazione Regionale che del sistema delle Autonomie Locali del territorio. sintetizzare nella figura di seguito riportata: nel rispetto di una strategia complessiva tesa a delineare un insieme integrato di Gli interventi e-gov realizzati dalla Regione Umbria nel periodo si sono mossi 1.8. Quadro di contesto Regione Umbria 1.5. Coordinatore

6 Questa soluzione riveste ora un importanza strategica alla luce delle importanti novità Cuore e-umbria saranno i servizi alle imprese rilasciati dagli Sportelli Unici e Concessione. soluzione metodologica e/o applicativa di PEOPLE denominata Servizi di Autorizzazione (Commercio, Attività produttive ed Edilizia) per i quali si intende riusare e completare la cooperazione applicativa), che volge ormai al completamento. disposizione e di evitare sovrapposizioni e ridondanze. le attività di RIUMBRIA e quelle del CST, nell ottica di ottimizzare gli interventi, le risorse a Unici (Comunali) per l Edilizia esclusivamente per via telematica. RIUMBRIA. Questa scelta è stata operata soprattutto per garantire la piena coerenza tra Si è già accennato al fatto che il Consorzio SIR Umbria sarà soggetto attuatore di Regione Emilia Romagna sull implementazione congiunta di VBG e sul suo chiesto in riuso il sistema VBG per tutti i suoi enti locali. dispiegamento presso i territori delle due regioni. La Regione Emilia Romagna ha infatti Queste attività di completamento saranno svolte nell ambito di una collaborazione con la conformi alle norme, si intende ricorrere al completamento (ai sensi del processo di riuso db dei procedimenti SUAP). Autorizzazione e Concessione di PEOPLE ed è già in uso presso i 10 Comuni umbri di definito dal CNIPA nelle linee guida) della soluzione VBG, che è alla base dei Servizi di Per far fronte a queste importanti novità introdotte dalle normative nazionali e regionali, all art. 38 prevede che le richieste di ampliamento/modifica vengano inoltrate agli Sportelli Non solo, con Legge Regionale n. 13/2009, l Umbria adotta il cosiddetto Piano casa, e pubblicare il data base unico territoriale dei procedimenti inerenti le attività produttive. forte integrazione territoriale e nazionale degli strumenti per la gestione delle attività del ovvero per procedere al dispiegamento, presso gli EELL umbri, di soluzioni che siano già SUAP, infatti, voluta con l art. 38 del D.L. 112/08 convertito con L. 133/08, punta ad una SUAP. In particolare le Regioni saranno chiamate, a breve, ad unificare la modulistica e a normative che stanno interessando le Amministrazioni comunali e regionali. La riforma del dimensioni maggiori, con nuove funzioni applicative (inoltro dell istanza telematica al SUE, progettazione di ICAR (la rete di interconnessione tra le Regioni basata sulla realizzato dalla Regione negli ultimi anni, nel rispetto delle specifiche emerse dal lavoro di PEOPLE ad eccezione, come detto, del sistema di identità, denominato FED-Umbria,

7 , , , Costo Totale Costi Interni Costi generali Servizio sistema informativo regionale Direzione Risorse umane, finanziarie e strumentali Dirigente Regione Umbria Giunta Regionale 2.1. Nome 2.2. Cognome 2.3. Telefono 2.4. Cellulare 2.6. Fax 2.8. Ufficio 27. Ruolo Riccioni Pasquale RponsabiIe Costi per servizi professionali , Costi per formazione , ,00 (acquisizione sw) ,00 (sviluppo sw) , Costi per hardware Costi per software 1 9 Costo totale del progetto

8 cofinanziamento è coperta dalla Regione. Non sono indicati i costi a carico di ciascun Ente, dal momento che l intera quota di Nella tabella seguente sono elencati gli Enti partecipanti al progetto. La popolazione interessata è di circa residenti (l intera popolazione regionale). quanto previsto dall iniziativa CST. e al SIR che ne è soggetto attuatore e garantisce il pieno coordinamento delle attività con Unione di Comuni, 2 Province), oltre alla Regione Umbria, responsabile generale del progetto, Partecipano a RIUMBRIA tutti gli EELL del territorio (92 Comuni, 5 Comunità Montane, i GUBBIO LISCIANO NICCONE MARSCIANO MASSA MARTANA SAN GIUSTINO CANNARA CASTEL RITALDI CERRETODISPOLETO COLLAZZONE CORCIANO I MAGIONE FRATTA TODINA GUALDO CATTANEO GUALDO TADINO GIANO DELLUMBRIA BETTONA BASTIA BEVAGNA CAMPELLO SUL CASCIA CASTIGLIONE DEL LAGO CITTA DI CASTELLO COSTACCIARO DERUTA FOLIGNO FOSSATO DI VICO 2576 CLITUNNO b PRECI MONTE CASTELLO DI MONTE SANTA MARIA NOCERA UMBRA NORCIA PACIANO PASSIGNANO SUL PERUGIA P!EGARO POGGIODOMO PIETRALUNGA 2343 TRASIMENO E PANICALE 5623 TIBERINA [ MONTELEONE DI 651 [ MONTONE 1642 F MONTEFALCO 5686 VIBIO ASSISI CITERNA CITTA DELLA PIEVE 7366 SPOLETO AMMINISTRATIVO codistat Nome Ente POPOLAZIONE LIVELLO 3 Enti Partecipanti

9 SELLANO SIGILLO TREVI TUORO SUL TRASIMENO SPOLETO r SPELLO SCHEGGINO TODI TORGIANO 5700 AMERINO_TUDERTE ORVIETANO, NARNESE Comunità Montana MONTI Comunità Montana UMBRIA Comunità Montana DEL Comunità Montana MARTANI SUBASIO E DEI MONTI [ Comunità Montana VALNERINA NORD DEL TRASIMENO TERRE DELLOLIO E DEL r STRONCONE 4898 [ UNIONE DEI COMUNI PROVINCIA DI PERUGIA Provincia 055 PROVINCIA DI TERNI Provincia MONTECASTRILLI OTRICOLI PENNAINTEVERINA SAN VENANZO TERNI ACQUASPARTA FABRO MONTELEONE DORVIETO VALTOPINA ALLERONA VALFABBRICA VALLO DI NERA ALVIANO F ARRONE ATTIGLIANO AVIGLIANO UMBRO BASCHI CALVI DELLUMBRIA CASTEL GIORGIO FERENTILLO UMBERTIDE AMELIA CASTEL VISCARDO FICULLE GIOVE GUARDEA LUGNANO IN TEVERINA MONTECCHIO MONTEFRANCO MONTEGABBIONE 1270 ] NARNI ORVIETO PARRANO POLINO PORANO SAN GEMINI SANVANATOLIA DI SCHEGGIA E PASCELUPO 1480 NARCO

10 la prima esigenza, di natura prettamente infrastrutturale, è stata quella di realizzare interfacce di grandi dimensioni, per offrire servizi di front office sul web a cittadini e imprese: risposta a due tipi di esigenze fondamentali espresse da alcuni Comuni, prevalentemente di medie e L insieme delle componenti applicative che vanno sotto il nome di PEOPLE è stato realizzato in PEOPLE 4.1. Nome della soluzione 4.2. Descrizione front office (per servizi demografici, tributi, autorizzazioni, etc.) che operassero in modo integrato servizi, ed è costituito principalmente da un sistema di workftow che consente di realizzare un servizio Ogni servizio di Front End può richiedere per il suo corretto funzionamento l accesso ad uno o più singoli enti per la realizzazione dell integrazione con i servizi legacy di back-office degli enti. uno strato di servizi di frontend rivolti ai cittadini, ad altre amministrazioni e alle imprese, denominato Front-end Service Layer strato sono ospitati i web service con interfaccia definita dalle specifiche PEOPLE e sviluppati dai li Back-End Service Layer realizza l integrazione verso i sistemi legacy dei singoli comuni. In questo applicativo specificando i vari passi che io compongono mediante la definizione di opportune classi e per il servizio (tale conformità viene controllata automaticamente tramite parser), in modo da garantire ontologia della PA locale. garantisce un elevato livello di standardizzazione e rappresenta un primo passo nella definizione di una Nel momento in cui deve essere inviata una richiesta ad un servizio di Sack-end il servizio di front-end La definizione e la condivisione degli schemi xml di interscambio associati ai diversi servizi di back-end la loro piena interoperabilità. A questi strati più tipicamente applicativi si affiancano infrastrutture, per loro natura trasversali, quali Dal punto di vista tecnico, l architettura di People è costituita da 2 strati fondamentali: degli strumenti operativi e amministrativi (unificando la modulistica e armonizzando i procedimenti). funzionamento del SUAP darà alle Regioni affinché operino per la condivisione e la standardizzazione l esecuzione di applicazioni web realizzata come un insieme di librerie di supporto per lo sviluppo dei Il Framework di Front End (Front-End Service Layer) è una piattaforma per la realizzazione e online, etc. risultati di PEOPLE, che diventa ancor più centrale in vista dell impulso che il nuovo Regolamento per il processi amministrativi e delle procedure tecniche (le cosiddette ontologie ) in modo da uniformare, produce un xml conforme allo schema xml associato al servizio di back-end: analogamente il Back-end prescindere dalle caratteristiche tecniche dei sistemi legacy utilizzati: eroga il servizio sulla base di un interfaccia standard definita dal framework PEOPLE. con i sistemi gestionali in uso nell Ente (back office) attraverso soluzioni architetturali in grado di la seconda esigenza, di natura più strategica, era quella di definire un vocabolario comune dei tra tutte le Amministrazioni partecipanti all iniziativa, i linguaggi di comunicazione tra front office e uno strato di integrazione verso i sistemi nformativi degli enti, denominato Back-end Service configurazioni. servizi di back office, esposti come web services e sviluppati ad hoc per il particolare che a valle dell elaborazione richiesta produrrà una risposta anch essa conforme allo schema xml definito Layer back office, arrivando a definire uno standard de facto. L interesse della Regione Umbria è rivolto soprattutto verso il riuso di questo secondo aspetto dei quelle necessarie all amministrazione del sistema, alla sicurezza, alla comunicazione, ai pagamenti 4. Soluzione riusata 7

