CONSIGNMENT STOCK AGREEMENT

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CONSIGNMENT STOCK AGREEMENT"

Transcript

1 Periodico quindicinale FE n agosto 2012 ABSTRACT CONSIGNMENT STOCK AGREEMENT Il consignment stock agreement è una forma contrattuale di origine anglosassone che si è andata sempre più sviluppando nel commercio internazionale. Essa, infatti, garantisce notevoli vantaggi finanziari e operativi per l acquirente tutelando, al contempo, i diritti reali del fornitore sulla merce ceduta sino all effettivo trasferimento della proprietà. LO SCHEMA CONTRATTUALE Il consignment stock è un contratto atipico, non espressamente tipizzato dall ordinamento giuridico italiano, le cui caratteristiche, tuttavia, lo rendono assimilabile al contratto estimatorio disciplinato dagli artt. da 1556 a 1558, C.C. Lo schema negoziale prevede l invio di beni presso un deposito dell acquirente o di un soggetto terzo, in cui l acquirente abbia accesso esclusivo, senza l immediato trasferimento del diritto di proprietà sui beni stessi. L acquirente può quindi prelevare i beni secondo le proprie esigenze commerciali o produttive, acquisendone la proprietà solo all atto del prelievo dal deposito, con il vantaggio di abbattere sensibilmente gli impegni finanziari per la costituzione del proprio magazzino. I beni nella disponibilità dell acquirente restano di proprietà del cedente (c.d. tradens ), il quale, tuttavia, non può disporne liberamente (ad esempio, per destinarli a un altro acquirente) sino alla loro eventuale restituzione. Il soggetto che riceve le merci (c.d. accipiens ) è tenuto a custodirle sotto la propria responsabilità e risponde degli eventuali danni cagionati, anche se per cause a lui non imputabili. Le merci non possono essere sottoposte a pignoramento o sequestro da eventuali creditori del ricevente. In ambito comunitario il termine consignment stock designa le operazioni con le quali il fornitore invia merce all estero presso un magazzino in attesa di un potenziale acquirente; le operazioni a effetti traslativi differiti sono invece denominate call off stock. È, quindi, opportuno tener conto di tale discrasia terminologica in sede di redazione del contratto. Si tratta, in buona sostanza, di un contratto a effetti reali differiti, caratterizzato dalla circostanza che il momento impositivo IVA è differito sino all effettivo passaggio della proprietà, che viene a determinarsi solo all atto dell estrazione dei beni dal deposito. Dal punto di vista fiscale, tuttavia, il passaggio di proprietà non può essere rimandato sine die e, pertanto, una volta trascorso un anno dalla consegna dei beni, l operazione si considera comunque effettuata. Se, ad esempio, la merce giunge presso il deposito dell accipiens in data , lo stesso può liberamente disporne sino al , termine entro il quale l acquisto si considera comunque perfezionato ai fini IVA. RIPRODUZIONE VIETATA PAG. 1 di 8

2 CONSIGNMENT STOCK IN AMBITO COMUNITARIO La disciplina degli acquisti intracomunitari di beni in esecuzione di contratti di consignment stock è contenuta nell art. 39, c. 1, DL 331/1993. La norma prevede che gli effetti traslativi o costitutivi della proprietà dei beni si considerano effettuati all atto della loro rivendita o prelievo oppure, se i beni non sono restituiti anteriormente, alla scadenza del termine pattuito dalle parti e, in ogni caso, dopo un anno dal ricevimento. I principali chiarimenti circa l applicazione della disciplina agli acquisti intracomunitari in conto consignment stock sono contenuti nella RM n. 44/E/2000. Per quanto riguarda la disciplina IVA applicabile alle cessioni intracomunitarie in partenza dall Italia, con RM n. 235/E/1996 l Agenzia delle Entrate ha precisato che occorre far riferimento all art. 6, c. 2, lett. d), DPR 633/1972. Tale disposizione, pur avendo rilevanza domestica, trova applicazione in relazione al trasferimento dei beni in ambito comunitario, in virtù del generale rinvio operato dall art. 56, c. 1, DL 331/1993, per cui, anche in questa ipotesi, vale la presunzione legale di carattere antielusivo, in base alla quale il bene si considera comunque ceduto allo scadere di un anno dalla consegna o spedizione. Esaminiamo di seguito gli adempimenti IVA cui sono tenute le imprese italiane in relazione alle diverse ipotesi di destinazione dei beni in ambito comunitario. SPEDIZIONE DEI BENI IN AMBITO COMUNITARIO CON DESTINAZIONE ITALIA All atto del ricevimento dei beni, l impresa italiana è tenuta ad annotarne l avvenuta consegna nel registro di cui all art. 50, c. 5, DL 331/1993. Nel registro vanno indicate le informazioni relative a: 1) natura, qualità e quantità dei beni ricevuti; 2) causale del trasferimento (contratto di consignment stock); 3) dati identificativi del mittente. Il registro non è soggetto all imposta di bollo, resta invece fermo l obbligo di numerazione progressiva delle pagine. Esso va tenuto secondo le norme di un ordinata contabilità, senza spazi in bianco, interlinee e trasporti in margine. Se è necessaria qualche cancellazione, questa deve eseguirsi in modo che le parole cancellate siano leggibili. Il registro va conservato fino a quando non siano definiti gli accertamenti relativi al corrispondente periodo d imposta (dunque, anche oltre il termine di 10 anni previsto dall art. 2220, C.C.). All atto del prelievo dei beni dal magazzino (momento in cui l acquisto si considera effettuato ai fini IVA), l impresa italiana deve comunicare al fornitore comunitario l avvenuto utilizzo dei beni, o di parte di essi. La fattura ricevuta in seguito va quindi numerata, integrata con IVA e annotata nel registro IVA vendite e nel registro IVA acquisti. L operazione va quindi riepilogata nel mod. INTRA 2-bis. Nel caso in cui la merce sia interamente restituita al fornitore entro i termini contrattualmente previsti e, comunque, prima del decorso del termine di un anno dalla sua consegna, l operazione non si considera effettuata e l impresa italiana è tenuta soltanto allo scarico dei beni dal registro ex art. 50, c. 5, DL 331/1993. RIPRODUZIONE VIETATA PAG. 2 di 8

3 Se la merce è restituita dopo il termine di un anno dalla consegna, l acquisto si considera comunque effettuato; in tale ipotesi è quindi necessario concordare con il fornitore l emissione di una nota di variazione a storno della fattura di vendita emessa (in tal caso sorge l obbligo di presentare il mod. INTRA 2-ter a rettifica del mod. INTRA 2-bis già presentato). Il termine ultimo di un anno dalla consegna non opera solo se la merce è immessa in un deposito IVA. L art. 50-bis, DL 331/1993, prevede, infatti, una particolare tipologia di deposito IVA per gli accordi di consignment stock nell ambito dei quali il destinatario finale dei beni (accipiens) si identifica con il depositario. Al ricorrere di questa ipotesi, l acquisto intracomunitario si considera effettuato soltanto nel momento in cui il destinatario/depositario estrae i beni dal deposito IVA. Non è quindi previsto alcun limite temporale: la merce può essere estratta dal deposito anche oltre il termine originariamente fissato dalle parti per la sua restituzione, senza che operi neppure il termine di un anno dalla consegna. Fino a quando la merce è mantenuta in regime di deposito IVA l acquisto intracomunitario non si considera perfezionato. Pertanto, se dopo avere comunicato il prelievo della merce al proprio fornitore, l impresa italiana la mantiene in regime di deposito IVA (ad esempio, per sottoporla a lavorazioni nell ambito del deposito), l acquisto intracomunitario viene comunque a determinarsi al momento della successiva estrazione. Secondo la Guida Shipping & Fisco realizzata dalla Direzione Regionale Liguria dell Agenzia delle Entrate, tale fattispecie è applicabile anche se il deposito IVA è gestito da un soggetto terzo, purché la merce sia presa in carico, oltre che dal depositario professionale sul proprio registro di carico e scarico, anche dal cliente tramite annotazione sul registro di cui all art. 50, c. 5, DL 331/1993. Art. 39, c. 1, DL 331/1993. Art. 50-bis, c. 2, DL 31/1993 Il momento impositivo si realizza all atto della rivendita dei beni o del loro prelievo da parte del ricevente oppure alla scadenza del termine pattuito dalle parti, in ogni caso dopo un anno dal ricevimento. Il momento impositivo si realizza all atto di estrazione dei beni dal deposito da parte del ricevente/depositario, che può avvenire anche oltre il limite temporale di un anno. SPEDIZIONE DEI BENI IN AMBITO COMUNITARIO CON PARTENZA DALL ITALIA La spedizione dei beni va annotata in un apposito registro, tenuto e conservato a norma dell art. 50, c. 5, DL 331/1993. Il registro non è soggetto all imposta di bollo, resta invece fermo l obbligo di numerazione progressiva delle pagine. Esso va tenuto secondo le norme di un ordinata contabilità, senza spazi in bianco, interlinee e trasporti in margine. Se è necessaria qualche cancellazione, questa deve eseguirsi in modo che le parole cancellate siano leggibili. Il registro va conservato fino a quando non siano definiti gli accertamenti relativi al corrispondente periodo d imposta (dunque, anche oltre il termine di 10 anni previsto dall art. 2220, C.C.). Nel registro vanno indicate le informazioni relative a: 1) natura, qualità e quantità dei beni inviati; RIPRODUZIONE VIETATA PAG. 3 di 8

