AVVISO PER LA MANIFESTAZIONE DI INTERESSE PER IL COFINANZIAMENTO A PROGETTI STRATEGICI DI R&S IN MATERIA DI ICT E MECCANICA AVANZATA RELAZIONE TECNICA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "AVVISO PER LA MANIFESTAZIONE DI INTERESSE PER IL COFINANZIAMENTO A PROGETTI STRATEGICI DI R&S IN MATERIA DI ICT E MECCANICA AVANZATA RELAZIONE TECNICA"

Transcript

1 AVVISO PER LA MANIFESTAZIONE DI INTERESSE PER IL COFINANZIAMENTO A PROGETTI STRATEGICI DI R&S IN MATERIA DI ICT E MECCANICA AVANZATA RELAZIONE TECNICA AVVERTENZA AI FINI DELLA COMPILAZIONE: La presente scheda e strutturata per progetti presentati anche da raggruppamenti di imprese. In tal caso è il Capofila che si fa carico di raccogliere le informazioni e i dati necessari dalle singole imprese partner di progetto. Nel caso di progetto presentato da impresa singola, la compilazione deve trascurare le sezioni riferite ai partenariati. Numero domanda: Titolo del progetto: Acronimo: Aree tematiche: A B C (vedi Avviso pubblico) Relazione periodica: 1 2 Relazione finale: Periodo di riferimento: da a Nome, titolo e organizzazione del referente scientifico del progetto: Tel: Fax: Indirizzo del sito web del progetto (se disponibile):

2 Dichiarazione del referente scientifico del Capofila del progetto Io, come referente scientifico del Capofila del progetto dichiaro che: La relazione rappresenta una descrizione precisa del lavoro svolto in questo periodo di riferimento; Il progetto (barrare la casella appropriata): ha pienamente raggiunto i suoi obiettivi e gli obiettivi tecnici per il periodo; ha ottenuto la maggior parte dei suoi obiettivi e gli obiettivi tecnici per il periodo con scostamenti di lieve entità 1 ; non è riuscito a raggiungere obiettivi critici e/o non è affatto in linea con il programma previsto 2. Il sito web pubblico, se presente, è aggiornato. I rendiconti finanziari che vengono presentati come parte di questa relazione sono in linea con l effettivo lavoro svolto. Nome del referente scientifico del Capofila del progetto:... Data:... /... /... Firma del referente scientifico del Capofila del progetto... Firma del rappresentante legale del Capofila Se la casella è selezionata, la relazione dovrebbe riportare tali criticità e le azioni correttive adottate. Se la casella è selezionata, la relazione dovrebbe riportare tali criticità e le azioni correttive adottate. 2

3 1. Sintesi del progetto Questa sezione deve essere strutturata in modo da consentirne la pubblicazione da parte della Regione Toscana. Si prega di garantire che sia formattata in modo che possa essere stampata come un documento cartaceo a sé stante. Si prega di includere una descrizione sintetica degli obiettivi del progetto, una descrizione del lavoro svolto fin dall'inizio del progetto e una descrizione dei principali risultati ottenuti finora. Si prega di includere anche informazioni che illustrino il lavoro svolto in termini di promozione del progetto e diffusione dei risultati finora raggiunti. 2. Gli obiettivi del progetto Si prega di riportare una descrizione sintetica dell obiettivo generale del progetto come riportato nella scheda tecnica iniziale al fine di rendere questa relazione un documento a sé stante. Se applicabile, si prega di fornire una sintesi delle raccomandazioni in fase negoziale e/o alla prima relazione intermedia e di indicare come queste siano state prese in considerazione nel prosieguo del progetto. 3. Obiettivi operativi e risultati ottenuti Elencare gli obiettivi operativi e per ciascuno di essi, rispetto al periodo di riferimento, compilare una tabella come quella sotto riportata fornendo le informazioni richieste. Obiettivo operativo 1: Attività realizzate Illustrare le attività realizzate specificando il ruolo di ciascun partner del progetto Strumenti/attrezzature Indicare quali sono stati gli strumenti e le attrezzature utilizzati per la realizzazione delle attività Risorse umane Indicare la percentuale di utilizzo delle risorse umane rispetto a quanto previsto (*) Subcontratti Indicare e motivare, se applicabile, l acquisizione di competenze tecniche specifiche o brevetti per la realizzazione delle attività 3

4 Risultati raggiunti Descrivere i risultati raggiunti e i punti cardine (momenti decisivi) nell'attuazione delle attività elencati nelle tabelle riassuntive alla sezione 4 della relazione. Descrivere in maniera puntuale qui di seguito le eventuali difformità fra i risultati attesi (*) e i risultati conseguiti e proporre le conseguenti azioni correttive. Costi sostenuti Si prega di compilare il foglio Costi sostenuti dell allegato A inserendo i costi sostenuti da ciascun partner per lo svolgimento dell obiettivo operativo. (*) In caso di variante progettuale autorizzata, si deve fare riferimento al nuovo piano finanziario e al nuovo crono programma approvato. Obiettivo operativo: coordinamento, gestione e rendicontazione Si prega di utilizzare questa sezione per riassumere le attività relative alla gestione, amministrazione e rendicontazione del progetto e al coordinamento del partenariato. Attività realizzate Descrivere le attività realizzate riguardo principalmente a: costituzione e gestione del partenariato e stipula dell ATS/ATI; elaborazione ed approvazione di work-plan e relativa tempistica; definizione dei responsabili delle attività delle diverse attività; coordinamento e monitoraggio delle diverse fasi di attività; attività svolte dal comitato tecnico-scientifico di progetto, se previsto; riscontro dei problemi che si sono verificati e come sono stati risolti o le soluzioni previste per risolverli; varianti progettuali, se ci sono state, con riferimento alla composizione del partenariato, alla rimodulazione dei costi, al crono programma, all anagrafica aziendale, alla fornitura del servizio di ricerca; lista delle riunioni di progetto, le date e i luoghi dove sono avvenuti gli incontri; eventuali deviazioni rispetto ai risultati attesi e ai punti fondamentali pianificati; eventuali richieste di proroga dei termini S.A.L. sviluppo del sito web del progetto, se disponibile; raccolta dei giustificativi di spesa e di tutta la documentazione necessaria per la rendicontazione; redazione dei documenti richiesti e reportistica di natura tecnico-finanziaria Risorse umane Indicare la percentuale di utilizzo delle risorse umane rispetto a quanto previsto. 4

