Assicurazioni Generali

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Assicurazioni Generali"

Transcript

1 Assicurazioni Generali RELAZIONE SULLA GESTIONE E PROGETTO DI BILANCIO D ESERCIZIO anno di attività

2

3 RELAZIONE SULLA GESTIONE E PROGETTO DI BILANCIO D ESERCIZIO 2007

4

5 Sede Legale e Direzione Centrale in Trieste Sede Secondaria e Direzione per l Italia in Mogliano Veneto Capitale sociale Euro ,00 int. versato Codice Fiscale e Registro Imprese Trieste Iscritta al numero dell Albo delle imprese di assicurazione e riassicurazione Capogruppo del Gruppo Generali, iscritto all Albo dei gruppi assicurativi PRESIDENTE Antoine Bernheim VICEPRESIDENTE Gabriele Galateri di Genola AMMINISTRATORI DELEGATI Sergio Balbinot (*) / Giovanni Perissinotto (*) (*) Riveste anche la carica di Direttore Generale CONSIGLIERI DI AMMINISTRAZIONE (**) Consiglieri di Amministrazione che, insieme con il Presidente, il Vicepresidente e gli Amministratori Delegati, fanno parte del Comitato Esecutivo CONSIGLIERI GENERALI Fanno parte del Consiglio Generale, oltre ai seguenti membri elettivi, i componenti il Consiglio di Amministrazione ed i Direttori Generali Luigi Arturo Bianchi / Ana Patricia Botin Francesco Gaetano Caltagirone / Diego Della Valle Leonardo Del Vecchio / Loïc Hennekinne / Petr Kellner Klaus-Peter Müller / Alberto Nicola Nagel (**) / Alessandro Pedersoli Lorenzo Pellicioli (**) / Reinfried Pohl / Kai Uwe Ricke Vittorio Ripa di Meana (**) / Paolo Scaroni / Claude Tendil Giorgio Davide Adler / José Ramón Álvarez Rendueles José Maria Amusátegui de la Cierva / Francesco Maria Attaguile Claude Bébéar / Kenneth J. Bialkin / Gerardo Broggini Giacomo Costa / Maurizio De Tilla / Enrico Filippi Carlos Fitz-James Stuart y Martínez de Irujo / Albert Frère / Georges Hervet Dietrich Karner / Khoon Chen Kuok / Stefano Micossi Benedetto Orsini / Luis Peña Kegel / Arturo Romanin Jacur Guido Schmidt-Chiari / Theo Waigel / Wilhelm Winterstein COLLEGIO SINDACALE Gianfranco Barbato, Presidente Paolo D Agnolo / Gaetano Terrin Giuseppe Alessio Vernì (supplente) / Paolo Bruno (supplente) DIRETTORE GENERALE Raffaele Agrusti (***) (***) Chief Financial Officer VICEDIRETTORI GENERALI Mel Carvill / Claudio Cominelli / Lodovico Floriani / Aldo Minucci (****) Segretario del Consiglio Vittorio Rispoli (****) / Valter Trevisani DIRIGENTE PREPOSTO alla redazione dei documenti contabili societari Benoît Jaspar ORGANI SOCIALI IN CARICA AL 17 MARZO 2008

6 L immagine in copertina e altre foto contenute in questo volume si riferiscono a città dell Est Europa dove il Gruppo Generale è presente. Porta Woskressenski - Mosca, Russia Por Por Por Por or or Por Por or Por or Por Por Por Por or or Por Por P r Por or or or o Po Po Po Po Po Po Po Po Po Po Po Po Po Po Po Po Po Po Po Po Po Po P a ta ta ta ta ta ta ta ta ta ta ta ta ta ta ta ta ta ta ta ta ta ta ta t Wos Wos Wos Wos Wos Wos Wos Wos Wos os Wos Wos Wos Wos Wos Wos Wos Wos Wos Wos Wos Wos Wos Wos Wos Wos Wos Wos Wos Wos Wos Wos Wos Wos Wos Wos Wos Wos Wos Wos Wo Wo Wo Wo Wo Wo Wo Wo Wo W kre kre kre kre kre re re re kre kre kre kre re re kre kre kre kre re kre kre re kre kre kre kre kre re kre kre re re kre kre re kre kre kre kre re kre kre re kre kre kre kre kre kre re kre kre kre re kre kre kre kre kre kre kre kre kre re kre kre re kre kre kre kre kre re re r kr kr kr kr kr kr kr kr kr k e sse se sse se sse sse sse se se se sse sse se se se se se se sse sse se se sse sse sse sse sse sse se se s ss ss ss ss ss ss ss ss ss s k nsk ns ns ns ns ns ns ns ns ns ns ns ns ns ns ns ns ns ns ns ns ns ns ns ns ns ns ns ns ns ns ns n i - i - i- i- i- i- i - i- i- i- i- i- i- i - i o Mo Mo Mo Mo Mo Mo Mo Mo Mo Mo Mo Mo Mo Mo Mo Mo Mo Mo Mo Mo Mo Mo Mo Mo Mo Mo Mo Mo Mo Mo Mo Mo Mo Mo Mo Mo Mo Mo Mo Mo Mo Mo Mo Mo Mo Mo Mo Mo Mo Mo Mo Mo Mo Mo Mo Mo Mo Mo Mo Mo Mo Mo Mo M

7 INDICE Relazione sulla gestione Dati significativi della Compagnia 10 Lo scenario economico e assicurativo 11 L identità del Gruppo Generali 14 La strategia di sviluppo del Gruppo 15 Parte A Informazioni sulla gestione 19 Appendice alla Relazione sulla gestione 55 Stato patrimoniale e conto economico 59 Nota integrativa Premessa 87 Parte A Criteri di valutazione 87 Parte B Informazioni sullo stato patrimoniale e sul conto economico 94 Parte C Altre informazioni 160 Allegati alla nota integrativa 167 Elenco dei titoli e degli immobili sui quali sono state eseguite rivalutazioni 255 Elenco delle partecipazioni con più del 10% del capitale rappresentato da azioni con il diritto di voto in società non quotate o s.r.l. 270 Attestazione del Bilancio d esercizio ai sensi dell art. 81-ter del Regolamento Consob n del 14 maggio 1999 e successive modifiche e integrazioni 331 9

8

9 Hlavne namestie - Bratislava, Slovacchia Relazione sulla Gestione

10 Dati significativi della Compagnia (in milioni di euro) Premi lordi complessivi Premi lordi complessivi lavoro diretto Incremento a termini omogenei (a) Premi lordi complessivi lavoro indiretto Incremento a termini omogenei (a) Esercizio 2007 Esercizio 2006 Esercizio 2005 Bilancio Bilancio Normalizzato (c)(d) Normalizzato (d) 9.759, , , , , , , ,7 4,9% 8,8% 6,8% 6,2% 2.257, , , ,1 6,1% 49,1% -18,9% -3,9% Costi di produzione e di amministrazione 1.402, , ,3 (b) 1.341,2 Incidenza sui premi 15,8% 21,3% 15,5% 15,5% Premi lordi ramo vita Incremento a termini omogenei (a) Premi lordi ramo vita lavoro diretto Incremento a termini omogenei (a) Premi lordi ramo vita lavoro indiretto Incremento a termini omogenei (a) 5.835, , ,4 7,1% 65,1% -2,3% 4.094,1 95, ,7 5,4% 3,3% 5,1% 1.741, , ,7 11,2% 68,1% -16,5% 5.631,9 7,8% 3.702,2 8,6% 1.929,7 6,3% Costi di produzione e di amministrazione ramo vita 615,2 577,4 568,5 (b) 555,3 Incidenza sui premi 11,0% 19,2% 10,8% 10,2% Premi lordi rami danni Incremento a termini omogenei (a) 3.923,9 2,5% 4.083,6 7,7% 3.859,4 1,9% 3.832,8-3,2% Premi lordi rami danni lavoro diretto Incremento a termini omogenei (a) 3.408,4 4,3% 3.284,0 8,9% 3.284,0 8,9% 3.033,5 3,3% Premi lordi rami danni lavoro indiretto Incremento a termini omogenei (a) 515,5-8,1% 799,6 3,2% 575,4-24,9% 799,3-22,4% Costi di produzione e di amministrazione rami danni 786,9 771,7 737,8 (b) 785,9 Incidenza sui premi 24,1% 23,2% 23,6% 24,3% Rapporto sinistri a premi rami danni 70,2% 74,7% 73,5% 73,9% Combined ratio netto rami danni 94,3% 97,9% 97,1% 98,2% Risultato dell'attività finanziaria corrente 3.133, , , ,8 Riserve tecniche , , , ,6 Investimenti , , , ,9 Capitale e riserve 9.513, , , ,8 Utile netto 1.401, , , ,9 Dividendo complessivo Incremento 1.269,0 958,7 958,7 32,4% 39,1% 39,1% 689,0 - (a) A parità di cambi (b) Con costi di holding riclassificati da spese di gestione e da oneri su investimenti ad altri oneri ordinari (c) Escludendo l'effetto dell'allineamento contabile del lavoro indiretto (d) Aggiungendo le poste di Generali Vita 10

