CORSI DI FORMAZIONE CENTRO DI FORMAZIONE PER LA SICUREZZA IN AZIENDA ACCREDITATO REGIONE LOMBARDIA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CORSI DI FORMAZIONE CENTRO DI FORMAZIONE PER LA SICUREZZA IN AZIENDA ACCREDITATO REGIONE LOMBARDIA"

Transcript

1 CORSI DI FORMAZIONE CENTRO DI FORMAZIONE PER LA SICUREZZA IN AZIENDA ACCREDITATO REGIONE LOMBARDIA

2 Foto a cura di: Mattia Aquila e Cristian Benedetti

3 indice SEMINARI DI APPROFONDIMENTO E AGGIORNAMENTO 6 CORSI PER ADDETTI ANTINCENDIO 9 AGGIORNAMENTI PER ADDETTI ANTINCENDIO 11 CORSI PER ADDETTI PRIMO SOCCORSO 13 AGGIORNAMENTI PER ADDETTI PRIMO SOCCORSO 15 Blsd - uso del defibrillatore 16 CORSI RSPP PER DATORI DI LAVORO 17 CORSI PER RSPP/ASPP MODULO A 20 CORSI PER RSPP/ASPP MODULO B 21 CORSI PER RSPP MODULO C 24 CORSI PER RLS 25 CORSI PER DIRIGENTI 26 CORSI PER PREPOSTI 27 AGGIORNAMENTO PER DL, RSPP, DIRIGENTI, PREPOSTI 28 CORSI E AGGIORNAMENTI UTILIZZO PLE 31 CORSI E AGGIORNAMENTI UTILIZZO GRU PER AUTOCARRO 32 CORSI UTILIZZO CARRELLI ELEVATORI 33 AGGIORNAMENTI UTILIZZO CARRELLI ELEVATORI 34 CORSI SPECIFICI ALTRE ATTREZZATURE SU PROGETTO 35 CORSI UTILIZZO CARROPONTE E GRU A BANDIERA 35 Gestire le riunioni di lavoro : il ruolo del RSPP 37 Il ruolo del RSPP oggi: sfide ed opportunità 37 La negoziazione e la gestione del conflitto in materia di sicurezza sul lavoro 38 Apprendere dai mancati infortuni 38 CORSI DI FORMAZIONE PER FORMATORI 39 CORSI PER LEAD AUDITOR 40 CORSI DI FORMAZIONE DEI LAVORATORI 41 CORSI PER ADDETTI LAVORI IN QUOTA 43 CORSI PER ADDETTI AI LAVORI ELETTRICI 44 CORSI PER LAVORI IN AMBIENTI CONFINATI 45 CORSI PER LAVORI SU STRADA 46 E-LEARNING 47 LA gestione energetica dell azienda 48 1 GROUP

4 CENTRO DI FORMAZIONE PER LA SICUREZZA IN AZIENDA SEDE La nuova sede Farco Group e le nuove aule del Centro di Formazione per la Sicurezza Sintex nascono dall idea di fornire, anche logisticamente, un servizio completo, innovativo, all avanguardia e di elevata qualità ai propri clienti. Due grandi aule attrezzate, poste proprio all ingresso della struttura, possono accogliere comodamente fino a 100 persone e sono dotate delle tecnologie più moderne: sistema audio/video ad alta definizione, lavagne, sistema domotico di climatizzazione e riscaldamento e sistema automatico di oscuramento, sono solo alcune fra le dotazioni a servizio dei partecipanti ai corsi Sintex. Sono inoltre disponibili due aule con dimensioni più adatte a lavori di gruppo, riunioni, attività pratiche, anch esse dotate di moderni sistemi multimediali. Adiacenti alle aule di formazione si trovano tutti gli uffici di segreteria a supporto dell attività didattica e a servizio dei clienti e dei partecipanti. Nel piazzale esterno sono disposte le attrezzature e le strumentazioni per le esercitazioni pratiche in materia di antincendio, attrezzature di lavoro, ecc. Anche presso la sede di Marmirolo (MN) è disponibile una sala corsi attrezzata con le moderne tecnologie multimediali e un ufficio amministrativo a supporto dell attività didattica. Un ampio spazio esterno garantisce la possibilità di svolgere prove pratiche ed esercitazioni specifiche. Certificazioni Sintex opera con un sistema di organizzazione, gestione ed erogazione dell offerta formativa certificato: - Certificazione di qualità UNI EN ISO Certificazione della responsabilità sociale SA Certificazione sistema di gestione della salute e sicurezza sul lavoro BS OHSAS Modello di organizzazione, gestione e controllo D.lgs. 231/01 accreditamento Il Centro di Formazione Sintex ha ottenuto l Accreditamento della Regione Lombardia come centro di formazione qualificato dal 2003 (D.d.g. 03 febbraio n. 1134) e la qualifica nella sezione SF2 dal 2006 (D.d.g. 22 dicembre n ).

5 Offerta formativa Sintex offre ai propri clienti un catalogo completo di corsi teorici e pratici per la formazione del personale. Il catalogo corsi è consultabile per aggiornamenti su internet all indirizzo dove è possibile anche effettuare iscrizioni on-line. Sintex propone anche un offerta completa di corsi in modalità e-learning, ove la normativa vigente lo consente, per soddisfare tutte le esigenze, compresa la necessità di effettuare formazione a distanza. Progettazione personalizzata della formazione I tecnici Sintex e gli esperti di processi formativi sono a disposizione delle aziende per strutturare percorsi di formazione per rispondere alle esigenze delle singole aziende, da realizzare presso il centro di formazione o direttamente nella sede dell azienda cliente per una formazione su misura. documenti e aggiornamenti Ai partecipanti ai corsi di formazione verrà fornita ampia e qualificata documentazione didattica e specifiche pubblicazioni Edizioni Sintex. Sono a disposizione dei clienti anche la rivista Azienda Sicura, il sito internet e una newsletter, per un costante e qualificato aggiornamento normativo. attestati di formazione Ad ogni partecipante ai corsi Sintex verrà rilasciato un attestato di partecipazione ai sensi del D.Lgs. 81/08. Per i corsi che richiedono attestazione specifica saranno emessi gli attestati di frequenza e profitto riconosciuti dagli enti preposti (ASL e Regione Lombardia). contributi In virtù dell accreditamento regionale del Centro di Formazione Sintex, è possibile accedere ai contributi per la formazione erogati da diversi enti (Regione Lombardia, Camera di Commercio, Inail, ecc.). Docenti La formazione è affidata a docenti qualificati e con esperienza almeno triennale nella formazione pratica e d aula sui temi della salute, sicurezza, igiene e organizzazione del lavoro. coordinamento didattico Responsabile scientifico e didattico del centro di formazione: Dr. Roberto Zini, sociologo, presidente Farco Group Responsabili della progettazione: Ing. Graziano Biondi, ingegnere, Direttore tecnico Sintex Dr. Alessandro Pagani, esperto in formazione e comunicazione Dott.ssa Stefania Cajola, Tecnico della prevenzione Dr.ssa Paola Zini, psicologa del lavoro - Phd in education

6 AccRediTAMenTO il centro di Formazione per la Sicurezza Sintex ha ottenuto il 02 febbraio 2003 l accreditamento presso la Regione lombardia come centro di formazione. la Regione lombardia sottolinea come gli Obiettivi dell accreditamento siano: introdurre specifici requisiti all interno dei processi di erogazione delle attività di formazione professionale e di orientamento; attivare all interno dei potenziali fornitori e quindi nell intero sistema della formazione professionale e dell orientamento regionale un processo di miglioramento continuo tendente all eccellenza; assicurare che l offerta formativa provenga da soggetti prequalificati sulla base della competenza e della capacità al fine di garantire l efficacia e l efficienza degli interventi. Aver ottenuto questo riconoscimento dalla Regione lombardia attesta come il centro di Formazione per la Sicurezza Sintex sia in grado di offrire una proposta formativa di alto livello, efficace ed efficiente, supportata da strutture gestionali, logistiche ed umane adeguate. AZiendA SicuRA day un appuntamento fisso, una giornata all anno dedicata al tema della sicurezza sul lavoro; è questo l appuntamento proposto dal gruppo Farco. le prime edizioni del convegno AZiendA SicuRA day hanno avuto un successo che è andato oltre le più rosee aspettative. Più di 150 persone provenienti da tutta la regione hanno partecipato ai lavori in cui si sono approfondite tematiche riguardanti la sicurezza sul lavoro; per un giorno la sicurezza è posta al centro dell attenzione anche nella provincia di Brescia che purtroppo è spesso al primo posto nella triste graduatoria delle province con il maggior numero di infortuni mortali sul lavoro. nasce da questo successo l idea di proporre un appuntamento fisso annuale ad imprenditori e responsabili della sicurezza aziendali per approfondire i temi della salute e sicurezza sul lavoro. numero ORe: Seminario da 4 ore costo: gratuito* 50,00 per eventuale rilascio di attestato riconosciuto come credito formativo per aggiornamento dirigenti, preposti, RlS AZiendA SicuRA day vuole essere l occasione per approfondire la normativa con il contributo di esperti e di operatori del settore, per esplorare le criticità, i problemi e le possibili soluzioni che le leggi stesse spesso offrono, anche in termini di contributi e di agevolazioni. Venerdì 23 Ottobre 2015 ore GROUP

