DOSSIER CONFCOMMERCIO MODENA Martedì, 09 settembre 2014

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "DOSSIER CONFCOMMERCIO MODENA Martedì, 09 settembre 2014"

Transcript

1 DOSSIER CONFCOMMERCIO MODENA Martedì, 09 settembre 2014

2 09/09/2014 Il Resto del Carlino (ed. Modena) Pagina 11 Ciclabile di via Emilia Est, trovato l' accordo No allo spostamento, ma /09/2014 Pagina 25 La Finanza chiude finto circolo sportivo Era club e piano bar 3 09/09/2014 La Nuova Prima Pagina (ed. Modena) Pagina 18 Ristorante travestito da società sportiva 5 08/09/2014 Pagina 10 Voce turismo a Modena? Cenerentola del bilancio 6 07/09/2014 Il Resto del Carlino (ed. Modena) Pagina 16 «Furti, aumentare la vigilanza» 8 06/09/2014 Il Resto del Carlino (ed. Modena) Pagina 10 Expo, una linea gialla per il Mef 9 06/09/2014 Pagina 19 «Concentriamoci sul territorio» 10 06/09/2014 Pagina 19 Temporary store, vetrine e strisce gialle per i turisti 11 06/09/2014 Pagina 14 DOSSIER CONFCOMMERCIO MODENA Martedì, 09 settembre 2014 Dossier Confcommercio Modena «'Ndrangheta e Camorra sono tra noi» 13

3 9 settembre 2014 Pagina 11 Il Resto del Carlino (ed. Modena) Dicono di noi Ciclabile di via Emilia Est, trovato l' accordo No allo spostamento, ma sono salvi i posti auto Gli esercenti moderatamente soddisfatti: «Speravamo in qualcosa di più» di VINCENZO MALARA DOPO via Giardini, è vicino l' ok definitivo sulla nuova ciclabile di via Emilia Est, che collegherà il tratto tra via Ciro Menotti e via del Pozzo. A inizio anno il progetto, presentato dalla giunta Pighi, aveva scatenato le ire di esercenti, associazioni e residenti, in quanto prevedeva l' eliminazione di un' ottantina di posti auto, vitali per il commercio della zona. Non era mancata una raccolta firme, che in extremis aveva convinto l' amministrazione al dietrofront. A luglio la ripresa del confronto e nell' ultimo faccia a faccia si è finalmente trovata un' intesa di massima sul progetto, che nelle prossime settimane dovrà passare al vaglio dei ciclisti riuniti nel Coordinamento per mobilità nuova. Il percorso ciclo pedonale è ancora work in progress, ma sono già stati fissati alcuni paletti, che se da una parte non accolgono tutte le richieste dei 'ribelli', dall' altra migliorano non di poco l' intervento complessivo. Niente da fare per l' auspicato 'trasloco' della ciclabile sul lato sud di via Emilia est, dove sono presenti meno attività commerciali, ma il Comune ha accettato di ridurre da ottanta a venti i posti auto da eliminare, compensati con il recupero di altrettanti posteggi a pettine, rigorosamente a disco orario, che di fatto dovrebbero portare a zero il saldo finale. 'Salvo' il dehors del Bar Mascagni e sembra ormai certo lo spostamento della fermata del bus tra via San Giovanni Bosco e via Mascagni per recuperare altri spazi. Il nuovo tratto, largo due metri e mezzo, dovrà poi 'fare i conti' con la riattivazione del distributore di benzina di fronte alle Poste, attualmente in disuso, e sarà così prevista una leggera deviazione per non disturbare l' impianto. «Il piano che ci è stato presentato è migliorativo rispetto alla prima versione spiega Alberto Crepaldi di Confcommercio Anche nel nuovo progetto c' è una perdita di posti, ma siamo dell' idea che verrà compensata da una buona riqualificazione della strada, dell' arredo urbano, dell' illuminazione, associata al disco orario su entrambi i lati». Abbastanza soddisfatti gli esercenti, anche se è opinione comune bisognasse ripartire da zero. «Era meglio spostare la ciclabile sul lato sud, ma l' amministrazione e Seta sostengono che impatterebbe troppo sul percorso dei filobus sottolinea Albertino Pecorari Avrei rivisto la larghezza della pista, ma perlomeno abbiamo ottenuto che i posti auto tagliati saranno soltanto una ventina, con la garanzia che si cercherà di trovarne altri». Auspica «più controlli da parte dei vigili urbani sul rispetto del disco orario» Elisabetta Braglia, che chiede inoltre «una durata della sosta non oltre la mezz' ora per garantire un rapido ricambio tra i clienti». Continua > 1

4 9 settembre 2014 Pagina 11 < Segue Il Resto del Carlino (ed. Modena) Dicono di noi Moderatamente contenta del nuovo progetto la proprietaria del bar Mascagni, Anna Termanini, anche se «continuo a giudicare l' intervento non prioritario e mi sarei aspettata più partecipazione da parte degli altri esercenti della zona, visto che la ciclabile condizionerà tutti». 2

5 9 settembre 2014 Pagina 25 La Finanza chiude finto circolo sportivo Era club e piano bar Castelfranco. Le Fiamme Gialle al Ti Tingo di Piumazzo Scoperti lavoratori in nero e si indaga sugli incassi evasi Sono dovuti intervenire anche i vigili del fuoco per circoscrivere i danni causati dalla rottura della tubatura dell' acquedotto principale di via Vittorio Veneto a Vignola. Domenica, verso l' ora di cena, sono arrivate le prime segnalazioni: una imponente mole di acqua ha allagato la strada, provocando disagi alla circolazione e l' allagamento di un paio di scantinati. Per molti residenti si è reso impossibile uscire di casa. Ma il disagio maggiore si è avuto nelle ore successive quando i tecnici di Hera hanno dovuto provvedere alla riparazione. Per intervenire si è reso necessario chiudere l' afflusso di acqua potabile e di fatto molte utenze domestiche sono rimaste a secco fino a quando gli operatori non hanno terminato l' intervento. CASTELFRANCO A Piumazzo la conoscono in tanti, è la piscina Ti Tingo, club in cui si può entrare con due modalità: o pagando la "tessera associativa per tutta la stagione 150 euro, coniugi o conviventi 250 euro, figli fino a 16 anni tesseramento gratuito, ingressi illimitati in piscina compreso lettini, possibilità di usufruire gratuitamente campi Beach volley/tennis. Servizi ristorante e tavola fredda", come spiega l' annuncio su facebook, oppure pagando una tessera di affiliazione alla Uisp e i successivi ingressi. Eppure quel club alla Finanza e alla polizia municipale di Castelfranco non dava sicurezza tanto che nell' ultima settimana di agosto è scattato un blitz. «Durante una visita a sorpresa effettuata in occasione di una serata organizzata dalla presunta fittizia associazione spiegano le Fiamme Gialle è stata rilevata la presenza di circa un centinaio di clienti che, a fronte del pagamento di specifici corrispettivi certamente non compatibili con il funzionamento di un organismo associativo si intrattenevano nella consumazione di pasti in un convivio animato da un piano bar». Di fatto, secondo i riscontri dei finanzieri, il Ti Tingo era equiparata ad un' associazione sportiva, che gode di un regime fiscale agevolato, pur non facendo dello sport la propria principale mission. In compenso era l' attività commerciale, legata ad eventi serali, feste e cene a garantire gli incassi del club. Continua > 3

6 9 settembre 2014 Pagina 25 < Segue L' attività abusiva è stata aperta nel 2013 e nei guai è finito il presidente dell' associazione, che vive a Castelfranco. Il primo provvedimento adottato è stata la chiusura a tempo indeterminato della struttura, anche se a dire la verità sempre consultando il profilo facebook della piscina domenica c' è stato l' ultimo appuntamento di addio all' estate. Ma saranno soprattutto la direzione del Lavoro di Modena e l' Agenzia delle Entrate a dover completare il lavoro supplettivo. Ci saranno infatti sanzioni per l' impiego dei nove lavoratori scoperti senza un regolare contratto mentre il Fisco provvederà ad analizzare i bilanci e a quantificare "il cospicuo business sviluppato dalla presunta fittizia associazione". Una volta completato questo passaggio si provvederà alla segnalazione all' Agenzia dell' Entrate Direzione Provinciale di Modena. «I controlli effettuati concludono le Fiamme Gialle hanno colpito nel segno facendo emergere una delle tante forme di abusivismo che affliggono il settore del commercio e dei servizi, offrendo un segnale di fiducia anche alla tutela dei lavoratori e delle rispettive posizioni previdenziali e contributive». RIPRODUZIONE RISERVATA. 4

