Il bilancio di Banco Emiliano. A canestro grande sport e impresa. Il mio conto, buone risposte per tutti. Convenienza ed etica per la salute

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Il bilancio di Banco Emiliano. A canestro grande sport e impresa. Il mio conto, buone risposte per tutti. Convenienza ed etica per la salute"

Transcript

1 C.R.eA. Informa - Notiziario di Banco Emiliano-Credito Cooperativo - Anno XVIII - Aut. trib. RE n. 810 del 25/10/91 Tariffa Regime Libero: Poste Italiane s.p.a. - Spedizione in abbonamento Postale - 70% - CN/RE C.R.eA. Informa Periodico di economia, finanza, realtà locali di Banco Emiliano - n. 1 / 2014 Il bilancio di Banco Emiliano Il mio conto, buone risposte per tutti Convenienza ed etica per la salute A canestro grande sport e impresa

2 4 Bene il primo bilancio di Banco Emiliano Nasce la linea Il MIO Conto 6 9 Opportunità per la salute 12 I grandi valori di Banco Emiliano 5 Duecento milioni per sostenere la ripresa La crescita prosegue nel Pallacanestro Reggiana, una stagione alla grande Io Socio per un ruolo da protagonista Borse di studio premiano il merito 25 Banco Emiliano sostiene il territorio C.R.eA. Informa - Notiziario di Banco Emiliano-Credito Cooperativo - Viale dei Mille, 8 - Reggio Emilia Tel Direttore responsabile: Gino Belli. Direttore: Giovanni Bursi. Redazione e realizzazione editoriale a cura di General Service - Largo Gerra, (RE) - Tel Registro stampa del Tribunale di RE n. 810 del 25/10/91. Stampa: Litocolor, San Rocco di Guastalla

3 L editoriale Un grande patrimonio di sicurezza e competitività I n questo primo numero di C.R.eA. Informa - Io Socio dedichiamo ampio spazio al primo bilancio di Banco Emiliano, con una lettura che consente di approfondire anche il significato che, in termini di servizio al territorio e non solo sul piano economico-finanziario, assumono i risultati conseguiti. Fra i dati più rilevanti spicca sicuramente l eccellente livello di patrimonializzazione dell Istituto. La somma di capitale sociale e riserve, infatti, ha raggiunto livelli di grande rilievo. Questo risultato non evidenzia soltanto la solidità di Banco Emiliano, ma determina anche la sua capacità di intervento a beneficio di soci e clienti. Esiste infatti un vincolo diretto, ad esempio, tra il credito erogabile e il valore del patrimonio e del capitale sociale: quanto più questi ultimi sono elevati, tanto più l Istituto può efficacemente operare. La forza della Banca correlata sempre alle scelte dei soci Sottolineo questo aspetto perché tale forza, che si è costruita e si costruisce nel tempo è esclusivamente frutto delle scelte dei soci: lo è stata, lo è e continuerà ad esserlo. L ammontare del patrimonio, infatti, si determina grazie alle scelte strategiche che i soci mettono in atto all atto dell approvazione del bilancio. Banco Emiliano, come ogni impresa, è chiamato a generare quella redditività che è fattore di ricchezza e di sicurezza per soci, clienti, dipendenti, comunità locali. è chiamato, in sostanza, a generare utili, sulla cui destinazione divengono poi decisive le scelte dei soci. Gli utili che vengono destinati a patrimonio indivisibile divengono, allora, il segno di quanto sia forte la volontà dei soci di rafforzare l Istituto. (continua a pag. 30) Consiglio d amministrazione Giuseppe Alai, Presidente / Angelo Anedda / Luca Belli / Pietro Bertolotti, Vicepresidente / Mario Boni / Achille Brunazzi / Vilson Canovi, Vicepresidente vicario / Lorenzo Capiluppi / Fiorenzo Ferrari / Sergio Leandri / Alfonso Panzani / Erio Salsi / Roberto Vezzosi Collegio sindacale Mirco Zucca, Presidente / Giorgio Bellucci / Vittorio Guidetti Direzione Guido Tamelli, Direttore generale / Marco Piccinini, Condirettore / Marino Bonicelli, Vice-direttore

4 Economia e finanza Primo Bilancio per Banco Emiliano Approvato dall Assemblea dei soci il consuntivo Buono l andamento della raccolta (+4,7%), chiusa con 1,812 miliardi. Nuove strategie di sostegno per le imprese e le famiglie. S i è chiuso con un utile di 1,2 milioni, 1,8 miliardi di raccolta e 1,112 miliardi di impieghi il primo bilancio di Banco Emiliano, nato dalla fusione, operativa dal 1 ottobre 2013, tra Banca Reggiana e Banca di Cavola e Sassuolo, che hanno così dato vita ad una delle più importanti realtà di credito cooperativo in Emilia-Romagna. Il bilancio approvato dall assemblea dei soci ( unità, di cui oltre modenesi, più di parmigiani, mantovani e i restanti residenti in provincia di Reggio Emilia) si è chiuso con un incremento del 4,73% della raccolta complessiva (1,812 miliardi, con un + 3,6% per la diretta e un aumento del 5,63% per quella indiretta), la stabilità degli impieghi (1,112 miliardi) e un aumento di 500 unità sul numero dei soci. LE STRATEGIE Dalla relazione del consiglio di amministrazione sono emerse, insieme alle cifre che connotano il primo bilancio, anche le strategie di Banco Emiliano, tutte orientate a rafforzare l azione dell Istituto all interno di territori e comunità che restano il primo punto di riferimento per un istituto di credito cooperativo solido nei valori economici quanto nei principi mutualistici che ne orientano l azione. Proprio avendo a riferimento il valore d impresa e il valore sociale esprimibile - e nonostante perduri una fase congiunturale avversa per imprese e famiglie, che ha trasformato la crescita degli impieghi in un fattore di vulnerabilità per il sistema di credito - Banco Emiliano, pur in un attenta valutazione del merito creditizio, rafforzerà decisamente la 4

5 sua funzione di stimolo a sostegno di quell economia reale che produce lavoro, ricchezza economica, sicurezza e coesione sociale. IL CREDITO EROGATO NEL 2013 La conferma di questa scelta decisa a favore di imprese e famiglie è già esplicita anche nelle cifre contenute nel primo bilancio di Banco Emiliano, con impieghi che sono andati per il 53,49% a imprese non finanziarie, per il 30,28% a famiglie consumatrici e per il 14,24% a famiglie produttrici, mentre alle imprese finanziarie è andato solo lo 0,80% del credito erogato. La decisa scelta di Banco Emiliano a favore dell economia reale si riscontra anche nei dati che riguardano le tipologie di credito erogato: tra le diverse forme tecniche, infatti, sono i mutui (con 700 milioni) ad evidenziare una buona crescita (+1,56%), che si è tradotta in maggiori risorse rese disponibili a imprese e famiglie per investimenti di medio e lungo periodo, e quindi destinati a sostenere nuovi progetti e acquisizioni di beni durevoli che possono concorrere alla ripresa. ciale e culturale. Una realtà - come bene è emerso dai lavori assembleari - alla quale Banco Emiliano vuole assicurare alti livelli di efficienza ed efficacia, elevate professionalità (nel 2013, al proposito, i 297 dipendenti hanno partecipato a ore di formazione), ma anche quella razionalizzazione e diminuzione dei costi che è tra gli obiettivi previsti dal progetto di fusione che ha portato alla nascita di Banco Emiliano. 200 milioni di euro per sostenere la ripresa UNA RETE CAPILLARE Su queste linee di concreto affiancamento alle imprese e alle famiglie, a scendere in campo, come si è detto, è una delle più importanti realtà della Cooperazione di Credito dell Emilia- Romagna. Banco Emiliano, infatti, conta 40 sportelli (5 nel modenese, 5 nel parmense, 2 nel mantovano e 28 in provincia di Reggio Emilia) che coprono ben 32 comuni e 4 province, mentre la sua competenza territoriale si estende a 95 comuni. Siamo dunque in presenza di una rete forte e capillare in un territorio caratterizzato da importanti elementi di omogeneità sul versante imprenditoriale, so- Nel 2014 Banco Emiliano sosterrà le imprese e le famiglie con oltre 1,2 miliardi di crediti. Accanto al miliardo già impegnato, saranno accesi nuovi prestiti per 200 milioni di euro, cifra che con immediatezza evidenzia la consistenza dell intervento dell Istituto per arginare gli effetti della crisi economica e, soprattutto, per concorrere una ripresa che richiede impegni straordinari e sembra finalmente affacciarsi, seppure timidamente. Nel primo trimestre 2014, infatti, in tanta parte del territorio in cui opera Banco Emiliano si è registrata una ripresa della produzione manifatturiera (+1,4% a Reggio Emilia, +0,6% a Modena, +0,7% a Parma)e un buon andamento degli ordini dall estero (+4% Reggio Emilia, +2,8% Modena, +1,4% Parma). Per altri settori (edilizia e commercio, in primo luogo) e per i consumi sta invece soltanto rallentando la caduta. è in questo contesto, dunque, che Banco Emiliano mette in campo nuove ed ingenti risorse per lo sviluppo. 5