7 come AccedeRe Ai RiMBORSi della camera di commercio PeR la FORMAZiOne SullA SicuReZZA Sul lavoro la camera di commercio di Brescia, nell intento di sostenere lo sviluppo economico, sociale e produttivo della provincia di Brescia, stanzia un fondo annuale per contributi a favore delle imprese bresciane dei settori industriale, artigianale, commerciale, agricolo, del turismo e dei servizi che pongano in essere impegni finanziari destinati alla formazione e all aggiornamento professionale - attinenti all attività e all oggetto sociale dell impresa - di imprenditori, di dirigenti, di dipendenti e di collaboratori familiari. SPESE FINANZIABILI PER LA FORMAZIONE Possono beneficiare del contributo le imprese bresciane per la partecipazione a corsi o seminari riguardanti la formazione professionale attinente all attività e all oggetto sociale. le imprese industriali e le cooperative OnluS non devono avere un numero di dipendenti superiore a 200 e un fatturato superiore a 40 milioni di euro. le piccole e medie imprese non devono avere un numero di dipendenti superiore a 40 e un fatturato superiore a 7 milioni di euro (dati bando 2014). Attenzione: verificare nel bando 2015 i contributi ed i corsi eventualmente finanziabili. FOndiMPReSA il fondo interprofessionale Fondimpresa ha cambiato la cultura della formazione grazie a finanziamento di piani formativi condivisi fra le Parti Sociali. Fondimpresa accantona nel conto individuale di ciascuna azienda iscritta (il conto Formazione ) una quota pari al 70% del contributo obbligatorio dello 0.30% sulle retribuzioni dei propri dipendenti versato all inps. le risorse finanziarie che affluiscono nel conto Formazione sono a disposizione dell azienda titolare, che può utilizzarle per fare formazione ai propri dipendenti nei tempi e con le modalità che ritiene più opportune, sulla base di Piani formativi condivisi con le Parti Sociali. non è finanziabile la formazione di titolari e amministratori d impresa, dirigenti, lavoratori autonomi e liberi professionisti, prestatori di lavoro occasionale, lavoratori con contratto di collaborazione coordinata e continuativa e a progetto. le risorse trasferite dall inps nel corso di un anno per ogni impresa aderente e disponibili sul conto Formazione devono essere utilizzate dall azienda entro i successivi due anni. le risorse del conto Formazione possono finanziare fino a due terzi della spesa complessiva di ogni Piano Formativo (incluse le spese di gestione e rendicontazione del piano stesso), mentre il restante terzo resta a carico dell impresa e può essere coperto con la spesa sostenuta pari al costo orario dei dipendenti impegnati in formazione durante l orario di lavoro (co-finanziamento). Farco Group offre alle aziende clienti una partnership nell accesso e nell utilizzo delle risorse accantonate, attraverso la redazione di progetti formativi che comprendono l erogazione diretta dei corsi finanziabili e la gestione della pratica. 5 GROUP

8 SEMINARI DI APPROFONDIMENTO con rilascio di crediti formativivalidi come aggiornamento La formazione aziendale è un fattore chiave per l accrescimento della cultura dell intera Organizzazione. Sintex propone seminari su temi specifici nell ambito della salute e sicurezza sul lavoro, ambiente ed organizzazione del lavoro, indirizzati a RSPP, RLS, Datori di Lavoro, Dirigenti, Preposti, Lavoratori e a tutti gli attori dei sistemi di prevenzione aziendale interessati ad approfondire le proprie conoscenze e competenze. I seminari di approfondimento sono gestiti in modo che possano costituire credito formativo ed essere quindi validi al fine dell aggiornamento delle diverse figure dell organigramma aziendale per la gestione della salute e della sicurezza. La scelta di proporre seminari di approfondimento su diverse tematiche risponde anche all indicazione normativa che chiede ai formatori di evitare che nei corsi di aggiornamento siano riprodotti meramente argomenti e contenuti già proposti nei corsi base, ma che vengano trattate le significative evoluzioni della normativa, le innovazioni, le applicazioni pratiche e/o approfondimenti riguardanti approfondimenti giuridico - normativi, aggiornamenti tecnici sui rischi, organizzazione e gestione della sicurezza in azienda, fonti di rischio e relative misure di prevenzione, ecc.. - moduli da 4 ore Ven Implementare azioni di miglioramento per la sicurezza ed ottenere un significativo risparmio grazie alla riduzione del tasso INAIL (mod. OT24) ore 160,00 cad. + IVA ore Mer Il rischio stress lavoro correlato ore Ven La gestione energetica dell azienda: coniugare sicurezza, ambiente e gestione energetica nelle imprese. La normativa (D.Lgs. 102/2014) e ore la conduzione degli audit. Gio Sistri e gestione dei rifiuti ore Ven Ergonomia: movimentazione manuale dei carichi, traino, spinta, movimenti ripetitivi. Valutazione del rischio ed esercitazioni ore sull applicazione della ISO parti Ven Cancerogeni: valutazione del rischio, limiti esposizione, monitoraggio biologico, registro esposti, evoluzioni tecnico-normative ore Lun Benessere e promozione della salute: il modello WHP (workplace health promotion) della Regione Lombardia ore Ven La valutazione del rischio elettrico e la valutazione del rischio da fulminazione ore Lun Formazione per la sicurezza: le domande più frequenti (attrezzature di lavoro, lavoratori, stranieri, tirocinanti, come certificare, come ore verificare) Ven Sistemi di gestione (qualità, sicurezza, responsabilità sociale, ambiente): tipologie, modalità di implementazione, norme e standard ore di riferimento, conduzione degli audit Gio Il rischio biologico nelle attività industriali (tetano, legionellosi, olii minerali, ecc.). Corso realizzato in collaborazione con Sinermed ore Ven Gestire le riunioni di lavoro: il ruolo del RSPP ore Ven Prevenzione incendi e DPR N. 151/2011: procedure operative, presentazione dei progetti e aspetti documentali ore Ven La gestione energetica dell azienda: impianti, sicurezza, certificati bianchi, incentivazioni ore Gio La segnaletica di sicurezza in azienda: segnaletica orizzontale, verticale, interna ed esterna. La segnaletica nei lavori su strada: ore obblighi e metodologie Ven RSPP: poteri e responsabilità tra dottrina e giurisprudenza ore Mer Caratteristiche di conformità delle strutture: analisi del comportamento al sisma e al fuoco. ore Mer Gestione degli appalti, duvri, coordinamento, accesso al cantiere ore Lun Responsabilità civili e penali delle figure della sicurezza: inquadramento e giuriprudenza ore

9 - moduli da 4 ore Ven Lun Ven Ven Lun Ven Gio Gio Indagini ambientali: periodicità, significato, lettura dei dati, correlazione con il piano di sorveglianza sanitaria Lavori in quota: accesso in quota, scale, trabattelli, ponteggi, PLE, DPI anticaduta, recupero di un eventuale infortunato Valutazione del rischio chimico: schede di sicurezza, reach, scenari di esposizione, esercitazioni sull applicazione del modello movarisch Dotarsi di un Sistema di Gestione per la Sicurezza: perché conviene, quale percorso scegliere. La norma OHSAS e le procedure semplificate ai sensi dell art. 30 del D.Lgs. 81/08 Benessere e promozione della salute: il modello WHP (workplace health promotion) della Regione Lombardia Alcoldipendenza e sostanze psicotrope. Corso realizzato in collaborazione con Sinermed Organizzare e gestire le prove di evacuazione. La gestione delle emergenze Verifiche periodiche obbligatorie, adempimenti documentali ed organizzativi (attrezzature di lavoro in genere, attrezzature a pressione, apparecchi di sollevamento e messe a terra) ore 160,00 cad. + IVA ore ore ore ore ore ore ore ore Ven D.lgs. 231/01 e art. 30 d.lgs. 81/08: sistemi di gestione per la sicurezza ore Lun Luoghi di lavoro e sicurezza: normativa, caratteristiche, come considerare i nuovi reparti, SCIA, impatto acustico, lay out ore moduli da 8 ore ore 260,00 cad. + IVA Mer Sicurezza nella gestione ambientale dell azienda ore Ven Il ruolo del RSPP oggi: sfide ed opportunità ore Gio Il lavoro in ambienti confinati ore Ven La negoziazione e la gestione del conflitto in materia di sicurezza sul lavoro ore Mar LA BBS: Behavior Based Safety come chiave competitive per l obiettivo infortuni zero ore Gio Il nuovo codice di prevenzione incendi ore Ven Apprendere dai mancati infortuni ore Mer La gestione energetica dell azienda: energy manager, gestione dell energia, impianti e sicurezza ore Mar Il lavoro in ambienti confinati ore moduli da 4 ore ore 160,00 cad. + IVA Marmirolo Gio Mer Responsabilità civili e penali delle figure della sicurezza: inquadramento e giuriprudenza Organizzare e gestire le prove di evacuazione. La gestione delle emergenze ore ore GROUP

10 AGGIORNAMENTI - Moduli da 24 ore ,00 + IVA Mer Formazione dei formatori ore Mer Formazione dei formatori ore Lun Formazione dei formatori ore Mer Formazione dei formatori ore Mer Formazione dei formatori ore Lun Formazione dei formatori ore AGGIORNAMENTI - Moduli da 40 ore ,00 + IVA Lun Lead Auditor ore Mar Lead Auditor ore Mar Lead Auditor ore Mer Lead Auditor ore Mer Lead Auditor ore

11 CORSI per ADDETTI ANTINCENDIO Il Centro di formazione per la sicurezza in azienda è dotato di ampie sale corsi attrezzate con le più recenti tecnologie per una formazione efficace ed efficiente, sale multimediali climatizzate per un confortevole apprendimento, campo prove attrezzato con un moderno simulatore di fuoco per la formazioni degli addetti antincendio. Normativa: I lavoratori incaricati dell attività di prevenzione incendi e lotta antincendio, di evacuazione dei luoghi di lavoro in caso di pericolo grave ed immediato, di salvataggio, di primo soccorso e, comunque, di gestione dell emergenza devono ricevere un adeguata e specifica formazione e un aggiornamento periodico; in attesa dell emanazione delle disposizioni di cui al comma 3 dell articolo 46, continuano a trovare applicazione le disposizioni di cui al decreto del Ministro dell interno in data 10 marzo (D.Lgs. 81/08 articolo 37 comma 9) I contenuti minimi dei corsi di formazione per addetti alla prevenzione incendi, lotta antincendio e gestione delle emergenze in caso di incendio, devono essere correlati alla tipologia delle attività ed al livello di rischio di incendio delle stesse, nonché agli specifici compiti affidati ai lavoratori. (D.M. 10 Marzo 1998 allegato IX comma 9.1) I lavoratori designati, nei luoghi di lavoro ove si svolgono le attività riportate nell allegato X, devono conseguire l attestato di idoneità tecnica di cui all art. 3 della legge 28 novembre 1996, n (D.M. 10 marzo 1998 articolo 3 comma 3) CORSO PER ADDETTI ANTINCENDIO IN ATTIVITÀ A RISCHIO DI INCENDIO BASSO ARGOMENTI DEL CORSO 1) L incendio e la prevenzione (principi della combustione, prodotti della combustione, sostanze estinguenti in relazione al tipo di incendio, effetti dell incendio sull uomo, divieti e limitazioni di esercizio, misure comportamentali) 2) Protezione antincendio e procedure da adottare in caso di incendio (principali misure di protezione antincendio, evacuazione in caso di incendio, chiamata dei soccorsi) 3) Esercitazioni pratiche (presa visione e chiarimenti sugli estintori portatili, istruzioni sull uso degli estintori portatili tramite dimostrazione pratica in apposito campo prove) 4 140,00 + IVA Giovedì 29 Gennaio 2015 ore Giovedì 19 Febbraio 2015 ore Giovedì 26 Marzo 2015 ore Sabato 11 Aprile 2015 ore Lunedì 18 Maggio 2015 ore Giovedì 25 Giugno 2015 ore Venerdì 10 Luglio 2015 ore Giovedì 24 Settembre 2015 ore Sabato 10 Ottobre 2015 ore Giovedì 19 Novembre 2015 ore Giovedì 17 Dicembre 2015 ore Marmirolo Giovedì 23 Aprile 2015 Ore Giovedì 08 Ottobre 2015 Ore Piazzale prove con simulatore di incendio 9 GROUP