7 9 settembre 2014 Pagina 18 La Nuova Prima Pagina (ed. Modena) La Nuova Prima Pagina Ristorante travestito da società sportiva Attività chiusa: nove dipendenti erano assunti in nero Aveva costituito una finta associazione sportiva dilettantistica per evadere il fisco; in realtà organizzava eventi compresa la ristorazione e impiegava ben nove persone in nero. Guai a Castelfranco per un cittadino italiano, fermato per un controllo dalla guardia di Finanza di Modena in collaborazione con la polizia municipale. L'attività è stata chiusa a tempo indeter minato. I fatti I controlli sono stati condotti sull'attività commerciale con evidenti fini di lucro celata dietro una presunta società sportiva dilettantistica fasulla; quello in cui l'italiano lavorava era in realtà un vero e proprio ristorante con nove dipendenti in nero. Totalmente abusivo, dunque, l'esercizio della professione messo in campo in città; per questo le Fiamme Gialle hanno deciso di entrare in azione durante un evento organizzato in un weekend di fine agosto. Nei locali della sede controllata c'erano circa cento clienti che cenavano con l'accompagnamento di un piano bar: troppo alto, però, il prezzo che pagavano per essere lì, se si fosse trattato (come si voleva fare credere) che l'evento fosse parte di quelli organizzata dalla società sportiva. A quel punto, sono scattate le sanzioni: per lavoro nero e mancanza di licenze la direzione provinciale del lavoro ha già provveduto a chiudere il locale a tempo indeterminato. La guardia di finanza indaga invece per fare chiarezza. Sembra che la falsa società abbia organizzato molti eventi conviviali ma nessuno sportivo, a conferma della sua vera identità: un ristorante e non una società dilettantistica. (s.zuc.) 5

8 8 settembre 2014 Pagina 10 Voce turismo a Modena? Cenerentola del bilancio "Openpolis" evidenzia nel 2013 un meno 40% rispetto all' anno precedente Fondi pari a una spesa pro capite di 1,36 euro. Molto meglio di noi Carpi e Reggio. di Stefano Luppi Hai voglia a dire, soprattutto dopo il furto della tela del Guercino da San Vincenzo: occorre fare di più per fare conoscere i tesori modenesi. Andando a vedere i numeri, come ad esempi i bilanci dei comuni italiani analizzati in profondità dagli esperti di "Openpolis", si scopre che i fatti contraddicono le tante parole spese in questi ultimi tempi. Il bilancio del Comune di Modena, almeno fino al preventivo del 2013, parla di risorse per la voce turismo pari praticamente a zero con un calo rispetto al bilancio consuntivo dell' anno precedente che supera il 40% del budget. Va bene che le idee muovono il mondo, ma i progetti senza i soldi purtroppo non si fanno. Vediamo in dettaglio partendo proprio dal bilancio preventivo del Le spese per la "promozione e il turismo locale" erano pari ad appena 252mila euro, ossia appena 1,36 euro pro capite per ogni cittadino modenese. Tra l' altro la cifra è tutta di spesa corrente perché gli investimenti nel bilancio per questo settore sono pari a zero e del resto l' ex assessore alla cultura Roberto Alperoli in qualche occasione si era lamentato per questa situazione. Per dare una idea: nello stesso bilancio le spese per la cultura sono state pari a oltre 14 milioni di euro, 76 euro a cittadino, cifra che sale fino alla vetta di 74 milioni di euro (400 a testa) per l' importante settore del "sociale". E non che le cose migliorino se andiamo più indietro visto che l' anno precedente (confronto consuntivo 2011 con preventivo 2012) visto che lì la cultura, settore molto legato al turismo, perdeva il 18% delle risorse. Il turismo nel bilancio preventivo 2012 era invece sempre a quota 253mila euro sempre tutti di spesa corrente. Ancora più indietro l' anno precedente con una cifra di appena 208mila euro totali, ossia 1,12 euro l' anno per modenese. L' anno nero per il turismo, almeno secondo dal punto di vista delle casse comunali, è però il 2009 quando nel settore sono stati messi zero euro. Neppure uno per un settore trainante dal punto di vista dell' immagine della città della Ghirlandina e probabilmente anche dal punto di vista delle occasioni di lavoro per tanti giovani. Continua > 6

9 8 settembre 2014 Pagina 10 < Segue Ma la casella era a zero, incredibilmente anche nei tre anni precedenti. Insomma un disastro. Certo, viviamo in tempi di crisi e di ristrettezze dei bilanci comunali, dunque tutti i comuni fanno così? No, segno che si tratta di decisioni politiche. Alcuni esempi a noi vicini. Prendiamo Carpi, dove nel 2013 il settore cultura è stato finanziato con l' 86% delle risorse in più. Per il turismo la voce parla di 165mila euro, ossia 2,36 euro per ogni carpigiano: siamo a un euro secco in più rispetto a Modena. E anche gli anni precedenti era così: nel 2012 Carpi era a quota 174mila euro (2,50 euro pro capite) mentre in un anno in cui Modena era a zero per il turismo Carpi era a quota 1,61 euro pro capite, soldi utili a fare conoscere le bellezze della città. Un caso? No, prendiamo la vicina Reggio. Nel preventivo 2013 i cugini d' oltre Secchia hanno messo 482mila euro, ossia 2,79 euro per ogni cittadino reggiano mentre nel 2009 quando Modena era a quota zero investivano nel settore 214mila euro, 1,28 per ogni reggiano. Per fare conoscere i propri tesori occorre investire e non stupirsi quando si scopre che i turisti non sanno che in San Vincenzo c' è (c' era) un Guercino fantastico. 7

10 7 settembre 2014 Pagina 16 Il Resto del Carlino (ed. Modena) Dicono di noi NEGOZI NEL MIRINO SICUREZZA, LE ASSOCIAZIONI. «Furti, aumentare la vigilanza» DOPO gli ultimi furti che hanno riguardato il magazzino del negozio Calliope, emerge con urgenza il problema sicurezza degli esercizi commerciali, specie in centro. Anche le associazioni di categoria intervengono sul punto. «C' è una recrudescenza, notizie come questa sono all' ordine del giorno commenta Barbara Bulgarelli, direttrice Cna. Un deterrente può essere l' intensificazione di un presidio sul territorio. La situazione del centro è complicata e difficile; per questo rinnoviamo l' invito che già da mesi abbiamo rivolto all' amministrazione: la realizzazione di un tavolo sulla sicurezza con le varie associazione di categoria, per fare il punto della situazione e coordinare le forze. Concorda su un incremento della sorveglianza anche Massimiliano Siligardi, direttore Confesercenti: «Occorre agire su due fronti: a livello pubblico aumentare il sistema di vigilanza attiva attraverso una maggiore presenza delle forze dell' ordine e passiva attraverso più telecamere in centro storico. Sotto il profilo privato, incentivare i singoli a munirsi di antifurti». Ripristinare il carabiniere o il poliziotto di 'quartiere': questa la proposta di Massimo Fontanarosa, direttore Confcommercio. «Anziché avere sempre una pattuglia fissa davanti al Comune spiega, sarebbe utile garantire una maggiore presenza dinamica sul territorio. Il tema della sicurezza riguarda non solo il centro ma più in generale tutto il commercio, anche periferico. E' necessario alzare il livello di guardia, ma senza creare allarmismi: già il settore è in crisi, c' è un calo di vendite, negozi che chiudono, non creiamo altre tensioni e polemiche». Maria Silvia Cabri. 8

11 6 settembre 2014 Pagina 10 Il Resto del Carlino (ed. Modena) Il Resto del Carlino Modena L' INCONTRO IDEE A CONFRONTO CON BOTTURA IN MUNICIPIO. Expo, una linea gialla per il Mef IL SISTEMA Modena si organizza per attrarre turisti in vista di Expo Oltre allo sbarco a Milano, nell' ambito dello spazio della Regione al Padiglione Italia, si stanno preparando pacchetti di offerte e itinerari, nuovi punti informativi e un portale web. Spiccano nuovi punti di accoglienza alla stazione Mediopadana, convenzioni con ristoranti e hotel, nuovi orari e aperture speciali per gli esercizi. I progetti per trasformare il centro di Modena in una vetrina per tutta la provincia, si districano lungo due direttrici: quella dei prodotti tipici e quella della sicurezza. In ballo c' e' un progetto per la riqualificazione di aree dismesse in centro storico. Ma 'dentro' Expo finisce anche il piano di riqualificazione della zona della stazione ferroviaria, con interventi sull' edificio ex Poste, l' evidenziazione del collegamento pedonale stazione ferroviaria Mef (linea gialla, con adesivi a terra per 500 metri), il potenziamento dell' illuminazione pubblica e una nuova segnaletica verticale. Il sindaco Gian Carlo Muzzarelli ha incontrato ieri in comune le associazioni di categoria, imprenditori (presente lo chef stellato Massimo Bottura) e sindacati. Tra le proposte, anche la navetta Stazione Mediopadana Modena Maranello e Bologna. 9

