PIANO DI COMUNICAZIONE LOCALE LOCAL COMMUNICATION PLAN Aggiornamento Gennaio 2013 Update January 2013

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PIANO DI COMUNICAZIONE LOCALE LOCAL COMMUNICATION PLAN Aggiornamento Gennaio 2013 Update January 2013"

Transcript

1 PIANO DI COMUNICAZIONE LOCALE LOCAL COMMUNICATION PLAN Aggiornamento Gennaio 2013 Update January 2013 LIFE09 ENV/IT/ WASTELESS in CHIANTI Prevenzione e riduzione dei rifiuti nel territorio del Chianti

2 1 ABSTRACT This deliverable contains the evaluation of the state of implementation of the Local Communication Plan (in paragraph 2) and a revision of the Plan with the identification of new events and materials to be organized or produced by the end of the project (in paragraph 3). 2 VERIFICA DELLE ATTIVITÀ E DEGLI STRUMENTI REALIZZATI Piano di Verifica delle attività realizzate Modalità di Stato di Attività di per il coinvolgimento degli stakeholder Database/ indirizzario Individuazione dei potenziali stakeholder da coinvolgere nell attuazione del progetto (associazioni di categoria commercianti, aziende di gestione dei rifiuti, associazioni ambientaliste e del terzo settore, commercianti e pubblici esercenti, gestori di strutture ricettive etc.), costruzione di un indirizzario dei recapiti per la gestione delle convocazioni agli incontri e delle comunicazioni informative sul progetto Realizzato database in Access Dicembre 2010 VERS: 01 DATA:03/02/2011 PAGINA: 2 di 17

3 Piano di Verifica delle attività realizzate Modalità di Stato di Iniziative locali di formazione e informazione Iniziative di presentazione delle azioni previste dal progetto Primo incontro informativo sulle azioni di progetto, rivolto a tutti gli stakeholder, da realizzare presso i comuni (Barberino + Tavarnelle, San Casciano, Greve) Realizzato in ogni comune TVP: 15/3/11 SCVP: 16/3/11 GC: 21/3/11 BVE: 20/4/11 Seminario formativo finalizzato a presentare nel dettaglio le modalità di delle azioni di riduzione dei rifiuti previste nel progetto Incontro formativo di approfondimento delle modalità di delle azioni, rivolto a dirigenti e tecnici comunali, dirigenti scolastici e insegnanti, rappresentanti associazioni di categoria Realizzato incontro rivolto a tecnici comunali e associazioni di categoria GC: 14/2/11 VERS: 01 DATA: 31/01/2013 PAGINA: 3 di 17

4 Piano di Verifica delle attività realizzate Modalità di Stato di Iniziative di presentazione delle modalità applicative del marchio wasteless Incontro di presentazione delle modalità applicative del marchio waste less, rivolto a tutti gli stakeholder interessati, da realizzare presso i comuni (Barberino + Tavarnelle, San Casciano, Greve) L incontro potrà anche essere articolato in più sessioni, ciascuna rivolta ad un pubblico specifico (negozianti, pubblici esercenti, etc.) Incontri realizzati in tutti i comuni coinvolti, con sessioni specifiche per strutture ricettive, esercizi commerciali, pubblici esercizi GC: 5/5/11 SCVP: 9/5/11 TVP+BVE: 10/5/11 VERS: 01 DATA: 31/01/2013 PAGINA: 4 di 17

5 Piano di Verifica delle attività realizzate Modalità di Stato di Incontri di analisi e di confronto con le buone pratiche Iniziativa pubblica a scala regionale, da realizzare a Firenze Iniziativa organizzata in forma di convegno pubblico, invitando in qualità di relatori soggetti che hanno realizzato in altri contesti buone pratiche relative alle attività da realizzare nel progetto rivolta ad un pubblico ampio Iniziativa pubblica di scambio di buone pratiche realizzata a Firenze, nell ambito della Fiera Terra Futura, edizione /05/2011 VERS: 01 DATA: 31/01/2013 PAGINA: 5 di 17

6 Piano di Verifica delle attività realizzate Modalità di Stato di Iniziativa pubblica a scala locale, focus su buone pratiche di riduzione rifiuti Iniziativa organizzata in forma di convegno pubblico, in uno dei 4 comuni coinvolti e rivolto a stakeholder locali, cittadini e turisti, realizzato in occasione della sottoscrizione del protocollo d intesa tra gli stakeholder e del lancio della fase attuativa del progetto Iniziative organizzate nell ambito della Settimana Europea per la Riduzione dei rifiuti 2011 Novembre 2011 VERS: 01 DATA: 31/01/2013 PAGINA: 6 di 17

7 Piano di Verifica delle attività realizzate Modalità di Stato di Iniziativa pubblica a scala locale, focus su buone pratiche di gestione servizio rifiuti Iniziativa organizzata in forma di convegno pubblico, organizzata in uno dei 4 comuni coinvolti e rivolto a stakeholder locali, cittadini e turisti, realizzato in occasione dell avvio dell applicazione sperimentale dei nuovi sistemi di gestione e tariffazione dei rifiuti Convegno pubblico realizzato a Firenze, nell ambito della Settimana Europea per la Riduzione dei rifiuti Titolo del convegno: EVOLUZIONE DEI SISTEMI DI RACCOLTA DIFFERENZIATA: ESPERIENZE A CONFRONTO 21/11/2012 VERS: 01 DATA: 31/01/2013 PAGINA: 7 di 17

8 Piano di Verifica delle attività realizzate Modalità di Stato di Iniziative di confronto con gli stakeholder Iniziative a scala locale, rivolte agli stakeholder, per la presentazione, discussione e approvazione del programma operativo per la riduzione dei rifiuti Iniziative organizzate in forma di forum di discussione, in uno dei 4 comuni, finalizzate a discutere e mettere a punto il programma operativo per l applicazione delle azioni di riduzione dei rifiuti Programma operativo pubblicato sul sito web del progetto il 21/10/2011. Iniziativa di presentazione e discussione del Programma Operativo organizzata nel Comune di San Casciano in Val di Pesa SCVP: 3/11/2011 VERS: 01 DATA: 31/01/2013 PAGINA: 8 di 17

9 Piano di Verifica delle attività realizzate Modalità di Stato di Interventi di educazione ambientale Realizzazione del progetto di educazione ambientale Riciclabilandia, con focus specifico sulla riduzione rifiuti, nelle scuole dell infanzia e primarie dei 4 comuni Progetto di educazione ambientale RICICLABILANDIA realizzato nei 4 comuni, coinvolte 38 classi e 820 studenti delle scuole dell infanzia e primarie Anno scolastico 2010/2011 Educazione ambientale Predisposizione di un kit formativo Predisposizione di un kit formativo, utilizzabile anche da altri stakeholder per realizzare percorsi di educazione ambientale sul territorio Predisposto kit formativo e didattico per la del progetto RICICLABILANDIA nelle classi della scuola dell infanzia e primaria Febbraio schede didattiche scuola materna (200 copie) - schede didattiche scuola elementare (700 copie) - dispense per insegnanti (55 copie) - manifesti per scuole su riduzione (50 copie) - depliant per famiglie su riduzione (1.000 copie) Materiali disponibili on line, sul sito del progetto, sezione documenti VERS: 01 DATA: 31/01/2013 PAGINA: 9 di 17

10 Piano di Verifica delle attività realizzate Modalità di Stato di Poster 70x100 - Poster generale di pubblicizzazione del marchio wasteless ; - Poster per la promozione del consumo di acqua di rete; - Poster per la promozione del compostaggio domestico Poster per affissioni pubbliche, da utilizzare durante la fase di attuazione delle azioni Poster realizzati Generale: ottobre 2011 Acqua: ottobre 2012 Compost: ottobre 2012 Opuscoli Opuscolo informativo sulle azioni di riduzione della produzione dei rifiuti Opuscolo di circa 10 pagine in quadricromia inerente le azioni di riduzione della produzione dei rifiuti previste dal progetto e le modalità per contribuire alla loro buona, da distribuire alle famiglie dei 4 comuni coinvolti Opuscolo realizzato e stampato in copie Ottobre 2011 VERS: 01 DATA: 31/01/2013 PAGINA: 10 di 17

