Il superamento delle barriere architettoniche

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Il superamento delle barriere architettoniche"

Transcript

1 Il superamento delle barriere architettoniche Penalizzato il quorum dalla riforma del condominio - Se l assemblea temporeggia - Servoscala, rampa e ascensore - Contributi e informazioni Maggioranza più elevata in seconda convocazione Il problema del superamento delle barriere architettoniche negli edifici condominiali, da molti anni a questa parte, si è andato progressivamente imponendo all attenzione dell opinione pubblica, grazie all azione di sensibilizzazione svolta dai media e, purtroppo, all incessante contributo fornito dagli incidenti stradali in termini di persone rese invalide. La materia è disciplinata dalla legge 9/1/1989, n. 13, intitolata Disposizioni per favorire il superamento e l'eliminazione delle barriere architettoniche negli edifici privati, che d ora in poi indicheremo come la legge. La normativa è applicabile non solo ai soggetti che presentino difficoltà di deambulazione, ma anche a coloro (per es. anziani) che, pur non essendo affetti da menomazioni motorie, si trovino comunque in minorate condizioni fisiche (Pret. Roma 15/5/1996). Va premesso che l art. 27 della L. 11/12/2012, n. 220, sulla riforma del condominio, è intervenuta, inspiegabilmente, a penalizzare le delibere assembleari aventi per oggetto le innovazioni volte al superamento della barriere architettoniche. Questo articolo, infatti, ha modificato il primo comma dell art. 2 della L. n. 13/1989, per il quale le delibere assembleari aventi per oggetto le innovazioni finalizzate al superamento delle barriere architettoniche, nonché alla realizzazione di percorsi attrezzati e all'installazione di dispositivi di segnalazione atti a favorire la mobilità dei ciechi negli edifici privati, potevano essere approvate con i quorum previsti dal primo e dal secondo comma dell art c.c., ossia maggioranza degli intervenuti all'assemblea, in rappresentanza di almeno 500/1.000, in prima convocazione, e un terzo dei partecipanti al condominio, in

2 rappresentanza di almeno 334/1.000, in seconda convocazione. La novella ha invece stabilito che le suddette delibere devono ora essere adottate con le maggioranze previste dal secondo comma dell'articolo 1120 del codice civile. A parte il fatto che il secondo comma dell art c.c. non prevede alcuna maggioranza, limitandosi a rinviare al secondo comma dell art c.c., questa norma prevede un solo quorum, vale a dire maggioranza degli intervenuti all assemblea, in rappresentanza di almeno 500/1.000, per cui la soppressione del riferimento alla seconda convocazione fatto dal citato art. 2 della L. n. 13/1989 porta a ritenere che i condomini non possano più avvalersi, in questa sede, del quorum stabilito dal terzo comma dell art c.c., che nel testo novellato è costituito dalla maggioranza degli intervenuti all assemblea, in rappresentanza di almeno un terzo del valore dell edificio, ossia 334/ Ne consegue che le delibere volte a favorire i disabili in condominio richiedono ora, sia in prima che in seconda convocazione, il voto favorevole della maggioranza degli intervenuti in assemblea, in rappresentanza di almeno 500/ Qualora le opere finalizzate al superamento delle barriere vengano deliberate dall'assemblea, alla spesa devono contribuire, in proporzione ai millesimi di proprietà, i soli condomini della scala interessata all'intervento, ai sensi del terzo comma dell'art c.c. Se l assemblea non delibera Se il condominio rifiuta di assumere, o non assume entro tre mesi dalla richiesta scritta, le delibere di cui sopra, il disabile o chi esercita su di lui la potestà o la tutela possono installare, a proprie spese, servoscala, nonché strutture mobili e facilmente rimovibili, e possono inoltre modificare l'ampiezza delle porte per rendere più agevole l'accesso all'edificio, all'ascensore e alla rampa dei garage. In tali ipotesi questo tipo d'intervento può essere autorizzato dal giudice anche con provvedimento d urgenza; il Tribunale di Savona

3 (sentenza del 26/5/1994) ha però escluso che la richiesta possa provenire da persona che non risieda nel Comune in cui è ubicato l edificio. Non si può, invece, pretendere che sia il condominio a realizzare queste opere. I limiti Le suddette opere, per la cui realizzazione è prevista una deroga in materia di distanze legali, incontrano però un limite nel quarto comma dell art c.c., che vieta le innovazioni che possono recare pregiudizio alla stabilità o alla sicurezza del fabbricato, che ne alterino il decoro architettonico o che rendano talune parti comuni dell edificio inservibili all uso o al godimento anche di un solo condomino. Sulla base di questo principio la Cassazione (sentenza n del 25/6/1994) ha confermato la decisione dei giudici di merito che avevano dichiarato la nullità della delibera adottata a maggioranza, con la quale l'assemblea aveva disposto l'installazione di un ascensore volto a favorire un portatore di handicap, ma comportante un sensibile deprezzamento dell'unità immobiliare di un altro condomino, sita a piano terra. Più tollerante, invece, la Suprema Corte in fatto di decoro architettonico; gli Ermellini, infatti, hanno statuito che, se l installazione dell ascensore avviene per favorire un disabile o un anziano, è consentita ancorché comporti alterazione del decoro architettonico dell edificio (Cass. 25/10/2012, n.18334); naturalmente una valutazione corretta dell impatto che l installazione dell ascensore può avere sull estetica dell edificio condominiale non può prescindere da un esame dello stato dei luoghi, diversa essendo, per esempio, la condizione di una moderna costruzione rispetto a quella di un edificio storico. Il servoscala

4 Il servoscala è una piattaforma mobile ripiegabile, fissata ai piedi di una scala e azionata elettricamente, mediante la quale i portatori di handicap possono raggiungere i piani superiori dell edificio senza scendere dalla carrozzella, con una spesa di molto inferiore a quella richiesta dall installazione di un ascensore, e utilizzabile comunque negli edificio in cui questo non possa essere introdotto per ragioni di spazio. L installazione del servoscala - ha stabilito la Corte d Appello di Genova con sentenza del 3/2/1999- può essere deliberata dall assemblea condominiale a condizione che non impedisca l uso della scala, ma determini soltanto il restringimento del precedente passaggio sui gradini. Per il Tribunale di Termini Imerese (sentenza del 22/12/2008) è legittima l installazione di un servoscala che riduca di cm. la larghezza della rampa delle scale, quando è in funzione e limitatamente al tempo occorrente a raggiungere il piano. Per il Tribunale di Milano (sentenza del 7/5/1992), infine, l 'installazione di una piattaforma mobile idonea al sollevamento dal livello giardino al livello dell'androne, pur comportando l'avanzamento di 40 cm. verso l'esterno di una struttura metallica con la creazione di un nuovo scalino esterno al portone, non determina alcuna innovazione né con riferimento alla funzione propria dell'atrio e del portone d'ingresso, né nei confronti del decoro architettonico dell'edificio, la cui tutela dev'essere contemperata anche con altre esigenze, nella specie particolarmente rilevanti in quanto connesse ai principi di uguaglianza e di solidarietà anche costituzionalmente protetti. Il servoscala, con i limiti di cui all art c.c., può essere installato anche a cura e spese di un solo condomino, che dovrà quindi farsi carico anche delle spese di esercizio (per es. forza motrice), con gli altri condomini che potranno a loro volta usufruirne a condizione di partecipare alle spese di esecuzione e di manutenzione dell opera. Simile al servoscale è il montascale mobile, un apparecchio munito di cingoli o ruote, che non necessita di un installazione fissa. La rampa