11 Visure 1Cl Istanze 1Cl Pagamenti 1Cl rilievo. In particolare, i servizi da realizzare si possono così raggruppare: normativa attuale) alla seconda casa, fenomeno che in Umbria, tuttavia, è di non piccolo Questo insieme di servizi riguarda, in generale, le istanze 1Cl, limitatamente (come vuole la a. Descrizione Seivizi tributari Comuni adeguatamente selezionati. Sperimentazione e attivazione in 4 Comuni pilota (da individuare) e dispiegamento in altri 15 di Firenze PEOPLE Servizi Tributari di Firenze (Cedente) f. Enti coinvolti Attività A3.2 Ricontestualizzazione ogg>sogg e. Attività di riferimento ci. Amministrazione cedente e nome della soluzione riusata Servizio in riuso c. Stato conseguire attraverso il dispiegamento del servizio, solo dopo aver proceduto ad un attenta CITTADINI b. Beneficiari In ogni caso, si procederà ad una precisa definizione del risultato operativo che si intende Ciò non toglie, tuttavia, che nei Comuni che fanno maggiore ricorso alle ICT (come i automation. l integrazione con i back office comunali risultasse difficoltosa, saranno oggetto di riuso le sole medie e grandi dimensioni dispongono di soluzioni informatiche interne, tra i piccoli ve ne Non tutti i Comuni, infatti, usano soluzioni gestionali per i tributi: mentre, in genere, quelli di comportamenti comunali per la gestione dei tributi, ci costringe a prediligere un livello di IMPRESE Si tratta di servizi tributari essenziali, dal momento che la grande difformità esistente nei pagamenti, infine, che poggeranno sulla soluzione descritta di seguito. capoluogo) si implementino altre funzionalità già disponibili nell ambito della soluzione al riuso. variazione intervenuta nei dati precedentemente dichiarati con la Dichiarazione 1Cl; i componenti concettuali e metodologiche realizzate nell ambito del progetto PEOPLE. nonché i pagamenti 1Cl effettuati; le istanze si riferiscono alla segnalazione di sono molti che non usano applicazioni dedicate, ricorrendo semplicemente ai sistemi di office informazioni contenute nelle Dichiarazioni e nelle Comunicazioni 1Cl presentate e recepite dal servizio che risponda ai criteri dell omogeneità territoriale e di semplicità di attivazione. analisi delle soluzioni gestionali dei Comuni in materia tributaria e fiscale. In molti casi, ove I servizi di visura riguarderanno l accesso (attraverso il sistema di identità federata) alle 4.3. SERVIZI CONFERMA TI

12 La soluzione applicativa che si intende riusare e completare prevede la realizzazione di un intermediari che operano per loro conto (professionisti, architetti, geometri, etc.). trattano istanze presentate da privati cittadini, mentre hanno sempre a che fare con Gli Sportelli, infatti, siano essi per l Edilizia o il Commercio o le Attività Produttive, raramente servizi degli Sportelli Unici, come illustrato nelle premesse. disegno complessivo di RIUMBRIA, relativamente all intenzione di dare massima priorità ai Il sistema di gestione delle deleghe diventa una componente di fondamentale ìmportanza nei a. Descrizione (Edilizia, Commercio e Attività Produttive) e saranno oggetto di riuso e completamento. I servizi di autorizzazione e concessione sono quelli tipicamente in capo agli Sportelli Unici umbri ritiene di doversi dedicare nei prossimi mesi, per le ragioni espresse nelle premesse. Questi servizi costituiranno il cuore di RIUMBRIA e la priorità a cui il sistema degli EELL a. Descrizione 3. Se,vizi di autorizzazione e concessione Comuni adeguatamente selezionati. Sperimentazione e attivazione in 4 Comuni pilota (da individuare) e dispiegamento in altri 15 di Firenze di Firenze (Cedente) Attività A4.2 f. Enti coinvolti Ampliamento con nuove funzioni applicative e. Attività di riferimento PEOPLE Sistema di gestione Deleghe CITTADINI IMPRESE AMMINISTRAZIONI COMUNALI PROFESSIONISTI b. Beneficiari d. Amministrazione cedente e nome della soluzione riusata a breve interesseranno i SUAP, in attuazione dell art. 38 del citato DL 112/2008. Sono da prevedere alcune attività di completamento a causa delle evoluzioni normative che dell elenco delle proprie deleghe e di revoca di una delega attiva. Anche i cittadini e le imprese dispongono di un area dedicata ai servizi di consultazione Stato La soluzione mette, inoltre, a disposizione degli intermediari appositi servizi che consentono: all intermediario una selezione più rapida dei soggetti per i quali operare; all Ente la certezza di mostrare all intermediario solo i dati dei contribuenti che sono suoi di richiedere l attivazione/disattivazione di una delega; di rinnovare una delega scaduta; di consultare l elenco delle proprie deleghe. Servizio in riuso e in completamento. clienti. servizio_/area/sottoarea che consenta, in modalità multi-ente: Catalogo delle deleghe nel back-office dell Ente con il legame delegato delegante 2. Sistema di gestione deleghe /

13 linguaggio di interpretazione (INTERVENTI) (OPERAZIONI) e quello della Pubblica Amministrazione (PROCEDIMENTI) un proprio pratica per la richiesta di un autorizzazione, il sistema interpone tra i linguaggio dell utente Per semplificare all utente (sia esso un cittadino, un impresa o un intermediario> l inoltro della generazione di altri servizi. definizione delle proprie esigenze. Il servizio permetterà di compilare una domanda ad un Ente guidando l utente lungo la Il servizio è rivolto ad aziende e cittadini e presenta la peculiarità di un wizard per la soluzione gestionale, dai principali Comuni della regione. lista delle pratiche di competenza residenti nel Sistema. La soluzione, infatti, permette all utente autenticato di ricevere, previa applicazione di filtri, la erogare servizi on-line relativi a tutti i procedimenti censiti. tuttavia di costituire una base dati di procedimenti per l intero Ente, e conseguentemente di PEOPLE Autorizzazioni e Concessioni, tale soluzione è utilizzata per creare una base dati dei procedimenti dell area Autorizzazioni e Concessioni. La generalità della soluzione permette per il popolamento e la manutenzione della base dati dei procedimenti. Nell ambito dei servizi La soluzione permette di adottare uno strumento ed una metodologia tecnico-organizzativa a. Descrizione procedimenti Autorizzazioni e Concessioni 4. Metodologia e sistema di gestione delle base dati dei Comuni adeguatamente selezionati. Sperimentazione e attivazione in 4 Comuni pilota (da individuare) e dispiegamento in altri 6 di Firenze di Firenze (Cedente> f. Enti coinvolti Attività A4.2 Ampliamento con nuove funzioni applicative e., Attività di riferimento PEOPLE Servizi di autorizzazioni e concessioni d. Amministrazione cedente e nome della soluzione riusata Servizio in riuso e in completamento. AMMINISTRAZIONI COMUNALI CITTADINI IMPRESE INTERMEDIARI b. Beneficiari e. Stato Il completamento della soluzione sarà di natura applicativa e servirà ad adeguarne le servizio, purché i contenuti del procedimento relativo siano presenti nella base dati dei procedimenti (descritta nell ambito del servizio ). indicativo, in quanto la soluzione permette di creare dinamicamente qualunque tipologia di sia dagli utenti che dalla Pubblica Amministrazione. L elenco dei servizi sopra citato è funzionalità ai requisiti previsti dalla nuova normativa SUAP e dalla LR 13/2009. Questa forma di comunicazione è basata sugli interventi, un unità informativa comprensibile soddisfarle, con la finalità di implementare il front office di VBG, prodotto già utilizzato, come relazioni tra le esigenze di cittadini ed imprese e gli adempimenti amministrativi necessri per Si riuserà, infatti, la metodologia individuata da PEOPLE in merito alla mappatura delle

14 Servizio in riuso. Stato CITTADINI IMPRESE a AMMINISTRAZIONI COMUNALI a INTERMEDIARI di Firenze PEOPLE Servizi demografici d. Amministrazione cedente e nome della soluzione riusata IMPRESE Servizio in riuso. c. Stato Prenotazione di denuncia di nascita, dichiarazione di decesso, Prenotazione (carta d identità, CITTADINI INTERMEDIARI a AMMINISTRAZIONI COMUNALI b. Beneficiari di certificazione (anagrafica e di Stato Civile) ed Iscrizione anagrafe tributaria. Scrutatori di Seggio, Visura della posizione (anagrafica, di Stato Civile e elettorale), Richiesta Pubblicazioni dì Matrimonio, Matrimonio Civile), Iscrizione e Cancellazione albi Presidenti e I servizi demografici includono i servizi di Autocertificazione, Cambio di domicilio, facilmente accessibile al cittadino i servizi anagrafici, elettorali e di autocertificazione dell Ente, evitando allo stesso di doversi recare presso uno sportello dell Ente. L insieme dei Servizi demografici intende soddisfare la necessità di informatizzare e rendere a. Descrizione 5. Se,vizi demografici Comuni adeguatamente selezionati. Sperimentazione e attivazione in 4 Comuni pilota (da individuare> e dispiegamento in altri 6 Enti coinvolti Attività A4.1 Ampliamento con nuove funzioni di amministrazione e. Attività di riferimento procedimenti Autorizzazioni e Concessioni di Firenze PEOPLE Metodologia e Sistema di gestione della base dati dei di Firenze (Cedente) d. Amministrazione cedente e nome della soluzione riusata b. Beneficiari La successiva selezione di una di queste pratiche permette di richiederne il dettaglio.