11 Piano di Verifica delle attività realizzate Modalità di Stato di Opuscolo informativo sui sistemi di raccolta domiciliare e di tariffazione puntuale e sulle di valorizzazione materiali riciclati Opuscolo di circa 10 pagine in quadricromia che dovrà illustrare chiaramente dove, quando e come gettare i rifiuti delle diverse tipologie e come sarà contabilizzata la produzione di ciascun rifiuto conferito, da distribuire alle famiglie dei 4 comuni coinvolti Opuscolo realizzato e stampato in copie Ottobre 2012 Layout di pieghevole base Da utilizzare per fornire informazioni generali/ comunicazioni sulle attività di progetto e/o sulle modalità attuative di delle azioni, in formato word, utilizzabile da ogni stakeholder coinvolto nel progetto anche per predisporre pieghevoli informativi personalizzati per il proprio sito applicativo Layout opuscolo base realizzato, in formato A4 Ottobre 2011 VERS: 01 DATA: 31/01/2013 PAGINA: 11 di 17

12 Piano di Verifica delle attività realizzate Attività di ufficio stampa Pubblicazione di notizie periodiche sui media locali Modalità di Tra le attività minime da realizzare, sono previsti in particolare: - Spot audio e trasmissione su radio locali (3 stazioni radio); - Spot TV e trasmissione su TV locali (2 stazioni TV); - 10 articoli su riviste locali specializzate Stato di Spot audio realizzato e trasmesso su radio locali durante la SERR 2011 Video realizzati da Florence Multimedia (vedi sito web, sezione Parlano di noi ) Articoli su riviste specializzate da realizzare In progress Pubblicità su riviste e giornali locali Inserzioni pubblicitarie riguardanti le specifiche azioni, a colori, mezza pagina In linea di massima, i contenuti delle pubblicità potranno essere i seguenti: 1. marchio wasteless ; 2. promozione consumo di acqua di rete; 3. promozione compostaggio domestico; 4. introduzione nuovi sistemi di gestione e tariffazione Realizzata e pubblicata prima pubblicità su marchio waste less durante la SERR 2011 Novembre2011 VERS: 01 DATA: 31/01/2013 PAGINA: 12 di 17

13 Piano di Verifica delle attività realizzate Modalità di Stato di Rubrica permanente su newsletter comuni News su contenuti e stato di avanzamento del progetto Inserimento di una rubrica fissa, con evidenza del logo di progetto Non realizzata in quanto i Comuni non realizzano più newsletter periodica da inviare ai cittadini Social network Pagina facebook Registrazione e gestione di un profilo/gruppo del progetto su facebook Realizzata pagina facebook (Progetto Waste less) Creata a gennaio 2011 Stand/info point Stand/punti informativi da realizzare in occasione di eventi locali (mercati, manifestazioni pubbliche rilevanti per il territorio) Individuazione degli eventi locali in occasione dei quali predisporre gli stand/info point Realizzazione di materiali per l allestimento degli stand Organizzazione e gestione degli stand/info point Realizzati in tutti i comuni in diverse occasioni Predisposti/acquistati anche specifici materiali per l allestimento degli stand 4 stand durante la SERR 2011 (1 per ogni comune) 4 stand durante la Settimana porta la sporta stand durante la SERR 2012, Stand durante le Svuota la soffitta) (ad oggi 1 già realizzato, altri 5 già programmati) VERS: 01 DATA: 31/01/2013 PAGINA: 13 di 17

14 Piano di Verifica delle attività realizzate Modalità di Stato di Incontri pubblici Incontri rivolti a stakeholder, cittadini e turisti per pubblicizzare risultati raggiunti Incontri organizzati in forma di assemblee pubbliche/forum, da realizzare in uno dei 4 comuni coinvolti Primo incontro programmato a Firenze, nell ambito della Fiera Terra Futura Maggio 2013 VERS: 01 DATA: 31/01/2013 PAGINA: 14 di 17

15 Piano di Verifica delle attività realizzate Linee guida operative per la delle azioni di riduzione rifiuti Linee guida per: 1. negozio waste less 2. bar e ristorante waste less 3. struttura ricettiva waste less 4. ufficio waste less 5. scuola waste less 6. manifestazione pubblica waste less 7. recupero last food 8. riutilizzo imballaggi terziari 9. Centri di recupero/mercati usato Modalità di Definizione e messa a punto dei contenuti delle linee guida, attraverso il confronto con gli stakeholder interessati Distribuzione delle linee guida in occasione delle locali di informazione e formazione (vedi in particolare incontri previsti per la presentazione delle modalità di funzionamento del marchio waste less ) Stato di Linee guida realizzate Settembre 2011 Disponibili sul sito web del progetto, sezione Documenti VERS: 01 DATA: 31/01/2013 PAGINA: 15 di 17

16 Piano di Verifica delle attività realizzate Kit di locale kit per: 1. negozio waste less 2. bar e ristorante waste less 3. struttura ricettiva waste less 4. ufficio waste less 5. scuola waste less 6. manifestazione pubblica waste less 7. recupero last food 8. riutilizzo imballaggi terziari 9. Centri di recupero/mercati usato Modalità di Definizione e messa a punto degli strumenti di previsti nei kit, attraverso il confronto con gli stakeholder interessati Distribuzione dei kit in occasione delle locali di informazione e formazione (vedi in particolare incontri previsti per la presentazione delle modalità di funzionamento del marchio waste less ) Acquisto delle attrezzature di supporto (modalità di acquisto ancora da definire) Stato di Kit realizzato con predisposizione di numerosi materiali: - vetrofania: n etichette adesive: n in fogli A4 - carta punti: n distinte locandine f.to 35x50: 3xn.200 e 2xn cartoncini menù/camere: 3xn poster 70x100 per scuole: n poster 70x100 per ecosagre: n poster 70x100 per mercati riuso: n Borse riutilizzabili: n Zuccheriere: n Borracce: n Settembre 2011 e ottobre 2012 MARCHIO WASTE-LESS Kit applicativo VERS: 01 DATA: 31/01/2013 PAGINA: 16 di 17

17 3 NUOVI EVENTI E STRUMENTI DI COMUNICAZIONE PROGRAMMATI Il piano di è stato sostanzialmente attuato così come inizialmente previsto e gli eventi e materiali prodotti si sono rivelati efficaci per il raggiungimento dei target fissati. Tuttavia si ritiene utile realizzare ancora alcuni materiali di, da distribuire durante gli eventi finali del progetto (eventi della settimana europea per la riduzione dei rifiuti 2013, conferenza finale a Ecomondo): - Brochure in formato Mappa, aperto 42x63 circa, chiuso 21x21, con localizzazione delle azioni realizzate (aderenti marchio, fontanelli acqua di rete, centro riuso etc.) e informazioni sintetiche su azioni realizzate e risultati raggiunti, da stampare in n copie; - Chiavette USB in materiale riciclato contenenti i principali elaborati prodotti nell ambito del progetto, da distribuire in occasione delle che saranno realizzate in occasione della Settimana Europea per la riduzione dei rifiuti 2013 e della conferenza finale. Sarà inoltre necessario provvedere alla ristampa di alcuni dei materiali che compongono i kit applicativi del marchio waste less (locandine informative, borse riutilizzabili, zuccheriere con logo waste less, brochure informativa sui nuovi servizi di raccolta dei rifiuti), attualmente esauriti, per poterli fornire anche ai nuovi aderenti al marchio e a tutti gli utenti del servizio di raccolta dei rifiuti. Sempre per supportare con idonei materiali di gli aderenti al marchio, i Comuni stanno inoltre provvedendo a produrre delle caraffe con logo waste less da fornire alle scuole e ai pubblici esercizi presso cui sono stati installati gli erogatori di acqua di rete (vedi immagine sotto). VERS: 01 DATA: 31/01/2013 PAGINA: 17 di 17