4 2) causale del trasferimento (contratto di consignment stock); 3) dati identificativi del destinatario. Nel momento in cui il cliente comunitario comunica di avere prelevato la merce per utilizzarla, l impresa italiana è tenuta a emettere fattura non imponibile IVA ex art. 41, c. 1, lett. a), DL 331/1993. Ai sensi dell art. 1, c. 4, DM , per le cessioni di beni inerenti a contratti estimatori gli obblighi di fatturazione, registrazione e annotazione possono essere eseguiti entro il mese successivo a quello in cui è stata effettuata l operazione. Ad esempio, se la merce è prelevata dall accipiens il 20.9, il tradens può emettere fattura entro il Va inoltre presentato il mod. INTRA 1-bis con riferimento al periodo di emissione della fattura. Se per l emissione della fattura ci si avvale del maggior termine previsto dal DM , anche la presentazione del relativo mod. INTRASTAT è posticipata di un mese (l elenco va, infatti, presentato con riferimento al periodo di registrazione della fattura). Nel caso in cui la merce sia interamente restituita al fornitore entro i termini contrattualmente previsti e, comunque, prima del decorso di un anno dalla sua consegna, l operazione non si considera effettuata e l impresa italiana è tenuta soltanto ad annotare il rientro dei beni nel registro ex art. 50, c. 5, DL 331/1993. Se la merce è restituita dopo il termine di un anno dalla consegna, la cessione si considera comunque effettuata e, pertanto, occorre emettere una nota di variazione per stornare la fattura di vendita emessa e presentare il mod. INTRA 1-ter di rettifica. È comunque necessario verificare se lo Stato del destinatario prevede un termine inferiore all anno, entro il quale l operazione si considera perfezionata. In alternativa è possibile emettere un semplice documento di accredito, da registrare solo in contabilità generale. In questa ipotesi nel modello INTRA 1-ter non va compilata la parte fiscale ma soltanto quella statistica (se dovuta). Si ricorda infine che l operazione di cessione concorre alla formazione del plafond IVA con riferimento al mese di emissione della fattura. IDENTIFICAZIONE IVA NEL PAESE DI DESTINAZIONE DEI BENI Nel caso in cui la legislazione del Paese comunitario di destinazione dei beni imponga all impresa italiana l apertura di una posizione IVA in loco, lo schema di consignment stock sopra delineato non è applicabile. Nel momento della spedizione della merce, l impresa italiana è quindi tenuta a emettere una fattura ex art. 41, c. 2, lett. c), DL 331/1993, sulla propria posizione IVA accesa nel Paese di destinazione dei beni. Ai sensi dell art. 41, c. 2, lett. c), DL 331/1993, l invio di beni nel territorio di altro Stato membro, mediante trasporto o spedizione a cura del soggetto passivo nel territorio dello Stato, o da terzi per suo conto, di beni ivi esistenti è assimilato alle cessioni intracomunitarie non imponibili. L operazione, che tra l altro contribuisce alla formazione del plafond IVA, va dichiarata nel mod. INTRA 1-bis con riferimento al mese di spedizione dei beni (a sua volta, la posizione IVA aperta RIPRODUZIONE VIETATA PAG. 4 di 8

5 nello Stato estero dall impresa italiana è tenuta a presentare il mod. INTRA 2-bis). La successiva cessione dei beni al cliente comunitario risulta fuori campo IVA ex art. 7, DPR 633/1972 (all atto della cessione i beni si trovano al di fuori dal territorio dello Stato). L operazione è, infatti, soggetta alla normativa IVA domestica del Paese ove è effettuata la cessione. Il cedente italiano deve emettere un documento di addebito, senza applicazione dell IVA locale, che sarà assoggettato a imposta a cura del cessionario con emissione di autofattura. CONSIGNMENT STOCK IN AMBITO EXTRACOMUNITARIO Il contratto di consigment stock trova applicazione anche con riferimento alle operazioni poste in essere con operatori stabiliti in Paesi extracomunitari. SPEDIZIONE DEI BENI IN AMBITO EXTRACOMUNITARIO CON PARTENZA DALL ITALIA Con RM n. 58/E/2005, l Agenzia delle Entrate ha delineato la procedura da osservare per inviare i beni verso Paesi extracomunitari in dipendenza di un contratto di consignment stock. In particolare l Agenzia delle Entrate ha precisato che l invio all estero della merce costituisce esportazione solo ai fini doganali, ma non ai fini IVA (in quanto all atto della spedizione non si è ancora realizzata la cessione a titolo definitivo). L invio della merce all estero va quindi effettuata con una fattura proforma o con un documento equivalente, nel quale la merce è valorizzata in base al corrispettivo pattuito con il destinatario, in caso di esercizio dell opzione di acquisto. Nella fattura proforma o nel documento equivalente va indicato che l operazione è effettuata in dipendenza di un contratto di consignment stock ( consignment stock agreement ) e che la stessa non rientra nell ambito di applicazione dell art. 8, DPR 633/1972. All atto del prelievo dei beni da parte dell operatore extracomunitario, l impresa italiana emette fattura non imponibile ex art. 8, c. 1, lett. a), DPR 633/1972, da annotare nel registro IVA vendite (la fattura concorre alla formazione del plafond IVA). Con RM n. 58/E/2005 l Agenzia delle Entrate ha precisato che se la merce è custodita nello Stato extracomunitario di destinazione per conto dell esportatore italiano, invece che per conto del cliente destinatario, l operazione non concorre alla formazione del plafond IVA (all atto dell'esportazione delle merci non si verifica infatti alcuna cessione a titolo oneroso e la rivendita, effettuata al di fuori dal territorio dello Stato, non rileva agli effetti dell IVA). Ai sensi dell art. 1, c. 4, DM , è data facoltà al cedente di emettere la fattura entro il mese successivo a quello in cui è stata effettuata l operazione (il prelievo dei beni). È opportuno che il documento riporti l indicazione dell ordine di acquisto emesso dal cliente extracomunitario, il numero della bolletta doganale di uscita dei beni dal territorio italiano, gli estremi della fattura proforma o del documento equivalente sulla base del quale è avvenuta l esportazione doganale dei beni e il documento di prelievo dei beni emesso dall acquirente. Come precisato dalla RM n. 17/E/2009, anche in questo caso trova applicazione il disposto di cui all art. 6, c. 2, lett. d), DPR 633/1972: l operazione si considera quindi effettuata all atto del prelievo dei beni e, comunque, una volta trascorso un anno dalla consegna o spedizione dei beni. RIPRODUZIONE VIETATA PAG. 5 di 8