15 4.4. Nome della soluzione Comuni adeguatamente selezionati. Sperimentazione e attivazione in 4 Comuni pilota (da individuare) e dispiegamento in altri 10 di Firenze (Cedente) f. Enti coinvolti Ricontestualizzazione Pagamenti multicanale oppure accedere alla consultazione della posizione debitoria utilizzando CIE o altri sistemi di autenticazione ritenuti sufficientemente sicuri al fine dell identificazione dei debitore. Le BankPassWeb. modalità di pagamento possibili sono carta di credito VISA o MASTERCARD e il sistema reposìtory di pagamenti ricerche, download dei pagamenti, etc.. Su internet è possibile pagare puntualmente conoscendo solo le informazioni legate al debito non gestiti o perché non conosciuti a priori. Il sistema permette di definire delle tipologie di FED. I cittadini possono pagare utilizzando le modalità accettate dallo sportello. accesso (solitamente una smart card con certificato digitale), che sarà gestita direttamente da Gli sportelli autorizzati T-Serve accedono al sistema tramite internet con una credenziale di attesi: si tratta di quei pagamenti già presenti nelle banche dati del creditore. In tal caso ci identificare il debito e come è composto l importo da incassare. Il servizio si occupa anche della parte contabile gestendo il trasferimento degli incassi dai a. Descrizione codice EU-Pay. degli sportelli EU-Pay costituita da supermercati che accettano i pagamenti dove è stampato il sembra essere la più adatta ad un contesto fatto di piccoli Comuni come quello dell Umbria, la scaricare dal sistema i pagamenti avvenuti senza alcuna necessità di mettere a pagamento specificando per ognuna quali dati devono essere richiesti al cittadino per non attesi: si tratta di quei pagamenti non presenti nelle banche dati dei creditori perché 2) modalità off-line: in tal caso il creditore ha la possibilità di caricare e aggiornare un 1) modalità on-line con accesso diretto al back-end mediante utilizzo di web services sono più modalità di interazione con gli archivi dei creditori: disposizione i propri archivi. Questo è possibile grazie al fatto che il codice EU-Pay 3) emissione di titoli di pagamento con codice EU-Pay: in questo caso il creditore può I pagamenti accettati possono essere: Nell esperienza del di Prato che, tra le tante che propongono pagamenti on line, riscossori verso gli enti creditori e mette a disposizione degli enti creditori un portale per internet e supermercati per conto di Comuni, Enti e aziende pubbliche e private. 6. Servizi di pagamento interagire con il sistema di riscossione. pagamenti verso la PA presso una rete di tabaccherie, associazioni di categoria, banche, rete di sportelli che aderisce al circuito è detta T-Serve. Oltre ai punti T-Serve esiste la catena contiene tutte le informazioni necessarie alla riscossione. La soluzione di pagamento multicanale permette ai cittadini e alle aziende di effettuare 4.5. Descrizione 4.6. SERVIZI CONFERMATI Ogni ente creditore può accedere al portale di back-office che permette di effettuare verifiche, Attività A3.2 ogg>sogg e. Attività di riferimento

16 permette di recuperare dal codice stesso i dati per la ricevuta. Un questo caso il sistema del pagamento. supermercato invia le informazioni sui pagamenti al sistema EU-Pay in differita rispetto al b) modalità asincrona: in tal caso il sistema del supermercato ha sviluppato la parte sw che o non vada a buon fine. cliente la cassa consolida la transazione oppure Pabortisce qualora il pagamento non avvenga sistema EU-Pay in due step. La cassa del supermercato invia il codice EU-Pay e riceve dal sistema EU-Pay i dati che servono per stampare la ricevuta; a seguito del pagamento del a) modalità sincrona: in tal caso il sistema del supermercato interagisce direttamente con il aspetto del servizio presso tutti i partecipanti. Entì coinvolti, si è ritenuto di difficile conseguimento l obiettivo di dispiegare questo particolare collettore di tutte le richieste che il cittadino inoltra al comune attraverso i servizi di front-end tale scopo, esso dispone di una consolle per consentire la gestione, il monitoraggio e pratiche inoltrate da front office con il protocollo informatico dell Ente. Vista la molteplicità degli In particolare questa componente è stata realizzata per collegare in modo automatico le l evoluzione delle istanze inviate al back-office. PEOPLE Sistema Connects erogati dall ente, raccogliendole al suo interno e memorizzandole nella loro forma originaria. A 7. Nome dati dal portale di Front-end di un ente al sistema gestionale di back-office e si pone come CO.NNECT.S. si configura come uno strumento che permette di gestire il trasferimento dei a. Descrizione 4.7. SERVIZI ELIMINA TI Comuni adeguatamente selezionati. Sperimentazione e attivazione in 4 Comuni pilota (da individuare) e dispiegamento in altri 10 di Prato (Cedente) Enti coinvolti Attività A3.3 Solution / System integration e. Attività di riferimento di Prato Pagamenti multicanale ci. Amministrazione cedente e nome della soluzione riusata Servizio in riuso. c. Stato CITTADINI INTERMEDIARI AMMINISTRAZIONI COMUNALI IMPRESE b. Beneficiari codice a barre EU-Pay. Esistono due modalità di interazione tra supermercato e sistema EU Pay: Presso i supermercati i cittadini presentano alla cassa il titolo di pagamento dove è riporteto il

17 sostituire, visto l elevato stato di avanzamento. soluzione interna alla Regione Umbria e denominata FED, che ora non avrebbe senso Nel periodo trascorso dalla presentazione del progetto ad oggi si è deciso di investire su una un servizio apposito erogato da un soggetto terzo fidato (Identity Provider). standardizzazione OASIS e adotta un modello di delega dell autenticazione degli utenti verso nello standard SAML (Security Assertion Markup Language) definito dall ente di realizza una infrastruttura federata di autenticazione con interfacce conformi a quanto definito Il servizio S1RAC (Servizio infrastrutturale di Registrazione, Autenticazione e Comunicazione) a. Descrizione framework PEOPLE. E già operativa I infrastruttura e-umbria che sarà fatta convergere verso ìl modello dei 5.4. Stato Il framework e-umbria sarà messo a disposizione di tutte le Amministrazioni umbre. SERVIZI DI CONNETTIVITA E DI INTEROPERABILITA 5.3. Tipologia nell ambito del progetto PEOPLE. office, facendo ricorso a tutte le risorse di analisi, progettazione e modellizzazione prodotte specifiche del framework sopra descritte, relativamente allo strato di front office e a quello di back Il riuso di questa componente infrastrutturale di PEOPLE consisterà nell acquisire in e-umbria le servizi di back office, esposti come web services e sviluppati ad hoc per il particolare che con i servizi legacy di back-office degli enti. definizione di una ontologia della PA locale. definita dalle specifiche PEOPLE e sviluppati dai singoli enti per la realizzazione dell integrazione Back-end a valle dell elaborazione richiesta produrrà una risposta anch essa conforme allo schema sistemi legacy dei singoli comuni. In questo strato sono ospitati i web service con interfaccia La definizione e la condivisione degli schemi xml di interscambio associati ai diversi servizi di back xml definìto per il servizio (tale conformità viene controllata automaticamente tramite parser), in Nel momento in cui deve essere inviata una richiesta ad un servizio di Back-end il servizio di front eroga il servizio sulla base di un interfaccia standard definita dal framework PEOPLE. Ogni servizio di Front End può richiedere per il suo corretto funzionamento l accesso ad uno o più compongono mediante la definizione di opportune classi e configurazioni. end produce un xml conforme allo schema xml associato al servizio di back-end; analogamente il end garantisce un elevato livello di standardizzazione e rappresenta un primo passo nella workflow che consente di realizzare un servizio applicativo specificando i vari passi che lo piattaforma per la realizzazione e l esecuzione di applicazioni web realizzata come un insieme di modo da garantire la loro piena interoperabilìtà. Il Framework di Front End (Front-End Service Layer) presente nell architettura PEOPLE è una Il Back-End Service Layer è la componente del framework che realizza l integrazione verso i FRAMEWORK librerie di supporto per lo sviluppo dei servizi, ed è costituito principalmente da un sistema di 5.1. Nome 5.2. Descrizione 5. Infrastrutture piattaforma prescelta è SUN Identity Manager 8 e il modello di riferimento è ICAR INF-3. FED si occupa della gestione dell identità digitale federata, comprensiva di single sign-on; la PEOPLE Servizi infrastrutturali di Registrazione, Autenticazione e Comunicazione (S1RAC) 8. Nome

18 5.5. Ente responsabile della gestione deij infrastruftura Regione Umbria 5.6. Attività di riferimento A3.3 Sotution / System Integration

19 6.1. Milestone A 6.2. Milestone B,C - Assessment intermedio di Avanzamento lavori rappresenta il criterio di attivazione della prima attività progettuale. Amministrazione e della validazione dei progetto esecutivo da parte del CNIPA e Tale milestone va collocata a seguito della firma della Convenzione/APQ fra il CNIPA e Firma ConvenzionelAPQ 6.3. Milestone O - Fine attività di realizzazione Tale milestone va collocato 12 mesi dopo l esercizio effettivo dei servizi realizzati Milestone E - A6.2 A7.2 Formazione Iniziative Al.2 di comunicazione mediatica Verifica finale Si sarà così raggiunto il 100% di completamento del progetto A7.1 Informazione e promozione del progetto all utilizzo della soluzione e produzione di servizi di e-gov Project La Milestone D si colloca a completamento delle ulteriori seguenti attività: management A4,i delle attività. Al sedicesimo mese dall avvio del progetto, si sarà conseguito, infatti l avanzamento del 80% A6. i Trasferimento di know-how A4.2 A3.2 Ricontestualizzazione ogg>sogg A3. i Ricontestualizzazione Ampliamento Ampliamento con nuove funzioni di amministrazione con nuove funzioni applicative sogg>ogg La Milestone C si colloca al completamento delle ulteriori seguenti attività: attività. Al nono mese dall avvio del progetto, si sarà conseguito, infatti l avanzamento del 50% delle A3.3 A2.1 Acquisizione Solution / System lntegration nuove tecnologie Al Progettazione AO Attività La Milestone B si colloca al completamento delle seguenti attività: preg resse 6. Milestone