LIFE+ WASTE-LESS IN CHIANTI: ATTUAZIONE E MONITORAGGIO DI UN PROGRAMMA INTEGRATO DI RIDUZIONE DEI RIFIUTI

LIFE+ WASTE-LESS IN CHIANTI: ATTUAZIONE E MONITORAGGIO DI UN PROGRAMMA INTEGRATO DI RIDUZIONE DEI RIFIUTI MENO RIFIUTI: ESPERIENZE A CONFRONTO LIFE+ WASTE-LESS IN CHIANTI: ATTUAZIONE E MONITORAGGIO DI UN PROGRAMMA INTEGRATO DI RIDUZIONE DEI RIFIUTI Terra Futura, 21 maggio 2011 Firenze, Fortezza da Basso Sala

Dettagli

Progetto LIFE10 ENV IT 000307 NO.WA. Azione 3 - Attività 3.1

Progetto LIFE10 ENV IT 000307 NO.WA. Azione 3 - Attività 3.1 Azione 3 - Attività 3.1 Organizzazione delle attività di mappatura GENERALITÀ Denominazione della buona pratica: WASTELESS IN CHIANTI Promotore/i: Provincia di Firenze Soggetti partner: Ente Ente pubblico/gdo

Dettagli

WASTELESS IN CHIANTI: ATTUAZIONE E MONITORAGGIO DI UN PROGRAMMA INTEGRATO DI RIDUZIONE DEI RIFIUTI

WASTELESS IN CHIANTI: ATTUAZIONE E MONITORAGGIO DI UN PROGRAMMA INTEGRATO DI RIDUZIONE DEI RIFIUTI Incontro di presentazione del progetto agli attori locali WASTELESS IN CHIANTI: ATTUAZIONE E MONITORAGGIO DI UN PROGRAMMA INTEGRATO DI RIDUZIONE DEI RIFIUTI Tavarnelle Val di Pesa, 15 marzo 2011 San Casciano

Dettagli

PROGRAMMA OPERATIVO per l attuazione del Piano d Azione per la prevenzione e riduzione dei rifiuti nel Chianti fiorentino Versione del 16/09/2011

PROGRAMMA OPERATIVO per l attuazione del Piano d Azione per la prevenzione e riduzione dei rifiuti nel Chianti fiorentino Versione del 16/09/2011 per l attuazione del Piano d Azione per la prevenzione e riduzione dei rifiuti nel Chianti fiorentino Versione del 16/09/2011 LIFE09 ENV/IT/000068 WASTE LESS in CHIANTI Prevenzione e riduzione dei rifiuti

Dettagli

WASTELESS IN CHIANTI: ATTUAZIONE E MONITORAGGIO DI UN PROGRAMMA INTEGRATO DI RIDUZIONE DEI RIFIUTI Rimini, 5 novembre 2010

WASTELESS IN CHIANTI: ATTUAZIONE E MONITORAGGIO DI UN PROGRAMMA INTEGRATO DI RIDUZIONE DEI RIFIUTI Rimini, 5 novembre 2010 Convegno Internazionale La gestione dei rifiuti nelle strategie di mitigazione del climate change. Progetti europei ed esperienze nell area del mediterraneo WASTELESS IN CHIANTI: ATTUAZIONE E MONITORAGGIO

Dettagli

PROGRAMMA OPERATIVO per l attuazione del Piano d Azione per la prevenzione e riduzione dei rifiuti nel Chianti fiorentino

PROGRAMMA OPERATIVO per l attuazione del Piano d Azione per la prevenzione e riduzione dei rifiuti nel Chianti fiorentino per l attuazione del Piano d Azione per la prevenzione e riduzione dei rifiuti nel Chianti fiorentino MANAGEMENT PROGRAM For the prevention and reduction Action Plan implementation Versione del 16/09/2011

Dettagli

Piano di Comunicazione

Piano di Comunicazione Piano di Comunicazione Allegato 1: prospetto del piano di comunicazione e misure di informazione e pubblicità Obiettivo Informare il Comitato di Sorveglianza Informare delle opportunità del FSE, rendere

Dettagli

PIANO DI COMUNICAZIONE AFTER LIFE LIFE09 ENV/IT/000068

PIANO DI COMUNICAZIONE AFTER LIFE LIFE09 ENV/IT/000068 PIANO DI COMUNICAZIONE AFTER LIFE LIFE09 ENV/IT/000068 1 ABSTRACT The project WASTELESS IN CHIANTI has developed a pilot experience of success for the effective implementation and monitoring of an integrated

Dettagli

La campagna di comunicazione a sostegno dei progetti di raccolta differenziata 2006

La campagna di comunicazione a sostegno dei progetti di raccolta differenziata 2006 La campagna di comunicazione a sostegno dei progetti di raccolta differenziata 2006 Il logo e lo slogan della campagna Obiettivi della campagna: promuovere la raccolta differenziata ed ottenere il corretto

Dettagli

LIFE10 ENV/IT/307. Azione 4. Piano di Comunicazione Allegato al Piano di Riduzione dei rifiuti nella grande distribuzione

LIFE10 ENV/IT/307. Azione 4. Piano di Comunicazione Allegato al Piano di Riduzione dei rifiuti nella grande distribuzione LIFE10 ENV/IT/307 Azione 4 Piano di Comunicazione Allegato al Piano di Riduzione dei rifiuti nella grande distribuzione LIFE10 ENV/IT/307 NO.WA No Waste SOMMARIO SOMMARIO... 2 1 PREMESSA... 3 2 MODALITÀ

Dettagli

Progetto LIFE10 ENV IT 000307 NO.WA. Azione 3 - Attività 3.1

Progetto LIFE10 ENV IT 000307 NO.WA. Azione 3 - Attività 3.1 Azione 3 - Attività 3.1 Organizzazione delle attività di mappatura GENERALITÀ Denominazione della buona pratica: ELBA PLASTIC FREE Promotore/i: Provincia di Livorno Soggetti partner: Ente Ente pubblico/gdo

Dettagli

LOWaste MARKET PLACE SEMINARIO TECNICO: PROGETTI INNOVATIVI SUI RIFIUTI A CONFRONTO FERRARA 11 MAGGIO 2012

LOWaste MARKET PLACE SEMINARIO TECNICO: PROGETTI INNOVATIVI SUI RIFIUTI A CONFRONTO FERRARA 11 MAGGIO 2012 LOWaste MARKET PLACE SEMINARIO TECNICO: PROGETTI INNOVATIVI SUI RIFIUTI A CONFRONTO FERRARA 11 MAGGIO 2012 With the contribution of the LIFE financial instrument of the European Community NO.WA - No Waste

Dettagli

Firenze Stazione Leopolda 28, 29 e 30 marzo

Firenze Stazione Leopolda 28, 29 e 30 marzo Firenze Stazione Leopolda 28, 29 e 30 marzo Milano - Pescara - Brindisi - Milano+2 - Tirana - Gorizia - Roma - Bari Palermo Anna Codazzi Area Marketing Campus - Campus Orienta Campus Editori srl Via Burigozzo,

Dettagli

Azione 4. Piano d Azione per la riduzione dei rifiuti nella Grande Distribuzione Organizzata

Azione 4. Piano d Azione per la riduzione dei rifiuti nella Grande Distribuzione Organizzata Azione 4 Piano d Azione per la riduzione dei rifiuti nella Grande Distribuzione Organizzata Protocollo d intesa (Memorandum of Understanding) Comune di Reggio Emilia LIFE10 ENV/IT/307 NO.WA No Waste PROTOCOLLO

Dettagli

1. opuscoli informativi di carattere scientifico e divulgativo; 2. azioni di coinvolgimento diretto dei cittadini.

