Corso di Scienza delle finanze. Lezione 5 IRPEF

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Corso di Scienza delle finanze. Lezione 5 IRPEF"

Transcript

1 Corso di Scienza delle finanze Lezione 5 IRPEF 1

2 IRPEF Reddito complessivo Deduzioni Reddito imponibile Calcolo dell'imposta lorda Detrazioni Imposta netta Il versamento dell'imposta Fiscal drag Gli studi di settore (facoltativa: p. 14) 2

3 IRPEF Imposta personale e progressiva (art. 53, cc. 1 e 3, Costituzione) - Si tiene conto degli aspetti soggettivi del contribuente (considerazione delle caratteristiche familiare, oneri di carattere personale, etc.) - La progressività delle aliquote d imposta è lo strumento principale (ma non unico) per realizzare la progressività dell imposta Presupposto dell imposta possesso di un reddito in denaro o natura attribuibile al soggetto passivo Soggetti passivi persone fisiche residenti (per i redditi posseduti all interno o all estero) e non residenti (limitatamente ai redditi prodotti in Italia). Quindi, Il riferimento e il PNL per i residenti e il PIL per i non residenti (il PIL e la somma del valore aggiunto prodotto all interno di un paese, il PNL e la somma del valore aggiunto prodotto dai residenti di un paese, a prescindere dalla loro localizzazione) Base imponibile somma di tutti i redditi (su base individuale) del soggetto passivo 3

4 IRPEF Somma di sei categorie di reddito Reddito complessivo (Oneri deducibili) Reddito imponibile Scala aliquote delle Imposta lorda Detrazioni Imposta netta 4

5 REDDITO COMPLESSIVO Redditi fondiari Redditi di capitale Redditi di lavoro dipendente Redditi di lavoro autonomo Redditi di impresa Redditi diversi NB: Alcuni redditi che rientrano nelle sei categorie precedenti sono soggetti a regimi sostitutivi (ad es. maggioranza redditi dei capitali e plusvalenze finanziarie) 5

6 Quadro riassuntivo per diverse categorie di reddito A. Redditi fondiari Definizione del reddito complessivo - redditi dominicali e agrari tariffa d'estimo catastale rivalutata con appositi coefficienti - redditi dei fabbricati abitazione principale rendita catastale fabbricati non locati rendita catastale + 30% fabbricati locati 85% del reddito effettivo (canone di locazione) o, se maggiore, rendita catastale B. Redditi di capitale reddito effettivo ( per lo piu' soggetti a tassazione sostitutiva, esclusi div. da part. qualif. al 40% e paradisi fiscali) C. Redditi di lavoro dipendente reddito effettivo di cassa al lordo delle spese di produzione D. Redditi di lavoro autonomo reddito effettivo di cassa al netto delle spese di produzione (da individuare in via analitica o forfettaria a seconda della tipologia di reddito) E. Redditi di impresa reddito effettivo di competenza: di società di persone e utile (o perdita) netto risultante dal imprese individuali conto economico (con variazioni positive o negative per diversità fra disciplina civilistica e tributaria) F. Redditi diversi reddito maturato, al netto delle - plusvalenze finanziarie (in particolare minusvalenze e delle perdite capital gains) e redditi dei prodotti derivati (esclusi plusval. da part. qualificate al 40% e paradisi fiscali) - altri redditi diversi criteri eterogenei 6

7 REDDITO COMPLESSIVO Riassumendo, l imposta personale si applica al reddito complessivo del contribuente, calcolato come somma delle singole categorie di reddito Tuttavia, i criteri di determinazione del reddito sono molto differenziati e i regimi di esenzione e sostitutivi molto estesi. In particolare i redditi fondiari sono determinati su base catastale; i redditi da lavoro dipendente sono al lordo delle spese di produzione, da lavoro autonomo al netto delle spese; i redditi di capitale entrano limitatamente in b.i. IRPEF e sono prevalentemente soggetti ad imposte sostitutive; - i redditi diversi, costituiti prevalentemente da plusvalenze, entrano limitatamente in base IRPEF e sono prevalentemente soggetti a imposte sostitutive. 7

8 Il reddito complessivo e' comunque il punto di partenza per la determinazione della base imponibile. Dal reddito complessivo si sottraggono le deduzioni (dall'imponibile) ammesse dalla legge ottenendo il reddito imponibile (base imponibile). Al reddito imponibile si applica la scala delle aliquote (aliquota a scaglioni) ottenendo l'imposta lorda. All'imposta lorda si sottraggono le detrazioni (dall'imposta) ammesse dalla legge ottenendo l'imposta netta, quanto il soggetto passivo e' tenuto a versare all'erario. 8

9 Di nuovo! IRPEF Somma di sei categorie di reddito Reddito complessivo (Oneri deducibili + Deduz. progress. + Deduz. Car. Famil.) Reddito imponibile Scala aliquote delle Imposta lorda Detrazioni Imposta netta 9

10 GLI ONERI DEDUCIBILI TRADIZIONALI E LE ALTRE DEDUZIONI Notazione: con RC indichiamo il reddito complessivo; D è un generico onere che può essere deducibile o detraibile (parzialmente o totalmente); t( ) è la funzione con cui definiamo l'imposta lorda; T è il debito di imposta. Il debito d'imposta con deduzione dall'imponibile T = t (RC - D) 10

11 Alcune delle DEDUZIONI TRADIZIONALI più rilevanti presenti nella determinazione dell IRPEF sono: contributi previdenziali ed assistenziali obbligatori. (si estende anche al lavoro autonomo l'esclusione dall'imposizione diretta di tutte le forme di contribuzione obbligatoria); la rendita catastale dell'immobile adibito ad abitazione principale (rendita inclusa nel concetto di reddito complessivo e, quindi, deducibile); i contributi versati alle forme pensionistiche complementari e i contributi e premi versati alle forme pensionistiche individuali sono deducibili per un importo non superiore al 12% del reddito complessivo e comunque non superiori a Per i lavoratori dipendenti la deduzione è riconosciuta per un importo non superiore al doppio della quota TFR destinata alla previdenza complementare, sempre nei limiti indicati (Nb: gli accantonamenti al TFR non costituiscono reddito imponibile); le erogazioni liberali per le istituzioni religiose (ad es. Chiesa cattolica italiana; i contributi a fondi integrativi del SSN; le spese per addetti all assistenza personale dei soggetti non autosufficienti (fino a 1820 ); gli oneri contributivi obbligatori per domestici e addetti a servizi personali o familiari (fino a 1549,37 ); 11

12 LA DEDUZIONE PER PROGRESSIVITÀ La legge finanziaria per il 2003 ha introdotto una nuova deduzione. In veste grafica: D 7,5 7 4,5 3 Lavoratori dipendenti Pensionati Lavoratori autonomi Redditi diversi 7, , 33 33,5 12

13 La deduzione teorica massima D è pari a: 4500 per i percettori di redditi da lavoro dipendente per i percettori di pensioni e di assegni ad esse equiparati 1500 per i titolari di redditi da lavoro autonomo e di impresa minore Dal reddito complessivo al netto delle deduzioni tradizionali si deduce l'importo di Tale cifra è aumentata fino a se il contribuente e' titolare di reddito di lavoro autonomo; fino a se di redditi da pensione; fino a se di redditi di lavoro dipendente. Se il reddito complessivo e' inferiore all'ammontare della deduzione, la deduzione e' pari al reddito stesso (No Tax Area). Le deduzioni non sono cumulabili: se concorrono più tipologie di reddito, il contribuente fruisce solo di quella più conveniente. 13

14 Notazione: ora con OD segnaliamo gli oneri deducibili tradizionali La deduzione applicabile è pari al prodotto tra D (deduzione teorica massima) e il coefficiente M D x M Il coefficiente M è pari a: M M M = = = dove 1 F 0 F se se se = F F F ( 0,1 ) 0 + D (RC OD) Se RC - OD D, M=1. La deduzione applicabile è pari a D e il contribuente non dovrà pagare alcuna imposta Se RC - OD > D, M=0. La deduzione applicabile è pari a zero Se D RC - OD D, la deduzione applicabile è F x D ed è decrescente all aumentare del reddito 14

15 FINALITA DELLA DEDUZIONE PER PROGRESSIVITÀ La funzione delle deduzioni e' duplice: 1. contribuire, insieme alla struttura delle aliquote e degli scaglioni, alla definizione del grado di progressività dell'imposta. La deduzione si annulla a partire da un certo livello di reddito complessivo (al netto delle deduzioni tradizionali), in quanto questa deduzione è decrescenti all aumentare del reddito complessivo. 2. definire un livello minimo di reddito complessivo escluso dalla tassazione (No Tax Area) Il livello differenziato della No Tax Area per diverse categorie di contribuenti può avere varie spiegazioni: tenere conto in maniera forfetaria delle spese di produzione di reddito (in particolare per il reddito da lavoro dipendente); 15

16 trattare in maniera più mite i redditi da lavoro rispetto agli altri redditi (fondiari, capitale, ecc.); considerare la presenza di più estese aree di evasione per il lavoro autonomo (concedendo così deduzioni minori rispetto ai lavoratori autonomi). 16