11 Lo scenario economico e assicurativo Il 2007 è stato un anno caratterizzato da notevoli turbolenze nei mercati finanziari, causate soprattutto dalla crisi immobiliare americana. La crescita economica globale è rimasta comunque robusta (stimata attorno al +5%), sostenuta dall espansione delle economie asiatiche ed europee. Negli Stati Uniti, lo sviluppo economico (stimato intorno al 2,1% contro il 2,9% del 2006) ha mostrato un forte rallentamento, causato soprattutto dalla crisi del mercato immobiliare e del settore creditizio, che ha avuto ripercussioni in tutto il mondo provocando ingenti perdite ad importanti istituti bancari. Il conseguente clima di incertezza ha frenato gli investimenti e contenuto i consumi delle famiglie, gravate da un forte indebitamento. In Cina, le manovre restrittive sugli investimenti attuate dalle autorità monetarie e amministrative per riequilibrare la composizione della domanda interna ed evitare il surriscaldamento dell economia non hanno finora prodotto effetti sostanziali: in un contesto di alta inflazione (stimata intorno al 5%) l economia ha proseguito a svilupparsi a ritmi molto elevati (+11,3% nel terzo trimestre 2007), trainata dagli investimenti. In America Latina l espansione del Pil (stimata attorno al 5%) ha mostrato un rallentamento dovuto soprattutto alla decelerazione degli Stati Uniti, importante partner commerciale, e ai limiti imposti dalla stessa capacità produttiva allo sviluppo della produzione di materie prime, all origine della robusta crescita dell area negli anni più recenti. I nuovi Stati membri dell Unione Europea hanno continuato nella loro notevole espansione, beneficiando di una domanda interna molto sostenuta. In particolare hanno evidenziato elevati ritmi di crescita la Repubblica Ceca (+6%) e la Slovacchia (superiore al 9% annuo), in cui i parametri economici sono ora compatibili con un prossimo ingresso nella moneta unica. In Ungheria, invece, le restrizioni fiscali e monetarie introdotte dalle autorità per diminuire il deficit pubblico e l inflazione (superiore al 7%) hanno provocato una diminuzione dei consumi delle famiglie. Nell area dell euro le turbolenze dei mercati finanziari causate dalla crisi finanziaria americana non hanno frenato la progressione dell economia, che è rimasta elevata (stimata intorno al 2,6% annuo) confermando l importante contributo allo sviluppo mondiale. La buona congiuntura ha permesso a tutti i Paesi membri di ridurre i disavanzi di bilancio in media di quasi un punto percentuale di PIL. In Italia l economia ha mostrato una minor crescita (intorno all 1%), dovuta soprattutto al calo della produzione industriale (-6,5%) e all aumento del tasso d inflazione (+2,6%), che ha contribuito alla diminuzione dei consumi da parte delle famiglie. Anche gli investimenti hanno iniziato a mostrare segni di rallentamento, per la prima volta nell ultimo decennio. Il tasso di disoccupazione è sceso in tutti i Paesi dell Unione Europea, raggiungendo in Italia i minimi storici (6%). 11

12 In Europa, il tasso di inflazione è rimasto leggermente superiore agli obiettivi della Banca Centrale Europea attestandosi sul 2,1%. Ad influire sull incremento dei prezzi è stato anche l aumento del prezzo del greggio, che a fine anno ha sfiorato la soglia dei cento dollari al barile. Nel corso del 2007 la crisi finanziaria innescata da quella del settore creditizio negli Stati Uniti ha costretto le banche centrali ad immettere liquidità sul mercato monetario. La Federal Reserve ha ridotto il tasso di riferimento dal 5,25% al 4,25% di fine 2007, mentre la Banca Centrale Europea ha introdotto liquidità nel sistema ma, per timore di pressioni inflazionistiche, non ha diminuito il tasso, che a fine anno era pari al 4% contro il 3,5% di fine Gli andamenti delineati hanno determinato un ulteriore rafforzamento del tasso di cambio dell euro sul dollaro, che a fine anno ha raggiunto 1,46 contro 1,32 di fine Per quanto riguarda i mercati obbligazionari, l andamento dei titoli governativi è stato influenzato dalla situazione finanziaria. In particolare, il rendimento del titolo decennale americano ha registrato un forte incremento nel primo semestre arrivando a toccare il 5,29%, per poi ridiscendere e attestarsi a fine anno al 4,02% (4,42% a dicembre 2006). Il mercato obbligazionario europeo ha riflettuto l andamento di quello americano e, seppur in assenza di variazioni del tasso di riferimento, nei primi sei mesi dell anno ha visto crescere il rendimento del titolo decennale governativo fino al 4,68%, per poi ridiscendere al 4,33% a fine anno (3,94% al 31 dicembre 2008). Nel 2007 il differenziale medio di rendimento delle obbligazioni delle società europee rispetto ai titoli governativi ha oscillato intorno a 1,6 punti percentuali nel primo semestre, per poi raddoppiare allo scoppio della crisi e continuare a crescere fino a toccare 3,41 punti a fine anno. Tale andamento ha riguardato le obbligazioni emesse da tutte le società, comprese quelle delle società a rating più elevato. Per i mercati azionari il 2007 è stato un anno complessivamente positivo anche se, specialmente nel secondo semestre, è stato caratterizzato da notevoli turbolenze dovute alla crisi finanziaria americana. Rispetto alle quotazioni al 31 dicembre 2006, negli Stati Uniti l indice S&P500 è cresciuto del 3,53%, il Dow Jones del 6,43% e il Nasdaq del 9,81%. In Europa le Borse hanno ottenuto risultati anche migliori, con l Eurostoxx in salita del 4,87%, trainato dai settori chimico, automobilistico e utilities; è stata invece negativa la performance del settore assicurativo, bancario e creditizio, con l indice assicurativo dell area dell euro in calo del 12,08%. In Italia si è registrato un deprezzamento dell indice S&P Mib, penalizzato soprattutto dalle performance negative del settore bancario, pari al 7%. In questo contesto il titolo Generali ha evidenziato una crescita effettiva dell l,86%. L area asiatica è stata caratterizzata da un calo della Borsa giapponese dell 11%, mentre sono proseguite le robuste crescite del mercato azionario cinese (Shanghai +97%, Shenzhen +163%), indiano (+46%) e di Hong Kong (+37%). Infine, nell area sudamericana si segnala un espansione della Borsa brasiliana del 43%. Per quanto riguarda i principali mercati assicurativi europei in cui il Gruppo Generali opera, il comparto vita ha evidenziato ovunque un forte rallentamento o addirittura una contrazione 12