6 Per vincere la presunzione di cessione è sufficiente conservare la bolla doganale di esportazione della merce (completa dell annotazione che trattasi di invio in dipendenza di un contratto di consignment stock). Per evitare che la merce sia assoggettata a dazi e imposte al momento del suo eventuale ritorno nella Comunità a seguito di restituzione da parte del cliente, è possibile ricorrere alla reintroduzione in franchigia. Allo scopo è necessario che la reimportazione avvenga entro 3 anni dalla data di esportazione, che le merci siano reintrodotte nello stato in cui sono state esportate (senza aver subito modifiche, se non manipolazioni usuali) e che l impresa italiana non abbia usufruito del plafond maturato sulla precedente cessione relativa alla merce che si intende reintrodurre. SPEDIZIONE DEI BENI IN AMBITO EXTRACOMUNITARIO CON DESTINAZIONE ITALIA Quando la merce proviene da un Paese extracomunitario in dipendenza di un contratto di consignment stock, l impresa italiana acquirente deve procedere alla sua immissione in libera pratica, assoggettandola a imposta. Ai fini IVA, infatti, l operazione si considera effettuata in tale momento, nonostante la compravendita definitiva non sia ancora avvenuta. Sul punto la RM n. 346/E/2008 ha chiarito che l imposta assolta in dogana in sede di importazione di beni inerenti all attività d impresa esercitata, è immediatamente detraibile (dopo aver registrato la bolletta doganale nel registro IVA acquisti), a nulla rilevando la circostanza che in tale momento l importatore non sia ancora il proprietario della merce. Nel momento del prelievo dei beni dal conto deposito, l impresa italiana è tenuta a emettere un autofattura indicando il corrispettivo pagato e la relativa imposta, nonché gli estremi della bolletta doganale di importazione e quelli della sua registrazione nel registro IVA acquisti. L autofattura va poi annotata nel registro IVA vendite e nel registro IVA acquisti in un apposita colonna, al fine di documentare l acquisto ai soli fini delle imposte sul reddito (l imposta è già stata assolta in dogana). Tuttavia, se il prezzo corrisposto al momento dell acquisto definitivo è superiore a quello indicato in dogana, la differenza concorre alla liquidazione periodica IVA. In caso di eventuale restituzione della merce viene a configurarsi una cessione all esportazione ex art. 8, DPR 633/1972. LE TRIANGOLAZIONI NELL AMBITO DELL ACCORDO DI CONSIGNMENT STOCK Con due interventi di prassi l Agenzia delle Entrate ha precisato che il differimento del regime di non imponibilità IVA riconosciuto ai trasferimenti intracomunitari di beni in dipendenza di un contratto di consignment stock, non può trovare applicazione nell ipotesi di triangolazione comunitaria (e neppure extracomunitaria). In particolare, la RM n. 49/E/2008 ha chiarito che se il cessionario comunitario acquista i beni dal cedente italiano chiedendogli di effettuarne la consegna al proprio cliente residente in altro Paese membro (diverso da quello del cessionario stesso), la cessione posta in essere dal soggetto italiano non può beneficiare della sospensione d imposta discendente dal contratto di consignment stock che il cessionario comunitario ha stipulato con il proprio cliente (essa infatti interessa le sole operazioni che coinvolgono soggetti passivi stabiliti in due diversi Stati membri). RIPRODUZIONE VIETATA PAG. 6 di 8

7 Inoltre, neppure la cessione effettuata dall operatore italiano ha natura intracomunitaria in quanto, all atto del trasporto dei beni nel Paese membro di destinazione, non si verifica il contestuale trasferimento della proprietà sui beni stessi (che, si ricorda, si realizza solo all atto del prelievo dei beni). Il cedente italiano deve quindi identificarsi ai fini IVA nel Paese di destinazione al fine di acquisire i beni trasferiti dall'italia in regime di non imponibilità IVA ex art. 41, c. 2, lett. c), DL 331/1993; la successiva cessione nei confronti del cessionario comunitario, territorialmente rilevante nel Paese di destinazione dei beni, va assoggettata all imposta ivi applicata. La successiva RM n. 17/E/2009, concernente una triangolazione all esportazione verso la Repubblica di San Marino (ITA1 acquista merce da ITA2 incaricandolo di consegnare la merce al proprio cliente sammarinese con il quale ha in essere un accordo di consignment stock), ha negato l applicazione del regime di non imponibilità IVA alla cessione tra soggetti passivi italiani (ITA1 e ITA2), in quanto, a valle, il rapporto tra il promotore e il suo cliente sammarinese non è regolato da un contratto di cessione ma da un contratto estimatorio. All atto del trasporto dei beni a San Marino, infatti, non è ancora verificato l effetto traslativo della proprietà tra il promotore e il suo cliente sammarinese, sicché non ricorre l ipotesi di un operazione triangolare. BREAKING NEWS NUOVO MOMENTO DI EFFETTUAZIONE DELLE PRESTAZIONI DI SERVIZI GENERICI Come noto (si veda la FE n. 1/2012), la L. 217/2011, c.d. Comunitaria 2010, ha introdotto, con effetto dal , una deroga al criterio generale di individuazione del momento di effettuazione delle prestazioni di servizi che, di regola, coincide con il momento del pagamento o, se antecedente, con l emissione della fattura (limitatamente all importo pagato o fatturato). Il momento di effettuazione delle prestazioni di servizi generici (per le quali opera il criterio generale di territorialità in funzione del luogo di stabilimento del committente), intercorse tra soggetti passivi comunitari o extracomunitari, va ora individuato nel momento dell ultimazione della prestazione, salvo che non sia stato pagato anticipatamente il corrispettivo, in tutto o in parte, nel qual caso l operazione si considera effettuata al momento del pagamento. Fanno eccezione le prestazioni a carattere periodico o continuativo, per le quali opera il criterio della data di maturazione del corrispettivo, e le prestazioni di durata ultrannuale senza pagamenti parziali, che si considerano effettuate al di ciascun anno solare. Il nuovo criterio dell ultimazione del servizio pone il problema dell individuazione dell esatto momento in cui la prestazione si considera terminata; infatti, non sempre il prestatore informa il committente circa la conclusione dell operazione. Nel corso di un recente incontro organizzato dalla stampa specializzata, alcuni funzionari della Direzione Centrale Normativa dell Agenzia delle Entrate, hanno fornito un primo contributo interpretativo sulla questione. Il chiarimento, che non assumerà carattere ufficiale sino a quando non sarà tradotto in una vera e propria circolare, verte sull individuazione del momento di effettuazione delle prestazioni di servizi rese da soggetti passivi comunitari a committenti soggetti passivi italiani. RIPRODUZIONE VIETATA PAG. 7 di 8

8 Secondo i funzionari dell Agenzia delle Entrate il momento di ultimazione della prestazione va ricondotto alla ricezione della fattura del prestatore che, per il committente, rappresenta indice di avvenuta conclusione della prestazione. Pertanto, il momento rilevante ai fini IVA (momento dal quale decorrono gli adempimenti IVA di integrazione e registrazione della fattura) è da individuarsi nella data in cui il committente ha notizia dell ultimazione della prestazione per effetto del ricevimento della fattura. In attesa di chiarimenti ufficiali, è presumibile che tale interpretazione possa essere estesa alle prestazioni ricevute da operatori extracomunitari. I funzionari dell Agenzia delle Entrate hanno inoltre precisato che l obbligo di emettere autofattura, adempimento posto in capo al committente che non riceve la fattura entro il mese successivo a quello di ultimazione (o pagamento) della prestazione, va assolto solo se lo stesso ha conoscenza che la prestazione è stata effettuata o quando ha eseguito il pagamento. Ne deriva, pertanto, che l obbligo di emissione dell autofattura in caso di mancato ricevimento della fattura estera, ricorre soltanto se il committente ha certezza dell ultimazione del servizio e dell ammontare del corrispettivo dovuto. RIPRODUZIONE VIETATA PAG. 8 di 8

Consignment stock: profili doganali

Consignment stock: profili doganali Consignment stock: profili doganali 1. Inquadramento generale Il consignment stock è un contratto con il quale beni di proprietà del fornitore (in genere materie prime o semilavorati) vengono trasferiti

Dettagli

Roma, 05 agosto 2008 QUESITO

Roma, 05 agosto 2008 QUESITO RISOLUZIONE N. 346/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 05 agosto 2008 OGGETTO: Interpello ai sensi dell articolo 11 della legge 27 luglio 2000, n. 212 ALFA ITALIA S.p.A. Articolo 19 del

Dettagli

L internazionalizzazione delle imprese attraverso il consignment stock. Dott.ssa Noemi Graceffo noemi.graceffo@ssalex.com

L internazionalizzazione delle imprese attraverso il consignment stock. Dott.ssa Noemi Graceffo noemi.graceffo@ssalex.com L internazionalizzazione delle imprese attraverso il consignment stock. Dott.ssa Noemi Graceffo noemi.graceffo@ssalex.com Tra i contratti d impresa, il consignment stock agreement, o più semplicemente

Dettagli

COSTITUZIONE ED UTILIZZO DEL PLAFOND

COSTITUZIONE ED UTILIZZO DEL PLAFOND Circolare N. 51 Area: TAX & LAW Periodico plurisettimanale 10 luglio 2009 COSTITUZIONE ED UTILIZZO DEL PLAFOND Al sussistere di determinate condizioni, i soggetti che operano abitualmente con l estero

Dettagli

Fiscal News N. 45. Invio dei beni in deposito extra - UE. La circolare di aggiornamento professionale 10.02.2014 R.M. 94/E/2013

Fiscal News N. 45. Invio dei beni in deposito extra - UE. La circolare di aggiornamento professionale 10.02.2014 R.M. 94/E/2013 Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 45 10.02.2014 Invio dei beni in deposito extra - UE R.M. 94/E/2013 Categoria: IVA Sottocategoria: Operazioni extracomunitarie Con la R.M. 94/E/2013,