5 Qualora un disabile volesse costruire, a propria cura e spese, una rampa di accesso in muratura, tale da comportare una modifica dell estetica del fabbricato e da sottrarre una porzione della cosa comune all'utilizzazione degli altri condomini, per attrarla nella sfera di sua esclusiva disponibilità, necessiterebbe di un autorizzazione da parte di tutti gli altri condomini. Preferibile pertanto installare uno scivolo rimovibile; e poiché il secondo comma dell art. 2 della legge parla di "strutture mobili facilmente rimovibili", è sostenibile che lo scivolo non debba essere rimosso ad ogni passaggio, ma soltanto quando le esigenze degli altri condomini lo richiedano: per es. per effettuare un trasloco. La Cassazione (sentenza n del 10/3/1983) ha invece bocciato l iniziativa di un condomino che aveva costruito uno scivolo che dal cortile condominiale consentiva di entrare nella sua unità immobiliare attraverso una finestra trasformata in accesso carrabile; ciò in quanto l intervento aveva comportato una modifica della struttura e della destinazione del cortile condominiale, che in seguito all'innovazione veniva ad essere adibito a passo carrabile ed area di parcheggio del traffico veicolare a servizio dell'unità immobiliare, destinata non più ad uso abitativo ma commerciale. L installazione dell ascensore Fra gli impianti più utili e richiesti (ma costosi) in fatto di barriere architettoniche rientra a pieno titolo l ascensore. La sua installazione può essere deliberata dall assemblea, nel rispetto dei limiti di cui sopra, con la maggioranza di cui s è detto in apertura. In alcune situazioni, proprio a causa del mancato rispetto di questi limiti, i giudici si sono pronunciati negativamente: così, l assemblea non potrebbe deliberare l installazione dell ascensore se ciò comporta un restringimento della rampa delle scale (nel caso deciso dalla Cassazione con sentenza n dell 1/6/2007 l istallazione avrebbe comportato un restringimento della rampa delle scale di 85 cm., rendendo disagevole il contemporaneo

6 passaggio di più persone e problematico il trasporto di oggetti di grosse dimensioni). Il Pretore di Pordenone, prima che le funzioni di questo magistrato fossero trasferite al Tribunale, aveva considerato legittima (sentenza del 14/6/1994) l effettuazione di uno scavo nel suolo comune in funzione dell installazione di un ascensore. Come anticipato, l ascensore può essere installato, sempre nel rispetto dei citati limiti, a cura e spese di uno o più condomini; il Tribunale di Ascoli Piceno prima (sentenza del 21/2/2005) e la Cassazione poi (sentenza n del 14/6/2009) hanno però ritenuto illegittima l installazione, ad opera di alcuni condomini, di un ascensore nella chiostrina dell edificio, perché oltre a comportare a loro esclusivo vantaggio la stabile ed esclusiva occupazione di parte di essa, nell un caso la cabina sarebbe stata posizionata a meno di trenta centimetri dalle finestre di alcuni condomini, mentre nell altro avrebbe privato il vano scale di aria e luce. La stessa Cassazione (sentenza n del 10/4/1999) aveva considerato legittima l installazione dell ascensore nella tromba delle scale, a cura e spese di un condomino che lo aveva messo a disposizione degli altri condomini. La condizione di disabile non può essere provata mediante una generica certificazione medica, ma dev essere accertata dalla speciale commissione prevista dall art. 4 della L. 5/2/1992, n. 104 (Cass. 30/1/2002, n. 1197). Con una sentenza del 19/9/1991 il Tribunale di Milano aveva stabilito che l ascensore può essere installato anche se nell edificio non vi sono portatori di handicap; i giudici milanesi, infatti, hanno giustamente rilevato che la legge ha come finalità quella di consentire la libera frequentabilità di tutte le specie di edificio anche da parte di portatori di handicap che possano recarvisi, e non solo di quelli che vi abitano. Proprio per il costo elevato richiesto dall installazione dell ascensore, questo rientra fra le innovazioni gravose di cui all art c.c.; aggiungasi che trattasi d impianto suscettibile

7 di utilizzo separato, per cui i condomini che non intendono trarne vantaggio sono esonerati dal contribuire alla spesa. Essi, comunque, nonché i loro eredi o aventi causa (per es. acquirente in caso di vendita dell appartamento), possono in qualunque tempo, in forza del richiamo fatto dal terzo comma dell art. 2 della legge al terzo comma dell art c.c., partecipare ai vantaggi dell innovazione, contribuendo alle spese di esecuzione e di manutenzione dell opera, spese il cui importo va adeguatamente rivalutato. Contributi e informazioni Per le opere direttamente finalizzate al superamento e all eliminazione delle barriere architettoniche si può usufruire di contributi a fondo perduto, alle condizioni previste dall'art. 9 della legge, il cui terzo comma precisa che il beneficio spetta anche ai condomini dell edificio in cui risiede il portatore di handicap. Quanto alle informazioni, a parte i numerosi siti Internet attivati dalle associazioni di categoria e da diversi Comuni, si può chiamare, dal lunedì al venerdì dalle ore 9.00 alle ore (il sabato dalle 9.00 alle 13.00), il numero del servizio SuperAbile predisposto dall INAIL: la chiamata è gratuita da tutta Italia, esclusi telefoni cellulari. Dall estero si può chiamare, a pagamento, il numero In ogni caso ci si può collegare al sito Copyright Dott. A. Giuffrè Editore Spa 2014

Innovazioni vietate con rifermento alla eliminazione della barriere architettoniche

Innovazioni vietate con rifermento alla eliminazione della barriere architettoniche Innovazioni vietate con rifermento alla eliminazione della barriere architettoniche Avv. Riccardo Prete, Direttivo Foro Immobiliare Lions Club Genova Host Abbiamo verificato come le nuove disposizioni

Dettagli

INSTALLAZIONE EX NOVO DELL'ASCENSORE E LIMITI AL GODIMENTO DI BENI COMUNI Avv. Pietro Maria Di Giovanni

INSTALLAZIONE EX NOVO DELL'ASCENSORE E LIMITI AL GODIMENTO DI BENI COMUNI Avv. Pietro Maria Di Giovanni INSTALLAZIONE EX NOVO DELL'ASCENSORE E LIMITI AL GODIMENTO DI BENI COMUNI Avv. Pietro Maria Di Giovanni Sempre più spesso, specie nelle vecchie costruzioni, si pone la necessità, anche per la presenza

Dettagli

Cassazione: non serve la maggioranza di cui all'art. 1120 cc per approvare ascensore destinato a disabili sentenza n.18334 /2012 commento e testo

Cassazione: non serve la maggioranza di cui all'art. 1120 cc per approvare ascensore destinato a disabili sentenza n.18334 /2012 commento e testo Cassazione: non serve la maggioranza di cui all'art. 1120 cc per approvare ascensore destinato a disabili sentenza n.18334 /2012 commento e testo Cataldi.it Non è necessaria la maggioranza stabilita dall'articolo

Dettagli

L ELIMINAZIONE DELLE BARRIERE ARCHITETTONICHE NEGLI EDIFICI PRIVATI. di Sergio Meo avvocato in Napoli, studio legale Meo-Varvarigos

L ELIMINAZIONE DELLE BARRIERE ARCHITETTONICHE NEGLI EDIFICI PRIVATI. di Sergio Meo avvocato in Napoli, studio legale Meo-Varvarigos L ELIMINAZIONE DELLE BARRIERE ARCHITETTONICHE NEGLI EDIFICI PRIVATI di Sergio Meo avvocato in Napoli, studio legale Meo-Varvarigos Sommario:1) La disciplina legale sull abbattimento delle barriere architetto

Dettagli

Il condominio e le barriere architettoniche

Il condominio e le barriere architettoniche Il condominio e le barriere architettoniche Aspetti legali e normativi Avv. Corrado Tarasconi Rimini 4 Dicembre 2007 I riferimenti normativi - Legge 9 gennaio 1989 n. 13 art. 2 - Legge 9 gennaio 1989 n.