12 Corso per addetti antincendio in attività a rischio di incendio medio ARGOMENTI DEL CORSO 1) L incendio e la prevenzione incendi (principi della combustione, le sostanze estinguenti, triangolo della combustione, le principali cause di un incendio, rischi alle persone in caso di incendio, principali accorgimenti e misure per prevenire gli incendi) 2) Protezione antincendio e procedure da adottare in caso di incendio (le principali misure di protezione contro gli incendi, vie di esodo, procedure da adottare quando si scopre un incendio o in caso di allarme, procedure per l evacuazione, rapporti con i vigili del fuoco, attrezzature ed impianti di estinzione, sistemi di allarme, segnaletica di sicurezza, illuminazione di emergenza) 3) Esercitazioni pratiche (presa visione e chiarimenti sui mezzi di estinzione più diffusi, presa visione e chiarimenti sulle attrezzature di protezione individuale, esercitazioni sull uso degli estintori portatili e modalità di utilizzo di naspi e idranti) 8 250,00 + IVA Giovedì 29 Gennaio 2015 ore Giovedì 26 Marzo 2015 ore Sabato 11 e 18 Aprile 2015 ore Lunedì 18 Maggio 2015 ore Giovedì 25 Giugno 2015 ore Giovedì 24 Settembre 2015 ore Giovedì 19 Novembre 2015 ore Giovedì 17 Dicembre 2015 ore Marmirolo Giovedì 23 Aprile 2015 ore Giovedì 08 Ottobre 2015 ore Corso per addetti antincendio in attività a rischio di incendio elevato ARGOMENTI DEL CORSO 1) L incendio e la prevenzione incendi (principi della combustione, le principali cause di incendio in relazione allo specifico ambiente di lavoro, le sostanze estinguenti, i rischi alle persone ed all ambiente, specifiche misure di prevenzione incendi, accorgimenti comportamentali per prevenire gli incendi, l importanza del controllo degli ambienti di lavoro, l importanza delle verifiche e delle manutenzioni sui presidi antincendio) 2) La protezione antincendio (misure di protezione passiva, vie di esodo, compartimentazioni, distanziamenti, attrezzature ed impianti di estinzione, sistemi di allarme, segnaletica di sicurezza, impianti elettrici di sicurezza, illuminazione di sicurezza) 3) Procedure da adottare in caso di incendio (procedure da adottare quando si scopre un incendio, procedure da adottare in caso di allarme, modalità di evacuazione, modalità di chiamata dei servizi di soccorso, collaborazione con i vigili del fuoco in caso di intervento, esemplificazione di una situazione di emergenza e modalità procedurali operative) 4) Esercitazioni pratiche (presa visione e chiarimenti sulle principali attrezzature ed impianti di spegnimento, presa visione sulle attrezzature di protezione individuale come maschere, autoprotettore, tute, ecc., esercitazioni sull uso delle attrezzature di spegnimento e di protezione individuale) ,00 + IVA* * L'accertamento dell'idoneità tecnica dei lavoratori incaricati dell'attuazione delle misure di prevenzione incendi, lotta antincendio e gestione delle emergenze si tiene presso la sede del Comando provinciale dei vigili del fuoco con relativi costi di pratica (marca da bollo, bollettino da versare secondo le indicazioni del comando e noleggio dei mezzi antincendio per l'esercitazione pratica). Giovedì e Venerdì 26 e 27 Marzo 2015 ore Giovedì e Venerdì 25 e 26 Giugno 2015 ore Giovedì e Venerdì 19 e 20 Novembre 2015 ore

13 AGGIORNAMENTO TRIENNALE PER ADDETTI ANTINCENDIO Normativa: I lavoratori incaricati dell attività di prevenzione incendi e lotta antincendio, di evacuazione dei luoghi di lavoro in caso di pericolo grave ed immediato, di salvataggio, di primo soccorso e, comunque, di gestione dell emergenza devono ricevere un adeguata e specifica formazione e un aggiornamento periodico. (D.Lgs. 81/08 articolo 37 comma 9) Per fornire indicazioni circa l aggiornamento formativo degli addetti all emergenza incendio è intervenuto il Dipartimento dei Vigili del Fuoco, del Soccorso Pubblico e della Difesa Civile, Direzione Centrale della Formazione, con una lettera circolare del 23 febbraio 2011 (Prot ) indirizzata a tutti i Comandi Provinciali dei Vigili del fuoco. La lettera circolare definisce i programmi, i contenuti e le durate dei corsi medesimi, distinguendoli per tipologia di rischio secondo il seguente schema di sintesi: CORSO A: aggiornamento addetto antincendio in attività a rischio di incendio BASSO (durata 2 ore) CORSO B: aggiornamento addetto antincendio in attività a rischio di incendio MEDIO (durata 5 ore) CORSO C: aggiornamento addetto antincendio in attività a rischio di incendio ELEVATO (durata 8 ore) Un ulteriore chiarimento pubblicato sul sito ufficiale riporta l indicazione circa la periodicità dell aggiornamento. I corsi di aggiornamento previsti dall art. 37 c-comma 9 del D. Lgs. 81/08, dovranno essere effettuati con cadenza triennale come indicato dalla nota n del 26/01/2012 della Direzione Regionale VV.F. Emilia Romagna. La pubblicazione dell INAIL dal titolo FORMAZIONE ANTINCENDIO - Gestione dell emergenza nei luoghi di lavoro nella sua ultima edizione del maggio 2013, ribadisce che il Comitato Centrale Tecnico Scientifico per la prevenzione incendi sta ultimando i lavori relativi alla predisposizione del nuovo D.M. 10 marzo Tra le novità è esplicitamente indicato che per gli addetti antincendio sono da prevedere aggiornamenti triennali di 2, 5 e 8 ore rispettivamente per attività a rischio basso, medio e alto (per similitudine con il DM 388/03 relativo al primo soccorso aziendale). 11 GROUP

14 Aggiornamento attività a rischio di incendio basso Giovedì 29 Gennaio 2015 ore Giovedì 19 Febbraio 2015 ore Giovedì 26 Marzo 2015 ore Sabato 11 Aprile 2015 ore Lunedì 18 Maggio 2015 ore Giovedì 25 Giugno 2015 ore Venerdì 10 Luglio 2015 ore Giovedì 24 Settembre 2015 ore Sabato 10 Ottobre 2015 ore Giovedì 19 Novembre 2015 ore Giovedì 17 Dicembre 2015 ore Marmirolo 2 90,00 + IVA Giovedì 23 Aprile 2015 ore Giovedì 08 Ottobre 2015 ore Aggiornamento attività a rischio di incendio medio Giovedì 29 Gennaio 2015 A partire dalle ore Giovedì 19 Febbraio 2015 A partire dalle ore Giovedì 26 Marzo 2015 A partire dalle ore Sabato 11 Aprile 2015 A partire dalle ore Lunedì 18 Maggio 2015 A partire dalle ore Giovedì 25 Giugno 2015 A partire dalle ore Venerdì 10 Luglio 2015 A partire dalle ore Giovedì 24 Settembre 2015 A partire dalle ore Sabato 10 Ottobre 2015 A partire dalle ore Giovedì 19 Novembre 2015 A partire dalle ore Giovedì 17 Dicembre 2015 A partire dalle ore Marmirolo 5 150,00 + IVA Giovedì 23 Aprile 2015 A partire dalle ore Giovedì 08 Ottobre 2015 A partire dalle ore Aggiornamento attività a rischio di incendio elevato Giovedì 29 Gennaio 2015 ore Giovedì 26 Marzo 2015 ore Sabato 11 e 18 Aprile 2015 ore Lunedì 18 Maggio 2015 ore Giovedì 25 Giugno 2015 ore Giovedì 24 Settembre 2015 ore Giovedì 19 Novembre 2015 ore Giovedì 17 Dicembre 2015 ore ,00 + IVA 12

15 CORSI per ADDETTI AL PRIMO SOCCORSO AZIENDALE Normativa: I requisiti del personale addetto al primo soccorso e la sua formazione, individuati in relazione alla natura dell attività, al numero dei lavoratori occupati ed ai fattori di rischio, sono individuati dal decreto ministeriale 15 luglio 2003, n (D.Lgs. 81/08 articolo 45 comma 2) Requisiti e formazione degli addetti al pronto soccorso 1. Gli addetti al pronto soccorso sono formati con istruzione teorica e pratica per l attuazione delle misure di primo intervento interno e per l attivazione degli interventi di pronto soccorso. 2. La formazione dei lavoratori designati è svolta da personale medico, in collaborazione, ove possibile, con il sistema di emergenza del Servizio Sanitario Nazionale. Nello svolgimento della parte pratica della formazione il medico può avvalersi della collaborazione di personale infermieristico o di altro personale specializzato. 5. Sono validi i corsi di formazione per gli addetti al pronto soccorso ultimati entro la data di entrata in vigore del presente decreto. La formazione dei lavoratori designati andrà ripetuta con cadenza triennale almeno per quanto attiene alla capacità di intervento pratico. (D.M. 388/2003 articolo 3) GRUPPO A TIPOLOGIA DI IMPRESE O UNITÀ PRODUTTIVE aziende soggette ad obbligo di notifica ai sensi dell art. 2 D.Lgs. 334/99 centrali termoelettriche impianti e laboratori nucleari di cui agli artt. 7, 28 e 33 del D.Lgs. 230/95 aziende estrattive e attività minerarie di cui al D.Lgs. 624/96 aziende che effettuano lavori in sotterraneo di cui al D.P.R. 320/56 aziende per la fabbricazione di esplosivi, polveri e munizioni appartenenti o riconducibili ai gruppi tariffari INAIL con indice infortunistico di inabilità permanente superiore a quattro nell ultimo triennio NUMERO DI LAVORATORI Qualsiasi numero Più di 5 Più di 5 aziende del comparto dell agricoltura (a tempo indeterminato) B tutte le aziende che non rientrano nel gruppo A 3 o più C tutte le aziende che non rientrano nel gruppo A Meno di 3 13 GROUP

16 CORSO PER ADDETTI AL PRIMO SOCCORSO PER LE AZIENDE DEL GRUPPO A ARGOMENTI DEL CORSO 1. Allertare il sistema di soccorso 2. Riconoscere un emergenza sanitaria 3. Attuare gli interventi di primo soccorso 4. Conoscere i rischi specifici dell attività svolta 5. Acquisire conoscenze generali sui traumi in ambiente di lavoro 6. Acquisire conoscenze generali sulle patologie specifiche in ambiente di lavoro 7. Acquisire capacità di intervento pratico ,00 + IVA Mar.-Mer.-Gio.-Ven Febbraio 2015 ore Lun.-Mar.-Mer.-Gio Aprile 2015 ore Merc-Giov-Ven-Sab Giugno 2015 ore Lun.-Mar.-Mer.-Gio Ottobre 2015 ore Mar.-Mer.-Gio.-Ven Dicembre 2015 ore Marmirolo Mar.-Mer. 09 e 10 Giugno 2015 ore Mer.-Gio. 02 e 03 Dicembre 2015 ore CORSO PER ADDETTI AL PRIMO SOCCORSO PER LE AZIENDE DEI GRUPPI B E C ARGOMENTI DEL CORSO 1. Allertare il sistema di soccorso 2. Riconoscere un emergenza sanitaria 3. Attuare gli interventi di primo soccorso 4. Conoscere i rischi specifici dell attività svolta 5. Acquisire conoscenze generali sui traumi in ambiente di lavoro 6. Acquisire conoscenze generali sulle patologie specifiche in ambiente di lavoro 7. Acquisire capacità di intervento pratico ,00 + IVA Mar.-Mer.-Gio Febbraio 2015 ore Lun.-Mar.-Mer Aprile 2015 ore Merc-Giov-Ven Giugno 2015 ore Lun.-Mar.-Mer Ottobre 2015 ore Mar.-Mer.-Gio Dicembre 2015 ore Marmirolo Martedì 09 Giugno 2015 ore Mercoledì 10 Giugno 2015 ore Mercoledì 02 Dicembre 2015 ore Giovedì 03 Dicembre 2015 ore

17 AGGIORNAMENTO TRIENNALE PER ADDETTI PRIMO SOCCORSO ARGOMENTI DEL CORSO La formazione dei lavoratori designati andrà ripetuta con cadenza triennale almeno per quanto attiene alla capacità di intervento pratico. (D.M. n.388/2003 articolo 3 comma 5) AZIENDE DEI GRUPPI B e C 4 140,00 + IVA Venerdì 13 Febbraio 2015 ore Giovedì 23 Aprile 2015 ore Sabato 20 Giugno 2015 ore Lunedì 20 Luglio 2015 ore Giovedì 15 Ottobre 2015 ore Sabato 07 Novembre 2015 ore Venerdì 04 Dicembre 2015 ore Marmirolo Mercoledì 10 giugno 2015 ore Giovedì 03 dicembre 2015 ore AZIENDE DEI GRUPPO A Venerdì 13 Febbraio 2015 A partire dalle ore Giovedì 23 Aprile 2015 A partire dalle ore Sabato 20 Giugno 2015 A partire dalle ore Lunedì 20 Luglio 2015 A partire dalle ore Giovedì 15 Ottobre 2015 A partire dalle ore Sabato 07 Novembre 2015 A partire dalle ore Venerdì 04 Dicembre 2015 A partire dalle ore ,00 + IVA Marmirolo Mercoledì 10 Giugno 2015 A partire dalle ore Giovedì 03 Dicembre 2015 A partire dalle ore GROUP

18 BlSd - RiAniMAZiOne cardiopolmonare di BASe e defibrillazione PRecOce Normativa: il decreto 24 aprile 2013 ha definito quali sono le attività che hanno l obbligo di tenere nei propri locali un dae. la Regione lombardia ha inoltre elencato i luoghi in cui deve essere presente un dae e i luoghi in cui lo stesso è consigliato. è obbligatoria la presenza di un dae operativo su ogni Mezzo di Soccorso di Base (MSB) e intermedio (MSi) inserito nel sistema di emergenza sanitaria regionale, sui mezzi di soccorso che prestano assistenza a manifestazioni sportive o eventi organizzati, presso Società Sportive sia professionistiche che dilettantistiche e all interno di impianti sportivi, sui mezzi deputati al trasporto sanitario. è invece fortemente raccomandata nelle strutture sanitarie e socio-sanitarie, pubbliche e private, accreditate o autorizzate, ove non sia già presente una risposta all emergenza, strutturata o istituzionalizzata, che preveda l impiego di un defibrillatore, in ambienti ad elevata densità di popolazione (aeroporti, stazioni marittime, stazioni ferroviarie, metropolitane, stadi, ipermercati, centri commerciali, hotel, ecc.). è utile la presenza di un dae nelle strutture, fisse e/o mobili, nell ambito di istituzioni coinvolte nella gestione dell ordine pubblico e dell emergenza, in luoghi pubblici non rapidamente raggiungibili dal sistema di emergenza, negli ambulatori delle strutture sanitarie e nelle strutture ambulatoriali (studi medici, ambulatori dentistici, ambulatori delle ASl, ecc.); è accettabile la presenza di un dae in ambito domiciliare, per quanto riguarda il domicilio di pazienti potenzialmente a rischio di morte cardiaca improvvisa. Sintex propone anche corsi certificati di defibrillazione precoce per laici attivabili su richiesta, grazie alla collaborazione con centro accreditato dall AReu di Milano per lo svolgimento e rilascio di attestati riconosciuti. i defibrillatori semi-automatici (dae) servono nel caso di un arresto cardiaco improvviso, evento molto grave ed acuto che può portare a morte una persona se non tempestivamente trattata. ARGOMenTi del corso i corsi durano almeno 5 ore comprensive di parte teorica, pratica e di valutazione finale che abilita all uso del dae. i corsi saranno tenuti da soggetti specificamente riconosciuti. calendario Venerdì 17 Aprile 2015 ore Venerdì 30 Ottobre 2015 ore numero ORe: 5 costo: 150,00 + iva 16

19 RSPP per DATORI di LAVORO Normativa: Casi in cui è consentito lo svolgimento diretto da parte del datore di lavoro dei compiti di Prevenzione e protezione dei rischi (art. 34) 1. Aziende artigiane e industriali (1)...fino a 30 lavoratori 2. Aziende agricole e zootecniche...fino a 30 lavoratori 3. Aziende della pesca...fino a 20 lavoratori 4. Altre aziende...fino a 200 lavoratori (1) Escluse le aziende industriali di cui all art. 1 del decreto del Presidente della Repubblica 17 maggio1988, n. 175, e successive modifiche, soggette all obbligo di dichiarazione o notifica ai sensi degli articoli 4 e 6 del decreto stesso, le centrali termoelettriche, gli impianti ed i laboratori nucleari, le aziende estrattive e altre attività minerarie, le aziende per la fabbricazione ed il deposito separato di esplosivi, polveri e munizioni, le strutture di ricovero e cura sia pubbliche sia private. (D.Lgs. 81/08 allegato II) Accordo tra il Ministro del lavoro e delle politiche sociali, il Ministro della salute, le Regioni e le Province autonome di Trento e Bolzano sui corsi di formazione per lo svolgimento diretto da parte del datore di lavoro dei compiti di prevenzione e protezione dai rischi ai sensi dell articolo 34, commi 2 e 3, del decreto legislativo 9 aprile 2008, n. 81. Il percorso formativo contempla corsi di formazione per Datori di lavoro che svolgono il ruolo di RSPP per una durata minima di 16 ore e massima di 48 ore, in funzione della natura dei rischi presenti sul luogo di lavoro, delle modalità di organizzazione del lavoro e delle attività lavorative svolte. ARTICOLAZIONE DEL PERCORSO FORMATIVO I percorsi formativi sono articolati in moduli associati a tre differenti livelli di rischio. Per identificare il livello di rischio verificare l allegato II dell Accordo pubblicato (tabelle a pagina 50 e 51 del presente catologo). RISCHIO CORSO AGGIORNAMENTO* Azienda classificata a rischio basso 16 ore 6 ore Azienda classificata a rischio medio 32 ore 10 ore Azienda classificata a rischio alto 48 ore 14 ore * L aggiornamento, che ha periodicità quinquennale (cinque anni a decorrere dalla data di pubblicazione dell Accordo), ha durata modulata in relazione ai tre livelli di rischio sopra individuati. L obbligo di aggiornamento va preferibilmente distribuito nell arco temporale di riferimento e si applica anche a coloro che abbiano frequentato i corsi di cui all articolo 3 del decreto ministeriale 16 gennaio Al fine di consentire la piena ed effettiva attuazione degli obblighi di cui al presente accordo, in coerenza con la previsione in materia di valutazione dei rischi di cui all articolo 28, comma 3-bis, del D.Lgs. n. 81/08, in caso di inizio di nuova attività il datore di lavoro che intende svolgere, nei casi previsti dal decreto stesso, i compiti del servizio di prevenzione e protezione dai rischi deve completare il percorso formativo di cui al presente accordo entro e non oltre novanta giorni dalla data di inizio della propria attività. ARGOMENTI DEL CORSO - modulo 1: normativo - giuridico - modulo 2: gestionale - gestione ed organizzazione della sicurezza - modulo 3: tecnico - individuazione e valutazione dei rischi - modulo 4: relazionale - formazione e consultazione dei lavoratori 17 GROUP