13 della raccolta premi; fa eccezione la Svizzera, dove il volume d affari ha registrato una leggera progressione dopo quattro anni di andamenti negativi. In presenza di una diminuzione diffusa della domanda di polizze tradizionali, è generalmente cresciuta quella di contratti unit-linked. In Italia, si stima un calo del volume premi pari al 6,9%, principalmente dovuto alla contrazione della produzione tramite canale bancassicurativo e postale. Nel 2007 il settore è stato interessato dalla riforma della previdenza integrativa, a seguito della quale entro il mese di giugno i lavoratori hanno dovuto decidere se devolvere il proprio TFR ai fondi pensione o mantenerlo in azienda. Secondo le indicazioni dell organismo di sorveglianza, circa lavoratori hanno espresso la volontà di aderire ad una forma di previdenza complementare; ad essi si aggiunge un numero ancora di difficile quantificazione di quei lavoratori che, non avendo effettuato alcuna scelta esplicita, hanno implicitamente deciso di destinare il loro TFR alla previdenza integrativa.la domanda di prodotti unit-linked è sensibilmente aumentata, mentre si è ridotta quella delle index-linked e dei prodotti di tipo tradizionale. In tutti i principali territori di operatività del Gruppo la raccolta dei rami danni ha continuato ad essere fortemente influenzata dall elevata pressione competitiva, particolarmente accentuata nel comparto auto. La crescita più sostenuta del volume premi si è registrata in Spagna, dove si è comunque evidenziato un rallentamento rispetto all esercizio precedente, e in Austria. In Francia, l evoluzione del comparto ha confermato il trend di moderato sviluppo. In Italia, secondo dati preliminari, il volume d affari ha registrato una modesta crescita, con una sostanziale stabilità del settore r.c.auto. In Svizzera, la raccolta premi ha evidenziato un lieve aumento, con un rallentamento rispetto all esercizio precedente, mentre in Germania i premi sono leggermente diminuiti, principalmente a causa dell andamento dei rami auto e rischi industriali. Beneficiando della sostenuta crescita economica, nell Europa centro-orientale, nel Sud Est Asiatico e in America Latina la raccolta premi si è sviluppata positivamente sia nel comparto vita che nei rami danni. Relativamente ai sinistri catastrofali, si segnala che nel corso del 2007 l Europa è stata colpita dalla tempesta Kyrill, che ha causato danni rilevanti soprattutto nel Regno Unito e Germania, e da tempeste ed inondazioni verificatesi in particolare nei mesi estivi. 13

14 L identità del Gruppo Generali Il Gruppo Generali è una delle più importanti realtà assicurative e finanziarie internazionali, caratterizzata fin dalle origini da una forte proiezione internazionale, con un volume premi che nel complesso ammonta a milioni di euro, di cui oltre il 60% raccolti all estero. Attualmente presenti in 40 Paesi, le Generali hanno consolidato la propria posizione tra i maggiori gruppi assicurativi europei e mondiali, acquisendo una crescente importanza sul mercato europeo occidentale, principale area di operatività. Nel corso degli ultimi anni il Gruppo ha ricostituito una significativa presenza nei Paesi dell Europa centro-orientale e ha cominciato a svilupparsi nei maggiori mercati dell'estremo Oriente, in particolare in Cina e India. Le Generali intendono affermarsi come uno dei principali operatori nel settore dell assicurazione diretta vita e danni in termini di redditività, focalizzandosi sull Europa continentale e sui mercati internazionali con forte potenzialità di sviluppo, servendo principalmente i clienti privati e piccole e medie imprese. Il ruolo di indirizzo, coordinamento e controllo delle attività organizzate per Paese spetta al Corporate Centre, ancorché venga comunque riconosciuta forte responsabilizzazione al management locale. L esercizio dell attività d impresa di Assicurazioni Generali si inquadra da tempo in un più ampio contesto di cui è parte integrante l impegno sociale, nella convinzione che quest ultimo rappresenti un vero e proprio investimento cui è tenuto il mondo imprenditoriale. Consapevoli della responsabilità di cui sono investite nei confronti delle comunità dove sono insediate, le società del Gruppo sostengono, con finanziamenti e altre forme di aiuto, innumerevoli iniziative di carattere assistenziale, culturale e sportivo di istituzioni e associazioni locali. Negli ultimi anni il Gruppo si è attivato anche in campo ambientale, conscio dell importante ruolo che può svolgere sia direttamente, limitando gli impatti della gestione aziendale sull ambiente circostante, sia indirettamente, adottando politiche di approvvigionamento, di prodotto e di investimento tali da indurre comportamenti ecocompatibili nei fornitori, nei clienti e nelle imprese in cui vengono impiegate le risorse in gestione. Le politiche ambientali a livello di Gruppo fanno capo all Eco-Committee, organo decisionale istituito presso la Direzione Centrale della Capogruppo alle dirette dipendenze del Direttore Generale del Corporate Centre. In quanto investitore istituzionale, il Gruppo può inoltre influire sul comportamento delle società terze avendo facoltà, da un lato, di escludere dai propri investimenti le aziende che non rispettano i diritti umani fondamentali o provocano gravi danni all ambiente, dall altro, di privilegiare gli impieghi in imprese che si distinguono per le loro politiche sociali e/o ambientali. Nel perseguire i propri obiettivi, le Generali si mantengono fedeli a quei valori fondamentali e irrinunciabili che le hanno contraddistinte fin dalle origini e che, nel 2004, sono stati formalizzati nel Codice Etico: principi etico-comportamentali che costituiscono parte integrante delle strategie dell impresa, caratterizzati dall attenzione per gli interessi di ciascuno e della collettività nel suo insieme. 14

15 Ampia rendicontazione dell impegno del Gruppo in campo socio-ambientale è data nel bilancio di sostenibilità, che rappresenta uno strumento di dialogo per far conoscere i risultati ottenuti e i nuovi obiettivi, fissati anche sulla base di richieste e suggerimenti avanzati dalle diverse categorie di stakeholder. Al fine di definire strategie di sostenibilità comuni a tutte le società del Gruppo, nel 2007 presso la Direzione Centrale della Capogruppo è stato istituito il Comitato per la Sostenibilità, organo decisionale che riunisce i rappresentanti di tutti i Paesi in cui le Generali operano direttamente coinvolti nei processi di implementazione delle politiche di responsabilità sociale d impresa e di redazione del bilancio di sostenibilità. La strategia di sviluppo del Gruppo Il 27 settembre 2007 il Consiglio di Amministrazione di Assicurazioni Generali ha approvato l aggiornamento del Piano Industriale di Gruppo al triennio , allineandone l orizzonte temporale al mandato del Consiglio di Amministrazione. Il Piano conferma gli elementi portanti della strategia delineata nel Piano precedente, ovvero performance operativa, crescita e innovazione, ottimizzazione del capitale e migliora sensibilmente i target finanziari e industriali. Il focus viene posto sull innovazione di prodotto, su una sempre maggiore efficienza e sull ulteriore miglioramento dello standard dei prodotti e dei servizi alla clientela. Il Piano prevede altresì l accelerazione del processo di riorganizzazione in atto in Italia ed una più intensa attività di ristrutturazione in Germania, al fine di migliorare efficacia ed efficienza. Tali azioni hanno come obiettivo il consolidamento del posizionamento strategico del Gruppo sui mercati maturi e un più forte sviluppo in quelli a più elevato potenziale di crescita. In particolare, per l Italia il Piano prevede una crescita a tassi superiori a quelli previsti per il mercato, attraverso un organizzazione multibrand e multicanale, l accelerazione dell unificazione del back office e l ampliamento del perimetro dei servizi condivisi alla gestione dei portafogli assicurativi e all industrializzazione dei prodotti. In Germania, al fine di ridurre la complessità organizzativa del Gruppo, le compagnie Generali e Volksfürsorge si fonderanno in un unica compagnia sotto il marchio Generali Versicherungen. Sarà completato il processo di centralizzazione in società di servizi comuni delle attività di liquidazione danni, amministrazione e IT di tutte le compagnie tedesche al fine di conseguire ulteriori economie di scala. Inoltre, portati a termine i progetti di asset management, risk and capital management, global treasury, il Gruppo si è concentrato sullo sviluppo di prodotti innovativi, sulla ricerca di sinergie nell ambito dell IT a livello internazionale e sul rafforzamento delle strategie di distribuzione con un potenziamento, in particolare, dei canali diretti, capitalizzando l esperienza maturata in Italia e Germania ed estendendola ad altri Paesi. In questo contesto, in Italia è partita l offerta di prodotti vita tramite il canale Internet con marchio di prodotto Genertel, rivolta soprattutto al segmento di clientela giovane. In Ungheria è iniziata la vendita tramite canale diretto di polizze auto. 15