Dettagli

[Domanda per il rilascio dell'autorizzazione ad intervenire sugli immobili vincolati]

[Domanda per il rilascio dell'autorizzazione ad intervenire sugli immobili vincolati] Lista di 13 documenti (Legge) L 09/01/1989 n. 13 Preambolo [Preambolo] L 09/01/1989 n. 13 Articolo 1 [Teciniche per garantire l'accessibilità, visibilità, adattabilità degli edifici privati e dell'edilizia

Dettagli

Legge 9 gennaio 1989, n. 13

Legge 9 gennaio 1989, n. 13 Legge 9 gennaio 1989, n. 13 "Disposizioni per favorire il superamento e l'eliminazione delle barriere architettoniche negli edifici privati." (Pubblicata nella G. U. 26 gennaio 1989, n. 21) 1. 1. I progetti

Dettagli

Barriere architettoniche

Barriere architettoniche SEZIONE GIURIDICA Barriere architettoniche Dott. Cristina Nasini Centro Studi Gesticond Col termine barriere architettoniche si indicano tutti gli ostacoli d ordine urbanistico ed edilizio che rendono

Dettagli

LEGGE 9-1-1989 N. 13 (1)

LEGGE 9-1-1989 N. 13 (1) LEGGE 9-1-1989 N. 13 (1) Disposizioni per favorire il superamento e l'eliminazione delle barriere architettoniche negli edifici privati Art. 1 1. I progetti relativi alla costruzione di nuovi edifici,

Dettagli

FORMAZIONE PERIODICA PER AMMINISTRATORI CONDOMINIALI

FORMAZIONE PERIODICA PER AMMINISTRATORI CONDOMINIALI FORMAZIONE PERIODICA PER AMMINISTRATORI CONDOMINIALI Incontro del 11.04.2014 Avv. Monica Severin Viale Verdi n. 15/G int. 2-3 Treviso Mail: avvseverin@yahoo.it Tel.: 339 2017774 L ASSEMBLEA DEL CONDOMINIO

Dettagli

Eliminazione delle Barriere Architettoniche COMMENTO ALLA LEGGE N.13 DEL 9 GENNAIO 1989 Il D.P.R. N 380 del 6 giugno 2001, agli articoli 77-78 impone

Eliminazione delle Barriere Architettoniche COMMENTO ALLA LEGGE N.13 DEL 9 GENNAIO 1989 Il D.P.R. N 380 del 6 giugno 2001, agli articoli 77-78 impone Eliminazione delle Barriere Architettoniche COMMENTO ALLA LEGGE N.13 DEL 9 GENNAIO 1989 Il D.P.R. N 380 del 6 giugno 2001, agli articoli 77-78 impone nella progettazione di tutti gli edifici il rispetto

Dettagli

SEZIONE STATISTICO-SOCIOLOGICA

SEZIONE STATISTICO-SOCIOLOGICA SEZIONE STATISTICO-SOCIOLOGICA Sicurezza per una cultura senza barriere Pierluigi D Angelo, Presidente ANACI Genova, Lions Club Andrea Doria Sono particolarmente entusiasta di portare la voce degli amministratori

Dettagli

I contributi per l'eliminazione delle barriere architettoniche

I contributi per l'eliminazione delle barriere architettoniche I contributi per l'eliminazione delle barriere architettoniche La Legge 13 del 1989, come è noto ha introdotto la possibilità di richiedere contributi per l'eliminazione di barriere architettoniche negli

Dettagli

Contributi e Detrazioni Fiscali. Indice

Contributi e Detrazioni Fiscali. Indice Contributi e Detrazioni Fiscali Indice Contributi per l abbattimento delle barriere architettoniche Detrazioni fiscali per abbattimento barriere architettoniche e per ristrutturazioni edilizie Aliquota

Dettagli

I lavori da eseguire devono essere conformi all art. 8 del DM 14 giugno 1989, n.236.

I lavori da eseguire devono essere conformi all art. 8 del DM 14 giugno 1989, n.236. Tra gli interventi previsti per il superamento delle barriere architettoniche negli edifici privati, rientrano sia le installazioni di piattaforme elevatrici, sia le installazioni di impianti servoscala

Dettagli

33100 Udine Via Cjavecis, 7 Tel. 0432 421084 Fax 0432 425196 e-mail info@roncoweb.it www.roncoweb.it

33100 Udine Via Cjavecis, 7 Tel. 0432 421084 Fax 0432 425196 e-mail info@roncoweb.it www.roncoweb.it Questo opuscolo, ha lo scopo di fornire informazioni sui contributi previsti dalla legge N 13/1989 (disposizioni per il superamento e l eliminazione delle barriere architettoniche, negli edifici privati)

Dettagli

N. 01/2014 29 Marzo 2014

N. 01/2014 29 Marzo 2014 N. 01/2014 29 Marzo 2014 Avv. Simone Fadalti LA RIPARTIZIONE DELLE SPESE CONDOMINIALI PRINCIPIO GENERALE Art. 1123 c.c. Criterio di tripartizione: Le spese necessarie per la conservazione e per il godimento

Dettagli

INSTALLAZIONE CONDIZIONATORE

INSTALLAZIONE CONDIZIONATORE ON-LINE - 1 - ON-LINE - 2 - QUESITO DELLA COMMITTENZA Buongiorno, La presente a chiedere cortesemente un 'informazione. Risiedo in una casa costituita da tre appartamenti disposti verticalmente e appartenenti

Dettagli

Presidente V. Presidente Assessori. Segretario

Presidente V. Presidente Assessori. Segretario 8^ legislatura Deliberazione della Giunta n. 1/DDL del 19 gennaio 2010 Presidente V. Presidente Assessori Segretario Giancarlo Franco Renato Giancarlo Marialuisa Oscar Elena Massimo Renzo Sandro Vendemiano

Dettagli

A N A C I SEDE PROVINCIALE DI ROMA HOTEL SHERATON 24 MAGGIO 2013

A N A C I SEDE PROVINCIALE DI ROMA HOTEL SHERATON 24 MAGGIO 2013 SEDE PROVINCIALE DI ROMA HOTEL SHERATON 24 MAGGIO 2013 IMPIANTISTICA AGGIORNATA DALLE NUOVE REGOLE ( VIDEOSORVEGLIANZA BARRIERE ARCHITETTONICHE - ASCENSORI ) Videosorveglianza. Tutela dell incolumità personale

Dettagli

alla luce della nuova riforma IN BREVE: COS È CAMBIATO

alla luce della nuova riforma IN BREVE: COS È CAMBIATO Condominio alla luce della nuova riforma IN BREVE: COS È CAMBIATO L amministratore dovrà essere più qualificato L amministratore non può essere stato condannato per reati contro la PA L amministratore

Dettagli

Barriere Architettoniche

Barriere Architettoniche Segnalazioni Settore Attività amministrative e finanziarie per il Governo del territorio ottobre 2009 Barriere Architettoniche (da I QUADERNI Consulente IMMOBILIARE, Suppl. al n. 845 del 30 settembre 2009)