6 Prodotti Nasce la linea Il MIO Conto, perché chi conta sei tu Una gamma di prodotti in grado di soddisfare qualsiasi esigenza di persone, famiglie, imprese, giovani. Soluzioni convenienti, flessibili, con vantaggi ulteriori sui canoni per i soci di Banco Emiliano. Una grande Banca Locale, prima di parlare, ascolta. Lo fa quando investe per la crescita del territorio, quando propone investimenti sicuri, quando parla di sicurezza, quando offre servizi e prodotti competitivi e costruiti sulle esigenze reali dei clienti. è proprio in questa dimensione che Banco Emiliano lancia una nuova, ampia e completa linea di conti correnti all interno della quale sono possibili scelte in grado di soddisfare ogni bisogno a condizioni particolarmente competitive. La nuova linea si caratterizza con il marchio Il MIO Conto, che già evidenzia questo essere cucito su misura per clienti e soci che vogliono contare su servizi eccellenti, flessibili, in grado di garantire anche l assoluta autonomia nella gestione del risparmio e, come si è detto, a condizioni talmente competitive che arrivano sino all azzeramento delle spese. Imprese, persone, famiglie, giovani under 18 e giovani d età compresa tra i 18 e i 28 anni possono così scegliere la forma a loro più congeniale. Non solo: ai soci di Banco Emiliano sono riservate condizioni ulteriormente vantaggiose, con importanti riduzioni delle spese, giungendo sino alla gratuità per forme di conto corrente già particolarmente interessanti per i clienti. Essendo un pianeta ampio, brevemente richiamiamo graficamente le caratteristiche dei principali prodotti rientranti nella gamma Il MIO Conto. 6

7 Professionisti: 6 mesi di canone Pos gratuito Banco Emiliano risponde prontamente alle esigenze dei liberi professionisti che, dal 30 giugno, sono obbligati ad utilizzare gli strumenti di pagamento elettronici. Grazie al nuovo conto corrente Professionisti Web della linea Arti e Mestieri, tutti gli interessati possono usufruire di 6 mesi di canone gratuito per l utilizzo del Pos (Point of sale), il dispositivo elettronico che consente di accettare ed effettuare pagamenti tramite carte di credito, di debito e prepagate. La promozione è valida per le attivazioni effettuate entro il prossimo 31 luglio e, per chi lo desidera, è anche a disposizione l innovativo Mobile Pos scelto da Banco Emiliano. Professionisti Web, tra l altro, prevede tanti altri vantaggi per i professionisti sia nell area home banking che per altre operazioni. Le caratteristiche dei conti correnti della linea Il MIO Conto (per la famiglia, ad esempio, così come la linea Arti e Mestieri per le imprese) possono essere approfondite ulteriormente in tutte le filiali di Banco Emiliano, per scoprire così un mondo di opportunità tagliate su misura per clienti e soci. è possibile trovare tutte le informazioni presso le agenzie e su: Questi sono solo alcuni dei conti correnti a tua disposizione......puoi trovare anche il conto giovani 14-18, il conto azzera le spese, e il conto famiglia! 7

8 8

9 Servizi Nuova sanità privata qualificata e accessibile Banco Emiliano tra i promotori di 3C Salute, impresa sociale che ha aperto un nuovo poliambulatorio. Qualità delle prestazioni, prezzi contenuti. Subito condizioni favorevoli per i soci di Banco Emiliano. B anco Emiliano è tra i protagonisti della nuova ed importante iniziativa realizzata dalla cooperazione sociale reggiana in campo sanitario. Grazie anche alla partecipazione diretta dell Istituto nel capitale sociale, è infatti nata 3C Salute, impresa sociale che ha aperto il suo poliambulatorio a pochi passi dal centro storico di Reggio Emilia, in Largo Marco Gerra, 2. In queste settimane sono in corso approfondite valutazioni su un ampio sistema di convenzionamento che assicuri ai soci di Banco Emiliano ulteriori vantaggi rispetto a quelli che la Società già garantisce e che si legano alla sua stessa natura. Una prima interessante offerta, intanto, è già pronta, e prevede come esplicita anche il coupon che riportiamo una spesa davvero modesta (40 euro a persona, 35 cadauno se accedono due persone della stessa famiglia) il vantaggio ottenibile sulla pulizia professionale dei denti (detartrasi) e, in alternativa, il 10% di sconto su una qualsiasi visita medica specialistica. L ingresso di Banco Emiliano nella compagine societaria di 3C Salute non è però semplicemente legato alla concretizzazione di condizioni agevolate di accesso alla cosiddetta sanità leggera per i soci dell Istituto, che valgono anche per altre convenzioni stipulate in diversi ambiti, incluso quello previdenziale/sanitario. La nuova Società, infatti, va a rafforzare un offerta privata in grado di assicura- Presentando questo coupon presso il Poliambulatorio 3C Salute (previa prenotazione al n ) hai diritto, tu o un altro componente del tuo nucleo familiare, a prestazioni altamente professionali in campo odontoiatrico (detartrasi) a prezzo convenzionato o ad un sensibile sconto su una visita medica specialistica. Scegli la tua formula. Sul retro tutte le condizioni.

10 Gli ambulatori di 3C Salute a Reggio Emilia re non solo alta qualità, ma anche una ampia accessibilità, che si lega a prezzi delle prestazioni contenuti. Anche per questo, e prima ancora in quanto espressione di una cooperazione sociale che da sempre opera nell interesse della comunità, la nuova Società si caratterizza come impresa sociale, cioè come soggetto senza scopo di lucro che amplia ed integra l offerta privata a sostegno dei diversi ceti sociali e, al contempo, offre nuovi strumenti di collaborazione al sistema pubblico. Inaugurato dall allora ministro Graziano Delrio (oggi Sottosegretario alla presidenza del Consiglio), il poliambulatorio si sviluppa su 600 metri quadrati, ed alla sua nascita hanno concorso, insieme a Banco Emiliano, il Consorzio sociale Oscar Romero, 7 cooperative sociali reggiane, Confcooperative e CNA Reggio Emilia. Il centro creato da 3C Salute (e le tre C stanno per Cura, Comunità e Cooperazione), come si è detto, è in Largo Marco Gerra, 2. Disposto su un unico piano, il poliambulatorio di cui è direttore sanitario il dr. Franco Viappiani, già direttore dei distretti Ausl di Reggio Emilia e Castelnovo ne Monti offre diverse specializzazioni nel campo della medicina e servizi per la salute, coprendo aree che vanno dalle malattie cardiocircolatorie e respiratorie alla chirurgia ambulatoriale, oculistica, odontoiatria (sono attivi diversi ambulatori), psicologia, medicina del lavoro, medicina dello sport, logopedia, fino ad alcuni segmenti della diagnostica (è presente un centro prelievi) e alla riabilitazione, con locali appositamente attrezzati. Grazie alla convenzione fra Banco Emiliano e 3C Salute, questo coupon dà diritto a: 1) VISITA ODONTOIATRICA + DETARTRASI (pulizia professionale dei denti) a 40 per persona 40 per una persona, a 35 pro capite se accedono almeno due persone della stessa famiglia Oppure 2) 10% di sconto su una delle visite mediche specialistiche effettuabili nel Poliambulatorio La prenotazione è d obbligo al n L accesso a una delle due prestazioni ti darà diritto ad un ulteriore coupon per un 5% di sconto su un altra prestazione specialistica (esclusa odontoiatria e specialità 10 della prima visita). Il nuovo coupon ti sarà rilasciato al pagamento di una delle due prestazioni sopra richiamate. Questo coupon è utilizzabile entro il 31/10/2014 Poliambulatorio specialistico privato 3C Salute - Autorizzazione del Comune di Reggio Emilia REG n 142/2013 del 22/10/2013 Direttore Sanitario: dott. Franco Viappiani, Specialista in Igiene e Medicina Preventiva Specialista in Medicina del Lavoro