20 In particolare, gli sviluppi di e-umbria e FED hanno avuto una grande accelerazione in questo della sua presentazione al CNIPA in risposta all Avviso del Riuso (ottobre 2007) ad oggi. Questa attività comprende tutti i lavori svolti in previsione dell avvio formale del progetto, dalla data 7.2. Descrizione 7.1. AO Attività pregresse Dettagliata relazione sugli acquisti hw e sw sostenuti con riferimento agli atti amministrativi comprovanti gli impegni di spesa Prodotti/se,vizi Non applicabile 18. Condizioni di completamento 7.8. Criteri di completamento e relative evidenze oggettive Non applicabile 16. Condizioni di attivazione 17. Attività propedeutiche Non applicabile 7.7. Criteri di attivazione 12. Costi per hardware Costi generali O 9. Costo Totale Costi Interni Costi per software Costi per formazione O 15. Costi per servizi professionali Durata dell attività 7.6. Costi o Non applicabile 7.3. Stato 7.4. Data Inizio fasi cruciali: l ampliamento funzionale e il dispiegamento sul territorio. periodo temporale, proprio con l obiettivo di creare le condizioni per avviare il progetto nelle sue Novembre Attività

Spett. ENEL Distribuzione Spa. eneldistribuzione@pec.enel.it. p.c. Provincia di Perugia provincia.perugia@postacert.umbria.it

Spett. ENEL Distribuzione Spa. eneldistribuzione@pec.enel.it. p.c. Provincia di Perugia provincia.perugia@postacert.umbria.it Spett. ENEL Distribuzione Spa eneldistribuzione@pec.enel.it p.c. Documento elettronico sottoscritto mediante firma digitale e conservato nel sistema di protocollo informatico della Regione Umbria Provincia

Dettagli

A L L E G A T O 1 - R E L A Z I O N E T E C N I C A. Ministero dello Sviluppo Economico

A L L E G A T O 1 - R E L A Z I O N E T E C N I C A. Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico Presidenza del Consiglio dei Ministri Ministro per la pubblica amministrazione e l innovazione Centro Nazionale per l Informatica nella Pubblica Amministrazione Regione

Dettagli

Provincia di Perugia provincia.perugia@postacert.umbria.it. Provincia di Terni provincia.terni@postacert.umbria.it

Provincia di Perugia provincia.perugia@postacert.umbria.it. Provincia di Terni provincia.terni@postacert.umbria.it Provincia di Perugia provincia.perugia@postacert.umbria.it Provincia di Terni provincia.terni@postacert.umbria.it Documento elettronico sottoscritto mediante firma digitale e conservato nel sistema di

Dettagli

Provincia di Perugia provincia.perugia@postacert.umbria.it. Provincia di Terni provincia.terni@postacert.umbria.it

Provincia di Perugia provincia.perugia@postacert.umbria.it. Provincia di Terni provincia.terni@postacert.umbria.it Provincia di Perugia provincia.perugia@postacert.umbria.it Provincia di Terni provincia.terni@postacert.umbria.it Documento elettronico sottoscritto mediante firma digitale e conservato nel sistema di

Dettagli

Provincia di Perugia provincia.perugia@postacert.umbria.it. Provincia di Terni provincia.terni@postacert.umbria.it

Provincia di Perugia provincia.perugia@postacert.umbria.it. Provincia di Terni provincia.terni@postacert.umbria.it Provincia di Perugia provincia.perugia@postacert.umbria.it Provincia di Terni provincia.terni@postacert.umbria.it Documento elettronico sottoscritto mediante firma digitale e conservato nel sistema di

Dettagli

Comune di Città di Castello comune.cittadicastello@postacert.umbria.it. p.c. Provincia di Perugia provincia.perugia@postacert.umbria.

Comune di Città di Castello comune.cittadicastello@postacert.umbria.it. p.c. Provincia di Perugia provincia.perugia@postacert.umbria. Comune di Città di Castello comune.cittadicastello@postacert.umbria.it p.c. Provincia di Perugia provincia.perugia@postacert.umbria.it Provincia di Terni provincia.terni@postacert.umbria.it Comune di Acquasparta

Dettagli

La conservazione dei Beni Culturali tra pubblico e privato. Andrea Orlandi, Francesca Ceccacci, Francesca Menichelli

La conservazione dei Beni Culturali tra pubblico e privato. Andrea Orlandi, Francesca Ceccacci, Francesca Menichelli La conservazione dei Beni Culturali tra pubblico e privato Andrea Orlandi, Francesca Ceccacci, Francesca Menichelli Perugia, 22 marzo 2013 Gli anni Settanta: gli antefatti La nascita della Regione si intreccia

Dettagli

EDIZIONE STRAORDINARIA. Art. 2, comma 20/c, legge 662/96 - Fil. di Potenza Anno 39 - Numero 51 REPUBBLICA ITALIANA DELLA

EDIZIONE STRAORDINARIA. Art. 2, comma 20/c, legge 662/96 - Fil. di Potenza Anno 39 - Numero 51 REPUBBLICA ITALIANA DELLA EDIZIONE STRAORDINARIA Spedizione in abbonamento postale Parti I-II (Serie generale) Art. 2, comma 20/c, legge 662/96 - Fil. di Potenza Anno 39 - Numero 51 REPUBBLICA ITALIANA BOLLETTINO DELLA UFFICIALE

Dettagli

Valori Agricoli Medi della provincia. Annualità 2009

Valori Agricoli Medi della provincia. Annualità 2009 REGIONE AGRARIA N : 1 REGIONE AGRARIA N : 2 ALTO CHIASCIO Comuni di: COSTACCIARO, GUBBIO, PIETRALUNGA, SCHEGGIA E PASCELUPO VALTOPINA Comuni di: FOLIGNO, FOSSATO DI VICO, GUALDO TADINO, NOCERA UMBRA, SIGILLO,

Dettagli

ELENCO DEI CONSORZI E DELLE SOCIETA' PARTECIPATE DALLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI PER L'ANNO 2008

ELENCO DEI CONSORZI E DELLE SOCIETA' PARTECIPATE DALLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI PER L'ANNO 2008 ARRONE CONSORZIO DEL PARCO FLUVIALE DEL NERA AGRO BIO FOREST CONSORZIO AGRO-FORESTALE MONTI DEL NERA Consorzio 3.000 3,88 ARRONE CONSORZIO DEL PARCO FLUVIALE DEL NERA SIR UMBRIA - CONSORZIO PER IL SISTEMA

Dettagli

umbria+ energia pulita e intelligente por fesr 2007-2013 - asse iii

umbria+ energia pulita e intelligente por fesr 2007-2013 - asse iii umbria+ energia pulita e intelligente por fesr 2007-2013 - asse iii u mbria+ Energia pulita e intelligente Garantire alle generazioni future la qualità della vita e dell ambiente in cui vivere vuol dire

Dettagli

ELENCO DEI CONSORZI E DELLE SOCIETA' PARTECIPATE DALLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI PER L'ANNO 2009

ELENCO DEI CONSORZI E DELLE SOCIETA' PARTECIPATE DALLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI PER L'ANNO 2009 CITTA' DI CASTELLO ALTO TEVERE UMBRO SIR UMBRIA - CONSORZIO PER IL SISTEMA INFORMATIVO REGIONALE Consorzio 4.515,38 1,54 % CITTA' DI CASTELLO ALTO TEVERE UMBRO S.I.L. Soggetto Intermediario Locale Appennino

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA DELLA REGIONE DELL UMBRIA PARTE PRIMA. Sezione II ATTI DELLA REGIONE

REPUBBLICA ITALIANA DELLA REGIONE DELL UMBRIA PARTE PRIMA. Sezione II ATTI DELLA REGIONE Supplemento ordinario n. 2 al «Bollettino Ufficiale» - serie generale - n. 31 del 30 luglio 2003 Spedizione in abbonamento postale Art. 2, comma 20/c, legge 662/96 - Fil. di Perugia REPUBBLICA ITALIANA

Dettagli

CARTE DEI SERVIZI IN UMBRIA INDAGINE REALIZZATA DA ADICONSUM/ CODACONS/ FEDERCONSUMATORI/ MDC

CARTE DEI SERVIZI IN UMBRIA INDAGINE REALIZZATA DA ADICONSUM/ CODACONS/ FEDERCONSUMATORI/ MDC CARTE DEI SERVIZI IN UMBRIA INDAGINE REALIZZATA DA ADICONSUM/ CODACONS/ FEDERCONSUMATORI/ MDC DENOMINAZIONE CONSORZI / SOCIETA' DENOMINAZIONE AMMINISTRAZIONE TIPO CODICE NOTE NOTE COMUNE DI TODI 3A- PARCO

Dettagli

Consiglio delle Autonomie Locali dell Umbria

Consiglio delle Autonomie Locali dell Umbria Consiglio delle Autonomie Locali dell Umbria (L.r.34/1998 art.123 u.comma Cost.) Osservatorio Regionale sulla Misurazione degli E.E.L.L. Umbri Spoleto - Palazzo Ancajani 1 Presentazione Con il presente