12 6 settembre 2014 Pagina 19 «Concentriamoci sul territorio» Lo chef Bottura: «Valorizzare i prodotti e rendere sicuro il centro per i turisti» «Promuovere un intero territorio, parlare dell' area de fiume Po anziché di un singolo ristorante per entrare nei circuiti della comunicazione internazionale». È la ricetta dello chef Massimo Bottura, illustrata durante l' incontro sull' Exo 2015 a Modena, per consentire al territorio modenese di farsi conoscere e attrarre turisti. «Ma è anche importante garantire a chi arriva in città la possibilità di poter tranquillamente passeggiare in centro storico, quindi ben vengano gli interventi strutturali e per la sicurezza che il Comune sta portando avanti», ha aggiunto lo chef modenese di fama internazionale che nell' occasione ha anche ricordato uno dei progetti che lo vedono impegnato. «Con Papa Francesco e la Diocesi di Milano stiamo lavorando alla realizzazione di una mensa sociale in un teatro dismesso alla periferia di Milano, dove portare e cucinare gli avanzi alimentari di tutti i padiglioni Expo. La mensa resterà in funzione per un mese, ma poi il locale attrezzato potrà continuare a essere utilizzato», ha proseguito Bottura suggerendo che anche Modena con le sue scuole di ristorazione e la formazione per i giovani possa avere un ruolo in questa fase del progetto. Sulla necessità di «migliorare l' accoglienza e l' offerta turistica di un territorio che deve fare sistema», ha puntato inoltre Antonio Ghini, direttore del Museo Ferrari sottolineando anche l' importanza «di decidere tempestivamente le strategie per portare visitatori a Modena, perché soprattutto quelli provenienti dall' estero hanno bisogno di organizzarsi per tempo». Ghini ha anche accennato a uno dei progetti che si stanno sviluppando in vista di Expo, già in funzione in via sperimentale: una navetta turistica che collega l' aeroporto di Bologna, la stazione Mediopadana con il Museo Enzo Ferrari di Modena e il Museo di Maranello e ad altri punti di interesse». Tante altre le proposte emerse durante l' incontro: dai progetti per valorizzare le imprese modenesi e la loro capacità di innovazione a cui sta lavorando Democenter a quelli per promuovere le eccellenze gastronomiche del territorio illustrate dall' assessore provinciale all' Agricoltura e Gran Maestro della Cosorteria dell' Aceto Balsamico Tradizionale Luca Gozzoli e dal presidente Consorzio tutela dell' Aceto Balsamico Tradizionale di Modena Enrico Corsini. Interventi anche dallo Slow Food e dall' Università di Modena e Reggio. 10

13 6 settembre 2014 Pagina 19 Temporary store, vetrine e strisce gialle per i turisti Un piano di accoglienza e informazione per chi arriverà dal capoluogo lombardo Zona stazione da riqualificare. Agroalimentare: in piazza Roma in mostra il top. Rilanciare il centro rendendolo accogliente. Creare temporary stores nei negozi sfitti. Esporre il meglio del nostro agroalimentare nelle vetrine dei negozi di piazza Roma. Sono i principali punti di un progetto complessivo per Modena esposto alla presentazione a Milano, nell' ambito dello spazio della Regione Emilia Romagna al Padiglione Italia. Rientra tra i progetti di punta organizzati a Modena e provincia in occasione di Expo 2015; definizione di un programma provinciale degli eventi e delle opportunità da offrire ai visitatori che arriveranno sul territorio; un progetto complessivo per potenziare l' accoglienza turistica, attraverso la definizione di pacchetti di offerte e itinerari, nuovi punti informativi e un portale web dedicato. Ad esporre le linee principali del progetto che l' area vasta Modena non solo il capoluogo, quindi, ma l' intero territorio provinciale è stato il sindaco Gian Carlo Muzzarelli durante l' incontro che, presente anche Morena Diazzi direttore generale Attività produttive della Regione Emilia Romagna, si è svolto ieri nella sala del Consiglio comunale di Modena con le associazioni di categoria e sindacati, enti e istituzioni, amministratori locali e imprenditori. Era presente anche lo chef Massimo Bottura che ha esposto la sua visione (vedi servizio sotto). «A tutti abbiamo chiesto uno sforzo straordinario per caratterizzare ogni evento in programma il prossimo anno sui temi legati a Expo: "Nutrire il pianeta, Energia per la vita". Le prime proposte emerse, idee e progetti che soggetti pubblici e privati stanno definendo per il 2015 costituiscono una base importante sulla quale costruire un progetto complessivo di valorizzazione del territorio e per favorire nuova occupazione. Questa la "cornice" che intende mettere a sistema le diverse iniziative, valorizzando imprese e potenzialità del territorio. Visto l' alto grado di condivisione con cui è stata accolta oggi ha concluso quindi il sindaco al termine dell' incontro ora possiamo passare alla fase operativa per completare i pacchetti». Per creare un unico "concerto di valori", il centro storico di Modena sarà "porta" e "vetrina" per il territorio provinciale, da cui si irradiano percorsi e itinerari che coinvolgono l' intera provincia: «Un' opportunità anche per le imprese dei Comuni più lontani di avere una "vetrina" nel principale punto di accesso dei visitatori», ha spiegato Muzzarelli. La parte concreta del progetto è il piano di riqualificazione della zona della stazione ferroviaria di Modena, con interventi sull' edificio ex Poste, l' evidenziazione del collegamento pedonale Stazione Continua > 11

14 6 settembre 2014 Pagina 19 < Segue ferroviaria Mef: una linea gialla con adesivi a terra, su di un percorso di circa 500 metri che richiede tra i 5 i 7 minuti a piedi), il potenziamento dell' illuminazione pubblica e una nuova segnaletica verticale. Tra le varie proposte emerse spicca un progetto per la riqualificazione di aree dismesse in centro storico, attraverso incentivi per la riapertura di negozi sfitti come temporary store o pubblici esercizi caratterizzati sull' agroalimentare di qualità nella zona di piazza Roma. Tra i vari interventi anche il miglioramento e potenziamento della segnaletica turistica sia urbana che extraurbana e la creazione di nuovi punti di accoglienza turistica, a cominciare dalla stazione Mediopadana; nuovi pacchetti di offerta turistica, convenzioni con ristoranti e hotel; la riorganizzazione dei giorni e orari di apertura di siti di interesse culturale, servizi, commercio. 12

15 6 settembre 2014 Pagina 14 «'Ndrangheta e Camorra sono tra noi» Modena e Reggio considerate zone strategiche per le associazioni criminali che qui trovano beni e aziende dove "investire" Un tempo era un' isola felice l' Emilia Romagna, terra tra l' altro di agricoltura, edilizia e turismo, tutti settori che fanno gola alle principali organizzazioni malavitose, che da tempo hanno spostato qui casa, famiglia e affari. In questa regione l' Agenzia nazionale beni sequestrati e confiscati ha censito 112 beni sottratti ai circuiti illegali, 86 immobili e 26 aziende. Numeri destinati a crescere se è vero che i frutti delle inchieste giudiziarie condotte tra il 2012 e il 2013 arriveranno in futuro. Secondo l' ultimo rapporto della Direzione distrettuale antimafia, cresce "l' attenzione dei clan campani nel ricco e produttivo tessuto economico della regione, dove investono le risorse acquisite attraverso le attività illecite". E a muoversi è in particolare il clan dei Casalesi di Caserta, "la cui presenza è stata segnalata anche nelle province di Ferrara, Ravenna, Parma, Reggio Emilia e Rimini". La 'ndrangheta, invece, è segnalata tra le province di Reggio Emilia, Modena e Ravenna. Il maggior numero di immobili confiscati alla criminalità organizzata insiste nella provincia di Bologna (21) appena sopra Forlì Cesena. «La provincia di Modena è caratterizzata da una rilevante presenza di 'ndrangheta e di camorra, attive da anni sul territorio e oggetto di importanti operazioni di contrasto»: questo si legge nel rapporto "Le Mafie al Nord" dell' Università di Milano, presentato a luglio scorso dalla Commissione parlamentare antimafia. Eppure i numeri dell' Agenzia dicono tutt' altro, che in tutta la provincia di Modena non ci sono immobili confiscati alle mafie, ma solo due aziende, una nel capoluogo attiva nel settore agroalimentare e una a Formigine. E invece «sul territorio operano le famiglie di 'ndrangheta dei Longo Versace provenienti da Polistena (RC) e dei Nirta Strangio originari di San Luca (RC), a cui si affiancano i clan di camorra dei casalesi, dei Falanga di Gioia di Torre del Greco e i Fabbrocino di Napoli». Secondo il rapporto, Modena «insieme a Reggio Emilia, rappresenta la provincia con la più alta densità mafiosa, in cui si riscontrano singolari atti intimidatori e sospetti rapporti tra crimine organizzato e politica locale». Le confische definitive forse arriveranno. La novità è che la magistratura emiliana ha cominciato l' aggressione ai patrimoni criminali delle organizzazioni meridionali. Nel 2012 nel distretto di Corte d' Appello di Bologna (unico per tutta la regione) si sono registrati 18 procedimenti di sequestro e confisca, per un totale di 450 beni. Basti pensare che nel 2009 i beni immobili e mobili, compresi i conti Continua > 13

