IMPRESE MULTIFUNZIONAL IN SINERGIA CON IL PUBBLICO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "IMPRESE MULTIFUNZIONAL IN SINERGIA CON IL PUBBLICO"

Transcript

1 Il Divulgatore n 1/2006 Per un agricoltura sicura e multifunzionale pagg IMPRESE MULTIFUNZIONAL IN SINERGIA CON IL PUBBLICO Da un lato l azienda agricola, che grazie alla legge di orientamento può estendere la propria attività fornendo svariati servizi, dall altro le amministrazioni pubbliche col compito di incentivare la fruizione del territorio e la valorizzazione delle sue tipicità: due esigenze che si possono coniugare attraverso la stesura di apposite convenzioni. THE MULTIFUNCTIONAL FARM AND THE PUBLIC ADMINISTRATION In this context, we see the interaction of two partners: 1) the multifunctional farm offering diversified services and 2) the Public Administration, promoting territory valorisation and product typicality. By means of specific agreements the goals of each partner can be reached. Since the Orientation Law has been approved, different Public Authorities of Bologna Province offered work and services to many farmers. It is worthwhile to mention the project about the valorisation of longdistance footpaths. This project is the result of a collaboration between the Five Bologna Valleys Mountain Community and the Mario Fantin CAI section of Bologna. It aims at the ordinary and extraordinary maintenance of mountain footpaths, involving local farmers in all operations. La Provincia di Bologna intende accompagnare il processo di innovazione in atto nel settore agricolo attraverso l affermazione del ruolo multifunzionale che le aziende agricole possono assumere per lo sviluppo sostenibile del territorio. La multifunzionalità si pone fra l altro come uno dei principi da realizzare secondo documenti programmatici dell Unione europea, da Agenda 2000 al Trattato (articoli 158 e 174). A livello nazionale, con l entrata in vigore del D. Lgs , n. 228 Legge di orientamento per il settore agricolo, viene innovato il concetto di imprenditore agricolo attraverso la modifica dell art del Codice Civile e viene ridisegnato il suo ruolo nella conduzione dell azienda. Le nuove competenze dell impresa agricola Con il suddetto decreto si opera una rivisitazione generale del settore e viene normato il nuovo ruolo multifunzionale che l azienda agricola in questi ultimi anni ha assunto in virtù delle numerose attività che in taluni casi svolge. All interno di un sistema economico l agricoltura, a fianco della funzione prioritaria volta alla produzione di beni agroalimentari, svolge funzioni dirette a salvaguardare il territorio rurale e alla produzione di nuovi servizi di natura turistica, ricreativa e sportiva che valorizzano l ambiente. Si pensi in particolare all attività agrituristica, all attività di vendita al dettaglio, al ruolo di conservazione e valorizzazione del territorio e del patrimonio rurale e forestale, di ricezione e ospitalità e a nuovi servizi per la collettività sia in ambito rurale che urbano. Il punto chiave è la nuova definizione di imprenditore agricolo contenuta nell art. 1 del decreto che cita È imprenditore agricolo chi esercita una delle seguenti attività: coltivazione del fondo, selvicoltura, allevamento di animali e attività connesse. Proprio l introduzione del concetto di attività connesse è l elemento che legittima l azienda agricola e l imprenditore ad assumere compiutamente un ruolo multifunzionale. Per attività connesse infatti si intendono le attività, esercitate dal medesimo imprenditore agricolo, dirette alla manipolazione, conservazione, trasformazione, commercializzazione e valorizzazione che abbiano per oggetto prodotti ottenuti prevalentemente dalla coltivazione del fondo o del bosco o dell allevamento di animali, nonché le attività dirette alla fornitura di beni o servizi mediante l utilizzazione prevalente di attrezzature o risorse dell azienda normalmente impegnate nell attività agricola esercitata, ivi comprese le attività di valorizzazione del territorio e del patrimonio rurale e forestale, ovvero di ricezione ed ospitalità come definite dalla legge. Nascono così nuove competenze per l imprenditore agricolo, non solo incentrate alla produzione, bensì dirette alla gestione del territorio e alla fornitura di nuovi beni e servizi alla collettività. Due ambiti di intervento La generica definizione di attività connesse che il decreto fornisce lascia ampio spazio riguardo alle tipologie di lavoro e di servizi che l agricoltore può fornire, mantenendo comunque prioritario l utilizzo di risorse e mezzi che normalmente vengono impiegati nell attività agricola principale.

2 Grazie all introduzione del concetto di attività connesse, lo stesso D. Lgs. rende possibile con gli artt. 14 e 15 la stipula di contratti di appalto e convenzioni tra aziende agricole e pubbliche amministrazioni. In tal modo vengono ampliate le possibilità di effettuare attività connesse, allargando la gamma di servizi e lavori possibili ma anche attribuendo esplicitamente all azienda agricola un ruolo nella gestione, manutenzione e valorizzazione del bene pubblico. Se dal punto di vista degli enti pubblici si apre la possibilità di instaurare rapporti di collaborazione con chi vive e sviluppa la propria attività sul territorio, con conseguenti maggiori garanzie di monitoraggio e salvaguardia dello stesso, dal punto di vista dell imprenditore agricolo si crea la possibilità di svolgere attività, appunto, connesse alla normale attività agricola, che permettono l integrazione del reddito aziendale tipico, quindi permettono il rafforzamento e lo sviluppo delle imprese. L art. 14 della Legge di orientamento consente in specifico l instaurazione di collaborazioni tra enti pubblici ed agricoltori prioritariamente con lo scopo di promuovere le vocazioni produttive del territorio, la tutela delle produzioni di qualità e delle tradizioni locali, quindi delle tradizioni e dei prodotti tipici, biologici e di qualità che distinguono determinati distretti agroalimentari. Ciò comporta la partecipazione diretta degli agricoltori all organizzazione e gestione di eventi promozionali sul territorio e all esterno di esso, rivolti in particolar modo al consumatore finale, ma anche un loro coinvolgimento nella programmazione degli enti pubblici per lo sviluppo del settore. Con l art. 15, invece, l ente pubblico può sottoscrivere convenzioni specifiche direttamente con l agricoltore per lo svolgimento di attività finalizzate alla sistemazione e manutenzione del territorio in senso generale, quindi alla salvaguardia del paesaggio agrario e forestale, alla cura e al mantenimento dell assetto idrogeologico e pertanto prestazioni per la tutela della vocazioni produttive presenti. Quest ultima disposizione consente all imprenditore agricolo di svolgere molteplici lavori e servizi, di seguito approfonditi. Contenuto delle convenzioni Proseguendo con l esame dell articolo 15 si può affermare che si consente alle pubbliche amministrazioni di stipulare contratti d appalto con gli imprenditori agricoli, in deroga alle norme vigenti in materia, fissando i relativi importi massimi annuali. In riferimento a questi ultimi, l importo degli appalti diretti non può essere superiore a ,83 euro nel caso di imprenditore singolo e a ,10 euro nel caso di imprenditori agricoli in forma associata. Riguardo ai lavori e servizi che l amministrazione pubblica può commissionare a un imprenditore agricolo, come abbiamo visto la legge lascia ampi spazi d interpretazione. Estrapolando le descrizioni fornite dalla classificazione ufficiale CPV (Common Procurement Vocabulary) dell Unione europea per gli acquisti pubblici, si è formulato un elenco delle possibili attività previste per lavori e per servizi (tabelle 1-2). I lavori e i servizi elencati possono essere effettuati da un azienda agricola con l utilizzazione prevalente di attrezzature o risorse dell azienda, normalmente impiegate nell attività agricola esercitata (art del Codice Civile). Ciò comporta la verifica da parte dell amministrazione pubblica dell adeguatezza della dotazione di macchine, mezzi e materiali posseduti dall azienda agricola con cui si appresta a sottoscrivere un appalto di lavori o di servizi in rapporto alla loro tipologia. Contestualmente occorre verificare l affidabilità tecnico-funzionale e il rispetto delle norme di sicurezza delle attrezzature necessarie. Il concetto di prevalenza lascia comunque la possibilità all azienda agricola di utilizzare anche attrezzature o risorse non proprie, quindi la facoltà di noleggiare mezzi e acquisire risorse non necessariamente impiegate nella propria attività produttiva agricola. Il concetto di prevalenza in questo caso meriterebbe un approfondimento. Le esperienze in atto Dall entrata in vigore della Legge di orientamento, diverse amministrazioni pubbliche del territorio della provincia di Bologna hanno affidato lavori e servizi a imprenditori agricoli. Lo stesso Assessorato Provinciale Agricoltura ha promosso, in accordo con la Comunità Montana Alta e Media Valle del Reno, l affidamento dei lavori di recupero e miglioramento di alcuni ettari di prato pascolo attraverso specifici appalti di servizio con imprenditori agricoli locali. A fianco di questa esperienza si registra in generale la tendenza degli enti pubblici ad affidare agli imprenditori agricoli servizi inerenti al monitoraggio e alla manutenzione della viabilità, per garantire la sicurezza e l agevole fruibilità delle strade e per incentivare la fruizione del territorio anche a scopo turistico-ricreativo.