11

12 Speciale Bilancio 2013 I grandi valori di Banco Emiliano Le rilevanti cifre del bilancio e i risultati d impresa rappresentano il frutto di scelte e strategie di servizio ai soci, al territorio e alle comunità. 12

13 Il primato dei soci, raccolta, impieghi e territorio L assemblea dei soci di Banco Emiliano ha sancito il raggiungimento di un importante traguardo, ma, al tempo stesso, ha rappresentato la prima tappa di un cammino iniziato da meno di un anno. Idealmente e nei fatti si è portato a compimento, proprio in quella sede, il progetto di fusione deciso il 27 maggio 2013 dalle assemblee dei soci di Banca Reggiana e Banca di Cavola e Sassuolo. Le decisioni vennero allora assunte contemporaneamente ma distintamente, e dopo il traguardo di un riconoscimento in Banco Emiliano, con l assemblea di fine aprile 2014 i soci hanno guardato anche ad un futuro comune, valutando per la prima volta congiuntamente i risultati dei primi mesi di lavoro di Banco Emiliano e, al contempo, approfondendo insieme le prospettive e condividendo idee, bisogni, attese e impegni. Questi temi, ovviamente, coinvolgono indistintamente tutti i soci, e proprio per tale ragione dedichiamo alcune pagine speciali al bilancio 2013, soffermandoci sui temi sicuramente più rilevanti per poter leggere i risultati conseguiti alla luce dell identità cooperativa e mutualistica dell Istituto, così da consentire a tutti i soci, anche attraverso questo spazio, di approfondire il valore (non solo economico) del lavoro sviluppato da Banco Emiliano. 13

14 Nel momento in cui si entra nel merito delle cifre che caratterizzano il bilancio di Banco Emiliano, leggendole in una chiave che va oltre gli aspetti strettamente economico-finanziari, è evidente che il primo riferimento va alla base sociale. Migliaia di persone fisiche, di imprese, di associazioni di volontariato attive in tanti ambiti, di amministrazioni pubbliche e di strutture di servizio alla collettività, in Banco Emiliano rappresentano la più completa espressione di interessi, bisogni, progetti e attese che quotidianamente sorreggono le storie locali, camminando fianco a fianco ed intrecciandosi per obiettivi individuali e collettivi. Un forte aumento della base sociale con 500 unità in più L adesione a Banco Emiliano è dunque il frutto di questo guardare al futuro che (al 31 dicembre 2013) ha portato il numero dei soci a unità, cifra di gran lunga superiore a quella del saldo annuo precedente riguardante le due BCC che hanno dato vita alla nuova banca. Rispetto al 31 dicembre 2012, infatti, i soci sono aumentati di 500 unità e, in questa cifra, troviamo il segno della partecipazione e della fiducia che si è concentrata su Banco Emiliano dopo le decisioni sull integrazione. Questo positivo saldo (+2,8%) assume significato ancora maggiore se si considera che deriva dall ingresso di ben soci, da 481 uscite (la gran parte delle quali per esclusione, e in quota minore per recesso) e dall eliminazione delle posizioni di sovrapposizione (46 soci erano presenti nella compagine sociale di entrambe le BCC). Le persone fisiche (15.663) rappresentano il 90% dell intera base sociale, e ad esse sono riconducibili quasi soci che svolgono attività di lavoro autono- distribuzione CAPITALE PER NUMERO AZIONI Il capitale: forti relazioni per il successo della Banca quote > Totale N. SOCI Il capitale sociale di Banco Emiliano al 31 dicembre 2013 ammonta a 37,652 milioni di euro e indica, allo stesso tempo, un capitale di relazioni e il valore dell apporto economico che nasce da un impegno diretto e dalla fiducia dei soci. In altri tipi di impresa, il capitale sociale individualmente apportato da ciascun socio stabilisce anche la sua incidenza nelle decisioni strategiche della società partecipata. La democrazia interna, in sostanza, è fondata esclusivamente su un parametro strettamente economico-finanziario. In Banco Emiliano non è così. Il principio cooperativo una testa, un voto, valorizza la partecipazione del socio indipendentemente dall apporto economico individualmente assicurato alla formazione del capitale sociale. Questa forma di democrazia interna rispetta, dunque, le scelte individuali, ma al tempo stesso chiama il socio ad un alta responsabilità: quella di concorrere alla formazione del capitale sociale in funzione del rafforzamento e del successo della banca. 14

15 mo (agricoltori, commercianti, artigiani, liberi professionisti): anche la loro attività professionale, dunque, è saldamente legata a Banco Emiliano. Una presenza particolarmente rilevante all interno della base sociale soprattutto se si considera che stiamo parlando di una banca, e quindi di attività creditizie e finanziarie che storicamente hanno marginalizzato la presenza femminile è quella delle donne, che con unità rappresentano una quota del 36% sul totale delle persone fisiche. Analogo discorso si può fare per i giovani, che rappresentano il 20% della base sociale ed appaiono in costante crescita, grazie anche a quei tanti soci storici che in questo percorso di partecipazione e responsabilità coinvolgono i ragazzi a loro più vicini. In tal senso è particolarmente significativo anche il dato riguardante le imprese che hanno scelto di essere socie di Banco Emiliano. Si tratta di aziende che operano in tutti i settori produttivi e di servizio che Persone e imprese: una risposta articolata a diversificate esigenze caratterizzano le aree in cui opera Banco Emiliano. La loro tipologia (che include imprese individuali, micro-aziende, imprese agricole, artigiane, commerciali, di servizi, medie imprese e grandi strutture industriali) impone, peraltro, scelte di servizio al sistema economico basate su un attento ascolto di bisogni estremamente diversificati e, al tempo stesso, la predisposizione di linee di credito, consulenze e servizi capaci di rispondere in modo efficace a quante si muovono in ristretti territori, così come a quelle maggiormente proiettate sui mercati e sulla competizione internazionale. 15

16 Le cifre riguardanti la raccolta rappresentano un importante indice della fiducia riposta da soci e clienti in Banco Emiliano e, al tempo stesso, sottolineano con evidenza l apprezzamento delle condizioni che la banca offre, soprattutto in periodi nei quali si sono moltiplicate le possibilità di allocazione del risparmio e la loro competitività. Società % Maschi % Con la raccolta cresce la fiducia di soci e clienti Distribuzione soci per sesso Femmine % TOTALE Proprio questi fattori fiducia e apprezzamento hanno determinato un incremento della raccolta complessiva del 4,73% rispetto ai valori precedentemente sviluppati dalle due BCC che hanno dato vita a Banco Emiliano, portando i volumi a 1,81 miliardi di euro. La rilevante crescita, peraltro, è avvenuta in presenza di una crescente difficoltà di risparmio da parte di tante famiglie, persone e imprese; questo significa, a maggior ragione, che la sicurezza offerta da Banco Emiliano e le linee di investimento proposte sono risultate sicuramente interessanti, come ben si evince dall incremento dell 11,79% del risparmio gestito. In termini assoluti, la raccolta diretta (inclusi i pct) è salita a 1,372 miliardi, e l incremento del 3,6% corrisponde a oltre 50 milioni in più rispetto al dato precedente. Gli assestamenti e i cambiamenti avvenuti per le forme tecniche di raccolta consentono di leggere bene i riflessi della crisi economica che da anni investe le aree in cui opera Banco Emiliano. La necessità di avere più risorse libere e immediatamente utilizzabili da parte dei depositanti, soprattutto nel momento in cui si moltiplicano le incertezze e gli imprevisti, hanno determinato, ad esempio, una flessione della raccolta diretta a termine, con un contemporaneo incremento (circa 80 milioni) dei conti correnti. Questi ultimi rappresen- 16