17 LE DEDUZIONI PER CARICHI DI FAMIGLIA Introdotte con la Finanziaria del 2005 (nb.: da calcolare separatamente dalla Deduzione per Progressività) Identico meccanismo della deduzione per Progressività F = D ( RC OD ) La deduzione teorica massima D è pari a 3200 per il coniuge fiscalmente a carico 2900 per il figlio o familiare fiscalmente a carico 3450 per ciascun figlio fino a 3 anni 3200 per il primo figlio se manca un genitore 3700 per ogni figlio portatore di handicap Fino ad un massimo di 1820 per spese sostenute dal contribuente per gli addetti alla propria assistenza personale nei casi di non autosufficienza L importo della deduzione per i figli a carico può essere ripartito tra gli aventi diritto (es. entrambi i coniugi se entrambi hanno redditi maggiori di euro 2.840,41); FINALITA : la capacità contributiva è legata al contesto familiare del contribuente e famiglie più numerose presentano costi maggiori e, sul piano individuale, una minore capacità contributiva (IRPEF imposta PERSONALE). 17

18 LA STRUTTURA DELLE ALIQUOTE La tabella IRPEF applicabile a decorrere dal periodo d imposta 2005 (valori in euro) Fino a % sull'intero importo Oltre Oltre * % sulla parte eccedente % sulla parte eccedente % sulla parte eccedente * 39% + 4% di contributo di solidarietà Alla base imponibile si applica la scala della aliquote secondo uno schema di progressività per scaglioni. Aliquote introdotte con la Legge Finanziaria per il Rimodulazione rispetto al Riduzione da 5 a 3 del numero delle aliquote e revisione degli scaglioni d imposta. Ad es.: lo scaglione soggetto all aliquota minore raggiunge i euro; per i redditi superiori a è previsto un contributo di solidarietà del 4% (4 scaglione); l aliquota più elevata diminuisce al 43%. Sia le Regioni che i Comuni definiscono addizionali all IRPEF entro limiti stabiliti dalla legge differenziazione (controllata) dell'onere dell'imposta personale; 18

19 LE DETRAZIONI Determinata l'imposta lorda, si applicano le detrazioni. SE la detrazione è totale, qualunque sia il reddito del contribuente, la spesa sostenuta si traduce integralmente in un minor carico tributario a prescindere dal reddito iniziale. Il debito di imposta (usando la notazione introdotta precedentemente) risulta pari a: T = t(rc) D Nel caso di detrazione parziale (es. del 19% come nell ordinamento italiano), il debito di imposta e' pari a: T = t(rc) 0,19 D In questa ipotesi, una percentuale costante dell'onere detraibile si trasforma in un minor debito di imposta. 19

20 Nel nostro ordinamento le detrazioni proposte sono raggruppabili in quattro categorie: 1. detrazione speciale per redditi di lavoro dipendente, autonomo e pensione (**); 2. detrazioni per carichi familiari (**); 3. detrazione per oneri personali al 19%; 4. altre detrazioni con finalità di incentivazione. 3. detrazioni del 19% di oneri personali Un sintetico elenco comprende: Interessi passivi per mutui ipotecari per l'acquisto di immobili adibiti ad abitazione principale (con il limite di 3.615,20 ), per la costruzione dell'abitazione principale; nb: a differenza dei redditi di impresa (i cui interessi passivi sono interamente deducibili) per le persone fisiche il legislatore ha posto vincoli maggiori (tetto all'ammontare della detrazione, garanzia ipotecaria, finalizzazione del mutuo). Incentivo all'acquisto della prima casa; Spese mediche (generiche e specialistiche): possono essere detratte per la parte che supera la franchigia di 129,11 ; Premi per contratti di assicurazione sulla vita o sull'invalidità 20

21 permanente o il rischio di non autosufficienza, con un tetto massimo di detraibilità di 1.291,14 ; Servizi di interprete per sordomuti; Entro determinati limiti di spesa, la detrazione si applica anche alle spese per la frequenza di corsi di istruzione superiore (statale); liberalità in denaro a favore delle Onlus (Organizzazioni non lucrative di utilità sociale); erogazioni liberali per la manutenzione, la protezione e il restauro di beni di interesse artistico o storico; erogazioni liberali per beni di interesse artistico o storico (a favore dello Stato, delle regioni, degli enti locali territoriali, di enti o istituzioni pubbliche, di comitati organizzatori, ecc.); erogazioni liberali per lo spettacolo (non possono eccedere il 2% del reddito complessivo dichiarato); liberalità a favore dei partiti, ecc. FINALITA : la legge consente tali detrazioni con la duplice finalità di: personalizzare il tributo in relazione a circostanze che modificano la capacità contributiva e introdurre agevolazioni e incentivi in seguito a determinati impieghi del reddito ritenuti meritevoli di tutela e incentivo. 21

22 4. detrazioni con finalità di incentivazione Infine, detrazioni che hanno lo scopo di incentivare determinati comportamenti dei contribuenti: detrazioni per gli inquilini con contratto di locazione secondo contratti convenzionali (detrazione di 495,80 se il reddito complessivo e' inferiore a ,71, di 247,90 se il reddito e' tra ,71 e ,41 ); le detrazioni (speciali e temporanee) introdotte nel 1998 per interventi di recupero del patrimonio edilizio e poi prorogate più volte fino a dicembre Nb: Se le detrazioni superano l ammontare dell'imposta lorda si ha il fenomeno dell'incapienza delle detrazioni, ossia l'individuo non usufruisce per intero della detrazione; Nel caso di detrazioni con chiare finalità sociali, il legislatore ha quindi previsto la possibilità di ripartirle in più anni al fine di favorirne la detraibilità (es. spese per ristrutturazioni edilizie). 22

23 NOVITÀ E PROPOSTE Legge finanziaria 2006: plusvalenze immobiliari in alternativa alla tassazione IRPEF, imposta sostitutiva: 12,5%. D.lgs. 252/05: deducibilità dei contributi versati a forme di previdenza complementare: dal 2008, limite unico di 5165 per tutti. Proposte legge finanziaria 2007: rimodulazione delle aliquote e degli scaglioni trasformazione delle deduzioni per la progressività e per carichi familiari in detrazioni, anch esse decrescenti al crescere del reddito tassazione affitti imposta sostitutiva con aliquota al 20% tassazione rendite finanziarie (legge delega) imposta sostitutiva con aliquota unica al 20%. 23

24 Aliquote IRPEF Scaglioni Aliquote % Fino a Da a Da a Da a Oltre

25 Detrazioni per redditi da lavoro Aumenta la no tax area Lav. dipendenti: da 7500 a 8000 Lav. autonomi: da 4500 a 4800 Pensionati: da 7000 a 7500 Detrazioni Lavoro dipendente Importo detrazione Fino a Da a da decrescente fino 0 (a euro di reddito. N.B. le deduzioni prima si azzeravano a ) Oltre

26 Detrazioni per familiari a carico Coniuge Figli Minori di 3 anni* Maggiori di 3 anni* Altri familiari Importo detrazione (*) da 800 decrescente fino a 0 (a euro di reddito annuo) 900 decrescente fino a 0 (a euro) 800 decrescente fino a 0 (a euro) 750 a decrescente fino a 0 (a euro) N.B. Le deduzioni prima si azzeravano a euro. (*) Con più di 3 figli, l importo base della detrazione è aumentato di 200 euro per ogni figlio (compresi i primi 3). 26

27 MODALITA' DI PAGAMENTO DELL'IMPOSTA Stabilita l'imposta netta a carico del contribuente, il pagamento avviene in un arco temporale che va dall'inizio del periodo di imposta (per le persone fisiche coincidente con l'anno solare) fino al 31 maggio dell'anno successivo. Il pagamento dell'imposta si realizza in tre modi: RITENUTE ACCONTO SALDO 27

28 LE RITENUTE I sostituti di imposta operano una ritenuta a titolo di acconto dell IRPEF in ciascun periodo di contribuzione: essa è calcolata in base al reddito mensile annualizzato e alle deduzioni per carichi di famiglia e progressività. Modalità analoghe valgono per i redditi di pensione e i redditi assimilati a quelli di lavoro dipendente; Chi corrisponde compensi per lavoro autonomo deve operare all'atto del pagamento una ritenuta del 20% a titolo di acconto; Le altre categorie di reddito non sono soggette ad alcuna ritenuta pur rientrando nella base imponibile dell'imposta personale sui redditi; Per i lavoratori dipendenti vi e' coincidenza tra il momento della percezione del reddito e quello del pagamento dell'imposta. Per i lavoratori autonomi la coincidenza e' parziale in quanto spesso l'aliquota media e' superiore al 20%; Il differimento di imposta porta un vantaggio a certe categorie di reddito (in termini di maggiori interessi ottenibili dal ritardato pagamento). 28