3 Tab.1 Lavori appaltabili alle imprese agricole Classificazione Descrizione europea Lavori di disboscamento Lavori di stabilizzazione del terreno Lavori di drenaggio terreni Lavori primari per servizi Lavori di sviluppo di siti Lavori di scavo e movimento terra Lavori di scavo di fossi Rimozione di terra Lavori di sterro Lavori di riporto Lavori di dissodamento di siti Bonifica di terre incolte Lavori di scavo Lavori di scavo di fosse Terrazzamento di pendii collinari Lavori di movimento terra Lavori di scavo e riporto Lavori di architettura paesaggistica Lavori di architettura paesaggistica per aree verdi Lavori di architettura paesaggistica per parchi Lavori di architettura paesaggistica per giardini Lavori di architettura paesaggistica per giardini pensili Lavori di architettura paesaggistica per cimiteri Lavori di architettura paesaggistica per aree ricreative e sportive Lavori di architettura paesaggistica per campi di golf per centri di equitazione Lavori di architettura paesaggistica per campi gioco Lavori di architettura paesaggistica per strade e autostrade Lavori di architettura paesaggistica per aeroporti Tubature per la conduzione di acqua piovana Lavori di costruzione di drenaggi Lavori di drenaggio e di superficie Lavori di drenaggio Drenaggi Lavori di superficie Lavori di superficie per impianti sportivi vari Lavori di superficie per campi sportivi Lavori di superficie per campi da golf Lavori di superficie per campi da tennis Lavori di superficie per piste di competizione Lavori di superficie per piste atletiche Lavori di riparazione di campi sportivi Lavori di superficie per impianti ricreativi Lavori di superficie per aree da gioco Lavori di superficie per giardini zoologici Lavori di superficie per giardini Lavori di superficie per parchi Lavori di riparazione di zone ricreative Lavori di costruzione per dighe, canali, reti di irrigazione e acquedotti Canale di irrigazione Canale di drenaggio Lavori di scarico di pietrame Impianto di compostaggio Lavori di posa di drenaggi Installazione di recinzioni Citiamo ad esempio il Comune di Budrio, che ha stipulato con imprenditori agricoli convenzioni dirette a garantire la manutenzione delle strade bianche comunali, e l Assessorato alla Viabilità della Provincia di Bologna, che con il progetto Viabilità minore ha affidato servizi funzionali alla sistemazione e alla manutenzione dei sentieri e della viabilità aziendale allo scopo di garantire il facile e sicuro transito pedonale e ciclistico senza pericolo per l incolumità delle persone e dei mezzi. Altre esperienze hanno visto l affidamento del servizio di sgombero neve, di manutenzione di fossi per il drenaggio superficiale e di taglio delle superfici erbose. Un ruolo determinante nella realizzazione delle convenzioni sopra avviate è stato svolto dalle Organizzazioni agricole sia nella diretta promozione di alcune iniziative sia per il ruolo di coordinamento tra le amministrazioni pubbliche e gli agricoltori al fine di selezionare e garantire l affidabilità degli operatori in funzione dei lavori da svolgere. Interessante l iniziativa dell associazione Terre di Pianura che, attraverso la definizione di un protocollo d intesa tra Comuni associati e Organizzazioni agricole, ha incentivato la sottoscrizione di convenzioni con imprese agricole secondo le disposizioni della Legge di orientamento. Se da un lato le amministrazioni pubbliche si impegnano ad appaltare determinati servizi definendo gli schemi delle convenzioni attraverso la condivisione con le Organizzazioni agricole, queste ultime si impegnano a dare la massima informazione e divulgazione delle opportunità offerte dall accordo presso le imprese agricole e a raccogliere e comunicare alle amministrazioni la disponibilità degli operatori. Con questo accordo verranno inoltre costituite le liste e un albo degli operatori agricoli qualificati, facilitando così alle amministrazioni la procedura per il reperimento dei fornitori. La Provincia di Bologna, in virtù delle competenze specifiche in materia di gestione del territorio provinciale e nello specifico per il proprio ruolo di coordinamento tra gli enti, potrebbe stimolare il dialogo e la concertazione con i Comuni e le Organizzazioni professionali per strutturare intese e momenti attuativi che diano il via a un processo di coinvolgimento sistematico delle imprese agricole nella tutela e gestione del territorio, un percorso che dovrebbe attuarsi attraverso i seguenti passaggi: 1. definizione di un protocollo d intesa che indichi gli obiettivi, strumenti e azioni concordati in sede di concertazione; 2. istituzione di un albo degli imprenditori agricoli interessati e idonei a queste attività, organizzato per Comune e anche per aree territoriali omogenee o per distretti agricoli; 3. individuazione negli strumenti di programmazione delle opere e dei servizi che potrebbero essere gestiti ai sensi del D. Lgs. 228/2001; 4. stesura e sottoscrizione tra le parti di convenzioni e capitolati tipo; 5. monitoraggio e rendicontazione periodica degli

4 interventi realizzati nell ambito degli accordi sottoscritti. Tab.2 Servizi appaltabili alle imprese agricole Classificazione europea Descrizione Servizi di architettura paesaggistica Servizi di giardinaggio paesaggistico Servizi di pulizia di parcheggi Servizi di accoglienza Servizi di pozzi Servizi agricoli, forestali e orticoli Servizi agricoli Servizi connessi alla produzione agricola Servizi di compostaggio Servizi forestali Servizi di lavorazione boschiva Servizi connessi alla lavorazione boschiva Servizi di sfruttamento forestale Trasporto di tronchi nell'ambito dell'area forestale Servizi di disboscamento Servizi di taglio alberi Servizi di manutenzione alberi Seminagione di piante Servizi connessi alla silvicoltura Servizi di gestione silvicola Servizi di piantagione e manutenzione di zone verdi Servizi di manutenzione di giardini ornamentali o ricreativi Servizi di diserbatura Servizi di trattamento erbicida Servizi di manutenzione parchi Servizi di manutenzione terreni Servizi di realizzazione di manti erbosi Servizi di semina Servizi di manutenzione di campi sportivi Servizi di assetto floreale Potatura di alberi e siepi Potatura di alberi Potatura di siepi Servizi zoologici Servizi zootecnici Servizi di ripopolamento selvaggina Servizi di caccia Servizi di collocamento trappole Servizi connessi alla pesca Servizi di pulizia stradale Servizi di spazzamento strade Servizi di sgombero neve Servizi di lotta contro il gelo Servizi di pulizia dei pozzetti stradali Servizi di spurgo dei pozzetti stradali Servizi di protezione dell'ambiente Servizi di manutenzione ambientale Servizi di miglioramento ambientale Servizi ecologici Servizi di riserve naturali Servizi di salvaguardia della fauna selvatica