1. opuscoli informativi di carattere scientifico e divulgativo; 2. azioni di coinvolgimento diretto dei cittadini. SCHEDA PROGETTO - A 5 Assessorato della Difesa dell Ambiente Servizio Sviluppo Sostenibile, Autorità Ambientale e Politiche Comunitarie MISURA RIFERIMENTO: Misura 1.6 Energia (Riferimento:Complemento di

Dettagli

SCHEDA PROGETTO - A 3. Assessorato della Difesa dell Ambiente. Servizio Sviluppo Sostenibile, Autorità Ambientale e Politiche Comunitarie

SCHEDA PROGETTO - A 3. Assessorato della Difesa dell Ambiente. Servizio Sviluppo Sostenibile, Autorità Ambientale e Politiche Comunitarie SCHEDA PROGETTO - A 3 Assessorato della Difesa dell Ambiente Servizio Sviluppo Sostenibile, Autorità Ambientale e Politiche Comunitarie MISURA RIFERIMENTO: Misura 1.4 Gestione integrata dei rifiuti, bonifica

Dettagli

EDUCAZIONE AMBIENTALE

EDUCAZIONE AMBIENTALE EDUCAZIONE AMBIENTALE DESTINATARI 1. tutte le classi della scuola dell infanzia 2. tutte le classi della scuola primaria 3. tutte le classi della scuola secondaria di primo grado 1. Scuola dell Infanzia

Dettagli

Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca

Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca Dipartimento per la Programmazione per gli Affari Internazionali Ufficio IV - Programmazione e gestione dei fondi strutturali europei e nazionali

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA REGIONE ABRUZZO ECOISTITUTO ABRUZZO. Approvato con Delibera GR n. 349 del 03/05/2010 Sottoscritto in data 17 giugno 2010-07-29

PROTOCOLLO D INTESA REGIONE ABRUZZO ECOISTITUTO ABRUZZO. Approvato con Delibera GR n. 349 del 03/05/2010 Sottoscritto in data 17 giugno 2010-07-29 REGIONE ABRUZZO PROTOCOLLO D INTESA REGIONE ABRUZZO ECOISTITUTO ABRUZZO Approvato con Delibera GR n. 349 del 03/05/2010 Sottoscritto in data 17 giugno 2010-07-29 Progetto sperimentale per la promozione

Dettagli

KIT DI COMUNICAZIONE

KIT DI COMUNICAZIONE KIT DI COMUNICAZIONE KIT DI COMUNICAZIONE INDICE Prefazione 1 2 2.1 2.2. 2.3. 2.3.1 2.3.2 2.3.3 2.3.4 2.3.5 2.3.6 3 Introduzione Piano di Comunicazione per una campagna di prevenzione dei rifiuti Premessa

Dettagli

Piano di comunicazione esterna

Piano di comunicazione esterna Piano di comunicazione esterna Azioni di co-marketing per la promozione del territorio e attivazione azione pilota- Metrò del Mare Comune di Porto Torres 1 INDICE 1.INTRODUZIONE..3 1.1 SINTESI DELL AZIONE

Dettagli

PROGETTO ATTIVITÀ EDUCATIVE ISTITUTI SCOLASTICI ASSOCIAZIONE DEI COMUNI DI FONNI OLIENA - ORGOSOLO

PROGETTO ATTIVITÀ EDUCATIVE ISTITUTI SCOLASTICI ASSOCIAZIONE DEI COMUNI DI FONNI OLIENA - ORGOSOLO PROGETTO ATTIVITÀ EDUCATIVE ISTITUTI SCOLASTICI ASSOCIAZIONE DEI COMUNI DI FONNI OLIENA - ORGOSOLO È ormai noto che la base per orientare le future generazioni verso lo sviluppo sostenibile è l educazione

Dettagli

PER LA SCUOLA COMPETENZE E AMBIENTI PER L APPRENDIMENTO

PER LA SCUOLA COMPETENZE E AMBIENTI PER L APPRENDIMENTO PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE 2014-2020 PER LA SCUOLA COMPETENZE E AMBIENTI PER L APPRENDIMENTO LA STRATEGIA DI COMUNICAZIONE 2014-2020 LA STRATEGIA DI COMUNICAZIONE E GLI OBBLIGHI DI PUBBLICITÀ La Strategia

Dettagli

POR Campania 2000-2006 Complemento di programmazione Capitolo 3 Misura 4.7. Sezione I Identificazione della misura

POR Campania 2000-2006 Complemento di programmazione Capitolo 3 Misura 4.7. Sezione I Identificazione della misura Sezione I Identificazione della misura 1. Misura 4.7- Promozione e marketing turistico 2. Fondo strutturale interessato FESR 3. Asse prioritario di riferimento Asse 4 - Sviluppo Locale 4. Descrizione della

Dettagli

REGIONE SICILIANA Assessorato Infrastrutture e Mobilità Dipartimento Infrastrutture Mobilità e Trasporti SERVIZIO XXIII

REGIONE SICILIANA Assessorato Infrastrutture e Mobilità Dipartimento Infrastrutture Mobilità e Trasporti SERVIZIO XXIII REGIONE SICILIANA Assessorato Infrastrutture e Mobilità Dipartimento Infrastrutture Mobilità e Trasporti SERVIZIO XXIII PROCEDURA APERTA AI SENSI DEL D.Lgs N. 163/2006 E S.M.I. PER L AFFIDAMENTO DEL Servizio

Dettagli

PER LA SCUOLA COMPETENZE E AMBIENTI PER L APPRENDIMENTO

PER LA SCUOLA COMPETENZE E AMBIENTI PER L APPRENDIMENTO PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE 2014-2020 PER LA SCUOLA COMPETENZE E AMBIENTI PER L APPRENDIMENTO STRATEGIA DI COMUNICAZIONE 2014-2020 La Strategia di comunicazione e gli obblighi di pubblicità 2 L attività

Dettagli

IMPLEMENTATION MONITORING PROTOCOL

IMPLEMENTATION MONITORING PROTOCOL IMPLEMENTATION MONITORING PROTOCOL Monitoraggio dell attuazione del progetto NO.WA No Waste 31/03/2012 2 Introduzione... 4 Introduction... 4 1. Ruoli e responsabilità... 5 Project Coordinator e Project

Dettagli

This project is co-- financed by the European Regional Development Fund and made possible by the INTERREG IVC programme

This project is co-- financed by the European Regional Development Fund and made possible by the INTERREG IVC programme This project is co-- financed by the European Regional Development Fund and made possible by the INTERREG IVC programme Obiettivi dell incontro Il percorso Cosa è stato fatto Opportunità di visibilità

Dettagli

CONTENUTI. Il Progetto Be Green mira a diffondere la cultura delle buone prassi nell ambito della Mobilità Sostenibile.

CONTENUTI. Il Progetto Be Green mira a diffondere la cultura delle buone prassi nell ambito della Mobilità Sostenibile. PROGETTO CONTENUTI Il Progetto Be Green mira a diffondere la cultura delle buone prassi nell ambito della Mobilità Sostenibile. L iniziativa, che si compone dell organizzazione di eventi e di una campagna

Dettagli

Programmi Silea per le scuole Itinerari per educare all ambiente

Programmi Silea per le scuole Itinerari per educare all ambiente Silea Spa 201516 Programmi Silea per le scuole Itinerari per educare all ambiente Incontri in classe - pagine 1, 3, 4, 5 Per ogni fascia di età la possibilità di scegliere il programma più adatto, richiedendo

Dettagli

CARTONIADI DELLA SARDEGNA APRILE 2013

CARTONIADI DELLA SARDEGNA APRILE 2013 CARTONIADI DELLA SARDEGNA APRILE 2013 0 LE CARTONIADI: COSA SONO Il successo della raccolta differenziata dipende dall impegno di tutti. Perquestoèimportantecapireche,soprattutto sulle questioni ambientali,

Dettagli

RAPPORTO FINALE AZIONI PER LA RIDUZIONE DELL IMPATTO AMBIENTALE

RAPPORTO FINALE AZIONI PER LA RIDUZIONE DELL IMPATTO AMBIENTALE RAPPORTO FINALE AZIONI PER LA RIDUZIONE DELL IMPATTO AMBIENTALE Al fine di ridurre l impatto ambientale della manifestazione, ed in linea con il protocollo d intesa sottoscritto tra Parco e Regione Abruzzo

Dettagli

promostudio Catalogo Generale Grafica e Design-Stampa Pubblicità-Marketing Comunicazione Visiva Fornitore Ufficiale

promostudio Catalogo Generale Grafica e Design-Stampa Pubblicità-Marketing Comunicazione Visiva Fornitore Ufficiale promostudio Grafica e Design-Stampa Pubblicità-Marketing Comunicazione Visiva Catalogo Generale 2011-2012 Fornitore Ufficiale Supplier is not sponsored by affiliated with RE/MAX INDICE GENERALE - Indice

Dettagli

Coadiuvare il responsabile nelle attività connesse alla programmazione e organizzazione delle mostre.