29 L'ACCONTO Per ristabilire una tendenziale uguaglianza di trattamento tra tutte le categorie di reddito e' stato introdotto l'acconto sull'imposta personale; Il contribuente e' tenuto a versare a titolo di acconto dell'imposta sul reddito di quell'anno il 98% dell'imposta pagata l'anno precedente; Per avvicinare il momento della percezione del reddito a quello del pagamento dell'imposta, anche per i redditi non soggetti a ritenuta totale si suppone che nell'anno in corso il reddito sia almeno uguale a quello dell'anno precedente; Il versamento dell'acconto dell'imposta personale avviene in due rate (il 60% entro il 31/05 e il 40% entro il 30/11 di ciascun anno); L'acconto e' comunque riducibile se si ha certezza che il reddito dell'anno in corso sia inferiore a quello precedente. 29

30 IL VERSAMENTO A SALDO Entro il 31 maggio di ogni anno il contribuente deve versare il saldo dovuto, pari alla differenza tra l'imposta netta, le ritenute subite e gli acconti versati. L'imposta netta dovuta deve risultare dalla dichiarazione dei redditi da presentare entro il 30 giugno di ogni anno con riferimento ai redditi dell'anno precedente; Sulla base della dichiarazione presentata l'amministrazione finanziaria può effettuare gli opportuni controlli di veridicità' nei sette anni successivi alla presentazione della dichiarazione stessa; Chi percepisce solo reddito da lavoro dipendente o da pensione non e' tenuto alla presentazione della dichiarazione dei redditi. 30

31 PROBLEMI APPLICATIVI In sede di applicazione dell'imposta personale devono essere effettuate alcune scelte riguardanti: l'unità impositiva; la tassazione degli incrementi puramente nominali delle basi imponibili; il trattamento dei redditi a formazione pluriennale; l'adozione di meccanismi di controllo appropriati per alcune tipologie di reddito. 31

32 LA SCELTA DELL UNITÀ IMPOSITIVA L'individuo o la famiglia (tutti i redditi familiari sono cumulati e, quindi, assoggettati all'imposta)? La scelta dell'unita' impositiva non e' particolarmente rilevante se l'imposta personale e' proporzionale (il cumulo di redditi in capo alla famiglia non fa scattare d'aliquota ). E' tanto più rilevante quanto più è progressiva l'imposta. FAMIGLIA COME UNITA IMPOSITIVA: miglior misura della capacità contributiva (se c è comunione di fatto e tenendo conto della numerosità della famiglia); 32

33 INDIVIDUO COME UNITA IMPOSITIVA: piena titolarità del reddito con conseguente riduzione delle possibili distorsioni alla decisione individuale di partecipare al mondo del lavoro. IN ITALIA Nel 1974 : reddito familiare (cumulo); Nel 1976: la Corte Costituzionale dichiarò incostituzionale il cumulo dei redditi, giudicato incompatibile con il principio di uguaglianza: il cumulo infatti attua una disparità di trattamento a sfavore della moglie in quanto imputa i redditi di questa al marito e introduce una discriminazione del matrimonio a favore della convivenza; Inoltre l'aumento di aliquota conseguente al cumulo dei redditi scoraggia la partecipazione al mercato del lavoro del familiare con la minor propensione marginale al lavoro; 33

34 La sentenza della Corte Costituzionale ha portato all'adozione di un sistema di tassazione su base individuale ancora vigente; Rilevanza della scelta dell'unita' impositiva ai fini della imposta netta da pagare. IN FRANCIA: sistema del quoziente familiare Si divide il reddito dei componenti della famiglia per un numero N calcolato attribuendo pesi diversi a individui diversi nella famiglia (1 ai coniugi, 0,5 agli altri familiari, dal terzo figlio in poi si torna a peso unitario,...). Es.: due coniugi con due figli. Il reddito viene diviso per 3. Si utilizza il (reddito complessivo)/n per calcolare l imposta netta. 34

35 Il debito di imposta della famiglia è pari all imposta netta precedentemente ottenuta moltiplicata per N. Più numerosa è la famiglia, più attenuata la progressività. IN GERMANIA: sistema dello splitting Tutti i redditi (inclusi quelli da capitale) afferenti all'aggregato familiare vengono imputati ai due coniugi, sommati e divisi per due; All'importo risultante viene applicata la scala di aliquote, ottenendo l'imposta dovuta sulla metà del reddito del nucleo familiare; Il debito di imposta totale si ottiene moltiplicando per due l'importo calcolato sulla metà del reddito. (anche in USA) 35

36 SCELTA TRA IMPONIBILE REALE E NOMINALE I sistemi tributari sono in genere definiti su basi imponibili nominali e non vengono considerate basi imponibili reali (i.e. corrette per l'inflazione); Se l'imposta e' progressiva, l'applicazione della scala delle aliquote a un imponibile che cresce per effetto dell'inflazione implica un onere tributario crescente in termini reali (fiscal drag). Se l'imposta e' proporzionale non vi e' differenza tra imponibile reale o nominale, il valore reale del gettito si mantiene nel tempo; In Italia, il fiscal drag e' stato molto forte tra il 1975 e il 1982: in quegli anni l'inflazione e' risultata molto elevata e la scala delle aliquote fortemente progressiva e senza aggiornamenti all'inflazione delle soglie di reddito cui applicare le diverse aliquote. A partire dal 1982 si iniziarono a prendere provvedimenti per ridurre l'aumento dell'aliquota media per effetto del fiscal drag (e' stato calcolato che l'aliquota media applicata a un reddito da lavoro dipendente di 20 milioni di lire del 1985 e' aumentata di 10 punti percentuali); Nel triennio sono stati introdotti dei 36

37 meccanismi automatici per la revisione degli scaglioni; La revisione automatica e' stata ridotta nel 1992 e l'effetto del fiscal drag e' tornato a essere presente seppur con forza molto minore che in precedenza, a causa di una minor inflazione rilevata. TRATTAMENTO DEI REDDITI A FORMAZIONE PLURIENNALE Se i redditi che si formano in un arco di tempo pluriennale (esempio TFR) fossero inseriti nella base imponibile nel momento del realizzo, si determinerebbe un notevole innalzamento dell'aliquota media per quel periodo di imposta; Soluzione: tassazione separata 37

38 I MECCANISMI DI ACCERTAMENTO Dalla riforma fiscale del , per ridurre o contenere evasione e elusione fiscale (rilevante nel nostro paese anche per la presenza di un gran numero di imprese di piccole dimensioni e di lavoratori autonomi), si è ampliato l uso di alcuni meccanismi di accertamento; In particolare, gli studi di settore, applicati per la prima volta nel 1998 su un sottoinsieme di contribuenti; Questi strumenti di accertamento sono stati elaborati a partire da una base informativa e metodologie di calcolo assai dettagliate; Gli studi di settore sono il risultato di un lavoro di stretta concertazione tra l'amministrazione finanziaria e le organizzazioni di categoria rappresentative dei contribuenti interessati. Tale concertazione favorisce una generalizzata accettazione di questi strumenti di calcolo; L'interesse delle organizzazioni di categoria e' dovuto in buona parte al desiderio di eliminare situazioni di evasioni che causano competizione sleale dei contribuenti disonesti nei confronti di quelli onesti (c è comunque la possibilità di comportamenti corporativi che ne minano l'efficacia). 38

39 STUDI DI SETTORE Il concetto di reddito normale è quello utilizzato nella lotta all evasione attraverso gli studi di settore (ad es., nel calcolo dei redditi fondiari il REDDITO NORMALE coglie le potenzialità reddituali medie di un terreno, di un attività, di un fabbricato, cioè che prescindono da circostanze eccezionali di carattere oggettivo e soggettivo - riferite ad un intervallo temporale più ampio dell anno e a tecniche e abilità medie di produzione) Gli studi di settore sono strumenti di calcolo mediante i quali si valutano i redditi presunti di un'impresa o di un lavoratore autonomo a partire dai valori normali derivati dall'analisi dei profili sia contabili che extra-contabili delle attività del medesimo settore e di dimensione comparabile Ciascun contribuente e' assegnato ad un particolare gruppo omogeneo. Sulla base di tale assegnazione, la posizione fiscale del contribuente e' verificata rispetto a due distinti profili: 39

40 la congruità del reddito dichiarato; la coerenza di alcuni indicatori economici sintetici ricavati a partire dalle informazioni dichiarate dal contribuente 40

41 Sintesi (Italia): la Progressività Irpef persone fisiche dichiarazione redditi 1998: distribuzione del numero di contribuenti, reddito complessivo e imposta netta per intervalli di reddito complessivi (milioni lire) 100% 90% 80% 70% 60% 50% 40% 30% 20% 10% 0% 2,5% 4,8% 11,9% 16,8% 24,0% 39,9% Numero dichiaranti per intervalli di reddito complessivo 15,1% 12,4% 19,6% 20,2% 20,6% 12,2% Reddito complessivo 25,7% 15,9% 21,0% 18,1% 14,8% 4,5% Imposta netta > 100 milioni milioni milioni milioni milioni milioni Data la ristretta base imponibile, l'irpef e', almeno fino al 1998, un'imposta significativamente progressiva sui redditi da lavoro [ ] per l'esistenza di vasti fenomeni di erosione e di evasione l'irpef e' essenzialmente un'imposta sul reddito del lavoro dipendente). (Artoni, ldt) 41