17 DISTRIBUZIONE SOCI PER FASCE di ETà* *escluse società fino a 30 anni da 31 a 40 anni da 41 a 50 anni da 51 a 64 anni da 65 a 70 anni da 71 a 80 anni oltre 80 anni tano il 44,35% sulla raccolta diretta, seguiti, con il 32,68%, dalle obbligazioni. Assai più contenuti, invece, i mutamenti avvenuti per la raccolta indiretta, che ha fatto segnare un incremento del 5,63%. Il continuo deteriorarsi delle condizioni in cui si muovono famiglie e imprese ha determinato scelte particolarmente importanti nell erogazione del credito, che negli ultimi anni ha registrato un costante aumento dei rischi a carico delle banche. Rischi che, ovviamente, vanno attentamente ponderati. Il credito erogato, infatti, non è di proprietà degli istituti di credito, ma appartiene a tutti coloro che, sulla base di un rapporto fiduciario, hanno affidato i loro risparmi alle stesse banche per valorizzarlo e, ancor prima, per tutelarlo. Al bisogno di sicurezza che proviene dai risparmiatori si associa, poi, la richiesta di chi ha bisogno di risorse per rispondere ad esigenze ordinarie o straordinarie, ad urgenze di liquidità o a progetti di investimento a medio e lungo termine. Le scelte di Banco Emiliano, dunque, hanno puntato ad un equilibrio virtuoso tra queste due esigenze assai diverse, garantendo ai depositanti la sicurezza dei loro risparmi e ai prenditori di credito un flusso di risorse correlato alle loro esigenze e alla solidità e sostenibilità dei loro percorsi di investimento. Proprio in quest equilibrio, dunque, gli impieghi di Banco Emiliano si sono attestati a 1,112 miliardi. Fra i dati più importanti, va evidenziata una diminuzione degli impieghi a breve termine e una contemporanea crescita delle risorse erogate per investimenti a medio e lungo termine. Dopo aver soccorso in particolar modo le imprese nei primi anni di crisi con crediti orientati al superamento dei problemi di liquidità (e in tal senso crebbero gli impieghi delle BCC dalla cui integrazione è nato Banco Emiliano), la scelta è dunque andata a favo- Impieghi destinati in modo esclusivo all economia reale re degli investimenti più finalizzati allo sviluppo e/o all acquisto di beni duraturi (immobili, macchine ed attrezzature, ad esempio), con quasi 700 milioni (+1,56%) erogati in forma di mutuo. La ripartizione del credito infine, sottolinea con evidenza la scelta a favore di famiglie e imprese impegnate in quell economia reale che produce lavoro, ricchezza reale, sviluppo e sicurezza nelle comunità. 17

18 Una presenza capillare con 40 sportelli in 32 comuni e 4 province Parlare di legame con il territorio e con le comunità locali non corrisponde soltanto ad un principio. Il valore del localismo, per Banco Emiliano si traduce in una articolata rete di sportelli capillarmente presenti a fianco di imprese e famiglie, con una copertura che assicura servizi fondamentali anche a piccole frazioni e comunità. Le 40 agenzie di Banco Emiliano si inseriscono in un area operativa che coinvolge 32 comuni, mentre l area di competenza si estende a ben 95, compresi nelle province di Reggio Emilia, Modena, Parma e Mantova. In queste stesse realtà operano i Comitati Locali di Banco Emiliano. Composti da ben 123 soci (di cui 13 componenti anche il Consiglio di amministrazione dell Istituto), i Comitati hanno un importante compito che prevede la lettura dei bisogni locali e la messa a punto di proposte riguardanti, ad esempio, gli interventi di Banco Emiliano a sostegno di quanti mettono in atto iniziative a carattere educativo, sanitario, culturale e di servizio ai più deboli. Il più ampio presidio quotidiano delle esigenze di comunità, persone e imprese, così come le risposte che Banco Emiliano deve assicurare, è affidato alle competenze e alla passione di 297 dipendenti, con una presenza femminile pari al 39% e una componente del 6,5% di persone appartenenti alle cosiddette categorie protette. Un ampia rete di collaboratori, dunque, chiamati a mettere in campo una elevata preparazione professionale, mai disgiunta da uno stile di lavoro, da una capacità d ascolto e da valori del tutto coincidenti con quelli sui quali si fonda 18

19 7.274 ore di formazione per 297 dipendenti, il 94% dei quali e anche socio la cooperazione di credito. Non a caso, il 94% dei dipendenti è anche socio di Banco Emiliano. La solida preparazione professionale è assicurata da una costante attività di formazione (7.274 ore nel 2013), ma già appartiene individualmente ai singoli collaboratori, il 99% dei quali è in possesso di diploma di maturità e il 36% ha conseguito anche la laurea. L età media piuttosto bassa, pari a 38 anni, parla anche di una banca giovane e che ha saputo investire sui giovani: l anzianità media di servizio dei dipendenti è infatti di 10,5 anni, garantendo a Banco Emiliano la possibilità di contare su grandi energie e, al tempo stesso, su solide esperienze professionali. La crescita prosegue anche nel primo trimestre 2014 Archiviato il 2013 con i risultati ampiamente presentati in queste pagine, Banco Emiliano prosegue il suo cammino di crescita, come confermano i dati della prima trimestrale. La raccolta complessiva registra infatti un aumento dell 1,7% (da 1,727 a 1,828 miliardi), con una crescita particolarmente rilevante per la raccolta indiretta, salita a 472 milioni. Ancora stabili gli impieghi, sebbene il perdurare della crisi abbia portato a nuovi interventi di Banco Emiliano ad un rilancio (+2,2%) degli impieghi a breve termine per sostenere le esigenze di liquidità delle imprese. Fatto positivo, tra gli altri, è la diminuzione delle sofferenze sugli impieghi, che hanno mostrato una flessione del 3,2% Per quanto questi dati abbiano solo un valore indicativo ed indichino una tendenza, l utile di periodo si attesta a 1,139 milioni. 19

20 Eventi Una stagione alla grande per Pallacanestro Reggiana Il team sostenuto da Grissin Bon, e di cui Banco Emiliano è co-sponsor, è stato protagonista di una splendida stagione. Un legame con tante nuove opportunità commerciali per lo sviluppo della Banca. G randissime soddisfazioni, nell ultima stagione, per gli appassionati reggiani di basket e, naturalmente, anche per Banco Emiliano, co-sponsor di quella Grissin Bon-Pallacanestro Reggiana che, dopo essersi assicurata la vittoria all Eurochallenge, ha figurato benissimo anche ai play off. Solo in questa fase ha ceduto alla squa- dra di Siena, vincitrice a ripetizione, negli anni scorsi, del campionato della massima serie. Un ringraziamento ad alta voce e un meritato applauso, dunque, alla Società, al coach Max Menetti e a tutti i giocatori. Solidità, tranquillità, entusiasmo, qualità tecniche e passione si sono manifestati appieno, con risultati davvero straordinari. Per Banco Emiliano, che peraltro sostiene altre grandi squadre di rango, e analogamente, decine di società impegnate nello sport dilettantistico, la soddisfazione, ovviamente, è doppia. Da una parte, infatti, è assai positivo un investimento che nel territorio genera un simile successo e una straordinaria partecipazione di pubblico; dall altra, non è meno importante il vantaggio competitivo che l Istituto trae da questa partnership, affermando la propria immagine sia sugli sportivi più appassionati, sia su quanti comunque sono attenti a quelle eccellenze del territorio tra le quali, a maggior ragione in questa stagione, si è inserita la blasonata squadra di basket. Così come nello sport, in ogni caso, anche questa visibilità e questa buona reputazione vanno ricercate. Proprio per questo Banco Emiliano ha messo in atto diverse e specifiche iniziative per valorizzare l importante sponsorizzazione, risultata un ottimo traino per nuovi successi commerciali. 20