Coadiuvare il responsabile nelle attività connesse alla programmazione e organizzazione delle mostre. Servizio Mostre Coadiuvare il responsabile nelle attività connesse alla programmazione e organizzazione delle mostre. Coadiuva il Responsabile nel rendere attuativi e operativi i progetti messi a punto

Dettagli

CARTONIADI ABRUZZO GIUGNO 2013. Consorzio Nazionale Recupero e Riciclo degli Imballaggi a base Cellulosica

CARTONIADI ABRUZZO GIUGNO 2013. Consorzio Nazionale Recupero e Riciclo degli Imballaggi a base Cellulosica CARTONIADI ABRUZZO GIUGNO 2013 0 PREMESSA Comieco ha attivato uno studio di consulenza, esperto di tematiche ambientali e raccolta differenziata, in particolare, per verificare lo stato del servizio nei

Dettagli

Piano annuale della comunicazione

Piano annuale della comunicazione Agenzia Formazione Orientamento Lavoro di Monza e Brianza Piano annuale della comunicazione 2014 Approvato con verbale di determinazione dell amministratore unico n. 30 del 15/11/2013 SOMMARIO Premessa

Dettagli

15. PIANO DI COMUNICAZIONE DEL CONSORZIO PER L ANNO 2006

15. PIANO DI COMUNICAZIONE DEL CONSORZIO PER L ANNO 2006 15. PIANO DI COMUNICAZIONE DEL CONSORZIO PER L ANNO 2006 Premessa Nell ambito della sperimentazione della Società della Salute della sono state individuate tre parole chiave cui riferirsi costantemente

Dettagli

Sezione I Identificazione della misura

Sezione I Identificazione della misura Sezione I Identificazione della misura 1. Misura 4.7- Promozione e marketing turistico 2. Fondo strutturale interessato FESR 3. Asse prioritario di riferimento Asse 4 Sistemi locali di sviluppo 4. Codice

Dettagli

Marchio Ospitalità Italiana Ristoranti Italiani nel Mondo

Marchio Ospitalità Italiana Ristoranti Italiani nel Mondo Marchio Ospitalità Italiana Ristoranti Italiani nel Mondo Marchio Ospitalità Italiana Ristoranti Italiani nel Mondo Obiettivi Sviluppare e promuovere le tradizioni dei prodotti agroalimentari italiani

Dettagli

Piano di comunicazione

Piano di comunicazione ATTIVITÀ SVOLTE A partire dal gennaio 2005, le attività di comunicazione hanno subito una rapida accelerazione grazie all entrata a regime del contratto di comunicazione integrata stipulato con l ATI Republic-Renzi&Partners-National

Dettagli

COSTI DI ORGANIZZAZIONE E/O PARTECIPAZIONE A CONVEGNI, SEMINARI, WORKSHOP, FIERE, EVENTI, ECC di importo inferiore a 40.000,00

COSTI DI ORGANIZZAZIONE E/O PARTECIPAZIONE A CONVEGNI, SEMINARI, WORKSHOP, FIERE, EVENTI, ECC di importo inferiore a 40.000,00 Prot. n. 1359 del 26.02.2015 C I T T A DI P A D U L A Provincia di Salerno (1909-2009 Centenario della morte di Joe Petrosino) Largo Municipio,1 84034 Padula (SA) Tel. 0975778725/30 Fax 097577553 P.I.

Dettagli

EVOLUZIONE DEI SISTEMI DI RACCOLTA DIFFERENZIATA: ESPERIENZE Titolo A CONFRONTO RIDUZIONE DEI TITOLO RIFIUTI E MODELLI Data DI RACCOLTA

EVOLUZIONE DEI SISTEMI DI RACCOLTA DIFFERENZIATA: ESPERIENZE Titolo A CONFRONTO RIDUZIONE DEI TITOLO RIFIUTI E MODELLI Data DI RACCOLTA EVOLUZIONE DEI SISTEMI DI RACCOLTA DIFFERENZIATA: ESPERIENZE Titolo A CONFRONTO RIDUZIONE DEI TITOLO RIFIUTI E MODELLI Data DI RACCOLTA Firenze, Nome 21 Cognome Novembre 2012 Ruolo ELIO ALTESE LIFE09 Ambiente

Dettagli

PROGETTO DEL SISTEMA DI RACCOLTA DIFFERENZIATA DELLA PROVINCIA DI GROSSETO

PROGETTO DEL SISTEMA DI RACCOLTA DIFFERENZIATA DELLA PROVINCIA DI GROSSETO PROVINCIA DI GROSSETO Grosseto PROGETTO DEL SISTEMA DI RACCOLTA DIFFERENZIATA DELLA PROVINCIA DI GROSSETO (Del. 1245 del 22/11/96) UHF\FOHG UHF\FODEOH Con la collaborazione di: Siena Ambiente SpA Strada

Dettagli

FIERA MONDIALE DEL COMMERCIO EQUO E SOLIDALE 28-31 MAGGIO 2015 - FABBRICA DEL VAPORE - MILANO

FIERA MONDIALE DEL COMMERCIO EQUO E SOLIDALE 28-31 MAGGIO 2015 - FABBRICA DEL VAPORE - MILANO FIERA MONDIALE DEL COMMERCIO EQUO E SOLIDALE 28-31 MAGGIO 2015 - FABBRICA DEL VAPORE - MILANO organizzato da World Fair Trade Organisation e Agices-Equo Garantito nell ambito della World Fair Trade Week

Dettagli

La prevenzione della produzione dei rifiuti nella Provincia di Roma

La prevenzione della produzione dei rifiuti nella Provincia di Roma La prevenzione della produzione dei rifiuti nella Provincia di Roma Impostazione,nuova Direttiva e misure prioritarie di Edo Ronchi Roma,10 giugno 2010 Un modello insostenibile di crescita Un economia

Dettagli

PIANO DI COMUNICAZIONE PER L AVVIO DEL NUOVO SISTEMA DI RACCOLTA DIFFERENZIATA DEI RIFIUTI Linee guida generali

PIANO DI COMUNICAZIONE PER L AVVIO DEL NUOVO SISTEMA DI RACCOLTA DIFFERENZIATA DEI RIFIUTI Linee guida generali COMUNE DI REGGIO EMILIA PIANO DI COMUNICAZIONE PER L AVVIO DEL NUOVO SISTEMA DI RACCOLTA DIFFERENZIATA DEI RIFIUTI Linee guida generali 1. Inquadramento teorico del piano di comunicazione La gestione dei

Dettagli

PIANO DI COMUNICAZIONE

PIANO DI COMUNICAZIONE ALLEGATO 1 DIREZIONE POLITICHE AGRICOLE --------------------------------------------------------------------------------------------------------------------- PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE 2007-2013 PIANO