Dettagli

LA COMPILAZIONE AI FINI FISCALI E STATISTICI DEGLI ELENCHI INTRASTAT

LA COMPILAZIONE AI FINI FISCALI E STATISTICI DEGLI ELENCHI INTRASTAT Periodico quindicinale FE n. 12 19 giugno 2013 LA COMPILAZIONE AI FINI FISCALI E STATISTICI DEGLI ELENCHI INTRASTAT ABSTRACT Gli elenchi riepilogativi degli acquisti e delle cessioni di beni richiedono

Dettagli

LE NOVITA IVA 2013. Studio Del Nevo srl

LE NOVITA IVA 2013. Studio Del Nevo srl LE NOVITA IVA 2013 Studio Del Nevo srl FONTE NORMATIVA Recepimento della Direttiva 2010/45/UE Obiettivi: Standardizzare ed uniformare i 27 Paesi della UE in ambito fiscale Ridurre i costi amministrativi

Dettagli

DEPOSITI IVA: IMMISSIONE IN LIBERA PRATICA CON INTRODUZIONE NEL DEPOSITO IVA REGISTRAZIONI CONTABILI

DEPOSITI IVA: IMMISSIONE IN LIBERA PRATICA CON INTRODUZIONE NEL DEPOSITO IVA REGISTRAZIONI CONTABILI DEPOSITI IVA: IMMISSIONE IN LIBERA PRATICA CON INTRODUZIONE NEL DEPOSITO IVA REGISTRAZIONI CONTABILI 1 Quesito La ditta Alfa Spa effettua l importazione in Italia di beni con immissione in libera pratica

Dettagli

LE OPERAZIONI CON SAN MARINO: NOVITA E CONFERME

LE OPERAZIONI CON SAN MARINO: NOVITA E CONFERME Circolare N. 72 Area: TAX & LAW Periodico plurisettimanale 15 ottobre 2010 LE OPERAZIONI CON SAN MARINO: NOVITA E CONFERME Le nuove regole concernenti la territorialità IVA delle prestazioni di servizi,

Dettagli

LE OPERAZIONI CON I PAESI UE. Dott.ssa Nadia Gentina

LE OPERAZIONI CON I PAESI UE. Dott.ssa Nadia Gentina Dott.ssa Nadia Gentina SERVIZI GENERICI SERVIZI «SPOT» Ultimazione servizio: la ricezione della può considerarsi prova dell avvenuta ultimazione, salvo prova contraria (circ. 35/E/2012); acconto: è rilevante;

Dettagli

AUMENTO ALIQUOTA IVA ORDINARIA AL 22%

AUMENTO ALIQUOTA IVA ORDINARIA AL 22% Numero circolare 2/2013 Data 8/10/2013 Redattore Davide David AUMENTO ALIQUOTA IVA ORDINARIA AL 22% Abstract: Rif.to normativi: Dal 1.10.2013 l aliquota IVA ordinaria è aumentata dal 21% al 22%. La nuova

Dettagli

OPERAZIONI INTRACOMUNITARIE

OPERAZIONI INTRACOMUNITARIE OPERAZIONI INTRACOMUNITARIE A seguito dell ingresso di Romania e Bulgaria nell Unione europea a decorrere dall 1.1.2007, le operazioni poste in essere con operatori residenti in tali Stati sono qualificate

Dettagli

IL MOMENTO DI EFFETTUAZIONE E FATTURAZIONE DEI SERVIZI B2B

IL MOMENTO DI EFFETTUAZIONE E FATTURAZIONE DEI SERVIZI B2B IL MOMENTO DI EFFETTUAZIONE E FATTURAZIONE DEI SERVIZI B2B La Legge 217/2011 prevede che le prestazioni di servizi generiche poste in essere con soggetti non residenti si considerino effettuate nel momento

Dettagli

C i r c o l a r e d e l 1 3 a p r i l e 2 0 1 2 P a g. 1 di 6

C i r c o l a r e d e l 1 3 a p r i l e 2 0 1 2 P a g. 1 di 6 C i r c o l a r e d e l 1 3 a p r i l e 2 0 1 2 P a g. 1 di 6 Circolare numero 10/2012 Oggetto Contenuto Legge Comunitaria 2010 (L. 15.12.2011 n. 217) - Novità in materia di IVA La L. 15.12.2011 n. 217

Dettagli

NOVITA 2013 - IVA Legge di stabilità 2013 (L. n. 228 del 24.12.12, GU 29.12.12), in cui è stato trasfuso l art. 1 del DL 216/2012

NOVITA 2013 - IVA Legge di stabilità 2013 (L. n. 228 del 24.12.12, GU 29.12.12), in cui è stato trasfuso l art. 1 del DL 216/2012 Milano, 2 gennaio 2013 NOVITA 2013 - IVA Legge di stabilità 2013 (L. n. 228 del 24.12.12, GU 29.12.12), in cui è stato trasfuso l art. 1 del DL 216/2012 EMISSIONE FATTURE La legge di stabilità ha modificato

Dettagli

AUMENTO ALIQUOTA IVA ORDINARIA AL

AUMENTO ALIQUOTA IVA ORDINARIA AL Egregi CLIENTI - Loro SEDI Treviso, 1 ottobre 2013. CIRCOLARE N. 10 / 2013. AUMENTO ALIQUOTA IVA ORDINARIA AL 22% Dall 1/10/2013 l aliquota IVA ordinaria passa dal 21% al 22%. Come da Comunicato stampa

Dettagli

OPERAZIONI INTRACOMUNITARIE

OPERAZIONI INTRACOMUNITARIE OPERAZIONI INTRACOMUNITARIE OPERAZIONI INTRACOMUNITARIE CESSIONI ACQUISTI NON IMPONIBILI IMPONIBILI CESSIONI INTRACOMUNITARIE Costituiscono cessioni intracomunitarie: le cessioni a titolo oneroso di beni,

Dettagli

LA NUOVA FATTURA e le altre modifiche alla disciplina dell IVA

LA NUOVA FATTURA e le altre modifiche alla disciplina dell IVA e le altre modifiche alla disciplina dell IVA Art. 1, commi 324-335, Legge 24 dicembre 2012, n. 228 (recepimento direttiva 2010/45/Ue del 13 luglio 2010) a cura di Franco Ricca 1 Nazionalità della fattura

Dettagli

OPERAZIONI TRIANGOLARI E PROVA DELL USCITA DEI BENI DAL TERRITORIO DELLO STATO

OPERAZIONI TRIANGOLARI E PROVA DELL USCITA DEI BENI DAL TERRITORIO DELLO STATO OPERAZIONI TRIANGOLARI E PROVA DELL USCITA DEI BENI DAL TERRITORIO DELLO STATO Stefano Battaglia Stefano Carpaneto Umberto Terzuolo Torino, martedì 29 aprile 2014 Triangolazioni intracomunitarie Operazioni

Dettagli

martedì, 15 giugno 2010 I depositi I.V.A. Dottoressa Luisella Fontanella

martedì, 15 giugno 2010 I depositi I.V.A. Dottoressa Luisella Fontanella martedì, 15 giugno 2010 I depositi I.V.A. Dottoressa Luisella Fontanella Ordine dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili di Ivrea, Pinerolo, Torino Piano di lavoro Fonti normative e prassi

Dettagli

I DEPOSITI IVA PRINCIPI GENERALI E RECENTE EVOLUZIONE NORMATIVA

I DEPOSITI IVA PRINCIPI GENERALI E RECENTE EVOLUZIONE NORMATIVA I DEPOSITI IVA PRINCIPI GENERALI E RECENTE EVOLUZIONE NORMATIVA DEPOSITO IVA art. 50-bis, DL 331/1993 Istituto che assolve ad una funzione di pura convenienza finanziaria, in quanto consente di rinviare

Dettagli

LE NUOVE REGOLE PER LA FATTURAZIONE

LE NUOVE REGOLE PER LA FATTURAZIONE Periodico quindicinale FE n. 18 29 dicembre 2012 ABSTRACT LE NUOVE REGOLE PER LA FATTURAZIONE Con la Direttiva 2010/45/UE, la Commissione Europea ha inteso semplificare le procedure di fatturazione e conservazione

Dettagli

REVERSE CHARGE NELLE OPERAZIONI CON L ESTERO: ASPETTI SANZIONATORI

REVERSE CHARGE NELLE OPERAZIONI CON L ESTERO: ASPETTI SANZIONATORI Circolare N. 22 Area: TAX & LAW Periodico plurisettimanale 22 marzo 2011 REVERSE CHARGE NELLE OPERAZIONI CON L ESTERO: ASPETTI SANZIONATORI Per le operazioni territorialmente rilevanti in Italia poste