16 Verrà ulteriormente valorizzata la gestione degli asset finanziari consolidando l approccio integrato, fermo restando il rigoroso monitoraggio e il controllo del rischi; a tale scopo verrà utilizzata anche una piattaforma per gli investimenti alternativi. L adozione di una strategia gestionale globale consentirà di migliorare la redditività degli investimenti immobiliari. Tra le operazioni di rilievo avvenute nel corso del 2007 si segnala quanto segue. In Italia, il 31 ottobre è stata perfezionata la cessione di Nuova Tirrena, società del gruppo Toro operante soprattutto nel ramo auto. Sempre in ottobre, Assicurazioni Generali ha conferito la partecipazione in Telecom Italia, pari al 4,06%, nella società Telco, partecipata oltre che da Generali anche da Intesa Sanpaolo, Mediobanca, Sintonia e dall operatore spagnolo Telefonica. L operazione ha l obiettivo di creare valore nel tempo per tutti gli azionisti, rafforzare e stabilizzare la struttura proprietaria di Telecom Italia e assicurare una sua maggiore flessibilità finanziaria. A seguito di detto conferimento Assicurazioni Generali possiede il 28,1% di Telco prima del già deliberato aumento di capitale di quest ultima, volto fra l altro a consentire l ingresso di ulteriori qualificati investitori nella compagine societaria della stessa Telco. A fine novembre è stato acquisito l intero capitale del Centro Studi Auto Riparazioni (CESTAR), unico centro di ricerca assicurativo in Italia nel campo della riparazione di autoveicoli, già partecipato dal Gruppo. In particolare, a seguito dell introduzione dell indennizzo diretto, l attività del centro sarà finalizzata a meglio garantire la strategia di sviluppo del Gruppo Generali nel Paese, attraverso un maggior presidio della fase di riparazione dei veicoli, che consentirà l erogazione di un servizio di eccellenza ai clienti e un contenimento del costo dei sinistri. Nel quadro della razionalizzazione dell attività assicurativa all interno del Gruppo, è stata avviata la concentrazione di tutto il business relativo alla copertura dei rischi agricoli in Fata Assicurazioni, marchio leader nel settore, con l obiettivo di conseguire sinergie di sviluppo facendo leva sulla forza distributiva delle reti Generali operanti nelle aree agricole del Paese. In Austria, in maggio Generali Holding Vienna ha acquisito il controllo delle compagnie P.S.K. Versicherung e Bawag Versicherung. Le due società sono state fuse nel successivo mese di settembre, dando vita a BAWAG P.S.K. Versicherung, di cui Generali detiene il controllo. Tale operazione consente al Gruppo Generali l accesso alla capillare rete distributiva di BAWAG, quinta banca austriaca con più di 150 sportelli in Austria, e delle Poste Austriache, che contano più di sportelli diffusi sul territorio, sulla base di un accordo distributivo in esclusiva. Nella prima metà di luglio è stato firmato il contratto definitivo di joint venture assicurativa tra Assicurazioni Generali e il gruppo PPF, dinamica realtà finanziaria attiva sia nel settore assicurativo che nel credito al consumo in cinque Paesi dell Europa centro-orientale, per la costituzione di Generali PPF Holding. Grazie al conferimento delle attività assicurative di Generali e del gruppo PPF nell Europa centro-orientale, la nuova realtà, partecipata al 51% dal 16

17 Gruppo Generali e al 49% dal gruppo PPF, si posizionerà fra i maggiori operatori del settore in quest area. Nel quadro dello sviluppo nell Europa centro-orientale anche nel segmento delle coperture relative ai rischi agricoli, finalizzato a diffondere la competenza maturata in Italia, dove il Gruppo Generali attraverso Fata Assicurazioni è leader del settore anche grazie all esperienza di sviluppo nel comparto agricolo acquisita tramite Genagricola, in Bulgaria alla fine di luglio è stato acquisito il 67% della compagnia Zad Victoria. In aprile, in Cina il Gruppo ha ottenuto dall organismo locale di sorveglianza dell attività assicurativa l autorizzazione definitiva per operare anche nei rami danni. La neo costituita Generali China Insurance Company, partecipata pariteticamente da Generali e China National Petroleum Corporation (CNPC), ha iniziato l attività dalla sede centrale di Pechino per poi espandersi gradualmente nel Paese attraverso un estesa rete di agenzie, con l obiettivo di sottoscrivere polizze danni nella linea persone e nei rischi commerciali. In dicembre, l autorità di sorveglianza dell attività assicurativa ha concesso l autorizzazione a costituire una nuova filiale a Daqing nella provincia di Heilongjiang. Nei primi giorni di settembre il Gruppo ha ricevuto dalle autorità di controllo locali la licenza ad operare nel comparto assicurativo vita e danni in India attraverso Future Generali India Life Insurance Company e Future Generali India Insurance Company, compagnie nate dalla joint venture con il gruppo indiano Future, leader locale della grande distribuzione. Le società sono partecipate da Generali al 26%, limite imposto dall attuale normativa indiana agli investimenti esteri nel capitale di società residenti nel Paese. Per l espansione su tutto il territorio nazionale Generali si avvarrà delle sinergie offerte dalla rete dei centri commerciali messi a disposizione in esclusiva dal partner per poi sviluppare un modello distributivo multicanale. In Svizzera, nel mese di novembre la banca controllata BSI ha sottoscritto con Swiss Life un accordo per l acquisizione del 100% di Banca del Gottardo. L operazione, soggetta all autorizzazione delle autorità competenti, prevede a regime la fusione di Banca del Gottardo in BSI, che darà vita a una primaria realtà bancaria nel Paese, focalizzata sul private banking e sulla gestione patrimoniale, con attivi in gestione per 100 miliardi di franchi svizzeri. L acquisizione risponde all obiettivo strategico di crescita del Gruppo nel settore del risparmio gestito e consente altresì la realizzazione di importanti sinergie di costo. In Francia è stato portato a termine il piano di concentrazione delle compagnie locali in due società vita e danni. Il 30 gennaio 2007 sono stati collocati da Assicurazioni Generali e Generali Finance due prestiti obbligazionari ibridi destinati agli investitori istituzionali rispettivamente di milioni di euro e 495 milioni di sterline, a conclusione del programma di finanziamento dell operazione di acquisizione del gruppo Toro. 17

18 In data 29 ottobre è stato comunicato il completamento del piano di riacquisto delle azioni proprie, la cui ripresa era avvenuta il 2 agosto. In particolare, sono stati acquistati titoli per un controvalore complessivo di 1.499,7 milioni di euro. Nell anno, in occasione del 175 anniversario della fondazione della Compagnia, per la prima volta sono stati coinvolti in un piano di stock grant o di iniziative equivalenti i dipendenti di tutte le società del Gruppo. 18

19 Parte A Informazioni sulla gestione Con riferimento alla comunicazione Consob n del 28 luglio 2006 in tema di informativa societaria è stata predisposta un apposita appendice alla relazione contenente le indicazioni richieste in merito agli schemi riclassificati e agli indicatori di performance. Si precisa che il prospetto di raccordo tra il risultato e il patrimonio netto del Gruppo con gli analoghi valori della Capogruppo è contenuto nel bilancio consolidato. La formazione del risultato d esercizio L andamento economico dell esercizio 2007 è rappresentato dal seguente prospetto: (in milioni di euro) Esercizio 2007 Vita Danni Totale Esercizio 2006 (a) Vita Danni Totale Premi lordi lavoro diretto lavoro indiretto totale 4.094, , , , , , ,7 515, , ,7 575, , , , , , , ,8 Premi netti Variaz. riserve tecniche (b) Sinistri di competenza Spese di gestione Altri proventi / oneri tecnici Interessi tecnici assegnati al ramo vita Saldo della gestione industriale Redditi assegnati ai conti tecnici Risultato del conto tecnico Risultato dell'attività finanziaria corrente (c) Proventi e oneri della classe D meno redditi complessivamente assegnati ai conti tecnici Altri proventi e oneri ordinari Risultato dell'attività ordinaria Profitti e perdite da realizzo di investimenti durevoli Altri proventi e oneri straordinari Risultato ante imposte Imposte Utile dell'esercizio 5.609, ,2-627,0-64, , ,7-615,2-786,9 50,8 88,3 452,2 565, ,3-78, ,6 519, ,4 311,2 281,0 592, , ,4 (a) Normalizzato, aggiungendo le poste di Generali Vita ed escludendo l'effetto dell'allineamento contabile del lavoro indiretto (b) Diverse dalle riserve sinistri (c) Comprende i redditi netti degli investimenti, i profitti netti da realizzo e le rettifiche di valore -30, ,3 503,0 653, ,6 979,5 720,1-274,2 443,1-1,3-15,9-17,2-1,1-41,6 764,0 601, ,9 618,8 419,4-8,7-76,7-565,1 755,3 645, , , , ,6-691, ,9-74, , , , ,1-568,5-737,8-106,8-14,8-63, , ,6 139,1 66,2 6, ,3 245,0 274,2 35,5 35,5 81, ,5-217,5-536,5 531,3 45,2 86, ,6-754,0 131,7 43,9 35,2 16, ,5 445, ,6-128,8 613,6 6,3-434,0 17,9 56,2 635,1 475, , , ,2 73, ,6 81, ,8-562,8 631,5 449,4-42, ,2 72, ,7 L utile dell esercizio è ammontato a 1.401,1 milioni di euro (1.213,6 milioni nel 2006). Al fine di offrire una rappresentazione omogenea e significativa dell andamento della gestione, gli importi e gli indici relativi all esercizio 2006 sono stati normalizzati, aggiungendo, in particolare, i risultati conseguiti nel bilancio 2006 dalla controllata Generali Vita, incorporata in Generali con effetto

COMUNICATO STAMPA DEL 15 MAGGIO 2015

COMUNICATO STAMPA DEL 15 MAGGIO 2015 COMUNICATO STAMPA DEL 15 MAGGIO 2015 Nel 2014 la raccolta premi complessiva realizzata dalle imprese di assicurazione italiane e dalle rappresentanze in Italia di imprese extra europee continua il trend

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 5 maggio 2014 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 Nel 2014 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,6% in termini reali, seguito da una crescita dell

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 7 maggio 2015 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 Nel 2015 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,7% in termini reali, cui seguirà una crescita dell

Dettagli

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 La parte Informazioni Specifiche, da consegnare obbligatoriamente all investitore contraente prima della sottoscrizione, è volta ad illustrare le principali

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Modulo DATI INFORMATIVI FINANZIARI ANNUALI per gli emittenti industriali LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Data : 03/05/2011 Versione : 1.3 1 Revisioni Data Versione Cap./ Modificati 03/05/2010 1.0-13/05/2010

Dettagli

Offerta pubblica di acquisto avente ad oggetto azioni Banca Nazionale del Lavoro S.p.A.

Offerta pubblica di acquisto avente ad oggetto azioni Banca Nazionale del Lavoro S.p.A. COMMISSIONE NAZIONALE PER LE SOCIETÀ E LA BORSA Ufficio Mercati Alla cortese attenzione del dott. Salini Telefax n. 06 8477 757 Ufficio OPA Alla cortese attenzione della dott.sa Mazzarella Telefax n. 06

Dettagli

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012 STUDIARE SVILUPPO SRL Sede legale: Via Vitorchiano, 123-00189 - Roma Capitale sociale 750.000 interamente versato Registro delle Imprese di Roma e Codice fiscale 07444831007 Partita IVA 07444831007 - R.E.A.

Dettagli

GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014)

GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014) COMUNICATO STAMPA Il Consiglio di Amministrazione approva i risultati al 31 marzo 2015 GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014) Il risultato beneficia del positivo contributo

Dettagli

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT I MINIBOND: nuovi canali di finanziamento alle imprese a supporto della crescita e dello sviluppo 15Luglio 2015 IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT Dr. Gabriele Cappellini Amministratore Delegato Fondo Italiano

Dettagli

Comunicato Stampa. Methorios Capital S.p.A.

Comunicato Stampa. Methorios Capital S.p.A. Comunicato Stampa Methorios Capital S.p.A. Approvata la Relazione Semestrale Consolidata al 30 giugno 2013 Acquistato un ulteriore 16,2% del capitale di Astrim S.p.A. Costituzione della controllata Methorios

Dettagli

Lettera agli azionisti

Lettera agli azionisti Lettera agli azionisti Esercizio 24 2 Messaggio dei dirigenti del gruppo Gentili signore e signori Rolf Dörig e Patrick Frost Il 24 è stato un anno molto positivo per Swiss Life. Anche quest anno la performance

Dettagli

Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano. Agosto 2014

Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano. Agosto 2014 Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano Agosto 2014 Banca Generali in pillole Banca Generali è uno degli assetgathererdi maggior successo e in grande crescita nel mercato italiano, con oltre

Dettagli

Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali

Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali 1 Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali CRISTIANA D AGOSTINI Milano, 17 maggio 2012 Il Gruppo Generali nel mondo 2 Oltre 60 paesi nel mondo in 5 continenti 65

Dettagli

Rendiconto finanziario

Rendiconto finanziario OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Rendiconto finanziario Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica

Dettagli

ISTITUTO PER LA VIGILANZA SULLE ASSICURAZIONI. Relazione sull attività svolta dall Istituto

ISTITUTO PER LA VIGILANZA SULLE ASSICURAZIONI. Relazione sull attività svolta dall Istituto ISTITUTO PER LA VIGILANZA SULLE ASSICURAZIONI Relazione sull attività svolta dall Istituto Roma, 26 giugno 2013 ISTITUTO PER LA VIGILANZA SULLE ASSICURAZIONI Relazione sull attività svolta dall Istituto

Dettagli

Bilancio della Banca Popolare di Milano Soc. Coop. a r.l.

Bilancio della Banca Popolare di Milano Soc. Coop. a r.l. Bilancio della Banca Popolare di Milano Soc. Coop. a r.l. Esercizio 2014 433 Dati di sintesi ed indicatori di bilancio della Banca Popolare di Milano 435 Schemi di bilancio riclassificati: aspetti generali

Dettagli

42 relazione sono esposti Principali cui Fiat S.p.A. e il Gruppo fiat sono esposti Si evidenziano qui di seguito i fattori di o o incertezze che possono condizionare in misura significativa l attività

Dettagli

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Lezione di Corporate e Investment Banking Università degli Studi di Roma Tre Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Massimo Caratelli, febbraio 2006 ma.caratelli@uniroma3.it

Dettagli

Autorizzato frazionamento azioni ordinarie Amplifon S.p.A. nel rapporto di 1:10; il valore nominale passa da Euro 0,20 a Euro 0,02 per azione

Autorizzato frazionamento azioni ordinarie Amplifon S.p.A. nel rapporto di 1:10; il valore nominale passa da Euro 0,20 a Euro 0,02 per azione COMUNICATO STAMPA AMPLIFON S.p.A.: L Assemblea degli azionisti approva il Bilancio al 31.12.2005 e delibera la distribuzione di un dividendo pari a Euro 0,30 per azione (+25% rispetto al 2004) con pagamento

Dettagli

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative. Mario Parisi

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative. Mario Parisi Economia e Finanza delle Assicurazioni Università di Macerata Facoltà di Economia Mario Parisi Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative 1 aspetti economici * gestione assicurativa * gestione

Dettagli

L Emittente, Offerente e Responsabile del Collocamento. Banca di Credito Cooperativo di Flumeri

L Emittente, Offerente e Responsabile del Collocamento. Banca di Credito Cooperativo di Flumeri Prospetto Informativo Semplificato per l offerta al pubblico di strumenti diversi dai titoli di capitale emessi in modo continuo o ripetuto da banche di cui all art. 34-ter, comma 4 del Regolamento Consob

Dettagli

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI DIGITAL MAGICS APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO DEL 2013 E IL PIANO INDUSTRIALE 2014-2018

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI DIGITAL MAGICS APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO DEL 2013 E IL PIANO INDUSTRIALE 2014-2018 IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI DIGITAL MAGICS APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO DEL 2013 E IL PIANO INDUSTRIALE 2014-2018 Nel 2013 ingresso in 11 startup, di cui 6 startup innovative, una cessione, una

Dettagli

OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO

OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO I NUOVI PRINCIPI CONTABILI. LA DISCIPLINA GENERALE DEL BILANCIO DI ESERCIZIO E CONSOLIDATO. OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO GABRIELE SANDRETTI MILANO, SALA

Dettagli

Risultato operativo oltre i 4,2 mld (+10,5%) e premi complessivi a 70 mld (+3,2%)

Risultato operativo oltre i 4,2 mld (+10,5%) e premi complessivi a 70 mld (+3,2%) 14/03/2013 COMUNICATO STAMPA Risultati consolidati al 31 dicembre 2012 1 Risultato operativo oltre i 4,2 mld (+10,5%) e premi complessivi a 70 mld (+3,2%) Si rafforza il capitale con crescita patrimonio

Dettagli

Trieste, 25 ottobre 2006

Trieste, 25 ottobre 2006 Trieste, 25 ottobre 2006 PRESENTAZIONE DEL BILANCIO DI SOSTENIBILITÀ 2005 DEL GRUPPO GENERALI AGLI STUDENTI DELL UNIVERSITA DI TRIESTE INTERVENTO DELL AMMINISTRATORE DELEGATO GIOVANNI PERISSINOTTO Vorrei

Dettagli

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15)

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) La redazione del bilancio civilistico 2014 : le principali novità. La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) dott. Paolo Farinella

Dettagli

Per saperne di più. L evoluzione del sistema pensionistico in Italia

Per saperne di più. L evoluzione del sistema pensionistico in Italia Nel corso degli ultimi trent anni il sistema previdenziale italiano è stato interessato da riforme strutturali finalizzate: al progressivo controllo della spesa pubblica per pensioni, che stava assumendo

Dettagli

Nuova finanza per la green industry

Nuova finanza per la green industry Nuova finanza per la green industry Green Investor Day / Milano, 9 maggio 2013 Barriere di contesto a una nuova stagione di crescita OSTACOLI PER LO SVILUPPO INDUSTRIALE Fine degli incentivi e dello sviluppo

Dettagli

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock Costruirsi una rendita I principi d investimento di BlackRock I p r i n c i p i d i n v e s t i m e n t o d i B l a c k R o c k Ottenere una rendita è stato raramente tanto difficile quanto ai giorni nostri.