FARE COOPERATIVA La cooperativa in 10 domande

FARE COOPERATIVA La cooperativa in 10 domande FARE COOPERATIVA La cooperativa in 10 domande 1. Quali sono le caratteristiche distintive dell impresa cooperativa? L impresa cooperativa è un impresa costituita da almeno 3 soci e può avere la forma della

Dettagli

La Carta di Montecatini

La Carta di Montecatini La Carta di Montecatini Le origini e le ragioni della Carta di Montecatini La Carta di Montecatini è il frutto del lavoro del secondo Campus che si è svolto nella città termale dal 27 al 29 ottobre 2005.

Dettagli

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio Croce Rossa Italiana Campagna Soci Ordinari CAMPAGNA SOCI ORDINARI Pagina 1 di 12 SOMMARIO 1. Premessa... 3 2. Quali sono gli obiettivi della Campagna Soci Ordinari... 4 3. Cosa vuol dire essere Soci Ordinari

Dettagli

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna Cos è e come si costituisce una cooperativa Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna 1 Che cos è una cooperativa un'associazione autonoma di persone che si uniscono volontariamente per soddisfare i propri

Dettagli

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO PRINCIPI FONDANTI 1. Volontario è la persona che, adempiuti i doveri di ogni cittadino, mette a disposizione il proprio tempo e le proprie capacità per gli altri, per

Dettagli

23 APRILE 2015 L IDEA

23 APRILE 2015 L IDEA IL PROGETTO 23 APRILE 2015 L IDEA Il 23 aprile è la Giornata mondiale del libro e del diritto d autore, è il giorno di San Giorgio a Barcellona, è il giorno della World Book Night in Inghilterra, è il

Dettagli

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche COMUNE di ORISTANO Provincia di Oristano Assessorato ai Servizi Sociali Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche Approvato con Delibera di C.C. n. 38 del 20.05.2014 1 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione Con questa Guida la COVIP intende illustrarti, con un linguaggio semplice e l aiuto di alcuni esempi,

Dettagli

AVVISO DI SELEZIONE PUBBLICA PER LA PARTECIPAZIONE AI PROGETTI DI SERVIZIO CIVILE REGIONALE DELL EMILIA - ROMAGNA

AVVISO DI SELEZIONE PUBBLICA PER LA PARTECIPAZIONE AI PROGETTI DI SERVIZIO CIVILE REGIONALE DELL EMILIA - ROMAGNA AVVISO DI SELEZIONE PUBBLICA PER LA PARTECIPAZIONE AI PROGETTI DI SERVIZIO CIVILE REGIONALE DELL EMILIA - ROMAGNA Premesso che sulla base di quanto previsto dalla Legge Regionale n. 0/003 e successive

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

Strutture sanitarie e Socio-assistenziali Autorizzazione e vigilanza

Strutture sanitarie e Socio-assistenziali Autorizzazione e vigilanza Dipartimento di Sanità Pubblica S a l u t e è S a p e r e Azioni di Prevenzione n. 2 28 Strutture sanitarie e Socio-assistenziali Indice Presentazione Strutture Sanitarie Introduzione Contesto Risultati

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

La FLI si rinnova per essere sempre al passo con i tempi.

La FLI si rinnova per essere sempre al passo con i tempi. Carissimi Soci, anche quest anno di vita associativa si avvia gradualmente a conclusione con moltissimi obiettivi raggiunti, moltissime iniziative a tutela e promozione della nostra Professione concluse

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare 1 COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione guida introduttiva alla previdenza complementare www.covip.it 3 Questa Guida è stata realizzata dalla COVIP Indice grafica e illustrazioni Studio Marabotto

Dettagli

CONCORSO LETTERARIO NAZIONALE PER SCRITTORI EMERGENTI IL RACCONTO NEL CASSETTO - PREMIO CITTA DI VILLARICCA XII EDIZIONE ANNO 2014/15 REGOLAMENTO

CONCORSO LETTERARIO NAZIONALE PER SCRITTORI EMERGENTI IL RACCONTO NEL CASSETTO - PREMIO CITTA DI VILLARICCA XII EDIZIONE ANNO 2014/15 REGOLAMENTO CONCORSO LETTERARIO NAZIONALE PER SCRITTORI EMERGENTI IL RACCONTO NEL CASSETTO - PREMIO CITTA DI VILLARICCA XII EDIZIONE ANNO 2014/15 REGOLAMENTO Art. 1 - L, con sede sociale in Villaricca (Napoli), alla

Dettagli

Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE

Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE Lo scorso 8 febbraio nella sede del Comitato Consultivo, il Direttore Generale dell Azienda "Policlinico-Vittorio Emanuele", Armando Giacalone, il Direttore

Dettagli

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%.

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%. COMUNE di SASSARI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI PROTOCOLLO D INTESA INTERISTITUZIONALE FINALIZZATO ALLA CONOSCENZA DEL FENOMENO DELLA DISPERSIONE SCOLASTICA E ALLA PRIMA INDIVIDUAZIONE DI MISURE DI

Dettagli

5.1 Complesso delle attività realizzate dall Ente e identificazione dei destinatari dal punto di vista sia qualitativo che quantitativo:

5.1 Complesso delle attività realizzate dall Ente e identificazione dei destinatari dal punto di vista sia qualitativo che quantitativo: SCHEDA 1/B SCHEDA PROGETTO PER L IMPEGNO DI GIOVANI IN SERVIZIO CIVILE REGIONALE IN EMILIA-ROMAGNA ENTE 1)Ente proponente il progetto: CARITAS DIOCESANA DI REGGIO EMILIA GUASTALLA (legata da vincoli associativi

Dettagli

dall introduzione dell Assessore Luppi

dall introduzione dell Assessore Luppi Presenti: Giulia Luppi Assessore alla scuola Alessandra Caprari pedagogista Maurizia Cocconi insegnante Scuola Primaria De Amicis Giuliana Bizzarri insegnante Scuola d infanzia A.D Este Tondelli Rita insegnante

Dettagli

REGOLAMENTO PER L USO DELLE PALESTRE COMUNALI

REGOLAMENTO PER L USO DELLE PALESTRE COMUNALI REGOLAMENTO PER L USO DELLE PALESTRE COMUNALI Art. 1 Oggetto. Il Comune di Varedo, nell ottica di garantire una sempre maggiore attenzione alle politiche sportive e ricordando i principi ispiratori del

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Ufficio di Segreteria: Viale Liguria Rozzano (MI) Tel. 02 57501074 Fax. 028255740 e-mail: segreteria@medialuinifalcone.it sito: www.icsliguriarozzano.gov.it Recapiti

Dettagli

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Anno Scolastico 2010-2011 Email: icsauro@yahoo.it Fratelli Grimm La Scuola

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO ALLEGATO 6 TITOLO DEL PROGETTO: ANNO RICCO MI CI FICCO SETTORE e Area di Intervento: Settore A: Assistenza Aree: A02 Minori voce 5 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO OBIETTIVI DEL PROGETTO OBIETTIVI GENERALI

Dettagli

BANDO. II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris

BANDO. II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris BANDO II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris Spiegami i diritti dell uomo: diritto all Educazione, diritto

Dettagli

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE Art. 1 - ISTITUZIONE E istituito presso il Comune di Golfo Aranci, un Centro di Aggregazione