Dettagli

LE DELEGHE IN ASSEMBLEA

LE DELEGHE IN ASSEMBLEA LE DELEGHE IN ASSEMBLEA La forma della delega Il Regolamento di Condominio La delega all Amministratore Contrasti tra condomino e delegato I comproprietari e altri casi Commenti e precisazioni A CURA DEL

Dettagli

Breve guida pratica al Condominio. Una micro società con le sue regole

Breve guida pratica al Condominio. Una micro società con le sue regole Breve guida pratica al Condominio Una micro società con le sue regole Quando nasce il condominio? Il condominio nell edificio nasce quando questo è diviso almeno in due proprietà esclusive appartenenti

Dettagli

PROGETTARE PER TUTTI

PROGETTARE PER TUTTI Ordine degli Ingegneri della Provincia di Genova CONSULTA COMUNALE E PROVINCIALE PER I PROBLEMI DEGLI HANDICAPPATI DI GENOVA In collaborazione con: ------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Dettagli

Codice Civile Regio decreto 16 marzo 1942 XX, n. 262

Codice Civile Regio decreto 16 marzo 1942 XX, n. 262 Codice Civile Regio decreto 16 marzo 1942 XX, n. 262 Libro Terzo - Della proprietà Titolo VII - Della comunione Capo II - Del condominio negli edifici Art. 1117 Parti comuni dell'edificio Sono oggetto

Dettagli

NORMATIVA SULL ELIMINAZIONE DELLE BARRIERE ARCHITETTONICHE ELIMINAZIONE DELLE BARRIERE ARCHITETTONICHE NEI CONDOMINI

NORMATIVA SULL ELIMINAZIONE DELLE BARRIERE ARCHITETTONICHE ELIMINAZIONE DELLE BARRIERE ARCHITETTONICHE NEI CONDOMINI NORMATIVA SULL ELIMINAZIONE DELLE BARRIERE ARCHITETTONICHE ELIMINAZIONE DELLE BARRIERE ARCHITETTONICHE NEI CONDOMINI La legge dedicata all eliminazione delle barriere architettoniche negli edifici privati,

Dettagli

Corte di Cassazione, seconda sezione Civile, sentenza 30 aprile 2015, n. 8823

Corte di Cassazione, seconda sezione Civile, sentenza 30 aprile 2015, n. 8823 Corte di Cassazione, seconda sezione Civile, sentenza 30 aprile 2015, n. 8823 Svolgimento del processo S.G., con atto di citazione del 20 giugno 2001, proprietario di una porzione immobiliare facente parte

Dettagli

Circolare n. 80 del 4 novembre 2011

Circolare n. 80 del 4 novembre 2011 Pagina 1 di 5 07/11/2011 - Articolo Circolare n. 80 del 4 novembre 2011 Redazione a cura di Agostino Lombardi Francesco Venunzio Tutte le Newsletter sono pubblicate sul sito www.anacilombardia.net Circolare

Dettagli

TABELLA DELLE NUOVE MAGGIORANZE ASSEMBLEARI

TABELLA DELLE NUOVE MAGGIORANZE ASSEMBLEARI TABELLA DELLE NUOVE MAGGIORANZE ASSEMBLEARI AVVERTENZA Nella tabella viene usato il termine per fare riferimento ai partecipanti al condominio, mentre viene usato il termine per far riferimento ai partecipanti

Dettagli

PARCHEGGIO. Quale sanzione si applica a chi non espone il disco orario o comunque non

PARCHEGGIO. Quale sanzione si applica a chi non espone il disco orario o comunque non PARCHEGGIO Quale sanzione si applica a chi non espone il disco orario o comunque non segnala altrimenti l'ora in cui la sosta ha avuto inizio? Nei luoghi in cui la sosta è permessa per un tempo limitato,

Dettagli

massimo fracaro - germano palmieri Dizionario del condominio RifoRma 2013

massimo fracaro - germano palmieri Dizionario del condominio RifoRma 2013 massimo fracaro - germano palmieri Dizionario del condominio RifoRma 2013 A cura di Massimo Fracaro Testi di Germano Palmieri Fotocomposizione: Nuova MCS - Firenze ISBN 978-88-17-06572-6 Copyright 2013

Dettagli

Meglio un montascale a pedana portacarrozzine o un elevatore in verticale?

Meglio un montascale a pedana portacarrozzine o un elevatore in verticale? Le vostre domande Lo scooter elettrico è una carrozzina per disabili? Che cos'è un sollevapersone? Meglio un montascale a pedana portacarrozzine o un elevatore in verticale? Una piattaforma elevatrice

Dettagli

LEGGE N. 13 del 9 GENNAIO 1989

LEGGE N. 13 del 9 GENNAIO 1989 CHE LAVORI FINANZIA LEGGE N. 13 del 9 GENNAIO 1989 Tutti i montascale, le piattaforme elevatrici, le vasche con porta apribile e quant altro dedicato in esclusiva alla disabilità rientrano nei finanziamenti

Dettagli

Città Patrimonio dell Umanità ASSESSORATO ALLA SALUTE, SERVIZI ALLA PERSONA, IMMIGRAZIONE CENTRO H INFORMAHANDICAP

Città Patrimonio dell Umanità ASSESSORATO ALLA SALUTE, SERVIZI ALLA PERSONA, IMMIGRAZIONE CENTRO H INFORMAHANDICAP COMUNE DI FERRARA Città Patrimonio dell Umanità ASSESSORATO ALLA SALUTE, SERVIZI ALLA PERSONA, IMMIGRAZIONE CENTRO H INFORMAHANDICAP PROMEMORIA CONTRIBUTI PER IL SUPERAMENTO E L ELIMINAZIONE DELLE BARRIERE

Dettagli

NEWSLETTERS ANAP 2014

NEWSLETTERS ANAP 2014 NEWS 20 2014 L impianto idrico L impianto idrico rappresenta uno dei servizi essenziali condominiali, a ben vedere il più importante fra di essi, e l aumentato costo dell acqua che ha avuto luogo negli

Dettagli

Via libera all'installazione dell'ascensore che permette ai disabili di muoversi senza incontrare ostacoli

Via libera all'installazione dell'ascensore che permette ai disabili di muoversi senza incontrare ostacoli Via libera all'installazione dell'ascensore che permette ai disabili di muoversi senza incontrare ostacoli Cassazione, sez. II Civile, sentenza n. 18334 del 25/10/2012 Le barriere architettoniche devono

Dettagli

COMUNE DI SENIGALLIA

COMUNE DI SENIGALLIA COMUNE DI SENIGALLIA PROGETTO PER LA REALIZZAZIONE DI EDIFICI RESIDENZIALI NEL COMPARTO 17R DEL PIANO DI LOTTIZZAZIONE SITO IN CESANO DI SENIGALLIA DITTA: EDRA IMMOBILIARE S.r.l. Via Cimabue, n 7 - SENIGALLIA

Dettagli

Il condominio negli edifici. Le parti di proprietà esclusiva e comuni.

Il condominio negli edifici. Le parti di proprietà esclusiva e comuni. Le delibere nel condominio: la modifica dei criteri di ripartizione dei costi, le maggioranze necessarie. Studio Sinacta avvocati e commercialisti associati Stefano Pugno avvocato Il condominio negli edifici.