5 Risultati raggiunti Descrivere i risultati raggiunti e i punti cardine (momenti decisivi) nell'attuazione delle attività di project management elencati nelle tabelle riassuntive alla sezione 4 della relazione. Descrivere in maniera puntuale qui di seguito le eventuali difformità fra i risultati attesi e i risultati conseguiti e proporre le conseguenti azioni correttive. (*) Costi sostenuti Si prega di compilare il foglio Costi sostenuti dell allegato A inserendo i costi sostenuti da ciascun partner per lo svolgimento dell obiettivo operativo coordinamento, gestione e rendicontazione. (*) In caso di variante progettuale autorizzata, si deve fare riferimento al nuovo piano finanziario e al nuovo crono programma approvato. Obiettivo operativo: Disseminazione dei risultati del progetto Si prega di fornire una sintesi riguardo alle attività di diffusione dei risultati del progetto. Attività realizzate Illustrare le attività che sono state realizzate relative alla disseminazione dei risultati del progetto Strumenti/attrezzature Indicare quali sono gli strumenti e le attrezzature utilizzati per la disseminazione dei risultati del progetto Risorse umane Specificare le professionalità e i rispettivi tempi (mesi uomo) che sono stati necessari alla realizzazione delle attività. Indicare la percentuale di utilizzo delle risorse umane rispetto a quanto previsto. Risultati Illustrare quali risultati di disseminazione sono stati raggiunti Costi sostenuti Si prega di compilare il foglio Costi sostenuti dell allegato A inserendo i costi sostenuti da ciascun partner per lo svolgimento dell obiettivo operativo disseminazione dei risultati del progetto. 5

6 4. Risultati principali raggiunti (Deliverables) e momenti chiave del progetto (Milestones) Risultati principali raggiunti (Deliverables) Si prega di elencare tutti i risultati principali raggiunti, materiali (come ad esempio report, pubblicazioni, software, dimostrazioni, prototipi e gli eventuali contenuti di innovazione tecnologica misurabili - tecnologie implementate, eventualmente brevettabili) e immateriali (come ad esempio conoscenza nuova e valore aggiunto provato). Questa tabella è cumulativa, quindi deve mostrare tutti gli elaborati/risultati conseguiti dall inizio del progetto. TABELLA 1. RISULTATI PRINCIPALI RAGGIUNTI Numero obiettivo operativo Risultato raggiunto Principale partner beneficiario Data di consegna Data di consegna prevista Commenti OP 1 OP 2 Etc. Momenti chiave del progetto (Milestones) Il termine milestone indica importanti traguardi intermedi nello svolgimento di un progetto come ad esempio eventi, la fine dei collaudi di un impianto, la firma di un contratto e altre attività con durata zero o di un giorno. Attraverso le milestones si fornisce un indice della bontà del progetto e del suo stato di avanzamento. Si prega di elencare i traguardi intermedi raggiunti ovvero i momenti chiave del progetto. Si consideri che la tabella è cumulativa e che quindi deve mostrare tutti i momenti chiave dall inizio del progetto. TABELLA 2. EVENTI DATE CHIAVE DEL PROGETTO Numero obiettivo operativo Momenti chiave Principale partner beneficiario Data di consegna Data di consegna prevista Commenti OP 1 6

7 OP 2 Etc. 5. Aggiornamento del cronoprogramma Si prega di riprogrammare le attività all interno del cronoprogramma in funzione dei risultati raggiunti nel periodo di riferimento, per disporre di una visione aggiornata di quest ultimo. Quello sotto riportato è un format che può essere adeguato alle singole esigenze. Obiettivo Operativo 1 Obiettivo Operativo 2 Attività / Milestones Mesi Obiettivo Operativo 3 Obiettivo Operativo n. Gestione e rendicontazi one Disseminazi one 7

8 6. Indicatori Compilare in formato Excel l ALLEGATO A (FOGLIO INDICATORI /FOGLIO COSTI PER PARTNER-OBIET.OPER. /FOGLIO COSTI PER PERIODO ) reperibile nella modulistica Artea. Specificare, per ognuno degli indicatori riportati nella relativa tabella, i dati riguardanti il periodo di riferimento della presente relazione e i precedenti (MESE 12 = 1 anno da inizio progetto; MESE 0= Inizio del progetto; MESE 8= trascorsi 8 mesi dall inizio del progetto; MESE 16= trascorsi 16 mesi dall inizio del progetto; MESE 20/24= fine del progetto; MESE 32/36= stima a 1 anno dal termine del progetto). Lo scopo è quello di rilevare i dati funzionali a verificare il raggiungimento dei risultati del progetto e, in un ottica a medio lungo termine, l impatto della misura. 7. Effetto Incentivante (solo per le grandi imprese) Al fine di fornire, a stato di avanzamento e a conclusione lavori, la dimostrazione dell effetto incentivante del contributo pubblico, è obbligatorio compilare lo schema di cui all allegato 9 dell Avviso, reperibile nella modulistica Artea. La mancata dimostrazione dell effetto incentivante comporta, ai sensi dell Avviso, la revoca del contributo. EFFETTO INCENTIVANTE (da compilare in formato PDF vedi Allegato 9 EFFETTO INCENTIVANTE) 8

SCHEDA TECNICA DI PROGETTO (della parte di progetto realizzata dai partners toscani)

SCHEDA TECNICA DI PROGETTO (della parte di progetto realizzata dai partners toscani) ALLEGATO C Regione Toscana POR Competitività regionale e occupazione FESR 2007 2013 POR CREO FESR 2007-2013 - LINEA DI INTERVENTO 1.5.C "Sostegno a programmi integrati di investimento per ricerca industriale

Dettagli

SCHEDA TECNICA DI PROGETTO

SCHEDA TECNICA DI PROGETTO REGIONE TOSCANA ALLEGATO 2 Bando - POR CREO FESR 2007-2013 - LINEA DI INTERVENTO 1.5.d "Bando per la presentazione delle domande di aiuti alle imprese per investimenti in materia di ricerca industriale

Dettagli

1) ha definito i contenuti generali di una misura intervento da finanziarsi a valere sul P.O.R.:

1) ha definito i contenuti generali di una misura intervento da finanziarsi a valere sul P.O.R.: REGIONE PIEMONTE BU23 06/06/2013 Codice DB1612 D.D. 10 maggio 2013, n. 176 Programma operativo regionale 2007/2013 finanziato dal Fondo europeo di sviluppo regionale - Asse I - Attivita' I.1.3 "Innovazione

Dettagli

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DI CANDIDATURE DI PROGETTI STRATEGICI

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DI CANDIDATURE DI PROGETTI STRATEGICI Allegato 1 AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DI CANDIDATURE DI PROGETTI STRATEGICI I. Contenuto generale dell Avviso Il Programma europeo di Cooperazione Transfrontaliera Italia-Francia Marittimo (di seguito

Dettagli

SCHEDA TECNICA DI PROGETTO

SCHEDA TECNICA DI PROGETTO SCHEDA TECNICA DI PROGETTO Sezione 1: Anagrafica del progetto Titolo: Acronimo: Durata (Mesi): Data prevista per l'avvio (mm/aa) Sintesi del progetto (max 3000 caratteri) N.B.: Con la sottoscrizione del

Dettagli

Ministero dell Interno Dipartimento per le Libertà Civili e l Immigrazione

Ministero dell Interno Dipartimento per le Libertà Civili e l Immigrazione Linee guida alla compilazione del Modello on line C Unione Europea Ministero dell Interno Dipartimento per le Libertà Civili e l Immigrazione Fondo Europeo per i Rifugiati Fondo Europeo per i Rimpatri

Dettagli

REGOLAMENTO IN MATERIA DI ORGANIZZAZIONE, AVVIO E GESTIONE DELLE ATTIVITÀ RESE DA ARPA PIEMONTE A TITOLO ONEROSO INDICE

REGOLAMENTO IN MATERIA DI ORGANIZZAZIONE, AVVIO E GESTIONE DELLE ATTIVITÀ RESE DA ARPA PIEMONTE A TITOLO ONEROSO INDICE REGOLAMENTO IN MATERIA DI ORGANIZZAZIONE, AVVIO E GESTIONE DELLE ATTIVITÀ RESE DA ARPA PIEMONTE A TITOLO ONEROSO INDICE Art. 1 - Premessa...2 Titolo I - DISPOSIZIONI GENERALI...2 Art. 2 - Oggetto e ambito

Dettagli

ALLEGATO 2 SCHEDA TECNICA DI PROGETTO

ALLEGATO 2 SCHEDA TECNICA DI PROGETTO BANDO PER IL FINANZIAMENTO DI PROGETTI DI RICERCA FONDAMENTALE, RICERCA INDUSTRIALE E SVILUPPO SPERIMENTALE REALIZZATI CONGIUNTAMENTE DA IMPRESE E ORGANISMI DI RICERCA IN MATERIA DI NUOVE TECNOLOGIE DEL

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE DEI MODELLI

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE DEI MODELLI Direzione Generale Servizio Affari Internazionali Legge Regionale 11 aprile 1996, n. 19 Norme in materia di cooperazione con i Paesi in via di sviluppo e di collaborazione internazionale LINEE GUIDA PER

Dettagli

BANDO OPEN CL@SS 2.0

BANDO OPEN CL@SS 2.0 Legge Regionale 26 marzo 2009 n. 9 Deliberazione della Giunta Regionale n. 8-12657 del 30 novembre 2009 e Deliberazione della Giunta Regionale n. 25-2885 del 14 novembre 2011 Norme in materia di pluralismo

Dettagli

BANDI 2015 CULTURA, FORMAZIONE, ARTE

BANDI 2015 CULTURA, FORMAZIONE, ARTE BANDI 2015 CULTURA, FORMAZIONE, ARTE Premessa La Fondazione Monte dei Paschi di Siena, soggetto giuridico di diritto privato senza fine di lucro e con piena autonomia statutaria e gestionale, in coerenza

Dettagli

FONDAZIONE CASSA DI RISPARMIO DI CUNEO BANDO RICERCA SCIENTIFICA 2015 SEZIONE RICERCA MEDICA

FONDAZIONE CASSA DI RISPARMIO DI CUNEO BANDO RICERCA SCIENTIFICA 2015 SEZIONE RICERCA MEDICA SEZIONE RICERCA MEDICA 2015 INDICE Obiettivo... 3 Oggetto... 3 Durata dei progetti... 3 Enti ammissibili... 3 Partnership e rete... 3 Modalità di presentazione delle domande... 4 Contributo e cofinanziamento...

Dettagli

PROPOSTA DI PROGETTO

PROPOSTA DI PROGETTO Regione Toscana Direzione Generale Diritti di Cittadinanza e Coesione Sociale Settore Ricerca, Innovazione e Risorse Umane BANDO PUBBLICO PER PROGETTI DI RICERCA NEL SETTORE NUTRACEUTICA PROPOSTA DI PROGETTO

Dettagli

La gestione finanziaria dei progetti

La gestione finanziaria dei progetti Progettazione sociale ed europea per le Associazioni Culturali La gestione finanziaria dei progetti Torino 18 Marzo 2014 1 Pianificazione economico finanziaria Uno dei momenti della pianificazione è la

Dettagli

BANDO STARTING GRANTS 2015

BANDO STARTING GRANTS 2015 BANDO STARTING GRANTS 2015 ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE DEL PROGETTO DEFINITIVO A seguito di una prima valutazione degli executive summary da parte del Comitato Scientifico, i candidati selezionati dovranno

Dettagli

Budget e Rendicontazione Finanziaria

Budget e Rendicontazione Finanziaria Budget e Rendicontazione Finanziaria DOTT. GIANLUCA COPPOLA Direttore generale - Responsabile Progetti Europei 1 DALLA STRUTTURA DEL PROGETTO ALLA REDAZIONE DEL BUDGET 2 1. DALLA STRUTTURA DEL PROGETTO

Dettagli

Misura 124 "Cooperazione per lo sviluppo di nuovi prodotti, processi e tecnologie nei settori agricolo e alimentare e in quello forestale"

Misura 124 Cooperazione per lo sviluppo di nuovi prodotti, processi e tecnologie nei settori agricolo e alimentare e in quello forestale Misura 124 "Cooperazione per lo sviluppo di nuovi prodotti, processi e tecnologie nei settori agricolo e alimentare e in quello forestale" Consorzio Iniziative per la Formazione dei Divulgatori Agricoli

Dettagli

Caritas Italiana. Ambito. Diocesi Regione. SCHEDA DI VALUTAZIONE e MONITORAGGIO IN ITINERE PROGETTI otto per mille Italia anno 2006

Caritas Italiana. Ambito. Diocesi Regione. SCHEDA DI VALUTAZIONE e MONITORAGGIO IN ITINERE PROGETTI otto per mille Italia anno 2006 Caritas Italiana Ambito Diocesi Regione SCHEDA DI VALUTAZIONE e MONITORAGGIO IN ITINERE PROGETTI otto per mille Italia anno 2006 (LA COMPILAZIONE DELLA SCHEDA È OBBLIGATORIA IN OGNI SUA PARTE E DEVE ESSERE

Dettagli

AVVISO PUBBLICO GIOVANI PER IL SOCIALE SCHEDA DI PROGETTO. Parte I Identificazione della proposta. Parte II.b Informazioni sugli associati

AVVISO PUBBLICO GIOVANI PER IL SOCIALE SCHEDA DI PROGETTO. Parte I Identificazione della proposta. Parte II.b Informazioni sugli associati ALLEGATO B - Scheda di progetto AVVISO PUBBLICO GIOVANI PER IL SOCIALE SCHEDA DI PROGETTO Parte I Identificazione della proposta Parte II.a Informazioni sul soggetto proponente (singolo/capofila) Parte

Dettagli

PRSE 2012-2015 Progetto speciale di interesse regionale Toscana Turistica Sostenibile e Competitiva Fase 2

PRSE 2012-2015 Progetto speciale di interesse regionale Toscana Turistica Sostenibile e Competitiva Fase 2 PRSE 2012-2015 Progetto speciale di interesse regionale Toscana Turistica Sostenibile e Competitiva Fase 2 ALL. A Accordo per l adesione alla fase applicativa degli Osservatori Turistici di Destinazione

Dettagli

1.1 Come si presenta una domanda?... 3. 1.2 E previsto un termine per la presentazione delle domande?... 3

1.1 Come si presenta una domanda?... 3. 1.2 E previsto un termine per la presentazione delle domande?... 3 INDICE 1. COME PRESENTARE DOMANDA... 3 1.1 Come si presenta una domanda?... 3 1.2 E previsto un termine per la presentazione delle domande?... 3 1.3 Quali sono i documenti obbligatori da allegare alla

Dettagli

FONDAZIONE CASSA DI RISPARMIO DI CUNEO BANDO RICERCA SCIENTIFICA 2015 SEZIONE INNOVAZIONE TECNOLOGICA

FONDAZIONE CASSA DI RISPARMIO DI CUNEO BANDO RICERCA SCIENTIFICA 2015 SEZIONE INNOVAZIONE TECNOLOGICA SEZIONE INNOVAZIONE TECNOLOGICA 2015 INDICE Obiettivo... 3 Oggetto... 3 Durata dei progetti... 3 Enti ammissibili... 3 Struttura e fasi di selezione... 5 Modalità di presentazione delle domande... 5 Contributo

Dettagli

DIREZIONE GENERALE PER LA PROMOZIONE DEL SISTEMA PAESE Unità per la Cooperazione Scientifica e Tecnologica Bilaterale e Multilaterale.

DIREZIONE GENERALE PER LA PROMOZIONE DEL SISTEMA PAESE Unità per la Cooperazione Scientifica e Tecnologica Bilaterale e Multilaterale. DIREZIONE GENERALE PER LA PROMOZIONE DEL SISTEMA PAESE Unità per la Cooperazione Scientifica e Tecnologica Bilaterale e Multilaterale d intesa con MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA

Dettagli

BANDO Progetti di Ricerca Applicata per l Innovazione. Criteri di ammissibilità dei costi e modalità di rendicontazione

BANDO Progetti di Ricerca Applicata per l Innovazione. Criteri di ammissibilità dei costi e modalità di rendicontazione BANDO Progetti di Ricerca Applicata per l Innovazione Criteri di ammissibilità dei costi e modalità di rendicontazione Premessa Il presente documento regola le modalità di rendicontazione, ai fini dell

Dettagli

Animazione territoriale INTERREG V-A France Italie INTERREG V-A Italia-Francia (ALCOTRA)

Animazione territoriale INTERREG V-A France Italie INTERREG V-A Italia-Francia (ALCOTRA) Animazione territoriale INTERREG V-A France Italie INTERREG V-A Italia-Francia (ALCOTRA) BANDO PILOTA progetti singoli 15 LUGLIO 2015 15 SETTEMBRE 2015 24 progetti presentati Risorse FESR messe a bando

Dettagli

Università degli Studi di Salerno GPS: Gestione Progetti Software. Project Proposal Versione 1.1

Università degli Studi di Salerno GPS: Gestione Progetti Software. Project Proposal Versione 1.1 Università degli Studi di Salerno GPS: Gestione Progetti Software Project Proposal Versione 1.1 Data 27/03/2009 Project Manager: D Amato Angelo 0521000698 Partecipanti: Nome Andrea Cesaro Giuseppe Russo

Dettagli

SOMMARIO. Bando per il sostegno della progettazione e dell adozione di politiche in materia di energia. Anno 2004. pag. 1

SOMMARIO. Bando per il sostegno della progettazione e dell adozione di politiche in materia di energia. Anno 2004. pag. 1 SOSTEGNO ALLA PROGETTAZIONE E ALL ADOZIONE DI POLITICHE SUL RISPARMIO ENERGETICO E LE FONTI RINNOVABILI DI ENERGIA PER GLI ENTI PUBBLICI DELLA PROVINCIA DI TORINO SOMMARIO ART. 1 - FINALITÀ... 2 ART. 2

Dettagli

LINEE GUIDA AL MONITORAGGIO

LINEE GUIDA AL MONITORAGGIO Direzione Innovazione Ricerca e Università e Sviluppo Energetico Sostenibile Settore Sistemi informativi e Tecnologie della comunicazione POR-FESR - Programma Operativo Regionale Asse I Innovazione e transizione

Dettagli

Linee Guida alla gestione e rendicontazione del Piano formativo

Linee Guida alla gestione e rendicontazione del Piano formativo Allegato n. 10 Linee Guida alla gestione e rendicontazione del Piano formativo Avviso n. 4/2014 Competitività INDICE PREMESSA... 3 1. DEFINIZIONI... 4 2. REALIZZAZIONE DEL PIANO FORMATIVO... 9 2.1 AVVIO

Dettagli

GUIDA ALLA COMPILAZIONE DELLO SCHEMA PER LA REDAZIONE DEI PROGETTI

GUIDA ALLA COMPILAZIONE DELLO SCHEMA PER LA REDAZIONE DEI PROGETTI Legge regionale 7 febbraio 2010, n. 3 Norme per la definizione, riordino e promozione delle procedure di consultazione e partecipazione alla elaborazione delle politiche regionali locali GUIDA ALLA COMPILAZIONE

Dettagli

Programma di Ricerca Regione-Università

Programma di Ricerca Regione-Università Programma di Ricerca Regione-Università Area 2 - Bando 2013 Ricerca per il Governo Clinico Note per la compilazione della modulistica e della scheda di budget del progetto completo Questa nota è intesa

Dettagli

PIANO DEGLI INDICATORI DI AREA

PIANO DEGLI INDICATORI DI AREA Allegato alla Delib.G.R. n. 6/10 del 14.2.2014 PIANO DEGLI INDICATORI DI Quadro normativo: Delib.G.R. n. 34/15 del 2011 PREMESSA Punto di partenza per l elaborazione del sistema di indicatori sono la mission

Dettagli

Domanda 1 Poiché non specificato, se l'invio della domanda è per raccomandata, valgono ora e data sul timbro?

Domanda 1 Poiché non specificato, se l'invio della domanda è per raccomandata, valgono ora e data sul timbro? TERMINI PER LA PRESENTAZIONE DELLE INIZIATIVE Poiché non specificato, se l'invio della domanda è per raccomandata, valgono ora e data sul timbro? Non fanno fede il timbro della data e dell ora della spedizione.

Dettagli

Il Bando Regionale di Ricerca e Sviluppo 2012

Il Bando Regionale di Ricerca e Sviluppo 2012 Il Bando Regionale di Ricerca e Sviluppo 2012 NANOXM - Polo Regionale per le Nanotecnologie Firenze, 8 Febbraio 2012 Il Bando unico di R&S In attuazione del POR CREO FESR 2007/2013 il Bando Unico 2012

Dettagli

Linee guida per la presentazione dei progetti: Avviso Giovani per il sociale

Linee guida per la presentazione dei progetti: Avviso Giovani per il sociale Linee guida per la presentazione dei progetti: Avviso Giovani per il sociale Avviso pubblico per la promozione ed il sostegno di azioni volte al rafforzamento della coesione sociale ed economica dei territori

Dettagli

I finanziamenti erogati a valere sul Fondo sono destinati unicamente agli Enti locali.