Dettagli

PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI

PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI PIANO DISTRETTUALE DEGLI INTERVENTI del Distretto socio-sanitario di Corigliano Calabro Rif. Decreto Regione Calabria n. 15749 del 29/10/2008 ANALISI DELBISOGNO

Dettagli

Progetto Rubiera Centro

Progetto Rubiera Centro LE POLITICHE DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA PER LA QUALIFICAZIONE DEI CENTRI COMMERCIALI NATURALI Progetti anno 2013 (D.G.R. n. 1822/2013) Bologna, 1 luglio 2014 Progetto Rubiera Centro Il progetto del comune

Dettagli

Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore

Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore IL CONTESTO L approvazione del Bilancio di previsione quest anno si pone esattamente a metà del mio mandato rettorale, iniziato tre anni fa,

Dettagli

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini Associazione ALE G. dalla parte dei bambini Comune di OSNAGO AI BAMBINI E ALLE BAMBINE Il 20 novembre 1989 è entrata in vigore

Dettagli

In collaborazione con:

In collaborazione con: In collaborazione con: DAY CAMP Peschiera del Garda dal 15 al 20 giugno / dal 22 al 27 giugno / dal 29 giugno al 4 luglio Centro Sportivo Parc Hotel Paradiso Borgo Roma dal 15 al 20 giugno Centro Sportivo

Dettagli

Il Ministro della Pubblica Istruzione

Il Ministro della Pubblica Istruzione Prot. n. 30/dip./segr. Roma, 15 marzo 2007 Ai Direttori Generali Regionali Loro Sedi Ai Dirigenti degli Uffici scolastici provinciali Loro Sedi Al Sovrintendente Scolastico per la Provincia di Bolzano

Dettagli

Convenzione tra. Federazione Italiana Nuoto F.I.N. e Centro Nazionale Sportivo FIAMMA C.N.S.FIAMMA

Convenzione tra. Federazione Italiana Nuoto F.I.N. e Centro Nazionale Sportivo FIAMMA C.N.S.FIAMMA Convenzione tra Federazione Italiana Nuoto F.I.N. e Centro Nazionale Sportivo FIAMMA C.N.S.FIAMMA Convenzione F.I.N. C.N.S. FIAMMA La Federazione Italiana Nuoto (F.I.N.), con sede legale in Roma, rappresentata

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA TRA

PROTOCOLLO DI INTESA TRA PROTOCOLLO DI INTESA TRA L Associazione Fare Ambiente, Movimento Ecologista Europeo, già riconosciuta con Decreto del Ministro dell Ambiente, della Tutela del Territorio e del Mare del 27 febbraio 2009,

Dettagli

REGOLAMENTO CONCORSO UN MONDO TUTTO MIO

REGOLAMENTO CONCORSO UN MONDO TUTTO MIO REGOLAMENTO CONCORSO UN MONDO TUTTO MIO TEMA Il concorso Un mondo tutto mio è dedicato all ambiente in cui vivono i bambini, come è e come lo vorrebbero. L idea è far descrivere agli alunni il posto ideale

Dettagli

STAGIONE SPORTIVA 2014/2015. CONTRIBUTI A CARICO DELLE SOCIETÀ NON PROFESSIONISTICHE E CENTRI MINIBASKET Consiglio federale n. 6 del 10 maggio 2014

STAGIONE SPORTIVA 2014/2015. CONTRIBUTI A CARICO DELLE SOCIETÀ NON PROFESSIONISTICHE E CENTRI MINIBASKET Consiglio federale n. 6 del 10 maggio 2014 STAGIONE SPORTIVA 2014/2015 CONTRIBUTI A CARICO DELLE SOCIETÀ NON PROFESSIONISTICHE E CENTRI MINIBASKET Consiglio federale n. 6 del 10 maggio 2014 COMUNICATO UFFICIALE N. 1097 del 10 maggio 2014 Indice

Dettagli

INFO. BORSA DI STUDIO E SERVIZIO ABITATIVO ANNO ACCADEMICO 2013/14 Step By Step ANNI SUCCESSIVI

INFO. BORSA DI STUDIO E SERVIZIO ABITATIVO ANNO ACCADEMICO 2013/14 Step By Step ANNI SUCCESSIVI INFO BORSA DI STUDIO E SERVIZIO ABITATIVO ANNO ACCADEMICO 2013/14 Step By Step ANNI SUCCESSIVI Le informazioni contenute in questo documento non vanno in alcun modo a sostituire i contenuti dei bandi e

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 5 maggio 2014 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 Nel 2014 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,6% in termini reali, seguito da una crescita dell

Dettagli

La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015

La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015 La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015 Gentile Famiglia, nel presente opuscolo trovate il Contratto di corresponsabilità educativa e formativa ed il Contratto di prestazione educativa e formativa.

Dettagli

Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione

Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione Gruppo di Lavoro ITACA Regioni/Presidenza del Consiglio dei Ministri Aggiornamento 14 novembre 2011 Dipartimento

Dettagli

RASSEGNA STAMPA La Regione che vogliamo Toscana 29 Aprile 2015

RASSEGNA STAMPA La Regione che vogliamo Toscana 29 Aprile 2015 RASSEGNA STAMPA La Regione che vogliamo Toscana 29 Aprile 2015 COMUNICATO STAMPA La Regione che vogliamo: la CIDA organizza il confronto con i candidati alla Presidenza della regione Toscana 29 Aprile

Dettagli

IndICe. 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza ItalIana

IndICe. 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza ItalIana IndICe prefazione 3 Buon compleanno!! 5 chi è cittadino italiano per la legge? 6 cosa significa diventare cittadino italiano? 7 come muoverti? 8 senza cittadinanza 9 devi sapere 11 Prefazione Cari ragazzi,

Dettagli

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO Settore di intervento: Assistenza agli anziani Sede di attuazione del Benevento 1- VIA DEI LONGOBARDI 9 progetto: Numero di volontari richiesti: 4 Attività di

Dettagli

Per San Lazzaro. Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA. MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente)

Per San Lazzaro. Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA. MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente) TU Per San Lazzaro Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente) Territorio: Urbanistica: Cosa: Agevolazioni per la riqualificazione dell esistente:

Dettagli

CO.PA.VIT. Consorzio Pataticolo dell Alto Viterbese

CO.PA.VIT. Consorzio Pataticolo dell Alto Viterbese CO.PA.VIT. Consorzio Pataticolo dell Alto Viterbese l unione fa la forza per restituire valore aggiunto alla produzione 1 Il Consorzio Il Consorzio CO.PA.VIT. è nato nel 2008 a partire da un iniziativa

Dettagli

Progetto Baseball per tutti Crescere insieme in modo sano

Progetto Baseball per tutti Crescere insieme in modo sano Progetto Baseball per tutti Crescere insieme in modo sano Il baseball, uno sport. Il baseball, uno sport di squadra. Il baseball, uno sport che non ha età. Il baseball, molto di più di uno sport, un MODO

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 7 maggio 2015 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 Nel 2015 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,7% in termini reali, cui seguirà una crescita dell

Dettagli

Progetto ideato e organizzato dal Consorzio Gioventù Digitale

Progetto ideato e organizzato dal Consorzio Gioventù Digitale Progetto ideato e organizzato dal Consorzio Gioventù Digitale Referenti: Coordinatore Scuole dott. Romano Santoro Coordinatrice progetto dott.ssa Cecilia Stajano c.stajano@gioventudigitale.net Via Umbria

Dettagli

PIANO A.S. 2015/2016

PIANO A.S. 2015/2016 Direzione Didattica Statale 1 Circolo De Amicis Acquaviva delle Fonti (BA) BAEE03600L@ISTRUZIONE.IT - BAEE03600L@PEC.ISTRUZIONE.IT www.deamicis.gov.it PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA A.S. 2015/2016 Prendete

Dettagli

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Preambolo La Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale è il documento che definisce i valori e i princìpi condivisi da tutte le organizzazioni

Dettagli

Tesi per il Master Superformatori CNA

Tesi per il Master Superformatori CNA COME DAR VITA E FAR CRESCERE PICCOLE SOCIETA SPORTIVE di GIACOMO LEONETTI Scorrendo il titolo, due sono le parole chiave che saltano agli occhi: dar vita e far crescere. In questo mio intervento, voglio

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE I Progetti Personalizzati sono rivolti a minori e adulti con disabilità, residenti nel territorio dell Azienda ULSS n.