Dettagli

SISTEMA STATISTICO NAZIONALE ISTITUTO NAZIONALE DI STATISTICA. Conoscere. l Umbria. contiene cd-rom. Anno 2010 - n. 14

SISTEMA STATISTICO NAZIONALE ISTITUTO NAZIONALE DI STATISTICA. Conoscere. l Umbria. contiene cd-rom. Anno 2010 - n. 14 Conoscere SISTEMA STATISTICO NAZIONALE ISTITUTO NAZIONALE DI STATISTICA l Umbria contiene cd-rom Anno 2010 - n. 14 90 90 Conoscere SISTEMA STATISTICO NAZIONALE ISTITUTO NAZIONALE DI STATISTICA l Umbria

Dettagli

Disciplinare di produzione della DOP «Umbria» ART. 1 (denominazione)

Disciplinare di produzione della DOP «Umbria» ART. 1 (denominazione) Disciplinare di produzione della DOP «Umbria» ART. 1 (denominazione) La denominazione di origine protetta "Umbria", accompagnata obbligatoriamente da una delle seguenti menzioni geografiche: "Colli Assisi

Dettagli

Le imprese GIOVANILI in UMBRIA: consistenza, caratteri e dinamiche (dati al III trimestre 2015)

Le imprese GIOVANILI in UMBRIA: consistenza, caratteri e dinamiche (dati al III trimestre 2015) Le imprese GIOVANILI in UMBRIA: consistenza, caratteri e dinamiche (dati al III trimestre 2015) 1 LE IMPRESE GIOVANILI IN UMBRIA Il quadro regionale al 30 settembre 2015 In Umbria, alla data del 30 settembre

Dettagli

Stima dei livelli di campo elettrico e di campo magnetico generato da linee aeree ad alta tensione nel territorio della Provincia di Perugia

Stima dei livelli di campo elettrico e di campo magnetico generato da linee aeree ad alta tensione nel territorio della Provincia di Perugia Stima dei livelli di campo elettrico e di campo magnetico generato da linee aeree ad alta tensione nel territorio della Provincia di Perugia Relazione di Sintesi Marzo 2005 PREMESSA L attività di studio

Dettagli

IL CONTROLLO DI GESTIONE NEGLI ENTI LOCALI TERRITORIALI DELL UMBRIA

IL CONTROLLO DI GESTIONE NEGLI ENTI LOCALI TERRITORIALI DELL UMBRIA IL CONTROLLO DI GESTIONE NEGLI ENTI LOCALI TERRITORIALI DELL UMBRIA (Indagine sull organizzazione ed il funzionamento del controllo di gestione realizzata con la collaborazione della Dott.ssa Angela Rossini)

Dettagli

PROGETTO PROGETTO INDIVIDUA IL TUO COMPRENSORIO TRASIMENO ALTA VALLE DEL TEVERE ALTO CHIASCIO Magione Castiglione del lago Città della Pieve Paciano Panicale Passignano sul Trasimeno Piegaro Tuoro

Dettagli

Newsletter della Confederazione Italiana Agricoltori dell Umbria

Newsletter della Confederazione Italiana Agricoltori dell Umbria INFORMA Newsletter della Confederazione Italiana Agricoltori dell Umbria Via Mario Angeloni, 1 06125 Perugia Tel: 075.7971056, 075.5002953 Fax: 075.5002956 e-mail: umbria@cia.it - web: www.ciaumbria.it

Dettagli

Certificazione della produzione dei rifiuti urbani e della raccolta differenziata nell anno 2012 ABSTRACT

Certificazione della produzione dei rifiuti urbani e della raccolta differenziata nell anno 2012 ABSTRACT Certificazione della produzione dei rifiuti urbani e della raccolta differenziata nell anno 2012 ABSTRACT Produzione dei rifiuti La produzione complessiva di rifiuti urbani nell anno 2012 è stata pari

Dettagli

Disciplinare di produzione dell'olio extravergine di oliva "Umbria" a Denominazione di Origine Controllata

Disciplinare di produzione dell'olio extravergine di oliva Umbria a Denominazione di Origine Controllata Disciplinare di produzione dell'olio extravergine di oliva "Umbria" a Denominazione di Origine Controllata DM 6 agosto 1998 GURI n. 193 del 20 agosto 1998 (Iscrizione nel "Registro delle denominazioni

Dettagli

METODI* tassi spec. r i. popolazione spec. p i

METODI* tassi spec. r i. popolazione spec. p i METODI* Il numero dei casi di tumore e il numero dei deceduti vengono calcolati in tempo reale dai database del Registro, per questo motivo, a distanza di tempo, specialmente il numero dei nuovi casi può

Dettagli

Allegato A - D.P.G.R. 14 luglio 1998, n. 374

Allegato A - D.P.G.R. 14 luglio 1998, n. 374 Allegato A - D.P.G.R. 14 luglio 1998, n. 374 Legge 28 gennaio 1977, n. 10 (art. 6). Legge 24 dicembre 1993, n. 537 (art. 7). Determinazione del contributo concessorio sul costo di costruzione. Modifica

Dettagli

POR FESR 2007-2013 REGIONE UMBRIA ASSE III - ATTIVITA B3

POR FESR 2007-2013 REGIONE UMBRIA ASSE III - ATTIVITA B3 ALLEGATO A Direzione Regionale Risorsa Umbria, Federalismo, Risorse Finanziarie Umane e Strumentali POR FESR 2007-2013 REGIONE UMBRIA ASSE III - ATTIVITA B3 Bando per interventi di efficienza energetica

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria Relazione tecnica allegata determina di approvazione organici personale docente scuola Infanzia -Primaria- Secondaria di I grado a.s. 2015/16 Con decreto Interministeriale in corso di registrazione ed

Dettagli

Umbria. Via Morettini 7 06128 Perugia Tel.: 075 505911 Fax 075 5006279 E-mail: info@cnaumbria.it. www.cnaumbria.it SMART CITY

Umbria. Via Morettini 7 06128 Perugia Tel.: 075 505911 Fax 075 5006279 E-mail: info@cnaumbria.it. www.cnaumbria.it SMART CITY SMART CITY Smart City è un modello di sviluppo urbano che assicura uno standard di qualità della vita più elevato per la crescita personale e sociale delle persone e delle imprese, attraverso l ottimizzazione

Dettagli

Documento di scenario "RI-Umbria"

Documento di scenario RI-Umbria Documento di scenario "RI-Umbria" 1. Sintesi obiettivi di RI-Umbria RI-Umbria è un progetto concepito, nel 2007, in risposta all Avviso CNIPA per il cofinanziamento di progetti di Riuso, intendendo con

Dettagli

Il progetto P.E.O.P.L.E. Progetto Enti On-line Portali Locali E-government

Il progetto P.E.O.P.L.E. Progetto Enti On-line Portali Locali E-government Il progetto P.E.O.P.L.E. Dimensioni del progetto Presentato da 55 enti con quasi 7,4 milioni di abitanti, circa il 13% della popolazione nazionale. P.E.O.P.L.E. si basa su un budget iniziale complessivo

Dettagli

Capitolato speciale per la fornitura di

Capitolato speciale per la fornitura di ALLEGATO A Capitolato speciale per la fornitura di Servizi di verifica procedurale e funzionale delle componenti di servizio della Community Network dell'umbria nell'ambito del piano di Semplificazione

Dettagli

UN ANALISI TERRITORIALE DEI REDDITI IRPEF Elisabetta Tondini*, Meri Ripalvella**

UN ANALISI TERRITORIALE DEI REDDITI IRPEF Elisabetta Tondini*, Meri Ripalvella** UN ANALISI TERRITORIALE DEI REDDITI IRPEF Elisabetta Tondini*, Meri Ripalvella** Introduzione L ammontare dei redditi delle persone fisiche, dichiarati a fini Irpef 1, rappresenta una fonte informativa

Dettagli

Osservatorio Tariffe e Tributi Locali

Osservatorio Tariffe e Tributi Locali Regione Umbria Giunta Regionale Assessorato Sviluppo Economico Associazioni dei Consumatori Regione Umbria Agenzia Umbria Ricerche Osservatorio Tariffe e Tributi Locali Rapporto 2007 Marzo 2009 Gruppo

Dettagli

Osservatorio Tariffe e Tributi Locali

Osservatorio Tariffe e Tributi Locali Regione Umbria Associazioni dei Consumatori Agenzia Umbria Ricerche Giunta Regionale Regione Umbria Assessorato Sviluppo Economico Osservatorio Tariffe e Tributi Locali Rapporto 2004-2006 Aprile 2008 Gruppo

Dettagli

Bando amianto fotovoltaico 2011 _ Realizzazione impianto fotovoltaico su edificio. Impianto fotovoltaico - Bando Amianto Fotovoltaico 2011

Bando amianto fotovoltaico 2011 _ Realizzazione impianto fotovoltaico su edificio. Impianto fotovoltaico - Bando Amianto Fotovoltaico 2011 Regione Umbria - POR FESR 2007-2013 Elenco Beneficiari ammessi a Aggiornato al:01/04/2014 Asse: Attività: ASSE III - Efficienze energetica e sviluppo di fonti rinnovabili 3.1.3 Sostegno alla produzione

Dettagli

1. FUNZIONI ED OBIETTIVI DELL OSSERVATORIO

1. FUNZIONI ED OBIETTIVI DELL OSSERVATORIO REGIONE DELL UMBRIA GIUNTA REGIONALE DIREZIONE REGIONALE AGRICOLTURA E FORESTE, AREE PROTETTE, VALORIZZAZIONE DEI SISTEMI NATURALISTICI E PAESAGGISTICI, BENI E ATTIVITA' CULTURALI, SPORT E SPETTACOLO SERVIZIO