Dettagli

IL MERCATO FINANZIARIO

IL MERCATO FINANZIARIO IL MERCATO FINANZIARIO Prima della legge bancaria del 1936, in Italia, era molto diffusa la banca mista, ossia un tipo di banca che erogava sia prestiti a breve che a medio lungo termine. Ma nel 1936 il

Dettagli

IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido

IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido Sommario: 1. Il rendiconto finanziario 2. L OIC 10 ed il suo contenuto 3. La costruzione del rendiconto finanziario: il metodo diretto

Dettagli

ALBA PRIVATE EQUITY S.P.A. www.alba-pe.com

ALBA PRIVATE EQUITY S.P.A. www.alba-pe.com ALBA PRIVATE EQUITY S.P.A. www.alba-pe.com RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLE PROPOSTE CONCERNENTI LE MATERIE POSTE ALL ORDINE DEL GIORNO DELLA ASSEMBLEA DEGLI AZIONISTI DEL

Dettagli

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE AI SENSI DELL ART. 2501 QUINQUIES C.C. SULLA FUSIONE PER INCORPORAZIONE DI INVESP S.P.A.

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE AI SENSI DELL ART. 2501 QUINQUIES C.C. SULLA FUSIONE PER INCORPORAZIONE DI INVESP S.P.A. RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE AI SENSI DELL ART. 2501 QUINQUIES C.C. SULLA FUSIONE PER INCORPORAZIONE DI INVESP S.P.A. E PROSPETTIVE 2001 S.P.A. IN SANPAOLO IMI S.P.A... Si presenta il progetto

Dettagli

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio.

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. Provvedimento 20 settembre 1999 Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. IL GOVERNATORE DELLA BANCA D ITALIA Visto il decreto legislativo del 24 febbraio 1998, n. 58 (testo

Dettagli

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI SCENARI ENERGETICI AL 24 SINTESI Leggi la versione integrale degli Scenari Energetici o scaricane una copia: exxonmobil.com/energyoutlook Scenari Energetici al 24 Gli Scenari Energetici offrono una visione

Dettagli

Altagamma Worldwide Luxury Markets Monitor Spring 2013 Update

Altagamma Worldwide Luxury Markets Monitor Spring 2013 Update Altagamma Worldwide Luxury Markets Monitor Spring 2013 Update MERCATO MONDIALE DEI BENI DI LUSSO: TERZO ANNO CONSECUTIVO DI CRESCITA A DUE CIFRE. SUPERATI I 200 MILIARDI DI EURO NEL 2012 Il mercato del

Dettagli

FUSIONE PROGETTO DI. rispetto al 1Q 2012) ) investimenti in. finanziario. Indebitamento. riconosciuta. decremento milioni di euro.

FUSIONE PROGETTO DI. rispetto al 1Q 2012) ) investimenti in. finanziario. Indebitamento. riconosciuta. decremento milioni di euro. Torino, 10 maggio 2013 COMUNICATO STAMPA RESOCONTO INTERMEDIO DI GESTIONE DEL GRUPPO SIASS AL 31 MARZO 2013 PROGETTO DI FUSIONE PER INCORPORAZIONE DELLA D SOCIETÀ INTERAMENTE CONTROLLATA HOLDING PIEMONTE

Dettagli

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Finalità La finalità del presente Principio è quella di definire il trattamento contabile delle imposte sul reddito. L aspetto principale della

Dettagli

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente 1 INDICE Premessa 4 Soggetti Destinatari 6 - Indicazione nominativa dei destinatari che sono componenti del Consiglio di Amministrazione dell Emittente, delle società controllanti e di quelle, direttamente

Dettagli

L Offerta di cui al presente Prospetto è stata depositata in CONSOB in data 31 gennaio 2008 ed è valida dal 1 febbraio 2008.

L Offerta di cui al presente Prospetto è stata depositata in CONSOB in data 31 gennaio 2008 ed è valida dal 1 febbraio 2008. Offerta pubblica di sottoscrizione di CAPITALE SICURO prodotto finanziario di capitalizzazione (Codice Prodotto CF900) Il presente Prospetto Informativo completo si compone delle seguenti parti: Parte

Dettagli

Uno Assicurazioni SpA Gruppo Lungavita

Uno Assicurazioni SpA Gruppo Lungavita Uno Assicurazioni SpA Gruppo Lungavita PIANO INDIVIDUALE PENSIONISTICO DI TIPO ASSICURATIVO - FONDO PENSIONE Iscritto all Albo tenuto dalla Covip con il n. *** Nota informativa per i potenziali aderenti

Dettagli

Stima delle presenze irregolari. Vari anni

Stima delle presenze irregolari. Vari anni Stima delle presenze irregolari. Vari anni Diciottesimo Rapporto sulle migrazioni (FrancoAngeli). Fondazione Ismu. Dicembre 2012 Capitolo 1.1: Gli aspetti statistici Tab. 1 - La presenza straniera in Italia.

Dettagli

Senato della Repubblica

Senato della Repubblica Senato della Repubblica Commissioni riunite 10 a (Industria, commercio, turismo) e 13 a (Territorio, ambiente, beni ambientali) Audizione nell'ambito dell'esame congiunto degli Atti comunitari nn. 60,

Dettagli

FONDO MARIO NEGRI GUIDA AL TFR. Le risposte alle domande più frequenti

FONDO MARIO NEGRI GUIDA AL TFR. Le risposte alle domande più frequenti FONDO MARIO NEGRI GUIDA AL TFR Le risposte alle domande più frequenti Scelta sulla 1. destinazione del Tfr Linee di investimento 2. dedicate al Tfr 3. Prestazioni Regime fiscale delle 4. prestazioni previdenziali

Dettagli

Presentazione societaria

Presentazione societaria Eurizon Capital Eurizon Capital Presentazione societaria Eurizon Capital e il Gruppo Intesa Sanpaolo Banca dei Territori Asset Management Corporate & Investment Banking Banche Estere 1/12 Eurizon Capital

Dettagli

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Introduzione al corso. Mario Parisi. Università di Macerata Facoltà di Economia

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Introduzione al corso. Mario Parisi. Università di Macerata Facoltà di Economia Economia e Finanza delle Assicurazioni Università di Macerata Facoltà di Economia Mario Parisi Introduzione al corso 1 Inquadramento del corso 1996: Gruppo di ricerca sulle metodologie di analisi, sugli

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione Con questa Guida la COVIP intende illustrarti, con un linguaggio semplice e l aiuto di alcuni esempi,

Dettagli

ANALISI DI BILANCIO LA RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA E FUNZIONALE. Dott. Elbano De Nuccio

ANALISI DI BILANCIO LA RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA E FUNZIONALE. Dott. Elbano De Nuccio ANALISI DI BILANCIO LA RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA E FUNZIONALE Dott. Elbano De Nuccio L analisi di bilancio si propone di formulare un giudizio sull EQUILIBRIO ECONOMICO e FINANZIARIO/PATRIMONIALE della

Dettagli

Stima della pensione complementare (Progetto Esemplificativo Standardizzato)

Stima della pensione complementare (Progetto Esemplificativo Standardizzato) (Progetto Esemplificativo Standardizzato) Il presente progetto esemplificativo contiene una stima della pensione complementare predisposta per consentirti una valutazione sintetica e prospettica del programma

Dettagli

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC Il bilancio con dati a scelta Classe V ITC Il metodo da seguire Premesso che per la costruzione di un bilancio con dati a scelta si possono seguire diversi metodi, tutti ugualmente validi, negli esempi