Dettagli

Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali

Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali Newsletter n.1 / presentazione ravenna 2013 / in distribuzione febbraio 2013 Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali Info: Web: www.ravenna2013.it Mail: ravenna2013@labelab.it / Telefono: 366.3805000

Dettagli

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Nazionalità 23, VIA GIOVANNI PAOLO II, 23861, CESANA BRIANZA, LC ITALIANA Data di nascita 09/02/1979

Dettagli

Capo 1. Art.1 - (Definizione dell istituto dell indennità di posizione della categoria EP)

Capo 1. Art.1 - (Definizione dell istituto dell indennità di posizione della categoria EP) REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L APPLICAZIONE DEGLI ARTT.75 CONFERIMENTO E REVOCA DI INCARICHI AL PERSONALE DELLA CATEGORIA EP E 76 RETRIBUZIONE DI POSIZIONE E RETRIBUZIONE DI RISULTATO DEL CCNL 16.10.2008

Dettagli

Livello CILS A2. Test di ascolto

Livello CILS A2. Test di ascolto Livello CILS A2 GIUGNO 2012 Test di ascolto numero delle prove 2 Ascolto Prova n. 1 Ascolta i testi. Poi completa le frasi. Scegli una delle tre proposte di completamento. Alla fine del test di ascolto,

Dettagli

Bando di Concorso ENERGIOCHI 10

Bando di Concorso ENERGIOCHI 10 REGIONE ABRUZZO Servizio Politica Energetica, Qualità dell aria, SINA Bando di Concorso ENERGIOCHI 10 anno scolastico 2014-2015 1. PREMESSA La Regione Abruzzo - insieme al MIUR (Ministero della Pubblica

Dettagli

PRESENTAZIONE PROGETTO

PRESENTAZIONE PROGETTO PRESENTAZIONE PROGETTO Serie di attività svolte per sollecitare : Un maggior impegno sociale, Coinvolgimento attivo nella vita cittadina, Crescita della cultura della solidarietà, Dedicazione di parte

Dettagli

Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO. Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13

Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO. Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13 Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13 INDICE Le tante facce della documentazione Pag.3 Il progetto per lo sviluppo e l apprendimento

Dettagli

MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE. HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno

MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE. HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno Indice 01. 02. 03. I tipi di house organ Dall idea al progetto I contenuti A

Dettagli

Allegato "A" al N. 67357/8101 di repertorio Milano il 10.02.2009 STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CULTURALE "In Atto" Art. 1) Ai sensi della Legge 7

Allegato A al N. 67357/8101 di repertorio Milano il 10.02.2009 STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CULTURALE In Atto Art. 1) Ai sensi della Legge 7 Allegato "A" al N. 67357/8101 di repertorio Milano il 10.02.2009 STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CULTURALE "In Atto" Art. 1) Ai sensi della Legge 7 dicembre 2000, n. 383 e delle norme del codice civile in tema

Dettagli

DELLA REGIONE DELL UMBRIA

DELLA REGIONE DELL UMBRIA Supplemento ordinario n. 1 al «Bollettino Ufficiale» - serie generale - n. 59 del 27 dicembre 2006 Spedizione in abbonamento postale Art. 2, comma 20/c, legge 662/96 - Fil. di Potenza REPUBBLICA ITALIANA

Dettagli

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di Sc. Materna Elementare e Media LENTINI 85045 LAURIA (PZ) Cod. Scuola: PZIC848008 Codice Fisc.: 91002150760 Via Roma, 102 - e FAX: 0973823292 I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO

Dettagli

Resellers Kit 2003/01

Resellers Kit 2003/01 Resellers Kit 2003/01 Copyright 2002 2003 Mother Technologies Mother Technologies Via Manzoni, 18 95123 Catania 095 25000.24 p. 1 Perché SMS Kit? Sebbene la maggior parte degli utenti siano convinti che

Dettagli

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che:

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che: Prospetto esplicativo riguardante i requisiti soggettivi per l abilitazione ai servizi del Programma per la Razionalizzazione negli Acquisti della Pubblica Amministrazione CONVENZIONI L art. 26, commi

Dettagli

risparmio, dove lo metto ora? le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi

risparmio, dove lo metto ora? le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi il risparmio, dove lo ora? metto le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi Vademecum del risparmiatore le principali domande emerse da una recente ricerca di mercato 1

Dettagli

OCCUPATI E DISOCCUPATI DATI RICOSTRUITI DAL 1977

OCCUPATI E DISOCCUPATI DATI RICOSTRUITI DAL 1977 24 aprile 2013 OCCUPATI E DISOCCUPATI DATI RICOSTRUITI DAL 1977 L Istat ha ricostruito le serie storiche trimestrali e di media annua dal 1977 ad oggi, dei principali aggregati del mercato del lavoro,

Dettagli

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola IC n 5 L.Coletti Progetto GREEN SCHOOL Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola GREEN SCHOOL Principio fondante del Progetto GREEN SCHOOL..Coniugare conoscenza, ambiente, comportamenti nell

Dettagli

Quante sono le matricole?

Quante sono le matricole? Matricole fuori corso laureati i numeri dell Universita Quante sono le matricole? Sono poco più di 307 mila i giovani che nell'anno accademico 2007/08 si sono iscritti per la prima volta all università,

Dettagli

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA DECRETO 30 settembre 2011. Criteri e modalità per lo svolgimento dei corsi di formazione per il conseguimento della specializzazione per le attività di sostegno, ai sensi degli articoli 5 e 13 del decreto

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

ALLEGATO 2 A) TITOLI ABILITANTI DI ACCESSO ALLA GRADUATORIA

ALLEGATO 2 A) TITOLI ABILITANTI DI ACCESSO ALLA GRADUATORIA ALLEGATO 2 TABELLA DI VALUTAZIONE DEI TITOLI DELLA TERZA FASCIA DELLE GRADUATORIE AD ESAURIMENTO DEL PERSONALE DOCENTE ED EDUCATIVO DELLE SCUOLE ED ISTITUTI DI OGNI ORDINE E GRADO, APPROVATA CON D.M 27

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006)

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) Articolo 1 - Ente gestore, denominazione, natura e sede della scuola 1. L Ente Ispettoria Salesiana Lombardo Emiliana, Ente Ecclesiastico

Dettagli

Dall emozione di un sorso di vino ad un sorriso per la vita

Dall emozione di un sorso di vino ad un sorriso per la vita Dall emozione di un sorso di vino ad un sorriso per la vita La Bruciata adotta un filare per la vita L Azienda Vinicola La Bruciata, di Oscar Bosio, fatta da uomini e donne veri, gente della terra e venuta

Dettagli

Tessera del Tifoso. Linee guida per gli addetti ai lavori approvate dal Gruppo di Lavoro tecnico. Programma Tessera del Tifoso VERSIONE DEFINITIVA 1

Tessera del Tifoso. Linee guida per gli addetti ai lavori approvate dal Gruppo di Lavoro tecnico. Programma Tessera del Tifoso VERSIONE DEFINITIVA 1 Tessera del Tifoso Linee guida per gli addetti ai lavori approvate dal Gruppo di Lavoro tecnico Programma Tessera del Tifoso VERSIONE DEFINITIVA 1 Indice degli argomenti Cos è la tessera del tifoso I punti

Dettagli

in collaborazione con BANDO 2015 UN NIDO PER OGNI BAMBINO

in collaborazione con BANDO 2015 UN NIDO PER OGNI BAMBINO in collaborazione con Il contesto di riferimento BANDO 2015 UN NIDO PER OGNI BAMBINO L obiettivo fissato dall Unione Europea che si prefiggeva di raggiungere una ricettività del 33% dei nidi e in generale

Dettagli

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi Questo documento vuole essere una sintetica descrizione dei servizi e delle opportunità che i servizi sociali del Comune-tipo

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME ART. 1 Oggetto Il presente regolamento disciplina le procedure per la trasformazione dei rapporti di lavoro da tempo pieno a tempo parziale dei dipendenti

Dettagli

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo L utopia dell educazione L educazione è un mezzo prezioso e indispensabile che

Dettagli

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani Comune di Ragusa Regolamento assistenza domiciliare agli anziani REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI approvato con delib. C.C. n.9 del del 24/02/84 modificato con delib. C.C.