Dettagli

È un iniziativa di EDIZIONE 2015/16. In collaborazione con ALIMOS IL PROGETTO

È un iniziativa di EDIZIONE 2015/16. In collaborazione con ALIMOS IL PROGETTO È un iniziativa di EDIZIONE 2015/16 In collaborazione con ALIMOS IL PROGETTO Obiettivi TreValli e Latte Cigno promuovono un progetto di educazione alimentare dedicato alle scuole primarie delle regioni

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI DI COMUNICAZIONE E RELAZIONE CON I CITTADINI

CARTA DEI SERVIZI DI COMUNICAZIONE E RELAZIONE CON I CITTADINI CARTA DEI SERVIZI DI COMUNICAZIONE E RELAZIONE CON I CITTADINI Comune di Modena Settore Sistemi Informativi Comunicazione e Servizi Demografici Servizio Comunicazione e Relazione con i Cittadini Allegato

Dettagli

Venerdì 11 luglio l allestimento di ca. 3 postazioni musicali e di intrattenimento,

Venerdì 11 luglio l allestimento di ca. 3 postazioni musicali e di intrattenimento, AVVISO DI SELEZIONE DI SOGGETTI INTERESSATI ALLA REALIZZAZIONE DELLA CAMPAGNA DI COMUNICAZIONE E DELLA RICERCA DEGLI SPONSOR PER L INIZIATIVA MONTECCHIO UNPLUGGED NELL ANNO 2014 Questa Amministrazione

Dettagli

SERVIZI DI MARKETING INTEGRATO Visibilità mirata per le Aziende ICT, le Istituzioni e gli Enti Locali legati al mondo dell E-Government

SERVIZI DI MARKETING INTEGRATO Visibilità mirata per le Aziende ICT, le Istituzioni e gli Enti Locali legati al mondo dell E-Government SERVIZI DI MARKETING INTEGRATO Visibilità mirata per le Aziende ICT, le Istituzioni e gli Enti Locali legati al mondo dell E-Government N.B.: Per le Associate Assintel aderenti ad EuroP.A. 2008 sono previsti

Dettagli

Responsabilità estesa dei produttori: il modello nella gestione degli imballaggi. Luca Piatto Responsabile Area Territorio Roma, 15 giugno 2011

Responsabilità estesa dei produttori: il modello nella gestione degli imballaggi. Luca Piatto Responsabile Area Territorio Roma, 15 giugno 2011 Responsabilità estesa dei produttori: il modello nella gestione degli imballaggi Luca Piatto Responsabile Area Territorio Roma, 15 giugno 2011 La gestione degli imballaggi è impostata su due cardini legislativi

Dettagli

OSSERVATORIO REGIONALE RIFIUTI - ABRUZZO / NEWSLETTER SITO WEB - SEZIONE GESTIONE RIFIUTI E BONIFICHE

OSSERVATORIO REGIONALE RIFIUTI - ABRUZZO / NEWSLETTER SITO WEB - SEZIONE GESTIONE RIFIUTI E BONIFICHE OSSERVATORIO REGIONALE RIFIUTI - ABRUZZO / NEWSLETTER SITO WEB - SEZIONE GESTIONE RIFIUTI E BONIFICHE A cura di: ORR - Segreteria tecnico-ammistrativa Informazioni su news, eventi, corsi di formazione,

Dettagli

AF - GIOVANI E DESIGN L ARTIGIANATO TRA TRADIZIONE E INNOVAZIONE. 1-9 Dicembre 2012, Fieramilano Rho

AF - GIOVANI E DESIGN L ARTIGIANATO TRA TRADIZIONE E INNOVAZIONE. 1-9 Dicembre 2012, Fieramilano Rho AF - GIOVANI E DESIGN L ARTIGIANATO TRA TRADIZIONE E INNOVAZIONE 1-9 Dicembre 2012, Fieramilano Rho Il contesto AF L Artigiano in Fiera, 17ª Mostra Mercato Internazionale dell Artigianato, è il più grande

Dettagli

FORUM AGENTI La Fiera degli Agenti di Commercio

FORUM AGENTI La Fiera degli Agenti di Commercio in collaborazione con: FORUM AGENTI La Fiera degli Agenti di Commercio dove incontri i tuoi nuovi agenti di commercio CHE COS È FORUM AGENTI? I VANTAGGI DI FORUM AGENTI I SERVIZI AGGIUNTIVI DI FORUM AGENTI

Dettagli

Linee guida per le Scuole 2.0

Linee guida per le Scuole 2.0 Linee guida per le Scuole 2.0 Premesse Il progetto Scuole 2.0 ha fra i suoi obiettivi principali quello di sperimentare e analizzare, in un numero limitato e controllabile di casi, come l introduzione

Dettagli

IL PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE 2014-2020 "PER LA SCUOLA"

IL PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE 2014-2020 PER LA SCUOLA STRATEGIA DI COMUNICAZIONE 2014-2020 Investiamo nel vostro futuro IL PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE 2014-2020 "PER LA SCUOLA" Competenze e ambienti per l apprendimento Torino - 8-9 aprile 2015 L attività

Dettagli

GLI OBIETTIVI 2014-2016

GLI OBIETTIVI 2014-2016 IL PROGRAMMA AMBIENTALE 2014-2016 Sono di seguito riportati gli obiettivi di miglioramento prefissati per il periodo 2014-2016 dalla Comunità Valsugana e Tesino. PROGRAMMA 1 MIGLIORAMENTO NELLA GESTIONE

Dettagli

Grafica. Introduzione

Grafica. Introduzione Grafica Introduzione La presente guida, è stata realizzata tenendo conto di due distinte fasce di riferimento: 1 FASCIA - Lavori che hanno una diffusione locale, provinciale e regionale. 2 FASCIA - Lavori

Dettagli

Programmi di Attività 2012

Programmi di Attività 2012 Programmi di Attività 2012 Gabinetto di Presidenza Servizio Informazione e comunicazione istituzionale Assemblea Legislativa 1 GABINETTO DI PRESIDENZA... 4 ATTIVITÀ DI RACCORDO FRA GIUNTA E ASSEMBLEA LEGISLATIVA

Dettagli

Gli aspetti tecnologici

Gli aspetti tecnologici Il supporto informativo e gestionale Il seguente modello di database e sue funzioni è in corso di progettazione. Per informazioni scrivere a scuolainospedale@istruzione.it Scuola di provenienza Modalità

Dettagli

PIANO DI COMUNICAZIONE Relativo alle azioni di prevenzione dei rifiuti da realizzare in provincia di Livorno

PIANO DI COMUNICAZIONE Relativo alle azioni di prevenzione dei rifiuti da realizzare in provincia di Livorno AZIONE DI SISTEMA D MODELLO DI GOVERNO DELLE PROBLEMATICHE DI CONFERIMENTO RIFIUTI DA ESCURSIONI STAGIONALI (TURISMO, NAUTICA) NEI SISTEMI INSEDIATIVI E PRODUTTIVI AZIONE 4.2 PROGETTAZIONE DELLE CAMPAGNE

Dettagli

IL PROGETTO E-LEARNING. della Ragioneria Generale dello Stato

IL PROGETTO E-LEARNING. della Ragioneria Generale dello Stato IL PROGETTO E-LEARNING della Ragioneria Generale dello Stato Il Contesto Nel corso degli ultimi anni, al fine di migliorare qualitativamente i servizi resi dalla P.A. e di renderla vicina alle esigenze

Dettagli

Indagine sulla soddisfazione dei cittadini per il servizio di Newsletter SovizzoNews Maggio 2010

Indagine sulla soddisfazione dei cittadini per il servizio di Newsletter SovizzoNews Maggio 2010 COMUNE DI SOVIZZO Via Cavalieri di Vittorio Veneto n. 21 365 (VI) Settore: Centro elaborazione dati Gestione qualità Protocollo informatico UNI EN ISO 91:28 Certificato n. 9159-SOVZ Indagine sulla soddisfazione

Dettagli

Le attività di comunicazione e diffusione dei risultati di progetto

Le attività di comunicazione e diffusione dei risultati di progetto Elena Giusta 1 Le attività di comunicazione e diffusione dei risultati di progetto La politica di comunicazione dell Unione Europea La comunicazione dei fondi strutturali Il piano di comunicazione di progetto

Dettagli

STRUMENTI ED AZIONI PER EDUCARE ALLA RIDUZIONE DEI RIFIUTI ATTRAVERSO LA RACCOLTA DIFFERENZIA- TAED IL CONSUMO CONSAPEVOLE.

STRUMENTI ED AZIONI PER EDUCARE ALLA RIDUZIONE DEI RIFIUTI ATTRAVERSO LA RACCOLTA DIFFERENZIA- TAED IL CONSUMO CONSAPEVOLE. STRUMENTI ED AZIONI PER EDUCARE ALLA RIDUZIONE DEI RIFIUTI ATTRAVERSO LA RACCOLTA DIFFERENZIA- TAED IL CONSUMO CONSAPEVOLE. IL PROGETTO ERREDÌ è un progetto pluriennale che si fonda sul riconoscimento

Dettagli

! " " #$#% & # $ #% '% # #$ (" )& ##%* $ $'% +$ $%,# * '%$'%, #%# -! #% %!, '% $! $ # #$ % $ (. %! $#&##, $##% * $, # #%#, $ # $ &,%

!   #$#% & # $ #% '% # #$ ( )& ##%* $ $'% +$ $%,# * '%$'%, #%# -! #% %!, '% $! $ # #$ % $ (. %! $#&##, $##% * $, # #%#, $ # $ &,% !"# $%%&&! " " #$#% & # $ #% '% # #$ (" )& ##%* $ $'% +$ $%,# $%("" * '%$'%, #%# -! #% %!, '% $! $ # #$ % $ (. %! $#&##, #$!#$,$ $+# $##% * $, # #%#, $ # $ &,% # %$!##!# * '%$$%$,#$ '%$" *//01#!%""#$,

Dettagli

Ricerca, Consulenza e Progettazione per la Sostenibilità. Reggio Emilia, 23 febbraio 2012

Ricerca, Consulenza e Progettazione per la Sostenibilità. Reggio Emilia, 23 febbraio 2012 Ricerca, Consulenza e Progettazione per la Sostenibilità Reggio Emilia, 23 febbraio 2012 CHI SIAMO Ambiente Italia è un gruppo leader in Italia e in Europa nella ricerca e nella consulenza. Opera nell'analisi,

Dettagli

Progetto della Federazione Italiana Pallavolo per la Scuola Primaria

Progetto della Federazione Italiana Pallavolo per la Scuola Primaria Progetto della Federazione Italiana Pallavolo per la Scuola Primaria a.s. 2007-2008 1,2,3 Minivolley! IL PROGETTO Il progetto 1,2,3 minivolley si propone di incrementare la pratica delle attività motorie

Dettagli

PROGRAMMA DI VALUTAZIONE POST LIFE AFTER LIFE EVALUATION PROGRAM

PROGRAMMA DI VALUTAZIONE POST LIFE AFTER LIFE EVALUATION PROGRAM PROGRAMMA DI VALU UTAZIONE POST LIFE AFTER LIFE EVALUATION PROGRAM Versione del 24/ /01/2014 LIFE099 ENV/IT/000068 WASTE LESS in CHIANTI Prevenzione e riduzione dei rifiuti nel territorio del Chianti INDICE

Dettagli

ISTITUTO TECNICO ECONOMIC0 DE FAZIO

ISTITUTO TECNICO ECONOMIC0 DE FAZIO ISTITUTO TECNICO ECONOMIC0 DE FAZIO UNITA DI APPRENDIMENTO CLASSI3 E AFM, SIA ANNO SCOLASTICO 2012-2013 MATERIE PRODOTTO FINALE Lo studente dovrà essere in grado di realizzare un idea imprenditoriale,

Dettagli

www.genteinmovimento.com

www.genteinmovimento.com IL MAGAZINE DELL IMPRENDITORE, DEL PROFESSIONISTA E DELLA FAMIGLIA www.genteinmovimento.com redazione@genteinmovimento.com genteinmovimento @genteinmov Gente in Movimento MEDIA KIT IL MAGAZINE DELL IMPRENDITORE,

Dettagli

Il servizio riguarda diverse attività finalizzate alla promozione turistica ed al marketing territoriale:

Il servizio riguarda diverse attività finalizzate alla promozione turistica ed al marketing territoriale: DOCUMENTO DESCRITTIVO DELL OGGETTO DELLA GARA. 1. OGGETTO E NATURA DEL SERVIZIO Il servizio riguarda diverse attività finalizzate alla promozione turistica ed al marketing territoriale: OBIETTIVI ATTIVITA

Dettagli

In commercio il coupon è un biglietto o un documento che può essere scambiato per uno sconto all atto dell acquisto di un prodotto/servizio.

In commercio il coupon è un biglietto o un documento che può essere scambiato per uno sconto all atto dell acquisto di un prodotto/servizio. Premessa: I buoni sconto sono tra gli strumenti di Direct Marketing più utilizzati. In commercio il coupon è un biglietto o un documento che può essere scambiato per uno sconto all atto dell acquisto di

Dettagli

Il piano della comunicazione M. Soldarini, E. Rossini / Lipu BirdLife Italia

Il piano della comunicazione M. Soldarini, E. Rossini / Lipu BirdLife Italia Il piano della comunicazione M. Soldarini, E. Rossini / Lipu BirdLife Italia Il progetto Life TIB è partito così. Era l ottobre del 2011, in piena crisi economica, all inizio della fase dei governi tecnici.

Dettagli

PROGETTO ANGHIARI SHOPPING. Promozione ed animazione della rete commerciale di tipicità e qualità del centro commerciale naturale di Anghiari

PROGETTO ANGHIARI SHOPPING. Promozione ed animazione della rete commerciale di tipicità e qualità del centro commerciale naturale di Anghiari PROGETTO ANGHIARI SHOPPING Promozione ed animazione della rete commerciale di tipicità e qualità del centro commerciale naturale di Anghiari Progetto a valere sul Bando pubblico per l accesso ai cofinanziamenti

Dettagli

Premesso che. I progetti LIFE+ di promozione e sviluppo di buone pratiche in materia di prevenzione e recupero dei rifiuti

Premesso che. I progetti LIFE+ di promozione e sviluppo di buone pratiche in materia di prevenzione e recupero dei rifiuti Premesso che Il tema della riduzione dei rifiuti è una delle priorità delle politiche ambientali europee, come affermato nel Sesto Programma d Azione ambientale e ribadito nella proposta di Programma d

Dettagli

Formazione e mobilità in Key Q

Formazione e mobilità in Key Q Formazione e mobilità in Key Q Giovanni Zonin Rovigno 12 aprile 2011 Sviluppo Curricula Didattici Obiettivo: definire, condividere, discutere e validare il piano didattico per tutti i moduli e le sessioni

Dettagli

digitalizzazione e archiviazione

digitalizzazione e archiviazione » digitalizzazione e archiviazione Servizi di digitalizzazione cartacea, audio e video. Gestione elettronica documenti, archiviazione e conservazione sostitutiva. Documenti archivi vari e storici registri,

Dettagli

PACCHETTO SPONSOR Per 11 edizione 14 17 dicembre 2014

PACCHETTO SPONSOR Per 11 edizione 14 17 dicembre 2014 PACCHETTO SPONSOR Per 11 edizione 14 17 dicembre 2014 Piazza Sallustio 9 Roma Tel. 06.4817254 Fax: 06.93379128 - www.seadam.it - info@seadam.it PERCHE DIVENTARE SPONSOR Se il vostro lavoro e i vostri interessi

Dettagli

Oggetto: formazione online per insegnanti dal Politecnico di Milano

Oggetto: formazione online per insegnanti dal Politecnico di Milano Apertura iscrizioni master online in tecnologie per la didattica Prof. Paolo Paolini Politecnico di Milano HOC-LAB Viale Rimembranze di Lambrate 14 20134 MILANO Al Dirigente scolastico Milano, 2 Dicembre