20 rspp datori di lavoro - AZIENDE CLASSIFICATE A RISCHIO BASSO Marmirolo ,00 + IVA Martedì 17 Marzo 2015 ore Giovedì 19 Marzo 2015 ore Martedì 06 Ottobre 2015 ore Giovedì 08 Ottobre 2015 ore Martedì 05 Maggio 2015 ore Giovedì 07 Maggio 2015 ore Martedì 03 Novembre 2015 ore Giovedì 05 Novembre 2015 ore rspp datori di lavoro - AZIENDE CLASSIFICATE A RISCHIO medio Marmirolo ,00 + IVA Martedì 17 Marzo 2015 ore Giovedì 19 Marzo 2015 ore Martedì 24 Marzo 2015 ore Venerdì 27 Marzo 2015 ore Martedì 06 Ottobre 2015 ore Giovedì 08 Ottobre 2015 ore Martedì 13 Ottobre 2015 ore Giovedì 15 Ottobre 2015 ore Martedì 05 Maggio 2015 ore Giovedì 07 Maggio 2015 ore Martedì 12 Maggio 2015 ore Giovedì 14 Maggio 2015 ore Martedì 03 Novembre 2015 ore Giovedì 05 Novembre 2015 ore Martedì 10 Novembre 2015 ore Giovedì 12 Novembre 2015 ore rspp datori di lavoro - AZIENDE CLASSIFICATE A RISCHIO alto Marmirolo ,00 + IVA Martedì 17 Marzo 2015 ore Giovedì 19 Marzo 2015 ore Martedì 24 Marzo 2015 ore Venerdì 27 Marzo 2015 ore Martedì 31 Marzo 2015 ore Giovedì 02 Aprile 2015 ore Martedì 06 Ottobre 2015 ore Giovedì 08 Ottobre 2015 ore Martedì 13 Ottobre 2015 ore Giovedì 15 Ottobre 2015 ore Martedì 20 Ottobre 2015 ore Venerdì 23 Ottobre 2015 ore Martedì 05 Maggio 2015 ore Giovedì 07 Maggio 2015 ore Martedì 12 Maggio 2015 ore Giovedì 14 Maggio 2015 ore Martedì 19 Maggio 2015 ore Giovedì 21 Maggio 2015 ore Martedì 03 Novembre 2015 ore Giovedì 05 Novembre 2015 ore Martedì 10 Novembre 2015 ore Giovedì 12 Novembre 2015 ore Martedì 17 Novembre 2015 ore Giovedì 19 Novembre 2015 ore

CODICE FISCALE: DNG LDA 65R17 F205S PARTITA IVA: 12131140159 Corso Matteotti, 56 20081 ABBIATEGRASSO (MI) Tel/Fax: 02.94.60.85.56

CODICE FISCALE: DNG LDA 65R17 F205S PARTITA IVA: 12131140159 Corso Matteotti, 56 20081 ABBIATEGRASSO (MI) Tel/Fax: 02.94.60.85.56 Cosa devo fare per quanto riguarda la sicurezza sul lavoro se assumo il primo dipendente/collaboratore? Come datore di lavoro devo: 1. valutare i rischi a cui andrà incontro questa persona compiendo il

Dettagli

CORSO ANTINCENDIO BASE

CORSO ANTINCENDIO BASE Evento formativo Corso di addestramento CORSO ANTINCENDIO BASE 1. Premessa Il D.Lgs. 81/2008 e D.M. 10.03.98 stabiliscono, tra l altro, i criteri per la valutazione dei rischi incendio nei luoghi di lavoro

Dettagli

D) ATTI DIRIGENZIALI. Giunta regionale. 64 Bollettino Ufficiale. Serie Ordinaria n. 44 - Giovedì 31 ottobre 2013

D) ATTI DIRIGENZIALI. Giunta regionale. 64 Bollettino Ufficiale. Serie Ordinaria n. 44 - Giovedì 31 ottobre 2013 64 Bollettino Ufficiale D) ATTI DIRIGENZIALI Giunta regionale D.G. Salute Circolare regionale 25 ottobre 2013 - n. 20 Indicazioni in ordine all applicazione dell accordo tra governo, regioni e province

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO (ai sensi dell articolo 26 del D.Lgs. 81/2008) Allegato

Dettagli

Il RIF è un marchio che l impresa potrà apporre nella sua carta intestata e nelle sue comunicazioni.

Il RIF è un marchio che l impresa potrà apporre nella sua carta intestata e nelle sue comunicazioni. 1. RIF: che cos è Il RIF (Registro dell Impresa Formativa) è lo strumento, approvato dal FORMEDIL e dalla CNCPT, collegato al sito della Banca dati formazione costruzioni (BDFC) del Formedil nel quale

Dettagli

REQUISITI DELLE IMPRESE E DEI LAVORATORI AUTONOMI CHE ESEGUONO LAVORI CON RISCHIO DI CADUTA DALL ALTO PRESSO LE AZIENDE CERAMICHE IMPRESE

REQUISITI DELLE IMPRESE E DEI LAVORATORI AUTONOMI CHE ESEGUONO LAVORI CON RISCHIO DI CADUTA DALL ALTO PRESSO LE AZIENDE CERAMICHE IMPRESE PROTOCOLLO DI INTESA PER LA PREVENZIONE DEGLI INFORTUNI DA CADUTA DALL ALTO PRESSO LE INDUSTRIE CERAMICHE Allegato B REQUISITI DELLE IMPRESE E DEI LAVORATORI AUTONOMI CHE ESEGUONO LAVORI CON RISCHIO DI

Dettagli

Città di Spinea Provincia di Venezia

Città di Spinea Provincia di Venezia Città di Spinea Provincia di Venezia APPALTO: servizio di pulizia interna uffici comunali 2013 2014 AFFIDAMENTO: da appaltare REDATTO DA REVISIONE N. DATA APPROVATO DA 1 SOMMARIO 1. SEZIONE DESCRITTIVA...

Dettagli

Attività soggette al controllo dei VV.F. nei condomini

Attività soggette al controllo dei VV.F. nei condomini Attività soggette al controllo dei VV.F. nei condomini Innocenzo Mastronardi, Ingegnere Civile, professionista antincendio, PhD student in S.O.L.I.P.P. XXVI Ciclo Politecnico di Bari INTRODUZIONE Con l

Dettagli

5.2. Esempio di procedura per l attività di ufficio

5.2. Esempio di procedura per l attività di ufficio 5.2. Esempio di procedura per l attività di ufficio Pag. 1 di 36 DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI PER LA SALUTE E LA SICUREZZA NEGLI AMBIENTI DI LAVORO ai sensi degli artt. 17, 28 e 29 del D.lgs 81/08

Dettagli

La sicurezza sul lavoro

La sicurezza sul lavoro La sicurezza sul lavoro 1-La storia della sicurezza sul lavoro in Italia 2-I decreti legislativi 626, 81 e i successivi provvedimenti integrativi 3- Il T.U. 81 sostituisce completamente il D. Lgs. 626/94

Dettagli

SICUREZZA & INGEGNERIA

SICUREZZA & INGEGNERIA SICUREZZA & INGEGNERIA Centro Formazione AiFOS A707 MA.CI - S.R.L. AGENZIA FORMATIVA E SERVIZI PROFESSIONALI PER LE IMPRESE Organismo accreditato dalla Regione Toscana PI0769 C.F./Partita IVA 01965420506

Dettagli

TABELLA B. RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8

TABELLA B. RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8 TABELLA B RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8 1 B1) Disponibilità dei locali B1.1) Scansione del documento di disponibilità esclusiva dei locali della sede operativa per almeno tre

Dettagli

SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO

SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO SICUREZZA SUL LAVORO In-Formare è già prevenire Questo Mini-Manuale è aggiornato alle più recenti disposizioni 2014 sulla salute, l igiene e la sicurezza sul lavoro: Testo Unico, D.Lgs. 81/2008 e, in particolare,

Dettagli

Linee Guida per un sistema di gestione della salute e sicurezza sul lavoro (SGSL)

Linee Guida per un sistema di gestione della salute e sicurezza sul lavoro (SGSL) Linee Guida per un sistema di gestione della salute e sicurezza sul lavoro (SGSL) Guida operativa Ottobre 2003 1 SOMMARIO Presentazione pag. 4 Premessa (da Linee Guida UNI-INAIL) pag. 5 A. Finalità (da

Dettagli

DECRETO LEGISLATIVO 9 APRILE 2008, N. 81

DECRETO LEGISLATIVO 9 APRILE 2008, N. 81 DECRETO LEGISLATIVO 9 APRILE 2008, N. 81 Testo coordinato con il Decreto Legislativo 3 agosto 2009, n. 106 Attuazione dell'articolo 1 della legge 3 agosto 2007, n. 123, in materia di tutela della salute

Dettagli

Ambiente e Sicurezza Innovazione Miglioramento Sostenibile CATALOGO FORMAZIONE

Ambiente e Sicurezza Innovazione Miglioramento Sostenibile CATALOGO FORMAZIONE Ambiente e Sicurezza Innovazione Miglioramento Sostenibile CATALOGO 2015 FORMAZIONE HSE - HEALTH SAFETY ENVIRONMENT Salute e Sicurezza RLS - Formazione Base S.S.1 32 RLSA S.S.2 64 RLS - Aggiornamento S.S.3

Dettagli

CORSO DI SICUREZZA NEI CANTIERI

CORSO DI SICUREZZA NEI CANTIERI Corso di laurea in Ingegneria Edile CORSO DI SICUREZZA NEI CANTIERI Anno Accademico 2011/2012 Definire: Obbiettivi della lezione Rischi Interferenziali - DUVRI e PSC Rischi Propri - POS Conoscere gli aspetti

Dettagli

GRUPPO. Sicurezza per scelta

GRUPPO. Sicurezza per scelta Ge.Ma. Sicurezza per scelta Ge. Ma. la Qualità e la Sicurezza sono valori che costruiamo insieme a te GE.MA. company profile UN OCCHIO APERTO SUL FUTURO UNA REALTÀ DINAMICA, UN MODELLO EVOLUTO DI CONSULENZA

Dettagli

- PARTE SPECIALE G- I REATI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO

- PARTE SPECIALE G- I REATI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO - PARTE SPECIALE G- I REATI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO G.1. I reati di cui all art. 25 septies del D.Lgs. n. 231/2001 La Legge 3 agosto 2007, n. 123, ha introdotto l art. 25 septies del

Dettagli

A) COMPETENZE DI BASE

A) COMPETENZE DI BASE AVVISO DI PROCEDURA SELETTIVA PER LA COSTITUZIONE DI UN ELENCO DI FORMATORI NELL' AMBITO DEI PERCORSI TRIENNALI DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALE (FORMAZIONE INIZIALE 14-18 ANNI) CUI CONFERIRE,

Dettagli

http://www.tassisto.it/

http://www.tassisto.it/ F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome TASSISTO FRANCESCO Indirizzo VIA MARTIRI DELLA LIBERAZIONE, 80/2A 16043 CHIAVARI Telefono 0185325331 Cellulare

Dettagli

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI)

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) COMPITI DELLE IMPRESE E DOCUMENTAZIONE CONTRATTUALE AI SENSI DI QUANTO PREVISTO DAL D.L.GS 8108 e s.m.i. TIPOLOGIA APPALTO: SERVIZIO DI PULIZIA

Dettagli

Organismo per la gestione degli elenchi degli agenti in attività finanziaria e dei mediatori creditizi. Circolare n. 19/14

Organismo per la gestione degli elenchi degli agenti in attività finanziaria e dei mediatori creditizi. Circolare n. 19/14 Organismo per la gestione degli elenchi degli agenti in attività finanziaria e dei mediatori creditizi Circolare n. 19/14 contenente disposizioni inerenti gli obblighi di formazione e di aggiornamento

Dettagli

06/09/2013. Gianfranco Tripi. Deroghe

06/09/2013. Gianfranco Tripi. Deroghe CORSO BASE DI SPECIALIZZAZIONE DI PREVENZIONE INCENDI Analisi di rischio e individuazione delle misure di sicurezza equivalenti. Individuazione delle misure di prevenzione e/o di protezione che permettono

Dettagli

Università degli Studi di Roma Tor Vergata

Università degli Studi di Roma Tor Vergata Università degli Studi di Roma Tor Vergata DIPARTIMENTO DI ECONOMIA E FINANZA MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ECONOMIA DELLA CULTURA: POLITICHE, GOVERNO E GESTIONE modalità didattica mista presenza/distanza

Dettagli

VERBALE DELLA RIUNIONE PERIODICA DI PREVENZIONE E PROTEZIONE DAI RISCHI (ai sensi dell'art. 35 del D.Lgs 81/08).

VERBALE DELLA RIUNIONE PERIODICA DI PREVENZIONE E PROTEZIONE DAI RISCHI (ai sensi dell'art. 35 del D.Lgs 81/08). VERBALE DELLA RIUNIONE PERIODICA DI PREVENZIONE E PROTEZIONE DAI RISCHI (ai sensi dell'art. 35 del D.Lgs 81/08). Il giorno del mese di dell'anno duemila il sottoscritto titolare/legale rappresentante della

Dettagli

LA NUOVA PREVENZIONE INCENDI DM 07.08.2013. Siena, 10 maggio 2013

LA NUOVA PREVENZIONE INCENDI DM 07.08.2013. Siena, 10 maggio 2013 Ministero dell Interno Dipartimento dei Vigili del Fuoco, del Soccorso Pubblico e della Difesa Civile Comando Provinciale Vigili del fuoco SIENA "Noctu et Die Vigilantes" LA NUOVA PREVENZIONE INCENDI DM

Dettagli

Schema Professionista della Security Profilo Senior Security Manager - III Livello

Schema Professionista della Security Profilo Senior Security Manager - III Livello STATO DELLE REVISIONI rev. n SINTESI DELLA MODIFICA DATA 0 05-05-2015 VERIFICA Direttore Qualità & Industrializzazione Maria Anzilotta APPROVAZIONE Direttore Generale Giampiero Belcredi rev. 0 del 2015-05-05

Dettagli

VERBALE DI VERIFICA DEL P.O.S. E RELATIVE DOCUMENTAZIONI

VERBALE DI VERIFICA DEL P.O.S. E RELATIVE DOCUMENTAZIONI Contratto d Appalto : Impresa Affidataria : Importo Lavori : di cui Oneri per la Sicurezza : VERBALE DI VERIFICA DEL P.O.S. E RELATIVE DOCUMENTAZIONI Responsabile dei Lavori : Coordinatore Sicurezza in

Dettagli

DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLE MISURE FINALIZZATE AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI

DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLE MISURE FINALIZZATE AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLE MISURE FINALIZZATE AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI A tutti i Ministeri - Uffici di Gabinetto -Uffici del

Dettagli

CORSO DI DIRITTO SPORTIVO I RAPPORTI DI LAVORO ALL INTERNO DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE AVV. MARIA ELENA PORQUEDDU

CORSO DI DIRITTO SPORTIVO I RAPPORTI DI LAVORO ALL INTERNO DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE AVV. MARIA ELENA PORQUEDDU CORSO DI DIRITTO SPORTIVO I RAPPORTI DI LAVORO ALL INTERNO DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE AVV. MARIA ELENA PORQUEDDU INTRODUZIONE ALLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE IN QUALSIASI FORMA COSTITUITE

Dettagli

RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI TEMPORANEE DI PUBBLICO SPETTACOLO

RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI TEMPORANEE DI PUBBLICO SPETTACOLO C O M U N E D I R O V E R B E L L A Via Solferino e San Martino, 1 46048 Roverbella Tel. 0376/6918220 Fax 0376/694515 PEC PROTOCOLLO : roverbella.mn@legalmail.it RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI

Dettagli

1. Quali sono gli estremi per l iscrizione all Albo Nazionale Gestori Ambientali?

1. Quali sono gli estremi per l iscrizione all Albo Nazionale Gestori Ambientali? Domanda: Risposta (a cura di Maurizio Santoloci): Oggi un impresa edile che trasporta in proprio i rifiuti non pericolosi con proprio mezzo al contrario di quanto accadeva nella previdente disciplina deve

Dettagli

Formazione ed Informazione dei Lavoratori ai sensi degli art.li 36-37 del D.lgs. 81/08 MODULO GENERALE (4h)

Formazione ed Informazione dei Lavoratori ai sensi degli art.li 36-37 del D.lgs. 81/08 MODULO GENERALE (4h) Formazione ed Informazione dei Lavoratori ai sensi degli art.li 36-37 del D.lgs. 81/08 MODULO GENERALE (4h) Anno 2013 Intervento formativo secondo l accordo STATO-REGIONI del 21.12.2011 A cura dell R.S.P.P.

Dettagli

Meno carte più sicurezza. Procedure semplificate per la prevenzione incendi C O R P O N A Z I O N A L E

Meno carte più sicurezza. Procedure semplificate per la prevenzione incendi C O R P O N A Z I O N A L E FUOCO DEL VIGILI Meno carte più sicurezza Procedure semplificate per la prevenzione incendi C O R P O N A Z I O N A L E Premessa La semplificazione per le procedure di prevenzione incendi entra in vigore

Dettagli

La politica Nestlé per la Salute e la Sicurezza sul Lavoro

La politica Nestlé per la Salute e la Sicurezza sul Lavoro La politica Nestlé per la Salute e la Sicurezza sul Lavoro La sicurezza non è negoziabile Nestlé è convinta che il successo a lungo termine possa essere raggiunto soltanto grazie alle sue persone. Nessun

Dettagli

Provincia di Sassari. C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20

Provincia di Sassari. C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20 C O M U N E D I M A R A Provincia di Sassari C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20 Email: protocollo@comune.mara.ss.it Pec: protocollo@pec.comune.mara.ss.it SERVIZIO AFFARI

Dettagli

AUTORIZZAZIONE ED ISCRIZIONE DEI PROFESSIONISTI NEGLI ELENCHI DEL MINISTERO DELL INTERNO DI CUI ALL ART. 16 DEL d.lgs. 139/2006

AUTORIZZAZIONE ED ISCRIZIONE DEI PROFESSIONISTI NEGLI ELENCHI DEL MINISTERO DELL INTERNO DI CUI ALL ART. 16 DEL d.lgs. 139/2006 DIPARTIMENTO DEI VIGILI DEL FUOCO, DEL SOCCORSO PUBBLICO E DELLA DIFESA CIVILE DIREZIONE CENTRALE PER LA PREVENZIONE E LA SICUREZZA TECNICA AREA PREVENZIONE INCENDI AUTORIZZAZIONE ED ISCRIZIONE DEI PROFESSIONISTI

Dettagli

Data inizio : 2014-01-01 Prezzo per partecipante : 400 EUR Località : Da definire

Data inizio : 2014-01-01 Prezzo per partecipante : 400 EUR Località : Da definire Data inizio : 2014-01-01 Prezzo per partecipante : 400 EUR Località : Da definire DATE, ORARI E SEDI Il corso sarà attivato al raggiungimento del numero minimo di partecipanti con date, orari e sedi DA

Dettagli

ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME

ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME Gli Orari Visite Fiscali 2014 2015 INPS lavoratori assenti per malattia dipendenti pubblici, insegnanti, privati,

Dettagli

POS: Piano Operativo di Sicurezza. D.Lgs 81/08 art. 96 c.1. Contenuti minimi del POS in presenza di rischi elettrici

POS: Piano Operativo di Sicurezza. D.Lgs 81/08 art. 96 c.1. Contenuti minimi del POS in presenza di rischi elettrici Servizio Prevenzione e Sicurezza degli Ambienti di Lavoro Azienda Sanitaria Locale della Provincia di Mantova D.Lgs 81/08 art. 96 c.1 Contenuti minimi del POS in presenza di rischi elettrici Azienda Sanitaria

Dettagli

MINISTERO DELL INTERNO COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI CREMONA

MINISTERO DELL INTERNO COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI CREMONA 27/06/13 MINISTERO DELL INTERNO COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI CREMONA Gruppo Interprofessionale Provincia di Cremona Seminario di aggiornamento ai sensi del D.M. 5 agosto 2011 27 giugno 2013

Dettagli

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro.

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. N. LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi

Dettagli

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM 1. Introduzione 2. Pianificazione dell attività formativa ECM 3. Criteri per l assegnazione dei crediti nelle diverse tipologie di formazione ECM

Dettagli

elettrotecnico/elettrotecnica

elettrotecnico/elettrotecnica Delibera n. 748 del 24.06.2014 ordinamento formativo per la professione oggetto di apprendistato di elettrotecnico/elettrotecnica 1. Il profilo professionale 2. Durata e titolo conseguibile 3. Referenziazioni

Dettagli

AVVISO DI PUBBLICA SELEZIONE PER L AMMISSIONE AL CORSO INTEGRATIVO/ABBREVIATO PER OPERATORE SOCIO SANITARIO Anno Formativo 2014/2015

AVVISO DI PUBBLICA SELEZIONE PER L AMMISSIONE AL CORSO INTEGRATIVO/ABBREVIATO PER OPERATORE SOCIO SANITARIO Anno Formativo 2014/2015 U.O.S.D. FORMAZIONE EDUCAZIONE E PROMOZIONE DELLA SALUTE Scadenza 15 DICEMBRE 2014 AVVISO DI PUBBLICA SELEZIONE PER L AMMISSIONE AL CORSO INTEGRATIVO/ABBREVIATO PER OPERATORE SOCIO SANITARIO Anno Formativo

Dettagli

PREMESSA QUADRO NORMATIVO

PREMESSA QUADRO NORMATIVO RACCORDI TRA I PERCORSI DEGLI ISTITUTI PROFESSIONALI E I PERCORSI DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALE: L ACCORDO IN SEDE DI CONFERENZA UNIFICATA DEL 16 DICEMBRE 2010 PREMESSA Il 16 dicembre scorso

Dettagli

Regolamento per la formazione continua degli Assistenti Sociali

Regolamento per la formazione continua degli Assistenti Sociali Regolamento per la formazione continua degli Assistenti Sociali Approvato nella seduta di Consiglio del 10 gennaio 2014 Del.01/2014 IL CONSIGLIO NAZIONALE DELL ORDINE DEGLI ASSISTENTI SOCIALI CONSIDERATO

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE PRESSO IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA

CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE PRESSO IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA REGOLAMENTO 16 luglio 2014, n. 6 Regolamento per la formazione continua IL CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE nella seduta del 16 luglio 2014 visto l art. 11 della legge 31 dicembre 2012, n. 247, rubricato Formazione

Dettagli

Prot. n. MIUR AOODRVE.UFF.III/10821/C21 Venezia, 20 luglio 2012. Dirigenti delle scuole statali di ogni ordine e grado

Prot. n. MIUR AOODRVE.UFF.III/10821/C21 Venezia, 20 luglio 2012. Dirigenti delle scuole statali di ogni ordine e grado MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL VENETO DIREZIONE GENERALE Riva di Biasio Santa Croce, 1299-30135 VENEZIA Ufficio III Personale della Scuola

Dettagli

info@globalformsrl.it La realtà Aziendale Ambiti operativi: FORMAZIONE CERTIFICATA CONSULENZA Pagina 1 di 19

info@globalformsrl.it La realtà Aziendale Ambiti operativi: FORMAZIONE CERTIFICATA CONSULENZA Pagina 1 di 19 Certificata La realtà Aziendale Ambiti operativi: FORMAZIONE CERTIFICATA Sicurezza sul Lavoro LL.PP. Urbanistica CERTIFICAZIONI Qualità-Ambiente-Sicurezza CONSULENZA FONDI INTERPROFESSIONALI SOFTWARE PERSONALIZZATI

Dettagli

Procedure semplificate per l adozione de modelli di organizzazione e gestione (MOG) nelle piccole e medie imprese (PMI)

Procedure semplificate per l adozione de modelli di organizzazione e gestione (MOG) nelle piccole e medie imprese (PMI) Procedure semplificate per l adozione de modelli di organizzazione e gestione (MOG) nelle piccole e medie imprese (PMI) 1. PREMESSA Il d.lgs. 9 aprile 2008, n. 81 Attuazione dell articolo 1 della legge

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 22 febbraio 2001

CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 22 febbraio 2001 CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 22 febbraio 2001 Repertorio Atti n. 1161 del 22 febbraio 2001 Oggetto: Accordo tra il Ministro della sanità, il Ministro per la solidarietà sociale e le Regioni e Province

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ELENCO DEGLI OPERATORI ECONOMICI DI FIDUCIA DELL UNIVERSITÀ TELEMATICA UNIVERSITAS MERCATORUM - EX ART.

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ELENCO DEGLI OPERATORI ECONOMICI DI FIDUCIA DELL UNIVERSITÀ TELEMATICA UNIVERSITAS MERCATORUM - EX ART. Universita Telematica UNIVERSITAS MERCATORUM REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ELENCO DEGLI OPERATORI ECONOMICI DI FIDUCIA DELL UNIVERSITÀ TELEMATICA UNIVERSITAS MERCATORUM - EX ART. 125, COMMA 12 DEL D.L.VO

Dettagli

Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore

Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore Testo aggiornato al 29 novembre 2011 Legge 15 marzo 2010, n. 38 Gazzetta Ufficiale 19 marzo 2010, n. 65 Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore La Camera dei

Dettagli

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI Requisiti di valutazione per un percorso di Ateneo finalizzato all accreditamento in qualità dei Corsi di Studio:

Dettagli

Progetto Borse Studio/Lavoro 2014

Progetto Borse Studio/Lavoro 2014 Progetto Borse Studio/Lavoro 2014 RACCOLTA DI MANIFESTAZIONI DI INTERESSE DA PARTE DI IMPRESE ED ENTI OPERANTI SUL TERRITORIO DELLA PROVINCIA DELL AQUILA AD OSPITARE GIOVANI DESTINATARI DI BORSE DI STUDIO/LAVORO

Dettagli

Convenzione tra. Federazione Italiana Nuoto F.I.N. e Centro Nazionale Sportivo FIAMMA C.N.S.FIAMMA

Convenzione tra. Federazione Italiana Nuoto F.I.N. e Centro Nazionale Sportivo FIAMMA C.N.S.FIAMMA Convenzione tra Federazione Italiana Nuoto F.I.N. e Centro Nazionale Sportivo FIAMMA C.N.S.FIAMMA Convenzione F.I.N. C.N.S. FIAMMA La Federazione Italiana Nuoto (F.I.N.), con sede legale in Roma, rappresentata

Dettagli

Gestione della sicurezza antincendio nei cantieri temporanei e mobili

Gestione della sicurezza antincendio nei cantieri temporanei e mobili Gestione della sicurezza antincendio nei cantieri temporanei e mobili RICHIAMO AL TESTO UNICO PER LA SICUREZZA D.lgs.vo 9 aprile 2008 n 81 Dott. Ing Luigi ABATE DPR N NN 37 3712 12 gennaio 1998 regolamento

Dettagli

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili TITOLO I - PRINCIPI GENERALI Art. 1 Oggetto e ambito di applicazione Art. 2 Principi normativi Art. 3 Finalità Art. 4 Destinatari degli interventi

Dettagli

Chi è il Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza RLS

Chi è il Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza RLS Chi è il Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza RLS Definizione di RLS (Art 2, comma 1, lettera i) del D.Lgs. 9 aprile 2008, n. 81) persona eletta o designata per rappresentare i lavoratori per

Dettagli

MASTER IN PERFORMING ARTS MANAGEMENT

MASTER IN PERFORMING ARTS MANAGEMENT MASTER IN PERFORMING ARTS MANAGEMENT edizione 2015 Foto di Benedetta Pitscheider Se il tuo futuro è lo spettacolo, il tuo presente è il Master in Performing Arts Management in collaborazione con OSMOSI

Dettagli

C.A.P.A.C. Politecnico del Commercio e del Turismo

C.A.P.A.C. Politecnico del Commercio e del Turismo AVVISO FOR.TE 3/12 OFFERTA FORMATIVA CAPAC POLITECNICO DEL COMMERCIO E DEL TURISMO CF4819_2012 Sicurezza: formazione specifica basso rischio - aggiornamento 4 ore Lavoratori che devono frequentare il modulo

Dettagli

Management delle Strutture di Prossimità e delle Forme Associative nell Assistenza Territoriale

Management delle Strutture di Prossimità e delle Forme Associative nell Assistenza Territoriale - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - AREA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE, SANITÀ E NON

Dettagli

I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità TITOLO RELAZIONE

I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità TITOLO RELAZIONE TITOLO RELAZIONE I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità A partire dal 3 gennaio 2013 è entrato in vigore il regolamento (UE)

Dettagli

Parte II specifica Edificio RM022 - Villino A Via degli Apuli, 1-00185 Roma. Il Responsabile dell Uspp Arch. Simonetta Petrone

Parte II specifica Edificio RM022 - Villino A Via degli Apuli, 1-00185 Roma. Il Responsabile dell Uspp Arch. Simonetta Petrone PIANO DI EMERGENZA ED EVACUAZIONE (ai sensi del D.Lgs. 81/08 artt.18, 43, 46 e del D.M. 10/03/98 art. 5) Il presente documento è parte integrante del Documento di Valutazione dei Rischi di cui all art.

Dettagli

Indagine nazionale. sulla salute. e sicurezza sul lavoro

Indagine nazionale. sulla salute. e sicurezza sul lavoro Indagine nazionale sulla salute e sicurezza sul lavoro Servizi di Prevenzione Sicurezza Ambienti di Lavoro PREMESSA La legge L. 833/1978 ha istituito il Sistema Sanitario Nazionale (SSN) e successive norme

Dettagli

MODULO DI DOMANDA ANNO SCHEDA INFORMATIVA GENERALE. Denominazione o ragione sociale: N P.A.T. 1 : Matricola INPS

MODULO DI DOMANDA ANNO SCHEDA INFORMATIVA GENERALE. Denominazione o ragione sociale: N P.A.T. 1 : Matricola INPS MODULO DI DOMANDA per la riduzione del tasso medio di tariffa ai sensi dell art. 24 delle Modalità di applicazione delle Tariffe dei premi (d.m. 12/12/2000 e s.m.i.) dopo il primo biennio di attività ANNO

Dettagli

La scuola in Lombardia

La scuola in Lombardia La scuola in Lombardia Documentazione Anno scolastico 2010/2011 La scuola in Lombardia 2010/2011 pag 1 La scuola in Lombardia 2010/2011 pag 2 INDICE Sezione 1 Le scuole... 5 IL SISTEMA SCOLASTICO LOMBARDO...

Dettagli

loro sedi OGGETTO: Risposta a quesiti su questioni antincendio.

loro sedi OGGETTO: Risposta a quesiti su questioni antincendio. Milano lì Ns. Rif.: 13 novembre 2013 820038.309 Agli Ordini e Collegi aderenti al C.I.P.I. loro sedi K:\Ufficio\07 Documenti\CIPI\820038 Comitato interpr. prevenzione incendi\820038 corrispondenza dal

Dettagli

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE Sede legale: Via G. Cusmano, 24 90141 PALERMO C.F. e P. I.V.A.: 05841760829 Dipartimento Provveditorato e Tecnico Servizio Progettazione e Manutenzioni Via Pindemonte, 88-90129 Palermo Telefono: 091 703.3334

Dettagli

GLI INFORTUNI NELLE SCUOLE. Maria GULLO e Marilù TOMACIELLO INAIL Piemonte

GLI INFORTUNI NELLE SCUOLE. Maria GULLO e Marilù TOMACIELLO INAIL Piemonte Maria GULLO e Marilù TOMACIELLO INAIL Piemonte Perché questa particolare attenzione sugli infortuni? L'analisi degli incidenti/infortuni costituisce un momento di Art. 29 comma 3 Dlgs 81/08 fondamentale

Dettagli

AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II.

AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II. AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II. In esecuzione della deliberazione del Direttore generale n. 765 del 30.04.2013,

Dettagli

STRESS DA LAVORO CORRELATO

STRESS DA LAVORO CORRELATO STRESS DA LAVORO CORRELATO Il presente documento costituisce uno strumento utile per l adempimento dell obbligo di valutazione dei rischi da stress da lavoro correlato sancito dal Testo Unico in materia

Dettagli

Buoni lavoro per lavoro occasionale accessorio

Buoni lavoro per lavoro occasionale accessorio Buoni lavoro per lavoro occasionale accessorio Cosa sono I buoni lavoro (o voucher) rappresentano un sistema di pagamento del lavoro occasionale accessorio, cioè di quelle prestazioni di lavoro svolte

Dettagli

SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL MANAGER DI IMPRESE DI RECUPERO CREDITI

SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL MANAGER DI IMPRESE DI RECUPERO CREDITI Viale di Val Fiorita, 90-00144 Roma Tel. 065915373 - Fax: 065915374 E-mail: corsi@cepas.it Sito internet: www.cepas.eu sigla: SH66 Pag. 1 di 7 SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL

Dettagli

ELENCO INDICATIVO E NON ESAUSTIVO DEGLI OBBLIGHI DEL DATORE DI LAVORO AI SENSI DEL D.L

ELENCO INDICATIVO E NON ESAUSTIVO DEGLI OBBLIGHI DEL DATORE DI LAVORO AI SENSI DEL D.L ELENCO INDICATIVO E NON ESAUSTIVO DEGLI OBBLIGHI DEL DATORE DI LAVORO AI SENSI DEL D.L. 81/2008 (PER L ELENCO ESAUSTIVO CONSULTARE SEMPRE LA NORMATIVA) - Nomina Rspp Responsabile servizio prevenzione e

Dettagli

Il nominativo dell RLS riguarda il Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza (R.L.S.), e non, come

Il nominativo dell RLS riguarda il Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza (R.L.S.), e non, come Breve riassunto operativo per la notifica: 1. La comunicazione all INAIL riguarda gli RLS in carica alla data del 31/12/2008. 2. Se non vi sono RLS in carica in tale data, non va effettuata alcuna comunicazione.

Dettagli

F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE

F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome CAPPELLI CRISTINA Telefono Uff. 050 509750 Fax 050 509471 E-mail c.cappelli@sns.it Nazionalità ITALIANA ESPERIENZA LAVORATIVA Nome e

Dettagli

Il Consiglio di Istituto

Il Consiglio di Istituto Prot. n. 442/C10a del 03/02/2015 Regolamento per la Disciplina degli incarichi agli Esperti Esterni approvato con delibera n.7 del 9 ottobre 2013- verbale n.2 Visti gli artt.8 e 9 del DPR n275 del 8/3/99

Dettagli

TARIFFA PROFESSIONALE INGEGNERIA ANTINCENDIO

TARIFFA PROFESSIONALE INGEGNERIA ANTINCENDIO TARIFFA PROFESSIONALE INGEGNERIA ANTINCENDIO La presente tariffa individua le prestazioni che il professionista è chiamato a fornire : A per la richiesta del parere di conformità B per il rilascio del

Dettagli

LEGGI - REGOLAMENTI - DECRETI - ATTI DELLA REGIONE

LEGGI - REGOLAMENTI - DECRETI - ATTI DELLA REGIONE 6 PARTE PRIMA LEGGI - REGOLAMENTI - DECRETI - ATTI DELLA REGIONE Sezione I LEGGI REGIONALI LEGGE REGIONALE 17 settembre 2013, n. 16. Norme in materia di prevenzione delle cadute dall alto. Il Consiglio

Dettagli

Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego

Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego Il decreto spiega tutte le possibilità e i limiti dell'eventuale cumulo Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego (Dm Funzione pubblica 331 del 29.7.1997) da CittadinoLex del 12/9/2002

Dettagli

Il datore di lavoro è responsabile della tutela della salute e della sicurezza sul lavoro dei dipendenti.

Il datore di lavoro è responsabile della tutela della salute e della sicurezza sul lavoro dei dipendenti. Il datore di lavoro è responsabile della tutela della salute e della sicurezza sul lavoro dei dipendenti. Già il Codice Civile gli impone il dovere della sicurezza nei confronti dei lavoratori e la legislazione

Dettagli

Segnalazione certificata di inizio attività (SCIA) Esercizi di commercio su aree pubbliche SUBINGRESSO IN ATTIVITA' TIPO A TIPO B

Segnalazione certificata di inizio attività (SCIA) Esercizi di commercio su aree pubbliche SUBINGRESSO IN ATTIVITA' TIPO A TIPO B CODICE PRATICA *CODICE FISCALE* GGMMAAAA HH:MM Mod. Comunale (Modello 0047 Versione 002 2014) Segnalazione certificata di inizio attività (SCIA) Esercizi di commercio su aree pubbliche SUBINGRESSO IN ATTIVITA'

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

L Azienda non è mai stata cosi vicina.

L Azienda non è mai stata cosi vicina. L Azienda non è mai stata cosi vicina. AlfaGestMed è il risultato di un processo di analisi e di sviluppo di un sistema nato per diventare il punto di incontro tra l Azienda e il Medico Competente, in

Dettagli

Il sistema di gestione della sicurezza: cos è, a cosa serve, i rapporti delle norme tecniche con il D.Lgs. 81/08

Il sistema di gestione della sicurezza: cos è, a cosa serve, i rapporti delle norme tecniche con il D.Lgs. 81/08 Il sistema di gestione della sicurezza: cos è, a cosa serve, i rapporti delle norme tecniche con il D.Lgs. 81/08 Firenze 15 febbraio 2010 Pisa 1 marzo 2010 Siena 29 marzo 2010 Dott. Ing. Daniele Novelli

Dettagli

AVVISO PUBBLICO PER L ISCRIZIONE ALL ALBO FORNITORI

AVVISO PUBBLICO PER L ISCRIZIONE ALL ALBO FORNITORI AVVISO PUBBLICO PER L ISCRIZIONE ALL ALBO FORNITORI In base alla Deliberazione del Direttore Generale n. 312 del 18 ottobre 2012 si è provveduto all istituzione e disciplina dell Albo dei Fornitori dell

Dettagli

BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI

BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI LA FONDAZIONE ISTITUTO TECNICO SUPERIORE PER L EFFICIENZA ENERGETICA

Dettagli

A cura dello Studio Ingegneria Fiorini di Ferrara

A cura dello Studio Ingegneria Fiorini di Ferrara Provincia di Ferrara Guida alla gestione della sicurezza sul lavoro nelle associazioni sportive dilettantistiche, associazioni culturali, associazioni ricreative e di promozione sociale A cura dello Studio

Dettagli

PROFESSIONALITÀ AFFIDABILITÀ RESPONSABILITÀ

PROFESSIONALITÀ AFFIDABILITÀ RESPONSABILITÀ PROFESSIONALITÀ AFFIDABILITÀ RESPONSABILITÀ LE SOLUZIONI AMBIENTALI INTEGRATE DI UN GRUPPO LEADER SOLYECO GROUP ha reso concreto un obiettivo prezioso: conciliare Sviluppo e Ambiente. Questa è la mission

Dettagli

ORGANIGRAMMA E FUNZIONIGRAMMA

ORGANIGRAMMA E FUNZIONIGRAMMA 1 SCOPO Lo scopo del presente documento è di descrivere le mansioni e le responsabilità connesse alla gestione delle attività da parte di PHISIOVIT SRL 2 DESCRIZIONE DEL DOCUMENTO PHISIOVIT SRL, per favorire

Dettagli

COMUNE DI NORMA. Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee. (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007)

COMUNE DI NORMA. Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee. (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007) COMUNE DI NORMA Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007) Articolo 1 SCOPI DEL REGOLAMENTO 1. L Amministrazione Comunale, in

Dettagli

REGOLAMENTO SUGLI ACCERTAMENTI DELLA IDONEITÀ/INIDONEITÀ PSICO-FISICA DEL PERSONALE DELLA ASL CAGLIARI

REGOLAMENTO SUGLI ACCERTAMENTI DELLA IDONEITÀ/INIDONEITÀ PSICO-FISICA DEL PERSONALE DELLA ASL CAGLIARI Allegato alla Deliberazione n. 1576 del 19/11/2012 REGOLAMENTO SUGLI ACCERTAMENTI DELLA IDONEITÀ/INIDONEITÀ PSICO-FISICA DEL PERSONALE DELLA ASL CAGLIARI Art. 1 OGGETTO E DESTINATARI Il presente regolamento

Dettagli

F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE

F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome SCALA UMBERTO Nazionalità Italiana Data di nascita 28/02/1956 ESPERIENZA LAVORATIVA ATTUALE Dal 01-05-2003 a tutt oggi Indirizzo sede

Dettagli

CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F.

CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F. ISTITUTO ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE Giovanni Caboto GAETA CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F. A.S. 2013-2014 1. Richiesta per accedere alle Funzioni strumentali al P.O.F.

Dettagli

I RAPPORTI DI LAVORO IN AMBITO SPORTIVO DILETTANTISTICO

I RAPPORTI DI LAVORO IN AMBITO SPORTIVO DILETTANTISTICO SERVIZIO DECENTRAMENTO E ASSISTENZA AMMINISTRATIVA AI PICCOLI COMUNI SERVIZIO PROGRAMMAZIONE E GESTIONE ATTIVITA TURISTICHE E SPORTIVE www.provincia.torino.gov.it FORUM IN MATERIA DI ENTI SPORTIVI DILETTANTISTICI

Dettagli

DIRETTORE UOC SIA (Sistema Informativo Aziendale) Numero telefonico dell ufficio 07346252922 Fax dell Ufficio 07346252811 E-mail istituzionale

DIRETTORE UOC SIA (Sistema Informativo Aziendale) Numero telefonico dell ufficio 07346252922 Fax dell Ufficio 07346252811 E-mail istituzionale INFORMAZIONI PERSONALI Cognome Nome INTORBIDA STEFANO Data di Nascita 15/01/1962 Qualifica Dirigente Ingegnere Amministrazione ASUR - AREA VASTA N. 4 Incarico attuale DIRETTORE UOC SIA (Sistema Informativo

Dettagli

Procedure tecniche da seguire nel caso di sollevamento persone con attrezzature non previste a tal fine

Procedure tecniche da seguire nel caso di sollevamento persone con attrezzature non previste a tal fine Procedure tecniche da seguire nel caso di sollevamento persone con attrezzature non previste a tal fine INDICE 1. Premessa 2. Scopo della procedura e campo di applicazione 3. Definizioni 4. indicazioni

Dettagli