Oneri deducibili risparmio pensionistico liberalità

Oneri deducibili risparmio pensionistico liberalità LE IMPOSTE Irpef Oneri deducibili Gli oneri deducibili più rilevanti ai fini della determinazione dell IRPEF sono: quelli legati al risparmio pensionistico: deduzione dei contributi previdenziali e assistenziali

Dettagli

L imposta sul reddito delle persone fisiche

L imposta sul reddito delle persone fisiche L imposta sul reddito delle persone fisiche IRPEF 30018 Scienza delle finanze Cles A.A. 2011/12 Classe 14 Irpef 1 Schema di determinazione dell Irpef Reddito complessivo= Somma delle singole categorie

Dettagli

Scienza delle finanze 6061 Cleam 2. Lezione 4

Scienza delle finanze 6061 Cleam 2. Lezione 4 Scienza delle finanze 6061 Cleam 2 Lezione 4 Gli oneri deducibili (d) Le deduzioni più rilevanti presenti nella determinazione dell'irpef sono: contributi previdenziali ed assistenziali obbligatori (versati

Dettagli

Corso di Economia Pubblica Lezione 2 - IRPEF

Corso di Economia Pubblica Lezione 2 - IRPEF (materiale gentilmente concesso dalla Prof.ssa Alessandra Casarico) Corso di Economia Pubblica Lezione 2 - IRPEF Prof. Paolo Buonanno paolo.buonanno@unibg.it Schema dell IRPEF T=t(Y-d)-f Reddito complessivo

Dettagli

IRPEF Il calcolo dell imposta netta

IRPEF Il calcolo dell imposta netta IRPEF Il calcolo dell imposta netta Di cosa parliamo 1 Deduzioni 2 Aliquote 3 Detrazioni 4 Aliquote marginali effettive Gli oneri deducibili Le deduzioni più rilevanti presenti nella determinazione dell

Dettagli

IRPEF in Italia. IRPEF in Italia. Docente: Alessandro Sommacal. Anno Accademico 2008-2009

IRPEF in Italia. IRPEF in Italia. Docente: Alessandro Sommacal. Anno Accademico 2008-2009 Anno Accademico 2008-2009 Struttura della lezione Introduzione Reddito complessivo Dal reddito complessivo al reddito imponibile: gli oneri deducibili Osservazioni sulle nozioni di Reddito nell Irpef italiana

Dettagli

10. L'irpef: aliquote e detrazioni

10. L'irpef: aliquote e detrazioni 1 di 7 21/05/2010 16.56 10. L'irpef: aliquote e detrazioni Dal 1 gennaio 2007 è in vigore un nuovo sistema di determinazione dell'irpef che, rispetto al precedente, è caratterizzato da: nuovi scaglioni

Dettagli

L IRPEF del 2007 Alcuni esercizi

L IRPEF del 2007 Alcuni esercizi Esercizi L IRPEF del 2007 Alcuni esercizi Capitolo III, Lezione 1 Le aliquote e le detrazioni dell Irpef Capitolo III, Lezione 1 SCALA DELLE ALIQUOTE redditi 2007 Scaglioni Al.legalelegale EURO (%) 0-15.000

Dettagli

Imposta personale sul reddito delle persone fisiche. Capitolo 3, libro II

Imposta personale sul reddito delle persone fisiche. Capitolo 3, libro II Imposta personale sul reddito delle persone fisiche Capitolo 3, libro II Cosa intendere per imposte personali? (1) Imposte personali (ruolo capacità contributiva) - personalizzazione sulla base dell equità

Dettagli

LIUC-Facoltà di Economia Corso di Scienza delle Finanze I Esercitazione: testo e soluzioni A.A. 2008-2009

LIUC-Facoltà di Economia Corso di Scienza delle Finanze I Esercitazione: testo e soluzioni A.A. 2008-2009 LIUC-Facoltà di Economia Corso di Scienza delle Finanze I Esercitazione: testo e soluzioni A.A. 2008-2009 Esercizio 1 Il sig. A, senza figli e sposato con la signora B la quale non percepisce alcun tipo

Dettagli

30018-CLEF Prima Esercitazione (Irpef) TESTO E SOLUZIONI

30018-CLEF Prima Esercitazione (Irpef) TESTO E SOLUZIONI 30018-CLEF Prima Esercitazione (Irpef) TESTO E SOLUZIONI Esercizio 1 - IRPEF Il signor X, che vive solo e non ha figli, ha percepito, nel corso del 2008, i seguenti redditi: - Redditi da lavoro dipendente

Dettagli

Tipologie di contribuenti

Tipologie di contribuenti DEFINIZIONI E CLASSIFICAZIONI Tipologie di contribuenti Il mondo dei contribuenti Persone Fisiche viene analizzato sia nella sua completezza che considerando i soli titolari di partita iva. Tutti i contribuenti

Dettagli

Introduzione alle imposte

Introduzione alle imposte Introduzione alle imposte Elementi costitutivi delle imposte Presupposto dell imposta: situazione di fatto alla quale la legge ricollega l obbligo di pagare l imposta Base imponibile: traduzione quantitativa

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. 1 Nel 2009 si era registrato un forte calo dei contribuenti che dichiaravano un reddito da lavoro dipendente (-273 mila).

COMUNICATO STAMPA. 1 Nel 2009 si era registrato un forte calo dei contribuenti che dichiaravano un reddito da lavoro dipendente (-273 mila). COMUNICATO STAMPA Il Dipartimento delle Finanze pubblica le statistiche sulle dichiarazioni delle persone fisiche (IRPEF) relative all'anno d'imposta 2010, a sei mesi dal termine di presentazione (settembre

Dettagli

Quoziente familiare. 1 Legge 19 maggio 1975 n 151 2 Legge 1975 n 576 3 Sentenza della Corte Costituzionale del 15 luglio 1976 n 179

Quoziente familiare. 1 Legge 19 maggio 1975 n 151 2 Legge 1975 n 576 3 Sentenza della Corte Costituzionale del 15 luglio 1976 n 179 Quoziente familiare Nel corso dei dibattiti si sente molto spesso parlare di quoziente familiare, ma di cosa si tratta? Con questo termine ci si riferisce a una particolare modalità di tassazione del reddito

Dettagli

Oneri deducibili. Contributi

Oneri deducibili. Contributi Oneri deducibili Le spese che costituiscono oneri sono deducibili dal reddito complessivo del contribuente se non già dedotti nella determinazione dei singoli redditi che concorrono a formare il reddito

Dettagli

ESERCIZI IMPOSTE E IRPEF ECONOMIA PUBBLICA 2015

ESERCIZI IMPOSTE E IRPEF ECONOMIA PUBBLICA 2015 ESERCIZI IMPOSTE E IRPEF ECONOMIA PUBBLICA 2015 Esercizio 1 Si consideri un imposta sul reddito personale con aliquota marginale t costante del 20% e detrazione, f, pari a 1.000 dall imposta dovuta. Nel

Dettagli

Corso di Economia Pubblica IRPEF. Prof. Paolo Buonanno paolo.buonanno@unibg.it

Corso di Economia Pubblica IRPEF. Prof. Paolo Buonanno paolo.buonanno@unibg.it Corso di Economia Pubblica IRPEF Prof. Paolo Buonanno paolo.buonanno@unibg.it IRPEF Caratteristiche Determinazione dell imposta I redditi compresi nel reddito complessivo Il calcolo dell imposta lorda

Dettagli

DICHIARAZIONI DEI REDDITI PERSONE FISICHE PER L ANNO D IMPOSTA 2013 NOTA ESPLICATIVA

DICHIARAZIONI DEI REDDITI PERSONE FISICHE PER L ANNO D IMPOSTA 2013 NOTA ESPLICATIVA DICHIARAZIONI DEI REDDITI PERSONE FISICHE PER L ANNO D IMPOSTA 2013 NOTA ESPLICATIVA - Quadro generale Per una corretta interpretazione dei dati statistici occorre fare riferimento al contesto macroeconomico

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. Fonte DataWarehouse Istat. 1

COMUNICATO STAMPA. Fonte DataWarehouse Istat. 1 COMUNICATO STAMPA Il Dipartimento delle Finanze pubblica le statistiche sulle dichiarazioni dei redditi delle persone fisiche (IRPEF) relative all'anno d'imposta 2013, a sei mesi dal termine di presentazione

Dettagli

FONDO PENSIONE APERTO AURORA PREVIDENZA. 1. Regime fiscale della forma pensionistica complementare (fondo pensione)

FONDO PENSIONE APERTO AURORA PREVIDENZA. 1. Regime fiscale della forma pensionistica complementare (fondo pensione) Allegato alla Nota Informativa FONDO PENSIONE APERTO AURORA PREVIDENZA DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE 1. Regime fiscale della forma pensionistica complementare (fondo pensione) I fondi pensione, istituiti

Dettagli

Caretteristiche Presupposto Soggetti passivi Base Imponibile Periodo d imposta diretta personale reale

Caretteristiche Presupposto Soggetti passivi Base Imponibile Periodo d imposta diretta personale reale Caretteristiche L Irpef è l imposta sul reddito delle persone fisiche, è la principale imposta del sistema tributario italiano per numero di contribuenti e per gettito. Presupposto: possesso di un reddito

Dettagli

FONDO PENSIONE APERTO UNIPOL INSIEME. 1. Regime fiscale della forma pensionistica complementare (fondo pensione)

FONDO PENSIONE APERTO UNIPOL INSIEME. 1. Regime fiscale della forma pensionistica complementare (fondo pensione) Allegato alla Nota Informativa FONDO PENSIONE APERTO UNIPOL INSIEME DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE 1. Regime fiscale della forma pensionistica complementare (fondo pensione) I fondi pensione, istituiti in

Dettagli

L EQUITA DELLA RIFORMA FISCALE IN ITALIA

L EQUITA DELLA RIFORMA FISCALE IN ITALIA 1 L EQUITA DELLA RIFORMA FISCALE IN ITALIA di Luigi Campiglio e Tatiana Oneta Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano Dicembre 2002 La riforma fiscale proposta dalla finanziaria 2002 riduce il livello

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. - Reddito complessivo dichiarato. prodotte dall Istat e disponibili sul sito http://www.istat.it/.