Dettagli

ABC. degli investimenti. Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori

ABC. degli investimenti. Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori ABC degli investimenti Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori I vantaggi di investire con Fidelity Worldwide Investment Specializzazione Fidelity è una società indipendente e si

Dettagli

Le banche italiane tra gestione del credito e ricerca di efficienza

Le banche italiane tra gestione del credito e ricerca di efficienza ADVISORY Le banche italiane tra gestione del credito e ricerca di efficienza Analisi dei bilanci bancari kpmg.com/it Indice Premessa 4 Executive Summary 6 Approccio metodologico 10 Principali trend 11

Dettagli

Operazioni, attività e passività in valuta estera

Operazioni, attività e passività in valuta estera OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Operazioni, attività e passività in valuta estera Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. Proposto un dividendo di 8 centesimi di euro per azione (6 centesimi nel 2013)

COMUNICATO STAMPA. Proposto un dividendo di 8 centesimi di euro per azione (6 centesimi nel 2013) COMUNICATO STAMPA Conferma della solida patrimonializzazione del Gruppo: Common Equity Tier 1 ratio phased in al 31 dicembre 2014: 12,33% 1 (13% al 30/09/2014) Common Equity Tier 1 ratio pro forma stimato

Dettagli

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 La valutazione delle IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI Prima lezione di Alberto Bertoni 1 IMMOBILIZZAZIONI Definizione Cod. Civ. art. 2424-bis, 1 c. Le immobilizzazioni sono

Dettagli

AGOS: IL BILANCIO INDIVIDUALE BILANCIO INDIVIDUALE

AGOS: IL BILANCIO INDIVIDUALE BILANCIO INDIVIDUALE BILANCIO INDIVIDUALE 2006 AGOS: IL BILANCIO INDIVIDUALE BILANCIO INDIVIDUALE Capitale sociale E 60.908.120 interamente versato Sede legale in Milano, via Bernina 7 Registro delle Imprese di Milano n. 264551

Dettagli

LE RISERVE AUREE DELLA BANCA D ITALIA

LE RISERVE AUREE DELLA BANCA D ITALIA LE RISERVE AUREE DELLA BANCA D ITALIA Perché la Banca d Italia detiene le riserve ufficiali del Paese? La proprietà delle riserve ufficiali è assegnata per legge alla Banca d Italia. La Banca d Italia

Dettagli

Governance e performance nei servizi pubblici locali

Governance e performance nei servizi pubblici locali Governance e performance nei servizi pubblici locali Anna Menozzi Lecce, 26 aprile 2007 Università degli studi del Salento Master PIT 9.4 in Analisi dei mercati e sviluppo locale Modulo M7 Economia dei

Dettagli

Il consolidamento negli anni successivi al primo

Il consolidamento negli anni successivi al primo Il consolidamento negli anni successivi al primo Il rispetto del principio della continuità dei valori richiede necessariamente che il bilancio consolidato degli esercizi successivi sia strettamente dipendente

Dettagli

Esempio basato sullo Schema di Comunicazione periodica. Iris

Esempio basato sullo Schema di Comunicazione periodica. Iris Uno Assicurazioni S.p.A. (Gruppo Lungavita) Iris PIANO INDIVIDUALE PENSIONISTICO DI TIPO ASSICURATIVO - FONDO PENSIONE Iscritto all Albo tenuto dalla COVIP con il n. **** Comunicazione periodica agli iscritti

Dettagli

Your Global Investment Authority. Tutto sui bond: I ABC dei mercati obbligazionari. Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse?

Your Global Investment Authority. Tutto sui bond: I ABC dei mercati obbligazionari. Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse? Your Global Investment Authority Tutto sui bond: I ABC dei mercati obbligazionari Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse? Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse? Gli

Dettagli

Relazione sulla gestione e sull andamento economico e finanziario

Relazione sulla gestione e sull andamento economico e finanziario Relazione sulla gestione e sull andamento economico e finanziario 9 Signori azionisti, il 2005 è stato per Manutencoop Facility Management S.p.A. un anno di particolare impegno: il completamento delle

Dettagli

POPOLARE VITA S.p.A.

POPOLARE VITA S.p.A. CONTRATTO DI ASSICURAZIONE SULLA VITA IN FORMA MISTA, A PREMIO UNICO CON RIVALUTAZIONE ANNUALE DEL CAPITALE (TARIFFA N. 560) Orizzonte Sicuro Il presente Fascicolo Informativo, contenente: la Scheda Sintetica;

Dettagli

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ADOTTATA AI SENSI DELL ART. 4 DEL REGOLAMENTO CONSOB 17221 DEL 12 MARZO 2010 (e successive modifiche) Bologna,1 giugno 2014 Indice 1. Premessa...

Dettagli

Crescere e far crescere. Finalmente la composizione ideale per i tuoi investimenti.

Crescere e far crescere. Finalmente la composizione ideale per i tuoi investimenti. Crescere e far crescere. Finalmente la composizione ideale per i tuoi investimenti. LINEA INVESTIMENTO GUIDA AI PRODOTTI Crescere e far crescere. Finalmente la composizione ideale per i tuoi investimenti!

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare 1 COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione guida introduttiva alla previdenza complementare www.covip.it 3 Questa Guida è stata realizzata dalla COVIP Indice grafica e illustrazioni Studio Marabotto

Dettagli

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010 PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010 approvate dal Consiglio di Amministrazione di Davide Campari-Milano S.p.A. l 11 novembre 2010 e in

Dettagli

Gli immobili sono nel nostro DNA.

Gli immobili sono nel nostro DNA. Gli immobili sono nel nostro DNA. FBS Real Estate. Valutare gli immobili per rivalutarli. FBS Real Estate nasce nel 2006 a Milano, dove tuttora conserva la sede legale e direzionale. Nelle prime fasi,

Dettagli

POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI. Versione 9.0 del 9/03/2015. Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015

POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI. Versione 9.0 del 9/03/2015. Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015 POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI Versione 9.0 del 9/03/2015 Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015 Policy conflitti di interesse Pag. 1 di 14 INDICE 1. PREMESSA... 3 1.1 Definizioni... 4 2. OBIETTIVI...

Dettagli

Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U)

Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U) Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U) Il presente prodotto è distribuito dalle Agenzie Vittoria Assicurazioni

Dettagli

Eccellenza nel Credito alle famiglie

Eccellenza nel Credito alle famiglie Credito al Credito Eccellenza nel Credito alle famiglie Innovazione e cambiamento per la ripresa del Sistema Paese Premessa La complessità del mercato e le sfide di forte cambiamento del Paese pongono

Dettagli

Dov è andata a finire l inflazione?

Dov è andata a finire l inflazione? 24 novembre 2001 Dov è andata a finire l inflazione? Sono oramai parecchi anni (dai primi anni 90) che la massa monetaria mondiale cresce ininterrottamente dell 8% all anno nel mondo occidentale con punte

Dettagli

Economia monetaria e creditizia. Slide 3

Economia monetaria e creditizia. Slide 3 Economia monetaria e creditizia Slide 3 Ancora sul CDS Vincolo prestatore Vincolo debitore rendimenti rendimenti-costi (rendimenti-costi)/2 Ancora sul CDS dove fissare il limite? l investitore conosce

Dettagli

Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea

Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea straordinaria, recante: Attribuzione al Consiglio di Amministrazione

Dettagli

Assicurazioni, uno strumento per la crescita del Paese

Assicurazioni, uno strumento per la crescita del Paese 16 Annual Assicurazioni de Il Sole 24 Ore Assicurazioni, uno strumento per la crescita del Paese Intervento del presidente dell Ania Aldo Minucci Milano, 28 ottobre 2014 1 Sono particolarmente contento

Dettagli

AFFIDABILE, SOSTENIBILE & INNOVATIVA

AFFIDABILE, SOSTENIBILE & INNOVATIVA Axpo Italia AFFIDABILE, SOSTENIBILE & INNOVATIVA UN GRUPPO A DIMENSIONE EUROPEA Axpo opera direttamente in oltre 20 paesi europei L Italia è uno dei mercati principali del gruppo Axpo in Italia Alla presenza

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE ai sensi dell art. 5 e dell art. 12 del Regolamento Consob n. 17221 del 12 marzo 2010 e successivamente modificato

Dettagli

Nicola Romito. Esperienza. Presidente presso Power Capital nicola.romito@hotmail.it