5 AGRICOLTORI CUSTODI DEL TERRITORIO Un progetto di manutenzione dei sentieri di montagna rappresenta l esempio concreto del nuovo rapporto fra amministrazioni pubbliche e imprese multifunzionali. L Assessorato Agricoltura della Provincia di Bologna con Delibera di Giunta n. 530 del ha partecipato al finanziamento del progetto Interventi di valorizzazione della rete sentieristica a lunga percorrenza proposto dalla Comunità Montana Cinque Valli Bolognesi, con la collaborazione della Sezione CAI Mario Fantin di Bologna, finalizzato alla manutenzione ordinaria e straordinaria dei sentieri CAI attraverso il coinvolgimento attivo degli imprenditori agricoli locali. Obiettivo dell Assessorato è quello di indirizzare risorse economiche dell Ente alla sperimentazione di modalità attuative della multifunzionalità, rafforzando la possibilità di differenziazione e integrazione del reddito agricolo, in accordo con le possibilità offerte dall art. 15 del D. Lgs. 228/01, descritte nelle pagine precedenti. Il progetto si inserisce anche all interno delle iniziative avviate dall Assessorato per il sostegno dell economia agricola montana e la valorizzazione del territorio montano nel suo complesso nell attuazione della LR 2/04 Legge per la montagna. L elaborazione del progetto è ancora in fase preliminare ma si collega a un più vasto programma avviato dalla Comunità Montana Cinque Valli Bolognesi per la valorizzazione della rete sentieristica a lunga percorrenza, che ha già visto la realizzazione dei progetti esecutivi relativi agli interventi nei sentieri Monterenzio - Sasso Marconi per i due tratti Monterenzio capoluogo - Località Gruppi e Località Gruppi - Sasso Marconi. Sei itinerari fra Monterenzio e Sasso Marconi La scelta degli itinerari da valorizzare è caduta su direttrici aventi interesse storico testimoniale che non fossero interessate da problematiche legate a frane attive o quiescenti. Ciò avrebbe, infatti, comportato un impegno progettuale ed esecutivo eccessivo per le possibilità offerte dagli agricoltori in termini di operatività e di mezzi meccanici a disposizione. Per questo sono stati indicati tracciati che ricalcano sentieri e strade vicinali esistenti, la cui manutenzione non comporti consistenti movimenti di terreno. In particolare sono state individuate le seguenti direttrici: - Via degli Dei, Bologna-Firenze e Flaminia Minor in direzione nord-sud; - Via Etrusca, Percorso dell Energia e Traversata dei Laghi in direzione est-ovest. Gli interventi su queste direttrici consentono di definire una rete a maglie larghe che va a completare la possibilità di percorsi a lunga percorrenza per escursioni a piedi, in mountain bike e a cavallo nei territori della Comunità Montana. Il progetto prevede anche la realizzazione di una carta sentieristica scala 1: e di una segnaletica coordinata identificativa da disporre sul territorio. Il nuovo ruolo degli agricoltori Il valore aggiunto del progetto risiede nell intenzione di coinvolgere gli agricoltori locali nella realizzazione delle opere necessarie alla riqualificazione della viabilità sentieristica. È sembrato naturale pensare all imprenditore agricolo quale figura operativa in base alla considerazione che i percorsi, attraversando il territorio, di fatto ricadono nella proprietà privata di chi vi risiede. Ciò ha convinto ancor di più a considerare le opportunità fornite dal Decreto 228 e a trasformare l agricoltore nella nuova figura di custode del territorio, offrendo possibilità di integrazione al reddito agricolo. Gli interventi previsti consistono in opere di realizzazione di taglia-acqua, gradonature nei sentieri meno agevoli, passerelle pedonali su corsi d acqua e di costruzione e messa a dimora di panche e staccionate, nonché di semplici opere di manutenzione come decespugliamenti e risagomature, livellamento e compattazione dei tracciati maggiormente dissestati. Intenzione dell Assessorato è quella di sperimentare in questa sede la procedure di appalto per il conferimento di incarichi agli imprenditori agricoli messi a punto con il Progetto Coala.

6 Contratto di appalto fra amministrazioni pubbliche e imprenditori agricoli Proposta di capito ato ai sensi dell art. 15 del Decreto Legislativo 228/01 Art. 1 - Richiamo alle premesse Le premesse fanno parte integrante e sostanziale del presente negozio. (aggiungere sintetica descrizione del quadro di contesto con richiamo ai principi della Legge di orientamento) Art. 2 - Oggetto e finalità dell appalto L appalto ha per oggetto la fornitura dei servizi funzionali alla manutenzione, sistemazione, recupero (citare la nomenclatura corretta eventualmente ricorrendo alle classificazioni esemplificative tipiche)... in relazione alla finalità (precisare in particolare le esigenze dell Amministrazione richiamando eventualmente la premessa). L appalto viene regolato dalle clausole del presente capitolato che saranno inserite, a seguito del perfezionamento, in apposito contratto. Art. 3 Rapporti tra amministrazione appaltante e appaltatore Descrizione delle interazioni organizzative tra le parti (ruoli in funzione delle responsabilità) e riferimenti alla Legge di orientamento. Art. 4 - Descrizione dei servizi I servizi oggetto dell appalto dovranno essere prestati tenendo conto delle seguenti specificazioni: (indicare caratteristiche essenziali, luoghi e contesto territoriale, elementi intrinseci del servizio attesto, standard di base e modalità/livelli di verifica anche in relazione ad uno specifico processo produttivo, ecc.). In particolare il processo per l effettuazione del servizio dovrà svilupparsi secondo il seguente percorso e relativi standard:... (indicare livelli di resa, frequenze nella resa delle prestazioni, dimensionamento, margini di flessibilità, misurabilità delle ricadute per l utenza e/o per il territorio, ). Solo per affidamento a trattativa diretta: In detto ambito l appaltatore potrà evidenziare in sede di offerta i possibili aspetti migliorativi da inserire nel contratto d appalto con i relativi indicatori per verificare i margini di miglioramento del processo. Art. 5 - Profili operativi e dell esecuzione Le prestazioni dedotte in contratto dovranno essere eseguite direttamente dall imprenditore agricolo appaltatore con autonoma organizzazione mediante macchine, attrezzature e risorse della sua azienda normalmente impiegate nell attività agricola esercitata. È fatto divieto di subappalto e di cessione del contratto o del credito maturato. Si applicano le seguenti condizioni di fornitura delle prestazioni (descrivere gli aspetti operativi di maggior dettaglio con specificazione particolari: competenze degli operatori, precisazione dei luoghi di realizzazione, indicazioni di tempi, eventuali prestazioni complementari). Art. 6 - Durata dell appalto La durata dell appalto viene concordata in mesi decorrenti dalla data di stipulazione del contratto. Considerato che il servizio da assicurare è concordemente ritenuto di interesse per la collettività / territorio / ambiente, viene esclusa la possibilità di recesso unilaterale. Art. 7 - Profili economici In relazione all oggetto dell appalto e in ragione degli standard prestazionali viene definito un valore a corpo dello stesso, soggetto all esito di trattativa con il criterio del prezzo più basso, pari a, Iva esclusa, calcolato tenendo conto dei costi medi delle macchine / attrezzature da impiegare, della manodopera, dei materiali e della consistenza delle superfici su cui si opererà (aggiungere ulteriori elementi ovvero computare a misura, prevedendo l elenco delle voci su cui richiedere l offerta di prezzo). Detto valore deriva dall utilizzazione dei prezzi unitari applicabili alle varie voci di intervento secondo i prezziari/listini ufficiali raccordato con le quantità di prestazioni da assicurare. La liquidazione dei corrispettivi a cura del funzionario incaricato avverrà, previa verifica di regolarità dei servizi prestati, con cadenza su presentazione di regolare documentazione fiscale che rappresenti lo stato di realizzazione. I relativi pagamenti dovranno comunque essere effettuati entro 30 giorni dalla presentazione della suddetta documentazione. A tal fine l imprenditore agricolo richiede espressamente che i pagamenti vengano disposti (indicare gli estremi della modalità prescelta). Il corrispettivo contrattuale si intende immodificabile salvo accadimenti eccezionali dovuti a fattori esterni alle parti che richiedano l adozione di interventi o misure straordinarie, nei limiti di legge, per non pregiudicare il buon esito del servizio dedotto in contratto e ferma restando la prevista copertura finanziaria dei maggiori oneri. Non sono ammesse variazioni o aggiunte al contratto che ne possano mutare la sostanza rispetto all oggetto e alle finalità. Art. 8 - Obblighi e responsabilità L imprenditore dichiara di assumere in proprio ogni responsabilità per infortuni e per danni occorsi a terzi in dipendenza di colpa, manchevolezza o trascuratezza rispetto alle prestazioni oggetto del presente contratto. Si impegna inoltre ad attivare dalla data di stipula del contratto una adeguata copertura assicurativa per

7 responsabilità civile verso terzi e (indicare ulteriori coperture richieste dal tipo di attività rapportate al valore dell appalto). L imprenditore si obbliga inoltre: - ad ottemperare a tutti i doveri verso i propri dipendenti in base alle disposizioni legislative e regolamentari vigenti in materia di lavoro e di assicurazioni sociali, assumendo a suo carico tutti gli oneri relativi; - ad attuare nei confronti dei lavoratori dipendenti, occupati nei lavori oggetto del contratto, condizioni normative e retribuzioni non inferiori a quelle risultanti dai contratti collettivi di lavoro applicabili alla categoria e nella località in cui si svolgono le lavorazioni, nonché condizioni risultanti da successive modifiche e integrazioni ed, in genere, da ogni altro contratto collettivo, successivamente stipulato per la categoria, applicabile nella località; - a continuare ad applicare i suindicati contratti collettivi anche dopo la loro scadenza e fino alla loro sostituzione; i suddetti obblighi vincolano l impresa anche nel caso che non sia aderente alle associazioni stipulanti o receda da esse. L appaltatore si impegna infine ad adottare gli accorgimenti per la sicurezza delle attività previste dall appalto secondo i processi produttivi concordati, a rispettare gli obblighi alla fiscalità, a garantire la tutela dell ambiente in cui opera. Art. 9 - Specifiche tecniche e garanzie I mezzi e le attrezzature impiegate per i servizi affidati dovranno essere idonei e rispondenti alla normativa vigente in materia e, se previsto, regolarmente collaudati. Specificare eventuali garanzie per i mezzi impiegati o per i processi/prodotti attuati. Valutare se si rende necessario un deposito cauzionale con l indicazione del relativo valore, che potrebbe essere del 5% in rapporto all ammontare dell appalto). Art Verifiche di regolare esecuzione Fermi restando i controlli finalizzati alla liquidazione dei periodici stati di realizzazione, l Amministrazione effettuerà entro due mesi dal termine delle attività una verifica conclusiva destinata ad attestare formalmente la regolare esecuzione del contratto nel suo complesso, che dovrà avvenire in collegamento agli standard dei processi produttivi e ai parametri delle prestazioni precisati negli articoli precedenti. Qualora risulti un esito negativo parzialmente negativo il funzionario preposto dovrà indicare (specificare anche la forma scritta e i termini per la contestazione e le prescrizioni rivolte all appaltatore). In caso di verifica positiva il funzionario preposto attesterà la regolare esecuzione dei servizi, consentendo in tal modo lo svincolo della cauzione (se prevista). Resta inteso che l intervenuto collaudo non libera l appaltatore da eventuali difetti o imperfezioni non rilevabili secondo la normale perizia o diligenza al momento della verifica. Art Penali Viene prevista unicamente una penale per il ritardo nell esecuzione in relazione a quanto concordato negli articoli 4 e 5: tale ritardo dovrà essere contestato per iscritto entro 5 giorni dall avvenuto accertamento con l indicazione del valore della penalità calcolata sulla base della consistenza dell inadempienza in rapporto al valore dello stato di avanzamento interessato. La penalità sarà trattenuta sull importo del successivo acconto o sul saldo finale. Art. 12 Risoluzione del contratto La risoluzione del contratto è prevista per inadempimenti parziali o totali che possano pregiudicare nella sostanza il raggiungimento del fine contrattuale. A tal fine il contraente interessato dovrà comunicare preventivamente, a mezzo raccomandata con ricevuta di ritorno, la volontà di recedere all altra parte concedendo 10 giorni per controdeduzioni finalizzate a chiarire le cause e i motivi della situazione rilevata. Qualora l Amministrazione proceda alla risoluzione l appaltatore avrà diritto esclusivamente al corrispettivo per i servizi regolarmente eseguiti; tale importo sarà decurtato della somma per i danni subiti dall Ente. Art Oneri e spese Considerato il carattere fiduciario ed esclusivo del negozio non vengono previste né la cauzione, né penali (in caso positivo togliere i riferimenti alla cauzione e alla penale negli articoli precedenti). Tutte le spese inerenti e conseguenti al contratto, come pure gli oneri fiscali, eccetto Iva, sono a carico dell appaltatore. Art. 14 Trattamento dei dati personali Ai sensi dell art. 11 del D.Lgs. 196/03, il trattamento dei dati contenuti nel presente contratto avverrà esclusivamente per lo svolgimento delle attività e per l assolvimento degli obblighi previsti dalla legislazione vigente. Art Controversie Qualsiasi controversia insorta in corso o al termine del rapporto negoziale, non definita in via amministrativa, viene concordemente devoluta alla competenza del foro di Bologna.

Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi. Tra

Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi. Tra Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi Tra Il Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, con sede in Via Cristoforo Colombo, 44, 00187

Dettagli

TITOLO I Ambito di applicazione. TITOLO II Disposizioni generali.

TITOLO I Ambito di applicazione. TITOLO II Disposizioni generali. Regolamento d uso del verde Adottato dal Consiglio Comunale nella seduta del 17.7.1995 con deliberazione n. 173 di Reg. Esecutiva dal 26.10.1995. Sanzioni approvate dalla Giunta Comunale nella seduta del

Dettagli

MODELLO-BASE CONVENZIONE-CONTRATTO PER LA REALIZZAZIONE DELL INTERVENTO NUOVI PERCHORSI

MODELLO-BASE CONVENZIONE-CONTRATTO PER LA REALIZZAZIONE DELL INTERVENTO NUOVI PERCHORSI Assessorato alla f amiglia, all Educazione ed ai Giov ani Municipio Roma III U.O. Serv izi Sociali, Educativ i e Scolastici Allegato n. 3 al Bando d Istruttoria Pubblica per l intervento Nuovi PercHorsi

Dettagli

L'anno duemiladieci, addì 30 del mese di aprile con la presente scrittura privata, da valere ad ogni effetto di legge, TRA

L'anno duemiladieci, addì 30 del mese di aprile con la presente scrittura privata, da valere ad ogni effetto di legge, TRA Repertorio Unione Terre di Pianura n. 7 del 30/04/2010 CONVENZIONE TRA I COMUNI DI BARICELLA, BUDRIO, GRANAROLO DELL EMILIA, MINERBIO E L UNIONE DI COMUNI TERRE DI PIANURA PER IL CONFERIMENTO DELLE FUNZIONI

Dettagli

Periodo: 1.3.2011 28.2.2014

Periodo: 1.3.2011 28.2.2014 PROCEDURA IN ECONOMIA ex art. 125 del D. Lgs. n. 63/2006 per l affidamento del servizio di CONTROLLO INTEGRATO DELLE INFESTAZIONI ENTOMATICHE E MURINE PRESSO LE STRUTTURE UNIVERSITARIE Periodo: 1.3.2011

Dettagli

VÉÇá zä É exz ÉÇtÄx wxäät câzä t

VÉÇá zä É exz ÉÇtÄx wxäät câzä t LEGGE REGIONALE 20 MAGGIO 2014, N. 26 Disposizioni per favorire l accesso dei giovani all agricoltura e contrastare l abbandono e il consumo dei suoli agricoli 2 LEGGE REGIONALE Disposizioni per favorire

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA SERVIZIO DI MANUTENZIONE AREE VERDE PUBBLICO 1.1.2016 31.12.2018. CIG

REPUBBLICA ITALIANA SERVIZIO DI MANUTENZIONE AREE VERDE PUBBLICO 1.1.2016 31.12.2018. CIG REPUBBLICA ITALIANA COMUNE DI LOMAGNA (Prov. di Lecco) Contratto Rep. n. del SERVIZIO DI MANUTENZIONE AREE VERDE PUBBLICO 1.1.2016 31.12.2018. CIG 6170496661 L anno duemilaquindici addì del mese di presso

Dettagli

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE Art. 1 - ISTITUZIONE E istituito presso il Comune di Golfo Aranci, un Centro di Aggregazione

Dettagli

VIT S.R.L. CAPITOLATO SPECIALE PER L'AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DELLA STRUTTURA POLIFUNZIONALE DENOMINATA CHALET PINETA IN COMUNE DI CEVO (BS)

VIT S.R.L. CAPITOLATO SPECIALE PER L'AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DELLA STRUTTURA POLIFUNZIONALE DENOMINATA CHALET PINETA IN COMUNE DI CEVO (BS) VIT S.R.L. CAPITOLATO SPECIALE PER L'AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DELLA STRUTTURA POLIFUNZIONALE DENOMINATA CHALET PINETA IN COMUNE DI CEVO (BS) Art. 1 - Oggetto dell affidamento L oggetto dell affidamento

Dettagli

Art. 2 (Procedimento di approvazione e variazione) PARTE PRIMA

Art. 2 (Procedimento di approvazione e variazione) PARTE PRIMA 4 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 162 suppl. del 15-10-2009 PARTE PRIMA Corte Costituzionale LEGGE REGIONALE 7 ottobre 2009, n. 20 Norme per la pianificazione paesaggistica. La seguente

Dettagli

Allegato sub. A alla Determinazione n. del. Rep. CONVENZIONE

Allegato sub. A alla Determinazione n. del. Rep. CONVENZIONE Allegato sub. A alla Determinazione n. del Rep. C O M U N E D I T R E B A S E L E G H E P R O V I N C I A D I P A D O V A CONVENZIONE INCARICO PER LA PROGETTAZIONE DEFINITIVA - ESECUTIVA, DIREZIONE LAVORI,

Dettagli

Condizioni generali di fornitura

Condizioni generali di fornitura Condizioni generali di fornitura 1) Responsabilità di trasporto Resa e imballo a ns. carico. 2) Custodia dopo consegna in cantiere Dopo la posa da parte ns. del materiale / macchine in cantiere la responsabilità

Dettagli

CONTRATTO DI PRESTAZIONE IN REGIME DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA

CONTRATTO DI PRESTAZIONE IN REGIME DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA CONTRATTO DI PRESTAZIONE IN REGIME DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA L'Università degli Studi di Parma con sede in Parma, via Università n. 12 codice fiscale n. 00308780345 rappresentata dal

Dettagli

PROGETTO ESECUTIVO MODICA ART SYSTEM PO FERS SICILIA 2007 2013 ASSE III OBIETTIVO OPERATIVO 3.1.3. LINEE D INTERVENTO 3.1.3.3.

PROGETTO ESECUTIVO MODICA ART SYSTEM PO FERS SICILIA 2007 2013 ASSE III OBIETTIVO OPERATIVO 3.1.3. LINEE D INTERVENTO 3.1.3.3. CAPITOLATO DI APPALTO PER LA FORNITURA DI MATERIALE INFORMATICO PER I SITI MUSEO CIVICO F.L.BELGIORNO FOYER TEATRO GARIBALDI CENTER OF CONTEMPORARY ARTS PROGETTO ESECUTIVO MODICA ART SYSTEM PO FERS SICILIA

Dettagli

COSTO SERVIZI EROGATI - ANNO 2013

COSTO SERVIZI EROGATI - ANNO 2013 - ANNO 2013 TIPOLOGIA DEI A DEI (*) PERSONA LE A STAFF 1 - GIURICO ISTITUZIONALE Servizio sportello per il cittadino Organizzazione e guida alle opere d'arte presenti nelle sale della sede. Concessione

Dettagli

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO. Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO. Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431 CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431 e degli artt. 1571 e seguenti del codice civile. CON LA PRESENTE SCRITTURA PRIVATA la CAMERA

Dettagli

CONTRATTO DI COLLABORAZIONE A PROGETTO

CONTRATTO DI COLLABORAZIONE A PROGETTO CONTRATTO DI COLLABORAZIONE A PROGETTO AVVERTENZE PER LA REDAZIONE 1. La bozza di contratto proposta è da utilizzare come linea guida, potrà essere integrata e/o ridotta in funzione alle specifiche necessità.

Dettagli

COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera

COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera Cap. 75010 Via Sandro Pertini, 11 Tel. 0835672016 Fax 0835672039 Cod. fiscale 80001220773 REGOLAMENTO COMUNALE RECANTE NORME PER LA RIPARTIZIONE DELL INCENTIVO DI

Dettagli

Le novità per gli appalti pubblici

Le novità per gli appalti pubblici Le novità per gli appalti pubblici La legge 98/2013 contiene disposizioni urgenti per il rilancio dell economia del Paese e, fra queste, assumono particolare rilievo quelle in materia di appalti pubblici.

Dettagli

Quadro legislativo: Quali sono le leggi che regolamentano gli appalti pubblici?

Quadro legislativo: Quali sono le leggi che regolamentano gli appalti pubblici? Quadro legislativo: Quali sono le leggi che regolamentano gli appalti pubblici? Quali regolamenti si applicano per gli appalti sopra soglia? Il decreto legislativo n. 163 del 12 aprile 2006, Codice dei

Dettagli

Disciplina del recesso dai contratti per la fornitura di energia elettrica e/o di gas naturale ai clienti finali

Disciplina del recesso dai contratti per la fornitura di energia elettrica e/o di gas naturale ai clienti finali Disciplina del recesso dai contratti per la fornitura di energia elettrica e/o di gas naturale ai clienti finali Art. 1 Definizioni 1.1 Ai fini del presente provvedimento si applicano le seguenti definizioni:

Dettagli

PROVINCIA DI PESARO E URBINO

PROVINCIA DI PESARO E URBINO PROVINCIA DI PESARO E URBINO Regolamento interno della Stazione Unica Appaltante Provincia di Pesaro e Urbino SUA Provincia di Pesaro e Urbino Approvato con Deliberazione di Giunta Provinciale n 116 del

Dettagli

COMUNE DI TERRALBA. (Provincia di Oristano) Via Baccelli n 1 09098 Terralba Tel. 078385301 Fax 078383341 P.IVA 00063150957

COMUNE DI TERRALBA. (Provincia di Oristano) Via Baccelli n 1 09098 Terralba Tel. 078385301 Fax 078383341 P.IVA 00063150957 COMUNE DI TERRALBA (Provincia di Oristano) Via Baccelli n 1 09098 Terralba Tel. 078385301 Fax 078383341 P.IVA 00063150957 Ordinanza Sindacale n. 41/2012 Prot. n. 12292 ORDINANZA SINDACALE (Adozione misure

Dettagli

5.3.2.1.6 Sostegno agli investimenti non produttivi

5.3.2.1.6 Sostegno agli investimenti non produttivi 5.3.2.1.6 Sostegno agli investimenti non produttivi Riferimenti normativi Codice di Misura Articolo 36 (a) (vi) e 41 del Reg. (CE) N 1698/2005 e punto 5.3.2.1.6. dell Allegato II del Reg. (CE) 1974/06

Dettagli

Il Consiglio di Istituto

Il Consiglio di Istituto Prot. n. 442/C10a del 03/02/2015 Regolamento per la Disciplina degli incarichi agli Esperti Esterni approvato con delibera n.7 del 9 ottobre 2013- verbale n.2 Visti gli artt.8 e 9 del DPR n275 del 8/3/99

Dettagli

CITTA DI CASARSA DELLA DELIZIA Provincia di Pordenone AVVISO PUBBLICO PER LA GESTIONE DEGLI IMPIANTI SPORTIVI COMUNALI PERIODO 01/10/2008 30/09/2009

CITTA DI CASARSA DELLA DELIZIA Provincia di Pordenone AVVISO PUBBLICO PER LA GESTIONE DEGLI IMPIANTI SPORTIVI COMUNALI PERIODO 01/10/2008 30/09/2009 CITTA DI CASARSA DELLA DELIZIA Provincia di Pordenone Prot. n. AVVISO PUBBLICO PER LA GESTIONE DEGLI IMPIANTI SPORTIVI COMUNALI PERIODO 01/10/2008 30/09/2009 E intendimento dell Amministrazione Comunale,

Dettagli

CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO

CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO 1. Il presente Codice di Comportamento integrativo definisce, in applicazione dell'art. 54 del DLgs. n. 165/2001 come riformulato dall'art.1, comma

Dettagli

Comune di Grado Provincia di Gorizia

Comune di Grado Provincia di Gorizia Comune di Grado Provincia di Gorizia REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEGLI INCENTIVI PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI LAVORI PUBBLICI, AI SENSI DELL ART.11 DELLA LEGGE REGIONALE 31 MAGGIO 2002,

Dettagli

TERMINI E CONDIZIONI DI ACQUISTO STANDARD

TERMINI E CONDIZIONI DI ACQUISTO STANDARD TERMINI E CONDIZIONI DI ACQUISTO STANDARD Le presenti condizioni generali di acquisto disciplinano il rapporto tra il Fornitore di beni, opere o servizi, descritti nelle pagine del presente Ordine e nella

Dettagli

Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011

Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011 Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011 Codice identificativo n. [numero progressivo da sistema] CONTRATTO per il riconoscimento degli incentivi per

Dettagli

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE UNIVERSITA' DEGLI STUDI SASSARI UFFICIO TECNICO LAVORI DI RISTRUTTURAZIONE, RESTAURO CONSERVATIVO E ADEGUAMENTO NORMATIVO DELL EDIFICIO SITO IN SASSARI IN LARGO PORTA NUOVA DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

Dettagli

CONSORZIO VALLE CRATI

CONSORZIO VALLE CRATI CONSORZIO VALLE CRATI ART. 31 Dlgs 267/2000 87036 RENDE (CS) Nr. 17 DETERMINAZIONE DELL UFFICIO TECNICO Del 16.10.2014 Prot. nr. 1833 OGGETTO: Gestione tecnica, operativa ed amministrativa di manutenzione

Dettagli

L anno, il giorno del mese di in, con la presente scrittura privata valida a tutti gli effetti di legge TRA

L anno, il giorno del mese di in, con la presente scrittura privata valida a tutti gli effetti di legge TRA Allegato n.3 Schema di contratto per il comodato d uso gratuito di n. 3 autoveicoli appositamente attrezzati per il trasporto di persone con disabilità e n. 2 autoveicoli per le attività istituzionali

Dettagli

DISCIPLINARE D INCARICO PER L ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO DI VERIFICA FINALIZZATA ALLA VALIDAZIONE DEI PROGETTI ESECUTIVI DEI NUOVI OSPEDALI TOSCANI DI

DISCIPLINARE D INCARICO PER L ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO DI VERIFICA FINALIZZATA ALLA VALIDAZIONE DEI PROGETTI ESECUTIVI DEI NUOVI OSPEDALI TOSCANI DI DISCIPLINARE D INCARICO PER L ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO DI VERIFICA FINALIZZATA ALLA VALIDAZIONE DEI PROGETTI ESECUTIVI DEI NUOVI OSPEDALI TOSCANI DI PRATO, PISTOIA, LUCCA, E DELLE APUANE, AI SENSI DELL

Dettagli

AVVISO PUBBLICO P R O G R A M M A D I S V I L U P P O R U R A L E D E L L A R E G I O N E C A L A B R I A 2 0 0 7-2 0 1 3

AVVISO PUBBLICO P R O G R A M M A D I S V I L U P P O R U R A L E D E L L A R E G I O N E C A L A B R I A 2 0 0 7-2 0 1 3 AVVISO PUBBLICO P R O G R A M M A D I S V I L U P P O R U R A L E D E L L A R E G I O N E C A L A B R I A 2 0 0 7-2 0 1 3 A S S E 2 : M I G L I O R A M E N T O D E L L A M B I E N T E E D E L L O S P A

Dettagli

All Organismo Pagatore AGEA Via Palestro, 81 00185 ROMA. Via N. Tommaseo, 63-69 35131 PADOVA. Largo Caduti del Lavoro, 6 40122 BOLOGNA

All Organismo Pagatore AGEA Via Palestro, 81 00185 ROMA. Via N. Tommaseo, 63-69 35131 PADOVA. Largo Caduti del Lavoro, 6 40122 BOLOGNA AREA COORDINAMENTO Ufficio Rapporti Finanziari Via Salandra, 13 00187 Roma Tel. 06.49499.1 Fax 06.49499.770 Prot. N. ACIU.2015.140 (CITARE NELLA RISPOSTA) Roma li. 20 marzo 2015 Organismo Pagatore AGEA

Dettagli

15067 NOVI LIGURE AL. Tel.: 0143 744516 - Fax: 0143 321556 e-mail: srtspa@srtspa.it

15067 NOVI LIGURE AL. Tel.: 0143 744516 - Fax: 0143 321556 e-mail: srtspa@srtspa.it Allegato 4) Regolamento... li... ALLA SRT - SOCIETA PUBBLICA PER IL RECUPERO ED IL TRATTAMENTO DEI RIFIUTI S.p.A. Strada Vecchia per Boscomarengo s.n. 15067 NOVI LIGURE AL Tel.: 0143 744516 - Fax: 0143

Dettagli

e r r e 3 s t u d i o t e c n i c o a s s o c i a t o a r c h. c r i s t i n a r o s t a g n o t t o

e r r e 3 s t u d i o t e c n i c o a s s o c i a t o a r c h. c r i s t i n a r o s t a g n o t t o Come disposto nelle norme di attuazione, artt. 15, 16, 17 e dall Allegato 5 alle NTA del PTC2 gli strumenti urbanistici generali e le relative varianti assumono l obbiettivo strategico e generale del contenimento

Dettagli

TUTTO CIO PREMESSO, si conviene e si stipula quanto segue:

TUTTO CIO PREMESSO, si conviene e si stipula quanto segue: CONTRATTO DI GARANZIA CONDIZIONI GENERALI 1 Sviluppo Artigiano Società Consortile Cooperativa di Garanzia Collettiva Fidi, (d ora in avanti Confidi), con sede in 30175 Marghera Venezia - Via della Pila,

Dettagli

COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD -

COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD - COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD - REGOLAMENTO DI CONTABILITÀ SOMMARIO: Capo I - Le competenze del servizio economico-finanziario Capo II - La programmazione

Dettagli

DISCIPLINA DI SALVAGUARDIA DEL REGOLAMENTO URBANISTICO ADOTTATO

DISCIPLINA DI SALVAGUARDIA DEL REGOLAMENTO URBANISTICO ADOTTATO DIREZIONE URBANISTICA SERVIZIO Edilizia Privata, DISCIPLINA DI SALVAGUARDIA DEL REGOLAMENTO URBANISTICO ADOTTATO Deliberazione Consiglio Comunale n. 13/2014 SCHEDA INFORMATIVA Aprile 2014 In data 25 marzo

Dettagli

Il vecchio contadino in viaggio verso l Europa. Dove va il diritto agrario oggi?

Il vecchio contadino in viaggio verso l Europa. Dove va il diritto agrario oggi? Il vecchio contadino in viaggio verso l Europa. Dove va il diritto agrario oggi? Delle molte definizioni che sono state date, quella del «diritto della produzione agricola» o «diritto dell agricoltura»

Dettagli

AVVISO DI SELEZIONE PUBBLICA

AVVISO DI SELEZIONE PUBBLICA Viabilità Via Frà Guittone, 10 52100 Arezzo Telefono +39 0575 3354272 Fax +39 0575 3354289 E-Mail rbuffoni@provincia.arezzo.it Sito web www.provincia.arezzo.it C.F. 80000610511 P.IVA 00850580515 AVVISO

Dettagli

Il Commissario Delegato per la Ricostruzione Presidente della Regione Abruzzo

Il Commissario Delegato per la Ricostruzione Presidente della Regione Abruzzo Il Commissario Delegato per la Ricostruzione Presidente della Regione Abruzzo DECRETO N. 12 (Disposizioni regolamentari per la costituzione dei consorzi obbligatori ai sensi dell art. 7 dell ordinanza

Dettagli

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 SETTORE SEGRETARIO GENERALE SERVIZIO ELABORAZIONE DATI OGGETTO: 97.404,80 I.C. SERVIZIO DI ASSISTENZA TECNICA INTEGRALE E FORNITURA DI MATERIALE CONSUMABILE

Dettagli

COMUNE DI ALSENO Provincia di Piacenza

COMUNE DI ALSENO Provincia di Piacenza COMUNE DI ALSENO Provincia di Piacenza REGOLAMENTO SULL ORDINAMENTO DEGLI UFFICI E DEI SERVIZI Approvato con deliberazione di G.C. n. 232 in data 30.09.1998 Modificato con deliberazione di G.C. n. 102

Dettagli

La strategia regionale per l attuazione della politica degli acquisti

La strategia regionale per l attuazione della politica degli acquisti La strategia regionale per l attuazione della politica degli acquisti pubblici ecologici Olbia, 17 maggio 2013 Gli appalti pubblici coprono una quota rilevante del PIL, tra il 15 e il 17%: quindi possono

Dettagli

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ALL. 5 CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ***** Regolamento sul funzionamento dell Organismo Indipendente di valutazione \ Approvato con deliberazione

Dettagli

Provincia di Sassari. C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20

Provincia di Sassari. C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20 C O M U N E D I M A R A Provincia di Sassari C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20 Email: protocollo@comune.mara.ss.it Pec: protocollo@pec.comune.mara.ss.it SERVIZIO AFFARI

Dettagli

REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI

REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Allegato A alla delibera n. 129/15/CONS REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Articolo 1 Definizioni 1. Ai fini del presente

Dettagli

La Consegna dei Lavori

La Consegna dei Lavori La Consegna dei Lavori Il contratto viene posto in esecuzione dall Amministrazione con La consegna dei lavori. Si tratta, complessivamente, di una serie di atti di carattere giuridico e di operazioni materiali,

Dettagli

Lavori Pubblici: la disciplina del collaudo dell opera Normativa e prassi

Lavori Pubblici: la disciplina del collaudo dell opera Normativa e prassi COSTRUZIONI Lavori Pubblici: la disciplina del collaudo dell opera Normativa e prassi di Mauro Cappello Mauro Cappello GEOCENTRO/magazine pubblica, di Mauro Cappello, Ingegnere e Ispettore Verificatore

Dettagli

CONTRATTO DI PROCACCIAMENTO D AFFARI

CONTRATTO DI PROCACCIAMENTO D AFFARI CONTRATTO DI PROCACCIAMENTO D AFFARI eprice s.r.l. con Socio Unico (di seguito denominata "SITONLINE") con sede legale in Milano, via degli Olivetani 10/12, 20123 - Italia, Codice Fiscale e Partita I.V.A

Dettagli

PROCEDURE DEL MODELLO ORGANIZZATIVO 231 PROCEDURE DI CONTROLLO INTERNO (PCI)

PROCEDURE DEL MODELLO ORGANIZZATIVO 231 PROCEDURE DI CONTROLLO INTERNO (PCI) Pag. 1 di 16 PROCEDURE DEL MODELLO Pag. 2 di 16 Indice PROCEDURE DEL MODELLO... 1 PCI 01 - VENDITA DI SERVIZI... 3 PCI 02 PROCEDIMENTI GIUDIZIALI ED ARBITRALI... 5 PCI 03 AUTORIZZAZIONI E RAPPORTI CON

Dettagli

LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27. dalle fondamenta alla copertura un organismo edilizio funzionalmente autonomo.

LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27. dalle fondamenta alla copertura un organismo edilizio funzionalmente autonomo. 17875 LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27 Disposizioni urgenti in materia di prevenzione del rischio e sicurezza delle costruzioni Istituzione del fascicolo del fabbricato. IL CONSIGLIO REGIONALE HA

Dettagli

COMUNE DI ROVELLASCA

COMUNE DI ROVELLASCA COMUNE DI ROVELLASCA Provincia di COMO REGOLAMENTO SERVIZIO DI VOLONTARIATO CIVICO COMUNALE Approvato con deliberazione C.C. n. 5 del 13.04.2015 Ripubblicato all Albo pretorio dal 13.05.2015 al 28.05.2015

Dettagli

COMUNE DI NORMA. Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee. (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007)

COMUNE DI NORMA. Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee. (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007) COMUNE DI NORMA Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007) Articolo 1 SCOPI DEL REGOLAMENTO 1. L Amministrazione Comunale, in

Dettagli

Settori. Personale qualificato. Chi siamo

Settori. Personale qualificato. Chi siamo Settori Pubblico Pulizia di edifici di Pubbliche amministrazioni seguendo le richieste indicate nei capitolati d oneri, controllate inoltre delle specifiche norme UNI EN ISO 9001 e SA8000. Privato personalizzati

Dettagli

Giunta Regionale della Campania

Giunta Regionale della Campania Avvertenze: il testo vigente qui pubblicato è stato redatto dal Settore Legislativo dell'a.g.c. 01 della Giunta Regionale al solo fine di facilitare la lettura delle disposizioni della legge, integrata

Dettagli

I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità TITOLO RELAZIONE

I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità TITOLO RELAZIONE TITOLO RELAZIONE I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità A partire dal 3 gennaio 2013 è entrato in vigore il regolamento (UE)

Dettagli

Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015

Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015 IL PRESIDENTE IN QUALITA DI COMMISSARIO DELEGATO AI SENSI DELL ART. 1 COMMA 2 DEL D.L.N. 74/2012 CONVERTITO CON MODIFICAZIONI DALLA LEGGE N. 122/2012 Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015 Modalità attuative

Dettagli

Area Vigilanza AVVISA

Area Vigilanza AVVISA COMUNE DI VILLASOR Provincia di Cagliari Area Vigilanza P.zza Matteotti, 1 - C.A.P. 09034 Part. IVA 00530500925 Tel 070 9648023 - Fax 070 9647331 www.comune.villasor.ca.it C.F: 82002160925 MANIFESTAZIONE

Dettagli

COMUNE DI LENDINARA Provincia di Rovigo REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DIFESA DELL ASSETTO IDRAULICO DEL TERRITORIO

COMUNE DI LENDINARA Provincia di Rovigo REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DIFESA DELL ASSETTO IDRAULICO DEL TERRITORIO COMUNE DI LENDINARA Provincia di Rovigo REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DIFESA DELL ASSETTO IDRAULICO DEL TERRITORIO Approvato con Delibera di Consiglio Comunale n 74 del 30.11.2009 ESECUTIVO DAL 28.12.2009

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO COMUNE DI CISTERNA DI LATINA Medaglia d argento al Valor Civile REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 52 del 11.05.2009 a cura di : Dott. Bruno Lorello

Dettagli

REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U.

REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U. REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U. DISCIPLINA DEI LIMITI E DEI RAPPORTI RELATIVI ALLA FORMAZIONE DI NUOVI STRUMENTI URBANISTICI

Dettagli

COMUNE DI SORAGA COMUN DE SORAGA BANDO DI CONCORSO PER LA REALIZZAZIONE DI UN OPERA D ARTE PER L ABBELLIMENTO DE LA GRAN CIASA NEL COMUNE DI SORAGA

COMUNE DI SORAGA COMUN DE SORAGA BANDO DI CONCORSO PER LA REALIZZAZIONE DI UN OPERA D ARTE PER L ABBELLIMENTO DE LA GRAN CIASA NEL COMUNE DI SORAGA BANDO DI CONCORSO PER LA REALIZZAZIONE DI UN OPERA D ARTE PER L ABBELLIMENTO DE LA GRAN CIASA NEL COMUNE DI SORAGA ai sensi dell art. 20 della L.P. 3 gennaio 1983 n.2 e s.m. e i. e del relativo Regolamento

Dettagli

NORME E CONDIZIONI DEL SERVIZIO TELEPASS PYNG

NORME E CONDIZIONI DEL SERVIZIO TELEPASS PYNG NORME E CONDIZIONI DEL SERVIZIO TELEPASS PYNG Premessa TELEPASS S.p.A. Società per Azioni, soggetta all attività di direzione e coordinamento di Autostrade per l Italia S.p.A., con sede legale in Roma,

Dettagli

Contratto d appalto per servizi di facchinaggio, trasporto e trasloco per le. sedi di alcune Direzioni Regionali dell Agenzia delle Entrate (Lotto.

Contratto d appalto per servizi di facchinaggio, trasporto e trasloco per le. sedi di alcune Direzioni Regionali dell Agenzia delle Entrate (Lotto. Rep. n. Prot. n. 2009/ Contratto d appalto per servizi di facchinaggio, trasporto e trasloco per le sedi di alcune Direzioni Regionali dell Agenzia delle Entrate (Lotto.) REPUBBLICA ITALIANA Il giorno..

Dettagli

Tali premesse costituiscono parte integrante delle presenti condizioni generali di contratto

Tali premesse costituiscono parte integrante delle presenti condizioni generali di contratto CONDIZIONI GENERALI DI CONTRATTO RELATIVE ALL ACQUISTO DI DIRITTI DI UTILIZZAZIONE DELLE IMMAGINI DELL ARCHIVIO FOTOGRAFICO ON-LINE DEL SISTEMA MUSEI CIVICI DI ROMA CAPITALE Premesso che La Sovrintendenza

Dettagli

DELIBERE 2006 NUMERO E DATA DELIBERA

DELIBERE 2006 NUMERO E DATA DELIBERA DELIBERE 2006 NUMERO E DATA DELIBERA OGGETTO DELIBERA N. 4 DEL 09/01/06 REG. CE N 1257/99 PIANO DI SVILUPPO RURALE - ANNUALITÀ 2006 - PRESA D`ATTO DELLE PREVISIONI FINANZIARIE DI PROVINCE E COMUNITÀ MONTANE

Dettagli

L ATTUAZIONE DELLA LEGGE 56/14: IL RIORDINO DELLE FUNZIONI DELLE PROVINCE E DELLE CITTA METROPOLITANE L ACCORDO IN CONFERENZA UNIFICATA

L ATTUAZIONE DELLA LEGGE 56/14: IL RIORDINO DELLE FUNZIONI DELLE PROVINCE E DELLE CITTA METROPOLITANE L ACCORDO IN CONFERENZA UNIFICATA L ATTUAZIONE DELLA LEGGE 56/14: IL RIORDINO DELLE FUNZIONI DELLE PROVINCE E DELLE CITTA METROPOLITANE E L ACCORDO IN CONFERENZA UNIFICATA Roma 3 luglio 2014 PREMESSA La legge 7 aprile 2014, n. 56, Disposizioni

Dettagli

PROGRAMMA DI SILUPPO RURALE 2007-2013

PROGRAMMA DI SILUPPO RURALE 2007-2013 ASSESSORADU DE S AGRICULTURA E REFORMA AGROPASTORALE PROGRAMMA DI SILUPPO RURALE 2007-2013 REG. (CE) N. 1698/2005 MISURA 214 - PAGAMENTI AGROAMBIENTALI AZIONE 3 - TUTELA DEGLI HABITAT NATURALI E SEMINATURALI

Dettagli

CONTRATTO CON LO STUDENTE

CONTRATTO CON LO STUDENTE Si ricorda che alla domanda d iscrizione dovranno essere allegate 2 copie originali di questo contratto, tutte debitamente firmate dallo studente nelle parti indicate. CONTRATTO CON LO STUDENTE Il presente

Dettagli

CONTRATTO CON LO STUDENTE A.A. 2014/2015

CONTRATTO CON LO STUDENTE A.A. 2014/2015 Si ricorda che alla domanda d iscrizione dovranno essere allegate 2 copie originali di questo contratto, tutte debitamente firmate dallo studente nelle parti indicate. CONTRATTO CON LO STUDENTE A.A. 2014/2015

Dettagli

Progetto Rubiera Centro

Progetto Rubiera Centro LE POLITICHE DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA PER LA QUALIFICAZIONE DEI CENTRI COMMERCIALI NATURALI Progetti anno 2013 (D.G.R. n. 1822/2013) Bologna, 1 luglio 2014 Progetto Rubiera Centro Il progetto del comune

Dettagli

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani Comune di Ragusa Regolamento assistenza domiciliare agli anziani REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI approvato con delib. C.C. n.9 del del 24/02/84 modificato con delib. C.C.

Dettagli

FAQ: Condizionalità. Cosa si intende per condizionalità?

FAQ: Condizionalità. Cosa si intende per condizionalità? FAQ: Condizionalità Cosa si intende per condizionalità? La condizionalità è una delle maggiori novità introdotte dalla Politica Agricola Comune (PAC) approvata nel 2003. Rappresenta l insieme delle norme

Dettagli

Lettera d invito... 3. SEZIONE 1. PREMESSA, OBIETTIVI E AREE DI INTERVENTO... 4 1.1 Premessa... 4 1.2 Obiettivi e Aree di intervento...

Lettera d invito... 3. SEZIONE 1. PREMESSA, OBIETTIVI E AREE DI INTERVENTO... 4 1.1 Premessa... 4 1.2 Obiettivi e Aree di intervento... Bando Ambiente 2015 Sommario Lettera d invito... 3 SEZIONE 1. PREMESSA, OBIETTIVI E AREE DI INTERVENTO... 4 1.1 Premessa... 4 1.2 Obiettivi e Aree di intervento... 4 SEZIONE 2. CRITERI PER LA PARTECIPAZIONE

Dettagli

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale Giunta Regionale Direzione Generale delle Politiche Territoriali, Ambientali e per la Mobilità Area di Coordinamento Mobilità e Infrastrutture Settore Pianificazione del Sistema Integrato della Mobilità

Dettagli

FONDO MUTUALISTICO ALTRI SEMINATIVI

FONDO MUTUALISTICO ALTRI SEMINATIVI PREMESSA Si assiste sempre più spesso ad andamenti meteorologici imprevedibili e come tali differenti dall ordinario: periodi particolarmente asciutti alternati ad altri particolarmente piovosi. Allo stesso

Dettagli

COMUNE DI COLLESANO. Provincia di Palermo AREA TECNICO - MANUTENTIVA

COMUNE DI COLLESANO. Provincia di Palermo AREA TECNICO - MANUTENTIVA COMUNE DI COLLESANO Provincia di Palermo AREA TECNICO - MANUTENTIVA DETERMINAZIONE N. _791_ DEL _16.12.2013 (n int. _299_ del _16.12.2013_) OGGETTO: Lavori di Riqualificazione Quartiere Bagherino-Stazzone

Dettagli

Programma di Sviluppo Rurale per il Veneto 2007-2013 Asse 4 LEADER. 2. GAL Prealpi e Dolomiti

Programma di Sviluppo Rurale per il Veneto 2007-2013 Asse 4 LEADER. 2. GAL Prealpi e Dolomiti FEASR REGIONE DEL VENETO Fondo europeo agricolo per lo sviluppo rurale: l Europa investe nelle zone rurali SCHEDA INTERVENTO A REGIA GAL Approvata con Deliberazione del Consiglio Direttivo del GAL n. 16

Dettagli

CIRCOLARE N. 37/E. Roma, 29 dicembre 2006

CIRCOLARE N. 37/E. Roma, 29 dicembre 2006 CIRCOLARE N. 37/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 29 dicembre 2006 OGGETTO: IVA Applicazione del sistema del reverse-charge nel settore dell edilizia. Articolo 1, comma 44, della legge

Dettagli

Aggiornamento dell Albo dei fornitori di beni e servizi

Aggiornamento dell Albo dei fornitori di beni e servizi MINISTERO DELLE POLITICHE AGRICOLE, ALIMENTARI E FORESTALI UNIONE EUROPEA REGIONE PUGLIA ASSE IV LEADER Fondo Europeo Agricolo per lo Sviluppo Rurale: l Europa investe nelle zone rurali Programma di Sviluppo

Dettagli

LA NORMATIVA DI RIFERIMENTO: ASPETTI DI MAGGIOR RILIEVO E RICADUTE OPERATIVE

LA NORMATIVA DI RIFERIMENTO: ASPETTI DI MAGGIOR RILIEVO E RICADUTE OPERATIVE DATI E INFORMAZIONI DI INTERESSE AMBIENTALE E TERRITORIALE Terza sessione: IL CONTESTO NORMATIVO, L ORGANIZZAZIONE, GLI STRUMENTI LA NORMATIVA DI RIFERIMENTO: ASPETTI DI MAGGIOR RILIEVO E RICADUTE OPERATIVE

Dettagli

Programma Mini-Bond AVVISO PUBBLICO DI SELEZIONE

Programma Mini-Bond AVVISO PUBBLICO DI SELEZIONE Programma Mini-Bond AVVISO PUBBLICO DI SELEZIONE 1 aprile 2014 1 PREMESSA Il Consorzio camerale per il credito e la finanza, in accordo con Unioncamere Lombardia, intende individuare professionalità da

Dettagli

Aggiunte e modifiche al Regolamento per le prestazioni e gli onorari per l architettura SIA 102 (2003)

Aggiunte e modifiche al Regolamento per le prestazioni e gli onorari per l architettura SIA 102 (2003) Sezione della logistica Repubblica e Cantone Ticino Via del Carmagnola 7 Dipartimento delle finanze e dell'economia 6501 Bellinzona Divisione delle risorse Aggiunte e modifiche al Regolamento per le prestazioni

Dettagli

INCENTIVI PER ATTIVITA DI PROGETTAZIONE E DI PIANIFICAZIONE

INCENTIVI PER ATTIVITA DI PROGETTAZIONE E DI PIANIFICAZIONE II Commissario delegato per la ricostruzione - Presidente della Regione Abruzzo STRUTTURA TECNICA DI MISSIONE Azioni di supporto ai Comuni colpiti dal sisma del 6 aprile 2009 INCENTIVI PER ATTIVITA DI

Dettagli

Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA)

Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA) Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA) Ai progetti sottoposti alla procedura di impatto ambientale ai sensi degli articoli 52 e seguenti, è allegato uno studio di impatto ambientale, redatto

Dettagli

Raccordo tra VAS-VIA-VIC (Valutazione ambientale, Valutazione di impatto ambientale, Valutazione di incidenza)

Raccordo tra VAS-VIA-VIC (Valutazione ambientale, Valutazione di impatto ambientale, Valutazione di incidenza) Allegato 2 Raccordo tra VAS-VIA-VIC (Valutazione ambientale, Valutazione di impatto ambientale, Valutazione di incidenza) Sono molto frequenti le situazioni in cui l obbligo di effettuare valutazioni ambientali

Dettagli

COMUNE DI DONORI Provincia di Cagliari

COMUNE DI DONORI Provincia di Cagliari COMUNE DI DONORI Provincia di Cagliari - 2 COPIA- VERBALE DI ADUNANZA DEL CONSIGLIO COMUNALE Sessione Ordinaria Seduta Pubblica N. 2 Del 21.01.2010 OGGETTO: DETERMINAZIONE QUANTITA E QUALITA DELLE AREE

Dettagli

Prime ipotesi per una fattibilità dei Programmi Integrati per la salute in Marmilla

Prime ipotesi per una fattibilità dei Programmi Integrati per la salute in Marmilla Prime ipotesi per una fattibilità dei Programmi Integrati per la salute in Marmilla Cagliari 4 dicembre 2012 Centro di ricerca FO.CU.S. Progetto di ricerca a supporto dei territori per l individuazione

Dettagli

CO.PA.VIT. Consorzio Pataticolo dell Alto Viterbese

CO.PA.VIT. Consorzio Pataticolo dell Alto Viterbese CO.PA.VIT. Consorzio Pataticolo dell Alto Viterbese l unione fa la forza per restituire valore aggiunto alla produzione 1 Il Consorzio Il Consorzio CO.PA.VIT. è nato nel 2008 a partire da un iniziativa

Dettagli

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11 SEZIONE I 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11 LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI LEGGE REGIONALE 3 aprile 2006, n. 12 Norme in materia di polizia comunale. IL CONSIGLIO REGIONALE

Dettagli

LEGGI - REGOLAMENTI - DECRETI - ATTI DELLA REGIONE

LEGGI - REGOLAMENTI - DECRETI - ATTI DELLA REGIONE 6 PARTE PRIMA LEGGI - REGOLAMENTI - DECRETI - ATTI DELLA REGIONE Sezione I LEGGI REGIONALI LEGGE REGIONALE 17 settembre 2013, n. 16. Norme in materia di prevenzione delle cadute dall alto. Il Consiglio

Dettagli

RISOLUZIONE N. 69/E. Quesito

RISOLUZIONE N. 69/E. Quesito RISOLUZIONE N. 69/E Roma, 16 ottobre 2013 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Consulenza giuridica Art. 2, comma 5, d.l. 25 giugno 2008, n. 112 IVA - Aliquota agevolata - Opere di urbanizzazione primaria

Dettagli

Comune di Sant'Agata sul Santerno

Comune di Sant'Agata sul Santerno CdC CDR009 RESP. SEGRETERIA GENERALE PROGETTO RPP: AREA SERVIZI GENERALI RESPONSABILE: RAMBELLI STEFANO 100 Miglioramento e razionalizzazione attività ordinarie Area Servizi Generali 1 UFFICIO SEGRETERIA

Dettagli

REGOLAMENTO PER ATTIVITA DI VIGILANZA E COLLAUDO DELLE OPERE DI URBANIZZAZIONE

REGOLAMENTO PER ATTIVITA DI VIGILANZA E COLLAUDO DELLE OPERE DI URBANIZZAZIONE REGOLAMENTO PER ATTIVITA DI VIGILANZA E COLLAUDO DELLE OPERE DI URBANIZZAZIONE CAPO AREA INFRASTRUTTURE CIVILI ING. WALTER RICCI DIRIGENTE SERVIZIO STRADE ARCH. MARTA MAGNI CAPO AREA PIANIFICAZIONE TERRITORIALE

Dettagli

COMUNE di VANZAGO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI E BENEFICI ECONOMICI A PERSONE ED ENTI PUBBLICI O PRIVATI

COMUNE di VANZAGO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI E BENEFICI ECONOMICI A PERSONE ED ENTI PUBBLICI O PRIVATI COMUNE di VANZAGO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI E BENEFICI ECONOMICI A PERSONE ED ENTI PUBBLICI O PRIVATI INDICE CAPO I - NORME GENERALI ART: 1 - FINALITA ART.

Dettagli