COMUNICATO STAMPA. - Reddito complessivo dichiarato. prodotte dall Istat e disponibili sul sito http://www.istat.it/. COMUNICATO STAMPA Il Dipartimento delle Finanze pubblica le statistiche sulle dichiarazioni dei redditi delle persone fisiche (IRPEF) relative all'anno d'imposta 2012, a sei mesi dal termine di presentazione

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. locazione, assoggettati a tassazione sostitutiva (cedolare secca). Si segnala che in questa definizione non rientrano 1

COMUNICATO STAMPA. locazione, assoggettati a tassazione sostitutiva (cedolare secca). Si segnala che in questa definizione non rientrano 1 COMUNICATO STAMPA Il Dipartimento delle Finanze pubblica le statistiche sulle dichiarazioni dei redditi delle persone fisiche (IRPEF) relative all'anno d'imposta 2012, a sei mesi dal termine di presentazione

Dettagli

Circolare settimanale di informazione fiscale

Circolare settimanale di informazione fiscale 17 ottobre 2012 OGGETTO: Legge di Stabilità Come cambiano detrazioni e deduzioni Gentile Cliente, con la stesura del presente documento informativo intendiamo metterla a conoscenza che con l approvazione

Dettagli

COMUNICAZIONE DATI CERTIFICAZIONI LAVORO DIPENDENTE, ASSIMILATI ED ASSISTENZA FISCALE

COMUNICAZIONE DATI CERTIFICAZIONI LAVORO DIPENDENTE, ASSIMILATI ED ASSISTENZA FISCALE COMUNICAZIONE DATI CERTIFICAZIONI LAVORO DIPENDENTE, ASSIMILATI ED ASSISTENZA FISCALE la comunicazione richiede tutti i dati già presenti nelle certificazioni rilasciate ai dipendenti. In particolare i

Dettagli

VADEMECUM RETRIBUZIONI LAVORO DIPENDENTE

VADEMECUM RETRIBUZIONI LAVORO DIPENDENTE VADEMECUM RETRIBUZIONI LAVORO DIPENDENTE a1 a2 a3 a4 a5 a6 a7 A Retribuzione: Paga base Indennità contingenza Scatti anzianità Sperminimo individuale Lavoro straordinario Altri elementi imponibili ai fini

Dettagli

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE (aggiornato al 1 gennaio 2015) 1. Regime fiscale della forma pensionistica complementare (fondo pensione)

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE (aggiornato al 1 gennaio 2015) 1. Regime fiscale della forma pensionistica complementare (fondo pensione) DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE (aggiornato al 1 gennaio 2015) 1. Regime fiscale della forma pensionistica complementare (fondo pensione) I fondi pensione, istituiti in regime di contribuzione definita, sono

Dettagli

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE FONDO DI PREVIDENZA MARIO NEGRI FONDO PENSIONE COMPLEMENTARE A CAPITALIZZAZIONE PER I DIRIGENTI DI AZIENDE DEL TERZIARIO, DI SPEDIZIONE E TRASPORTO DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE 1. Regime fiscale della

Dettagli

Esercizi per il Corso di Scienza delle Finanze a.a. 2007/08 Studenti A-Z. Esercizi sull Irpef

Esercizi per il Corso di Scienza delle Finanze a.a. 2007/08 Studenti A-Z. Esercizi sull Irpef Esercizi per il Corso di Scienza delle Finanze a.a. 2007/08 Studenti A-Z Esercizi sull Irpef Esercizio 1 Nel corso del 2007, il signor Rossi ha percepito un reddito da lavoro dipendente, al lordo delle

Dettagli

Documento sul Regime Fiscale

Documento sul Regime Fiscale FONDO PENSIONE DEI DIPENDENTI DELLA HEWLETT- PACKARD ITALIANA S.r.l. E DI ALTRE SOCIETA DEL GRUPPO HEWLETT-PACKARD Iscritto all Albo tenuto dalla Covip con il n. 1538 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE (aggiornato

Dettagli

MODELLO 730-3 redditi 2014

MODELLO 730-3 redditi 2014 07-07-0 MODELLO 70- redditi RE-00-00000077 prospetto di liquidazione relativo all'assistenza fiscale prestata DICHIARAZIONE Ufficio: UFFICIO VIA BISMANTOVA Pr. Archiv.: 77 PRECOMPILATA 70 rettificativo

Dettagli

Documento sul regime fiscale

Documento sul regime fiscale Fondo Scuola Espero FONDO PENSIONE COMPLEMENTARE A CAPITALIZZAZIONE PER I LAVORATORI DELLA SCUOLA iscritto all Albo tenuto dalla Covip con il n. 145 Documento sul regime fiscale (depositato presso la Covip

Dettagli

1. Regime fiscale della forma pensionistica complementare (fondo pensione)

1. Regime fiscale della forma pensionistica complementare (fondo pensione) Allegato alla Nota Informativa FONDO PENSIONE BYBLOS FONDO PENSIONE COMPLEMENTARE A CAPITALIZZAZIONE PER I LAVORATORI DELLE AZIENDE ESERCENTI L INDUSTRIA DELLA CARTA E DEL CARTONE, DELLE AZIENDE GRAFICHE

Dettagli

Scienza delle finanze 30018 Cleam2

Scienza delle finanze 30018 Cleam2 1 Scienza delle finanze 30018 Cleam2 La tassazione delle rendite finanziarie (1) Tassazione delle attività finanziarie Quadro generale 1. Problemi tradizionali. 2. Problemi nati dalla crescente integrazione

Dettagli

Periodico informativo n. 101/2012. Legge di Stabilità Come cambiano detrazioni e deduzioni

Periodico informativo n. 101/2012. Legge di Stabilità Come cambiano detrazioni e deduzioni Periodico informativo n. 101/2012 Legge di Stabilità Come cambiano detrazioni e deduzioni Gentile Cliente, con la stesura del presente documento informativo intendiamo metterla a conoscenza che con l approvazione

Dettagli

1. L I.R.PE.F. : Imposta sul reddito delle persone fisiche (è stata ripristinata la vecchia denominazione) www.edagricolescolastico.

1. L I.R.PE.F. : Imposta sul reddito delle persone fisiche (è stata ripristinata la vecchia denominazione) www.edagricolescolastico. Modulo 5 La contabilità dello Stato Unità 2 Le imposte dirette : aggiornamenti 2008 Il cambiamento della compagine governativa avvenuto con le elezioni politiche del 2006 ha introdotto sostanziali mutamenti

Dettagli

LEGGE DI STABILITA 2015: FOCUS SULLE PERSONE FISICHE

LEGGE DI STABILITA 2015: FOCUS SULLE PERSONE FISICHE Milano, 19 gennaio 2015 CIRCOLARE CLIENTI N. 5/2015 LEGGE DI STABILITA 2015: FOCUS SULLE PERSONE FISICHE La Legge n. 190/2014 (la cd Legge di Stabilità 2015 ) ha previsto diverse misure fiscali di interesse

Dettagli

6 modulo. Aspetti di fiscalità dei fondi pensione. Riferimento bibliografico: 4 capitolo

6 modulo. Aspetti di fiscalità dei fondi pensione. Riferimento bibliografico: 4 capitolo 6 modulo Aspetti di fiscalità dei fondi pensione Riferimento bibliografico: 4 capitolo Art. 53 della costituzione Tutti sono tenuti a concorrere alle spese pubbliche in ragione della loro capacità contributiva.