16 6 settembre 2014 Pagina 14 < Segue correnti, oggetto di procedimento giudiziario erano appena 2 (Fonte: Banca dati del Sippi, Sistema Informativo Prefetture e Procure d' Italia Recentissima ad esempio la notizia di cinque confische tra Modena (1), Castelfranco (1) e Nonatola (3), emersa grazie alla mappatura dei beni confiscati in regione, realizzata tra gli altri da Federica Terenzi, ricercatrice del Master in Riuso dei Beni confiscati dell' Università di Bologna. Una delle ultime importanti operazioni è stata condotta il 9 aprile 2014 nei confronti della cosca Arena Nicosia, originaria di Isola Capo Rizzuto. Un patrimonio da 13 milioni di euro, composto da auto, conti correnti, appartamenti e aziende nelle province di Modena, Reggio Emilia e Bologna. Forlì è il comune con il maggior numero di immobili confiscati, 16, contro i 9 di Bologna. Per quanto riguarda le aziende, il capoluogo si riprende il primato (10), seguito da Ferrara (2). In Emilia Romagna sono presenti 26 aziende appartenute alla malavita (settimo posto in Italia), di cui 18 in gestione. In Riviera romagnola le mafie hanno agito nell' ombra, come sostiene il Gruppo Antimafia Pio La Torre, che ha effettuato un monitoraggio sui beni confiscati. Il maggior numero di aziende confiscate in Emilia Romagna operava (o opera ancora) nell' ambito delle attività immobiliari, dell' informatica e dei servizi alle imprese: 8 aziende su 26. (La presente inchiesta è stata realizzata dal network di datajournalism Dataninja.it. Del gruppo di lavoro fanno parte Alessio Cimarelli, Gianluca De Martino ed Andrea Nelson Mauro, con il supporto di Andrea Borruso. L' inchiesta è nata nell' ambito di "Confiscati Bene" Tutti i contenuti pubblicati su ) RIPRODUZIONE RISERVATA LA MAPPA INTERATTIVA DEI BENI CONFISCATI 14

Progetto Rubiera Centro

Progetto Rubiera Centro LE POLITICHE DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA PER LA QUALIFICAZIONE DEI CENTRI COMMERCIALI NATURALI Progetti anno 2013 (D.G.R. n. 1822/2013) Bologna, 1 luglio 2014 Progetto Rubiera Centro Il progetto del comune

Dettagli

Per San Lazzaro. Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA. MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente)

Per San Lazzaro. Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA. MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente) TU Per San Lazzaro Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente) Territorio: Urbanistica: Cosa: Agevolazioni per la riqualificazione dell esistente:

Dettagli

Prime ipotesi per una fattibilità dei Programmi Integrati per la salute in Marmilla

Prime ipotesi per una fattibilità dei Programmi Integrati per la salute in Marmilla Prime ipotesi per una fattibilità dei Programmi Integrati per la salute in Marmilla Cagliari 4 dicembre 2012 Centro di ricerca FO.CU.S. Progetto di ricerca a supporto dei territori per l individuazione

Dettagli

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1 Università per Stranieri di Siena Centro CILS Sessione: Dicembre 2012 Test di ascolto Numero delle prove 2 Ascolto - Prova n. 1 Ascolta i testi: sono brevi dialoghi e annunci. Poi completa le frasi.

Dettagli

Progetto: Dai colore ai tuoi sogni

Progetto: Dai colore ai tuoi sogni Progetto: Dai colore ai tuoi sogni Un po di storia Il seme dell affido è germogliato in casa Tagliapietra nel lontano 1984 su un esigenza di affido consensuale in ambito parrocchiale. Questo seme ha cominciato

Dettagli

Dov eri e cosa facevi?

Dov eri e cosa facevi? Funzioni comunicative Produzione libera 15 marzo 2012 Livello B1 Dov eri e cosa facevi? Funzioni comunicative Descrivere, attraverso l uso dell imperfetto, azioni passate in corso di svolgimento. Materiale

Dettagli

la riorganizzazione della dev essere affrontata in Consiglio TORTONA. SE NE PARLERA IN UNA SEDUTA AD HOC: L HA DECISO IL SINDACO

la riorganizzazione della dev essere affrontata in Consiglio TORTONA. SE NE PARLERA IN UNA SEDUTA AD HOC: L HA DECISO IL SINDACO TORTONA. SE NE PARLERA IN UNA SEDUTA AD HOC: L HA DECISO IL SINDACO La riorganizzazione dell ospedale dev essere affrontata in Consiglio In Consiglio comunale si parlerà ancora di riorganizzazione ospedaliera.

Dettagli

Comune di San Giustino. STUDIO DELLA VIABILITÀ nella frazione di Selci IPOTESI PROGETTUALI

Comune di San Giustino. STUDIO DELLA VIABILITÀ nella frazione di Selci IPOTESI PROGETTUALI Comune di San Giustino STUDIO DELLA VIABILITÀ nella frazione di Selci IPOTESI PROGETTUALI Presentazione pubblica del 19.02.2015 IPOTESI PROGETTUALI CONSIDERAZIONI PRELIMINARI TUTELARE L ACCESSIBILITÀ AI

Dettagli

il fiorire del S E C C H I A progetto di integrazione socio-spaziale Corte Ospitale Rubiera 25 maggio 2007

il fiorire del S E C C H I A progetto di integrazione socio-spaziale Corte Ospitale Rubiera 25 maggio 2007 il fiorire del S E C C H I A progetto di integrazione socio-spaziale Corte Ospitale Rubiera 25 maggio 2007 Fiorire del Secchia La costruzione di un Parco Aperto Obbiettivi: Salvaguardare l ambientale;

Dettagli

Andare a scuola da soli

Andare a scuola da soli Bollettino a cura del Progetto di Ricerca "La città dei bambini", Reparto di Psicopedagogia, Istituto Psicologia del CNR di Roma via U. Aldrovandi, 18-00197 Roma, Tel. 06 3221198, Fax 06 3217090, cittbamb@kant.irmkant.rm.cnr.it

Dettagli

Sono gocce, ma scavano il marmo

Sono gocce, ma scavano il marmo Sono gocce, ma scavano il marmo di Alberto Spampinato G occiola un liquido lurido e appiccicoso. Cade a gocce. A gocce piccole, a volte a goccioloni. Può cadere una sola goccia in due giorni. Possono caderne

Dettagli

ENTERPRISE EBG EUROPEAN BUSINESS GAME

ENTERPRISE EBG EUROPEAN BUSINESS GAME Associazione Provinciale di Ravenna ENTERPRISE EBG EUROPEAN BUSINESS GAME COME PENSARE ALLA PROPRIA IDEA D IMPRESA IN 5 STEP 1 STEP UNO RIFLESSIONI PER INDIVIDUARE LE BUSINESS IDEA ALCUNI MODI PER INDIVIDUARE

Dettagli

CHI L I HA. lo CHIAMAVANO EDIZIONE. Ciò che differenzi oggi, avrà una nuova vita domani INDAGINE SUL RECUPERO DEI RIFIUTI FREQUENTAVA VETRI ROTTI

CHI L I HA. lo CHIAMAVANO EDIZIONE. Ciò che differenzi oggi, avrà una nuova vita domani INDAGINE SUL RECUPERO DEI RIFIUTI FREQUENTAVA VETRI ROTTI 3 EDIZIONE dati 2012 CHI L I HA Ciò che differenzi oggi, avrà una nuova vita domani INDAGINE SUL RECUPERO DEI RIFIUTI NASCONDE UN IDENTITÀ PLASTICA FREQUENTAVA VETRI ROTTI si spacciava per una lattina

Dettagli

AGENZIA TERRITORIALE DELL EMILIA-ROMAGNA

AGENZIA TERRITORIALE DELL EMILIA-ROMAGNA AGENZIA TERRITORIALE DELL EMILIA-ROMAGNA PER I SERVIZI IDRICI E RIFIUTI CAMB/2014/60 del 12 novembre 2014 CONSIGLIO D AMBITO Oggetto: Servizio Idrico Integrato - Approvazione della revisione tariffaria

Dettagli

RIDUZIONE CONTRIBUTO ORDINARIO A SEGUITO DEL PRESUNTO MAGGIOR GETTITO ICI FABBRICATI EX-RURALI, CAT. E, B

RIDUZIONE CONTRIBUTO ORDINARIO A SEGUITO DEL PRESUNTO MAGGIOR GETTITO ICI FABBRICATI EX-RURALI, CAT. E, B RIDUZIONE CONTRIBUTO ORDINARIO A SEGUITO DEL PRESUNTO MAGGIOR GETTITO ICI FABBRICATI EX-RURALI, CAT. E, B L articolo 2 commi da 39 a 46 del D.L. 262/2006 conv. L. 286/2006 aveva previsto per gli enti locali

Dettagli

IL PIANO CASA PER LA TRANSIZIONE E L AVVIO DELLA RICOSTRUZIONE GUIDA PER IL CITTADINO

IL PIANO CASA PER LA TRANSIZIONE E L AVVIO DELLA RICOSTRUZIONE GUIDA PER IL CITTADINO dopo il TERREMOTO IL PIANO CASA PER LA TRANSIZIONE E L AVVIO DELLA RICOSTRUZIONE GUIDA PER IL CITTADINO Assicurare la ricostruzione di case e imprese secondo tempi certi e procedure snelle, garantendo

Dettagli

Una città per giocare: linee guida per il convegno internazionale.

Una città per giocare: linee guida per il convegno internazionale. Istituto di Scienze e Tecnologie della Cognizione - CNR progetto internazionale "La città dei bambini" Una città per giocare: linee guida per il convegno internazionale. Non mi mancava la memoria o l intelligenza,

Dettagli

Roma 2020: valori e opinioni I valori economici dei Giochi Olimpici e Paralimpici di Roma 2020

Roma 2020: valori e opinioni I valori economici dei Giochi Olimpici e Paralimpici di Roma 2020 Roma 2020: valori e opinioni I valori economici dei Giochi Olimpici e Paralimpici di Roma 2020 Roma 2020: valori e opinioni I valori economici dei Giochi Olimpici e Paralimpici di Roma 2020 La spesa complessiva

Dettagli

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione.

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. MICHELE EMILIANO Sindaco del Comune di Bari 12 maggio 2006 Innanzitutto benvenuti a tutti i nostri

Dettagli

OGGETTO: Piano coordinato di interventi per la sicurezza urbana e il decoro

OGGETTO: Piano coordinato di interventi per la sicurezza urbana e il decoro A Sua Eccellenza il Signor Prefetto di Roma OGGETTO: Piano coordinato di interventi per la sicurezza urbana e il decoro Signor Prefetto, come abbiamo concordato nei nostri precedenti incontri, Le scrivo

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA

SENATO DELLA REPUBBLICA 10^ COMMISSIONE INDUSTRIA SENATO DELLA REPUBBLICA AUDIZIONE MARTEDI 8 MAGGIO 2012 ORE 14,30 I CONTRATTI D AREA ED I PATTI TERRITORIALI UN ESPERIENZA DI VALORE PER LO SVILUPPO DEL TERRITORIO Via degli Uffici

Dettagli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli Siamo abituati a pensare al Natale come una festa statica, di pace, tranquillità, davanti

Dettagli

Siamo una Fondazione di partecipazione dal settembre 2010. Soci Fondatori. - Azienda di Servizi Ambientali Quadrifoglio S.p.A.

Siamo una Fondazione di partecipazione dal settembre 2010. Soci Fondatori. - Azienda di Servizi Ambientali Quadrifoglio S.p.A. 01 Siamo una Fondazione di partecipazione dal settembre 2010 Soci Fondatori - Azienda di Servizi Ambientali Quadrifoglio S.p.A. - Associazione Partners di Palazzo Strozzi Promossa da 02 MISSION Volontariato

Dettagli

non posso permettermi la casa che vorrei... se solo quell appartamento costasse un pò meno..

non posso permettermi la casa che vorrei... se solo quell appartamento costasse un pò meno.. Comune di Modena ASSESSORATO ALLE POLITICHE SOCIALI SANITARIE E ABITATIVE non posso permettermi la casa che vorrei... se solo quell appartamento costasse un pò meno.. Cerchi casa e stai vivendo un momento

Dettagli

PRIT: contesto e strategie

PRIT: contesto e strategie PRIT: contesto e strategie A cura di Paolo Ferrecchi Bologna, 23 novembre 2007 Cabina di regia per il coordinamento delle politiche di programmazione e per il PTR: incontro tematico su Mobilità e Infrastrutture

Dettagli

DIALOGHI SUL COMPORRE

DIALOGHI SUL COMPORRE TORRI DELL ACQUA 2 workshop di composizione assistita da computer. Seminari, lezioni e concerti dal 28 al 30 dicembre presso le Torri dell'acqua di Budrio Il fondamentale ruolo interpretato dalle Torri

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi La Regione Puglia nel percorso del POAT DAGL Laboratori e sperimentazioni per il miglioramento della qualità della

Dettagli

REGOLAMENTO PER L USO DELLE PALESTRE COMUNALI

REGOLAMENTO PER L USO DELLE PALESTRE COMUNALI REGOLAMENTO PER L USO DELLE PALESTRE COMUNALI Art. 1 Oggetto. Il Comune di Varedo, nell ottica di garantire una sempre maggiore attenzione alle politiche sportive e ricordando i principi ispiratori del

Dettagli

Meno carte più sicurezza. Procedure semplificate per la prevenzione incendi C O R P O N A Z I O N A L E

Meno carte più sicurezza. Procedure semplificate per la prevenzione incendi C O R P O N A Z I O N A L E FUOCO DEL VIGILI Meno carte più sicurezza Procedure semplificate per la prevenzione incendi C O R P O N A Z I O N A L E Premessa La semplificazione per le procedure di prevenzione incendi entra in vigore

Dettagli

Maggio 2013. A cura di

Maggio 2013. A cura di DOSSIER SUI COMUNI DELL EMILIA ROMAGNA COLPITI DAL SISMA Maggio 2013 A cura di INDICE Premessa: il quadro attuale ad un anno dal terremoto 3 1. I Comuni colpiti dal sisma: alcuni dati 5 2. Analisi comparata

Dettagli

La Carta di Montecatini

La Carta di Montecatini La Carta di Montecatini Le origini e le ragioni della Carta di Montecatini La Carta di Montecatini è il frutto del lavoro del secondo Campus che si è svolto nella città termale dal 27 al 29 ottobre 2005.

Dettagli

G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA

G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA AUDIMOB O SSERVATORIO SUI C OMPORTAMENTI DI M OBILITÀ DEGLI I TALIANI Maggio 2012 LE FERMATE AUDIMOB S U L L A M O B I L I T A n. 15

Dettagli

Valutazione Crediti e proposte Progetti. Area Turismo

Valutazione Crediti e proposte Progetti. Area Turismo Valutazione Crediti e proposte Progetti Area Turismo a cura di Bruno Turra Questo documento intende affrontare l analisi delle priorità di valutazione nell area turismo individuandone le principali componenti

Dettagli

La filosofia di Idecom è idee e comunicazione con contenuti, che sviluppa nei seguenti diversi ambiti di attività:

La filosofia di Idecom è idee e comunicazione con contenuti, che sviluppa nei seguenti diversi ambiti di attività: Idecom è una società nata dal gruppo Ladurner che da anni è specializzato nella progettazione, costruzione e gestione di impianti nel campo dell ecologia e dell ambiente, in particolare in impianti di

Dettagli

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni)

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni) ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Gli immobili in Italia - 2015 ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Nel presente capitolo è analizzata la distribuzione territoriale

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO

SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO Il disegno di legge 1212 Disposizioni sulle Città metropolitane, sulle Province, sulle unioni e fusioni di Comuni approvato dal Senato ha

Dettagli

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni.