Dettagli

Quale documentazione attesta la vendita on line

Quale documentazione attesta la vendita on line Conferenza organizzata dall Associazione ICT Dott.Com Quale documentazione attesta la vendita on line Direzione Regionale del Piemonte a cura di Sandra Migliaccio Ufficio Fiscalità Generale 1 22 novembre

Dettagli

Roma, 15 febbraio 2008

Roma, 15 febbraio 2008 RISOLUZIONE N. 49/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 15 febbraio 2008 OGGETTO: Triangolazione comunitaria - contratto di "consignment stock" - momento di effettuazione della cessione intracomuniatria

Dettagli

SOLUZIONE INTERPRETATIVA PROSPETTATA DAL CONTRIBUENTE

SOLUZIONE INTERPRETATIVA PROSPETTATA DAL CONTRIBUENTE RISOLUZIONE N.447/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 19 novembre 2008 Oggetto: Interpello Art. 11, legge 27.07.2000, n. 212. ALFA SA. Utilizzo del numero identificativo IVA in Italia da

Dettagli

Padova, 30 Settembre 2013. Spett.li Signori Clienti. Oggetto: CIRCOLARE INFORMATIVA n. 11/2013 L AUMENTO DELL ALIQUOTA IVA ORDINARIA AL 22%

Padova, 30 Settembre 2013. Spett.li Signori Clienti. Oggetto: CIRCOLARE INFORMATIVA n. 11/2013 L AUMENTO DELL ALIQUOTA IVA ORDINARIA AL 22% Dott. Francesco Ferri de Lazara Dott. Enrico Grigolin Avv. Filippo Lo Presti Avv. Vincenza Valeria Cicero Avv. Marianovella Gianfreda Dott. Giulia Zanardi Dott. Luca Lombardo Padova, 30 Settembre 2013

Dettagli

7. TRIANGOLAZIONI CON INTERVENTO DI SOGGETTI NAZIONALI UE ED EXTRA UE

7. TRIANGOLAZIONI CON INTERVENTO DI SOGGETTI NAZIONALI UE ED EXTRA UE 7. TRIANGOLAZIONI CON INTERVENTO DI SOGGETTI NAZIONALI UE ED EXTRA UE Triangolazioni con intervento di soggetti nazionali UE ed extra UE 7. 7.1. INTRODUZIONE La globalizzazione dei mercati favorisce le

Dettagli

RISOLUZIONE N. 200/E

RISOLUZIONE N. 200/E RISOLUZIONE N. 200/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 02 agosto 2007 Oggetto: Istanza d interpello Art. 11, legge 27.07.2000, n. 212. Con l interpello specificato in oggetto, concernente

Dettagli

NUOVE REGOLE COMUNITARIE SULLA TERRITORIALITA DELL IVA

NUOVE REGOLE COMUNITARIE SULLA TERRITORIALITA DELL IVA NUOVE REGOLE COMUNITARIE SULLA TERRITORIALITA DELL IVA Le risposte pubblicate dalla stampa specializzata Confindustria Genova - Martedì 4 maggio 2010 D Come deve comportarsi una società italiana che abbia

Dettagli

Fiscalità 2015: RECENTI SENTENZE E PROVVEDIMENTI IN MATERIA DI IVA. Dr Alberto Perani Milano, 24 febbraio 2015. In collaborazione con

Fiscalità 2015: RECENTI SENTENZE E PROVVEDIMENTI IN MATERIA DI IVA. Dr Alberto Perani Milano, 24 febbraio 2015. In collaborazione con Fiscalità 2015: RECENTI SENTENZE E PROVVEDIMENTI IN MATERIA DI IVA Dr Alberto Perani Milano, 24 febbraio 2015 In collaborazione con Recenti sentenze e provvedimenti in materia di Iva Corte di Giustizia

Dettagli

IVA: novità, con decorrenza 1 gennaio 2013, in materia di fatturazione e di operazioni intracomunitarie

IVA: novità, con decorrenza 1 gennaio 2013, in materia di fatturazione e di operazioni intracomunitarie ACERBI & ASSOCIATI CONSULENZA TRIBUTARIA, AZIENDALE, SOCIETARIA E LEGALE NAZIONALE E INTERNAZIONALE CIRCOLARE N. 42 31 DICEMBRE 2012 IVA: novità, con decorrenza 1 gennaio 2013, in materia di fatturazione

Dettagli

NUOVE REGOLE E MODALITA DI TRASMISSIONE DEI MODELLI INTRASTAT

NUOVE REGOLE E MODALITA DI TRASMISSIONE DEI MODELLI INTRASTAT NUOVE REGOLE E MODALITA DI TRASMISSIONE DEI MODELLI INTRASTAT EMISSIONE DELLA FATTURA PER I SERVIZI EXTRATERRITORIALI - MODALITA D INTEGRAZIONE DELLE FATTURE ESTERE PER I SERVIZI GENERICI RESI AD OPERATORI

Dettagli

Novità in materia di Iva

Novità in materia di Iva Dr. Anton Pichler Dr. Walter Steinmair Dr. Helmuth Knoll Sparkassenstraße 18 Via Cassa di Risparmio I-39100 Bozen Bolzano T 0471.306.411 F 0471.976.462 E info@interconsult.bz.it I www.interconsult.bz.it

Dettagli

FATTURAZIONE e REGISTRAZIONE delle OPERAZIONI EFFETTUATE dal 1 GENNAIO 2013 NOVITÀ

FATTURAZIONE e REGISTRAZIONE delle OPERAZIONI EFFETTUATE dal 1 GENNAIO 2013 NOVITÀ Circolare informativa per la clientela n. 3/2013 del 31 gennaio 2013 FATTURAZIONE e REGISTRAZIONE delle OPERAZIONI EFFETTUATE dal 1 GENNAIO 2013 NOVITÀ In questa Circolare 1. Normativa Iva nazionale Novità

Dettagli

Circolare n. 7/2013 del 06 febbraio 2013 Ai gentili Clienti loro sedi

Circolare n. 7/2013 del 06 febbraio 2013 Ai gentili Clienti loro sedi Circolare n. 7/2013 del 06 febbraio 2013 Ai gentili Clienti loro sedi OGGETTO: Novità 2013 nei rapporti internazionali Gentile cliente, Il decreto salva-infrazioni che ha recepito la Direttiva 2010/45/

Dettagli

Novità in tema di fatturazione dall 1.01.2013

Novità in tema di fatturazione dall 1.01.2013 Ai Gentili Clienti Novità in tema di fatturazione dall 1.01.2013 1 La L. 24.12.2012, n. 228 (legge di Stabilità 2013) ha introdotto novità in materia di fatturazione da applicare su tutte le operazioni

Dettagli

Novità più rilevanti (1) parità di trattamento tra fattura cartacea e fattura elettronica libera scelta sull autenticità dell origine, l integrità del contenuto e la leggibilità della fatture (facilita

Dettagli

MAURIZIO MARTINI ENZO DRAPELLI partners

MAURIZIO MARTINI ENZO DRAPELLI partners MAURIZIO MARTINI ENZO DRAPELLI partners ragionieri commercialisti economisti d impresa valdagno (vi) via l. festari,15 tel. 0445/406758/408999 - fax 0445/408485 dueville (vi) - via g. rossi, 26 tel. 0444/591846

Dettagli

STUDIO CASTELLI PROFESSIONISTI ASSOCIATI

STUDIO CASTELLI PROFESSIONISTI ASSOCIATI STUDIO CASTELLI PROFESSIONISTI ASSOCIATI Varese, 19 dicembre 2012 NOVITÀ IVA IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2013 DECRETO LEGGE 216/2012 ( SALVA INFRAZIONI ) Si segnalano le novità in materia di iva che entreranno

Dettagli

4.2. BENI IMMOBILI E MOBILI: PRIMO COMMA (PRIMA PARTE)

4.2. BENI IMMOBILI E MOBILI: PRIMO COMMA (PRIMA PARTE) 4.1. PREMESSA L art. 7-bis è stato inserito dall art. 1, comma 1, lettera c) del D.Lgs. 11 febbraio 2010, n. 18, in vigore dal 20 febbraio 2010. Ai sensi del successivo art. 5, comma 1, la disposizione

Dettagli

News per i Clienti dello studio

News per i Clienti dello studio News per i Clienti dello studio N. 146 del 01 Ottobre 2013 Ai gentili clienti Loro sedi 1 Ottobre 2013, aumento dell IVA dal 21% al 22%: aspetti operativi Gentile cliente, con la presente informativa intendiamo

Dettagli

ASSOCIAZIONE ICT DOTT. COM I L R A P P R E S E N T A N T E F I S C A L E D E L S O G G E T T O N O N R E S I D E N T E.

ASSOCIAZIONE ICT DOTT. COM I L R A P P R E S E N T A N T E F I S C A L E D E L S O G G E T T O N O N R E S I D E N T E. ASSOCIAZIONE ICT DOTT. COM I L R A P P R E S E N T A N T E F I S C A L E D E L S O G G E T T O N O N R E S I D E N T E A c u r a d i : Giovanni Scagnelli Dottore Commercialista Associazione IC T Dott.C

Dettagli

Prova della cessione intracomunitaria: prassi nazionale e giurisprudenza comunitaria Casi pratici

Prova della cessione intracomunitaria: prassi nazionale e giurisprudenza comunitaria Casi pratici Studio Tributario e Societario Co-brand logo Prova della cessione intracomunitaria: prassi nazionale e giurisprudenza comunitaria Casi pratici Dott.ssa Barbara Rossi Cessioni intracomunitarie Effettiva

Dettagli

L'INVIO DELLE DICHIARAZIONI D'INTENTO PER IL 2016

L'INVIO DELLE DICHIARAZIONI D'INTENTO PER IL 2016 L'INVIO DELLE DICHIARAZIONI D'INTENTO PER IL 2016 Come noto, agli esportatori abituali è concessa la possibilità di acquistare / importare beni e servizi senza applicazione dell IVA nel limite del plafond

Dettagli

Legge comunitaria 2010: le novità in ambito Iva dal 17 marzo 2012

Legge comunitaria 2010: le novità in ambito Iva dal 17 marzo 2012 CIRCOLARE A.F. N. 40 del 16 Marzo 2012 Ai gentili clienti Loro sedi Legge comunitaria 2010: le novità in ambito Iva dal 17 marzo 2012 Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla delle novità

Dettagli

RISOLUZIONE N. 94/E QUESITO

RISOLUZIONE N. 94/E QUESITO RISOLUZIONE N. 94/E Direzione Centrale Normativa Roma, 13 dicembre 2013 OGGETTO: Cessione all esportazione - operazione, fin dalla sua origine, concepita in vista del definitivo trasferimento della proprietà

Dettagli

Il Presidente della Repubblica

Il Presidente della Repubblica Il Presidente della Repubblica Visti gli articoli 76 e 87 della Costituzione; Vista la direttiva 2006/112/CE del Consiglio, del 28 novembre 2006, relativa al sistema comune d imposta sul valore aggiunto;

Dettagli

ELENCHI INTRASTAT 2010: ULTERIORI CHIARIMENTI DALL AGENZIA

ELENCHI INTRASTAT 2010: ULTERIORI CHIARIMENTI DALL AGENZIA Circolare N. 63 Area: TAX & LAW Periodico plurisettimanale 14 settembre 2010 ELENCHI INTRASTAT 2010: ULTERIORI CHIARIMENTI DALL AGENZIA Con Circolare n. 43/E/2010, l Agenzia delle Entrate risponde ad alcuni

Dettagli

Depositi IVA: procedure di introduzione ed estrazione dei beni di Massimo Gabelli e Davide Rossetti (*)

Depositi IVA: procedure di introduzione ed estrazione dei beni di Massimo Gabelli e Davide Rossetti (*) Depositi IVA: procedure di introduzione ed estrazione dei beni di Massimo Gabelli e Davide Rossetti (*) Procedure Premessa La disciplina del deposito IVA (di cui all art. 50-bis del D.L. n. 331/1993) è

Dettagli

News per i Clienti dello studio

News per i Clienti dello studio News per i Clienti dello studio N. 146 del 01 Ottobre 2013 Ai gentili clienti Loro sedi 1 Ottobre 2013, aumento dell IVA dal 21% al 22%: aspetti operativi Gentile cliente, con la presente informativa intendiamo

Dettagli

LA NUOVA FATTURA DAL 01 GENNAIO 2013. Esemplificando, le novità possono essere ricondotte alle seguenti fattispecie: Contenuto.

LA NUOVA FATTURA DAL 01 GENNAIO 2013. Esemplificando, le novità possono essere ricondotte alle seguenti fattispecie: Contenuto. LA NUOVA FATTURA DAL 01 GENNAIO 2013 La legge 24/12/2012 n. 228, pubblicata nella G.U. 29/12/2012 N. 312, supplemento ordinario n. 212 (legge di stabilità), ha recepito nell ordinamento nazionale le misure

Dettagli

Modello Iva 2014: esempi di compilazione

Modello Iva 2014: esempi di compilazione Numero 35/2014 Pagina 1 di 7 Modello Iva 2014: esempi di compilazione Numero : 35/2014 Gruppo : IVA Oggetto : DICHIARAZIONE IVA Norme e prassi : Istruzioni e modello Iva 2014; NOSTRA CDG N. 14/2014. Sintesi

Dettagli

29 ottobre 1993, n. 427) in modo distinto a seconda della residenza fiscale del cedente e del cessionario.

29 ottobre 1993, n. 427) in modo distinto a seconda della residenza fiscale del cedente e del cessionario. Operazioni intracomunitarie e internazionali La disciplina IVA delle «vendite a distanza» in ambito intracomunitario La disciplina Iva delle «vendite a distanza», per tali intendendosi le vendite in base

Dettagli

Informative e news per la clientela di studio

Informative e news per la clientela di studio Informative e news per la clientela di studio AUMENTO ALIQUOTA IVA ORDINARIA AL 22% Si informa che, in conseguenza del mancato rinvio dell IVA annunciato dal governo italiano nelle settimane precedenti,

Dettagli

News per i Clienti dello studio

News per i Clienti dello studio del 01 Ottobre 2013 News per i Clienti dello studio Ai gentili clienti Loro sedi 1 Ottobre 2013, aumento dell IVA dal 21% al 22%: aspetti operativi Gentile cliente, con la presente informativa intendiamo

Dettagli

Network for Value. A tutti i Sig.ri Clienti Loro Sedi. Informatore n 1 del 11 gennaio 2013. Oggetto: NOVITA IVA IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2013

Network for Value. A tutti i Sig.ri Clienti Loro Sedi. Informatore n 1 del 11 gennaio 2013. Oggetto: NOVITA IVA IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2013 A tutti i Sig.ri Clienti Loro Sedi Informatore n 1 del 11 gennaio 2013 Oggetto: NOVITA IVA IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2013 PREMESSA Al fine di recepire il contenuto della direttiva 2010/45/UE, la L. 24.12.2012

Dettagli

In collaborazione con L A.GI.FOR.

In collaborazione con L A.GI.FOR. MARCO DI STEFANO DOTTORE COMMERCIALISTA - REVISORE CONTABILE Email: mdistefano.studio@gmail.com In collaborazione con L A.GI.FOR. Nota n. 3 del 5 maggio 2009 Versamento dell IVA dopo la riscossione del

Dettagli

N. 10 15.03.2016. Le Operazioni con San Marino

N. 10 15.03.2016. Le Operazioni con San Marino 1. Le Operazioni con San Marino N. 10 15.03.2016 Le Operazioni con San Marino Trattamento IVA operazioni con soggetti sammarinesi Disciplina monitoraggio e trattamento ai fini delle imposte sui redditi

Dettagli

Aspetti fiscali del commercio elettronico o e-commerce

Aspetti fiscali del commercio elettronico o e-commerce Aspetti fiscali del commercio elettronico o e-commerce 2014-01-02 19:54:35 Il presente lavoro è tratto dalle guide: Imprese ed e-commerce. Marketing, aspetti legali e fiscali. e Il commercio elettronico

Dettagli

Informativa per la clientela di studio

Informativa per la clientela di studio Informativa per la clientela di studio N. 01 del 08.01.2013 Ai gentili Clienti Loro sedi OGGETTO: Le nuove regole IVA dal 2013 Gentile Cliente, la presente per comunicarle che la Legge di stabilità 2013

Dettagli

LORO SEDI. Oggetto: DAL 1 OTTOBRE 2013 PASSA AL 22% L ALIQUOTA IVA ORDINARIA

LORO SEDI. Oggetto: DAL 1 OTTOBRE 2013 PASSA AL 22% L ALIQUOTA IVA ORDINARIA Sondrio, 1 ottobre 2013 A tutti i Sigg. Clienti LORO SEDI CIRCOLARE N. 5/2013 Oggetto: DAL 1 OTTOBRE 2013 PASSA AL 22% L ALIQUOTA IVA ORDINARIA L articolo 40, comma 1-ter, del decreto legge del 6 luglio