Dettagli

FON.TE. FONDO PENSIONE COMPLEMENTARE PER I DIPENDENTI DA AZIENDE DEL TERZIARIO (COMMERCIO, TURISMO E SERVIZI)

FON.TE. FONDO PENSIONE COMPLEMENTARE PER I DIPENDENTI DA AZIENDE DEL TERZIARIO (COMMERCIO, TURISMO E SERVIZI) FON.TE. FONDO PENSIONE COMPLEMENTARE PER I DIPENDENTI DA AZIENDE DEL TERZIARIO (COMMERCIO, TURISMO E SERVIZI) DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE 1. Regime fiscale della forma pensionistica complementare (fondo

Dettagli

GENERALI GLOBAL Fondo Pensione Aperto a contribuzione definita Documento sul regime fiscale (ed. 03/15)

GENERALI GLOBAL Fondo Pensione Aperto a contribuzione definita Documento sul regime fiscale (ed. 03/15) GENERALI GLOBAL Fondo Pensione Aperto a contribuzione definita Documento sul regime fiscale (ed. 03/15) Allegato alla Nota Informativa Pagina 2 di 8 - Pagina bianca Edizione 03.2015 Documento sul regime

Dettagli

Il Modello UNICO per persone fisiche

Il Modello UNICO per persone fisiche Immacolata Di Rienzo (Commercialista in Caserta) Il Modello UNICO per persone fisiche Persone fisiche non esercenti attività di lavoro autonomo Persone fisiche esercenti attività di impresa o di arti e

Dettagli

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF)

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF) I TRIBUTI 89 APPROFONDIMENTI IL CODICE TRIBUTO Ogni pagamento effettuato con i modelli F23 o F24 deve essere identificato in modo preciso, abbinando a ogni versamento un codice di tributo. Nella tabella

Dettagli

FONDO PENSIONE PER IL PERSONALE DELLA BANCA POPOLARE DI ANCONA E DELLE SOCIETA CONTROLLATE DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE

FONDO PENSIONE PER IL PERSONALE DELLA BANCA POPOLARE DI ANCONA E DELLE SOCIETA CONTROLLATE DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Allegato alla Nota Informativa FONDO PENSIONE PER IL PERSONALE DELLA BANCA POPOLARE DI ANCONA E DELLE SOCIETA CONTROLLATE DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE 1. Regime fiscale della forma pensionistica complementare

Dettagli

IntegrazionePensionisticaAurora

IntegrazionePensionisticaAurora IntegrazionePensionisticaAurora Piano individuale pensionistico di tipo assicurativo Fondo Pensione Iscritto all albo tenuto dalla Covip con il n. 5034 IntegrazionePensionisticaAurora Documento sul regime

Dettagli

AXA progetto pensione più

AXA progetto pensione più AXA progetto pensione più PIANO INDIVIDUALE PENSIONISTICO DI TIPO ASSICURATIVO FONDO PENSIONE DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE allegato alla nota informativa edizione 2015 AXA Assicurazioni S.p.A. AXA progetto

Dettagli

1. Regime fiscale della forma pensionistica complementare (fondo pensione)

1. Regime fiscale della forma pensionistica complementare (fondo pensione) ARCO FONDO NAZIONALE PENSIONE FONDO PENSIONE COMPLEMENTARE A CAPITALIZZAZIONE PER I LAVORATORI DEL LEGNO, SUGHERO, MOBILE ARREDAMENTO, BOSCHIVI/FORESTALI, LATERIZI E MANUFATTI IN CEMENTO, LAPIDEI, MANIGLIE

Dettagli

Legge finanziaria per il 2005: novità fiscali in materia di IRPEF

Legge finanziaria per il 2005: novità fiscali in materia di IRPEF di Pietro Ghigini docente di Economia aziendale Legge finanziaria per il 2005: novità fiscali in materia di IRPEF Premessa Approvata sul filo di lana, evitando per un soffio che i lavori parlamentari scivolassero

Dettagli

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE DEL FONDO PENSIONE PREVICOOPER

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE DEL FONDO PENSIONE PREVICOOPER PREVICOOPER FONDO PENSIONE COMPLEMENTARE NAZIONALE A CAPITALIZZAZIONE DEI DIPENDENTI DELLE IMPRESE DELLA DISTRIBUZIONE COOPERATIVA DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE DEL FONDO PENSIONE PREVICOOPER Approvato

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. 1 Il riferimento è alla definizione di reddito complessivo comprensiva dei redditi di immobili ad uso abitativo dati in

COMUNICATO STAMPA. 1 Il riferimento è alla definizione di reddito complessivo comprensiva dei redditi di immobili ad uso abitativo dati in COMUNICATO STAMPA Il Dipartimento delle Finanze pubblica le statistiche sulle dichiarazioni dei redditi delle persone fisiche (IRPEF) relative all'anno d'imposta 2011, a sei mesi dal termine di presentazione

Dettagli

UNIPOL FUTURO PRESENTE

UNIPOL FUTURO PRESENTE Unipol Futuro Presente Piano individuale pensionistico di tipo assicurativo Fondo Pensione Iscritto all albo tenuto dalla Covip con il n. 5050 UNIPOL FUTURO PRESENTE Documento sul regime fiscale Il presente

Dettagli

UNIPOL FUTURO PRESENTE

UNIPOL FUTURO PRESENTE Unipol Futuro Presente Piano individuale pensionistico di tipo assicurativo Fondo Pensione Iscritto all albo tenuto dalla Covip con il n. 5050 UNIPOL FUTURO PRESENTE Documento sul regime fiscale Il presente

Dettagli

DAL CALCOLO DELL IMPOSTA AL CONGUAGLIO

DAL CALCOLO DELL IMPOSTA AL CONGUAGLIO DAL CALCOLO DELL IMPOSTA AL CONGUAGLIO IL MODELLO 730-3: La STRUTTURA e i DATI IDENTIFICATIVI. Le sezioni del prospetto di liquidazione 730-3 Il risultato dell elaborazione dei dati esposti nel modello

Dettagli

Centro di Assistenza Fiscale Dipendenti e Pensionati. Modello 730/2015 LE PRINCIPALI NOVITA'

Centro di Assistenza Fiscale Dipendenti e Pensionati. Modello 730/2015 LE PRINCIPALI NOVITA' Centro di Assistenza Fiscale Dipendenti e Pensionati Modello 730/2015 LE PRINCIPALI NOVITA' Le principali novità contenute nel modello 730/2015 sono le seguenti: - il CUD è stato sostituito dalla Certificazione

Dettagli

Anno Accademico 2009/2010 II semestre. Luca Savino

Anno Accademico 2009/2010 II semestre. Luca Savino Corso di Economia Pubblica Anno Accademico 2009/2010 II semestre Luca Savino Facoltà di Scienze Politiche Corso di laurea in Scienze Internazionali e Diplomatiche Università degli Studi di Trieste La tassazione

Dettagli

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE - FONDO PENSIONE DIRIGENTI COOPERATIVE DI CONSUMATORI. 1. FASE DEI VERSAMENTI: Regime fiscale dei contributi

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE - FONDO PENSIONE DIRIGENTI COOPERATIVE DI CONSUMATORI. 1. FASE DEI VERSAMENTI: Regime fiscale dei contributi DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE - FONDO PENSIONE DIRIGENTI COOPERATIVE DI CONSUMATORI 1. FASE DEI VERSAMENTI: Regime fiscale dei contributi Contributi versati dal 1 gennaio 2007 I contributi versati a fondi

Dettagli

Unipol Previdenza. Fondo Pensione Aperto iscritto all Albo tenuto dalla Covip con il n. 30 UNIPOL PREVIDENZA. Documento sul regime fiscale

Unipol Previdenza. Fondo Pensione Aperto iscritto all Albo tenuto dalla Covip con il n. 30 UNIPOL PREVIDENZA. Documento sul regime fiscale Unipol Previdenza Fondo Pensione Aperto iscritto all Albo tenuto dalla Covip con il n. 30 UNIPOL PREVIDENZA Documento sul regime fiscale Il presente documento costituisce parte integrante della nota informativa

Dettagli

Esercizi per il Corso di Scienza delle Finanze a.a. 2009/10. Esercizi svolti (Irpef)

Esercizi per il Corso di Scienza delle Finanze a.a. 2009/10. Esercizi svolti (Irpef) Esercizi per il Corso di Scienza delle Finanze a.a. 2009/10 Esercizi svolti (Irpef) Esercizio 1 Nel corso del 2009, il signor Rossi ha percepito un reddito da lavoro dipendente, al lordo delle ritenute

Dettagli

GUIDA ALLA LETTURA DEL PROSPETTO DI LIQUIDAZIONE DATI IDENTIFICATIVI Sono riportati il codice fiscale, il cognome e il nome o la denominazione del sostituto d'imposta o del CAF o del professionista abilitato

Dettagli

Unipol Previdenza. Fondo Pensione Aperto iscritto all Albo tenuto dalla Covip con il n. 30 UNIPOL PREVIDENZA. Documento sul regime fiscale

Unipol Previdenza. Fondo Pensione Aperto iscritto all Albo tenuto dalla Covip con il n. 30 UNIPOL PREVIDENZA. Documento sul regime fiscale Unipol Previdenza Fondo Pensione Aperto iscritto all Albo tenuto dalla Covip con il n. 30 UNIPOL PREVIDENZA Documento sul regime fiscale Il presente documento costituisce parte integrante della nota informativa

Dettagli

Modello730/2014: analisi delle principali novità

Modello730/2014: analisi delle principali novità A cura di Celeste Vivenzi Modello730/2014: analisi delle principali novità Premessa generale E' stato approvato dall'agenzia delle Entrate con un provvedimento del 15 gennaio 2014 il nuovo Modello 730

Dettagli

AXA MPS PREVIDENZA PER TE - FONDO PENSIONE APERTO DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE

AXA MPS PREVIDENZA PER TE - FONDO PENSIONE APERTO DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE AXA MPS PREVIDENZA PER TE - FONDO PENSIONE APERTO DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Il presente documento integra il contenuto della Nota Informativa relativa al fondo pensione aperto a contribuzione definita

Dettagli

Finanziaria 2008. www.governo.it. Consiglio dei Ministri del 28.09.2007 FISCO. Ministero dell Economia e delle Finanze.

