Paghe. Somministrazione con contratto di apprendistato Barbara Maiani - Consulente del lavoro

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Paghe. Somministrazione con contratto di apprendistato Barbara Maiani - Consulente del lavoro"

Transcript

1 Somministrazione con contratto di apprendistato Barbara Maiani - Consulente del lavoro Con un espressione alquanto sintetica, l art. 2, c. 3 del D.Lgs. n. 167/2011 (Testo Unico dell apprendistato) ammette la possibilità - per i datori di lavoro - di ricorrere al contratto di apprendistato per il tramite di un Agenzia per il lavoro, impiegando indirettamente l apprendista attraverso un contratto di prestazione di lavoro somministrato. Invero, la percorribilità di questo istituto a gradiente formativo nell ambito della somministrazione di lavoro era già contenuta nella prima stesura del D.Lgs. n. 276/2003 che, si ricorda, ha riformato in maniera sostanziale la disciplina del lavoro interinale di cui alla legge n. 196/1997, non limitandosi ad un semplice restyling terminologico, ma incidendo anche sulle possibilità di utilizzo di questo strumento e ammettendo il ricorso alla somministrazione a tempo indeterminato da parte delle imprese utilizzatrici (cosiddetto staff leasing). Mentre nell originario intento del legislatore l utilizzo del contratto di apprendistato era facoltà riservata alla sola Agenzia, che poteva ben assumere i propri dipendenti - ancorché somministrati - con qualsiasi forma di lavoro subordinata tipizzata, il legislatore del Testo Unico capovolge i termini della questione, ammettendo invece l apprendistato in somministrazione quale canale alternativo all assunzione diretta da parte del datore di lavoro/impresa utilizzatrice. Disciplina previgente Apprendistato in staff leasing La diversa prospettiva con cui si pone il legislatore nei due articolati normativi emerge chiaramente dalla lettura dell art. 22, c. 1 del D.Lgs. n. 276/2003 (poi abrogato dalla legge n. 247/2007) e dell art. 2, c. 3 del D.Lgs. n. 167/2011. Nel primo infatti si stabiliva che «In caso di somministrazione a tempo indeterminato i rapporti di lavoro tra somministratore e prestatori di lavoro sono soggetti alla disciplina generale dei rapporti di lavoro di cui al codice civile e alle leggi speciali». Con circ. n. 7/2005, il Ministero del lavoro aveva successivamente chiarito che - tale espressione - lasciava campo libero alle Agenzie per il lavoro, che avevano facoltà di indirizzare la scelta sulla tipologia contrattuale per i propri dipendenti somministrati nell ambito dello staff leasing fra diverse forme di lavoro subordinato (ovviamente in quanto compatibili con l istituto della somministrazione). Nella citata circolare si legge infatti come «... Nel caso della somministrazione a tempo indeterminato è anche possibile il ricorso al contratto di apprendistato e al contratto di inserimento purché le modalità di esecuzione del rapporto di lavoro consentano la realizzazione delle finalità di formazione ovvero di adattamento delle competenze professionali del lavoratore a un determinato contesto lavorativo tipiche di questi contratti...». Peraltro, la contrattazione collettiva di settore delle Apl (Agenzie per il lavoro) non aveva mai dato concreto seguito a questa interpretazione ministeriale, rendendo di fatto non percorribile il ricorso all apprendistato nell ambito di rapporti di lavoro somministrato. 4/

2 Paghe Disposizioni del Testo Unico Diversamente, il legislatore del Testo Unico interviene sulla questione apprendistato in somministrazione non tanto con riferimento alle Agenzie per il lavoro bensì ai singoli datori di lavoro nella veste di imprese utilizzatrici. Infatti, l art. 2 al c. 3 precisa come il numero complessivo di apprendisti che un datore di lavoro può assumere deve essere valutato con riferimento sia alle assunzioni dirette che a quelle effettuate «indirettamente per il tramite delle agenzie di somministrazione di lavoro ai sensi dell articolo 20 del decreto legislativo 10 settembre 2003, n. 276, e successive modificazioni». La contrattazione collettiva ha dato concreta attuazione al disposto del Testo Unico con un accordo nazionale - siglato in data 5 aprile tra la principale associazione di categoria delle Apl (Agenzie per il lavoro) Assolavoro e due sigle sindacali Cisl e Uil. Peraltro, come ha avuto modo di sottolineare il Ministero del lavoro con la recente circolare n. 5/2013, il ricorso alla somministrazione con contratto di apprendistato può avvenire unicamente nell ambito di somministrazioni a tempo indeterminato e non anche a tempo determinato (come invece aveva ipotizzato la contrattazione collettiva nel citato accordo del 5 aprile 2012). Il cambiamento ha effetti importanti sotto il profilo applicativo. Infatti, nella prima impostazione dell apprendistato in somministrazione l utilizzatore poteva ben ignorare la natura del rapporto contrattuale che legava l agenzia con il lavoratore, restando in capo alla sola agenzia la scelta del percorso formativo e la sua realizzazione, seppur ovviamente nei contenuti non poteva prescindere dall attività concreta che poi il lavoratore apprendista era chiamato a svolgere presso l utilizzatore. Quest aspetto conduceva altresì ad un altra importante conseguenza, ovvero la non computabilità dell apprendista somministrato tra i contratti di apprendistato dell utilizzatore, in quanto computabile in carico al somministratore. Nell assetto normativo attuale, invece, l apprendista è si assunto dall agenzia, ma «indirettamente» è un apprendista a tutti gli effetti dell utilizzatore e - in quanto tale - segue le regole e la disciplina del percorso formativo applicabile agli apprendisti assunti direttamente dall utilizzatore. Limitazioni settoriali Piano formativo Durata, inquadramento e retribuzione Caratteristiche del contratto Il contratto di apprendistato - così come il piano formativo - è stipulato in forma scritta tra Agenzia per il lavoro e lavoratore. La contrattazione collettiva delle Apl prevede l applicabilità dello schema contrattuale al solo apprendistato professionalizzante. L assunzione - come si è detto - può avvenire unicamente a tempo indeterminato (staff leasing). Il decreto crescita (D.L. n. 83/2012, conv. in legge n. 134/2012, art. 46-bis c. 1, lett. b) ha però escluso l apprendistato dalle limitazioni settoriali della somministrazione a tempo indeterminato. Pertanto, l assunzione potrà avvenire in qualsiasi settore produttivo, nel rispetto e nelle ipotesi previste dal Ccnl di categoria dell impresa utilizzatrice. Il piano formativo deve essere redatto congiuntamente - dall Apl e dall impresa utilizzatrice - sulla base delle disposizioni del Ccnl dell impresa utilizzatrice. La contrattazione collettiva delle Apl ha previsto la sua validazione da parte dell ente bilaterale FORMATEMP entro 30 giorni dall inizio della missione. Per ciò che concerne la durata del contratto, l inquadramento a fini contrattuali da raggiungere, l orario di lavoro e gli aspetti retributivi, questi sono determinati in base alle disposizioni previste dal Ccnl dell impresa utilizzatrice /2013

3 Periodo di prova Diversamente, il periodo di prova è determinato in base alle durate previste dal Ccnl dell Apl, fatto salvo il caso in cui la durata del periodo di prova prevista dalla contrattazione collettiva di categoria dell utilizzatore preveda durate inferiori, nel qual caso si applica quest ultima. Adempimenti dell Agenzia per il lavoro Tutor Obbligo formativo La scelta del percorso formativo e dei suoi contenuti deve avvenire con riferimento alle disposizioni contrattuali del Ccnl dell impresa utilizzatrice, pur restando in capo all Agenzia per il lavoro la scelta sui tempi e modalità di erogazione della formazione. Pertanto, responsabile del corretto adempimento dell obbligo formativo è l Agenzia per il lavoro, che sostiene anche i costi della formazione (salvo poi, rivalersi sull impresa utilizzatrice). Eventuali inadempimenti nella realizzazione del percorso formativo saranno quindi imputabili all Agenzia per il lavoro. L Agenzia è tenuta quindi a verificare il rispetto del piano formativo, sia in termini di contenuti che di impegno orario. È tenuta altresì ad attestare l effettivo svolgimento della formazione, sulla base delle dichiarazioni rilasciate dall impresa utilizzatrice (almeno relativamente alla formazione on the job). A tal fine, l Apl nomina un proprio tutor tra i propri dipendenti diretti o tra i consulenti esterni, il quale - previa verifica del possesso di adeguate competenze professionali - viene iscritto presso un apposito albo tenuto a cura dell ente bilaterale di settore FORMATEMP. Il tutor d agenzia, così denominato, può seguire un massimo di 25 apprendisti per la medesima qualifica e 20 nel caso in cui il percorso formativo sia differente pressoilmedesimo utilizzatore. È prevista anche la nomina di un tutor da parte dell impresa utilizzatrice, anche in ragione del fatto che potere direttivo e di controllo restano in ogni caso in capo a quest ultima. La funzione del tutor dell utilizzatore sarà pertanto quella di coordinare e organizzare la formazione e il lavoro dell apprendista all interno dell impresa. Percentuali di impiego Percentuali di conferma Computo dell apprendista nell organico aziendale L apprendista impiegato per il tramite dell Agenzia per il lavoro è computabile - ai fini della determinazione del numero massimo di apprendisti che un singolo datore di lavoro può occupare contestualmente - al pari degli apprendisti assunti direttamente dall impresa utilizzatrice. Non rientra però nel computo dell organico aziendale ad altri effetti, ad eccezione delle disposizioni relative alla salute e sicurezza dei lavoratori (i lavoratori somministrati sono infatti da computare nell organico dell utilizzatore, ai soli fini delle disposizioni in materia di salute e sicurezza nei luoghi di lavoro, in base alle ore effettivamente prestate nell arco di un semestre). La legge n. 92/2012 non precisa se l apprendista somministrato - nel caso venga assunto direttamente dall impresa utilizzatrice durante o al termine del percorso di apprendistato - possa essere computato ai fini del rispetto delle percentuali minime di conferma previste dal Testo Unico da parte dell impresa utilizzatrice. Un esclusione dalla base di computo per il rispetto delle percentuali di conferma però finirebbe per ridurre le possibilità di stabilizzazione dell apprendista nei confronti dell utilizzatore. Su questo l Accordo interconfederale per l attuazione del D.Lgs. n. 167/2011 per le Agenzie per il lavoro siglato in data 5 aprile 2012 sembra andare nella direzione di privile- 4/