Dettagli

Informativa per la clientela

Informativa per la clientela Informativa per la clientela Informativa n. 27 del 20 luglio 2011 DL 13.5.2011 n. 70 convertito nella L. 12.7.2011 n. 106 (c.d. decreto sviluppo ) - Novità in materia di IVA INDICE 1 Premessa... 2 2 Esclusioni

Dettagli

ELENCHI INTRASTAT 2010: NUOVI CHIARIMENTI DALL AGENZIA DELLE ENTRATE PARTE SECONDA

ELENCHI INTRASTAT 2010: NUOVI CHIARIMENTI DALL AGENZIA DELLE ENTRATE PARTE SECONDA Circolare N. 51 Area: TAX & LAW Periodico plurisettimanale 2 luglio 2010 ELENCHI INTRASTAT 2010: NUOVI CHIARIMENTI DALL AGENZIA DELLE ENTRATE PARTE SECONDA Con Circolare n. 36/E/2010, l Agenzia delle Entrate

Dettagli

ALIQUOTA IVA ORDINARIA AL

ALIQUOTA IVA ORDINARIA AL Numero circolare 7 Data 30/09/2011 Abstract: Rif.to normativo: ALIQUOTA IVA ORDINARIA AL 21% Decorrenza: dal 17.09.2011 Soggetti interessati: O Dal 17.09.2011, data di entrata in vigore della legge di

Dettagli

1 Ottobre 2013, aumento dell IVA dal 21% al 22%: aspetti operativi

1 Ottobre 2013, aumento dell IVA dal 21% al 22%: aspetti operativi 1 Ottobre 2013, aumento dell IVA dal 21% al 22%: aspetti operativi Dal 1 ottobre 2013 entra in vigore l aumento dell aliquota IVA ordinaria dal 21% al 22%, poiché non è stato ulteriormente prorogato il

Dettagli

IL CONTENUTO DELLA NUOVA FATTURA

IL CONTENUTO DELLA NUOVA FATTURA PREMESSA La Legge di stabilità 2013 (L. 228 del 24/12/2012, pubblicata in G. U. il 29/12/2012) ha modificato la disciplina IVA introducendo nuove regole in merito al contenuto della nuova fattura, alla

Dettagli

NOVITA IVA 2013 DL 179 del 20 ottobre 2012 Legge 288/2012 artt. 324-335. pagina 1 di 30

NOVITA IVA 2013 DL 179 del 20 ottobre 2012 Legge 288/2012 artt. 324-335. pagina 1 di 30 NOVITA IVA 2013 DL 179 del 20 ottobre 2012 Legge 288/2012 artt. 324-335 pagina 1 di 30 DPR 633/72 Art. 4 7 10 13 16 17 Argomento Enti pubblici e pubblica autorità (adeguamento sentenze Corte UE) D.L. 179/2012

Dettagli

RIVOLUZIONE IVA NEI SERVIZI CON L ESTERO

RIVOLUZIONE IVA NEI SERVIZI CON L ESTERO Circolare N. 05 Area: PROFESSIONAL Periodico quindicinale 4 marzo 2010 RIVOLUZIONE IVA NEI SERVIZI CON L ESTERO La Direttiva comunitaria n. 2008/8/CE (c.d. Direttiva Servizi ) ha profondamente modificato

Dettagli

Fatturazione: dal 01.01.2013 cambiano le regole

Fatturazione: dal 01.01.2013 cambiano le regole Fatturazione: dal 01.01.2013 cambiano le regole Con la legge di stabilità per il 2013 (legge n. 228 del 24.12.2012) il legislatore ha recepito il contenuto della direttiva n. 2006/112/UE in materia di

Dettagli

A tutti i Sigg.ri Clienti loro sede LE NOVITA 2013 SULLE REGOLE DI FATTURAZIONE

A tutti i Sigg.ri Clienti loro sede LE NOVITA 2013 SULLE REGOLE DI FATTURAZIONE A tutti i Sigg.ri Clienti loro sede Castelfranco Veneto, 7 gennaio 2013 Oggetto: circolare informativa. LE NOVITA 2013 SULLE REGOLE DI FATTURAZIONE Segnaliamo a tutti i Sigg.ri Clienti che, a decorrere

Dettagli

Fatturazione: dal 01.01.2013 cambiano le regole

Fatturazione: dal 01.01.2013 cambiano le regole COMITATO REGIONALE TOSCANO GEOMETRI Via Volturno 10/12/C - 50019 Osmannoro Sesto Fiorentino - FIRENZE Tel. 055/5002380 - Fax 055/5522399 Cod. Fiscale 80011550482 E-mail - comtoscanogeometri@libero.it Informativa

Dettagli

IVA INTRACOMUNITARIA

IVA INTRACOMUNITARIA IVA INTRACOMUNITARIA D.L. 30 Agosto 1993, n. 331 Convertito dalla Legge 29 Ottobre 1993, n. 427 Dlgs. 11 Febbraio 2010, n. 18 G.U. 19 Febbraio 2010, n. 41 25 ottobre 2010 L ACQUISTO INTRACOMUNITARIO Gli

Dettagli

LA NUOVA DISCIPLINA IVA NEI RAPPORTI CON L ESTERO: FATTURAZIONE, RIMBORSI E MODELLI INTRASTAT. Dott. Salvatore GIORDANO

LA NUOVA DISCIPLINA IVA NEI RAPPORTI CON L ESTERO: FATTURAZIONE, RIMBORSI E MODELLI INTRASTAT. Dott. Salvatore GIORDANO LA NUOVA DISCIPLINA IVA NEI RAPPORTI CON L ESTERO: L FATTURAZIONE, RIMBORSI E MODELLI INTRASTAT Dott. Salvatore GIORDANO Diretta 1 febbraio 2010 MOMENTO DI EFFETTUAZIONE DELLA PRESTAZIONE 1) La direttiva

Dettagli

STATO CODICE ISO N.RO CARATTERE DEL CODICE IVA. Bulgaria BG 9 ovvero 10

STATO CODICE ISO N.RO CARATTERE DEL CODICE IVA. Bulgaria BG 9 ovvero 10 N. 2 del 2007 NOVITA IN MATERIA DI ELENCHI INTRASTAT ADESIONE ALL UNIONE EUROPEA DI DUE NUOVI STATI A decorrere dal 1 gennaio 2007, sono entrati a far parte dell Unione Europea due nuovi Stati: la Bulgaria

Dettagli

Circolare n. 4/2013 del 16 luglio 2013. L entrata della Croazia nell Unione Europea e la prova delle cessioni intracomunitarie

Circolare n. 4/2013 del 16 luglio 2013. L entrata della Croazia nell Unione Europea e la prova delle cessioni intracomunitarie Circolare n. 4/2013 del 16 luglio 2013 L entrata della Croazia nell Unione Europea e la prova delle cessioni intracomunitarie Con la presente circolare informativa si intende trattare l ingresso della

Dettagli

Presupposti imponibilità scambi comunitari

Presupposti imponibilità scambi comunitari Presupposti imponibilità scambi comunitari Presupposto Oggettivo: Onerosità dell operazione e acquisizione della proprietà o di altro diritto reale sul bene; Presupposto Soggettivo: gli operatori che intervengono

Dettagli

a bordo di una nave, di un aereo o di un treno nel corso della parte di un trasporto di

a bordo di una nave, di un aereo o di un treno nel corso della parte di un trasporto di Le risposte dell agenzia delle Entrate alle domande su Fisco e turismo fatte durante il Map, l evento che si è svolto ieri a Torino in collaborazione con Federturismo Confindustria e Sole 24 Ore, nell

Dettagli

Il commento. Modello INTRASTAT - Il punto della situazione

Il commento. Modello INTRASTAT - Il punto della situazione Modello INTRASTAT - Il punto della situazione Il commento Negli scambi intracomunitari di beni riveste una particolare importanza la compilazione dei modelli Intrastat. Le regole di compilazione e di presentazione

Dettagli

Circolare n. 13-2010. Milano, 30 Giugno 2010. Egregi Signori Clienti ELENCHI INTRASTAT

Circolare n. 13-2010. Milano, 30 Giugno 2010. Egregi Signori Clienti ELENCHI INTRASTAT Milano, 30 Giugno 2010 Egregi Signori Clienti Circolare n. 13-2010 ELENCHI INTRASTAT L'Agenzia delle Entrate con la Circolare n. 36/E del 21 giugno 2010 ha fornito importanti chiarimenti sulla disciplina

Dettagli

generatore" dell imposta).

generatore dell imposta). OPERAZIONI CON L ESTERO: MOMENTO DI EFFETTUAZIONE DELL OPERAZIONE E TERMINI DI EMISSIONE/REGISTRAZIONE DELLE FATTURE Con l intento di uniformare gli adempimenti in ambito comunitario, la Legge di Stabilità

Dettagli

LOCAZIONI E CESSIONI DI IMMOBILI: TRATTAMENTO IVA E ALTRE IMPOSTE INDIRETTE

LOCAZIONI E CESSIONI DI IMMOBILI: TRATTAMENTO IVA E ALTRE IMPOSTE INDIRETTE LOCAZIONI E CESSIONI DI IMMOBILI: TRATTAMENTO IVA E ALTRE IMPOSTE INDIRETTE LOCAZIONI E CESSIONI DI IMMOBILI: TRATTAMENTO IVA E ALTRE IMPOSTE INDIRETTE L art. 35 co. 8 della L. 248/2006, nella sua versione

Dettagli

RISOLUZIONE N. 21/E. Quesito

RISOLUZIONE N. 21/E. Quesito RISOLUZIONE N. 21/E Direzione Centrale Normativa Roma, 20 FEBBRAIO 2015 OGGETTO: Consulenza giuridica - Inversione contabile ai sensi dell'articolo 17, comma secondo, del DPR n. 633 del 1972 - irrilevanza

Dettagli

I MODELLI INTRA. Modelli INTRA 2010: novità

I MODELLI INTRA. Modelli INTRA 2010: novità I MODELLI INTRA Bologna, 2 Ottobre 2014 D.ssa Nadia Gentina Modelli INTRA 2010: novità La disciplina comunitaria relativa alle dichiarazioni Intrastat è stata recentemente aggiornata dalle direttive: 2008/8/CE

Dettagli

OGGETTO: DAL 17 SETTEMBRE 2011 PASSA AL 21% L ALIQUOTA IVA ORDINARIA

OGGETTO: DAL 17 SETTEMBRE 2011 PASSA AL 21% L ALIQUOTA IVA ORDINARIA OGGETTO: DAL 17 SETTEMBRE 2011 PASSA AL 21% L ALIQUOTA IVA ORDINARIA Con la pubblicazione in G.U. del 16 settembre 2011 della legge di conversione n.148 del 14/09/11 del D.L. n.138/11 - c.d. Manovra bis

Dettagli

Operazioni intracomunitarie: nuove regole

Operazioni intracomunitarie: nuove regole Numero 24/2013 Pagina 1 di 14 Operazioni intracomunitarie: nuove regole Numero : 24/2013 Gruppo : Oggetto : IVA OPERAZIONI INTRACOMUNITARIE Norme e prassi : ART. 39, DL 331/93; ART. 47, DL 331/93; ART.

Dettagli

GUIDA ALLA COMUNICAZIONE ANNUALE DEI DATI IVA 2014: SCADENZA AL 28 FEBBRAIO 2014 a cura di Celeste Vivenzi Premessa generale

GUIDA ALLA COMUNICAZIONE ANNUALE DEI DATI IVA 2014: SCADENZA AL 28 FEBBRAIO 2014 a cura di Celeste Vivenzi Premessa generale GUIDA ALLA COMUNICAZIONE ANNUALE DEI DATI IVA 2014: SCADENZA AL 28 FEBBRAIO 2014 a cura di Celeste Vivenzi Premessa generale Entro il 28 febbraio 2014 i titolari di partita Iva sono tenuti a presentare

Dettagli

OPERAZIONI INTRACOMUNITARIE

OPERAZIONI INTRACOMUNITARIE OPERAZIONI INTRACOMUNITARIE OPERAZIONI INTRACOMUNITARIE CESSIONI ACQUISTI NON IMPONIBILI IMPONIBILI CESSIONI INTRACOMUNITARIE Costituiscono cessioni intracomunitarie: le cessioni a titolo oneroso di beni,

Dettagli

Movimentazione interna delle merci: il documento di trasporto

Movimentazione interna delle merci: il documento di trasporto D.D.T. Movimentazione interna delle merci: il documento di trasporto di Francesco D Alfonso Il D.D.T. rappresenta un documento contabile di consegna emesso in relazione alla movimentazione di beni da parte

Dettagli

L AUTOFATTURA. Acquisti effettuati da soggetti d'imposta stabiliti nel territorio nazionale

L AUTOFATTURA. Acquisti effettuati da soggetti d'imposta stabiliti nel territorio nazionale Padova, 23 agosto 2010 L AUTOFATTURA Acquisti effettuati da soggetti d'imposta stabiliti nel territorio nazionale Per le prestazioni di servizi e le cessioni di beni rese da operatori non residenti nei

Dettagli

LA COMUNICAZIONE DELLE DICHIARAZIONI D INTENTO

LA COMUNICAZIONE DELLE DICHIARAZIONI D INTENTO Periodico quindicinale FE n. 10 14 agosto 2012 LA COMUNICAZIONE DELLE DICHIARAZIONI D INTENTO ABSTRACT Il cosiddetto Decreto Semplificazioni Fiscali è intervenuto sull obbligo di comunicazione delle dichiarazioni

Dettagli

OBBLIGHI FATTURAZIONE, CONTENUTO, MODALITA,TERMINI DELLA FATTURAZIONE

OBBLIGHI FATTURAZIONE, CONTENUTO, MODALITA,TERMINI DELLA FATTURAZIONE Circolare n. 14 - pagina 1 di 11 Circolare n. 14 del 20 dicembre 2012 A tutti i Clienti Loro sedi Nuove disposizioni in materia di fatturazione Riferimenti normativi: Decreto Legge n. 216 del 11 dicembre

Dettagli

FINANZIARIA 2008 CONTRIBUENTI MINIMI

FINANZIARIA 2008 CONTRIBUENTI MINIMI Numero 1 Anno 2008 gennaio/2 FINANZIARIA 2008 CONTRIBUENTI MINIMI La Finanziaria 2008 ha introdotto un nuovo regime fiscale destinato alle persone fisiche esercenti attività d impresa, arti o professioni

Dettagli

RIPRODUZIONE VIETATA

RIPRODUZIONE VIETATA AVVOCATI E COMMERCIALISTI ASSOCIATI Bari Bologna Brescia Cagliari Firenze Lecco Milano Padova Roma Torino http://www.lslex.com Circolare Monotematica Novità fatturazione 2013 Data: 11 gennaio 2013 Indice

Dettagli

La disciplina doganale e IVA dei costi di trasporto

La disciplina doganale e IVA dei costi di trasporto La disciplina doganale e IVA dei costi di trasporto La determinazione del valore delle merci ai fini doganali rappresenta uno dei temi più delicati e complessi, giacché vigono specifiche regole che distinguono

Dettagli

Oggetto: OPERAZIONI CON L ESTERO - MOMENTO DI EFFETTUAZIONE DELL OPERAZIONE E TERMINI DI EMISSIONE/REGISTRAZIONE DELLE FATTURE INVERSIONE CONTABILE

Oggetto: OPERAZIONI CON L ESTERO - MOMENTO DI EFFETTUAZIONE DELL OPERAZIONE E TERMINI DI EMISSIONE/REGISTRAZIONE DELLE FATTURE INVERSIONE CONTABILE Dott. Danilo Cortesi A tutti i Clienti Loro sedi Ravenna, 11/02/2013 Circolare informativa n. 5/2013 Oggetto: OPERAZIONI CON L ESTERO - MOMENTO DI EFFETTUAZIONE DELL OPERAZIONE E TERMINI DI EMISSIONE/REGISTRAZIONE

Dettagli

CIRCOLARE 36/E 21.06.2010

CIRCOLARE 36/E 21.06.2010 CIRCOLARE 36/E 21.06.2010 SIMONE DEL NEVO 24.06.2010 Studio Del Nevo I CHIARIMENTI Assumono rilevanza intrastat solo le prestazioni di servizio generiche disciplinate dall articolo 7 ter DPR 633/72: CICLO

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE DELMASTRO DELLE VEDOVE, MARTINAT, ZACCHERA, RASI, FOTI, MIGLIORI, LANDI, BUTTI, PASETTO

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE DELMASTRO DELLE VEDOVE, MARTINAT, ZACCHERA, RASI, FOTI, MIGLIORI, LANDI, BUTTI, PASETTO Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 2240 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI DELMASTRO DELLE VEDOVE, MARTINAT, ZACCHERA, RASI, FOTI, MIGLIORI, LANDI, BUTTI, PASETTO Norme

Dettagli