Nicola Romito. Esperienza. Presidente presso Power Capital nicola.romito@hotmail.it Nicola Romito Presidente presso Power Capital nicola.romito@hotmail.it Esperienza Presidente at Power Capital aprile 2013 - Presente (1 anno 4 mesi) * Consulenza per gli investimenti, gestione di portafoglio

Dettagli

Relazioni e Bilancio di Esercizio 2013

Relazioni e Bilancio di Esercizio 2013 Relazionii e Bilancio di Esercizio 2013 Sede Legale: Via Calamandrei, 2555 52100 AREZZO Sede Amministrativa: Via Francesco De Sanctis, 11 00195 ROMA C.F. e P.IVA 01652770510 Capitale Sociale: euro 51.080.900

Dettagli

La compilazione del quadro RF per gli interessi passivi. dott. Gianluca Odetto. Eutekne Tutti i diritti riservati

La compilazione del quadro RF per gli interessi passivi. dott. Gianluca Odetto. Eutekne Tutti i diritti riservati La compilazione del quadro RF per gli interessi passivi dott. Gianluca Odetto Eutekne Tutti i diritti riservati Interessi passivi soggetti a monitoraggio AMBITO OGGETTIVO Tutti gli interessi passivi sostenuti

Dettagli

Obiettivi strategici del Consiglio federale per la sua partecipazione alla RUAG Holding SA (strategia basata sul rapporto di proprietà 2011 2014)

Obiettivi strategici del Consiglio federale per la sua partecipazione alla RUAG Holding SA (strategia basata sul rapporto di proprietà 2011 2014) Obiettivi strategici del Consiglio federale per la sua partecipazione alla RUAG Holding SA (strategia basata sul rapporto di proprietà 2011 2014) Introduzione L'obiettivo primario della società di partecipazione

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE Redatto ai sensi dell art. 5 della Delibera Consob n. 17221 del 12 marzo 2010 (come modificata con Delibera n. 17389

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 24.12.2013 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 352/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO (UE) N. 1407/2013 DELLA COMMISSIONE del 18 dicembre 2013 relativo all applicazione degli articoli

Dettagli

Panoramica dei prezzi per le operazioni d'investimento e su titoli. Le migliori condizioni per il suo patrimonio

Panoramica dei prezzi per le operazioni d'investimento e su titoli. Le migliori condizioni per il suo patrimonio Panoramica dei prezzi per le operazioni d'investimento e su titoli Le migliori condizioni per il suo patrimonio 2-3 Sommario 01 Il nostro modello dei prezzi 4 02 La nostra gestione patrimoniale 5 03 La

Dettagli

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE (ai sensi dell art. 4 del Regolamento adottato da Consob con delibera n. 17221 del 12 marzo 2010, come successivamente modificato ed integrato) INDICE 1. OBIETTIVI

Dettagli

OFFERTA DI OBBLIGAZIONI BLPR S.P.A. 4,60% 2011-2016 54MA ISIN IT0004734932

OFFERTA DI OBBLIGAZIONI BLPR S.P.A. 4,60% 2011-2016 54MA ISIN IT0004734932 Banca del Lavoro e del Piccolo Risparmio S.p.A. - Sede legale e amministrativa in Benevento, Contrada Roseto - 82100 Aderente al Fondo Interbancario di tutela dei depositi Capitale sociale e Riserve al

Dettagli

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE. Documento aggiornato il 28 maggio 2015

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE. Documento aggiornato il 28 maggio 2015 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Documento aggiornato il 28 maggio 2015 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Decreto Legislativo 5 dicembre 2005, n. 252 Documento aggiornato 28 maggio 2015 Via Savoia, 82-00198 Roma,

Dettagli

INSEGNANTI ITALIANI: EVOLUZIONE DEMOGRAFICA

INSEGNANTI ITALIANI: EVOLUZIONE DEMOGRAFICA PROGRAMMA EDUCATION INSEGNANTI ITALIANI: EVOLUZIONE DEMOGRAFICA E PREVISIONI DI PENSIONAMENTO Anticipazioni per la stampa dal Rapporto 2009 sulla scuola in Italia della Fondazione Giovanni Agnelli (dicembre

Dettagli

Il mandato di gestione patrimoniale. La sua soluzione individuale con un mandato LGT a fascia di oscillazione

Il mandato di gestione patrimoniale. La sua soluzione individuale con un mandato LGT a fascia di oscillazione Il mandato di gestione patrimoniale La sua soluzione individuale con un mandato LGT a fascia di oscillazione Il mandato di gestione patrimoniale LGT l assistenza professionale per i suoi investimenti Le

Dettagli

NOTA DI SINTESI. relativa agli. ABAXBANK DYNAMIC ALLOCATION CERTIFICATES su un Indice di Riferimento in OICR calcolato da Abaxbank

NOTA DI SINTESI. relativa agli. ABAXBANK DYNAMIC ALLOCATION CERTIFICATES su un Indice di Riferimento in OICR calcolato da Abaxbank NOTA DI SINTESI relativa agli ABAXBANK DYNAMIC ALLOCATION CERTIFICATES su un Indice di Riferimento in OICR calcolato da Abaxbank di cui al Prospetto di Base ABAXBANK DYNAMIC ALLOCATION CERTIFICATES redatta

Dettagli

Requisiti di informativa relativi alla composizione del patrimonio Testo delle disposizioni

Requisiti di informativa relativi alla composizione del patrimonio Testo delle disposizioni Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria Requisiti di informativa relativi alla composizione del patrimonio Testo delle disposizioni Giugno 2012 Il presente documento è stato redatto in lingua inglese.

Dettagli

Fatturato consolidato dell esercizio pari a 131,7 milioni di euro, in crescita del 2,5% rispetto a 128,5 milioni di euro del 2013

Fatturato consolidato dell esercizio pari a 131,7 milioni di euro, in crescita del 2,5% rispetto a 128,5 milioni di euro del 2013 COMUNICATO STAMPA Milano, 28 aprile 2015 SAES Group: l Assemblea approva il bilancio 2014 Fatturato consolidato dell esercizio pari a 131,7 milioni di euro, in crescita del 2,5% rispetto a 128,5 milioni

Dettagli

CELTA IUSTA. Cosa, come, quando, quanto e perché: quello che dovresti sapere per investire i tuoi risparmi

CELTA IUSTA. Cosa, come, quando, quanto e perché: quello che dovresti sapere per investire i tuoi risparmi ONDI OMUNI: AI A CELTA IUSTA Cosa, come, quando, quanto e perché: quello che dovresti sapere per investire i tuoi risparmi CONOSCERE I FONDI D INVESTIMENTO, PER FARE SCELTE CONSAPEVOLI I fondi comuni sono

Dettagli

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Titoli di debito. Giugno 2014. Copyright OIC

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Titoli di debito. Giugno 2014. Copyright OIC OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Titoli di debito Giugno 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica di fondazione,

Dettagli

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA DELLE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE Questa procedura definisce le modalità adottate di approvazione ed esecuzione delle operazioni poste in essere

Dettagli

PROTEZIONE E CRESCITA PIÙ

PROTEZIONE E CRESCITA PIÙ Società del Gruppo ALLIANZ S.p.A. CONTRATTO DI ASSICURAZIONE A VITA INTERA A PREMIO UNICO E PRESTAZIONI RIVALUTABILI PROTEZIONE E CRESCITA PIÙ IL PRESENTE FASCICOLO INFORMATIVO CONTENENTE: SCHEDA SINTETICA

Dettagli

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN La nuova impresa nasce da un idea, da un intuizione: la scoperta di una nuova tecnologia, l espansione della

Dettagli

Aspetti salienti delle statistiche internazionali BRI 1

Aspetti salienti delle statistiche internazionali BRI 1 Aspetti salienti delle statistiche internazionali BRI 1 La BRI, in collaborazione con le banche centrali e le autorità monetarie di tutto il mondo, raccoglie e diffonde varie serie di dati sull attività

Dettagli

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna Cos è e come si costituisce una cooperativa Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna 1 Che cos è una cooperativa un'associazione autonoma di persone che si uniscono volontariamente per soddisfare i propri

Dettagli

riduzioni di disagio L Associazione

riduzioni di disagio L Associazione ASSOCIAZIONE ITALIANA PER LAA PREVIDENZA E ASSISTENZAA COMPLEMENTARE Studio per un PROGETTO di WELFARE integrato - Primi risultati Ipotesi di intervento tramite un fondoo pensione per fronteggiare eventuali

Dettagli