Dettagli

NORME GENERALI PRINCIPI ETICI REGOLAMENTO INTERNO 2013 1

NORME GENERALI PRINCIPI ETICI REGOLAMENTO INTERNO 2013 1 REGOLAMENTO INTERNO 2013 1 NORME GENERALI Art. 1 Validità del regolamento interno Il presente regolamento, derivante dai principi espressi dallo Statuto da cui discende, rappresenta le regole e le concrete

Dettagli

STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole-

STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole- STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole- A cura del dipartimento mercato del lavoro Formazione Ricerca della Camera del Lavoro Metropolitana di Milano

Dettagli

STATUTO ART. 1) DENOMINAZIONE FINALITA SEDE

STATUTO ART. 1) DENOMINAZIONE FINALITA SEDE ART. 1) DENOMINAZIONE FINALITA SEDE STATUTO L Associazione denominata CORILA - Consorzio per il coordinamento delle ricerche inerenti al sistema lagunare di Venezia, è costituita ai sensi degli artt. 14

Dettagli

procedura conforme all art. 34 del D.I. n.44 del 01/02/01

procedura conforme all art. 34 del D.I. n.44 del 01/02/01 ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE 3 SAN BERNARDINO BORGO TRENTO Scuola dell Infanzia Scuola Primaria Scuola Secondaria di Primo Grado Centro Territoriale Permanente Via G. Camozzini, 5 37126 Verona (VR) Tel.

Dettagli

LO SPORT PER TUTTI: BUONE PRATICHE DI BENESSERE

LO SPORT PER TUTTI: BUONE PRATICHE DI BENESSERE CAPITOLO V LO SPORT PER TUTTI: BUONE PRATICHE DI BENESSERE PREMESSA Questo capitolo affronta l analisi dello sport come diritto di cittadinanza non solo metaforico, emotivo, ma anche commerciale ed identitario.

Dettagli

Trieste, 25 ottobre 2006

Trieste, 25 ottobre 2006 Trieste, 25 ottobre 2006 PRESENTAZIONE DEL BILANCIO DI SOSTENIBILITÀ 2005 DEL GRUPPO GENERALI AGLI STUDENTI DELL UNIVERSITA DI TRIESTE INTERVENTO DELL AMMINISTRATORE DELEGATO GIOVANNI PERISSINOTTO Vorrei

Dettagli

PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia

PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia Nel mondo ci sono 150 milioni di Italici: sono i cittadini italiani d origine, gli immigrati di prima e seconda generazione, i nuovi e vecchi emigrati e i loro discendenti,

Dettagli

INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE

INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE Ricerca condotta dall Ufficio della Consigliera di Parità sul personale part time dell Ente (luglio dicembre 007) INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO. SETTORE e Area di Intervento: Settore: Educazione e Promozione Culturale - Codice: E11 Sportelli Informa

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO. SETTORE e Area di Intervento: Settore: Educazione e Promozione Culturale - Codice: E11 Sportelli Informa ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO TITOLO DEL PROGETTO: Inform@lmente SETTORE e Area di Intervento: Settore: Educazione e Promozione Culturale - Codice: E11 Sportelli Informa OBIETTIVI DEL PROGETTO

Dettagli

I nonni di oggi: com è cambiato il loro ruolo?

I nonni di oggi: com è cambiato il loro ruolo? I nonni di oggi: com è cambiato il loro ruolo? In Italia, secondo valutazioni ISTAT, i nonni sono circa undici milioni e cinquecento mila, pari al 33,3% dei cittadini che hanno dai 35 anni in su. Le donne

Dettagli

SALUTE E BENESSERE MASEC LA CLINICA DEL SALE CENTRI FISIOTERAPICI OTTICA DANILO CROTTI PARRUCCHIERI CENTRI ESTETICI

SALUTE E BENESSERE MASEC LA CLINICA DEL SALE CENTRI FISIOTERAPICI OTTICA DANILO CROTTI PARRUCCHIERI CENTRI ESTETICI MASEC LA CLINICA DEL SALE CENTRI FISIOTERAPICI OTTICA DANILO CROTTI PARRUCCHIERI CENTRI ESTETICI SALUTE E BENESSERE MASEC COS E È la mutua assistenza volontaria dei piccoli imprenditori e delle loro famiglie,

Dettagli

CHOREOGRAPHIC COLLISION part 3 CHECK UP Percorso di formazione coreografica

CHOREOGRAPHIC COLLISION part 3 CHECK UP Percorso di formazione coreografica CHOREOGRAPHIC COLLISION part 3 CHECK UP Percorso di formazione coreografica DIREZIONE ARTISTICA ISMAEL IVO Choreografic Collision è un laboratorio di ricerca. È un percorso di formazione per stimolare

Dettagli

La cooperativa Fai compie 30 anni

La cooperativa Fai compie 30 anni Anziani e assistenza La cooperativa Fai compie 30 anni TRENTO Fai, la prima cooperativa sociale che si occupa di assistenza domiciliare in Trentino, si prepara a festeggiare ben 30 anni di attività. Sabato

Dettagli

Conferenza di servizio presso il Ministero della Pubblica Istruzione Roma 21 giugno

Conferenza di servizio presso il Ministero della Pubblica Istruzione Roma 21 giugno Conferenza di servizio presso il Ministero della Pubblica Istruzione Roma 21 giugno Dialoghi tra scuole d Europa: esperienze e curricola a confronto Scuola media Manzoni Lucarelli di Bari - Carbonara 21

Dettagli

Aiutare i propri figli a orientarsi dopo la scuola superiore attraverso il coaching

Aiutare i propri figli a orientarsi dopo la scuola superiore attraverso il coaching Aiutare i propri figli a orientarsi dopo la scuola superiore attraverso il coaching Premessa Aiutare i figli a orientarsi alla fine del quinquennio della scuola superiore, o sostenerli nella scelta di

Dettagli

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso LIBERI PENSIERI PER LIBERI SENTIMENTI La riflessione circa In viaggio verso l incontro come ci è stato proposto, nasce attorno alla lettura del romanzo : C è nessuno?

Dettagli

DAL PROGETTO PER LO SVILUPPO DI UNA COMUNITA LOCALE ACCOGLIENTE ALLA NASCITA DEL PAESE ALBERGO SAINT

DAL PROGETTO PER LO SVILUPPO DI UNA COMUNITA LOCALE ACCOGLIENTE ALLA NASCITA DEL PAESE ALBERGO SAINT DAL PROGETTO PER LO SVILUPPO DI UNA COMUNITA LOCALE ACCOGLIENTE ALLA NASCITA DEL PAESE ALBERGO SAINT SAINT-MARCEL MARCEL Storia di un idea CONVEGNO INTERNAZIONALE Esperienze di turismo in ambiente alpino:

Dettagli

+ CON. Il bando. Finalità. Destinatari

+ CON. Il bando. Finalità. Destinatari + CON Il bando AMNU e STET promuovono un bando rivolto alle scuole di ogni ordine e grado del territorio dell Alta Valsugana e Bersntol. Il bando sollecita l attivazione di progetti finalizzati al risparmio

Dettagli

Accademia Beauty and Hair

Accademia Beauty and Hair INDICE CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli