TRIBUNALE DI VICENZA ESECUZIONE IMMOBILIARE N. 549/2014 R.G. ESECUZIONI Avviso di vendita di beni immobili

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "TRIBUNALE DI VICENZA ESECUZIONE IMMOBILIARE N. 549/2014 R.G. ESECUZIONI Avviso di vendita di beni immobili"

Transcript

1 TRIBUNALE DI VICENZA ESECUZIONE IMMOBILIARE N. 549/2014 R.G. ESECUZIONI Avviso di vendita di beni immobili La sottoscritta avv. Elisa Tagliaro Fortuna, delegato alle operazioni di vendita di cui alla procedura esecutiva in epigrafe dal Giudice dott. Francesco Orlandi, in sostituzione del Giudice dell Esecuzione dott. Giulio Borella, in data , rende noto quanto segue. Sono stati posti in vendita i seguenti beni immobili: DESCRIZIONE DEGLI IMMOBILI LOTTO UNICO: Ubicazione: Thiene (VI) in Via San Rocco n. 16. Diritto venduto: Piena proprietà per la quota di 1/1 di appartamento con posto auto ed area urbana nella quota di 1/6. Bene: Appartamento al piano secondo con posto auto in area esterna e. area comune per la quota di 1/6. Descrizione: Trattasi di appartamento al secondo piano con superficie lorda (SEL) di circa mq. 65, composto da vano ingresso-soggiorno-cucina, camera matrimoniale, camera singola, bagno, corridoio di distribuzione; il perito segnala anche un poggiolo di circa mq. 2,5; l esperto precisa, inoltre, che il posto auto si trova sul fronte est del fabbricato e presenta una superficie netta di calpestio di circa mq. 12,00; l accesso avviene dall area comune Ente urbano di proprietà per 1/6. Classe energetica F. Identificazione Catastale: Per la quota di 1/1 Comune di Thiene (VI) C.F.: Appartamento Fg 4, Mapp. 157 Sub 8, Cat. A/2, vani 3,5, Rendita Euro 280,18; Posto auto Fg. 4, Mapp. 157 Sub 4, Cat. C/6, mq. 12, Rendita Euro 21,07. Per la quota di 1/6 Comune di Thiene (VI) C.F: Area Urbana Fg. 4, Mapp. 565, Cat. F/1, Piano T. Confini: Il perito identifica i seguenti confini: Per l appartamento, N.E.S.O. A.U.I., A.U.I. e scala condominiale, area scoperta di pertinenza, Strada comunale via San Rocco. Per il posto auto, N.E.S.O. A.U.I., A.U.I., area scoperta di pertinenza, B.C.N.C.. Per l area comune, N.E.S.O. fabbricato condominiale, A.U.I., A.U.I., Strada comunale via San Rocco. Situazione urbanistica Notizie ex art. 173 quater disp. att. c.p.c.: Alla data di redazione della perizia, il perito sottolinea che Non si rileva alcuna manutenzione urgente da effettuare. 1) 1

2 Difformità edilizio-urbanistiche L esperto evidenzia che Dal confronto tra lo stato autorizzato e quanto rilevato in loco non si sono riscontrate difformità. 2) Conformità catastale L esperto evidenzia che Dal confronto tra quanto indicato nelle planimetrie catastali delle unità immobiliari pignorate e quanto rilevato in loco non si sono riscontrate difformità. 3) Destinazione urbanistica L Esperto riporta che Dal punto di vista urbanistico, come si evince dall estratto del Piano degli Interventi, la particella n.ro 157 risulta sita in Zona Territoriale Omogenea A Centro storico [ ]. Pratiche edilizie: Il perito, relativamente ai titoli abilitativi edilizi, riporta quanto segue: L edificio è stato realizzato in epoca ante 76 e non è quindi presente l autorizzazione iniziale alla costruzione dell immobile. L edificio è stato oggetto di concessione edilizia rilasciata dal dirigente del settore urbanistica ed edilizia di Thiene in data , finalizzata alla ristrutturazione di fabbricato residenziale. Successivamente il fabbricato è stato oggetto di variante rilasciata dal dirigente del settore urbanistica ed edilizia di Thiene in data 16/07/2001. Successivamente il fabbricato è stato oggetto di variante che ha ricevuto parere conforme dal settore urbanistica ed edilizia di Thiene in data 03/02/2003. Vincoli giuridici: Il perito rileva una servitù di passaggio sul m.n. 565 a favore della proprietà limitrofa catastalmente identificata in comune di Thiene al F. 4 m.n. 529 e 530 (ex 160). Inoltre, specifica che l esecutato ha riferito che non è presente l'amministratore di condominio e quindi non è possibile sapere se vi sono spese condominiali arretrate. Si informa comunque che ai sensi dell Art. 63 delle Disp. Att. del C.C. l acquirente è tenuto in via solidale al pagamento dei contributi (spese condominiali) relativi al biennio antecedente l acquisto che andrà poi conteggiato a ritroso dall anno in corso alla data del Decreto di Trasferimento. Si rimanda comunque espressamente alla perizia di stima predisposta dall esperto ing. Pietro Paolo Lucente in data per tutto quanto non riportato nel presente avviso di vendita. Stato di occupazione: Alla data di redazione della perizia, il perito riporta che Gli immobili sono [ ] nel possesso dell esecutato. PREZZO BASE: Euro ,00 (sessantamilasettecento/00) come da valore finale indicato dall esperto. OFFERTA MINIMA: Euro ,00 (quarantacinquemilacinquecentoventicinque/00), pari al prezzo base ridotto di un quarto. Il Giudice dell Esecuzione ha confermato Custode Giudiziario l Istituto Vendite Giudiziarie di Vicenza s.r.l. in persona del Direttore Signora Lucia Dal Brun (il provvedimento di liberazione è eseguito dal custode nominato, a spese della procedura, anche successivamente al decreto di trasferimento nell interesse dell aggiudicatario se questi non lo esenta espressamente). * * * MODALITÀ DI PARTECIPAZIONE ALLA VENDITA GIUDIZIARIA 2

3 L udienza per l apertura delle buste, per l esame delle offerte e per l eventuale gara tra gli offerenti avrà luogo il giorno 09/01/2018 alle ore 09:40 presso ADEI, innanzi al Professionista Delegato, in Piazza Pontelandolfo n. 9, Vicenza. 1. Il termine per depositare le offerte di acquisto è fissato alle ore del giorno non festivo (e, comunque, con esclusione del sabato) precedente a quello fissato per l'apertura delle buste. 2. Ognuno, tranne il debitore e i soggetti esclusi per legge (art. 377 c.c., art c.c.), può fare offerte d'acquisto. 3. Le offerte, in marca da bollo da Euro 16,00, dovranno essere presentate in busta chiusa presso ADEI in Vicenza Piazza Pontelandolfo n. 9 (per eventuali chiarimenti inviare una mail all indirizzo Il ricevente dovrà annotare sulla busta solamente il nome del Giudice dell Esecuzione e il nome del Professionista Delegato, il numero della procedura esecutiva, la data dell'udienza fissata per l apertura delle buste, il nome di chi materialmente presenta l'offerta, data e ora di ricezione della busta. 4. Le offerte dovranno essere compilate secondo il modello fac-simile in uso (disponibile presso il sito del Tribunale di Vicenza, sezione Vendite Giudiziarie Come partecipare ) e contenere le seguenti informazioni: l'indicazione del Tribunale e del numero di procedura; l'indicazione del Giudice dell Esecuzione cui è assegnata la procedura; l'indicazione del Professionista Delegato alle operazioni di vendita ex art. 591 bis c.p.c.; il cognome, nome, luogo e data di nascita, codice fiscale, domicilio, stato civile, recapito telefonico del soggetto cui andrà intestato l immobile (non sarà possibile intestare l immobile a soggetto diverso da quello che sottoscrive l offerta, salvi i casi di legge), il quale dovrà anche presentarsi all'udienza fissata per la vendita. Se l offerente è coniugato dovrà rendere autodichiarazione in ordine al regime patrimoniale e, se in regime di comunione legale dei beni, dovranno essere indicati anche i corrispondenti dati del coniuge. Se l offerente è minorenne, l offerta dovrà essere sottoscritta da entrambi i genitori, previa autorizzazione del Giudice Tutelare, che dovrà essere inserita nella busta. Per i soggetti che intendano partecipare in qualità di titolati di ditta individuale dovrà essere indicata la partita IVA e all offerta dovrà essere allegata copia di un certificato camerale della ditta stessa aggiornata entro i tre mesi precedenti alla vendita, dichiarando di acquistare nell esercizio di impresa, arte o professione. Se l offerente è una società o altro ente, dovrà essere allegata visura CCIAA aggiornata entro i tre mesi precedenti alla vendita, da cui risulti l attuale esistenza della persona giuridica, con enunciazione della spettanza dei poteri di rappresentanza legale e di offerta in udienza; l offerta può essere presentata personalmente o a mezzo procuratore legale munito di procura speciale notarile: i procuratori legali possono presentare anche offerta per persona da nominare. Gli offerenti dovranno dichiarare la propria residenza ed eleggere domicilio nel Comune sede di 3

4 questo Tribunale; in mancanza le comunicazioni saranno fatte presso la Cancelleria delle Esecuzioni Immobiliari del Tribunale di Vicenza; l identificazione catastale del lotto per il quale l offerta è proposta, ricavabili dall avviso di vendita e dalla perizia; il prezzo offerto, che non potrà essere inferiore ad oltre 1/4 rispetto al prezzo base indicato nell avviso di vendita, a pena di esclusione; il termine di versamento del saldo prezzo, nel caso in cui questo venga versato in un'unica soluzione, nonché degli ulteriori oneri, diritti e spese conseguenti alla vendita, che non potrà superare i 120 giorni. In mancanza di indicazione del termine, si intende che esso è di 120 giorni dall aggiudicazione. Visti gli Artt c.p.c., i quali ammettono ora anche l offerta rateale del prezzo, laddove l'offerente intenda avvalersi della facoltà di pagamento rateale, dovrà dichiararlo nell'offerta e sarà ammessa solo se il prezzo base si mantiene superiore ad euro ,00; in ogni caso il termine per il pagamento rateale non potrà essere superiore a 12 mesi e dovrà avere cadenza mensile con rate aventi pari importo. In caso di pagamento rateale l offerente, qualora l immobile venga a lui aggiudicato, potrà chiedere comunque l immediata immissione nel possesso del bene, ma dovrà essere prestata fideiussione bancaria autonoma e a prima di richiesta, della durata pari al termine di pagamento dell'ultima rata e per un importo pari almeno al 30% del prezzo di aggiudicazione; il mancato pagamento anche di una sola rata, peraltro, comporterà decadenza dall'aggiudicazione e le rate versate rimarranno acquisite alla procedura a titolo di multa. L offerta potrà prevedere infine anche il pagamento del prezzo a mezzo accollo dei debiti del debitore, ex artt c.p.c., ovvero attraverso accensione di apposito mutuo; l espressa dichiarazione di aver preso visione della perizia di stima dell Esperto, di conoscere lo stato di fatto e di diritto dei beni e di aver visionato l immobile con il Custode. All offerta dovrà essere allegata: se offerta di persona fisica: una fotocopia del documento di identità e del codice fiscale e, se in comunione legale dei beni, anche del coniuge; se offerta nel caso di minore: una fotocopia del documento di identità e del codice fiscale di entrambi i genitori e copia autentica dell Autorizzazione del Giudice Tutelare; se offerta di persona giuridica: una fotocopia del documento di identità e del codice fiscale del legale rappresentante nonché visura camerale aggiornata entro i tre mesi precedenti alla vendita, da cui risultino i poteri ovvero la procura o l atto di nomina che giustifichi i poteri; il versamento della cauzione, versata solo con assegno circolare non trasferibile o vaglia postale circolare che assicuri la pronta disponibilità delle somme, intestato a PROC. ESEC. N. 549/2014 R.G.E. TRIB. VICENZA, per un importo pari al 10 per cento del prezzo offerto. 5. L'offerta non è valida se non è prestata cauzione o se perviene oltre il termine. 4

5 6. L'offerta è irrevocabile sino alla data dell udienza fissata e, comunque, per almeno 120 giorni. Essa, peraltro, non dà diritto all acquisto del bene, restando piena facoltà del Giudice di valutare se dar luogo o meno alla vendita, e ciò anche in caso di unico offerente. 7. L offerta di acquisto non è efficace se perviene oltre il termine sopra stabilito o se è inferiore di oltre 1/4 al prezzo base sopra determinato o se l offerente non presta cauzione nella misura sopra indicata. 8. Nel caso in cui l offerente fosse interessato all acquisto di uno solo, indifferentemente, tra più lotti di beni simili (es. box) posti in vendita dalla medesima procedura in una stessa udienza, potrà fare offerta per tutti i lotti, dichiarando di volerne acquistare però uno solo. In tal caso, se l acquirente si renderà aggiudicatario di uno dei lotti, cesserà di essere obbligato all acquisto dei lotti successivi. 9. Accesso all udienza di vendita: nell aula di udienza ove si tiene l apertura delle buste e l eventuale gara sono ammessi, oltre al delegato e suoi collaboratori, oltre ai creditori, al debitore, al custode, agli offerenti e, col consenso di questi, anche eventuali persone che accompagnino gli offerenti stessi, previa loro identificazione e qualificazione (a puro titolo di esempio il coniuge, i figli, convivente, soggetti che abbiano prestato consulenza o assistenza nell acquisto). 10. Nella vendita senza incanto l offerta può essere fatta solo dall interessato o da procuratore legale (avvocato), che deve essere munito di procura speciale (rilasciata con atto pubblico o scrittura privata autenticata, non essendo applicabile l art. 83 co. 3 c.p.c.). non è ammessa altra forma di rappresentanza. In caso di impedimento dell offerente a presenziale alla data fissata per l apertura delle buste, questi potrà farsi rappresentare solo da un procuratore legale, munito di procura speciale. MODALITÀ DELL AGGIUDICAZIONE SALDO PREZZO 1) All udienza sopra fissata saranno aperte le buste alla presenza degli offerenti e si procederà al loro esame: in caso di unica offerta inferiore al prezzo base, ma non più di 1/4, il delegato deve ritenersi fin da ora autorizzato ad effettuare l aggiudicazione definitiva, salvo che ritenga che vi sia la seria possibilità di conseguire un prezzo superiore con una nuova vendita; in caso di unica offerta, pari o superiore al prezzo base dell'immobile stabilito nell avviso di vendita, l immobile sarà immediatamente aggiudicato; in caso di più offerte valide, si procederà a gara sulla base della offerta più alta. Il rilancio minimo sarà di euro 500,00 se il prezzo base è pari o inferiore ad euro ,00, di euro 1.000,00 se il prezzo base è pari o inferiore ad euro ,00, di euro 2.000,00 se il prezzo base è pari o inferiore ad euro ,00, di euro 3.000,00 se il prezzo base è pari o inferiore ad euro ,00, di euro 5.000,00 se il prezzo base è superiore ad euro ,00. In tal caso il bene verrà definitivamente aggiudicato a chi avrà effettuato il rilancio più alto entro 1 minuto dal rilancio precedente. Nel caso in cui le parti non siano disponibili ad effettuare la gara, ex art. 573, co. 3, c.p.c.: 1) sarà preferita quella di importo più alto; 2) sarà preferita quella che prevede termini di pagamento più brevi; 3) in caso di parità assoluta delle offerte e 5

6 condizioni, modalità e tempi di pagamento, sarà preferita quella presentata per prima. Se l entità dell offerta risultasse comunque inferiore al valore dell immobile il giudice si riserva la facoltà di non far luogo all'aggiudicazione, laddove ritenga che il bene possa essere aggiudicato ad un prezzo superiore con un nuovo esperimento di vendita; non verranno prese in considerazione offerte pervenute dopo la conclusione della gara, neppure se il prezzo offerto fosse superiore di oltre un sesto a quello di aggiudicazione; nel caso in cui, nei 10 giorni prima del giorno fissato per la vendita, sia presentata offerta per l'assegnazione, la stessa sarà comunque preferita, nel caso in cui il prezzo offerto dagli offerenti sia inferiore al valore dell'immobile così come indicato nell'ordinanza di vendita. 2) Nella vendita senza incanto, l aggiudicazione è definitiva e non verranno prese in considerazione offerte successive. 3) L aggiudicatario dovrà depositare sul c/c della procedura il residuo prezzo (prezzo di aggiudicazione detratto l importo per cauzione già versato); il termine per il deposito, se non indicato nell'offerta, è di 120 giorni dall aggiudicazione; nello stesso termine dovrà essere versato un importo nella misura di circa il 15-20% del prezzo di aggiudicazione, o nella misura che sarà indicata dal Delegato alla vendita in fase di aggiudicazione, relativo al pagamento delle imposte di registro, catastali e ipotecarie. Sono poste inoltre a carico dell aggiudicatario o dell assegnatario le spese di voltura catastale, nonché la metà del compenso del delegato relativo alla fase del trasferimento della proprietà, compensi che s intendono regolati dal D.M. 227/2015. Le eventuali somme versate in eccesso verranno restituite all aggiudicatario. Ai fini dell art c.c., è stabilito che qualunque somma versata sarà imputata prima alle spese di trasferimento e poi al residuo prezzo; nello stesso termine dovrà essere depositata la ricevuta dell avvenuta operazione a saldo. Ove l immobile sia gravato da ipoteca iscritta a garanzia di mutuo concesso ai sensi del T.U n. 646, richiamato dal D.P.R n. 7 ovvero ai sensi dell art. 38 del D.Lgs n. 385, in caso di richiesta ex art. 41 T.U.B. avanzata dal creditore fondiario (il quale dovrà depositare nota riepilogativa del credito entro il termine di 20 giorni dalla comunicazione dell avvenuta aggiudicazione, all esito del versamento del residuo prezzo da parte dell aggiudicatario (che dovrà avvenire sempre in favore del Delegato), il Professionista Delegato provvederà a sua discrezione, e comunque nella misura massima del 70%, se dovuto, a copertura delle spese di esecuzione anche successive ad emettere ordine immediato di pagamento in favore del creditore fondiario, dando all uopo ordine alla banca depositaria delle somme di eseguire l operazione, ai sensi dell art. 591 bis n. 13) c.p.c., e accantonando il residuo per le spese di procedura ed eventuale riparto. 4) L aggiudicatario, ai sensi dell art c.p.c., potrà versare il prezzo tramite mutuo ipotecario con garanzia sul medesimo immobile oggetto della vendita (è possibile richiedere informazioni in 6

7 proposito al Custode Giudiziario e/o al Professionista Delegato); in tal caso dovrà darne esplicita comunicazione al Professionista Delegato stesso. 5) In caso di mancato versamento del prezzo nel termine anzidetto, l'aggiudicazione sarà revocata e l aggiudicatario perderà la cauzione. Inoltre, qualora dalla successiva vendita dell'immobile dovesse ricavarsi una somma inferiore a quella offerta dal precedente aggiudicatario decaduto, questi sarà tenuto al pagamento della differenza. 6) Dal momento della delega, tutte le ulteriori attività che dovrebbero compiersi presso la Cancelleria delle Esecuzioni Immobiliari, dovranno compiersi presso il Professionista Delegato, che è Pubblico Ufficiale depositario di atti pubblici e, come tale, dovrà anche rilasciare le copie degli atti agli interessati con applicazione dell art. 18 DPR 445/2000; ogni ulteriore informazione potrà essere richiesta dagli interessati allo stesso Professionista all indirizzo mail o al Custode Giudiziario (come da circolare del Dipartimento per gli Affari di Giustizia, Direzione della Giustizia Civile, prot. N. m_dg.dag.06/12/ u). CONDIZIONI GENERALI DELLA VENDITA Gli immobili pignorati sono posti in vendita nella consistenza indicata nella perizia redatta dallo stimatore (che deve intendersi qui per intero richiamata e trascritta); quanto alle indicazioni della normativa relativa alle regolarità urbanistica degli immobili si richiamano nel presente avviso le indicazioni e gli accertamenti operati dall esperto (in ogni caso, l aggiudicatario potrà, ricorrendone i presupposti, avvalersi delle disposizioni di cui agli artt. 17, 5 comma e 40, 6 comma, della medesima Legge 47/1985 e successive modificazioni ed integrazioni). La vendita avviene nello stato di fatto e di diritto in cui i beni si trovano, con tutte le eventuali pertinenze, accessioni, ragioni ed azioni, servitù attive e passive. La vendita è a corpo e non a misura (eventuali differenze di misura non potranno dar luogo ad alcun risarcimento, indennità o riduzione del prezzo). La vendita forzata non è soggetta alle norme concernenti la garanzia per vizi o mancanza di qualità, né potrà essere revocata per alcun motivo: l esistenza di eventuali vizi, mancanza di qualità o difformità della cosa venduta, oneri di qualsiasi genere ivi compresi, ad esempio, quelli urbanistici ovvero derivanti dalla eventuale necessità di adeguamento di impianti alle leggi vigenti, spese condominiali dell anno in corso e dell anno precedente non pagate dal debitore per qualsiasi motivo non considerati, anche se occulti e comunque non evidenziati in perizia, non potranno dar luogo ad alcun risarcimento, indennità o riduzione del prezzo, essendosi di ciò tenuto conto nella valutazione dei beni. Le informazioni sul regime fiscale a cui è assoggettata la vendita (imposte sul trasferimento, agevolazioni, ecc.) saranno fornite dal Professionista Delegato o presso il recapito telefonico che verrà fornito a richiesta. L immobile viene venduto libero da iscrizioni ipotecarie e da trascrizioni di pignoramenti (se esistenti al momento della vendita, eventuali iscrizioni saranno cancellate a spese e cura della procedura). 7

8 I beni di cui sopra sono meglio descritti nella relazione di stima che deve essere consultata dall offerente, ed alla quale si fa espresso rinvio anche per tutto ciò che concerne l esistenza di eventuali oneri e pesi a qualsiasi titolo gravanti sui beni. PUBBLICITÀ ai sensi dell art. 490 c.p.c. pubblicazione dell'annuncio sul Portale delle Vendite Pubbliche (a partire dal momento in cui verranno promulgate le specifiche tecniche); pubblicazione nei siti internet gestiti rispettivamente da AstaLegale e da Aste On Line, almeno 45 giorni prima della data fissata per la presentazione delle offerte; pubblicazione per estratto su il NEWSPAPER ASTE TRIBUNALE DI VICENZA ; per tutte le procedure inoltre verrà effettuata anche la seguente pubblicità integrativa e complementare: - Spot televisivo Il Tribunale e le aste - Campagna pubblicitaria su mezzi di trasporto pubblico * * * Il Giudice dell Esecuzione ha nominato Custode Giudiziario, in sostituzione del/i debitore/i, l Istituto Vendite Giudiziarie di Vicenza s.r.l., con sede in Costozza di Longare (VI), Via Volto n. 63, tel. 0444/953915, fax 0444/953552, mail con l incarico tra l altro di: fornire ogni utile informazione (anche telefonica) a eventuali acquirenti sulle caratteristiche e sulla consistenza del bene e, in genere, sulla vendita giudiziaria, anche formando e ad inviando agli interessati (anche tramite o fax), copia/e dell ordinanza di vendita, della/e relazione/i del custode e della perizia di stima; organizzare le visite all immobile da parte degli interessati adottando tutti gli accorgimenti necessari al fine di evitare che gli stessi possano entrare in contatto tra di loro (visite singole e ad orari differenziati) ed evitando di rivelare ai richiedenti se vi sono (o non vi sono) altre persone interessate e i loro nomi; fornire agli interessati l aggiornamento sullo stato dell immobile. Le visite dell immobile, concordate con il Custode giudiziario, saranno gratuite. Vicenza, lì 13 ottobre 2017 Il Professionista Delegato Avv. Elisa Tagliaro Fortuna 8

9 00 ~ o oo o, <:Il :8 -< "'" - N ~ Z ==.:! '" "'" - U 00 C-'..::! -> o t- ~ "O "O o!!!!!!!!!!'! Q,l N O I... -; --- Q,l C O - -- '" = 'C 'c.c. - ~ 'i: I E-< O iiiiiiiiiiiii Z = ~ - E-< - Z """""'" - TRIBUNALE DI VICENZA 1 6 GEN 2017 IL CANCELLffiRE ~ TRIBUNALE ORDINARIO DI VICENZA SEZIONE PRIMA CIVILE Ufficio Esecuzioni Immobiliari CIRCOLARE DELEGATI 1/ Disposizioni generali A seguito dell'aumento del numero dei professionisti delegati e della riunione tra i medesimi e i magistrati addetti alle esecuzioni immobiliari, avvenuta in data , al fine di uniformare le prassi e i modelli, viene emessa dall'ufficio la seguente circolare. Essa viene adottata dopo averne condiviso la bozza con i professionisti delegati e dopo aver raccolto i rispettivi rilievi, nonchè previa sua comunicazione all'ordine degli Avvocati di Vicenza, per le eventuali osservazioni. Essa modifica istantaneamente tutte le deleghe precedentemente già emesse e, per l'effetto, dovrà essere applicata a partire dal primo esperimento di vendita avviato dopo la sua emanazione, erme, per gli esperimenti di vendita attualmente in corso, le disposizioni precedentemente date con le rispettive ordinanze di vendita. Si precisa che essa non intende disciplinare tutta l'attività del delegato, né in particolare ripetere quanto è già chiaramente scritto nella legge (o nell'avviso di vendita uniforme adottato dall'ufficio), che si presume noto a coloro che intendano svolgere l'attività di delegato, ma solo fornire direttive per l'esercizio uniforme dei poteri discrezionali che la legge riserva al delegato, in particolare negli ambiti che, in occasione della riunione del , sono risultati più critici. Per la sua efficacia, secondo quanto stabilito da Casso 3607/2015, essa deve essere dal delegato comunicata alle parti (compresi i creditori iscritti non intervenuti) unitamente e in allegato all'avviso di vendita, nonché pubblicata sul sito del Tribunale e sui siti internet previsti nell' ordinanza di vendita, accanto all'ordinanza di vendita stessa, all'avviso di vendita e alla perizia. PROGRAMMA DI VENDITA Forme della vendita: rilevato che gli artt cpc sono stati novellati, dapprima dal d.l. 132/2014, convertito con legge 162/2014, poi con d.l , convertito con legge 132/2015, prevedendo si ora la facoltatività della vendita con incanto, da disporsi solo laddove il G.E. ritenga che il bene possa essere venduto ad un valore superiore del 150% al valore di stima, norma applicabile anche alla procedure in corso a seguito della riforma del 2015, ritenuto che, per tutte le vendite in corso, tale eventualità sia già stata esclusa dai fatti, si dispone che i delegati procedano alle successive vendite solamente nella modalità della vendita senza incanto. Offerta rateale: vista la novella dell'art cpc, i quali ammettono ora anche l'offerta rateale del prezzo, ritenuto che essa possa ammettersi, quale utile strumento per attrarre eventuali interessati all'acquisto, ma solo fino a che il prezzo base si mantenga superiore ad euro ,00, e solo qualora l'offerta preveda la rateazione mensile, si dispone che tale forma di offerta sia applicata dai delegati, alle anzidette condizioni.

10 Termine della delega: la delega s'intende a tempo indeterminato, fino a vendita del bene o fino a che il prezzo base d'asta, per effetto dei successivi ribassi, non scenda sotto euro ,00, sicchè la prosecuzione della procedura stessa divenga antieconomica, con conseguente chiusura anticipata della medesima ex art. 164 bis d.a. C.p.c. Di conseguenza si richiede ai delegati di rimettere al G.E. i fascicoli una volta che, dopo precedenti esperimenti di vendita infruttuosi, il prezzo base, per effetto dei conseguenti ribassi, scenda sotto la soglia sopra indicata. Laddove siano in corso esperimenti di vendita per un prezzo base inferiore alla soglia di euro ,00 essi saranno portati a termine e il delegato rimetterà il fascicolo al G.E. una volta che l'esperimento sia concluso. Pubblicità: la pubblicità sul quotidiano, attualmente su Il Giornale di Vicenza, verrà effettuata solo se, all'udienza ex art. 569 cpc, essa sia stata chiesta dai creditori e, segnatamente, da quello tra essi che dovrà sostenere le spese per l'esborso del fondo spese (di regola il creditore fondiario o, in assenza di un fondiario, il creditore procedente). In ogni caso essa è limitata ai primi tre esperimenti di vendita. Laddove, per le vendite già delegate, si siano già tenuti tre esperimenti di vendita, la pubblicità sul quotidiano non dovrà dunque più essere fatta. Data la consistente esposizione maturata dai gestori della pubblicità telematica (attualmente Astalegale e Aste Online) si autorizzano i medesimi a non dare corso alle richieste di pubblicità relative ad un nuovo esperimento di vendita, fino a che non sian saldate le fatture relative agli esperimenti precedenti scadute da almeno 6 mesi. Per tutte le procedure inoltre verrà effettuata anche la seguente pubblicità integrativa e complementare: Spot televisivo "II Tribunale e le aste"; Campagna pubblicitaria su mezzi di trasporto pubblici; Si rammenta che, laddove, su istanza di alcuno dei creditori, sia stata autorizzata l'effettuazione (da parte di quest'ultimo e sempre a sua cura e spese) di pubblicità integrativa complementare (ad es. Unicredit sui siti e tra le più frequenti), anche il concreto e materiale adempimento di tali forme di pubblicità straordinaria va verificato dal delegato al momento della vendita (ed è onere del creditore onerato fornirne prova), in quanto "la forma di pubblicità straordinaria stabilita dal giudice dell 'esecuzione a norma dell 'art. 490 C.p.c., è atto strutturale del procedimento di vendita e la sua mancanza o vizio si riflette sull 'ordinanza di aggiudicazione comportandone la nullità, con conseguente nullità e opponibilità del decreto di trasferimento" (cfr Casso 8006/2005, Casso 5826/1985). Luogo di presentazione delle offerte, apertura buste, eventuale gara: presso l'associazione di appartenenza indicata nell'avviso di vendita, se trattasi di professionista che operi in associazione con altri; altrimenti presso lo studio del delegato. Ausiliari: DIRETTIVE PER IL DELEGATO Il delegato s'intende fin da ora autorizzato ad avvalersi di ausiliari e collaboratori (nei limiti di quanto affermato da Casso 8036/2014) e a farsi sostituire da altro professionista iscritto agli elenchi di cui all'art. 179 ter d.a. c.p.c. per specifiche attività,

11 in particolare per le udienze di vendita, avendo cura, in tale ultimo caso, di dame comunque comunicazione al G.E. per la ratifica. Controlli preliminari: Il delegato, entro 30 giorni dal versamento del fondo spese, ex art. 16 bis co. 9 sexies d.l. 179/2012, come modificato dal d.l. 59/2016, convertito con modificazioni dalla l. 119/2016, deve depositare apposita relazione iniziale (utilizzando l'apposito modello predisposto dall'd fficio), nella quale dovrà verificare (sulla scorta della documentazione in atti e della perizia): Dal punto di vista procedurale: 1. Che la notifica del pignoramento non sia inesistente; 2. Che il creditore procedente sia munito di regolare titolo esecutivo e/o che questo non sia venuto meno; 3. Che ai creditori iscritti (ivi compresi i titolari dei diritti di cui all'art cc e coloro che abbiano trascritto domanda ex art c.c.) sia stato notificato l'avviso di cui all'art. 498 c.p.c.; 4. Che siano stati esattamente individuati i comproprietari e che ad essi sia stato notificato l'avviso di cui all'art. 599 c.p.c. o che (in caso di vendita dell'intero eseguita in seno ad un giudizio di divisione) gli stessi siano stati ritualmente citati in giudizio con notifica dell' atto di citazione; 5. Che la documentazione ex art. 567 C.p.c. sia completa (cfr Casso 11090/1993); Dal punto di vista sostanziale (in base agli atti e documenti del fascicolo e alla perizia): 1. Che il bene pignorato sia esattamente individuabile dalla lettura dell' atto di pignoramento e della nota di trascrizione (validità del pignoramento dal punto di vista oggettivo, cfr Casso 25055/2013); 2. Che il diritto sia stato correttamente pignorato (Cass. 6575/2013, Casso 6576/2013, Casso 4612/1985, Casso 11272/2014, Casso 11638/2014). 3. al controllo della titolarità in capo alli debitore/i esecutato/i dei diritti reali oggetto di apprensione esecutiva, sulla base della documentazione ipo-catastale o della certificazione sostitutiva notarile depositata dal creditore procedente e della relazione dell' esperto già nominato da questo Giudice ai sensi dell' art. 568 c.p.c., e, nell'ipotesi in cui riscontri una discordanza tra diritti pignorati e reale consistenza degli stessi, ad informarne questo Giudice trasmettendo gli gli atti senza indugio; 4. che non sussistono vincoli e/o diritti reali o personali opponibili all'acquirente diversi da quelli indicati nella relazione di stima; 5. al controllo dello stato di diritto in cui si trovano gli immobili, della destinazione urbanistica del terreno risultante dal certificato di cui all'art. 30 D.P.R. 380/2001, nonché le notizie di cui agli articoli 17 e 40 della citata Legge n. 47 del 1985, sulla base della perizia e dei documenti allegati; Il delegato deve intendersi fin da ora autorizzato ad effettuare la sanatoria del difetto di continuità delle trascrizioni riguardante l'acquisto mortis causa indiretto e/o rettifiche di atti ex art. 59 bis L.Not. e/o rettifiche della nota di trascrizione, nonchè ad acquisire l'atto di provenienza ante ventennio, laddove ciò non sia già stato fatto dal procedente o dall'esperto. Ogni sei mesi, dopo la relazione iniziale, il delegato provvederà a depositare apposita relazione periodica con la descrizione delle attività svolte.

12 Entro IO giorni dall' approvazione del progetto di distribuzione, infine, il delegato depositerà apposita relazione finale. Contenuto della delega: Il delegato provvederà a tutti gli adempimenti previsti dall'art. 591bis co. II n. 1)-13) c.p.c. e agli adempimenti previsti dai successivi commi. In particolare: Prezzo base: il prezzo base del primo esperimento di vendita, se non diversamente disposto dal G.E. nell'ordinanza di vendita, sarà pari al valore finale determinato dall'esperto nella propria relazione, al netto delle decurtazioni ex art. 568 C.p.c. (per assenza garanzia per vizi, eventuali spese di sanatori a o regolarizzazione catastale, spese condominiali dell'ultimo biennio, ecc.), salvo gli arrotondamenti che il delegato ritenesse opportuni, anche per il calcolo dell'offerta minima. Se la delega viene conferita o rinnovata dopo esperimenti di vendita già tenutisi (in Tribunale o presso il medesimo o altro delegato), il prezzo base sarà pari a quello dell'ultimo esperimento di vendita effettivamente tenutosi, ridotto del 25%. Ribassi: dopo il primo esperimento di vendita si autorizza fin da ora, ai sensi dell'art. 591 C.p.c., un ribasso del 25% e così per ciascuno dei successivi esperimenti. Il ribasso del 50% è autorizzato: prezzo base IO esperimento pari o inferiore 300 mila = dal 50 esperimento prezzo base IO prezzo base IO esperimento pari o inferiore 400 mila = dal 6 0 esperimento esperimento pari o inferiore 500 mila = dal 7 0 esperimento In ogni caso - al di là della soglia di antieconomicità prevista nel programma di vendita - quando siano stati applicati ribassi del 50%, si autorizza sempre l'effettuazione di un ultimo estremo esperimento di vendita al prezzo base di euro ,00. Termini: il Delegato, ogni tre esperimenti di vendita negativi, ne riferirà immediatamente al G.E. per le determinazioni del caso, indicando data e prezzo base di ciascun esperimento effettuato, proseguendo comunque le operazioni di vendita, salvo diverso provvedimento del G.E. Il primo esperimento di vendita dovrà essere fissato tra 90 e 120 giorni dal pagamento del fondo spese; i successivi tra i 60 e i 90 giorni dall'esperimento precedente. Il tutto compatibilmente con il calendario della pubblicità tenuto dalla società di cui all' art. 173 ter d.a. cpc (attualmente Astalegale). Sospensione feriale: la sospensione feriale dei termini, prevista dall'art. 92 dell'ordinamento Giudiziario, si applica anche alle procedure esecutive, sicchè non possono disporsi esperimenti di vendita nel periodo 1-31 agosto di ogni anno. Ovviamente può in questo periodo farsi la pubblicità, ma i giorni compresi nel periodo di sospensione feriale non si computano nei 45 giorni di legge. E' inoltre opportuno che le vendite successive a tale periodo non vengano fissate, salvo specifici casi, prima dell'ultima settimana di settembre; in tal caso la pubblicità disposta nell' ordinanza di vendita va effettuata a luglio (non computandosi nei 45 giorni il periodo di sospensione feriale). Deve ritenersi soggetto a sospensione feriale anche il termine per il pagamento, sebbene sul punto vi siano opinioni contrarie. Seguendo infatti la linea tracciata da Casso 7708/2014 in tema di nullità della vendita e di aliud pro alio, le vendite all'asta tendono ad essere ricostruite sempre più in termini pubblicistici, così che appare difficile sostenere che il termine per il pagamento del saldo prezzo abbia mero carattere sostanziale e non anche processuale.

13 Laddove quindi il termine per il pagamento del saldo prezzo cada in periodo di sospensione feriale appare preferibile, onde non allungare eccessivamente i tempi, che per il pagamento nell'avviso di vendita venga assegnato un termine inferiore a 120 gg. Vendita in più lotti: nell'ipotesi di vendita di più lotti, il delegato cesserà le operazioni di vendita, ai sensi dell'art. 504 C.p.c. e dell'art. 163 disp. att. C.p.c., ove, per effetto dell'aggiudicazione di uno o più lotti, sia stata già conseguita una somma pari all'ammontare complessivo dei crediti per cui si procede e delle spese, riferendo ne immediatamente al Giudice. In alternativa, quando siano in vendita più lotti e il prezzo di alcuni di essi sia già sufficiente a coprire l'ammontare complessivo dei crediti, il delegato potrà procedere all'aggiudicazione con riserva, rimettendo al G.E. ex art. 591 ter c.p.c. l'aggiudicazione definitiva. Nell' avviso di vendita peraltro la circostanza interessati. dovrà essere specificata, a tutela degli Modelli: il delegato è tenuto ad utilizzare i modelli predisposti dall'ufficio, segnatamente per ciò che concerne la relazione iniziale, periodica e finale (in fase di predisposizione), l'avviso di vendita, il decreto di trasferimento, la bozza della delega per la distribuzione. Le modifiche ai modelli che si rendessero necessarie nel tempo, vuoi per superare eventuali criticità emerse nella prassi, vuoi per correggere eventuali errori, vuoi per i necessari aggiornamenti agli eventuali interventi normativi, potranno essere suggerite dai delegati stessi e discusse alla stessa maniera in cui è stata discussa la presente circolare. Processo civile telematico e copie di cortesia: il Delegato, il Custode e l'esperto sono tenuti a depositare gli atti e le istanze in PCT. L'evasione delle istanze avverrà preferibilmente in via telematica. A tal fine è necessario che gli ausiliari che presentano un'istanza al G.E alleghino sempre alla stessa una copia in formato rft dell'istanza stessa, nonché una copia, sempre in formato rtf, del provvedimento del G.E. che dovrebbe essere adottato (oppure formulare l'istanza in maniera che possa essere evasa con i nuovi timbri di Consolle, ossia in particolare il timbro "Visto, agli atti" o "Visto, si autorizza"). Dovranno continuare a depositarsi le copie di cortesia dei seguenti provvedimenti: 1) atti urgenti; 2) decreto di trasferimento (e allegati). Ricorso ex art. 591 ter C.p.c.: il delegato che intenda rappresentare al G.E. difficoltà insorte nel corso delle operazioni, che il delegato stesso non sia in grado di risolvere da sé o che richiedano l'intervento del giudice, non dovrà limitarsi ad esporre il problema, ma dovrà concludere evidenziando la soluzione ritenuta più opportuna e/o il provvedimento che si chiede al giudice di emettere (eventualmente dopo essersi all'uopo consultato con l'esperto e/o con il custode, per le problematiche di rispettiva competenza), al fine di facilitare l'evasione delle istanze in forma telematica e l'uso dei nuovi timbri di consolle (in particolare il timbro "visto, si autorizza", recentemente messi a disposizione dal CISIA). Accesso all'udienza di vendita: nell'aula d'udienza ove si tiene l'apertura delle buste e l'eventuale gara sono ammessi, oltre al delegato e suoi collaboratori, oltre ai creditori, al debitore, al custode, gli offerenti e, col consenso di questi, anche eventuali persone che accompagnino gli offerenti stessi, previa loro identificazione e qualificazione (a puro titolo di esempio il coniuge, figli, convivente, soggetti che abbiano prestato consulenza o assistenza nell' acquisto). All'incanto può presenziare chiunque.

14 Alcune questioni in tema di offerte per procura: nella vendita senza incanto l'offerta può essere fatta solo dall'interessato o da procuratore legale (avvocato), che deve essere munito di procura speciale (rilasciata con atto pubblico o scrittura privata autenticata, non essendo applicabile l'art. 83 co. 3 c.p.c). Non è ammessa altra forma di rappresentanza. In caso di impedimento dell' offerente a presenziare alla data fissata per l'apertura delle buste, questi potrà farsi rappresentare solo da un procuratore legale, munito di procura speciale. Nella vendita con incanto la cauzione e la presentazione di offerte possono essere fatte anche da un mandatario diverso (ossia non procuratore legale), ma sempre munito di procura speciale, rilasciata nelle forme anzidette. La procura per fare offerta per persona da nominare può esser conferita solo ad avvocato. Versamento della cauzione: salvo che nell'avviso di vendita sian disposte altre forme di pagamento della cauzione, la cauzione può essere versata solo con assegno circolare o vaglia postale circolare che assicurino la pronta disponibilità delle somme. Alcune questioni in tema di (in)validitàj(in)ammissibilità delle offerte inesatte elo incomplete: fermo quanto disposto dalla legge e segnatamente dall'art. 571 cpc in tema di invalidità dell'offerta, nel caso in cui all'offerta manchino alcuni dei documenti che, in base al fac simile predisposto dall'ufficio, si richiede di allegare, la stessa potrà essere dichiarata inefficace dal delegato solo qualora difetti o sia assolutamente incerto uno degli elementi di cui all'art. 571 co. 2 c.p.c. L'offerta è altresì inefficace, oltre che - si ribadisce - nei casi espressamente previsti dalla legge, noti ai delegati, se non è indicato il prezzo offerto (non è possibile arguirlo dall'importo della cauzione); o se, in caso di offerta fatta da procuratore legale, non è allegata la procura speciale (diversamente che nel caso di rappresentanza organica di società, ove la visura può essere presentata anche all'udienza di vendita); se la cauzione è calcolata sul prezzo base d'asta anziché sul prezzo offerto; in tutti i casi in cui, per qualsiasi difetto di compilazione o altro, il titolo messo a disposizione per la cauzione non risulti immediatamente incassabile (es. assegno circolare con indicazione di numero di procedura errato, ecc.). Non è causa di inefficacia dell'offerta la mancata allegazione all'offerta stessa del documento di riconoscimento, a condizione che l'offerente sia presente il giorno dell' apertura delle buste e fornisca valido documento di riconoscimento. Rinvio e sospensione delle vendite: il rinvio delle vendite già fissate può avvenire ex art. 160 d.a. C.p.c., solo col consenso degli offerenti. In caso di presentazione di tempestiva istanza di sospensione ex art. 624 bis C.p.c. o di atto di rinuncia da parte di tutti i creditori titolati, le operazioni di vendita dovranno comunque proseguire fino a che non intervenga il provvedimento del O.E. (cfr Casso 6885/2008, secondo cui "l'estinzione del processo esecutivo a seguito di rinuncia si verifica, al pari di quella prevista dall 'art. 306 cpc, richiamato dall 'art. 629 cpc, solo con l'ordinanza del giudice, per cui, fino a quando non è emesso tale provvedimento, i creditori possono intervenire"). Magari optando per un'aggiudicazione con riserva. Aggiudicazione definitiva in caso di offerta inferiore al prezzo base: salvo quanto previsto per il caso che ci siano istanze di assegnazione, in caso di offerta inferiore al prezzo base, ma di non più di ~, il delegato deve ritenersi fin da ora autorizzato ad effettuare l'aggiudicazione definitiva, salvo che ritenga che vi sia la seria possibilità di conseguire un prezzo superiore con una nuova vendita. Tale formula è da intendersi e interpretarsi, come ritenuto dalla dottrina maggioritaria all'indomani della riforma, alla luce di Casso 18451/2015, ossia quale assenza di fattori distorsivi elo interferenze illecite. Il delegato quindi, laddove consti la regolarità della procedura, anche previa eventuale consultazione con il Custode, deve intendersi sempre autorizzato ad effettuare l'aggiudicazione definitiva.

15 Istanze di assegnazione: si rammenta che, al fine di assicurare la regolarità e trasparenza della procedura, il delegato una volta aperte le buste e prima di chiedere agli offerenti la disponibilità a procedere alla gara sull' offerta più alta, è tenuto a comunicare agli offerenti stessi, in particolare laddove le offerte siano inferiori al prezzo base, se vi siano istanze di assegnazione, che sarebbero loro preferite, in quanto ciò può orientare i predetti nell' an e nel quantum della gara. Si ricorda inoltre che il termine previsto dall'art. 588 cpc per la presentazione dell'istanza di assegnazione non è ritenuto dalla dottrina e dalla giurisprudenza perentorio (Cass.5788/2011). Fase di trasferimento: dopo l'aggiudicazione, entro 30 giorni dal saldo prezzo, il delegato trasmetterà al a.e. la bozza del decreto di trasferimento, cui dovranno essere allegati i seguenti documenti (che è opportuno vengano richiesti dal delegato ai competenti uffici subito dopo l'aggiudicazione, onde evitare che i ritardi degli uffici nel rilascio dei documenti si riverberi sulla tempestiva redazione della bozza del D.T.): certificato di destinazione urbanistica ex art. 30 D.P.R. 380/2001 aggiornato (onde verificare l'esistenza dei presupposti per l'esercizio del potere di sospensione ex art. 586 c.p.c.); l'attestazione di prestazione energetica (se fatta dall'esperto, per le procedure nuove, perizie successive al ); le dichiarazioni ai fini fiscali rese dall'aggiudicatario in originale, unitamente alla copia del documenti di identità e le dichiarazioni rese a norma del d.p.r. 445/2000 (ad es. sulla ricezione delle informazioni relative alla prestazione energetica); attestazione circa la ricezione da parte del professionista delegato delle somme necessarie sia per il trasferimento che per le formalità successive poste a carico dell'aggiudicatario; visure ipocatastali aggiornate; Fase distributiva: entro 30 giorni dal saldo prezzo il delegato trasmetterà, oltre alla bozza del D.T., la propria nota spese, redatta secondo le tabelle attualmente in uso; Il delegato trasmetterà inoltre, sempre entro 30 giorni dal saldo prezzo, la bozza del provvedimento di delega per la predisposizione del progetto di distribuzione, specificando e inserendo già la data nella quale lo stesso delegato intende tenere avanti a sé l'udienza per l'approvazione del progetto di distribuzione, che si terrà avanti al delegato stesso (l'udienza dovrà comunque tenersi non oltre 150 giorni dal saldo prezzo). Unitamente a ciò, il delegato provvederà a trasmettere al a.e. anche la propria nota spese per la liquidazione. In caso di approvazione del progetto il delegato lo dichiarerà esecutivo e provvederà ai pagamenti in conformità, come previsto dall'art. 591 bis n. 13) C.p.c. In caso di contestazioni il delegato tenterà di raggiungere con le parti una soluzione conciliativa, altrimenti stenderà verbale della contestazione e rimetterà gli atti al a.e. per la decisione ex art. 512 C.p.c. Distribuzioni parziali: laddove si proceda alla vendita in più lotti si rammenta che, qualora si debba distribuire il prezzo ricavato dalla vendita di uno dei vari lotti, tale distribuzione non è da intendersi come parziale, ma come finale (Cass. 3130/1987, Casso 5078/2001), sicchè non dovrà effettuarsi alcun accantonamento. Le distribuzioni parziali cui fa riferimento il novellato art. 596 cpc sono infatti quelle relative ai frutti, alle rendite, alle somme confiscate, alle distribuzioni parziali cui si procede ogni sei mesi ex art. 495 cpc. Ogni progetto di distribuzione, per quanto parziale, gode di stabilità (Cass.

16 17371/20 Il, Casso 7036/2003). I suoi effetti non possono essere messi in discussione in un progetto di distribuzione successivo dal creditore intervenuto successivamente, che sarebbe preferito per ordine di privilegi ai creditori soddisfatti in tutto o in parte nel progetto di distribuzione già approvato e dichiarato esecutivo, potendo l'interventore successivo soddisfarsi solo sull'accantonamento (del 10% o superiore). L'istanza del creditore accantonato di liberazione delle somme in proprio favore, dietro presentazione di fideiussione, deve essere fatta entro l'udienza di discussione del progetto. Laddove l'istanza sia presentata senza contestuale presentazione della garanzia, il professionista delegato provvederà a rinviare l'udienza di discussione, onde consentire al creditore istante di presentare la garanzia almeno lo giorni prima della nuova udienza, in modo che anche gli altri creditori la possano esaminare e discuterne validità e idoneità. Si rinvia comunque al commento (http://www.ilcaso.it/articoli/dpc.php?id_cont=910.php). pubblicato su Ilcaso.it Obblighi di conservazione: si precisa che, ex art. 591 bis c.p.a., come precisato dalla circolare del Dipartimento per gli Affari di Giustizia, Direzione Generale della Giustizia Civile, pro t. N. m_dg.dag.06/12/2006.l29650.u, la Cancelleria dovrà consegnare al Delegato tutti gli atti e i documenti del fascicolo, trattenendo solamente originale del pignoramento e dell' ordinanza di vendita e del decreto di delega; dal momento della delega, tutte le attività che dovrebbero compiersi presso la Cancelleria del Tribunale dovranno compiersi presso il Delegato, che è "Pubblico Ufficiale depositario di atti pubblici" e, come tale, dovrà anche rilasciare le copie degli atti agli interessati con applicazione dell'art. 18 DRP 445/2000. Fondiario: ove l'immobile sia gravato da ipoteca iscritta a garanzia di mutuo concesso ai sensi del T.V n. 646, richiamato dal D.P.R n. 7 ovvero ai sensi dell'art. 38 del D.Lgs n. 385, in caso di richiesta ex art. 41 T.U.B. avanzata dal creditore fondiario (il quale dovrà depositare nota riepilogativa del credito entro il termine di 20 giorni dalla comunicazione dell'avvenuta aggiudicazione), all'esito del versamento del residuo prezzo da parte dell'aggiudicatario (che dovrà avvenire sempre in favore del delegato), il delegato provvederà - a sua discrezione, e comunque nella misura massima del 70%, se dovuto, a copertura delle spese di esecuzione anche successive - ad emettere ordine immediato di pagamento in favore del creditore fondiario, dando all'uopo ordine alla banca depositaria delle somme di eseguire l'operazione, ai sensi dell'art. 591 bis n. 13) c.p.c., e accantonando il residuo per le spese di procedura ed eventuale riparto. Comunicazioni: autorizza fin da ora il custode e il delegato ad effettuare tutte le notificazioni e le comunicazioni via PEC o fax o raccomandata A/R, ex art. 151 c.p.c. In particolare si invita il delegato a comunicare sempre, oltre che ai creditori e al debitore, anche al Custode gli avvisi di vendita, l'eventuale aggiudicazione, l'emanazione del D.T. Parimenti si invita il delegato a comunicare, sempre con le modalità dianzi autorizzate, all'esperto l'aggiudicazione definitiva, in quanto funzionale alla richiesta da parte del medesimo dell'eventuale integrazione del proprio compenso, ex art. 161 co. 3 d.a. cpc, introdotto dal d.l. 83/2015, convertito con modificazioni dalla l. 132/2015. Spese e oneri della vendita: sono poste a carico dell'aggiudicatario, quanto alle spese, le spese di registrazione e di volturazione, le imposte. Quanto alle spese per le cancellazioni delle trascrizioni e iscrizioni pregiudizievoli, sono poste a carico della procedura, in quanto, sebbene sarebbero a carico dell'aggiudicatario, questi avrebbe

AVVISO DI VENDITA IMMOBILIARE

AVVISO DI VENDITA IMMOBILIARE TRIBUNALE CIVILE E PENALE DI MILANO UFFICIO ESECUZIONI IMMOBILIARI ** ** ** ** Procedura Esecutiva Immobiliare N. 4064/2012 R.G.E. promossa da UNICREDIT S.P.A. contro Indicazione omessa: Decreto Legislativo

Dettagli

TRIBUNALE DI RAGUSA. Esecuzione Immobiliare n. 270/2016 R.G. Es. Imm. AVVISO DI VENDITA IMMOBILIARE. (secondo tentativo)

TRIBUNALE DI RAGUSA. Esecuzione Immobiliare n. 270/2016 R.G. Es. Imm. AVVISO DI VENDITA IMMOBILIARE. (secondo tentativo) TRIBUNALE DI RAGUSA Esecuzione Immobiliare n. 270/2016 R.G. Es. Imm. AVVISO DI VENDITA IMMOBILIARE (secondo tentativo) Il sottoscritto, Dott. Giovanni Marino, dottore commercialista iscritto all Ordine

Dettagli

TRIBUNALE CIVILE DI MILANO SEZIONE ESECUZIONI IMMOBILIARI. - vista l ordinanza di vendita del Giudice dell Esecuzione in data 11/07/2017;

TRIBUNALE CIVILE DI MILANO SEZIONE ESECUZIONI IMMOBILIARI. - vista l ordinanza di vendita del Giudice dell Esecuzione in data 11/07/2017; Studio Legale Avvocato Alessandro d Alessandro Via Fontana, 18 - Tel. 02/55.01.55.51 20122 MILANO - Fax 02/87.39.38.38 alessandro.dalessandro@milano.pecavvocati.it TRIBUNALE CIVILE DI MILANO SEZIONE ESECUZIONI

Dettagli

TRIBUNALE DI GENOVA Ufficio Esecuzioni Immobiliari

TRIBUNALE DI GENOVA Ufficio Esecuzioni Immobiliari TRIBUNALE DI GENOVA Ufficio Esecuzioni Immobiliari *** AVVISO DI VENDITA *** La sottoscritta dott.ssa Marjorie Lindao, delegata in data 28.10.2015 dal G.E. dott. Daniele Bianchi al compimento delle operazioni

Dettagli

TRIBUNALE DI GENOVA UFFICIO ESECUZIONI IMMOBILIARI ESECUZIONE IMMOBILIARE N. 834/12 AVVISO VENDITA IMMOBILI SENZA INCANTO

TRIBUNALE DI GENOVA UFFICIO ESECUZIONI IMMOBILIARI ESECUZIONE IMMOBILIARE N. 834/12 AVVISO VENDITA IMMOBILI SENZA INCANTO TRIBUNALE DI GENOVA UFFICIO ESECUZIONI IMMOBILIARI ESECUZIONE IMMOBILIARE N. 834/12 AVVISO VENDITA IMMOBILI SENZA INCANTO Il sottoscritto Avv. Giuseppe Bellieni, delegata alla vendita nella procedura in

Dettagli

TRIBUNALE CIVILE DI GENOVA I AVVISO DI VENDITA

TRIBUNALE CIVILE DI GENOVA I AVVISO DI VENDITA AVV. DAVIDE TONNICCHI TEL 010541263 FAX 010541267 V I A XII O T T O B R E, 1 0 / 1 3 16121 GENOVA D A V I D E. T O N N I C C H I @ SLA- AP. IT D A V I D E G I U S E P P E. T O N N I C C H I @ O R D I N

Dettagli

TRIBUNALE DI GENOVA Ufficio Esecuzioni Immobiliari

TRIBUNALE DI GENOVA Ufficio Esecuzioni Immobiliari TRIBUNALE DI GENOVA Ufficio Esecuzioni Immobiliari *** AVVISO DI VENDITA Il sottoscritto dott. Giovanni Beniscelli, delegato al compimento delle operazioni di vendita ai sensi dell'art. 591-bis c.p.c.

Dettagli

TRIBUNALE DI BOLZANO UFFICIO FALLIMENTI DISPOSIZIONI GENERALI IN MATERIA DI VENDITE IMMOBILIARI

TRIBUNALE DI BOLZANO UFFICIO FALLIMENTI DISPOSIZIONI GENERALI IN MATERIA DI VENDITE IMMOBILIARI TRIBUNALE DI BOLZANO UFFICIO FALLIMENTI DISPOSIZIONI GENERALI IN MATERIA DI VENDITE IMMOBILIARI La presente procedura di vendita è gestita dal Curatore Fallimentare e regolata dalle disposizioni sulle

Dettagli

IV avviso di vendita immobiliare a prezzo ribassato del 10%

IV avviso di vendita immobiliare a prezzo ribassato del 10% IV avviso di vendita immobiliare a prezzo ribassato del 10% Nella procedura esecutiva immobiliare n. 144/2013 RGE, il sottoscritto Dott. Marcello Cosentino, Dottore Commercialista, con studio in Portogruaro,

Dettagli

- vista l ordinanza di vendita del Giudice dell Esecuzione in data 20/05/2015;

- vista l ordinanza di vendita del Giudice dell Esecuzione in data 20/05/2015; Studio Legale Avvocato Alessandro d Alessandro Via Fontana, 18 - Tel. 02/55.01.55.51 20122 MILANO - Fax 02/87.39.38.38 alessandro.dalessandro@milano.pecavvocati.it TRIBUNALE CIVILE DI MILANO SEZIONE ESECUZIONI

Dettagli

TRIBUNALE CIVILE DI GENOVA Esecuzione n.868/11 Reg. Es. Imm. AVVISO DI VENDITA IMMOBILIARE

TRIBUNALE CIVILE DI GENOVA Esecuzione n.868/11 Reg. Es. Imm. AVVISO DI VENDITA IMMOBILIARE TRIBUNALE CIVILE DI GENOVA Esecuzione n.868/11 Reg. Es. Imm. AVVISO DI VENDITA IMMOBILIARE La sottoscritta CIRILLO Cinzia, dottore commercialista, con studio in Genova, Via S. G. d Acri n. 1/1 sc. A, telefono

Dettagli

TRIBUNALE CIVILE DI GENOVA

TRIBUNALE CIVILE DI GENOVA Avv. Federica Marchese Via alla Porta degli Archi, 3/15 16121 Genova Tel. 010/806.34.40 - Fax. 010/893.000.41 PEC: federica.marchese@ordineavvgenova.it TRIBUNALE CIVILE DI GENOVA UFFICIO ESECUZIONI IMMOBILIARI

Dettagli

AVVISO DI VENDITA IMMOBILIARE

AVVISO DI VENDITA IMMOBILIARE TRIBUNALE CIVILE DI GENOVA Procedura esecutiva n. 615/09 + 825/15 promossa da Perrone Germana * * * * * AVVISO DI VENDITA IMMOBILIARE Il sottoscritto Dott. Daniele Burlando Dottore Commercialista e-mail

Dettagli

TRIBUNALE DI BERGAMO UFFICIO ESECUZIONI IMMOBILIARI *** PROCEDURA ESECUTIVA R.G.E. n. 555/16 AVVISO DI VENDITA

TRIBUNALE DI BERGAMO UFFICIO ESECUZIONI IMMOBILIARI *** PROCEDURA ESECUTIVA R.G.E. n. 555/16 AVVISO DI VENDITA TRIBUNALE DI BERGAMO UFFICIO ESECUZIONI IMMOBILIARI PROCEDURA ESECUTIVA R.G.E. n. 555/16 AVVISO DI VENDITA Il sottoscritto Dott. Alberto Carrara, Professionista Delegato alla vendita dal Giudice delle

Dettagli

AVVISO DI VENDITA DI BENI IMMOBILI CON INCANTO. - omissis - 1. Riferimenti catastali

AVVISO DI VENDITA DI BENI IMMOBILI CON INCANTO. - omissis - 1. Riferimenti catastali TRIBUNALE DI CREMONA SEZIONE FALLIMENTARE FALL. N 24/2009 AVVISO DI VENDITA DI BENI IMMOBILI CON INCANTO IL GIUDICE DELEGATO, - omissis - 1. Riferimenti catastali lotto e: a) Foglio 09 mapp. 206 sub. 513,

Dettagli

AVVISO DI VENDITA SENZA INCANTO (offerta in busta chiusa)

AVVISO DI VENDITA SENZA INCANTO (offerta in busta chiusa) TRIBUNALE DI MILANO Sezione Esecuzioni Immobiliari (Giudice dell Esecuzione Dott. Roberto Angelini) Nella procedura d espropriazione immobiliare RGE 3380/2013 promossa da: Condominio Papa Giovanni XXII,

Dettagli

TRIBUNALE DI PATTI AVVISO DI VENDITA

TRIBUNALE DI PATTI AVVISO DI VENDITA N. 9/2007 R.G.Es.Imm. (ex Tribunale di Mistretta) TRIBUNALE DI PATTI AVVISO DI VENDITA Il custode giudiziario nonché professionista delegato alle operazioni di vendita, Avv. Mario Turrisi, nella procedura

Dettagli

TRIBUNALE DI GENOVA UFFICIO ESECUZIONI IMMOBILIARI PROCEDURA DELEGATA QUARTO AVVISO DI VENDITA *-*-*-*-*-*-*-*-*-* LA SOTTOSCRITTA DELEGATA

TRIBUNALE DI GENOVA UFFICIO ESECUZIONI IMMOBILIARI PROCEDURA DELEGATA QUARTO AVVISO DI VENDITA *-*-*-*-*-*-*-*-*-* LA SOTTOSCRITTA DELEGATA TRIBUNALE DI GENOVA UFFICIO ESECUZIONI IMMOBILIARI R.G.E.627/2014 G.D. Dott. Ammendolia PROCEDURA DELEGATA QUARTO AVVISO DI VENDITA *-*-*-*-*-*-*-*-*-* LA SOTTOSCRITTA DELEGATA Dott.ssa Biancamaria Casò

Dettagli

AVVISO DI VENDITA SENZA INCANTO. (artt. 569, 576, e 591 bis c.p.c.) Il sottoscritto Avv. Anna Rita Di Loreto con studio in Sulmona, Via Barbato, 7,

AVVISO DI VENDITA SENZA INCANTO. (artt. 569, 576, e 591 bis c.p.c.) Il sottoscritto Avv. Anna Rita Di Loreto con studio in Sulmona, Via Barbato, 7, ESECUZIONE N. 5/14 TRIBUNALE DI SULMONA AVVISO DI VENDITA SENZA INCANTO DELEGATA A PROFESSIONISTA (artt. 569, 576, e 591 bis c.p.c.) Il sottoscritto Avv. Anna Rita Di Loreto con studio in Sulmona, Via

Dettagli

- vista l ordinanza di vendita del Giudice dell Esecuzione in data 23/05/2014;

- vista l ordinanza di vendita del Giudice dell Esecuzione in data 23/05/2014; Studio Legale Avvocato Alessandro d Alessandro Via Fontana, 18 - Tel. 02/55.01.55.51 20122 MILANO - Fax 02/87.39.38.38 alessandro.dalessandro@milano.pecavvocati.it PROCEDURA N. R.G.E. 3225/2012 TRIBUNALE

Dettagli

ANDREA BRUNI PRENCIPE DOTTORE COMMERCIALISTA REVISORE CONTABILE VIA ASSAROTTI N. 3/ GENOVA TEL 010/ FAX 010/ *****

ANDREA BRUNI PRENCIPE DOTTORE COMMERCIALISTA REVISORE CONTABILE VIA ASSAROTTI N. 3/ GENOVA TEL 010/ FAX 010/ ***** ANDREA BRUNI PRENCIPE DOTTORE COMMERCIALISTA REVISORE CONTABILE VIA ASSAROTTI N. 3/3-16122 GENOVA TEL 010/8391347 - FAX 010/4207022 TRIBUNALE CIVILE DI GENOVA Ufficio Esecuzioni Immobiliari Procedura esecutiva

Dettagli

TRIBUNALE ORDINARIO DI VENEZIA AVVISO DI VENDITA. Esecuzione Immobiliare 252/2014

TRIBUNALE ORDINARIO DI VENEZIA AVVISO DI VENDITA. Esecuzione Immobiliare 252/2014 TRIBUNALE ORDINARIO DI VENEZIA AVVISO DI VENDITA Esecuzione Immobiliare 252/2014 Il sottoscritto avv. Stefano Gusmitta, con studio in Venezia Mestre Via Paruta 31/A, professionista delegato alla vendita

Dettagli

TRIBUNALE CIVILE DI GENOVA I AVVISO DI VENDITA

TRIBUNALE CIVILE DI GENOVA I AVVISO DI VENDITA AVV. CRISTINA CARENA TEL 010541263 FAX 010541267 V I A XII O T T O B R E, 1 0 / 1 3 16121 GENOVA C R I S T I N A. C A R E N A @ S L A - AP. IT C R I S T I N A. C A R E N A @ L E G A L M A I L. IT TRIBUNALE

Dettagli

Lotto 12. Catasto Fabbricati del Comune di Belfiore (VR), Fg. 19:

Lotto 12. Catasto Fabbricati del Comune di Belfiore (VR), Fg. 19: TRIBUNALE DI VERONA AVVISO DI VENDITA Esecuzione immobiliare n. 335/2016 R.E. Il sottoscritto dott. Roberto Tordiglione Notaio in Tregnago (VR), associato a NOT.ES., delegato ex art. 591 bis c.p.c. dal

Dettagli

TRIBUNALE CIVILE DI MILANO SEZIONE ESECUZIONI IMMOBILIARI. - vista l ordinanza di vendita del Giudice dell Esecuzione in data 29/02/2016;

TRIBUNALE CIVILE DI MILANO SEZIONE ESECUZIONI IMMOBILIARI. - vista l ordinanza di vendita del Giudice dell Esecuzione in data 29/02/2016; Studio Legale Avvocato Alessandro d Alessandro Via Fontana, 18 - Tel. 02/55.01.55.51 20122 MILANO - Fax 02/87.39.38.38 alessandro.dalessandro@milano.pecavvocati.it TRIBUNALE CIVILE DI MILANO SEZIONE ESECUZIONI

Dettagli

Descrizione immobili

Descrizione immobili TRIBUNALE DI ANCONA Seconda sezione civile Ufficio Fallimenti Fallimento n. 55/2008 AVVISO DI VENDITA BENI IMMOBILI CON PROCEDURA COMPETITIVA Il curatore fallimentare Visto L art. 107 comma 1 L.F., il

Dettagli

AVV. MARCELLA PUSTERLA STUDIO LEGALE BIANCHI GALLERIA STRASBURGO, N MILANO

AVV. MARCELLA PUSTERLA STUDIO LEGALE BIANCHI GALLERIA STRASBURGO, N MILANO AVV. MARCELLA PUSTERLA STUDIO LEGALE BIANCHI GALLERIA STRASBURGO, N. 3 20121 MILANO TEL. 02.55194415 02.5512158 TRIBUNALE DI MILANO SEZIONE ESECUZIONI IMMOBILIARI GIUDICE: DOTT.SSA SIMONA CATERBI Nella

Dettagli

AVV. PAOLO VENDITTI Via E. De Amicis, 26 - Milano Tel Fax

AVV. PAOLO VENDITTI Via E. De Amicis, 26 - Milano Tel Fax AVV. PAOLO VENDITTI Via E. De Amicis, 26 - Milano Tel. +39 02.80.55.718 Fax +39 02.80.55.718 TRIBUNALE DI MILANO Sezione III Civile - Esecuzioni immobiliari Nella procedura di espropriazione R.G.E. n.

Dettagli

TRIBUNALE CIVILE DI MILANO SEZIONE ESECUZIONI IMMOBILIARI. - vista l ordinanza di vendita del Giudice dell Esecuzione in data 02/04/2015;

TRIBUNALE CIVILE DI MILANO SEZIONE ESECUZIONI IMMOBILIARI. - vista l ordinanza di vendita del Giudice dell Esecuzione in data 02/04/2015; Studio Legale Avvocato Alessandro d Alessandro Via Fontana, 18 - Tel. 02/55.01.55.51 20122 MILANO - Fax 02/87.39.38.38 alessandro.dalessandro@milano.pecavvocati.it PROCEDURA N. R.G.E. 1753/2009 TRIBUNALE

Dettagli

TRIBUNALE ORDINARIO DI VENEZIA

TRIBUNALE ORDINARIO DI VENEZIA TRIBUNALE ORDINARIO DI VENEZIA Avviso di vendita immobiliare delegata a professionista Nella procedura esecutiva immobiliare n. 400/2012 RGE, il sottoscritto dott. Marcello Cosentino, Dottore Commercialista,

Dettagli

DISPOSIZIONI GENERALI IN MATERIA DI VENDITE IMMOBILIARI ***** MODALITÀ DI PRESENTAZIONE DELLE OFFERTE

DISPOSIZIONI GENERALI IN MATERIA DI VENDITE IMMOBILIARI ***** MODALITÀ DI PRESENTAZIONE DELLE OFFERTE ALLEGATO A DISPOSIZIONI GENERALI IN MATERIA DI VENDITE IMMOBILIARI ***** MODALITÀ DI PRESENTAZIONE DELLE OFFERTE 1) Le offerte di acquisto dovranno essere presentate in busta chiusa consegnata allo Studio

Dettagli

TRIBUNALE DI RAGUSA AVVISO DI VENDITA. (III^ tentativo)

TRIBUNALE DI RAGUSA AVVISO DI VENDITA. (III^ tentativo) Esecuzione N. 136/2016 R.G. TRIBUNALE DI RAGUSA Giudice dell'esecuzione: Delegato e custode giudiziario: DOTT. FABRIZIO CINGOLANI DOTT. CARMELO NOLANO AVVISO DI VENDITA (III^ tentativo) presso lo studio

Dettagli

ANDREA CASTELLO DOTTORE COMMERCIALISTA REVISORE CONTABILE VIA ASSAROTTI N. 3/ GENOVA TEL 010/ FAX 010/

ANDREA CASTELLO DOTTORE COMMERCIALISTA REVISORE CONTABILE VIA ASSAROTTI N. 3/ GENOVA TEL 010/ FAX 010/ ANDREA CASTELLO DOTTORE COMMERCIALISTA REVISORE CONTABILE VIA ASSAROTTI N. 3/3-16122 GENOVA TEL 010/8391347 - FAX 010/4207022 TRIBUNALE CIVILE DI GENOVA Ufficio Esecuzioni Immobiliari Procedura esecutiva

Dettagli

STUDIO NOTARILE dott.ssa Teodora Scarfò Piazza Umberto I, n FRATTAMAGGIORE (NA) Tel. e fax

STUDIO NOTARILE dott.ssa Teodora Scarfò Piazza Umberto I, n FRATTAMAGGIORE (NA) Tel. e fax AVVISO DI VENDITA Proc. Fall. n. 76/02 R.F. del TRIBUNALE DI NAPOLI Il notaio, delegato alle operazioni di vendita ex art. 591 bis c.p.c., nella procedura fallimentare n. 76/02 R.F. del Tribunale di Napoli,

Dettagli

TRIBUNALE ORDINARIO DI MILANO Terza Sezione Civile - Esecuzioni Immobiliari

TRIBUNALE ORDINARIO DI MILANO Terza Sezione Civile - Esecuzioni Immobiliari TRIBUNALE ORDINARIO DI MILANO Terza Sezione Civile - Esecuzioni Immobiliari Procedura esecutiva immobiliare R.G.E. n. 2636/2010 promossa da Banca Nazionale del Lavoro contro debitore esecutato(indicazioni

Dettagli

Avvocati e Commercialisti

Avvocati e Commercialisti Avvocati e Commercialisti 20144 Milano Via Sant Eusebio n. 24 Tel. +39-02.46.39.15 r.a. Fax +39-02.49.87.641/02.99.98.52.30 Paola Ferraris Dottore Commercialista paolamaria.ferraris@odcecmilano.it TRIBUNALE

Dettagli

TRIBUNALE CIVILE DI GENOVA Ufficio Esecuzioni Immobiliari Procedura esecutiva nr. 503/11 Promossa da Cond. Via Giovanetti 4/6/8 ****************

TRIBUNALE CIVILE DI GENOVA Ufficio Esecuzioni Immobiliari Procedura esecutiva nr. 503/11 Promossa da Cond. Via Giovanetti 4/6/8 **************** TRIBUNALE CIVILE DI GENOVA Ufficio Esecuzioni Immobiliari Procedura esecutiva nr. 503/11 Promossa da Cond. Via Giovanetti 4/6/8 **************** AVVISO DI VENDITA (5 ESPERIMENTO) ******* Il sottoscritto

Dettagli

T R I B U N A L E O R D I N A R I O DI V I B O V A L E N T I A S E Z I O N E F A L L I M E N T A R E

T R I B U N A L E O R D I N A R I O DI V I B O V A L E N T I A S E Z I O N E F A L L I M E N T A R E T R I B U N A L E O R D I N A R I O DI V I B O V A L E N T I A S E Z I O N E F A L L I M E N T A R E F ALL. SIFE R SRL Corso Regina Margherita 38 89817 Vibo Valentia PROC. N. 18/2011 - G.D. Dott.ssa Di

Dettagli

TRIBUNALE DI ORISTANO Sezione Esecuzioni Immobiliari *** AVVISO DI VENDITA DELEGATA NELLA PROCEDURA ESECUTIVA N 10\15 R.ES.

TRIBUNALE DI ORISTANO Sezione Esecuzioni Immobiliari *** AVVISO DI VENDITA DELEGATA NELLA PROCEDURA ESECUTIVA N 10\15 R.ES. TRIBUNALE DI ORISTANO Sezione Esecuzioni Immobiliari *** AVVISO DI VENDITA DELEGATA NELLA PROCEDURA ESECUTIVA N 10\15 R.ES. La sottoscritta, Rag. Paola Leo, con studio in Oristano Via Sebastiano Mele n.

Dettagli

TRIBUNALE CIVILE DI MATERA AVVISO DI VENDITA SENZA INCANTO AVVISA

TRIBUNALE CIVILE DI MATERA AVVISO DI VENDITA SENZA INCANTO AVVISA TRIBUNALE CIVILE DI MATERA Procedura Esecutiva Immobiliare N. 99/05 R.G.E.I. Giudice dell Esecuzione: Dott.ssa Laura Marrone AVVISO DI VENDITA SENZA INCANTO La sottoscritta Avv. Maria Morelli, Professionista

Dettagli

TRIBUNALE CIVILE DI GENOVA

TRIBUNALE CIVILE DI GENOVA TRIBUNALE CIVILE DI GENOVA Ufficio Esecuzioni Immobiliari Esecuzione n 973/2014 R.E. AVVISO DI II VENDITA L Avv. Giuseppe Giachero (C.F.: GCHGPP65L21D969F, Posta Elettronica Certificata: giuseppe.giachero@ordineavvgenova.it,

Dettagli

TRIBUNALE CIVILE E PENALE DI MILANO SEZIONE III ESECUZIONI IMMOBILIARI ** ** ** - AVVISO DI VENDITA NUOVA PUBBLICITA -

TRIBUNALE CIVILE E PENALE DI MILANO SEZIONE III ESECUZIONI IMMOBILIARI ** ** ** - AVVISO DI VENDITA NUOVA PUBBLICITA - N. 732/2014 R.G.E. Imm. G.E. DOTT.SSA RITA BOTTIGLIERI TRIBUNALE CIVILE E PENALE DI MILANO SEZIONE III ESECUZIONI IMMOBILIARI ** ** ** - AVVISO DI VENDITA NUOVA PUBBLICITA - Il sottoscritto Dott. Marco

Dettagli

G.E. Manuela Elburgo ES. imm. n. 542/2008 TRIBUNALE DI PADOVA BANDO DI VENDITA DEL PROFESSIONISTA DELEGATO

G.E. Manuela Elburgo ES. imm. n. 542/2008 TRIBUNALE DI PADOVA BANDO DI VENDITA DEL PROFESSIONISTA DELEGATO G.E. Manuela Elburgo ES. imm. n. 542/2008 TRIBUNALE DI PADOVA BANDO DI VENDITA DEL PROFESSIONISTA DELEGATO Il sottoscritto dott. Luigi Barzazi, nominato Custode Giudiziario e Delegato alla vendita ai sensi

Dettagli

Avviso di vendita di beni immobili

Avviso di vendita di beni immobili TRIBUNALE DI VICENZA UFFICIO VOLONTARIA GIURISDIZIONE UFFICIO SUCCESSIONI Procedura eredità rilasciata ex art. 508 c.c. n. 617/2017 GIUDICE DELEGATO: DOTT. M. COLASANTO CURATORE: RAG. GUERRINO MARCADELLA

Dettagli

TRIBUNALE ORDINARIO DI VENEZIA AVVISO DI VENDITA IMMOBILIARE DELEGATA A PROFESSIONISTA. Giudice dell esecuzione: dottoressa Gabriella Zanon

TRIBUNALE ORDINARIO DI VENEZIA AVVISO DI VENDITA IMMOBILIARE DELEGATA A PROFESSIONISTA. Giudice dell esecuzione: dottoressa Gabriella Zanon TRIBUNALE ORDINARIO DI VENEZIA AVVISO DI VENDITA IMMOBILIARE DELEGATA A PROFESSIONISTA Giudice dell esecuzione: dottoressa Gabriella Zanon Custode e delegato alla vendita: dottor Francesco Loero QUARTO

Dettagli

TRIBUNALE DI BERGAMO AVVISO DI VENDITA SENZA INCANTO

TRIBUNALE DI BERGAMO AVVISO DI VENDITA SENZA INCANTO ASPEG - BERGAMO VIA MATRIS DOMINI N. 25 24121 BERGAMO - TEL.035/239941 PEC: aspeg-bergamo@legalmail.it Avv. Anna Maria Angelino VIALE GIULIO CESARE N. 11 24124 BERGAMO TEL. 035/232207 PEC:avv.annamariaangelino@pec.studiogaffuri.net

Dettagli

TRIBUNALE DI NAPOLI AVVISO DI VENDITA. Il dottor Enzo Salomone, Notaio in Napoli, delegato ai sensi dell'art. 591/bis

TRIBUNALE DI NAPOLI AVVISO DI VENDITA. Il dottor Enzo Salomone, Notaio in Napoli, delegato ai sensi dell'art. 591/bis TRIBUNALE DI NAPOLI AVVISO DI VENDITA Il dottor Enzo Salomone, Notaio in Napoli, delegato ai sensi dell'art. 591/bis c.p.c. dal G.E. dott. Sensale, con ordinanza in data 18 maggio 2006 nella procedura

Dettagli

all Avv. Luigi Troisi con studio in Milano, Via Monte Napoleone n. 8,

all Avv. Luigi Troisi con studio in Milano, Via Monte Napoleone n. 8, TRIBUNALE DI MILANO Sezione 3^ Civile - Esecuzioni Immobiliari - G.E. Dott. Roberto Angelini Procedura di espropriazione immobiliare R.G.E. n. 3677/2013. delegata, per le operazioni di vendita, all Avv.

Dettagli

TRIBUNALE CIVILE DI GENOVA II AVVISO DI VENDITA IMMOBILIARE Esecuzione immobiliare N.25/16 R.G.E. G.E. Dott. F.Davini

TRIBUNALE CIVILE DI GENOVA II AVVISO DI VENDITA IMMOBILIARE Esecuzione immobiliare N.25/16 R.G.E. G.E. Dott. F.Davini TRIBUNALE CIVILE DI GENOVA II AVVISO DI VENDITA IMMOBILIARE Esecuzione immobiliare N.25/16 R.G.E. G.E. Dott. F.Davini Il delegato alla vendita Dott. Franco de Leonardis - dottore commercialista con studio

Dettagli

TRIBUNALE DI VICENZA ESECUZIONE IMMOBILIARE N. 445/2011 R.G. ESECUZIONI Avviso di vendita giudiziaria

TRIBUNALE DI VICENZA ESECUZIONE IMMOBILIARE N. 445/2011 R.G. ESECUZIONI Avviso di vendita giudiziaria TRIBUNALE DI VICENZA ESECUZIONE IMMOBILIARE N. 445/2011 R.G. ESECUZIONI Avviso di vendita giudiziaria La sottoscritta Avv. Elisa Tagliaro Fortuna, Delegato alle operazioni di vendita di cui alla procedura

Dettagli

D.L. 83/2015. Vedremo, nello specifico, quali novità hanno interessato le deleghe alla vendita assegnate dal Tribunale di Civitavecchia.

D.L. 83/2015. Vedremo, nello specifico, quali novità hanno interessato le deleghe alla vendita assegnate dal Tribunale di Civitavecchia. COME SI SVOLGE LA PROCEDURA DI VENDITA IN ASTA SENZA INCANTO DOPO LE INNOVAZIONI APPORTATE DAL D.L. 83/2015: VERBALIZZAZIONE E ASPETTI OPERATIVI DOTT. LUCA VALOBRA D.L. 83/2015 Con l entrata in vigore

Dettagli

TRIBUNALE ORDINARIO DI BELLUNO Ufficio Esecuzioni Immobiliari Avviso di vendita di beni immobili (artt. 591-bis, 570 e 576 cpc.)

TRIBUNALE ORDINARIO DI BELLUNO Ufficio Esecuzioni Immobiliari Avviso di vendita di beni immobili (artt. 591-bis, 570 e 576 cpc.) N. 6/2014 R.G. Esec. Imm. G.E.: dott. Fabio Santoro TRIBUNALE ORDINARIO DI BELLUNO Ufficio Esecuzioni Immobiliari Avviso di vendita di beni immobili (artt. 591-bis, 570 e 576 cpc.) Il professionista delegato,

Dettagli

DESCRIZIONE DEGLI IMMOBILI

DESCRIZIONE DEGLI IMMOBILI TRIBUNALE DI VICENZA FALLIMENTO N. 53/2013 R. FALL. GIUDICE DELEGATO DOTT.SSA SILVIA SALTARELLI - CURATORE DOTT. ANTONINO TROMBETTA Avviso di vendita giudiziaria Il sottoscritto Dott. Carlo Santamaria

Dettagli

NOTAIO LUCIO NASTRI AVVISO DI VENDITA DEL PROFESSIONISTA DELEGATO ALLA VENDITA 301/11 RIUNITA ALLA 468/2012 TRIBUNALE DI LATINA

NOTAIO LUCIO NASTRI AVVISO DI VENDITA DEL PROFESSIONISTA DELEGATO ALLA VENDITA 301/11 RIUNITA ALLA 468/2012 TRIBUNALE DI LATINA NOTAIO LUCIO NASTRI AVVISO DI VENDITA AVVISO DI VENDITA DEL PROFESSIONISTA DELEGATO ALLA VENDITA Esecuzione n. 301/11 RIUNITA ALLA 468/2012 TRIBUNALE DI LATINA Giudice dell Esecuzione: Dr. GIORDANO Delegato

Dettagli

esecutiva promossa da ITALFONDIARIO S.p.A.:

esecutiva promossa da ITALFONDIARIO S.p.A.: Studio Legale Associato Ferrari-Fera Via XII Ottobre 12/5 sc. 16121 Genova TRIBUNALE DI GENOVA Terzo avviso di vendita Procedura esecutiva immobiliare n. 492/2015 R.G.E. promossa da ITALFONDIARIO S.p.A.

Dettagli

Reg. Es. Imm. N. 586/2011 TRIBUNALE DI GENOVA AVVISO DI VENDITA (6 esperimento)

Reg. Es. Imm. N. 586/2011 TRIBUNALE DI GENOVA AVVISO DI VENDITA (6 esperimento) Reg. Es. Imm. N. 586/2011 TRIBUNALE DI GENOVA AVVISO DI VENDITA (6 esperimento) Il professionista delegato Dott. Massimo Nucci nella procedura esecutiva promossa da Banca Nazionale del Lavoro - visto il

Dettagli

ESECUZIONE N. 41/2015 AVVISO DI VENDITA SENZA INCANTO. (artt. 569, 576, e 591 bis c.p.c.)

ESECUZIONE N. 41/2015 AVVISO DI VENDITA SENZA INCANTO. (artt. 569, 576, e 591 bis c.p.c.) ESECUZIONE N. 41/2015 II TRIBUNALE DI SULMONA AVVISO DI VENDITA SENZA INCANTO DELEGATA A PROFESSIONISTA (artt. 569, 576, e 591 bis c.p.c.) Il sottoscritto Avv. Ugo Gaudiosi, con studio in Sulmona (AQ),

Dettagli

inefficacia della stessa, ex art. 571 c.p.c ,44 (Centocinquantaseimilaseicentosei/44).

inefficacia della stessa, ex art. 571 c.p.c ,44 (Centocinquantaseimilaseicentosei/44). TRIBUNALE DI RAGUSA ESECUZIONE IMMOBILIARE N. 196/2014 REG. ESEC. IMM. Avviso di vendita immobiliare Quarto tentativo Il sottoscritto Avv. Alessandro Ingala del Foro di Ragusa, con studio in Modica, Via

Dettagli

TRIBUNALE DI VITERBO AVVISO DI VENDITA SENZA INCANTO

TRIBUNALE DI VITERBO AVVISO DI VENDITA SENZA INCANTO Affissione di n. 10 manifesti murali nel Comune di Viterbo e n. 10 manifesti murali nel Comune di Faleria, almeno 45 gg. prima della vendita, inserzione sul quotidiano Il Messaggero (edizione di Viterbo)

Dettagli

TRIBUNALE DI BERGAMO AVVISO DI VENDITA SENZA INCANTO

TRIBUNALE DI BERGAMO AVVISO DI VENDITA SENZA INCANTO ASPEG- Bergamo Via Matris Domini 25-24121 Bergamo Tel 035/239941 Pec: aspeg-bergamo@legalmail.it Dott. Paola Orlandini Via Gabriele Camozzi 77 24121 Bergamo Tel. 035233840 Email: paola.orlandini@studio-orlandini.eu

Dettagli

TRIBUNALE DI SULMONA AVVISO DI VENDITA SENZA INCANTO DELEGATA A PROFESSIONISTA

TRIBUNALE DI SULMONA AVVISO DI VENDITA SENZA INCANTO DELEGATA A PROFESSIONISTA ESECUZIONE N. 42/01 TRIBUNALE DI SULMONA AVVISO DI VENDITA SENZA INCANTO DELEGATA A PROFESSIONISTA (artt. 569, 576, e 591 bis c.p.c.) Il sottoscritto avvocato Edoardo Di Loreto, con studio in Sulmona,

Dettagli

TRIBUNALE ORDINARIO DI BELLUNO

TRIBUNALE ORDINARIO DI BELLUNO N. R.G. 143/2009 TRIBUNALE ORDINARIO DI BELLUNO UFFICIO DELLE ESECUZIONI IMMOBILIARI Il G.E., letta la relazione del professionista delegato, considerato che il termine per lo svolgimento delle operazioni

Dettagli

TRIBUNALE CIVILE DI MILANO -SEZIONE ESECUZIONE IMMOBILIARI- Dott.ssa Simona Caterbi

TRIBUNALE CIVILE DI MILANO -SEZIONE ESECUZIONE IMMOBILIARI- Dott.ssa Simona Caterbi TRIBUNALE CIVILE DI MILANO -SEZIONE ESECUZIONE IMMOBILIARI- Dott.ssa Simona Caterbi Nella procedura esecutiva immobiliare R.G.E. n. 1926 2013 promossa da Condominio via Arquà n. 10, con l avv. Paolo Lombardi

Dettagli

ANDREA BRUNI PRENCIPE DOTTORE COMMERCIALISTA REVISORE CONTABILE VIA ASSAROTTI 3/ GENOVA TEL 010/ FAX 010/ *****

ANDREA BRUNI PRENCIPE DOTTORE COMMERCIALISTA REVISORE CONTABILE VIA ASSAROTTI 3/ GENOVA TEL 010/ FAX 010/ ***** ANDREA BRUNI PRENCIPE DOTTORE COMMERCIALISTA REVISORE CONTABILE VIA ASSAROTTI 3/3-16122 GENOVA TEL 010/8391347 - FAX 010/4207022 TRIBUNALE CIVILE DI GENOVA Ufficio Esecuzioni Immobiliari Procedura Esecutiva

Dettagli

TRIBUNALE DI GENOVA UFFICIO ESECUZIONI IMMOBILIARI PROCEDURA DELEGATA VI AVVISO DI VENDITA *-*-*-*-*-*-*-*-*-* IL SOTTOSCRITTO DELEGATO

TRIBUNALE DI GENOVA UFFICIO ESECUZIONI IMMOBILIARI PROCEDURA DELEGATA VI AVVISO DI VENDITA *-*-*-*-*-*-*-*-*-* IL SOTTOSCRITTO DELEGATO TRIBUNALE DI GENOVA UFFICIO ESECUZIONI IMMOBILIARI PROCEDURA DELEGATA R.G.E. 350/2011 G.E. Dr. Roberto Bonino VI AVVISO DI VENDITA *-*-*-*-*-*-*-*-*-* IL SOTTOSCRITTO DELEGATO Dott. Simone Lupi Visti gli

Dettagli

TRIBUNALE ORDINARIO DI ROVERETO AVVISO DI VENDITA

TRIBUNALE ORDINARIO DI ROVERETO AVVISO DI VENDITA A N E A D ASSOCIAZIONE NOTARILE ESECUZIONI E ATTIVITA DELEGATE sede legale: via Carducci, 13-38068 Rovereto (TN) uffici: TRIBUNALE DI ROVERETO, Corso A. Rosmini, 65 tel. 0464/750120 c.f. e p.iva 02261970228

Dettagli

Procedura esecutiva n.142/93 R.G.E. AVVISO DI VENDITA CON INCANTO DI BENI IMMOBILI DESCRIZIONE DEGLI IMMOBILI

Procedura esecutiva n.142/93 R.G.E. AVVISO DI VENDITA CON INCANTO DI BENI IMMOBILI DESCRIZIONE DEGLI IMMOBILI Avviso integrale di vendita con incanto Procedura esecutiva n.142/93 R.G.E. AVVISO DI VENDITA CON INCANTO DI BENI IMMOBILI Il giorno 16 Aprile 2013 a partire dalle ore 09:30 presso l Associazione Notarile

Dettagli

TRIBUNALE DI BERGAMO SECONDO AVVISO DI VENDITA SENZA INCANTO

TRIBUNALE DI BERGAMO SECONDO AVVISO DI VENDITA SENZA INCANTO ASPEG - BERGAMO VIA MATRIS DOMINI N. 25 24121 BERGAMO - TEL.035/239941 Avv. Anna Maria Angelino VIALE GIULIO CESARE N. 11 24124 BERGAMO TEL. 035/232207 PEC:avv.annamariaangelino@pec.studiogaffuri.net TRIBUNALE

Dettagli

CONDIZIONI DI VENDITA SENZA INCANTO. a) il compendio pignorato sarà posto in vendita nello stato di fatto e di diritto in cui si trova e

CONDIZIONI DI VENDITA SENZA INCANTO. a) il compendio pignorato sarà posto in vendita nello stato di fatto e di diritto in cui si trova e N. 89/2012 R.G.Espr. AVVISO DI VENDITA Il Professionista Delegato Avv. Giovanni Cacia, nella procedura esecutiva n. 89/2012. Visto il provvedimento di delega alla vendita emesso dal Giudice dell Esecuzione

Dettagli

AVV. MARCELLA PUSTERLA STUDIO LEGALE BIANCHI GALLERIA STRASBURGO, N MILANO TRIBUNALE DI MILANO

AVV. MARCELLA PUSTERLA STUDIO LEGALE BIANCHI GALLERIA STRASBURGO, N MILANO TRIBUNALE DI MILANO AVV. MARCELLA PUSTERLA STUDIO LEGALE BIANCHI GALLERIA STRASBURGO, N. 3 20122 MILANO TEL. 02.55194415 02.5512158 TRIBUNALE DI MILANO TERZA SEZIONE CIVILE ESECUZIONI IMMOBILIARI G.E.: DOTT.SSA SIMONETTA

Dettagli

NOTAIO ALDO GAROFALO Lungotevere dei Mellini Roma. Avviso di vendita immobiliare

NOTAIO ALDO GAROFALO Lungotevere dei Mellini Roma. Avviso di vendita immobiliare NOTAIO ALDO GAROFALO Lungotevere dei Mellini 44-00193 Roma Avviso di vendita immobiliare Si avvisa che nella procedura esecutiva immobiliare nr. 2167/2006 promossa da xxxxxxxx, il Notaio Aldo Garofalo,

Dettagli

AVV. FRANCESCO MASSA Via Bartolomeo Bosco 15/7 Tel Tel Pec

AVV. FRANCESCO MASSA Via Bartolomeo Bosco 15/7 Tel Tel Pec AVV. FRANCESCO MASSA Via Bartolomeo Bosco 15/7 Tel 3356681460 Tel 0100897500 Pec francesco.massa@ordineavvgenova.it francesco.massa@arch-lex.net TRIBUNALE DI GENOVA AVVISO DI VENDITA IMMOBILIARE Proc.

Dettagli

TRIBUNALE DI VENEZIA Procedura Esecutiva n. R.G. 216/2014 AVVISO DI VENDITA SENZA INCANTO Primo esperimento Il sottoscritto avv.

TRIBUNALE DI VENEZIA Procedura Esecutiva n. R.G. 216/2014 AVVISO DI VENDITA SENZA INCANTO Primo esperimento Il sottoscritto avv. TRIBUNALE DI VENEZIA Procedura Esecutiva n. R.G. 216/2014 AVVISO DI VENDITA SENZA INCANTO Primo esperimento Il sottoscritto avv. Chiara Vianello, avvocato in Venezia, con studio in Venezia San Polo, 3079

Dettagli

Avv. Stab. Abodago Daniela De Giuli Via Podgora, MILANO Tel. (02) Fax (02)

Avv. Stab. Abodago Daniela De Giuli Via Podgora, MILANO Tel. (02) Fax (02) Avv. Stab. Abodago Daniela De Giuli Via Podgora, 11-20122 MILANO Tel. (02) 54122886. 54122640 - Fax (02) 54122560 Email : ddg.slb@gmail.com AVVISO DI VENDITA IMMOBILIARE SENZA INCANTO TRIBUNALE DI MILANO

Dettagli

TRIBUNALE CIVILE DI GENOVA

TRIBUNALE CIVILE DI GENOVA TRIBUNALE CIVILE DI GENOVA Ufficio Esecuzioni Immobiliari Esecuzione n 41/2017 R.E. AVVISO DI VENDITA L Avv. Giuseppe Giachero (C.F.: GCHGPP65L21D969F, Posta Elettronica Certificata: giuseppe.giachero@ordineavvgenova.it,

Dettagli

TRIBUNALE DI GROSSETO SEZIONE ESECUZIONI IMMOBILIARI

TRIBUNALE DI GROSSETO SEZIONE ESECUZIONI IMMOBILIARI TRIBUNALE DI GROSSETO SEZIONE ESECUZIONI IMMOBILIARI PROCEDURA ESECUTIVA 134/2013 R.G.E.I. AVVISO DI VENDITA SENZA INCANTO DI IMMOBILI PROFESSIONISTA DELEGATO ALLA VENDITA: DOTT.SSA SIMONA TONINI Il giorno

Dettagli

TRIBUNALE CIVILE DI GENOVA

TRIBUNALE CIVILE DI GENOVA DOTT. DAVIDE CARBONARO COMMERCIALISTA REVISORE LEGALE VIA IPPOLITO D ASTE, 7-5 - 16121 GENOVA TEL. 010 570.57.60 010 591.951 - FAX 010 562.421 TRIBUNALE CIVILE DI GENOVA ESECUZIONI IMMOBILIARI Procedura

Dettagli

INFORMAZIONI AL PUBBLICO COME SI PARTECIPA ALLA VENDITA SENZA INCANTO

INFORMAZIONI AL PUBBLICO COME SI PARTECIPA ALLA VENDITA SENZA INCANTO INFORMAZIONI AL PUBBLICO COME SI PARTECIPA ALLA VENDITA SENZA INCANTO Si partecipa mediante deposito di una offerta di acquisto in bollo da Euro 14,62. 1) Le offerte di acquisto, che dovranno essere depositate

Dettagli

TRIBUNALE DI LANCIANO Avviso di Vendita Immobiliare

TRIBUNALE DI LANCIANO Avviso di Vendita Immobiliare TRIBUNALE DI LANCIANO Avviso di Vendita Immobiliare Il Dott. Sebastiano Nasuti, ragioniere commercialista in Lanciano, delegato ai sensi dell art. 591 bis c.p.c., dal Giudice dell Esecuzione Dott. Massimo

Dettagli

TRIBUNALE DI VITERBO CU.DE.VIT. ( Custodi Delegati Viterbo) Coop. a r.l. AVVISO DI VENDITA 31/05/2017 ORE 10.00

TRIBUNALE DI VITERBO CU.DE.VIT. ( Custodi Delegati Viterbo) Coop. a r.l. AVVISO DI VENDITA 31/05/2017 ORE 10.00 Pubblicazione ufficiale ad uso esclusivo personale - è vietata ogni Pubblicazione ufficiale ad uso esclusivo personale - è vietata ogni Pubblicazione ufficiale ad uso esclusivo personale - è vietata ogni

Dettagli

AVVISO DI VENDITA CONTRO

AVVISO DI VENDITA CONTRO Avvocato Francesca Margari Via Vittorio Emanuele Orlando n. 8 06128 Perugia (PG) R.G. n. 417/09 TRIBUNALE DI PERUGIA AVVISO DI VENDITA Il sottoscritto Avv. Francesca Margari, professionista delegato ex

Dettagli

TRIBUNALE CIVILE DI GENOVA

TRIBUNALE CIVILE DI GENOVA DOTT. MONICA ZAFFAINA COMMERCIALISTA REVISORE CONTABILE VIA, CESAREA 2/43B - 16121 GENOVA TEL. 010530071 - FAX 0105848660 TRIBUNALE CIVILE DI GENOVA Ufficio Esecuzioni Immobiliari Procedura esecutiva n.

Dettagli

TRIBUNALE DI CATANIA SEZIONE FALLIMENTARE FALLIMENTO R.G. N /96 ORDINANZA DI FISSAZIONE DI VENDITA IMMOBILIARE SENZA INCANTO

TRIBUNALE DI CATANIA SEZIONE FALLIMENTARE FALLIMENTO R.G. N /96 ORDINANZA DI FISSAZIONE DI VENDITA IMMOBILIARE SENZA INCANTO TRIBUNALE DI CATANIA SEZIONE FALLIMENTARE FALLIMENTO R.G. N. 11441/96 ORDINANZA DI FISSAZIONE DI VENDITA IMMOBILIARE SENZA INCANTO IL GIUDICE DELEGATO Vista l istanza per la vendita del bene immobile di

Dettagli

TRIBUNALE DI GENOVA UFFICIO ESECUZIONI IMMOBILIARI PROCEDURA DELEGATA AVVISO DI VENDITA *-*-*-*-*-*-*-*-*-*

TRIBUNALE DI GENOVA UFFICIO ESECUZIONI IMMOBILIARI PROCEDURA DELEGATA AVVISO DI VENDITA *-*-*-*-*-*-*-*-*-* TRIBUNALE DI GENOVA UFFICIO ESECUZIONI IMMOBILIARI PROCEDURA DELEGATA AVVISO DI VENDITA *-*-*-*-*-*-*-*-*-* R.G.E. n.731/2013 G.E. Dr Franco DAVINI La sottoscritta Delegata alla vendita, Dott. Carla RICCI,

Dettagli

TRIBUNALE DI CAGLIARI

TRIBUNALE DI CAGLIARI TRIBUNALE DI CAGLIARI UFFICIO COMMERCIALISTI DELEGATI PER LE ESECUZIONI IMMOBILIARI AVVISO DI VENDITA DELEGATA A COMMERCIALISTA (nuovo rito) (artt. 569, 570, 571, 576 e 591 bis c.p.c.) PROCEDURA ESECUTIVA

Dettagli

intera quota di proprietà : Catasto Fabbricati Sez. NCT, Fg. 23, mapp. 61,

intera quota di proprietà : Catasto Fabbricati Sez. NCT, Fg. 23, mapp. 61, TRIBUNALE DI BRESCIA ******* Procedura 20653/2013 (pr.1043/15) +++++++ Giudice Delegato: dott. Gianni Sabbadini Organismo Composizione Crisi e Liquidatore: dott. Roberto Mutti ******* BANDO DI VENDITA

Dettagli

TRIBUNALE DI MESSINA. Ufficio Esecuzioni Immobiliari G.E. Dott. A. Orifici AVVISO DI VENDITA SENZA INCANTO

TRIBUNALE DI MESSINA. Ufficio Esecuzioni Immobiliari G.E. Dott. A. Orifici AVVISO DI VENDITA SENZA INCANTO TRIBUNALE DI MESSINA Ufficio Esecuzioni Immobiliari G.E. Dott. A. Orifici AVVISO DI VENDITA SENZA INCANTO La sottoscritta Avv. MARIAGRAZIA MOLONE', delegata dal G.E. del Tribunale di Messina con ordinanza

Dettagli

TRIBUNALE CIVILE DI NAPOLI V SEZIONE AVVISO DI VENDITA. Procedure Esecutive riunite R.G.E. nn. 32/ /97. (Delega n. 591/08)

TRIBUNALE CIVILE DI NAPOLI V SEZIONE AVVISO DI VENDITA. Procedure Esecutive riunite R.G.E. nn. 32/ /97. (Delega n. 591/08) TRIBUNALE CIVILE DI NAPOLI V SEZIONE AVVISO DI VENDITA Procedure Esecutive riunite R.G.E. nn. 32/97-1635/97 (Delega n. 591/08) L Avv. Guerino Zarrelli con studio in Napoli alla via G. Leopardi 12, delegato

Dettagli

AVV. MARCELLA PUSTERLA STUDIO LEGALE BIANCHI GALLERIA STRASBURGO, N MILANO TRIBUNALE DI MILANO

AVV. MARCELLA PUSTERLA STUDIO LEGALE BIANCHI GALLERIA STRASBURGO, N MILANO TRIBUNALE DI MILANO AVV. MARCELLA PUSTERLA STUDIO LEGALE BIANCHI GALLERIA STRASBURGO, N. 3 20122 MILANO TEL. 02.55194415 02.5512158 TRIBUNALE DI MILANO SEZIONE ESECUZIONI IMMOBILIARI GIUDICE: DOTT.SSA RITA BOTTIGLIERI Nella

Dettagli

Firmato Da: RODEGHIERO MARCO Emesso Da: ARUBAPEC S.P.A. NG CA 3 Serial#: 412ad1e0692a3cc778d62caae5d246c1

Firmato Da: RODEGHIERO MARCO Emesso Da: ARUBAPEC S.P.A. NG CA 3 Serial#: 412ad1e0692a3cc778d62caae5d246c1 TRIBUNALE DI VICENZA ESECUZIONE IMMOBILIARE N. 521/2013 R.G.E. AVVISO DI VENDITA GIUDIZIARIA Il sottoscritto Avv. Marco Rodeghiero, delegato alle operazioni di vendita di cui alla procedura esecutiva in

Dettagli

TRIBUNALE CIVILE DI GENOVA

TRIBUNALE CIVILE DI GENOVA TRIBUNALE CIVILE DI GENOVA Sezione VII Civile Divisione Giudiziale R.G. n 8416/2017 AVVISO DI VENDITA L Avv. Giuseppe Giachero (C.F.: GCHGPP65L21D969F, Posta Elettronica Certificata: giuseppe.giachero@ordineavvgenova.it,

Dettagli

A) Senza incanto TRIBUNALE ORDINARIO DI TORINO AVVISO DI VENDITA

A) Senza incanto TRIBUNALE ORDINARIO DI TORINO AVVISO DI VENDITA A) Senza incanto TRIBUNALE ORDINARIO DI TORINO AVVISO DI VENDITA Nella procedura esecutiva immobiliare R.E., il Professionista dott., delegato dal G.E. dott. con ordinanza di delega in data ORDINA LA VENDITA

Dettagli

AVVISO DI VENDITA IMMOBILIARE SENZA INCANTO TRIBUNALE DI GENOVA. Ufficio esecuzioni immobiliari. Giudice dell esecuzione Dottor Parentini Mirko

AVVISO DI VENDITA IMMOBILIARE SENZA INCANTO TRIBUNALE DI GENOVA. Ufficio esecuzioni immobiliari. Giudice dell esecuzione Dottor Parentini Mirko AVVISO DI VENDITA IMMOBILIARE SENZA INCANTO TRIBUNALE DI GENOVA Ufficio esecuzioni immobiliari Giudice dell esecuzione Dottor Parentini Mirko Procedimento di esecuzione immobiliare n 862/2015 R.G. Es.

Dettagli

TRIBUNALE DI PARMA ESECUZIONE IMMOBILIARE N. 322/2013 Avviso di vendita giudiziaria

TRIBUNALE DI PARMA ESECUZIONE IMMOBILIARE N. 322/2013 Avviso di vendita giudiziaria TRIBUNALE DI PARMA ESECUZIONE IMMOBILIARE N. 322/2013 Avviso di vendita giudiziaria Il sottoscritto dott. Edoardo Lombardi, notaio in Parma iscritto nel ruolo del Collegio Notarile di Parma, delegato dal

Dettagli

TRIBUNALE DI ASTI VENDITA MOBILIARE DA FALLIMENTO AVVISO DI VENDITA. Nel Fallimento 49/2015

TRIBUNALE DI ASTI VENDITA MOBILIARE DA FALLIMENTO AVVISO DI VENDITA. Nel Fallimento 49/2015 TRIBUNALE DI ASTI VENDITA MOBILIARE DA FALLIMENTO AVVISO DI VENDITA Nel Fallimento 49/2015 Il sottoscritto Roberto Puntoni, dottore commercialista, Curatore del Fallimento 49/2015, ha delegato, come da

Dettagli

TRIBUNALE ORDINARIO DI VENEZIA AVVISO DI VENDITA IMMOBILIARE DELEGATA A PROFESSIONISTA QUARTO ESPERIMENTO

TRIBUNALE ORDINARIO DI VENEZIA AVVISO DI VENDITA IMMOBILIARE DELEGATA A PROFESSIONISTA QUARTO ESPERIMENTO TRIBUNALE ORDINARIO DI VENEZIA AVVISO DI VENDITA IMMOBILIARE DELEGATA A PROFESSIONISTA QUARTO ESPERIMENTO Il sottoscritto dottor Francesco Loero con studio in Mestre Venezia, via Mestrina 6, professionista

Dettagli

Firmato Da: TESTA PICCOLOMINI CLELIA Emesso Da: POSTECOM CA3 Serial#: 35847

Firmato Da: TESTA PICCOLOMINI CLELIA Emesso Da: POSTECOM CA3 Serial#: 35847 R.G.E.I. 1137 /2004 TRIBUNALE DI TIVOLI Il G.E. Clelia Testa Piccolomini, Vista l istanza depositata dal delegato alla vendita in data 3.12.2015; Visto il d.l. 83/2015 conv. in l. 132/2015 con il quale

Dettagli

AVVISO DI VENDITA IMMOBILIARE SENZA INCANTO NUOVA PUBBLICITA. (Offerte in bollo in busta chiusa) AVVISA

AVVISO DI VENDITA IMMOBILIARE SENZA INCANTO NUOVA PUBBLICITA. (Offerte in bollo in busta chiusa) AVVISA Tribunale Ordinario di Milano Avv. Alfonso Martucci Ufficio Aste: via della Posta 10 Piano II, Milano via Francesco Caracciolo 28, Milano Telefono 0272307296 Fax 0272307253 Cellulare 3335887864 alfonso.martucci@yahoo.it

Dettagli

TRIBUNALE DI MILANO Sezione III Civile - Esecuzioni Immobiliari G.E. Dott.ssa Idamaria Chieffo

TRIBUNALE DI MILANO Sezione III Civile - Esecuzioni Immobiliari G.E. Dott.ssa Idamaria Chieffo Avv. P A O L A M U R R U Via Cerva, 1 20122 Milano Tel. 339.7098225 - Fax 02.92853271 E-mail: avv.paolamurru@gmail.com PEC: paola.murru@milano.pecavvocati.it TRIBUNALE DI MILANO Sezione III Civile - Esecuzioni

Dettagli