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria Direzione Generale

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria Direzione Generale Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria Direzione Generale Progetto nazionale per l Educazione Fisica nella Scuola Primaria Anno scolastico

Dettagli

IL SOMMERSO TURISTICO IN UMBRIA Il fenomeno degli affitti brevi ai turisti

IL SOMMERSO TURISTICO IN UMBRIA Il fenomeno degli affitti brevi ai turisti 1 INTRODUZIONE Questo lavoro intende fare luce, con riferimento alla Regione Umbria, sul fenomeno dell offerta turistica sommersa, rappresentata dall ospitalità alternativa fornita in alloggi non rilevati

Dettagli

RICOGNIZIONE DELLA SITUAZIONE ESISTENTE...7

RICOGNIZIONE DELLA SITUAZIONE ESISTENTE...7 COMUNE DI SPECCHIA Piano di informatizzazione delle procedure per la presentazione e la compilazione on-line da parte di cittadini e imprese delle istanze, dichiarazioni e segnalazioni al Comune INDICE

Dettagli

Valori Agricoli Medi della provincia. Annualità 2007

Valori Agricoli Medi della provincia. Annualità 2007 REGIONE AGRARIA N : 1 REGIONE AGRARIA N : 2 ALTO CHIASCIO Comuni di: COSTACCIARO, GUBBIO, PIETRALUNGA, SCHEGGIA E PASCELUPO VALTOPINA Comuni di: FOLIGNO, FOSSATO DI VICO, GUALDO TADINO, NOCERA UMBRA, SIGILLO,

Dettagli

COMUNE DI VIGONOVO PROVINCIA DI VENEZIA Via Veneto, 2 30030 VIGONOVO (VE)

COMUNE DI VIGONOVO PROVINCIA DI VENEZIA Via Veneto, 2 30030 VIGONOVO (VE) COMUNE DI VIGONOVO PROVINCIA DI VENEZIA Via Veneto, 2 30030 VIGONOVO (VE) Comune di Vigonovo Sistemi Informativi Piano di informatizzazione delle procedure per la presentazione delle istanze, dichiarazioni

Dettagli

l identità digitale federata nel progetto ICAR

l identità digitale federata nel progetto ICAR l identità digitale federata nel progetto ICAR Francesco Meschia Roma, 16 febbraio 2006 agenda generalità sul progetto ICAR e sul task INF-3 situazione e problemi dell identità digitale in Italia l approccio

Dettagli

IMPIANTI TERMICI LA GESTIONE DEGLI. Bollino GSE. Ispezioni. Libretto. impianto CONTROLLI E ISPEZIONI. Controllo. efficienza energetica ENEA

IMPIANTI TERMICI LA GESTIONE DEGLI. Bollino GSE. Ispezioni. Libretto. impianto CONTROLLI E ISPEZIONI. Controllo. efficienza energetica ENEA Libretto di impianto LA GESTIONE DEGLI IMPIANTI TERMICI CONTROLLI E ISPEZIONI Ispezioni Rendimento di combustione Bollino Controllo e manutenzione GSE Controllo di efficienza energetica ENEA RISPARMIO

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA PER LA DEFINIZIONE DELLE PROCEDURE DA ADOTTARE NELLE EMERGENZE IDRAULICHE TRA

PROTOCOLLO D INTESA PER LA DEFINIZIONE DELLE PROCEDURE DA ADOTTARE NELLE EMERGENZE IDRAULICHE TRA PROVINCIA DI TERNI ASSESSORATO ALLA PROTEZIONE CIVILE UFFICIO PROTEZIONE CIVILE PROTOCOLLO D'INTESA PER LA DEFINIZIONE DELLE PROCEDURE DA ADOTTARE NELLE EMERGENZE IDRAULICHE Con la collaborazione Prefettura

Dettagli

COMUNE DI CASTELCUCCO

COMUNE DI CASTELCUCCO COMUNE DI CASTELCUCCO Piano di informatizzazione delle procedure per la presentazione delle istanze, dichiarazioni e segnalazioni ai sensi art. 24, comma 3 bis D.L. n. 90/2014 e s.m.i. SOMMARIO 1 CONTESTO

Dettagli

CENTRI DI ASSISTENZA FISCALE (C.A.F.) C.A.F. CGIL

CENTRI DI ASSISTENZA FISCALE (C.A.F.) C.A.F. CGIL CENTRI DI ASSISTENZA FISCALE (C.A.F.) C.A.F. CGIL Via Bellocchio, 26/28 075 506981 PONTE FELCINO Via B.Buozzi, 3 075 5913978 SAN SISTO Via Gaetano Donizetti, 59 075 5270527 PONTE SAN GIOVANNI Via Luigi

Dettagli

LE MAPPE DEL REGISTRO TUMORI ANIMALI DELL UMBRIA 2014. Introduzione

LE MAPPE DEL REGISTRO TUMORI ANIMALI DELL UMBRIA 2014. Introduzione LE MAPPE DEL REGISTRO TUMORI ANIMALI DELL UMBRIA 2014 Introduzione I Sistemi Informativi Geografici (GIS) sono uno strumento utilissimo nella valutazione di fenomeni sanitari sia che si tratti di semplici

Dettagli

CODICI MECCANOGRAFICI SCUOLE MEDIE DELLA PROVINCIA DI PERUGIA DISTRETTO 001

CODICI MECCANOGRAFICI SCUOLE MEDIE DELLA PROVINCIA DI PERUGIA DISTRETTO 001 CODICI MECCANOGRAFICI SCUOLE MEDIE DELLA PROVINCIA DI PERUGIA DISTRETTO 001 COMUNE DI CITTA' DI CASTELLO PGMM21300Q " ALIGHIERI-PASCOLI" VIA DELLA TINA, 12 CITTA' DI CASTELLO PGMM825018 "TIFERNO" TRESTINA

Dettagli

Progetto RI-Umbria. Scenario Operativo e Piano di Lavoro

Progetto RI-Umbria. Scenario Operativo e Piano di Lavoro Progetto Scenario Operativo e Piano di Lavoro Indice Introduzione...3 1. Cos è il progetto RIUMBRIA...4 1.1 Finalità...4 1.2 Obiettivi...6 1.4 Strategia Attuativa...7 1.4 Risultati attesi...9 2. Governo

Dettagli

INFORMASALUTE. I Servizi Sanitari di PERUGIA. e Provincia. Accesso al Servizio Sanitario Nazionale per i Cittadini stranieri

INFORMASALUTE. I Servizi Sanitari di PERUGIA. e Provincia. Accesso al Servizio Sanitario Nazionale per i Cittadini stranieri Progetto co-finanziato dall Unione Europea Istituto Nazionale Salute, Migrazioni e Povertà Ministero della Salute Dipartimento della Prevenzione e Comunicazione Ministero dell Interno Dipartimento per

Dettagli

Comunità Montana Orvietano - Narnese - Amerino -Tuderte

Comunità Montana Orvietano - Narnese - Amerino -Tuderte Comunità Montana Orvietano - Narnese - Amerino -Tuderte Comuni aderenti : Acquasparta, Amelia, Alviano, Allerona, Attigliano, Avigliano Umbro, Baschi, Calvi dell Umbria, Castel Giorgio, Castel Viscardo,

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria Ambito Territoriale per la provincia di Perugia

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria Ambito Territoriale per la provincia di Perugia MIUR.AOODRUM.REGISTRO UFFICIALE(U).0017088.09-12-2015 Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ai Dirigenti Scolastici dei circoli ed istituti Comprensivi della provincia loro Sedi Ai

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA DELLA. Regione Umbria PARTE PRIMA. Sezione II DETERMINAZIONI DIRIGENZIALI

REPUBBLICA ITALIANA DELLA. Regione Umbria PARTE PRIMA. Sezione II DETERMINAZIONI DIRIGENZIALI Supplemento ordinario n. 3 al «Bollettino Ufficiale» - Serie Generale - n. 36 del 22 luglio 2015 REPUBBLICA ITALIANA BOLLETTINO DELLA UFFICIALE Regione Umbria SERIE GENERALE PERUGIA - 22 luglio 2015 DIREZIONE

Dettagli

COMUNE DI TERNO D ISOLA

COMUNE DI TERNO D ISOLA COMUNE DI TERNO D ISOLA Provincia di BERGAMO Piano triennale di informatizzazione delle procedure per la presentazione di istanze, dichiarazioni e segnalazioni (Art 24 comma 3bis D.L. 90/2014) INDICE 1)

Dettagli

Piano di informatizzazione delle procedure ai sensi dell art. 24 comma 3bis DL 90/2014 (L. 114/2014)

Piano di informatizzazione delle procedure ai sensi dell art. 24 comma 3bis DL 90/2014 (L. 114/2014) Piano di informatizzazione delle procedure ai sensi dell art. 24 comma 3bis DL 90/2014 (L. 114/2014) Comune di Argelato Comune di Bentivoglio Comune di Castel Maggiore Comune di Castello d Argile Comune

Dettagli

Realizzazione di un sistema per l archiviazione, la conservazione sostitutiva e la dematerializzazione dei documenti

Realizzazione di un sistema per l archiviazione, la conservazione sostitutiva e la dematerializzazione dei documenti 1/45 PROGETTO AIRUMBRIA la conservazione sostitutiva e la dematerializzazione dei documenti PIANO DI DISPIEGAMENTO PER GLI ENTI LOCALI (documento 6.7.2) 2/45 Data: 29/6/2011 Compilato: Francesco Frattegiani

Dettagli

BANDO VOUCHER DIGITALE Per enti locali in forma associata per la digitalizzazione e la semplificazione della PA lombarda

BANDO VOUCHER DIGITALE Per enti locali in forma associata per la digitalizzazione e la semplificazione della PA lombarda BANDO VOUCHER DIGITALE Per enti locali in forma associata per la digitalizzazione e la semplificazione della PA lombarda 1 Finalità dell intervento... 2 2 Modello di riferimento... 2 3 Soggetti abilitati

Dettagli

SOMMARIO 1 CONTESTO ATTUALE E SERVIZI ATTIVI... 2 OBIETTIVI DEL COMUNE...

SOMMARIO 1 CONTESTO ATTUALE E SERVIZI ATTIVI... 2 OBIETTIVI DEL COMUNE... COMUNE DI FONTE Piano di informatizzazione delle procedure per la presentazione delle istanze, dichiarazioni e segnalazioni ai sensi art. 24, comma 3 bis D.L. n. 90/2014 e s.m.i. SOMMARIO 1 CONTESTO ATTUALE

Dettagli

L attuazione del piano nazionale di e-e government nella PAL

L attuazione del piano nazionale di e-e government nella PAL L attuazione del piano nazionale di e-e government nella PAL Seminario sulla Società dell informazione, cooperazione territoriale e sviluppo locale Catania, 9 novembre 2005 Mauro Savini CNIPA, Progetto

Dettagli

Agenzia per il Diritto allo Studio Universitario dell Umbria Perugia Via Benedetta, 14

Agenzia per il Diritto allo Studio Universitario dell Umbria Perugia Via Benedetta, 14 Agenzia per il Diritto allo Studio Universitario dell Umbria Perugia Via Benedetta, 14 Bando di concorso per l assegnazione di borse di studio e servizi per il diritto allo studio universitario A.A.2010/2011

Dettagli

PIANO DI PROGETTO DIFFUSIONE G.I.T GESTIONE INTERSETTORIALE DEL TERRITORIO Ente: Consorzio S.I.R. Umbria

PIANO DI PROGETTO DIFFUSIONE G.I.T GESTIONE INTERSETTORIALE DEL TERRITORIO Ente: Consorzio S.I.R. Umbria Programma Enti Locali Innovazione di Sistema PIANO DI PROGETTO DIFFUSIONE G.I.T GESTIONE INTERSETTORIALE DEL TERRITORIO Ente: Consorzio S.I.R. Umbria www.progettogit.it Ultimo aggiornamento: 8 ottobre

Dettagli

COMUNE DI MAGIONE Piano di informatizzazione ai sensi del D.L. 90/2014, art. 24 coordinato con la legge di Conversione 11 agosto 2014, n.

COMUNE DI MAGIONE Piano di informatizzazione ai sensi del D.L. 90/2014, art. 24 coordinato con la legge di Conversione 11 agosto 2014, n. COMUNE DI MAGIONE Piano di informatizzazione ai sensi del D.L. 90/2014, art. 24 coordinato con la legge di Conversione 11 agosto 2014, n. 114 Rif. int. : Rev. : 0.0 Vers. Prec. : Sommario 1- Revisioni...

Dettagli

Piano di informatizzazione delle procedure per la presentazione di istanze, dichiarazioni e segnalazioni

Piano di informatizzazione delle procedure per la presentazione di istanze, dichiarazioni e segnalazioni Piano di informatizzazione delle procedure per la presentazione di istanze, dichiarazioni e segnalazioni (D.L. 90/2014 convertito in legge 114/2014, art. 24 comma 3 bis) Indice 1. Finalità 2. Riferimenti

Dettagli

COMUNE DI VILLACIDRO Provincia del Medio Campidano. PIANO DI INFORMATIZZAZIONE (ai sensi dell art. 24, comma 3 bis, del D.L. n.

COMUNE DI VILLACIDRO Provincia del Medio Campidano. PIANO DI INFORMATIZZAZIONE (ai sensi dell art. 24, comma 3 bis, del D.L. n. COMUNE DI VILLACIDRO Provincia del Medio Campidano PIANO DI INFORMATIZZAZIONE (ai sensi dell art. 24, comma 3 bis, del D.L. n. 90/2014) Approvato con Deliberazione della Giunta Comunale n. 08 del 17.02.2015

Dettagli

REGIONE UMBRIA GIUNTA REGIONALE DIREZIONE REGIONALE PROGRAMMAZIONE, INNOVAZIONE E COMPETITIVITÀ DELL UMBRIA

REGIONE UMBRIA GIUNTA REGIONALE DIREZIONE REGIONALE PROGRAMMAZIONE, INNOVAZIONE E COMPETITIVITÀ DELL UMBRIA REGIONE UMBRIA GIUNTA REGIONALE DIREZIONE REGIONALE PROGRAMMAZIONE, INNOVAZIONE E COMPETITIVITÀ DELL UMBRIA Servizio Informatico/Informativo: geografico, ambientale e territoriale Elenco dei vertici di

Dettagli

EGOVERNMENT ED EGOVERNANCE

EGOVERNMENT ED EGOVERNANCE Prot. 13/2011 del 25/01/2011 Pag. 0 di 11 ADMINISTRA COMUNE DI NAPOLI Il progetto Administra nasce dall esigenza del Comune di Napoli di disporre di un unica infrastruttura tecnologica permanente di servizi

Dettagli

L evoluzione del Sistema Informativo della fiscalità. Il nuovo paradigma dei servizi

L evoluzione del Sistema Informativo della fiscalità. Il nuovo paradigma dei servizi L evoluzione del Sistema Informativo della fiscalità Il nuovo paradigma dei servizi Ing. Giuseppe Lacerenza Roma, 21 maggio 2007 Il nuovo paradigma dei servizi Indice Sogei e il Sistema informativo della

Dettagli

PROGETTO DI TRASFORMAZIONE ORGANIZZATIVA PER L'ATTIVAZIONE DEI SERVIZI DEL SUAPE

PROGETTO DI TRASFORMAZIONE ORGANIZZATIVA PER L'ATTIVAZIONE DEI SERVIZI DEL SUAPE Allegato B PROGETTO DI TRASFORMAZIONE ORGANIZZATIVA PER L'ATTIVAZIONE DEI SERVIZI DEL SUAPE COMUNE CAPOFILA: Terni COMUNI PARTECIPANTI AL PARTENARIATO: Acquasparta, Alviano, Amelia, Arrone, Attigliano,

Dettagli

Con DGR n. 447 del 14/10/2011 è stato approvato il nuovo Piano Strategico Triennale, atto che definisce gli obiettivi delle attività previste in

Con DGR n. 447 del 14/10/2011 è stato approvato il nuovo Piano Strategico Triennale, atto che definisce gli obiettivi delle attività previste in PROGRAMMA STRATEGICO TRIENNALE 2011-2013 Per La Realizzazione Del Sistema Informativo Regionale Con DGR n. 447 del 14/10/2011 è stato approvato il nuovo Piano Strategico Triennale, atto che definisce gli

Dettagli

sviluppo della Società dell Informazione

sviluppo della Società dell Informazione Le attività della Regione Abruzzo per il supporto alle Smart Community Domenico Longhi Bologna 16 ottobre 2013 Sviluppo della Società dell Informazione La Regione Abruzzo si èdotata di strumenti normativi,

Dettagli

BENVENUTI. 20 marzo 2011 Foligno 50 a ASSEMBLEA

BENVENUTI. 20 marzo 2011 Foligno 50 a ASSEMBLEA BENVENUTI 20 marzo 2011 Foligno 50 a ASSEMBLEA 50 anni di impegno costante. Nel 2011 attività mirate verso: giovani potenziali donatori di origine non italiana 2010 44 Avis Comunali della Provincia di

Dettagli

1.1. Riferimenti normativi, piani e programmi

1.1. Riferimenti normativi, piani e programmi 1. RISCHIO SISMICO Il rischio sismico è la misura dei danni che, in base al tipo di sismicità, di resistenza delle costruzioni e di antropizzazione (natura, qualità e quantità dei beni esposti), ci si

Dettagli

SPORTELLO UNICO ATTIVITÀ PRODUTTIVE VISTA D INSIEME SISTEMA INFORMATIVO REGIONE PIEMONTE SUI VAR - 41

SPORTELLO UNICO ATTIVITÀ PRODUTTIVE VISTA D INSIEME SISTEMA INFORMATIVO REGIONE PIEMONTE SUI VAR - 41 Pag. 1 di 10 SPORTELLO UNICO ATTIVITÀ PRODUTTIVE VISTA D INSIEME agosto 2010 Pag. 2 di 10 SOMMARIO 1. SCOPO DEL DOCUMENTO...3 2. INQUADRAMENTO...3 3. LO USER GROUP SPORTELLO UNICO...4 4. IL SOFTWARE PER

Dettagli

PRESENTAZIONE PROGETTO: E-Government: gestionale entrate Comunali e cartella unica del contribuente.

PRESENTAZIONE PROGETTO: E-Government: gestionale entrate Comunali e cartella unica del contribuente. PRESENTAZIONE PROGETTO: E-Government: gestionale entrate Comunali e cartella unica del contribuente. E-Government: gestionale entrate Comunali e cartella unica del contribuente. L evoluzione normativa

Dettagli

Art. 19: Informazioni sul procedimento amministrativo e tutela della privacy

Art. 19: Informazioni sul procedimento amministrativo e tutela della privacy Docup Ob. 2 Regione Umbria 2000-2006. Misura 2.2 Servizi alle imprese, innovazione, animazione economica - Azione 2.2.1 Sostegno all acquisizione di servizi reali - Tipologia b) consulenze specialistiche.

Dettagli

PIANO DI INFORMATIZZAZIONE DELLE PROCEDURE PER LA PRESENTAZIONE DI ISTANZE, DICHIARAZIONI E SEGNALAZIONI ON LINE

PIANO DI INFORMATIZZAZIONE DELLE PROCEDURE PER LA PRESENTAZIONE DI ISTANZE, DICHIARAZIONI E SEGNALAZIONI ON LINE COMUNE DI CASTEL MELLA Provincia di Brescia PIANO DI INFORMATIZZAZIONE DELLE PROCEDURE PER LA PRESENTAZIONE DI ISTANZE, DICHIARAZIONI E SEGNALAZIONI ON LINE (articolo 24 c. 3 bis del D.L. 90/2014, convertito

Dettagli

Concertazione e cooperazione applicativa nel progetto Comunas

Concertazione e cooperazione applicativa nel progetto Comunas Concertazione e cooperazione applicativa nel progetto Comunas Fabrizio Gianneschi Regione Autonoma della ardegna Alcuni dati Circa 1.700.000 abitanti 377 Comuni 83% sotto i 5.000 abitanti 30% ha una intranet

Dettagli

Piano di informatizzazione delle procedure per la presentazione di istanze, dichiarazioni e segnalazioni

Piano di informatizzazione delle procedure per la presentazione di istanze, dichiarazioni e segnalazioni Piano di informatizzazione delle procedure per la presentazione di istanze, dichiarazioni e segnalazioni Ai sensi del comma 3 bis dell art. 24 del D.L. 90/2014 convertito nella legge 11/08/2014 n. 114

Dettagli

NEWS DALLE VOLONTARIE AVIS DEL SERVIZIO CIVILE

NEWS DALLE VOLONTARIE AVIS DEL SERVIZIO CIVILE N 2 Autunno 2012 NEWS DALLE VOLONTARIE AVIS DEL SERVIZIO CIVILE I primi sei mesi di Servizio Civile in AVIS Roberta Rizzo Mi chiamo Roberta Rizzo, dal 1 febbraio 2012 al 31 gennaio 2013 sono la Volontaria

Dettagli

Progetto di riuso unitario Comunas

Progetto di riuso unitario Comunas Progetto di riuso unitario Comunas La Regione Autonoma della Sardegna, con l occasione della pubblicazione dell Avviso per la realizzazione di progetti di riuso del CNIPA, si fa promotrice di un progetto

Dettagli

Servizi online RIVA People

Servizi online RIVA People Servizi online RIVA People Servizi attivati per i cittadini del Comune di Aosta Aosta, 3/10/2012 1 Cosa rappresentano i servizi online? L obiettivo perseguito nell azione generale di riorganizzazione della

Dettagli

La carta di identità elettronica per il sistema dei servizi

La carta di identità elettronica per il sistema dei servizi La carta di identità elettronica per il sistema dei servizi L AMMINISTRAZIONE LOCALE: IL FRONT OFFICE DELL INTERO MONDO DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE Con il Piano di E-Government, con il ruolo centrale

Dettagli

PROGETTO DI TRASFORMAZIONE ORGANIZZATIVA PER L'ATTIVAZIONE DEI SERVIZI DEL SUAPE

PROGETTO DI TRASFORMAZIONE ORGANIZZATIVA PER L'ATTIVAZIONE DEI SERVIZI DEL SUAPE Allegato B PROGETTO DI TRASFORMAZIONE ORGANIZZATIVA PER L'ATTIVAZIONE DEI SERVIZI DEL SUAPE COMUNE CAPOFILA: ORVIETO COMUNI PARTECIPANTI AL PARTENARIATO: ALLERONA, CASTELGIORGIO, CASTELVISCARDO, FABRO,

Dettagli

Rifiuti urbani nella Regione Umbria anno 2008 Produzione, raccolta differenziata, sistemi di raccolta e impianti di conferimento

Rifiuti urbani nella Regione Umbria anno 2008 Produzione, raccolta differenziata, sistemi di raccolta e impianti di conferimento Rifiuti urbani nella Regione Umbria anno 2008 Produzione, raccolta differenziata, sistemi di raccolta e impianti di conferimento Documento Tecnico Settembre 2009 1 Premessa 3 2 Fonte dei dati 4 3 Metodologia

Dettagli

La qualificazione di un back-office GESTIONE DEL PERSONALE

La qualificazione di un back-office GESTIONE DEL PERSONALE La qualificazione di un back-office GESTIONE DEL PERSONALE Qualificazione dei prodotti di back-office Ambito Prodotti di back-office Percorsi di qualificazione 1 Cliente Redatto da Verificato da Approvato

Dettagli

Aspetti architetturali e tecnologici per l attuazione dell e-government a livello locale

Aspetti architetturali e tecnologici per l attuazione dell e-government a livello locale Aspetti architetturali e tecnologici per l attuazione dell e-government a livello locale Alessandro Osnaghi Università di Pavia E-government e Information Society L e-government è un capitolo della Società

Dettagli

EG4G. (EGovernment for Government) Sistema integrato per la governance del territorio. Il progetto di riuso. Tasso Elvio Direzione Sistema Informatico

EG4G. (EGovernment for Government) Sistema integrato per la governance del territorio. Il progetto di riuso. Tasso Elvio Direzione Sistema Informatico EG4G (EGovernment for Government) Sistema integrato per la governance del territorio Il progetto di riuso Tasso Elvio Direzione Sistema Informatico Unità Complessa per l e-government l e la Società dell

Dettagli

PROGETTO CREATIVITY CAMP

PROGETTO CREATIVITY CAMP AVVISO PUBBLICO PROGETTO CREATIVITY CAMP Asse V Transnazionalità e Interregionalità, Obiettivo specifico m ARTICOLO 1 RIFERIMENTI NORMATIVI Considerato che missione del Fondo Sociale Europeo (FSE) è contribuire

Dettagli

1. P.T.I. PIATTAFORMA TELEMATICA INTEGRATA

1. P.T.I. PIATTAFORMA TELEMATICA INTEGRATA 1. P.T.I. PIATTAFORMA TELEMATICA INTEGRATA La Regione Siciliana ha intrapreso nell'ultimo decennio un percorso di modernizzazione che ha come frontiera la creazione della Società dell Informazione, ovvero

Dettagli

P r o v i n c i a d i B e l l u n o l o c. Ca p o l u o g o, n. 1 0 5 3 2 0 3 7 S o s p i r o l o P. I. 0 0 1 6 4 1 1 0 2 5 6

P r o v i n c i a d i B e l l u n o l o c. Ca p o l u o g o, n. 1 0 5 3 2 0 3 7 S o s p i r o l o P. I. 0 0 1 6 4 1 1 0 2 5 6 Comune di Sospirolo P r o v i n c i a d i B e l l u n o l o c. Ca p o l u o g o, n. 1 0 5 3 2 0 3 7 S o s p i r o l o P. I. 0 0 1 6 4 1 1 0 2 5 6 PIANO DI INFORMATIZZAZIONE delle procedure per la presentazione

Dettagli

Conservazione Sostitutiva. Verso l amministrazione digitale, in tutta sicurezza.

Conservazione Sostitutiva. Verso l amministrazione digitale, in tutta sicurezza. Conservazione Sostitutiva Verso l amministrazione digitale, in tutta sicurezza. Paperless office Recenti ricerche hanno stimato che ogni euro investito nella migrazione di sistemi tradizionali verso tecnologie

Dettagli

FedERa Federazione degli Enti dell Emilia-Romagna per l autenticazione

FedERa Federazione degli Enti dell Emilia-Romagna per l autenticazione FedERa Federazione degli Enti dell Emilia-Romagna per l autenticazione Convegno Idem Roma, 31 Marzo 2009 Il Piano Telematico dell Emilia-Romagna (PiTER) Il Piano Telematico Regionale (PiTER) costituisce

Dettagli

Comune di MELLE Comune di VALMALA PIANO INFORMATIZZAZIONE DEI SERVIZI A CITTADINI E IMPRESE

Comune di MELLE Comune di VALMALA PIANO INFORMATIZZAZIONE DEI SERVIZI A CITTADINI E IMPRESE Comune di MELLE Comune di VALMALA PIANO INFORMATIZZAZIONE DEI SERVIZI A CITTADINI E IMPRESE INDICE A) PREMESSA... 3 B) LA SITUAZIONE ATTUALE (AS-IS)... 4 C) L EVOLUZIONE (TO-BE)... 6 Piano informatizzazione

Dettagli

Direzione regionale Risorsa Umbria. Federalismo, risorse finanziarie e strumentali

Direzione regionale Risorsa Umbria. Federalismo, risorse finanziarie e strumentali Direzione regionale Risorsa Umbria. Federalismo, risorse finanziarie e strumentali Servizio Energia, Qualità dell Ambiente, Rifiuti e Attività estrattive BANDO PUBBLICO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI

Dettagli

Unione di Comuni Valdarno e Valdisieve

Unione di Comuni Valdarno e Valdisieve Unione di Comuni Valdarno e Valdisieve Piano di informatizzazione ai sensi del D.L. 90/2014, art. 24 c. 3bis (Approvato con delibera della Giunta dell Unione n. 26 del 19/02/2015) Rif. int. : Piano_di_Informatizzazione_ex_art_24_dl_90_2014.odt

Dettagli

ELICAT. Allegato E: Piano Di Lavoro CT Sportello Sportello Catastale Integrato

ELICAT. Allegato E: Piano Di Lavoro CT Sportello Sportello Catastale Integrato Deliverable 1.3 Allegato E: Piano Di Lavoro CT Sportello Sportello Catastale Integrato Preparato da: Comune di Padova (Alberto Corò) Membri: Firenze, Torino, Prato, CM Valle del Serchio, Abbadia San Salvatore,

Dettagli

porta i dati al centro

porta i dati al centro REALIZZA IL cambiamento porta i dati al centro Il mondo che cambia Il digitale abilita una relazione virtuosa tra la Pubblica Amministrazione e la collettività, nonché il ridisegno dei processi a partire

Dettagli