Finanziaria 2008. www.governo.it. Consiglio dei Ministri del 28.09.2007 FISCO. Ministero dell Economia e delle Finanze. Consiglio dei Ministri del 28.09.2007 FISCO Fisco semplice per i piccoli imprenditori Addio libri contabili, Iva e Irap. Per le piccole imprese solo un forfait. Un milione di imprenditori minimi e marginali,

Dettagli

IRPEF: redditi da lavoro autonomo e redditi d impresa - D.P.R. 917/86 Tuir -

IRPEF: redditi da lavoro autonomo e redditi d impresa - D.P.R. 917/86 Tuir - PLANNING E CONSULENZA FISCALE E SOCIETARIA a.a.2013-2014 IRPEF: redditi da lavoro autonomo e redditi d impresa - D.P.R. 917/86 Tuir - 1 IRPEF IRPEF: redditi da lavoro autonomo L IRPEF è un imposta personale

Dettagli

Le pensioni pagano l'irpef

Le pensioni pagano l'irpef Le pensioni pagano l'irpef Le pensioni sono equiparate ai redditi da lavoro dipendente e quindi sono soggette a tassazione. L'Inps si sostituisce al fisco ed effettua sulle pensioni una ritenuta alla fonte

Dettagli

Allegato alla nota informativa. La fiscalità della previdenza complementare. Bergamo, 24 Novembre 2008

Allegato alla nota informativa. La fiscalità della previdenza complementare. Bergamo, 24 Novembre 2008 Allegato alla nota informativa. La fiscalità della previdenza complementare " La fiscalità della nuova previdenza complementare" INTRODUZIONE La legge di riforma della previdenza complementare (D.Lgs.252/2005

Dettagli

STUDIO. Monosi dott. Raffaele. Dottore Commercialista Revisore Contabile

STUDIO. Monosi dott. Raffaele. Dottore Commercialista Revisore Contabile Circolare di gennaio 14 Santa Lucia di Piave, lì 7 gennaio 14 Oggetto: : Finanziaria 2014 prima parte È stata pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale la Finanziaria 2014 (Legge 27.12.2013, n. 147) c.d. «Legge

Dettagli

Quadro RN CALCOLO DELL IRPEF

Quadro RN CALCOLO DELL IRPEF Quadro RN CALCOLO DELL IRPEF ADEMPIMENTO NOVITÀ 2015 CATEGORIE DI REDDITO DETERMINAZIONE DEL REDDITO SCADENZA COME SI COMPILA CASI PRATICI CASI PARTICOLARI Il Quadro RN è utilizzato ai fini del calcolo

Dettagli

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE DI HELVETIA DOMANI - FONDO PENSIONE APERTO Helvetia Domani Fondo pensione Aperto è iscritto all Albo tenuto dalla COVIP

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE DI HELVETIA DOMANI - FONDO PENSIONE APERTO Helvetia Domani Fondo pensione Aperto è iscritto all Albo tenuto dalla COVIP DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE DI HELVETIA DOMANI - FONDO PENSIONE APERTO Helvetia Domani Fondo pensione Aperto è iscritto all Albo tenuto dalla COVIP con il n. 91 Il presente documento integra il contenuto

Dettagli

Art.6 Misure fiscali per lavoro e imprese Comma 1- Prevede una variazione nella formula del calcolo della detrazione da lavoro dipendente.

Art.6 Misure fiscali per lavoro e imprese Comma 1- Prevede una variazione nella formula del calcolo della detrazione da lavoro dipendente. DISEGNO DI LEGGE DI STABILITA 2014 Analisi delle misure di carattere fiscale, finanziario e previdenziale. Da nota tecnica del 22 Ottobre 2013 Dipartimento Democrazia Economica, Economia Sociale, Fisco,

Dettagli

PREVIMODA. Iscritto all Albo tenuto dalla Covip con il n. 117. Sezioni

PREVIMODA. Iscritto all Albo tenuto dalla Covip con il n. 117. Sezioni Previmoda Fondo Pensione a capitalizzazione per i lavoratori dell industria tessile-abbigliamento, delle calzature e degli altri settori industriali del sistema moda. Documento PREVIMODA FONDO PENSIONE

Dettagli

IRPEF: ESERCITAZIONI SULLA DICHIARAZIONE DEI REDDITI. Dott.ssa Raffaella Sponsillo

IRPEF: ESERCITAZIONI SULLA DICHIARAZIONE DEI REDDITI. Dott.ssa Raffaella Sponsillo IRPEF: ESERCITAZIONI SULLA DICHIARAZIONE DEI REDDITI Dott.ssa Raffaella Sponsillo IRPEF (D.P.R. 22 DICEMBRE 1986 N. 917) DEFINIZIONE: IMPOSTA SUL REDDITO DELLE PERSONE FISICHE CARATTERISTICHE: IMPOSTA

Dettagli

HELVETIA AEQUA PIANO INDIVIDUALE PENSIONISTICO DI TIPO ASSICURATIVO FONDO PENSIONE DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE

HELVETIA AEQUA PIANO INDIVIDUALE PENSIONISTICO DI TIPO ASSICURATIVO FONDO PENSIONE DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE HELVETIA AEQUA PIANO INDIVIDUALE PENSIONISTICO DI TIPO ASSICURATIVO FONDO PENSIONE DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Helvetia Aequa è iscritto all Albo tenuto dalla COVIP con il n. 5079. Helvetia Vita S.p.A.,

Dettagli

Circolare N. 72 del 14 Maggio 2015. Modello Unico PF/2015: inizia la raccolta documenti

Circolare N. 72 del 14 Maggio 2015. Modello Unico PF/2015: inizia la raccolta documenti Circolare N. 72 del 14 Maggio 2015 Modello Unico PF/2015: inizia la raccolta documenti Soggetti interessati Sono obbligati alla presentazione della dichiarazione dei redditi (Mod. Unico PF 2015) i contribuenti

Dettagli

Esercizi sulle imposte per il corso di Scienza delle finanze a.a. 2015-16 (Clea)

Esercizi sulle imposte per il corso di Scienza delle finanze a.a. 2015-16 (Clea) Esercizi sulle imposte per il corso di Scienza delle finanze a.a. 2015-16 (Clea) Gli esercizi servono per verificare se avete capito la logica, la struttura di un imposta. Pertanto, quando fate il compito

Dettagli

FATA Futuro Attivo. Piano individuale pensionistico di tipo assicurativo Fondo Pensione

FATA Futuro Attivo. Piano individuale pensionistico di tipo assicurativo Fondo Pensione Piano individuale pensionistico di tipo assicurativo Fondo Pensione Documento sul regime fiscale - Allegato alla Nota informativa - Documento sul regime fiscale Allegato alla Nota informativa Pagina 1

Dettagli

DOCUMENTO FISCALE. Sede legale: Piazza Cola di Rienzo n.80a 00192 Roma C.F. 97151420581 tel. 0636006135 0636086392 fax 063214994 fondapi@fondapi.

DOCUMENTO FISCALE. Sede legale: Piazza Cola di Rienzo n.80a 00192 Roma C.F. 97151420581 tel. 0636006135 0636086392 fax 063214994 fondapi@fondapi. FONDO NAZIONALE PENSIONE COMPLEMENTARE PER I LAVORATORI DIPENDENTI DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE ASSOCIAZIONE RICONOSCIUTA D.M. LAVORO 5.6.2001 - ISCRIZIONE ALBO FONDI PENSIONE N 116 DOCUMENTO FISCALE

Dettagli

Gli oneri. Capitolo 10 10.1 CONCETTI GENERALI 10.2 GLI ONERI DEDUCIBILI 10.3 GLI ONERI DETRAIBILI 10.4 VISTO DI CONFORMITÀ

Gli oneri. Capitolo 10 10.1 CONCETTI GENERALI 10.2 GLI ONERI DEDUCIBILI 10.3 GLI ONERI DETRAIBILI 10.4 VISTO DI CONFORMITÀ Gli oneri Capitolo 10 10.1 CONCETTI GENERALI 10.2 GLI ONERI DEDUCIBILI 10.3 GLI ONERI DETRAIBILI 10.4 VISTO DI CONFORMITÀ 10.5 LA RATEIZZAZIONE DELLE SPESE 10.6 LE DIVERSE TIPOLOGIE DI ONERI GLI ONERI

Dettagli

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE. Documento aggiornato il 28 maggio 2015

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE. Documento aggiornato il 28 maggio 2015 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Documento aggiornato il 28 maggio 2015 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Decreto Legislativo 5 dicembre 2005, n. 252 Documento aggiornato 28 maggio 2015 Via Savoia, 82-00198 Roma,

Dettagli

DETRAZIONI PER CARICHI DI FAMIGLIA

DETRAZIONI PER CARICHI DI FAMIGLIA DETRAZIONI PER CARICHI DI FAMIGLIA A decorrere dal 1 gennaio 2007 le deduzioni per oneri di famiglia previste dall art. 12 del TUIR sono sostituite dalle detrazioni per carichi di famiglia (art. 1, co.