4 Paghe giare la conferma presso l utilizzatore, in quanto ritiene applicabili - alla somministrazione a tempo indeterminato con contratto di apprendistato - le percentuali di conferma previste dalla contrattazione collettiva dell impresa utilizzatrice. Analogamente, quanto chiarito dall Inps nella sua circ. n. 128/2012 in merito alle agevolazioni previste per l assunzione di apprendisti in somministrazione, fa propendere per una piena equiparazione degli apprendisti in somministrazione agli apprendisti assunti direttamente dal medesimo utilizzatore. Accordo interconfederale per l attuazione del T.U. D.Lgs. n. 167/2011 in materia di apprendistato. Agenzie per il lavoro - 5 aprile 2012 Tipologie disciplinate Campo di applicazione oggettivo Campo di applicazione soggettivo Competenza contrattuale nella disciplina dell istituto Clausole relative alla validità transitoria della disciplina contenuta nell accordo interc. Esclusioni Contratto individuale di apprendistato - contenuto Procedura per l assunzione Limiti di età Percentuali di impiego Contenuti dell Accordo Disciplina unicamente l apprendistato professionalizzante in somministrazione, a fronte di uno o più contratti di somministrazione a tempo determinato (ipotizza anche la somministrazione verso uno o più utilizzatori, esclusa però dalla legge n. 92/2012) Si applica a tutti i contratti di somministrazione siglati ai sensi dell art. 2, c. 3, D.Lgs. n. 167/2011 per la somministrazione di apprendisti assunti per il tramite delle Apl autorizzate Si applica ai contratti di apprendistato siglati dal dalle Apl, in quanto strettamente collegato ai Ccnl e accordi interconfederali delle imprese utilizzatrici Si applica a tutti i contratti di apprendistato professionalizzante in somministrazione stipulati ai sensi dell art. 2, c. 3, D.Lgs. n. 167/2011 L accordo - unico per il settore dei lavoratori somministrati - si applica a tutti i settori ove è intervenuta la contrattazione collettiva di categoria o accordi interconfederali a regolamentare l apprendistato professionalizzante, ai sensi della nuova disciplina contenuta nel T.U. Apprendistato. Ciò in quanto parte rilevante della disciplina del contratto fa riferimento alla contrattazione collettiva delle imprese utilizzatrici Sono esclusi gli apprendisti minorenni, anche se in possesso di qualifica professionale Il contratto di apprendistato professionalizzante in somministrazione è redatto in forma scritta, è a tempo indeterminato e contiene i seguenti elementi: retribuzione, inquadramento e orario di lavoro secondo quanto previsto dal Ccnl dell impresa utilizzatrice; periodo di prova redatto ai sensi del Ccnl per le Apl (o minor durata prevista dalla contrattazione collettiva dell impresa utilizzatrice) L Apl procede all assunzione e alla redazione - in collaborazione con l impresa utilizzatrice - del Pfi. Il Pfi deve essere sottoposto al parere di conformità di FORMATEMP entro 30 giorni dall inizio della missione Si applica ai contratti di apprendistato professionalizzante in somministrazione siglati per giovani dai 18 ai 29 anni di età Sono previste unicamente in caso di apprendistato in somministrazione da svolgersi presso più utilizzatori. In questo caso l Apl non può assumere un numero di apprendisti superiore al numero di lavoratori qualificati in somministrazione assunti a tempo indeterminato o - in caso di mancanza di lavoratori somministrati assunti a tempo indeterminato - può assumere un massimo di 3 apprendisti in somministrazione da inviare in missione presso più utilizzatori. In ragione dell esclusione della somministrazione a tempo determinato per l apprendistato tali percentuali non trovano applicazione concreta. segue /2013

5 Periodo di prova Trattamento normativo Lavoro a tempo parziale Piano formativo individuale - schema tipo Periodo di formazione Tutor interno Modalità di erogazione della formazione In caso di somministrazione presso un unica impresa utilizzatrice, dovrà farsi riferimento alle percentuali massime di impiego dell impresa utilizzatrice, tenendo conto anche degli apprendisti assunti direttamente dalla stessa Fissato ai sensi dell art. 28 lett. B), Ccnl delle Apl per i lavoratori assunti a tempo indeterminato e inquadrati nei gruppi omogenei di riferimento (o, se di minor durata, secondo quanto previsto dalla contrattazione collettiva dell impresa utilizzatrice) Per ciò che riguarda il trattamento normativo, all apprendista somministrato si applicano le disposizioni previste per apprendisti professionalizzanti assunti direttamente dall impresa utilizzatrice (trattamenti comparabili) Non disciplinato. Ammesso nel caso in cui la contrattazione collettiva dell impresa utilizzatrice lo preveda Deve essere redatto secondo quanto stabilito dalla contrattazione collettiva dell impresa utilizzatrice. Non è presente alcun fac simile né riferimenti specifici al contenuto del Pfi. Deve essere redatto dall Apl congiuntamente all impresa utilizzatrice e deve essere sottoposto al parere di conformità di FORMATEMP entro 30 giorni dall inizio della missione dell apprendista somministrato. FORMATEMP si esprime - attraverso apposita commissione - entro 30 giorni dalla presentazione del Pfi, per il quale può richiedere integrazioni o riformulazioni. In caso di mancata risposta entro 30 giorni, il Pfi si intende tacitamente approvato. Il piano formativo deve riportare tutto il percorso formativo necessario ai fini dell attribuzione della prevista qualifica professionale e deve essere inviato per conoscenza alle Commissioni Sindacali Territoriali competenti (ove presenti) Il periodo di formazione è fissato in base a quanto previsto per lavoratori comparabili dalla contrattazione collettiva dell impresa utilizzatrice. Nel caso di somministrazione che coinvolga più utilizzatori la durata minima di ciascuna missione non può essere inferiore a 12 mesi (e conseguentemente il periodo formativo presso ciascun utilizzatore) Sono previsti due tutor: 1) un tutor aziendale, nominato dall impresa utilizzatrice e scelto tra lavoratori che ricoprono una qualifica professionalizzante non inferiore a quella individuata nel Pfi e che possiedono competenze adeguate e un livello di inquadramento pari o superiore a quello che l apprendista conseguirà alla fine del periodo di apprendistato; 2) un tutor d agenzia (Tda), dipendente o consulente dell Apl, il quale deve essere iscritto in apposito Albo istituito presso FORMATEMP. Il Tda deve essere nominato tra coloro che possiedono adeguate competenze professionali, derivanti da: un esperienza professionale non inferiore a 2 anni acquisita in qualità di dirigente, quadro, funzionario o professionista nel campo della gestione o della ricerca e selezione del personale o della fornitura di lavoro temporaneo o della ricollocazione professionale o dei servizi per l impiego o della formazione professionale o di orientamento o della mediazione tra domanda e offerta di lavoro o nel campo delle relazioni sindacali. Il Tda può seguire al massimo 25 apprendisti che svolgano il percorso formativo presso la stessa impresa utilizzatrice o 20 apprendisti, nel caso di diversi piani formativi presso la stessa impresa utilizzatrice. Nelle ipotesi di apprendistato con più utilizzatori il Tda può seguire un massimo di 18 apprendisti presso il medesimo utilizzatore o 10 apprendisti presso più utilizzatori. Il limite di cui sopra deve intendersi (pur nel silenzio dell accordo) come requisito da rispettare contemporaneamente. I compiti e le funzioni del Tda sono descritte all art. 4 dell accordo Le modalità di erogazione della formazione sono stabilite in base a quanto previsto dalla contrattazione collettiva dell impresa utilizzatrice. Il tutor d agenzia, in accordo con le Oo.Ss., definisce la eventuale formazione sussidiaria erogata presso gli enti formativi accreditati da FORMATEMP, nel caso in cui si renda necessario integrare la formazione professionale realizzata presso l impresa utilizzatrice segue 8 4/

6 Paghe Durata e contenuti della formazione Durata del contratto di apprendistato Riconoscimento periodi di appr.to precedenti Formazione per imprese multilocalizzate Trattamento economico Sospensione del rapporto Trattamento economico di malattia Previdenza e assistenza sanitaria integrativa Riconoscimento della qualifica professionale Recesso e preavviso Percentuale di conferma La durata e i contenuti della formazione sono stabiliti in base a quanto previsto dalla contrattazione collettiva dell impresa utilizzatrice La durata del contratto di apprendistato professionalizzante in somministrazione - sia nel caso di somministrazione presso un unico utilizzatore che presso più utilizzatori - deve essere stabilita in base a quanto previsto dalla contrattazione collettiva dell impresa utilizzatrice Non previsto. Occorre fare riferimento alla contrattazione collettiva dell impresa utilizzatrice Non disciplinato. Occorre fare riferimento alla contrattazione collettiva dell impresa utilizzatrice La retribuzione dell apprendista professionalizzante in somministrazione è fissata in base alle previsioni della contrattazione collettiva dell impresa utilizzatrice per lavoratori comparabili (apprendisti assunti direttamente dall impresa utilizzatrice per percorsi formativi analoghi all apprendista somministrato) È prevista la sospensione del rapporto in caso di malattia, infortunio o altra causa di sospensione del rapporto. La durata del contratto iniziale può essere prorogata in base alle disposizioni della contrattazione collettiva dell impresa utilizzatrice o, in mancanza, in base a quanto previsto dal T.U. Apprendistato (art. 2, c. 1, lett. h, D.Lgs. n. 167/2011). Lo spostamento del termine finale del periodo di apprendistato deve essere comunicato per iscritto all apprendista almeno 30 giorni prima della scadenza del termine iniziale, con indicazione del nuovo termine del periodo formativo. I periodi di assenza superiori a 30 giorni e utili ai fini della proroga, devono essere comunicati all apprendista entro 30 giorni dalla loro maturazione Nel silenzio dell accordo, le integrazioni in caso di malattia dell apprendista somministrato devono far riferimento alle previsioni del Ccnl delle Apl per i lavoratori assunti a tempo indeterminato per mansioni comparabili Le parti riconoscono che gli apprendisti rispondono ai requisiti di iscrivibilità a FORMATEMP Al termine del periodo di apprendistato, l Apl attesta l avvenuta formazione dando comunicazione all apprendista dell acquisizione della qualifica professionale. L Apl è tenuta altresì a comunicare a FORMATEMP - entro 5 giorni dal riconoscimento della qualifica - i nominati degli apprendisti ai quali è stata attribuita la qualifica L Apl può recedere dal rapporto di apprendistato al termine del periodo di apprendistato, ai sensi dell art c.c. comunicando la disdetta per iscritto entro 30 giorni a decorrere dal termine del periodo di formazione. In caso di mancato recesso, l apprendista si intende assunto a tempo indeterminato da parte dell Apl. Durante il rapporto di apprendistato, la risoluzione è ammessa unicamente a fronte di una giusta causa o giustificato motivo di recesso, fatto salvo quanto previsto dalla contrattazione collettiva dell impresa utilizzatrice Sono previste percentuali di conferma unicamente per l apprendistato in somministrazione a tempo determinato da svolgersi presso più utilizzatori (ipotesi non ammessa dal legislatore). In caso di somministrazione presso un unica impresa utilizzatrice, dovrà farsi riferimento alle percentuali di conferma previste dalla contrattazione collettiva dell impresa utilizzatrice, tenendo conto anche degli apprendisti assunti direttamente dalla stessa 192 4/2013

7 Misura Comunicazione al lavoratore e all impresa utilizzatrice Al termine del rapporto Durante il rapporto Maggiori costi per l utilizzatore Agevolazioni contributive Come ha chiarito l Inps con circ. n. 128/2012, la misura dell agevolazione contributiva spettante in relazione all assunzione dell apprendista somministrato non prende a riferimento i limiti dimensionali dell Agenzia per il lavoro, bensì quelli dell utilizzatore, così come avviene - per analogia - nella somministrazione di personale effettuata da una Apl e motivata da una sostituzione di maternità presso un utilizzatore con meno di 20 dipendenti (vedi art. 4, c. 3, D.Lgs. n. 151/2001). Infatti, in ragione del fatto che l apprendista entra nel computo del numero massimo di apprendisti che l utilizzatore può impiegare e che l assunzione avviene pertanto «indirettamente» per il tramite dell Agenzia per il lavoro, una diversa interpretazione costituirebbe per l utilizzatore una penalizzazione rispetto ad una assunzione diretta in apprendistato. Sospensione e proroga del contratto In caso di assenza dell apprendista somministrato per malattia, infortunio o altra causa di sospensione del rapporto, l accordo 5 aprile 2012 prevede la possibilità di prorogare il contratto iniziale in base alle disposizioni della contrattazione collettiva dell impresa utilizzatrice o, in mancanza, in base a quanto previsto dal T.U. Apprendistato (art. 2, c. 1, lett. h, D.Lgs. n. 167/2011). L eventuale spostamento del termine finale del periodo di apprendistato deve essere comunicato per iscritto all apprendista almeno 30 giorni prima della scadenza del termine iniziale, con indicazione del nuovo termine del periodo formativo. Di tale nuovo termine deve esserne data contestualmente informazione anche all impresa utilizzatrice. I periodi di assenza superiori a 30 giorni e utili ai fini della proroga, devono essere comunicati all apprendista entro 30 giorni dalla loro maturazione. Recesso dal contratto Al termine del periodo di apprendistato l Agenzia per il lavoro può recedere ai sensi dell art c.c. comunicando la disdetta per iscritto entro 30 giorni a decorrere dal termine del periodo di formazione. In caso di mancato recesso, l apprendista si intende assunto a tempo indeterminato da parte dell Agenzia per il lavoro. Si ricorda come sia fatto divieto all Agenzia per il lavoro di inserire clausole nel contratto di lavoro somministrato che siano dirette a limitare, anche indirettamente, la possibilità per l utilizzatore di assumere alla fine del contratto il lavoratore, ancorché apprendista (art. 23, c. 8, D.Lgs. n. 276/2003). Durante il rapporto di apprendistato, la risoluzione è ammessa unicamente a fronte di una giusta causa o giustificato motivo di recesso, fatto salvo quanto previsto dalla contrattazione collettiva dell impresa utilizzatrice. Vantaggi per il datore di lavoro Per un datore di lavoro la scelta tra un assunzione diretta in apprendistato e per il tramite di un Agenzia per il lavoro può avere alcuni vantaggi, non direttamente di carattere economico. Ad un primo sguardo al solo costo per l impresa, potrebbe sembrare che il ricorso all Agenzia per l assunzione indiretta di un apprendista comporti un costo maggiore per l utilizzatore. Ciò in ragione del fatto che - a parità di retribuzione spettante all apprendista e di agevolazioni contributive - la retribuzione lorda del lavoratore somministrato è gravata da 4/

8 Paghe Costo rateizzato per la formazione Costi di gestione amministrativa e contabile Esclusione dal computo dell organico aziendale Flessibilità in uscita un contributo aggiuntivo del 4% destinato al Fondo bilaterale FORMATEMP e - inoltre - sul costo complessivo, viene inoltre applicato il mark up dell Agenzia per il lavoro per l attività svolta. Peraltro, dal 1º gennaio 2013, anche alla somministrazione di lavoro si applica la contribuzione aggiuntiva prevista dalla legge n. 92/2012 per le assunzioni a tempo determinato (si segnala in particolare come la Legge di stabilità n. 228/ abbia fatto venir meno la convenienza della somministrazione rispetto al tempo determinato, non consentendo - contrariamente a quanto previsto inizialmente dalla legge n. 92/ di sottrarre la contribuzione aggiuntiva dell 1,4% dal contributo FORMATEMP per tutto l anno 2013). A ben vedere, il maggior costo si traduce a conti fatti in un risparmio effettivo. Infatti, la contribuzione a FORMATEMP è finalizzata a sostenere il costo della formazione dell apprendista con un costo paragonabile (se non inferiore) a quello che l azienda sosterebbe per la formazione formale. Con la differenza che, nel caso del ricorso all Agenzia per il lavoro, il costo per la formazione è di fatto rateizzato e distribuito su ogni retribuzione, mentre - nel caso di assunzione diretta - i datori di lavoro sono spesso chiamati a sostenerla in un unica soluzione. Inoltre, non solo l impresa utilizzatrice non deve preoccuparsi del costo della formazione, ma della stessa organizzazione, validazione e certificazione finale, funzioni queste poste in capo all Agenzia, che - come si è detto - è anche responsabile del corretto svolgimento del percorso formativo. Passando poi ad analizzare il mark up applicato dall Agenzia, questo ha la funzione di compensare il costo di gestione amministrativa e contabile dell apprendista. A ciò si aggiunga che l utilizzatore gode comunque di quei vantaggi di flessibilità tipici della somministrazione. Inoltre, il lavoratore somministrato - anche se in apprendistato - non entra nel computo dell organico aziendale dell utilizzatore (se non per la percentuale massima di apprendisti occupabili contestualmente). A ciò si aggiunga che il lavoratore somministrato gode comunque di tutti i diritti del lavoratore assunto direttamente dall utilizzatore, con in più una tutela - già definita in sede di contrattazione collettiva delle Apl - in caso di impossibilità a proseguire nel rapporto contrattuale, ad esempio per calo dell attività dell utilizzatore. Infatti, l art. 40 del Ccnl della Apl prevede, nel caso in cui le misure di politica attiva non siano percorribili (es. invio in missione presso altro utilizzatore), un meccanismo di flessibilità in uscita concordata, che tutela anche i lavoratori apprendisti /2013

9 Confronto tra il costo di assunzione diretta di un apprendista e utilizzo in somministrazione Assunzione diretta Utilizzo in somministrazione Paga base 7,744 7,744 Premio regionale 0,426 0,426 Paga oraria 8,17 8,17 Tredicesima 0, , Ferie 0, , Rol, ex festività 0, , Imponibile previdenziale 9, , Contribuzione Inps carico d.d.l. 1, , (*) Contribuzione FORMATEMP 0 0, Totale contributi 1, , T.F.R. 0, , Costo orario (costo diretto) 11, , Costo orario per la formazione esterna 0, (hp 600 euro di costo per anno) Costo gestione amm. Personale 0, Mark up agenzia per il lavoro (12% sul costo orario) 0 1, Totale costo orario (elementi diretti e indiretti) 12, , Totale costo mensile 2092, , (*) Poiché la società di fornitura paga il contributo del 4% per la formazione a FORMATEMP è esonerata dall aliquota dello 0,30% (quota dell 1,61% per la disoccupazione) dovuto dalla generalità dei datori di lavoro. 4/

SCHEDA N. 3 3.B APPRENDISTATO PER LA QUALIFICA E PER IL DIPLOMA PROFESSIONALE

SCHEDA N. 3 3.B APPRENDISTATO PER LA QUALIFICA E PER IL DIPLOMA PROFESSIONALE SCHEDA N. 3 CONTRATTO DI APPRENDISTATO D. Lgs. 167/2011, aggiornato alla L. 92/2012 (riforma Fornero), alla L. 99/2013 di conversione del D.L. 76/2013 e alla L. 78/2014 di conversione del D.L. 34/2014

Dettagli

2. APPRENDISTATO IN SOMMINISTRAZIONE di Andrea Morzenti

2. APPRENDISTATO IN SOMMINISTRAZIONE di Andrea Morzenti 2. di Andrea Morzenti CONTRATTO DI APPRENDISTATO Decreto Legislativo n. 167/2011 (Testo Unico Apprendistato) DEFINZIONE (art. 1, comma 1) L'apprendistato è un contratto di lavoro a tempo indeterminato

Dettagli

STUDIO DI CONSULENZA DEL LAVORO CASIGLIA LAURA E RONZONI MARIA CRISTINA CONSULENTI ASSOCIATI

STUDIO DI CONSULENZA DEL LAVORO CASIGLIA LAURA E RONZONI MARIA CRISTINA CONSULENTI ASSOCIATI STUDIO DI CONSULENZA DEL LAVORO CASIGLIA LAURA E RONZONI MARIA CRISTINA CONSULENTI ASSOCIATI 00179 Roma P.IVA 05009061002 Via Latina, 110 Fax. 06 78 08 383 Tel. 06 78 34 66 50 06 78 34 65 73 06 78 34 61

Dettagli

Il contratto di apprendistato in Somministrazione

Il contratto di apprendistato in Somministrazione Il contratto di apprendistato in Somministrazione Indice Contesto legale Definizione Le Fonti normative e principali caratteristiche Il rapporto Agenzia-Lavoratore-Azienda Apprendistato in somministrazione

Dettagli

Apprendistato di alta formazione e ricerca. Guida informativa

Apprendistato di alta formazione e ricerca. Guida informativa Apprendistato di alta formazione e ricerca Guida informativa Cos è l apprendistato di alta formazione e di ricerca Il contratto di apprendistato per il conseguimento di un diploma di istruzione secondaria

Dettagli

Testo Unico dell apprendistato

Testo Unico dell apprendistato Testo Unico dell apprendistato Art. 1 Definizione 1. L apprendistato è un contratto di lavoro a tempo indeterminato finalizzato alla formazione e alla occupazione dei giovani. 2. Il contratto di apprendistato

Dettagli

Apprendistato di alta formazione e ricerca. Guida informativa

Apprendistato di alta formazione e ricerca. Guida informativa Apprendistato di alta formazione e ricerca Guida informativa Cos è l apprendistato di alta formazione e di ricerca Il contratto di apprendistato per il conseguimento di un diploma di istruzione secondaria

Dettagli

Apprendistato di alta formazione e ricerca. Guida informativa

Apprendistato di alta formazione e ricerca. Guida informativa Apprendistato di alta formazione e ricerca Guida informativa Cos è l apprendistato di alta formazione e di ricerca Il contratto di apprendistato per il conseguimento di un diploma di istruzione secondaria

Dettagli

Federazione Lavoratori della Conoscenza CGIL

Federazione Lavoratori della Conoscenza CGIL Scheda di lettura del Capo V Apprendistato del decreto legislativo n. 81/15 recante Disciplina organica dei contratti di lavoro e revisione della normativa in tema di mansioni Premessa La parte relativa

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO

DOCUMENTO INFORMATIVO DOCUMENTO INFORMATIVO 1. IL CONTRATTO DI APPRENDISTATO IN ITALIA L'apprendistato ha assunto in Italia un ruolo centrale nelle politiche occupazionali e nel quadro degli interventi formativi, rappresentando

Dettagli

APPRENDISTATO LE SCHEDE DI GI GROUP SUL JOBS ACT: RIORDINO DELLE FORME CONTRATTUALI

APPRENDISTATO LE SCHEDE DI GI GROUP SUL JOBS ACT: RIORDINO DELLE FORME CONTRATTUALI ARTT. 41 47 D.LGS 81/2015 L È UN CONTRATTO DI LAVORO A TEMPO INDETERMINATO FINALIZZATO ALLA FORMAZIONE E ALLA OCCUPAZIONE DEI GIOVANI. TRE TIPOLOGIE: A) PER LA QUALIFICA E IL DIPLOMA PROFESSIONALE, IL

Dettagli

News per i Clienti dello studio

News per i Clienti dello studio News per i Clienti dello studio N.65 del 30 Aprile 2015 Ai gentili clienti Loro sedi Contratto di apprendistato: con l approvazione del Jobs Act si applica anche ai disoccupati Gentile cliente, con la

Dettagli

Tavola di confronto delle piattaforme sindacali

Tavola di confronto delle piattaforme sindacali www.bollettinoadapt.it, 16 aprile 2013 Tavola di confronto delle piattaforme sindacali a cura di Sabrina Chiarelli, Cecilia Porro, Giulia Rosolen Argomenti FeLSA Cisl NIdiL Cgil UILTem.p@ Le premesse Diritti

Dettagli

L Apprendistato. Breve guida sull apprendistato

L Apprendistato. Breve guida sull apprendistato L Apprendistato Breve guida sull apprendistato Aggiornata ai D.L. n. 69/2013 del 21.6.2013 e n. 76/2013 del 28.6.2013 Definizione Che cos è il contratto di apprendistato L apprendistato è un contratto

Dettagli

La somministrazione di lavoro. - I contratti di somministrazione

La somministrazione di lavoro. - I contratti di somministrazione Indice La somministrazione di lavoro - I contratti di somministrazione - Cosa sono - Facciamo un po d ordine - La somministrazione di lavoro a tempo determinato - Il contratto - I rapporti tra somministratore

Dettagli

L apprendistato alla luce degli ultimi interventi normativi

L apprendistato alla luce degli ultimi interventi normativi L apprendistato alla luce degli ultimi interventi normativi Decreto Poletti e Jobs Act Lucca, 11 luglio 2014 Cos è? Canale privilegiato di ingresso dei giovani nel mercato del lavoro finalizzato a formare

Dettagli

L apprendistato. Prof. Avv. Angelo Pandolfo. Milano, ottobre 2012

L apprendistato. Prof. Avv. Angelo Pandolfo. Milano, ottobre 2012 L apprendistato Prof. Avv. Angelo Pandolfo Milano, ottobre 2012 Definizione Natura del contratto contratto di lavoro a tempo indeterminato contratto con contenuto formativo e di apprendimento volto all

Dettagli

Studio Campasso Associati Corso Marconi 38, 10125 Torino Telefono 0116698083 Fax 0116698132 e-mail info@studiocampasso.it www.studiocampasso.

Studio Campasso Associati Corso Marconi 38, 10125 Torino Telefono 0116698083 Fax 0116698132 e-mail info@studiocampasso.it www.studiocampasso. Studio Campasso Associati Corso Marconi 38, 10125 Torino Telefono 0116698083 Fax 0116698132 e-mail info@studiocampasso.it www.studiocampasso.it Informativa n. 49 del 17 novembre 2011 Il nuovo Testo unico

Dettagli

Apprendistato di alta formazione e ricerca. Scheda tecnica

Apprendistato di alta formazione e ricerca. Scheda tecnica Apprendistato di alta formazione e ricerca Scheda tecnica L apprendistato di alta formazione e ricerca è un contratto di lavoro a tempo indeterminato, finalizzato alla formazione e all occupazione dei

Dettagli

Contratto di Apprendistato: nuova disciplina

Contratto di Apprendistato: nuova disciplina Contratto di Apprendistato: nuova disciplina Contratto di apprendistato: nuova disciplina Il 25 giugno 2015 è entrato in vigore uno dei decreti attuativi del c.d. Jobs Act (D.Lgs. 81/2015, di seguito Decreto

Dettagli

Disciplina organica dei contratti di lavoro e la revisione della normativa in tema di mansioni (DLgs 81/2015)

Disciplina organica dei contratti di lavoro e la revisione della normativa in tema di mansioni (DLgs 81/2015) Disciplina organica dei contratti di lavoro e la revisione della normativa in tema di mansioni (DLgs 81/2015) Nonostante l'enfasi "riformatrice" adottata in sede di presentazione, in questo decreto vengono

Dettagli

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SULL APPRENDISTATO

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SULL APPRENDISTATO Lavoro Modena, 02 agosto 2014 JOBS ACT : I CHIARIMENTI SULL APPRENDISTATO Legge n. 78 del 16 maggio 2014 di conversione, con modificazioni, del DL n. 34/2014 Ministero del Lavoro, Circolare n. 18 del 30

Dettagli

SOMMARIO 1. 2. 2.1. 2.2. 2.3. 2.4.

SOMMARIO 1. 2. 2.1. 2.2. 2.3. 2.4. SOMMARIO 1 1 1. Il Nuovo Apprendistato Professionalizzante 2 2. Riferimenti Normativi 5 2.1. D. Lgs. del 14 Settembre 2011 n. 167 e smi 5 2.2. Legge Regionale del 22 Ottobre 2012 n. 31 7 2.3. Circolare

Dettagli

Apprendistato per l acquisizione di un diploma o per percorsi di alta formazione

Apprendistato per l acquisizione di un diploma o per percorsi di alta formazione Incontro informativo Apprendistato per l acquisizione di un diploma o per percorsi di alta formazione Milano, 2 dicembre 2010 1 Apprendistato per l acquisizione di un diploma o per percorsi di alta formazione

Dettagli

LA PREVISIONE DELLA FORMAZIONE ESCLUSIVAMENTE AZIENDALE NELL APPRENDISTATO PROFESSIONALIZZANTE DEL CCNL TERZIARIO

LA PREVISIONE DELLA FORMAZIONE ESCLUSIVAMENTE AZIENDALE NELL APPRENDISTATO PROFESSIONALIZZANTE DEL CCNL TERZIARIO LA PREVISIONE DELLA FORMAZIONE ESCLUSIVAMENTE AZIENDALE NELL APPRENDISTATO PROFESSIONALIZZANTE DEL CCNL TERZIARIO PREMESSA La disciplina dell apprendistato, contenuta nella legge 25/1955, è stata oggetto

Dettagli

GUIDA AL NUOVO CONTRATTO DI APPRENDISTATO 2015 TUTTE LE NOVITÀ PREVISTE DAL JOB ACT IN VIGORE DA MARZO 2015

GUIDA AL NUOVO CONTRATTO DI APPRENDISTATO 2015 TUTTE LE NOVITÀ PREVISTE DAL JOB ACT IN VIGORE DA MARZO 2015 GUIDA AL NUOVO CONTRATTO DI APPRENDISTATO 2015 TUTTE LE NOVITÀ PREVISTE DAL JOB ACT IN VIGORE DA MARZO 2015 Il contratto di apprendistato è un contratto che prevede un periodo di formazione iniziale al

Dettagli

Firenze 19 aprile 2012 FEDERLEGNOARREDO FENAL UIL FILCA CISL FILLEA CGIL

Firenze 19 aprile 2012 FEDERLEGNOARREDO FENAL UIL FILCA CISL FILLEA CGIL Visto il D.Lgs.14 settembre 2011, n. 167 Testo unico ell'apprendistato, a norma dell'articolo 1, comma 30, della legge 24 dicembre 2007, n. 247 le parti concordano che la normativa presente nel ccnl firmato

Dettagli

LA RIFORMA DEL MERCATO DEL LAVORO

LA RIFORMA DEL MERCATO DEL LAVORO LA RIFORMA DEL MERCATO DEL LAVORO LE PRINCIPALI NOVITA Ancona, 9 luglio 202 Stefano Carotti Carotti Rodriguez Progetti Lavoro S.r.l. www.an.camcom.gov.it La riforma del lavoro (Riforma Fornero ) Legge

Dettagli

Guida ALL APPRENDISTATO ESISTONO 3 TIPOLOGIE DI APPRENDISTATO:

Guida ALL APPRENDISTATO ESISTONO 3 TIPOLOGIE DI APPRENDISTATO: 1 Guida ALL APPRENDISTATO 2012 Il Testo Unico approvato dal Governo italiano con il Decreto Legislativo n. 167 del 14 settembre 2011 ed entrato effettivamente in vigore a partire dal 25 ottobre dello stesso

Dettagli

I CONTRATTI DI LAVORO. A cura di Emanuela De Palma Consulente del Lavoro

I CONTRATTI DI LAVORO. A cura di Emanuela De Palma Consulente del Lavoro I CONTRATTI DI LAVORO A cura di Emanuela De Palma Consulente del Lavoro JOB ACT NOVITA GIA IN VIGORE Recenti modifiche in materia di contratti di lavoro finalizzate a SEMPLIFICAZIONE + STABILIZZAZIONE

Dettagli

DECRETO «LAVORO» (D.L. 34/2014) NOVITÀ della LEGGE di CONVERSIONE (L. 78/2014)

DECRETO «LAVORO» (D.L. 34/2014) NOVITÀ della LEGGE di CONVERSIONE (L. 78/2014) Via Riboli, 15 16145 Genova 010 587323 www.studiodapelo.it DECRETO «LAVORO» (D.L. 34/2014) NOVITÀ della LEGGE di CONVERSIONE (L. 78/2014) 1. Contratto di lavoro a tempo determinato 2. Somministrazione

Dettagli

Scopo della presente nota è quello di individuare le principali novità introdotte.

Scopo della presente nota è quello di individuare le principali novità introdotte. Nota informativa Negri-Clementi Studio Legale Associato Milano, 20 settembre 2013 LE NOVITÀ INTRODOTTE DAL DECRETO LAVORO Il D.L. 28 giugno 2013 n. 76 (c.d. Decreto lavoro ) recante Primi interventi urgenti

Dettagli

APPRENDISTATO DI ALTA FORMAZIONE RICERCA VADEMECUM PER STUDENTI E LAUREATI

APPRENDISTATO DI ALTA FORMAZIONE RICERCA VADEMECUM PER STUDENTI E LAUREATI APPRENDISTATO DI ALTA FORMAZIONE RICERCA VADEMECUM PER STUDENTI E LAUREATI A cura dell Ufficio Job Placement dell Università degli Studi Roma Tre Il testo di seguito proposto costituisce una sintesi delle

Dettagli

Modello di contratto. Somministrazione o staff leasing

Modello di contratto. Somministrazione o staff leasing Modello di contratto Somministrazione o staff leasing MODELLO DI CONTRATTO DI SOMMINISTRAZIONE O STAFF LEASING... [Somministratore], con sede legale in..., via..., n...., C.F...., partita IVA..., autorizzazione

Dettagli

PIATTAFORMA RINNOVO CCNL LAVORATORI IN SOMMINISTRAZIONE

PIATTAFORMA RINNOVO CCNL LAVORATORI IN SOMMINISTRAZIONE PIATTAFORMA RINNOVO CCNL LAVORATORI IN SOMMINISTRAZIONE Premessa Quanto realizzato fino ad oggi ha reso evidente come sia difficile affrontare in maniera separata i temi contrattuali rendendo, invece,

Dettagli

APPRENDISTATO T R I F I R Ò & PA RT N E R S AV V O C AT I WWW.TRIFIRO.IT

APPRENDISTATO T R I F I R Ò & PA RT N E R S AV V O C AT I WWW.TRIFIRO.IT APPRENDISTATO TRIFIRÒ & PARTNERS AVVOCATI WWW.TRIFIRO.IT TRIFIRÒ & PARTNERS AVVOCATI APPRENDISTATO A cura di Damiana Lesce Il Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali, con la Circolare n. 5 del 21

Dettagli

Modello di contratto. Apprendistato per la qualifica e il diploma professionale

Modello di contratto. Apprendistato per la qualifica e il diploma professionale Modello di contratto Apprendistato per la qualifica e il diploma professionale MODELLO DI CONTRATTO DI APPRENDISTATO PER LA QUALIFICA E IL DIPLOMA PROFESSIONALE ex art. 3, d.lgs. n. 167/2011... [Datore

Dettagli

Il finanziamento dell ASpI

Il finanziamento dell ASpI Articoli 2, comma 25-39 Contribuzione di finanziamento Il finanziamento dell ASpI di Josef Tschöll L art. 2, del d.d.l. 3249-A, ai commi dal 25 al 39, disciplina la contribuzione diretta a finanziare la

Dettagli

Pubblicata in Gazzetta Ufficiale la legge di conversione del decreto legge contenente disposizioni semplificative in materia di lavoro.

Pubblicata in Gazzetta Ufficiale la legge di conversione del decreto legge contenente disposizioni semplificative in materia di lavoro. Roma, 5.6.2014 Ufficio: DIR/MRT Protocollo: 201400003143/AG Oggetto: Legge 16 maggio 2014, n. 78 Conversione in legge, con modificazioni, del decreto legge 20 marzo 2014, n. 34, recante disposizioni urgenti

Dettagli

SOMMINISTRAZIONE DI LAVORO

SOMMINISTRAZIONE DI LAVORO ARTT. 30 40 D.LGS 81/2015 IL CONTRATTO DI È IL CONTRATTO, A TEMPO INDETERMINATO O DETERMINATO, CON IL QUALE UN AGENZIA DI AUTORIZZATA METTE A DISPOSIZIONE DI UN UTILIZZATORE UNO O PIÙ LAVORATORI SUOI DIPENDENTI,

Dettagli

CONVENZIONE DI TIROCINIO DI FORMAZIONE E ORIENTAMENTO. Premesso che

CONVENZIONE DI TIROCINIO DI FORMAZIONE E ORIENTAMENTO. Premesso che Allegato n. 3 CONVENZIONE DI TIROCINIO DI FORMAZIONE E ORIENTAMENTO ai sensi dell art. 4 bis della legge provinciale 16 giugno 1983, n. 19 Premesso che - la Provincia autonoma di Trento, per favorire le

Dettagli

NEWSLETTER MARZO APRILE 2015 Speciale Schema di decreto attuativo sui contratti cd flessibili

NEWSLETTER MARZO APRILE 2015 Speciale Schema di decreto attuativo sui contratti cd flessibili NEWSLETTER MARZO APRILE 2015 Speciale Schema di decreto attuativo sui contratti cd flessibili Lo scorso 20 febbraio 2015 il Governo ha approvato lo schema di decreto attuativo sui contratti flessibili

Dettagli

yrhyfgh Corsi di Formazione per Apprendisti

yrhyfgh Corsi di Formazione per Apprendisti 2013 yrhyfgh Corsi di Formazione per Apprendisti Forma.Lab, società di consulenza e formazione, specializzata in materia di apprendistato, organizza i corsi per l acquisizione di competenze di base e trasversali

Dettagli

Circolare N.124 del 21 settembre. Banca dati per l occupazione dei giovani genitori. Via agli incentivi per le imprese che assumono

Circolare N.124 del 21 settembre. Banca dati per l occupazione dei giovani genitori. Via agli incentivi per le imprese che assumono Circolare N.124 del 21 settembre Banca dati per l occupazione dei giovani genitori. Via agli incentivi per le imprese che assumono Banca dati per l occupazione dei giovani genitori: via agli incentivi

Dettagli

All indennità si applica una riduzione del 15% dopo i primi sei mesi di fruizione e di un ulteriore 15% dopo il dodicesimo mese di fruizione.

All indennità si applica una riduzione del 15% dopo i primi sei mesi di fruizione e di un ulteriore 15% dopo il dodicesimo mese di fruizione. CIRCOLARE SETTIMANALE N. 3 FEBBRAIO 2013 INDENNITA DI DISOCCUPAZIONE ASPI E MINI ASPI A decorrere dal 1 gennaio 2013 a tutti i lavoratori dipendenti (compresi gli apprendisti; i soci lavoratori di cooperativa

Dettagli

ADEGUAMENTO REGIONALE SULL APPRENDISTATO PROFESSIONALIZZANTE AL NUOVO DECRETO D.L 34/14 convertito in legge n. 78/2014

ADEGUAMENTO REGIONALE SULL APPRENDISTATO PROFESSIONALIZZANTE AL NUOVO DECRETO D.L 34/14 convertito in legge n. 78/2014 ADEGUAMENTO REGIONALE SULL APPRENDISTATO PROFESSIONALIZZANTE AL NUOVO DECRETO D.L 34/14 convertito in legge n. 78/2014 La regione Campania sta adeguando le proprie disposizioni normative al nuovo D.L 34/14

Dettagli

)2*/,2&21',=,21, $33$/72 3(5 / $)),'$0(172 '(/ 6(59,=,2 ', 6200,1,675$=,21( ', /$9252 $ 7(50,1(

)2*/,2&21',=,21, $33$/72 3(5 / $)),'$0(172 '(/ 6(59,=,2 ', 6200,1,675$=,21( ', /$9252 $ 7(50,1( )2*/,2&21',=,21, $33$/72 3(5 / $)),'$0(172 '(/ 6(59,=,2 ', 6200,1,675$=,21( ', /$9252 $ 7(50,1( ART.1 OGGETTO Il presente appalto ha ad oggetto il servizio di somministrazione di lavoratori a termine,

Dettagli

Studio Campasso Associati Corso Marconi 38, 10125 Torino Telefono 0116698083 Fax 0116698132 e-mail

Studio Campasso Associati Corso Marconi 38, 10125 Torino Telefono 0116698083 Fax 0116698132 e-mail Studio Campasso Associati Corso Marconi 38, 10125 Torino Telefono 0116698083 Fax 0116698132 e-mail info@studiocampasso.it www.studiocampasso.it Informativa n. 5 del 12 gennaio 2010 Legge Finanziaria 2010

Dettagli

INPS Apprendistato: chiarimenti sui profili contributivi

INPS Apprendistato: chiarimenti sui profili contributivi n 43 del 16 novembre 2012 circolare n 695 del 15 novembre 2012 referente GRANDI/af INPS Apprendistato: chiarimenti sui profili contributivi L INPS, con circolare n.128 del 2 novembre 2012 (allegata alla

Dettagli

JOBS ACT APPRENDISTATO E SOMMINISTRAZIONE

JOBS ACT APPRENDISTATO E SOMMINISTRAZIONE JOBS ACT APPRENDISTATO E SOMMINISTRAZIONE A cura di Avv. Prof. Gabriele Fava Presidente Studio Legale FAVA&ASSOCIATI www.favalex.it 1 Introduzione L apprendistato è stato oggetto di numerose modifiche

Dettagli

Il contratto di fornitura di lavoro temporaneo

Il contratto di fornitura di lavoro temporaneo Redditi di lavoro dipendente Il contratto di fornitura di lavoro temporaneo Il contratto di fornitura di lavoro temporaneo è il contratto mediante il quale l impresa fornitrice pone uno o più lavoratori,

Dettagli

Decreto Part-time. Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time

Decreto Part-time. Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time Decreto Part-time Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time ARTICOLO 1 Definizioni 1.Nel rapporto di lavoro subordinato l assunzione

Dettagli

Scheda approfondita LAVORO INTERMITTENTE

Scheda approfondita LAVORO INTERMITTENTE Scheda approfondita LAVORO INTERMITTENTE Nozione Finalità Ambito soggettivo di applicazione Legenda Contenuto Precisazioni Riferimenti normativi Ambito oggettivo di applicazione Forma Durata Trattamento

Dettagli

Il contratto di somministrazione e il lavoro intermittente

Il contratto di somministrazione e il lavoro intermittente Il contratto di somministrazione e il lavoro intermittente Il titolo XIII (artt. 55-56) del Ccnl degli studi professionali è dedicato alla disciplina del lavoro somministrato e del lavoro intermittente

Dettagli

Proroghe a termini in scadenza per il Ministero del lavoro

Proroghe a termini in scadenza per il Ministero del lavoro N. 157 del 13.04.2011 La Memory A cura di Roberto Camera Funzionario della DPL Modena (1) Proroghe a termini in scadenza per il Ministero del lavoro Il Governo, al fine di sostenere il reddito delle famiglie

Dettagli

Apprendistato in somministrazione: espressione del parere di conformità sui piani formativi (PFA) e presentazione dei progetti relativi ai PFA

Apprendistato in somministrazione: espressione del parere di conformità sui piani formativi (PFA) e presentazione dei progetti relativi ai PFA Apprendistato in somministrazione: espressione del parere di conformità sui piani formativi (PFA) e presentazione dei progetti relativi ai PFA Versione approvata dal CdA del 26/11/2014 1 Premessa... 3

Dettagli

La nuova disciplina del contratto a termine e del contratto di apprendistato

La nuova disciplina del contratto a termine e del contratto di apprendistato Focus on...jobs Act: : il primo passo La nuova disciplina del contratto a termine e del contratto di apprendistato dott. Elisa Eracli Consulente del Lavoro Studio Integra Commercialisti Avvocati Consulenti

Dettagli

LA RIFORMA DEL LAVORO. GLI AMMORTIZZATORI SOCIALI A cura di Provincia di Torino Servizio Coordinamento Centri per l Impiego 21/01/2013

LA RIFORMA DEL LAVORO. GLI AMMORTIZZATORI SOCIALI A cura di Provincia di Torino Servizio Coordinamento Centri per l Impiego 21/01/2013 LA RIFORMA DEL LAVORO GLI AMMORTIZZATORI SOCIALI A cura di Provincia di Torino Servizio Coordinamento Centri per l Impiego 21/01/2013 Fonti normative: RIFORMA DEL LAVORO: AMMORTIZZATORI SOCIALI Legge 28

Dettagli

Il Dottorato industriale

Il Dottorato industriale Il Dottorato industriale Milano, 16 aprile 2014 Il quadro normativo Decreto ministeriale 8 febbraio 2013, n. 45, che disciplina: a) le modalità di accreditamento delle sedi e dei corsi di dottorato b)

Dettagli

federfarma federazione nazionale unitaria dei titolari di farmacia italiani

federfarma federazione nazionale unitaria dei titolari di farmacia italiani Roma, 8 giugno 2005 Uff.-Prot.n UL-EG/ap/10137/273/F7/PE Oggetto: Accordo di Rinnovo CCNL dipendenti da farmacia Privata. federfarma federazione nazionale unitaria dei titolari di farmacia italiani SOMMARIO:

Dettagli

APPRENDISTATO DI ALTA FORMAZIONE RICERCA VADEMECUM PER LE AZIENDE

APPRENDISTATO DI ALTA FORMAZIONE RICERCA VADEMECUM PER LE AZIENDE APPRENDISTATO DI ALTA FORMAZIONE RICERCA VADEMECUM PER LE AZIENDE A cura dell Ufficio Job Placement dell Università degli Studi Roma Tre Il testo di seguito proposto costituisce una sintesi delle norme

Dettagli

Somministrazione di lavoro

Somministrazione di lavoro Somministrazione di lavoro di Laura Marino Content manager di www.dottorlex.it Di recente il Ministero del Lavoro è intervenuto più volte sul tema della somministrazione, prima con le circolari n. 12 e

Dettagli

CONTRATTI DI LAVORO TIPOLOGIE E DIFFERENZE

CONTRATTI DI LAVORO TIPOLOGIE E DIFFERENZE CONTRATTI DI LAVORO TIPOLOGIE E DIFFERENZE COS È? Il contratto individuale di lavoro è un accordo tra un datore di lavoro (impresa individuale, società, associazione, studio professionale, etc.) ed un

Dettagli

REGOLAMENTO. Fondo mètasalute

REGOLAMENTO. Fondo mètasalute REGOLAMENTO Fondo mètasalute 1 DISPOSIZIONI GENERALI Il presente regolamento disciplina il funzionamento di mètasalute, il Fondo di assistenza sanitaria integrativa per i lavoratori dell industria metalmeccanica

Dettagli

Sintesi rinnovo CCNL Somministrazione (27/9/2013)

Sintesi rinnovo CCNL Somministrazione (27/9/2013) DIRITTI SINDACALI Delegato Regionale di Agenzia (DRA) - Il rappresentante nazionale di Agenzia viene sostituito dal delegato regionale: 1 delegato per O.S. per ogni Agenzia con almeno 150 lavoratori in

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA IN MATERIA DI APPRENDISTATO PROFESSIONALIZZANTE O CONTRATTO DI MESTIERE di cui all art.4 del D.lgs 14 settembre 2011 n 167

PROTOCOLLO D INTESA IN MATERIA DI APPRENDISTATO PROFESSIONALIZZANTE O CONTRATTO DI MESTIERE di cui all art.4 del D.lgs 14 settembre 2011 n 167 PROTOCOLLO D INTESA IN MATERIA DI APPRENDISTATO PROFESSIONALIZZANTE O CONTRATTO DI MESTIERE di cui all art.4 del D.lgs 14 settembre 2011 n 167 Tra LA PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO e LE ASSOCIAZIONI DEI

Dettagli

IL CONTRATTO DI LAVORO IN APPRENSISTATO

IL CONTRATTO DI LAVORO IN APPRENSISTATO 1 IL CONTRATTO DI LAVORO IN APPRENSISTATO E un contratto di lavoro subordinato definito a causa mista poiché prevede che l impresa/azienda impartisca o faccia impartire all apprendista assunto alle proprie

Dettagli

Modello di contratto. Apprendistato professionalizzante o contratto di mestiere

Modello di contratto. Apprendistato professionalizzante o contratto di mestiere Modello di contratto Apprendistato professionalizzante o contratto di mestiere MODELLO DI CONTRATTO DI APPRENDISTATO PROFESSIONALIZZANTE O CONTRATTO DI MESTIERE ex art. 4, d.lgs. n. 167/2011... [Datore

Dettagli

5. ANALISI DEI COSTI DETERMINAZIONE DEL COSTO

5. ANALISI DEI COSTI DETERMINAZIONE DEL COSTO DETERMINAZIONE DEL COSTO DETERMINAZIONE DEL COSTO 5. ANALI DEI COSTI DETERMINAZIONE DEL COSTO TIPOLOGIE DI CONTRATTI Al fine di procedere con una comparazione quanto più omogenea, si raffrontano i vari

Dettagli

JOBS ACT: IL RIORDINO DELLE TIPOLOGIE CONTRATTUALI E LA NUOVA DISCIPLINA DELLE MANSIONI NEL DECRETO 81/2015

JOBS ACT: IL RIORDINO DELLE TIPOLOGIE CONTRATTUALI E LA NUOVA DISCIPLINA DELLE MANSIONI NEL DECRETO 81/2015 JOBS ACT: IL RIORDINO DELLE TIPOLOGIE CONTRATTUALI E LA NUOVA DISCIPLINA DELLE MANSIONI NEL DECRETO 81/2015 Brescia, 22 luglio2015 Relatore: dott. Massimo Brisciani ARGOMENTI P A R T - T I M E 3 A P P

Dettagli

RIFORMA DELLE TIPOLOGIE CONTRATTUALI E NUOVA DISCIPLINA DELLE MANSIONI. Rimini 25/03/2015

RIFORMA DELLE TIPOLOGIE CONTRATTUALI E NUOVA DISCIPLINA DELLE MANSIONI. Rimini 25/03/2015 RIFORMA DELLE TIPOLOGIE CONTRATTUALI E NUOVA DISCIPLINA DELLE MANSIONI Rimini 25/03/2015 Il 20 febbraio 2015 il Consiglio dei Ministri ha presentato la bozza del terzo decreto della legge 183/2014 (Jobs

Dettagli

La disciplina comune si applica a tutte le tipologie di apprendistato contenute nel presente titolo.

La disciplina comune si applica a tutte le tipologie di apprendistato contenute nel presente titolo. TITOLO IX Apprendistato Articolo 26 DISCIPLINA DELL APPRENDISTATO L apprendistato è disciplinato, nelle sue quattro articolazioni tipologiche, dal decreto legislativo n. 167/2011 e dalla normativa contenuta

Dettagli

ORDINE DEI CONSULENTI DEL LAVORO di BERGAMO. Avv. Patrizia Tiraboschi Foro di Bergamo. segreteria@studiolegale1raboschi.it

ORDINE DEI CONSULENTI DEL LAVORO di BERGAMO. Avv. Patrizia Tiraboschi Foro di Bergamo. segreteria@studiolegale1raboschi.it L Apprendistato professionalizzante: quadro giuridico dell is7tuto ed adempimen7 forma7vi dopo la Sentenza della Corte Cos7tuzionale n. 176 del 10/05/2010 ORDINE DEI CONSULENTI DEL LAVORO di BERGAMO Avv.

Dettagli

LA RIFORMA DEL MERCATO DEL LAVORO. Dalla Fornero ai decreti del governo Letta

LA RIFORMA DEL MERCATO DEL LAVORO. Dalla Fornero ai decreti del governo Letta LA RIFORMA DEL MERCATO DEL LAVORO Dalla Fornero ai decreti del governo Letta Avv. Pasquale Staropoli PIESSE@LIBERO.IT 1 IL CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO Art. 1 d.lgs. 368/2001: Co. 01 Il contratto di lavoro

Dettagli

L ESONERO CONTRIBUTIVO PER LE ASSUNZIONI A TEMPO INDETERMINATO NEL 2015

L ESONERO CONTRIBUTIVO PER LE ASSUNZIONI A TEMPO INDETERMINATO NEL 2015 L ESONERO CONTRIBUTIVO PER LE ASSUNZIONI A TEMPO INDETERMINATO NEL 2015 di 1 Con il comma 118 e ss. della Legge di Stabilità 2015 2, al fine di promuovere forme di occupazione stabile, viene introdotto

Dettagli

Schema riepilogativo Linee guida contratto di apprendistato professionalizzante

Schema riepilogativo Linee guida contratto di apprendistato professionalizzante Trattamento economico e normativo La categoria di inquadramento non può essere inferiore, per più di 2 livelli, alla categoria spettante, in applicazione del CCNL, ai lavoratori addetti a mansioni o funzioni

Dettagli

LICENZIAMENTO COLLETTIVO E PROCEDURA DI MOBILITA

LICENZIAMENTO COLLETTIVO E PROCEDURA DI MOBILITA LICENZIAMENTO COLLETTIVO E PROCEDURA DI MOBILITA Uno degli aspetti più problematici connessi alla crisi dell impresa riguarda la gestione dei rapporti di lavoro. L imprenditore in crisi dispone di diversi

Dettagli

SANITA INTEGRATIVA VENETO SANI.IN.VENETO

SANITA INTEGRATIVA VENETO SANI.IN.VENETO SANITA INTEGRATIVA VENETO SANI.IN.VENETO REGOLAMENTO ART. 1) OGGETTO Il presente regolamento disciplina il funzionamento tecnico ed amministrativo del Fondo nonché le modalità di adesione/iscrizione, i

Dettagli

Confprofessionilavoro pubblica una tabella con gli incentivi - attualmente in vigore - in materia di assunzione.

Confprofessionilavoro pubblica una tabella con gli incentivi - attualmente in vigore - in materia di assunzione. Confprofessionilavoro pubblica una tabella con gli incentivi - attualmente in vigore - in materia di assunzione. INCENTIVO DESTINATARI Giovani (l.99/2013) L incentivo è pari: -ad 1/3 della retribuzione

Dettagli

a cura dell Ufficio Lavoro e Relazioni Sindacali CCNL Servizi di Pulizia del 18 settembre 2014, le principali novità sul rinnovo del contratto

a cura dell Ufficio Lavoro e Relazioni Sindacali CCNL Servizi di Pulizia del 18 settembre 2014, le principali novità sul rinnovo del contratto a cura dell Ufficio Lavoro e Relazioni Sindacali Udine, 24 novembre 2014 CCNL Servizi di Pulizia del 18 settembre 2014, le principali novità sul rinnovo del contratto Il 18 settembre 2014 è stato sottoscritto

Dettagli

Apprendistato e chiarimenti ministeriali La circolare n.5/2013

Apprendistato e chiarimenti ministeriali La circolare n.5/2013 N.55 del 04.02.2013 La Memory A cura di Roberto Camera Funzionario della DTL Modena (1) Apprendistato e chiarimenti ministeriali La circolare n.5/2013 Le sanzioni collegate al non corretto utilizzo del

Dettagli

L art. 1 del Decreto Legislativo n. 181 del 2000 definisce lo stato di disoccupazione come la condizione del soggetto:

L art. 1 del Decreto Legislativo n. 181 del 2000 definisce lo stato di disoccupazione come la condizione del soggetto: INCENTIVI DONNE E OVER 50: REQUISITI E PROCEDURE OPERATIVE INPS Stante l abrogazione del contratto di inserimento lavorativo, a partire dal 1 gennaio 2013 non è più possibile stipulare questo contratto

Dettagli

Capo V. Apprendistato. 1. L'apprendistato è un contratto di lavoro a tempo indeterminato finalizzato alla formazione e alla occupazione dei giovani.

Capo V. Apprendistato. 1. L'apprendistato è un contratto di lavoro a tempo indeterminato finalizzato alla formazione e alla occupazione dei giovani. Art. 40. Sanzioni 1. La violazione degli obblighi e dei divieti di cui agli articoli 33, comma 1, nonché, per il solo utilizzatore, di cui agli articoli 31 e 32 e, per il solo somministratore, di cui all'articolo

Dettagli

Apprendistato formazione e studi professionali

Apprendistato formazione e studi professionali Apprendistato formazione e studi professionali Danilo Papa La formazione in apprendistato costituisce un elemento fondamentale che, anche in relazione alla nuova disciplina contenuta nel D.Lgs. n. 167/2011,

Dettagli

Esonero contributivo triennale assunti a tempo indeterminato

Esonero contributivo triennale assunti a tempo indeterminato OBIETTIVO: Al fine di promuovere forme di occupazione stabile Incentivo all occupazione DESTINATARI: Datori di lavoro privati e, sub condicione, agricoli. imprenditori, non imprenditori (Associazioni,

Dettagli

TITOLO X Tempo parziale (Part Time) Premessa

TITOLO X Tempo parziale (Part Time) Premessa TITOLO X Tempo parziale (Part Time) Premessa Le parti, nel ritenere che il rapporto di lavoro a tempo parziale possa essere mezzo idoneo ad agevolare l incontro fra domanda e offerta di lavoro, ne confermano

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 36 DEL 27-11-2006 REGIONE PIEMONTE. Autorizzazione ed accreditamento dei soggetti operanti nel mercato del lavoro regionale.

LEGGE REGIONALE N. 36 DEL 27-11-2006 REGIONE PIEMONTE. Autorizzazione ed accreditamento dei soggetti operanti nel mercato del lavoro regionale. LEGGE REGIONALE N. 36 DEL 27-11-2006 REGIONE PIEMONTE Autorizzazione ed accreditamento dei soggetti operanti nel mercato del lavoro regionale. Fonte: BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE PIEMONTE N. 48 del

Dettagli

ASSUNZIONI AGEVOLATE 2015: sgravi contributivi per chi assume a tempo indeterminato (Legge n. 190 del 23.12.2014)

ASSUNZIONI AGEVOLATE 2015: sgravi contributivi per chi assume a tempo indeterminato (Legge n. 190 del 23.12.2014) CIRCOLARE INFORMATIVA N. 2 FEBBRAIO 2015 ASSUNZIONI AGEVOLATE 2015: sgravi contributivi per chi assume a tempo indeterminato (Legge n. 190 del 23.12.2014) Gentile Cliente, con la presente desideriamo informarla

Dettagli

La nuova flessibilità in entrata nei rapporti subordinati. @PaoloStern

La nuova flessibilità in entrata nei rapporti subordinati. @PaoloStern La nuova flessibilità in entrata nei rapporti subordinati Paolo Stern Il D. Lgs. n. 81/2015 racchiude: Disciplina organica dei contratti di lavoro e revisione della normativa in tema di mansioni mirando

Dettagli

Orientarsi nella giungla dei contratti: cos è un contratto; principali tipologie di contratto oggi in uso e loro caratteristiche.

Orientarsi nella giungla dei contratti: cos è un contratto; principali tipologie di contratto oggi in uso e loro caratteristiche. Orientarsi nella giungla dei contratti: cos è un contratto; principali tipologie di contratto oggi in uso e loro caratteristiche. 1 CRISI LA NORMATIVA CONTRATTUALE NON CREA LAVORO MA LO PUÒ DISTRUGGERE

Dettagli

News Lavoro STUDIO MEGGIORINI CONSULENZA DEL LAVORO 1- INCENTIVI ASSUNZIONI A TEMPO INDETERMINATO DEI GIOVANI

News Lavoro STUDIO MEGGIORINI CONSULENZA DEL LAVORO 1- INCENTIVI ASSUNZIONI A TEMPO INDETERMINATO DEI GIOVANI News Lavoro STUDIO MEGGIORINI CONSULENZA DEL LAVORO PRINCIPALI NOVITÀ DECRETO LAVORO 03 Luglio 2013 1- INCENTIVI ASSUNZIONI A TEMPO INDETERMINATO DEI GIOVANI Tra gli obiettivi prefissati dal decreto legge

Dettagli

BONUS DI 80 MENSILI PER REDDITI DA LAVORO DIPENDENTE - IL RECUPERO DELLE SOMME ANTICIPATE DA PARTE DEL DATORE DI LAVORO

BONUS DI 80 MENSILI PER REDDITI DA LAVORO DIPENDENTE - IL RECUPERO DELLE SOMME ANTICIPATE DA PARTE DEL DATORE DI LAVORO BONUS DI 80 MENSILI PER REDDITI DA LAVORO DIPENDENTE - IL RECUPERO DELLE SOMME ANTICIPATE DA PARTE DEL DATORE DI LAVORO Nell'ambito del recente provvedimento, D.L. n.34/14, convertito in L. n.78/14, pubblicata

Dettagli

APPRENDISTATO PROFESSIONALIZZANTE

APPRENDISTATO PROFESSIONALIZZANTE APPRENDISTATO PROFESSIONALIZZANTE Il 17 aprile 2012 è stato firmato l accordo per la disciplina contrattuale dell apprendistato nel settore turismo ai sensi ed in attuazione del Dlgs 14 settembre 2011

Dettagli

LA RIFORMA DEL MERCATO DEL LAVORO

LA RIFORMA DEL MERCATO DEL LAVORO LA RIFORMA DEL MERCATO DEL LAVORO La riforma Fornero: - entra in vigore decorsi 15 giorni dalla pubblicazione sulla GU (pubblicata ieri entra in vigore il 18 luglio p.v.) - prevede un applicazione dei

Dettagli

Apprendistato di alta formazione e ricerca. Scheda tecnica

Apprendistato di alta formazione e ricerca. Scheda tecnica Apprendistato di alta formazione e ricerca Scheda tecnica L apprendistato è un contratto di lavoro a tempo indeterminato, finalizzato alla formazione e all occupazione dei giovani, pertanto la formazione

Dettagli

Fatti i conti in... BUSTA PAGA

Fatti i conti in... BUSTA PAGA DIRITTO LAVORO Fatti i conti in... BUSTA PAGA I risultati dell indagine condotta da Jobadvisor qualche mese fa e pubblicati nell edizione di ottobre indicano che per la grande maggioranza dei neolaureati

Dettagli

,OQXRYRSDUWWLPH 7LSRORJLHFRQWUDWWXDOLDPPHVVH

,OQXRYRSDUWWLPH 7LSRORJLHFRQWUDWWXDOLDPPHVVH ,OQXRYRSDUWWLPH $PELWRGLDSSOLFD]LRQH La circolare ministeriale n. 9 del 18 marzo 2004 ha integrato ed in alcuni casi ampliato, la revisione all istituto del part- time attuata con il D.lgs. n. 276/2003

Dettagli

IL NUOVO TESTO UNICO DELL APPRENDISTATO Dlgs 167/2011: Una risposta efficace al precariato. Dott. CdL Paolo Stern

IL NUOVO TESTO UNICO DELL APPRENDISTATO Dlgs 167/2011: Una risposta efficace al precariato. Dott. CdL Paolo Stern IL NUOVO TESTO UNICO DELL APPRENDISTATO Dlgs 167/2011: Una risposta efficace al precariato Dott. CdL Paolo Stern C era una volta un contratto semplice L 25/1955 L 56/1987 3 leggi in 42 anni!!! L 196/1997

Dettagli

PROGETTO GIOVANI & LAVORO 2006. Normativa sul lavoro Tema B. www.giformazione.it

PROGETTO GIOVANI & LAVORO 2006. Normativa sul lavoro Tema B. www.giformazione.it PROGETTO GIOVANI & LAVORO 2006 Normativa sul lavoro Tema B Flessibilità: due diversi punti di vista Flessibilità Visione negativa Visione positiva Lavoratori marciatori in via di estinzione Cosa fare?

Dettagli

CONTRATTO DI APPRENDISTATO PROFESSIONALIZZANTE

CONTRATTO DI APPRENDISTATO PROFESSIONALIZZANTE FAC SIMILE Tra le seguenti parti: CONTRATTO DI APPRENDISTATO PROFESSIONALIZZANTE - Signor/signora, Codice fiscale [ ], nato/a a [ ] il [ ], residente in [ ], via [ ] (di seguito per brevità: il lavoratore

Dettagli