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. 8 regioni settentrionali: il Piemonte (Torino), la Val d Aosta (Aosta),

Dettagli

Guida alla corretta applicazione della normativa sull abbattimento delle barriere architettoniche

Guida alla corretta applicazione della normativa sull abbattimento delle barriere architettoniche Comune di Parma Guida alla corretta applicazione della normativa sull abbattimento delle barriere architettoniche A vent anni dall entrata in vigore della più importante legge sull abbattimento delle barriere

Dettagli

VILLAGGI TURISTICI Comunicazione dell attrezzatura e dei prezzi per l anno 20

VILLAGGI TURISTICI Comunicazione dell attrezzatura e dei prezzi per l anno 20 MOD.COM/VIT COMUNE di VILLAGGI TURISTICI Comunicazione dell attrezzatura e dei prezzi per l anno 20 1 SEMESTRE (scrivere a macchina o in stampatello) 2 SEMESTRE 01 Denominazione del Villaggio Turistico

Dettagli

6. I RISULTATI RELATIVI AGLI ENTI LOCALI

6. I RISULTATI RELATIVI AGLI ENTI LOCALI dell Ambiente del 6. I RISULTATI RELATIVI AGLI ENTI LOCALI In questo capitolo esporremo i risultati che ci sembrano di maggior interesse tra quelli emersi dall elaborazione dei dati restituitici dagli

Dettagli

Cio che fa bene alle persone, fa bene agli affari. Leo Burnett pubblicitario statunitense

Cio che fa bene alle persone, fa bene agli affari. Leo Burnett pubblicitario statunitense Cio che fa bene alle persone, fa bene agli affari. Leo Burnett pubblicitario statunitense Chi siamo Siamo una delle più consolidate realtà di Internet Marketing in Italia: siamo sul mercato dal 1995, e

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. Il traino olimpico porta il Piemonte sopra al tetto dei 10 milioni di presenze

COMUNICATO STAMPA. Il traino olimpico porta il Piemonte sopra al tetto dei 10 milioni di presenze COMUNICATO STAMPA Torino, 23 maggio 2006 Il traino olimpico porta il Piemonte sopra al tetto dei 10 milioni di presenze Il turismo in Piemonte continua a crescere. Nel 2005 gli arrivi di turisti che hanno

Dettagli

Livello CILS A2. Test di ascolto

Livello CILS A2. Test di ascolto Livello CILS A2 GIUGNO 2012 Test di ascolto numero delle prove 2 Ascolto Prova n. 1 Ascolta i testi. Poi completa le frasi. Scegli una delle tre proposte di completamento. Alla fine del test di ascolto,

Dettagli

PICCOLI TRATTENIMENTI MUSICALI O DIFFUSIONE SONORA NEI DEHORS E NELLE AREE DI PERTINENZA PRIVATE ANNESSE AI LOCALI DI SOMMINISTRAZIONE AL PUBBLICO

PICCOLI TRATTENIMENTI MUSICALI O DIFFUSIONE SONORA NEI DEHORS E NELLE AREE DI PERTINENZA PRIVATE ANNESSE AI LOCALI DI SOMMINISTRAZIONE AL PUBBLICO Dipartimento Economia e Promozione della Città Settore Attività Produttive e Commercio U.O. Somministrazione, manifestazioni, artigianato e ricettive 40129 Bologna Piazza Liber Paradisus, 10, Torre A -

Dettagli

Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione

Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione Gruppo di Lavoro ITACA Regioni/Presidenza del Consiglio dei Ministri Aggiornamento 14 novembre 2011 Dipartimento

Dettagli

Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015

Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015 IL PRESIDENTE IN QUALITA DI COMMISSARIO DELEGATO AI SENSI DELL ART. 1 COMMA 2 DEL D.L.N. 74/2012 CONVERTITO CON MODIFICAZIONI DALLA LEGGE N. 122/2012 Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015 Modalità attuative

Dettagli

Scopriamo insieme il

Scopriamo insieme il Scopriamo insieme il SettemariClub Sol Falcó Durante la visita tecnica della struttura, porta con te questo Mini Book inspection, potrà esserti utile. In molti casi, le notizie contenute nel Mini Book

Dettagli

NOTE DI SINTESI AI DATI STATISTICI DEL MOVIMENTO TURISTICO REGISTRATO IN PROVINCIA DI BRESCIA NELL ANNO 2010 CON IL CONFRONTO 2009

NOTE DI SINTESI AI DATI STATISTICI DEL MOVIMENTO TURISTICO REGISTRATO IN PROVINCIA DI BRESCIA NELL ANNO 2010 CON IL CONFRONTO 2009 NOTE DI SINTESI AI DATI STATISTICI DEL MOVIMENTO TURISTICO REGISTRATO IN PROVINCIA DI BRESCIA NELL ANNO 2010 CON IL CONFRONTO 2009 Arrivi 2.016.536 Presenze 8.464.905 PROVINCIA IN COMPLESSO Arrivi: superata

Dettagli

RASSEGNA STAMPA La Regione che vogliamo Toscana 29 Aprile 2015

RASSEGNA STAMPA La Regione che vogliamo Toscana 29 Aprile 2015 RASSEGNA STAMPA La Regione che vogliamo Toscana 29 Aprile 2015 COMUNICATO STAMPA La Regione che vogliamo: la CIDA organizza il confronto con i candidati alla Presidenza della regione Toscana 29 Aprile

Dettagli

g) prescrivere orari e riservare spazi per i veicoli utilizzati per il carico e lo scarico di cose;

g) prescrivere orari e riservare spazi per i veicoli utilizzati per il carico e lo scarico di cose; articolo 7: Regolamentazione della circolazione nei centri abitati 1. Nei centri abitati i comuni possono, con ordinanza del sindaco: a) adottare i provvedimenti indicati nell'art. 6, commi 1, 2 e 4; b)

Dettagli

L INCENTIVO PER LE ASSUNZIONI DEI GIOVANI DI ETA COMPRESA TRA I 18 ED I 29 ANNI

L INCENTIVO PER LE ASSUNZIONI DEI GIOVANI DI ETA COMPRESA TRA I 18 ED I 29 ANNI L INCENTIVO PER LE ASSUNZIONI DEI GIOVANI DI ETA COMPRESA TRA I 18 ED I 29 ANNI (pubblicato sul n. 51 della rivista: "The world of il Consulente") (Le considerazioni che seguono sono frutto esclusivo del

Dettagli

Ufficio studi IL LAVORO NEL TURISMO

Ufficio studi IL LAVORO NEL TURISMO Ufficio studi I dati più recenti indicano in oltre 1,4 milioni il numero degli occupati nelle imprese del turismo. Il 68% sono dipendenti. Per conto dell EBNT (Ente Bilaterale Nazionale del Turismo) Fipe,

Dettagli

LA TUA VISITA A Expo Milano 2015: ISTRUZIONI PER L USO

LA TUA VISITA A Expo Milano 2015: ISTRUZIONI PER L USO LA TUA VISITA A Expo Milano 2015: ISTRUZIONI PER L USO I BIGLIETTI SCUOLA I biglietti scuola, nella modalità biglietto singolo, hanno un costo di 10 per ogni studente e sono riservati ai gruppi scolastici

Dettagli

Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali

Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali Newsletter n.1 / presentazione ravenna 2013 / in distribuzione febbraio 2013 Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali Info: Web: www.ravenna2013.it Mail: ravenna2013@labelab.it / Telefono: 366.3805000

Dettagli

LOTTA A CONTRAFFAZIONE

LOTTA A CONTRAFFAZIONE LOTTA A CONTRAFFAZIONE ED ABUSIVISMO COMPRI FALSO? MA LO SAI CHE VADEMECUM2012 FEDERAZIONEMODAITALIA Via Durini, 14 20122 Milano www.federazionemodaitalia.it COMPRI FALSO? MA LO SAI CHE 1. Chi produce

Dettagli

Foglio1. PROVVEDIMENTI AMMINISTRATIVI Art. 23, comma 1, lettera a) del D.Lgs. 14 Marzo 2013, n. 33 (Ufficio Tributi)

Foglio1. PROVVEDIMENTI AMMINISTRATIVI Art. 23, comma 1, lettera a) del D.Lgs. 14 Marzo 2013, n. 33 (Ufficio Tributi) PROVVEDIMENTI AMMINISTRATIVI Art. 23, comma 1, lettera a) del D.Lgs. 14 Marzo 2013, n. 33 (Ufficio Tributi) Autorizzazione/Atto Contenuto Destinatario Documentazione ANNA MARCHI MAZZINI Autorizzazione

Dettagli

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7.

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 2 Dov è Piero Ferrari e perché non arriva E P I S O D I O 25 Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 1 Leggi più volte il testo e segna le risposte corrette. 1. Piero abita in un appartamento

Dettagli

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11 SEZIONE I 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11 LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI LEGGE REGIONALE 3 aprile 2006, n. 12 Norme in materia di polizia comunale. IL CONSIGLIO REGIONALE

Dettagli

SOMMINISTRAZIONE DI ALIMENTI E BEVANDE IN PUBBLICI ESERCIZI E CIRCOLI PRIVATI

SOMMINISTRAZIONE DI ALIMENTI E BEVANDE IN PUBBLICI ESERCIZI E CIRCOLI PRIVATI CITTÀ DI BARLETTA COMANDO POLIZIA MUNICIPALE SOMMINISTRAZIONE DI ALIMENTI E BEVANDE IN PUBBLICI ESERCIZI E CIRCOLI PRIVATI Descrizione : L apertura e il trasferimento di sede degli esercizi di somministrazione

Dettagli

A ROMA DA PAPA FRANCESCO. Roma 31 Ottobre 2015

A ROMA DA PAPA FRANCESCO. Roma 31 Ottobre 2015 A ROMA DA PAPA FRANCESCO Roma 31 Ottobre 2015 Il Programma definitivo della giornata sarà disponibile sul sito www.ucid.it A ROMA DA PAPA FRANCESCO - Roma, 31 Ottobre 2015 PROPOSTE DI ACCOGLIENZA OPZ.

Dettagli

Hotel Parco dei Principi Lungomare Zara - Giulianova (TE) - Tel. 085 8008935 - Fax 085 8008773 www.giulianovaparcodeiprincipi.it -

Hotel Parco dei Principi Lungomare Zara - Giulianova (TE) - Tel. 085 8008935 - Fax 085 8008773 www.giulianovaparcodeiprincipi.it - Hotel Parco dei Principi Lungomare Zara - Giulianova (TE) - Tel. 085 8008935 - Fax 085 8008773 www.giulianovaparcodeiprincipi.it - info@giulianovaparcodeiprincipi.it La Vostra Vacanza Benvenuti La Famiglia

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO ALL AREA PEDONALE DEL COMUNE DI COURMAYEUR

REGOLAMENTO PER L ACCESSO ALL AREA PEDONALE DEL COMUNE DI COURMAYEUR REGOLAMENTO PER L ACCESSO ALL AREA PEDONALE DEL COMUNE DI COURMAYEUR Indice degli articoli Art. 1 Definizioni...2 Art. 2 Oggetto ed ambito di applicazione...2 Art. 3 Deroghe al divieto di circolazione

Dettagli

Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi. Tra

Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi. Tra Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi Tra Il Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, con sede in Via Cristoforo Colombo, 44, 00187

Dettagli

PENSA CHE MENSA SCOLASTICA!

PENSA CHE MENSA SCOLASTICA! PENSA CHE MENSA SCOLASTICA! Buona, pulita e giusta Linee guida per una mensa scolastica di qualità 1 A cura di: Valeria Cometti, Annalisa D Onorio, Livia Ferrara, Paolo Gramigni In collaborazione con:

Dettagli

Piano Spostamenti casa-lavoro 2007

Piano Spostamenti casa-lavoro 2007 Mobility Management Piano Spostamenti casa-lavoro 2007 Hera Imola-Faenza, sede di via Casalegno 1, Imola La normativa vigente: D.M. 27/03/1998, decreto Ronchi Mobilità sostenibile nelle aree urbane Le

Dettagli

EMILIA ROMAGNA. Natura giuridica. Contatti Via Piero Maroncelli, 40 47014 Meldola, Forlì Cesena. Terapie avanzate nell ambito dell oncologia medica

EMILIA ROMAGNA. Natura giuridica. Contatti Via Piero Maroncelli, 40 47014 Meldola, Forlì Cesena. Terapie avanzate nell ambito dell oncologia medica Altri Istituti di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico IRCCS (area di ricerca oncologica) presenti sul territorio nazionale, suddivisi per area geografica Gli Istituti di Ricovero e Cura a Carattere

Dettagli

Strutture sanitarie e Socio-assistenziali Autorizzazione e vigilanza

Strutture sanitarie e Socio-assistenziali Autorizzazione e vigilanza Dipartimento di Sanità Pubblica S a l u t e è S a p e r e Azioni di Prevenzione n. 2 28 Strutture sanitarie e Socio-assistenziali Indice Presentazione Strutture Sanitarie Introduzione Contesto Risultati

Dettagli

Censimento Programma di intervento per l abbattimento delle barriere architettoniche e urbanistiche

Censimento Programma di intervento per l abbattimento delle barriere architettoniche e urbanistiche Censimento Programma di intervento per l abbattimento delle barriere architettoniche e urbanistiche Schede rilievo SCHEDA RILIEVO BARRIERE ARCHITETTONICHE SPAZI - strade Vinci Toiano CENTRO ABITATO Sant

Dettagli

I TURISTI NO FRILLS /LOW FARE. Caratteristiche e comportamento di spesa

I TURISTI NO FRILLS /LOW FARE. Caratteristiche e comportamento di spesa L ITALIA E IL TURISMO INTERNAZIONALE NEL Risultati e tendenze per incoming e outgoing Venezia, 11 aprile 2006 I TURISTI NO FRILLS /LOW FARE Caratteristiche e comportamento di spesa Valeria Minghetti CISET

Dettagli

STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole-

STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole- STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole- A cura del dipartimento mercato del lavoro Formazione Ricerca della Camera del Lavoro Metropolitana di Milano

Dettagli

Spiegami e dimenticherò, mostrami e

Spiegami e dimenticherò, mostrami e PROGETTO Siracusa e Noto anche in lingua dei segni Spiegami e dimenticherò, mostrami e ricorderò, coinvolgimi e comprenderò. (Proverbio cinese) Relatrice: Prof.ssa Bernadette LO BIANCO Project Manager

Dettagli

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Per la quarta annualità ho ricoperto il ruolo di Responsabile del Piano dell'offerta Formativa e dell Autovalutazione di

Dettagli

risparmio, dove lo metto ora? le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi

risparmio, dove lo metto ora? le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi il risparmio, dove lo ora? metto le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi Vademecum del risparmiatore le principali domande emerse da una recente ricerca di mercato 1

Dettagli

AVVISO 2/14 1 Scadenza COMMERCIO TURISMO - SERVIZI PIANI FINANZIABILI, MA NON FINANZIATI PER MANCANZA DI RISORSE SETTORIALI/TERRITORIALI

AVVISO 2/14 1 Scadenza COMMERCIO TURISMO - SERVIZI PIANI FINANZIABILI, MA NON FINANZIATI PER MANCANZA DI RISORSE SETTORIALI/TERRITORIALI PIEMONTE - VALLE D'AOSTA LIGURIA UNIONE COMMERCIO E TURISMO PROVINCIA DI 1 PF1335_PR418_av214_1 SAVONA ASSOCIAZIONE COMMERCIANTI DELLA 2 PF1085_PR313_av214_1 PROVINCIA DI ALESSANDRIA ASCOM-BRA ASSOCIAZIONE

Dettagli

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali Calo degli esercizi commerciali in sede fissa. Nell ultimo decennio l intero comparto della distribuzione commerciale ha

Dettagli

LA STORIA DI UN VIAGGIO ACCIDENTATO PER LE SCELTE DELLA POLITICA.

LA STORIA DI UN VIAGGIO ACCIDENTATO PER LE SCELTE DELLA POLITICA. DOV'ERA LA CGIL? Al quesito post ideologico che as silla il presidente del consiglio dei ministri, Matteo Renzi, tentiamo di dare una risposta per i fatti e non per l'ideologia. Era il 2009 e la CGIL scriveva

Dettagli

ACCORDI EXPO PER IL LAVORO

ACCORDI EXPO PER IL LAVORO ACCORDI EXPO PER IL LAVORO Milano, 27 aprile 2015 Il 26 marzo scorso tra Unione Confcommercio Milano e le organizzazioni sindacali di categoria Filcams-CGIL, Fisascat-CISL e Uiltucs-UIL di Milano e di

Dettagli

Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione

Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione Anno Scolastico 2015/2016 (maggio 2015) I dati presenti in

Dettagli

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 La sicurezza nelle stazioni. L impegno di RFI nel consolidamento della rete territoriale. Roma 27 giugno 2006 Disagio sociale 1. L altro ed il diverso 2. Aree di disagio sociale

Dettagli

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE)

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) 71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) di TIZIANA LANG * Finalmente è partita: dal 1 maggio i giovani italiani possono iscriversi on line al programma della Garanzia

Dettagli

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE PROPONENTE Settore Cultura Musei e City Branding DIRETTORE QUAGLIA dott.ssa MAURIZIA Numero di registro Data dell'atto 849 10/06/2015 Oggetto : "Acquedotte" - Festival Musicale

Dettagli

ORGANO UFFICIALE DELLA FEDERAZIONE ITALIANA DELLE ASSOCIAZIONI SINDACALI NOTARILI. Consigli

ORGANO UFFICIALE DELLA FEDERAZIONE ITALIANA DELLE ASSOCIAZIONI SINDACALI NOTARILI. Consigli ORGANO UFFICIALE DELLA FEDERAZIONE ITALIANA DELLE ASSOCIAZIONI SINDACALI NOTARILI In collaborazione con Assessorato Aree Cittadine e Consigli di Zona Consigli Quanto costa comprar casa CASA: LE TASSE DA

Dettagli

lanzo torinese Gran Fondo Internazionale del Punt del Diau - 25 km (D+ 1450) 4 ottobre 2014 prova A PRENDERmi gara femminile - 1 a EDIZIONE

lanzo torinese Gran Fondo Internazionale del Punt del Diau - 25 km (D+ 1450) 4 ottobre 2014 prova A PRENDERmi gara femminile - 1 a EDIZIONE lanzo torinese Gran Fondo Internazionale del Punt del Diau - 25 km (D+ 1450) 4 ottobre 2014 prova A PRENDERmi gara femminile - 1 a EDIZIONE l originale www.casadelcammino.it for SI RINGRAZIANO IN MODO

Dettagli

AVVISO VOLONTARI AGRONOMI E FORESTALI WAA FOR EXPO

AVVISO VOLONTARI AGRONOMI E FORESTALI WAA FOR EXPO AVVISO VOLONTARI AGRONOMI E FORESTALI WAA FOR EXPO AL VIA LA CAMPAGNA AGRONOMI E FORESTALI WAA FOR EXPO 1. ESSERE UN AGRONOMO E FORESTALE WAA for EXPO2015 Il grande appuntamento dell EXPO MILANO 2015 dal

Dettagli

DELLA REGIONE DELL UMBRIA

DELLA REGIONE DELL UMBRIA Supplemento ordinario n. 1 al «Bollettino Ufficiale» - serie generale - n. 59 del 27 dicembre 2006 Spedizione in abbonamento postale Art. 2, comma 20/c, legge 662/96 - Fil. di Potenza REPUBBLICA ITALIANA

Dettagli

una città a misura di bambino IGNAZIO MARINO SINDACO IGNAZIOMARINO.IT

una città a misura di bambino IGNAZIO MARINO SINDACO IGNAZIOMARINO.IT una città a misura di bambino IGNAZIO MARINO SINDACO IGNAZIOMARINO.IT SEGUI LE STORIE DI IGNAZIO E DEL SUO ZAINO MAGICO Ciao mi chiamo Ignazio Marino, faccio il medico e voglio fare il sindaco di Roma.

Dettagli

Beni pubblici e analisi costi benefici

Beni pubblici e analisi costi benefici Beni pubblici e analisi costi benefici Arch. Laura Gabrielli Valutazione economica del progetto a.a. 2005/06 Economia pubblica L Economia pubblica è quella branca della scienza economica che spiega come

Dettagli

16 Tronchetti - esercizi per busto. 17 Sbarre per potenziamento. 21 Tronchetti per tonificazione

16 Tronchetti - esercizi per busto. 17 Sbarre per potenziamento. 21 Tronchetti per tonificazione Riscaldamento Anello Anello Anello 1 2 3 1 25 2 24 23 22 3 4 21 20 5 6 7 18 8 9 10 15 11 12 13 14 19 17 16 Defaticamento 1 2 3 4 Piattaforme per stiramento arti inferiori Twister per tonificazione busto

Dettagli

Osservatorio Nazionale sulle Manifestazioni Sportive

Osservatorio Nazionale sulle Manifestazioni Sportive Dipartimento della Pubblica Sicurezza Stagione sportiva 2011/2012 Osservatorio Nazionale sulle Manifestazioni Sportive Determinazione n. 26/2012 del 30 maggio 2012 L Osservatorio Nazionale sulle Manifestazioni

Dettagli

INDICAZIONI PER L ATTIVITÀ DEI GRUPPI DI ACQUISTO SOLIDALI

INDICAZIONI PER L ATTIVITÀ DEI GRUPPI DI ACQUISTO SOLIDALI Rete Nazionale Gruppi di Acquisto Solidali www.retegas.org INDICAZIONI PER L ATTIVITÀ DEI GRUPPI DI ACQUISTO SOLIDALI Febbraio 2007 INTRODUZIONE I Gruppi di Acquisto Solidali (GAS) sono gruppi di persone

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO G. Mazzini Erice - Trentapiedi

ISTITUTO COMPRENSIVO G. Mazzini Erice - Trentapiedi ISTITUTO COMPRENSIVO G. Mazzini Erice - Trentapiedi come Anno scolastico 2012-2013 Classe 2 a D 1 Istituto Comprensivo G. Mazzini Erice Trentapiedi Dirigente Scolastico: Filippo De Vincenzi Ideato e realizzato

Dettagli

Tre Ires e tre progetti comuni

Tre Ires e tre progetti comuni IRESQUARE N.7 Tre Ires e tre progetti comuni Elaborazione: indagine tra i lavori cognitivi in Italia I distretti industriali e lo sviluppo locale I Servizi Pubblici Locali in -Romagna, Toscana e Veneto

Dettagli

COMUNE DI NORMA. Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee. (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007)

COMUNE DI NORMA. Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee. (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007) COMUNE DI NORMA Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007) Articolo 1 SCOPI DEL REGOLAMENTO 1. L Amministrazione Comunale, in

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE BRATTI, BRAGA, TINO IANNUZZI, MARIANI

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE BRATTI, BRAGA, TINO IANNUZZI, MARIANI Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 111 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI BRATTI, BRAGA, TINO IANNUZZI, MARIANI Modifiche al codice della strada, di cui al decreto

Dettagli

IMU - che cos'è. Se possiedi questi immobili, hai tempo fino al 16 giugno 2014 per pagare l acconto. Cos è l IMU Imposta municipale propria

IMU - che cos'è. Se possiedi questi immobili, hai tempo fino al 16 giugno 2014 per pagare l acconto. Cos è l IMU Imposta municipale propria IMU - che cos'è L IMU si continua a pagare sulle case di lusso (categorie A/1, A/8 e A/9), sulle seconde case e su tutti gli altri immobili (ad esempio laboratori, negozi, capannoni, box non di pertinenza

Dettagli

dall introduzione dell Assessore Luppi

dall introduzione dell Assessore Luppi Presenti: Giulia Luppi Assessore alla scuola Alessandra Caprari pedagogista Maurizia Cocconi insegnante Scuola Primaria De Amicis Giuliana Bizzarri insegnante Scuola d infanzia A.D Este Tondelli Rita insegnante

Dettagli

Domanda di congedo straordinario per assistere il coniuge disabile in situazione di gravità

Domanda di congedo straordinario per assistere il coniuge disabile in situazione di gravità Hand 6 - COD.SR64 coniuge disabile in situazione di gravità (art. 42 comma 5 T.U. sulla maternità e paternità - decreto legislativo n. 151/2001, come modificato dalla legge n. 350/2003) Per ottenere i

Dettagli

*è stato invitato a partecipare; da confermare

*è stato invitato a partecipare; da confermare 1 *è stato invitato a partecipare; da confermare 8.30 Registrazione Partecipanti GIOVEDÌ 30 OTTOBRE - Mattina SESSIONE PLENARIA DI APERTURA (9.30-11.00) RILANCIARE IL MERCATO DELLA PA: STRATEGIE ED AZIONI

Dettagli

CLASSIFICAZIONE DEI SERVIZI PUBBLICI

CLASSIFICAZIONE DEI SERVIZI PUBBLICI CLASSIFICAZIONE DEI SERVIZI PUBBLICI Il presente documento contiene la classificazione dei servizi pubblici adottata per l iniziativa Mettiamoci la faccia. Si tratta di una classificazione e non di una

Dettagli