Dettagli

2 CFU scienza delle Finanze anno 2013/14 IMPOSTA SUL REDDITO DELLE PERSONE FISICHE (IRPEF) di Michela Mantovani

2 CFU scienza delle Finanze anno 2013/14 IMPOSTA SUL REDDITO DELLE PERSONE FISICHE (IRPEF) di Michela Mantovani 2 CFU scienza delle Finanze anno 2013/14 IMPOSTA SUL REDDITO DELLE PERSONE FISICHE (IRPEF) di Michela Mantovani L imposta sul reddito delle persone fisiche è disciplinata dal titolo I del D.P.R. n.917/1986

Dettagli

MODELLO 730: ALCUNI SUGGERIMENTI E CONSIGLI PER IL PERSONALE DELLA SCUOLA

MODELLO 730: ALCUNI SUGGERIMENTI E CONSIGLI PER IL PERSONALE DELLA SCUOLA Federazione Lavoratori Pubblici e Funzioni Pubbliche SEGRETERIA PROVINCIALE FLP SCUOLA DI FOGGIA 71121 Foggia Via Nicola Delli Carri, 15 sito internet: www.flpscuolafoggia.it Email: info@flpscuolafoggia.it

Dettagli

IL CALCOLO DEL SECONDO ACCONTO : SCADENZA AL 30 NOVEMBRE 2015

IL CALCOLO DEL SECONDO ACCONTO : SCADENZA AL 30 NOVEMBRE 2015 IL CALCOLO DEL SECONDO ACCONTO : SCADENZA AL 30 NOVEMBRE 2015 Entro il prossimo 30 novembre 2015 scade la 2 o unica rata degli acconti 2015 relativi alle imposte IRPEF, IRES, IRAP, alla cedolare secca

Dettagli

SISTEMA FRIZZERA. Unico 2014 PF - Quadro RN - Calcolo dell'irpef

SISTEMA FRIZZERA. Unico 2014 PF - Quadro RN - Calcolo dell'irpef www.soluzioni24fisco.ilsole24ore.com SISTEMA FRIZZERA Unico 2014 PF - Quadro RN - Calcolo dell'irpef Con la compilazione del quadro RN si giunge alla determinazione del credito o del debito di IRPEF. Il

Dettagli

Il risultato della dichiarazione dei redditi

Il risultato della dichiarazione dei redditi Il risultato della dichiarazione dei redditi Capitolo 12 12.1 CONCETTI GENERALI 12.2 IRPEF : CALCOLO IMPOSTA LORDA 12.3 IRPEF : DALL IMPOSTA LORDA ALL IMPOSTA NETTA : LE DETRAZIONI 12.4 IRPEF : DALL IMPOSTA

Dettagli

730/2015 quadro E: novità per la detrazione delle spese elededuzionidalreddito Saverio Cinieri - Dottore commercialista e pubblicista

730/2015 quadro E: novità per la detrazione delle spese elededuzionidalreddito Saverio Cinieri - Dottore commercialista e pubblicista 730/2015 quadro E: novità per la detrazione delle spese elededuzionidalreddito Saverio Cinieri - Dottore commercialista e pubblicista ADEMPIMENTO " NOVITA " FISCO Il Quadro E del Mod. 730 deve essere utilizzato

Dettagli

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Orizzonte Previdenza Piano individuale pensionistico di tipo assicurativo Fondo Pensione DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Il presente documento integra il contenuto della Nota Informativa ed è aggiornato al

Dettagli

Attività finanziarie

Attività finanziarie Attività finanziarie - Regime sostitutivo per i redditi da capitale e le plusvalenze - Base imponibile - Regimi di imposizione alternativi: Risparmio individuale, risparmio amministrato, risparmio individuale

Dettagli

CIRCOLARE INFORMATIVA 3/2013

CIRCOLARE INFORMATIVA 3/2013 D E T R A Z I O N I E D E D U Z I O N I D I M P O S T A N E L M O D E L L O 7 3 0 E D U N I C O P F 2 0 1 3 T A S S A Z I O N E R E D D I T I D A T E R R E N I E F A B B R I C A T I CIRCOLARE INFORMATIVA

Dettagli

IN SCADENZA AL PRIMO DICEMBRE 2014 SECONDO ACCONTO IN MATERIA DI IMPOSTE E DI CONTRIBUTI IVS /GESTIONE SEPARATA

IN SCADENZA AL PRIMO DICEMBRE 2014 SECONDO ACCONTO IN MATERIA DI IMPOSTE E DI CONTRIBUTI IVS /GESTIONE SEPARATA a cura di Celeste Vivenzi IN SCADENZA AL PRIMO DICEMBRE 2014 SECONDO ACCONTO IN MATERIA DI IMPOSTE E DI CONTRIBUTI IVS /GESTIONE SEPARATA IL Premessa generale Entro il prossimo 01 Dicembre 2014 ( il 30

Dettagli

Le modifiche fiscali ALIQUOTE. DEDUZIONI

Le modifiche fiscali ALIQUOTE. DEDUZIONI Meno tasse per tutti avevano promesso. Tremonti: è in credito con il fisco, ai lavoratori e pensionati benefici irrisori che saranno vanificati con l aumento delle imposte locali e ticket. Le modifiche

Dettagli

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE fondo pensione aperto aviva Fondo Pensione Istituito in Forma di Patrimonio Separato da AVIVA S.p.A. (Art. 12 del Decreto Legislativo 5 Dicembre 2005, n. 252) DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE FONDO PENSIONE

Dettagli

MODELLO 730 2014 NOVITA. Anna Quattrone Vitaliano Morsicato

MODELLO 730 2014 NOVITA. Anna Quattrone Vitaliano Morsicato MODELLO 730 2014 NOVITA Anna Quattrone Vitaliano Morsicato Il Modello 730/2014, approvato con Provvedimento dell Agenzia dell Entrate del 15.1.2014, potrà essere utilizzato da parte di coloro che nell'anno

Dettagli

L.A. PREVIDENZA Fondo Pensione Aperto DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE

L.A. PREVIDENZA Fondo Pensione Aperto DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE L.A. PREVIDENZA Fondo Pensione Aperto DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Il presente documento integra il contenuto della Nota Informativa relativa all offerta pubblica di adesione a L.A. PREVIDENZA Fondo Pensione

Dettagli

GENERAFUTURO Piano individuale pensionistico di tipo assicurativo Fondo Pensione Documento sul regime fiscale (ed. 08/14)

GENERAFUTURO Piano individuale pensionistico di tipo assicurativo Fondo Pensione Documento sul regime fiscale (ed. 08/14) GENERAFUTURO Piano individuale pensionistico di tipo assicurativo Fondo Pensione Documento sul regime fiscale (ed. 08/14) Allegato alla Nota Informativa Pagina 2 di 6 - Pagina Documento bianca sul regime

Dettagli

CORSO PAGHE E CONTRIBUTI: IL MODELLO 730

CORSO PAGHE E CONTRIBUTI: IL MODELLO 730 CORSO PAGHE E CONTRIBUTI: IL MODELLO 730 ORE TOTALI: 30 Turni al mattino o pomeriggio per 4 ore al giorno OBIETTIVO: il corso ha come obiettivo quello di fornire le conoscenze e le competenze professionali

Dettagli

ELENCO MEMORIE PER CUD 2014

ELENCO MEMORIE PER CUD 2014 ELENCO MEMORIE PER CUD 2014 MEMORIE NUMERICHE 1 Redditi lavoro dipendente e assimilati (Cas. 1) 2 Assegni periodici corrisposti dal coniuge (Cas. 5) 3-18 Caselle da 11 a 26 19 Altri datori - Imponibile

Dettagli

Roma, 22 Gennaio 2013. Ai Corrispondenti C.A.F. UIL S.p.A. LORO SEDI. Circolare n. 05/2013

Roma, 22 Gennaio 2013. Ai Corrispondenti C.A.F. UIL S.p.A. LORO SEDI. Circolare n. 05/2013 Roma, 22 Gennaio 2013 Prot. n. 58/2013/CDA/SS/GN Ai Corrispondenti C.A.F. UIL S.p.A. LORO SEDI Circolare n. 05/2013 Oggetto: nuovo Modello 730/2013, redditi 2012: principali caratteristiche Con il provvedimento

Dettagli