Dettagli

L ELIMINAZIONE DELLE BARRIERE ARCHITETTONICHE IN CONDOMINIO

L ELIMINAZIONE DELLE BARRIERE ARCHITETTONICHE IN CONDOMINIO Mercoledì 16 ottobre 1996 L ELIMINAZIONE DELLE BARRIERE ARCHITETTONICHE IN CONDOMINIO PREMESSA Tutti i provvedimenti che oggi fanno parte dell intero quadro di normative che regolamentano i comportamenti

Dettagli

(ai sensi della legge 9/1/1989, n. 13) Il/la sottoscritto/a C.F. nato/a a il abitante (1) in qualità di proprietario affittuario altro (2)

(ai sensi della legge 9/1/1989, n. 13) Il/la sottoscritto/a C.F. nato/a a il abitante (1) in qualità di proprietario affittuario altro (2) DOMANDA DI CONCESSIONE DI CONTRIBUTO PER IL SUPERAMENTO E L ELIMINAZIONE DELLE BARRIERE ARCHITETTONICHE NEGLI EDIFICI PRIVATI ESISTENTI ALLA DATA DELL 11 AGOSTO 1989 (ai sensi della legge 9/1/1989, n.

Dettagli

Protocollo C H I E D E

Protocollo C H I E D E Protocollo Marca da Bollo. 16,00 Al Responsabile del Settore Gestione del Territorio del comune di Verdellino DOMANDA DI CONCESSIONE DI CONTRIBUTO PER IL SUPERAMENTO E L ELIMINAZIONE DELLE BARRIERE ARCHITETTONICHE

Dettagli

CESSAZIONE DEL RISCALDAMENTO CENTRALIZZATO. Il riscaldamento condominiale è da sempre sinonimo di lite tra condomini

CESSAZIONE DEL RISCALDAMENTO CENTRALIZZATO. Il riscaldamento condominiale è da sempre sinonimo di lite tra condomini CESSAZIONE DEL RISCALDAMENTO CENTRALIZZATO Il riscaldamento condominiale è da sempre sinonimo di lite tra condomini che non riescono ad avere la casa sufficientemente riscaldata o al contrario che si ritrovano

Dettagli

Regolamento di condominio

Regolamento di condominio Vincenzo Caporale 1 Introduzione Capita spesso che tra condomini si creino dei litigi a causa della presenza di animali domestici nel condominio. In presenza di simili situazioni, è difficile trovare un

Dettagli

L IMPUGNAZIONE DELLE DELIBERE CONDOMINIALI

L IMPUGNAZIONE DELLE DELIBERE CONDOMINIALI L IMPUGNAZIONE DELLE DELIBERE CONDOMINIALI 1 L INVALIDITÀ DELL AVVISO DI CONVOCAZIONE La questione... 1 Analisi dello scenario... 1 Inquadramento strategico... 2 Natura e funzioni dell avviso di convocazione...

Dettagli

REL. 5/2015 Italiano GUIDA ALLE DETRAZIONI E AI CONTRIBUTI

REL. 5/2015 Italiano GUIDA ALLE DETRAZIONI E AI CONTRIBUTI REL. 5/2015 Italiano GUIDA ALLE DETRAZIONI E AI CONTRIBUTI Agevolazioni all acquisto L acquisto di un montascale a poltroncina, a piattaforma e di una piattaforma elevatrice per l utilizzo in abitazioni

Dettagli

Il Regolamento di Condominio

Il Regolamento di Condominio Il Regolamento di Condominio Aspetti giuridici (vedi articoli 1129 e seguenti del codice civile) E' obbligatorio nominare un amministratore quando il numero dei condomini in un edificio è maggiore di quattro.

Dettagli

Sentenze e normativa sugli ascensori

Sentenze e normativa sugli ascensori Sentenze e normativa sugli ascensori Cassazione Civile, sezione II, Sentenza 25 marzo 2004 n. 5975 I residenti al pianterreno con ingresso separato dall androne principale non partecipano alle spese per

Dettagli

DETRAZIONI E CONTRIBUTI Opportunità per l'accessibilità. Ti migliora la vita. ThyssenKrupp. Rev.07

DETRAZIONI E CONTRIBUTI Opportunità per l'accessibilità. Ti migliora la vita. ThyssenKrupp. Rev.07 DETRAZIONI E CONTRIBUTI Opportunità per l'accessibilità Rev.07 2 1) Quali sono le agevolazioni? L acquisto di un montascale a poltroncina, a piattaforma e di una piattaforma elevatrice per l utilizzo in

Dettagli

Quorum costitutivi dell assemblea. Seconda convocazione: - almeno il 50% dei millesimi. - almeno 1/3 dei millesimi. - almeno 1/3 dei millesimi.

Quorum costitutivi dell assemblea. Seconda convocazione: - almeno il 50% dei millesimi. - almeno 1/3 dei millesimi. - almeno 1/3 dei millesimi. Quorum costitutivi dell assemblea Prima convocazione: - più del 50% dei condomini - almeno i 2/3 dei millesimi. Seconda convocazione: - almeno 1/3 dei condomini - almeno 1/3 dei millesimi. Quorum deliberativi

Dettagli

Tuttavia tale presunzione di comunione può essere vinta dalla destinazione della canna fumaria stessa.

Tuttavia tale presunzione di comunione può essere vinta dalla destinazione della canna fumaria stessa. L installazione di canne fumarie nel condominio di edifici. Vicinitas est mater discordiarum, La vicinanza è la madre delle discordie. I Latini già l avevano intuito pur non avendo ancora conosciuta la

Dettagli

Circolare n. 83 del 25 novembre 2011 SOMMARIO. News Giurisprudenziali Garantire l'accesso ai disabili con ascensori e servoscala

Circolare n. 83 del 25 novembre 2011 SOMMARIO. News Giurisprudenziali Garantire l'accesso ai disabili con ascensori e servoscala Redazione a cura di Agostino Lombardi Francesco Venunzio Tutte le Newsletter sono pubblicate sul sito www.anacilombardia.net Circolare n. 83 del 25 novembre 2011 SOMMARIO News Giurisprudenziali Garantire

Dettagli

www.iussit.eu - www.iussit.eu

www.iussit.eu - www.iussit.eu [IUS SIT www.iussit.eu] REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale di Napoli, sezione XII civile, nella persona del Giudice monocratico dott. Giovanni Scotto di Carlo, ha emesso la seguente

Dettagli

I contributi per l'eliminazione delle barriere architettoniche

I contributi per l'eliminazione delle barriere architettoniche I contributi per l'eliminazione delle barriere architettoniche La Legge 13 del 1989, come è noto ha introdotto la possibilità di richiedere contributi per l'eliminazione di barriere architettoniche negli

Dettagli

Agevolazioni fiscali per i montascale

Agevolazioni fiscali per i montascale Agevolazioni fiscali per i montascale Tornare a vivere in piena libertà la propria casa con un montascale è una scelta che, a livello finanziario, riserva molte opportunità: infatti, grazie ai contributi

Dettagli

LE PROCEDURE IL FABBISOGNO GLI INTERVENTI I CONTRIBUTI EROGATI dal 1989 al 2012

LE PROCEDURE IL FABBISOGNO GLI INTERVENTI I CONTRIBUTI EROGATI dal 1989 al 2012 Regione Marche Servizio Territorio, Ambiente, Energia LE PROCEDURE IL FABBISOGNO GLI INTERVENTI I CONTRIBUTI EROGATI dal 1989 al 2012 La struttura della legge La legge 13/1989 può essere suddivisa in tre

Dettagli

POSTA E RISPOSTA. Aggiornato al 10 gennaio 2015. Segnaliamo, dell avvocato Germano Palmieri, la Guida pratica al nuovo