I finanziamenti erogati a valere sul Fondo sono destinati unicamente agli Enti locali. Programma Enti Locali Innovazione di Sistema Guida per la presentazione dei progetti Fondo per il sostegno agli investimenti per l innovazione negli enti locali - Art. 1, comma 893, della legge 27 dicembre

Dettagli

AZIONE PROVINCEGIOVANI

AZIONE PROVINCEGIOVANI AZIONE PROVINCEGIOVANI iniziativa promossa da UPI e finanziata da Ministero della Gioventù (Protocollo d Intesa UPI-Dipartimento) finalizzata a promuovere interventi integrati in materia di politiche giovanili

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA PRESENTAZIONE DEI REPORT

LINEE GUIDA PER LA PRESENTAZIONE DEI REPORT 06/09/2012 A CURA DELL ASSOCIAZIONE TECLA LINEE GUIDA PER LA PRESENTAZIONE DEI REPORT progetti2012@azioneprovincegiovani.it 1. Report di Monitoraggio Entro il mese successivo alla metà del progetto Es.

Dettagli

EPULIA - Enjoy Puglia using Ubiquitous technology in Landscape Interactive Adventures

EPULIA - Enjoy Puglia using Ubiquitous technology in Landscape Interactive Adventures UNIONE EUROPEA FONDO EUROPEO DI SVILUPPO REGIONALE. MINISTERO SVILUPPO ECONOMICO REGIONE PUGLIA AREA POLITICHE PER LO SVILUPPO IL LAVORO E L INNOVAZIONE PO FESR PUGLIA 2007-2013 Asse I Linea di Intervento

Dettagli

CONTRIBUTI E FINANZIAMENTI

CONTRIBUTI E FINANZIAMENTI 32 7.9.2011 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 36 COMUNE DI QUARRATA (Pistoia) Selezione pubblica, per prove selettive, per chiamata nominativa di n. 1 Collaboratore Professionale Amministrativo

Dettagli

MISURE SPECIALI DI TUTELA E FRUIZIONE DEI SITI ITALIANI DI INTERESSE CULTURALE, PAESAGGISTICO E AMBIENTALE, INSERITI NELLA LISTA DEL

MISURE SPECIALI DI TUTELA E FRUIZIONE DEI SITI ITALIANI DI INTERESSE CULTURALE, PAESAGGISTICO E AMBIENTALE, INSERITI NELLA LISTA DEL MINISTERO PER I BENI E LE ATTIVITÀ CULTURALI Direzione Generale per la Valorizzazione del Patrimonio Culturale Servizio I Allegato 1 MODELLO per la presentazione delle domande di finanziamento a valere

Dettagli

BANDO ACQUISIZIONI Servizi Informatici. ALLEGATO 2 Offerta Tecnica. Allegato 2: Offerta Tecnica Pag. 1

BANDO ACQUISIZIONI Servizi Informatici. ALLEGATO 2 Offerta Tecnica. Allegato 2: Offerta Tecnica Pag. 1 BANDO ACQUISIZIONI Servizi Informatici ALLEGATO 2 Offerta Tecnica Allegato 2: Offerta Tecnica Pag. 1 ALLEGATO 2 OFFERTA TECNICA La busta B Gara per l affidamento di servizi informatici POR 2000/2006 misura

Dettagli

Sistema per la gestione dei progetti FSE

Sistema per la gestione dei progetti FSE Sistema per la gestione dei progetti FSE Manuale del beneficiario del finanziamento - Sistema per la gestione dei progetti FSE Pagina 2 di 54 Indice degli argomenti Sistema per la gestione dei progetti

Dettagli

Direzione generale per lo Sviluppo Sostenibile, il Clima e l'energia

Direzione generale per lo Sviluppo Sostenibile, il Clima e l'energia Avviso rivolto ai Comuni per la presentazione di manifestazioni di interesse relative alla sperimentazione del prototipo di bicicletta a pedalata assistita ad alto rendimento e ad emissioni zero (e-bike

Dettagli

Lesson learned esperienza di attivazione PMO. Il Modello e i Processi a supporto

Lesson learned esperienza di attivazione PMO. Il Modello e i Processi a supporto Lesson learned esperienza di attivazione PMO Il Modello e i Processi a supporto Indice Il contesto di riferimento Il modello PMO ISS L integrazione nei processi Aziendali Lessons Learned Contesto di riferimento

Dettagli

ALLEGATO 2 MODELLO DI OFFERTA TECNICA

ALLEGATO 2 MODELLO DI OFFERTA TECNICA ALLEGATO 2 MODELLO DI OFFERTA TECNICA Allegato 2 Modello di offerta tecnica Pagina 1 di 23 Premessa Nella redazione dell Offerta tecnica il concorrente deve seguire lo schema del modello proposto in questo

Dettagli

FORMULARIO DI PRESENTAZIONE

FORMULARIO DI PRESENTAZIONE MINISTERO DELLA PUBBLICA ISTRUZIONE Direzione Generale degli Scambi Culturali Divisione V Programma Operativo Nazionale n. 1999 IT 05 1 PO 013 Annualità FORMULARIO DI PRESENTAZIONE per progetti cofinanziati

Dettagli

GUIDA ALLA PRESENTAZIONE. Bando LAIV 2009

GUIDA ALLA PRESENTAZIONE. Bando LAIV 2009 GUIDA ALLA PRESENTAZIONE Bando LAIV 2009 INDICE Guida alla presentazione dei progetti pag. 1. Iter di presentazione dei progetti sul bando LAIV 2009 3 2. Come presentare il pre-progetto 3 3. Come presentare

Dettagli

I BANDI PER RICERCA SVILUPPO E INNOVAZIONE

I BANDI PER RICERCA SVILUPPO E INNOVAZIONE I BANDI PER RICERCA SVILUPPO E INNOVAZIONE GESTIONE IN ANTICIPAZIONE DEL POR FESR 2014-2020 Angelita Luciani Responsabile Ricerca industriale, innovazione e trasferimento tecnologico FINALITA DELL INTERVENTO

Dettagli

LINEE GUIDA ALLA RENDICONTAZIONE DEI PROGETTI

LINEE GUIDA ALLA RENDICONTAZIONE DEI PROGETTI FONDO ROTATIVO DI FINANZA AGEVOLATA DENOMINATO FONDO ENERGIA INTERVENTO CO-FINANZIATO DAL P.O.R. FESR 2007-2013 REGIONE EMILIA ROMAGNA, ASSE 3- QUALIFICAZIONE ENERGETICO AMBIENTALE E SVILUPPO SOSTENIBILE

Dettagli

LIFE+ Caratteristiche. LIFE+ Il nuovo strumento finanziario dell Unione Europea per l ambiente. Obiettivi generali di LIFE+

LIFE+ Caratteristiche. LIFE+ Il nuovo strumento finanziario dell Unione Europea per l ambiente. Obiettivi generali di LIFE+ LIFE+ Il nuovo strumento finanziario dell Unione Europea per l ambiente Sportello LIFE+ I testi di questa presentazione sono integrati dai commenti a voce dei relatori aggiornati alla data indicata. Letti

Dettagli

MANUALE DI GESTIONE ATTIVITÀ FINANZIATE DA FONDITALIA

MANUALE DI GESTIONE ATTIVITÀ FINANZIATE DA FONDITALIA MANUALE DI GESTIONE ATTIVITÀ FINANZIATE DA FONDITALIA Approvato nel C.D.A. del 13 marzo 2013 Via Cesare Beccaria,16-00196 Roma T. +39 06 95216933 - F. +39 06 99705521 - C.F. 97516290588 - info@fonditalia.org

Dettagli

Regione Toscana Direzione Generale della Presidenza - Settore Attività Internazionali L.R. 26/2009 PIANO INTEGRATO DELLE ATTIVITA INTERNAZIONALI

Regione Toscana Direzione Generale della Presidenza - Settore Attività Internazionali L.R. 26/2009 PIANO INTEGRATO DELLE ATTIVITA INTERNAZIONALI Allegato A Regione Toscana Direzione Generale della Presidenza - Settore Attività Internazionali L.R. 26/2009 PIANO INTEGRATO DELLE ATTIVITA INTERNAZIONALI Avviso pubblico per la presentazione di proposte

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Dipartimento per il sistema educativo di istruzione e di formazione

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Dipartimento per il sistema educativo di istruzione e di formazione MIUR.AOODPIT.REGISTRO DECRETI DIPARTIMENTALI.0001294.02-12-2015 Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca IL DIRIGENTE VISTO il Decreto del Presidente della Repubblica n. 567 del 10 ottobre

Dettagli

PON SICUREZZA 2007-2013 - FAQ -

PON SICUREZZA 2007-2013 - FAQ - PON SICUREZZA 20072013 FAQ 1. Quale è la procedura di presentazione dei progetti aventi valenza territoriale? La procedura di presentazione delle proposte progettuali nell ambito del PON è sempre aperta

Dettagli

GUIDA ALLA COMPILAZIONE DELLO SCHEMA PER LA REDAZIONE DEI PROGETTI

GUIDA ALLA COMPILAZIONE DELLO SCHEMA PER LA REDAZIONE DEI PROGETTI Legge regionale 7 febbraio 2010, n. 3 Norme per la definizione, riordino e promozione delle procedure di consultazione e partecipazione alla elaborazione delle politiche regionali locali GUIDA ALLA COMPILAZIONE

Dettagli

2008-2013 4 CUP H31C13000060002.

2008-2013 4 CUP H31C13000060002. Allegato A Avviso di procedura comparativa per il conferimento di un incarico per l attività di verifica amministrativo-contabile, controllo e certificazione della spesa nell ambito del progetto denominato

Dettagli

Bando 2015 FONDAZIONE SOCIAL

Bando 2015 FONDAZIONE SOCIAL Bando 2015 Indice A. Premessa B. Caratteristiche del Bando B.1. Risorse B.2 Obiettivi B.3 Aree di interesse B.4 Ambito di intervento e soggetti beneficiari C. Soggetti proponenti D. Progetti ammissibili

Dettagli

Linee guida per la presentazione dei progetti Avviso : Giovani per la valorizzazione dei beni pubblici

Linee guida per la presentazione dei progetti Avviso : Giovani per la valorizzazione dei beni pubblici Linee guida per la presentazione dei progetti Avviso : Giovani per la valorizzazione dei beni pubblici Avviso pubblico a presentare progetti per la promozione ed il sostegno di interventi tesi alla valorizzazione

Dettagli

Il report è. correlati con le spese

Il report è. correlati con le spese Il report è - collegato ai pagamenti (intermedio e finale) - obbligatorio (da contratto) e deve essere prodotto entro 2 mesi dalla fine del progetto (data indicata nel contratto) - inoltre, deve essere

Dettagli

DAL RAPPORTO DI AUTOVALUTAZIONE AL PIANO DI MIGLIORAMENTO I PARTE

DAL RAPPORTO DI AUTOVALUTAZIONE AL PIANO DI MIGLIORAMENTO I PARTE DAL RAPPORTO DI AUTOVALUTAZIONE AL PIANO DI MIGLIORAMENTO I PARTE Clara Alemani - Esperta del Centro Risorse CAF Imma Parolisi Responsabile Webinar ARGOMENTO DEL WEBINAR FORMATIVO 5: STEP 1 Wf STEP 2 Wf

Dettagli

d intesa con MINISTERO DELLA SALUTE DIREZIONE GENERALE DELLA RICERCA ED INNOVAZIONE IN SANITA Ufficio III

d intesa con MINISTERO DELLA SALUTE DIREZIONE GENERALE DELLA RICERCA ED INNOVAZIONE IN SANITA Ufficio III DIREZIONE GENERALE PER LA PROMOZIONE DEL SISTEMA PAESE Unità per la Cooperazione Scientifica e Tecnologica Bilaterale e Multilaterale d intesa con MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA

Dettagli

BANDO PUBBLICO PROGRAMMA INMP 2015 PER PROGETTI DI SANITÀ PUBBLICA IN TEMA DI SALUTE, MIGRAZIONE E POVERTA

BANDO PUBBLICO PROGRAMMA INMP 2015 PER PROGETTI DI SANITÀ PUBBLICA IN TEMA DI SALUTE, MIGRAZIONE E POVERTA BANDO PUBBLICO PROGRAMMA INMP 2015 PER PROGETTI DI SANITÀ PUBBLICA IN TEMA DI SALUTE, MIGRAZIONE E POVERTA RAZIONALE Il progetto interregionale 2014 prevede, al paragrafo E.5, che l INMP persegua i propri

Dettagli

Analisi funzionale della Business Intelligence

Analisi funzionale della Business Intelligence Realizzazione di un sistema informatico on-line bilingue di gestione, monitoraggio, rendicontazione e controllo del Programma di Cooperazione Transfrontaliera Italia - Francia Marittimo finanziato dal

Dettagli

Schema della Stampa del formulario di presentazione dei piani formativi concordati

Schema della Stampa del formulario di presentazione dei piani formativi concordati AVVISO N.11 del 6 MAGGIO 2009 PIANI PER INTERVENTI FORMATIVI DI SOSTEGNO A IMPRESE E LAVORATORI COLPITI DALLA CRISI ECONOMICA Schema della Stampa del formulario di presentazione dei piani formativi concordati

Dettagli

GLI STRUMENTI FINANZIARI DELL'UNIONE EUROPEA I fondi comunitari e la loro utilizzazione per lacrescita economica e sociale delle P.A.

GLI STRUMENTI FINANZIARI DELL'UNIONE EUROPEA I fondi comunitari e la loro utilizzazione per lacrescita economica e sociale delle P.A. PROGRAMMA DETTAGLIATO Titolo del Corso GLI STRUMENTI FINANZIARI DELL'UNIONE EUROPEA I fondi comunitari e la loro utilizzazione per lacrescita economica e sociale delle P.A. Soggetti proponenti IMT Alti

Dettagli

FORMULARIO per la presentazione delle proposte progettuali

FORMULARIO per la presentazione delle proposte progettuali Misura 124 del PSR 2007-2013 della Regione Toscana FORMULARIO per la presentazione delle proposte progettuali ACRONIMO DEL PROGETTO TITOLO DEL PROGETTO SETTORE DI RIFERIMENTO PREVALENTE FLOROVIVAISMO AGRIENERGIE

Dettagli

ASSESSORATO PER LA SANITA'

ASSESSORATO PER LA SANITA' R E P U B B L I C A I T A L I A N A REGIONE SICILIANA ASSESSORATO PER LA SANITA' DIPARTIMENTO OSSERVATORIO EPIDEMIOLOGICO PREVENZIONE E FORMAZIONE PERMANENTE Allegato al punto 4B del Cronoprogramma anno

Dettagli

contratto in cui devono essere chiaramente indicati contenuti, tempi e costi.

contratto in cui devono essere chiaramente indicati contenuti, tempi e costi. contratto in cui devono essere chiaramente indicati contenuti, tempi e costi. STIPULA DELLA CONVENZIONE/AVVIO ATTIVITA' DI PROGETTO ATTRIBUZIONE CODICE PROGETTO E MATRICOLA ATTIVITA' Implementazione -

Dettagli

Linee guida e Raccomandazioni per la II Fase - Studi di Fattibilità - II Edizione

Linee guida e Raccomandazioni per la II Fase - Studi di Fattibilità - II Edizione Linee guida e Raccomandazioni per la II Fase - Studi di Fattibilità - II Edizione RUOLI NELLA RETE Quali sono i ruoli che un ente può interpretare nell ambito del progetto? Un ente può essere partner oppure

Dettagli

IN ITINER@ BANDO DI VALORIZZAZIONE DEL PATRIMONIO MONUMENTALE DEDICATO A VISITE ED ITINERARI

IN ITINER@ BANDO DI VALORIZZAZIONE DEL PATRIMONIO MONUMENTALE DEDICATO A VISITE ED ITINERARI IN ITINER@ BANDO DI VALORIZZAZIONE DEL PATRIMONIO MONUMENTALE DEDICATO A VISITE ED ITINERARI Criteri generali Obiettivi del bando Il bando intende promuovere la vocazione turistico-culturale dei Comuni

Dettagli

Bollettino Ufficiale della Regione Puglia n. 6 del 16 01 2014

Bollettino Ufficiale della Regione Puglia n. 6 del 16 01 2014 1628 R E G I O N E P U G L I A Area Politiche per lo sviluppo economico, lavoro e l innovazione Servizio Politiche Giovanili e Cittadinanza Sociale AVVISO PUBBLICO PER LA PRESENTAZIONE DI PROPOSTE PROGETTUALI

Dettagli

Manuale per gli osservatori della qualità dell Educazione. Continua in Medicina. 24 Novembre 2014 - Edizione 3^

Manuale per gli osservatori della qualità dell Educazione. Continua in Medicina. 24 Novembre 2014 - Edizione 3^ ONFoCS Osservatorio Nazionale della Formazione Continua in Sanità Manuale per gli osservatori della qualità dell Educazione Continua in Medicina 24 Novembre 2014 - Edizione 3^ Manuale qualità ECM 24 Novembre

Dettagli

L Europa ci aspetta! BENVENUTI!

L Europa ci aspetta! BENVENUTI! Ufficio Europa & Ufficio Politiche Giovanili L Europa ci aspetta! Seminario - Workshop sulla Progettazione Europea e non. BENVENUTI! COME SCRIVERE UN PROGETTO EUROPEO Mini - Guida per ogni tipo di programma

Dettagli

Indice. 1 Evoluzione dell Idea di project management e definizione del progetto ----------------------4

Indice. 1 Evoluzione dell Idea di project management e definizione del progetto ----------------------4 LEZIONE LA GESTIONE DEI PROGETTI DOTT. GIUSEPPE IULIANO Indice 1 Evoluzione dell Idea di project management e definizione del progetto ----------------------4 1.1 La prima fase di impostazione ---------------------------------------------------------------------7

Dettagli

FORM PER UN FINAL REPORT (SINTESI)

FORM PER UN FINAL REPORT (SINTESI) FORM PER FINAL REPORT FORM PER UN FINAL REPORT (SINTESI) Giovanni Serpelloni ), Elisabetta Simeoni ). Centro di Medicina Preventiva e Comunitaria - Azienda ULSS 0 Verona. UPM (Unità di Project Management)

Dettagli

Direzione Generale per le Politiche Attive e Passive del Lavoro

Direzione Generale per le Politiche Attive e Passive del Lavoro Direzione Generale per le Politiche Attive e Passive del Lavoro La compilazione del Piano delle azioni di miglioramento avviene da parte degli esperti territoriali in collaborazione con le amministrazioni.

Dettagli

ALLEGATO 3 SCHEDA DI OPERAZIONE

ALLEGATO 3 SCHEDA DI OPERAZIONE ALLEGATO 3 SCHEDA DI OPERAZIONE AZIONI 4.2.2 E 4.4.2 (LETTERE E-F) DEL PPA ASSE IV POR FESR PUGLIA 2007-2013 A Notizie generali Denominazione del SAC Beneficiario dell operazione [Denominazione, indirizzo]

Dettagli

Bando per il finanziamento dei progetti speciali

Bando per il finanziamento dei progetti speciali Allegato al Decreto n.764 /LAVFOR.ISTR dd. 8 aprile 2015 Art. 1 Finalità Bando per il finanziamento dei progetti speciali 1. Il presente bando viene emanato al fine di promuovere l integrazione tra le

Dettagli

Come viene valutato un progetto nell ambito del programma Europe-Aid

Come viene valutato un progetto nell ambito del programma Europe-Aid Come viene valutato un progetto nell ambito del programma Europe-Aid Principi generali e metodologia M. Flavia Di Noto - 9 dicembre 2010 Venezia Fasi di una proposta di progetto presentata a Europe-Aid

Dettagli

Sede legale Indirizzo: Cap: Città Provincia

Sede legale Indirizzo: Cap: Città Provincia Modello 3) FORMULARIO PER LA PRESENTAZIONE DELLA PROPOSTA PROGETTUALE PER REALIZZAZIONE DI UN PROGETTO DI SUPPORTO ALLE AZIONI REGIONALI PER LA PREVENZIONE DEI RISCHI DOVUTI AL GIOCO D AZZARDO PATOLOGICO

Dettagli

276 Bollettino Ufficiale. Serie Ordinaria n. 38 - Venerdì 19 settembre 2014

276 Bollettino Ufficiale. Serie Ordinaria n. 38 - Venerdì 19 settembre 2014 276 Bollettino Ufficiale D.G. Famiglia, solidarietà sociale e volontariato D.d.g. 17 settembre 2014 - n. 8500 Rettifica d.d.g. n. 7438 del 1 agosto 2014 «Bando 2014/2015 per l erogazione di contributi

Dettagli

Avviso pubblico. Progetti Strutturanti

Avviso pubblico. Progetti Strutturanti Regione Toscana Direzione Generale Diritti di Cittadinanza e Coesione Sociale Settore Ricerca, Innovazione e Risorse Umane L.R. 26/2009 PIANO INTEGRATO DELLE ATTIVITA INTERNAZIONALI Avviso pubblico per

Dettagli

PROCEDURA PER LA PRESENTAZIONE E GESTIONE DI PROGETTI FINANZIATI SU BANDI COMPETITIVI

PROCEDURA PER LA PRESENTAZIONE E GESTIONE DI PROGETTI FINANZIATI SU BANDI COMPETITIVI PROCEDURA PER LA PRESENTAZIONE E GESTIONE DI PROGETTI FINANZIATI SU BANDI COMPETITIVI Venezia, gennaio 2013 Il presente documento definisce i processi di presentazione e gestione dei progetti finanziati

Dettagli

Attenzione: la copertina del decreto presidenziale va stampata su carta intestata della presidenza, che ha già il cartiglio

Attenzione: la copertina del decreto presidenziale va stampata su carta intestata della presidenza, che ha già il cartiglio Attenzione: la copertina del decreto presidenziale va stampata su carta intestata della presidenza, che ha già il cartiglio Regolamento per la concessione ai Comuni di contributi per la predisposizione

Dettagli

Oggetto: Istruzioni per la gestione amministrativa del grant assegnato ai progetti per l annualità 2016 deliberata da AIRC nel 2015.

Oggetto: Istruzioni per la gestione amministrativa del grant assegnato ai progetti per l annualità 2016 deliberata da AIRC nel 2015. Milano, 19/11/2015 Oggetto: Istruzioni per la gestione amministrativa del grant assegnato ai progetti per l annualità 2016 deliberata da AIRC nel 2015. Il presente documento ha lo scopo di illustrare le

Dettagli

Autore: Luca Masi Versione: 8/3/2012. Capire le caratteristiche di un bando e valutare se preparare il progetto: appunti, domande e riflessioni.

Autore: Luca Masi Versione: 8/3/2012. Capire le caratteristiche di un bando e valutare se preparare il progetto: appunti, domande e riflessioni. LEGGERE UN BANDO DI FINANZIAMENTO PER LE ORGANIZZAZIONI NON PROFIT Capire le caratteristiche di un bando e valutare se preparare il progetto: appunti, domande e riflessioni. Data di scadenza Ho il tempo

Dettagli

MANSIONARIO DELL AGENZIA FORMATIVA ALL.03

MANSIONARIO DELL AGENZIA FORMATIVA ALL.03 MANSIONARIO DELL AGENZIA FORMATIVA ALL.03 Pagina 1 di 7 DATA I EMISSIONE: 12/01/2008 Resp. Redazione RGSQ Resp. Verifica RGSQ Resp. Approvazione DIR REVISIONI DATA MODIFICHE RESP. VERIFICA GESTIONE SISTEMA

Dettagli

PIANO PROVINCIALE DI MANTOVA PER L INSERIMENTO LAVORATIVO DELLE PERSONE DISABILI (2014-2016)

PIANO PROVINCIALE DI MANTOVA PER L INSERIMENTO LAVORATIVO DELLE PERSONE DISABILI (2014-2016) PROVINCIA DI MANTOVA Settore risorse culturali e turistiche, lavoro, sviluppo della persona e delle comunità. PIANO PROVINCIALE DI MANTOVA PER L INSERIMENTO LAVORATIVO DELLE PERSONE DISABILI (2014-2016)

Dettagli

SCHEDA DI RENDICONTAZIONE ECONOMICO-FINANZIARIA BANDO ASSOCIAZIONISMO/VOLONTARIATO

SCHEDA DI RENDICONTAZIONE ECONOMICO-FINANZIARIA BANDO ASSOCIAZIONISMO/VOLONTARIATO SCHEDA DI RENDICONTAZIONE ECONOMICO-FINANZIARIA BANDO ASSOCIAZIONISMO/VOLONTARIATO Denominazione dell'organizzazione Titolare del Progetto (o Capofila): Codice Fiscale: \ Titolo del progetto: Data di avvio

Dettagli

INTERREG V-A France Italie INTERREG V-A Italia-Francia (ALCOTRA) Pinerolo, 28 luglio 2015

INTERREG V-A France Italie INTERREG V-A Italia-Francia (ALCOTRA) Pinerolo, 28 luglio 2015 INTERREG V-A France Italie INTERREG V-A Italia-Francia (ALCOTRA) Pinerolo, 28 luglio 2015 Calendario dei bandi è stato previsto dal Comitato di Sorveglianza di Marsiglia il 15/06/2015 BANDO PILOTA progetti

Dettagli

BANDO MINISTERO SVILUPPO ECONOMICO

BANDO MINISTERO SVILUPPO ECONOMICO BANDO MINISTERO SVILUPPO ECONOMICO Fondo Crescita: bandi per progetti di R&S nei settori ICT e Industria Sostenibile Il Ministero dello Sviluppo Economico, con decreto del 15 ottobre 2014, pubblicato nella

Dettagli

Dall Idea al Progetto

Dall Idea al Progetto CORSO DI EUROPROGETTAZIONE Dall Idea al Progetto DOTT. GIANLUCA COPPOLA Direttore generale - Responsabile Progetti Europei 1 CAPITOLO 1 STRUTTURARE UN PROGETTO 2 1. STRUTTURARE UN PROGETTO Definizione

Dettagli

1) IDEA PROGETTUALE (max. 4 pagine).

1) IDEA PROGETTUALE (max. 4 pagine). Proposta preliminare di sviluppo di un Progetto Integrato di Frontiera (PIF FORMULARIO Nome del PIF: Area Tematica ( a scelta fra quelle indicate nell appendice 1 dell Avviso Pubblico Abstract (1 pagina

Dettagli

REGIONE TOSCANA SETTORE LAVORO

REGIONE TOSCANA SETTORE LAVORO - ALLEGATO B) REGIONE TOSCANA SETTORE LAVORO FORMULARIO di presentazione di progetti volti alla realizzazione di opere e servizi di pubblica utilità a valere sul P.O.R. Toscana FSE 2014-2020 1 SEZIONE

Dettagli

Kickoff meeting progetti LIFE+ 2007 Questionario

Kickoff meeting progetti LIFE+ 2007 Questionario Domanda 1. Il costo per adempimenti burocratico - amministrativi può essere rendicontato sul LIFE; se sì, in quale categoria di spesa? Kickoff meeting progetti LIFE+ 2007 Questionario 2. Se è prevista

Dettagli

1 - Direttive e riferimenti normativi. 2 - Tipologia di progetto. Provincia di Sondrio

1 - Direttive e riferimenti normativi. 2 - Tipologia di progetto. Provincia di Sondrio Provincia di Sondrio INDICAZIONI PER LA PRESENTAZIONE DI PROGETTI PREVISTI DAL PIANO PROVINCIALE PER L'INSERIMENTO MIRATO AL LAVORO DEI DISABILI A VALERE SUL FONDO REGIONALE LEGGE 68/99 DISPOSITIVO: L

Dettagli

Software di ausilio alla Governance IT

Software di ausilio alla Governance IT Seminario Software di ausilio alla Governance IT Giuseppe Marciante g.marciante@gmail.com IT Cost Management Piano dei conti IT Struttura del Budget IT Procurement Agenda Project & Portfolio Management

Dettagli

Avviso Pubblico Giovani Attivi

Avviso Pubblico Giovani Attivi All. A Avviso Pubblico Giovani Attivi P.O.R. Campania FSE 2007-2013 Asse III Obiettivo Specifico: g) Sviluppare percorsi di integrazione e migliorare il (re)inserimento lavorativo dei soggetti svantaggiati

Dettagli