Dettagli

Promozione della cultura della sicurezza nelle scuole

Promozione della cultura della sicurezza nelle scuole Promozione della cultura della sicurezza nelle scuole Le reti per la promozione della cultura della sicurezza nelle scuole Uno strumento che si ritiene fondamentale per dare compiuta attuazione alle iniziative

Dettagli

Progetto di marketing non convenzionale

Progetto di marketing non convenzionale Progetto di marketing non convenzionale Sintesi del progetto Recati in una delle attività economiche aderenti a Fareraccolta e utilizza il buono sconto per i tuoi acquisti Raccogli e differenzia i rifiuti

Dettagli

L'anno addì.. del mese di, in T R A. La Dr.ssa nata a ( ) il, nella. sua qualità di Dirigente del Comune di Desenzano del Garda

L'anno addì.. del mese di, in T R A. La Dr.ssa nata a ( ) il, nella. sua qualità di Dirigente del Comune di Desenzano del Garda L'anno addì.. del mese di, in Desenzano del Garda, nella Residenza Municipale T R A La Dr.ssa nata a ( ) il, nella sua qualità di Dirigente del Comune di Desenzano del Garda abilitato alla stipulazione

Dettagli

PROVINCIA REGIONALE DI CATANIA

PROVINCIA REGIONALE DI CATANIA PROVINCIA REGIONALE DI CATANIA AVVISO Criteri e modalità di presentazione delle istanze relative al sostegno di iniziative e manifestazioni culturali, artistiche, musicali, coreutiche, teatrali, ricreative,

Dettagli

Borsa del Turismo della Nocciola. Nocciola Day. Noccioliamo in tour. Portale web. Guida Turistica. Community della Nocciola Italiana.

Borsa del Turismo della Nocciola. Nocciola Day. Noccioliamo in tour. Portale web. Guida Turistica. Community della Nocciola Italiana. Borsa del Turismo della Nocciola Nocciola Day Noccioliamo in tour Portale web Guida Turistica Community della Nocciola Italiana App Nocciolands Affissioni Media Borsa del Turismo della Nocciola PAESTUM

Dettagli

FORO ITALICO Roma Internazionali BNL d Italia Area Commerciale 30 aprile 08 maggio 2010

FORO ITALICO Roma Internazionali BNL d Italia Area Commerciale 30 aprile 08 maggio 2010 FORO ITALICO Roma Internazionali BNL d Italia Area Commerciale 30 aprile 08 maggio 2010 Perché Expotennis si propone come l appuntamento Internazionale dell anno per tutti gli Operatori dell universo Tennis

Dettagli

PROGETTO A SCUOLA DI DISLESSIA

PROGETTO A SCUOLA DI DISLESSIA PROGETTO A SCUOLA DI DISLESSIA Bando per la presentazione di progetti finalizzati alla realizzazione in ambito scolastico di strategie didattiche, metodologiche e valutative nei confronti degli studenti

Dettagli

bando per progetti sperimentali di innovazione didattica 2014-2016

bando per progetti sperimentali di innovazione didattica 2014-2016 bando per progetti sperimentali di innovazione didattica 2014-2016 rivolto a soggetti istituzionali rappresentativi del sistema delle scuole dell infanzia della provincia di Trento budget disponibile:

Dettagli

Allegato tecnico 5 - Monitoraggio degli interventi e comunicazione

Allegato tecnico 5 - Monitoraggio degli interventi e comunicazione Protocollo di intesa tra Hera S.p.A., Hera Comm S.r.l e i Comuni per la realizzazione di aree verdi urbane e la promozione della bolletta elettronica del Gruppo Hera Allegato tecnico 5 - Monitoraggio degli

Dettagli

PICENTINI IN LUCE. Dall economia agricola all economia dell immaginario, dal Cinema Moderno a Giffoni Multimedia Valley

PICENTINI IN LUCE. Dall economia agricola all economia dell immaginario, dal Cinema Moderno a Giffoni Multimedia Valley PICENTINI IN LUCE Dall economia agricola all economia dell immaginario, dal Cinema Moderno a Giffoni Multimedia Valley Seminario di studio per insegnanti ed operatori culturali Laboratori didattici per

Dettagli

Corsi di aggiornamento per Responsabili e Addetti al Servizio di Prevenzione e Protezione (rif. Art. 32 del D.Lgs 81/2008) B010 Il rischio elettrico

Corsi di aggiornamento per Responsabili e Addetti al Servizio di Prevenzione e Protezione (rif. Art. 32 del D.Lgs 81/2008) B010 Il rischio elettrico Corsi di aggiornamento per Responsabili e Addetti al Servizio di Prevenzione e Protezione (rif. Art. 32 del D.Lgs 81/2008) B010 Il rischio elettrico -Durata 9 ore- DESTINATARI Il corso è destinato ai Responsabili

Dettagli

COMUNE di BAGNO A RIPOLI

COMUNE di BAGNO A RIPOLI COMUNE di BAGNO A RIPOLI (Provincia di FIRENZE) Bando Pubblico con invito a manifestare interesse per la gestione del progetto di marketing territoriale PORTICO anche attraverso il portale internet www.firenzelecolline.it

Dettagli

UNIONE EUROPEA REGIONE CALABRIA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE CALABRIA DIPARTIMENTO PROGRAMMAZIONE NAZIONALE E COMUNITARIA

UNIONE EUROPEA REGIONE CALABRIA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE CALABRIA DIPARTIMENTO PROGRAMMAZIONE NAZIONALE E COMUNITARIA UNIONE EUROPEA REGIONE CALABRIA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE CALABRIA DIPARTIMENTO PROGRAMMAZIONE NAZIONALE E COMUNITARIA PROGRAMMAZIONE REGIONALE UNITARIA 2007 2013 PROGRAMMAZIONE TERRITORIALE E PROGETTAZIONE

Dettagli

DOTE LAVORO SOSTEGNO ALL OCCUPAZIONE AVVISO PUBBLICO

DOTE LAVORO SOSTEGNO ALL OCCUPAZIONE AVVISO PUBBLICO Settore Lavoro, Istruzione, Politiche Sociali PIANO PROVINCIALE PER IL SOSTEGNO E L INSERIMENTO LAVORATIVO DELLE PERSONE DISABILI ANNUALITA 2011-2012 DOTE LAVORO SOSTEGNO ALL OCCUPAZIONE AVVISO PUBBLICO

Dettagli

AF - MODA LA QUALITA DEL SU MISURA. 1-9 Dicembre 2012, Fieramilano Rho

AF - MODA LA QUALITA DEL SU MISURA. 1-9 Dicembre 2012, Fieramilano Rho AF - MODA LA QUALITA DEL SU MISURA 1-9 Dicembre 2012, Fieramilano Rho Il contesto AF L Artigiano in Fiera, 17ª Mostra Mercato Internazionale dell Artigianato, è il più grande villaggio mondiale dell artigianato

Dettagli

Progetto di sponsorizzazione. ASSOCIAZIONE NASCHIRA Viale delle Milizie, 38 00195 Roma C.F. e P. IVA 09422621004 www.naschira.com

Progetto di sponsorizzazione. ASSOCIAZIONE NASCHIRA Viale delle Milizie, 38 00195 Roma C.F. e P. IVA 09422621004 www.naschira.com Progetto di sponsorizzazione Spot promozionale dello sponsor proiettato durante le tappe Speciale circuito pubblicitario per fidelizzare il pubblico della serata alla marca dello sponsor. PUBBLICITA TABELLARE

Dettagli

Il progetto Frutta Secca è Benessere

Il progetto Frutta Secca è Benessere Il progetto Frutta Secca è Benessere Profilo Nucis Italia : Membro di I.N.C. (International Nut and Dried Fruit Council Foundation) Fondazione Internazionale che promuove il consumo di Frutta Secca ed

Dettagli