POSTA E RISPOSTA. Aggiornato al 10 gennaio 2015. Segnaliamo, dell avvocato Germano Palmieri, la Guida pratica al nuovo POSTA E RISPOSTA Aggiornato al 10 gennaio 2015 Segnaliamo, dell avvocato Germano Palmieri, la Guida pratica al nuovo condominio ( http://www.giuffre.it/it-it/products/374835.html ), edita da Giuffrè e

Dettagli

LA RIFORMA DEL CONDOMINIO Legge 11 dicembre 2012, n. 220

LA RIFORMA DEL CONDOMINIO Legge 11 dicembre 2012, n. 220 LA RIFORMA DEL CONDOMINIO Legge 11 dicembre 2012, n. 220 (Gazzetta Ufficiale n. 293 del 17/12/2012 ) (in vigore dal 18 giugno 2013) ASSEMBLEA DI CONDOMINIO Camera di Commercio di Torino 11 novembre 2013

Dettagli

DOMANDA DI CONCESSIONE DI CONTRIBUTO PER IL SUPERAMENTO E L ELIMINAZIONE DELLE BARRIERE ARCHITETTONICHE NEGLI EDIFICI PRIVATI

DOMANDA DI CONCESSIONE DI CONTRIBUTO PER IL SUPERAMENTO E L ELIMINAZIONE DELLE BARRIERE ARCHITETTONICHE NEGLI EDIFICI PRIVATI DOMANDA DI CONCESSIONE DI CONTRIBUTO PER IL SUPERAMENTO E L ELIMINAZIONE DELLE BARRIERE ARCHITETTONICHE NEGLI EDIFICI PRIVATI PER EDIFICI COSTRUITI DOPO LA DATA DELL 11 AGOSTO 1989, IN REGIME DI ADATTABILITA

Dettagli

LA RIPARTIZIONE DELLE SPESE TRA I CONDOMINI:

LA RIPARTIZIONE DELLE SPESE TRA I CONDOMINI: LA RIPARTIZIONE DELLE SPESE TRA I CONDOMINI: IL PRINCIPIO ART. 1123 C.C. Le spese necessarie per la conservazione e per il godimento delle parti comuni dell'edificio, per la prestazione dei servizi nell'interesse

Dettagli

I CONTRIBUTI PER L'ELIMINAZIONE DELLE BARRIERE

I CONTRIBUTI PER L'ELIMINAZIONE DELLE BARRIERE I CONTRIBUTI PER L'ELIMINAZIONE DELLE BARRIERE ARCHITETTONICHE La Legge 13 del 1989, come è noto ha introdotto la possibilità di richiedere contributi per l'eliminazione di barriere architettoniche negli

Dettagli

Modifiche alla disciplina del condominio negli edifici A.C. 4041

Modifiche alla disciplina del condominio negli edifici A.C. 4041 Camera dei deputati - XVI Legislatura - Dossier di documentazione (Versione per stampa) Autore: Titolo: Riferimenti: Servizio Studi - Dipartimento istituzioni Modifica alla disciplina del condominio negli

Dettagli

COMUNE DI SANSEPOLCRO

COMUNE DI SANSEPOLCRO TAVOLA: 9 COMUNE DI SANSEPOLCRO OGGETTO: PIANO DI RECUPERO Edificio Via N. Aggiunti n. 90 TITOLO TAVOLA: ASSEVERAZIONE L. 13/89 COMMITTENTE: FINTRUCKS S.p.a Ing. Bacchi Camillo PROGETTISTA: Dott. ENRICO

Dettagli

DETRAZIONI E RISPARMIO FISCALE PER ACQUISTO DI MONTASCALE

DETRAZIONI E RISPARMIO FISCALE PER ACQUISTO DI MONTASCALE DETRAZIONI E RISPARMIO FISCALE PER ACQUISTO DI MONTASCALE Il contenuto della presente pubblicazione è basato sulle norme legislative relative al trattamento fiscale delle detrazioni d'imposta. Nel caso

Dettagli

(Provincia di Teramo) Via V. Veneto 52; CAP 64027; TEL. 0861.88098; FAX 0861.88555; C.F. 82002660676; P.I. 00523850675

(Provincia di Teramo) Via V. Veneto 52; CAP 64027; TEL. 0861.88098; FAX 0861.88555; C.F. 82002660676; P.I. 00523850675 COMUNE DI SANT OMERO (Provincia di Teramo) Via V. Veneto 52; CAP 64027; TEL. 0861.88098; FAX 0861.88555; C.F. 82002660676; P.I. 00523850675!"""##$#! %# &# #!# '"# %#(## #) # '#* # # +,-./ 0, 12,342245

Dettagli

CONVEGNO - DIBATTITO I PROBLEMI DELLA PROPRIETÀ IMMOBILIARE Sabato 25 gennaio 2014 - ore 9:30 Comune di Busalla - Sala del Consiglio

CONVEGNO - DIBATTITO I PROBLEMI DELLA PROPRIETÀ IMMOBILIARE Sabato 25 gennaio 2014 - ore 9:30 Comune di Busalla - Sala del Consiglio CONVEGNO - DIBATTITO I PROBLEMI DELLA PROPRIETÀ IMMOBILIARE Sabato 25 gennaio 2014 - ore 9:30 Comune di Busalla - Sala del Consiglio L AMMINISTRATORE-CONDOMINO: REQUISITI E ATTRIBUZIONI di Paola Mauro

Dettagli

Delibera n. 13845 del 11-12-1998 proposta da GIOVANAZZI. Legge provinciale 11 settembre 1998, n. 10, art. 44, 4. comma.

Delibera n. 13845 del 11-12-1998 proposta da GIOVANAZZI. Legge provinciale 11 settembre 1998, n. 10, art. 44, 4. comma. Delibera n. 13845 del 11-12-1998 proposta da GIOVANAZZI Legge provinciale 11 settembre 1998, n. 10, art. 44, 4 comma. Individuazione dei criteri in base ai quali il Servizio Lavori Pubblici degli Enti

Dettagli

L' Assemblea di Condominio

L' Assemblea di Condominio L' Assemblea di Condominio A cura dell'associazione A.R.A.I. L' assemblea è l organo deliberativo o normativo del condominio e rappresenta nella sua sovranità la suprema volontà dei condomini. I poteri

Dettagli

Associazione Crescere

Associazione Crescere Associazione Crescere Gli Incontri del Sabato: AGEVOLAZIONI FISCALI PER L ADATTAMENTO DELLA CASA Bologna 29 gennaio 2011 Relazione della dr. Giulia Dolcetta 1 QUALI INTERVENTI? STRUTTURALI AUTOMAZIONI

Dettagli

CONTROVERSIE IN MATERIA CONDOMINIALE. Nella eventualità in cui il singolo condomino proceda alla sostituzione del tetto

CONTROVERSIE IN MATERIA CONDOMINIALE. Nella eventualità in cui il singolo condomino proceda alla sostituzione del tetto CONTROVERSIE IN MATERIA CONDOMINIALE Tetto: sostituzione con un terrazzo ad uso esclusivo Nella eventualità in cui il singolo condomino proceda alla sostituzione del tetto dell edificio con un terrazzo

Dettagli

DISCIPLINARE PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER L ABBATTIMENTO DELLE BARRIERE ARCHITETTONICHE NEGLI EDIFICI PRIVATI AI SENSI DELLA LEGGE 13/1989

DISCIPLINARE PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER L ABBATTIMENTO DELLE BARRIERE ARCHITETTONICHE NEGLI EDIFICI PRIVATI AI SENSI DELLA LEGGE 13/1989 Piano Sociale di Zona L. R. n. 19/2006 Ambito Territoriale Appennino Dauno Settentrionale DISTRETTO SOCIO SANITARIO N 3 AZ. U.S.L. FG Alberona - Biccari - Carlantino - Casalnuovo M.ro - Casalvecchio di

Dettagli

Circolare n.34 dell 15 ottobre 2010

Circolare n.34 dell 15 ottobre 2010 Redazione a cura di Agostino Lombardi Francesco Venunzio Caratozzolo Raffaele Circolare n.34 dell 15 ottobre 2010 News Giurisprudenziali In condominio tutte le tabelle si modificano a maggioranza Le tabelle

Dettagli

I) Quale competenza per valore del giudice in caso di impugnativa della delibera assembleare.

I) Quale competenza per valore del giudice in caso di impugnativa della delibera assembleare. Su alcune questioni condominiali controverse Viceconte Massimo Diritto.it I) Quale competenza per valore del giudice in caso di impugnativa della delibera assembleare. Corre prassi più che giurisprudenza

Dettagli

N. 151 DEL 19.03.2008

N. 151 DEL 19.03.2008 N. 151 DEL 19.03.2008 U.T. LEGGE 09.01.1989 N. 13 RICHIESTA DI CONTRIBUTI STATALI PER L ELIMINAZIONE DELLE BARRIERE ARCHITETTONICHE NEGLI EDIFICI PRIVATI ANNO 2008 Premesso: LA GIUNTA COMUNALE che l art.

Dettagli

Volendo brevemente riassumere, i principi sanciti dai giudici di legittimità sono i seguenti:

Volendo brevemente riassumere, i principi sanciti dai giudici di legittimità sono i seguenti: Posti auto non equivalenti in condominio: illegittima la scelta in base ai millesimi Cassazione, sez. II civile, sentenza 07.12.2006 n. 26226 (Giuseppe Mommo) La sentenza della Cassazione n. 26226, depositata

Dettagli

NEL MONDO EVOLUTO DEGLI ELEVATORI...

NEL MONDO EVOLUTO DEGLI ELEVATORI... NEL MONDO EVOLUTO DEGLI ELEVATORI... ASCENSORI I nostri ascensori utilizzano le tecnologie più avanzate e innovative per conseguire elevati standard di affidabilità, sicurezza, comfort di marcia e rispetto

Dettagli

RIFORMA DEL CONDOMINIO AVV. ALESSANDRO RE

RIFORMA DEL CONDOMINIO AVV. ALESSANDRO RE 1 RIFORMA DEL CONDOMINIO AVV. ALESSANDRO RE ART. 1117 C.C. PARTI COMUNI DELL EDIFICIO CONCETTO DI CONDOMINIO (v. Cass. Sez. Unite 31.01.2006, n. 2046 Posto che il regime del condominio degli edifici si

Dettagli

COMUNE DI SESTRI LEVANTE

COMUNE DI SESTRI LEVANTE Elaborato E2 COMUNE DI SESTRI LEVANTE Località San Bartolomeo della Ginestra Zona di P.U.C.: AC(B3) E1 (TPA) territorio di presidio ambientale agricolo Istanza Permesso di Costruire in variante al P.U.C.

Dettagli

SPORTELLO CENTAURUS CONSULENZA GRATUITA PER L ABBATTIMENTO DELLE BARRIERE ARCHITETTONICHE. Contributi e agevolazioni fiscali.

SPORTELLO CENTAURUS CONSULENZA GRATUITA PER L ABBATTIMENTO DELLE BARRIERE ARCHITETTONICHE. Contributi e agevolazioni fiscali. SPORTELLO CENTAURUS CONSULENZA GRATUITA PER L ABBATTIMENTO DELLE BARRIERE ARCHITETTONICHE Contributi e agevolazioni fiscali. L acquisto di una poltrona o di una pedana montascale, di una piattaforma elevatrice

Dettagli

CONTRIBUTI PER L ELIMINAZIONE DELLE BARRIERE ARCHITETTONICHE NEGLI EDIFICI PRIVATI

CONTRIBUTI PER L ELIMINAZIONE DELLE BARRIERE ARCHITETTONICHE NEGLI EDIFICI PRIVATI CONTRIBUTI PER L ELIMINAZIONE DELLE BARRIERE ARCHITETTONICHE NEGLI EDIFICI PRIVATI Legge n. 13 del 09/01/1989 e circolare ministeriale Ministero dei Lavori Pubblici n. 1669 del 22/06/1989 La Legge n. 13

Dettagli

LA FATTISPECIE Tizio si rivolge a un legale rappresentandogli quanto segue. E comproprietario di appartamento di civile abitazione sito nel Comune di

LA FATTISPECIE Tizio si rivolge a un legale rappresentandogli quanto segue. E comproprietario di appartamento di civile abitazione sito nel Comune di LA FATTISPECIE Tizio si rivolge a un legale rappresentandogli quanto segue. E comproprietario di appartamento di civile abitazione sito nel Comune di Alfa, collocato al terzo piano di maggior complesso

Dettagli

LI. VI., elettivamente domiciliato in ROMA, VIA QUATTRO FONTANE 109, presso lo studio dell'avvocato DE MATTIA Paride, che lo rappresenta e difende;

LI. VI., elettivamente domiciliato in ROMA, VIA QUATTRO FONTANE 109, presso lo studio dell'avvocato DE MATTIA Paride, che lo rappresenta e difende; REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE SECONDA CIVILE Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati: Dott. ROVELLI Luigi Antonio - Presidente Dott. MENSITIERI

Dettagli

Cassazione Civile, sez. II, 25 ottobre 2012, n. 18334

Cassazione Civile, sez. II, 25 ottobre 2012, n. 18334 Cassazione Civile, sez. II, 25 ottobre 2012, n. 18334 SVOLGIMENTO DEL PROCESSO 1. - C.G. convenne in giudizio il Condominio di Via omissis deducendo la nullità della delibera che aveva approvato la installazione

Dettagli

L assemblea di Condominio: convocazione, legittimati, quorum costitutivi e deliberativi.

L assemblea di Condominio: convocazione, legittimati, quorum costitutivi e deliberativi. L assemblea di Condominio: convocazione, legittimati, quorum costitutivi e deliberativi. Relazione tenuta dall Avv. Alessandra Alaimo al Convegno Proprietà, condominio e amministratori immobiliari alla

Dettagli

XII Sessione Tribunale dei Diritti dei Disabili

XII Sessione Tribunale dei Diritti dei Disabili XII Sessione Tribunale dei Diritti dei Disabili Ferrara 10 Ottobre 2009 PARERE NON AVENTE ALCUN VALORE GIURIDICO VINCOLANTE CASO 1. ʺDon Chisciotte e i mulini a ventoʺ...ovvero dura battaglia di un bimbo

Dettagli

Il/la sottoscritto/a...nato a... il... abitante a (1).. C.F..., in qualità di proprietario affittuario altro (2)...

Il/la sottoscritto/a...nato a... il... abitante a (1).. C.F..., in qualità di proprietario affittuario altro (2)... Bollo 14,62 Modulo C DOMANDA PER EDIFICI COSTRUITI DOPO 11 AGOSTO 1989, IN REGIME DI ADATTABILITA AL SINDACO DEL COMUNE DI SARONNO PROVINCIA DI VARESE DOMANDA di concessione di contributo per il superamento

Dettagli

IL GIUDICE DI PACE E IL CONDOMINIO COMPETENZA, CASISTICA E LINEE DI TENDENZA. Tribunale di Vicenza 16 febbraio 2010 avv.

IL GIUDICE DI PACE E IL CONDOMINIO COMPETENZA, CASISTICA E LINEE DI TENDENZA. Tribunale di Vicenza 16 febbraio 2010 avv. IL GIUDICE DI PACE E IL CONDOMINIO COMPETENZA, CASISTICA E LINEE DI TENDENZA Tribunale di Vicenza 16 febbraio 2010 avv. Maurizio Voi 1 IL CONDOMINIO OGGI I temi che saranno trattati L evoluzione dell istituto

Dettagli

Corso di Amministratore di condominio. L Assemblea Ordine del giorno Verbale Delibere Nulle // Annullabili

Corso di Amministratore di condominio. L Assemblea Ordine del giorno Verbale Delibere Nulle // Annullabili Corso di Amministratore di condominio L Assemblea Ordine del giorno Verbale Delibere Nulle // Annullabili 1 Assemblea E la sede deliberativa del condominio Attribuzioni dell assemblea (art. 1135 c.c.)

Dettagli

IL CONDOMINIO CONDOMINIO AMICO.NET ABBATTE I COSTI, FA RISPARMIARE MIGLIAIA DI EURO ALL ANNO

IL CONDOMINIO CONDOMINIO AMICO.NET ABBATTE I COSTI, FA RISPARMIARE MIGLIAIA DI EURO ALL ANNO CONDOMINIO AMICO.NET ti aiuta a capire il giusto comportamento da tenere all interno del tuo condominio, aiuta l amministratore nella contabilità e gli da modo di verificare eventuali errori prima che

Dettagli

GLI IMPIANTI PER ABBATTIMENTO DELLE BARRIERE ARCHITETTONICHE

GLI IMPIANTI PER ABBATTIMENTO DELLE BARRIERE ARCHITETTONICHE Ordine degli Ingegneri della Provincia di Genova CONSULTA COMUNALE E PROVINCIALE PER I PROBLEMI DEGLI HANDICAPPATI - GENOVA PROGETTARE PER TUTTI Corso di Formazione Professionale per una Progettazione

Dettagli

AL SINDACO DEL COMUNE DI... PROV...

AL SINDACO DEL COMUNE DI... PROV... Marca da bollo 16,00 DOMANDA di concessione di contributo per il superamento e l eliminazione delle barriere architettoniche negli edifici residenziali privati ai sensi della legge 9 gennaio 1989, n. 13

Dettagli

PROBLEMATICHE IN AMBITO CONDOMINIALE. Cortile comune: Ripartizione delle spese di manutenzione

PROBLEMATICHE IN AMBITO CONDOMINIALE. Cortile comune: Ripartizione delle spese di manutenzione PROBLEMATICHE IN AMBITO CONDOMINIALE Cortile comune: Ripartizione delle spese di manutenzione straordinaria Se l opera di manutenzione straordinaria riguarda esclusivamente la riparazione della pavimentazione

Dettagli

3. Resta fermo quanto disposto dagli articoli 1120, secondo comma, e 1121, terzo comma, del codice civile. Art. 3

3. Resta fermo quanto disposto dagli articoli 1120, secondo comma, e 1121, terzo comma, del codice civile. Art. 3 Testo aggiornato della legge 9 gennaio 1989, n. 13 recante: Disposizioni per favorire il superamento e l eliminazione delle barriere architettoniche negli edifici privati. ( Suppl.ordinario alla G.U. n.

Dettagli

SPAZIO PER ETICHETTA PROTOCOLLO

SPAZIO PER ETICHETTA PROTOCOLLO MARCA DA BOLLO Euro 16,00 SPAZIO PER ETICHETTA PROTOCOLLO MODULO A DOMANDA PER EDIFICI ESISTENTI ALLA DATA DEL 11 AGOSTO 1989 AL SIG. SINDACO DEL COMUNE DI GUDO VISCONTI DOMANDA di concessione di contributo

Dettagli

DOMANDA DI ADOZIONE E APPROVAZIONE P.U.A. Beni Stabili Spa Sede legale: Via Piemonte,38-00187 Roma tel. +39.06.36222.1-06.36222.745 www.benistabili.

DOMANDA DI ADOZIONE E APPROVAZIONE P.U.A. Beni Stabili Spa Sede legale: Via Piemonte,38-00187 Roma tel. +39.06.36222.1-06.36222.745 www.benistabili. COMMITTENTE: Beni Stabili Spa Sede legale: Via Piemonte,38-00187 Roma tel. +39.06.36222.1-06.36222.745 www.benistabili.it PROGETTO: ELABORAZIONE DOMANDA DI ADOZIONE E APPROVAZIONE P.U.A. 338 OGGETTO TITOLO

Dettagli

FAC-SIMILE DI DOMANDA PER EDIFICI COSTRUITI DOPO 11 AGOSTO 1989, IN REGIME DI ADATTABILITA (IN MARCA DA BOLLO DI VALORE SECONDO LA LEGGE VIGENTE)

FAC-SIMILE DI DOMANDA PER EDIFICI COSTRUITI DOPO 11 AGOSTO 1989, IN REGIME DI ADATTABILITA (IN MARCA DA BOLLO DI VALORE SECONDO LA LEGGE VIGENTE) FAC-SIMILE DI DOMANDA PER EDIFICI COSTRUITI DOPO 11 AGOSTO 1989, IN REGIME DI ADATTABILITA (IN MARCA DA BOLLO DI VALORE SECONDO LA LEGGE VIGENTE) da presentarsi dal 1 gennaio al 1 marzo di ogni anno DOMANDA

Dettagli

INDICE SOMMARIO CAPITOLO I L ASSEMBLEA IN GENERALE

INDICE SOMMARIO CAPITOLO I L ASSEMBLEA IN GENERALE CAPITOLO I L ASSEMBLEA IN GENERALE 1. L assemblea ed i suoi poteri... 1 2. I limiti ai poteri dell assemblea in tema di: a) modifica del regolamento di condominio c.d. contrattuale... 3 3. b) approvazione

Dettagli

FAC-SIMILE DI DOMANDA PER EDIFICI COSTRUITI DOPO 11 AGOSTO 1989, IN REGIME DI ADATTABILITA (IN MARCA DA BOLLO DI VALORE SECONDO LA LEGGE VIGENTE)

FAC-SIMILE DI DOMANDA PER EDIFICI COSTRUITI DOPO 11 AGOSTO 1989, IN REGIME DI ADATTABILITA (IN MARCA DA BOLLO DI VALORE SECONDO LA LEGGE VIGENTE) FAC-SIMILE DI DOMANDA PER EDIFICI COSTRUITI DOPO 11 AGOSTO 1989, IN REGIME DI ADATTABILITA (IN MARCA DA BOLLO DI VALORE SECONDO LA LEGGE VIGENTE) DOMANDA di concessione di contributo per il superamento

Dettagli

I quorum e le deliberazioni assembleari

I quorum e le deliberazioni assembleari Sezione VII I quorum e le deliberazioni assembleari di Giuseppe Donato Nuzzo RIFERIMENTI NORMATIVI artt. 1135, 1136, 1137 c.c.; l. 9.1.1989, n. 13; l. 24.3.1989, n. 122; l. 9.1.1991, n. 10; l. 17.2.1992,

Dettagli

Le parti comuni dell'edificio

Le parti comuni dell'edificio Le parti comuni dell'edificio Il condominio non è un soggetto giuridico dotato di una propria personalità, distinta da quella di coloro che ne fanno parte, ma è un ente di gestione che opera in rappresentanza

Dettagli